U N T U N N E L S E N Z A F I N E A CHI E A COSA SERVONO TAV E TUNNEL DEL BRENNERO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "U N T U N N E L S E N Z A F I N E A CHI E A COSA SERVONO TAV E TUNNEL DEL BRENNERO"

Transcript

1 U N T U N N E L S E N Z A F I N E A CHI E A COSA SERVONO TAV E TUNNEL DEL BRENNERO BOLZANO GIOVEDI 31 MAGGIO, ORE Sala del Comune, Vicolo Gumer, 7 Grandi Opere e corruzione. Se 90 miliardi di euro vi sembran pochi Ivan Cicconi

2 IL PROGETTO AV/AC

3 COSTI DELLA LINEA NA-TO contratti e/o stime di fs affidatario del contratto affidamento dei contratti da documenti ufficiali stime di nuovaquasco anno tratta NA-RO tratta RO-FI tratta FI-BO tratta BO-MI tratta MI-TO IricavUno imprese Fiat(Cavet) CepavUno Fiat(Cavtomi) Tutti i contratti sono stati affidati a trattativa privata da tav spa Totale Tratte Nodi (Torino, Milano, Bologna, Firenze, Roma, Napoli) 800 IMPRESE O CONSORZI DI IMPRESE VARIE Appalti di Italferr per conto di TAV e RFI Infrastrutture aeree 460 CONSORZIO SATURNO trattativa privata Non segnalato Interessi intercalari 580 BANCHE Scelte senza alcuna gara Non segnalato costi progetto Tav % % Affidamenti e Costi diretti di FS, TAV, RFI, Italferr Non stimato Società, Istituti, Università e Persone incarichi senza alcuna gara Non segnalato Costi per opere compensative e indotte Non stimato IMPRESE O CONSORZI DI IMPRESE trattativa privata e gare di appalto Non segnalato Totale generale % %

4 LINEE NON CANTIERATE E NUOVE LINEE DI AV/AC NEL DPEF stime di costo ufficiali risorse stanziate stime di nuovaquasco Linea Milano-Venezia Tratta Milano-Verona Tratta Verona-Padova Tratta Padova-Mestre non noto Linea Genova-Milano Terzo valico Connessioni Milano e Torino non quantificato non noto Linea Torino Lione Tratta internazionale Tratta nazionale Linea Venezia Trieste Linee Salerno-Reggio Calabria-Catania-Palermo Linea Napoli Bari Tratte per i collegamenti con i valichi del Sempione, Gottardo e Brennero Solo tratta verona-fortezza Solo Valico brennero non quantificato TOTALE

5 IL MODELLO TAV SOGGETTO PUBBLICO (AFFIDA IL CONTRATTO DI PROGRAMMA O LA CONCESSIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO PUBBLICO) ο SOGGETTO DI DIRITTO PRIVATO (CON SOCIO/I PUBBLICO/I) (HA LA GESTIONE FINANZIARIA E AFFIDA LA PROGETTAZIONE E COSTRUZIONE AL CONTRAENTE GENERALE) ο CONTRAENTE GENERALE (SOGGETTO PRIVATO) (PROGETTA E COSTRUISCE SEGUENDO SOLO LE NORME DEL CODICE CIVILE)

6 L APPALTO DI LAVORI PUBBLICI (Art.1,comma a,dir. 93/37/CEE) Gli appalti di lavori sono contratti a titolo oneroso,, aventi per oggetto l esecuzione o, congiuntamente, l esecuzione e la progettazione di lavori, oppure l esecuzione, con qualsiasi mezzo, di un opera rispondente alle esigenze specificate dalla amministrazione aggiudicatrice.

7 LA CONCESSIONE DI LAVORI PUBBLICI (Art.1,comma d, dir. 93/37/CEE) La concessione è un contratto a titolo oneroso che presenta le stesse caratteristiche del contratto di appalto, ad eccezione del fatto che la controprestazione dei lavori consiste unicamente nel diritto di gestire l opera o in tale diritto accompagnato da un prezzo.

8 appalto / concessione Oggetto della prestazione: esecuzione / gestione Il corrispettivo dato dal committente: prezzo / diritto di gestire Il rischio del contraente: di impresa /di mercato

9 LA LEGGE OBBIETTIVO E IL CONTRAENTE GENERALE il contraente generale è distinto dal concessionario di opere pubbliche per l esclusione della gestione dell opera eseguita. (l.443/01, art.1, comma 2/f).

10 IL CONTRAENTE GENERALE Che cosa fa e cosa rischia? APPALTATORE CONCESSIONARIO ESEGUE I LAVORI PROGETTA (può fare il progetto esecutivo) AFFIDA E APPALTA I LAVORI DIRIGE I LAVORI COLLAUDA contraente generale CONSEGNA FINE DEI LAVORI GESTISCE LA CONCESSIONE

11 IL PROJECT-FINANCING NEL MODELLO TAV(dlg , n.190) LO STATO: affida l opera in Concessione ad una società di diritto privato (Spa) ma con capitale tutto pubblico (TAV spa, QUADRILATERO spa, STRETTO DI MESSINA spa, DIKE AEDIFICA spa, ECC.) IL CONCESSIONARIO (Spa pubblica): affida le funzioni del committente al Contraente generale. IL CONTRAENTE GENERALE: svolge le funzioni di committente, progettista ed esecutore e consegna l opera al concessionario (spa pubblica). LA SPA PUBBLICA: in quanto concessionario garantisce il project financing facendosi carico del rischio della gestione con la quale dovrebbe garantire la restituzione dei prestiti.

12 IL PRESTITO PRIVATO ED IL DEBITO PUBBLICO I prestiti privati concessi alla Spa pubblica non incidono nei conti pubblici correnti; non entrano nel calcolo dei parametri del patto di stabilità. Nei conti pubblici correnti, oggi, emergono solo gli interessi intercalari (ad es. nel 2000 circa 750 milioni di euro solo per i prestiti concessi a Tav). Al momento della gestione scatterà la restituzione anche del capitale. Solo in quel momento vi sarà la verifica dell equilibrio fra gli utili derivanti dalla gestione del servizio e la rata di restituzione del prestito. La eventuale differenza sarà coperta dal garante (lo Stato) e dunque emergerà nel suo bilancio (il prestito diventa debito).

13 ERA UNA TRUFFA Il progetto AV è stato costruito su di una architettura contrattuale e finanziaria che ha prodotto uno scandaloso debito pubblico mascherato per anni dal presunto finanziamento privato del cosiddetto project financing (in realtà una vera e propria truffa ai danni dello Stato e dell Unione europea). Proprio su questa architettura Eurostat si è espressa in modo esplicito imponendo all Italia di rimuovere la truffa ai danni dell Unione europea.

14 LA TRUFFA E EMERSA Con l ultima legge finanziaria (comma 966) l Italia ha ottemperato: milioni di euro di debiti (Si! Ventiseimila miliardi di vecchie lire), accumulati dal 1994 al 2005 da Tav spa e da Infrastrutture spa, tenuti fuori dai conti pubblici, sono diventati debito pubblico trasparente.

15 LA TRUFFA RIMANE La truffa ai danni dello Stato però rimane: debito era e debito resta, nulla è cambiato se non il fatto che agli interessi e alla restituzione del debito provvederà direttamente lo Stato.

16 IL RISCHIO DELLA DIFFUSIONE DEL MODELLO TAV Le modifiche della legge quadro con la legge 166/2002 (c.d. merloni quater) La concessione nel nuovo art.19 (sono eliminati il limite temporale e il limite del prezzo come corrispettivo) e nel nuovo codice. Il rischio di tanti contraenti generali, e di tanti modelli Tav. Con il rischio di opere di scarsa qualità e forti debiti per i bilanci pubblici futuri.

17 IL DOPO TANGENTOPOLI Occorre reinquadrare i protagonisti del sistema di tangentopoli in un contesto tutt altro che immutato; per conoscere, legalizzare e rendere trasparente, soprattutto il sistema di relazioni: fra partiti e istituzioni, fra partiti e affari, fra partiti e consenso, fra partiti e mafia.

18 PARTITOPOLI La triangolazione tipica del sistema di tangentopoli è stata ampiamente sostituita da un sistema diffuso di relazioni e di convenienze più immediato e più complesso, nel quale gli illeciti corrono sul filo della illegalità e comunque sono molto più difficilmente contrastabili. Di certo il reato di corruzione non rappresenta più quello che ha significato nelle indagini di Mani pulite (non è più contestabile), mentre il legislatore (il sistema dei partiti) ha provveduto a depenalizzare quelli di falso in bilancio e di abuso d ufficio.

19 COS E IL PARTITO? Se per le istituzioni, per gli affari, per la formazione del consenso e per le mafie esiste un problema di adeguamento ed applicazione efficace delle regole (a volte anche eccessive), per la politica esiste il problema della definizione pura e semplice di che cos è quello che la Costituzione indica come lo strumento fondamentale per la formazione del consenso, per la presenza e per il governo delle istituzioni: il partito.

20 PARTITI ILLEGALI? Qualsiasi riforma della pubblica amministrazione (regole per i tecnici, i politici ed i rapporti coi privati) consegnerebbe comunque il governo dei processi ad un soggetto (il partito, i tanti partiti di oggi) indefinito e privo di regole. Partiti che oggi sono strutturalmente orientati alla illegalità (occupazione, collusione, corruzione) con e nelle istituzioni, con e negli affari delle spa pubbliche, con e nella formazione del consenso, offrendo alle mafie occasioni quasi ordinarie di penetrazione nelle istituzioni, negli affari e nella formazione del consenso.

21 L ANTIPOLITICA? CHI HA RUBATO La democrazia La legalità L informazione Le speranze Le risorse Il futuro La politica CHI?

Figura 1 - Schema della rete ferroviaria italiana principale

Figura 1 - Schema della rete ferroviaria italiana principale Allegato A Figura 1 - Schema della rete ferroviaria italiana principale Figura 2 - Schema del programma delle linee AV/AC in Italia da CICCONI I., Un tunnel senza fine, BZ, 31.5.2007 Figura 3 - I corridoi

Dettagli

I COSTI PER L ALTA VELOCITÀ IN ITALIA SONO MEDIAMENTE IL 500% PIÙ ELEVATI DI QUELLI FRANCESI, SPAGNOLI E GIAPPONESI

I COSTI PER L ALTA VELOCITÀ IN ITALIA SONO MEDIAMENTE IL 500% PIÙ ELEVATI DI QUELLI FRANCESI, SPAGNOLI E GIAPPONESI I COSTI PER L ALTA VELOCITÀ IN ITALIA SONO MEDIAMENTE IL 500% PIÙ ELEVATI DI QUELLI FRANCESI, SPAGNOLI E GIAPPONESI Il costo delle infrastrutture per i treni veloci in Italia rispetto alle analoghe infrastrutture

Dettagli

AVIGLIANA 10-11 OTTOBRE 2013 ILLUMINIAMO LA SALUTE Laboratorio per la promozione della legalità Nel sistema sanitario e sociale

AVIGLIANA 10-11 OTTOBRE 2013 ILLUMINIAMO LA SALUTE Laboratorio per la promozione della legalità Nel sistema sanitario e sociale AVIGLIANA 10-11 OTTOBRE 2013 ILLUMINIAMO LA SALUTE Laboratorio per la promozione della legalità Nel sistema sanitario e sociale Meccanismi di trasparenza negli appalti Ivan Cicconi INQUADRAMENTO DEI TEMI

Dettagli

CORRIDOIO PLURIMODALE PADANO Asse ferroviario sull'itinerario del corridoio 5 Lione-Kiev (Torino-Trieste) Nodo AV Verona SCHEDA N.

CORRIDOIO PLURIMODALE PADANO Asse ferroviario sull'itinerario del corridoio 5 Lione-Kiev (Torino-Trieste) Nodo AV Verona SCHEDA N. CORRIDOIO PLURIMODALE PADANO Asse ferroviario sull'itinerario del corridoio 5 Lione-Kiev (Torino-Trieste) Nodo AV Verona SCHEDA N. 8 LOCALIZZAZIONE CUP: TIPOLOGIA OPERA: SOGGETTO TITOLARE: F81H91000000018

Dettagli

L INGEGNOSA ARCHITETTURA FINANZIARIA DELLA TAV Applicabile a tutte le grandi opere

L INGEGNOSA ARCHITETTURA FINANZIARIA DELLA TAV Applicabile a tutte le grandi opere Grandi opere Alta velocità ferroviaria L INGEGNOSA ARCHITETTURA FINANZIARIA DELLA TAV Applicabile a tutte le grandi opere di Ivan Cicconi Secondo il Ministro Lunari, il pilastro fondamentale del modello

Dettagli

CORRIDOIO PLURIMODALE TIRRENICO-NORD EUROPA

CORRIDOIO PLURIMODALE TIRRENICO-NORD EUROPA CORRIDOIO PLURIMODALE TIRRENICO-NORD EUROPA Asse ferroviario Ventimiglia-Genova-Novara-Milano (Sempione) "Terzo valico dei Giovi" linea AV/AC Milano-Genova SCHEDA N. 39 LOCALIZZAZIONE CUP: TIPOLOGIA OPERA:

Dettagli

CORRIDOIO PLURIMODALE PADANO Asse ferroviario sull'itinerario del corridoio 5 Lione-Kiev (Torino-Trieste) AV/AC Verona-Padova SCHEDA N.

CORRIDOIO PLURIMODALE PADANO Asse ferroviario sull'itinerario del corridoio 5 Lione-Kiev (Torino-Trieste) AV/AC Verona-Padova SCHEDA N. CORRIDOIO PLURIMODALE PADANO Asse ferroviario sull'itinerario del corridoio 5 Lione-Kiev (Torino-Trieste) AV/AC Verona-Padova SCHEDA N. 7 LOCALIZZAZIONE CUP: TIPOLOGIA OPERA: SOGGETTO TITOLARE: F81H91000000018

Dettagli

Debiti a babbo morto. Il modello di finanziamento di TAV SpA e della legge obiettivo

Debiti a babbo morto. Il modello di finanziamento di TAV SpA e della legge obiettivo Debiti a babbo morto Il modello di finanziamento di TAV SpA e della legge obiettivo La Normativa delle opere pubbliche prima della legge obiettivo Una amministrazione pubblica ha 2 modi per realizzare

Dettagli

Strumenti innovativi per il finanziamento delle infrastrutture di trasporto. Milano 7 Febbraio 2011

Strumenti innovativi per il finanziamento delle infrastrutture di trasporto. Milano 7 Febbraio 2011 Strumenti innovativi per il finanziamento delle infrastrutture di trasporto Milano 7 Febbraio 2011 Per realizzare le infrastrutture strategiche - al minor costo possibile - nel minor tempo possibile -

Dettagli

Ferrovie italiane: più sicurezza sulla rete, meno tratte inutili ad alta velocità

Ferrovie italiane: più sicurezza sulla rete, meno tratte inutili ad alta velocità Ferrovie italiane: più sicurezza sulla rete, meno tratte inutili ad alta velocità Per il governo Berlusconi solo grandi opere e tagli alle risorse per la rete esistente Se si cancella il Ponte sullo Stretto,

Dettagli

PROJECT FINANCING Alla luce del terzo decreto correttivo al Decreto Legislativo 163/06. Bologna, 4 maggio 2009 Avv. Dover Scalera

PROJECT FINANCING Alla luce del terzo decreto correttivo al Decreto Legislativo 163/06. Bologna, 4 maggio 2009 Avv. Dover Scalera PROJECT FINANCING Alla luce del terzo decreto correttivo al Decreto Legislativo 163/06 Bologna, 4 maggio 2009 Avv. Dover Scalera 1 NOZIONE Il Project Financing (PF) è un operazione di finanziamento tesa

Dettagli

LA CRISI DELLE COSTRUZIONI

LA CRISI DELLE COSTRUZIONI Direzione Affari Economici e Centro Studi COSTRUZIONI: ANCORA IN CALO I LIVELLI PRODUTTIVI MA EMERGONO ALCUNI SEGNALI POSITIVI NEL MERCATO RESIDENZIALE, NEI MUTUI ALLE FAMIGLIE E NEI BANDI DI GARA I dati

Dettagli

Appalti pubblici di lavori e di servizi. Progettazione e DL

Appalti pubblici di lavori e di servizi. Progettazione e DL Appalti pubblici di lavori e di servizi. Progettazione e DL Normativa, procedure, soggetti e fasi di realizzazione di un opera pubblica: il ruolo dell architetto progettista e direttore dei lavori Obiettivi

Dettagli

Partenariato Pubblico-Privato

Partenariato Pubblico-Privato Partenariato Pubblico-Privato Bando pubblico 02/2009: PROFILI - Creazione di una piattaforma transfrontaliera di servizi per il miglioramento dei Processi della Filiera allargata delle costruzioni edili

Dettagli

INFRASTRUTTURE E CRESCITA SOSTENIBILE 30 ottobre 2013 Genova

INFRASTRUTTURE E CRESCITA SOSTENIBILE 30 ottobre 2013 Genova CONFINDUSTRIA Piemonte INFRASTRUTTURE E CRESCITA SOSTENIBILE 30 ottobre 2013 Genova Paolo Balistreri Direttore Transpadana e Confindustria Piemonte La nuova Rete Centrale europea UNA RETE DI 10 CORRIDOI

Dettagli

Decreto legge n. 1 del 24 gennaio 2012 (c.d. Cresci Italia )

Decreto legge n. 1 del 24 gennaio 2012 (c.d. Cresci Italia ) DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI Decreto legge n. 1 del 24 gennaio 2012 (c.d. Cresci Italia ) Commento alle norme economicofinanziarie di interesse per il settore delle costruzioni Aggiornato

Dettagli

Linea Treviglio - Brescia

Linea Treviglio - Brescia Forza. Azione. Passione. Linea Treviglio - Brescia Linea AV/AC Holcim (Italia) Il Progetto Il nuovo tratto di linea AV/AC Treviglio Brescia rientra nel grande progetto del cosiddetto Corridoio 5 che, nelle

Dettagli

RELAZIONE INTRODUTTIVA DI GIUSEPPE VIRGILIO SEGRETARIO GENERALE AGGIUNTO FILCA CISL

RELAZIONE INTRODUTTIVA DI GIUSEPPE VIRGILIO SEGRETARIO GENERALE AGGIUNTO FILCA CISL RELAZIONE INTRODUTTIVA DI GIUSEPPE VIRGILIO SEGRETARIO GENERALE AGGIUNTO FILCA CISL 1. L oggetto del rapporto che oggi presentiamo alle Commissioni Parlamentari che si occupano di edilizia, territorio

Dettagli

LE GARANZIE DI ESECUZIONE. IL PERFORMANCE BOND

LE GARANZIE DI ESECUZIONE. IL PERFORMANCE BOND 1 Le disposizioni del titolo VI, parte II, del regolamento, ai sensi di quanto previsto dal suo art. 2, comma 1, si applicano anche ai lavori relativi alle infrastrutture strategiche ed insediamenti produttivi

Dettagli

DECRETI E DELIBERE DI ALTRE AUTORITÀ

DECRETI E DELIBERE DI ALTRE AUTORITÀ DECRETI E DELIBERE DI ALTRE AUTORITÀ COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA DELIBERA 31 maggio 2013. Programma delle infrastrutture strategiche (legge n. 443/2001). Potenziamento asse

Dettagli

www.cipecomitato.it/it/documenti/finanza_di_progetto_100_domande_e_risposte.pdf

www.cipecomitato.it/it/documenti/finanza_di_progetto_100_domande_e_risposte.pdf www.cipecomitato.it/it/documenti/finanza_di_progetto_100_domande_e_risposte.pdf 22 19 CHE COS È IL PROJECT FINANCING? Per Project Financing (PF Finanza di Progetto) si intende il finanziamento di un progetto

Dettagli

Global Legal Advisor. www.strataspa.net agi@strataspa.net amministrazione@strataspa.net

Global Legal Advisor. www.strataspa.net agi@strataspa.net amministrazione@strataspa.net STRATA SpA Viale Castro Pretorio, 124 00185 Roma PI 04133671000 CF 10086440152 2 Direzione Tel +39 064468062 Fax +39 06/4467376 Area Gestione e Interventi Tel +39 06/4466656 Fax +39 06/064467292 www.strataspa.net

Dettagli

PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE - VERIFICA FINALE

PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE - VERIFICA FINALE Direzione NUOVE INFRASTRUTTURE E MOBILITA' Direttore TARTAGLIA VINCENZO Classificazione Servizio UFFICIO TRAMVIA INTERVENTI TAV E AUTOSTRADE Dirigente PRIORE MICHELE Tipologia SINTESI Collegato a PROGRAMMA:

Dettagli

Evoluzione del sistema ferroviario. Marsiglia, 29 marzo 2005

Evoluzione del sistema ferroviario. Marsiglia, 29 marzo 2005 Evoluzione del sistema ferroviario Marsiglia, 29 marzo 2005 Progetti Prioritari della rete TEN e corridoi Paneuropei interessanti l Italia Tratti italiani del Progetto Prioritario 6 (TEN) e del Corridoio

Dettagli

La Giornata dei Contratti Pubblici

La Giornata dei Contratti Pubblici La Giornata dei Contratti Pubblici Castel Mareccio Bolzano 10 aprile 2015 La nuova Direttiva concessioni 2014/23/UE e l impatto nell ordinamento nazionale MASSIMO RICCHI Mercato del PPP Mercato complessivo

Dettagli

IL DIRIGENTE. Visto l art. 26, co. 3 e 3 bis, Legge n. 448/1999 e s.m.i.;

IL DIRIGENTE. Visto l art. 26, co. 3 e 3 bis, Legge n. 448/1999 e s.m.i.; REGIONE PIEMONTE BU4 29/01/2015 Codice DB0506 D.D. 28 novembre 2014, n. 236 D.Lgs. n. 163/2006 e s.m.i.. C.I.G. n. ZC711B57C5. Iniziative per la formazione, la qualificazione e l'aggiornamento delle Polizie

Dettagli

INDICE ARTICOLO 1. Istituzione del sistema di qualificazione - classifiche. ARTICOLO 2 Requisiti per le iscrizioni

INDICE ARTICOLO 1. Istituzione del sistema di qualificazione - classifiche. ARTICOLO 2 Requisiti per le iscrizioni Decreto del Presidente della Repubblica Regolamento recante istituzione del sistema di qualificazione per i contraenti generali delle opere strategiche e di preminente interesse nazionale, ai sensi dell

Dettagli

Project financing & Leasing in costruendo

Project financing & Leasing in costruendo Project financing & Leasing in costruendo Aspetti tecnici, giuridici ed economici della finanza di progetto e della locazione finanziaria pubblica aggiornati al terzo correttivo al Codice degli appalti

Dettagli

SCHEDA N. 4 CUP: SOGGETTO TITOLARE: TIPOLOGIA OPERA: ULTIMAZIONE LAVORI LOCALIZZAZIONE J94F04000020001. RFI Spa. Rete ferroviaria

SCHEDA N. 4 CUP: SOGGETTO TITOLARE: TIPOLOGIA OPERA: ULTIMAZIONE LAVORI LOCALIZZAZIONE J94F04000020001. RFI Spa. Rete ferroviaria SISTEMA VALICHI Asse ferroviario Monaco - Verona: valico del Brennero e Fortezza - Verona Asse ferroviario Fortezza - Verona Quadruplicamento Fortezza-Verona - Lotti 1, 2 SCHEDA N. 4 LOCALIZZAZIONE CUP:

Dettagli

ANSF, SQUADRA UNICA PER NUOVE SFIDE

ANSF, SQUADRA UNICA PER NUOVE SFIDE ----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- NEWSLETTER - NUMERO SPECIALE AUGURI PER IL 2014 ANSF, SQUADRA UNICA PER

Dettagli

Evoluzione del settore delle costruzioni

Evoluzione del settore delle costruzioni Il Progetto normativo Evoluzione del settore delle costruzioni Nell ultimo ventennio profonde mutazioni della struttura del processo edilizio dovute a: evoluzione del quadro normativo (naz. ed intern.)

Dettagli

Innovazione della P.A. e opzioni strategiche di collaborazione

Innovazione della P.A. e opzioni strategiche di collaborazione Innovazione della P.A. e opzioni strategiche di collaborazione La cessione del corrispettivo dell appalto Art. 115 D.P.R. 554/1999 1. Ai sensi dell articolo 26, comma 5, della Legge, le cessioni di crediti

Dettagli

Opere ed interventi da realizzare:

Opere ed interventi da realizzare: ACCORDO PROCEDIMENTALE 23/07/1997 Sugli interventi di ambito locale per la sistemazione del nodo ferroviario di Modena in applicazione all art. 8 dell Accordo Quadro Regionale del 29/07/94 sul Quadruplicamento

Dettagli

COMUNE DI BARI SARDO PROVINCIA OGLIASTRA SERVIZIO AMMINISTRATIVO

COMUNE DI BARI SARDO PROVINCIA OGLIASTRA SERVIZIO AMMINISTRATIVO COMUNE DI BARI SARDO PROVINCIA OGLIASTRA SERVIZIO AMMINISTRATIVO DETERMINAZIONE N. 140 DEL 8/8/2013 OGGETTO: Affidamento servizi postali del Comune di Bari Sardo. Proroga convenzione mesi 1 convenzione

Dettagli

La sostenibilità ambientale nei progetti ferroviari di Italferr

La sostenibilità ambientale nei progetti ferroviari di Italferr La sostenibilità ambientale nei progetti ferroviari di Italferr Torino, 02/04/2014 Andrea Nardinocchi L impegno ambientale di Italferr Italferr è da anni impegnata nella gestione delle tematiche ambientali

Dettagli

DOCUMENTO BASE. Problematiche relative alla disciplina applicabile all esecuzione del contratto di concessione di lavori pubblici

DOCUMENTO BASE. Problematiche relative alla disciplina applicabile all esecuzione del contratto di concessione di lavori pubblici DOCUMENTO BASE Problematiche relative alla disciplina applicabile all esecuzione del contratto di concessione di lavori pubblici Premessa E stato chiesto all Autorità di esprimersi circa una problematica

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DIREZIONE GENERALE DELL ORGANIZZAZIONE E METODO E DEL PERSONALE

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DIREZIONE GENERALE DELL ORGANIZZAZIONE E METODO E DEL PERSONALE REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DIREZIONE GENERALE DELL ORGANIZZAZIONE E METODO E DEL PERSONALE ANNO XLI Numero 2/2004 NOTIZIARIO UFFICIALE DEL PERSONALE REGIONALE EDIZIONE STRAORDINARIA PARTE SECONDA

Dettagli

NOZIONI E DEFINIZIONI IN TEMA DI APPALTI E CONTRATTI PUBBLICI TRA APPALTI INTERNI E NUOVE DIRETTIVE COMUNITARIE

NOZIONI E DEFINIZIONI IN TEMA DI APPALTI E CONTRATTI PUBBLICI TRA APPALTI INTERNI E NUOVE DIRETTIVE COMUNITARIE NOZIONI E DEFINIZIONI IN TEMA DI APPALTI E CONTRATTI PUBBLICI TRA APPALTI INTERNI E NUOVE DIRETTIVE COMUNITARIE A cura di Maria Cristina Colombo professore a contratto al Politecnico di Milano - avvocato

Dettagli

Infrastrutture. Legge Obiettivo Rapporto grandi opere

Infrastrutture. Legge Obiettivo Rapporto grandi opere 42 Legge Obiettivo Rapporto grandi opere Primo bilancio, a 10 anni dall entrata in vigore delle Legge Obiettivo, sullo stato di attuazione delle opere strategiche in Italia: a cura della Fondazione Fastigi,

Dettagli

18 marzo 2015 QUOTIDIANO DI SICILIA Pagina 1 di 1

18 marzo 2015 QUOTIDIANO DI SICILIA Pagina 1 di 1 18 marzo 2015 QUOTIDIANO DI SICILIA Pagina 1 di 1 18 marzo 2015 IL SOLE 24 ORE Pagina 1 di 1 18 marzo 2015 GAZZETTA DEL SUD Pagina 1 di 1 18 marzo 2015 IL SOLE 24 ORE Pagina 1 di 1 18 marzo 2015 IL SOLE

Dettagli

IL DIRIGENTE. Visto l art. 26 commi 3 e 3 bis della legge 448/1999 e s.m.i.;

IL DIRIGENTE. Visto l art. 26 commi 3 e 3 bis della legge 448/1999 e s.m.i.; REGIONE PIEMONTE BU2 15/01/2015 Codice DB0506 D.D. 12 novembre 2014, n. 223 D.Lgs. n. 163/2006 e s.m.i.. C.I.G. nr. ZA61138690. Interventi per la Polizia Locale di promozione all'educazione alla sicurezza

Dettagli

Le coop bianche con il Consorzio CER recuperate nel Consorzio TAVOLA RICCA E COMMENSALI ILLUSTRI

Le coop bianche con il Consorzio CER recuperate nel Consorzio TAVOLA RICCA E COMMENSALI ILLUSTRI Le coop bianche con il Consorzio CER recuperate nel Consorzio COCIV; le coop rosse nei consorzi IRICAVUNO e CE- PAVUNO e con l immancabile CMC di Ravenna nel Consorzio CAVET; le imprese dei Cavalieri di

Dettagli

Nuove modalità per la concessione di servizi e lavori nella P.A.

Nuove modalità per la concessione di servizi e lavori nella P.A. Nuove modalità per la concessione di servizi e lavori nella P.A. Criticità e soluzioni giurisprudenziali Bergamo Milano Avv. Enzo Adamo Partenariato Pubblico Privato: criticità ed opportunità Il Partenariato

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 29 MAGGIO 2014 236/2014/A AVVIO DI UNA PROCEDURA DI GARA APERTA, IN AMBITO NAZIONALE, FINALIZZATA ALLA STIPULA DI UN CONTRATTO DI APPALTO AVENTE AD OGGETTO LO SVOLGIMENTO DI SERVIZI DI TRADUZIONE

Dettagli

Ingresso urbano dell interconnessione di Brescia Ovest

Ingresso urbano dell interconnessione di Brescia Ovest Infrastrutture ferroviarie strategiche definite dalla Legge Obiettivo n. 443/01 Tratta AV/AC Milano-Verona Lotto funzionale Treviglio Brescia Ingresso urbano dell interconnessione di Brescia Ovest Ottobre

Dettagli

INFRASTRUTTURA FERROVIARIA LE REFERENZE IN ITALIA

INFRASTRUTTURA FERROVIARIA LE REFERENZE IN ITALIA INFRASTRUTTURA FERROVIARIA LE REFERENZE IN ITALIA 2 Alstom Transport AV TORINO MILANO NAPOLI TRAM LINEE 2 E 3 FIRENZE M5 MILANO RFI LOTTI FILO- BUS NAPOLI / TGS Transport Global Solutions è la divisione

Dettagli

AVVISO DI GARA INVITO A PARTECIPARE

AVVISO DI GARA INVITO A PARTECIPARE Varese, 06/05/2014 INVITO A PARTECIPARE 1. 2. AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE: Scuola Europea di Varese Via Montello, 118 I-21100 Varese ITALIA Sito web : www.eurscva.eu Profilo committente: www.eursc.eu

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2014 E PLURIENNALE 2014-2016

BILANCIO DI PREVISIONE 2014 E PLURIENNALE 2014-2016 BILANCIO DI PREVIONE 2014 E PLURIENNALE 2014-2016 Elementi obbligatori che costituiscono il contenuto minimo del parere redatto dall organo di revisione economico-finanziaria ai sensi dell articolo 43

Dettagli

Marco A. Monaco Curriculum Vitae

Marco A. Monaco Curriculum Vitae Marco A. Monaco Curriculum Vitae 2 INFORMAZIONI PERSONALI Nome e Cognome Marco Antonio Monaco Indirizzo Viale Agnello, 12 20121 Milano Telefono 02.725511 Fax 02.72551501 E-mail marco.monaco@nctm.it Nazionalità

Dettagli

LE RETI EUROPEE DI TRASPORTO: CONNETTERE L EUROPA PER RILANCIARE L ITALIA

LE RETI EUROPEE DI TRASPORTO: CONNETTERE L EUROPA PER RILANCIARE L ITALIA LE RETI EUROPEE DI TRASPORTO: CONNETTERE L EUROPA PER RILANCIARE L ITALIA Andrea Tinagli BANCA EUROPEA PER GLI INVESTIMENTI 10 Febbraio 2014 LA BEI ED I SUOI AZIONISTI La BEI - Banca europea per gli investimenti

Dettagli

INDICE-SOMMARIO. Prefazione... Presentazioni di Riccardo Nencini e di Michele Corradino... Introduzione di Alessandro Pajno...

INDICE-SOMMARIO. Prefazione... Presentazioni di Riccardo Nencini e di Michele Corradino... Introduzione di Alessandro Pajno... INDICE-SOMMARIO Prefazione... Presentazioni di Riccardo Nencini e di Michele Corradino... Introduzione di Alessandro Pajno... XI XIII XVII CAPITOLO PRIMO LE OPERE INFINITE COME LE INCHIESTE 1. Premessa...

Dettagli

BROKERAGGIO ASSICURATIVO DISCIPLINARE DI INCARICO. Tra:

BROKERAGGIO ASSICURATIVO DISCIPLINARE DI INCARICO. Tra: BROKERAGGIO ASSICURATIVO DISCIPLINARE DI INCARICO Tra: l Agenzia per la Mobilità metropolitana, C.F.: 97639830013 in persona del direttore generale, nato a, il C.F., nella sua qualità di, a quanto infra

Dettagli

COMUNE DI BARI SARDO PROVINCIA OGLIASTRA SERVIZIO AMMINISTRATIVO, SCOLASTICO CULTURALE, COMMERCIO

COMUNE DI BARI SARDO PROVINCIA OGLIASTRA SERVIZIO AMMINISTRATIVO, SCOLASTICO CULTURALE, COMMERCIO COMUNE DI BARI SARDO PROVINCIA OGLIASTRA SERVIZIO AMMINISTRATIVO, SCOLASTICO CULTURALE, COMMERCIO DETERMINAZIONE N. 250 DEL 14.12.2012 OGGETTO: Acquisto attraverso lo strumento delle Convenzioni CONSIP

Dettagli

Vincoli, opportunità e strumenti per la realizzazione degli investimenti negli Enti Locali. Avv. Stefano Sorrentino

Vincoli, opportunità e strumenti per la realizzazione degli investimenti negli Enti Locali. Avv. Stefano Sorrentino Vincoli, opportunità e strumenti per la realizzazione degli investimenti negli Enti Locali Avv. Stefano Sorrentino Indice Parte 1 Opportunità: I Provvedimenti del Governo Monti Parte 2 Strumenti: - Concessione

Dettagli

Direzione dei lavori e collaudo di opere pubbliche

Direzione dei lavori e collaudo di opere pubbliche Direzione dei lavori e collaudo di opere pubbliche Ing. Francesco Pecorella Evoluzione tecnologica e normativa in materia di lavori pubblici dal D.M. 29.05.1895 alla Legge Merloni (11.02.94 n. 109) 05.07.2005

Dettagli

C O M U N E D I V I A D A N A. Provincia di Mantova

C O M U N E D I V I A D A N A. Provincia di Mantova C O M U N E D I V I A D A N A Provincia di Mantova AVVISO ESPLORATIVO PER MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER LA CONCESSIONE DEI LOCALI POSTI IN VIA AL PONTE NEI PRESSI DEL CENTRO SPORTIVO COMUNALE PER LA

Dettagli

Società partecipate dalle Regioni: le società in house

Società partecipate dalle Regioni: le società in house Al servizio di gente unica Società partecipate dalle Regioni: le società in house Osservatorio legislativo interregionale Roma, giovedì 15 aprile 2010 Gemma Pastore Servizio qualità della legislazione

Dettagli

Project Financing. La fase di gestione dell'opera costituisce elemento di primaria importanza,

Project Financing. La fase di gestione dell'opera costituisce elemento di primaria importanza, Il Project Financing è una tecnica finanziaria innovativa volta a rendere possibile il finanziamento di iniziative economiche sulla base della valenza tecnico-economica del progetto stesso piuttosto che

Dettagli

REGOLARITA E SICUREZZA DEL LAVORO NEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI

REGOLARITA E SICUREZZA DEL LAVORO NEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI REGOLARITA E SICUREZZA DEL LAVORO NEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI PROTOCOLLO DI INTESA Firenze, Il giorno, alla presenza del Prefetto di Firenze Dr. Andrea De Martino, sono intervenuti: - La Provincia di

Dettagli

ESECUZIONE DELL OPERA PUBBLICA Per eseguire un opera pubblica ed aprire il cantiere il Committente dovrà prima procedere ad assegnare i lavori ad un

ESECUZIONE DELL OPERA PUBBLICA Per eseguire un opera pubblica ed aprire il cantiere il Committente dovrà prima procedere ad assegnare i lavori ad un ESECUZIONE DELL OPERA PUBBLICA Per eseguire un opera pubblica ed aprire il cantiere il Committente dovrà prima procedere ad assegnare i lavori ad un Impresa attraverso una gara d appalto, firmando con

Dettagli

COMUNE DI SERRAVALLE SCRIVIA PROVINCIA DI ALESSANDRIA

COMUNE DI SERRAVALLE SCRIVIA PROVINCIA DI ALESSANDRIA COMUNE DI SERRAVALLE SCRIVIA PROVINCIA DI ALESSANDRIA PROCEDURA DI GARA APERTA COL SISTEMA DELLA FINANZA DI PROGETTO AI SENSI DEGLI ARTT.153 E SEGUENTI DEL D.LGS. 163/06 E SS.MM.II. PER L AFFIDAMENTO IN

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 43/2012

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 43/2012 DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 43/2012 SCHEMA DI REGOLAMENTO CONCERNENTE LA DEFINIZIONE DEI CONTENUTI MINIMI DEL CONTRATTO DI ASSICURAZIONE SULLA VITA DI CUI ALL ART. 28, COMMA 1, DEL DECRETO LEGGE 24 GENNAIO

Dettagli

F.to Il Presidente dell Azienda Speciale Centro Sicilia Sviluppo

F.to Il Presidente dell Azienda Speciale Centro Sicilia Sviluppo AVVISO PER AFFIDAMENTO INCARICO PER L ACCREDITAMENTO DELL AZIENDA SPECIALE CENTRO SICILIA SVILUPPO QUALE ENTE DI FORMAZIONE E PROGETTAZIONE CORSI PER LA FORMAZIONE DI FIGURE PROFESSIONALI. L Azienda Speciale

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CONTENTO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CONTENTO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 5659 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CONTENTO Disposizioni per la tutela del consumatore nell ambito del mercato dell energia

Dettagli

Procedimenti (art 9, lett. a)) Livello di rischio (art. 5, lett. a)

Procedimenti (art 9, lett. a)) Livello di rischio (art. 5, lett. a) (art 9, lett. a)) (art. 5, lett. a) SCHEDA N. 1: APPALTI Lavori eseguiti in somma urgenza 1) Registro delle somme urgenze, recante le seguenti informazioni: - Estremi provvedimento di affidamento - Oggetto

Dettagli

D.LGS. 231/2001: ADEMPIMENTI NELL AMBITO DELLA COMPLIANCE AZIENDALE Torino, 1 dicembre 2011

D.LGS. 231/2001: ADEMPIMENTI NELL AMBITO DELLA COMPLIANCE AZIENDALE Torino, 1 dicembre 2011 D.LGS. 231/2001: ADEMPIMENTI NELL AMBITO DELLA COMPLIANCE AZIENDALE Torino, 1 dicembre 2011 REATI INFORMATICI (artt. 24bis D. Lgs. 231/2001) Dott. Carlo SALOMONE Gruppo 231 ODCEC Torino Ivrea Pinerolo

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo DOMENICO GENTILE Telefono 06/32651435 Fax Cell. E-mail VIA VIRGINIO ORSINI, N. 19 00192 - ROMA

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE DESCRITTIVO E PRESTAZIONALE

CAPITOLATO SPECIALE DESCRITTIVO E PRESTAZIONALE CAPITOLATO SPECIALE DESCRITTIVO E PRESTAZIONALE INDICE A. INDICAZIONE DELLE NECESSITÀ FUNZIONALI, DEI REQUISITI E DELLE SPECIFICHE PRESTAZIONI CHE DEVONO ESSERE PRESENTI NELL INTERVENTO IN MODO CHE RISPONDA

Dettagli

RISOLUZIONE N. 232/E

RISOLUZIONE N. 232/E RISOLUZIONE N. 232/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,22 agosto 2007 OGGETTO: Istanza di interpello Art. 109, comma 1, del DPR 22 dicembre 1986, n. 917 Costi deducibili ALFA S.p.A- Con l

Dettagli

I NUOVI APPALTI PUBBLICI

I NUOVI APPALTI PUBBLICI Marco Porcu I NUOVI APPALTI PUBBLICI DIRETTIVE COMUNITARIE ED EVOLUZIONE NORMATIVA.. Nuove direttive europee appalti pubblici.. Nuova direttiva appalti pubblici nei settori ordinari e speciali.. Nuova

Dettagli

IL DIRIGENTE. Per questi motivi si è ritenuto necessario acquistare la seguente oggettistica:

IL DIRIGENTE. Per questi motivi si è ritenuto necessario acquistare la seguente oggettistica: REGIONE PIEMONTE BU36 04/09/2014 Codice DB0506 D.D. 17 luglio 2014, n. 154 D.Lgs. n. 163/2006 e s.m.i.. C.I.G. nr. Z43101E737. Iniziative per la formazione, la qualificazione e l'aggiornamento delle Polizie

Dettagli

RAPPORTO 2014 LA FINANZA TERRITORIALE IN ITALIA

RAPPORTO 2014 LA FINANZA TERRITORIALE IN ITALIA RAPPORTO 2014 LA FINANZA TERRITORIALE IN ITALIA Il finanziamento degli investimenti degli Enti locali e territoriali: gli strumenti ed il loro utilizzo Alessandro Panaro Milano, 23 gennaio 2015 Le fonti

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO, D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE

CAPITOLATO SPECIALE PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO, D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE ALLEGATO 6 CAPITOLATO SPECIALE PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO, D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente Capitolato, alle seguenti espressioni sono

Dettagli

"#$%#&#$'($&)'***+,&#$+,--+ REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE

#$%#&#$'($&)'***+,&#$+,--+ REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE !!"#$!% &!"#$! ''' ##&"!!%( )* +, "#$%#&#$'($&)'***+,&#$+,--+ REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE VISTE le norme sull autonomia delle istituzioni scolastiche

Dettagli

INDICE. Capitolo I GLI OPERATORI ECONOMICI AMMESSI ALLA STIPULAZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI

INDICE. Capitolo I GLI OPERATORI ECONOMICI AMMESSI ALLA STIPULAZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI INDICE Capitolo I GLI OPERATORI ECONOMICI AMMESSI ALLA STIPULAZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI 1. L art. 34 del Codice dei contratti pubblici... 2 2. La nozione di operatore economico... 4 3. Gli enti senza

Dettagli

Programma Infrastrutture Strategiche

Programma Infrastrutture Strategiche Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Programma Infrastrutture Strategiche 6 Documento di Programmazione Economica e Finanziaria Programmare il Territorio le Infrastrutture le Risorse Giugno 2008

Dettagli

Finanza di progetto e partenariato pubblico privato

Finanza di progetto e partenariato pubblico privato All. A Presidenza del Consiglio dei Ministri SCUOLA SUPERIORE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Programma di Empowerment delle amministrazioni pubbliche del Mezzogiorno Corso Finanza di progetto e partenariato

Dettagli

Rilancio dei project bond, Pf per l edilizia carceraria e nuove regole per il subentro

Rilancio dei project bond, Pf per l edilizia carceraria e nuove regole per il subentro 6 n 5 2012 Dopo il decreto Salva-Italia anche il Dl sulle liberalizzazioni interviene sulla disciplina del project financing. Altre novità riguardano le norme sulla progettazione, quelle sulle concessioni

Dettagli

PROGETTO MATTONE INTERNAZIONALE WORKSHOP LABORATORI DI PROGETTAZIONE Firenze, 28 settembre 2015

PROGETTO MATTONE INTERNAZIONALE WORKSHOP LABORATORI DI PROGETTAZIONE Firenze, 28 settembre 2015 PROGETTO MATTONE INTERNAZIONALE WORKSHOP LABORATORI DI PROGETTAZIONE Firenze, 28 settembre 2015 14.00 15.30 I processi di riforma e i nuovi approcci Le autorità locali nel quadro della nuova legge sulla

Dettagli

FACOLTA DI GIURISPRUDENZA

FACOLTA DI GIURISPRUDENZA FACOLTA DI GIURISPRUDENZA CORSO DI LAUREA IN GIURISPRUDENZA Classe LMG/01 Insegnamento di Diritto dei Contratti Pubblici SSD IUS 10 CFU 5 A.A. 2014-2015 Docente: Prof. Gerardo Soricelli E-mail: avv.soricelli@alice.it

Dettagli

! Ministero! delle Infrastrutture e dei Trasporti!

! Ministero! delle Infrastrutture e dei Trasporti! Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Class. 3343/CIC Oggetto: interrogazione n. 5-04921 presentata dal Deputato Realacci e altri. La tratta AV/AC Brescia-Verona rappresenta il secondo lotto funzionale

Dettagli

OICE/INFORMATEL. INDICE 1) I risultati dell Osservatorio fino al 31 dicembre (sintesi) pag. 2

OICE/INFORMATEL. INDICE 1) I risultati dell Osservatorio fino al 31 dicembre (sintesi) pag. 2 OICE/INFORMATEL OSSERVATORIO MENSILE SUI BANDI DI GARA PUBLICI PER SERVIZI DI INGEGNERIA E ARCHITETTURA, INIZIATIVE DI PROJECT FINANCING E APPALTI DI PROGETTAZIONE E LAVORI INDICE 1) I risultati dell Osservatorio

Dettagli

COMUNE DI FABRO Provincia di Terni

COMUNE DI FABRO Provincia di Terni ALBO dal 23.02.2011 al 16.04.2011 COMUNE DI FABRO Provincia di Terni PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DELLA REALIZZAZIONE IN PROJECT FINANCING E DELLA GESTIONE DI DUE IMPIANTIDI PRODUZIONE DI ENERGIA

Dettagli

ACCORDO QUADRO Tra. da una parte

ACCORDO QUADRO Tra. da una parte ACCORDO QUADRO Tra TNT POST ITALIA SPA., con sede in Milano, via Fantoli 6/3, capitale sociale di Euro 120.000,00.=, iscritta al Registro delle Imprese di Milano, codice fiscale e partita IVA n. 12383760159

Dettagli

in Toscana Infrastrutture e Territorio

in Toscana Infrastrutture e Territorio Infrastrutture e Territorio in Toscana Arch. Riccardo Baracco Ing.Enrico Becattini Area Coordinamento Pianificazione Territoriale e Politiche Abitative D.G. Politiche Territoriali e Ambientali Regione

Dettagli

AREA SERVIZI AL CITTADINO U.O. POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO

AREA SERVIZI AL CITTADINO U.O. POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO AREA SERVIZI AL CITTADINO U.O. POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO Determinazione nr. 128 Trieste 17/01/2014 Proposta nr. 46 del 17/01/2014 Oggetto: affido all'agenzia Cividin Viaggi srl l'organizzazione della

Dettagli

Obblighi informativi verso l Autorità di cui all articolo 7, comma 8 del D.lgs. n. 163/06

Obblighi informativi verso l Autorità di cui all articolo 7, comma 8 del D.lgs. n. 163/06 Obblighi informativi verso l Autorità di cui all articolo 7, comma 8 del D.lgs. n. 163/06 (Aggiornamento al 23 novembre 2011) A - QUESITI DI NATURA GENERALE B - QUESITI RELATIVI ALLA FASE DI AGGIUDICAZIONE

Dettagli

Sicurezza e durabilità delle opere: l intesa tra Regione Piemonte e ATECAP

Sicurezza e durabilità delle opere: l intesa tra Regione Piemonte e ATECAP In Concreto n 103 Calcestruzzo di Qualità Sicurezza e durabilità delle opere: l intesa tra Regione Piemonte e ATECAP Davide Ruggeri Qualificazione 34 Figura 1 Il Predidente dell Atecap, Silvio Sarno e

Dettagli

La normativa sui Lavori Pubblici. Relatore: Ing. Stefano Boninsegna

La normativa sui Lavori Pubblici. Relatore: Ing. Stefano Boninsegna La normativa sui Lavori Pubblici Settembre 2014 Relatore: Ing. Stefano Boninsegna Il Codice degli appalti (ex Legge Merloni) Scopo: disciplina il processo attuativo che porta alla realizzazione di un opera

Dettagli

"La cura del ferro e l'arco alpino" I progetti dell'alta Velocità e le proposte alternative per rilanciare la ferrovia

La cura del ferro e l'arco alpino I progetti dell'alta Velocità e le proposte alternative per rilanciare la ferrovia "La cura del ferro e l'arco alpino" I progetti dell'alta Velocità e le proposte alternative per rilanciare la ferrovia Milano, 21 Maggio 2004 Centro Culturale Francese - Corso Magenta 63 INDICE Introduzione...3

Dettagli

24 gennaio 2014. CGIL CISL UIL Nazionali come richiesto dall'autorità di Vigilanza indicano una serie di punti di merito.

24 gennaio 2014. CGIL CISL UIL Nazionali come richiesto dall'autorità di Vigilanza indicano una serie di punti di merito. 24 gennaio 2014 CGIL CISL UIL Nazionali come richiesto dall'autorità di Vigilanza indicano una serie di punti di merito. Occorre procedere ad una revisione complessiva del Codice dei Contratti Pubblici,

Dettagli

La tematica dell intervento del capitale

La tematica dell intervento del capitale A&T 41 Il project financing nel settore idrico A cura di Francesco Saverio Coppola, Alessandro Panaro Associazione Studi e Ricerche per il Mezzogiorno La tematica dell intervento del capitale privato nelle

Dettagli

COME INTERVENIRE SUGLI IMPIANTI IN UNA VISIONE GLOBALE DELLA CITTÀ:

COME INTERVENIRE SUGLI IMPIANTI IN UNA VISIONE GLOBALE DELLA CITTÀ: COME INTERVENIRE SUGLI IMPIANTI IN UNA VISIONE GLOBALE DELLA CITTÀ: DAL DESIGN AL RISPARMIO ENERGETICO, DALLA DEFINIZIONE DELLA STRATEGIA DI GARA ALLA GESTIONE DELLA PROCEDURA Filippo Corradini SCS Consulting

Dettagli

COMUNE DI FIRENZE DIREZIONE NUOVE INFRASTRUTTURE SERVIZIO UFFICIO TRAMVIA BANDO DI GARA - PROCEDURA APERTA

COMUNE DI FIRENZE DIREZIONE NUOVE INFRASTRUTTURE SERVIZIO UFFICIO TRAMVIA BANDO DI GARA - PROCEDURA APERTA COMUNE DI FIRENZE DIREZIONE NUOVE INFRASTRUTTURE SERVIZIO UFFICIO TRAMVIA BANDO DI GARA - PROCEDURA APERTA Ente appaltante: Comune di Firenze Direzione Nuove Infrastrutture Servizio Ufficio Tramvia Via

Dettagli

CITTÀ DI MELFI AREA INFRASTRUTTURE E MOBILITÀ

CITTÀ DI MELFI AREA INFRASTRUTTURE E MOBILITÀ CITTÀ DI MELFI AREA INFRASTRUTTURE E MOBILITÀ Piazza Pasquale Festa Campanile - 85025 Melfi (Pz) Codice Fiscale 85000420761 Tel.: 0972251111 fax: 0972251277 E-mail: areainfrastrutture@comunemelfi.it PEC

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU31 31/07/2014

REGIONE PIEMONTE BU31 31/07/2014 REGIONE PIEMONTE BU31 31/07/2014 Codice DB0506 D.D. 3 giugno 2014, n. 114 l.r. n. 58/1987 e s.m.i., l.r. n. 57/1991 e s.m.i. e l.r. n. 44/2000 e s.m.i. C.I.G. n. ZCF0ECA035. Servizi di assistenza on-line

Dettagli

UNIONE NAZIONALE ITALIANA TECNICI ENTI LOCALI U.N.I.T.E.L.

UNIONE NAZIONALE ITALIANA TECNICI ENTI LOCALI U.N.I.T.E.L. UNIONE NAZIONALE ITALIANA TECNICI ENTI LOCALI U.N.I.T.E.L. Convegno APPALTO INTEGRATO, PROJECT FINANCING, DIALOGO COMPETITIVO, RUOLO DEL RUP: L evoluzione della normativa sugli appalti pubblici e il punto

Dettagli

Regolamento per la concessione del patrocinio e l uso dello stemma e dei marchi del Comune di Anzola dell Emilia

Regolamento per la concessione del patrocinio e l uso dello stemma e dei marchi del Comune di Anzola dell Emilia Regolamento per la concessione del patrocinio e l uso dello stemma e dei marchi del Comune di Anzola dell Emilia Approvato con deliberazione di C.C. n. 33 del 29.04.2010 INDICE TITOLO I - PATROCINIO...2

Dettagli

ALTA VELOCITA / ALTA CAPACITA

ALTA VELOCITA / ALTA CAPACITA ALTA VELOCITA / ALTA CAPACITA Ponte strallato sul Po (tratta AV/AC Milano-Bologna) PRESENTAZIONE 29.11.2010 RETE ALTA VELOCITA / ALTA CAPACITA Con treno ad Alta Velocità si intende un convoglio per il

Dettagli