BEI PUBLICATIONS EVENEMENTIELLES ACCORDS HORS UE MEDITERRANEE FEMIP

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BEI PUBLICATIONS EVENEMENTIELLES ACCORDS HORS UE MEDITERRANEE FEMIP"

Transcript

1 BEI PUBLICATIONS ACCORDS HORS UE MEDITERRANEE FEMIP 2004 ITO FONDS BEI SOUS-FONDS PUBLICATIONS SERIES EVENEMENTIELLES SOUS-SERIES ACCORDS HORS UE DOSSIERS MEDITERRANEE FEMIP PIECES : DATES 2004 VERSIONS LINGUISTIQUES : IT

2 a A i L'Europa ed il Mediterraneo I.» 'fi w \ Banca europea per gli investimenti

3 Philippe de Fontaine Vive Curtaz Vicepresidente BEI Durante il primo anno operativo del Fondo euromediterraneo d'investimento e di partenariato (FEMIP), il 2003, abbiamo fortemente tenuto a realizzare appieno le varie componenti della missione conferitaci, ossia, incrementare il volume degli interventi, accordare priorità assoluta agli investimenti privati, rafforzare il dialogo economico e finanziario con i Paesi partner del «Processo di Barcellona». Riunitisi nel novembre 2003 a Napoli, i ministri dell'unione e dei Paesi partner si sono detti soddisfatti per i risultati raggiunti ed hanno auspicato un ritmo di progresso più rapido. Tale proposta è stata avallata dal Consiglio europeo di dicembre 2003: da ora in poi, il cosiddetto «FEMIP rafforzato» costituirà lo strumento privilegiato del partenariato finanziario euromediterraneo. Saranno queste le novità del FEMIP rafforzato, a partire dal 2004: il nuovo uso di prestiti con capitale di rischio, con la creazione di un «portafoglio spedale FEMIP», che si rifa a finanziamenti simili utilizzati nei Paesi dell'unione a sostegno d'investimenti che presentano un più alto profilo di rischio; la creazione di un fondo fiduciario, alimentato dai contributi volontari degli Stati membri dell'unione per venire incontro alle esigenze specifiche dei Paesi partner: fornire assistenza tecnica per le riforme, sussidi ai prestiti relativi ai settori sociali e coadiuvare le privatizzazioni; potenziare il peso del Comitato ministeriale del FEMIP per renderlo il «Consiglio Ecofin» del Mediterraneo. A tale fine, i lavori del Comitato sono preparati da un gruppo d'esperti ad alto livello, che si è già riunito nel febbraio 2004 a Marsiglia e si riunirà il prossimo ottobre ad Amsterdam; rafforzare la presenza locale del FEMIP con l'apertura di nuovi uffici di rappresentanza a Tunisi e a Rabat, dopo quello del Cairo, e con il riavvicinamento del mondo imprenditoriale e finanziario in Europa e nei Paesi partner, come si è verificato a Casablanca nel febbraio scorso e come avverrà a Damasco nel settembre Infine, per rilanciare la stretta cooperazione tra il FEMIP e l'insieme delle istituzioni che operano nella regione, ho firmato un accordo di partenariato strategico con la Banca mondiale e la Commissione. È sul consolidamento di queste basi che faremo insieme del 2004 una nuova tappa nel partenariato euromediterraneo.

4 IL FEMIP RAFFORZATO: Riconoscimento del ruolo del FEMIP e del suo successo operativo / finanziamenti del FEMIP (Fondo euromediterraneo d'investimento e di partenariato) nei 10 Paesi partner mediterranei (PPM '") hanno toccato la cifra record di 2,1 miliardi di euro in contratti di prestito firmati nel 2003, anno che è stato il primo di piena attività operativa dal varo del Fondo. Tale risultato conferma il ruolo del FEMIP di principale protagonista per la promozione dello sviluppo economico della regione e per la stabilità. Nel dicembre 2003, ad un anno dalla sua creazione, il Consiglio europeo di Bruxelles ha esortato la BEI a ampliare e potenziare ulteriormente tale Strumento, fatto che rappresenta un forte segno di riconoscimento nei confronti delle attività della Banca e del successo operativo nella regione, pur costituendo anche, al contempo, una sfida per attuare rapidamente i mutamenti annunciati. Il FEMIP rafforzato è in grado di poggiare sulla notevole capacità finanziaria della BEI nonché sull'esperienza riconosciuta che essa gode nell'istruttoria e nel monitoraggio del progetto. Tale Strumento fa tesoro, inoltre, della collaborazione consolidata tra la BEI e le istituzioni europee, internazionali e bilaterali attive nella regione, insieme alla sua stretta cooperazione con il mondo bancario europeo e nei PPM. Quest'esperienza e competenza internazionale consentono alla BEI di sostenere efficacemente i progetti e mobilizzare valide strutture di finanziamento a favore dei promotori pubblici e privati. 'Algeria, Egitto, Gaza e Cisgiordania, Israele, Giordania, Libano,Marocco, Siria, Tunisia e Turchia Parco eolico, Marocco Rispetto allo strumento originario, il FEMIP rafforzato ha in più queste componenti: un «Portafoglio speciale FEMIP» (PSF), diretto a potenziare i finanziamenti al settore privato; un Fondo fiduciario a sostegno delle attività nei settori prioritari; la trasformazione del Comitato per il coordinamento ed il dialogo politico del FEMIP in un consesso ministeriale, a cui s'integra un organo preparatorio ad alto livello d'esperti; l'ampliamento della presenza locale del FEMIP nella regione maghrebina.

5 I progetti di sviluppo economico finanziati nell'ambito del FEMIP ( ) ί β Industria Trasporti Gas Elettricità: produzione/trasmissione "* Sfruttamento di idrocarburi Λη Energia rinnovabile TN Aeroporto / linea aerea JÊi^ Gestione del traffico aereo Porto

6 ^ Acqua potabile φ Trattamento dei residui solidi g Gestione delle acque reflue ^ Irrigazione ise^ Istruzione Riduzione dell'inquinamento industriale ^ Calamità naturali (ricostruzione) Trasporti urbani

7 Dal FEMIP. Per stimolare la crescita nei PPM, il Consiglio europeo di Barcellona, nel marzo 2002, ha esortato alla realizzazione di una solida iniziativa per la regione mediterranea, affidando alla BEI il compito di creare uno strumento specifico per gli investimenti ed il partenariato euromediterraneo. La decisione del Consiglio traeva spunto dall'esperienza trentennale di attività della BEI nei PPM. Dal 1974, la Banca ha investito 14 miliardi di euro nei Paesi del «Processo di Barcellona», intervenendo in svariati settori attraverso un'ampia gamma di prodotti finanziari. I molteplici tipi di finanziamento della BEI sono complementari tra di loro e intendono diversificare la serie di prodotti disponibili nei PPM. II FEMIP offre ai promotori dei PPM e ai loro partner finanziari: prestiti a lungo termine destinati a progetti di grandi dimensioni; operazioni di finanza strutturata adeguate ai tassi di rendimento economico degli investimenti effettuati da imprese innovative, un segmento finanziario scarsamente sviluppato nei PPM; prestiti globali al settore bancario e finanziario locale, attraverso linee di credito che vengono poi accordate alle PMI sotto forma di prestiti a lungo termine oppure attraverso prese di partecipazione; IL PORTAFOGLIO SPECIALE DEL FEMIP (PSF) Il «Portafoglio speciale del FEMIP» (PSF) consiste in una nuova dotazione che sarà utilizzata per incrementare il sostegno della Banca nei confronti del settore privato dei PPM; il portafoglio ammonta a 200 milioni di euro, tratti dalle riserve della Banca per consentire maggiori operazioni in regime di condivisione del rischio nel quadro del Fondo <^'. Le operazioni rientranti in tale dotazione vedranno la Banca impegnata nel finanziamento di specifici prestiti al settore privato, interventi che comportano un maggiore livello di rischio rispetto a quello solitamente accettato nelle consuete operazioni della BEI. L'impiego di questo Portafoglio speciale si è reso necessario a causa del più alto livello di rischio riscontrato, in media, nei PPM - rischio che risulta ampiamente più elevato rispetto a quello nell'area comunitaria - ed inoltre, a causa della difficoltà che gli sponsors locali del settore privato trovano nell'ottenere garanzie da terze parti ad alto rating. Il PSF si orienta principalmente a: intermediari bancari che effettuano cofinanziamenti per prestiti globali, a sostegno di operazioni di minori dimensioni in settori fondamentali (intermediari che consistono in banche private locali altamente sviluppate); aziende consolidate operanti nel settore industriale e del turismo, situate nei PPM, ο altrove, ma che comunque investono nella regione; specifici progetti di tipo industriale e infrastrutturale, laddove sia impossibile reperire, per delle operazioni consuetudinarie, una garanzia di una terza parte, adeguata dal punto di vista della qualità del credito e della durata del prestito. ^> Tali finanziamenti sono anticipati ai sensi del meccanismo di condivlsione del rischio del mandato EUROMED ll della BEL

8 Prestiti firmati nei PPM: 14,9 miliardi di euro ( ) Ripartizione settoriale PMI (prestiti globali) 17,9% Telecomunicazioni 19,7% Industria, servizi 13,6% Sanità, istruzione 2,2% Settore idrico e gestione dei rifiuti 21,8% Energia 24,8% finanziamenti con capitale di rischio, volti a rafforzare i beni propri delle imprese e ad agire da continuo catalizzatore di joint ventures; il capitale di rischio sostiene anche la creazione di fondi d'investimento locali e di fondi in titoli azionari; strumenti finanziari innovativi come il quasi-capitale, prestiti condizionali, finanza mezzanine, leasing finanziario, garanzie evia di seguito; fondi per l'assistenza tecnica, stanziati essenzialmente ai fini d'identificare i progetti, per la progettazione e la gestione, ed inoltre a sostegno dei processi di riforma e privatizzazione. Le attività del FEMIP sono finanziate con risorse proprie della BEI e con i fondi del bilancio comunitario disponibili per le operazioni di capitali di rischio, nell'ambito del mandato EUROMED II, che ammonta a milioni di euro per il periodo La priorità assoluta del FEMIP è sviluppare l'attività economica del settore privato, e sostenere quei progetti che favoriscono l'instaurarsi di un clima economico propizio agli investimenti privati. II FEMIP vuole assistere i PPM a raccogliere le sfide poste dalla modernizzazione socioeconomica e da una più spinta integrazione regionale, nell'ottica della realizzazione di un'area di libero scambio euro-mediterranea programmata per il I finanziamenti al settore privato sono conclusi in stretta collaborazione con i settori bancario e finanziario dei PPM. In oltre trenta anni d'attività in questi Paesi, la BEI ha intessuto collaborazioni solide con circa 55 banche locali e intermediari finanziari, ed essi costituiscono un preziosissimo strumento di distribuzione dei prestiti FEMIP alle PMI, grazie alla loro vicinanza ed esperienza delle realtà locali. La vasta gamma di prodotti utilizzati dalla BEI, insieme alla partecipazione di queste banche nel cofinanziamento di progetti su vasta scala, rafforza la competenza del mondo bancario e finanziario locale sul lungo termine, nell'istruttoria e nel monitoraggio di progetti del settore privato e nella gestione dei prestiti. Sostenendo il dinamismo delle banche locali impegnate nelle PMI dei PPM e rafforzando le loro competenze, il FEMIP traspone loro quell'assistenza tecnica che è alla base stessa della realizzazione dei prestiti globali. II volume d'attività annuale complessivo della Banca è andato costantemente crescendo, rendendo il FEMIP lo strumento prin-

9 Riassetto fluviale, Turchia IL FONDO FIDUCIARIO DEL FEMIP Al Consiglio Ecofin di novembre 2003, le cui conclusioni furono poi appoggiate dal Consiglio europeo di Bruxelles di dicembre la Banca è stata invitata a «creare un fondo fiduciario dotato inizialmente di milioni di euro, che riprendesse la struttura dei fondi speciali di cofinanziamento di altre IFI. L'obiettivo del Trust Fund è quello di destinare risorse a sostegno di progetti in alcuni settori prioritari, quali il settore idrico, trasporti, elettricità, capitale umano; progetti che possono poi diventare finanziariamente solidi attraverso i fondi non rimborsabili ο l'apporto di capitale di rischio. La partecipazione al fondo fiduciario consentirà ad altri donatori d'integrare, su base volontaria, i contributi dal bilancio comunitario già impegnati per il Fondo nel quadro del programma MEDA». Il Fondo fiduciario del FEMIP sarà presumibilmente istituito entro il 2004; esso si concentrerà sull'apporto di assistenza tecnica complementare, sul sostegno allo sviluppo del capitale umano ed altri settori prioritari, e sull'impiego di nuovi strumenti per lo sviluppo del settore privato. Dato il ruolo preminente svolto dalla Banca nella regione, il varo stesso di uno specifico fondo fiduciario del FEMIP susciterà interesse, non solo tra i potenziali investitori e beneficiari, ma anche tra gli altri membri della società civile che seguono il processo di Barcellona. Prestiti firmati nei PPM: 14,9 miliardi di euro ( ) Ripartizione per Paese Turchia 22,8% Algeria 14,7% Egitto 18,2% Gaza/Cisgiordania 1,6% Israele 1,6% Giordania 4,3% Libano 4,0% cipale di supporto al processo di sviluppo sostenibile nei PPM. Con un ammontare che sfiora i 2,1 miliardi di euro in contratti di prestito firmati, l'attività del FEMIP nel Mediterraneo, durante il 2003, il primo anno pienamente operativo del Fondo, ha assolutamente raggiunto gli obiettivi prefissi, dai punti di vista quantitativo e qualitativo. In particolare, la metà circa dei progetti approvati è stata destinata alla crescita del settore privato, con investimenti esteri diretti in Egitto, Tunisia e Turchia e con il finanziamento alle PMI (in Siria,

10 Tunisia, Turchia, e con la creazione di un fondo regionale di capitale di rischio). Un particolare accento nei finanziamenti è stato posto sui progetti infrastrutturall, compresi i programmi nel settore energetico, trasporti, capitale umano e ambiente, a sostegno dello sviluppo del settore privato nei PPM. Tra i progetti finanziati dal FEMIP fanno parte: il miglioramento alle infrastrutture dei trasporti in Giordania, Marocco, Siria e Tunisia; la produzione elettrica e distribuzione del gas in Egitto e in Tunisia; il potenziamento dell'infrastruttura sanitaria in Tunisia; la riforma dei sistemi educativi in Giordania ed in Marocco; gli aiuti alle popolazioni colpite da calamità naturali (come in Algeria ed in Turchia)....al FEMIP rafforzato: incrementare le azioni a favore del settore privato Il FEMIP rafforzato fa leva sui risultati raggiunti dal FEMIP nel primo anno di attività; con l'impiego di nuovi prodotti e con la realizzazione delle misure previste, il ruolo e il peso della Banca nella regione dovrebbero, col tempo, aumentare considerevolmente. Le operazioni BEI alimenteranno inoltre sinergie e sosterranno la cooperazione con altre forme di assistenza comunitaria nella regione (ad esempio, con il programma MEDA, il sostegno bilaterale con le altre IFI). L'assistenza tecnica: un altro incentivo al settore privato La componente «assistenza tecnica» del FEMIP rappresenta uno strumento importante per migliorare l'incisività e l'aumento dei prestiti BEI nella regione. Si tratta altresì di un canale d'intervento fondamentale a sostegno del settore privato e delle circostanze congiunturali che lo favoriscono. Gli obiettivi dell'assistenza tecnica fornita dal FEMIP sono quelli di potenziare l'efficienza delle attività d'investimento della BEI in settori quali il sostegno al settore privato, l'ambiente, i trasporti, l'energia l'istruzione e la sanità. II fondo di sostegno all'assistenza tecnica del FEMIP attinge dai contributi non rimborsabili forniti dalla Commissione europea nel quadro del programma MEDA, per appoggiare le attività d'investimento della BEI nei PPM. II fondo assiste i beneficiari nelle varie fasi del ciclo del progetto, quali l'identificazione, la preparazione e la realizzazione del progetto. Sarà destinato, all'assistenza tecnica, un importo pari a 105 milioni di euro per il periodo Modernizzazione e sviluppo del porto di Tartous, Siria

11 Programma d'investimento nel settore della sanità pubblica, Tunisia Nell'ultimo trimestre 2003, sono state registrate 10 domande di assistenza tecnica, per un ammontare totale di 9,6 milioni di euro, che sono state finalizzate ed approvate poi dalla Commissione europea. Tra il 2003 e il 2004, sono stati stanziati circa due terzi del portafoglio del FEMIP destinato all'assistenza tecnica; le risorse sono andate al settore dell'ambiente/idrico e alle infrastrutture, in quanto le misure di realizzazione dei progetti in questi settori assorbono imponenti risorse del fondo per l'assistenza tecnica. La BEI ha istituito un'apposita unità presso la Direzione finanziamenti al di fuori dell'europa (un «Servizio di consulenza allo sviluppo economico»), per gestire il fondo di sostegno all'assistenza tecnica del FEMIP. Tale unità è operativa dal settembre La trasformazione del Comitato per il coordinamento ed il dialogo politico in un consesso ministeriale di vigilanza La trasformazione del Comitato per il coordinamento ed il dialogo politico (un organo di coordinamento che riunisce due volte l'anno la BEI, la Commissione europea ed i PPM) in un forum annuale a livello ministeriale, costituisce una piattaforma unica ove i ministri delle finanze dei Paesi membri dell'ue e dei PPM possono discutere concretamente sulle riforme politiche e sulla politica di finanziamento del FEMIP. Tale consesso è preceduto dalle riunioni preparatorie del gruppo di esperti ad alto livello, che ha il compito di presentare raccomandazioni tecniche ed operative. La prima riunione del gruppo preparatorio si è tenuta a Marsiglia il 16/17 febbraio 2004, ed ha gettato le basi per la riunione annuale 2004 del Comitato ministeriale che si terrà ad Alessandria d'egitto a giugno. All'ordine del giorno dell'incontro di Marsiglia vi sono stati due temi: le modalità per incentivare il processo di privatizzazione della regione, e per potenziare l'accesso limitato delle imprese private nelle regione al fine di convogliare gli investimenti. Sono emerse alcune raccomandazioni durante l'incontro durato due giorni, ed esse consentiranno alla Banca di ravvivare il dibattito politico durante la riunione di Alessandria d'egitto. Potenziare la presenza locale del FEMIP nella regione maghrebina L'Ufficio del Cairo della BEI, inaugurato il 1 ottobre 2003, è stato il primo ad essere istituito al di fuori dell'unione europea. Con un raggio operativo comprendente tutto il Medio Oriente, la missione dell'ufficio è quella di ottimizzare il processo d'identificazione e di monitoraggio dei progetti, oltre a quella di creare un collegamento con le autorità dei PPM nella regione. Inoltre, l'ufficio ha il compito di facilitare la realizzazione dell'assistenza tecnica sia per i progetti che per gli istituti finanziari dei Paesi beneficiari. Per potenziare ulteriormente il sostegno allo sviluppo del settore privato, saranno aperti altri due uffici a Tunisi ed a Rabat, entro la fine del

12 Ricostruzione post-terremoto, Algeria Ulteriori informazioni Maggiori informazioni sulla Banca europea per gli investimenti sono disponibili nel sito web della Banca all'indirizzo: in particolar modo nella rubrica dedicata alle attività della Banca nei Paesi partner mediterranei: ww.eib.org/lending/med. Ai promotori dei progetti potrebbe inoltre interessare la lettura dell'opuscolo intitolato «Il ciclo del progetto alla BEI», che offre una panoramica sulle procedure d'identificazione, istruttoria e monitoraggio dei progetti, insieme ai rapporti finanziari, giuridici e tecnici tra la BEI e le parti contrattuali. Sostegno al settore finanziario. Libano Infine, i promotori dei progetti finanziati dalla BEI ed i fornitori/prestatori di servizi troveranno utile la consultazione dell'opuscolo «Guida alle procedure d'appalto», contenente informazioni pratiche sulla politica della Banca in materia, le normative applicabili e i regolamenti e regole da osservare nelle procedure d'appalto per lavori, beni e servizi legati ai progetti. Richieste dì prestito Le richieste di prestito per progetti di grandi dimensioni possono essere inviate direttamente, e senza particolare formalità, ad uno dei nomi sotto elencati, che si riferiscono al personale BEI preposto a tal fine. Istruzione, Giordania Le richieste di mutui relativi a progetti di piccola e media dimensione devono essere inoltrate agli intermediari bancari e finanziari della BEI che gestiscono i prestiti globali nei PPM. L'elenco degli intermediari è costantemente aggiornato sul sito web della BEI: ww^w.bei.org. 11

13 Fondo euromediterraneo d'investimento e di partenariato (FEMIP) 100, boulevard K. Adenauer L-2950 Lussemburgo \> (+352) ^ (+352) <^ Contatti operativi: Dott. Claudio Cortese Direttore, Operazioni di finanziamento nei Paesi partner mediterranei <^ Dott. Alain Seve Direttore associato, Capodivisione, Sostegno al settore privato <^ Dott. Bernard Gordon Capodivisione, Maghreb <^ Dott.sa Jane Macpherson Capodivisione, Medio Oriente <ß Dott. Patrick Walsh Direttore associato, Capodivisione, Turchia <^ Banca europea per gli investimenti Informazioni generali: Dott.sa Daniela Sacchi-Cremmer <^ Contatti con la stampa: Dott.sa Helen Kavvadia <ï.> (+352) (^ (+352) (^ Ufficio del Cairo Ing. Luigi Marcon Capo Ufficio 6, Boulos Hanna Street Dokki, Giza Cairo Egitto %, (+20-2) <^ (+20-2) <φ ISBN BEI IT Foto: Fototeca BEI

La Banca europea per gli investimenti in sintesi

La Banca europea per gli investimenti in sintesi La Banca europea per gli investimenti in sintesi Come banca dell Unione europea (UE), forniamo finanziamenti e consulenza per progetti d investimento validi e sostenibili situati in Europa e nei Paesi

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Cos è la Banca europea per gli investimenti?

Cos è la Banca europea per gli investimenti? Cos è la Banca europea per gli investimenti? La BEI è la banca dell Unione europea. Come principale mutuatario e finanziatore multilaterale, eroghiamo finanziamenti e consulenze tecniche per progetti d

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.1.2014 C(2013) 9651 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 7.1.2014 recante un codice europeo di condotta sul partenariato nell'ambito dei fondi strutturali

Dettagli

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto.

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto. Consiglio europeo Bruxelles, 26 giugno 2015 (OR. en) EUCO 22/15 CO EUR 8 CONCL 3 NOTA DI TRASMISSIONE Origine: Destinatario: Segretariato generale del Consiglio delegazioni Oggetto: Riunione del Consiglio

Dettagli

PACCHETTO DI SOSTEGNO ALL UCRAINA

PACCHETTO DI SOSTEGNO ALL UCRAINA PACCHETTO DI SOSTEGNO ALL UCRAINA PACCHETTO DI SOSTEGNO ALL UCRAINA Il presente documento contiene le principali misure concrete a breve-medio termine proposte dalla Commissione per contribuire a stabilizzare

Dettagli

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE) é un'organizzazione indipendente di regioni e la più importante rete di cooperazione interregionale nella Grande Europa. Rappresenta 12 organizzazioni interregionali

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Si invita il Consiglio ad adottare, quali conclusioni del Consiglio, il testo riportato nell'allegato della presente nota.

Si invita il Consiglio ad adottare, quali conclusioni del Consiglio, il testo riportato nell'allegato della presente nota. Consiglio dell'unione europea Bruxelles, 10 ottobre 2014 (OR. en) 14141/14 NOTA PUNTO "A" Origine: Destinatario: Oggetto: presidenza Consiglio JAI 765 ASIM 88 FRONT 215 RELEX 826 COMIX 544 Progetto di

Dettagli

IL CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, I. INTRODUZIONE

IL CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, I. INTRODUZIONE C 183/12 IT Gazzetta ufficiale dell'unione europea 14.6.2014 Risoluzione del Consiglio e dei rappresentanti dei governi degli Stati membri, riuniti in sede di Consiglio, del 21 maggio 2014, sul piano di

Dettagli

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO La ricerca europea in azione IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO (7º PQ) Portare la ricerca europea in primo piano Per alzare il livello della ricerca europea Il Settimo programma quadro per la ricerca e lo sviluppo

Dettagli

Proposta di REGOLAMENTO DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

Proposta di REGOLAMENTO DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO COMMISSIONE EUROPEA Strasburgo, 13.1.2015 COM(2015) 10 final 2015/0009 (COD) Proposta di REGOLAMENTO DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO relativo al Fondo europeo per gli investimenti strategici e che

Dettagli

Jointly for our common future

Jointly for our common future Newsletter del progetto GeoSEE nr.1 Gennaio 2013 1. Avvio del progetto 2. Il progetto 3. Il programma SEE 4. Il partenariato 5. Obiettivi del progetto Jointly for our common future 1 AVVIO DEL PROGETTO

Dettagli

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto.

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto. Consiglio europeo Bruxelles, 20 marzo 2015 (OR. en) EUCO 11/15 CO EUR 1 CONCL 1 NOTA DI TRASMISSIONE Origine: Destinatario: Oggetto: Segretariato generale del Consiglio delegazioni Riunione del Consiglio

Dettagli

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 29.6.2011 COM(2011) 500 definitivo PARTE II COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

Comitato economico e sociale europeo

Comitato economico e sociale europeo Scopri cosa il CESE può fare per te Comitato economico e sociale europeo Cover Architecture: Art & Build + Atelier d architecture Paul Noël Conoscere il Comitato economico e sociale europeo Cos'è la società

Dettagli

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy CONSIGLIO EUROPEO IL PRESIDENTE Bruxelles, 26 giugno 2012 EUCO 120/12 PRESSE 296 PR PCE 102 VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

Dettagli

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Scenario di riferimento Lo studio WETO (World energy, technology and climate policy

Dettagli

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni 2006R1083 IT 25.12.2008 002.001 1 Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni B REGOLAMENTO (CE) N. 1083/2006 DEL CONSIGLIO dell'11 luglio

Dettagli

BANDO DEV REPORTER NETWORK

BANDO DEV REPORTER NETWORK BANDO DEV REPORTER NETWORK Premessa La Federazione Catalana delle Ong per lo Sviluppo (FCONGD), il Consorzio delle Ong Piemontesi (COP) e la Rete Rhône-Alpes di appoggio alla cooperazione (RESACOOP) realizzano

Dettagli

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale Il Cammino verso una Regolamentazione Europea: L Approccio Modulare Employee Stock Ownership Plans (ESOP): Un veicolo per garantire la successione

Dettagli

ELENA. European Local Energy Assistance

ELENA. European Local Energy Assistance ELENA European Local Energy Assistance SOMMARIO 1. Obiettivo 2. Budget 3. Beneficiari 4. Azioni finanziabili 5. Come partecipare 6. Criteri di selezione 7. Contatti OBIETTIVI La Commissione europea e la

Dettagli

(Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RACCOMANDAZIONI CONSIGLIO

(Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RACCOMANDAZIONI CONSIGLIO 26.4.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 120/1 I (Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RACCOMANDAZIONI CONSIGLIO RACCOMANDAZIONE DEL CONSIGLIO del 22 aprile 2013 sull'istituzione di una garanzia

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO. relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO. relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 5.7.2005 COM(2005) 304 definitivo 2005/0129 (CNS) Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale

Dettagli

più credito per la tua impresa

più credito per la tua impresa Sei un impresa che vuole acquistare nuovi macchinari, impianti o attrezzature? più credito per la tua impresa : Agevolazioni anche per i settori di pesca e agricoltura Beni strumentali, l agevolazione

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo Caratteristiche del Fondo EQUI MEDITERRANEO FUND e un fondo costituito sotto forma di SICAV SIF ed è un comparto dedicato della piattaforma EQUI SICAV - SIF, una Società a capitale Variabile Lussemburghese

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA 1 10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA MEMORANDUM SULL EASS L' Educazione all Ambientale e allo Sviluppo Sostenibile, una necessità! L'Educazione Ambientale

Dettagli

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO L Autopresentazione dell organizzazione e il Modello di report sono stati sviluppati da PICUM con il sostegno di due

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

In breve Febbraio 2015

In breve Febbraio 2015 In breve In breve Febbraio 2015 La nostra principale responsabilità è rappresentata dagli interessi dei nostri clienti. Il principio per tutti i soci è essere disponibili ad incontrare i clienti, e farlo

Dettagli

Proposta di REGOLAMENTO DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO. relativo al Fondo sociale europeo e che abroga il regolamento (CE) n.

Proposta di REGOLAMENTO DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO. relativo al Fondo sociale europeo e che abroga il regolamento (CE) n. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 6.10.2011 COM(2011) 607 definitivo 2011/0268 (COD) Proposta di REGOLAMENTO DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO relativo al Fondo sociale europeo e che abroga il regolamento

Dettagli

Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020

Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020 DATA: 29/8/2013 N. PROT: 475 A tutte le aziende/enti interessati Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020 Roma, 15-16 ottobre 2013 Bruxelles,

Dettagli

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 PMI. Tutte le informazioni per la quotazione in borsa online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ABI, AIFI, ASSIREVI, ASSOGESTIONI, ASSOSIM,

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 30 maggio 2002 Conoscenza e uso del dominio internet ".gov.it" e l'efficace interazione del portale nazionale "italia.gov.it" con le IL PRESIDENTE DEL

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Raccomandazione di RACCOMANDAZIONE DEL CONSIGLIO. sul programma nazionale di riforma 2015 dell'italia

Raccomandazione di RACCOMANDAZIONE DEL CONSIGLIO. sul programma nazionale di riforma 2015 dell'italia COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 13.5.2015 COM(2015) 262 final Raccomandazione di RACCOMANDAZIONE DEL CONSIGLIO sul programma nazionale di riforma 2015 dell'italia e che formula un parere del Consiglio sul

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE PARERE DELLA COMMISSIONE

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE PARERE DELLA COMMISSIONE COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 28.11.2006 COM(2006)759 definitivo 2004/0218 (COD) PARERE DELLA COMMISSIONE a norma dell'articolo 251, paragrafo 2, terzo comma, lettera c) del trattato CE,

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale 1 1 LEGGE REGIONALE 24 giugno 2002, n. 12 #LR-ER-2002-12# INTERVENTI REGIONALI PER LA COOPERAZIONE CON I PAESI IN VIA DI SVILUPPO E I PAESI IN VIA DI TRANSIZIONE, LA SOLIDARIETÀ INTERNAZIONALE E LA PROMOZIONE

Dettagli

PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO

PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 07.04.1998 COM (98) 222 PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO I. LO SPIRITO IMPRENDITORIALE:

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente

DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente Mobilita' sostenibile nelle aree urbane (GU n. 179 del 3-8-1998) Registrato alla Corte dei conti il 9 luglio 1998 Registro n. 1 Ambiente, foglio n. 212

Dettagli

TECO 13 Il Tavolo per la crescita

TECO 13 Il Tavolo per la crescita Componenti TECO 13 Il Tavolo per la crescita Assiot, Assofluid e Anie Automazione, in rappresentanza di un macro-settore che in Italia vale quasi 40 miliardi di euro, hanno deciso di fare un percorso comune

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE Adottata all'unanimità a Parigi durante la 31esima sessione della Conferenza Generale dell'unesco, Parigi, 2 novembre 2001 La Conferenza

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

Una panoramica su oltre 70 anni di Pro Helvetia

Una panoramica su oltre 70 anni di Pro Helvetia Una panoramica su oltre 70 anni di Pro Helvetia La Fondazione svizzera per la cultura Pro Helvetia vanta più di 70 anni di esperienza in materia di sostegno alla cultura. Fu fondata nel 1939, poco prima

Dettagli

20.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 347/289

20.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 347/289 20.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 347/289 REGOLAMENTO (UE) N. 1301/2013 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 17 dicembre 2013 relativo al Fondo europeo di sviluppo regionale e a

Dettagli

Tabella di sintesi elaborata dagli uffici senza alcun valore normativo. COOPERATIVE SOCIALI iscritte alla sezione A dell Albo.

Tabella di sintesi elaborata dagli uffici senza alcun valore normativo. COOPERATIVE SOCIALI iscritte alla sezione A dell Albo. CAPO II INVESTIMENTI Acquisto, costruzione, ristrutturazione, ammodernamento ed ampliamento di immobili aziendali Art. 9 comma 1 200.000,00) 200.000,00) Fino al 50% 200.000,00) se LEASING: fino al 40%

Dettagli

(Lombardia, BUR 18 novembre 2014, n. 47) LA GIUNTA REGIONALE

(Lombardia, BUR 18 novembre 2014, n. 47) LA GIUNTA REGIONALE Deliberazione Giunta Regionale 14 novembre 2014 n. 10/2637 Determinazioni in ordine a: "Promozione e coordinamento dell'utilizzo del patrimonio mobiliare dismesso dalle strutture sanitarie e sociosanitarie

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 12.5.2004 COM(2004) 374 definitivo COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO

Dettagli

(Atti legislativi) DIRETTIVE

(Atti legislativi) DIRETTIVE 28.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 94/1 I (Atti legislativi) DIRETTIVE DIRETTIVA 2014/23/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 26 febbraio 2014 sull aggiudicazione dei contratti

Dettagli

Lista di controllo «Interlocutori»: chi dev'essere informato e quando?

Lista di controllo «Interlocutori»: chi dev'essere informato e quando? Nationale Plattform Naturgefahren PLANAT Plate-forme nationale "Dangers naturels" Plattaforma nazionale "Pericoli naturali" National Platform for Natural Hazards c/o BAFU, 3003 Berna Tel. +41 31 324 17

Dettagli

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE Associazione delle Università Europee Copyright 2008 della European University Association Tutti i diritti riservati. I testi possono essere

Dettagli

Proposta di REGOLAMENTO DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO. che istituisce il programma Europa creativa. (Testo rilevante ai fini del SEE)

Proposta di REGOLAMENTO DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO. che istituisce il programma Europa creativa. (Testo rilevante ai fini del SEE) COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 23.11.2011 COM(2011) 785 definitivo 2011/0370 (COD) Proposta di REGOLAMENTO DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO che istituisce il programma Europa creativa (Testo rilevante

Dettagli

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA Da dove nasce l'esigenza, per l'unione, di occuparsi di sicurezza sul lavoro? La sicurezza e la salute sul lavoro è uno degli aspetti più importanti

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee

Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee Quale governance per le Aree metropolitane europee? Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee METREX Nye Bevan House 2 20

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

Più intelligenti e più ecologici. Consumare e produrre in maniera sostenibile

Più intelligenti e più ecologici. Consumare e produrre in maniera sostenibile Più intelligenti e più ecologici Consumare e produrre in maniera sostenibile 1 Europe Direct è un servizio a vostra disposizione per aiutarvi a trovare le risposte ai vostri interrogativi sull Unione europea.

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Misure restrittive dell'ue

Misure restrittive dell'ue SCHEDA INFORMATIVA Bruxelles, 29 aprile 2014 Misure restrittive dell'ue Le sanzioni sono uno degli strumenti dell'ue per promuovere gli obiettivi della politica estera e di sicurezza comune (PESC): pace,

Dettagli

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

Dettagli

Una Crescita Possibile

Una Crescita Possibile Accordo 2014/2015 Intesa Sanpaolo e Confindustria Piccola Industria Una Crescita Possibile INTESA SANPAOLO S.p.A. in seguito denominata Intesa Sanpaolo o "Banca" con sede in Torino, Piazza San Carlo 156,

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

Repower guarda al futuro con fiducia

Repower guarda al futuro con fiducia Repower guarda al futuro con fiducia Giovanni Jochum Quale membro della Direzione di Repower, società con sede a Poschiavo, desidero presentare il mio punto di vista sui fattori che stanno cambiando radicalmente

Dettagli

ALLEGATO. della decisione della Commissione. che modifica la decisione C(2013)1573

ALLEGATO. della decisione della Commissione. che modifica la decisione C(2013)1573 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 30.4.2015 C(2015) 2771 final ANNEX 1 ALLEGATO della decisione della Commissione che modifica la decisione C(2013)1573 sull'approvazione degli orientamenti sulla chiusura

Dettagli

La bolletta dimagrisce

La bolletta dimagrisce La bolletta dimagrisce Bolletta più leggera e più equa per le Pmi La spesa energetica delle imprese Il costo dell energia è un importante fattore di competitività per le imprese; La spesa per l energia

Dettagli

Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013

Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013 Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013 Dipartimento 51 - Dipartimento della Programmazione e dello Sviluppo Economico Direzione Generale 2 - Direzione Generale Sviluppo Economico e le Attività Produttive

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI adottata dalla Conferenza internazionale del Lavoro nella sua Ottantaseiesima

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITA' EUROPEE LIBRO VERDE SUI SERVIZI DI INTERESSE GENERALE. (Presentato dalla Commissione)

COMMISSIONE DELLE COMUNITA' EUROPEE LIBRO VERDE SUI SERVIZI DI INTERESSE GENERALE. (Presentato dalla Commissione) COMMISSIONE DELLE COMUNITA' EUROPEE Bruxelles, 21.5.2003 COM(2003) 270 definitivo LIBRO VERDE SUI SERVIZI DI INTERESSE GENERALE (Presentato dalla Commissione) INDICE Introduzione... 3 1. Contesto... 6

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

I "social protection floors" per la giustizia sociale e una globalizzazione equa

I social protection floors per la giustizia sociale e una globalizzazione equa Conferenza Internazionale del Lavoro 101^ Sessione 2012 IV Rapporto (2B) I "social protection floors" per la giustizia sociale e una globalizzazione equa Quarto punto dell'agenda Ufficio Internazionale

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI. Dott. Nicola ZERBONI

GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI. Dott. Nicola ZERBONI GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI Dott. Nicola ZERBONI Dottore Commercialista in Milano Finanziamenti europei 2007/2013 e contrasto alle irregolarità e alle frodi nei fondi Diretta

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Manifesto dell'ecf per le elezioni al Parlamento Europeo del 2014 versione breve ECF gratefully acknowledges

Dettagli