controllo ACQUISIRE uno strumentario per PARLAMENTARI con cui RIPORTARE la BEI SUL GIUSTO BINARIO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "controllo ACQUISIRE uno strumentario per PARLAMENTARI con cui RIPORTARE la BEI SUL GIUSTO BINARIO"

Transcript

1 controllo ACQUISIRE il uno strumentario per PARLAMENTARI con cui RIPORTARE la BEI SUL GIUSTO BINARIO

2 La mission di Counter Balance: challenging the EIB consiste nel trasformare la Banca europea per gli investimenti in un istituzione aperta e progressista che persegua obiettivi di sviluppo sostenibile dell UE dando voce e autorità alle popolazioni che ne subiscono l operato. Indice generale La campagna è sostenuta da: Redatto da: Greig Aitkin Progettato da: Joke Lamon June Un gigante nell ombr 3 2. Dove ha sbagliato la BEI? Quando la trasparenza diventa invisibile Sviluppo alla rovescia Sostenere l insostenibile Responsabilità della BEI: NON ci si può ANCORA contare Riportare la BEI sul giusto binario Che cosa potrebbero fare i membri del Parlamento europeo Che cosa potrebbero fare i membri dei parlamenti nazionali 23 Questo documento è stato realizzato con l aiuto finanziario della Comunità europea. CEE Bankwatch Network si assume la responsabilità esclusiva dei suoi contenuti, che pertanto non esprimono in nessun caso le posizioni dell Unione europea.

3 3 4 Un 1. GiGANTE nell ombra La Banca europea per gli investimenti (BEI) esiste da oltre 50 anni. Eppure quando ne parli ti sembra di entrare in un mondo segreto, parallelo. Ma eccolo, il segreto: la BEI è il più grande prestatore del mondo. Lo sapevate che il suo secondo nome è Banca dell Unione europea o che i suoi azionisti sono i 27 stati membri dell UE? Se non lo sapevate, saprete senz altro che negli ultimi anni il Parlamento europeo ha visto crescere l importanza del proprio ruolo di controllo e definizione delle sue politiche future. i riflettori sull istituzione finanziaria dell UE a beneficio dei parlamentari di tutta Europa. Forse la BEI è davvero il maggior prestatore pubblico del mondo, ma non è affatto il più responsabile né il più sostenibile e nemmeno il più trasparente. È anche una delle istituzioni finanziarie internazionali meno conosciute. Crediamo ci sia un nesso tra la scarsità di dati sulla BEI in questi domini e il suo basso profilo pubblico. Perciò è cruciale estendere al massimo il controllo democratico sulla BEI e indurla a migliori comportamenti nell interesse di noi tutti. E chi meglio di voi, membri di un parlamento nazionale e del parlamento europeo, potrebbe mai rimediare a questo deficit democratico? In qualità di azionisti, gli stati membri dell UE hanno un grande impatto sulla strategia a lungo termine della BEI e sulla sua approvazione e sostegno di progetti concreti. I parlamentari nazionali possono influenzare gli atteggiamenti nazionali perché hanno rappresentanza nel consiglio di amministrazione della BEI, di solito attraverso il loro ministro delle finanze e il suo ministero. Il Parlamento europeo è direttamente coinvolto in alcuni processi politici che interessano la banca e gli eurodeputati hanno la possibilità di interrogare direttamente i suoi dipendenti su specifici progetti o redigere rapporti su temi correlati. Le occasioni di rafforzare il controllo democratico sulla BEI e sul suo funzionamento sono numerose. Questo strumentario illustrerà in breve i principali aspetti nei quali la BEI va migliorata e fornirà mezzi per influenzarne la politica potenziandone le prestazioni nei vari settori di attività. Fin troppo facile affermare che raramente una classe politica trascurerebbe istituzioni con un bilancio annuo di 61 miliardi di euro (2011); eppure nel caso della BEI la risposta alle due domande è fin troppo spesso un incredibile no. Con il presente strumentario si cerca di modificare la tendenza puntando LA BEI SARÀ PURE IL MAGGIOR PRESTATORE PUBBLICO DEL MONDO MA NON È AFFATTO IL PIÙ RESPONSABILE NÉ IL PIÙ SOSTENIBILE E NEPPURE IL PIÙ TRASPARENTE.

4 5 Un lungo cammino Attenzione in crescita 6 La BEI ha un lungo cammino alle spalle. Da quando operava esclusivamente nei sei paesi fondatori della Comunità economica europea (1958) sì è evoluta fino a diventare l odierno soggetto globale con un bilancio di 61 miliardi di dollari (2011). Negli ultimi anni bilancio e campo d azione della banca sono cresciuti con continuità ma il controllo democratico è rimasto indietro. La BEI sembra compiacersi del suo basso profilo. Un profilo che le permette di agire piuttosto liberamente. L ambiguità che le deriva dall essere una banca, avere carattere pubblico e non avere scopo di lucro non sembra preoccupare i suoi membri più di tanto. La BEI è guidata da banchieri ed è proprio la mentalità da banchieri a regnare sovrana nella sede del Lussemburgo. In altre parole molto spesso le istanze finanziarie di investimenti sicuri e buoni ritorni hanno prevalso sulle istanze ecologiche e sociali. Grazie a direttive ampie come quella di ampliare gli interessi e le politiche europee la BEI ha avuto carta bianca, favorita anche da un controllo democratico ridotto al minimo per decenni. Trasparenza, responsabilità e comportamenti sociali e ambientali, obiettivi chiave di qualsiasi seria istituzione UE, sono entrati nel mirino della BEI solo da poco: da quando la banca ha richiamato su di sé una maggiore attenzione e subito controlli più approfonditi. Ma va detto che in questi domini la BEI ha ancora molta strada da fare. GRAZIE A DIRETTIVE AMPIE COME QUELLA DI AMPLIARE GLI INTERESSI E LE POLITICHE EUROPEE LA BEI HA AVUTO CARTA BIANCA. La cultura bancaria chiusa e ben radicata della BEI venne chiaramente alla luce quando nel 1998 la società civile chiese di accedere alle carte. A quel tempo i dipendenti della banca risposero: Siamo responsabili solo verso il mercato. Una riforma dell accesso ai dati e altre importanti norme furono al centro della prima relazione del Parlamento europeo sulla BEI nel 1999, appena 40 anni dopo la sua costituzione! Da allora la società civile ha sollevato regolarmente delle critiche e ogni anno il Parlamento europeo pubblica raccomandazioni sulla necessità di maggiore trasparenza nei prestiti e di rapporti in cui la banca riferisca anche qualitativamente e non BANCA PUBBLICA NEL PUBBLICO INTErESSE solo quantitativamente sulle sue operazioni. In qualche misura la continua pressione esterna ha influito in positivo sulla posizione della BEI verso gli azionisti esterni. Le comunicazioni sono più aperte di dieci anni fa e la banca ha dedicato del tempo a discutere le proprie politiche e prassi con i vari azionisti. Il veto posto di recente dalla BEI sul commodity trader Glencore dopo una lettera aperta di 51 parlamentari europei (vedi più avanti) dimostra che la sensibilità della banca alle pressioni può portare risultati concreti. Anche il Trattato di Lisbona fu una vera svolta nel controllo del Parlamento europeo sulla BEI. Senza mezzi termini il Trattato dava alla banca mandato di promuovere lo sviluppo sostenibile attraverso i prestiti esterni all UE. Il parlamento ne approfittò per acquisire un maggiore controllo ottenendo un potere codecisionale sul mandato di prestiti esterni della BEI. Il Trattato è un utile strumento, sia per il parlamento sia per la società civile, con

5 7 8 cui spingere la BEI a rendere conto del suo operato. In questi tempi di crisi economica inoltre la BEI ha catturato l attenzione dei responsabili politici. In un simile contesto il suo budget è passato dai 50 miliardi di euro del 2008 ai 78 miliardi del Da allora la BEI si è distinta finanziando progetti di ogni colore politico, dai prestiti obbligazionari UE al sostegno della primavera araba, dalla garanzia delle forniture energetiche dell UE al salvataggio delle sue banche. In tempi di grosse restrizioni del budget la BEI offre un alternativa allettante. La banca raccoglie denaro sui mercati finanziari dove la sua tripla A (1) le consente di prenderlo in prestito a buone condizioni. Ciò significa che può spendere senza gravare sul proprio bilancio. Sempre che tutto fili liscio. Per una banca, specie in periodi di incertezza economica, l eccesso di esposizione è un azzardo. E quando i prestiti non vengono restituiti tocca ai contribuenti sostenerne il carico. Più cresce la BEI, più aumentano i problemi. Se vogliamo che il massimo istituto finanziario impieghi il suo denaro nel pubblico interesse, la qualità dovrà prevalere sulla quantità e sarà più che mai necessario un impegno sulla sostenibilità. Gli ultimi dieci anni hanno dimostrato che con un maggiore controllo è possibile influenzare la BEI in positivo. Ma è anche vero che le cose si muovono troppo lentamente e che ci sono ancora da superare alcuni enormi ostacoli. Per farlo occorrono uno sforzo superiore e richieste di più ampio respiro. Il presente strumentario si concentra su alcuni dei problemi principali e spiega come orientare il gigante nell ombra verso una migliore direzione. SE VOGLIAMO CHE IL MASSIMO ISTITUTO FINANZIARIO IMPIEGHI IL SUO DENARO NEL PUBBLICO INTERESSE LA QUALITÀ DOVRÀ PREVALERE SULLA QUANTITÀ. 1: La sua tripla A tuttavia è stata minacciata in seguito alla retrocessione di alcuni azionisti della banca, gli stati membri. Una retrocessione richiederebbe alla BEI di prestare denaro a maggior costo, il che potrebbe renderlo irrilevante. DOVE 2. ha sbagliato la BEI SICUREZZA ENERGETICA DELL UE SVILUPPO SOSTENIBILE INVESTIMENTI IN PRIVATE EQUITY PARTENARIATI PUBBLICO/PRIVATO TRASPARENZA?

6 9 QUANDO 2.1 la trasparenza diventa invisibile Se alla fine degli anni 90 pretendeva di essere responsabile solo verso i mercati, negli ultimi dieci anni la BEI ha saggiamente modificato la propria strategia. Nella sua Politica di trasparenza la BEI informa che la trasparenza sulle modalità con cui prende le decisioni... rafforza la sua credibilità e la sua responsabilità verso i cittadini. La trasparenza contribuisce inoltre a migliorare l efficacia e la sostenibilità delle operazioni riducendo i rischi di corruzione.... (2) Per migliorare la propria immagine di istituzione trasparente, negli ultimi anni la BEI ha scelto come sua nuova sede un palazzo di vetro fatto costruire apposta in Lussemburgo. Ma come commenta il famoso architetto Helmut Jahn, purtroppo la trasparenza non coincide con la visibilità attraverso un edificio: non è un idea fisica ma un atto intellettivo. La messa in pratica del suo impegno alla trasparenza è proprio ciò con cui si scontra la BEI. Che opera ampiamente al di fuori del programma per l efficacia degli aiuti (3) e nel novembre del 2011 si è piazzata maluccio nell Indice di trasparenza degli aiuti comparendo in posizione molto arretrata rispetto alle altre istituzioni finanziarie internazionali. (4) Inoltre il Parlamento europeo (5) e le organizzazioni della società civile hanno ripetutamente sollecitato la BEI affinché operasse in modo più trasparente. In particolare i prestiti BEI tramite intermediari finanziari, in prevalenza banche commerciali e fondi azionari, pongono, a quanto sembra, seri problemi di trasparenza (6). Tali prestiti destinati alle piccole e medie imprese sono meno trasparenti dei normali prestiti diretti perché i destinatari finali restano anonimi. I prestiti sono tracciabili fino alla porta degli intermediari ma quel che accade dopo rimane un mistero per il pubblico. Sia gli intermediari sia la BEI sono ben lieti di ripararsi sotto la cosiddetta clausola di riservatezza aziendale contenuta nel contratto. 2: EIB, Transparency policy, p2, I.2, May 2011, 3: Il programma di efficacia degli aiuti fa riferimento all importanza del migliore aiuto per l eliminazione della povertà.. La Dichiarazione di Parigi (2005), pietra miliare del programma, è sottoscritta dalla comunità internazionale dei donatori, dai paesi in via di sviluppo e dalle organizzazioni della società civile. In essa sono definiti i 5 principi fondamentali su cui deve poggiare l aiuto allo sviluppo per essere efficace: armonizzazione, titolarità, allineamento, gestione dei risultati e responsabilità reciproca. Counter Balance, Corporate welfare and development deceptions, p. 11, 12, February 2010, 4: Publish What You Pay, Aid Transparency Index, November : European Parliament, Granting an EU guarantee to the EIB against losses under loans and guarantees for projects outside the EU, February 2011, 6: Counter Balance, Hit and run development, p 17, November I PRESTITI SONO TRACCIABILI DINO ALLA PORTA DEGLI INTERMEDIARI MA QUEL CHE ACCADE DOPO RIMANE UN MISTERO PER IL PUBBLICO. Ne consegue un flusso finanziario sempre più opaco e, come indica correttamente la politica di trasparenza della BEI, ciò accresce il rischio di corruzione, vedi il caso di James Ibori, ex governatore dello stato nigeriano del Delta ricco di petrolio. James Ibori scappò dalla Nigeria nell aprile 2010 in seguito all imputazione sollevata a suo carico dalla EFCC (Economic and Financial Crimes Commission) nigeriana che lo accusa di avere liquidato illegalmente i beni dello stato del Delta per restituire un prestito privato contratto mentre era governatore. Venne arrestato a Dubai e processato a Londra dove aveva trasferito gran parte del denaro rubato. Nell aprile 2012 è stato dichiarato colpevole di essersi appropriato indebitamente di fondi pubblici nigeriani per milioni di dollari e condannato a 13 anni di carcere. Ibori è una figura archetipica dell élite corrotta che usava il proprio potere e la propria posizione ordendo piani per arricchire sé stessa e il proprio entourage. Il suo nome compariva nel casellario giudiziario del Regno unito e nel 2007 un tribunale britannico congelò beni probabilmente di sua proprietà pari a 35 milioni di dollari USA. Publish what you fund, 2011, aid transparency index IDA - Banca Mondiale Fondo globale AfBD Olanda RU - DFID Svezia US - MCC Danimarca EC EuropeAid EC - ECHO UNDP EC - DG Allargamento Estonia IADB EBRD AsDB Banda mondiale IFC Belgio Svizzera Finlandia Germania KfW, Corea KOICA Repubblica Ceca Giappone Austria US PEPFAR, Norvegia Canada Francia Nuova Zelanda Lussemburgo, Hewlett Irlanda Lituania GAVI Australia EIB US - USAID Germania GIZ Stato USA Slovenia Slovacchia Corea EDCF Spagna Portogallo DoD - USA RU CDC Lettonia Tesoro USA Italia, Ungheria Polonia Romania Bulgaria Grecia Cina Cipro Malta Media Indice di trasparenza degli aiuti

7 11 IN TEMA DI TRASPARENZA LA BEI È MOLTO INDIETRO RISPETTO AD ALTRE ISTITUZIONI QUALI LA BANCA MONDIALE E LA BANCA AFRICANA DI SVILUPPO Attraverso il fondo di private equity Emerging Capital Partners Africa Fund II la BEI ha investito in compagnie nigeriane probabilmente di facciata che servivano a pulire il denaro di Ibori. Nell ottobre 2007 in una dichiarazione giurata la EFCC citava tre società attraverso le quali, previa corruzione, sarebbe stato trasferito denaro per conto di Ibori. L Emerging Capital Partners (ECP) investì in queste società. I legami che l EFCC e altri organi di polizia hanno ipotizzato tra compagnie sostenute dall ECP in Nigeria e partner di James Ibori sollevano molti interrogativi sull adeguatezza delle verifiche messe in atto sia dall ECP sia dalla BEI. A fronte delle accuse di riciclaggio rese pubbliche dall ottobre 2007, l ECP ha continuato a collaborare con queste società. Al momento sta indagando sul caso l OLAF, Ufficio europeo per la lotta antifrode. Negli ultimi anni i prestiti tramite intermediari sono aumentati e oggi si valutano intorno al 20 per cento degli investimenti della BEI (2010). La tendenza che sembra essere in aumento potrebbe avere implicazioni pericolose se la BEI non migliorerà la trasparenza, ad esempio rendendo noti maggiori dettagli sui beneficiari e l impatto di quei prestiti. Ciò si rende necessario perché la struttura dei prestiti tramite intermediari è estremamente opaca e difficile da indagare. Come sempre trasparenza e corruzione sono due facce della stessa medaglia: se non si sa chi riceve il denaro, non si sa neppure il modo in cui viene speso. Inoltre esternalizzando molti dei suoi compiti la BEI esternalizza anche alcune delle sue responsabilità. Perciò l affidare a terze parti l effettuazione di adeguate verifiche (come nel caso dell Emerging Capital Partners già citato) è una pericolosa tendenza che può mettere a repentaglio la qualità e gli esiti positivi degli investimenti BEI. In generale nei prestiti diretti la BEI fornisce al pubblico maggiori informazioni. Ma se da un lato vengono fornite informazioni generali, altri documenti specifici quali le schede informative di un progetto o le condizioni che fanno parte del sostegno della BEI mancano del tutto o vengono fornite solo a richiesta, previa approvazione del progetto stesso da parte del consiglio di amministrazione della banca. Non sono disponibili neppure i dati sulle fasi di valutazione e completamento del progetto. Anche se è soggetta alla convenzione di Aarhus, la banca non si è conformata alle sue disposizioni e si rifiuta di fornire le informazioni ambientali che dovrebbero essere divulgate attivamente tra i cittadini dell UE per garantire il diritto di accesso ai documenti come sancito dai trattati. Anche qui esistono senza dubbio margini di miglioramento. Sviluppo alla 2.2Rovescia Come banca di investimenti la BEI si impegna molto a finanziare grandi progetti infrastrutturali in campi quali l energia, i trasporti e le risorse naturali. Si privilegiano i progetti redditizi che richiedono grandi investimenti e sono condotti da protagonisti di spicco in grado di garantire ritorni sicuri, protagonisti come Glencore. Gigante delle commodities con sede in Svizzera, Glencore è leader mondiale del settore e principale azionista di Mopani Copper Mine (MCM), un consorzio minerario attivo nella cintura di rame dello Zambia. La MCM ha ricevuto dalla BEI 48 milioni di euro a condizioni agevolate. Le risorse naturali sono un settore vitale per l UE garantendo le materie prime all industria e l MCM con il suo principale azionista Glencore è un partner solido e produttivo dal punto di vista finanziario. In breve era un buon affare per una banca di investimenti, ma non prevedeva nulla a favore degli zambiani, che anzi ne (7) Dall entrata in vigore del Trattato di Lisbona nel 2007 la BEI ha il mandato di promuovere lo sviluppo attraverso i suoi prestiti fuori dall UE (art. 208, 209 e 212 della versione consolidata del trattato sul funzionamento dell Unione europea, 2010) (8) nel giugno 2011 la BEI annunciava che avrebbe indagato sul caso Glencore e cessato i prestiti alla società per il futuro, il che avvenne assai dopo che il prestito era stato interamente erogato. Mentre all inizio negò che ci fossero problemi in relazione al progetto, la BEI tornò sui suoi passi dietro pressione delle ONG, di alcuni parlamentari europei e delle critiche della stampa. vennero danneggiati. Nello Zambia e in altri paesi ACP (Africa, Caraibi e Pacifico) la BEI opera in base al Trattato di Cotonou, che prevede un chiaro mandato di sviluppo (7) e per il quale la banca utilizza in parte denaro proveniente dal Fondo europeo di sviluppo. Mandato con cui la BEI ha sempre combattuto e che sembra remare contro gli aspetti e le aspettative da finanza aziendale della banca. I temi finanziari prevalgono mentre altre ricadute generate da progetti che la BEI sostiene restano spesso fuori dal quadro. Per fortuna nel caso di Mopani il quadro venne ricomposto dalla società civile e dalla stampa. Invece di essere un grande affare, ecco che cosa fu dal punto di vista zambiano: a parte i profitti l MCM lascia un impatto devastante sull ambiente, la sua politica sociale è contrassegnata da una gara al ribasso il cui contributo alle casse dello Zambia è misero.(8) LA GRAN PARTE DELLE SOCIETÀ MINERARIE FINANZIATE DALLA BEI IN AFRICA NEGLI ULTIMI ANNI HANNO CONSOCIATE IN GIURISDIZIONI SEGRETE. 12

8 SOSTENERE l insostenibile Nonostante una nuova fonderia finanziata dalla BEI, le emissioni di biossido di zolfo e altre sostanze tossiche restano eccessive incidendo gravemente sull ambiente e sulla salute delle comunità che vivono vicino alla miniera Mopani. Lo sversamento acido dalla miniera inquinò l acqua potabile avvelenando persone. La miniera è stata chiusa dal comitato di controllo ambientale dello Zambia nel 2012 per violazione delle norme ambientali. L ambiente lavorativo non sicuro ha provocato molte vittime tra i lavoratori e i contratti precari hanno consentito alla MCM facili licenziamenti: un esempio significativo ebbe luogo nel 2008 quando centinaia di lavoratori vennero licenziati dopo la caduta del prezzo del rame. Inoltre le casse dello Zambia non hanno tratto alcun beneficio dall investimento della BEI. Da un ispezione fiscale è emerso che l MCM aveva trasferito illegalmente i profitti alla società madre di Zugo in Svizzera. Il punto cruciale è che non si tratta di un caso isolato. La maggior parte delle società minerarie finanziate dalla BEI in Africa (9) negli ultimi anni hanno sussidiarie in giurisdizioni segrete quali la Svizzera, il Delaware, le Isole Cayman e altre e molte di esse sono state sotto tiro per avere violato norme sociali e ambientali. Per un paese come lo Zambia ciò equivale a un disastro: negli ultimi dieci anni oltre l 80 per cento dei prestiti della BEI a quel paese è andato al settore minerario. 9) Dal 2000 la BEI ha finanziato 29 progetti minerari per oltre 750 milioni di euro. (10) Solo il 25 per cento dei prestiti BEI nei paesi in via di sviluppo finisce alle compagnie locali; il 35 per cento va alle compagnie degli stati membri dell OCSE (Eurodad, 2011). (11) La lettera è disponibile in rete all indirizzo org/?p=1270 Se la tendenza dovesse continuare, il denaro per lo sviluppo finanzierebbe la fornitura di risorse naturali all Europa aumentando i profitti delle compagnie occidentali (10). Ma il problema ha implicazioni più vaste. Progetti energetici quali Montraco II in Mozambico o Guelbs in Mauritania sono finanziati con il pretesto di promuovere lo sviluppo mentre gran parte dell energia finirà all esportazione o all industria lasciando le comunità locali letteralmente al buio. Di volta in volta i paesi in via di sviluppo si ritrovano con sempre meno risorse di quante ne avevano prima che la BEI vi finanziasse dei progetti. Questo è sviluppo alla rovescia. Per cambiare le cose ci vorranno regole vincolanti e controllo democratico. Un primo passo in questa direzione è avvenuto nella primavera del 2011, quando 51 parlamentari europei di varia appartenenza politica hanno firmato una lettera aperta in cui chiedevano una moratoria del finanziamento pubblico di progetti minerari fino alla definizione di adeguate regole e norme che garantissero uno sviluppo sostenibile dei progetti (11). DI VOLTA IN VOLTA I PAESI IN VIA DI SVILUPPO SI RITROVANO CON SEMPRE MENO RISORSE DI QUANTE NE AVEVANO PRIMA CHE LA BEI VI FINANZIASSE DEI PROGETTI. Oltre a proclamare che la lotta contro i cambiamenti climatici è una priorità, la BEI sostiene l obiettivo UE di una crescita a basse emissioni di carbonio e resiliente al clima dentro e fuori l UE. Ma i suoi proclami sono in palese contrasto con i finanziamenti alla fonte di energia più inquinante: la lignite. La BEI è pronta a finanziare TES 6, una nuova centrale a lignite a Šoštanj in Slovenia. Con una capacità di 600 MW TES 6 sostituirà le unità 1-4 della centrale esistente aggiungendovi l unità 5. I promotori del progetto dichiarano che la nuova unità aumenterà il rendimento riducendo le emissioni di CO2 per unità di energia prodotta (grazie alla chiusura delle vecchie unità) ma dimenticano di dire che in realtà impedirà le riduzioni nazionali necessarie per la Slovenia (12). La lignite è il peggiore combustibile fossile in termini di emissioni di CO2. La presenza di TES 6 si tradurrà nell emissione di 3,1 milioni di tonnellate di CO2 l anno, quasi il totale delle emissioni concesse alla Slovenia da qui al 2050 (se tagliasse come convenuto le emissioni dell 80 per cento in linea con gli obiettivi UE). Anche i funzionari del governo sloveno hanno lanciato l allarme. Il direttore dell ufficio governativo per i cambiamenti climatici Jernej Stritih ha affermato che il progetto potrebbe vanificare qualsiasi possibilità di un ambiziosa politica climatica di lungo periodo in Slovenia(13). TES 6 venne proposta nel 2003 e inclusa nel programma governativo di sviluppo del Nel settembre 2007 la BEI si accordò per un primo prestito di 35 milioni di euro che raggiunse i 550 milioni in aprile Tuttavia il prestito dipende ancora da una garanzia del governo sloveno di oltre 440 milioni di euro per un prestito che deve essere ancora approvato. Ci sono alternative al carbone più amichevoli per l ambiente quali un maggiore sfruttamento di fonti energetiche alternative (pari oggi al 24 per cento della produzione totale di elettricità (14)) investendo in soluzioni a rendimento superiore e potenzialmente nel gas. Il sostegno della BEI per Šoštanj è preoccupante perché apre la porta ad altri prestiti per impianti a carbone: c è già da parte di altri paesi dell Europa centrale e orientale un notevole interesse per le centrali a carbone. Soltanto in Polonia sono al vaglio IL SOSTEGNO DELLA BEI PER ŠOŠTANJ È PREOCCUPANTE PERCHÉ APRE LA PORTA AD ALTRI PRESTITI PER IMPIANTI A CARBONE 12 CEE Bankwatch Network 2011: 13 CEE Bankwatch Network, Focus: Sostanj (TES6) lignite project in Slovenia and the European in-house banks, June DG Energy Slovenia Renewable Energy Fact Sheet,

9 15 16 progetti per una capacità combinata di 12 GW e il paese guarda alla BEI come a una fonte di finanziamento. Le possibilità che la BEI intervenga sono reali: Šoštanj non è un caso isolato: dati recenti pubblicati da CEE Bankwatch Network (15) che descrivono nel dettaglio i prestiti BEI per l energia degli ultimi quattro anni ( ) mostrano che la banca ha finanziato progetti a combustibili fossili per oltre 16 miliardi di euro. Sono compresi 1,7 miliardi di euro per il carbone come ad esempio il prestito per una centrale a carbone a Karlsruhe in Germania (500 milioni nel 2008). I prestiti per impianti a carbone non si sono ridotti dopo il periodo in esame, dal momento che nell ottobre 2011 la BEI ha siglato un accordo di circa 75 milioni per la centrale a carbone di Bielsko Biala in Polonia. Attenti alle alternative! Ma è importante considerare che anche il finanziamento BEI di fonti alternative deve procedere con cautela. Negli ultimi anni la BEI è stata coinvolta in diversi progetti insostenibili di grandi dighe sotto l egida dell energia verde. Tra il 2003 e il 2011 ad esempio la BEI ha investito 335 milioni di euro in dighe idroelettriche in Africa, pari al 30 per cento di tutti i prestiti BEI per l energia nell intero continente. Tra questi progetti insostenibili di grandi dighe figurano il progetto idroelettrico Nam Theun II nel Laos, che ha costretto all allontanamento forzato indigeni e ha avuto un impatto su contadini, e la diga assai controversa di Bujagali 15 CEE Bankwatch Network: Carbon rising - European Investment Bank energy lending , December Resta positivo il fatto che negli ultimi anni i prestiti BEI per le rinnovabili e l efficienza energetica siano cresciuti: nel 2010 i finanziamenti delle rinnovabili hanno superato quelli destinati ai combustibili fossili. Ma se volesse tener fede all impegno nella lotta contro i cambiamenti climatici la BEI non dovrebbe concedere più alcun prestito per il carbone. È necessaria inoltre una strategia chiara di graduale eliminazione dei prestiti BEI per i combustibili fossili per rispondere adeguatamente al Parlamento europeo che nell aprile 2011 chiedeva alla banca di allinearsi all obiettivo UE di un rapido passaggio a un economia a basso contenuto di carbonio e di adottare un piano per la graduale eliminazione dei prestiti per i combustibili fossili.(16) in Uganda (vedi altri dettagli sul progetto nel prossimo capitolo). La BEI è interessata ad altri progetti analoghi quali la diga Grand Inga nella Repubblica democratica del Congo che dovrebbe produrre MW, cioè il doppio della gigantesca Diga delle Tre Gole in Cina. Anche se ufficialmente l impianto dovrebbe fornire elettricità a 500 milioni di africani, l energia sarà destinata principalmente all esportazione nelle miniere e nei paesi confinanti, ma tra i possibili beneficiari compare anche l Europa. Le grandi dighe possono avere i seguenti impatti negativi: deforestazione, danni alla biodiversità, violazioni dei diritti umani, distruzione del patrimonio culturale, privatizzazione dell acqua, corruzione e distrazione di risorse a favore dell industria a detrimento delle popolazioni locali. Allo stesso tempo i vantaggi economici delle grandi dighe vengono spesso ingigantiti. Le dighe di grandi dimensioni al contrario tendono a offrire prestazioni inferiori rispetto agli obiettivi di produzione di energia mentre i forti ritardi nella costruzione e il forte superamento dei costi sono abituali. In più l energia prodotta è costosa, non accessibile alla popolazione locale, e va prevalentemente a favore dei progetti industriali come nel caso delle miniere. Ciò è parte di quanto emerso dai lavori della Commissione mondiale sulle dighe, organismo internazionale indipendente che ha svolto ricerche sugli impatti ambientali, sociali ed economici dello sviluppo delle grandi dighe in tutto il mondo. Se vuole finanziare davvero l energia sostenibile, la BEI dovrà valutare attentamente quali tipi di progetti siano in grado di fare realmente la differenza contribuendo ad alleviare la povertà e a produrre energia senza distruggere i mezzi di sussistenza e l ambiente. I dati si basano sulla metodologia di CEE Bankwatch Network e possono differire da quelli della BEI. Bankwatch non considera progetti di energie rinnovabili le grandi centrali idroelettriche (sopra i 10 MW) e neppure gli impianti di conversione in energia dei rifiuti solidi. Bankwatch non classifica come progetti di efficienza energetica la costruzione di nuove centrali (neppure di cogenerazione) né i progetti che puntano ad aumentare il consumo di combustibile per aumentare il rendimento dell installazione. euro (milioni) anno Finanziamenti EIB per le rinnovabili efficienza energetica e combustibili fossili Combustibili fossili Rinnovabili Efficienza energetica Investimenti in nuovi tipi di generazione del calor e e dell elettricità (totale ) UE15 (Vecchi stati membri) combustibili fossili rinnovabili UE12 (Nuovi stati membri) Source: Carbon Rising, CEE Bankwatch Network, 2011 DI SOLITO L ENERGIA PRODOTTA DALLE GRANDI DIGHE È COSTOSA, NON ACCESSIBILE ALLA POPOLAZIONE LOCALE, E VA PREVALENTEMENTE A FAVORE DEI PROGETTI INDUSTRIALI

Banca e Finanza in Europa

Banca e Finanza in Europa Università degli Studi di Parma Banca e Finanza in Europa Prof. 1 2. EUROPA: PROFILI ISTITUZIONALI Le tappe Le istituzioni La Banca centrale europea 2 2. Europa: profili istituzionali 3 2. Europa: profili

Dettagli

Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere

Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere Occupazione & Fondo Sociale Europeo Occupazione affari sociali Commissione europea 1 EURES Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le

Dettagli

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 13.09.2005 COM(2005) 426 definitivo Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO concernente la firma, a nome della Comunità europea, della convenzione n. 198 del Consiglio

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

CONSULTAZIONE SUL TRASFERIMENTO TRANSFRONTALIERO DELLA SEDE SOCIALE - Consultazione della DG MARKT

CONSULTAZIONE SUL TRASFERIMENTO TRANSFRONTALIERO DELLA SEDE SOCIALE - Consultazione della DG MARKT CONSULTAZIONE SUL TRASFERIMENTO TRANSFRONTALIERO DELLA SEDE SOCIALE - Consultazione della DG MARKT Introduzione Avvertenza preliminare: Il documento che segue è stato redatto dai servizi della direzione

Dettagli

La moneta. La definizione di moneta esula dalla forma fisica assunta dalla stessa.

La moneta. La definizione di moneta esula dalla forma fisica assunta dalla stessa. La moneta La definizione di moneta esula dalla forma fisica assunta dalla stessa. ECONOMIA MONETARIA E FINANZIARIA La moneta e le istituzioni monetarie Le forme fisiche assunte dalla moneta sono diverse,

Dettagli

BONIFICO E RID LASCIANO IL POSTO AI NUOVI STRUMENTI DI PAGAMENTO SEPA. Sai cosa cambia? Informati, ti riguarda! Bancaria Editrice 2013 - Bozza.

BONIFICO E RID LASCIANO IL POSTO AI NUOVI STRUMENTI DI PAGAMENTO SEPA. Sai cosa cambia? Informati, ti riguarda! Bancaria Editrice 2013 - Bozza. BONIFICO E RID LASCIANO IL POSTO AI NUOVI STRUMENTI DI PAGAMENTO SEPA Sai cosa cambia? Informati, ti riguarda! logo 2 QUALI PAESI FANNO PARTE DELLA SEPA 3 La SEPA include 33 Paesi: 17 Paesi della UE che

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere gli uomini e le donne poveri che vivono nelle aree rurali in condizione di raggiungere

Dettagli

IL NOSTRO MERCATO DEL LAVORO È IL MENO EFFICIENTE D EUROPA L

IL NOSTRO MERCATO DEL LAVORO È IL MENO EFFICIENTE D EUROPA L IL NOSTRO MERCATO DEL LAVORO È IL MENO EFFICIENTE D EUROPA L Italia è 136esima a livello mondiale e ultima in Europa: dal 2011 siamo retrocessi di 13 posizioni. Continuano a pesare la conflittualità tra

Dettagli

Scheda n. 3 PER COSA SARANNO UTILIZZATI I FONDI?

Scheda n. 3 PER COSA SARANNO UTILIZZATI I FONDI? Scheda n. 3 PER COSA SARANNO UTILIZZATI I FONDI? Il piano di investimenti per l Europa consisterà in un pacchetto di misure volte a sbloccare almeno 315 miliardi di euro di investimenti pubblici e privati

Dettagli

Offriamo i nostri servizi bancari a una clientela sensibile allo sviluppo ecologico e sociale.

Offriamo i nostri servizi bancari a una clientela sensibile allo sviluppo ecologico e sociale. LINEE DIRETTRICI La nostra missione Noi della Banca Alternativa Svizzera ci impegniamo al massimo per il bene comune, per l uomo e la natura e per una qualità di vita sostenibile per le generazioni presenti

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE D iniziativa dei Deputati PEZZOTTA, BARETTA, BERNINI. Misure per favorire la promozione e la diffusione del microcredito

PROPOSTA DI LEGGE D iniziativa dei Deputati PEZZOTTA, BARETTA, BERNINI. Misure per favorire la promozione e la diffusione del microcredito PROPOSTA DI LEGGE D iniziativa dei Deputati PEZZOTTA, BARETTA, BERNINI Misure per favorire la promozione e la diffusione del microcredito Onorevoli Colleghi! - Negli ultimi anni il settore della microfinanza

Dettagli

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità 1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità Roma, 21 Gennaio 2009 Palazzo Marini Sala delle Colonne Discorso di apertura, Luciano Baggiani Presidente ANEA Illustri ospiti,

Dettagli

2. Iniziative comunitarie per agevolare l accesso ai finanziamenti - BERS. BANCA EUROPEA per la RICOSTRUZIONE e lo SVILUPPO

2. Iniziative comunitarie per agevolare l accesso ai finanziamenti - BERS. BANCA EUROPEA per la RICOSTRUZIONE e lo SVILUPPO BANCA EUROPEA per la RICOSTRUZIONE e lo SVILUPPO P R E M E S S A La Banca Europea per la Ricostruzione e lo Sviluppo è stata creata nel 1991. Con sede a Londra, la BERS è un istituzione internazionale

Dettagli

Èuna situazione complessa e per

Èuna situazione complessa e per LE RISORSE PER IL VOLONTARIATO NELLA CRISI: COME QUADRARE IL CERCHIO? Investire nella qualità della progettazione, ricerca di nuovi potenziali finanziatori, ricorso a campagne di sottoscrizione popolare.

Dettagli

Approfondimento su Schengen

Approfondimento su Schengen Approfondimento su Schengen INFORMAZIONI SUL DIRITTO COMUNITARIO INTRODUZIONE Le disposizioni dell accordo di Schengen prevedono l abolizione dei controlli alle frontiere interne degli Stati membri facenti

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

LA STORIA DELL UNIONE EUROPEA. L INTEGRAZIONE EUROPEA: 50 anni di storia

LA STORIA DELL UNIONE EUROPEA. L INTEGRAZIONE EUROPEA: 50 anni di storia LA STORIA DELL UNIONE EUROPEA L INTEGRAZIONE EUROPEA: 50 anni di storia Che cos è l'unione europea L Ue èun soggetto politico a carattere sovranazionale ed intergovernativo Èformato da 27paesi membri indipendenti

Dettagli

IL CONCETTO DI SCAMBIO INTERCULTURALE: UNA GRANDE RISORSA.

IL CONCETTO DI SCAMBIO INTERCULTURALE: UNA GRANDE RISORSA. IL CONCETTO DI SCAMBIO INTERCULTURALE: UNA GRANDE RISORSA. COME STUDIARE ALL ESTERO Per studiare all estero, le università italiane, in accordo con i progetti europei e con i trattati internazionali, rendono

Dettagli

Servizi sociali per tutti

Servizi sociali per tutti Servizi sociali per tutti Servizi sociali per tutti 4 Una voce che conta per i lavoratori e le lavoratrici dei servizi sociali d Europa La FSESP è la Federazione sindacale europea dei lavoratori dei servizi

Dettagli

Famiglia e crisi economica Marica Martini 1

Famiglia e crisi economica Marica Martini 1 Famiglia e crisi economica Marica Martini 1 Premessa La crisi economica è ancora argomento d attualità. Lungi dal perdersi nell analisi approfondita di indici economici e nella ricerca di una verità nei

Dettagli

1. Concetti chiave della formazione

1. Concetti chiave della formazione 1. Concetti chiave della formazione Obiettivi di apprendimento I partecipanti acquisiranno una conoscenza di base su: - l ONU e le istituzioni internazionali competenti sulla disabilità ed i diritti -

Dettagli

La classifica dei sistemi sanitari europei, secondo l EHCI

La classifica dei sistemi sanitari europei, secondo l EHCI Fonte: pubblicato su: La classifica dei sistemi sanitari europei, secondo l EHCI Miriam Levi L Euro Health Consumer Index (EHCI) 2014 mette a confronto le performance dei sistemi sanitari europei, partendo

Dettagli

ELENA. European Local Energy Assistance

ELENA. European Local Energy Assistance ELENA European Local Energy Assistance SOMMARIO 1. Obiettivo 2. Budget 3. Beneficiari 4. Azioni finanziabili 5. Come partecipare 6. Criteri di selezione 7. Contatti OBIETTIVI La Commissione europea e la

Dettagli

DG Éducation et culture L autonomie scolaire en Europe Politiques et mécanismes de mise en œuvre

DG Éducation et culture L autonomie scolaire en Europe Politiques et mécanismes de mise en œuvre DG Éducation et culture L autonomie scolaire en Europe Politiques et mécanismes de mise en œuvre Commission européenne Comunicato stampa L autonomia scolastica in Europa Politiche e modalità attuative

Dettagli

NOI E L UNIONE EUROPEA

NOI E L UNIONE EUROPEA VOLUME 1 PAGG. IX-XV MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE NOI E L UNIONE EUROPEA 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: paese... stato... governo...

Dettagli

La Sicurezza delle Macchine. Tecnico della Prevenzione Dott. Tieri Sperduti

La Sicurezza delle Macchine. Tecnico della Prevenzione Dott. Tieri Sperduti La Sicurezza delle Macchine Tecnico della Prevenzione Dott. Tieri Sperduti Passaggio dalla vecchia alla nuova normativa di sicurezza Vecchio sistema : Macchine rivestite di Sicurezza: Si utilizzano le

Dettagli

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo Ridurre i divari Il problema Fino alla fine degli anni sessanta, la cooperazione allo sviluppo si identificava esclusivamente con la cooperazione economica o con l aiuto umanitario di emergenza. Questa

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A ottobre 2011, la Commissione europea ha adottato alcune proposte legislative per la politica di coesione 2014-2020 La presente scheda

Dettagli

IBAN E BONIFICI: GUIDA ALL UTILIZZO DEL CODICE UNICO BANCARIO

IBAN E BONIFICI: GUIDA ALL UTILIZZO DEL CODICE UNICO BANCARIO IBAN E BONIFICI: GUIDA ALL UTILIZZO DEL CODICE UNICO BANCARIO 2 CARO CLIENTE, nel mondo dei servizi bancari c è una novità. Nel giro di pochi anni infatti sarà portata a compimento l Area Unica dei Pagamenti

Dettagli

Tutte le bugie del governo sul clima

Tutte le bugie del governo sul clima Tutte le bugie del governo sul clima Roma, 17 ottobre 2008 Il Consiglio europeo del 16 ottobre ha confermato tempi ed obiettivi del Pacchetto Clima e Energia, ma l Italia continua a chiedere più flessibilità

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

LAVORARE IN EUROPA: la rete EURES, il servizio europeo per l impiego. Laura Robustini EURES Adviser. 04 Marzo 2015

LAVORARE IN EUROPA: la rete EURES, il servizio europeo per l impiego. Laura Robustini EURES Adviser. 04 Marzo 2015 LAVORARE IN EUROPA: la rete EURES, il servizio europeo per l impiego Laura Robustini EURES Adviser 04 Marzo 2015 IL LAVORO IN EUROPA EURES promuove la mobilità geografica ed occupazionale sostenendo i

Dettagli

ALLEGATO IV MODELLO DI ACCORDO FINANZIARIO TRA ISTITUTO E PARTECIPANTE PER LA MOBILITÀ DEL PERSONALE DELLA SCUOLA ACCORDO N.

ALLEGATO IV MODELLO DI ACCORDO FINANZIARIO TRA ISTITUTO E PARTECIPANTE PER LA MOBILITÀ DEL PERSONALE DELLA SCUOLA ACCORDO N. ALLEGATO IV MODELLO DI ACCORDO FINANZIARIO TRA ISTITUTO E PARTECIPANTE PER LA MOBILITÀ DEL PERSONALE DELLA SCUOLA ACCORDO N. e: L Istituto (Denominazione istituto di appartenenza): Indirizzo completo:

Dettagli

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 17.6.011 COM(011) 35 definitivo RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI Seconda

Dettagli

Le rinnovabili in cifre

Le rinnovabili in cifre Le rinnovabili in cifre (Febbraio 2004) Le energie rinnovabili - il vento, l acqua, la biomassa, il sole e l energia geotermica costituiscono un enorme potenziale per la tutela del clima. Il nuovo Jahrbuch

Dettagli

Chi siamo In cosa crediamo In chi crediamo

Chi siamo In cosa crediamo In chi crediamo Le priorità per il 2014-2019 Chi siamo Siamo la più grande famiglia politica europea, ispirata da una visione politica di centrodestra. Siamo il Gruppo del Partito Popolare Europeo al Parlamento europeo.

Dettagli

Sintesi del Rapporto per la Stampa

Sintesi del Rapporto per la Stampa Sintesi del Rapporto per la Stampa Il Rapporto descrive e analizza le dinamiche connesse al movimento transfrontaliero dei rifiuti speciali tra l Italia e gli altri Paesi, europei e non. Per rifiuti speciali

Dettagli

Liberalizzazione dei mercati dell energia: prime misure per tutelare e accompagnare gli utenti verso la totale apertura del mercato elettrico

Liberalizzazione dei mercati dell energia: prime misure per tutelare e accompagnare gli utenti verso la totale apertura del mercato elettrico Liberalizzazione dei mercati dell energia: prime misure per tutelare e accompagnare gli utenti verso la totale apertura del mercato elettrico La Direttiva 2003/54/CE prevede che gli Stati membri mettano

Dettagli

Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001

Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001 Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001 1. Due anni dopo la firma della Dichiarazione di Bologna e tre dopo quella

Dettagli

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Documento basato sui risultati della Conferenza di Roma, 17 e 18 novembre 2014 In occasione della Presidenza

Dettagli

Policy La sostenibilità

Policy La sostenibilità Policy La sostenibilità Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 27 aprile 2011. 1. Il modello di sostenibilità di eni 3 2. La relazione con gli Stakeholder 4 3. I Diritti Umani 5 4. La

Dettagli

L impatto dell attuale crisi economica sulle imprese del settore TURISMO

L impatto dell attuale crisi economica sulle imprese del settore TURISMO Consultazione della Commissione Europea L impatto dell attuale crisi economica sulle imprese del settore TURISMO Lanciata dalla Commissione Europea lo scorso 17 febbraio, la consultazione ha lo scopo di

Dettagli

L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell Italia 4a edizione - Marzo 2007

L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell Italia 4a edizione - Marzo 2007 L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell 4a edizione - Marzo 2007 SINTESI Confindustria pubblica per la quarta volta L vista dall Europa, documento annuale che fa il punto

Dettagli

L Unione Europea e le sue istituzioni: un introduzione

L Unione Europea e le sue istituzioni: un introduzione L Unione Europea e le sue istituzioni: un introduzione un po di storia le istituzioni e gli organi dell UE alcune informazioni di base sui paesi membri PAUE 05/06 I / 1 Cronologia dell Unione Europea 1951

Dettagli

La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt)

La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt) SCHEDA 8 La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt) Verona, Italia, 5-9 luglio 2000 LA SFIDA DI VERONA Investire in salute significa promuoverne

Dettagli

PRODOTTI ALIMENTARI. Return on Investment (ROI) (%) 5,6 3,7 Return on Sales (ROS) (%) 4,6 3,2 Return on Equity (ROE) (%) 6,0 1,4

PRODOTTI ALIMENTARI. Return on Investment (ROI) (%) 5,6 3,7 Return on Sales (ROS) (%) 4,6 3,2 Return on Equity (ROE) (%) 6,0 1,4 L INDUSTRIA ALIMENTARE E IL COMMERCIO CON L ESTERO DEI PRODOTTI ALIMENTARI 1. L Industria alimentare (Indagine sui bilanci delle imprese) Gli ultimi anni sono stati caratterizzati da un aumentato interesse

Dettagli

Nuovi lavori, nuova occupazione: la green economy energetica

Nuovi lavori, nuova occupazione: la green economy energetica Osservatorio Energia Nuovi lavori, nuova occupazione: la green economy energetica L impatto della nuova politica energetica europea sulla crescita economica e l occupazione in Italia Giuseppe Travaglini

Dettagli

L azione della Fondazione ANIA per la Sicurezza Stradale

L azione della Fondazione ANIA per la Sicurezza Stradale L azione della Fondazione ANIA per la Sicurezza Stradale Presentazione del rapporto annuale L'ASSICURAZIONE ITALIANA 2011-2012 Umberto Guidoni Segretario Generale Fondazione ANIA per la sicurezza stradale

Dettagli

Scheda 3 «Eco-innovazioni»

Scheda 3 «Eco-innovazioni» Scheda 3 «Eco-innovazioni» UNA PANORAMICA DEL CONTESTO NAZIONALE GREEN JOBS Formazione e Orientamento UNA PANORAMICA DEL CONTESTO NAZIONALE Secondo una indagine fatta nel 2013 dall Unione Europea sulla

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

Le opportunità comunitarie nella futura Programmazione 2014-2020: 2020: i fondi a gestione diretta per la cultura EUROPA PER I CITTADINI

Le opportunità comunitarie nella futura Programmazione 2014-2020: 2020: i fondi a gestione diretta per la cultura EUROPA PER I CITTADINI Al servizio di gente unica Le opportunità comunitarie nella futura Programmazione 2014-: : i fondi a gestione diretta per la cultura EUROPA PER I CITTADINI EUROPA PER I CITTADINI 2014- Obiettivo generale:

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

Il sintomatico caso degli stage alla Commissione europea e della massiccia presenza di candidature italiane

Il sintomatico caso degli stage alla Commissione europea e della massiccia presenza di candidature italiane Il sintomatico caso degli stage alla Commissione europea e della massiccia presenza di candidature italiane di Francesca Fazio Uno stage presso la Commissione europea? È il sogno di molti ragazzi italiani

Dettagli

L Amministrazione comunale

L Amministrazione comunale L Amministrazione comunale ha adottato, negli anni decorsi, una pluralità di iniziative di tutela ambientale da realizzare nel territorio del Comune di Castelgrande, iniziative che si muovono lungo il

Dettagli

PERCHÉ IL NUCLEARE È NECESSARIO

PERCHÉ IL NUCLEARE È NECESSARIO PERCHÉ IL NUCLEARE È NECESSARIO Il referendum del 1987, che ha determinato l uscita dell Italia dal nucleare, è costato all Italia oltre 50 miliardi di euro, soprattutto per la trasformazione e lo smantellamento

Dettagli

EURES vi aiuta ad assumere in Europa

EURES vi aiuta ad assumere in Europa EURES vi aiuta ad assumere in Europa Occupazione & Fondo Sociale Europeo Occupazione affari sociali Commissione europea 1 EURES vi aiuta ad assumere in Europa State cercando di formare una forza lavoro

Dettagli

Contributo di Altroconsumo

Contributo di Altroconsumo Contributo di Altroconsumo Audizione presso le Commissioni riunite VI (Finanze) e X (Attività produttive, commercio e turismo) della Camera dei Deputati: istruttoria legislativa sul disegno di legge C.

Dettagli

Il mondo produttivo e la Green Economy

Il mondo produttivo e la Green Economy Bologna Venerdì, 22 ottobre 2010 Verso un nuovo PER: linee di indirizzo per un Piano partecipato Il mondo produttivo e la Green Economy LA POLITICA ENERGETICA EUROPEA, LE GREEN TECHNOLOGIES, IL PIANO ANTICRISI

Dettagli

Introduzione alla responsabilità sociale delle imprese (CSR) per le piccole e medie imprese

Introduzione alla responsabilità sociale delle imprese (CSR) per le piccole e medie imprese Introduzione alla responsabilità sociale delle imprese (CSR) per le piccole e medie imprese Questa guida è stata messa a punto come parte della campagna di sensibilizzazione paneuropea in materia di CSR,

Dettagli

VOLUNTARY DISCLOSURE

VOLUNTARY DISCLOSURE VOLUNTARY DISCLOSURE I CAMBIAMENTI, NEL CONTESTO MONDIALE, IN MATERIA DI SCAMBIO DI INFORMAZIONI HOTEL AC FIRENZE 11 FEBBRAIO 2014 AVV. SALVATORE PARATORE OBIETTIVO DELL INTERVENTO ILLUSTRARE IN VENTI

Dettagli

Marco Vecchio Segretario AssoAutomazione

Marco Vecchio Segretario AssoAutomazione Marco Vecchio Segretario AssoAutomazione È una delle 11 Associazioni di Federazione ANIE (Federazione Nazionale delle Imprese Elettrotecniche ed Elettroniche) Attraverso i suoi Gruppi rappresenta, sostiene

Dettagli

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro Conclusioni 1 La Riunione Tecnica Tripartita sulla migrazione per lavoro, ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro TTMLM/2013/14 Ginevra, 4-8 novembre

Dettagli

COS È SOLVIT? SOLVIT PUÒ AIUTARE A RISOLVERE PROBLEMI

COS È SOLVIT? SOLVIT PUÒ AIUTARE A RISOLVERE PROBLEMI COS È SOLVIT? Scegliere liberamente in quale paese europeo vivere, lavorare o studiare è un diritto fondamentale per i cittadini dell Unione europea. Anche le imprese hanno il diritto di stabilirsi, fornire

Dettagli

Tabella 1 - Immatricolazioni Autocarri Pesanti (>16 t) EST Europeo - Fonte ACEA

Tabella 1 - Immatricolazioni Autocarri Pesanti (>16 t) EST Europeo - Fonte ACEA Crollo del Mercato Autocarri e del Trasporto Merci su strada in Italia, quali le cause? Rapporto 2015 Cabotaggio, concorrenza sleale, dimensioni delle Aziende di trasporto, scarsa produttività, costi del

Dettagli

VERSIONE NON UFFICIALE

VERSIONE NON UFFICIALE VERSIONE NON UFFICIALE DICHIARAZIONE CONGIUNTA DEI MINISTRI DELL ENERGIA, DEL COMMISSARIO EUROPEO E DEI MINISTRI DELL ENERGIA DI ALGERIA, AUSTRALIA, BRASILE, CINA, EGITTO, INDIA, INDONESIA, COREA, LIBIA,

Dettagli

PROVVEDIMENTO DELLA BANCA D ITALIA

PROVVEDIMENTO DELLA BANCA D ITALIA PROVVEDIMENTO DELLA BANCA D ITALIA OBBLIGO DI PARTECIPAZIONE DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI AL SERVIZIO DI CENTRALIZZAZIONE DEI RISCHI GESTITO DALLA BANCA D ITALIA Documento per la consultazione e analisi

Dettagli

Sarà perché la popolarità delle

Sarà perché la popolarità delle Banca etica Adulta a 15 anni Nata nel 1999, è ormai una struttura consolidata, che finanzia 7.500 progetti coniugando solidarietà e mercato di Nerina Trettel Sarà perché la popolarità delle banche continua

Dettagli

Commissione Europea Eurobarometro DONAZIONI E TRASFUSIONI DI SANGUE

Commissione Europea Eurobarometro DONAZIONI E TRASFUSIONI DI SANGUE Commissione Europea Eurobarometro DONAZIONI E TRASFUSIONI DI SANGUE L'obiettivo di questa ricerca speciale sugli atteggiamenti degli europei nei confronti della donazione e della trasfusione di sangue

Dettagli

Commissione per il mercato interno e la protezione dei consumatori DOCUMENTO DI LAVORO

Commissione per il mercato interno e la protezione dei consumatori DOCUMENTO DI LAVORO PARLAMENTO EUROPEO 2009-2014 Commissione per il mercato interno e la protezione dei consumatori 26.10.2009 DOCUMENTO DI LAVORO relativo alla lotta contro i ritardi di pagamento nelle transazioni commerciali

Dettagli

Come nella cultura, anche nel settore della ricerca l Unione Europea ha riversato non poche attenzioni.

Come nella cultura, anche nel settore della ricerca l Unione Europea ha riversato non poche attenzioni. DOSSIER RICERCA & INNOVAZIONE Come nella cultura, anche nel settore della ricerca l Unione Europea ha riversato non poche attenzioni. Nel 2007 è stato creato in Europa il Consiglio Europeo della Ricerca

Dettagli

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA.

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA. CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA 18 Novembre, 2014 In occasione della Presidenza di turno del Consiglio dell Unione Europea,

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

Principi per la vigilanza sugli stabilimenti esteri delle banche

Principi per la vigilanza sugli stabilimenti esteri delle banche Principi per la vigilanza sugli stabilimenti esteri delle banche (Maggio 1983) I. Introduzione Il presente documento 1 delinea alcuni principi ai quali il Comitato ritiene dovrebbe essere informata la

Dettagli

Contributo di Altroconsumo

Contributo di Altroconsumo Contributo di Altroconsumo Disegno di Legge 3221 di conversione del decreto-legge integrativo dei decreti liberalizzazioni e consolidamento conti pubblici X Commissione Senato Industria Commercio e turismo

Dettagli

Investire nell azione per il clima, investire in LIFE

Investire nell azione per il clima, investire in LIFE Investire nell azione per il clima, investire in LIFE UNA PANORAMICA DEL NUOVO SOTTOPROGRAMMA LIFE AZIONE PER IL CLIMA 2014-2020 istock Azione per il clima Cos è il nuovo sottoprogramma LIFE Azione per

Dettagli

PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE

PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE PREMESSA Per la prima volta quest anno la responsabilità sociale in Italia diventa un tema diffuso di dibattito

Dettagli

PROGETTO DI RELAZIONE

PROGETTO DI RELAZIONE ACP-EU JOINT PARLIAMENTARY ASSEMBLY ASSEMBLEE PARLEMENTAIRE PARAIRE ACP-UE Commissione per lo sviluppo economico, le finanze e il commercio ACP-UE/101.868/B 19.3.2015 PROGETTO DI RELAZIONE sul finanziamento

Dettagli

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza Dopo aver letto attentamente il seguente articolo giornalistico, Il rischio debito affonda le Borse, il candidato risponda ai seguenti quesiti tenento conto che la risposta corretta è una soltanto. FRANCOFORTE.

Dettagli

LE POLITICHE DELL U.E. PER LA SCUOLA LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE

LE POLITICHE DELL U.E. PER LA SCUOLA LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE GOVERNO ITALIANO Dipartimento Politiche Comunitarie COMMISSIONE EUROPEA PARLAMENTO EUROPEO LE POLITICHE DELL U.E. PER LA SCUOLA LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE

Dettagli

Alpiq EcoServices Con sicurezza verso l obiettivo energetico.

Alpiq EcoServices Con sicurezza verso l obiettivo energetico. Alpiq EcoServices Con sicurezza verso l obiettivo energetico. Assumersi responsabilità. Con provvedimenti energeticamente efficienti. L efficienza energetica è una strategia efficace per la protezione

Dettagli

Le Istituzioni dell UE

Le Istituzioni dell UE Le Istituzioni dell UE Il Parlamento europeo 754 Membri del Parlamento Potere legislativo condiviso con il Consiglio Potere di bilancio condiviso con il Consiglio Potere di controllo politico Il Consiglio

Dettagli

LIBERI DI INNOVARE, LIBERI DI SCEGLIERE. Manifesto per l energia del futuro

LIBERI DI INNOVARE, LIBERI DI SCEGLIERE. Manifesto per l energia del futuro LIBERI DI INNOVARE, LIBERI DI SCEGLIERE Manifesto per l energia del futuro È in discussione in Parlamento il disegno di legge sulla concorrenza, che contiene misure che permetteranno il completamento del

Dettagli

Codice di responsabilità degli eletti e degli amministratori democratici

Codice di responsabilità degli eletti e degli amministratori democratici Codice di responsabilità degli eletti e degli amministratori democratici Per l efficienza delle amministrazioni pubbliche e la responsabilità dei politici verso i cittadini Gli obiettivi Uno dei cardini

Dettagli

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO OTTOBRE 2010 a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi e dell Ufficio Lavori all Estero e Relazioni Internazionali

Dettagli

Anteprima. Il questionario può essere compilato solo online.

Anteprima. Il questionario può essere compilato solo online. Anteprima. Il questionario può essere compilato solo online. Questionario Verso una valutazione intermedia della strategia Europa 2020 dal punto di vista delle città e delle regioni dell'unione europea

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ASSOCIAZIONE INTERCOMUNALE ALTA VAL TAGLIAMENTO (Comuni di: Ampezzo, Forni di Sopra, Forni di Sotto, Preone, Sauris, Socchieve) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE

Dettagli

European Payment Index 2013. Abitudini e rischi di pagamento in Europa ed in Italia, scenario attuale e prospettive future

European Payment Index 2013. Abitudini e rischi di pagamento in Europa ed in Italia, scenario attuale e prospettive future European Payment Index 2013 Abitudini e rischi di pagamento in Europa ed in Italia, scenario attuale e prospettive future Intrum Justitia è il gruppo leader in Europa nei servizi di Credit Management Unica

Dettagli

REGOLAMENTO (UE)2015/1017 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

REGOLAMENTO (UE)2015/1017 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO Generalsekretariat des Landes Amt für Gesetzgebung Segreteria generale della Provincia Ufficio Legislativo REGOLAMENTO (UE)2015/1017 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 25 giugno relativo al Fondo

Dettagli

Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura

Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura Le imprese comunicano e lo fanno utilizzando alcuni strumenti specifici. La comunicazione si distribuisce in maniera diversa tra imprese

Dettagli

Avvertenza: il presente Regolamento è in attesa di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.

Avvertenza: il presente Regolamento è in attesa di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana. Avvertenza: il presente Regolamento è in attesa di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana. Regolamento recante la disciplina dell adozione degli atti di natura normativa o di

Dettagli

STRUMENTI FINANZIARI NEI PROGRAMMI 2014-2020

STRUMENTI FINANZIARI NEI PROGRAMMI 2014-2020 STRUMENTI FINANZIARI NEI PROGRAMMI 2014-2020 Verso un utilizzo più strategico imparando dall esperienza maturata Roberto D Auria Mario Guido Gruppo di lavoro Competitività Roma, 28 ottobre 2013 L esperienza

Dettagli

progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Sociale Europeo Strumenti finanziari

progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Sociale Europeo Strumenti finanziari progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Sociale Europeo Gli strumenti finanziari co-finanziati dal Fondo Sociale Europeo permettono di investire, in modo sostenibile ed efficiente, per rafforzare

Dettagli

EUROPA 2020. Una strategia per una crescita Intelligente Sostenibile Inclusiva. Eurosportello-Unioncamere. del Veneto

EUROPA 2020. Una strategia per una crescita Intelligente Sostenibile Inclusiva. Eurosportello-Unioncamere. del Veneto EUROPA 2020 Una strategia per una crescita Intelligente Sostenibile Inclusiva Eurosportello-Unioncamere del Veneto Cos è è? Una comunicazione della Commissione Europea (Com. 2020 del 3 marzo 2010), adottata

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

Il Sistema di allerta rapido per alimenti e mangimi

Il Sistema di allerta rapido per alimenti e mangimi Il Sistema di allerta rapido per alimenti e mangimi CHE COS È Il RASFF, Rapid Alert System for Food and Feed (Sistema di allerta rapido per alimenti e mangimi) è stato istituito per fornire un efficace

Dettagli

Oggi parlare di educazione ambientale significa sempre più aprirsi ad un ampio ventaglio di tematiche tra loro trasversali, con l obiettivo comune di

Oggi parlare di educazione ambientale significa sempre più aprirsi ad un ampio ventaglio di tematiche tra loro trasversali, con l obiettivo comune di Oggi parlare di educazione ambientale significa sempre più aprirsi ad un ampio ventaglio di tematiche tra loro trasversali, con l obiettivo comune di puntare ad una diffusione della sostenibilità sul territorio.

Dettagli

I fattori della competitività: presentazione del Rapporto Doing Business Subnational in Italy 2013

I fattori della competitività: presentazione del Rapporto Doing Business Subnational in Italy 2013 I fattori della competitività: presentazione del Rapporto Doing Business Subnational in Italy 2013 Intervento di Fabrizio Saccomanni Direttore Generale della Banca d Italia Roma, 14 novembre Sono molto

Dettagli

LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG

LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG TERZA CONFERENZA AMBIENTALE DEI MINISTRI E DEI LEADER POLITICI REGIONALI DELL'UNIONE EUROPEA LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG Dopo l incontro di preparazione tenuto nella regione Rhône-Alpes, Francia, il 28

Dettagli