PERIZIA FITOSANITARIA E STRUTTURALE ALBERATURA PARCO CASORO BARBENGO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PERIZIA FITOSANITARIA E STRUTTURALE ALBERATURA PARCO CASORO BARBENGO"

Transcript

1 PERIZIA FITOSANITARIA E STRUTTURALE ALBERATURA PARCO CASORO BARBENGO gennaio 2014

2 Il ribaltamento avvenuto l anno scorso di un grosso esemplare di farnia Quercus robur, dovuto alla totale assenza di radici primarie, impone di verificare lo stato di salute dei grossi soggetti arborei presenti all interno di questo settore del parco al fine di verificare l eventuale necessità di abbattimenti per la messa in sicurezza dell area pubblica.

3 Gli alberi presenti sul sedime interessato sono per la maggior parte soggetti in fase avanzata di età, malgrado la loro età possa essere valutata in soli anni. Si tratta di specie pioniere tipiche delle rive lacustri con una longevità limitata in particolare in aree molto soggette a esondazioni e a pressione antropiche (max. 80 anni). Da un primo esame visivo che mette in luce la presenza di diversi difetti (rami secchi, marciumi, danni meccanici, folgorazioni,...) è possibile definire che la loro vitalità è in regresso e che la longevità di queste piante non è più assicurata.

4 In tutte le rive lacustri, si sa bene che i pioppi e i salici hanno una longevità ridotta, sia per la loro natura di specie pioniere, che per la vicinanza all acqua che permette ai funghi di svilupparsi molto velocemente intaccando l apparato radicale, in particolare in punti di ferite provocati da attività antropiche. Va detto, che il carattere pioniere di queste piante, diminuisce da un lato la loro longevità ma dall altro favorisce il loro ricambio, essendo le stesse a forte accrescimento e pertanto la loro sostituzione e rimpiazzo è fattibile su tempi molto ridotti. Citiamo per esempio le rive di Rivapiana a Minusio, in cui alberi di anni caduti o in forte regressione sono stati sostituiti e dopo ca. 15 anni l effetto è assolutamente di valore.

5 Sul sedime del parco sono stati mappati 26 alberi di dimensione media - grossa appartenenti alle seguenti specie: Salix sp. ( eleagnos, ) Populus nigra Carpinus betulus Betula pendula Diospyros lotus Tilia cordata Quercus robur Laurus nobilis

6 L esame resistografico compiuto alla base dei fusti di maggiore diametro, dunque su una dozzina di soggetti, ha messo in rilievo uno stato molto compromesso per 2 alberi (vedi schede alberi 24 e 26) mentre per il resto i grafici sono regolari o con decadimenti contenuti. Apparecchio in grado di verificare la durezza del legno Questo non significa che gli alberi sono completamente sani, ma che i loro difetti almeno alla base del tronco colletto sono limitati ed è possibile pensare che per i prossimi anni alcuni di questi alberi non sono in pericolo di stabilità, sempre che le radici siano sane (cosa che non è possibile come già detto, valutare con certezza) e che la corona non presenti difetti gravi.

7 In allegato, riportiamo l analisi di ogni singola pianta riportata su una scheda specifica. Sulla base delle analisi fatte possiamo dire che allo stato attuale le piante nel loro insieme presentano diversi difetti parziali o totali che possono mettere potenzialmente in pericolo persone e cose. Pertanto si ritiene necessario un intervento si riduzione delle parti instabili delle piante tramite potatura o eliminazione dei soggetti più compromessi. Lo specialista nelle potature lavora in sicurezza servendosi delle corde

8 In particolare: Le piante nr. 24 e 26 sono salici strutturalmente deboli per la presenza marcata di carie lignicola nel fusto, per cui classificabili ad alto rischio di cedimento. I soggetti sono d abbattere al più presto.

9 Gli alberi nr. 4, 5 e 7 sono tre pioppi di grosse di dimensioni, oltre i 30 m di altezza, con una prospettiva di vita stimabile al massimo a 8-10 anni. Conservarli oltre sarebbe un rischio troppo elevato visto cosa è successo all esemplare di quercia che ancora giace sul terreno. Si ritiene che al momento possono rimanere in loco, ma sotto stretto monitoraggio e con un intervento di potatura che alleggerisca il peso e dunque diminuisca il rischio di schianto.

10 Gli alberi nr. 13 e 14 sono pioppi neri molto più giovani, non mostrano difetti particolari. La loro prospettiva di vita è maggiore e dunque sono da conservare.

11 Le piante nr. 1, 3, 6, 8, 9, 10, 11, 12 sono di dimensioni minori e meno imponenti. Eventuali difetti nella chioma sono correggibili con degli interventi regolari di potatura. Pertanto possono essere conservati e monitorati. Tiglio nr. 6 L albero nr 2, è un tiglio danneggiato alle radici e al colletto dal recente scavo per la posa di una canalizzazione. Per ragioni di sicurezza sarà opportuno sostituirlo nei prossimi 5 anni.

12 I soggetti che compongono il filare lungo la recinzione dell area canottieri sono così suddivisi: gli alberi nr. 15, 17, 21, 22, 23 sono piante sane e strutturalmente forti, che non necessitano interventi e vanno conservate e monitorate nel tempo. Betulle

13 I soggetti nr. 16, 18, 19, 20, 25,24 sono salici e pioppi con inclinazioni e difetti in parte gravi della chioma (spellature, fulmine, ferite varie,..) per i quali a corto-medio termine è necessaria la sostituzione. Un abbattimento anticipato crea i presupposti e lo spazio necessario per mettere a dimora da subito un buon numero di piante giovani, che garantiscono un pronto effetto e delle generazioni future di alberi sani. Sarebbe possibile posticipare queste scelte, ma questo implica un intervento importante di potatura per eliminare i difetti maggiori e pericoli (oltre al passaggio per il lago sotto le chiome sono parcheggiate le barche) e non fa altro che procrastinare di max anni la sostituzione.

14 L area in esame presenta delle qualità paesaggistiche elevate grazie alle sue rive, alle sue alberature e alla posizione favorevole.

15 La gestione a medio termine di questo contesto di alto pregio dovrebbe integrare il tema delle alberature in una visione di continuità e di sistemazione progressiva del parco nel suo insieme a favore di una gestione che favorisca nel tempo la presenza di specie autoctone tipiche della riva, la valorizzazione delle qualità ecologiche e la fruizione da parte delle persone. Sarebbe interessante sviluppare pertanto un programma di interventi per eliminare gli aspetti conflittuali generali e particolari e programmare nel tempo una sostituzione progressiva delle alberature con specie tipiche delle rive di maggiore longevità (pioppi bianchi, olmi, platani,..ecc..) così da garantire una continuità arborea di pregio al parco anche alle future generazioni. Giovane platano messo a dimora di recente Bellinzona, 13 gennaio 2014 Antonio a Marca specialista degli alberi

16

17 Elenco degli alberi 1. Laurus nobilis 2. Tilia cordata 3. Diospyros lotus 4. Populus nigra 5. Populus nigra 6. Tilia cordata 7. Populus nigra 8. Quercus robur caduto 9. Quercus robur 10. Diospyros lotus 11. Quercus robur 12. Diospyros lotus 13. Populus nigra 14. Populus nigra 15. Carpinus betulus 16. Salix sp. ( eleagnos, ) 17. Betula pendula 18. Salix sp. ( eleagnos, ) 19. Populus nigra 20. Salix sp. ( eleagnos, ) 21. Populus nigra 22. Salix sp. ( eleagnos, ) 23. Salix sp. ( eleagnos, ) 24. Salix sp. ( eleagnos, ) 25. Betula pendula doppia 26. Salix sp. ( eleagnos, )

18 Città di Lugano Dicastero Servizi Urbani Via Sonvico 4 A CH Lugano tel. (+41) Perizia esterna La perizia, realizzata per tutta l area attorno al Centro velico utilizzando il metodo VTA e il resisto grafo per l analisi del legno, in riferimento agli alberi oggetto della proposta di intervento del Verde pubblico precisa che nella zona del centro velico ci sono: 1 Carpino e 2 Betulle da mantenere; 1 Pioppo da abbattere con urgenza; 1 Pioppo da abbattere o potare fortemente; 3 Salici da abbattere; 2 Salici da abbattere con urgenza; 2 Salici da abbattere o potare foremente. DSU\BOR\ /4

Problematiche strutturali e stabilità degli alberi

Problematiche strutturali e stabilità degli alberi Problematiche strutturali e stabilità degli alberi Corpo Forestale dello Stato Centro Nazionale per lo Studio e la Conservazione della Biodiversità Forestale Bosco Fontana UTB di Verona Instabilità Meccanismi

Dettagli

Gestione del verde arboreo

Gestione del verde arboreo Appunti d i Gestione del verde arboreo ornamentale 1. Corretta manutenzione delle alberature: principi generali e criteri di potatura 2. Responsabilità legale nella gestione 3. Introduzione alla VTA: perché

Dettagli

COMUNE DI MANZIANA PROVINCIA DI ROMA

COMUNE DI MANZIANA PROVINCIA DI ROMA Dott. For. Marcello Roncoloni Via degli Scaloni n. 11, int. 13 00066 Manziana (Rm) Cell. 320 9737248 E mail: marcello.roncoloni@libero.it PEC: m.roncoloni@conafpec.it COMUNE DI MANZIANA PROVINCIA DI ROMA

Dettagli

SCHEDA DI OFFERTA PREZZI UNITARI

SCHEDA DI OFFERTA PREZZI UNITARI Fornitura franco cantiere di alberi delle seguenti specie: Quercus robur in zolla-rete coltivata in vaso air pot con almeno 6 trapianti, circonferenza fusto 60-70 cm altezza complessiva 700-900 cm larghezza

Dettagli

STIMA DEL VALORE ORNAMENTALE DI PIANTE ABBATTUTE e/o DANNEGGIATE

STIMA DEL VALORE ORNAMENTALE DI PIANTE ABBATTUTE e/o DANNEGGIATE STIMA DEL VALORE ORNAMENTALE DI PIANTE ABBATTUTE e/o DANNEGGIATE Il presente allegato fornisce delle linee guida per la stima del Valore Ornamentale (VO) delle piante arboree e/o arbustive soggette ad

Dettagli

Sito d intervento Specie arborea n pianta n 450 Classe C.P.C. Diametro (cm) 101 Data analisi aprile ANALISI VISIVA: punti critici dell albero

Sito d intervento Specie arborea n pianta n 450 Classe C.P.C. Diametro (cm) 101 Data analisi aprile ANALISI VISIVA: punti critici dell albero SCHEDA ANALISI ALBERO ANALISI STRUMENTALE: valori rilevati in campo: Resistograph 3450-P (Rn) - Martello ad impulsi sonori (Mn) Tomografo ARBOTOM (Tn) M R R2 R3 R4 R5 T T2 Sito d intervento Specie arborea

Dettagli

ORDINANZA SINDACALE ABBATTIMENTO D URGENZA DI ALBERI PUBBLICI, UBICATI SULLE MURA CITTADINE DI TREVISO, A TUTELA DELLA PUBBLICA INCOLUMITA.

ORDINANZA SINDACALE ABBATTIMENTO D URGENZA DI ALBERI PUBBLICI, UBICATI SULLE MURA CITTADINE DI TREVISO, A TUTELA DELLA PUBBLICA INCOLUMITA. C I T T À D I T R E V I S O Comune di Treviso - Via Municipio, 16 31100 TREVISO - C.F. 80007310263 P.I. 00486490261 Centralino 0422 6581 telefax 0422 658201 email:postacertificata@cert.comune.treviso.it

Dettagli

Una siepe per Zelata

Una siepe per Zelata Una siepe per Zelata Ogni anno nel mese di novembre Legambiente, in collaborazione con il ministero dell Ambiente e della Tutela del territorio e del mare, promuove la Festa dell albero : una giornata

Dettagli

ESAME TOMOGRAFICO ALBERO N 1154 Quercus petraea

ESAME TOMOGRAFICO ALBERO N 1154 Quercus petraea ANNO 2017: SERVIZIO DI VERIFICA DI STABILITA' E DI SICUREZZA DELLE ALBERATURE COMUNE DI GRUGLIASCO (TO) Servizio di verifica di stabilità e di sicurezza delle alberature Comune di Grugliasco (TO) LOTTO

Dettagli

COMUNE DI ODERZO. D 36 h. 11 h Imp IS Socialità filare Verticalità verticale

COMUNE DI ODERZO. D 36 h. 11 h Imp IS Socialità filare Verticalità verticale Pianta n 2 Via C. Battisti Classe B Specie Quercus ilex D 36 h. 11 h Imp IS Socialità filare Verticalità verticale Pianta naturaliforme con anomala rugosità lungo il fusto, presenza in chioma di rami secchi

Dettagli

Committente: Comune di Vignola Struttura Lavori Pubblici e Patrimonio Via G.B. Bellucci, n 1 Vignola (Modena)

Committente: Comune di Vignola Struttura Lavori Pubblici e Patrimonio Via G.B. Bellucci, n 1 Vignola (Modena) Progetto di Riqualificazione urbana e messa in sicurezza di Via Barella nel tratto da Via Marchetti a Via Per Sassuolo e di Via A. Tavoni con la realizzazione di pista ciclopedonale e marciapiedi Interazioni

Dettagli

INDAGINE TOMOGRAFICA VIALE DELLE RIMEMBRANZE NN SCUOLA MATERNA GOBETTI SCUOLA LAGO DI COMO SCUOLA RIOLO ASILO VIA DELLA COSTA

INDAGINE TOMOGRAFICA VIALE DELLE RIMEMBRANZE NN SCUOLA MATERNA GOBETTI SCUOLA LAGO DI COMO SCUOLA RIOLO ASILO VIA DELLA COSTA Spett.le ASTEM Gestioni s.r.l. Strada Vecchia Cremonese 1 26900 LODI alla c.a. P. Agr. G. Manfredini Oggetto: Sopralluogo n. 03/2014 Il sopralluogo odierno ha interessato le piante delle seguenti aree

Dettagli

RIDUZIONE-CONTENIMENTO DELLE DIMENSIONI Serve a contenere la pianta entro certe dimensioni compatibili col contesto circostante (edifici, linee

RIDUZIONE-CONTENIMENTO DELLE DIMENSIONI Serve a contenere la pianta entro certe dimensioni compatibili col contesto circostante (edifici, linee RIDUZIONE-CONTENIMENTO DELLE DIMENSIONI Serve a contenere la pianta entro certe dimensioni compatibili col contesto circostante (edifici, linee elettriche, ecc ) RIDUZIONE-CONTENIMENTO DELLE DIMENSIONI

Dettagli

LAVORI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E STRAORDINARIA PARCO VILLA VISTARINO

LAVORI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E STRAORDINARIA PARCO VILLA VISTARINO LAVORI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E STRAORDINARIA PARCO VILLA VISTARINO (anno 2007/2008) PROGETTO DEFINITIVO/ESECUTIVO Il Progettista Geom. Manuela Leoni Il Responsabile del Procedimento Ing. Angelo Villa

Dettagli

COMUNE DI GALLIERA VENETA CONDIZIONI ESECUTIVE LAVORI DI POTATURA DELLE PIANTE VIALE MONTE GRAPPA

COMUNE DI GALLIERA VENETA CONDIZIONI ESECUTIVE LAVORI DI POTATURA DELLE PIANTE VIALE MONTE GRAPPA COMUNE DI GALLIERA VENETA PROVINCIA DI PADOVA FOGLIO CONDIZIONI ESECUTIVE LAVORI DI POTATURA DELLE PIANTE DI TIGLIO VIALE MONTE GRAPPA 1 Art. 1 - Principi generali La finalità dell'intervento è di ridimensionare

Dettagli

Caratteristiche Generali. Caratteristiche Dendometriche

Caratteristiche Generali. Caratteristiche Dendometriche Numero Scheda: Numero Gruppo: Autore: AM212 G212 Marco Bagnoli Data: 03/07/2007 Caratteristiche Generali Nome Comune: Denominazione Locale: Specie: TipoAlbero: Posizione: Roverella Quercia Sanmartina Quercus

Dettagli

COMUNE DI ODERZO COMUNE DI ODERZO. D 55 h. 14 h Imp IS Socialità filare Verticalità verticale

COMUNE DI ODERZO COMUNE DI ODERZO. D 55 h. 14 h Imp IS Socialità filare Verticalità verticale Pianta n 1 Via Altinate Classe A Specie Cupressus sempervirens D 51 h. 12 h Imp IS Socialità filare Verticalità verticale Pianta naturaliforme che cresce su aiuola stretta, con base del fusto nuda e chioma

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in Progettazione e Gestione del Verde Urbano e del Paesaggio

Corso di Laurea Magistrale in Progettazione e Gestione del Verde Urbano e del Paesaggio Corso di Laurea Magistrale in Progettazione e Gestione del Verde Urbano e del Paesaggio Esame di Arboricoltura Ornamentale Docenti: prof. Rossano Massai, dott. Damiano Remorini Studentessa: Ludovica Ricottone

Dettagli

COMUNE DI San Ferdinando di Puglia SETTORE LL.PP. Relazione sullo stato delle alberature di Parco di Vittorio

COMUNE DI San Ferdinando di Puglia SETTORE LL.PP. Relazione sullo stato delle alberature di Parco di Vittorio COMUNE DI San Ferdinando di Puglia SETTORE LL.PP. di Parco di Vittorio PREMESSA La presente relazione si occupa di analizzare lo stato qualitativo di alcuni esemplari arborei presenti nel Giardino Di Vittorio

Dettagli

COMUNE DI COLLE DI VAL D ELSA Provincia di SIENA

COMUNE DI COLLE DI VAL D ELSA Provincia di SIENA COMUNE DI COLLE DI VAL D ELSA Provincia di SIENA CENTRO OPERATIVO COMUNALE Strada delle Lellere, 2 Tel. 0577/908213 Fax 0577/929834 Cantiere@comune.collevaldelsa.it RELAZIONE TECNICA In data 4 Ottobre,

Dettagli

D 51 h. 15 h Imp IS Socialità gruppo Verticalità verticale

D 51 h. 15 h Imp IS Socialità gruppo Verticalità verticale Pianta n 1 Via Area Ater Classe B Specie Pinus pinea D 70 h. 15 h Imp IS Socialità gruppo Verticalità verticale Pianta naturaliforme con presenza in chioma di rami secchi potenzialmente pericolosi, con

Dettagli

con seccumi e resinosi da cancri.

con seccumi e resinosi da cancri. Quartiere Via Alberi Tipo di Valutazione Motivo Classe di propensione al cedimento 2 Saetta 5 Pinus pinea Dissesto marciapiede 2 Saetta Pinus pinea visivo Dissesto marciapiede 2 Avanzo 5 Tigli Adeguamento

Dettagli

La valorizzazione degli alberi monumentali e la conservazione della biodiversità nel verde pubblico

La valorizzazione degli alberi monumentali e la conservazione della biodiversità nel verde pubblico La valorizzazione degli alberi monumentali e la conservazione della biodiversità nel verde pubblico Torino 21 novembre 2016 Andrea Ebone e Pier Giorgio Terzuolo LA TUTELA DEGLI ALBERI MONUMENTALI Art.7

Dettagli

Comune: Aiello del Sabato Specie: Quercia (Quercus Robur) Nome Locale: Cerza Circonferenza del Tronco: 4 mt. Altezza: 20 mt. Diametro della Chioma: 20 mt. Età Stimata: Circa 300 anni Dove si trova: centro

Dettagli

La responsabilità legale nella gestione degli alberi

La responsabilità legale nella gestione degli alberi La responsabilità legale nella gestione degli alberi Se il proprietario affida la gestione a un terzo, con atto scritto che descriva dettagliatamente e precisamente i limiti dell affidamento, sarà l affidatario

Dettagli

Fasi principali del Visual Tree Assessment (VTA)

Fasi principali del Visual Tree Assessment (VTA) Fasi principali del Visual Tree Assessment (VTA) 1. Analisi visiva dei difetti esteriori 2. Indagine strumentale 3. Determinazione della categoria di propensione al cedimento, FRC (Failure Risk Classification)

Dettagli

Stabilità degli alberi e funghi cariogeni: quali interazioni?

Stabilità degli alberi e funghi cariogeni: quali interazioni? Stabilità degli alberi e funghi cariogeni: quali interazioni? Paolo GONTHIER DISAFA, Università degli Studi di Torino Domande 1. I funghi cariogeni agenti di marciume radicale e carie del cilindro centrale

Dettagli

COMUNE DI MILANO - ATM Valutazioni fitostatiche olmi di Viale Mac Mahon

COMUNE DI MILANO - ATM Valutazioni fitostatiche olmi di Viale Mac Mahon Esemplare n 8671 61 Specie Ulmus pumila diam 54,0 h 17,0 h imp 4,0 Verticalità Verticale Vigoria Normale Classe SIA C DESCRIZIONE DELL'ESEMPLARE Radici e colletto Pianta con piatto radicale superficiale

Dettagli

DIFESA DEL VERDE URBANO: COME, QUANDO, PERCHE

DIFESA DEL VERDE URBANO: COME, QUANDO, PERCHE DIFESA DEL VERDE URBANO: COME, QUANDO, PERCHE Nicoletta Vai Servizio fitosanitario, Regione Emilia-Romagna DIFESA DEL VERDE URBANO: PERCHE? Difesa del verde urbano: perché? Per mantenere belle le piante

Dettagli

GESTIONE E CURA DI ALBERI MONUMENTALI DEL PIEMONTE

GESTIONE E CURA DI ALBERI MONUMENTALI DEL PIEMONTE GESTIONE E CURA DI ALBERI MONUMENTALI DEL PIEMONTE 26/09/2011 Malattie e stabilità delle piante arboree ornamentali e forestali in ricordo di Giovanni Nicolotti A cura di: Andrea Ebone Francesco Grisoni

Dettagli

Regolamento Comunale del Verde 1

Regolamento Comunale del Verde 1 Regolamento Comunale del Verde 1 ALLEGATO A Metodo per la stima del valore ornamentale delle alberature secondo il metodo Svizzero riadattato dal Comune di Ravenna Il valore ornamentale di una alberatura

Dettagli

Valorizzazione ambientale. Aggiornamento dell inventario degli alberi pregiati nel quartiere di Capolago. Complemento. Municipio di Mendrisio

Valorizzazione ambientale. Aggiornamento dell inventario degli alberi pregiati nel quartiere di Capolago. Complemento. Municipio di Mendrisio Valorizzazione ambientale OIKOS 2000 CONSULENZA E INENERIA AMBIENTALE SAL er Puzzetascia 2 CH-6513 Monte Carasso Switzerland +41.91.829 16 81 Tel +41.91.835 52 30 Fax info@oikos2000.com www.oikos2000.com

Dettagli

COMUNE DI NOVARA PROGRAMMAZIONE E SVILUPPO DELLA CITTA SERVIZIO MOBILITA PROGETTAZIONE E MANUTENZIONE VERDE PUBBLICO

COMUNE DI NOVARA PROGRAMMAZIONE E SVILUPPO DELLA CITTA SERVIZIO MOBILITA PROGETTAZIONE E MANUTENZIONE VERDE PUBBLICO COMUNE DI NOVARA PROGRAMMAZIONE E SVILUPPO DELLA CITTA SERVIZIO MOBILITA PROGETTAZIONE E MANUTENZIONE VERDE PUBBLICO Approvato con Deliberazione Consiglio Comunale n 2 26 del 28/11/1991 REGOLAMENTO INTERVENTI

Dettagli

OIKOS 2000 CONSULENZA E INGEGNERIA AMBIENTALE SAGL. Sostituzione alberature passeggiata. Municipio di Mendrisio. Dicembre 2016

OIKOS 2000 CONSULENZA E INGEGNERIA AMBIENTALE SAGL. Sostituzione alberature passeggiata. Municipio di Mendrisio. Dicembre 2016 Alberature Sostituzione alberature passeggiata lungolago Comune di Mendrisio Quartiere di Capolago OIKOS 2000 CONSULENZA E INGEGNERIA AMBIENTALE SAGL er Puzzetascia 2 CH-6513 Monte Carasso Switzerland

Dettagli

Servizio di riqualificazione arborea anno 2017

Servizio di riqualificazione arborea anno 2017 Città di Meda Area Infrastrutture e Gestione del Territorio Servizio di riqualificazione arborea anno 2017 Progetto Esecutivo Unitari Data: Dicembre 2016 Hanno partecipato alla redazione del progetto:

Dettagli

CENSIMENTO DEGLI ALBERI MONUMENTALI Legge 14 gennaio 2013, n.10

CENSIMENTO DEGLI ALBERI MONUMENTALI Legge 14 gennaio 2013, n.10 CENSIMENTO DEGLI ALBERI MONUMENTALI Legge 14 gennaio 2013, n.10 SCHEDA DI IDENTIFICAZIONE ALBERO O FORMAZIONE VEGETALE MONUMENTALE N. scheda: 03_E085_VS_20 Data rilievo: 28/04/2015 Albero singolo Filare

Dettagli

COMUNE DI ODERZO - Scuola primaria Dall'Ongaro Pianta n 2 Specie Aesculus hippocastanum

COMUNE DI ODERZO - Scuola primaria Dall'Ongaro Pianta n 2 Specie Aesculus hippocastanum Pianta n 2 Specie Aesculus hippocastanum D 31 h. 9 h Imp IS Socialità gruppo Verticalità verticale Vigoria normale chioma parzialmente assente Pianta naturaliforme con metà della chioma priva di vegetazione

Dettagli

COMUNE DI MILANO - ATM Valutazioni fitostatiche olmi di Viale Mac Mahon

COMUNE DI MILANO - ATM Valutazioni fitostatiche olmi di Viale Mac Mahon Esemplare n 8486 134 Specie Ulmus pumila diam 65,0 Vigoria h 19,0 h imp 4,0 Normale Verticalità Verticale Classe SIA B DESCRIZIONE DELL'ESEMPLARE Radici e colletto Presenza di radici affioranti. Alcuni

Dettagli

Generalità a. Aspetti vegetativi e fitosanitari

Generalità a. Aspetti vegetativi e fitosanitari 1 Codice identificativo parlato: località:pomezia (PO), Torvajanica (TO), 2 Età della pianta - n:nuovo impianto, g:giovane esemplare, a: adulto, m:maturo, s:senescente 3 4 5 TABELLA ATTRIBUTI ELEMENTI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO ARBOREO PROVINCIALE CAPO I PRINCIPI E FINALITA. Art. 1 Principi e finalita

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO ARBOREO PROVINCIALE CAPO I PRINCIPI E FINALITA. Art. 1 Principi e finalita REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO ARBOREO PROVINCIALE CAPO I PRINCIPI E FINALITA Art. 1 Principi e finalita 1. La Provincia di Chieti riconosce l inestimabile valore delle alberature di tutto

Dettagli

RELAZIONE: IL VERDE NELLA CITTA CHE CAMBIA

RELAZIONE: IL VERDE NELLA CITTA CHE CAMBIA Associazione Italiana Direttori e Tecnici Pubblici Giardini RELAZIONE: IL VERDE NELLA CITTA CHE CAMBIA Roberto Ceccarini Pistoia 30 aprile 2015 CESPEVI Direttrici azione di governo spending review Soppressione

Dettagli

PROGETTO DEFINITIVO ESECUTIVO

PROGETTO DEFINITIVO ESECUTIVO COMUNE DI ARESE P r o v i n c i a d i M i l a n o PROGETTO DEFINITIVO ESECUTIVO INTERVENTI DI POTATURA E RISANAMENTO DEL PATRIMONIO ARBOREO COMUNALE RELAZIONE TECNICA Arese, ottobre 2014 IL PROGETTISTA

Dettagli

Tecniche di potatura per una corretta cura degli alberi

Tecniche di potatura per una corretta cura degli alberi Tecniche di potatura per una corretta cura degli alberi Workshop teorico - pratico per i giardinieri del Comune di Merano Merano 23.03.2006 Copyright: Dr. Valentin Lobis - www.studiolobis.it Le fasi principali

Dettagli

La gestione del verde pubblico: problemi e soluzioni

La gestione del verde pubblico: problemi e soluzioni La gestione del verde pubblico: problemi e soluzioni Corso introduttivo alla valutazione della stabilità degli alberi Alessandra Beretta Ufficio Verde Pubblico del Comune di Venezia Il Verde Pubblico Il

Dettagli

COMUNE DI MILANO - ATM Valutazioni fitostatiche olmi di Viale Mac Mahon Esemplare n Specie Ulmus pumila. Vigoria Normale Classe SIA B

COMUNE DI MILANO - ATM Valutazioni fitostatiche olmi di Viale Mac Mahon Esemplare n Specie Ulmus pumila. Vigoria Normale Classe SIA B Esemplare n 8479 141 Specie Ulmus pumila diam 53,0 h 18,0 h imp 4,0 Verticalità Verticale Vigoria Normale Classe SIA B DESCRIZIONE DELL'ESEMPLARE Radici e colletto Apparato radicale molto superficiale

Dettagli

Piazza Cinque Giornate

Piazza Cinque Giornate Piazza Cinque Giornate All'incrocio di via Matteotti, viale Sempione e viale dei Tigli (110x30+135x50). Dedicata, nel 1973, al saliente episodio del Risorgimento milanese. Difficile, se non impossibile,

Dettagli

CENSIMENTO DEGLI ALBERI MONUMENTALI Legge 14 gennaio 2013, n.10

CENSIMENTO DEGLI ALBERI MONUMENTALI Legge 14 gennaio 2013, n.10 CENSIMENTO DEGLI ALBERI MONUMENTALI Legge 14 gennaio 2013, n.10 SCHEDA DI IDENTIFICAZIONE ALBERO O FORMAZIONE VEGETALE MONUMENTALE N. scheda: 01_E085_VS_20 Data rilievo: 28/04/2015 Albero singolo Filare

Dettagli

Prove sulla potatura del pioppo

Prove sulla potatura del pioppo Prove sulla potatura del pioppo Giuseppe Frison Ricercatore in pensione Dell ex Istituto di Sperimentazione per la Pioppicoltura dell Ente Nazionale Cellulosa e Carta Casale Monferrato In questa nota riporto

Dettagli

PARCO "EUROPA" Il Parco Europa possiede 286 piante, suddivise in 28 specie. Percorso botanico Parco Europa Pagina 1

PARCO EUROPA Il Parco Europa possiede 286 piante, suddivise in 28 specie. Percorso botanico Parco Europa Pagina 1 PARCO "EUROPA" Il parco "Europa " confina con il plesso scolastico di Valera ed è compreso tra i viali Varzi e Nuvolari e le vie Moro e Allende, con prolungamenti fino alla via Ferrari e al viale Marietti.

Dettagli

PAOLO ALLEVA AGRONOMO PAESAGGISTA

PAOLO ALLEVA AGRONOMO PAESAGGISTA PAOLO ALLEVA AGRONOMO PAESAGGISTA Spett.le AMGA Service Via per Busto Arsizio n. 53 20025 Legnano (Mi) Legnano, 17.10.2011 Oggetto: patrimonio arboreo area ex Cantoni - Legnano Sulla base della gentile

Dettagli

COMUNE DI PIEVE DI CENTO

COMUNE DI PIEVE DI CENTO COMUNE DI PIEVE DI CENTO SETTORE AMBIENTE Indagine preliminare delle alberate presenti nell area verde adiacente la Rocca medievale Relazione tecnica Realizzato da: Responsabile delle verifiche della stabilità

Dettagli

L atelier del verde.

L atelier del verde. L atelier del verde. La natura non ha fretta eppure tutto si realizza - Lao Tzu - Chi siamo Verde Habitat è un azienda leader che da più di quindici anni offre un servizio di consulenza e progettazione

Dettagli

ECONOMICA POPOLARE. Variante di specificazione art.34 L. 865/71 P.E.E.P N 15 VIA VENTIMIGLIA RELAZIONE TECNICA DEL PROGETTO DEL VERDE

ECONOMICA POPOLARE. Variante di specificazione art.34 L. 865/71 P.E.E.P N 15 VIA VENTIMIGLIA RELAZIONE TECNICA DEL PROGETTO DEL VERDE COMUNE DI MODENA PIANO EDILIZIA ECONOMICA POPOLARE 2005 Tav. I Variante di specificazione art.34 L. 865/71 P.E.E.P N 15 VIA VENTIMIGLIA RELAZIONE TECNICA DEL PROGETTO DEL VERDE Approvato con Del. Di C.C.

Dettagli

PiCUS tomografo sonico

PiCUS tomografo sonico PiCUS tomografo sonico Dati albero - Città: Via: Albero in città LODI VIALE DELLE RIMEMBRANZE n. pianta 065 grado della latitudine: grado della longitudine: Specie dell'albero : Nome latino: Altezza albero

Dettagli

CENSIMENTO DEGLI ALBERI MONUMENTALI Legge 14 gennaio 2013, n.10

CENSIMENTO DEGLI ALBERI MONUMENTALI Legge 14 gennaio 2013, n.10 N. scheda: CENSIMENTO DEGLI ALBERI MONUMENTALI Legge 14 gennaio 2013, n.10 SCHEDA DI IDENTIFICAZIONE ALBERO O FORMAZIONE VEGETALE MONUMENTALE 02/E805/PG/10 Data rilievo: 23/02/2016 Albero singolo Filare

Dettagli

RELAZIONE AGRONOMICA

RELAZIONE AGRONOMICA COMUNE DI CAVALLINO - TREPORTI (VE) Settore Tecnico Sportello Unico Edilizia Privata RELAZIONE AGRONOMICA VARIANTE MINIMALE N. 1 AL PROGETTO UNITARIO N. 3 RELATIVO AL MARINA DI VENEZIA CAMPING VILLAGE

Dettagli

La nuova regolamentazione del verde del Comune di Bologna Bologna, 21 dicembre 2010

La nuova regolamentazione del verde del Comune di Bologna Bologna, 21 dicembre 2010 La nuova regolamentazione del verde del Comune di Bologna Bologna, 21 dicembre 2010 Settore Ambiente Illustrazioni Davide Celli Il nuovo regolamento Gli strumenti in vigore fino all aprile 2009 REGOLAMENTO

Dettagli

Caratteristiche Generali. Caratteristiche Dendometriche

Caratteristiche Generali. Caratteristiche Dendometriche Numero Scheda: Numero Gruppo: Autore: AM051 G051 Marco Bagnoli Data: 23/05/2006 Caratteristiche Generali Nome Comune: Roverella Denominazione Locale: Querce di Casa Nera (1) Specie: TipoAlbero: Posizione:

Dettagli

SCHEDA DI RILEVAMENTO ALBERATURE STRADALI. Scheda n 35 Data rilievo 1/04/2008

SCHEDA DI RILEVAMENTO ALBERATURE STRADALI. Scheda n 35 Data rilievo 1/04/2008 Scheda n 35 Data rilievo 1/04/2008 Via Italia Da via Monterosa a via Dei Sassi Su entrambi i lati Prunus cerasifera - Ciliegio Min. cm 20 Max cm 40 Infrastrutture e dotazioni Parcheggio - Golfo di fermata

Dettagli

Potatura. Auxina: ormone della crescita dominanza apicale sviluppo gemme a fiore

Potatura. Auxina: ormone della crescita dominanza apicale sviluppo gemme a fiore Potatura Struttura tronco o ramo: corteccia libro (trasporto linfa elaborata) tessuto di accrescimento secondario (cambio) legno (trasporto linfa grezza) Auxina: ormone della crescita dominanza apicale

Dettagli

R E G I O N E P U G L I A COMUNE DI BARI

R E G I O N E P U G L I A COMUNE DI BARI R E G I O N E P U G L I A COMUNE DI BARI PARCO NATURALE IN LOCALITÀ LAMA BALICE DECRETO DI ISTITUZIONE DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONE PUGLIA n. 352 del 14.07.92 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TUTELA AMBIENTALE

Dettagli

P o t a t u r a d e l l ' o l i v o

P o t a t u r a d e l l ' o l i v o P o t a t u r a d e l l ' o l i v o La potatura è una serie di interventi d asportazione di branche, rami, o parti di esse. Già in tempi antichi autori greci e latini indicarono la potatura tra le principali

Dettagli

COMUNE DI MILANO - ATM Valutazioni fitostatiche olmi di Viale Mac Mahon Esemplare n Specie Ulmus pumila. Vigoria Poco vigoroso Classe SIA B

COMUNE DI MILANO - ATM Valutazioni fitostatiche olmi di Viale Mac Mahon Esemplare n Specie Ulmus pumila. Vigoria Poco vigoroso Classe SIA B Fusto Nessuna particolare anomalia. Esemplare n 8500 118 Specie Ulmus pumila diam 52,0 h 14,0 h imp 5,0 Verticalità Verticale Vigoria Poco vigoroso Classe SIA B DESCRIZIONE DELL'ESEMPLARE Radici e colletto

Dettagli

Obbligo per il comune di porre a dimora un albero per ogni neonato residente

Obbligo per il comune di porre a dimora un albero per ogni neonato residente BOLLETTINO UFFICIALE REGIONALE 27 7 1994 N. 17 LEGGE REGIONALE N. 33 DEL 05 07 1994 LIGURIA Obbligo per il comune di porre a dimora un albero per ogni neonato residente ARTICOLO 1 (Finalita') 1. La presente

Dettagli

OASI WWF BOSCO VILLORESI CENSIMENTO FLORISTICO ARBOREO-ARBUSTIVO. Dott. Nat. Giuseppe Stablum

OASI WWF BOSCO VILLORESI CENSIMENTO FLORISTICO ARBOREO-ARBUSTIVO. Dott. Nat. Giuseppe Stablum OASI WWF BOSCO VILLORESI CENSIMENTO FLORISTICO ARBOREO-ARBUSTIVO Dott. Nat. Giuseppe Stablum MARZO 2012/ FEBBRAIO 2013 Si illustra di seguito il censimento delle specie arboree ed arbustive della seconda

Dettagli

Rilievo del verde negli spazi aperti -- Schede censimento emergenze floristiche isolate --

Rilievo del verde negli spazi aperti -- Schede censimento emergenze floristiche isolate -- Piano del Verde Anno 2009 Rilievo del verde negli spazi aperti -- Schede censimento emergenze floristiche isolate -- Il Sindaco dott. Valerio Mardegan L Assessore alla Pianificazione Territoriale arch.

Dettagli

Schede descrittive. Arboricoltura

Schede descrittive. Arboricoltura Schede descrittive Arboricoltura Studio di impianti misti con accessorie per la produzione di legname di pregio Toscana, Firenze, Empoli, Empoli Toscana, Arezzo, Cavriglia, Santa Barbara Marche, Pesaro

Dettagli

La Nuova Arboricoltura Il Tree-climbing per la cura delle piante e per una nuova opportunità di lavoro

La Nuova Arboricoltura Il Tree-climbing per la cura delle piante e per una nuova opportunità di lavoro La Nuova Arboricoltura Il Tree-climbing per la cura delle piante e per una nuova opportunità di lavoro A cura di Leonardo Perronace Festa delle Camelie - 21 Marzo 2004 - Velletri 1 Sommario L arboricoltura

Dettagli

Conseguenze nei vivai e possibili insegnamenti della tempesta di vento

Conseguenze nei vivai e possibili insegnamenti della tempesta di vento Conseguenze nei vivai e possibili insegnamenti della tempesta di vento Paolo Marzialetti (Ce.Spe.Vi. Pistoia) Tempesta di vento del 5 marzo 2015 Verde privato Patrimonio forestale Verde pubblico Vivai

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO Lavori a misura 300.300.00 Potatura di contenimento di esemplari arborei decidui da 6 a 2 m su strada a traffico medio Potatura di contenimento di esemplari arborei decidui a chioma espansa siti su strada

Dettagli

PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA AREA DI PEREQUAZIONE N. 5 FORCELLINI-CANESTRINI IN COMUNE DI PADOVA

PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA AREA DI PEREQUAZIONE N. 5 FORCELLINI-CANESTRINI IN COMUNE DI PADOVA RELAZIONE DEL RILIEVO ARBOREO 1.1 PREMESSA Il sottoscritto professionista, dottore Forestale Andrea Allibardi, iscritto all Ordine dei Dottori Agronomi e Dottori Forestali di Padova con il n. 275, ha ricevuto

Dettagli

Provincia di Torino Comune di Cafasse. Comune di Cafasse PROGETTO DI INTERVENTO

Provincia di Torino Comune di Cafasse. Comune di Cafasse PROGETTO DI INTERVENTO Committente: Provincia di Torino Comune di Cafasse Comune di Cafasse PROGETTO DI INTERVENTO Oggetto: Utilizzazione del soprassuolo di proprietà comunale presso il campo sportivo CODICE OPERA P/0222 CL

Dettagli

Progetto n. 3 di AmicoAlbero: gli argini dell Osellino

Progetto n. 3 di AmicoAlbero: gli argini dell Osellino Progetto n. 3 di AmicoAlbero: gli argini dell Osellino Descrizione progetto L idea del progetto di riqualifica degli argini del canale Osellino è venuta ad AmicoAlbero cercando spazi per l impianto di

Dettagli

Qualità dell ambiente e del patrimonio arboreo: il caso Milano e l esperienza di Nantes, Capitale verde d Europa 2013

Qualità dell ambiente e del patrimonio arboreo: il caso Milano e l esperienza di Nantes, Capitale verde d Europa 2013 Consiglio dell Ordine Nazionale dei Dottori Agronomi e dei Dottori Forestali Qualità dell ambiente e del patrimonio arboreo: il caso Milano e l esperienza di Nantes, Capitale verde d Europa 2013 3 dicembre

Dettagli

Parco Comunale di viale Einaudi

Parco Comunale di viale Einaudi Parco Comunale di viale Einaudi Uno dei primi parchi di un paese avviato a divenire città, realizzato già negli anni Sessanta del secolo scorso; si estende dal viale Einaudi alla via Campo Gallo e ingloba

Dettagli

Tipologie: crostosi

Tipologie: crostosi Licheni Tipologie: crostosi Fogliosi Fruticosi Composti Schemi Bioindicatori 1. mancanza di apparato radicale per cui il metabolismo dei licheni dipende quasi esclusivamente dalle deposizioni secche e

Dettagli

2,5. Valori strumentali: 225

2,5. Valori strumentali: 225 Progetto: Analisi della stabilità degli alberi Data analisi: 33 Specie: Città: Chivasso Aesculus hippocastanum Località: Viale Storico Canale Cavour Analisi visiva+strumentale Posizione: Filare Diametro

Dettagli

E

E Progettieconsulenzeagro forestali Consulenzeeperiziedistabilità deglialbericoncertificato finale Curadellemalattiedellepiante Endoterapiaperlepalme controilpunteruolorosso, controlaprocessionariadei piniecontrolemalattiedelle

Dettagli

I TONI DEL VERDE VIALI ALBERATI ED AIUOLE SPARTITRAFFICO

I TONI DEL VERDE VIALI ALBERATI ED AIUOLE SPARTITRAFFICO I TONI DEL VERDE VIALI ALBERATI ED AIUOLE SPARTITRAFFICO FUNZIONI DELLA VEGETAZIONE IN AMBIENTE URBANO Ecologico-ambientale Sanitaria Protettiva Sociale e ricreativa Igienica Didattico-culturale culturale

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA Servizio di manutenzione delle aree a verde pubblico

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA Servizio di manutenzione delle aree a verde pubblico PREMESSA Il patrimonio verde pubblico riveste un ruolo di particolare importanza per qualità della vita dei cittadini e necessita quindi di interventi che garantiscano in modo continuativo standard elevati

Dettagli

Specie arborea Cedrus libani. Ubicazione Merate, Parco dell Osservatorio Astronomico di Brera

Specie arborea Cedrus libani. Ubicazione Merate, Parco dell Osservatorio Astronomico di Brera Specie arborea Cedrus libani Ubicazione Merate, Parco dell Osservatorio Astronomico di Brera Problematiche e patologie riscontrate 1) Stroncatura di circa metà dell esemplare a causa del forte nubifragio

Dettagli

APPENDICE AL REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE (Delibera n 228 del 09/09/1993)

APPENDICE AL REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE (Delibera n 228 del 09/09/1993) APPENDICE AL REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE (Delibera n 228 del 09/09/1993) REGOLAMENTO PER L ABBATTIMENTO DI ALBERATURE CHE ECCEDA LA SFERA DELLA CONDUZIONE AGRARIA ART. 1 CAMPO DI APPLICAZIONE Per essenze

Dettagli

un grande albero da tutelare

un grande albero da tutelare Il Platano di Villa Necchi: un grande albero da tutelare Campagna SIA adozione Alberi Alessandro Pestalozza Bodo Siegert Dario Guzzi Gerard Passola Giovanni Ugo Ilaria Marchetti Un ga grande deabeoda albero

Dettagli

Conseguenze nei vivai e possibili insegnamenti della tempesta di vento. Paolo Marzialetti (Ce.Spe.Vi. Pistoia)

Conseguenze nei vivai e possibili insegnamenti della tempesta di vento. Paolo Marzialetti (Ce.Spe.Vi. Pistoia) Conseguenze nei vivai e possibili insegnamenti della tempesta di vento Paolo Marzialetti (Ce.Spe.Vi. Pistoia) Tempesta di vento del 5 marzo 2015 Verde privato Patrimonio forestale Verde pubblico Vivai

Dettagli

Parco di via dei Gelsi

Parco di via dei Gelsi Parco di via dei Gelsi Il Parco è denominato anche Area verde di via dei Gelsi e si estende in fondo alla via cieca dei Gelsi. L area in pratica circonda la scuola elementare Don Gnocchi (?), costruita

Dettagli

COMUNE DI CALVENZANO SCHEMA DI REGOLAMENTO DEL VERDE EXTRAURBANO

COMUNE DI CALVENZANO SCHEMA DI REGOLAMENTO DEL VERDE EXTRAURBANO COMUNE DI CALVENZANO SCHEMA DI REGOLAMENTO DEL VERDE EXTRAURBANO Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 31 del 01/06/2000 TITOLO I NORME ART. 1 Nelle aree a vincolo urbanistico ed ambientale

Dettagli

REGIONE LAZIO PROVINCIA DI VITERBO COMUNE DI VITERBO. N.C.T. Foglio n.232 particella n.632 COMMITTENTE: AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI VITERBO

REGIONE LAZIO PROVINCIA DI VITERBO COMUNE DI VITERBO. N.C.T. Foglio n.232 particella n.632 COMMITTENTE: AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI VITERBO STUDIO TECNICO FORESTALE Dott. For. Domenico Agostini Via P. Fantozzini, 23 01019 Vetralla VT P.IVA 01629160563 C.F. GSTDNC67P23L814Q 0761.477515 3687600912 domenicoagostini@alice.it http://studioagostini.xoom.it

Dettagli

COMUNE DI MILANO - ATM Valutazioni fitostatiche olmi di Viale Mac Mahon Specie Ulmus pumila

COMUNE DI MILANO - ATM Valutazioni fitostatiche olmi di Viale Mac Mahon Specie Ulmus pumila Esemplare n 8455 169 Specie Ulmus pumila diam 57 h 21 h imp 4,5 Verticalità Verticale Vigoria Normale Classe SIA B DESCRIZIONE DELL'ESEMPLARE Radici e colletto Pianta con una grossa radice affiorante che

Dettagli

COMUNE DI CALCIO. PIANO ATTUATIVO AMBITO DI TRASFORMAZIONE AT12 a destinazione logistico-produttiva

COMUNE DI CALCIO. PIANO ATTUATIVO AMBITO DI TRASFORMAZIONE AT12 a destinazione logistico-produttiva 1 COMUNE DI CALCIO allegato H PIANO ATTUATIVO AMBITO DI TRASFORMAZIONE AT12 a destinazione logistico-produttiva Via Covo (SP 102) nuova SP 98 Calciana conforme al PGT (Artt. 12 e 14, legge regionale 11

Dettagli

ECONOMICA POPOLARE. Variante di specificazione art.34 L. 865/71 RELAZIONE TECNICA DEL PROGETTO DEL VERDE

ECONOMICA POPOLARE. Variante di specificazione art.34 L. 865/71 RELAZIONE TECNICA DEL PROGETTO DEL VERDE COMUNE DI MODENA PIANO EDILIZIA ECONOMICA POPOLARE 2005 Tav I Approvato con Del. di C.C. n. 31 Del 23-05 -2005 Variante di specificazione art.34 L. 865/71 P.E.E.P N 54 S.DAMASO RELAZIONE TECNICA DEL PROGETTO

Dettagli

Comune di Barbariga REGOLAMENTO PER LA TUTELA DEI GELSI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI BARBARIGA

Comune di Barbariga REGOLAMENTO PER LA TUTELA DEI GELSI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI BARBARIGA Comune di Barbariga REGOLAMENTO PER LA TUTELA DEI GELSI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI BARBARIGA Allegato sub. 1) alla deliberazione di C.C. n. del.. ART. 1 1. In tutto il territorio del Comune è vietato

Dettagli

La potatura degli agrumi

La potatura degli agrumi La potatura degli agrumi C. Mennone ALSIA Agenzia Lucana di di Sviluppo e Innovazione in in Agricoltura A.A.S.D. Pantanello Metaponto Le logiche e scuole di pensiero Casa con porte e finestre Agrumi come

Dettagli

SCHEDA IDENTIFICATIVA ALBERI MERITEVOLI DI TUTELA GG Comune di Monticelli d Ongina

SCHEDA IDENTIFICATIVA ALBERI MERITEVOLI DI TUTELA GG Comune di Monticelli d Ongina ALLEGATO B SCHEDE IDENTIFICATIVE DEGLI ALBERI MERITEVOLI DI TUTELA PRESENTI ALL ESTERNO DELLA PORZIONE COMUNALE DEL SIC-ZPS FIUME PO DA RIO BORIACCO A BOSCO OSPIZIO SCHEDA IDENTIFICATIVA ALBERI MERITEVOLI

Dettagli

LATIFOGLIE. Specie in latino. Specie in italiano Età Altezze Circonferenza. Provenienza. Prezzo in Fr. Tipo. Pagina 1 di 5

LATIFOGLIE. Specie in latino. Specie in italiano Età Altezze Circonferenza. Provenienza. Prezzo in Fr. Tipo. Pagina 1 di 5 Latifoglie 100 Acer campestre Acero campestre Losone, P, 270 Corteglia, S, 400 Mezzana, P, 300 1/10-230 13/15 1/2 30/60 - - 1/2 80/120 - - 1/3 140/170 - - 1/4-250/300 6/10 1 55.00 Zolla 100.04 Acer negundo

Dettagli

Alberi monumentali dell Emilia Romagna Nicoletta Vai Regione Emilia Romagna - Servizio fitosanitario

Alberi monumentali dell Emilia Romagna Nicoletta Vai Regione Emilia Romagna - Servizio fitosanitario Alberi monumentali dell Emilia Romagna Nicoletta Vai Regione Emilia Romagna - Servizio fitosanitario Che cos è un albero monumentale? Non è semplicemente un grande albero di bell aspetto ha un importante

Dettagli

Censimento delle alberature poste nel Parco del Bersagliere e nel Parco dei Pinguini nel comune di Cassano d Adda

Censimento delle alberature poste nel Parco del Bersagliere e nel Parco dei Pinguini nel comune di Cassano d Adda Prog. 00 564 10 Comune di Cassano d Adda Censimento delle alberature poste nel Parco del Bersagliere e nel nel comune di Cassano d Adda 7 maggio 2010 da Maggio 10 Dendrotec srl via S.Fruttuoso,2 Tel. 02

Dettagli

Allegato 7 SCHEMI ESEMPLIFICATIVI PER INTERVENTI DI POTENZIAMENTO DEL VERDE (RIF. ART. 45/V, C. 25)

Allegato 7 SCHEMI ESEMPLIFICATIVI PER INTERVENTI DI POTENZIAMENTO DEL VERDE (RIF. ART. 45/V, C. 25) Provincia di Piacenza Comune di Castel San Giovanni (PC) Allegato 7 SCHEMI ESEMPLIFICATIVI PER INTERVENTI DI POTENZIAMENTO DEL VERDE (RIF. ART. 45/V, C. 25) 3/A7 Allegato 7 Schemi esemplificativi per

Dettagli

BOSCO DI CARPANEDA Un parco agro-forestale a Vicenza

BOSCO DI CARPANEDA Un parco agro-forestale a Vicenza 7 BOSCO DI CARPANEDA Un parco agro-forestale a Vicenza Descrizione Il Bosco di Carpaneda necessita di un importante azione di riqualificazione viste le potenzialità ambientali, didattiche e sportive del

Dettagli

INDAGINE V.T.A. VISIVA

INDAGINE V.T.A. VISIVA INDAGINE V.T.A. VISIVA STABILITÀ DI DUE PLATANI Piazzale Cialdini, Mestre - Comune di Venezia COMMITTENTE Redazione: Dr. For. Andrea Rizzi Padova, 31 ottobre 2013 Premessa La presente relazione costituisce

Dettagli