IL MINISTRO DELL'INTERNO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL MINISTRO DELL'INTERNO"

Transcript

1

2 IL MINISTRO DELL'INTERNO Visto l'articolo 17, comma 3, della legge 23 agosto 1988, n. 400; Visto il decreto legislativo 8 marzo 2006, n. 139, concernente il riassetto delle disposizioni relative alle funzioni e ai compiti del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco, a norma dell'articolo 11 della legge 29 luglio 2003, n. 229, e in particolare l articolo 32, comma 2, che demanda al Ministro dell'interno la definizione delle caratteristiche, delle modalità di conferimento e delle modalità di uso dei segni di benemerenza e delle insegne concesse al personale del Corpo nazionale dei vigili del fuoco; Visto il decreto del Ministro dell interno 5 luglio 2007, n. 148, concernente il regolamento recante le caratteristiche, le modalità di conferimento e le modalità d uso dei segni di benemerenza e delle insegne conferite al personale del Corpo nazionale dei vigili del fuoco; Visto il decreto del Ministro dell interno 6 maggio 2002 con cui è stato ripristinato lo stemma in uso alla data di costituzione del Corpo nazionale dei vigili del fuoco; Visto, altresì, il decreto del Presidente della Repubblica 24 novembre 2009 con cui è stato concesso, ai sensi del r.d. 7 giugno 1943, n. 652, uno stemma araldico al Corpo nazionale dei vigili del fuoco; Ritenuta l esigenza di prevedere, a integrazione delle fattispecie già previste, forme di riconoscimento consone alla partecipazione del personale del Corpo nazionale dei vigili del fuoco ad operazioni, anche di eccezionale complessità e rilevanza, a tutela della sicurezza e dell incolumità pubblica; Ravvisata, altresì, la necessità di provvedere alla modifica delle caratteristiche tecniche dei riconoscimenti riportati nell allegato A al citato decreto del Ministro dell interno 5 luglio 2007, n. 148; Udito il parere del Consiglio di Stato espresso dalla Sezione consultiva per gli atti normativi nell'adunanza del ; Vista la comunicazione al Presidente del Consiglio dei Ministri, ai sensi dell'articolo 17, comma 3, della legge 23 agosto 1988, n. 400, effettuata con nota n. in data ; A d o t t a il seguente regolamento: Art. 1 Benemerenze

3 1. Al personale del Corpo nazionale dei vigili del fuoco possono essere attribuiti i seguenti riconoscimenti, le cui caratteristiche tecniche sono riportate nell'allegato A che costituisce parte integrante e sostanziale del presente regolamento: per atti compiuti in servizio: a) medaglia al merito di servizio; b) diploma di benemerenza con medaglia; c) encomio solenne; d) encomio; e) elogio; per la partecipazione ad eventi di carattere eccezionale: a) speciale riconoscimento di servizio; per la qualità del servizio prestato nel corso della carriera: a) croce di anzianità; b) diploma di lodevole servizio. Art. 2 Requisiti per la concessione della medaglia al merito di servizio 1. La medaglia al merito di servizio è conferita, ove per il medesimo fatto non sia stata concessa ricompensa al valore, a coloro che si sono distinti per aver dato prova di particolare ardimento e di eccezionali capacità professionali nell'attuazione di azioni di soccorso rilevanti. Art. 3 Requisiti per la concessione del diploma di benemerenza con medaglia 1. Il diploma di benemerenza con medaglia è conferito, ove per il medesimo fatto non sia stata concessa ricompensa al valore, a coloro che, con riguardo ai risultati ottenuti, hanno dato prova, con azioni sinergiche, di particolare ardimento e di eccezionali qualità professionali nell'attuazione di interventi di soccorso. Art. 4 Requisiti per la concessione dell encomio solenne 1. L encomio solenne è conferito, ove per il medesimo fatto non sia stata concessa ricompensa al valore, a coloro che hanno offerto un contributo determinante all esito di attività istituzionali o di azioni di soccorso rilevanti, dimostrando di possedere, in relazione alla qualifica ricoperta, eccezionali qualità professionali, ovvero non comune determinazione operativa.

4 Art. 5 Requisiti per la concessione dell'encomio 1. L encomio è conferito a coloro che dimostrano di possedere spiccate qualità professionali, fornendo un rilevante contributo in importanti servizi o attività istituzionali. Art. 6 Requisiti per la concessione dell'elogio 1. L'elogio è conferito a coloro che si distinguono per impegno e per capacità tecnicoprofessionali, conseguendo apprezzabili risultati nei compiti d'istituto. Art. 7 Requisiti per la concessione dello speciale riconoscimento di servizio 1. Lo speciale riconoscimento di servizio per la partecipazione ad eventi caratterizzati da eccezionale complessità organizzativa e rilevanza è conferito a coloro che, con attività sinergiche anche di natura preventiva, hanno contribuito al conseguimento di significativi risultati che hanno elevato il prestigio del Corpo nazionale dei vigili del fuoco. 2. Con provvedimento del Capo del Dipartimento dei vigili del fuoco, del soccorso pubblico e della difesa civile, d intesa con il Dirigente Generale Capo del Corpo nazionale dei vigili del fuoco, sono individuati gli eventi di cui al comma 1 e i criteri per la concessione del riconoscimento e le relative modalità di conferimento. 3. Il provvedimento di cui al comma 2, in relazione alla natura dell evento, può prevedere anche l attribuzione di un segno di riconoscimento. Art. 8 Requisiti per la concessione della croce di anzianità 1. La croce di anzianità è conferita a coloro che hanno prestato effettivo, meritevole servizio nel Corpo nazionale dei vigili del fuoco per un periodo di quindici anni. Art. 9 Requisiti per la concessione del diploma di lodevole servizio 1. Il diploma di lodevole servizio per l'opera svolta nel Corpo nazionale dei vigili del fuoco è conferito al personale di ruolo collocato a riposo al compimento della anzianità minima richiesta e che non abbia riportato note di demerito o sanzioni disciplinari superiori alla censura. Si prescinde dal requisito dell anzianità per coloro che siano stati dispensati dal servizio. Art. 10. Proposte e procedure per il conferimento delle benemerenze 1. Le proposte per la concessione della medaglia al merito di servizio, del diploma di benemerenza con medaglia e dell encomio solenne sono formulate dai Prefetti, dai Direttori

5 Regionali e Interregionali, dai Direttori Centrali, dai Comandanti Provinciali dei Vigili del Fuoco e dai dirigenti degli Uffici centrali. 2. Le proposte per la concessione dell encomio e dell elogio sono formulate dai Direttori Regionali e Interregionali, dai Direttori Centrali, dai Comandanti Provinciali dei Vigili del Fuoco e dai dirigenti degli Uffici centrali. 3. Le proposte di cui ai commi 1 e 2 devono essere corredate di una relazione contenente la descrizione dell'avvenimento e di tutti i documenti necessari per una valutazione nel merito. 4. Per la concessione dello speciale riconoscimento di servizio, i Dirigenti degli Uffici di appartenenza segnalano i nominativi del personale in possesso dei requisiti previsti dall articolo Per la concessione della croce di anzianità e del diploma di lodevole servizio, sulla base delle indicazioni fornite con apposita circolare diramata dal Dipartimento dei vigili del fuoco, del soccorso pubblico e della difesa civile, i Dirigenti degli Uffici segnalano i nominativi del personale in possesso dei requisiti richiesti, formulando una breve relazione in ordine al comportamento in servizio e con l indicazione di eventuali provvedimenti disciplinari a carico degli interessati. 6. Il diploma di lodevole servizio è concesso al personale collocato a riposo che sia in possesso dei requisiti di cui all articolo 9. 7 La medaglia al merito di servizio e il diploma di benemerenza con medaglia sono conferiti dal Capo del Dipartimento dei vigili del fuoco, del soccorso pubblico e della difesa civile, acquisito il parere del Dirigente Generale Capo del Corpo nazionale dei vigili del fuoco. 8. L encomio solenne e l encomio sono conferiti dal Capo del Dipartimento dei vigili del fuoco, del soccorso pubblico e della difesa civile o dal Dirigente Generale Capo del Corpo nazionale dei vigili del fuoco. 9. L elogio è conferito dal Dirigente Generale Capo del Corpo nazionale dei vigili del fuoco. 10. La croce di anzianità e il diploma di lodevole servizio sono conferiti dal Dirigente Generale Capo del Corpo nazionale dei vigili del fuoco e dai Direttori Regionali e Interregionali su base territoriale. 11. Lo speciale riconoscimento di servizio è conferito dal Capo del Dipartimento dei vigili del fuoco, del soccorso pubblico e della difesa civile o dal Dirigente Generale - Capo del Corpo nazionale dei vigili del fuoco, in conformità a quanto stabilito dall art. 7, comma I Comandanti Provinciali o i Dirigenti interessati procedono alla consegna delle benemerenze, nei modi più adeguati, durante le cerimonie che si svolgono presso le strutture centrali e territoriali. La croce di anzianità è consegnata annualmente durante la celebrazione della festività di S. Barbara, patrona dei Vigili del Fuoco. Art. 11. Disposizioni per l'uso delle insegne 1. Le insegne relative ai riconoscimenti previsti dal presente regolamento sono accessori dell'uniforme e sulla stessa vanno apposte in conformità alla configurazione originaria. 2. Le insegne si portano sull'uniforme di rappresentanza e, in formato completo, nastro e decorazione appesa, in occasione di cerimonie civili, religiose o militari di particolare rilevanza quali il giorno dell'anniversario della proclamazione della Repubblica italiana, il 4 novembre e il giorno della festa del Corpo nazionale dei vigili del fuoco. 3. Le insegne si portano sull'uniforme di rappresentanza in formato ridotto, solo i nastrini, in occasione di riviste, parate, servizi d'onore.

6 4. E' fatto divieto di applicare le insegne e/o i nastrini sulla divisa d'intervento, nonché sul cappotto e sull'impermeabile. Art. 12. Annotazioni matricolari 1. Il conferimento della medaglia al merito di servizio, del diploma di benemerenza con medaglia, dell encomio solenne, dell encomio, dell elogio, dello speciale riconoscimento di servizio e della croce di anzianità è annotato sullo stato matricolare. Articolo 13 Abrogazioni 1. Il decreto del Ministro dell interno 5 luglio 2007, n. 148, è abrogato. Il presente decreto, munito del sigillo dello Stato e sottoposto al visto e alla registrazione della Corte dei Conti, sarà inserito nella Raccolta ufficiale degli atti normativi della Repubblica italiana ed entrerà in vigore dopo sei mesi dalla data di pubblicazione. E' fatto obbligo a chiunque spetti di osservarlo e farlo osservare. Roma,

7 Allegato A DESCRIZIONE TECNICA DEI SEGNI DI BENEMERENZA E DELLE INSEGNE CONFERITE AL CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO Medaglia al merito di servizio Medaglia in lega argentata con attacco per mezzo di un nastrino di seta tricolore. A fronte è riportato in rilievo il disegno delle lingue di fuoco con al centro la punta di una spada, segno d'ardimento. Sul retro tra le due asce poste in decusse, attraversate dalla granata fiammeggiante, è posta la scritta "Al Merito di servizio". Sotto la scritta è disegnato un ramo di alloro. Lungo il bordo perimetrale è riportata la scritta "Ministero dell'interno Corpo Nazionale Vigili del Fuoco". L'attestato in cartoncino di color bianco riporta sul margine superiore il logo del Ministero dell Interno e la scritta Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile. Seguono sotto, in ordine: lo stemma costituito da una fiamma che sormonta una circonferenza sovrapposta a due asce incrociate; il nome ed il cognome dell interessato; al centro in alto la dizione, a carattere in neretto, "è concessa una Medaglia al Merito di Servizio". La motivazione del conferimento secondo l intervento effettuato. La cornice filettata con i colori verde e rosso, ispessita agli angoli, richiama il tricolore. L intero sfondo è caratterizzato dall immagine in trasparenza dello stemma araldico) del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco e dall emblema della Repubblica, posto nell angolo in alto a sinistra. Diploma di benemerenza con medaglia Medaglia in lega bronzea con attacco per mezzo di un nastrino di seta bianco con due strisce rosse. A fronte è riportato in rilievo il disegno delle lingue di fuoco con al centro la punta di una spada, segno d'ardimento. Sul retro tra le due asce poste in decusse, attraversate dalla granata fiammeggiante, è posta la scritta "Al Merito di Servizio". Sotto la scritta è disegnato un ramo di alloro. Lungo il bordo perimetrale è riportata la scritta "Ministero dell'interno Corpo nazionale Vigili del Fuoco". L attestato in cartoncino di color bianco riporta sul margine superiore il logo del Ministero dell Interno e la scritta Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile. Seguono sotto, in ordine, lo stemma costituito da una fiamma che sormonta una circonferenza sovrapposta a due asce incrociate, il nome ed il cognome dell interessato, al centro in alto la dizione, in neretto, "è concesso un Diploma di Benemerenza con Medaglia", nonché la motivazione del conferimento secondo l intervento effettuato. La cornice filettata con i colori verde e rosso, ispessita agli angoli, richiama il tricolore. L intero sfondo è caratterizzato dall immagine in trasparenza dello stemma araldico) del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco e dall emblema della Repubblica, posto nell angolo in alto a sinistra. Encomio solenne Attestato in cartoncino di color bianco che riporta sul margine superiore il logo del Ministero dell Interno e la scritta Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile. Seguono sotto, in ordine, lo stemma costituito da una fiamma che sormonta una circonferenza sovrapposta a due asce incrociate;

8 il nome ed il cognome dell interessato; al centro in alto la dizione, in neretto, "è concesso un Encomio Solenne", nonché la motivazione del conferimento secondo l intervento effettuato. La cornice filettata con i colori verde e rosso, ispessita agli angoli, richiama il tricolore. L intero sfondo è caratterizzato dall immagine in trasparenza dello stemma araldico del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco e dall emblema della Repubblica, posto nell angolo in alto a sinistra. Encomio Attestato in cartoncino di color bianco che riporta sul margine superiore il logo del Ministero dell Interno e la scritta Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile. Seguono sotto, in ordine, lo stemma costituito da una fiamma che sormonta una circonferenza sovrapposta a due asce incrociate, il nome ed il cognome dell interessato, al centro, in alto, la dizione, in neretto, "è concesso un Encomio", nonché la motivazione del conferimento secondo l intervento effettuato. La cornice filettata con i colori verde e rosso, ispessita agli angoli, richiama il tricolore. L intero sfondo è caratterizzato dall immagine in trasparenza dello stemma araldico del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco e dall emblema della Repubblica, posto nell angolo in alto a sinistra. Elogio E' una nota a firma del Dirigente generale - Capo del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco, redatta su carta intestata Ministero dell'interno - Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile - riportante l'apprezzamento dell'amministrazione per coloro che, per l'impegno profuso e le capacità tecnico-professionali dimostrate, hanno conseguito, nell'espletamento dei compiti istituzionali, meritevoli risultati. La nota contiene l'indicazione espressa della qualifica, il nome e il cognome del dipendente, le circostanze del conferimento e il riferimento temporale. Speciale riconoscimento di servizio Attestato in cartoncino di colore bianco che riporta sul margine superiore il logo del Ministero dell Interno e la scritta Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile. Seguono sotto, in ordine, lo stemma costituito da una fiamma che sormonta una circonferenza sovrapposta a due asce incrociate, il nome ed il cognome dell interessato, al centro, in alto, la dizione, in neretto, "è concesso uno Speciale Riconoscimento di Servizio", nonché la motivazione del conferimento secondo l intervento effettuato. La cornice filettata con i colori verde e rosso, ispessita agli angoli, richiama il tricolore. L intero sfondo è caratterizzato dall immagine in trasparenza di uno scenario riconducibile all evento e dall emblema della Repubblica, posto nell angolo in alto a sinistra. Qualora il provvedimento di cui all art. 7 preveda l attribuzione di un segno di riconoscimento, esso è costituito da una medaglia in lega metallica con attacco per mezzo di un nastrino di seta del colore stabilito nel provvedimento stesso. Croce di anzianità La croce in lega di bronzo a forma greca è provvista, per l'attacco, di un nastrino di seta rosso con due strisce bianche laterali. Sul braccio destro, sinistro e inferiore sono incise lingue di fuoco, al centro, il simbolo delle due asce poste in decusse, attraversate dalla

9 granata fiammeggiante che termina sul braccio superiore della croce. Sul retro è inciso il numero romano "XV". L attestato in cartoncino di color bianco riporta, sul margine superiore, il logo del Ministero dell Interno e la scritta Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile. Seguono sotto, in ordine, lo stemma costituito da una fiamma che sormonta una circonferenza sovrapposta a due asce incrociate, il nome ed il cognome dell interessato, al centro, in alto, la dizione, in neretto, "è concessa la Croce di Anzianità per aver prestato effettivo lodevole servizio nel Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco per oltre quindici anni, dando prova di capacità e zelo. La cornice filettata con i colori verde e rosso, ispessita agli angoli, richiama il tricolore. L intero sfondo è caratterizzato dall immagine in trasparenza dello stemma araldico del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco e dall emblema della Repubblica, posto nell angolo in alto a sinistra. Diploma di lodevole servizio Medaglia in lega "Vermeil" (dorata) provvista, per l'attacco, di un nastrino di seta rosso con due strisce bianche laterali. Sul fronte, intorno al perimetro, è incisa la scritta "Ministero dell'interno - Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco", al centro, il simbolo delle due asce poste in decusse, attraversate dalla granata fiammeggiante, sul retro, lungo il bordo del perimetro, la scritta "L'Amministrazione con gratitudine". L attestato in cartoncino di color bianco riporta sul margine superiore il logo del Ministero dell Interno e la scritta Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile. Seguono sotto, in ordine, lo stemma costituito da una fiamma che sormonta una circonferenza sovrapposta a due asce incrociate, il nome ed il cognome dell interessato, al centro, in alto, la dizione, in neretto, "è concesso il Diploma di Lodevole Servizio a testimonianza del servizio prestato nel Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco. La cornice, filettata con i colori verde e rosso, ispessita agli angoli, richiama il tricolore. L intero sfondo è caratterizzato dall immagine in trasparenza dello stemma araldico del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco e dall emblema della Repubblica, posto nell angolo in alto a sinistra. Unitamente alla medaglia e al diploma è consegnata una piccozza con il manico di legno e la parte superiore in acciaio (strumento simbolo dell'attività del vigile del fuoco).

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO CENTRALE

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO CENTRALE CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO CENTRALE DELIBERA N. 14/08 DEL 29/02/2008 IL CONSIGLIO DIRETTIVO NAZIONALE DELL'ASSOCIAZIONE Riunitosi in Roma presso il Comitato Centrale della Croce Rossa Italiana il giorno

Dettagli

Decreto del Ministro dell interno

Decreto del Ministro dell interno Decreto del Ministro dell interno Regolamento recante Modalità di svolgimento del concorso interno per la promozione alla qualifica di funzionario amministrativo-contabile direttore vicedirigente del Corpo

Dettagli

Istituzione di un attestato di pubblica benemerenza del Dipartimento della protezione civile. IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

Istituzione di un attestato di pubblica benemerenza del Dipartimento della protezione civile. IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI D.P.C.M. 22 ottobre 2004. Istituzione di un attestato di pubblica benemerenza del Dipartimento della protezione civile. Pubblicato nella Gazz. Uff. 23 dicembre 2004, n. 300. IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO

Dettagli

REGOLAMENTO per l uso dello stemma e del gonfalone.

REGOLAMENTO per l uso dello stemma e del gonfalone. REGOLAMENTO per l uso dello stemma e del gonfalone. Approvato con delibera della Commissione Straordinaria con i poteri del Consiglio Comunale n. 47 del 10/04/2014 Esecutivo dal 10 aprile 2014 INDICE CAPO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL USO DEL GONFALONE, DELLO STEMMA PROVINCIALE E DELLA BANDIERA NAZIONALE, DELL UNIONE EUROPEA E DELL ONU

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL USO DEL GONFALONE, DELLO STEMMA PROVINCIALE E DELLA BANDIERA NAZIONALE, DELL UNIONE EUROPEA E DELL ONU REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL USO DEL GONFALONE, DELLO STEMMA PROVINCIALE E DELLA BANDIERA NAZIONALE, DELL UNIONE EUROPEA E DELL ONU Approvato con deliberazione del Consiglio Provinciale n. 1 del

Dettagli

COMUNE DI VIAREGGIO. Provincia di Lucca REGOLAMENTO PER L'USO DEL GONFALONE, DELLO STEMMA E DELLA BANDIERA COMUNALE

COMUNE DI VIAREGGIO. Provincia di Lucca REGOLAMENTO PER L'USO DEL GONFALONE, DELLO STEMMA E DELLA BANDIERA COMUNALE COMUNE DI VIAREGGIO Provincia di Lucca REGOLAMENTO PER L'USO DEL GONFALONE, DELLO STEMMA E DELLA BANDIERA COMUNALE INDICE ART. 1- OGGETTO ART. 2- IL GONFALONE ART. 3- CUSTODIA DEL GONFALONE ART. 4- USO

Dettagli

Comune di Sassari Deliberazione del Commissario Straordinario Assunta con i poteri della Giunta Comunale

Comune di Sassari Deliberazione del Commissario Straordinario Assunta con i poteri della Giunta Comunale N. del Reg. 5 Comune di Sassari Deliberazione del Commissario Straordinario Assunta con i poteri della Giunta Comunale OGGETTO RECEPIMENTO DIRETTIVA REGIONALE N 16/10 DEL 18/04/2014 - ABROGAZIONE E SOSTITUZIONE

Dettagli

Comune di Rieti Provincia di Rieti REGOLAMENTO COMUNALE PER L USO DEL GONFALONE, DELLA FASCIA TRICOLORE E DELLE BANDIERE

Comune di Rieti Provincia di Rieti REGOLAMENTO COMUNALE PER L USO DEL GONFALONE, DELLA FASCIA TRICOLORE E DELLE BANDIERE Comune di Rieti Provincia di Rieti REGOLAMENTO COMUNALE PER L USO DEL GONFALONE, DELLA FASCIA TRICOLORE E DELLE BANDIERE Emendato ed approvato con delibera del Consiglio comunale n. 19 del 25/02/2009 1

Dettagli

CITTA DI TAURISANO (Prov. Di Lecce) Regolamento di disciplina dello stemma, gonfalone, fascia tricolore e bandiere

CITTA DI TAURISANO (Prov. Di Lecce) Regolamento di disciplina dello stemma, gonfalone, fascia tricolore e bandiere CITTA DI TAURISANO (Prov. Di Lecce) Regolamento di disciplina dello stemma, gonfalone, fascia tricolore e bandiere (Approvato con delibera del Consiglio Comunale n.09 del 31.03.2005) CAPO I FINALITA DEL

Dettagli

2) Guaine (controspalline) Da utilizzarsi unicamente con camicia, impermeabile, giaccone e giubbotti impermeabili.

2) Guaine (controspalline) Da utilizzarsi unicamente con camicia, impermeabile, giaccone e giubbotti impermeabili. Allegato C Segni identificativi del grado ed accessori sull uniforme Sezione prima. Segni identificativi del grado 1) Spalline Le spalline sono realizzate nel medesimo tessuto e colore dei capi di vestiario

Dettagli

Istituzione dell'attestazione di pubblica benemerenza del Dipartimento della protezione civile

Istituzione dell'attestazione di pubblica benemerenza del Dipartimento della protezione civile Istituzione dell'attestazione di pubblica benemerenza del Dipartimento della protezione civile Il Presidente del Consiglio dei Ministri Vista la legge 23 agosto 1988, n. 400 recante la disciplina dell'attività

Dettagli

Comando Generale dell'arma dei Carabinieri

Comando Generale dell'arma dei Carabinieri Comando Generale dell'arma dei Carabinieri Uficio Rapporti con la Rappresentanza Militare 4CXr Z/j/,YAN"lm,

Dettagli

Schema di decreto del Ministro dell Interno

Schema di decreto del Ministro dell Interno Schema di decreto del Ministro dell Interno Regolamento recante modalità di svolgimento del corso di formazione iniziale per l'immissione nel ruolo dei direttivi, ai sensi dell'articolo 42 del decreto

Dettagli

Il Ministro dell Interno

Il Ministro dell Interno Il Ministro dell Interno Visto l'articolo 31 del decreto legislativo 8 marzo 2006 n. 139, che demanda a un decreto del Ministro dell'interno la determinazione delle caratteristiche e delle modalità di

Dettagli

IL MINISTRO PER LA FUNZIONE PUBBLICA di concerto con IL MINISTRO PER LA FUNZIONE PUBBLICA e IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE

IL MINISTRO PER LA FUNZIONE PUBBLICA di concerto con IL MINISTRO PER LA FUNZIONE PUBBLICA e IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE MINISTRO PER LA FUNZIONE PUBBLICA DECRETO 8 maggio 1997, n. 187. Regolamento recante modalita' applicative delle disposizioni contenute all'articolo 2, comma 12, della legge 8 agosto 1995, n. 335, concernenti

Dettagli

REGOLAMENTO SULL USO DELLO STEMMA, DEL GONFALONE, DELLE BANDIERE, DEL DISTINTIVO DEL SINDACO E DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO.

REGOLAMENTO SULL USO DELLO STEMMA, DEL GONFALONE, DELLE BANDIERE, DEL DISTINTIVO DEL SINDACO E DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO. C O M U N E D I C A L A T A B I A N O PROVINCIA DI CATANIA REGOLAMENTO SULL USO DELLO STEMMA, DEL GONFALONE, DELLE BANDIERE, DEL DISTINTIVO DEL SINDACO E DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO. I N D I C E CAPO

Dettagli

OIREZIONE CENTRALE PER LE RISORSE UMANE SERVIZIO SOV.TI ASS.TI E AGENT I OIVISIONE 1 A SEZIONE PROGRESSIONE CARRIERA

OIREZIONE CENTRALE PER LE RISORSE UMANE SERVIZIO SOV.TI ASS.TI E AGENT I OIVISIONE 1 A SEZIONE PROGRESSIONE CARRIERA M'AlUIAPIC ITJT~PNn,1.1 MOD. 4 P.S.C DlPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA OIREZIONE CENTRALE PER LE RISORSE UMANE SERVIZIO SOV.TI ASS.TI E AGENT I OIVISIONE 1 A SEZIONE PROGRESSIONE CARRIERA N.333-0/9807.".

Dettagli

COMUNE DI FRASSINORO - PROVINCIA DI MODENA Piazza Miani 16-41044 Frassinoro tel. 0536/971003-971015 fax 0536/971002

COMUNE DI FRASSINORO - PROVINCIA DI MODENA Piazza Miani 16-41044 Frassinoro tel. 0536/971003-971015 fax 0536/971002 COMUNE DI FRASSINORO - PROVINCIA DI MODENA Piazza Miani 16-41044 Frassinoro tel. 0536/971003-971015 fax 0536/971002 Regolamento Comunale per l'uso dello stemma, del gonfalone, della fascia tricolore e

Dettagli

VALUTAZIONE TITOLI. Ai titoli posseduti da ciascun candidato non può essere attribuito un punteggio complessivo superiore a 10/20, così suddiviso:

VALUTAZIONE TITOLI. Ai titoli posseduti da ciascun candidato non può essere attribuito un punteggio complessivo superiore a 10/20, così suddiviso: VALUTAZIONE TITOLI I titoli da valutare sono costituiti dagli elementi risultanti dalla documentazione personale di ciascun concorrente, avuto riguardo ai risultati dei corsi di istruzione, al titolo di

Dettagli

F A Q ORDINE AL MERITO DELLA REPUBBLICA ITALIANA

F A Q ORDINE AL MERITO DELLA REPUBBLICA ITALIANA F A Q ORDINE AL MERITO DELLA REPUBBLICA ITALIANA 1. Che cos è l Ordine Al Merito della Repubblica Italiana? L Ordine Al Merito della Repubblica Italiana è il primo degli Ordini cavallereschi nazionali.

Dettagli

To : 00652357227. CAPITOLATO PER LA PRODUZIONE E LA SPEDIZIONE DEGU ArrESTATI DI ECCELLENZA E PER I SERVIZI ACCESSORI.

To : 00652357227. CAPITOLATO PER LA PRODUZIONE E LA SPEDIZIONE DEGU ArrESTATI DI ECCELLENZA E PER I SERVIZI ACCESSORI. 21-DEC-2012 11:18 From: To : 00652357227 -AI). u 2. CAPITOLATO PER LA PRODUZIONE E LA SPEDIZIONE DEGU ArrESTATI DI ECCELLENZA E PER I SERVIZI ACCESSORI. 1.0GGETIO 1.1. Oggetto del contratto è la produzione

Dettagli

MINISTERO DEI TRASPORTI. DECRETO 2 Agosto 2007, n. 161

MINISTERO DEI TRASPORTI. DECRETO 2 Agosto 2007, n. 161 MINISTERO DEI TRASPORTI DECRETO 2 Agosto 2007, n. 161 Regolamento recante la fissazione delle tariffe applicabili alle operazioni di revisione dei veicoli. IL MINISTRO DEI TRASPORTI di concerto con IL

Dettagli

CORPO FORESTALE DELLO STATO ISPETTORATO GENERALE IL CAPO DEL CORPO FORESTALE DELLO STATO

CORPO FORESTALE DELLO STATO ISPETTORATO GENERALE IL CAPO DEL CORPO FORESTALE DELLO STATO ~~~~ ~e~ CORPO FORESTALE DELLO STATO ISPETTORATO GENERALE IL CAPO DEL CORPO FORESTALE DELLO STATO BANDO DI CONCORSO INTERNO PER N. 199VICE ISPETTORI VISTO il tèsto unico delle disposizioni concernenti

Dettagli

Anno 1973 In data 21 dicembre il V. Brig. Valter Cainero, al completamento del Corso di Specialisti di elicottero svoltosi presso la Scuola Specialisti dell Aeronautica Militare di Caserta, ha conseguito

Dettagli

COMUNE DI GRADO PROVINCIA DI GORIZIA

COMUNE DI GRADO PROVINCIA DI GORIZIA COMUNE DI GRADO PROVINCIA DI GORIZIA REGOLAMENTO DELL ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI AL CORPO DELLA POLIZIA LOCALE DI GRADO, IN POSSESSO DELLA QUALITA Dl AGENTE Dl PUBBLICA SICUREZZA. Approvato con deliberazione

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA

DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA DIREZIONE CENTRALE PER LE RISORSE UMANE UFFICIO III - ATTIVITA CONCORSUALI N. 333-B/12S.4.11 DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA IL CAPO DELLA POLIZIA DIRETTORE GENERALE DELLA PUBBLICA SICUREZZA VISTA

Dettagli

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI DECRETO 11 novembre 2011, n. 213 Regolamento recante disciplina del rilascio dell'autorizzazione a minore ai fini della guida accompagnata e relativa modalita'

Dettagli

Comune di Cogoleto Provincia di Genova. REGOLAMENTO per l'uso dello stemma, del gonfalone, della fascia tricolore e delle bandiere

Comune di Cogoleto Provincia di Genova. REGOLAMENTO per l'uso dello stemma, del gonfalone, della fascia tricolore e delle bandiere Comune di Cogoleto Provincia di Genova REGOLAMENTO per l'uso dello stemma, del gonfalone, della fascia tricolore e delle bandiere Articolo 1 Scopo CAPO I SCOPO DEL REGOLAMENTO Il presente Regolamento disciplina

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 5 ottobre 2010, n. 214

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 5 ottobre 2010, n. 214 Pagina 1 di 8 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 5 ottobre 2010, n. 214 Regolamento recante modifiche al decreto del Presidente della Repubblica 30 aprile 1999, n. 162, per la parziale attuazione

Dettagli

DIREZIONE NAZIONALE DELIBERA Disposizioni di base in ordine al Vestiario dei Soci della ANVVF

DIREZIONE NAZIONALE DELIBERA Disposizioni di base in ordine al Vestiario dei Soci della ANVVF DIREZIONE NAZIONALE DELIBERA Disposizioni di base in ordine al Vestiario dei Soci della ANVVF La Direzione Nazionale, riunitasi presso la sede nazionale a Roma, il giorno 17 giugno 2011, viste le proposte

Dettagli

IL MINISTRO PER I BENI E LE ATTIVITA' CULTURALI

IL MINISTRO PER I BENI E LE ATTIVITA' CULTURALI Ministero per i Beni e le Attività Culturali. Regolamento concernente la disciplina dei criteri per la tutela e il funzionamento dell'elenco previsto dall'articolo 95, comma 2, del decreto legislativo

Dettagli

Schema di decreto del Ministro dell interno

Schema di decreto del Ministro dell interno Schema di decreto del Ministro dell interno Regolamento recante modalità di svolgimento del concorso pubblico, di cui all articolo 126 del decreto legislativo 13 ottobre 2005, n. 217, per l accesso alla

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 31 luglio 2014, n. 151

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 31 luglio 2014, n. 151 1 di 7 04/11/2014 12:51 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 31 luglio 2014, n. 151 Regolamento riguardante i termini di conclusione dei procedimenti amministrativi di competenza del Ministero

Dettagli

Udito il parere del Consiglio di Stato, espresso dalla Sezione consultiva per gli atti normativi nell'adunanza dell'8 novembre 2001;

Udito il parere del Consiglio di Stato, espresso dalla Sezione consultiva per gli atti normativi nell'adunanza dell'8 novembre 2001; Decreto 28 febbraio 2002, n. 70 Servizi di telefonia per anziani Preambolo, Art.1, Art.2, Art.3, Art.4, Art.5, Art.6, Art.7, Art.8, Art.9, Art.10, Art.11, Preambolo IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE

Dettagli

Regolamento recante norme per l'attuazione della direttiva 2013/46/UE

Regolamento recante norme per l'attuazione della direttiva 2013/46/UE MINISTERO DELLA SALUTE DECRETO 10 novembre 2014, n. 196 Regolamento recante norme per l'attuazione della direttiva 2013/46/UE che modifica la direttiva 2006/141/CE per quanto concerne le prescrizioni in

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 30 luglio 2009, n. 189

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 30 luglio 2009, n. 189 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 30 luglio 2009, n. 189 Regolamento concernente il riconoscimento dei titoli di studio accademici, a norma dell'articolo 5 della legge 11 luglio 2002, n. 148. (09G0197)

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO AGRICOLTURA

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO AGRICOLTURA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO AGRICOLTURA ISTRUZIONI PER LA REGISTRAZIONE DI UN MARCHIO D IMPRESA CHE COS E UN MARCHIO D IMPRESA Il marchio d impresa è un segno distintivo che serve a contraddistinguere

Dettagli

REGOLAMENTO del Servizio di POLIZIA MUNICIPALE

REGOLAMENTO del Servizio di POLIZIA MUNICIPALE Comune di Guardialfiera (Provincia di Campobasso) REGOLAMENTO del Servizio di POLIZIA MUNICIPALE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n.ro 15 del 30-08-2007, (pubblicata all Albo Pretorio

Dettagli

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 10 Maggio 2007, n. 62 Regolamento per l'adeguamento alle disposizioni del decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252, in materia di forme pensionistiche

Dettagli

(5) Comma 2 dell art. 56 del D. Lgs. 15 dicembre 1007, n. 446 - Imposta provinciale di trascrizione.- vedi nota 1

(5) Comma 2 dell art. 56 del D. Lgs. 15 dicembre 1007, n. 446 - Imposta provinciale di trascrizione.- vedi nota 1 NOTE (1) Art. 56 del D. Lgs. 15 dicembre 1997, n. 446 - Imposta provinciale di trascrizione 1. Le province possono, con regolamento adottato a norma dell'articolo 52, istituire l'imposta provinciale sulle

Dettagli

Decreto del Ministero dell economia e delle finanze 20 giugno 2012, n. 145.

Decreto del Ministero dell economia e delle finanze 20 giugno 2012, n. 145. Decreto del Ministero dell economia e delle finanze 20 giugno 2012, n. 145. Regolamento in applicazione degli articoli 2, commi 2, 3, 4 e 7 e 7, comma 7, del decreto legislativo 27 gennaio 2010, n. 39,

Dettagli

COMANDO GENERALE DELLA GUARDIA DI FINANZA FOGLIO D ORDINI N. 19

COMANDO GENERALE DELLA GUARDIA DI FINANZA FOGLIO D ORDINI N. 19 COMANDO GENERALE DELLA GUARDIA DI FINANZA FOGLIO D ORDINI N. 19 Roma, 10 dicembre 2014 Distribuzione a tutti i comandi dipendenti fino a quelli di Brigata inclusi. N. 19 I Reparto Recadd Concorso, per

Dettagli

Art. 2. Strutture e servizi soggetti ai requisiti minimi per l'autorizzazione

Art. 2. Strutture e servizi soggetti ai requisiti minimi per l'autorizzazione DECRETO MINISTERIALE 21 maggio 2001, n. 308 Regolamento concernente "Requisiti minimi strutturali e organizzativi per l'autorizzazione all'esercizio dei servizi e delle strutture a ciclo residenziale e

Dettagli

Disciplina dell'attività di consulenza per la circolazione dei mezzi di trasporto (1/a) (1/circ).

Disciplina dell'attività di consulenza per la circolazione dei mezzi di trasporto (1/a) (1/circ). 342. TRASPORTO DI MERCI MEDIANTE AUTOVEICOLI A) Provvedimenti generali L. 8-8-1991 n. 264 Disciplina dell'attività di consulenza per la circolazione dei mezzi di trasporto. Pubblicata nella Gazz. Uff.

Dettagli

D.M 21 maggio 2001, n.308

D.M 21 maggio 2001, n.308 D.M. 21 maggio 2001, n. 308, regolamento concernente "REQUISITI MINIMI STRUTTURALI E ORGANIZZATIVI PER L'AUTORIZZAZIONE ALL'ESERCIZIO DEI SERVIZI E DELLE STRUTTURE A CICLO RESIDENZIALE E SEMIRESIDENZIALE,

Dettagli

Decreto del Presidente della Repubblica n 673 del 21/07/1982

Decreto del Presidente della Repubblica n 673 del 21/07/1982 Decreto del Presidente della Repubblica n 673 del 21/07/1982 Attuazione delle direttive (CEE) n. 73/ 361 relativa alla attestazione e al contrassegno di funi metalliche, catene e ganci e n. 76/434 per

Dettagli

LEGGE 21 APRILE 1962, n. 161. (GU n. 109 del 28/04/1962) Revisione dei film e dei lavori teatrali. Art. 1. Revisione dei film

LEGGE 21 APRILE 1962, n. 161. (GU n. 109 del 28/04/1962) Revisione dei film e dei lavori teatrali. Art. 1. Revisione dei film LEGGE 21 APRILE 1962, n. 161 (GU n. 109 del 28/04/1962) Revisione dei film e dei lavori teatrali Art. 1. Revisione dei film La proiezione in pubblico dei film e l'esportazione all'estero di film nazionali,

Dettagli

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 09/094/CU/C7

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 09/094/CU/C7 CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 09/094/CU/C7 PARERE SULLO SCHEMA DI DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBLICA REGOLAMENTO RECANTE MODIFICHE AL D.P.R. 30 APRILE 1999, N. 162, IN PARZIALE

Dettagli

COMANDO GENERALE DELLA GUARDIA DI FINANZA FOGLIO D'ORDINI N. 3

COMANDO GENERALE DELLA GUARDIA DI FINANZA FOGLIO D'ORDINI N. 3 COMANDO GENERALE DELLA GUARDIA DI FINANZA FOGLIO D'ORDINI N. 3 Roma, 03 aprile 2015 Diramazione a tutti i comandi dipendenti fino a quelli di Brigata inclusi. N. 3 I Reparto Recadd - Concorso, per titoli

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DECRETO-LEGGE 20 giugno 2012, n. 79 Misure urgenti per garantire la sicurezza dei cittadini, per assicurare la funzionalita' del Corpo nazionale dei vigili del fuoco e di altre strutture dell'amministrazione

Dettagli

b) certificato analitico degli esami sostenuti, rilasciato dall'istituto ove è stato conseguito il titolo di studio e tradotto;

b) certificato analitico degli esami sostenuti, rilasciato dall'istituto ove è stato conseguito il titolo di studio e tradotto; Riconoscimento dei titoli di studio accademici: pubblicato il regolamento D.P.R. 30.07.2009 n. 189, G.U. 28.12.2009 (Manuela Rinaldi) Per l accesso ai concorsi pubblici, ai fini del riconoscimento dei

Dettagli

D.M. 1 aprile 1998, n. 145

D.M. 1 aprile 1998, n. 145 D.M. 1 aprile 1998, n. 145 D.M. n.145-01/04/1998: Regolamento recante la definizione del modello e dei contenuti del formulario di accompagnamento dei rifiuti ai sensi degli articoli 15, 18, comma 2, lettera

Dettagli

DECRETO MINISTERO GIUSTIZIA 13 agosto 2014, n. 140

DECRETO MINISTERO GIUSTIZIA 13 agosto 2014, n. 140 DECRETO MINISTERO GIUSTIZIA 13 agosto 2014, n. 140 Regolamento recante la determinazione dei criteri e delle modalita' per la formazione degli amministratori di condominio nonche' dei corsi di formazione

Dettagli

VISTO l'articolo 17, comma 1, della legge 23 agosto 1988, n. 400;

VISTO l'articolo 17, comma 1, della legge 23 agosto 1988, n. 400; I MOD.67 Pr m. V I S T O l ' a r t i c o l o 8 7 d e l l a C o s t i t u z i o n e ; VISTO l'articolo 17, comma 1, della legge 23 agosto 1988, n. 400; I VISTA la legge 27 dicembre 1941, n. 1570; VISTO

Dettagli

D.M. 21 giugno 2010, n. 132

D.M. 21 giugno 2010, n. 132 D.M. 21 giugno 2010, n. 132 Regolamento recante norme di attuazione del Fondo di solidarietà per i mutui per l'acquisto della prima casa, ai sensi dell'articolo 2, comma 475, della legge 24 dicembre 2007,

Dettagli

LEGGE 21 gennaio 1994, n. 53 Facoltà di notificazioni di atti civili, amministrativi e stragiudiziali per gli avvocati e procuratori legali.

LEGGE 21 gennaio 1994, n. 53 Facoltà di notificazioni di atti civili, amministrativi e stragiudiziali per gli avvocati e procuratori legali. LEGGE 21 gennaio 1994, n. 53 Facoltà di notificazioni di atti civili, amministrativi e stragiudiziali per gli avvocati e procuratori legali. Vigente al: 14-5-2013 La Camera dei deputati ed il Senato della

Dettagli

IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 24 gennaio 2011, n. 20: Regolamento recante l'individuazione della misura delle sostanze assorbenti e neutralizzanti di cui devono dotarsi gli impianti destinati allo stoccaggio, ricarica, manutenzione,

Dettagli

Vigente al: 27-6-2013 IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Vigente al: 27-6-2013 IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 16 aprile 2013, n. 75 Regolamento recante disciplina dei criteri di accreditamento per assicurare la qualificazione e l'indipendenza degli esperti e degli organismi

Dettagli

Adotta il seguente regolamento:

Adotta il seguente regolamento: Dm Ambiente 25 settembre 2007, n. 185 Raee - Istituzione e funzionamento del registro nazionale dei soggetti obbligati al finanziamento, costituzione e funzionamento di un centro di coordinamento e istituzione

Dettagli

Ufficio Stampa. Specializzazioni mediche, pubblicato in Gazzetta Ufficiale II decreto per il concorso nazionale

Ufficio Stampa. Specializzazioni mediche, pubblicato in Gazzetta Ufficiale II decreto per il concorso nazionale Comunicato Stampa del 24 luglio 2014 - Miur Page 1 of1 Cerca Home» Ministero» II Ministra» Comunicati Stampa» 2014» 240714bis MÌnÌSterO Istmzione Università Ricerca Ufficio Stampa Roma, 24 luglio 2014

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DELLE BENEMERENZE FEDERALI TITOLO I AL MERITO DEL CICLISMO ARTICOLO 1

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DELLE BENEMERENZE FEDERALI TITOLO I AL MERITO DEL CICLISMO ARTICOLO 1 REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DELLE BENEMERENZE FEDERALI TITOLO I AL MERITO DEL CICLISMO ARTICOLO 1 Il Consiglio Federale istituisce la distinzione Al merito del ciclismo federale allo scopo di CONSACRARE

Dettagli

COMUNE DI CUTROFIANO. Regolamento del. Corpo. Polizia Municipale

COMUNE DI CUTROFIANO. Regolamento del. Corpo. Polizia Municipale COMUNE DI CUTROFIANO Regolamento del Corpo di Polizia Municipale INDICE CAPO I Art. 1 Istituzione del Corpo NORME GENERALI CAPO II SERVIZIO DI POLIZIA MUNICIPALE Art. 2 Finalità e compiti Art. 3 Missioni

Dettagli

Testo in vigore dal 3 agosto 2010 IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Testo in vigore dal 3 agosto 2010 IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DECRETO LEGISLATIVO 2 luglio 2010, n. 110 Disposizioni in materia di atto pubblico informatico redatto dal notaio, a norma dell'articolo 65 della legge 18 giugno 2009, n. 69. (10G0132) (GU n. 166 del 19-7-2010

Dettagli

f'/. /. / ///'.../J... ALL'UFFICIO RIJ_L CAPO Dg~P~TIMENTO- U.O.R..l- AitT' {;.( OlA ~~. SEDE

f'/. /. / ///'.../J... ALL'UFFICIO RIJ_L CAPO Dg~P~TIMENTO- U.O.R..l- AitT' {;.( OlA ~~. SEDE . f'/. /. / ///'..../J..../ jh~""~;i"~";:' r~,.,/.. /~~,;~"~".)h,;";,,.;,;,,. /"';~/'/; ;,,,~'f"'j'" (/>"...,,;#,..t;,-,,, "'~ n?/. //-).;,.",,1/,..,;(~.A:N"':"'.n,. Prot. n fii fliliiii' "'Ilfl"~"rflr

Dettagli

Regolamento recante attuazione dell'articolo 29 del decreto legislativo 13 agosto 2010, n. 141, concernente il contenuto dei requisiti organizzativi

Regolamento recante attuazione dell'articolo 29 del decreto legislativo 13 agosto 2010, n. 141, concernente il contenuto dei requisiti organizzativi Regolamento recante attuazione dell'articolo 29 del decreto legislativo 13 agosto 2010, n. 141, concernente il contenuto dei requisiti organizzativi per l'iscrizione nell'elenco dei mediatori creditizi.

Dettagli

MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE. DECRETO 20 giugno 2012, n. 145

MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE. DECRETO 20 giugno 2012, n. 145 MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 20 giugno 2012, n. 145 Regolamento in applicazione degli articoli 2, commi 2, 3, 4 e 7 e 7, comma 7, del decreto legislativo 27 gennaio 2010, n. 39, recante

Dettagli

LINEE GUIDA AL PROTOCOLLO ED AL CERIMONIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA SPORT ORIENTAMENTO

LINEE GUIDA AL PROTOCOLLO ED AL CERIMONIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA SPORT ORIENTAMENTO LINEE GUIDA AL PROTOCOLLO ED AL CERIMONIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA SPORT ORIENTAMENTO 1 PREMESSA Nell ambito delle azioni dirette all innalzamento del livello qualitativo delle competizioni ed al miglioramento

Dettagli

IlMinistro per i Beni e le Attività Culturali

IlMinistro per i Beni e le Attività Culturali VISTO l articolo 17, comma 3, della legge 23 agosto 1988, n. 400; VISTO il decreto legislativo 20 ottobre 1998, n. 368 e successive modificazioni; VISTO il decreto del Presidente della Repubblica 26 novembre

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA PER LO SVOLGIMENTO DEL TIROCINIO

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA PER LO SVOLGIMENTO DEL TIROCINIO REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA PER LO SVOLGIMENTO DEL TIROCINIO IL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA Visto l'articolo 17, comma 3, della legge 23 agosto 1988, n. 400; Visti gli articoli 1, comma 3, e 41, comma

Dettagli

FEDERAZIONE AUTONOMA BANCARI ITALIANI

FEDERAZIONE AUTONOMA BANCARI ITALIANI SEGRETERIA NAZIONALE 00198 ROMA VIA TEVERE, 46 TEL. 06.84.15.751/2/3/4 FAX 06.85.59.220 06.85.52.275 SITO INTERNET: www.fabi.it E-MAIL: federazione@fabi.it FEDERAZIONE AUTONOMA BANCARI ITALIANI Ai Sindacati

Dettagli

(il testo del decreto è aggiornato secondo le indicazioni della direttiva Ministero dell Ambiente del 9 aprile 2002)

(il testo del decreto è aggiornato secondo le indicazioni della direttiva Ministero dell Ambiente del 9 aprile 2002) Ministero dell'ambiente Decreto 1 aprile 1998, n. 148 Regolamento recante approvazione del modello dei registri di carico e scarico dei rifiuti ai sensi degli articoli 12, 18, comma 2, lettera m), e 18,

Dettagli

Irpef - Soggetti non residenti e cittadini extracomunitari - Detrazioni per carichi di famiglia

Irpef - Soggetti non residenti e cittadini extracomunitari - Detrazioni per carichi di famiglia CIRCOLARE N. 65 Roma, 29 ottobre 2007 Irpef - Soggetti non residenti e cittadini extracomunitari - Detrazioni per carichi di famiglia PROVVEDIMENTI COMMENTATI Decreto del Ministro dell Economia e delle

Dettagli

LEGGE 2 APRILE 1958, N. 339. Per la tutela del lavoro domestico. (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 17 aprile 1958, n. 93)

LEGGE 2 APRILE 1958, N. 339. Per la tutela del lavoro domestico. (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 17 aprile 1958, n. 93) LEGGE 2 APRILE 1958, N. 339 Per la tutela del lavoro domestico (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 17 aprile 1958, n. 93) Articolo 1. Norme generali. La presente legge si applica ai rapporti di lavoro

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DECRETO-LEGGE 12 settembre 2014, n. 133. Misure urgenti per l apertura dei cantieri, la realizzazione delle opere pubbliche, la digitalizzazione del Paese, la semplificazione burocratica, l emergenza del

Dettagli

STATO MAGGIORE DELLA DIFESA SMD - G 010 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE UNIFORMI

STATO MAGGIORE DELLA DIFESA SMD - G 010 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE UNIFORMI STATO MAGGIORE DELLA DIFESA V REPARTO AFFARI GENERALI SMD - G 010 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE UNIFORMI ROMA, 2002 INDICE Atto di approvazione Elenco di distribuzione Registrazione delle AA. e VV

Dettagli

OPENKEY S.r.l. - Via Luigi Dari, 14-63100, Ascoli Piceno (AP) - http://www.openkey.it - info@openkey.it

OPENKEY S.r.l. - Via Luigi Dari, 14-63100, Ascoli Piceno (AP) - http://www.openkey.it - info@openkey.it DECRETO LEGISLATIVO 2 luglio 2010, n. 110: Disposizioni in materia di atto pubblico informatico redatto dal notaio, a norma dell'articolo 65 della legge 18 giugno 2009, n. 69 1. (Gazzetta Ufficiale n.

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 15 dicembre 2011, n. 235

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 15 dicembre 2011, n. 235 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 15 dicembre 2011, n. 235 Regolamento recante la disciplina sull'organizzazione e la dotazione delle risorse umane e strumentali per il funzionamento dell'agenzia

Dettagli

COMUNICATO UFFICIALE N. 19 DEL 18 AGOSTO 2015 REGOLAMENTO DELLE DIVISE DA GIOCO

COMUNICATO UFFICIALE N. 19 DEL 18 AGOSTO 2015 REGOLAMENTO DELLE DIVISE DA GIOCO COMUNICATO UFFICIALE N. 19 DEL 18 AGOSTO 2015 REGOLAMENTO DELLE DIVISE DA GIOCO Articolo 1 Ambito di applicazione e criterio generale 1. Il presente Regolamento si applica alle competizioni ufficiali organizzate

Dettagli

DECRETO DEL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO 29 ottobre 2008, n. 191 1

DECRETO DEL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO 29 ottobre 2008, n. 191 1 DECRETO DEL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO 29 ottobre 2008, n. 191 1 Regolamento concernente: «Disciplina del diritto di accesso dei contraenti e dei danneggiati agli atti delle imprese di assicurazione

Dettagli

D.L.C.P.S. n. 233 del 13 settembre 1946.

D.L.C.P.S. n. 233 del 13 settembre 1946. D.L.C.P.S. n. 233 del 13 settembre 1946. Ricostituzione degli Ordini delle professioni sanitarie e per la disciplina dell'esercizio delle professioni stesse. Capo I - Degli Ordini e dei Collegi Provinciali

Dettagli

CITTA DI TERMINI IMERESE Provincia Regionale di Palermo REGOLAMENTO PER L EFFETTUAZIONE DELLA PUBBLICITA FONICA

CITTA DI TERMINI IMERESE Provincia Regionale di Palermo REGOLAMENTO PER L EFFETTUAZIONE DELLA PUBBLICITA FONICA CITTA DI TERMINI IMERESE Provincia Regionale di Palermo REGOLAMENTO PER L EFFETTUAZIONE DELLA PUBBLICITA FONICA ART. 1 FINALITA 1. Il presente regolamento è diretto a disciplinare il rilascio di autorizzazioni

Dettagli

Regolamento recante norme per l'installazione dei dispositivi di recupero dei vapori di benzina presso i distributori

Regolamento recante norme per l'installazione dei dispositivi di recupero dei vapori di benzina presso i distributori DECRETO 20 gennaio 1999, n.76 Regolamento recante norme per l'installazione dei dispositivi di recupero dei vapori di benzina presso i distributori (pubblicato sulla G.U. n. 73 del 29 marzo 1999). IL MINISTRO

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE DECRETO 21 maggio 2001, n. 308 REGOLAMENTO "Requisiti minimi strutturali e organizzativi per l'autorizzazione all'esercizio

Dettagli

IL MINISTRO DEL TESORO, DEL BILANCIO E DELLA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA di concerto con IL MINISTRO DEI TRASPORTI E DELLA NAVIGAZIONE

IL MINISTRO DEL TESORO, DEL BILANCIO E DELLA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA di concerto con IL MINISTRO DEI TRASPORTI E DELLA NAVIGAZIONE DECRETO 17 dicembre 1999, n. 539 (pubblicato nella G.U.R.I. dell 8 febbraio 2000 serie generale n. 31) Regolamento recante condizioni e modalità dell intervento del Fondo centrale di garanzia per il credito

Dettagli

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 3 aprile 2013, n. 55 Regolamento in materia di emissione, trasmissione e ricevimento della fattura elettronica da applicarsi alle amministrazioni pubbliche

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Testo aggiornato al 11 ottobre 2012 Decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 26 luglio 2011 Gazzetta Ufficiale 18 agosto 2011, n. 191 Criteri e modalità per il riconoscimento dell equivalenza

Dettagli

DECRETO n. 274 del 07-07-1997

DECRETO n. 274 del 07-07-1997 DECRETO n. 274 del 07-07-1997 Regolamento di attuazione degli articoli 1 e 4 della legge 25 gennaio 1994, n. 82, per la disciplina delle attivita' di pulizia, di disinfezione, di disinfestazione, di derattizzazione

Dettagli

XIII legislatura dal 9 maggio 1996 al 29 maggio 2001.

XIII legislatura dal 9 maggio 1996 al 29 maggio 2001. Note XIII legislatura dal 9 maggio 1996 al 29 maggio 2001. Legge 23 dicembre 1996, n. 662 (in Suppl. ordinario alla Gazz. Uff., 28 dicembre, n. 303) Misure di razionalizzazione della finanza pubblica Articolo

Dettagli

Preambolo. Articolo 1

Preambolo. Articolo 1 D.M. 31 gennaio 2000, n. 29 Regolamento gioco del Bingo Preambolo, Art.1, Art.2, Art.3, Art.4, Art.5, Art.6, Art.7, Art.8, Art.9, Art.10, Art.11, Allegato, Preambolo IL MINISTRO DELLE FINANZE Visto il

Dettagli

ONORIFICENZE. Diploma di CAVALIERE al Primo Maresciallo del Corpo delle Capitanerie di Porto sig.

ONORIFICENZE. Diploma di CAVALIERE al Primo Maresciallo del Corpo delle Capitanerie di Porto sig. ONORIFICENZE Diploma di CAVALIERE al dottor Carmine CARBONE residente a BATTIPAGLIA Ingegnere industriale, con esperienza pluriennale nei diversi contesti lavorativi. Attivamente impegnato nel sociale,

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

IL CAPO DIPARTIMENTO

IL CAPO DIPARTIMENTO D.M. n.614 IL CAPO DIPARTIMENTO VISTO il decreto legislativo 13 ottobre 2005, n. 217 recante Ordinamento del personale del Corpo nazionale dei vigili del fuoco a norma dell articolo 2 della legge 30 settembre

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI POLIZIA PROVINCIALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI POLIZIA PROVINCIALE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI POLIZIA PROVINCIALE I SINGOLI ARTICOLI DEL REGOLAMENTO SONO STATI APPROVATI CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO PROVINCIALE N. 155 DEL 2/10/2003 IL REGOLAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DELLE BENEMERENZE SPORTIVE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA PESISTICA

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DELLE BENEMERENZE SPORTIVE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA PESISTICA REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DELLE BENEMERENZE SPORTIVE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA PESISTICA Principi Generali Articolo 1 ( Le Benemerenze Sportive ) Il Consiglio Federale della FIPE istituisce le Benemerenze

Dettagli

REGOLAMENTO SULL USO DELLO STEMMA, DEL GONFALONE, DELLE BANDIERE, DEL DISTINTIVO DEL SINDACO E DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO

REGOLAMENTO SULL USO DELLO STEMMA, DEL GONFALONE, DELLE BANDIERE, DEL DISTINTIVO DEL SINDACO E DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO C O M U N E D I S C A L E T T A Z A N C L E A (PROVINCIA DI MESSINA) REGOLAMENTO SULL USO DELLO STEMMA, DEL GONFALONE, DELLE BANDIERE, DEL DISTINTIVO DEL SINDACO E DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO Approvato

Dettagli

CITTÀ DI CASTELVETRANO PROVINCIA DI TRAPANI

CITTÀ DI CASTELVETRANO PROVINCIA DI TRAPANI CITTÀ DI CASTELVETRANO PROVINCIA DI TRAPANI REGOLAMENTO COMUNALE CONCERNENTE L ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI ALLA POLIZIA MUNICIPALE CAPO I NORME GENERALI Art. 1 Oggetto del Regolamento Il presente regolamento

Dettagli

Preambolo LA CAMERA DEI DEPUTATI ED IL SENATO DELLA REPUBBLICA HANNO APPROVATO; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Preambolo LA CAMERA DEI DEPUTATI ED IL SENATO DELLA REPUBBLICA HANNO APPROVATO; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE: Pagina 1 di 6 LEGGE 18 MARZO 1968, n. 474 (GU n. 107 del 27/04/1968) RATIFICA ED ESECUZIONE DELL'ACCORDO TRA L'ITALIA E LA SVIZZERA SULL'ESENZIONE DALLA LEGALIZZAZIONE, SULLO SCAMBIO DEGLI ATTI DELLO STATO

Dettagli

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA Page 1 of 5 MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DECRETO 8 giugno 2015, n. 88 Regolamento recante disciplina delle convenzioni in materia di pubblica utilita' ai fini della messa alla prova dell'imputato, ai sensi

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 13 ottobre 2014, n. 153

DECRETO LEGISLATIVO 13 ottobre 2014, n. 153 DECRETO LEGISLATIVO 13 ottobre 2014, n. 153 Ulteriori disposizioni integrative e correttive al decreto legislativo 6 settembre 2011, n. 159, recante codice delle leggi antimafia e delle misure di prevenzione,

Dettagli

STATUTO SOCIALE (Modificato dall'assemblea Generale del 5 ottobre 2009)

STATUTO SOCIALE (Modificato dall'assemblea Generale del 5 ottobre 2009) STATUTO SOCIALE (Modificato dall'assemblea Generale del 5 ottobre 2009) Articolo 1 E costituita l Associazione denominata: Associazione Italiana Investigatori Privati con sede in Roma. L Associazione non

Dettagli