COMUNE DI POZZALLO Provincia di Ragusa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI POZZALLO Provincia di Ragusa"

Transcript

1 COMUNE DI POZZALLO Provincia di Ragusa Servizio N. 19 Manutenzione CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO SERVIZI AMBIENTALI SPURGO CONDOTTE FOGNARIE PULIZIA DI CADITOIE E SBOCCHI CANALONI ACQUE BIANCHE ART.1 OGGETTO DELL APPALTO Il presente appalto ha per oggetto l espletamento dei lavori spurgo e/o svuotamento e/o pulizia di condotte fognarie pubbliche, di vasche, pozzetti, scantinati, etc; la disostruzione e/o stasamento, tubazioni, nonché dei pozzetti di intercettazione e dei fognoli di captazione degli allacci delle civili abitazioni che recapitano nella pubblica fognatura, di tutto il territorio comunale. Vengono considerate altresì la pulizia ed il mantenimento in buona efficienza degli imbocchi e degli sbocchi dei canaloni acque bianche sfocianti in prossimità di spiagge pubbliche cittadine con particolare riferimento a quelli sfocianti sulle spiagge Pietre Nere e Raganzino. ART.2 IMPORTO DEL SERVIZIO L'importo complessivo del progetto ammonta a ,00, di cui ,00 per lavori a base d asta comprensivi di oneri per la sicurezza ed 8.113,00 per somme a disposizione dell'amm/ne. La superiore somma prevista si ritiene congrua per garantire tutti quegli interventi necessari all espletamento del servizio per una durata di anni 1 ( uno). ART.3 MODALITA DELL'APPALTO La tipologia dei lavori rientra fra quelli previsti all art.125 comma 8 del D.L. 163/2006 e s.m.i. come recepito con L.R. n.12/201, trattandosi di lavori in economia non presumibili anticipatamente, l appalto verrà conferito mediante procedura aperta, come prevista all art.3 comma 37 ed art.55 del vigente D.L. 163/2006 e s.m.i., applicando il criterio di aggiudicazione del prezzo più basso, inteso come percentuale di ribasso unica da applicare ai prezzi di elenco come previsto all art.82, comma 1, lettera a) del suindicato D.Lgs 163/2006 e s.m.i. Resta pertanto inteso che l'impresa si obbliga ad eseguire le varie prestazioni previste dal presente Capitolato e dall'allegato Elenco dei prezzi unitari, senza alcun limite di quantità per ogni singola categoria di lavori, se non il rispetto dell'importo contrattuale. ART.4 TIPOLOGIA DEGLI INTERVENTI Gli interventi che la ditta dovrà garantire risultano essere i successivi: a) Pulizia e stasamento di condotte fognarie primarie, di pozzetti di intercettazione e di captazione, delle tubazioni e degli allacci delle civili abitazioni recapitati in pubbliche fognature; b) Nolo di autoespurgo per la pulizia di vasche di raccolta liquami, scantinati ecc ; c) Esecuzione di video ispezioni di condotte, cunicoli, canaloni, pluviali ecc ;

2 d) Pulizia degli imbocchi e degli sbocchi dei canaloni acque bianche sfocianti sulle spiagge cittadine, previa rimozione di detriti; e) Interventi di reperibilità; ART.5 MODALIDA' DI SVOLGIMENTO DEI LAVORI a) Pulizia e stasamento di condotte fognarie primarie, di pozzetti di intercettazione e di captazione, delle tubazioni e degli allacci delle civili abitazioni recapitati in pubbliche fognature I lavori riguarderanno lo stasamento di condotte fognarie, di pozzetti, nonché dei fognoli di captazione degli allacci di civile abitazione che recapitano sulla pubblica fognatura come previsto nel vigente Regolamento del Comune di Pozzallo, mediante l utilizzo di autoespurgo, ivi compreso il personale addetto alle operazioni comprensivo degli oneri per lo smaltimento dei liquami aspirati, presso impianti di trattamento autorizzati. Nel caso che gli interventi riguarderanno i fognoli a servizio di fabbricati privi di pozzetto di ispezione, la ditta potrà esimersi dall eseguire lo stasamento del fognolo, informando la ditta proprietaria di provvedere a proprie spese alla realizzazione di apposito pozzetto sifonato. Eventuali azioni la ditta esecutrice intraprendesse il Comune non ne risponderebbe, per cui sono da ritenere eseguiti a cura e spese del privato cittadino che fa richiesta di intervento. Stesso dicasi per interventi eseguiti all'interno di fabbricati di proprietà di privati cittadini oppure all'interno di aree o cortili non di proprietà di questo Comune e comunque sempre che la Direzione lavori non ne ravvisi e certifichi la pubblica utilità. I superiori lavori si svolgeranno nel corso del normale orario lavorativo giornaliero, dalle ore 8,00 alle ore 18,00, da lunedì a sabato e le chiamate o segnalazioni rientranti nel normale svolgimento del servizio, saranno considerate tali se effettuate entro le ore 17,00 di ogni giorno lavorativo. Le operazioni di stasatura, come superiormente indicate, saranno compensate singolarmente a corpo come previsto nell allegato elenco prezzi per ogni singolo intervento. Nel caso si rendesse necessario intervenire oltre gli orari sopraindicati, sempre che la chiamata o segnalazione di intervento venga effettuata dopo le ore 17,00, sarà riconosciuta alla ditta una maggiorazione del 30% sul costo del singolo intervento. Tale costo invece subirà una maggiorazione del 50%, nel caso di interventi effettuati in giorni festivi o domenicali. I superiori interventi dovranno essere garantiti entro e non oltre ore 4 (quattro) dalla chiamata o dalla comunicazione a mezzo fax e comunque nei tempi strettamente necessari ad evitare disagi alla cittadinanza e problemi di natura igienico sanitario. Il mancato intervento nei tempi in precedenza indicati darà luogo a penali come meglio indicate al successivo art.6. b) Nolo di autoespurgo per la pulizia di vasche di raccolta liquami, scantinati ecc I lavori riguarderanno il nolo di autoespurgo comprensivo di operatori per la esecuzione di lavori su richiesta della Direzione Lavori riguardanti la pulizia di vasche di raccolta e rilancio liquami, compreso altresì il carico e trasporto a rifiuto di corpi solidi (eventualmente compensati a parte previa presentazione di apposito formulario), quali stracci, parti di detersivi solidificati, e rifiuti di ogni genere depositati all'interno dei pozzetti o delle vasche accumulo o dei manufatti oggetto di pulizia. Le vasche che necessitano di tali interventi di pulizia in linea di massima risultano essere le seguenti : Vasca di raccolta liquami e rilancio Rapisardi; Vasca di raccolta Liquami e rilancio Raganzino Piccolo; Vasca di raccolta Liquami Villa Comunale; Vasca di raccolta e rilancio Raganzino Grande;

3 Vasca raccolta liquami Pantanelle (1 Scivolo); Vasca Raccolta liquami Gamuglie (2 Scivolo); Vasca di raccolta liquami viale Australia; Pozzetto di raccolta e rilancio Zarbatana; Pozzetto di raccolta e rilancio Torre Cabrera. Rientrano altresì fra tali lavori lo stasamento di pluviali nonché di condutture per lo smaltimento di acque piovane e meteoriche o altre tipologie di interventi non previsti e prevedibili. Il compenso sarà commisurato ad ore rese di prestazione come indicato al successivo allegato elenco prezzi. Gli interventi di cui ai superiori punti a) e b) si intendono altresì comprensivi dell'onere relativo alla pulizia, al lavaggio, alla disinfezione e bonifica delle aree oggetto di intervento quali strade, piazze, marciapiedi, o aree di pubblico interesse. c) Esecuzione di video ispezioni di condotte, cunicoli, canaloni, pluviali ecc I lavori riguarderanno la esecuzione di video ispezioni di condotte fognarie, cunicoli, canaloni, pluviali ecc... da eseguirsi su richiesta della direzione dei lavori. Le video-ispezioni ove se ne ravvisi la necessità, dovranno essere supportate da documentazione fotografica o filmata sullo stato e sulle condizioni delle condotte ispezionate, nonché di schemi grafici riportanti misure e distanze progressive rilevate dal punto di immissione della videocamera, nonché ove se ne ravvisi l esigenza la segnatura o il tracciamento sul piano stradale dei punti di maggior interesse con vernice colorata ben visibile. Il compenso sarà commisurato ad ore rese di prestazione come indicato al successivo allegato elenco prezzi. d) Pulizia degli imbocchi e degli sbocchi dei canaloni acque bianche sfocianti sulle spiagge cittadine, previa rimozione di detriti; I lavori riguarderanno la rimozione di detriti, sabbia e materiali di qualsiasi forma e natura dal letto di scorrimento agli imbocchi ed agli sbocchi dei canaloni delle acque bianche. Le lavorazioni potranno essere eseguite a mano o mediante l'ausilio di mezzi meccanici, (piccoli mezzi per la movimentazione di materiali, di autoaspiratori di grande portata), compreso altresì il carico e lo smaltimento dei rifiuti eventualmente conferiti in apposite discariche autorizzate (eventualmente compensati a parte previa presentazione di apposito formulario), da eseguirsi almeno tre volte l anno nei periodi intercorrenti ad aprile a settembre, l obbligo della vigilanza del mantenimento in buono stato di pulizia di tali sbocchi e nonché l eventuale rimozione di detriti accumulatisi. I punti oggetto di maggiore attenzione riguardano: Lo sbocco del canalone acque bianche sfociante in prossimità del piazzale Padre Pio sul Lungomare Pietre Nere; Lo sbocco del canalone acque bianche sfociante sulla spiaggia Raganzino a ridosso di via Largo dei Vespri Siciliani in prosecuzione di via Puccini; Lo sbocco del canalone acque bianche sfociante sulla scogliera Balata in prossimità del manufatto denominato Solarium, posto a sud della via Magenta; Lo sbocco del canalone acque bianche sfociante sulla spiaggia Pietre Nere in prosecuzione di via Montanara ed in prosecuzione di via Pegaso; Altri punti di minor interesse eventualmente segnalati dalla direzione lavori; Gli imbocchi dei canaloni con particolare attenzione a quelli posti su via dello Stadio in prosecuzione della Stradella denominata Trazzera Raganzino dell imbocco posto sulla costruenda via Pertini in prossimità del prolungamento di via Magenta alle spalle del Comando di Polizia Municipale; L imbocco del canalone acque meteoriche su via Calabria in prossimità della strada ferrata

4 Siracusa-Gela; Lo stasamento e pulizia delle condotte di smaltimento acqua piovana poste su piazza Municipio in prossimità del Palazzo di Città. I superiori lavori saranno commisurati a corpo e riguarderanno sia la prestazione di vigilanza e mantenimento in buono stato nonché l onere del personale operaio e dei mezzi meccanici d opera necessari. e) Servizio di reperibilità; La ditta aggiudicataria si obbliga a garantire un servizio di reperibilità pronto intervento per le urgenze; a questo proposito comunicherà al momento della stipula del contratto il numero di rete fissa e/o numero di cellulare nonché un numero di fax, che garantirà costantemente funzionante e presidiato giorno e notte, festivi compresi, a cui il personale tecnico potrà rivolgersi in caso di intervento ritenuto urgente ed improrogabile sopratutto se riguardante lo sversamento di liquami provenienti da condotte pubbliche su pubblica viabilità. L intervento che rivesta carattere di urgenza dovrà avere inizio entro ore 1 (una) dalla segnalazione e comunque non oltre le 2 ore dalla chiamata, in qualsiasi condizione di tempo sia in orario diurno o notturno in giorni feriali o festivi. ART.6 TRACCIABILITA SULLA ESECUZIONE DEGLI INTERVENTI Ogni intervento da eseguire sarà segnalato da personale tecnico comunale mediante comunicazione scritta trasmessa a mezzo fax oppure su segnalazione telefonica verbale. In caso di segnalazione telefonica sarà cura dell Ufficio Tecnico annotare l avvenuto intervento su apposito registro con indicazione della data e dell ora di chiamata e del personale che ne effettua segnalazione. Per ogni prestazione, la ditta avrà cura di rilasciare apposita ricevuta che indichi il giorno, l ora ed il luogo oggetto di intervento, la quale controfirmata per convalida dal tecnico responsabile sarà motivo di attestazione di esecuzione dei lavori. Anche nei casi di interventi eseguiti durante lo svolgimento del servizio di reperibilità, sarà rilasciata attestazione di avvenuta esecuzione di intervento, a cura del tecnico reperibile, necessaria ai fini della corresponsione del servizio reso. Resta inteso che eventuali interventi non attestati, non saranno riconosciuti ai fini del pagamento delle relative spettanze. La ditta assume l obbligo di tenere un registro aggiornato, su cui saranno segnati gli interventi eseguiti il quale vidimato in contraddittorio dal responsabile del servizio darà luogo all importo dovuto per i servizi resi. Oltre agli interventi di stasamento delle condotte fognarie in tale registro dovranno altresì essere annotati, in appositi spazi all uopo predisposti, i lavori eseguiti di cui alle lettere b) c) ed e) come indicati al superiore art.4. Anche in caso di esecuzione di video-ispezione, come indicato al precedente art.4 lettera c), verrà redatto apposito verbale come superiormente indicato al precedente comma 3. Per i lavori indicati al precedente art. 4 lettera d), con cadenza periodica verrà effettuata visita di verifica sullo stato di pulizia dei canaloni provvedendo a redigere apposito verbale congiunto attestante le condizioni di mantenimento degli imbocchi e degli sbocchi dei canaloni. ART.7 PENALI Le penali da applicare in caso di cattivo svolgimento del servizio come sopra indicato saranno commisurate come di seguito: 1) La impossibilità di contattare i numeri come indicato al superiore art. 5 comma 5 lettera a), nonché ai sensi al comma 2 lettera e) del medesimo articolo 5, ed al successivo art.9 comma 1, sarà multata con ammenda di.100,00 salvo che il fatto

5 non costituisca maggior reato, trattandosi di intervento da eseguirsi con carattere di urgenza o di reperibilità. 2) Il mancato intervento nei tempi indicati all art. 5 comma 5 lettera a) nonché ai sensi del comma 2 lettera e) del medesimo articolo, darà luogo all applicazione di una penale pari a 150,00 salvo la richiesta di risarcimento per ulteriori danni eventualmente causati per la mancata esecuzione. 3) La ritardata esecuzione di eventuale intervento di urgenza entro la tempistica indicata al superiore art. 5 comma 2 lettera e) e comunque nei termini previsti, sarà applicata una penale pari a 100,00. Le penali sopra esposte saranno contestate per iscritto, quantificate e trattenute dall importo della fattura mensile, così come il risarcimento quantificato dalla direzione lavori di eventuali danni riscontrati. Il protrarsi di mancato intervento le 24 ore dalla chiamata darà luogo alla esecuzione in danno dei lavori ritenuti necessari a rimuovere lo stato di disagio, con altra ditta scelta dell Amministrazione, addebitandone ogni maggiore spesa sostenuta alla ditta appaltatrice, sempre che il mancato intervento non pregiudichi le condizioni di salubrità pubblica tali da addebitare alla stessa eventuali maggiori responsabilità. Nel caso di applicazione delle superiori penali in misura superiore ad 1/3 dell importo aggiudicato in fase di gara, l amministrazione comunale potrà rescindere il contratto in danno alla ditta, senza che questa abbia nulla a pretendere nei confronti dell Amministrazione Comunale medesima. ART. 8 CORRISPETTIVO E PAGAMENTI Il corrispettivo per le prestazione rese dovrà essere calcolato sulla base dei prezzi indicati nell allegato elenco, decurtati del ribasso offerto dall impresa in sede di gara, oltre IVA. Nel formulare il ribasso d asta la ditta dovrà valutare che comprensivi nel prezzo dovranno essere considerati l impiego di manodopera e mezzi d opera, nonché la fornitura di materiale a piè d opera, gli utili d impresa e le sue spese generali ed accessorie. Il prezzo offerto deve comprendere altresì gli oneri per le trasferte del personale ed il trasporto dell attrezzatura sul cantiere e l eventuale servizio di reperibilità, per i quali non potrà essere richiesto alcun compenso aggiuntivo, eccetto quello previsto al precedente art.5 lettera a) ai commi 2, 3 e 4 e precisamente la maggiorazione del compenso pari al 30% per interventi eseguiti con chiamata oltre le ore 17,00 ed intervento compreso fra le ore 18,00 ed 8,00 dell indomani, nonché la maggiorazione del 50% per interventi urgenti eseguiti in giorni festivi e/o domenicali. Il prezzo offerto in sede di gara si intende comprensivo del costo degli operatori e di quello del trasporto e smaltimento dei reflui riferito al servizio pulizia e stasamento come previsto all art.5 lettere a), b) ed e); resta inteso che lo smaltimento dei reflui prelevati dovrà avvenire presso l impianto autorizzato a carico della ditta aggiudicatrice del servizio. Per i rifiuti prodotti dai processi derivanti dalle lavorazioni previste alle lettere b) e d), essendo questi assimilabili a rifiuti urbani non speciali, i relativi oneri di smaltimento presso discariche autorizzate saranno corrisposte dal Comune di Pozzallo secondo quanto indicato nell allegato elenco prezzi, previa presentazione di regolare di formulario di avvenuto conferimento. La ditta appaltatrice si dichiara quindi edotta di tutte le condizioni inerenti le località in cui debbano svolgersi i lavori nonché del tipo di interventi da eseguire. I corrispettivi offerti in sede di gara non potranno subire variazioni per tutto il periodo contrattuale. Con il superiore corrispettivo, si intendono interamente compensati tutte le prestazioni e le spese necessarie per la perfetta esecuzione dell appalto, qualsiasi onere espresso e non dal presente Capitolato, inerente e conseguente ai lavori di che trattasi.

6 Il pagamento delle spettanze sarà liquidato su presentazione di fattura a con allegati gli Ordini di Servizio emessi, copia dei formulari di smaltimento dei rifiuti prodotti, copia conforme dei fogli di registro interventi, vidimati dal responsabile del servizio. Ogni fattura, potrà essere emessa solo dopo le verifiche degli interventi effettuati e dovrà contenere necessariamente i seguenti elementi: - data e n.ro del contratto; - tutti i dati relativi al pagamento (dovrà essere indicata una sola banca, numero di conto corrente, cod. CAB, ABI, ecc.); - tipo di lavorazioni eseguite; - ogni altra indicazione utile. ART. 9 OBBLIGHI DELLA DITTA La ditta aggiudicataria, si obbliga comunicare al momento della stipula del contratto, i numeri di rete fissa e/o numero di cellulare nonché un numero di fax, che garantirà costantemente funzionante e presidiato giorno e notte, festivi compresi, a cui il personale tecnico potrà rivolgersi in caso di intervento ritenuto urgente ed improrogabile; Si impegna altresì a garantire un servizio di reperibilità di pronto intervento per le urgenze sopratutto se riguardanti lo sversamento di liquami provenienti da condotte fognarie su pubbliche vie piazze o luoghi in possano verificarsi pericolo per la pubblica salubrità. L Appaltatore è unico responsabile del corretto svolgimento delle lavorazioni di stasatura delle condotte fognarie, nonché del trasporto e smaltimento dei materiali di risulta (CER ) derivanti dagli interventi di spurgo eseguiti, ai sensi del D.lgs. n.152/2006 e ss.mm.ii. La ditta aggiudicataria, non potrà negare di aver preso conoscenza del presente capitolato e da ciò che ne potrebbe derivare in caso di mancato intervento, trattandosi di servizi resi a salvaguardia dell igiene pubblica ed ambientale. ART. 10 CONSEGNA DEI LAVORI - PENALE PER RITARDATO INIZIO DEI LAVORI La consegna dei lavori, dovrà avvenire entro venti giorni (20) dalla stipula del contratto.- E' facoltà dell'amm/ne effettuare la consegna dei lavori, dopo l'espletamento della gara ed i relativi adempimenti di legge, ancor prima della stipula del contratto, sotto le riserve di legge ai sensi dell art.153 del D.P.R. 207/ In caso di ritardo sarà applicata una penale di. 200,00 [duecento] per ogni giorno di ritardo, successivo alla prevista data di inizio.- Ove tale ritardo dovesse protrarsi ingiustificatamente oltre il trentesimo giorno il Comune potrà procedere alla risoluzione del contratto senza che l'appaltatore abbia nulla a pretendere.- ART.11 ESECUZIONE DIRETTA DEI LAVORI E SUBAPPALTO PARZIALE L'impresa resta obbligata all'esecuzione diretta dei lavori, salva l'ipotesi di subappalto parziale, il quale sarà comunque possibile esclusivamente alle condizioni e nei limiti di cui al D.lgs 163/2006 e ss.mm.ii.. ART.12 SPESE CONTRATTUALI Sono a carico dell'impresa le spese tutte, nessuna esclusa ed eccettuata, inerenti o conseguenti al presente appalto, compresa la tassa di registrazione del contratto senza il diritto di rivalsa nei confronti dell'ente appaltante, le imposte e sopraimposte e le altre tasse relative nonchè tutti i contributi e quant'altro inerente e pertinente al contratto, essendo dette imposte incluse nel canone d'appalto.

7 ART.13 PERSONALE Per l'adempimento di tutte le obbligazioni conseguenti alla esecuzione del presente capitolato, l'impresa dovrà disporre, all'inizio dell'appalto, di tutto il personale occorrente ai lavori. Tutto il personale, nell'espletamento delle proprie mansioni, dovrà tenere un contegno serio e corretto e dovrà obbedienza agli amministratori ed ai dipendenti dell'amm.ne Comunale investiti delle funzioni di controllo e di vigilanza sui lavori affidati in appalto. Il personale dipendente dell'impresa dovrà essere altresì capace e fisicamente idoneo. ART. 14 PROVVEDIMENTI PER IL PERSONALE L'impresa sarà tenuta alla completa osservanza, nei riguardi del personale alle proprie dipendenze, di tutte le disposizioni e norme contenute nel contratto collettivo nazionale di lavoro della categoria, accordi intercomunali, regionali, locali ed aziendali, nonchè le disposizioni di legge in materia di riposo settimanale, ferie, assicurazioni sociali etc. Sarà pure a carico dell'impresa, per il personale alle proprie dipendenze, il pagamento di tutti i contributi pertinenti al datore di lavoro ed inerenti alla assicurazione invalidità, vecchiaia e superstiti, l'assicurazione infortuni, malattie, disoccupazione, ecc.. Si intendono a carico dell'impresa e compresa nel canone, le indennità di anzianità che il personale matura alle sue dipendenze e che dovranno essere corrisposte all'atto della risoluzione del rapporto di lavoro. Per i fini indicati dall art.4 del D.P.R. 207/2010 si opera sull'importo netto progressivo dei lavori una ritenuta dello 0,50%, salvo le maggiori responsabilità dell'appaltatore. ART.15 DECADENZA E REVOCA DELL'APPALTO - RISOLUZIONE DEL CONTRATTO Il presente appalto si intenderà senz'altro decaduto in caso di scioglimento o cessazione dell'impresa. Nel caso che eventuali inadempienze o abusi nell'adempimento degli obblighi contrattuali, siano per numero, frequenza e gravità, tali da rendere impossibile la prosecuzione del contratto, l'amministrazione Comunale, sentite le giustificazioni dell'impresa, ove non ritenga di accettarle, potrà deliberare la revoca dell'appalto provvedendo direttamente alla continuazione dei lavori dopo aver redatto apposito verbale di consistenza e procedere, senza alcuna formalità amministrativa e giudiziaria, alla risoluzione del contratto, salvo restando ogni sua altra azione per risarcimento di eventuali danni, spese ed interessi. Ogni comunicazione dell'amministrazione Comunale attinente a quanto costituisce oggetto del presente articolo sarà notificata alla sede legale dell'impresa appaltatrice. ART.16 CONTROVERSIE E FORO COMPETENTE Il Foro competente per qualunque controversia relativa all'interpretazione e all'esecuzione delle norme del presente Capitolato Speciale e delle norme applicabili al rapporto, nessuna esclusa, nè accettata e che non si sia potuto definire con accordo diretto o con accettazione da parte dell'impresa sarà quello di Modica. N.B. Le parti evidenziate in giallo sono state rettificate con avviso del

8 ELENCO PREZZI AN.1 Rif. art.5 lettera a) comma 2 Intervento eseguito con autoespurgo durante il regolare orario di servizio Da lunedì a sabato dalle ore 8,00 alle ore 18,00 con segnalazione effettuata entro le ore 17,00 cad.. 55,00 AN.2 Rif. art.5 lettera a) comma 3 Intervento eseguito con autoespurgo in orario compresi fra le ore 18,00 e le ore 8,00 con segnalazione effettuata dopo le ore 17,00, aumentato del 30% cad.. 71,50 AN.3 Rif. art.5 lettera a) comma 4 Intervento eseguito con autoespurgo nei giorni festivi in qualsiasi fascia di orario, aumentato del 50% cad.. 82,50 AN.4 Rif. art.5 lettera b) Nolo a caldo di autoespurgo per interventi di pulizia o svuotamento di vasche di raccolta dei liquami, scantinati,ecc ora. 75,00 AN.5 Rif. art.5 lettera c) Esecuzione di videoispezioni di condotte, cunicoli, canaloni, pluviali, ecc ora. 75,00 AN.6 Rif. art.5 lettera d) Pulizia e mantenimento degli imbocchi e degli sbocchi dei canaloni acque bianche sfocianti sulle spiagge cittadine, previa rimozione di detriti: Operaio comune ora. 18,20 Autospiratore con operatore ora. 100,00 Oneri per lo smaltimento a discarica T.. 9,00 Trasporto in discarica di materiale di risulta corpo. 200,00 N.B. Le parti evidenziate in giallo sono state rettificate con avviso del

9 COMPUTO METRICO Rif. art.5 lettera a) comma 2 Interventi previsti n. 250 *. 55,00 = ,00 Rif. art.5 lettera a) comma 3 Interventi previsti n. 30 *. 71,50 = ,00 Rif. art.5 lettera a) comma 4 Interventi previsti n. 15 *. 82,50 = ,50 Rif. art.5 lettera b) Interventi previsti ore 100 *. 75,00 = ,00 Rif. art.5 lettera c) Interventi previsti ore 50 *. 75,00 = ,00 Rif. art.5 lettera d) Operaio comune n.2 * ore 8 * giorni 7 *. 18,20 = ,40 Nolo di auto aspiratore ore 3 * giorni 7 *. 100,00 = ,00 Oneri di smaltimento T. 12 *. 9,00 =. 108,00 Spese di trasporto a rifiuto presso discariche autorizzate. 200,00 SOMMANO ,40 Costo dei lavori arrotondato ,00 TOTALE LAVORI ,90 QUADRO ECONOMICO Costo del Servizio ,00 Oneri per la sicurezza pari al 3%. 987, ,00 Somme a disposizione dell Amministrazione per IVA al 21% ,27 per A.U.T.C. 2%. 677,74 per imprevisti ed arrotondamenti. 318, , ,00 Pozzallo, 19/04/2012 TOTALE ,00 Il tecnico progettista geom. Salvatore Donzello Il dirigente dell U.T.C. Ing. Giovanni Gambuzza

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

Verbale consegna lavori in via d urgenza

Verbale consegna lavori in via d urgenza Mod. ATE.03.03 Pag.1 di pag 5 AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VERONA Finanziamento: Lavori: per la realizzazione di....in Comune di Importo lavori di appalto: Affidamento

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

CONSORZIO VALLE CRATI

CONSORZIO VALLE CRATI CONSORZIO VALLE CRATI ART. 31 Dlgs 267/2000 87036 RENDE (CS) Nr. 17 DETERMINAZIONE DELL UFFICIO TECNICO Del 16.10.2014 Prot. nr. 1833 OGGETTO: Gestione tecnica, operativa ed amministrativa di manutenzione

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

COMUNE DI CAMPORGIANO

COMUNE DI CAMPORGIANO COMUNE DI CAMPORGIANO PROVINCIA DI LUCCA Piazza Roma n. 1 Tel. 0583/618888 Fax. 0583/618433 C.F. 00398710467 E-mail : demografico@comune.camporgiano.lu.it CAPITOLATO D APPALTO AFFIDAMENTO MEDIANTE PROCEDURA

Dettagli

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi 1/6 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:268701-2013:text:it:html Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701 Bando di gara Servizi Direttiva 2004/18/CE Sezione

Dettagli

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS)

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) Art. 1 - Oggetto dell affidamento L oggetto dell affidamento

Dettagli

AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA.

AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA. AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA. CIG: 5066492974 Quesito 1 Domanda: Nel Capitolato Tecnico

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA Viabilità Via Frà Guittone, 10 52100 Arezzo Telefono +39 0575 3354272 Fax +39 0575 3354289 E-Mail rbuffoni@provincia.arezzo.it Sito web www.provincia.arezzo.it C.F. 80000610511 P.IVA 00850580515 AVVISO

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3.

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3. CAPITOLATO DI APPALTO PER LA FORNITURA DI MATERIALE INFORMATICO PER I SITI MUSEO CIVICO F.L.BELGIORNO FOYER TEATRO GARIBALDI CENTER OF CONTEMPORARY ARTS PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA

Dettagli

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010 Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010 Sottoscritto definitivamente in data 20 dicembre 2010 Comune di MERCATELLO SUL METAURO

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari.

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. servizio acquisti e contratti L Aquila 14 luglio 2014 Prot. 924 acq./dnc Spett.le Lotto CIG: Z111026FC0 OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. Questa azienda intende locare gli spazi, utilizzabili a fini

Dettagli

COMUNE DI NISCEMI PROVINCIA DI CALTANISSETTA Ripartizione Lavori Pubblici e Ambiente

COMUNE DI NISCEMI PROVINCIA DI CALTANISSETTA Ripartizione Lavori Pubblici e Ambiente COMUNE DI NISCEMI PROVINCIA DI CALTANISSETTA Ripartizione Lavori Pubblici e Ambiente OGGETTO: SERVIZIO DI DISINFESTAZIONE E DERATTIZZAZIONE IN TUTTO IL TERRITORIO COMUNALE, NELLE SCUOLE E EDIFICI PUBBLICI

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le. sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto.

Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le. sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto. Rep. n. Prot. n. 2009/ Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto.) REPUBBLICA ITALIANA Il giorno..

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i Arezzo, 06 maggio 2011 Dott. DAVIDDI Paolo STOLZUOLI Stefania Tecnici di Prevenzione Dipartimento della Prevenzione Azienda USL 8 - Arezzo

Dettagli

CORE Consorzio Recuperi Energetici S.p.A.

CORE Consorzio Recuperi Energetici S.p.A. SERVIZIO DI FORMAZIONE PONTEGGI ANNI 2015-2017 CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO (14/M/006C) CIG N 61470301A1 SOMMARIO Articolo 1. OGGETTO DELL APPALTO Articolo 1bis DEFINIZIONI Articolo 2. LUOGO DI ESECUZIONE

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO A l l e g a t o A COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO (ERRATA CORRIGE AL C.M.E. ALLEGATO ALLA GARA ED INSERITO SUL WEB) PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA OGGETTO OPERE

Dettagli

ENEA - Ente per le Nuove tecnologie, l'energia e l'ambiente BANDO DI GARA. I.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: ENEA - Ente per le Nuove

ENEA - Ente per le Nuove tecnologie, l'energia e l'ambiente BANDO DI GARA. I.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: ENEA - Ente per le Nuove ENEA - Ente per le Nuove tecnologie, l'energia e l'ambiente BANDO DI GARA I.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: ENEA - Ente per le Nuove tecnologie, l Energia e l Ambiente - indirizzo postale:

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALL'ALLACCIAMENTO ED AMMISSIONE AL SERVIZIO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE PER SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NELLA RETE FOGNARIA PROVENIENTI DA UN INSEDIAMENTO RESIDENZIALE (La

Dettagli

ORARIO DI LAVORO DEI LAVORATORI MOBILI NEL SETTORE TRASPORTI

ORARIO DI LAVORO DEI LAVORATORI MOBILI NEL SETTORE TRASPORTI ORARIO DI LAVORO DEI LAVORATORI MOBILI NEL SETTORE TRASPORTI Sommario: 5064.0 QUADRO GENERALE 5064.1 ORARIO DI LAVORO 5064.1.1 Durata dell'orario di lavoro settimanale 5064.1.2 Riposi intermedi 5064.1.3

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Allegato alla determinazione dirigenziale n. 1/2011 AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Ufficio di Segreteria Giuridico-Amministrativa U.O. Affari Generali, Giuridici e di Raccordo Istituzionale Via V.

Dettagli

DETERMINA N. 21 del 23 marzo 2015 I L D I R E T T O R E G E N E R A L E

DETERMINA N. 21 del 23 marzo 2015 I L D I R E T T O R E G E N E R A L E CONSORZIO DI BONIFICA 11 MESSINA DETERMINA N. 21 del 23 marzo 2015 OGGETTO Progetto per la razionalizzazione della canalizzazione irrigua Fascia Etnea -Valle Alcantara-, I stralcio esecutivo funzionale.

Dettagli

SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI E LOCALI COMUNALI

SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI E LOCALI COMUNALI CITTÀ DI MARTINA FRANCA Provincia di Taranto SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI E LOCALI COMUNALI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO COMUNE DI MARTINA FRANCA - Piazza Roma, 32-74015 Martina Franca (Ta) Tel. 0804836111

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA PRESSO IL CASTELLO DI MONTERIGGIONI. C a p o I C A RATTERISTI CHE DELL AP P ALTO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA PRESSO IL CASTELLO DI MONTERIGGIONI. C a p o I C A RATTERISTI CHE DELL AP P ALTO CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA PRESSO IL CASTELLO DI MONTERIGGIONI C a p o I C A RATTERISTI CHE DELL AP P ALTO Art. 1 - OGGETTO 1. Il presente capitolato ha per oggetto lo svolgimento,

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi

Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi COSTRUZIONI Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi di Mauro Cappello Mauro Cappello GEOCENTRO/magazine pubblica, di Mauro Cappello, Ingegnere e Ispettore Verificatore

Dettagli

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n..

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n.. DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE CHE NON RECAPITANO NELLA RETE FOGNARIA (La domanda dovrà essere compilata su carta legale o resa legale). Al Signor Sindaco del Comune

Dettagli

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 74 del 30.11.2009 ESECUTIVO DAL 28.12.2009

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI In base alla Deliberazione del Direttore Generale n. 312 del 18 ottobre 2012 si è provveduto all istituzione e disciplina dell Albo dei Fornitori dell

Dettagli

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina 2707/09. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via IV Novembre 119/A- 00187 Roma (Italia) Punti

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

INCENTIVI PER ATTIVITA DI PROGETTAZIONE E DI PIANIFICAZIONE

INCENTIVI PER ATTIVITA DI PROGETTAZIONE E DI PIANIFICAZIONE II Commissario delegato per la ricostruzione - Presidente della Regione Abruzzo STRUTTURA TECNICA DI MISSIONE Azioni di supporto ai Comuni colpiti dal sisma del 6 aprile 2009 INCENTIVI PER ATTIVITA DI

Dettagli

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica . (FAC-SIMILE ISTANZA DI PARTEZIPAZIONE) AL COMUNE DI PIANA DEGLI ALBANESI DIREZIONE A.E.S. LAVORI PUBBLICI E PROGETTAZIONE VIA P. TOGLIATTI, 2 90037 PIANA DEGLI ALBANESI (PA) Il sottoscritto.... nato

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV.

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV. All. 2) al Disciplinare di gara Spett.le Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE Via Pisa - P.zza Giovanni XXIII 95037 - San Giovanni La Punta Oggetto: GARA PER L AFFIDAMENTO DEI LAVORI RELATIVI

Dettagli

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2011

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2011 Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2011 Sottoscritto definitivamente in data 5 settembre 2012 Comune di MERCATELLO SUL METAURO

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO Denominazione ufficiale: Quartier Generale della Guardia di

Dettagli

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it Allegato 4) Regolamento... li... ALLA SRT - SOCIETA PUBBLICA PER IL RECUPERO ED IL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI S.p.A. Strada Vecchia per Boscomarengo s.n. 15067 NOVI LIGURE AL Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

Repertorio n. CONVENZIONE PER LA CESSIONE IN PROPRIETA DI AREA P.E.E.P. GIA CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI ROCCASTRADA (Provincia di Grosseto) L anno duemila il giorno

Dettagli

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI PRATO, PISTOIA, LUCCA, E DELLE APUANE, AI SENSI DELL

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro.

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro. L. 15 luglio 1966, n. 604 (1). Norme sui licenziamenti individuali (2). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 6 agosto 1966, n. 195. (2) Il comma 1 dell art. 1, D.Lgs. 1 dicembre 2009, n. 179, in combinato 1.

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

COMUNE DI GENZANO DI ROMA PROVINCIA DI ROMA C.A.P. 00045

COMUNE DI GENZANO DI ROMA PROVINCIA DI ROMA C.A.P. 00045 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA, SORVEGLIANZA E PULIZIA, NELLE SCUOLE DELL INFANZIA PARITARIE COMUNALI TRUZZI E G. RODARI DI GENZANO DI ROMA ANNI SCOLASTICI 2012/2013-2013/2014-2014/2015,

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato PROVINCIA DI ROMA Regolamento Servizio di Economato Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 1111 dell 1 marzo 1995 Aggiornato con delibera del Consiglio Provinciale n. 34 del 12 luglio 2010

Dettagli

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione COMUNE DI ALBIATE Provincia di Monza e della Brianza REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RIPARTIZIONE TRA IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO E GLI INCARICATI DELLA REDAZIONE DEL PROGETTO, DEL COORDINAMENTO PER LA

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in, alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito da in persona di ), e, nato a, il, residente in, alla

Dettagli

Allegato H SCHEMA DI CONTRATTO

Allegato H SCHEMA DI CONTRATTO Allegato H SCHEMA DI CONTRATTO AFFIDAMENTO ANNUALE DELLA GESTIONE DELLA CASA FAMIGLIA PER DISABILI ADULTI SITA IN LARGO FRATELLI LUMIERE, 36, NONCHÉ QUELLA DEL CENTRO DIURNO SE FINANZIATO DA ROMA CAPITALE

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO. L'anno duemila..., il giorno del mese di...in Roma

SCHEMA DI CONTRATTO. L'anno duemila..., il giorno del mese di...in Roma SCHEMA DI CONTRATTO L'anno duemila..., il giorno del mese di.....in Roma TRA Lottomatica Group S.p.A. con sede in Roma, Viale del Campo Boario n. 56/d - 00154 Codice Fiscale e Partita IVA n. 08028081001,

Dettagli

Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa. Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : /

Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa. Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : / Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : / GARDA UNO SPA Spazio per timbro e data di protocollo Via I. Barbieri, 20 25080 PADENGHE s/g

Dettagli

DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53, d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18, comma 1, lettera r, d.lgs. 09/04/2008 n. 81)

DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53, d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18, comma 1, lettera r, d.lgs. 09/04/2008 n. 81) Mod. 4 bis - Prest. DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53 d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18 comma 1 lettera r d.lgs. 09/04/2008 n. 81) Alla Sede INAIL INAIL TIMBRO DI ARRIVO Data di spedizione

Dettagli

BANDO DI GARA D'APPALTO. Economiche - Direzione per la gestione dei procedimenti connessi alle Entrate Extra-

BANDO DI GARA D'APPALTO. Economiche - Direzione per la gestione dei procedimenti connessi alle Entrate Extra- . ROMA CAPITALE BANDO DI GARA D'APPALTO SEZIONE I) AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE. 1.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: Roma Capitale - Dipartimento Risorse Economiche - Direzione per la

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

La Consegna dei Lavori

La Consegna dei Lavori La Consegna dei Lavori Il contratto viene posto in esecuzione dall Amministrazione con La consegna dei lavori. Si tratta, complessivamente, di una serie di atti di carattere giuridico e di operazioni materiali,

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Direzione Generale Direzione Centrale per l Attività Amministrativa e la Gestione del Patrimonio CAPITOLATO TECNICO

ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Direzione Generale Direzione Centrale per l Attività Amministrativa e la Gestione del Patrimonio CAPITOLATO TECNICO SERVIZIO DI FACCHINAGGIO CON GESTIONE DEL CICLO LOGISTICO COMPRENSIVA DEL MONITORAGGIO INFORMATIZZATO E TRASPORTO COSE ALL INTERNO E TRA LE VARIE SEDI ISTAT DI ROMA CAPITOLATO TECNICO 1 INDICE 1. OGGETTO

Dettagli

REGOLAMENTO PER ATTIVITA DI VIGILANZA E COLLAUDO DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE

REGOLAMENTO PER ATTIVITA DI VIGILANZA E COLLAUDO DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE REGOLAMENTO PER ATTIVITA DI VIGILANZA E COLLAUDO DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE CAPO AREA INFRASTRUTTURE CIVILI ING. WALTER RICCI DIRIGENTE SERVIZIO STRADE ARCH. MARTA MAGNI CAPO AREA PIANIFICAZIONE TERRITORIALE

Dettagli

Il Termine di Esecuzione Lavori

Il Termine di Esecuzione Lavori Il Termine di Esecuzione Lavori Il carattere non essenziale del termine Di regola negli appalti di lavori pubblici il termine contrattuale di ultimazione non è essenziale (art. 1457 del cod.civ.). Come

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI MANUALE DI GESTIONE Breve descrizione del canile (fabbricati: box, locali accessori). Modalità di approvvigionamento idrico e smaltimento reflui animali. Individuazione responsabile generale (titolare)

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

CITTA DI CASARSA DELLA DELIZIA Provincia di Pordenone AVVISO PUBBLICO PER LA GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI PERIODO 01/10/2008 30/09/2009

CITTA DI CASARSA DELLA DELIZIA Provincia di Pordenone AVVISO PUBBLICO PER LA GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI PERIODO 01/10/2008 30/09/2009 CITTA DI CASARSA DELLA DELIZIA Provincia di Pordenone Prot. n. AVVISO PUBBLICO PER LA GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI PERIODO 01/10/2008 30/09/2009 E intendimento dell Amministrazione Comunale,

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

PUBBLICO INCANTO. TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE Sagarriga Visconti Volpi di BARI Capitolato d oneri

PUBBLICO INCANTO. TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE Sagarriga Visconti Volpi di BARI Capitolato d oneri Ministero per i Beni e le Attività Culturali DIPARTIMENTO PER I BENI ARCHIVISTICI E LIBRARI DIREZIONE GENERALE PER I BENI LIBRARI E GLI ISTITUTI CULTURALI PUBBLICO INCANTO TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE

Dettagli

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI CAPITOLATO TECNICO Servizio di pulizia, di facchinaggio interno

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO 1. CAMPO DI APPLICAZIONE 1.1 Le presenti Condizioni Generali di Acquisto ("GPC") si applicano all acquisto di materiali, articoli, prodotti, componenti, software ed i relativi

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO FONDAZIONE FORENSE DI PESARO Palazzo di Giustizia, Piazzale Carducci n. 12 GUIDA PRATICA ALL ACQUISTO DI IMMOBILI ALL ASTA Perché acquistare un immobile all asta? Acquistare all asta è spesso più conveniente.

Dettagli

CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA

CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA [D.Lgs. 6 settembre 2011, n. 159 e ss.mm.ii. (di seguito Codice)] Entrata in vigore delle ultime modifiche (D.Lgs. n. 153/2014): 26 novembre 2014 D.P.C.M. n. 193/2014 Regolamento

Dettagli

Denuncia alla Commissione Europea riguardante inadempimento del diritto comunitario

Denuncia alla Commissione Europea riguardante inadempimento del diritto comunitario Denuncia alla Commissione Europea riguardante inadempimento del diritto comunitario 1) Dati identificativi del denunciante: ACER Associazione dei Costruttori Edili di Roma e Provincia in persona del legale

Dettagli

Regolamento per l utilizzo dei locali scolastici di proprietà comunale

Regolamento per l utilizzo dei locali scolastici di proprietà comunale Comune di Sanluri Provincia del Medio Campidano Regolamento per l utilizzo dei locali scolastici di proprietà comunale Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n 66 del 26.11.2004. Sommario Art.

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli