Magna Charta del Donatore/Donatrice

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Magna Charta del Donatore/Donatrice"

Transcript

1 Magna Charta del Donatore/Donatrice Caro donatore, gentile donatrice, grazie per la scelta di solidarietà e per l impegno assunto con la tua iscrizione alla nostra associazione. Al fine di favorire la conoscenza dell associazione e di quelli che sono i tuoi diritti e doveri leggi attentamente e conserva questo documento che ti aiuterà sia quando si tratterà di fare una donazione sia che tu voglia anche impegnarti in altra maniera favorendo le attività dell associazione e la promozione del dono del sangue. Criteri di idoneità alla donazione. Requisiti fisici di idoneità Accanto a quelli già conosciuti, (età fra i 18 ed i 65 anni e peso non inferiore ai 50 Kg; per le donne inoltre: non durante il ciclo; non in gravidanza ed allattamento o aborto), altri requisiti sono: a) pressione arteriosa: sistolica (o massima) deve essere compresa tra i 110 ed i 180 mmhg, b) Frequenza Cardiaca o polso: le pulsazioni devono essere comprese fra i 50 ed i 100 battiti al minuto c) Non malattie in atto (influenza, raffreddore, mal di gola, febbre ecc.); non allergie in atto (riniti, sinusiti, orticaria, asma, ecc. ); calo di peso ingiustificato d) Hb: donna: >/= 12,5 g % ml; uomo: >/=13,5 g % ml N.B.: per i Nuovi Italiani (stranieri) residenti in Italia la legge prevede inoltre i seguenti requisiti: a) almeno 2 anni di residenza in Italia b) possesso della Tessera Sanitaria c) conoscenza della lingua italiana scritta e parlata Condizioni in cui non si può donare 1) Non idoneità permanente a) malattie epilettiche o convulsioni ad eccezione di quelle per le quali sono trascorsi 3 anni dall ultima terapia anticonvulsiva senza ricadute; b) malattie emorragiche; c) malattie autoimmuni ad esclusione della Malattia Celiaca purchè il donatore segua una dieta priva di glutine; d) malattie cardiovascolari ad eccezione di anomalie congenite completamente curate; e) diabete: solo se insulinodipendente; f) persone affette o precedentemente affette da: epatite B; epatite C; epatite infettiva (ad eziologia indeterminata); HIV1 e 2 (AIDS), HTLVI/II; lebbra; babesiosi, leishmaniosi;; sifilide; tripanosomiasi; g) trapianto di cornea e/o dura madre, h) somministrazione di ormoni ipofisari di origine umana (es.: ormoni della crescita e/o gonadotropine); i) uso non prescritto dal medico di sostanze farmacologiche, per via endovena o intramuscolo, tese al miglioramento delle prestazioni sportive o a scopo di culturismo fisico, comprese le sostanze stupefacenti; l) comportamenti sessuali ad alto rischio di trasmissione di malattie infettive, comprese le persone che hanno avuto rapporti sessuali in cambio di denaro o di droga; m) alcoolismo cronico; n) malattia di Creutzfeldt Jacob (o presenza di casi nella famiglia di insonnia familiare mortale, demenza); o) Soggiorno nel Regno Unito (Gran Bretagna) per un periodo cumulativo superiore ai 6 mesi dal 1980 al 1996); p) candidati donatori che hanno ricevuto trasfusioni allogeniche nel Regno Unito

2 dopo il 1980; q) affezioni gastrointestinali, epatiche, urogenitali, ematologiche, renali, metaboliche e respiratorie gravi, croniche o recidivanti 2) Non idoneità per 5 anni a) Glomerulonefrite acuta (dopo la guarigione definitiva) 3) Non idoneità per 2 anni a) Reumatismo articolare acuto (dopo la guarigione definitiva, in assenza di cardiopatia cronica); b) Brucellosi (dopo la guar igione definitiva); d) tubercolosi (dopo la guarigione definitiva); e) osteomielite (dopo la guarigione definitiva); f) febbre Q (dopo la completa guarigione) 4) Non idoneità per 1 anno a) Allergia ai farmaci con particolare riguardo alla penicillina (dopo l ultima esposizione); b) Rabbia (se il soggetto è stato vaccinato dopo l esposizione cioè il morso di un animale affetto da rabbia; c) Parto; 5) Non idoneità per 6 mesi a) Mononucleosi e Citomegalovirus (dopo la guarigione); b) malattia di Lyme (dopo la guarigione); c)soggiorno in zone tropicali (dopo il ritorno ed in assenza di febbri e/o malesseri di natura indeterminata); d) interruzione di gravidanza; e) toxoplasmosi (dopo la guarigione ed in assenza di anticorpi IgM) Malaria: 1) individui che sono vissuti in una zona malarica nei primi 5 anni di vita o per 5 anni consecutivi della loro vita, a condizione di essere asintomatici: possono donare plasma; possono donare sangue intero e piastrine dopo 3 anni purchè siano asintomatici; 2) individui con pregressa malaria: possono donare plasma; 3) visitatori asintomatici di zone endemiche: possono donare sangue intero e piastrine 6 mesi dopo aver lasciato la zona di endemia 6) Non Idoneità per 4 mesi a)interventi chirurgici maggiori, endoscopie (gastroscopia, colon scopia, rettoscopia, artroscopia, cistoscopia, ecc.),uso di catetere; b) esposizione accidentale al sangue o a strumenti contaminati da sangue; c) trasfusioni di sangue o di emocomponenti o trattamenti con farmaci emoderivati (immunoglobuline antiepatite B e C, antitetanica, ecc); e) contatto diretto con epatitici; e) agopuntura (se non praticata da un medico autorizzato e con l utilizzo di aghi a perdere); h) piercing (se non praticato con strumenti a perdere); i) tatuaggi; m) trapianto di tessuti e/o di cellule; n) rapporti sessuali occasionali a rischio di trasmissione di malattie infettive; o) impianto di denti tramite protesi infisse nelle cavità dentarie 7) Non idoneità per 3 mesi a) Viaggi in zone endemiche per malattie tropicali

3 8 Non idoneità per 1 mese a) Vaccinazioni antimorbillo, antiparotite, antirosolia, antifebbre gialla, antipolio (per via orale), antivaiolo, BCG (antitubercolare) 8) Non idoneità per 28 giorni: Virus del Nilo Occidentale: 28 giorni di non idoneità dopo aver lasciato una zona con casi di malattia nell uomo nell anno in corso nei periodi di endemia e dopo la risoluzione dei sintomi nel caso il donatore abbia contratto la malattia 10 Non idoneità per 15 giorni a) Uso di farmaci cortisonici ed antibiotici; sindrome influenzale; febbre > 38 C 11 Non idoneità per 1 settimana: a) interventi chirurgici minori ( suture ferite superficiali, incisione ascessi superficiali, ecc.,), e comunque a guarigione delle ferite; b) impianto di ponti interdentali 12 Non idoneità per 5 giorni a) Uso di farmaci antiinfiammatori ed antidolorifici non steroidei, quali, ad esempio, aspirina, naprossene, ibuprofene, paracetamolo 13 Non idoneità per 48 ore a) Vaccinazione antiepatite A e B, purchè il soggetto sia asintomatico e non vi sia stata esposizione; b) vaccini costituiti da virus, batteri o rickettsie inattivati/uccisi (purchè il soggetto sia sintomatico); c) vaccini costituiti da tossoidi (purchè il soggetto sia asintomatico); d)vaccinazione antirabbica (purchè il soggetto sia asintomatico e se non preceduta da morso di animali affetti da rabbia); Per tutti gli altri casi non riportati ci sarà una valutazione caso per caso (giudizio di idoneità a discrezione del Medico). Intervalli tra le donazioni (Decreto Legislativo 3/03/2005) : Sangue intero (450+/-50ml) Sangue intero (450+/-50ml) 90 giorni(4 volte/anno massimo per l uomo; ogni 6 mesi, 2volte /anno massimo per la donna) Plasmaferesi * Plasmaferesi * 14 giorni Plasmaferesi * Sangue intero 14 giorni Plasmaferesi * Piastrinoaferesi * 14 giorni Sangue intero Plasmaferesi * 30 giorni Sangue intero Piastrinoaferesi * 30 giorni Piastrinoaferesi * Plasmaferesi * 30 giorni Piastrinoaferesi * Sangue intero 14 giorni Piastrinoaferesi * Piastrinoaferesi * 14 giorni Eritroplasmaferesi * Eritroplasmaferesi * 90 giorni Eritropiastrinoaferesi * Eritropiastrinoaferesi * 90 giorni

4 Plasmapiastrinoaferesi * Plasmapiastrinoaferesi * 14 giorni Sangue intero Plasmapiastrinoaferesi * 30 giorni Piastrinoaferesi (2 sacche) * Piastrinoaferesi (2 sacche) * 30 giorni Sangue intero Piastrinoaferesi (2 sacche) * 30 giorni N.B.: Per le donazioni in aferesi (*), pur essendo previsti per legge gli intervalli sopraddetti tra un aferesi e l altra, per maggior salvaguardia della salute del donatore l AVIS consiglia di effettuare le donazioni con un intervallo di 3 mesi. a) Plasmaferesi = donazione di solo plasma; b) Piastrinoaferesi = donazione di solo piastrine, c) Eritroplasmaferesi = donazione di globuli rossi e di plasma; d) Eritropiastrinoaferesi = donazione di globuli rossi e di piastrine; e) Plasmapiatrinoaferesi = donazione di plasma e di piastrine; f) Piastrinoaferesi (2 sacche) = donazione di 2 concentrati piastrinici Dove donare: Presso i seguenti Centri di Raccolta: Assisi, Branca, Cascia, Castiglione del Lago, Città della Pieve, Pantalla, Gubbio, Nocera, Norcia, Passignano sul Trasimeno, Umbertide Presso i seguenti Servizi ImmunoTrasfusionali: Perugia, Città di Castello, Foligno/Spoleto, Terni Orari dei Servizi per le donazioni: Chiedere alle AVIS di riferimento o direttamente ai Servizi ImmunoTrasfusionali o Centri di raccolta Tempo occorrente per la donazione: a) Sangue intero: 10 minuti circa; b) Aferesi: circa 1 ora Esami pre-donazione: Ad ogni donazione sono eseguiti i seguenti esami (Decreto legislativo 03/03/2005): Visita medica; Esame del sangue con riferimento sia alla sua composizione cellulare, sia biochimica, che infettivologica (ad es: globuli rossi, globuli bianchi, piastrine, emoglobina, ematocrito, formula leucocitaria, glicemia, colesterolemia, trigliceridi, sideremia, ferritina (almeno 1 volta l anno), creatinina, proteine totali; ricerca di markers o antigeni per malattie infettive quali l Epatite B, l Epatite C, l HIV o AIDS; la Sifilide.) Alla prima donazione inoltre vengono eseguiti anche la ricerca del gruppo sanguigno ABO, Rh, Kell e degli anticorpi irregolari. Sono inoltre previsti, a giudizio del medico trasfusionista, esami strumentali quali ad esempio la radiografia del torace e l esame elettrocardiografico NB: a) quando si va a fare la donazione specificare al segretario dell Unità di Raccolta o del Servizio ImmunoTrasfusionale che si fa la donazione a favore dell AVIS cui si è iscritti; b) il giorno in cui si fa la donazione si ha diritto ad astenersi dal lavoro (Legge 107/90, artt.13-14): chiedere il certificato di avvenuta donazione al segretario dell Unità di Raccolta o del Servizio ImmunoTrasfusionale, da consegnare al datore di lavoro il giorno del rientro c) in caso si decida di fare solo donazioni con l aferesi (vedi tabella sopra, al di sotto della riga riferita alla donazione con Sangue Intero), la legge prevede che non si possano fare più di

5 6 donazioni l anno (Decreto legislativo 03/03/2005); ciò è valido sia per la donna che per l uomo Alcuni Consigli Prima della donazione: a) non consumare pasti abbondanti, ricchi di grassi o zuccheri o bevande alcooliche in eccesso nelle 24 ore che precedono la donazione b) riposare ed idratarsi adeguatamente in caso di attività fisiche impegnative e/o stressanti nelle 24 ore che precedono la donazione c) Segnalare al Servizio ImmunoTrasfusionale o al Centro di Raccolta ed alle AVIS di riferimento la comparsa di eventuali malesseri insorti pochi giorni prima la donazione Dopo la donazione. a) trattenersi nei locali adiacenti per almeno mezz ora per garantire ai sanitari un adeguato periodo di osservazione ed un pronto intervento in caso di necessità b) nelle 24 ore successive alla donazione evitare pasti troppo abbondanti ed attività fisiche, sportive o lavorative pesanti senza un adeguato periodo di riposo c) Segnalare al Servizio ImmunoTrasfusionale o al Centro di Raccolta ed alle AVIS di riferimento la comparsa di eventuali malesseri insorti pochi giorni dopo la donazione Parametri e Sigle che compaiono nella risposta degli esami Creatinina = indice della funzione renale; Sideremia = esprime il ferro circolante utile per la formazione dei globuli rossi; Glicemia = esprime la quantità di glucosio circolante; Proteine totali = indice di funzionalità del fegato; ALT : Alanina Transferasi, ex GPT o Transaminasi Glutammico Piruvica = indice di eventuale sofferenza epatica di natura infettiva o di natura fisico chimica; Colesterolemia = indica il colesterolo circolante; Trigliceridemia = indica i grassi circolanti; Ferritina = indica il Ferro di deposito, utile per definire una eventuale anemia in fase iniziale; HIV 1 / 2 Ab (ELISA) = indica la eventuale infezione da virus HIV o AIDS; ELISA è la metodica utilizzata per individuarne la presenza; Sifilide = indica la eventuale infezione di questa malattia venerea; HbsAg (ELISA) = indica la eventuale infezione da virus dell Epatite B; HCV Ab (ELISA) = indica una eventuale infezione da virus dell Epatite C; HCV RNA (NAT) = indica una eventuale infezione da virus dell Epatite C; NAT è l attuale metodica di amplificazione genica usata per individuare il virus; WBC = globuli bianchi; NE% = percentuale di globuli bianchi neutrofili; LY% = percentuale di globuli bianchi linfociti; MO% = percentuale di globuli bianchi monociti; EO% = percentuale di globuli bianchi eosinofili; BA% = percentuale di globuli bianchi basofili; NE # = numero di globuli bianchi neutrofili; LY# = numero di globuli bianchi linfociti; MO# = numero di globuli bianchi monociti; EO# = numero di globuli bianchi eosinofili; BA# = numero di globuli bianchi basofili; RBC = globuli rossi; HGB = emoglobina; HCT = ematocrito, esprime il volume di sangue occupato dai globuli rossi; MCV = volume corpuscolare medio, indica quanto è grande un globulo rosso; MCH = emoglobina corpuscolare media, indica quanta emoglobina è contenuta in un globulo rosso; MCHC = indica la concentrazione emoglobinica corpuscolare media; RDW = indica il diametro medio della parete cellulare dei globuli rossi; PLT = Piastrine; RET% = percentuale di reticolociti o globuli rossi giovani; RET# = numero di reticolociti o globuli rossi giovani Dal regolamento AVIS Art. 2 dono del sangue Il volontario del sangue deve: a) rifiutare qualsiasi compenso per le donazioni effettuate

6 b) evitare di dare notizie atte ad individuare che si sia assoggettato a prelievo a favore di persone determinate c) fornire al personale medico dati anamnestici veritieri d) osservare scrupolosamente le disposizioni impartite dai medici responsabili in ordine all ammissibilità alle donazioni di sangue, alla loro periodicità ed alle visite di controllo Inoltre il donatore volontario deve: a) osservare scrupolosamente i regolamenti e le disposizioni impartite dal Direttore Sanitario in ordine agli esami clinici e di controllo periodici o saltuari. Egli è comunque tenuto a sottoporsi ai controlli sanitari annuali, quale condizione indispensabile per poter donare il sangue b) fare capo, nella sua qualità di Donatore di Sangue, esclusivamente all AVIS a cui è iscritto, salve eccezioni determinate da causa di forza maggiore da segnalare, comunque, all AVIS di appartenenza c) comunicare all AVIS di appartenenza ogni eventuale cambiamento di indirizzo, numero o recapito telefonico e posto di lavoro; in caso di assenza dalla normale residenza per congedo o temporanei trasferimenti, preoccuparsi di comunicare all AVIS di appartenenza la presunta epoca di rientro per facilitare la reperibilità Il Responsabile Area Sanitaria e Direttore Sanitario AVIS Provinciale Perugia Dott. Piergianni Gabriele Dallo Statuto AVIS Art. 1 Costituzione, denominazione e sede L Associazione Nazionale Volontari Italiani del Sangue. È costituita da coloro che donano volontariamente, gratuitamente, periodicamente e anonimamente il proprio sangue e dalle Associazioni Comunali, Provinciali, Regionali e/o equiparate di appartenenza...ha sede in Milano, viale Forlanini, n 23 Art. 2 Scopi Sociali L AVIS è un associazione di volontariato, apartitica, aconfessionale, non lucrativa, che non ammette discriminazioni di sesso, razza, lingua, nazionalità, religione, ideologia politica ha lo scopo di promuovere la donazione di sangue intero o di emocomponenti volontaria, periodica, associata, non remunerata, anonima e consapevole..configura il donatore quale promotore di un primario servizio socio sanitario ed operatore della salute Si propone di : sostenere i bisogni di salute dei cittadini favorendo il raggiungimento dell autosufficienza di sangue e dei suoi derivati a livello nazionale..tutelare il diritto alla salute dei donatori e di coloro che hanno necessità di essere sottoposti a terapia trasfusionale Promuovere l informazione e l educazione sanitaria dei cittadini.. Art. 6 comma 2 Soci E socio dell AVIS chi dona periodicamente il proprio sangue, chi per ragioni di età o di salute ha cessato l attività donazionale e partecipa con continuità all attività associativa e chi, non effettuando donazioni, esplica con continuità funzioni non retribuite e di riconosciuta validità nell ambito associativo Art.5 comma 5

7 Tutti i soci.sono eleggibili alle cariche sociali. Art.21 commi 1 2 Tutte le cariche sociali sono quadriennali e non retribuite, fatta eccezione per i componenti del Collegio dei Revisori dei Conti esterni all Associazione Ai detentori di cariche sociali spetta esclusivamente il rimborso delle spese effettivamente sostenute e documentate in relazione all assolvimento dell incarico. Struttura dell AVIS L AVIS si struttura nei seguenti modi: a) AVIS Comunale che ha il principale compito di effettuare la chiamata dei donatori, di tenere i contatti con loro e di fare attività promozionali sulla donazione di sangue e sulla promozione della salute sul proprio territorio comunale b) AVIS Provinciale che ha il compito di facilitare e coordinare le attività delle AVIS Comunali appartenenti al proprio territorio di competenza e di tenere i contatti con le istituzioni sociali e sanitarie di pari grado c) AVIS Regionale che ha il compito di programmare le attività dell Associazione in ambito Regionale e di tenere i contatti con le istituzioni sociali e sanitarie di pari grado d) AVIS Nazionale Organi dell AVIS Gli organi delle AVIS sono i seguenti: a) l Assemblea dei Soci b) il Consiglio Direttivo che programma e mette in pratica le attività associative, c) Il Consiglio Esecutivo che si fa promotore di proposte di attività che il Consiglio Direttivo potrà deliberare di attuare d) il Collegio dei Sindaci Revisori per il controllo dei bilanci dell Associazione, e) il Collegio dei Probiviri per sciogliere eventuali controversie tra i Soci o tra i Soci e l Associazione Ogni AVIS ha un Presidente, un Segretario, un Amministratore, un Direttore Sanitario ed i componenti del Consiglio o Consiglieri Le cariche sono tutte elettive e ad esse possono accedere tutti i Soci. Ogni anno si svolge l Assemblea dei Soci in cui il Consiglio illustra le attività e bilanci dell ultimo anno e le attività ed i bilanci preventivi per l anno successivo che vengono sottoposti alla discussione e successiva votazione di approvazione o non approvazione da parte dei Soci.. Ogni 4 anni si svolge l Assemblea Straordinaria dei Soci in cui oltre a quanto scritto sopra si vota anche per il rinnovo del Consiglio. Riconoscimenti Associativi Diploma di Benemerenza (dopo il 3 anno di iscrizione all AVIS ed 8 donazioni) Diploma e Medaglia di Bronzo (dopo 5 anni dall iscrizione all AVIS e 16 donazioni) Diploma e medaglia di Argento (dopo 10 anni dall iscrizione all AVIS e 24 donazioni o dopo 36 donazioni indipendentemente dall anno di iscrizione) Diploma e Medaglia d Oro ( dopo 20 anni dall iscrizione all AVIS e 40 donazioni o dopo 50 donazioni indipendentemente dall anno di iscrizione) Diploma con Croce d Oro (dopo 30 anni dall iscrizione all AVIS e 60 donazioni o dopo 75 donazioni indipendentemente dall anno di iscrizione) Diploma con Croce d Oro con Fronde (dopo 40 anni dall iscrizione all AVIS ed 80 donazioni o dopo 100 donazioni indipendentemente dall anno di iscrizione)

8 N.B.: Per le donne, dai 18 fino ai 60 anni di età, ai fini dell acquisizione delle benemerenze, ogni donazione viene considerata come doppia.

Dipartimento di Patologia Clinica e Medicina Trasfusionale. Servizio Trasfusionale Provinciale Ravenna. Informazioni per il donatore di sangue

Dipartimento di Patologia Clinica e Medicina Trasfusionale. Servizio Trasfusionale Provinciale Ravenna. Informazioni per il donatore di sangue Dipartimento di Patologia Clinica e Medicina Trasfusionale Servizio Trasfusionale Provinciale Ravenna Informazioni per il donatore di sangue Quali sono i motivi per i quali vengono effettuati: la compilazione

Dettagli

Donazione di sangue Informazioni utili

Donazione di sangue Informazioni utili Programma Provinciale Sangue e Plasma Donazione di sangue Informazioni utili Associazione Donatori Volontari Sangue tel. 0544/403462 presso Presidio Ospedaliero di Ravenna Associazione Volontari Italiani

Dettagli

Informazioni per il Donatore.pdf

Informazioni per il Donatore.pdf Cod. INFO 01 RA Rev. 1 Data: 09/07/2014 Pagina 1 di 8 Approvato da: Catapano Raffaele DMT La procedura di selezione del donatore e le indagini di laboratorio sull unita donata si pongono come principale

Dettagli

MATERIALE INFORMATIVO PER I DONATORI DI SANGUE ED EMOCOMPONENTI

MATERIALE INFORMATIVO PER I DONATORI DI SANGUE ED EMOCOMPONENTI Pagina 1 di 8 CHI PUO DONARE SANGUE Possono donare sangue ed emocomponenti tutte le persone sane con le seguenti caratteristiche fisiche, salvo deroghe motivate a giudizio del medico trasfusionista responsabile

Dettagli

CARTELLA CLINICA PER IL DONATORE DI SANGUE OMOLOGO

CARTELLA CLINICA PER IL DONATORE DI SANGUE OMOLOGO CARTELLA CLINICA PER IL DONATORE DI SANGUE OMOLOGO MODULO DI ACCETTAZIONE E CONSENSO ALLA DONAZIONE Cognome.. Nome.. Professione.. M F Nato a... (Prov.) il. Codice Fiscale Residente in. Via... N.. Cap

Dettagli

SEZIONE ZANON DEGANUTTI UDINE

SEZIONE ZANON DEGANUTTI UDINE AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA DI UDINE DIPARTIMENTO DI MEDICINA TRASFUSIONALE Direttore: dr. Vincenzo De Angelis Tel. 0432 552346-39 fax 0432 552342 SEZIONE ZANON DEGANUTTI UDINE MODELLO INFORMATIVO

Dettagli

Allegato B (V9 1/5 gen. 2015)

Allegato B (V9 1/5 gen. 2015) Registro nazionale Italiano Donatori Midollo Osseo Italian Bone Marrow Donor Registry Allegato B (V9 1/5 gen. 2015) QUESTIONARIO ANAMNESTICO PRE-ISCRIZIONE Le risposte che Lei fornirà sono confidenziali

Dettagli

Donazioni di sangue - criteri che comportano la sospensione della possibilità di donare

Donazioni di sangue - criteri che comportano la sospensione della possibilità di donare Donazioni di sangue - criteri che comportano la sospensione della possibilità di donare Descrizione Purtroppo non sempre si può donare il sangue. Esistono alcune condizioni per cui non è possibile donare

Dettagli

Benvenuto in Avis Seregno!!

Benvenuto in Avis Seregno!! Benvenuto in Avis Seregno!! PROMEMORIA PER I DONATORI Ricordati che la donazione di sangue intero o di plasma va sempre prenotata perché la prenotazione vuol dire MIGLIORE ORGANIZZAZIONE. Ricordati che

Dettagli

La donazione di sangue: guida per il donatore

La donazione di sangue: guida per il donatore La donazione di sangue: guida per il donatore CHE COS È IL SANGUE... pag. 3 globuli rossi globuli bianchi piastrine plasma DETERMINAZIONE DEL GRUPPO SANGUIGNO... pag. 6 DONAZIONE E TRASFUSIONE... pag.

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA DONAZIONE DI SANGUE

INFORMAZIONI SULLA DONAZIONE DI SANGUE e r o m a d a i c c o g Una INFORMAZIONI SULLA DONAZIONE DI SANGUE Donare il sangue è un gesto di grande solidarietà e responsabilità. I requisiti di idoneità per la donazione hanno la finalità di evitare

Dettagli

Provinciale Modena Stampare e agganciare TUTTE le pagine. DA LEGGERE ATTENTAMENTE PRIMA DELLA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO

Provinciale Modena Stampare e agganciare TUTTE le pagine. DA LEGGERE ATTENTAMENTE PRIMA DELLA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO pag 1 di 1 - Provinciale Modena Stampare e agganciare TUTTE le pagine. DA LEGGERE ATTENTAMENTE PRIMA DELLA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO Gentilissima donatrice, egregio donatore, Le chiediamo di esaminare

Dettagli

Agopuntura Quattro mesi, anche se eseguita da professionisti qualificati con l'utilizzo di aghi usa e getta.

Agopuntura Quattro mesi, anche se eseguita da professionisti qualificati con l'utilizzo di aghi usa e getta. L'elenco che segue riporta le patologie e le condizioni che prevedono la sospensione dalla donazione, come previsto dagli allegati al D.M. 5 marzo 2005. Agopuntura Quattro mesi, anche se eseguita da professionisti

Dettagli

La donazione di sangue: guida per il donatore

La donazione di sangue: guida per il donatore La donazione di sangue: guida per il donatore INDICE CHE COS È IL SANGUE pag. 3 globuli rossi globuli bianchi piastrine plasma DETERMINAZIONE DEL GRUPPO SANGUIGNO pag. 7 DONAZIONE E TRASFUSIONE pag. 8

Dettagli

Caro Donatore / Cara Donatrice,

Caro Donatore / Cara Donatrice, ASSOCIAZIONE VOLONTARI ITALIANI DEL SANGUE VIA LIVIO BORRI 40-41122 MODENA (MO) TEL. 059 36 84 911 www.avis.it/modena Caro Donatore / Cara Donatrice, Ti ringraziamo della tua adesione alla nostra Associazione

Dettagli

COPIA TRATTA DA GURITEL GAZZETTA UFFICIALE ON-LINE

COPIA TRATTA DA GURITEL GAZZETTA UFFICIALE ON-LINE Decreta: Per l emissione dei buoni ordinari del Tesoro del 15 marzo 2005 il prezzo medio ponderato e' risultato pari a 99,485 per i B.O.T. a 92 giorni e a 97,807 per i B.O.T. a 365 giorni. La spesa per

Dettagli

Decreto Ministero Sanità 26 Gennaio 2001 - (G.U. n. 78 3/04/2001)

Decreto Ministero Sanità 26 Gennaio 2001 - (G.U. n. 78 3/04/2001) Decreto Ministero Sanità 26 Gennaio 2001 - (G.U. n. 78 3/04/2001) Vista la legge 4 maggio 1990, n. 107 "Disciplina per le attivita' trasfusionali relative al sangue umano ed ai suoi componenti e per la

Dettagli

Decreto Ministero Sanità 26 Gennaio 2001 - (G.U. n. 78 3/04/2001)

Decreto Ministero Sanità 26 Gennaio 2001 - (G.U. n. 78 3/04/2001) Decreto Ministero Sanità 26 Gennaio 2001 - (G.U. n. 78 3/04/2001) Articolo 1 Vista la legge 4 maggio 1990, n. 107 "Disciplina per le attivita' trasfusionali relative al sangue umano ed ai suoi componenti

Dettagli

DECRETO 26 gennaio 2001 Protocolli per l'accertamento della idoneita' del donatore di sangue e di emocomponenti. IL MINISTRO DELLA SANITA'

DECRETO 26 gennaio 2001 Protocolli per l'accertamento della idoneita' del donatore di sangue e di emocomponenti. IL MINISTRO DELLA SANITA' DECRETO 26 gennaio 2001 Protocolli per l'accertamento della idoneita' del donatore di sangue e di emocomponenti. IL MINISTRO DELLA SANITA' Vista la legge 4 maggio 1990, n. 107 "Disciplina per le attivita'

Dettagli

Standard di Servizio Guida per il Candidato Donatore

Standard di Servizio Guida per il Candidato Donatore Pagina 1 di 20 Standard di Servizio Guida per il Candidato Donatore Pagina 2 di 20 MODELLO INFORMATIVO PER LA SENSIBILIZZAZIONE E INFORMAZIONE DEL INDICE DOVE SI DONA ED ORARIO DI APERTURA... 3 A COSA

Dettagli

La donazione di sangue

La donazione di sangue La donazione di sangue Presentazione La presente guida per il donatore ha la finalità di promuovere la donazione allogenica ed autologa sensibilizzando i cittadini in merito alle seguenti peculiarità:

Dettagli

Donare il sangue è un gesto di solidarietà... Significa dire con i fatti che la vita di chi sta soffrendo mi preoccupa.

Donare il sangue è un gesto di solidarietà... Significa dire con i fatti che la vita di chi sta soffrendo mi preoccupa. Donare Perché donare Donare il sangue è un gesto di solidarietà... Significa dire con i fatti che la vita di chi sta soffrendo mi preoccupa. Il sangue non è riproducibile in laboratorio ma è indispensabile

Dettagli

LA PRIMA VOLTA CHE CAMBI IL MONDO TOUR TIZIANO FERRO 2015

LA PRIMA VOLTA CHE CAMBI IL MONDO TOUR TIZIANO FERRO 2015 LA PRIMA VOLTA CHE CAMBI IL MONDO TOUR TIZIANO FERRO 2015 MANIFESTO Dimensioni: 70x100 cm TZN PER AVIS 1 LOCANDINA Dimensioni: 50x70 cm Tiziano Ferro ti invita a compiere una scelta che può davvero cambiare

Dettagli

Protocolli per l'accertamento della idoneita' del donatore di sangue e di emocomponenti.

Protocolli per l'accertamento della idoneita' del donatore di sangue e di emocomponenti. Ministero della Salute - DECRETO 3 marzo 2005 Protocolli per l'accertamento della idoneita' del donatore di sangue e di emocomponenti. (GU n. 85 del 13-4-2005) IL MINISTRO DELLA SALUTE Vista la legge 4

Dettagli

Decreta: IL MINISTRO DELLA SALUTE

Decreta: IL MINISTRO DELLA SALUTE Capitolo 1 Decreto ministro della salute 3 marzo 2005. Protocolli per l'accertamento della idoneità del donatore di sangue e di emocomponenti. (G.U. 13 aprile 2005, n. 85) IL MINISTRO DELLA SALUTE omissis

Dettagli

IL GIUDIZIO DI IDONEITA Prima della donazione deve essere effettuata dal medico una accurata selezione che prevede: Compilazione di un apposito questionario Raccolta della storia clinica (anamnesi) Visita

Dettagli

D.M. 3 marzo 2005 (1). Protocolli per l'accertamento della idoneità del donatore di sangue e di emocomponenti. IL MINISTRO DELLA SALUTE

D.M. 3 marzo 2005 (1). Protocolli per l'accertamento della idoneità del donatore di sangue e di emocomponenti. IL MINISTRO DELLA SALUTE D.M. 3 marzo 2005 (1). Protocolli per l'accertamento della idoneità del donatore di sangue e di emocomponenti. (1) Pubblicato nella Gazz. Uff. 13 aprile 2005, n. 85. IL MINISTRO DELLA SALUTE Vista la legge

Dettagli

Protocolli per l'accertamento dell idoneità del donatore di sangue e di emocomponenti

Protocolli per l'accertamento dell idoneità del donatore di sangue e di emocomponenti Testo aggiornato al 22 novembre 2005 Decreto ministeriale 3 marzo 2005 Gazzetta Ufficiale 13 aprile 2005, n. 85 Protocolli per l'accertamento dell idoneità del donatore di sangue e di emocomponenti IL

Dettagli

CHI E L AVIS E PERCHE DONARE. SPEEDY GLI UTILI VADEMECUM CON IL DONO DELLA SINTESI

CHI E L AVIS E PERCHE DONARE. SPEEDY GLI UTILI VADEMECUM CON IL DONO DELLA SINTESI CHI E L AVIS E PERCHE DONARE. SPEEDY GLI UTILI VADEMECUM CON IL DONO DELLA SINTESI A V I S R E G I O N A L E V E N E T O LA STORIA A Milano, nel Settembre del 1926, il dott. Vittorio Formentano fa pubblicare,

Dettagli

Cinque minuti per conoscerci...

Cinque minuti per conoscerci... i t u n i m e u q n i C ep r conoscerci... Cinque minuti per conoscerci... 2 L AVIS è un Associazione di volontariato che fonda la propria attività su principi etici e che persegue finalità di promozione

Dettagli

SOSPENSIONI DALLA DONAZIONE

SOSPENSIONI DALLA DONAZIONE SOSPENSIONI DALLA DONAZIONE Il principio che regola la donazione di sangue è la tutela della salute del donatore e del ricevente. Il donatore dovrebbe auto-escludersi dalla donazione qualora si rendesse

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE DECRETO 3 marzo 2005 Protocolli per l'accertamento della idoneita' del donatore di sangue e di emocomponenti.

MINISTERO DELLA SALUTE DECRETO 3 marzo 2005 Protocolli per l'accertamento della idoneita' del donatore di sangue e di emocomponenti. MINISTERO DELLA SALUTE DECRETO 3 marzo 2005 Protocolli per l'accertamento della idoneita' del donatore di sangue e di emocomponenti. IL MINISTRO DELLA SALUTE Vista la legge 4 maggio 1990, n. 107, «Disciplina

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE DECRETO 3 marzo 2005

MINISTERO DELLA SALUTE DECRETO 3 marzo 2005 MINISTERO DELLA SALUTE DECRETO 3 marzo 2005 Protocolli per l'accertamento della idoneità del donatore di sangue e di emocomponenti. (GU n. 85 del 13-4-2005) IL MINISTRO DELLA SALUTE Vista la legge 4 maggio

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE. DECRETO 3 marzo 2005 Protocolli per l'accertamento della idoneita' del donatore di sangue e di emocomponenti.

MINISTERO DELLA SALUTE. DECRETO 3 marzo 2005 Protocolli per l'accertamento della idoneita' del donatore di sangue e di emocomponenti. MINISTERO DELLA SALUTE DECRETO 3 marzo 2005 Protocolli per l'accertamento della idoneita' del donatore di sangue e di emocomponenti. Gazzetta Ufficiale 13-04-2005, n. 85, Serie Generale IL MINISTRO DELLA

Dettagli

Criteri Sospensioni. se affezione attiva,cronica o recidivante ghe,immunologiche,renali,metaboliche,respiratorie

Criteri Sospensioni. se affezione attiva,cronica o recidivante ghe,immunologiche,renali,metaboliche,respiratorie Pag. 1 di 7 *: criteri modificati. SOSPENSIONI ABORTO 6 mesi dall evento AFFEZIONI gastrointestinali,epatiche,urogenitali,ematologiesclusione se affezione attiva,cronica o recidivante ghe,immunologiche,renali,metaboliche,respiratorie

Dettagli

Perché donare? sangue. plasma. piastrine. sangue. sangue. sangue. sangue. sangue. sangue. cordone ombelicale. sangue piastrine piastrine.

Perché donare? sangue. plasma. piastrine. sangue. sangue. sangue. sangue. sangue. sangue. cordone ombelicale. sangue piastrine piastrine. Perché donare? del cordone ombelicale del cordone ombelicale La donazione di, un gesto indispensabile. Donando il tuo puoi aiutare, per esempio, una donna che ha perduto molto durante il parto a riprendere

Dettagli

Protocolli per l'accertamento della idoneita' del donatore di sangue e di emocomponenti. (GU n. 85 del 13-4-2005)

Protocolli per l'accertamento della idoneita' del donatore di sangue e di emocomponenti. (GU n. 85 del 13-4-2005) DECRETO 3 marzo 2005 Protocolli per l'accertamento della idoneita' del donatore di sangue e di emocomponenti. (GU n. 85 del 13-4-2005) MINISTERO DELLA SALUTE DECRETO 3 marzo 2005 Protocolli per l'accertamento

Dettagli

Informativa per consenso informato alla donazione di sangue e di emocomponenti

Informativa per consenso informato alla donazione di sangue e di emocomponenti AZIENDA SANITARIA LOCALE VCO Viale Mazzini 117 28887 OMEGNA (VB) Struttura: Firma per redazione Ermanna Cotti Piccinelli Emesso il: 14-11-2014 Pagina 1 di 5 Firma per approvazione Paolo Cerutti Firma Direttore

Dettagli

Decreto Ministeriale 03 marzo 2005 "Protocolli per l accertamento della idoneità del donatore di sangue e di emoderivati"

Decreto Ministeriale 03 marzo 2005 Protocolli per l accertamento della idoneità del donatore di sangue e di emoderivati Decreto Ministeriale 03 marzo 2005 "Protocolli per l accertamento della idoneità del donatore di sangue e di emoderivati" IL MINISTRO DELLA SALUTE Vista la legge 4 maggio 1990, n. 107, «Disciplina per

Dettagli

1 edizione ottobre 1999. Collaborazione medica a cura dell ufficio direzione sanitaria dell AVIS - ABVS Regionale Veneto.

1 edizione ottobre 1999. Collaborazione medica a cura dell ufficio direzione sanitaria dell AVIS - ABVS Regionale Veneto. L Amico Sangue Edito dall AVIS - ABVS Regionale Veneto Via dell Ospedale n 1 31100 Treviso Tel. 0422 405088 Fax 0422 325042 E-mail: avis.veneto@avis.it http://www.avis.it/veneto 1 edizione ottobre 1999

Dettagli

INFORMATIVA PER IL DONATORE DI SANGUE E CELLULE STAMINALI EMOPOIETICHE Curato da Daniela Belloni Dirigente medico S.I.M.T. - A.O.

INFORMATIVA PER IL DONATORE DI SANGUE E CELLULE STAMINALI EMOPOIETICHE Curato da Daniela Belloni Dirigente medico S.I.M.T. - A.O. Un Dono consapevole La donazione di sangue e di cellule staminali emopoietiche soddisfa la necessità di avere disponibili determinati prodotti che non sono ottenibili in altro modo e sono indispensabili

Dettagli

I nuovi criteri di selezione dei donatori e per la raccolta del sangue

I nuovi criteri di selezione dei donatori e per la raccolta del sangue I nuovi criteri di selezione dei donatori e per la raccolta del sangue Stefania Vaglio Centro Nazionale Sangue LA NUOVA ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO TRASFUSIONALE GIOVEDI 23 OTTOBRE 2014 «Aspirante donatore»:

Dettagli

-idonei. -definitiva - definitiva. - definitiva - definitiva

-idonei. -definitiva - definitiva. - definitiva - definitiva Pag. 1 di 7 *: criteri modificati. SOSPENSIONI (donazione di sangue intero)* ABORTO 6 mesi dall evento AFFEZIONI gastrointestinali,epatiche,urogenitali,ematologiesclusione se affezione attiva,cronica o

Dettagli

Note informative per il donatore di sangue.

Note informative per il donatore di sangue. Dr. Maria Serrau Dr. Angelo Zuccarelli Manuale del donatore Note informative per il donatore di sangue. Diventa donatore. C è bisogno di te. La Donazione è anonima, gratuita, periodica, consapevole e volontaria.

Dettagli

DIPARTIMENTO DI MEDICINA TRASFUSIONALE

DIPARTIMENTO DI MEDICINA TRASFUSIONALE Azienda Provinciale Servizi Sanitari Dipartimento Immunoematologia e Medicina Trasfusionale Documento D.I.M.T. Note informative per i donatori di sangue ed emocomponenti DIMT-Doc-08 Data emissione: 21/09/2010

Dettagli

Gazzetta ufficiale dell'unione europea

Gazzetta ufficiale dell'unione europea 30.3.2004 L 91/25 DIRETTIVA 2004/33/CE DELLA COMMISSIONE del 22 marzo 2004 che applica la direttiva 2002/98/CE del Parlamento europeo e del Consiglio relativa a taluni requisiti tecnici del sangue e degli

Dettagli

Il Vademecum del Donatore

Il Vademecum del Donatore Dipartimento dei Servizi Sezione Trasfusionale Zona Valdichiana Stabilimento Ospedaliero Nottola CHI DONA SANGUE HA CUORE Per chi desidera associarsi, si ricorda che le Associazioni dei Donatori di Sangue

Dettagli

CHI DONA SANGUE HA CUORE.

CHI DONA SANGUE HA CUORE. Tel. e Fax Tel. e Fax Tel. e Fax Tel. e Fax IL E I SUOI COMPONENTI. LE DIVERSE FORME DI DONAZIONE. Il sangue è un tessuto fluido che circola nei vasi sanguigni, rappresenta l 8% del peso corporeo ed è

Dettagli

Accurata selezione del donatore

Accurata selezione del donatore Pag 1 IDONEITA DEL DONATORE DI SANGUE Linee guida applicative dei decreti ministeriali per la selezione del donatore L Istruzione soddisfa il Requisito Organizzativo: B.14.1.4 N 5 dell Accreditamento Istituzionale

Dettagli

IL SANGUE È UN BENE CHE NON SI PUÒ COMPRARE.

IL SANGUE È UN BENE CHE NON SI PUÒ COMPRARE. IL SANGUE È UN BENE CHE NON SI PUÒ COMPRARE. SI PUÒ SOLO DONARE! DIVENTA UN DONATORE ED OGNI TUA STILLA DIVENTERÀ UN PALPITO PER IL CUORE DI UN ALTRO! Misericordia di Pietrasanta Gruppo Fratres Per info

Dettagli

DIVENTA DONATORE di Sangue, Plasma e Piastrine.

DIVENTA DONATORE di Sangue, Plasma e Piastrine. Vinci il muro dell indifferenza, dai più senso alla Tua vita: DIVENTA DONATORE di Sangue, Plasma e Piastrine. INTERCOMUNALE SAN PIETRO Via Cassia 600-00189 Roma Uff. Amm.: Telefax 06 33582700 - Segreteria:

Dettagli

SOMMARIO 3.2. SICUREZZA DELLA DONAZIONE 4. CONCLUSIONI. pag. 2 pag. 2. pag. 8 pag. 9. pag. 11. pag.15 pag.16

SOMMARIO 3.2. SICUREZZA DELLA DONAZIONE 4. CONCLUSIONI. pag. 2 pag. 2. pag. 8 pag. 9. pag. 11. pag.15 pag.16 SOMMARIO 1. INTRODUZIONE 2.1. LA DONAZIONE DEL SANGUE Che cos è il sangue: la composizione e la sua funzione Perché donare sangue A chi servirà la nostra donazione Chi può donare Frequenza delle donazioni

Dettagli

La differenza tra sospensione dalla donazione e patologia

La differenza tra sospensione dalla donazione e patologia ORDINE DEI MEDICI CHIRURGHI E DEGLI ODONTOIATRI DELLA PROVINCIA DI PARMA I Martedì dell Ordine 20 Maggio 2014 LA DONAZIONE DI SANGUE TRA MEDICO DI BASE, ASSOCIAZIONE E SERVIZIO TRASFUSIONALE: UN OBIETTIVO

Dettagli

LA DONAZIONE DI SANGUE

LA DONAZIONE DI SANGUE CHE COSA è La donazione di sangue consiste nel prelievo di un determinato volume di sangue da un soggetto sano, chiamato donatore, al fine di trasfonderlo in un soggetto che ha bisogno di sangue o di uno

Dettagli

ADISCO Emilia-Romagna. Parma, 17 Ottobre 2013 LA DONAZIONE DEL SANGUE CORDONALE Criteri di selezione delle donatrici

ADISCO Emilia-Romagna. Parma, 17 Ottobre 2013 LA DONAZIONE DEL SANGUE CORDONALE Criteri di selezione delle donatrici ADISCO Emilia-Romagna Parma, 17 Ottobre 2013 LA DONAZIONE DEL SANGUE CORDONALE Criteri di selezione delle donatrici Donazione allogenica di sangue cordonale 1. Chi: gravide senza problemi maggiori di salute

Dettagli

Perché donare? sangue. piastrine. plasma. sangue. midollo osseo. cordone ombelicale. piastrine. midollo osseo cordone ombelicale. plasma.

Perché donare? sangue. piastrine. plasma. sangue. midollo osseo. cordone ombelicale. piastrine. midollo osseo cordone ombelicale. plasma. plasma piastrine midollo osseo cordone ombelicale Perché donare? sangue plasma sangue midollo osseo midollo osseo cordone ombelicale plasma piastrine midollo osseo plasma piastrine sangue cordone ombelicale

Dettagli

Sangue autologo Autotrasfusione Da donatore specifico Banca

Sangue autologo Autotrasfusione Da donatore specifico Banca Università degli studi G. D Annunzio Cattedra di Ematologia Direttore Prof. Giovanni Davì Medicina trasfusionale Corso di Laurea in Infermieristica AA 2008-20092009 Dr.ssa Francesca Santilli Fonti di sangue

Dettagli

Programma Sangue Plasma. Guida alla donazione. Informazioni utili

Programma Sangue Plasma. Guida alla donazione. Informazioni utili Programma Sangue Plasma Guida alla donazione Informazioni utili AVIS COMUNALE CESENA Via Serraglio, 14-47521 Cesena (FC) Tel. 0547 613193-352615 Fax 0547 369342 www.aviscesena.it e-mail: aviscesena@libero.it

Dettagli

PICCOLA GUIDA ALLA DONAZIONE DEL SANGUE

PICCOLA GUIDA ALLA DONAZIONE DEL SANGUE PICCOLA GUIDA ALLA DONAZIONE DEL SANGUE A cura del Centro immunotrasfusionale dell ASL SA1 Direttore Mariarosaria Schiavo Prefazione La stesura di questo opuscolo nasce dal desiderio di contribuire a sfatare

Dettagli

SALI SULLA NUVOLA ROSSA DIVENTA DONATORE DI SANGUE. www.donaresangue.it

SALI SULLA NUVOLA ROSSA DIVENTA DONATORE DI SANGUE. www.donaresangue.it SALI SULLA NUVOLA ROSSA DIVENTA DONATORE DI SANGUE www.donaresangue.it DONARE SANGUE È CONDIVIDERE DIVENTA PROTAGONISTA! Chi l ha già fatto te lo può confermare: è un momento intenso e sincero, una piccola

Dettagli

Attività e competenze delle Avis Comunali

Attività e competenze delle Avis Comunali Riunioni zonali Avis della Provincia di Torino - ottobre 2012 - Attività e competenze delle Avis Comunali - Avis Provinciale di Torino - Attività e competenze delle Avis Comunali Costituzione di una Avis

Dettagli

Corso di formazione La gestione delle Comunali

Corso di formazione La gestione delle Comunali La gestione della Comunale è un attività che va affrontata con lo spirito giusto, come un HOBBY, come un ottimo modo per spendere il proprio tempo, con la gioia e la consapevolezza di essere d aiuto a

Dettagli

OPUSCOLO INFORMATIVO SULLA DONAZIONE

OPUSCOLO INFORMATIVO SULLA DONAZIONE OPUSCOLO INFORMATIVO SULLA DONAZIONE PERCHE DONARE SANGUE Il Servizio Trasfusionale negli ultimi 5 anni ha dovuto notevolmente aumentare la raccolta di unità di sangue per far fronte ai bisogni sempre

Dettagli

Donare è vita È un semplice gesto se vuoi puoi farlo!

Donare è vita È un semplice gesto se vuoi puoi farlo! NAPOLI Associazione Giuseppe Mango Onlus Donare è vita È un semplice gesto se vuoi puoi farlo! Donare è vita tante gocce possono formare il mare Il sangue è un importantissimo mezzo terapeutico spesso

Dettagli

STATUTO DELL AVIS COMUNALE (/EQUIPARATA).. (Avis della Provincia di Modena)

STATUTO DELL AVIS COMUNALE (/EQUIPARATA).. (Avis della Provincia di Modena) STATUTO DELL AVIS COMUNALE (/EQUIPARATA).. (Avis della Provincia di Modena) ART. 1 - COSTITUZIONE - DENOMINAZIONE - SEDE c.1 L Associazione Avis Comunale di... è costituita tra coloro che donano volontariamente,

Dettagli

Foglio informativo per le donatrici di sangue del cordone ombelicale Public Cord Blood Bank Switzerland

Foglio informativo per le donatrici di sangue del cordone ombelicale Public Cord Blood Bank Switzerland Foglio informativo per le donatrici di sangue del cordone ombelicale Public Cord Blood Bank Switzerland Dal diversi anni è ormai noto che nel sangue del cordone ombelicale dei neonati si trovano relativamente

Dettagli

Descrizione dell unità mobile

Descrizione dell unità mobile Descrizione dell unità mobile L Unità mobile è un mezzo predisposto all esecuzione di prelievi di sangue per la Tipizzazione di persone volontarie disponibili ad un eventuale donazione di Cellule Staminali

Dettagli

Malattie da virus a trasmissione parenterale

Malattie da virus a trasmissione parenterale Malattie da virus a trasmissione parenterale Epatite B Eziologia Il virus dell epatite B appartiene alla famiglia Hepadnaviridae, genere Orthohepadnavirus. HBV è una particella sferica di 42 nm di diametro.

Dettagli

Capitolo 6 infezione da hiv e aids sindrome da immunodeficienza acquisita SIDA acquired immune defi- ciency syndrome AIDS hiv

Capitolo 6 infezione da hiv e aids sindrome da immunodeficienza acquisita SIDA acquired immune defi- ciency syndrome AIDS hiv Infezione da HIV e AIDS Capitolo 6 La sindrome da immunodeficienza acquisita (SIDA) o acquired immune deficiency syndrome (AIDS) è una malattia del sistema immunitario umano causata dal virus dell immunodeficienza

Dettagli

REGIONE LAZIO. Direttore Generale Dott.Vittorio Bonavita. Impegno con il Cittadino del Servizio di Immunoematologia e Medicina Trasfusionale (SIMT)

REGIONE LAZIO. Direttore Generale Dott.Vittorio Bonavita. Impegno con il Cittadino del Servizio di Immunoematologia e Medicina Trasfusionale (SIMT) REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott.Vittorio Bonavita Impegno con il Cittadino del Servizio di Immunoematologia e Medicina Trasfusionale (SIMT) La sede della Sezione di Immunoematologia e Medicina Trasfusionale

Dettagli

Legislazione AVIS Abruzzo

Legislazione AVIS Abruzzo Decreto Ministero Sanità 3 Marzo 2005.(G.U. n. 85 13/04/2005) Protocolli per l`accertamento della idoneita` del donatore di sangue e di emocomponenti IL MINISTERO DELLA SALUTE Vista la legge 4 maggio 1990,

Dettagli

Prevenzione delle malattie da infezione

Prevenzione delle malattie da infezione Prevenzione delle malattie da infezione Obiettivi della prevenzione allungare la vita; ridurre l'invalidità (disabilità) 3 livelli di prevenzione Primaria: pre-malattia; adozione di specifiche protezioni,

Dettagli

Statuto dell Avis Provinciale di Modena

Statuto dell Avis Provinciale di Modena Statuto dell Avis Provinciale di Modena ART. 1 COSTITUZIONE - DENOMINAZIONE - SEDE c.1 L Associazione Avis Provinciale di Modena è costituita da coloro che donano volontariamente, gratuitamente, periodicamente

Dettagli

CORSI DI FORMAZIONE TATUAGGIO E PIERCING: ASPETTI DI SICUREZZA. Modena 29 giugno 2009

CORSI DI FORMAZIONE TATUAGGIO E PIERCING: ASPETTI DI SICUREZZA. Modena 29 giugno 2009 CORSI DI FORMAZIONE TATUAGGIO E PIERCING: ASPETTI DI SICUREZZA Modena 29 giugno 2009 CENNI DI EPIDEMIOLOGIA E PREVENZIONE DELLE PRINCIPALI INFEZIONI TRASMISSIBILI PER VIA PARENTERALE Epatite B Epatite

Dettagli

Le 5 fasi della donazione

Le 5 fasi della donazione 1 Il personale amministrativo e/o sanitario accoglie il candidato donatore e gli chiede un documento Consegna il questionario di donazione che il donatore dovrà compilare da solo, leggendo con attenzione

Dettagli

Caratteristiche e modalita' per la donazione del sangue e di emocomponenti. Titolo I RACCOLTA DI SANGUE INTERO E DI EMOCOMPONENTI

Caratteristiche e modalita' per la donazione del sangue e di emocomponenti. Titolo I RACCOLTA DI SANGUE INTERO E DI EMOCOMPONENTI Decreto Ministero Sanità 3 Marzo 2005 - (G.U. n. 85 13/04/2005) Caratteristiche e modalita' per la donazione del sangue e di emocomponenti Titolo I RACCOLTA DI SANGUE INTERO E DI EMOCOMPONENTI IL MINISTRO

Dettagli

Allegato G-sco (V0 1/12 gen. 2012)

Allegato G-sco (V0 1/12 gen. 2012) Allegato G-sco (V0 1/12 gen. 2012) INDICAZIONI PER LA VALUTAZIONE DELL IDONEITÀ ALLA DONAZIONE SOLIDARISTICA DEL SANGUE DI CORDONE OMBELICALE Una valutazione sullo stato di salute dei genitori deve essere

Dettagli

Una sintetica «biblioteca» dei principali valori che si possono trovare sul referto degli esami del sangue.

Una sintetica «biblioteca» dei principali valori che si possono trovare sul referto degli esami del sangue. Una sintetica «biblioteca» dei principali valori che si possono trovare sul referto degli esami del sangue. Capire e interpretare gli esami di laboratorio è compito del medico. I valori dei test ematici,

Dettagli

«La nostra realtà è molto diversa?»

«La nostra realtà è molto diversa?» «La nostra realtà è molto diversa?» Quando le capacità e il sapere medico si esauriscono, la vicinanza alla persona che sta morendo prolunga il senso della presa in carico. La donazione di un organo, di

Dettagli

Indicazioni nazionali per la salute dei donatori

Indicazioni nazionali per la salute dei donatori Donazione di sangue: la salvaguardia del donatore e del ricevente Ferrara 6 ottobre 2012 Indicazioni nazionali per la salute dei donatori Dott. Fabio Palma Responsabile Unità di Raccolta Sangue AVIS Provinciale

Dettagli

Donare il sangue: domande e risposte

Donare il sangue: domande e risposte Donare il sangue: domande e risposte IL SANGUE È VITA DONALO Indice Perché è importante donare il sangue? 4 Qual è la funzione del sangue e da cosa è composto? 4 Cosa sono i gruppi sanguigni? 6 Chi può

Dettagli

Informazioni per i nuovi donatori di cellule staminali del sangue

Informazioni per i nuovi donatori di cellule staminali del sangue Informazioni per i nuovi donatori di cellule staminali del sangue Per semplicità redazionale nel testo seguente si utilizza la sola forma al maschile. Naturalmente tutte le denominazioni vanno intese anche

Dettagli

Statuto dell AVIS COMUNALE DI SANTA NINFA

Statuto dell AVIS COMUNALE DI SANTA NINFA STATUTO dell'avis Comunale di SANTA NINFA Approvato dal Consiglio Direttivo il 01/07/2004 Visionato dall Esecutivo dell AVIS Nazionale con il parere di congruità il 15/10/2004. Revisionato ed approvato

Dettagli

Elenco dei Documenti di origine esterna

Elenco dei Documenti di origine esterna 15511 Leggi e Normative Legislazione trasfusionale italiana allo stato: Decreto Ministeriale 28 novembre 1986: inserimento nell elenco delle malattie infettive e diffusive sottoposte a notifica obbligatoria,

Dettagli

IL SANGUE Domande frequenti

IL SANGUE Domande frequenti COMUNALE DI MILAZZO IL SANGUE Domande frequenti 1/10 Alla base della problematica sulla donazione sta la scarsa informazione(sui gruppi sanguigni, sulle diverse donazioni alternative al sangue intero,

Dettagli

INFEZIONI DA CITOMEGALOVIRUS Epidemiologia

INFEZIONI DA CITOMEGALOVIRUS Epidemiologia INFEZIONI DA CITOMEGALOVIRUS Infezione primaria: Quasi sempre asintomatica Talora sindrome mononucleosica Riattivazione Nel soggetto normale Nei pazienti trapiantati Nei pazienti con infezione da HIV Infezione

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE VOLONTARI ITALIANI SANGUE AVIS - SEDE PROVINCIALE DI LODI

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE VOLONTARI ITALIANI SANGUE AVIS - SEDE PROVINCIALE DI LODI Redatto in carta libera ai sensi dell art. 8 agevolazioni fiscali della legge quadro sul volontariato 11 agosto 1991, n 266 e per quanto compatibile dall art. 17 esenzione dall imposta bollo del Decreto

Dettagli

ALLA SCOPERTA DEI TUOI ESAMI E DELLE TECNICHE TRASFUSIONALI SPEEDY GLI UTILI VADEMECUM CON IL DONO DELLA SINTESI

ALLA SCOPERTA DEI TUOI ESAMI E DELLE TECNICHE TRASFUSIONALI SPEEDY GLI UTILI VADEMECUM CON IL DONO DELLA SINTESI ALLA SCOPERTA DEI TUOI ESAMI E DELLE TECNICHE TRASFUSIONALI SPEEDY GLI UTILI VADEMECUM CON IL DONO DELLA SINTESI A V I S R E G I O N A L E V E N E T O Edito dall AVIS - ABVS Regionale Veneto Via dell Ospedale

Dettagli

Il Processo Trasfusionale

Il Processo Trasfusionale Il Processo Trasfusionale Approvvigionamento Apparecchiature Risorse umane Sicurezza D O NA T O RE Esami di validazione e controlli Selezione del donatore Raccolta emocomponenti Preparazione emocomponenti

Dettagli

DONAZIONE DI MIDOLLO OSSEO

DONAZIONE DI MIDOLLO OSSEO DONAZIONE DI MIDOLLO OSSEO Ogni anno migliaia di bambini e di giovani adulti si ammalano di leucemia e di altre malattie del sangue. Queste malattie che fino a pochi anni fa portavano generalmente alla

Dettagli

SEMINARIO INTERATTIVO MEDICI, PAZIENTI E FAMIGLIE

SEMINARIO INTERATTIVO MEDICI, PAZIENTI E FAMIGLIE SEMINARIO INTERATTIVO MEDICI, PAZIENTI E FAMIGLIE Aula Magna I.I.S.S. O. Notarangelo-G. Rosati Foggia AIL Pazienti Mielodisplasie La trasfusione di sangue: Quando è necessaria e quali rischi comporta 22

Dettagli

SUBROGALIA acquisisce la Clinica Istituto di Studi Genetici e di Riproduzione Assistita IEGRA

SUBROGALIA acquisisce la Clinica Istituto di Studi Genetici e di Riproduzione Assistita IEGRA MAGGIO 2014 SUBROGALIA acquisisce la Clinica Istituto di Studi Genetici e di Riproduzione Assistita IEGRA Al fine di offrire tutte le alternative di servizio ai propri clienti, SUBROGALIA ha acquisito

Dettagli

Esami di qualificazione biologica su ogni donazione

Esami di qualificazione biologica su ogni donazione Esami di qualificazione biologica su ogni donazione HCV Ab, HCV-RNA (da giugno 2002) HIV 1-2 Ab, HIV1-RNA (da giugno 2008) HBsAg, HBV-DNA (da giugno 2008) Sierodiagnosi per la lue Decreto Ministro della

Dettagli

(Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 20 ottobre 1998, n. 245) IL MINISTRO DELLA SANITÀ

(Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 20 ottobre 1998, n. 245) IL MINISTRO DELLA SANITÀ D.M. 10 SETTEMBRE 1998 Aggiornamento del d.m. 6 marzo 1995 concernente l'aggiornamento del d.m. 14 aprile 1984 recante protocolli di accesso agli esami di laboratorio e di diagnostica strumentale per le

Dettagli

SERVIZI DI MEDICINA TURISTICA A JESOLO EMERGENZA

SERVIZI DI MEDICINA TURISTICA A JESOLO EMERGENZA REGIONE DEL VENETO AZIENDA SOCIO SANITARIA LOCALE N. 10 VENETO ORIENTALE www.assl10.veneto.it SERVIZI DI MEDICINA TURISTICA A JESOLO EMERGENZA In caso di emergenza chiamare il 118 Per garantire vacanze

Dettagli

La rosolia nella donna in gravidanza

La rosolia nella donna in gravidanza La rosolia nella donna in gravidanza Carla Verrotti Piano Nazionale di eliminazione del morbillo e della Rosolia congenita. Corso ROSOLIA CONGENITA Parma 12 maggio 2007 D.M. 10 SETTEMBRE 1998 Aggiornamento

Dettagli

VISITA MEDICA ANAGRAFICA DEL LAVORATORE DATI RELATIVI ALL'AZIENDA REPARTO E MANSIONE SPECIFICA DI DESTINAZIONE FATTORI DI RISCHIO RACCORDO ANAMNESTICO

VISITA MEDICA ANAGRAFICA DEL LAVORATORE DATI RELATIVI ALL'AZIENDA REPARTO E MANSIONE SPECIFICA DI DESTINAZIONE FATTORI DI RISCHIO RACCORDO ANAMNESTICO CARTELLA SANITARIA E DI RISCHIO - LAVORATORE: MARIA CRISTINA NARCETTI - DATORE DI LAVORO: AZIENDA DI PROVA MEDICO COMPETENTE: VERDI DOTT. MARIO VISITA MEDICA ANAGRAFICA DEL LAVORATORE Cognome e Nome MARIA

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Malattie a trasmissione sessuale

Malattie a trasmissione sessuale Malattie a trasmissione sessuale 1 Definizione Sono infezioni che colpiscono sia gli organi genitali che altre parti del corpo e che si trasmettono mediante i rapporti sessuali con persone infette. 2 Inquadramento

Dettagli

Decreto Legge 10 settembre 1998

Decreto Legge 10 settembre 1998 Decreto Legge 10 settembre 1998 Protocolli di accesso ad esami di Laboratorio e di Diagnostica strumentale delle donne in stato di gravidanza ed a tutela della maternità (Gazzetta Ufficiale 20 ottobre

Dettagli