1 Introduzione. 2 Concetti e terminologia relativi all ammortamento. AMMORTAMENTO E IMPOSTE SUI REDDITI - generalità

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1 Introduzione. 2 Concetti e terminologia relativi all ammortamento. AMMORTAMENTO E IMPOSTE SUI REDDITI - generalità"

Transcript

1 AMMORTAMENTO E IMPOSTE SUI REDDITI - generalità 1 Introduzione La riscossione delle imposte è un attività che risale ai tempi antichi. Richiami al pagamento delle imposte si trovano anche nell Antico Testamento. La maggior parte delle imprese valuta attentamente gli effetti delle imposte sui risultati economici generati da un progetto di ingegneria, in quanto rappresentano un uscita di cassa significativa, che non può essere ignorata. Poiché la legislazione fiscale italiana è molto articolata e complessa, solo alcune sue parti verranno qui richiamate. Si farà, in particolare, riferimento alle imposte sui redditi delle società e agli effetti che queste determinano sui risultati economico-finanziari di un progetto di ingegneria. La documentazione di natura tributaria qui presentata, risponde sostanzialmente ad esigenze didattiche, e per questo risulta limitata e in certi casi semplificata. Inoltre vi è sempre la necessita di aggiornamenti, data la continua evoluzione delle leggi fiscali. Nella pratica, quando si deve valutare un progetto specifico è spesso opportuno rivolgersi ad esperti tributaristi. Dato l effetto che l ammortamento ha sui flussi di cassa dopo le imposte di un progetto, questo tema viene affrontato per primo. 2 Concetti e terminologia relativi all ammortamento Il deprezzamento rappresenta la perdita di valore di valore di un bene fisico determinata dal trascorrere del tempo e dall uso. Tutti i beni fisici sono soggetti a questo fenomeno (con la sola eccezione dei terreni). La perdita di valore di un bene si deve generalmente a più cause. Esiste un deperimento fisico, prodotto dal deterioramento fisico del bene o di alcune sue parti. Tale deterioramento si manifesta in modi tangibili (ad esempio usura di un cuscinetto, corrosione di parti metalliche, eccetera), e determina la riduzione della capacità del bene di mantenere le prestazioni iniziali. Il deperimento fisico può dipendere o meno dall uso che viene fatto del bene. Rientra nella prima specie il deterioramento prodotto dall impiego che comporta vibrazioni, contatti, tensioni, carichi, ed altro ancora e fa sì che il bene (o sue parti) si usurino. Rientra nella seconda specie quello dovuto all azione di elementi esterni, e si manifesta ad esempio nella corrosione di tubazioni, nel marcire del legname, nell arrugginirsi di parti metalliche, e così via. Si ha poi un deperimento funzionale, determinato da una variazione nella domanda del servizio fornito dal bene. Tale variazione può essere dovuta a fenomeni di:

2 (a) Obsolescenza tecnologica prodotta dalla disponibilità di un nuovo bene tecnologicamente superiore, tale da rendere antieconomico l uso del bene in questione (b) Obsolescenza funzionale (inadeguatezza), causata dall incapacità del bene di soddisfare i bisogni perché cambiati, o semplicemente aumentati. Ad esempio, questo è il caso di un impianto che non è più in grado di soddisfare, quantitativamente o qualitativamente, a mutamenti sopraggiunti nella domanda del bene che l impianto era destinato a realizzare; oppure, un sistema o tecnologia acquisiti per fornire un servizio o funzione che non sono più necessari. Sebbene non si tratti di un deperimento vero e proprio, l obsolescenza funzionale provoca l alienazione, la sostituzione o un utilizzo diverso del bene a cui in genere si accompagna un deprezzamento, anche notevole, dello stesso. Un ultima causa di deprezzamento è data dai possibili incidenti a cui il bene è soggetto. Chiaramente un incidente provoca la perdita del valore del bene, ma a differenza delle prime due cause si tratta di un evento del tutto casuale e imprevedibile, che può essere registrato solo una volta avvenuto. Venendo ora al concetto di ammortamento, è possibile affermare che esso rappresenta la modalità contabile con cui di considera e si registra il deprezzamento. In estrema sintesi, si tratta di definire un valore (quota) annuale da sottrarre al reddito in modo che l effetto del tempo e dell utilizzo sul valore iniziale del bene venga registrato nei documenti contabili dell impresa. Le quote di ammortamento annue rappresentano la perdita di valore che il bene subisce di anno in anno nel corso della sua vita economica, rappresentano dei costi da sottrarre ai ricavi dell anno a cui la singola quota si riferisce, e risultano fiscalmente deducibili, ossia comportano una diminuzione del reddito imponibile. Poiché l ammortamento è un costo non di cassa che influenza le imposte sul reddito, è necessario considerarlo con attenzione nello svolgimento di una valutazione economica al netto delle imposte. Un bene ammortizzabile è un bene che la normativa fiscale consente di ammortizzare. Per determinare se un certo bene può essere considerato tale, è necessario rifarsi alle norme vigenti. In tutta generalità, un bene risulta ammortizzabile se soddisfa i seguenti requisiti: 1. deve essere strumentale all esercizio dell impresa 2. deve avere una vita utile determinabile, e tale vita deve avere durata superiore a un anno 1 3. deve usurarsi, deperire, smettere di funzionare, diventare obsoleto, o perdere valore per cause naturali 1 La vigente normativa fiscale italiana (anno 2005) consente la deduzione integrale della spesa nell esercizio in cui è stata sostenuta per i beni il cui costo non supera i 516,46 ¼

3 4. non si tratta di scorte, beni destinati alla vendita o immobili per investimento. I beni ammortizzabili vengono indicati nel Bilancio sotto le voci immobilizzazioni materiali o immobilizzazioni immateriali. Le immobilizzazioni materiali (o fisiche o ancora tecniche) possono essere viste o toccate, e a loro volta si distinguono in beni mobili e beni immobili. Rientrano nel primo tipo i beni che possono essere spostati da un luogo all altro senza perdere le loro caratteristiche, quali macchinari, veicoli, impianti, arredi, e simili. Al contrario, i beni mobili includono i terreni e, generalmente, qualsiasi cosa che sia vincolata al suolo. Per natura il terreno, tuttavia, non è ammortizzabile, in quanto, non essendo soggetto a fenomeni di deterioramento, non ha una vita determinabile. Le immobilizzazioni immateriali sono beni mobili quale copyright, brevetti o diritti di concessione. In questo capitolo si farà riferimento all ammortamento di beni materiali, dato il nostro interesse principale rivolto alla valutazione di investimenti di tipo fisico. Un impresa può iniziare ad ammortizzare il bene posseduto quando questo effettivamente entra in funzione. Il bene entra in funzione quando è pronto e disponibile per un uso specifico, anche se non viene ancora effettivamente usato. L ammortamento termina una volta recuperato il costo sostenuto per la messa in servizio del bene, ossia quando il costo è stato totalmente ripartito negli anni. In altri termini, si può continuare ad utilizzare un bene anche dopo che il suo costo è stato completamente ammortizzato. 3 Altre definizioni importanti Poiché in questo capitolo verranno utilizzati molti termini che, generalmente, non rientrano nel comune vocabolario di un ingegnere, di seguito si propone un elenco conciso di definizioni. Questo elenco ha lo scopo di completare e meglio specificare i vocaboli precedentemente impiegati. VALORE INIZIALE. È dato dal costo sostenuto per acquistare il bene in questione aumentato degli oneri accessori di diretta imputazione, quali ad esempio i costi di trasporto, installazione, montaggio, collaudo e simili. Nel caso di beni strumentali realizzati in proprio dall impresa, questo valore può includere anche gli interessi passivi sui debiti contratti per finanziare la realizzazione del bene fino alla sua entrata in funzione. QUOTA DI AMMORTAMENTO. Dal punto di vista economico rappresenta la perdita di valore subita dal bene nel corso di un determinato anno. In termini contabili, può essere vista come

4 la quota del costo pluriennale del bene che viene contabilizzata nell esercizio in questione come componente negativa di reddito. COEFFICIENTE DI AMMORTAMENTO. Indica l ammontare della quota di ammortamento annua (espressa in termini percentuali del valore iniziale del bene) applicabile in regime di ammortamento ordinario. PERIODO DI AMMORTAMENTO. Indica il numero di anni su cui viene contabilmente ripartito il valore iniziale del bene. In altri termini si tratta della durata del bene così come prevista dalle procedure contabili, o meglio come stabilita dal metodo di ammortamento assunto ai fini fiscali 2. FONDO DI AMMORTAMENTO. Fa riferimento ad un certo istante temporale, ed è dato dalla somma cumulata delle quote di ammortamento contabilizzate fino a quell istante. In termini economici rappresenta la perdita di valore complessivamente subita dal bene dalla sua entrata in funzione fino all anno in questione. VALORE CONTABILE/DI LIBRO (BV). È il valore di una un bene ammortizzabile così come appare nei registri contabili di una impresa (ossia come risulta iscritto nello Stato Patrimoniale), ed è pari al valore iniziale meno il fondo di ammortamento. Rappresenta il valore residuo del bene che deve essere ripartito nel futuro tramite il processo contabile. Il valore contabile alla fine di ogni anno è uguale al valore contabile all inizio dell anno meno la quota di ammortamento maturata nel corso dello stesso anno. Non è detto che il valore contabile di un bene rappresenti una misura significativa del suo valore di mercato. In generale, il BV del bene alla fine del k esimo anno è (valore contabile) k = valore iniziale - k j= 1 (quote di ammortamento) j VALORE DI MERCATO (MV). È quanto si potrebbe ricavare dalla messa in vendita del bene posseduto in un certo istante. VALORE DI RECUPERO/REALIZZO (SV). È la stima del valore che un bene avrà alla fine della sua vita utile. E il prezzo di vendita che il proprietario prevede di poter ricavare quando il bene non potrà più essere impiegato in maniera proficua 3 (quindi coincide con il valore di mercato MV valutato al termine della vita utile del bene). Quando si applicano i metodi di 2 Nel caso ad esempio dell ammortamento ordinario (cfr. più avanti) essa è pari al reciproco del coefficiente di ammortamento stabilito per legge (ad es. 8 anni nel caso di un coefficiente del 12,5%). 3 Il termine valore di recupero netto viene adottato per tener conto dei costi nei quali si può incorrere per alienare il bene; questa uscita di cassa deve essere detratta dall entrata di cassa al fine di ottenere un SV finale netto.

5 ammortamento tradizionali, si può inizialmente stimare un valore di recupero al fine di utilizzarlo nei calcoli delle quote di ammortamento. VITA UTILE Questo termine è già stato utilizzato per indicare la durata di un progetto di investimento. Analogamente, con vita utile di un bene ammortizzabile si intende il periodo previsto (stimato) durante il quale un bene potrà essere proficuamente usato dall impresa. Tale periodo non si riferisce (necessariamente) alla durata fisica del bene, ma al tempo per cui il proprietario prevede di poterlo usare in modo vantaggioso. La vita utile di un bene dipende sia dalla sua durata fisica sia da quella economica, dove la prima fa riferimento al deperimento fisico, mentre la seconda a quello funzionale. Inoltre, si deve considerare il periodo di tempo che si intende prendere in considerazione ai fini dell analisi economica. Parlando però di ammortamento, andrebbe precisato che la perdita di valore di un bene registrata ai fini contabili non necessariamente corrisponde a quella effettiva. Ad esempio, un macchinario può rimanere proficuamente in uso in azienda anche ben oltre l istante in cui contabilmente è stato completamente ammortizzato. Questa distinzione è importante perché, come si vedrà anche in alcuni esempi che verranno trattati più avanti, in alcuni progetti di investimento la vita utile effettiva di un bene non necessariamente coincide con quella fissata ai fini fiscali. 4 Metodi di ammortamento Dato che l ammortamento è in sostanza un approssimazione contabile di un fenomeno reale, vi possono essere diversi possibili metodi per calcolare l ammortamento ciascuno dei quali più o meno adatto a rappresentare le specifiche realtà operative che si possono riscontrare. In questo paragrafo viene descritto innanzitutto un metodo classici di ammortamento la cui importanza è peraltro più sul piano teorico-didattico e come riferimento concettuale. Nel seguito verranno invece rapidamente illustrati anche i principali metodi di ammortamento secondo le vigenti normative fiscali italiane. Infatti, le modalità con cui viene ammortizzato un bene hanno un effetto diretto sul pagamento delle imposte sui redditi delle imprese, e di conseguenza in tutti i paesi sono state introdotte legislazioni precise a riguardo. Come si vedrà, fiscalmente è consentito ammortizzare un bene a partire dal suo valore iniziale, e quindi non considerando il valore di recupero. 1 Ammortamento a quote costanti (lineare) Il metodo di ammortamento a quote costanti (lineare) è quello più semplice. Esso presuppone che il valore del bene decresca di anno in anno di un importo costante, durante tutta la sua vita ammortizzabile (utile). Se si definisce

6 N = vita ammortizzabile del bene espressa in anni B = valore iniziale del bene d k = quota di ammortamento annua nell anno k BV k = valore contabile alla fine dell anno k SV N = valore di recupero previsto alla fine dell anno N d* k = fondo di ammortamento nell anno k allora d k = (B - SV N )/N d* k = k d k per 1 k 1 BV k = B - d* k L uso di questo metodo richiede una stima del SV finale, che risulterà pari al valore contabile del bene a fine dell anno N. Come ricordato in precedenza, di solito il SV N previsto non corrisponde all effettivo valore di mercato del bene alla fine della sua vita Ammortamento a quote decrescenti Nel metodo a quote decrescenti, talvolta definito come metodo a percentuale costante o formula di Matheson, si presuppone che la quota di ammortamento annua sia una percentuale fissa del valore contabile del bene all inizio dell anno. Questa percentuale, costante per l intera vita del bene, viene indicata con R compreso tra 0 e 1. In questo metodo, si ha R = 2/N quando si utilizza una quota di ammortamento iniziale del 200% (ossia, doppia di quella prevista dal metodo delle quote costanti), ed N è uguale al periodo di ammortamento. Se invece si usa una quota del 150%, allora R = 1,5/N. Va altresì sottolineato che con questo metodo di ammortamento il valore contabile non arriva mai ad annullarsi, indipendentemente dalla lunghezza del periodo di ammortamento. 4.3 Ammortamento basato sul grado di utilizzo Tutti i metodi di ammortamento finora discussi si basano sul tempo trascorso (anni), e assumono quindi che la perdita di valore del bene avvenga soprattutto in funzione del tempo. Quando la perdita di valore è essenzialmente dovuta al grado di utilizzo, l ammortamento può essere determinato con un metodo alternativo che non tiene conto degli anni. In questo caso, si adotta normalmente il metodo del grado di utilizzo. Questo metodo comporta una suddivisione del valore iniziale (al netto del valore di recupero) rispetto al grado di utilizzo del bene, espresso nell adeguata unità di misura

7 (volumi di produzione, ore di funzionamento, chilometri percorsi, e così via). La quota di ammortamento viene così determinata B - SV N Ammortamento per unità di misura = (vita utile prevista espressa nella stessa unità di misura) 4.5 Metodi di ammortamento fiscalmente ammessi Visti gli effetti prodotti dall ammortamento sull ammontare delle imposte sui redditi pagate da un impresa, la normativa fiscale ne disciplina le modalità di calcolo. Questo comporta che l ammortamento calcolato a fini contabili (che in linea di principio dovrebbe fornire una misura corretta della reale perdita di valore del bene) e quello consentito dalle norme fiscali, possono divergere. In Italia, in particolare, sono consentite tre modalità di ammortamento 4. Ammortamento ordinario. È l ammortamento previsto di regola dalle norme fiscali, calcolato secondo i coefficienti di legge, e prevede un deprezzamento lineare del bene. Tali coefficienti, espressi come percentuale del costo del bene (comprensivo degli oneri accessori di diretta imputazione; cfr. paragrafo 2.3), fanno riferimento al nomale periodo di deperimento e di consumo del bene, e variano a seconda del tipo di bene e del settore industriale interessato. Ad esempio i computer presentano un coefficiente di ammortamento del 20%, indipendentemente dal settore industriale in cui sono usati (questo significa che possono essere ammortizzati in un periodo di cinque anni). Anche mobili d ufficio, salvo il caso delle attività alberghiere e di ristorazione, presentano un unico coefficiente di ammortamento del 12% Invece un fabbricato industriale presenta coefficienti di ammortamento compresi tra il 3% (la maggior parte dei settori) e il 7% (alcune industrie chimiche, e i produttori di materiale esplosivo). Nel primo esercizio in cui il bene viene usato, i coefficienti vanno applicati nella misura del 50%, e questo per tener conto del fatto che il bene può entrare in funzione in un momento qualsiasi dell esercizio. L ammortamento ordinario funge da punto di riferimento per il calcolo delle altre modalità di ammortamento consentite dalla normativa fiscale 5. 4 Quanto qui di seguito riportato rappresenta solo una sintesi delle principali normative fiscali in tema di ammortamento attualmente vigenti in Italia. Per ulteriori approfondimenti e aggiornamenti si rimanda ad una qualsiasi delle guide fiscali edite con cadenza annuale. 5 Negli esempi illustrati in questo testo, per semplicità, si applicherà in genere sempre questo metodo di ammortamento, considerando però l intero coefficiente di ammortamento anche nel primo anno del periodo di studio.

8 Ammortamento anticipato. L ammortamento anticipato viene concesso dalle norme fiscali al fine di agevolare nuovi investimenti. Questa procedura permette di aumentare il coefficiente ordinario fino ad una volta (ovvero fino a moltiplicarlo per 2) nei primi tre esercizi. L applicazione di questo metodo comporta una riduzione del periodo di ammortamento. Ammortamento accelerato. È possibile aumentare oltre 1 volta la quota di ammortamento. L eccedenza rispetto a tale misura non è fiscalmente deducibile se non giustificata da una comprovata più intensa utilizzazione dei beni rispetto a quella normale del settore. Ammortamento ridotto. Consiste nella nell applicazione di aliquote di ammortamento inferiori rispetto a quelle previste dalla norma. In questo caso è possibile recuperare negli esercizi successivi tutte le quote di ammortamento non dedotte, nel rispetto dell aliquota massima prevista. 5 Cenni sulle imposte sui redditi Fin qui le imposte sui redditi non sono state prese in considerazione, se non nei brevi cenni forniti quanto si è trattato l ammortamento. In effetti, non introdurre le complicazioni derivanti dagli effetti determinati dalle imposte ha permesso di porre maggior enfasi sui principi e sulle tecniche di base dell economia applicata all ingegneria. Tuttavia, esiste un ampia gamma di problemi di investimento in cui le imposte sui redditi influenzano in modo concreto la scelta tra le alternative, e per questo è necessario affrontare il tema della valutazione economica dopo le imposte. Nella parte restante del capitolo si descriveranno le modalità con cui le imposte sui redditi influenzano i flussi di cassa previsti di un progetto. Infatti, le imposte determinate da un operazione redditizia di una società, rappresentano un aspetto che va attentamente considerato nella fase di valutazione di un progetto. Il motivo è molto semplice: le imposte sui redditi relative ad una proposta progettuale rappresentano una uscita di cassa sostanziale che deve essere considerata insieme alle altre entrate e uscite di cassa quando si valuta la redditività complessiva di quel progetto. In premessa occorre rimarcare la distinzione non sempre ben chiara, anche perché normalmente trascurata nel linguaggio quotidiano, che esiste tra tasse e imposte. Una tassa è un pagamento che avviene a fronte di una prestazione erogata da un ente pubblico su richiesta di chi la paga (ossia a domanda individuale). L ordinamento tributario italiano distingue tra tre categorie di tasse: tasse amministrative, dovute per ottenere

9 autorizzazioni, certificazioni o emanazioni di atti; tasse industriali, dovute allo Stato come corrispettivo per l esercizio di attività di impresa che esso svolge in alcuni campi per ragioni di interesse sociale; tasse giudiziarie, dovute dai privati per i giudizi civili, e per l attività di natura penale. Al contrario, un imposta è un prelevamento obbligatorio che lo Stato o un ente pubblico effettua per ottenere le risorse necessarie alla produzione di servizi pubblici a vantaggio dell intera comunità. La funzione dell imposta è pertanto quella di far concorrere alle spese pubbliche tutti coloro che sono interessati all esistenza e al funzionamento dello Stato o di un ente pubblico. Gli elementi che definiscono un imposta sono: - il soggetto attivo, ossia chi impone e riscuote l imposta; - il soggetto passivo, ossia il contribuente che deve pagare l imposta; - l imponibile, ossia la base (espressa in unità monetarie) su cui si applica l imposta; - l aliquota, ossia il rapporto tra l ammontare dell imposta e la base imponibile. Esistono vari tipi di imposte, ma solo alcune risultano direttamente associate alla capacità di generare reddito da parte di un nuovo progetto: è su queste che ci si soffermerà nel seguito. Quando imposte di altro tipo vengono incluse nelle analisi di economia applicata all ingegneria, queste sono di norma portate in diminuzione dei ricavi, così come qualsiasi altro costo di esercizio, per determinare il flusso di cassa al lordo delle imposte. Le difficoltà che risiedono nel calcolo, spesso complesso, delle imposte sui redditi si superano non appena ci si rende conto che le imposte sono solo un altro tipo di esborso, e che viceversa il risparmio d imposta (dovuto all ammortamento, ai costi di esercizio o a eventuali detrazioni fiscali) è assimilabile ad una qualsiasi altra riduzione nei costi (ad esempio, risparmi nei costi di manutenzione). I concetti di base che sottostanno alle leggi e alle normative sulle imposte statali e locali, che si applicano alla maggior parte delle valutazioni economiche degli investimenti, risultano comunque in genere semplici da comprendere ad applicare. Le considerazioni sulle imposte che verranno qui presentate non intendono fornire una esposizione esaustiva del tema, quanto piuttosto descrivere una procedura generalizzata per calcolare il flusso di cassa dopo le imposte (ATCF) e condurre una valutazione economica dei progetti di ingegneria al netto dell imposizione fiscale. 5.1 I vari tipi di imposte Prima di analizzare quali siano gli effetti che le imposte hanno negli studi economicoingegneristici, è necessario distinguere tra le imposte sui redditi e altri tipi di imposte.

10 1. Imposte sui redditi: il loro ammontare viene determinato a partire dai ricavi al netto dei costi fiscalmente deducibili. Queste imposte vengono applicate sia dallo Stato che da altre pubbliche amministrazioni (regioni e comuni). 2. Imposte sulla proprietà: il loro ammontare viene determinato sulla base del valore di una proprietà posseduta, come ad esempio un terreno, un edificio, e altro ancora. Di conseguenza, sono imposte indipendenti dai ricavi o dai profitti dell impresa. Queste imposte vengono normalmente applicate dagli enti locali, come ad esempio l ICI (Imposta Comunale sugli Immobili) che viene riscossa dai comuni. 3. Imposte sul valore aggiunto: è un imposta, pagata dai consumatori, che grava sui beni e sui servizi da loro acquistati. Per le imprese in genere l IVA è un imposta neutrale, perché non comporta né costi né ricavi aggiuntivi Imposte di fabbricazione e imposte sui consumi: sono imposte che colpiscono la fase di produzione (ad es. birra, olii minerali, ecc.) o quella di immissione al consumo (ad es. energia elettrica, carburanti, ecc.) di certi beni. Entrambe queste imposte non dipendono dal reddito generato dall impresa: devono essere tenute in considerazione nelle valutazioni economiche solo se comportano costi aggiuntivi per l impresa. Esistono poi altri tipi di imposte, come ad esempio l imposta di registro, quella sulla pubblicità, quelle catastali; la rilevanza in una valutazione economica di un progetto di ingegneria va considerata caso per caso. É opportuno ricordare che le imposte sul reddito e quelle sul patrimonio sono dette imposte dirette, perché colpiscono le manifestazioni immediate della capacità contributiva. Le altre vengono invece definite imposte indirette, in quanto colpiscono le manifestazioni mediate della capacità reddituale, come i consumi, gli scambi e i trasferimenti. È opportuno sottolineare come le imposte sui redditi siano in genere il tipo di imposte che maggiormente influenza le valutazioni economiche dei progetti di ingegneria. 5.4 Le imposte sul reddito delle società In Italia l imposizione relativa alle attività imprenditoriali, che è quella di cui qui ci occupiamo, varia a seconda della natura giuridica dell impresa. Nel caso di ditte individuali o società di persone, il reddito imponibile della società viene considerato reddito delle singole persone fisiche che la compongono e singolarmente tassato assieme agli altri eventuali redditi personali, secondo le normative che regolano l imposta sul reddito delle persone fisiche. 6 Esistono comunque situazioni particolari (a seconda del settore o del tipo di bene), in cui quest imposta diventa un ricavo o un costo aggiuntivo. In questi casi va considerata una componente del flusso di cassa del progetto.

11 Nel caso di società di capitali caso, il reddito imponibile della società viene considerato prima reddito della società e tassato globalmente, e solo successivamente, quando distribuito tra i soci, viene considerato reddito delle singole persone e tassato assieme agli altri eventuali loro redditi. Nel pagare l imposta, poi, la singola persona dovrà detrarre quanto già pagato dalla società (questo evidentemente per evitare una doppia imposizione). Tale meccanismo introduce un elemento soggettivo nella determinazione dell imposta e quindi nella convenienza economica di una attività imprenditoriale, in quanto soci diversi di una stessa impresa si trovano, sulla base delle loro specifiche condizioni, a pagare un imposta diversa sullo stesso ammontare di utili percepiti L imposta sul reddito delle società (IRES) Dal 1 gennaio 2004 i redditi prodotti da società ed enti sono soggetti ad una nuova imposta denominata IRES (Imposta sul reddito delle società) costruita sulla base del modello fiscale europeo prevalente. La nuova imposta sostituisce l IRPEG (Imposta sul reddito delle persone giuridiche), in vigore fino al L IRES incide principalmente sui redditi prodotti nell ambito dello svolgimento normale dell attività d impresa, escludendo da imposizione le fasi straordinarie quali riorganizzazioni aziendali o cessioni di partecipazioni. L imposta colpisce: a) le società di capitali nonché quelle cooperative e di mutua assicurazione; b) gli enti pubblici e privati esercitanti attività commerciale anche se solo accessoriamente. Attualmente l aliquota è determinata nella misura del 33% del reddito imponibile (base imponibile), che è dato dalla differenza tra i ricavi considerati tassabili e i costi ammessi in deduzione 7, ottenuti nell ambito di un certo periodo di tempo denominato periodo d imposta. In linea generale i costi sono ammessi in deduzione se e nella misura in cui risultano imputati nel conto economico e concorrono alla base imponibile nel periodo d imposta in cui tale imputazione è effettuata. L imposta è dovuta per il reddito di ogni esercizio, singolarmente preso. Fanno eccezione le perdite, che non dando luogo a restituzioni di imposta, possono essere distribuite (ossia portate in diminuzione degli utili) in non più di cinque esercizi successivi. 7 È opportuno ricordare che non tutti i costi sostenuti da un impresa, così come contabilizzati nel Conto economico, risultano deducibili ai fini IRES. Ad esempio le erogazioni liberali per essere deducibili devono essere a favore di enti specifici, non superare una certa soglia (in genere il 2% del reddito d impresa, purché questo valore sia superiore a 2.065,83¼). Questo significa che il reddito (base) imponibile ai fini IRES è diverso dalla reddito ante-imposte, così come risulta dal Conto economico.

12 L imposta regionale sulle attività produttive (IRAP) L imposta regionale sulle attività produttive (IRAP), introdotta nel nostro ordinamento nel 1998, e revisionata nel corso del 1999, presenta la natura di imposta sul valore aggiunto a carattere reale (ossia è indeducibile dalle imposte sui redditi), e colpisce la ricchezza nella fase della sua produzione, perché applicata sul valore della produzione netta derivante dall attività esercitata nel territorio della regione. Sono tenuti al pagamento dell IRAP le imprese (individuali e collettive), gli artisti e i professionisti, gli enti commerciali pubblici e privati, i produttori agricoli, lo Stato e le amministrazioni locali. La base imponibile è data dal valore aggiunto generato nel territorio regionale in cui il soggetto esercita l attività, ed è determinata dalle risultanze del bilancio, comunque con criteri specifici per categoria di soggetti passivi. L aliquota base è fissata al 4,25% e può essere modificata dalle regioni, in aumento o in diminuzione, fino ad un massimo dell 1 %. La maggiorazione può essere differenziata per settori di attività e per categorie di soggetti passivi. Per le imprese che esercitano l attività agricola l aliquota è ridotta all 1,9%. È prevista anche la possibilità di applicare agevolazioni per nuove attività imprenditoriali. In tutta generalità, lo schema che un impresa deve seguire per la determinazione della base imponibile (data dalla differenza tra il valore e i costi della produzione) è il seguente. a) VALORE DELLA PRODUZIONE Ricavi delle vendite e delle prestazioni Variazioni delle rimanenze di prodotti finiti, semilavorati e in corso di lavorazione Variazioni di lavori in corso su ordinazione Incrementi di immobilizzazioni per lavori interni Altri ricavi e proventi Meno b) COSTI DELLA PRODUZIONE Materie prime, sussidiarie, di consumo e di merci Servizi (esclusi i compensi per collaborazioni coordinate e continuative) Godimento beni di terzi (es. canoni di leasing, esclusi gli interessi passivi) Ammortamenti beni materiali ed immateriali Variazioni delle rimanenze di materie prime, sussidiarie, di consumo e di merci Oneri diversi di gestione

13 Dall introduzione di questa imposta quasi ogni Legge Finanziaria ne ha introdotto delle modifiche inerenti il calcolo della base imponibile 8. Ad esempio la Finanziaria del 2005 ha previsto la deducibilità integrale dei costi per il personale addetto alle attività di ricerca e sviluppo. È possibile anche portare in deduzione il costo dei nuovi assunti a tempo indeterminato. La normativa in vigore prevede anche una deduzione forfetaria (di ammontare comunque limitato, al massimo ¼) che attualmente scompare sopra i ¼ FLUFD GL EDVH imponibile. Senza inoltrarci in ulteriori specificazioni, non necessarie per i nostri scopi, è opportuno osservare che: - la base imponibile IRAP è sostanzialmente diversa da quella IRES (più elevata la prima, in quanto non sono ammessi in deduzioni i costi del personale, con alcune eccezioni, gli oneri finanziari, e qualche altro costo di minore importanza); - di conseguenza è possibile trovarsi a pagare IRAP anche nel caso di reddito negativo (perdita) Determinazione del reddito imponibile ai fini IRES e IRAP Al termine di ciascun anno, un impresa deve calcolare il suo reddito imponibile o l eventuale perdita. Come detto, il valore cambia a seconda che si stia considerando l IRES o l IREP. Per entrambe le imposte il punto di partenza è il calcolo dei ricavi e dei proventi ottenuti nel corso dell esercizio. Nel caso dell IRES, la società può dedurre dai ricavi tutte i costi gestionali ordinari e necessari, inclusi gli interessi, inerenti la gestione aziendale, ad eccezione delle somme relative agli investimenti. In questo caso, infatti, è consentito dedurre le rispettive quote di ammortamento, secondo quanto previsto dalla normativa fiscale. Nel caso dell IRAP, non possono essere portati in deduzione i costi del personale e quelli relativi agli oneri finanziari. In definitiva, il reddito imponibile, per entrambe le imposte) viene così determinato: Reddito imponibile = reddito lordo tutte i costi deducibili ai fini fiscali (che variano a seconda dell imposta) quote di ammortamento ESEMPIO: Determinazione della base imponibile Una società genera 1,5 milioni di euro di reddito lordo durante un certo anno fiscale, e ha costi di esercizio per a ¼ (di cui ¼SHUVSHVHGLSHUVRQDOH. Gli interessi sul capitale preso a prestito ammontano a ¼ PHQWUH OH quote di ammortamento a 8 Nel momento in cui si stanno scrivendo queste note è in atto un ripensamento dell IRAP che potrebbe portare in tempi brevi ad una sua consistente riduzione, se non alla sua eliminazioni.

14 ¼ 4XDO è il reddito imponibile ai fini IRES di questa società? E quello ai fini IRAP? SOLUZIONE Nell ipotesi che i costi di esercizio siano tutti fiscalmente deducibili, sulla base dell Equazione (7-12), il reddito imponibile di questa società ai fini IRES per l anno fiscale in esame corrisponde a ¼ ¼ ¼ ¼ ¼ Per quanto attiene l IRAP, bisogna ricordare che non sono ammessi in deduzione né gli oneri finanziari né le spese per il personale (eccezion fatta per gli addetti in Ricerca e Sviluppo, che consideriamo non essere presenti nel nostro caso). Ciò precisato, il reddito imponibile di questa società ai fini IRAP per l anno fiscale in esame corrisponde a ¼ ¼ ¼ ¼ A questo punto è necessaria una precisazione relativamente a come si procederà nell applicazione di questi concetti all analisi degli investimenti. Per semplicità di calcolo, ma soprattutto perché le normative fiscali risultano in continua e imprevedibile evoluzione, gli esempi che verranno presentati nel seguito del testo prevedono un unica imposta (con un unica aliquota) che viene applicata su una base imponibile determinata secondo le modalità attualmente previste dall IRES. Evidentemente, così facendo non si tiene conto dei diversi effetti fiscali che l IRAP ha su progetti di investimento che ad esempio ricorrono a fonti di finanziamento diverse (interne piuttosto che esterne) o hanno a che fare con tecnologie che prevedono una diversa intensità di manodopera. D altro canto è importante qui comprendere appieno la procedura di una valutazione economica al netto delle imposte, più che entrare a conoscenza di complesse normative fiscali destinate a cambiare. Come già detto, il lettore che volesse approfondire l argomento, può rifarsi alle varie guide fiscali che annualmente vengono pubblicate nel nostro paese L imposta sul reddito delle persone (IRE) L IRE, che dal 2005 sostituisce l IRPEF (imposta sul reddito delle persone fisiche) è l imposta che grava sulle persone fisiche (residenti e non), sulle società semplici, in accomandita semplice, in nome collettivo e quelle ad esse equiparate (residenti e non residenti), e gli enti non commerciali (residenti e non). Nello specifico, nel caso di società

15 ed enti l imposta grava direttamente sui soci proporzionalmente alla quota di partecipazione agli utili e indipendentemente dalla loro effettiva percezione. L IRE, come in precedenza l IRPEF, si caratterizza per essere personale, diretta, progressiva e per colpire il reddito. Personale, in quanto tassa i singoli contribuenti (persone fisiche) sulla base delle loro specifiche condizioni e situazioni (economiche ma non solo). In pratica questo si ottiene attraverso una serie di deduzioni (diminuzioni dell imponibile sul quale si applicano le aliquote) e di detrazioni (diminuzioni dell imposta da pagare). Diretta, poiché colpisce la ricchezza (il reddito) nel momento della sua formazione e non nel momento in cui si trasferisce da un soggetto ad un altro. Progressiva, in quanto grava percentualmente di più su coloro che possiedono redditi elevati rispetto a coloro che possiedono redditi bassi. L applicazione di aliquote crescenti con il reddito fa sì che l imposta da pagare cresca più che proporzionalmente al crescere del reddito imponibile. In termini tecnici si parla di progressività per scaglioni di reddito, poiché le aliquote aumentano per classi di reddito sempre più alte. Questa imposta viene applicata sui redditi reali o quelli potenzialmente generabili (nel caso di beni immobili, quali case e terreni), e non sul patrimonio in quanto tale. I redditi delle persone fisiche possono essere distinti in sei categorie: redditi fondiari. Derivano da terreni e fabbricati, e vengono computati anche se non realmente prodotti; redditi di capitale. Riguardano gli interessi da capitali dati in prestito e da partecipazioni a società di capitali. I redditi da depositi bancari, obbligazioni e titoli di stato, sono tassati con un aliquota fissa (attualmente del 12,5%) ed essendo la relativa imposta versata direttamente al Fisco, non vanno dichiarati. Per quanto attiene le partecipazioni, i dividendi entrano a far parte del reddito imponibile, e vengono in questo modo tassati, con la precisione che al momento del calcolo dell imposta effettivamente dovuta viene sottratto quanto già versato dalla società che li ha distribuiti; redditi di lavoro dipendente e assimilati, derivano dalla percezione di salari e stipendi e da pensioni e assegni ad essi equiparati. Questi redditi non includono i contributi previdenziali versati dal datore di lavoro e dal lavoratore; redditi di lavoro autonomo e assimilati, derivano dall esercizio della libera professione e di arti e mestieri intellettuali. Sono considerati assimilati i redditi derivanti da cariche di amministratore o sindaco di società, dalla collaborazione a periodici, dall utilizzazione di marchi di fabbrica, invenzioni industriali e simili; redditi d impresa, derivanti dall esercizio di imprese commerciali. Nel caso di società si parla di redditi da partecipazione ; redditi diversi. Tutti gli altri (ad es. da attività di lavoro autonomo non esercitate abitualmente, e simili).

16 Per i soggetti residenti, l imposta si applica sui redditi ovunque prodotti mentre per quelli non residenti l imposta si applica solo sui redditi prodotti in Italia. Come detto l imposta è progressiva, e la progressività viene ottenuta applicando aliquote fiscali diverse per scaglioni di reddito diversi. Le aliquote fissate per i redditi del 2005 sono riportate nella tabella che segue Tabella 1 Aliquote fiscali attualmente vigenti in Italia (redditi 2005) Scaglioni di reddito Aliquota marginale Imposta dovuta* Aliquota totale* fino a ¼ 23% 5.980¼ 23,0% ¼ ¼ 33% 8.455¼ 25,2% ¼ ¼ 39% ¼ 34,4% oltre ¼ 39%+4% * per un reddito imponibile pari al limite superiore dello scaglione Nella figura 7-3 si utilizzano i termini aliquota marginale e aliquota totale, per indicare, con riferimento ad un reddito imponibile pari al limite superiore dello scaglione, rispettivamente l aliquota applicata all ultimo scaglione di reddito e quella applicata al reddito imponibile complessivo. Ad esempio, nel caso di ¼GLUHGGLWRLPSRQLELOHVL ha che l aliquota applicata agli ultimi ¼è del 29% mentre quella totale (media) è del 34,4%. La progressività consiste proprio nel fatto che ad ogni incremento di reddito viene applicata l aliquota marginale dello scaglione relativo e questo comporta un aumento dell aliquota totale Le deduzioni dal reddito imponibile Il reddito complessivo, calcolato come somma dei redditi imponibili di ciascuna categoria a cui vengono sottratte le eventuali perdite subite dal singolo in qualità di lavoratore autonomo o di socio di certi tipi di impresa, non rappresenta il reddito imponibile, ossia la somma a cui applicare l aliquota di imposta secondo gli scaglioni in precedenza riportati. A questo infatti vanno sottratti: gli oneri deducibili, la deduzione relativa alla cosiddetta no tax area e quella per i familiari a carico. Fanno parte degli oneri deducibili le spese che possono essere portate in riduzione del reddito complessivo, quali ad esempio: la deduzione per l abitazione principale e le relative pertinenze; i contributi previdenziali ed assistenziali obbligatori per legge; i contributi per collaboratori domestici e per assistenza personale; i contributi per pensioni integrative; le

17 spese per le adozioni internazionali; e i contributi per il sostegno di istituzioni religiose e delle comunità ebraiche. Alcune di queste spese sono interamente deducibili, altre invece lo possono entro i limiti di un importo massimo, fisso o in percentuale al reddito A partire dai redditi percepiti nel 2004 è stata inoltre fissata una soglia al di sotto della la quale l imposta non viene applicata (la cosiddetta no tax area). Il valore di tale soglia (con riferimento ai redditi per il 2005) si ottiene applicando al reddito complessivo una deduzione determinata tramite il seguente rapporto: ¼ + deduzione teorica + oneri deducibili reddito complessivo ¼ dove l ammontare della deduzione teorica dipende dal tipo di reddito (da lavoro dipendente, da pensione, da lavoro autonomo, ecc.), mentre gli oneri deducibili sono quelli in precedenza ricordati. Se dalla formula risulta un valore maggiore o uguale ad 1, spetta l intera deduzione; se risulta un valore compreso tra zero e 1 la deduzione spetta in proporzione al risultato ottenuto, se risulta un valore minore o uguale a zero, non spetta alcuna deduzione. In questo modo, tra l altro, si aumenta la progressività dell imposizione sui redditi più bassi. Ad esempio, con riferimento alla normativa per i redditi 2005, con oneri deducibili nulli e deduzione teorica pari a 7.500¼ è il caso di reddito da lavoro dipendente), la deduzione spetta per intero per i redditi che non superano i 7.500¼e per questi l imposta è nulla), in proporzione per redditi compresi tra ¼ H ¼ H non si applica per i redditi da ¼LQVX E prevista, poi, un ulteriore deduzione legata alla situazione familiare del contribuente, situazione che dipende dal numero e dal tipo di familiari (coniuge piuttosto che figlio sotto o sopra i tre anni, ecc.) a carico. Anche in questo caso l ammontare della deduzione consentita si determina applicando la seguente formula: ¼+ deduzione per carichi familiari + oneri deducibili reddito complessivo ¼ Le modalità di applicazione sono del tutto analoghe a quelle relative alla deduzione per la no tax area. Ad esempio, in assenza di oneri deducibili, un dipendente con un reddito

18 complessivo di ¼che abbia coniuge e un figlio a carico con più di tre anni, avrebbe secondo le vigenti tabelle una deduzione teorica di ¼ ma può invece portare in deduzione una somma pari a: ¼ ¼ ¼ x ¼= ¼ ¼ Il risparmio di imposta che ne consegue, visto lo scaglione di reddito interessato, e pari a x 0,39 = ¼ 6L QRWL FKH QHO FDVR LQ TXHVWLRQH LO GLSHQGHQWH QRQ SRWHYD beneficiare della deduzione no tax area, essendo il suo reddito superiore a ¼ Una volta ricavato il reddito imponibile, l imposta lorda è facilmente calcolabile applicando le aliquote così come indicato nella Tabella Detrazioni dall imposta L imposta lorda non è poi quella effettivamente dovuta, in quanto la normativa fiscale consente di portare in detrazione dalla stessa alcuni oneri, quali ad esempio: gli interessi passivi, le spese sanitarie, i premi per le assicurazioni per rischio di morte o di invalidità, le spese per istruzione secondaria ed universitaria, alcune erogazioni liberali, le spese funebri. Per tutte queste spese è possibile detrarre una quota pari al 19% dell ammontare sostenuto, in alcuni casi per l intero importo, in altri fino ad un importo massimo, in altri ancora per la parte eccedente un importo minimo, oppure per un importo compreso tra un minimo e un massimo Addizionali locali Oltre all IRE, i contribuenti sono gravati di imposte dovute ai Comuni e alle Regioni di residenza, dette per l appunto addizionali, in quanto aggiuntive alla prima. Trattandosi di imposte locali, la base imponibile, l aliquota (fissa o per scaglioni), ed eventuali agevolazioni (ossia riduzioni rispetto alle normali condizioni di applicazione) vengono fissate da ciascun ente (comunque entro dei limiti stabiliti dal governo nazionale). Attualmente l aliquota minima dell addizionale regionale è pari allo 0,9%, mentre quella comunale allo 0,2%, del reddito imponibile. 6 Plusvalenze e minusvalenze derivanti dall alienazione di un bene strumentale Quando un bene ammortizzabile, e in particolare un bene strumentale, viene venduto, raramente il prezzo di vendita (valore di recupero) risulta uguale al suo valore contabile. Si

19 usa il termine plusvalenza, quando la differenza tra il prezzo di vendita e il valore contabile è positiva, e minusvalenza, nel caso opposto. In termini analitici si ha: [plus (minus) valenza da alienazione] N = MV N BV N dove MV N è il valore di mercato del bene all instante N e BV N il suo valore contabile. Le plus e le minusvalenze rappresentano componenti positive o negative del reddito e in quanto tali generano un debito (o un credito) di imposta, il cui ammontare dipende dall aliquota fiscale in vigore, che comporta un esborso (oppure un risparmio). Per questo, gli effetti fiscali delle alienazioni dei beni strumentali devono essere attentamente considerati nelle valutazioni economiche dei progetti di ingegneria. ESEMPIO: Conseguenze fiscali della vendita di un bene Nell anno fiscale corrente, un impresa ha venduto un impianto per ¼,OLEULFRQWDELOL mostrano che il suo valore iniziale, B, è pari a ¼PHQWUHLOIRQGRGLDPPRUWDPHQWR ammonta a ¼6LVXSSRQJDFKHO DOLTXRWDILVFDOHVLDGHO6XOODEDVHGLTXHVWH informazioni, si determini (a) la plus (minus) valenza conseguente alla vendita, (b) il debito (o credito) d imposta che ne deriva risulta, e (c) il debito (credito) d imposta che si avrebbe se il fondo di ammortamento ammontasse a ¼ SOLUZIONE (a) Il valore contabile BV al momento della vendita è pari a ¼ ¼ ¼ 4XLQGLODSOXVYDOHQ]DFRQVHJXHQWHDOODOLTXLGD]LRQHè pari a ¼ ¼ ¼ (b) Le imposte dovute su questa plusvalenza ammontano a 0,40 ( ¼ ¼ (c) Con un fondo d ammortamento d* k = ¼LOYDORUHFRQWDELOHDOPRPHQWRGHOOD vendita è pari a ¼ ¼ ¼,Q TXHVWR FDVR VL KD XQD minusvalenza di ¼ ¼ ¼ LO FXL FUHGLWR G LPSRVWD UHODWLYR ammonta a 0,40 ( ¼ 00 ¼

I TRIBUTI. Tributi locali (ICI sostituita a far data dall anno 2012 dall IMU)

I TRIBUTI. Tributi locali (ICI sostituita a far data dall anno 2012 dall IMU) I TRIBUTI I cittadini sono tenuti a concorrere alla spese pubblica in ragione della loro capacità contributiva, come recita l articolo 53 della Costituzione Italiana. I tributi che gravano sui cittadini

Dettagli

Corso di Economia Pubblica Lezione 2 - IRPEF

Corso di Economia Pubblica Lezione 2 - IRPEF (materiale gentilmente concesso dalla Prof.ssa Alessandra Casarico) Corso di Economia Pubblica Lezione 2 - IRPEF Prof. Paolo Buonanno paolo.buonanno@unibg.it Schema dell IRPEF T=t(Y-d)-f Reddito complessivo

Dettagli

REDDITI DI IMPRESA (considerazioni generali ed alcuni casi specifici) -DOTT. FABIO RAPELLI

REDDITI DI IMPRESA (considerazioni generali ed alcuni casi specifici) -DOTT. FABIO RAPELLI REDDITI DI IMPRESA (considerazioni generali ed alcuni casi specifici) -DOTT. FABIO RAPELLI 1 CAMPO DI APPLICAZIONE Esercizio di attività commerciali (art. 2195 c.c.): - attività industriale diretta alla

Dettagli

-anna maria mangiapelo

-anna maria mangiapelo REDDITI DI IMPRESA - norme generali - dall utile al reddito: esame dei principali casi di deducibilità fiscale dei componenti negativi - regole per la contabilità semplificata -anna maria mangiapelo 1

Dettagli

2 CFU scienza delle Finanze anno 2013/14 IMPOSTA SUL REDDITO DELLE PERSONE FISICHE (IRPEF) di Michela Mantovani

2 CFU scienza delle Finanze anno 2013/14 IMPOSTA SUL REDDITO DELLE PERSONE FISICHE (IRPEF) di Michela Mantovani 2 CFU scienza delle Finanze anno 2013/14 IMPOSTA SUL REDDITO DELLE PERSONE FISICHE (IRPEF) di Michela Mantovani L imposta sul reddito delle persone fisiche è disciplinata dal titolo I del D.P.R. n.917/1986

Dettagli

L imposta sul reddito delle persone fisiche

L imposta sul reddito delle persone fisiche L imposta sul reddito delle persone fisiche IRPEF 30018 Scienza delle finanze Cles A.A. 2011/12 Classe 14 Irpef 1 Schema di determinazione dell Irpef Reddito complessivo= Somma delle singole categorie

Dettagli

Caretteristiche Presupposto Soggetti passivi Base Imponibile Periodo d imposta diretta personale reale

Caretteristiche Presupposto Soggetti passivi Base Imponibile Periodo d imposta diretta personale reale Caretteristiche L Irpef è l imposta sul reddito delle persone fisiche, è la principale imposta del sistema tributario italiano per numero di contribuenti e per gettito. Presupposto: possesso di un reddito

Dettagli

Tassazione societaria. 1. Ragioni 2. IRES 3. Analisi economica dell IRES

Tassazione societaria. 1. Ragioni 2. IRES 3. Analisi economica dell IRES Tassazione societaria 1. Ragioni 2. IRES 3. Analisi economica dell IRES Ragioni della tassazione societaria Perché tassare le società? In un sistema di tassazione dei redditi delle persone fisiche la tassazione

Dettagli

Diritto Tributario. Anno 2012 Diritto del Lavoro

Diritto Tributario. Anno 2012 Diritto del Lavoro Anno 2012 Diritto del Lavoro - Premesso il concetto di assicurazione sociale, il candidato illustri i principali adempimenti del datore di lavoro nei confronti di I.N.P.S. ed I.N.A.I.L., sia all inizio

Dettagli

AMMORTAMENTI (COMPRESI ONERI PLURIENNALI) LEASING INTERESSI PASSIVI

AMMORTAMENTI (COMPRESI ONERI PLURIENNALI) LEASING INTERESSI PASSIVI AMMORTAMENTI (COMPRESI ONERI PLURIENNALI) LEASING INTERESSI PASSIVI 1 L AMMORTAMENTO (NOZIONE GIURIDICA) il costo delle immobilizzazioni, materiali ed immateriali, la cui utilizzazione è limitata nel tempo

Dettagli

Quadro RN CALCOLO DELL IRPEF

Quadro RN CALCOLO DELL IRPEF Quadro RN CALCOLO DELL IRPEF ADEMPIMENTO NOVITÀ 2015 CATEGORIE DI REDDITO DETERMINAZIONE DEL REDDITO SCADENZA COME SI COMPILA CASI PRATICI CASI PARTICOLARI Il Quadro RN è utilizzato ai fini del calcolo

Dettagli

Esercizi per il Corso di Scienza delle Finanze a.a. 2007/08 Studenti A-Z. Esercizi sull Irpef

Esercizi per il Corso di Scienza delle Finanze a.a. 2007/08 Studenti A-Z. Esercizi sull Irpef Esercizi per il Corso di Scienza delle Finanze a.a. 2007/08 Studenti A-Z Esercizi sull Irpef Esercizio 1 Nel corso del 2007, il signor Rossi ha percepito un reddito da lavoro dipendente, al lordo delle

Dettagli

NOTIZIARIO FISCALE N. 1 DEL 14 GENNAIO 2008

NOTIZIARIO FISCALE N. 1 DEL 14 GENNAIO 2008 NOTIZIARIO FISCALE N. 1 DEL 14 GENNAIO 2008 PARTE I PESCA E ACQUACOLTURA Legge Finanziaria per il 2008 (L. 24 dicembre 2007 n. 244, pubblicata nel Supplemento Ordinario n. 285 della G.U. 28 dicembre 2007,

Dettagli

La convenienza ad esercitare l opzione Irap per i soggetti Irpef

La convenienza ad esercitare l opzione Irap per i soggetti Irpef Focus di pratica professionale di Sandro Cerato e Michele Bana La convenienza ad esercitare l opzione Irap per i soggetti Irpef Premessa Il D.Lgs. n.446/97 distingue i criteri di determinazione della base

Dettagli

Esercizi sulle imposte per il corso di Scienza delle finanze a.a. 2015-16 (Clea)

Esercizi sulle imposte per il corso di Scienza delle finanze a.a. 2015-16 (Clea) Esercizi sulle imposte per il corso di Scienza delle finanze a.a. 2015-16 (Clea) Gli esercizi servono per verificare se avete capito la logica, la struttura di un imposta. Pertanto, quando fate il compito

Dettagli

Esercizi per il Corso di Scienza delle Finanze a.a. 2009/10. Esercizi svolti (Irpef)

Esercizi per il Corso di Scienza delle Finanze a.a. 2009/10. Esercizi svolti (Irpef) Esercizi per il Corso di Scienza delle Finanze a.a. 2009/10 Esercizi svolti (Irpef) Esercizio 1 Nel corso del 2009, il signor Rossi ha percepito un reddito da lavoro dipendente, al lordo delle ritenute

Dettagli

1. L I.R.PE.F. : Imposta sul reddito delle persone fisiche (è stata ripristinata la vecchia denominazione) www.edagricolescolastico.

1. L I.R.PE.F. : Imposta sul reddito delle persone fisiche (è stata ripristinata la vecchia denominazione) www.edagricolescolastico. Modulo 5 La contabilità dello Stato Unità 2 Le imposte dirette : aggiornamenti 2008 Il cambiamento della compagine governativa avvenuto con le elezioni politiche del 2006 ha introdotto sostanziali mutamenti

Dettagli

Imposte sul reddito d esercizio

Imposte sul reddito d esercizio Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 25 novembre 29 Reddito esercizio e reddito fiscale Determinazione del reddito fiscale (IRAP e IRES) Imposte sul reddito d

Dettagli

Il Quadro da compilare relativo alle deduzioni del personale è denominato IS ed è formato da diverse colonne :

Il Quadro da compilare relativo alle deduzioni del personale è denominato IS ed è formato da diverse colonne : LA DICHIARAZIONE IRAP 2012 E' prossima la scadenza della redazione del Bilancio 2011 e, come di consueto, Professionisti e Contribuenti dovranno cimentarsi con il calcolo dell imposta IRAP per l anno appena

Dettagli

Corso di ragioneria generale ed applicata Prof. Paolo Congiu A. A. 2013-2014 IMPOSTE DIRETTE SOCIETÀ DI CAPITALI IRES

Corso di ragioneria generale ed applicata Prof. Paolo Congiu A. A. 2013-2014 IMPOSTE DIRETTE SOCIETÀ DI CAPITALI IRES Corso di ragioneria generale ed applicata Prof. Paolo Congiu A. A. 2013-2014 1 IMPOSTE DIRETTE SOCIETÀ DI CAPITALI IRES Imposta proporzionale sui redditi complessivi delle società. Risultato di bilancio

Dettagli

LA FISCALITA DEGLI IMMOBILI E LE NOVITA IN TEMA DI ACCERTAMENTO

LA FISCALITA DEGLI IMMOBILI E LE NOVITA IN TEMA DI ACCERTAMENTO ADC ASSOCIAZIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI SINDACATO NAZIONALE UNITARIO SEZIONE ROMA LA FISCALITA DEGLI IMMOBILI E LE NOVITA IN TEMA DI ACCERTAMENTO Roma, 10 dicembre 2009 TRA

Dettagli

Corso di Economia Pubblica IRPEF. Prof. Paolo Buonanno paolo.buonanno@unibg.it

Corso di Economia Pubblica IRPEF. Prof. Paolo Buonanno paolo.buonanno@unibg.it Corso di Economia Pubblica IRPEF Prof. Paolo Buonanno paolo.buonanno@unibg.it IRPEF Caratteristiche Determinazione dell imposta I redditi compresi nel reddito complessivo Il calcolo dell imposta lorda

Dettagli

DEDUCIBILITA INTERESSI PASSIVI. 16 marzo 2009 Dott. Rag. Vito Dulcamare

DEDUCIBILITA INTERESSI PASSIVI. 16 marzo 2009 Dott. Rag. Vito Dulcamare DEDUCIBILITA INTERESSI PASSIVI 16 marzo 2009 Dott. Rag. Vito Dulcamare DEDUCIBILITA INTERESSI PASSIVI ALTRI INTERESSI SU IMMOBILI PATRIMONIO SU VEICOLI A MOTORE SOGGETTI IRPEF SOGGETTI IRES BANCHE ASSICURAZIONI

Dettagli

Gli ammortamenti anticipati dei beni materiali

Gli ammortamenti anticipati dei beni materiali Gli ammortamenti anticipati dei beni materiali di Luciano Olivieri SOMMARIO Pag. riore alla metà dei coefficienti presi a base per il calcolo degli ammortamenti. 1. Premessa 2. La deducibilità degli ammortamenti

Dettagli

direttamente, tramite i servizi telematici dell Agenzia delle Entrate

direttamente, tramite i servizi telematici dell Agenzia delle Entrate Chi deve presentare la dichiarazione La soggettività passiva all IRAP non è circoscritta unicamente ai soggetti che esercitano attività di impresa o di lavoro autonomo ma anche agli enti non commerciali

Dettagli

QUADRO RN CALCOLO DELL IRPEF

QUADRO RN CALCOLO DELL IRPEF QUADRO RN CALCOLO DELL IRPEF ASPETTI GENERALI La struttura del Quadro discende dallo schema normativo di determinazione dell imposta a debito o a credito, così determinato: Reddito complessivo (meno) Deduzione

Dettagli

L Ires e la tassazione dei redditi d impresa

L Ires e la tassazione dei redditi d impresa Lezione dodicesima L Ires e la tassazione dei redditi d impresa 1 TASSAZIONE REDDITI D IMPRESA PROFITTI = R C AM - IP Imprese individuali e società di persone Gli utili, a prescindere dalla loro distribuzione,

Dettagli

Presupposto soggettivo/oggettivo

Presupposto soggettivo/oggettivo IRAP Principi generali Irap: acronimo di Imposta regionale sulle attività produttive. È un'imposta reale che colpisce la ricchezza in quanto tale, senza tener conto delle condizioni personali del contribuente

Dettagli

Quoziente familiare. 1 Legge 19 maggio 1975 n 151 2 Legge 1975 n 576 3 Sentenza della Corte Costituzionale del 15 luglio 1976 n 179

Quoziente familiare. 1 Legge 19 maggio 1975 n 151 2 Legge 1975 n 576 3 Sentenza della Corte Costituzionale del 15 luglio 1976 n 179 Quoziente familiare Nel corso dei dibattiti si sente molto spesso parlare di quoziente familiare, ma di cosa si tratta? Con questo termine ci si riferisce a una particolare modalità di tassazione del reddito

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE (I.S.E.E.)

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE (I.S.E.E.) Comune di Longare REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE (I.S.E.E.) Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 4 del 09.02.2007 IL SEGRETARIO COMUNALE Sardone

Dettagli

Gli oneri. Capitolo 10 10.1 CONCETTI GENERALI 10.2 GLI ONERI DEDUCIBILI 10.3 GLI ONERI DETRAIBILI 10.4 VISTO DI CONFORMITÀ

Gli oneri. Capitolo 10 10.1 CONCETTI GENERALI 10.2 GLI ONERI DEDUCIBILI 10.3 GLI ONERI DETRAIBILI 10.4 VISTO DI CONFORMITÀ Gli oneri Capitolo 10 10.1 CONCETTI GENERALI 10.2 GLI ONERI DEDUCIBILI 10.3 GLI ONERI DETRAIBILI 10.4 VISTO DI CONFORMITÀ 10.5 LA RATEIZZAZIONE DELLE SPESE 10.6 LE DIVERSE TIPOLOGIE DI ONERI GLI ONERI

Dettagli

delle operazioni di gestione e di a stati comparati, prospetti della

delle operazioni di gestione e di a stati comparati, prospetti della Temi in preparazione alla maturità Ammortamento, contabilizzazione delle operazioni di gestione e di assestamento, bilancio sintetico a stati comparati, prospetti della Nota integrativa, calcolo delle

Dettagli

SOMMARIO. Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti:

SOMMARIO. Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti: CIRCOLARE N. 05 DEL 02/02/2016 SOMMARIO Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti: MAXI-AMMORTAMENTI PER I BENI STRUMENTALI NUOVI ACQUISTATI NEL PERIODO 15.10.2015-31.12.2016 PAG. 2 IN SINTESI:

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L INDIVIDUAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE

REGOLAMENTO COMUNALE PER L INDIVIDUAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE REGOLAMENTO COMUNALE PER L INDIVIDUAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE Art. 1 Oggetto del regolamento Il presente regolamento è diretto ad individuare le

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

GESTIONE dei CESPITI- 20 Ottobre 2015 Docente: Dott.ssa SARA BONINSEGNA - Studio Boninsegna Commercialisti Associati GESTIONE DEI CESPITI

GESTIONE dei CESPITI- 20 Ottobre 2015 Docente: Dott.ssa SARA BONINSEGNA - Studio Boninsegna Commercialisti Associati GESTIONE DEI CESPITI GESTIONE dei CESPITI- 20 Ottobre 2015 Docente: Dott.ssa SARA BONINSEGNA - Studio Boninsegna Commercialisti Associati PROGRAMMA DEL CORSO CESPITI - TERZA PARTE Gestione dei cespiti Le immobilizzazioni materiali

Dettagli

IRPEF Il calcolo dell imposta netta

IRPEF Il calcolo dell imposta netta IRPEF Il calcolo dell imposta netta Di cosa parliamo 1 Deduzioni 2 Aliquote 3 Detrazioni 4 Aliquote marginali effettive Gli oneri deducibili Le deduzioni più rilevanti presenti nella determinazione dell

Dettagli

IMPOSTA PERSONALE SUL REDDITO (IRPEF, situazione all'1-1-2007

IMPOSTA PERSONALE SUL REDDITO (IRPEF, situazione all'1-1-2007 TAV. 2 I.Soggetti IMPOSTA PERSONALE SUL REDDITO (IRPEF, situazione all'1-1-2007 Le persone fisiche residenti in Italia per tutto il loro reddito tassabile (e solo per esso) e quelle residenti all'estero

Dettagli

OGGETTO: Consulenze giuridiche Quesito in materia di contributi regionali erogati ad aziende agrituristiche.

OGGETTO: Consulenze giuridiche Quesito in materia di contributi regionali erogati ad aziende agrituristiche. Roma, 22 gennaio 2010 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Consulenze giuridiche Quesito in materia di contributi regionali erogati ad aziende agrituristiche. Quesito Nell ambito dei Piani di Sviluppo

Dettagli

DAL CALCOLO DELL IMPOSTA AL CONGUAGLIO

DAL CALCOLO DELL IMPOSTA AL CONGUAGLIO DAL CALCOLO DELL IMPOSTA AL CONGUAGLIO IL MODELLO 730-3: La STRUTTURA e i DATI IDENTIFICATIVI. Le sezioni del prospetto di liquidazione 730-3 Il risultato dell elaborazione dei dati esposti nel modello

Dettagli

INTERESSI PASSIVI. Rol x 30% = = soglia massima di deducibilità interessi passivi netti. Interessi passivi + Voce C17) conto economico

INTERESSI PASSIVI. Rol x 30% = = soglia massima di deducibilità interessi passivi netti. Interessi passivi + Voce C17) conto economico INTERESSI PASSIVI Gli interessi passivi di qualsiasi natura vanno imputati al conto economico per competenza. Si considerano assimilati agli interessi passivi: - le commissioni passive su finanziamenti

Dettagli

Anno Accademico 2012-2013. CLEACC classe 12. Francesco Dal Santo

Anno Accademico 2012-2013. CLEACC classe 12. Francesco Dal Santo Università ità Commerciale Luigi i Bocconi Anno Accademico 2012-2013 Scienza delle Finanze CLEACC classe 12 ENTI NON COMMERCIALI Francesco Dal Santo Panoramica Qualificazione ENTI NON COMMERCIALI Non commercialità:

Dettagli

Riferimenti normativi. Schema

Riferimenti normativi. Schema Tema n. 25 Il candidato esamini la disciplina dell imposta regionale sulle attività produttive (IRAP) e accenni ai dubbi di incompatibilità dell imposta con la normativa comunitaria Riferimenti normativi

Dettagli

Evoluzione dell addizionale all Irpef regionale (1998 2014) comunale (2006 2013) Piemonte. A cura di Vincenzo Scumaci

Evoluzione dell addizionale all Irpef regionale (1998 2014) comunale (2006 2013) Piemonte. A cura di Vincenzo Scumaci Evoluzione dell addizionale all Irpef regionale (1998 214) comunale (26 213) Piemonte A cura di Vincenzo Scumaci Categorie di redditi e tassazione/continua slide successiva Categorie redditi tassazione

Dettagli

La fiscalità della sanità integrativa

La fiscalità della sanità integrativa La fiscalità della sanità integrativa 1 Il trattamento tributario dei contributi Fonti normative Art. 10, comma 1, lettera e-ter del tuir 917/86(oneri deducibili) Art. 51, comma 2, lettera a) del tuir

Dettagli

I REDDITI DI LAVORO AUTONOMO

I REDDITI DI LAVORO AUTONOMO Torino, 06 maggio 2014 I REDDITI DI LAVORO AUTONOMO Dott. Gustavo Desana DEFINIZIONE CIVILISTICA Il lavoro autonomo civilisticamente ricade nella categoria dei contratti d opera. L art. 2222 C.c. definisce

Dettagli

L IRPEF del 2007 Alcuni esercizi

L IRPEF del 2007 Alcuni esercizi Esercizi L IRPEF del 2007 Alcuni esercizi Capitolo III, Lezione 1 Le aliquote e le detrazioni dell Irpef Capitolo III, Lezione 1 SCALA DELLE ALIQUOTE redditi 2007 Scaglioni Al.legalelegale EURO (%) 0-15.000

Dettagli

genzia ntrate UNICO Società di persone

genzia ntrate UNICO Società di persone genzia ntrate 2013 PERIODO D IMPOSTA 2012 UNICO Società di persone INDICATORI DI NORMALITÀ ECONOMICA UNICO SOCIETÀ DI PERSONE L articolo 1, comma 19, primo periodo, della legge n. 296 del 2006 (Legge Finanziaria

Dettagli

STRUTTURA DELLA NUOVA IRPEF

STRUTTURA DELLA NUOVA IRPEF Sezione prima - Imposte dirette Struttura della nuova IRPEF STRUTTURA DELLA NUOVA IRPEF I commi da 6 a 9, Legge finanziaria 2007, intervenendo a modifica del TUIR, riscrivono ancora una volta la struttura

Dettagli

UNICO 2008 - Le novità del Quadro RF

UNICO 2008 - Le novità del Quadro RF Seminario LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI DELLE SOCIETÀ Arezzo 20 maggio 2008 Firenze 22 maggio 2008 Pisa 28 maggio 2008 UNICO 2008 - Le novità del Quadro RF Dott. Fabio Giommoni Le novità della dichiarazione

Dettagli

Imposta personale sul reddito delle persone fisiche. Capitolo 3, libro II

Imposta personale sul reddito delle persone fisiche. Capitolo 3, libro II Imposta personale sul reddito delle persone fisiche Capitolo 3, libro II Cosa intendere per imposte personali? (1) Imposte personali (ruolo capacità contributiva) - personalizzazione sulla base dell equità

Dettagli

IRPEF: redditi da lavoro autonomo e redditi d impresa - D.P.R. 917/86 Tuir -

IRPEF: redditi da lavoro autonomo e redditi d impresa - D.P.R. 917/86 Tuir - PLANNING E CONSULENZA FISCALE E SOCIETARIA a.a.2013-2014 IRPEF: redditi da lavoro autonomo e redditi d impresa - D.P.R. 917/86 Tuir - 1 IRPEF IRPEF: redditi da lavoro autonomo L IRPEF è un imposta personale

Dettagli

Il regime fiscale dell Avvocato: Dott. Roberto Sarti

Il regime fiscale dell Avvocato: Dott. Roberto Sarti Il regime fiscale dell Avvocato: Il reddito I regimi agevolati I contribuenti minimi Dott. Roberto Sarti Paratore Pasquetti & Partners 1 Il reddito inquadramento Reddito dell Avvocato inteso come Studio

Dettagli

Economia Applicata all Ingegneria. Docente: Prof. Ing. Donato Morea. Lezione n. 11 del 05.11.2013. - Il bilancio d impresa. a.a.

Economia Applicata all Ingegneria. Docente: Prof. Ing. Donato Morea. Lezione n. 11 del 05.11.2013. - Il bilancio d impresa. a.a. Università degli Studi di Roma Tor Vergata Macroarea di Ingegneria ----------------------------------------------------------------------------------- --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

ASPETTI FISCALI E CONTABILI DEL LEASING. Gianluca De Candia Direttore operativo ASSILEA

ASPETTI FISCALI E CONTABILI DEL LEASING. Gianluca De Candia Direttore operativo ASSILEA ASPETTI FISCALI E CONTABILI DEL LEASING Gianluca De Candia Direttore operativo ASSILEA 1 ASPETTI FISCALI E CONTABILI DEL LEASING Le modifiche della Finanziaria 2008 Il regime IRES per l impresa utilizzatrice

Dettagli

LA LIBERA PROFESSIONE

LA LIBERA PROFESSIONE LA LIBERA PROFESSIONE PRINCIPI DELLE RILEVAZIONI CONTABILI La determinazione del reddito di professionisti ed artisti avviene in modo analitico. Nel regime analitico il reddito è costituito dalla differenza

Dettagli

LIUC-Facoltà di Economia Corso di Scienza delle Finanze I Esercitazione: testo e soluzioni A.A. 2008-2009

LIUC-Facoltà di Economia Corso di Scienza delle Finanze I Esercitazione: testo e soluzioni A.A. 2008-2009 LIUC-Facoltà di Economia Corso di Scienza delle Finanze I Esercitazione: testo e soluzioni A.A. 2008-2009 Esercizio 1 Il sig. A, senza figli e sposato con la signora B la quale non percepisce alcun tipo

Dettagli

FAI LA MOSSA GIUSTA PER DIVENTARE IMPRENDITORE

FAI LA MOSSA GIUSTA PER DIVENTARE IMPRENDITORE FAI LA MOSSA GIUSTA PER DIVENTARE IMPRENDITORE CONFCOMMERCIO MILANO PER GLI ASPIRANTI IMPRENDITORI E LE NEO IMPRESE A cura di Direzione servizi tributari dott.ssa Federica Sottotetti IMPOSTE SUI REDDITI

Dettagli

Imposizione parziale dei proventi da partecipazioni della sostanza commerciale e da partecipazioni dichiarate come sostanza commerciale

Imposizione parziale dei proventi da partecipazioni della sostanza commerciale e da partecipazioni dichiarate come sostanza commerciale Dipartimento federale delle finanze DFF Amministrazione federale delle contribuzioni AFC Divisione principale imposta federale diretta, imposta preventiva, tasse di bollo Imposta federale diretta Berna,

Dettagli

genzia ntrate UNICO Persone fisiche

genzia ntrate UNICO Persone fisiche genzia ntrate 2013 PERIODO D IMPOSTA 2012 UNICO Persone fisiche INDICATORI DI NORMALITÀ ECONOMICA UNICO PERSONE FISICHE L articolo 1, comma 19, primo periodo, della legge n. 296 del 2006 (Legge Finanziaria

Dettagli

Oneri deducibili. Contributi

Oneri deducibili. Contributi Oneri deducibili Le spese che costituiscono oneri sono deducibili dal reddito complessivo del contribuente se non già dedotti nella determinazione dei singoli redditi che concorrono a formare il reddito

Dettagli

Esame di Stato anno scolastico 2011/2012 Svolgimento Tema di Economia aziendale

Esame di Stato anno scolastico 2011/2012 Svolgimento Tema di Economia aziendale Esame di Stato anno scolastico 2011/2012 Svolgimento Tema di Economia aziendale Il tema assegnato per la seconda prova di Economia aziendale nell'indirizzo I.G.E.A. è incentrato sulla differenza tra reddito

Dettagli

Lezione n. 8 Aspetti e problemi della tassazione delle imprese. 1) Aliquota effettiva e forma giuridica dell impresa

Lezione n. 8 Aspetti e problemi della tassazione delle imprese. 1) Aliquota effettiva e forma giuridica dell impresa Lezione n. 8 Aspetti e problemi della tassazione delle imprese. 1) Aliquota effettiva e forma giuridica dell impresa Ernesto Longobardi Il trattamento tributario delle imprese dipende dalla loro forma

Dettagli

UNICO 2006 Base 2005 Prime informazioni

UNICO 2006 Base 2005 Prime informazioni APPROFONDIMENTI UNICO 2006 Base 2005 Prime informazioni Novità Nella bozza del modello Unico 2006, per il 2005, apparso nel sito delle Entrate, compaiono le nuove deduzioni per carichi di famiglia, la

Dettagli

genzia ntrate BOZZA Internet 22/01/2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 UNICO Persone fisiche

genzia ntrate BOZZA Internet 22/01/2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 UNICO Persone fisiche genzia ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014 UNICO Persone fisiche 2015 INDICATORI DI NORMALITÀ ECONOMICA UNICO PERSONE FISICHE L articolo 1, comma 19, primo periodo, della legge n. 296 del 2006 (Legge Finanziaria

Dettagli

Calcolo del Reddito Imponibile di una Spa ai fini IRES e IRAP

Calcolo del Reddito Imponibile di una Spa ai fini IRES e IRAP Calcolo del Reddito Imponibile di una Spa ai In base alle risultanze del Conto Economico, e tenendo conto delle le informazioni che seguono, si determini: L imponibile IRES L IRES liquidata (l aliquota

Dettagli

Le basi della contabilità economico patrimoniale: gli obiettivi e gli strumenti

Le basi della contabilità economico patrimoniale: gli obiettivi e gli strumenti Le basi della contabilità economico patrimoniale: gli obiettivi e gli strumenti Tommaso Agasisti, Politecnico di Milano Dipartimento di Ingegneria Gestionale tommaso.agasisti@polimi.it Agenda 1.Il bilancio

Dettagli

COMUNE DI SONCINO REGOLAMENTO COMUNALE

COMUNE DI SONCINO REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI SONCINO REGOLAMENTO COMUNALE DEFINIZIONE DEI CRITERI DI VALUTAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA DEI SOGGETTI CHE RICHIEDONO PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE 1 ART. 1 - OGGETTO Il presente regolamento,

Dettagli

30018-CLEF Prima Esercitazione (Irpef) TESTO E SOLUZIONI

30018-CLEF Prima Esercitazione (Irpef) TESTO E SOLUZIONI 30018-CLEF Prima Esercitazione (Irpef) TESTO E SOLUZIONI Esercizio 1 - IRPEF Il signor X, che vive solo e non ha figli, ha percepito, nel corso del 2008, i seguenti redditi: - Redditi da lavoro dipendente

Dettagli

IL PASSAGGIO AL REGIME FORFETTARIO

IL PASSAGGIO AL REGIME FORFETTARIO IL PASSAGGIO AL REGIME FORFETTARIO di Antonio Gigliotti Come noto l art. 1, commi da 54 a 89, della legge di stabilità 2015 (23 dicembre 2014, n. 190), ha introdotto, a decorrere dal 1 gennaio 2015, un

Dettagli

L EQUITA DELLA RIFORMA FISCALE IN ITALIA

L EQUITA DELLA RIFORMA FISCALE IN ITALIA 1 L EQUITA DELLA RIFORMA FISCALE IN ITALIA di Luigi Campiglio e Tatiana Oneta Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano Dicembre 2002 La riforma fiscale proposta dalla finanziaria 2002 riduce il livello

Dettagli

SIENA SINTESI MANOVRA MONTI INDICE

SIENA SINTESI MANOVRA MONTI INDICE SIENA SINTESI MANOVRA MONTI INDICE 1. MONETA ELETTRONICA PER LE PENSIONI 2. LIBRETTI DI DEPOSITO AL PORTATORE BANCARI O POSTALI 3. I.S.E.E. 4. DETRAZIONI RISTRUTTURAZIONI ED INTERVENTI PER RIQUALIFICAZIONE

Dettagli

Legge finanziaria per il 2005: novità fiscali in materia di IRPEF

Legge finanziaria per il 2005: novità fiscali in materia di IRPEF di Pietro Ghigini docente di Economia aziendale Legge finanziaria per il 2005: novità fiscali in materia di IRPEF Premessa Approvata sul filo di lana, evitando per un soffio che i lavori parlamentari scivolassero

Dettagli

CIRCOLARE N 1 DEL 14.01.2014

CIRCOLARE N 1 DEL 14.01.2014 STUDIO BURLONE - CRISA Dottori Commercialisti e Revisori contabili CIRCOLARE N 1 DEL 14.01.2014 LEGGE DI STABILITA La Legge di Stabilità (147/2013) è stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale del 27 dicembre

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA COMPARTECIPAZIONE DEGLI UTENTI AL COSTO DEI SERVIZI

REGOLAMENTO DELLA COMPARTECIPAZIONE DEGLI UTENTI AL COSTO DEI SERVIZI REGOLAMENTO DELLA COMPARTECIPAZIONE DEGLI UTENTI AL COSTO DEI SERVIZI Art. 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento disciplina l entità della quota di compartecipazione degli utenti al costo delle

Dettagli

Sindacato Unitario Specialità Ortognatodonzia Largo Re Umberto, 104 - Tel. 011 50.28.20 - Fax 011 50.31.53-10128 TORINO. CIRCOLARE n.

Sindacato Unitario Specialità Ortognatodonzia Largo Re Umberto, 104 - Tel. 011 50.28.20 - Fax 011 50.31.53-10128 TORINO. CIRCOLARE n. S.U.S.O. Sindacato Unitario Specialità Ortognatodonzia Largo Re Umberto, 104 - Tel. 011 50.28.20 - Fax 011 50.31.53-10128 TORINO CIRCOLARE n. 1/2014 La presente per informare i signori Associati sulle

Dettagli

LA SCHEDA AMMINISTRATIVA di Roberto Gabrielli

LA SCHEDA AMMINISTRATIVA di Roberto Gabrielli LA SCHEDA AMMINISTRATIVA di Roberto LE NUOVE INIZIATIVE PRODUTTIVE (Aggiornata al 24.02.2009) Riferimenti normativi Regime contabile introdotto, a partire dal periodo di imposta 2001, con l art. 13 della

Dettagli

Lezione nona. L Ires e la tassazione dei redditi d impresa

Lezione nona. L Ires e la tassazione dei redditi d impresa Lezione nona L Ires e la tassazione dei redditi d impresa 1 TASSAZIONE REDDITI D IMPRESA PROFITTI = R C AM - IP Imprese individuali e società di persone Gli utili, a prescindere dalla loro distribuzione,

Dettagli

Il nuovo quadro LM per i contribuenti minimi

Il nuovo quadro LM per i contribuenti minimi Focus di pratica professionale di Fabio Garrini Il nuovo quadro LM per i contribuenti minimi Nuova denominazione, ma poche novità sostanziali: questo potrebbe essere in estrema sintesi il commento riassuntivo

Dettagli

A.A. 2013/14 - CLES Seconda esercitazione - IRES, ATTVITA FINANZIARIE, IVA Testo e soluzioni

A.A. 2013/14 - CLES Seconda esercitazione - IRES, ATTVITA FINANZIARIE, IVA Testo e soluzioni A.A. 2013/14 - CLES Seconda esercitazione - IRES, ATTVITA FINANZIARIE, IVA Testo e soluzioni Esercizio 1 - Tassazione società di capitali e persone fisiche Il contribuente X lavora come dipendente nella

Dettagli

Tipologie di contribuenti

Tipologie di contribuenti DEFINIZIONI E CLASSIFICAZIONI Tipologie di contribuenti Il mondo dei contribuenti Persone Fisiche viene analizzato sia nella sua completezza che considerando i soli titolari di partita iva. Tutti i contribuenti

Dettagli

IL NUOVO REGIME DEI MINIMI - LA CIRCOLARE MINISTERIALE

IL NUOVO REGIME DEI MINIMI - LA CIRCOLARE MINISTERIALE IL NUOVO REGIME DEI MINIMI - LA CIRCOLARE MINISTERIALE A pochi giorni dalla definitiva conversione in legge della Finanziaria 2008, l Agenzia delle Entrate ha pubblicato la Circolare n. 73/E del 21.12.2007

Dettagli

Studio Commercialisti Associati

Studio Commercialisti Associati Dott. Turrina Walter Rag. Poltronieri Davide Dott. Lanza Federica Studio Commercialisti Associati Commercialista Revisore Contabile Commercialista Consulente del Lavoro AI SIGNORI CLIENTI LORO SEDI Circolare

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE FONDO DI PREVIDENZA MARIO NEGRI FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE A CAPITALIZZAZIONE PER I DIRIGENTI DI AZIENDE DEL TERZIARIO, DI SPEDIZIONE E TRASPORTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1. Regime fiscale della

Dettagli

Redditi fondiari, redditi di lavoro dipendente e redditi di lavoro autonomo

Redditi fondiari, redditi di lavoro dipendente e redditi di lavoro autonomo Redditi fondiari, redditi di lavoro dipendente e redditi di lavoro autonomo Università Carlo Cattaneo - Liuc anno accademico 2014/2015 corso di diritto tributario prof. Giuseppe Zizzo 1 oggetto della lezione

Dettagli

L'IMPOSIZIONE SUL REDDITO DELLE PERSONE FISICHE

L'IMPOSIZIONE SUL REDDITO DELLE PERSONE FISICHE L'IMPOSIZIONE SUL REDDITO DELLE PERSONE FISICHE Indice generale L'IMPOSIZIONE SUL REDDITO DELLE PERSONE FISICHE...2 1 - L IRPEF, CARATTERISTICHE DELL'IMPOSTA...2 2 - LE TIPOLOGIE DI REDDITO...3 2.1. I

Dettagli

AXA MPS PREVIDENZA PER TE - FONDO PENSIONE APERTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

AXA MPS PREVIDENZA PER TE - FONDO PENSIONE APERTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE AXA MPS PREVIDENZA PER TE - FONDO PENSIONE APERTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Il presente documento integra il contenuto della Nota Informativa relativa al fondo pensione aperto a contribuzione definita

Dettagli

STUDIO. Monosi dott. Raffaele. Dottore Commercialista Revisore Contabile

STUDIO. Monosi dott. Raffaele. Dottore Commercialista Revisore Contabile Circolare di gennaio 14 Santa Lucia di Piave, lì 7 gennaio 14 Oggetto: : Finanziaria 2014 prima parte È stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale la Finanziaria 2014 (Legge 27.12.2013, n. 147) c.d. «Legge

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Aggiornamento del 30 gennaio 2015 1. REGIME FISCALE DEI CONTRIBUTI I contributi versati al FOPEN dal 1^ gennaio 2007 sono deducibili dal reddito complessivo dell aderente per

Dettagli

Roma, 22 ottobre 2001

Roma, 22 ottobre 2001 RISOLUZIONE N. 163/E Roma, 22 ottobre 2001 OGGETTO: Istanza di interpello n..2001, ai sensi dell articolo 11, della legge n. 212 del 2000, presentato dal Signor in ordine all assoggettabilità all imposta

Dettagli

Previgest Fund Mediolanum

Previgest Fund Mediolanum Fondo Pensione aperto Previgest Fund Mediolanum Documento sul Regime Fiscale Società di Gestione Collocatore Unico Retro di copertina 2/7 Il presente documento integra il contenuto della Nota Informativa

Dettagli

LE MODALITÀ DI DETERMINAZIONE DELL IRAP NELLE IMPRESE INDIVIDUALI E NELLE

LE MODALITÀ DI DETERMINAZIONE DELL IRAP NELLE IMPRESE INDIVIDUALI E NELLE LE MODALITÀ DI DETERMINAZIONE DELL IRAP NELLE IMPRESE INDIVIDUALI E NELLE SOCIETÀ DI PERSONE La base imponibile Irap delle imprese individuali e delle società di persone, secondo quanto stabilito dall

Dettagli

Esercitazioni del corso di Ragioneria generale ed applicata Corso 50-99

Esercitazioni del corso di Ragioneria generale ed applicata Corso 50-99 Esercitazioni del corso di Ragioneria generale ed applicata Corso 50-99 ESERCITAZIONE N 2 ARGOMENTI CONSIDERATI: Fase di diritto e fase di fatto delle registrazioni contabili Registrazione dei finanziamenti

Dettagli

Il caso della settimana

Il caso della settimana N. 17 A.L Servizi s.r.l. Via Bergamo n. 25 24035 Curno (Bg) Maggio 05.05.2010 P.Iva e C.F. 03252150168 Tel. 035.4376262 - Fax 035.62.22.226 E-mail:info@alservizi.it Reg.Imprese di Bergamo n. REA 362371

Dettagli

IRAP determinazione imponibile

IRAP determinazione imponibile Imposta Regionale sulle Attività Produttive - IRAP L IRAP è stata introdotta nel 1997, dando seguito a moltissime polemiche, in quanto si presenta come un imposta del tutto atipica sia per quanto riguarda

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO DEGLI UTENTI ALLE PRESTAZIONI E DELLA COMPARTECIPAZIONE AL COSTO. Articolo 1 Oggetto del Regolamento

REGOLAMENTO PER L ACCESSO DEGLI UTENTI ALLE PRESTAZIONI E DELLA COMPARTECIPAZIONE AL COSTO. Articolo 1 Oggetto del Regolamento REGOLAMENTO PER L ACCESSO DEGLI UTENTI ALLE PRESTAZIONI E DELLA COMPARTECIPAZIONE AL COSTO Articolo 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento disciplina le modalità di determinazione della quota

Dettagli