REGOLAMENTO SULLE UNIFORMI DEL CORPO DELLE INFERMIERE VOLONTARIE DELLA CROCE ROSSA ITALIANA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO SULLE UNIFORMI DEL CORPO DELLE INFERMIERE VOLONTARIE DELLA CROCE ROSSA ITALIANA"

Transcript

1 REGOLAMENTO SULLE UNIFORMI DEL CORPO DELLE INFERMIERE VOLONTARIE DELLA CROCE ROSSA ITALIANA Redazione terminata nell anno Versione n. 1 Pagina 1 di 30

2 SOMMARIO APPROVAZIONE ED EFFICACIA DEL REGOLAMENTO Pagina 5 DISPOSIZIONI TRANSITORIE Pagina 5 PREMESSA Pagina 5 DISPOSIZIONI GENERALI Pagina 5 FORNITURA E RICONSEGNA DELLE UNIFORMI II.VV. Pagina 6 TIPOLOGIE DELLE UNIFORMI II.VV. Pagina 8 UNIFORME BIANCA DI RAPPRESENTANZA Pagina 9 UNIFORME AZZURRA Pagina 10 COMPLETO DI EMERGENZA Pagina 11 UNIFORME DI SERVIZIO Pagina 12 UNIFORME SERVIZIO SANITARIO INFERMERIE/OSPEDALI CIVILI Pagina 13 UNIFORME PRESSO LE STRUTTURE SANITARIE CAMPALI (P.M.A., ECC) Pagina 14 UNIFORME SERVIZIO TRASPORTO INFERMI E PRONTO SOCCORSO Pagina 15 UNIFORME SERVIZIO ATTIVITA SPECIALI Pagina 16 Uniforme CINOFILI Pagina 16 Uniforme O.P.S.A. Pagina 16 Uniforme SOCCORSI CON MEZZI E TECNICHE SPECIALI Pagina 16 Uniforme SOCCORSO SU PISTE Pagina 16 UNIFORME SERVIZIO A.S.A.R. Pagina 17 UNIFORME PER ATTIVITA MARITTIME Pagina 19 I GRADI Pagina 20 Velcro Pagina 21 Spalline Rigide Pagina 21 Tubolari Pagina 21 Spilla Romboidale Pagina 21 I DISTINTIVI Pagina 22 Scudetto di Corpo Pagina 22 Scudetto Italia Pagina 22 Fregio basco Pagina 22 Medaglia I.V. Pagina 23 Nastrino Diploma I.V. Pagina 23 Grado Superiore I.V. Pagina 23 MEDAGLIE ED ONORIFICIENZE Pagina 24 Pagina 2 di 30

3 CAPITOLATI TECNICI UFFICIALI (che costituiscono parte integrante del presente regolamento) Anfibio Nero Basco Bermuda Berretto di Cotone Berretto di Pile Borsa di Ordinanza Borsa Tubolare Borsone da Viaggio Bottone per Colletto Calzettoni Bianchi Calzettoni Blu Camice Azzurro Manica Corta Camice Bianco Manica Corta Camice Bianco Manica Lunga Camicia Celeste Cappotto con Mantella Casco Protettivo Colletto per Cappotto Colletto di Plastica Completo di Emergenza Croci di Cotone Croci di Panno Cuffia Duri Bianchi Duri Neri Felpa Bianca Fregio Basco Frontino Giubbetto Catarifrangente Golf Cardigan Bianco Golf Cardigan Blu Golf Collo Alto Invernale Grado Tubolare Pagina 3 di 30

4 Grado Velcro Grembiule Guanti Bianchi Guanti Grigi Guanti Pile Impermeabile Maglietta Azzurra Maglietta Bianca Maglione Girocollo Polo Scudetto di Corpo Scudetto Italia Spalline Rigide Spilla Romboidale Targhetta Portanome Trolley Grande Trolley Piccolo Tuta di Cotone Tuta di Pile Uniforme di Servizio Velo Bianco Velo Blu Zainetto Zoccolo Ospedale Pagina 4 di 30

5 APPROVAZIONE ED EFFICACIA DEL REGOLAMENTO DELLE UNIFORMI E DEL LORO USO Il presente Regolamento, approvato con Ordinanza Commissariale N. 556/12 del sostituisce integralmente ogni atto precedentemente emesso per quanto concerne l uso delle Uniformi del Corpo delle Infermiere Volontarie della Croce Rossa Italiana. Il presente Regolamento ha efficacia a partire dal giorno di ratifica dell Ordinanza Commissariale che lo approva. DISPOSIZIONI TRANSITORIE Sono esclusi, solo per il relativo capitolato tecnico ma non per l uso, eventuali capi dell uniforme per Infermiere Volontarie C.R.I. i cui i procedimenti amministrativi per la relativa fornitura sono stati avviati con data antecedente l entrata in vigore del presente Regolamento e dei rispettivi capitolati tecnici ufficiali. PREMESSA Il presente Regolamento ha come scopo principale quello di poter delineare, quanto più possibile, il corretto uso delle Uniformi in dotazione al Corpo delle Infermiere Volontarie della Croce Rossa Italiana, creando così uno strumento che possa guidare di volta in volta i Vertici del Corpo delle Infermiere Volontarie (Regionali, Provinciali, Locali), ad impartire le corrette disposizioni alle singole Infermiere Volontarie per lo svolgimento dei servizi loro attribuiti. DISPOSIZIONI GENERALI Le Infermiere Volontarie (di seguito denominate II.VV.), sono autorizzate ad indossare l uniforme del Corpo, nello svolgimento dei vari servizi per i quali sono chiamate. Le II.VV. sono obbligate ad indossare l uniforme ogni qualvolta, autorizzate, rappresentano il Corpo delle Infermiere Volontarie della Croce Rossa Italiana. Pertanto ogni Infermiera Volontaria, autorizzata dalla propria Ispettrice, DEVE indossare SEMPRE l UNIFORME COMPLETA sia durante un servizio collettivo che isolato. È fatto divieto assoluto a qualsiasi I.V., di indossare l uniforme o anche parte di essa nei seguenti casi: Dimissione dal Corpo delle II.VV. (cancellazione dal Ruolo); Radiazione dal Corpo delle II.VV. (cancellazione dal Ruolo); Assenza di autorizzazione allo svolgimento del servizio; Terminata esigenza dell uso dell uniforme; Pagina 5 di 30

6 L osservanza delle norme riportate nel presente Regolamento, è affidata al senso di dignità personale ed allo spirito di disciplina delle II.VV.. È invece demandata all Ispettrice di competenza, la verifica della corretta applicazione di quanto riportato nel presente Regolamento. Il presente Regolamento e l uso delle diverse uniformi del Corpo, devono essere rispettati integralmente da qualsiasi I.V.. Non è ammesso a nessuna I.V., a qualsiasi titolo, apportare modifiche e/o varianti alle varie uniformi del Corpo. All I.V. in uniforme è fatto DIVIETO di: adornarsi con gioielli o simili, fatta eccezione per l anello matrimoniale; indossare pellicce, sciarpe e/o altro capo di vestiario che sia al di fuori di quelli previsti; indossare calzature diverse da quelle previste utilizzare valigie, sacche, zaini, ecc. diversi da quelli previsti; utilizzare l ombrello; Le II.VV., nel momento in cui indossano l uniforme, non possono recarsi in ritrovi pubblici come discoteche, pub, club privè, ecc. salvo disposizioni superiori legate allo svolgimento del servizio che l Infermiera Volontaria è chiamata a svolgere. Le Allieve II.VV. di 1 e di 2 anno si presentano agli esami in uniforme bianca di rappresentanza. Le Allieve di 1 e di 2 anno, ad eccezione dell espletamento dei servizi di tirocinio, potranno indossare l uniforme a seguito di preventiva autorizzazione dell organo superiore. L Uniforme da dover indossare, sarà quella riportata nelle seguenti pagine, in base al servizio che la I.V. è chiamata a svolgere, salvo diverse disposizioni eccezionalmente emanate dall Ispettrice per servizi straordinari. FORNITURA E RICONSEGNA DELLE UNIFORMI II.VV. Le Uniformi in dotazione al Corpo delle Infermiere Volontarie della Croce Rossa Italiana per lo svolgimento dei servizi in qualità di Ausiliarie di FF.AA., sono acquistate dall Ispettorato Nazionale II.VV. o dagli Ispettorati di Centro di Mobilitazione Regionale II.VV., con appositi fondi vincolati. Per i servizi svolti in qualità di Componente C.R.I. saranno acquistati dai Comitati (Regionali, Provinciali, Locali) C.R.I. Gli unici capi dell uniforme che possono essere acquistati privatamente dalla singola I.V., in quanto autorizzati, sono quelli riportati nel presente Regolamento. Qualsiasi capo dell uniforme acquistato dovrà corrispondere a quanto riportato nel rispettivo capitolato tecnico. I capitolati tecnici ufficiali sono parte integrale del presente Regolamento e pertanto approvati con la relativa Ordinanza Commissariale. Pagina 6 di 30

7 Le Uniformi sono acquistate in CONTO CAPITALE, e sono soggette a relativo carico e scarico inventariale. Qualsiasi capo dell Uniforme consegnato ad una I.V., è ceduto a titolo temporaneo all interessata per lo svolgimento dei servizi. Pertanto la I.V. in possesso di un capo dell Uniforme II.VV., nel momento in cui non appartenesse più alla Componente (cancellazione dai Ruoli, radiazione, etc.), è tenuta alla tempestiva riconsegna alla propria Ispettrice II.VV. di quanto in suo possesso. La riconsegna deve avvenire anche se i capi dell Uniforme, in possesso della I.V., risultino visibilmente deteriorati e/o inutilizzabili, pertanto è fatto divieto assoluto alla I.V. di provvedere autonomamente a disfarsi dei capi dell Uniforme. L Ispettrice II..VV. è obbligatoriamente tenuta a garantire che in ogni Stato di Servizio di qualsiasi I.V. risulti, debitamente firmato dall interessata, la consegna e/o resa dei vari capi dell Uniforme. L Ispettrice II.VV. di competenza, nel momento in cui si verificano i presupposti per la riconsegna dei capi dell Uniforme (cancellazione dai Ruoli, radiazione, etc.), è tenuta a richiedere alla I.V. (in caso di decesso, ai parenti), la riconsegna dei capi dell Uniforme precedentemente consegnati alla I.V. per lo svolgimento dei servizi assegnati. L I.V. cui sia stata notificata, con idoneo atto, la richiesta di rendere i capi dell Uniforme di cui in precedenza dotata, dovrà procedere alla riconsegna entro 30 (trenta) giorni dalla notifica, diversamente l Ispettrice di competenza procederà, dopo un sollecito, ad avviare le relative fasi per lo stato di addebito. Le procedure per lo stato di addebito sono di competenza diretta del Comitato CRI di appartenenza. Le somme ricavate dallo stato di addebito dovranno essere utilizzate esclusivamente per l acquisto di uniformi a favore delle II.VV. dell Ispettorato. Il Comitato CRI che con propri fondi procedesse ad acquistare capi dell Uniforme II.VV., al fine di garantire la maggiore uniformità, dovrà conformarsi ad ogni singolo capitolato tecnico, che sarà fornito dall Ispettorato di Centro di Mobilitazione Regionale II.VV. di competenza territoriale. (Anche in questo caso i capi dell uniforme sono in conto capitale). Qualora una qualsiasi I.V. decidesse di acquistare a titolo personale dei capi dell Uniforme II.VV., gli stessi, al fine di garantire la maggiore uniformità, dovranno essere conformi al capitolato tecnico, che potrà essere fornito dall Ispettorato di Centro di Mobilitazione Regionale II.VV. di competenza territoriale. (Solo in questo caso i capi dell uniforme NON saranno in conto capitale). Pagina 7 di 30

8 TIPOLOGIE DELLE UNIFORMI II.VV. Il Corpo delle Infermiere Volontarie della Croce Rossa Italiana è dotato, esclusivamente delle seguenti Uniformi approvate, con il presente regolamento, dall Ispettorato Nazionale II.VV. e dalla Croce Rossa Italiana: UNIFORME BIANCA DI RAPPRESENTANZA UNIFORME AZZURRA COMPLETO DI EMERGENZA UNIFORME DI SERVIZIO UNIFORME SERVIZIO SANITARIO INFERMERIE/OSPEDALI CIVILI UNIFORME SERVIZIO SANITARIO INFERMERIE/OSPEDALI MILITARI UNIFORME SERVIZIO TRASPORTO INFERMI E PRONTO SOCCORSO UNIFORME SERVIZIO ATTIVITA SPECIALI Uniforme CINOFILI Uniforme O.P.S.A. Uniforme SOCCORSI CON MEZZI E TECNICHE SPECIALI Uniforme SOCCORSO SU PISTE UNIFORME PER ATTIVITA SAR UNIFORME PER ATTIVITA MARITTIME Pagina 8 di 30

9 UNIFORME BIANCA DI RAPPRESENTANZA L Uniforme bianca di rappresentanza è composta dai seguenti capi: Velo Blu (deve essere portato sulla fronte, parallelamente alle sopracciglia ad una distanza di 2 cm. al di sopra di queste); Duro Nero; Frontino Bianco adeguatamente ripiegato ed inamidato con croce rossa ricamata; Vestito di cotone piquet mille righe manica corta di cui la lunghezza da terra deve essere pari a 40 cm (Nel periodo invernale tutte le II.VV./Allieve indosseranno il camice manica lunga mentre nel periodo estivo indosseranno il camice manica corta); Scarpe Bianche (tacco 4 cm o tacco 6 cm); Calze Bianche 40 denari; Borsa d ordinanza; Guanti Bianchi; Croce Rossa di Cotone (posta al centro) il cui lato orizzontale coinciderà con l inizio del taschino; Nastrino del Diploma (posto sul lato sinistro); Spalline Rigide (Riportanti il grado rivestito dalla I.V.); Borsone da Viaggio o Borsa Tubolare o Trolley Grande e Trolley Piccolo (se si viaggia in divisa ed in base alle disposizioni che saranno impartite di volta in volta dall Ispettrice II.VV.); Colletto di plastica rigido con bottone bianco; Mantella Cappotto con relativo colletto bianco, la cui la lunghezza deve essere a 30 cm da terra, con applicata la croce rossa di panno sul lato sinistro della mantella (la mantella cappotto dovrà essere utilizzata solo durante il periodo invernale) (Le Ispettrici e Vice Ispettrici in carica apporranno a 0,5 cm al di sopra del braccio superiore della croce, la medaglia romboidale corrispondente alla funzione svolta) Utilizzo: Servizi di Rappresentanza; Feste di Corpo; Pagina 9 di 30

10 L Uniforme azzurra è composta dai seguenti capi: Utilizzo: Basco Blu con fregio di Corpo; UNIFORME AZZURRA Uniforme con manica corta di cotone tipo Oxford; Scarpe Blu (tacco 4 cm o tacco 6 cm); Calze di color Grigio (40 denari); Borsa d ordinanza; Guanti color Grigio; Croce Rossa di Cotone (posta al centro) il cui lato orizzontale coinciderà con l inizio del taschino; Nastrino del Diploma (posto sul lato sinistro); Velcro targhetta Nome e Cognome I.V. da apporre sul camice (il velcro dovrà essere di colore blu con scritta bianca. Dovrà essere presente un bordo di colore bianco largo 2 mm che circonda i lati della targhetta.) Colletto di plastica rigido con bottone bianco; Spalline Rigide (Riportanti il grado rivestito dalla I.V.); Borsone da Viaggio o Borsa Tubolare o Trolley Grande e Trolley Piccolo (se si viaggia in divisa ed in base alle disposizioni che saranno impartite di volta in volta dall Ispettrice II.VV.); Impermeabile di colore Azzurro con imbottitura rimovibile; Grado tubolare (Riportanti il grado rivestito dalla I.V.) da applicare sull impermeabile; Da Viaggio; Da Lavoro; Per Frequentazione di corsi formativi; Relatrici, Moderatrici, Assistenza con Croce Rossa, Seminario, Corso; Pagina 10 di 30

11 UNIFORME DI EMERGENZA L Completo di Emergenza è composto dai seguenti capi: Basco Blu con fregio di Corpo o in alternativa se preventivamente autorizzato il berretto blu di cotone o pile; Giacca del completo di emergenza di color azzurro con croce centrale e scudetti sulle maniche; Pantalone del completo di emergenza di color azzurro; Camicia azzurra con croce rossa centrale ed applicazione sulle maniche dello scudetto Italia e lo scudetto di Corpo; Maglietta azzurra con loghi da indossarsi soltanto nel momento dello svolgimento del servizio e se preventivamente autorizzate; Anfibi Neri; Calzettoni Blu; Zainetto con logo; Velcro targhetta Nome e Cognome I.V. da apporre sia sulla camicetta che sulla giacca (il velcro dovrà essere di colore blu con scritta bianca. Dovrà essere presente un bordo di colore bianco largo 2 mm che circonda i lati della targhetta.) Grado tubolare (Riportante il grado rivestito dalla I.V.) da applicarsi sia sulla camicetta che sulla giacca; Borsone da Viaggio o Borsa Tubolare o Trolley Grande e Trolley Piccolo (se si viaggia in divisa ed in base alle disposizioni che saranno impartite di volta in volta dall Ispettrice II.VV.); Foulard blu da collo; Maglione Blu Tipo Carabiniere da indossare soltanto nel periodo invernale con relativi scudetti sulle maniche; Guanti Pile da indossare soltanto nel periodo invernale; Cintura bianca con fibbia in metallo con la croce rossa stampata sulla parte anteriore della fibbia; Utilizzo: Trasporto Infermi (periodo Invernale con aggiunta del giubbetto catarifrangente); Servizio di Emergenza (periodo Invernale); Servizio su piste innevate (periodo Invernale); Interventi di Primo Soccorso su strada (periodo Invernale con aggiunta del giubbetto catarifrangente); Impiego per missioni fuori area (periodo Invernale); Pagina 11 di 30

12 UNIFORME DI SERVIZIO L Uniforme di Servizio è composta dai seguenti capi: Basco Blu con fregio di Corpo o in alternativa se preventivamente autorizzato il berretto blu di cotone o pile; Giacca azzurra dell uniforme di servizio con applicati lo scudetto dell Italia e lo scudetto di Corpo sulle maniche come riportato nel relativo capitolato tecnico; Pantalone azzurro dell uniforme di servizio; Camicia azzurra con croce rossa centrale ed applicazione sulle maniche dello scudetto Italia e lo scudetto di Corpo; Maglietta azzurra con loghi da indossarsi soltanto nel momento dello svolgimento del servizio e se preventivamente autorizzate; Anfibi Neri; Calzettoni Blu; Zainetto con logo; Velcro targhetta Nome e Cognome I.V. da apporre sia sulla camicetta che sulla giacca (il velcro dovrà essere di colore blu con scritta bianca. Dovrà essere presente un bordo di colore bianco largo 2 mm che circonda i lati della targhetta.) Grado tubolare (Riportante il grado rivestito dalla I.V.) da applicarsi sia sulla camicetta che sulla giacca; Borsone da Viaggio o Borsa Tubolare o Trolley Grande e Trolley Piccolo (se si viaggia in divisa ed in base alle disposizioni che saranno impartite di volta in volta dall Ispettrice II.VV.); Foulard blu da collo; Guanti Pile da indossare soltanto nel periodo invernale; Cintura bianca con fibbia in metallo con la croce rossa stampata sulla parte anteriore della fibbia; Utilizzo: Trasporto Infermi (periodo Estivo con aggiunta del giubbetto catarifrangente); Servizio di Emergenza (periodo Estivo); Servizio su piste innevate (periodo Estivo); Interventi di Primo Soccorso su strada (periodo Estivo con aggiunta del giubbetto catarifrangente); Impiego per missioni fuori area (periodo Estivo); Pagina 12 di 30

13 UNIFORME PER SERVIZIO SANITARIO PRESSO LE INFERMERIE ED OSPEDALI CIVILI L Uniforme per i servizi sanitari presso le Infermerie ed Ospedali Civili è composta dai seguenti capi: Camice bianco maniche corte, tessuto di piquet, lunghezza 40 cm. da terra indossando scarpe bianche regolamentari; Grembiule bianco di cotone con pettorina, stessa lunghezza del camice con bretelle incrociate ed abbottonate sul retro; Colletto bianco di plastica con bottone bianco; Velo bianco con croce rossa ricamata; Duro Bianco; Cuffia bianca con croce rossa ricamata ( da portare secondo le disposizioni impartite dalla propria Ispettrice / Capogruppo); Croce Rossa di cotone da porre al centro del grembiule e del camice; Calze bianche (40 denari); Scarpe bianche (tacco da 4 cm o tacco da 6 cm) Golf Cardigan bianco da indossare sotto il Grembiule bianco, mentre le bretelle del grembiule si inseriranno sotto quest ultimo; Spalline Rigide (Riportanti il grado rivestito dalla I.V.) da applicare soltanto sul camice Utilizzo: Servizio Infermieristico presso Infermerie ed Ambulatori Civili; Servizio Ospedaliere sempre; Pagina 13 di 30

14 UNIFORME PER SERVIZIO PRESSO LE STRUTTURE SANITARIE MOBILI (P.M.A., ECC.) L Uniforme da indossare per i servizi presso le strutture sanitarie campali è composta dai seguenti capi: Camice azzurro maniche corte, tessuto di cotone oxford, lunghezza 40 cm. da terra indossando scarpe blu regolamentari; Grembiule bianco di cotone con pettorina, stessa lunghezza del camice; Colletto bianco di plastica con bottone bianco; Cuffia bianca con croce rossa ricamata; Croce Rossa di cotone da apporre al centro del grembiule e del camice; Calze color grigio (40 denari); Scarpe blu (tacco da 4 cm o tacco da 6 cm) Golf Cardigan blu da indossare sotto il Grembiule bianco, mentre le bretelle del grembiule si inseriranno sotto quest ultimo; Spalline Rigide (Riportanti il grado rivestito dalla I.V.) da applicare soltanto sul camice Utilizzo: Servizio Infermieristico e sanitario in area campale e su istallazioni mobili; Pagina 14 di 30

15 UNIFORME SERVIZIO TRASPORTO INFERMI E PRONTO SOCCORSO L Uniforme Servizio Trasporto Infermi e Pronto Soccorso è composta dai seguenti capi: Estiva: Basco Blu o in alternativa se preventivamente autorizzato il berretto blu di cotone; Uniforme di Servizio di colore azzurro composta da: Giacca con applicati lo scudetto dell Italia e lo scudetto di Corpo; Pantalone; Camicia azzurra con applicati lo scudetto Italia e lo scudetto di Corpo (o in alternativa la Maglietta azzurra da indossarsi soltanto nel momento dello svolgimento del servizio e se preventivamente autorizzate); Anfibi Neri; Calzettoni Blu; Zaino con logo; Grado Velcro (Riportante il grado rivestito dalla I.V.) da applicare sulla giacca dell uniforme di servizio; Borsone da Viaggio o Borsa Tubolare o Trolley Grande e Trolley Piccolo (se si viaggia in divisa ed in base alle disposizioni che saranno impartite di volta in volta dall Ispettrice II.VV.); Cintura bianca con fibbia riportante il simbolo della Croce Rossa; Foulard blu da collo; Giubbetto catarifrangente; Invernale: Basco Blu o in alternativa se preventivamente autorizzato il berretto blu di cotone; Completo di Emergenza composto da: Giacca; Pantalone; Camicia azzurra con applicati lo scudetto Italia e lo scudetto di Corpo (o in alternativa la Maglietta azzurra da indossarsi soltanto nel momento dello svolgimento del servizio e se preventivamente autorizzate) Anfibi Neri; Calzettoni Blu; Zainetto; Velcro targhetta Nome e Cognome I.V. da apporre sia sulla camicetta che sul giaccone (il velcro dovrà essere di colore blu con scritta bianca. Dovrà essere presente un bordo di colore bianco largo 2 mm che circonda i lati della targhetta.) Grado tubolare (Riportante il grado rivestito dalla I.V.) da applicarsi sia sulla camicetta che sul giaccone; Borsone da Viaggio o Borsa Tubolare o Trolley Grande e Trolley Piccolo (se si viaggia in divisa ed in base alle disposizioni che saranno impartite di volta in volta dall Ispettrice II.VV.); Foulard blu da collo; Maglione Blu Tipo Carabiniere ; Giubbetto catarifrangente; Pagina 15 di 30

16 UNIFORME SERVIZIO ATTIVITA SPECIALI UNIFORME PER SERVIZIO CINOFILI Per quanto riguarda l uniforme da indossare durante lo svolgimento delle attività cinofili, le II.VV. abilitate a tale servizio utilizzeranno l uniforme prevista dal relativo regolamento dell attività, elaborato dal Servizio CRI competente in materia. UNIFORME PER SERVIZIO O.P.S.A. Per quanto riguarda l uniforme da indossare durante lo svolgimento delle attività O.P.S.A., le II.VV. abilitate a tale servizio utilizzeranno l uniforme prevista dal relativo regolamento dell attività, elaborato dal Servizio CRI competente in materia. UNIFORME PER SERVIZIO SOCCORSI CON MEZZI E TECNICHE SPECIALI Per quanto riguarda l uniforme da indossare durante lo svolgimento delle attività inerente i soccorsi con mezzi e tecniche speciali, le II.VV. abilitate a tale servizio utilizzeranno l uniforme prevista dal relativo regolamento dell attività, elaborato dal Servizio CRI competente in materia. UNIFORME PER SERVIZIO SOCCORSO SU PISTE Per quanto riguarda l uniforme da indossare durante lo svolgimento delle attività di soccorso su piste, le II.VV. abilitate a tale servizio utilizzeranno l uniforme prevista dal relativo regolamento dell attività, elaborato dal Servizio CRI competente in materia. Pagina 16 di 30

17 UNIFORME SERVIZIO ATTIVITA A.S.A.R. L uniforme della I.V. A.SAR in aeroporto è costituita dalla tuta di volo e dal giubbetto (combinazione di volo), forniti dall Aeronautica Militare, completa di berretto con visiera II.VV. C.R.I.. La tuta di volo nonché il giubbetto devono recare: Sul velcro del lato sinistro: o in alto lo scudetto di Corpo IIVV o in basso lo stemma dello Stormo o Squadriglia di appartenenza Sullo strip del lato destro: o La targhetta portanome (Nome, Cognome e Gruppo Sanguigno) Targhetta Portanome Scudetto Corpo II.VV. stemma dello Stormo o Squadriglia di appartenenza In inverno: sotto la tuta da volo bisognerà indossare: Dolce vita blu Calzettoni blu foulard di cotone blu stivaletti da volo zainetto con logo In estate: sotto la tuta da volo bisognerà indossare: Maglietta bianca Calze di cotone bianco foulard di cotone blu stivaletti da volo zainetto con logo Pagina 17 di 30

18 In volo le II.VV. A.SAR dovranno indossare il casco ed i guanti da volo (i guanti da volo dovranno essere forniti dalla base ove la I.V. presta servizio) Pagina 18 di 30

19 UNIFORME PER ATTIVITA MARITTIME Uniforme Completo di emergenza di colore azzurro sfoderata (Giacca + Pantalone) Camicia azzurra con croce rossa centrale ed applicazione sulle maniche dello scudetto Italia e lo scudetto di Corpo; Maglietta azzurra o bianca con loghi da indossarsi soltanto nel momento dello svolgimento del servizio e se preventivamente autorizzate; Foulard blu da collo; Pantalone tipo bermuda di colore blu; Calzettoni Blu; Scarpe tipo superga blu di cotone; Anfibio di colore nero; Velcro targhetta Nome e Cognome I.V. da apporre sia sulla camicetta che sulla giacca (il velcro dovrà essere di colore blu con scritta bianca. Dovrà essere presente un bordo di colore bianco largo 2 mm che circonda i lati della targhetta.) Cintura bianca con fibbia in metallo con la croce rossa stampata sulla parte anteriore della fibbia; Utilizzo: Servizio assistenza balneare; Servizio su barca a vela; Servizio supporto/assistenza gare sportive nautiche; Pagina 19 di 30

20 I GRADI I gradi corrispondono per conformazione ai gradi degli ufficiali dell esercito italiano secondo il seguente schema: Ispettrice Nazionale = Brigadier Generale Vice Ispettrice Nazionale = Colonnello Segretaria Generale = Tenente Colonnello Ispettrice di Centro di Mobilitazione Regionale = Maggiore con robbio Vice Ispettrice di Centro di Mobilitazione Regionale = Capitano Ispettrice Provinciale/Locale = Capitano con robbio Vice Ispettrice Provinciale/Locale = Tenente Capogruppo = Sottotenente con robbio Infermiera Volontaria = Sottotenente Ogni I.V. è tenuta a dover indossare obbligatoriamente ed esclusivamente il grado previsto dalla funzione svolta, pertanto è fatto divieto assoluto a qualsiasi I.V. l utilizzo di gradi non ufficialmente attribuiti. I gradi sono di 4 diverse tipologie in previsione dell uniforme cui si riferisce: Grado Velcro; Spallina Rigida: Grado Tubolare; Spilla Romboidale; Pagina 20 di 30

21 Grado Velcro I gradi Velcro, si indossano sulla seguente uniforme: Uniforme di Servizio; Le Spalline Rigide, si indossano sulle seguenti uniformi: Uniforme Bianca di Rappresentanza; Uniforme Azzurra; Spallina Rigida Grado Tubolare I gradi Tubolari, si indossano sulle seguenti uniformi: Uniforme di Emergenza; Impermeabile; Camicetta Azzurra; I gradi Spilla Romboidale si indossano sulle seguenti Uniformi/capi: Cappotto a mantella; Abiti civili nel momento in cui si svolge un servizio Spilla Romboidale Pagina 21 di 30

22 I DISTINTIVI Ogni I.V. è tenuta ad indossare, sulle varie uniformi, in base a quanto di seguito riportato, lo scudetto di Corpo lo scudetto Italia, lo scudetto SAR, il Fregio Basco, la Medaglia di I.V., il Nastrino diploma e, se in possesso, il Grado Superiore. Lo Scudetto di Corpo, raffigurante il simbolo del Corpo delle II.VV., deve essere sempre indossato sui seguenti capi dell Uniforme II.VV.: Camicetta Azzurra; Uniforme di Emergenza; Uniforme di Servizio; Impermeabile; Maglione Blu Tipo Carabiniere; Servizi Speciali; SAR Lo Scudetto di Corpo deve essere posizionato sul braccio destro di ogni capo dell Uniforme sopraccitato, ad una distanza di 6 cm dalla spalla (giro manica). Ad eccezione dell uniforme SAR che va posizionato come menzionato nella relativa sezione. Lo Scudetto Italia, raffigurante il simbolo del tricolore, deve essere sempre indossato sui seguenti capi dell Uniforme II.VV.: Camicetta Azzurra; Uniforme di Emergenza; Uniforme di Servizio; Impermeabile; Maglione Blu Tipo Carabiniere; Servizi Speciali; SAR Lo Scudetto Italia deve essere posizionato sul braccio sinistro di ogni capo dell Uniforme sopraccitato, ad una distanza di 6 cm dalla spalla (giro manica). Il Fregio Basco, riprodotto nella figura qui a fianco, deve sempre essere appuntato sul basco. Pagina 22 di 30

23 La Medaglia I.V., deve essere posizionata sul lato sinistro all altezza del petto, per i seguenti capi dell Uniforme: Uniforme Azzurra; Uniforme Bianca di rappresentanza; Il Nastrino Diploma, deve essere posizionato sul lato sinistro all altezza del braccio della croce, per i seguenti capi dell Uniforme: Uniforme Azzurra; Uniforme Bianca di rappresentanza. Il Grado Superiore, se in possesso della I.V., deve essere posizionata sul lato sinistro all altezza del petto, lo stesso deve essere posizionato sulla parte frontale del nastrino di diploma, per i seguenti capi dell Uniforme: Uniforme Azzurra; Uniforme Bianca di rappresentanza. Pagina 23 di 30

24 MEDAGLIE ED ONORIFICIENZE I nastrini delle medaglie e le onorificenze, concesse alla I.V., nonché i distintivi di specializzazioni C.R.I. vanno indossate sulle seguenti uniformi: Uniforme di Rappresentanza Bianca; Uniforme Azzurra; I nastrini delle medaglie e le onorificenze vanno indossati dal centro del petto verso il lato sinistro, in file successive di quattro in quattro. Ci si può fregiare di quanto attribuito solo previa autorizzazione dell Ispettrice Nazionale e conseguente all iscrizione sullo Stato Matricolare dell interessata. Le medaglie si indossano d obbligo sull uniforme bianca di rappresentanza nelle seguenti occasioni: Festa della Liberazione (25 Aprile); Festa della Repubblica (2 Giugno); Festa di Corpo (25 Giugno); Festa delle Forze Armate (4 Novembre); L ordine delle decorazioni da seguire è: Prima Riga: Cavaliere di Gran Croce dell Ordine Militare d Italia; Grande Ufficiale dell Ordine Militare d Italia; Commendatore dell Ordine Militare d Italia; Ufficiale dell Ordine Militare d Italia; Seconda Riga: Cavaliere dell Ordine Militare d Italia; Medaglia d Oro al Valor Militare; Medaglia d Oro al Valor dell Esercito; Medaglia d Oro al Valor di Marina; Terza Riga: Medaglia d Oro al Valor Aeronautico; Medaglia d Argento al Valor Militare; Medaglia d Argento al Valor dell Esercito; Medaglia d Argento al Valor di Marina; Pagina 24 di 30

25 Quarta Riga: Medaglia d Argento al Valor Aeronautico; Medaglia di Bronzo al Valor Militare; Medaglia di Bronzo al Valor dell Esercito; Medaglia di Bronzo al Valor di Marina; Quinta Riga: Medaglia di Bronzo al Valor Aeronautico; Medaglia d Oro al Valor Civile; Medaglia d Argento al Valor Civile; Medaglia di Bronzo al Valor Civile; Sesta Riga: Croce al Valor Militare; Croce al merito di Guerra (con una stelletta sovrapposta per ogni concessione successiva alla prima, un nastrino per ogni guerra); Croce d Oro al Merito dell Esercito; Medaglia d Oro al Merito Aeronautico; Settima Riga: Croce d Argento al Valor Militare; Medaglia d Argento al Merito Aeronautico; Croce di Bronzo al Merio dell Esercito; Medaglia di bronzo al Merito Aeronautico; Ottava Riga: Medaglia d Oro al Merito Civile; Medaglia d Argento al Merito civile; Medaglia di Bronzo al Merito Civile; Medaglia di Benemerenza per i Volontari della Guerra Italo-Austriaca ( ); Pagina 25 di 30

089 44 56 326 info@okpubblicita.com

089 44 56 326 info@okpubblicita.com 089 44 56 326 info@okpubblicita.com T-Shirt Bianca Cotone TG. 6/8-XXL 1,55 (135 gr) 1,95 (155 gr) T-Shirt Colorata Cotone TG. 6/8-XXL 1,95 (150 gr) 2,65 (180 gr) T-shirt avvitata girocollo donna cotone

Dettagli

F A Q ORDINE AL MERITO DELLA REPUBBLICA ITALIANA

F A Q ORDINE AL MERITO DELLA REPUBBLICA ITALIANA F A Q ORDINE AL MERITO DELLA REPUBBLICA ITALIANA 1. Che cos è l Ordine Al Merito della Repubblica Italiana? L Ordine Al Merito della Repubblica Italiana è il primo degli Ordini cavallereschi nazionali.

Dettagli

Guida sull utilizzo del logo

Guida sull utilizzo del logo Centro di Servizio per il Volontariato della provincia di Vicenza http://www.csv-vicenza.org 2011 Perché questa Guida? La Guida fornisce indicazioni sull utilizzo del logo del CSV di Vicenza al fine di

Dettagli

Regolamento Nazionale Specialità "POOL 8-15" ( Buche Strette )

Regolamento Nazionale Specialità POOL 8-15 ( Buche Strette ) Regolamento Nazionale Specialità "POOL 8-15" ( Buche Strette ) SCOPO DEL GIOCO : Questa specialità viene giocata con 15 bilie numerate, dalla n 1 alla n 15 e una bilia bianca (battente). Un giocatore dovrà

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE E DELL ATTIVITÀ DEI VOLONTARI

REGOLAMENTO GENERALE E DELL ATTIVITÀ DEI VOLONTARI REGOLAMENTO GENERALE E DELL ATTIVITÀ DEI VOLONTARI Art. 1 - PRINCIPI GENERALI Il presente regolamento generale e dell attività dei Volontari è derivato dallo statuto dell Associazione ed in particolare

Dettagli

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola.

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014 protocollo elettronico n. CRI/CC/0084024/2014 Oggetto: Ebola. Ai DRAE, loro sedi Ai Presidenti, loro sedi Ai Comitati Regionali, loro sedi All Ispettorato

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

SANTA MESSA IN ONORE ED ALLA PRESENZA DI SUA EMINENZA REVERENDISSIMA IL CARDINALE LUIGI DE MAGISTRIS CAGLIARI, 22-02-2015

SANTA MESSA IN ONORE ED ALLA PRESENZA DI SUA EMINENZA REVERENDISSIMA IL CARDINALE LUIGI DE MAGISTRIS CAGLIARI, 22-02-2015 ORDINE DEI SANTI MAURIZIO E LAZZARO Delegazione Gran Magistrale della Sardegna SANTA MESSA IN ONORE ED ALLA PRESENZA DI SUA EMINENZA REVERENDISSIMA IL CARDINALE LUIGI DE MAGISTRIS CAGLIARI, 22-02-2015

Dettagli

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli

Trekking di più giorni

Trekking di più giorni SEZIONE DI MORTARA Trekking di più giorni Cosa portare nello zaino Escursioni di più giorni Per i trekking il discorso peso diventa ancora più importante delle escursioni di un giorno o due. Portare sulle

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Premessa La Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento di Protezione Civile, in base alla Legge

Dettagli

Sicurezza nei tessili per bambini

Sicurezza nei tessili per bambini NEGOZI SPECIALIZZATI PARTE 1 Know-How per gli specialisti addetti alla vendita Sicurezza nei tessili per bambini Protezione dai raggi UVA Chiusure sicure Controllo sulle sostanze tossiche Manutenzione

Dettagli

QUINTA LEZIONE Facciamo la spesa

QUINTA LEZIONE Facciamo la spesa QUINTA LEZIONE Facciamo la spesa 5 Oggi dobbiamo fare la spesa perché questa sera vogliamo organizzare una festa a casa nostra. Così decidiamo di andare al supermercato, quello di fronte alla banca, dove

Dettagli

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE Prot. n. DGPM/VI/19.000/A/45-109.000/I/15 Roma, 5 marzo 2002 OGGETTO:Erogazione del trattamento privilegiato provvisorio nella misura

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

DOMANDA DI AGGIORNAMENTO AI FINI DELLA COSTITUZIONE DELLE GRADUATORIE PER L A.S. 2015/16

DOMANDA DI AGGIORNAMENTO AI FINI DELLA COSTITUZIONE DELLE GRADUATORIE PER L A.S. 2015/16 Modello B2 GRADUATORIE PERMANENTI DEL PERSONALE AMMINISTRATIVO, TECNICO E AUSILIARIO AI SENSI DELL ART. 554 DEL D.L.VO 297/94 (indizione concorsi nell a.s. 2014/15) DOMANDA DI AGGIORNAMENTO AI FINI DELLA

Dettagli

Norme Disciplinari Trattamento Economico e Organi di Rappresentanza del personale militare INTRODUZIONE PREMESSA... 23

Norme Disciplinari Trattamento Economico e Organi di Rappresentanza del personale militare INTRODUZIONE PREMESSA... 23 Norme Disciplinari Trattamento Economico e Organi di Rappresentanza del personale militare INTRODUZIONE a cura di Enzo Trevisiol PREMESSA... 23 1. CENNI STORICI SULLE NORME DISCIPLINARI 1.1 Il regolamento

Dettagli

Campo di Tiro Le Macchie Regolamento

Campo di Tiro Le Macchie Regolamento Campo di Tiro Le Macchie Regolamento Allo scopo di garantire al Tiro sportivo con armi da fuoco un crescente sviluppo anche all interno del Nostro poligono e che i sacrifici di chi si è prodigato perché

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA Stagione invernale 2014/2015 1. Le presenti Condizioni Generali di Vendita regolano le condizioni contrattuali relative all acquisto ed all utilizzo degli skipass e delle

Dettagli

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia Ricostruire la storia La terra di Punt Tuthmosi II ebbe, come tutti gli altri faraoni, molte mogli, ma la sua preferita era Hatshepsut, da cui però ebbe soltanto figlie femmine. Alla morte di Tuthmosi

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A.

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. 1. La responsabilità patrimoniale della P.A. ed i suoi limiti Anche lo Stato e gli Enti Pubblici sono soggetti al principio della responsabilità patrimoniale

Dettagli

2013/14. Acode é una funzionale linea d abbigliamento sportiva con un tipico design scandinavo.

2013/14. Acode é una funzionale linea d abbigliamento sportiva con un tipico design scandinavo. 2013/14 Acode é una funzionale linea d abbigliamento sportiva con un tipico design scandinavo. Acode da diversi anni produce abbigliamento sportivo nel tipico design scandinavo. Il clima scandinavo puó

Dettagli

ISAF REGULATION 20 CODICE PER LA PUBBLICITÀ

ISAF REGULATION 20 CODICE PER LA PUBBLICITÀ ISAF REGULATION 20 CODICE PER LA PUBBLICITÀ Questo documento deve essere letto congiuntamente all allegato estratto del Regolamento delle attrezzature per lo sport della vela nel quale sono definiti alcuni

Dettagli

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige)

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) Dott. Huber Josef Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) La pietra dei solstizi di Montevila é un blocco di granito con un volume di ca. 1,3 m³. Ha cinque fori con un diametro di ca. 3 cm

Dettagli

ALLEGATO 10. Materie tessili e loro manufatti della sezione XI

ALLEGATO 10. Materie tessili e loro manufatti della sezione XI ALLEGATO 10 ELENCO DELLE LAVORAZIONI O TRASFORMAZIONI ALLE QUALI DEVONO ESSERE SOTTO- POSTI I MATERIALI NON ORIGINARI AFFINCHÉ IL PRODOTTO FINITO POSSA AVERE IL CARATTERE DI PRODOTTO ORIGINARIO Materie

Dettagli

a) Nel disegno contrassegnato con il numero uno. RSB0002 a) 20. b) 18. c) 16. d) 22. c

a) Nel disegno contrassegnato con il numero uno. RSB0002 a) 20. b) 18. c) 16. d) 22. c RSB0001 In quale/i dei disegni proposti l area tratteggiata é maggiore dell area lasciata invece bianca? a) Nel disegno contrassegnato con il numero uno. b) In nessuno dei due. c) Nel disegno contrassegnato

Dettagli

LEGGE 11 GENNAIO 1979, n. 12 NORME PER L ORDINAMENTO DELLA PROFESSIONE DI CONSULENTE DEL LAVORO. (Gazzetta Ufficiale n.

LEGGE 11 GENNAIO 1979, n. 12 NORME PER L ORDINAMENTO DELLA PROFESSIONE DI CONSULENTE DEL LAVORO. (Gazzetta Ufficiale n. LEGGE 11 GENNAIO 1979, n. 12 NORME PER L ORDINAMENTO DELLA PROFESSIONE DI CONSULENTE DEL LAVORO (Gazzetta Ufficiale n. 20 del 20-1-1979) TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1. Esercizio della professione

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via 1 ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via Pitagora n. 7 alle ore 20,00 si sono riuniti i Sigg.: - Iacobellis

Dettagli

ALLA CAPITANERIA DI PORTO DI

ALLA CAPITANERIA DI PORTO DI ALLA CAPITANERIA DI PORTO DI Il sottoscritto... nato a...il... e residente a...provincia di... in via... n C.A.P.. recapito telefonico.../... CHIEDE di essere iscritto, nella Gente di Mare di... categoria

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI. Disposizioni per l esecuzione di lavori in tensione -- Programma LEONARDO

LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI. Disposizioni per l esecuzione di lavori in tensione -- Programma LEONARDO LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI Lavori di manutenzione su impianti elettrici Manutenzione Atto, effetto, insieme delle operazioni volte allo scopo di mantenere efficiente ed in buono stato,

Dettagli

VERBALE DELLE OPERAZIONI

VERBALE DELLE OPERAZIONI MODELLO N. 15 (PARL. EUR.) Verbale delle operazioni dell ufficio elettorale di sezione per l elezione dei membri del Parlamento europeo spettanti all Italia ELEZIONE DEI MEMBRI DEL PARLAMENTO EUROPEO SPETTANTI

Dettagli

FAQ. 4) Si può partecipare ai concorsi avendo delle imperfezioni fisiche? Risposta

FAQ. 4) Si può partecipare ai concorsi avendo delle imperfezioni fisiche? Risposta FAQ 1) Come si entra in Guardia di Finanza? Risposta 2) Quali sono i limiti di età per partecipare ai concorsi? Risposta 3) Quali titoli di studio occorrono per partecipare ai concorsi? Risposta 4) Si

Dettagli

Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico-

Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico- Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico- PREMESSA... 3 1. CARATTERISTICHE FISICHE DELLE TS-CNS... 3 1.1. Fronte TS-CNS

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

CARTA COSTITUZIONALE

CARTA COSTITUZIONALE CARTA COSTITUZIONALE DEL SOVRANO MILITARE ORDINE OSPEDALIERO DI SAN GIOVANNI DI GERUSALEMME DI RODI E DI MALTA PROMULGATA IL 27 GIUGNO 1961 RIFORMATA DAL CAPITOLO GENERALE STRAORDINARIO DEL 28-30 APRILE

Dettagli

Bando - Avviso Grand Soleil Cup 30 Aprile 3 Maggio 2015

Bando - Avviso Grand Soleil Cup 30 Aprile 3 Maggio 2015 GRAND SOLEIL CUP CALA GALERA 2015 Bando - Avviso Grand Soleil Cup 30 Aprile 3 Maggio 2015 Il Circolo Nautico e della Vela Argentario, in collaborazione con il Marina Cala Galera, il Cantiere del Pardo,

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Un'altra difesa è possibile

Un'altra difesa è possibile Un'altra difesa è possibile Campagna per il disarmo e la difesa civile. Se vuoi la PACE prepara la PACE... fiscale in sede di dichiarazione dei redditi. Obiettivo L obiettivo è quello della costituzione

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

Procura della Repubblica presso il Tribunale di MILANO

Procura della Repubblica presso il Tribunale di MILANO INFORMAZIONI GENERALI PER LA PERSONA INFORMATA SUI FATTI CITATA A COMPARIRE DAVANTI AL PUBBLICO MINISTERO Il decreto di citazione di persona informata sui fatti, per rendere sommarie informazioni testimoniali

Dettagli

Il Posto di Primo Soccorso in Piazza San Pietro

Il Posto di Primo Soccorso in Piazza San Pietro SOVRANO MILITARE ORDINE OSPEDALIERO DI SAN GIOVANNI DI GERUSALEMME DI RODI E DI MALTA Da 900 anni al servizio dei pellegrini Il Posto di Primo Soccorso in Piazza San Pietro Editorial Managers: Eugenio

Dettagli

Passaporti. della. Repubblica Italiana

Passaporti. della. Repubblica Italiana Passaporti della Repubblica Italiana Passaporti Elettronici I nuovi passaporti elettronici italiani rappresentano un documento di nuova generazione conforme alle norme ICAO e alla risoluzione dell Unione

Dettagli

C M Y CM MY CY CMY K Accessori per la protezione nella radiologia medica by

C M Y CM MY CY CMY K Accessori per la protezione nella radiologia medica by Accessori per la protezione nella radiologia medica by INDICE GENERALE PROFILO AZIENDALE CAMICI SERIE FRONTALI - protezione anteriore FRONTALE - FRONTALE SCAPOLARE FRONTALE SGANCIO RAPIDO UROLOGICO Unici

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI

ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI Deliberazione 15 dicembre 2010 Criteri per l iscrizione all Albo nella categoria 8: intermediazione e commercio dei rifiuti. IL COMITATO NAZIONALE Visto il decreto legislativo

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio.

Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio. Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio. 1. I passaporti diplomatici e di servizio, di cui all'articolo

Dettagli

Modulo VA : Art. 22 Lavoro subordinato. Informazioni generali

Modulo VA : Art. 22 Lavoro subordinato. Informazioni generali Modulo VA : Art. 22 Lavoro subordinato Informazioni generali Il Ministero dell'interno, Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione, ha realizzato il servizio di inoltro Telematico delle domande

Dettagli

ANNUNCI SEGRETERIA NUOTO

ANNUNCI SEGRETERIA NUOTO ANNUNCI SEGRETERIA NUOTO Le comunicazioni che seguono sono suggerimenti che serviranno ad una buona gestione della Manifestazione e ad ottenere una uniformità interpretativa in tutte le gare. Sono suggerimenti

Dettagli

Legge 7.3.1986, n. 65 Legge quadro sull ordinamento della Polizia Municipale. Art. 1 Servizio di Polizia Municipale

Legge 7.3.1986, n. 65 Legge quadro sull ordinamento della Polizia Municipale. Art. 1 Servizio di Polizia Municipale Legge 7.3.1986, n. 65 Legge quadro sull ordinamento della Polizia Municipale Art. 1 Servizio di Polizia Municipale 1. I comuni svolgono le funzioni di polizia locale. A tal fine, può essere appositamente

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO SETTORE SINCRO SISTEMA DELLE STELLE

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO SETTORE SINCRO SISTEMA DELLE STELLE FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO SETTORE SINCRO SISTEMA DELLE STELLE 1 SISTEMA DELLE STELLE Tutte le atlete di nuoto sincronizzato tesserate per la Federazione Italia Nuoto dovranno partecipare all attività

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

Torino, 03 Gennaio 1963 Cod. Fisc. DLPLRA63A43L219E

Torino, 03 Gennaio 1963 Cod. Fisc. DLPLRA63A43L219E Curriculum Vitae Informazioni personali Cognome Nome DELPIANO Laura Indirizzo Via Torino n. 112 int. 2 10036 SETTIMO TORINESE Telefono 011.898.26.34 Mobile: 333.10.60.176 Fax 011.898.26.34 E-mail laura.delpiano@cespi-centrostudi.it

Dettagli

A tal fine l incaricato in missione dovrà utilizzare l idonea modulistica allegata al presente regolamento.

A tal fine l incaricato in missione dovrà utilizzare l idonea modulistica allegata al presente regolamento. REGOLAMENTO RECANTE DISCIPLINA PER L AUTORIZZAZIONE ALL UTILIZZO DEL MEZZO PROPRIO, NELL AMBITO DELL ISTITUTO DELLA MISSIONE l'incarico e l'autorizzazione a compiere la missione, devono risultare da un

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

LINEA GUIDA. Per la scelta, l uso e la manutenzione di dispositivi di protezione individuale contro le CADUTE DALL ALTO SISTEMI DI ARRESTO CADUTA

LINEA GUIDA. Per la scelta, l uso e la manutenzione di dispositivi di protezione individuale contro le CADUTE DALL ALTO SISTEMI DI ARRESTO CADUTA LINEA GUIDA Per la scelta, l uso e la manutenzione di dispositivi di protezione individuale contro le CADUTE DALL ALTO SISTEMI DI ARRESTO CADUTA LINEA GUIDA Per la scelta, l uso e la manutenzione di dispositivi

Dettagli

Manuale d uso per la raccolta: Monitoraggio del servizio di Maggior Tutela

Manuale d uso per la raccolta: Monitoraggio del servizio di Maggior Tutela Manuale d uso per la raccolta: Monitoraggio del servizio di Maggior Tutela Pagina 1 di 9 Indice generale 1 Accesso alla raccolta... 3 2 Il pannello di controllo della raccolta e attivazione delle maschere...

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

1.1 Diritto al rimborso Il viaggiatore può chiedere il rimborso di un biglietto o abbonamento non utilizzato nei seguenti casi:

1.1 Diritto al rimborso Il viaggiatore può chiedere il rimborso di un biglietto o abbonamento non utilizzato nei seguenti casi: 8. RIMBORSI E INDENNITA 1. Rimborso 1.1 Diritto al rimborso Il viaggiatore può chiedere il rimborso di un biglietto o abbonamento non utilizzato nei seguenti casi: Per mancata effettuazione del viaggio

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER IL MERCATO, LA CONCORRENZA, IL CONSUMATORE, LA VIGILANZA E LA NORMATIVA TECNICA Divisione

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO

CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO Norme attuative del Regolamento per la Formazione Continua della professione di Consulente del Lavoro. Premessa 1. Le presenti norme attuative

Dettagli

FEBBIO SUMMER CAMP - Estate 2015 UNA SETTIMANA DI DIVERTIMENTO IMMERSI NELLA NATURA!

FEBBIO SUMMER CAMP - Estate 2015 UNA SETTIMANA DI DIVERTIMENTO IMMERSI NELLA NATURA! FEBBIO SUMMER CAMP - Estate 2015 UNA SETTIMANA DI DIVERTIMENTO IMMERSI NELLA NATURA! Febbio (1200-2063 m.) Comune di Villa Minozzo, alle pendici del Monte Cusna; località inserita nel meraviglioso contesto

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

www.italy-ontheroad.it

www.italy-ontheroad.it www.italy-ontheroad.it Rotonda, rotatoria: istruzioni per l uso. Negli ultimi anni la rotonda, o rotatoria stradale, si è molto diffusa sostituendo gran parte delle aree semaforizzate, ma l utente della

Dettagli

ORGANIZZA Corsa podistica non competitiva su strada di km. 6.

ORGANIZZA Corsa podistica non competitiva su strada di km. 6. ASSOCIAZIONE MEZZAMARATONA DEL GIUDICATO DI ORISTANO REGOLAMENTO CORSA PODISTICA NON COMPETITIVA SU STRADA L Associazione MEZZAMARATONA DEL GIUDICATO DI ORISTANO, con il patrocinio del Comune e della Provincia

Dettagli

PRIORITY. Precedenza

PRIORITY. Precedenza www.italy-ontheroad.it PRIORITY Precedenza Informazioni generali e consigli. Ciao, sono Namauel Sono una voce amica che prova ad aiutarti, con qualche consiglio, nella circolazione stradale. Mi rivolgo

Dettagli

GUIDA OPERATIVA. Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti

GUIDA OPERATIVA. Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti GUIDA OPERATIVA Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti Dicembre 2014 INDICE INTRODUZIONE... 2 PERMESSI PER CONCORSI, ESAMI, AGGIORNAMENTO... 3

Dettagli

Stato giuridico del personale delle Unità sanitarie locali

Stato giuridico del personale delle Unità sanitarie locali Testo aggiornato al 15 dicembre 2005 Decreto del Presidente della Repubblica 20 dicembre 1979, n. 761 Gazzetta Ufficiale 15 febbraio 1980, n. 45, S. O. Stato giuridico del personale delle Unità sanitarie

Dettagli

Verifica dei Risultati 2012

Verifica dei Risultati 2012 CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO LOCALE CASTELLARANO Verifica dei Risultati 2012 e Piano Annuale Attività 2013 Croce Rossa Italiana Comitato Locale di Castellarano Via Roma N. 58 42014 CASTELLARANO (RE) Partita

Dettagli

5 Contributo Autonoma Sistemazione

5 Contributo Autonoma Sistemazione 5 Contributo Autonoma Sistemazione CAS A valere sulle risorse finanziarie di cui all articolo 3 dell Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile (OCDPC) n. 232 del 30 marzo 2015 viene stimata

Dettagli

Al SUAP. Denominazione società/ditta

Al SUAP. Denominazione società/ditta COMUNICAZIONE SUBINGRESSO DI COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE SU POSTEGGIO L.R. 28/2005 e s.m.i. Codice del Commercio art.74 e D.P. G.R. n. 15/R del 1 aprile 2009 Regolamento di attuazione della legge n. 28/2005

Dettagli

DECORAZIONE 03. Posare la carta da parati

DECORAZIONE 03. Posare la carta da parati DECORAZIONE 03 Posare la carta da parati 1 Scegliere la carta da parati Oltre ai criteri estetici, una carta da parati può essere scelta in funzione del luogo e dello stato dei muri. TIPO DI VANO CARTA

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

PARIGI 16.11.1972. I. Definizioni del patrimonio culturale e naturale

PARIGI 16.11.1972. I. Definizioni del patrimonio culturale e naturale PARIGI 16.11.1972 Materia: RECUPERO E PROTEZIONE DI BENI CULTURALI - ECOLOGIA CONVENZIONE RIGUARDANTE LA PROTEZIONE SUL PIANO MONDIALE DEL PATRIMONIO CULTURALE E NATURALE Data Firma Accordo: 16/11/1972

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE Piazza Mazzini, 46 16038 SANTA MARGHERITA LIGURE (GE) REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI SULLE COPERTURE DELLA SCUOLA PRIMARIA A.R. SCARSELLA, DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato PROVINCIA DI ROMA Regolamento Servizio di Economato Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 1111 dell 1 marzo 1995 Aggiornato con delibera del Consiglio Provinciale n. 34 del 12 luglio 2010

Dettagli

SELEZIONI INTERNE PER LA COPERTURA A TEMPO INDETERMINATO DI N.5 POSTI DI OPERATORE TECNICO SPECIALIZZATO-AUTOMEZZI, N.

SELEZIONI INTERNE PER LA COPERTURA A TEMPO INDETERMINATO DI N.5 POSTI DI OPERATORE TECNICO SPECIALIZZATO-AUTOMEZZI, N. Azienda Ospedaliera Nazionale SS. Antonio e Biagio e Cesare Arrigo Alessandria Via Venezia, 16 15121 ALESSANDRIA Tel. 0131 206111 www.ospedale.al.it asoalessandria@pec.ospedale.al.it C. F. P. I. 0 1 6

Dettagli

TITOLO I. Regolamento Organico F.I.N. INDICE CAPO I CAPO II CAPO III

TITOLO I. Regolamento Organico F.I.N. INDICE CAPO I CAPO II CAPO III Regolamento Organico F.I.N. INDICE TITOLO I CAPO I LE SOCIETA Art. 1 Affiliazione pag. 1 Art. 2 Domanda di affiliazione pag. 1 Art. 3 Domanda di riaffiliazione pag. 2 Art. 4 Accettazione della domanda

Dettagli

Curriculum Vitae. Titoli di Studio e Professionali ed Esperienze Lavorative

Curriculum Vitae. Titoli di Studio e Professionali ed Esperienze Lavorative Curriculum Vitae Nome Da Campo Gianluigi Data di nascita 07.12.1958 Qualifica Dirigente di 1 livello Amministrazione Azienda 12 Veneziana Incarico attuale Responsabile di struttura semplice in chirurgia

Dettagli

Convenzione tra. Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA

Convenzione tra. Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA Convenzione tra Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA Convenzione F.I.N. C.N.S. FIAMMA La Federazione Italiana Nuoto (F.I.N.), con sede legale in Roma, rappresentata

Dettagli

OPERATORI TECNICI ALTA SCUOLA TECNICI ALTA SCUOLA FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO

OPERATORI TECNICI ALTA SCUOLA TECNICI ALTA SCUOLA FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO OPERATORI TECNICI ALTA SCUOLA TECNICI ALTA SCUOLA FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO 1 GENERALITA L Alta Scuola nasce in Italia nel XV sec. I tra i grandi maestri, i più noti ci sono: Giambattista Pignatelli,

Dettagli

N on discuterò qui l idea di Patria in sé. Non mi piacciono queste

N on discuterò qui l idea di Patria in sé. Non mi piacciono queste L obbedienza non è più una virtù di Lorenzo Milani lavorare per la pace leggere scrivere TESTO INFORMATIVO- ESPOSITIVO livello di difficoltà Lorenzo Milani (Firenze, 1923-1967) Sacerdote ed educatore,

Dettagli

+ + + Servizi e Risorse Umane. per Aziende Private e Pubbliche

+ + + Servizi e Risorse Umane. per Aziende Private e Pubbliche c o r d u s i o + + + Servizi e Risorse Umane per Aziende Private e Pubbliche La Nostra Storia e i nostri Servizi Con oltre 250 professionisti la Cordusio Servizi S.C.P.A. opera su tutto il territorio

Dettagli

NORME DI FUNZIONAMENTO DEGLI ORGANI TECNICI DELL A.I.A.

NORME DI FUNZIONAMENTO DEGLI ORGANI TECNICI DELL A.I.A. NORME DI FUNZIONAMENTO DEGLI ORGANI TECNICI DELL A.I.A. Art. 1 - Organi tecnici A. ORGANI TECNICI NAZIONALI Gli Organi Tecnici Nazionali dell A.I.A. composti da un Responsabile e più componenti, sono:

Dettagli

Equal Jus Database European network for the legal support of LGBT rights

Equal Jus Database European network for the legal support of LGBT rights EqualJusDatabase EuropeannetworkforthelegalsupportofLGBTrights Decreto del Presidente della Repubblica - 15/03/2010, n. 90 - Gazzetta Uff. 18/06/2010, n.140 TESTO VIGENTE EPIGRAFE DECRETO DEL PRESIDENTE

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

CAPO I Aspettative, congedi, ferie

CAPO I Aspettative, congedi, ferie CAPO I Aspettative, congedi, ferie ART. 1 ASPETTATIVA PER DOTTORATO DI RICERCA O BORSA DI STUDIO 1) ASPETTATIVA SENZA ASSEGNI I dipendenti con rapporto a tempo indeterminato ammessi ai corsi di dottorato

Dettagli

LA SALA OPERATIVA NAZIONALE

LA SALA OPERATIVA NAZIONALE LA SALA OPERATIVA NAZIONALE Presentazione della struttura e delle attività ISTITUZIONE E RUOLO La delibera 39/06 prima e la determina 387/10 poi sono i documenti che hanno portato all istituzione della

Dettagli