Studio di Ingegneria Ferrari e Giraudo s.s. Corso Nizza 67/a CUNEO. Sommario

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Studio di Ingegneria Ferrari e Giraudo s.s. Corso Nizza 67/a CUNEO. Sommario"

Transcript

1

2 Sommario PREMESSA... 3 INQUADRAMENTO GEOGRAFICO... 4 FINALITA DI INTERVENTO... 5 SCELTE ED ALTERNATIVE PROGETTUALI... 5 SOLUZIONE ADOTTATA... 6 SOLUZIONE ALTERNATIVA A... 6 SOLUZIONE ALTERNATIVA B... 7 SOLUZIONE OPZIONE ZERO... 7 DESCRIZIONE DELLE OPERE IN PROGETTO... 7 Opera di presa... 8 Verifica del canale di raccolta Verifica dello stramazzo interno per la regolazione della portata massima Verifica della luce per il rilascio del DMV Captazione per la derivazione irrigua n Scala di rimonta dell ittiofauna Condotta forzata Verifica della condotta forzata Intercettazione delle condotte fognarie Dimensionamento della condotta fognaria Centrale idroelettrica e scarico Dimensionamento del misuratore di portata Dimensionamento del ripartitore Dimensionamento della condotta di scarico Metodo di calcolo del salto Quadro economico Ampliamento dell impianto di troticoltura Descrizione dell impianto esistente Quantificazione del fabbisogno idrico Descrizione delle opere in progetto

3 Quadro economico Connessione dell impianto alla rete elettrica nazionale Le opere di connessione Disponibilità delle aree per le opere di connessione VINCOLI ED ENTI INTERESSATI DISPONIBILITA DELLE AREE CRONOPROGRAMMA DELLE FASI ATTUATIVE COSTO DELLE OPERE VOLUMI DI SCAVO INTERFERENZA CON LE FASCE BOSCATE REGOLA OPERATIVA DELL IMPIANTO E DISPOSITIVI DI MISURA Regolazione del DMV Limitazione della portata massima Misura delle portate turbinate PIANO DI MANUTENZIONE DISMISSIONE DELL IMPIANTO DISMISSIONE DELL OPERA DI PRESA DISMISSIONE DELL EDIFICIO DELLA CENTRALE ATTIVITA DI MONITORAGGIO AMBIENTALE COSTO DEGLI INTERVENTI DI DISMISSIONE E RIPRISTINO

4 PREMESSA Il sottoscritto è stato incaricato di predisporre il progetto definitivo per una nuova derivazione ad uso idroelettrico e piscicolo alimentata dal Rio Milanesio a Sampeyre (CN). L opera viene promossa da due società distinte che si occuperanno una dell uso energetico, l altra di quello piscicolo. L'opera principale è l impianto idroelettrico, promosso dalla società Milanesio 2 S.r.l., che si configura come un mini impianto idroelettrico ad acqua fluente in quanto la potenza media installata risulta essere di 178 kw. Allo scarico della centrale le portate derivate sono destinate ad uso piscicolo, al fine di fornire una portata aggiuntiva all impianto di troticoltura esistente della ditta Valla Pietro, collocato nelle immediate vicinanze della centrale in progetto. In estrema sintesi, l'opera prevede la captazione di una portata media annua di 204 l/s presso quota 1130 m s.l.m. circa, e la sua derivazione mediante condotta forzata di diametro 600 mm in Loc. Pranovo. Bacino drenato Quota di presa Quota restituzione idroelettrico Quota restituzione piscicolo Portata naturale rio Tratto sotteso complessivo (idroelettrico + piscicolo) Uso energetico Quota centrale Salto lordo (vasca di carico pelo morto valle motori) Salto utile (vasca di carico asse turbina) Portata media derivata Portata massima derivata DMV Lunghezza condotta Diametro condotta Potenza nominale di concessione (kw) Potenza massima (kw) Potenza media Produzione attesa 11,50 kmq 1131 m s.l.m. circa 1016 m s.l.m. circa 1011 m s.l.m. circa 321 l/s 920 m 1020 m s.l.m. circa 113,11 m 110,80 m 204 l/s 600 l/s 70 l/s 810 m 600 mm 226,22 kw 533 kw 178 kw kwh 3

5 Costo impianto stimato ,00 Uso piscicolo Portata media derivata 100 l/s Portata massima derivata 150 l/s Volume delle vasche servite 930 m 3 Costo opere ,00 INQUADRAMENTO GEOGRAFICO L opera è posta lungo il corso del Rio Milanesio in Comune di Sampeyre: nel tratto compreso tra la presa e le borgate Roccia e Villaretto, l opera è posta in sponda sinistra, mentre a valle delle borgate il percorso della condotta forzata passa in sponda destra, sino a raggiungere la località Pranovo, in cui è ubicato l edificio di produzione. Figura 1 Inquadramento geografico dell area di intervento 4

6 FINALITA DI INTERVENTO Il progetto prevede la derivazione della risorsa idrica disponibile nel Rio Milanesio per sfruttarla ai fini energetici e piscicoli. Il prelievo previsto è stato definito in base alle reali disponibilità del corso d acqua ed adottando un sistema di rilasci adeguato al conseguimento degli obiettivi di qualità imposti dal PTA. Tale scelta consente di realizzare una significativa produzione energetica con limitate interferenze dell ecosistema acquatico. La finalità dell intervento è di realizzare lo sfruttamento plurimo in un corso d acqua attualmente non derivato, e per il quale sono state predisposte adeguate misure mitigative. L utilizzo piscicolo delle acque di scarico della centrale idroelettrica è reso interessante per la presenza di alcune vasche esistenti ma attualmente inutilizzate a causa l attuale scarsità della fonte di approvvigionamento, e per la collocazione del punto di presa condiviso con l impianto idroelettrico, che garantisce acque pulite e fortemente ossigenate. SCELTE ED ALTERNATIVE PROGETTUALI Il proponente nel 2013 aveva presentato un progetto di impianto idroelettrico che prevedeva un punto di prelievo posto a quota molto più elevata (1290 m circa) e la restituzione nel Torrente Varaita. Nell ambito di tale procedimento sono stati formulati alcuni pareri particolarmente critici in merito al tracciato della condotta nella parte alta del vallone ed alla restituzione nel Torrente Varaita. Ne risulta che tali alternative progettuali siano da considerarsi come scartate a priori e, pertanto, un impianto idroelettrico sia concepibile esclusivamente nel tratto compreso tra l apice del conoide ed il fondovalle, ove è stato previsto il presente progetto. Ferma restando la posizione della presa e della centrale, nella scelta delle alternative progettuali si è pertanto ipotizzata una diversa collocazione della condotta forzata, commentando le alternative alla luce dei dissesti perimetrali P.A.I. In Tav. 4 Planimetria delle opere su cartografia P.A.I. è illustrata la soluzione adottata contestualmente alle soluzioni alternative. 5

7 SOLUZIONE ADOTTATA La soluzione adottata prevede il prelievo a quota 1131 m s.l.m. e la restituzione in Loc. Pranovo ove sono posti la centrale idroelettrica e l impianto di troticoltura. Il prelievo è stato stabilito rispettando un DMV pari a 70 l/s con portata massima assunta pari a 600 l/s consentendo una produzione annua di di kwh. Gli aspetti positivi di questa soluzione progettuale risiedono nella ridotta dimensione dell impianto e del tratto sotteso, nonché nell adozione di un DMV superiore a quello previsto. Inoltre, il tracciato della condotta si svolge esternamente a vincoli perimetrati dal P.A.I. e sfrutta parzialmente strade comunali e vicinali limitando l utilizzo di terreni naturali. SOLUZIONE ALTERNATIVA A La soluzione alternativa A prevede il medesimo punto di presa e centrale della soluzione adottata. Il tracciato della condotta segue in gran parte il percorso della soluzione adottata, ad eccezione per l attraversamento del Rio Milanesio che, anziché essere aereo (staffato al ponte), risulta in subalveo e, mediante un percorso sul versante destro (sulla traccia di un antico canale irriguo), raggiunge il percorso della strada vicinale Pranovo Roccia. Tale tracciato segue pertanto il versante senza percorrere la strada comunale, però interferisce maggiormente con i dissesti perimetrati dal P.A.I. ed in particolare comporta una percorrenza lungo il conoide attivo. Sotto il profilo dei dissesti segnalati dalla carta di sintesi la soluzione alternativa A prevede: opera di presa collocata in classe IIIa per la presenza della fascia Ee del Rio Milanesio; l attraversamento in subalveo del Rio Milanesio e la conseguente percorrenza in conoide attivo (Ca6) fino al punto il cui il tracciato raggiunge il conoide stabile Cn; la centrale idroelettrica è posta esternamente a dissesti; lo scarico, nel breve tratto terminale, è posto in Ca conoide attiva del Rio Milanesio. A causa dell attraversamento del conoide attivo la soluzione A è stata scartata. 6

8 SOLUZIONE ALTERNATIVA B La soluzione alternativa B presenta il medesimo tracciato della soluzione adottata, ad eccezione di un unica variante al tracciato immediatamente a valle dell opera di presa. Nella soluzione alternativa B si prevede, infatti, di realizzare un tratto di condotta in galleria al fine di mantenere la distanza minima di 4,00 m dall alveo demaniale e dalla sponda incisa. In ragione delle perplessità emerse nell ambito dell istruttoria avanzata dal medesimo proponente nel 2013 (23/2013 VAL), ed in particolar modo dall Ufficio Cave per l istruttoria L.R. 45/89 e Ufficio VIA, per la presenza di emergenze sorgive a carico delle quali non si potrebbero escludere delle potenziali interferenze, tale soluzione è stata scartata. SOLUZIONE OPZIONE ZERO Una ulteriore alternativa alla soluzione adottata è l'opzione 0, ossia la non realizzazione dell'impianto. Come verrà ampiamente dettagliato negli elaborati del progetto definitivo e nello Studio di Impatto Ambientale, l'impianto in progetto ha come primario obiettivo l uso plurimo della risorsa idrica e pertanto le Società proponenti si sono impegnate nel formulare la proposta progettuale migliore che verrà di seguito illustrata, di fatto scartando l'opzione di non realizzare l'impianto. DESCRIZIONE DELLE OPERE IN PROGETTO L opera nel suo complesso prevede l utilizzo idroelettrico e piscicolo delle acque del Rio Milanesio con opera di presa a quota 1131 m, tracciato della condotta forzata di diametro 600 mm lungo prati stabili e viabilità comunale e centrale di produzione in loc. Pranovo. L impianto piscicolo verrà alimentato con le acque turbinate dalla centrale idroelettrica. La società proponente dell impianto idroelettrico è la Milanesio 2 S.r.l, mentre la società proponente dell utilizzo piscicolo è la ditta individuale Valla Pietro, già attiva in prossimità del campeggio. I due proponenti hanno sottoscritto una convenzione che regola il rapporto tra le parti. In estrema sintesi, essi condividono l opera di presa e la condotta (forzata) che trasporta le portate in loc. Pranovo, dove sono ubicati sia l impianto idroelettrico che l impianto piscicolo. 7

9 Le opere possono essere sinteticamente così suddivise: Opera di presa sul Rio Milanesio Condotta forzata Intercettazione delle condotte fognarie Centrale idroelettrica e scarico Ampliamento dell impianto di troticoltura Connessione dell impianto alla rete ENEL Opera di presa L opera di presa è posta all apice del conoide del Rio Milanesio, a valle del salto che demarca il passaggio tra la stretta ed incisa valle del Rio e la più ampia area golenale di conoide compresa tra le borgate Roccia e Villaretto. Foto 1 Area di collocazione dell opera di presa 8

10 Foto 2 Punto di realizzazione della traversa L alveo presenta una sezione ampia (10 15 m) sulla cui sponda sinistra, in posizione protetta rispetto alla direzione della corrente, è disponibile lo spazio per realizzare una vasca di carico. L opera in progetto è costituita da una traversa in calcestruzzo con annessa griglia coanda per la sgrigliatura del materiale flottante. La quota del coronamento della traversa sarà di 1132,28 s.l.m. con elevazione di 1,00 m rispetto al fondo alveo. La struttura si inserirà nel contesto paesaggistico senza modificare la cascatella attualmente presente a monte. La griglia presenterà una lunghezza di 7,00 m e sarà dotata di un canale trasversale per la raccolta delle acque, che verranno convogliate nella vasca di carico. La vasca di carico, ricavata in sponda sinistra alla base della parete rocciosa, avrà una larghezza di 1,50 m interni. Complessivamente la vasca di carico sarà lunga 10,50 m. Per la manutenzione dell opera saranno realizzate due botole per ispezionare ed accedere alla vasca di carico. 9

11 Verifica del canale di raccolta Il canale di raccolta presenta una larghezza di 1,10 m e profondità massima di 1,00 m in corrispondenza dell ingresso in vasca di carico. Esso presenta una debole pendenza in direzione dell opera di presa, e la sommità della parete di valle è posta a quota di 1131,00 m s.l.m. CALCOLO PORTATA FINESTRA DI INGRESSO / CANALE RETTANGOLARE Portata di progetto 600 l/s Larghezza 1.1 M pendenza 0.050% gamma 0.36 calcestruzzo H = 0.5 M h A ri x v Q m mq m bazin m/s l/s Tabella 1 Condizioni di moto in moto uniforme nel canale di raccolta Sulla traversa, sia in sponda destra che in sponda sinistra, trova collocazione anche una paratoia di larghezza 1,00 m per la sghiaiatura del piccolo bacino alle spalle dello sbarramento. All ingresso del canale di raccolta nella vasca di carico è prevista una paratoia per l eventuale manutenzione e chiusura di sicurezza. La vasca di carico presenta un piano inclinato che consente di raccogliere l eventuale materiale in sospensione per allontanarlo tramite paratoia. Verifica dello stramazzo interno per la regolazione della portata massima La limitazione della portata massima in concessione è affidata ad uno stramazzo in parete sottile realizzato con lama in acciaio di altezza 80 cm. 10

12 Stramazzo Bazin Velocità in arrivo nulla o trascurabile L Larghezza della base 1.5 m H Altezza dal fondo 0.8 m h carico dello stramazzo 0.34 m m Q Portata convogliata 599 l/s In cui Q = m 0 L H (2g H) 0,5 e m 0 = (0,405+0,003/h)*(1+0,55(H/h)^2) Tabella 2 Verifica dello stramazzo interno di limitazione della portata con 600 l/s (portata massima) Ne deriva che con 34 cm sullo stramazzo in parete sottile (1130,63+ 0,34 m), e cioè a quota 1130,97 m s.l.m., venga derivata la portata massima pari a 600 l/s. Lo stramazzo sfioratore della portata massima viene pertanto posto a quota 1130,98 m s.l.m. con una larghezza di 3,50 m. In merito alla limitazione della portata massima occorre ancora chiarire che la preliminare limitazione della portata massima avviene in corrispondenza della griglia Coanda, mediante il dimensionamento della stessa, che in base ai dati forniti dal costruttore e disponibili in bibliografia (Design Guidance for Coanda Effect Screens, U.S. Department of the Interior Tecnical Service Center Water Resource Services), consente di captare massimi l/s per metro lineare di presa, di fatto limitando la captazione dalla griglia a portate inferiori di l/s. In ogni caso, in fase di collaudo dell opera di presa, potrà valutarsi direttamente l efficienza della griglia coanda e la capacità di convogliamento del canale sottostante la griglia, ed adeguare l opera di presa qualora giungesse una portata troppo elevata alla vasca di carico tale da condizionare la regolazione della portata massima tramite lo stramazzo di 3,50 m. Verifica della luce per il rilascio del DMV Il rilascio del DMV avviene attraverso una luce sotto battente sulla traversa. Per la sua verifica si considera cautelativamente come riferimento il battente idrico corrispondente alla soglia di presa (1132,28 m s.l.m.). La portata cui si fa riferimento è quella del DMV sommato al primo step di modulazione che è pari a 77 l/s. La quota a cui sono poste le finestre del DMV è di 1131,68 m s.l.m. 11

13 Tale battente idrico è il seguente: Luci a battente Q Portata convogliata H Altezza pelo libero/baricentro luce 0.54 h altezza della luce dal fondo 0.13 L Larghezza della base 0.3 Ce coefficiente di efflusso 0.61 In cui Q = C e L h (2g H) 0,5 Tabella 3 Verifica del rilascio del DMV (DMV+primo step di modulazione) Gli obblighi di legge impongono che il DMV venga modulato rilasciando in alveo una portata adattata all andamento idrologico del corso d acqua derivato. In particolare, può essere scelta la modulazione di tipo A in percentuale rispetto alle portate in alveo o di tipo B con gradini definiti a priori. Per il caso in esame si prevede una modulazione di tipo B da realizzarsi mediante apertura/chiusura di una paratoia manuale (serraglio) a fianco della finestra del DMV. La bocca del DMV risulterà sempre aperta e conterrà anche il primo step di modulazione, mentre le altre due finestre di modulazione verranno aperte secondo gli altri due gradini di apertura a cui corrisponderanno le seguenti portate: Condizioni idrologiche Mesi Portata media con modulazione Finestre aperte Magra Gennaio, Febbraio, Marzo, Dicembre 77 l/s Luce DMV Media Aprile, Agosto, Settembre, Ottobre 91 l/s Luce DMV + finestra A Morbida Maggio, Giugno, Luglio, Novembre 117 l/s Luce DMV + finestra A + finestra B Il rilascio del DMV modulato in condizioni di magra viene pertanto assicurato dalla finestra del DMV in sulla traversa, mentre negli altri periodi saranno aperte le altre finestre, denominate A e B a cui corrispondono Finestra A: 14 l/s Finestra B: 26 l/s 12

14 Finestra A Q Portata convogliata H Altezza pelo libero/baricentro luce 0.54 h altezza della luce dal fondo 0.13 L Larghezza della base 0.06 Ce coefficiente di efflusso 0.61 In cui Q = C e L h (2g H) 0,5 Tabella 4 Dimensionamento finestra A Finestra B Q Portata convogliata H Altezza pelo libero/baricentro luce 0.54 h altezza della luce dal fondo 0.13 L Larghezza della base 0.1 Ce coefficiente di efflusso 0.61 In cui Q = C e L h (2g H) 0,5 Tabella 5 Dimensionamento finestra B Captazione per la derivazione irrigua n Immediatamente a valle dell opera di presa in progetto è presente il punto di prelievo di una piccola derivazione irrigua in istruttoria. Tale concessione, da quanto risulta agli atti, prevede una portata massima pari a 22 l/s e prevede di prelevare mediante uno sbarramento precario in materiale litoide, da uno dei due rami in cui si divide il Rio Milanesio. I proponenti intendono realizzare, sul lato destro della traversa, una bocca di presa per la derivazione irrigua. Tale bocca rilascia a valle, sul lato ove sono poste le opere di captazione irrigua, la portata massima di competenza della derivazione n Tale bocca viene posta alla quota di 1131,82 m, con larghezza di 10 cm ed altezza 13 cm. La bocca sotto battente è collocata ad una quota intermedia tra le finestre del DMV e la soglia di captazione della griglia coanda, pertanto viene assicurato prioritariamente il rilascio al Rio Milanesio, successivamente viene data portata all uso irriguo, ed infine viene attivato il prelievo idroelettrico e piscicolo. Luce per consorzio irriguo Q Portata convogliata H Altezza pelo libero/baricentro

15 luce h altezza della luce dal fondo 0.13 L Larghezza della base 0.1 Ce coefficiente di efflusso 0.61 In cui Q = C e L h (2g H) 0,5 Tabella 6 Dimensionamento della luce per la derivazione n ad uso irriguo Scala di rimonta dell ittiofauna La traversa non presenta una scala di rimonta dell ittiofauna in quanto l alveo del Rio Milanesio si presenta connotato nel tratto di interesse da salti naturali ed ostacoli del tutto paragonabili al salto costituito dallo sbarramento in progetto, come documentato in Foto 2. Condotta forzata La condotta forzata che si prevede di realizzare presenta un diametro di 600 mm ed è realizzata in acciaio. La condotta verrà interrata per tutto il suo sviluppo con almeno 80 cm di ricoprimento. L unico punto in cui non è interrata è l attraversamento sul Rio Milanesio, in corrispondenza del quale è staffata al ponte esistente. La condotta forzata si sviluppa dapprima sulla sinistra orografica e successivamente sulla destra del Rio Milanesio. Nei tratti in cui si attraversano terreni agrari, la profondità di posa sarà tale da consentire un sufficiente franco di lavorazione al fine di non creare ostacolo e impedimenti alle colture presenti. Lungo la condotta verranno collocati i blocchi d'ancoraggio in base alla morfologia del terreno e al progetto esecutivo, che verrà predisposto dopo l'autorizzazione al prelievo. La condotta forzata prevista è realizzata in acciaio di diametro 600 mm ed avrà uno sviluppo complessivo di 810 m. Lungo tutto il tracciato della condotta sarà posato un cavidotto per l'alimentazione dei dispositivi elettrici previsti all'opera di presa. La parte di valle del tracciato è condivisa con la condotta di raccolta delle acque fognarie di Roccia e Villaretto, che viene descritta nelle pagine seguenti. Il tracciato della condotta forzata è rappresentato negli elaborati grafici allegati. Le sezioni del tracciato sono riportate nelle Tav. 08 Sezioni di posa della condotta. Il profilo della condotta è riportato in Tav

16 La documentazione fotografica del tracciato allo stato attuale è riportata nella Tav. 08 e nella documentazione fotografica allegata alla relazione Paesaggistica. Punto A Opera di presa precedentemente descritta. Tratto A B Tra l opera di presa (PUNTO A) e la strada comunale di Villaretto il tracciato della condotta si svolge in sinistra idrografica. Immediatamente a valle della presa, la condotta percorre per un breve tratto il Rio Milanesio in subalveo alla base della parete rocciosa di sinistra. Il percorso in subalveo consente di evitare la realizzazione di una galleria in un complesso roccioso con emergenze idriche. La sezione di passaggio in subalveo è rappresentata in SEZIONE 1 e prevede la posa della condotta ad una profondità di almeno 1,00 m rispetto al fondo alveo ed il rivestimento con massi di cava. A valle rispetto alla sezione 1, il tracciato segue il versante naturale con debole pendenza che consente di posare la condotta ad una distanza di oltre 4 m dal ciglio spondale e demaniale, ad una profondità di 0,80 m (SEZIONE 2). In corrispondenza della SEZIONE 3 emerge il substrato roccioso per un breve tratto (10 m) che comporta la demolizione in roccia per poter realizzare la posa della condotta e la pista di cantiere. La demolizione sarà consistente perché al fine di ottemperare ai disposti del R.D. 523/04 occorre posare la condotta a 4,00 m di distanza dal ciglio spondale. Qualora venissero evidenziate delle problematiche in merito alla demolizione della roccia, il tracciato della condotta potrebbe prevedere un breve passaggio in subalveo con limitatissimi interventi di disgaggio. A valle di questo punto è presente sufficiente spazio per la realizzazione della posa della condotta (SEZIONE 3). Nel punto B la condotta raggiunge la strada asfaltata di Villaretto. Tratto B C Nel tratto B C il percorso della condotta forzata si sviluppa interamente su sedime stradale ad uso pubblico. Nel punto B viene raggiunta la strada comunale che viene percorsa per alcuni metri (circa 20 m) per poi realizzare una curvatura e consentire la posa della condotta in attraversamento aereo del Rio Milanesio. La condotta nel tratto aereo sarà appoggiata e vincolata a travi in acciaio fissate sulle spalle in calcestruzzo dell attraversamento esistente. 15

17 La sezione ed i disegni particolareggiati di attraversamento sono riportati in Tav. 11. Idraulicamente, l attraversamento è compatibile in quanto le altezze d acqua attese in corrispondenza del ponte esistente presentano un adeguato franco rispetto all intradosso della condotta in progetto. Per quanto riguarda la compatibilità paesaggistica, la condotta forzata nel tratto aereo verrà rivestita con uno scatolare in acciaio corten. A valle dell attraversamento aereo la condotta segue la strada sterrata comunale che con percorso pianeggiante raggiunge la parte più bassa della Fraz. Roccia (SEZIONE 5). Tratto C D Nel tratto C D il tracciato si svolge interamente su terreni naturali gestiti a prato sfalciato e lungo i quali è riconoscibile il tracciato della vecchia strada vicinale Pranovo Roccia che è riportata sulle planimetrie catastali. Il percorso si sviluppa a cavallo del sedime della strada vicinale interessando parzialmente anche i mappali limitrofi. Tratto D E Nel punto D il tracciato della condotta forzata si congiunge con il tracciato della condotta di intercettazione fognaria, che segue il percorso di un antico canale irriguo. Il tracciato si svolge interamente su terreni naturali gestiti a prato sfalciato e lungo i quali è riconoscibile il tracciato della vecchia strada vicinale Pranovo Roccia che è riportata sulle planimetrie catastali. Il percorso si sviluppa a cavallo del sedime della strada vicinale interessando parzialmente anche i mappali limitrofi. PUNTO E Il punto E è la centrale idroelettrica. In prossimità dell edificio, la condotta forzata si approfondisce per raggiungere la profondità della turbina, mentre la condotta fognaria segue la pendenza del terreno aggirando il manufatto della centrale. Verifica della condotta forzata La condotta forzata presenta un diametro di 0,60 m e verrà realizzata in acciaio con uno spessore minimo definito dalle verifiche idrauliche che seguono. La lunghezza della condotta forzata sarà di complessivi 810 m. 16

18 Al fine di ottenere i massimi rendimenti dal sistema condotta turbina si è dimensionato l'imbocco della condotta forzata in modo da evitare la formazione di vortici. Si sono infatti previsti: condizioni simmetriche d'arrivo dell'acqua, velocità moderate, sufficiente sommergenza. Secondo studi reperibili in letteratura (Gulliver, Rindels e Liblom), la formazione di vortici può essere evitata rispettando le seguenti condizioni: S > 0,7 D. in cui S è la sommergenza e D il diametro della condotta. Nel caso specifico, la sommergenza è di 1,04 m e quindi superiore al 0,7 D consigliato (0,42 m). Per ridurre le perdite di carico all'imbocco si prevede un adeguato profilo di raccordo e la messa in opera di una condotta d'aspirazione. Si è verificato lo spessore della condotta forzata prevista del diametro di 600 mm in acciaio nel tratto terminale in corrispondenza della centrale. Nella tabella a seguire, in base alla velocità massima dell'acqua nella condotta, vengono calcolati gli effetti del colpo d'ariete per la chiusura istantanea e per una chiusura con il tempo di 20 s. La pressione massima nel caso di chiusura con colpo d'ariete comporta un carico totale di: chiusura con tc> di 20 s 120 m chiusura istantanea 289 m Si assume lo spessore di 6,0 mm della condotta. In questo caso, la tensione risulta di : chiusura con tc> di 20 s 667 kg/cmq chiusura istantanea 1606 kg/cmq In ogni caso, si impone sulla macchina un dispositivo di chiusura (tegolo deviatore) tale da garantire la condotta da sovra pressioni maggiori a quelle sopra indicate. La tabella di calcolo viene riportata a seguire: 17

19 Intercettazione delle condotte fognarie Come misura di mitigazione degli impatti a carico del corso d acqua, i proponenti prevedono di intercettare gli scarichi fognari delle borgate Roccia e Villaretto per recapitarle nel Rio Milanesio in Loc. Pranovo in corrispondenza delle vasche ittiche, dove sono restituite tutte le portate derivate dal Rio Milanesio. Con tale misura di mitigazione non avviene una concentrazione del carico organico nel tratto sotteso dalla derivazione in progetto. L intercettazione della condotta fognaria di Villaretto avviene mediante un pozzetto che devia il flusso del refluo nella nuova condotta. La vecchia condotta di scarico verrà comunque mantenuta in funzione come troppo pieno. La condotta fognaria è stata prevista di diametro 315 mm in PVC SN 8. Il dimensionamento è riportato nelle pagine che seguono. Il tracciato della condotta fognaria percorre dapprima il versante orografico sinistro dove intercetta lo scarico di Villaretto e successivamente raggiunge il Rio Milanesio presso il quale verrà effettuato un attraversamento in subalveo, rappresentato in Tav. 12. L attraversamento presenta due pozzetti di ispezione realizzati esternamente all alveo e collocati ad oltre 4,00 m dalla sponda. Tra i due pozzetti la condotta fognaria sarà incamiciata mediante tubo in acciaio, e tutto il tratto verrà consolidato con la posa di massi di cava. Il tubo camicia avrà un ricoprimento minimo di 1,00 m. A valle dell attraversamento il tracciato si svolge tra incolti e prati, fino all intercettazione della condotta di scarico di Roccia, presso il quale verrà realizzato un pozzetto. Anche in questo caso la vecchia condotta assumerà la funzione di troppo pieno. A valle del pozzetto di intercettazione dello scarico di Roccia, la condotta seguirà il tracciato di un antico canale irriguo, che a partire dal Rio Milanesio raggiungeva i prati del versante sinistro del 18

20 conoide. La traccia del canale è evidente e garantisce una pendenza costante e compatibile con le caratteristiche del fluido. La sezione tipo nel tratto a valle dello scarico di Villaretto è la SEZIONE 10. Nel punto D la condotta fognaria raggiunge il conoide e quindi il tracciato della condotta forzata, pertanto verrà posata in parallelo ad essa. In prossimità della centrale la condotta fognaria aggira il fabbricato in progetto e segue la pista di accesso alla centrale fino alla strada provinciale. Presso la strada provinciale la condotta fognaria sarà posta in un tubo incamiciato di diametro 50 cm in acciaio. (Tavola 17 Attraversamento S.P. 105) A valle della provinciale, il tracciato segue il limite della vasca per la troticoltura e raggiunge lo scarico. Nello stesso punto, a valle della SP verranno scaricate le acque della piscicoltura e della fognatura. In alveo saranno già presenti le acque scaricate dall impianto idroelettrico rilasciate a ponte del ponte sulla SP. La condotta fognaria sarà provvista dei pozzetti d ispezione posti alla distanza indicativa di m. Dimensionamento della condotta fognaria Il dimensionamento della condotta fognaria mista deve tenere conto che, per evitare intasamenti dovuti a materiale trasportato, il diametro minimo da scegliersi è di almeno 300 mm. In particolare, riscontrata la dotazione unitaria dell'acquedotto comunale media pari circa Qa = 200 l/giorno x abitante e stimato il coefficiente di afflusso in fognatura pari 0,80 ed il rapporto tra afflusso massimo e medio pari a 3 e tra medio e minimo pari a 2, si ricavano i seguenti valori per le portate nere in fognatura, riferite ad un abitante servito: q max = 0,0056 l/s x ab q med = 0,0019 l/s x ab q min = 0,0009 l/s x ab Si valuta che la popolazione servita dalla nuova tubazione risulti pari ad un massimo di 80 abitanti equivalenti, da cui si stimano le portate nere: q max = 0,0056 l/s x ab * 80 ab = 0,448 l/s q med = 0,0019 l/s x ab * 80 ab = 0,152 l/s q min = 0,0009 l/s x ab * 80 ab = 0,072 l/s 19

SOMMARIO. 1. OPERA DI PRESA...2 1.1 Breve descrizione dell'opera...2 1.2 Mappali interessati e vincoli ablativi richiesti...2

SOMMARIO. 1. OPERA DI PRESA...2 1.1 Breve descrizione dell'opera...2 1.2 Mappali interessati e vincoli ablativi richiesti...2 SOMMARIO 1. OPERA DI PRESA...2 1.1 Breve descrizione dell'opera...2 1.2 Mappali interessati e vincoli ablativi richiesti...2 2. CONDOTTA FORZATA...3 2.1 Percorso della condotta forzata...3 2.2 Mappali

Dettagli

37. AMBITO AVA FIUME SECCHIA OPERE DI INTERESSE PUBBLICO: CENTRALE IDROELETTRICA A VALLE DEL VIADOTTO DELLA STRADA PEDEMONTANA Il progetto di impianto idroelettrico è previsto su un area demaniale, a ridosso

Dettagli

PROCEDURE PER IL RILASCIO DI CONCESSIONI, LICENZE E NULLA OSTA

PROCEDURE PER IL RILASCIO DI CONCESSIONI, LICENZE E NULLA OSTA PROCEDURE PER IL RILASCIO DI CONCESSIONI, LICENZE E NULLA OSTA Art. 1 : Oggetto delle concessioni e licenze Il presente documento, relativo alle opere pubbliche di bonifica, le opere idrauliche e le opere

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. UBICAZIONE E STATO DI FATTO L area interessata è localizzata a Ovest del capoluogo lungo il corso del rio Stanavazzo.

RELAZIONE TECNICA. UBICAZIONE E STATO DI FATTO L area interessata è localizzata a Ovest del capoluogo lungo il corso del rio Stanavazzo. RELAZIONE TECNICA Il Comune di Predosa ha conferito incarico ai sottoscritti ing. Italo BRUNO con recapito in Novi Ligure Via Manzoni n. 14. per la redazione del progetto di Consolidamento ponte e difesa

Dettagli

Le previsioni del progetto generale delle fognature di Cividale del Friuli

Le previsioni del progetto generale delle fognature di Cividale del Friuli Relazione idraulica Premesse Il progetto generale delle fognature comunali non è conforme allo standard progettuale del gestore Acquedotto Poiana spa. Ciononostante abbiamo ritenuto indispensabile intervenire

Dettagli

COLLOCAZIONE DELLE PARTI MENZIONATE

COLLOCAZIONE DELLE PARTI MENZIONATE COLLOCAZIONE DELLE PARTI MENZIONATE L impianto in progetto si compone dei seguenti elementi principali: -l'opera di presa -la condotta forzata; -la centrale; -l opera di restituzione; -opere accessorie.

Dettagli

I dati ricavabili da suddette verifiche (tiranti, velocità, etc.) saranno comunque necessari per procedere con la fase progettuale esecutiva.

I dati ricavabili da suddette verifiche (tiranti, velocità, etc.) saranno comunque necessari per procedere con la fase progettuale esecutiva. INDICE 1. Premessa 1 2. Descrizione dei luoghi 1 3. Valutazione degli afflussi meteorici 3 4. Valutazione dei deflussi 6 5. Calcolo del DMV 7 6. Modifiche alle portate attese a seguito delle opere 10 1.

Dettagli

Il/La sottoscritto/a, in qualità di progettista

Il/La sottoscritto/a, in qualità di progettista Foglio n 1 di 9 CHECK LIST DI ASSEVERAZIONE DEI CONTENUTI DEL PROGETTO ESECUTIVO Il/La sottoscritto/a, in qualità di progettista delle opere fognarie comprese nel Piano Urbanistico denominato. in Comune

Dettagli

RELAZIONE SPECIALISTICA DI CALCOLO

RELAZIONE SPECIALISTICA DI CALCOLO RELAZIONE SPECIALISTICA DI CALCOLO 1 - RETI DI FOGNATURA Il sistema di smaltimento delle acque è di tipo separativo, ossia attraverso due reti distinte vengono convogliate le acque d'origine pluviale e

Dettagli

Cassa di espansione sul T. Baganza Progetto preliminare

Cassa di espansione sul T. Baganza Progetto preliminare Cassa di espansione sul T. Baganza Progetto preliminare ANALISI DELLE CRITICITA IDRAULICHE PORTATE COMPATIBILI NEI DIVERSI TRATTI Il sistema idraulico Parma Baganza è stato oggetto di numerosi studi allo

Dettagli

PROGETTO CENTRALE IDROELETTRICA IN LOCALITA' PONTEVECCHIO COMUNE DI COLBORDOLO

PROGETTO CENTRALE IDROELETTRICA IN LOCALITA' PONTEVECCHIO COMUNE DI COLBORDOLO PROGETTO CENTRALE IDROELETTRICA IN LOCALITA' PONTEVECCHIO COMUNE DI COLBORDOLO Soggetto proponente: CONSORZIO DI BONIFICA DELLE MARCHE (già CONSORZIO DI BONIFICA DEI FIUMI FOGLIA METAURO E CESANO DI PESARO)

Dettagli

PE-2005-0098-DRD0-2.doc RELAZIONE TECNICA

PE-2005-0098-DRD0-2.doc RELAZIONE TECNICA RELAZIONE TECNICA Pagina 2 di 7 INDICE OPERE IDRAULICHE... 3 RETI FOGNARIE... 3 TOMBINATURA AUSA... 3 MATERIALI E POSA IN OPERA... 4 RETE IDRICA... 5 RETE GAS METANO... 5 IMPIANTO DI RICIRCOLO ACQUE LAGHETTO

Dettagli

CENTROELETTRICA S.p.A. Sede amministrativa: via E. Fermi 5 25087 Salò (Brescia) tel. 0365 522661 Fax 0365 448245

CENTROELETTRICA S.p.A. Sede amministrativa: via E. Fermi 5 25087 Salò (Brescia) tel. 0365 522661 Fax 0365 448245 ECOELETTRICA S.r.l. Cod.Fiscale Nr.Reg.Imp. 02079570178 Nr. R.E.A. 212084 Società incorporata in CENTROELETTRICA S.p.A. Sede amministrativa: via E. Fermi 5 25087 Salò (Brescia) tel. 0365 522661 Fax 0365

Dettagli

Gli impianti idroelettrici di pompaggio: nuovi protagonisti sulla scena del mercato elettrico?

Gli impianti idroelettrici di pompaggio: nuovi protagonisti sulla scena del mercato elettrico? Trasporto e stoccaggio dell energia: come diventare smart Milano 11 luglio 2011 Gli impianti idroelettrici di pompaggio: nuovi protagonisti sulla scena del mercato elettrico? Clara Risso Direttore Fonti

Dettagli

- K - PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DELLE RETI FOGNARIE STANDARD PROGETTO SP - TEA - 001.

- K - PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DELLE RETI FOGNARIE STANDARD PROGETTO SP - TEA - 001. - K - PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DELLE RETI FOGNARIE (revisione 04) Pagina 1 di 11 INDICE Pag. PARTE K RETI FOGNARIE K.1 3 REQUISITI DEI PROGETTI DI FOGNATURE PER NUOVE

Dettagli

COMUNE DI FAENZA Area ITALGAS

COMUNE DI FAENZA Area ITALGAS COMUNE DI FAENZA Area ITALGAS 29 gennaio 2013 RELAZIONE TECNICA RETE FOGNARIA 0. VARIANTE La variante dal punto di vista idraulico riguarda sostanzialmente tre punti: 1. la modifica del piccolo lotto di

Dettagli

RELAZIONE. 1)Inquadramento del P.L. nello strumento urbanistico

RELAZIONE. 1)Inquadramento del P.L. nello strumento urbanistico RELAZIONE 1)Inquadramento del P.L. nello strumento urbanistico L area oggetto del presente piano di lottizzazione è sita in località Marina del Comune di Rocca Imperiale (CS). Le particelle catastali interessate

Dettagli

Comune di Bertinoro (BO) Fratta Terme - comparto attuativo CA 15

Comune di Bertinoro (BO) Fratta Terme - comparto attuativo CA 15 Comune di Bertinoro (BO) Fratta Terme - comparto attuativo CA 15 Relazione idraulica per il dimensionamento del sistema di smaltimento delle acque meteoriche, reflue e degli invasi di laminazione Luglio,

Dettagli

Relazione tecnica. Committente Cooperativa Edilizia S. Stefano del Ponte Piazza S. Stefano del Ponte, 8 16039 Sestri Levante

Relazione tecnica. Committente Cooperativa Edilizia S. Stefano del Ponte Piazza S. Stefano del Ponte, 8 16039 Sestri Levante Dott. Ing. Stefano Papini Viale Dante, 97/3 Sestri Levante (Ge) Tel. : 0185 459513, Fax : 010 9301050 E-mail: Stefano_Papini@libero.it Relazione tecnica Committente Cooperativa Edilizia S. Stefano del

Dettagli

DOMANDA ALLACCIO CIVICA FOGNATURA ACQUE BIANCHE E NERE PER INSEDIAMENTO: CIVILE - PRODUTTIVO - INDUSTRIALE (1)

DOMANDA ALLACCIO CIVICA FOGNATURA ACQUE BIANCHE E NERE PER INSEDIAMENTO: CIVILE - PRODUTTIVO - INDUSTRIALE (1) DOMANDA ALLACCIO CIVICA FOGNATURA ACQUE BIANCHE E NERE PER INSEDIAMENTO: CIVILE - PRODUTTIVO - INDUSTRIALE (1) Marca da bollo 16,00 Spazio riservato al Protocollo Al Comune di Albenga P.zza San Michele,

Dettagli

PROGETTO DI IMPIANTO IDROELETTRICO SUL RIO COMBAFERE LOCALITA' B.TA PALUCH - PEROLAR Documentazione ai sensi del D.lgs.387/03

PROGETTO DI IMPIANTO IDROELETTRICO SUL RIO COMBAFERE LOCALITA' B.TA PALUCH - PEROLAR Documentazione ai sensi del D.lgs.387/03 REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI DEMONTE PROGETTO DI IMPIANTO IDROELETTRICO SUL RIO COMBAFERE LOCALITA' B.TA PALUCH - PEROLAR Documentazione ai sensi del D.lgs.387/03 Piano di gestione e manutenzione

Dettagli

Descrizione degli impianti tecnici del Piano di Lottizazione

Descrizione degli impianti tecnici del Piano di Lottizazione Descrizione degli impianti tecnici del Piano di Lottizazione Gli impianti di cui è previsto che venga dotata il P.d.L. sono: impianto fognario; impianto idrico; impianto gas metano; impianto elettrico;

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA Facoltà di Ingegneria

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA Facoltà di Ingegneria PRIMA PROVA SCRITTA DEL 23 NOVEMBRE 2011 Tema n. 1 Il candidato illustri i tipi edilizi residenziali. Si discutano inoltre le principali relazioni tra tipologie edilizie e morfologie urbane. Si richiede,

Dettagli

Indice Equazioni fondamentali Dissipazioni di energia nelle correnti idriche

Indice Equazioni fondamentali Dissipazioni di energia nelle correnti idriche Indice 1 Equazioni fondamentali... 1 1.1 Introduzione... 1 1.2 Equazionedicontinuità... 2 1.3 Principio di conservazione della quantità di moto.... 5 1.4 Principiodiconservazionedellaenergia... 8 1.5 Considerazioniconclusive...

Dettagli

INDICE REGOLAMENTO DI POLIZIA IDRAULICA 1 TECNO.GEO. STUDIO

INDICE REGOLAMENTO DI POLIZIA IDRAULICA 1 TECNO.GEO. STUDIO INDICE Art. 1 Oggetto del Regolamento... 2 Art. 2 Definizione del reticolo minore... 2 Art. 3 Normativa di riferimento e competenze... 2 Art. 4 Attività amministrativa dei Comuni... 3 Art. 5 Autorizzazione

Dettagli

RELAZIONE SOMMARIA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO: SUB-AMBITO 1 SCHEDA N. 2 CUPE DEL P.R.G.

RELAZIONE SOMMARIA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO: SUB-AMBITO 1 SCHEDA N. 2 CUPE DEL P.R.G. RELAZIONE SOMMARIA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO: SUB-AMBITO 1 SCHEDA N. 2 CUPE DEL P.R.G. VIGENTE 1. PREMESSA La presente relazione eseguirà una valutazione

Dettagli

RELAZIONE TECNICA STAZIONE DI CAPODIMONTE IMPIANTO FOGNARIO Cod. commessa C-TAN-CAP. Pagina 1 di 9

RELAZIONE TECNICA STAZIONE DI CAPODIMONTE IMPIANTO FOGNARIO Cod. commessa C-TAN-CAP. Pagina 1 di 9 Pagina 1 di 9 IMPIANTO DI TRATAMENTO E RECAPITO PER SCARICHI DA INSEDIAMENTO CIVILE E ASSIMILABILI AI DOMESTICI MODALITA ESECUTIVE, CALCOLO, MATERIALI E MANUFATTI D ALLACCIAMENTO DELLA RETE FOGNARIA ACQUE

Dettagli

COMUNE DI DESENZANO DEL GARDA PROVINCIA DI BRESCIA

COMUNE DI DESENZANO DEL GARDA PROVINCIA DI BRESCIA COMUNE DI DESENZANO DEL GARDA PROVINCIA DI BRESCIA PROGETTO ADEGUAMENTO DELLO SCARICO DI EMERGENZA PER IL SOLLEVAMENTO FOGNARIO VILLA LUCCHI NUOVO PROLUNGAMENTO SCARICO A LAGO ESISTENTE RELAZIONE TECNICA

Dettagli

RELAZIONE SOMMARIA INTEGRATIVA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO SUB AMBITO 4 FONTANELLE SCHEDA N. 1 DEL P.

RELAZIONE SOMMARIA INTEGRATIVA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO SUB AMBITO 4 FONTANELLE SCHEDA N. 1 DEL P. RELAZIONE SOMMARIA INTEGRATIVA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO SUB AMBITO 4 FONTANELLE SCHEDA N. 1 DEL P.R.G. 1. PREMESSA La presente relazione eseguirà una valutazione

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ALLEGATA ALLA DOMANDA D AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO D ACQUE DOMESTICHE D ORIGINE ABITATIVA. D.Lgs n 152 del 3 aprile 2006.

RELAZIONE TECNICA ALLEGATA ALLA DOMANDA D AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO D ACQUE DOMESTICHE D ORIGINE ABITATIVA. D.Lgs n 152 del 3 aprile 2006. RELAZIONE TECNICA ALLEGATA ALLA DOMANDA D AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO D ACQUE DOMESTICHE D ORIGINE ABITATIVA. D.Lgs n 152 del 3 aprile 2006. Immobile sito nella frazione di, via, n, Censito in Catasto

Dettagli

Il sottoscritto. Nato a il..residente a.. Via.. N.. in qualità di Legale rappresentante della Società..:. Gestore del servizio idrico integrato CHIEDE

Il sottoscritto. Nato a il..residente a.. Via.. N.. in qualità di Legale rappresentante della Società..:. Gestore del servizio idrico integrato CHIEDE Domanda autorizzazione scarichi urbani D.Lgs. 152/06 Marca da Bollo Al Dirigente del Settore Ambiente della Provincia di Frosinone Via Brighindi 03100 F R O S I N O N E Il sottoscritto. Nato a il..residente

Dettagli

PREMESSA. Il progetto definitivo della cassa E4 è stato approvato con D.G.P n 181 del 28.12.2007.

PREMESSA. Il progetto definitivo della cassa E4 è stato approvato con D.G.P n 181 del 28.12.2007. PREMESSA L intervento previsto dal progetto consiste nella realizzazione di una cassa in derivazione in loc. Molino di Ripassaia nei comuni di Peccioli e Lajatico e rientra nell ambito di un accordo (Protocollo

Dettagli

LINEE GUIDA PER ESTENSIONI DI RETE

LINEE GUIDA PER ESTENSIONI DI RETE Pagina 1 di 7 LINEE GUIDA PER ESTENSIONI DI RETE SOMMARIO 1. SCOPO...2 2. VALIDITÀ E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 3. INDICAZIONI DI CARATTERE GENERALE...2 4. FOGNATURA...2 4.1.1 Materiali da utilizzare e

Dettagli

N 1 telaio in acciaio di sostegno gruppi completo di forature per l ancoraggio a pavimento;

N 1 telaio in acciaio di sostegno gruppi completo di forature per l ancoraggio a pavimento; Caratteristiche tecniche relative a N 2 gruppi Turbina Elica Generatore Asincrono Trifase non regolante, Quadro Elettrico di automazione/parallelo gruppi. Dati di Impianto: Q max = 0,64 mc/s Hlordo=9,35

Dettagli

E STATA PREPARATA APPOSITA MODULISTICA DA PRESENTARE AL COMUNE PER:

E STATA PREPARATA APPOSITA MODULISTICA DA PRESENTARE AL COMUNE PER: Legge Forestale della Toscana n. 39/2/R del 5/9/2001 - Regolamento di La L.R.T. n.1/2003, di modifica ed integrazione della L.R.T.39/2000 Legge forestale della Toscana ha attribuito ai Comuni il rilascio

Dettagli

Infrastrutture di supporto degli insediamenti produttivi dell area consortile ASI di Taranto.

Infrastrutture di supporto degli insediamenti produttivi dell area consortile ASI di Taranto. INDICE PREMESSA... 2 1. DATI DI PARTENZA... 4 2. ESPANSIONE DEMOGRAFICA... 5 3. CALCOLO DELLA RETE NERA... 6 3.1 Parametri di calcolo... 6 3.2 Analisi dei beni e dei servizi da fornire ed individuazione

Dettagli

COMITATO ISTITUZIONALE

COMITATO ISTITUZIONALE COMITATO ISTITUZIONALE Verbale della Deliberazione n. 23 del 18 giugno 2015 Oggetto: Acque Veronesi scarl - Approvazione progetto definitivo Sistemazione rete fognaria Via Mangano Comune di San Giovanni

Dettagli

SAI Progetti s.r.l. GeoTer

SAI Progetti s.r.l. GeoTer SAI Progetti s.r.l. GeoTer ALCUNI DATI DEL BACINO Area del bacino = 2,31 Km 2 Quota massima = 1.100 m Quota sezione di chiusura (Cherio) = 301,5 m Lunghezza asta principale = 2.370 m CALCOLO DELLA PORTATA

Dettagli

Minidraulica. Gli impianti possono essere poi: A. ad acqua fluente; B. a bacino; C. di accumulo a mezzo pompaggio.

Minidraulica. Gli impianti possono essere poi: A. ad acqua fluente; B. a bacino; C. di accumulo a mezzo pompaggio. Minidraulica Quadro sintetico della tecnologia, degli impianti e delle macchine Energia idroelettrica è un termine usato per definire l'energia elettrica ottenibile a partire da una caduta d'acqua, convertendo

Dettagli

ALLACCIO ALLA FOGNATURA ESECUZIONE UTENTE

ALLACCIO ALLA FOGNATURA ESECUZIONE UTENTE Presentazione del progetto ALLACCIO ALLA FOGNATURA ESECUZIONE UTENTE Contestualmente alla domanda il richiedente è tenuto a presentare in DUPLICE copia e su supporto informatico la seguente documentazione,

Dettagli

Riepilogo documentazione

Riepilogo documentazione RILASCIO AUTORIZZAZIONE - MODELLO AR1 DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE PER SCARICHI DI TIPO DOMESTICO PROVENIENTI DA INSEDIAMENTI RESIDENZIALI CON CARICO ORGANICO INFERIORE AI 50 A.E. Riepilogo documentazione

Dettagli

0 SOMMARIO... 2. 2 PROGETTO DELLA SOLUZIONE SELEZIONATA... 4 2.1 Descrizione della soluzione selezionata... 4 2.2 Fattibilità dell'intervento...

0 SOMMARIO... 2. 2 PROGETTO DELLA SOLUZIONE SELEZIONATA... 4 2.1 Descrizione della soluzione selezionata... 4 2.2 Fattibilità dell'intervento... INDICE 0 SOMMARIO... 2 FINALITÀ DELL'INTERVENTO E SCELTA DELLE ALTERNATIVE PROGETTUALI:... 3. Descrizione delle motivazioni giustificative della necessità dell'intervento e delle finalità che si prefigge

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA STRADA PROVINCIALE N 115 TRONCO: Cimitero di Igliano in località Cornati CONSOLIDAMENTO FRANA PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA 1) PREMESSA 2) INTERVENTI PROPOSTI 3) CENNI DI GEOLOGIA 4)

Dettagli

COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE PROVINCIA DI PISTOIA

COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE PROVINCIA DI PISTOIA COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE PROVINCIA DI PISTOIA RELAZIONE IDRAULICA A SUPPORTO DEL P.A.4 NEL COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE CON INDICAZIONE SUL SISTEMA DI INVARIANZA IDRAULICA Il TECNICO INCARICATO Dott. Ing.

Dettagli

SOMMARIO. 4.1 Curve di possibilità pluviometrica...6. 4.2 Coefficiente di deflusso...7. 4.2.1 Tempo di corrivazione...7

SOMMARIO. 4.1 Curve di possibilità pluviometrica...6. 4.2 Coefficiente di deflusso...7. 4.2.1 Tempo di corrivazione...7 SOMMARIO 1. PREMESSA... 2 2. INQUADRAMENTO TERRITORIALE... 3 3. PROGETTO URBANISTICO... 4 4. STUDIO IDROLOGICO... 6 4.1 Curve di possibilità pluviometrica...6 4.2 Coefficiente di deflusso...7 4.2.1 Tempo

Dettagli

PROGETTO DI DERIVAZIONE D ACQUA AD USO IDROELETTRICO DAL F. STURA DI DEMONTE A MEZZO DEL CANALE IRRIGUO LA ROVERE - BOSCHETTI

PROGETTO DI DERIVAZIONE D ACQUA AD USO IDROELETTRICO DAL F. STURA DI DEMONTE A MEZZO DEL CANALE IRRIGUO LA ROVERE - BOSCHETTI PROGETTO DI NUOVA DERIVAZIONE D ACQUA DAL TORRENTE MONGIA AD USO ENERGETICO - RELAZIONE DI COMPATIBILITÀ IDRAULICA AI SENSI DEL R.D. 523/1904 - REGIONE PIEMONTE COMUNE DI FOSSANO PROVINCIA DI CUNEO PROGETTO

Dettagli

PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI NUOVE RETI FOGNARIE E LA SUCCESSIVA PRESA IN CARICA DA PARTE DI AGESP

PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI NUOVE RETI FOGNARIE E LA SUCCESSIVA PRESA IN CARICA DA PARTE DI AGESP PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI NUOVE RETI FOGNARIE E LA SUCCESSIVA PRESA IN CARICA DA PARTE DI AGESP Busto Arsizio, 12 Dicembre 2011 Sommario 1. Ambito di applicazione...

Dettagli

IMPIANTO DI SCARICO DEI REFLUI

IMPIANTO DI SCARICO DEI REFLUI TITOLO ELABORATO SISTEMAZIONE DELL AREA PARCHEGGIO E REALIZZAZIONE DI UN AREA ATTREZZATA PER LA SOSTA BREVE DI CAMPER IN LOCALITÀ CANDÀTEN - COMUNE DI SEDICO (BL) FASE PROGETTO ESECUTIVO ELABORATO PROGETTO

Dettagli

1 OGGETTO. 1.1 Cenni storici

1 OGGETTO. 1.1 Cenni storici 1 OGGETTO Il sig. BORRA Roberto, nato a Cuneo il 06 gennaio 1969, residente a Margarita via rovere 19, è proprietario di centralina elettrica sita in Margarita via rovere ed utilizzante le acque del canale

Dettagli

COMUNITA MONTANA VALLI CHISONE GERMANASCA PELLICE PINEROLESE PEDEMONTANO

COMUNITA MONTANA VALLI CHISONE GERMANASCA PELLICE PINEROLESE PEDEMONTANO PROGETTO PRELIMINARE Approvato con Decreto del Commissario Straordinario della C.M. del Pinerolese n. 43 del 16/07/2015 REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNITA MONTANA VALLI CHISONE GERMANASCA PELLICE

Dettagli

Analisi dell Invarianza idraulica e della rete delle fogne bianche

Analisi dell Invarianza idraulica e della rete delle fogne bianche Analisi dell Invarianza idraulica e della rete delle fogne bianche Come previsto dalle norme tecniche del Piano stralcio (autorità Bacini Romagnoli) l area è soggetta al rispetto del principio di invarianza

Dettagli

RELAZIONE DI CALCOLO ELETTRICO E ILLUMINOTECNICO

RELAZIONE DI CALCOLO ELETTRICO E ILLUMINOTECNICO RELAZIONE DI CALCOLO ELETTRICO E ILLUMINOTECNICO 1 Indice 1 PREMESSA...2 2 RIFERIMENTI NORMATIVI...2 3 CARATTERISTICHE GENERALI...3 4 CORPI ILLUMINANTI PREVISTI IN PROGETTO...5 5 VERIFICHE ILLUMINOTECNICHE...8

Dettagli

Richiedente: Domanda di autorizzazione allo scarico P. di di acque reflue urbane non depurate

Richiedente: Domanda di autorizzazione allo scarico P. di di acque reflue urbane non depurate Alla PROVINCIA di COMO SETTORE ECOLOGIA E AMBIENTE SERVIZIO ACQUE via Borgovico, 148 22100 COMO Il/La sottoscritto /a C.F. in qualità di (*) del Comune di / del Consorzio / della Società nato/a a prov.

Dettagli

Riqualificazione Urbana del Centro Commerciale Naturale della Frazione di Torrenieri (CIG Z641110D0A)

Riqualificazione Urbana del Centro Commerciale Naturale della Frazione di Torrenieri (CIG Z641110D0A) COMUNE DI MONTALCINO Provincia di Siena Riqualificazione Urbana del Centro Commerciale Naturale della Frazione di Torrenieri (CIG Z641110D0A) PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE SPECIALISTICA INTERVENTI SU RETI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DEGLI ONERI DI ALLACCIAMENTO AI SERVIZI PUBBLICI DI ACQUEDOTTO E FOGNATURA

REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DEGLI ONERI DI ALLACCIAMENTO AI SERVIZI PUBBLICI DI ACQUEDOTTO E FOGNATURA Allegato alla delibera del C.d.A n.16 dell 11/07/2008 REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DEGLI ONERI DI ALLACCIAMENTO AI SERVIZI PUBBLICI DI ACQUEDOTTO E FOGNATURA Art. 1 Obiettivi e campo di applicazione

Dettagli

INDICE 1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO DELL AREA SECONDO IL PTCP... 3 3 GESTIONE DELLE ACQUE DI SCARICO... 9

INDICE 1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO DELL AREA SECONDO IL PTCP... 3 3 GESTIONE DELLE ACQUE DI SCARICO... 9 INDICE 1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO DELL AREA SECONDO IL PTCP... 3 3 GESTIONE DELLE ACQUE DI SCARICO... 9 3.1 RETE DI ACQUE METEORICHE E LAMINAZIONE... 9 3.2 TRATTAMENTO ACQUE DI PRIMA PIOGGIA... 11

Dettagli

INDICE 1. PREMESSA... 2 2. RIFERIMENTI NORMATIVI... 2 3. INQUADRAMENTO INTERVENTO... 2 4. ANALISI AMBITO DI INTERVENTO D... 3. 4.1 Fognatura nera...

INDICE 1. PREMESSA... 2 2. RIFERIMENTI NORMATIVI... 2 3. INQUADRAMENTO INTERVENTO... 2 4. ANALISI AMBITO DI INTERVENTO D... 3. 4.1 Fognatura nera... INDICE 1. PREMESSA... 2 2. RIFERIMENTI NORMATIVI... 2 3. INQUADRAMENTO INTERVENTO... 2 4. ANALISI AMBITO DI INTERVENTO D... 3 4.1 Fognatura nera... 3 4.2 Sistema di raccolta acque meteoriche aree pubbliche...

Dettagli

Nuovo impianto fognario. Modifica impianto esistente

Nuovo impianto fognario. Modifica impianto esistente RELAZIONE TECNICA ALLEGATA ALLA DOMANDA D AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO D ACQUE DOMESTICHE DI ORIGINE ABITATIVA. D.Lgs n 152 del 03-04-2006, e successive modifiche ed integrazioni. Immobile sito nella frazione

Dettagli

M-01 INTERVENTI FINALIZZATI ALLA RIDUZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO DELL ABITATO DI AULLA (MS)

M-01 INTERVENTI FINALIZZATI ALLA RIDUZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO DELL ABITATO DI AULLA (MS) Commissario Delegato O.P.C.M. 3974/2011 M-01 INTERVENTI FINALIZZATI ALLA RIDUZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO DELL ABITATO DI AULLA (MS) INTERVENTO DI ADEGUAMENTO DEL MURO D ARGINE IN SINISTRA IDRAULICA DEL

Dettagli

CUP: F83J02000020006 CIG: 63501727B4 (TRATTO A-B) CIG: 63501830CA (TRATTO B-C) CIG:635019068F (TRATTO D-E)

CUP: F83J02000020006 CIG: 63501727B4 (TRATTO A-B) CIG: 63501830CA (TRATTO B-C) CIG:635019068F (TRATTO D-E) Progetto ESECUTIVO per la realizzazione di fognature nere nell alveo del Torrente Carrione centro città ( tratto da area ex lavaggio di Vezzala al Ponte Via Cavour) Residui economie Lavori di Risanamento

Dettagli

CONTENUTI ING. MARCO CIMARELLI

CONTENUTI ING. MARCO CIMARELLI CONTENUTI PREMESSA... 2 DESCRIZIONE STATO ATTUALE DEI LUOGHI E DEL PROGETTO... 2 INQUADRAMENTO TERRITORIALE E VINCOLISTICO... 4 DESCRIZIONE GENERALE DELL INTERVENTO E DELLE OPERE CIVILI... 5 Opere di ricostruzione

Dettagli

Relazione tecnica fognatura interna

Relazione tecnica fognatura interna Comune di Monza FARCASA S.R.L. PIANO ATTUATIVO IN VIA CAVALLOTTI Allegato 7 Relazione tecnica fognatura interna Ottobre 2013 (Aggiornamento 26/02/2014) Via Valsugana, 6 20052 Monza Tel 039 745508 e-mail:

Dettagli

INDICE. Obiettivi della progettazione e descrizione dettagliata dei lavori 4

INDICE. Obiettivi della progettazione e descrizione dettagliata dei lavori 4 Dott. ng. LBRTO BLRDO scritto all albo di arese n. 2235 ia Quattro Novembre, N 57 21012 CSSNO MGNGO () NDC Premessa 2 Obiettivi della progettazione e descrizione dettagliata dei lavori 4 1) Tratto -B:

Dettagli

2) Determinazione della portata nera prodotta dall insedimanento scolasticoresidenziale

2) Determinazione della portata nera prodotta dall insedimanento scolasticoresidenziale COMUNE DI DESENZANO D/G PROVINCIA DI BRESCIA COMMITTENTE SOCIETÀ AGRICOLA TREZZA Studio idraulico preliminare per lo smaltimento delle acque reflue del piano integrato- PII Grezze RELAZIONE TECNICA GIUSTIFICATIVA

Dettagli

P.U.A. n 3 Via Leopardi

P.U.A. n 3 Via Leopardi P.U.A. n 3 Via Leopardi REGIONE VENETO provincia di Padova comune di Galliera Veneta Relazione idraulica Il committente Comune di Galliera Veneta Via Roma 174 Il progettista Arch. Sara Favotto STUDIO NOVE

Dettagli

ALLEGATO N. 1 Spett. Gestione Acqua SpA Sede Operativa Acos SpA C.so Italia 49 15067 Novi Ligure

ALLEGATO N. 1 Spett. Gestione Acqua SpA Sede Operativa Acos SpA C.so Italia 49 15067 Novi Ligure ALLEGATO N. 1 Spett. Gestione Acqua SpA Sede Operativa Acos SpA C.so Italia 49 15067 Novi Ligure Oggetto : Domanda di autorizzazione all allacciamento in pubblica fognatura Il/la sottoscritto/a nato/a

Dettagli

DIVISIONE IN COMPARTI DI ATTUAZIONE -LOTTIZZAZIONE ARTIGIANALE D5 - LOCALITA VALLE D ASO, COMUNE DI CARASSAI (AP)

DIVISIONE IN COMPARTI DI ATTUAZIONE -LOTTIZZAZIONE ARTIGIANALE D5 - LOCALITA VALLE D ASO, COMUNE DI CARASSAI (AP) 1) PREMESSA Il sottoscritto Arch. Stefano MARCHIONNI, è stato incaricato dai sig.ri SCENDONI Paolo, Legale Rappresentante della Ditta Agroalimentare Cariaci di Scendoni Paolo & C. con sede ad Ortezzano

Dettagli

COMUNE DI PISTOIA (PROVINCIA DI PISTOIA) PIANO ATTUATIVO AT9/TU 3 AREA SUD-EST. Computo metrico estimativo:

COMUNE DI PISTOIA (PROVINCIA DI PISTOIA) PIANO ATTUATIVO AT9/TU 3 AREA SUD-EST. Computo metrico estimativo: COMUNE DI PISTOIA (PROVINCIA DI PISTOIA) PIANO ATTUATIVO AT9/TU 3 AREA SUD-EST Computo metrico estimativo: Zona B - Area a verde e viabilità pedonale": opere per invarianza idraulica Zona B - Area a verde

Dettagli

RELAZIONE TECNICO-SPECIALISTICA

RELAZIONE TECNICO-SPECIALISTICA COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO Provincia di Livorno SETTORE INTERVENTI SUL TERRITORIO E QUALITA URBANA U.O. PROGETTAZIONE e DIREZIONE LAVORI Oggetto: RIQUALIFICAZIONE AMBIENTALE AREA ARTIGIANALE LE MORELLINE

Dettagli

COMUNE DI BUCCIANO PROVINCIA DI BENEVENTO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA

COMUNE DI BUCCIANO PROVINCIA DI BENEVENTO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA MARCA DA BOLLO COMUNE DI BUCCIANO PROVINCIA DI BENEVENTO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA Riservato all Ufficio ESTREMI DI RIFERIMENTO ARCHIVIAZIONE: Pratica Edilizia: n. Prot. gen. del / / RICHIESTA DI

Dettagli

ELEMENTI DI PRECISAZIONE

ELEMENTI DI PRECISAZIONE ELEMENTI DI PRECISAZIONE LA NATURA DELLA PROBLEMATICA INERENTE IL COLLETTORE NERO DI ACERRA Particolare rilevanza rivestono gli interventi sul Collettore Emissario dell Area Industriale di Acerra (cd.

Dettagli

Piano di Gestione del Distretto Idrografico dell Appennino Centrale - I aggiornamento

Piano di Gestione del Distretto Idrografico dell Appennino Centrale - I aggiornamento DIREZIONE LL. PP., CICLO IDRICO INTEGRATO, DIFESA DEL SUOLO E DELLA COSTA, PROTEZIONE CIVILE Piano di Gestione del Distretto Idrografico dell Appennino Centrale - I aggiornamento Le attività della Regione

Dettagli

COMUNITA MONTANA VALLI GRANA E MAIRA

COMUNITA MONTANA VALLI GRANA E MAIRA REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI ACCEGLIO E CANOSIO COMUNITA MONTANA VALLI GRANA E MAIRA LAVORI DI REALIZZAZIONE DI OPERE DI MANUTENZIONE IDRAULICO-FORESTALE E DI TUTELA DELLE RISORSE IDRICHE

Dettagli

Direttiva per la manutenzione degli alvei e la gestione dei sedimenti 2 di 10

Direttiva per la manutenzione degli alvei e la gestione dei sedimenti 2 di 10 PRESIDÈNTZIA PRESIDENZA DIREZIONE GENERALE DELLA AGENZIA REGIONALE DEL DISTRETTO IDROGRAFICO DELLA SARDEGNA DIRETTIVA PER LO SVOLGIMENTO DELLE VERIFICHE DI SICUREZZA DEI CANALI DI GUARDIA ESISTENTI (ARTICOLO

Dettagli

Comune di Castenaso. Provincia di Bologna. Piano Urbanistico Attuativo per l'attuazione del Comparto ANS C2.2 Castenaso Est sito nel capoluogo

Comune di Castenaso. Provincia di Bologna. Piano Urbanistico Attuativo per l'attuazione del Comparto ANS C2.2 Castenaso Est sito nel capoluogo Comune di Castenaso Provincia di Bologna Piano Urbanistico Attuativo per l'attuazione del Comparto ANS C2.2 Castenaso Est sito nel capoluogo Indirizzo: Via dei Mille RELAZIONE IDRAULICA Federici Saverio

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO 03//04 COMUNE DI FABRIANO PIAZZA DEL COMUNE - FABRIANO (AN) LAVORI - Piani di Recupero Centro Storico-Borgo - studio di fattibilità - modifiche apportate dopo incontro del 07-0-2004 00 - Sistemazione torrente

Dettagli

IL SOTTOSCRITTO. Iscritto all albo della. Legale rappresentante della società Studio: Comune di C.A.P. Provincia

IL SOTTOSCRITTO. Iscritto all albo della. Legale rappresentante della società Studio: Comune di C.A.P. Provincia Spazio per la vidimazione da parte del SUAP ALLEGATO A-24 Dichiarazione di conformità dell impianto alle vigenti norme CONFORMITA ALLE RME IN MATERIA DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI N SOGGETTI AD AUTORIZZAZIONE

Dettagli

Figura 1. Esempio di sedimentazione all interno di una condotta di fognatura.

Figura 1. Esempio di sedimentazione all interno di una condotta di fognatura. LA GESTIONE DELLA RETE IDRAULICA DI DRENAGGIO Gestione della rete di fognatura Il corretto funzionamento della rete di fognatura e di conseguenza la sicurezza idraulica del territorio servito è garantita

Dettagli

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI N. VOCE DESCRIZIONE LAVORAZIONE QUANTITA' PREZZO UNIT. TOTALE

Dettagli

Nuova centrale idroelettrica con derivazione ad acqua fluente sul Torrente Viona INDICE 1. PREMESSA... 3 2. PIANIFICAZIONE E RISCHIO IDRAULICO...

Nuova centrale idroelettrica con derivazione ad acqua fluente sul Torrente Viona INDICE 1. PREMESSA... 3 2. PIANIFICAZIONE E RISCHIO IDRAULICO... INDICE 1. PREMESSA... 3 2. PIANIFICAZIONE E RISCHIO IDRAULICO... 5 3. RIFERIMENTI NORMATIVI... 10 3.1. PIANO STRALCIO 45... 10 3.2. PROGETTO DI PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO (PAI)... 11 3.3.

Dettagli

1. INTERFERENZE CON I SERVIZI A RETE...2 2. ELENCO DELLE INTERFERENZE...4 3. DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI DI RISOLUZIONE DELLE INTERFERENZE...6 4.

1. INTERFERENZE CON I SERVIZI A RETE...2 2. ELENCO DELLE INTERFERENZE...4 3. DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI DI RISOLUZIONE DELLE INTERFERENZE...6 4. 1. INTERFERENZE CON I SERVIZI A RETE...2 2. ELENCO DELLE INTERFERENZE...4 3. DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI DI RISOLUZIONE DELLE INTERFERENZE...6 4. SPOSTAMENTO DELLE LINEE ENEL BASSA E MEDIA TENSIONE (ENEL

Dettagli

RILOCALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO DI RECUPERO RIFIUTI INERTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE

RILOCALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO DI RECUPERO RIFIUTI INERTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE REGIONE DEL VENETO PROVINCIA DI VENEZIA COMUNE DI CAMPAGNA LUPIA RILOCALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO DI RECUPERO RIFIUTI INERTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE Domanda di Verifica di Assoggettabilità alla VIA

Dettagli

Riepilogo documentazione

Riepilogo documentazione RILASCIO/RINNOVO AUTORIZZAZIONE - MODELLO AR9 DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE PER SCARICHI PROVENIENTI DA IMPIANTI DI DEPURAZIONE DI ACQUE REFLUE URBANE, SFIORATORI IN TESTA ALL IMPIANTO, BY-PASS GENERALI E

Dettagli

COMUNE DI LUSCIANO ANALISI NUOVI PREZZI

COMUNE DI LUSCIANO ANALISI NUOVI PREZZI COMUNE DI LUSCIANO (Provincia di Caserta) Progetto esecutivo dei lavori di: COMPLETAMENTO ED ADEGUAMENTO DELLE RETE FOGNARIA Stralcio 1 LOTTO. ANALISI NUOVI PREZZI 1 Premessa Il computo metrico estimativo

Dettagli

Il sottoscritto nato a il C.F. residente in prov. c.a.p. via nella qualità di

Il sottoscritto nato a il C.F. residente in prov. c.a.p. via nella qualità di RICHIESTA DI ALLACCIAMENTO ALLA PUBBLICA FOGNATURA PER INSEDIAMENTI DI TIPO RESIDENZIALE, SERVIZI, ATTIVITA COMMERCIALI O DI PRODUZIONE DI BENI DAI QUALI DERIVINO ACQUE REFLUE DOMESTICHE DA METABOLISMO

Dettagli

g) Esondazioni e dissesti morfologici di carattere torrentizio: area a pericolosità molto elevata Ee

g) Esondazioni e dissesti morfologici di carattere torrentizio: area a pericolosità molto elevata Ee NORME DI ATTUAZIONE Art. 1 Norma transitoria Le norme relative al dissesto sono da ritenersi transitorie fino all'approvazione (previa intesa con l'autorità di Bacino) del PTCP 2007. Il PSC dovrà adeguarsi

Dettagli

Assessorato Sviluppo della montagna e foreste - Opere pubbliche - Difesa del suolo Direzione Opere Pubbliche

Assessorato Sviluppo della montagna e foreste - Opere pubbliche - Difesa del suolo Direzione Opere Pubbliche TABELLA "CANONI DI CONCESSIONE PER UTILIZZO DI PERTINENZE IDRAULICHE" (ART. 1, COMMA 1, LETTERA C DELLA L.R. 12/2004) INTEGRATA DALL ALLEGATO A DEL D.P.G.R. 6/12/2004, n. 14/R) (n.b. le note integrative

Dettagli

Allegato 4. Progetto Terre e Rocce da Scavo

Allegato 4. Progetto Terre e Rocce da Scavo Allegato 4 Progetto Terre e Rocce da Scavo Committente: Progetto: Piano di Sviluppo della Rete di Trasmissione Nazionale - Autorizzazione alla costruzione ed all esercizio - ai sensi dell art. 1 sexies

Dettagli

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE PROVENIENTI DA INSEDIAMENTI DI TIPO RESIDENZIALE CON NUMERO DI ABITANTI FINO A 50 1

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE PROVENIENTI DA INSEDIAMENTI DI TIPO RESIDENZIALE CON NUMERO DI ABITANTI FINO A 50 1 DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE PROVENIENTI DA INSEDIAMENTI DI TIPO RESIDENZIALE CON NUMERO DI ABITANTI FINO A 50 1 Contrassegno telematico Imposta di bollo pari ad 16,00

Dettagli

COMUNE DI RIO NELL'ELBA (Prov. di Livorno) Via G.Garibaldi, 38 57039

COMUNE DI RIO NELL'ELBA (Prov. di Livorno) Via G.Garibaldi, 38 57039 tel. 0565-943411 fax.0565-943021 COMUNE DI RIO NELL'ELBA (Prov. di Livorno) Via G.Garibaldi, 38 57039 C.F.:82001450491 SETTORE-EDILIZIA E URBANISTICA U.O. - EDILIZIA PRIVATA DOCUMENTAZIONE NECESSARIA DA

Dettagli

COMUNE DI SCHIGNANO Provincia di Como ADEGUAMENTO DELLE RETI FOGNARIE COMUNALI E DELL INTERCONNESSIONE CON QUELLA CONSORTILE

COMUNE DI SCHIGNANO Provincia di Como ADEGUAMENTO DELLE RETI FOGNARIE COMUNALI E DELL INTERCONNESSIONE CON QUELLA CONSORTILE Ing. Robe rto M ag na gh i Ing. A lessandro M agnaghi P.i.e. Paolo Epistolio COMUNE DI SCHIGNANO Provincia di Como ADEGUAMENTO DELLE RETI FOGNARIE COMUNALI E DELL INTERCONNESSIONE CON QUELLA CONSORTILE

Dettagli

Il Comune di Lozzo Atestino sorge sulle pendici del monte omonimo, (320 m.) nell area

Il Comune di Lozzo Atestino sorge sulle pendici del monte omonimo, (320 m.) nell area INQUADRAMENTO GENERALE Il Comune di Lozzo Atestino sorge sulle pendici del monte omonimo, (320 m.) nell area SW dei Colli Euganei. La sua popolazione, pari a circa 3100 abitanti, comprende oltre all abitato

Dettagli

INDICE 1 INTRODUZIONE... 1 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 1 3 INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO ESISTENTE... 1

INDICE 1 INTRODUZIONE... 1 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 1 3 INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO ESISTENTE... 1 INDICE 1 INTRODUZIONE... 1 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 1 3 INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO ESISTENTE... 1 4 PIANO STRALCIO PER L'ASSETTO IDROGEOLOGICO... 2 4.1 NODO VALLONE CERNICCHIARA/RAFASTIA...

Dettagli

INDICE. 4.1 Introduzione 19 4.2 Descrizione dello stato di fatto 19 4.3 Descrizione dello stato a progetto 23

INDICE. 4.1 Introduzione 19 4.2 Descrizione dello stato di fatto 19 4.3 Descrizione dello stato a progetto 23 INDICE 1 PREMESSA... 3 2 MOTIVAZIONI STRATEGICHE E FINALITÀ DELL OPERA... 5 2.1 Gli orientamenti della politica energetica della Comunità Europea 5 2.2 Le linee di indirizzo della politica energetica nazionale

Dettagli

COMUNE DI CASTEL BARONIA AVELLINO

COMUNE DI CASTEL BARONIA AVELLINO COMUNE DI CASTEL BARONIA AVELLINO LAVORI DI ADEGUAMENTO DELLA FOGNATURA IN VIA REGINA MARGHERITA E DEPURATORE (art. 5, legge regionale 31.10.1978, n 51 anni 2005e 2006 ) PROGETTO ESECUTIVO Elaborato A

Dettagli

Coclea (o vite idraulica) per produzione di energia

Coclea (o vite idraulica) per produzione di energia 6^ CONFERENZA ORGANIZZATIVA ASSOCIAZIONE NAZIONALE BONIFICHE E IRRIGAZIONI 1 ASSOCIAZIONE IRRIGAZIONE EST SESIA Energia L evoluzione del mini e del micro idroelettrico: gli impianti a coclea Fulvio Bollini

Dettagli

MODELLO DI RELAZIONE SUGLI IMMOBILI E SUI MANUFATTI PER LO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE E ASSIMILABILI ALLE DOMESTICHE

MODELLO DI RELAZIONE SUGLI IMMOBILI E SUI MANUFATTI PER LO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE E ASSIMILABILI ALLE DOMESTICHE MODELLO DI RELAZIONE SUGLI IMMOBILI E SUI MANUFATTI PER LO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE E ASSIMILABILI ALLE DOMESTICHE Note per la compilazione: Si propongono i seguenti stampati, PRECISANDO CHE

Dettagli

Impianto idroelettrico con derivazione dal Torrente Mondalavia, localizzato nel Comune di Bene Vagienna (CN) Progetto definitivo

Impianto idroelettrico con derivazione dal Torrente Mondalavia, localizzato nel Comune di Bene Vagienna (CN) Progetto definitivo REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI CUNEO Comune di Bene Vagienna Impianto idroelettrico con derivazione dal Torrente Mondalavia, localizzato nel Comune di Bene Vagienna (CN) Progetto definitivo PIANO DI GESTIONE

Dettagli

BNP Paribas Real Estate Investment Management Italy

BNP Paribas Real Estate Investment Management Italy BNP Paribas Real Estate Investment Management Italy Comune di Camposampiero (PD) IL PARCO DI CAMPOSAMPIERO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE Sintesi non Tecnica 2 Studio di Impatto Ambientale Il Parco di Camposampiero

Dettagli

RIPARTO DELLE SPESE CONSORTILI

RIPARTO DELLE SPESE CONSORTILI RIPARTO DELLE SPESE CONSORTILI 1) Che differenza c è fra bonifica idraulica e bonifica intergale e quando si è introdotto per la prima volta il concetto di bonifica integrale? Con il termine bonifica si

Dettagli