PE DRD0-2.doc RELAZIONE TECNICA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PE-2005-0098-DRD0-2.doc RELAZIONE TECNICA"

Transcript

1

2 RELAZIONE TECNICA

3 Pagina 2 di 7 INDICE OPERE IDRAULICHE... 3 RETI FOGNARIE... 3 TOMBINATURA AUSA... 3 MATERIALI E POSA IN OPERA... 4 RETE IDRICA... 5 RETE GAS METANO... 5 IMPIANTO DI RICIRCOLO ACQUE LAGHETTO ED IRRIGAZIONE... 6 PREMESSA... 6 CARATTERISTICHE TECNICHE DELL IMPIANTO... 6

4 Pagina 3 di 7 OPERE IDRAULICHE RETI FOGNARIE Il progetto relativo alle opere esterne è costituito essenzialmente da un importante intervento di sistemazione del parco Ausa, che prevede anche la realizzazione di un ponte ciclopedonale sotto via della Fiera. L intervento sul parco ha forti implicazioni con la progettazione delle opere idrauliche, soprattutto dovute alla realizzazione del sottopassaggio ciclopedonale che prevede scavi fino a circa 6,50 m sotto al piano stradale attuale. La realizzazione di tale opera implica la risoluzione delle interferenze sia con la struttura del ponte, che con gli specchi d acqua previsti a fianco della pista ciclopedonale. Per quanto riguarda la realizzazione di nuovi tratti di fognatura, il progetto prevede: La deviazione e rifacimento di un tratto della tombinatura Ausa del ø 1200 mm. con un collettore di tipo scatolare delle dimensioni interne di 3000x1500 mm.; La deviazione del collettore φ 600 in cls esistente sotto a via della Fiera, che, per evitare interferenze con il ponte, sarà deviato nel parco fino a confluire nella nuova condotta in uscita dal Palacongressi del ø 800 in cls e diretta alla tombinatura Ausa mediante una tubazione del ø Alla base delle scelte progettuali sopra sintetizzate c è la necessità di ridurre le interferenze con il ponte, soprattutto per le condotte fognarie che lavorano a gravità. Attualmente la fognatura in calcestruzzo si trova ad una profondità di circa 2,50 m sotto al piano stradale e ciò comporta un problema di interferenza in corrispondenza della nuova opera di attraversamento. Realizzando la deviazione di cui sopra non si modifica sostanzialmente l attuale sistema fognario della zona in oggetto in quanto il φ 600 in calcestruzzo esistente sotto a via della Fiera defluisce tuttora nell Ausa anche se leggermente più a monte rispetto a dove lo prevede il presente progetto. Per quanto concerne la raccolta e lo smaltimento delle acque bianche sulla piattaforma stradale del ponte, il progetto prevede la realizzazione di canalette in cls sia a bordo strada sia a bordo marciapiede con opportuni collegamenti alla rete di raccolta acque bianche che andranno a confluire nella tombinatura dell Ausa. TOMBINATURA AUSA Al fine di individuare l esatto tracciato della tombinatura del torrente Ausa è stata commissionata dalla Società del Palazzo dei Congressi, una video ispezione per che ha consentito di definire meglio anche le caratteristiche idrauliche generale del collettore (diametro, pendenza, tipologia del collettore in opera, stato di conservazione ecc.). L indagine ha interessato circa 100 m e ha permesso di definire le quote di scorrimento di

5 Pagina 4 di 7 alcuni punti caratteristici, nonché di individuare alcune immissioni non segnalate dalla cartografia ufficiale disponibile presso gli Uffici locali. Nonostante quanto sopra, i dati indicati sugli elaborati che costituiscono il presente progetto, devono essere visti sotto un ottica progettuale, non costruttiva, in quanto solo scavando, in fase di esecuzione dei lavori, si potrà avere un quadro certo della attuale tombinatura. In fase progettuale vengono presi in considerazione tutti gli elementi rilevati fin ora al fine di individuarne le soluzioni, così per esempio per quanto riguarda gli allacci verranno richiesti elementi prefabbricati predisposti per eventuali immissioni laterali, da porre in opera all occorrenza. Sulla planimetria (PD D 01) è indicato l attuale tracciato con linea continua e il tracciato di progetto con linea tratteggiata. La lunghezza del nuovo tracciato è di 213 m e la variazione di pendenza è piuttosto lieve: dall attuale 0,25% si passa allo 0,2%. Attualmente la tombinatura è costituita da un collettore circolare di diametro 1200 mm la cui portata può essere stimata con la formula di Gauckler-Strickler, trascurando la canalina di fondo per le portate di magra. Q = k s i 1/ 2 R 2 / 3 A da cui risulta che: considerando un Ks =65 (m 1/3 /sec) e un riempimento dell 80% Q=1,6 mc/sec ; se si considera un riempimento del 96%, Q=1,7 mc/sec. La scelta della sezione idraulica da impiegare nella nuova tombinatura tiene conto di diversi aspetti: 1.non ridurre l attuale portata defluibile nel collettore; 2.prevedere lo scorrimento di portate di magra (acque nere) trattandosi tutt ora di una fognatura mista; 3.adottare elementi prefabbricati il cui estradosso rimanga sotto alla quota del terreno prevista nel progetto di riqualificazione del parco, che vede la sagomatura del terreno e la creazione di scarpate e specchi d acqua; 4.rispettare le indicazioni del Piano Generale delle fognature. Tutto ciò premesso ha portato alla scelta di utilizzare elementi prefabbricati di forma scatolare aventi le dimensioni indicate sugli elaborati grafici. Riprendendo la formula di cui sopra con un Ks =65 (m 1/3 /sec) risulta: Q=7,9 mc/sec, v=2,2 m/s con un riempimento dell 80% Q=10,2 mc/sec, v=2,3 m/s con un riempimento del 96% MATERIALI E POSA IN OPERA Per la realizzazione dei collettori in PVC verranno impiegate tubazioni a norma UNI EN serie SN8 mentre le caditoie saranno in ghisa sferoidale conforme alla norma UNI EN 124 e rinfiancate in calcestruzzo.

6 Pagina 5 di 7 Il rinfianco ed il reinterro dei tubi in PVC avverrà con sabbia ben costipata ai lati del tubo fino alla quota del sottofondo stradale. In corrispondenza d ogni cambiamento di sezione e di direzione del tubo saranno installati appositi pozzetti di ispezione con chiusino in ghisa di tipo carrabile conforme alla norma UNI EN 124 classe D400. Le ispezioni saranno previste anche nei tratti rettilinei a distanza massima di circa 50 metri, tramite pozzetti circolari aventi dimensioni minime interne φ 1000 Per quanto riguarda la tombinatura del torrente Ausa, verranno utilizzati elementi in c.a. prefabbricati di forma ellittica aventi le caratteristiche illustrate negli elaborati grafici. In corrispondenza dei cambi di direzione e nei punti di collegamento tra la tombinatura esistente e quella nuova, verranno realizzati pozzetti in opera in c.a.. I tratti di fognatura con tubi in calcestruzzo saranno realizzati con tubi autoportanti e pozzetti di ispezione ogni 50 m circa. RETE IDRICA L intervento sulla rete acquedottistica, concordata con l Ente Gestore (HERA Rimini s.r.l.), riguarderà principalmente la realizzazione, in una prima fase, dello spostamento delle due condotte in via della Fiera in corrispondenza del nuovo ponte, la prima in acciaio del DN 550 e la seconda in ghisa sferoidale del DN 100, mediante una condotta provvisoria in acciaio del DN 300 che funzionerà da by-pass; una seconda fase, a ponte ultimato, riguardante il ripristino della continuità su via della Fiera delle tubazioni in acciaio, una DN 500 e l altra DN 100 in ghisa sferoidale, che verranno ancorate al disotto dell impalcato del ponte. Tali condotte saranno ispezionabili dall alto del ponte mediante chiusini in ghisa modulari a riempimento pavè del tipo carrabile classe B125 secondo norma UNI EN 124. A totale carico della stazione appaltante sarà la fornitura e la posa in opera delle condotte provvisorie di by-pass, mentre lo scollegamento ed il successivo ripristino delle due condotte in acciaio e ghisa sferoidale su via della Fiera sarà eseguito direttamente dall Ente Gestore i cui oneri andranno però a carico del committente. RETE GAS METANO L intervento sulla rete gas, concordato con l Ente Gestore (Società Gas Rimini), verrà realizzato sempre dal medesimo a spesa della committenza e riguarderà sostanzialmente: - Eliminazione, lungo il parco Ausa lato monte, delle condotta di bassa pressione del DN 150; realizzazione di una nuova condotta di bassa pressione del DN 150 e una in media pressione del DN 65 che andranno a collegarsi alle reti esistenti di via della Fiera, lato mare, e lungo via del Centino, alla cabina di riduzione gas nel parco Ausa, lato monte; - Realizzazione di condotta gas provvisoria in media pressione DN 80 a fianco di via della Fiera (in corrispondenza del nuovo ponte sull Ausa); ripristino

7 Pagina 6 di 7 definitivo del DN 80 al disotto dell impalcato stradale del ponte e contestuale rimozione della tubazione provvisoria. IMPIANTO DI RICIRCOLO ACQUE LAGHETTO ED IRRIGAZIONE PREMESSA Nell ottica di una riqualificazione delle aree verdi pubbliche, nel parco Ausa, e stata prevista la realizzazione di un laghetto artificiale il quale sarà costantemente alimentato dalle acque prelevate, mediante un impianto di sollevamento, dal lago adiacente della Cava. Il sistema di impianto sarà del tipo ad alimentazione in continuo (24 ore su 24) in cui l acqua prelevata dal lago della Cava andrà prima a riempire il laghetto artificiale e conseguentemente, mediante un sistema di troppo pieni, l acqua in esubero per caduta ritornerà al lago di origine. Questo sitema avrà il vantaggio di permettere un ricambio completo dell acqua evitando eventuali stagnazioni; inoltre il fondo del laghetto sarà sagomato per garantire un effetto a cascata in modo da originare l ossigenazione stessa dell acqua. L impianto di pompaggio dal lago di cava al nuovo laghetto sarà composto da un elettropompa sommersa del tipo da pozzo, installata in posizione orizzontale su una struttura inclinata in acciaio inox immersa nell acqua. L elettropompa, munita di tubo camicia di raffreddamento, appoggerà sulla struttura d acciaio e sarà munita di due catene in acciaio inox, agganciate alla camicia di raffreddamento, le quali consentiranno il movimento manuale della pompa in caso di abbassamento del livello dell acqua di cava. CARATTERISTICHE TECNICHE DELL IMPIANTO Di seguito si riportano i dati prestazionali dell impianto che andrà ad alimentare il nuovo laghetto artificiale il quale fungerà da serbatoio per l irrigazione delle aree verdi limitrofe: - Volume del laghetto artificiale: circa mc = litri - Consumo di acqua ali gocciolanti per uso irriguo: 5 litri/mq al giorno - Consumo acqua anello gocciolante per uso irriguo: 50 litri/giorno - Superficie ad ali gocciolanti: 4.241,55 mq x 5 litri/giorno = ,75 litri/giorno - Anelli gocciolanti: n.250 alberi x 50 litri/giorno = litri/giorno - Totale litri necessari per l irrigazione: , = ,75 litri Prevedendo di ricambiare l acqua del laghetto artificiale in una settimana, l impianto di sollevamento installato sull argine del lago della Cava sarà composto da n.2

8 Pagina 7 di 7 pompe sommerse aventi ciascuna la portata di 8 mc/h con una prevalenza di circa 40 m c.a. in funzione per 24 ore su 24 nel periodo estivo, mentre nel periodo invernale sarà possibile mantenere in funzione una sola pompa. Le pompe saranno alloggiate all interno di una gabbia di protezione in acciaio inox del tipo ispezionabile e collegata in maniera solidale all argine; ciascuna pompa sarà dotata di tubo camicia di raffreddamento, saracinesca di intercettazione e valvola di ritegno a palla. La tubazione di mandata dell acqua al laghetto artificiale sarà in polietilene ad altà densità PE 100 PN 16 a norma UNI del diametro del øe 90 tranne il tratto terminale in cui sarà previsto un collettore di ripartizione delle portate con bocche in polietilene ad alta densità del øe 63 in maniera da garantire una più omogenea diffusione dell aqua dal punto più alto della vasca. Essendo stata stabilita la quota di massimo invaso del laghetto artificiale a -5,00 m ed essendo il livello massimo del pelo libero del lago della Cava a -8,00 m, il ritorno al lago della Cava avverrà dai troppo pieni situati all interno del laghetto artificiale per caduta mediante griglie di captazione; queste griglie saranno montate in maniera tale da garantire comunque un livello massimo del laghetto artificiale di circa 1,50 m. La tubazione di scarico di troppo pieno sarà prevista in PEAD del tipo corrugata del diametro del øe 250 e øe 315 a norma UNI EN serie SN8 e dotata di pozzetti di ispezione. Lo scarico terminale nel lago della Cava avverrà quindi a bocca libera prevedendo in corrispondenza dello sbocco una idonea gliglia di protezione in acciaio inox. Nella parte più depressa del laghetto prenderà posto anche la pompa per l impianto di irrigazione che sarà del tipo sommersa; la pompa avrà una portata di circa 2,8 mc/h con prevalenza di circa 47 m c.a. ed una durata di funzioanmento di 10 ore durante le ore notturne; sarà dotata anch essa di tubo camicia di raffreddamento, saracinesca di intercettazione e valvola di ritegno a palla.

COMUNE DI CHIARI VARIANTE PROGRAMMA INTEGRATO D INTERVENTO 001 06 PER MODIFICA DESTINAZIONE D USO COMPARTO DA RESIDENZIALE A COMMERCIALE

COMUNE DI CHIARI VARIANTE PROGRAMMA INTEGRATO D INTERVENTO 001 06 PER MODIFICA DESTINAZIONE D USO COMPARTO DA RESIDENZIALE A COMMERCIALE ALLEGATO C Chiari, Febbraio 2014 COMUNE DI CHIARI VARIANTE PROGRAMMA INTEGRATO D INTERVENTO 001 06 PER MODIFICA DESTINAZIONE D USO COMPARTO DA RESIDENZIALE A COMMERCIALE AREA DELIMITATA DA VIA BRESCIA

Dettagli

COMUNE DI CASTEL BARONIA AVELLINO

COMUNE DI CASTEL BARONIA AVELLINO COMUNE DI CASTEL BARONIA AVELLINO LAVORI DI ADEGUAMENTO DELLA FOGNATURA IN VIA REGINA MARGHERITA E DEPURATORE (art. 5, legge regionale 31.10.1978, n 51 anni 2005e 2006 ) PROGETTO ESECUTIVO Elaborato A

Dettagli

COMUNE DI FAENZA Area ITALGAS

COMUNE DI FAENZA Area ITALGAS COMUNE DI FAENZA Area ITALGAS 29 gennaio 2013 RELAZIONE TECNICA RETE FOGNARIA 0. VARIANTE La variante dal punto di vista idraulico riguarda sostanzialmente tre punti: 1. la modifica del piccolo lotto di

Dettagli

Descrizione degli impianti tecnici del Piano di Lottizazione

Descrizione degli impianti tecnici del Piano di Lottizazione Descrizione degli impianti tecnici del Piano di Lottizazione Gli impianti di cui è previsto che venga dotata il P.d.L. sono: impianto fognario; impianto idrico; impianto gas metano; impianto elettrico;

Dettagli

RELAZIONE TECNICA IDRAULICA

RELAZIONE TECNICA IDRAULICA PIANO URBANISTICO ESECUTIVO DI INIZIATIVA PRIVATA per insediamento produttivo di nuovo impianto ad uso artigianale, produttivo e commerciale in Comune di Comacchio Loc. San Giuseppe S.S. 309 Romea Spett.le

Dettagli

PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI NUOVE RETI FOGNARIE E LA SUCCESSIVA PRESA IN CARICA DA PARTE DI AGESP

PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI NUOVE RETI FOGNARIE E LA SUCCESSIVA PRESA IN CARICA DA PARTE DI AGESP PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI NUOVE RETI FOGNARIE E LA SUCCESSIVA PRESA IN CARICA DA PARTE DI AGESP Busto Arsizio, 12 Dicembre 2011 Sommario 1. Ambito di applicazione...

Dettagli

Programma Integrato di interventi produttivi nell ambito della zona D5 (in variante al PRG vigente)

Programma Integrato di interventi produttivi nell ambito della zona D5 (in variante al PRG vigente) Sommario Capitolo 1- Rete Idrica. Capitolo 2- Rete Metano. Capitolo 3- Rete elettrica e Telematica. Capitolo 4- Rete fognarie Bianche e Nere. Capitolo 5- Impianti di Pubblica Illuminazione. Relazione e

Dettagli

RELAZIONE SPECIALISTICA DI CALCOLO

RELAZIONE SPECIALISTICA DI CALCOLO RELAZIONE SPECIALISTICA DI CALCOLO 1 - RETI DI FOGNATURA Il sistema di smaltimento delle acque è di tipo separativo, ossia attraverso due reti distinte vengono convogliate le acque d'origine pluviale e

Dettagli

Integrated Management System SERIE DCA IMPIANTI DI DEPURAZIONE PER ACQUE REFLUE DERIVANTI DA AUTOLAVAGGIO. Manuale delle Specifiche Tecniche

Integrated Management System SERIE DCA IMPIANTI DI DEPURAZIONE PER ACQUE REFLUE DERIVANTI DA AUTOLAVAGGIO. Manuale delle Specifiche Tecniche Integrated Management System I M P I A N T I D E P U R A Z I O N E A C Q U E SERIE DCA IMPIANTI DI DEPURAZIONE PER ACQUE REFLUE DERIVANTI DA AUTOLAVAGGIO Manuale delle Specifiche Tecniche PRESENTAZIONE

Dettagli

LINEE GUIDA PER ESTENSIONI DI RETE

LINEE GUIDA PER ESTENSIONI DI RETE Pagina 1 di 7 LINEE GUIDA PER ESTENSIONI DI RETE SOMMARIO 1. SCOPO...2 2. VALIDITÀ E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 3. INDICAZIONI DI CARATTERE GENERALE...2 4. FOGNATURA...2 4.1.1 Materiali da utilizzare e

Dettagli

Comune di Frascati Provincia di Roma RELAZIONE TECNICA. Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il

Comune di Frascati Provincia di Roma RELAZIONE TECNICA. Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il Comune di Frascati Provincia di Roma pag. 1 RELAZIONE TECNICA OGGETTO: Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il suo collegamento al collettore ACEA lungo Via Enrico Fermi.

Dettagli

- K - PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DELLE RETI FOGNARIE STANDARD PROGETTO SP - TEA - 001.

- K - PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DELLE RETI FOGNARIE STANDARD PROGETTO SP - TEA - 001. - K - PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DELLE RETI FOGNARIE (revisione 04) Pagina 1 di 11 INDICE Pag. PARTE K RETI FOGNARIE K.1 3 REQUISITI DEI PROGETTI DI FOGNATURE PER NUOVE

Dettagli

OSSERVANZA DI LEGGI E NORMATIVE

OSSERVANZA DI LEGGI E NORMATIVE Firmato digitalmente da Luigi Giansanti CN = Giansanti Luigi O = Collegio Periti Industriali di Terni/80006410551 C = IT OSSERVANZA DI LEGGI E NORMATIVE L appalto è soggetto all esatta osservanza di tutte

Dettagli

Relazione specialistica impianti meccanici. 1. Dati generali e descrizione dell'opera... 2. 2. Descrizione degli interventi... 4

Relazione specialistica impianti meccanici. 1. Dati generali e descrizione dell'opera... 2. 2. Descrizione degli interventi... 4 Sommario 1. Dati generali e descrizione dell'opera... 2 2. Descrizione degli interventi... 4 2.1 Impianto protezione idrica antincendio... 4 2.1.1 Rete idranti... 4 2.1.2 Sostituzione del gruppo di pressurizzazione

Dettagli

Relazione tecnica fognatura interna

Relazione tecnica fognatura interna Comune di Monza FARCASA S.R.L. PIANO ATTUATIVO IN VIA CAVALLOTTI Allegato 7 Relazione tecnica fognatura interna Ottobre 2013 (Aggiornamento 26/02/2014) Via Valsugana, 6 20052 Monza Tel 039 745508 e-mail:

Dettagli

CUP: F83J02000020006 CIG: 63501727B4 (TRATTO A-B) CIG: 63501830CA (TRATTO B-C) CIG:635019068F (TRATTO D-E)

CUP: F83J02000020006 CIG: 63501727B4 (TRATTO A-B) CIG: 63501830CA (TRATTO B-C) CIG:635019068F (TRATTO D-E) Progetto ESECUTIVO per la realizzazione di fognature nere nell alveo del Torrente Carrione centro città ( tratto da area ex lavaggio di Vezzala al Ponte Via Cavour) Residui economie Lavori di Risanamento

Dettagli

INDICE cls per cantiere

INDICE cls per cantiere Linea Cantiere INDICE cls per cantiere CANALI PER IL DRENAGGIO LINEARE ACQUE - TRAFFICO LEGGERO PG. 4 GRIGLIE ACCIAIO ZINCATO PG. 4 CANALI PER IL DRENAGGIO LINEARE ACQUE - TRAFFICO PESANTE PG. 5 GRIGLIE

Dettagli

DESCRIZIONE SINTETICA DELLE CARATTERISTICHE SALIENTI

DESCRIZIONE SINTETICA DELLE CARATTERISTICHE SALIENTI DESCRIZIONE SINTETICA DELLE CARATTERISTICHE SALIENTI Il progetto riguarda la progettazione delle opere di fognatura del X Lotto dei collettori e delle reti di raccolta della fognatura nei Comuni di San

Dettagli

Riqualificazione Urbana del Centro Commerciale Naturale della Frazione di Torrenieri (CIG Z641110D0A)

Riqualificazione Urbana del Centro Commerciale Naturale della Frazione di Torrenieri (CIG Z641110D0A) COMUNE DI MONTALCINO Provincia di Siena Riqualificazione Urbana del Centro Commerciale Naturale della Frazione di Torrenieri (CIG Z641110D0A) PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE SPECIALISTICA INTERVENTI SU RETI

Dettagli

POZZETTI - CAMERETTE IN CALCESTRUZZO ARMATO E VIBRATO EDILIZIA PEZZI SPECIALI

POZZETTI - CAMERETTE IN CALCESTRUZZO ARMATO E VIBRATO EDILIZIA PEZZI SPECIALI Un sistema innovativo di camerette a tenuta idraulica in calcestruzzo per condotte acque bianche e nere a norma uni en 1917 realizzate individualmente in eccellente qualità monolitica secondo i requisiti

Dettagli

ALLEGATO N. 1 Spett. Gestione Acqua SpA Sede Operativa Acos SpA C.so Italia 49 15067 Novi Ligure

ALLEGATO N. 1 Spett. Gestione Acqua SpA Sede Operativa Acos SpA C.so Italia 49 15067 Novi Ligure ALLEGATO N. 1 Spett. Gestione Acqua SpA Sede Operativa Acos SpA C.so Italia 49 15067 Novi Ligure Oggetto : Domanda di autorizzazione all allacciamento in pubblica fognatura Il/la sottoscritto/a nato/a

Dettagli

OPERE DI URBANIZZAZIONE: RELAZIONE TECNICA

OPERE DI URBANIZZAZIONE: RELAZIONE TECNICA REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA COMUNE DI PORDENONE PROVINCIA DI PORDENONE PIANO ATTUATTIVO COMUNALE DI INIZIATIVA PRIVATA N.46 DI VIALE TREVISO OPERE DI URBANIZZAZIONE: RELAZIONE TECNICA Pordenone lì, Il

Dettagli

PRESCRIZIONI TECNICHE RELATIVE ALLA PROGETTAZZIONE DELLE RETI FOGNARIE IN UN PIANO URBANISTICO ATTUATIVO

PRESCRIZIONI TECNICHE RELATIVE ALLA PROGETTAZZIONE DELLE RETI FOGNARIE IN UN PIANO URBANISTICO ATTUATIVO PRESCRIZIONI TECNICHE RELATIVE ALLA PROGETTAZZIONE DELLE RETI FOGNARIE IN UN PIANO URBANISTICO ATTUATIVO PIANI URBANISTICI ATTUATIVI CIVILI Si deve prevedere la separazione delle reti in bianche e nere

Dettagli

DIMENSIONAMENTO CONDOTTA FOGNANTE

DIMENSIONAMENTO CONDOTTA FOGNANTE DIMENSIONAMENTO CONDOTTA FOGNANTE 1. VERIFICA DELLA RETE DI SMALTIMENTO DELLE ACQUE NERE Il centro di cure palliative hospice di Spicchio è allocato all interno di un fabbricato già esistente nel complesso

Dettagli

COMUNE DI LUSCIANO ANALISI NUOVI PREZZI

COMUNE DI LUSCIANO ANALISI NUOVI PREZZI COMUNE DI LUSCIANO (Provincia di Caserta) Progetto esecutivo dei lavori di: COMPLETAMENTO ED ADEGUAMENTO DELLE RETE FOGNARIA Stralcio 1 LOTTO. ANALISI NUOVI PREZZI 1 Premessa Il computo metrico estimativo

Dettagli

Stazioni di sollevamento, vasche di segregazione, pozzetti speciali

Stazioni di sollevamento, vasche di segregazione, pozzetti speciali 2015 Stazioni di sollevamento, vasche di segregazione, pozzetti speciali Primel AG - Via Principale - 7608 Castasegna, Bregaglia (GR) Tel: +41 76 8198688 fedele.pozzoli@bluewin.ch Stazioni di sollevamento

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO E QUADRO ECONOMICO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO E QUADRO ECONOMICO Studio Tecnico Rossi geom. Renato Via G. Zanella 3/1 Montorso Vicentino (VI) Tel. 0444 685322 Fax. 0444 486630 email. geom.rossi@gmail.com AL DIRIGENTE DEL SETTORE GESTIONE DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI

Dettagli

COMUNE DI CITERNA PROVINCIA DI PERUGIA COMMITTENTE LUDOVICI VALENTINO - LUDOVICI PAOLO - CERBONI VITTORIO - CERBONI SILVANO

COMUNE DI CITERNA PROVINCIA DI PERUGIA COMMITTENTE LUDOVICI VALENTINO - LUDOVICI PAOLO - CERBONI VITTORIO - CERBONI SILVANO COMUNE DI CITERNA PROVINCIA DI PERUGIA COMMITTENTE LUDOVICI VALENTINO - LUDOVICI PAOLO - CERBONI VITTORIO - CERBONI SILVANO CERBONI GIUSEPPE - PULETTI CLOTILDE - GAUDENZI ALFREDO PROGETTO PIANO ATTUATIVO

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO A l l e g a t o A COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO (ERRATA CORRIGE AL C.M.E. ALLEGATO ALLA GARA ED INSERITO SUL WEB) PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA OGGETTO OPERE

Dettagli

La superficie complessiva di deflusso delle acque piovane da smaltire nel sottosuolo risulta di 460 mq ed è così suddivisa:

La superficie complessiva di deflusso delle acque piovane da smaltire nel sottosuolo risulta di 460 mq ed è così suddivisa: 1. Premesse La seguente relazione idraulica è redatta allo scopo di indicare le modalità di raccolta, deflusso e smaltimento delle acque meteoriche di dilavamento del nuovo tratto di pista ciclopedonale

Dettagli

Passando ad esaminare quelli che possono essere definiti gli aspetti salienti dell ambito Artigianale proposto si evidenzia che la superficie

Passando ad esaminare quelli che possono essere definiti gli aspetti salienti dell ambito Artigianale proposto si evidenzia che la superficie PREMESSA Il P.G.T. del Comune di Treviglio, detta i principali criteri ed indirizzi in ordine alla pianificazione urbanistica, alla viabilità e alla riqualificazione urbana, alla dotazione di infrastrutture

Dettagli

COMUNE DI DESENZANO DEL GARDA PROVINCIA DI BRESCIA

COMUNE DI DESENZANO DEL GARDA PROVINCIA DI BRESCIA COMUNE DI DESENZANO DEL GARDA PROVINCIA DI BRESCIA PROGETTO ADEGUAMENTO DELLO SCARICO DI EMERGENZA PER IL SOLLEVAMENTO FOGNARIO VILLA LUCCHI NUOVO PROLUNGAMENTO SCARICO A LAGO ESISTENTE RELAZIONE TECNICA

Dettagli

SERVIZIO FOGNATURA E DEPURAZIONE OPERE DI ALLACCIAMENTO ALLA RETE FOGNARIA NERA E/O MISTA

SERVIZIO FOGNATURA E DEPURAZIONE OPERE DI ALLACCIAMENTO ALLA RETE FOGNARIA NERA E/O MISTA Pagina 1 di 7 INDICE 1 PREMESSA... 3 2 DESCRIZIONE DELL OPERA... 3 3 CRITERI DI DIMENSIONAMENTO DELLE OPERE DI ALLACCIAMENTO 4 4 POZZETTI PREFABBRICATI IN C.A.V.... 4 5 GRADINI SCALA DI ACCESSO AL POZZETTO...

Dettagli

INDICE cls per cantiere

INDICE cls per cantiere Linea Cantiere INDICE cls per cantiere CANALI PER IL DRENAGGIO LINEARE ACQUE - TRAFFICO LEGGERO PG. 4 GRIGLIE ACCIAIO ZINCATO PG. 4 CANALI PER IL DRENAGGIO LINEARE ACQUE - TRAFFICO PESANTE PG. 5 GRIGLIE

Dettagli

INDICAZIONE DEI LAVORI E DELLE PROVVISTE N. Cod. MISURE 0,00

INDICAZIONE DEI LAVORI E DELLE PROVVISTE N. Cod. MISURE 0,00 01 SCAVI, RINTERRI E DEMOLIZIONI 1 01.01 Scavo superficiale di scotico del piano di campagna per la pulizia del terreno e con l'asportazione di una coltre superficiale dello spessore massimo di 30 cm,

Dettagli

PROPOSTA DI INTERVENTO CARATTERISTICHE DEL PROGETTO

PROPOSTA DI INTERVENTO CARATTERISTICHE DEL PROGETTO RELAZIONE TECNICA La rete fognaria del comune di Azzanello è del tipo misto, cioè con reti che trasportano sia acque cosiddette nere che le acque meteoriche. La rete fognaria, sottesa al centro storico,

Dettagli

SPECIFICHE TECNICHE PER ALLACCIAMENTO A COLLETTORI FOGNARI NELLA PROVINCIA DI REGGIO NELL EMILIA

SPECIFICHE TECNICHE PER ALLACCIAMENTO A COLLETTORI FOGNARI NELLA PROVINCIA DI REGGIO NELL EMILIA SPECIFICHE TECNICHE PER ALLACCIAMENTO A COLLETTORI FOGNARI NELLA PROVINCIA DI REGGIO NELL EMILIA Aprile 2005 Sommario 1. Prescrizioni tecniche per la realizzazione del collettamento dei sistemi privati

Dettagli

Relazione tecnica. Committente Cooperativa Edilizia S. Stefano del Ponte Piazza S. Stefano del Ponte, 8 16039 Sestri Levante

Relazione tecnica. Committente Cooperativa Edilizia S. Stefano del Ponte Piazza S. Stefano del Ponte, 8 16039 Sestri Levante Dott. Ing. Stefano Papini Viale Dante, 97/3 Sestri Levante (Ge) Tel. : 0185 459513, Fax : 010 9301050 E-mail: Stefano_Papini@libero.it Relazione tecnica Committente Cooperativa Edilizia S. Stefano del

Dettagli

DOMANDA ALLACCIO CIVICA FOGNATURA ACQUE BIANCHE E NERE PER INSEDIAMENTO: CIVILE - PRODUTTIVO - INDUSTRIALE (1)

DOMANDA ALLACCIO CIVICA FOGNATURA ACQUE BIANCHE E NERE PER INSEDIAMENTO: CIVILE - PRODUTTIVO - INDUSTRIALE (1) DOMANDA ALLACCIO CIVICA FOGNATURA ACQUE BIANCHE E NERE PER INSEDIAMENTO: CIVILE - PRODUTTIVO - INDUSTRIALE (1) Marca da bollo 16,00 Spazio riservato al Protocollo Al Comune di Albenga P.zza San Michele,

Dettagli

1. INTRODUZIONE --------------------------------------------------------------------------------2

1. INTRODUZIONE --------------------------------------------------------------------------------2 INDICE 1. INTRODUZIONE --------------------------------------------------------------------------------2 2. INQUADRAMENTO DELL INTERVENTO------------------------------------------------3 3. LE INTERFERENZE----------------------------------------------------------------------------6

Dettagli

COMUNE DI FANO. Provincia di Pesaro e Urbino. Committente: Sabatini Marco CF SBTMRC62T15D488D Feduzi Maurizio CF FDZMRZ54H15G514F

COMUNE DI FANO. Provincia di Pesaro e Urbino. Committente: Sabatini Marco CF SBTMRC62T15D488D Feduzi Maurizio CF FDZMRZ54H15G514F COMUNE DI FANO Provincia di Pesaro e Urbino Oggetto: PROGETTO PLANOVOLUMETRICO UNITARIO COMPARTI ST6_P67 e ST6_P26 IN VIA LAGO DI COMO A FANO Committente: Sabatini Marco CF SBTMRC62T15D488D Feduzi Maurizio

Dettagli

TUBI CIRCOLARI AUTOPORTANTI A NORMA UNI EN 1916 marcato CE

TUBI CIRCOLARI AUTOPORTANTI A NORMA UNI EN 1916 marcato CE TUBI CIRCOLARI AUTOPORTANTI A NORMA UNI EN 1916 marcato CE TUBI CIRCOLARI AUTOPORTANTI CON PIANO SENZA ARMATURA DIAMETRO LUNGHEZZA CLASSE RESISTENZA ML.PER BILICO mm mm (Kn/mq) (Kg) (ml) ( /ml) 300 2400

Dettagli

RELAZIONE TECNICA STAZIONE DI CAPODIMONTE IMPIANTO FOGNARIO Cod. commessa C-TAN-CAP. Pagina 1 di 9

RELAZIONE TECNICA STAZIONE DI CAPODIMONTE IMPIANTO FOGNARIO Cod. commessa C-TAN-CAP. Pagina 1 di 9 Pagina 1 di 9 IMPIANTO DI TRATAMENTO E RECAPITO PER SCARICHI DA INSEDIAMENTO CIVILE E ASSIMILABILI AI DOMESTICI MODALITA ESECUTIVE, CALCOLO, MATERIALI E MANUFATTI D ALLACCIAMENTO DELLA RETE FOGNARIA ACQUE

Dettagli

PIANO PARTICOLAREGGIATO DI INIZIATIVA PRIVATA COMUNE DI FERRARA, VIA BOLOGNA IN AREA CLASSIFICATA DAL PRG SOTTOZONA D 2.2 ...

PIANO PARTICOLAREGGIATO DI INIZIATIVA PRIVATA COMUNE DI FERRARA, VIA BOLOGNA IN AREA CLASSIFICATA DAL PRG SOTTOZONA D 2.2 ... ... 1 INTRODUZIONE... 2 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 2 3 PRESCRIZIONI TECNICHE... 3 4 CALCOLO PORTATE DI PROGETTO... 3 5 VERIFICA IDRAULICA DEL COLLETTORE... 5 Pagina 1 di 6 1 INTRODUZIONE La presente

Dettagli

Comune di Bertinoro (BO) Fratta Terme - comparto attuativo CA 15

Comune di Bertinoro (BO) Fratta Terme - comparto attuativo CA 15 Comune di Bertinoro (BO) Fratta Terme - comparto attuativo CA 15 Relazione idraulica per il dimensionamento del sistema di smaltimento delle acque meteoriche, reflue e degli invasi di laminazione Luglio,

Dettagli

Comune di PIETRASANTA

Comune di PIETRASANTA Comune di PIETRASANTA PROVINCIA DI LUCCA COMPLETAMENTO RETE FOGNARIA DI VIA DEL BARCAIO PROGETTO ESECUTIVO 1 RELAZIONE TECNICA, CALCOLI ESECUTIVI STRUTTURE ED IMPIANTI, QUADRO ECONOMICO Il Responsabile

Dettagli

Computo Metrico Estimativo Rete Fognaria

Computo Metrico Estimativo Rete Fognaria Rete Fognaria Pag. 1 LAVORI A MISURA 4 E01.010) RINTERRI Rinterro con materiale di risulta proveniente da scavo, compreso l'avvicinamento dei [...] il costipamento prescritto. Compreso ogni onere per rete

Dettagli

OPERE DI SEPARAZIONE DELLA FOGNATURA MISTA E REALIZZAZIONE DEL SISTEMA DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI PRIMA PIOGGIA

OPERE DI SEPARAZIONE DELLA FOGNATURA MISTA E REALIZZAZIONE DEL SISTEMA DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI PRIMA PIOGGIA Appalto per: OPERE DI SEPARAZIONE DELLA FOGNATURA MISTA E REALIZZAZIONE DEL SISTEMA DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI PRIMA PIOGGIA PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA DOCUMENTI

Dettagli

Le nostre realizzazioni

Le nostre realizzazioni Le nostre realizzazioni Le nostre realizzazioni rev 1 del 11/03/2015 GADOTTI FRATELLI S.r.l. Impresa costruzioni edili L'impresa Gadotti Fratelli s.r.l. svolge attività nel campo edile con particolare

Dettagli

INDICE 1. OBIETTIVI... 2 2. RELAZIONE ESPLICATIVA SULLO STATO DEI LUOGHI... 3

INDICE 1. OBIETTIVI... 2 2. RELAZIONE ESPLICATIVA SULLO STATO DEI LUOGHI... 3 INDICE 1. OBIETTIVI... 2 2. RELAZIONE ESPLICATIVA SULLO STATO DEI LUOGHI... 3 2.1 Note introduttive sul territorio... 3 2.2 Sistemi drenanti già esistenti... 3 2.3 Bacini imbriferi principali e sottobacini...

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO COMUNE DI BOLZANO PIANO ATTUATIVO D INIZIATIVA PRIVATA AREA TRAFOJER IN VIA PIANI D ISARCO

PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO COMUNE DI BOLZANO PIANO ATTUATIVO D INIZIATIVA PRIVATA AREA TRAFOJER IN VIA PIANI D ISARCO PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO COMUNE DI BOLZANO PIANO ATTUATIVO D INIZIATIVA PRIVATA AREA TRAFOJER IN VIA PIANI D ISARCO PROGETTISTA: ARCH. OSWALD ZOEGGELER BOLZANO 24/05/2002 1 INDICE 1 Elenco degli elaborati

Dettagli

Opere Urbanizzazione PRIMARIA - Soc. MILESI S.r.l.

Opere Urbanizzazione PRIMARIA - Soc. MILESI S.r.l. 1A OPERE URBAN. PRIMARIA AREE IN CESSIONE 1 1.5.1.1.s Demolizione parziale di strutture di fabbricati fuori terra, escluso: l'eventuale ponteggio, le operazioni necessarie per líabbassamento dei materiali

Dettagli

SERVIZIO IDRICO INTEGRATO

SERVIZIO IDRICO INTEGRATO della Gestione PIANO DI AMBITO della Gestione SERVIZIO IDRICO INTEGRATO Modalità: D. Lgs. 267/2000 art. 113 comma 5 lettera c) Gestore individuato: CIIP spa Periodo di affidamento: 2008-2032 Allegato B.1.3

Dettagli

DESIGNAZIONE DEI LAVORI. Rete fognaria (Cat 2) Opere di urbanizzazione primaria (SbCat 1)

DESIGNAZIONE DEI LAVORI. Rete fognaria (Cat 2) Opere di urbanizzazione primaria (SbCat 1) pag. 1 R I P O R T O LAVORI A MISURA Rete fognaria (Cat 2) Opere di urbanizzazione primaria (SbCat 1) 1 Tubo in PEAD corrugato a doppia parete per fognature non... iametro esterno da mm 250 e 18.02.012.003

Dettagli

INDICE. Obiettivi della progettazione e descrizione dettagliata dei lavori 4

INDICE. Obiettivi della progettazione e descrizione dettagliata dei lavori 4 Dott. ng. LBRTO BLRDO scritto all albo di arese n. 2235 ia Quattro Novembre, N 57 21012 CSSNO MGNGO () NDC Premessa 2 Obiettivi della progettazione e descrizione dettagliata dei lavori 4 1) Tratto -B:

Dettagli

ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE INTERRATA DEI SERBATOI IN POLIETILENE

ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE INTERRATA DEI SERBATOI IN POLIETILENE ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE INTERRATA DEI SERBATOI IN POLIETILENE (rev. 20140217) 1. Prima dell installazione deve essere verificata l idoneità tecnica del suolo dal punto di vista strutturale, eventuali

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ALLEGATA ALLA DOMANDA D AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO D ACQUE DOMESTICHE D ORIGINE ABITATIVA. D.Lgs n 152 del 3 aprile 2006.

RELAZIONE TECNICA ALLEGATA ALLA DOMANDA D AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO D ACQUE DOMESTICHE D ORIGINE ABITATIVA. D.Lgs n 152 del 3 aprile 2006. RELAZIONE TECNICA ALLEGATA ALLA DOMANDA D AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO D ACQUE DOMESTICHE D ORIGINE ABITATIVA. D.Lgs n 152 del 3 aprile 2006. Immobile sito nella frazione di, via, n, Censito in Catasto

Dettagli

STUDIO DI FATTIBILITA INTERVENTO DI RIQUALIFICAZIONE E POTENZIAMENTO RETE FOGNATURA ACQUE NERE ESISTENTE

STUDIO DI FATTIBILITA INTERVENTO DI RIQUALIFICAZIONE E POTENZIAMENTO RETE FOGNATURA ACQUE NERE ESISTENTE Allegato A) Delibera G.C. n. 26 del 08.05.2013 Il Segretario Comunale f.to Silvio Grieco Provincia di CREMONA Regione LOMBARDIA Comune di AZZANELLO STUDIO DI FATTIBILITA INTERVENTO DI RIQUALIFICAZIONE

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI RONCADE PROGETTO DI LOTTIZZAZIONE RESIDENZIALE SCHEDA DI ACCORDO N. 10 DITTA: Bassetto Elio, Bassetto Renato, Bresolin Gino, Geromel Sergio, Pellegrin Luigi e Damelico Severina

Dettagli

RELAZIONE SOMMARIA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO: SUB-AMBITO 1 SCHEDA N. 2 CUPE DEL P.R.G.

RELAZIONE SOMMARIA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO: SUB-AMBITO 1 SCHEDA N. 2 CUPE DEL P.R.G. RELAZIONE SOMMARIA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO: SUB-AMBITO 1 SCHEDA N. 2 CUPE DEL P.R.G. VIGENTE 1. PREMESSA La presente relazione eseguirà una valutazione

Dettagli

Impianto Antincendio. 1 di 5

Impianto Antincendio. 1 di 5 1 Impianto Antincendio 1. 01 Allestimento di cantiere comprensivo di apposizione di segnaletica di sicurezza, apposizione di cartello di cantiere indicante lavori da eseguire, committente, impresa e quant'altro,

Dettagli

RELAZIONE SULLE INTERFERENZE

RELAZIONE SULLE INTERFERENZE RELAZIONE SULLE INTERFERENZE 1. PREMESSA Il tipo di lavorazione prevalente, prevista nel presente progetto, consiste nella posa di tubazioni in ghisa o acciaio, di diversi diametri, fino al DN150, su strade

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO 03//04 COMUNE DI FABRIANO PIAZZA DEL COMUNE - FABRIANO (AN) LAVORI - Piani di Recupero Centro Storico-Borgo - studio di fattibilità - modifiche apportate dopo incontro del 07-0-2004 00 - Sistemazione torrente

Dettagli

2) Determinazione della portata nera prodotta dall insedimanento scolasticoresidenziale

2) Determinazione della portata nera prodotta dall insedimanento scolasticoresidenziale COMUNE DI DESENZANO D/G PROVINCIA DI BRESCIA COMMITTENTE SOCIETÀ AGRICOLA TREZZA Studio idraulico preliminare per lo smaltimento delle acque reflue del piano integrato- PII Grezze RELAZIONE TECNICA GIUSTIFICATIVA

Dettagli

INDICE 1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO DELL AREA SECONDO IL PTCP... 3 3 GESTIONE DELLE ACQUE DI SCARICO... 9

INDICE 1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO DELL AREA SECONDO IL PTCP... 3 3 GESTIONE DELLE ACQUE DI SCARICO... 9 INDICE 1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO DELL AREA SECONDO IL PTCP... 3 3 GESTIONE DELLE ACQUE DI SCARICO... 9 3.1 RETE DI ACQUE METEORICHE E LAMINAZIONE... 9 3.2 TRATTAMENTO ACQUE DI PRIMA PIOGGIA... 11

Dettagli

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde delimitate da muro in c.a. ( m. 25 circa ) OPERE COMPUTATE

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde delimitate da muro in c.a. ( m. 25 circa ) OPERE COMPUTATE PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde delimitate da muro in c.a. ( m. 25 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI 708.288,00 1 Demolizione di strutture esistenti:

Dettagli

1. INTERFERENZE CON I SERVIZI A RETE...2 2. ELENCO DELLE INTERFERENZE...4 3. DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI DI RISOLUZIONE DELLE INTERFERENZE...6 4.

1. INTERFERENZE CON I SERVIZI A RETE...2 2. ELENCO DELLE INTERFERENZE...4 3. DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI DI RISOLUZIONE DELLE INTERFERENZE...6 4. 1. INTERFERENZE CON I SERVIZI A RETE...2 2. ELENCO DELLE INTERFERENZE...4 3. DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI DI RISOLUZIONE DELLE INTERFERENZE...6 4. SPOSTAMENTO DELLE LINEE ENEL BASSA E MEDIA TENSIONE (ENEL

Dettagli

Sistema di rallentamento dell acqua per condotte di scarico a forte pendenza

Sistema di rallentamento dell acqua per condotte di scarico a forte pendenza Sistema di rallentamento dell acqua per condotte di scarico a forte pendenza SYSTEM GROUP 07.2014 1 La velocità della corrente nelle canalizzazioni fognarie deve essere tale da evitare sia la formazione

Dettagli

ALLEGATO A1: DISCIPLINARE TECNICO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DELLE ACQUE METEORICHE E DI DILAVAMENTO

ALLEGATO A1: DISCIPLINARE TECNICO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DELLE ACQUE METEORICHE E DI DILAVAMENTO PARTE A: Ricognizione delle infrastrutture ALLEGATO A1: DISCIPLINARE TECNICO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DELLE ACQUE METEORICHE E DI DILAVAMENTO ALLEGATO DISCIPLINARE TECNICO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO

Dettagli

RELAZIONE SOMMARIA INTEGRATIVA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO SUB AMBITO 4 FONTANELLE SCHEDA N. 1 DEL P.

RELAZIONE SOMMARIA INTEGRATIVA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO SUB AMBITO 4 FONTANELLE SCHEDA N. 1 DEL P. RELAZIONE SOMMARIA INTEGRATIVA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO SUB AMBITO 4 FONTANELLE SCHEDA N. 1 DEL P.R.G. 1. PREMESSA La presente relazione eseguirà una valutazione

Dettagli

RELAZIONE TECNICA rete fognaria acque bianche

RELAZIONE TECNICA rete fognaria acque bianche RELAZIONE TECNICA rete fognaria acque bianche Premessa L ambito d intervento del P.P.I.P riguarda un area a destinazione residenziale (d ora in poi denominata bacino) di 3.440 m², così suddivisa: PLANIMETRIA

Dettagli

COMUNE DI SAN GIOVANNI IN MARIGNANO

COMUNE DI SAN GIOVANNI IN MARIGNANO COMUNE DI SAN GIOVANNI IN MARIGNANO PROVINCIA DI RIMINI RELAZIONE SUL CALCOLO DELLA RETE DI FOGNA BIANCA E DELLA RETE DI FOGNA NERA OGGETTO: PIANO PARTICOLAREGGIATO di iniziativa PRIVATA COPARTO C2.4 -

Dettagli

STRADALE PIANTA TUBAZIONE IN PVC Ø125 GRIGLIA IN GHISA CLASSE C250 PEZZO SPECIALE "SELLA" IN PVC RETE ESISTENTE POZZETTO MONOLITICO PREFABBRICATO, SIFONATO DIM.INT. MINIME 45x45xH70 SEZIONE POZZETTO MONOLITICO

Dettagli

Relazione generale 1. PREMESSA

Relazione generale 1. PREMESSA 1. PREMESSA L Amm.ne Comunale di Portoferraio, preoccupata per i ricorrenti fenomeni di inondazione nell area della via Del Carburo, nel capoluogo, ha programmato un intervento di ristrutturazione della

Dettagli

Libretto di informazioni Per realizzare l allacciamento alla pubblica fognatura. Scarichi Acque Reflue Domestiche

Libretto di informazioni Per realizzare l allacciamento alla pubblica fognatura. Scarichi Acque Reflue Domestiche Libretto di informazioni Per realizzare l allacciamento alla pubblica fognatura Scarichi Acque Reflue Domestiche 1- Informazioni per le opere di allacciamento alla pubblica fognatura 2- Procedura Edifici

Dettagli

Nel presente piano di manutenzione le opere sono state suddivise in due distinti capitoli:

Nel presente piano di manutenzione le opere sono state suddivise in due distinti capitoli: PREMESSA Il presente Piano di manutenzione, redatto ai sensi dell art 38 del D.P.R. 207/2010, ha lo scopo sia di dare indicazione sul corretto utilizzo delle opere effettivamente realizzate, che di pianificare

Dettagli

DIVISIONE IN COMPARTI DI ATTUAZIONE -LOTTIZZAZIONE ARTIGIANALE D5 - LOCALITA VALLE D ASO, COMUNE DI CARASSAI (AP)

DIVISIONE IN COMPARTI DI ATTUAZIONE -LOTTIZZAZIONE ARTIGIANALE D5 - LOCALITA VALLE D ASO, COMUNE DI CARASSAI (AP) 1) PREMESSA Il sottoscritto Arch. Stefano MARCHIONNI, è stato incaricato dai sig.ri SCENDONI Paolo, Legale Rappresentante della Ditta Agroalimentare Cariaci di Scendoni Paolo & C. con sede ad Ortezzano

Dettagli

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA RELATIVA ALLO SPOSTAMENTO DI UN TRATTO DI FOGNATURA COMUNALE IN VIA MEUCCIO RUINI

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA RELATIVA ALLO SPOSTAMENTO DI UN TRATTO DI FOGNATURA COMUNALE IN VIA MEUCCIO RUINI RLAZION TCNICO DSCRITTIVA RLATIVA ALLO SPOSTAMNTO DI UN TRATTO DI FOGNATURA COMUNAL IN VIA MUCCIO RUINI GNRALITA In Via Meuccio Ruini, zona Colli Aniene, V Municipio del Comune di Roma, la Soc. Green Box

Dettagli

Le previsioni del progetto generale delle fognature di Cividale del Friuli

Le previsioni del progetto generale delle fognature di Cividale del Friuli Relazione idraulica Premesse Il progetto generale delle fognature comunali non è conforme allo standard progettuale del gestore Acquedotto Poiana spa. Ciononostante abbiamo ritenuto indispensabile intervenire

Dettagli

Relazione Tecnica Idraulica 2

Relazione Tecnica Idraulica 2 1. Premessa... 3 1.1 3 2. Descrizione degli interventi... 5 3. Dati di Base... 9 3.1 Analisi della Popolazione Residente... 9 3.2 Stima Attuale Della Popolazione Residente in Località Ponte A Poppi...

Dettagli

VARIANTE PARZIALE AL PIANO ATTUATIVO APPROVATO IL 06-09-2010 E AL P.R.G. PARTE OPERATIVA. ai sensi del comma 16 art.24 L.R.

VARIANTE PARZIALE AL PIANO ATTUATIVO APPROVATO IL 06-09-2010 E AL P.R.G. PARTE OPERATIVA. ai sensi del comma 16 art.24 L.R. Comune di Terni - Provincia di Terni VARIANTE PARZIALE AL PIANO ATTUATIVO APPROVATO IL 06-09-2010 E AL P.R.G. PARTE OPERATIVA ai sensi del comma 16 art.24 L.R. 11/2005 FOGLIO 128 - PART 454-458-459-460-461-462

Dettagli

FOGNATURA NERA SCHEMA TIPO PER ALLACCIO ALLA PUBBLICA PLANIMETRIE E SEZIONI. Futuro sostenibile. ELABORATO: File: schemi_allaccio2007.

FOGNATURA NERA SCHEMA TIPO PER ALLACCIO ALLA PUBBLICA PLANIMETRIE E SEZIONI. Futuro sostenibile. ELABORATO: File: schemi_allaccio2007. Futuro sostenibile SCHEMA TIPO PER ALLACCIO ALLA PUBBLICA FOGNATURA NERA PLANIMETRIE E SEZIONI ELABORATO: File: schemi_allaccio2007.dwg 1 24 Settembre 2014 Rev Data 301.17 E.T.R.A. S.p.A. - 36061 BASSANO

Dettagli

Comune di VERRONE Provincia di BIELLA COMPUTO METRICO

Comune di VERRONE Provincia di BIELLA COMPUTO METRICO Comune di VERRONE Provincia di BIELLA pag. 1 COMPUTO METRICO OGGETTO: COMMITTENTE: STIMA SOMMARIA DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE computo metrico estimativo, STRADA PRGC. Prezzi dedotti dal Prezziario della

Dettagli

COMUNE DI COMABBIO Provincia di Varese REGOLAMENTO FOGNATURA COMUNALE

COMUNE DI COMABBIO Provincia di Varese REGOLAMENTO FOGNATURA COMUNALE COMUNE DI COMABBIO Provincia di Varese REGOLAMENTO FOGNATURA COMUNALE Art. 1 - PREMESSA Gli articoli che compongono il presente regolamento, ancorchè prevedano oneri a carico degli utenti del servizio

Dettagli

IMPIANTO IDRICO-SANITARIO. Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì

IMPIANTO IDRICO-SANITARIO. Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì IMPIANTO IDRICO-SANITARIO I AGGIORNAMENTO 14/12/2013 GENERALITÀ L impianto idrico-sanitario comprende:

Dettagli

Prodotti innovativi per un ambiente sicuro e pulito

Prodotti innovativi per un ambiente sicuro e pulito Prodotti innovativi per un ambiente sicuro e pulito 04.2009 w w w. t u b i. n e t Pozzetto di cacciata per lo scarico automatico di acqua Pulizia Automatica / Subirrigazione Cos è? E un pozzetto in PE

Dettagli

Depuratore Biologico Villanuova Sul Clisi (Bs) Depuratore Biologico Casto (Bs) Depuratore Biologico Serle (Bs)

Depuratore Biologico Villanuova Sul Clisi (Bs) Depuratore Biologico Casto (Bs) Depuratore Biologico Serle (Bs) Depuratore Biologico Villanuova Sul Clisi (Bs) Depuratore Biologico Casto (Bs) Depuratore Biologico Serle (Bs) SEPARATORE OLI E GRASSI IN CAV SEPARATORE EMULSIONI OLEOSE MONOBLOCCO 87 a b c E K vasca di

Dettagli

Il calcolo idraulico deve dimostrare che la tubazione è in grado di smaltire la portata

Il calcolo idraulico deve dimostrare che la tubazione è in grado di smaltire la portata CALCOLO IDRAULICO Il calcolo idraulico deve dimostrare che la tubazione è in grado di smaltire la portata d acqua prevista. Nello specifico il calcolo riguarda la progettazione della sezione della tubazione

Dettagli

N. 3374/6.15 / Reg. Determine Foggia, 15/10/2009

N. 3374/6.15 / Reg. Determine Foggia, 15/10/2009 N. 311 Reg. int. Ambiente PROVINCIA DI FOGGIA DETERMINA DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AMBIENTE N. 3374/6.15 / Reg. Determine Foggia, 15/10/2009 Oggetto: VALUTAZIONE DI INCIDENZA AMBIENTALE PER LA REALIZZAZIONE

Dettagli

TUBI PEAD CORRUGATI Per Fognatura Per Fognatura con rete di rinforzo Per drenaggio

TUBI PEAD CORRUGATI Per Fognatura Per Fognatura con rete di rinforzo Per drenaggio Listino Prezzi DEPOSITO DI BARI 70027 PALO DEL COLLE BARI - S.S. 96 Km. 113+200 TEL. 080 627580 - FAX 080 629648 e-mail: appa.commerciale@tiscali.it www.appartubi.it TUBI PEAD CORRUGATI Per Fognatura Per

Dettagli

Il Comune di Lozzo Atestino sorge sulle pendici del monte omonimo, (320 m.) nell area

Il Comune di Lozzo Atestino sorge sulle pendici del monte omonimo, (320 m.) nell area INQUADRAMENTO GENERALE Il Comune di Lozzo Atestino sorge sulle pendici del monte omonimo, (320 m.) nell area SW dei Colli Euganei. La sua popolazione, pari a circa 3100 abitanti, comprende oltre all abitato

Dettagli

09.02.00.00. ACCESSIBILITA' STRADALE E FERROVIARIA PRIMA FASE Computi e Stime. Computo Metrico Estimativo 09.02.00.00

09.02.00.00. ACCESSIBILITA' STRADALE E FERROVIARIA PRIMA FASE Computi e Stime. Computo Metrico Estimativo 09.02.00.00 09.02.00.00 ACCESSIBILITA' STRADALE E FERROVIARIA PRIMA FASE Computi e Stime Computo Metrico Estimativo 09.02.00.00 - A4 0 Emissione 31/01/2011 M. Bettio M. Bellonzi T. Finocchietti F. Binotto R. Baldo

Dettagli

FOGNARIO. Catalogo - Listino

FOGNARIO. Catalogo - Listino FOGNARIO Catalogo - Listino versione n 1 del 24/03/2010 F.lli Abagnale sas l AZIENDA Dall'inizio degli anni '70 la ditta Fratelli Abagnale opera nel settore delle costruzione di prefabbricati in cemento.

Dettagli

Convenzione per la costruzione della fognatura nel Comune di in via.

Convenzione per la costruzione della fognatura nel Comune di in via. Convenzione per la costruzione della fognatura nel Comune di in via. Riferimento preventivo n 00000 INDICE: Articolo 1: Descrizione dei lavori... 1 Articolo 2: Obblighi a carico della committenza.... 2

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO. Provincia di Milano Comune di Inveruno

PROGETTO ESECUTIVO. Provincia di Milano Comune di Inveruno ELENCO DOCUMENTI 1. 5981/1.RG - Relazione Generale 2. 5981/1.CE - Computo Metrico Estimativo 3. 5981/1.EP Elenco Prezzi Unitari 4. 5981/1.QE Quadro economico 5. 5981/1.CR Cronoprogramma 6. 5981/1.PSC Piano

Dettagli

Unita di misura. 20.518,72 diametro 63mm. ml 2564,84 8,00 Fornitura e posa cavo ottico multifibra con armatura in

Unita di misura. 20.518,72 diametro 63mm. ml 2564,84 8,00 Fornitura e posa cavo ottico multifibra con armatura in VOCI DI SPESA Apparecchiature ed impianti :aerogeneratori e reti di connessione Opere civili: o fondazione degli aerogeneratori costituiti da plinto o strade di accesso alle singole turbine o piazzole

Dettagli

Stazioni di Pompaggio Prefabbricate. Micro Micro Pac Maxi Sub

Stazioni di Pompaggio Prefabbricate. Micro Micro Pac Maxi Sub Stazioni di Pompaggio Prefabbricate Micro Micro Pac Maxi Sub P P Stazioni di Pompaggio Prefabbricate Micro...pag. 2 Micro Pac...pag. 8 Maxi Sub...pag. 10 1 Micro 200 / Micro 400 Le soluzioni ideali per

Dettagli

COMUNE DI CANOSA di PUGLIA (BT) Riqualificazione dell area del Museo Archeologico Provinciale I stralcio funzionale PROGETTO ESECUTIVO

COMUNE DI CANOSA di PUGLIA (BT) Riqualificazione dell area del Museo Archeologico Provinciale I stralcio funzionale PROGETTO ESECUTIVO COMUNE DI CANOSA di PUGLIA (BT) Riqualificazione dell area del Museo Archeologico Provinciale I stralcio funzionale PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA 1. PREMESSA Nell ambito dei lavori

Dettagli

ALLACCIO ALLA FOGNATURA ESECUZIONE UTENTE

ALLACCIO ALLA FOGNATURA ESECUZIONE UTENTE Presentazione del progetto ALLACCIO ALLA FOGNATURA ESECUZIONE UTENTE Contestualmente alla domanda il richiedente è tenuto a presentare in DUPLICE copia e su supporto informatico la seguente documentazione,

Dettagli

INDICE 1. DESCRIZIONE GENERALI DELLE COMPONENTI DELL IMPIANTO MECCANICO...

INDICE 1. DESCRIZIONE GENERALI DELLE COMPONENTI DELL IMPIANTO MECCANICO... INDICE 1. DESCRIZIONE GENERALI DELLE COMPONENTI DELL IMPIANTO MECCANICO... 2 1.1 IMPIANTO DI SCARICO... 2 1.1.1 Calcolo delle Unità di scarico... 3 1.2 IMPIANTO IDROSANITARIO... 5 1.2.1 Alimentazione...

Dettagli