Tecnologie alternative allo scavo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Tecnologie alternative allo scavo"

Transcript

1 1 Tecnologie alternative allo scavo 1. No-dig o trenchless 2. Tecnologie per nuove installazioni di tubazioni e cavi 3. Tecnologie per la bonifica di condotte e tubazioni esistenti 4. Tecnologie per la sostituzione di tubazioni esistenti 5. Risanamento di tubazioni interne agli edifici

2 2 1 No-dig o trenchless unità 26 Gli scavi La quasi totalità dei servizi a rete in ambito urbano (distribuzione di acqua, di gas, di elettricità e di telecomunicazioni) si sviluppa nel sottosuolo, che risulta così affollato di tubazioni, canali, cavi e sottostrutture [fig. 1]. La posa e gli interventi sulle reti tecnologiche nei centri abitati si svolgono causando pesanti interferenze in particolare con la viabilità. Traffico Sottoservizi Tuttavia esistono metodi di scavo alternativi agli scavi a cielo aperto che consentono di effettuare i lavori necessari sulle reti tecnologiche senza generare disagi. Tali tecnologie sono denominate no-dig, letteralmente senza scavo, o tecnologie trenchless, letteralmente senza trincea, e consentono di ridurre al massimo il rischio di seppellimento. Spesso queste tecnologie non vengono utilizzate perché si pensa che gli scavi a cielo aperto siano più economici, trascurando il loro grave impatto ambientale: il traffico pedonale e veicolare subisce pesanti intralci; le strade subiscono un deterioramento (nonostante i ripristini, che spesso risultano di modesta qualità, perché rimangono spesso disseminate di avvallamenti, buche, che riducono le caratteristiche di sicurezza di comfort e di immagine; l aria risulta più inquinata e il livello di rumore aumenta; i rischi per i lavoratori e per le persone che transitano nelle vicinanze aumentano; il disturbo alle attività commerciali in prossimità dei cantieri aumenta. Tutto ciò si traduce in realtà in un costo che ricade sulla collettività, che raramente viene valutato. Con l impiego di tecnologie no-dig è possibile eseguire opere di posa e di sostituzione di reti di servizio in zone urbane, riducendo le operazioni di scavo e quindi lo smantellamento delle sedi stradali, lo smaltimento in discarica del materiale di risulta delle operazioni di demolizione e scavo ed il successivo ripristino della sede stradale. Fig. 1 Le tecnologie no-dig sono particolarmente indicate per le attività nei centri storici o a lato di strade urbane a traffico elevato o carreggiata modesta. Tabella 1 Lavorazioni eseguibili con tecnologie no-dig Operazioni Tecnologie Nuove installazioni di tubazioni e cavi Horizontal Directional Drilling HDD (perforazione orizzontale guidata) Microtunneling Impact moling (installazione con siluro battente) Bonifica di condotte e tubazioni esistenti Cured in place pipe (tubazione riparata sul posto) Cement mortar lining (cementazione) Close-fit lining (risanamento con tubi aderenti) Loose-fit lining (risanamento con tubi non aderenti) Sostituzione di tubazioni esistenti Pipe bursting (sostituzione di tubazioni fragili) Pipe splitting (sostituzione di tubazioni duttili)

3 unità 26 Gli scavi 3 Ricerca, mappatura ed esplorazione dei servizi esistenti Prima di ogni attività no-dig è necessario conoscere la localizzazione dei servizi interrati esistenti e le possibili interferenze con le canalizzazioni su cui si deve intervenire. È necessario, pertanto, ricorrere a indagini di localizzazione e mappatura dei servizi esistenti che congiuntamente a indagini geologiche e geotecniche permettano di effettuare la scelta della tecnologia più adatta al tipo di intervento. L individuazione, la mappatura e l esplorazione dei servizi interrati preesistenti può essere eseguita mediante: telecamere, utilizzate per verificare lo stato delle condotte esistenti. Sono montate su carrelli-robot, dotati di dispositivi per l illuminazione e strumenti per registrare la distanza percorsa e la pendenza della canalizzazione esistente [fig. 2]; georadar, impiegato per individuare canalizzazioni esistenti e il relativo tracciato. L apparecchiatura è composta da un emettitore di segnali a radiofrequenza, installato su un carrello. Il sistema radar emette un segnale che investe i corpi presenti nel sottosuolo, che rispondono con un segnale le cui caratteristiche sono funzione delle proprietà elettromagnetiche dei corpi stessi. I dati raccolti vengono letti ed elaborati da software che tracciano la mappatura delle canalizzazioni [fig. 3]; cercatubi e cerca perdite, utilizzati per individuare linee elettriche e tubazioni metalliche interrate. Essi possono essere anche impiegati per la ricerca di perdite nelle condotte d acqua e nelle reti del gas. Fig. 2 Fig. 3

4 4 2 Tecnologie per nuove installazioni di tubazioni e cavi unità 26 Gli scavi Mediante tecnologie no-dig è possibile installare: condotte fognarie acquedotti tubi del gas cavi telefonici fibra ottica cavi elettrici tubi per il teleriscaldamento cavi elettrici nudi per la media ed alta tensione (ad elevata profondità, così da abbattere tutti i campi elettrici e magnetici). Si possono inoltre realizzare microgallerie per il drenaggio, per la stabilizzazione di pendii in frana o per il trattamento/messa in sicurezza di siti inquinati. 1. foro pilota (pilot bore) 2. alesatura (back reaming) Horizontal directional drilling La horizontal directional drilling, HDD (perforazione orizzontale guidata) è una tecnologia di perforazione con cui è possibile seguire un tracciato prestabilito, contenente anche curve plano-altimetriche con raggi di curvatura ridotti. Consente l installazione di nuove canalizzazioni per qualsiasi servizio (energia elettrica, fognature, comunicazioni, gas, acqua, ecc.). Vengono utilizzate tubazioni in polietilene e acciaio con diametro fino a 500 mm. La perforazione può essere eseguita con sistemi a liquido (i fluidi di perforazione sono in fase liquida) o con sistemi a secco (i fluidi in fase aeriforme). L installazione di una tubazione prevede [fig. 4]: l esecuzione di un foro pilota con una testa perforante, che collega il punto di partenza con quello di arrivo; l allargamento del foro pilota fino al diametro voluto mediante sostituzione della testa con un utensile alesatore; trascinamento dei tubi da installare mediante l alesatore che procede a ritroso dal punto di arrivo a quello di partenza. Nel caso di piccole tubazioni (diametro inferiore a 200 mm), le ultime due fasi possono essere condotte contemporaneamente. 3. tiro (pullback) 4. assetto finale della tubazione Fig. 4 Microtunneling La tecnica di posa microtunneling prevede la realizzazione di un foro tra due pozzi, uno nella zona di partenza, detto pozzo di spinta, e un altro nella zona di arrivo, necessari per la manovra degli elementi della tubazione [fig. 5]. Consente l installazione di nuove canalizzazioni per condotte idriche e fognarie. Vengono utilizzate tubazioni in calcestruzzo o gres con diametro fino a 3 m. a) Fig. 5 La perforazione può essere compiuta con tubo pilota a spostamento del materiale a) o con scudo frontale dotato di testa fresante b). b)

5 unità 26 Gli scavi 5 La perforazione inizia dal pozzo di spinta, dove vengono posizionate tutte le attrezzature necessarie per lo scavo della galleria e per la successiva spinta dei vari tratti di tubo. L avanzamento della macchina perforatrice e delle tubazioni avviene per mezzo di martinetti idraulici montati su un telaio meccanico. Lo scavo procede fino al pozzo di arrivo dove vengono recuperati i dispositivi di perforazione e gli eventuali tubi di acciaio usati come protezione provvisoria. Il recupero del materiale scavato può avvenire: con un sistema a smarino meccanico, in cui una coclea trasporta il materiale scavato e frantumato verso il pozzo di spinta [fig. 6]; con un sistema a smarino idraulico, in cui il materiale viene allontanato iniettando miscele di liquidi in pressione [fig. 7]. Smarino Indica i detriti (terre sciolte o frammenti rocciosi) provenienti dai lavori di scavo. Durante la realizzazione di uno scavo le operazioni di smarino possono essere suddivise in due momenti principali: la raccolta e il caricamento della roccia demolita; il trasporto del materiale dal fronte di scavo direttamente fuori dell area di escavazione. Ai sensi della normativa vigente sulla gestione delle rocce da scavo (D.Lgs n. 152/2006 e s.m.i.), lo smarino, se non contaminato da inquinanti, può essere riutilizzato, senza trasformazioni preliminari, per rinterri, riempimenti, rilevati ecc.; può essere utilizzato anche nei processi industriali in sostituzione dei materiali di cava nel rispetto delle condizioni fissate dalla normativa di riferimento. Se inquinato o non riutilizzato per le lavorazioni previste dalla normativa, lo smarino è considerato un rifiuto e come tale è sottoposto alle disposizioni della normativa in materia di rifiuti. Fig. 6 Fig. 7 Impact moling L impact moling (installazione con siluro battente) è una tecnica mediante la quale il tubo viene posato in una galleria realizzata con un utensile a percussione, detto mole (talpa), alimentato in genere pneumaticamente, e dotato di sistema di Fig. 8 avanzamento guidato [fig. 8]. Si tratta di una tecnica molto semplice ed economica utile per la realizzazione di attraversamenti di limitata estensione in terreni omogenei. Il campo di applicazione è l installazione di condotte in pressione, di cavidotti di piccolo diametro, tubazioni in acciaio e polietilene. mole compressore per l aria

6 6 3 Tecnologie per la bonifica di condotte e tubazioni esistenti unità 26 Gli scavi Queste tecniche di bonifica permettono di risanare sia condotte a gravità sia condotte in pressione, con diametri da 100 a 2500 mm. A seconda del tipo di condotta o di tubazione si utilizzano tecnologie diverse. 1. Per le condotte a gravità: cured in place pipe (tubazione riparata sul posto). 2. Per le condotte in pressione: cured in place pipe (tubazione riparata sul posto) cement mortar lining (cementazione) close-fit lining (risanamento con tubi aderenti) loose-fit lining (risanamento con tubi non aderenti). Cured in place pipe La tecnologia cured in place pipe, CIPP (tubazione riparata sul posto), è utilizzabile sia per le condotte a gravità sia per le tubazioni in pressione e prevede l inserimento all interno del tubo da risanare (tubo ospite) di un tubolare (detto liner), che viene gonfiato, in modo tale da aderire perfettamente alle pareti del tubo [fig. 9]. Il tubolare, in feltro o tessili saturati con resine termoindurenti e rivestiti con un film plastico, viene fatto espandere con acqua calda o con vapore così da polimerizzare rapidamente la resina. A polimerizzazione ultimata la guaina indurita viene tagliata in corrispondenza dei pozzetti di ispezione intermedi. I punti di contatto con la tubazione vengono sigillati mediante appositi leganti chimici. Si ottiene così un nuovo tubo, anche con funzioni strutturali, perfettamente aderente alla vecchia condotta, qualsiasi sia la forma di questa. Cement mortar lining La tecnologia cement mortar lining, CML (cementazione), consente il risanamento di tubazioni metalliche in acciaio e in ghisa in pressione, destinate al trasporto di acqua (potabile, industriale, marina). Viene quindi utilizzata principalmente per il risanamento di acquedotti interessati da fenomeni diffusi di perdite. Il metodo consiste nell applicare un rivestimento in malta cementizia, a spessore costante, sulla superficie interna della tubazione da risanare, tramite una proiezione centrifuga ad alta velocità e nella lisciatura meccanica della superficie dello strato di malta [fig. 10]. Lo spessore dello strato di malta può variare indicativamente da 6 mm a 14 mm, a seconda delle necessità. La malta chiude i fori e le lesioni presenti nel tubo, ripristinando così la tenuta all acqua e protegge dalla corrosione la superficie interna della tubazione. Fig. 9 tubo ospite applicatore su carro semovente malta cementizia proiettata ad alta velocità testa rotante lisciatore a spatole rotanti rivestimento finito Fig. 10

7 unità 26 Gli scavi 7 Close-fit lining La tecnologia close-fit lining (risanamento con tubi aderenti) consiste nell inserire nella tubazione da risanare un nuovo tubo temporaneamente deformato (per ridurne la sezione trasversale in modo da facilitarne l inserimento) e successivamente riportarlo a forma e dimensioni originali in modo che aderisca perfettamente alle pareti interne del tubo ospite. In tubo ospite nuovo tubo deformato questo modo si ottiene un risanamento totale, senza riduzioni significative della sezione utile [fig. 11]. Loose-fit lining La tecnologia loose-fit lining (risanamento con tubi non aderenti) prevede l inserimento nella tubazione da risanare di una nuova tubazione le cui pareti esterne non aderiscono perfettamente alle pareti interne del tubo ospite. Lo spazio esistente tra parete esterna del nuovo tubo e parete interna del tubo ospite può variare da pochi millimetri e qualche centimetro [fig. 12]. fascette di ritenzione Fig. 11 b) tubo ospite spazio anulare vuoto (anulus) cavo o asta di trazione nuovo tubo Fig. 12 Rappresentazione schematica della tecnologia loose-fit lining a) e sistema di trazione del nuovo tubo b). a)

8 8 unità 26 Gli scavi 4 Tecnologie per la sostituzione di tubazioni esistenti Con tecniche no-dig è possibile posare tubazioni con diametro maggiore fino al 50% di quello delle tubazioni da sostituire. La tubazione esistente viene distrutta da un utensile che trascina la tubazione da posare. La tecnica utilizzata dipende dal materiale di cui è costituita la vecchia tubazione. Si possono sostituire sia tubazioni in materiali fragili (gres, ghisa, calcestruzzo, cemento amianto) sia tubazioni in materiali duttili (acciaio, ferro dolce, ghisa malleabile, rame, piombo, PVC, PE, PRFV). Pipe bursting Con la tecnica pipe bursting, la sostituzione di una tubazione fragile interrata avviene mediante distruzione del vecchio tubo per frantumazione e contemporanea posa di una nuova tubazione. La nuova tubazione, che può avere un diametro superiore a quello del tubo preesistente anche del 30%-50%, è quasi sempre costituita da materiale plastico, prevalentemente polietilene ad alta densità (PEAD) oppure PVC; più raramente le tubazioni installate con pipe bursting sono in acciaio. Il metodo consiste nell introdurre una testa dirompente nella vecchia tubazione e nel frammentarla. La testa è dotata di una fresa che allarga il foro e Fragilie e duttile La fragilità è la proprietà fisica di alcuni materiali di rompersi bruscamente senza che avvengano precedentemente deformazioni e snervamenti. La duttilità è una proprietà fisica di alcuni materiali di deformarsi plasticamente sotto carico prima di giungere a rottura, cioè la capacità di sopportare deformazioni plastiche. nello stesso tempo trascina la nuova tubazione, compattando il terreno circostante con i frammenti [fig. 13]. La testa dirompente può essere idraulica, pneumatica o meccanica. Pipe splitting La tecnologia pipe splitting (taglio in due del tubo o tagliatubi) consente la sostituzione di una tubazione duttile. È del tutto simile al pipe bursting, sia per le fasi di lavorazione sia per la composizione dell impianto di cantiere. La differenza consiste nel fatto che, dati i materiali su cui si deve intervenire, invece di utilizzare espansori conici o dirompenti, si utilizzano speciali teste taglianti (splitter), dotate di lame affilate in grado di tagliare con facilità tubi in materiale duttile. nuovo tubo buca di infilaggio pozzetto di tiro argano a trazione controllata frammenti espansore Fig. 13

9 unità 26 Gli scavi 5 Risanamento di tubazioni interne agli edifici 9 Se il concetto delle tecnologie no-dig viene trasferito agli edifici, dove le tubazioni hanno diametro inferiore a mm, frequenti pezzi speciali e curve anche molto accentuate, si può parlare di risanamento non distruttivo delle tubazioni. Con le tecniche non distruttive si possono riparare pluviali, colonne di scarico e braghe dei water senza demolire murature, rivestimenti o pavimenti, il tutto in maniera rapida, senza disagi e spesso con costi più bassi rispetto a quelli necessari operando con tecniche tradizionali. Un intervento di risanamento non distruttivo consiste sostanzialmente nel costruire in sito un nuovo tubo (liner), secondo la metodologia del cured in place pipe, in stretta aderenza alle pareti interne del vecchio tubo da risanare. Questo nuovo tubo, una volta costruito, assolve a tutte le funzioni idrauliche, meccaniche e di resistenza chimica del vecchio tubo. interno del tubo tubolare indurito tubo preesistente Fig. 14 Il liner una volta inserito va ad aderire perfettamente alle pareti del tubo ospite, e indurendo va a costituire un nuovo tubo all interno del preesistente. In questo modo il tubo da risanare, nel quale possono esserci buchi e lesioni anche importanti, funge sostanzialmente da cassero a perdere, e alla fine del trattamento tutti i buchi e le lesioni eventualmente presenti risultano perfettamente sigillati [fig. 14]. La stessa tecnica può essere utilizzata anche in presenza di pezzi speciali (come per esempio delle Y o delle T ): il liner viene realizzato con più rami, in modo che, attraverso un operazione di inserimento leggermente più complessa, esso possa seguire perfettamente le geometrie a più rami del vecchio condotto. La stessa tecnica viene utilizzata per il risanamento, in una sola operazione, delle colonne verticali di scarico che presentino sino a due innesti (braghe) di altrettanti water. Nel caso in cui i problemi siano concentrati solo sulla colonna verticale, si può operare il risanamento della sola colonna procedendo alla riapertura degli innesti laterali (una volta che il liner è perfettamente indurito) mediante un macchinario molto compatto denominato fastcutter. Questa tecnica può essere utilizzata anche nel risanamento di pluviali collocati esternamente alle pareti di un fabbricato ordinario o storico (mantenendo così la valenza architettonica o storica dei pluviali) o anche in quei casi in cui si preferisce evitare il ricorso a ponteggi. Questi interventi si possono svolgere solo dopo aver eseguito un accurata indagine visiva delle tubazioni (mediante micro telecamere teleguidate), le misurazioni interne al tubo da risanare (con specifici strumenti laser) e procedendo preliminarmente, quando necessario, ad una accurata pulizia meccanica del vecchio tubo, per eliminare incrostazioni, occlusioni e restringimenti di sezione, in modo da restituire, a fine trattamento, un nuovo tubo avente caratteristiche spesso migliori di quelle del tubo originario.

Risanamento non Distruttivo RETI FOGNARIE

Risanamento non Distruttivo RETI FOGNARIE Risanamento non Distruttivo RETI FOGNARIE DESCRIZIONE Nell ambito della manutenzione e rispristino delle condutture, il sistema di lavorazione senza scavo, garantisce grandi vantaggi minimizzando costi

Dettagli

RIPARAZIONI NON DISTRUTTIVE DALL INTERNO

RIPARAZIONI NON DISTRUTTIVE DALL INTERNO RIPARAZIONI NON DISTRUTTIVE DALL INTERNO Permettono di evitare: - Rotture della pavimentazione stradale - Scavi di qualsiasi profondità - Lesioni a sottoservizi (ENEL, Telecom, gas, ecc..) - Strade interrotte

Dettagli

PUGSS ALLEGATO 1 TECNOLOGIE A BASSO IMPATTO AMBIENTALE (NO-DIG - TRENCHLESS TECHNOLOGY) Piano Urbano Generale dei Servizi del Sottosuolo

PUGSS ALLEGATO 1 TECNOLOGIE A BASSO IMPATTO AMBIENTALE (NO-DIG - TRENCHLESS TECHNOLOGY) Piano Urbano Generale dei Servizi del Sottosuolo PUGSS Piano Urbano Generale dei Servizi del Sottosuolo 1 ALLEGATO 1 TECNOLOGIE A BASSO IMPATTO AMBIENTALE (NO-DIG - TRENCHLESS TECHNOLOGY) Regione Lombardia - D.G. Ambiente, energia e reti D.d.G. 19 luglio

Dettagli

Piano Urbano Generale dei Servizi del Sottosuolo ALLEGATO 1 TECNOLOGIE A BASSO IMPATTO AMBIENTALE (NO-DIG - TRENCHLESS TECHNOLOGY)

Piano Urbano Generale dei Servizi del Sottosuolo ALLEGATO 1 TECNOLOGIE A BASSO IMPATTO AMBIENTALE (NO-DIG - TRENCHLESS TECHNOLOGY) GT itorio PUGSS Piano Urbano Generale dei Servizi del Sottosuolo 1 ALLEGATO 1 TECNOLOGIE A BASSO IMPATTO AMBIENTALE (NO-DIG - TRENCHLESS TECHNOLOGY) Regione Lombardia - D.G. Ambiente, energia e reti D.d.G.

Dettagli

INSTALLAZIONE E RISANAMENTO DI GRANDI COLLETTORI FOGNARI MEDIANTE TECNICHE SENZA SCAVO A CIELO APERTO (NO-DIG) Renzo CHIRULLI

INSTALLAZIONE E RISANAMENTO DI GRANDI COLLETTORI FOGNARI MEDIANTE TECNICHE SENZA SCAVO A CIELO APERTO (NO-DIG) Renzo CHIRULLI R. CHIRULLI Installazione e risanamento di grandi collettori fognari mediante tecniche senza scavo a cielo aperto (no-dig) INSTALLAZIONE E RISANAMENTO DI GRANDI COLLETTORI FOGNARI MEDIANTE TECNICHE SENZA

Dettagli

FOR. X Edizione della Manifestazione Risorse comuni Milano, 24 novembre 2011. Che cosa è la IATT

FOR. X Edizione della Manifestazione Risorse comuni Milano, 24 novembre 2011. Che cosa è la IATT ITALIAN ASSOCIATION FOR TRENCHLESS TECHNOLOGY LE TECNOLOGIE A BASSO IMPATTO AMBIENTALE Paola Finocchi X Edizione della Manifestazione Risorse comuni Milano, 24 novembre 2011 Che cosa è la IATT La I.A.T.T.

Dettagli

NUOVE SINERGIE TRA RETI GAS ED ELETTRICHE: il riutilizzo no-dig dei gasdotti non più utilizzati testo e foto di Gianluca Riu * e Carlo Torre**

NUOVE SINERGIE TRA RETI GAS ED ELETTRICHE: il riutilizzo no-dig dei gasdotti non più utilizzati testo e foto di Gianluca Riu * e Carlo Torre** NUOVE SINERGIE TRA RETI GAS ED ELETTRICHE: il riutilizzo no-dig dei gasdotti non più utilizzati testo e foto di Gianluca Riu * e Carlo Torre** foto apertura, DSC0518 Nel mese di ottobre 2006, dalla fusione

Dettagli

(IMP) FOGNATURA. e poiché in base alla seconda relazione di Bazin: dato che: si ha che: nel caso di pendenza i = 1% = 0,01 si riduce a:

(IMP) FOGNATURA. e poiché in base alla seconda relazione di Bazin: dato che: si ha che: nel caso di pendenza i = 1% = 0,01 si riduce a: (IMP) FOGNATURA Il tubo PE a.d. è particolarmente indicato per la realizzazione di impianti di scarico in edifici civili ed industriali, oppure in terreni particolarmente instabili dove altri materiali

Dettagli

Progettazione Costruzioni ed Impianti IMPIANTI TECNOLOGICI CAP. II IMPIANTO IDRICO : IMPIANTO DI DISTRIBUZIONE INTERNA E FOGNATURA

Progettazione Costruzioni ed Impianti IMPIANTI TECNOLOGICI CAP. II IMPIANTO IDRICO : IMPIANTO DI DISTRIBUZIONE INTERNA E FOGNATURA Progettazione Costruzioni ed Impianti IMPIANTI TECNOLOGICI CAP. II IMPIANTO IDRICO : IMPIANTO DI DISTRIBUZIONE INTERNA E FOGNATURA Rete di distribuzione interna - Schemi Colonne verticali di grossa sezione

Dettagli

Professione Ecologia; non solo un concetto per Blueco, ma un vero impegno prioritario.

Professione Ecologia; non solo un concetto per Blueco, ma un vero impegno prioritario. Professione Ecologia; non solo un concetto per Blueco, ma un vero impegno prioritario. Blueco è da molti anni leader in Piemonte nel settore trasporto e smaltimento rifiuti, offrendo un servizio altamente

Dettagli

ELEMENTI DI INGEGNERIA DELLE FONDAZIONI INDIRETTE

ELEMENTI DI INGEGNERIA DELLE FONDAZIONI INDIRETTE CORSO DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI I ELEMENTI DI INGEGNERIA DELLE FONDAZIONI INDIRETTE PROF. ING. BRUNO PALAZZO Prof. Bruno Palazzo - TIPOLOGIE: PALIFICATE Le fondazioni indirette sono un opzione quando:

Dettagli

APPLICAZIONI DEL DIRECTIONAL DRILLING NEI LAVORI DI DRENAGGIO DI VERSANTI IN FRANA

APPLICAZIONI DEL DIRECTIONAL DRILLING NEI LAVORI DI DRENAGGIO DI VERSANTI IN FRANA APPLICAZIONI DEL DIRECTIONAL DRILLING NEI LAVORI DI DRENAGGIO DI VERSANTI IN FRANA Do ott. Geol. Mar co Capaccetta Gr ugliasco ( Tor ino) 7 apr ile 2006 Abstract Introduzione L utilizzo di tecniche di

Dettagli

RELAZIONE SULLE INTERFERENZE

RELAZIONE SULLE INTERFERENZE RELAZIONE SULLE INTERFERENZE 1. PREMESSA Il tipo di lavorazione prevalente, prevista nel presente progetto, consiste nella posa di tubazioni in ghisa o acciaio, di diversi diametri, fino al DN150, su strade

Dettagli

MISCELAZIONE MECCANICA DEL TERRENO PER VIA UMIDA

MISCELAZIONE MECCANICA DEL TERRENO PER VIA UMIDA 1 Via Arni, 30 55032 Castelnuovo di Garfagnana (LU) MISCELAZIONE MECCANICA DEL TERRENO PER VIA UMIDA DMW ( Deep Mixing Wall ) - monoelica RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA Emissione : Castelnuovo di Garfagnana,

Dettagli

ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE INTERRATA DEI SERBATOI IN POLIETILENE

ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE INTERRATA DEI SERBATOI IN POLIETILENE ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE INTERRATA DEI SERBATOI IN POLIETILENE (rev. 20140217) 1. Prima dell installazione deve essere verificata l idoneità tecnica del suolo dal punto di vista strutturale, eventuali

Dettagli

Problemi con tubazioni e condotte di scarico all interno della casa si risolvono di solito sostituendo i tubi difettosi in questione.

Problemi con tubazioni e condotte di scarico all interno della casa si risolvono di solito sostituendo i tubi difettosi in questione. Problemi con tubazioni e condotte di scarico all interno della casa si risolvono di solito sostituendo i tubi difettosi in questione. Tali lavori sono molto dispendiosi e invasivi, cioè richiedono l apertura

Dettagli

IMEC SNC www.imec-risanamenti.it info@imec.tv tel. 0422 433807

IMEC SNC www.imec-risanamenti.it info@imec.tv tel. 0422 433807 ISPEZIONI FOGNATURE E VIDEOISPEZIONE TUBAZIONI Serietà Competenza Professionalità IMEC L ispezione televisiva è uno strumento di grande entità per il monitoraggio delle reti fognarie, condotte, canali

Dettagli

OPERE DI URBANIZZAZIONE Area "Osteria San Biagio" Casalecchio di Reno

OPERE DI URBANIZZAZIONE Area Osteria San Biagio Casalecchio di Reno OPERE DI URBANIZZAZIONE Area "Osteria San Biagio" Casalecchio di Reno Unità Descrizione dei Lavori di misura 1 Struttura stradale della nuova Via Bolsenda comprendente: - Scavo di sbancamento eseguito

Dettagli

IL RELINING PER GLI INTERVENTI D EMERGENZA FOGNARIA

IL RELINING PER GLI INTERVENTI D EMERGENZA FOGNARIA IL RELINING PER GLI INTERVENTI D EMERGENZA FOGNARIA Le perdite dalle condotte per il trasporto di acque reflue in pressione determinano gravi danni all ambiente e richiedono una grande rapidità di intervento.

Dettagli

PALO tipo SP VANTAGGI minima quantità di materiale di risulta Ridotto consumo di calcestruzzo

PALO tipo SP VANTAGGI minima quantità di materiale di risulta Ridotto consumo di calcestruzzo PALO tipo SP Il Soil Displacement (SP) è una metodologia di esecuzione del palo di fondazione eseguita senza asportazione di terreno, quindi alternativa ai pali battuti, vibroinfissi e trivellati. La tecnologia

Dettagli

La deformazione diametrale deve essere inferiore ai valori, consigliati dalla raccomandazione ISO/TR 7073, riportati in tabella 12.1: Tabella 12.

La deformazione diametrale deve essere inferiore ai valori, consigliati dalla raccomandazione ISO/TR 7073, riportati in tabella 12.1: Tabella 12. 12 Prove di collaudo S copo del collaudo è quello di verificare l efficienza e la funzionalità idraulica di un collettore posato in opera. In particolare si dovrà verificare: n la deformazione diametrale;

Dettagli

S.G.M. geologia e ambiente. progettazione e realizzazione opere edili

S.G.M. geologia e ambiente. progettazione e realizzazione opere edili S.G.M. geologia e ambiente progettazione e realizzazione opere edili SCAVI E MOVIMENTI TERRA, DEMOLIZIONI, OPERE DI URBANIZZAZIONE, ACQUEDOTTI E FOGNATURE, TRATTAMENTO ACQUE REFLUE, IMPIANTI ELETTRICI,

Dettagli

IL PUNTO DI VISTA DEGLI ESECUTORI TRA VINCOLI NORMATIVI, PROBLEMATICHE OPERATIVE E NUOVE OPPORTUNITA DI LAVORO

IL PUNTO DI VISTA DEGLI ESECUTORI TRA VINCOLI NORMATIVI, PROBLEMATICHE OPERATIVE E NUOVE OPPORTUNITA DI LAVORO IL PUNTO DI VISTA DEGLI ESECUTORI TRA VINCOLI NORMATIVI, PROBLEMATICHE OPERATIVE E NUOVE OPPORTUNITA DI LAVORO Vicenza, 8 Novembre 2013 Claudio Guareschi QUADRO NORMATIVO UNI 11446:2012 La progettazione

Dettagli

Capitolato speciale per fornitura e messa in opera di dispersori profondi per protezione catodica ed opere accessorie PARTE III

Capitolato speciale per fornitura e messa in opera di dispersori profondi per protezione catodica ed opere accessorie PARTE III Capitolato speciale per fornitura e messa in opera di dispersori profondi per protezione catodica ed opere accessorie PARTE III Luglio 2013 rev. 0 pag. 1 di 8 Indice CAPITOLO PAGINA 1 - PREMESSA 3 2 -

Dettagli

IL PROGETTO PILOTA A MILANO NELLA RETE IDRICA: LA SPERIMENTAZIONE

IL PROGETTO PILOTA A MILANO NELLA RETE IDRICA: LA SPERIMENTAZIONE IL PROGETTO PILOTA A MILANO NELLA RETE IDRICA: LA SPERIMENTAZIONE LE TECNOLOGIE ALTERNATIVE PER LA MANUTENZIONE DELLA RETE IDRICA ESPERIENZE A CONFRONTO: IL CASO MILANO Carlo Carrettini, Daniele Bucella,

Dettagli

RELAZIONE SOMMARIA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO FONTANELLE SCHEDA N. 1 DEL P.R.G.

RELAZIONE SOMMARIA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO FONTANELLE SCHEDA N. 1 DEL P.R.G. RELAZIONE SOMMARIA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO FONTANELLE SCHEDA N. 1 DEL P.R.G. 1. PREMESSA La presente relazione eseguirà una valutazione di massima per

Dettagli

STABIL TWIN ECO SN16 TUBI CORRUGATI IN PP AD ALTO MODULO PER SISTEMI DI CANALIZZAZIONI INTERRATE DIAMETRO INTERNO (DN/ID) a norma UNI EN 13476-3

STABIL TWIN ECO SN16 TUBI CORRUGATI IN PP AD ALTO MODULO PER SISTEMI DI CANALIZZAZIONI INTERRATE DIAMETRO INTERNO (DN/ID) a norma UNI EN 13476-3 STABIL TWIN ECO SN16 TUBI CORRUGATI IN PP AD ALTO MODULO PER SISTEMI DI CANALIZZAZIONI INTERRATE DIAMETRO INTERNO (DN/ID) a norma UNI EN 13476-3 STABIL TWIN ECO SN 16 TWIN ECO SN 16 è il nuovo tubo corrugato

Dettagli

Categorie Merceologiche

Categorie Merceologiche Allegato C Categorie Merceologiche SEZIONE 1 FORNITURE DI BENI 1.1 Arredamento per ufficio Mobili, complementi d arredo Tendaggi, tappezzerie Corpi illuminanti, lampade Elementi divisori e di isolamento

Dettagli

Sommario. Sommario. A04 Stima dei costi elementari. 1. Premessa... 2. Tubazioni di acquedotto... 3.1. Pozzi, sorgenti, captazioni superficiali...

Sommario. Sommario. A04 Stima dei costi elementari. 1. Premessa... 2. Tubazioni di acquedotto... 3.1. Pozzi, sorgenti, captazioni superficiali... Piano di Ambito dell ATO della Provincia di Varese A04 Stima dei costi elementari A04 Stima dei costi elementari Sommario 1. Premessa... 2 2. Tubazioni di acquedotto... 3 3. Opere di acquedotto... 8 3.1.

Dettagli

AMBIENTE. Lparte degli stati avrà difficoltà ad affrontare la crescente necessità di sviluppare nuove

AMBIENTE. Lparte degli stati avrà difficoltà ad affrontare la crescente necessità di sviluppare nuove Tecniche di posa a basso impatto ambientale AMBIENTE Lparte degli stati avrà difficoltà ad affrontare la crescente necessità di sviluppare nuove Paola Finocchi, Paolo Trombetti La fruizione dei servizi,

Dettagli

PREZZO DI APPLICAZIONE mc 3,00

PREZZO DI APPLICAZIONE mc 3,00 01 Oneri di discarica per materiali da demolizione, esclusi i tossico-nocivi. - Prezzo di mercato per scarico a discarica di materiali da demolizione edile: si considera che 1 mc equivale a circa 1,6 t

Dettagli

Professione Ecologia; non solo un concetto per Blueco, ma un vero impegno prioritario.

Professione Ecologia; non solo un concetto per Blueco, ma un vero impegno prioritario. Professione Ecologia; non solo un concetto per Blueco, ma un vero impegno prioritario. Blueco è da molti anni leader in Piemonte nel settore trasporto e smaltimento rifiuti, offrendo un servizio altamente

Dettagli

Macchine Movimento Terra

Macchine Movimento Terra 1 CorsI di PRODUZIONE EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE Macchine Movimento Terra Prof. Ing. Pietro Capone a.a. 2010-2011 1. LE MACCHINE TERRA Funzioni e struttura Le macchine movimento

Dettagli

RELAZIONE SOMMARIA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO: SUB-AMBITO 1 SCHEDA N. 2 CUPE DEL P.R.G.

RELAZIONE SOMMARIA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO: SUB-AMBITO 1 SCHEDA N. 2 CUPE DEL P.R.G. RELAZIONE SOMMARIA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO: SUB-AMBITO 1 SCHEDA N. 2 CUPE DEL P.R.G. VIGENTE 1. PREMESSA La presente relazione eseguirà una valutazione

Dettagli

SCAVI e MOVIMENTO TERRA

SCAVI e MOVIMENTO TERRA SCAVI e MOVIMENTO TERRA Il quadro normativo D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 -art. 118 Splateamento e sbancamento -art. 119 Pozzi, scavi e cunicoli -art. 120 Deposito di materiali in prossimità degli scavi

Dettagli

PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE DI UN POZZO E PROVE DI PORTATA

PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE DI UN POZZO E PROVE DI PORTATA E dott. geol. Gianluigi Giannella IL RUOLO DEL GEOLOGO PROGETTISTA Qual è il ruolo del geologo nell esecuzione dei pozzi? Spesso è solo il tramite tra il committente e la ditta di perforazione. Altre volte

Dettagli

PERFORAZIONE A PERCUSSIONE

PERFORAZIONE A PERCUSSIONE PERFORAZIONE A PERCUSSIONE Attrezzature e funzionamento L impianto è costituito da: un sistema di sollevamento (coppia di argani con frizione, funi di acciaio e torre); una a sonda cilindrica cava munita

Dettagli

1 PREMESSA pag. 2. 2 CALCOLO IDRAULICO pag. 2. 3 CALCOLO DELLA PORTATA DEGLI SCARICHI REFLUI URBANI.. pag. 2

1 PREMESSA pag. 2. 2 CALCOLO IDRAULICO pag. 2. 3 CALCOLO DELLA PORTATA DEGLI SCARICHI REFLUI URBANI.. pag. 2 1 PREMESSA pag. 2 2 CALCOLO IDRAULICO pag. 2 3 CALCOLO DELLA PORTATA DEGLI SCARICHI REFLUI URBANI.. pag. 2 4 ANALISI DEL MOVIMENTO DELLE ACQUE METEORICHE pag. 3 5 CALCOLO STATICO pag. 4 6 VERIFICA IDRAULICA

Dettagli

Nella tratta relativa al Lotto 5, sono presenti due gallerie naturali: - galleria Monte Domini - galleria Sappanico. Galleria Monte Domini

Nella tratta relativa al Lotto 5, sono presenti due gallerie naturali: - galleria Monte Domini - galleria Sappanico. Galleria Monte Domini Nella tratta relativa al Lotto 5, sono presenti due gallerie naturali: - galleria Monte Domini - galleria Sappanico Galleria Monte Domini Le tratte in sotterraneo della galleria Monte Domini risultano

Dettagli

Grazie ai mezzi maneggevoli, si possono produrre pali inclinati in quasi ogni inclinazione e direzione.

Grazie ai mezzi maneggevoli, si possono produrre pali inclinati in quasi ogni inclinazione e direzione. Battitura di pali duttili Generalità: Grazie agli escavatori idraulici leggeri e maneggevoli, i lavori per fondazioni di pali possono essere eseguiti anche in condizioni difficili oppure quando lo spazio

Dettagli

REGIONE PUGLIA Comune di Modugno (Ba) Riqualificazione urbana di aree degradate presso il Quartiere S. Cecilia INDICE

REGIONE PUGLIA Comune di Modugno (Ba) Riqualificazione urbana di aree degradate presso il Quartiere S. Cecilia INDICE INDICE 1. OGGETTO... 2 2. SCOPO... 3 3. IMPIANTO IDRICO... 4 4.1 TUBAZIONI IMPIANTO ADDUZIONE ACQUA... 4 4. MATERIALI E PEZZI SPECIALI... 6 5. LEGGI E NORMATIVE DI RIFERIMENTO... 7 1 1. OGGETTO Il presente

Dettagli

Bonifiche Ambientali S.r.l.

Bonifiche Ambientali S.r.l. Bonifiche Ambientali S.r.l. Sede : Via Tiberina 281 00188 Roma Uff. Tec. : Via U. Fracchia 19-00137 Roma P.Iva 06716961005 Iscr. Albo Gestori Ambientali n. RM/001281 I NOSTRI SERVIZI Ufficio Tecnico interno

Dettagli

DESCRIZIONE DELLE OPERE

DESCRIZIONE DELLE OPERE PREMESSA Vengono descritte in seguito le caratteristiche principali delle opere di urbanizzazione previste dal Piano Urbanistico Attuativo Zona di Perequazione via delle Granze. La realizzazione delle

Dettagli

STABIL TWIN ECO SN16 TUBI CORRUGATI IN PP AD ALTO MODULO PER SISTEMI DI CANALIZZAZIONI INTERRATE DIAMETRO INTERNO (DN/ID) a norma UNI EN 13476-3

STABIL TWIN ECO SN16 TUBI CORRUGATI IN PP AD ALTO MODULO PER SISTEMI DI CANALIZZAZIONI INTERRATE DIAMETRO INTERNO (DN/ID) a norma UNI EN 13476-3 STABIL TWIN ECO SN16 TUBI CORRUGATI IN PP AD ALTO MODULO PER SISTEMI DI CANALIZZAZIONI INTERRATE DIAMETRO INTERNO (DN/ID) a norma UNI EN 13476-3 STABIL TWIN ECO SN 16 TWIN ECO SN 16 è il nuovo tubo corrugato

Dettagli

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO (PROVINCIA DI MODENA) 41026 Pavullo n/f. - Piazza R. Montecuccoli, 1 AREA SERVIZI TECNICI - SERVIZIO LAVORI PUBBLICI Tel. 0536/29932 - Fax. 0536/324307 OGGETTO D.L. 1010/48

Dettagli

Risanamento delle tubazioni dall interno

Risanamento delle tubazioni dall interno La soluzione di oggi per le tubazioni di ieri: Risanamento delle tubazioni dall interno Costi inferiori fino al 50% niente demolizioni, niente sporco, niente macerie nessuna interruzione nella gestione

Dettagli

Geometra Carlo Cecchetelli

Geometra Carlo Cecchetelli STUDIO CECCHETELLI Piazza XX Settembre n. 27/2-61032 FANO - tel. 0721/827780 Ditta : SORCINELLI GIANFRANCO SANTINI LUCIANA Oggetto : PIANO ATTUATIVO DEL COMPARTO DENOMINATO ST6_52 Comparto residenziale

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Assessorato dei Lavori Pubblici. Prezzario Regionale dei lavori pubblici. Voci finite: Elenco prezzi Volume 4 bis

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Assessorato dei Lavori Pubblici. Prezzario Regionale dei lavori pubblici. Voci finite: Elenco prezzi Volume 4 bis REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Assessorato dei Lavori Pubblici Prezzario Regionale dei lavori pubblici Voci finite: Elenco prezzi Volume 4 bis Anno: 2008 Indice Voci finite i Indice D.0003 - INFRASTRUTTURE

Dettagli

TECNICHE DI PERFORAZIONE NELLA GEOTERMIA. 03 Ottobre 2008

TECNICHE DI PERFORAZIONE NELLA GEOTERMIA. 03 Ottobre 2008 TECNICHE DI PERFORAZIONE NELLA GEOTERMIA 03 Ottobre 2008 COS E LA GEOTERMIA L energia geotermica è il calore contenuto all interno della terra L espressione energia geotermica è impiegata per indicare

Dettagli

12 PROGETTAZIONE. internet: www.isoplus.it

12 PROGETTAZIONE. internet: www.isoplus.it 12.1 Sistemi Bonded Tubo doppio 12.1.1 Generalità / Sistemi Bonded / Metodi di posa... 12 / 1-2 12.1.2 Prospetto dei vantaggi e degli svantaggi... 12 / 3 12.1.3 Lunghezze di installazione L max Tubo singolo...

Dettagli

Il sistema nervoso dell impianto elettrico. Scelta dei cavi negli impianti elettrici del residenziale e del terziario

Il sistema nervoso dell impianto elettrico. Scelta dei cavi negli impianti elettrici del residenziale e del terziario Il sistema nervoso dell impianto elettrico Scelta dei cavi negli impianti elettrici del residenziale e del terziario Il compito principale di un cavo è quello di trasportare l energia all interno di un

Dettagli

DISMISSIONE DELL IMPIANTO

DISMISSIONE DELL IMPIANTO PREMESSA Nell ambito del progetto dell impianto fotovoltaico da 2,5 MWp da realizzare in località Ottaduna nella tipologia di installazione a campo solare, il seguente studio ha per oggetto il progetto

Dettagli

RELAZIONE TECNICA VV.F

RELAZIONE TECNICA VV.F VAR. MET.: DERIVAZ. PER MARATEA DN 250 (10 ) - 75 bar L = 508 m RELAZIONE TECNICA VV.F 3 Nov. 12 Emissione per permessi con inserita P.E. Faragasso Lupinacci Barci 2 Giu. 12 Variato tracciato Inserita

Dettagli

2 STATO ATTUALE E LINEE GUIDA DI INTERVENTO

2 STATO ATTUALE E LINEE GUIDA DI INTERVENTO 1 PREMESSA La A.S.P. San Domenico (altrimenti nota come Casa di Riposo San Domenico) intende procedere alla sistemazione della aree esterne dello stesso Istituto al fine di ricavarvi la strada interna

Dettagli

RELAZIONE SOMMARIA INTEGRATIVA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO SUB AMBITO 4 FONTANELLE SCHEDA N. 1 DEL P.

RELAZIONE SOMMARIA INTEGRATIVA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO SUB AMBITO 4 FONTANELLE SCHEDA N. 1 DEL P. RELAZIONE SOMMARIA INTEGRATIVA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO SUB AMBITO 4 FONTANELLE SCHEDA N. 1 DEL P.R.G. 1. PREMESSA La presente relazione eseguirà una valutazione

Dettagli

P R O G E T T O D I R I S O L U Z I O N E D E L L E I N T E R F E R E N Z E

P R O G E T T O D I R I S O L U Z I O N E D E L L E I N T E R F E R E N Z E P R O G E T T O D I R I S O L U Z I O N E D E L L E I N T E R F E R E N Z E La presente relazione si riferisce al progetto dell intervento pubblico in attuazione Programmi Urbani Complessi - PUC2 Sistemazione

Dettagli

Figura 1. Esempio di sedimentazione all interno di una condotta di fognatura.

Figura 1. Esempio di sedimentazione all interno di una condotta di fognatura. LA GESTIONE DELLA RETE IDRAULICA DI DRENAGGIO Gestione della rete di fognatura Il corretto funzionamento della rete di fognatura e di conseguenza la sicurezza idraulica del territorio servito è garantita

Dettagli

Opere Urbanizzazione PRIMARIA - Soc. MILESI S.r.l.

Opere Urbanizzazione PRIMARIA - Soc. MILESI S.r.l. 1A OPERE URBAN. PRIMARIA AREE IN CESSIONE 1 1.5.1.1.s Demolizione parziale di strutture di fabbricati fuori terra, escluso: l'eventuale ponteggio, le operazioni necessarie per líabbassamento dei materiali

Dettagli

Geonap. Geomembrane in polietilene ad alta densità HDPE. Manuale Tecnico

Geonap. Geomembrane in polietilene ad alta densità HDPE. Manuale Tecnico Geonap Geomembrane in polietilene ad alta densità HDPE Manuale Tecnico Edizione settembre 2009 Indice 1. Disposizioni generali 2 2. Descrizione del prodotto 3 3. Dimensionamento della protezione della

Dettagli

LA REALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI SCARICO

LA REALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI SCARICO Impianto di scarico - Pressioni Impianto di scarico Per impianto di scarico si intende quell insieme di tubazioni, raccordi e apparecchiature necessarie a ricevere, convogliare e smaltire le acque usate

Dettagli

7. Pali UNITÀ. 2 Trivella di perforazione per la gettata di pali trivellati.

7. Pali UNITÀ. 2 Trivella di perforazione per la gettata di pali trivellati. 7. Pali UNITÀ I pali sono elementi strutturali utilizzati nelle opere di fondazione, nelle opere di contenimento della terra e dell acqua, negli interventi di miglioramento della stabilità dei pendii e

Dettagli

www.raccoltaacquapiovana.it

www.raccoltaacquapiovana.it DRENAGGIO IL DRENAGGIO Drenaggio è un termine tecnico derivato dal verbo inglese to drain prosciugare. Il drenaggio sottosuperficiale o drenaggio, in idraulica agraria, è il complesso dei sistemi naturali

Dettagli

MESSA IN OPERA 5.1 5.2 5.3 5.4 5.5 INTERRUZIONI, RIPRESE, MESSA IN OPERA CASSEFORME PREPARAZIONE E PREDISPOZIONE DELLE ARMATURE GETTO

MESSA IN OPERA 5.1 5.2 5.3 5.4 5.5 INTERRUZIONI, RIPRESE, MESSA IN OPERA CASSEFORME PREPARAZIONE E PREDISPOZIONE DELLE ARMATURE GETTO Il calcestruzzo e le strutture armate Messa in opera INDICE 5 MESSA IN OPERA 5.1 5.3 CASSEFORME GETTO 5.2 PREPARAZIONE E PREDISPOZIONE DELLE ARMATURE 5.4 COMPATTAZIONE DEL GETTO MESSA IN OPERA 5.5 INTERRUZIONI,

Dettagli

CAPITOLATO OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA PIANO LOTTIZZAZIONE CORSO SEMPIONE/SILVIO PELLICO " OLGIATE OLONA

CAPITOLATO OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA PIANO LOTTIZZAZIONE CORSO SEMPIONE/SILVIO PELLICO  OLGIATE OLONA CAPITOLATO OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA PIANO LOTTIZZAZIONE CORSO SEMPIONE/SILVIO PELLICO " OLGIATE OLONA Art. Descrizione u.m. Qt. / Unità / Totale 1,00 OPERE DI ALLESTIMENTO CANTIERE 1,01 Oneri relativi

Dettagli

Ing. Antonio Di Muro Applicazione della tecnologia No-Dig per gli interventi sulle tubazioni

Ing. Antonio Di Muro Applicazione della tecnologia No-Dig per gli interventi sulle tubazioni Ing. Antonio Di Muro Il rischio di seppellimento rappresenta ancora la seconda causa di infortunio mortale nel settore delle costruzioni MAI PIU TUTTO QUESTO! 1 L evoluzione della protezione degli scavi

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE GRATUITO SULLE TECNOLOGIE A BASSO IMPATTO AMBIENTALE. per Amministratori, Dirigenti e Tecnici Comuni della Lombardia

CORSO DI FORMAZIONE GRATUITO SULLE TECNOLOGIE A BASSO IMPATTO AMBIENTALE. per Amministratori, Dirigenti e Tecnici Comuni della Lombardia CORSO DI FORMAZIONE GRATUITO SULLE TECNOLOGIE A BASSO IMPATTO AMBIENTALE per Amministratori, Dirigenti e Tecnici Comuni della Lombardia 1 Introduzione Il rapporto tra uomo e territorio è diventato l aspetto

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Assessorato dei Lavori Pubblici. Prezzario Regionale dei lavori pubblici. Voci finite: Elenco prezzi Volume 4 quater

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Assessorato dei Lavori Pubblici. Prezzario Regionale dei lavori pubblici. Voci finite: Elenco prezzi Volume 4 quater REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Assessorato dei Lavori Pubblici Prezzario Regionale dei lavori pubblici Voci finite: Elenco prezzi Volume 4 quater Anno: 2008 Indice Voci finite i Indice D.0009 - IMPIANTI

Dettagli

HERA s.p.a. SOT MODENA Via Cesare Razzaboni 80 SERVIZIO ENERGIA E CICLO IDRICO 1.4 RETE DISTRIBUZIONE GAS METANO CARATTERISTICHE E SEZIONI DI POSA

HERA s.p.a. SOT MODENA Via Cesare Razzaboni 80 SERVIZIO ENERGIA E CICLO IDRICO 1.4 RETE DISTRIBUZIONE GAS METANO CARATTERISTICHE E SEZIONI DI POSA HERA s.p.a. SOT MODENA Via Cesare Razzaboni 80 SERVIZIO ENERGIA E CICLO IDRICO 1.4 RETE DISTRIBUZIONE GAS METANO CARATTERISTICHE E SEZIONI DI POSA Aggiornamento settembre 2012 A) NORMATIVA SULLE CONDOTTE

Dettagli

Inserimento di un nuovo solaio

Inserimento di un nuovo solaio Inserimento di un nuovo solaio DIRETTIVE TECNICHE Regioni Basilicata, Calabria e Campania, sisma del 9/9/1998 [ ] Cordoli in c.a.: verificare preliminarmente la fattibilità e l'efficienza di interventi

Dettagli

Tubazioni in cemento armato ordinario (CAO)

Tubazioni in cemento armato ordinario (CAO) Tubazioni in cemento armato ordinario (CAO) Le tubazioni in cemento armato ordinario utilizzano le caratteristiche di resistenza alla compressione del calcestruzzo ed a trazione per l'acciaio. Le condotte

Dettagli

IMPIANTO DI DISTRIBUZIONE CARBURANTI SITO IN BARLETTA BAT- VIA REGINA MARGHERITA, (PV NI010613) RIMOZIONE IMPIANTO RELAZIONE TECNICA

IMPIANTO DI DISTRIBUZIONE CARBURANTI SITO IN BARLETTA BAT- VIA REGINA MARGHERITA, (PV NI010613) RIMOZIONE IMPIANTO RELAZIONE TECNICA IMPIANTO DI DISTRIBUZIONE CARBURANTI SITO IN BARLETTA BAT- VIA REGINA MARGHERITA, (PV NI010613) RIMOZIONE IMPIANTO RELAZIONE TECNICA INDICE 1. OGGETTO... 3 2. MOTIVAZIONE... 3 3. DESCRIZIONE DELL'ATTIVITÀ...

Dettagli

I POZZETTI IN CALCESTRUZZO A TENUTA IDRAULICA E AD ALTISSIMA RESISTENZA AI SOLFATI. Relatore : GianMarco Simioni

I POZZETTI IN CALCESTRUZZO A TENUTA IDRAULICA E AD ALTISSIMA RESISTENZA AI SOLFATI. Relatore : GianMarco Simioni I POZZETTI IN CALCESTRUZZO A TENUTA IDRAULICA E AD ALTISSIMA RESISTENZA AI SOLFATI Relatore : GianMarco Simioni L ispezione nella rete fognaria I POZZETTI D ISPEZIONE NELLE FOGNATURE Come elemento di ispezione

Dettagli

Il nuovo sistema di bicchiere iniettato in linea sul tubo PoliCor è:

Il nuovo sistema di bicchiere iniettato in linea sul tubo PoliCor è: Il nuovo sistema di bicchiere iniettato in linea sul tubo PoliCor è: + innovativo perché: il profilo di ancoraggio del bicchiere iniettato è stato appositamente concepito in modo da ottenere la sezione

Dettagli

MISCELAZIONE MECCANICA DEL TERRENO PER VIA UMIDA

MISCELAZIONE MECCANICA DEL TERRENO PER VIA UMIDA 1 Via Arni, 30 55032 Castelnuovo di Garfagnana (LU) MISCELAZIONE MECCANICA DEL TERRENO PER VIA UMIDA SMW ( Soil Mixing Wall ) - trielica RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA Emissione : Castelnuovo di Garfagnana,

Dettagli

MINERARIO. Rel.1.0 29/03/2007. Minerario 1

MINERARIO. Rel.1.0 29/03/2007. Minerario 1 MINERARIO Minerario 1 Il consolidamento del fronte di scavo con chiodatura in vetroresina : Il consolidamento del fronte di scavo viene normalmente effettuato in gallerie scavate in terreni coesivi, semicoesivi

Dettagli

Relazione specialistica impianti meccanici. 1. Dati generali e descrizione dell'opera... 2. 2. Descrizione degli interventi... 4

Relazione specialistica impianti meccanici. 1. Dati generali e descrizione dell'opera... 2. 2. Descrizione degli interventi... 4 Sommario 1. Dati generali e descrizione dell'opera... 2 2. Descrizione degli interventi... 4 2.1 Impianto protezione idrica antincendio... 4 2.1.1 Rete idranti... 4 2.1.2 Sostituzione del gruppo di pressurizzazione

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA GESTIONE DI TERRE E ROCCE DA SCAVO. Normativa di riferimento: La gestione delle terre e rocce da scavo può avvenire:

ISTRUZIONI PER LA GESTIONE DI TERRE E ROCCE DA SCAVO. Normativa di riferimento: La gestione delle terre e rocce da scavo può avvenire: ISTRUZIONI PER LA GESTIONE DI TERRE E ROCCE DA SCAVO Normativa di riferimento: art. 186 del D.Lgs. 152/06 D.G.R.V. N. 2424 del 08/08/2008 art. 20, comma 10-sexies del D.L. 29/11/2008 n. 185 La gestione

Dettagli

LA POSA IN OPERA CON i VIBRAPAC

LA POSA IN OPERA CON i VIBRAPAC LA POSA IN OPERA CON i VIBRAPAC 2 la posa in opera - 1. operazioni preliminari 1 Operazioni preliminari 1.1 deposito in cantiere Il materiale deve essere stoccato in un area predisposta, in modo da evitare

Dettagli

PROVINCIA DI LECCO Settore Viabilità e Grandi Infrastrutture PIANO DI MANUTENZIONE

PROVINCIA DI LECCO Settore Viabilità e Grandi Infrastrutture PIANO DI MANUTENZIONE Generalità Il presente documento viene redatto con lo specifico scopo di programmare gli interventi di manutenzione, di carattere ordinario, da attuare successivamente alla realizzazione delle opere previste

Dettagli

KESSEL- Filtro per acqua piovana Sistema 400

KESSEL- Filtro per acqua piovana Sistema 400 ISTRUZIONI DI MONTAGGIO, ESERCIZIO E MANUTENZIONE KESSEL- Filtro per acqua piovana Sistema 400 Filtro per acqua piovana Sistema 400 da installare in condotte di scolo all aperto Filtro per acqua piovana

Dettagli

- K - PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DELLE RETI FOGNARIE STANDARD PROGETTO SP - TEA - 001.

- K - PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DELLE RETI FOGNARIE STANDARD PROGETTO SP - TEA - 001. - K - PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DELLE RETI FOGNARIE (revisione 04) Pagina 1 di 11 INDICE Pag. PARTE K RETI FOGNARIE K.1 3 REQUISITI DEI PROGETTI DI FOGNATURE PER NUOVE

Dettagli

COMPARTO C4 DI VIA VERGA OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA STUDIO DI PREFATTIBILITA AMBIENTALE

COMPARTO C4 DI VIA VERGA OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA STUDIO DI PREFATTIBILITA AMBIENTALE COMUNE DI TRIGGIANO COMPARTO C4 DI VIA VERGA OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA STUDIO DI PREFATTIBILITA AMBIENTALE 1 - PREMESSA Il progetto proposto all Amministrazione Comunale di Triggiano prevede la

Dettagli

OC.80 OC.79 OC.78 OC.77 OC.76 OC.27 OC.06 OC.01 OC.27.02 CONDUTTORI, TUBAZIONI, CANALINE E ACCESSORI

OC.80 OC.79 OC.78 OC.77 OC.76 OC.27 OC.06 OC.01 OC.27.02 CONDUTTORI, TUBAZIONI, CANALINE E ACCESSORI OC.27.02 CONDUTTORI, TUBAZIONI, CANALINE E ACCESSORI OC.27.02.01 Cavo unipolare tipo RG7R 0,6/1kV o FG7R 0,6/1 kv isolato in EPR sotto guaina di PVC (norme CEI 20-13, CEI 20-22II, CEI 20-35). Sono compresi:

Dettagli

MAPEPLAST LA POLVERE ADDITIVO PER RIEMPIMENTI FLUIDI E MALTE E CALCESTRUZZI LEGGERI NOVITÀ: SACCO IDROSOLUBILE 778/3.2000 CARATTERISTICHE TECNICHE

MAPEPLAST LA POLVERE ADDITIVO PER RIEMPIMENTI FLUIDI E MALTE E CALCESTRUZZI LEGGERI NOVITÀ: SACCO IDROSOLUBILE 778/3.2000 CARATTERISTICHE TECNICHE N NOVITÀ: SACCO IDROSOLUBILE 778/3.2000 MAPEPLAST LA POLVERE ADDITIVO PER RIEMPIMENTI FLUIDI E MALTE E CALCESTRUZZI LEGGERI elastico e resistenza a trazione, per il riempimento degli scavi effettuati nel

Dettagli

BROCHURE AZIENDALE in.te.co.

BROCHURE AZIENDALE in.te.co. BROCHURE AZIENDALE in.te.co. interventi tecnici di controllo LA QUALITÀ NASCE ANCHE DAL CONTROLLO. LA QUALITÀ NASCE ANCHE DAL CONTROLLO. In.Te.Co. è la società del Gruppo SSE specializzata nel controllo

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO A l l e g a t o A COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO (ERRATA CORRIGE AL C.M.E. ALLEGATO ALLA GARA ED INSERITO SUL WEB) PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA OGGETTO OPERE

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA COMPARTO TERZIARIO EX MULINO ALBANI VIA PISACANE, FANO (PU) SCHEDA ST3_P14 RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA PREM ESSA Oggetto del presente intervento è la realizzazione di un attraversamento fognario di

Dettagli

BRILLADA VITTORIO & C. S.n.c.

BRILLADA VITTORIO & C. S.n.c. 1 Demolizione di pavimento in cls, dello spessore fino a cm. 20 e smaltimento in discarica MC. 28,50 2 Demolizione di aree asfaltate dello spessore fino a cm. 15 e smaltimento in discarica MC. 18,92 3

Dettagli

Ecopal. Pozzetti in polietilene. INDUSTRIE POLIECO-M.P.B. s.r.l. INDUSTRIE POLIECO-M.P.B. s.r.l.

Ecopal. Pozzetti in polietilene. INDUSTRIE POLIECO-M.P.B. s.r.l. INDUSTRIE POLIECO-M.P.B. s.r.l. Pozzetti in polietilene CERTIFICATI DI AZIENDA: Ecopal INDUSTRIE POLIECO-M.P.B. s.r.l. Cazzago S. Martino (Bs) Italy - Via E. Mattei, 49 Tel. +39.030.7758911 - Fax +39.030.7750845 www.polieco.com - info@polieco.com

Dettagli

Principali tipologie di terreno

Principali tipologie di terreno Principali tipologie di terreno Terreni derivati da rocce sedimentarie (NON COESIVI): Sabbie Ghiaie Terreni derivati da rocce scistose (COESIVI): Argille Limi Terreni di derivazione organica: Torbe Terreno

Dettagli

Metodologie di bonifica di elementi con presenza di amianto

Metodologie di bonifica di elementi con presenza di amianto Metodologie di bonifica di elementi con presenza di amianto Se l amianto è COMPATTO non esistono particolari rischi per la salute. Se l amianto è FRIABILE c è il pericolo di inalarne fibre. COMPATTO, materiale

Dettagli

COMUNE DI AZZANO SAN PAOLO Provincia di Bergamo RELAZIONE IDRAULICA

COMUNE DI AZZANO SAN PAOLO Provincia di Bergamo RELAZIONE IDRAULICA COMUNE DI AZZANO SAN PAOLO Provincia di Bergamo Sportello Unico Attività Produttive (SUAP) per ampliamento attività industriale / artigianale ditta CORTI MARMI & GRANITI S.r.l., via Villaggio Sereno n

Dettagli

Interventi preliminari e rilevamento delle condizioni di condotte fognarie già operative DIAGNOSTICA

Interventi preliminari e rilevamento delle condizioni di condotte fognarie già operative DIAGNOSTICA Interventi preliminari e rilevamento delle condizioni di condotte fognarie già operative Questi interventi hanno lo scopo di predisporre un adeguata preparazione delle condotte perché si realizzino le

Dettagli

della strada a massiccia presenza delle reti di sottoservizi che caratterizza il sottosuolo dei centri

della strada a massiccia presenza delle reti di sottoservizi che caratterizza il sottosuolo dei centri ATTREZZATURE PICCOLI SCAVI Roberto Negri I chirurghi della strada VELOCITÀ, PRECISIONE, ECONOMIA. DOTI UTILI IN TUTTI I CANTIERI, SOPRATTUTTO QUANDO I DISAGI CHE QUESTI POSSONO CAUSARE SONO NOTEVOLI COME

Dettagli

Gennaio 2008. DIREZIONE Correggio ( RE) Tel 0522 746611 Tel 0522 633123 Fax 0522 633124

Gennaio 2008. DIREZIONE Correggio ( RE) Tel 0522 746611 Tel 0522 633123 Fax 0522 633124 Tubi e raccordi in ghisa sferoidale per acquedotti norma EN 545 CLASSE K9 e per fognature norma EN 598 CLASSE K9 - prodotti da azienda certificata ISO 9001 DIREZIONE Correggio ( RE) Tel 0522 746611 Tel

Dettagli

OPERE A MISURA. Articolo unità di misura ASSISTENZA OPERE EDILI PER RIPARAZIONE SOTTOSERVIZI - IMPREVISTI

OPERE A MISURA. Articolo unità di misura ASSISTENZA OPERE EDILI PER RIPARAZIONE SOTTOSERVIZI - IMPREVISTI ASSISTENZA OPERE EDILI PER RIPARAZIONE SOTTOSERVIZI - IMPREVISTI 11,0,611 spostamento e o sostituzione di sottoservizi esistenti e/o allacciamenti utenze, ivi compresa ogni opera provvisionale accessoria

Dettagli

CITTA' DI MANFREDONIA (Provincia di Foggia)

CITTA' DI MANFREDONIA (Provincia di Foggia) CITTA' DI MANFREDONIA (Provincia di Foggia) Assessorato All'Urbanistica e all'edilizia Legge 865/71 - Art. 27 PIANO INSEDIAMENTI PRODUTTIVI Località "PARITI" RIAPPROVAZIONE E VARIANTE ALLE N.T.A. DEL P.R.G.

Dettagli

Documentazione Autorizzazione Unica Elaborato richiesto da D.LGS 387/2003 D.G.R. n.5-3314/2012 Allegato 1 - comma s

Documentazione Autorizzazione Unica Elaborato richiesto da D.LGS 387/2003 D.G.R. n.5-3314/2012 Allegato 1 - comma s Comune di Limone Piemonte Provincia di Cuneo Regione Piemonte PROGETTO: Impianto idroelettrico SUL TORRENTE VERMENAGNA Documentazione Autorizzazione Unica Elaborato richiesto da D.LGS 387/2003 D.G.R. n.5-3314/2012

Dettagli

COMUNE DI COLLESALVETTI

COMUNE DI COLLESALVETTI COMUNE DI COLLESALVETTI PIANO DI LOTTIZZAZIONE COMPARTO VICARELLO SUD PROPRIETA : SOC. FONTE ALLEGRA ED ALTRI A) STRADE E PARCHEGGI 1) Preparazione dei piani di posa con rullatura del terreno. mq 3.700,00

Dettagli

Università degli studi di Napoli Federico II

Università degli studi di Napoli Federico II Università degli studi di Napoli Federico II Scuola Politecnica e delle scienze di base Corso di Laurea Triennale in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile ed

Dettagli