PIANO DI TUTELA DELL AMBIENTE MARINO E COSTIERO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIANO DI TUTELA DELL AMBIENTE MARINO E COSTIERO"

Transcript

1 PIANO DI TUTELA DELL AMBIENTE MARINO E COSTIERO AMBITO COSTIERO 15 Unità fisiografiche Golfo del Tigullio, Baia del Silenzio e Riva Trigoso ART. 41 LEGGE REGIONALE N 20/2006 Relazione sulla qualità delle acque costiere (RA)- Scarichi Settembre Relazione sulla qualità delle acque costiere (RA)- Scarichi

2 Indice 1. Introduzione 3 2. Indagine sui sistemi di collettamento e trattamento delle acque reflue nel Tigullio 4 3. Scheda 1: sistema di collettamento e trattamento delle acque reflue nei Comuni di Portofino e Santa Margherita Ligure Caratteristiche agglomerato Caratteristiche condotta Caratteristiche condotta 8 4. Scheda 2: sistema di collettamento e trattamento delle acque reflue nei Comuni di Rapallo e di Zoagli (ponente) Caratteristiche agglomerato Caratteristiche condotta Scheda 3: sistema di collettamento e trattamento delle acque reflue nel Comune di Zoagli (levante) Caratteristiche agglomerato Caratteristiche condotta Scheda 4: sistema di collettamento e trattamento delle acque reflue nel Comune di Chiavari Caratteristiche agglomerato Caratteristiche depuratore Caratteristiche condotta Scheda 5: sistema di collettamento e trattamento delle acque reflue nel Comune di Lavagna Caratteristiche agglomerato Caratteristiche depuratore Caratteristiche condotta Scheda 6: sistema di collettamento e trattamento delle acque reflue nel Comune di Sestri Levante (capoluogo) Caratteristiche agglomerato Caratteristiche sistema di depurazione Caratteristiche condotta Scheda 7: sistema di collettamento e trattamento delle acque reflue nel Comune di Sestri Levante (levante) Caratteristiche agglomerato Caratteristiche condotta Anomalie termiche 24 2 Relazione sulla qualità delle acque costiere (RA)- Scarichi

3 1. Introduzione Per questo studio di approfondimento sulla situazione degli scarichi costieri, si è partiti dai dati presenti nell archivio della Regione Liguria, raccolti e aggiornati dal Settore Ecosistema Costiero. I dati riguardano in particolare gli agglomerati, i centri di trattamento e le condotte di scarico a mare, per ciascuno di questi argomenti è stata creata una scheda riassuntiva dei dati. Il lavoro di approfondimento è consistito nel verificare questi dati direttamente incontrando sul loco le persone competenti dei Comuni interessati (quelli costieri dl Golfo del Tigullio) e quelle dell ente gestore operativo degli impianti: Idrotigullio del gruppo Iride Acqua Gas. Oltre alla verifica dei dati sulla carta si è fatto un sopralluogo in ogni centro di trattamento e presso le stazioni di sollevamento lungo tutto il litorale del Tigullio, con relativo servizio fotografico (la documentazione fotografica a cui fanno riferimento le schede seguenti è disponibile presso il settore Ecosistema Costiero del Dipartimento Ambiente della Regione Liguria e non fa parte della presente relazione). 3 Relazione sulla qualità delle acque costiere (RA)- Scarichi

4 2. Indagine sui sistemi di collettamento e trattamento delle acque reflue nel Tigullio Il sistema di collettamento e trattamento delle acque reflue nel Tigullio è gestito da Iride Acqua Gas spa tramite il gestore operativo Idro-Tigullio spa. Tutti i reflui sono collettati alla rete fognaria tranne per alcune utenze dotate di fosse Imhoff di gestione privata. In totale si rilevano 7 agglomerati a cui corrispondono altrettanti scarichi permanenti a mare. In tutti i casi il sistema finale di scarico è servito da una condotta di scarico a mare; la distanza dalla costa va dai 1100 m ai 2950 m e la profondità di scarico dai 22 m ai 48 m. Le condotte sono in genere dotate a monte di un sistema di pretrattamento dei reflui; solo in un caso, il liquame viene pompato a mare senza pretrattamento. In alcuni casi esistono trattamenti più spinti di tipo chimico-fisico o biologico. Ogni anno vengono prodotti da tutti gli agglomerati del Tigullio, costieri e dell entroterra, 500 t di mondiglia e 3700 t di fanghi destinati alle rispettive discariche. Una volta all anno il gestore operativo effettua il controllo e la pulizia delle principali dorsali di collettamento della rete fognaria. Presso la sede di C.so Millo a Chiavari, presso la sede operativa del gestore, viene gestito il telecontrollo delle stazioni di sollevamento e dei sistemi di depurazione del Tigullio. Figura 2.1 Sistema di telecontrollo nella sede di C.so Millo a Chiavari Il sistema è ubicato nella maggior parte delle stazioni di sollevamento e nei sistemi di depurazione, rileva il livello del refluo o il malfunzionamento delle pompe o della depurazione. 4 Relazione sulla qualità delle acque costiere (RA)- Scarichi

5 Figura 2.2 sistema di telecontrollo nelle stazioni di sollevamento Dalla sede di Chiavari sono monitorati in continuo i dati e in caso di disservizi parte automaticamente una chiamata con descrizione del guasto al responsabile di zona. In ogni caso esiste un numero verde a cui è possibile rivolgersi per ogni criticità osservata dai cittadini. Durante la stagione estiva, o comunque durante i periodi di magra, alcuni corsi d acqua di portata minore vengono convogliati in via cautelativa nella rete fognaria. I corsi d acqua soggetti alla presa di magra sono per il Tigullio il rio Ravino e l affluente al Canale della Chiusa (Sestri Levante), il torrente Rupinaro e il beo dei Frati (Chiavari). Di seguito si riportano le schede descrittive di dettaglio dei 7 agglomerati censiti. 5 Relazione sulla qualità delle acque costiere (RA)- Scarichi

6 3. Scheda 1: sistema di collettamento e trattamento delle acque reflue nei Comuni di Portofino e Santa Margherita Ligure Figura 3.1 Schema del sistema di collettamento e trattamento acque reflue agglomerato di Portofino e S.Margherita L. I comuni di Santa Margherita Ligure e Portofino costituiscono, sotto l aspetto del collettamento delle acque reflue di origine civile, un unico agglomerato con le seguenti caratteristiche: 3.1. Caratteristiche agglomerato - Territorio: Santa Margherita Ligure, Portofino - Abitanti equivalenti serviti: Abitanti equivalenti fluttuanti: Relazione sulla qualità delle acque costiere (RA)- Scarichi

7 Tranne che per gli scarichi raccolti nelle fosse Imhoff tutti gli scarichi risultano collettati alla rete fognaria. Le acque reflue dei due comuni sono convogliate tramite diverse stazioni di sollevamento costiere verso il centro di depurazione sito presso Punta Pedale, in comune di Santa Margherita Ligure. Esistono pertanto due rami principali di convogliamento delle acque reflue: dall abitato di Portofino in direzione Nord e dall abitato di Santa Margherita Ligure in direzione Sud. Lungo la direttrice Sud-Nord la prima stazione di sollevamento è quella della piazzetta di Portofino; lo scarico di emergenza, privo di trattamento e condotta, è sito nel porticciolo. (Si vedano foto 1 e 2) Da qui il refluo è condotto verso la seconda stazione di sollevamento, sita presso Punta Caieca. (Si vedano foto 3 e 4) Qui arriva un ulteriore collettamento secondario dagli abitati superiori, si tratta prevalentemente di acque chiare provenienti da alcune piscine. Lo scarico di emergenza in mare è servito da una condotta di emergenza, situata sotto la stazione e le cui caratteristiche principali sono riportate nella tabella seguente: 3.2. Caratteristiche condotta - Identificativo condotta: Punta Caieca - Lunghezza condotta: 200 m - Diametro condotta : 16 cm - Profondità di immissione del refluo: 35 m - Tipo di condotta: condotta di emergenza; lo scarico entra in funzione quando il depuratore di Punta Pedale del Comune di Santa Margherita Ligure non riesce a smaltire i liquami - Trattamenti presenti: - nessuno - Presenza di diffusore: sì - Lunghezza diffusore: 3 m - Numero di ugelli del diffusore: Diametro degli ugelli: 0.5 cm - Posizione degli ugelli sul diffusore: alternati - Anno di realizzazione o di ammodernamento: Depuratore servito: Punta Pedale - Stato di efficienza della condotta (buono/scadente/molto scadente): buono - Ente gestore: Iride Acqua Gas spa tramite Idrotigullio spa (Gestore operativo) Da Punta Caieca le acque reflue sono portate, tramite una condotta sottomarina che da punta Caieca segue la costa in direzione nord, alla successiva stazione di sollevamento, sita presso la baia di Paraggi; lo scarico di emergenza, privo di condotta e trattamento, è sito nella baia presso i Bagni Carillon. (Si vedano Foto 5 e 6) 7 Relazione sulla qualità delle acque costiere (RA)- Scarichi

8 Figura 3.2 Portofino: condotta sottomarina da Punta Caieca a Paraggi Prima di Punta Pedale vi è la stazione di sollevamento Repellini; in questo caso l eventuale scarico di emergenza avviene, senza trattamento, a fil di costa, presso i Bagni di Punta Pedale. (Si vedano Foto 7 e 8) Lungo la direttrice Nord-Sud esistono, in comune di Santa Margherita Ligure, due stazioni di sollevamento, site presso il molo del porticciolo turistico; entrambe scaricano, in situazioni di emergenza, senza trattamento, lungo il molo del porto. (Si vedano Foto 9, 10 e 11) Le acque reflue sono pertanto convogliate al sistema di depurazione di Punta Pedale, attualmente dotato esclusivamente di impianti di pretrattamento e sono in corso i lavori di realizzazione di un depuratore con trattamento secondario. (Si vedano Foto 15 e 16) Il refluo è convogliato in mare tramite la condotta di scarico principale a cui è affiancata una breve condotta di emergenza; la condotta principale ha le seguenti caratteristiche: 3.3. Caratteristiche condotta - Identificativo condotta: Punta Pedale - Lunghezza condotta : 2230 m - Diametro condotta: cm - Profondità di immissione del refluo: 41 m 8 Relazione sulla qualità delle acque costiere (RA)- Scarichi

9 - Tipo di condotta: attiva - trattamenti presenti: Pre-trattamenti: - Rotostacciatura: 3 mm - Dissabbiatura - Portata della condotta: 4500 m 3 /giorno - Presenza di diffusore: sì - Lunghezza diffusore: 150 m - Numero di ugelli del diffusore: 20 - Diametro degli ugelli : 10 cm - Distanza fra gli ugelli: 7,15 m - Posizione degli ugelli sul diffusore (laterali alternati/laterali opposti/verticali/altro): verticali - Anno di realizzazione o di ammodernamento: Depuratore servito (riferimento allo stralcio cartografico): Punta Pedale - Stato di efficienza della condotta (buono/scadente/molto scadente): buono - Ente gestore: Iride Acqua Gas spa tramite Idro-Tigullio spa (Gestore operativo) (Si vedano Foto 12, 13, 14, 15 e 16) 9 Relazione sulla qualità delle acque costiere (RA)- Scarichi

10 4. Scheda 2: sistema di collettamento e trattamento delle acque reflue nei Comuni di Rapallo e di Zoagli (ponente) Figura 4.1 Schema del sistema di collettamento e trattamento acque reflue agglomerato di Rapallo e Zoagli (ponente) 10 Relazione sulla qualità delle acque costiere (RA)- Scarichi

11 Il sistema di depurazione di Rapallo raccoglie i reflui dell intera area comunale e della zona a ponente della galleria Castellano del Comune di Zoagli, tranne che per gli scarichi raccolti nelle fosse Imhoff Caratteristiche agglomerato - Territorio: Rapallo, Zoagli (ponente) - Abitanti equivalenti serviti: Abitanti equivalenti fluttuanti: La prima stazione di sollevamento costiera partendo da ponente è quella di San Michele di Pagana, la tubazione che passa sotto la spiaggia antistante la stazione di sollevamento.(si vedano Foto 1, 2, 3, 4 e 5) Alla stazione di sollevamento di S.Michele di Pagana sono diretti anche i collettamenti della zona sovrastante e del vecchio paese. Proseguendo sulla costa da ponente a levante si trova la stazione di sollevamento Partigiani presso il molo principale del porto di Rapallo. (Si vedano Foto 6 e 7) Vi è poi sulla sponda sinistra del Torrente Boate, nei pressi della foce, la stazione di sollevamento. (Si veda Foto 8) Da qui il refluo è condotto alla stazione di sollevamento e al sistema di depurazione di via Betti, dove confluisce anche quello dalle due stazioni di sollevamento costiere del settore di levante dell agglomerato. La prima è quella denominata le rane. (Si vedano Foto 9 e 10) Proseguendo ad est vi è infine la stazione sul rio Carcare. (Si vedano Foto 11 e 12) In tutti questi casi non sono presenti scarichi di emergenza ed eventuali sfiori dovuti a gravi disservizi trovano sfogo dai tombini della rete fognaria. Il sistema di depurazione di via Betti consiste in soli impianti di pretrattamento, da cui il refluo è convogliato a mare tramite la condotta di scarico: 4.2. Caratteristiche condotta - Identificativo condotta: da sistema di depurazione di via Betti - Lunghezza condotta: m - Diametro condotta : 71 cm - Profondità di immissione del refluo: 48 m - Tipo di condotta: attiva - Trattamenti presenti: - Pre-trattamenti: - Rotostacciatura: 3 mm - Dissabbiatura - Disoleatura - Pre-areazione - Trattamento odori - Portata della condotta: 9730 m3/giorno - Presenza di diffusore: sì - Lunghezza diffusore: 64 diametro 500 mm - Diametro degli ugelli: 100 cm - Posizione degli ugelli sul diffusore: laterali alternati - Anno di ammodernamento: Depuratore servito: via Betti - Stato di efficienza della condotta (buono/scadente/molto scadente): buono - Ente gestore: Iride acqua gas tramite Idrotigullio (Gestore operativo) 11 Relazione sulla qualità delle acque costiere (RA)- Scarichi

12 Oltre alla condotta principale vi è una condotta di emergenza affiancata a quella principale di 2000m di lunghezza e di 520mm di diametro.(si vedano Foto 13, 14 e 15) La condotta attiva è affiancata da una seconda di emergenza, di lunghezza di 2000m e di diametro di 520mm, che entra in funzione in caso di disservizio di quella attiva. Nel caso la rete fognaria di Rapallo presenti un grave disservizio la rete nera scarica nel sistema delle acque bianche che convogliano nel Torrente Boate. 12 Relazione sulla qualità delle acque costiere (RA)- Scarichi

13 5. Scheda 3: sistema di collettamento e trattamento delle acque reflue nel Comune di Zoagli (levante) Figura 5.1 Schema del sistema di collettamento e trattamento acque reflue agglomerato di Zoagli (levante) Le acque reflue del Comune di Zoagli a levante della galleria Castellaro, tranne che per le fosse Imhoff, sono collettate verso la stazione di sollevamento della piazza centrale. In caso di disservizi i reflui sfiorano nel rio Semorile. 13 Relazione sulla qualità delle acque costiere (RA)- Scarichi

14 5.1. Caratteristiche agglomerato - Territorio: Zoagli (levante) - Abitanti equivalenti serviti: Abitanti equivalenti fluttuanti: 3500 (Si vedano Foto dalla 1 alla 4) Più a levante è presente un altra stazione di sollevamento sita sotto la stazione ferroviaria, che convoglia i reflui verso quella centrale. In caso di disservizi i reflui sfiorano a mare. (Si veda Foto 5) Dalla stazione della piazza, senza trattamento, i reflui vengono convogliati in mare tramite la condotta di scarico le cui caratteristiche sono riportate nella tabella seguente. E in progetto la costruzione di un sistema di convogliamento dei reflui verso il depuratore di Chiavari Caratteristiche condotta - Identificativo condotta: Zoagli - Lunghezza condotta: 733 m - Diametro condotta : 30 cm / 31.5 cm - Profondità di immissione del refluo: 25 m - Tipo di condotta: attiva - Trattamenti presenti: - Nessuno - Portata della condotta: 2938 m 3 /giorno - Presenza di diffusore: è presente un unica bocca di scarico da 300 mm di diametro - Anno di realizzazione: 1987 con prolungamento nel Stato di efficienza della condotta (buono/scadente/molto scadente): buono - Ente gestore: Iride Acqua Gas tramite Idro-Tigullio (Gestore operativo) 14 Relazione sulla qualità delle acque costiere (RA)- Scarichi

15 6. Scheda 4: sistema di collettamento e trattamento delle acque reflue nel Comune di Chiavari Figura 6.1 Schema del sistema di collettamento e trattamento acque reflue agglomerato di Chiavari e Leivi Il Comune di Chiavari insieme a quello di Leivi formano un unico agglomerato riguardo il collettamento delle acque reflue civili. 15 Relazione sulla qualità delle acque costiere (RA)- Scarichi

16 6.1. Caratteristiche agglomerato - Territorio: Chiavari, Leivi - Abitanti equivalenti serviti: Abitanti equivalenti fluttuanti: A Chiavari vi sono due stazioni di sollevamento costiere, quella sita in località Villa degli Ulivi, al confine tra il Comune di Chiavari e quello di Zoagli, che in caso di disservizio scarica direttamente nel rio Petu, e quella principale di Corso Millo sulla sponda sinistra del Torrente Rupinaro nei pressi della foce, che in caso di disservizio senza trattamento scarica nel torrente. (Si veda Foto 1) Dalle stazioni di sollevamento i reflui confluiscono poi a quella del depuratore sito in località Preli Presso la sede di C.so Millo viene gestito il sistema di telecontrollo delle stazioni di sollevamento e dei sistemi di depurazione del Tigullio Caratteristiche depuratore - Località: Preli - Ente gestore: Iride Acqua Gas spa tramite Idro-Tigullio spa (Gestore operativo) - Tipo depuratore: - Pre-trattamenti: - Rotostacciatura: 3 mm - Dissabbiatura - Disoleatura - Trattamento: - Trattamento biologico completo a ossigeno liquido con decantazione finale - Linea Fanghi: - Digestione - Essicamento meccanico - Centrifuga - Comuni serviti: Chiavari e Leivi - Abitanti Equivalenti max potenziali di progetto: (Si vedano Foto dalla 2 alla 11) Dal depuratore il refluo è convogliato in mare tramite la condotta di scarico Caratteristiche condotta - Identificativo condotta: da sistema di depurazione di via Preli - Lunghezza condotta: 1600m - Diametro condotta : 40cm - Profondità di immissione del refluo: 28m - Tipo di condotta: attiva - trattamenti presenti: depuratore - Portata della condotta: 5976 m 3 /giorno - Presenza di diffusore: sì - Lunghezza diffusore: 300m - Anno di ammodernamento: Depuratore servito: via Preli - Stato di efficienza della condotta (buono/scadente/molto scadente): buono - Ente gestore: Iride Acqua Gas spa tramite Idro-Tigullio spa (Gestore operativo) 16 Relazione sulla qualità delle acque costiere (RA)- Scarichi

17 7. Scheda 5: sistema di collettamento e trattamento delle acque reflue nel Comune di Lavagna Figura 7.1 Schema del sistema di collettamento e trattamento acque reflue agglomerato di Lavagna, Cogorno, Marasco (loc. graveglia) Il Comune di Lavagna, insieme a quelli di Cogorno e Carasco (località Graveglia), formano un unico agglomerato riguardo il collettamento delle acque reflue civili. 17 Relazione sulla qualità delle acque costiere (RA)- Scarichi

18 7.1. Caratteristiche agglomerato - Territorio: Lavagna, Cogorno, Carasco (loc. Graveglia) - Abitanti equivalenti serviti: Abitanti equivalenti fluttuanti: Le acque reflue del comune di Lavagna sono convogliate, tramite sette stazioni di sollevamento costiere, ad un unica condotta di collettamento lungo la via Aurelia, insieme ai reflui delle stazioni balneari. Le stazioni rispettivamente da levante a ponente sono: - Cavi Borgo - Caccini - Astoria - Lo Scoglio - Parco Tigullio - S.Gabriele - CèCè (Si vedano Foto dalla 1 alla14) In caso di gravi disservizi non sono presenti scarichi di emergenza, ma i reflui fuoriescono dai tombini della rete. La condotta principale colletta le acque nere verso la stazione di sollevamento del sistema di depurazione sito nel porto turistico, dove dopo i trattamenti le acque depurate vengono disperse a mare tramite la condotta asservita Caratteristiche depuratore - Località: porto turistico di Lavagna - Ente gestore: Iride Acqua Gas spa tramite Idro-Tigullio spa (Gestore operativo) - Tipo depuratore: - Pre-trattamenti: - Rotostacciatura: 2 mm - Trattamento: - Accumulo e bilanciamento con flocculazione - Flottazione pressurizzata con n 3 flottatori da 250 mc/h cad. - Linea Fanghi: - Vasca di accumulo chimico fisico prodotto dai flottatori - Condizionamento chimico con polielettrolita - Disidratazione con nastropressa - Condizionamento chimico con CaO - Comuni serviti: Lavagna, Cogorno, Carasco (loc.graveglia) - Abitanti Equivalenti max potenziali di progetto: Caratteristiche condotta - Identificativo condotta: da sistema di depurazione porto turistico - Lunghezza condotta: 1237 m - Diametro condotta : 710 mm - Profondità di immissione del refluo: 33 m - Tipo di condotta: attiva 18 Relazione sulla qualità delle acque costiere (RA)- Scarichi

19 - trattamenti presenti: depuratore - Portata della condotta: m3/giorno - Presenza di diffusore: sì - Lunghezza diffusore: 62 m - Numero di ugelli del diffusore: 18 - Diametro degli ugelli (in centimetri): 12 cm - Anno di realizzazione o di ammodernamento: , prolungamento nel Depuratore servito: depuratore sito nel porto turistico - Stato di efficienza della condotta (buono/scadente/molto scadente): buono - Ente gestore: Iride Acqua Gas spa tramite Idro-Tigullio spa (Gestore operativo) (Si vedano Foto dalla 15 alla 27) 19 Relazione sulla qualità delle acque costiere (RA)- Scarichi

20 8. Scheda 6: sistema di collettamento e trattamento delle acque reflue nel Comune di Sestri Levante (capoluogo) Figura 8.1 Schema del sistema di collettamento e trattamento acque reflue agglomerato di sestri Levante (capoluogo) Le acque reflue della parte del capoluogo del comune di Sestri Levante sono collettate verso il sistema di depurazione di Portobello. Tranne che per gli scarichi raccolti nelle fosse Imhoff tutti gli scarichi risultano collettati alla rete fognaria Caratteristiche agglomerato - Territorio: Sestri Levante (capoluogo) - Abitanti equivalenti serviti: Relazione sulla qualità delle acque costiere (RA)- Scarichi

21 - Abitanti equivalenti fluttuanti: Vi è una sola stazione di sollevamento costiera per il capoluogo di Sestri Levante che quella presso la foce del torrente Gromolo.(Si vedano Figure 1 e 2) Non sono presenti scarichi di emergenza, in caso di gravi disservizi i reflui sfiorano dai tombini della rete fognaria. Tutti i reflui del capoluogo giungono alla stazione di sollevamento di Portobello, sita a ponente della Baia del Silenzio.(Si vedano Foto 3, 4 e 5) Da qui sono trattati dal sistema di depurazione nella stessa località e quindi convogliati a mare tramite la condotta attiva Caratteristiche sistema di depurazione - Località: Portobello - Ente gestore: Iride Acqua Gas spa tramite Idro-Tigullio spa (Gestore operativo) - Tipo depuratore: - Pre-trattamenti: - Rotostacciatura: 3 mm - Dissabbiatura - Disoleatura - Trattamenti Primari: - Vasca di miscelazione con flocculante (cloruro ferrico) - Decantazione lamellare finale - Linea Fanghi: - Digestione - Centrifuga - Trattamento odori - Comuni serviti: Sestri Levante: zona del Capoluogo ed alcune frazioni collinari - Abitanti Equivalenti max potenziali di progetto: Caratteristiche condotta - Identificativo condotta: condotta asservita al sistema di depurazione del Capoluogo in Via Penisola di Levante località Portobello - Lunghezza condotta: 1105 m - Diametro condotta : 600 cm - Profondità di immissione del refluo: 35.5 m - Tipo di condotta: attiva - Portata della condotta: 4300 m 3 /giorno - Presenza di diffusore: sì, a Y - Lunghezza diffusore: 2 x 25 m - Diametro degli ugelli: 20 cm - Distanza fra gli ugelli: 0.80 m - Posizione degli ugelli sul diffusore: laterali alternati - Anno di ammodernamento: 1990 per il primo tronco (primi 200 m) e galleria di 80 m; 2000 per il tratto da 200 m a 800 m - Stato di efficienza della condotta (buono/scadente/molto scadente): buono - Ente gestore: Iride Acqua Gas spa tramite Idro-Tigullio spa (Gestore operativo) (Si vedano Foto dalla 6 alla 19) 21 Relazione sulla qualità delle acque costiere (RA)- Scarichi

22 9. Scheda 7: sistema di collettamento e trattamento delle acque reflue nel Comune di Sestri Levante (levante) Figura 9.1 Schema del sistema di collettamento e trattamento acque reflue agglomerato di Sestri Levante (levante), Casarza Ligure, Castiglione Chiavarese Le acque reflue della parte di levante del comune di Sestri Levante, insieme ai comuni di Casarza Ligure e Castiglione Chiavarese, sono collettate verso la stazione di sollevamento di Riva Trigoso in via Brin. Tranne che per gli scarichi raccolti nelle fosse Imhoff tutti gli scarichi risultano collettati alla rete fognaria Caratteristiche agglomerato - Territorio: Sestri Levante (levante), Casarza Ligure, Castiglione Chiavarese - Abitanti equivalenti serviti: Relazione sulla qualità delle acque costiere (RA)- Scarichi

23 - Abitanti equivalenti fluttuanti: Per la parte di levante del Comune ed alcune frazioni collinari le acque sono convogliate nelle stazioni di sollevamento costiere presso la foce del torrente Petronio e in via Brin in corrispondenza del sistema di pretrattamento dei reflui. (Si vedano Foto 1 e 2) Non sono presenti scarichi di emergenza, in caso di gravi disservizi i reflui sfiorano dai tombini della rete fognaria. Dal sito di via Brin i reflui sono convogliati a mare, insieme a quelli provenienti dalla condotta consortile dei due comuni dell entroterra, tramite la condotta sottomarina Caratteristiche condotta - Identificativo condotta: condotta asservita al sistema di depurazione di località Riva Trigoso via B.Brin - Lunghezza condotta: 1250 m - Diametro condotta : 600 cm - Profondità di immissione del refluo: 41 m - Tipo di condotta: attiva - Trattamenti presenti: - Pre-trattamenti - Rotostacciatura: 3 mm - Trattamento odori - Portata della condotta: 3850 m 3 /giorno - Presenza di diffusore: sì, a Y - Lunghezza diffusore: 2 x 50 m - Diametro degli ugelli: 20 cm - Distanza fra gli ugelli: 0.80 m - Posizione degli ugelli sul diffusore: laterali alternati - Anno di ammodernamento: Stato di efficienza della condotta (buono/scadente/molto scadente): buono - Ente gestore: Iride acqua gas spa tramite Idrotigullio spa (Gestore operativo) - Abitanti Equivalenti max potenziali di progetto: (Si vedano Foto 3, 4 e 5) In entrambe le stazioni di depurazione del comune di Sestri Levante sono stati installati sistemi di controllo degli odori per l aria con filtro a secco. (Si veda Foto dalla 6) 23 Relazione sulla qualità delle acque costiere (RA)- Scarichi

24 10. Anomalie termiche Il 14 e 15 Aprile è stata effettuata dal Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto Reparto 3-2ª Sezione - Ufficio di Telerilevamento, una missione di telerilevamento finalizzata alla ricognizione demaniale del litorale ligure e al censimento degli scarichi e fuoriuscita di eventuali sostanze inquinanti immesse in mare. Si è ritenuto pertanto utile confrontare tali informazioni con i dati cartografici georeferenziando in ambiente GIS i tracciati termici risultanti dalla suddetta missione. Successivamente le informazioni relative ai diversi valori termici alla superficie sono state raffrontate, con la tecnica del mapoverlay, alle condotte di scarico degli impianti di depurazione costiera, al reticolo idrografico e ai dai di qualità delle acque marino costiere (dati IQB e TRIX). Dall analisi delle sovrapposizione cartografica non emergono correlazioni tra gli scarichi delle condotte che comunque non scaricano in superficie bensì a profondità in genere superiori ai metri, mentre appaiono evidenti gli apporti di acque più fredda da parte dei corsi d acquea principali dell Ambito. I dati qualitativi considerati non evidenziano correlazioni significative con le anomalie termiche, ne permettono di individuare scarichi lungo costa rapportabili ad immissioni localizzate. Figura 10.1 Mapoverly anomalie termiche Condotte e dati TRIX, IQB zona levante dell Ambito Costiero Relazione sulla qualità delle acque costiere (RA)- Scarichi

25 Figura 10.2 Mapoverly anomalie termiche Condotte e dati TRIX e IQB zona ponentedell Ambito Costiero Relazione sulla qualità delle acque costiere (RA)- Scarichi

PIANO DI TUTELA DELL AMBIENTE MARINO E COSTIERO

PIANO DI TUTELA DELL AMBIENTE MARINO E COSTIERO PIANO DI TUTELA DELL AMBIENTE MARINO E COSTIERO AMBITO COSTIERO 08 Unità fisiografiche del Centa, Centa Sud e Maremola ART. 41 LEGGE REGIONALE N 20/2006 Relazione sulla qualità delle acque costiere (RA)-

Dettagli

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 18_SML

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 18_SML a. IDENTIFICAZIONE DEL TRATTO DI COSTA Denominazione Codice inizio fine Lunghezza (km) -Zoagli 0701001018 * Punta Punta Chiappe 29,6 * Il codice è costruito con i seguenti campi: Codice Istat Regione Liguria

Dettagli

MASTER PLAN DEPURAZIONE TIGULLIO ORIENTALE

MASTER PLAN DEPURAZIONE TIGULLIO ORIENTALE MASTER PLAN DEPURAZIONE TIGULLIO ORIENTALE PREMESSA METODOLOGICA Gli studi di fattibilità presentati potrebbero avere livelli di approfondimento tra loro non sempre omogenei, anche per via delle differenti

Dettagli

MOD. TECNICO A -Descrizione dell'impianto di depurazione

MOD. TECNICO A -Descrizione dell'impianto di depurazione MOD. TECNICO A -Descrizione dell'impianto di depurazione DATI DELL IMPIANTO DI TRATTAMENTO Denominazione impianto Codice Impianto: Comune Indirizzo Località Gestore dell Impianto di trattamento: Coordinate

Dettagli

PIANO DI TUTELA DELL AMBIENTE MARINO E COSTIERO

PIANO DI TUTELA DELL AMBIENTE MARINO E COSTIERO PIANO DI TUTELA DELL AMBIENTE MARINO E COSTIERO AMBITO COSTIERO 15 Unità fisiografiche Golfo del Tigullio, Baia del Silenzio e Riva Trigoso ART. 41 LEGGE REGIONALE N 20/2006 (RD) Settembre 2011 1 Indice

Dettagli

Riepilogo documentazione

Riepilogo documentazione RILASCIO AUTORIZZAZIONE - MODELLO AR9 DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE PER SCARICHI PROVENIENTI DA IMPIANTI DI DEPURAZIONE DI ACQUE REFLUE URBANE, SFIORATORI DI PIENA, SFIORATORI DI EMERGENZA DI STAZIONI DI SOLLEVAMENTO,

Dettagli

Specifiche tecniche per la redazione della relazione tecnica per interventi stagionali di ripascimento di quantitativo superiore a 1000 metri cubi

Specifiche tecniche per la redazione della relazione tecnica per interventi stagionali di ripascimento di quantitativo superiore a 1000 metri cubi Specifiche tecniche per la redazione della relazione tecnica per interventi stagionali di ripascimento di quantitativo superiore a 1000 metri cubi ovvero di quantitativo inferiore a 1000 metri cubi 1 Parte

Dettagli

CENSIMENTO DELLE ACQUE PER USO CIVILE 2013 (dati 2012)

CENSIMENTO DELLE ACQUE PER USO CIVILE 2013 (dati 2012) CENSIMENTO DELLE ACQUE PER USO CIVILE 0 (dati 0) SEZIONE A - DATI IDENTIFICATIVI DELL ENTE GESTORE (Controllare ed eventualmente modificare i dati identificativi del Gestore). DATI IDENTIFICATIVI DELL

Dettagli

Relazione tecnica del processo depurativo

Relazione tecnica del processo depurativo Relazione tecnica del processo depurativo La presente Relazione ha lo scopo di illustrare il processo depurativo, dell impianto di trattamento acque reflue civili, sito in Riva Ligure (IM). L impianto

Dettagli

ALLA PROVINCIA DI NOVARA da bollo P.ZA MATTEOTTI, 1

ALLA PROVINCIA DI NOVARA da bollo P.ZA MATTEOTTI, 1 marca ALLA PROVINCIA DI NOVARA da bollo P.ZA MATTEOTTI, 1 28100 NOVARA OGGETTO:D.LGS. N. 152/06, L.R. 48/93, L.R. 13/90 DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE URBANE. Il sottoscritto nato

Dettagli

PIANO DI TUTELA DELL AMBIENTE MARINO E COSTIERO

PIANO DI TUTELA DELL AMBIENTE MARINO E COSTIERO PIANO DI TUTELA DELL AMBIENTE MARINO E COSTIERO AMBITO COSTIERO 15 Unità fisiografiche Golfo del Tigullio, Baia del Silenzio e Riva Trigoso ART. 41 LEGGE REGIONALE N 2/26 Relazione sulla qualità delle

Dettagli

PREMESSA. I dati di progetto sono stati trasmessi da AIGO S.r.l. e si basano sui seguenti valori tratti dalle utenze dell acquedotto:

PREMESSA. I dati di progetto sono stati trasmessi da AIGO S.r.l. e si basano sui seguenti valori tratti dalle utenze dell acquedotto: PREMESSA Il nuovo collettore fognario ed il depuratore a servizio delle frazioni Roccia, Villaretto e Pranovo rientrano tra le opere previste a compensazione dell impianto idroelettrico proposto sul Rio

Dettagli

SCHEDA FOGNATURA COMUNALE

SCHEDA FOGNATURA COMUNALE Catasto scarichi - Pubbliche fognature Pag. 1 CATASTO SCARICHI - PUBBLICHE FOGNATURE SCHEDA FOGNATURA COMUNALE Data compilazione: 1.GENERALITA FOGNATURA COMUNALE 1.1 : COMUNE 1.2 GESTORE DELLA FOGNATURA

Dettagli

PROVINCIA OLBIA TEMPIO SETTORE AMBIENTE E SOSTENIBILITA

PROVINCIA OLBIA TEMPIO SETTORE AMBIENTE E SOSTENIBILITA PROVINCIA OLBIA TEMPIO SETTORE AMBIENTE E SOSTENIBILITA ALLEGATO 1 alla Determinazione n. 145 del 24 Aprile 2010 Autorizzazione Integrata Ambientale dell impianto di depurazione reflui urbani ed industriali

Dettagli

I N D I C E. Relazione Tecnico-Illustrativa

I N D I C E. Relazione Tecnico-Illustrativa I N D I C E 1. PREMESSA... 1 2. STATO ATTUALE DEI SISTEMI DI COLLETTAMENTO E DEPURAZIONE... 4 2.1 COMPRENSORIO DI BORGHETTO SANTO SPIRITO (SV)... 4 2.2 COMUNE DI CERIALE (SV)... 5 2.3 COMUNE DI PIETRA

Dettagli

SCHEDA 3 NOTIZIE SULLA RETE

SCHEDA 3 NOTIZIE SULLA RETE Pag. 1 di 10 SCHEDA 3 NOTIZIE SULLA RETE (da compilare per ogni rete) NOTA: AD OGNI RETE FOGNARIA CORRISPONDE UN SOLO SCARICO FINALE RETE NUMERO 3.A DATI GENERALI 3.A.1 UBICAZIONE RETE CAPOLUOGO FRAZIONE

Dettagli

Impianti di depurazione delle acque reflue dell industria agro-alimentare

Impianti di depurazione delle acque reflue dell industria agro-alimentare Impianti di depurazione delle acque reflue dell industria agro-alimentare La profonda conoscenza del ciclo produttivo del settore agro-alimentare, unita alla pluriennale esperienza acquisita, permettono

Dettagli

Scheda agglomerato Caratteristiche generali dell agglomerato. Carico servito da rete fognaria (AE)

Scheda agglomerato Caratteristiche generali dell agglomerato. Carico servito da rete fognaria (AE) Scheda agglomerato Caratteristiche generali dell agglomerato Codice 1 Denominazione Carico nominale Carico servito da rete fognaria Carico trattato 2 Portata annua trattata 3 (m 3 ) Caratteristiche delle

Dettagli

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 03_SAN

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 03_SAN a. IDENTIFICAZIONE DEL TRATTO DI COSTA Denominazione Codice inizio fine Lunghezza (km) 0700800803 Capo Sant Ampelio Capo Verde 31,2 * Il codice è costruito con i seguenti campi: Codice Istat Regione Liguria

Dettagli

Relazione tecnica. Committente Cooperativa Edilizia S. Stefano del Ponte Piazza S. Stefano del Ponte, 8 16039 Sestri Levante

Relazione tecnica. Committente Cooperativa Edilizia S. Stefano del Ponte Piazza S. Stefano del Ponte, 8 16039 Sestri Levante Dott. Ing. Stefano Papini Viale Dante, 97/3 Sestri Levante (Ge) Tel. : 0185 459513, Fax : 010 9301050 E-mail: Stefano_Papini@libero.it Relazione tecnica Committente Cooperativa Edilizia S. Stefano del

Dettagli

Sistemi di Fognature o Sistemi di Drenaggio Urbano

Sistemi di Fognature o Sistemi di Drenaggio Urbano Sistemi di Fognature o Sistemi di Drenaggio Urbano Insieme integrato di opere idrauliche atte a raccogliere, convogliare e allontanare dalle zone urbanizzate le acque reflue domestiche ed industriali,

Dettagli

COMUNE DI DESENZANO DEL GARDA PROVINCIA DI BRESCIA

COMUNE DI DESENZANO DEL GARDA PROVINCIA DI BRESCIA COMUNE DI DESENZANO DEL GARDA PROVINCIA DI BRESCIA PROGETTO ADEGUAMENTO DELLO SCARICO DI EMERGENZA PER IL SOLLEVAMENTO FOGNARIO VILLA LUCCHI NUOVO PROLUNGAMENTO SCARICO A LAGO ESISTENTE RELAZIONE TECNICA

Dettagli

NOTA TERRITORIALE Andamento del mercato immobiliare nel I semestre 2014 Settore residenziale. GENOVA a cura dell Ufficio Statistiche e Studi

NOTA TERRITORIALE Andamento del mercato immobiliare nel I semestre 2014 Settore residenziale. GENOVA a cura dell Ufficio Statistiche e Studi NOTA TERRITORIALE Andamento del mercato immobiliare nel I semestre Settore residenziale a cura dell Ufficio Statistiche e Studi data di pubblicazione: 28 novembre periodo di riferimento: primo semestre

Dettagli

Spett.le. OGGETTO: D. Lgs. 152/06 e successive modifiche ed integrazioni. Rilascio/Rinnovo di autorizzazione allo scarico di acque reflue urbane.

Spett.le. OGGETTO: D. Lgs. 152/06 e successive modifiche ed integrazioni. Rilascio/Rinnovo di autorizzazione allo scarico di acque reflue urbane. PROVINCIA DI MATERA Ufficio Ambiente Servizio di vigilanza e controllo Via Ridola, 60 tel. 0835/306245-322 Marca da Bollo Spett.le PROVINCIA di Matera Ufficio Ambiente Via Ridola,60 75100 Matera OGGETTO:

Dettagli

RELAZIONESULLO STATO ATTUALE E SU IPOTESI DI RISTRUTTURAZIONE DEL DEPURATORE DI CHIAVARI 04/09/15

RELAZIONESULLO STATO ATTUALE E SU IPOTESI DI RISTRUTTURAZIONE DEL DEPURATORE DI CHIAVARI 04/09/15 RELAZIONESULLO STATO ATTUALE E SU IPOTESI DI RISTRUTTURAZIONE DEL DEPURATORE DI CHIAVARI 04/09/15 MEDITERRANEA DELLE ACQUE S.P.A. AREA GESTIONE SERVIZIO 1 PREMESSA La presente relazione è un compendio

Dettagli

DOCUMENTO ISTRUTTORIO

DOCUMENTO ISTRUTTORIO DOCUMENTO ISTRUTTORIO OGGETTO: DISCIPLINARE TECNICO, PARTE IV SEZ 1, ART. 4 AUTORIZZAZIONE DEL PROGETTO DEL PIANO D AMBITO DEFINITIVO: Nuovo collettore di costa per raccolta sfiori rete fognaria e relativi

Dettagli

1. PREMESSE. 1.53.11.1_Piano_gestione_fase_avviamento_E.doc 1

1. PREMESSE. 1.53.11.1_Piano_gestione_fase_avviamento_E.doc 1 1. PREMESSE Il presente documento costituisce il piano con le modalità operative da seguire per la gestione della fase di avvio e collaudo delle nuove opere di progetto per evitare disservizi nel funzionamento

Dettagli

Iridra Srl fitodepurazione e gestione sostenibile delle acque via la Marmora 51, 50121 Firenze Tel. 055470729 Fax 055475593 www.iridra.

Iridra Srl fitodepurazione e gestione sostenibile delle acque via la Marmora 51, 50121 Firenze Tel. 055470729 Fax 055475593 www.iridra. Fitodepurazione per frazioni e comunità isolate Iridra Srl fitodepurazione e gestione sostenibile delle acque via la Marmora 51, 50121 Firenze Tel. 055470729 Fax 055475593 www.iridra.com Frazioni e comunità

Dettagli

SOMMARIO PREMESSA... 3

SOMMARIO PREMESSA... 3 SOMMARIO PREMESSA... 3 1 VASCA N.1... 5 1.1.1 Caratteristiche della vasca... 5 1.1.2 Caratteristiche dell allaccio alla fognatura nera... 5 1.1.3 Caratteristiche del sollevamento... 5 1.1.4 massima portata

Dettagli

COMUNE DI CUPRA MARITTIMA

COMUNE DI CUPRA MARITTIMA GIUNTA REGIONALE Servizio Infrastrutture, Trasporti ed Energia P.F. TUTELA DELLE ACQUE ZZ A COMUNEDICUPRAMARITTIMA Acque di Balneazione ID BW Denominazione BW DAVANTI FOSSO DELL'ACQUA ROSSA DAVANTI TORRENTE

Dettagli

Provincia Regionale di Messina UFFICIO DIRIGENZIALE Ambiente e Politiche Energetiche Via Lucania 20-98100 Messina Tel. 0907761957 Fax 0907761958

Provincia Regionale di Messina UFFICIO DIRIGENZIALE Ambiente e Politiche Energetiche Via Lucania 20-98100 Messina Tel. 0907761957 Fax 0907761958 Provincia Regionale di Messina UFFICIO DIRIGENZIALE Ambiente e Politiche Energetiche Via Lucania 20-98100 Messina Tel. 0907761957 Fax 0907761958 Rapporto sui sistemi depurativi a servizio delle reti fognanti

Dettagli

5.2: Reti tecnologiche

5.2: Reti tecnologiche 5.2: Reti tecnologiche Presentazione: Il corretto funzionamento e l efficienza delle reti tecnologiche di distribuzione e depurazione delle acque è senza dubbio alla base di una gestione corretta e sostenibile

Dettagli

Depuratore Biologico Villanuova Sul Clisi (Bs) Depuratore Biologico Casto (Bs) Depuratore Biologico Serle (Bs)

Depuratore Biologico Villanuova Sul Clisi (Bs) Depuratore Biologico Casto (Bs) Depuratore Biologico Serle (Bs) Depuratore Biologico Villanuova Sul Clisi (Bs) Depuratore Biologico Casto (Bs) Depuratore Biologico Serle (Bs) SEPARATORE OLI E GRASSI IN CAV SEPARATORE EMULSIONI OLEOSE MONOBLOCCO 87 a b c E K vasca di

Dettagli

Relazione tecnica. Cooperativa Edilizia S. Stefano del Ponte Piazza S. Stefano del Ponte, 8 16039 Sestri Levante (Ge)

Relazione tecnica. Cooperativa Edilizia S. Stefano del Ponte Piazza S. Stefano del Ponte, 8 16039 Sestri Levante (Ge) Dott. Ing. Stefano Papini Viale Dante, 97/3 Sestri Levante (Ge) Tel. : 0185 459513, Fax : 010 9301050 E-mail: Stefano_Papini@libero.it Relazione tecnica Committente Cooperativa Edilizia S. Stefano del

Dettagli

INDICE. 1. Scheda Impianto... 3. 2. Caratteristiche Costruttive... 4. 3. Processo di depurazione... 5

INDICE. 1. Scheda Impianto... 3. 2. Caratteristiche Costruttive... 4. 3. Processo di depurazione... 5 INDICE 1. Scheda Impianto... 3 2. Caratteristiche Costruttive... 4 3. Processo di depurazione... 5 4. Scelta degli Additivi Chimici e Dosaggio... 5 5. Processo di Chiariflocculazione e Specifiche Vasca

Dettagli

Primo Rapporto sullo Stato dell Ambiente Provincia di Genova Anno 2003 Turismo

Primo Rapporto sullo Stato dell Ambiente Provincia di Genova Anno 2003 Turismo Inquadramento del tema Il turismo in provincia è un settore economico importante e soprattutto attivo. Esso rappresenta il legame che esiste tra le occasioni di sviluppo economico e la tutela dell ambiente,

Dettagli

COMUNE DI GABICCE A MARE

COMUNE DI GABICCE A MARE GIUNTA REGIONALE Servizio Infrastrutture, Trasporti ed Energia P.F. TUTELA DELLE ACQUE ZZ A COMUNE DI GABICCE A MARE Acque di Balneazione ID BW Denominazione BW 100 M SUD TAVOLLO 20 M NORD MISSISSIPI 20

Dettagli

- PROGETTO DEFINITIVO - ELENCO ELABORATI

- PROGETTO DEFINITIVO - ELENCO ELABORATI PROGETTO DEFINITIVO DELLE OPERE DI NORMALIZZAZIONE DELLA FOGNATURA NERA, ADEGUAMENTO DELL IMPIANTO DI DEPURAZIONE E COSTRUZIONE DEL COLLETTORE EMISSARIO A SERVIZIO DELL AGGLOMERATO DI PORTO CESAREO - PROGETTO

Dettagli

Goletta Verde di Legambiente in Liguria IN LIGURIA MIGLIORAMENTI DELLA QUALITA DELLE ACQUE COSTIERE

Goletta Verde di Legambiente in Liguria IN LIGURIA MIGLIORAMENTI DELLA QUALITA DELLE ACQUE COSTIERE COMUNICATO STAMPA Genova, 14 agosto 2014 Goletta Verde di Legambiente in Liguria Presentati a Roma i dati della campagna nazionale IN LIGURIA MIGLIORAMENTI DELLA QUALITA DELLE ACQUE COSTIERE MA ANCORA

Dettagli

CAPACITÀ PRESTAZIONALI DEI DEPURATORI OPERANTI NEL SISTEMA IDRICO DEI REGI LAGNI. Depuratore di Acerra - Rilievi Aggiornati al 2010.

CAPACITÀ PRESTAZIONALI DEI DEPURATORI OPERANTI NEL SISTEMA IDRICO DEI REGI LAGNI. Depuratore di Acerra - Rilievi Aggiornati al 2010. CAPACITÀ PRESTAZIONALI DEI DEPURATORI OPERANTI NEL SISTEMA IDRICO DEI REGI LAGNI. Depuratore di Acerra - Rilievi Aggiornati al 2010. (Determinazione ENEA n. 267 / 2006/ D.G.) Ing. R. Pica, ENEA novembre

Dettagli

ELABORATO 1 Relazione tecnica descrittiva

ELABORATO 1 Relazione tecnica descrittiva Impianto di depurazione S. Giustina (RN) Verifica di assoggettabilità L.R. 9/99 come integrata ai sensi del D. Lgs. 152/06 e s.m.i. DESCRIZIONE DELL IMPIANTO Sezione di recupero fanghi di depurazione ELABORATO

Dettagli

PROVINCIA DI PAVIA SETTORE TUTELA AMBIENTALE U.O.C. RISORSE IDRICHE VIA TARAMELLI, 2 27100 PAVIA

PROVINCIA DI PAVIA SETTORE TUTELA AMBIENTALE U.O.C. RISORSE IDRICHE VIA TARAMELLI, 2 27100 PAVIA MODELLO A PROVINCIA DI PAVIA SETTORE TUTELA AMBIENTALE U.O.C. RISORSE IDRICHE VIA TARAMELLI, 2 27100 PAVIA Marca da Bollo MODULO PER LA RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO IN CORSI IDRICI SUPERFICIALI

Dettagli

7.1 Arrivi e Presenze per strutture ricettive (2010) 7.2 Tasso di turisticità. 7. Turismo

7.1 Arrivi e Presenze per strutture ricettive (2010) 7.2 Tasso di turisticità. 7. Turismo 7. Turismo 7.1 Arrivi e Presenze per strutture ricettive (2010) Nel 2010 sono arrivati nella Provincia di Genova 1.373.441 turisti (+ 6,1% rispetto al 2009) che hanno soggiornato in prevalenza in Alberghi

Dettagli

AEROSOL BATTERICI. Definizione: materiale particolato in forma sia solida che liquida al quale sono adesi microrganismi anche patogeni

AEROSOL BATTERICI. Definizione: materiale particolato in forma sia solida che liquida al quale sono adesi microrganismi anche patogeni AEROSOL BATTERICI Definizione: materiale particolato in forma sia solida che liquida al quale sono adesi microrganismi anche patogeni Dimensioni: dell ordine del micron (per D< 5 micron sono pericolosi

Dettagli

DEPURAZIONE. Idra gestisce tre impianti di depurazione intercomunali per una capacità totale di circa 390.000 abitanti equivalenti.

DEPURAZIONE. Idra gestisce tre impianti di depurazione intercomunali per una capacità totale di circa 390.000 abitanti equivalenti. DEPURAZIONE Idra gestisce tre impianti di depurazione intercomunali per una capacità totale di circa 390.000 abitanti equivalenti Impianti CASSANO TRUCCAZZANO VIMERCATE TRUCCAZZANO 175.000 ab eq per 45.000

Dettagli

Omron Water Energy Day. Ing. Giacomo Perna Termomeccanica Ecologia S.p.A.

Omron Water Energy Day. Ing. Giacomo Perna Termomeccanica Ecologia S.p.A. Omron Water Energy Day Ing. Giacomo Perna Termomeccanica Ecologia S.p.A. Impianto di Depurazione di Napoli Est Stazione di sollevamento finale Installazione di n. 4 inverter a comando pompe di pozzo Sommario

Dettagli

LIVELLI DI SERVIZIO: STATO ATTUALE ED INDIVIDUAZIONE DELLE PROBLEMATICHE

LIVELLI DI SERVIZIO: STATO ATTUALE ED INDIVIDUAZIONE DELLE PROBLEMATICHE SCHEMA TIPO ALLEGATO N. 1.3 LIVELLI DI SERVIZIO AL PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 2014/2017 E 2018/2032 LIVELLI DI SERVIZIO: STATO ATTUALE ED INDIVIDUAZIONE DELLE PROBLEMATICHE ESISTENTI(DA PIANO D AMBITO

Dettagli

Schema impianto depurazione biologica

Schema impianto depurazione biologica DEPURAZIONE Schema impianto depurazione biologica A cque di scarico Grigliatura Rifiuti grossolani SMALTITORE Dissabbiatura / Disoleatura Rifiuti: sabbie, oli e grassi SMALTITORE Sedimentazione primaria

Dettagli

PROVINCIA DI GENOVA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DIREZIONE AMBIENTE, AMBITI NATURALI E TRASPORTI DIREZIONE AMBIENTE, AMBITI NATURALI E TRASPORTI

PROVINCIA DI GENOVA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DIREZIONE AMBIENTE, AMBITI NATURALI E TRASPORTI DIREZIONE AMBIENTE, AMBITI NATURALI E TRASPORTI PROVINCIA DI GENOVA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DIREZIONE AMBIENTE, AMBITI NATURALI E TRASPORTI DIREZIONE AMBIENTE, AMBITI NATURALI E TRASPORTI Prot. Generale N. 0052482 / 2014 Atto N. 2255 OGGETTO: D.

Dettagli

Messa in sicurezza Quadrante Est: avvio delle attività del progetto percolato

Messa in sicurezza Quadrante Est: avvio delle attività del progetto percolato Messa in sicurezza Quadrante Est: avvio delle attività del progetto percolato Dopo circa un mese di prove, dalla fine di gennaio è in esercizio l impianto di prelievo del percolato presente nei corpi delle

Dettagli

FOGNATURA IDEALE. Rispetto dei limiti imposti dal D. Lgs. 152/99. Impianto di depurazione. Fognatura separata. Acque nere.

FOGNATURA IDEALE. Rispetto dei limiti imposti dal D. Lgs. 152/99. Impianto di depurazione. Fognatura separata. Acque nere. FOGNATURA IDEALE Acque nere Fognatura separata Impianto di depurazione Rispetto dei limiti imposti dal D. Lgs. 152/99 Recapito cque bianche Eventuale trattamento In definitiva: FOGNATURA UNITARIA Acque

Dettagli

CATASTO DEGLI SCARICHI SCHEDA 1

CATASTO DEGLI SCARICHI SCHEDA 1 CATASTO DEGLI SCARICHI SCHEDA 1 1.1 SEDE INSEDIAMENTO RAGIONE SOCIALE _ INDIRIZZO N. COMUNE PROVINCIA C.A.P. CODICE FISCALE P.IVA TEL. _ FAX _ E.MAIL _ RESPONSABILE DATA INIZIO ATTIVITÀ 1.2 SEDE LEGALE

Dettagli

SISTEMA DI TRATTAMENTO DEI FANGHI

SISTEMA DI TRATTAMENTO DEI FANGHI SISTEMA DI TRATTAMENTO DEI FANGHI BAIONI CRUSHING PLANTS SISTEMA DI TRATTAMENTO DEI FANGHI BAIONI CRUSHING PLANTS La protezione dell ambiente, la necessità di gestire al meglio i fanghi derivanti da scavi

Dettagli

Acque 2 sotterranee. Descrizione sintetica del ciclo produttivo e dell utilizzo dell acqua (da non compilare nel caso di usi civili)

Acque 2 sotterranee. Descrizione sintetica del ciclo produttivo e dell utilizzo dell acqua (da non compilare nel caso di usi civili) 1 Mod.AUA_Scheda_A_Scarichi_acque_reflue SCHEDA A SCARICHI DI ACQUE REFLUE 1 A.1 Quadro sinottico degli scarichi finali che nell impianto/stabilimento/attività sono presenti i seguenti scarichi, indicati

Dettagli

IMPIANTI DI TRATTAMENTO DI ACQUE REFLUE URBANE COMUNICAZIONE ART.110 COMMA 3 DEL D.LGS. 152/2006

IMPIANTI DI TRATTAMENTO DI ACQUE REFLUE URBANE COMUNICAZIONE ART.110 COMMA 3 DEL D.LGS. 152/2006 IMPIANTI DI TRATTAMENTO DI ACQUE REFLUE URBANE COMUNICAZIONE ART.110 COMMA 3 DEL D.LGS. 152/2006 Contrassegno telematico Imposta di bollo pari ad 16,00 Spett.le PROVINCIA DI MILANO Settore Risorse Idriche

Dettagli

ALLEGATO A1: DISCIPLINARE TECNICO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DELLE ACQUE METEORICHE E DI DILAVAMENTO

ALLEGATO A1: DISCIPLINARE TECNICO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DELLE ACQUE METEORICHE E DI DILAVAMENTO PARTE A: Ricognizione delle infrastrutture ALLEGATO A1: DISCIPLINARE TECNICO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DELLE ACQUE METEORICHE E DI DILAVAMENTO ALLEGATO DISCIPLINARE TECNICO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO

Dettagli

RELAZIONE SULL IMPIANTO DI DEPURAZIONE DI MILI (ME)

RELAZIONE SULL IMPIANTO DI DEPURAZIONE DI MILI (ME) RELAZIONE SULL IMPIANTO DI DEPURAZIONE DI MILI (ME) L impianto di depurazione a fanghi attivi di Mili, a servizio della fognatura del comune di Messina, sito in località Barone, ha attualmente una potenzialità

Dettagli

GENER-AZIONI IN RETE NEL TIGULLIO

GENER-AZIONI IN RETE NEL TIGULLIO PRESENTAZIONE MOSTRA FOTOGRAFICA E PREMIAZIONE CONCORSO, nell'ambito del progetto della Società Economica di Chiavari GENER-AZIONI IN RETE NEL TIGULLIO: un progetto di Community care facilitato dal Pedagogista

Dettagli

N Impianto Specifiche Tecniche

N Impianto Specifiche Tecniche N Impianto Specifiche Tecniche 1 DEGRASSATORE Il volume interno utile espresso in metri cubi risulta individuato dal prodotto del numero degli abitanti equivalenti moltiplicato per il fattore 0,07, Volume

Dettagli

1 Localizzazione ed accessibilità

1 Localizzazione ed accessibilità 1 Localizzazione ed accessibilità L'area interessata dal Piano Urbanistico Attuativo per la realizzazione della nuova Residenza per persone anziane non autosufficienti si colloca all interno del Comune

Dettagli

SCARICHI ACQUE NERE E BIANCHE VENTILAZIONE SCARICHI PARTE 2

SCARICHI ACQUE NERE E BIANCHE VENTILAZIONE SCARICHI PARTE 2 2013-2014 SCARICHI ACQUE NERE E BIANCHE VENTILAZIONE SCARICHI PARTE 2 Scheda 1 Definizioni 1. acque reflue domestiche: Acque contaminate dall uso e solitamente scaricate da WC, docce, vasche da bagno,

Dettagli

IMPIANTO DI SCARICO DEI REFLUI

IMPIANTO DI SCARICO DEI REFLUI TITOLO ELABORATO SISTEMAZIONE DELL AREA PARCHEGGIO E REALIZZAZIONE DI UN AREA ATTREZZATA PER LA SOSTA BREVE DI CAMPER IN LOCALITÀ CANDÀTEN - COMUNE DI SEDICO (BL) FASE PROGETTO ESECUTIVO ELABORATO PROGETTO

Dettagli

COMUNE DI SAN BENEDETTO DEL TRONTO

COMUNE DI SAN BENEDETTO DEL TRONTO GIUNTA REGIONALE Servizio Infrastrutture, Trasporti ed Energia P.F. TUTELA DELLE ACQUE ZZ A COMUNE DI SAN BENEDETTO DEL TRONTO Acque di Balneazione ID BW Denominazione BW FOCE TORRENTE ALBULA DAVANTI FOSSO

Dettagli

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DELLE ACQUE REFLUE URBANE Decreto Legislativo 3 aprile 2006 n. 152

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DELLE ACQUE REFLUE URBANE Decreto Legislativo 3 aprile 2006 n. 152 DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DELLE ACQUE REFLUE URBANE Decreto Legislativo 3 aprile 2006 n. 152 Provincia di Brescia Settore Ambiente Ufficio Acqua Via Milano n.13 25126 Brescia OGGETTO: Decreto

Dettagli

Provincia di Varese COMUNE DI ALBIZZATE. Studio del reticolo idrico comunale (D.G.R. del 25-01-02 n 7/7868 e s.m.i.)

Provincia di Varese COMUNE DI ALBIZZATE. Studio del reticolo idrico comunale (D.G.R. del 25-01-02 n 7/7868 e s.m.i.) REGIONE LOMBARDIA Provincia di Varese COMUNE DI ALBIZZATE Studio del reticolo idrico comunale (D.G.R. del 25-01-02 n 7/7868 e s.m.i.) Dicembre 2011 INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO MINORE Studio

Dettagli

RELAZIONE TECNICA Smaltimento reflui biologici e trattamento acque superficiali

RELAZIONE TECNICA Smaltimento reflui biologici e trattamento acque superficiali COMUNE DI BLUFI PROVINCIA DI PALERMO PIANO DI LOTTIZZAZIONE IN C.DA COMMENDA - TRE AREE ZONA T.O. DEL P.R.G. : D.2 ( area per insediamenti produttivi industriale-artigianale ) ITAL SYSTEM Spa - sede in

Dettagli

AZIENDA MULTISERVIZI VALENZANA S.p.A. INTRODUZIONE AL CICLO IDRICO INTEGRATO. Comune di Valenza

AZIENDA MULTISERVIZI VALENZANA S.p.A. INTRODUZIONE AL CICLO IDRICO INTEGRATO. Comune di Valenza AZIENDA MULTISERVIZI VALENZANA S.p.A. INTRODUZIONE AL CICLO IDRICO INTEGRATO Comune di Valenza Il Ciclo Idrico Integrato Acque Superficiali Acque di Falda Depurazione Prelievo Collettamento Fognario Distribuzione

Dettagli

CITTÀ DI VARAZZE 17019 - Viale Nazioni Unite, 5 3 SETTORE AREA IMPIANTI TECNOLOGICI A RETE CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO DI FOGNATURA COMUNALE

CITTÀ DI VARAZZE 17019 - Viale Nazioni Unite, 5 3 SETTORE AREA IMPIANTI TECNOLOGICI A RETE CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO DI FOGNATURA COMUNALE CITTÀ DI VARAZZE 17019 - Viale Nazioni Unite, 5 3 SETTORE AREA IMPIANTI TECNOLOGICI A RETE CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO DI FOGNATURA COMUNALE Approvata con Deliberazione della Giunta Comunale 5.12.2013,

Dettagli

E - INDAGINE SUGLI IMPIANTI DI DEPURAZIONE DELLE ACQUE REFLUE URBANE ANNO 1999

E - INDAGINE SUGLI IMPIANTI DI DEPURAZIONE DELLE ACQUE REFLUE URBANE ANNO 1999 REPUBBLICA Mod. ISTAT DEP SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA E - INDAGINE SUGLI IMPIANTI DI DEPURAZIONE DELLE ACQUE REFLUE URBANE ANNO 1999 Codici dell impianto di depurazione

Dettagli

Le previsioni del progetto generale delle fognature di Cividale del Friuli

Le previsioni del progetto generale delle fognature di Cividale del Friuli Relazione idraulica Premesse Il progetto generale delle fognature comunali non è conforme allo standard progettuale del gestore Acquedotto Poiana spa. Ciononostante abbiamo ritenuto indispensabile intervenire

Dettagli

08/04/2014. Gli scarichi idrici

08/04/2014. Gli scarichi idrici Gli scarichi idrici A seconda della loro origine, le acque di scarico domestiche possono essere: acque nere, quelle provenienti dai servizi igienici; acque grigie, quelle provenienti da lavandini, docce

Dettagli

FILTRI PERCOLATORI PER PICCOLE UTENZE

FILTRI PERCOLATORI PER PICCOLE UTENZE FILTRI PERCOLATORI PER PICCOLE UTENZE Questa sezione descrive una serie di impianti prefabbricati progettati e realizzati per il trattamento delle acque reflue domestiche e assimilate provenienti da piccole

Dettagli

COMUNE DI NUMANA. GIUNTA REGIONALE Servizio Infrastrutture, Trasporti ed Energia P.F. TUTELA DELLE ACQUE. Acque di Balneazione.

COMUNE DI NUMANA. GIUNTA REGIONALE Servizio Infrastrutture, Trasporti ed Energia P.F. TUTELA DELLE ACQUE. Acque di Balneazione. GIUNTA REGIONALE Servizio Infrastrutture, Trasporti ed Energia P.F. TUTELA DELLE ACQUE ZZ A COMUNE DI NUMANA Acque di Balneazione ID BW Denominazione BW HOTEL FIOR DI MARE NUMANA BASSA NORD "NUMANA PALACE"

Dettagli

ESPERIENZE DI RIUTILIZZO IRRIGUO DEI REFLUI NEL CONSORZIO DI BONIFICA DELLA NURRA

ESPERIENZE DI RIUTILIZZO IRRIGUO DEI REFLUI NEL CONSORZIO DI BONIFICA DELLA NURRA ESPERIENZE DI RIUTILIZZO IRRIGUO DEI REFLUI NEL CONSORZIO DI BONIFICA DELLA NURRA Ing. Franco Moritto DIRETTORE DELL AREA TECNICA AGRARIA II CONSORZIO DI BONIFICA DELLA NURRA II CONSORZIO DI BONIFICA

Dettagli

RETE NATURA 2000 REGIONE BASILICATA SCHEDA DI SINTESI. IMPATTI AMBIENTALI Rilevatore: Ing. ASTRELLA Michele

RETE NATURA 2000 REGIONE BASILICATA SCHEDA DI SINTESI. IMPATTI AMBIENTALI Rilevatore: Ing. ASTRELLA Michele RETE NATURA 2000 REGIONE BASILICATA SCHEDA DI SINTESI IMPATTI AMBIENTALI Rilevatore: Ing. ASTRELLA Michele Data: 25/06/ 09 Area numero: 5 Denominazione: Murgia di San Lorenzo IT9210220 Capo Area: Giovanni

Dettagli

Luglio 2012. 10/07/2012 055-211342 segreteria@confservizitoscana.it 1

Luglio 2012. 10/07/2012 055-211342 segreteria@confservizitoscana.it 1 VALUTAZIONE DEL QUADRO EMISSIVO DELLE SEZIONI DI TRATTAMENTO FANGHI DEGLI IMPIANTI DI TRATTAMENTO ACQUE (IMPIANTI DI DEPURAZIONE IMPIANTI DI POTABILIZZAZIONE) (punto p. alla parte l dell all. IV alla parte

Dettagli

SCHEDA TECNICA PER SCARICHI INDUSTRIALI

SCHEDA TECNICA PER SCARICHI INDUSTRIALI A) IDENTIFICAZIONE DELLA DITTA SCHEDA TECNICA PER SCARICHI INDUSTRIALI I Identificazione dell Azienda Denominazione Sede legale in via n CAP Comune Tel Fax Email Attività Codice ISTAT CF dell impresa Partita

Dettagli

IMPIANTO PER IL TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI PRIMA PIOGGIA

IMPIANTO PER IL TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI PRIMA PIOGGIA IMPIANTO PER IL TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI PRIMA PIOGGIA PREMESSA Gli impianti di trattamento acque di prima pioggia hanno la funzione di controllare il convogliamento delle acque meteoriche nelle reti

Dettagli

PROVINCIA DI GENOVA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DIREZIONE AMBIENTE, AMBITI NATURALI E TRASPORTI SERVIZIO ACQUA E RIFIUTI

PROVINCIA DI GENOVA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DIREZIONE AMBIENTE, AMBITI NATURALI E TRASPORTI SERVIZIO ACQUA E RIFIUTI PROVINCIA DI GENOVA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DIREZIONE AMBIENTE, AMBITI NATURALI E TRASPORTI SERVIZIO ACQUA E RIFIUTI Prot. Generale N. 0030100 / 2014 Atto N. 1263 OGGETTO: Dlsg 152/06 parte III sez

Dettagli

ALLEGATO A5.14 - SCHEDA FOGNATURA-DEPURAZIONE BRIANZACQUE AGGLOMERATO N. 1

ALLEGATO A5.14 - SCHEDA FOGNATURA-DEPURAZIONE BRIANZACQUE AGGLOMERATO N. 1 ALLEGATO A5.14 - SCHEDA FOGNATURA-DEPURAZIONE BRIANZACQUE AGGLOMERATO N. 1 1. CARATTERISTICHE GENERALI Codice AG01522401 Denominazione : Truccazzano 1.1 COMUNI APPARTENENTI 1. Bellinzago Lombardo 2. Bussero

Dettagli

LA GIORNATA DELL ACQUA. Scuola Media Tartini Classe II C

LA GIORNATA DELL ACQUA. Scuola Media Tartini Classe II C LA GIORNATA DELL ACQUA Scuola Media Tartini Classe II C 6 Marzo 2014 Volume totale di acqua sulla terra 1,4 miliardi di km3 La superficie della terra è ricoperta dal 71% da acqua. Questa superficie si

Dettagli

RELAZIONE DI ARPA FRIULI VENEZIA GIULIA

RELAZIONE DI ARPA FRIULI VENEZIA GIULIA TAVOLO TECNICO INTERAGENZIALE GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE IDRICHE RELAZIONE DI ARPA FRIULI VENEZIA GIULIA Enio Decorte (Referente di ARPA Friuli Venezia Giulia nel Tavolo Tecnico) Quadro storico

Dettagli

PROVINCIA DI BIELLA. Ambiente e Agricoltura - DT Impegno n. DETERMINAZIONE N. 1408 IN DATA 01-06-2011

PROVINCIA DI BIELLA. Ambiente e Agricoltura - DT Impegno n. DETERMINAZIONE N. 1408 IN DATA 01-06-2011 PROVINCIA DI BIELLA Ambiente e Agricoltura - DT Impegno n. Dirigente / Resp. P.O.: SARACCO GIORGIO DETERMINAZIONE N. 1408 IN DATA 01-06-2011 Oggetto: D.Lgs. 152/2006 e ss.mm. Autorizzazione allo scarico

Dettagli

PRIMAPARTE VALSESIA E VALSESSERA

PRIMAPARTE VALSESIA E VALSESSERA PRIMAPARTE VALSESIA E VALSESSERA PER IL TRATTAMENTO DEI LIQUIDI DEPURAZIONE GNato come impianto di depurazione per rispondere alle esigenze della depurazione centralizzata dei reflui civili di sette Comuni

Dettagli

RELAZIONE TECNICA STAZIONE DI CAPODIMONTE IMPIANTO FOGNARIO Cod. commessa C-TAN-CAP. Pagina 1 di 9

RELAZIONE TECNICA STAZIONE DI CAPODIMONTE IMPIANTO FOGNARIO Cod. commessa C-TAN-CAP. Pagina 1 di 9 Pagina 1 di 9 IMPIANTO DI TRATAMENTO E RECAPITO PER SCARICHI DA INSEDIAMENTO CIVILE E ASSIMILABILI AI DOMESTICI MODALITA ESECUTIVE, CALCOLO, MATERIALI E MANUFATTI D ALLACCIAMENTO DELLA RETE FOGNARIA ACQUE

Dettagli

IMPIANTO di DEPURAZIONE (Vasca Imhoff, pozzo assorbente)

IMPIANTO di DEPURAZIONE (Vasca Imhoff, pozzo assorbente) IMPIANTO di DEPURAZIONE (Vasca Imhoff, pozzo assorbente) oggetto Descrizione tecnica dell impianto di smaltimento delle acque nere tramite fossa tipo Imhoff, previo trattamento di Grigliaggio (facoltativo),

Dettagli

ELEMENTI DI PRECISAZIONE

ELEMENTI DI PRECISAZIONE ELEMENTI DI PRECISAZIONE LA NATURA DELLA PROBLEMATICA INERENTE IL COLLETTORE NERO DI ACERRA Particolare rilevanza rivestono gli interventi sul Collettore Emissario dell Area Industriale di Acerra (cd.

Dettagli

Con il patrocinio di. Relatore: dr. Giorgio Serra, Gruppo Gestione Processi, PIAVE SERVIZI www.pianeta-acqua.com

Con il patrocinio di. Relatore: dr. Giorgio Serra, Gruppo Gestione Processi, PIAVE SERVIZI www.pianeta-acqua.com Con il patrocinio di Affidataria del Servizio Idrico Integrato dall A.A.T.O. VENETO ORIENTALE. Società interamente partecipata da 39 Enti Locali tra le Provincie di Venezia e Treviso, composta dalla fusione

Dettagli

PARAMETRI DI FUNZIONAMENTO (DI CALCOLO DELL'IMPIANTO DI DEPURAZIONE)

PARAMETRI DI FUNZIONAMENTO (DI CALCOLO DELL'IMPIANTO DI DEPURAZIONE) PARAMETRI DI FUNZIONAMENTO (DI CALCOLO DELL'IMPIANTO DI DEPURAZIONE) popolazione servita (max.) ab.eq. 45.000,00 dotazione idrica l/ab/d 350,00 coeff. di afflusso 0,80 tipo di fognatura mista portata di

Dettagli

Le opere di difesa. Le opere di derivazione delle acque superficiali. Le opere di immissione nelle acque superficiali

Le opere di difesa. Le opere di derivazione delle acque superficiali. Le opere di immissione nelle acque superficiali Le opere di difesa Le opere di derivazione delle acque superficiali Le opere di immissione nelle acque superficiali I corsi d acqua ricevono svariati apporti liquidi derivanti dalle attività antropiche,

Dettagli

http://www.ecomacchine.it/documentazione/3-dissabbiatori.html DISSABBIATORI e DISOLEATORI

http://www.ecomacchine.it/documentazione/3-dissabbiatori.html DISSABBIATORI e DISOLEATORI ECOMACCHINE S.p.A. Via Vandalino 6 10095 Grugliasco (TO) Tel.: +39.0114028611 Fax: +39.0114028627 Email: ecomacchine@ecomacchine.it Web: www.ecomacchine.it DISSABBIATORI e DISOLEATORI Il secondo trattamento

Dettagli

ALLACCIO ALLA FOGNATURA ESECUZIONE UTENTE

ALLACCIO ALLA FOGNATURA ESECUZIONE UTENTE Presentazione del progetto ALLACCIO ALLA FOGNATURA ESECUZIONE UTENTE Contestualmente alla domanda il richiedente è tenuto a presentare in DUPLICE copia e su supporto informatico la seguente documentazione,

Dettagli

Allarme foci e torrenti: fortemente inquinati in 12 punti

Allarme foci e torrenti: fortemente inquinati in 12 punti , 12 agosto 2010 Comunicato stampa Goletta Verde di Legambiente a presenta le criticità del mare e delle coste liguri Allarme foci e torrenti: fortemente inquinati in 12 punti Legambiente: In mare gli

Dettagli

REG 4.4.7.a REGISTRO DELLE EMERGENZE AMBIENTALI

REG 4.4.7.a REGISTRO DELLE EMERGENZE AMBIENTALI REGISTRO DELLE EMERGENZE AMBIENTALI riferimenti normativi : UNIENISO14001:2004 REG 4.4.7 a / rev 08 data 30.04.2013 COMUNE DI BERGEGGI (Provincia di Savona) Via De Mari 28 D 17028 Bergeggi (SV) tel. 019

Dettagli

INQUINAMENTO DEL GOLFO DI TRIESTE: IL DISASTRO AMBIENTALE DEI DEPURATORI

INQUINAMENTO DEL GOLFO DI TRIESTE: IL DISASTRO AMBIENTALE DEI DEPURATORI www.greenaction-planet.org INQUINAMENTO DEL GOLFO DI TRIESTE: IL DISASTRO AMBIENTALE DEI DEPURATORI Il Golfo di Trieste è un bacino chiuso identificabile come un unico corpo idrico significativo e di medio

Dettagli

Sulle condizioni di rischio idraulico in relazione alla realizzazione del nuovo impianto di depurazione alla foce del fiume Entella

Sulle condizioni di rischio idraulico in relazione alla realizzazione del nuovo impianto di depurazione alla foce del fiume Entella Lavagna (GE), 27 marzo 2014 Sulle condizioni di rischio idraulico in relazione alla realizzazione del nuovo impianto di depurazione alla foce del fiume Entella DIST Dipartimento Interateneo di Scienze,

Dettagli

Trattamento e smaltimento reflui in corpo recettore NORMALE - agglomerati urbani, massimo 200 AE - assimilati domestico, domestico fino a 100 AE

Trattamento e smaltimento reflui in corpo recettore NORMALE - agglomerati urbani, massimo 200 AE - assimilati domestico, domestico fino a 100 AE Scheda 1 Trattamento e smaltimento reflui in corpo recettore NORMALE - agglomerati urbani, massimo 200 AE - assimilati domestico, domestico fino a 100 AE A B C 4 D 1 - degrassatore - sedimentatore 2 -

Dettagli

SISTEMA CON CERTIFICAZIONE ISO 9001:2000 GN-004

SISTEMA CON CERTIFICAZIONE ISO 9001:2000 GN-004 SISTEMA CON CERTIFICAZIONE ISO 9001:2000 GN-004 INDICE: 1 PREMESSA... 2 2 Costi parametrici Servizio Acquedotto... 3 2.1 Costo nuove condotte di adduzione dell acquedotto... 3 2.2 Costo nuove condotte

Dettagli