PIANO DI TUTELA DELL AMBIENTE MARINO E COSTIERO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIANO DI TUTELA DELL AMBIENTE MARINO E COSTIERO"

Transcript

1 PIANO DI TUTELA DELL AMBIENTE MARINO E COSTIERO AMBITO COSTIERO 15 Unità fisiografiche Golfo del Tigullio, Baia del Silenzio e Riva Trigoso ART. 41 LEGGE REGIONALE N 20/2006 Relazione sulla qualità delle acque costiere (RA)- Scarichi Settembre Relazione sulla qualità delle acque costiere (RA)- Scarichi

2 Indice 1. Introduzione 3 2. Indagine sui sistemi di collettamento e trattamento delle acque reflue nel Tigullio 4 3. Scheda 1: sistema di collettamento e trattamento delle acque reflue nei Comuni di Portofino e Santa Margherita Ligure Caratteristiche agglomerato Caratteristiche condotta Caratteristiche condotta 8 4. Scheda 2: sistema di collettamento e trattamento delle acque reflue nei Comuni di Rapallo e di Zoagli (ponente) Caratteristiche agglomerato Caratteristiche condotta Scheda 3: sistema di collettamento e trattamento delle acque reflue nel Comune di Zoagli (levante) Caratteristiche agglomerato Caratteristiche condotta Scheda 4: sistema di collettamento e trattamento delle acque reflue nel Comune di Chiavari Caratteristiche agglomerato Caratteristiche depuratore Caratteristiche condotta Scheda 5: sistema di collettamento e trattamento delle acque reflue nel Comune di Lavagna Caratteristiche agglomerato Caratteristiche depuratore Caratteristiche condotta Scheda 6: sistema di collettamento e trattamento delle acque reflue nel Comune di Sestri Levante (capoluogo) Caratteristiche agglomerato Caratteristiche sistema di depurazione Caratteristiche condotta Scheda 7: sistema di collettamento e trattamento delle acque reflue nel Comune di Sestri Levante (levante) Caratteristiche agglomerato Caratteristiche condotta Anomalie termiche 24 2 Relazione sulla qualità delle acque costiere (RA)- Scarichi

3 1. Introduzione Per questo studio di approfondimento sulla situazione degli scarichi costieri, si è partiti dai dati presenti nell archivio della Regione Liguria, raccolti e aggiornati dal Settore Ecosistema Costiero. I dati riguardano in particolare gli agglomerati, i centri di trattamento e le condotte di scarico a mare, per ciascuno di questi argomenti è stata creata una scheda riassuntiva dei dati. Il lavoro di approfondimento è consistito nel verificare questi dati direttamente incontrando sul loco le persone competenti dei Comuni interessati (quelli costieri dl Golfo del Tigullio) e quelle dell ente gestore operativo degli impianti: Idrotigullio del gruppo Iride Acqua Gas. Oltre alla verifica dei dati sulla carta si è fatto un sopralluogo in ogni centro di trattamento e presso le stazioni di sollevamento lungo tutto il litorale del Tigullio, con relativo servizio fotografico (la documentazione fotografica a cui fanno riferimento le schede seguenti è disponibile presso il settore Ecosistema Costiero del Dipartimento Ambiente della Regione Liguria e non fa parte della presente relazione). 3 Relazione sulla qualità delle acque costiere (RA)- Scarichi

4 2. Indagine sui sistemi di collettamento e trattamento delle acque reflue nel Tigullio Il sistema di collettamento e trattamento delle acque reflue nel Tigullio è gestito da Iride Acqua Gas spa tramite il gestore operativo Idro-Tigullio spa. Tutti i reflui sono collettati alla rete fognaria tranne per alcune utenze dotate di fosse Imhoff di gestione privata. In totale si rilevano 7 agglomerati a cui corrispondono altrettanti scarichi permanenti a mare. In tutti i casi il sistema finale di scarico è servito da una condotta di scarico a mare; la distanza dalla costa va dai 1100 m ai 2950 m e la profondità di scarico dai 22 m ai 48 m. Le condotte sono in genere dotate a monte di un sistema di pretrattamento dei reflui; solo in un caso, il liquame viene pompato a mare senza pretrattamento. In alcuni casi esistono trattamenti più spinti di tipo chimico-fisico o biologico. Ogni anno vengono prodotti da tutti gli agglomerati del Tigullio, costieri e dell entroterra, 500 t di mondiglia e 3700 t di fanghi destinati alle rispettive discariche. Una volta all anno il gestore operativo effettua il controllo e la pulizia delle principali dorsali di collettamento della rete fognaria. Presso la sede di C.so Millo a Chiavari, presso la sede operativa del gestore, viene gestito il telecontrollo delle stazioni di sollevamento e dei sistemi di depurazione del Tigullio. Figura 2.1 Sistema di telecontrollo nella sede di C.so Millo a Chiavari Il sistema è ubicato nella maggior parte delle stazioni di sollevamento e nei sistemi di depurazione, rileva il livello del refluo o il malfunzionamento delle pompe o della depurazione. 4 Relazione sulla qualità delle acque costiere (RA)- Scarichi

5 Figura 2.2 sistema di telecontrollo nelle stazioni di sollevamento Dalla sede di Chiavari sono monitorati in continuo i dati e in caso di disservizi parte automaticamente una chiamata con descrizione del guasto al responsabile di zona. In ogni caso esiste un numero verde a cui è possibile rivolgersi per ogni criticità osservata dai cittadini. Durante la stagione estiva, o comunque durante i periodi di magra, alcuni corsi d acqua di portata minore vengono convogliati in via cautelativa nella rete fognaria. I corsi d acqua soggetti alla presa di magra sono per il Tigullio il rio Ravino e l affluente al Canale della Chiusa (Sestri Levante), il torrente Rupinaro e il beo dei Frati (Chiavari). Di seguito si riportano le schede descrittive di dettaglio dei 7 agglomerati censiti. 5 Relazione sulla qualità delle acque costiere (RA)- Scarichi

6 3. Scheda 1: sistema di collettamento e trattamento delle acque reflue nei Comuni di Portofino e Santa Margherita Ligure Figura 3.1 Schema del sistema di collettamento e trattamento acque reflue agglomerato di Portofino e S.Margherita L. I comuni di Santa Margherita Ligure e Portofino costituiscono, sotto l aspetto del collettamento delle acque reflue di origine civile, un unico agglomerato con le seguenti caratteristiche: 3.1. Caratteristiche agglomerato - Territorio: Santa Margherita Ligure, Portofino - Abitanti equivalenti serviti: Abitanti equivalenti fluttuanti: Relazione sulla qualità delle acque costiere (RA)- Scarichi

7 Tranne che per gli scarichi raccolti nelle fosse Imhoff tutti gli scarichi risultano collettati alla rete fognaria. Le acque reflue dei due comuni sono convogliate tramite diverse stazioni di sollevamento costiere verso il centro di depurazione sito presso Punta Pedale, in comune di Santa Margherita Ligure. Esistono pertanto due rami principali di convogliamento delle acque reflue: dall abitato di Portofino in direzione Nord e dall abitato di Santa Margherita Ligure in direzione Sud. Lungo la direttrice Sud-Nord la prima stazione di sollevamento è quella della piazzetta di Portofino; lo scarico di emergenza, privo di trattamento e condotta, è sito nel porticciolo. (Si vedano foto 1 e 2) Da qui il refluo è condotto verso la seconda stazione di sollevamento, sita presso Punta Caieca. (Si vedano foto 3 e 4) Qui arriva un ulteriore collettamento secondario dagli abitati superiori, si tratta prevalentemente di acque chiare provenienti da alcune piscine. Lo scarico di emergenza in mare è servito da una condotta di emergenza, situata sotto la stazione e le cui caratteristiche principali sono riportate nella tabella seguente: 3.2. Caratteristiche condotta - Identificativo condotta: Punta Caieca - Lunghezza condotta: 200 m - Diametro condotta : 16 cm - Profondità di immissione del refluo: 35 m - Tipo di condotta: condotta di emergenza; lo scarico entra in funzione quando il depuratore di Punta Pedale del Comune di Santa Margherita Ligure non riesce a smaltire i liquami - Trattamenti presenti: - nessuno - Presenza di diffusore: sì - Lunghezza diffusore: 3 m - Numero di ugelli del diffusore: Diametro degli ugelli: 0.5 cm - Posizione degli ugelli sul diffusore: alternati - Anno di realizzazione o di ammodernamento: Depuratore servito: Punta Pedale - Stato di efficienza della condotta (buono/scadente/molto scadente): buono - Ente gestore: Iride Acqua Gas spa tramite Idrotigullio spa (Gestore operativo) Da Punta Caieca le acque reflue sono portate, tramite una condotta sottomarina che da punta Caieca segue la costa in direzione nord, alla successiva stazione di sollevamento, sita presso la baia di Paraggi; lo scarico di emergenza, privo di condotta e trattamento, è sito nella baia presso i Bagni Carillon. (Si vedano Foto 5 e 6) 7 Relazione sulla qualità delle acque costiere (RA)- Scarichi

8 Figura 3.2 Portofino: condotta sottomarina da Punta Caieca a Paraggi Prima di Punta Pedale vi è la stazione di sollevamento Repellini; in questo caso l eventuale scarico di emergenza avviene, senza trattamento, a fil di costa, presso i Bagni di Punta Pedale. (Si vedano Foto 7 e 8) Lungo la direttrice Nord-Sud esistono, in comune di Santa Margherita Ligure, due stazioni di sollevamento, site presso il molo del porticciolo turistico; entrambe scaricano, in situazioni di emergenza, senza trattamento, lungo il molo del porto. (Si vedano Foto 9, 10 e 11) Le acque reflue sono pertanto convogliate al sistema di depurazione di Punta Pedale, attualmente dotato esclusivamente di impianti di pretrattamento e sono in corso i lavori di realizzazione di un depuratore con trattamento secondario. (Si vedano Foto 15 e 16) Il refluo è convogliato in mare tramite la condotta di scarico principale a cui è affiancata una breve condotta di emergenza; la condotta principale ha le seguenti caratteristiche: 3.3. Caratteristiche condotta - Identificativo condotta: Punta Pedale - Lunghezza condotta : 2230 m - Diametro condotta: cm - Profondità di immissione del refluo: 41 m 8 Relazione sulla qualità delle acque costiere (RA)- Scarichi

9 - Tipo di condotta: attiva - trattamenti presenti: Pre-trattamenti: - Rotostacciatura: 3 mm - Dissabbiatura - Portata della condotta: 4500 m 3 /giorno - Presenza di diffusore: sì - Lunghezza diffusore: 150 m - Numero di ugelli del diffusore: 20 - Diametro degli ugelli : 10 cm - Distanza fra gli ugelli: 7,15 m - Posizione degli ugelli sul diffusore (laterali alternati/laterali opposti/verticali/altro): verticali - Anno di realizzazione o di ammodernamento: Depuratore servito (riferimento allo stralcio cartografico): Punta Pedale - Stato di efficienza della condotta (buono/scadente/molto scadente): buono - Ente gestore: Iride Acqua Gas spa tramite Idro-Tigullio spa (Gestore operativo) (Si vedano Foto 12, 13, 14, 15 e 16) 9 Relazione sulla qualità delle acque costiere (RA)- Scarichi

10 4. Scheda 2: sistema di collettamento e trattamento delle acque reflue nei Comuni di Rapallo e di Zoagli (ponente) Figura 4.1 Schema del sistema di collettamento e trattamento acque reflue agglomerato di Rapallo e Zoagli (ponente) 10 Relazione sulla qualità delle acque costiere (RA)- Scarichi

11 Il sistema di depurazione di Rapallo raccoglie i reflui dell intera area comunale e della zona a ponente della galleria Castellano del Comune di Zoagli, tranne che per gli scarichi raccolti nelle fosse Imhoff Caratteristiche agglomerato - Territorio: Rapallo, Zoagli (ponente) - Abitanti equivalenti serviti: Abitanti equivalenti fluttuanti: La prima stazione di sollevamento costiera partendo da ponente è quella di San Michele di Pagana, la tubazione che passa sotto la spiaggia antistante la stazione di sollevamento.(si vedano Foto 1, 2, 3, 4 e 5) Alla stazione di sollevamento di S.Michele di Pagana sono diretti anche i collettamenti della zona sovrastante e del vecchio paese. Proseguendo sulla costa da ponente a levante si trova la stazione di sollevamento Partigiani presso il molo principale del porto di Rapallo. (Si vedano Foto 6 e 7) Vi è poi sulla sponda sinistra del Torrente Boate, nei pressi della foce, la stazione di sollevamento. (Si veda Foto 8) Da qui il refluo è condotto alla stazione di sollevamento e al sistema di depurazione di via Betti, dove confluisce anche quello dalle due stazioni di sollevamento costiere del settore di levante dell agglomerato. La prima è quella denominata le rane. (Si vedano Foto 9 e 10) Proseguendo ad est vi è infine la stazione sul rio Carcare. (Si vedano Foto 11 e 12) In tutti questi casi non sono presenti scarichi di emergenza ed eventuali sfiori dovuti a gravi disservizi trovano sfogo dai tombini della rete fognaria. Il sistema di depurazione di via Betti consiste in soli impianti di pretrattamento, da cui il refluo è convogliato a mare tramite la condotta di scarico: 4.2. Caratteristiche condotta - Identificativo condotta: da sistema di depurazione di via Betti - Lunghezza condotta: m - Diametro condotta : 71 cm - Profondità di immissione del refluo: 48 m - Tipo di condotta: attiva - Trattamenti presenti: - Pre-trattamenti: - Rotostacciatura: 3 mm - Dissabbiatura - Disoleatura - Pre-areazione - Trattamento odori - Portata della condotta: 9730 m3/giorno - Presenza di diffusore: sì - Lunghezza diffusore: 64 diametro 500 mm - Diametro degli ugelli: 100 cm - Posizione degli ugelli sul diffusore: laterali alternati - Anno di ammodernamento: Depuratore servito: via Betti - Stato di efficienza della condotta (buono/scadente/molto scadente): buono - Ente gestore: Iride acqua gas tramite Idrotigullio (Gestore operativo) 11 Relazione sulla qualità delle acque costiere (RA)- Scarichi

12 Oltre alla condotta principale vi è una condotta di emergenza affiancata a quella principale di 2000m di lunghezza e di 520mm di diametro.(si vedano Foto 13, 14 e 15) La condotta attiva è affiancata da una seconda di emergenza, di lunghezza di 2000m e di diametro di 520mm, che entra in funzione in caso di disservizio di quella attiva. Nel caso la rete fognaria di Rapallo presenti un grave disservizio la rete nera scarica nel sistema delle acque bianche che convogliano nel Torrente Boate. 12 Relazione sulla qualità delle acque costiere (RA)- Scarichi

13 5. Scheda 3: sistema di collettamento e trattamento delle acque reflue nel Comune di Zoagli (levante) Figura 5.1 Schema del sistema di collettamento e trattamento acque reflue agglomerato di Zoagli (levante) Le acque reflue del Comune di Zoagli a levante della galleria Castellaro, tranne che per le fosse Imhoff, sono collettate verso la stazione di sollevamento della piazza centrale. In caso di disservizi i reflui sfiorano nel rio Semorile. 13 Relazione sulla qualità delle acque costiere (RA)- Scarichi

14 5.1. Caratteristiche agglomerato - Territorio: Zoagli (levante) - Abitanti equivalenti serviti: Abitanti equivalenti fluttuanti: 3500 (Si vedano Foto dalla 1 alla 4) Più a levante è presente un altra stazione di sollevamento sita sotto la stazione ferroviaria, che convoglia i reflui verso quella centrale. In caso di disservizi i reflui sfiorano a mare. (Si veda Foto 5) Dalla stazione della piazza, senza trattamento, i reflui vengono convogliati in mare tramite la condotta di scarico le cui caratteristiche sono riportate nella tabella seguente. E in progetto la costruzione di un sistema di convogliamento dei reflui verso il depuratore di Chiavari Caratteristiche condotta - Identificativo condotta: Zoagli - Lunghezza condotta: 733 m - Diametro condotta : 30 cm / 31.5 cm - Profondità di immissione del refluo: 25 m - Tipo di condotta: attiva - Trattamenti presenti: - Nessuno - Portata della condotta: 2938 m 3 /giorno - Presenza di diffusore: è presente un unica bocca di scarico da 300 mm di diametro - Anno di realizzazione: 1987 con prolungamento nel Stato di efficienza della condotta (buono/scadente/molto scadente): buono - Ente gestore: Iride Acqua Gas tramite Idro-Tigullio (Gestore operativo) 14 Relazione sulla qualità delle acque costiere (RA)- Scarichi

15 6. Scheda 4: sistema di collettamento e trattamento delle acque reflue nel Comune di Chiavari Figura 6.1 Schema del sistema di collettamento e trattamento acque reflue agglomerato di Chiavari e Leivi Il Comune di Chiavari insieme a quello di Leivi formano un unico agglomerato riguardo il collettamento delle acque reflue civili. 15 Relazione sulla qualità delle acque costiere (RA)- Scarichi

16 6.1. Caratteristiche agglomerato - Territorio: Chiavari, Leivi - Abitanti equivalenti serviti: Abitanti equivalenti fluttuanti: A Chiavari vi sono due stazioni di sollevamento costiere, quella sita in località Villa degli Ulivi, al confine tra il Comune di Chiavari e quello di Zoagli, che in caso di disservizio scarica direttamente nel rio Petu, e quella principale di Corso Millo sulla sponda sinistra del Torrente Rupinaro nei pressi della foce, che in caso di disservizio senza trattamento scarica nel torrente. (Si veda Foto 1) Dalle stazioni di sollevamento i reflui confluiscono poi a quella del depuratore sito in località Preli Presso la sede di C.so Millo viene gestito il sistema di telecontrollo delle stazioni di sollevamento e dei sistemi di depurazione del Tigullio Caratteristiche depuratore - Località: Preli - Ente gestore: Iride Acqua Gas spa tramite Idro-Tigullio spa (Gestore operativo) - Tipo depuratore: - Pre-trattamenti: - Rotostacciatura: 3 mm - Dissabbiatura - Disoleatura - Trattamento: - Trattamento biologico completo a ossigeno liquido con decantazione finale - Linea Fanghi: - Digestione - Essicamento meccanico - Centrifuga - Comuni serviti: Chiavari e Leivi - Abitanti Equivalenti max potenziali di progetto: (Si vedano Foto dalla 2 alla 11) Dal depuratore il refluo è convogliato in mare tramite la condotta di scarico Caratteristiche condotta - Identificativo condotta: da sistema di depurazione di via Preli - Lunghezza condotta: 1600m - Diametro condotta : 40cm - Profondità di immissione del refluo: 28m - Tipo di condotta: attiva - trattamenti presenti: depuratore - Portata della condotta: 5976 m 3 /giorno - Presenza di diffusore: sì - Lunghezza diffusore: 300m - Anno di ammodernamento: Depuratore servito: via Preli - Stato di efficienza della condotta (buono/scadente/molto scadente): buono - Ente gestore: Iride Acqua Gas spa tramite Idro-Tigullio spa (Gestore operativo) 16 Relazione sulla qualità delle acque costiere (RA)- Scarichi

17 7. Scheda 5: sistema di collettamento e trattamento delle acque reflue nel Comune di Lavagna Figura 7.1 Schema del sistema di collettamento e trattamento acque reflue agglomerato di Lavagna, Cogorno, Marasco (loc. graveglia) Il Comune di Lavagna, insieme a quelli di Cogorno e Carasco (località Graveglia), formano un unico agglomerato riguardo il collettamento delle acque reflue civili. 17 Relazione sulla qualità delle acque costiere (RA)- Scarichi

18 7.1. Caratteristiche agglomerato - Territorio: Lavagna, Cogorno, Carasco (loc. Graveglia) - Abitanti equivalenti serviti: Abitanti equivalenti fluttuanti: Le acque reflue del comune di Lavagna sono convogliate, tramite sette stazioni di sollevamento costiere, ad un unica condotta di collettamento lungo la via Aurelia, insieme ai reflui delle stazioni balneari. Le stazioni rispettivamente da levante a ponente sono: - Cavi Borgo - Caccini - Astoria - Lo Scoglio - Parco Tigullio - S.Gabriele - CèCè (Si vedano Foto dalla 1 alla14) In caso di gravi disservizi non sono presenti scarichi di emergenza, ma i reflui fuoriescono dai tombini della rete. La condotta principale colletta le acque nere verso la stazione di sollevamento del sistema di depurazione sito nel porto turistico, dove dopo i trattamenti le acque depurate vengono disperse a mare tramite la condotta asservita Caratteristiche depuratore - Località: porto turistico di Lavagna - Ente gestore: Iride Acqua Gas spa tramite Idro-Tigullio spa (Gestore operativo) - Tipo depuratore: - Pre-trattamenti: - Rotostacciatura: 2 mm - Trattamento: - Accumulo e bilanciamento con flocculazione - Flottazione pressurizzata con n 3 flottatori da 250 mc/h cad. - Linea Fanghi: - Vasca di accumulo chimico fisico prodotto dai flottatori - Condizionamento chimico con polielettrolita - Disidratazione con nastropressa - Condizionamento chimico con CaO - Comuni serviti: Lavagna, Cogorno, Carasco (loc.graveglia) - Abitanti Equivalenti max potenziali di progetto: Caratteristiche condotta - Identificativo condotta: da sistema di depurazione porto turistico - Lunghezza condotta: 1237 m - Diametro condotta : 710 mm - Profondità di immissione del refluo: 33 m - Tipo di condotta: attiva 18 Relazione sulla qualità delle acque costiere (RA)- Scarichi

19 - trattamenti presenti: depuratore - Portata della condotta: m3/giorno - Presenza di diffusore: sì - Lunghezza diffusore: 62 m - Numero di ugelli del diffusore: 18 - Diametro degli ugelli (in centimetri): 12 cm - Anno di realizzazione o di ammodernamento: , prolungamento nel Depuratore servito: depuratore sito nel porto turistico - Stato di efficienza della condotta (buono/scadente/molto scadente): buono - Ente gestore: Iride Acqua Gas spa tramite Idro-Tigullio spa (Gestore operativo) (Si vedano Foto dalla 15 alla 27) 19 Relazione sulla qualità delle acque costiere (RA)- Scarichi

20 8. Scheda 6: sistema di collettamento e trattamento delle acque reflue nel Comune di Sestri Levante (capoluogo) Figura 8.1 Schema del sistema di collettamento e trattamento acque reflue agglomerato di sestri Levante (capoluogo) Le acque reflue della parte del capoluogo del comune di Sestri Levante sono collettate verso il sistema di depurazione di Portobello. Tranne che per gli scarichi raccolti nelle fosse Imhoff tutti gli scarichi risultano collettati alla rete fognaria Caratteristiche agglomerato - Territorio: Sestri Levante (capoluogo) - Abitanti equivalenti serviti: Relazione sulla qualità delle acque costiere (RA)- Scarichi

21 - Abitanti equivalenti fluttuanti: Vi è una sola stazione di sollevamento costiera per il capoluogo di Sestri Levante che quella presso la foce del torrente Gromolo.(Si vedano Figure 1 e 2) Non sono presenti scarichi di emergenza, in caso di gravi disservizi i reflui sfiorano dai tombini della rete fognaria. Tutti i reflui del capoluogo giungono alla stazione di sollevamento di Portobello, sita a ponente della Baia del Silenzio.(Si vedano Foto 3, 4 e 5) Da qui sono trattati dal sistema di depurazione nella stessa località e quindi convogliati a mare tramite la condotta attiva Caratteristiche sistema di depurazione - Località: Portobello - Ente gestore: Iride Acqua Gas spa tramite Idro-Tigullio spa (Gestore operativo) - Tipo depuratore: - Pre-trattamenti: - Rotostacciatura: 3 mm - Dissabbiatura - Disoleatura - Trattamenti Primari: - Vasca di miscelazione con flocculante (cloruro ferrico) - Decantazione lamellare finale - Linea Fanghi: - Digestione - Centrifuga - Trattamento odori - Comuni serviti: Sestri Levante: zona del Capoluogo ed alcune frazioni collinari - Abitanti Equivalenti max potenziali di progetto: Caratteristiche condotta - Identificativo condotta: condotta asservita al sistema di depurazione del Capoluogo in Via Penisola di Levante località Portobello - Lunghezza condotta: 1105 m - Diametro condotta : 600 cm - Profondità di immissione del refluo: 35.5 m - Tipo di condotta: attiva - Portata della condotta: 4300 m 3 /giorno - Presenza di diffusore: sì, a Y - Lunghezza diffusore: 2 x 25 m - Diametro degli ugelli: 20 cm - Distanza fra gli ugelli: 0.80 m - Posizione degli ugelli sul diffusore: laterali alternati - Anno di ammodernamento: 1990 per il primo tronco (primi 200 m) e galleria di 80 m; 2000 per il tratto da 200 m a 800 m - Stato di efficienza della condotta (buono/scadente/molto scadente): buono - Ente gestore: Iride Acqua Gas spa tramite Idro-Tigullio spa (Gestore operativo) (Si vedano Foto dalla 6 alla 19) 21 Relazione sulla qualità delle acque costiere (RA)- Scarichi

22 9. Scheda 7: sistema di collettamento e trattamento delle acque reflue nel Comune di Sestri Levante (levante) Figura 9.1 Schema del sistema di collettamento e trattamento acque reflue agglomerato di Sestri Levante (levante), Casarza Ligure, Castiglione Chiavarese Le acque reflue della parte di levante del comune di Sestri Levante, insieme ai comuni di Casarza Ligure e Castiglione Chiavarese, sono collettate verso la stazione di sollevamento di Riva Trigoso in via Brin. Tranne che per gli scarichi raccolti nelle fosse Imhoff tutti gli scarichi risultano collettati alla rete fognaria Caratteristiche agglomerato - Territorio: Sestri Levante (levante), Casarza Ligure, Castiglione Chiavarese - Abitanti equivalenti serviti: Relazione sulla qualità delle acque costiere (RA)- Scarichi

23 - Abitanti equivalenti fluttuanti: Per la parte di levante del Comune ed alcune frazioni collinari le acque sono convogliate nelle stazioni di sollevamento costiere presso la foce del torrente Petronio e in via Brin in corrispondenza del sistema di pretrattamento dei reflui. (Si vedano Foto 1 e 2) Non sono presenti scarichi di emergenza, in caso di gravi disservizi i reflui sfiorano dai tombini della rete fognaria. Dal sito di via Brin i reflui sono convogliati a mare, insieme a quelli provenienti dalla condotta consortile dei due comuni dell entroterra, tramite la condotta sottomarina Caratteristiche condotta - Identificativo condotta: condotta asservita al sistema di depurazione di località Riva Trigoso via B.Brin - Lunghezza condotta: 1250 m - Diametro condotta : 600 cm - Profondità di immissione del refluo: 41 m - Tipo di condotta: attiva - Trattamenti presenti: - Pre-trattamenti - Rotostacciatura: 3 mm - Trattamento odori - Portata della condotta: 3850 m 3 /giorno - Presenza di diffusore: sì, a Y - Lunghezza diffusore: 2 x 50 m - Diametro degli ugelli: 20 cm - Distanza fra gli ugelli: 0.80 m - Posizione degli ugelli sul diffusore: laterali alternati - Anno di ammodernamento: Stato di efficienza della condotta (buono/scadente/molto scadente): buono - Ente gestore: Iride acqua gas spa tramite Idrotigullio spa (Gestore operativo) - Abitanti Equivalenti max potenziali di progetto: (Si vedano Foto 3, 4 e 5) In entrambe le stazioni di depurazione del comune di Sestri Levante sono stati installati sistemi di controllo degli odori per l aria con filtro a secco. (Si veda Foto dalla 6) 23 Relazione sulla qualità delle acque costiere (RA)- Scarichi

24 10. Anomalie termiche Il 14 e 15 Aprile è stata effettuata dal Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto Reparto 3-2ª Sezione - Ufficio di Telerilevamento, una missione di telerilevamento finalizzata alla ricognizione demaniale del litorale ligure e al censimento degli scarichi e fuoriuscita di eventuali sostanze inquinanti immesse in mare. Si è ritenuto pertanto utile confrontare tali informazioni con i dati cartografici georeferenziando in ambiente GIS i tracciati termici risultanti dalla suddetta missione. Successivamente le informazioni relative ai diversi valori termici alla superficie sono state raffrontate, con la tecnica del mapoverlay, alle condotte di scarico degli impianti di depurazione costiera, al reticolo idrografico e ai dai di qualità delle acque marino costiere (dati IQB e TRIX). Dall analisi delle sovrapposizione cartografica non emergono correlazioni tra gli scarichi delle condotte che comunque non scaricano in superficie bensì a profondità in genere superiori ai metri, mentre appaiono evidenti gli apporti di acque più fredda da parte dei corsi d acquea principali dell Ambito. I dati qualitativi considerati non evidenziano correlazioni significative con le anomalie termiche, ne permettono di individuare scarichi lungo costa rapportabili ad immissioni localizzate. Figura 10.1 Mapoverly anomalie termiche Condotte e dati TRIX, IQB zona levante dell Ambito Costiero Relazione sulla qualità delle acque costiere (RA)- Scarichi

25 Figura 10.2 Mapoverly anomalie termiche Condotte e dati TRIX e IQB zona ponentedell Ambito Costiero Relazione sulla qualità delle acque costiere (RA)- Scarichi

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALL'ALLACCIAMENTO ED AMMISSIONE AL SERVIZIO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE PER SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NELLA RETE FOGNARIA PROVENIENTI DA UN INSEDIAMENTO RESIDENZIALE (La

Dettagli

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n..

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n.. DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE CHE NON RECAPITANO NELLA RETE FOGNARIA (La domanda dovrà essere compilata su carta legale o resa legale). Al Signor Sindaco del Comune

Dettagli

Trattamenti delle acque di scarico per piccole comunità Pretrattamento di acque reflue domestiche: FOSSE SETTICHE O FOSSE IMHOFF?

Trattamenti delle acque di scarico per piccole comunità Pretrattamento di acque reflue domestiche: FOSSE SETTICHE O FOSSE IMHOFF? Seminario tecnico Monitoraggio degli scarichi civili non in pubblica fognatura: Protocollo di intesa per la realizzazione di trattamenti individuali di depurazione delle acque reflue domestiche Trattamenti

Dettagli

Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione. Andrea Mariani

Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione. Andrea Mariani Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione Andrea Mariani Pulizia delle vasche volano e di prima pioggia LE ACQUE PIOVANE: Contengono SEDIMENTI - DEPOSITI in vasca; - Riduzione

Dettagli

Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento. Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl

Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento. Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl Via Fanin,, 48 40127 Bologna Tel. 051 4200324 luigi.petta petta@envis.itit

Dettagli

PULIZIA IN-SITU PULIZIA DIFFUSORI MODALITÀ DI FUNZIONAMENTO DEL MODULO KUBOTA ESTRAZIONE PERMEATO PER ASPIRAZIONE ESTRAZIONE PERMEATO PER GRAVITÀ

PULIZIA IN-SITU PULIZIA DIFFUSORI MODALITÀ DI FUNZIONAMENTO DEL MODULO KUBOTA ESTRAZIONE PERMEATO PER ASPIRAZIONE ESTRAZIONE PERMEATO PER GRAVITÀ MODALITÀ DI FUNZIONAMENTO DEL MODULO KUBOTA Il modulo a membrana piana Kubota utilizza la tecnologia di microfiltrazione detta cross flow. Insufflando aria sul fondo del modulo, si crea un flusso ascensionale

Dettagli

Comune di Frascati Provincia di Roma RELAZIONE TECNICA. Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il

Comune di Frascati Provincia di Roma RELAZIONE TECNICA. Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il Comune di Frascati Provincia di Roma pag. 1 RELAZIONE TECNICA OGGETTO: Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il suo collegamento al collettore ACEA lungo Via Enrico Fermi.

Dettagli

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO 1 Impianti di Climatizzazione e Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO Premessa Gli impianti sono realizzati con lo scopo di mantenere all interno degli ambienti confinati condizioni

Dettagli

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia LIFE+ PROJECT ACRONYM ETA-BETA LIFE09 ENV IT 000105 Scheda n 1 Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia emissioni

Dettagli

Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti

Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti Gli impianti biogas a rifiuti 2/3 Gli impianti biogas a rifiuti La tecnologia Schmack Biogas per la digestione anaerobica della FORSU La raccolta differenziata delle

Dettagli

REGOLAMENTO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE

REGOLAMENTO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE Etra S.p.A. Energia Territorio Risorse Ambiente REGOLAMENTO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE Approvato dall Assemblea di ATO Brenta il 26 aprile 2010 con deliberazione n. 2 INDICE TITOLO I Disposizioni generali...

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE Arch. Alverio Camin Progetto Speciale Recupero Ambientale e Urbanistico delle aree Industriali - PAT REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE 1. Esperienza

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO A l l e g a t o A COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO (ERRATA CORRIGE AL C.M.E. ALLEGATO ALLA GARA ED INSERITO SUL WEB) PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA OGGETTO OPERE

Dettagli

GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO

GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO Gli impianti idroelettrici Iren Energia è la società del Gruppo Iren che opera nei settori della produzione e distribuzione di energia

Dettagli

I PROGETTI PER IL NODO FERROVIARIO DI GENOVA

I PROGETTI PER IL NODO FERROVIARIO DI GENOVA I PROGETTI PER IL NODO FERROVIARIO DI GENOVA Intervista all Ing. Mercatali di RFI Metrogenova.com ha recentemente incontrato l ingegner Gianfranco Mercatali, Direttore Compartimentale Infrastruttura di

Dettagli

Riferimenti Normativi. D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq.

Riferimenti Normativi. D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq. Riferimenti Normativi - D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq. reflue) Acque reflue domestiche: acque reflue provenienti da insediamenti

Dettagli

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 74 del 30.11.2009 ESECUTIVO DAL 28.12.2009

Dettagli

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H 1. Aria compressa e attacco idraulico Fluido in pressione Azionamento Aria compressa,

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

IMPIANTI DI PRIMA PIOGGIA. Divisione Depurazione E DISSABBIATORI DEGRASSATORI VASCHE BIOLOGICHE TIPO IMHOFF VASCHE SETTICHE FANGHI ATTIVI IMPIANTI A

IMPIANTI DI PRIMA PIOGGIA. Divisione Depurazione E DISSABBIATORI DEGRASSATORI VASCHE BIOLOGICHE TIPO IMHOFF VASCHE SETTICHE FANGHI ATTIVI IMPIANTI A DI PRIMA PIOGGIA Divisione Depurazione 87 1. - TRATT TTAMENTO DELLE ACQUE IN ACCUMULO (DA 500 A 12.000 M 2 ) 2. IPC - TRATT TTAMENTO DELLE ACQUE DI PIOGGIA IN CONTINUO (DA 270 A 7.200 M 2 ) 88 Divisione

Dettagli

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione «Ispezione tecnica: l analisi degli impianti aeraulici» Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione Cillichemie Italiana Dott. Marco D Ambrosio

Dettagli

IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar

IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar Pozzoli depurazione s.r.l. via M.Quadrio 11, 23022 Chiavenna SO P.IVA: 01263260133, REA: 61186, Telefono 0343 37475 (3

Dettagli

La digestione anaerobica dei rifiuti organici e di altre biomasse

La digestione anaerobica dei rifiuti organici e di altre biomasse La digestione anaerobica dei rifiuti organici e di altre biomasse Nel corso degli ultimi dieci anni la digestione anaerobica si è diffusa in molti paesi europei, tra cui anche l Italia. Questi impianti

Dettagli

Ai Comuni Alle Province Alle Autorità d'ambito Ai gestori del servizio pubblico di fognatura e depurazione All'A.R.P.A.V.

Ai Comuni Alle Province Alle Autorità d'ambito Ai gestori del servizio pubblico di fognatura e depurazione All'A.R.P.A.V. Circolare del Presidente della Giunta Regionale n. 12 del 9/8/02, approvata con D.G.R.V. n. 2106 del 2/8/02, recante "Norme di Attuazione del Piano Regionale di Risanamento delle Acque. Testo coordinato

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA RUMOROSE

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA RUMOROSE REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA RUMOROSE (L.R. n 89/98 art 2.2, D.R. n 77/2000 Parte 3 e L. 447/95) Il Dirigente GEOL. ROBERTO FERRARI Approvato con deliberazione del C.C. n. 14 del 13/02/2008 1 TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

n 6 di mercoledì 20/05/2015 Sommario settimana dal 20/05/2015 al 26/05/2015 Riassunto

n 6 di mercoledì 20/05/2015 Sommario settimana dal 20/05/2015 al 26/05/2015 Riassunto Fattori comprensoriali comuni Fonti di approvvigionamento idriche Sommario settimana dal 20/05/2015 al 26/05/2015 Riassunto Fiume PO portata presso località Pontelagoscuro - Fiume PO livello presso opera

Dettagli

2 Qual è il termine ultimo per passare alla misurazione netta? 3 Quali obblighi ha il produttore in relazione al passaggio alla misurazione netta?

2 Qual è il termine ultimo per passare alla misurazione netta? 3 Quali obblighi ha il produttore in relazione al passaggio alla misurazione netta? Pagina 1 di 7 FAQ passaggio dalla misurazione lorda a quella netta Con la revisione dell Ordinanza sull energia (OEn) e la sua entrata in vigore con effetto al 1 gennaio 2010 è stata introdotta, nell ambito

Dettagli

EVENTI! LABORATORI! ESCURSIONI!

EVENTI! LABORATORI! ESCURSIONI! ESTATE 2015 EVENTI LABORATORI ESCURSIONI Con il patrocinio di: In collaborazione con www.sopraesottoilmare.net ESTATE 2015 UNA PROPOSTA INNOVATIVA SOPRA E SOTTO IL MARE PROPONE UN ATTIVITA UNICA IN ITALIA

Dettagli

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE 1) PREMESSA...2 2) DESCRIZIONE DEL TERMINALE...2 2.1) RICEZIONE...3 2.2) STOCCAGGIO...3 2.3) RIGASSIFICAZIONE...4 2.4) RECUPERO BOIL-OFF GAS (BOG)...4

Dettagli

n 9 di mercoledì 10/06/2015 Sommario settimana dal 10/06/2015 al 16/06/2015 Riassunto

n 9 di mercoledì 10/06/2015 Sommario settimana dal 10/06/2015 al 16/06/2015 Riassunto Fattori comprensoriali comuni Fonti di approvvigionamento idriche Sommario settimana dal 10/06/2015 al 16/06/2015 Riassunto Fiume PO portata presso località Pontelagoscuro - Fiume PO livello presso opera

Dettagli

La gestione dei limi di decantazione del lavaggio degli inerti di cava

La gestione dei limi di decantazione del lavaggio degli inerti di cava La gestione dei limi di decantazione del lavaggio degli inerti di cava Ordine dei Geologi della Toscana Commissione Terre e rocce da scavo Firenze 09/12/2008 ORIGINE impianti di lavaggio degli inerti di

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

VASCHE DI PRIMA PIOGGIA

VASCHE DI PRIMA PIOGGIA Criteri di progettazione, realizzazione e gestione VASCHE DI PRIMA PIOGGIA e VASCHE DI LAMINAZIONE nell ambito dei sistemi fognari GETTO FINALE gno - 1d disegno - 5d disegno - 4d GETTO FINALE ASPIRAZIONE

Dettagli

www.jabsco.com Nuova autoclave autoaspirante a basso consumo energetico, può servire in contemporanea 2 rubinetti massimo.

www.jabsco.com Nuova autoclave autoaspirante a basso consumo energetico, può servire in contemporanea 2 rubinetti massimo. Autoclave Autoclave Mod. RFL 122202A Nuova autoclave autoaspirante a basso consumo energetico, può servire in contemporanea 2 rubinetti massimo. Protezione termica interna per i sovracarichi. Gira a secco

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata

Università di Roma Tor Vergata Università di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Industriale Corso di: TERMOTECNICA 1 IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE Ing. G. Bovesecchi gianluigi.bovesecchi@gmail.com 06-7259-7127

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

FIN - Comitato Regionale Ligure

FIN - Comitato Regionale Ligure FIN - 1. 0 NORMATIVE GENERALI Iscrizioni alle gare 1. Le iscrizioni alle gare vanno effettuate tramite procedura online dal sito http://online.federnuoto.it/iscri/iscrisocieta.php utilizzando il software

Dettagli

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI pag. 2 Nr. 1 CHIUSURA MASSICCIATA STRADALE eseguita con fornitura e messa in opera di materiale D.0001.3 di saturazione formato esclusivamente con pietrisco minuto di cava dello spessore di mm 0-2, rispondente

Dettagli

Digestato da rifiuti e da matrici agricole

Digestato da rifiuti e da matrici agricole Ravenna 2012 Workshop I CIC Consorzio Italiano Compostatori Ravenna, 27 settembre 2012 Digestato da rifiuti e da matrici agricole Lorella ROSSI C.R.P.A. - Reggio Emilia, Comitato Tecnico CIC DIGESTIONE

Dettagli

Focus regionale sulla depurazione:

Focus regionale sulla depurazione: Goletta Verde presenta i risultati del monitoraggio in Puglia Cariche batteriche elevate per 9 campionamenti su 30. Criticità alle foci di fiumi, torrenti e scarichi Focus regionale sulla depurazione:

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti gli utilizzi tecnici dell acqua in un edificio ACQUA FREDDA SANITARIA

Dettagli

http://www.tassisto.it/

http://www.tassisto.it/ F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome TASSISTO FRANCESCO Indirizzo VIA MARTIRI DELLA LIBERAZIONE, 80/2A 16043 CHIAVARI Telefono 0185325331 Cellulare

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

2 DESCRIZIONE DELLA RETE E DELLA SUA GESTIONE

2 DESCRIZIONE DELLA RETE E DELLA SUA GESTIONE 2 DESCRIZIONE DELLA RETE E DELLA SUA GESTIONE 2.1 RETE REGIONALE RETRAGAS... 12 2.2 ELEMENTI DELLA RETE REGIONALE RETRAGAS... 12 2.2.1 Condotte... 12 2.2.2 Allacciamenti... 12 2.2.3 Impianti di ricezione

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata)

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) 1 Spruzzo convenzionale (aria nebulizzata) Una pistola a spruzzo convenzionale è uno strumento che utilizza aria compressa per atomizzare ( nebulizzare

Dettagli

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI N. VOCE DESCRIZIONE LAVORAZIONE QUANTITA' PREZZO UNIT. TOTALE

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI di Gaetano Cacciola 1 Secondo il World Energy Outlook (WEO) 2007, dell Agenzia Internazionale dell Energia, l aumento dei consumi

Dettagli

POSSIBILITA DI SVILUPPO DELLA FILIERA BIOGAS - BIOMETANO IN TRENTINO

POSSIBILITA DI SVILUPPO DELLA FILIERA BIOGAS - BIOMETANO IN TRENTINO POSSIBILITA DI SVILUPPO DELLA FILIERA BIOGAS - BIOMETANO IN TRENTINO Seminario di promozione del biometano in Veneto Veneto Agricoltura, Corte Benedettina Legnaro (PD), 23 ottobre 2013 Silvia Silvestri

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ...

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ... VOLUME 1 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ACQUE INTERNE 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: valle... ghiacciaio... vulcano... cratere...

Dettagli

REGOLAMENTO per la disciplina del Servizio Idrico Integrato nell Ambito Territoriale Ottimale della Provincia di Brescia

REGOLAMENTO per la disciplina del Servizio Idrico Integrato nell Ambito Territoriale Ottimale della Provincia di Brescia Allegato 2 alla Deliberazione n. 2 dell Assemblea Consortile dell 8 maggio 2009 REGOLAMENTO per la disciplina del Servizio Idrico Integrato nell Ambito Territoriale Ottimale della Provincia di Brescia

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01 Ecoenergia I d e e d a i n s t a l l a r e Lo sviluppo sostenibile Per uno sviluppo energetico sostenibile, compatibile

Dettagli

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali -

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - (tratto dalla relazione di Martino Buzzi del 17.09.06) Lo stagno: un angolo di natura Avere uno stagno nel proprio

Dettagli

TECNOLOGIA DELLA CENTRIFUGAZIONE FLOTTWEG PER IL TRATTAMENTO DI FANGHI OLEOSI Come far fruttare nuovi pozzi petroliferi

TECNOLOGIA DELLA CENTRIFUGAZIONE FLOTTWEG PER IL TRATTAMENTO DI FANGHI OLEOSI Come far fruttare nuovi pozzi petroliferi TECNOLOGIA DELLA CENTRIFUGAZIONE FLOTTWEG PER IL TRATTAMENTO DI FANGHI OLEOSI Come far fruttare nuovi pozzi petroliferi TECNOLOGIA FLOTTWEG PER IL TRATTAMENTO DI FANGHI OLEOSI Innovata tecnologia per il

Dettagli

articolo 1. PREMESSA 2. OPERAZIONI DI TRATTAMENTO DEI LIMI DI LAVAGGIO

articolo 1. PREMESSA 2. OPERAZIONI DI TRATTAMENTO DEI LIMI DI LAVAGGIO Una particolare categoria di rifiuti provenienti da attività estrattiva: i limi di lavaggio inerti - Problematiche inerenti e quadro normativo Erika Montanari Geologo, libero professionista 1. PREMESSA

Dettagli

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA 1 Specifiche tecniche WFC-SC 10, 20 & 30 Ver. 03.04 SERIE WFC-SC. SEZIONE 1: SPECIFICHE TECNICHE 1 Indice Ver. 03.04 1. Informazioni generali Pagina 1.1 Designazione

Dettagli

CIRCOLARE DEL MINISTERO DEI LAVORI PUBBLICI, N. 11633. (Pres. Cons. Sup. - Serv. Tecn. Centrale, 7 gennaio 1974)

CIRCOLARE DEL MINISTERO DEI LAVORI PUBBLICI, N. 11633. (Pres. Cons. Sup. - Serv. Tecn. Centrale, 7 gennaio 1974) CIRCOLARE DEL MINISTERO DEI LAVORI PUBBLICI, N. 11633 (Pres. Cons. Sup. - Serv. Tecn. Centrale, 7 gennaio 1974) Istruzioni per la progettazione delle fognature e degli impianti di trattamento delle acque

Dettagli

Cos è una. pompa di calore?

Cos è una. pompa di calore? Cos è una pompa di calore? !? La pompa di calore aria/acqua La pompa di calore (PDC) aria-acqua è una macchina in grado di trasferire energia termica (calore) dall aria esterna all acqua dell impianto

Dettagli

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.)

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.) Foglio n 1 di 6 ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.) Intervento su impianto gas portata termica (Q n )= 34,10. kw tot Impresa/Ditta: DATI INSTALLATORE Resp. Tecnico/Titolare:

Dettagli

Il vapor saturo e la sua pressione

Il vapor saturo e la sua pressione Il vapor saturo e la sua pressione Evaporazione = fuga di molecole veloci dalla superficie di un liquido Alla temperatura T, energia cinetica di traslazione media 3/2 K B T Le molecole più veloci sfuggono

Dettagli

(omissis) ALLEGATO 5 - NORME TECNICHE GENERALI. (omissis)

(omissis) ALLEGATO 5 - NORME TECNICHE GENERALI. (omissis) Deliberazione Comitato per la tutela delle acque dall'inquinamento 04.02.1977 Criteri, metodologie e norme tecniche generali di cui all'art. 2, lettere b), d) ed e), della legge 10 maggio 1976, n. 319,

Dettagli

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI s.d.i. automazione industriale ha fornito e messo in servizio nell anno 2003 il sistema di controllo

Dettagli

REGOLAMENTO DEI SERVIZI DI FOGNATURA E DEPURAZIONE

REGOLAMENTO DEI SERVIZI DI FOGNATURA E DEPURAZIONE COMUNE di SAMBUCA DI SICILIA Provincia Regionale di Agrigento REGOLAMENTO DEI SERVIZI DI FOGNATURA E DEPURAZIONE Il CAPO AREA TECNICA Geom. Maniscalco Giovanni PREMESSA In forza della sopravvenuta legge

Dettagli

Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici

Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici RISCALDATORI DI ACQUA IBRIDI LOGITEX LX AC, LX AC/M, LX AC/M+K Gamma di modelli invenzione brevettata Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici Catalogo dei prodotti Riscaldatore dell acqua Logitex

Dettagli

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE Introduzione La porzione di territorio situata a sud-ovest dell Area Metropolitana

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

SP- 06 SCHEDA PROGETTO S. BARTOLOMEO. Analisi, Obiettivi e Strategie. Progetto. Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni)

SP- 06 SCHEDA PROGETTO S. BARTOLOMEO. Analisi, Obiettivi e Strategie. Progetto. Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni) S. BARTOLOMEO SP- 06 Progetto Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni) All interno del perimetro del PAC devono essere realizzati/ceduti i seguenti servizi: a) S5g - Servizi per la balneazione

Dettagli

LEGGE 10 maggio 1976, n. 319 (*) «Norme per la tutela delle acque dall inquinamento». (G.U. 29 maggio 1976, n. 141)

LEGGE 10 maggio 1976, n. 319 (*) «Norme per la tutela delle acque dall inquinamento». (G.U. 29 maggio 1976, n. 141) LEGGE 10 maggio 1976, n. 319 (*) «Norme per la tutela delle acque dall inquinamento». (1) (G.U. 29 maggio 1976, n. 141) Titolo I FINALITÀ DELLA LEGGE E COMPITI DELLO STATO Art. 1. La presente legge ha

Dettagli

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A.

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. 01 Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010 Soci Fondatori - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. - Associazione Partners di Palazzo Strozzi Promossa da 02 MISSION Volontariato

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 12 DEL 22 02 1995 LIGURIA

LEGGE REGIONALE N. 12 DEL 22 02 1995 LIGURIA LEGGE REGIONALE N. 12 DEL 22 02 1995 LIGURIA BOLLETTINO UFFICIALE REGIONALE 15 3 1995 N. 5 SUPPLEMENTO ORDINARIO Riordino delle aree protette CAPO I NORME GENERALI ARTICOLO 1 (Finalita') 1. La Regione

Dettagli

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro)

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO Comune di TROPEA Interventi manutentivi alla rete idrica comunale per fronteggiare l emergenza idrica sul territorio di Tropea Completamento,

Dettagli

Recuperatore di calore compatto CRE-R. pag. E-22

Recuperatore di calore compatto CRE-R. pag. E-22 pag. E- Descrizione Recuperatore di calore compatto con configurazione attacchi fissa (disponibili 8 varianti. Cassa autoportante a limitato sviluppo verticale con accesso laterale per operazioni d ispezione/manutenzione.

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013 Implementazione di un modello dinamico 3D densità a dipendente all'interno di un sistema Web-GIS per la gestione e il monitoraggio della qualità delle acque di falda per un comparto di discariche Prof.

Dettagli

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE Nuovo collegamento sottomarino a 500 kv in corrente continua SAPEI (Sardegna-Penisola Italiana) SCHEDA N. 178 LOCALIZZAZIONE CUP:

Dettagli

Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6

Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6 Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6 1010203 240/21 SPESE MANUTENZIONE IMMOBILI ED 17.424,61 17.424,61 17.424,61 IMPIANTI UFFICI COMUNALI 1010203 400/10 SPESE PER

Dettagli

INTERAZIONE CON LE ALTRE AMMINISTRAZIONI TERRITORIALI

INTERAZIONE CON LE ALTRE AMMINISTRAZIONI TERRITORIALI INTERAZIONE CON LE ALTRE AMMINISTRAZIONI TERRITORIALI 48 Come si diceva non ci si deve dimenticare che la rete provinciale va intesa come substrato per un successivo allargamento, come proposta propedeutica

Dettagli

Unità monoblocco aria - aria. Scroll : solo unità NE. modello 65 a 155 GAMMA LIMITI OPERATIVI. Batteria interna. Batteria esterna

Unità monoblocco aria - aria. Scroll : solo unità NE. modello 65 a 155 GAMMA LIMITI OPERATIVI. Batteria interna. Batteria esterna Unità monoblocco Potenza frigorifera: da 11 a 70.6 kw Potenza calorifica: da 11.7 a 75.2 kw Unità verticali compatte Ventilatori centrifughi Aspirazione e mandata canalizzate Gestione free-cooling con

Dettagli

I clienti scappano dai vostri bagni? Bio-Active risolve.

I clienti scappano dai vostri bagni? Bio-Active risolve. I clienti scappano dai vostri bagni? Bio-Active risolve. Bio-Active è la prima carta igienica biologicamente attiva. 0 TEMPO ZERO Fossa biologica TEMPO 1 Pozzetto d ispezione con collegamento alla rete

Dettagli

CONSORZIO VALLE CRATI

CONSORZIO VALLE CRATI CONSORZIO VALLE CRATI ART. 31 Dlgs 267/2000 87036 RENDE (CS) Nr. 17 DETERMINAZIONE DELL UFFICIO TECNICO Del 16.10.2014 Prot. nr. 1833 OGGETTO: Gestione tecnica, operativa ed amministrativa di manutenzione

Dettagli

Cuscinetti SKF con Solid Oil

Cuscinetti SKF con Solid Oil Cuscinetti SKF con Solid Oil La terza alternativa per la lubrificazione The Power of Knowledge Engineering Cuscinetti SKF con Solid Oil la terza alternativa di lubrificazione Esistono tre metodi per erogare

Dettagli

Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T

Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T 02F051 571T 560T 561T 566T 565T 531T 580T Caratteristiche principali: Comando funzionamento manuale/automatico esterno Microinterruttore

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE 12 dicembre 2011, n. 26

REGOLAMENTO REGIONALE 12 dicembre 2011, n. 26 36170 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 195 del 16-12-2011 REGOLAMENTO REGIONALE 12 dicembre 2011, n. 26 Disciplina degli scarichi di acque reflue domestiche o assimilate alle domestiche di

Dettagli

CALEFFI. Valvola di scarico termico con reintegro incorporato. serie 544 01058/09. sostituisce dp 01058/07. Funzione

CALEFFI. Valvola di scarico termico con reintegro incorporato. serie 544 01058/09. sostituisce dp 01058/07. Funzione Valvola di scarico termico con reintegro incorporato serie 544 R EGI STERED BS EN ISO 9001:2000 Cert. n FM 21654 UNI EN ISO 9001:2000 Cert. n 0003 CALEFFI 01058/09 sostituisce dp 01058/07 Funzione La valvola

Dettagli

OLIO EXTRA VERGINE DI OLIVA BRISIGHELLA

OLIO EXTRA VERGINE DI OLIVA BRISIGHELLA OLIO EXTRA VERGINE DI OLIVA BRISIGHELLA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 228 del 29/9/95 (Pag.38) Articolo 1 Denominazione La denominazione di origine controllata olio

Dettagli

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO kio-polieco.com Group ha recentemente brevettato un innovativo processo di produzione industriale per l impiego di uno speciale materiale composito. CHIUSINO KIO EN 124

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

Identificazione delle parti IL CARBURATORE SI

Identificazione delle parti IL CARBURATORE SI Identificazione delle parti IL CARBURATORE SI A) Vite di regolazione del minimo. B) Getto MAX C) Getto MIN D) Vite corta coperchio camera del galleggiante E) Vite lunga coperchio camera del galleggiante

Dettagli

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Abano Terme, 27 29 Aprile 2007 Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Adriano Barbi, Alessandro Chiaudani, Irene Delillo ARPAV Centro Meteorologico di Teolo Sabato 28 Aprile 2007 In collaborazione con

Dettagli

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività umane. Le pressioni ambientali a cui è sottoposto sono

Dettagli

Diffusore a pavimento modello SOL. per convezione libera

Diffusore a pavimento modello SOL. per convezione libera Diffusore a pavimento modello SOL per convezione libera Indice Campo di impiego... 5 Panoramica sui prodotti.... 6 Descrizione dei prodotti Modello SOL96... 8 Modello SOL... 9 Modello SOL...10 Modello

Dettagli

3. ANALISI DELLE PROBLEMATICHE RELATIVE ALLE MODIFICAZIONI DELLA LINEA DI RIVA E DELLA COSTA

3. ANALISI DELLE PROBLEMATICHE RELATIVE ALLE MODIFICAZIONI DELLA LINEA DI RIVA E DELLA COSTA 3. ANALISI DELLE PROBLEMATICHE RELATIVE ALLE MODIFICAZIONI DELLA LINEA DI RIVA E DELLA COSTA L analisi di seguito riguarda l intero sviluppo del litorale che ricade nei confini del Comune di Rosignano

Dettagli

Direttive regionali per la gestione e l autorizzazione all utilizzo dei fanghi di depurazione in agricoltura.

Direttive regionali per la gestione e l autorizzazione all utilizzo dei fanghi di depurazione in agricoltura. DELIBERAZIONE N. 32/71 DEL 15.9.2010 Oggetto: Direttive regionali per la gestione e l autorizzazione all utilizzo dei fanghi di depurazione in agricoltura. L Assessore della Difesa dell Ambiente riferisce

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli