Accordo di programma quadro Depurazione delle Acque

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Accordo di programma quadro Depurazione delle Acque"

Transcript

1 Ministero dello Sviluppo Economico Ministerodell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Regione Calabria Fondo di sviluppo e coesione Accordo di programma quadro Depurazione delle Acque ALLEGATO 2 INTERVENTI NON CANTIERABILI Roma, 5 marzo 2013

2 INDICE ALLEGATO 2- ELENCO DEGLI INTERVENTI NON IMMEDIATAMENTE CANTIERABILI... 1 ALLEGATO 2a- RELAZIONI DESCRITTIVE... 2 PREMESSA- INTERVENTI NON IMMEDIATAMENTE CANTIERABILI l. ATO l COSENZA - OTTIMIZZAZIONE DEL SISTEMA FOGNARIO E DEPURATIVO DEL COMUNE DI ACRI ATO l COSENZA- ADEGUAMENTO IMPIANTO DI DEPURAZIONE CONSORTILE E REALIZZAZIONE COLLETTORI FOGNARI NEI COMUNI RICADENTI NELL'AGGLOMERATO COSENZA-RENDE ATO l COSENZA- ADEGUAMENTO DEGLI IMPIANTI DI DEPURAZIONE E REALIZZAZIONE OPERE DI COLLETTAMENTO NELL'AGGLOMERATO DI SANTA MARIA DEL CEDRO COMPLETAMENTO DELLO SCHEMA DEPURATIVO A SERVIZIO DELLA CITI À CAPOLUOGO DI REGIONE DI CATANZARO DISINQUINAMENTO FASCIA COSTIERA VIBONESE AREA OMOGENEA ANGITOLA- SUB ALLEGATO 2b- SCHEDE INTERVENT ALLEGATO 2c- PIANO FINANZIARIO... 23

3 ALLEGATO 2- ELENCO DEGLI INTERVENTI NON IMMEDIATAMENTE CANTIERABILI ID Fabbisogno - Costo Risorse Del. CIPE Titolo Intervento Soggetto Attuatore Settore Delibera CIPE interventi Disponibili 60/ / ATO l Cosenza - Ottimizzazione del sistema fognario e depurativo del comune di Acri Stato della progettazione Completamento dello schema depurativo a servizio della città capoluogo di Regione di Catanzaro Comune di Catanzaro Studio di ,00 0, ,00 fattibilità da perfezionare Studio di Idrico- Comune di Acri , , ,00 fattibilità da depurazione perfezionare Rende, Cosenza, Castrolibero, Marano Marchesato, ATO l Cosenza- Adeguamento Marano Principato, Castiglione Cosentino, San Pietro impianto di depurazione consortile in Guarano, Lappano, Rovito, Zumpano, Casole Studio di Idrico e realizzazione collettori fognari Bruzio, Trenta, Spezzano Piccolo, Montalto Uffugo, ,00 l , ,00 fattibilità da depurazione nei comuni ricadenti San Fili, Rose, Carolei, Dipignano, Mendicino, perfezionare nell'agglomerato Cosenza-Rende Cellara, Domanico, Figline Vegliaturo, Pietrafitta, San Vincenzo La Costa, Serra Pedace, Spezzano della Sila ATO l Cosenza- Adeguamento degli impianti di depurazione e Comuni di: Santa Maria del Cedro, Diamante, Studio di Idrico realizzazione opere di Grisolia, Maierà, Buonvicino, Orsomarso e , , ,00 fattibilità da depurazione collettamento nell'agglomerato di Verbicaro perfezionare Santa Maria del Cedro Idricodepurazione Disinquinamento fascia Studio di Idrico costiera vibonese - Area Comune di Pizzo Calabro - capofila , , ,00 fattibilità da depurazione omogenea Angitola (Sub 3) perfezionare TOTALE ~ L (*) Le somme disponibili riportate per gli interventi della regione Calabria rappresentano la quota privata che è stata stimata nell'ambito dei project financing ex art. 153 commi 1-14 del D.Lgs. 163/2006 (**) L'intervento ID previsto nella Delibera CIPE n. 60/2012 è stato ripartito in tre Interventi,solo uno dei quali è compreso nel presente elenco degli interventi "non cantierabili" ~-----

4 ALLEGATO 2a- RELAZIONI DESCRITTIVE PREMESSA CANTIERABILI INTERVENTI NON IMMEDIATAMENTE Gli interventi "non immediatamente cantierabili", coerentemente con quanto disciplinato dall'accordo di Programma Quadro "rafforzato", saranno implementati nell'allegato l una volta terminata la fase di progettazione utile a consentire l'espletamento della procedura di gara (nella fattispecie degli interventi che seguono tale livello coincide con l'implementazione dello Studio di Fattibilità ed annesso Piano economico-finanziario). 2

5 l. ATO l COSENZA - Ottimizzazione del sistema fognario e depurativo del Comune di Acri Delibera CIPE n. 60 del Interventi "IDRICO" - settore fognario e depurativo A98lomerato Comuni ricadenti nell'agglomerato: Acri Procedura di infrazione: violazione articoli artt. 3 e 4 (Direttiva 91 / 271 / CE) Ampliamento del Polo depurativo: no Intervento proposto: ATO l Cosenza - Ottimizzazione del sistema fognario e depurativo del comune di Acri Livello di progehazione: Studio di fattibilità. ~.m Risorse Finanziarie: totale ,00 Pubblico ,00 3

6 Privato 2. l ,00 Descrizione: Nel territorio comunale, sono già presenti N. 8 impianti di depurazione, il sistema di collettamento a servizio dei centri abitati risulta essere incompleto, in alcuni punti le condotte necessitano di manutenzione ordinaria e sostituzione dei tratti malfunzionanti e usurati. Attualmente il Comune ha già predisposto uno studio di fattibilità in corso di definizione in particolare per quanto attiene alle risorse finanziarie necessarie alla sostenibilità del progetto. Lo stato progettuale, allo stato prevede: - la dismissione di un impianto esistente (loc. San Giacomo), con realizzazione di un nuovo impianto di potenzialità superiore, da ubicare in una zona più accessibile e di posizione altimetricamente più strategica, loc. San Giacomo - anche i reflui delle località limitrofe attualmente non servite; Sorbo Casalinella, per circa 3500 a.e., al fine di convogliare - dismissione di un impianto di depurazione e costruzione ex nova di uno in loc. Ternità per ca. l 000 a.e.; - revisione e riammodernamento impianto di depurazione della loc. Macchia per ca a.e.; - revisione e riammodernamento impianto di depurazione della loc. Cuta che passerà dagli attuali l 000 a.e. ai 2000 a.e.; - nelle altre zone del territorio a completamento delle attività depurative saranno realizzati impianti di tipo Trivalente Percolatore Aneaerobico + Fossa lmhoff - la realizzazione di nuovi tratti fognari da collettore alla rete esistente, che seguiranno tracciati alternativi tali da eliminare alcuni sistemi di sollevamenti, attualmente mal funzionanti, la cui gestione è decisamente molto onerosa; - il potenziamento ed adeguamento degli impianti esistenti; - la dismissione di impianti di sollevamento esistenti, con realizzazione di 2 condotte a gravità, con notevole economie gestionali; - la realizzazione di nuovi impianti di sollevamento nei punti più depressi delle reti fognarie. Dati Riepilogativi Popolazione Servita= a.e. Popolazione Complessiva da servire = a.e. Popolazione fluttuante = 5000 a.e. - con la proposta progettuale, in riferimento agli interventi sui depuratori, si amplierà la quota di abitanti da servire di ca a.e., per un totale di

7 - con la proposta progettuale, in riferimento agli interventi sula rete fognaria, 230 Km di condotta saranno incrementati di altri 75 Km. Modalità di attuazione dell'intervento: Concessione di lavori pubblici: procedura disciplinata secondo quanto previsto dall'art. 153 del D.lgs 163/

8 Cronoprogramma: si prevedono le seguenti fasi e relative tempistiche: CRONOPROGRAMMA DELLE ATIIVITÀ IN CAPO Al SOGGETII BENEFICIARI FASI Attività Tempi previsti dalla norma Tempi minimi ipotizzabili I FASE (propedeutica alla gara) Conferenza dei servizi (da indire sullo studio di fattibilità prima della gara per come disposto dalle ultime modifiche normative apportate con il D.L. n. 83 del22 giugno 2012) 90 gg. 30 gg. FINE I FASE 30 gg. Predisposizione atti e Pubblicazione gara - 65 gg. Valutazione offerte pervenute - 30 gg. Redazione della graduatoria e Nomina II FASE - 15 gg. del promotore (gara e Conferenza dei servizi individuazione (da indire sulla base del progetto del 90 gg. 30 gg. preliminare proposto dal concessionario concessionario) ) Aggiudicazione definitiva - 30 gg. FINE II FASE 170 gg III FASE Esecuzione dei lavori 720 gg. (Realizzazione intervento) Entrata in esercizio 90 gg. FINE III FASE 810 gg. 6

9 2. ATO l COSENZA - Adeguamento impianto di depurazione consortile e realizzazione collettori fognari nei comuni ricadenti nell'agglomerato Cosenza-Rende Delibero CIPE n. 60 del Interventi "IDRICO" - settore fognario e depurativo Agglomerato Comuni ricadenti nell'agglomerato: Rende, Cosenza, Castrolibero, Marano Marchesato, Marano Principato, Castiglione Cosentino, San Pietro in Guarano, Lappano, Rovito, Zumpano, Casole Bruzio, Trenta, Spezzano Piccolo, Montalto Uffugo, San Fili, Rose, Carolei, Dipignano, Mendicino. Procedura di infrazione: violazione articoli art. 3 (Direttiva 91 / 271 / CE) Ampliamento del Polo depurativo: si ~ Comuni: Cellara, Domanico, Figline Vegliaturo, PietrafiHa, San Vincenzo La Costa, Serra Pedace, Spezzano della Sila. Intervento proposto: ATO l Cosenza - Adeguamento impianto di depurazione consortile e realizzazione collettori fognari nei comuni ricadenti dell'agglomerato Cosenza - Rende 7

10 Totale ,00 FSC ,00 Privato l ,00 Descrizione dell'intervento Nell'agglomerato denominato "Cosenza-Rende" è necessario un intervento finalizzato al completamento ed all'ottimizzazione dell'attuale schema depurativo. Inoltre, per le conurbazioni già presenti, esso dovrebbe comprende anche i comuni di Cellara, Domanico, Figline Vegliaturo, Pietrafitta, San Vincenzo La Costa, Serra Pedace, Spezzano della Sila, oltre ad altri eventuali comuni viciniori. È stato predisposto uno studio di fattibilità che prevede l'adeguamento tecnologico e funzionale dell'impianto di depurazione consortile (ubicato in contrada Volpe - Rende) nonché opere di collettamento per i comuni facenti parte del Consorzio Valle Crati. A tal proposito, si precisa che attualmente l'impianto tratta i liquami di 19 comuni, serviti parzialmente da c.ca 140 km di reti gestite dallo stesso Consorzio, ma con questo intervento si prevede l'ampliamento ad altri n. l O comuni che ne hanno fatto richiesta (con la realizzazione delle opere necessarie e la dismissione dei rispettivi impianti), raggiungendo una potenzialità di circa ab.eq. Attualmente i comuni hanno già predisposto uno studio di fattibilità, e sono in corso di definizione le procedure amministrative per l'approvazione dello stesso da parte dei comuni afferenti all'agglomerato. Con l'intervento proposto si prevede di: l. Comune di Rende interventi di manutenzione straordinaria dell'impianto consortile in loc. Coda di Volpe: rifacimento del sistema di grigliatura iniziale, realizzazione vasca di nitrificazione e denitrificazione, realizzazione quarto decantatore secondario, potenziamento sezione disidratazione fanghi, realizzazione opere impiantistiche per la definitiva messa in sicurezza dell'impianto; interventi di potenziamento dell'impianto: realizzazione comparto di digestione anaerobica dei fanghi, sistema di sollevamento dei fanghi, installazione gasometro ed edificio di produzione energia, realizzazione sistema di filtrazione e UV, realizzazione collegamenti idraulici, realizzazione sistema di riossigenazione fanghi, installazione sistema di telecontrollo dell'impianto, installazione di pompe e soffianti, adeguamento laboratorio analisi. 2. Comune di Mendicino realizzazione collettori di collegamento ai due collettori consortili al confine con i Comuni di Castrolibero e Cosenza; realizzazione nuova rete fognaria nelle loc. S.Bartolo-Cozzo-Scavello, attualmente collegate al depuratore in loc. Stiluzzo, con collegamento al collettore lungo il T.

11 realizzazione di reti fognarie a servizio delle loc. Valli Superiore-Pira-Pianetto Schiucchi e relativo collettamento alla rete di raccolta consortile al confine con iicomune di Cerisano; dismissione degli impianti nelle località Santo lanni, Schiucchi, Villini, Valli e collettamento dei reflui al sistema di collettamento consortile; 4. Comune di Aprigliano dismissione dell'impianto di depurazione comunale e collegamento delle reti comunali al sistema di collettamento consortile; 5. Comune di Domanico collegamento al sistema di collettamento consortile, con realizzazione delle relative condotte. 6. Comune di Carolei collegamento al sistema di collettamento consortile, con realizzazione delle relative condotte. 7. Comune di Paterno collegamento al collettore esistente sito nel Comune di Dipignano, con realizzazione delle relative condotte; 8. Comune di Dipignano dimissione degli impianti di depurazione esistenti, e collegamento al sistema di collettamento consortile con realizzazione delle relative condotte. 9. Comune di Figline Vegliaturo completamento dei collettori di collegamento al sistema consortile, con relative stazioni di sollevamento. l O. Comune di Piane Crati completamento dei collettori di collegamento al sistema consortile, con relative stazioni di sollevamento. 11. Comune di Montalto Uffugo completamento della rete fognaria nelle zone non ancora servite; realizzazione di nuovi collettori fognari a servizio di alcune frazioni dlele zone montane e contestuale dismissione di alcuni piccoli impianti di depurazione (S. Nicola Parantoro-Vacca rizzo-s.ma rio la Castagna-Caldopiano-Commicelle); adeguamento funzionale del depuratore in loc. Taverna e/o in alternativa realizzaizone di 3 stazioni di sollevamento fino al depuratore consortile, con adeguamento degli impianti di sollevamento esistenti. collegamento al collettore consortile esistente denominato "Casole-Trenta". l 2. Comune di Pietrafitta dismissione dell'impianto di depurazione esistente e collegamento al sistema di collettamento consortile, con realizzazione delle relative condotte fognarie; potenziamento stazione di sollevamento esistente in c.da Morelli. l 3. Comune di San Fili collegamento al collettore ubicato nel Comune di San Vincenzo La Costa o, in alternativa, realizzazione di una stazione di sollevamento per convogliare i reflui sul collettore esistente lungo la SS 19 in loc. Borghetto, con successivo collegamento al depuratore consortile. l 4. Comune di San Vincenzo La Costa realizzazione di una condotta di collegamento al sistema di collettamento consortile. l 5. Comune di Serra Pedace realizzazione di una condotta di collegamento al sistema di collettamento consortile. l 6. Comune di Rose collegamento della loc. Sovarette al sistema di colelttamento consortile. 9

12 17. Comune di Rovito collegamento della loc. Pianette al sistema di colelttamento consortile. 18. Comune di San Pietro in Guarano Realizzazione di impianti di fitodepurazione nelle località Terratelle-Bucita-Pisciato, Panzi-Scrittisani-Cervali-S. Lucia, Redipiano-Casaluzzi, e successivo trattamento presso impianto "bottini" di prossima realizzazione presso il depuratore consortile. Realizzazione rete fognaria nelle zone Mazzicanino-Parulli e Padula, con collegamento al sistema di collettamento consortile. Modalità di ahuazione dell'intervento: Concessione di lavori pubblici: procedura disciplinata secondo quanto previsto dali' art. 153 del D.lgs 163/

13 Cronoprogramma: si prevedono le seguenti fasi e relative tempistiche: CRONOPROGRAMMA DELLE ATTIVITÀ IN CAPO Al SOGGETTI BENEFICIARI FASI Attività Tempi previsti dalla norma Tempi minimi ipotizzabili I FASE (propedeutica alla gara) Conferenza dei servizi (da indire sullo studio di fattibilità prima della gara per come disposto dalle ultime modifiche normative apportate con il D.L. n. 83 del 22 giugno 2012) 90 gg. 30 gg. FINE I FASE 30 gg. Predisposizione atti e Pubblicazione gara - 65 gg. Valutazione offerte pervenute - 30 gg. Redazione della graduatoria e Nomina II FASE del promotore (gara e Conferenza dei servizi individuazione (da indire sulla base del progetto del preliminare proposto dal concessionario concessionario) ) - 15 gg. 90 gg. 30 gg. Aggiudicazione definitiva - 30 gg. FINE II FASE 170 gg \!;' ~,;,.:r. ' -,~.., Jlt(. -.~A<--. ' ' '.. '..,~ " ' J;; ' <.V:.. """'~ - III FASE Esecuzione dei lavori 720 gg, (Realizzazione intervento) Entrata in esercizio 90 gg. FINE III FASE 810 gg. 11

14 3. ATO l COSENZA - Adeguamento degli impianti di depurazione e realizzazione opere di collettamento nell'agglomerato di Santa Maria del Cedro Delibera CIPE n. 60 del Interventi "IDRICO" - settore fognario e depurativo Agglomerato Comuni ricadenti nell'agglomerato: Santa Maria del Cedro, Diamante, Grisolia, Maierà, Buonvicino. Procedura di infrazione: violazione articoli art. 3 (Direttiva 91 /271 /CE) Ampliamento del Polo depurativo: si => Comuni: Orsomarso, Verbicaro Intervento proposto: ATO l Cosenza - Adeguamento degli impianti di depurazione e realizzazione opere di collettamento nell'agglomerato di Santa Maria del Cedro. (razionalizzazione e riefficientamento dell'attuale sistema impiantistico depurativo) Risorse Finanziarie: Totale l ,00 FSC ,00 Privato ,00 12

15 Descrizione dell'intervento: Nell'agglomerato denominato "Santa Maria del Cedro", costituito dai Comuni di Santa Maria del Cedro (capofila), Buonvicino, Diamante, Grisolia, Maierà, Orsomarso, Verbicaro sono necessari interventi straordinari sul sistema fognario e depurativo, poiché, nell'ambito del Piano Nazionale per il Sud - Interventi straordinari nel settore fognario e depurativo finalizzati al superamento delle criticità connesse alla procedura d'infrazione), l'area è stata attenzionata con procedura infrazione n 2004/2034 (mancato recepimento della Direttiva n 9l /271 /CEE- art.3). Lo studio di fattibilità, in corso di definizione in particolare per quanto attiene alle risorse finanziarie necessarie alla sostenibilità del progetto, individua interventi finalizzati al completamento e all'efficientamento del sistema fognario dell'intero agglomerato che risulta lacunoso e sottodimensionato in talune aree. l Comuni ricadenti nell'area hanno, perciò, predisposto un progetto che tenga conto dei deficit da colmare sia in termini di collettamento che di depurazione. Comune di Santa Maria del Cedro Il Comune di Santa Maria del Cedro è dotato di una rete fognaria di tipo misto, strutturata in modo da riversare i reflui da monte a valle verso un collettore litoraneo (ad esclusione della zona del Capoluogo) che, attraverso una serie di impianti di sollevamento, rilancia la portata verso monte nella zona Frecciara, dov'è ubicato un impianto di depurazione. Tale impianto passa da un utilizzo per l a.e. nel periodo invernale ad uno per a.e. nei mesi di maggio, giugno e settembre, fino a quello per a.e nel mese di agosto. La gestione di un tale sistema è particolarmente complessa, in quanto adegua il trattamento ad esigenze variabili nel corso dell'anno; si necessita, perciò, di un adeguamento del depuratore stesso, congiuntamente all'efficientamento del sistema dei sollevamenti, per un costo stimato pari a ,00. La proposta progettuale presentata è rivolta, altresì, al completamento della rete fognaria esistente mediante la realizzazione di nuovi tratti al fine di consentire il collettamento di alcune aree orograficamente disagiate e la realizzazione di un collettore intermedio in aggiunta al tratto esistente che collega la Frazione Marcellina e la zona Pastina al succitato collettore litoraneo, in quanto il collettore esistente è divenuto insufficiente anche alla luce del collegamento di talune contrade popolose del Comune di Verbicaro alla rete fognaria di Santa Maria del Cedro. L'importo dei lavori necessari all'efficientamento della rete e delle infrastrutture depurative ricadenti nel Comune di Santa Maria del Cedro è stato stimato pari a ,00. Comune di Buonvicino Allo stato attuale, il Comune di Buonvicino colletta solo il 20% del carico generato, il restante 80% riversa in fosse di accumulo e pozzi neri. Ai fini progettuali si è inteso raccogliere le acque reflue dei maggiori nuclei abitati in modo da disinquinare la falda dalla presenza dei liquami liberati nei pozzi perdenti. L'intervento proposto prevede la raccolta dei reflui provenienti dagli insediamenti dislocati lungo la Strada Provinciale SP14 e lungo le strade comunali, per un totale di , 00 mi di condotte, corredati di almeno n l O stazioni di sollevamento. La stima per la realizzazione di suddette opere, oltre all'ampliamento e alla ristrutturazione dell'impianto di depurazione esistente, risulta pari a circa ,00. Comune di Diamante Il Comune di Diamante si sviluppa su una superficie di 11 kmq con un'altitudine media di 22 m s.l.m. Sul territorio comunale sono presenti due impianti di depurazione, uno di recente realizzazione di potenzialità pari a a.e in località Vaccuta,, frazione di Cirello e l'altro, realizzato tra il l 977 e il l 982, J#o () 13

16 Sono previsti interventi al fine di completare e potenziare l'impianto di loc. Vaccuta per adeguarlo ai nuovi allacci fognari realizzatisi (Diamante, Maierà, Grisolia). La stima di tali lavori ammonta a circa l.l ,00. Anche sull'impianto sito in loc. Sorbo sono previsti interventi di adeguamento e potenziamento il cui costo è stato stimato paria ,00. Ulteriori lavori sono stati individuati per il completamento di alcune linee di collettori fognari con una spesa prevista che ammonterebbe a ,95. Anche per gli impianti di sollevamento presenti sul territorio comunale sono stati computati e quantificati interventi di manutenzione straordinaria che prevedono la sostituzione e l'integrazione di attrezzature elettromeccaniche, per un costo pari a ,00. Per la realizzazione di tutti gli interventi di efficientamento e potenziamento del sistema fognario e depurativo del Comune di Diamante, la stima complessiva è risultata essere pari a circa ,00. Comune di Grisolia Il Comune di Grisolia è dotato di una rete fognaria che copre quasi tutto il territorio comunale, a meno di una zona del centro storico. L'intervento proposto interesserà, quindi, tale area mediante la realizzazione di tratti in caduta e di taluni tratti in pressione, nonché di due stazioni di sollevamento. La stima totale delle opere è risultata essere pari a ,00. Comune di Maierà Il Comune di Maierà è dotato di una rete fognaria che scarica in due diversi depuratori, uno a gestione comunale sito in località Peluso di Maierà, l'altro con gestione a carico del Comune di Diamante, sito in località Vaccuta. Il sistema di collettori non copre nella sua interezza il territorio comunale. La proposta progettuale è rivolta al collettamento delle zone deficitarie, la rete fognaria così realizzata sarà collettata all'impioto di depurazione di loc. Vaccuta nel Comune di Diamante. Alcuni punti dei nuovi collettori, necessiteranno, tra l'altro, di due stazioni di sollevamento. Interventi di potenziamento e di adeguamento sono previsti anche sull'impianto di depurazione sito in loc. Peluso. La stima complessiva delle opere fognarie e depurative risulta essere pari a ,00. Comune di Orsomarso Il territorio di Orsomarso si può suddividere schematicamente in tre zone: a. Montana (casa sparse esclusivamente ad uso agricolo); b. Centro Storico; c. Collinare e Pianeggiante (agglomerati e case sparse) Mentre il Centro storico è servito di rete fognaria opportunamente collegata ad un depuratore, le rimanenti due zone sono dotate di mezzi individuali di smaltimento ovvero di fosse settiche. La proposta progettuale è rivolta al collettamento delle zone poste in piano e nella parte collinare lungo la ex strada Provinciale Orsomarso- Santa Maria del Cedro. Lo smaltimento e la depurazione, quindi, saranno affidate al depuratore ubicato nel Comune di Santa Maria del Cedro. La stima dei lavori per la realizzazione di tratti di condotta e per la manutenzione e l'adeguamento dell'impianto di depurazione esistente, è pari a ,00. Comune di Verbicaro 14

17 Il territorio comunale è dotato di rete fognante che scarica, per la maggior parte, nel depuratore sito in cd. Giardino del Comune di Verbicaro. Una sola frazione, quella di cda. San Francesco, è stata collettata alla fognatura del Comune di Santa Maria del Cedro, pertanto i reflui confluiscono in altro depuratore. Gli interventi proposti sono di seguito riportati: a. Completamento della rete fognaria con la realizzazione di nuovi tratti; b. Intervento di manutenzione del depuratore sito in contrada Giardino; c. Costruzione di un bottino nel depuratore di cda. Giardino; d. Realizzazione di una stazione di sollevamento Il costo di tali lavori è stato stimato essere pari a ,00. Modalità di attuazione dell'intervento: Concessione di lavori pubblici: procedura disciplinata secondo quanto previsto dall'art. 153 del D.lgs 163/

18 -~-- -- Cronoprogramma: si prevedono le seguenti fasi e relative tempistiche: CRONOPROGRAMMA DELLE ATTIVITÀ IN CAPO Al SOGGETTI BENEFICIARI FASI Attività Tempi previsti dalla norma Tempi minimi ipotizzabili I FASE (propedeutica alla gara) Conferenza dei servizi (da indire sullo studio di fattibilità prima della gara per come disposto dalle ultime modifiche normative apportate con il D.L. n. 83 del22 giugno 2012) 90 gg. 30 gg. FINE I FASE 30 gg. Predisposizione atti e Pubblicazione gara - 65 gg. Valutazione offerte pervenute - 30 gg. Redazione della graduatoria e Nomina II FASE - 15 gg. del promotore (gara e Conferenza dei servizi individuazione (da indire sulla base del progetto del 90 gg. 30 gg. preliminare proposto dal concessionario concessionario) ) Aggiudicazione definitiva - 30 gg. FINE II FASE 170 gg ~ --~ ~ III FASE Esecuzione dei lavori 720 gg. (Realizzazione intervento) Entrata in esercizio 90 gg. FINE III FASE 810 gg. 16

19 4. Completamento dello schema depurativo a servizio della città Capoluogo di Regione di Catanzaro Delibera CIP E n. 60 del l 2 Interventi "IDRICO" - settore fognario e depurativo Agglomerato Comuni ricadenti nell'agglomerato di: Catanzaro Intervento proposto: Completamento dello schema depurativo a servizio della città capoluogo di regione di Catanzaro. Livello di progehazione: Progetto preliminare. PIANO NAZKmAlE PER Il SVO tnomoua.ztone AGGLOMERA n LE GENOA INTEftVE:Nn P'ftOPOSTI NEL ft1aho P'Eft IL SUO c=j AlTRitNTERVt;NTlCATAHZARO Risorse Finanziarie: Totale FSC , ,00 Descrizione: L'agglomerato della città di Catanzaro è stato escluso dalla procedura di infrazione n. 2004/2034 Causa C O (rif. n. 25 parere motivato 19/02/ Bruxelles) poiché vi era stato l'impegno depuratore cittadino (grazie anche ad un finanziamento / ~ 17

20 pubblico). La procedura per l'affidamento dei lavori non è andata però a buon fine anche per l'esiguità delle risorse, insufficienti a coprire l'intero intervento. Pertanto si è reso necessario un ulteriore finanziamento complementare per la realizzazione dei collettamenti, a completamento quindi del precedente intervento pubblico già assentite. Ciò consentirà la messa a norma, ai sensi della Direttiva 91/271 /CE, dell'agglomerato scongiurando un nuovo contenzioso. Attualmente sono in corso gli approfondimenti tecnici ed economico-finanziari prodromici per l'avvio della procedura di gara per la concessione di Lavori pubblici ai sensi del D.lgs 163/

21 Cronoprogramma: si prevedono le seguenti fasi e relative tempistiche: CRONOPROGRAMMA DELLE ATTIVITÀ IN CAPO AI SOGGETTI BENEFICIARI FASI Attività Tempi previsti dalla norma Tempi minimi ipotizzabili I FASE (propedeutica alla gara) Conferenza dei servizi (da indire sullo studio di fattibilità prima della gara per come disposto dalle ultime modifiche normative apportate con il D.L. n. 83 del22 giugno 20/2) 90 gg. 30 gg. FINE I FASE 30 gg. Predisposizione atti e Pubblicazione gara 65 gg. Valutazione offerte pervenute 30 gg. II FASE (gara e individuazione del concessionario) Redazione della graduatoria e Nomina del promotore Conferenza dei servizi (da indire sulla base del progetto preliminare proposto dal concessionario ) 90 gg. 15 gg. 30 gg. Aggiudicazione definitiva 30 gg. FINE II FASE 170 gg. III FASE (Realizzazione intervento) Esecuzione dei lavori Entrata in esercizio 720 gg. 90 gg. FINE III FASE 810 gg. 19

22 5. Disinquinamento fascia costiera vibonese Delibera CIP E n. 60 del l 2 Interventi "IDRICO" - settore fognario e depurativo Agglomerato Comuni ricadenti nelle seguenti aree omogenee: Area compresa da Briatico a Ricadi: Capofila comune di Tropea; Area dell'angitola capofila comune di Pizzo; Area del Mesima: capofila comune di Nicotera. Intervento proposto: ATO 4 Vibo Valentia- Disinquinamento fascia costiera vibonese L'intervento consentirà il completamento e l'ottimizzazione del sistema depurativo per il superamento delle criticità infrastrutturali e gestionali, finalizzati ad eliminare le fonti diffuse di inquinamento determinate dal mancato corretto trattamento dei reflui urbani. L'intervento consentirà inoltre la messa a norma, ai sensi della Direttiva 91 /271 /CE, di agglomerati con popolazione compresa tra i e i ab. eq. per i quali potrebbero scaturire nuovi contenziosi. UCENOA c:::::j """""'... c:::::j-- Risorse Finanziarie Totale ,00 20

23 21

24 5.1 AREA OMOGENEA ANGITOLA- SUB 3 Il comprensorio denominato Angitola raggruppa tutti i comuni che circondano e che recapitano i propri reflui nel Lago artificiale dell'angitola ubicato nei comuni di Marierato e Monterosso Calabro nella provincia di Vibo Valentia. Il progetto, in corso di definizione in particolare per quanto attiene alle risorse finanziarie necessarie alla sostenibilità del progetto, prevede l'adeguamento del sistema infrastrutturale degli impianti di depurazione, delle stazioni di sollevamento e delle reti fognarie del comprensorio che comprende i Comuni di: Pizzo Calabro, Maierato, Monterosso Calabro, Polia, Filadelfia, San Nicola da Crissa, Filogaso, Francavilla Angitola e Capistrano. In particolare le opere da realizzare possono essere così sintetizzate: Potenziamento dell'impianto di depurazione consortile nel comune di Francavilla Angitola Loc. Carcarella e dismissione di n. 2 impianti di depurazione esistenti nello stesso comune. Realizzazione dell'impianto di depurazione del comune di San Nicola da Crissa. Realizzazione dell'impianto di depurazione del comune di Polia. Adeguamento degli impianti di depurazione esistenti e delle stazioni di sollevamento. Realizzazione di impiantii compatti nei comuni di Francavilla Angitola, Polia e Filadelfia. Realizzazione di tratti fognari negli agglomerati urbani dell'intero comprensorio, non serviti da rete fognaria. 22

CONSORZIO VALLE CRATI

CONSORZIO VALLE CRATI CONSORZIO VALLE CRATI ART. 31 Dlgs 267/2000 87036 RENDE (CS) Nr. 17 DETERMINAZIONE DELL UFFICIO TECNICO Del 16.10.2014 Prot. nr. 1833 OGGETTO: Gestione tecnica, operativa ed amministrativa di manutenzione

Dettagli

Trattamenti delle acque di scarico per piccole comunità Pretrattamento di acque reflue domestiche: FOSSE SETTICHE O FOSSE IMHOFF?

Trattamenti delle acque di scarico per piccole comunità Pretrattamento di acque reflue domestiche: FOSSE SETTICHE O FOSSE IMHOFF? Seminario tecnico Monitoraggio degli scarichi civili non in pubblica fognatura: Protocollo di intesa per la realizzazione di trattamenti individuali di depurazione delle acque reflue domestiche Trattamenti

Dettagli

Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento. Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl

Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento. Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl Via Fanin,, 48 40127 Bologna Tel. 051 4200324 luigi.petta petta@envis.itit

Dettagli

DETERMINA N. 21 del 23 marzo 2015 I L D I R E T T O R E G E N E R A L E

DETERMINA N. 21 del 23 marzo 2015 I L D I R E T T O R E G E N E R A L E CONSORZIO DI BONIFICA 11 MESSINA DETERMINA N. 21 del 23 marzo 2015 OGGETTO Progetto per la razionalizzazione della canalizzazione irrigua Fascia Etnea -Valle Alcantara-, I stralcio esecutivo funzionale.

Dettagli

Comune di Frascati Provincia di Roma RELAZIONE TECNICA. Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il

Comune di Frascati Provincia di Roma RELAZIONE TECNICA. Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il Comune di Frascati Provincia di Roma pag. 1 RELAZIONE TECNICA OGGETTO: Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il suo collegamento al collettore ACEA lungo Via Enrico Fermi.

Dettagli

IL RETTORE. il decreto del 01 aprile 2014 n.608 con il quale è stato aggiornato lo statuto di ateneo; VISTO

IL RETTORE. il decreto del 01 aprile 2014 n.608 con il quale è stato aggiornato lo statuto di ateneo; VISTO Università della Calabria - Amministrazione Centrale D.R. n.1072 del 10/07/2015 IL RETTORE il decreto del 01 aprile 2014 n.608 con il quale è stato aggiornato lo statuto di ateneo; il decreto del 6 febbraio

Dettagli

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n..

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n.. DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE CHE NON RECAPITANO NELLA RETE FOGNARIA (La domanda dovrà essere compilata su carta legale o resa legale). Al Signor Sindaco del Comune

Dettagli

Riferimenti Normativi. D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq.

Riferimenti Normativi. D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq. Riferimenti Normativi - D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq. reflue) Acque reflue domestiche: acque reflue provenienti da insediamenti

Dettagli

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE Nuovo collegamento sottomarino a 500 kv in corrente continua SAPEI (Sardegna-Penisola Italiana) SCHEDA N. 178 LOCALIZZAZIONE CUP:

Dettagli

COMUNITÀ MONTANA ALTO SANGRO ALTOPIANO. DELLE CINQUEMIGLIA Castel di Sangro (AQ). BANDO DI GARA

COMUNITÀ MONTANA ALTO SANGRO ALTOPIANO. DELLE CINQUEMIGLIA Castel di Sangro (AQ). BANDO DI GARA COMUNITÀ MONTANA ALTO SANGRO ALTOPIANO DELLE CINQUEMIGLIA Castel di Sangro (AQ). BANDO DI GARA Oggetto: Affidamento, mediante appalto integrato e con procedura aperta, degli interventi per la Valorizzazione

Dettagli

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI PRATO, PISTOIA, LUCCA, E DELLE APUANE, AI SENSI DELL

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro)

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO Comune di TROPEA Interventi manutentivi alla rete idrica comunale per fronteggiare l emergenza idrica sul territorio di Tropea Completamento,

Dettagli

Ai Comuni Alle Province Alle Autorità d'ambito Ai gestori del servizio pubblico di fognatura e depurazione All'A.R.P.A.V.

Ai Comuni Alle Province Alle Autorità d'ambito Ai gestori del servizio pubblico di fognatura e depurazione All'A.R.P.A.V. Circolare del Presidente della Giunta Regionale n. 12 del 9/8/02, approvata con D.G.R.V. n. 2106 del 2/8/02, recante "Norme di Attuazione del Piano Regionale di Risanamento delle Acque. Testo coordinato

Dettagli

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALL'ALLACCIAMENTO ED AMMISSIONE AL SERVIZIO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE PER SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NELLA RETE FOGNARIA PROVENIENTI DA UN INSEDIAMENTO RESIDENZIALE (La

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

GUIDA ALLA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI

GUIDA ALLA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI PROVINCIA DI COSENZA SETTORE ATTIVITA ECONOMICHE E PRODUTTIVE SERVIZIO VALORIZZAZIONE RISORSE ENERGETICHE GUIDA ALLA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI SOMMARIO INTRODUZIONE... 4 SEZIONE I: NOTIZIE IN

Dettagli

p e r i l c u r r i c u l u m

p e r i l c u r r i c u l u m F o r m a t o e u r o p e o p e r i l c u r r i c u l u m v i t a e Informazioni personali Nome Indirizzo Ferraina Caterina Rosaria Località Feudotto compl. AZUR Vibo Valentia Telefono 0963.94428 328/2888930

Dettagli

Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013

Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013 Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013 Dipartimento 51 - Dipartimento della Programmazione e dello Sviluppo Economico Direzione Generale 2 - Direzione Generale Sviluppo Economico e le Attività Produttive

Dettagli

Determinazione con parere di ragioneria DIRIGENTE (O U.O.P.C.) DI: SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITOR., MOBILITA, ENERGIA - MASTELLA MASSIMO

Determinazione con parere di ragioneria DIRIGENTE (O U.O.P.C.) DI: SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITOR., MOBILITA, ENERGIA - MASTELLA MASSIMO Determinazione con parere di ragioneria DIRIGENTE (O U.O.P.C.) DI: SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITOR., MOBILITA, ENERGIA - MASTELLA MASSIMO P.G. 58467/2012 Data firma: 13/07/2012 Data esecutività: 20/07/2012

Dettagli

CIRCOLARE DEL MINISTERO DEI LAVORI PUBBLICI, N. 11633. (Pres. Cons. Sup. - Serv. Tecn. Centrale, 7 gennaio 1974)

CIRCOLARE DEL MINISTERO DEI LAVORI PUBBLICI, N. 11633. (Pres. Cons. Sup. - Serv. Tecn. Centrale, 7 gennaio 1974) CIRCOLARE DEL MINISTERO DEI LAVORI PUBBLICI, N. 11633 (Pres. Cons. Sup. - Serv. Tecn. Centrale, 7 gennaio 1974) Istruzioni per la progettazione delle fognature e degli impianti di trattamento delle acque

Dettagli

SCHEDA 1: PROGRAMMA TRIENNALE DELLE OPERE PUBBLICHE 2013/2015 DELL'AMMINISTRAZIONE COMUNE DI ALCAMO

SCHEDA 1: PROGRAMMA TRIENNALE DELLE OPERE PUBBLICHE 2013/2015 DELL'AMMINISTRAZIONE COMUNE DI ALCAMO SCHEDA : PROGRAMMA TRIENNALE DELLE OPERE PUBBLICHE 0/05 DELL'AMMINISTRAZIONE COMUNE DI ALCAMO QUADRO DELLE RISORSE DISPONIBILI ARCO TEMPORALE DI VALIDITÀ DEL PROGRAMMA TIPOLOGIE RISORSE Disponibilità finanziaria

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA ARGOMENTI DA TRATTARE: DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

Digestato da rifiuti e da matrici agricole

Digestato da rifiuti e da matrici agricole Ravenna 2012 Workshop I CIC Consorzio Italiano Compostatori Ravenna, 27 settembre 2012 Digestato da rifiuti e da matrici agricole Lorella ROSSI C.R.P.A. - Reggio Emilia, Comitato Tecnico CIC DIGESTIONE

Dettagli

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività:

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività: Idecom è una società nata dal gruppo Ladurner che da anni è specializzato nella progettazione, costruzione e gestione di impianti nel campo dell ecologia e dell ambiente, in particolare in impianti di

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Degl Innocenti Alessandro Data di nascita 4/10/1951 Qualifica Dirigente Amministrazione Comune di Pontassieve Incarico attuale Dirigente Area Governo del Territorio

Dettagli

POSSIBILITA DI SVILUPPO DELLA FILIERA BIOGAS - BIOMETANO IN TRENTINO

POSSIBILITA DI SVILUPPO DELLA FILIERA BIOGAS - BIOMETANO IN TRENTINO POSSIBILITA DI SVILUPPO DELLA FILIERA BIOGAS - BIOMETANO IN TRENTINO Seminario di promozione del biometano in Veneto Veneto Agricoltura, Corte Benedettina Legnaro (PD), 23 ottobre 2013 Silvia Silvestri

Dettagli

REGOLAMENTO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE

REGOLAMENTO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE Etra S.p.A. Energia Territorio Risorse Ambiente REGOLAMENTO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE Approvato dall Assemblea di ATO Brenta il 26 aprile 2010 con deliberazione n. 2 INDICE TITOLO I Disposizioni generali...

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO Generalmente il piano dettagliato degli obiettivi (art. 108 e 197 del Tuel) coincide con la c.d. parte descrittiva del Peg, cioè quella parte che individua gli obiettivi

Dettagli

Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6

Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6 Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6 1010203 240/21 SPESE MANUTENZIONE IMMOBILI ED 17.424,61 17.424,61 17.424,61 IMPIANTI UFFICI COMUNALI 1010203 400/10 SPESE PER

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

VASCHE DI PRIMA PIOGGIA

VASCHE DI PRIMA PIOGGIA Criteri di progettazione, realizzazione e gestione VASCHE DI PRIMA PIOGGIA e VASCHE DI LAMINAZIONE nell ambito dei sistemi fognari GETTO FINALE gno - 1d disegno - 5d disegno - 4d GETTO FINALE ASPIRAZIONE

Dettagli

Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali

Regolamento per l assegnazione dei contributi per edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi e per centri civici e sociali Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali attrezzature culturali e sanitarie." (Deliberazioni del Consiglio

Dettagli

IL DIRIGENTE. Premesso che:

IL DIRIGENTE. Premesso che: REGIONE PIEMONTE BU49 04/12/2014 Codice DB1614 D.D. 26 novembre 2014, n. 814 D.G.R. n. 20-587 del 18/11/2014. Programmazione 2014-15. Misura 5: sostegno ai Comuni per la realizzazione di "Programmi di

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it Il nuovo incentivo per la progettazione Aggiornamento e tavolo aperto di discussione Lino BELLAGAMBA Prima stesura 4 ottobre 2014 Cfr. D.L. 24 giugno 2014, n. 90, art. 13, comma 1, nella formulazione anteriore

Dettagli

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO OGGETTO : PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO PER L AREA D1 DELLA ZONA P1.8 DEL P.R.G.C. RIF. CATASTALI : FOGLIO 26 MAPP.NN.232(ex36/a), 233(ex37/a, 112, 130, 136, 171,

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER VERSAMENTO INCREMENTI TARIFFARI DI CUI ALLA DELIBERA CIPE 52/2001 UTENZE INDUSTRIALI DA POZZO AUTONOMO

SCHEMA DI CONVENZIONE PER VERSAMENTO INCREMENTI TARIFFARI DI CUI ALLA DELIBERA CIPE 52/2001 UTENZE INDUSTRIALI DA POZZO AUTONOMO Allegato n. 2 alla delibera n. 11 del 12.12.05 SCHEMA DI CONVENZIONE PER VERSAMENTO INCREMENTI TARIFFARI DI CUI ALLA DELIBERA CIPE 52/2001 UTENZE INDUSTRIALI DA POZZO AUTONOMO..., con sede in.., Codice

Dettagli

B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305. Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie

B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305. Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305 Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie LA GIUNTA REGIONALE Premesso: che con D.P.R. 12 aprile

Dettagli

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO A.Romano*, C. Gaslini*, L.Fiorentini, S.M. Scalpellini^, Comune di Rho # * T R R S.r.l.,

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

ALLEGATO "C" ALLA DELIBERAZIONE 7/12/2011 N 10

ALLEGATO C ALLA DELIBERAZIONE 7/12/2011 N 10 ALLEGATO "C" ALLA DELIBERAZIONE 7/12/2011 N 10 ARTICOLAZIONE TARIFFARIA DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO NELL'AMBITO TERRITORIALE OTTIMALE N. 7 RAVENNA IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2012 COMUNE DI RAVENNA BACINO

Dettagli

Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione. Andrea Mariani

Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione. Andrea Mariani Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione Andrea Mariani Pulizia delle vasche volano e di prima pioggia LE ACQUE PIOVANE: Contengono SEDIMENTI - DEPOSITI in vasca; - Riduzione

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

Indice Indice... 1 Oggetto... 1 Referenti regionali del progetto... 1 Scopo... 2 Il progetto Rete CUP regionale... 2 Premessa... 2 La situazione regionale... 2 Azienda Ospedaliera di Cosenza... 2 ASP di

Dettagli

COMUNE DI MORGONGIORI. I.M.U. anno 2012

COMUNE DI MORGONGIORI. I.M.U. anno 2012 COMUNE DI MORGONGIORI PROVINCIA DI ORISTANO IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA I.M.U. anno 2012 VADEMECUM ILLUSTRATIVO Con l art. 13 del D.L. 6 dicembre 2011, n. 201, convertito in Legge 22 dicembre 2011, n. 214

Dettagli

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO Art. 1 Disposizioni generali 1.1. Per gli anni scolastici 1997-98, 1998-99 e 1999-2000, nell'autorizzazione al funzionamento

Dettagli

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia LIFE+ PROJECT ACRONYM ETA-BETA LIFE09 ENV IT 000105 Scheda n 1 Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia emissioni

Dettagli

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI:

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI: COMUNE DI FINALE EMILIA (Provincia di Modena) P.zza Verdi, 1 41034 Finale Emilia (Mo) Tel. 0535-788111 fa 0535-788130 Sito Internet: www.comunefinale.net SERVIZIO URBANISTICA E EDILIZIA PRIVATA AUTOCALCOLO

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 AVVISO DI INDAGINE DI MERCATO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROFESSIONISTI DA INVITARE ALLA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che A LLEGATO Min nistero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE 12 dicembre 2011, n. 26

REGOLAMENTO REGIONALE 12 dicembre 2011, n. 26 36170 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 195 del 16-12-2011 REGOLAMENTO REGIONALE 12 dicembre 2011, n. 26 Disciplina degli scarichi di acque reflue domestiche o assimilate alle domestiche di

Dettagli

INTERAZIONE CON LE ALTRE AMMINISTRAZIONI TERRITORIALI

INTERAZIONE CON LE ALTRE AMMINISTRAZIONI TERRITORIALI INTERAZIONE CON LE ALTRE AMMINISTRAZIONI TERRITORIALI 48 Come si diceva non ci si deve dimenticare che la rete provinciale va intesa come substrato per un successivo allargamento, come proposta propedeutica

Dettagli

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI»

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Avellino a cura del dr. Pasquale Trocchia Dirigente del Ministero dell Interno Responsabile delle

Dettagli

Finanza di Progetto 100 domande e risposte

Finanza di Progetto 100 domande e risposte Dipartimento per la Programmazione e il coordinamento della politica economica Finanza di Progetto 100 domande e risposte Edizione 2009 Dipartimento per la Programmazione e il coordinamento della politica

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

REGOLAMENTO DEI SERVIZI DI FOGNATURA E DEPURAZIONE

REGOLAMENTO DEI SERVIZI DI FOGNATURA E DEPURAZIONE COMUNE di SAMBUCA DI SICILIA Provincia Regionale di Agrigento REGOLAMENTO DEI SERVIZI DI FOGNATURA E DEPURAZIONE Il CAPO AREA TECNICA Geom. Maniscalco Giovanni PREMESSA In forza della sopravvenuta legge

Dettagli

Piano Regolatore Generale comunale

Piano Regolatore Generale comunale P.r.g Comune di Baselga di Pinè, adeguamento cartografico a sensi art. 34 comma 3 L.P. 1/2008 PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Comune di Baselga di Pinè Piano Regolatore Generale comunale RELAZIONE Adeguamento

Dettagli

Regione Autonoma della Sardegna PIANO D AZIONE PER IL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI DI SERVIZIO

Regione Autonoma della Sardegna PIANO D AZIONE PER IL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI DI SERVIZIO Regione Autonoma della Sardegna PIANO D AZIONE PER IL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI DI SERVIZIO INDICE PREMESSA 4 1. IL MECCANISMO DI INCENTIVAZIONE LEGATO AGLI OBIETTIVI DI SERVIZIO DEL QSN 2007-2013

Dettagli

Testo Consolidato del Decreto n 30125 del 22 dicembre 2009 (come modificato dal DM 10346 del 13 maggio 2011)

Testo Consolidato del Decreto n 30125 del 22 dicembre 2009 (come modificato dal DM 10346 del 13 maggio 2011) Testo Consolidato del Decreto n 30125 del 22 dicembre 2009 (come modificato dal DM 10346 del 13 maggio 2011) L AGRICOLTURA A BENEFICIO DI TUTTI Documento prodotto nell ambito della Rete Rurale Nazionale

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

La gestione della sicurezza nei contratti di appalto

La gestione della sicurezza nei contratti di appalto Sicurezza La gestione della sicurezza nei contratti di appalto Con l'emanazione del D.Lgs. n. 81/2008 sono stati definiti gli obblighi inerenti alla sicurezza sul lavoro in caso di affidamento di lavori

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA

GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Progr.Num. 1388/2013 GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Questo giorno lunedì 30 del mese di settembre dell' anno 2013 si è riunita nella residenza di la Giunta regionale con l'intervento dei Signori:

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

Cos è la Banca europea per gli investimenti?

Cos è la Banca europea per gli investimenti? Cos è la Banca europea per gli investimenti? La BEI è la banca dell Unione europea. Come principale mutuatario e finanziatore multilaterale, eroghiamo finanziamenti e consulenze tecniche per progetti d

Dettagli

SETTORE AMMINISTRATIVO - ECONOMICO FINANZIARIO COPIA DI DETERMINA CONGIUNTA N. 15 ANNO 2011 DEL 08-07-2011

SETTORE AMMINISTRATIVO - ECONOMICO FINANZIARIO COPIA DI DETERMINA CONGIUNTA N. 15 ANNO 2011 DEL 08-07-2011 SETTORE AMMINISTRATIVO - ECONOMICO FINANZIARIO COPIA DI DETERMINA CONGIUNTA N. 15 ANNO 2011 DEL 08-07-2011 OGGETTO: TRAPANI IACP - DETERMINAZIONE FONDO DI POSIZIONE E DI RISULTATO DEI DIRIGENTI ANNO 2011.-

Dettagli

AVVISO PUBBLICO SPORTELLO SOCIALE PER MINORI E GIOVANI ADULTI A RISCHIO PENALE CON PROBLEMI DI TOSSICODIPENDENZA

AVVISO PUBBLICO SPORTELLO SOCIALE PER MINORI E GIOVANI ADULTI A RISCHIO PENALE CON PROBLEMI DI TOSSICODIPENDENZA AVVISO PUBBLICO E DISCIPLINARE DI GARA D APPALTO Affidamento di servizio di cui all allegato II B Art. 20 D. Lgs. 163/2006 e ss.mm.ii. Affidamento di n. 1 azione progettuale denominata Sportello sociale

Dettagli

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture DOCUMENTO BASE Problematiche applicative delle disposizioni in materia di opere a scomputo degli oneri di urbanizzazione

Dettagli

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO 6 Allegato 1 COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO Servizio Pianificazione e Programmazione del Territorio Via delle Torri n. 13 47100 Forlì Unità Segreteria mariateresa.babacci@comune.forli.fo.it

Dettagli

Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale

Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale Verbale tavolo energia/pmi - 19 marzo 2007 Sala Consigliare A cura di: Andrea

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività umane. Le pressioni ambientali a cui è sottoposto sono

Dettagli

Visti gli articoli 1, 4, comma 4, e 6 della legge 15 marzo 1997, n. 59, come modificati dall'articolo 7 della legge 15 maggio 1997, n.

Visti gli articoli 1, 4, comma 4, e 6 della legge 15 marzo 1997, n. 59, come modificati dall'articolo 7 della legge 15 maggio 1997, n. Decreto legislativo 19 novembre 1997, n.422 Conferimento alle regioni ed agli enti locali di funzioni e compiti in materia di trasporto pubblico locale, a norma dell'articolo 4, comma 4, della legge 15

Dettagli

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 500 spazi sportivi scolastici e 500 impianti di base, pubblici e privati «1000 Cantieri per lo Sport»

Dettagli

Descrizione del Sistema di Gestione e Controllo (Si.Ge.Co.)

Descrizione del Sistema di Gestione e Controllo (Si.Ge.Co.) Regione Basilicata Descrizione del Sistema di Gestione e Controllo (Si.Ge.Co.) Fondo per lo Sviluppo e la Coesione (FSC) 2007/2013 V e r s i o n e n.2 m a g g i o 2 0 1 4 R e g i o n e B a s i l i c a

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

OGGETTO:Programma Integrato Urbano PIU Europa PO FESR Campania 2007-2013 Asse 6 Obiettivo Operativo 6.1.

OGGETTO:Programma Integrato Urbano PIU Europa PO FESR Campania 2007-2013 Asse 6 Obiettivo Operativo 6.1. *** *,. * *** La tua Campania cresce in Europa Via De Turris n.16 "Palazzo S. Anna" Te/. 081 3900565 fax 081 3900592 e-mail: urbanistica@comune.castellanunare-di-stabia.napoli.it pec: urbanistica.stabia@asmepec.it

Dettagli

Gli oneri concessori

Gli oneri concessori Laboratorio di di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Modulo di Estimo Integrazione al costo di produzione: gli oneri concessori Proff. Coll. Renato Da Re Federica Di Piazza Gli oneri concessori

Dettagli

2 Qual è il termine ultimo per passare alla misurazione netta? 3 Quali obblighi ha il produttore in relazione al passaggio alla misurazione netta?

2 Qual è il termine ultimo per passare alla misurazione netta? 3 Quali obblighi ha il produttore in relazione al passaggio alla misurazione netta? Pagina 1 di 7 FAQ passaggio dalla misurazione lorda a quella netta Con la revisione dell Ordinanza sull energia (OEn) e la sua entrata in vigore con effetto al 1 gennaio 2010 è stata introdotta, nell ambito

Dettagli