1. PREMESSE CARATTERISTICHE TECNICO FUNZIONALI...3

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1. PREMESSE...2 2. CARATTERISTICHE TECNICO FUNZIONALI...3"

Transcript

1 INDICE 1. PREMESSE CARATTERISTICHE TECNICO FUNZIONALI RETE FOGNARIA PER ACQUE BIANCHE Generalità Pluviogramma di progetto Dimensionamento della rete RETE FOGNARIA PER ACQUE NERE Generalità MATERIALI IMPIEGATI Rete fognaria per acque bianche Rete fognaria per acque nere...10 Pag. 1

2 1. PREMESSE Con il presente Progetto Esecutivo l Amministrazione Comunale di Rovigo si propone di realizzare, presso il quartiere Tassina, un campo per il gioco del baseball e del softball, dotato delle necessarie strutture di servizio ed opere di urbanizzazione. In futuro si prevede di completare l intervento con la realizzazione di un corpo da adibirsi a servizi/spogliatoi per il suddetto impianto. Il progetto Definitivo delle opere è stato approvato con Delibera di Giunta Comunale n. 194 del 30/10/2003 divenuta esecutiva il 17/11/2003. Nel territorio del Comune di Rovigo è attualmente presente un campo da baseball localizzato nel cortile dell Istituto Marco Polo in prossimità del Palazzetto dello Sport. Tale impianto, pur limitato dalla presenza opprimente delle strutture edilizie della scuola, ha svolto un ruolo importantissimo per lo sviluppo dell attività del baseball e del softball e, piano piano, sia con l intervento dell Amministrazione Comunale sia con gli interventi della Società sportiva che gravita sullo stesso, ha subito delle integrazioni che hanno fin qui permesso, seppure tra mille difficoltà, di continuare l attività sportiva. Le difficoltà maggiori sono date dalle esigue dimensioni sia del campo per attività sportiva che delle aree a servizio dello stesso. Nell area attuale non è possibile nessun altro intervento utile a migliorare la situazione. Necessita, quindi, una nuova localizzazione che si presenti di ampio respiro sia per la realizzazione dei campi di attività sportiva che per la programmazione dei necessari servizi. L'intervento è previsto nel quartiere Tassina ad est di via Vittorio Veneto, in un'area destinata a verde sportivo attrezzato dal vigente PRG, diventata di proprietà comunale in seguito alla procedura di esproprio effettuata dagli Uffici Comunali. Pag. 2

3 2. CARATTERISTICHE TECNICO FUNZIONALI Questo primo intervento prevede esclusivamente la realizzazione del campo sportivo, mentre la realizzazione del corpo spogliatoi è demandata ad un secondo intervento progettuale affidato allo stesso professionista. Durante questa prima fase l impianto sarà utilizzato solo per gli allenamenti. Un eventuale utilizzo per lo svolgimento dell attività agonistica è condizionato dalla possibile convenzione per la disponibilità degli spogliatoi e dei servizi dell adiacente complesso sportivo della Tassina o dalla realizzazione del corpo servizi oggetto di diverso progetto. In queste condizioni non è prevista la presenza di pubblico. Come si può osservare dagli elaborati grafici, oltre al campo per il gioco del baseball, è prevista la realizzazione di un campo per il gioco del softball che si concretizza con un apposito diamante posizionato in modo da poter sfruttare al meglio il terreno esistente. L orientamento del campo di gioco del baseball è stato studiato tenendo conto del percorso del sole in modo da garantire le migliori condizioni di visibilità nelle diverse ore del giorno. Oltre alla realizzazione dell impianto sportivo vero e proprio, il progetto prevede la realizzazione della strada di accesso da via Vittorio Veneto e di un piccolo parcheggio. E prevista la realizzazione della rete fognaria delle acque bianche separate dalle acque nere, così come rappresentata nel relativo elaborato grafico. Materiali: oltre allo stabilizzato della strada, è previsto l impiego della terra rossa per alcune aree del diamante del baseball e per l intero diamante del softball. Il campo sarà inoltre dotato di n 4 dug-out, a livello del campo di gioco, realizzati in conglomerato cementizio armato con pareti in blocchi di argilla espansa splittati ed in due colori, dotati di un servizio igienico e di impianto di illuminazione. Uno di questi dug-out avrà annesso un locale per il classificatore, con accesso indipendente e non comunicante con la panchina. Pag. 3

4 3. RETE FOGNARIA PER ACQUE BIANCHE 3.1. Generalità La progettazione della rete fognaria per acque bianche a servizio di un area urbanizzata viene eseguita utilizzando appropriati modelli matematici di trasformazione afflussideflussi che, a partire da uno istogramma di progetto, forniscono le portate nei collettori tenendo conto delle perdite della pioggia lorda, degli invasi sul bacino scolante, nonché della dinamica di propagazione dei deflussi. E necessario dimensionare i collettori non solo in base alla portata massima da smaltire in condizioni di moto uniforme, ma anche in base al loro funzionamento in condizioni di moto vario, verificando l eventuale effetto di volumi di invaso sulla laminazione delle piene. L efficienza della rete dipende in modo diretto dalla capacità di smaltimento del corpo idrico ricettore finale, il cui livello idrico di massima piena vincola fortemente le condizioni di deflusso della rete a monte Pluviogramma di progetto Per il dimensionamento della rete fognaria per acque bianche è necessario valutare la portata di piena da smaltire in condizioni di piovosità massima. Nel caso dell area in oggetto si dovranno considerare precipitazioni di breve durata (inferiore ad un ora) ed intense, dato che per aree poco estese i tempi di corrivazione sono dell ordine dei minuti. Gli studi effettuati sugli eventi pluviometrici critici (eventi piovosi che hanno prodotto le massime altezze di pioggia) ci consentono di determinare, attraverso semplici relazioni matematiche, l altezza dell afflusso meteorico critico partendo dalle registrazioni storiche delle piogge massime misurate nelle stazioni pluviometriche esistenti nell area in esame. L elaborazione statistica delle serie pluviometriche viene effettuata tramite la distribuzione probabilistica a doppio esponenziale o Distribuzione di Gumbel. I risultati di tali elaborazioni portano alla definizione di un equazione che permette di ricavare il valore estremo dell altezza di pioggia, in funzione del tempo di ritorno e della durata di pioggia prescelti. Tale equazione, detta curva di probabilità climatica, assume la forma: h( x, t, T ) = a t r n essa permette di individuare il legame tra la massima altezza totale di pioggia h, che si verifica in un punto con assegnato tempo di ritorno T r, e qualsiasi durata della stessa. Pag. 4

5 La scelta del tempo di ritorno dipende dalle caratteristiche generali dell area scolante e dall importanza economica delle opere da proteggere. Per gli insediamenti urbani comuni si adottano piogge di progetto con tempi di ritorno non inferiori a 10 anni, mentre per gli insediamenti industriali e commerciali di elevata importanza economica si adottano tempi di ritorno T = anni. Nel presente progetto si assume la curva di probabilità climatica definita dalla seguente equazione, valida per un tempo di ritorno T r = 20 anni: h = a t n = 57,78 t 0,429 (mm) con h espresso in mm e t in ore Dimensionamento della rete Dopo aver individuato l equazione di probabilità pluviometrica, è necessario stimare quale frazione di pioggia venga raccolta dalla rete di drenaggio: tale frazione è rappresentata dal Coefficiente di Afflusso ϕ, inteso come il rapporto tra il volume di acqua defluito attraverso un assegnata sezione del collettore in un certo intervallo di tempo ed il volume meteorico precipitato nello stesso intervallo. Il valore del coefficiente di afflusso dipende quindi da molti fattori, alcuni intrinseci del bacino (tipo di pavimentazione, pendenza, ecc.) ed altri variabili da evento ad evento (stato di umidità iniziale del suolo, altezza totale di pioggia, ecc.); tuttavia nella pratica ingegneristica si ammette che esso sia una costante del bacino, facendo normalmente riferimento ai valori che tale coefficiente può assumere in situazioni particolarmente svantaggiose di condizioni iniziali di umidità del suolo e di precipitazione. Il coefficiente di afflusso dell area scolante, dipende dall incidenza delle superfici di tipo impermeabile rispetto a quella delle superfici di tipo permeabile. Complessivamente l area oggetto di intervento ha una superficie scolante di mq, così costituita: Tipologia Coeff. Afflusso Area (mq) Incidenza Superfici asfaltate 0, ,6 Superfici sterrate 0, ,4 Superfici in terra battuta 0, ,6 Lotti edificati 0, ,8 Superfici a verde 0, ,6 TOTALE: ,0 % Coeff. Afflusso medio ϕ 0,35 Pag. 5

6 Le suddette superfici tengono conto dell eventuale ampliamento dell impianto sportivo, per la realizzazione degli spogliatoi, nonché del contributo dato dai lotti di proprietà privata che confinano con la nuova strada di progetto e che in futuro potranno essere allacciati alla pubblica fognatura. Le portate meteoriche della rete di progetto verranno recapitate nel Canale Ramostorto, di competenza del Consorzio di Bonifica Polesine Adige Canalbianco. Dal punto di vista altimetrico l area di intervento si presenta pianeggiante a quota mediamente pari a + 14,00 m (assumendo la sommità arginale del Canale Ramostorto a quota + 14,80 m). Le procedure tradizionali di calcolo della portata massima ipotizzano una precipitazione uniforme nello spazio e di intensità costante nel tempo, di durata pari alla durata critica, dedotta dalla curva di probabilità pluviometrica. Per il dimensionamento di piccole reti fognarie, a servizio di bacini scolanti inferiori a 30 Ha, si può applicare il metodo di calcolo che si basa sul modello dell invaso lineare. Tale metodo porta a determinare il coefficiente udometrico di un bacino attraverso la formula: n a ϕ u W Q A n u = 2168 ( ϕ a) W 1 1 n 1/ n esponente della curva di probabilità climatica coefficiente della curva di probabilità climatica coefficiente di afflusso m = Coefficiente Udometrico (l/s Ha) W 0 + A V (l/s Ha) = Volume specifico d invaso del bacino (m 2 /Ha), somma del volume dei piccoli invasi W 0 e del volume invasato nella rete V. Nel caso di piccoli bacini di pianura, si adotta l espressione: W = W 0 (1+ 0,33 A 0,227 ) Per quanto riguarda i piccoli invasi, essendo impossibile calcolarne il valore analiticamente, nella pratica progettuale essi vengono assunti pari a mc/ha, a seconda della pendenza della zona e del grado di urbanizzazione. Nel caso in oggetto si adotta: W 0 = 50 m 3 /Ha. Pag. 6

7 CALCOLO DELLA PORTATA MASSIMA: Tipologia Coeff. Afflusso Area bacino (mq) Intensità di pioggia (mm/h) Afflusso in rete (l/sec) Superfici asfaltate 0, ,5 Superfici sterrate 0, ,7 Superfici in terra battuta 0, ,8 Lotti edificati 0, ,3 Superfici a verde 0, ,6 TOTALE: ,9 Il dimensionamento delle condotte è stato eseguito ipotizzando che il moto della corrente sia di tipo uniforme, per cui può essere rappresentato dalla legge di Gauckler- Strickler: v = k R 2 / 3 1/ 2 i f Poiché si prevede l utilizzo di tubazioni in calcestruzzo armato turbocentrifugato a parete liscia, si assume k= 80 85, che corrisponde ad una scabrezza assoluta ε = 0,5 mm. Si è ipotizzato che nelle condotte il grado di riempimento non superi il 85% (h/d 0,8) al fine di garantire un sufficiente franco di ventilazione della corrente, che evita pericolosi fenomeni ondosi che occludono la sezione della condotta. DIMENSIONAMENTO DEL COLLETTORE PRINCIPALE: diametro nominale: D = 600 mm pendenza: i = 1,6 grado di riempimento max: h/d = 0,80 velocità v = 1,11 m/s PORTATA MAX Q = 270 l/s Pag. 7

8 4. RETE FOGNARIA PER ACQUE NERE 4.1. Generalità E prevista la realizzazione di una rete fognaria per acque nere a servizio dell impianto sportivo e delle eventuali future utenze private che potranno insediarsi nei lotti adiacenti alla nuova strada di accesso. In particolare la rete in oggetto dovrà garantire lo smaltimento dei reflui prodotti dai servizi igienici presenti nell ambito del campo da baseball (all interno dei dug-out), oltre a quelli che verranno prodotti in futuro dalle strutture di servizio (spogliatoi) e dalle suddette eventuali utenze private. La nuova rete per acque nere sarà collegata alla rete pubblica esistente nella strada di accesso ai fabbricati limitrofi, costituita da una tubazione del DN 800 a gravità. TIPO UTENZA Portata unitaria ATTUALE FUTURA l/s N Portata (l/s) N Portata (l/s) Dug-out 1,5 4 6,0 4 6,0 Docce spogliatoi 1, ,0 Utenze private 1, ,0 TOTALE 6,0 35,0 Considerando la reale contemporaneità degli scarichi (spogliatoi ed utenza private), si stima la seguente portata di punta: Q,6 (20,0 9,0) 17, 4 l/s = 0 + = Poiché si prevede l utilizzo di tubazioni in policloruro di vinile (P.V.C.) rigido, si assume k= 85 90, che corrisponde ad una scabrezza assoluta ε = 0,3 mm. Si è ipotizzato che nelle condotte il grado di riempimento non superi il 75% (h/d 0,75) al fine di garantire un sufficiente franco di ventilazione della corrente. DIMENSIONAMENTO DEL COLLETTORE PRINCIPALE: diametro nominale: D = 250 mm pendenza: i = 3,0 grado di riempimento max: h/d = 0,75 velocità v = 0,98 m/s PORTATA MAX Q = 37 l/s Pag. 8

9 5. MATERIALI IMPIEGATI 5.1. Rete fognaria per acque bianche La rete per acque bianche sarà realizzata con l impiego dei seguenti materiali: Condotte principali: Le condotte fognarie principali per il collettamento delle acque meteoriche saranno realizzate con tubazioni in calcestruzzo armato turbocentrifugato conformi alle norme DIN 4035 e UNI-EN , prefabbricati con il sistema della centrifugazione a compressione radiale in elementi monolitici della lunghezza utile di ml. 2,50 3,00; le giunzioni saranno del tipo a bicchiere con anello di tenuta idraulica in neoprene alloggiato su apposita sede, conformi alle norme DIN 4060 e UNI 4920; le pareti interne delle tubazioni saranno resinate con prodotti epossidici per uno spessore minimo di 1000 µm. I giunti saranno avvolti esternamente con geotessuto. Condotte di allacciamento: Le condotte secondarie di allacciamento agli scarichi privati ed alle caditoie stradali per la raccolta delle acque piovane saranno realizzate con tubazioni e pezzi speciali in policloruro di vinile (P.V.C.) rigido non plastificato conformi alle norme UNI-EN 1401 della classe SN 8 di rigidità anulare (SDR 34), del diametro minimo 160 mm; tutte le tubazioni ed i pezzi speciali dovranno inoltre essere contrassegnati con il marchio di conformità IIP, dell Ente Nazionale Italiano di Unificazione (UNI). Pozzetti d ispezione: I pozzetti d ispezione e raccordo delle condotte fognarie saranno del tipo idoneo a sopportare i carichi stradali di 1^ categoria, realizzati in calcestruzzo armato prefabbricato di forma quadrata o rettangolare, dotati di fondo sagomato a regola d arte e di giunti predisposti per consentire la reale continuità delle tubazioni e la regolarità del flusso; la soletta di copertura sarà posata ad una profondità tale da consentire un adeguato ricoprimento con materiale ghiaioso. I pozzetti saranno a perfetta tenuta idraulica e consentiranno l esecuzione delle operazioni di ispezione, pulizia e controllo della rete. Chiusini d ispezione: I chiusini d ispezione delle condotte fognarie saranno in ghisa, del tipo sferoidale o lamellare, con telaio quadrato e coperchio circolare del diametro 600 mm del tipo a bloccaggio automatico, di classe di resistenza adeguata in conformità alla norma UNI EN 124. Il telaio dovrà essere fissato al pozzetto con rinfianco in calcestruzzo. Caditoie stradali: Pag. 9

10 le caditoie stradali saranno realizzate con pozzetti di raccolta in calcestruzzo armato prefabbricato, delle dimensioni interne di cm. 50x50, idonei a sopportare i carichi stradali di 1^ categoria, di profondità interna tale da consentire una decantazione di almeno cm 20 sotto la quota di scorrimento della tubazione di scarico, sifonata tramite una curva in PVC a 90 posta all interno del pozzetto; Le caditoie saranno complete di griglia carrabile (classe D400) in ghisa conforme alla norma UNI EN 124, dotata di fori ad asole parallele disposte su due o tre file Rete fognaria per acque nere La rete per acque nere sarà realizzata con l impiego dei seguenti materiali: Condotte principali: Le condotte fognarie principali per il collettamento delle acque nere saranno realizzate con tubazioni e pezzi speciali in policloruro di vinile (P.V.C.) rigido non plastificato conformi alle norme UNI-EN 1401 della classe SN 8 di rigidità anulare (SDR 34), del diametro minimo 160 mm; tutte le tubazioni ed i pezzi speciali dovranno inoltre essere contrassegnati con il marchio di conformità IIP, dell Ente Nazionale Italiano di Unificazione (UNI). Condotte di allacciamento: Le condotte secondarie di allacciamento agli scarichi privati saranno realizzate con tubazioni e pezzi speciali in policloruro di vinile (P.V.C.) rigido non plastificato conformi alle norme UNI-EN 1401 della classe SN 8 di rigidità anulare (SDR 34), del diametro minimo 160 mm; tutte le tubazioni ed i pezzi speciali dovranno inoltre essere contrassegnati con il marchio di conformità IIP, dell Ente Nazionale Italiano di Unificazione (UNI). Pozzetti d ispezione: I pozzetti di linea saranno realizzati con elementi prefabbricati monolitici in conglomerato cementizio vibrato, confezionato con cemento ad alta resistenza ai solfati, conformi ai tipi di progetto e garantiti al traffico stradale pesante. Il diametro interno delle camerette sarà conforme alle prescrizioni di progetto o a quanto richiesto dalla Direzione Lavori; in particolare potranno essere adottate le seguenti tre classi di diametro: DN 800 mm, DN 1000 mm, DN 1200 mm. Gli elementi prefabbricati costituenti le camerette saranno suddivisi in: - ELEMENTO DI BASE, provvisto di 2-4 fori, disposti con qualsiasi angolazione e completi di guarnizione a tenuta idraulica per l'innesto di tubazioni (gres, p.v.c. e cemento), sezione idraulica a mezzo tubo e sagomatura del fondo; per detto elemento lo spessore minimo delle pareti non sarà inferiore a 12 cm per elementi DN 800 mm, 15 cm per elementi DN 1000 mm e 23 cm per elementi DN 1200 mm; Pag. 10

11 - ELEMENTO DI RIALZO MONOLITICO, avente la parte terminale superiore a tronco di cono con bocca di diametro non inferiore a Ø 625 mm (passo d'uomo), provvisto di fori completi di guarnizione a tenuta idraulica, per l'innesto di tubazioni aventi diametro Ø , eseguiti in fase di lavorazione o con carotatrice; per detto elemento lo spessore minimo delle pareti non sarà inferiore a 12 cm per elementi DN 800 mm, 15 cm per elementi DN 1000 mm e 23 cm per elementi DN 1200 mm; - ELEMENTO DI RIALZO (eventuale), provvisto di fori completi di guarnizione a tenuta idraulica, per l'innesto di tubazioni aventi diametro Ø , eseguiti in fase di lavorazione o con carotatrice; per detto elemento lo spessore minimo delle pareti non sarà inferiore a 15 cm; - ELEMENTI RAGGIUNGI QUOTA (eventuali,) con diametro interno di Ø 625 mm; - SOLETTA CIRCOLARE CON PASSO D'UOMO, di diametro conforme all'elemento di base o al relativo elemento di rialzo, dotato di foro per passo d'uomo Ø 625 mm; per detto elemento l'altezza utile minima della soletta non sarà inferiore a 10 cm per elementi DN 800 mm, 12 cm per elementi DN 1000 mm e 20 cm per elementi DN 1200 mm. I vari elementi dovranno essere rivestiti internamente con resine epossicatramose (in due strati) resistenti agli acidi ed alle basi, applicate in stabilimento dopo idonei trattamenti quali raschiatura, sabbiatura, spazzolatura, ecc., e previo stendimento resine di sottofondo, fino ad uno spessore complessivo del rivestimento di 600 microns.sagomati sia in sommità che in base per la perfetta giunzione tra loro e saranno dotati di guarnizione per la perfetta tenuta idraulica. Ciascun pozzetti di linea sarà munito di passo d uomo con chiusino in ghisa sferoidale di idonea classe di resistenza per i carichi di 1a categoria e conformi alle norme EN 124. Chiusini d ispezione: I chiusini d ispezione delle condotte fognarie saranno in ghisa, del tipo sferoidale o lamellare, con telaio quadrato e coperchio circolare del diametro 600 mm del tipo a bloccaggio automatico, di classe di resistenza adeguata in conformità alla norma UNI EN 124. Il telaio dovrà essere fissato al pozzetto con rinfianco in calcestruzzo. Pag. 11

RELAZIONE SPECIALISTICA DI CALCOLO

RELAZIONE SPECIALISTICA DI CALCOLO RELAZIONE SPECIALISTICA DI CALCOLO 1 - RETI DI FOGNATURA Il sistema di smaltimento delle acque è di tipo separativo, ossia attraverso due reti distinte vengono convogliate le acque d'origine pluviale e

Dettagli

COMUNE DI FAENZA Area ITALGAS

COMUNE DI FAENZA Area ITALGAS COMUNE DI FAENZA Area ITALGAS 29 gennaio 2013 RELAZIONE TECNICA RETE FOGNARIA 0. VARIANTE La variante dal punto di vista idraulico riguarda sostanzialmente tre punti: 1. la modifica del piccolo lotto di

Dettagli

0371/549372 STUDIO TECNICO

0371/549372 STUDIO TECNICO Via Paolo Gorini, 12 26900 LODI (LO) Tel.: 0371/549372 STUDIO TECNICO Fax: 0371/588158 E-mail ing.bergomi@libero.it DI INGEGENRIA CIVILE Dott. Ing. GIUSEPPE BERGOMI Ordine degli Ingegneri della Provincia

Dettagli

RELAZIONE TECNICA IDRAULICA

RELAZIONE TECNICA IDRAULICA PIANO URBANISTICO ESECUTIVO DI INIZIATIVA PRIVATA per insediamento produttivo di nuovo impianto ad uso artigianale, produttivo e commerciale in Comune di Comacchio Loc. San Giuseppe S.S. 309 Romea Spett.le

Dettagli

1. PREMESSA... 2 2. PARAMETRI IDROLOGICI DI PROGETTO... 3 3. VERIFICHE IDRAULICHE... 5

1. PREMESSA... 2 2. PARAMETRI IDROLOGICI DI PROGETTO... 3 3. VERIFICHE IDRAULICHE... 5 INDICE 1. PREMESSA... 2 2. PARAMETRI IDROLOGICI DI PROGETTO... 3 3. VERIFICHE IDRAULICHE... 5 PROGETTO ESECUTIVO 1/9 1. PREMESSA La presente relazione descrive gli aspetti idraulici connessi con lo smaltimento

Dettagli

RELAZIONE TECNICA STAZIONE DI CAPODIMONTE IMPIANTO FOGNARIO Cod. commessa C-TAN-CAP. Pagina 1 di 9

RELAZIONE TECNICA STAZIONE DI CAPODIMONTE IMPIANTO FOGNARIO Cod. commessa C-TAN-CAP. Pagina 1 di 9 Pagina 1 di 9 IMPIANTO DI TRATAMENTO E RECAPITO PER SCARICHI DA INSEDIAMENTO CIVILE E ASSIMILABILI AI DOMESTICI MODALITA ESECUTIVE, CALCOLO, MATERIALI E MANUFATTI D ALLACCIAMENTO DELLA RETE FOGNARIA ACQUE

Dettagli

INDICE 1. - CRITERI DI PROGETTAZIONE... 13 1.1. ANALISI UTENZE... 14 1.2. SCARICO ACQUE SUPERFICIALI... 15

INDICE 1. - CRITERI DI PROGETTAZIONE... 13 1.1. ANALISI UTENZE... 14 1.2. SCARICO ACQUE SUPERFICIALI... 15 INDICE 1. - CRITERI DI PROGETTAZIONE... 13 1.1. ANALISI UTENZE... 14 1.2. SCARICO ACQUE SUPERFICIALI... 15 RELAZIONE TECNICA 1. - CRITERI DI PROGETTAZIONE Nella definizione della nuove reti fognarie, si

Dettagli

Lotti & Partners Studio Tecnico Associato

Lotti & Partners Studio Tecnico Associato P.IVAc.F 02095600397 / +390544404262 +393393051205 RELAZIONE TECNICA La presente domanda di Permesso di Costruire ha per oggetto l esecuzione delle Opere di Urbanizzazione in attuazione del Piano Particolareggiato

Dettagli

CODICE DESCRIZIONE U.M. Prezzo Unitario in Euro

CODICE DESCRIZIONE U.M. Prezzo Unitario in Euro Pag. 1 1 SCAVI, MOVIMENTI TERRA 1. 1 SCAVO TERRA A SEZIONE OBBLIGATA Scavo terra a sezione obbligata ristretta su terreno di qualsiasi natura e consistenza, eseguito con mezzi meccanici fino alla profondità

Dettagli

COMUNE DI AZZANO SAN PAOLO Provincia di Bergamo RELAZIONE IDRAULICA

COMUNE DI AZZANO SAN PAOLO Provincia di Bergamo RELAZIONE IDRAULICA COMUNE DI AZZANO SAN PAOLO Provincia di Bergamo Sportello Unico Attività Produttive (SUAP) per ampliamento attività industriale / artigianale ditta CORTI MARMI & GRANITI S.r.l., via Villaggio Sereno n

Dettagli

- K - PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DELLE RETI FOGNARIE STANDARD PROGETTO SP - TEA - 001.

- K - PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DELLE RETI FOGNARIE STANDARD PROGETTO SP - TEA - 001. - K - PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DELLE RETI FOGNARIE (revisione 04) Pagina 1 di 11 INDICE Pag. PARTE K RETI FOGNARIE K.1 3 REQUISITI DEI PROGETTI DI FOGNATURE PER NUOVE

Dettagli

Descrizione degli impianti tecnici del Piano di Lottizazione

Descrizione degli impianti tecnici del Piano di Lottizazione Descrizione degli impianti tecnici del Piano di Lottizazione Gli impianti di cui è previsto che venga dotata il P.d.L. sono: impianto fognario; impianto idrico; impianto gas metano; impianto elettrico;

Dettagli

Relazione tecnica. Committente Cooperativa Edilizia S. Stefano del Ponte Piazza S. Stefano del Ponte, 8 16039 Sestri Levante

Relazione tecnica. Committente Cooperativa Edilizia S. Stefano del Ponte Piazza S. Stefano del Ponte, 8 16039 Sestri Levante Dott. Ing. Stefano Papini Viale Dante, 97/3 Sestri Levante (Ge) Tel. : 0185 459513, Fax : 010 9301050 E-mail: Stefano_Papini@libero.it Relazione tecnica Committente Cooperativa Edilizia S. Stefano del

Dettagli

LINEE GUIDA PER ESTENSIONI DI RETE

LINEE GUIDA PER ESTENSIONI DI RETE Pagina 1 di 7 LINEE GUIDA PER ESTENSIONI DI RETE SOMMARIO 1. SCOPO...2 2. VALIDITÀ E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 3. INDICAZIONI DI CARATTERE GENERALE...2 4. FOGNATURA...2 4.1.1 Materiali da utilizzare e

Dettagli

SERVIZIO FOGNATURA E DEPURAZIONE OPERE DI ALLACCIAMENTO ALLA RETE FOGNARIA NERA E/O MISTA

SERVIZIO FOGNATURA E DEPURAZIONE OPERE DI ALLACCIAMENTO ALLA RETE FOGNARIA NERA E/O MISTA Pagina 1 di 7 INDICE 1 PREMESSA... 3 2 DESCRIZIONE DELL OPERA... 3 3 CRITERI DI DIMENSIONAMENTO DELLE OPERE DI ALLACCIAMENTO 4 4 POZZETTI PREFABBRICATI IN C.A.V.... 4 5 GRADINI SCALA DI ACCESSO AL POZZETTO...

Dettagli

Comune di Bertinoro (BO) Fratta Terme - comparto attuativo CA 15

Comune di Bertinoro (BO) Fratta Terme - comparto attuativo CA 15 Comune di Bertinoro (BO) Fratta Terme - comparto attuativo CA 15 Relazione idraulica per il dimensionamento del sistema di smaltimento delle acque meteoriche, reflue e degli invasi di laminazione Luglio,

Dettagli

INDIRIZZI E VINCOLI RELATIVI ALLE MODALITA DI PROGETTAZIONE DI RETI FOGNARIE

INDIRIZZI E VINCOLI RELATIVI ALLE MODALITA DI PROGETTAZIONE DI RETI FOGNARIE INDIRIZZI E VINCOLI RELATIVI ALLE MODALITA DI PROGETTAZIONE DI RETI FOGNARIE 1. Ambito di applicazione...2 2. Definizioni... 2 3. Progetto di nuove urbanizzazioni... 3 4. Prescrizioni tecniche da seguire

Dettagli

INDICE 1. OBIETTIVI... 2 2. RELAZIONE ESPLICATIVA SULLO STATO DEI LUOGHI... 3

INDICE 1. OBIETTIVI... 2 2. RELAZIONE ESPLICATIVA SULLO STATO DEI LUOGHI... 3 INDICE 1. OBIETTIVI... 2 2. RELAZIONE ESPLICATIVA SULLO STATO DEI LUOGHI... 3 2.1 Note introduttive sul territorio... 3 2.2 Sistemi drenanti già esistenti... 3 2.3 Bacini imbriferi principali e sottobacini...

Dettagli

CUP: F83J02000020006 CIG: 63501727B4 (TRATTO A-B) CIG: 63501830CA (TRATTO B-C) CIG:635019068F (TRATTO D-E)

CUP: F83J02000020006 CIG: 63501727B4 (TRATTO A-B) CIG: 63501830CA (TRATTO B-C) CIG:635019068F (TRATTO D-E) Progetto ESECUTIVO per la realizzazione di fognature nere nell alveo del Torrente Carrione centro città ( tratto da area ex lavaggio di Vezzala al Ponte Via Cavour) Residui economie Lavori di Risanamento

Dettagli

Elenco Prezzi Città di Torino 2007 (E.P. Regione Piemonte ridotto del 10%) pag. 2 di 174

Elenco Prezzi Città di Torino 2007 (E.P. Regione Piemonte ridotto del 10%) pag. 2 di 174 Prezzi Città di Torino 2007 (E.P. Regione Piemonte ridotto del 10%) pag. 1 di 174 08 FOGNATURE 08.P01 FORNITURE MATERIALI 08.P01.A Leganti 08.P01.A 01 08.P01.B Cemento osmotico biermetico per contenimento

Dettagli

COMUNE DI CHIARI VARIANTE PROGRAMMA INTEGRATO D INTERVENTO 001 06 PER MODIFICA DESTINAZIONE D USO COMPARTO DA RESIDENZIALE A COMMERCIALE

COMUNE DI CHIARI VARIANTE PROGRAMMA INTEGRATO D INTERVENTO 001 06 PER MODIFICA DESTINAZIONE D USO COMPARTO DA RESIDENZIALE A COMMERCIALE ALLEGATO C Chiari, Febbraio 2014 COMUNE DI CHIARI VARIANTE PROGRAMMA INTEGRATO D INTERVENTO 001 06 PER MODIFICA DESTINAZIONE D USO COMPARTO DA RESIDENZIALE A COMMERCIALE AREA DELIMITATA DA VIA BRESCIA

Dettagli

RELAZIONE TECNICA rete fognaria acque bianche

RELAZIONE TECNICA rete fognaria acque bianche RELAZIONE TECNICA rete fognaria acque bianche Premessa L ambito d intervento del P.P.I.P riguarda un area a destinazione residenziale (d ora in poi denominata bacino) di 3.440 m², così suddivisa: PLANIMETRIA

Dettagli

Riqualificazione Urbana del Centro Commerciale Naturale della Frazione di Torrenieri (CIG Z641110D0A)

Riqualificazione Urbana del Centro Commerciale Naturale della Frazione di Torrenieri (CIG Z641110D0A) COMUNE DI MONTALCINO Provincia di Siena Riqualificazione Urbana del Centro Commerciale Naturale della Frazione di Torrenieri (CIG Z641110D0A) PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE SPECIALISTICA INTERVENTI SU RETI

Dettagli

Relazione tecnica. Cooperativa Edilizia S. Stefano del Ponte Piazza S. Stefano del Ponte, 8 16039 Sestri Levante (Ge)

Relazione tecnica. Cooperativa Edilizia S. Stefano del Ponte Piazza S. Stefano del Ponte, 8 16039 Sestri Levante (Ge) Dott. Ing. Stefano Papini Viale Dante, 97/3 Sestri Levante (Ge) Tel. : 0185 459513, Fax : 010 9301050 E-mail: Stefano_Papini@libero.it Relazione tecnica Committente Cooperativa Edilizia S. Stefano del

Dettagli

LINEE GUIDA PER ESTENSIONI DI RETE

LINEE GUIDA PER ESTENSIONI DI RETE Pagina 1 di 6 LINEE GUIDA PER ESTENSIONI DI RETE SOMMARIO 1. SCOPO... 2 2. VALIDITÀ E CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 3. INDICAZIONI DI CARATTERE GENERALE... 2 4. FOGNATURA... 2 4.1 MATERIALI DA UTILIZZARE

Dettagli

DESCRIZIONE DELLE OPERE

DESCRIZIONE DELLE OPERE PREMESSA Vengono descritte in seguito le caratteristiche principali delle opere di urbanizzazione previste dal Piano Urbanistico Attuativo Zona di Perequazione via delle Granze. La realizzazione delle

Dettagli

COMUNE DI CASTEL BARONIA AVELLINO

COMUNE DI CASTEL BARONIA AVELLINO COMUNE DI CASTEL BARONIA AVELLINO LAVORI DI ADEGUAMENTO DELLA FOGNATURA IN VIA REGINA MARGHERITA E DEPURATORE (art. 5, legge regionale 31.10.1978, n 51 anni 2005e 2006 ) PROGETTO ESECUTIVO Elaborato A

Dettagli

PIANO PARTICOLAREGGIATO DI INIZIATIVA PRIVATA COMUNE DI FERRARA, VIA BOLOGNA IN AREA CLASSIFICATA DAL PRG SOTTOZONA D 2.2 ...

PIANO PARTICOLAREGGIATO DI INIZIATIVA PRIVATA COMUNE DI FERRARA, VIA BOLOGNA IN AREA CLASSIFICATA DAL PRG SOTTOZONA D 2.2 ... ... 1 INTRODUZIONE... 2 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 2 3 PRESCRIZIONI TECNICHE... 3 4 CALCOLO PORTATE DI PROGETTO... 3 5 VERIFICA IDRAULICA DEL COLLETTORE... 5 Pagina 1 di 6 1 INTRODUZIONE La presente

Dettagli

Relazione tecnica fognatura interna

Relazione tecnica fognatura interna Comune di Monza FARCASA S.R.L. PIANO ATTUATIVO IN VIA CAVALLOTTI Allegato 7 Relazione tecnica fognatura interna Ottobre 2013 (Aggiornamento 26/02/2014) Via Valsugana, 6 20052 Monza Tel 039 745508 e-mail:

Dettagli

7.4 ELEMENTI PER LA PROGETTAZIONE FOGNA

7.4 ELEMENTI PER LA PROGETTAZIONE FOGNA 7.4.1 GENERALITA La rete di fognatura è un complesso di canalizzazioni disposte per la raccolta e l allontanamento dai complessi urbani delle acque superficiali (meteoriche, di lavaggio, ecc.) e di quelle

Dettagli

INTERVENTO 1 STRALCIO: URBANIZZAZIONI PROGETTO ESECUTIVO 14) IMPIANTO FOGNATURA NERA E PLUVIALE RELAZIONE TECNICA

INTERVENTO 1 STRALCIO: URBANIZZAZIONI PROGETTO ESECUTIVO 14) IMPIANTO FOGNATURA NERA E PLUVIALE RELAZIONE TECNICA REGIONE PUGLIA INTERVENTO COFINANZIATO DAL PO FESR 2007-2013 ASSE VII LINEA DI INTERVENTO 7.1 AZIONE 7.1.2 CODICE OPERAZIONE FE7.100117 PROGRAMMA INTEGRATO DI RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE PIRP SAN

Dettagli

OPERE DI URBANIZZAZIONE

OPERE DI URBANIZZAZIONE OPERE DI URBANIZZAZIONE REALIZZAZIONE DELLE RETI E/O IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE IDRICA E FOGNARIA 8 Piano stradale 7 3 4 2 6 5 4 3 2 SERVIZIO TECNICO Ing. Giovanni Sala DIRETTORE TECNICO Ing. Luca Comitti

Dettagli

Programma Integrato di interventi produttivi nell ambito della zona D5 (in variante al PRG vigente)

Programma Integrato di interventi produttivi nell ambito della zona D5 (in variante al PRG vigente) Sommario Capitolo 1- Rete Idrica. Capitolo 2- Rete Metano. Capitolo 3- Rete elettrica e Telematica. Capitolo 4- Rete fognarie Bianche e Nere. Capitolo 5- Impianti di Pubblica Illuminazione. Relazione e

Dettagli

FOGNARIO. Catalogo - Listino

FOGNARIO. Catalogo - Listino FOGNARIO Catalogo - Listino versione n 1 del 24/03/2010 F.lli Abagnale sas l AZIENDA Dall'inizio degli anni '70 la ditta Fratelli Abagnale opera nel settore delle costruzione di prefabbricati in cemento.

Dettagli

COMUNE DI SAN GIOVANNI IN MARIGNANO

COMUNE DI SAN GIOVANNI IN MARIGNANO COMUNE DI SAN GIOVANNI IN MARIGNANO PROVINCIA DI RIMINI RELAZIONE SUL CALCOLO DELLA RETE DI FOGNA BIANCA E DELLA RETE DI FOGNA NERA OGGETTO: PIANO PARTICOLAREGGIATO di iniziativa PRIVATA COPARTO C2.4 -

Dettagli

Il Comune di Lozzo Atestino sorge sulle pendici del monte omonimo, (320 m.) nell area

Il Comune di Lozzo Atestino sorge sulle pendici del monte omonimo, (320 m.) nell area INQUADRAMENTO GENERALE Il Comune di Lozzo Atestino sorge sulle pendici del monte omonimo, (320 m.) nell area SW dei Colli Euganei. La sua popolazione, pari a circa 3100 abitanti, comprende oltre all abitato

Dettagli

CASELLA PREFABBRICATI S.R.L. 1 Pozzetto per impianti di irrigazione (tipo Casmez)

CASELLA PREFABBRICATI S.R.L. 1 Pozzetto per impianti di irrigazione (tipo Casmez) CASELLA PREFABBRICATI S.R.L. 1 Pozzetto per impianti di irrigazione (tipo Casmez) Voce di Capitolato Pozzetto prefabbricato in calcestruzzo vibrato a sezione circolare tronco-conica avente le seguenti

Dettagli

PRESCRIZIONI TECNICHE RELATIVE ALLA PROGETTAZZIONE DELLE RETI FOGNARIE IN UN PIANO URBANISTICO ATTUATIVO

PRESCRIZIONI TECNICHE RELATIVE ALLA PROGETTAZZIONE DELLE RETI FOGNARIE IN UN PIANO URBANISTICO ATTUATIVO PRESCRIZIONI TECNICHE RELATIVE ALLA PROGETTAZZIONE DELLE RETI FOGNARIE IN UN PIANO URBANISTICO ATTUATIVO PIANI URBANISTICI ATTUATIVI CIVILI Si deve prevedere la separazione delle reti in bianche e nere

Dettagli

Fognature. Le fognature hanno come scopo principale quello di allontanare le acque di scarico delle. 3.1 Classificazione delle reti

Fognature. Le fognature hanno come scopo principale quello di allontanare le acque di scarico delle. 3.1 Classificazione delle reti 3 Fognature Le fognature hanno come scopo principale quello di allontanare le acque di scarico delle abitazioni e le acque delle precipitazioni dalla zona urbana e farle defluire nel ricettore idrico più

Dettagli

PIANO ATTUATIVO ATR10

PIANO ATTUATIVO ATR10 STUDIO DI INGEGNERIA CIVILE-IDRAULICA Dott. Ing. Michele Giorgio Via Stelvio, 2 24125 Bergamo Tel 035-402214 Fax 035-402214 P. IVA 02685550168 C.F.: GRG MHL 71D15 A794F e-mail: michele.giorgio@sfera.biz

Dettagli

SOMMARIO. 4.1 Curve di possibilità pluviometrica...6. 4.2 Coefficiente di deflusso...7. 4.2.1 Tempo di corrivazione...7

SOMMARIO. 4.1 Curve di possibilità pluviometrica...6. 4.2 Coefficiente di deflusso...7. 4.2.1 Tempo di corrivazione...7 SOMMARIO 1. PREMESSA... 2 2. INQUADRAMENTO TERRITORIALE... 3 3. PROGETTO URBANISTICO... 4 4. STUDIO IDROLOGICO... 6 4.1 Curve di possibilità pluviometrica...6 4.2 Coefficiente di deflusso...7 4.2.1 Tempo

Dettagli

PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI NUOVE RETI FOGNARIE E LA SUCCESSIVA PRESA IN CARICA DA PARTE DI AGESP

PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI NUOVE RETI FOGNARIE E LA SUCCESSIVA PRESA IN CARICA DA PARTE DI AGESP PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI NUOVE RETI FOGNARIE E LA SUCCESSIVA PRESA IN CARICA DA PARTE DI AGESP Busto Arsizio, 12 Dicembre 2011 Sommario 1. Ambito di applicazione...

Dettagli

PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA COMPARTO IN STRADA DEL CERQUETO - TERNI.

PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA COMPARTO IN STRADA DEL CERQUETO - TERNI. \\PC\Domus_p2\CIACCOLINI\PA_CERQUETO\P_ATT\DOCUM\RELAZ_URBAN.docx Piano Attuativo COMUNE DI TERNI PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA COMPARTO IN STRADA DEL CERQUETO - TERNI. Proprietà Leonori Mauro

Dettagli

COMUNE DI LUSCIANO ANALISI NUOVI PREZZI

COMUNE DI LUSCIANO ANALISI NUOVI PREZZI COMUNE DI LUSCIANO (Provincia di Caserta) Progetto esecutivo dei lavori di: COMPLETAMENTO ED ADEGUAMENTO DELLE RETE FOGNARIA Stralcio 1 LOTTO. ANALISI NUOVI PREZZI 1 Premessa Il computo metrico estimativo

Dettagli

IMPIANTO PER IL TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI PRIMA PIOGGIA

IMPIANTO PER IL TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI PRIMA PIOGGIA IMPIANTO PER IL TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI PRIMA PIOGGIA PREMESSA Gli impianti di trattamento acque di prima pioggia hanno la funzione di controllare il convogliamento delle acque meteoriche nelle reti

Dettagli

VARIANTE PARZIALE AL PIANO ATTUATIVO APPROVATO IL 06-09-2010 E AL P.R.G. PARTE OPERATIVA. ai sensi del comma 16 art.24 L.R.

VARIANTE PARZIALE AL PIANO ATTUATIVO APPROVATO IL 06-09-2010 E AL P.R.G. PARTE OPERATIVA. ai sensi del comma 16 art.24 L.R. Comune di Terni - Provincia di Terni VARIANTE PARZIALE AL PIANO ATTUATIVO APPROVATO IL 06-09-2010 E AL P.R.G. PARTE OPERATIVA ai sensi del comma 16 art.24 L.R. 11/2005 FOGLIO 128 - PART 454-458-459-460-461-462

Dettagli

OPERE DI URBANIZZAZIONE FOGNARIA NELL AMBITO DI INTERVENTI DI ESPANSIONE URBANISTICA

OPERE DI URBANIZZAZIONE FOGNARIA NELL AMBITO DI INTERVENTI DI ESPANSIONE URBANISTICA Comune di Faenza Sportello Unico per le Attività produttive 7 Incontro Tecnico - 23 Giugno 2005 OPERE DI URBANIZZAZIONE FOGNARIA NELL AMBITO DI INTERVENTI DI ESPANSIONE URBANISTICA ing. Michele Lotito

Dettagli

Comune di Castenaso. Provincia di Bologna. Piano Urbanistico Attuativo per l'attuazione del Comparto ANS C2.2 Castenaso Est sito nel capoluogo

Comune di Castenaso. Provincia di Bologna. Piano Urbanistico Attuativo per l'attuazione del Comparto ANS C2.2 Castenaso Est sito nel capoluogo Comune di Castenaso Provincia di Bologna Piano Urbanistico Attuativo per l'attuazione del Comparto ANS C2.2 Castenaso Est sito nel capoluogo Indirizzo: Via dei Mille RELAZIONE IDRAULICA Federici Saverio

Dettagli

1 PREMESSA pag. 2. 2 CALCOLO IDRAULICO pag. 2. 3 CALCOLO DELLA PORTATA DEGLI SCARICHI REFLUI URBANI.. pag. 2

1 PREMESSA pag. 2. 2 CALCOLO IDRAULICO pag. 2. 3 CALCOLO DELLA PORTATA DEGLI SCARICHI REFLUI URBANI.. pag. 2 1 PREMESSA pag. 2 2 CALCOLO IDRAULICO pag. 2 3 CALCOLO DELLA PORTATA DEGLI SCARICHI REFLUI URBANI.. pag. 2 4 ANALISI DEL MOVIMENTO DELLE ACQUE METEORICHE pag. 3 5 CALCOLO STATICO pag. 4 6 VERIFICA IDRAULICA

Dettagli

OPERE DI URBANIZZAZIONE: RELAZIONE TECNICA

OPERE DI URBANIZZAZIONE: RELAZIONE TECNICA REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA COMUNE DI PORDENONE PROVINCIA DI PORDENONE PIANO ATTUATTIVO COMUNALE DI INIZIATIVA PRIVATA N.46 DI VIALE TREVISO OPERE DI URBANIZZAZIONE: RELAZIONE TECNICA Pordenone lì, Il

Dettagli

Il/La sottoscritto/a, in qualità di progettista

Il/La sottoscritto/a, in qualità di progettista Foglio n 1 di 9 CHECK LIST DI ASSEVERAZIONE DEI CONTENUTI DEL PROGETTO ESECUTIVO Il/La sottoscritto/a, in qualità di progettista delle opere fognarie comprese nel Piano Urbanistico denominato. in Comune

Dettagli

I POZZETTI IN CALCESTRUZZO A TENUTA IDRAULICA E AD ALTISSIMA RESISTENZA AI SOLFATI. Relatore : GianMarco Simioni

I POZZETTI IN CALCESTRUZZO A TENUTA IDRAULICA E AD ALTISSIMA RESISTENZA AI SOLFATI. Relatore : GianMarco Simioni I POZZETTI IN CALCESTRUZZO A TENUTA IDRAULICA E AD ALTISSIMA RESISTENZA AI SOLFATI Relatore : GianMarco Simioni L ispezione nella rete fognaria I POZZETTI D ISPEZIONE NELLE FOGNATURE Come elemento di ispezione

Dettagli

PROVINCIA di TREVISO. COMUNE DI PEDEROBBA Centro commerciale "Area ex Funghi del Montello" A-3 1^ EMISSIONE DESCRIZIONE

PROVINCIA di TREVISO. COMUNE DI PEDEROBBA Centro commerciale Area ex Funghi del Montello A-3 1^ EMISSIONE DESCRIZIONE PROVINCIA di TREVISO COMUNE DI PEDEROBBA Centro commerciale "Area ex Funghi del Montello" PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE COMPATIBILITA' IDRAULICA - IDROLOGICA 3 2 1 0 REV PROGETTISTI: Arch. CON: Urb. Arch.

Dettagli

POZZETTI - CAMERETTE IN CALCESTRUZZO ARMATO E VIBRATO EDILIZIA PEZZI SPECIALI

POZZETTI - CAMERETTE IN CALCESTRUZZO ARMATO E VIBRATO EDILIZIA PEZZI SPECIALI Un sistema innovativo di camerette a tenuta idraulica in calcestruzzo per condotte acque bianche e nere a norma uni en 1917 realizzate individualmente in eccellente qualità monolitica secondo i requisiti

Dettagli

COMUNE DI FANO. Provincia di Pesaro e Urbino. Committente: Sabatini Marco CF SBTMRC62T15D488D Feduzi Maurizio CF FDZMRZ54H15G514F

COMUNE DI FANO. Provincia di Pesaro e Urbino. Committente: Sabatini Marco CF SBTMRC62T15D488D Feduzi Maurizio CF FDZMRZ54H15G514F COMUNE DI FANO Provincia di Pesaro e Urbino Oggetto: PROGETTO PLANOVOLUMETRICO UNITARIO COMPARTI ST6_P67 e ST6_P26 IN VIA LAGO DI COMO A FANO Committente: Sabatini Marco CF SBTMRC62T15D488D Feduzi Maurizio

Dettagli

COMPATIBILITA IDRAULICA E IDROGEOLOGICA

COMPATIBILITA IDRAULICA E IDROGEOLOGICA Comune di Noventa di Piave Provincia di Venezia Piano Urbanistico Attuativo PROGETTO NORMA n. 28 COMPATIBILITA IDRAULICA E IDROGEOLOGICA RELAZIONE TECNICA Committente Crico Carla Piazza Vittorio Emanuele,

Dettagli

P.U.A. n 3 Via Leopardi

P.U.A. n 3 Via Leopardi P.U.A. n 3 Via Leopardi REGIONE VENETO provincia di Padova comune di Galliera Veneta Relazione idraulica Il committente Comune di Galliera Veneta Via Roma 174 Il progettista Arch. Sara Favotto STUDIO NOVE

Dettagli

Figura 1. Esempio di sedimentazione all interno di una condotta di fognatura.

Figura 1. Esempio di sedimentazione all interno di una condotta di fognatura. LA GESTIONE DELLA RETE IDRAULICA DI DRENAGGIO Gestione della rete di fognatura Il corretto funzionamento della rete di fognatura e di conseguenza la sicurezza idraulica del territorio servito è garantita

Dettagli

INDICE cls per cantiere

INDICE cls per cantiere Linea Cantiere INDICE cls per cantiere CANALI PER IL DRENAGGIO LINEARE ACQUE - TRAFFICO LEGGERO PG. 4 GRIGLIE ACCIAIO ZINCATO PG. 4 CANALI PER IL DRENAGGIO LINEARE ACQUE - TRAFFICO PESANTE PG. 5 GRIGLIE

Dettagli

POZZO DI RICERCA DI ZIBIDO SAN GIACOMO (MI)

POZZO DI RICERCA DI ZIBIDO SAN GIACOMO (MI) POZZO DI RICERCA DI ZIBIDO SAN GIACOMO (MI) RELAZIONE IDROLOGICA E IDRAULICA DELLA RETE DI RACCOLTA DELLE ACQUE PIOVANE Settembre 2014 PROGETTISTA Dott. Ing. Leopoldo Cafaro Iscritto all Ordine degli Ingegneri

Dettagli

PROGETTO DEFINITIVO CASTELLEONE DI SUASA CORINALDO STUDIO INGEGNERI ASSOCIATI DI PANDOLFI ADALBERTO E PANDOLFI LUCA FORMATO A4 SCALA ----- PROGETTISTI

PROGETTO DEFINITIVO CASTELLEONE DI SUASA CORINALDO STUDIO INGEGNERI ASSOCIATI DI PANDOLFI ADALBERTO E PANDOLFI LUCA FORMATO A4 SCALA ----- PROGETTISTI ACCORDO DI PROGRAMMA TRA I COMUNI CASTELLEONE DI SUASA CORINALDO REGIONE MARCHE PROVINCIA DI ANCONA AMPLIAMENTO DISCARICA PER RIFIUTI NON PERICOLOSI DI C O R I N A LD O PROGETTO DEFINITIVO N. ELAB. TITOLO

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. DIMENSIONAMENTO DELL IMPIANTO DI TRATTAMENTO E SMALTIMENTO DELLE ACQUE DI PRIMA PIOGGIA DEL COMPARTO Ce.2.4. 1. Premessa...

RELAZIONE TECNICA. DIMENSIONAMENTO DELL IMPIANTO DI TRATTAMENTO E SMALTIMENTO DELLE ACQUE DI PRIMA PIOGGIA DEL COMPARTO Ce.2.4. 1. Premessa... RELAZIONE TECNICA DIMENSIONAMENTO DELL IMPIANTO DI TRATTAMENTO E SMALTIMENTO DELLE ACQUE DI PRIMA PIOGGIA DEL COMPARTO Ce.2.4 Sommario 1. Premessa... 2 2. Recupero acque meteoriche in aree private..2 3.

Dettagli

OSSERVANZA DI LEGGI E NORMATIVE

OSSERVANZA DI LEGGI E NORMATIVE Firmato digitalmente da Luigi Giansanti CN = Giansanti Luigi O = Collegio Periti Industriali di Terni/80006410551 C = IT OSSERVANZA DI LEGGI E NORMATIVE L appalto è soggetto all esatta osservanza di tutte

Dettagli

Per garantire l invarianza idraulica si è tenuto conto dei seguenti elementi:

Per garantire l invarianza idraulica si è tenuto conto dei seguenti elementi: 1 Premessa Il comparto rientra nell ambito degli accordi con i privati di cui all art. 18 della L.R. n. 20/2000 contrassegnato col n. 16 Lido di Classe Nord Sud, ed è soggetto a PUA generale. E costituito

Dettagli

ALLEGATO 2 - AL REGOLAMENTO FOGNATURA

ALLEGATO 2 - AL REGOLAMENTO FOGNATURA ALLEGATO 2 - AL REGOLAMENTO FOGNATURA Criteri per la realizzazione di canalizzazioni fognarie, a servizio di aree di nuova lottizzazione a destinazione residenziale e produttiva, da cedersi in proprietà

Dettagli

COMUNE DI CRESPELLANO

COMUNE DI CRESPELLANO Provincia di Bologna Proprietà Attuatore COOP. COSTRUZIONISoc.Coop. Via F. Zanardi, 372 40131 Bologna PIANO PARTICOLAREGGIATO PER L ATTUAZIONE DEL COMPARTO C2-13 in conformità all Accordo ex art. 18 L.R.

Dettagli

INDICE 1. PREMESSA... 2 2. RIFERIMENTI NORMATIVI... 2 3. INQUADRAMENTO INTERVENTO... 2 4. ANALISI AMBITO DI INTERVENTO D... 3. 4.1 Fognatura nera...

INDICE 1. PREMESSA... 2 2. RIFERIMENTI NORMATIVI... 2 3. INQUADRAMENTO INTERVENTO... 2 4. ANALISI AMBITO DI INTERVENTO D... 3. 4.1 Fognatura nera... INDICE 1. PREMESSA... 2 2. RIFERIMENTI NORMATIVI... 2 3. INQUADRAMENTO INTERVENTO... 2 4. ANALISI AMBITO DI INTERVENTO D... 3 4.1 Fognatura nera... 3 4.2 Sistema di raccolta acque meteoriche aree pubbliche...

Dettagli

COMUNE DI COLLESALVETTI

COMUNE DI COLLESALVETTI COMUNE DI COLLESALVETTI PIANO DI LOTTIZZAZIONE COMPARTO VICARELLO SUD PROPRIETA : SOC. FONTE ALLEGRA ED ALTRI A) STRADE E PARCHEGGI 1) Preparazione dei piani di posa con rullatura del terreno. mq 3.700,00

Dettagli

La superficie complessiva di deflusso delle acque piovane da smaltire nel sottosuolo risulta di 460 mq ed è così suddivisa:

La superficie complessiva di deflusso delle acque piovane da smaltire nel sottosuolo risulta di 460 mq ed è così suddivisa: 1. Premesse La seguente relazione idraulica è redatta allo scopo di indicare le modalità di raccolta, deflusso e smaltimento delle acque meteoriche di dilavamento del nuovo tratto di pista ciclopedonale

Dettagli

RICHIESTA DI PARERE RELATIVO AL PROGETTO DI OPERE FOGNARIE DI URBANIZZAZIONE, NONCHE OPERE A SCOMPUTO ONERI REALIZZATE DA PRIVATI

RICHIESTA DI PARERE RELATIVO AL PROGETTO DI OPERE FOGNARIE DI URBANIZZAZIONE, NONCHE OPERE A SCOMPUTO ONERI REALIZZATE DA PRIVATI RICHIESTA DI PARERE RELATIVO AL PROGETTO DI OPERE FOGNARIE DI URBANIZZAZIONE, NONCHE OPERE A SCOMPUTO ONERI REALIZZATE DA PRIVATI COMUNE DI Sezione 1 DATI DEL RICHIEDENTE Il sottoscritto Cognome e Nome

Dettagli

OPERE A MISURA. Articolo unità di misura ASSISTENZA OPERE EDILI PER RIPARAZIONE SOTTOSERVIZI - IMPREVISTI

OPERE A MISURA. Articolo unità di misura ASSISTENZA OPERE EDILI PER RIPARAZIONE SOTTOSERVIZI - IMPREVISTI ASSISTENZA OPERE EDILI PER RIPARAZIONE SOTTOSERVIZI - IMPREVISTI 11,0,611 spostamento e o sostituzione di sottoservizi esistenti e/o allacciamenti utenze, ivi compresa ogni opera provvisionale accessoria

Dettagli

Cod.: S10011-SF-ID01-0 Data: 15/06/2010

Cod.: S10011-SF-ID01-0 Data: 15/06/2010 Cod.: S-SF-ID- Data: 5/6/2 INTRODUZIONE La relazione descrive gli interventi finalizzati allo smaltimento delle acque meteoriche del Terzo Lotto dell Asse Lungosavena. L area è localizzata tra il Comune

Dettagli

PROVINCIA DI PERUGIA COMUNE DI DERUTA

PROVINCIA DI PERUGIA COMUNE DI DERUTA PROVINCIA DI PERUGIA COMUNE DI DERUTA REALIZZAZIONE DI UN IMMISSIONE DI ACQUE CHIARE NEL FOSSO DEI GUASTRI IN LOC. SANT'ANGELO DI CELLE COMMITTENTE: NOVATECNO S.r.l. INTEGRAZIONE DOCUMENTALE - Prot. N.

Dettagli

Sistemi di Fognature o Sistemi di Drenaggio Urbano

Sistemi di Fognature o Sistemi di Drenaggio Urbano Sistemi di Fognature o Sistemi di Drenaggio Urbano Insieme integrato di opere idrauliche atte a raccogliere, convogliare e allontanare dalle zone urbanizzate le acque reflue domestiche ed industriali,

Dettagli

PROGETTO DEFINITIVO - ESECUTIVO COMUNE DI MEDA (MB) FMD0213 REALIZZAZIONE DI NUOVA FOGNATURA NERA AL SERVIZIO DELLE VIE ADDA, TICINO E GOITO

PROGETTO DEFINITIVO - ESECUTIVO COMUNE DI MEDA (MB) FMD0213 REALIZZAZIONE DI NUOVA FOGNATURA NERA AL SERVIZIO DELLE VIE ADDA, TICINO E GOITO COMUNE DI MEDA (MB) FMD0213 REALIZZAZIONE DI NUOVA FOGNATURA NERA AL SERVIZIO DELLE VIE ADDA, TICINO E GOITO COMMITTENTE PIANO DI MANUTENZIONE DELL OPERA E DELLE SUE PARTI PROGETTAZIONE: Dott. Ing. M Ferazzini

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. I raccordi e i pezzi speciali devono rispondere alle stesse caratteristiche dei tubi.

RELAZIONE TECNICA. I raccordi e i pezzi speciali devono rispondere alle stesse caratteristiche dei tubi. RELAZIONE TECNICA 1. - Rete fognaria 1.1. - Descrizione generale Lo smaltimento delle acque piovane è realizzato mediante caditoie di tipo stradale poste ai margini della carreggiata ovvero tramite canalette

Dettagli

1. - PIANO MANUTENZIONE RETE FOGNARIA

1. - PIANO MANUTENZIONE RETE FOGNARIA AMGA - Azienda Multiservizi S.p.A. - Udine - 1. - PIANO MANUTENZIONE RETE FOGNARIA - Piano di manutenzione LOTTO 1 AMGA - Azienda Multiservizi SpA via del Cotonificio 60 - Udine PIANO DI MANUTENZIONE

Dettagli

DISCIPLINARE TECNICO

DISCIPLINARE TECNICO COMUNE DI ODERZO PROVINCIA DI TREVISO OGGETTO: PIANO DI RECUPERO DI INIZIATIVA PUBBLICA INERENTE ALL AREA DENOMINATA EX-EUROPA SITA IN VIA DELLE GRAZIE A ODERZO in adeguamento all'app3 in Variante COMMITTENTE:

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA RELAZIONE ILLUSTRATIVA Comune di Fano, Località Madonna Ponte, area ex zuccherificio Variante parziale al P.R.G. comunale redatta ai sensi della L.R. 34/92, art. 15, comma 4 Relazione computi metrici estimativi

Dettagli

Sommario. Sommario. A04 Stima dei costi elementari. 1. Premessa... 2. Tubazioni di acquedotto... 3.1. Pozzi, sorgenti, captazioni superficiali...

Sommario. Sommario. A04 Stima dei costi elementari. 1. Premessa... 2. Tubazioni di acquedotto... 3.1. Pozzi, sorgenti, captazioni superficiali... Piano di Ambito dell ATO della Provincia di Varese A04 Stima dei costi elementari A04 Stima dei costi elementari Sommario 1. Premessa... 2 2. Tubazioni di acquedotto... 3 3. Opere di acquedotto... 8 3.1.

Dettagli

Infrastrutture di supporto degli insediamenti produttivi dell area consortile ASI di Taranto.

Infrastrutture di supporto degli insediamenti produttivi dell area consortile ASI di Taranto. INDICE PREMESSA... 2 1. DATI DI PARTENZA... 4 2. ESPANSIONE DEMOGRAFICA... 5 3. CALCOLO DELLA RETE NERA... 6 3.1 Parametri di calcolo... 6 3.2 Analisi dei beni e dei servizi da fornire ed individuazione

Dettagli

RELAZIONE SOMMARIA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO FONTANELLE SCHEDA N. 1 DEL P.R.G.

RELAZIONE SOMMARIA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO FONTANELLE SCHEDA N. 1 DEL P.R.G. RELAZIONE SOMMARIA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO FONTANELLE SCHEDA N. 1 DEL P.R.G. 1. PREMESSA La presente relazione eseguirà una valutazione di massima per

Dettagli

RILOCALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO DI RECUPERO RIFIUTI INERTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE

RILOCALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO DI RECUPERO RIFIUTI INERTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE REGIONE DEL VENETO PROVINCIA DI VENEZIA COMUNE DI CAMPAGNA LUPIA RILOCALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO DI RECUPERO RIFIUTI INERTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE Domanda di Verifica di Assoggettabilità alla VIA

Dettagli

1.3 RETE ACQUEDOTTISTICA CARATTERISTICHE E SEZIONI DI POSA

1.3 RETE ACQUEDOTTISTICA CARATTERISTICHE E SEZIONI DI POSA 1.3 RETE ACQUEDOTTISTICA CARATTERISTICHE E SEZIONI DI POSA HERA s.p.a. SOT MODENA Via Cesare Razzaboni 80 SERVIZIO ENERGIA E CICLO IDRICO Aggiornamento settembre 2012 SPECIFICHE MATERIALI Materiali per

Dettagli

RUOLO DELLE FOGNATURE E CAMBIAMENTO CLIMATICO. Maurizio Brown, Fabio Marelli

RUOLO DELLE FOGNATURE E CAMBIAMENTO CLIMATICO. Maurizio Brown, Fabio Marelli RUOLO DELLE FOGNATURE E CAMBIAMENTO CLIMATICO Maurizio Brown, Fabio Marelli SOMMARIO pag.03 pag.07 pag,11 pag.16 pag.21 Rete idrometrica e pluviometrica Analisi delle piogge e cambiamenti climatici La

Dettagli

CITTÀ DI SALUZZO. (Sostituisce Tav. 13 di PEEP approvato nell'anno 2004)

CITTÀ DI SALUZZO. (Sostituisce Tav. 13 di PEEP approvato nell'anno 2004) Regione Piemonte Provincia di Cuneo CITTÀ DI SALUZZO PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE Anno 1996 : Approvato con DGR 26-7934 del 16.04.1996 Anno 2012 : Approvato con DGR 29-05-2012 n 16-3906 VARIANTE

Dettagli

SPECIFICHE TECNICHE PER ALLACCIAMENTO A COLLETTORI FOGNARI NELLA PROVINCIA DI REGGIO NELL EMILIA

SPECIFICHE TECNICHE PER ALLACCIAMENTO A COLLETTORI FOGNARI NELLA PROVINCIA DI REGGIO NELL EMILIA SPECIFICHE TECNICHE PER ALLACCIAMENTO A COLLETTORI FOGNARI NELLA PROVINCIA DI REGGIO NELL EMILIA Aprile 2005 Sommario 1. Prescrizioni tecniche per la realizzazione del collettamento dei sistemi privati

Dettagli

AL COMUNE DI CONSELICE

AL COMUNE DI CONSELICE AL COMUNE DI CONSELICE PIANO URBANISTICO ATTUATIVO VIA MERLO, COMPARTI 39/A-39/B PROPRIETA': Cooperativa Ceramica d'imola S.c. Via Vittorio Veneto, 13 40026 Imola (Bo) R.E.A. BO 5545 - C.F. e Reg. Impr.

Dettagli

ESEMPIO DI DIMENSIONAMENTO DI UNA RETE DI FOGNATURA

ESEMPIO DI DIMENSIONAMENTO DI UNA RETE DI FOGNATURA Corso di Costruzioni idrauliche (E.A.) A.A. 2011/2012 ESEMPIO DI DIMENSIONAMENTO DI UNA RETE DI FOGNATURA (Appunti tratti dalla lezione del 14/05/2012, non rivisti dal docente) 1 Esempio di dimensionamento

Dettagli

QUANTO SEGUE SONO I LUCIDI PROIETTATI DURANTE LE ORE DI LEZIONE IN AULA E PERTANTO NON RISULTANO ESSERE ESAUSTIVI PER GLI ARGOMENTI TRATTATI.

QUANTO SEGUE SONO I LUCIDI PROIETTATI DURANTE LE ORE DI LEZIONE IN AULA E PERTANTO NON RISULTANO ESSERE ESAUSTIVI PER GLI ARGOMENTI TRATTATI. QUANTO SEGUE SONO I LUCIDI PROIETTATI DURANTE LE ORE DI LEZIONE IN AULA E PERTANTO NON RISULTANO ESSERE ESAUSTIVI PER GLI ARGOMENTI TRATTATI. DEVONO ESSERE UTILIZZATI COME BASE DI RIFERIMENTO PER L APPROFONDIMENTO

Dettagli

RELAZIONE SOMMARIA INTEGRATIVA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO SUB AMBITO 4 FONTANELLE SCHEDA N. 1 DEL P.

RELAZIONE SOMMARIA INTEGRATIVA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO SUB AMBITO 4 FONTANELLE SCHEDA N. 1 DEL P. RELAZIONE SOMMARIA INTEGRATIVA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO SUB AMBITO 4 FONTANELLE SCHEDA N. 1 DEL P.R.G. 1. PREMESSA La presente relazione eseguirà una valutazione

Dettagli

RELAZIONE SOMMARIA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO: SUB-AMBITO 1 SCHEDA N. 2 CUPE DEL P.R.G.

RELAZIONE SOMMARIA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO: SUB-AMBITO 1 SCHEDA N. 2 CUPE DEL P.R.G. RELAZIONE SOMMARIA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO: SUB-AMBITO 1 SCHEDA N. 2 CUPE DEL P.R.G. VIGENTE 1. PREMESSA La presente relazione eseguirà una valutazione

Dettagli

PRESIDI IDRAULICI PER LE ACQUE DI DILAVAMENTO DELLE SEDI STRADALI

PRESIDI IDRAULICI PER LE ACQUE DI DILAVAMENTO DELLE SEDI STRADALI PRESIDI IDRAULICI PER LE ACQUE DI DILAVAMENTO DELLE SEDI STRADALI Presentiamo in questa sezione le caratteristiche costruttive e le modalità di funzionamento degli impianti che proponiamo per il trattamento

Dettagli

TUBI CIRCOLARI AUTOPORTANTI A NORMA UNI EN 1916 marcato CE

TUBI CIRCOLARI AUTOPORTANTI A NORMA UNI EN 1916 marcato CE TUBI CIRCOLARI AUTOPORTANTI A NORMA UNI EN 1916 marcato CE TUBI CIRCOLARI AUTOPORTANTI CON PIANO SENZA ARMATURA DIAMETRO LUNGHEZZA CLASSE RESISTENZA ML.PER BILICO mm mm (Kn/mq) (Kg) (ml) ( /ml) 300 2400

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Assessorato dei Lavori Pubblici. Prezzario Regionale dei lavori pubblici. Voci finite: Elenco prezzi Volume 4 bis

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Assessorato dei Lavori Pubblici. Prezzario Regionale dei lavori pubblici. Voci finite: Elenco prezzi Volume 4 bis REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Assessorato dei Lavori Pubblici Prezzario Regionale dei lavori pubblici Voci finite: Elenco prezzi Volume 4 bis Anno: 2008 Indice Voci finite i Indice D.0003 - INFRASTRUTTURE

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO Gestore del Servizio Idrico Integrato all interno dell Ambito Territoriale n. 2 Marche Centro Ancona REGOLAMENTO DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO Regolamento Fognatura e Depurazione ALLEGATO N. 3/A Prescrizioni

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI RONCADE PROGETTO DI LOTTIZZAZIONE RESIDENZIALE SCHEDA DI ACCORDO N. 10 DITTA: Bassetto Elio, Bassetto Renato, Bresolin Gino, Geromel Sergio, Pellegrin Luigi e Damelico Severina

Dettagli

OPERE DI URBANIZZAZIONE Area "Osteria San Biagio" Casalecchio di Reno

OPERE DI URBANIZZAZIONE Area Osteria San Biagio Casalecchio di Reno OPERE DI URBANIZZAZIONE Area "Osteria San Biagio" Casalecchio di Reno Unità Descrizione dei Lavori di misura 1 Struttura stradale della nuova Via Bolsenda comprendente: - Scavo di sbancamento eseguito

Dettagli

Regolamento per gli scarichi di acque in fognatura di tipo bianca e di acque reflue domestiche non in fognatura. Allegato 2 Norme Tecniche

Regolamento per gli scarichi di acque in fognatura di tipo bianca e di acque reflue domestiche non in fognatura. Allegato 2 Norme Tecniche Regolamento per gli scarichi di acque in fognatura di tipo bianca e di acque reflue domestiche non in fognatura Allegato 2 Norme Tecniche 1 1. Allacciamenti 3 1.1. Modalità di esecuzione 3 2. Impianti

Dettagli

RELAZIONE IDRAULICA. Le acque meteoriche raccolte sulle rampe di Via Borgaro vengono convogliate ad un pozzetto

RELAZIONE IDRAULICA. Le acque meteoriche raccolte sulle rampe di Via Borgaro vengono convogliate ad un pozzetto RELAZIONE IDRAULICA Descrizione sommaria delle opere Le acque meteoriche raccolte sulle rampe di Via Borgaro vengono convogliate ad un pozzetto realizzato con il lotto 1, e da qui indirizzate al collettore

Dettagli