PRESCRIZIONI RELATIVE ALLA TUTELA IDRAULICA DEL TERRITORIO AMBITO VARIANTI N. 23 N. 26

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PRESCRIZIONI RELATIVE ALLA TUTELA IDRAULICA DEL TERRITORIO AMBITO VARIANTI N. 23 N. 26"

Transcript

1 PRESCRIZIONI RELATIVE ALLA TUTELA IDRAULICA DEL TERRITORIO AMBITO VARIANTI N. 23 N. 26 PARERE ESPRESSO DAL GENIO CIVILE DI VENEZIA CON NOTA PROT. N /46.10 DEL 23 APRILE VARIANTE n. 23 Il Comune di Eraclea ha richiesto il parere di compatibilità idraulica, ai sensi della D.G.R del , inerente alla Variante parziale al PRG in argomento con nota prot del , poi integrata con nota prot del , prot del e prot del Il Consorzio di bonifica Basso Piave ha espresso articolato parere con nota prot del Dallo studio idraulico presentato, e visto il Progetto di Piano di assetto Idrogeologico del Fiume Sile e della Pianura tra Piave e Livenza, si evince la necessità di introdurre dei provvedimenti di mitigazione, indispensabili per non ingenerare o amplificare, con la realizzazione degli interventi previsti, uno stato di sofferenza idraulica. Il parere qui espresso dallo Scrivente Ufficio, in linea e in ogni caso non sostitutivo di quanto indicato nel P.A.I. per quanto applicabile alla fattispecie di cui trattasi, può dunque ritenersi positivo solo subordinatamente al verificarsi dei seguenti punti: 1 che siano realizzate le misure indicate nella relazione dello studio idraulico come necessarie per ricondurre gli interventi ad uno stato di compatibilità idraulica sia con la rete fognaria che con la rete dei canali di bonifica e per evitare ogni possibile aggravamento della situazione (invasi supplementari, separazione delle acque nere dalle bianche, controllo e limitazione delle portate affluenti, adeguamento di tronchi fognari, ecc..); in particolare i volumi di invaso da ricavare attraverso il sovradimensionamento delle condotte e dei pozzetti per le acque bianche, realizzando aree a verde soggette a temporanea sommersione, vasche di laminazione o con altri provvedimenti da concordarsi caso per caso (ad es. per l ambito di Valcasoni con vasche di invaso da realizzare al di sopra dei pozzi disperdenti), e comunque da concordare con il Consorzio di bonifica competente per territorio, sono complessivamente i seguenti: mc 2000 per l ambito di Stretti, mc 500 per l ambito di Ca Turcata, mc 300 per l ambito di Valcasoni, mc 1000 per l ambito di Ponte Crepaldo, mc 2500 per l ambito del Capoluogo, mc 2500 per l ambito di Torre di Fine, mc 140 per l ambito di Brian. Per ciascuna singola area la quale vi sia una modifica del coefficiente di deflusso, in ogni caso sarà verificato che siano ricavati volumi d invaso suppletivi pari o superiori a 250mc/ha; 2 che siano recepite e realizzate le indicazioni fornite dal Consorzio di Bonifica Basso Piave nel parere espresso con nota prot del 18/mar/2004, laddove non in contrasto con le presenti; 3 in particolare si sottolinea che, indipendentemente dall estensione dell area in cui si manifesti una modifica del coefficiente di deflusso o un aumento della superficie impermeabilizzata per effetto della realizzazione delle previsioni di variante, i volumi di invaso e le opere di restituzione devono essere tali da garantire, per tutta la durata di un evento meteorico considerato critico, il deflusso verso la rete esterna, quale essa sia, di una portata confrontabile con quella di un terreno agricolo interessato dal medesimo evento meteorico, così come indicato dal valore di 10l/s,ha; eventuali deroghe dal valore di portata qui indicato siano possibili, previa acquisizione del parere favorevole del soggetto avente competenza sulla rete di recapito finale delle acque defluenti dalle aree di variante (Ente Gestore, Consorzio di Bonifica, ecc ), il quale garantisce sulla compatibilità dell intervento con le condizioni di deflusso a valle; 1

2 4 che i progetti esecutivi di tutti gli interventi resi possibili dalla variante siano in ogni caso sottoposti ad esame da parte del soggetto avente competenza sulla rete di recapito finale delle acque defluenti dalle aree di variante (Ente gestore, Consorzio di Bonifica), in relazione alle proprie competenze; 5 - che, per tutte le aree indicate nel Progetto di P.A.I. del fiume Sile e della Pianura tra Piave e Livenza come P1 pericolosità moderata area soggetta a scolo meccanico, e dunque per la totalità del territorio comunale, sia da ritenersi sconsigliata la realizzazione di piani interrati o seminterrati (i quali in ogni caso dovranno essere idraulicamente isolati dalla rete di fognatura, dal sottosuolo, dallo scoperto e dalle strade) e, al contrario, raccomandata la realizzazione di edifici aventi il piano terra sopraelevato di 50 cm rispetto al piano campagna; 6 che le superficie impermeabilizzate siano in ogni caso ridotte al minimo indispensabile, verificando la possibilità di ricorrere a pavimentazioni drenanti; 7 che le Norme Tecniche Attuative del P.R.G. siano completate con quanto menzionato ai punti precedenti; 8 che copia della variante approvata, così come integrata dalle Norme Attuative di cui sopra, sia inviata allo Scrivente Ufficio che provvederà ad allegarla agli atti. Si esprime altresì parere negativo sulla variante V18, concordando con il Consorzio di bonifica Basso Piave che si oppone al tombinamento del collettore di collegamento tra il bacino Ongaro Superiore ed il bacino Ongaro Inferiore. Si precisa inoltre che: all atto dell Approvazione del Piano di Assetto Idrogeologico del Fiume Sile e della Pianura tra Piave e Livenza da parte della competente Autorità saranno immediatamente vincolanti le previsioni ed indicazioni in esso incluse, ivi compreso quanto consentito o vietato nelle zone perimetrale come pericolose dal punto di vista idraulico, secondo la classe di appartenenza; essendo in fase di prossima adozione il Progetto di Piano per l Assetto idrogeologico del fiume Piave, le aree che dovessero ricadere all interno delle perimetrazione di pericolosità idraulica del Piano stesso soggiaceranno a quanto ivi prescritto, in relazione alla classe di appartenenza e all efficacia del Progetto stesso (misure di salvaguardia). Ciò posto, restano in ogni caso fatte salve tutte le disposizioni e le leggi relative all idraulica fluviale, come quelle inerenti, ad esempio, alle distanze dagli argini a cui sono consentite opere e scavi. Il presente parere viene rilasciato ai sensi della Deliberazione di Giunta Regionale n del ai soli fini di una verifica della compatibilità dell intervento con l esigenza prioritaria di evitare ogni aggravamento della situazione idraulica generale del territorio; esso non costituisce pertanto parere sulla sicurezza idraulica delle singole opere previste nelle varianti parziali al P.R.G. poste in oggetto. 2

3 PARERE ESPRESSO DAL GENIO CIVILE DI VENEZIA CON NOTA PROT. N /46.16 DEL 22 APRILE VARIANTE n. 26. Il Comune di Eraclea ha richiesto il parere di compatibilità idraulica, ai sensi della D.G.R del , inerente alla Variante parziale al PRG in argomento. La Variante riguarda il Sistema Residenziale già oggetto della Variante n. 23, sulla quale lo scrivente Ufficio ha già espresso parere con nota /46.10 del , modificando parzialmente la precedente oltre a prevedere ulteriori riclassificazioni. Il Consorzio di bonifica Basso Piave ha espresso articolato parere con nota prot del Dallo studio idraulico presentato, e visti i Progetti di Piano di assetto Idrogeologico del Fiume Piave e del Fiume Sile e della Pianura tra Piave e Livenza già adottati dalle rispettive Autorità di Bacino, si evince la necessità di introdurre dei provvedimenti di mitigazione, indispensabili per non ingenerare o amplificare, con la realizzazione degli interventi previsti, uno stato di sofferenza idraulica. Si ritiene, inoltre, siano da stralciare gli ambiti di variante di seguito elencati, per i quali il presente parere è contrario: V. n. 14 concordando con il Consorzio di Bonifica Basso Piave che si oppone al tombinamento del collettore di collegamento tra il bacino Onagro superiore ed il bacino Onagro Inferiore. V. n. 30 e V. n. 31 in quanto trattasi di aree ubicate in un contesto idraulico particolare, compreso tra il fiume Piave ed i canali navigabili della litoranea Veneta, individuate nel Progetto di Piano di Assetto Idrogeologico del Fiume Piave come a pericolosità media (P2) ovvero già classificate come ambiti fluviali per le quali non è stata definita in modo esauriente la fattibilità delle misure compensative ipotizzate dallo studio di compatibilità idraulica, nonché i necessari invasi compensativi; inoltre per i suddetti ambiti è lo studio stesso ad evidenziare non trascurabili problemi di ordine idraulico. Il parere qui espresso dallo Scrivente Ufficio, in linea e in ogni caso non sostitutivo di quanto indicato nel P.A.I. per quanto applicabile alla fattispecie di cui trattasi, può dunque ritenersi positivo solo per i restanti ambiti, e solo subordinatamente al verificarsi dei seguenti punti: 1 che siano realizzate le misure indicate nella relazione dello studio idraulico come necessarie per ricondurre gli interventi ad uno stato di compatibilità idraulica sia con la rete fognaria che con la rete dei canali di bonifica e per evitare ogni possibile aggravamento della situazione (invasi supplementari, separazione delle acque nere dalle bianche, controllo e limitazione delle portate affluenti, adeguamento di tronchi fognari, ecc..); in particolare i volumi di invaso da ricavare attraverso il sovradimensionamento delle condotte e dei pozzetti per le acque bianche, realizzando aree a verde soggette a temporanea sommersione, vasche di laminazione o con altri provvedimenti da concordarsi caso per caso, e comunque da concordare con il Consorzio di bonifica competente per territorio, sono i seguenti (che vanno ad aggiungersi a quelli già prescritti con il parere espresso con nota /46.10 del ): mc per l ambito del Capoluogo, mc 7000 per l ambito di Ponte Crepaldo, mc per l ambito di Ponte Paluda, mc 344 per l ambito di Cà di Gatto, mc per l ambito di Stretti, mc. 600 per l ambito di Torre di Fine. Per ciascuna singola area la quale vi sia una modifica del coefficiente di deflusso, in ogni caso sarà verificato che siano ricavati volumi d invaso suppletivi pari o superiori a 250mc/ha; 2 che siano recepite e realizzate le indicazioni fornite dal Consorzio di Bonifica Basso Piave nel parere espresso con nota prot del 20/dic/2004, laddove non in contrasto con le presenti; 3

4 3 in particolare si sottolinea che, indipendentemente dall estensione dell area in cui si manifesti una modifica del coefficiente di deflusso o un aumento della superficie impermeabilizzata per effetto della realizzazione delle previsioni di variante, i volumi di invaso e le opere di restituzione devono essere tali da garantire, per tutta la durata di un evento meteorico considerato critico, il deflusso verso la rete esterna, quale essa sia, di una portata confrontabile con quella di un terreno agricolo interessato dal medesimo evento meteorico, così come indicato dal valore di 10l/s,ha; eventuali deroghe dal valore di portata qui indicato siano possibili, previa acquisizione del parere favorevole del soggetto avente competenza sulla rete di recapito finale delle acque defluenti dalle aree di variante (Ente Gestore, Consorzio di Bonifica, ecc ), il quale garantisce sulla compatibilità dell intervento con le condizioni di deflusso a valle; 4 che i progetti esecutivi di tutti gli interventi resi possibili dalla variante siano in ogni caso sottoposti ad esame da parte del soggetto avente competenza sulla rete di recapito finale delle acque defluenti dalle aree di variante (Ente gestore, Consorzio di Bonifica), in relazione alle proprie competenze; 5 - che, per tutte le aree indicate nei Progetti di P.A.I. del Fiume Piave e del Fiume Sile e della Pianura tra Piave e Livenza come P1 pericolosità moderata sia da ritenersi sconsigliata la realizzazione di piani interrati o seminterrati (i quali in ogni caso dovranno essere idraulicamente isolati dalla rete di fognatura, dal sottosuolo, dallo scoperto e dalle strade) e, al contrario, raccomandata la realizzazione di edifici aventi il piano terra sopraelevato di 50 cm rispetto al piano campagna; 6 che, per tutte le arre indicate nei Progetti di P.A.I. del Fiume Piave e del Fiume Sile e della Pianura tra Piave e Livenza come P2 pericolosità media sia vietata la realizzazione di piani interrati o seminterrati e prevista la realizzazione di edifici aventi il piano terra sopraelevato di 50 cm rispetto al piano campagna; 7 che le superficie impermeabilizzate siano in ogni caso ridotte al minimo indispensabile, verificando la possibilità di ricorrere a pavimentazioni drenanti; 8 che le Norme Tecniche Attuative del P.R.G. siano completate con quanto menzionato ai punti precedenti; 9 che copia della variante approvata, così come integrata dalle Norme Attuative di cui sopra, sia inviata allo Scrivente Ufficio che provvederà ad allegarla agli atti. Si precisa inoltre che: all atto dell Approvazione dei Piani di Assetto Idrogeologico del Fiume Piave e del Fiume Sile della Pianura tra Piave e Livenza da parte della competente Autorità saranno immediatamente vincolanti le previsioni ed indicazioni in esso incluse, ivi compreso quanto consentito o vietato nelle zone perimetrate come pericolose dal punto di vista idraulico, secondo la classe di appartenenza; dalla data di Adozione dei Piani di Assetto Idrogeologico del Fiume Piave e del Fiume Sile della Pianura tra Piave e Livenza da parte delle competenti Autorità sono in vigore le misure di salvaguardia sulle aree classificate P3 e P4 (pertinenze fluviali) in detti piani. Ciò posto, restano in ogni caso fatte salve tutte le disposizioni e le leggi relative all idraulica fluviale, come quelle inerenti, ad esempio, alle distanze dagli argini a cui sono consentite opere e scavi. Il presente parere viene rilasciato ai sensi della Deliberazione della Giunta Regionale n del 13 dicembre 2002 ai soli fini di una verifica della compatibilità dell intervento con l esigenza prioritaria di evitare ogni aggravamento della situazione idraulica generale del territorio; esso non costituisce parere sulla sicurezza idraulica delle singole opere previste nelle varianti parziali al P.R.G. poste in oggetto. 4

5 PARERE ESPRESSO DAL CONSORZIO DI BONIFICA BASSO PIAVE CON NOTA PROT. N DEL 18 MARZO VARIANTE n. 23. Si riscontra la richiesta di parere prot. n /46.10 e la successiva prot. n /46.10 in merito allo studio di compatibilità idraulica della variante parziale al P.R.G. del comune di Eraclea Variante n. 23. Si esprime innanzitutto parere negativo (del resto espresso dallo studio di compatibilità idraulica) sul tombinamento del canale Collettore 3 in Ponte Crepando. Trattasi infatti del collettore tra il bacino Onagro Superiore e il bacino Onagro inferiore (il tombinamento tra l altro è previsto in corrispondenza alle paratoie di regolazione del collegamento) opera di fondamentale importanza per la sicurezza idraulica dei due bacini stessi: si chiede pertanto che la variante v18 riguardante esclusivamente detto tombinamento, sia respinta, anche per non ingenerare aspettative in merito ad opera che non sarebbe in ogni caso autorizzata da questo Consorzio. Tutte le altre varianti previste non sono tali da comportare significativi impatti sulla rete di bonifica e sono quindi compatibili con le opere di bonifica esistenti e con l attuale situazione idraulica dei bacini di bonifica interessati. Trattandosi di aree di bonifica a scolo meccanico, nell edificazione dovranno essere osservate le precauzioni da mantenersi in zone simili: eventuali piani interrati o seminterrati dei nuovi edifici dovranno essere idraulicamente isolati rispetto alla rete fognaria, al sottosuolo, allo scoperto, alle strade circostanti; il piano terra degli edifici dovrà essere adeguatamente sopraelevato rispetto all attuale quota del piano campagna. E necessario che le opere fognarie delle nuove aree siano correttamente inserite nel sistema fognario comunale e nelle relative previsioni di adeguamento sia ai fini igienico-ambientali che a quelli idraulici, in particolare per lo scarico nella rete di bonifica; si sottolinea al riguardo l importanza che nello sviluppo urbanistico del territorio siano anche considerate in via prioritaria le necessità, del resto correttamente segnalate dallo studio in esame, di adeguamento delle reti fognarie esistenti. Si esaminano puntualmente le varianti previste. AMBITO DI STRETTI Varianti V1, V2, V3, V4, V5, V6, L1, E1, E2, E3, E4: Trattasi di interventi di dimensioni molto modeste senza relazioni dirette con la rete di bonifica; si raccomanda come del resto previsto nella relazione in esame un corretto inserimento nella rete fognaria della frazione da coordinare con il già necessario adeguamento della stessa. Variante V7: E la variante di maggior estensione e comprende anche al suo interno il tratto iniziale del canale Cooperative a cui fanno già capo le fognature della frazione. Il canale di dimensioni modeste potrà essere combinato per tutto il tratto compreso nell ambito urbano con condotto di adeguate dimensioni senza significative variazioni del volume d invaso. In alternativa il canale potrà rimanere aperto ma dovranno essere assicurate fasce di verde pubblico non alberato per m. 10 sui due lati. AMBITO DI CA TURCATA Varianti V8, V9, V10, V11, L2, E5: Interventi molto modesti e di nessuna influenza sulla rete di bonifica; peraltro per tutto il tratto compreso nell ambito urbano le fognature previste dovranno continuare a far capo alla rete di scolo privata interaziendale o a nuove condotte di adduzione ai canali di bonifica di competenza (Collettore Terzo e canale Bastanti). L indicazione infatti di scarico nel canale Mutera non è corretta, trattandosi di canale irriguo sul quale questo Consorzio non autorizzerà alcun scarico. 5

6 AMBITO DI VALCASONI Varianti V12, V13, V14, V15, L3,L4,L5,L7 e L8: Trattasi di interventi di assoluta modestia e di nessuna influenza sugli apporti alla rete di bonifica. Peraltro gli interventi sono situati ai lati del Collettore Principale 2 del bacino Onagro Inferiore: dovranno essere salvaguardate almeno le attuali zone di proprietà demaniale (2 metri oltre al vecchio ciglio) e la zona di rispetto (10 metri dal limite della proprietà demaniale) eventualmente destinando queste ultime a verde pubblico non alberato. AMBITO DI PONTE CREPALDO Tranne per la variante V18, sulla quale si rinvia al giudizio negativo espresso in apertura del presente parere, per le varianti V16, V17, V19, V20, V21, V22, V23, V24, V25, V26, L10, L11, E7, E8, E9, E10, E11 si tratta di interventi modesti e di nessun impatto sulla rete di bonifica; sarà peraltro necessario che siano verificate ed adeguate le attuali condotte fognarie di scarico sul Collettore Terzo alle nuove superfici che si andranno ad aggiungere a monte. AMBITO DEL CAPOLUOGO Le varianti previste non hanno significativo impatto sulla rete di bonifica, peraltro va precisato che la rete fognaria del capoluogo risulta già allo stato sottodimensionata, è pertanto opportuno che, per quanto possibile, le aree di nuova urbanizzazione non vadano ad influire sui tronchi di fognatura già sottodimensionati. Variante V27: E l intervento di più vaste dimensioni previsto dalla variante, le fognature pluviali dovranno far capo al canale Papa che lambisce sul lato Est la nuova zone e dovranno essere dimensionate anche per scolmare il collettore di via Marco Polo. Varianti V28, V29, V30, V31: Tutte varianti di superfici molto limitate e/o già parzialmente urbanizzate e quindi con impatto ridotto anche sulla rete fognaria. Variante V32: Area destinata ad attrezzature di interesse comune in golena Piave e quindi esterna alla bonifica e non di competenza di questo Consorzio. Varianti V33, V34, V35, V36, V37, V38, V39, V40: Tutte varianti di dimensioni limitate e comunque con impatto ridotto anche sulla rete fognaria. Varianti L12, L13, L14, L15, L16, L17, L18, L19, L20, E12, E13, E14, E16, E17, E18, E19, E20: Varianti inifluenti che non comportano alcuna variazione sullo stato idraulico attuale. AMBITO DI TORRE DI FINE Variante V41: Nessuna variazione agli effetti idraulici Variante V42: Riguarda urbanizzazione di area agricola sul lato Nord dell abitato estendendosi fino al canale Torre di Fine: sarà necessario assicurare una fascia pubblica di rispetto (verde non alberato) a lato canale della larghezza di almeno 10 metri. Varianti V42, V43, V44, V45: Non hanno significativo impatto idraulico. Variante V46: Riguarda area demaniale in uso a questo Consorzio e sulla quale insistono abitazione per il personale di sorveglianza e magazzino per il materiale di pronto intervento. Date le specifiche finalità si esprime anche in questa sede parere negativo alla variazione della destinazione d uso dell area. Variante V47, V48: Varianti non aventi alcun significativo impatto sulla situazione idraulica. AMBITO DI BRIAN Varianti V49, V50, L21, E22, E23: Varianti di dimensioni molto limitate e senza significativi impatti idraulici. 6

7 PARERE ESPRESSO DAL CONSORZIO DI BONIFICA BASSO PIAVE CON NOTA PROT. N DEL 20 DICEMBRE VARIANTE n. 26. Si riscontra la richiesta di parere prot. n /46.10 in merito allo studio di compatibilità idraulica della variante parziale al P.R.G. del comune di Eraclea Variante n. 26. Si esprime innanzitutto il parere negativo (come già detto con il parere di competenza del prot. n riguardo alla variante al P.R.G. n. 23) sul tombinamento del canale Collettore 3 in località Ponte Crepando, come del resto espresso dallo stesso studio di compatibilità idraulica. Trattasi infatti del collettore tra il bacino Onagro Superiore e il bacino Onagro inferiore opera di fondamentale importanza per la sicurezza idraulica dei due bacini stessi: si chiede pertanto che la variante V14, riguardante esclusivamente detto tombinamento, sia assolutamente respinta, anche per non ingenerare aspettative in merito ad opera che non sarebbe in ogni caso autorizzata da questo Consorzio. Tutte le altre varianti previste non sono tali da comportare significativi impatti sulla rete di bonifica e sono quindi compatibili con le opere di bonifica esistenti e con l attuale situazione idraulica dei bacini di bonifica interessati. Trattandosi di aree di bonifica a scolo meccanico, nell edificazione dovranno essere osservate le precauzioni da mantenersi in zone simili: eventuali piani interrati o seminterrati dei nuovi edifici dovranno essere idraulicamente isolati rispetto alla rete fognaria, al sottosuolo, allo scoperto, alle strade circostanti; il piano terra degli edifici dovrà essere adeguatamente sopraelevato rispetto all attuale quota del piano campagna. E necessario che le opere fognarie delle nuove aree siano correttamente inserite nel sistema fognario comunale e nelle relative previsioni di adeguamento sia ai fini igienico-ambientali che a quelli idraulici, in particolare per lo scarico nella rete di bonifica; si sottolinea al riguardo l importanza che nello sviluppo urbanistico del territorio siano anche considerate in via prioritaria le necessità, del resto correttamente segnalate dallo studio in esame, di adeguamento delle reti fognarie esistenti. Si esaminano puntualmente le varianti previste. AMBITO DI STRETTI Varianti V22, V23, V24, V25: Trattasi di interventi di dimensioni molto modeste senza relazioni dirette con la rete di bonifica ad eccezione della V24; si raccomanda come del resto previsto nella relazione in esame un corretto inserimento nella rete fognaria della frazione da coordinare con il già necessario adeguamento della stessa. Variante V24: E la variante di maggior estensione che riguarda principalmente la realizzazione di un parcheggio a servizio della scuola materna locale ed il ricavo di una area attrezzata con destinazione a parco (Fc/115) previo tombinamento di tratto di canale irriguo Stretti Sud. Il canale a destinazione esclusivamente irrigua potrà essere combinato per tutto il tratto compreso nella variazione prevista. AMBITO DI CA TURCATA Varianti V19: Intervento molto modesto e di nessuna influenza sulla rete di bonifica che interessa un area ubicata nel centro dell abitato. Si precisa che l area in questione non dovrà avere alcun rapporto con la condotta di tombinamento del canale Mutera trattandosi di canale irriguo sul quale questo Consorzio non autorizzerà alcun scarico. 7

8 AMBITO DI PONTE CREPALDO Tranne per la variante V14, sulla quale si rinvia al giudizio negativo espresso in apertura del presente parere, per le varianti V12, V13, V15, V16, si tratta di interventi modesti e di nessun impatto sulla rete di bonifica. Variante V10: Riguarda urbanizzazione di area agricola, ma già interessata da numerosi fabbricati, sul lato Sud dell abitato che si sviluppa dalla fronte Ovest della S.P. n. 42 e verso campagna interessando parte del canale Ramo di Speo. Il canale, che ha funzione di scolo, potrà essere combinato per il breve tratto compreso nella variazione con condotto di adeguate dimensioni, senza significative variazioni del volume d invaso, salvaguardando la possibilità di accesso alle fasce laterali dalla S.P. n. 42. Variante V11: E la variante di maggior estensione che riguarda principalmente la realizzazione di nuova viabilità stradale di bypass del centro abitato, il che non comporterà significativo impatto sulla rete di bonifica, anche se dovranno essere realizzate delle opere per l attraversamento di alcune pertinenze consorziali (canale irriguo Stretti Sud in corrispondenza delle nuove rotatorie, cabaletta irrigua Largon 2 tronco e ponte sul canale Collettore Principale Terzo). AMBITO DEL CAPOLUOGO Si osserva che la rete fognaria del capoluogo risulta già allo stato sottodimensionata, è pertanto opportuno che, per quanto possibile, le aree di nuova urbanizzazione non vadano ad influire sui tronchi di fognatura già sottodimensionati e rimangano in capo ai canali consorziali al servizio delle aree ora agricole. Variante V1: E l intervento di più vaste dimensioni previsto dalla variante, le fognature pluviali dovranno far capo al canale Papa che lambisce sul lato Est la nuova zone e dovranno essere dimensionate anche per scolmare il collettore di via Marco Polo che le acque nere dovrà invece essere collegato alle condotte di trasporto alla depurazione. Varianti V2, V4, V6: Tutte varianti di superfici molto limitate e/o già parzialmente urbanizzate e quindi con impatto ridotto anche sulla rete fognaria. Varianti V3:Intervento inifluente che non comportano alcuna variazione sullo stato idraulico attuale. Variante V5: Area destinata ad attrezzature di interesse comune in golena Piave e quindi esterna alla bonifica e non di competenza di questo Consorzio. AMBITO DI TORRE DI FINE Variante V26: Riguarda cambio di destinazione d uso ed urbanizzazione di area agricola sul lato Nord dell abitato estendendosi fino al canale Torre di Fine: sarà necessario assicurare una fascia pubblica di rispetto (verde non alberato) a lato canale della larghezza di almeno 10 metri. Varianti V27, V28: Trattasi di semplice spostamento di un area a standard che non implica alcuna variazione agli effetti idraulici. Variante V29: Variante non avente alcun significativo impatto sulla situazione idraulica. AMBITO DI BRIAN Variante V33: Variante di dimensioni molto limitate e senza significativo impatto idraulico AMBITO DI VIA CODA DI GATTO Variante V18: Riguarda cambio di destinazione d uso ed urbanizzazione di area agricola di modeste dimensioni. AMBITO DI PALUDA Variante V18: Variante di superficie agricola limitata e già parzialmente urbanizzata e quindi con impatto non significativo. 8

9 AMBITO DI REVEDOLI Variante V31: Inserimento di nuova zona di tipo C1 in golena Piave e quindi esterna alla bonifica e non di competenza di questo Consorzio. Variante V30: Inserimento di nuova zona di tipo C1 in un area prima classificata come zona T3 già parzialmente urbanizzata e quindi con impatto ridotto anche sulla rete fognaria. 9

COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE PROVINCIA DI PISTOIA

COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE PROVINCIA DI PISTOIA COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE PROVINCIA DI PISTOIA RELAZIONE IDRAULICA A SUPPORTO DEL P.A.4 NEL COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE CON INDICAZIONE SUL SISTEMA DI INVARIANZA IDRAULICA Il TECNICO INCARICATO Dott. Ing.

Dettagli

COMMISSARIO DELEGATO PER L EMERGENZA CONCERNENTE GLI ECCEZIONALI EVENTI METEOROLOGICI DEL 26 SETTEMBRE 2007

COMMISSARIO DELEGATO PER L EMERGENZA CONCERNENTE GLI ECCEZIONALI EVENTI METEOROLOGICI DEL 26 SETTEMBRE 2007 ORDINANZA N. 3 DEL 22.01.08 Oggetto: O.P.C.M. n. 3621 del 18.10.2007. Interventi urgenti di protezione civile diretti a fronteggiare i danni conseguenti agli eccezionali eventi meteorologici che hanno

Dettagli

OPERE DI URBANIZZAZIONE FOGNARIA NELL AMBITO DI INTERVENTI DI ESPANSIONE URBANISTICA

OPERE DI URBANIZZAZIONE FOGNARIA NELL AMBITO DI INTERVENTI DI ESPANSIONE URBANISTICA Comune di Faenza Sportello Unico per le Attività produttive 7 Incontro Tecnico - 23 Giugno 2005 OPERE DI URBANIZZAZIONE FOGNARIA NELL AMBITO DI INTERVENTI DI ESPANSIONE URBANISTICA ing. Michele Lotito

Dettagli

ILPRINCIPIO DELL INVARIANZA IDRAULICA NEI NUOVI INSEDIAMENTI: Implicazioni e spunti per la pianificazione di bacino

ILPRINCIPIO DELL INVARIANZA IDRAULICA NEI NUOVI INSEDIAMENTI: Implicazioni e spunti per la pianificazione di bacino ILPRINCIPIO DELL INVARIANZA IDRAULICA NEI NUOVI INSEDIAMENTI: Implicazioni e spunti per la pianificazione di bacino Autorità di bacino del fiume Tevere Centro di Ricerca CERI Previsione, Prevenzione e

Dettagli

Analisi dell Invarianza idraulica e della rete delle fogne bianche

Analisi dell Invarianza idraulica e della rete delle fogne bianche Analisi dell Invarianza idraulica e della rete delle fogne bianche Come previsto dalle norme tecniche del Piano stralcio (autorità Bacini Romagnoli) l area è soggetta al rispetto del principio di invarianza

Dettagli

RELAZIONE TECNICA IDRAULICA

RELAZIONE TECNICA IDRAULICA PIANO URBANISTICO ESECUTIVO DI INIZIATIVA PRIVATA per insediamento produttivo di nuovo impianto ad uso artigianale, produttivo e commerciale in Comune di Comacchio Loc. San Giuseppe S.S. 309 Romea Spett.le

Dettagli

COMUNE DI FAENZA Area ITALGAS

COMUNE DI FAENZA Area ITALGAS COMUNE DI FAENZA Area ITALGAS 29 gennaio 2013 RELAZIONE TECNICA RETE FOGNARIA 0. VARIANTE La variante dal punto di vista idraulico riguarda sostanzialmente tre punti: 1. la modifica del piccolo lotto di

Dettagli

PIANO DEGLI INTERVENTI. Valutazione di Compatibilita' Idraulica

PIANO DEGLI INTERVENTI. Valutazione di Compatibilita' Idraulica PROVINCIA DI PADOVA P.I.n.3 Elaborato 12 Scala PIANO DEGLI INTERVENTI Valutazione di Compatibilita' Idraulica tav. 1.1.1 Sindaco: Mirco Gastaldon Ufficio di Piano: Nicoletta Paiaro Valentina Giacon Roberta

Dettagli

Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian

Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian ARTICOLO 1 DISPOSIZIONI GENERALI Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian dell Asso, nel comune di Montalcino, delimitata a nord e ad est da aree

Dettagli

INDICE. 1) Premessa... 2. 2) Sintesi dei contenuti tecnici e normativi del Piano Stralcio per la Tutela. dal Rischio Idrogeologico:...

INDICE. 1) Premessa... 2. 2) Sintesi dei contenuti tecnici e normativi del Piano Stralcio per la Tutela. dal Rischio Idrogeologico:... INDICE 1) Premessa... 2 2) Sintesi dei contenuti tecnici e normativi del Piano Stralcio per la Tutela dal Rischio Idrogeologico:... 3 3) Lo studio di compatibilità idraulica... 8 4) Contenuti dello studio

Dettagli

PROCEDURE PER IL RILASCIO DI CONCESSIONI, LICENZE E NULLA OSTA

PROCEDURE PER IL RILASCIO DI CONCESSIONI, LICENZE E NULLA OSTA PROCEDURE PER IL RILASCIO DI CONCESSIONI, LICENZE E NULLA OSTA Art. 1 : Oggetto delle concessioni e licenze Il presente documento, relativo alle opere pubbliche di bonifica, le opere idrauliche e le opere

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE E LA TUTELA DELLE ACQUE ( ALLEGATO SUB. A AL REGOLAMENTO EDILIZIO )

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE E LA TUTELA DELLE ACQUE ( ALLEGATO SUB. A AL REGOLAMENTO EDILIZIO ) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE E LA TUTELA DELLE ACQUE ( ALLEGATO SUB. A AL REGOLAMENTO EDILIZIO ) Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n 54 del 28.11.2008 I^ Variante Approvata con

Dettagli

SISTEMI IDRAULICI URBANI: TRA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE E CAMBIAMENTI CLIMATICI

SISTEMI IDRAULICI URBANI: TRA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE E CAMBIAMENTI CLIMATICI Convegno SISTEMI IDRAULICI URBANI: TRA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE E CAMBIAMENTI CLIMATICI Prof. Ing. Alessandro Paoletti Presidente emerito CSDU 24 Ottobre 2014, Bologna Fiere H2O 2014 Indice 1. Evoluzione

Dettagli

RELAZIONE SPECIALISTICA DI CALCOLO

RELAZIONE SPECIALISTICA DI CALCOLO RELAZIONE SPECIALISTICA DI CALCOLO 1 - RETI DI FOGNATURA Il sistema di smaltimento delle acque è di tipo separativo, ossia attraverso due reti distinte vengono convogliate le acque d'origine pluviale e

Dettagli

COMMISSARIO DELEGATO PER L EMERGENZA CONCERNENTE GLI ECCEZIONALI EVENTI METEOROLOGICI DEL 26 SETTEMBRE 2007

COMMISSARIO DELEGATO PER L EMERGENZA CONCERNENTE GLI ECCEZIONALI EVENTI METEOROLOGICI DEL 26 SETTEMBRE 2007 DEL 26 SETTEMBRE 20 Data: 09 APR 2008 Protocollo n 191991 Allegati Oggetto: Primi indirizzi e raccomandazioni per l applicazione delle ordinanze 2, 3 e 4 del 22.01.2008 in materia di prevenzione dal rischio

Dettagli

COMUNE DI CASOREZZO PROVINCIA DI MILANO RELAZIONE TECNICA INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO

COMUNE DI CASOREZZO PROVINCIA DI MILANO RELAZIONE TECNICA INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO COMUNE DI CASOREZZO PROVINCIA DI MILANO INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO D.G.R. 22 dicembre n. IX/2762, SEMPLIFICAZIONE DEI CANONI DI POLIZIA IDRAULICA E RIORDINO DEI RETICOLI IDRICI agosto 2012

Dettagli

AUTORITA DI BACINO DI RILIEVO REGIONALE

AUTORITA DI BACINO DI RILIEVO REGIONALE AUTORITA DI BACINO DI RILIEVO REGIONALE INDIRIZZI INTERPRETATIVI E CHIARIMENTI IN MERITO AI CRITERI PER LA REDAZIONE DELLA NORMATIVADEI PIANI DI BACINO PER LA TUTELA DAL RISCHIO IDROGEOLOGICO DI CUI ALLA

Dettagli

Comune di Loreggia Provincia di Padova 3^ Settore Edilizia Privata e Urbanistica PARZIALE

Comune di Loreggia Provincia di Padova 3^ Settore Edilizia Privata e Urbanistica PARZIALE Comune di Loreggia Provincia di Padova 3^ Settore Edilizia Privata e Urbanistica P.R.G. XXXIVa VARIANTE PARZIALE VARIANTE PARZIALE AL P.R.G. AI SENSI DELL'ART. 50 COMMA 4 LETT. F) L.R. 61/85 E S.M.I. PER

Dettagli

Bacino scolante nella Laguna di Venezia

Bacino scolante nella Laguna di Venezia Bacino scolante nella Laguna di Venezia QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO L. 18 maggio 1989, n. 183 Norme per il riassetto organizzativo e funzionale della difesa del suolo Definisce il Bacino scolante in

Dettagli

Studio di Geologia Applicata - Dott. Geol. Pier Luigi Amadori

Studio di Geologia Applicata - Dott. Geol. Pier Luigi Amadori Studio di Geologia Applicata - Dott. Geol. Pier Luigi Amadori Viale della Repubblica, 4-47014 Meldola (FC) Tel-Fax. 0543/49 03 36 - C. F. MDR PLG 44L06 A 565 O - P. IVA 00627450406 PREMESSA La presente

Dettagli

IL SISTEMA DI INVARIANZA IDRAULICA

IL SISTEMA DI INVARIANZA IDRAULICA CONSORZIO DI BONIFICA SAVIO RUBICONE CESENA - COLLEGIO INGEGNERI E ARCHITETTI DI CESENA E COMPRENSORIO IL SISTEMA DI INVARIANZA IDRAULICA ORDINE INGEGNERI PROVINCIA FC COMUNE DI CESENA Programma dei lavori

Dettagli

C O M U N E D I D E R U T A

C O M U N E D I D E R U T A C O M U N E D I D E R U T A PROVINCIA DI PERUGIA OGGETTO: Piano Attuativo di iniziativa privata in Variante al PRG Parte Operativa, sensi e per gli effetti della L.R. 11/2005, riguardante l ambito urbano

Dettagli

Studio geologico del territorio comunale (L.R. n. 41 / 1997)

Studio geologico del territorio comunale (L.R. n. 41 / 1997) R e g i o n e L o m b a r d i a Provincia di Milano COMUNE DI NERVIANO Studio geologico del territorio comunale (L.R. n. 41 / 1997) Marzo 2003 PRESCRIZIONI GEOLOGICHE PER LE N.T.A. Studio Associato di

Dettagli

INDICE 1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO DELL AREA SECONDO IL PTCP... 3 3 GESTIONE DELLE ACQUE DI SCARICO... 9

INDICE 1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO DELL AREA SECONDO IL PTCP... 3 3 GESTIONE DELLE ACQUE DI SCARICO... 9 INDICE 1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO DELL AREA SECONDO IL PTCP... 3 3 GESTIONE DELLE ACQUE DI SCARICO... 9 3.1 RETE DI ACQUE METEORICHE E LAMINAZIONE... 9 3.2 TRATTAMENTO ACQUE DI PRIMA PIOGGIA... 11

Dettagli

SCHEDA DI VERIFICA E VALUTAZIONE DELL AMBITO DI POSSIBILE TRASFORMAZIONE: AR 15

SCHEDA DI VERIFICA E VALUTAZIONE DELL AMBITO DI POSSIBILE TRASFORMAZIONE: AR 15 SCHEDA DI VERIFICA E VALUTAZIONE DELL AMBITO DI POSSIBILE TRASFORMAZIONE: AR 15 VERIFICA DI COERENZA ESTERNA: Compatibilità dell intervento con le previsioni del PTCP VERIFICA DELLA VINCOLISTICA E DEGLI

Dettagli

PIANO GENERALE DEL SISTEMA FOGNARIO DEL COMUNE DI RIMINI 11 PIANO DEGLI INTERVENTI CON INDIVIDUAZIONE DEL LIVELLO DI PRIORITA E DEI COSTI

PIANO GENERALE DEL SISTEMA FOGNARIO DEL COMUNE DI RIMINI 11 PIANO DEGLI INTERVENTI CON INDIVIDUAZIONE DEL LIVELLO DI PRIORITA E DEI COSTI PIANO GENERALE DEL SISTEMA FOGNARIO DEL COMUNE DI RIMINI 11 PIANO DEGLI INTERVENTI CON INDIVIDUAZIONE DEL LIVELLO DI PRIORITA E DEI COSTI 85 PIANO GENERALE DEL SISTEMA FOGNARIO DEL COMUNE DI RIMINI IL

Dettagli

Sub ambito di Trasformazione 02 SN1

Sub ambito di Trasformazione 02 SN1 Var. 24 Var. 58 Var.168 D.D. 53 Scheda norma D/1 Ex scalo merci V.le Fratti (Tav. P.R.G.23) Sub ambito di Trasformazione 02 SN1 PARTE I STATO DI FATTO 1. DESCRIZIONI DELLE CONDIZIONI ATTUALI DELL AREA

Dettagli

COMUNE DI CAMPI SALENTINA PROVINCIA DI LECCE

COMUNE DI CAMPI SALENTINA PROVINCIA DI LECCE COMUNE DI CAMPI SALENTINA PROVINCIA DI LECCE LL.NN.179/92-493/93 e 85/94- Localizzazione Interventi di Edilizia Sovvenzionata - Opere di Urbanizzazione primaria - Riutilizzo somme disponibili per Progetto

Dettagli

III Le esperienze nei piani provinciali e comunali

III Le esperienze nei piani provinciali e comunali III Le esperienze nei piani provinciali e comunali 2 PARTE III L invarianza idraulica delle trasformazioni urbanistiche nel contesto della VAS di Davide Broccoli, Leonardo Giorgi, Paolo Mazzoli e Alberto

Dettagli

DIRETTIVA DISCIPLINA PER L ACQUISIZIONE DELLA AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO PER LE ACQUE NERE E METEORICHE SUL TERRITORIO DEL COMUNE DI TRENTO

DIRETTIVA DISCIPLINA PER L ACQUISIZIONE DELLA AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO PER LE ACQUE NERE E METEORICHE SUL TERRITORIO DEL COMUNE DI TRENTO Via del Brennero, 312 I 38121 Trento tel. 0461 884711-4712 I fax 0461 884704 servizio_opereurbanizzazioneprimaria@comune.trento.it opereurbanizzazione@pec.comune.trento.it Orario di apertura al pubblico:

Dettagli

INDICE 1. PREMESSA... 2 2. RIFERIMENTI NORMATIVI... 2 3. INQUADRAMENTO INTERVENTO... 2 4. ANALISI AMBITO DI INTERVENTO D... 3. 4.1 Fognatura nera...

INDICE 1. PREMESSA... 2 2. RIFERIMENTI NORMATIVI... 2 3. INQUADRAMENTO INTERVENTO... 2 4. ANALISI AMBITO DI INTERVENTO D... 3. 4.1 Fognatura nera... INDICE 1. PREMESSA... 2 2. RIFERIMENTI NORMATIVI... 2 3. INQUADRAMENTO INTERVENTO... 2 4. ANALISI AMBITO DI INTERVENTO D... 3 4.1 Fognatura nera... 3 4.2 Sistema di raccolta acque meteoriche aree pubbliche...

Dettagli

Il/La sottoscritto/a, in qualità di progettista

Il/La sottoscritto/a, in qualità di progettista Foglio n 1 di 9 CHECK LIST DI ASSEVERAZIONE DEI CONTENUTI DEL PROGETTO ESECUTIVO Il/La sottoscritto/a, in qualità di progettista delle opere fognarie comprese nel Piano Urbanistico denominato. in Comune

Dettagli

ATTO DI INDIRIZZO IN MATERIA DI FOGNATURE E DEPURAZIONE

ATTO DI INDIRIZZO IN MATERIA DI FOGNATURE E DEPURAZIONE COMUNE di RIMINI ASSESSORATO MOBILITA, LAVORI PUBBLICI E QUALITA URBANA ATTO DI INDIRIZZO IN MATERIA DI FOGNATURE E DEPURAZIONE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 22 del 18/02/2010 TAVOLO

Dettagli

PORTO TURISTICO DI MARINA DI PISA. Studio Idraulico

PORTO TURISTICO DI MARINA DI PISA. Studio Idraulico PORTO TURISTICO DI MARINA DI PISA Studio Idraulico IMP_04_R_001_0_relaziodraulica Pagina 1 di 15 INDICE 1 Premessa... 3 2 Il Piano di Assetto Idrogeologico in relazione all area del porto di Marina di

Dettagli

ing. Flavio Verzotti: - l attività di POLIZIA IDRAULICA e la disciplina amministrativa nei regolamenti comunali - i Contratti di Fiume

ing. Flavio Verzotti: - l attività di POLIZIA IDRAULICA e la disciplina amministrativa nei regolamenti comunali - i Contratti di Fiume Corso sulla: Riqualificazione dei corsi d acqua e tecniche di ingegneria naturalistica Milano, 16 Novembre 2005 ing. Flavio Verzotti: - l attività di POLIZIA IDRAULICA e la disciplina amministrativa nei

Dettagli

Problematica Idraulica e piani urbanistici

Problematica Idraulica e piani urbanistici Associazione Nazionale Urbanisti e Pianificatori Territoriali e Ambientali con il patrocinio di Comune di Este Consorzio di Bonifica Adige Euganeo PREVENZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO: UN COMPITO PER LA PIANIFICAZIONE

Dettagli

CONTENUTI DELLA MANIFESTAZIONE:

CONTENUTI DELLA MANIFESTAZIONE: scheda N 1 loc. PIEDIMONTE / COMPARTO 46 R CONTENUTI DELLA MANIFESTAZIONE: Realizzazione di manufatti con destinazione artigianale/industriale/direzionale per una S.U.L. complessiva di mq 4.000 e una volumetria

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

1. Osservazioni della Regione applicabili agli elaborati idraulici

1. Osservazioni della Regione applicabili agli elaborati idraulici Ing. Giovanni Carena - Progettazioni idrauliche Via Casa Scopelli, 4/A 15050 Carbonara Scrivia (AL) Tel: 0131 892 955 Cell: 335 6070937 E-mail: giovanni_carena@alice.it Carbonara Scrivia, 3 marzo 2011

Dettagli

COMUNE DI GRUARO. Assessorato alla Protezione Civile

COMUNE DI GRUARO. Assessorato alla Protezione Civile COMUNE DI GRUARO Assessorato alla Protezione Civile Data aggiornamento 31.07.2014 INDICE 1.1 Premessa...3 1.2 Scenari di rischio idraulico...4 1.2.1 Rischio idraulico da rete principale...4 1.2.2. Rischio

Dettagli

COMUNE DI PONSACCO Provincia di Pisa

COMUNE DI PONSACCO Provincia di Pisa COMUNE DI PONSACCO Provincia di Pisa 3 SETTORE Ufficio Urbanistica RELAZIONE TECNICA-URBANISTICA ISTRUTTORIA PRATICA EDILIZIA: n 04/2010 Intestatario:Taliani Luigi ed altri Oggetto Intervento: Lottizzazione

Dettagli

Difesa del suolo e pianificazione dei bacini idrografici

Difesa del suolo e pianificazione dei bacini idrografici Quadro normativo: Legge 183/89, «Norme per il riassetto organizzativo e funzionale della difesa del suolo» Si intende: a) per suolo: il territorio, il suolo, il sottosuolo, gli abitati e le opere infrastrutturali;

Dettagli

Committente GIELLE COSTRUZIONI S.r.l. Via G. Galilei, 54 25068 Sarezzo (BS) COMPLESSO EDILIZIO PROGETTO CONVENZIONE LOTTO LIBERO 9 Via Monteverdi

Committente GIELLE COSTRUZIONI S.r.l. Via G. Galilei, 54 25068 Sarezzo (BS) COMPLESSO EDILIZIO PROGETTO CONVENZIONE LOTTO LIBERO 9 Via Monteverdi Comune di Concesio Provincia di Brescia Committente GIELLE COSTRUZIONI S.r.l. Via G. Galilei, 54 25068 Sarezzo (BS) COMPLESSO EDILIZIO PROGETTO CONVENZIONE LOTTO LIBERO 9 Via Monteverdi VERIFICHE DI COMPATIBILITÀ

Dettagli

INTERVENTO 1 STRALCIO: URBANIZZAZIONI PROGETTO ESECUTIVO 14) IMPIANTO FOGNATURA NERA E PLUVIALE RELAZIONE TECNICA

INTERVENTO 1 STRALCIO: URBANIZZAZIONI PROGETTO ESECUTIVO 14) IMPIANTO FOGNATURA NERA E PLUVIALE RELAZIONE TECNICA REGIONE PUGLIA INTERVENTO COFINANZIATO DAL PO FESR 2007-2013 ASSE VII LINEA DI INTERVENTO 7.1 AZIONE 7.1.2 CODICE OPERAZIONE FE7.100117 PROGRAMMA INTEGRATO DI RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE PIRP SAN

Dettagli

Comune di RAVENNA (EMILIA ROMAGNA) RELAZIONE IDRAULICA

Comune di RAVENNA (EMILIA ROMAGNA) RELAZIONE IDRAULICA Pag. 1 di 22 Comune di RAVENNA ALLEGATO 11 (EMILIA ROMAGNA) Piano Urbanistico Attuativo (PUA) Ambito a programmazione unitaria e concertata denominato: CoS4 - De Andrè RELAZIONE IDRAULICA Soggetti Richiedenti:

Dettagli

g) Esondazioni e dissesti morfologici di carattere torrentizio: area a pericolosità molto elevata Ee

g) Esondazioni e dissesti morfologici di carattere torrentizio: area a pericolosità molto elevata Ee NORME DI ATTUAZIONE Art. 1 Norma transitoria Le norme relative al dissesto sono da ritenersi transitorie fino all'approvazione (previa intesa con l'autorità di Bacino) del PTCP 2007. Il PSC dovrà adeguarsi

Dettagli

COMUNE DI CASALSERUGO

COMUNE DI CASALSERUGO Elaborato1.2 COMUNE DI CASALSERUGO Documento del sindaco Piano Regolatore Comunale LR 11/2004 Piano degli Interventi n. 02 PI 2013 Gruppo di lavoro PROGETTISTI Urbanista Raffaele Gerometta CONTRIBUTI SPECIALISTICI

Dettagli

relazione sicurezza idraulica sintesi

relazione sicurezza idraulica sintesi Dgr n. 2587 del 7 agosto 2007 Allegato A3 relazione sicurezza idraulica sintesi Assessorato alle Politiche per il Territorio Segreteria Regionale Ambiente e Territorio Direzione Pianificazione Territoriale

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA Facoltà di Ingegneria

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA Facoltà di Ingegneria PRIMA PROVA SCRITTA DEL 23 NOVEMBRE 2011 Tema n. 1 Il candidato illustri i tipi edilizi residenziali. Si discutano inoltre le principali relazioni tra tipologie edilizie e morfologie urbane. Si richiede,

Dettagli

INDICE 1 - PREMESSA... 2 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 4 3 IPOTESI DI PROGETTO... 5 4 RETICOLO IDRICO SUPERFICIALE... 7

INDICE 1 - PREMESSA... 2 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 4 3 IPOTESI DI PROGETTO... 5 4 RETICOLO IDRICO SUPERFICIALE... 7 INDICE 1 - PREMESSA... 2 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 4 3 IPOTESI DI PROGETTO... 5 3.1 DIMENSIONAMENTO SECONDO IL PIANO DI RISANAMENTO DELLE ACQUE DELLA REGIONE LOMBARDIA... 5 4 RETICOLO IDRICO SUPERFICIALE...

Dettagli

PREMESSA. Il progetto definitivo della cassa E4 è stato approvato con D.G.P n 181 del 28.12.2007.

PREMESSA. Il progetto definitivo della cassa E4 è stato approvato con D.G.P n 181 del 28.12.2007. PREMESSA L intervento previsto dal progetto consiste nella realizzazione di una cassa in derivazione in loc. Molino di Ripassaia nei comuni di Peccioli e Lajatico e rientra nell ambito di un accordo (Protocollo

Dettagli

- K - PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DELLE RETI FOGNARIE STANDARD PROGETTO SP - TEA - 001.

- K - PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DELLE RETI FOGNARIE STANDARD PROGETTO SP - TEA - 001. - K - PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DELLE RETI FOGNARIE (revisione 04) Pagina 1 di 11 INDICE Pag. PARTE K RETI FOGNARIE K.1 3 REQUISITI DEI PROGETTI DI FOGNATURE PER NUOVE

Dettagli

P.U.A. n 3 Via Leopardi

P.U.A. n 3 Via Leopardi P.U.A. n 3 Via Leopardi REGIONE VENETO provincia di Padova comune di Galliera Veneta Relazione idraulica Il committente Comune di Galliera Veneta Via Roma 174 Il progettista Arch. Sara Favotto STUDIO NOVE

Dettagli

RELAZIONE. 1)Inquadramento del P.L. nello strumento urbanistico

RELAZIONE. 1)Inquadramento del P.L. nello strumento urbanistico RELAZIONE 1)Inquadramento del P.L. nello strumento urbanistico L area oggetto del presente piano di lottizzazione è sita in località Marina del Comune di Rocca Imperiale (CS). Le particelle catastali interessate

Dettagli

L accesso al terreno attualmente avviene da Via F.lli Kennedy, sul lato posto a sud, e dalla strada agricola di Via Valle, sul lato a est.

L accesso al terreno attualmente avviene da Via F.lli Kennedy, sul lato posto a sud, e dalla strada agricola di Via Valle, sul lato a est. Rellaziione Tecniico IIllllusttrattiiva IInnt I t eeggrraazz iioonnee i aa lllaa rri iicchhi eesst taa ddi ii PPeerrmeessssoo ddi ii CCoosst trruui iirr ee ddeel ll 0055/ //0022/ 220011 33 pprroot t...00772233

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ALLEGATA ALLA DOMANDA D AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO D ACQUE DOMESTICHE D ORIGINE ABITATIVA. D.Lgs n 152 del 3 aprile 2006.

RELAZIONE TECNICA ALLEGATA ALLA DOMANDA D AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO D ACQUE DOMESTICHE D ORIGINE ABITATIVA. D.Lgs n 152 del 3 aprile 2006. RELAZIONE TECNICA ALLEGATA ALLA DOMANDA D AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO D ACQUE DOMESTICHE D ORIGINE ABITATIVA. D.Lgs n 152 del 3 aprile 2006. Immobile sito nella frazione di, via, n, Censito in Catasto

Dettagli

INDICE. VERNIANA Tav. 5 Bc vrn 01 pag. 04. PALAZZUOLO Tav. 6 Bc pal 01 pag. 01

INDICE. VERNIANA Tav. 5 Bc vrn 01 pag. 04. PALAZZUOLO Tav. 6 Bc pal 01 pag. 01 INDICE MONTE SAN SAVINO Tav. 1a e 1b Ap mss 02 pag. 01 Ap mss 03 pag. 04 Ap mss 04 pag. 07 Bc mss 01 pag. 10 Bc mss 02 pag. 13 Bc mss 03 pag. 16 Bc mss 04 pag. 19 Bc mss 05 pag. 22 Bc mss 06 pag. 25 Bc

Dettagli

COMMISSARIO DELEGATO PER L EMERGENZA CONCERNENTE GLI ECCEZIONALI EVENTI METEOROLOGICI DEL 26 SETTEMBRE 2007

COMMISSARIO DELEGATO PER L EMERGENZA CONCERNENTE GLI ECCEZIONALI EVENTI METEOROLOGICI DEL 26 SETTEMBRE 2007 Data: 11 AGO 2008 Protocollo n : 418232/58 Allegati n : 1 OGGETTO: Ulteriori precisazioni relative all applicazione delle Ordinanze del Commissario Delegato n. 2, 3 e 4 del 22.01.2008, in materia di prevenzione

Dettagli

PIANO STRUTTURALE COMUNALE L.R. 24 Marzo 2000 n. 20 VALUTAZIONE DELLE AREE A RISCHIO IDRAULICO

PIANO STRUTTURALE COMUNALE L.R. 24 Marzo 2000 n. 20 VALUTAZIONE DELLE AREE A RISCHIO IDRAULICO Comune di Caorso (PC) PIANO STRUTTURALE COMUNALE L.R. 24 Marzo 2000 n. 20 SOMMARIO 1 PREMESSA... 2 1.1 Finalità... 2 1.2 Procedimento adottato... 2 1.3 Basi cartografiche... 3 2 INQUADRAMENTO TERRITORIALE...

Dettagli

MoVimento 5 Stelle Municipio X. Dissesto idrogeologico

MoVimento 5 Stelle Municipio X. Dissesto idrogeologico MoVimento 5 Stelle Municipio X Dissesto idrogeologico Tavolo Ambiente Municipio X Attività svolta nel 2013-2014 Premesse: Lo strumento pianificatorio dei Piani di Bacino è stato introdotto nel nostro ordinamento

Dettagli

Cassa di espansione sul T. Baganza Progetto preliminare

Cassa di espansione sul T. Baganza Progetto preliminare Cassa di espansione sul T. Baganza Progetto preliminare ANALISI DELLE CRITICITA IDRAULICHE PORTATE COMPATIBILI NEI DIVERSI TRATTI Il sistema idraulico Parma Baganza è stato oggetto di numerosi studi allo

Dettagli

COMUNE DI CASALE SUL SILE

COMUNE DI CASALE SUL SILE COMUNE DI CASALE SUL SILE Provincia di Treviso PIANO URBANISTICO ATTUATIVO DELLA ZTO C2/020 DI VIA BONISIOLO ATTUAZIONE DELLA ZTO C2/020 MEDIANTE P.U.A. Articolo 21 NTO P.I. Articoli 19 e 20 Legge Regionale

Dettagli

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NON IN RETE FOGNARIA PUBBLICA

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NON IN RETE FOGNARIA PUBBLICA Bollo Protocollo Al Sindaco del Comune di Russi DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NON IN RETE FOGNARIA PUBBLICA (D.Lgs. 152/2006 - Delibera della Giunta Regionale Emilia

Dettagli

COMUNE DI PONTE DI PIAVE

COMUNE DI PONTE DI PIAVE Provincia di Treviso COMUNE DI PONTE DI PIAVE VALUTAZIONE DI COMPATIBILITA IDRAULICA PER LA REDAZIONE DEL P.A.T. DI PONTE DI PIAVE Dgr n. 1322 del 10/05/2006 Dgr n. 1841del 19/06/2007 Vittorio Veneto IL

Dettagli

La politica regionale per la sicurezza idraulica e la riqualificazione paesaggistico - ambientale dei corsi d acqua del nord milano

La politica regionale per la sicurezza idraulica e la riqualificazione paesaggistico - ambientale dei corsi d acqua del nord milano La politica regionale per la sicurezza idraulica e la riqualificazione paesaggistico - ambientale dei corsi d acqua del nord milano D. Fossati U.O. Difesa del suolo Dalle esondazioni alla sicurezza idraulica

Dettagli

Provincia di ANCONA Settore X Viabilità Via Ruggeri, 5 60131 ANCONA Tel. 071 5894 284 Fax 071 5894 612

Provincia di ANCONA Settore X Viabilità Via Ruggeri, 5 60131 ANCONA Tel. 071 5894 284 Fax 071 5894 612 Provincia di ANCONA Settore X Viabilità Via Ruggeri, 5 60131 ANCONA Tel. 071 5894 284 Fax 071 5894 612 Progetto Esecutivo Oggetto : Realizzazione di una rotatoria all incrocio tra la S.P. n. 2 Sirolo-

Dettagli

20 Relazione di. Comune di Montebelluna. CABI srl via Bosco, 14 31020 S. Zenone degli Ezzelini -TV- DR20120023

20 Relazione di. Comune di Montebelluna. CABI srl via Bosco, 14 31020 S. Zenone degli Ezzelini -TV- DR20120023 Comune di Montebelluna ACCORDO DI PROGRAMMA ART.7 L.R. 11/2004 "PARCO DELLE IMPRESE" PROGETTISTA via ferrovia, 28-31020 San Fior -TVt. 0438.1710037 f. 0438.1710109 e-mail: info@d-recta.it - www.d-recta.it

Dettagli

ACQUE METEORICHE DI DILAVAMENTO E DI PRIMA PIOGGIA: NORME E SPECIFICHE TECNICHE. Normativa, procedure e modulistica

ACQUE METEORICHE DI DILAVAMENTO E DI PRIMA PIOGGIA: NORME E SPECIFICHE TECNICHE. Normativa, procedure e modulistica ACQUE METEORICHE DI DILAVAMENTO E DI PRIMA PIOGGIA: NORME E SPECIFICHE TECNICHE Normativa, procedure e modulistica 1 ART. 39 D.Lgs 11 maggio 1999 n. 152 ART. 113 D.Lgs 3 aprile 2006 n. 152 Art.113 prevede

Dettagli

ALLEGATO A1 SCHEDE URBANISTICHE E SCHEDE DI VALSAT

ALLEGATO A1 SCHEDE URBANISTICHE E SCHEDE DI VALSAT Provincia di Reggio Emilia ALLEGATO A1 alle Norme di PSC SCHEDE URBANISTICHE E SCHEDE DI VALSAT Novembre 2006 DIRECTORY: 022001POVIGLIO_PIANOGENERALE2001/PSC 1 FILE: Norme_PSC_Allegato_A1_Schede_novembre2006.doc

Dettagli

Marco Maglionico Università di Bologna Dipartimento DICAM

Marco Maglionico Università di Bologna Dipartimento DICAM La gestione delle acque meteoriche nelle aree urbane: aspetti idraulici e ambientali Marco Maglionico Dipartimento marco.maglionico@unibo.it Effetti dell urbanizzazione sul ciclo idrologico L urbanizzazione

Dettagli

PROGETTO PER LA MESSA IN SICUREZZA PERMANENTE E SISTEMAZIONE AMBIENTALE DELL AREA INTERNA AL SITO FI 117 ARGINGROSSO LE ISOLE

PROGETTO PER LA MESSA IN SICUREZZA PERMANENTE E SISTEMAZIONE AMBIENTALE DELL AREA INTERNA AL SITO FI 117 ARGINGROSSO LE ISOLE PROGETTO PER LA MESSA IN SICUREZZA PERMANENTE E SISTEMAZIONE AMBIENTALE DELL AREA INTERNA AL SITO FI 117 ARGINGROSSO LE ISOLE RELAZIONE TECNICA GENERALE E QUADRO ECONOMICO Ubicazione e caratteristiche

Dettagli

RELAZIONE TECNICA rete fognaria acque bianche

RELAZIONE TECNICA rete fognaria acque bianche RELAZIONE TECNICA rete fognaria acque bianche Premessa L ambito d intervento del P.P.I.P riguarda un area a destinazione residenziale (d ora in poi denominata bacino) di 3.440 m², così suddivisa: PLANIMETRIA

Dettagli

1. La prevenzione dei rischi naturali e la salvaguardia delle risorse nella regione toscana

1. La prevenzione dei rischi naturali e la salvaguardia delle risorse nella regione toscana IL PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO PAI Relazione introduttiva 1. La prevenzione dei rischi naturali e la salvaguardia delle risorse nella regione toscana 1.1 La disciplina La difesa del suolo

Dettagli

INDICE 2. DESCRIZIONE DELLE VARIANTI... 3

INDICE 2. DESCRIZIONE DELLE VARIANTI... 3 INDICE 1. PREMESSE... 2 2. DESCRIZIONE DELLE VARIANTI... 3 3. DESCRIZIONE DELLE CARATTERISTICHE DEI LUOGHI... 4 3.1 ANALISI IDROLOGICA... 4 3.2 DESCRIZIONE RETICOLO IDRAULICO... 7 3.3 CARATTERISTICHE GEOMORFOLOGICHE,

Dettagli

relazione illustrativa

relazione illustrativa ALLEGATO relazione illustrativa Data Integrazione Via F. Rismondo n 29 Pisa tel. 050-564951 e-mail archit.pisa@libero.it Via Sarzanese Nord n 2762 Piano del Quercione (LU) tel. 0584-938967 e-mail archit.associati@libero.it

Dettagli

PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA FOGLIO 171 PART.LLA 124 TERNI

PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA FOGLIO 171 PART.LLA 124 TERNI PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA FOGLIO 171 PART.LLA 124 TERNI Il sottoscritto: Arch. Riccardo Palestra Iscritto all'albo Professionale: Ordine degli Architetti con il n 444 della Provincia di Terni

Dettagli

Consorzio Autorità d Ambito provincia di Brescia Pagina 1 di 6

Consorzio Autorità d Ambito provincia di Brescia Pagina 1 di 6 Al Gestore del servizio di Fognatura e Depurazione Via OGGETTO: Domanda di ammissione allo scarico di acque reflue assimilate alle domestiche in pubblica fognatura e/o allacciamento alla rete fognaria

Dettagli

Comune di Castenaso. Provincia di Bologna. Piano Urbanistico Attuativo per l'attuazione del Comparto ANS C2.2 Castenaso Est sito nel capoluogo

Comune di Castenaso. Provincia di Bologna. Piano Urbanistico Attuativo per l'attuazione del Comparto ANS C2.2 Castenaso Est sito nel capoluogo Comune di Castenaso Provincia di Bologna Piano Urbanistico Attuativo per l'attuazione del Comparto ANS C2.2 Castenaso Est sito nel capoluogo Indirizzo: Via dei Mille RELAZIONE IDRAULICA Federici Saverio

Dettagli

INDICE 1 INTRODUZIONE... 1 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 1 3 INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO ESISTENTE... 1

INDICE 1 INTRODUZIONE... 1 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 1 3 INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO ESISTENTE... 1 INDICE 1 INTRODUZIONE... 1 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 1 3 INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO ESISTENTE... 1 4 PIANO STRALCIO PER L'ASSETTO IDROGEOLOGICO... 2 4.1 NODO VALLONE CERNICCHIARA/RAFASTIA...

Dettagli

UTOE 16 Barbaricina Via Andrea Pisano

UTOE 16 Barbaricina Via Andrea Pisano UTOE 16 Barbaricina Via Andrea Pisano QUADRO CONOSCITIVO LOCALIZZATO Indice Inquadramento territoriale, descrizione e contestualizzazione...2 Pericolosità idraulica, acque superficiali e depurazione...7

Dettagli

INDIRIZZI E VINCOLI RELATIVI ALLE MODALITA DI PROGETTAZIONE DI RETI FOGNARIE

INDIRIZZI E VINCOLI RELATIVI ALLE MODALITA DI PROGETTAZIONE DI RETI FOGNARIE INDIRIZZI E VINCOLI RELATIVI ALLE MODALITA DI PROGETTAZIONE DI RETI FOGNARIE 1. Ambito di applicazione...2 2. Definizioni... 2 3. Progetto di nuove urbanizzazioni... 3 4. Prescrizioni tecniche da seguire

Dettagli

BNP Paribas Real Estate Investment Management Italy

BNP Paribas Real Estate Investment Management Italy BNP Paribas Real Estate Investment Management Italy Comune di Camposampiero (PD) IL PARCO DI CAMPOSAMPIERO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE Sintesi non Tecnica 2 Studio di Impatto Ambientale Il Parco di Camposampiero

Dettagli

+studi Strabella San Pietro, 3 36100 VICENZA Tel e Fax: +39-0444 541 888 E-mail: crosara@piustudi.eu COMUNE DI CASTEGNERO

+studi Strabella San Pietro, 3 36100 VICENZA Tel e Fax: +39-0444 541 888 E-mail: crosara@piustudi.eu COMUNE DI CASTEGNERO REGIONE DEL VENETO PROVINCIA DI VICENZA COMUNE DI CASTEGNERO Piano di Assetto del Territorio del Comune di Castegnero (L. 3 agosto 1998 n. 267) Il Tecnico incaricato Ing. Giovanni Crosara Collaboratori

Dettagli

RELAZIONE TECNICO-SPECIALISTICA

RELAZIONE TECNICO-SPECIALISTICA COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO Provincia di Livorno SETTORE INTERVENTI SUL TERRITORIO E QUALITA URBANA U.O. PROGETTAZIONE e DIREZIONE LAVORI Oggetto: RIQUALIFICAZIONE AMBIENTALE AREA ARTIGIANALE LE MORELLINE

Dettagli

INDICE 1. OBIETTIVI... 2 2. RELAZIONE ESPLICATIVA SULLO STATO DEI LUOGHI... 3

INDICE 1. OBIETTIVI... 2 2. RELAZIONE ESPLICATIVA SULLO STATO DEI LUOGHI... 3 INDICE 1. OBIETTIVI... 2 2. RELAZIONE ESPLICATIVA SULLO STATO DEI LUOGHI... 3 2.1 Note introduttive sul territorio... 3 2.2 Sistemi drenanti già esistenti... 3 2.3 Bacini imbriferi principali e sottobacini...

Dettagli

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 74 del 30.11.2009 ESECUTIVO DAL 28.12.2009

Dettagli

7 ACCESSI E DIRAMAZIONI

7 ACCESSI E DIRAMAZIONI 7 ACCESSI E DIRAMAZIONI 7.1 - ACCESSI E DIRAMAZIONI. DEFINIZIONI E TIPOLOGIA Tra i diversi fattori che possono influire sulle prestazioni, in termini di sicurezza e di funzionalità, di una strada, occupano

Dettagli

Le politiche di adattamento per rispondere all esigenza climatica Giorgio Zampetti, responsabile scientifico di Legambiente Ufficio Scientifico di

Le politiche di adattamento per rispondere all esigenza climatica Giorgio Zampetti, responsabile scientifico di Legambiente Ufficio Scientifico di Le politiche di adattamento per rispondere all esigenza climatica Giorgio Zampetti, responsabile scientifico di Legambiente Ufficio Scientifico di Legambiente Rischio Idrogeologico: Un problema nazionale

Dettagli

COMUNE di SPINEA. Assessorato alla Protezione Civile

COMUNE di SPINEA. Assessorato alla Protezione Civile COMUNE di SPINEA Assessorato alla Protezione Civile INDICE 1. RISCHIO IDRAULICO... 3 1.1 Premessa... 3 1.2 Scenari di rischio idraulico... 4 1.2.1 Rischio idraulico da rete principale... 4 1.2.2. Rischio

Dettagli

INDICE REGOLAMENTO DI POLIZIA IDRAULICA 1 TECNO.GEO. STUDIO

INDICE REGOLAMENTO DI POLIZIA IDRAULICA 1 TECNO.GEO. STUDIO INDICE Art. 1 Oggetto del Regolamento... 2 Art. 2 Definizione del reticolo minore... 2 Art. 3 Normativa di riferimento e competenze... 2 Art. 4 Attività amministrativa dei Comuni... 3 Art. 5 Autorizzazione

Dettagli

A REGISTRO DELLE OSSERVAZIONI

A REGISTRO DELLE OSSERVAZIONI VARIANTE PARZIALE AL REGOLAMENTO URBANISTICO PER MODIFICA SCHEDA NORMA 2-T2 NELLA FRAZIONE DI VADA E VARIANTE CARTOGRAFICA PER PRESA D ATTO DEL NUOVO TRACCIATO AUTOSTRADALE E DELLA VIABILITÀ SECONDARIA.

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE 0 Pagina 9 di 16 di una nuova rete lungo il tratto di via San Giuseppe prospiciente la lottizzazione. Rete Gas Metano La rete di distribuzione del Gas metano verrà realizzata secondo le prescrizioni espresse

Dettagli

Oggetto: Riserva Naturale Regionale Sentina Anno 2011 2^ Riunione del Comitato di Indirizzo dell 11/02/2011.

Oggetto: Riserva Naturale Regionale Sentina Anno 2011 2^ Riunione del Comitato di Indirizzo dell 11/02/2011. Oggetto: Riserva Naturale Regionale Sentina Anno 2011 2^ Riunione del Comitato di Indirizzo dell 11/02/2011. O.D.G: 1) Approvazione verbale seduta odierna. 2) Approvazione progetto esecutivo sottopasso

Dettagli

1. Finalità. 2. Definizioni

1. Finalità. 2. Definizioni Norme di attuazione - Direttive di Piano 1 DIRETTIVA PER LA RIDUZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO DEGLI IMPIANTI DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE REFLUE E DELLE OPERAZIONI DI SMALTIMENTO E RECUPERO DEI RIFIUTI UBICATI

Dettagli

Il rischio idraulico REGIONE EMILIA-ROMAGNA. Servizio Tecnico Bacino Reno. Giuseppe Simoni

Il rischio idraulico REGIONE EMILIA-ROMAGNA. Servizio Tecnico Bacino Reno. Giuseppe Simoni Il rischio idraulico Giuseppe Simoni Servizio Tecnico Bacino Reno REGIONE EMILIA-ROMAGNA Il rischio da eventi naturali CONCETTI FONDAMENTALI 1) Il RISCHIO è il prodotto di più fattori : - PERICOLOSITA

Dettagli

Studio Tecnico Rossi geom. Renato Via G. Zanella 3/1 Montorso Vicentino (VI) Tel. 0444 685322 Fax. 0444 486630 email. geom.rossi@gmail.

Studio Tecnico Rossi geom. Renato Via G. Zanella 3/1 Montorso Vicentino (VI) Tel. 0444 685322 Fax. 0444 486630 email. geom.rossi@gmail. Studio Tecnico Rossi geom. Renato Via G. Zanella 3/1 Montorso Vicentino (VI) Tel. 0444 685322 Fax. 0444 486630 email. geom.rossi@gmail.com AL DIRIGENTE DEL SETTORE GESTIONE DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI

Dettagli

PROVINCIA di TREVISO. COMUNE DI PEDEROBBA Centro commerciale "Area ex Funghi del Montello" A-12 1^ EMISSIONE DESCRIZIONE

PROVINCIA di TREVISO. COMUNE DI PEDEROBBA Centro commerciale Area ex Funghi del Montello A-12 1^ EMISSIONE DESCRIZIONE PROVINCIA di TREVISO COMUNE DI PEDEROBBA Centro commerciale "Area ex Funghi del Montello" PROGETTO DEFINITIVO INDICAZIONE PER LA REDAZIONE DEL PIANO DI SICUREZZA 3 2 1 0 REV PROGETTISTI: Arch. CON: Urb.

Dettagli

PIANO DI RECUPERO DI INIZIATIVA PRIVATA PER LA REALIZZAZIONE DI UNEDIFICIO RESIDENZIALE RELAZIONE IDRAULICA

PIANO DI RECUPERO DI INIZIATIVA PRIVATA PER LA REALIZZAZIONE DI UNEDIFICIO RESIDENZIALE RELAZIONE IDRAULICA Comune di DOLO Provincia di VENEZIA PIANO DI RECUPERO DI INIZIATIVA PRIVATA PER LA REALIZZAZIONE DI UNEDIFICIO RESIDENZIALE VALUTAZIONE DI COMPATIBILITA IDRAULICA AI SENSI DELL ART. 2 DELL ORDINANZA n.

Dettagli

COMUNE DI PADERNO DUGNANO (MILANO)

COMUNE DI PADERNO DUGNANO (MILANO) COMUNE DI PADERNO DUGNANO (MILANO) PIANO DI RECUPERO DE CAPITANI D ARZAGO DOCUMENTO DI SINTESI RAPPORTO AMBIENTALE PRELIMINARE PER VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA DEL PIANO DI RECUPERO DI VIA GRAMSCI

Dettagli

1 Premessa 2 Inquadramento territoriale

1 Premessa 2 Inquadramento territoriale PROGETTO PRELIMINARE DEL RISCHIO IDRAULICO ASI MOLFETTA CONSORZIO per l'area di SVILUPPO INDUSTRIALE di BARI Via delle Dalie, 5 - Z.I. - 70026 - MODUGNO Tel.080.964.16.00 - fax 080.990.43.06 - info@asibari.net

Dettagli