1 PREMESSA Costi parametrici Servizio Acquedotto Costo condotte di adduzione dell acquedotto... 3

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1 PREMESSA... 2 2 Costi parametrici Servizio Acquedotto... 3. 2.1 Costo condotte di adduzione dell acquedotto... 3"

Transcript

1

2

3 INDICE: 1 PREMESSA Costi parametrici Servizio Acquedotto Costo condotte di adduzione dell acquedotto Costo medio rifacimento di rete di distribuzione dell acquedotto Modello di costo parametrico realizzazione di un serbatoio Voci di costo per implementare sistema di ricerca e recupero delle perdite dell acquedotto Voci di costo parametrico servizio acquedotto varie Costi parametrici Servizio Fognatura Costo collettori fognari Costo medio di rifacimento di rete fognaria Voci di costo parametrico servizio fognatura varie Costi parametrici Servizio Depurazione Costi di adeguamento/potenziamento impianti di depurazione Costi di adeguamento piccoli impianti di depurazione Costi di dismissione impianti di depurazione Costi di gestione degli impianti di depurazione Costi di manutenzione straordinaria degli impianti di depurazione MP/GG G-RELGN docx 1 di 14

4 1 PREMESSA Ad ogni intervento previsto dal Piano degli Interventi è associato un importo che è stato ottenuto attraverso l attribuzione di un costo parametrico (costo unitario) moltiplicato per la quantità dell indicatore dell investimento. Tali costi parametrici sono ricavati da: - modelli di costo, ossia curve parametriche dalle quali si ricava l importo complessivo avendo a disposizione opportuni indicatori, - voci di costo per lavorazioni standard. Nel seguito vengono riportate le metodologie utilizzate per la determinazione dei costi unitari. MP/GG G-RELGN docx 2 di 14

5 2 COSTI PARAMETRICI SERVIZIO ACQUEDOTTO 2.1 Costo condotte di adduzione dell acquedotto La determinazione dei costi per la realizzazione/sostituzione delle condotte di adduzione dell acquedotto è stata eseguita considerando, per i vari diametri e materiali di costruzione, i costi per le seguenti lavorazioni: scavo, discarica, letto di posa in sabbia, fornitura e posa, reinterro e ripristino pavimentazioni. Si precisa che si è ipotizzato che la posa in opera avvenga sempre su strada asfaltata, in quanto comporta un costo maggiore rispetto la posa in sterrato. A tale importo sono stati sommate le componenti di costo dovute all incidenza dei pozzetti di manovra. Il prezzo così ottenuto è stato incrementato del 30% per tener conto delle spese di tecniche, espropri ed imprevisti. Diametro [mm] Su strada asfaltata Importo [ /ml] Con incremento diam diam diam diam diam diam diam diam diam diam diam diam diam diam diam diam , Tabella 2-1: Costi unitari a metro lineare per la realizzazione e sostituzione di condotte di adduzione MP/GG G-RELGN docx 3 di 14

6 2.2 Costo medio rifacimento di rete di distribuzione dell acquedotto La determinazione del costo medio di rifacimento della rete acquedottistica (a metro lineare) è stato ricavato come valore medio relativo al rifacimento delle reti di acquedotto presenti nel territorio del CATO Centrale Friuli, a partire dai file di caricamento delle reti che erano stati completati dai gestori durante la ricognizione nei quali, per i singoli tronchi di rete, sono riportati il materiale della condotta, il diametro e la sua estensione lineare. In particolare, vista la completezza di dati a disposizione, si sono utilizzati i file dei gestori Acquedotto Poiana Spa e Carniacque SpA, per alcuni dei comuni più significativi. Utilizzando i costi unitari delle condotte di rete acquedottistica con incidenza dei pozzetti e utenze, si è ricavato l importo per il rifacimento di ogni singolo tratto e, sommando il totale, il costo complessivo e quello medio di rifacimento della rete. Per i comuni presi in analisi, si riporta la tabella con i costi individuati. Gestore Acquedotto Poiana SpA Carniacque SpA Comune L tot rete [m] Costo medio [ /m] Cividale Premariacco Pradamano Costo medio [ /ml] Villa Santina Amaro paese+zi Cavazzo capoluogo Enemonzo Paularo capoluogo Costo medio [ /ml] Tabella 2-2: Costi medi per il rifacimento di reti acquedotto Vista la ridotta differenza di importo tra i comuni del gestore Acquedotto Poiana SpA e Carniacque SpA, per dare uniformità di costo sull intero territorio del CATO Centrale Friuli, si è deciso di prendere come importo medio per il rifacimento delle reti di distribuzione dell acquedotto quello maggiore, adeguatamente arrotondato all importo di 350 /m, che corrisponde a quello di una condotta di diametro 125mm. 2.3 Modello di costo parametrico realizzazione di un serbatoio L indicatore di costo per la determinazione dell importo di costruzione di un serbatoio sono i mc di invaso dello stesso. Le voci di costo considerate per arrivare a determinare l importo sono il MP/GG G-RELGN docx 4 di 14

7 getto in ca (ipotizzando una vasca a forma quadrata), gli impianti e le opere edili generali, oltre che alla componente percentuale determinata da imprevisti, esproprio e spese tecniche. I costi parametrici ottenuti, per i volumi di invaso di seguito specificati sono i seguenti: Volume di invaso [mc] Costo per la realizzazione di un serbatoio [ /mc] Tabella 2-3: Costi unitari ( /metro cubo) per la realizzazione di serbatoi di invaso 2.4 Voci di costo per implementare sistema di ricerca e recupero delle perdite dell acquedotto I costi previsti per le attività di ricerca delle perdite dell acquedotto sono differenti a seconda del sistema utilizzato. Entro il territorio del CATO Centrale Friuli, si distinguono le metodologie adottate dai gestori Acquedotto Poiana SpA e AMGA SpA, dei quali vengono riportati di seguito le indicazioni e relativi costi. Si precisa che il sistema adottato da AMGA SpA è adatto alla particolarità del territorio gestito: rete in ambito cittadino eccessivamente magliata per realizzare un modello che riesca a visualizzare le perdite in maniera efficace. Gestore Sistema di ricerca perdite utilizzato Costo UDM Acquedotto Poiana SpA AMGA SpA Attività di - studio, modellazione e distrettualizzazione della rete (55%) - implementazione del software di controllo (15%) - posa in opera della strumentazione (20%) - gestione del sistema (10%) Sistema noise logger da effettuare con cadenza 4-5 anni lungo lo sviluppo della rete 425 /km 200 /km Tabella 2-4: Costi parametrici per attività di ricerca delle perdite dell acquedotto MP/GG G-RELGN docx 5 di 14

8 2.5 Voci di costo parametrico servizio acquedotto varie Si riportano di seguito gli importi relativi ad alcune attività, lavorazioni e/o installazione di componenti impiantistiche relative al servizio acquedotto, utilizzate nella determinazione degli importi degli interventi di piano, ricavate da voci di costo ricavate da computi metrici: Descrizione Importo [ ] Udm Installazione nuovi contatori 350 /cad Sostituzione contatori 125 /cad Installazione di impianto di potabilizzazione /cad Installazione di rubinetti per fontane e lavatoi 200 /cad Installazione di sistema telecontrollo su - opera di captazione /cad - impianto di potabilizzazione /cad - serbatoio /cad - partitore di portata /cad - interruttore di pressione /cad - stazione di sollevamento acquedotto /cad Realizzazione strade di accesso ad impianti /cad Realizzazione della zona di tutela assoluta per le opere di captazione che ne sono prive /cad Rilievo delle reti acquedottistiche 900 /km Redazione progetto generale acquedotto 700 /km Tabella 2-5: Costi unitari per attività e lavorazioni specifiche del servizio acquedotto MP/GG G-RELGN docx 6 di 14

9 3 COSTI PARAMETRICI SERVIZIO FOGNATURA 3.1 Costo collettori fognari La determinazione dei costi per la realizzazione dei collettori fognari è stata eseguita considerando, per i vari diametri e materiali di costruzione (PVC o CLS), i costi per le seguenti lavorazioni: scavo, discarica, letto di posa in sabbia, fornitura e posa, reinterro e ripristino pavimentazioni. Si precisa che si è ipotizzato che la posa in opera avvenga sempre su strada asfaltata, in quanto comporta un costo maggiore rispetto la posa in sterrato. A tale importo sono stati sommate le componenti di costo dovute all incidenza dei pozzetti di ispezione. Il prezzo così ottenuto è stato incrementato del 30% per tener conto delle spese di tecniche, espropri ed imprevisti. Importo [ /ml] Materiale Su strada asfaltata Incremento PVC 8KN - diam PVC 8KN - diam PVC 8KN - diam PVC 8KN - diam PVC 8KN - diam PVC 8KN - diam Incidenza pozz. Ispezione Incidenza utenze Importo [ /ml] Materiale Su strada asfaltata Incremento CLS -diam CLS -diam CLS -diam CLS -diam CLS -diam CLS -diam CLS -diam CLS -diam CLS -diam , CLS -diam , Incidenza pozz. Ispezione Incidenza caditoie Tabella 3-1: Costi unitari a metro lineare per la realizzazione e sostituzione di collettori fognari MP/GG G-RELGN docx 7 di 14

10 3.2 Costo medio di rifacimento di rete fognaria La determinazione del costo medio di rifacimento della rete fognaria (a metro lineare) è stato ricavato utilizzando i file di caricamento delle reti che erano stati completati dai gestori durante la ricognizione. In particolare, vista la completezza di dati a disposizione, si sono utilizzati i file dei gestori Acquedotto Poiana Spa e Carniacque SpA, suddivisi per reti comunali, nei quali erano completati, per i singoli tronchi di rete, il dato del materiale della condotta, il diametro e la sua estensione lineare. Utilizzando i costi unitari delle condotte di rete fognaria con incidenza dei pozzetti di ispezione e caditoie, si è ricavato l importo per il rifacimento di ogni singolo tratto e, sommando il totale, il costo complessivo e quello medio di rifacimento della rete. Per i comuni presi in analisi, si riporta la tabella con i costi individuati. Gestore Acquedotto Poiana SpA Carniacque SpA Comune L tot rete [m] Costo medio [ /m] Remanzacco 30, Ziracco 4, Cerneglons Cividale Premariacco Pradamano Costo medio [ /ml] Amaro paese Cavazzo capoluogo Trasaghis Paluzza capoluogo Costo medio [ /ml] Tabella 3-2: Costi medi per il rifacimento di reti fognarie Visto che la differenza di importo tra i comuni del gestore Acquedotto Poiana SpA e Carniacque SpA non è elevata, per dare uniformità di costo sull intero territorio del CATO Centrale Friuli, si è deciso di prendere come importo medio per il rifacimento delle reti fognarie quello maggiore, arrotondato a 600 /m. In ogni caso, per analogia di territorio e di tipologia di infrastrutture gestite, i comuni dell area CAFC SpA, che rappresentano una grossa parte del territorio del CATO, si avvicinano molto a quelli gestiti dall Acquedotto Poiana SpA. MP/GG G-RELGN docx 8 di 14

11 3.3 Voci di costo parametrico servizio fognatura varie Si riportano di seguito gli importi relativi ad alcune attività, lavorazioni e/o installazione di componenti impiantistiche relative al servizio fognatura utilizzate nella determinazione degli importi degli interventi di piano: Installazione griglia su scaricatori di piena Descrizione Importo [ ] Udm - griglia automatica /cad - griglia basculante che copra il 50% della sezione della condotta di scarico Installazione di sistema telecontrollo su impianto /cad - impianto di depurazione /cad - scaricatori /cad - stazione di sollevamento fognatura /cad Installazione di gruppo elettrogeno su stazioni sollevamento /cad Rifacimento impianto elettrico su stazioni sollevamento /cad Costruzione di scaricatore di piena /cad Costruzione di stazione di sollevamento /cad Realizzazione strade di accesso ad impianti /cad Rilievo delle reti fognarie 900 /km Redazione progetto generale fognatura 800 /km Tabella 3-3: Voci di costo parametrico unitario per voci del servizio fognatura MP/GG G-RELGN docx 9 di 14

12 4 COSTI PARAMETRICI SERVIZIO DEPURAZIONE 4.1 Costi di adeguamento/potenziamento impianti di depurazione La valutazione dei costi relativi all adeguamento/potenziamento degli impianti di depurazione, che, di fatto, corrisponde ad un costo di costruzione, è stata effettuata per gli impianti di depurazione che saranno oggetto di lavori a fronte di interventi di centralizzazione attuati al fine di collettare su di essi i liquami provenienti da altri poli depurativi. Per fare ciò si è partiti dalle informazioni di base: abitanti equivalenti totali (suddivisi in abitanti residenti + fluttuanti ed in abitanti industriali) gravanti sul territorio di pertinenza dell impianto di depurazione deputato ad essere oggetto di interventi di ampliamento, la potenzialità di targa attuale dell impianto oggetto di centralizzazione ed infine gli abitanti equivalenti effettivamente trattati al momento dello studio da quel depuratore. Questi primi dati sono stati organizzati nella seguente tabella: DENOMINAZIONE DEL DEPURATORE DI BACINO SOLUZIONE RAZIONALIZZAZIONE STATO ATTUALE AE RES +AE FLUTT AE IND AE TOT AE PROGETTO AE SERVITI CHIOPRIS CIPAF CIVIDALE NORD CIVIDALE SUD CODROIPO LIGNANO MAGNANO MAJANO MORTEGLIANO REMANZACCO SAN GIORGIO DI NOGARO SILVELLA SUTRIO TARVISIO TOLMEZZO UDINE VENZONE VILLACACCIA VILLANOVA NORD (*) (*) si considera già la potenzialità del dep. Villanova Nord a seguito intervento in corso di adeguamento-potenziamento Tabella 4-1: Parametri relativi ai depuratori di bacino: determinazione dei carichi futuri in ingresso all impianto e dati sulla potenzialità attuale del depuratore MP/GG G-RELGN docx 10 di 14

13 I costi da dover sostenere per gli ampliamenti sugli impianti di depurazione, sono stati calcolati parametrizzando i costi unitari della mano d opera, del calcestruzzo per le opere murarie e del ferro per i cementi armati a cui si aggiunge il costo del kwh per l utilizzo dei mezzi d opera siano essi elettrici ovvero motori a scoppio, il tutto viene moltiplicato per la dotazione idrica media del bacino oggetto di studio. I costi per la costruzione delle nuove unità costituenti l ampliamento sono da imputarsi solo ed esclusivamente ad operazioni puramente realizzative e pertanto devono ritenersi al netto dell I.V.A. I risultati delle elaborazioni appena descritte vengono tabellati nel seguente specchietto: DENOMINAZIONE DEL DEPURATORE DI BACINO AE TOT [N] COSTO ADEGUAMENTO/POTENZIAMENTO [ ] CHIOPRIS CIPAF CIVIDALE NORD CIVIDALE SUD CODROIPO LIGNANO MAGNANO MAJANO MORTEGLIANO REMANZACCO SGN SILVELLA SUTRIO TARVISIO TOLMEZZO UDINE VENZONE VILLACACCIA VILLANOVA NORD Tabella 4-2: Potenzialità futura e costi per l adeguamento/potenziamento dei depuratori di bacino 4.2 Costi di adeguamento piccoli impianti di depurazione I piccoli impianti di depurazione sono quelli aventi potenzialità di progetto <2000AE. I costi di adeguamento di tali impianti, che di fatto sono impianti primari tipo imhoff, sono quelli corrispondenti agli interventi richiesti dalle prescrizioni previste dalle Norme di Attuazione del Piano di Tutela delle Acque (marzo 2012). Le Norme di Attuazione del Piano di Tutela prevedendo per gli impianti a partire da 50 AE dei particolari sistemi di trattamento delle acque reflue e il rispetto di fissati limiti di emissione da rispettare, impone, di fatto, l adeguamento dell impianto tipo MP/GG G-RELGN docx 11 di 14

14 imhoff (trattamento primario) in un impianto con un trattamento più spinto. Viste sia le potenzialità ridotte di questi impianti (in genere <500AE) sia il loro elevato numero sul territorio, si è scelto di prevedere l adeguamento convertendo tali impianti in sistemi a biomasse adese su letto mobile (sistema MBBR), una tecnologia che consente la conversione degli impianti esistenti in altri che garantiscono il rispetto delle prescrizioni previste con costi di intervento, complessivamente, ridotti. La definizione dei costi di adeguamento sono stati determinati in forma parametrica per taglie di impianto considerando varie componenti di costo (costo per realizzazione impianto e altre voci quali allacciamento alla rete elettrica, esproprio, spese tecniche). Taglie [AE] Costo di realizzazione [ ] Altre voci di costo [ ] Costo totale dell intervento MBBR [ ] Tabella 4-3: Costi per adeguamento degli impianti di depurazione con trattamento primario in sistemi MBBR (per taglie di impianto) 4.3 Costi di dismissione impianti di depurazione I costi di dismissione degli impianti di depurazione vengono messi in conto per quegli impianti che non verranno più utilizzati in virtù del fatto che i liquami verranno inviati ad altro polo depurativo. Tale voce risulta comprensiva di costi per la demolizione e la bonifica dell area su cui attualmente insistono tali impianti. I costi da doversi sostenere sono stati calcolati a fronte degli abitanti equivalenti trattati parametrizzando: i costi unitari della mano d opera, del kwh per l utilizzo dei mezzi d opera siano essi elettrici ovvero motori a scoppio, per la demolizione e quelli per il recupero dell area mediante: stesura di terreno da coltivo, semina di prato erboso e piantumazione di essenze arboree. I costi per la demolizione e la bonifica sono da imputarsi solo ed esclusivamente ad operazioni puramente realizzative e pertanto devono ritenersi al netto dell I.V.A. I risultati di quanto esposto sono presentati nella tabella di seguito riportata dove, per taglie d impianto, viene riportato il costo medio per la demolizione e la bonifica dell area di pertinenza. MP/GG G-RELGN docx 12 di 14

15 TAGLIE DI IMPIANTO [AE] COSTI PER DEMOLIZIONE E BONIFICA AREA [ ] <50 AE AE AE AE AE AE Tabella 4-4: Costi per demolizione e bonifica degli impianti di depurazione per taglie di impianto 4.4 Costi di gestione degli impianti di depurazione I costi di gestione annuali per la totalità delle opere (esistenti e nuove) costituenti il depuratore sono stati calcolati assumendo una funzione di costo che parametrizza i costi unitari della mano d opera, dello smaltimento dei fanghi, del kwh per il funzionamento delle macchine, ecc. e moltiplicando questi ultimi per la dotazione idrica media del comprensorio oggetto di studio. I costi gestionali sono da imputarsi solo ed esclusivamente ad quelle operazioni che intimamente si connettono con la gestione ordinaria di un impianto di depurazione. I risultati di quanto esposto sono presentati, nella tabella di seguito riportata, per taglie di impianto che rappresentano i costi medi di gestione per AE, per le taglie di impianto che caratterizzano il territorio CATO Centrale Friuli. TAGLIE DI IMPIANTO [AE] COSTI MEDI GESTIONALI DEGLI IMPIANTI DI DEPURAZIONE [ /AE] Impianto tipo imhoff AE AE AE AE 22 > AE 15 > AE 10 Tabella 4-5: Costi medi gestionali degli impianti di depurazione per taglie di impianto 4.5 Costi di manutenzione straordinaria degli impianti di depurazione I costi di manutenzione straordinaria degli impianti di depurazione possono essere di fatto considerati come costi di rifacimento ex-novo di un impianto di tale potenzialità in quanto, al MP/GG G-RELGN docx 13 di 14

16 termine della vita utile dell impianto, gli interventi di manutenzione sono così massicci da coincidere, economicamente parlando, ad una ricostruzione ex novo. Il modello di costo considerato prende in analisi i costi per le opere civili e quelli delle opere elettromeccaniche per taglie di impianto e determina così, la curva di costo delle spese di costruzione unitarie ( /AE) espressa dalla seguente funzione: Costo di costruzione unitario = 3.569,2507 AE Se tale valore viene moltiplicato per gli AE di potenzialità del depuratore si ottiene dunque il costo di costruzione. La formula di cui sopra ha validità per il range di impianti fino a AE. Per gli impianti di taglia compresa tra AE il costo di manutenzione straordinaria è stimabile in 150 /AE mentre per quelli di taglia superiore deve essere fatto un calcolo ponderato sulle caratteristiche tecniche dell impianto stesso. MP/GG G-RELGN docx 14 di 14

INVESTIMENTI PREVISTI PER GLI SCENARI MASSIMALE E BILANCIATO...

INVESTIMENTI PREVISTI PER GLI SCENARI MASSIMALE E BILANCIATO... Piano Investimenti gestore ACQUEDOTTO POIANA SpA INDICE: 1 PREMESSA... 2 2 INVESTIMENTI PREVISTI PER GLI SCENARI MASSIMALE E BILANCIATO... 3 3 BENCHMARK INVESTIMENTI DEL PIANO BILANCIATO ADOTTATO... 6

Dettagli

SERVIZIO IDRICO INTEGRATO

SERVIZIO IDRICO INTEGRATO SERVIZIO IDRICO INTEGRATO NOTE TECNICHE RELATIVE ALL EROGAZIONE DEL SERVIZIO Tea acque srl assume ogni responsabilità per le attività e conduzione degli impianti oggetto del servizio. CONDUZIONE: intesa

Dettagli

IL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO

IL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO IL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO Chi sono? Marco Rusconi Ingegnere, responsabile del settore contratti di Idrolario Srl (project manager per l esecuzione degli interventi di piano d ambito e delle manutenzioni

Dettagli

SERVIZIO IDRICO INTEGRATO

SERVIZIO IDRICO INTEGRATO della Gestione PIANO DI AMBITO della Gestione SERVIZIO IDRICO INTEGRATO Modalità: D. Lgs. 267/2000 art. 113 comma 5 lettera c) Gestore individuato: CIIP spa Periodo di affidamento: 2008-2032 Allegato B.1.3

Dettagli

ALLEGATO A1: DISCIPLINARE TECNICO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DELLE ACQUE METEORICHE E DI DILAVAMENTO

ALLEGATO A1: DISCIPLINARE TECNICO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DELLE ACQUE METEORICHE E DI DILAVAMENTO PARTE A: Ricognizione delle infrastrutture ALLEGATO A1: DISCIPLINARE TECNICO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DELLE ACQUE METEORICHE E DI DILAVAMENTO ALLEGATO DISCIPLINARE TECNICO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO

Dettagli

COMUNE DI CHIARI VARIANTE PROGRAMMA INTEGRATO D INTERVENTO 001 06 PER MODIFICA DESTINAZIONE D USO COMPARTO DA RESIDENZIALE A COMMERCIALE

COMUNE DI CHIARI VARIANTE PROGRAMMA INTEGRATO D INTERVENTO 001 06 PER MODIFICA DESTINAZIONE D USO COMPARTO DA RESIDENZIALE A COMMERCIALE ALLEGATO C Chiari, Febbraio 2014 COMUNE DI CHIARI VARIANTE PROGRAMMA INTEGRATO D INTERVENTO 001 06 PER MODIFICA DESTINAZIONE D USO COMPARTO DA RESIDENZIALE A COMMERCIALE AREA DELIMITATA DA VIA BRESCIA

Dettagli

SCHEDA - TIPO DEI PROGETTI

SCHEDA - TIPO DEI PROGETTI Sezione 1 - Informazioni generali 1.0 Codici d'identificazione del progetto 2 4 1 0 5 F 1 7 1.1 Denominazione del progetto Separazione reti fognarie dei comuni dell area AVS 1.2 Settore d'intervento Captazione

Dettagli

Le previsioni del progetto generale delle fognature di Cividale del Friuli

Le previsioni del progetto generale delle fognature di Cividale del Friuli Relazione idraulica Premesse Il progetto generale delle fognature comunali non è conforme allo standard progettuale del gestore Acquedotto Poiana spa. Ciononostante abbiamo ritenuto indispensabile intervenire

Dettagli

SCHEDA - TIPO DEI PROGETTI

SCHEDA - TIPO DEI PROGETTI Sezione 1 - Informazioni generali 1.0 Codici d'identificazione del progetto 2 4 1 0 5 F 0 1 1.1 Denominazione del progetto Completamento collettore principale del sistema fognario consortile Astico. 1.2

Dettagli

Allegato 4: Determinazione degli oneri di allacciamento ai servizi pubblici di acquedotto e fognatura

Allegato 4: Determinazione degli oneri di allacciamento ai servizi pubblici di acquedotto e fognatura Allegato 4: Determinazione degli oneri di allacciamento ai servizi pubblici di acquedotto e fognatura DETERMINAZIONE DEGLI ONERI DI ALLACCIAMENTO AI SERVIZI PUBBLICI DI ACQUEDOTTO E FOGNATURA INDICE Art.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DEGLI ONERI DI ALLACCIAMENTO AI SERVIZI PUBBLICI DI ACQUEDOTTO E FOGNATURA

REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DEGLI ONERI DI ALLACCIAMENTO AI SERVIZI PUBBLICI DI ACQUEDOTTO E FOGNATURA Allegato alla delibera del C.d.A n.16 dell 11/07/2008 REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DEGLI ONERI DI ALLACCIAMENTO AI SERVIZI PUBBLICI DI ACQUEDOTTO E FOGNATURA Art. 1 Obiettivi e campo di applicazione

Dettagli

RELAZIONE SOMMARIA INTEGRATIVA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO SUB AMBITO 4 FONTANELLE SCHEDA N. 1 DEL P.

RELAZIONE SOMMARIA INTEGRATIVA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO SUB AMBITO 4 FONTANELLE SCHEDA N. 1 DEL P. RELAZIONE SOMMARIA INTEGRATIVA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO SUB AMBITO 4 FONTANELLE SCHEDA N. 1 DEL P.R.G. 1. PREMESSA La presente relazione eseguirà una valutazione

Dettagli

6 Piano degli interventi

6 Piano degli interventi 6 Piano degli interventi 6.1 Metodologia per l individuazione degli interventi Nel Piano degli interventi si tende ad individuare gli investimenti, intesi come nuove opere o azioni di ripristino di opere

Dettagli

Allegato A. Ambito Territoriale Ottimale Provincia di Bergamo 21/05/2010. Approvato dal CDA di Uniacque nella seduta del 21.05.

Allegato A. Ambito Territoriale Ottimale Provincia di Bergamo 21/05/2010. Approvato dal CDA di Uniacque nella seduta del 21.05. 2010 Rev. 01 21/05/2010 Approvato dal CDA di Uniacque nella seduta del 21.05.2010 Approvato dall Assemblea del Consorzio dell Autorità d Ambito Ottimale della Provincia di Bergamo il 30.06.2010 Ambito

Dettagli

RELAZIONE SOMMARIA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO: SUB-AMBITO 1 SCHEDA N. 2 CUPE DEL P.R.G.

RELAZIONE SOMMARIA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO: SUB-AMBITO 1 SCHEDA N. 2 CUPE DEL P.R.G. RELAZIONE SOMMARIA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO: SUB-AMBITO 1 SCHEDA N. 2 CUPE DEL P.R.G. VIGENTE 1. PREMESSA La presente relazione eseguirà una valutazione

Dettagli

OPERE DI URBANIZZAZIONE: RELAZIONE TECNICA

OPERE DI URBANIZZAZIONE: RELAZIONE TECNICA REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA COMUNE DI PORDENONE PROVINCIA DI PORDENONE PIANO ATTUATTIVO COMUNALE DI INIZIATIVA PRIVATA N.46 DI VIALE TREVISO OPERE DI URBANIZZAZIONE: RELAZIONE TECNICA Pordenone lì, Il

Dettagli

Regione Campania A.T.O. n.1 Calore Irpino. Indice delle schede. Manutenzione straordinaria n.4

Regione Campania A.T.O. n.1 Calore Irpino. Indice delle schede. Manutenzione straordinaria n.4 Indice delle schede Scheda Servizio Componente Intervento Pag. n.1 RISORSE Manutenzione straordinaria delle opere di SORGENTI IDRICHE captazione 3 n.2 RISORSE Manutenzione straordinaria delle opere di

Dettagli

PREMESSA IL TERRITORIO

PREMESSA IL TERRITORIO PREMESSA La presente relazione accompagna il progetto esecutivo delle attività di pronto intervento diurno e notturno, feriale e festivo e la realizzazione di manutenzioni ordinarie delle reti, allacciamenti

Dettagli

Rev. 01 12/2010. Allegato A. Approvato dal CDA del CITL nella seduta del 07.12.2010 n. 294

Rev. 01 12/2010. Allegato A. Approvato dal CDA del CITL nella seduta del 07.12.2010 n. 294 2010 Rev. 01 12/2010 Approvato dal CDA del CITL nella seduta del 07.12.2010 n. 294 SOMMARIO 1. CONTRIBUTI ALLACCIAMENTO E ALTRE PRESTAZIONI...3 A. Allacciamenti con scavo... 3 B. Allacciamenti senza scavi...

Dettagli

Il Comune di Lozzo Atestino sorge sulle pendici del monte omonimo, (320 m.) nell area

Il Comune di Lozzo Atestino sorge sulle pendici del monte omonimo, (320 m.) nell area INQUADRAMENTO GENERALE Il Comune di Lozzo Atestino sorge sulle pendici del monte omonimo, (320 m.) nell area SW dei Colli Euganei. La sua popolazione, pari a circa 3100 abitanti, comprende oltre all abitato

Dettagli

L obiettivo dell intervento previsto nel presente Progetto Esecutivo

L obiettivo dell intervento previsto nel presente Progetto Esecutivo PREMESSA L obiettivo dell intervento previsto nel presente Progetto Esecutivo riguarda la realizzazione di collettori fognari di raccolta dei reflui provenienti da via Bressane laterale, zone nella frazione

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ALLEGATA ALLA DOMANDA D AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO D ACQUE DOMESTICHE D ORIGINE ABITATIVA. D.Lgs n 152 del 3 aprile 2006.

RELAZIONE TECNICA ALLEGATA ALLA DOMANDA D AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO D ACQUE DOMESTICHE D ORIGINE ABITATIVA. D.Lgs n 152 del 3 aprile 2006. RELAZIONE TECNICA ALLEGATA ALLA DOMANDA D AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO D ACQUE DOMESTICHE D ORIGINE ABITATIVA. D.Lgs n 152 del 3 aprile 2006. Immobile sito nella frazione di, via, n, Censito in Catasto

Dettagli

Messaggio municipale

Messaggio municipale Torricella-Taverne, 20 aprile 2014 Messaggio municipale No. 106-2014 che chiede la concessione di un credito di CHF 351'000.00 per la sostituzione della canalizzazione delle acque miste fognarie e il rifacimento

Dettagli

Comuni dell Acquedotto Langhe Sud Occidentali S.p.A. TARIFFARIO. (Allegato al Regolamento del Servizio idrico Integrato) Rev.

Comuni dell Acquedotto Langhe Sud Occidentali S.p.A. TARIFFARIO. (Allegato al Regolamento del Servizio idrico Integrato) Rev. Comuni dell Acquedotto Langhe Sud Occidentali S.p.A. TARIFFARIO (Allegato al Regolamento del Servizio idrico Integrato) Rev. 02 del 20/09/2013 In vigore dal 01/10/2013 Tabella spese di istruttoria... pg.

Dettagli

RELAZIONE DI ARPA FRIULI VENEZIA GIULIA

RELAZIONE DI ARPA FRIULI VENEZIA GIULIA TAVOLO TECNICO INTERAGENZIALE GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE IDRICHE RELAZIONE DI ARPA FRIULI VENEZIA GIULIA Enio Decorte (Referente di ARPA Friuli Venezia Giulia nel Tavolo Tecnico) Quadro storico

Dettagli

Quesito n 30: IN RELAZIONE ALLA COMPILAZIONE DELLE SCHEDE IN EXCEL SOTTOPONGO I SEGUENTI QUESITI:

Quesito n 30: IN RELAZIONE ALLA COMPILAZIONE DELLE SCHEDE IN EXCEL SOTTOPONGO I SEGUENTI QUESITI: Quesito n 29: QUALORA VI SIANO RETI DI ACQUEDOTTO DI ADDUZIONE TRA PIÙ SERBATOI CHE INTERSECANO PLANIMETRICAMENTE RETI DI ACQUEDOTTO DI DISTRIBUZIONE LOCALE OCCORRE PROCEDERE COME DA CAPITOLATO D'ONERI

Dettagli

RENDICONTO DELLA GESTIONE SERVIZIO DI FOGNATURA anno 2013

RENDICONTO DELLA GESTIONE SERVIZIO DI FOGNATURA anno 2013 COMUNE DI TUENNO Provincia di Trento RENDICONTO DELLA GESTIONE SERVIZIO DI FOGNATURA anno 2013 Allegato al Rendiconto della Gestione dell anno 2013 del Comune di Tuenno approvato con deliberazione del

Dettagli

Relazione tecnica fognatura interna

Relazione tecnica fognatura interna Comune di Monza FARCASA S.R.L. PIANO ATTUATIVO IN VIA CAVALLOTTI Allegato 7 Relazione tecnica fognatura interna Ottobre 2013 (Aggiornamento 26/02/2014) Via Valsugana, 6 20052 Monza Tel 039 745508 e-mail:

Dettagli

Allegato E. Schede descrittive degli interventi (criteri) pagina 1

Allegato E. Schede descrittive degli interventi (criteri) pagina 1 Allegato E Schede descrittive degli interventi (criteri) pagina 1 INDICE PREMESSA...3 1 SCHEDE INTERVENTO...5 2 CRONOLOGIA DEGLI INTERVENTI...60 3 FUNZIONI DI COSTO...61 3.1 COSTI DI COSTRUZIONE ACQUEDOTTI...61

Dettagli

SCHEDA FOGNATURA COMUNALE

SCHEDA FOGNATURA COMUNALE Catasto scarichi - Pubbliche fognature Pag. 1 CATASTO SCARICHI - PUBBLICHE FOGNATURE SCHEDA FOGNATURA COMUNALE Data compilazione: 1.GENERALITA FOGNATURA COMUNALE 1.1 : COMUNE 1.2 GESTORE DELLA FOGNATURA

Dettagli

SCHEDA MONOGRAFICA GESTORE G0022 COMUNE DI TRAPANI 1) DATI GENERALI Cod:G0022 a) Denominazione: Comune di Trapani b) Comuni serviti: Trapani c) Popolazione residente: 69.510 d) Acquedotto/i di Acquedotto

Dettagli

Computo Metrico Estimativo Rete Fognaria

Computo Metrico Estimativo Rete Fognaria Rete Fognaria Pag. 1 LAVORI A MISURA 4 E01.010) RINTERRI Rinterro con materiale di risulta proveniente da scavo, compreso l'avvicinamento dei [...] il costipamento prescritto. Compreso ogni onere per rete

Dettagli

RELAZIONE SPECIALISTICA DI CALCOLO

RELAZIONE SPECIALISTICA DI CALCOLO RELAZIONE SPECIALISTICA DI CALCOLO 1 - RETI DI FOGNATURA Il sistema di smaltimento delle acque è di tipo separativo, ossia attraverso due reti distinte vengono convogliate le acque d'origine pluviale e

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO A l l e g a t o A COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO (ERRATA CORRIGE AL C.M.E. ALLEGATO ALLA GARA ED INSERITO SUL WEB) PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA OGGETTO OPERE

Dettagli

PROPOSTA DI INTERVENTO CARATTERISTICHE DEL PROGETTO

PROPOSTA DI INTERVENTO CARATTERISTICHE DEL PROGETTO RELAZIONE TECNICA La rete fognaria del comune di Azzanello è del tipo misto, cioè con reti che trasportano sia acque cosiddette nere che le acque meteoriche. La rete fognaria, sottesa al centro storico,

Dettagli

1. Introduzione all adozione degli indicatori di prestazione

1. Introduzione all adozione degli indicatori di prestazione DOC. OSI/ FG/1.A/06 VERSO UN SISTEMA DI INDICATORI DI PRESTAZIONE DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO 1. Introduzione all adozione degli indicatori di prestazione Tra i più rilevanti effetti attesi a seguito

Dettagli

$ $ %" " # & +, -) %! & " ". /!0". 1 % * & - / % & -))2 :))!-))2 : -))2 2 "-))2 1 50657' 51 58 9 9 -))2 22!-))2 -- "-))( -- -))2 1 50657' 51 58 9 9

$ $ %  # & +, -) %! &  . /!0. 1 % * & - / % & -))2 :))!-))2 : -))2 2 -))2 1 50657' 51 58 9 9 -))2 22!-))2 -- -))( -- -))2 1 50657' 51 58 9 9 ! "# $ $ %" " # & '!%" #()*& +, -) %! & " ". /!0". 1 % * & - / % & -)))))) -))2 )3-!-))2-4""-))2 - -))2 1 50657' 51 58 9 9 -))2 :;!-))2 4 -)); - -))2 1 50657' 51 58 9 9 -))2 :(!-))2 4 -)); - -))2 1 50657'

Dettagli

INTERVENTO 1 STRALCIO: URBANIZZAZIONI PROGETTO ESECUTIVO 14) IMPIANTO FOGNATURA NERA E PLUVIALE RELAZIONE TECNICA

INTERVENTO 1 STRALCIO: URBANIZZAZIONI PROGETTO ESECUTIVO 14) IMPIANTO FOGNATURA NERA E PLUVIALE RELAZIONE TECNICA REGIONE PUGLIA INTERVENTO COFINANZIATO DAL PO FESR 2007-2013 ASSE VII LINEA DI INTERVENTO 7.1 AZIONE 7.1.2 CODICE OPERAZIONE FE7.100117 PROGRAMMA INTEGRATO DI RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE PIRP SAN

Dettagli

PREVENTIVO DI SPESA Condominio Sant'Alberto - Via 4 Rusteghi - Via Molinara - Verona Computo per la sistemazione del giardino.

PREVENTIVO DI SPESA Condominio Sant'Alberto - Via 4 Rusteghi - Via Molinara - Verona Computo per la sistemazione del giardino. PREVENTIVO DI SPESA Condominio Sant'Alberto - Via 4 Rusteghi - Via Molinara - Verona Computo per la sistemazione del giardino 1 2 3 4 5 6 ALLESTIMENTO ED INSTALLAZIONE DEL CANTIERE, recinzioni e segnalazioni

Dettagli

CAPITOLO 4 CRITICITA ' E PIANO DEGLI INTERVENTI

CAPITOLO 4 CRITICITA ' E PIANO DEGLI INTERVENTI CAPITOLO 4 CRITICITA ' E PIANO DEGLI INTERVENTI 4.1 DEFINIZIONE DELLE CRITICITA E DEGLI OBIETTIVI DI PIANO 4.1.1 Definizione delle criticità La definizione dello stato attuale degli impianti, delle gestioni,

Dettagli

- REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA - Consulta d Ambito per il Servizio Idrico Integrato Centrale Friuli - Provincia di Udine -

- REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA - Consulta d Ambito per il Servizio Idrico Integrato Centrale Friuli - Provincia di Udine - - REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA - Consulta d Ambito per il Servizio Idrico Integrato Centrale Friuli - Provincia di Udine - ACQUEDOTTO POIANA SPA TITOLO AGGIORNAMENTO DEL GENERALE DELLE FOGNATURE

Dettagli

COMUNE DI AZZANO SAN PAOLO Provincia di Bergamo RELAZIONE IDRAULICA

COMUNE DI AZZANO SAN PAOLO Provincia di Bergamo RELAZIONE IDRAULICA COMUNE DI AZZANO SAN PAOLO Provincia di Bergamo Sportello Unico Attività Produttive (SUAP) per ampliamento attività industriale / artigianale ditta CORTI MARMI & GRANITI S.r.l., via Villaggio Sereno n

Dettagli

MASTER PLAN DEPURAZIONE TIGULLIO ORIENTALE

MASTER PLAN DEPURAZIONE TIGULLIO ORIENTALE MASTER PLAN DEPURAZIONE TIGULLIO ORIENTALE PREMESSA METODOLOGICA Gli studi di fattibilità presentati potrebbero avere livelli di approfondimento tra loro non sempre omogenei, anche per via delle differenti

Dettagli

PE-2005-0098-DRD0-2.doc RELAZIONE TECNICA

PE-2005-0098-DRD0-2.doc RELAZIONE TECNICA RELAZIONE TECNICA Pagina 2 di 7 INDICE OPERE IDRAULICHE... 3 RETI FOGNARIE... 3 TOMBINATURA AUSA... 3 MATERIALI E POSA IN OPERA... 4 RETE IDRICA... 5 RETE GAS METANO... 5 IMPIANTO DI RICIRCOLO ACQUE LAGHETTO

Dettagli

L accesso al terreno attualmente avviene da Via F.lli Kennedy, sul lato posto a sud, e dalla strada agricola di Via Valle, sul lato a est.

L accesso al terreno attualmente avviene da Via F.lli Kennedy, sul lato posto a sud, e dalla strada agricola di Via Valle, sul lato a est. Rellaziione Tecniico IIllllusttrattiiva IInnt I t eeggrraazz iioonnee i aa lllaa rri iicchhi eesst taa ddi ii PPeerrmeessssoo ddi ii CCoosst trruui iirr ee ddeel ll 0055/ //0022/ 220011 33 pprroot t...00772233

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI RONCADE PROGETTO DI LOTTIZZAZIONE RESIDENZIALE SCHEDA DI ACCORDO N. 10 DITTA: Bassetto Elio, Bassetto Renato, Bresolin Gino, Geromel Sergio, Pellegrin Luigi e Damelico Severina

Dettagli

Programma Integrato di interventi produttivi nell ambito della zona D5 (in variante al PRG vigente)

Programma Integrato di interventi produttivi nell ambito della zona D5 (in variante al PRG vigente) Sommario Capitolo 1- Rete Idrica. Capitolo 2- Rete Metano. Capitolo 3- Rete elettrica e Telematica. Capitolo 4- Rete fognarie Bianche e Nere. Capitolo 5- Impianti di Pubblica Illuminazione. Relazione e

Dettagli

DOMANDA ALLACCIO CIVICA FOGNATURA ACQUE BIANCHE E NERE PER INSEDIAMENTO: CIVILE - PRODUTTIVO - INDUSTRIALE (1)

DOMANDA ALLACCIO CIVICA FOGNATURA ACQUE BIANCHE E NERE PER INSEDIAMENTO: CIVILE - PRODUTTIVO - INDUSTRIALE (1) DOMANDA ALLACCIO CIVICA FOGNATURA ACQUE BIANCHE E NERE PER INSEDIAMENTO: CIVILE - PRODUTTIVO - INDUSTRIALE (1) Marca da bollo 16,00 Spazio riservato al Protocollo Al Comune di Albenga P.zza San Michele,

Dettagli

CARATTERISTICHE TECNICHE DEGLI IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE DEL GAS E REDDITIVITÀ DEL SERVIZIO NEL COMUNE DI TOSCOLANO MADERNO

CARATTERISTICHE TECNICHE DEGLI IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE DEL GAS E REDDITIVITÀ DEL SERVIZIO NEL COMUNE DI TOSCOLANO MADERNO CARATTERISTICHE TECNICHE DEGLI IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE DEL GAS E REDDITIVITÀ DEL SERVIZIO NEL COMUNE DI TOSCOLANO MADERNO RELAZIONE TECNICA CONSULTIVA, PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE

Dettagli

OPERE DI URBANIZZAZIONE FOGNARIA NELL AMBITO DI INTERVENTI DI ESPANSIONE URBANISTICA

OPERE DI URBANIZZAZIONE FOGNARIA NELL AMBITO DI INTERVENTI DI ESPANSIONE URBANISTICA Comune di Faenza Sportello Unico per le Attività produttive 7 Incontro Tecnico - 23 Giugno 2005 OPERE DI URBANIZZAZIONE FOGNARIA NELL AMBITO DI INTERVENTI DI ESPANSIONE URBANISTICA ing. Michele Lotito

Dettagli

COMUNE DI CASTEL BARONIA AVELLINO

COMUNE DI CASTEL BARONIA AVELLINO COMUNE DI CASTEL BARONIA AVELLINO LAVORI DI ADEGUAMENTO DELLA FOGNATURA IN VIA REGINA MARGHERITA E DEPURATORE (art. 5, legge regionale 31.10.1978, n 51 anni 2005e 2006 ) PROGETTO ESECUTIVO Elaborato A

Dettagli

Evoluzione e prospettive delle attività di gestione tecnica e di manutenzione delle reti fognarie in Provincia di Bergamo

Evoluzione e prospettive delle attività di gestione tecnica e di manutenzione delle reti fognarie in Provincia di Bergamo Evoluzione e prospettive delle attività di gestione tecnica e di manutenzione delle reti fognarie in Provincia di Bergamo Bergamo, 27 settembre 2013 Ing. Marco Milanesi - Ing. Emilio D Alessio Necessità

Dettagli

OPERE DI SEPARAZIONE DELLA FOGNATURA MISTA E REALIZZAZIONE DEL SISTEMA DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI PRIMA PIOGGIA

OPERE DI SEPARAZIONE DELLA FOGNATURA MISTA E REALIZZAZIONE DEL SISTEMA DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI PRIMA PIOGGIA Appalto per: OPERE DI SEPARAZIONE DELLA FOGNATURA MISTA E REALIZZAZIONE DEL SISTEMA DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI PRIMA PIOGGIA PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA DOCUMENTI

Dettagli

SETTORE ATTIVITA INTERFUNZIONALI SERVIZIO AMBIENTE SEMINARIO TECNICO

SETTORE ATTIVITA INTERFUNZIONALI SERVIZIO AMBIENTE SEMINARIO TECNICO SETTORE ATTIVITA INTERFUNZIONALI SERVIZIO AMBIENTE SEMINARIO TECNICO PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI DI TRATTAMENTO PER LA DEPURAZIONE DELLE ACQUE REFLUE DOMESTICHE

Dettagli

CARATTERISTICHE TECNICHE DEGLI IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE DEL GAS E REDDITIVITÀ DEL SERVIZIO NEL COMUNE DI BARBATA

CARATTERISTICHE TECNICHE DEGLI IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE DEL GAS E REDDITIVITÀ DEL SERVIZIO NEL COMUNE DI BARBATA Allegato n. 7) CARATTERISTICHE TECNICHE DEGLI IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE DEL GAS E REDDITIVITÀ DEL SERVIZIO NEL COMUNE DI BARBATA RELAZIONE TECNICA CONSULTIVA, PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE

Dettagli

ELENCO PREZZI PER ATTIVITA E SERVIZI NON COMPRESI NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE

ELENCO PREZZI PER ATTIVITA E SERVIZI NON COMPRESI NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE PER ATTIVITA E SERVIZI NON COMPRESI NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE 2015 INDICE INDICE... 2 1 PREMESSA... 4 2 ELENCO PREZZI... 5 2.1 ATTIVAZIONE DELLA FORNITURA (A01-A40)... 5 2.2 DISATTIVAZIONE DELLA FORNITURA

Dettagli

Il sottoscritto nato a il C.F. residente in prov. c.a.p. via nella qualità di

Il sottoscritto nato a il C.F. residente in prov. c.a.p. via nella qualità di RICHIESTA DI ALLACCIAMENTO ALLA PUBBLICA FOGNATURA PER INSEDIAMENTI DI TIPO RESIDENZIALE, SERVIZI, ATTIVITA COMMERCIALI O DI PRODUZIONE DI BENI DAI QUALI DERIVINO ACQUE REFLUE DOMESTICHE DA METABOLISMO

Dettagli

PIANO PARTICOLAREGGIATO DI INIZIATIVA PRIVATA COMUNE DI FERRARA, VIA BOLOGNA IN AREA CLASSIFICATA DAL PRG SOTTOZONA D 2.2 ...

PIANO PARTICOLAREGGIATO DI INIZIATIVA PRIVATA COMUNE DI FERRARA, VIA BOLOGNA IN AREA CLASSIFICATA DAL PRG SOTTOZONA D 2.2 ... ... 1 INTRODUZIONE... 2 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 2 3 PRESCRIZIONI TECNICHE... 3 4 CALCOLO PORTATE DI PROGETTO... 3 5 VERIFICA IDRAULICA DEL COLLETTORE... 5 Pagina 1 di 6 1 INTRODUZIONE La presente

Dettagli

INDICE 1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO DELL AREA SECONDO IL PTCP... 3 3 GESTIONE DELLE ACQUE DI SCARICO... 9

INDICE 1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO DELL AREA SECONDO IL PTCP... 3 3 GESTIONE DELLE ACQUE DI SCARICO... 9 INDICE 1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO DELL AREA SECONDO IL PTCP... 3 3 GESTIONE DELLE ACQUE DI SCARICO... 9 3.1 RETE DI ACQUE METEORICHE E LAMINAZIONE... 9 3.2 TRATTAMENTO ACQUE DI PRIMA PIOGGIA... 11

Dettagli

PIANO DI GESTIONE DEL DISTRETTO IDROGRAFICO DELLA SICILIA (di cui all'art. 117 del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n 152)

PIANO DI GESTIONE DEL DISTRETTO IDROGRAFICO DELLA SICILIA (di cui all'art. 117 del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n 152) PIANO DI GESTIONE DEL DISTRETTO IDROGRAFICO DELLA SICILIA (di cui all'art. 117 del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n 152) ALLEGATI AL PIANO DI GESTIONE DOCUMENTO DATA APPROVATO Allegato 05-d Questionari

Dettagli

ALLEGATO A5.14 - SCHEDA FOGNATURA-DEPURAZIONE BRIANZACQUE AGGLOMERATO N. 1

ALLEGATO A5.14 - SCHEDA FOGNATURA-DEPURAZIONE BRIANZACQUE AGGLOMERATO N. 1 ALLEGATO A5.14 - SCHEDA FOGNATURA-DEPURAZIONE BRIANZACQUE AGGLOMERATO N. 1 1. CARATTERISTICHE GENERALI Codice AG01522401 Denominazione : Truccazzano 1.1 COMUNI APPARTENENTI 1. Bellinzago Lombardo 2. Bussero

Dettagli

SCHEDA 3 NOTIZIE SULLA RETE

SCHEDA 3 NOTIZIE SULLA RETE Pag. 1 di 10 SCHEDA 3 NOTIZIE SULLA RETE (da compilare per ogni rete) NOTA: AD OGNI RETE FOGNARIA CORRISPONDE UN SOLO SCARICO FINALE RETE NUMERO 3.A DATI GENERALI 3.A.1 UBICAZIONE RETE CAPOLUOGO FRAZIONE

Dettagli

ALLACCIO ALLA FOGNATURA ESECUZIONE UTENTE

ALLACCIO ALLA FOGNATURA ESECUZIONE UTENTE Presentazione del progetto ALLACCIO ALLA FOGNATURA ESECUZIONE UTENTE Contestualmente alla domanda il richiedente è tenuto a presentare in DUPLICE copia e su supporto informatico la seguente documentazione,

Dettagli

INDICE 1. OBIETTIVI... 2 2. RELAZIONE ESPLICATIVA SULLO STATO DEI LUOGHI... 3

INDICE 1. OBIETTIVI... 2 2. RELAZIONE ESPLICATIVA SULLO STATO DEI LUOGHI... 3 INDICE 1. OBIETTIVI... 2 2. RELAZIONE ESPLICATIVA SULLO STATO DEI LUOGHI... 3 2.1 Note introduttive sul territorio... 3 2.2 Sistemi drenanti già esistenti... 3 2.3 Bacini imbriferi principali e sottobacini...

Dettagli

PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI NUOVE RETI FOGNARIE E LA SUCCESSIVA PRESA IN CARICA DA PARTE DI AGESP

PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI NUOVE RETI FOGNARIE E LA SUCCESSIVA PRESA IN CARICA DA PARTE DI AGESP PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI NUOVE RETI FOGNARIE E LA SUCCESSIVA PRESA IN CARICA DA PARTE DI AGESP Busto Arsizio, 12 Dicembre 2011 Sommario 1. Ambito di applicazione...

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORNITURA DI ACQUA POTABILE E INDUSTRIALE

REGOLAMENTO PER LA FORNITURA DI ACQUA POTABILE E INDUSTRIALE REGOLAMENTO PER LA FORNITURA DI ACQUA POTABILE E INDUSTRIALE PREMESSA Il Consorzio per lo Sviluppo Industriale di Sulmona fornisce il servizio idrico (acqua potabile e industriale) alle aziende insediate

Dettagli

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALL ALLACCIAMENTO DI UNO STABILIMENTO INDUSTRIALE NELLA RETE FOGNARIA

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALL ALLACCIAMENTO DI UNO STABILIMENTO INDUSTRIALE NELLA RETE FOGNARIA CAFC S.p.A. Sistema di Gestione Integrato DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALL ALLACCIAMENTO DI UNO STABILIMENTO INDUSTRIALE NELLA RETE FOGNARIA CAFC S.p.A. Via Duchi d Aosta n 2 33100 Udine (Ud) Oggetto: Domanda

Dettagli

LEGENDA. Variazioni storiche di impegno e creazione di subimpegni. Var. : Prescrizioni. Pre. : Ins. : Insussistenze

LEGENDA. Variazioni storiche di impegno e creazione di subimpegni. Var. : Prescrizioni. Pre. : Ins. : Insussistenze LEGENDA. :. :. : iazioni storiche di impegno e creazione di subimpegni scrizioni ussistenze - 2013 Pag. 1 / 29 iazioni in iazione in EPF 2007 300 PRESTAZIONI DI SERVIZI 38 Servizio di configurazione router

Dettagli

Comune di Castenaso. Provincia di Bologna. Piano Urbanistico Attuativo per l'attuazione del Comparto ANS C2.2 Castenaso Est sito nel capoluogo

Comune di Castenaso. Provincia di Bologna. Piano Urbanistico Attuativo per l'attuazione del Comparto ANS C2.2 Castenaso Est sito nel capoluogo Comune di Castenaso Provincia di Bologna Piano Urbanistico Attuativo per l'attuazione del Comparto ANS C2.2 Castenaso Est sito nel capoluogo Indirizzo: Via dei Mille RELAZIONE IDRAULICA Federici Saverio

Dettagli

Integrated Management System SERIE DCA IMPIANTI DI DEPURAZIONE PER ACQUE REFLUE DERIVANTI DA AUTOLAVAGGIO. Manuale delle Specifiche Tecniche

Integrated Management System SERIE DCA IMPIANTI DI DEPURAZIONE PER ACQUE REFLUE DERIVANTI DA AUTOLAVAGGIO. Manuale delle Specifiche Tecniche Integrated Management System I M P I A N T I D E P U R A Z I O N E A C Q U E SERIE DCA IMPIANTI DI DEPURAZIONE PER ACQUE REFLUE DERIVANTI DA AUTOLAVAGGIO Manuale delle Specifiche Tecniche PRESENTAZIONE

Dettagli

Nel presente piano di manutenzione le opere sono state suddivise in due distinti capitoli:

Nel presente piano di manutenzione le opere sono state suddivise in due distinti capitoli: PREMESSA Il presente Piano di manutenzione, redatto ai sensi dell art 38 del D.P.R. 207/2010, ha lo scopo sia di dare indicazione sul corretto utilizzo delle opere effettivamente realizzate, che di pianificare

Dettagli

Comune di Frascati Provincia di Roma RELAZIONE TECNICA. Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il

Comune di Frascati Provincia di Roma RELAZIONE TECNICA. Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il Comune di Frascati Provincia di Roma pag. 1 RELAZIONE TECNICA OGGETTO: Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il suo collegamento al collettore ACEA lungo Via Enrico Fermi.

Dettagli

Modello matematico di flusso nei sistemi acquiferi dei territori dell Autorità d Ambito Territoriale Ottimale ATO BRENTA :

Modello matematico di flusso nei sistemi acquiferi dei territori dell Autorità d Ambito Territoriale Ottimale ATO BRENTA : Modello matematico di flusso nei sistemi acquiferi dei territori dell Autorità d Ambito Territoriale Ottimale ATO BRENTA : La pianificazione del fabbisogno e dell utilizzo della risorsa idrica nel PROGETTO

Dettagli

COMUNE DI FAENZA Area ITALGAS

COMUNE DI FAENZA Area ITALGAS COMUNE DI FAENZA Area ITALGAS 29 gennaio 2013 RELAZIONE TECNICA RETE FOGNARIA 0. VARIANTE La variante dal punto di vista idraulico riguarda sostanzialmente tre punti: 1. la modifica del piccolo lotto di

Dettagli

Scheda agglomerato Caratteristiche generali dell agglomerato. Carico servito da rete fognaria (AE)

Scheda agglomerato Caratteristiche generali dell agglomerato. Carico servito da rete fognaria (AE) Scheda agglomerato Caratteristiche generali dell agglomerato Codice 1 Denominazione Carico nominale Carico servito da rete fognaria Carico trattato 2 Portata annua trattata 3 (m 3 ) Caratteristiche delle

Dettagli

DESCRIZIONE SINTETICA DELLE CARATTERISTICHE SALIENTI

DESCRIZIONE SINTETICA DELLE CARATTERISTICHE SALIENTI DESCRIZIONE SINTETICA DELLE CARATTERISTICHE SALIENTI Il progetto riguarda la progettazione delle opere di fognatura del X Lotto dei collettori e delle reti di raccolta della fognatura nei Comuni di San

Dettagli

Longarone, 4 novembre 2011

Longarone, 4 novembre 2011 Acqua buona, città pulite, servizi di qualità, prezzi equi oggi e nel futuro nei Comuni che ci affidano la gestione dei servizi pubblici locali. Longarone, 4 novembre 2011 Il contesto in cui opera Etra

Dettagli

Servizio Idrico in Regione Lombardia e Bolletta La Qualità commerciale e la fatturazione dei consumi in A2A C icl c o Id I rico 6 marzo 2012

Servizio Idrico in Regione Lombardia e Bolletta La Qualità commerciale e la fatturazione dei consumi in A2A C icl c o Id I rico 6 marzo 2012 Servizio Idrico in Regione Lombardia e Bolletta La Qualità commerciale e la fatturazione dei consumi in A2A Ciclo Idrico Alberto Hrobat 6 marzo 2012 A2A Ciclo Idrico pag. 3 Il SIVIRI pag. 7 diamo i numeri

Dettagli

1. Premessa... pag. 1. 2. Natura dell intervento... pag. 2. 3. Inquadramento territoriale e geologico... pag. 2

1. Premessa... pag. 1. 2. Natura dell intervento... pag. 2. 3. Inquadramento territoriale e geologico... pag. 2 INDICE 1. Premessa... pag. 1 2. Natura dell intervento... pag. 2 3. Inquadramento territoriale e geologico... pag. 2 4. Studio di inserimento urbanistico... pag. 3 5. Stato di fatto e interventi previsti

Dettagli

PROGETTO DEFINITIVO ESECUTIVO

PROGETTO DEFINITIVO ESECUTIVO COMUNE DI MASSA MARITTIMA (Prov. di Grosseto) RIPRISTINO FUNZIONALE DEL TRATTO DI GALLERIA DEL FOSSO VALCASTRUCCI FRAZIONE FENICE CAPANNE A MASSA MARITTIMA PROGETTO DEFINITIVO ESECUTIVO COMPUTO METRICO

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO COMUNE DI BOLZANO PIANO ATTUATIVO D INIZIATIVA PRIVATA AREA TRAFOJER IN VIA PIANI D ISARCO

PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO COMUNE DI BOLZANO PIANO ATTUATIVO D INIZIATIVA PRIVATA AREA TRAFOJER IN VIA PIANI D ISARCO PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO COMUNE DI BOLZANO PIANO ATTUATIVO D INIZIATIVA PRIVATA AREA TRAFOJER IN VIA PIANI D ISARCO PROGETTISTA: ARCH. OSWALD ZOEGGELER BOLZANO 24/05/2002 1 INDICE 1 Elenco degli elaborati

Dettagli

- K - PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DELLE RETI FOGNARIE STANDARD PROGETTO SP - TEA - 001.

- K - PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DELLE RETI FOGNARIE STANDARD PROGETTO SP - TEA - 001. - K - PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DELLE RETI FOGNARIE (revisione 04) Pagina 1 di 11 INDICE Pag. PARTE K RETI FOGNARIE K.1 3 REQUISITI DEI PROGETTI DI FOGNATURE PER NUOVE

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DEI LAVORI PUBBLICI. Ente acque della Sardegna. 2 a Parte

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DEI LAVORI PUBBLICI. Ente acque della Sardegna. 2 a Parte REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DEI LAVORI PUBBLICI Ente acque della Sardegna 1 integrazione all elenco di opere del Sistema Idrico Multisettoriale Regionale di competenza gestionale dell ENAS

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO E QUADRO ECONOMICO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO E QUADRO ECONOMICO Studio Tecnico Rossi geom. Renato Via G. Zanella 3/1 Montorso Vicentino (VI) Tel. 0444 685322 Fax. 0444 486630 email. geom.rossi@gmail.com AL DIRIGENTE DEL SETTORE GESTIONE DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI

Dettagli

Comune di Bertinoro (BO) Fratta Terme - comparto attuativo CA 15

Comune di Bertinoro (BO) Fratta Terme - comparto attuativo CA 15 Comune di Bertinoro (BO) Fratta Terme - comparto attuativo CA 15 Relazione idraulica per il dimensionamento del sistema di smaltimento delle acque meteoriche, reflue e degli invasi di laminazione Luglio,

Dettagli

INDIRIZZI E VINCOLI RELATIVI ALLE MODALITA DI PROGETTAZIONE DI RETI FOGNARIE

INDIRIZZI E VINCOLI RELATIVI ALLE MODALITA DI PROGETTAZIONE DI RETI FOGNARIE INDIRIZZI E VINCOLI RELATIVI ALLE MODALITA DI PROGETTAZIONE DI RETI FOGNARIE 1. Ambito di applicazione...2 2. Definizioni... 2 3. Progetto di nuove urbanizzazioni... 3 4. Prescrizioni tecniche da seguire

Dettagli

FOGNATURE: DEFINIZIONI, NORMATIVA DI RIFERIMENTO E ORGANIZZAZIONE

FOGNATURE: DEFINIZIONI, NORMATIVA DI RIFERIMENTO E ORGANIZZAZIONE Corso di Costruzioni idrauliche (E.A.) A.A. 2010/2011 FOGNATURE: DEFINIZIONI, NORMATIVA DI RIFERIMENTO E ORGANIZZAZIONE (Appunti tratti dalla lezione del 8/45/2011, non rivisti dal docente) Riferimenti

Dettagli

Riqualificazione Urbana del Centro Commerciale Naturale della Frazione di Torrenieri (CIG Z641110D0A)

Riqualificazione Urbana del Centro Commerciale Naturale della Frazione di Torrenieri (CIG Z641110D0A) COMUNE DI MONTALCINO Provincia di Siena Riqualificazione Urbana del Centro Commerciale Naturale della Frazione di Torrenieri (CIG Z641110D0A) PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE SPECIALISTICA INTERVENTI SU RETI

Dettagli

DISCIPLINA DEI CONTROLLI

DISCIPLINA DEI CONTROLLI LINEA GUIDA PER LA STESURA DI UN PIANO DI AUTOCONTROLLO DA PARTE DEL GESTORE DEL SERVIZIO IDRICO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE N 2906 DEL 10 DICEMBRE 2004 Approvazione di direttive

Dettagli

09.02.00.00. ACCESSIBILITA' STRADALE E FERROVIARIA PRIMA FASE Computi e Stime. Computo Metrico Estimativo 09.02.00.00

09.02.00.00. ACCESSIBILITA' STRADALE E FERROVIARIA PRIMA FASE Computi e Stime. Computo Metrico Estimativo 09.02.00.00 09.02.00.00 ACCESSIBILITA' STRADALE E FERROVIARIA PRIMA FASE Computi e Stime Computo Metrico Estimativo 09.02.00.00 - A4 0 Emissione 31/01/2011 M. Bettio M. Bellonzi T. Finocchietti F. Binotto R. Baldo

Dettagli

PROVINCIA DI PISTOIA COMUNE DI MONTALE

PROVINCIA DI PISTOIA COMUNE DI MONTALE PROVINCIA DI PISTOIA COMUNE DI MONTALE PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA RELATIVO AL COMPARTO EDILIZIO UBICATO A MONTALE COMPRESO TRA VIA GIOVANNI PASCOLI E VIA 1 MAGGIO DENOMINATO RU3a COMPUTO METRICO

Dettagli

MODELLO DI RELAZIONE SUGLI IMMOBILI E SUI MANUFATTI PER LO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE E ASSIMILABILI ALLE DOMESTICHE

MODELLO DI RELAZIONE SUGLI IMMOBILI E SUI MANUFATTI PER LO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE E ASSIMILABILI ALLE DOMESTICHE MODELLO DI RELAZIONE SUGLI IMMOBILI E SUI MANUFATTI PER LO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE E ASSIMILABILI ALLE DOMESTICHE Note per la compilazione: Si propongono i seguenti stampati, PRECISANDO CHE

Dettagli

Variazione delle opere fognarie interne già allacciate alla rete fognaria. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n..

Variazione delle opere fognarie interne già allacciate alla rete fognaria. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n.. DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALL'ALLACCIAMENTO ED AMMISSIONE AL SERVIZIO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE PER SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NELLA RETE FOGNARIA PROVENIENTI DA UN INSEDIAMENTO RESIDENZIALE (La

Dettagli

Integrazione del telecontrollo con un sistema di supporto alle decisioni: l esperienza gestionale di Gaia S.p.A.

Integrazione del telecontrollo con un sistema di supporto alle decisioni: l esperienza gestionale di Gaia S.p.A. Integrazione del telecontrollo con un sistema di supporto alle decisioni: l esperienza gestionale di Gaia S.p.A. Francesco Di Martino, Claudia D Eliso, Michele Bini, Gianni Fucci Francesco Di Martino:

Dettagli

Marca da bollo 16,00. dell'immobile sito in, via n, censito al Catasto al foglio mappale/i subalterno/i

Marca da bollo 16,00. dell'immobile sito in, via n, censito al Catasto al foglio mappale/i subalterno/i DOMANDA DI NULLA OSTA ALL'ALLACCIAMENTO ALLA RETE FOGNARIA PER L AMMISSIONE AL SERVIZIO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE ( Art. 23 del Regolamento di Fognatura ) Rumiz CAFC S.p.A.

Dettagli

RISANAMENTO DELLA RETE IDRICA E FOGNARIA DEL CAPOLUOGO VIA ANTICA PONTEDERESE, VIA DON MINZONI E VIA GHERARDI COMUNE DI CASCIANA TERME Committente:

RISANAMENTO DELLA RETE IDRICA E FOGNARIA DEL CAPOLUOGO VIA ANTICA PONTEDERESE, VIA DON MINZONI E VIA GHERARDI COMUNE DI CASCIANA TERME Committente: RISANAMENTO DELLA RETE IDRICA E FOGNARIA DEL CAPOLUOGO VIA ANTICA PONTEDERESE, VIA DON MINZONI E VIA GHERARDI COMUNE DI CASCIANA TERME Importo dell opera: 350.000,00 Prestazioni effettuate: Assistenza

Dettagli

Bonifiche Ambientali S.r.l.

Bonifiche Ambientali S.r.l. Bonifiche Ambientali S.r.l. Sede : Via Tiberina 281 00188 Roma Uff. Tec. : Via U. Fracchia 19-00137 Roma P.Iva 06716961005 Iscr. Albo Gestori Ambientali n. RM/001281 I NOSTRI SERVIZI Ufficio Tecnico interno

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE ENERGIA ISO 50001. Gruppo CAP 22 OTTOBRE-2014

SISTEMA DI GESTIONE ENERGIA ISO 50001. Gruppo CAP 22 OTTOBRE-2014 SISTEMA DI GESTIONE ENERGIA ISO 50001 E APPLICATIVI DI SUPPORTO Gruppo CAP 22 OTTOBRE-2014 Il territorio del Gruppo copre 186 comuni nelle province di Milano, Monza e Brianza, Pavia, Como e Varese I NUMERI

Dettagli

Progetto Definitivo Manutenzione della rete idrica e fognaria a servizio dell intero territorio comunale INDICE. 1. Premesse...3

Progetto Definitivo Manutenzione della rete idrica e fognaria a servizio dell intero territorio comunale INDICE. 1. Premesse...3 INDICE 1. Premesse...3 2. Caratteristiche salienti delle reti oggetto della manutenzione 3 2.1 Rete Idrica...4 2.2 Rete fognaria...5 pag.2 di 7 DESCRIZIONE E CONSISTENZA DELLA RETE IDRICA E DELLA RETE

Dettagli

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALL'ALLACCIAMENTO ED AMMISSIONE AL SERVIZIO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE PER SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NELLA RETE FOGNARIA PROVENIENTI DA UN INSEDIAMENTO RESIDENZIALE (La

Dettagli