Legge sulle fognature del Comune di Poschiavo (approvata dal popolo il 27 novembre 2005)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Legge sulle fognature del Comune di Poschiavo (approvata dal popolo il 27 novembre 2005)"

Transcript

1 Legge sulle fognature del Comune di Poschiavo (approvata dal popolo il 27 novembre 2005) Art. 1. Art. 2. Art. 3. I. Disposizioni generali La presente legge vale per l intero territorio comunale. Sulla base della Legge edilizia e del piano generale di urbanizzazione, essa disciplina la costruzione, la sorveglianza, l utilizzazione, la manutenzione, il rinnovo ed il finanziamento degl impianti di evacuazione e di depurazione delle acque di scarico, nonché i rapporti tra i proprietari fondiari ed il Comune. Per gl impianti di evacuazione e di depurazione delle acque di scarico pianificati e sistemati nell ambito di una pianificazione di quartiere fanno stato le disposizioni della Legge edilizia concernenti la pianificazione di quartiere. Nella misura in cui mancano prescrizioni particolari, sono determinanti le disposizioni della presente legge anche nella procedura del piano di quartiere. Per gl immobili che non possono essere allacciati agl impianti comunali, l autorità comunale competente può autorizzare o disporre l allacciamento agl impianti di evacuazione e di depurazione delle acque di scarico di un comune confinante o ad un impianto privato. Il Comune allestisce, rispettivamente aggiorna il piano generale delle fognature. Esso si occupa della sistemazione e della gestione degl impianti di evacuazione delle acque di scarico e del trattamento delle acque luride. Il Comune allestisce e aggiorna il piano catastale delle fognature pubbliche. L estensione territoriale degl impianto di evacuazione e di depurazione delle acque si regola secondo il piano di urbanizzazione generale. Il Comune regola la costruzione degl impianti privati di evacuazione e di depurazione delle acque e vigila sulla loro efficienza. Se necessario, impone i provvedimenti d urgenza. Tutte le spese per gl impianti privati di depurazione sono a carico dei diretti interessati. Nella misura in cui la presente legge non contiene disposizioni particolari, fanno generalmente stato le prescrizioni relative alla Legge edilizia comunale. Rimangono, inoltre, riservate le rispettive prescrizioni del diritto federale e cantonale. Viene emanata un ordinanza d applicazione dalla Giunta comunale che fissa i contributo d allacciamento, i contributi annui agl investimenti e le tasse di utilizzo. Campo d applicazione e scopo Compiti del Comune Diritto applicabile

2 Art. 4. Art. 5. Art. 6. II. Trattamento delle acque di scarico 1. Disposizioni generali Sono considerate acque di scarico, ai sensi della presente legge, tutte le acque alterate dall uso domestico, industriale, artigianale, agricolo o altro (acque luride), le acque meteoriche o di altra natura che scorrono da superfici edificate e pavimentate quali strade, piazze ecc. (acque chiare). Le acque luride prodotte nel perimetro delle fognature devono essere immesse nelle condotte pubbliche. Rimangono riservate le prescrizioni particolari concernenti il trattamento delle acque di scarico artigianali ed industriali. Le acque luride prodotte fuori dal perimetro delle fognature devono essere trattate utilizzando le migliori tecniche disponibili, secondo le rispettive prescrizioni federali e cantonali nonché dopo aver consultato l Ufficio cantonale per l ambiente. Le acque chiare devono essere eliminate mediante infiltrazioni o, laddove le condizioni locali non lo permettano, possono essere immesse in un sistema di evacuazione, rispettivamente in un corso d acqua. Senza esplicito permesso del proprietario di un impianto di depurazione, è proibito immettere le acque chiare nel sistema di tubazioni che le conducono all impianto stesso. Le interruzioni o limitazioni nella consegna idrica, anticipatamente note, devono essere comunicate tempestivamente agl interessati. Gl impianti di evacuazione e di depurazione della acque di scarico vengono suddivisi in impianti pubblici e in impianti privati. Quali impianti pubblici s intendono gl impianti realizzati e gestiti dal Comune, come le condotte per le acque di scarico, gli sfioratori, gl impianti di pompaggio, i bacini per le acque piovane e le stazioni di depurazione. Quali impianti privati s intendono gl impianti e le condotte di evacuazione realizzati e gestiti da privati. Entro il perimetro della fognatura pubblica, tutti gli edifici con approvvigionamento idrico devono essere allacciati ad un impianto di depurazione. Le acque luride devono essere immesse nelle condotte pubbliche. Rimangono riservate le prescrizioni particolari concernenti l allacciamento di edifici agricoli, siti fuori dal perimetro delle fognature, con e senza abitazione e locali di servizio. Sono pure riservate le prescrizioni concernenti il trattamento delle acque di scarico che non soddisfano le esigenze per l immissione nella fognatura pubblica. Edifici nuovi o esistenti, siti fuori dalle zone edificabili (al di fuori del perimetro della fognatura) devono essere allacciati ad un impianto di depurazione privato se sono provvisti di approvvigionamento idrico e se l allacciamento è tecnicamente e finanziariamente possibile (durezza particolare). Categorie di acque di scarico Suddivisione degl impianti di evacuazione e di depurazione delle acque di scarico Obbligo di allacciamento

3 Art. 7. Le acque luride che non possono ancora essere introdotte in un sistema di depurazione pubblico vanno immesse in un impianto di depurazione semplice o in una vasca senza scarico opportunamente dimensionata. Non appena diventa possibile l allacciamento ad un impianto di depurazione, gl impianti provvisori devono essere disattivati entro il termine di un anno ad eccezione dei separatori d olio e grasso, nonché degl impianti per il pretrattamento delle acque di scarico artigianali o industriali. Si ha durezza particolare, ai sensi della presente legge, quando le spese dell allacciamento superano il 3% del valore di stima attuale del fabbricato o dei fabbricati interessati. Nel caso di accertata durezza particolare, il Consiglio comunale decide se decretare o meno l obbligo di allacciamento. Se lo fa, la spesa eccedente il 3% del valore attuale del fabbricato, rispettivamente dei fabbricati, viene assunta dal Comune che avrà diritto al rimborso totale o parziale nel caso in cui entro 10 anni l immobile o gl immobili dovessero subire un aumento del valore di stima attuale. L autorizzazione per l allacciamento è concessa nella procedura di rilascio della licenza edilizia. Il Comune dispone il luogo e il tipo d allacciamento e controlla l esecuzione dello stesso. Il Consiglio comunale può decretare l obbligo di allacciamento, entro e fuori dalla zona abitabile, quando le condizioni tecniche e finanziarie lo permettono. Per condizioni tecniche s intende la possibilità del collettore di ricevere ulteriori acque (dimensionamento) e la relativa distanza, mentre per condizioni finanziarie s intende un costo non sproporzionato al valore dell immobile (durezza particolare). Allacciamento Art. 8. Art Costruzione ed utilizzazione Tutti gl impianti di evacuazione e di depurazione delle acque di scarico devono essere eseguiti e gestiti a regola d arte e conformemente alle direttive delle associazioni professionali del ramo. Per quanto nella presente legge manchino particolari prescrizioni tecniche, l Autorità edilizia ordina le disposizioni necessarie nella procedura di rilascio della licenza edilizia. In questo contesto essa può attenersi alle relative norme e raccomandazioni delle associazioni professionali. Gl impianti privati di evacuazione e di depurazione delle acque di scarico nonché tutte le riparazioni necessarie possono essere eseguiti soltanto da personale specializzato. Le acque luride immesse nella fognatura pubblica devono essere di natura tale da non recare danno agl impianti o creare problemi alla loro manutenzione. Principio Acque di scarico inquinante (acque luride): disposizione generali

4 Art. 10. Art. 11. Art. 12. Nel rilasciare le autorizzazioni di allacciamento vanno osservate le prescrizioni relative alla legislazione federale e cantonale sulla protezione delle acque, in particolare le prescrizioni sul pretrattamento e l evacuazione delle acque luride che non soddisfano le esigenze per l immissione nella fognatura o che non sono idonee ad essere trattate in un impianto di depurazione. Le acque luride provenienti da aziende artigianali e industriali che non soddisfano le esigenze per l immissione nella fognatura pubblica possono essere immesse in quest ultima soltanto se prima vengono preventivamente trattate per mezzo di apposite stazioni di depurazione, giusta le disposizioni dell Ufficio cantonale per l ambiente. Se, per ragioni particolari, le acque luride provenienti da aziende artigianali e industriali non possono essere messe nelle fognature pubbliche (problemi tecnici o di particolare qualità dell acqua), le stesse devo essere trattate o eliminate, giusta le disposizioni dell Ufficio cantonale per l ambiente. Le acque luride che contengono sabbia e fanghi, oli minerali e significative quantità di grassi e oli organici, devono essere prima immesse nei rispettivi separatori. È vietato immettere nelle fognature qualsiasi tipo di rifiuto solido urbano. È pure proibito mettere nelle fognature liquidi particolarmente aggressivi che possono essere di danno al buon funzionamento degl impianti di depurazione. In caso di dubbio sulla qualità del liquido immesso, l Autorità edilizia decide in merito alla possibilità d immissione dopo avere richiesto una presa di posizione dell Ufficio cantonale per l ambiente. Se per la decisione è necessaria una perizia, i rispettivi costi vanno a carico del richiedente. Le acque chiare devono essere eliminate mediante infiltrazione o immesse direttamente nelle condotte appositamente realizzate. Se non è possibile né evacuazione diretta nelle apposite tubazioni, le acque chiare possono essere immesse nelle condotte delle acque luride, previo permesso del Consiglio comunale. In linea di principio, l acqua piovana che scorre da superfici edificate o pavimentate va considerata acqua chiara se proviene: a) da tetti; b) da strade, sentieri e piazzali sui quali non vengono scaricate, lavorate e depositate sostanze suscettibili di inquinare le acque. Le acque chiare, con deflusso permanente, come le acque di fontane e d infiltrazione, le acque freatiche e di sorgente, l acqua non potabile e di raffreddamento da industria e artigianato non possono essere immesse direttamente o indirettamente negl impianti di depurazione senza esplicito permesso del Consiglio comunale. Il Comune può obbligare i proprietari di edifici già esistenti ad evacuare le acque chiare non inquinate, giusta il cpv. 1, risp. 3, se ciò risulta opportuno ed esigibile, a spese del interessato. Acque luride artigianali e industriali Rifiuti Acque di scarico non inquinante (acque chiare)

5 Art. 13. Art. 14. Le acque luride vanno immesse nelle fognature tramite condotte sotterranee stagne. Dev essere possibile controllare e pulire le condotte di allacciamento. A tale scopo, ogni allacciamento privato dev essere munito di un pozzetto di controllo. Fino al pozzetto di controllo, le acque luride e le acque chiare devono, in ogni caso, essere convogliate in tubi separati. Se motivi tecnici (ad es. differenze d altezze) non permettono un deflusso diretto dell edificio alla condotta, il proprietario è obbligato a provvedervi tramite un impianto di pompaggio. I proprietari d impianti privati devono evitare, a proprie spese, un eventuale riflusso dalle condotte pubbliche. Condotte di allacciamento Impianti di pompaggio Art. 15. Art. 16. Art. 17. Art Esercizio, manutenzione e rinnovo Tutti gl impianti di evacuazione e di depurazione delle acque di scarico devono essere gestiti, sorvegliati, mantenuti e controllati in modo appropriato. I proprietari sono responsabili dell esercizio e della manutenzione ineccepibile dei loro impianti. In caso di cattivo funzionamento essi sono tenuti ad avvisare l autorità comunale competente. Gl impianti di depurazione privati devono essere gestiti secondo le prescrizioni del fabbricante. I fanghi provenienti da quest impianti devono essere smaltiti, giusta le disposizioni del Comune e conformemente al piano cantonale di smaltimento dei fanghi. Se vengono smaltiti tramite il Comune, quest ultimo riscuote un contributo alle spese di smaltimento. Tutti gl impianti e le condotte d acqua di scarico devono essere puliti periodicamente. Il Comune può eseguire la pulizia delle condotte private dietro compensazione. I separatori devono essere svuotati secondo le esigenze almeno, però, una volta all anno. I residui devono essere smaltiti conformemente alla legge e non possono, per alcuna ragione, essere immessi nella fognatura o nelle acque di superficie. Il Comune verifica periodicamente lo stato dei propri impianti e sorveglia gl impianti privati di evacuazione e di depurazione delle acque di scarico. Alle persone incaricate dei controlli, dev essere concesso l accesso agl impianti. Gli incaricati del Comune hanno diritto di accedere sui fondi privati in cui si trovano gl impianti di evacuazione delle acque sia per la pulizia che per la manutenzione degli stessi. Eventuali danni vanno immediatamente eliminati o risarciti. Gestione degl impianti Pulizia degl impianti e smaltimento dei residui Controllo degl impianti Diritto d accesso

6 Art. 19. I proprietari degl impianti privati di evacuazione e di depurazione rispondono nei confronti del Comune dei danni agl impianti pubblici causati da costruzioni difettose, insufficiente funzionamento o cattivo esercizio e manutenzione degl impianti privati. Il Comune risponde, per contro, dei danni causati agl impianti privati dall esercizio, dalla manutenzione e dalla riparazione inadeguate degl impianti comunali. Responsabilità Art. 20. Art. 21. III. Finanziamento 1. Principio Il Comune riscuote contributi e tasse secondo il principio della causalità a copertura dei costi per la costruzione, l esercizio, la manutenzione ed il rinnovo (risanamento, sostituzione) degl impianti pubblici di evacuazione e di depurazione delle acque di scarico. Il calcolo e l imposizione dei contributi di allacciamento, dei contributi annui agl investimenti e delle tasse di utilizzo avvengono giusta le prescrizioni della presente legge e devono essere commisurati i costi. Variazioni delle tariffe devono essere giustificate e motivate da una diminuzione, rispettivamente da un aumento dei costi effettivi determinati secondo il principio dell alto finanziamento dei costi degl impianti pubblici. Il conto per il trattamento delle acque di scarico è tenuto quale finanziamento speciale. L aggiornamento delle tariffe viene deciso dalla Giunta in base ai preventivi e ai consuntivi. I casi di durezza particolare riguardanti i contributi di allacciamento, i contributi annui agli investimenti e le tasse di utilizzo vengono decisi dal Consiglio comunale. Il Consiglio comunale decreta l obbligo di costruzione di un impianto privato di depurazione dove l interesse pubblico lo richiede. Fanno stato le leggi cantonali e federali sulla protezione delle acque. Le spese per gl impianti privati di evacuazione e di depurazione delle acque di scarico nonché le spese per i rispettivi allacciamenti alla rete pubblica vanno a carico dei richiedenti. Gli allacciamenti predisposti dal Comune vengono messi in conto alla consegna dell autorizzazione di allacciamento. Se gli allacciamenti e le condotte servono a più fondi, tutti i costi ad essi legati devono essere equamente ripartiti fra gli interessati. Nella procedura di piano di quartiere devono essere definite, fra i proprietari, le ripartizioni delle spese per gli allacciamenti alle condotte pubbliche conformemente alla legge edilizia. Impianti pubblici Impianti privati

7 Art. 22. Per la determinazione dei contributi e delle tasse, vengono stabilite due classi di costruzioni che producono acque da depurare: a) Classe 1: costruzioni con bassa e media produzione di acque di depurazione b) Classe 2: costruzioni con alta produzione di acque di depurazione per le quali viene installato un contatore sull allacciamento all acqua potabile. Per quanto riguarda l assegnazione di costruzioni ad una specifica classe e per quanto riguarda i contatori fa stato quanto disposto nella legge comunale sugli acquedotti. In caso di divergenza tra il consumo di acqua potabile e la produzione di acque di depurazione, l assegnazione di un immobile ad una classe diversa per la fognatura viene fatta dal Consiglio comunale. Classi di costruzioni Art. 23. Art Contributi d allacciamento all impianto di depurazione I contributi d allacciamento si suddividono in: a) contributo base d allacciamento, che viene determinato con un importo calcolato sulla superficie edificabile. b) contributo supplementare d allacciamento, determinato in base al valore dell immobile e in base alla classe. Gli edifici singoli di culto (chiese) ed i cimiteri sono esonerati dal pagamento di contributi d allacciamento. L importo del contributo base d allacciamento viene determinato moltiplicando la superficie edificabile (area di contribuzione) per il contributo base d allacciamento per metro quadro, fissato nell ordinanza d applicazione relativa a questa legge. Dove la legge edilizia prevede un indice di sfruttamento, questo, moltiplicato con l intera superficie della parcella, da l area di contribuzione. Per la zona turismo e per la zona campeggio vale l indice di sfruttamento previsto dalla legge edilizia per la zona vacanze. Per la zona costruzioni accessorie vale l indice di sfruttamento della rispettiva particella. Dove la legge edilizia non prevede un indice di sfruttamento l area di contribuzione deve essere calcolata sulla base della costruzione esistente, in modo proporzionato alla possibilità di sfruttamento della particella assoggetta. La decisione spetta al Consiglio Comunale. L importo del contributo base è della metà se le fognature non sono ancora allacciate agl impianti di depurazione. L altra metà sarà incassata non appena eseguito l allacciamento. Contributi di allacciamento Contributi base d allacciamento

8 Art. 25. Art. 26 L importo del contributo supplementare d allacciamento viene determinato moltiplicando il valore attuale della stima ufficiale dell immobile per la percentuale della relativa classe dell immobile fissata nell ordinanza d applicazione relativa a questa legge L assegnazione di un immobile ad una specifica classe viene fatta dal Consiglio comunale in modo conforme all ordinanza d applicazione della presente legge. Se un edificio comprende locali la cui destinazione sottostà a differenti classi, l edificio sarà attribuito, per quanto concerne il contributo d allacciamento, alla classe alla quale sottostà la maggior superficie lorda dei locali. A parità di superficie, l edificio sarà attribuito alla classe inferiore. I contributi supplementari d allacciamento per gli edifici allacciati per la prima volta agl impianti di evacuazione e di depurazione delle acque di scarico del Comune, si calcolano in base al valore attuale dei fabbricati, tenor stima ufficiale. Concorrono a formare il valore di stima attuale, oltre al fabbricato principale, tutti gli annessi e le altre costruzioni che servono da completamento all uso dell edificio principale e che si trovano in zona edificabile o in zona per costruzioni accessorie. Fabbricati siti fuori zona ma con approvvigionamento idrico e, quindi, con l obbligo d allacciamento, vengono tassati allo stesso modo di quelli siti entro il perimetro delle fognature. Anche i fabbricati agricoli, siti fuori dalla zona edificabile, vengono tassati a meno che non siano esenti dall obbligo d allacciamento in base alla legislazione cantonale e federale. In caso di miglioramenti, trasformazioni ed ampliamenti di edifici già allacciati, il proprietario è tenuto a pagare una tassa d allacciamento supplementare basata sull aumento del valore in base alla differenza fra il valore di stima attuale prima e dopo i lavori. La stima ufficiale dev essere aggiornata entro un anno dall ultimazione dei lavori, su incarico del proprietario. Nel caso che il valore di stima commerciale di un fabbricato soggetto a contributo sia meno della metà del valore di stima attuale, il calcolo del contributo d allacciamento viene fatto sul valore commerciale e non sul valore attuale. Qualora l edificio venisse riattato, ampliato o comunque migliorato e il valore commerciale fosse superiore alla metà del valore di stima attuale, il contributo d allacciamento verrà conguagliato applicando l aliquota al valore di stima attuale. I contributi d allacciamento supplementari per nuovi edifici, nonché i contributi supplementari in caso di ampliamento di edifici esistenti, vengono stabiliti provvisoriamente con il rilascio della licenza edilizia sulla base delle indicazioni relative alla domanda di costruzione. L imposizione definitiva avviene dopo ricezione della stima ufficiale aggiornata. Nel caso di ampliamenti o trasformazioni, questa dev essere richiesta dal proprietario entro un anno dall occupazione. Contributi supplementari d allacciamento Imposizione

9 Art. 27 I contributi per il primo allacciamento di edifici esistenti vengono stabiliti con il rilascio dell autorizzazione d allacciamento. Il contributo base d allacciamento è esigibile nel momento in cui iniziano i lavori di costruzione dell impianto di depurazione o delle condotte di evacuazione. Questo contributo si applica sulle superfici edificabili in vigore. Gli ampliamenti di superfici edificabili dovuti a eventuali revisioni della pianificazione sono soggetti al contributo base d allacciamento. Questo è esigibile entro un anno dall entrata in vigore della nuova pianificazione. Il contributo supplementare è esigibile per i nuovi fabbricati nel momento in cui viene rilasciata la licenza edilizia e per i fabbricati esistenti, quando è data la possibilità d allacciamento. I contributi d allacciamento stabiliti provvisoriamente o definitivamente devono essere pagati entro 60 giorni dal recapito della rispettiva fattura. In caso di pagamento tardivo, viene calcolato un interesse di mora. Esigibilità e riscossione Art. 28 Art. 29 Art Contributo annuo agl investimenti e tassa annua d utilizzo Il contributo annuo agl investimenti viene riscosso ogni anno per tutti i fabbricati allacciati e per quelli per i quali è stato decretato l obbligo d allacciamento. Esso serve, insieme ai contributi d allacciamento, a coprire i costi di costruzione del rinnovo e dell ampliamento dell impianto di depurazione. Gli edifici singoli di culto (chiese) ed i cimiteri sono esonerati dal pagamento del contributo annuo agl investimenti. Per il calcolo del contributo annuo agl investimenti degl edifici allacciati, fa stato il valore attuale del fabbricato secondo la stima ufficiale. Le tasse d utilizzo devono essere pagate per tutti gl immobili allacciati e per quelli per i quali è stato decretato l obbligo d allacciamento. Esse servono a coprire i costi di gestione e di manutenzione. Gli edifici singoli di culto (chiese) ed i cimiteri sono esonerati al pagamento di tasse d utilizzo. Il contributo annuo agl investimenti, la tassa d utilizzo ed eventuali tasse di noleggio per i contatori d acqua diventano esigibili alla fine di ogni anno civile. Se, nel corso dell anno, ha luogo un trapasso di proprietà, i contributi e le tasse devono essere calcolati pro rata al momento del trapasso di proprietà. Al Comune spetta un diritto di pegno legale nei confronti del proprietario fondiario per i contributi e le tasse non pagati e per eventuali provvedimenti sostitutivi in caso di violazione della presente legge. Contributo annuo agl investimenti Tassa d utilizzo Esigibilità e riscossioni

10 Art. 31 IV. Sanzioni penali e rimedi legali Chi viola intenzionalmente o per negligenza la presente legge, gli atti legislativi e le decisioni, emanati in base alla stessa legge, viene punito dal Consiglio comunale con una multa fino a fr. 30'000. Se l autore agisce a scopo di lucro, il Consiglio comunale non è obbligato ad attenersi a questo limite massimo della multa. Le opposizioni contro le tassazioni devono essere inoltrate per iscritto al Consiglio comunale entro 20 giorni dal loro ricevimento. Contro le decisioni del Consiglio comunale, può essere inoltrato ricorso al Tribunale amministrativo cantonale entro 20 giorni dalla notifica. Contro le decisioni d allacciamento e le assegnazioni ad una specifica classe, emanate dal Consiglio comunale, può essere interposto ricorso presso il Tribunale amministrativo cantonale entro 20 giorni dalla notifica. Contravvenzioni e opposizioni Art. 32 V. Disposizioni transitorie La presente legge entra in vigore con l accettazione da parte del popolo. Le sue disposizioni sono applicabili a tutte le domande d allacciamento e progetti di costruzione che, al momento dell entrata in vigore della legge, non sono ancora stati approvati. Per quanto riguarda le tasse d utilizzo per tutto l anno 2005, previste dall art. 18 della Legge sull allacciamento agli acquedotti, alle fognature ed agl impianti di depurazione, i contributi d allacciamento e le tasse d utilizzo del 14 giugno 1987 vengono applicate in via transitoria le seguenti aliquote ridotte: Classe 1: 0.5 del valore di stima attuale (invece dello 0.8 ); Classe 2: 1.0 del valore si stima attuale (invece dell 1.6 ). A partire dal 1 gennaio 2006 farà stato quanto previsto dall ordinanza di applicazione alla presente legge approvata dalla Giunta comunale il 3 ottobre Con l entrata in vigore della presente legge viene abrogata la Legge sull allacciamento agli acquedotti, alle fognature e agl impianti di depurazione, i contributi di allacciamento e le tasse d utilizzo del 14 giugno Entrata in vigore

Regolamento sul trattamento delle acque di scarico

Regolamento sul trattamento delle acque di scarico 1 Regolamento sul trattamento delle acque di scarico APPROVATO DALL ASSEMBLEA COMUNALE DEL 15 DICEMBRE 2011 INDICE I Articolo Generalità Ambito di validità e scopo 1 Compiti del Comune 2 Riserva del diritto

Dettagli

COMUNE DI GRONO CANTONE DEI GRIGIONI REGOLAMENTO DEL COMUNE DI GRONO SULL APPROVVIGIONAMENTO IDRICO

COMUNE DI GRONO CANTONE DEI GRIGIONI REGOLAMENTO DEL COMUNE DI GRONO SULL APPROVVIGIONAMENTO IDRICO CANTONE DEI GRIGIONI COMUNE DI GRONO REGOLAMENTO DEL COMUNE DI GRONO SULL APPROVVIGIONAMENTO IDRICO APPROVATO CON VOTAZIONE POPOLARE IL 25 NOVEMBRE 2012 25.11.2012 Comune di Grono Regolamento approvvigionamento

Dettagli

Comune di Mesocco REGOLAMENTO PER IL PRELEVAMENTO DELLE TASSE DI ALLACCIAMENTO E DELLE TASSE DI EROGAZIONE DELL ACQUA POTABILE

Comune di Mesocco REGOLAMENTO PER IL PRELEVAMENTO DELLE TASSE DI ALLACCIAMENTO E DELLE TASSE DI EROGAZIONE DELL ACQUA POTABILE Comune di Mesocco Cantone dei Grigioni REGOLAMENTO PER IL PRELEVAMENTO DELLE TASSE DI ALLACCIAMENTO E DELLE TASSE DI EROGAZIONE DELL ACQUA POTABILE Pag. 1 di 8 I. Disposizioni generali 3 Art. 1 Contributi

Dettagli

Regolamento comunale acqua potabile

Regolamento comunale acqua potabile Regolamento comunale acqua potabile I. Disposizioni generali Art. 1 - Scopo del regolamento Il presente regolamento disciplina la costruzione, l esercizio, la manutenzione e il finanziamento delle installazioni

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ACQUEDOTTO AGRICOLO PATRIZIALE DI AVEGNO

REGOLAMENTO DELL ACQUEDOTTO AGRICOLO PATRIZIALE DI AVEGNO REGOLAMENTO DELL ACQUEDOTTO AGRICOLO PATRIZIALE DI AVEGNO - 1 - Art. 1 Il Patriziato di Avegno, riconosciuta la necessità di dotare il Comune di un impianto d acqua potabile, sollevandolo da ogni spesa

Dettagli

Comune di Braggio REGOLAMENTO DELL AZIENDA COMUNALE ACQUA POTABILE E FOGNATURA

Comune di Braggio REGOLAMENTO DELL AZIENDA COMUNALE ACQUA POTABILE E FOGNATURA Comune di Braggio Cantone dei Grigioni REGOLAMENTO DELL AZIENDA COMUNALE ACQUA POTABILE E FOGNATURA Regolamento dell azienda comunale acqua potabile e fognatura Pagina 1 di 7 Indice I. DISPOSIZIONI GENERALI...

Dettagli

Comune di Castaneda REGOLAMENTO COMUNALE SULL APPROVVIGIONAMENTO IDRICO

Comune di Castaneda REGOLAMENTO COMUNALE SULL APPROVVIGIONAMENTO IDRICO Comune di Castaneda Cantone dei Grigioni REGOLAMENTO COMUNALE SULL APPROVVIGIONAMENTO IDRICO Regolamento Comunale sull approvvigionamento idrico Pagina 1 di 9 Indice I. DISPOSIZIONI GENARALI... 3 Art.

Dettagli

REGOLAMENTO CANALIZZAZIONI

REGOLAMENTO CANALIZZAZIONI Comune di Soazza Cantone dei Grigioni REGOLAMENTO CANALIZZAZIONI Regolamento canalizzazioni Pagina 1 di 10 Indice I. GENERALITÀ... 3 Art. 1 Giurisdizione... 3 Art. 2 Obbligo di allacciamento... 3 Art.

Dettagli

Comune di Selma. Cantone dei Grigioni

Comune di Selma. Cantone dei Grigioni Comune di Selma Cantone dei Grigioni ORDINANZA PER IL PRELEVAMENTO DELLE TASSE DI ALLACCIAMENTO E DI UTENZA, DELLE CANALIZZAZIONI E DEGLI IMPIANTI COMUNALI DI DEPURAZIONE Ordinanza per il prelevamento

Dettagli

COMUNE DI OSCO REGOLAMENTO AZIENDA ACQUA POTABILE

COMUNE DI OSCO REGOLAMENTO AZIENDA ACQUA POTABILE COMUNE DI OSCO REGOLAMENTO AZIENDA ACQUA POTABILE 1 Art. 1 ISTITUZIONE DELL AZIENDA Il Comune di Osco, e per esso il Municipio, assume il servizio di erogazione dell acqua potabile per Osco e rispettive

Dettagli

Comune di Bissone. Azienda Municipale Acqua Potabile. Regolamento per la distribuzione dell acqua

Comune di Bissone. Azienda Municipale Acqua Potabile. Regolamento per la distribuzione dell acqua Comune di Bissone Azienda Municipale Acqua Potabile Regolamento per la distribuzione dell acqua I Norme generali Art. 1 Costituzione pagina 1 Art. 2 Compiti dell Azienda pagina 1 Art. 3 Definizione del

Dettagli

I Norme generali. L Azienda dell acqua potabile comunale è gestita ed amministrata dal Municipio, tramite la sua Commissione.

I Norme generali. L Azienda dell acqua potabile comunale è gestita ed amministrata dal Municipio, tramite la sua Commissione. I Norme generali Art. 1 Costituzione L Azienda dell acqua potabile del Comune di Brusino Arsizio (in seguito denominata Azienda) è istituita in virtù della Legge cantonale sulla municipalizzazione dei

Dettagli

COMUNE DI ACQUAROSSA REGOLAMENTO SUL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE

COMUNE DI ACQUAROSSA REGOLAMENTO SUL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE COMUNE DI ACQUAROSSA REGOLAMENTO SUL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE Capitolo 1 Disposizioni generali Art. 1 Definizione Il Comune garantisce il servizio di distribuzione dell acqua potabile

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDA ELETTRICA

REGOLAMENTO AZIENDA ELETTRICA Comune di Lostallo Cantone dei Grigioni REGOLAMENTO AZIENDA ELETTRICA Regolamento azienda elettrica Pagina 1 di 12 Indice 1. DISPOSIZIONI GENERALI... 4 1.1 Scopo... 4 1.2 Basi legali... 4 1.3 Applicazione...

Dettagli

Comune di Mesocco. Cantone dei Grigioni

Comune di Mesocco. Cantone dei Grigioni Comune di Mesocco Cantone dei Grigioni ORDINANZA PER IL PRELEVAMENTO DELLE TASSE DI ALLACCIAMENTO E DELLE TASSE ANNUALI PER L UTILIZZAZIONE DELLA CANALIZZAZIONE E DEGLI IMPIANTI DI DEPURAZIONE Ordinanza

Dettagli

REGOLAMENTO RELATIVO ALLE TASSE DI ALLACCIAMENTO E ALLE TARIFFE PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA

REGOLAMENTO RELATIVO ALLE TASSE DI ALLACCIAMENTO E ALLE TARIFFE PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA COMUNE DI MESOCCO CANTONE DEI GRIGIONI REGOLAMENTO RELATIVO ALLE TASSE DI ALLACCIAMENTO E ALLE TARIFFE PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA Regolamento AEC approvato da AC 21.11.2011 Pag. 1 DISPOSIZIONI

Dettagli

COMUNE DI ALTO MALCANTONE

COMUNE DI ALTO MALCANTONE COMUNE DI ALTO MALCANTONE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFUITI del 4 novembre 006 INDICE TITOLO I Disposizioni generali Art. Campo d'applicazione Art. Compiti del Comune Art. Esecuzione Art. 4 Categorie

Dettagli

REGOLAMENTO CANALIZZAZIONI

REGOLAMENTO CANALIZZAZIONI Comune di Lostallo Cantone dei Grigioni REGOLAMENTO CANALIZZAZIONI Regolamento canalizzazioni Pagina 1 di 15 Indice 1 DISPOSIZIONI GENERALI... 4 1.1 SCOPO DEL REGOLAMENTO... 4 1.2 BASI LEGALI... 4 1.3

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDA ACQUA POTABILE (AAP)

REGOLAMENTO AZIENDA ACQUA POTABILE (AAP) Comune di Lostallo Cantone dei Grigioni REGOLAMENTO AZIENDA ACQUA POTABILE (AAP) Regolamento azienda acqua potabile (AAP) Pagina 1 di 13 Indice 1. DISPOSIZIONI GENERALI... 4 1.1 Scopo... 4 1.2 Basi legali...

Dettagli

Comune di Verdabbio REGOLAMENTO DELLE ACQUE DI SCARICO

Comune di Verdabbio REGOLAMENTO DELLE ACQUE DI SCARICO Comune di Verdabbio Cantone dei Grigioni REGOLAMENTO DELLE ACQUE DI SCARICO Verdabbio - Regolamento acque scarico.doc Pagina 1 di 13 Indice 1. DISPOSIZIONI GENERALI... 4 1.1. SCOPO DEL REGOLAMENTO... 4

Dettagli

Comune di Selma REGOLAMENTO PER LE CANALIZZAZIONI

Comune di Selma REGOLAMENTO PER LE CANALIZZAZIONI Comune di Selma Cantone dei Grigioni REGOLAMENTO PER LE CANALIZZAZIONI Regolamento per le canalizzazioni Pagina 1 di 15 Indice I. DISPOSIZIONI GENERALI...4 Art. 1 Scopo...4 Art. 2 Compiti del Comune e

Dettagli

Legge fiscale del Comune di Poschiavo

Legge fiscale del Comune di Poschiavo (approvata dal popolo il 24 novembre 2002 con modifiche del 27 novembre 2005) I. Introduzione Art.1. In applicazione di questa legge il Comune di Poschiavo riscuote le seguenti imposte: - un imposta sul

Dettagli

Modello di pianificazione tasse a copertura dei costi. Yves Quirin

Modello di pianificazione tasse a copertura dei costi. Yves Quirin Modello di pianificazione tasse a copertura dei costi Yves Quirin Indice della presentazione Costi investimento smaltimento acque reflue nei Grigioni Costi investimento per acquedotti nei Grigioni Esigenze

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE CANALIZZAZIONI DEL COMUNE DI MESOCCO

REGOLAMENTO PER LE CANALIZZAZIONI DEL COMUNE DI MESOCCO Comune di Mesocco Cantone dei Grigioni REGOLAMENTO PER LE CANALIZZAZIONI DEL COMUNE DI MESOCCO Regolamento per le canalizzazioni del Comune di Mesocco Pagina 1 di 13 Indice I. DISPOSIZIONI GENERALI...

Dettagli

Regolamento sul trattamento dei rifiuti

Regolamento sul trattamento dei rifiuti Regolamento sul trattamento dei rifiuti APPROVATO DALL ASSEMBLEA COMUNALE DEL 23 NOVEMBRE 2011 1 INDICE I. Generalità Articolo Ambito di validità e scopo 1 Compiti del Comune 2 Informazione 3 Riserva del

Dettagli

COMUNE DI TERRAGNOLO Provincia di Trento REGOLAMENTO COMUNALE. per il servizio di fognatura

COMUNE DI TERRAGNOLO Provincia di Trento REGOLAMENTO COMUNALE. per il servizio di fognatura COMUNE DI TERRAGNOLO Provincia di Trento REGOLAMENTO COMUNALE per il servizio di fognatura Approvato con deliberazione consiliare n. 74 dd. 25.09.1981 Modificato con deliberazione consiliare n. 7 dd. 12.03.2007

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Gestione del Servizio Il servizio di distribuzione dell acqua potabile è affidato dal

Dettagli

Regolamento comunale sulla raccolta e smaltimento dei rifiuti

Regolamento comunale sulla raccolta e smaltimento dei rifiuti Regolamento comunale sulla raccolta e smaltimento dei rifiuti Il Consiglio comunale di Stabio, richiamati: - la legge federale sulla protezione dell ambiente del 7 ottobre 98 (LPAmb), - l ordinanza tecnica

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE ZONE DI PROTEZIONE per la sorgente Acquadisc della frazione di Arvigo (Comune di Calanca)

REGOLAMENTO PER LE ZONE DI PROTEZIONE per la sorgente Acquadisc della frazione di Arvigo (Comune di Calanca) REGOLAMENTO PER LE ZONE DI PROTEZIONE per la sorgente Acquadisc della frazione di Arvigo (Comune di Calanca) In base all art. 0 della Legge federale sulla protezione delle acque (Legge sulla protezione

Dettagli

REGOLAMENTO EDILIZIO. Approvato dal Lod. Dipartimento dell'interno in data 13 giugno 1986. Regolamento Edilizio pag. 1

REGOLAMENTO EDILIZIO. Approvato dal Lod. Dipartimento dell'interno in data 13 giugno 1986. Regolamento Edilizio pag. 1 REGOLAMENTO EDILIZIO Approvato dal Lod. Dipartimento dell'interno in data 13 giugno 1986 Regolamento Edilizio pag. 1 I N D I C E Art. 1 Generalità Art. 2 Domande di costruzione Art. 3 Locali Art. 3 bis

Dettagli

COMUNE DI MAGGIA REGOLAMENTO DELL AZIENDA ACQUA POTABILE COMUNALE

COMUNE DI MAGGIA REGOLAMENTO DELL AZIENDA ACQUA POTABILE COMUNALE COMUNE DI MAGGIA REGOLAMENTO DELL AZIENDA ACQUA POTABILE COMUNALE 1 Capitolo 1 Disposizioni generali Art. 1 Definizione L Azienda Acqua Potabile (in seguito denominata Azienda ) è istituita in virtù della

Dettagli

Il sottoscritto nato a il C.F. residente in prov. c.a.p. via nella qualità di

Il sottoscritto nato a il C.F. residente in prov. c.a.p. via nella qualità di RICHIESTA DI ALLACCIAMENTO ALLA PUBBLICA FOGNATURA PER INSEDIAMENTI DI TIPO RESIDENZIALE, SERVIZI, ATTIVITA COMMERCIALI O DI PRODUZIONE DI BENI DAI QUALI DERIVINO ACQUE REFLUE DOMESTICHE DA METABOLISMO

Dettagli

REGOLAMENTO ACQUEDOTTO PATRIZIALE DEI MONTI DI CORTONE, MADRUNA, COSTA, PIEGN E BOLLE

REGOLAMENTO ACQUEDOTTO PATRIZIALE DEI MONTI DI CORTONE, MADRUNA, COSTA, PIEGN E BOLLE PATRIZIATO DI MOGHEGNO REGOLAMENTO ACQUEDOTTO PATRIZIALE DEI MONTI DI CORTONE, MADRUNA, COSTA, PIEGN E BOLLE PATRIZIATO DI MOGHEGNO REGOLAMENTO PER L'ACQUEDOTTO DEI MONTI DI CORTONE, MADRUNA, COSTA, PIEGN

Dettagli

Istruzioni Politica fondiaria e delle aree edificabili nei Comuni

Istruzioni Politica fondiaria e delle aree edificabili nei Comuni Istruzioni Politica fondiaria e delle aree edificabili nei Comuni Indice 1. Obiettivi... 2 2. Che cosa significa un attiva politica fondiaria e delle aree edificabili, rispettivamente un utilizzazione

Dettagli

Comune di Cama REGOLAMENTO CANALIZZAZIONI

Comune di Cama REGOLAMENTO CANALIZZAZIONI Comune di Cama REGOLAMENTO CANALIZZAZIONI Regolamento canalizzazioni del Comune di Cama pagina 1 INDICE 1. DISPOSIZIONI GENERALI...3 Art. 1 Base legale 3 Art. 2 Canalizzazione pubblica 3 Art. 3 Obbligo

Dettagli

Legge federale concernente una tassa sul traffico pesante commisurata alle prestazioni

Legge federale concernente una tassa sul traffico pesante commisurata alle prestazioni Legge federale concernente una tassa sul traffico pesante commisurata alle prestazioni (Legge sul traffico pesante, LTTP) 641.81 del 19 dicembre 1997 (Stato 1 aprile 2008) L Assemblea federale della Confederazione

Dettagli

Il sottoscritto nato a il C.F. residente in prov. c.a.p. via

Il sottoscritto nato a il C.F. residente in prov. c.a.p. via RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE SCARICO IN PUBBLICA FOGNATURA PER EDIFICI OD INSTALLAZIONI IN CUI SI SVOLGANO ATTIVITA COMMERCIALI O DI PRODUZIONE DI BENI DAI QUALI DERIVINO ACQUE REFLUE INDUSTRIALI Spett.le

Dettagli

Legge federale sui binari di raccordo ferroviario

Legge federale sui binari di raccordo ferroviario Legge federale sui binari di raccordo ferroviario 742.141.5 del 5 ottobre 1990 (Stato 1 gennaio 2010) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 22 ter, 26 e 64 della Costituzione

Dettagli

Convenzione di privativa

Convenzione di privativa Convenzione di privativa per la distribuzione di energia elettrica fra il Comune di Verdabbio e la Azienda elettrica del comune di Cama in seguito denominata Azienda elettrica comunale Cama abbreviato:

Dettagli

COMUNE DI OSTUNI Provincia di Brindisi Servizio Ecologia Ambiente

COMUNE DI OSTUNI Provincia di Brindisi Servizio Ecologia Ambiente COMUNE DI OSTUNI Provincia di Brindisi Servizio Ecologia Ambiente REGOLAMENTO PER LA DISTRIBUZIONE E FORNITURA DELL ACQUA RIGENERATA NELL IMPIANTO DI RIUSO DI OSTUNI Art. 1 ( Oggetto ) Il presente Regolamento

Dettagli

Legge federale sulle abitazioni secondarie

Legge federale sulle abitazioni secondarie Legge federale sulle abitazioni secondarie (Legge sulle abitazioni secondarie, LASec) Disegno del L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 75 e 75b della Costituzione federale

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE DELL AZIENDA ACQUA COMUNALE. (dell 11 aprile 2006) IL CONSIGLIO COMUNALE DI BIASCA. d e c r e t a: CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO GENERALE DELL AZIENDA ACQUA COMUNALE. (dell 11 aprile 2006) IL CONSIGLIO COMUNALE DI BIASCA. d e c r e t a: CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI REGOLAMENTO GENERALE DELL AZIENDA ACQUA COMUNALE (dell 11 aprile 2006) IL CONSIGLIO COMUNALE DI BIASCA - visto il messaggio municipale no. 20 del 17 gennaio 2006; - visti gli articoli 7 lett. f) e 15 e

Dettagli

CITTA DI RAGUSA REGOLAMENTO PER L USO E LA DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE. approvato con delib. del Commissario Straordinario n.

CITTA DI RAGUSA REGOLAMENTO PER L USO E LA DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE. approvato con delib. del Commissario Straordinario n. CITTA DI RAGUSA REGOLAMENTO PER L USO E LA DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE approvato con delib. del Commissario Straordinario n.723 del 25/10/1984 TITOLO I GESTIONE DELL ACQUEDOTTO E SISTEMA DI DISTRIBUZIONE

Dettagli

COMUNE DI BUCCIANO PROVINCIA DI BENEVENTO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA

COMUNE DI BUCCIANO PROVINCIA DI BENEVENTO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA MARCA DA BOLLO COMUNE DI BUCCIANO PROVINCIA DI BENEVENTO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA Riservato all Ufficio ESTREMI DI RIFERIMENTO ARCHIVIAZIONE: Pratica Edilizia: n. Prot. gen. del / / RICHIESTA DI

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO E L AMMINISTRAZIONE

REGOLAMENTO PER L USO E L AMMINISTRAZIONE Bozza del 29.11.2013 (2 passo) REGOLAMENTO PER L USO E L AMMINISTRAZIONE PER L AUTORIMESSA SOTTERRANEA SULL IMMOBILE N. 1615 INTAVOLATA COME DIRITTO A SÉ STANTE E PERMANENTE SUL FONDO N. D NEL REGISTRO

Dettagli

Comune di San Vittore

Comune di San Vittore Comune di San Vittore Cantone dei Grigioni REGOLAMENTO ACQUA POTABILE E INDUSTRIALE SAN VITTORE Regolamento acqua potabile e industriale Pagina 1 di 13 Indice I. NORME GENERALI... 3 Art. 1 Disposizioni

Dettagli

Osservatorio regionale sui rapporti tra pubbliche amministrazioni e imprese

Osservatorio regionale sui rapporti tra pubbliche amministrazioni e imprese OSSERVATORIO REGIONALE SUI RAPPORTI PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E IMPRESE DELLA REGIONE SCHEDE TECNICHE 5.9 AUTORIZZAZIONE AGLI SCARICHI IDRICI 1 1. Ambito di applicazione Il D.Lgs. 152/99, modificato e integrato

Dettagli

COMUNE DI CIVITELLA ALFEDENA

COMUNE DI CIVITELLA ALFEDENA COMUNE DI CIVITELLA ALFEDENA PROVINCIA DI L AQUILA REGOLAMENTO PER LA DISTRIBUZIONE E FORNITURA DELL ACQUA SOMMARIO Art. DESCRIZIONI 1 ALLACCIAMENTI 2 PREVENTIVAZIONE 3 PROPRIETA DELL OPERA 4 CORRISPETTIVO

Dettagli

Allegato 1 Moduli richiesta allacciamento ed esonero da pagamento degli oneri di fognatura e depurazione

Allegato 1 Moduli richiesta allacciamento ed esonero da pagamento degli oneri di fognatura e depurazione REGOLAMENTO DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO SEZIONE C SERVIZI FOGNATURA E DEPURAZIONE Allegato 1 Moduli richiesta allacciamento ed esonero da pagamento degli oneri di fognatura e depurazione Approvato dall'assemblea

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI ALLACCI E SCARICHI IN PUBBLICA FOGNATURA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI ALLACCI E SCARICHI IN PUBBLICA FOGNATURA COMUNE DI POMEZIA (Provincia di ROMA) SEZIONE TUTELA DELL AMBIENTE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI ALLACCI E SCARICHI IN PUBBLICA FOGNATURA Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 94

Dettagli

COMUNE DI VESSALICO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO PUBBLICO DI ACQUEDOTTO COMUNALE

COMUNE DI VESSALICO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO PUBBLICO DI ACQUEDOTTO COMUNALE COMUNE DI VESSALICO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO PUBBLICO DI ACQUEDOTTO COMUNALE Adottato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 9 del 25 maggio 2010 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art.1 Oggetto

Dettagli

L assicurazione obbligatoria delle cure medico-sanitarie

L assicurazione obbligatoria delle cure medico-sanitarie Degna di fiducia Edizione 2012 Assicurazione obbligatoria delle cure medico-sanitarie Regolamento Art. I. In generale Contenuto 1 Base 2 Forme particolari d assicurazione 3 II. III. IV. Rapporto assicurativo

Dettagli

Comune di Lostallo ORDINANZA PER LE TASSE DI ALLACCIAMENTO E LE TARIFFE DI UTILIZZAZIONE DELL ACQUA POTABILE (AAP)

Comune di Lostallo ORDINANZA PER LE TASSE DI ALLACCIAMENTO E LE TARIFFE DI UTILIZZAZIONE DELL ACQUA POTABILE (AAP) Comune di Lostallo Cantone dei Grigioni ORDINANZA PER LE TASSE DI ALLACCIAMENTO E LE TARIFFE DI UTILIZZAZIONE DELL ACQUA POTABILE (AAP) Ordinanza per le tasse di allacciamento e le tariffe di utilizzazione

Dettagli

CGA. Assicurazione delle cure medico-sanitare. (Condizioni generali d assicurazione) Visana SA, vivacare SA. Tel Doc (LAMal) Valide dal 2016

CGA. Assicurazione delle cure medico-sanitare. (Condizioni generali d assicurazione) Visana SA, vivacare SA. Tel Doc (LAMal) Valide dal 2016 CGA (Condizioni generali d assicurazione) Visana SA, vivacare SA Valide dal 2016 Assicurazione delle cure medico-sanitare Tel Doc (LAMal) Indice Pagina 3 I Parte generale 3 3 4 6 7 7 1. Disposizioni generali

Dettagli

LEGGE SULLE IMPOSTE DEL COMUNE DI ROSSA

LEGGE SULLE IMPOSTE DEL COMUNE DI ROSSA Comune di Rossa Cantone dei Grigioni LEGGE SULLE IMPOSTE DEL COMUNE DI ROSSA Legge sulle imposte del comune di Rossa Pagina 1 di 14 Indice I. INTRODUZIONE... 4 Art. 1 Oggetto della legge... 4 Art. 2 Diritto

Dettagli

SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE E GESTIONE DELL ACQUA POTABILE

SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE E GESTIONE DELL ACQUA POTABILE COMUNE DI OPPIDO MAMERTINA CORSO LUIGI RAZZA N. 2 89014 PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA SERVIZI TECNICI COMUNE DI OPPIDO MAMERTINA UFFICIO TECNICO Tel. Ufficio Tecnico: 0966/879108 Centralino: 0966/879111

Dettagli

Regolamento per la definizione agevolata delle entrate tributarie e patrimoniali del Comune

Regolamento per la definizione agevolata delle entrate tributarie e patrimoniali del Comune Regolamento per la definizione agevolata delle entrate tributarie e patrimoniali del Comune Art. 1 Oggetto 1. Il presente regolamento, in forza delle disposizioni contenute nell art. 13 L. 27 dicembre

Dettagli

COMUNE DI PODENZANA. Provincia di Massa Carrara UFFICIO TECNICO. Regolamento comunale degli scarichi di acque reflue domestiche

COMUNE DI PODENZANA. Provincia di Massa Carrara UFFICIO TECNICO. Regolamento comunale degli scarichi di acque reflue domestiche COMUNE DI PODENZANA Provincia di Massa Carrara UFFICIO TECNICO Regolamento comunale degli scarichi di acque reflue domestiche In aree non servite da pubblica fognatura Approvato dal Consiglio Comunale

Dettagli

Comune di Soazza SERVIZIO EROGAZIONE ACQUA POTABILE

Comune di Soazza SERVIZIO EROGAZIONE ACQUA POTABILE Comune di Soazza Cantone dei Grigioni SERVIZIO EROGAZIONE ACQUA POTABILE ORDINANZA PER IL PRELIEVO DEI CONTRIBUTI DI ALLACCIAMENTO E TASSE ANNUALI D UTILIZZAZIONE Ordinanza servizio erogazione acqua potabile

Dettagli

Regione Emilia-Romagna Servizio Tutela e Risanamento Risorsa Acqua

Regione Emilia-Romagna Servizio Tutela e Risanamento Risorsa Acqua Società Metropolitana Acque Torino S.p.A. Concorrente Breve presentazione del soggetto concorrente Il Gruppo SMAT è leader nel campo del servizio idrico integrato nel quale opera progettando, realizzando

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO FOGNATURE

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO FOGNATURE Comune di Roveredo Cantone dei Grigioni REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO FOGNATURE Regolamento per il servizio fognature Pagina 1 di 11 Indice I. GENERALITÀ... 3 Art. 1 Giurisdizione... 3 Art. 2 Obbligo di

Dettagli

LEGGE PER LA DIFFUSIONE DI CANALI ESTERI NEL MOESANO

LEGGE PER LA DIFFUSIONE DI CANALI ESTERI NEL MOESANO Comune di Mesocco Cantone dei Grigioni LEGGE PER LA DIFFUSIONE DI CANALI ESTERI NEL MOESANO Legge per la diffusione di canali esteri nel Moesano Pagina 1 di 5 Indice A. GENERALITÀ... 3 Art. 1 Principio...

Dettagli

Regolamento del Fondo per le energie rinnovabili (RFER) (del 29 aprile 2014)

Regolamento del Fondo per le energie rinnovabili (RFER) (del 29 aprile 2014) Regolamento del Fondo per le energie rinnovabili (RFER) (del 29 aprile 2014) 9.1.7.1.5 IL CONSIGLIO DI STATO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO richiamati: la legge cantonale sull energia dell 8 febbraio

Dettagli

Comune di Selma. Legge fiscale

Comune di Selma. Legge fiscale Comune di Selma Legge fiscale INDICE Art. Pag. I. Disposizioni generali Oggetto 1 4 Diritto sussidiario 2 4 II. Diritto materiale 1. IMPOSTE SUL REDDITO E SULLA SOSTANZA Tasso fiscale 3 5 2. IMPOSTA SUL

Dettagli

Legge sull approvvigionamento elettrico

Legge sull approvvigionamento elettrico Legge sull approvvigionamento elettrico (LAEl) 734.7 del 23 marzo 2007 (Stato 1 gennaio 2009) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 89, 91 capoverso 1, 96 e 97 capoverso

Dettagli

Legge fiscale del Comune di Poschiavo

Legge fiscale del Comune di Poschiavo (basata sulla legge sulle imposte comunali e di culto del Cantone dei Grigioni, approvata dal popolo il 1 giugno 2008) 72.10 1 I. Disposizioni generali Art.1. Il Comune di Poschiavo riscuote le seguenti

Dettagli

Allegato 1 Moduli richiesta allacciamento ed esonero da pagamento degli oneri di fognatura e depurazione

Allegato 1 Moduli richiesta allacciamento ed esonero da pagamento degli oneri di fognatura e depurazione REGOLAMENTO DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO SEZIONE C SERVIZI FOGNATURA E DEPURAZIONE Allegato 1 Moduli richiesta allacciamento ed esonero da pagamento degli oneri di fognatura e depurazione Approvato dall'assemblea

Dettagli

III. - Installazioni interne e apparecchi

III. - Installazioni interne e apparecchi INDICE pagina I. - Norme generali Art. 1 Fornitura d acqua nel Comune 1 Art. 2 Fornitura d acqua fuori Comune 1 Art. 3 Priorità 1 Art. 4 Modo di erogazione 2 Art. 5 Uso dell acqua 2 Art. 6 Interruzione

Dettagli

Oggetto: Richiesta Permesso di Allacciamento di acque reflue Domestiche e/o Assimilabili ed Industriali alla rete fognaria urbana.

Oggetto: Richiesta Permesso di Allacciamento di acque reflue Domestiche e/o Assimilabili ed Industriali alla rete fognaria urbana. ATTIVITA, ARTIGIANALI, Spett.le ACQUE DEL CHIAMPO SpA Servizio Clienti Via Ferraretta, 20 36071 ARZIGNANO Oggetto: Richiesta Permesso di Allacciamento di acque reflue Domestiche e/o Assimilabili ed Industriali

Dettagli

1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO

1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO Art. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento ha per oggetto le procedure, i criteri e le modalità relative al rilascio delle autorizzazioni allo scarico di acque reflue domestiche, di scarichi

Dettagli

Regolamento per l'erogazione dell'acqua potabile

Regolamento per l'erogazione dell'acqua potabile Regolamento per l'erogazione dell'acqua potabile Art. 1 Fornitura di acqua Il comune fornisce l acqua alle condizioni del presente regolamento. Il comune ha il diritto di privativa per la fornitura di

Dettagli

PROVINCIA DI BENEVENTO REGOLAMENTO PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE

PROVINCIA DI BENEVENTO REGOLAMENTO PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE PROVINCIA DI BENEVENTO REGOLAMENTO PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE Art. 1 - Oggetto del Regolamento: 1. Il presente regolamento disciplina le procedure da seguire per

Dettagli

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE (D.lgs. 152/06, L.R. 20/06, DPGRT 46/r del 8.9.2008)

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE (D.lgs. 152/06, L.R. 20/06, DPGRT 46/r del 8.9.2008) 1 ESTREMI DI ISCRIZIONE DELLA DICHIARAZIONE (A CURA DELL UFFICIO) Ufficio ricevente Presentata il Modalità di inoltro Data protocollo Num. Prot fax a mano posta via telematica NUMERO ASSEGNATO ALLA PRATICA

Dettagli

MESSAGGIO MUNICIPALE NO. 72 accompagnante il conto preventivo 2009 dell Azienda acqua potabile Alto Malcantone

MESSAGGIO MUNICIPALE NO. 72 accompagnante il conto preventivo 2009 dell Azienda acqua potabile Alto Malcantone MUNICIPIO MESSAGGIO MUNICIPALE NO. 72 accompagnante il conto preventivo 2009 dell Azienda acqua potabile Alto Malcantone Egregio signor Presidente, gentili ed egregi Consiglieri comunali, INTRODUZIONE

Dettagli

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE FUORI PUBBLICA FOGNATURA D.LGS. 152/1999 COSI COME MODIFICATO DAL D.LGS.

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE FUORI PUBBLICA FOGNATURA D.LGS. 152/1999 COSI COME MODIFICATO DAL D.LGS. DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE FUORI PUBBLICA FOGNATURA D.LGS. 152/1999 COSI COME MODIFICATO DAL D.LGS. 258/2000 Allo Sportello Unico Attività Produttive del Comune di Spazio riservato

Dettagli

Il sottoscritto nato a il C.F. residente in prov. c.a.p. via nella qualità di

Il sottoscritto nato a il C.F. residente in prov. c.a.p. via nella qualità di RICHIESTA DI ALLACCIAMENTO ALLA PUBBLICA FOGNATURA PER INSEDIAMENTI IN CUI SI SVOLGANO ATTIVITA COMMERCIALI O DI PRODUZIONE DI BENI DAI QUALI DERIVINO ACQUE REFLUE ASSIMILABILI ALLE DOMESTICHE D.LGS. 152/2006

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DELLE CANALIZZAZIONI (1 gennaio 1993) INDICE

REGOLAMENTO COMUNALE DELLE CANALIZZAZIONI (1 gennaio 1993) INDICE REGOLAMENTO COMUNALE DELLE CANALIZZAZIONI (1 gennaio 1993) INDICE A. Generalità Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art. 6 Art. 7 Art. 8 Art. 9 Art. 10 Scopo Basi Legali Applicazione Costruzione e manutenzione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI EROGAZIONE DELL ACQUA POTABILE

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI EROGAZIONE DELL ACQUA POTABILE COMUNE DI OGGIONA CON SANTO STEFANO PROVINCIA DI VARESE C.A.P.21040 - C.F. e P.IVA 00309390128 - Tel. 0331/214961 - Fax 216460 e-mail tributi@comune.oggionaconsantostefano.va.it www.comune.oggionaconsantostefano.va.it

Dettagli

COMUNE DI INCISA IN VAL D'ARNO Provincia di Firenze

COMUNE DI INCISA IN VAL D'ARNO Provincia di Firenze COMUNE DI INCISA IN VAL D'ARNO Provincia di Firenze Marca da bollo Є 16, 00 Protocollo Comune copia per il Comune AL Responsabile del Settore c copia per il Denunciante Assetto e Gestione del Territorio

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA RICEZIONE E LA DISTRIBUZIONE DEI PROGRAMMI TV VIA CAVO

REGOLAMENTO PER LA RICEZIONE E LA DISTRIBUZIONE DEI PROGRAMMI TV VIA CAVO REGOLAMENTO PER LA RICEZIONE E LA DISTRIBUZIONE DEI PROGRAMMI TV VIA CAVO CAPITOLO I Norme generali Applicazione Art. 1 Il presente regolamento, regola la costruzione, l esecuzione, la manutenzione e il

Dettagli

del Comune di VARAZZE Viale Nazioni Unite, 5 17019 VARAZZE

del Comune di VARAZZE Viale Nazioni Unite, 5 17019 VARAZZE FAC SIMILE Marca da bollo (1). 14,62 Ill.mo Sig. SINDACO del Comune di VARAZZE Viale Nazioni Unite, 5 17019 VARAZZE Spett.le ARPAL Dipartimento provinciale di Savona Settore Qualità delle Acque superficiali

Dettagli

In virtu dell art. 56 dello Statuto del Comune di Isola (B.U. nn. 15/99 e 8/2000) P R O M U L G O D E C R E T O

In virtu dell art. 56 dello Statuto del Comune di Isola (B.U. nn. 15/99 e 8/2000) P R O M U L G O D E C R E T O OBČINA IZOLA COMUNE DI ISOLA IL SINDACO In virtu dell art. 56 dello Statuto del Comune di Isola (B.U. nn. 15/99 e 8/2000) P R O M U L G O il D E C R E T O sullo smaltimento e sulla depurazione delle acque

Dettagli

Disposizioni Tecniche

Disposizioni Tecniche Disposizioni Tecniche Revisione n.05 del 30/12/2011 Approvate dall A.A.T.O. n.1 Toscana Nord con deliberazione n.20 del 06/12/2011 In vigore dal 1 gennaio 2012 Pagina 1 di 24 INDICE SCHEMI DI INDIVIDUAZIONE

Dettagli

Imposta utili. Dipartimento delle finanze e dell'economia Divisione delle contribuzioni

Imposta utili. Dipartimento delle finanze e dell'economia Divisione delle contribuzioni Imposta utili sugli immobiliari Istruzioni alla compilazione della dichiarazione Dipartimento delle finanze e dell'economia Divisione delle contribuzioni Edizione valida per i trasferimenti a partire dal

Dettagli

24/09/2013. (Dichiarazione sostitutiva dell atto di notorietà ai sensi degli artt. 46 e 47 del D.P.R. 445/2000).

24/09/2013. (Dichiarazione sostitutiva dell atto di notorietà ai sensi degli artt. 46 e 47 del D.P.R. 445/2000). Marca da bollo da 16,00 (ai sensi del D.P.R. 642/1972) (Spazio riservato al Protocollo dell Autorità di Ambito) Prot. n del (Spazio riservato al Protocollo del Comune o Gestore) Prot. n del Mod. 01/Ass.

Dettagli

Comune di Lostallo. Cantone dei Grigioni. Legge fiscale

Comune di Lostallo. Cantone dei Grigioni. Legge fiscale Comune di Lostallo Cantone dei Grigioni Legge fiscale Indice I. Disposizioni generali art. 1 Disposizioni generali art. 2 Diritto sussidiario II. Diritto materiale 1. IMPOSTE SUL REDDITO E SULLA SOSTANZA

Dettagli

Legge fiscale del Comune di Bregaglia

Legge fiscale del Comune di Bregaglia Legge fiscale del Comune di Bregaglia REVISIONE PARZIALE (ART. 7 c) VOTAZIONE PER URNA DEL 9 GIUGNO 2013 INDICE I. DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Oggetto Art. 2 Diritto sussidiario II. DIRITTO MATERIALE

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI FOGNATURA

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI FOGNATURA COMUNE DI CARANO PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI FOGNATURA Approvato con deliberazione C.C. nr. 23 dd. 31.03.1987, prot. G.P. Trento nr.4377/2-r dd. 17.06.1987. Modificato con

Dettagli

GUIDA ALLA PRESENTAZIONE DELLA RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE INDUSTRIALI NELLA RETE FOGNARIA PUBBLICA

GUIDA ALLA PRESENTAZIONE DELLA RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE INDUSTRIALI NELLA RETE FOGNARIA PUBBLICA 1 AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI ARCOLA UFFICIO AMBIENTE 1 sito internet: www.comune.arcola.sp.it e.mail: sportelloscarichi@comune.arcola.sp.it GUIDA ALLA PRESENTAZIONE DELLA RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLO

Dettagli

Legge federale concernente gl impianti elettrici a corrente forte e a corrente debole

Legge federale concernente gl impianti elettrici a corrente forte e a corrente debole Legge federale concernente gl impianti elettrici a corrente forte e a corrente debole (Legge sugli impianti elettrici, LIE) 1 734.0 del 24 giugno 1902 (Stato 1 agosto 2008) L Assemblea federale della Confederazione

Dettagli

Al Sig. Sindaco del Comune di Faenza bollo

Al Sig. Sindaco del Comune di Faenza bollo Al Sig. Sindaco del Comune di Faenza bollo Protocollo numero (viene apposto dall Archivio comunale) Faenza, / / (data di compilazione) Oggetto: domanda di autorizzazione allo scarico di acque reflue industriali

Dettagli

SETTORE LAVORI PUBBLICI - AMBIENTE

SETTORE LAVORI PUBBLICI - AMBIENTE COMUNE DI COGOLETO PROVINCIA DI GENOVA Via Rati 66 Tel. 010/91701 Fax 010/9170225 C.F. 80007570106 P.I. 00845470103 SETTORE LAVORI PUBBLICI - AMBIENTE Istanze di autorizzazione per scarichi derivanti da

Dettagli

REGOLAMENTO SUL CIMITERO

REGOLAMENTO SUL CIMITERO Comune di Selma Cantone dei Grigioni REGOLAMENTO SUL CIMITERO Regolamento sul cimitero Pagina 1 di 12 Indice I. GENERALITÀ...4 II. SORVEGLIANZA E AMMINISTRAZIONE...4 Art. 1 Base legale...4 Art. 2 Autorità

Dettagli

Ordinanza sulle tasse riscosse in applicazione della legge federale sulla esecuzione e sul fallimento

Ordinanza sulle tasse riscosse in applicazione della legge federale sulla esecuzione e sul fallimento Ordinanza sulle tasse riscosse in applicazione della legge federale sulla esecuzione e sul fallimento (OTLEF) 281.35 del 23 settembre 1996 (Stato 1 gennaio 2011) Il Consiglio federale svizzero visto l

Dettagli

Comune di Castaneda Cantone dei Grigioni LEGGE SULLE IMPOSTE DEL COMUNE DI CASTANEDA

Comune di Castaneda Cantone dei Grigioni LEGGE SULLE IMPOSTE DEL COMUNE DI CASTANEDA Comune di Castaneda Cantone dei Grigioni LEGGE SULLE IMPOSTE DEL COMUNE DI CASTANEDA 1 I. DISPOSIZIONI GENERALI 3 ART. 1 OGGETTO 3 ART. 2 DIRITTO SUSSIDIARIO 3 II. DIRITTO MATERIALE 3 1. IMPOSTE SUL REDDITO

Dettagli

Sistemi di Fognature o Sistemi di Drenaggio Urbano

Sistemi di Fognature o Sistemi di Drenaggio Urbano Sistemi di Fognature o Sistemi di Drenaggio Urbano Insieme integrato di opere idrauliche atte a raccogliere, convogliare e allontanare dalle zone urbanizzate le acque reflue domestiche ed industriali,

Dettagli

11.1.3.2. Pubblicato nel BU 2008, 212. Oggetto. Scopo. Organi. Competenza. serie I/2008 1

11.1.3.2. Pubblicato nel BU 2008, 212. Oggetto. Scopo. Organi. Competenza. serie I/2008 1 11.1.3.2 Convenzione intercantonale sulla sorveglianza, l autorizzazione e la ripartizione dei proventi delle lotterie e delle scommesse gestite sul piano intercantonale o su tutto il territorio della

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEGLI SCARICHI DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE E ASSIMILATE IN RECAPITO DIVERSO DALLA PUBBLICA FOGNATURA

REGOLAMENTO COMUNALE DEGLI SCARICHI DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE E ASSIMILATE IN RECAPITO DIVERSO DALLA PUBBLICA FOGNATURA REGOLAMENTO COMUNALE DEGLI SCARICHI DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE E ASSIMILATE IN RECAPITO DIVERSO DALLA PUBBLICA FOGNATURA Art. 1 Oggetto Il presente regolamento ha per oggetto le procedure di autorizzazione

Dettagli