Legge sulle fognature del Comune di Poschiavo (approvata dal popolo il 27 novembre 2005)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Legge sulle fognature del Comune di Poschiavo (approvata dal popolo il 27 novembre 2005)"

Transcript

1 Legge sulle fognature del Comune di Poschiavo (approvata dal popolo il 27 novembre 2005) Art. 1. Art. 2. Art. 3. I. Disposizioni generali La presente legge vale per l intero territorio comunale. Sulla base della Legge edilizia e del piano generale di urbanizzazione, essa disciplina la costruzione, la sorveglianza, l utilizzazione, la manutenzione, il rinnovo ed il finanziamento degl impianti di evacuazione e di depurazione delle acque di scarico, nonché i rapporti tra i proprietari fondiari ed il Comune. Per gl impianti di evacuazione e di depurazione delle acque di scarico pianificati e sistemati nell ambito di una pianificazione di quartiere fanno stato le disposizioni della Legge edilizia concernenti la pianificazione di quartiere. Nella misura in cui mancano prescrizioni particolari, sono determinanti le disposizioni della presente legge anche nella procedura del piano di quartiere. Per gl immobili che non possono essere allacciati agl impianti comunali, l autorità comunale competente può autorizzare o disporre l allacciamento agl impianti di evacuazione e di depurazione delle acque di scarico di un comune confinante o ad un impianto privato. Il Comune allestisce, rispettivamente aggiorna il piano generale delle fognature. Esso si occupa della sistemazione e della gestione degl impianti di evacuazione delle acque di scarico e del trattamento delle acque luride. Il Comune allestisce e aggiorna il piano catastale delle fognature pubbliche. L estensione territoriale degl impianto di evacuazione e di depurazione delle acque si regola secondo il piano di urbanizzazione generale. Il Comune regola la costruzione degl impianti privati di evacuazione e di depurazione delle acque e vigila sulla loro efficienza. Se necessario, impone i provvedimenti d urgenza. Tutte le spese per gl impianti privati di depurazione sono a carico dei diretti interessati. Nella misura in cui la presente legge non contiene disposizioni particolari, fanno generalmente stato le prescrizioni relative alla Legge edilizia comunale. Rimangono, inoltre, riservate le rispettive prescrizioni del diritto federale e cantonale. Viene emanata un ordinanza d applicazione dalla Giunta comunale che fissa i contributo d allacciamento, i contributi annui agl investimenti e le tasse di utilizzo. Campo d applicazione e scopo Compiti del Comune Diritto applicabile

2 Art. 4. Art. 5. Art. 6. II. Trattamento delle acque di scarico 1. Disposizioni generali Sono considerate acque di scarico, ai sensi della presente legge, tutte le acque alterate dall uso domestico, industriale, artigianale, agricolo o altro (acque luride), le acque meteoriche o di altra natura che scorrono da superfici edificate e pavimentate quali strade, piazze ecc. (acque chiare). Le acque luride prodotte nel perimetro delle fognature devono essere immesse nelle condotte pubbliche. Rimangono riservate le prescrizioni particolari concernenti il trattamento delle acque di scarico artigianali ed industriali. Le acque luride prodotte fuori dal perimetro delle fognature devono essere trattate utilizzando le migliori tecniche disponibili, secondo le rispettive prescrizioni federali e cantonali nonché dopo aver consultato l Ufficio cantonale per l ambiente. Le acque chiare devono essere eliminate mediante infiltrazioni o, laddove le condizioni locali non lo permettano, possono essere immesse in un sistema di evacuazione, rispettivamente in un corso d acqua. Senza esplicito permesso del proprietario di un impianto di depurazione, è proibito immettere le acque chiare nel sistema di tubazioni che le conducono all impianto stesso. Le interruzioni o limitazioni nella consegna idrica, anticipatamente note, devono essere comunicate tempestivamente agl interessati. Gl impianti di evacuazione e di depurazione della acque di scarico vengono suddivisi in impianti pubblici e in impianti privati. Quali impianti pubblici s intendono gl impianti realizzati e gestiti dal Comune, come le condotte per le acque di scarico, gli sfioratori, gl impianti di pompaggio, i bacini per le acque piovane e le stazioni di depurazione. Quali impianti privati s intendono gl impianti e le condotte di evacuazione realizzati e gestiti da privati. Entro il perimetro della fognatura pubblica, tutti gli edifici con approvvigionamento idrico devono essere allacciati ad un impianto di depurazione. Le acque luride devono essere immesse nelle condotte pubbliche. Rimangono riservate le prescrizioni particolari concernenti l allacciamento di edifici agricoli, siti fuori dal perimetro delle fognature, con e senza abitazione e locali di servizio. Sono pure riservate le prescrizioni concernenti il trattamento delle acque di scarico che non soddisfano le esigenze per l immissione nella fognatura pubblica. Edifici nuovi o esistenti, siti fuori dalle zone edificabili (al di fuori del perimetro della fognatura) devono essere allacciati ad un impianto di depurazione privato se sono provvisti di approvvigionamento idrico e se l allacciamento è tecnicamente e finanziariamente possibile (durezza particolare). Categorie di acque di scarico Suddivisione degl impianti di evacuazione e di depurazione delle acque di scarico Obbligo di allacciamento

3 Art. 7. Le acque luride che non possono ancora essere introdotte in un sistema di depurazione pubblico vanno immesse in un impianto di depurazione semplice o in una vasca senza scarico opportunamente dimensionata. Non appena diventa possibile l allacciamento ad un impianto di depurazione, gl impianti provvisori devono essere disattivati entro il termine di un anno ad eccezione dei separatori d olio e grasso, nonché degl impianti per il pretrattamento delle acque di scarico artigianali o industriali. Si ha durezza particolare, ai sensi della presente legge, quando le spese dell allacciamento superano il 3% del valore di stima attuale del fabbricato o dei fabbricati interessati. Nel caso di accertata durezza particolare, il Consiglio comunale decide se decretare o meno l obbligo di allacciamento. Se lo fa, la spesa eccedente il 3% del valore attuale del fabbricato, rispettivamente dei fabbricati, viene assunta dal Comune che avrà diritto al rimborso totale o parziale nel caso in cui entro 10 anni l immobile o gl immobili dovessero subire un aumento del valore di stima attuale. L autorizzazione per l allacciamento è concessa nella procedura di rilascio della licenza edilizia. Il Comune dispone il luogo e il tipo d allacciamento e controlla l esecuzione dello stesso. Il Consiglio comunale può decretare l obbligo di allacciamento, entro e fuori dalla zona abitabile, quando le condizioni tecniche e finanziarie lo permettono. Per condizioni tecniche s intende la possibilità del collettore di ricevere ulteriori acque (dimensionamento) e la relativa distanza, mentre per condizioni finanziarie s intende un costo non sproporzionato al valore dell immobile (durezza particolare). Allacciamento Art. 8. Art Costruzione ed utilizzazione Tutti gl impianti di evacuazione e di depurazione delle acque di scarico devono essere eseguiti e gestiti a regola d arte e conformemente alle direttive delle associazioni professionali del ramo. Per quanto nella presente legge manchino particolari prescrizioni tecniche, l Autorità edilizia ordina le disposizioni necessarie nella procedura di rilascio della licenza edilizia. In questo contesto essa può attenersi alle relative norme e raccomandazioni delle associazioni professionali. Gl impianti privati di evacuazione e di depurazione delle acque di scarico nonché tutte le riparazioni necessarie possono essere eseguiti soltanto da personale specializzato. Le acque luride immesse nella fognatura pubblica devono essere di natura tale da non recare danno agl impianti o creare problemi alla loro manutenzione. Principio Acque di scarico inquinante (acque luride): disposizione generali

4 Art. 10. Art. 11. Art. 12. Nel rilasciare le autorizzazioni di allacciamento vanno osservate le prescrizioni relative alla legislazione federale e cantonale sulla protezione delle acque, in particolare le prescrizioni sul pretrattamento e l evacuazione delle acque luride che non soddisfano le esigenze per l immissione nella fognatura o che non sono idonee ad essere trattate in un impianto di depurazione. Le acque luride provenienti da aziende artigianali e industriali che non soddisfano le esigenze per l immissione nella fognatura pubblica possono essere immesse in quest ultima soltanto se prima vengono preventivamente trattate per mezzo di apposite stazioni di depurazione, giusta le disposizioni dell Ufficio cantonale per l ambiente. Se, per ragioni particolari, le acque luride provenienti da aziende artigianali e industriali non possono essere messe nelle fognature pubbliche (problemi tecnici o di particolare qualità dell acqua), le stesse devo essere trattate o eliminate, giusta le disposizioni dell Ufficio cantonale per l ambiente. Le acque luride che contengono sabbia e fanghi, oli minerali e significative quantità di grassi e oli organici, devono essere prima immesse nei rispettivi separatori. È vietato immettere nelle fognature qualsiasi tipo di rifiuto solido urbano. È pure proibito mettere nelle fognature liquidi particolarmente aggressivi che possono essere di danno al buon funzionamento degl impianti di depurazione. In caso di dubbio sulla qualità del liquido immesso, l Autorità edilizia decide in merito alla possibilità d immissione dopo avere richiesto una presa di posizione dell Ufficio cantonale per l ambiente. Se per la decisione è necessaria una perizia, i rispettivi costi vanno a carico del richiedente. Le acque chiare devono essere eliminate mediante infiltrazione o immesse direttamente nelle condotte appositamente realizzate. Se non è possibile né evacuazione diretta nelle apposite tubazioni, le acque chiare possono essere immesse nelle condotte delle acque luride, previo permesso del Consiglio comunale. In linea di principio, l acqua piovana che scorre da superfici edificate o pavimentate va considerata acqua chiara se proviene: a) da tetti; b) da strade, sentieri e piazzali sui quali non vengono scaricate, lavorate e depositate sostanze suscettibili di inquinare le acque. Le acque chiare, con deflusso permanente, come le acque di fontane e d infiltrazione, le acque freatiche e di sorgente, l acqua non potabile e di raffreddamento da industria e artigianato non possono essere immesse direttamente o indirettamente negl impianti di depurazione senza esplicito permesso del Consiglio comunale. Il Comune può obbligare i proprietari di edifici già esistenti ad evacuare le acque chiare non inquinate, giusta il cpv. 1, risp. 3, se ciò risulta opportuno ed esigibile, a spese del interessato. Acque luride artigianali e industriali Rifiuti Acque di scarico non inquinante (acque chiare)

5 Art. 13. Art. 14. Le acque luride vanno immesse nelle fognature tramite condotte sotterranee stagne. Dev essere possibile controllare e pulire le condotte di allacciamento. A tale scopo, ogni allacciamento privato dev essere munito di un pozzetto di controllo. Fino al pozzetto di controllo, le acque luride e le acque chiare devono, in ogni caso, essere convogliate in tubi separati. Se motivi tecnici (ad es. differenze d altezze) non permettono un deflusso diretto dell edificio alla condotta, il proprietario è obbligato a provvedervi tramite un impianto di pompaggio. I proprietari d impianti privati devono evitare, a proprie spese, un eventuale riflusso dalle condotte pubbliche. Condotte di allacciamento Impianti di pompaggio Art. 15. Art. 16. Art. 17. Art Esercizio, manutenzione e rinnovo Tutti gl impianti di evacuazione e di depurazione delle acque di scarico devono essere gestiti, sorvegliati, mantenuti e controllati in modo appropriato. I proprietari sono responsabili dell esercizio e della manutenzione ineccepibile dei loro impianti. In caso di cattivo funzionamento essi sono tenuti ad avvisare l autorità comunale competente. Gl impianti di depurazione privati devono essere gestiti secondo le prescrizioni del fabbricante. I fanghi provenienti da quest impianti devono essere smaltiti, giusta le disposizioni del Comune e conformemente al piano cantonale di smaltimento dei fanghi. Se vengono smaltiti tramite il Comune, quest ultimo riscuote un contributo alle spese di smaltimento. Tutti gl impianti e le condotte d acqua di scarico devono essere puliti periodicamente. Il Comune può eseguire la pulizia delle condotte private dietro compensazione. I separatori devono essere svuotati secondo le esigenze almeno, però, una volta all anno. I residui devono essere smaltiti conformemente alla legge e non possono, per alcuna ragione, essere immessi nella fognatura o nelle acque di superficie. Il Comune verifica periodicamente lo stato dei propri impianti e sorveglia gl impianti privati di evacuazione e di depurazione delle acque di scarico. Alle persone incaricate dei controlli, dev essere concesso l accesso agl impianti. Gli incaricati del Comune hanno diritto di accedere sui fondi privati in cui si trovano gl impianti di evacuazione delle acque sia per la pulizia che per la manutenzione degli stessi. Eventuali danni vanno immediatamente eliminati o risarciti. Gestione degl impianti Pulizia degl impianti e smaltimento dei residui Controllo degl impianti Diritto d accesso

6 Art. 19. I proprietari degl impianti privati di evacuazione e di depurazione rispondono nei confronti del Comune dei danni agl impianti pubblici causati da costruzioni difettose, insufficiente funzionamento o cattivo esercizio e manutenzione degl impianti privati. Il Comune risponde, per contro, dei danni causati agl impianti privati dall esercizio, dalla manutenzione e dalla riparazione inadeguate degl impianti comunali. Responsabilità Art. 20. Art. 21. III. Finanziamento 1. Principio Il Comune riscuote contributi e tasse secondo il principio della causalità a copertura dei costi per la costruzione, l esercizio, la manutenzione ed il rinnovo (risanamento, sostituzione) degl impianti pubblici di evacuazione e di depurazione delle acque di scarico. Il calcolo e l imposizione dei contributi di allacciamento, dei contributi annui agl investimenti e delle tasse di utilizzo avvengono giusta le prescrizioni della presente legge e devono essere commisurati i costi. Variazioni delle tariffe devono essere giustificate e motivate da una diminuzione, rispettivamente da un aumento dei costi effettivi determinati secondo il principio dell alto finanziamento dei costi degl impianti pubblici. Il conto per il trattamento delle acque di scarico è tenuto quale finanziamento speciale. L aggiornamento delle tariffe viene deciso dalla Giunta in base ai preventivi e ai consuntivi. I casi di durezza particolare riguardanti i contributi di allacciamento, i contributi annui agli investimenti e le tasse di utilizzo vengono decisi dal Consiglio comunale. Il Consiglio comunale decreta l obbligo di costruzione di un impianto privato di depurazione dove l interesse pubblico lo richiede. Fanno stato le leggi cantonali e federali sulla protezione delle acque. Le spese per gl impianti privati di evacuazione e di depurazione delle acque di scarico nonché le spese per i rispettivi allacciamenti alla rete pubblica vanno a carico dei richiedenti. Gli allacciamenti predisposti dal Comune vengono messi in conto alla consegna dell autorizzazione di allacciamento. Se gli allacciamenti e le condotte servono a più fondi, tutti i costi ad essi legati devono essere equamente ripartiti fra gli interessati. Nella procedura di piano di quartiere devono essere definite, fra i proprietari, le ripartizioni delle spese per gli allacciamenti alle condotte pubbliche conformemente alla legge edilizia. Impianti pubblici Impianti privati

7 Art. 22. Per la determinazione dei contributi e delle tasse, vengono stabilite due classi di costruzioni che producono acque da depurare: a) Classe 1: costruzioni con bassa e media produzione di acque di depurazione b) Classe 2: costruzioni con alta produzione di acque di depurazione per le quali viene installato un contatore sull allacciamento all acqua potabile. Per quanto riguarda l assegnazione di costruzioni ad una specifica classe e per quanto riguarda i contatori fa stato quanto disposto nella legge comunale sugli acquedotti. In caso di divergenza tra il consumo di acqua potabile e la produzione di acque di depurazione, l assegnazione di un immobile ad una classe diversa per la fognatura viene fatta dal Consiglio comunale. Classi di costruzioni Art. 23. Art Contributi d allacciamento all impianto di depurazione I contributi d allacciamento si suddividono in: a) contributo base d allacciamento, che viene determinato con un importo calcolato sulla superficie edificabile. b) contributo supplementare d allacciamento, determinato in base al valore dell immobile e in base alla classe. Gli edifici singoli di culto (chiese) ed i cimiteri sono esonerati dal pagamento di contributi d allacciamento. L importo del contributo base d allacciamento viene determinato moltiplicando la superficie edificabile (area di contribuzione) per il contributo base d allacciamento per metro quadro, fissato nell ordinanza d applicazione relativa a questa legge. Dove la legge edilizia prevede un indice di sfruttamento, questo, moltiplicato con l intera superficie della parcella, da l area di contribuzione. Per la zona turismo e per la zona campeggio vale l indice di sfruttamento previsto dalla legge edilizia per la zona vacanze. Per la zona costruzioni accessorie vale l indice di sfruttamento della rispettiva particella. Dove la legge edilizia non prevede un indice di sfruttamento l area di contribuzione deve essere calcolata sulla base della costruzione esistente, in modo proporzionato alla possibilità di sfruttamento della particella assoggetta. La decisione spetta al Consiglio Comunale. L importo del contributo base è della metà se le fognature non sono ancora allacciate agl impianti di depurazione. L altra metà sarà incassata non appena eseguito l allacciamento. Contributi di allacciamento Contributi base d allacciamento

8 Art. 25. Art. 26 L importo del contributo supplementare d allacciamento viene determinato moltiplicando il valore attuale della stima ufficiale dell immobile per la percentuale della relativa classe dell immobile fissata nell ordinanza d applicazione relativa a questa legge L assegnazione di un immobile ad una specifica classe viene fatta dal Consiglio comunale in modo conforme all ordinanza d applicazione della presente legge. Se un edificio comprende locali la cui destinazione sottostà a differenti classi, l edificio sarà attribuito, per quanto concerne il contributo d allacciamento, alla classe alla quale sottostà la maggior superficie lorda dei locali. A parità di superficie, l edificio sarà attribuito alla classe inferiore. I contributi supplementari d allacciamento per gli edifici allacciati per la prima volta agl impianti di evacuazione e di depurazione delle acque di scarico del Comune, si calcolano in base al valore attuale dei fabbricati, tenor stima ufficiale. Concorrono a formare il valore di stima attuale, oltre al fabbricato principale, tutti gli annessi e le altre costruzioni che servono da completamento all uso dell edificio principale e che si trovano in zona edificabile o in zona per costruzioni accessorie. Fabbricati siti fuori zona ma con approvvigionamento idrico e, quindi, con l obbligo d allacciamento, vengono tassati allo stesso modo di quelli siti entro il perimetro delle fognature. Anche i fabbricati agricoli, siti fuori dalla zona edificabile, vengono tassati a meno che non siano esenti dall obbligo d allacciamento in base alla legislazione cantonale e federale. In caso di miglioramenti, trasformazioni ed ampliamenti di edifici già allacciati, il proprietario è tenuto a pagare una tassa d allacciamento supplementare basata sull aumento del valore in base alla differenza fra il valore di stima attuale prima e dopo i lavori. La stima ufficiale dev essere aggiornata entro un anno dall ultimazione dei lavori, su incarico del proprietario. Nel caso che il valore di stima commerciale di un fabbricato soggetto a contributo sia meno della metà del valore di stima attuale, il calcolo del contributo d allacciamento viene fatto sul valore commerciale e non sul valore attuale. Qualora l edificio venisse riattato, ampliato o comunque migliorato e il valore commerciale fosse superiore alla metà del valore di stima attuale, il contributo d allacciamento verrà conguagliato applicando l aliquota al valore di stima attuale. I contributi d allacciamento supplementari per nuovi edifici, nonché i contributi supplementari in caso di ampliamento di edifici esistenti, vengono stabiliti provvisoriamente con il rilascio della licenza edilizia sulla base delle indicazioni relative alla domanda di costruzione. L imposizione definitiva avviene dopo ricezione della stima ufficiale aggiornata. Nel caso di ampliamenti o trasformazioni, questa dev essere richiesta dal proprietario entro un anno dall occupazione. Contributi supplementari d allacciamento Imposizione

9 Art. 27 I contributi per il primo allacciamento di edifici esistenti vengono stabiliti con il rilascio dell autorizzazione d allacciamento. Il contributo base d allacciamento è esigibile nel momento in cui iniziano i lavori di costruzione dell impianto di depurazione o delle condotte di evacuazione. Questo contributo si applica sulle superfici edificabili in vigore. Gli ampliamenti di superfici edificabili dovuti a eventuali revisioni della pianificazione sono soggetti al contributo base d allacciamento. Questo è esigibile entro un anno dall entrata in vigore della nuova pianificazione. Il contributo supplementare è esigibile per i nuovi fabbricati nel momento in cui viene rilasciata la licenza edilizia e per i fabbricati esistenti, quando è data la possibilità d allacciamento. I contributi d allacciamento stabiliti provvisoriamente o definitivamente devono essere pagati entro 60 giorni dal recapito della rispettiva fattura. In caso di pagamento tardivo, viene calcolato un interesse di mora. Esigibilità e riscossione Art. 28 Art. 29 Art Contributo annuo agl investimenti e tassa annua d utilizzo Il contributo annuo agl investimenti viene riscosso ogni anno per tutti i fabbricati allacciati e per quelli per i quali è stato decretato l obbligo d allacciamento. Esso serve, insieme ai contributi d allacciamento, a coprire i costi di costruzione del rinnovo e dell ampliamento dell impianto di depurazione. Gli edifici singoli di culto (chiese) ed i cimiteri sono esonerati dal pagamento del contributo annuo agl investimenti. Per il calcolo del contributo annuo agl investimenti degl edifici allacciati, fa stato il valore attuale del fabbricato secondo la stima ufficiale. Le tasse d utilizzo devono essere pagate per tutti gl immobili allacciati e per quelli per i quali è stato decretato l obbligo d allacciamento. Esse servono a coprire i costi di gestione e di manutenzione. Gli edifici singoli di culto (chiese) ed i cimiteri sono esonerati al pagamento di tasse d utilizzo. Il contributo annuo agl investimenti, la tassa d utilizzo ed eventuali tasse di noleggio per i contatori d acqua diventano esigibili alla fine di ogni anno civile. Se, nel corso dell anno, ha luogo un trapasso di proprietà, i contributi e le tasse devono essere calcolati pro rata al momento del trapasso di proprietà. Al Comune spetta un diritto di pegno legale nei confronti del proprietario fondiario per i contributi e le tasse non pagati e per eventuali provvedimenti sostitutivi in caso di violazione della presente legge. Contributo annuo agl investimenti Tassa d utilizzo Esigibilità e riscossioni

10 Art. 31 IV. Sanzioni penali e rimedi legali Chi viola intenzionalmente o per negligenza la presente legge, gli atti legislativi e le decisioni, emanati in base alla stessa legge, viene punito dal Consiglio comunale con una multa fino a fr. 30'000. Se l autore agisce a scopo di lucro, il Consiglio comunale non è obbligato ad attenersi a questo limite massimo della multa. Le opposizioni contro le tassazioni devono essere inoltrate per iscritto al Consiglio comunale entro 20 giorni dal loro ricevimento. Contro le decisioni del Consiglio comunale, può essere inoltrato ricorso al Tribunale amministrativo cantonale entro 20 giorni dalla notifica. Contro le decisioni d allacciamento e le assegnazioni ad una specifica classe, emanate dal Consiglio comunale, può essere interposto ricorso presso il Tribunale amministrativo cantonale entro 20 giorni dalla notifica. Contravvenzioni e opposizioni Art. 32 V. Disposizioni transitorie La presente legge entra in vigore con l accettazione da parte del popolo. Le sue disposizioni sono applicabili a tutte le domande d allacciamento e progetti di costruzione che, al momento dell entrata in vigore della legge, non sono ancora stati approvati. Per quanto riguarda le tasse d utilizzo per tutto l anno 2005, previste dall art. 18 della Legge sull allacciamento agli acquedotti, alle fognature ed agl impianti di depurazione, i contributi d allacciamento e le tasse d utilizzo del 14 giugno 1987 vengono applicate in via transitoria le seguenti aliquote ridotte: Classe 1: 0.5 del valore di stima attuale (invece dello 0.8 ); Classe 2: 1.0 del valore si stima attuale (invece dell 1.6 ). A partire dal 1 gennaio 2006 farà stato quanto previsto dall ordinanza di applicazione alla presente legge approvata dalla Giunta comunale il 3 ottobre Con l entrata in vigore della presente legge viene abrogata la Legge sull allacciamento agli acquedotti, alle fognature e agl impianti di depurazione, i contributi di allacciamento e le tasse d utilizzo del 14 giugno Entrata in vigore

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

REGOLAMENTO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE

REGOLAMENTO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE Etra S.p.A. Energia Territorio Risorse Ambiente REGOLAMENTO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE Approvato dall Assemblea di ATO Brenta il 26 aprile 2010 con deliberazione n. 2 INDICE TITOLO I Disposizioni generali...

Dettagli

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALL'ALLACCIAMENTO ED AMMISSIONE AL SERVIZIO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE PER SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NELLA RETE FOGNARIA PROVENIENTI DA UN INSEDIAMENTO RESIDENZIALE (La

Dettagli

Risanamento delle tubazioni dall interno

Risanamento delle tubazioni dall interno La soluzione di oggi per le tubazioni di ieri: Risanamento delle tubazioni dall interno Costi inferiori fino al 50% niente demolizioni, niente sporco, niente macerie nessuna interruzione nella gestione

Dettagli

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Edificio Ai sensi dell art. 3 del ordinanza sul Registro federale degli edifici e delle abitazioni, l edificio è definito come segue: per

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n..

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n.. DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE CHE NON RECAPITANO NELLA RETE FOGNARIA (La domanda dovrà essere compilata su carta legale o resa legale). Al Signor Sindaco del Comune

Dettagli

ACQUEDOTTO PUGLIESE S.p.A. Regolamento del Servizio Idrico Integrato

ACQUEDOTTO PUGLIESE S.p.A. Regolamento del Servizio Idrico Integrato ACQUEDOTTO PUGLIESE S.p.A. Regolamento del Servizio Idrico Integrato REGOLAMENTO DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO INDICE CAPO I CONDIZIONI GENERALI Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art. 6 Art. 7 Art. 8

Dettagli

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 74 del 30.11.2009 ESECUTIVO DAL 28.12.2009

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

Condizioni generali di BKW Energie SA per la fornitura di energia elettrica a consumatori finali con libero accesso alla rete

Condizioni generali di BKW Energie SA per la fornitura di energia elettrica a consumatori finali con libero accesso alla rete Condizioni generali di BKW Energie SA per la fornitura di energia elettrica a consumatori finali con libero accesso alla rete CG di BKW I per la fornitura di energia elettrica a consumatori finali con

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

REGOLAMENTO per la disciplina del Servizio Idrico Integrato nell Ambito Territoriale Ottimale della Provincia di Brescia

REGOLAMENTO per la disciplina del Servizio Idrico Integrato nell Ambito Territoriale Ottimale della Provincia di Brescia Allegato 2 alla Deliberazione n. 2 dell Assemblea Consortile dell 8 maggio 2009 REGOLAMENTO per la disciplina del Servizio Idrico Integrato nell Ambito Territoriale Ottimale della Provincia di Brescia

Dettagli

Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa. Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : /

Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa. Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : / Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : / GARDA UNO SPA Spazio per timbro e data di protocollo Via I. Barbieri, 20 25080 PADENGHE s/g

Dettagli

Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti

Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti (Legge sul Tribunale federale dei brevetti; LTFB) Avamprogetto del... L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto l articolo 191a capoverso

Dettagli

del 19 giugno 1992 (Stato 1 gennaio 2014)

del 19 giugno 1992 (Stato 1 gennaio 2014) Legge federale sulla protezione dei dati (LPD) 235.1 del 19 giugno 1992 (Stato 1 gennaio 2014) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 95, 122 e 173 capoverso 2 della Costituzione

Dettagli

Come leggere la bolletta dell acqua

Come leggere la bolletta dell acqua LE GUIDE DI IREN ACQUA GAS Come leggere la bolletta dell acqua Guida alla bolletta dell acqua a contatore per uso domestico LE GUIDE DI IREN ACQUA GAS La tariffa dell acqua per uso domestico Da quando

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO OGGETTO : PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO PER L AREA D1 DELLA ZONA P1.8 DEL P.R.G.C. RIF. CATASTALI : FOGLIO 26 MAPP.NN.232(ex36/a), 233(ex37/a, 112, 130, 136, 171,

Dettagli

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia LIFE+ PROJECT ACRONYM ETA-BETA LIFE09 ENV IT 000105 Scheda n 1 Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia emissioni

Dettagli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI In collaborazione con Assessorato Aree Cittadine e Consigli di Zona Consigli Quanto costa comprar casa CASA: LE TASSE DA

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003)

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003) Sezione della logistica Repubblica e Cantone Ticino Via del Carmagnola 7 Dipartimento delle finanze e dell'economia 6501 Bellinzona Divisione delle risorse Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

CITTA DI AOSTA VILLE D AOSTE REGOLAMENTO DELL ACQUEDOTTO

CITTA DI AOSTA VILLE D AOSTE REGOLAMENTO DELL ACQUEDOTTO ACQUEDOTTO CITTA DI AOSTA VILLE D AOSTE REGOLAMENTO COMUNALE DELL ACQUEDOTTO CITTÀ DI AOSTA REGOLAMENTO COMUNALE DELL ACQUEDOTTO Via Parigi 196 11100 Aosta Tel. 0165.300.600 - Fax: 0165.554.961 www.comune.aosta.it

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

Legge federale per la protezione degli stemmi pubblici e di altri segni pubblici

Legge federale per la protezione degli stemmi pubblici e di altri segni pubblici Legge federale per la protezione degli stemmi pubblici e di altri segni pubblici 232.21 del 5 giugno 1931 (Stato 1 agosto 2008) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, in virtù degli articoli

Dettagli

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera (Legge sulla cittadinanza, LCit) 1 141.0 del 29 settembre 1952 (Stato 1 gennaio 2013) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera,

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive

AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive Bollo 14,62 AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE STRUTTURE DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE (COM 4A - D.A. 8/5/2001) Ai sensi della L.r.

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere 2.09 Contributi Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Questo promemoria fornisce informazioni sui contributi che i lavoratori indipendenti

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

Regolamento FAR. Valido dal 1.1.2014

Regolamento FAR. Valido dal 1.1.2014 Regolamento FAR Regolamento concernente le prestazioni e i contributi della Fondazione per il pensionamento anticipato nel settore dell edilizia principale (Fondazione FAR) Valido dal 1.1.2014 STIFTUNG

Dettagli

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI»

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Avellino a cura del dr. Pasquale Trocchia Dirigente del Ministero dell Interno Responsabile delle

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA L Amministrazione Città metropolitana di Roma Capitale, con sede in Roma,

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale Tra le parti (per le persone fisiche, riportare: nome e cognome; luogo e data di nascita; domicilio e codice fiscale. Per le persone

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

Legge federale sul lavoro nell industria, nell artigianato e nel commercio

Legge federale sul lavoro nell industria, nell artigianato e nel commercio Legge federale sul lavoro nell industria, nell artigianato e nel commercio (Legge sul lavoro, LL 1 ) 822.11 del 13 marzo 1964 (Stato 1 dicembre 2013) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera,

Dettagli

REGOLAMENTO DEI SERVIZI DI FOGNATURA E DEPURAZIONE

REGOLAMENTO DEI SERVIZI DI FOGNATURA E DEPURAZIONE COMUNE di SAMBUCA DI SICILIA Provincia Regionale di Agrigento REGOLAMENTO DEI SERVIZI DI FOGNATURA E DEPURAZIONE Il CAPO AREA TECNICA Geom. Maniscalco Giovanni PREMESSA In forza della sopravvenuta legge

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi degli articoli 41 e 42 L.R. 11.03.2005 n.12 e successive modifiche ed integrazioni

Dettagli

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA Studio Tecnico Geometri SAPINO Giuseppe e PEDERZANI Fabio Via Pollano, 26 12033 MORETTA (CN) - tel. 0172.94169 fax 172.917563 mail: gsapino@geosaped.com fpederzani@geosaped.com P.E.C.: giuseppe.sapino@geopec.it

Dettagli

RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B

RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B L articolo 2 commi da 39 a 46 del D.L. 262/2006 conv. L. 286/2006 aveva previsto per gli enti locali

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

Note esplicative Rassegne stampa cartacee/elettroniche

Note esplicative Rassegne stampa cartacee/elettroniche A f f i n c h é l a t t o c r e a t i v o o t t e n g a i l g i u s t o r i c o n o s c i m e n t o ProLitteris Società svizzera per i diritti degli autori d arte letteraria e visuale, cooperativa Note

Dettagli

I.U.C. Imposta Unica Comunale

I.U.C. Imposta Unica Comunale COMUNE DI MARCON I.U.C. Imposta Unica Comunale Con la Legge n. 147/2013 (Legge di stabilità 2014) è stata istituita a decorrere dal 01/01/2014 l Imposta Unica Comunale (IUC). L imposta unica comunale (IUC)

Dettagli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli 008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Indice Preambolo... 3 A Direttive generali... 4 Art. Base legale... 4 Art. Oggetto... 5 B

Dettagli

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE Articolo 1 Oggetto e Ambito di applicazione dell Accordo Le autorità

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale obbligatoria (LPP) in Svizzera Stato gennaio 2015 Sommario Il 2 pilastro nel sistema previdenziale svizzero 3 Obbligo

Dettagli

GUIDA AL VERSAMENTO DELLA TASSA RIFIUTI SOLIDI URBANI

GUIDA AL VERSAMENTO DELLA TASSA RIFIUTI SOLIDI URBANI GUIDA AL VERSAMENTO DELLA TASSA RIFIUTI SOLIDI URBANI Chi deve pagare la Tassa Smaltimento Rifiuti Solidi Urbani? Tutti coloro che occupano,utilizzano o dispongono di locali e di aree scoperte a qualsiasi

Dettagli

Regolamento per l utilizzo delle aree verdi comunali e di libero accesso ;

Regolamento per l utilizzo delle aree verdi comunali e di libero accesso ; Allegato A RICHIESTA AFFIDAMENTO AREE VERDI COMUNALI E RIDUZIONE TARES OGGETTO: Richiesta affidamento area verde comunale e riduzione TARES. Il sottoscritto.. nato a il.. residente a in Via.. n... CHIEDE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma

Comune di Mentana Provincia di Roma BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI A SOSTEGNO DEL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNUALITA FINANZIARIA 2013 IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA - VISTO l articolo 11 della

Dettagli

meglio descritte nella relazione tecnica allegata

meglio descritte nella relazione tecnica allegata Modello 05: Spazio riservato all Ufficio Protocollo Marca da bollo 14,62 Al Dirigente del Settore II Comune di Roccapalumba Oggetto: l sottoscritt nat a ( ) il / / residente a ( ) in via n. C.F. in qualità

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008 CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 febbraio 2008 OGGETTO: Profili interpretativi emersi nel corso della manifestazione Telefisco 2008 del 29 Gennaio 2008 e risposte ad

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato PROVINCIA DI ROMA Regolamento Servizio di Economato Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 1111 dell 1 marzo 1995 Aggiornato con delibera del Consiglio Provinciale n. 34 del 12 luglio 2010

Dettagli

Arkema France Condizioni generali di vendita

Arkema France Condizioni generali di vendita Arkema France Condizioni generali di vendita Ai fini delle presenti Condizioni Generali di Vendita (di seguito CGV ), il termine Venditore indica Arkema France, Acquirente indica la persona a cui il Venditore

Dettagli

LA CARTA DEGLI INVESTIMENTI

LA CARTA DEGLI INVESTIMENTI LA CARTA DEGLI INVESTIMENTI Articolo 1 Son fissati, conformemente alle disposizioni del secondo alinea dell art. 45 della Costituzione, gli obiettivi fondamentali dell azione delo Stato, per i prossimi

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1

Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1 Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1 Il regolamento (CE) n. 181/2011 (in appresso il regolamento ) entra in vigore il 1 marzo 2013. Esso prevede una serie minima di diritti dei

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

VASCHE DI PRIMA PIOGGIA

VASCHE DI PRIMA PIOGGIA Criteri di progettazione, realizzazione e gestione VASCHE DI PRIMA PIOGGIA e VASCHE DI LAMINAZIONE nell ambito dei sistemi fognari GETTO FINALE gno - 1d disegno - 5d disegno - 4d GETTO FINALE ASPIRAZIONE

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2)

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) Il/La sig./soc. (1) di seguito denominato/a locatore (assistito/a da (2) in persona

Dettagli

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI:

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI: COMUNE DI FINALE EMILIA (Provincia di Modena) P.zza Verdi, 1 41034 Finale Emilia (Mo) Tel. 0535-788111 fa 0535-788130 Sito Internet: www.comunefinale.net SERVIZIO URBANISTICA E EDILIZIA PRIVATA AUTOCALCOLO

Dettagli

2. Quali persone sono assoggettate all imposta alla fonte? 3. Quali prestazioni sono assoggettate all imposta alla fonte?

2. Quali persone sono assoggettate all imposta alla fonte? 3. Quali prestazioni sono assoggettate all imposta alla fonte? Kanton Zürich Finanzdirektion Scheda informativa per i dipendenti assoggettati all imposta alla fonte nel Cantone di Zurigo Valida dal 1 gennaio 2015 Kantonales Steueramt Dienstabteilung Quellensteuer

Dettagli

Direttive della CAV PP D 02/2013

Direttive della CAV PP D 02/2013 italiano Commissione di alta vigilanza della previdenza professionale CAV PP Direttive della CAV PP D 02/2013 Indicazione delle spese di amministrazione del patrimonio Edizione del: 23.04.2013 Ultima modifica:

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI Art. 1 Oggetto. Il Comune di Varedo, nell ottica di garantire una sempre maggiore attenzione alle politiche sportive e ricordando i principi ispiratori del

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

818.61. Ordinanza. 1 Campo d applicazione e definizioni. del 17 giugno 1974

818.61. Ordinanza. 1 Campo d applicazione e definizioni. del 17 giugno 1974 Ordinanza concernente il trasporto e la sepoltura di cadaveri presentanti pericolo di contagio come anche il trasporto di cadaveri in provenienza dall estero e a destinazione di quest ultimo 818.61 del

Dettagli

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 Sommario 1. Inquadramento normativo generale 2. Trasferimenti di fabbricati 3. terreni edificabili 4. terreni agricoli 5. Successioni

Dettagli

Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali

Regolamento per l assegnazione dei contributi per edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi e per centri civici e sociali Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali attrezzature culturali e sanitarie." (Deliberazioni del Consiglio

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA ARGOMENTI DA TRATTARE: DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

GUIDA per la richiesta dei CERTIFICATI URBANISTICI e le Visure di Piano Regolatore

GUIDA per la richiesta dei CERTIFICATI URBANISTICI e le Visure di Piano Regolatore ROMA CAPITALE Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Permessi di costruire Ufficio Sala Visure e Certificazioni Urbanistiche Viale della

Dettagli

Gli oneri concessori

Gli oneri concessori Laboratorio di di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Modulo di Estimo Integrazione al costo di produzione: gli oneri concessori Proff. Coll. Renato Da Re Federica Di Piazza Gli oneri concessori

Dettagli