PROPOSTA DI VARIANTE AL PIANO DEGLI INVESTIMENTI. Relazione Tecnica Settori Fognatura e Depurazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROPOSTA DI VARIANTE AL PIANO DEGLI INVESTIMENTI. Relazione Tecnica Settori Fognatura e Depurazione"

Transcript

1 PROPOSTA DI VARIANTE AL PIANO DEGLI INVESTIMENTI Relazione Tecnica Settori Fognatura e Depurazione 1.1 Premessa La proposta di variante è stata sviluppata per l intero periodo del piano con l obiettivo di rivedere la pianificazione degli interventi ed i relativi costi in maniera più puntuale almeno per il primo periodo del piano ( ). In pratica, tenendo conto che il 2006 è alle spalle, si è guardato ad un orizzonte temporale che abbraccia i primi dieci anni del piano, dopodiché ogni previsione è soltanto indicativa in quanto un analisi approfondita degli interventi e delle strategie di lungo periodo costituirebbe oggi un operazione puramente teorica. Nel breve medio periodo (anni ) sono previsti prevalentemente: - interventi di collettamento di centri e nuclei non depurati; - realizzazione di nuovi depuratori e potenziamento di alcuni depuratori esistenti; - estensione dei sistemi di telecontrollo che, sebbene di limitata entità in termini economici se rapportati al totale degli investimenti, permettono però un sensibile miglioramento sia in termini di qualità dei servizi erogati che di economicità della gestione; - realizzazione dell impianto di essiccamento dei fanghi presso il depuratore di Jesi - completamento delle attività conoscitive dello stato di fatto delle infrastrutture; - manutenzione straordinaria delle opere esistenti. Il medio lungo periodo (anni ) è invece caratterizzato prevalentemente da: - manutenzione straordinaria delle opere esistenti; - estensioni reti fognarie e collettamenti non prioritari; - adeguamento degli impianti principali ai limiti per lo scarico in area sensibile; - realizzazione di piccoli impianti di trattamento per frazioni e nuclei marginali; - ulteriori potenziamenti non prioritari di depuratori esistenti. Quanto pianificato nel medio lungo periodo andrà adeguamente riverificato tra qualche anno alla luce degli effettivi sviluppi urbanistici e demografici, di eventuali evoluzioni normative, della progressiva conoscenza dello stato di fatto conseguente alle attività conoscitive, di approfondite valutazioni costi benefici e, con riferimento al potenziamento di impianti esistenti, alla luce degli effetti realmente conseguiti, in termini di carichi e portate addotte a depurazione, con gli interventi di collettamento previsti nel primo periodo del piano. 1

2 1.2 Gli interventi per criticità Rispetto alle tipologie di intervento si riporta il quadro generale con evidenziate le variazioni previste. Tipologia di intervento nel piano vigente Criticità Proposta di variante Realizzazione nuova rete fognaria per incremento copertura B1 Confermata Realizzazione nuovi impianti di sollevamento B1 B2 E5 Confermata Realizzazione nuovi collettori per allacciamento reti fognarie a impianto di depurazione Ampliamento potenzialità impianti di depurazione esistenti B2 B3 E5 Confermata Confermata Realizzazione nuovi impianti di depurazione B2 B3 E5 Confermata Realizzazione comparti di nitro denitro e defosfatazione, potenziamento linea acque Sostituzione clorazione con raggi UV Manutenzione straordinaria delle opere, adeguamenti tecnologici, ricostruzione e ripristino opere esistenti Raddoppio sollevamenti strategici per evitare il fermo impianti Videoispezioni e modellazioni reti. Attenuazione impatti scolmatori e riduzione ingressi acque bianche dei fossi in fognatura Realizzazione e manutenzione sistemi di telecontrollo Attività di rilievo, riferimento e caricamento dati su GIS Adeguamenti impianti elettrici, antincendio e dispositivi di sicurezza B3 B3 C7 E3 C7 C7 E2 D1 E1 E2 E4 Confermata ma in parte posticipata al secondo periodo del piano Confermata ma posticipata al secondo periodo del piano Confermata ma distribuita in maniera più uniforme negli anni Non confermata. Confermate. La modellazione reti è traslata al secondo periodo del piano. Confermata Confermata Confermata Confermata Dismissione impianti non più funzionali E5 Confermata Gruppi elettrogeni di emergenza E6 Non confermata. Strumentazione e sistemi di automazione E6 Confermata Impianto e unità mobili di disidratazione meccanica dei fanghi E5 solo l impianto di essiccamento fanghi. B1 Estensione della rete fognaria insufficiente Rispetto a questa criticità sono confermati gli interventi finalizzati all estensione reti. Occorre però segnalare che le previsioni di estensione per i singoli comuni sono da intendersi come riferimenti puramente indicativi e che si potranno avere localmente scostamenti oggi non prevedibili ne 2

3 quantificabili in quanto dipendenti da specifiche valutazioni costi benefici che verranno fatte caso per caso, tenuto anche conto che la lunghezza media procapite di 4 m/ab è un valore medio di Ambito ma può subire localmente scostamenti non trascurabili. Non si ritiene pertanto significativo in questa fase mettere in discussione le singole estensioni di rete previste per i vari comuni. Va poi tenuto conto che il confine tra reti di raccolta e collettori non è così facilmente individuabile, anche laddove vi sono progetti già definiti, per cui è spesso difficile affermare quanti km di condotte sono da attribuirsi a reti di raccolta e quanti km di condotte sono da attribuirsi a collettamenti. Sulle previsioni di km di condotte si rimanda al p.to 1.4 della presente relazione mentre per quanto riguarda la copertura del servizio fognatura si può confermare l obiettivo del piano vigente che prevede di portare la copertura del servizio dall attuale 85% al 90%. B2 Le reti di raccolta non sono depurate Anche gli interventi di collettamento a depurazione delle reti fognarie non depurate sono confermati, pur con singole variazioni rispetto alle previsioni del piano vigente. Si ribadiscono le riserve già espresse al punto precedente evidenziando inoltre che in questa fase i tracciati di molti collettori sono ancora da valutare nel dettaglio per cui a parecchie voci del piano sono state associate lunghezze di condotte di larga massima. Sulle previsioni di km di condotte per il collettamento dei reflui verso impianti esistenti o da realizzarsi e sulle previsioni di AE collettabili a depurazione si rimanda al p.to 1.4 della presente relazione. Si riporta poi di seguito il quadro riepilogativo di confronto tra il piano vigente e la proposta di variante per quanto concerne le previsioni impiantistiche. Comune PIANO VIGENTE Tipologia A.E. Centri serviti PROPOSTA VARIANTE Agugliano Ancona Nuovo impianto 500 Massignano Fabriano Nuovo impianto delocalizzato in sostituzione dell esistente 35. Capoluogo e frazioni Fabriano Nuovo impianto 1. Frazioni Fabriano Nuovo impianto 1. Frazioni Genga Nuovo impianto Genga 3 Nuove fosse imhoff Capoluogo e frazioni Frazioni Previsto un impianto da 600 AE per le frazioni La Chiusa Molino e relativa zona industriale Previsto un impianto da 200 AE. Da valutare la possibilità di collettamento Massignano al depuratore di Camerano. Annullato in quanto prevista ristrutturazione e potenziamento di quello esistente per riportarlo ai 35. AE di progetto. Per il frazionale previsti due piccoli impianti per complessivi 300 AE. Confermati nuovi impianti per una potenzialità complessiva di circa AE. Un impianto da 700 AE in zona S.Vittore, ed ulteriori impianti (numero e taglie singolae da definire) 3

4 Monterado Offagna Nuovo impianto 2. Capoluogo Ostra Nuovo impianto consortile 24. Ripe, Corinaldo, Castel Colonna, Ostra, Ostra Vetere, Barbara Polverigi Nuovo impianto 1. Frazioni Staffolo Nuovo impianto Capoluogo Staffolo Nuovo impianto 1. Le Coste per altri 1. AE. Attivazione depuratore da 700 AE a servizio del capoluogo. un nuovo impianto da AE. con realizzazione in due step successivi: un primo step a 16. AE ed un secondo step a 24. AE. Tutto da valutare il collettamento di Barbara sul nuovo consortile. Previsto nuovo impianto da 5. AE e dismissione impianto di Agugliano lato Polverigi. Verrà valutata anche l ipotesi di collettare tutto al depuratore di Jesi. impianto per il capoluogo da 2. AE e per la frazione Coste da 400 AE. Da valutare possibilità di collettare Coste al depuratore del capoluogo. B3 La potenzialità dei depuratori è insufficiente: depurazione parziale delle reti di raccolta A soluzione della presente criticità sono confermati quasi tutti gli interventi di potenziamento di impianti esistenti previsti dal piano vigente. Alcuni potenziamenti sul lungo periodo sono stati confermati solo a livello di massima in quanto occorrerà rivalutare le effettiva necessità in funzione delle dinamiche urbanistiche e demografiche ed in relazione ai carichi effettivi avviati a depurazione a seguito dei tanti progetti di estensione reti e collettamenti previsti, senza trascurare quelli che saranno effettivamente i carichi veicolati in pubblica fognatura da insediamenti produttivi. In tali casi, nella seguente tabella di raffronto tra le previsioni del piano vigente e la proposta di variante, è riportata la dicitura confermato con riserva. Comune Impianto Impianto Incremento A.E. Potenzialità raggiunta [A.E.] Agugliano Lato Polverigi Belvedere Ostrense Camerano Capoluogo Consortile 18. (11.+7.) 40. Comuni/centri serviti Agugliano lato Polverigi, Polverigi capoluogo Belvedere Ostrense Camerano, Ancona sud Nuova previsione con la variante Annullato. Taglia finale 2. AE.. Castelbellino Consortile Comuni 4

5 (11.+6.) attualmente serviti Cerreto d Esi Monterustico Cerreto d Esi Matelica Zona industriale Matelica, Esanatoglia con riserva. con riserva. Montecarotto Comunale Montecarotto. Monterado Ponte Rio Monterado Monte San Vito Santa Lucia Monte San Vito S.Marcello Montelatiere Capoluogo S.Marcello Cimitero Capoluogo S.Maria Nuova Sassoferrato Serra de Conti Capoluogo S.Maria Nuova Loc. Fornace Consortile ( ) ( ) 9. Sassoferrato Serra de Conti, parte di Arcevia con riserva con riserva con riserva con riserva, con riserva il 2 step Per quanto riguarda gli interventi di potenziamento ed adeguamento degli impianti di depurazione maggiori di 10. AE finalizzati al rispetto dei limiti di tabella 2 Allegato 5 D.Lgs 152/2006 per lo scarico in area sensibile, essi sono stati tutti confermati ma posticipati al secondo periodo del piano in quanto ad oggi le aree non sono classificate sensibili. Analogamente sono stati posticipati al secondo periodo del piano gli interventi di sostituzione, nei depuratori principali, dei sistemi di clorazione con sistemi di filtrazione + trattamento UV, in quanto non obbligatori per legge ed in quanto l applicazione di tali sistemi al depuratore di Ancona sta evidenziando alcune problematiche che suggeriscono ulteriori verifiche gestionali. Si riporta di seguito il quadro di raffronto, per quanto concerne il potenziamento e l adeguamento degli impianti di depurazione > 10. AE tra il piano vigente e la proposta di variante Comune Impianto Tipologia intervento Proposta di variante Ancona Camerano Zipa Consortile Potenziamento e ristrutturazione comparto biologico; nuovo comparto di filtrazione e disinfezione finale con UV Potenziamento e ristrutturazione comparto biologico; nuovo comparto di filtrazione e disinfezione finale con UV ma posticipato al secondo periodo del piano. Castelbellino Consortile Nuovo comparto di filtrazione ma posticipato al secondo 5

6 Falconara M.ma Jesi Senigallia Vallechiara Consortile Senigallia e disinfezione finale con UV Nuovo sedimentatore secondario e nuovo comparto di filtrazione e disinfezione finale con UV Ristrutturazione sistema di aerazione; sostituzione della clorazione con impianto a raggi UV; razionalizzazione del fitodepuratore Realizzazione della terza linea ossidativa; defosfatazione; nuovo comparto di filtrazione e disinfezione finale con UV periodo del piano il nuovo sedimentatore secondario nel primo periodo del piano. ma posticipato al secondo periodo il resto degli interventi. ma posticipato al secondo periodo del piano. Confermata la terza linea ossidativi nel primo periodo del piano. Confermati ma posticipati al secondo periodo del piano gli altri interventi. C7 E3 Impianti con età superiore a vita utile e stato di conservazione dei cespiti definito insufficiente; presenza di componenti con tecnologia obsoleta Reti fognarie e collettori Sono confermati gli interventi finalizzati al rinnovamento di impianti e condotte. Nel Piano Vigente è prevista una percentuale di rinnovamento annua di reti e collettori fognari pari al 0.75 % che corrisponde al rinnovamento annuo di circa 13 km di condotte. Con la proposta di variante sono previsti importi che dovrebbero consentire di confermare tale previsione di rinnovamento. In ogni caso in merito alle previsioni di km di condotte rinnovate si rimanda al p.to 1.4 della presente relazione. L andamento temporale degli interventi è invece stato rivisto. Il Piano Vigente concentra le manutenzioni straordinarie nel secondo periodo, in contrasto con gli stessi indirizzi dichiarati nella relazione tecnica nella quale si ricorda che la manutenzione straordinaria deve essere un processo continuo. La nuova pianificazione è dunque basata su una più uniforme distribuzione temporale degli interventi di manutenzione, non potendo rimandare al secondo periodo del piano interventi indispensabili per la sicurezza dell ambiente e la funzionalità delle reti fognarie, anche alla luce del fatto che queste ultime sono state trascurate per decenni e oggi, in alcuni casi, si trovano in condizioni tali da non poter posticipare ulteriormente gli interventi. Impianti di depurazione Sono confermati gli interventi di manutenzione straordinaria dei depuratori con un andamento temporale leggermente diverso nel senso che si avrà una maggiore omogeneità di interventi nel corso degli anni. Non si prevede la ricostruzione ex novo di impianti obsoleti ma il loro rinnovamento tramite interventi di recupero dell impiantistica esistente, soprattutto con riferimento alle opere civili. Impianti di sollevamento Sono confermati gli interventi di manutenzione straordinaria e rinnovamento degli impianti di sollevamento anche se, rispetto alle previsioni del piano vigente, essi saranno ridotti al minimo indispensabile per garantire funzionalità e sicurezza, pur con qualche ulteriore intervento di miglioramento impiantistico come ad esempio l installazione di sistemi di triturazione in alcuni impianti. Anche qui non si prevede la ricostruzione ex novo di impianti obsoleti ma il loro rinnovamento tramite interventi di recupero dell impiantistica esistente, soprattutto con 6

7 riferimento alle opere civili L andamento temporale è notevolmente diverso rispetto alle previsioni del piano vigente in quanto anche tale tipo di attività non può che essere un processo continuo. Non sono invece confermati gli interventi che prevedono il raddoppio di alcuni sollevamenti strategici in quanto ritenuti non indispensabili a seguito di una più attenta analisi costi/benefici. D1 Fenomeni di allagamento nelle reti di raccolta Sono confermati gli interventi finalizzati ad eliminare problemi di allagamento (realizzazione di sistemi di laminazione, razionalizzazione delle reti attraverso costruzione di nuovi collettori o il potenziamento di quelli esistenti) come pure sono confermati gli interventi per la riduzione degli ingressi di acque bianche dei fossi in fognatura e l attenuazione degli impatti dovuti a sversamenti degli scolmatori nella fascia costiera. E1 Mancanza del sistema di telecontrollo Sono confermati gli investimenti che riguardano l estensione ed il rinnovamento dei sistemi di telecontrollo con riferimento a tutti i depuratori principali, ai depuratori minori ed ai principali impianti di sollevamento. Sono confermati a livello di massima gli obiettivi tecnici previsti nel piano vigente. E2 Scarsa conoscenza del sistema Sono confermati gli interventi relativi al censimento puntuale delle opere di fognatura e depurazione attraverso rilievi di dettaglio con l ausilio, dove necessario, di ispezioni televisive dei collettori e delle reti e la catalogazione delle opere attraverso l utilizzo di un sistema informativo territoriale (SIT). La realizzazione di modelli matematici per la simulazione dei comportamenti idraulici delle reti fognarie dei centri principali è pure confermata ma viene invece posticipata al secondo periodo del piano. E4 Impianti non a norma Sono confermati gli interventi di adeguamento per la messa in sicurezza di impianti di sollevamento e depurazione, con particolare riferimento agli impianti elettrici ed antincendio. Tali interventi sono inclusi nelle voci relative alla manutenzione straordinaria. E5 La funzionalità del sistema può essere migliorata Sono confermati, pur con alcune variazioni rispetto alle previsioni del piano vigente, gli interventi di razionalizzazione del sistema depurativo con dismissioni di piccoli impianti e collettamento dei relativi reflui verso gli impianti esistenti, a volte adeguatamente potenziati per poter sopperire al maggior carico. E altresì confermato lo schema di collettamento consortile a servizio dei comuni di Ripe, Corinaldo, Castel Colonna, Ostra, Ostra Vetere, (con la sola eccezione di Barbara per la quale, al momento, si continua a prevedere il trattamento dei reflui in loco) che recapiterà i reflui al nuovo impianto da realizzarsi. Impianto che verrà realizzato nel comune di Ripe invece che nel comune di Ostra. Di seguito si riporta il raffronto tra le previsioni del piano vigente e la proposta di variante con riferimento ai principali interventi di razionalizzazione del sistema depurativo. PIANO VIGENTE Impianto Comune Scopo dell intervento PROPOSTA VARIANTE 7

8 PIANO VIGENTE Impianto Comune Scopo dell intervento Agugliano lato Vallone S.Antonio Ripe, Corinaldo, Castel Colonna 1 e 2, Ostra Vetere, Barbara Esanatoglia Pian del Morro Crocifisso Cupramontana, Rosora, S.Paolo di Jesi Melano Agugliano Monte S.Vito Ripe, Corinaldo, Castel Colonna, Ostra Vetere, Barbara Esanatoglia Cerreto d Esi Sassoferrato Cupramontana, Rosora, S.Paolo di Jesi Fabriano Dismissione impianto di Agugliano lato Vallone e collegamento con il collettore di Ancona Nord per il collettamento e trattamento dei reflui fino all impianto di Vallechiara Dismissione dell impianto di S.Antonio e collegamento con il collettamento per il trattamento dei reflui fino all impianto di Vallechiara Dismissione degli attuali impianti di Ripe, Corinaldo, Castel Colonna, Ostra Vetere, Barbara a seguito della realizzazione di un sistema di collettamento consortile per il trattamento integrale dei reflui al nuovo impianto di Ostra (Loc. Brunetto). Dismissione dell impianto di Esanatoglia e collettamento verso la rete di Matelica per il trattamento al nuovo depuratore Dismissione dell impianto di Pian del Morro e collettamento verso l impianto di Monterustico. Dismissione dell impianto di Crocifisso e collettamento verso l impianto di Fornaci. Dismissione degli impianti di Cupramontana, Rosora e S.Paolo di Jesi e collettamento verso l impianto di Castelbellino. Dismissione dell impianto di Melano e collettamento verso il depuratore di Fabriano capoluogo. PROPOSTA VARIANTE con la sola eccezione di Barbara, per la quale ad oggi, si continua a prevedere il trattamento in loco. Il nuovo impianto centralizzato non sarà ad Ostra ma a Ripe. La nuova configurazione di depurazione, legata alla razionalizzazione del sistema depurativo, comporterà la dismissione dei seguenti impianti. 8

9 Comune Potenzialità attuale [AE] Agugliano lato Polverigi PIANO ATTUALE Nuovo recapito fognatura afferente al vecchio impianto PROPOSTA DI VARIANTE Nuovo recapito fognatura afferente al vecchio impianto Nuovo impianto a servizio di Polverigi da 5. AE Barbara 800 Consortile Ostra Ad oggi annullato Castel Colonna Capoluogo 450 Consortile Ostra Castel Colonna Le Croci 400 Consortile Ostra Corinaldo Consortile Ostra Ostra Vetere Consortile Ostra Ripe Consortile Ostra Cupramontana 150 Consortile Castelbellino Rosora 500 Consortile Castelbellino San Paolo di Jesi 600 Consortile Castelbellino Fabriano Nuovo impianto Capoluogo Annullato Capoluogo 35. Fabriano Melano 1. Fabriano Capoluogo Sassoferrato Crocifisso 250 Sassoferrato Fornace Agugliano Lato Vallone Consortile Vallechiara Monte San Vito S.Antonio 95 Consortile Vallechiara Cerreto dʹesi Pian del Morro 500 Cerreto d Esi Monterustico Esanatoglia Matelica E inoltre confermata la realizzazione di un impianto di essiccamento termico centralizzato, presso il depuratore di Jesi, per il trattamento dei fanghi di depurazione prodotti dalla quasi totalità degli impianti dell ATO. E6 Carenza di strumentazione e attrezzatura di gestione Sono stati ridimensionati gli investimenti in strumentazione ed attrezzature nel senso che, a parte l acquisto di strumentazione da campo e da laboratorio e di sistemi di automazione che sono confermati, vengono annullate le previsioni di acquisto di gruppi elettrogeni di emergenza e di unità mobili di disidratazione fanghi in quanto al momento non indispensabili alla gestione del servizio. Gli investimenti in strumentazione ed attrezzature, tenuto conto dei modesti importi in gioco e del fatto che alcune attrezzature sono di uso comune del servizio idrico integrato, dal 2007 in avanti sono stati trasferiti negli investimenti generali. 9

10 1.3 I costi utilizzati per i servizi di fognatura e depurazione Rispetto al piano vigente si è evitata l adozione di formule parametriche per il calcolo dei costi delle opere. Ci si è invece riferiti ove possibile ai progetti/appalti in essere per desumere i costi unitari di talune tipologie di opere ed agli andamenti degli esercizi precedenti, rivalutati alla luce delle future previsioni, di altre tipologie di investimenti. Da ciò è emerso quanto segue: - il piano vigente tende a sottostimare in maniera sensibile i costi unitari di realizzazione e rinnovamento reti e collettori; - il piano vigente tende a sottostimare sensibilmente i costi di costruzione degli impianti di depurazione e delle stazioni di sollevamento; - il piano vigente tende a sovrastimare sensibilmente i costi di manutenzione straordinaria/rinnovamento degli impianti di depurazione e delle stazioni di sollevamento. Realizzazione reti fognarie e collettori Il piano vigente prevede un costo unitario medio per l estensione di reti fognarie, calcolato con formule parametriche e nell ipotesi di un diametro medio di 300 mm, pari a circa 160 /m. Per quanto riguarda invece gli interventi di collettamento gli importi associati dal piano vigente ai vari interventi sono stati desunti o da informazioni puntuali di progetto fornite dal gestore oppure da formule parametriche ipotizzando ragionevolmente diametri di progetto e taglie per i sollevamenti. Si ritiene che le formule parametriche adottate, e di conseguenza anche il costo unitario medio assunto per la voce estensione reti tendano a sottostimare in maniera significativa i costi reali. Nella proposta di variante gli importi presunti sono stati desunti dai progetti ed appalti in essere per una parte degli interventi mentre per altri dove non c è ancora una progettualità specifica si è assunto come riferimento un costo unitario medio di 250 /m, senza distinzione tra reti di raccolta e collettori ed ipotizzando un diametro medio di 300 mm. Per una valutazione da parte dell AATO dei nuovi costi unitari medi si rimanda alla relazione allegata Analisi relativa ai costi unitari di realizzazione/rinnovamento condotte fognarie. Rinnovamento reti fognarie e collettori Per quanto riguarda il rinnovamento di reti e collettori il piano vigente prevede un importo complessivo di circa cui corrisponde un obiettivo tecnico di circa 340 km di condotte rinnovate. Da ciò si deduce un costo medio unitario pari a circa 140 /m. Si ritiene tale costo unitario, dedotto da formule parametriche, decisamente sottostimato e, nella proposta di variante, si è assunto un costo medio unitario per rinnovamento pari a circa 280 /m. Per una valutazione da parte dell AATO dei nuovi costi unitari medi si rimanda alla relazione allegata Analisi relativa ai costi unitari di realizzazione/rinnovamento condotte fognarie. Si anticipa fin da subito che i rinnovamenti interesseranno perlopiù vecchie condotte posate in area urbane, caratterizzate da numerosi allacciamenti esistenti, in presenza di altri sottoservizi, in zone pavimentate o asfaltate e soggette a tutte le limitazioni imposte dall operare in un contesto urbano. Va infine tenuto presente che, in occasione dei rinnovamenti, si procede talvolta anche al potenziamento delle condotte esistenti o alla risoluzione di problematiche locali puntuali. Realizzazione di nuovi impianti di depurazione Per quanto concerne la realizzazione di nuovi impianti di depurazione la proposta di variante prevede importi sensibilmente maggiori di quelli adottati nel piano vigente e desunti 10

11 dall applicazione di formule parametriche. Non è stata sviluppata un analisi di carattere generale con riferimento ai costi unitari medi ma ci si è basati sugli importi di alcuni progetti in corso alcuni progetti in corso con i relativi importi che si otterrebbero dall applicazione delle formule parametriche adottate nel piano vigente per capire come queste ultime tendano a sottostimare notevolmente i costi reali di realizzazione. Manutenzione straordinaria impianti di depurazione e stazioni di sollevamento Per quanto concerne le attività di manutenzione straordinaria degli impianti di depurazione e delle stazioni di sollevamento nella proposta di variante i costi risultano sensibilmente inferiori rispetto alle previsioni del piano vigente. I nuovi importi sono stati desunti dall esperienza gestionale pregressa e da quanto mediamente si è reso necessario spendere per mantenere in buone condizioni di funzionalità e sicurezza gli impianti esistenti. Essendo la gestione già da alcuni anni estesa ad un numero rilevante di depuratori e sollevamenti, per lo più di non recente costruzione, si ritengono tali importi più attendibili rispetto a quelli desunti dall applicazione di formule parametriche e dall adozione di ipotesi semplificative necessarie ad una pianificazione di larga scala, lungo periodo e tecnicamente coerente. Ad esempio, nel caso di impianti in cattive condizioni di conservazione, il piano vigente prevede, pur con una riduzione % degli importi, l ipotesi della ricostruzione ex novo dell opera previa demolizione dell esistente. Nella realtà non si prevede invece alcuna demolizione e ricostruzione integrale degli impianti nel periodo considerato ma piuttosto il ripristino dell esistente mediante interventi di recupero delle opere civili e sostituzione dell eletromeccanica al termine della vita utile. 1.4 Considerazioni sugli standard tecnici Parametro tecnico: Estensione di rete fognaria o collettori sostituiti o realizzati. Il piano vigente prevede complessivamente 550 km di rete fognaria e collettori realizzati o sostituiti. Il nuovo piano prevedeva, in prima battuta, circa 628 km complessivi così distribuiti: 243 km di nuove condotte associate alle voci d investimento puntuali 60 km di nuove condotte associate alla voce generale di estensioni e collettamenti 325 km di condotte sostituite o rinnovate Tenendo conto che: - sui km di condotte nei casi di interventi in assenza di progetti specifici si è largheggiato; - che i 325 km di rinnovamento condotte sono desunti dall applicazione di un costo unitario medio non molto cautelativo nel senso che i costi unitari reali potrebbero superare anche sensibilmente i 280 /m visto che si lavorerà perlopiù in zone urbane e diametri importanti con l esigenza frequente di adottare materiali di pregio e magari potenziare le condotte preesistenti; si operata una riduzione di circa il 20% sui km complessivi di nuove condotte al fine di fissare uno standard tecnico che sia effettivamente raggiungibile. Lo standard sul periodo sarebbe pertanto pari a 500 km di condotte realizzate o sostituite. Tra l altro, stante l estrema variabilità dei costi di rinnovamento condotte (come si evince dalla relazione allegata) si rischierebbe sui singoli trienni di fallire ampiamente gli obiettivi tecnici nel 11

12 momento in cui si dovessero rendere necessari più interventi ravvicinati di rinnovamento di grosse condotte in materiali pregiati che assorbirebbero gli importi di manutenzione straordinaria con risultati in termini di km di condotte rinnovate ampiamente sotto la media. Si vuole infine evidenziare che le ipotesi sui diametri medi e sui costi unitari medi dovranno in ogni caso essere riverificate periodicamente e che pertanto lo standard tecnico relativo ai km di rete realizzata o rinnovata dovrà essere elastico e modulabile nel tempo in funzione dei costi unitari effettivi che l azienda dovrà sostenere e quindi dei km effettivi di condotte realizzate o rinnovate che si riusciranno a concretizzare con gli importi previsti nella proposta di variante al piano. Parametro tecnico: Incremento di abitanti equivalenti collettati a depurazione. Il piano vigente prevede complessivamente AE collettati a depurazione. Il nuovo piano, in prima battuta, prevedeva complessivamente AE collettati a depurazione. Tale valore rappresenta tuttavia un valore massimo teorico che è stato stimato ipotizzando, voce per voce del piano, di raccogliere completamente gli scarichi domestici ed industriali delle zone che si andrà a collettare a depurazione con gli interventi di estendimento reti e collettori. Nella realtà ciò non accadrà soprattutto con riferimento agli scarichi di origine produttiva che potrebbero anche trattare autonomamente i priori scarichi e recapitarli su altri ricettori. Si è perciò operata una riduzione di circa il 40% degli obiettivi tecnici associati alle singole voci del piano, per giungere ad uno standard tecnico sul periodo del piano pari a 46. AE. Tenuto conto che attualmente la copertura del servizio depurazione è poco sotto il 70%, con tale obiettivo tecnico si arriverebbe ad una copertura complessiva del servizio dell 80% che, escludendo le case sparse, vorrebbe dire una copertura di circa il 93 94% rispetto a centri e nuclei principali e minori. Parametro tecnico: Realizzazione nuovi impianti e potenziamenti impianti esistenti (AE) Il piano vigente prevede nuovi impianti e potenziamenti per complessivi AE. Sono parallelamente previste dismissioni di impianti esistenti per complessivi AE per cui complessivamente si ha una previsione di incremento effettivo di AE di progetto pari a AE. Con la proposta di variante si prevedono nuovi impianti e potenziamenti per complessivi AE e parallelamente dismissioni per AE. Complessivamente si prevede quindi un incremento effettivo di AE di progetto pari a AE, sostanzialmente in linea con le previsioni del piano vigente. Sullo standard pesa il fatto che nel bilancio del piano vigente il depuratore di Fabriano entra sia nei nuovi impianti (+ 35. AE) sia nelle dismissioni ( 35. AE) in quanto ne è prevista la dismissione e realizzazione ex novo. Nella proposta di variante l impianto non verrà invece dismesso e ricostruito ma più semplicemente recuperato alla sua potenzialità di progetto (35. AE).Potrebbe in realtà essere opportuno adottare come standard tecnico il valore al netto delle dismissioni ( AE) per leggere effettivamente gli incrementi di potenzialità nominale effettiva del sistema depurazione. Si segnala infine che ne il piano vigente ne la proposta di variante tengono conto dei 14. AE che si incrementeranno con l attivazione del depuratore di Matelica. Parametro tecnico: Interventi di adeguamento completati per impianti > 10. AE 12

13 Il piano vigente prevede complessivamente n. 6 interventi. La proposta di variante conferma i 6 interventi anche se risultano perlopiù traslati nel secondo periodo del piano. Parametro tecnico: Nodi idraulici telecontrollati (aumento del numero delle stazioni periferiche di telecontrollo) e centri di acquisizione dati installati. Non vi sono novità rispetto al piano vigente. E stata operata una riduzione del 20% per tener conto del fatto che molti nodi previsti per il servizio acqua reflua riguardano impianti di sollevamento la cui realizzazione è tuttaltro che certa in quanto per molti interventi, non essendoci ancora un vero e proprio progetto, è da verificare l effettiva necessità/opportunità di impianti di sollevamento in relazione alle scelte sui tracciati e alle profondità di posa delle condotte. Lo standard tecnico è complessivo per acqua potabile e reflua ed è assunto pari a 240. Si ricorda che il numero include, come nel piano vigente, sia le nuove realizzazioni che i rinnovamenti. Ancona, 20/06/2007 ***** 13

14 PROPOSTA DI VARIANTE AL PIANO DEGLI INVESTIMENTI Analisi dei costi unitari di realizzazione/rinnovamento condotte fognarie La presente nota è finalizzata a fornire all AATO elementi e valutazioni che hanno portato all assunzione di costi unitari medi di realizzazione/estensione/risanamento condotte fognarie sensibilmente superiori a quelli previsti nel piano vigente. Si riporta di seguito una tabella riepilogativa di interventi relativi a opere recenti, non necessariamente conclusi ma comunque con lavori avviati. Gli importi sono quelli di appalto al netto del ribasso d asta e delle somme a disposizione relative agli imprevisti ed agli accordi bonari in quanto somme disponibili ma che non verranno necessariamente impiegate. Si premette, ma è evidente dalla notevole variabilità dei costi unitari riportati in tabella, che non è stata fatta una selezione arbitraria di interventi costosi ma ci si è semplicemente riferiti ad appalti recenti che consentissero di avere costi sufficientemente attuali ed informazioni tali da condurre una analisi critica dei costi stessi. Denominazione opera lunghezza complessiva intervento materiale e diametro condotta tipologia di posa costo medio di realizzazione (al ml) anno di aggiudicazione note integrative Rinnovamento reti tecnologiche Lamaticci Ancona Rinnovamento reti tecnologiche Lamaticci Ancona Rifacimento delle condotte idriche e fognarie nel centro storico di Senigallia Completamento fognature zona Nord di Ancona Completamento fognature zona Nord di Ancona Completamento fognature zona Nord di Ancona Risanamento collettori fognari Colle Paradiso di Jesi Ghisa DN 400 Ghisa DN 500 gres 600 Ghisa DN PVC DE PVC DE Ghisa DN 1200 su strada comunale su strada comunale 631,90 apr ,72 apr-06 centro storico 1.229,63 lug-06 su strada provinciale su terreno agricolo su terreno agricolo su terreno strada comunale 251,86 giu-05 98,13 giu ,42 giu ,00 Lug-06 collettore con allacci - pavimentazione in porfido e selciato strada con forte pendenza ripristiono totale della strada collettore con allacci - pavimentazione in porfido e selciato strada con forte pendenza - ripristiono totale della strada collettore con allacci - pavimentazione in porfido e selciato fognatura in pressione su strada provinciale completa di sollevamento colletore di collegamento privo di allacci collettore di collegamento privo di allacci colletore di collegamento tra fognature privo di allacci 14

15 Risanamento collettori fognari Colle Paradiso di Jesi 126 Ghisa DN 800 su terreno strada comunale 1.130,01 Lug-06 colletore di collegamento tra fognature privo di allacci Collettori Area CIS 3 stralcio - lotti A e B 12,74 Prevalentemente PVC 315 e 250 su terreno agricolo 122, Gran parte dei lavori eseguiti su terreno agricolo senza particolari difficoltà tecniche da superare Collettore versante Nord Montecarotto 3,20 PVC DN su terreno agricolo 243, collegamento privo di allacci Rifacimento fognario Not Area Collina 2005 Manutenzione straordinaria rete fognaria Not Area Montana 2005 Rifacimento fognario in Via Risorgimento a Moie Completamento opere di collettamento Matelica I lotto Collettori Ostra 4,85 Manutenzione straordinaria rete fognaria NOL Sassoferrato e Matelica 2006 Manutenzione straordinaria rete fognaria rete fognaria Not Area Collina PVC Dn 315 su strada comunale 183, escluse spese tecniche e generali 0, , PVC Dn 315 0,31 Ghisa PVC - Prementi in PEAD Su marciapiede su aree urbanizzate su terreno agricolo 220, escluse spese tecniche e generali 645, , senza particolari difficoltà tecniche da superare 0, , , , Come si può notare la variabilità dei costi unitari è estremamente elevata ed è sostanzialmente legata ai seguenti fattori: tipologia del terreno su cui scavare (agricolo o stradale) tipologia dei terreni attraversati e quindi relative indennità di asservimento tipologia di intervento (estensione o rinnovamento) tipologia della strada attraversata (comunale, provinciale, statale, centro storico, ecc) tipologia del ripristino richiesto dall ente proprietario della strada possibilità o meno di ripartire i costi di ripristino in relazione al fatto che si opera solo su condotte fognarie oppure su più sottoservizi presenza o meno di derivazioni di utenza o di allacci fognari presenza o meno di impianti di sollevamento estensione dell intervento e quindi ribasso conseguibile in fase di gara. 15

16 Pur nella estrema variabilità dei costi unitari si possono in conclusione fare alcune significative considerazioni di carattere generale: i rinnovamenti sono più costosi degli estendimenti in quanto interessano prevalentemente zone urbane, diametri elevati e tratti con presenza di allacciamenti e derivazioni di utenza che richiedono la realizzazione di by pass provvisori; le nuove realizzazioni sono meno costose dei rinnovamenti in quanto possono interessare zone non urbanizzate. D altro canto però possono richiedere la realizzazione di impianti di sollevamento o altri manufatti particolari; i valori più bassi dei costi unitari si riferiscono a situazioni di massima economia legata a: nuove realizzazioni in aperta campagna, grossi appalti (quindi notevoli economie di scala), materiale poco pregiato (PVC), diametro minimo di posa, assenza di allacciamenti o derivazioni, assenza di stazioni di sollevamento o manufatti significativi. Per alcuni di essi non sono tra l altro considerate ne le spese tecniche ne quelle generali di alcun tipo; se in luogo del PVC si usano ghisa o gres i costi unitari crescono notevolmente e si attestano sull ordine di diverse centinaia di /m fino a superare il migliaio di /m per interventi su grandi diametri; i costi unitari sono in crescita rispetto ad alcuni anni fa sia per la crescita dei prezzi di alcuni materiali sia soprattutto per le crescenti richieste degli enti proprietari delle strade (in particolare dei comuni) in merito ai ripristini stradali che incidono notevolmente sui costi complessivi; gli interventi futuri inclusi nella voce generale Altri interventi di estensione reti/collettamento ed eventuali sollevamenti saranno perlopiù modesti estendimenti di condotte in quanto i grossi lavori sono previsti nelle altri voci del piano. Non beneficieranno pertanto delle economie di scala conseguibili con i grossi lavori. Ipotizzando a livello di larga massima che un 70 80% degli interventi futuri riguarderà condotte in materiali plastici (prevalentemente PVC) e un 20 30% circa condotte in materiali più pregiati (ghisa, gres), alla luce dei dati analizzati, delle valutazioni sopra esposte e sulla scorta dell esperienza passata si ritiene ragionevole assumere i seguenti costi unitari medi: 250 /m per la realizzazione di nuove condotte fognarie (ipotizzando un diametro medio di riferimento intorno al 300 e un uso prevalente, ma non esclusivo, di PVC) 280 /m per il rinnovamento/risanamento di condotte fognarie esistenti (ipotizzando un diametro medio intorno al 400). Si ribadisce quanto già espresso nella relazione tecniche e cioè che le ipotesi sui diametri medi e sui costi unitari medi dovranno essere riverificate periodicamente e che pertanto lo standard tecnico relativo ai km di rete realizzata o rinnovata dovrà essere elastico e modulabile nel tempo in funzione dei costi unitari effettivi che l azienda dovrà sostenere e quindi dei km effettivi di condotte realizzate o rinnovate che si riusciranno a concretizzare con gli importi previsti nella proposta di variante al piano. Ancona, 20/06/

17 COLLETTAMENTO E TRATTAMENTO ACQUE REFLUE NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI FABRIANO Strategia di intervento prevista nella proposta di variante al Piano d Ambito e raffronto con le previsioni del piano vigente. 17

18 Indirizzi Generali L ordine di priorità che caratterizza la pianificazione degli interventi è sostanzialmente la seguente: 1. efficacia degli interventi in termini di salvaguarda ambientale, igiene e la salute pubblica; 2. efficacia degli interventi in termini di AE collettati e trattati; 3. contenimento dei costi di gestione e miglioramento dell efficacia depurativa. Situazione attuale degli impianti di trattamento e delle aree servite da depurazione Nel Comune di Fabriano sono attualmente attivi gli impianti di depurazione del Capoluogo (via Bachelet), Albacina e Melano. L impianto relativo al capoluogo serve circa abitanti residenti (anche se i valori di COD ne indicherebbero circa 5.) a cui vanno aggiunti circa 6. abitanti equivalenti da attività produttive, in buona parte riconducibili alla Cartiera Miliani. L area servita è stata evidenziata in azzurro nella planimetria allegata. Parzialmente servita risulta invece l area indicata in verde in quanto il cattivo funzionamento dello scolmatore sul fosso Radichetti convoglia la quasi totalità dei reflui nel Fiume Giano. L impianto di Albacina serve invece circa 450 A.E. mentre quello di Melano circa 150 A.E. Cosa occorre fare Alla luce di quanto finora premesso emerge che nel Comune di Fabriano la priorità è senz altro costituita dal completamento delle opere di collettamento dei diversi quartieri del capoluogo non ancora allacciati al depuratore e dall ampliamento dell impianto di depurazione di via Bachelet, in particolare in termini di carico idraulico. Prendendo in esame i nuclei con un numero di residenti superiore a 100, non dotati di impianto di depurazione, le aree ove intervenire sono invece le seguenti : Attiggio, Collamato, Bassano, San Michele, Argignano, Campodonico, Campodiegoli, Serradica, Cacciano, Cancelli, Bastia, San Donato, Nebbiano, Moscano. Vi sono infine altri piccoli nuclei che assumono una certa rilevanza in quanto località di villeggiatura estiva e tra questi in particolare Poggio San Romualdo. La strategia d intervento per i nuclei minori è basata sui seguenti criteri: 1. contenimento del numero degli impianti di trattamento; 2. eliminazione di piccoli impianti esistenti ove ragionevole da un punto di vista tecnicoeconomico e collettamento ad impianti centralizzati esistenti o di nuova realizzazione; 3. realizzazione di impianti di fitodepurazione per i piccoli nuclei dispersi nella montagna. Si evidenzia inoltre l opportunità di eliminare gli impianti di depurazione di Melano e quello dell Area produttiva Campo dell Olmo, peraltro non ancora attivato. Gli interventi previsti di collettamento Per affrontare le priorità evidenziate sono già in corso alcuni lavori e sono già stati sviluppati alcuni progetti e programmi: 18

19 costruzione di collettori fognari lungo il fiume Giano ed opere di sistemazione idraulica - lavori già in corso, ultimazione prevista nel consentirà di trattare in modo regolare tutta l area indicata in arancione nella planimetri allegata per circa AE (intervento A); completamento ed adeguamento di alcuni collettori fognari: riguarda interventi in via Miliani, Via del Molino e via XIII luglio - esecuzione dei lavori prevista per gli anni 2007 e per n. 2 stazioni di sollevamento e circa 1 Km di collettori - abitanti serviti circa area indicata in verde nella planimetria (intervento B). L intervento consentirà il successivo collettamento delle frazioni Valleremita, Cancelli, Cacciano e Serradica; piano di recupero del centro storico, in attuazione da parte del Comune, inizio presunto dei lavori entro il 2008, permetterà di collettare l area del centro storico evidenziata in rosa nella planimetria allegata - abitanti serviti circa (Intervento C); estendimento della fognatura della frazione Valleremita per superare l area delle sorgenti le quali alimentano buona parte della città di Fabriano. L intervento non crea alcun effetto in termini di depurazione ma consentirà di allontanare gli scarichi dagli attuali punti di recapito e mettere in sicurezza le sorgenti. L intervento è nell ottica del collettamento al depuratore della città e comporterà la realizzazione di circa 1,5 km di condotte (Intervento E1); A seguire l ordine di priorità viene attribuito ad altri interventi sul capoluogo e sulle zone periferiche, con riferimento in particolare all area industriale tra Melano e Marischio, alla zona di sviluppo residenziale di Trigo, all area produttiva tra via Nenni e Campo dell Olmo in zona S. Maria ed all area compresa tra Colle Paganello e la zona S. Maria. Si prevedono pertanto: alla raccolta dei reflui dei nuclei minori interessati dai piani di recupero, al fine di mantenere il finanziamento regionale, comprendente collettori ed impianti per Campodiegoli, Belvedere/Campodonico ed il collettore Paterno/Campo dell Olmo. L intervento è evidenziato in grigio nella planimetria allegata - condotte per circa 9 km, 1 stazione di sollevamento, circa residenti interessati oltre a potenziali 300 AE circa di origine produttiva - (intervento D); conseguentemente ai lavori di cui sopra, ed in subordine al collegamento di Attiggio al nuovo collettore, si procederà alla raccolta dei reflui dell area produttiva compresa tra la Zona Campo d Olmo e via Nenni - condotte per circa 6 km, 1 stazione di sollevamento, circa abitanti residenti interessati oltre a potenziali 500 AE circa di origine produttiva - (intervento D1); il collettamento al depuratore del capoluogo dell area compresa tra la nuova espansione residenziale e quella di Melano, fino ad arrivare ai nuclei di Vallina, Cupo e Bastia condotte per circa 7 km, 1 stazione di sollevamento, circa abitanti residenti interessati oltre a potenziali 500 AE circa di origine produttiva (collettore E2); il collettamento al depuratore del capoluogo delle frazioni Serradica, Cacciano, Cancelli e Valleremita - condotte per circa 10 km, 2 stazioni di sollevamento, circa 700 abitanti residenti depurati (collettore E3); il collettamento all impianto di via Bachelet dell area compresa tra Colle Paganello e la zona S. Maria con parte delle vie Serraloggio, La Spina e S. Croce condotte per circa 5 Km, circa 800 abitanti serviti - Si sta valutando la possibilità/opportunità di anticipare il tratto terminale in rapporto alla lottizzazione S.Croce e ad un eventuale modifica dello smaltimento dei reflui (intervento E4); il collettamento ad impianto di depurazione da realizzarsi nel Comune di Sassoferrato della Frazione San Donato condotte per circa 2,5 km, circa 390 abitanti residenti (opera F1); il collettamento dell area di Nebbiano all impianto di via Bachelet - condotte per circa 2,4 km, circa 400 abitanti residenti - (opera F2); 19

20 il trattamento tramite appositi impianti o fosse Imhoff dei reflui di alcuni piccoli nuclei e località di villeggiatura estiva significative tra cui la frazione Poggio San Romualdo i cui scarichi possono interferire con la sorgente Val Di Castro intervento di modesta entità da incastonare nell ambito di progetti importanti in un tempo non troppo lungo. Note : 1) il calcolo della popolazione è stato fatto in base alla popolazione residente in ogni singola via con le approssimazioni dovute al fatto che una via può insistere su più aeree - 2) i confini di ciascuna area hanno alcune approssimazioni mancando un rilievo degli scarichi di ogni singolo edificio Si riporta in coda alla presente relazione la tabella di dettaglio degli interventi che nella proposta di variante al piano sono stati accorpati nella voce Estensioni reti fognarie Fabriano e dei relativi importi previsti per il periodo Il raffronto con il piano d ambito vigente per quanto concerne i sistemi di collettamento L intervento relativo alla costruzione di collettori fognari lungo il fiume Giano (voce F_NO_10) è confermato come pure il livello di priorità. Per tale intervento si prevede un importo maggiore di quello previsto nel piano vigente (circa 645. contro 367. ) dovuto al fatto che delle somme inizialmente previste nel 2005 sono scivolate in avanti ed al fatto che nell ambito dell intervento si rende necessaria la realizzazione di uno scolmatore inizialmente non previsto. Da un punto di vista temporale è previsto un leggero anticipo della conclusione dei lavori che dovrebbero essere ultimati entro il 2007 invece che entro il Ciò è strettamente connesso al fatto che c è in ballo un finanziamento del Ministero dell Ambiente che ha prorogato l ultimazione lavori non oltre il Tra l altro trattandosi di un unico appalto l importo non può essere speso in un numero elevato di esercizi cosi come previsto nel piano vigente. Si segnala infine che la variante all intervento è già stata presentata all AATO. Analogamente è confermato l intervento relativo all intercettazione di alcuni scarichi che interagiscono con le sorgenti Valleremita (voce F_NO_11). L intervento, l importo e lo sviluppo temporale sono sostanzialmente in linea con le previsioni del piano vigente. Sono poi previsti come prioritari i lavori di completamento ed adeguamento di alcuni collettori fognari del capoluogo, attualmente non previsti nel piano, (via XIII Luglio, Via Molino, ecc) che consentiranno di collettare a depurazione circa AE che attualmente gravano, attraverso gli scarichi esistenti, sul fiume Giano. Si prevede la realizzazione di circa 1 km di collettori. Tali lavori, dovrebbero concludersi entro il 2008, per un importo complessivo di spesa di circa Vedi planimetria allegata (intervento B). A seguire l ordine di priorità viene assegnato ad ulteriori interventi sulle zone periferiche del capoluogo e del frazionale immediatamente prossimo, con priorità agli interventi che interessano le zone di Paterno/Campo dell Olmo (assieme al collettamento di Attiggio, Campodiegoli, ecc), ed a quelli che interessano l area industriale della città e delle frazioni da Vallina a Trigo. Per il primo intervento c è tra l altro in ballo un cofinanziamento della Regione Marche che impone la conclusione delle opere entro il Rispetto al piano vigente è stato invece posticipato l intervento che riguarda le frazioni di Serradica, Cacciano e Cancelli in quanto si tratta di frazioni marginali in termini di AE e per il cui collettamento a depurazione occorre prima aver completato gli interventi di cui sopra. Si segnala inoltre che per quanto riguarda parte della nuova progettualità su Fabriano l AATO è già stata ampiamente informata in sede di Conferenza dei Servizi. 20

7 GLI INTERVENTI PER IL SERVIZIO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE

7 GLI INTERVENTI PER IL SERVIZIO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE 7 GLI INTERVENTI PER IL SERVIZIO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE 7.1 Gli interventi per criticità Di seguito vengono riportati gli interventi previsti in funzione delle criticità che vanno a risolvere. Tabella

Dettagli

9 IL PIANO DEGLI INVESTIMENTI PER I SERVIZI DI FOGNATURA E DEPURAZIONE. 9.1 I costi utilizzati per i servizi di fognatura e depurazione

9 IL PIANO DEGLI INVESTIMENTI PER I SERVIZI DI FOGNATURA E DEPURAZIONE. 9.1 I costi utilizzati per i servizi di fognatura e depurazione 9 IL PIANO DEGLI INVESTIMENTI PER I SERVIZI DI FOGNATURA E DEPURAZIONE 9.1 I costi utilizzati per i servizi di fognatura e depurazione 9.1.1 Costi di costruzione, ricostruzione e ripristino Di seguito

Dettagli

DOCUMENTO ISTRUTTORIO

DOCUMENTO ISTRUTTORIO DOCUMENTO ISTRUTTORIO OGGETTO: DISCIPLINARE TECNICO, PARTE IV SEZ 1, ART. 4 AUTORIZZAZIONE DEL PROGETTO DEL PIANO D AMBITO DEFINITIVO: Nuovo collettore di costa per raccolta sfiori rete fognaria e relativi

Dettagli

Piano d ambito per i comuni dell ATO 2 Marche Centro, Ancona. Fase 2 Analisi della domanda attuale e futura dei servizi idrici

Piano d ambito per i comuni dell ATO 2 Marche Centro, Ancona. Fase 2 Analisi della domanda attuale e futura dei servizi idrici 7 DOMANDA IDRICA FUTURA 7.1 Dotazione da adottare a base di Piano Come detto prima in altra parte dello studio, non esistono strumenti programmatori ufficiali della regione Marche che fissino valori puntuali

Dettagli

Assemblea Territoriale d Ambito dell Ambito Territoriale Ottimale ATO 2 - Ancona

Assemblea Territoriale d Ambito dell Ambito Territoriale Ottimale ATO 2 - Ancona Convenzione per l esercizio unitario delle funzioni amministrative in materia di organizzazione dei servizi di gestione integrata dei rifiuti urbani da parte dell Assemblea Territoriale d Ambito (ATA)

Dettagli

ALTO TREVIGIANO SERVIZI s.r.l.

ALTO TREVIGIANO SERVIZI s.r.l. 1 INDICE 1. PREMESSA... 2 2. IL CALCOLO DEI CARICHI IDRAULICI AFFERENTI ALL IMPIANTO DI SALVATRONDA. 4 2.1 I COMUNI INTERESSATI DALL INTERVENTO DI PROGETTO... 4 2.2 PORTATE NERE TEORICHE... 4 2.3 PORTATE

Dettagli

OSSERVATORIO REGIONALE SUL TURISMO REGIONE MARCHE

OSSERVATORIO REGIONALE SUL TURISMO REGIONE MARCHE Università Politecnica delle Marche Facoltà di Economia G. Fuà REPORT OSSERVATORIO REGIONALE SUL TURISMO REGIONE MARCHE PROVINCIA DI ANCONA Prof. Gian Luca Gregori Dott.ssa Cristina Bolzicco Anno 2008

Dettagli

Il Piano di Salvaguardia della Balneazione di Rimini:

Il Piano di Salvaguardia della Balneazione di Rimini: Il Piano di Salvaguardia della Balneazione di Rimini: un esempio virtuoso di collaborazione fra Istituzioni e Gestore per il miglioramento degli standard ambientali Luca Migliori Responsabile Ingegneria

Dettagli

PREMESSA IL TERRITORIO

PREMESSA IL TERRITORIO PREMESSA La presente relazione accompagna il progetto esecutivo delle attività di pronto intervento diurno e notturno, feriale e festivo e la realizzazione di manutenzioni ordinarie delle reti, allacciamenti

Dettagli

noi con voi GIPA/CN/MA/005/2014

noi con voi GIPA/CN/MA/005/2014 noi con voi GIPA/CN/MA/5/214 MULTISERVIZI, 1 ANNI AL SERVIZIO DEL TERRITORIO PARTIAMO DA LONTANO Multiservizi nasce il 1 aprile del 24 dalla fusione di Gorgovivo Multiservizi e Cisco Acque, le due maggiori

Dettagli

6 Piano degli interventi

6 Piano degli interventi 6 Piano degli interventi 6.1 Metodologia per l individuazione degli interventi Nel Piano degli interventi si tende ad individuare gli investimenti, intesi come nuove opere o azioni di ripristino di opere

Dettagli

5.2: Reti tecnologiche

5.2: Reti tecnologiche 5.2: Reti tecnologiche Presentazione: Il corretto funzionamento e l efficienza delle reti tecnologiche di distribuzione e depurazione delle acque è senza dubbio alla base di una gestione corretta e sostenibile

Dettagli

ALLEGATO A5.14 - SCHEDA FOGNATURA-DEPURAZIONE BRIANZACQUE AGGLOMERATO N. 1

ALLEGATO A5.14 - SCHEDA FOGNATURA-DEPURAZIONE BRIANZACQUE AGGLOMERATO N. 1 ALLEGATO A5.14 - SCHEDA FOGNATURA-DEPURAZIONE BRIANZACQUE AGGLOMERATO N. 1 1. CARATTERISTICHE GENERALI Codice AG01522401 Denominazione : Truccazzano 1.1 COMUNI APPARTENENTI 1. Bellinzago Lombardo 2. Bussero

Dettagli

SISTEMA CON CERTIFICAZIONE ISO 9001:2000 GN-004

SISTEMA CON CERTIFICAZIONE ISO 9001:2000 GN-004 SISTEMA CON CERTIFICAZIONE ISO 9001:2000 GN-004 INDICE: 1 PREMESSA... 2 2 Costi parametrici Servizio Acquedotto... 3 2.1 Costo nuove condotte di adduzione dell acquedotto... 3 2.2 Costo nuove condotte

Dettagli

PROGETTO GENERALE PER IL COMPLETAMENTO DELLA RETE FOGNANTE E DELLA RACCOLTA DELLE ACQUE BIANCHE DI VIBO VALENTIA CAPOLUOGO E FRAZIONI

PROGETTO GENERALE PER IL COMPLETAMENTO DELLA RETE FOGNANTE E DELLA RACCOLTA DELLE ACQUE BIANCHE DI VIBO VALENTIA CAPOLUOGO E FRAZIONI COMUNE DI VIBO VALENTIA (VV) PROGETTO GENERALE PER IL COMPLETAMENTO DELLA RETE FOGNANTE E DELLA RACCOLTA DELLE ACQUE BIANCHE DI VIBO VALENTIA CAPOLUOGO E FRAZIONI PROGETTO ESECUTIVO Storia del progetto

Dettagli

Scheda agglomerato Caratteristiche generali dell agglomerato. Carico servito da rete fognaria (AE)

Scheda agglomerato Caratteristiche generali dell agglomerato. Carico servito da rete fognaria (AE) Scheda agglomerato Caratteristiche generali dell agglomerato Codice 1 Denominazione Carico nominale Carico servito da rete fognaria Carico trattato 2 Portata annua trattata 3 (m 3 ) Caratteristiche delle

Dettagli

CITTA di FABRIANO. PROVINCIA DI ANCONA Settore Servizi Finanziari SERVIZIO TRIBUTI VALORI VENALI AREE EDIFICABILI ANNO 2013

CITTA di FABRIANO. PROVINCIA DI ANCONA Settore Servizi Finanziari SERVIZIO TRIBUTI VALORI VENALI AREE EDIFICABILI ANNO 2013 VALORI VENALI AREE EDICABILI ANNO 2013 TABELLA ZONA 1 - (CAPOLUOGO E ZONE LIMITROFE - COLLEMALVANO - COLLEPAGANELLO) RADA 0,15 B5 47 C5 24 ESTENSIVA 0,30 B4 56 C4 28 SEMIESTENSIVA 0,45 B3 84 C3 42 SEMINTENSIVA

Dettagli

noi Un patto con i cittadini con voi per il lavoro, l ambiente e il futuro Un patto con i cittadini per

noi Un patto con i cittadini con voi per il lavoro, l ambiente e il futuro Un patto con i cittadini per noi con voi Febbraio 2012 vicino al territorio, vicino ai cittadini Un patto con i cittadini per il lavoro, l ambiente e il futuro Un patto con i cittadini per salvare l ambiente e il nostro territorio.

Dettagli

Sommario. Sommario. A04 Stima dei costi elementari. 1. Premessa... 2. Tubazioni di acquedotto... 3.1. Pozzi, sorgenti, captazioni superficiali...

Sommario. Sommario. A04 Stima dei costi elementari. 1. Premessa... 2. Tubazioni di acquedotto... 3.1. Pozzi, sorgenti, captazioni superficiali... Piano di Ambito dell ATO della Provincia di Varese A04 Stima dei costi elementari A04 Stima dei costi elementari Sommario 1. Premessa... 2 2. Tubazioni di acquedotto... 3 3. Opere di acquedotto... 8 3.1.

Dettagli

PROVINCIA DI ANCONA Silvio Mantovani D 5,000 COMUNE DI AGUGLIANO Sauro Lombardi S 0,975 COMUNE DI ANCONA Alessandroni David

PROVINCIA DI ANCONA Silvio Mantovani D 5,000 COMUNE DI AGUGLIANO Sauro Lombardi S 0,975 COMUNE DI ANCONA Alessandroni David COPIA DELIBERA DELL ASSEMBLEA CONSORTILE N. 08 del 09/09/2005 OGGETTO: TARIFFE 3 ANNO DI GESTIONE PIANO D AMBITO, CAPITOLO 5 PIANO ECONOMICO FINANZIARIO E SVILUPPO TARIFFARIO APPROVAZIONE TARIFFE 3 ANNO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DEGLI ONERI DI ALLACCIAMENTO AI SERVIZI PUBBLICI DI ACQUEDOTTO E FOGNATURA

REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DEGLI ONERI DI ALLACCIAMENTO AI SERVIZI PUBBLICI DI ACQUEDOTTO E FOGNATURA Allegato alla delibera del C.d.A n.16 dell 11/07/2008 REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DEGLI ONERI DI ALLACCIAMENTO AI SERVIZI PUBBLICI DI ACQUEDOTTO E FOGNATURA Art. 1 Obiettivi e campo di applicazione

Dettagli

COMUNE DI SCHIGNANO Provincia di Como ADEGUAMENTO DELLE RETI FOGNARIE COMUNALI E DELL INTERCONNESSIONE CON QUELLA CONSORTILE

COMUNE DI SCHIGNANO Provincia di Como ADEGUAMENTO DELLE RETI FOGNARIE COMUNALI E DELL INTERCONNESSIONE CON QUELLA CONSORTILE Ing. Robe rto M ag na gh i Ing. A lessandro M agnaghi P.i.e. Paolo Epistolio COMUNE DI SCHIGNANO Provincia di Como ADEGUAMENTO DELLE RETI FOGNARIE COMUNALI E DELL INTERCONNESSIONE CON QUELLA CONSORTILE

Dettagli

VICINO AL TERRITORIO, VICINO AI CITTADINI 24 MILIONI DI EURO IN TRE ANNI GLI INVESTIMENTI NECESSARI PER ALLINEARSI AGLI STANDARD EUROPEI

VICINO AL TERRITORIO, VICINO AI CITTADINI 24 MILIONI DI EURO IN TRE ANNI GLI INVESTIMENTI NECESSARI PER ALLINEARSI AGLI STANDARD EUROPEI noi con voi MAGGIO 2015 VICINO AL TERRITORIO, VICINO AI CITTADINI DEPURATORI e FOGNATURE PRONTI PER L EUROPA! 24 MILIONI DI EURO IN TRE ANNI GLI INVESTIMENTI NECESSARI PER ALLINEARSI AGLI STANDARD EUROPEI

Dettagli

OPERE DI URBANIZZAZIONE FOGNARIA NELL AMBITO DI INTERVENTI DI ESPANSIONE URBANISTICA

OPERE DI URBANIZZAZIONE FOGNARIA NELL AMBITO DI INTERVENTI DI ESPANSIONE URBANISTICA Comune di Faenza Sportello Unico per le Attività produttive 7 Incontro Tecnico - 23 Giugno 2005 OPERE DI URBANIZZAZIONE FOGNARIA NELL AMBITO DI INTERVENTI DI ESPANSIONE URBANISTICA ing. Michele Lotito

Dettagli

RELAZIONE SULLE INTERFERENZE

RELAZIONE SULLE INTERFERENZE RELAZIONE SULLE INTERFERENZE 1. PREMESSA Il tipo di lavorazione prevalente, prevista nel presente progetto, consiste nella posa di tubazioni in ghisa o acciaio, di diversi diametri, fino al DN150, su strade

Dettagli

ACQUA PER TUTTI, TUTTI PER L ACQUA

ACQUA PER TUTTI, TUTTI PER L ACQUA L Autorità di Ambito Territoriale Ottimale n. 2 Marche Centro Ancona bandisce un concorso a premi destinato a: tutte le classi delle scuole per l infanzia ed alle classi I^ e II^ delle scuole primarie,

Dettagli

ALLEGATO A1: DISCIPLINARE TECNICO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DELLE ACQUE METEORICHE E DI DILAVAMENTO

ALLEGATO A1: DISCIPLINARE TECNICO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DELLE ACQUE METEORICHE E DI DILAVAMENTO PARTE A: Ricognizione delle infrastrutture ALLEGATO A1: DISCIPLINARE TECNICO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DELLE ACQUE METEORICHE E DI DILAVAMENTO ALLEGATO DISCIPLINARE TECNICO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO

Dettagli

PIANO D AMBITO. Approvato con Deliberazione dell Assemblea consortile n.9 del 20/07/2007 RELAZIONE AL PIANO DEGLI INVESTIMENTI

PIANO D AMBITO. Approvato con Deliberazione dell Assemblea consortile n.9 del 20/07/2007 RELAZIONE AL PIANO DEGLI INVESTIMENTI Regione dell Umbria Provincia di Perugia PIANO D AMBITO Approvato con Deliberazione dell Assemblea consortile n.9 del 20/07/2007 RELAZIONE AL PIANO DEGLI INVESTIMENTI Sommario 1 Introduzione... 2 2 Piano

Dettagli

Allegato 4: Determinazione degli oneri di allacciamento ai servizi pubblici di acquedotto e fognatura

Allegato 4: Determinazione degli oneri di allacciamento ai servizi pubblici di acquedotto e fognatura Allegato 4: Determinazione degli oneri di allacciamento ai servizi pubblici di acquedotto e fognatura DETERMINAZIONE DEGLI ONERI DI ALLACCIAMENTO AI SERVIZI PUBBLICI DI ACQUEDOTTO E FOGNATURA INDICE Art.

Dettagli

Disfunzioni delle reti fognarie, interventi strutturali e manutentivi

Disfunzioni delle reti fognarie, interventi strutturali e manutentivi Convegno La manutenzione dei collettori di fognatura per un moderno ed efficace sistema di drenaggio urbano Disfunzioni delle reti fognarie, interventi strutturali e manutentivi Bergamo 27 settembre 2013

Dettagli

PRUSST Area urbana di Ancona Pagina 1 CRONOPROGRAMMA allegato all'accordo Quadro

PRUSST Area urbana di Ancona Pagina 1 CRONOPROGRAMMA allegato all'accordo Quadro 1 8.1 Sistemazione Fiume Esino e Fosso Acquaticcio 2 8.1 sub1 Sistemazione Fiume Esino 3 Progettazione definitiva 4 Progettazione esecutiva 5 Esecuzione lavori 6 8.1 sub2 Sistemazione Fosso Acquaticcio

Dettagli

D LE INTERAZIONI TRA IL SISTEMA TERRITORIALE E QUELLO NATURALE ED AMBIENTALE

D LE INTERAZIONI TRA IL SISTEMA TERRITORIALE E QUELLO NATURALE ED AMBIENTALE D LE INTERAZIONI TRA IL SISTEMA TERRITORIALE E QUELLO NATURALE ED AMBIENTALE D.1 LE RETI IDRICHE E GLI SPANDIMENTI SUL SUOLO AGRICOLO D.1.1 IL SISTEMA ACQUEDOTTISTICO Introduzione ed inquadramento generale

Dettagli

4. IL MODELLO GESTIONALE ED ORGANIZZATIVO

4. IL MODELLO GESTIONALE ED ORGANIZZATIVO A.T.O. n. 3 Marche Centro - Macerata Piano d Ambito provvisorio 4. IL MODELLO GESTIONALE ED ORGANIZZATIVO 4.1 Gli obiettivi del modello gestionale La definizione del Modello gestionale ha un duplice obiettivo:

Dettagli

SCHEDA FOGNATURA COMUNALE

SCHEDA FOGNATURA COMUNALE Catasto scarichi - Pubbliche fognature Pag. 1 CATASTO SCARICHI - PUBBLICHE FOGNATURE SCHEDA FOGNATURA COMUNALE Data compilazione: 1.GENERALITA FOGNATURA COMUNALE 1.1 : COMUNE 1.2 GESTORE DELLA FOGNATURA

Dettagli

Sistemi di Fognature o Sistemi di Drenaggio Urbano

Sistemi di Fognature o Sistemi di Drenaggio Urbano Sistemi di Fognature o Sistemi di Drenaggio Urbano Insieme integrato di opere idrauliche atte a raccogliere, convogliare e allontanare dalle zone urbanizzate le acque reflue domestiche ed industriali,

Dettagli

- K - PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DELLE RETI FOGNARIE STANDARD PROGETTO SP - TEA - 001.

- K - PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DELLE RETI FOGNARIE STANDARD PROGETTO SP - TEA - 001. - K - PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DELLE RETI FOGNARIE (revisione 04) Pagina 1 di 11 INDICE Pag. PARTE K RETI FOGNARIE K.1 3 REQUISITI DEI PROGETTI DI FOGNATURE PER NUOVE

Dettagli

RITENUTO detto progetto preliminare meritevole di approvazione, sotto il profilo tecnico, amministrativo e finanziario;

RITENUTO detto progetto preliminare meritevole di approvazione, sotto il profilo tecnico, amministrativo e finanziario; Autorità d Ambito Territoriale Ottimale LAGUNA DI VENEZIA Prot. n. 671/11 di verbale del 23/06/2011 OGGETTO: Approvazione del progetto preliminare Ripristino del cedimento della fognatura in via Orlanda

Dettagli

CONVENZIONE. MULTISERVIZI S.p.A. PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO

CONVENZIONE. MULTISERVIZI S.p.A. PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO Autorità di Ambito Territoriale Ottimale n. 2 Marche Centro Ancona CONVENZIONE TRA L AUTORITA DI AMBITO TERRITORIALE OTTIMALE N. 2 MARCHE CENTRO ANCONA E MULTISERVIZI S.p.A. PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO

Dettagli

PROVINCIA DI BIELLA. Ambiente e Agricoltura - DT Impegno n. DETERMINAZIONE N. 1408 IN DATA 01-06-2011

PROVINCIA DI BIELLA. Ambiente e Agricoltura - DT Impegno n. DETERMINAZIONE N. 1408 IN DATA 01-06-2011 PROVINCIA DI BIELLA Ambiente e Agricoltura - DT Impegno n. Dirigente / Resp. P.O.: SARACCO GIORGIO DETERMINAZIONE N. 1408 IN DATA 01-06-2011 Oggetto: D.Lgs. 152/2006 e ss.mm. Autorizzazione allo scarico

Dettagli

Allegato 1 DISCIPLINARE TECNICO

Allegato 1 DISCIPLINARE TECNICO AUTORITA DI AMBITO TERRITORIALE N. 2 MARCHE CENTRO ANCONA Allegato 1 DISCIPLINARE TECNICO Approvato con Delibera di A.C. n. 03 del 25/06/2003 Modificato con: - Delibera di A.C. n. 10 del 29/09/2004 - Delibera

Dettagli

IL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO

IL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO IL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO Chi sono? Marco Rusconi Ingegnere, responsabile del settore contratti di Idrolario Srl (project manager per l esecuzione degli interventi di piano d ambito e delle manutenzioni

Dettagli

La TABELLA allegata riporta tutte le informazioni di riepilogo del Piano d Ambito organizzate per AGGLOMERATI.

La TABELLA allegata riporta tutte le informazioni di riepilogo del Piano d Ambito organizzate per AGGLOMERATI. La TABELLA allegata riporta tutte le informazioni di riepilogo del Piano d Ambito organizzate per AGGLOMERATI. In tabella sono stati inseriti i seguenti dati: 1) AGGLOMERATI Fabbisogno depurativo totale

Dettagli

1 PREMESSA... 2 2 Costi parametrici Servizio Acquedotto... 3. 2.1 Costo condotte di adduzione dell acquedotto... 3

1 PREMESSA... 2 2 Costi parametrici Servizio Acquedotto... 3. 2.1 Costo condotte di adduzione dell acquedotto... 3 INDICE: 1 PREMESSA... 2 2 Costi parametrici Servizio Acquedotto... 3 2.1 Costo condotte di adduzione dell acquedotto... 3 2.2 Costo medio rifacimento di rete di distribuzione dell acquedotto... 4 2.3 Modello

Dettagli

Il testo che segue,comprese le schede specifiche desunte ed integrate dalla VALSAT del PSC, costituiscono il RAPPORTO PRELIMINARE di cui all art.

Il testo che segue,comprese le schede specifiche desunte ed integrate dalla VALSAT del PSC, costituiscono il RAPPORTO PRELIMINARE di cui all art. Il testo che segue,comprese le schede specifiche desunte ed integrate dalla VALSAT del PSC, costituiscono il RAPPORTO PRELIMINARE di cui all art. 12 del D.Lgs n. 4 del 16/01/2008, ai fini della VERIFICA

Dettagli

TIPOLOGIA DEGLI INVESTIMENTI

TIPOLOGIA DEGLI INVESTIMENTI I INDICE 1. PREMESSA 1 2. TIPOLOGIA DEGLI INVESTIMENTI 2 1 1. PREMESSA Il presente elaborato contiene l aggiornamento del conseguente alla revisione triennale del Piano d Ambito prevista dal D.M. 01/08/1996.

Dettagli

SECONDA CONFERENZA DI VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA APPLICATA AL PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO

SECONDA CONFERENZA DI VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA APPLICATA AL PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO COMUNE DI NUVOLENTO Provincia di Brescia Ufficio Tecnico tel. 030.69008221 fax 030.69008208 e-mail: ufficiotecnico@comunenuvolento.bs.it SECONDA CONFERENZA DI VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA APPLICATA

Dettagli

REGOLAMENTO CONCORSO FOTOGRAFICO A PREMI INTITOLATO RIFLETTI SULL ACQUA

REGOLAMENTO CONCORSO FOTOGRAFICO A PREMI INTITOLATO RIFLETTI SULL ACQUA REGOLAMENTO CONCORSO FOTOGRAFICO A PREMI INTITOLATO RIFLETTI SULL ACQUA Multiservizi S.p.A. bandisce il Concorso fotografico Rifletti sull Acqua aperto a tutti i fotografi professionisti e amatoriali.

Dettagli

2.10. Produzione e distribuzione dell energia elettrica

2.10. Produzione e distribuzione dell energia elettrica Comune di Campogalliano PSC DOCUMENTO PRELIMINARE Quadro conoscitivo 62 2.10 Produzione e distribuzione dell energia elettrica 2.10.1 Produzione dell energia elettrica Sulla produzione di energia elettrica

Dettagli

RELAZIONE TECNICA STAZIONE DI CAPODIMONTE IMPIANTO FOGNARIO Cod. commessa C-TAN-CAP. Pagina 1 di 9

RELAZIONE TECNICA STAZIONE DI CAPODIMONTE IMPIANTO FOGNARIO Cod. commessa C-TAN-CAP. Pagina 1 di 9 Pagina 1 di 9 IMPIANTO DI TRATAMENTO E RECAPITO PER SCARICHI DA INSEDIAMENTO CIVILE E ASSIMILABILI AI DOMESTICI MODALITA ESECUTIVE, CALCOLO, MATERIALI E MANUFATTI D ALLACCIAMENTO DELLA RETE FOGNARIA ACQUE

Dettagli

COPIA DELIBERA DELL ASSEMBLEA CONSORTILE. N. 1 del 25/03/2014 OGGETTO: REGOLAMENTO DEL SII (ART. 23 CONVENZIONE DI GESTIONE) MODIFICA

COPIA DELIBERA DELL ASSEMBLEA CONSORTILE. N. 1 del 25/03/2014 OGGETTO: REGOLAMENTO DEL SII (ART. 23 CONVENZIONE DI GESTIONE) MODIFICA DELIBERA DELL ASSEMBLEA CONSORTILE COPIA N. 1 del 25/03/2014 OGGETTO: REGOLAMENTO DEL SII (ART. 23 CONVENZIONE DI GESTIONE) MODIFICA L anno 2014, il giorno 25 (venticinque) del mese di marzo alle ore 15,00

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE ATTI 1905 VI COMMISSIONE CONSILIARE AMBIENTE E PROTEZIONE CIVILE PROPOSTA DI RISOLUZIONE N. 5

CONSIGLIO REGIONALE ATTI 1905 VI COMMISSIONE CONSILIARE AMBIENTE E PROTEZIONE CIVILE PROPOSTA DI RISOLUZIONE N. 5 REGIONE LOMBARDIA X LEGISLATURA CONSIGLIO REGIONALE ATTI 1905 VI COMMISSIONE CONSILIARE AMBIENTE E PROTEZIONE CIVILE PROPOSTA DI RISOLUZIONE N. 5 Risoluzione ai sensi dell art. 38 del Regolamento generale

Dettagli

Progetto Definitivo Manutenzione della rete idrica e fognaria a servizio dell intero territorio comunale INDICE. 1. Premesse...3

Progetto Definitivo Manutenzione della rete idrica e fognaria a servizio dell intero territorio comunale INDICE. 1. Premesse...3 INDICE 1. Premesse...3 2. Caratteristiche salienti delle reti oggetto della manutenzione 3 2.1 Rete Idrica...4 2.2 Rete fognaria...5 pag.2 di 7 DESCRIZIONE E CONSISTENZA DELLA RETE IDRICA E DELLA RETE

Dettagli

Claudio Boldori Responsabile Segreteria Tecnica A.ATO Provincia di Cremona NORMATIVA SULLE ACQUE

Claudio Boldori Responsabile Segreteria Tecnica A.ATO Provincia di Cremona NORMATIVA SULLE ACQUE Claudio Boldori Responsabile Segreteria Tecnica A.ATO Provincia di Cremona NORMATIVA SULLE ACQUE Evoluzione della normativa sulle acque in Italia RIFERIMENTO NORMATIVO APPROCCIO ALLA TUTELA L. 319/76 Limiti

Dettagli

COMUNE DI FAENZA Area ITALGAS

COMUNE DI FAENZA Area ITALGAS COMUNE DI FAENZA Area ITALGAS 29 gennaio 2013 RELAZIONE TECNICA RETE FOGNARIA 0. VARIANTE La variante dal punto di vista idraulico riguarda sostanzialmente tre punti: 1. la modifica del piccolo lotto di

Dettagli

12 APPENDICE: MONOGRAFIE DEI PRINCIPALI IMPIANTI DI DEPURAZIONE

12 APPENDICE: MONOGRAFIE DEI PRINCIPALI IMPIANTI DI DEPURAZIONE Servizio di redazione delle indagini e degli studi finalizzati alla predisposizione del Piano d ambito per i comuni dell ATO 2 Marche Centro, Ancona - Programma degli interventi 12 APPENDICE: MONOGRAFIE

Dettagli

INDICE 1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO DELL AREA SECONDO IL PTCP... 3 3 GESTIONE DELLE ACQUE DI SCARICO... 9

INDICE 1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO DELL AREA SECONDO IL PTCP... 3 3 GESTIONE DELLE ACQUE DI SCARICO... 9 INDICE 1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO DELL AREA SECONDO IL PTCP... 3 3 GESTIONE DELLE ACQUE DI SCARICO... 9 3.1 RETE DI ACQUE METEORICHE E LAMINAZIONE... 9 3.2 TRATTAMENTO ACQUE DI PRIMA PIOGGIA... 11

Dettagli

CONTRATTO. tra i Comuni di Foligno, Spoleto e VUS S.p.a PER LA GESTIONE DELLE RETI E DEGLI IMPIANTI DELLE ACQUE METEORICHE

CONTRATTO. tra i Comuni di Foligno, Spoleto e VUS S.p.a PER LA GESTIONE DELLE RETI E DEGLI IMPIANTI DELLE ACQUE METEORICHE CONTRATTO tra i Comuni di Foligno, Spoleto e VUS S.p.a PER LA GESTIONE DELLE RETI E DEGLI IMPIANTI DELLE ACQUE METEORICHE Art.1 - Oggetto 1. Il 27 dicembre 2001 è stata sottoscritta tra l Autorità di ATO

Dettagli

RELAZIONE TECNICA IDRAULICA

RELAZIONE TECNICA IDRAULICA PIANO URBANISTICO ESECUTIVO DI INIZIATIVA PRIVATA per insediamento produttivo di nuovo impianto ad uso artigianale, produttivo e commerciale in Comune di Comacchio Loc. San Giuseppe S.S. 309 Romea Spett.le

Dettagli

SINTESI DELLE LIMITAZIONI E DELLE CONDIZIONI DI SOSTENIBILITÀ DEGLI AMBITI DI POTENZIALE TRASFORMAZIONE

SINTESI DELLE LIMITAZIONI E DELLE CONDIZIONI DI SOSTENIBILITÀ DEGLI AMBITI DI POTENZIALE TRASFORMAZIONE PREMESSA Il testo che segue, comprese le schede specifiche desunte ed integrate dalla VALSAT del PSC ed allegate all Elab. 1 del POC 2010-2015, costituisce il RAPPORTO PRELIMINARE di cui all art. 12 del

Dettagli

Allegato 2 Prescrizioni tecniche per la realizzazione degli allacciamenti alla pubblica fognatura

Allegato 2 Prescrizioni tecniche per la realizzazione degli allacciamenti alla pubblica fognatura REGOLAMENTO DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO SEZIONE C SERVIZI FOGNATURA E DEPURAZIONE Allegato 2 Prescrizioni tecniche per la realizzazione degli allacciamenti alla pubblica fognatura Approvato dall'assemblea

Dettagli

LINEE GUIDA PER ESTENSIONI DI RETE

LINEE GUIDA PER ESTENSIONI DI RETE Pagina 1 di 7 LINEE GUIDA PER ESTENSIONI DI RETE SOMMARIO 1. SCOPO...2 2. VALIDITÀ E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 3. INDICAZIONI DI CARATTERE GENERALE...2 4. FOGNATURA...2 4.1.1 Materiali da utilizzare e

Dettagli

Piano di Azione PROPOSTA

Piano di Azione PROPOSTA Piano di Azione PROPOSTA N GRUPPO AZIONE/RACCOMANDAZIONE A1 PREDISPORRE ED ATTUARE UN PIANO DI EDUCAZIONE E COMUNICAZIONE Spiegare cos è la tariffa, come si calcola, e cosa paga ; capire quando e perché

Dettagli

Metodi e strumenti per l efficienza di settore

Metodi e strumenti per l efficienza di settore Metodi e strumenti per l efficienza di settore A cura di Yos Zorzi SINERGIA s.r.l. In sintesi Inquadramento sulle attività di smaltimento delle acque reflue urbane in Emilia Romagna I costi di depurazione

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA 8 OTTOBRE 2005 INTERVENTI DI SMANTELLAMENTO, DEMOLIZIONE, BONIFICA E INFRASTRUTTURAZIONE DELLE AREE DI CORNIGLIANO

ACCORDO DI PROGRAMMA 8 OTTOBRE 2005 INTERVENTI DI SMANTELLAMENTO, DEMOLIZIONE, BONIFICA E INFRASTRUTTURAZIONE DELLE AREE DI CORNIGLIANO ACCORDO DI PROGRAMMA 8 OTTOBRE 2005 INTERVENTI DI SMANTELLAMENTO, DEMOLIZIONE, BONIFICA E INFRASTRUTTURAZIONE DELLE AREE DI CORNIGLIANO OGGETTO: STRADA DI COLLEGAMENTO ALL ACCESSO EST DELLO STABILIMENTO

Dettagli

Torino Nuova Economia S.p.A. Corso G. Marconi, 10 10125 Torino

Torino Nuova Economia S.p.A. Corso G. Marconi, 10 10125 Torino 13/286 Torino Nuova Economia S.p.A. Corso G. Marconi, 10 10125 Torino ASSUNZIONE DI UN FINANZIAMENTO FINALIZZATO ALLA RISTRUTTURAZIONE DEL DEBITO RESIDUO CORRELATO ALLA REALIZZAZIONE DEL CENTRO DEL DESIGN

Dettagli

Il/La sottoscritto/a, in qualità di progettista

Il/La sottoscritto/a, in qualità di progettista Foglio n 1 di 9 CHECK LIST DI ASSEVERAZIONE DEI CONTENUTI DEL PROGETTO ESECUTIVO Il/La sottoscritto/a, in qualità di progettista delle opere fognarie comprese nel Piano Urbanistico denominato. in Comune

Dettagli

LIVELLI DI SERVIZIO: STATO ATTUALE ED INDIVIDUAZIONE DELLE PROBLEMATICHE

LIVELLI DI SERVIZIO: STATO ATTUALE ED INDIVIDUAZIONE DELLE PROBLEMATICHE SCHEMA TIPO ALLEGATO N. 1.3 LIVELLI DI SERVIZIO AL PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 2014/2017 E 2018/2032 LIVELLI DI SERVIZIO: STATO ATTUALE ED INDIVIDUAZIONE DELLE PROBLEMATICHE ESISTENTI(DA PIANO D AMBITO

Dettagli

Iridra Srl fitodepurazione e gestione sostenibile delle acque via la Marmora 51, 50121 Firenze Tel. 055470729 Fax 055475593 www.iridra.

Iridra Srl fitodepurazione e gestione sostenibile delle acque via la Marmora 51, 50121 Firenze Tel. 055470729 Fax 055475593 www.iridra. Fitodepurazione per frazioni e comunità isolate Iridra Srl fitodepurazione e gestione sostenibile delle acque via la Marmora 51, 50121 Firenze Tel. 055470729 Fax 055475593 www.iridra.com Frazioni e comunità

Dettagli

Il servizio idrico e relativi scenari

Il servizio idrico e relativi scenari Il servizio idrico e relativi scenari Milano, 26 Novembre 2013 Silvio Bosetti Direttore Generale Fondazione EnergyLab Fondazione EnergyLab Fondazione EnergyLab Fondazione EnergyLab SPESA MEDIA ANNUA (rapporto

Dettagli

SCHEDA DI VERIFICA E VALUTAZIONE DELL AMBITO DI POSSIBILE TRASFORMAZIONE: AR 15

SCHEDA DI VERIFICA E VALUTAZIONE DELL AMBITO DI POSSIBILE TRASFORMAZIONE: AR 15 SCHEDA DI VERIFICA E VALUTAZIONE DELL AMBITO DI POSSIBILE TRASFORMAZIONE: AR 15 VERIFICA DI COERENZA ESTERNA: Compatibilità dell intervento con le previsioni del PTCP VERIFICA DELLA VINCOLISTICA E DEGLI

Dettagli

COMUNE DI CAMPI SALENTINA PROVINCIA DI LECCE

COMUNE DI CAMPI SALENTINA PROVINCIA DI LECCE COMUNE DI CAMPI SALENTINA PROVINCIA DI LECCE LL.NN.179/92-493/93 e 85/94- Localizzazione Interventi di Edilizia Sovvenzionata - Opere di Urbanizzazione primaria - Riutilizzo somme disponibili per Progetto

Dettagli

7 Modello gestionale e organizzativo

7 Modello gestionale e organizzativo 7 Modello gestionale e organizzativo 7.1 Premessa Il Piano d Ambito approvato affermava che il principale obiettivo del piano di gestione è la definizione dell assetto gestionale ed organizzativo del soggetto

Dettagli

INVESTIMENTI PREVISTI PER GLI SCENARI MASSIMALE E BILANCIATO...

INVESTIMENTI PREVISTI PER GLI SCENARI MASSIMALE E BILANCIATO... Piano Investimenti gestore ACQUEDOTTO POIANA SpA INDICE: 1 PREMESSA... 2 2 INVESTIMENTI PREVISTI PER GLI SCENARI MASSIMALE E BILANCIATO... 3 3 BENCHMARK INVESTIMENTI DEL PIANO BILANCIATO ADOTTATO... 6

Dettagli

Richiedente: Domanda di autorizzazione allo scarico P. di di acque reflue urbane non depurate

Richiedente: Domanda di autorizzazione allo scarico P. di di acque reflue urbane non depurate Alla PROVINCIA di COMO SETTORE ECOLOGIA E AMBIENTE SERVIZIO ACQUE via Borgovico, 148 22100 COMO Il/La sottoscritto /a C.F. in qualità di (*) del Comune di / del Consorzio / della Società nato/a a prov.

Dettagli

Criticità Descrizione Indicatore 2014 2015 2016 2017 2014 2015 2016 2017

Criticità Descrizione Indicatore 2014 2015 2016 2017 2014 2015 2016 2017 SORGEAQUA s.r.l. IMPORTO INVESTIMENTI LORDI PERCENTUALI DI INVESTIMENTO SUL TOTALE Criticità Descrizione Indicatore 2014 2015 2016 2017 2014 2015 2016 2017 A1 Assenza infrastrutture Estensione acquedotto

Dettagli

Il bacino imbrifero ALTO LURA. Informazioni sul territorio gravante sull impianto centralizzato di depurazione di Bulgarograsso

Il bacino imbrifero ALTO LURA. Informazioni sul territorio gravante sull impianto centralizzato di depurazione di Bulgarograsso Il bacino imbrifero ALTO LURA Informazioni sul territorio gravante sull impianto centralizzato di depurazione di Bulgarograsso ALTO LURA S.r.l. Alto Lura S.r.l., ex Consorzio per la raccolta e la depurazione

Dettagli

SCHEDA - TIPO DEI PROGETTI

SCHEDA - TIPO DEI PROGETTI Sezione 1 - Informazioni generali 1.0 Codici d'identificazione del progetto 2 4 1 0 5 F 0 1 1.1 Denominazione del progetto Completamento collettore principale del sistema fognario consortile Astico. 1.2

Dettagli

Indirizzi normativi per la riduzione dell impatto ambientale delle acque meteoriche urbane

Indirizzi normativi per la riduzione dell impatto ambientale delle acque meteoriche urbane Giornata di Studio GESTIONE SOSTENIBILE DELLE ACQUE METEORICHE URBANE Milano - Palazzo Lombardia - Auditorium 21 novembre 2012 Indirizzi normativi per la riduzione dell impatto ambientale delle acque meteoriche

Dettagli

Regolamento per gli scarichi di acque in fognatura di tipo bianca e di acque reflue domestiche non in fognatura. Allegato 2 Norme Tecniche

Regolamento per gli scarichi di acque in fognatura di tipo bianca e di acque reflue domestiche non in fognatura. Allegato 2 Norme Tecniche Regolamento per gli scarichi di acque in fognatura di tipo bianca e di acque reflue domestiche non in fognatura Allegato 2 Norme Tecniche 1 1. Allacciamenti 3 1.1. Modalità di esecuzione 3 2. Impianti

Dettagli

anche l acqua del rubinetto può aiutare a risparmiare

anche l acqua del rubinetto può aiutare a risparmiare noi con voi Gennaio 2010 a tutte le famiglie vicino al territorio, vicino ai cittadini creative DCO/DCI/ISI/PS/32 anche l acqua del rubinetto può aiutare a risparmiare I n questo momento così difficile

Dettagli

COSTI PARAMETRICI INCIDENZA DELLA MANODOPERA NELLE VARIE CATEGORIE DI LAVORI

COSTI PARAMETRICI INCIDENZA DELLA MANODOPERA NELLE VARIE CATEGORIE DI LAVORI giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO D Dgr n. del pag. 1/24 L.R. 7 novembre 2003, n. 27 Disposizioni generali in materia di lavori pubblici di interesse regionale e per le costruzioni in zone classificate

Dettagli

Elenco delle risorse finanziarie pubbliche da reperire e provenienza

Elenco delle risorse finanziarie pubbliche da reperire e provenienza Allegato 12 PRUSST : identificativo dell' intervento Elenco delle risorse finanziarie pubbliche da reperire e provenienza PRUSST AREA URBANA DI ANCONA Titolo dell'intervento Pubblico Tipo Totale Risorse

Dettagli

PICCOLI IMPIANTI: POTENZIAMENTO O DISMISSIONE? DUE CASI

PICCOLI IMPIANTI: POTENZIAMENTO O DISMISSIONE? DUE CASI PICCOLI IMPIANTI: POTENZIAMENTO O DISMISSIONE? DUE CASI DI STUDIO Ing. L. Falletti PICCOLI IMPIANTI DI DEPURAZIONE: UPGRADE, OTTIMIZZAZIONE GESTIONALE O DISMISSIONE? Verona, 26 Ottobre 2011 I piccoli impianti

Dettagli

Indagine sui carichi inquinanti e relativi impatti sulle acque nei bacini Olona, Seveso, Lambro e Mella

Indagine sui carichi inquinanti e relativi impatti sulle acque nei bacini Olona, Seveso, Lambro e Mella Workshop CONTRATTI DI FIUME 12 giugno 2009 Indagine sui carichi inquinanti e relativi impatti sulle acque nei bacini Olona, Seveso, Lambro e Mella ARPA Lombardia Settore Suolo, Risorse Idriche e Meteoclimatologia

Dettagli

MOD. TECNICO A -Descrizione dell'impianto di depurazione

MOD. TECNICO A -Descrizione dell'impianto di depurazione MOD. TECNICO A -Descrizione dell'impianto di depurazione DATI DELL IMPIANTO DI TRATTAMENTO Denominazione impianto Codice Impianto: Comune Indirizzo Località Gestore dell Impianto di trattamento: Coordinate

Dettagli

Le previsioni del progetto generale delle fognature di Cividale del Friuli

Le previsioni del progetto generale delle fognature di Cividale del Friuli Relazione idraulica Premesse Il progetto generale delle fognature comunali non è conforme allo standard progettuale del gestore Acquedotto Poiana spa. Ciononostante abbiamo ritenuto indispensabile intervenire

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ALLEGATA ALLA DOMANDA D AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO D ACQUE DOMESTICHE D ORIGINE ABITATIVA. D.Lgs n 152 del 3 aprile 2006.

RELAZIONE TECNICA ALLEGATA ALLA DOMANDA D AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO D ACQUE DOMESTICHE D ORIGINE ABITATIVA. D.Lgs n 152 del 3 aprile 2006. RELAZIONE TECNICA ALLEGATA ALLA DOMANDA D AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO D ACQUE DOMESTICHE D ORIGINE ABITATIVA. D.Lgs n 152 del 3 aprile 2006. Immobile sito nella frazione di, via, n, Censito in Catasto

Dettagli

Ordine Ingegneri di Bergamo SOTTOCOMMISSIONE CICLO INTEGRATO DELL ACQUA I INCONTRO

Ordine Ingegneri di Bergamo SOTTOCOMMISSIONE CICLO INTEGRATO DELL ACQUA I INCONTRO Ordine Ingegneri di Bergamo COMMISSIONE IDRAULICA E TERRITORIO SOTTOCOMMISSIONE CICLO INTEGRATO DELL ACQUA PROPOSTA DI DIBATTITO IN COMMISSIONE FORMAZIONE DI UNO SPORTELLO INFORMATIVO E DIVULGATIVO I INCONTRO

Dettagli

CARATTERISTICHE TECNICHE DEGLI IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE DEL GAS E REDDITIVITÀ DEL SERVIZIO NEL COMUNE DI TOSCOLANO MADERNO

CARATTERISTICHE TECNICHE DEGLI IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE DEL GAS E REDDITIVITÀ DEL SERVIZIO NEL COMUNE DI TOSCOLANO MADERNO CARATTERISTICHE TECNICHE DEGLI IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE DEL GAS E REDDITIVITÀ DEL SERVIZIO NEL COMUNE DI TOSCOLANO MADERNO RELAZIONE TECNICA CONSULTIVA, PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE

Dettagli

IL RUOLO DELLE REGIONI PER GLI ADEMPIMENTI COMUNITARI IN MATERIA DI ACQUE DI SCARICO

IL RUOLO DELLE REGIONI PER GLI ADEMPIMENTI COMUNITARI IN MATERIA DI ACQUE DI SCARICO IL RUOLO DELLE REGIONI PER GLI ADEMPIMENTI COMUNITARI IN MATERIA DI ACQUE DI SCARICO Infrazioni comunitarie in materia di qualità TORINO delle -acque 14 aprile potabili 2011 e di adempimenti relativi alle

Dettagli

ELEMENTI DI PRECISAZIONE

ELEMENTI DI PRECISAZIONE ELEMENTI DI PRECISAZIONE LA NATURA DELLA PROBLEMATICA INERENTE IL COLLETTORE NERO DI ACERRA Particolare rilevanza rivestono gli interventi sul Collettore Emissario dell Area Industriale di Acerra (cd.

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO. Lavori di realizzazione di parte del collettore intercomunale della Valle Camonica e del depuratore di Esine (BS).

PROGETTO ESECUTIVO. Lavori di realizzazione di parte del collettore intercomunale della Valle Camonica e del depuratore di Esine (BS). Comunità Montana di Valle Camonica Valle Camonica Servizi S.p.A. PROGETTO ESECUTIVO Lavori di realizzazione di parte del collettore intercomunale della Valle Camonica e del depuratore di Esine (BS). Primo

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA Facoltà di Ingegneria

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA Facoltà di Ingegneria PRIMA PROVA SCRITTA DEL 23 NOVEMBRE 2011 Tema n. 1 Il candidato illustri i tipi edilizi residenziali. Si discutano inoltre le principali relazioni tra tipologie edilizie e morfologie urbane. Si richiede,

Dettagli

Il servizio idrico integrato

Il servizio idrico integrato 1 Università degli Studi ROMA TRE anno accademico 2009-10 ASSOCIAZIONE IDROTECNICA ITALIANA Corso di GESTIONE DEI SERVIZI IDRICI Il servizio idrico integrato dott. ing. Alessandro Piotti Dirigente Responsabile

Dettagli

LE PROCEDURE AUTORIZZATIVE E DI CONTROLLO

LE PROCEDURE AUTORIZZATIVE E DI CONTROLLO LE PROCEDURE AUTORIZZATIVE E DI CONTROLLO Dott.ssa Marina Martin Dott. Sandro Bressan Funzionari del Servizio Tutela e Uso Risorse Idriche Integrate della Provincia di Pordenone Pordenone, 25.05.10 acqua@provincia.pordenone.it

Dettagli

EVOLUZIONE STORICA E PROSPETTIVE DEL RETICOLO DI DRENAGGIO DELLA CITTÀ DI MILANO GESTIONE SOSTENIBILE DELLE ACQUE METEORICHE URBANE

EVOLUZIONE STORICA E PROSPETTIVE DEL RETICOLO DI DRENAGGIO DELLA CITTÀ DI MILANO GESTIONE SOSTENIBILE DELLE ACQUE METEORICHE URBANE EVOLUZIONE STORICA E PROSPETTIVE DEL RETICOLO DI DRENAGGIO DELLA CITTÀ DI MILANO GESTIONE SOSTENIBILE DELLE ACQUE METEORICHE URBANE Maurizio Brown Si sviluppa a partire dalla seconda metà del XIX secolo

Dettagli

C.A.D.F. S.p.A. Servizio Idrico Integrato: Acquedotto Depurazione Fognatura

C.A.D.F. S.p.A. Servizio Idrico Integrato: Acquedotto Depurazione Fognatura C.A.D.F. S.p.A. C.A.D.F. S.p.A., società a capitale pubblico gestisce il Servizio Idrico Integrato: Acquedotto Depurazione Fognatura Codigoro Via Alfieri.3 Tel: 0533725111 Fax: 0533713617 Internet: www.cadf.it

Dettagli

RAPPORTO PRELIMINARE PER LA VERIFICA DI ASSOGGETTIBILITÀ ALLA VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA (VAS) - ART. 12 D.L. N. 4/2008

RAPPORTO PRELIMINARE PER LA VERIFICA DI ASSOGGETTIBILITÀ ALLA VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA (VAS) - ART. 12 D.L. N. 4/2008 AREE DI RIQUALIFICAZIONE URBANA DI CONNESSIONE DEI MARGINI URBANI CALISESE VIA MALANOTTE COMP. OVEST 08/10 AT2-AT5 COMMITTENTE: LA CALISESE IMMOBILIARE SRL SANTERINI GAETANO DI SANTERINI MARIA E C SAS

Dettagli

SCHEDA 3 NOTIZIE SULLA RETE

SCHEDA 3 NOTIZIE SULLA RETE Pag. 1 di 10 SCHEDA 3 NOTIZIE SULLA RETE (da compilare per ogni rete) NOTA: AD OGNI RETE FOGNARIA CORRISPONDE UN SOLO SCARICO FINALE RETE NUMERO 3.A DATI GENERALI 3.A.1 UBICAZIONE RETE CAPOLUOGO FRAZIONE

Dettagli

BOZZA DI CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI BUSTO ARSIZIO E IL COMUNE DI SAMARATE

BOZZA DI CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI BUSTO ARSIZIO E IL COMUNE DI SAMARATE BOZZA DI CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI BUSTO ARSIZIO E IL COMUNE DI SAMARATE Accordo per il conferimento dei reflui fognari provenienti dal comune di Samarate e confluenti nel collettore esistente di via

Dettagli