ACCANTO. Progetto di formazione per titolari e necrofori d Aziende di Onoranze Funebri

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ACCANTO. Progetto di formazione per titolari e necrofori d Aziende di Onoranze Funebri"

Transcript

1 ACCANTO Progetto di formazione per titolari e necrofori d Aziende di Onoranze Funebri PREMESSA Il presente progetto ha origine dalla collaborazione instauratasi tra l Azienda di Onoranze Funebri Maffioli Sas di Mantova e la nostra Associazione (Associazione Maria Bianchi, Suzzara). Dopo i primi contatti, volti soprattutto ad una reciproca conoscenza, si è congiuntamente deciso di iniziare una serie articolata d interventi allo scopo di riuscire a sostenere psicologicamente, con maggiore efficacia e competenza, i familiari/amici in lutto per la perdita di un loro caro. Oltre all ipotesi di formazione qui presentata, la collaborazione si caratterizza anche tramite: comunicazione ai clienti, da parte di On. Fu. Maffioli, della possibilità di usufruire dei servizi offerti dall Associazione Maria Bianchi a sostegno delle persone in lutto (gruppo di auto-mutuo-aiuto, sostegno psicologico individuale, servizio di comunicazione epistolare, mediateca specializzata) tramite volantino appositamente predisposto realizzazione di una brochure destinata alle persone in lutto contenente una serie di riflessioni-consigli sugli aspetti emotivo-comportamentali che caratterizzano questa delicatissima fase della vita. Appare quindi evidente come questo progetto di formazione s inserisca in un tentativo molto più articolato e complesso che, oltre a risultare decisamente innovativo in questo campo, presenta una collaborazione tra pubblico-privato che s inserisce a pieno titolo nelle nuove dinamiche del mercato e del terzo settore no-profit. 1

2 PROGETTO DI FORMAZIONE Le caratteristiche specifiche di questo percorso formativo partono inevitabilmente dal precedente tentativo ( Training Tanatologico elaborato da Laura Sibilla); non si può quindi prescindere da ciò che si è già tentato di avviare con competenza e attenzione ma che, purtroppo, non ha dato gli esiti previsti. Sono infatti i problemi emersi e le riflessioni sugli stessi che, in questo caso, devono essere considerati come i punti di partenza per una seconda, necessariamente diversa, ipotesi. Una riflessione avuta con Laura S. e la lettura integrale del progetto, lo scambio avvenuto all interno dell associazione e le nostre esperienze formative maturate dal 1986 (per Asl, hospices, Centri di servizio, ordini professionali socio-sanitari, decine di associazioni ) hanno permesso quindi di evidenziare i seguenti aspetti problematici: 1. forte concorrenza imprenditoriale tra molte Aziende di Onoranze Funebri 2. chiusura comunicativa e indisponibilità alla collaborazione reciproca (vissuta più come rischio che occasione di crescita e distinzione) 3. limitato interesse alla formazione relazionale da parte del personale professionale delle Aziende (l interesse e la disponibilità all investimento economico è più rivolto a forme pubblicitarie classiche che alla valorizzazione delle risorse interne). Il progetto che è stato poi presentato e che non ha trovato adesioni (nonostante la diffusione capillare) si caratterizzava come notevolmente impegnativo sia per il numero di ore (quaranta) che per le modalità e il coinvolgimento richiesto ai partecipanti. L indubbia qualità dello stesso e la completezza metodologica-organizzativa, presupponevano però l adesione di persone già convinte e motivate e non, come invece sembra oggettivamente essere, operatori che vanno aiutati a maturare e crescere professionalmente. Sono stati poi ipotizzati altri impedimenti, quali ad esempio la frequenza settimanale o bisettimanale in orario di servizio, la quota di partecipazione che potrebbero forse avere ulteriormente ostacolato la partecipazione. Da queste premesse, s ipotizza allora un percorso formativo notevolmente diverso per molti aspetti, proprio nel tentativo (perché di tentativo si tratta) di evitare i precedenti condizionamenti, arrivando ad offrire una nuova proposta. 2

3 DESTINATARI L offerta è naturalmente rivolta a tutti i titolari e necrofori ma lo scopo è quello di iniziare coinvolgendo anche un numero limitato degli stessi, sfruttando al massimo alcuni positivi rapporti di reciproca stima professionale tra alcune Aziende nel mantovano e l assenza di conflittualità imprenditoriale. Questa scelta appare oggettivamente la più realistica, considerando la situazione complessiva; un primo, anche limitato, gruppo di operatori disposti a qualificarsi potrebbe inoltre fungere da stimolo futuro per meccanismi di emulazione e confronto- in favore di chi ora si dimostra meno sensibile. OBIETTIVI Si mantengono naturalmente gli obiettivi presenti nel progetto Training tanatologico ma non tutti in maniera manifesta; risulta cioè importante fare emergere, nella fase di diffusione del corso, specialmente ciò che è nella pratica più facilmente realizzabile e che può incidere velocemente nella gestione del servizio. E necessario, in altri termini, che l occasione formativa sia presentata soprattutto (non unicamente!) come una possibilità per migliorare il servizio a partire dalla quotidianità del lavoro: se così non fosse è probabile il ripetersi del fenomeno precedente (assenza di adesioni). In un secondo momento, una volta iniziati gl incontri, si potranno gradualmente inserire quegli elementi più complessi di riflessione che costituiscono lo scopo ultimo del percorso. FASI Il progetto è suddiviso in tre fasi: 1. diffusione iniziale; 2. realizzazione degl incontri con gli eventuali partecipanti; 3. accompagnamento e consulenza al gruppo per i primi 5.6 mesi di attività allo scopo di renderlo progressivamente autonomo ed in grado di coinvolgere futuri aderenti. 3

4 STRUTTURA Fase 1 diffusione dell iniziativa E probabilmente la fase più delicata e ricca d incognite. Presentare questo progetto in nome dell Associazione Maria Bianchi (in collaborazione con /con il patrocinio di ), realtà comunque esterna e non in concorrenza con le Aziende, potrebbe impedire (o diminuire) la preoccupazione di chi non vuole confrontarsi con altri e rifiuta di aderire ad iniziative di colleghi-rivali. Fase 2 percorso di formazione Tre (3) incontri iniziali di 2h ½ massimo l uno, a cadenza settimanale, con la possibilità di modificare le date e l orario secondo i partecipanti. L impegno iniziale limitato e la flessibilità prevista possono risultare un incoraggiamento alle adesioni e un incentivo alla disponibilità. I tre incontri sono gestiti con la modalità del lavoro in piccoli gruppi (uno o più secondo il numero), fortemente finalizzati ad elaborare quelle metodologie di contatto con familiari in lutto che rimotivino la mission personale degli operatori, aumentando la percezione dell autostima professionale, fattore di base per qualunque successivo cambiamento comunicativo-relazionale. Non sono quindi previste lezioni frontali ma elementi di riflessione psicologica che saranno inseriti e proposti durante gl incontri. Largo spazio verrà quindi dato alle problematiche che porteranno i partecipanti e alle loro specifiche richieste, proprio per creare una situazione all interno della quale gli aderenti si sentano protagonisti e soggetti attivi, non fruitori passivi di consigli e teorie. E evidente, così facendo, che non è possibile stabilire a priori con esattezza e invariabilità i contenuti che verranno affrontati e discussi durante gl incontri, proprio perché un percorso formativo di questo genere non può prescindere dal vissuto personale dei partecipanti (a differenza dei corsi informativi che sono invece centrati sulla trasmissione e riflessione di contenuti e saperi). Ma è altrettanto sicuro che la gestione in itinere della formazione stimolerà riflessioni, confronti e nuove letture di esperienze sulla base di alcuni contenuti che si provvederà a far emergere e che sintetizziamo in: 1. la conoscenza delle principali dinamiche relative all elaborazione del lutto 2. i segni, i riti, i gesti, le ritualità come occasioni di elaborazione 3. la capacità di essere accanto alle persone in lutto nella fase pre e postcerimonia funebre come espressione di competenza professionale. 4

5 Fase 3 accompagnamento e consulenza Il gruppo di operatori coinvolti sarà sostenuto anche dopo il termine dell esperienza (fase 2) nei seguenti modi: formalmente 2 incontri da realizzare nei mesi successivi per riflettere-verificarecondividere le esperienze maturate alla luce degli elementi emersi nei precedenti incontri informalmente mantenere i contatti tra associazione-partecipanti tramite visite periodiche, telefonate, , in maniera da creare un collegamento costante nel tempo che permetta di consolidare il vissuto di gruppo e di formazione permanente.. DURATA La durata complessiva del progetto è di circa 5-7 mesi. METODOLOGIA Il percorso formativo (fase 2) è realizzato utilizzando prevalentemente una metodologia attiva e caratterizzata da forte coinvolgimento personale (ma graduale) del corsista che si realizza tramite: focus-group progettazione d interventi in piccoli gruppi con supervisione testimonianze dirette e indirette interazioni tra partecipanti-coordinatori analisi di casi concreti simulazioni e role-playing. Nella fase 3 saranno realizzati incontri di tipo valutativo e di ridefinizione, basati principalmente sull analisi, progettazione e verifica degli interventi realizzati (i problemi emersi, i cambiamenti, le difficoltà ). STRUMENTI Per la realizzazione della fase 2 e 3 sono necessari: + sala di medie dimensioni con possibilità di spostare liberamente le sedie + lavagna a fogli o simile + fotocopiatrice + materiale di cancelleria per i partecipanti. 5

6 CONDUTTORI Il progetto nel suo complesso è condotto da: dott. Nicola Ferrari, responsabile della formazione e dei progetti dell Associazione Maria Bianchi. Co-conduttori: volontari esperti dell Associazione Maria Bianchi (Matilde Motta, facilitatrice gruppo di auto-aiuto per persone in lutto - Franco Tosi, co-docente, responsabile Mediateca) Il responsabile Formazione e Progetti Dott. Nicola Ferrari Suzzara,

COSI LONTANO, COSI VICINO Il sostegno relazionale ai malati terminali e alle persone in lutto

COSI LONTANO, COSI VICINO Il sostegno relazionale ai malati terminali e alle persone in lutto SCUOLA DI FORMAZIONE NAZIONALE ON-LINE PER PERSONALE CURANTE PROFESSIONALE E VOLONTARIO 1 EDIZIONE COSI LONTANO, COSI VICINO Il sostegno relazionale ai malati terminali e alle persone in lutto Organizzazione

Dettagli

- La comunicazione epistolare come modalità di sostegno alle persone in lutto

- La comunicazione epistolare come modalità di sostegno alle persone in lutto - La comunicazione epistolare come modalità di sostegno alle persone in lutto Sintesi: 1. Caratteristica: metodologia per il sostegno psicologico a distanza per le persone in lutto 2. Utenti: persone in

Dettagli

C1) PROGRAMMA OPERATIVO DEI SERVIZI AI PROGETTI

C1) PROGRAMMA OPERATIVO DEI SERVIZI AI PROGETTI C1) PROGRAMMA OPERATIVO DEI SERVIZI AI PROGETTI Denominazione del progetto ORA NON SIAMO PIU SOLI 1. Tipologia del progetto che si intende supportare barrare la casella di riferimento: X progettazione

Dettagli

GIO A. alla PARI. UNIONE EUROPEA Fondo Sociale Europeo. Regione Piemonte Agenzia Piemonte Lavoro

GIO A. alla PARI. UNIONE EUROPEA Fondo Sociale Europeo. Regione Piemonte Agenzia Piemonte Lavoro Progetto per la diffusione della cultura di parità e del principio di non discriminazione nel sistema educativo e nel mondo del lavoro. Regione Piemonte Agenzia Piemonte Lavoro UNIONE EUROPEA Fondo Sociale

Dettagli

Comunità della Paganella

Comunità della Paganella COMUNITÀ della PAGANELLA PROGETTO Sportello Donna Comunità della Paganella Gennaio 2013 PREMESSE Nel 2011 la Comunità della Paganella ha elaborato il progetto intitolato La conoscenza delle donne, nell

Dettagli

La valutazione del percorso formativo

La valutazione del percorso formativo La valutazione del percorso formativo L esperienza del biennio di Padova 1999-2000 Maria Carla Acler Premessa Il presente lavoro nasce dal desiderio di diffondere tra i colleghi l esperienza maturata all

Dettagli

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Il progetto Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato è nato in seguito ad un progetto pilota avviato durante l anno scolastico 1999/2000 e presentato

Dettagli

Marketing / Orientamento (Processo Principale) INDICE

Marketing / Orientamento (Processo Principale) INDICE INDICE 1 di 1 Istituto di Istruzione Superiore J.C. Maxwell Marketing / Orientamento (Processo Principale) Codice PQ 010 MARKETING / ORIENTAMENTO INDICE 1.1 OBIETTIVO 1.2 CAMPO D APPLICAZIONE 1.3 RESPONSABILITÀ

Dettagli

PROGETTI SPERIMENTALI delle sedi PADOVA e ROVIGO: GRUPPO DI SUPPORTO E AIUTO E CONSULENZA PSICOLOGICA (INDIVIDUALE O/E FAMILIARE)

PROGETTI SPERIMENTALI delle sedi PADOVA e ROVIGO: GRUPPO DI SUPPORTO E AIUTO E CONSULENZA PSICOLOGICA (INDIVIDUALE O/E FAMILIARE) Allegato n. 2 Circ. 61/2011 1. Titolo Intervento Schema Intervento Titolo IV PROGETTI SPERIMENTALI delle sedi PADOVA e ROVIGO: GRUPPO DI SUPPORTO E AIUTO E CONSULENZA PSICOLOGICA (INDIVIDUALE O/E FAMILIARE)

Dettagli

UN CURRICOLO CENTRATO SUL SIGNIFICATO di Lucio Guasti *

UN CURRICOLO CENTRATO SUL SIGNIFICATO di Lucio Guasti * UN CURRICOLO CENTRATO SUL SIGNIFICATO di Lucio Guasti * PREMESSA La breve riflessione che segue si colloca nell ambito degli attuali orientamenti di riforma, di conseguenza considera suo principale punto

Dettagli

STATE COMODI Assistenza Anziani Progetto di Servizio Civile Nazionale in Italia

STATE COMODI Assistenza Anziani Progetto di Servizio Civile Nazionale in Italia STATE COMODI Assistenza Anziani Progetto di Servizio Civile Nazionale in Italia 1. IN BREVE Il presente progetto intende potenziare la rete di protezione sociale di anziani in particolare situazione di

Dettagli

AFFRONTARE INSIEME L AUTISMO Percorso di parent training

AFFRONTARE INSIEME L AUTISMO Percorso di parent training AFFRONTARE INSIEME L AUTISMO Percorso di parent training Premessa Le famiglie con un figlio disabile si differenziano dalle altre famiglie a partire dalla nascita del figlio: problemi di accettazione,

Dettagli

SCUOLA MEDIA STATALE F. GUARINI SOLOFRA

SCUOLA MEDIA STATALE F. GUARINI SOLOFRA SCUOLA MEDIA STATALE F. GUARINI SOLOFRA I. Introduzione COUNSELING E COUNSELOR Attualmente nella sua definizione più ampia, il termine Counseling indica la relazione d aiuto che si instaura tra una persona

Dettagli

"ALVARO - GEBBIONE" Via Botteghelle, 29 89129 REGGIO CALABRIA C.F. 92031140806 C.M.RCIC870003

ALVARO - GEBBIONE Via Botteghelle, 29 89129 REGGIO CALABRIA C.F. 92031140806 C.M.RCIC870003 ISTITUTO COMPRENSIVO " - GEBBIONE" Via Botteghelle, 29 89129 REGGIO CALABRIA C.F. 92031140806 C.M.RCIC870003 PIANO INTEGRATO PON 2013/14 PROT. N. AOODGAI8439 DEL 02/08/2014 Prot. 2252/18.08.2014 Al personale

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO «MARIO PAGANO»

LICEO SCIENTIFICO «MARIO PAGANO» LICEO SCIENTIFICO «MARIO PAGANO» anno scolastico 2012/2013 PROGETTO GIORNALINO DI ISTITUTO DOCENTI REFERENTI DESTINATARI FINALITA' prof.sse Maria-Eleonora De Nisco Claudia Liberatore Alunni di tutte le

Dettagli

EDUCATIVA TERRITORIALE

EDUCATIVA TERRITORIALE EDUCATIVA TERRITORIALE L attivazione di questo servizio è subordinata al finanziamento della L. 285/97 (Disposizioni per la promozione di diritti e opportunità per l infanzia e l adolescenza). DEFINIZIONE

Dettagli

LA MEDIAZIONE FAMILIARE

LA MEDIAZIONE FAMILIARE LA MEDIAZIONE FAMILIARE Nel corso dell ultimo decennio, in Italia, si è organizzato un movimento di opinione con lo scopo di promuovere con un approccio conciliativo e sull esempio di esperienze internazionali

Dettagli

Safety experience. Strumenti, metodologie ed esperienze innovative per la formazione sulla sicurezza nei luoghi di lavoro.

Safety experience. Strumenti, metodologie ed esperienze innovative per la formazione sulla sicurezza nei luoghi di lavoro. Formare per aprire le porte Safety experience. Strumenti, metodologie ed esperienze innovative per la formazione sulla sicurezza nei luoghi di lavoro. Safety experience nasce dal lavoro di un team di professionisti

Dettagli

1. Titolo del corso SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (livello avanzato) 4. Quota di iscrizione per partecipante (al netto di Iva) 3.

1. Titolo del corso SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (livello avanzato) 4. Quota di iscrizione per partecipante (al netto di Iva) 3. 1. Titolo del corso SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (livello avanzato) 2. Tematica formativa del catalogo Abilità personali Contabilità finanza Gestione aziendale - amministrazione Impatto ambientale Informatica

Dettagli

Scheda di presentazione progetto del Piano Operativo Giovani (POG)

Scheda di presentazione progetto del Piano Operativo Giovani (POG) Mod. A2 PGA Scheda di presentazione progetto del Piano Operativo Giovani (POG) 1. Codice Progetto GIPRO_1_ 2015 2. Titolo del progetto "Essere educatore. Ruolo e strategie psico-educative per chi inter-agisce

Dettagli

CHE COS E IL MENTORING

CHE COS E IL MENTORING CHE COS E IL MENTORING E un dato di fatto che il numero delle donne che lavorano è in sensibile aumento in ogni paese, ma nonostante questo, e malgrado molte donne rivestano posizioni anche altamente professionali,

Dettagli

Sportello di orientamento alla Formazione ed al Lavoro

Sportello di orientamento alla Formazione ed al Lavoro TRAINING HUMAN OCCUPATION RESEARCH ONLUS Sportello di orientamento alla Formazione ed al Lavoro Bando Garanzia Giovani Regione Molise 2015 SEDE DI ATTUAZIONE TERMOLI NUMERO VOLONTARI 2 TITOLO PROGETTO

Dettagli

Il contesto territoriale è costituito dalle Province di: Bologna, Ravenna, Rimini e Parma

Il contesto territoriale è costituito dalle Province di: Bologna, Ravenna, Rimini e Parma SCHEDA-PROGETTO PER PROGETTI A VALENZA REGIONALE PER ATTIVITÀ DI SPESA CORRENTE PROMOSSI DA SOGGETTI PRIVATI SENZA FINI DI LUCRORIVOLTI AD ADOLESCENTI E GIOVANI PUNTO 3.1, LETTERA A. DELL ALLEGATO A) SOGGETTO

Dettagli

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola.

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola. Passo dopo Passo Insieme supporta la motivazione scolastica dei preadolescenti, promuovendo percorsi che mettano al centro le risorse personali dei ragazzi e offrendo progetti di formazione e sensibilizzazione

Dettagli

Descrizione sintetica del progetto

Descrizione sintetica del progetto 1 PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI UN CENTRO DI COUNSELING EDUCATIVO/ABILITATIVO A FAVORE DI SOGGETTI CON AUTISMO E DISTURBI GENERALIZZATI DELLO SVILUPPO Descrizione sintetica del progetto Progetto sperimentale

Dettagli

Il lavoro di rete e community care. I gruppi di auto mutuo aiuto nelle dipendenze : una riflessione teorica

Il lavoro di rete e community care. I gruppi di auto mutuo aiuto nelle dipendenze : una riflessione teorica Il lavoro di rete e community care. I gruppi di auto mutuo aiuto nelle dipendenze : una riflessione teorica Ferrara 24 settembre 2009 Andrea Noventa Responsabile Area-Prevenzione Ser.T1 Dipartimento delle

Dettagli

Infoclip SRL. Marketing & Promotion. www.infoclip.it

Infoclip SRL. Marketing & Promotion. www.infoclip.it Infoclip SRL Marketing & Promotion www.infoclip.it Maggio 2008 La nostra missione La Missione nostra missione Organizzare campagne di vendita, promozione e comunicazione aziendali verso il target giovanile-studentesco

Dettagli

Associazione professionale che rilascia attestato di qualità (Legge 14 gennaio 2013, n. 4) CORSO "ESPERTO MEDIATORE FAMILIARE" Milano

Associazione professionale che rilascia attestato di qualità (Legge 14 gennaio 2013, n. 4) CORSO ESPERTO MEDIATORE FAMILIARE Milano L' AIRAC è iscritta presso il Associazione professionale che rilascia attestato di qualità (Legge 14 gennaio 2013, n. 4) CORSO "ESPERTO MEDIATORE FAMILIARE" Milano Piazza Castello, 24 Anno Formativo 2015-2016

Dettagli

PROGETTO DI FORMAZIONE PER COMPRENDERE, SPERIMENTARE E FAR PROPRIO IL METODO

PROGETTO DI FORMAZIONE PER COMPRENDERE, SPERIMENTARE E FAR PROPRIO IL METODO LO SPAZIO MAGICO DELLA RELAZIONE TM Metodo di intervento sulle dinamiche relazionali e sulla prevenzione del disagio nella Scuola dell Infanzia e nella Scuola Primaria PRIMO LIVELLO PROGETTO DI FORMAZIONE

Dettagli

ASL TO2 DIPARTIMENTO PATOLOGIA DELLE DIPENDENZE 2 C. Olievenstein

ASL TO2 DIPARTIMENTO PATOLOGIA DELLE DIPENDENZE 2 C. Olievenstein DIPARTIMENTO PATOLOGIA DELLE DIPENDENZE 2 C. Olievenstein 57 Dipartimento Patologia delle Dipendenze 2 C. Olievenstein Circoscrizioni 6 e 7 Unplugged È un programma scolastico di prevenzione delle dipendenze,

Dettagli

TITOLO DEL PROGETTO: EDUCARE ALL AFFETTIVITA. COORDINATORE DI PROGETTO: Prof.ssa A. De Maria

TITOLO DEL PROGETTO: EDUCARE ALL AFFETTIVITA. COORDINATORE DI PROGETTO: Prof.ssa A. De Maria C.F. 80006100434 - codice meccanografico MCSD01000D e-mail segreteria@istartemacerata.it www.istitutoartemacerata.it PROGETTI P.O.F. 2011/2012 TITOLO DEL PROGETTO: EDUCARE ALL AFFETTIVITA COORDINATORE

Dettagli

Cittadinanza Attiva e Sostenibilità Ambientale

Cittadinanza Attiva e Sostenibilità Ambientale Cittadinanza Attiva e Sostenibilità Ambientale Progetto finanziato dal Dipartimento della Gioventù Contesto e giustificazione del progetto L idea progettuale nasce dalle analisi effettuate sulle esperienze

Dettagli

TITOLO DEL PROGETTO: A.A.A. OPPORTUNITÀ DI CRESCITA CERCASI.

TITOLO DEL PROGETTO: A.A.A. OPPORTUNITÀ DI CRESCITA CERCASI. TITOLO DEL PROGETTO: A.A.A. OPPORTUNITÀ DI CRESCITA CERCASI. RAPPRESENTANTE LEGALE e REFERENTE RESPONSABILE DEL PROGETTO: Don Raffaele Panno (Responsabile Area Educativa Rimettere le ali del Borgo Don

Dettagli

Sintesi dei risultati

Sintesi dei risultati 1 Sintesi dei risultati Il presente documento sintetizza i principali risultati ottenuti dall attività di ricerca e di intervista sviluppata dallo Studio GMB per conto dell Associazione Territorio e Cultura

Dettagli

Un ambiente di apprendimento e centralità e-tutor

Un ambiente di apprendimento e centralità e-tutor Un ambiente di apprendimento e centralità e-tutor Indire Didattica e formazione Seminario formatori di Lingue 2006 L e-tutor una figura centrale nell intero percorso formativo Per la gestione dei gruppi

Dettagli

Move Your Future. Laboratorio di Orientamento e Scoperta dell imprenditorialità e della cultura d impresa

Move Your Future. Laboratorio di Orientamento e Scoperta dell imprenditorialità e della cultura d impresa Move Your Future Laboratorio di Orientamento e Scoperta dell imprenditorialità e della cultura d impresa Progetto corso sperimentale indirizzo imprenditorialità L attuale situazione di mercato pone la

Dettagli

SEMINARIO DI SENSIBILIZZAZIONE E FORMAZIONE ALLA CULTURA E ALLA PRATICA DELLA MUTUALITA E ALLA FORMAZIONE DI GRUPPI DI AUTO MUTUO AIUTO (A.M.A.

SEMINARIO DI SENSIBILIZZAZIONE E FORMAZIONE ALLA CULTURA E ALLA PRATICA DELLA MUTUALITA E ALLA FORMAZIONE DI GRUPPI DI AUTO MUTUO AIUTO (A.M.A. OASMolise OrdinedegliAssistentiSociali CdLSSS CdLSSPSFacoltàdiEconomia UniversitàdegliStudidelMolise SEMINARIODISENSIBILIZZAZIONEEFORMAZIONEALLACULTURAEALLAPRATICA DELLAMUTUALITA EALLAFORMAZIONEDIGRUPPIDIAUTOMUTUOAIUTO

Dettagli

ALLEGATO I DISLESSIA A.S. 2013 2014. Indice

ALLEGATO I DISLESSIA A.S. 2013 2014. Indice ALLEGATO I DISLESSIA A.S. 2013 2014 Indice Informazioni essenziali DSA... 2 Normativa di riferimento... 2 Elaborazione del PDP... 2 MISURE COMPENSATIVE E DISPENSATIVE... 3 PERCORSO DIDATTICO PERSONALIZZATO

Dettagli

AUTO MUTUO AIUTO cos è?

AUTO MUTUO AIUTO cos è? AUTO MUTUO AIUTO cos è? L Auto Mutuo Aiuto è un processo, un modo di trattare i problemi concreti che ciascuno si trova a fronteggiare nella propria vita: malattie, separazioni, lutti, disturbi alimentari,

Dettagli

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL 1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL BENE COMUNE Una comunità di oltre 139 mila soci impegnati, nel quotidiano come nelle emergenze, in attività sociali e sanitarie di aiuto alle persone in difficoltà

Dettagli

CORSO DI INFORMATICA DI BASE 2^ edizione

CORSO DI INFORMATICA DI BASE 2^ edizione Ce.Se.Vo.Ca. Centro Servizi per il Volontariato di Capitanata Via Arpi, 66-71100 Foggia tel. e fax: (+39) 0881.568648 e-mail: info@cesevoca.it url: www.cesevoca.it CORSO DI INFORMATICA DI BASE 2^ edizione

Dettagli

S&A Change Srl www.sa-change.it E-mail: info@sa-change.it Via Cesare Boldrini, 24 40121 Bologna Tel. 051.240180 Fax 051.240420 Via F.

S&A Change Srl www.sa-change.it E-mail: info@sa-change.it Via Cesare Boldrini, 24 40121 Bologna Tel. 051.240180 Fax 051.240420 Via F. FORMAZIONE MANAGERIALE S&A Change Srl www.sa-change.it E-mail: info@sa-change.it Via Cesare Boldrini, 24 40121 Bologna Tel. 051.240180 Fax 051.240420 Via F. Baracca, 235/E 50127 Firenze Tel. 055.3436516

Dettagli

Capitolo 11 Un esempio concreto

Capitolo 11 Un esempio concreto Capitolo 11 Un esempio concreto Questa è una storia vera e narra di come da un corso in presenza con un supporto su Web si è arrivati ad un corso completamente online, i problemi affrontati nel passaggio

Dettagli

1. Il welfare locale. 1. 1 Contesto normativo

1. Il welfare locale. 1. 1 Contesto normativo 1. 1 Contesto normativo L evoluzione normativa, avvenuta negli ultimi trentanni a livello nazionale in materia sanitaria e sociale e a livello regionale (dalle Leggi Regionali n. 78/1979, n. 13/ 1980,

Dettagli

SINTESI PROGETTO S.M.S. Scuola Sostegno, Motivazione e Successo

SINTESI PROGETTO S.M.S. Scuola Sostegno, Motivazione e Successo SINTESI PROGETTO S.M.S. Scuola Sostegno, Motivazione e Successo POR SARDEGNA 2000/2006 Misura 3.6 Azione 3.6.a Bando 2005/2006 Il progetto denominato SMS Scuola Sportello di ascolto, orientamento e informazione

Dettagli

Obiettivi La professionalità di un formatore in ambito socio-sanitario può essere definita da tre dimensioni fondamentali:

Obiettivi La professionalità di un formatore in ambito socio-sanitario può essere definita da tre dimensioni fondamentali: Perché preparare alla formazione in ambito socio-sanitario? L introduzione dell obbligo formativo per il personale sanitario con il decreto legislativo n. 229/99 e l accreditamento di strutture di formazione

Dettagli

Materiali: business kit, fornito da IGS, contenente le linee guida per la creazione del laboratorio d impresa

Materiali: business kit, fornito da IGS, contenente le linee guida per la creazione del laboratorio d impresa Destinatari: studenti degli istituti superiori del terzo, quarto e quinto anno: protagonisti indiscussi del programma che, grazie al confronto con il Trainer IGS, saranno guidati nella realizzazione e

Dettagli

Esperienze e ricerche in Medicina Generale

Esperienze e ricerche in Medicina Generale Esperienze e ricerche in Medicina Generale Le problematiche dell assistenza domiciliare al malato oncologico terminale: la percezione dei MMG operanti in provincia di Varese e di un gruppo di MMG coinvolto

Dettagli

Genitori con la patente

Genitori con la patente Genitori con la patente Associazione di Promozione Sociale Via Don Tonino Bello, 20 00132 ROMA Iniziativa di SOSTEGNO ALLA GENITORIALITA E PRESIDIO PSICOLOGICO RELAZIONE DESCRITTIVA A cura di Dott.ssa

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE F. MASCI FRANCAVILLA AL MARE. referente ins. MASCI LUANA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE F. MASCI FRANCAVILLA AL MARE. referente ins. MASCI LUANA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE F. MASCI FRANCAVILLA AL MARE referente ins. MASCI LUANA 1 Con l anno scolastico 2013-14 entrano pienamente in vigore le Indicazioni Nazionali per il Curricolo della Scuola

Dettagli

Ruolo ed attività previste per i giovani in servizio civile nell ambito del progetto.

Ruolo ed attività previste per i giovani in servizio civile nell ambito del progetto. Allegato B) CARATTERISTICHE PROGETTO Titolo del progetto: Mercurio Settore di intervento del progetto: n) educazione contro ogni forma di discriminazioni anche per orientamento sessuale Codice identificativo

Dettagli

Un percorso formativo per supportare il confronto tra insegnanti e bambini adottati

Un percorso formativo per supportare il confronto tra insegnanti e bambini adottati Un percorso formativo per supportare il confronto tra insegnanti e bambini adottati Il presente Percorso Formativo è riconosciuto dal CSA di Bologna Scuola Elementare M. Longhena (BO) 14-22 2006 Premessa

Dettagli

L'approccio iniziale all esperienza nella struttura educativa sarà quindi interpretato nel rispetto dei principi di "gradualità" e "continuità".

L'approccio iniziale all esperienza nella struttura educativa sarà quindi interpretato nel rispetto dei principi di gradualità e continuità. 1 Accogliere un bambino in un servizio educativo per la prima infanzia, significa accogliere tutta la sua famiglia, individuando tutta una serie di strategie di rapporto fra nido/centro gioco e casa, volte

Dettagli

PROGETTO ASCOLTO DOCENTI PAD 4

PROGETTO ASCOLTO DOCENTI PAD 4 PROGETTO ASCOLTO DOCENTI PAD 4 PREMESSA Il corso di formazione a distanza PAD (Progetto Ascolto Docenti) in collaborazione con l Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia, è giunto alla sua quarta

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA a.s. 2014.2015

CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA a.s. 2014.2015 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE F. MASCI FRANCAVILLA AL MARE CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA a.s. 2014.2015 Coordinatrice Luana Masci Con l anno scolastico 2013-14 entrano pienamente in vigore le Indicazioni

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: COMUNE DI MEZZOJUSO 2) Codice di accreditamento: NZ00607 3) Albo e classe di iscrizione:

Dettagli

[1] PROGETTO CATALOGAZIONE DEI BENI CULTURALI IN ALTO ADIGE

[1] PROGETTO CATALOGAZIONE DEI BENI CULTURALI IN ALTO ADIGE N E W S M U S E O ====================== Newsletter del Centro servizi museali ----------------------- N 2006/6 del 22/12/2006 ----------------------- SOMMARIO: [1] Progetto Catalogazione dei beni culturali

Dettagli

CATALOGO INTERREGIONALE ALTA FORMAZIONE IN RETE

CATALOGO INTERREGIONALE ALTA FORMAZIONE IN RETE CATALOGO INTERREGIONALE ALTA FORMAZIONE IN RETE ANNUALITA 2011/2012 Master e Corsi di Specializzazione per Laureati finanziati dalla Regione Campania attraverso Voucher Formativi individuali www.altaformazioneinrete.it

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

PROGETTO NOI X UNO DI NOI

PROGETTO NOI X UNO DI NOI Onlus UNO DI NOI PROGETTO NOI X UNO DI NOI Corsi di guida per disabili NOI X UNO DI NOI Corsi di guida sicura per disabili Capitoli del progetto: - 1) Titolarità - 2) Missione - 3) Denominazione - 4) Logo

Dettagli

Rita D Alfonso, Daniela Bertazzoni, Cinzia Siviero, Anna Molteni, Stefania La Rocca- Fondazione Casa Famiglia San Giuseppe Onlus Vimercate

Rita D Alfonso, Daniela Bertazzoni, Cinzia Siviero, Anna Molteni, Stefania La Rocca- Fondazione Casa Famiglia San Giuseppe Onlus Vimercate Rita D Alfonso, Daniela Bertazzoni, Cinzia Siviero, Anna Molteni, Stefania La Rocca- Fondazione Casa Famiglia San Giuseppe Onlus Vimercate RSA Aperta: le norme (DGR 856/2013 e successiva 2942/2014 Regione

Dettagli

1. Regione Piemonte 2. Titolo del programma 2.9.4. Guadagnare salute in adolescenza.

1. Regione Piemonte 2. Titolo del programma 2.9.4. Guadagnare salute in adolescenza. Piano operativo Schede 1. Regione Piemonte 2. Titolo del programma 2.9.4. Guadagnare salute in adolescenza. 3. Identificativo della linea o delle linee di intervento generale/i 2.9 Prevenzione e sorveglianza

Dettagli

Conservatorio Statale di Musica Giovanni Pierluigi da Palestrina di Cagliari. Corso di Formazione sul Linguaggio Musicale

Conservatorio Statale di Musica Giovanni Pierluigi da Palestrina di Cagliari. Corso di Formazione sul Linguaggio Musicale Conservatorio Statale di Musica Giovanni Pierluigi da Palestrina di Cagliari Scuola di Didattica della Musica e dello Strumento Corso di Formazione sul Linguaggio Musicale A cura della Prof.ssa ALESSANDRA

Dettagli

A.D.A. Assistenza Domiciliare Alzheimer

A.D.A. Assistenza Domiciliare Alzheimer A.D.A. Assistenza Domiciliare Alzheimer CARTA DEI SERVIZI INDICE 1. PREMESSA 2. PRINCIPI FONDAMENTALI 3. FINALITA DEL SERVIZIO 4. OBIETTIVO 5. DESTINATARI 6. ACCESSO AL SERVIZIO 7. ORARI DI APERTURA 8.

Dettagli

Corso di specializzazione per il sostegno Progetto di tirocinio (CF 06/03/12)

Corso di specializzazione per il sostegno Progetto di tirocinio (CF 06/03/12) Modulo di specializzazione per l attività didattica di sostegno nell ambito del Corso di laurea in Scienze della formazione primaria a.a. 2011/12 Finalità generali Divenire consapevoli della molteplicità

Dettagli

RISPOSTE QUESTIONARIO VALUTAZIONE SEMINARIO DI FORMAZIONE STILI DI VITA E SALUTE Montecatini Terme, 20-22 marzo 2015

RISPOSTE QUESTIONARIO VALUTAZIONE SEMINARIO DI FORMAZIONE STILI DI VITA E SALUTE Montecatini Terme, 20-22 marzo 2015 RISPOSTE QUESTIONARIO VALUTAZIONE SEMINARIO DI FORMAZIONE STILI DI VITA E SALUTE Montecatini Terme, 20-22 marzo 2015 Leggi attentamente le seguenti affermazioni e indica il grado di accordo con ciascuna

Dettagli

Formazione interaziendale 2014 CATALOGO MANAGEMENT, SVILUPPO E RISORSE UMANE

Formazione interaziendale 2014 CATALOGO MANAGEMENT, SVILUPPO E RISORSE UMANE 2014 Formazione interaziendale 2014 CATALOGO MANAGEMENT, SVILUPPO E RISORSE UMANE Vers. 18 marzo 2014 Pag. 1 2014 INDICE INDICE... 2 INFORMAZIONI GENERALI... 3 Interaziendale... 3 Corso CO1... 4 COMUNICAZIONE

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: COMUNE DI TAVIANO 2) Codice di accreditamento: NZ00428 3) Albo e classe di iscrizione:

Dettagli

Le competenze psicologiche del consulente finanziario

Le competenze psicologiche del consulente finanziario "Il vapore o il gas non azionano mai nulla finché sono imprigionati. Nessun fiume al mondo viene mai trasformato in luce ed energia finché non è incanalato. Nessuna vita cresce mai finché non è focalizzata,

Dettagli

APPROFONDIMENTO RISORSE UMANE

APPROFONDIMENTO RISORSE UMANE APPROFONDIMENTO RISORSE UMANE Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Approfondimento LEADERSHIP E TEAM BUILDING La soddisfazione del lavoratore A livello individuale, la gestione

Dettagli

SIAMO TUTTI MIGRANTI PROGETTO INTEGRATO DI EDUCAZIONE INTERCULTURALE FRA SCUOLE DEL TERRITORIO E CENTRO ITALIANO PER TUTTI

SIAMO TUTTI MIGRANTI PROGETTO INTEGRATO DI EDUCAZIONE INTERCULTURALE FRA SCUOLE DEL TERRITORIO E CENTRO ITALIANO PER TUTTI Istituto Beata Vergine Addolorata via Calatafimi, 10-20122 Milano tel: +39.02.58.10.11.85 info@ibva.it www.ibva.it italianopertutti@ibva.it tel: 02.4952.4600 SIAMO TUTTI MIGRANTI PROGETTO INTEGRATO DI

Dettagli

MEDIA EDUCAZIONE COMUNITA Ripensare i Media per l Educazione e il Benessere

MEDIA EDUCAZIONE COMUNITA Ripensare i Media per l Educazione e il Benessere MEDIA EDUCAZIONE COMUNITA a. Introduzione BAMBINI NON COMMERCIALI Il diritto a pensieri e spazi senza condizionamenti pubblicitari Le relazioni educative, all interno di una famiglia, per essere significative

Dettagli

Nuove competenze per un sistema di servizi di salute mentale orientato alle evidenze e al recoery

Nuove competenze per un sistema di servizi di salute mentale orientato alle evidenze e al recoery Nuove competenze per un sistema di servizi di salute mentale orientato alle evidenze e al recoery Paola Carozza DSM Ravenna Fermo 4 Aprile 2014 Le grandi sfide Ridisegnare i servizi sui principi del recovery

Dettagli

Libera Università degli Studi San Pio V di Roma. Facoltà di Scienze politiche Facoltà di Lingue e Letterature straniere Facoltà di Economia

Libera Università degli Studi San Pio V di Roma. Facoltà di Scienze politiche Facoltà di Lingue e Letterature straniere Facoltà di Economia Libera Università degli Studi San Pio V di Roma Facoltà di Scienze politiche Facoltà di Lingue e Letterature straniere Facoltà di Economia Anno Accademico 2007/2008 Corso di perfezionamento e di aggiornamento

Dettagli

Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2014/20145 SCUOLA PRIMARIA Compito Esperto Classi Quinte TITOLO: educazione all'affettività e alla sessualità

Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2014/20145 SCUOLA PRIMARIA Compito Esperto Classi Quinte TITOLO: educazione all'affettività e alla sessualità VALORE DI RIFERIMENTO Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2014/20145 SCUOLA PRIMARIA Compito Esperto Classi Quinte TITOLO: educazione all'affettività e alla sessualità Democrazia, non violenza e pace (società):

Dettagli

Bando Oscar della Salute 2013 Premio Nazionale Rete Città Sane OMS MODULO PRESENTAZIONE PROGETTO

Bando Oscar della Salute 2013 Premio Nazionale Rete Città Sane OMS MODULO PRESENTAZIONE PROGETTO Bando Oscar della Salute 2013 Premio Nazionale Rete Città Sane OMS MODULO PRESENTAZIONE PROGETTO Titolo del Ente proponente Lo Psicologo di Famiglia Comune di Carmignano di Brenta (PD) Referente del Città

Dettagli

DIECI ANNI DI AUTO MUTUO-AIUTO PER SORELLE E FRATELLI DI PERSONE CON DISABILITA

DIECI ANNI DI AUTO MUTUO-AIUTO PER SORELLE E FRATELLI DI PERSONE CON DISABILITA DIECI ANNI DI AUTO MUTUO-AIUTO PER SORELLE E FRATELLI DI PERSONE CON DISABILITA Relazione presentata al convegno I gruppi di auto-mutuo aiuto organizzato dalla Cooperativa Agape in collaborazione con il

Dettagli

Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per la classe quinta Discipline turistiche e aziendali

Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per la classe quinta Discipline turistiche e aziendali Grazia Batarra, Carla Sabatini Turismo: prodotti, imprese e professioni per il quinto anno Edizione mista Tramontana Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per

Dettagli

RELAZIONE FINALE EDUCAZIONE alla CITTADINANZA PIANO OFFERTA FORMATIVA A.S. 2011/12

RELAZIONE FINALE EDUCAZIONE alla CITTADINANZA PIANO OFFERTA FORMATIVA A.S. 2011/12 Istituto STATALE SUPERIORE J.F.KENNEDY di Monselice RELAZIONE FINALE EDUCAZIONE alla CITTADINANZA PIANO OFFERTA FORMATIVA A.S. 2011/12 Responsabile del progetto Prof.ssa Del Missier Aida Rita Il progetto

Dettagli

IL PRESIDENTE sottopone per l approvazione quanto segue: *** Normativa:

IL PRESIDENTE sottopone per l approvazione quanto segue: *** Normativa: IL PRESIDENTE sottopone per l approvazione quanto segue: Normativa: *** - Titolo V del D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 (Testo Unico Enti Locali), relativo alla gestione dei servi pubblici locali, e sue successive

Dettagli

Progetto Educativo d Istituto

Progetto Educativo d Istituto LICEO SCIENTIFICO Paritario LICEO delle SCIENZE UMANE OPZIONE ECONOMICO-SOCIALE Paritario ISAAC NEWTON Progetto Educativo d Istituto P.E.I. A.S. 2014/2015 0 INDICE 1. Introduzione. pag. 2 2. Finalità e

Dettagli

LA LEADERSHIP INFERMIERISTICA NELLA GESTIONE DEI CONFLITTI SUL LAVORO: RICERCA SULLA REALTA DELL INTERAGIRE TRA IL PERSONALE INFERMIERISTICO

LA LEADERSHIP INFERMIERISTICA NELLA GESTIONE DEI CONFLITTI SUL LAVORO: RICERCA SULLA REALTA DELL INTERAGIRE TRA IL PERSONALE INFERMIERISTICO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO MASTER / COORDINAMENTO LA LEADERSHIP INFERMIERISTICA NELLA GESTIONE DEI CONFLITTI SUL LAVORO: RICERCA SULLA REALTA DELL INTERAGIRE

Dettagli

Modifiche e integrazioni alla Deliberazione COVIP del 31/10/2006, nella parte relativa allo Schema di Nota informativa.

Modifiche e integrazioni alla Deliberazione COVIP del 31/10/2006, nella parte relativa allo Schema di Nota informativa. Modifiche e integrazioni alla Deliberazione COVIP del 31/10/2006, nella parte relativa allo Schema di Nota informativa. Il presente documento, recante lo schema delle modifiche ed integrazioni che la COVIP

Dettagli

DIVENTARE ED ESSERE UN DIRIGENTE SPORTIVO A MODENA

DIVENTARE ED ESSERE UN DIRIGENTE SPORTIVO A MODENA DIVENTARE ED ESSERE UN DIRIGENTE SPORTIVO A MODENA Un percorso di professionalizzazione dei Dirigenti sportivi Modenesi Bando di Indizione Programma Scheda di iscrizione Il Contesto di riferimento Il movimento

Dettagli

Avviso pubblico provinciale Attività formative per apprendisti 2012-2014 Scheda progettuale

Avviso pubblico provinciale Attività formative per apprendisti 2012-2014 Scheda progettuale Descrizione degli strumenti e delle metodologie didattiche Lo sviluppo dell attività di formazione degli apprendisti in termini di competenze di base e trasversali sviluppa il suo percorso attraverso incontri

Dettagli

CORSO "ESPERTO MEDIATORE FAMILIARE"

CORSO ESPERTO MEDIATORE FAMILIARE Ente di formazione iscritto al n.ro 90 dell elenco tenuto presso il Ministero della Giustizia CORSO "ESPERTO MEDIATORE FAMILIARE" Con Decreto datato 6 Luglio 2010 del Direttore Generale della Giustizia

Dettagli

nome progetto ambito d intervento ambito territoriale breve descrizione del progetto

nome progetto ambito d intervento ambito territoriale breve descrizione del progetto nome progetto ambito d intervento ambito territoriale breve descrizione del progetto Lottare contro i pregiudizi, sguardi diversi sulla disabilità 2014: Rete Bianca e Bernie Assistenza; Salute Associazione

Dettagli

I fondi. Conoscerli di più per investire meglio. Ottobre 2008. Commissione Nazionale per le Società e la Borsa - Divisione Relazioni Esterne

I fondi. Conoscerli di più per investire meglio. Ottobre 2008. Commissione Nazionale per le Società e la Borsa - Divisione Relazioni Esterne I fondi Conoscerli di più per investire meglio Ottobre 2008 Commissione Nazionale per le Società e la Borsa - Divisione Relazioni Esterne I FONDI: CONOSCERLI DI PIÙ PER INVESTIRE MEGLIO COSA SONO I fondi

Dettagli

DIGITAL-GYM Palestra digitale per la terza età attiva

DIGITAL-GYM Palestra digitale per la terza età attiva DIGITAL-GYM Palestra digitale per la terza età attiva I Bando 2015 Fondazione della Provincia di Lecco 1. DESCRIZIONE DEL CONTESTO Studi demografici dimostrano che la longevità nel nostro paese aumenta

Dettagli

DATI GENERALI DEL PROGETTO

DATI GENERALI DEL PROGETTO 1 ALL.2) DATI GENERALI DEL PROGETTO AZIENDA SANITARIA PROPONENTE: ASL 10 DI FIRENZE UFSMA/MOM SMA 5 FIRENZE TITOLO PROGETTO: PSICOEDUCAZIONE CON FAMIGLIE DI PSICOTICI, DIAGNOSI E RIABILITAZIONE COGNITIVA:

Dettagli

CBM MILANO SETTORE FORMAZIONE

CBM MILANO SETTORE FORMAZIONE CBM MILANO SETTORE FORMAZIONE Da quasi 30 anni istituzioni ed enti si rivolgono a CBM per avere risposta a bisogni di implementazione delle conoscenze, delle competenze e delle capacità degli operatori

Dettagli

Alla Dottoressa Francesca Sabella Ufficio IV Al Direttore ANSAS nucleo del Veneto Dottoressa A. Missana

Alla Dottoressa Francesca Sabella Ufficio IV Al Direttore ANSAS nucleo del Veneto Dottoressa A. Missana Alla Dottoressa Francesca Sabella Ufficio IV Al Direttore ANSAS nucleo del Veneto Dottoressa A. Missana Oggetto: Relazione della quarta annualità del progetto Psicologia dell'apprendimento della matematica.

Dettagli

I principali dati emersi Sinteticamente, ecco alcuni dei dati emersi 1

I principali dati emersi Sinteticamente, ecco alcuni dei dati emersi 1 Quando i giovani partecipano: prima indagine nazionale sulla presenza giovanile nell associazionismo, nel volontariato e nelle aggregazioni informali Sintesi rapporto Febbraio 2010 Perché questa ricerca?

Dettagli

Tutoring psicoeducativo: sostenere l apprendimento e l autoregolazione di ragazzi con Deficit d Attenzione e Iperattività (ADHD)

Tutoring psicoeducativo: sostenere l apprendimento e l autoregolazione di ragazzi con Deficit d Attenzione e Iperattività (ADHD) Tutoring psicoeducativo: sostenere l apprendimento e l autoregolazione di ragazzi con Deficit d Attenzione e Iperattività (ADHD) Direzione scientifica: Prof. Alessandro Antonietti, ordinario di Psicologia

Dettagli

AZIENDA DI SERVIZI ALLA PERSONA Istituzioni Assistenziali Riunite di Pavia CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

AZIENDA DI SERVIZI ALLA PERSONA Istituzioni Assistenziali Riunite di Pavia CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA AZIENDA DI SERVIZI ALLA PERSONA Istituzioni Assistenziali Riunite di Pavia CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Principi Generali Finalità del servizio Il servizio di Assistenza Domiciliare

Dettagli

Premio UNICEF Italia 2011 Attestato di Benemerenza Civica Comune di Milano 2014

Premio UNICEF Italia 2011 Attestato di Benemerenza Civica Comune di Milano 2014 L Associazione GeA-Genitori Ancora si è costituita nel 1987 per promuovere in Italia la pratica della mediazione familiare. La Mediazione Familiare è un percorso per la riorganizzazione delle relazioni

Dettagli

PROGRAMMA PROVINCIALE SPERIMENTALE DOMICILIARITA INNOVATIVA PER PERSONE DISABILI IN SITUAZIONE DI GRAVITA (L.R. 41/96 ARTT. 5-21) TRIENNIO 2007-2009

PROGRAMMA PROVINCIALE SPERIMENTALE DOMICILIARITA INNOVATIVA PER PERSONE DISABILI IN SITUAZIONE DI GRAVITA (L.R. 41/96 ARTT. 5-21) TRIENNIO 2007-2009 PROGRAMMA PROVINCIALE SPERIMENTALE DOMICILIARITA INNOVATIVA PER PERSONE DISABILI IN SITUAZIONE DI GRAVITA (L.R. 41/96 ARTT. 5-21) TRIENNIO 2007-2009 PROGETTI DELL AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N. 4 MEDIO

Dettagli

La mediazione linguistico-culturale nei servizi sociali. (Alcune riflessioni a cura di Daniela Giuliani e Paola Del Vecchio)

La mediazione linguistico-culturale nei servizi sociali. (Alcune riflessioni a cura di Daniela Giuliani e Paola Del Vecchio) La mediazione linguistico-culturale nei servizi sociali (Alcune riflessioni a cura di Daniela Giuliani e Paola Del Vecchio) La figura del mediatore culturale è nata negli anni sulla base di precise esigenze,

Dettagli

ANZI A NO' RI P OSA progetto pilota di teatro e arti visive

ANZI A NO' RI P OSA progetto pilota di teatro e arti visive ANZI A NO' RI P OSA progetto pilota di teatro e arti visive SINTESI PROGETTUALE ANZIaNO' RIpOSA è un progetto pilota che nasce dall'incontro dei bisogni rilevati presso la Casa di Riposo di Beinette e

Dettagli

Intesa sul sistema di formazione del personale A.T.A.

Intesa sul sistema di formazione del personale A.T.A. Intesa sul sistema di formazione del personale A.T.A. L anno 2004, il giorno 20 del mese di luglio, presso il Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca (di seguito indicato Miur), ai sensi

Dettagli