CAPITOLATO SPECIALE DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI GESTIONE DELLE CAMERE MORTUARIE PRESSO L OSPEDALE SAN PAOLO DI SAVONA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CAPITOLATO SPECIALE DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI GESTIONE DELLE CAMERE MORTUARIE PRESSO L OSPEDALE SAN PAOLO DI SAVONA"

Transcript

1 Allegato A) alla Lettera Invito CAPITOLATO SPECIALE DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI GESTIONE DELLE CAMERE MORTUARIE PRESSO L OSPEDALE SAN PAOLO DI SAVONA 1

2 INDICE Art. 1 OGGETTO DEL CAPITOLATO 3 Art. 2 DURATA DEL CONTRATTO 3 Art. 3 GESTIONE DEL SERVIZIO MORTUARIO 3 Art. 4 PRESTAZIONI ED ORARIO DI SERVIZIO 3 Art. 5 MODALITA DI SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO 5 Art. 6 ASSISTENZA AI DOLENTI 6 Art. 7 MODALITA DI ACCESSO 7 Art. 8 NORME IGIENICO SANITARIE E MANUTENTIVE 7 Art. 9 PERSONALE 8 Art. 10 REQUISITI E COMPORTAMENTI DEL PERSONALE 11 Art. 11 VARIAZIONE DEL PERSONALE 11 Art. 12 FORMAZIONE DEL PERSONALE 12 Art. 13 OBBLIGHI DELL AGGIUDICATARIO NEI CONFRONTI DEI PROPRI DIPENDENTI 12 Art. 14 ONERI A CARICO DELL AGGIUDICATARIO 12 Art. 15 SCIOPERI E CAUSE DI FORZA MAGGIORE 13 Art. 16 CONTROLLI PERIODICI 13 Art. 17 GARANZIA DEFINITIVA, TASSE, IMPOSTE, SPESE E DOCUMENTI 14 Art. 18 RESPONSABILITA CIVILE, COPERTURA ASSICURATVA, DANNI SUBITI DALL AGGIUDICATARIO E/O DAL PERSONALE UTILIZZATO 14 Art. 19 SICUREZZA DEL LAVORO 15 Art. 20 CESSIONE DELL APPALTO E SUBAPPALTO 17 Art. 21 STIPULA DEL CONTRATTO 17 Art. 22 ADEMPIMENTI ANTIMAFIA 18 Art. 23 GARANZIE ASSICURATIVE 18 Art. 24 SANZIONI PER INADEMPIMENTI E PENALI 18 Art. 25 RISOLUZIONE DEL CONTRATTO, RECESSO DEL CONTRATTO, CLAU- SOLA DI RISOLUZIONE 19 Art. 26 DIFFIDA AD ADEMPIERE E REVOCA DELL AFFIDAMENTO 20 Art. 27 LOCALI ASSEGNATI PER IL SERVIZIO MORTUARIO 21 Art. 28 CRITERIO DI AGGIUDICAZIONE E FORMULAZIONE DELL OFFERTA 21 Art. 29 OFFERTE ANORMALMENTE BASSE 21 Art. 30 GARANZIA A CORREDO DELL OFFERTA 21 Art. 31 PRESENTAZIONE FATTURE E MODALITA DI PAGAMENTO 21 Art. 32 CONTROLLI E REFERENTI 22 Art. 33 REVISIONE PREZZI 22 Art. 34 CONTROVERSIE 22 2

3 Art. 1 OGGETTO DEL CAPITOLATO Il presente Capitolato ha per oggetto la gestione del servizio mortuario nei locali di proprietà dell A.S.L. 2 Savonese, Presidio Ospedaliero di Savona Cairo Montenotte, opportunamente dedicati ed esattamente situati: - presso l Ospedale San Paolo di Savona, in Via Genova, 30; - presso l Ospedale San Giuseppe di Cairo Montenotte, in Corso Martiri della Libertà, 30. Tali locali sono adibiti ad uso camere mortuarie ed ad obitorio per lo svolgimento del servizio stesso e delle connesse mansioni di polizia mortuaria degli Ospedali ai sensi del D.P.R. n 285 del e successive modificazioni ed integrazioni, esclusivamente per i pazienti deceduti all interno degli Ospedali e per i giunti cadaveri pervenuti presso il Pronto Soccorso. Art. 2 DURATA DEL CONTRATTO Il contratto avrà una durata di 4 anni a decorrere dalla data che sarà fissata nella deliberazione di aggiudicazione della gara e potrà essere rinnovato per analogo periodo alle stesse o migliori condizioni e comunque non oltre l eventuale emanazione di nuove disposizioni normative di modifica che divenissero incompatibili con le attuali che regolamentano la gestione di tale servizio. Nel caso in cui, al termine del contratto, l A.S.L. 2 non abbia completato la procedura di gara per un nuovo affidamento del servizio, la società aggiudicataria è tenuta a continuare lo stesso alle condizioni previste nel contratto scaduto, per il tempo strettamente necessario ad ultimare tale procedura. L importo previsto a base d asta, per il periodo di 4 anni, è stimato in presunti Euro ,00.= oltre I.V.A. e non può essere superato, pena esclusione. Art. 3 GESTIONE DEL SERVIZIO MORTUARIO L aggiudicatario svolge il servizio mortuario in piena autonomia organizzativa, fermo restando il rispetto di quanto previsto dal presente Capitolato e dai Regolamenti in essere presso gli Ospedali interessati. Durante l orario di apertura del servizio al pubblico il personale dell aggiudicatario consentirà l accesso alle camere mortuarie ai congiunti ed ai visitatori dei defunti nonché al personale delle diverse Imprese di Onoranze Funebri incaricate dai familiari dei defunti stessi. L aggiudicatario è necessario interlocutore di chi accede, a qualsiasi titolo, ai predetti locali. Art. 4 PRESTAZIONI ED ORARIO DI SERVIZIO L aggiudicatario deve garantire nell ambito del servizio mortuario le prestazioni, di seguito indicate, tutti i giorni della settimana, compresi i festivi, per tutto l arco dell anno. In particolare tali prestazioni devono essere garantite: presso l Ospedale S. Paolo di Savona, con presenza 24h su 24h; presso l Ospedale San Giuseppe di Cairo Montenotte dalle ore 7,00 alle ore 12,00 e dalle ore 14,30 alle ore 21,00 (solo nei giorni di presenza delle salme, comunicata tramite fax dalle SS.CC. degli Ospedali, a decorrere da quando viene trasferita la salma). Le prestazioni oggetto del presente Capitolato Speciale consistono: ricezione, deposito, cura, custodia, sorveglianza ed osservazione delle salme, secondo quanto previsto dalla normativa vigente, registrazione sull apposito registro di cui all art. 5 e conservazione delle salme assegnate; 3

4 compilazione della documentazione relativa alla presa in carico delle parti anatomiche riconoscibili e del loro successivo smaltimento; registrazione delle generalità e quant altro necessario all individuazione delle salme, ovvero di prodotti abortivi e/o parti anatomiche riconoscibili (verifica dell avvenuta apposizione sui contenitori di etichetta adesiva di identificazione) e loro comunicazione quotidiana alla Direzione Medica; sanificazione e sanitizzazione completa delle celle frigorifere, secondo i protocolli di sanificazione e procedure in essere, nonché cura e verifica del corretto funzionamento di attrezzature ed impianti (celle frigorifere, condizionamento ambientale, illuminazione). per l Ospedale S. Paolo di Savona: trasmissione alla Segreteria della S.C. Direzione Medica di Presidio, all Ufficio di Stato Civile del Comune di Savona ed eventualmente all Autorità Giudiziaria, della documentazione relativa ai decessi ai sensi della normativa vigente e nel rispetto delle indicazioni e delle procedure impartite dalla Direzione Medica di Presidio; supporto al personale medico nella predisposizione della suddetta documentazione; gestione delle attività connesse relative alla cremazione della salma nel rispetto della normativa vigente; gestione delle attività connesse alla terapia conservativa nel rispetto della normativa vigente, ai sensi dell art. 32 D.P.R. 285/90 e s.m.i.; accoglienza dei visitatori dalle ore 8,00 alle ore 12,00 e dalle 15,00 alle 19,30 di tutti i giorni, festivi compresi, fatte salve modifiche di orario dovute ad esigenze organizzative; custodia delle aree, dei locali e dei beni dedicati al servizio (attrezzature, arredi, infissi, materiali di consumo, documenti, ecc.); custodia e pulizia (sanificazione e sanitizzazione) delle camere mortuarie e locali annessi, delle celle frigorifere e locali annessi, curando e verificando il corretto funzionamento di quanto ivi contenuto (comprese le celle frigorifere, gli impianti di condizionamento e di illuminazione); custodia degli accessi alle aree e delle aree stesse deputate al servizio; consegna di copia delle chiavi della Camera Mortuaria presso il Servizio di Portineria e presso l Ufficio Tecnico; partecipazione al servizio di raccolta differenziata dei rifiuti assimilabili agli urbani, raccolta dei rifiuti sanitari pericolosi a rischio infettivo (comprese le parti anatomiche riconoscibili) e non infettivo (Pacemakers), nel rispetto delle indicazioni e delle procedure impartite dalla Direzione Medica di Presidio; conferimento dei rifiuti di cui sopra, nei punti di raccolta indicati dalla Direzione di Presidio partecipazione al servizio di approvvigionamento e raccolta teleria e biancheria e recapito nei punti indicati dai competenti uffici della Direzione Medica; per l Ospedale San Giuseppe di Cairo Montenotte: su disposizione della Direzione Medica, consegna all Ufficio Stato Civile del Comune di Cairo Montenotte ed eventualmente all Autorità Giudiziaria della documentazione relativa ai decessi e quant altro necessario e connesso all attività del Servizio come previsto dalla normativa vigente; supporto al personale medico nella predisposizione della suddetta documentazione; gestione delle attività connesse relative alla cremazione della salma nel rispetto della normativa vigente; 4

5 gestione dell attività connessa alla terapia conservativa nel rispetto della normativa vigente, ai sensi dell art. 32 D.P.R. 285/90 e s.m.i.; apertura e chiusura della Camera Mortuaria per l accoglienza dei visitatori dei defunti dalle ore 7,00 alle ore 12,00 e dalle ore 14,30 alle ore 21,00 solo nei giorni di presenza delle salme; custodia e pulizia (sanificazione e sanitizzazione) delle camere mortuarie e locali annessi, delle celle frigorifere e locali annessi, curando e verificando il corretto funzionamento di quanto ivi contenuto (comprese le celle frigorifere, gli impianti di condizionamento e di illuminazione); custodia delle aree, dei locali e dei beni dedicati al servizio (attrezzature, arredi, infissi, materiali di consumo, documenti, etc.); custodia degli accessi alle aree e delle aree stesse deputate al servizio; custodia di copia delle chiavi della Camera Mortuaria presso il Servizio di Portineria; partecipazione al servizio di raccolta differenziata dei rifiuti assimilabili agli urbani, raccolta dei rifiuti sanitari pericolosi a rischio infettivo (comprese le parti anatomiche riconoscibili) e non infettivo (Pacemakers) nel rispetto delle indicazioni e delle procedure impartite dalla Direzione Medica di Presidio; conferimento dei rifiuti di cui sopra nei punti di raccolta indicati dalla Direzione di Presidio; partecipazione al servizio di approvvigionamento e raccolta teleria e biancheria e recapito nei punti indicati dai competenti uffici della Direzione Medica. per entrambi gli Ospedali: ogni altra operazione o adempimento prescritto dal presente Capitolato di Gara o previsto da leggi, norme o ordinanze, anche successivamente subentranti per entrambi le sedi ospedaliere del Presidio di Levante; l AS.L. 2 Savonese si riserva la facoltà di comunicare, con congruo anticipo, eventuali modifiche da apportare ai suddetti orari che si dovessero rendere necessarie in relazione alle esigenze aziendali. Il Servizio di cui trattasi dovrà essere svolto mediante un numero di dipendenti adeguato allo stesso, forniti di idonei requisiti. In proposito si precisa che l andamento del numero di decessi nell ultimo triennio è in media pari a n 1.000/anno per l Ospedale di Savona e n 150/anno per l Ospedale di Cairo Montenotte. Art. 5 MODALITA DI SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO Ogni traslazione di salma va annotata, a cura del Responsabile dell aggiudicatario, su apposito registro presente in ciascun Servizio Mortuario, dove devono essere registrate: le generalità della salma (o di prodotti abortivi e/o parti anatomiche riconoscibili), la data e l ora del decesso, la Struttura Complessa di provenienza, il numero della Camera Mortuaria assegnata e le ore stabilite dal medico necroscopo per il periodo di osservazione, le disposizioni dell Autorità Giudiziaria, gli spostamenti con data e ora trasporto, l Impresa di Onoranze Funebri che prende in consegna la salma e quant altro stabilito dalla Direzione Medica; Il registro deve essere reso disponibile presso il Servizio Mortuario in qualsiasi momento, per la verifica da parte dei Dirigenti Medici della Direzione di Presidio. 5

6 Cura della salma La composizione della salma, a fini igienico-sanitari, viene eseguita dal personale delle Strutture Complesse di degenza che compila e applica il braccialetto/cartellino di riconoscimento. Prima del trasferimento della salma alla Camera Mortuaria, gli eventuali effetti personali dovranno essere inventariati congiuntamente dal personale in turno della S.C. di degenza e dal personale dell aggiudicatario; successivamente tali effetti personali saranno presi in custodia dal personale dell aggiudicatario. La vestizione delle salme è compito della Società di Onoranze Funebri in possesso del relativo conferimento di incarico sulla base di quanto previsto dai regolamenti/procedure ospedalieri Ai parenti è consentita la vestizione della salma previa richiesta al personale della Società aggiudicataria. Spostamento e trasporto della salma Presso l Ospedale San Paolo di Savona: il ritiro delle salme dalle Strutture Complesse di degenza ed il loro trasporto presso le Camere Mortuarie, deve essere assicurato sull intero arco delle 24 ore di tutti i giorni dell anno compresi i festivi del personale della Società aggiudicataria, nel più breve tempo possibile. Ugualmente detto personale deve assicurare, nel più breve tempo possibile, il ritiro ed il trasporto di prodotti abortivi e/o parti anatomiche riconoscibili, dalle sale operatorie alle camere del Servizio Mortuario. Presso l Ospedale San Giuseppe di Cairo Montenotte: il ritiro delle salme dalle Strutture Complesse di degenza ed il loro trasporto presso la Camera Mortuaria è assicurato dal personale ospedaliero. Presso la sede di Cairo Montenotte, il personale dell aggiudicatario deve notificare alla Direzione Medica del Presidio uno o più numeri telefonici per il servizio di pronta disponibilità. Per entrambi gli Ospedali: in caso di eventuale riscontro diagnostico da eseguire presso altra sede, l Aggiudicatario si farà carico di contattare l impresa di Onoranze Funebri incaricata per il trasferimento della salma. Art. 6 ASSISTENZA AI DOLENTI Il personale dell aggiudicatario si impegna a rendere edotti i congiunti dei familiari che il servizio mortuario, di cui al presente Capitolato, viene svolto per conto dell A.S.L. 2 Savonese e non costituisce pregiudizio alcuno in relazione alle successive determinazioni in merito alle onoranze funebri, che verranno assunte dagli interessati in piena libertà mediante scelta dell impresa di loro fiducia senza alcun tipo di compenso diretto/indiretto di alcun genere, tipo e/o natura a favore degli operatori addetti al servizio mortuario. L aggiudicatario, a sue spese, curerà la predisposizione ed affissione di idonei cartelli contenenti la seguente avvertenza per il pubblico presso la porta di ingresso ed all interno dei locali ad uso camere mortuarie, che precisino: ( ragione sociale dell aggiudicatario), gestisce il servizio mortuario per conto dell A.S.L. 2 Savonese : nulla è dovuto alla stessa o ai suoi operatori per tale servizio. E fatto divieto al personale dell aggiudicatario di svolgere in qualsiasi modo, attività di commercio e/o propaganda diverse da quanto strettamente connesso al servizio in oggetto del presente Capitolato Speciale di Gara. 6

7 Art. 7 MODALITA DI ACCESSO L accesso al servizio mortuario è consentito soltanto alle Imprese in possesso di incarico conferiti dai famigliari, che dovrà essere consegnato al personale dell aggiudicatario che, a sua volta, provvede a numerarlo progressivamente in apposito fascicolo ed a trasmetterlo mensilmente alla Direzione Medica. Il personale dell Aggiudicatario impartisce le necessarie disposizioni all Impresa incaricata dai famigliari del defunto per il servizio di Onoranze Funebri al fine di una corretta sistemazione della salma e per assicurare una collocazione paritaria ed è necessario interlocutore di chi accede, a qualsiasi titolo, ai locali del Servizio Mortuario. Qualora l Impresa cui è stato conferito l incarico dai famigliari del defunto, ritenga di delegare a sua volta ad altra Impresa l espletamento delle relative incombenze, quest ultima potrà essere accolta solo previo assenso dei famigliari e possesso di tutti gli atti necessari quali sopra elencati. L accesso alla Camera Mortuaria è consentito ai congiunti ed ai visitatori dei defunti nonché alle imprese di Onoranze Funebri in possesso di incarico conferito dai famigliari, negli orari stabiliti ed autorizzati dalla Direzione Medica di Presidio. E vietato l ingresso di tutte le Imprese di Onoranze Funebri all interno delle Strutture Complesse di degenza in occasione di decessi al fine di incarichi e mandati per le pratiche di onoranze funebri. Art. 8 NORME IGIENICO SANITARIE E MANUTENTIVE Il Servizio Mortuario deve essere espletato adottando tutti i mezzi idonei a garantire una perfetta rispondenza alle vigenti disposizioni previste per i locali aperti al pubblico. Il personale dell aggiudicatario deve garantire la continua, corretta manutenzione e sanificazione dei locali e degli impianti negli ambienti utilizzati per il servizio oggetto d appalto, con particolare riguardo agli impianti elettrici di illuminazione, impianti termici, impianti di condizionamento e refrigerazione delle celle frigo, ed a tutte le condizioni dei piani di calpestio, transito e rivestimento, che possano pregiudicare le condizioni igieniche e di decoro. Tali condizioni dovranno essere particolarmente garantite anche all ultimo giorno della concessione. Il personale dell aggiudicatario addetto al Servizio Mortuario è tenuto a garantire l osservanza di tutte le norme igieniche e di profilassi necessarie alla corretta gestione e conservazione delle salme, con particolare attenzione a quanto segue: normale periodo di osservazione delle salme; al mantenimento di cadaveri per un periodo più lungo rispetto al normale, qualora debbano essere eseguiti riscontri diagnostici-autoptici e/o ogni attività che protragga la permanenza della salma; all accoglienza in locale apposito, di salme sconosciute, in attesa di riconoscimento e/o assoggettate a disposizioni dell Autorità Giudiziaria; a far si che le composizioni floreali non entrino a contatto diretto con la salma e non creino problematiche di igiene e sicurezza nei confronti dell utenza; alla corretta applicazione dei dispositivi atti a rendere immediatamente percettibili eventuali segni di vita ed alla verifica di presenza del braccialetto/cartellino di riconoscimento delle salme. Misure di carattere igienico andranno adottate anche nei confronti delle celle frigorifere per la conservazione dei cadaveri e degli arti amputati o feti, che saranno assoggettati a trattamenti di cremazione o di inumazione, una volta acquisite le relative autorizzazioni, secondo quanto previsto dalla normativa vigente. 7

8 Nel caso il trattamento fosse quello della cremazione, su richiesta del Presidio, le parti anatomiche riconoscibili ed i prodotti abortivi dovranno pervenire al Cimitero di Zinola-Area Crematoria, collocati in un unico contenitore, il cui peso non dovrà superare i 70 Kg. circa. Detto contenitore dovrà essere realizzato possibilmente con essenze lignee, facilmente degradabili, di spessore non inferiore a 25 mm. e con un rivestimento interno tipo Barriera (un lenzuolino biodegradabile cosparso di polvere assorbente o dispositivo ad effetto impermeabilizzante) per trattenere eventuali fenomeni percolativi durante il trasporto o la sosta in Camera Mortuaria. L Aggiudicatario avrà cura di registrare tutti i dati relativi alle procedure di cui sopra e di conservare agli atti l eventuale incarico di affidamento alle Onoranze Funebri. La Ditta aggiudicataria si farà inoltre carico di tutte le procedure di smaltimento delle cassette/contenitori utilizzati per il trasporto interno delle parti anatomiche amputate, secondo la normativa vigente in merito alla raccolta e smaltimento dei rifiuti. Il Dirigente Medico della Direzione di Presidio potrà accertare, in qualsiasi momento ed in contraddittorio con l aggiudicatario, l osservanza dei requisiti. Il Dirigente Medico della Direzione di Presidio formalizzerà le contestazioni in merito ed avanzerà precise proposte operative. Quanto rappresentato negli articoli sovradescritti configura altresì l obbligo di rispettare tutte le disposizioni e le normative di igiene vigenti in materia a valenza generale e/o particolare e Regolamenti di Presidio e/o Aziendali. Art. 9 PERSONALE Entro il primo giorno di attività, l aggiudicatario dovrà trasmettere alla Direzione Medica di Presidio il nominativo di un Responsabile reperibile anche a mezzo di telefono cellulare, in grado di risolvere tempestivamente qualunque situazione a lui segnalata dalla Direzione del Presidio Ospedaliero connessa al servizio in argomento, nonché l elenco del personale che assolverà alle operazioni del servizio in oggetto, indicando la qualifica ed i compiti di ciascuno. Eventuali variazioni successive saranno segnalate per iscritto entro 5 (cinque) giorni dal loro verificarsi. L aggiudicatario deve comunicare, oltre al nome del dipendente reperibile, il numero del telefono portatile, il luogo di residenza ed indirizzo, anche il nome ed il recapito telefonico del suo sostituto. Tutte le contestazioni di inadempienza fatte in contraddittorio con detto incaricato, hanno lo stesso valore di quelle fatte direttamente al titolare. Il personale dell aggiudicatario addetto al servizio mortuario deve essere appositamente selezionato in ragione della particolare tipologia dell attività, essere di numero adeguato, deve indossare adeguata divisa o sopraveste di colore blu scuro con eventuale copricapo, relativo cartellino di riconoscimento nonché fruire dei dispositivi di protezione individuale e prevenzione degli infortuni previsti dalle vigenti normative (D.Lgs 09/04/2008 n. 81). Le giacche, le sopravesti ed i copricapo suddetti devono essere sempre puliti ed ordinati. Il personale utilizzato dovrà avere i requisiti fisici idonei alle mansioni attribuite e dovrà essere in regola con le vaccinazioni e con le misure di profilassi previste per il personale operante presso gli ambienti ospedalieri. L Amministrazione ospedaliera può chiedere delle sostituzioni qualora, a suo giudizio insindacabile e senza palesarne i motivi, lo reputi rispondente al suo interesse. Il personale dell aggiudicatario è tenuto a rispettare ogni norma igienico sanitaria necessaria prima e durante gli interventi, deve svolgere il servizio secondo gli orari stabiliti, deve mantenere un comportamento civile e corretto adeguato agli ambienti di lavoro ospedalieri. 8

9 Personale dell aggiudicatario deve sempre essere presente negli appositi locali messi a disposizione durante il periodo previsto. Nell esecuzione del Servizio Mortuario l aggiudicatario è tenuto ad applicare integralmente dal punto di vista assicurativo, normativo e retributivo ai propri operatori, sia dipendenti che soci, il contratto collettivo nazionale di lavoro vigente per i lavoratori delle cooperative sociali, riferito ai ruoli professionali espressamente previsti. Poiché il servizio mortuario rientra tra i servizi pubblici essenziali, deve essere sempre garantita la presenza di personale anche in caso di sciopero generale o di categoria. L Amministrazione può chiedere di prendere visione degli atti attestanti la regolarità amministrativa della Cooperativa (oppure dell aggiudicatario ) nel rapporto con i propri dipendenti e soci, sia agli effetti contributivi che agli effetti assicurativi contro gli infortuni sul lavoro. Il personale dedicato al Servizio, è tenuto a quanto di seguito: all obbligo di rispettare tutte le disposizioni e le normative di igiene vigenti in materia a valenza generale e/o particolare (Regolamenti di Presidio/Aziendali); all obbligo di mantenere un comportamento corretto, gentile ed improntato non solo al rispetto formale, ma anche ad una collaborazione premurosa e sensibile; all obbligo di mantenere la più totale segretezza su notizie e/o fatti conosciuti per motivi di servizio e di non comunicare in via preventiva alle Imprese di Onoranze Funebri il nome dei defunti; all obbligo di riferire tempestivamente alla Direzione Medica eventuali problemi inerenti/derivanti dal servizio; al divieto assoluto di suggerire nominativi ed indirizzi di Imprese per Onoranze Funebri e/o di procurare servizi alle stesse, nonché di effettuare intermediazione o influenzare in qualsiasi modo la scelta dell Impresa da parte dei congiunti; al divieto assoluto di informare/suggerire Società, Imprese, Negozi, e quant altro abbia comunque attinenza diretta o indiretta con l attività in parola; al divieto di chiedere/percepire somme e/o vantaggi di qualsiasi genere o natura inerenti/derivanti o connessi con l attività. L aggiudicatario è obbligato altresì a quanto di seguito: ad indicare le generalità, il numero e la qualifica del personale impiegato nel servizio, nonché le ore di servizio svolte da ciascun addetto; a fornire il personale impiegato di idonee divise, tesserini di riconoscimento e di ogni altro indumento protettivo necessario (le spese per abbigliamento, tessere, distintivi ed ogni altra spesa affine o conseguente all organizzazione del personale, sono a completo carico dell aggiudicatario). Il personale addetto, che dipende ad ogni effetto direttamente dall Aggiudicatario, deve essere capace di assolvere alle funzioni a cui è dedicato e fisicamente idoneo, non deve avere età superiore od inferiore ai limiti di legge e deve mantenere in servizio un contegno irreprensibile e decoroso. La Società si fa carico di qualsiasi responsabilità in merito ad incidenti al proprio personale durante l espletamento delle mansioni oggetto del presente appalto. L Aggiudicatario s impegna a garantire il servizio, indipendentemente da ogni fattore o impedimento che dovesse intervenire, scioperi, cause di forza maggiore ed agitazioni sindacali compresi, nei tempi e nelle modalità previste nel presente Capitolato. Pertanto, dovrà disporre di idonee ed adeguate risorse umane, sia per quanto riguarda il numero che la professionalità, atte a garantire l esecuzione delle attività a perfetta regola d arte, per il conseguimento dei risultati attesi. 9

10 Per assicurare le prestazioni contrattuali l Aggiudicatario si avvarrà di personale professionalmente qualificato, addestrato agli interventi richiesti, e costantemente aggiornato. Lo stesso Aggiudicatario, ai sensi delle norme del C.C.N.L., assumerà in qualità di dipendenti, i lavoratori dipendenti ed i soci-lavoratori con rapporto di lavoro subordinato trasferiti dalla Società cessante. Ove la Società subentrante sia costituita in forma di Società Cooperativa, resta impregiudicata la successiva facoltà del lavoratore dipendente di presentare formale richiesta di adesione in qualità di socio. Al socio verrà comunque garantito un trattamento economico complessivo non inferiore a quello previsto dal C.C.N.L. L organico alle dipendenze della Società impiegato nel servizio oggetto del presente capitolato, deve essere quello previsto in fase di offerta, sia come unità lavorative, sia come mansioni e livello che come monte-ore giornaliero e settimanale. Nel caso in cui, per sopravvenute necessità organizzative, le metrature dovessero diminuire, la Società, previo accordo con l A.S.L., potrà diminuire il numero di addetti in proporzione alla diminuzione delle metrature. L Aggiudicatario dovrà osservare scrupolosamente quanto previsto dai contratti collettivi nazionali di categoria e tutte le norme derivanti dalle vigenti disposizioni in materia di Prevenzione degli infortuni sul lavoro, di Direttive Macchine, di Igiene sul lavoro, di Assicurazione contro gli infortuni sul lavoro, di Previdenze per disoccupazione, invalidità e vecchiaia ed ogni altra malattia professionale, nonché ogni altra disposizione in vigore o che potrà intervenire in costanza di rapporto per la tutela dei lavoratori. Relativamente al personale dipendente dall Aggiudicatario, l'a.s.l. si riserva la facoltà di effettuare tutti i controlli contrattuali, igienici e sanitari ritenuti opportuni, nonché di richiedere alla Società la documentazione attestante gli adempimenti dei predetti obblighi. Il personale dovrà essere sottoposto, all'atto dell'assunzione e periodicamente - con oneri a carico dell aggiudicatario - a tutte le visite mediche, agli accertamenti radiologici e batteriologici, alle prescritte vaccinazioni previste dalle leggi e regolamenti in vigore ed a quelli prescritte per il personale d assistenza ospedaliera, sulla base della vigente normativa in materia. L'A.S.L. si riserva il diritto di richiedere all Aggiudicatario di trasferire altrove il personale ritenuto inidoneo al servizio per comprovati motivi: in tal caso l Aggiudicatario provvederà a quanto richiesto nonché alla relativa sostituzione con altro personale senza che ciò possa costituire motivo d ulteriori compensi. L Aggiudicatario dovrà provvedere alla dotazione del vestiario di lavoro per il proprio personale dipendente, che dovrà essere sempre pulito ed in ordine, compresi i dispositivi di protezione individuale, le cui divise dovranno avere colore/colori differenti da quelle degli operatori aziendali. Tutto il personale dipendente dall Aggiudicatario dovrà possedere un aspetto decoroso e portare in modo visibile l'indicazione dell'appartenenza alla Società vincitrice dell appalto. Saranno a suo carico: le assicurazioni sociali; le assicurazioni contro gli infortuni sul lavoro; tutti, indistintamente, gli obblighi inerenti ai contratti di lavoro; l'adozione, nell'esecuzione dei lavori, di procedimenti e cautele necessarie per garantire l'incolumità degli operatori, delle persone addette ai lavori stessi e dei terzi. L aggiudicatario garantisce la continuità di servizio e l immediata copertura di temporanee eventuali assenze, provvedendo alla sostituzione con altro personale idoneo, impegnandosi altresì a sostituire tempestivamente il personale valutato non conforme alla deontologia professionale. 10

11 L A.S.L. 2 Savonese non avvierà né avrà alcun rapporto di lavoro diretto con il personale inserito dall aggiudicatario, il quale è giuridicamente legato ad esso, in quanto il servizio sarà svolto con organizzazione e gestione autonoma da parte dello stesso, senza diretti interventi gerarchici e dispositivi dell A.S.L. 2 su detto personale. Pertanto, tutto il personale, adibito al servizio oggetto dell appalto, opera sotto l esclusiva responsabilità dell aggiudicatario, sia nei confronti dei terzi, sia nei confronti dell A.S.L. 2. Il personale in servizio è tenuto a rispettare le consuete norme di educazione e rispetto che definiscono un comportamento civile e corretto. Successivamente entro trenta giorni dalla comunicazione di aggiudicazione, l aggiudicatario dovrà, pena la revoca dell aggiudicazione stessa, produrre la documentazione sottoelencata, al fine di comprovare il possesso dei requisiti di regolarità contributiva: a) elenco del personale impiegato nell espletamento del servizio; b) copia estratto del Libro Unico del Lavoro; c) copia estratto del DM 10 (dati contributivi aggregati), corredato di eventuale autodichiarazione; d) copia estratto del Modello F24, corredato di eventuale autodichiarazione. Nota bene: L Impresa/Impresa affidataria si impegna ad aggiornare, ogni sei mesi, l elenco del personale e dei documenti connessi ed a dare comunicazione di ogni variazione dello stesso alla S.C. Provveditorato. Art REQUISITI E COMPORTAMENTO DEL PERSONALE Il servizio dovrà essere svolto da personale dipendente dell Aggiudicatario, il quale dovrà essere tecnicamente preparato e fisicamente idoneo. In particolare il personale dell Appaltatore è tenuto a: - tenere un comportamento discreto, decoroso ed irreprensibile, comunque conformato alle regole di buona educazione e di rispetto per la peculiare condizione nella quale viene effettuato il servizio; - osservare tutte le pertinenti norme di carattere regolamentare, generali e particolari, vigenti all interno dei locali ove il servizio viene svolto; - evitare qualsiasi intralcio o disturbo al normale andamento dell attività dell Appaltatore; - evitare d intrattenersi, durante il servizio o per motivi diversi dallo stesso, con altro personale o con i pazienti, avendo riguardo di non fornire agli stessi consigli, suggerimenti, impressioni o notizie su terapie, diagnosi, attività dei servizi e degli operatori; La Società dovrà sostituire, a semplice richiesta dell A.S.L. o di propria iniziativa, il personale che dia motivo di lagnanze sul piano professionale o comportamentale, del rendimento e della non ottemperanza alle norme del presente capitolato. Durante l'esecuzione del servizio il personale dell Aggiudicataria dovrà portare in modo visibile la targhetta nominativa di riconoscimento, riportante anche il nome della Società appaltante. La stessa ed i suoi dipendenti devono mantenere riservato quanto verrà a loro conoscenza in merito all organizzazione e all attività dell A.S.L. o altro, durante l espletamento dei servizi di cui trattasi. L A.S.L. potrà promuovere l allontanamento di quei dipendenti che contravvenissero alle predette disposizioni. Art VARIAZIONI DEL PERSONALE Eventuali variazioni del personale addetto dovranno essere preventivamente comunicate all A.S.L. per l approvazione formale da parte della stessa. Alla comunicazione scritta da parte 11

12 dell Aggiudicataria, dovrà essere acclusa la consistenza numerica del personale che si intende sostituire, la sua qualifica ed il nominativo. In mancanza dell approvazione da parte dell A.S.L., non si potrà operare alcuna variazione. Art FORMAZIONE DEL PERSONALE In relazione all'organizzazione del servizio in oggetto, la Società dovrà provvedere, in base alla metodica di lavoro prospettata dalla stessa, all'addestramento del proprio personale per il corretto espletamento dell'attività in tutte le sue fasi. Ogni operatore deve dimostrare, in ogni momento, di essere a conoscenza di tutte le operazioni che gli competono. L Aggiudicatario è inoltre tenuto a garantire lo svolgimento della formazione continua del personale, per un numero di anni pari alla durata dell appalto. Ad aggiudicazione avvenuta, il numero di ore di formazione attestate, il piano di formazione continua, il programma dei corsi e le eventuali certificazioni delle conoscenze e delle competenze acquisite potranno essere soggette a verifica da parte della A.S.L., in qualsiasi momento. Tutti i corsi di formazione e di aggiornamento sono a completo carico dell Aggiudicataria. Art. 13 OBBLIGHI DELL AGGIUDICATARIO NEI CONFRONTI DEI PROPRI DIPEN- DENTI L aggiudicatario è tenuta a rispettare tutti gli obblighi nei confronti dei propri dipendenti imposti dalle vigenti disposizioni legislative e regolamentari in materia di lavoro ed assicurazioni sociali, assumendone gli oneri relativi. L aggiudicataria si impegna, altresì, ad assicurare, nei confronti dei propri dipendenti, il trattamento normativo ed economico, come previsto dal presente capitolato. Lo stesso esonera pertanto l A.S.L. 2 nella maniera più ampia da qualsiasi responsabilità che dovesse derivare dalle omesse assicurazioni obbligatorie del personale addetto alle prestazioni di cui sopra e, comunque, da qualsiasi violazione o errata applicazione della normativa sopra richiamata. Art. 14 ONERI A CARICO DELL AGGIUDICATARIO Sono a carico dell aggiudicatario: a) la fornitura di eventuali attrezzature e del materiale d uso necessario per la gestione del servizio, compreso il materiale occorrente per l esecuzione delle iniezioni antiputrefattive delle salme nelle circostanze in cui il trattamento sia necessario. Sono a totale carico tutti gli oneri relativi all installazione, compreso il trasporto di eventuali apparecchiature e/o attrezzature; b) la fornitura e trasporto di tutti i prodotti e del materiale di consumo necessario per la gestione; c) la teleria e gli indumenti da lavoro del personale ed il relativo lavaggio; d) la pulizia, disinfezione, lavaggio e sanificazione dei locali e delle dotazioni, delle relative celle frigorifere, nonché il materiale necessario per l effettuazione della stessa; e) la manutenzione ordinaria relativa ai locali; f) la manutenzione ordinaria e straordinaria degli arredi e delle attrezzature, nonché la loro sostituzione qualora siano divenuti irreparabili ed inutilizzabili; g) gli adempimenti riguardanti l applicazione del D.Lgs 09/04/2008 n. 81; 12

13 h) il trasporto differenziato dei rifiuti nel rispetto di ogni presente e subentrante normativa in materia per ciascuna tipologia di rifiuto, nonché di arredi ed attrezzature dismesse, nei punti di raccolta indicati dai competenti uffici della Direzione Aziendale; i) le spese eventualmente dovute per analisi/esami ambientali; j) ogni azione od acquisizione di materiale necessario alla buona conduzione del servizio mortuario nel rispetto di ogni norma in materia e con particolare riguardo al mantenimento ed al controllo della qualità del servizio, nel rispetto della normativa igienica, è comunque a carico dell aggiudicatario; k) tutti gli oneri fiscali, previsti dalle vigenti disposizioni di legge, compresa l imposta di bollo e di registro ed ogni altro onere contrattuale; l) la riscossione ed il versamento all Asl n. 2 Savonese dell importo previsto dalla sopravvenienza normativa per i prelievi da salme di materiali biologici soggetti a conservazione, propedeutici alla cremazione; m) la sorveglianza delle aree destinate al servizio mortuario,compresi i varchi di accesso alle stesse; n) l aggiudicatario inoltre dovrà provvedere alle formalità amministrative necessarie all esercizio del servizio mortuario come delegato dell Amministrazione. Sono a carico dell aggiudicatario tutti gli oneri per l ottenimento, in qualità di delegato dell Amministrazione, di eventuali autorizzazioni e licenze. Tali autorizzazioni e licenze non potranno essere trasferite, nemmeno in parte, in assenza di preventiva autorizzazione dell Amministrazione. Fermo restando che il servizio mortuario rientra tra i servizi pubblici essenziali e che quindi deve essere sempre garantito anche in caso di sciopero generale o di categoria, nel caso in cui l aggiudicatario, per cause a lui non imputabili, si trovi nella assoluta impossibilità di garantire il servizio, dovrà immediatamente comunicarlo all Amministrazione, affinché questa possa autorizzare l adozione di misure opportune. Art SCIOPERI E CAUSE DI FORZA MAGGIORE Essendo il servizio oggetto dell appalto di "pubblica utilità", l Aggiudicatario per nessuna ragione può sopprimerlo o non eseguirlo in tutto o in parte. In caso di scioperi del personale dell Aggiudicatario o di altra causa di forza maggiore, dovrà essere assicurato un servizio di emergenza e garantita la continuità dei servizi. A questo riguardo, l Offerente dovrà predisporre un Piano di Emergenza dal quale risultino i vari interventi da attivare al verificarsi dell evento. Il piano accettato dalla Direzione Sanitaria del Presidio Ospedaliero dovrà essere considerato vincolante in caso di necessità. L interruzione ingiustificata del servizio di cui al presente articolo comporta responsabilità penale in capo all Aggiudicatario, ai sensi dell art. n 355 del Codice Penale, ed è qualificata come possibile causa di risoluzione contrattuale. Art CONTROLLI PERIODICI Le non conformità segnalate saranno verificate in contraddittorio. Qualora venisse accertato il disservizio, potranno essere applicate penali di entità diversa a seconda della gravità dell inadempienza. A titolo esemplificativo e non esaustivo: per mancato intervento. 250,00.= ritardo nell esecuzione dell intervento. 150,00.= intervento svolto in modo non conforme a quanto previsto dal Capitolato. 100,00.= 13

14 L A.S.L. si riserva la facoltà di effettuare tutti i controlli che ritenga necessari per verificare l esatto adempimento delle prestazioni indicate nel presente Capitolato. Art GARANZIA DEFINITIVA, TASSE, IMPOSTE, SPESE E DOCUMENTI L'esecutore del contratto è obbligato a costituire una garanzia fideiussoria secondo quanto stabilito dall art. 113 del D. Lgs 163/2006 (Garanzie d esecuzione e coperture assicurative). La garanzia dovrà essere costituita da fideiussione bancaria o da polizza assicurativa e deve prevedere espressamente la rinuncia al beneficio della preventiva escussione del debitore principale, la rinuncia all'eccezione di cui all art. 1957, c. 2, del Codice Civile, nonché l'operatività della garanzia medesima entro 15 gg., a semplice richiesta scritta dell A.S.L. L ammontare della cauzione sarà calcolata sull importo presunto annuo del servizio da svolgere. Essa sarà posta a tutela di ogni e qualsivoglia inadempimento contrattuale, ivi compreso l incasso delle penali eventualmente imposte dall amministrazione secondo quanto previsto nel corrente capitolato e scaturenti da specifici inadempimenti dell appaltatore, nonché a tutela degli inadempimenti retributivi e contributivi dell appaltatore, per quali si procederà, altresì, alla sospensione dei pagamenti dovuti. Non sarà autorizzato lo svincolo ed il ritiro della garanzia definitiva se non quando tutte le pattuizioni contrattuali saranno state integralmente osservate con piena soddisfazione dell AS.L. La garanzia provvisoria sarà svincolata automaticamente al momento della sottoscrizione del contratto e comunque non prima della consegna della garanzia definitiva. La mancata costituzione della cauzione definitiva fa venire meno l aggiudicazione definitiva e comporta la decadenza dall aggiudicazione stessa e l escussione della cauzione provvisoria quale importo forfettario del danno causato all amministrazione. Nell'attesa della garanzia definitiva, l'a.s.l. 2 potrà rivalersi, per le inadempienze contrattuali dell Aggiudicatario, anche sull eventuale garanzia provvisoria e/o sulle fatture in attesa di liquidazione. La mancata costituzione della garanzia, determina la revoca dell affidamento e l acquisizione della garanzia provvisoria. Nessun interesse è dovuto sulle somme costituenti i depositi cauzionali. Saranno a carico dell Aggiudicatario tutte le spese di contratto, stesura, bollo, registrazione, scritturazione delle copie occorrenti alla Ditta stessa ed ai diversi Uffici, i bolli sui mandati di pagamento, e tutte le imposte e tasse che dovessero in avvenire colpire il contratto e successive inerenti. L'I.V.A. resterà a carico dell'a.s.l. e l Aggiudicatario dovrà addebitarla in fattura ai sensi della normativa vigente. L'Aggiudicatario dovrà presentare tutti i documenti che saranno precisati nella lettera d aggiudicazione. Art RESPONSABILITA CIVILE, COPERTURA ASSICURATIVA, DANNI SUBITI DALL AGGIUDICATARIO E/O DAL PERSONALE UTILIZZATO L Aggiudicatario risponderà direttamente d ogni danno a cose e/o persone che per fatto proprio o del proprio personale possa derivare all A.S.L. ed a terzi, degenti, dipendenti, fornitori, visitatori ed altri, di qualsivoglia specie, a causa o in relazione all espletamento del servizio, anche in relazione all operato e alla condotta dei propri collaboratori e/o di personale di altre imprese a diverso titolo coinvolte (a puro titolo esemplificativo, si citano i casi di corrieri incaricati della consegna di materiali, anche ai sensi dell art cod. civ.). 14

15 L Aggiudicatario dovrà contrarre apposita polizza d assicurazione che preveda la copertura dei rischi relativi alla R.C.T. per un importo non inferiore a ,00.= (cinque milioni) per sinistro, comprensivo, altresì, della copertura del danno verso terzi, nei quali vanno ricompresi gli utenti dei servizi A.S.L. ed i suoi dipendenti, scaturente dall avvelenamento, contaminazione o intossicazione. Sono considerati terzi, in tal caso, tutti coloro che secondo quanto previsto dal presente capitolato e dai documenti di gara possano consumare i pasti prodotti e forniti dall Appaltatore, compresi i degenti, i dipendenti ASL, i visitatori. Ogni documento assicurativo dovrà essere prodotto in copia all'a.s.l. a semplice richiesta. Fermo restando gli obblighi derivanti all A.S.L. dall applicazione dell art. 26 del D. Lgs 9 aprile 2008 n. 81, l A.S.L. stessa dovrà essere manlevata e tenuta indenne da ogni costo, risarcimento o responsabilità per danni, infortuni o altro che dovessero accadere al personale di cui si avvarrà a qualsiasi titolo l Aggiudicatario nell esecuzione del contratto. Inoltre l Amministrazione non sarà responsabile dei danni diretti o indiretti che l Aggiudicatario dovesse subire in conseguenza di un fatto doloso o colposo di terzi, compresi i dipendenti dell'a.s.l., in particolare, in conseguenza di furti. Art SICUREZZA DEL LAVORO A. PRESCRIZIONI GENERALI L Aggiudicatario deve rispettare scrupolosamente, in ogni fase dell attività oggetto dell appalto, tutte le norme legislative e regolamentari vigenti sulla prevenzione degli infortuni, sulla sicurezza e sull igiene nei luoghi di lavoro. Fra le disposizioni di cui sopra si richiamano in particolare, tra le altre: - D. Lgs 9 aprile 2008 n. 81: Attuazione dell art.1 della legge 3 agosto 2007 n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro ed s.m.i. ; - D.M. 10/03/98: Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro ed s.m.i.. - D.M. 18/09/2002: Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, la costruzione e l esercizio delle strutture sanitarie pubbliche e private ed s.m.i.. L Aggiudicatario dovrà essere in possesso di tutte le autorizzazioni, permessi e ogni altro documento in tema di prevenzione e sicurezza del lavoro che dovessero rendersi in qualsiasi momento necessari per l espletamento del servizio: saranno a suo carico tutte le incombenze e spese necessarie per l ottenimento di quanto sopra. Tra gli obblighi derivanti all aggiudicatario dalle suddette norme, si richiamano in particolare i seguenti: - rispettare regolamenti e disposizioni interni, portati a sua conoscenza dall A.S.L.; - impiegare personale e mezzi idonei ad ogni lavorazione/attività; - istruire e responsabilizzare il proprio personale al fine di garantire la propria e altrui sicurezza; - richiedere al personale a qualunque titolo da lui coinvolto nel presente appalto la collaborazione, nei termini e modi pianificati dall A.S.L., nell attuazione del piano d emergenza/evacuazione aziendale: in tale contesto potrà essere richiesto che il suddetto personale sia chiamato a far parte della squadra d emergenza ai sensi del DM 10/03/1998 ; - dotare il proprio personale dei dispositivi di protezione individuale necessari, in merito ai quali dovrà assicurare una formazione adeguata, organizzare l addestramento all uso se richiesto, esigerne il corretto impiego; - controllare la rigorosa osservanza delle norme di sicurezza e d igiene del lavoro da parte del proprio personale e d eventuali subappaltatori; 15

16 - predisporre tutte le segnalazioni di pericolo eventualmente necessarie; - fornire all Amministrazione Aziendale tempestiva segnalazione d ogni circostanza di cui viene a conoscenza, anche non dipendente dall attività appaltata, che possa essere fonte di pericolo; - attuare la cooperazione e coordinamento, con l appaltante ed ogni altro lavoratore (autonomo, società appaltatrice o subappaltatrice) presente nei luoghi di lavoro nei quali è chiamato ad operare, nello scambio delle informazioni ed in ogni ulteriore azione di prevenzione e protezione volte ad eliminare i rischi dovuti alle interferenze; - adempiere a tutto quanto previsto e stabilito nel DUVRI che sarà allegato al Contratto di cui all art. 26 del D.Lgs. 81/2008 e ogni successiva modifica ed integrazione del DUVRI stesso. Ferme restando le responsabilità dell Aggiudicatario riguardo alla sicurezza, l A.S.L. ha la facoltà di controllare che lo svolgimento dell appalto avvenga nel rispetto delle condizioni di sicurezza contenute nel presente articolo e, in caso d inadempienza, di far sospendere l esecuzione del servizio, riservandosi di valutare ogni altra eventuale azione a tutela dei propri interessi. B. DOCUMENTI RELATIVI ALLA SICUREZZA DEL LAVORO PRESENTATI DAL CONCORRENTE Come richiesto nella lettera d invito alla presente gara, le Società concorrenti, in fase di presentazione delle offerte dovranno presentare i seguenti documenti/informazioni in relazioni alle attività oggetto dell appalto: 1. documento di valutazione dei rischi specifici connessi ai lavori oggetto dell appalto; 2. modalità operative di prevenzione d incidenti e/o infortuni in relazione ai rischi specifici propri dell attività appaltata (istruzioni, procedure, ecc.); 3. elenco completo delle sostanze e preparati utilizzate, relative schede di sicurezza, informazioni date ai lavoratori esposti; 4. mezzi/attrezzature disponibili e/o previsti per l'esecuzione dei lavori; 5. mezzi/attrezzature antinfortunistiche inerenti alla tipologia dei lavori da eseguire; 6. dotazione di dispositivi di protezione individuale e relativa formazione e addestramento all uso; 7. organizzazione prevista per la gestione delle problematiche d igiene e sicurezza: responsabile del servizio di prevenzione e protezione, altre figure responsabili e relativi compiti; 8. formazione professionale ed informazione (documentate) del proprio personale in materia di salute e sicurezza dello specifico lavoro appaltato; 9. soluzioni previste per eliminazione o riduzione dei rischi dovuti all interferenza tra i lavori dell Aggiudicatario o da terzi presenti a qualsiasi titolo nell A.S.L. (dipendenti ospedalieri, società terze, visitatori, etc.); 10. numero e tipologia degli infortuni accorsi negli ultimi tre anni. L Amministrazione si riserva la facoltà di richiedere il riesame del piano qualora lo ritenga inadeguato. C. RISCHI DA INTERFERENZE: ATTUAZIONE DELL ART. 26 DEL D.L.gs. n 81/08 In osservanza dell art. 26 del D. Lgs. n. 81 del 9 Aprile 2008, l A.S.L. 2 promuove la cooperazione e coordinamento degli interventi di prevenzione e protezione di cui al comma 2 dell art. 26 del D.Lgs. n 81 del 9 Aprile 2008 e a tal fine ha predisposto il documento unico di valutazione dei rischi, di seguito denominalo DUVRI, contenente le misure per eliminare o, in caso d impossibilità, ridurre al minimo i rischi da interferenze, ove sono stati determinati in ,00.= oltre I.V.A. per tutta la durata della gara. Tali costi non sono soggetti a ribasso d asta. 16

17 Tale documento in formato non modificabile, sarà disponibile sul sito dell A.S.L. Savonese (www.asl2.liguria.it) alla sezione Bandi e concorsi Gare. L attività di cooperazione e coordinamento degli interventi di prevenzione e protezione di cui al comma 2 dell art. 26 del D.L.gs. n 81 del 9 Aprile 2008 proseguirà durante il corso dell appalto mediante riunioni periodiche di coordinamento della sicurezza indette dall A.S.L. 2 di sua iniziativa o su richiesta dell aggiudicatario. La prima riunione di coordinamento avrà luogo prima dell avvio delle attività appaltate. Nella prima riunione di coordinamento della sicurezza saranno discussi i documenti di cui al precedente punto B predisposti dall aggiudicatario ed il D.U.V.R.I. predisposto dall appaltante. Il D.U.V.R.I. costituirà parte integrante del Contratto di Appalto. Art CESSIONE DELL APPALTO E SUBAPPALTO L Aggiudicatario non potrà cedere a terzi il contratto, o comunque dare in subappalto parte del servizio, senza la preventiva autorizzazione scritta dell'a.s.l. Nel caso di contravvenzione al divieto, la cessione totale o parziale del contratto s intenderà come nulla e di nessun effetto nel medesimo con diritto alla rifusione d ogni eventuale danno. La parte di servizio subappaltabile per anno, non potrà superare ai sensi dell art. 118 del D.Lgs.163/2006 e s.m. ed i. il 30% dell importo complessivo del servizio annuo. Oltre a tale quota, potranno essere oggetto di subappalto, nella loro totalità, e dovranno ove il partecipante non abbia la necessaria qualificazione SOA, le attività edili ed impiantistiche costituenti lavori necessari all adeguamento dei locali e degli impianti all attività. Non saranno considerati nel subappalto gli acquisti e le forniture di attrezzature e apparecchiature necessari allo svolgimento del servizio. Art STIPULA DEL CONTRATTO Questa Azienda formalizzerà il contratto entro 180 giorni dalla deliberazione di aggiudicazione, ai sensi dell art. 11, comma 9) del D. Lgs. n.163/2006, richiedendo per iscritto alla/e Ditta/e aggiudicataria/e, ai fini della stipula dello stesso, l invio della seguente documentazione: - Certificato rilasciato dalla C.C.I.A.A., di data non anteriore a sei mesi, comprovante denominazione, ragione sociale, sede, generalità complete degli Amministratori/Legali Rappresentanti, Direttori Tecnici, ai sensi del Decreto del 27/5/1998, recante la seguente dicitura Nulla osta ai fini della legge 31 maggio 1965, n. 575 e successive modificazioni nonché del decreto legislativo 8 agosto 1994, n numero di partita IVA e codice fiscale; - cauzione definitiva pari al 10% dell importo contrattuale; - nominativo, generalità del firmatario del contratto, nonché Atto di procura alla firma, in originale o in copia autenticata ai sensi di legge, nel caso che il firmatario non sia il Legale Rappresentante; - gli estremi dell Istituto di Credito (e del conto corrente) presso il quale verranno appoggiati i pagamenti, oltre il codice IBAN ed ogni eventuale variazione successiva in merito agli stessi; - l indirizzo completo dell Ufficio territoriale del Governo (ex Prefettura) competente in tema di comunicazioni / informazioni ex artt. 2 e 4 D.Lgs. n. 940/1994; - modello GAP, allegato, in carta semplice, debitamente compilato in ogni sua parte (per quanto di spettanza), con riferimento ai nominativi degli Amministratori indicati sul certificato C.C.I.A.A. trasmesso; - posizione assicurativa territoriale (PAT); - DUVRI documento unico valutazione rischi. 17

18 La Ditta dovrà fornire la documentazione richiesta entro 15 giorni dalla comunicazione di presentazione della stessa al seguente indirizzo: S.C. AFFARI GENERALI Via Manzoni, n Savona. Art. 22 ADEMPIMENTI ANTIMAFIA L aggiudicataria, con la sottoscrizione del contratto, assume l obbligo di tracciabilità dei movimenti finanziari relativi alla fornitura in oggetto, secondo le modalità di cui alla L. 13/8/2010 n. 136 Piano straordinario contro le mafie, nonché delega al governo in materia di normativa antimafia. In particolare la società si impegna a registrare, su conto corrente dedicato - anche in via non esclusiva - i movimenti finanziari, da effettuarsi esclusivamente tramite bonifico bancario o postale, e riportanti, ove previsto, il numero CIG o il codice CUP relativi al/ai lotto/i assegnato/i della presente gara. La società si impegna inoltre a comunicare all Azienda gli estremi identificativi del conto corrente dedicato nonché i nominativi, le generalità ed il Codice Fiscale delle persone fisiche delegate ad operare sul conto sopra citato, entro il termine di giorni 7 dall accensione del medesimo. L azienda si impegna a verificare l inserimento di analoga clausola nel caso di stipula di subcontratti. Art. 23 GARANZIE ASSICURATIVE Ferma restando la necessaria copertura, da parte dell aggiudicatario, per la R.C. dei propri dipendenti/soci che opereranno nell ambito del servizio in appalto, l A.S.L. 2 Savonese risponde nei confronti dei terzi per i danni ad essi arrecati dal personale dipendente o socio dell aggiudicatario nell esercizio delle sue mansione. L aggiudicatario è responsabile dei danni comunque arrecati, nell espletamento del servizio mortuario, al patrimonio dell A.S.L. 2 Savonese, a causa di imperizia del personale, cattivo funzionamento di macchinari, nonché utilizzo di articoli detergenti, disinfettanti ed altro materiale non idoneo. Il valore del danno da risarcire sarà stabilito dalla competente Struttura Affari Legali d intesa con il rappresentante dell aggiudicatario. Qualora l aggiudicatario non dovesse provvedere al risarcimento ed alla rimessa in pristino, nel termine fissato dall A.S.L. 2 Savonese, questa potrà procedere alla risoluzione del contratto, con tutela nelle sedi meglio viste per i danni. Art SANZIONI PER INADEMPIMENTI E PENALI Fermo restando quanto previsto al successivo articolo Risoluzione del Contratto e salvo il risarcimento dell eventuale maggior danno, ove per qualsiasi ragione il servizio non fosse reso in modo puntuale e con regolarità, l'a.s.l. qualora a seguito del contraddittorio accertasse disservizi non ripristinabili e in caso di reiterazione dell inadempimento contestato, effettuerà una trattenuta proporzionale al costo delle prestazioni non effettuate correttamente, valutate ai prezzi offerti, dandone comunicazione all Aggiudicatario. Sarà in tal caso applicata una penale minima di 1.000,00.= e fino al 10% dell'ammontare della prestazione resa in modo non soddisfacente ove superiore alla penale di Euro 1.000,00,.= ovvero per ogni violazione e/o inadempimento degli obblighi contrattuali previsti nel presente Capitolato. In caso d inadempimento delle disposizioni contrattuali l A.S.L. potrà rivalersi, senza alcuna formalità e in qualsiasi momento, sulla garanzia prestata ovvero sull importo delle fatture in attesa di liquidazione. 18

19 In caso di fallimento dell Aggiudicatario, il contratto s'intenderà senz'altro risolto fin dalla data della sentenza dichiarativa di fallimento, salve tutte le ragioni ed azioni dell'ente verso la massa fallimentare, anche per danni, con privilegio, a titolo di pegno, sulla garanzia definitiva. PENALI PER LA NON CORRETTA ESECUZIONE DELL APPALTO In caso d accertato inadempimento, di ritardo nello svolgimento del servizio o di prestazione resa in modo insoddisfacente o di carenze organizzative ed operative, l'a.s.l. potrà applicare una penale da 1.000,00.= a ,00.= in relazione alla gravità dell infrazione contestata anche senza svolgimento di contraddittorio qualora l inadempimento sia chiaro ed evidente o ricorrano casi di recidività. Per quanto concerne gli oneri di pulizia, ove per qualsiasi ragione il servizio di pulizia, disinfestazione, derattizzazione, lavaggio suppellettili e di quant altro previsto per il servizio, non fosse reso in modo soddisfacente, puntuale e con regolarità, l A.S.L. provvederà a fare eseguire il servizio da altra impresa addebitandone il costo all Aggiudicatario mediante trattenute sui pagamenti da effettuarsi o sulla cauzione, unitamente ad una penale da. 250,00.= ad ,00.= in relazione alla gravità dell inadempimento, fatto salvo in ogni caso il maggior danno. Accertamenti potranno essere eseguiti sui prodotti impiegati per il lavaggio, la brillantatura, l'ammollo e la detersione. Laddove, a seguito d ispezioni da parte di organi di vigilanza esterni (NAS, ecc.), fossero irrogate sanzioni all Aggiudicatario per inadempienze di qualsiasi genere, sarà dall A.S.L., comunque, applicata una penale di ,00.= per il danno all immagine subito. Tutti i prodotti usati dovranno, in ogni modo, essere privi di tossicità. Art RISOLUZIONE DEL CONTRATTO, RECESSO DEL CONTRATTO, CLAUSO- LA DI RISOLUZIONE L A.S.L., nel rispetto di quanto previsto dal D.Lgs.163/2006 in tema di risoluzione contrattuale per inadempimento dell appaltatore, avrà, comunque, facoltà di risolvere il contratto per inadempimento dell Aggiudicatario nei seguenti casi: - grave violazione ed inadempimento degli obblighi contrattuali, non eliminati a seguito di diffida scritta da parte dell A.S.L.; - impossibilità per qualsiasi motivo a tenere fede ai propri impegni contrattuali; - sospensione o mancata effettuazione del servizio, anche parziale, da parte della Società; - cessione del contratto o affidamento in subappalto non autorizzato; - inosservanza delle norme di legge, in particolare in materia di lavoro e previdenza, prevenzione, infortuni, sicurezza; - nel caso in cui l Aggiudicatario non fosse in grado per qualsiasi motivo di tenere fede ai propri impegni contrattuali. In caso di risoluzione, l'a.s.l. affiderà ad altra Società il servizio, utilizzando, se possibile ai sensi delle disposizioni legislative, la graduatoria della presente gara con la quale è stato aggiudicato il corrente appalto, e, escussa la garanzia prestata a fronte del danno subito, ovvero a fronte del potenziale danno, alla fine del periodo contrattuale addebiterà alla Società inadempiente l eventuale maggior costo sostenuto, ulteriore rispetto all ammontare della cauzione, fatta salva la possibilità di rivalersi per gli eventuali ulteriori danni subiti anche sull importo delle fatture in attesa di liquidazione e fatto salvo il risarcimento del danno ulteriore. In caso di Società individuale, ove nel corso del contratto intervenga la morte del titolare dell Aggiudicatario, l Amministrazione avrà la facoltà di chiedere agli eredi di subentrare solidalmente alle obbligazioni contrattuali, ovvero di ritenere invece immediatamente risolto il contratto stesso. 19

20 Qualora l'a.s.l. intendesse proseguire il rapporto con gli eredi, i medesimi saranno tenuti, dietro semplice richiesta scritta, a produrre, a proprie cura e spese, tutti gli atti e documenti ritenuti necessari dall A.S.L. per la regolare giustificazione della successione e per la prosecuzione del rapporto contrattuale. In caso di scioglimento o di liquidazione dell Aggiudicatario, ovvero di cambiamento di ragione sociale, cessione, conferimento o affitto d azienda, l'a.s.l. applicherà le disposizioni del D.Lgs. 163/2006 in tema di successione nel contratto, e, ove possibile ed ammesso dalle disposizioni vigenti, l A.S.L. potrà pretendere tanto la continuazione del contratto da parte della Società in liquidazione, quanto la continuazione da parte dell'eventuale Società subentrante, così come parrà opportuno all'amministrazione sulla base dei documenti che l Aggiudicatario sarà tenuta a fornire a propria cura e spese. Invece, in caso di fallimento dell Aggiudicatario, il contratto s'intenderà senz'altro risolto fin dal giorno precedente la pubblicazione della sentenza dichiarativa di fallimento, salve tutte le ragioni ed azioni dell'a.s.l. verso la massa fallimentare, anche per danni, con privilegio, a titolo di pegno, sulla garanzia definitiva e sulle fatture in attesa di liquidazione. Qualora l Aggiudicatario si rendesse inadempiente all esecuzione del contratto, chiedendo la risoluzione anticipata dello stesso nel periodo di sua vigenza, l A.S.L. potrà chiedere l esecuzione coattiva degli obblighi contrattuali, ovvero accedere alla richiesta dell Aggiudicatario, ma, in tal caso, tratterrà, a titolo di penale, tutto il deposito cauzionale ed addebiterà le maggiori spese comunque derivanti per l assegnazione della fornitura ad altra Società, a titolo di ulteriore risarcimento danni, rivalendosi, se del caso, anche sull importo delle fatture in attesa di liquidazione. In tutti i casi nulla sarà comunque dovuto alla Società per gli investimenti messi in atto per l attivazione del contratto. CLAUSOLA DI RECESSO ART. N C.C. L A.S.L. avrà la facoltà unilaterale di recedere dal contratto in qualsiasi momento lo ritenesse opportuno, con preavviso da notificarsi alla società con raccomandata A.R. almeno 30 giorni prima, in conseguenza d eventi discendenti da modificazioni istituzionali dell assetto aziendale. In tale evenienza la società non avrà nulla da pretendere se non il pagamento dei servizi effettuati, purché correttamente ed a regola d arte, secondo il corrispettivo e le condizioni contrattuali, rinunciando espressamente a qualsiasi ulteriore eventuale pretesa, anche di natura risarcitoria, ed a ogni ulteriore compenso o indennizzo e/o rimborso delle spese. Art. 26 DIFFIDA AD ADEMPIERE E REVOCA DELL AFFIDAMENTO Nel caso in cui l Asl n. 2 Savonese dovesse rilevare che l andamento del servizio non è conforme a quanto stabilito nel presente disciplinare, può contestare l inadempimento all aggiudicatario, assegnando al medesimo un termine per fornire le proprie giustificazioni. Ricevute le giustificazioni, l Asl n. 2 Savonese, qualora non le ritenga congrue, potrà richiamare l aggiudicatario al rispetto dei termini della convenzione, ovvero, nei casi più gravi, procedere ad una formale diffida ad adempiere con assegnazione di un termine, trascorso il quale senza esito, potrà procedere alla revoca dell affidamento. L affidamento potrà essere revocato senza preavviso in caso di grave e provato inadempimento dell aggiudicatario atto a compromettere il risultato della gestione. Dell avvenuta revoca è data notizia dall Azienda alla Struttura regionale competente in materia di cooperazione sociale. 20

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina 2707/09. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via IV Novembre 119/A- 00187 Roma (Italia) Punti

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le. sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto.

Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le. sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto. Rep. n. Prot. n. 2009/ Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto.) REPUBBLICA ITALIANA Il giorno..

Dettagli

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO Denominazione ufficiale: Quartier Generale della Guardia di

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA VÉÅâÇx w MARIGLIANO cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA ENTE APPALTANTE: Comune di Marigliano Corso Umberto 1-80034 Marigliano

Dettagli

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS)

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) Art. 1 - Oggetto dell affidamento L oggetto dell affidamento

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

DISCIPLINARE CIG: 5153273767

DISCIPLINARE CIG: 5153273767 DISCIPLINARE GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI DOVE HANNO SEDE GLI UFFICI DELLA CASSA NAZIONALE DEL NOTARIATO CIG: 5153273767 1. NORME PER LA PARTECIPAZIONE ALLA

Dettagli

PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA

PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA 1 Art. 1 Premessa Il presente disciplinare costituisce, con il bando e il capitolato speciale

Dettagli

00185 Roma Via Castelfidardo, 41

00185 Roma Via Castelfidardo, 41 CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI SEDE DEGLI UFFICI DELL ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA DEI VETERINARI (VIA CASTELFIDARDO, 41), DELLE PARTI COMUNI DELL IMMOBILE

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

DISCIPLINARE DI GARA

DISCIPLINARE DI GARA DISCIPLINARE DI GARA Oggetto: procedura aperta indetta ai sensi dell'art. 124 del D.Lgs 163/2006 e s.m.i. per l'affidamento del servizio di pulizia della sede della Fondazione E.N.P.A.I.A. di viale Beethoven,

Dettagli

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari.

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. servizio acquisti e contratti L Aquila 14 luglio 2014 Prot. 924 acq./dnc Spett.le Lotto CIG: Z111026FC0 OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. Questa azienda intende locare gli spazi, utilizzabili a fini

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI.

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. MODULO PER DICHIARAZIONI REQUISITI TECNICI/ECONOMICI E DI IDONEITÀ MORALE DA COMPILARSI DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. OGGETTO: Gara per l affidamento del servizio di pulizia delle sedi del Ministero

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DELL ART. 124 DEL D.LGS. 163/2006 E DELL ART. 326 DEL DPR 207/2010, PER L AFFIDAMENTO QUADRIENNALE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CIG: 30590339E1 DICHIARAZIONE

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

COMUNE DI CAMPORGIANO

COMUNE DI CAMPORGIANO COMUNE DI CAMPORGIANO PROVINCIA DI LUCCA Piazza Roma n. 1 Tel. 0583/618888 Fax. 0583/618433 C.F. 00398710467 E-mail : demografico@comune.camporgiano.lu.it CAPITOLATO D APPALTO AFFIDAMENTO MEDIANTE PROCEDURA

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

Art. 1 Oggetto del servizio

Art. 1 Oggetto del servizio CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO TRASLOCHI NEGLI ISTITUTI SCOLASTICI, NEI CENTRI SCOLASTICI, NEI CENTRI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE E NEGLI UFFICI DI COMPETENZA PROVINCIALE

Dettagli

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica . (FAC-SIMILE ISTANZA DI PARTEZIPAZIONE) AL COMUNE DI PIANA DEGLI ALBANESI DIREZIONE A.E.S. LAVORI PUBBLICI E PROGETTAZIONE VIA P. TOGLIATTI, 2 90037 PIANA DEGLI ALBANESI (PA) Il sottoscritto.... nato

Dettagli

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA 1.1. ) ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA Largo Arrigo VII, 5-00153 Roma (Italia) ; centralino 06/5717621;

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD

TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD Le presenti condizioni generali di acquisto disciplinano il rapporto tra il Fornitore di beni, opere o servizi, descritti nelle pagine del presente Ordine e nella

Dettagli

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi 1/6 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:268701-2013:text:it:html Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701 Bando di gara Servizi Direttiva 2004/18/CE Sezione

Dettagli

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI PRATO, PISTOIA, LUCCA, E DELLE APUANE, AI SENSI DELL

Dettagli

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017.

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017. Prot. n. 0000 /2013 Torrebelvicino, 07 febbraio 2013 SETTORE ECONOMICO FINANZIARIO RACCOMANDATA A.R. Spett.le OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

Allegato H SCHEMA DI CONTRATTO

Allegato H SCHEMA DI CONTRATTO Allegato H SCHEMA DI CONTRATTO AFFIDAMENTO ANNUALE DELLA GESTIONE DELLA CASA FAMIGLIA PER DISABILI ADULTI SITA IN LARGO FRATELLI LUMIERE, 36, NONCHÉ QUELLA DEL CENTRO DIURNO SE FINANZIATO DA ROMA CAPITALE

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI eprice s.r.l. con Socio Unico (di seguito denominata "SITONLINE") con sede legale in Milano, via degli Olivetani 10/12, 20123 - Italia, Codice Fiscale e Partita I.V.A

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3.

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3. CAPITOLATO DI APPALTO PER LA FORNITURA DI MATERIALE INFORMATICO PER I SITI MUSEO CIVICO F.L.BELGIORNO FOYER TEATRO GARIBALDI CENTER OF CONTEMPORARY ARTS PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA

Dettagli

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 (N.B. la presente dichiarazione deve essere prodotta unitamente a copia fotostatica non autenticata

Dettagli

PROVINCIA DI CROTONE STAZIONE UNICA APPALTANTE

PROVINCIA DI CROTONE STAZIONE UNICA APPALTANTE PROVINCIA DI CROTONE STAZIONE UNICA APPALTANTE AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI CROTONE Prot. n. 25161 del 21/05/2012 BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA Fornitura di Prodotti Disinfestanti e Derattizzanti

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i Arezzo, 06 maggio 2011 Dott. DAVIDDI Paolo STOLZUOLI Stefania Tecnici di Prevenzione Dipartimento della Prevenzione Azienda USL 8 - Arezzo

Dettagli

LETTERA D INVITO SI INVITA. codesta Ditta a partecipare alla procedura di gara in oggetto, secondo le modalità di seguito indicate.

LETTERA D INVITO SI INVITA. codesta Ditta a partecipare alla procedura di gara in oggetto, secondo le modalità di seguito indicate. Roma, 5 marzo 2010 AREA COORDINAMENTO AFFARI AMMINISTRATIVI Ufficio Affari Amministrativi Contabilità e Bilancio Prot. UAA-AIFA F.3./a.23734/P OGGETTO: Gara d appalto mediante cottimo fiduciario per l

Dettagli

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA ai sensi dell art. 20 della L.P. 3 gennaio 1983 n.2 e s.m. e i. e del relativo Regolamento

Dettagli

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV.

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV. All. 2) al Disciplinare di gara Spett.le Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE Via Pisa - P.zza Giovanni XXIII 95037 - San Giovanni La Punta Oggetto: GARA PER L AFFIDAMENTO DEI LAVORI RELATIVI

Dettagli

OGGETTO: invito alla procedura di gara per l affidamento del servizio annuale di facchinaggio e traslochi.

OGGETTO: invito alla procedura di gara per l affidamento del servizio annuale di facchinaggio e traslochi. Allegato alla determinazione n. 42/APPR del 27/11/2014 composto da n. 29 fogli (fronte/retro) Spett.le ditta OGGETTO: invito alla procedura di gara per l affidamento del servizio annuale di facchinaggio

Dettagli

Ente aderente. Ente aderente. Ente aderente

Ente aderente. Ente aderente. Ente aderente STAZIONE UNICA APPALTANTE GUIDA ALLA CONVENZIONE AMBITO DI OPERATIVITA La si occupa dei seguenti appalti: lavori pubblici di importo pari o superiore ad 150.000,00 forniture e servizi di importo pari o

Dettagli

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET Il presente Accordo è posto in essere tra: Maiora Labs S.r.l. ( Maiora ), in persona del legale rappresentante

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

FONDO DI ASSISTENZA PER IL PERSONALE DELLA PUBBLICA SICUREZZA

FONDO DI ASSISTENZA PER IL PERSONALE DELLA PUBBLICA SICUREZZA GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA. PREORDINATA ALL AFFIDAMENTO AI SENSI DEL D. LGS. 163/06 DEI SERVIZI DI PULIZIA DEI LOCALI, DEGLI IMPIANTI SPORTIVI E DELLE ATTREZZATURE PRESSO IL CENTRO SPORTIVO DELLA

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

ALLEGATO 4. Allegato 5 Schema di Contratto Pag. 1 di 24

ALLEGATO 4. Allegato 5 Schema di Contratto Pag. 1 di 24 ALLEGATO 4 SCHEMA DI CONTRATTO PER I SERVIZI DI DISINFESTAZIONE, DISINFEZIONE, DERATTIZZAZIONE, SANIFICAZIONE E CURA DEL VERDE DA EFFETTUARSI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI ROMA. Lotto Allegato 5 Schema

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO. L'anno duemila..., il giorno del mese di...in Roma

SCHEMA DI CONTRATTO. L'anno duemila..., il giorno del mese di...in Roma SCHEMA DI CONTRATTO L'anno duemila..., il giorno del mese di.....in Roma TRA Lottomatica Group S.p.A. con sede in Roma, Viale del Campo Boario n. 56/d - 00154 Codice Fiscale e Partita IVA n. 08028081001,

Dettagli

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE 1 aprile 2014 1 PREMESSA Il Consorzio camerale per il credito e la finanza, in accordo con Unioncamere Lombardia, intende individuare professionalità da

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

RICHIESTA DI ABBONAMENTO AL SERVIZIO DI CAR SHARING Genova Car Sharing. (Enti e Aziende)

RICHIESTA DI ABBONAMENTO AL SERVIZIO DI CAR SHARING Genova Car Sharing. (Enti e Aziende) RICHIESTA DI ABBONAMENTO AL SERVIZIO DI CAR SHARING Genova Car Sharing (Enti e Aziende) Richiesta di abbonamento del Il/La sottoscritta Nome Cognome Legale Rappresentante dell Azienda Attività Sede Legale

Dettagli

AVVISO PUBBLICO DI TRATTATIVA PRIVATA PER LA CESSIONE DELLA FARMACIA COMUNALE IN LOCALITA BUSTA

AVVISO PUBBLICO DI TRATTATIVA PRIVATA PER LA CESSIONE DELLA FARMACIA COMUNALE IN LOCALITA BUSTA AVVISO PUBBLICO DI TRATTATIVA PRIVATA PER LA CESSIONE DELLA FARMACIA COMUNALE IN LOCALITA BUSTA In esecuzione della deliberazione di Giunta Comunale n. 17 del 14.02.2011 è indetta trattativa privata per

Dettagli

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Allegato alla determinazione dirigenziale n. 1/2011 AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Ufficio di Segreteria Giuridico-Amministrativa U.O. Affari Generali, Giuridici e di Raccordo Istituzionale Via V.

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO

AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO 1 PUBBLICATO ALL ALBO DELL ASL 2 SAVONESE IL 08.01.2010 SCADE IL 28.01.2010 AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO In attuazione della deliberazione del Direttore Generale

Dettagli

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it Allegato 4) Regolamento... li... ALLA SRT - SOCIETA PUBBLICA PER IL RECUPERO ED IL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI S.p.A. Strada Vecchia per Boscomarengo s.n. 15067 NOVI LIGURE AL Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 20027 RESCALDINA (Milano) Via Matteotti, 2 - (0331) 57.61.34 - Fax (0331) 57.91.63 - E-MAIL ic.alighieri@libero.it - Sito Web : www.alighierirescaldina.it Regolamento

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

COMUNE DI ROVELLASCA

COMUNE DI ROVELLASCA COMUNE DI ROVELLASCA Provincia di COMO REGOLAMENTO SERVIZIO DI VOLONTARIATO CIVICO COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. n. 5 del 13.04.2015 Ripubblicato all Albo pretorio dal 13.05.2015 al 28.05.2015

Dettagli

ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711

ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711 1 ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711 www.plusogliastra.it plusogliastra@pec.it ISTANZA DI PARTECIPAZIONE LOTTO DESCRIZIONE BARRARE IL LOTTO

Dettagli

AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA.

AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA. AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA. CIG: 5066492974 Quesito 1 Domanda: Nel Capitolato Tecnico

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Direzione Generale Direzione Centrale per l Attività Amministrativa e la Gestione del Patrimonio CAPITOLATO TECNICO

ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Direzione Generale Direzione Centrale per l Attività Amministrativa e la Gestione del Patrimonio CAPITOLATO TECNICO SERVIZIO DI FACCHINAGGIO CON GESTIONE DEL CICLO LOGISTICO COMPRENSIVA DEL MONITORAGGIO INFORMATIZZATO E TRASPORTO COSE ALL INTERNO E TRA LE VARIE SEDI ISTAT DI ROMA CAPITOLATO TECNICO 1 INDICE 1. OGGETTO

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

PUBBLICO INCANTO. TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE Sagarriga Visconti Volpi di BARI Capitolato d oneri

PUBBLICO INCANTO. TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE Sagarriga Visconti Volpi di BARI Capitolato d oneri Ministero per i Beni e le Attività Culturali DIPARTIMENTO PER I BENI ARCHIVISTICI E LIBRARI DIREZIONE GENERALE PER I BENI LIBRARI E GLI ISTITUTI CULTURALI PUBBLICO INCANTO TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI CAPITOLATO TECNICO Servizio di pulizia, di facchinaggio interno

Dettagli

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO COMUNE DI VILLANOVA SULL ARDA PROVINCIA DI PIACENZA ---------------------- Tel. 0523/837927 (n. 3 linee a ric. autom.) Codice Fiscale 00215750332 Fax 0523/837757 Partita IVA 00215750332 Prot. n 2868 BANDO

Dettagli

2) RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO: Ins. Maria Lorizio Istruttore Direttivo Amm.vo

2) RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO: Ins. Maria Lorizio Istruttore Direttivo Amm.vo COMUNE DI PUTIGNANO BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA PER IL SERVIZIO DI FACCHINAGGIO E DI POSIZIONAMENTO, TENUTA IN EFFICIENZA E RIMOZIONE TRANSENNE E SEGNALETICA MOBILE. Allegato A alla determina dirigenziale

Dettagli

Arkema France Condizioni generali di vendita

Arkema France Condizioni generali di vendita Arkema France Condizioni generali di vendita Ai fini delle presenti Condizioni Generali di Vendita (di seguito CGV ), il termine Venditore indica Arkema France, Acquirente indica la persona a cui il Venditore

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

Regione Marche ERSU di Camerino (MC)

Regione Marche ERSU di Camerino (MC) DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL ERSU DI CAMERINO N. 261 DEL 29/03/2011: OGGETTO: APPROVAZIONE DEL BANDO DI SELEZIONE PER IL CONCORSO PUBBLICO PER ESAMI PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO

Dettagli

LETTERA DI INVITO ALLA PROCEDURA NEGOZIATA SENZA BANDO APPALTO PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE

LETTERA DI INVITO ALLA PROCEDURA NEGOZIATA SENZA BANDO APPALTO PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE LETTERA DI INVITO ALLA PROCEDURA NEGOZIATA SENZA BANDO APPALTO PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE Importo superiore a 150.000 euro ed inferiore a 1.000.000 euro 1 Sommario 1. Oggetto, durata ed importo dell appalto...

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

CONSORZIO VALLE CRATI

CONSORZIO VALLE CRATI CONSORZIO VALLE CRATI ART. 31 Dlgs 267/2000 87036 RENDE (CS) Nr. 17 DETERMINAZIONE DELL UFFICIO TECNICO Del 16.10.2014 Prot. nr. 1833 OGGETTO: Gestione tecnica, operativa ed amministrativa di manutenzione

Dettagli

CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA

CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA ALLEGATO E) CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA Regione Toscana DG Diritti di Cittadinanza e Coesione Sociale Settore Politiche di Welfare regionale, per la famiglia e cultura della legalità, C.F.

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO Modello B Comune di Saluzzo Via Macallè, 9 12037 SALUZZO PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO DELLA POLIZZA DI ASSICURAZIONE A FAVORE DEL COMUNE DI SALUZZO RELATIVA A INCENDIO E ALTRI EVENTI, FURTO E

Dettagli

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7.

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO D IMPRESA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 Roma

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli