Rif. 05C00141.TX/DELMIR

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rif. 05C00141.TX/DELMIR"

Transcript

1 IL CONSIGLIO COMUNALE Premesso che: - presso il Comune di Mirandola è attivo il Servizio Onoranze Funebri, che si occupa della gestione dei servizi cimiteriali e dell'attività di onoranze funebri, ambiti d'intervento ben distinti e, per questo, scindibili; Visto l'art.5, comma 2, della Legge Regionale 29 luglio 2004, n.19 (Disciplina in materia funeraria e di polizia mortuaria), il quale stabilisce che "nel caso in cui il gestore dei servizi pubblici cimiteriale o necroscopico svolga anche l'attività funebre di cui all'articolo 13 della presente legge, è d'obbligo la separazione societaria, da attuare entro dodici mesi dall'entrata in vigore della presente legge, fatta salva l'eventuale scadenza originaria della gestione antecedente tale data" (si tenga conto che la legge in parola è stata pubblicata sul B.U.R. n.105 del 29 luglio 2004 ed è quindi entrata in vigore il 13 agosto 2004); Dato atto che l'art.13 della sopracitata legge fa riferimento all'attività funebre, comunemente definita di onoranze funebri, che comprende le seguenti prestazioni: disbrigo, su mandato dei familiari, delle pratiche amministrative inerenti il decesso; fornitura di casse mortuarie e di altri articoli funebri in occasione di un funerale; trasporto di salma, di cadavere, di ceneri e di ossa umane; Considerato pertanto necessario, al fine di ottemperare al richiamato disposto normativo, attuare, nei tempi stabiliti, la "separazione societaria" tra soggetto gestore del servizio pubblico cimiteriale e soggetto esercente l'attività di onoranze funebri; Ritenuto opportuno mantenere in capo al Comune la gestione del servizio cimiteriale, cessando, invece, l'esercizio dell'attività di onoranze funebri, che per il suo carattere commerciale meglio si presta ad essere svolta da soggetti di natura privatistica; Ritenuto altresì opportuno, vista la delicatezza e la peculiarità dell'attività in parola, affidare la stessa, tramite contratto d'affitto di ramo d'azienda, ad una società a responsabilità limitata ad intero capitale pubblico (unico socio il Comune di Mirandola), appositamente costituita e denominata "ACOF" Srl; Visti gli allegati atto costitutivo e statuto, in cui si determina il capitale sociale in euro ,00; Visto l'allegato contratto d'affitto di ramo d'azienda e relativi allegati, in cui si fissa il canone annuo d'affitto in euro ,00, così quantificato in base alle risultanze dell'apposita relazione elaborata dal Servizio Controllo di Gestione del Comune di Mirandola; Visto l'allegato contratto di concessione in uso dei locali, di proprietà comunale, che diverranno sede della Società, ubicati in via Strada Statale Nord n , con relativa planimetria e relazione tecnica elaborata dall'ufficio Patrimonio del Comune di Mirandola, in cui si determina in euro ,00 il canone concessorio annuo; - 1 -

2 Dato atto che il rapporto di lavoro del personale a tempo indeterminato dipendente del Comune di Mirandola ed adibito all'attività di Onoranze Funebri continuerà con la Società affittuaria "ACOF" srl, in base alle previsioni di cui all'art.31 del D.Lgs. n.165/2001 (Norme generali sull'ordinamento del lavoro alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche) ed all'art.2112 cod. civ. (Trasferimento dell'azienda), e che è stata già esperita con le organizzazioni sindacali la procedura di concertazione prevista dall'art.8 del contratto collettivo nazionale di lavoro del comparto "Regioni - Autonomie Locali" dell'1.4.99; Visto l'art.3 del contratto d'affitto di ramo d'azienda, che disciplina il subentro di "ACOF" srl nei rapporti di lavoro con il succitato personale dipendente; Rilevato che la decorrenza del contratto d'affitto è fissata al 12 agosto 2005, quindi in tempo utile per effettuare la separazione societaria prevista dalla sopra richiamata normativa; Visto l'art.50, comma 2, del d.lgs. n.267/2000 (T.U.E.L.), in cui si stabilisce che il Sindaco è il rappresentante dell'ente, quindi lo rappresenta anche nei cd. "enti di secondo grado", come le società di cui il Comune fa parte, ed il comma 8 dello stesso art.50, in cui si prevede che il Sindaco provvede alla nomina, alla designazione e alla revoca dei rappresentanti del comune presso enti, aziende ed istituzioni (compresa, quindi, la nomina dell'amministratore unico e del revisore unico nella società in parola); Riscontrato che i medesimi principi sono ribaditi nello Statuto comunale, rispettivamente all'art.51, comma 2, ed all'art.52, comma 1, lettera n); Ritenuto pertanto di individuare nel Sindaco sig. Luigi Costi il soggetto legittimato a rappresentare il Comune di Mirandola, quale unico socio, nella stipula dell'atto costitutivo della società "ACOF" srl, tenuto conto che l'atto costitutivo rappresenta, di fatto, il primo verbale dell'assemblea dei soci e che con esso si deve procedere alla nomina dell'organo amministrativo e di revisione contabile della Società, competenze che spettano, come previsto nelle succitate norme del T.U.E.L. e dello Statuto comunale, al Sindaco quale legale rappresentante dell'ente; Vista la deliberazione della Giunta Regionale Emilia Romagna 7 febbraio 2005, n.156, in cui si individuano le modalità generali ed i requisiti per l'autorizzazione all'esercizio dell'attività funebre da parte di imprese pubbliche e private ai sensi dell'art.13, comma 3, L.R. n.19/2004; Visto che la presente proposta è stata trasmessa alla competente Commissione consiliare 1^ che l'ha esaminata in data come da verbale in pari data acquisito agli atti del Servizio Onoranze Funebri; Visto il verbale n.203 del circa il parere dell'organo di Revisione economico-finanziaria relativamente alla variazione di bilancio necessaria a finanziare il capitale sociale, allegato al presente atto quale parte integrante e sostanziale; Visto lo schema di proposta predisposto dal responsabile del procedimento sig. Franco Mazerti, responsabile del Servizio Onoranze Funebri; - 2 -

3 Visto l'allegato parere di regolarità tecnica espresso dal Responsabile del Servizio Onoranze Funebri, incaricato di posizione organizzativa, sig.franco Mazerti, ai sensi dell'art.49 - comma 1 - del D.Lgs n.267; Visto l'allegato parere di regolarità contabile espresso dal Responsabile del Servizio di Ragioneria Dr. Mirko Bruschi, ai sensi dell'art.49 - comma 1 - del D.Lgs n.267; Udita la seguente relazione illustrativa del SINDACO LUIGI COSTI: "La legge regionale n.19 del 2004 impone agli enti locali la separazione societaria nel caso in cui ci sia la gestione sia dei servizi cimiteriali che dei servizi di onoranze funebri, di una delle due attività. Noi abbiano optato, perchè era anche il percorso più celere e più coerente, per costituire quindi una società a responsabilità limitata ad intero capitale pubblico per la gestione delle onoranze funebri. Qui ci sono tutti gli atti costitutivi della società, che avrà un amministratore unico, avrà un revisore unico, sarà organizzata, ovviamente, con direzione e personale proprio; nella documentazione voi avete la delibera, l'atto costitutivo, lo statuto e i contratti d'affitto d'azienda e d'affitto dei locali che questa società stipula col Comune". Aperta la discussione intervengono nell'ordine: CONS. BERGAMINI LORENZO (INSIEME PER LA MIRANDOLA: F.I.) "Un chiarimento tecnico. Nell'allegato C, quello relativo al contratto d'affitto di ramo d'azienda, all'art.11 si parla di opzione all'acquisto per l'affittuario, nel senso che la società che si va a costituire, l'a.c.o.f., potrebbe esercitare, secondo detto articolo, la possibilità, l'opzione di acquisto del ramo d'azienda; chiedo come mai, visto che, secondo me, c'è incoerenza perchè per quanto riguarda l'allegato C4, che ha come oggetto la determinazione del canone d'affitto dell'azienda Onoranze Funebri, si dice che il futuro affittuario è società commerciale a tutti gli effetti e la società avrà poi come unico azionista lo stesso comune di Mirandola, per cui chiedo come l'affittuario, la società A.C.O.F., possa esercitare un diritto di prelazione per l'acquisto del ramo d'azienda, considerato che l'azionista unico della società stessa è il comune di Mirandola. Chiedo come mai il possessore di una cosa possa esercitare la prelazione di comprare una cosa da se stesso. Sempre nell'allegato C4, riguardo appunto la determinazione del canone d'affitto, si precisano quelli che sono stati i costi e i ricavi dell'ultimo quinquennio da parte del comune per il servizio di Onoranze Funebri e risulta che anche lo scorso anno c'è stato un risultato positivo di ,00 euro. Quando si va poi a contemplare quello che è il presunto introito realizzato dalla nuova società, quando nella premessa della delibera si dice che si va a costituire questa società perchè da un punto di vista della logica commerciale è più facile rimanere sul mercato quando si ha una struttura, di capitale pubblico, comunque di natura privata, si va a dire che il totale che sarà realizzato dal comune tra l'affitto del ramo d'azienda che sono ,00 euro, l'utile netto previsto quantificato con delle stime calcolate dal Dott. Mirto di 15.00,00 euro, l'affitto dei locali ,00 euro, il comune incamererà ,00 euro a fronte dei ,00 realizzati l'anno scorso, quindi quando si fa una delibera di solito deve avere anche la caratteristica del miglioramento della redditività; io qua non vedo nessuna redditività, a parte quelli che sono i termini di legge, che prevedono appunto la - 3 -

4 disgiunzione delle due attività, tra quella istituzionale e quella commerciale". IL SINDACO LUIGI COSTI: "Qui ci sono dei commercialisti che hanno predisposto gli atti e potrebbero rispondere anche meglio di me, ma provo lo stesso a dare una risposta, poi se ce n'è bisogno chiederemo anche il loro aiuto. La prelazione c'è perchè la società è un ente con personalità giuridica autonoma, esattamente la società può affittare come acquistare; anche l'affitto allora sarebbe paradossale, visto che siamo sempre noi i proprietari; si tratta di una possibilità giuridica che è consentita, che un domani potrebbe far decidere all'azionista invece che di affittare, di farsi pagare dalla società, che è autonoma, che ha personalità giuridica, l'acquisto della roba; non mi sembra che ci sia molto di particolarmente strano. Il paradosso, se paradosso vuol essere, è che c'è un solo azionista e che la proprietà è interamente nostra, ma dal punto di vista giuridico-normativo mi pare che non ci siano problemi, poi se il Dott. Belluzzi (Revisore contabile) mi vuole correggere... mi pare che sia così...grazie dottore, lei mi conforta. Per quanto riguarda le entrate del comune, beh! diciamo innanzitutto che noi non avevamo scelta perchè la legge regionale ci impone la separazione, quindi la facciamo alle condizioni date. Noi eravamo già in una situazione critica per la gestione delle Onoranze Funebri, nel senso che i nostri costi avrebbero comunque dovuto aumentare per garantire gli standards previsti dalla legge regionale, quindi i margini che abbiamo calcolato nel nostro bilancio sono margini dovuti ad una situazione che non poteva più durare. Il raffronto, allora, non si può fare semplicemente col passato, ma andrebbe fatto con una situazione a regime anche per il comune. Detto questo però, le entrate del comune saranno di tre titoli: ci saranno le entrate per l'affitto d'azienda che sono fissate, ci sono le entrate per l'affitto dei locali e ci saranno i possibili utili d'azienda; il risultato noi ci auguriamo sia buono, ma lo vedremo. Il confronto va fatto non partendo dal dato storico, ma dalla situazione che si sarebbe comunque verificata anche nel caso in cui avessimo potuto continuare la gestione diretta". Con voti favorevoli n.13, astenuti n.4 consiglieri sigg.ri Bergamini e Smerieri (Insieme per la Mirandola: F.I.), Zagnoli (A.N. MSI) e Gabrielli (U.D.C.), nessuno contrario, resi per alzata di mano, proclamati dal Presidente; D E L I B E R A - di procedere, per le causali di cui in narrativa, alla costituzione della società "ACOF" srl per l'esercizio dell'attività di onoranze funebri, con capitale sociale pari a ,00 euro, interamente detenuto dal Comune di Mirandola; - di concedere in affitto alla medesima Società il ramo d'azienda concernente le attività di onoranze funebri, unitamente alla concessione in uso dei locali di proprietà comunale destinati a sede della Società in parola; - 4 -

5 - di approvare, pertanto, i seguenti allegati alla presente deliberazione, quali parti integranti e sostanziali e depositati nella raccolta degli allegati presso la Segreteria Generale: Allegato "A" - atto costitutivo di "ACOF" srl; Allegato "B" - statuto di "ACOF" srl; Allegato "C" - contratto d'affitto di ramo d'azienda tra Comune di Mirandola e "ACOF" srl; Allegato "C1" - elenco dei beni mobili di proprietà del Comune di Mirandola facenti parte del ramo d'azienda concesso in affitto ad "ACOF" srl; Allegato "C2" - elenco degli automezzi strumentali all'attività, di proprietà del Comune di Mirandola, facenti parte del ramo d'azienda concesso in affitto ad "ACOF" srl; Allegato "C3" - elenco dei contratti di fornitura di beni e servizi inerenti al funzionamento del ramo d'azienda concesso in affitto ad "ACOF" srl; Allegato "C4" - relazione elaborata dal Servizio Controllo di Gestione del Comune di Mirandola in merito alla modalità di quantificazione del canone d'affitto del ramo d'azienda; Allegato "D" - atto di concessione in uso ad "ACOF" srl dei locali di proprietà comunale da destinare a sede della Società; Allegato "D1" - planimetria allegata all'atto di concessione in uso ad "ACOF" srl dei locali di proprietà comunale da destinare a sede della Società; Allegato "D2" - relazione tecnica elaborata dall'ufficio Patrimonio del Comune di Mirandola in merito alla modalità di quantificazione del canone concessorio; - di variare il Bilancio Pluriennale 2005 e suoi allegati come riportato nel tabulato A); - di dare atto che al momento non risultano sussistere minori entrate; - di dare atto che rimangono assicurati l'equilibrio economico ed il pareggio finanziario dei bilanci 2005, 2006, 2007; - di imputare la spesa relativa al versamento del capitale sociale pari a ,00 euro all'intervento n (capitolo n "Acquisto quote sociali e partecipazioni azionarie") previo variazione di bilancio di euro ,00, finanziata con pari quota di avanzo di amministrazione non vincolato e storno da intervento n di euro ,00, imp. n.05/2054, centro di costo 0370, voce di spesa 6041; - di autorizzare il Sindaco sig. Luigi Costi, in qualità di legale rappresentante dell'ente, ad intervenire alla stipula di tutti gli atti necessari alla costituzione della Società in parola quale rappresentante del Comune di Mirandola; - 5 -

6 - di dare atto che tutte le spese inerenti alla stipula degli atti costitutivi della Società, da redigersi in forma pubblica a ministero del notaio incaricato, sono a carico di "ACOF" srl. Su richiesta del Presidente, con voti favorevoli n.13, astenuti n.4 consiglieri sigg.ri Bergamini e Smerieri (Insieme per la Mirandola: F.I.), Zagnoli (A.N. MSI) e Gabrielli (U.D.C.), nessuno contrario, resi per alzata di mano e proclamati dal Presidente stesso, delibera altresì di dichiarare, ai sensi dell'art. 134, 4 comma, del d.lgs. n. 267/2000, il presente atto immediatamente eseguibile, al fine di consentire l'immediata costituzione della Società ed il rispetto del termine fissato dalla legge per la separazione societaria tra servizi cimiteriali ed attività di onoranze funebri

CITTÀ di AVIGLIANA Provincia di TORINO

CITTÀ di AVIGLIANA Provincia di TORINO Estratto DETERMINAZIONE N. 115 del 15/04/2013 Proposta n. 115 Oggetto: CONTRATTO D'APPALTO PER LA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI DEL CIMITERO DI SANTA MARIA SUBENTRO GESIT PIEMONTE SNC (Z0B091A936) Area

Dettagli

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Giunta Regione Emilia-Romagna - atto n. 156 del 07/02/2005 Prot. N. (PRC/05/2194) ------------------------------------------------------------ LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Vista la legge regionale

Dettagli

Presa d atto con Delibera di Giunta n.266 del 08/11/2013

Presa d atto con Delibera di Giunta n.266 del 08/11/2013 NUOVO STATUTO SOCIETA VALORE IMMOBILIARE Presa d atto con Delibera di Giunta n.266 del 08/11/2013 Art. 1) DENOMINAZIONE SOCIALE 1. Ai sensi dell'art. 2463 cod. civ. e dell art. 84 della Legge 27 dicembre

Dettagli

COMUNE DI POLIZZI GENEROSA Provincia di Palermo

COMUNE DI POLIZZI GENEROSA Provincia di Palermo ORIGINALE/COPIA Provincia di Palermo Deliberazione del Commissario Straordinario per le Funzioni della Giunta Municipale N. 26 del Registro Anno 2013 OGGETTO: Assunzione a carico del Comune delle onoranze

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE N. 18/9^ DI INIZIATIVA

PROPOSTA DI LEGGE N. 18/9^ DI INIZIATIVA Consiglio regionale r DI INIZIATIVA del Consigliere MORELLI RECANTE: disciplina in materia funeraria, di edilizia cimiteriale, polizia mortuaria e istituzione delle RELATORE: Francesco Morelli IL DIRIGENTE

Dettagli

IL PRESIDENTE sottopone per l approvazione quanto segue: *** Normativa:

IL PRESIDENTE sottopone per l approvazione quanto segue: *** Normativa: IL PRESIDENTE sottopone per l approvazione quanto segue: Normativa: *** - Titolo V del D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 (Testo Unico Enti Locali), relativo alla gestione dei servi pubblici locali, e sue successive

Dettagli

STATUTO DENOMINAZIONE - OGGETTO - SEDE - DURATA. Articolo 1 "SPREA EDITORI S.P.A."

STATUTO DENOMINAZIONE - OGGETTO - SEDE - DURATA. Articolo 1 SPREA EDITORI S.P.A. ALLEGATO "A" AL N. DI REP. La Società è denominata STATUTO DENOMINAZIONE - OGGETTO - SEDE - DURATA Articolo 1 "SPREA EDITORI S.P.A." La denominazione può essere scritta con qualsiasi carattere o rilievo

Dettagli

Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n. 267. "Testo unico delle leggi sull'ordinamento degli enti locali"

Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n. 267. Testo unico delle leggi sull'ordinamento degli enti locali Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n. 267 "Testo unico delle leggi sull'ordinamento degli enti locali" pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 227 del 28 settembre 2000 - Supplemento Ordinario n. 162 TITOLO

Dettagli

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA Provincia di Verona VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 47 O G G E T T O ISTITUZIONE DEL REGISTRO COMUNALE PER LA CREMAZIONE AI SENSI DELL ART. 48 DELLA LEGGE

Dettagli

LA GIUNTA COMUNALE. Visto l articolo 48 del T.U.E.L. - approvato con Decreto Legislativo in data 18.08.2000 n. 267; D E L I B E R A

LA GIUNTA COMUNALE. Visto l articolo 48 del T.U.E.L. - approvato con Decreto Legislativo in data 18.08.2000 n. 267; D E L I B E R A LA GIUNTA COMUNALE Vista la proposta di deliberazione avanzata dall'ufficio Servizi cimiteriali relativa al seguente oggetto: SERVIZI CIMITERIALI. MODIFICA SCHEMI SCRITTURE PRIVATE PER CONCESSIONI LOCULI

Dettagli

AGENZIA D AFFARI S.C.I.A. - Segnalazione Certificata di Inizio Attività

AGENZIA D AFFARI S.C.I.A. - Segnalazione Certificata di Inizio Attività AGENZIA D AFFARI S.C.I.A. - Segnalazione Certificata di Inizio Attività AL COMUNE DI Cod. ISTAT _ _ _ _ _ _...l... sottoscritt...: Cognome Nome C.F. _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ Stato Provincia Comune

Dettagli

Comune di San Martino Buon Albergo

Comune di San Martino Buon Albergo COPIA Delibera nº Data 24 12/04/2010 Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale adunanza di prima convocazione - Seduta pubblica Oggetto: APPROVAZIONE

Dettagli

PROPOSTA DI ATTO DELIBERATIVO DELLA GIUNTA REGIONALE

PROPOSTA DI ATTO DELIBERATIVO DELLA GIUNTA REGIONALE REGIONE EMILIA ROMAGNA PROPOSTA DI ATTO DELIBERATIVO DELLA GIUNTA REGIONALE COD.DOCUMENTO SSF/06/0000212 ASSESSORATO SCUOLA. FORMAZIONE PROFESSIONALE. UNIVERSITA'. LAVORO. PARI OPPORTUNITA'. DIREZIONE

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE REGIONALE ETNOGRAFICO

ISTITUTO SUPERIORE REGIONALE ETNOGRAFICO [ST. SUPERIORE REGIONALE ETNOGRÀFICO Anno Titolo XIV Classe,ARRIVO O I Pr" 3455 Dei 0710/2014 E 11111111 11111 111111111 II 111111111 Regione Autonoma della Sardegna ISTITUTO SUPERIORE REGIONALE ETNOGRAFICO

Dettagli

FORMULARIO DELLE SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA

FORMULARIO DELLE SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA FORMULARIO DELLE SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA Di Luigi Risolo 1 INDICE I) Introduzione....4 1) Contratto preliminare di trasferimento delle quote sociali.. 5 2) Scrittura privata di cessione delle

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE ADUNANZA DI PRIMA CONVOCAZIONE SEDUTA PUBBLICA

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE ADUNANZA DI PRIMA CONVOCAZIONE SEDUTA PUBBLICA COMUNE DI COLOGNO AL SERIO Provincia di Bergamo Deliberazione n. 65 del 23/10/2007 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE ADUNANZA DI PRIMA CONVOCAZIONE SEDUTA PUBBLICA OGGETTO: REGOLAMENTO DI

Dettagli

AZIENDA SPECIALE PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI IN MATERIA DI SERVIZIO IDRICO INTEGRATO UFFICIO D AMBITO DELLA PROVINCIA DI MILANO STATUTO

AZIENDA SPECIALE PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI IN MATERIA DI SERVIZIO IDRICO INTEGRATO UFFICIO D AMBITO DELLA PROVINCIA DI MILANO STATUTO AZIENDA SPECIALE PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI IN MATERIA DI SERVIZIO IDRICO INTEGRATO UFFICIO D AMBITO DELLA PROVINCIA DI MILANO STATUTO Approvato con delibera del Consiglio Provinciale n. 23 dell 11.04.2013

Dettagli

Allegato "B" all'atto Rep. 57627/22410 STATUTO DENOMINAZIONE - SEDE - DURATA - OGGETTO ARTICOLO 1 E' costituita, ai sensi dell'articolo 31 comma 38

Allegato B all'atto Rep. 57627/22410 STATUTO DENOMINAZIONE - SEDE - DURATA - OGGETTO ARTICOLO 1 E' costituita, ai sensi dell'articolo 31 comma 38 Allegato "B" all'atto Rep. 57627/22410 STATUTO DENOMINAZIONE - SEDE - DURATA - OGGETTO ARTICOLO 1 E' costituita, ai sensi dell'articolo 31 comma 38 della Legge 23 dicembre 1998 n. 448, così come modificato

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. Sessione Ordinaria - Seduta Pubblica di Prima Convocazione O G G E T T O

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. Sessione Ordinaria - Seduta Pubblica di Prima Convocazione O G G E T T O C O P I A Comune di Bovolenta Provincia di Padova Deliberazione n. 24 in data 30-07-2012 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Sessione Ordinaria - Seduta Pubblica di Prima Convocazione O G G

Dettagli

FEDERAZIONE NAZIONALE IMPRESE ONORANZE FUNEBRI Documenti per i soci

FEDERAZIONE NAZIONALE IMPRESE ONORANZE FUNEBRI Documenti per i soci FEDERAZIONE NAZIONALE IMPRESE ONORANZE FUNEBRI Documenti per i soci Allegato Direttiva della Giunta regionale, ai sensi dell articolo 2, comma 1, lett. a) della legge regionale 29 luglio 2004, n. 19 (Disciplina

Dettagli

II SETTORE - BILANCIO E FINANZA

II SETTORE - BILANCIO E FINANZA II SETTORE - BILANCIO E FINANZA DETERMINAZIONE N. 8 DEL 21/03/2014 OGGETTO: PROGETTO "SCANDIANO SBILANCIATI!IL BILANCIO PARTECIPATIVO A SCANDIANO" FINANZIATO DALLA REGIONE EMILIA ROMAGNA (L.R. N. 3/2010)

Dettagli

Art. 4 Competenze, obblighi e responsabilità delle Parti 1. Sono di competenza del Comune, in quanto non trasferibili per legge:

Art. 4 Competenze, obblighi e responsabilità delle Parti 1. Sono di competenza del Comune, in quanto non trasferibili per legge: Allegato con le modifiche al contratto di servizio con la società ADE Spa per la gestione dei servizi cimiteriali e funebri, gestione disciplinata da contratto di Servizio rep. n. 9139/2004, successivamente

Dettagli

REGIONE LOMBARDIA L.R.

REGIONE LOMBARDIA L.R. REGIONE LOMBARDIA L.R. 31 gennaio 1992, n. 3: Disciplina regionale dell'agriturismo e valorizzazione del territorio rurale. (Pubblicata nel Suppl. Ord. del B.U.R. n. 6 del 4 febbraio 1992) Art. 1 - Finalità

Dettagli

RELAZIONI SULLE MATERIE ALL'ORDINE DEL GIORNO AI SENSI DELL'ART. 125-TER TUF

RELAZIONI SULLE MATERIE ALL'ORDINE DEL GIORNO AI SENSI DELL'ART. 125-TER TUF RELAZIONI SULLE MATERIE ALL'ORDINE DEL GIORNO AI SENSI DELL'ART. 125-TER TUF Consiglio di Amministrazione del 10/03/2015 - punto 10) Relazioni sulle materie all'ordine del giorno dell'assemblea degli Azionisti

Dettagli

Bur n. 65 del 10/08/2010

Bur n. 65 del 10/08/2010 Bur n. 65 del 10/08/2010 Sanità e igiene pubblica Deliberazioni della Giunta Regionale N. 1909 del 27 luglio 2010 Legge Regionale 4 marzo 2010 n.18 "Norme in materia funeraria". Linee guida di prima applicazione.

Dettagli

Relazione della 111 Commissione Consiliare Permanente

Relazione della 111 Commissione Consiliare Permanente ~rlr;l(' "' Iflfln I""! q " 1" 1 j " ~ 1 i' -1 \i 'J ~- ~I~I~I[' "'c'ci,rif(: çi'\1f~"') "-,,-,,,,,," Att; ConSiliari A TTO N 1770/BIS Relazione della 111 Commissione Consiliare Permanente SERVIZI E POLITICHE

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 148/2010 della Giunta comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 148/2010 della Giunta comunale COMUNE DI NAGO-TORBOLE PROVINCIA DI TRENTO Ufficio Delibere originale VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 148/2010 della Giunta comunale OGGETTO: Consegna ai familiari delle ceneri di persona defunta e dispersione

Dettagli

GUIDA INFORMATIVA PER LE PRATICHE DI POLIZIA MORTUARIA

GUIDA INFORMATIVA PER LE PRATICHE DI POLIZIA MORTUARIA Comune di Budrio Settore Affari Generali Servizio Comunicazione e Certificazione GUIDA INFORMATIVA PER LE PRATICHE DI POLIZIA MORTUARIA Abbiamo predisposto questa guida nell intento di facilitare i contatti

Dettagli

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno di martedì trenta del mese di giugno, alle ore 10 e

Dettagli

L.R. 1 febbraio 2005, n. 3 (1). Norme in materia di attività e servizi necroscopici funebri e cimiteriali.

L.R. 1 febbraio 2005, n. 3 (1). Norme in materia di attività e servizi necroscopici funebri e cimiteriali. L.R. 1 febbraio 2005, n. 3 (1). Norme in materia di attività e servizi necroscopici funebri e cimiteriali. (1) Pubblicata nel B.U. Marche 10 febbraio 2005, n. 14. INDICE Art. 1 - Finalità e oggetto. Art.

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 13

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 13 Comune di NOGAROLE ROCCA ORIGINALE VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 13 OGGETTO: DELIMITAZIONE AREA ALL'INTERNO DEL CIMITERO DI NOGAROLE ROCCA-CAPOLUOGO E DEL CIMITERO DI BAGNOLO DA DESTINARE

Dettagli

ATTIVITÀ FUNEBRE. Art. 13 Legge Emilia Romagna n. 156/2005 DOMANDA DI RILASCIO AUTORIZZAZIONE

ATTIVITÀ FUNEBRE. Art. 13 Legge Emilia Romagna n. 156/2005 DOMANDA DI RILASCIO AUTORIZZAZIONE Marca da bollo ATTIVITÀ FUNEBRE Art. 13 Legge Emilia Romagna n. 156/2005 DOMANDA DI RILASCIO AUTORIZZAZIONE PER ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI [] FORNITURA DI ARTICOLI FUNERARI, DISBRIGO PRATICHE AMMINISTRATIVE

Dettagli

Il giorno 20 aprile 2012, alle ore 11,00 in Spoleto presso la sala. di rappresentanza della presidenza della Cassa di Risparmio di

Il giorno 20 aprile 2012, alle ore 11,00 in Spoleto presso la sala. di rappresentanza della presidenza della Cassa di Risparmio di VERBALE DELL'ASSEMBLEA ORDINARIA DEL 20 APRILE 2012 Il giorno 20 aprile 2012, alle ore 11,00 in Spoleto presso la sala di rappresentanza della presidenza della Cassa di Risparmio di Spoleto Spa in via

Dettagli

BANDO DI GARA PROCEDURA APERTA PER L'APPALTO IN GESTIONE DELLE PISCINE E DELLA STRUTTURA POLIVALENTE TENNIS/CALCETTO DEL CAPOLUOGO

BANDO DI GARA PROCEDURA APERTA PER L'APPALTO IN GESTIONE DELLE PISCINE E DELLA STRUTTURA POLIVALENTE TENNIS/CALCETTO DEL CAPOLUOGO BANDO DI GARA PROCEDURA APERTA PER L'APPALTO IN GESTIONE DELLE PISCINE E DELLA STRUTTURA POLIVALENTE TENNIS/CALCETTO DEL CAPOLUOGO 1) ENTE APPALTANTE Comune di Greve in Chianti, Piazza Matteotti, nr. 8-50022

Dettagli

COMUNE DI ALTOFONTE PROVINCIA DI PALERMO. Copia della deliberazione della Giunta Municipale

COMUNE DI ALTOFONTE PROVINCIA DI PALERMO. Copia della deliberazione della Giunta Municipale COMUNE DI ALTOFONTE PROVINCIA DI PALERMO Copia della deliberazione della Giunta Municipale Anno 2012 del Registro OGGETTO: APPROVAZIONE SCHEMA TIPO CONTRATTO DI CONCESSIONE LOCULO CIMITERIALE L'anno duemiladodici

Dettagli

STATUTO ARTICOLO 1) ARTICOLO 2) La Società ha sede nel Comune di Perugia. La Società può istituire, per deliberazione del

STATUTO ARTICOLO 1) ARTICOLO 2) La Società ha sede nel Comune di Perugia. La Società può istituire, per deliberazione del STATUTO ARTICOLO 1) E' costituita la Società per azioni denominata "GARANZIA PARTECIPAZIONI E FINANZIAMENTI S.p.A. ed in sigla "GEPAFIN". ARTICOLO 2) La Società ha sede nel Comune di Perugia. La Società

Dettagli

AREA DEI SERVIZI ALLA PERSONA

AREA DEI SERVIZI ALLA PERSONA Reg. Gen n. 171 del 22 aprile 2015 AREA DEI SERVIZI ALLA PERSONA OGGETTO: EROGAZIONE CONTRIBUTO RELATIVO AL FONDO REGIONALE FINALIZZATO ALLA INTEGRAZIONE DEL CANONE DI LOCAZIONE AI NUCLEI FAMILIARI IN

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE DI RAVENNA DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE Anno 2013 N. 140 Data 02/05/2013 PRESA D'ATTO DEL VERBALE E GRADUATORIA FORMULATA DALLA COMMISSIONE ESAMINATRICE IN ESITO

Dettagli

COMUNE DI CASTIGLIONE DEI PEPOLI

COMUNE DI CASTIGLIONE DEI PEPOLI COMUNE DI CASTIGLIONE DEI PEPOLI DELIBERAZIONE N. 100 C O P I A VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Oggetto: COSTITUZIONE VINCOLO DESTINAZIONE DI STRUTTURA SOCIO-ASSISTENZIALE (CASA PROTETTA)

Dettagli

BIALETTI INDUSTRIE SPA

BIALETTI INDUSTRIE SPA BIALETTI INDUSTRIE SPA ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI DEL 20 21 GIUGNO 2012 RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI, ai sensi dell articolo 73 della Delibera Consob n. 11971 del 14 maggio 1999 e successive

Dettagli

Le medesime attività non possono svolgersi in forma ambulante.

Le medesime attività non possono svolgersi in forma ambulante. L. 14 febbraio 1963, n. 161 (1). Disciplina dell'attività di barbiere, parrucchiere ed affini (2) (3). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 9 marzo 1963, n. 66. (2) Per la professione di estetista, vedi ora

Dettagli

FONDAZIONE TEATRO REGIO DI TORINO STATUTO

FONDAZIONE TEATRO REGIO DI TORINO STATUTO FONDAZIONE TEATRO REGIO DI TORINO STATUTO Articolo 1 COSTITUZIONE - DENOMINAZIONE - SEDE - DURATA 1 E' costituita, per trasformazione dell'ente Autonomo Teatro Regio di Torino, attuata ai sensi dell'art

Dettagli

Giunta Comunale COMUNE DI VIGNOLA. Atti della OGGETTO: SERVIZIO DI ONORANZE E TRASPORTI FUNEBRI A PREZZO CONCORDATO PROVVEDIMENTI. PROVINCIA DI MODENA

Giunta Comunale COMUNE DI VIGNOLA. Atti della OGGETTO: SERVIZIO DI ONORANZE E TRASPORTI FUNEBRI A PREZZO CONCORDATO PROVVEDIMENTI. PROVINCIA DI MODENA COMUNE DI VIGNOLA PROVINCIA DI MODENA Atti della Giunta Comunale Delib. n. 173 Del 12.10.2005 L anno Duemilacinque il giorno dodici OGGETTO: SERVIZIO DI ONORANZE E TRASPORTI FUNEBRI A PREZZO CONCORDATO

Dettagli

VERBALE del 18/11/2013

VERBALE del 18/11/2013 VERBALE del 18/11/2013 PARERE SUL BILANCIO DI PREVISIONE 2014-2016 E SUOI ALLEGATI DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA Il COLLEGIO DEI REVISORI Premesso che l organo di revisione ha esaminato la proposta di bilancio

Dettagli

C O M U N E D I V O G H I E R A

C O M U N E D I V O G H I E R A COPIA DELIBERAZIONE N. 122 C O M U N E D I V O G H I E R A (Provincia di Ferrara) VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO AFFIDAMENTO "IN HOUSE PROVIDING" AD AREA SPA DEI PUBBLICI SERVIZI

Dettagli

C O M U N E D I V I C E N Z A

C O M U N E D I V I C E N Z A C O M U N E D I V I C E N Z A DETERMINA N. 313 DEL 11/03/2014 PROTOCOLLO GENERALE N. 24076 DEL 27/03/2014 CLASSIFICAZIONE: SISTEMA INFORMATIVO INCARICATO ALLA REDAZIONE: CANTELE GABRIELLA RESPONSABILE

Dettagli

COMUNE DI CAMPO NELL ELBA Provincia di Livorno ****** VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. Deliberazione n.

COMUNE DI CAMPO NELL ELBA Provincia di Livorno ****** VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. Deliberazione n. COMUNE DI CAMPO NELL ELBA Provincia di Livorno ****** VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Deliberazione n. 55 del 18/08/2014 OGGETTO: APPROVAZIONE DEL REGOLAMENTO COMUNALE DI POLIZIA MORTUARIA

Dettagli

ATTIVITÀ FUNEBRE DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE IMPRESA FUNEBRE/GESTIONE CASA FUNERARIA COMUNICAZIONE GESTIONE CASA DEL COMMIATO

ATTIVITÀ FUNEBRE DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE IMPRESA FUNEBRE/GESTIONE CASA FUNERARIA COMUNICAZIONE GESTIONE CASA DEL COMMIATO ATTIVITÀ FUNEBRE DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE IMPRESA FUNEBRE/GESTIONE CASA FUNERARIA COMUNICAZIONE GESTIONE CASA DEL COMMIATO AL COMUNE DI Cod. ISTAT _ _ _ _ _ _ D. Lgs. 59/2010, L. 241/1990...l... sottoscritt...:

Dettagli

Disposizioni in materia di cremazione, conservazione, affidamento e dispersione delle ceneri. (B.U. 02 Novembre 2007, n. 44)

Disposizioni in materia di cremazione, conservazione, affidamento e dispersione delle ceneri. (B.U. 02 Novembre 2007, n. 44) Legge regionale n. 20 del 31 ottobre 2007 Disposizioni in materia di cremazione, conservazione, affidamento e dispersione delle ceneri. (B.U. 02 Novembre 2007, n. 44) Il Consiglio regionale ha approvato.

Dettagli

Norme in materia di attività e servizi necroscopici funebri e. Art. 1 Finalità e oggetto.

Norme in materia di attività e servizi necroscopici funebri e. Art. 1 Finalità e oggetto. Page 1 of 10 Leggi Regionali d'italia Marche L.R. 1-2-2005 n. 3 Norme in materia di attività e servizi necroscopici funebri e cimiteriali. Pubblicata nel B.U. Marche 10 febbraio 2005, n. 14. L.R. 1 febbraio

Dettagli

Comune di Cattolica Provincia di Rimini

Comune di Cattolica Provincia di Rimini VERBALE APPROVATO E SOTTOSCRITTO Comune di Cattolica Provincia di Rimini IL SINDACO Piero Cecchini IL VICE SEGRETARIO COMUNALE Daniele Cristoforetti VERBALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE La presente

Dettagli

PRYSMIAN S.P.A. COMITATO CONTROLLO E RISCHI. Regolamento. Regolamento del Comitato Controllo e Rischi

PRYSMIAN S.P.A. COMITATO CONTROLLO E RISCHI. Regolamento. Regolamento del Comitato Controllo e Rischi PRYSMIAN S.P.A. COMITATO CONTROLLO E RISCHI Regolamento Regolamento del Comitato Controllo e Rischi Data approvazione: 16/01/2007 Ultima modifica: 08/11/2012 Regolamento del Comitato Controllo e Rischi

Dettagli

D.M. 28 luglio 1998, n. 463.

D.M. 28 luglio 1998, n. 463. D.M. 28 luglio 1998, n. 463. Regolamento recante norme per la gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali istituita presso l'inpdap, da adottarsi ai sensi dell'articolo 1, comma 245, della

Dettagli

P R O V I N C I A D I C A G L I A R I

P R O V I N C I A D I C A G L I A R I Allegato alla deliberazione del C.P. n del P R O V I N C I A D I C A G L I A R I PROVINCIA DE CASTEDDU PROPOSTA DI DELIBERAZIONE (N.0091110130047) IL CONSIGLIO PROVINCIALE Proponente: ASSESSORATO FINANZE

Dettagli

COMUNE DI PRATO CARNICO Provincia di Udine

COMUNE DI PRATO CARNICO Provincia di Udine COMUNE DI PRATO CARNICO Provincia di Udine Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale SEDUTA del 11/06/2015 N 8 del Reg. Del OGGETTO: APPROVAZIONE BILANCIO DI PREVISIONE ESERCIZIO FINANZIARIO 2015,

Dettagli

Bur n. 47 del 22/05/2007

Bur n. 47 del 22/05/2007 Bur n. 47 del 22/05/2007 LEGGE REGIONALE N. 10 del 18 maggio 2007 Norme per la promozione della previdenza complementare nel Veneto. Il Consiglio regionale ha approvato Il Presidente della Giunta regionale

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA CODICE COMUNE N. 11137 Pag.n. 1 Comune di Zibido S. Giacomo Provincia di Milano SIGLA G.C. N 78 DATA 11/04/2011 Oggetto: APPROVAZIONE E RIARTICOLAZIONE DEL NUOVO SERVIZIO CIMITERIALE VERBALE DI DELIBERAZIONE

Dettagli

Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico

Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico I. R. C. C.S. Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico CENTRO DI RIFERIMENTO ONCOLOGICO DELLA BASILICATA Rionero in Vulture (PZ) C. R. O. B. 85028 Rionero in Vulture (PZ) Via Padre Pio,1 P.

Dettagli

COMUNE DI BRESCELLO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

COMUNE DI BRESCELLO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA COMUNE DI BRESCELLO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO COSTITUTIVO E DI GESTIONE DELL ASSOCIAZIONE COMUNI BASSA REGGIANA : BRESCELLO BORETTO GUALTIERI GUASTALLA LUZZARA REGGIOLO - POVIGLIO APPROVATO

Dettagli

COMUNE DI POMPIANO. Provincia di Brescia VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

COMUNE DI POMPIANO. Provincia di Brescia VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI POMPIANO Provincia di Brescia Copia DELIBERAZIONE N. 20 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: Modifica del Regolamento dei servizi funerari, necroscopici, cimiteriali e di

Dettagli

PROVINCIA DI PRATO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Risorse Umane e Finanziarie. Servizio Gestione Economico-Finanziaria

PROVINCIA DI PRATO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Risorse Umane e Finanziarie. Servizio Gestione Economico-Finanziaria Registro generale n. 1949 del 2013 Determina con Impegno di spesa DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Risorse Umane e Finanziarie Servizio Gestione Economico-Finanziaria Oggetto Impegno di

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI E PRIVATI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI E PRIVATI REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI E PRIVATI Art. 1 E istituito "l'albo Comunale degli Organismi a Base Associativa" in cui possono iscriversi

Dettagli

N. 12.342 di Repertorio N. 4.084 di Raccolta VERBALE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA

N. 12.342 di Repertorio N. 4.084 di Raccolta VERBALE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA - 1 - N. 12.342 di Repertorio N. 4.084 di Raccolta VERBALE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno 2015 (duemilaquindici) il giorno 22 (ventidue) REGISTRATO ALL'AGENZIA DELLE ENTRATE

Dettagli

attestata la regolarità amministrativa ai sensi della deliberazione di Giunta regionale sopra citata;

attestata la regolarità amministrativa ai sensi della deliberazione di Giunta regionale sopra citata; Determinazione del Responsabile del Servizio Sanità Pubblica della Regione Emilia Romagna 6 ottobre 2004, n. 13871 DISCIPLINA DELLE MODALITÀ TECNICHE DELLE PROCEDURE PER IL TRASPORTO DELLE SALME, DEI CADAVERI

Dettagli

UNIONE DEI COMUNI LOMBARDA PREALPI

UNIONE DEI COMUNI LOMBARDA PREALPI UNIONE DEI COMUNI LOMBARDA PREALPI Provincia di Varese Viale delle Rimembranze n.9 21010 DUMENZA (VA) VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DELL UNIONE DEI COMUNI LOMBARDA PREALPI Delibera n 4 dell 16

Dettagli

REGIONE TOSCANA LEGGE REGIONALE N. 29 DEL 31-05-2004

REGIONE TOSCANA LEGGE REGIONALE N. 29 DEL 31-05-2004 REGIONE TOSCANA LEGGE REGIONALE N. 29 DEL 31-05-2004 Affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA N. 21

Dettagli

Comune di LOREGGIA. VISTO si attesta ex art. 151 comma 4 T.U.EE.LL. D.Lgs. 267/2000 la copertura finanziaria della spesa

Comune di LOREGGIA. VISTO si attesta ex art. 151 comma 4 T.U.EE.LL. D.Lgs. 267/2000 la copertura finanziaria della spesa Comune di LOREGGIA ORIGINALE Rif. determina Reg. generale OGGETTO n.46 del 29/12/2010 309 ASSUNZIONE MUTUO CON LA BANCA PADOVANA PER L'OPERAZIONE DI RINEGOZIAZIONE DELLA POSIZIONE DEBITORIA PER L'ACQUISTO

Dettagli

STATUTO CONSORZIO COMUNI DEL BACINO IMBRIFERO MONTANO DEL BASSO PIAVE IN PROVINCIA DI VENEZIA

STATUTO CONSORZIO COMUNI DEL BACINO IMBRIFERO MONTANO DEL BASSO PIAVE IN PROVINCIA DI VENEZIA STATUTO CONSORZIO COMUNI DEL BACINO IMBRIFERO MONTANO DEL BASSO PIAVE IN PROVINCIA DI VENEZIA APPROVATO CON DELIBERA DELL ASSEMBLEA N.3 DEL 6 MARZO 2002 STATUTO CONSORZIO COMUNI DEL BACINO IMBRIFERO MONTANO

Dettagli

CONSORZIO SOLEARTE Comuni di San Marco d'alunzio, Acquedolci, Alcara Li Fusi, Militello Rosmarino, SAgataMilitello Provincia di Messina

CONSORZIO SOLEARTE Comuni di San Marco d'alunzio, Acquedolci, Alcara Li Fusi, Militello Rosmarino, SAgataMilitello Provincia di Messina Comuni di San Marco d'alunzio, Acquedolci, Alcara Li Fusi, Militello Rosmarino, SAgataMilitello Provincia di Messina SETTORE AFFARI GENERALI SERVIZI SOCIO CULTURALI- RICREATIVI E ALLA PERSONA DETERMINAZIONE

Dettagli

"ACN S.R.L." 2 - SEDE

ACN S.R.L. 2 - SEDE STATUTO "ACN SRL" Art. 1 - COSTITUZIONE E' costituita una società a responsabilità limitata denominata "ACN S.R.L." Art. 2 - SEDE La società ha sede nel Comune di Napoli, all'indirizzo risultante dal Registro

Dettagli

pluriennale 2008/2010, Programma Investimenti 2008/2010 e Programma triennale delle opere pubbliche.

pluriennale 2008/2010, Programma Investimenti 2008/2010 e Programma triennale delle opere pubbliche. IL PRESIDENTE sottopone per l approvazione quanto segue: *** Normativa Decreto Presidente della Repubblica n. 285/1990 Regolamento nazionale di polizia mortuaria. Circolare Ministero Sanità n. 24/1993

Dettagli

CONTRATTO DI AFFITTO DI AZIENDA. La società., con sede in. via., n.., P. IVA. in persona del

CONTRATTO DI AFFITTO DI AZIENDA. La società., con sede in. via., n.., P. IVA. in persona del CONTRATTO DI AFFITTO DI AZIENDA L'anno 20..., il giorno... del mese di..., in..., tra:..., nato a..., il..., residente in..., via..., n...., codice fiscale oppure La società., con sede in. via., n.., P.

Dettagli

Realizzazione e Gestione servizi pubblici locali S.p.A. COGEIDE S.p.A. STATUTO Allegato C al rep. n. 2.728/1.872

Realizzazione e Gestione servizi pubblici locali S.p.A. COGEIDE S.p.A. STATUTO Allegato C al rep. n. 2.728/1.872 Realizzazione e Gestione servizi pubblici locali S.p.A. COGEIDE S.p.A. STATUTO Allegato C al rep. n. 2.728/1.872 Art. 1) Denominazione E' costituita, ai sensi dell'art. 113 lett. e) del D.Lgs. 18.08.2000

Dettagli

COPIA n. 65 del 09.09.2009

COPIA n. 65 del 09.09.2009 Provincia di Bologna COPIA n. 65 del 09.09.2009 OGGETTO: CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI PIANORO E LA PARROCCHIA DI MONTECALVO PER L UTILIZZO DELLA CRIPTA DELLA CHIESA DI MONTECALVO PER IL DEPOSITO DI URNE

Dettagli

P R O V I N C I A D I C A G L I A R I

P R O V I N C I A D I C A G L I A R I Allegato alla deliberazione del C.P. n del P R O V I N C I A D I C A G L I A R I PROVINCIA DE CASTEDDU PROPOSTA DI DELIBERAZIONE N. 0091205310003 IL CONSIGLIO PROVINCIALE Proponente: ASSESSORATO FINANZE

Dettagli

COMUNE DI POMPIANO Provincia di Brescia

COMUNE DI POMPIANO Provincia di Brescia COMUNE DI POMPIANO Provincia di Brescia VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COPIA N 48 del 26/11/2013 OGGETTO: MODIFICA DEL REGOLAMENTO DEI SERVIZI FUNERARI, NECROSCOPICI, CIMITERIALI E DI

Dettagli

COMUNE DI VALEGGIO SUL MINCIO. Verbale di deliberazione della Giunta Comunale

COMUNE DI VALEGGIO SUL MINCIO. Verbale di deliberazione della Giunta Comunale C O P I A Verbale di deliberazione della Giunta Comunale OGGETTO: ATTO DI INDIRIZZO RELATIVO AI RINNOVI CONTRATTUALI E NUOVO AFFIDAMENTO SERVIZIO PER L'ATTIVITA' INFORMATICA DELL'ENTE Oggi ventisette del

Dettagli

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA PROVINCIA DI VERONA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 78 O G G E T T O RATEIZZAZIONE PAGAMENTO LOCULO CIMITERIALE. L anno 2013 addì CINQUE del mese di DICEMBRE

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLE NORME STATUTARIE DELLA CASSA ITALIANA DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA A FAVORE DEI GEOMETRI LIBERI PROFESSIONISTI

REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLE NORME STATUTARIE DELLA CASSA ITALIANA DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA A FAVORE DEI GEOMETRI LIBERI PROFESSIONISTI REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLE NORME STATUTARIE DELLA CASSA ITALIANA DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA A FAVORE DEI GEOMETRI LIBERI PROFESSIONISTI TITOLO I - COMPITI E FUNZIONI ART.1 - Scopo e forme di attuazione

Dettagli

ACCORDO ISTITUTIVO FONDOPOSTE ACCORDO PER LA ISTITUZIONE DEL FONDO NAZIONALE PENSIONE COMPLEMENTARE PER IL PERSONALE DI POSTE ITALIANE S.P.

ACCORDO ISTITUTIVO FONDOPOSTE ACCORDO PER LA ISTITUZIONE DEL FONDO NAZIONALE PENSIONE COMPLEMENTARE PER IL PERSONALE DI POSTE ITALIANE S.P. ACCORDO ISTITUTIVO FONDOPOSTE ACCORDO PER LA ISTITUZIONE DEL FONDO NAZIONALE PENSIONE COMPLEMENTARE PER IL PERSONALE DI POSTE ITALIANE S.P.A il giorno 26 luglio 2002, in Roma tra Poste Italiane S.p.A.

Dettagli

ARCOLA PETROLIFERA S.R.L.,

ARCOLA PETROLIFERA S.R.L., N. 13692 di repertorio N. 6656 di raccolta VERBALE DELL'ASSEMBLEA STRAORDINARIA DEL GIORNO 5 febbraio 2014 DELLA SOCIETA' A RESPONSABILITA' LIMITATA "ARCOLA PETRO- LIFERA S.R.L." REPUBBLICA ITALIANA Il

Dettagli

l emendamento, l art.21 del Regolamento di Polizia mortuaria: il Comune fornisce gratuitamente la cassa di cui l art.20.1.1 e 1.5.1.

l emendamento, l art.21 del Regolamento di Polizia mortuaria: il Comune fornisce gratuitamente la cassa di cui l art.20.1.1 e 1.5.1. CONSIGLIO COMUNALE DEL 29.11.2012 Interventi dei Sigg. consiglieri Regolamento di polizia mortuaria. Modifiche ed integrazioni. Approvazione nuovo testo coordinato con le modifiche. Passiamo al sesto punto:

Dettagli

Verbale di deliberazione della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione della Giunta Comunale COMUNE DI COMACCHIO Provincia di Ferrara Reg. delib. N. 1 Verbale di deliberazione della Giunta Comunale Seduta del 08/01/2008 alle ore 09.30. In seguito ad inviti si è riunita nell apposita sala della

Dettagli

OGGETTO: D. Legge 24 giugno 2014 n. 90 convertito in Legge 114/2014. Presa d'atto modalità di ripartizione dei diritti di rogito

OGGETTO: D. Legge 24 giugno 2014 n. 90 convertito in Legge 114/2014. Presa d'atto modalità di ripartizione dei diritti di rogito COMUNE DI ALEZIO Provincia di LECCE COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 129 Del 22/12/2014 OGGETTO: D. Legge 24 giugno 2014 n. 90 convertito in Legge 114/2014. Presa d'atto modalità di ripartizione

Dettagli

CITTA DI CASTEL MAGGIORE Provincia di Bologna

CITTA DI CASTEL MAGGIORE Provincia di Bologna CITTA DI CASTEL MAGGIORE Provincia di Bologna VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE ORIGINALE N 182 del 28/12/2012. OGGETTO: APPROVAZIONE CONVENZIONI CON PUBBLICA ASSISTENZA CROCE ITALIA COMUNI

Dettagli

COMUNE DI CASTROREALE

COMUNE DI CASTROREALE COPIA COMUNE DI CASTROREALE Provincia di Messina DELIBERAZIONE N. 35 Del 18.04.2014 DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: Conferimento incarico legale per recupero crediti immobile di proprietàcomunale

Dettagli

proposta di legge n. 256

proposta di legge n. 256 REGIONE MARCHE 1 CONSIGLIO REGIONALE proposta di legge n. 256 a iniziativa dei Consiglieri Procaccini, Martoni presentata in data 16 settembre 2004 NORME IN MATERIA DI ATTIVITA E SERVIZI NECROSCOPICI FUNEBRI

Dettagli

CITTA DI MODUGNO Servizio Provveditorato-Economato

CITTA DI MODUGNO Servizio Provveditorato-Economato CITTA DI MODUGNO Servizio Provveditorato-Economato REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA TELEFONIA MOBILE COMUNALE Approvato con atto di G.C. n 9 del 13.04.2011 1 INDICE GENERALE Art.1 Oggetto e ambito di applicazione

Dettagli

Comune di Piobesi Torinese Provincia di Torino

Comune di Piobesi Torinese Provincia di Torino Comune di Piobesi Torinese Provincia di Torino COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N.75 OGGETTO: PROPOSTA PER LA REALIZZAZIONE E GESTIONE IN CONCESSIONE, CON LA FORMULA DELLA "FINANZA

Dettagli

COMUNE DI SAN MARTINO IN RI O Provincia di Reggio Emilia

COMUNE DI SAN MARTINO IN RI O Provincia di Reggio Emilia COMUNE DI SAN MARTINO IN RI O Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA Approvato con delibera consiliare n.19 del 10.3.92 - Modificato con delibere consiliari nn.44 del 28.6.93, 77 del

Dettagli

Schema di convenzione per le organizzazioni di volontariato ALLEGATO A,

Schema di convenzione per le organizzazioni di volontariato ALLEGATO A, Schema di convenzione per le organizzazioni di volontariato ALLEGATO A, LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Vista la L.R. 2 settembre 1996, n. 37 "Nuove norme regionali di attuazione della Legge 11

Dettagli

Comune di Cattolica Provincia di Rimini

Comune di Cattolica Provincia di Rimini VERBALE APPROVATO E SOTTOSCRITTO Comune di Cattolica Provincia di Rimini IL SINDACO Piero Cecchini IL SEGRETARIO COMUNALE Giuseppina Massara VERBALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 7 DEL 15/01/2014

Dettagli

COMUNE DI CORNUDA PROVINCIA DI TREVISO

COMUNE DI CORNUDA PROVINCIA DI TREVISO COPIA Delibera N. 49 del 23/04/2015 COMUNE DI CORNUDA PROVINCIA DI TREVISO V E R B A L E D I D E L I B E R A Z I O N E D E L L A G I U N T A C O M U N A L E OGGETTO: SCADENZA CONCESSIONI DI LOCULI CIMITERIALI

Dettagli

REGOLAMENTO DI CONTABILITA E CONTROLLO DI GESTIONE DELL ATER DI UDINE TITOLO I PRINCIPI GENERALI. ART. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO DI CONTABILITA E CONTROLLO DI GESTIONE DELL ATER DI UDINE TITOLO I PRINCIPI GENERALI. ART. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO DI CONTABILITA E CONTROLLO DI GESTIONE DELL ATER DI UDINE TITOLO I PRINCIPI GENERALI ART. 1 Ambito di applicazione 1. Il presente regolamento disciplina gli aspetti contabili e gestionali dell

Dettagli

38 CON DELIBERAZINE CONSILIARE N. 37/08.07.2009 SONO STATE APPROVATE LE SEGUENTI MODIFICHE AL REGOLAMENTO COMUNALE DI POLIZIA MORTUARIA, APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 100 IN DATA

Dettagli

IL DIRIGENTE DEL SETTORE PIANIFICAZIONE E CONTROLLO

IL DIRIGENTE DEL SETTORE PIANIFICAZIONE E CONTROLLO C I I COMUNE DI TEMPIO PAUSANIA (C.A.P. 07029 PIAZZA GALLURA N 3 PROVINCIA DI OLBIA - TEMPIO) V I T A S proposta n. 642 T E M P L Settore Servizi informativi e tecnologici (I.C.T.) N GENERALE 291 DEL 21/04/2015

Dettagli

Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale

Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale ORIGINALE COMUNE DI ERACLEA Provincia di Venezia Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale Prot. N. DELIBERAZIONE N. 22 DEL 27/09/2006 OGGETTO: APPROVAZIONE MODIFICHE - INTEGRAZIONE AL REGOLAMENTO

Dettagli

MONTE DEL MATRIMONIO. Istituto di Previdenza per la Famiglia fondato nel 1583 S T A T U T O. Assemblea Straordinaria dei Montisti del 5 maggio 2013

MONTE DEL MATRIMONIO. Istituto di Previdenza per la Famiglia fondato nel 1583 S T A T U T O. Assemblea Straordinaria dei Montisti del 5 maggio 2013 MONTE DEL MATRIMONIO Istituto di Previdenza per la Famiglia fondato nel 1583 S T A T U T O Assemblea Straordinaria dei Montisti del 5 maggio 2013 Palazzo di Residenza Bologna Via Altabella, 21 TITOLO PRIMO

Dettagli

Allegato. Comune di Campogalliano

Allegato. Comune di Campogalliano Allegato Comune di Campogalliano REGOLAMENTO COMUNALE RELATIVO ALLA CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI. Approvato con delibera di C.

Dettagli

COMUNE DI BRANDICO Provincia di Brescia. Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale

COMUNE DI BRANDICO Provincia di Brescia. Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale COMUNE DI BRANDICO Provincia di Brescia N. del Registro Delibere Codice Ente: 10276 ORIGINALE La presente deliberazione consta di n. fogli, n. pag. e n. / allegati Verbale di deliberazione del Consiglio

Dettagli