Rif. 05C00141.TX/DELMIR

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rif. 05C00141.TX/DELMIR"

Transcript

1 IL CONSIGLIO COMUNALE Premesso che: - presso il Comune di Mirandola è attivo il Servizio Onoranze Funebri, che si occupa della gestione dei servizi cimiteriali e dell'attività di onoranze funebri, ambiti d'intervento ben distinti e, per questo, scindibili; Visto l'art.5, comma 2, della Legge Regionale 29 luglio 2004, n.19 (Disciplina in materia funeraria e di polizia mortuaria), il quale stabilisce che "nel caso in cui il gestore dei servizi pubblici cimiteriale o necroscopico svolga anche l'attività funebre di cui all'articolo 13 della presente legge, è d'obbligo la separazione societaria, da attuare entro dodici mesi dall'entrata in vigore della presente legge, fatta salva l'eventuale scadenza originaria della gestione antecedente tale data" (si tenga conto che la legge in parola è stata pubblicata sul B.U.R. n.105 del 29 luglio 2004 ed è quindi entrata in vigore il 13 agosto 2004); Dato atto che l'art.13 della sopracitata legge fa riferimento all'attività funebre, comunemente definita di onoranze funebri, che comprende le seguenti prestazioni: disbrigo, su mandato dei familiari, delle pratiche amministrative inerenti il decesso; fornitura di casse mortuarie e di altri articoli funebri in occasione di un funerale; trasporto di salma, di cadavere, di ceneri e di ossa umane; Considerato pertanto necessario, al fine di ottemperare al richiamato disposto normativo, attuare, nei tempi stabiliti, la "separazione societaria" tra soggetto gestore del servizio pubblico cimiteriale e soggetto esercente l'attività di onoranze funebri; Ritenuto opportuno mantenere in capo al Comune la gestione del servizio cimiteriale, cessando, invece, l'esercizio dell'attività di onoranze funebri, che per il suo carattere commerciale meglio si presta ad essere svolta da soggetti di natura privatistica; Ritenuto altresì opportuno, vista la delicatezza e la peculiarità dell'attività in parola, affidare la stessa, tramite contratto d'affitto di ramo d'azienda, ad una società a responsabilità limitata ad intero capitale pubblico (unico socio il Comune di Mirandola), appositamente costituita e denominata "ACOF" Srl; Visti gli allegati atto costitutivo e statuto, in cui si determina il capitale sociale in euro ,00; Visto l'allegato contratto d'affitto di ramo d'azienda e relativi allegati, in cui si fissa il canone annuo d'affitto in euro ,00, così quantificato in base alle risultanze dell'apposita relazione elaborata dal Servizio Controllo di Gestione del Comune di Mirandola; Visto l'allegato contratto di concessione in uso dei locali, di proprietà comunale, che diverranno sede della Società, ubicati in via Strada Statale Nord n , con relativa planimetria e relazione tecnica elaborata dall'ufficio Patrimonio del Comune di Mirandola, in cui si determina in euro ,00 il canone concessorio annuo; - 1 -

2 Dato atto che il rapporto di lavoro del personale a tempo indeterminato dipendente del Comune di Mirandola ed adibito all'attività di Onoranze Funebri continuerà con la Società affittuaria "ACOF" srl, in base alle previsioni di cui all'art.31 del D.Lgs. n.165/2001 (Norme generali sull'ordinamento del lavoro alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche) ed all'art.2112 cod. civ. (Trasferimento dell'azienda), e che è stata già esperita con le organizzazioni sindacali la procedura di concertazione prevista dall'art.8 del contratto collettivo nazionale di lavoro del comparto "Regioni - Autonomie Locali" dell'1.4.99; Visto l'art.3 del contratto d'affitto di ramo d'azienda, che disciplina il subentro di "ACOF" srl nei rapporti di lavoro con il succitato personale dipendente; Rilevato che la decorrenza del contratto d'affitto è fissata al 12 agosto 2005, quindi in tempo utile per effettuare la separazione societaria prevista dalla sopra richiamata normativa; Visto l'art.50, comma 2, del d.lgs. n.267/2000 (T.U.E.L.), in cui si stabilisce che il Sindaco è il rappresentante dell'ente, quindi lo rappresenta anche nei cd. "enti di secondo grado", come le società di cui il Comune fa parte, ed il comma 8 dello stesso art.50, in cui si prevede che il Sindaco provvede alla nomina, alla designazione e alla revoca dei rappresentanti del comune presso enti, aziende ed istituzioni (compresa, quindi, la nomina dell'amministratore unico e del revisore unico nella società in parola); Riscontrato che i medesimi principi sono ribaditi nello Statuto comunale, rispettivamente all'art.51, comma 2, ed all'art.52, comma 1, lettera n); Ritenuto pertanto di individuare nel Sindaco sig. Luigi Costi il soggetto legittimato a rappresentare il Comune di Mirandola, quale unico socio, nella stipula dell'atto costitutivo della società "ACOF" srl, tenuto conto che l'atto costitutivo rappresenta, di fatto, il primo verbale dell'assemblea dei soci e che con esso si deve procedere alla nomina dell'organo amministrativo e di revisione contabile della Società, competenze che spettano, come previsto nelle succitate norme del T.U.E.L. e dello Statuto comunale, al Sindaco quale legale rappresentante dell'ente; Vista la deliberazione della Giunta Regionale Emilia Romagna 7 febbraio 2005, n.156, in cui si individuano le modalità generali ed i requisiti per l'autorizzazione all'esercizio dell'attività funebre da parte di imprese pubbliche e private ai sensi dell'art.13, comma 3, L.R. n.19/2004; Visto che la presente proposta è stata trasmessa alla competente Commissione consiliare 1^ che l'ha esaminata in data come da verbale in pari data acquisito agli atti del Servizio Onoranze Funebri; Visto il verbale n.203 del circa il parere dell'organo di Revisione economico-finanziaria relativamente alla variazione di bilancio necessaria a finanziare il capitale sociale, allegato al presente atto quale parte integrante e sostanziale; Visto lo schema di proposta predisposto dal responsabile del procedimento sig. Franco Mazerti, responsabile del Servizio Onoranze Funebri; - 2 -

3 Visto l'allegato parere di regolarità tecnica espresso dal Responsabile del Servizio Onoranze Funebri, incaricato di posizione organizzativa, sig.franco Mazerti, ai sensi dell'art.49 - comma 1 - del D.Lgs n.267; Visto l'allegato parere di regolarità contabile espresso dal Responsabile del Servizio di Ragioneria Dr. Mirko Bruschi, ai sensi dell'art.49 - comma 1 - del D.Lgs n.267; Udita la seguente relazione illustrativa del SINDACO LUIGI COSTI: "La legge regionale n.19 del 2004 impone agli enti locali la separazione societaria nel caso in cui ci sia la gestione sia dei servizi cimiteriali che dei servizi di onoranze funebri, di una delle due attività. Noi abbiano optato, perchè era anche il percorso più celere e più coerente, per costituire quindi una società a responsabilità limitata ad intero capitale pubblico per la gestione delle onoranze funebri. Qui ci sono tutti gli atti costitutivi della società, che avrà un amministratore unico, avrà un revisore unico, sarà organizzata, ovviamente, con direzione e personale proprio; nella documentazione voi avete la delibera, l'atto costitutivo, lo statuto e i contratti d'affitto d'azienda e d'affitto dei locali che questa società stipula col Comune". Aperta la discussione intervengono nell'ordine: CONS. BERGAMINI LORENZO (INSIEME PER LA MIRANDOLA: F.I.) "Un chiarimento tecnico. Nell'allegato C, quello relativo al contratto d'affitto di ramo d'azienda, all'art.11 si parla di opzione all'acquisto per l'affittuario, nel senso che la società che si va a costituire, l'a.c.o.f., potrebbe esercitare, secondo detto articolo, la possibilità, l'opzione di acquisto del ramo d'azienda; chiedo come mai, visto che, secondo me, c'è incoerenza perchè per quanto riguarda l'allegato C4, che ha come oggetto la determinazione del canone d'affitto dell'azienda Onoranze Funebri, si dice che il futuro affittuario è società commerciale a tutti gli effetti e la società avrà poi come unico azionista lo stesso comune di Mirandola, per cui chiedo come l'affittuario, la società A.C.O.F., possa esercitare un diritto di prelazione per l'acquisto del ramo d'azienda, considerato che l'azionista unico della società stessa è il comune di Mirandola. Chiedo come mai il possessore di una cosa possa esercitare la prelazione di comprare una cosa da se stesso. Sempre nell'allegato C4, riguardo appunto la determinazione del canone d'affitto, si precisano quelli che sono stati i costi e i ricavi dell'ultimo quinquennio da parte del comune per il servizio di Onoranze Funebri e risulta che anche lo scorso anno c'è stato un risultato positivo di ,00 euro. Quando si va poi a contemplare quello che è il presunto introito realizzato dalla nuova società, quando nella premessa della delibera si dice che si va a costituire questa società perchè da un punto di vista della logica commerciale è più facile rimanere sul mercato quando si ha una struttura, di capitale pubblico, comunque di natura privata, si va a dire che il totale che sarà realizzato dal comune tra l'affitto del ramo d'azienda che sono ,00 euro, l'utile netto previsto quantificato con delle stime calcolate dal Dott. Mirto di 15.00,00 euro, l'affitto dei locali ,00 euro, il comune incamererà ,00 euro a fronte dei ,00 realizzati l'anno scorso, quindi quando si fa una delibera di solito deve avere anche la caratteristica del miglioramento della redditività; io qua non vedo nessuna redditività, a parte quelli che sono i termini di legge, che prevedono appunto la - 3 -

4 disgiunzione delle due attività, tra quella istituzionale e quella commerciale". IL SINDACO LUIGI COSTI: "Qui ci sono dei commercialisti che hanno predisposto gli atti e potrebbero rispondere anche meglio di me, ma provo lo stesso a dare una risposta, poi se ce n'è bisogno chiederemo anche il loro aiuto. La prelazione c'è perchè la società è un ente con personalità giuridica autonoma, esattamente la società può affittare come acquistare; anche l'affitto allora sarebbe paradossale, visto che siamo sempre noi i proprietari; si tratta di una possibilità giuridica che è consentita, che un domani potrebbe far decidere all'azionista invece che di affittare, di farsi pagare dalla società, che è autonoma, che ha personalità giuridica, l'acquisto della roba; non mi sembra che ci sia molto di particolarmente strano. Il paradosso, se paradosso vuol essere, è che c'è un solo azionista e che la proprietà è interamente nostra, ma dal punto di vista giuridico-normativo mi pare che non ci siano problemi, poi se il Dott. Belluzzi (Revisore contabile) mi vuole correggere... mi pare che sia così...grazie dottore, lei mi conforta. Per quanto riguarda le entrate del comune, beh! diciamo innanzitutto che noi non avevamo scelta perchè la legge regionale ci impone la separazione, quindi la facciamo alle condizioni date. Noi eravamo già in una situazione critica per la gestione delle Onoranze Funebri, nel senso che i nostri costi avrebbero comunque dovuto aumentare per garantire gli standards previsti dalla legge regionale, quindi i margini che abbiamo calcolato nel nostro bilancio sono margini dovuti ad una situazione che non poteva più durare. Il raffronto, allora, non si può fare semplicemente col passato, ma andrebbe fatto con una situazione a regime anche per il comune. Detto questo però, le entrate del comune saranno di tre titoli: ci saranno le entrate per l'affitto d'azienda che sono fissate, ci sono le entrate per l'affitto dei locali e ci saranno i possibili utili d'azienda; il risultato noi ci auguriamo sia buono, ma lo vedremo. Il confronto va fatto non partendo dal dato storico, ma dalla situazione che si sarebbe comunque verificata anche nel caso in cui avessimo potuto continuare la gestione diretta". Con voti favorevoli n.13, astenuti n.4 consiglieri sigg.ri Bergamini e Smerieri (Insieme per la Mirandola: F.I.), Zagnoli (A.N. MSI) e Gabrielli (U.D.C.), nessuno contrario, resi per alzata di mano, proclamati dal Presidente; D E L I B E R A - di procedere, per le causali di cui in narrativa, alla costituzione della società "ACOF" srl per l'esercizio dell'attività di onoranze funebri, con capitale sociale pari a ,00 euro, interamente detenuto dal Comune di Mirandola; - di concedere in affitto alla medesima Società il ramo d'azienda concernente le attività di onoranze funebri, unitamente alla concessione in uso dei locali di proprietà comunale destinati a sede della Società in parola; - 4 -

5 - di approvare, pertanto, i seguenti allegati alla presente deliberazione, quali parti integranti e sostanziali e depositati nella raccolta degli allegati presso la Segreteria Generale: Allegato "A" - atto costitutivo di "ACOF" srl; Allegato "B" - statuto di "ACOF" srl; Allegato "C" - contratto d'affitto di ramo d'azienda tra Comune di Mirandola e "ACOF" srl; Allegato "C1" - elenco dei beni mobili di proprietà del Comune di Mirandola facenti parte del ramo d'azienda concesso in affitto ad "ACOF" srl; Allegato "C2" - elenco degli automezzi strumentali all'attività, di proprietà del Comune di Mirandola, facenti parte del ramo d'azienda concesso in affitto ad "ACOF" srl; Allegato "C3" - elenco dei contratti di fornitura di beni e servizi inerenti al funzionamento del ramo d'azienda concesso in affitto ad "ACOF" srl; Allegato "C4" - relazione elaborata dal Servizio Controllo di Gestione del Comune di Mirandola in merito alla modalità di quantificazione del canone d'affitto del ramo d'azienda; Allegato "D" - atto di concessione in uso ad "ACOF" srl dei locali di proprietà comunale da destinare a sede della Società; Allegato "D1" - planimetria allegata all'atto di concessione in uso ad "ACOF" srl dei locali di proprietà comunale da destinare a sede della Società; Allegato "D2" - relazione tecnica elaborata dall'ufficio Patrimonio del Comune di Mirandola in merito alla modalità di quantificazione del canone concessorio; - di variare il Bilancio Pluriennale 2005 e suoi allegati come riportato nel tabulato A); - di dare atto che al momento non risultano sussistere minori entrate; - di dare atto che rimangono assicurati l'equilibrio economico ed il pareggio finanziario dei bilanci 2005, 2006, 2007; - di imputare la spesa relativa al versamento del capitale sociale pari a ,00 euro all'intervento n (capitolo n "Acquisto quote sociali e partecipazioni azionarie") previo variazione di bilancio di euro ,00, finanziata con pari quota di avanzo di amministrazione non vincolato e storno da intervento n di euro ,00, imp. n.05/2054, centro di costo 0370, voce di spesa 6041; - di autorizzare il Sindaco sig. Luigi Costi, in qualità di legale rappresentante dell'ente, ad intervenire alla stipula di tutti gli atti necessari alla costituzione della Società in parola quale rappresentante del Comune di Mirandola; - 5 -

6 - di dare atto che tutte le spese inerenti alla stipula degli atti costitutivi della Società, da redigersi in forma pubblica a ministero del notaio incaricato, sono a carico di "ACOF" srl. Su richiesta del Presidente, con voti favorevoli n.13, astenuti n.4 consiglieri sigg.ri Bergamini e Smerieri (Insieme per la Mirandola: F.I.), Zagnoli (A.N. MSI) e Gabrielli (U.D.C.), nessuno contrario, resi per alzata di mano e proclamati dal Presidente stesso, delibera altresì di dichiarare, ai sensi dell'art. 134, 4 comma, del d.lgs. n. 267/2000, il presente atto immediatamente eseguibile, al fine di consentire l'immediata costituzione della Società ed il rispetto del termine fissato dalla legge per la separazione societaria tra servizi cimiteriali ed attività di onoranze funebri

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Giunta Regione Emilia-Romagna - atto n. 156 del 07/02/2005 Prot. N. (PRC/05/2194) ------------------------------------------------------------ LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Vista la legge regionale

Dettagli

CITTÀ di AVIGLIANA Provincia di TORINO

CITTÀ di AVIGLIANA Provincia di TORINO Estratto DETERMINAZIONE N. 115 del 15/04/2013 Proposta n. 115 Oggetto: CONTRATTO D'APPALTO PER LA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI DEL CIMITERO DI SANTA MARIA SUBENTRO GESIT PIEMONTE SNC (Z0B091A936) Area

Dettagli

Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n. 267. "Testo unico delle leggi sull'ordinamento degli enti locali"

Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n. 267. Testo unico delle leggi sull'ordinamento degli enti locali Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n. 267 "Testo unico delle leggi sull'ordinamento degli enti locali" pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 227 del 28 settembre 2000 - Supplemento Ordinario n. 162 TITOLO

Dettagli

Agenzia Speciale APOF- IL

Agenzia Speciale APOF- IL Agenzia Speciale APOF- IL Provincia di Potenza Relazione dell organo di revisione sulle proposte di bilancio di previsione 2012 e di bilancio pluriennale 2012_2014 con i relativi documenti allegati L organo

Dettagli

Determina Polizia Municipale/0000021 del 20/10/2015

Determina Polizia Municipale/0000021 del 20/10/2015 Comune di Novara Determina Polizia Municipale/0000021 del 20/10/2015 Area / Servizio Servizio Sicurezza del Cittadino (15.UdO) Proposta Istruttoria Unità Servizio Sicurezza del Cittadino (15.UdO) Proponente

Dettagli

Statuto dell Agenzia Nazionale per la Certificazione Volontaria delle Competenze degli Ingegneri

Statuto dell Agenzia Nazionale per la Certificazione Volontaria delle Competenze degli Ingegneri Statuto dell Agenzia Nazionale per la Certificazione Volontaria delle Competenze degli Ingegneri ART. l - COSTITUZIONE È costituita un'associazione non riconosciuta, ai sensi e per gli effetti degli artt.

Dettagli

Determinazione Dirigenziale n. 1677 del 28/10/2014. Centro di Responsabilità 21 Centro di Costo 041 Pratica n. 3318990 IL DIRIGENTE

Determinazione Dirigenziale n. 1677 del 28/10/2014. Centro di Responsabilità 21 Centro di Costo 041 Pratica n. 3318990 IL DIRIGENTE Centro di Responsabilità 21 Centro di Costo 041 Pratica n. 3318990 Oggetto: Conferimento di incarico di collaborazione autonoma, di natura occasionale, alla dott.ssa Elisa Tosi Brandi per attività di inventariazione

Dettagli

C I T T A D I C A M P O B A S S O

C I T T A D I C A M P O B A S S O C I T T A D I C A M P O B A S S O C O P I A VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Numero 111 Del 20-06-11 Oggetto: Programmazione triennale del fabbisogno di personale - Anni 2011-2013. L'anno

Dettagli

C O M U N E D I V I C E N Z A

C O M U N E D I V I C E N Z A C O M U N E D I V I C E N Z A DETERMINA N. 142 DEL 04/02/2015 INCARICATO ALLA REDAZIONE: Cantele Gabriella RESPONSABILE DEL SERVIZIO: Castagnaro Micaela SETTORE PROPONENTE: SETTORE SISTEMA INFORMATIVO

Dettagli

N. 097 DEL 11.07.2006 GESTIONE FARMACIA COMUNALE COSTITUZIONE SOCIETÀ A RESPONSABILITA LIMITATA. IL CONSIGLIO COMUNALE (in seduta pubblica)

N. 097 DEL 11.07.2006 GESTIONE FARMACIA COMUNALE COSTITUZIONE SOCIETÀ A RESPONSABILITA LIMITATA. IL CONSIGLIO COMUNALE (in seduta pubblica) N. 097 DEL 11.07.2006 GESTIONE FARMACIA COMUNALE COSTITUZIONE SOCIETÀ A RESPONSABILITA LIMITATA IL CONSIGLIO COMUNALE (in seduta pubblica) Premesso: - che, ai sensi della Pianta Organica delle farmacie,

Dettagli

UNIONE DEI COMUNI della VAL di BISENZIO di Cantagallo Vaiano - Vernio Sede in Vernio (Prov. Prato)

UNIONE DEI COMUNI della VAL di BISENZIO di Cantagallo Vaiano - Vernio Sede in Vernio (Prov. Prato) OGGETTO: BILANCIO DI PREVISIONE ESERCIZIO 2012. Art. 193 Decr.Legisl. n 267/2000. Stato di attuazione dei programmi e salvaguardia degli equilibri di Bilancio. Provvedimenti. IL PRESIDENTE Nessun altro

Dettagli

OGGETTO APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI

OGGETTO APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI proposta n 8198 OGGETTO APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI SINDACO Anche qui, cercando di non ripetere sempre le stesse cose, l aliquota della Tasi è costruita per andare a colpire esclusivamente la prima casa

Dettagli

ARCOLA PETROLIFERA S.R.L.,

ARCOLA PETROLIFERA S.R.L., N. 13692 di repertorio N. 6656 di raccolta VERBALE DELL'ASSEMBLEA STRAORDINARIA DEL GIORNO 5 febbraio 2014 DELLA SOCIETA' A RESPONSABILITA' LIMITATA "ARCOLA PETRO- LIFERA S.R.L." REPUBBLICA ITALIANA Il

Dettagli

Presa d atto con Delibera di Giunta n.266 del 08/11/2013

Presa d atto con Delibera di Giunta n.266 del 08/11/2013 NUOVO STATUTO SOCIETA VALORE IMMOBILIARE Presa d atto con Delibera di Giunta n.266 del 08/11/2013 Art. 1) DENOMINAZIONE SOCIALE 1. Ai sensi dell'art. 2463 cod. civ. e dell art. 84 della Legge 27 dicembre

Dettagli

Il giorno 20 aprile 2012, alle ore 11,00 in Spoleto presso la sala. di rappresentanza della presidenza della Cassa di Risparmio di

Il giorno 20 aprile 2012, alle ore 11,00 in Spoleto presso la sala. di rappresentanza della presidenza della Cassa di Risparmio di VERBALE DELL'ASSEMBLEA ORDINARIA DEL 20 APRILE 2012 Il giorno 20 aprile 2012, alle ore 11,00 in Spoleto presso la sala di rappresentanza della presidenza della Cassa di Risparmio di Spoleto Spa in via

Dettagli

Comune di Eupilio PROVINCIA DI COMO

Comune di Eupilio PROVINCIA DI COMO Comune di Eupilio PROVINCIA DI COMO COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 52 OGGETTO: Approvazione schema di scrittura privata tra il Comune di Eupilio e Enel Rete Gas S.p.A. in ordine

Dettagli

Comune di Cattolica Provincia di Rimini

Comune di Cattolica Provincia di Rimini Comune di Cattolica Provincia di Rimini DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO Settore 2 Area P.O. N. 234 DEL 06/04/2016 SERVIZIO DI CUSTODIA, PULIZIA E MANUTENZIONE DEI BAGNI PUBBLICI DI PIAZZA

Dettagli

C O M U N E D I V O G H I E R A

C O M U N E D I V O G H I E R A COPIA DELIBERAZIONE N. 122 C O M U N E D I V O G H I E R A (Provincia di Ferrara) VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO AFFIDAMENTO "IN HOUSE PROVIDING" AD AREA SPA DEI PUBBLICI SERVIZI

Dettagli

IL PRESIDENTE sottopone per l approvazione quanto segue: *** Normativa:

IL PRESIDENTE sottopone per l approvazione quanto segue: *** Normativa: IL PRESIDENTE sottopone per l approvazione quanto segue: Normativa: *** - Titolo V del D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 (Testo Unico Enti Locali), relativo alla gestione dei servi pubblici locali, e sue successive

Dettagli

COMUNE DI RIMINI REGOLAMENTO PER IL RILASCIO DELLE LICENZE E PER L'ESERCIZIO DELL'ATTIVITÀ DEI LOCALI OVE SI DANNO PUBBLICI TRATTENIMENTI DANZANTI.

COMUNE DI RIMINI REGOLAMENTO PER IL RILASCIO DELLE LICENZE E PER L'ESERCIZIO DELL'ATTIVITÀ DEI LOCALI OVE SI DANNO PUBBLICI TRATTENIMENTI DANZANTI. COMUNE DI RIMINI REGOLAMENTO PER IL RILASCIO DELLE LICENZE E PER L'ESERCIZIO DELL'ATTIVITÀ DEI LOCALI OVE SI DANNO PUBBLICI TRATTENIMENTI DANZANTI. Allegato Deliberazione di C.C. n. 263 del 18/3/1982 Modificato

Dettagli

FORMULARIO DELLE SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA

FORMULARIO DELLE SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA FORMULARIO DELLE SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA Di Luigi Risolo 1 INDICE I) Introduzione....4 1) Contratto preliminare di trasferimento delle quote sociali.. 5 2) Scrittura privata di cessione delle

Dettagli

Le medesime attività non possono svolgersi in forma ambulante.

Le medesime attività non possono svolgersi in forma ambulante. L. 14 febbraio 1963, n. 161 (1). Disciplina dell'attività di barbiere, parrucchiere ed affini (2) (3). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 9 marzo 1963, n. 66. (2) Per la professione di estetista, vedi ora

Dettagli

P R O V I N C I A D I C A G L I A R I

P R O V I N C I A D I C A G L I A R I Allegato alla deliberazione del C.P. n del P R O V I N C I A D I C A G L I A R I PROVINCIA DE CASTEDDU PROPOSTA DI DELIBERAZIONE (N.0091110130047) IL CONSIGLIO PROVINCIALE Proponente: ASSESSORATO FINANZE

Dettagli

Comune di Piobesi Torinese Provincia di Torino

Comune di Piobesi Torinese Provincia di Torino Comune di Piobesi Torinese Provincia di Torino COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N.75 OGGETTO: PROPOSTA PER LA REALIZZAZIONE E GESTIONE IN CONCESSIONE, CON LA FORMULA DELLA "FINANZA

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE COMUNE DI ANCONA DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE del 22/05/2015 N. 860 Oggetto : Atto di impegno di spesa. DETERMINAZIONE A CONTRATTARE PER L'ACQUISTO IN ECONOMIA MEDIANTE COTTIMO FIDUCIARIO DELLA STAMPA

Dettagli

AREA DEI SERVIZI ALLA PERSONA

AREA DEI SERVIZI ALLA PERSONA Reg. Gen n. 171 del 22 aprile 2015 AREA DEI SERVIZI ALLA PERSONA OGGETTO: EROGAZIONE CONTRIBUTO RELATIVO AL FONDO REGIONALE FINALIZZATO ALLA INTEGRAZIONE DEL CANONE DI LOCAZIONE AI NUCLEI FAMILIARI IN

Dettagli

OGGETTO: Approvazione Rendiconto della Gestione per l esercizio finanziario 2006.

OGGETTO: Approvazione Rendiconto della Gestione per l esercizio finanziario 2006. OGGETTO: Approvazione Rendiconto della Gestione per l esercizio finanziario 2006. Svoltosi il seguente dibattito: Moressa: Vorrei che fossero precisate alcune voci di spesa, e quali ritorni esse abbiano

Dettagli

Città di Fabriano CONSIGLIO COMUNALE

Città di Fabriano CONSIGLIO COMUNALE ( 199 19/11/2013) OGGETTO: ESTINZIONE ANTICIPATA DI MUTUI CONTRATTI CON LA CASSA DEPOSITI E PRESTITI SPA E VARIAZIONE DI BILANCIO AI SENSI DELL ART. 175, COMMA 2 E 3 DEL D.LGS. 267/2000. PREMESSO che:

Dettagli

COMUNE DI POLIZZI GENEROSA Provincia di Palermo

COMUNE DI POLIZZI GENEROSA Provincia di Palermo ORIGINALE/COPIA Provincia di Palermo Deliberazione del Commissario Straordinario per le Funzioni della Giunta Municipale N. 26 del Registro Anno 2013 OGGETTO: Assunzione a carico del Comune delle onoranze

Dettagli

Articolo 7. (Patrimonio dello Stato S.p.a.) Articolo 8. (Società per il finanziamento delle infrastrutture)

Articolo 7. (Patrimonio dello Stato S.p.a.) Articolo 8. (Società per il finanziamento delle infrastrutture) SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 1425 DISEGNO DI LEGGE presentato dal Presidente del Consiglio dei ministri (BERLUSCONI) e dal Ministro dell economia e delle finanze (TREMONTI) di concerto col

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE REGIONALE ETNOGRAFICO

ISTITUTO SUPERIORE REGIONALE ETNOGRAFICO [ST. SUPERIORE REGIONALE ETNOGRÀFICO Anno Titolo XIV Classe,ARRIVO O I Pr" 3455 Dei 0710/2014 E 11111111 11111 111111111 II 111111111 Regione Autonoma della Sardegna ISTITUTO SUPERIORE REGIONALE ETNOGRAFICO

Dettagli

COMUNE DI ALLISTE Provincia di Lecce

COMUNE DI ALLISTE Provincia di Lecce COMUNE DI ALLISTE Provincia di Lecce Piazza Terra 73040 0833.902711 www.comune.alliste.le.it DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE n. 22 del 18/11/2015 OGGETTO: RINEGOZIAZIONE MUTUI CON CASSA DEPOSITI E

Dettagli

STATUTO ASEL S.R.L. - AGENZIA DI SERVIZI PER LE ECONOMIE LOCALI

STATUTO ASEL S.R.L. - AGENZIA DI SERVIZI PER LE ECONOMIE LOCALI STATUTO ASEL S.R.L. - AGENZIA DI SERVIZI PER LE ECONOMIE LOCALI Forma giuridica: SOCIETA' A RESPONSABILITA' LIMITATA Sede legale: PRATO PO VIALE VITTORIO VENETO 7 Numero Rea: PO - 478062 Parte 1 - Protocollo

Dettagli

E U R O T E C H S.P.A.

E U R O T E C H S.P.A. E U R O T E C H S.P.A. SEDE IN AMARO (UD) VIA FRATELLI SOLARI, 3/A CODICE FISCALE 01791330309 ISCRITTA AL REGISTRO IMPRESE DI UDINE AL N. 01791330309 CAPITALE SOCIALE IN EURO 8.878.946,00 I.V. RELAZIONI

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE 1 2 IL CONSIGLIO COMUNALE PRESO ATTO che: con la delibera di Giunta Comunale n. 32 del 5/3/07 l Organo Amministrativo ha proposto al Consiglio Comunale l adozione delle aliquote e riduzioni in tema di

Dettagli

OGGETTO: Approvazione contratto e affidamento servizio a Trentino Riscossioni S.p.A.. IL CONSIGLIO COMUNALE

OGGETTO: Approvazione contratto e affidamento servizio a Trentino Riscossioni S.p.A.. IL CONSIGLIO COMUNALE Deliberazione del Consiglio Comunale n. 08 dd. 18.03.2015 OGGETTO: Approvazione contratto e affidamento servizio a Trentino Riscossioni S.p.A.. IL CONSIGLIO COMUNALE Premesso che: - gli artt. 33 e 34 della

Dettagli

Al Dipartimento SUAP Sportello Unico Attività Produttive Comune Di Messina

Al Dipartimento SUAP Sportello Unico Attività Produttive Comune Di Messina Scheda 4 vic SCIA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI VICINATO Al Dipartimento SUAP Sportello Unico Attività Produttive Comune Di Messina l sottoscritt :

Dettagli

l emendamento, l art.21 del Regolamento di Polizia mortuaria: il Comune fornisce gratuitamente la cassa di cui l art.20.1.1 e 1.5.1.

l emendamento, l art.21 del Regolamento di Polizia mortuaria: il Comune fornisce gratuitamente la cassa di cui l art.20.1.1 e 1.5.1. CONSIGLIO COMUNALE DEL 29.11.2012 Interventi dei Sigg. consiglieri Regolamento di polizia mortuaria. Modifiche ed integrazioni. Approvazione nuovo testo coordinato con le modifiche. Passiamo al sesto punto:

Dettagli

COMUNE DI FORIO Provincia di Napoli Stazione di cura, soggiorno e turismo estiva ed invernale SETTORE 3

COMUNE DI FORIO Provincia di Napoli Stazione di cura, soggiorno e turismo estiva ed invernale SETTORE 3 COMUNE DI FORIO Provincia di Napoli Stazione di cura, soggiorno e turismo estiva ed invernale SETTORE 3 DETERMINA DEL RESPONSABILE DEL SETTORE N. 33 del 22/02/2011 OGGETTO: Determinazione risorse anno

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA CODICE COMUNE N. 11137 Pag.n. 1 Comune di Zibido S. Giacomo Provincia di Milano SIGLA G.C. N 78 DATA 11/04/2011 Oggetto: APPROVAZIONE E RIARTICOLAZIONE DEL NUOVO SERVIZIO CIMITERIALE VERBALE DI DELIBERAZIONE

Dettagli

C O P I A. Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale

C O P I A. Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale COMUNE DI MORIAGO DELLA BATTAGLIA DECORATO CON MEDAGLIA D ORO AL MERITO CIVILE Provincia di Treviso e-mail: segreteria@comune.moriago.tv.it tel. 0438.890811 fax 0438.892803 C O P I A Verbale di deliberazione

Dettagli

Bur n. 65 del 10/08/2010

Bur n. 65 del 10/08/2010 Bur n. 65 del 10/08/2010 Sanità e igiene pubblica Deliberazioni della Giunta Regionale N. 1909 del 27 luglio 2010 Legge Regionale 4 marzo 2010 n.18 "Norme in materia funeraria". Linee guida di prima applicazione.

Dettagli

Comune di Maccastorna Provincia di Lodi REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI

Comune di Maccastorna Provincia di Lodi REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI Comune di Maccastorna Provincia di Lodi REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera del Consiglio Comunale n.2 del 02/03/2013 TITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1 Oggetto 1. Il presente Regolamento

Dettagli

COMUNE DI TEMPIO PAUSANIA (C.A.P. 07029 PIAZZA GALLURA N 3 PROVINCIA DI OLBIA - TEMPIO)

COMUNE DI TEMPIO PAUSANIA (C.A.P. 07029 PIAZZA GALLURA N 3 PROVINCIA DI OLBIA - TEMPIO) C I V I T A S I T E M P L COMUNE DI TEMPIO PAUSANIA (C.A.P. 07029 PIAZZA GALLURA N 3 PROVINCIA DI OLBIA - TEMPIO) proposta n. 847 N GENERALE 380 DEL 24/04/2014 OGGETTO: PROCEDURA APERTA SERVIZIO ASSICURATIVO

Dettagli

Verbale di deliberazione N. 69

Verbale di deliberazione N. 69 ( 1 ) COPIA COMUNITA DELLA VALLE DEI LAGHI PROVINCIA DI TRENTO Verbale di deliberazione N. 69 della Giunta della Comunità OGGETTO: Legge provinciale 22 aprile 2014, n.1 articolo 54. Deliberazione della

Dettagli

ALLEGATO "" AL REPERTORIO N. E FASCICOLO N. S T A T U T O D E L L A "FONDAZIONE CASA BUONARROTI DENOMINAZIONE E SEDE Art. 1 - La "FONDAZIONE CASA

ALLEGATO  AL REPERTORIO N. E FASCICOLO N. S T A T U T O D E L L A FONDAZIONE CASA BUONARROTI DENOMINAZIONE E SEDE Art. 1 - La FONDAZIONE CASA ALLEGATO "" AL REPERTORIO N. E FASCICOLO N. S T A T U T O D E L L A "FONDAZIONE CASA BUONARROTI DENOMINAZIONE E SEDE Art. 1 - La "FONDAZIONE CASA BUONARROTI ha sede in Firenze, Via Ghibellina n. 70. SCOPI

Dettagli

Istituto di ricovero e cura a carattere scientifico di diritto pubblico (D.I. 31/07/1990 e 18/01/2005) OGGETTO

Istituto di ricovero e cura a carattere scientifico di diritto pubblico (D.I. 31/07/1990 e 18/01/2005) OGGETTO SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA 33081 - Aviano (PN) - Italy Via Franco Gallini 2 C.F. - P.IVA 00623340932 Tel. 0434/6591 Fax 0434/652182 CRO A V I A N O Istituto di ricovero

Dettagli

RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE AL BILANCIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE AL BILANCIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 VERBALE DI RIUNIONE DEL 8 APRILE 2013 ---------- Il giorno 8 del mese di Aprile 2013 alle ore 9,00 i sottoscritti Santolini rag. Livio, Monti dott. Roberto, Ricci dott.sa Silva, sindaci revisori effettivi

Dettagli

I soci finanziatori nelle cooperative sociali

I soci finanziatori nelle cooperative sociali Cooperative sociali I soci finanziatori nelle cooperative sociali Modello 1 Clausola statutaria che disciplina l emissione delle azioni di sovvenzione Requisiti, conferimento e azioni dei soci sovventori

Dettagli

C O M U N E D I V I C E N Z A

C O M U N E D I V I C E N Z A C O M U N E D I V I C E N Z A DETERMINA N. 313 DEL 11/03/2014 PROTOCOLLO GENERALE N. 24076 DEL 27/03/2014 CLASSIFICAZIONE: SISTEMA INFORMATIVO INCARICATO ALLA REDAZIONE: CANTELE GABRIELLA RESPONSABILE

Dettagli

COMUNE DI ARPAISE PROVINCIA DI BENEVENTO Cap : 82010 Cod. Fisc.: 80003370626

COMUNE DI ARPAISE PROVINCIA DI BENEVENTO Cap : 82010 Cod. Fisc.: 80003370626 COMUNE DI ARPAISE PROVINCIA DI BENEVENTO Cap : 82010 Cod. Fisc.: 80003370626 DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE C O P I A Numero 15 Del 05-08-14 Oggetto: Determinazione aliquote IMU - anno 2014. L'anno

Dettagli

COMUNE DI AZZANELLO Provincia di Cremona. Seduta straordinaria Prima convocazione VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

COMUNE DI AZZANELLO Provincia di Cremona. Seduta straordinaria Prima convocazione VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI AZZANELLO Provincia di Cremona Seduta straordinaria Prima convocazione VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 3 del 19/2/2016 OGGETTO: COSTITUZIONE DELLA "FONDAZIONE BARDELLI ORESTE

Dettagli

COMUNE DI VALVESTINO Provincia di Brescia

COMUNE DI VALVESTINO Provincia di Brescia COMUNE DI VALVESTINO Provincia di Brescia Via provinciale, 1 25080 Valvestino ORIGINALE Tel 0365 74012 - fax 0365 74005 e-mail info@comune.valvestino.bs.it C.F. 00571590173 - P.Iva 00571000983 VERBALE

Dettagli

COPIA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

COPIA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI MONTE RINALDO COPIA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE NUMERO 9 DEL 23-04-13 OGGETTO: ESAME ED APPROVAZIONE RENDICONTO DI GESTIONE ANNO 2012 L'anno duemilatredici il giorno

Dettagli

CITTA DI CASTEL MAGGIORE Provincia di Bologna

CITTA DI CASTEL MAGGIORE Provincia di Bologna CITTA DI CASTEL MAGGIORE Provincia di Bologna VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE ORIGINALE N 182 del 28/12/2012. OGGETTO: APPROVAZIONE CONVENZIONI CON PUBBLICA ASSISTENZA CROCE ITALIA COMUNI

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Comune di Carloforte Provincia di Carbonia-Iglesias DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Deliberazione n. 8 del 02/02/2015 Adunanza ORDINARIA Prima convocazione Seduta Pubblica. OGGETTO: APPROVAZIONE PROGRAMMA

Dettagli

II SETTORE - BILANCIO E FINANZA

II SETTORE - BILANCIO E FINANZA II SETTORE - BILANCIO E FINANZA DETERMINAZIONE N. 8 DEL 21/03/2014 OGGETTO: PROGETTO "SCANDIANO SBILANCIATI!IL BILANCIO PARTECIPATIVO A SCANDIANO" FINANZIATO DALLA REGIONE EMILIA ROMAGNA (L.R. N. 3/2010)

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: Aumento capitale sociale della Società Co.Se.A. Ambiente SPA per ingresso nuovo socio e modifiche allo Statuto societario. IL CONSIGLIO COMUNALE DATO ATTO che codesto Comune è socio della società

Dettagli

Premessa * * * Signori Azionisti,

Premessa * * * Signori Azionisti, Eurofly S.p.A. Sede legale in Milano, via Ettore Bugatti n. 15 Capitale Sociale Euro 11.084.271,92 Codice Fiscale e numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Milano 05763070017 Soggetta ad attività

Dettagli

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Articolo 1 Oggetto... 3 Articolo 2 Sistema

Dettagli

REGIONE LOMBARDIA L.R.

REGIONE LOMBARDIA L.R. REGIONE LOMBARDIA L.R. 31 gennaio 1992, n. 3: Disciplina regionale dell'agriturismo e valorizzazione del territorio rurale. (Pubblicata nel Suppl. Ord. del B.U.R. n. 6 del 4 febbraio 1992) Art. 1 - Finalità

Dettagli

C O M U N E D I M I R A Provincia di Venezia

C O M U N E D I M I R A Provincia di Venezia ORIGINALE C O M U N E D I M I R A Provincia di Venezia Finanziario\\Economato DETERMINAZIONE DI IMPEGNO N 902 Del 14/05/2013 Oggetto: Affidamento servizio di assicurazione R.C. Auto e Tutela Legale periodo

Dettagli

Repertorio n. CONVENZIONE PER LA CESSIONE IN PROPRIETA DI AREA P.E.E.P. GIA CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI ROCCASTRADA (Provincia di Grosseto) L anno duemila il giorno

Dettagli

REGOLAMENTO ASSEMBLEARE DELLA BANCA POPOLARE FRIULADRIA S.P.A. CAPO I DISPOSIZIONI PRELIMINARI. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO ASSEMBLEARE DELLA BANCA POPOLARE FRIULADRIA S.P.A. CAPO I DISPOSIZIONI PRELIMINARI. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO ASSEMBLEARE DELLA BANCA POPOLARE FRIULADRIA S.P.A. CAPO I DISPOSIZIONI PRELIMINARI Art. 1 Ambito di applicazione 1. Lo svolgimento dell assemblea ordinaria e straordinaria dei soci della Banca

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI MORDANO Provincia di Bologna Cap. 40027, Via Bacchilega n. 6 Tel. 0542/56911 Fax 56900 E-Mail: urp@mordano.provincia.bologna.it Sito Internet: www.comunemordano.it DELIBERAZIONE N. 43 DEL 15/05/2014

Dettagli

Comune di Torremaggiore PROVINCIA DI FOGGIA

Comune di Torremaggiore PROVINCIA DI FOGGIA SETTORE II Ufficio RAG. TRIB. CED DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 83 del 28/07/2015 OGGETTO: Costituzione del fondo per il finanziamento della retribuzione di posizione e di risultato anno 2015 Area Dirigenti.

Dettagli

Oggetto: Azienda pubblica di servizi alla persona Umberto I di Pordenone. Approvazione statuto.

Oggetto: Azienda pubblica di servizi alla persona Umberto I di Pordenone. Approvazione statuto. Servizio affari istituzionali e locali, polizia locale e sicurezza Oggetto: Azienda pubblica di servizi alla persona Umberto I di Pordenone. Approvazione statuto. L Assessore regionale alle autonomie locali

Dettagli

BIALETTI INDUSTRIE SPA. sul punto 4. All ordine del giorno relativo a:

BIALETTI INDUSTRIE SPA. sul punto 4. All ordine del giorno relativo a: BIALETTI INDUSTRIE SPA ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI DEL 29 30 GIUGNO 2011 RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI E PROPOSTA MOTIVATA DEL COLLEGIO SINDACALE sul punto 4. All ordine del giorno relativo a:

Dettagli

DELIBERA N. 9 del 22 giugno 2011

DELIBERA N. 9 del 22 giugno 2011 Ente Regionale per il Diritto allo Studio Universitario - Cagliari DELIBERA N. 9 del 22 giugno 2011 Oggetto: Legge Regionale 2 agosto 2006, n. 11, articolo 28 2 Variazione al bilancio di previsione per

Dettagli

proposta di delibera delibera

proposta di delibera delibera Relazione degli amministratori di Nice S.p.A. redatta ai sensi dell'articolo 125-ter del decreto legislativo 58/1998 e degli articoli 84-ter e 73 del regolamento adottato con delibera Consob n. 11971 del

Dettagli

INDICE. Art.1... 3. Ambito di applicazione... 3. Art.2... 3. Obblighi al momento dell'assunzione alla carica... 3. Art.3... 3

INDICE. Art.1... 3. Ambito di applicazione... 3. Art.2... 3. Obblighi al momento dell'assunzione alla carica... 3. Art.3... 3 PROVINCIA DI ANCONA REGOLAMENTO PER LA PUBBLICITÀ DELLA SITUAZIONE PATRIMONIALE DEI CONSIGLIERI PROVINCIALI E DEI TITOLARI DI CARICHE DIRETTIVE DEGLI ENTI SOVVENZIONATI Modificato con deliberazione del

Dettagli

AATO ORIENTALE GORIZIANO REGOLAMENTO DI GESTIONE CONTABILE

AATO ORIENTALE GORIZIANO REGOLAMENTO DI GESTIONE CONTABILE AATO ORIENTALE GORIZIANO REGOLAMENTO DI GESTIONE CONTABILE Art. 1 Normativa di riferimento 1. L Autorità d ambito ha autonomia patrimoniale, finanziaria ed economica, per le operazioni connesse alle proprie

Dettagli

COMUNE DI SALA CONSILINA AREA AFFARI GENERALI

COMUNE DI SALA CONSILINA AREA AFFARI GENERALI COMUNE DI SALA CONSILINA Provincia di Salerno Determina n. 113 del 23-05-2014 - pubblicata all'albo Pretorio Comunale il 23-05-2014 AREA AFFARI GENERALI DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE DELL'AREA OGGETTO:

Dettagli

COMUNE DI FARRA DI SOLIGO

COMUNE DI FARRA DI SOLIGO COMUNE DI FARRA DI SOLIGO PROVINCIA DI TREVISO COPIA Deliberazione n. 2 del 23-02-2015 immediatamente eseguibile VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Sessione Straordinaria - Seduta di Prima

Dettagli

Giunta Comunale COMUNE DI VIGNOLA. Atti della OGGETTO: SERVIZIO DI ONORANZE E TRASPORTI FUNEBRI A PREZZO CONCORDATO PROVVEDIMENTI. PROVINCIA DI MODENA

Giunta Comunale COMUNE DI VIGNOLA. Atti della OGGETTO: SERVIZIO DI ONORANZE E TRASPORTI FUNEBRI A PREZZO CONCORDATO PROVVEDIMENTI. PROVINCIA DI MODENA COMUNE DI VIGNOLA PROVINCIA DI MODENA Atti della Giunta Comunale Delib. n. 173 Del 12.10.2005 L anno Duemilacinque il giorno dodici OGGETTO: SERVIZIO DI ONORANZE E TRASPORTI FUNEBRI A PREZZO CONCORDATO

Dettagli

Comune di Livorno TITOLO I GENERALITA

Comune di Livorno TITOLO I GENERALITA Comune di Livorno ALLEGATO N.3 SOCIETÀ DI TRASFORMAZIONE URBANA PORTA A MARE S.P.A. SCHEMA DI STATUTO APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 127/17.07.2003. TITOLO I GENERALITA ARTICOLO

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA Provincia di Verona VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 47 O G G E T T O ISTITUZIONE DEL REGISTRO COMUNALE PER LA CREMAZIONE AI SENSI DELL ART. 48 DELLA LEGGE

Dettagli

RELAZIONI SULLE MATERIE ALL'ORDINE DEL GIORNO AI SENSI DELL'ART. 125-TER TUF

RELAZIONI SULLE MATERIE ALL'ORDINE DEL GIORNO AI SENSI DELL'ART. 125-TER TUF RELAZIONI SULLE MATERIE ALL'ORDINE DEL GIORNO AI SENSI DELL'ART. 125-TER TUF Consiglio di Amministrazione del 10/03/2015 - punto 10) Relazioni sulle materie all'ordine del giorno dell'assemblea degli Azionisti

Dettagli

Su proposta dell'assessore Pasquale Rinaldi e su relazione del Dirigente del 3 Settore Dott. Francesco Zoccano LA GIUNTA COMUNALE

Su proposta dell'assessore Pasquale Rinaldi e su relazione del Dirigente del 3 Settore Dott. Francesco Zoccano LA GIUNTA COMUNALE Su proposta dell'assessore Pasquale Rinaldi e su relazione del Dirigente del 3 Settore Dott. Francesco Zoccano LA GIUNTA COMUNALE Premesso che con Deliberazione di G.C. n.470 del 7.10.2009, attuata dalla

Dettagli

AGENZIA D AFFARI S.C.I.A. - Segnalazione Certificata di Inizio Attività

AGENZIA D AFFARI S.C.I.A. - Segnalazione Certificata di Inizio Attività AGENZIA D AFFARI S.C.I.A. - Segnalazione Certificata di Inizio Attività AL COMUNE DI Cod. ISTAT _ _ _ _ _ _...l... sottoscritt...: Cognome Nome C.F. _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ Stato Provincia Comune

Dettagli

I MODELLI DI CORPORATE GOVERNANCE 3

I MODELLI DI CORPORATE GOVERNANCE 3 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA FACOLTA DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA BIENNALE PERCORSO AMMINISTRAZIONE E CONTROLLO CORSO CORPORATE GOVERNANCE E CONTROLLO INTERNO ANNO ACCADEMICO 2008/2009 PERIODO: II TRIMESTRE

Dettagli

C O M U N E D I A L L U M I E R E

C O M U N E D I A L L U M I E R E Il presente verbale viene così sottoscritto IL PRESIDENTE IL SEGRETARIO Firmato Battilocchio Augusto Firmato Dottoressa Barbara Dominici ATTESTATO DI PUBBLICAZIONE Il sottoscritto IL FUNZIONARIO RESPONSABILE

Dettagli

Regione Lombardia ASL Monza e Brian za. Seduta del

Regione Lombardia ASL Monza e Brian za. Seduta del Q Regione Lombardia ASL Monza e Brian za 00775S Deliberazione n. Seduta del ^ 1 DIC 2015 Attestazione del possesso dei requisiti di esercizio e accreditamento a seguito di Segnalazione Certificata di Inizio

Dettagli

ATTO DI ORGANIZZAZIONE

ATTO DI ORGANIZZAZIONE REGIONE LAZIO STRUTTURE AMMINISTRATIVE GIUNTA REGIONE LAZIO POLITICHE SOCIALI, AUTONOMIE, SICUREZZA E SPORT ATTO DI ORGANIZZAZIONE N. G10731 del 10/09/2015 Proposta n. 13629 del 09/09/2015 Oggetto: Costituzione

Dettagli

VERBALE DI ASSEMBLEA ORDINARIA. Il giorno 03/06/2014 alle ore 15.00 presso gli uffici amministrativi in Reggio Emilia, Via

VERBALE DI ASSEMBLEA ORDINARIA. Il giorno 03/06/2014 alle ore 15.00 presso gli uffici amministrativi in Reggio Emilia, Via FERRARINI S.P.A. (a socio unico) Sede Legale: Via Bellombra, 1/ 4 A Bologna Capitale sociale 21.000.000 i.v. C.F. /NR. Iscrizione al Registro Imprese di BOLOGNA: 00860480375 Iscritta al n. 229462 del R.E.A.

Dettagli

366/98, DM 557/99, L.R.

366/98, DM 557/99, L.R. BILITÀ DI DELI BERAZI ONE UNTA REGI ONALE ionale della Sicurezza Stradale Variazione al Bilancio di previsione 2014 ai sensi dell art. 42 E GESTIONE DEL TRASPORTO PUBBLICO LOCALE 1 L Assessore alle Infrastrutture

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI E PRIVATI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI E PRIVATI REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI E PRIVATI Art. 1 E istituito "l'albo Comunale degli Organismi a Base Associativa" in cui possono iscriversi

Dettagli

STATUTO SOCIALE TITOLO I COSTITUZIONE - SCOPO - SEDE DURATA

STATUTO SOCIALE TITOLO I COSTITUZIONE - SCOPO - SEDE DURATA STATUTO SOCIALE TITOLO I COSTITUZIONE - SCOPO - SEDE DURATA Art. 1 - E' costituita in Napoli un'associazione denominata "A.I.R.F.A. - Associazione Italiana per la Ricerca sull'anemia di Fanconi (in seguito

Dettagli

ATTIVITÀ FUNEBRE. Art. 13 Legge Emilia Romagna n. 156/2005 DOMANDA DI RILASCIO AUTORIZZAZIONE

ATTIVITÀ FUNEBRE. Art. 13 Legge Emilia Romagna n. 156/2005 DOMANDA DI RILASCIO AUTORIZZAZIONE Marca da bollo ATTIVITÀ FUNEBRE Art. 13 Legge Emilia Romagna n. 156/2005 DOMANDA DI RILASCIO AUTORIZZAZIONE PER ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI [] FORNITURA DI ARTICOLI FUNERARI, DISBRIGO PRATICHE AMMINISTRATIVE

Dettagli

STATUTO CASSA SANITARIA

STATUTO CASSA SANITARIA STATUTO CASSA SANITARIA In attuazione del verbale di accordo del 14 maggio 2014 tra la Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. e le Segreterie degli Organi di Coordinamento delle rappresentanze sindacali aziendali

Dettagli

Oggetto: Approvazione delle aliquote della Tasi per l'anno 2014. IL CONSIGLIO COMUNALE

Oggetto: Approvazione delle aliquote della Tasi per l'anno 2014. IL CONSIGLIO COMUNALE Oggetto: Approvazione delle aliquote della Tasi per l'anno 2014. PREMESSO CHE: IL CONSIGLIO COMUNALE - con i commi dal 639 al 705 dell articolo 1 della Legge n. 147 del 27.12.2013 (Legge di Stabilità 2014),

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE ADUNANZA DI PRIMA CONVOCAZIONE SEDUTA PUBBLICA

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE ADUNANZA DI PRIMA CONVOCAZIONE SEDUTA PUBBLICA COMUNE DI COLOGNO AL SERIO Provincia di Bergamo Deliberazione n. 65 del 23/10/2007 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE ADUNANZA DI PRIMA CONVOCAZIONE SEDUTA PUBBLICA OGGETTO: REGOLAMENTO DI

Dettagli

Cerved Information Solutions S.p.A.

Cerved Information Solutions S.p.A. Cerved Information Solutions S.p.A. Relazione del Consiglio di Amministrazione all Assemblea degli Azionisti Unica convocazione: 27 aprile 2015 CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA Gli aventi diritto di

Dettagli

C O M U N E D I V I C E N Z A

C O M U N E D I V I C E N Z A C O M U N E D I V I C E N Z A DETERMINA N. 403 DEL 28/03/2014 PROTOCOLLO GENERALE N. 25942 DEL 01/04/2014 CLASSIFICAZIONE: SISTEMA INFORMATIVO INCARICATO ALLA REDAZIONE: PIANALTO PATRIZIA RESPONSABILE

Dettagli

ASSOCIAZIONE RETE ITALIANA DI MICROFINANZA (RITMI) S T A T U T O. Denominazione. sede e durata

ASSOCIAZIONE RETE ITALIANA DI MICROFINANZA (RITMI) S T A T U T O. Denominazione. sede e durata ASSOCIAZIONE RETE ITALIANA DI MICROFINANZA (RITMI) S T A T U T O Denominazione. sede e durata Art. 1 E costituita un associazione senza fini di lucro denominata RETE ITALIANA DI MICROFINANZA denominata

Dettagli

COMUNE DI SAN GIOVANNI LUPATOTO

COMUNE DI SAN GIOVANNI LUPATOTO !!"#!!$$! &$ #'$ $(! '! #) $ *+),+ $ # -$)-'!! "'$. )!/ #! '#$!#$ -'$ $0 1 1 2 1 3 1 1 1!45!!6!!!&$#$0$&"$! $$!! $ #' #)! $!!#' $ -!0$ 7$$$-$$!#$-$$$0&!-$ $ -!$*8,5 IL CONSIGLIO COMUNALE Ricbiamata la

Dettagli

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA Regolamento provinciale per la disciplina degli strumenti e delle metodologie per i controlli interni, ai sensi dell art. 3, comma 2, del d.l. 174/2012, convertito

Dettagli

l'.\'~'jconsiglio Regionale

l'.\'~'jconsiglio Regionale "TU:. ".n! Regione Umbna,l'l'I' l. '.! l'.\'~'jconsiglio Regionale Atti Consiliar; ATTO N. 193/BIS Relazione della III Commissione Consiliare permanente SANITA' E SERVIZI SOCIALI Relatore Consigliere Luigi

Dettagli

N. 12.342 di Repertorio N. 4.084 di Raccolta VERBALE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA

N. 12.342 di Repertorio N. 4.084 di Raccolta VERBALE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA - 1 - N. 12.342 di Repertorio N. 4.084 di Raccolta VERBALE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno 2015 (duemilaquindici) il giorno 22 (ventidue) REGISTRATO ALL'AGENZIA DELLE ENTRATE

Dettagli