Come si puo` in 50 anni superare la General Motors

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Come si puo` in 50 anni superare la General Motors"

Transcript

1 Toyota s Way Come si puo` in 50 anni superare la General Motors Incontro PMI NIC Branch Nord Ovest Andrea Pinnola Chivasso, 28/06/2007

2 Sommario Perche` Toyota? Il Sistema Lean L innovazione dei prodotti Per finire

3 La Tartaruga e la Lepre Classifica GM GM GM GM Toyota 2 Ford Ford Ford Toyota GM 3 Chrysler Chrysler Toyota Ford Ford 4 Studebaker VW VW Nash Fiat Daimler Chrysler 6 Kaiser-Frazer Toyota PSA Peugeot Citroen 7 Morris Nissan Hyundai 8 Hudson Renault Honda 9 Austin BL Nissan 10 Renault Peugeot Renault... Toyota La tartaruga avanza lentamente ma ostinatamente... Essa e` molto piu` apprezzabile della velocissima lepre che corre a perdifiato e che spesso e` costretta a fermarsi per riposare. Taichi Ohno, Lo spirito Toyota

4 Dai telai alle auto WWII TWI Deming PDCA Quality Leadership di Eiji Toyoda - Make your hands dirty IMVP del MIT Coniato il termine Lean Enterprise Studi e applicazioni su: Sviluppo Prodotti Accounting Pianificazione Strategica Servizi HealthCare Sakichi Toyoda inventa il telaio automatico che si ferma in caso di rottura di un filo nascono i principi del Jidoka & Genchi Gembutsu 1933 Kichiro Toyoda, figlio di Sakichi, fonda la Toyota Motor Company investendo dalla vendita dei brevetti dei telai prime idee sul JIT e Flow ~1950 Rischio di Bancarotta 1973 Crisi del petrolio Toyota unica azienda del settore a non licenziare 1980 NUMMI Taichi Ohno inventa il kanban e sviluppa il TPS sulla base iniziale delle idee di Sakichi e Kichiro Il TPS viene esteso ai fornitori 2000 ~1990 Va sul mercato la Lexus (Ichiro Suzuki) Viene lanciata la ricerca per l auto del 3^ millennio -> 1997 nasce la Prius (Takeshi Uchiyamada) L azienda piu` studiata al mondo negli ultimi 30 anni x Apertura di stabilimenti in USA ed Europa

5 Lo scenario di mercato oggi Necessita` di innovare la gamma di prodotti / servizi Necessita` di ridurre i tempi di introduzione dei nuovi prodotti / servizi ed il loro ciclo di vita Oltre il 50% del fatturato e` generato da prodotti introdotti sul mercato negli ultimi 5 anni (15 anni fa era circa il 25%) Molteplicita` di modelli a minori volumi Necessita` di ridurre i costi Necessita` di ridurre i prezzi

6 Toyota perche` Per decenni il sistema industriale americano aveva tagliato sui costi di fabbricazione, producendo in grande quantita` un numero limitato di modelli... Il nostro problema era esattamente l opposto, ottenere l abbassamento dei costi producendo molti modelli in un numero limitato di esemplari. Taichi Ohno, Lo spirito Toyota...Per sviluppare e produrre prodotti di successo e qualita` a volumi minori e con una maggiore varieta`, il Sistema Lean Toyota richiede: Minori costi Minori investimenti Minori fornitori Tempi minori dei sistemi tradizionali, superando il concetto classico di economia di scala.

7 Sommario Perche` Toyota? Il Sistema Lean L innovazione dei prodotti Per finire

8 I principi del Lean Thinking 1. Definire il valore ( VALUE ) 2. Identificare il flusso del valore ( VALUE STREAM ) 3. Fare scorrere il Flusso ( FLOW ) 4. Fare in modo che il flusso sia tirato dal cliente ( PULL ) 5. Ricercare la perfezione ( PERFECTION ) Womack & Jones, Lean Thinking

9 1) Definire il valore Deve essere chiaro a tutti cosa significa valore per il cliente (caratteristiche del prodotto, performance, tempistiche,...) La creazione di valore per il cliente e` centrale per l esistenza dell azienda Se non c e` un cliente finale non serve produrre un bene Ogni passo produttivo e` fatto per servire chi sta a valle

10 2) Identificare la Value Stream La Value Stream e` l insieme puntuale di tutte le attivita` dell azienda che concorrono alla formazione del Valore per il cliente MRP (programmazione produzione) Clienti Prodotto finito Materie prime I I I I I

11 Saper vedere Il Cerchio di Taichi Ohno All interno di una Value Stream si identificano: Attivita` Value added attivita` che all interno della specifica Value Stream dello specifico prodotto aggiungono valore per il cliente finale Sprechi attivita` che non aggiungono valore e consumano risorse preziose dell azienda Come cliente pagheresti la tua azienda per quello che sta facendo?

12 Imparare a vedere gli sprechi I 7 sprechi di Ohno (MUDA) Scorte e Magazzini Sovraproduzione Correzioni di Difetti Movimenti del personale Spostamenti di beni Attese Lavorazioni non necessarie MURI parola giapponese per sovraccarico di una persona o di una macchina, con il rischio di problemi di salute e sicurezza MURA parola giapponese per diseguaglianza, cioe` il fatto che all interno di un processo le attivita` non siano ripartite in modo paritario tra componenti produttive diverse, con fluttuazione ed instabilita` del flusso

13 Navigare negli sprechi Tempi lunghi di produzione Inventory Difetti di lavorazione Fermi impianto

14 Value Stream (esempio) MRP (programmazione produzione) Clienti Prodotto finito Materie prime I R1 I R2 I R3 I R4 I 10gg 5gg 1gg 3gg 8gg 4 /3h 8 /1h 15 /2h 8 /2h Lead Time ~ 28 gg Tempo a valore ~ 35 min

15 Riduzione degli Sprechi Lead Time Attivita` Value Added Immediatamente cancellabile Necessaria nel modo corrente di operare Attivita` non a valore aggiunto (Sprechi) Necessaria nel modo corrente di operare Effetto Immediato: riduzione degli sprechi e miglioramento del rapporto Lead Time / Tempo a Valore

16 Value Stream (esempio) L1 L2 L3 L4 Materie prime Clienti /3h 8 /1h 15 /2h 8 /2h Lead Time ~ 1 gg Tempo a valore ~ 35 min La riduzione degli sprechi consente di fare scorrere il flusso del valore in modo piu` agile (FLOW) e di legare la realizzazione del prodotto in modo diretto alla richiesta del cliente (PULL)

17 5. La perfezione Quando hai ottenuto i miglioramenti, ricomincia da capo Mai stancarsi di migliorare continuamente Sempre chiedersi se e come si poteva ottenere un risultato migliore

18 Miglioramento Continuo? Il miglioramento continuo e` la base per la costruzione delle grandi imprese 40 years, 20 million ideas The Toyota Suggestion System Sino a di idee di miglioramento all anno

19 Sommario Perche` Toyota? Il Sistema Lean L innovazione dei prodotti Per finire

20 L innovazione di prodotto Toyota greatest surviving advantage may be its ability to bring a car from styling approval to market in... about half the time needed by its competitors with the smallest development teams in the business. Toyota engineers and executives look at product development through profoundly different paradigms than are common in the US National Center for Manufacturing Science March 1997 Newsletter Da: Mary Poddendieck Lean Development Poppendieck LLC, 2002

21 Ciclo di Innovazione Opportunita` Tecnologica Opportunita` di Mercato Ciclo di Innovazione Prodotti Value Stream Cliente Soddisfatto Ripetizione del Business Opportunita` di Processo

22 Il ragionamento di base La profittabilita` dell azienda dipende Dalle proprie Value Stream, che devono trasferire valore al cliente in modo profittevole e quindi... dalla capacita` dello Sviluppo Prodotti di generare Value Stream profittevoli oggi e nel futuro (ripetizione del business), nei tempi richiesti dal mercato.

23 Flusso di Valore Ciclo di Innovazione Prodotti HW/SW Conoscenza Value Stream Cliente Soddisfatto Ripetizione del Business La velocita` e qualita` della innovazione prodotti dipendono dalla velocita` e qualita` di creazione e trasferimento di nuova conoscenza utile dallo sviluppo prodotti alle value stream. I progetti di innovazione prodotti sono gli strumenti con cui le aziende acquisiscono, capitalizzano e trasferiscono la conoscenza.

24 Elementi del Toyota Product Development System Chief Engineer Set Based Concurrent Engineering Team di Esperti Profitable Value Stream Pianificazione Pull

25 Prima di tutto... Valore LS400 Merceds 420 BMW 735i Top Speed 250 km/h 222 km/h 220 km/h Fuel Consumption 23.5 mpg or more 19 mpg 18.8 mpg & Noise Characteristics Extremely quiet km/h km/h km/h km/h 63 db (100 km/h) 78 db (200 km/h) Aerodynamics (C D ) Vehicle Weight kg kg 1760 kg Obiettivi per la Prima Lexus. Dati tratti da: Liker The Toyota Way Il valore nasce Dalla comprensione delle esigenze dei clienti e del mercato Dalla visione sistemica del prodotto (> della somma delle parti) Dalla capacita` di integrazione di tutti i contributi nell azienda Dalla responsabilizzazione sui ritorni di business (diretti ed indiretti) e rispetto dei milestone aziendali

26 Il ruolo del Chief Engineer Il Chief Engineer ha la responsabilita` imprenditoriale degli obiettivi business e la responsabilita` tecnica di progettazione del prodotto. A valle di una attivita` che puo` durare alcuni mesi (*), come primo elemento del suo impegno il CE definisce un documento breve e visuale che riporta la sua visione del prodotto, basata sulle necessita` del cliente e derivante dal confronto interno con tutte le componenti aziendali di interesse (marketing, engineering, produzione, vendite,...). (*) Es. Per il nuovo minivan Sienna nel 2004 il CE Yuji Yokoya chiese ed ottenne la possibilita` (ed il budget) di andare negli USA per guidare il vecchio modello in tutti gli stati del Nord America, inclusi Canada e Messico, onde derivare le caratteristiche del nuovo prodotto. L approvazione del documento di vision da parte del top management avvia il progetto di sviluppo e approva il budget di progetto.

27 Obiettivi senza compromessi In generale il CE definisce per i nuovi modelli obiettivi sfidanti con una logica senza compromessi (es caso Lexus: Livello di rumore vs Peso). Gli obiettivi sfidanti hanno l obiettivo, nel sistema Toyota, di costringere ad analizzare le caratteristiche dei correnti prodotti e delle modalita` correnti di produzione per ripensarle superandole al fine di raggiungere gli obiettivi prefissati. La possibilita` di agire sul processo e sulle modalita` di sviluppo o di produzione e` pero` il prerequisito fondamentale; l ottica e` sempre quella di fare emergere i problemi per superarli. Obiettivi sfidanti senza la possibilita` di agire sul sistema corrente (es. In organizzazioni gerarchiche tradizionali) perdono di significato o portano ad atti eroici con risultati difficilmente ripetibili.

28 Tipi di modalita` di sviluppo Marketing Engineering Systems Manufacturing Engineering Manufacturing Product Launch Marketing Project/Team Leader Engineering Manufacturing Engineering Concurrent Design Systems Manufacturing Product Launch Sviluppo sequenziale a linee funzionali Le varie aree di business sono attivate progressivamente man mano che il progetto avanza Sviluppo concorrente Tutte le componenti del business sono coinvolte ed operative sin dall inizio Front Loaded Process

29 Modalita` di sviluppo tradizionale: il Point Based Engineering Set di Soluzioni Alternative A#1, A#2, A#3, A#4 Valutazione e Selezione di una soluzione Progettazione, Sviluppo e Test Produzione e Lancio Rework Rework Point Based Engineering si considerano in genere poche alternative all inizio, tra le quali viene scelta la soluzione definitiva che viene portata avanti e sviluppata, fatto salvo iterazioni legate a fattori non completamente considerati che sorgono in fase di test o modifiche che si rendono necessarie, con compromessi sulle caratteristiche desiderate del prodotto finale

30 Set Based Concurrent Engineering Sottosistema A Sottosistema B Sottosistema C Vincoli progettuali e risultati di analisi e test Ulteriore raffinamento delle caratteristiche Prodotto Pronto per Il Manufacturing SBCE si considerano molte alternative sin dall inizio, che vengono portate avanti assieme restringendo il campo di scelta sulla base dei vincoli derivanti dagli altri fattori tecnici e mantenendo aperta una rosa di soluzioni coerenti con la visione desiderata del prodotto finale

31 Set Based Concurrent Engineering L obiettivo base e`: Generare conoscenza utile... Esplorando simultaneamente soluzioni molteplici, mediante analisi e test rapidi ed a basso costo per... Imparare dalle diverse soluzioni, eliminando quelle non utili, e... Convergendo su una soluzione solo dopo che e` stata provata... Il tutto arricchendo la base di conoscenze di curve di trade off, checklist,...etc Occorre chiedersi cosa serve per andare avanti ed evitare di decidere su aspetti incerti troppo presto, investigando fattivamente le possibili alternative Il compito del manager e` evitare che le decisioni vengano prese troppo presto. Toyota General Manager of Body Engineering Slower Decision Making Leads to Steady Convergence, Forced Premature Decision Drive Rework. Morgan & Liker

32 SBCE: Aspetti di rilievo Dividere il sistema in sottosistemi che possono essere sviluppati indipendentemente, o con interazioni lasche Per ogni sottosistema (di valore) si definisce una varieta` di opzioni che vanno da quelle a basso rischio (tecnologia nota) a quelle piu` ad alto rischio (ma con maggiori guadagni) Si confrontano le opzioni verso vincoli, dati di riferimento e checklist che descrivono: Vincoli e caratteristiche richieste o proprie del cliente (es. Performance, durata,...) Vincoli e caratteristiche richieste dalla Produzione (limitazioni produttive, costi di produzione, qualita` richiesta,...) Vincoli e caratteristiche proprie del prodotto (affidabilita` richiesta, sicurezza,...) Si attua un processo di selezione controllata delle soluzioni, cercando anche di integrare le caratteristiche positive delle soluzioni tra loro superandone i difetti Tutte le decisioni sono prese sulla base di dati ed analisi che evidenziano la razionalita` delle scelte Si usano gli eventi di integrazione (vedi la programmazione pull) per creare momenti di cross-check della soluzione ed arrivare a convergere verso la soluzione ottimale

33 Team di esperti Se la base dello sviluppo prodotti e` la conoscenza, e` fondamentale sviluppare Team di Esperti e dare loro gli strumenti per scambiare la conoscenza in modi che aumentino il valore e diminuiscano gli sprechi In Toyota un Design Engineer passa il primo anno tra produzione e vendite prima di entrare nell area di destinazione, acquisendo una notevole conoscenza delle problematiche di manufacturing, sales e del cliente Il DE ha quindi consapevolezza di come e dove verra` impiegato il risultato del suo lavoro e di chi sono i suoi clienti all interno della catena del valore che dalla progettazione passa al manufacturing ed alla vendita per arrivare al cliente

34 Team di esperti Toyota adotta una struttura funzionale Il progettista risponde al suo responsabile funzionale,... Ma e` chiaro a tutti che il successo dell azienda dipende dal successo dei suoi progetti e che il CE rappresenta il Cliente I manager funzionali sono insegnanti prima che manager saper insegnare e` uno skill base per essere promossi Le modalita` con cui e` sviluppata, codificata e scambiata la conoscenza sono anch esse oggetto di training e coaching continuo Curve di trade off Checklist Engineering Standard Eventi di riflessione durante ed a fine progetto (Lessons Learned & Learning Lessons) One page A3 format Problem Solving / PDCA Focalizzazione sui fatti e la logica, basati sulla osservazione diretta

35 Project Corner e Visual Management Project Corner si definisce un luogo nell ambiente di lavoro dedicato al team di progetto. E` l ambiente dove il team discute ed approfondisce aspetti tecnici Visual Management strumenti visivi come pannelli e tabelloni, lavagne bianche etc che supportano la comunicazione nel conrso degli incontri e costituiscono la traccia dello svilupparsi del progetto (es. Il tabellone di planning)

36 Tipi di progetti e planning Variazioni incrementali Prodotto di nuova generazione Prodotto strategico e discontinuita` Prodotto Piccoli miglioramenti Aggiunta alla gamma di una famiglia di prodotti Nuovo prodotto Processo Variazioni incrementali Miglioramento di processo per il nuovo prodotto Nuovo Processo Stabilire una cadenza legata al mercato

37 Eventi Chiave Fissati dal Mng Engineering #1 Engineering #2 Engineering #3 Test Labs Manufacturing Acquisti Sist Inf 9 Kick Off 8 Pianificazione tirata dagli eventi (esempio) 0 Prodotto Finale Prototipo Beta Release Gestione degli interrupt -> differiti alla sessione di scoping PLANNING (VSM) Scoping & reflection Reflection Scoping & reflection Scoping & reflection Scoping & reflection Scoping & reflection Scoping & reflection Scoping & reflection Scoping & reflection

38 Gestire il flusso delle attivita` Ogni attivita` che non porta alla realizzazione di HW/SW o produce conoscenza usabile ed utile deve essere eliminata (MUDA) o ridefinita in modo che lo faccia La cadenza dei progetti e la definizione degli eventi pull, assieme alla gestione degli interrupt, consente di eliminare problemi di sovraccarico (MURI) delle persone e di allungamento dei tempi legati ai tempi di reazione delle stesse Eliminare problemi di variabilita` nella domanda dell impiego delle persone (MURA) bilanciando il carico nel progetto e tra progetti paralleli Il SBCE aiuta nella gestione dei cicli di attivita`, supportando la possibilita` di ridurre il numero di cicli di apprendimento e sviluppo se necessario pur mantenendo il committment verso una soluzione coerente con la vision del CE e le esigenze del cliente

39 Riepilogo Chief Engineer Set Based Concurrent Engineering More Profitable Operational Processes to Customer Value Pianificazione Pull Team di Esperti Ispirato da: Ward Lean Product and Process Development

40 Sommario Perche` Toyota? Il Sistema Lean L innovazione dei prodotti Per finire...

41 ... Un aneddoto Nell antica Grecia, un Giovane che andava ad Atene incontro` un Saggio Quanto ci vuole per arrivare ad Atene? chiese il Giovane Cammina! Cammina! fu la risposta decisa del Saggio. Il Giovane riprese la sua strada un po` contrariato ma non appena ebbe fatto 20 passi il Saggio gli urlo : 2 Ore! Con disappunto il Giovane torno` indietro e chiese: Perche` non me lo hai detto subito? Avevo bisogno di vedere come camminavi per poterti dire in quanto tempo saresti arrivato il Saggio rispose Tratto da: Reinersten, Smith Developing Products in Half the Time

42 Riferimenti - produzione Libri Womack, Jones - Lean Thinking - Simon & Schuster Liker - The Toyota Way Mc Graw Hill Ohno Lo spirito Toyota Einaudi Womack, Jones, Roos The machine that changed the world HarperPerennial Galgano Le tre rivoluzioni Guerini e Associati Bonfiglioli Pensare Snello, Lean Thinking alla maniera italiana Franco Angeli Articoli James P. Womack and Daniel T. Jones, Beyond Toyota: How to Root Out Waste and Pursue Perfection, Harvard Business Review, September-October 1996 Steven Spear and H. Kent Bowen, Decoding the DNA of the Toyota Production System, Harvard Business Review, September-October 1999 Steven J. Spear, Learning to Lead at Toyota, Harvard Business Review, May 2004 R. Eugene Goodson, Read a Plant Fast, Harvard Business Review, May 2002 Internet -> il sito di riferimento del Lean Enterprise Institute -> molto materiale sulla applicazione nella Sanita` / Ospedali

43 Riferimenti - progettazione Libri Ward Lean Product and Process Development Lean Enterprise Institute Reinertsen, Smith Developing Products in Half the Time John Wiley & Sons Morgan, Liker - The Toyota Product Development System: Integrating People, Process And Technology Productivity Press Liker - The Toyota Way Mc Graw Hill Poppendieck Lean Software Development Addison Wesley May The Elegant Solution Free Press Hideshi Itazaki - The Prius that Shook the World How Toyota Developed the world s mass production hybrid vehicle Articoli A. Ward et alii, The Second Toyota Paradox: How Delaying Decisions Can Make Better Car Faster, Sloan Management Review/Spring 1995 D. Sobek II et alii, Another Look at How Toyota Integrates Product Development, Harvard Business Review July- August 1998 D. Sobek II et alii, Toyota s Principles of Set-Based Concurrent Engineering, Sloan Management Review/Winter 1999 Internet -> interessante webinar e slide sul Lean Product Development di Sobek -> per il software (Poppendieck) -> per il software (Scrum) -> per il software

44 Un primo percorso di lettura per PM (*) Produzione Progettazione Womack, Jones - Lean Thinking Reinertsen, Smith - Developing Products in Half the Time (**) Liker - The Toyota Way Ward Lean Product and Process Development Morgan, Liker - The Toyota Product Development System Note: (*) la conoscenza delle metodologie di produzione e` una utile base per la comprensione delle metodologie di progettazione (**) un classico sulla progettazione in contesti di Time Based Competition anche se non cita direttamente le metodologie di Lean Product Development

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione Reliability Management La gestione del processo di Sviluppo Prodotto Ing. Andrea Calisti www.indcons.eu Chi sono... Andrea CALISTI Ingegnere meccanico dal 1995 al 2009 nel Gruppo Fiat Assistenza Clienti

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA ROMA 20-22 OTTOBRE 2014 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA,

Dettagli

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese CMMI-Dev V1.3 Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3 Roma, 2012 Agenda Che cos è il CMMI Costellazione di modelli Approccio staged e continuous Aree di processo Goals

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate

Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate 6.1 Metodi per lo sviluppo di nuovi prodotti (MSNP) Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate Questo capitolo presenta alcune metodologie per gestire al meglio

Dettagli

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT LEAR ITALIA MES/LES PROJECT La peculiarità del progetto realizzato in Lear Italia da Hermes Reply è quello di integrare in un unica soluzione l execution della produzione (con il supporto dell RFID), della

Dettagli

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA SAP World Tour 2007 - Milano 11-12 Luglio 2007 THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA Agenda Presentazione Derga Consulting Enterprise SOA Allineamento Processi & IT Il

Dettagli

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA Carlo Carta Responsabile Commerciale ENGINEERING SARDEGNA e IL GRUPPO ENGINEERING La prima realtà IT italiana. oltre 7.000 DIPENDENTI 7% del mercato

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Presentazione per. «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto»

Presentazione per. «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto» Presentazione per «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto» Pascal Jansen pascal.jansen@inspearit.com Evento «Agile Project Management» Firenze, 6 Marzo 2013 Agenda Due parole su inspearit

Dettagli

Il ciclo di vita del software

Il ciclo di vita del software Il ciclo di vita del software Il ciclo di vita del software Definisce un modello per il software, dalla sua concezione iniziale fino al suo sviluppo completo, al suo rilascio, alla sua successiva evoluzione,

Dettagli

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA novembre 2004 FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA CICLO DI FORMAZIONE SUL RUOLO E SULLA VALORIZZAZIONE DELLA MARCA NELLA VITA AZIENDALE 3, rue Henry Monnier F-75009 Paris www.arkema.com TEL (+33)

Dettagli

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE Management Risorse Umane MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE La formazione di eccellenza al servizio dei Manager PRESENTAZIONE Il Master Triennale di Formazione Manageriale è un percorso di sviluppo

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma Unified Process Prof. Agostino Poggi Unified Process Unified Software Development Process (USDP), comunemente chiamato

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

DEFINIZIONI 1. 1 Queste definizioni sono di necessità sintetiche e quindi non necessariamente molto precise. Si

DEFINIZIONI 1. 1 Queste definizioni sono di necessità sintetiche e quindi non necessariamente molto precise. Si DEFINIZIONI 1 5W+1H Regola delle cinque domande che iniziano con W ed una che inizia con H (in inglese): What, When, Where, Why, Who and How. La regola fu introdotta seguendo una famosa novella di Rudyard

Dettagli

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione Processi (di sviluppo del) software Fase di Analisi dei Requisiti Un processo software descrive le attività (o task) necessarie allo sviluppo di un prodotto software e come queste attività sono collegate

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

RETE DI RICARICA il Nuovo Servizio il Terzo Prodotto. ev-now! Ente Privato di Ricerca, Sviluppo e Promozione della Mobilità Elettrica

RETE DI RICARICA il Nuovo Servizio il Terzo Prodotto. ev-now! Ente Privato di Ricerca, Sviluppo e Promozione della Mobilità Elettrica RETE DI RICARICA il Nuovo Servizio il Terzo Prodotto ev-now! Ente Privato di Ricerca, Sviluppo e Promozione della Mobilità Elettrica AUTOGRILL: un esempio di successo! Installata la prima colonnina di

Dettagli

Solar Impulse Revillard Rezo.ch. Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente.

Solar Impulse Revillard Rezo.ch. Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente. Solar Impulse Revillard Rezo.ch Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente. La visione di ABB ABB è orgogliosa della sua alleanza tecnologica e innovativa con Solar Impulse, l aereo

Dettagli

Excellence Programs executive. Renaissance management

Excellence Programs executive. Renaissance management Excellence Programs executive Renaissance management Renaissance Management: Positive leaders in action! toscana 24.25.26 maggio 2012 Renaissance Management: positive leaders in action! Il mondo delle

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

Urban Farming: Second Use of Public Spaces. Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking. Scheda progetto

Urban Farming: Second Use of Public Spaces. Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking. Scheda progetto Urban Farming: Second Use of Public Spaces Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking Scheda progetto CSAVRI - Centro Servizi di Ateneo per la Valorizzazione della Ricerca e Incubatore

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Release Management Obiettivi Obiettivo del Release Management è di raggiungere una visione d insieme del cambiamento nei servizi IT e accertarsi che tutti gli aspetti di una release (tecnici e non) siano

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

Nel regno degli esseri viventi non esistono cose, ma solo relazioni Gregory Bateson

Nel regno degli esseri viventi non esistono cose, ma solo relazioni Gregory Bateson Le Tecnologie della Relationship Management e l interazione con le funzioni ed i processi aziendali Angelo Caruso, 2001 Relationship Management Nel regno degli esseri viventi non esistono cose, ma solo

Dettagli

www.01net.it Il primo portale italiano per i professionisti dell Ict, per il trade e per le piccole e medie imprese utenti di Ict

www.01net.it Il primo portale italiano per i professionisti dell Ict, per il trade e per le piccole e medie imprese utenti di Ict www.01net.it Il primo portale italiano per i professionisti dell Ict, per il trade e per le piccole e medie imprese utenti di Ict 01NET NETWORK www.01net.it Pag 2 Dati di traffico 01net Network Totale

Dettagli

Guida alla sicurezza e alle prestazioni di un impianto frenante

Guida alla sicurezza e alle prestazioni di un impianto frenante trasporto pesante Guida alla sicurezza e alle prestazioni di un impianto frenante www.brembo.com trasporto pesante L i m p i a n t o f r e n a n t e d i u n v e i c ol o pesante per trasporto d i m e r

Dettagli

tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli

tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli Organizzazione come sistema Ambiente interno Missione strategica Sistema tecnico

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

Corso di Comunicazione d impresa

Corso di Comunicazione d impresa Corso di Comunicazione d impresa Prof. Gian Paolo Bonani g.bonani@libero.it Sessione 16 Sviluppo risorse umane e comunicazione interna Le relazioni di knowledge fra impresa e ambiente esterno Domanda

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

EuroColori YOUR BEST PARTNER IN COLOR STRATEGY

EuroColori YOUR BEST PARTNER IN COLOR STRATEGY EuroColori YOUR BEST PARTNER IN COLOR STRATEGY EuroColori YOUR BEST PARTNER IN COLOR STRATEGY THE FUTURE IS CLOSER Il primo motore di tutte le nostre attività è la piena consapevolezza che il colore è

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Come si organizza un progetto di BPM 1 INDICE Organizzazione di un progetto di Business Process Management Tipo di intervento Struttura del progetto BPM Process Performance

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

Vodafone Case Study Pulitalia

Vodafone Case Study Pulitalia Quello con Vodafone e un vero è proprio matrimonio: un lungo rapporto di fiducia reciproca con un partner veramente attento alle nostre esigenze e con un account manager di grande professionalità. 1 Il

Dettagli

Le decisioni relative al prodotto: Cap. 6

Le decisioni relative al prodotto: Cap. 6 Le decisioni relative al prodotto: Cap. 6 Il prodotto Tre punti fondamentali 1. Elementi di base nella gestione del prodotto 2. Sviluppo di nuovi prodotti 3. L organizzazione per il prodotto 1.Elementi

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

TECNICHE. H. Sei Cappelli per Pensare. 1. Che cos è la tecnica dei sei cappelli per pensare?

TECNICHE. H. Sei Cappelli per Pensare. 1. Che cos è la tecnica dei sei cappelli per pensare? TECNICHE H. Sei Cappelli per Pensare 1. Che cos è la tecnica dei sei cappelli per pensare? Il metodo dei sei cappelli per pensare è stato inventato da Edward de Bono nel 1980. I cappelli rappresentano

Dettagli

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria IT Plant Solutions IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria s Industrial Solutions and Services Your Success is Our Goal Soluzioni MES e IT per integrare e sincronizzare i processi Prendi

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & 2013 GENNAIO-MARZO 9 CORSI: MARKETING STRATEGY BRANDING & VIRAL-DNA CONTENT STRATEGY DESIGN & USABILITY WEB MARKETING CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT SOCIAL

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 1 L ASSETTO ORGANIZZATIVO, IL COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO In organizzazione il centro

Dettagli

LUBRIFICANTI TOTAL L'INNOVAZIONE AL SERVIZIO DELLE PRESTAZIONI. Prodotto e distribuito in Italia da

LUBRIFICANTI TOTAL L'INNOVAZIONE AL SERVIZIO DELLE PRESTAZIONI. Prodotto e distribuito in Italia da LUBRIFICANTI TOTAL L'INNOVAZIONE AL SERVIZIO DELLE Prodotto e distribuito in Italia da EMISSIONI INQUINANTI: EVOLUZIONE EUROPEA DEI LIMITI REGOLAMENTARI LIMITI ALLE EMISSIONI INQUINANTI HC g/km Euro 2

Dettagli

Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali. Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013

Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali. Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013 Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013 La cronistoria Pre 2009 Modello a benchmark basato su: Pesi delle asset class Benchmark costituito da indici

Dettagli

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Seminario associazioni: Seminario a cura di itsmf Italia Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Andrea Praitano Agenda Struttura dei processi ITIL v3; Il Problem

Dettagli

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori Costruire uno Spin-Off di Successo Non fidarsi mai dei professori Spin-Off da Università: Definizione Lo Spin-Off da Università è in generale un processo che, partendo da una tecnologia disruptiva sviluppata

Dettagli

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Ing. Stefano Molino Investment Manager Innogest SGR SpA Torino, 31 Marzo 2011 Venture Capital: che cos è? L attività di investimento istituzionale

Dettagli

Web conferencing software. Massimiliano Greco - Ivan Cerato - Mario Salvetti

Web conferencing software. Massimiliano Greco - Ivan Cerato - Mario Salvetti 1 Web conferencing software Massimiliano Greco - Ivan Cerato - Mario Salvetti Arpa Piemonte 2 Che cosa è Big Blue Button? Free, open source, web conferencing software Semplice ed immediato ( Just push

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

La collaborazione come strumento per l'innovazione.

La collaborazione come strumento per l'innovazione. La collaborazione come strumento per l'innovazione. Gabriele Peroni Manager of IBM Integrated Communication Services 1 La collaborazione come strumento per l'innovazione. I Drivers del Cambiamento: Le

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa CAPITOLO 3 Elementi fondamentali della struttura organizzativa Agenda La struttura organizzativa Le esigenze informative Tipologia di strutture Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura per

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software Siemens PLM Software Monitoraggio e reporting delle prestazioni di prodotti e programmi Sfruttare le funzionalità di reporting e analisi delle soluzioni PLM per gestire in modo più efficace i complessi

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

Energy risk management

Energy risk management Il sistema di supporto alle tue decisioni Energy risk management Un approccio orientato agli attori M.B.I. Srl, Via Francesco Squartini 7-56121 Pisa, Italia - tel. 050 3870888 - fax. 050 3870808 www.powerschedo.it

Dettagli

PROJECT MANAGEMENT CORSO DI PREPARAZIONE ALLA CERTIFICAZIONE PMP

PROJECT MANAGEMENT CORSO DI PREPARAZIONE ALLA CERTIFICAZIONE PMP www.formazione.ilsole24ore.com PROJECT MANAGEMENT CORSO DI PREPARAZIONE ALLA CERTIFICAZIONE PMP ROMA, DAL 19 NOVEMBRE 2012-1 a edizione MASTER DI SPECIALIZZAZIONE In collaborazione con: PER PROFESSIONISTI

Dettagli

Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO FORMAZIONE

Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO FORMAZIONE Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO 2015 FORMAZIONE HSE - HEALTH SAFETY ENVIRONMENT Salute e Sicurezza RLS - Formazione Base S.S.1 32 RLSA S.S.2 64 RLS - Aggiornamento S.S.3

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import definizione L operazione presuppone l emissione di una lettera di credito IMPORT in favore dell esportatore estero, con termine di pagamento differito (es. 180 gg dalla data di spedizione con documenti

Dettagli

Il software per la gestione smart del Call Center

Il software per la gestione smart del Call Center Connecting Business with Technology Solutions. Il software per la gestione smart del Call Center Center Group srl 1 Comunica : per la gestione intelligente del tuo call center Comunica è una web application

Dettagli

Informatica: problema o opportunità in tempi di crisi?

Informatica: problema o opportunità in tempi di crisi? Informatica: problema o opportunità in tempi di crisi? di Bernardo Nicoletti G li ultimi mesi sono stati caratterizzati da una crisi di notevoli proporzioni. Si è iniziato con una crisi finanziaria, si

Dettagli

Fabio Ciarapica Director PRAXI ALLIANCE Ltd

Fabio Ciarapica Director PRAXI ALLIANCE Ltd Workshop Career Management: essere protagonisti della propria storia professionale Torino, 27 febbraio 2013 L evoluzione del mercato del lavoro L evoluzione del ruolo del CFO e le competenze del futuro

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

Progetto BPR: Business Process Reengineering

Progetto BPR: Business Process Reengineering Progetto BPR: Business Process Reengineering Riflessioni frutto di esperienze concrete PER LA CORRETTA INTERPRETAZIONE DELLE PAGINE SEGUENTI SI DEVE TENERE CONTO DI QUANTO ILLUSTRATO ORALMENTE Obiettivo

Dettagli

Didattiche con la LIM

Didattiche con la LIM Didattiche con la LIM Modelli e prospettive Luca Ferrari Dipartimento di Scienze dell Educazione, Università di Bologna Index 1. Scenario 2. Definizione e caratteristiche 3. Un modello didattico problematico

Dettagli

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 Centralized control with decentralized responsibility (Johnson and Kaplan, 1987) 1. Dalla nascita fino al 1920 La General Motors,

Dettagli

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Claudio Chiarenza (General Manager and Chief Strategy Officer) Italtel, Italtel logo and imss (Italtel Multi-Service

Dettagli

Ricognizione di alcune Best Practice

Ricognizione di alcune Best Practice Linee guida sulla qualità dei beni e dei servizi ICT per la definizione ed il governo dei contratti della Pubblica Amministrazione Manuale di riferimento Ricognizione di alcune Best Practice applicabili

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

SALARY SURVEY 2015. Technology. Specialists in technology recruitment www.michaelpage.it. Technology

SALARY SURVEY 2015. Technology. Specialists in technology recruitment www.michaelpage.it. Technology SALARY SURVEY 2015 Specialists in technology recruitment www.michaelpage.it Salary Survey 2015 Gentili clienti, abbiamo il piacere di presentarvi i nuovi studi di retribuzione relativi all anno 2015. Michael

Dettagli

Introduzione Perché ti può aiutare la Smart Data Capture?

Introduzione Perché ti può aiutare la Smart Data Capture? 01 Introduzione Perché ti può aiutare la Smart Data Capture? Gestisci ogni giorno un elevato numero di fatture e documenti? Se hai un elevato numero di fatture da registrare, note di credito e documenti

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL

Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL SAP Customer Success Story Prodotti Industriali Raffineria Metalli Capra Raffineria Metalli Capra. Utilizzata con concessione dell autore. Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL Partner

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli