Come si puo` in 50 anni superare la General Motors

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Come si puo` in 50 anni superare la General Motors"

Transcript

1 Toyota s Way Come si puo` in 50 anni superare la General Motors Incontro PMI NIC Branch Nord Ovest Andrea Pinnola Chivasso, 28/06/2007

2 Sommario Perche` Toyota? Il Sistema Lean L innovazione dei prodotti Per finire

3 La Tartaruga e la Lepre Classifica GM GM GM GM Toyota 2 Ford Ford Ford Toyota GM 3 Chrysler Chrysler Toyota Ford Ford 4 Studebaker VW VW Nash Fiat Daimler Chrysler 6 Kaiser-Frazer Toyota PSA Peugeot Citroen 7 Morris Nissan Hyundai 8 Hudson Renault Honda 9 Austin BL Nissan 10 Renault Peugeot Renault... Toyota La tartaruga avanza lentamente ma ostinatamente... Essa e` molto piu` apprezzabile della velocissima lepre che corre a perdifiato e che spesso e` costretta a fermarsi per riposare. Taichi Ohno, Lo spirito Toyota

4 Dai telai alle auto WWII TWI Deming PDCA Quality Leadership di Eiji Toyoda - Make your hands dirty IMVP del MIT Coniato il termine Lean Enterprise Studi e applicazioni su: Sviluppo Prodotti Accounting Pianificazione Strategica Servizi HealthCare Sakichi Toyoda inventa il telaio automatico che si ferma in caso di rottura di un filo nascono i principi del Jidoka & Genchi Gembutsu 1933 Kichiro Toyoda, figlio di Sakichi, fonda la Toyota Motor Company investendo dalla vendita dei brevetti dei telai prime idee sul JIT e Flow ~1950 Rischio di Bancarotta 1973 Crisi del petrolio Toyota unica azienda del settore a non licenziare 1980 NUMMI Taichi Ohno inventa il kanban e sviluppa il TPS sulla base iniziale delle idee di Sakichi e Kichiro Il TPS viene esteso ai fornitori 2000 ~1990 Va sul mercato la Lexus (Ichiro Suzuki) Viene lanciata la ricerca per l auto del 3^ millennio -> 1997 nasce la Prius (Takeshi Uchiyamada) L azienda piu` studiata al mondo negli ultimi 30 anni x Apertura di stabilimenti in USA ed Europa

5 Lo scenario di mercato oggi Necessita` di innovare la gamma di prodotti / servizi Necessita` di ridurre i tempi di introduzione dei nuovi prodotti / servizi ed il loro ciclo di vita Oltre il 50% del fatturato e` generato da prodotti introdotti sul mercato negli ultimi 5 anni (15 anni fa era circa il 25%) Molteplicita` di modelli a minori volumi Necessita` di ridurre i costi Necessita` di ridurre i prezzi

6 Toyota perche` Per decenni il sistema industriale americano aveva tagliato sui costi di fabbricazione, producendo in grande quantita` un numero limitato di modelli... Il nostro problema era esattamente l opposto, ottenere l abbassamento dei costi producendo molti modelli in un numero limitato di esemplari. Taichi Ohno, Lo spirito Toyota...Per sviluppare e produrre prodotti di successo e qualita` a volumi minori e con una maggiore varieta`, il Sistema Lean Toyota richiede: Minori costi Minori investimenti Minori fornitori Tempi minori dei sistemi tradizionali, superando il concetto classico di economia di scala.

7 Sommario Perche` Toyota? Il Sistema Lean L innovazione dei prodotti Per finire

8 I principi del Lean Thinking 1. Definire il valore ( VALUE ) 2. Identificare il flusso del valore ( VALUE STREAM ) 3. Fare scorrere il Flusso ( FLOW ) 4. Fare in modo che il flusso sia tirato dal cliente ( PULL ) 5. Ricercare la perfezione ( PERFECTION ) Womack & Jones, Lean Thinking

9 1) Definire il valore Deve essere chiaro a tutti cosa significa valore per il cliente (caratteristiche del prodotto, performance, tempistiche,...) La creazione di valore per il cliente e` centrale per l esistenza dell azienda Se non c e` un cliente finale non serve produrre un bene Ogni passo produttivo e` fatto per servire chi sta a valle

10 2) Identificare la Value Stream La Value Stream e` l insieme puntuale di tutte le attivita` dell azienda che concorrono alla formazione del Valore per il cliente MRP (programmazione produzione) Clienti Prodotto finito Materie prime I I I I I

11 Saper vedere Il Cerchio di Taichi Ohno All interno di una Value Stream si identificano: Attivita` Value added attivita` che all interno della specifica Value Stream dello specifico prodotto aggiungono valore per il cliente finale Sprechi attivita` che non aggiungono valore e consumano risorse preziose dell azienda Come cliente pagheresti la tua azienda per quello che sta facendo?

12 Imparare a vedere gli sprechi I 7 sprechi di Ohno (MUDA) Scorte e Magazzini Sovraproduzione Correzioni di Difetti Movimenti del personale Spostamenti di beni Attese Lavorazioni non necessarie MURI parola giapponese per sovraccarico di una persona o di una macchina, con il rischio di problemi di salute e sicurezza MURA parola giapponese per diseguaglianza, cioe` il fatto che all interno di un processo le attivita` non siano ripartite in modo paritario tra componenti produttive diverse, con fluttuazione ed instabilita` del flusso

13 Navigare negli sprechi Tempi lunghi di produzione Inventory Difetti di lavorazione Fermi impianto

14 Value Stream (esempio) MRP (programmazione produzione) Clienti Prodotto finito Materie prime I R1 I R2 I R3 I R4 I 10gg 5gg 1gg 3gg 8gg 4 /3h 8 /1h 15 /2h 8 /2h Lead Time ~ 28 gg Tempo a valore ~ 35 min

15 Riduzione degli Sprechi Lead Time Attivita` Value Added Immediatamente cancellabile Necessaria nel modo corrente di operare Attivita` non a valore aggiunto (Sprechi) Necessaria nel modo corrente di operare Effetto Immediato: riduzione degli sprechi e miglioramento del rapporto Lead Time / Tempo a Valore

16 Value Stream (esempio) L1 L2 L3 L4 Materie prime Clienti /3h 8 /1h 15 /2h 8 /2h Lead Time ~ 1 gg Tempo a valore ~ 35 min La riduzione degli sprechi consente di fare scorrere il flusso del valore in modo piu` agile (FLOW) e di legare la realizzazione del prodotto in modo diretto alla richiesta del cliente (PULL)

17 5. La perfezione Quando hai ottenuto i miglioramenti, ricomincia da capo Mai stancarsi di migliorare continuamente Sempre chiedersi se e come si poteva ottenere un risultato migliore

18 Miglioramento Continuo? Il miglioramento continuo e` la base per la costruzione delle grandi imprese 40 years, 20 million ideas The Toyota Suggestion System Sino a di idee di miglioramento all anno

19 Sommario Perche` Toyota? Il Sistema Lean L innovazione dei prodotti Per finire

20 L innovazione di prodotto Toyota greatest surviving advantage may be its ability to bring a car from styling approval to market in... about half the time needed by its competitors with the smallest development teams in the business. Toyota engineers and executives look at product development through profoundly different paradigms than are common in the US National Center for Manufacturing Science March 1997 Newsletter Da: Mary Poddendieck Lean Development Poppendieck LLC, 2002

21 Ciclo di Innovazione Opportunita` Tecnologica Opportunita` di Mercato Ciclo di Innovazione Prodotti Value Stream Cliente Soddisfatto Ripetizione del Business Opportunita` di Processo

22 Il ragionamento di base La profittabilita` dell azienda dipende Dalle proprie Value Stream, che devono trasferire valore al cliente in modo profittevole e quindi... dalla capacita` dello Sviluppo Prodotti di generare Value Stream profittevoli oggi e nel futuro (ripetizione del business), nei tempi richiesti dal mercato.

23 Flusso di Valore Ciclo di Innovazione Prodotti HW/SW Conoscenza Value Stream Cliente Soddisfatto Ripetizione del Business La velocita` e qualita` della innovazione prodotti dipendono dalla velocita` e qualita` di creazione e trasferimento di nuova conoscenza utile dallo sviluppo prodotti alle value stream. I progetti di innovazione prodotti sono gli strumenti con cui le aziende acquisiscono, capitalizzano e trasferiscono la conoscenza.

24 Elementi del Toyota Product Development System Chief Engineer Set Based Concurrent Engineering Team di Esperti Profitable Value Stream Pianificazione Pull

25 Prima di tutto... Valore LS400 Merceds 420 BMW 735i Top Speed 250 km/h 222 km/h 220 km/h Fuel Consumption 23.5 mpg or more 19 mpg 18.8 mpg & Noise Characteristics Extremely quiet km/h km/h km/h km/h 63 db (100 km/h) 78 db (200 km/h) Aerodynamics (C D ) Vehicle Weight kg kg 1760 kg Obiettivi per la Prima Lexus. Dati tratti da: Liker The Toyota Way Il valore nasce Dalla comprensione delle esigenze dei clienti e del mercato Dalla visione sistemica del prodotto (> della somma delle parti) Dalla capacita` di integrazione di tutti i contributi nell azienda Dalla responsabilizzazione sui ritorni di business (diretti ed indiretti) e rispetto dei milestone aziendali

26 Il ruolo del Chief Engineer Il Chief Engineer ha la responsabilita` imprenditoriale degli obiettivi business e la responsabilita` tecnica di progettazione del prodotto. A valle di una attivita` che puo` durare alcuni mesi (*), come primo elemento del suo impegno il CE definisce un documento breve e visuale che riporta la sua visione del prodotto, basata sulle necessita` del cliente e derivante dal confronto interno con tutte le componenti aziendali di interesse (marketing, engineering, produzione, vendite,...). (*) Es. Per il nuovo minivan Sienna nel 2004 il CE Yuji Yokoya chiese ed ottenne la possibilita` (ed il budget) di andare negli USA per guidare il vecchio modello in tutti gli stati del Nord America, inclusi Canada e Messico, onde derivare le caratteristiche del nuovo prodotto. L approvazione del documento di vision da parte del top management avvia il progetto di sviluppo e approva il budget di progetto.

27 Obiettivi senza compromessi In generale il CE definisce per i nuovi modelli obiettivi sfidanti con una logica senza compromessi (es caso Lexus: Livello di rumore vs Peso). Gli obiettivi sfidanti hanno l obiettivo, nel sistema Toyota, di costringere ad analizzare le caratteristiche dei correnti prodotti e delle modalita` correnti di produzione per ripensarle superandole al fine di raggiungere gli obiettivi prefissati. La possibilita` di agire sul processo e sulle modalita` di sviluppo o di produzione e` pero` il prerequisito fondamentale; l ottica e` sempre quella di fare emergere i problemi per superarli. Obiettivi sfidanti senza la possibilita` di agire sul sistema corrente (es. In organizzazioni gerarchiche tradizionali) perdono di significato o portano ad atti eroici con risultati difficilmente ripetibili.

28 Tipi di modalita` di sviluppo Marketing Engineering Systems Manufacturing Engineering Manufacturing Product Launch Marketing Project/Team Leader Engineering Manufacturing Engineering Concurrent Design Systems Manufacturing Product Launch Sviluppo sequenziale a linee funzionali Le varie aree di business sono attivate progressivamente man mano che il progetto avanza Sviluppo concorrente Tutte le componenti del business sono coinvolte ed operative sin dall inizio Front Loaded Process

29 Modalita` di sviluppo tradizionale: il Point Based Engineering Set di Soluzioni Alternative A#1, A#2, A#3, A#4 Valutazione e Selezione di una soluzione Progettazione, Sviluppo e Test Produzione e Lancio Rework Rework Point Based Engineering si considerano in genere poche alternative all inizio, tra le quali viene scelta la soluzione definitiva che viene portata avanti e sviluppata, fatto salvo iterazioni legate a fattori non completamente considerati che sorgono in fase di test o modifiche che si rendono necessarie, con compromessi sulle caratteristiche desiderate del prodotto finale

30 Set Based Concurrent Engineering Sottosistema A Sottosistema B Sottosistema C Vincoli progettuali e risultati di analisi e test Ulteriore raffinamento delle caratteristiche Prodotto Pronto per Il Manufacturing SBCE si considerano molte alternative sin dall inizio, che vengono portate avanti assieme restringendo il campo di scelta sulla base dei vincoli derivanti dagli altri fattori tecnici e mantenendo aperta una rosa di soluzioni coerenti con la visione desiderata del prodotto finale

31 Set Based Concurrent Engineering L obiettivo base e`: Generare conoscenza utile... Esplorando simultaneamente soluzioni molteplici, mediante analisi e test rapidi ed a basso costo per... Imparare dalle diverse soluzioni, eliminando quelle non utili, e... Convergendo su una soluzione solo dopo che e` stata provata... Il tutto arricchendo la base di conoscenze di curve di trade off, checklist,...etc Occorre chiedersi cosa serve per andare avanti ed evitare di decidere su aspetti incerti troppo presto, investigando fattivamente le possibili alternative Il compito del manager e` evitare che le decisioni vengano prese troppo presto. Toyota General Manager of Body Engineering Slower Decision Making Leads to Steady Convergence, Forced Premature Decision Drive Rework. Morgan & Liker

32 SBCE: Aspetti di rilievo Dividere il sistema in sottosistemi che possono essere sviluppati indipendentemente, o con interazioni lasche Per ogni sottosistema (di valore) si definisce una varieta` di opzioni che vanno da quelle a basso rischio (tecnologia nota) a quelle piu` ad alto rischio (ma con maggiori guadagni) Si confrontano le opzioni verso vincoli, dati di riferimento e checklist che descrivono: Vincoli e caratteristiche richieste o proprie del cliente (es. Performance, durata,...) Vincoli e caratteristiche richieste dalla Produzione (limitazioni produttive, costi di produzione, qualita` richiesta,...) Vincoli e caratteristiche proprie del prodotto (affidabilita` richiesta, sicurezza,...) Si attua un processo di selezione controllata delle soluzioni, cercando anche di integrare le caratteristiche positive delle soluzioni tra loro superandone i difetti Tutte le decisioni sono prese sulla base di dati ed analisi che evidenziano la razionalita` delle scelte Si usano gli eventi di integrazione (vedi la programmazione pull) per creare momenti di cross-check della soluzione ed arrivare a convergere verso la soluzione ottimale

33 Team di esperti Se la base dello sviluppo prodotti e` la conoscenza, e` fondamentale sviluppare Team di Esperti e dare loro gli strumenti per scambiare la conoscenza in modi che aumentino il valore e diminuiscano gli sprechi In Toyota un Design Engineer passa il primo anno tra produzione e vendite prima di entrare nell area di destinazione, acquisendo una notevole conoscenza delle problematiche di manufacturing, sales e del cliente Il DE ha quindi consapevolezza di come e dove verra` impiegato il risultato del suo lavoro e di chi sono i suoi clienti all interno della catena del valore che dalla progettazione passa al manufacturing ed alla vendita per arrivare al cliente

34 Team di esperti Toyota adotta una struttura funzionale Il progettista risponde al suo responsabile funzionale,... Ma e` chiaro a tutti che il successo dell azienda dipende dal successo dei suoi progetti e che il CE rappresenta il Cliente I manager funzionali sono insegnanti prima che manager saper insegnare e` uno skill base per essere promossi Le modalita` con cui e` sviluppata, codificata e scambiata la conoscenza sono anch esse oggetto di training e coaching continuo Curve di trade off Checklist Engineering Standard Eventi di riflessione durante ed a fine progetto (Lessons Learned & Learning Lessons) One page A3 format Problem Solving / PDCA Focalizzazione sui fatti e la logica, basati sulla osservazione diretta

35 Project Corner e Visual Management Project Corner si definisce un luogo nell ambiente di lavoro dedicato al team di progetto. E` l ambiente dove il team discute ed approfondisce aspetti tecnici Visual Management strumenti visivi come pannelli e tabelloni, lavagne bianche etc che supportano la comunicazione nel conrso degli incontri e costituiscono la traccia dello svilupparsi del progetto (es. Il tabellone di planning)

36 Tipi di progetti e planning Variazioni incrementali Prodotto di nuova generazione Prodotto strategico e discontinuita` Prodotto Piccoli miglioramenti Aggiunta alla gamma di una famiglia di prodotti Nuovo prodotto Processo Variazioni incrementali Miglioramento di processo per il nuovo prodotto Nuovo Processo Stabilire una cadenza legata al mercato

37 Eventi Chiave Fissati dal Mng Engineering #1 Engineering #2 Engineering #3 Test Labs Manufacturing Acquisti Sist Inf 9 Kick Off 8 Pianificazione tirata dagli eventi (esempio) 0 Prodotto Finale Prototipo Beta Release Gestione degli interrupt -> differiti alla sessione di scoping PLANNING (VSM) Scoping & reflection Reflection Scoping & reflection Scoping & reflection Scoping & reflection Scoping & reflection Scoping & reflection Scoping & reflection Scoping & reflection

38 Gestire il flusso delle attivita` Ogni attivita` che non porta alla realizzazione di HW/SW o produce conoscenza usabile ed utile deve essere eliminata (MUDA) o ridefinita in modo che lo faccia La cadenza dei progetti e la definizione degli eventi pull, assieme alla gestione degli interrupt, consente di eliminare problemi di sovraccarico (MURI) delle persone e di allungamento dei tempi legati ai tempi di reazione delle stesse Eliminare problemi di variabilita` nella domanda dell impiego delle persone (MURA) bilanciando il carico nel progetto e tra progetti paralleli Il SBCE aiuta nella gestione dei cicli di attivita`, supportando la possibilita` di ridurre il numero di cicli di apprendimento e sviluppo se necessario pur mantenendo il committment verso una soluzione coerente con la vision del CE e le esigenze del cliente

39 Riepilogo Chief Engineer Set Based Concurrent Engineering More Profitable Operational Processes to Customer Value Pianificazione Pull Team di Esperti Ispirato da: Ward Lean Product and Process Development

40 Sommario Perche` Toyota? Il Sistema Lean L innovazione dei prodotti Per finire...

41 ... Un aneddoto Nell antica Grecia, un Giovane che andava ad Atene incontro` un Saggio Quanto ci vuole per arrivare ad Atene? chiese il Giovane Cammina! Cammina! fu la risposta decisa del Saggio. Il Giovane riprese la sua strada un po` contrariato ma non appena ebbe fatto 20 passi il Saggio gli urlo : 2 Ore! Con disappunto il Giovane torno` indietro e chiese: Perche` non me lo hai detto subito? Avevo bisogno di vedere come camminavi per poterti dire in quanto tempo saresti arrivato il Saggio rispose Tratto da: Reinersten, Smith Developing Products in Half the Time

42 Riferimenti - produzione Libri Womack, Jones - Lean Thinking - Simon & Schuster Liker - The Toyota Way Mc Graw Hill Ohno Lo spirito Toyota Einaudi Womack, Jones, Roos The machine that changed the world HarperPerennial Galgano Le tre rivoluzioni Guerini e Associati Bonfiglioli Pensare Snello, Lean Thinking alla maniera italiana Franco Angeli Articoli James P. Womack and Daniel T. Jones, Beyond Toyota: How to Root Out Waste and Pursue Perfection, Harvard Business Review, September-October 1996 Steven Spear and H. Kent Bowen, Decoding the DNA of the Toyota Production System, Harvard Business Review, September-October 1999 Steven J. Spear, Learning to Lead at Toyota, Harvard Business Review, May 2004 R. Eugene Goodson, Read a Plant Fast, Harvard Business Review, May 2002 Internet -> il sito di riferimento del Lean Enterprise Institute -> molto materiale sulla applicazione nella Sanita` / Ospedali

43 Riferimenti - progettazione Libri Ward Lean Product and Process Development Lean Enterprise Institute Reinertsen, Smith Developing Products in Half the Time John Wiley & Sons Morgan, Liker - The Toyota Product Development System: Integrating People, Process And Technology Productivity Press Liker - The Toyota Way Mc Graw Hill Poppendieck Lean Software Development Addison Wesley May The Elegant Solution Free Press Hideshi Itazaki - The Prius that Shook the World How Toyota Developed the world s mass production hybrid vehicle Articoli A. Ward et alii, The Second Toyota Paradox: How Delaying Decisions Can Make Better Car Faster, Sloan Management Review/Spring 1995 D. Sobek II et alii, Another Look at How Toyota Integrates Product Development, Harvard Business Review July- August 1998 D. Sobek II et alii, Toyota s Principles of Set-Based Concurrent Engineering, Sloan Management Review/Winter 1999 Internet -> interessante webinar e slide sul Lean Product Development di Sobek -> per il software (Poppendieck) -> per il software (Scrum) -> per il software

44 Un primo percorso di lettura per PM (*) Produzione Progettazione Womack, Jones - Lean Thinking Reinertsen, Smith - Developing Products in Half the Time (**) Liker - The Toyota Way Ward Lean Product and Process Development Morgan, Liker - The Toyota Product Development System Note: (*) la conoscenza delle metodologie di produzione e` una utile base per la comprensione delle metodologie di progettazione (**) un classico sulla progettazione in contesti di Time Based Competition anche se non cita direttamente le metodologie di Lean Product Development

Lean Project Management

Lean Project Management Perchè Toyota e il Sistema Lean Andrea Pinnola Socio PMI-NIC, Project Manager Telecom Italia Milano, 22 febbraio 2008 Indice della presentazione Perche` Toyota Il Lean Thinking Introduzione al Lean Thinking

Dettagli

Fabrizio Bianchi-Università Carlo Cattaneo LIUC. di più con meno

Fabrizio Bianchi-Università Carlo Cattaneo LIUC. di più con meno Fabrizio Bianchi-Università Carlo Cattaneo LIUC di più con meno Lean Lean Manufacturing Lean Production Lean Factory Fabbrica Snella Produzione Snella Fabbrica Integrata.. Toyota Production System (TPS)

Dettagli

LEAN ORGANIZATION: Introduzione ai Principi e Metodi dell Organizzazione Snella

LEAN ORGANIZATION: Introduzione ai Principi e Metodi dell Organizzazione Snella Introduzione ai Principi e Metodi dell Organizzazione Snella by Per avere ulteriori informazioni: Visita il nostro sito WWW.LEANNOVATOR.COM Contattaci a INFO@LEANNOVATOR.COM 1. Introduzione Il termine

Dettagli

Le basi del Pensiero Snello: distinguere il valore dallo spreco

Le basi del Pensiero Snello: distinguere il valore dallo spreco Le basi del Pensiero Snello: distinguere il valore dallo spreco A cura di CUOA Lean Enterprise Center Roberto Ronzani rronzani@cuoa.it www.leancenter.it Il contesto competitivo: la crisi Forte pressione

Dettagli

Approccio Sistemico all innovazione: il Sistema Lean Ripensare la sterilizzazione dei DM. Sfide organizzative e soluzioni innovative

Approccio Sistemico all innovazione: il Sistema Lean Ripensare la sterilizzazione dei DM. Sfide organizzative e soluzioni innovative Approccio Sistemico all innovazione: il Sistema Lean Ripensare la sterilizzazione dei DM. Sfide organizzative e soluzioni innovative Pisa, 6 febbraio 2015 Una filosofia industriale ispirata al Toyota Production

Dettagli

ECONOMIA ED ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Dott. Alessandro Bacci bacciale@unisi.it Ricevimento: Venerdi ore 13.00-15.

ECONOMIA ED ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Dott. Alessandro Bacci bacciale@unisi.it Ricevimento: Venerdi ore 13.00-15. ECONOMIA ED ORGANIZZAZIONE AZIENDALE Dott. Alessandro Bacci bacciale@unisi.it Ricevimento: Venerdi ore 13.00-15.00 su appuntamento 1 Testi consigliati: Catturi (2003), L azienda universale, Cedam, Padova

Dettagli

Introduzione alla filosofia Lean

Introduzione alla filosofia Lean Introduzione alla filosofia Lean La storia, il modello Toyota, i modelli europei applicati alle PMI Michele Bonfiglioli Cuneo, 28 giugno 2011 I pionieri: Taylor e Ford (prima metà del XX secolo) Per capire

Dettagli

Lean Organization: Riorganizzare le Operations secondo i principi e le tecniche Lean al fine di ridurre i costi e creare valore per il cliente

Lean Organization: Riorganizzare le Operations secondo i principi e le tecniche Lean al fine di ridurre i costi e creare valore per il cliente Lean Organization: Riorganizzare le Operations secondo i principi e le tecniche Lean al fine di ridurre i costi e creare valore per il cliente Pagina 1 La produzione Artigianale Nel 1894, l'onorevole Evelyn

Dettagli

Produzione. Durata e costi. A chi è indirizzato. Obiettivi

Produzione. Durata e costi. A chi è indirizzato. Obiettivi 34 P01 Il miglioramento rapido in produzione in ottica lean : il Quick Kaizen Approccio innovativo ispirato a principi e tecniche di Lean Production e TPS Il QuicK Kaizen è un approccio innovativo per

Dettagli

improving performance Il miglioramento dei Processi Aziendali: Lean Thinking e Six Sigma Aldo Gallarà

improving performance Il miglioramento dei Processi Aziendali: Lean Thinking e Six Sigma Aldo Gallarà Il miglioramento dei Processi Aziendali: Lean Thinking e Six Sigma Aldo Gallarà Novara, 10 Luglio 2014 1 Paradigma tradizionale delle prestazioni Nel passato, le aziende credevano che un miglioramento

Dettagli

Dal fordismo al toyotismo

Dal fordismo al toyotismo Dal fordismo al toyotismo Gestione della Produzione II Evoluzione storica dell OM Anni Concetti Tecniche Ideatori e paesi '10 Scientific management Studio dei tempi & metodi Taylor (USA) '30 Controllo

Dettagli

Percorso di specializzazione: Sviluppo Nuovi Prodotti Tecniche potenti di progettazione e industrializzazione

Percorso di specializzazione: Sviluppo Nuovi Prodotti Tecniche potenti di progettazione e industrializzazione Percorso di specializzazione: Sviluppo Nuovi Prodotti Tecniche potenti di progettazione e industrializzazione Un percorso dedicato Riduzione costi Qualità Oobeya Room Product Development Value Stream Map

Dettagli

Ing. Stefano Frassetto www.sige.ge.it info@sige.ge.it Un MIX riuscito

Ing. Stefano Frassetto www.sige.ge.it info@sige.ge.it Un MIX riuscito Ing. Stefano Frassetto www.sige.ge.it info@sige.ge.it Un MIX riuscito Servizi Industriali Genova SIGE s.r.l. We reserve all rights of disposal such as copying and passing on to third parties. 2 1 Salute

Dettagli

Excellence Production System

Excellence Production System Workshop Project Management 2012 Beyond The Project Lean Manufacturing un nuovo modello per l eccelenza Excellence Production System Salerno 27 Gennaio 2012 Giovanni Tullio Scenario : Superare la crisi

Dettagli

Sono presenti le principali pubblicazioni oggi reperibili in lingua italiana e inglese.

Sono presenti le principali pubblicazioni oggi reperibili in lingua italiana e inglese. Page 1 of 5 Bibliografia Sono presenti le principali pubblicazioni oggi reperibili in lingua italiana e inglese. Autore: Womack, James P., Jones, Daniel T. Titolo: Lean thinking : come creare valore e

Dettagli

LEAN ORGANIZATION C A T A L O G O C O R S I L E A N 2 0 1 3 BPR GROUP

LEAN ORGANIZATION C A T A L O G O C O R S I L E A N 2 0 1 3 BPR GROUP LEAN ORGANIZATION Organization fabbrica snella L impatto della sui in ottica 1 8 14 Trasmettere i principi teorici e definire, in termini di logica ed operatività, le principali metodologie del Production

Dettagli

Lean Thinking Alla ricerca dell EBIT nascosto dentro le aziende. Standard Work: uno strumento fondamentale a supporto delle trasformazioni Lean

Lean Thinking Alla ricerca dell EBIT nascosto dentro le aziende. Standard Work: uno strumento fondamentale a supporto delle trasformazioni Lean Lean Thinking Alla ricerca dell EBIT nascosto dentro le aziende Standard Work: uno strumento fondamentale a supporto delle trasformazioni Lean Castellanza, 21 novembre 2011 Fabio Salomone Responsabile

Dettagli

Principi del Lean Thinking per la sostenibilità in ambito sanitario

Principi del Lean Thinking per la sostenibilità in ambito sanitario Principi del Lean Thinking per la sostenibilità in ambito sanitario Dott. Ing. Paolo Abundo Dott. Ing. Luca Armisi Servizio di Ingegneria Medica Fondazione PTV Policlinico Tor Vergata di Roma Napoli, 12/04/2013

Dettagli

Sviluppo prodotto. La gestione integrata del processo di innovazione e sviluppo prodotto >> 65. Giorgio Troni

Sviluppo prodotto. La gestione integrata del processo di innovazione e sviluppo prodotto >> 65. Giorgio Troni Sintesi L obiettivo di Triad Innovation (gestione integrata del processo di innovazione e sviluppo prodotto) è di fornire alle aziende uno strumento che possa essere di supporto al miglioramento delle

Dettagli

Il Pensiero Lean Copyright Bernardo Nicoletti 15 Giugno 2011

Il Pensiero Lean Copyright Bernardo Nicoletti 15 Giugno 2011 Il Pensiero Lean Indice La Gestione per Processi Il Pensiero Lean (Snello) Il Lean Six Sigma Gli strumenti Un esempio Indagine in Italia Inizialmente Oggi Il Pensiero Snello (Lean Thinking) Introdotto

Dettagli

Lean Thinking. 29 maggio 2015. A cura di: Giuliano Ghillani Paolo Muttoni

Lean Thinking. 29 maggio 2015. A cura di: Giuliano Ghillani Paolo Muttoni Lean Thinking 29 maggio 2015 A cura di: Giuliano Ghillani Paolo Muttoni AGENDA CUOA Business School e il Lean Enterprise Center Le origini del Lean Thinking I 5 principi Gli 8 MUDA (sprechi) L azienda

Dettagli

LA LEAN MANUFACTURING E TOYOTA. QualitiAmo La Qualità gratis sul web

LA LEAN MANUFACTURING E TOYOTA. QualitiAmo La Qualità gratis sul web LA LEAN MANUFACTURING E TOYOTA GLI SPRECHI DA EVITARE Quali erano gli sprechi che Toyota voleva evitare, applicando la Produzione snella? Essenzialmente 3: le perdite di tempo legate alle rilavorazioni

Dettagli

Prefazione all edizione italiana

Prefazione all edizione italiana Prefazione all edizione italiana Più di venticinque anni fa Masaaki Imai, guru della strategia di miglioramento continuo, introduceva il mondo occidentale al concetto di Kai Zen e ai sistemi che nelle

Dettagli

Il Lean Thinking in Sanità

Il Lean Thinking in Sanità INCONTRO TRA NARRAZIONI E EVIDENZE PER UNA SANITÀ DA TRASFORMARE Il Lean Thinking in Sanità Milano 28 ottobre 2011 Carlo Magni Da qualche anno si parla di LEAN THINKING negli Ospedali: Alcuni articoli

Dettagli

Lean & Digitize: Eccellenza nella Gestione Documentazione. Bernardo Nicoletti, Milano, 19 settembre 2013

Lean & Digitize: Eccellenza nella Gestione Documentazione. Bernardo Nicoletti, Milano, 19 settembre 2013 Lean & Digitize: Eccellenza nella Gestione Documentazione Bernardo Nicoletti, Milano, 19 settembre 2013 JIDOKA JUST IN TIME Il Toyota Production System Kiichiro Toyoda Taiichi Ohno Jidoka Anni 20 Just

Dettagli

METODI E STRUMENTI PER GESTIRE LA COMPLESSITÀ ASSISTENZIALE LEAN THINKING IN SANITÀ

METODI E STRUMENTI PER GESTIRE LA COMPLESSITÀ ASSISTENZIALE LEAN THINKING IN SANITÀ METODI E STRUMENTI PER GESTIRE LA COMPLESSITÀ ASSISTENZIALE LEAN THINKING IN SANITÀ Francesca Ciarpella Fermo 14 e 15 novembre 2013 SPENDING REVIEW TAGLI ALLA SANITÀ AUMENTO DELLA DURATA DELLA VITA MEDIA

Dettagli

LogicaLean: principi e metodologie. Dr. Antonio Cavaleri Lean/6 sigma Application Expert Abbott Diagnostics

LogicaLean: principi e metodologie. Dr. Antonio Cavaleri Lean/6 sigma Application Expert Abbott Diagnostics LogicaLean: principi e metodologie Dr. Antonio Cavaleri Lean/6 sigma Application Expert Abbott Diagnostics Sanità Italiana - scenario Forte pressioni (da Ministero e Assessorati) sulle Aziende Sanitarie

Dettagli

CORSO LA GESTIONE DEL MARKETING AZIENDALE AI TEMPI DEL WEB 3.0 12 ore

CORSO LA GESTIONE DEL MARKETING AZIENDALE AI TEMPI DEL WEB 3.0 12 ore CORSO LA GESTIONE DEL MARKETING AZIENDALE AI TEMPI DEL WEB 3.0 12 ore OBIETTIVI DEL CORSO: Il corso consente al partecipante di venire a conoscenza delle opportunità che la gestione del web marketing moderno

Dettagli

tutti gli attori della filiera sono rappresentati: compagnie università cooptazione e ha una duplice collocazione, a Milano e, dal 2012, a Roma a Roma

tutti gli attori della filiera sono rappresentati: compagnie università cooptazione e ha una duplice collocazione, a Milano e, dal 2012, a Roma a Roma il Club delle Teste Pensanti è un think tank turistico fondato nel 2010 e gestito da Roberto Gentile la community di riferimento è formata da top manager, imprenditori e opinion maker dell industria turistica

Dettagli

TOYOTA. Strategia e politica aziendale A.A. 2012/2013 LAURA CORRIAS

TOYOTA. Strategia e politica aziendale A.A. 2012/2013 LAURA CORRIAS TOYOTA Strategia e politica aziendale A.A. 2012/2013 LAURA CORRIAS 1 1. ANALISI DEL SETTORE 2. TOYOTA 3. LANCIO AYGO 4. CONCLUSIONI 2 INDUSTRIA Più IMPORTANTE PER FATTURATO La rilevanza del settore si

Dettagli

Sistemi produttivi Just In Time. Just-In-Time Systems (Lean Production)

Sistemi produttivi Just In Time. Just-In-Time Systems (Lean Production) Sistemi produttivi Just In Time Just-In-Time Systems (Lean Production) 1 Origini del JIT e della Produzione Snella Introdotto da Toyota Adottato da altre aziende giapponesi Introdotto successivamente nelle

Dettagli

GESTIONE DELLA PRODUZIONE LEAN PRODUCTION E JIT

GESTIONE DELLA PRODUZIONE LEAN PRODUCTION E JIT GESTIONE DELLA PRODUZIONE LEAN PRODUCTION E JIT Corso di TECNOLOGIA, INNOVAZIONE, QUALITÀ Prof. Alessandro Ruggieri Prof. Enrico Mosconi A.A. 2012-2013 Oggetto della lezione Gestione della produzione Lean

Dettagli

Presentazione delle attività di consulenza relative a: LEAN WAREHOUSING

Presentazione delle attività di consulenza relative a: LEAN WAREHOUSING Presentazione delle attività di consulenza relative a: LEAN WAREHOUSING Via Durando, 38-20158 Milano Italy Tel +39 02 39 32 56 05 - Fax +39 02 39 32 56 00 www.simcoconsulting.it - E-mail c.cernuschi@simcoconsulting.it

Dettagli

Il Ruolo della Supply Chain in una Knowledge Company

Il Ruolo della Supply Chain in una Knowledge Company Il Ruolo della Supply Chain in una Knowledge Company Bologna 19 marzo 2014 Alessandro Berzolla COO - Chief Operations Officer +39 0525 550711 a.berzolla@dallara.it 17/03/2014 1 Prodotti e Servizi Progettazione,

Dettagli

CREARE VALORE ELIMINANDO GLI SPRECHI

CREARE VALORE ELIMINANDO GLI SPRECHI INTRODUZIONE ALLA (TOYOTA PRODUCTION SYSTEM) CREARE VALORE ELIMINANDO GLI SPRECHI AICQ PIEMONTE 27 SETTEMBRE 2011 BARVIN SAS 1 LEAN PRODUCTION Tanti modi di dire, tanti approcci... UNA SOLA RADICE! Toyota

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE 24 ore

PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE 24 ore PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE 24 ore OBIETTIVI DEL CORSO: Il programma si propone di fornire alle aziende indicazioni che possano essere di supporto al miglioramento delle prestazioni del loro processo

Dettagli

INNOVATION MANAGEMENT L innovazione per il miglioramento della competitività

INNOVATION MANAGEMENT L innovazione per il miglioramento della competitività 1 INNOVZIONE CONTINU E MIGLIORMENTO ORGNIZZTIVO - KIZEN Roma, 26-27 Ottobre 2015 2 INNOVZIONE CONTINU E MIGLIORMENTO ORGNIZZTIVO - KIZEN L inizio della storia Toyota risale a oltre cento anni fa, quando

Dettagli

TOOLKIT. Lean Management nella progettazione e sviluppo dei prodotti. Perché il Lean Thinking nello sviluppo dei prodotti?

TOOLKIT. Lean Management nella progettazione e sviluppo dei prodotti. Perché il Lean Thinking nello sviluppo dei prodotti? TOOLKIT Lean Management nella progettazione e sviluppo dei prodotti Stefano Biazzo Università di Padova Sviluppare processi di progettazione e sviluppo sempre più rapidi e sempre più affidabili è ormai

Dettagli

di ing. Simone Tischler, dott. Federico Cal, dott. Luca Sarto IDRA S.R.L. www.idramanagement.com

di ing. Simone Tischler, dott. Federico Cal, dott. Luca Sarto IDRA S.R.L. www.idramanagement.com SISTEMI DI GESTIONE INTEGRATA E LEAN THINKING: L ECCELLENZA ORGANIZZATIVA. Strumenti chiave per la nuova competitività aziendale nel pieno rispetto normativo. di ing. Simone Tischler, dott. Federico Cal,

Dettagli

Verona 18 novembre 2010 Ing. Ezio MIOZZO www.ingmiozzo.it. Ing.Ezio MIOZZO

Verona 18 novembre 2010 Ing. Ezio MIOZZO www.ingmiozzo.it. Ing.Ezio MIOZZO Verona 18 novembre 2010 Ing. Ezio MIOZZO www.ingmiozzo.it 1 Indice Il contesto Metodologie Agili L extreme Project Management Lean Thinking o pensiero Snello Convergenza dei vari approcci 2 Contesto Da

Dettagli

GESTIONE DELLA QUALITA TOTALE. I livelli del Progresso Tecnologico. Evoluzione dei Sistemi Produttivi. Fino al XVIII sec.

GESTIONE DELLA QUALITA TOTALE. I livelli del Progresso Tecnologico. Evoluzione dei Sistemi Produttivi. Fino al XVIII sec. GESTIONE DELLA QUALITA TOTALE Prof.ssa Federica Murmura Anno Accademico 2009-2010 1 I livelli del Progresso Tecnologico Simondon (1958) distingue storicamente tre livelli dello sviluppo tecnologico, ognuno

Dettagli

Accrescere la produttività e la soddisfazione dei clienti tramite l integrazione di processi e persone

Accrescere la produttività e la soddisfazione dei clienti tramite l integrazione di processi e persone Breganze, 26 novembre 2013 1 Lean Organization Innovare organizzazioni e processi per crescere nel mercato globale Accrescere la produttività e la soddisfazione dei clienti tramite l integrazione di processi

Dettagli

Tecnologie e Logistiche di Magazzino. Ing. Peressi Andrea Resp. Programmazione Produzione e I.T.

Tecnologie e Logistiche di Magazzino. Ing. Peressi Andrea Resp. Programmazione Produzione e I.T. Tecnologie e Logistiche di Magazzino Ing. Peressi Andrea Resp. Programmazione Produzione e I.T. Azienda Mercato: Produzione di magazzini industriali Fatturato anno 2010: 28,5 ML Occupa 150 dipendenti in

Dettagli

PerCorsi Lean Production Training per diventare snelli

PerCorsi Lean Production Training per diventare snelli PerCorsi Lean Production Training per diventare snelli I N D I C E Introduzione pag. 3 Lean Production pag. 4 Percorsi pag. 5 Zoom pag. 6 Contatti pag. 7 La formazione a firma Bosch TEC Bosch Training

Dettagli

Comer Academy. La sede

Comer Academy. La sede Comer Academy Nata nel 2008 per sostenere il processo di cambiamento dell azienda, Comer Academy è il centro per la diffusione della cultura dell eccellenza alla base del modello di business di Comer Industries.

Dettagli

4 Servizi e soluzioni

4 Servizi e soluzioni Servizi e soluzioni 4 Ogni azienda, nel senso etimologico del termine, è concepita come un sistema complesso composto da processi interdipendenti e correlati tra loro teso al raggiungimento di un obiettivo

Dettagli

Miglioramento Continuo. *Un tempo decideva il produttore

Miglioramento Continuo. *Un tempo decideva il produttore Che cos è il Lean? Quando nasce? Quali sono i principi? Qual è l obiettivo? Che cosa sono gli sprechi? Un tempo decideva il produttore Costo + Margine = Prezzo Oggi il prezzo lo stabilisce il cliente!

Dettagli

I REQUISITI DELLA ISO TS16949. Nella logica della gestione per processi.

I REQUISITI DELLA ISO TS16949. Nella logica della gestione per processi. I REQUISITI DELLA ISO TS16949 Nella logica della gestione per processi. 14 Novembre - 2002 14-11-02 1 SCADENZE: QUADRO DI SINTESI ISO serie 9000:1994 (in vigore dal 1994 - al 12.2003) EVOLUZIONE NORMATIVA

Dettagli

L INDUSTRIA MANIFATTURIERA

L INDUSTRIA MANIFATTURIERA COME? RILANCIARE L INDUSTRIA MANIFATTURIERA DAL LEAN THINKING AL WORD CLASS MANUFACTURING AL NEW LEAN THINKING, UNA EVOLUZIONE CONTINUA DELLE METODOLOGIE ORGANIZZATIVE PER FARE DI PIÙ E SPENDERE MENO Dott.

Dettagli

La riorganizzazione della Supply Chain secondo i principi lean :

La riorganizzazione della Supply Chain secondo i principi lean : Consulenza di Direzione Management Consulting Formazione Manageriale HR & Training Esperienza e Innovazione La riorganizzazione della Supply Chain secondo i principi lean : un passo chiave nel percorso

Dettagli

Sommario. 3.1 Introduzione... 91 3.2 I fondamenti del Six Sigma... 92 3.3 Perché il Lean Six Sigma nei servizi?... 96

Sommario. 3.1 Introduzione... 91 3.2 I fondamenti del Six Sigma... 92 3.3 Perché il Lean Six Sigma nei servizi?... 96 1. Il Lean Thinking Nelle Aziende Di Servizi 1.1 Introduzione... 27 1.2 Significato di azienda di servizi... 28 1.2.1 Intangibilità dei servizi... 29 1.2.2 Contestualità tra produzione e consumo... 29

Dettagli

executive master course www.cspmi.it Production Manager Modena, aprile - dicembre 2014 Sempre un passo avanti

executive master course www.cspmi.it Production Manager Modena, aprile - dicembre 2014 Sempre un passo avanti executive master course www.cspmi.it Production Manager Modena, aprile - dicembre 20 Sempre un passo avanti EXECUTIVE MASTER COURSE Production Manager OBIETTIVI Il corso mette in condizione i partecipanti

Dettagli

Richard J. Schonberger, PhD Independent researcher, author, trainer, speaker Bellevue, Washington State, USA

Richard J. Schonberger, PhD Independent researcher, author, trainer, speaker Bellevue, Washington State, USA Premessa È per me un piacere e un onore scrivere questa prefazione al testo World Class Manufacturing: origine, sviluppo e strumenti. Coglierò l occasione per ripercorrere e analizzare l evoluzione storica

Dettagli

Lean Production. e approccio Just In Time CORSO DI GESTIONE DELLA PRODUZIONE INDUSTRIALE. Lean Production. Value stream e lotta agli sprechi

Lean Production. e approccio Just In Time CORSO DI GESTIONE DELLA PRODUZIONE INDUSTRIALE. Lean Production. Value stream e lotta agli sprechi Lean Production CORSO DI GESTIONE DELLA PRODUZIONE INDUSTRIALE Lean Production e approccio Just In Time! Insieme di attività integrate progettato per ottenere alti volumi produttivi pur utilizzando scorte

Dettagli

KaiZen. La cornice per partire: i trend attuali

KaiZen. La cornice per partire: i trend attuali KaiZen La cornice per partire: i trend attuali FORZE ESTERNE GLOBALIZZAZIONE Quantità vendute La coda lunga Prodotti Competitività per crescere Modello di business Se funziona è vecchio Prodotto Processi

Dettagli

Lean Champion, Diventare esperti di Lean in Aziende Manifatturiere e di Servizi Percorso di specializzazione

Lean Champion, Diventare esperti di Lean in Aziende Manifatturiere e di Servizi Percorso di specializzazione La Scuola di Formazione del Gruppo Galgano è attiva dal 1962 con formatori di notevole esperienza Lean Champion, Diventare esperti di Lean in Aziende Manifatturiere e di Servizi Percorso di specializzazione

Dettagli

CORSO LA GESTIONE DEL MARKETING AZIENDALE AI TEMPI DEL WEB 3.0 12 ore

CORSO LA GESTIONE DEL MARKETING AZIENDALE AI TEMPI DEL WEB 3.0 12 ore CORSO LA GESTIONE DEL MARKETING AZIENDALE AI TEMPI DEL WEB 3.0 12 ore OBIETTIVI DEL CORSO: Il corso consente al partecipante di venire a conoscenza delle opportunità che la gestione del web marketing moderno

Dettagli

Francesco Castagna. Roberto Cerchione. Università degli Studi di Napoli Federico II. Università degli Studi di Napoli Federico II

Francesco Castagna. Roberto Cerchione. Università degli Studi di Napoli Federico II. Università degli Studi di Napoli Federico II Francesco Castagna Università degli Studi di Napoli Federico II E-mail: francesco.castagna@unina.it Roberto Cerchione Università degli Studi di Napoli Federico II E-mail: roberto.cerchione@unina.it The

Dettagli

Lean management: teoria e pratica, dalla Toyota a Naar Tour Operator. Milano - Portolano Cavallo Studio Legale giovedì 21 febbraio 2013

Lean management: teoria e pratica, dalla Toyota a Naar Tour Operator. Milano - Portolano Cavallo Studio Legale giovedì 21 febbraio 2013 Lean management: teoria e pratica, dalla Toyota a Naar Tour Operator Milano - Portolano Cavallo Studio Legale giovedì 21 febbraio 2013 le Teste Pensanti di oggi Andrea De Bernardi, Tmind Claudio Martinolli,

Dettagli

LEAN OFFICE & SERVICE

LEAN OFFICE & SERVICE LEAN OFFICE & Percorso di Certificazione Advanced 2015 People & Organizational Development Realizzato in collaborazione con Telos Consulting Z1138 I Edizione / Executive Education 26 OTTOBRE 2015 24 NOVEMBRE

Dettagli

I METODI DEL MIGLIORAMENTO

I METODI DEL MIGLIORAMENTO I METODI DEL MIGLIORAMENTO 1 Le macro-tipologie di intervento di miglioramento: Su base giornaliera: è un intervento che può essere applicato quando i processi rispondono agli obiettivi aziendali, ma possono

Dettagli

Agenda. 10:00-10:15 Benvenuto e Introduzione. 10:15-10:45 Rinnovare l innovazione. 10:45-11:15 Innovare con successo : Fast To Market

Agenda. 10:00-10:15 Benvenuto e Introduzione. 10:15-10:45 Rinnovare l innovazione. 10:45-11:15 Innovare con successo : Fast To Market Agenda 10:00-10:15 Benvenuto e Introduzione Manlio Rizzo - Managing Partner and CEO AchieveGlobal Italia Fabio Raho - Sr. Solution Strategist Governance CA-Italy 10:15-10:45 Rinnovare l innovazione Nicola

Dettagli

LEAN GREEN BELT EXECUTIVE : LEAN INSTITUTE ITALY TRAINING

LEAN GREEN BELT EXECUTIVE : LEAN INSTITUTE ITALY TRAINING LEAN GREEN BELT EXECUTIVE: PER UNA VERA LEADERSHIP DI SUCCESSO Formazione Professionale LEAN per la Direzione. Molti gruppi internazionali hanno avviato o stanno avviando programmi d implementazione del

Dettagli

International Independent Board for Lean Certification

International Independent Board for Lean Certification PROGRAMMI IIBLC International Independent Board for Lean Certification EXECUTIVE MASTER LEAN BLACK BELT PER LA CERTIFICAZIONE INTERNAZIONALE CBBL Certified Black Belt in Lean Executive Master Lean BLACK

Dettagli

Il Lean Management nella piccola-media impresa.

Il Lean Management nella piccola-media impresa. Corso di Laurea magistrale in Sviluppo Economico e dell Impresa Tesi di Laurea Il Lean Management nella piccola-media impresa. Relatore Ch.ma Prof.ssa Anna Cabigiosu Laureanda Erika Vecchiato Matricola

Dettagli

L offerta di consulenza per l ideazione e lo sviluppo di prodotti e servizi innovativi

L offerta di consulenza per l ideazione e lo sviluppo di prodotti e servizi innovativi L offerta di consulenza per l ideazione e lo sviluppo di prodotti e servizi innovativi La nostra visione sull Innovazione L'Innovazione di prodotto e tecnologica è una delle leve principali a disposizione

Dettagli

LEAN GREEN BELT EXECUTIVE : LEAN INSTITUTE ITALY (R) TRAINING

LEAN GREEN BELT EXECUTIVE : LEAN INSTITUTE ITALY (R) TRAINING EXECUTIVE: PER UNA VERA LEADERSHIP DI SUCCESSO Formazione Professionale LEAN per la Direzione. Molti gruppi internazionali hanno avviato o stanno avviando programmi d implementazione del Lean. Il vertice

Dettagli

Master Class in Lean Production

Master Class in Lean Production Master Class in Lean Production Practical Workshop in Japan Comprendere le tecniche Lean e aumentare la capacità di gestione del cambiamento Master Class In Lean Production Obiettivi Con questo viaggio

Dettagli

Il Lean: Storia e Principi. Maristella Mencucci Direttore SOS Assistenza Infermieristica Azienda ASL 10 Firenze

Il Lean: Storia e Principi. Maristella Mencucci Direttore SOS Assistenza Infermieristica Azienda ASL 10 Firenze Il Lean: Storia e Principi Maristella Mencucci Direttore SOS Assistenza Infermieristica Azienda ASL 10 Firenze Come la Lean Organization ci può supportare? SCOPO FLUSSO Il mezzo per raggiungere un organizzazione

Dettagli

Lean Leadership. 30 Settembre 2014 Alberto Portioli. Prof. Alberto Portioli Staudacher www.lean-excellence.it. alberto.portioli@polimi.

Lean Leadership. 30 Settembre 2014 Alberto Portioli. Prof. Alberto Portioli Staudacher www.lean-excellence.it. alberto.portioli@polimi. Lean Leadership Prof. Alberto Portioli Staudacher www.lean-excellence.it Dipartimento Ing. Gestionale Politecnico di Milano alberto.portioli@polimi.it E il momento di decidere di sopravvivere e reagire

Dettagli

LEAN MANUFACTURING - PRINCIPI E METODI DELL ORGANIZZAZIONE SNELLA

LEAN MANUFACTURING - PRINCIPI E METODI DELL ORGANIZZAZIONE SNELLA LEAN MANUFACTURING - PRINCIPI E METODI DELL ORGANIZZAZIONE SNELLA Nuovi e sempre più agguerriti concorrenti, uniti a trend economici negativi generano sfide competitive sempre più pressanti che impongono

Dettagli

PROGRAMMA DI CERTIFICAZIONE PER AGENTI DEL CAMBIAMENTO LEAN: IMPARARE A TRASFORMARE LA SANITÀ ATTRAVERSO IL TOYOTA MANAGEMENT SYSTEM.

PROGRAMMA DI CERTIFICAZIONE PER AGENTI DEL CAMBIAMENTO LEAN: IMPARARE A TRASFORMARE LA SANITÀ ATTRAVERSO IL TOYOTA MANAGEMENT SYSTEM. PROGRAMMA DI CERTIFICAZIONE PER AGENTI DEL CAMBIAMENTO LEAN: IMPARARE A TRASFORMARE LA SANITÀ ATTRAVERSO IL TOYOTA MANAGEMENT SYSTEM. 26-29 SETTEMBRE 2013 LAGO DI GARDA CREDITI ECM LEAN HEALTHCARE MANAGEMENT

Dettagli

Ridisegno Supply-chain. Esempio di un progetto di Consulenza

Ridisegno Supply-chain. Esempio di un progetto di Consulenza Ridisegno Supply-chain Esempio di un progetto di Consulenza Obiettivo dell intervento 1. Mappare l attuale sistema logistico-produttivo dei tappi mettendo in evidenza le criticità ed i potenziali miglioramenti;

Dettagli

SISTEMI INFORMATIVI. Definizione, classificazioni

SISTEMI INFORMATIVI. Definizione, classificazioni SISTEMI INFORMATIVI Definizione, classificazioni IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE A cosa serve una definizione? a identificare i confini del SI a identificarne le componenti a chiarire le variabili progettuali

Dettagli

PERCORSO di ECCELLENZA in LEAN MANUFACTURING

PERCORSO di ECCELLENZA in LEAN MANUFACTURING PERCORSO di ECCELLENZA in LEAN MANUFACTURING Corso N90323 Lean in progettazione di prodotto Lezione 1 Il processo e l organizzazione di sviluppo Lean dei prodotti Prof. Luigi Battezzati Ph.D. 1 Il Lean

Dettagli

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione Reliability Management La gestione del processo di Sviluppo Prodotto Ing. Andrea Calisti www.indcons.eu Chi sono... Andrea CALISTI Ingegnere meccanico dal 1995 al 2009 nel Gruppo Fiat Assistenza Clienti

Dettagli

Corso di Specializzazione. LEAN SEI SIGMA SPECIALIST Green Belt

Corso di Specializzazione. LEAN SEI SIGMA SPECIALIST Green Belt Corso di Specializzazione LEAN SEI SIGMA SPECIALIST Green Belt Meno sprechi in azienda! La globalizzazione dei mercati ha imposto alle aziende standard qualitativi del prodotto/servizio offerto sempre

Dettagli

Lean Thinking. Una leva per competere. Roberto Bonini Partner. Rif#: LG/LT001 Autore: R. Bonini Data rev: 300804

Lean Thinking. Una leva per competere. Roberto Bonini Partner. Rif#: LG/LT001 Autore: R. Bonini Data rev: 300804 Lean Thinking Una leva per competere Roberto Bonini Partner rbonini@bcsoa.it www.bcsoa.it Rif#: LG/LT001 Autore: R. Bonini Data rev: 300804 1 l modello tradizionale e la perdita di competitività 4 principali

Dettagli

LEAN THINKING 2015. Le nuove frontiere del Lean. WCM World Class Manufacturing e LEAN MANAGEMENT PERCORSI DI FORMAZIONE

LEAN THINKING 2015. Le nuove frontiere del Lean. WCM World Class Manufacturing e LEAN MANAGEMENT PERCORSI DI FORMAZIONE LEAN THINKING 2015 Le nuove frontiere del Lean PERCORSI DI FORMAZIONE WCM World Class Manufacturing e LEAN MANAGEMENT Aprile Dicembre 2015 Sommario pag. 3 4 4 6 6 7 8 11 14 14 15 PREMESSA ARTICOLAZIONE

Dettagli

Lezioni di Fondamenti di Design Management

Lezioni di Fondamenti di Design Management Lezioni di Fondamenti di Design Management a.a. 2009-10 Prof. Corrado lo Storto DIEG, Dipartimento di Ingegneria Economico-gestionale Facoltà di Ingegneria, Università di Napoli Federico II email: corrado.lostorto@unina.it

Dettagli

Forum Day Mantova, 1 Dicembre 2010 «

Forum Day Mantova, 1 Dicembre 2010 « Forum Day Mantova, 1 Dicembre 2010 «Iso 9001:2015 i «Kata del miglioramento» Gazoldo, 28 Novembre 2014 CRITICITA E NODI Problema 5 Aumento della turbolenza e contrazione dei tempi operativi 1- Impegno

Dettagli

Clark, Fujimoto, Product Development performance, Harvard Business School Press, 1991.

Clark, Fujimoto, Product Development performance, Harvard Business School Press, 1991. BIBLIOGRAFIA Clark, Fujimoto, Product Development performance, Harvard Business School Press, 1991. Joseph Blackburn (a cura di), Competere sul tempo, Etas, 1993 Bartezzaghi, Spina, Verganti, Nuovi modelli

Dettagli

La leva della LEAN TECHNOLOGY per aumentare competitività, produttività ed efficienza. Flavio Tonetto - 4 maggio 2015

La leva della LEAN TECHNOLOGY per aumentare competitività, produttività ed efficienza. Flavio Tonetto - 4 maggio 2015 La leva della LEAN TECHNOLOGY per aumentare competitività, produttività ed efficienza Flavio Tonetto - 4 maggio 2015 METODO SINERGIA: PASSIONE, COMPETENZA, CONCRETEZZA Gli obiettivi del convegno In questo

Dettagli

Lean Services. Are you R.E.A.D.Y. for the Lean Transformation?

Lean Services. Are you R.E.A.D.Y. for the Lean Transformation? Lean Services Are you R.E.A.D.Y. for the Lean Transformation? L approccio JMAC per il mondo dei servizi La nostra proposta Il nostro modello di riferimento: lo schema S2P Mercato / Voice of the Customer

Dettagli

Lean Society Summit. Lean Management. Eliminare lo spreco. Generare valore. VICENZA 11-12 NOVEMBRE 2009

Lean Society Summit. Lean Management. Eliminare lo spreco. Generare valore. VICENZA 11-12 NOVEMBRE 2009 Lean Society Summit Lean Management. Eliminare lo spreco. Generare valore. VICENZA 11-12 NOVEMBRE 2009 In collaborazione con Partner Facciamo nostra la lezione che la crisi post-bellica impartì a Toyota:

Dettagli

Lean innovation Gestire in modo snello Lo sviluppo di nuovi prodotti

Lean innovation Gestire in modo snello Lo sviluppo di nuovi prodotti Lean innovation Gestire in modo snello Lo sviluppo di nuovi prodotti Stefano biazzo Stefano.biazzo@unipd.it Università di padova LEAN THINKING Modello mentale di progettazione organizzativa e di management

Dettagli

COMPANY PROFILE. A cura di: ing. G. Graziadei Founder VALUEPro Tel.: 3939881243 E-mail: gianni.graziadei@valuepro.it

COMPANY PROFILE. A cura di: ing. G. Graziadei Founder VALUEPro Tel.: 3939881243 E-mail: gianni.graziadei@valuepro.it COMPANY PROFILE A cura di: ing. G. Graziadei Founder VALUEPro Tel.: 3939881243 E-mail: gianni.graziadei@valuepro.it 1 1 Il valore che offriamo FORMAZIONE IN AZIENDA - Personalizzazione - Applicazione sul

Dettagli

ORGANIZZAZIONE SNELLA

ORGANIZZAZIONE SNELLA presenta ORGANIZZAZIONE SNELLA interventi semplici e rapidi -> maggior efficienza dei processi -> riduzione dei costi Pollenzo, 21 maggio 2014 Albergo dell Agenzia GIANLUCA BARALE Consulente in organizzazione

Dettagli

Master Class in Lean Production

Master Class in Lean Production Comprendere le tecniche Lean e aumentare la capacità di gestione del cambiamento Il seminario verrà realizzato grazie alla collaborazione di due partner JMAC: MIC Private Limited Company: un centro di

Dettagli

Recuperare efficienza migliorando il comportamento industriale delle aziende del territorio

Recuperare efficienza migliorando il comportamento industriale delle aziende del territorio Gli strumenti per la competitività Recuperare efficienza migliorando il comportamento industriale delle aziende del territorio Registrazione dei partecipanti ore 19.15 Apertura dei lavori e coordinamento:

Dettagli

LEAN ACADEMY. Lenovys 2012. Tutti i diritti riservati.

LEAN ACADEMY. Lenovys 2012. Tutti i diritti riservati. LEAN ACADEMY LA NOSTRA MISSION Eliminare gli sprechi e non genericamente tagliare i costi è il risultato che Lenovys garantisce ai suoi clienti, attraverso un cambiamento di pensiero ed approccio che porta

Dettagli

Corso di Specializzazione PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DELLA PRODUZIONE E DEGLI ACQUISTI

Corso di Specializzazione PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DELLA PRODUZIONE E DEGLI ACQUISTI Corso di Specializzazione PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DELLA PRODUZIONE E DEGLI ACQUISTI OBIETTIVI Il tema della pianificazione e controllo della produzione, unitamente alla gestione degli approvvigionamenti,

Dettagli

Gli aspetti innovativi del Draft International Standard (DIS) ISO 9001:2015

Gli aspetti innovativi del Draft International Standard (DIS) ISO 9001:2015 Gli aspetti innovativi del Draft International Standard (DIS) ISO 9001:2015 I requisiti per la gestione del rischio presenti nel DIS della nuova ISO 9001:2015 Alessandra Peverini Perugia 9/09/2014 ISO

Dettagli

MODELLI DI PRODUZIONE

MODELLI DI PRODUZIONE Università di Udine Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale Corso di Strategia della produzione MODELLI DI SOMMARIO Paradigmi produttivi Caratteristiche dei paradigmi produttivi Principi dei nuovi paradigmi

Dettagli

Lean Accounting Come gestire la transizione dalla fabbrica snella all azienda snella

Lean Accounting Come gestire la transizione dalla fabbrica snella all azienda snella Lean Accounting Come gestire la transizione dalla fabbrica snella all azienda snella ALBERTO CANEPARI In questo articolo viene data una definizione di lean accounting e viene approfondito il tema del lean

Dettagli

PRESENTAZIONE. In collaborazione con: E un iniziativa della:

PRESENTAZIONE. In collaborazione con: E un iniziativa della: E un iniziativa della: In collaborazione con: LEAN COMMUNITY Laboratorio di approfondimento e diffusione di concetti, metodologie e buone pratiche di Lean Transformation a favore delle PMI Padovane PRESENTAZIONE

Dettagli

Coinvolgere per cambiare

Coinvolgere per cambiare Coinvolgere per cambiare Di cosa parliamo oggi 1. L approccio lean al cambiamento 2. Gli attori del processo di cambiamento (operatori, Middle Management, Top Management) 3. Il processo di change management

Dettagli

Nuovi seminari e Study-Tour all estero 2013

Nuovi seminari e Study-Tour all estero 2013 News Ottobre 2012 Dal 1983. Idee e Metodi per eccellere Nuovi seminari e Study-Tour all estero 2013 StudioBase, che festeggerà nel 2013 il suo trentesimo anno di attività, aggiorna ogni semestre il suo

Dettagli

ECCELLERE NELLA LOGISTICA. Generare opportunità con la logistica

ECCELLERE NELLA LOGISTICA. Generare opportunità con la logistica ECCELLERE NELLA LOGISTICA Generare opportunità con la logistica INTRODUZIONE Il settore della logistica rappresenta una risorsa strategica per la competitività delle imprese e del territorio ed è attualmente

Dettagli