Modifica dell art. 46 del Regolamento edilizio (DIMENSIONI MINIME DEI LOCALI E DELLE APERTURE).

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Modifica dell art. 46 del Regolamento edilizio (DIMENSIONI MINIME DEI LOCALI E DELLE APERTURE)."

Transcript

1 DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 15 DD. 14/12/2011 OGGETTO: Modifica dell art. 46 del Regolamento edilizio (DIMENSIONI MINIME DEI LOCALI E DELLE APERTURE). Visto e considerato che: L art. 46 del Regolamento edilizio comunale del Comune di Ruffrè - Mendola attualmente recita: Art. 46 DIMENSIONI MINIME DEI LOCALI E DELLE APERTURE 1. Con esclusione delle abitazioni, delle relative pertinenze e dei garage, i locali a piano terreno degli edifici di nuova costruzione devono avere l altezza minima, misurata tra pavimento e soffitto di metri 3,00 fino a quota di metri 500 s.l.m. e di metri 2,60 nelle zone oltre i 500 metri s.l.m.. E ammessa la riduzione dell altezza minima a metri 2,60 su una superficie non maggiore al 25% del totale del locale con esclusione delle zone soppalcate. Per gli altri piani vale quanto disposto per i locali di abitazione dai commi successivi, salvo diverse disposizioni più restrittive previste da eventuali normative specifiche. 2. I locali di abitazione, a qualsiasi piano, devono avere: a) per le zone fino a 500 metri s.l.m., un altezza minima di metri 2,60 misurata da pavimento a soffitto, ed una superficie minima dei vani abitabili e delle cucine di m2 8,00; b) per le zone oltre i 500 metri e fino ai 900 metri s.l.m., un altezza minima di metri 2,50 misurata dal pavimento al soffitto, ed una superficie minima dei vani abitabili e delle cucine di m2 8,00; c) per le zone oltre i 900 metri s.l.m., un altezza minima di metri 2,40 misurata dal pavimento al soffitto, ed una superficie minima dei vani abitabili e delle cucine di m2 8, Per le pertinenze e i locali accessori non destinati ad abitazione permanente quali servizi igienici, lavanderie, guardaroba, corridoi, depositi di pertinenza dell abitazione, ripostigli, cantine, stube e simili, è ammessa, a qualsiasi piano, un altezza minima di metri 2, Nei sottotetti, per essere considerati abitabili, i locali con soffitto inclinato (mansarda) avente pendenza minima del 35%, devono avere altezza media ponderale non inferiore a metri 2,20 e altezza minima interna netta pari a metri 1,60 (riferite all intradosso dell orditura secondaria canteri ). Non sono computati ai fini del calcolo della superficie minima dei locali e della superficie abitabile di cui all art. 45 del presente Regolamento gli spazi che hanno altezza media ponderale inferiore a metri 2,20 o che hanno altezza inferiore a metri 1,60. Tali spazi possono essere lasciati in diretta comunicazione con le parti abitabili purché abbiano

2 5. Gli ambienti nei sottotetti, di cui al punto 4, non destinati ad abitazione permanente quali servizi igienici, corridoi e disbrighi, devono avere altezza media ponderale non inferiore a metri 1,90 riferita alla superficie utilizzabile dei servizi igienici, alla fascia della larghezza minima dei corridoi e dei disbrighi e altezza minima interna netta pari a metri 1,60 (riferite all intradosso dell orditura secondaria canteri ). Non sono computati ai fini del calcolo della superficie minima dei servizi igienici e della superficie abitabile di cui all art. 45 del presente Regolamento gli spazi che hanno altezza media ponderale inferiore a metri 1,90 e altezza inferiore a metri 1,60. Tali spazi possono essere lasciati in diretta comunicazione con i locali di cui sopra purché abbiano 6. Per gli ambienti nei sottotetti destinati a soffitta, ripostiglio, guardaroba o simili non è richiesta alcuna altezza minima. Non sono computati ai fini del calcolo della superficie abitabile di cui all art. 45 del presente Regolamento gli spazi che non siano interni all alloggio o che hanno altezza media ponderale inferiore a metri 1,90 e altezza inferiore a metri 1,60 (riferite all intradosso dell orditura secondaria canteri ). 7. La superficie di illuminazione ed aerazione di ciascun vano agibile deve avvenire da spazi liberi esterni e non deve essere inferiore a: a) 1/10 della superficie del pavimento per le zone fino a 900 metri s.l.m.. b) 1/12 della superficie del pavimento per le zone oltre i 900 metri s.l.m.. c) 1/12 della superficie abitabile del pavimento per gli ambienti nei sottotetti (mansarde). 8. Nei nuovi edifici le superfici di illuminazione ed aerazione, utilizzabili ai fini del precedente comma 7, devono distare almeno 6,00 m dalle pareti dello stesso edifico che le fronteggiano. 9. L aerazione dei locali deve essere prevista in modo da assicurare un sufficiente ricambio d aria. 10. I corridoi e i disbrighi devono avere larghezza minima di metri 1,00, fatte salve comunque le norme sul superamento delle barriere architettoniche. 11. Nel caso di interventi sugli edifici esistenti alla data di entrata in vigore del presente Regolamento, esclusa la ristrutturazione, è consentito derogare all altezza minima dei locali, all inclinazione minima del tetto, ai rapporti minimi di finestratura, purché su richiesta dell Amministrazione comunale l Azienda per i Servizi Sanitari accerti espressamente la sufficienza igienica dei locali abitabili e purché le nuove previsioni, nel loro complesso, non siano peggiorative rispetto alla situazione esistente. L'Amministrazione comunale, in un'ottica di semplificazione ha deciso di modificare alcuni commi dell'articolo al fine di rendere più chiara la formulazione, eliminare richiami a fattispecie non

3 presenti nel Comune di Ruffrè - Mendola a causa dell'altezza dell'abitato e rendere più agevole l'ottenimento della deroga in presenza di parere favorevole dell'azienda sanitaria. Per questa ragione è stato redatto un nuovo testo per l'articolo che si concretizza in particolare nella modifica dei commi primo, secondo, settimo ed undicesimo come sotto riportato: Art. 46 DIMENSIONI MINIME DEI LOCALI E DELLE APERTURE 1. Con esclusione delle abitazioni e delle relative pertinenze i locali degli edifici di nuova costruzione, compresi i garage, devono avere l altezza minima, misurata tra pavimento e soffitto di metri 2,60 al piano terra e di m. 2,40 per i piani superiori. 2. Salvo diverse disposizioni più restrittive previste da eventuali normative specifiche i locali di abitazione, a qualsiasi piano, devono avere un altezza minima di metri 2,40 misurata dal pavimento al soffitto ed una superficie minima dei vani abitabili e delle cucine di m 2 8, Per le pertinenze e i locali accessori non destinati ad abitazione permanente quali servizi igienici, lavanderie, guardaroba, corridoi, depositi di pertinenza dell abitazione, ripostigli, cantine, stube e simili, è ammessa, a qualsiasi piano, un altezza minima di metri 2, Nei sottotetti, per essere considerati abitabili, i locali con soffitto inclinato (mansarda) avente pendenza minima del 35%, devono avere altezza media ponderale non inferiore a metri 2,20 e altezza minima interna netta pari a metri 1,60 (riferite all intradosso dell orditura secondaria canteri ). Non sono computati ai fini del calcolo della superficie minima dei locali e della superficie abitabile di cui all art. 45 del presente Regolamento gli spazi che hanno altezza media ponderale inferiore a metri 2,20 o che hanno altezza inferiore a metri 1,60. Tali spazi possono essere lasciati in diretta comunicazione con le parti abitabili purché abbiano 5. Gli ambienti nei sottotetti, di cui al punto 4, non destinati ad abitazione permanente quali servizi igienici, corridoi e disbrighi, devono avere altezza media ponderale non inferiore a metri 1,90 riferita alla superficie utilizzabile dei servizi igienici, alla fascia della larghezza minima dei corridoi e dei disbrighi e altezza minima interna netta pari a metri 1,60 (riferite all intradosso dell orditura secondaria canteri ). Non sono computati ai fini del calcolo della superficie minima dei servizi igienici e della superficie abitabile di cui all art. 45 del presente Regolamento gli spazi che hanno altezza media ponderale inferiore a metri 1,90 e altezza inferiore a metri 1,60. Tali spazi possono essere lasciati in diretta comunicazione con i locali di cui sopra purché abbiano

4 6. Per gli ambienti nei sottotetti destinati a soffitta, ripostiglio, guardaroba o simili non è richiesta alcuna altezza minima. Non sono computati ai fini del calcolo della superficie abitabile di cui all art. 45 del presente Regolamento gli spazi che non siano interni all alloggio o che hanno altezza media ponderale inferiore a metri 1,90 e altezza inferiore a metri 1,60 (riferite all intradosso dell orditura secondaria canteri ). 7. La superficie di illuminazione ed aerazione di ciascun vano agibile deve avvenire da spazi liberi esterni e non deve essere inferiore a: a) 1/12 della superficie del pavimento. c) 1/12 della superficie abitabile del pavimento per gli ambienti nei sottotetti (mansarde). 8. Nei nuovi edifici le superfici di illuminazione ed aerazione, utilizzabili ai fini del precedente comma 7, devono distare almeno 6,00 m dalle pareti dello stesso edificio che le fronteggiano. 9. L aerazione dei locali deve essere prevista in modo da assicurare un sufficiente ricambio d aria. 10. I corridoi e i disbrighi devono avere larghezza minima di metri 1,00, fatte salve comunque le norme sul superamento delle barriere architettoniche. 11. Nel caso di interventi sugli edifici esistenti, sia per i locali destinati ad abitazione che per quelli destinati ad uso diverso dall abitativo è consentito derogare alla altezza minima dei locali, all inclinazione minima del tetto e ai rapporti minimi di finestratura, purché l Azienda per i Servizi Sanitari rilasci parere favorevole. Tanto premesso I L C O N S I G L I O C O M U N A L E Visto il parere di regolarità tecnico-amministrativa favorevole espresso in ordine alla proposta della presente deliberazione dal Segretario comunale ai sensi dell'art. 81 del D.P.REG , n 3/L e successive modifiche; Visto il T.U. delle Leggi Regionali sull Ordinamento dei Comuni della Regione Trentino Alto Adige, approvato con D.P.Reg. 1 febbraio 2005, n. 3/L; Vista la L.P. 1/2008 e s.m.; Visto lo Statuto Comunale; Con voti favorevoli 15 su 15 Consiglieri presenti e votanti, espressi per alzata di mano;

5 D E L I B E R A a. Di modificare l art. 46 del Regolamento edilizio comunale sostituendo il testo vigente con il seguente testo: Art. 46 DIMENSIONI MINIME DEI LOCALI E DELLE APERTURE 1. Con esclusione delle abitazioni e delle relative pertinenze i locali degli edifici di nuova costruzione, compresi i garage, devono avere l altezza minima, misurata tra pavimento e soffitto di metri 2,60 al piano terra e di m. 2,40 per i piani superiori. 2. Salvo diverse disposizioni più restrittive previste da eventuali normative specifiche i locali di abitazione, a qualsiasi piano, devono avere un altezza minima di metri 2,40 misurata dal pavimento al soffitto ed una superficie minima dei vani abitabili e delle cucine di m 2 8, Per le pertinenze e i locali accessori non destinati ad abitazione permanente quali servizi igienici, lavanderie, guardaroba, corridoi, depositi di pertinenza dell abitazione, ripostigli, cantine, stube e simili, è ammessa, a qualsiasi piano, un altezza minima di metri 2, Nei sottotetti, per essere considerati abitabili, i locali con soffitto inclinato (mansarda) avente pendenza minima del 35%, devono avere altezza media ponderale non inferiore a metri 2,20 e altezza minima interna netta pari a metri 1,60 (riferite all intradosso dell orditura secondaria canteri ). Non sono computati ai fini del calcolo della superficie minima dei locali e della superficie abitabile di cui all art. 45 del presente Regolamento gli spazi che hanno altezza media ponderale inferiore a metri 2,20 o che hanno altezza inferiore a metri 1,60. Tali spazi possono essere lasciati in diretta comunicazione con le parti abitabili purché abbiano 5. Gli ambienti nei sottotetti, di cui al punto 4, non destinati ad abitazione permanente quali servizi igienici, corridoi e disbrighi, devono avere altezza media ponderale non inferiore a metri 1,90 riferita alla superficie utilizzabile dei servizi igienici, alla fascia della larghezza minima dei corridoi e dei disbrighi e altezza minima interna netta pari a metri 1,60 (riferite all intradosso dell orditura secondaria canteri ). Non sono computati ai fini del calcolo della superficie minima dei servizi igienici e della superficie abitabile di cui all art. 45 del presente Regolamento gli spazi che hanno altezza media ponderale inferiore a metri 1,90 e altezza inferiore a metri 1,60. Tali spazi possono essere lasciati in diretta comunicazione con i locali di cui sopra purché abbiano

6 6. Per gli ambienti nei sottotetti destinati a soffitta, ripostiglio, guardaroba o simili non è richiesta alcuna altezza minima. Non sono computati ai fini del calcolo della superficie abitabile di cui all art. 45 del presente Regolamento gli spazi che non siano interni all alloggio o che hanno altezza media ponderale inferiore a metri 1,90 e altezza inferiore a metri 1,60 (riferite all intradosso dell orditura secondaria canteri ). 7. La superficie di illuminazione ed aerazione di ciascun vano agibile deve avvenire da spazi liberi esterni e non deve essere inferiore a: a) 1/12 della superficie del pavimento. c) 1/12 della superficie abitabile del pavimento per gli ambienti nei sottotetti (mansarde). 8. Nei nuovi edifici le superfici di illuminazione ed aerazione, utilizzabili ai fini del precedente comma 7, devono distare almeno 6,00 m dalle pareti dello stesso edificio che le fronteggiano. 9. L aerazione dei locali deve essere prevista in modo da assicurare un sufficiente ricambio d aria. 10. I corridoi e i disbrighi devono avere larghezza minima di metri 1,00, fatte salve comunque le norme sul superamento delle barriere architettoniche. 11. Nel caso di interventi sugli edifici esistenti, sia per i locali destinati ad abitazione che per quelli destinati ad uso diverso dall abitativo è consentito derogare alla altezza minima dei locali, all inclinazione minima del tetto e ai rapporti minimi di finestratura, purché l Azienda per i Servizi Sanitari rilasci parere favorevole. b. Di dare evidenza al fatto che avverso la presente deliberazione sono ammessi: opposizione alla Giunta Comunale, da parte di ogni cittadino, ex art. 79 comma 5 del D.P.Reg. 1 febbraio 2005 n. 3/L durante il periodo di pubblicazione, ricorso giurisdizionale avanti al T.R.G.A. di Trento ex art. 2 lett. b) della legge 06/12/1971 n entro 60 giorni in alternativa al ricorso giurisdizionale, ricorso straordinario al Presidente della Repubblica ex art. 8 del D.P.R. 24/11/1971 n entro 120 giorni.

Verbale di Deliberazione n. 27/2014

Verbale di Deliberazione n. 27/2014 AMMINISTRAZIONE SEPARATA USI CIVICI DI DERCOLO COMUNE DI CAMPODENNO Provincia di Trento Verbale di Deliberazione n. 27/2014 Liquidazione rimborso forfetario al Presidente dell Asuc di Dercolo, per le missioni

Dettagli

Art. 112 Locali abitabili con soppalchi

Art. 112 Locali abitabili con soppalchi Comune di Padova Settore Edilizia Privata Settore Pianificazione Urbanistica Piano Regolatore Generale Nuovo Regolamento Edilizio Comunale (Approvato con Deliberazione del C.C. n. 41 del 05/06/2006) Specifiche

Dettagli

Legge 23 agosto 1985, n. 44

Legge 23 agosto 1985, n. 44 Testo Coordinato Legge 23 agosto 1985, n. 44 Altezze minime e principali requisiti igienico - sanitari dei locali adibiti ad abitazione, uffici pubblici e privati ed alberghi. Note riguardanti modifiche

Dettagli

Verbale di Deliberazione n. 08/2014

Verbale di Deliberazione n. 08/2014 AMMINISTRAZIONE SEPARATA USI CIVICI DI DERCOLO COMUNE DI CAMPODENNO Provincia di Trento Verbale di Deliberazione n. 08/2014 OGGETTO: Concessione e liquidazione contributo straordinario al Comitato Carnevale

Dettagli

COMUNE DI ISERA REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE

COMUNE DI ISERA REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE COMUNE DI ISERA REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 39 dd. 11.05.1982 IN VIGORE DAL 2 NOVEMBRE 1982 ... CAPO III COMMISSIONI COMMISSIONE EDILIZIA ART. 13

Dettagli

Principali caratteristiche e normative igienico sanitarie nelle costruzioni

Principali caratteristiche e normative igienico sanitarie nelle costruzioni Dipartimento di prevenzione Principali caratteristiche e normative igienico sanitarie nelle costruzioni Trieste - MIB, 15 gennaio 2013 Tecnici della Prevenzione Claudio VANCHERI e Mauro PRIMOSSI Isolamento

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N 02 DEL CONSIGLIO COMUNALE # $ %& '()*' % + %,, %+,,+%- %, % %,"

VERBALE DI DELIBERAZIONE N 02 DEL CONSIGLIO COMUNALE # $ %& '()*' % + %,, %+,,+%- %, % %, VERBALE DI DELIBERAZIONE N 02 DEL CONSIGLIO COMUNALE!!" Surroga del consigliere Tommasi Renzo # $ %& '()*' % + %,, %+,,+%- %, % %," ASSENTI GIUST. INGIUSTI 1. COMPERINI CRISTIAN 2. ROSI ROBERTA 3. ADAMI

Dettagli

Specifiche Operative

Specifiche Operative Comune di Padova Settore Edilizia Privata Settore Pianificazione Urbanistica Piano Regolatore Generale Nuovo Regolamento Edilizio Comunale (Approvato con Deliberazione del C.C. n. 41 del 05/06/2006) Specifiche

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 39 del CONSIGLIO COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 39 del CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI NAGO-TORBOLE PROVINCIA DI TRENTO VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 39 del CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: Nomina rappresentanti del Comune in seno ai Comitati di Gestione delle scuole materne di Nago e

Dettagli

AUTOCERTIFICAZIONE CONFORMITA DEL PROGETTO ALLE NORME IGIENICO SANITARIE (Art. 20 comma 1 del DPR 380/2001 e ss mm.ii.)

AUTOCERTIFICAZIONE CONFORMITA DEL PROGETTO ALLE NORME IGIENICO SANITARIE (Art. 20 comma 1 del DPR 380/2001 e ss mm.ii.) PRATICA EDILIZIA INT. / AUTOCERTIFICAZIONE CONFORMITA DEL PROGETTO ALLE NORME IGIENICO SANITARIE (Art. 20 comma 1 del DPR 380/2001 e ss mm.ii.) l sottoscritt iscritt all Albo della Provincia di con studio

Dettagli

COMUNE DI BRENTONICO Provincia di Trento

COMUNE DI BRENTONICO Provincia di Trento COMUNE DI BRENTONICO Provincia di Trento VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 18 del 25-02-2016 della GIUNTA COMUNALE OGGETTO: Dipendente matricola n. 2.0012: concessione aspettativa non retribuita per ragioni

Dettagli

proposta di legge n. 106

proposta di legge n. 106 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 106 a iniziativa dei Consiglieri Zaffini, Zinni, Latini presentata in data 9 giugno 2011 NORME IN MATERIA DI RECUPERO DI SOTTOTETTI E DI LOCALI

Dettagli

Consiglio regionale della Toscana

Consiglio regionale della Toscana Consiglio regionale della Toscana LEGGE REGIONALE N. 8/2010 (Atti del Consiglio) Norme per il recupero abitativo dei sottotetti. *************** Approvata dal Consiglio regionale nella seduta del 27 gennaio

Dettagli

Art. 72 Altezza dell'edificio

Art. 72 Altezza dell'edificio Comune di Padova Settore Edilizia Privata Settore Pianificazione Urbanistica Piano Regolatore Generale Nuovo Regolamento Edilizio Comunale (Approvato con Deliberazione del C.C. n. 41 del 05/06/2006) Specifiche

Dettagli

COMUNE DI SANT'ORSOLA TERME Provincia di Trento

COMUNE DI SANT'ORSOLA TERME Provincia di Trento COMUNE DI SANT'ORSOLA TERME Provincia di Trento VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 25 OGGETTO: Approvazione modifiche allo Statuto comunale. L'anno duemilaquindici addì ventidue del mese

Dettagli

COMUNE DI TELVE (Provincia di Trento)

COMUNE DI TELVE (Provincia di Trento) COMUNE DI TELVE (Provincia di Trento) VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 144 OGGETTO: Affidamento degli incarichi di eseguire le opere di completamento del intervento di riqualificazione

Dettagli

COMUNE DI MALÉ Provincia di Trento

COMUNE DI MALÉ Provincia di Trento COMUNE DI MALÉ Provincia di Trento COPIA Verbale di Deliberazione nr. 8 del Consiglio Comunale Oggetto: L anno duemilaquindici addì tredici mese di marzo alle ore 20.00 nella sala delle riunioni della

Dettagli

COMUNE DI CONTA. Provincia di Trento DETERMINAZIONE N. 51 DI DATA DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO SEGRETERIA

COMUNE DI CONTA. Provincia di Trento DETERMINAZIONE N. 51 DI DATA DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO SEGRETERIA Originale/Copia COMUNE DI CONTA Provincia di Trento DETERMINAZIONE N. 51 DI DATA 08.06.2016 DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO SEGRETERIA OGGETTO: Determinazione delle indennità di carica per gli Amministratori

Dettagli

Verbale di Deliberazione del Commissario straordinario con i poteri della Giunta comunale. n. 73 dd

Verbale di Deliberazione del Commissario straordinario con i poteri della Giunta comunale. n. 73 dd Deliberazione n. 73 dd. 29.04.2015 Pagina 1 di 5 COMUNE DI SAN LORENZO DORSINO Provincia di Trento Verbale di Deliberazione del Commissario straordinario con i poteri della Giunta comunale n. 73 dd. 29.04.2015

Dettagli

COMUNE DI SEGONZANO Provincia di Trento

COMUNE DI SEGONZANO Provincia di Trento COMUNE DI SEGONZANO Provincia di Trento VERBALE DI DELIBERAZIONE n. 19 del Consiglio comunale OGGETTO: ELEZIONE RAPPRESENTANTI COMUNALI NEL CORPO PER L'ELEZIONE DEGLI ORGANI DELLA COMUNITÀ DELLA VALLE

Dettagli

COMUNE DI BRENTONICO Provincia di Trento

COMUNE DI BRENTONICO Provincia di Trento COMUNE DI BRENTONICO Provincia di Trento VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 71 del 06-07-2015 della GIUNTA COMUNALE OGGETTO: AFFIDO INCARICO RICERCA STORICA AL DOTT. CARLO ANDREA POSTINGER di ROVERETO. CIG: Z3F154790B.-

Dettagli

COMUNE DI LEVICO TERME PROVINCIA DI TRENTO

COMUNE DI LEVICO TERME PROVINCIA DI TRENTO COPIA COMUNE DI LEVICO TERME PROVINCIA DI TRENTO VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 84 DELLA GIUNTA COMUNALE Oggetto: LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE TOTALE DEI SERVIZI IGIENICI A SERVIZIO DEL PARCO SEGANTINI - SPIAGGIA

Dettagli

Determinazione

Determinazione 1938 - Determinazione Comunità Alta Valsugana e Bersntol Servizio Finanziario Piazza Gavazzi, 4 38057 Pergine Valsugana (TN) codice fiscale e partita IVA 02143860225 Determinazione n. 1938 dd. 10 settembre

Dettagli

OGGETTO: Approvazione del nuovo Regolamento per gli interventi di scavo e ripristino nel territorio comunale. IL CONSIGLIO COMUNALE

OGGETTO: Approvazione del nuovo Regolamento per gli interventi di scavo e ripristino nel territorio comunale. IL CONSIGLIO COMUNALE Delibera di Consiglio Comunale n. 31 del 22 novembre 2011 OGGETTO: Approvazione del nuovo Regolamento per gli interventi di scavo e ripristino nel territorio comunale. IL CONSIGLIO COMUNALE Nel corso degli

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N DELLA GIUNTA MUNICIPALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE N DELLA GIUNTA MUNICIPALE copia VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 1273 DELLA GIUNTA MUNICIPALE PROT. N. 2014-0014031 / AMMPADT04 PRESA D'ATTO DELLE DETERMINAZIONI DEI RESPONSABILI DI SERVIZIO DI BILANCIO DIVENUTE ESECUTIVE NEL MESE DI

Dettagli

Comune della Città di Arco PROVINCIA DI TRENTO. VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 128 della GIUNTA COMUNALE

Comune della Città di Arco PROVINCIA DI TRENTO. VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 128 della GIUNTA COMUNALE Scm. 10.1/6 rev 1 ORIGINALE Del N 128 data 22/09/2015 Comune della Città di Arco PROVINCIA DI TRENTO VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 128 della GIUNTA COMUNALE OGGETTO: MODIFICA SCHEMA DI CONVENZIONE PER L'ATTIVAZIONE

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 136 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 136 della Giunta Comunale COPIA COMUNE DI TRAMBILENO PROVINCIA DI TRENTO VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 136 della Giunta Comunale OGGETTO: AFFIDO FORNITURA POSTAZIONI MULTIMEDIALI PER FORTE POZZACCHIO L'anno duemilaquindici addì DUE

Dettagli

Comune della Città di Arco PROVINCIA DI TRENTO. VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 31 della GIUNTA COMUNALE

Comune della Città di Arco PROVINCIA DI TRENTO. VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 31 della GIUNTA COMUNALE Scm. 10.1/6 rev 1 ORIGINALE Comune della Città di Arco PROVINCIA DI TRENTO VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 31 della GIUNTA COMUNALE OGGETTO: SERVIZIO ATTIVITA' CULTURALI INTERCOMUNALE DI ARCO E RIVA DEL GARDA

Dettagli

AGGIORNATO AL: 20/12/1999 PAG.: 1/1 FRUIBILITÀ DI SPAZI ED ATTREZZATURE

AGGIORNATO AL: 20/12/1999 PAG.: 1/1 FRUIBILITÀ DI SPAZI ED ATTREZZATURE ALLEGATO A / 1 FAMIGLIA 7 PAG.: 1/1 FRUIBILITÀ DI SPAZI ED ATTREZZATURE PROPOSIZIONE ESIGENZIALE ( SECONDO LA DIRETTIVA 89/106 CEE) L opera deve essere concepita e realizzata in modo tale da garantire:

Dettagli

COMUNE DI BRENTONICO Provincia di Trento

COMUNE DI BRENTONICO Provincia di Trento COMUNE DI BRENTONICO Provincia di Trento VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 98 del 01-10-2015 della GIUNTA COMUNALE OGGETTO: Acquisto di omaggi floreali da utilizzare per spese di rappresentanza in occasione

Dettagli

COMUNE DI LEDRO PROVINCIA DI TRENTO

COMUNE DI LEDRO PROVINCIA DI TRENTO ORIGINALE COMUNE DI LEDRO PROVINCIA DI TRENTO VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 94 della GIUNTA del COMUNE DI LEDRO OGGETTO: installazione apparecchiatura Bancomat presso il locale a piano terra p.edif. 69 C.C.

Dettagli

COMUNE DI ZIANO DI FIEMME TRENTO

COMUNE DI ZIANO DI FIEMME TRENTO DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI ZIANO DI FIEMME TRENTO C O P I A Affissa all'albo Pretorio il 25/06/2015 ELEZIONE DEI RAPPRESENTANTI NEL CORPO PER L'ELEZIONE DEGLI ORGANI DELLA COMUNITA'

Dettagli

COMUNE DI CANAL SAN BOVO. Verbale di deliberazione N. 177

COMUNE DI CANAL SAN BOVO. Verbale di deliberazione N. 177 COPIA COMUNE DI CANAL SAN BOVO (Provincia di Trento) Verbale di deliberazione N. 177 della Giunta comunale OGGETTO: Concorso pubblico per un posto di bibliotecario a tempo pieno ed indeterminato cat. C

Dettagli

COMUNE DI BRENTONICO Provincia di Trento

COMUNE DI BRENTONICO Provincia di Trento COPIA COMUNE DI BRENTONICO Provincia di Trento Verbale di deliberazione N. 44 del 15-07-2015 del CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI PER LA COPERTURA DEL POSTO DI SEGRETARIO

Dettagli

DELIBERA DEL COMITATO ESECUTIVO N. 80

DELIBERA DEL COMITATO ESECUTIVO N. 80 COMUNITA VALSUGANA E TESINO DELIBERA DEL COMITATO ESECUTIVO N. 80 OGGETTO : Concessione provvidenze ad associazioni, comitati, enti privati, società con finalità socialmente utili senza scopo di lucro

Dettagli

Disponibilità di spazi minimi

Disponibilità di spazi minimi 20/12/1999 PAG.: 1/4 Disponibilità di spazi minimi ESIGENZE DA SODDISFARE Gli spazi per attività principale e secondaria dell organismo edilizio devono rispondere alle esigenze connesse allo svolgimento

Dettagli

ALLEGATO 2 B TABELLE DI CALCOLO DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE CONTRIBUTO SUL COSTO DI COSTRUZIONE

ALLEGATO 2 B TABELLE DI CALCOLO DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE CONTRIBUTO SUL COSTO DI COSTRUZIONE ALLEGATO 2 B TABELLE DI CALCOLO DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE CONTRIBUTO SUL COSTO DI COSTRUZIONE Definizioni Superficie di applicazione del contributo Ai sensi dell art.46 del regolamento regionale 18

Dettagli

Segretario comunale DETERMINAZIONE DEL FUNZIONARIO RESPONSABILE. N.152 di data

Segretario comunale DETERMINAZIONE DEL FUNZIONARIO RESPONSABILE. N.152 di data COMUNE DI DIMARO Provincia di Trento Segretario comunale DETERMINAZIONE DEL FUNZIONARIO RESPONSABILE N.152 di data 27.10.2015 OGGETTO: Approvazione della contabilità finale inerente i lavori di ripristino

Dettagli

COMUNE DI GRIGNO Provincia di Trento

COMUNE DI GRIGNO Provincia di Trento Bollettino Ufficiale n. 8/I-II del 21/02/2017 / Amtsblatt Nr. 8/I-II vom 21/02/2017 0152 180536 Deliberazioni - Parte 1 - Anno 2017 Comuni in provincia di Trento Comune di Grigno DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA

Dettagli

COMUNE DI BRENTONICO Provincia di Trento

COMUNE DI BRENTONICO Provincia di Trento COMUNE DI BRENTONICO Provincia di Trento PROSECUZIONE SEDUTA DI DATA 25 FEBBRAIO 2016 Verbale di deliberazione N. 19 del 26-02-2016 del CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: Approvazione del bilancio di previsione

Dettagli

COMUNE DI BUGGIANO (Provincia di Pistoia)

COMUNE DI BUGGIANO (Provincia di Pistoia) COMUNE DI BUGGIANO (Provincia di Pistoia) Prot. n. OSSERVAZIONI ALLA DELIBERA C.C. N. 38 DEL 12.08.2009 DI ADOZIONE DEL REGOLAMENTO URBANISTICO DEL COMUNE DI BUGGIANO OSSERVAZIONE N 41 DEL 27/10/2009PROT.

Dettagli

COMUNE DI AVIO Provincia di Trento

COMUNE DI AVIO Provincia di Trento COMUNE DI AVIO Provincia di Trento Verbale di Deliberazione N. 124 della Giunta Comunale OGGETTO: INDIVIDUAZIONE SPAZI E CRITERI DI ASSEGNAZIONE DEGLI STESSI PER L ESERCIZIO TEMPORANEO DI ATTIVITA ECONOMICHE

Dettagli

Segretario comunale DETERMINAZIONE DEL FUNZIONARIO RESPONSABILE. N. 80 di data

Segretario comunale DETERMINAZIONE DEL FUNZIONARIO RESPONSABILE. N. 80 di data COMUNE DI DIMARO Provincia di Trento Segretario comunale DETERMINAZIONE DEL FUNZIONARIO RESPONSABILE N. 80 di data 11.06.2014 OGGETTO: Assunzione a tempo determinato in qualità di agente di Polizia Locale

Dettagli

CORSO DI AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE DI INTERESSE NOTARILE AGEVOLAZIONI RELATIVE AI BENI IMMOBILI. Normativa. Preambolo

CORSO DI AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE DI INTERESSE NOTARILE AGEVOLAZIONI RELATIVE AI BENI IMMOBILI. Normativa. Preambolo Decreto del 02/08/1969. Titolo del provvedimento: Caratteristiche delle abitazioni di lusso. (Pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 218 del 27/08/1969) Preambolo. Preambolo IL MINISTRO PER I LAVORI PUBBLICI

Dettagli

COMUNE DI AVIO Provincia di Trento

COMUNE DI AVIO Provincia di Trento COMUNE DI AVIO Provincia di Trento Verbale di Deliberazione N. 113 della Giunta Comunale OGGETTO: INTEGRAZIONE TARIFFA PER UTILIZZO CAMPO SPORTIVO COMUNALE L anno duemilaquindici addì sedici del mese di

Dettagli

COMUNITA DELLA VAL DI NON con sede in CLES. Verbale di deliberazione N. 65. della Giunta della Comunità della Val di Non

COMUNITA DELLA VAL DI NON con sede in CLES. Verbale di deliberazione N. 65. della Giunta della Comunità della Val di Non COMUNITA DELLA VAL DI NON con sede in CLES Verbale di deliberazione N. 65 della Giunta della Comunità della Val di Non OGGETTO: Art. 76 della L. P. 04.03.2008 n. 1 e ss.mm. ("Pianificazione urbanistica

Dettagli

COMUNE DI COLLE S. LUCIA

COMUNE DI COLLE S. LUCIA COMUNE DI COLLE S. LUCIA COMUNE DI COLLE S. LUCIA - Variante Generale al P.R.G. Regolamento Edilizio - Adozione - Approvazione Delibera di Consiglio n. 54 Delibera di Consiglio n. 5726 del 16/08/1994 del

Dettagli

COMUNE DI BRENTONICO Provincia di Trento

COMUNE DI BRENTONICO Provincia di Trento COPIA COMUNE DI BRENTONICO Provincia di Trento Verbale di deliberazione N. 32 del 10-06-2015 del CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: NOMINA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE CON LE MODALITA PREVISTE DALL ART.

Dettagli

COMUNITA DELLA VAL DI NON con sede in CLES. Verbale di deliberazione N. 28. della Giunta della Comunità della Val di Non

COMUNITA DELLA VAL DI NON con sede in CLES. Verbale di deliberazione N. 28. della Giunta della Comunità della Val di Non COMUNITA DELLA VAL DI NON con sede in CLES Verbale di deliberazione N. 28 della Giunta della Comunità della Val di Non OGGETTO: 1 Variazione al bilancio di previsione per l esercizio 2015. Inserimento

Dettagli

Verbale di deliberazione n. 72 della Giunta comunale

Verbale di deliberazione n. 72 della Giunta comunale COMUNE DI TORCEGNO PROVINCIA DI TRENTO Verbale di deliberazione n. 72 della Giunta comunale OGGETTO: Convenzione fra i Comuni di Ronchi Valsugana, Torcegno e Telve di Sopra per la disciplina della raccolta

Dettagli

OGGETTO: Assunzione impegno per l acquisto di strumenti musicali da porre in dotazione alla Banda comunale di Tuenno. LA GIUNTA COMUNALE

OGGETTO: Assunzione impegno per l acquisto di strumenti musicali da porre in dotazione alla Banda comunale di Tuenno. LA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: Assunzione impegno per l acquisto di strumenti musicali da porre in dotazione alla Banda comunale di Tuenno. LA GIUNTA COMUNALE Vista la deliberazione della Giunta comunale n. 1 di data 07.01.2010,

Dettagli

Verbale di Deliberazione della Giunta comunale. n. 52 dd

Verbale di Deliberazione della Giunta comunale. n. 52 dd Deliberazione n. 52 dd. 16.11.2015 Pagina 1 di 5 COMUNE DI SAN LORENZO DORSINO Provinci a di T r en to Verbale di Deliberazione della Giunta comunale n. 52 dd. 16.11.2015 OGGETTO: Rinnovo autorizzazione

Dettagli

COMUNE DI BRENTONICO Provincia di Trento

COMUNE DI BRENTONICO Provincia di Trento COMUNE DI BRENTONICO Provincia di Trento VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 60 del 03-06-2015 della GIUNTA COMUNALE OGGETTO: CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ed ESAMI PER LA COPERTURA DEL POSTO DI SEGRETARIO COMUNALE

Dettagli

COMUNE DI CASALSERUGO Provincia di Padova

COMUNE DI CASALSERUGO Provincia di Padova COMUNE DI CASALSERUGO Provincia di Padova Ufficio: 40 SETTORE EDILIZIA-URBANISTICA-AMBIENTE PROPOSTA DI DELIBERA DEL CONSIGLIO N.3 DEL 11-02-2014 Oggetto: AGGIORNAMENTO DEL REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE

Dettagli

COMUNE DI AVIO Provincia di Trento

COMUNE DI AVIO Provincia di Trento COMUNE DI AVIO Provincia di Trento Verbale di Deliberazione N. 138 della Giunta Comunale OGGETTO: ART. 5 D.P.G.R. 27.10.1999 N. 8/L. BILANCIO DI PREVISIONE PER L ESERCIZIO FINANZIARIO 2016 E BILANCIO TRIENNALE

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 098 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 098 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento Via Roma, 60 - C.A.P. 38064 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it PEC: comune@pec.comune.folgaria.tn.it

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DIRETTIVO N. 26

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DIRETTIVO N. 26 COPIA CONSORZIO DEI COMUNI DELLA PROVINCIA DI TRENTO COMPRESI BEL BACINO IMBRIFERO MONTANO DEL FIUME BRENTA con sede in BORGO VALSUGANA (Provincia di Trento) VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DIRETTIVO

Dettagli

COMUNE DI CALDONAZZO PROVINCIA DI TRENTO. Verbale di deliberazione N. 9 del Consiglio Comunale

COMUNE DI CALDONAZZO PROVINCIA DI TRENTO. Verbale di deliberazione N. 9 del Consiglio Comunale COPIA COMUNE DI CALDONAZZO PROVINCIA DI TRENTO Verbale di deliberazione N. 9 del Consiglio Comunale OGGETTO: Imposta immobiliare semplice - approvazione aliquote, detrazioni e deduzioni d'imposta per l'anno

Dettagli

COMUNE DI BRENTONICO Provincia di Trento

COMUNE DI BRENTONICO Provincia di Trento COMUNE DI BRENTONICO Provincia di Trento VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 173 del 31-12-2014 della GIUNTA COMUNALE OGGETTO: PROSECUZIONE FINO AL 31/12/2017 DEL RAPPORTO DI COLLABORAZIONE IN ESSERE CON LA COOPERATIVA

Dettagli

COMUNE DI REVO Provincia di Trento

COMUNE DI REVO Provincia di Trento COMUNE DI REVO Provincia di Trento ORIGINALE VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 100/2015 DELLA GIUNTA MUNICIPALE Del 26.11.2015 OGGETTO: Approvazione progetto preliminare Adeguamento tecnico funzionale caserma

Dettagli

Comune della Città di Arco PROVINCIA DI TRENTO. VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 187 della GIUNTA COMUNALE

Comune della Città di Arco PROVINCIA DI TRENTO. VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 187 della GIUNTA COMUNALE Scm. 10.1/6 rev 1 ORIGINALE Comune della Città di Arco PROVINCIA DI TRENTO VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 187 della GIUNTA COMUNALE OGGETTO: PANNOLINI LAVABILI PER BAMBINI INTEGRAZIONE IMPEGNO A FAVORE DEI

Dettagli

Deliberazione n. 4 dd della Giunta Comunale Pubblicata all Albo Comunale il

Deliberazione n. 4 dd della Giunta Comunale Pubblicata all Albo Comunale il Deliberazione n. 4 dd. 09.02.2015 della Giunta Comunale Pubblicata all Albo Comunale il 11.02.2015 OGGETTO: Accordo di settore 2006 2009 sottoscritto il 08.02.2011 dell area non dirigenziale del comparto

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 85 della GIUNTA COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 85 della GIUNTA COMUNALE COMUNE DI NAGO-TORBOLE PROVINCIA DI TRENTO VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 85 della GIUNTA COMUNALE OGGETTO: Fondo per il finanziamento di interventi di emergenza in favore delle popolazioni nepalesi colpite

Dettagli

COMUNITA VALSUGANA E TESINO SETTORE CORPO DI POLIZIA LOCALE

COMUNITA VALSUGANA E TESINO SETTORE CORPO DI POLIZIA LOCALE COMUNITA VALSUGANA E TESINO SETTORE CORPO DI POLIZIA LOCALE DETERMINAZIONE NR. 20 ASSUNTA IN DATA 20/03/2014 OGGETTO : Assunzione impegno di spesa per acquisto set per controllo documenti - Luce di Wood

Dettagli

Verbale di Deliberazione del Commissario straordinario con i poteri del Consiglio comunale. n. 28 dd

Verbale di Deliberazione del Commissario straordinario con i poteri del Consiglio comunale. n. 28 dd Deliberazione n. 28 dd.25.02.2015 Pagina 1 di 6 COMUNE DI SAN LORENZO DORSINO Provincia di Trento Verbale di Deliberazione del Commissario straordinario con i poteri del Consiglio comunale n. 28 dd. 25.02.2015

Dettagli

COMUNITÀ della PAGANELLA VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 38 dell Organo esecutivo della Comunità

COMUNITÀ della PAGANELLA VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 38 dell Organo esecutivo della Comunità COMUNITÀ della PAGANELLA VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 38 dell Organo esecutivo della Comunità OGGETTO: APPROVAZIONE ATTI DI CONTABILITÀ E PROSPETTO RIEPILOGATIVO DELLA SPESA DELLE OPERE DI SOSTITUZIONE

Dettagli

STUDIO TECNICO DI INGEGNERIA Ing. Andrea Dessi SOMMARIO

STUDIO TECNICO DI INGEGNERIA Ing. Andrea Dessi SOMMARIO SOMMARIO SOMMARIO Sommario 1 Norme di attuazione 2 Art. - I Finalità 2 Art. - II Strumento d attuazione del piano urbanistico comunale 2 Art. - III Disposizioni generali 2 Art. - IV Norme di edificabilità

Dettagli

COMUNE DI ALTOPIANO DELLA VIGOLANA. Verbale di deliberazione N. 96

COMUNE DI ALTOPIANO DELLA VIGOLANA. Verbale di deliberazione N. 96 ORIGINALE COMUNE DI ALTOPIANO DELLA VIGOLANA (Provincia di Trento) Verbale di deliberazione N. 96 della Giunta comunale OGGETTO: Atto d'indirizzo per manifestazioni "Un albero per la vita 2016" loc. Bosentino.

Dettagli

Destinazione principale: attività residenziali inclusi gli spazi di pertinenza (soffitte, cantine, spazi per il parcheggio, accessori).

Destinazione principale: attività residenziali inclusi gli spazi di pertinenza (soffitte, cantine, spazi per il parcheggio, accessori). Norme Tecniiche dii Attttuaziione 1. PREMESSA Le presenti N.T.A. si riferiscono al Piano Attuativo residenziale denominato 5 situato in Via F.lli Kennedy, nel territorio del comune di Pian Camuno (Bs).

Dettagli

Segretario comunale DETERMINAZIONE DEL FUNZIONARIO RESPONSABILE. N. 181 di data

Segretario comunale DETERMINAZIONE DEL FUNZIONARIO RESPONSABILE. N. 181 di data COMUNE DI DIMARO Provincia di Trento Segretario comunale DETERMINAZIONE DEL FUNZIONARIO RESPONSABILE N. 181 di data 17.11.2014 Oggetto: Impegno di spesa per tenuta corsi al personale e adempimenti vari

Dettagli

COMUNE DI AVIO Provincia di Trento

COMUNE DI AVIO Provincia di Trento COMUNE DI AVIO Provincia di Trento Verbale di Deliberazione N. 27 della Giunta Comunale OGGETTO: INTERVENTO 19/2016 PROGETTI DI ACCOMPAGNAMENTO ALL OCCUPABILITA ATTRAVERSO LAVORI SOCIALMENTE UTILI. APPROVAZIONE

Dettagli

Verbale di Deliberazione della Giunta comunale. n. 31 dd

Verbale di Deliberazione della Giunta comunale. n. 31 dd Deliberazione n. 31 dd. 04.04.2016 Pagina 1 di 5 COMUNE DI SAN LORENZO DORSINO Provinci a di T r en to Verbale di Deliberazione della Giunta comunale n. 31 dd. 04.04.2016 OGGETTO: Affidamento della gestione

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 14 del CONSIGLIO COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 14 del CONSIGLIO COMUNALE Scm. 10.2/4 rev 1 ORIGINALE Comune della Città di Arco PROVINCIA DI TRENTO VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 14 del CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: ELEZIONI COMUNALI DI DATA 9 MARZO 2014: ESAME DELLE CONDIZIONI

Dettagli

SERVIZIO SEGRETERIA. DETERMINAZIONE N. 172 dd Assistente amministrativo contabile, categoria C livello base.

SERVIZIO SEGRETERIA. DETERMINAZIONE N. 172 dd Assistente amministrativo contabile, categoria C livello base. Pagina 1 di 5 COMUNE DI SAN LORENZO DORSINO Provincia di Trento SERVIZIO SEGRETERIA DETERMINAZIONE N. 172 dd. 03.11.2015 OGGETTO: Proroga del contratto di lavoro a tempo determinato di n. 1 Assistente

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento - C.A.P. 38064 Via Roma, 60 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it PEC: comune@pec.comune.folgaria.tn.it

Dettagli

Requisiti igienico-sanitari dei locali di abitazione

Requisiti igienico-sanitari dei locali di abitazione AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE Requisiti igienico-sanitari dei locali di abitazione Decreto del Ministero della Salute 5 luglio 1975 e s.m.i. Regolamenti di Igiene Comunali Dr. Mario Esposito Tecnico della

Dettagli

NORME TECNICHE D ATTUAZIONE

NORME TECNICHE D ATTUAZIONE REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI BEINASCO SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA E URBANISTICA VARIANTE N. 3/2013 ai sensi della L.R. 5.12.1977 n. 56 art.17, 5 comma. Modificazioni al P.R.G.C. vigente

Dettagli

COMUNE DI ZIANO DI FIEMME TRENTO

COMUNE DI ZIANO DI FIEMME TRENTO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI ZIANO DI FIEMME TRENTO C O P I A Affissa all'albo Pretorio il 06/03/2015 EROGAZIONE INCENTIVO DEL REGOLAMENTO "BOSCO AMICO" PER RECUPERO DELLE ZONE PRATIVE

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 001 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 001 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento - C.A.P. 38064 Via Roma, 60 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 VERBALE DI DELIBERAZIONE N.

Dettagli

COMUNE DI LEVICO TERME PROVINCIA DI TRENTO

COMUNE DI LEVICO TERME PROVINCIA DI TRENTO COPIA COMUNE DI LEVICO TERME PROVINCIA DI TRENTO VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 244 DELLA GIUNTA COMUNALE Oggetto: LAVORI DI COSTRUZIONE NUOVI SERVIZI IGIENICI A SERVIZIO DEL PARCO SEGANTINI - SPIAGGIA LIBERA

Dettagli

COMUNE DI BRENTONICO Provincia di Trento

COMUNE DI BRENTONICO Provincia di Trento COMUNE DI BRENTONICO Provincia di Trento VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 169 del 29-09-2016 della GIUNTA COMUNALE OGGETTO: Concessione patrocinio all associazione UISP Trentino per la realizzazione dell attività

Dettagli

COMUNITA DELLA VAL DI NON con sede in CLES. Verbale di deliberazione N della Giunta della Comunità della Val di Non

COMUNITA DELLA VAL DI NON con sede in CLES. Verbale di deliberazione N della Giunta della Comunità della Val di Non COMUNITA DELLA VAL DI NON con sede in CLES Verbale di deliberazione N. 108 della Giunta della Comunità della Val di Non Oggetto: Approvazione bando di mobilità volontaria per la copertura di un posto da

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 33 DEL REGIONE PUGLIA

LEGGE REGIONALE N. 33 DEL REGIONE PUGLIA LEGGE REGIONALE N. 33 DEL 15-11-2007 REGIONE PUGLIA Recupero dei sottotetti, dei porticati, di locali seminterrati e interventi esistenti e di aree pubbliche non autorizzate. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE

Dettagli

COMUNE DI AVIO Provincia di Trento

COMUNE DI AVIO Provincia di Trento COMUNE DI AVIO Provincia di Trento Verbale di Deliberazione N. 201 della Giunta Comunale OGGETTO: UTILIZZO E SPECIFICA DESTINAZIONE ED ANTICIPAZIONE DI TESORERIA PER L ESERCIZIO FINANZIARIO 2016. L anno

Dettagli

COMUNE DI TELVE PROVINCIA DI TRENTO. Verbale di Deliberazione della GIUNTA COMUNALE N. 81

COMUNE DI TELVE PROVINCIA DI TRENTO. Verbale di Deliberazione della GIUNTA COMUNALE N. 81 COPIA COMUNE DI TELVE PROVINCIA DI TRENTO Verbale di Deliberazione della GIUNTA COMUNALE N. 81 OGGETTO: ADESIONE ALLA CONVENZIONE FRA PROVINCIA E AGENZIA DELLE ENTRATE FINALIZZATA ALLA DISCIPLINA DELLA

Dettagli

Determinazione n dd. 13 ottobre 2014

Determinazione n dd. 13 ottobre 2014 Comunità Alta Valsugana e Bersntol Servizio Finanziario Piazza Gavazzi, 4 38057 Pergine Valsugana (TN) codice fiscale e partita IVA 02143860225 Determinazione n. 2076 dd. 13 ottobre 2014 OGGETTO: Contratto

Dettagli

Deliberazione della Giunta Comunale

Deliberazione della Giunta Comunale COMUNE DI ROVERETO PROVINCIA DI TRENTO Deliberazione della Giunta Comunale fascicolo n.... N. 289 registro delibere Data 29/12/2015 Oggetto: SERVIZIO ACQUEDOTTO - APPROVAZIONE TARIFFA 2016. Il giorno ventinove

Dettagli

COMUNE DI ROVERE DELLA LUNA Provincia di Trento

COMUNE DI ROVERE DELLA LUNA Provincia di Trento COMUNE DI ROVERE DELLA LUNA Provincia di Trento VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 74 DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: Art. 9 della legge provinciale 4 agosto 2015 n. 15. Conferma della nomina dei membri nominati

Dettagli

Istanza per il rilascio del certificato di agibilità Ai sensi degli artt. 24, 25 e 26 del Decreto del Presidente della Repubblica 06/06/2001 n.

Istanza per il rilascio del certificato di agibilità Ai sensi degli artt. 24, 25 e 26 del Decreto del Presidente della Repubblica 06/06/2001 n. I dati acquisiti saranno trattati in conformità alla normativa sulla Privacy (D. Lgs. 196 del 2003). Si veda http://territorio.comune.bergamo.it/privacy APT-SGT-AGI/0 Servizio Gestione del Territorio Pagina

Dettagli

COMUNE DI ALBIANO VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 66. della Giunta comunale

COMUNE DI ALBIANO VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 66. della Giunta comunale COPIA COMUNE DI ALBIANO VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 66 della Giunta comunale Oggetto: RINNOVO CONTRATTO DI LOCAZIONE IMMOBILE ADIBITO A SEDE CASERMA CARABINIERI ALBIANO L anno duemilaquindici, il giorno

Dettagli

AZIENDA San Valentino Città di Levico Terme LEVICO TERME PROVINCIA DI TRENTO

AZIENDA San Valentino Città di Levico Terme LEVICO TERME PROVINCIA DI TRENTO Prot. n. 3397/14 (1)... AZIENDA PUBBLICA DI SERVIZI ALLA PERSONA San Valentino Città di Levico Terme LEVICO TERME PROVINCIA DI TRENTO DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE N. 123 OGGETTO: AGGIORNAMENTO DEL PIANO

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 29 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 29 della Giunta Comunale COPIA COMUNE DI TRAMBILENO PROVINCIA DI TRENTO VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 29 della Giunta Comunale OGGETTO: AUTORIZZAZIONE STIPULA CONVENZIONE PER ESENZIONE SOMMA CORRISPONDENTE AL COSTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

COMUNE DI LEVICO TERME PROVINCIA DI TRENTO

COMUNE DI LEVICO TERME PROVINCIA DI TRENTO COPIA COMUNE DI LEVICO TERME PROVINCIA DI TRENTO VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 66 DELLA GIUNTA COMUNALE Oggetto: APPROVAZIONE E LIQUIDAZIONE SPESE DI RAPPRESENTANZA. L'anno duemilatredici addì ventiquattro

Dettagli

Comunità della Valle di Cembra

Comunità della Valle di Cembra Comunità della Valle di Cembra PROVINCIA DI TRENTO VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 155 del Comitato esecutivo della Comunità OGGETTO: Approvazione e liquidazione del II stato di attuazione e avanzamento per

Dettagli

DELIBERAZIONE NR. 12 DELLA GIUNTA COMUNALE

DELIBERAZIONE NR. 12 DELLA GIUNTA COMUNALE ORIGINALE / COPIA COMUNE DI SOVER Provincia di Trento Piazza S. Lorenzo n. 12 38048 SOVER (TN) P.IVA e Cod. Fisc. 00371870221 Tel. 0461698023 Fax 0461698398 e-mail: sseeggrreet teerri iaa@ccoomuunneessoovveerr..tnn..itt

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 90/2016 D E L L A G I U N T A C O M U N A L E

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 90/2016 D E L L A G I U N T A C O M U N A L E COMUNE DI ZAMBANA PROVINCIA DI TRENTO VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 90/2016 D E L L A G I U N T A C O M U N A L E Oggetto: Erogazione contributi ad Associazioni sportive operanti in favore della popolazione

Dettagli

COMUNE DI BRENTONICO Provincia di Trento

COMUNE DI BRENTONICO Provincia di Trento COMUNE DI BRENTONICO Provincia di Trento VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 83 del 20-08-2015 della GIUNTA COMUNALE OGGETTO: CONCESSIONE PATROCINIO ASSOCIAZIONE PEDAGOGICA E CULTURALE SINTESI - MUSEO DIDATTICO

Dettagli

COMUNE DI LEVICO TERME PROVINCIA DI TRENTO

COMUNE DI LEVICO TERME PROVINCIA DI TRENTO COPIA COMUNE DI LEVICO TERME PROVINCIA DI TRENTO VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 39 DELLA GIUNTA COMUNALE Oggetto: AFFIDAMENTO INCARICO PER "ASSEVERAZIONE AI FINI DELL'ATTESTAZIONE DI RINNOVO PERIODICO DI

Dettagli

COMUNITA VALSUGANA E TESINO SETTORE TECNICO

COMUNITA VALSUGANA E TESINO SETTORE TECNICO COMUNITA VALSUGANA E TESINO SETTORE TECNICO DETERMINAZIONE NR. 567 ASSUNTA IN DATA 03/12/2014 OGGETTO : CRM Villa Agnedo. Affidamento incarico della redazione della documentazione necessaria per l ottenimento

Dettagli

RICHIESTA DI CERTIFICATO DI AGIBILITA' artt. 24 comma 3 e 25 comma 1 D.P.R n. 380/2001 e succ.mod. ed int.

RICHIESTA DI CERTIFICATO DI AGIBILITA' artt. 24 comma 3 e 25 comma 1 D.P.R n. 380/2001 e succ.mod. ed int. P.E.... Spazio Riservato all Ufficio Prot.ocollo n.... Del... RICHIESTA DI CERTIFICATO DI AGIBILITA' artt. 24 comma 3 e 25 comma 1 D.P.R. 06.06.2001 n. 380/2001 e succ.mod. ed int. Marca da Bollo 14,62

Dettagli