MANUALE DELLA QUALITÀ DEL FORNITORE (SQM)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MANUALE DELLA QUALITÀ DEL FORNITORE (SQM)"

Transcript

1 Pagina 1 di 74 Autore del Documento: Gruppo Tecnico Qualità Fornitore Data Effettiva 1-Luglio-2010 Revisione n. 7 MANUALE DELLA QUALITÀ DEL FORNITORE (SQM) PER COMPONENTI ED ASSIEMI ACQUISTATI Questo è un documento controllato con lettura elettronica, di dominio e accessibile solamente dall Indice Principale NMHG. Ogni persona in possesso di una copia stampata di questo documento originale o di appendici citate ha una copia non controllata e dovrebbe consultare l Indice Principale o il sito web approvato per verificare lo stato di livello di revisione. NACCO Materials Handling Group, Inc. (NMHG) Agosto 1, 2007

2 Pagina 2 di 74 Autore del Documento: Gruppo Tecnico Qualità Fornitore Data Effettiva 1-Luglio-2010 Revisione n. 7 Spettabile Fornitore, NACCO Materials Handling Group, Inc. (NMHG) è lieta di presentarle il proprio Manuale della Qualità del Fornitore (SQM), revisione Questa è la 3 revisione che è stata pubblicata dalla sua prima edizione nel luglio 2002, da non confondere con i livelli di Revisione di Controllo del Documento che si trovano nelle intestazioni. Questo livello serve solo per motivi di controllo interno. Tutti i fornitori di componenti ed assiemi di produzione dovranno conformarsi, con effetto immediato, ai nuovi requisiti contenuti nel presente manuale. NMHG ha apportato numerosi miglioramenti rispetto al manuale originale. Le sezioni interessate da revisioni o aggiunte sono registrate nell elenco delle revisioni che si trova nella sezione A. Nel realizzare il manuale SQM abbiamo inteso creare uno strumento utile a facilitare la comunicazione e a promuovere il miglioramento continuo. NMHG si aspetta che i propri fornitori seguano i contenuti del presente manuale e li incorporino nelle proprie attività produttive quotidiane e di sviluppo prodotto, per assicurare il raggiungimento del più alto livello di Qualità. Per eventuali chiarimenti in merito alle informazioni qui accluse, la invitiamo a contattare il Supplier Quality Engineer (SQE) locale, presso uno dei numerosi stabilimenti. Località, numeri telefonici ed indirizzi dei vari SQE oltre che copie in bianco di tutte i moduli applicabili sono disponibili sul nostro sito web SQE NMHG: Il glossario alla fine del manuale fornisce le definizioni di abbreviazioni e termini inconsueti. NMHG Supplier Quality Engineering 1 Luglio 2010

3 Pagina 3 di 74 Autore del Documento: Gruppo Tecnico Qualità Fornitore Data Effettiva 1-Luglio-2010 Revisione n. 7 Sezione A ELENCO DELLE REVISIONI Edizione DATA NOTA 1 1 Luglio 2002 Edizione iniziale 1 1 Luglio 2005 Revisione Agosto 2007 Revisione 2 rilasciata SEZIONE TITOLO EDIZIONE ULTIMA REVISIONE Scopo della revisione A Registrazione revisione Luglio 2002 Luglio 2005 AA Dichiarazione di accettazione ed assenso Luglio 2002 Luglio 2005 AAA Tabella dei contenuti Luglio 2002 Luglio 2005 Sezione I. Introduzione e Informazioni Generali 1 Introduzione al Manuale della Qualità del Luglio 2002 Luglio 2007 Testo minore Fornitore 2 Requisiti di sicurezza della NACCO Materials Luglio 2002 Handling Group, Inc Sezione II. Assicurazione della Qualità nella fase di Pre-Produzione 3 Requisiti per il Sistema Qualità del fornitore Luglio 2002 Luglio Approvazione Componente (PA) Luglio 2002 Luglio 2007 Definizioni 4.1 Sviluppo Piano Controllo Luglio 2005 Sezione III. Attività di supporto per l Assicurazione della Qualità nella fase di Produzione 5 Richiesta Modifica Processo (PCR) Luglio 2002 Luglio 2007 Modulo / Procedura 6 Richiesta Azione Correttiva Fornitore (SCAR) Luglio 2002 Luglio 2007 Sistema / Procedura Sezione IV. Controlli e Processi Speciali 7 Controllo qualità getti Luglio 2005 Luglio 2007 Convalida materiale 8 Controllo & Approvazione Qualità Vernice Luglio 2005 Luglio 2007 Testo minore 9 Controllo & Approvazione Qualità Colore / Luglio 2005 Brillantezza 10 Qualità Pulizia Idraulica Luglio 2005 Luglio 2007 Testo minore 11 Etichetta campione Luglio Linea guida all approvazione della saldatura Giugno 10 Sezione V. Glossario Sezione VI. Modulistica: Gestione delle revisioni Le modifiche richieste verranno, all occorrenza, raggruppate e pubblicate in fascicolo. Le modifiche a moduli comporteranno la revisione del numero della sezione in cui si fa riferimento al modulo stesso, indipendentemente dal fatto che quest ultima ne riporti o meno un esempio. Ulteriori revisioni del manuale SQM verranno inviate a mezzo o rese disponibili sul sito web NMHG SQE: Si prega di utilizzare i moduli aggiornati presenti sul sito web. L intero manuale verrà revisionato e ridistribuito a discrezione e cura del Supplier Quality Engineering della NACCO Materials Handling Group, Inc. Per conto di tutte le unità operative NMHG, i sottoscritti qui autorizzano la pubblicazione e/o le revisioni sopra elencate del Manuale della Qualità del Fornitore NMHG Michael Brogan Mike Rosberg Chris Cox Senior Vice President Vice President - Supply Director Supplier Quality Product Development & Procurement Chain Global Procurement Engineering Global Procurement SOTTOSEZIONE A Pagina 1 di 1

4 Pagina 4 di 74 Autore del Documento: Gruppo Tecnico Qualità Fornitore Data Effettiva 1-Luglio-2010 Revisione n. 7 Sezione AA DICHIARAZIONE DI ACCETTAZIONE ED ASSENSO Affinché il fornitore fornisca componenti a livello di produzione, NMHG richiede che la propria società accetti e si impegni ad osservare i requisiti riportati nel presente Manuale della Qualità del Fornitore. Si prega di firmare e di inviare la presente pagina all attenzione del Director- Supplier Quality Engineering. Gli elementi chiave inclusi nel presente manuale sono: 1.) In nessun caso, senza l approvazione di NMHG, il fornitore apporterà cambiamenti a processi di produzione, come descritto nella procedura Richiesta Modifica Processo (PCR- Process Change Request). Il fornitore dovrà sempre ottenere un approvazione formale da parte della Progettazione NMHG in caso di cambiamenti di progetto (materiali, forma o software), durante lo sviluppo di nuovi prodotti e l inizio della produzione come specificato nella procedura Approvazione Componente (PA- Part Approval). 2.) Per poter operare commercialmente con la NMHG, il fornitore è tenuto ad utilizzare la modulistica e ad osservare le procedure previste quando svolga attività legate al contenuto del presente manuale. 3.) In occasione dello sviluppo e della presentazione dei componenti provenienti dalla produzione del fornitore, si dovranno seguire tutti i passi e fornire tutte le informazioni riportate nella procedura di Approvazione Componente. 4.) Tutte le campionature e l inizio della produzione devono essere accompagnate dalla documentazione con i dati dimensionali (disegno componenti), indipendentemente dal fatto che sia stato o meno richiesto formalmente con un modulo Approvazione Componente. Nome della società accetta con il presente documento di attenersi ai requisiti stipulati in questo Manuale della Qualità del Fornitore NMHG. Nome: Titolo Nome: Titolo SEZIONE AA Pagina 1 di 1

5 Pagina 5 di 74 Autore del Documento: Gruppo Tecnico Qualità Fornitore Data Effettiva 1-Luglio-2010 Revisione n. 7 Sezione AAA INDICE I. Introduzione e informazioni generali 1. Introduzione al Manuale della Qualità del Fornitore 2. Requisiti di sicurezza della NACCO Materials Handling Group, Inc. II. Assicurazione della Qualità nella fase di Pre-Produzione 3. Requisiti del Sistema Qualità del Fornitore 4. Approvazione Componente (PA- Part Approval) III. Attività di supporto per l Assicurazione della Qualità nella fase di Produzione 5. Richiesta Modifica Processo (PCR- Process Change Request) 6. Richiesta Azione Correttiva (CAR- Corrective Action Request) IV. Controlli e Processi Speciali 7. Controllo Qualità Fusioni 8. Controllo e Approvazione Qualità Vernice 9. Controllo e Approvazione Qualità Colore e Gloss 10. Qualità Pulizia Idraulica 11. Etichetta Campione V. Glossario VI. Modulistica SEZIONE AAA Pagina 1 di 1

6 Pagina 6 di 74 Autore del Documento: Gruppo Tecnico Qualità Fornitore Data Effettiva 1-Luglio-2010 Revisione n. 7 Introduzione e Informazioni generali LUGLIO 2010 GROUP, INC. SEZIONE I.

7 Pagina 7 di 74 Autore del Documento: Gruppo Tecnico Qualità Fornitore Data Effettiva 1-Luglio-2010 Revisione n. 7 Sezione 1. Introduzione al Manuale della Qualità del Fornitore FINALITÀ: Scopo della presente sezione è presentare il Manuale della Qualità del Fornitore NMHG e illustrare gli obiettivi e le aspettative che ne hanno portato alla stesura. APPLICABILITÀ: Il presente manuale si applica a tutti i fornitori di componenti di produzione di una delle unità operative globali NMHG elencate nella presente sezione. DESCRIZIONE: Gli obiettivi del Manuale della Qualità del Fornitore sono: Comunicare alla NMHG le aspettative ed i requisiti minimi per garantire la Qualità dei componenti forniti. Stabilire una metodica di comunicazione e assicurare un adeguato flusso di informazioni che consenta la pronta notifica di problemi, soluzioni o idee volte a migliorare la Qualità. Stabilire una serie di requisiti atti ad assicurare la corretta introduzione di componenti nuovi o modificati nei processi NMHG. Facilitare il miglioramento continuo sia nell attività di prevenzione che correzione dei Problemi di Qualità. Competenze di gestione dei documenti: SQE NMHG Sovrintendere e promuovere l implementazione del manuale SQM in tutta la NMHG. Supportare i fornitori nell applicazione del manuale SQM. Conservare un elenco dei fornitori per la notifica dei cambiamenti che possano venire apportati annualmente. Aggiornare e curare la distribuzione del manuale SQM e delle relative revisioni. Assicurazione Qualità presso gli stabilimenti NMHG Supportare l implementazione e l osservanza del manuale SQM. Fungere da referente principale per tutte le questioni di qualità dei fornitori riscontrate negli stabilimenti NMHG. SEZIONE 1 Pagina 1 di 3

8 Pagina 8 di 74 Autore del Documento: Gruppo Tecnico Qualità Fornitore Data Effettiva 1-Luglio-2010 Revisione n. 7 Sezione 1. Introduzione al Manuale della Qualità del Fornitore Fornitori Comprendere la corretta applicazione del presente manuale quale strumento per comunicare Azioni Correttive e per il raggiungimento della Qualità durante le produzioni di parti pilota e nella sottomissione di campioni. Conservare una copia del manuale SQM NMHG e delle eventuali revisioni. Provvedere a distribuirne copia alle persone interessate, incaricate o responsabili della stesura dei documenti da presentare alla NMHG. Ulteriori informazioni Nel manuale si fa riferimento al Rappresentante Qualità incaricato. Ogni stabilimento NMHG ha il proprio personale Qualità con il compito di facilitare le comunicazioni con i fornitori in merito a problemi di qualità o a modifiche di processo che interessino i prodotti inviati a tale stabilimento. Salvo diversamente concordato con il personale Qualità dello stabilimento, il Supplier Quality Engineering seguirà l approvazione di nuovi componenti relativi a nuovi progetti. Si veda la procedura di Approvazione Componente per la prassi corretta da seguire per ottenere l approvazione di nuovi componenti. Salvo diversa notifica, il presente manuale e le sue eventuali future revisioni entreranno in vigore a partire dal loro rilascio ad un fornitore approvato dalla NMHG. Per ulteriori chiarimenti in merito all utilizzo del presente manuale, rivolgersi a: NMHG - Supplier Quality Engineering Att: Chris Cox-Director, SQE 2200 Menelaus Road Berea, KY Tel: Fax: I fornitori sono tenuti ad utilizzare i moduli ed i formati forniti nel presente manuale. NMHG pone tale requisito per i tre (3) moduli principali: Approvazione Componente (PA), Richiesta Modifica Processo (PCR) e Richiesta Azione Correttiva (CAR). Per la documentazione di supporto, come i dati relativi ai campioni, le certificazioni dei materiali e gli studi di capacità ognuno potrà utilizzare moduli e formati famigliari alla propria azienda. NMHG provvederà a richiedere ulteriori informazioni nel caso in cui ritenga che la modulistica utilizzata dal fornitore non fornisca dati sufficienti. SEZIONE 1 Pagina 2 di 3

9 Pagina 9 di 74 Autore del Documento: Gruppo Tecnico Qualità Fornitore Data Effettiva 1-Luglio-2010 Revisione n. 7 Sezione 2. Requisiti di sicurezza NACCO Materials Handling Group, Inc. FINALITÀ: Comunicare le regole comuni e le prassi che devono essere osservate mentre si visita uno stabilimento NMHG. APPLICABILITÀ: Si applica a tutti i visitatori e a chiunque lavori all interno di uno stabilimento di produzione NMHG. Il presente documento fa riferimento ai requisiti minimi di sicurezza e non contempla tutte le disposizioni pertinenti ad ogni singolo stabilimento. DESCRIZIONE: In NMHG la sicurezza è una priorità assoluta. Spetta ad ogni singolo individuo il compito di assicurarsi di lavorare in sicurezza e di accertarsi che anche gli altri seguano procedure sicure. I nostri stabilimenti e processi utilizzano componenti pesanti, operazioni di carpenteria e frequenti movimentazioni interne. Ai fini della prevenzione antinfortunistica, è estremamente importante che si seguano tutte le istruzioni fornite dalla guida o dal proprio referente. Prima di accedere agli ambienti di lavoro, informarsi sempre su tutte le disposizioni di sicurezza applicate presso lo stabilimento NMHG e seguirle quindi scrupolosamente. Per la visita ad uno stabilimento NMHG si dovranno sempre osservare le seguenti norme e misure di sicurezza: Indossare occhiali di sicurezza ogni volta che ci si trovi in un area di produzione. Indossare scarpe di sicurezza ogni volta che si preveda di visitare o di operare all interno di un area di produzione. (Fanno eccezione i casi in cui si sia di passaggio e si rimanga all interno dei corridoi principali del reparto di produzione.) Non maneggiare componenti del processo di produzione a meno che non si sia autorizzati dall accompagnatore e si sia stati informati circa la necessità di indossare idonee misure protettive quali guanti, maniche, grembiuli, ecc. Stare a debita distanza dai luoghi in cui si eseguono saldature, tagli a fiamma o laser o altri processi a caldo, a meno che non si abbia la necessaria formazione e autorizzazione o si sia seguiti da vicino da un dipendente NMHG. Rimanere vigili e guardare sempre da entrambe le parti prima di attraversare corsie, porte o di percorrere le aree destinate a linee di produzione. NOTE: Si sono qui riportati i requisiti minimi di sicurezza. Esortiamo vivamente ad informarsi sulle ulteriori disposizioni di sicurezza vigenti presso lo stabilimento in cui ci si trova e a seguirle scrupolosamente. SEZIONE 2 Pagina 1 di 1

10 Pagina 10 di 74 Autore del Documento: Gruppo Tecnico Qualità Fornitore Data Effettiva 1-Luglio-2010 Revisione n. 7 Assicurazione della Qualità per le preserie produttive LUGLIO 2010 GROUP, INC. SEZIONE II. Sezione 3. Requisiti del Sistema Qualità del Fornitore

11 Pagina 11 di 74 Autore del Documento: Gruppo Tecnico Qualità Fornitore Data Effettiva 1-Luglio-2010 Revisione n. 7 FINALITÀ: Definire gli elementi di Qualità fondamentali che devono essere presenti nei processi del fornitore. APPLICABILITÀ: La presente sezione si applica a tutti i fornitori NMHG. DESCRIZIONE: I criteri di valutazione adottati dalla NMHG per stabilire con chi operare favoriscono i fornitori in grado di offrire con continuità prodotti di alta qualità. NMHG ritiene inoltre che nessun processo sia esentato dal miglioramento continuo. Quando si effettuano le valutazioni per la selezione di fornitori per nuovi prodotti o gli audit di certificazione di fornitori che desiderino diventare Fornitori certificati NMHG è necessario prendere in esame vari aspetti dell intero processo aziendale. La presente sezione descrive gli aspetti di processo che verranno presi in esame per la Qualità. Ci si attende che il fornitore sia in grado di descrivere ed illustrare il proprio Sistema Gestione Qualità e che disponga della documentazione attestante l esistenza e l implementazione di tali Sistemi. Materiale di riferimento: NMHG Supplier Certification Manual (Manuale per la certificazione del fornitore)- Si tratta del manuale utilizzato per valutare l intero processo aziendale di un fornitore ed è riservato ai fornitori che aderiscono al programma di certificazione dei fornitori NMHG. Per ulteriori informazioni in merito rivolgersi al proprio referente presso l ufficio acquisti. NMHG Supplier Assessment (Valutazione del fornitore NMHG) Linee guida con i requisiti impiegati per la valutazione rapida del Sistema Qualità di un fornitore. Viene generalmente impiegata nel corso di una visita della durata di un (1) giorno e i risultati conducono alla decisione di concessione fornitura. L elenco base degli elementi presi in esame in fase di valutazione è riportato nella sezione 3. Prima di una valutazione, o in qualsiasi momento su richiesta, verrà fornito un documento analitico più dettagliato. Per ulteriori chiarimenti rivolgersi al Supplier Quality Engineer locale. Responsabilità ed aspettative: Fornitore: Esaminare e comprendere i contenuti della valutazione prima dell effettiva verifica. Preparare e organizzare una verifica di processo che consenta una completa ed efficiente valutazione del processo riportato sulla Valutazione del fornitore. Rappresentante NMHG: Effettuare la valutazione, discutere problemi e suggerimenti con l aspirante fornitore, stendere una relazione con i risultati della verifica e seguire l implementazione di eventuali azioni correttive. EDIZIONE 1 REVISIONE 1 NACCO MATERIALS HANDLING SEZIONE 3 Pagina 1 di 3

12 Pagina 12 di 74 Autore del Documento: Gruppo Tecnico Qualità Fornitore Data Effettiva 1-Luglio-2010 Revisione n. 7 Sezione 3. Requisiti del Sistema Qualità del Fornitore NMHG può condurre una Valutazione del Sistema Qualità di una sede di un fornitore attuale o potenziale in modo da valutare la capacità del processo di assicurare la Qualità fornita. I contenuti generali e le aspettative di questa valutazione sono descritti qui sotto. Le informazioni che si trovano di seguito descrivono i requisiti generali della NMHG e NON dovrebbero essere considerate come un elenco complessivo delle aspettative. Se ci si sta preparando per una Valutazione del Sistema Qualità si dovrebbe prendere confidenza con la valutazione vera e propria. Componenti forniti NMHG si aspetta che il fornitore abbia sistemi, metodi e procedure in grado di: 1. Confermare la Qualità del prodotto ricevuto. Questo può essere realizzato attraverso ispezioni al ricevimento, ispezioni di terzi o dati del fornitore. E possibile assicurare la Qualità Componente anche attraverso programmi di certificazione del fornitore purché una qualche ispezione regolare è in grado di confermare la coerenza del processo. 2. Verificare e / o sviluppare sistemi Qualità dei sub-fornitori per assicurare conformità agli accordi di Controllo Qualità. Processo di Produzione NMHG si aspetta che il fornitore abbia sistemi, metodi e procedure in grado di: 1. Assicurare una corretta messa in servizio del processo e delle macchine durante i set up di prodotto. 2. Confermare il corretto funzionamento e/o rendimento di un dispositivo e delle attrezzature. 3. Verificare la Qualità del prodotto a vari stadi del processo compreso il prodotto terminato. 4. Controllare bene i processi di fabbricazione come la saldatura, la brasatura, la lavorazione a macchina, il taglio, la fusione, ecc. 5. Identificare, registrare e seguire le non-conformità per assicurare Azioni Correttive ed evitare che tali non-conformità giungano alla NMHG. 6. Gestire anomalie di processo attraverso comunicazioni speciali e l approvazione di provvisori : processi, metodi di ispezione, flusso dei materiali, controllo dei lotti e misure di sicurezza necessari per produrre il prodotto secondo quanto richiesto dal gruppo Qualità e Progettazione NMHG. Fare riferimento alla Sezione 5, Richiesta Modifica Processo, di questo manuale per capire le aspettative della NMHG in caso di comunicazione di modifiche del processo del fornitore. 7. Confermare e proteggere la Qualità del prodotto finito, pronto per la spedizione alla NMHG. 8. Assicurare che il prodotto che si sospetta non essere conforme venga controllato e gestito in modo corretto in modo da accelerare il processo di Azione Correttiva e di darne avviso alla NMHG in caso possa influire sulla Qualità NMHG o sulla consegna. 9. Assicurare il controllo e l identificazione dei lotti nel caso i componenti dovessero essere messi in quarantena nelle sedi del fornitore o della NMHG. 10. Assicurare che tutti i dipendenti siano addestrati correttamente sui metodi di assemblaggio, fabbricazione, chimica dei materiali e collaudo necessari per consegnare un componente di Qualità nei tempi prestabiliti. SEZIONE 3 Page 2 di 3

13 Pagina 13 di 74 Autore del Documento: Gruppo Tecnico Qualità Fornitore Data Effettiva 1-Luglio-2010 Revisione n. 7 Sezione 3. Requisiti del Sistema Qualità del Fornitore Pianificazione Avanzata della Qualità NMHG si aspetta che il fornitore abbia sistemi, metodi e procedure in grado di: 1. Pianificare, tracciare e confermare la Prontezza della Qualità e della Consegna per componenti destinati ad aggiornamenti imminenti di progetti NMHG o modifiche in corso. 2. Convalidare eventuali Progetti o Processi di responsabilità del fornitore. 3. Pianificare, tracciare e confermare l installazione di attrezzature e utensili necessari per produrre e controllare il prodotto che viene acquistato dalla NMHG. Soddisfazione Cliente NMHG si aspetta che il fornitore abbia sistemi, metodi e procedure in grado di: 1. Tracciare la soddisfazione del cliente attraverso misure quali PPM, tempistiche di Azioni Correttive e garanzia / interventi sul campo. EDIZIONE1 REVISIONE 2 NACCO MATERIALS HANDLING SEZIONE 3 Pagina 3 di 3

14 Pagina 14 di 74 Autore del Documento: Gruppo Tecnico Qualità Fornitore Data Effettiva 1-Luglio-2010 Revisione n. 7 Sezione 4. Procedura Approvazione Componente (PA) FINALITÀ: Stabilire il metodo di esecuzione del processo di Part Approval (Approvazione Componente) per un componente o un assieme acquistato da NMHG. APPLICABILITÀ: Si applica a tutti i fornitori NMHG quando forniscono nuovi componenti. DESCRIZIONE: Notifica al fornitore della necessità di seguire il processo Part Approval Prima della notifica al fornitore, il Rappresentante Qualità NMHG provvederà a completare le seguenti parti del Modulo Part Approval: Data di emissione del Modulo Part Approval Nome del fornitore Referente del fornitore Codice del fornitore PCR (se la PA viene impiegata per qualificare una PCR) Referente NMHG, stabilimento NMHG a cui spedire Data di scadenza per la presentazione da parte del fornitore (sulla base della pianificazione di progetto) Denominazione del componente Codice del componente Livello di revisione Serie del carrello coinvolto Verifica e revisione della motivazione per la Presentazione del Part Approval Verifica e revisione della categoria richiesta per la Presentazione del Part Approval Presentazione del Part Approval da parte del fornitore Il Modulo Part Approval viene utilizzato nei seguenti casi: Fornitura di componenti per nuovi progetti (per un nuovo carrello o un aggiornamento di un carrello esistente) Nuovo fornitore per componenti esistenti. Documentazione di supporto per una Richiesta Modifica Processo (PCR) Modifiche di progetto gestite con ECN Nota: Fare riferimento alla Sezione IV, Controlli e Processi Speciali, per una guida ai passi chiave per ottenere l approvazione di componenti quali fusioni o componenti che richiedono vernici, colori o speciali livelli di pulizia. È presente anche una sezione che spiega l uso di un Etichetta del Campione di prova. SEZIONE 4 Pagina 1 di 9

15 Pagina 15 di 74 Autore del Documento: Gruppo Tecnico Qualità Fornitore Data Effettiva 1-Luglio-2010 Revisione n. 7 Sezione 4. Procedura Approvazione Componente (PA), Sulla base della complessità e della storia della qualità del componente e del fornitore, il Rappresentante della Qualità incaricato NMHG può elevare il livello di Part Approval (dal livello di default 1) necessario perché venga approvato per la produzione. Ci sono quattro (4) livelli di Part Approval. La matrice sotto indica il requisito necessario per ogni livello di PA. Il fornitore deve indicare che ogni requisito applicabile sia conforme ai requisiti specificati, contrassegnando le rispettive caselle (Yes/No) del Modulo Part Approval, e fornire i dati che testimonino la conformità. Se un requisito particolare non è applicabile per il tipo di componente in esame, scrivere semplicemente N/A nella colonna per i commenti. Se per una o più delle categorie scelte da NMHG i requisiti non sono soddisfatti, il fornitore deve accludere la spiegazione dell azione correttiva provvisoria o permanente nel modulo Part Approval RICHIESTA LIVELLO DI REGISTRAZIONE Livello 1 Livello 2 Livello 3 Livello 4 LIVELLO 1 LIVELLO 2 LIVELLO 3 LIVELLO 4 Modulo di approvazione componente Campioni approvazione componente (etichetta) Disegni numerati Risultati dimensionali Aspetto Risultati di prestazione dei materiali Risultati delle prove funzionali Approvazione per la registrazione certificazione Risultati di pulizia Diagrammi di flusso di processo Processo FMEA Piano di controllo Strumenti di verifica Studio Gage R&R (solo CTQ) Studio di capacità di breve termine (solo CTQ) PRESENTARE PRESENTARE PRESENTARE PRESENTARE PRESENTARE PRESENTARE PRESENTARE PRESENTARE PRESENTARE PRESENTARE PRESENTARE PRESENTARE PRESENTARE PRESENTARE PRESENTARE PRESENTARE PRESENTARE PRESENTARE PRESENTARE PRESENTARE PRESENTARE PRESENTARE PRESENTARE PRESENTARE PRESENTARE PRESENTARE PRESENTARE PRESENTARE PRESENTARE PRESENTARE PRESENTARE PRESENTARE PRESENTARE PRESENTARE PRESENTARE PRESENTARE PRESENTARE PRESENTARE PRESENTARE PRESENTARE PRESENTARE PRESENTARE Presentazione: Il fornitore dovrà sottoporre alla NMHG i requisiti specifici e conservare una copia delle registrazioni o della documentazione nelle sedi competenti, compresa la produzione. Il fornitore deve sempre completare la sezione Informazioni Contatto Fornitore. Salvo diversa indicazione da parte di NMHG, il fornitore deve identificare sei (6) componenti campione dalle rispettive spedizioni di prova o presentarli separatamente. In entrambi i casi, i componenti devono essere identificati tramite etichetta blu come indicato nella sezione IV, sottosezione 11, di questo documento. Per i processi multipli (doppi) sono richiesti almeno due (2) campioni per processo, ad esempio sono necessari due (2) campioni per impronta di stampo fino ad ottenere una serie minima di sei (6), salvo diversa indicazione da parte di NMHG. SEZIONE 4 Pagina 2 di 9

16 Pagina 16 di 74 Autore del Documento: Gruppo Tecnico Qualità Fornitore Data Effettiva 1-Luglio-2010 Revisione n. 7 Sezione 4. Approvazione componente (PA) Il fornitore deve fornire i risultati dimensionali per ogni campione presentato per il Part Approval (esempio 4-2). Il fornitore deve indicare sul rapporto dimensionale e sul Modulo Part Approval il numero di quote risultate conformi (OK) ed il numero totale di quote riportate sul disegno. In base a ciò si valuterà il Coefficiente di Approvazione Componente. (Ad esempio: se il disegno ha 100 quote e 3 risultano fuori tolleranza, riportare 97 OK su 100 TOTALI all inizio del rapporto dimensionale.) E importante seguire rigorosamente questa regola per assicurare che i componenti e i disegni concordino per la produzione. Salvo diverso accordo scritto tra NMHG e il fornitore, il fornitore dovrà condurre tutte le valutazioni di verifica o applicabili come specificato sul disegno. Nota: Utilizzo di dati 3D per produrre le attrezzature. In alcuni casi, specialmente nel caso di fusioni, NMHG può decidere di sviluppare un componente utilizzando dati 3D. Se la propria società si serve di tali dati per produrre l attrezzatura, è necessario che venga sottoposto anche un layout dimensionale secondo tutte le quote elencate sul disegno 2D. In tal modo le quote elencate non descriveranno in modo completo tutte le caratteristiche di forma e dimensione del componente, NMHG controllerà quindi che il componente si adatti & funzioni per l applicazione a cui è destinato. Se il componente non si adatta e non funziona secondo lo scopo del progetto e la causa prima non può essere determinata utilizzando i dati a disposizione, NMHG può decidere che il componente venga convalidato tramite l attrezzatura di ispezione 3D. Se il componente corrisponde ai dati originali 3D, NMHG promuoverà le modifiche del progetto. Se il componente non corrisponde ai dati originali 3D, il fornitore dovrà assumersi il costo dell ispezione 3D e di qualsiasi modifica dell attrezzatura necessaria per soddisfare le specifiche 3D. L Approvazione Componente verrà concessa solamente in seguito all approvazione di tutta la documentazione richiesta e dopo che sia stato fornito un pezzo prodotto con attrezzature e processo di produzione. Si prega di fare riferimento alle definizioni di Off Process e Off Tool all interno del glossario. Di conseguenza, i componenti forniti, su richiesta di NMHG, per la costruzione di carrelli pilota o prototipo, non soddisfano automaticamente i requisiti per la Part Approval. Per ogni fornitura di componenti campione si dovrà allegare un pacchetto di livello1 PA con ogni prova (A, B, Pilota o Pre-produzione), indipendentemente dal fatto che il rappresentante qualità NMHG richieda o meno il Part Approval. Ogni caratteristica misurata dovrà essere numerata ed etichettata sulla copia che deve essere correlata con i documenti del campione. Inoltre i campioni dei componenti devono essere numerati per essere correlati con la documentazione dei campioni ogni qual volta vengono forniti per prova. I dettagli relativi all uso corretto dell etichetta campione si trovano nella sezione 11 del presente manuale. Nella sezione del presente manuale relativa alla modulistica è possibile trovare il formato standard per il prospetto del layout dimensionale. Una versione elettronica dello stesso è consultabile sul sito web SQM NMHG. Il link URL si trova a pagina 1 della sezione A del presente manuale. Il fornitore deve autorizzare la sottomissione del Part Approval sottoscrivendo e datando il Modulo Part Approval. È richiesta la firma di una persona con funzione almeno a livello manageriale. SEZIONE 4 Pagina 3 di 9

17 Pagina 17 di 74 Autore del Documento: Gruppo Tecnico Qualità Fornitore Data Effettiva 1-Luglio-2010 Revisione n. 7 Sezione 4. Approvazione componente (PA) L approvazione di un Rappresentante della Qualità NMHG del pacchetto Part Approval della Vostra Società è necessaria per recuperare tutti i costi relativi all attrezzatura che devono essere pagati da NMHG. I termini precisi sono determinati e approvati dal rappresentante della Supply chain/ Acquisti; la Vostra Società dovrà presentare la prova per cui il prodotto è conforme all intento del progetto e che esso può essere costruito in conformità e con precisione tramite queste attrezzature prima di ricevere il 100% del suo costo. La conferma di tale prova viene ottenuta tramite la firma da parte di un rappresentante della Qualità del nostro Dipartimento o dell SQE. Qualsiasi eccezione a questa regola deve essere ottenuta per iscritto entro 30 dalla stipulazione degli affari con NMHG. In generale i componenti che necessitano di attrezzature per essere prodotte specificatamente per NMHG devono sottoporsi almeno al secondo livello 2 Part Approval descritto in seguito nella sezione, salvo diversamente indicato da un Rappresentante della Qualità NMHG. NOTA: se sono state apportate modifiche non autorizzate alle attrezzature, ai processi di produzione, ai materiali o alla progettazione dei componenti dopo la sottomissione di prototipi o di campioni, il fornitore dovrà ottenere l approvazione dall ufficio tecnico NMHG prima di produrre e / o spedire il prodotto. Controllare la rispettiva casella del modulo PA e fornire chiarimenti su eventuali differenze o scostamenti utilizzando un foglio allegato. Ricevimento del Part Approval inviato dal fornitore Il rappresentante Qualità provvederà a coordinare l esame della documentazione e dei campioni presentati dal fornitore per la Part Approval. Il rappresentante Qualità collaborerà con il fornitore nel verificare l implementazione di adeguate azioni correttive per ogni categoria di requisiti non conformi, prima dell entrata in produzione (SOP). Esito del Part Approval Firmando e datando il Modulo Part Approval, il rappresentante Qualità incaricato NMHG fornirà uno dei seguenti giudizi: Approvato per la produzione L approvazione verrà concessa se sono soddisfatti tutti i requisiti applicabili e attuate azioni correttive permanenti per tutti i requisiti di categorie non conformi. I campioni devono soddisfare tutti i requisiti e le prove di idoneità, funzionalità, aspetto visivo e affidabilità. I componenti devono essere prodotti attraverso gli strumenti e i processi di produzione approvati come definito in Off Tool / Off Process. Ulteriori definizioni si trovano nel glossario. SEZIONE 4 Pagina 4 di 9

18 Pagina 18 di 74 Autore del Documento: Gruppo Tecnico Qualità Fornitore Data Effettiva 1-Luglio-2010 Revisione n. 7 Sezione 4. Approvazione componente (PA) Se sono necessarie delle modifiche ad una attrezzatura a causa del rilascio di un punto di modifica al progetto (ECN- Engineering Change Notice) o per assicurare che il componente soddisfi le caratteristiche del disegno al 100%, si può richiedere che il componente sia Off Tool ma si deve indicare sul layout dimensionale o sul modulo PA che il componente non raggiunge il 100% del coefficiente di approvazione componente. La sottomissione di ogni campione o pre serie componente (A, B, pilota e /o elemento di pre-produzione) deve essere accompagnata da un pacchetto di dati dimensionali ad ogni consegna indipendentemente dal fatto che NMHG richieda o meno il Part Approval. Se il 100% dell attrezzatura finale per la produzione non può essere completata in tempo per la consegna dei componenti per la produzione, sarà difficile l ottenimento di un accordo o di una approvazione da parte della NMHG prima della produzione dei componenti. Se il 100% del processo della produzione finale non può essere completato in tempo per la consegna dei componenti in produzione sarà difficile l ottenimento di un accordo o di una approvazione da parte della NMHG prima che produca i componenti. Una volta presi gli accordi, i componenti possono essere classificati come Off Process. Generalmente i componenti prodotti per NMHG dovrebbero essere Off Tool per la fase di prova B e Off Process per quella pilota o almeno 45 giorni prima dell inizio della produzione presso la NMHG (che viene sempre prima di tutti). Eventuali eccezioni dovrebbero essere comunicate all ufficio acquisiti della NMHG e all SQE almeno 90 giorni prima della data stabilita (Pilota o Produzione) in modo tale che possano essere presi accordi o contromisure. Se la sottomissione Part Approval ha origine da una Richiesta Modifica Processo, il Numero di Part Approval sarà lo stesso del Numero PCR. In tal caso, il Modulo Part Approval viene solamente utilizzato per una maggiore chiarezza di comunicazione dei requisiti di approvazione della modifica di processo. La PCR resta il documento principale di riferimento. Risultati e stato dell attività dovranno restare nel sistema PCR. Approvazione condizionata (Conditional Approval) L approvazione condizionata è garantita nei casi in cui è stata identificata un eccezione in riferimento a una specifica di progetto ad un intero pacchetto Part Approval o a Off Tool / Off Process (vedere la definizione nel glossario). Se sussiste una di queste eccezioni, il Conditional Approval può essere concesso se NMHG determina e concorda che i requisiti di installazione, funzionamento, affidabilità siano conformi allo scopo del progetto e che la qualità del prodotto può essere verificata. L approvazione condizionale non può essere concessa a meno che azioni correttive temporanee appropriate alla gravità della non conformità siano state attuate. Una data di scadenza del Conditional Approval deve essere indicata per informare il fornitore che deve essere ripresentato il componente per una approvazione finale. Nota: L approvazione Condizionata del pezzo è richiesta prima di granire o lucidare un utensile. Ciò garantisce che vengano soddisfatti tutti i requisiti relativi ai materiali, all installazione e al funzionamento. Altrimenti qualsiasi modifica dell utensile diventa difficile, costosa o addirittura impossibile. Rifiuto Un rifiuto viene comunicato al fornitore tramite una richiesta di azione correttiva se i campioni non sono conformi ai requisiti di installazione, funzionamento e affidabilità. Il componente è considerato non approvato per la produzione finche il Part Approval non sarà considerato come approvato o approvato sotto condizione. Per ciascuna non conformità le azioni correttive permanenti o temporanee devono essere presentate al rappresentante della Qualità assegnato per ottenere l approvazione condizionale o completa. SEZIONE 4 Pagina 5 di 9

19 Pagina 19 di 74 Autore del Documento: Gruppo Tecnico Qualità Fornitore Data Effettiva 1-Luglio-2010 Revisione n. 7 Sezione 4. Approvazione componente (PA) Comunicazione dell esito del Part Approval Il rappresentante Qualità incaricato NMHG utilizzerà il Modulo Part Approval per comunicare al fornitore l esito del Part Approval. L iter del Modulo Part Approval si conclude con un esito: Approvato per la produzione Il Modulo Part Approval viene inviato direttamente al fornitore, inoltrando nel contempo una nota informativa al buyer responsabile di tale fornitore. Approvazione condizionata per la produzione Al Modulo Part Approval viene assegnata una data di scadenza per l approvazione condizionata ed inviato direttamente al fornitore, inoltrando nel contempo una nota informativa al buyer responsabile di tale fornitore. Il fornitore dovrà sottoporre nuovamente i componenti all approvazione finale, entro la data di scadenza dell approvazione condizionata. Respinto Il Modulo Part Approval viene inviato direttamente al fornitore. Il fornitore deve ripresentare il Part Approval per una nuova approvazione finale. (REGISTRAZIONE PA) NMHG SQE/QA FORNITORE SE CONCESSA APPROVAZIONE (RIPRESENTARE PA) SE RESPINTO O CONCESSA APPROVAZIONE CONDIZIONATA PROCESSO COMPLETO Il processo viene ripetuto finchè il prodotto risulta conforme ai requisiti di progetto ed è prodotto al 100% con attrezzature e processi di produzione. SEZIONE 4 Pagina 6 di 9

20 Pagina 20 di 74 Autore del Documento: Gruppo Tecnico Qualità Fornitore Data Effettiva 1-Luglio-2010 Revisione n. 7 Sezione 4. Approvazione componente (PA) Di seguito è riportata una linea generale delle sequenze e degli eventi del PA nel tempo e un esempio di registrazione modulo PA. Sarebbe utile utilizzare questo schema come una guida alla preparazione dello scheduling per lo sviluppo e l approvazione dei propri componenti. Nel caso in cui un componente venga deliberato o prorogato rispetto allo schema,tutti i passi devono essere completati correttamente prima di iniziare la produzione. Si noti che la finale approvazione avviene dopo la serie ad elevati volumi (HVPT). Questa sequenza è necessaria per assicurare che i componenti prodotti dal fornitore soddisfino i requisiti del disegno come a quelli di idoneità e funzionalità del carrello prima che vengano prodotte grandi quantità per la produzione. NMHG segue questa catena di eventi per molti dei componenti che ritiene essere di particolare importanza.in alcuni casi il progetto o l attrezzatura per un componente non può essere completato tramite il prospetto mostrato qui sopra. In questi casi le fasi del Part Approval sono ancora le stesse. Il prospetto diventa più compresso e può richiedere attività speciali e il trattamento di campioni e/o documenti del Part Approval per verificare che il componente rispecchi l intento del progetto. Per far sì che la propria società soddisfi i requisiti del Part Approval e sia in grado di consegnare in tempo componenti di qualità per la produzione, è importante rimanere in contatto regolarmente con il proprio rappresentante Qualità e Acquisti. SEZIONE 4 Pagina 7 di 9

On-Site Audit: pianificazione, esecuzione e formalizzazione. Sartirana Marina

On-Site Audit: pianificazione, esecuzione e formalizzazione. Sartirana Marina On-Site Audit: pianificazione, esecuzione e formalizzazione Sartirana Marina On-Site Audit: step critico nell iter di approvazione Parte fondamentale dell iter approvativo di un supplier è quella relativa

Dettagli

FIAT Group Automobiles

FIAT Group Automobiles PROGRAM REVIEW FIAT Group Automobiles ESITO: MONITORAGGIO: Valutazione attuale DATE: Prossima Valutazione Disegno N : Odm: Progetto: Fornitore: SUPPLIER QUALITY Descrizione Disegno: SQE: Codice Fornit:

Dettagli

FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO

FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO L autovalutazione è una valutazione che fornisce un giudizio sull efficacia e sull efficienza dell Azienda e sul grado di

Dettagli

NORME PER LA REDAZIONE DEL PIANO DI ASSICURAZIONE DEL PRODOTTO (PRODUCT ASSURANCE PLAN)

NORME PER LA REDAZIONE DEL PIANO DI ASSICURAZIONE DEL PRODOTTO (PRODUCT ASSURANCE PLAN) Pagina: 1 di 11 NORME PER LA REDAZIONE DEL PIANO DI ASSICURAZIONE DEL PRODOTTO (PRODUCT ASSURANCE PLAN) Pagina: 2 di 11 Indice 1.0 PREMESSA... 3 2.0 SCOPO DEL DOCUMENTO... 3 3.0 DEFINIZIONI... 3 4.0 DOCUMENTI

Dettagli

ALLEGATO GS1 LISTA DI CONTROLLO PER LA VALUTAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLA SICUREZZA

ALLEGATO GS1 LISTA DI CONTROLLO PER LA VALUTAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLA SICUREZZA Pag. 1 di 13 01 Emissione in allegato a procedura verifica GS 4 Maggio 2014 00 Prima emissione Luglio 2013 Revisione Motivo Data Nota: Lo sviluppo e l implementazione dell organizzazione e gestione della

Dettagli

LA NORMA UNI EN ISO 9001: 2000 E LA CERTIFICAZIONE. C-La Norma UNI EN ISO 9001: 2000 e la certificazione 1

LA NORMA UNI EN ISO 9001: 2000 E LA CERTIFICAZIONE. C-La Norma UNI EN ISO 9001: 2000 e la certificazione 1 LA NORMA UNI EN ISO 9001: 2000 E LA CERTIFICAZIONE C-La Norma UNI EN ISO 9001: 2000 e la certificazione 1 LE NORME SERIE ISO 9000 Guidare e condurre con successo un'organizzazione richiede che questa sia

Dettagli

FAQ della 4 Edizione delle Regole per il Raggiungimento e il Mantenimento del Riconoscimento IATF

FAQ della 4 Edizione delle Regole per il Raggiungimento e il Mantenimento del Riconoscimento IATF FAQ della 4 Edizione delle per il Raggiungimento e il Mantenimento del Riconoscimento IATF Le per il raggiungimento e il mantenimento del Riconoscimento IATF, 4 Edizione per l ISO/TS 16949 ( 4 Edizione),

Dettagli

Dal 1 febbraio 2010 la marcatura CE dei serramenti sarà obbligatoria.

Dal 1 febbraio 2010 la marcatura CE dei serramenti sarà obbligatoria. Nessuna ulteriore proroga. N e Dal 1 febbraio 2010 la marcatura CE dei serramenti sarà obbligatoria. La proroga del periodo di coesistenza della Marcatura CE con la la Norma Tecnica Europea EN 14351 1,

Dettagli

1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care

1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care 1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care 20 gennaio 2009 INDICE Sezione Contenuto 1. Il programma Responsible Care: scopo e campo di applicazione

Dettagli

Guida ai Sistemi di Gestione della Salute e della Sicurezza nei Luoghi di Lavoro

Guida ai Sistemi di Gestione della Salute e della Sicurezza nei Luoghi di Lavoro Alberto Alberto ANDREANI ANDREANI Via Mameli, 72 int. 201/C Via Mameli, 72 int. 201/C 61100 PESARO Tel. 0721.403718 61100 PESARO Tel. 0721.403718 e.mail andreani@pesaro.com e.mail andreani@pesaro.com Guida

Dettagli

UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori

UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori Struttura della norma ISO/IEC 17025 1. Scopo 2. Riferimenti normativi 3. Termini e definizioni 4. Requisiti gestionali

Dettagli

Un esempio di manuale operativo: la gestione della norma ISO 14001 nel settore delle tipografie

Un esempio di manuale operativo: la gestione della norma ISO 14001 nel settore delle tipografie 2 Un esempio di manuale operativo: la gestione della norma ISO 14001 nel settore delle tipografie L esempio di manuale operativo che qui si propone analizza il caso dell azienda tipografica (attività di

Dettagli

MANUALE QUALITÀ FORNITORI. Versione 1

MANUALE QUALITÀ FORNITORI. Versione 1 MANUALE QUALITÀ FORNITORI Versione 1 Revisione: 30 settembre 2014 Copyright 2014 United Technologies Corporation. Tutti i diritti riservati. Qualsiasi traduzione del presente Manuale qualità fornitori

Dettagli

OH&SAS Requisiti. 1. Scopo e Campo di Applicazione. 2 Riferimenti. 3 Termini e definizioni. 3.1 rischio accettabile (acceptable risk) 3.

OH&SAS Requisiti. 1. Scopo e Campo di Applicazione. 2 Riferimenti. 3 Termini e definizioni. 3.1 rischio accettabile (acceptable risk) 3. OH&SAS Requisiti 1. Scopo e Campo di Applicazione Questa Norma della serie Occupational Healt and Safety Assessment (OHSAS) specifica i requisiti per un Sistema di Gestione della Salute e della Sicurezza

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI FORNITURA

CONDIZIONI GENERALI DI FORNITURA 1 SCOPO... 1 2 RIFERIMENTI... 1 3 APPLICABILITÀ... 1 4 CLAUSOLE GENERALI... 2 4.1 Accesso allo stabilimento... 2 4.2 Riservatezza... 2 4.3 Sub-fornitura... 2 4.4 Garanzia... 2 5 DISPOSIZIONI IN MATERIA

Dettagli

PROCEDURA DELLA QUALITÀ

PROCEDURA DELLA QUALITÀ Pagina 1 di 8 PROCEDURA DELLA QUALITÀ GESTIONE DEL PRODOTTO NON CONFORME INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. PROCEDURE E ISTRUZIONI OPERATIVE COLLEGATE 3. DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI 4. MODALITA

Dettagli

(In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano dal 15 dicembre 2009 o da data successiva)

(In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano dal 15 dicembre 2009 o da data successiva) PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) 402 CONSIDERAZIONI SULLA REVISIONE CONTABILE DI UN IMPRESA CHE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

REGOLAMENTO PARTICOLARE PER LA CERTIFICAZIONE DI PRODOTTO UOVA IN GUSCIO I & F BUREAU VERITAS ITALIA

REGOLAMENTO PARTICOLARE PER LA CERTIFICAZIONE DI PRODOTTO UOVA IN GUSCIO I & F BUREAU VERITAS ITALIA Emesso da Ufficio: REGOLAMENTO PARTICOLARE INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. TERMINOLOGIA... 3 2.1 PRODUTTORE... 3 2.2 FAMIGLIA DI PRODOTTO... 3 2.3 CAMPIONATURA... 3 2.4 PIANO PER LA QUALITÀ DI PRODOTTO...

Dettagli

Specifiche tecniche per la fornitura di camere da vuoto per l upgrade di DAΦNE

Specifiche tecniche per la fornitura di camere da vuoto per l upgrade di DAΦNE ISTITUTO NAZIONALE DI FISICA NUCLEARE LABORATORI NAZIONALI DI FRASCATI Frascati, 28 febbraio 2007 Divisione Acceleratori Via E. Fermi, 40 Specifiche tecniche per la fornitura di camere da vuoto per l upgrade

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA Italia) 230 LA DOCUMENTAZIONE DELLA REVISIONE CONTABILE. Indice

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA Italia) 230 LA DOCUMENTAZIONE DELLA REVISIONE CONTABILE. Indice PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA Italia) 230 LA DOCUMENTAZIONE DELLA REVISIONE CONTABILE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano dal

Dettagli

GUIDA TECNICA ALLA RENDICONTAZIONE SU SIRIO

GUIDA TECNICA ALLA RENDICONTAZIONE SU SIRIO GUIDA TECNICA ALLA RENDICONTAZIONE SU SIRIO Guida per l Attuatore Versione 1.1 Sommario 1 Novità nella procedura informatica... 2 2 Rendicontazione... 3 2.1 Generazione file XML tramite Excel... 3 2.1.1

Dettagli

Aree di impatto che il cliente deve considerare in base alle Regole per ottenere e mantenere il riconoscimento IATF 4^ Edizione per l ISO/TS 16949

Aree di impatto che il cliente deve considerare in base alle Regole per ottenere e mantenere il riconoscimento IATF 4^ Edizione per l ISO/TS 16949 Aree di che il cliente deve considerare in base alle Regole per ottenere e mantenere il riconoscimento IATF 4^ Edizione per l ISO/TS 16949 1 Febbraio 2014 1 Premessa Introduzione 1.0 Certificabilità secondo

Dettagli

MANUALE DELSISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE

MANUALE DELSISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE Osservatorio per il Settore Chimico Ministero dell Industria del Commercio e dell Artigianato MANUALE DELSISTEMA DI Responsabile: Aggiornamento: 2 di 49 NOME AZIENDA Manuale del sistema di Gestione Ambientale

Dettagli

UNI EN ISO 14001 (Sistemi di Gestione Ambientale) e regolamento EMAS;

UNI EN ISO 14001 (Sistemi di Gestione Ambientale) e regolamento EMAS; PrometeoQualità www.softwarequalita.com PrometeoQualità è un software applicativo progettato e realizzato per la gestione del sistema Qualità aziendale. Il software è articolato in moduli indipendenti

Dettagli

EN9100:2003 * I requisiti aggiuntivi rispetto alla ISO 9001. Torino, 6 Luglio 2005 Caserta, 12 luglio 205

EN9100:2003 * I requisiti aggiuntivi rispetto alla ISO 9001. Torino, 6 Luglio 2005 Caserta, 12 luglio 205 EN9100:2003 * I requisiti aggiuntivi rispetto alla ISO 9001 Torino, 6 Luglio 2005 Caserta, 12 luglio 205 Sommario Come è nata la EN 9100 Gli Standard Aerospaziali Emessi In studio La Norma EN 9100 - I

Dettagli

Revisionelegalee controllo qualità: budget e consuntivo ore

Revisionelegalee controllo qualità: budget e consuntivo ore Revisionelegalee controllo qualità: budget e consuntivo ore di Alberto Pesenato (*) Il controllo di qualità stabilito dal D.Lgs. n. 39/2010 e basato sui Principi di Revisione ISA: 200-220 - ISCQ si riferisce

Dettagli

LA REALIZZAZIONE DEL DVR CON IL SOFTWARE STR.A.DI.VA.RI.

LA REALIZZAZIONE DEL DVR CON IL SOFTWARE STR.A.DI.VA.RI. LA REALIZZAZIONE DEL DVR CON IL SOFTWARE STR.A.DI.VA.RI. Il software Str.A.Di.Va.Ri. permette di realizzare valutazioni dei rischi e impostare documenti di valutazione dei rischi secondo le indicazioni

Dettagli

Ministero della Pubblica Istruzione e dell Addestramento. Domanda d Iscrizione all Albo delle Imprese di Pulizia Scolastica

Ministero della Pubblica Istruzione e dell Addestramento. Domanda d Iscrizione all Albo delle Imprese di Pulizia Scolastica Ministero della Pubblica Istruzione e dell Addestramento Domanda d Iscrizione all Albo delle Imprese di Pulizia Scolastica FOGLIO INFORMATIVO E TERMINOLOGIE Le Imprese di Pulizia interessate a continuare,

Dettagli

La norma UNI EN ISO 14001:2004

La norma UNI EN ISO 14001:2004 La norma COS È UNA NORMA La normazione volontaria Secondo la Direttiva Europea 98/34/CE del 22 giugno 1998: "norma" è la specifica tecnica approvata da un organismo riconosciuto a svolgere attività normativa

Dettagli

SEMINARIO Macchine e attrezzature di lavoro: i controlli del datore di lavoro sugli apparecchi di sollevamento materiali.

SEMINARIO Macchine e attrezzature di lavoro: i controlli del datore di lavoro sugli apparecchi di sollevamento materiali. Settore Ricerca, Certificazione e Verifica Dipartimento Tecnologie di Sicurezza SEMINARIO Macchine e attrezzature di lavoro: i controlli del datore di lavoro sugli apparecchi di sollevamento materiali

Dettagli

Regole per ottenere il riconoscimento IATF, 2 edizione, FAQ

Regole per ottenere il riconoscimento IATF, 2 edizione, FAQ Regole per ottenere il riconoscimento IATF, 2 edizione, FAQ Le Regole per ottenere il riconoscimento IATF, 2 edizione, sono state pubblicate nel 2004. Le seguenti FAQ sono state definite ed approvate da

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA QUALIFICAZIONE E CERTIFICAZIONE DEL PERSONALE ADDETTO ALLA SALDATURA

REGOLAMENTO PER LA QUALIFICAZIONE E CERTIFICAZIONE DEL PERSONALE ADDETTO ALLA SALDATURA Pagina 1 di 7 Indice 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 2. NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 2 3. TERMINI E DEFINIZIONI... 2 4. DOMANDA DI CERTIFICAZIONE ED AVVIO ITER CERTIFICATIVO... 2 5. ESECUZIONE DEI

Dettagli

MyMax PROCEDURA QUALITA Processo di Approvvigionamento PQ07b Ed. 0 Rev. 1 Pag. 1 di 10

MyMax PROCEDURA QUALITA Processo di Approvvigionamento PQ07b Ed. 0 Rev. 1 Pag. 1 di 10 PQ07b Ed. 0 Rev. 1 Pag. 1 di 10 1.0 Scopo e campo di applicazione Lo scopo della procedura è quello di definire le principali attività svolte dall Organizzazione per garantire l'affidabilità degli approvvigionamenti

Dettagli

ALLEGATO ALLA PROCEDURA PROCEDURA N. PQ 7.4-01

ALLEGATO ALLA PROCEDURA PROCEDURA N. PQ 7.4-01 N. SOMMARIO PAGINA 1 SCOPO 2 2 CAMPO DI APPLICAZIONE 2 3 RIFERIMENTI E DOCUMENTI RICHIAMATI 2 4 TERMINI E DEFINIZIONI 2 5 RESPONSABILITÀ 2 6 MODALITÀ OPERATIVE 2 TIPO COPIA N. COPIA DESTINATARIO/ UBICAZIONE

Dettagli

UTFUS PSO 09 - Linee guida per redazione e gestione di piani della qualità Rev. 1

UTFUS PSO 09 - Linee guida per redazione e gestione di piani della qualità Rev. 1 Pag. 1 di 15 UTFUS - Linee guida per redazione e TITOLO - LINEE GUIDA PER REDAZIONE E GESTIONE DI PIANI DELLA QUALITÀ CLASSIFICAZIONE:L Il presente Documento è proprietà intellettuale dell Unità Tecnica

Dettagli

Regole particolari per la certificazione di procedimenti di brasatura (BPS) e di saldatura (WPS)

Regole particolari per la certificazione di procedimenti di brasatura (BPS) e di saldatura (WPS) Regole particolari per la certificazione di procedimenti di brasatura (BPS) e di saldatura (WPS) 1 31-05-2013 Aggiunta cert. procedimenti di saldatura ISP ISG DIR 0 22-03-2013 Emissione cert. Procedimento

Dettagli

Riferimenti incrociati ISO 9001:2000 e Codex Alimentarius

Riferimenti incrociati ISO 9001:2000 e Codex Alimentarius Riferimenti incrociati ISO 9001:2000 e Codex Alimentarius 3.0 Programmi Prerequisito ISO 4.2.1-5.1-5.3 La Direzione si impegna a favore di un sistema di gestione della sicurezza attraverso la politica

Dettagli

Guida al livellamento delle risorse con logica Critical Chain (2 parte)

Guida al livellamento delle risorse con logica Critical Chain (2 parte) Paolo Mazzoni 2011. E' ammessa la riproduzione per scopi di ricerca e didattici se viene citata la fonte completa nella seguente formula: "di Paolo Mazzoni, www.paolomazzoni.it, (c) 2011". Non sono ammesse

Dettagli

Know how in pillole: Il COORDINATORE DELLA SALDATURA Welding Coordinator Competenze e Responsabilità nei Sistemi UNI EN ISO 3834 e UNI EN 1090

Know how in pillole: Il COORDINATORE DELLA SALDATURA Welding Coordinator Competenze e Responsabilità nei Sistemi UNI EN ISO 3834 e UNI EN 1090 Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la serie di Newsletter legate agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV costituiti o in fase di costituzione. Questa volta la pillola formativa si riferisce al

Dettagli

Informazioni essenziali sulla Certificazione dei sistemi di gestione

Informazioni essenziali sulla Certificazione dei sistemi di gestione 1 / 10 Certificazione dei Sistemi di Gestione Il certificato ottenuto da un Organizzazione che abbia fatto richiesta di Certificazione conferma che tale Organizzazione abbia implementato e mantenuto il

Dettagli

CSL - NEW BUSINESS HOLD (Ex Procedura FGA 07172)

CSL - NEW BUSINESS HOLD (Ex Procedura FGA 07172) Data: 10/10/2011 PROCEDURA N 16 (rev. 3) Pag 1 di 11 TITOLO CSL - (Ex Procedura FGA 07172) AGGIORNAMENTI Rev Inizio validità Autori Descrizione modifiche Pag. Modificate 1 09/12/2008 - Prima stesura tutte

Dettagli

SPECIFICA DI ASSICURAZIONE QUALITA

SPECIFICA DI ASSICURAZIONE QUALITA QUALITA 1 di 11 PRESCRIZIONI PER LA GESTIONE DI FORNITURE DI PRODOTTI SULLA BASE DI DOCUMENTI DI PIANIFICAZIONE DELLA Parte PARTE I I.1 PREMESSA Titolo I.2 SCOPI I.3 PRESCRIZIONI RELATIVE ALL'ORGANIZZAZIONE

Dettagli

CGA Condizioni Generali di Acquisto

CGA Condizioni Generali di Acquisto CGA 01 Pagina 1 di 13 Condizioni Generali di CGA 01 Condizioni Generali di Ultima Revisione Rev. Data Preparata da FAA Verificata da RGQ Approvata da DR 3 28/04/2015 Marella Baudano Giorgio Gramolelli

Dettagli

ARIES. Architettura per l'implementazione rapida dei Sistemi Aziendali. Presentazione della metodologia ARIES

ARIES. Architettura per l'implementazione rapida dei Sistemi Aziendali. Presentazione della metodologia ARIES ARIES Architettura per l'implementazione rapida dei Sistemi Aziendali. Presentazione della metodologia ARIES ARIES è una metodologia per implementare rapidamente sistemi informativi aziendali complessi,

Dettagli

Sistema di gestione UNI EN ISO 9001. C.so Garibaldi, n. 56-00195 Roma (RM) Tel. 0612345678 - Fax. 061234567 DEMO PROCEDURE WINPLE

Sistema di gestione UNI EN ISO 9001. C.so Garibaldi, n. 56-00195 Roma (RM) Tel. 0612345678 - Fax. 061234567 DEMO PROCEDURE WINPLE Sistema di gestione UNI EN ISO 9001 MANUALE DI QUALITÀ INTRODUZIONE MAN-00 Organizzazione AZIENDA s.p.a. C.so Garibaldi, n. 56-00195 Roma (RM) Tel. 0612345678 - Fax. 061234567 Web : www.nomeazienda.it

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE CE DI DISPOSITIVI MEDICI

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE CE DI DISPOSITIVI MEDICI pag. 1 di 13 REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE (Certificazione del Sistema Qualità di Aziende produttrici di Dispositivi Medici) Documento R-003 pag. 2 di 13 INDICE 1 SCOPO E PREMESSA... 3 2 DEFINIZIONI...

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO. Audit

SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO. Audit Rev. 00 del 11.11.08 1. DISTRIBUZIONE A tutti i membri dell organizzazione ING. TOMMASO 2. SCOPO Gestione degli audit interni ambientali e di salute e sicurezza sul lavoro 3. APPLICABILITÀ La presente

Dettagli

MANUALE DEL CONTROLLO DELLA PRODUZIONE DI FABBRICA - F.P.C.

MANUALE DEL CONTROLLO DELLA PRODUZIONE DI FABBRICA - F.P.C. MANUALE DEL CONTROLLO DELLA PRODUZIONE IN FABBRICA RIFERITO ALLA NORMA EN 1090-1:2009+A1:2011 Esecuzione di strutture di acciaio e di alluminio - Parte 1: Requisiti per la valutazione di conformità dei

Dettagli

REGOLAMENTO PARTICOLARE PER LA CERTIFICAZIONE DI PRODOTTI AGRO-ALIMENTARI

REGOLAMENTO PARTICOLARE PER LA CERTIFICAZIONE DI PRODOTTI AGRO-ALIMENTARI 1 SCOPO... 1 2 DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 1 2.1 Requisiti per la qualità... 1 2.2 Riferimenti del sistema di certificazione... 2 3 Regole particolari... 2 3.1 Prezzi... 2 3.2 Non conformità... 3 3.3 Valutazione

Dettagli

Prepararsi al Cambiamento Passaggio alla ISO 9001:2015

Prepararsi al Cambiamento Passaggio alla ISO 9001:2015 Prepararsi al Cambiamento Passaggio alla ISO 9001:2015 Come è ormai noto a quanti operano nel campo della qualità, è stata pubblicata la nuova revisione della ISO 9001. Le Norme ISO toccano numerosi ambiti

Dettagli

GLI AUDIT GCP. Valentine Sforza Quality Management Associates. XI CONGRESSO NAZIONALE SSFA Roma, 6-7 marzo 2008 ARGOMENTI TRATTATI

GLI AUDIT GCP. Valentine Sforza Quality Management Associates. XI CONGRESSO NAZIONALE SSFA Roma, 6-7 marzo 2008 ARGOMENTI TRATTATI GLI AUDIT GCP Valentine Sforza Quality Management Associates 1 ARGOMENTI TRATTATI Chi lo fa Tipologie di Audit Svolgimento di un Audit Esempio di un Audit Rapporto di un Audit Valore di un Audit 2 1 CHI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI EMISSIONE ACUSTICA AMBIENTALE DELLE MACCHINE ED ATTREZZATURE DESTINATE A FUNZIONARE ALL APERTO APRILE 2012

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI EMISSIONE ACUSTICA AMBIENTALE DELLE MACCHINE ED ATTREZZATURE DESTINATE A FUNZIONARE ALL APERTO APRILE 2012 DIRETTIVA 2000/14/CE REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI EMISSIONE ACUSTICA AMBIENTALE DELLE MACCHINE ED ATTREZZATURE DESTINATE A FUNZIONARE ALL APERTO APRILE 2012 INDICE 1 - Generalità...2 2 - Applicabilità...2

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche E25. Fabbricazione Industriale dei Medicinali 4 CFU

Corso di Laurea Magistrale in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche E25. Fabbricazione Industriale dei Medicinali 4 CFU Sezione di Tecnologia e Legislazione Farmaceutiche Maria Edvige Sangalli Corso di Laurea Magistrale in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche E25 Fabbricazione Industriale dei Medicinali 4 CFU Documentazione

Dettagli

Direttive di qualità DIRETTIVE DI QUALITÀ. 1. Premessa

Direttive di qualità DIRETTIVE DI QUALITÀ. 1. Premessa DIRETTIVE DI QUALITÀ 1. Premessa Per garantire la concorrenzialtà anche in futuro è necessario prestare particolare attenzione all aspetto della qualità. Rientrano nel concetto di qualità La qualità del

Dettagli

Condizioni generali di fornitura Specifica AERON

Condizioni generali di fornitura Specifica AERON INDICE 1 - SCOPO...2 2 APPLICABILITÀ E RESPONSABILITÀ...2 3 - RIFERIMENTI E DEFINIZIONI...2 4 - DESCRIZIONE ATTIVITÀ...3 4.1 ACCESSO ALLO STABILIMENTO...3 4.2 IMBALLO PER LA SPEDIZIONE (IN AGGIUNTA AL

Dettagli

Umbra Cuscinetti. Quality Supplier Requirements

Umbra Cuscinetti. Quality Supplier Requirements Pagina: 1 di 5 Distribuzione controllata / Controlled Distribution Ciclo di Vita / Life cycle Redatto / Revisionato: Verificato: Approvato: M. Tozzi P.Trasciatti G. Sturniolo Indice Revisioni / Revision

Dettagli

PRQ 7.4/A REQUISITI QUALITA PER I FORNITORI ELETTROMIL

PRQ 7.4/A REQUISITI QUALITA PER I FORNITORI ELETTROMIL 1 di 17 REQUISITI QUALITA PER I FORNITORI ELETTROMIL DISTRIBUZIONE INTERNA DIR RDD AQ AMM PER TEC PRG ING TEM ACQ PROD PNF CQ COM Prima Emissione M. Milic S. Milic S. Milic Rev. Data Descrizione PREP VER

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO DI FORNITURA

CAPITOLATO TECNICO DI FORNITURA CAPITOLATO TECNICO DI FORNITURA ultimo aggiornamento: luglio 2012 1 GENERALITA...2 2 CAMPO DI APPLICAZIONE...2 3 CONDIZIONI DI FORNITURA...2 3.1 ACCETTAZIONE ORDINI...2 3.2 IDENTIFICAZIONE E RINTRACCIABILITA...3

Dettagli

LA GESTIONE DEI GAS MEDICINALI NELLE AZIENDE SANITARIE AI SENSI DELLA UNI EN ISO 7396-1:2010

LA GESTIONE DEI GAS MEDICINALI NELLE AZIENDE SANITARIE AI SENSI DELLA UNI EN ISO 7396-1:2010 LA GESTIONE DEI GAS MEDICINALI NELLE AZIENDE SANITARIE AI SENSI DELLA UNI EN ISO 7396-1:2010 Le misure organizzative per implementare un sistema di gestione degli impianti di distribuzione dei gas medicinali

Dettagli

SISTEMA INFORMATIVO INPDAP SERVIZI E PROGETTI PER L'INTEGRAZIONE DEL SISTEMA MODALITÀ DI COLLAUDO DEL SOFTWARE

SISTEMA INFORMATIVO INPDAP SERVIZI E PROGETTI PER L'INTEGRAZIONE DEL SISTEMA MODALITÀ DI COLLAUDO DEL SOFTWARE SISTEMA INFORMATIVO INPDAP SERVIZI E PROGETTI PER L'INTEGRAZIONE DEL SISTEMA MODALITÀ DI COLLAUDO DEL SOFTWARE Pag. I INDICE 1. INTRODUZIONE...1 1.1 SCOPO DEL DOCUMENTO...1 1.2 AREA DI APPLICAZIONE...1

Dettagli

PRESCRIZIONI TECNICHE DI ALTRE FORNITURE (PARTICOLARI SU DISEGNI CATRA)

PRESCRIZIONI TECNICHE DI ALTRE FORNITURE (PARTICOLARI SU DISEGNI CATRA) Pag.1 di 15 PRESCRIZIONI TECNICHE DI ALTRE (PARTICOLARI SU DISEGNI CATRA) 3 25/06/04 Aggiornati tutti i paragrafi Mascali M. Panzeri F. Panzeri F. RAQ ACQ Presidente 2 07/03/00 Aggiornato capitoli n 1

Dettagli

Settore delle carte di pagamento (PCI) Standard di protezione dei dati (DSS) Riepilogo delle modifiche di PCI DSS dalla versione 2.0 alla 3.

Settore delle carte di pagamento (PCI) Standard di protezione dei dati (DSS) Riepilogo delle modifiche di PCI DSS dalla versione 2.0 alla 3. Settore delle carte di pagamento (PCI) Standard di protezione dei dati (DSS) Riepilogo delle modifiche di PCI DSS dalla versione 2.0 alla 3.0 Novembre 2013 Introduzione Il presente documento contiene un

Dettagli

IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004)

IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004) Dott. Marco SALVIA IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004) Dr. Marco SALVIA 1 Perché gestire la variabile ambientale in azienda? 1. Perché rappresenta

Dettagli

Charter A.I.S.E. per la pulizia sostenibile

Charter A.I.S.E. per la pulizia sostenibile Charter A.I.S.E. per la pulizia sostenibile Guida alla verifica di ammissione al Charter (Versione 1.0, 23 maggio 2005) 1. Introduzione...2 2. Oggetto della verifica di ammissione...2 3. Come fornire le

Dettagli

E. Struttura e organizzazione del sistema

E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E.1 Sistema di gestione L azienda dovrebbe strutturare il SGSL seguendo i contenuti espressi nel presente documento,

Dettagli

GD Srl CAPITOLATO GENERALE DI FORNITURA. N 1 Specificato il Foro Competente AQ DIR 05/02/15. Torchio. Barigazzi. Giannitti

GD Srl CAPITOLATO GENERALE DI FORNITURA. N 1 Specificato il Foro Competente AQ DIR 05/02/15. Torchio. Barigazzi. Giannitti PAG. / 9 GD Srl N Specificato il Foro Competente AQ CQ DIR 05/02/5 Barigazzi Torchio Giannitti N 0 Allineamento ai requisiti della norma UNI EN ISO 900:2008 e della specifica tecnica ISO/TS 6949:2009 AQ

Dettagli

Allegato 17 Check list quality review

Allegato 17 Check list quality review Allegato 17 Check list quality review Descrizione del lavoro di verifica svolto Si/No/Commenti I- Pianificazione I risultati dell attività di audit pianificata/preliminare sono stati riportati nella Strategia

Dettagli

IS0 50001. Che cosa apporta la ISO 50001? La ISO 14001 già esiste: perché, quindi, optare per la ISO 50001?

IS0 50001. Che cosa apporta la ISO 50001? La ISO 14001 già esiste: perché, quindi, optare per la ISO 50001? IS0 50001 INFORMAZIONI UTILI VOLTE A UNA PREPARAZIONE OTTIMALE PER L OTTENIMENTO DELLA CERTIFICAZIONE Che cosa apporta la ISO 50001? La certificazione di un sistema di gestione dell energia secondo la

Dettagli

CERTIQUALITY Istituto di Certificazione della Qualità Contenuti del disciplinare tecnico DT 76 Esempi e procedure

CERTIQUALITY Istituto di Certificazione della Qualità Contenuti del disciplinare tecnico DT 76 Esempi e procedure CERTIQUALITY Istituto di Certificazione della Qualità Contenuti del disciplinare tecnico DT 76 Esempi e procedure S.Balsotti 18 Maggio 2015 Contenuti 1. Introduzione 2. Descrizione del servizio 3. Scopo

Dettagli

UNI EN ISO 9001 (Sistemi per la Gestione della Qualità) e sono implementabili per gestire in modo analogo anche le altre norme collegate;

UNI EN ISO 9001 (Sistemi per la Gestione della Qualità) e sono implementabili per gestire in modo analogo anche le altre norme collegate; PrometeoQualità è un software applicativo progettato e realizzato per la gestione del sistema Qualità aziendale. Il software è articolato in moduli indipendenti ma collegati fra loro, eccezionali per funzionalità,

Dettagli

ITAlian Software Testing Qualifications Board Processo di Accreditamento per Formatori

ITAlian Software Testing Qualifications Board Processo di Accreditamento per Formatori ITAlian Software Testing Qualifications Board Processo di Accreditamento per Formatori DATI IDENTIFICATIVI CODICE DOCUMENTO DATA DI EMISSIONE STATO ITASTQB-ACCR-150313-02 15/03/2013 REDATTA APPROVATA REDATTORI

Dettagli

Aree di impatto per considerazioni da parte del cliente Tratte dalle Regole per ottenere il riconoscimento IATF

Aree di impatto per considerazioni da parte del cliente Tratte dalle Regole per ottenere il riconoscimento IATF Regole 3 Edizione Aree di impatto per considerazioni da parte del cliente Aree di impatto per considerazioni da parte del cliente Tratte dalle Regole per ottenere il riconoscimento IATF 3 Edizione per

Dettagli

Le procedure gestionali del SGQ di UTFUS TF GQL

Le procedure gestionali del SGQ di UTFUS TF GQL Le procedure gestionali del SGQ di UTFUS TF GQL Sommario Procedure gestionali obbligatorie secondo ISO 9001:2008; Gestione Documenti; Audit Interni; Non Conformità; Azioni di miglioramento (azioni correttive

Dettagli

Documentazione Pianificazione avanzata della qualità (PAQ) dei fornitori merci

Documentazione Pianificazione avanzata della qualità (PAQ) dei fornitori merci Norme aziendali Confidenziale. Tutti i diritti riservati. ISO 16016 Documentazione Pianificazione avanzata della qualità (PAQ) dei fornitori merci Ottobre 2005 VN 3206 ICS 01.110 Descrittori: pianificazione

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche E25

Corso di Laurea Magistrale in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche E25 Sezione di Tecnologia e Legislazione Farmaceutiche Maria Edvige Sangalli Corso di Laurea Magistrale in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche E25 Fabbricazione Industriale dei Medicinali 4 CFU Prof. Andrea

Dettagli

PIANO di CONTROLLO e MANUTENZIONE

PIANO di CONTROLLO e MANUTENZIONE PROGETTARE e ATTUARE un PIANO di CONTROLLO e MANUTENZIONE delle ATTREZZATURE DI LAVORO Patrocinio Un progetto Un progetto con il Patrocinio Comitato scientifico: Giorgio Luzzana Responsabile Servizio di

Dettagli

SCHEMA. Mandato CEN M/120 - Prodotti metallici per impiego strutturale e loro accessori

SCHEMA. Mandato CEN M/120 - Prodotti metallici per impiego strutturale e loro accessori SCHEMA per la certificazione del controllo della produzione in fabbrica ai fini della marcatura CE di componenti per strutture di acciaio e d alluminio cui alla norma UNI EN 1090-1:2012 0 STORIA Edizione

Dettagli

ISO/IEC 27001 Versioni a confronto: 2005 vs 2013

ISO/IEC 27001 Versioni a confronto: 2005 vs 2013 ISO/IEC 27001 Versioni a confronto: 2005 vs 2013 Introduzione Il primo ottobre 2015 la normativa ISO/IEC 27001: 2005 verrà definitivamente sostituita dalla più recente versione del 2013: il periodo di

Dettagli

GESTIONE DELLA PRODUZIONE

GESTIONE DELLA PRODUZIONE 25/02/2011 Pag. 1 di 5 GESTIONE DELLA PRODUZIONE 1. SCOPO... 2 2. APPLICABILITÀ... 2 3. DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 2 3.1. Norme... 2 3.2. Moduli / Istruzioni... 2 4. RESPONSABILITÀ... 2 5. DEFINIZIONI...

Dettagli

Best practice per il miglioramento di Salute, Sicurezza e Ambiente, dell'affidabilità e della qualità

Best practice per il miglioramento di Salute, Sicurezza e Ambiente, dell'affidabilità e della qualità Best practice per il miglioramento di Salute, Sicurezza e Ambiente, dell'affidabilità e della qualità Integrazione dei processi relativi a salute, sicurezza, ambiente nella gestione del lavoro e degli

Dettagli

Regolamento per la Certificazione del Personale addetto alle Prove non Distruttive nel settore Industriale

Regolamento per la Certificazione del Personale addetto alle Prove non Distruttive nel settore Industriale Regolamento per la Certificazione del Personale addetto alle Prove non Distruttive nel settore Industriale In vigore dal 18 agosto 2014 RINA Services S.p.a. Via Corsica, 12 16128 Genova - Italy Tel. +39

Dettagli

MODULI DI CONFORMITA I & F BUREAU VERITAS ITALIA

MODULI DI CONFORMITA I & F BUREAU VERITAS ITALIA MODULI DI CONFORMITA DIRETTIVA 97/23/EC del 29/05/1997 MODULO A (Controllo di fabbricazione interno) Nell ambito di questa procedura il fabbricante si accerta e dichiara che le attrezzature a pressione

Dettagli

3. ALLEGATO PR02-3 Prescrizioni generali per la fornitura

3. ALLEGATO PR02-3 Prescrizioni generali per la fornitura Paragrafo 7.4. e 7.4.2 della norma UNI EN ISO 900:2000 Pagina 4 di 9 3. ALLEGATO -3 Prescrizioni generali per la fornitura 3. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Scopo del presente documento è di definire i

Dettagli

Audit interni e prevenzione degli incidenti

Audit interni e prevenzione degli incidenti Audit interni e prevenzione degli incidenti Michele Marchini PIACENZA 20 marzo 2014 2 Argomenti trattati Obiettivi di questa presentazione Comprendere perché sono necessari gli audit. Sviluppare/confermare

Dettagli

2.2 Lo scopo del controllo del rilascio di lotti è pertanto quello di:

2.2 Lo scopo del controllo del rilascio di lotti è pertanto quello di: COMMISSIONE EUROPEA DIREZIONE GENERALE IMPRESE Mercato unico : attuazione e legislazione relativa ai beni di consumo Prodotti farmaceutici : ambiente legislativo e autorizzazioni alla commercializzazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTESTAZIONE EX REGOLAMENTO (UE) N. 333/2011

REGOLAMENTO PER L ATTESTAZIONE EX REGOLAMENTO (UE) N. 333/2011 REGOLAMENTO (UE) N. PROCEDURA GENERALE GP01 333 REGOLAMENTO PER L ATTESTAZIONE EX 0 15/09/2011 LTM CSI 1 di 8 INDICE 1. SCOPO... 3 2. GENERALITA... 3 2.1. REQUISITI AGGIUNTIVI PER... 3 3. RIFERIMENTI...

Dettagli

1. INTRODUZIONE 2. VALUTAZIONE PRELIMINARE DEL FORNITORE

1. INTRODUZIONE 2. VALUTAZIONE PRELIMINARE DEL FORNITORE PQO.07 Pagina N : 1 Elaborato RESP. UFF. ACQUISTI : N Tot. Pagine: 8 Indice Rev.: 1 Verificato DIRETTORE GENERALE: Data emissione: 01-09-2004 Approvato RESP. ASS. : 1. INTRODUZIONE Nel presente Capitolato

Dettagli

Regolamento di certificazione della norma AOMAS:2010

Regolamento di certificazione della norma AOMAS:2010 Regolamento di certificazione della norma AOMAS:2010 Norma AOMAS / Regolamento: revisione 2010 Versione definitiva: 2010-10-10 1 / 12 Informazioni sulla revisione La presente revisione del regolamento

Dettagli

Le regole per la predisposizione delle carte di lavoro: il principio di revisione n.230

Le regole per la predisposizione delle carte di lavoro: il principio di revisione n.230 Guida al controllo contabile di Fabrizio Bava e Alain Devalle * Le regole per la predisposizione delle carte di lavoro: il principio di revisione n.230 Il principio di revisione n.230 stabilisce le regole

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche E25

Corso di Laurea Magistrale in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche E25 Sezione di Tecnologia e Legislazione Farmaceutiche Maria Edvige Sangalli Corso di Laurea Magistrale in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche E25 Fabbricazione Industriale dei Medicinali 4 CFU Prof. Andrea

Dettagli

SICOP SICOP. Sistema integrato per la gestione del Sistema Qualità a norme ISO 9001 e ISO/TS 16949

SICOP SICOP. Sistema integrato per la gestione del Sistema Qualità a norme ISO 9001 e ISO/TS 16949 SICOP SICOP Sistema integrato per la gestione del Sistema Qualità a norme ISO 9001 e ISO/TS 16949 SICOP UFFICIO COMMERCIALE AMMINISTRAZIONE PERSONALE - ACQUISTI UFFICIO PROGETTAZIONE DIREZIONE MAGAZZINO

Dettagli

Regolamento concernente la sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. n. 626 del 19 settembre 1994 e del D.M. 363/98.

Regolamento concernente la sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. n. 626 del 19 settembre 1994 e del D.M. 363/98. Regolamento concernente la sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. n. 626 del 19 settembre 1994 e del D.M. 363/98. Art. 1 - Datore di lavoro 1. Il Rettore, quale Rappresentante legale

Dettagli

Riepilogo delle modifiche di PA-DSS dalla versione 2.0 alla 3.0

Riepilogo delle modifiche di PA-DSS dalla versione 2.0 alla 3.0 Settore delle carte di pagamento (PCI) Standard di protezione dei dati per le applicazioni di pagamento () Riepilogo delle modifiche di dalla versione 2.0 alla 3.0 Novembre 2013 Introduzione Il presente

Dettagli

Corso EQDL 2013 soluzioni delle domande sui lucidi Modulo 2

Corso EQDL 2013 soluzioni delle domande sui lucidi Modulo 2 Lucidi prima parte 2.1.1.1 ~ 2.2.1.3 Corso EQDL 2013 soluzioni delle domande sui lucidi Modulo 2 Pag. 8 Quale è lo scopo principale della norma UNI EN ISO 9001:2000/2008? A. Garantire il controllo della

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE E LA MARCATURA CE DEI PRODOTTI DA COSTRUZIONE

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE E LA MARCATURA CE DEI PRODOTTI DA COSTRUZIONE Indice 1. Approvazione del Regolamento di Certificazione 2. Introduzione 3. Normativa di Riferimento: 4. Definizioni 5. Criteri e condizioni generali per la certificazione di prodotto 5.1 Generalità 5.2

Dettagli

PARAPETTI PROVVISORI PREFABBRICATI: MANUTENZIONE E MESSA IN SERVIZIO

PARAPETTI PROVVISORI PREFABBRICATI: MANUTENZIONE E MESSA IN SERVIZIO PARAPETTI PROVVISORI PREFABBRICATI: MANUTENZIONE E MESSA IN SERVIZIO l di Luigi Cortis Primo ricercatore e Luca Rossi Ricercatore Dipartimento Tecnologie di Sicurezza ISPESL Osservatorio a cura dell Ufficio

Dettagli

Linee guida per gli audit dei sistemi di gestione per la qualità e/o ambientale

Linee guida per gli audit dei sistemi di gestione per la qualità e/o ambientale Linee guida per gli audit dei sistemi di gestione per la qualità e/o ambientale Guicielines for quality and/or environmental management systems auciiting Lignes directrices relatives aux audits de systemès

Dettagli