Sistema di misurazione e valutazione dell Aran

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sistema di misurazione e valutazione dell Aran"

Transcript

1 Sistema di misurazione e valutazione dell Aran Definito dall Organismo indipendente di valutazione Roma, 16 novembre 2010

2 INDICE CAPITOLO I CONTESTO DI RIFERIMENTO CONTESTO NORMATIVO IN MATERIA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE CONTESTO ISTITUZIONALE ED ORGANIZZATIVO DELL ARAN... 4 CAPITOLO II SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA MODELLO DI RIFERIMENTO PROCESSO: FASI, TEMPI E SOGGETTI Definizione degli obiettivi e collegamento con le risorse Monitoraggio in corso d anno Valutazione finale CAPITOLO III SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE VALUTAZIONE DIRETTORI GENERALI Descrizione del sistema Processo: fasi, tempi e soggetti Procedure di conciliazione VALUTAZIONE DIRIGENTI Descrizione del sistema Processo: fasi, tempi e soggetti Procedure di conciliazione VALUTAZIONE PERSONALE NON DIRIGENTE CON POSIZIONE ORGANIZZATIVA Descrizione del sistema Processo: fasi, tempi e soggetti Procedure di conciliazione VALUTAZIONE RESTANTE PERSONALE Descrizione del sistema Processo: fasi, tempi e soggetti Procedure di conciliazione

3 Capitolo I Contesto di riferimento 1. Contesto normativo in materia di valutazione della performance organizzativa ed individuale Le amministrazioni pubbliche sono tenute, ai sensi dell art. 7 del D. lgs. n.150/2009 ad adottare, con apposito provvedimento, il Sistema di misurazione e valutazione della performance, al fine di valutare annualmente la performance organizzativa e individuale. La funzione di misurazione e valutazione della performance di ciascuna struttura organizzativa nel suo complesso è affidata dall articolo 7, comma 2, lettera a), del D. lgs. n. 150/2009, all Organismo indipendente di valutazione della performance, di cui all articolo 14 dello stesso, di seguito denominato OIV. La performance organizzativa viene collegata, ai sensi dell articolo 45, comma 3, del D. lgs. n.165/2001 all amministrazione nel suo complesso e alle unità organizzative o aree di responsabilità in cui si articola l amministrazione. Nell ambito del concetto di performance individuale, di cui all art. 9 del citato d. lgs. n. 150/2009, viene operata una distinzione tra la valutazione dei dirigenti e la valutazione del personale con qualifica non dirigenziale, nei termini seguenti: - al comma 1 prevedendo che la misurazione e la valutazione della performance individuale dei dirigenti e del personale responsabile di una unità organizzativa in posizione di autonomia e responsabilità è collegata agli indicatori di performance relativi all ambito organizzativo di diretta responsabilità; al raggiungimento di specifici obiettivi individuali; alla qualità del contributo assicurato alla performance generale della struttura, alle competenze professionali e manageriali dimostrate, alla capacità di valutazione dei propri collaboratori, dimostrata tramite una significativa differenziazione dei giudizi ; - al comma 2, che la misurazione e la valutazione della performance individuale del personale sono effettuate dai dirigenti e che esse sono collegate al raggiungimento di specifici obiettivi di gruppo o individuali, 3

4 nonché alla qualità del contributo assicurato alla performance dell unità organizzativa di appartenenza, alle competenze dimostrate ed ai comportamenti professionali e organizzativi. Il presente Sistema di misurazione e valutazione della performance ha ad oggetto sia la misurazione e la valutazione della performance organizzativa, sia la misurazione e la valutazione della performance individuale, con specifico riferimento, in quest ultimo caso: - ai dirigenti di prima e seconda fascia; - al personale non dirigenziale cui è stata attribuita la posizione organizzativa; - al personale non dirigenziale. Il Sistema, pertanto, nel rispetto di quanto previsto dall articolo 7 del Decreto ed in base alle direttive adottate dalla Commissione di cui all articolo 13 del D. lgs. n.150/2009 (CIVIT) con la delibera n. 89 del 24 giugno 2010, individua: - le fasi, i tempi, le modalità, i soggetti e le responsabilità del processo di misurazione e valutazione della performance; - le eventuali procedure di conciliazione relative all applicazione del Sistema; - le modalità di raccordo e integrazione con i sistemi di controllo esistenti e con il sistema informativo; - le modalità di raccordo e integrazione con i documenti di programmazione finanziaria e di bilancio. 2. Contesto istituzionale ed organizzativo dell Aran Istituita dal D. lgs. 29/1993 (1), con sede in Roma, l Agenzia per la rappresentanza negoziale delle Pubbliche Amministrazioni, di seguito denominata ARAN, è un organismo tecnico, dotato di personalità giuridica di diritto pubblico e di autonomia organizzativa, gestionale e contabile. 1 Decreto legislativo 3 febbraio 1003, n.29, recante Razionalizzazione dell organizzazione delle amministrazioni pubbliche e revisione della disciplina in materia di pubblico impiego, a norma dell art.2 della legge 23 ottobre 1992, n

5 L art. 46 del D. lgs. n.165/2001 (2) ne disciplina il funzionamento e ne individua le funzioni. Le funzioni dell Aran sono: - rappresentanza legale di tutte le pubbliche amministrazioni in sede di contrattazione collettiva nazionale; in tale ambito, svolge in particolare ogni attività relativa alla negoziazione e definizione dei contratti collettivi del personale dei vari comparti del pubblico impiego, ivi compresa l interpretazione autentica delle clausole contrattuali e la disciplina delle relazioni sindacali nelle amministrazioni pubbliche la rappresentanza legale di tutte le amministrazioni pubbliche di cui all art. 1, comma 2, del citato decreto legislativo ai fini della contrattazione collettiva nazionale; nello svolgimento di tale funzione, l Agenzia si attiene agli atti di indirizzo dei Comitati di settore (organismi collegiali costituiti per rappresentare categorie omogenee di amministrazioni), con l autonomia richiesta dalle esigenze di una corretta e funzionale dinamica negoziale; - raccolta e l elaborazione dei dati sulla rappresentatività sindacale ed il presidio di tutte le attività propedeutiche alla validazione, attraverso apposito comitato paritetico, dei dati nazionali sulla rappresentatività di ciascuna organizzazione sindacale; - studi, monitoraggi e documentazione necessari all'esercizio della contrattazione collettiva; in questo ambito rientrano ad esempio, studi e ricerche su temi specifici ed il monitoraggio sulla contrattazione integrativa per rilevarne le criticità, previsto dall art. 46, comma 4 del d. lgs.. n. 165/2001; - predisposizione a cadenza semestrale del rapporto sull'evoluzione delle retribuzioni di fatto dei pubblici dipendenti da inviare al Governo, ai comitati di settore dei comparti regioni e autonomie locali e sanità e alle commissioni parlamentari competenti; in tale ambito si inquadra una più generale attività di supporto ai vari attori istituzionali che intervengono nel processo della contrattazione collettiva con la messa a disposizione di informazioni specifiche come l andamento 2 Decreto legislativo 31 marzo 2001, n.165, recante Norme generali sull ordinamento del lavoro alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche. 5

6 delle retribuzioni, sia di fatto che contrattuali, ed il costo complessivo di ciascuna tornata contrattuale; - attività di servizio nei confronti di tutte le pubbliche amministrazioni rappresentate, finalizzate in particolare all uniforme applicazione dei contratti collettivi nazionali; in tale ambito rientrano l assistenza alle amministrazioni pubbliche nella contrattazione integrativa; le risposte a quesiti di amministrazioni pubbliche sull applicazione dei CCNL; gli incontri presso la sede dell ARAN, su richiesta delle amministrazioni rappresentate, per la discussione di specifiche problematiche applicative, soprattutto riferite alla fase di contrattazione integrativa; i seminari di presentazione dei CCNL appena sottoscritti, al fine di illustrarne le novità; la pubblicazione degli orientamenti di parte datoriale nel sito Internet dell ARAN; il monitoraggio a fini statistici delle risposte fornite ai quesiti; contatti telefonici (assistenza di primo livello); la predisposizione di testi unici delle norme contrattuali; tutte le attività di comunicazione attraverso il sito internet; - attività internazionale: l Aran aderisce al CEEP - associazione europea dei datori di lavoro pubblici e delle imprese a partecipazione pubblica o di interesse economico generale - riconosciuta parte sociale dalla Comunità Europea, e ne presiede la sezione italiana; attraverso il CEEP l Aran esprime il proprio avviso sulle tematiche oggetto di consultazione da parte delle Istituzioni della Comunità e partecipa, anche in prima persona, ai negoziati che si svolgono a livello europeo e che possono portare alla definizione di direttive in materia di lavoro; è membro di HOSPEEM, l associazione europea dei datori di lavoro in ambito sanitario e ospedaliero, ed esprime uno dei due vice segretari generali; l associazione è partner sociale di EPSU - che costituisce l organismo di rappresentanza dei sindacati - ed insieme ad esso dà vita al dialogo sociale europeo nel settore ospedaliero; è infine membro di EFEE, Federazione Europea dei datori di lavoro dell istruzione ed esprime uno dei due vicepresidenti Unico organismo preposto alla negoziazione nel pubblico impiego, l Agenzia é, quindi, un punto di riferimento nel complesso sistema della contrattazione collettiva. Il recente d. lgs.. n. 150/2009, nel riformulare i contenuti del citato art. 46, ha disegnato il profilo di una nuova Agenzia, profondamente rinnovata nei suoi assetti istituzionali (nuovi organi e nuova governance interna), nei suoi assetti organizzativi (previsione di specifiche strutture in corrispondenza dei comitati 6

7 di settore di regioni ed enti locali), nei suoi assetti economico-finanziari (estensione e rafforzamento delle norme sull autofinanziamento). Al Presidente, nominato con decreto del Presidente della Repubblica, su proposta del Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione previo parere della Conferenza unificata, spetta la rappresentanza legale dell Agenzia e la definizione delle politiche sindacali secondo gli indirizzi governativi e dei comitati di settore. L individuazione della figura avviene nell ambito degli esperti in materia di economia del lavoro, diritto del lavoro, politiche del personale e strategia aziendale, anche estranei alla pubblica amministrazione, nel rispetto delle disposizioni riguardanti le incompatibilità introdotte dal decreto di riforma: rivestire incarichi pubblici elettivi o cariche in partiti politici ovvero che ricoprano o abbiano ricoperto nei cinque anni precedenti alla nomina cariche in organizzazioni sindacali, ivi compresi qualsiasi rapporto di carattere professionale o di consulenza con le predette organizzazioni sindacali o politiche. In ogni caso l assenza delle predette cause di incompatibilità costituisce presupposto necessario per l affidamento degli incarichi dirigenziali nell agenzia. Il collegio di indirizzo e controllo, invece, coordina la strategia negoziale e ne assicura l omogeneità, assumendo la responsabilità per la contrattazione collettiva e verificando che le trattative si svolgano in coerenza con le direttive contenute negli atti di indirizzo. Nell esercizio delle sue funzioni il collegio delibera a maggioranza, su proposta del Presidente. I componenti del collegio, nel numero di quattro, sono scelti tra esperti di riconosciuta competenza in materia di relazioni sindacali e di gestione del personale, anche estranei alla pubblica amministrazione e dal Presidente dell Agenzia che lo presiede; due di essi sono designati con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, su proposta, rispettivamente, del Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione e del Ministro dell economia e delle finanze e gli altri due, rispettivamente, dall ANCI e dall UPI e dalla Conferenza dei Presidenti delle Regioni. L'ARAN ha personalità giuridica di diritto pubblico con autonomia organizzativa e contabile nei limiti del proprio bilancio e definisce con propri regolamenti le norme concernenti l'organizzazione interna, il funzionamento e la gestione finanziaria. I regolamenti sono soggetti al controllo del Dipartimento della funzione pubblica e del Ministero dell economia e delle finanze, adottati d intesa con la Conferenza unificata da esercitarsi entro quarantacinque giorni dal ricevimento degli stessi. 7

8 Le sue entrate derivano esclusivamente da contributi per l attività negoziale e dalle quote correlate alle attività di assistenza e di servizio a carico delle amministrazioni, riscossi direttamente. La gestione finanziaria è soggetta al controllo consuntivo della Corte dei conti. La dotazione organica dell Agenzia è definita in base ai regolamenti di organizzazione; alla copertura dei relativi posti si provvede, nell'ambito delle disponibilità di bilancio, tramite concorsi pubblici o mediante assunzioni con contratto di lavoro a tempo determinato, regolati dalle norme di diritto privato. In tavola 1, si riporta la dotazione organica dell ARAN e la consistenza effettiva del personale al 31/12/2009. La successiva tavola 2, individua invece l organigramma. Per la peculiare attività finalizzata alla stipula di contratti collettivi nonché a quella di supporto alla contrattazione, nazionale ed integrativa, l'aran può avvalersi di un contingente di personale, anche di qualifica dirigenziale, proveniente dalle pubbliche amministrazioni rappresentate, in posizione di comando o fuori ruolo in base ai regolamenti di organizzazione. I dipendenti comandati o collocati fuori ruolo conservano lo stato giuridico ed il trattamento economico delle amministrazioni di provenienza. Un ulteriore canale di approvvigionamento di personale è dato anche dalla possibilità di utilizzare, sulla base di apposite intese, personale direttamente messo a disposizione dalle amministrazioni e dagli enti rappresentati, con oneri a carico di questi. L'ARAN può avvalersi, infine, di esperti e collaboratori esterni con modalità di rapporto stabilite nei propri regolamenti. Dal 1994 ad oggi, l Aran ha operato per il conseguimento delle seguenti principali finalità, punti principali della sua missione istituzionale: politica di moderazione salariale nello spirito dell Accordo del 23 luglio 1993; riqualificazione della spesa per le retribuzioni dei pubblici dipendenti attraverso l introduzione e lo sviluppo di sistemi di incentivazione; identificazione della controparte sindacale mediante criteri di misurazione oggettiva della rappresentatività; accompagnamento del processo di riforma della P.A. mediante l introduzione di un sistema di relazioni sindacali più chiaro e definito; introduzione di nuovi sistemi di classificazione del personale (ordinamenti professionali) per rendere più agevole e flessibile l utilizzo delle risorse umane; 8

9 introduzione e guida alla contrattazione integrativa. Tavola 1 Dotazione organica e consistenza di personale al 31/12/2009 ORGANICO PRESENTI Dirigenti I fascia 4 4 Dirigenti II fascia 11 9 Area C Area B Area A 0 0 TOTALE Tavola 2 Organigramma dell Aran 9

10 Capitolo II Sistema di misurazione e valutazione della performance organizzativa 1 Modello di riferimento In conformità con quanto stabilito dalla norma e dalle indicazioni formulate dalla CIVIT, ai fini della rilevazione della performance organizzativa, il sistema di misurazione e valutazione deve indicare: - l attuazione delle politiche attivate sulla soddisfazione finale dei bisogni della collettività; - l attuazione di piani e programmi, ovvero la misurazione dell effettivo grado di attuazione dei medesimi, nel rispetto delle fasi e dei tempi previsti, degli standard qualitativi e quantitativi definiti, del livello previsto di assorbimento delle risorse; - la rilevazione del grado di soddisfazione dei destinatari delle attività e dei servizi anche attraverso modalità interattive; - la modernizzazione e il miglioramento qualitativo dell organizzazione e delle competenze professionali e la capacità di attuazione di piani e programmi; - lo sviluppo qualitativo e quantitativo delle relazioni con i cittadini, i soggetti interessati, gli utenti e i destinatari dei servizi, anche attraverso lo sviluppo di forme di partecipazione e collaborazione; - l efficienza nell impiego delle risorse, con particolare riferimento al contenimento e alla riduzione dei costi, nonché all ottimizzazione dei tempi dei procedimenti amministrativi; - la qualità e la quantità delle prestazioni e dei servizi erogati; - il raggiungimento degli obiettivi di promozione delle pari opportunità. Per garantire tutto ciò l ARAN ha deciso di procedere, gradualmente e secondo un calendario che l OIV concorderà con la costituenda struttura tecnica di supporto, alla implementazione di un sistema di misurazione e valutazione basato: sui principi della balanced scorecard; 10

11 sulla distinzione tra livello decisionale strategico e livello decisionale operativo. La BSC consentirà di esplicitare la strategia dell Ente attraverso l uso di mappe strategiche (livello strategico) per arrivare all esecuzione ed alla verifica della stessa (livello della operatività). Con questo modello, la valutazione della performance organizzativa sarà effettuata attraverso obiettivi e correlati indicatori articolati in quattro prospettive bilanciate: a) prospettiva economico-finanziaria con la quale si analizzeranno i risultati, in termini di risparmi di spesa realizzati o di efficienze gestionali, ottenuti in relazione alle strategie poste in essere dall Ente per lo svolgimento della propria attività; tale prospettiva riguarda la funzione più classica dei sistemi di controllo di gestione e mira alla verifica dell equilibrio economico-finanziario dell Agenzia nel lungo periodo ed al raggiungimento di equilibri economico-finanziari di breve termine; più in generale, questa dimensione riguarda il profilo dell efficienza nell impiego delle risorse economiche; b) prospettiva dei processi interni riguarda, invece, la ridefinizione dei processi interni al fine di ridurre i tempi non produttivi ed aumentare l efficienza amministrativa; in tale ambito si collegano le previsioni in materia di semplificazione dei procedimenti amministrativi, di ottimizzazione della gestione delle attività progettuali, di riqualificazione degli assetti organizzativi (con particolare riferimento alle politiche della dirigenza) e le pratiche in materia di re-engineering dei processi ed attivazione di percorsi di certificazione di qualità; c) prospettiva dei clienti, che si pone, per una struttura che eroga un servizio non direttamente quantificabile e soggetto ad una pluralità di variabili di carattere politico-sociale, un obiettivo ambizioso identificabile nel grado di soddisfazione da parte dei clienti quali possono essere le singole amministrazioni o le loro istanze associative, come i comitati di settore; d) prospettiva dell apprendimento e dello sviluppo che, in una struttura organizzativa snella ed ad alto valore aggiunto della prestazione lavorativa, assume una particolare valenza strategica in quanto finalizzata alla crescita professionale del personale dipendente. Alle suddette quattro prospettive, in una logica di sviluppo progressivo del modello, si potrebbe affiancare una quinta prospettiva relativa agli effetti esterni sul sistema della contrattazione pubblica. 11

12 Per ogni prospettiva verranno considerati: 1. gli obiettivi: quali obiettivi strategici si propone l Ente di raggiungere per avere successo? 2. misure ed eventuali target: quali parametri si possono utilizzare per misurare la prestazione e quali valori quantitativi si vogliono raggiungere in ogni misura? 3. le iniziative: quali iniziative strategiche si metteranno in atto per raggiungere gli obiettivi? Gli obiettivi e le iniziative strategiche (definiti su un orizzonte temporale almeno triennale) dovranno essere collegati ad obiettivi ed iniziative di carattere operativo (definiti su un orizzonte temporale annuale). La strategia verrà definita su aree strategiche di intervento, di norma individuate a livello generale di Agenzia e non necessariamente coincidenti con le sue articolazioni organizzative. L operatività dovrà invece essere definita sulle strutture organizzative esistenti (direzioni generali e unità organizzative: di seguito UO). Per realizzare il collegamento tra strategia ed operatività si farà riferimento al cosiddetto albero della performance (cfr. delibera Civit n. 112 e tavola 3). Lo schema di tavola 3 evidenzia i due livelli di pianificazione dell Agenzia: livello strategico, chiamato a definire la missione istituzionale (stabile nel tempo), le aree strategiche (principali ambiti di intervento dell Agenzia, corrispondenti alle aree di bisogno cui è finalizzata la sua azione, per esempio: attività negoziale, servizi, studi e monitoraggi), gli obiettivi strategici triennali su ciascuna area strategica (ai quali dovranno essere collegati opportuni indicatori); la formalizzazione del livello decisionale strategico avviene attraverso il piano strategico triennale; livello operativo, che traduce gli obiettivi strategici sulle direzioni generali ed eventualmente sulle UO e definisce gli obiettivi operativi annuali delle stesse; la formalizzazione del livello operativo avviene attraverso il piano operativo annuale. 12

13 Tavola 3 Rappresentazione albero della performance per Aran Entrambi i livelli (ed i relativi documenti di piano) sono sintetizzati nel piano della performance dell Aran. Quest ultimo non costituisce un nuovo documento di pianificazione che si aggiunge ai precedenti, ma la sintesi ragionata dei piani strategico ed operativo, con una valenza prevalentemente comunicativa ed esterna. 2. Processo: fasi, tempi e soggetti Si ritiene opportuno fornire un primo quadro sintetico, che sarà oggetto di variazioni sulla base di eventuali indicazioni della CIVIT sull argomento nonché del monitoraggio effettuato in corso d opera e delle valutazioni concordate con gli Organi dell Aran, sulla tempistica che a regime dovrà disciplinare tutta l attività programmatoria. 13

14 2.1 Definizione degli obiettivi e collegamento con le risorse Fase 1: definizione indirizzi strategici Il Collegio di indirizzo e controllo procede, sulla scorta del documenti governativi e legislativi in cui sono delineati gli indirizzi strategici in tema di contrattazione collettiva nazionale, con il supporto tecnico dell OIV, ad una prima individuazione delle priorità politiche e degli indirizzi strategici che dovranno confluire nel piano strategico. Nella stessa sede, si procede ad una prima ricognizione dei vincoli e dei limiti di ordine finanziario, mediante formulazione di una ipotesi di bilancio di previsione dell Agenzia e di allocazione delle risorse finanziarie. Gli indirizzi strategici sono definiti a livello di aree strategiche di intervento Fase 2: condivisione degli indirizzi con i direttori Nella fase successiva, secondo la logica della programmazione partecipata, indirizzi e criteri generali per l allocazione delle risorse finanziarie sono anticipati, nel corso di appositi incontri di condivisione, ai direttori generali, al fine di recepirne contributi e suggerimenti volti a garantire: - la piena armonia tra indirizzi e obiettivi dell Agenzia; - la coerenza fra ciclo di programmazione strategica e ciclo di programmazione finanziaria. Fase 3: proposta obiettivi strategici ed operativi da parte dei direttori I direttori generali propongono al Presidente dell Agenzia gli obiettivi strategici destinati a realizzare le priorità politiche e gli indirizzi, indicando i conseguenti obiettivi operativi, nonché, ove ricorra il caso, i piani d azione a questi correlati, previa verifica delle risorse umane, finanziarie, materiali e tecnologiche effettivamente disponibili, anche alla stregua, per quanto attiene alle risorse finanziarie, dei dati contenuti nel progetto di bilancio annuale di previsione. All interno della direzione, i direttori generali, su proposta dei dirigenti, provvedono alla individuazione degli obiettivi nell ambito di ciascuna UO dirigenziale. La proposta dei direttori generali si sostanzia in obiettivi strategici, articolati su un orizzonte triennale, ed obiettivi operativi articolati su un orizzonte annuale. Agli obiettivi sono correlati idonei indicatori di performance. 14

15 Fase 4: definizione ed adozione dei piani Nella fase successiva, si procede al definitivo consolidamento degli obiettivi strategici ed operativi. Tale consolidamento implica: - la revisione e l aggiornamento del piano strategico triennale; - la definizione del piano operativo annuale. Entrambi i piani sono proposti dal Presidente dell Agenzia al Collegio di indirizzo e controllo ed approvati da quest ultimo. Il consolidamento degli obiettivi dovrà avvenire contestualmente alla definizione ed approvazione del bilancio di previsione. La sintesi ragionata dei due documenti confluisce nel piano della performance dell Agenzia. 2.2 Monitoraggio in corso d anno L OIV, in collaborazione con i direttori generali, effettua il monitoraggio dei piani strategico ed operativo sulla base dei dati acquisiti almeno una volta l anno, entro il mese di luglio. I report sull attuazione degli obiettivi sono sottoposti a ciascun direttore generale, allo scopo di approfondire le cause degli scostamenti e gli interventi correttivi che si intendono adottare. Nella stessa sede sono analizzate eventuali ipotesi di riprogrammazione degli obiettivi. L OIV riferisce al Presidente, mediante apposita reportistica, l esito dei monitoraggi effettuati. I direttori generali effettuano il monitoraggio degli obiettivi conferiti alle unità organizzative di competenza, acquisendo periodicamente i dati necessari. 2.3 Valutazione finale L OIV, in collaborazione con i direttori generali, effettua la valutazione finale dei piani strategico ed operativo definendo la relazione sulla performance. La relazione sulla performance è adottata dal Collegio di indirizzo e controllo su proposta del Presidente. 15

16 Capitolo III Sistema di misurazione e valutazione della performance individuale In questa sezione della metodologia, in coerenza con il D. lgs.. n. 150/2009 e con le linee guida di Civit, viene progettato il sistema di valutazione della performance individuale dell ARAN. Tale sistema si propone in particolare di: rafforzare la coerenza tra comportamenti dei dirigenti e del personale e attese di ruolo; favorire lo sviluppo professionale attraverso l evidenziazione di gap tra competenze dimostrate e competenze attese; assicurare l integrazione con il sistema di pianificazione e controllo; costituire la base per erogare le componenti retributive correlate alla performance individuale. Oggetto della valutazione è la prestazione di ciascun individuo nell ambito del ruolo organizzativo assegnato. In generale, il modello di valutazione adottato prenderà in considerazione due diversi piani: il piano dei risultati ottenuti in relazione agli obiettivi formalmente assegnati, individualmente o collettivamente (performance operativa); il piano dei comportamenti organizzativi dimostrati in relazione alle attese connesse al proprio ruolo organizzativo (performance di ruolo). La valutazione della performance individuale riguarderà: direttori generali; dirigenti; titolari di posizioni organizzative; restante personale. 16

17 L arco temporale della valutazione della performance individuale coincide, per tutto il personale, con l anno solare (1/1-31/12). Requisito necessario per essere valutati è lo svolgimento di almeno tre mesi di lavoro effettivo durante l anno di riferimento. 1. Valutazione direttori generali 1.1 Descrizione del sistema Questo tipo di valutazione coinvolge: - il Presidente dell Aran, nel ruolo di valutatore; - l OIV, nel ruolo di proponente la valutazione; - i direttori generali nel ruolo di valutati. 1) Valutazione individuale della performance operativa Questo tipo di valutazione scaturisce dal grado di conseguimento degli obiettivi strategici ed operativi assegnati alla struttura sulla quale insiste l incarico di direzione generale. Gli obiettivi sono assegnati attraverso il piano della performance. Gli obiettivi assegnati ai direttori presentano le seguenti caratteristiche: devono essere chiari e sfidanti, ma allo stesso tempo raggiungibili e influenzabili dal valutato; sono tendenzialmente misurabili o, quanto meno, formulati in modo tale da consentire - a fine periodo - di stabilire, con precisione ed oggettività, il loro livello di conseguimento; possono essere assegnati anche obiettivi comuni a più direttori generali. Per valutare il grado di conseguimento di ciascun obiettivo assegnato, viene utilizzata una scala di valutazione che va dal valore minimo 0 (= obiettivo non conseguito) al valore massimo 10 (= obiettivo raggiunto oltre le aspettative): da 0 a 5,5: obiettivo non conseguito ovvero conseguito parzialmente, ma con risultati inadeguati; 17

18 da 6 a 7: obiettivo parzialmente conseguito, con risultati comunque positivi; da 7 a 8,5: obiettivo conseguito; da 8,6 a 10: obiettivo pienamente conseguito, con risultati eccellenti superiori alle aspettative. E importante sottolineare che questa scala di valutazione pone il livello di valutazione 7-8,5 quale livello di piena soddisfazione dei risultati ottenuti a fronte degli obiettivi assegnati a inizio anno. Solo casi rari possono fare ipotizzare risultati superiori al punteggio 8,5 a fronte di risultati molto superiori alle aspettative. Quando, invece, la valutazione è positiva, ma non raggiunge il pieno livello di conseguimento dell obiettivo sono assegnati punteggi che si devono posizionare tra 6 e 7. Quando il livello di conseguimento, pur in presenza di risultati parziali, è ritenuto inadeguato o insufficiente sono assegnati punteggi inferiori a 6.La valutazione individuale della performance operativa di ciascun direttore è ottenuta come media aritmetica semplice dei punteggi finali attribuiti a ciascun risultato/obiettivo. In questa fase di sviluppo del modello, anche al fine di non accrescere eccessivamente i costi di transazione del sistema, non viene effettuata alcuna ponderazione tra gli obiettivi. Per tale ragione, è necessario che il paniere di obiettivi assegnati a inizio anno presenti livelli di complessità comparabili e tendenzialmente uniformi. La ridefinizione degli obiettivi in corso d anno potrà avvenire attraverso le seguenti modalità: - proposta di revisione comunicata al Presidente ed all OIV, con contestuale indicazione dei motivi per i quali essa si rende necessaria. Nella stessa vanno riportate anche le eventuali modifiche che riguardano i dirigenti della propria struttura; - qualora sia dato seguito alla proposta, conseguente aggiornamento e revisione del piano della performance. 2) Valutazione individuale della performance di ruolo La valutazione dei comportamenti organizzativi presuppone l assegnazione ai direttori generali di obiettivi di ruolo. Gli obiettivi di ruolo: 18

19 - identificano comportamenti organizzativi attesi nel ruolo di direttore generale; - sono descritti attraverso un titolo sintetico ed una descrizione del loro significato. Le eventuali modifiche dell assetto istituzionale, i cambiamenti organizzativi in atto e l evoluzione del ruolo di direttore potrebbero richiedere una variabilità nel tempo degli obiettivi di ruolo. Andrà inoltre valutata la possibilità di differenziare gli obiettivi di ruolo tra i diversi profili di direttore (ad esempio, tra direttori di strutture di line o di staff), ferma restando l esigenza di una base comune. In ogni caso, la variabilità di tali obiettivi non deve essere tale da ingenerare confusione nei soggetti valutati e tanto meno impedire che il livello di attenzione su determinate attese di ruolo possa diminuire prima che si determinino concreti risultati. Gli obiettivi di ruolo per i direttori sono definiti e comunicati dal Presidente su proposta dell OIV. Come ulteriore sviluppo del sistema, si ipotizza fin d ora la definizione di un dizionario delle competenze che riconduca gli obiettivi di ruolo a specifiche competenze professionali, descritte con la massima accuratezza possibile. Per valutare il conseguimento degli obiettivi di ruolo ( performance di ruolo ): - sarà predisposto, entro quarantacinque giorni dalla definizione del piano della performance, un primo elenco di tali obiettivi da applicare in sede di prima valutazione; eventuali modifiche da un anno all altro dovranno essere comunicate in concomitanza con la definizione del piano della performance (se non vi sono modifiche, si intendono confermati gli obiettivi di ruolo dell anno precedente); - dovrà essere preso in considerazione un numero limitato di obiettivi di ruolo; - si utilizzerà la seguente scala continua di giudizi sintetici: o da 0 a 5,5: performance di ruolo inadeguata; o da 6 a 7: performance di ruolo adeguata; o da 7 a 8,5: performance di ruolo buona; o da 8,6 a 10: performance di ruolo eccellente (questo giudizio dovrà caratterizzare limitati casi di assoluta e comprovata eccellenza nel conseguimento dell obiettivo di ruolo). 19

20 La valutazione individuale della performance di ruolo di ciascun direttore è ottenuta come media aritmetica semplice dei punteggi finali attribuiti a ciascun obiettivo di ruolo. 3) Valutazione complessiva della performance individuale La valutazione complessiva della performance individuale è ottenuta come media aritmetica semplice del punteggio sugli obiettivi di ruolo e del punteggio su obiettivi gestionali. La valutazione si conclude con l attribuzione del punteggio e la collocazione in tre distinte fasce di merito: A - fascia alta [8/10); B - fascia media [6/8); C - fascia bassa [0/6). Nell ambito della fascia alta viene individuata un area di eccellenza, per punteggi di valutazione uguali o superiori a 9,3. La valutazione si intende negativa al di sotto del 4. 20

Programma per la trasparenza e l integrità

Programma per la trasparenza e l integrità Programma per la trasparenza e l integrità Periodo 2014-2016 ARAN - Agenzia per la rappresentanza negoziale delle pubbliche amministrazioni Approvato dal Collegio di indirizzo e controllo con delibera

Dettagli

Programma per la trasparenza e l integrità

Programma per la trasparenza e l integrità Programma per la trasparenza e l integrità Periodo 2015-2017 ARAN - Agenzia per la rappresentanza negoziale delle pubbliche amministrazioni Approvato dal Collegio di indirizzo e controllo con delibera

Dettagli

ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE

Dettagli

ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE

ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Settembre 2010 SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE 1. INTRODUZIONE La legge-delega 4 marzo

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE TRIENNIO 2015-2017

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE TRIENNIO 2015-2017 SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE TRIENNIO 2015-2017 Il Ciclo di gestione della valutazione dei risultati: le fasi. pag. 2 a) definizione e assegnazione degli obiettivi che si intendono

Dettagli

Piano della performance Periodo 2014-2016

Piano della performance Periodo 2014-2016 Piano della performance Periodo 2014-2016 ARAN - Agenzia per la rappresentanza negoziale delle pubbliche amministrazioni Approvato dal Collegio di indirizzo e controllo con delibera n. 6 del 29/1/2014

Dettagli

Sistema di misurazione e valutazione della performance. Sistema di misurazione e valutazione della Performance

Sistema di misurazione e valutazione della performance. Sistema di misurazione e valutazione della Performance Sistema di misurazione e valutazione della Performance INDICE 1. Premessa pag. 3 2. Misurazione e valutazione della performance individuale...pag. 4 3. Valutazione del Direttore Generale.. pag. 6 4. Valutazione

Dettagli

COMUNE DI ROBASSOMERO PROVINCIA DI TORINO tel. 011 9234400 - Fax 011 9234422 E-mail: comune@comune.robassomero.to.it - www.comune.robassomero.to.

COMUNE DI ROBASSOMERO PROVINCIA DI TORINO tel. 011 9234400 - Fax 011 9234422 E-mail: comune@comune.robassomero.to.it - www.comune.robassomero.to. COMUNE DI ROBASSOMERO PROVINCIA DI TORINO tel. 011 9234400 - Fax 011 9234422 E-mail: comune@comune.robassomero.to.it - www.comune.robassomero.to.it Approvato con deliberazione G.C. n. 103/29.12.2010 INDICE

Dettagli

COMUNE DI RIVANAZZANO TERME PROVINCIA DI PAVIA

COMUNE DI RIVANAZZANO TERME PROVINCIA DI PAVIA COMUNE DI RIVANAZZANO TERME PROVINCIA DI PAVIA CRITERI DI MISURAZIONE, VALUTAZIONE E TRASPARENZA DELLA PERFORMANCE ESTRATTO DAL REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI APPROVATO CON ATTO

Dettagli

Bozza. Schema di disegno di legge recante delega in materia di riforma del lavoro alle dipendenze delle pubbliche amministrazioni e di trasparenza

Bozza. Schema di disegno di legge recante delega in materia di riforma del lavoro alle dipendenze delle pubbliche amministrazioni e di trasparenza Bozza Schema di disegno di legge recante delega in materia di riforma del lavoro alle dipendenze delle pubbliche amministrazioni e di trasparenza Art.1 (Delega al Governo in materia di riforma del lavoro

Dettagli

Il Direttore DISCIPLINARE DEL PROCESSO DI BUDGET 2015

Il Direttore DISCIPLINARE DEL PROCESSO DI BUDGET 2015 Il Direttore DISCIPLINARE DEL PROCESSO DI BUDGET 2015 DEFINIZIONE DI BUDGET Il Budget è lo strumento per attuare la pianificazione operativa che l Istituto intende intraprendere nell anno di esercizio

Dettagli

Il Sistema della performance e le direttive CIVIT. Università di Cagliari monfardini@unica.it

Il Sistema della performance e le direttive CIVIT. Università di Cagliari monfardini@unica.it Il Sistema della performance e le direttive CIVIT Dott. Patrizio Monfardini Università di Cagliari monfardini@unica.it Art. 4 (ciclo di gestione della performance) 2 comma 1: [.] le amministrazioni pubbliche

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE COMUNE DI VOBARNO (Provincia di Brescia) SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Art 7 Decreto Legislativo 150/2009 Revisione del 2 novembre 2011 INDICE INDICE... 2 PREMESSA... 3 I CARATTERISTICHE

Dettagli

IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Premessa Il Sistema di misurazione e valutazione della performance è uno strumento pensato per sviluppare le competenze, riconoscere i risultati,

Dettagli

REGOLAMENTO SUI SISTEMI DI MISURAZIONE, VALUTAZIONE E PREMIAZIONE DELLA PERFORMANCE DEI DIPENDENTI

REGOLAMENTO SUI SISTEMI DI MISURAZIONE, VALUTAZIONE E PREMIAZIONE DELLA PERFORMANCE DEI DIPENDENTI REGOLAMENTO SUI SISTEMI DI MISURAZIONE, VALUTAZIONE E PREMIAZIONE DELLA PERFORMANCE DEI DIPENDENTI Approvato con deliberazione di G.C. n. 89 del 9.09.2013 INDICE TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 - Principi

Dettagli

ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE DELL'ENTE PARCO NAZIONALE DEL VESUVIO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE D.LGS.

ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE DELL'ENTE PARCO NAZIONALE DEL VESUVIO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE D.LGS. PREMESSA Il presente documento è redatto dall Organismo Indipendente di Valutazione dell'ente Parco Nazionale del Vesuvio ai sensi dell articolo 7, comma 2, e dell articolo 30, comma 3, del decreto legislativo

Dettagli

AZIENDA ULSS N. 8 - ASOLO. Sistema di misurazione e valutazione della performance

AZIENDA ULSS N. 8 - ASOLO. Sistema di misurazione e valutazione della performance AZIENDA ULSS N. 8 - ASOLO Sistema di misurazione e valutazione della performance in attuazione del D.Lgs. n. 150/2009 1 Indice Presentazione... 3 Principi... 3 Articolazione del sistema... 4 1. La Valutazione

Dettagli

Comune di Grumento Nova Sistema per la misurazione e la valutazione della performance. Finalità e principi

Comune di Grumento Nova Sistema per la misurazione e la valutazione della performance. Finalità e principi Comune di Grumento Nova Sistema per la misurazione e la valutazione della performance Finalità e principi Art. 1 - Finalità Il presente regolamento disciplina il sistema di misurazione e valutazione della

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE COMUNE DI BOTTICINO (Provincia di Brescia) SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Art 7 Decreto Legislativo 150/2009 Giugno 2013 INDICE INDICE... 2 PREMESSA... 3 I CARATTERISTICHE DELL

Dettagli

Metodologia di misurazione e valutazione della performance individuale del personale

Metodologia di misurazione e valutazione della performance individuale del personale Allegato A) alla deliberazione della Giunta camerale n. 28 del 23/04/2013 Metodologia di misurazione e valutazione della performance individuale del personale Sommario SOMMARIO... 2 SEZIONE 1 - LOGICHE

Dettagli

Sistema di misurazione e valutazione

Sistema di misurazione e valutazione Sistema di misurazione e valutazione della performance organizzativa e della performance individuale dei dirigenti Approvato con Delibera di Giunta Comunale n. 287 del 24/09/2013 Comune di Prato Regolamento

Dettagli

Il sistema di misurazione e valutazione della performance dell ATER di Matera

Il sistema di misurazione e valutazione della performance dell ATER di Matera Il sistema di misurazione e valutazione della performance dell ATER di Matera 1. Premessa: le norme, le indicazioni CIVIT, i requisiti necessari Il Sistema di misurazione e valutazione della performance

Dettagli

Sistema di valutazione delle prestazioni del personale

Sistema di valutazione delle prestazioni del personale Manuale operativo Rev. 1 SOMMARIO 1. FINALITÀ DEL SISTEMA E AMBITI DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE... 3 1.1. La metodologia... 4 2. SOGGETTI E RESPONSABILITÀ... 4 2.1. Il Direttore

Dettagli

COMUNE DI CASTELVETRANO Provincia di Trapani REGOLAMENTO PER LA GESTIONE, MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

COMUNE DI CASTELVETRANO Provincia di Trapani REGOLAMENTO PER LA GESTIONE, MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE COMUNE DI CASTELVETRANO Provincia di Trapani REGOLAMENTO PER LA GESTIONE, MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Città di Castelvetrano Regolamento per la gestione, misurazione e valutazione della

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute 6. IL PROCESSO SEGUITO E LE AZIONI DI MIGLIORAMENTO DEL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE 6.1 Fasi, soggetti e tempi del processo di redazione del Piano Analogamente a quanto avvenuto per il 2012, il

Dettagli

COMUNE DI TAURISANO Provincia di Lecce

COMUNE DI TAURISANO Provincia di Lecce ALLEGATO B COMUNE DI TAURISANO Provincia di Lecce ************ REGOLAMENTO SUL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE E SULLA ISTITUZIONE E FUNZIONAMENTO DELL'ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE (O.I.V.)

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Documento condiviso tra le Università di Macerata e Camerino in attuazione degli indirizzi dell accordo di programma dell 11 febbraio 2010 tra Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca,

Dettagli

DIRIGENTI SISTEMA DI PESATURA DELLE POSIZIONI E DI VALUTAZIONE DEI RISULTATI

DIRIGENTI SISTEMA DI PESATURA DELLE POSIZIONI E DI VALUTAZIONE DEI RISULTATI Nucleo di Valutazione Comune di Siena DIRIGENTI SISTEMA DI PESATURA DELLE POSIZIONI E DI VALUTAZIONE DEI RISULTATI Proposta del Nucleo di Valutazione 1 INDICE 1. I SOGGETTI DELLA VALUTAZIONE...3 2. LA

Dettagli

DISCIPLINA DELLA MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

DISCIPLINA DELLA MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Comune di Marradi (Provincia di Firenze) DISCIPLINA DELLA MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Approvato con delibera della Giunta comunale n. 91/2012 Modificato con delibera della Giunta comunale

Dettagli

CCIAA DI REGGIO EMILIA

CCIAA DI REGGIO EMILIA CCIAA DI REGGIO EMILIA RELAZIONE SUL FUNZIONAMENTO COMPLESSIVO DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE, TRASPARENZA ED INTEGRITA DEI CONTROLLI INTERNI (ART.14, COMMA 4, LETTERA A E LETTERA G, D.LGS. 150/2009). 1 INDICE

Dettagli

( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) TITOLO I: Principi generali ( articoli 11 e 28 del d.lgs. 150/09)

( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) TITOLO I: Principi generali ( articoli 11 e 28 del d.lgs. 150/09) Regolamento di disciplina della misurazione, valutazione e trasparenza della performance ( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) Il presente Regolamento è assunto ai sensi degli artt. 16 e 31 del

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Sistema di valutazione delle prestazioni del personale MANUALE OPERATIVO Allegato al Decreto ministeriale del 28 aprile 2015 Indice Ministero della Salute 1 Finalità del sistema e ambiti di misurazione

Dettagli

MANUALE PER LA MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE

MANUALE PER LA MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE MANUALE PER LA MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE Premessa La legge-delega 4 marzo 2009, n. 15, ed il decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150, di seguito Decreto, introducono il

Dettagli

Sistema di misurazione e valutazione del Comune di Cremona

Sistema di misurazione e valutazione del Comune di Cremona Sistema di misurazione e valutazione del Comune di Cremona 1 SOMMARIO 1.- DESCRIZIONE DEL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE----------------------3 1.1.- Aspetti generali ------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE

PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE Allegato alla deliberazione di Giunta Comunale n. 289 del 28.12.2011 1 INDICE SEZIONE I - CONTESTO

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DELLA MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DELLA MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Comune di Scarperia (Provincia di Firenze) REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DELLA MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE (Parte integrante dell Ordinamento generale degli uffici e dei servizi) Approvato

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Settembre 2010 OIV2010 INDICE Argomento Pagina PARTE PRIMA 1. INTRODUZIONE 4 2. AMBITI DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA 7 PERFORMANCE ORGANIZZATIVA

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Comune di Inverigo Provincia di Como SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDICE INTRODUZIONE TITOLO I FINALITA E PRINCIPI Art. 1 - Finalità e oggetto Art. 2 - Principi di riferimento

Dettagli

Comune di Ferrara IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

Comune di Ferrara IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Comune di Ferrara IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDICE 1. Premessa 2. Il processo, i tempi e le responsabilità del sistema 3. Modalità di raccordo con i sistemi di controllo

Dettagli

COMUNE DI BRUGHERIO (PROVINCIA DI MONZA E DELLA BRIANZA)

COMUNE DI BRUGHERIO (PROVINCIA DI MONZA E DELLA BRIANZA) PROCESSO DI VALUTAZIONE delle prestazioni (PERFORMANCE INDIVIDUALE) rese dal personale Il sistema di valutazione permanente intende promuovere, da un lato, il miglioramento della qualità delle prestazioni

Dettagli

Sistema di misurazione e valutazione della performance individuale dei dirigenti, degli incaricati di posizione organizzativa e del personale del

Sistema di misurazione e valutazione della performance individuale dei dirigenti, degli incaricati di posizione organizzativa e del personale del Sistema di misurazione e valutazione della performance individuale dei dirigenti, degli incaricati di posizione organizzativa e del personale del Comune di Modena Aggiornamento aprile 2013 Indice Introduzione

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

LINEE GUIDA PER LA MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE LINEE GUIDA PER LA MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Allegato alla deliberazione di G.C. n. 79 del 26/05/2011 Ente certificato: Palazzo Comunale via I Maggio 20090 - Segrate Telefono 02/26.902.1

Dettagli

COMUNE DI PIANEZZE. Provincia di VICENZA

COMUNE DI PIANEZZE. Provincia di VICENZA COMUNE DI PIANEZZE Provincia di VICENZA METODOLOGIA OPERATIVA E SCHEDE DI VALUTAZIONE APPROVATE CON DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N. 72 DEL 15.09.201, AI SENSI DELL ART. 8, COMMA 2, DEL REGOLAMENTO

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE CONSORZIO DI POLIZIA LOCALE DELLA VALLE SABBIA SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Art 7 Decreto Legislativo 150/2009 Revisione del 2 novembre 2011 INDICE INDICE... 2 PREMESSA... 3 I

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE (art. 7 del Decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150)

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE (art. 7 del Decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150) SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE (art. 7 del Decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150) 1 INDICE Introduzione pag 3 1. Caratteristiche del Sistema di misurazione e valutazione della

Dettagli

IL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMUNE DI FIRENZE. Manuale applicativo

IL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMUNE DI FIRENZE. Manuale applicativo IL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMUNE DI FIRENZE Manuale applicativo Firenze, 23 luglio 2009 INDICE 1. PREMESSA 2. I PRINCIPI DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE 3. COSA SI VALUTA 4. LA VALUTAZIONE DEI RISULTATI

Dettagli

Allegato alla Delibera n. 409 del 30/12/2011. Provincia di Cosenza. Proposta di Sistema di misurazione e valutazione della performance

Allegato alla Delibera n. 409 del 30/12/2011. Provincia di Cosenza. Proposta di Sistema di misurazione e valutazione della performance Allegato alla Delibera n. 409 del 30/12/2011 Provincia di Cosenza Proposta di Sistema di misurazione e valutazione della performance Sommario Premessa... 52 Sezione 1... 52 Descrizione del Sistema di misurazione

Dettagli

I.N.P.D.A.P. REGOLAMENTO PER LA VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DEL PERSONALE INPDAP

I.N.P.D.A.P. REGOLAMENTO PER LA VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DEL PERSONALE INPDAP I.N.P.D.A.P. ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL'AMMINISTRAZIONE PUBBLICA REGOLAMENTO PER LA VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DEL PERSONALE INPDAP Art. 1 (Oggetto del regolamento

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Allegato A SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE PREMESSA...3 DEFINIZIONI E CONCETTI BASE...5 Performance...5 Performance organizzativa...5 Performance individuale...5 Obiettivo...6 Obiettivo

Dettagli

COMUNE DI ANTEGNATE PROVINCIA DI BERGAMO

COMUNE DI ANTEGNATE PROVINCIA DI BERGAMO COMUNE DI ANTEGNATE PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO PER LA MISURAZIONE E LA VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE E PER L APPLICAZIONE DEL SISTEMA PREMIALE Approvato dalla Giunta Comunale con deliberazione n.

Dettagli

COMUNE DI MONTEBELLO JONICO

COMUNE DI MONTEBELLO JONICO COMUNE DI MONTEBELLO JONICO CAPO X SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DEL PERSONALE ART.57 -FINALITA DEL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DEL PERSONALE 1. Le disposizioni contenute nel presente Titolo

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE 2015-2017

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE 2015-2017 CITTA DI SANTENA Provincia di Torino ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 75 IN DATA 18.06.2015 SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE 2015-2017 Ente con Sistema Qualità

Dettagli

ALLEGATO ALLA CIRCOLARE DEL 19 LUGLIO 2012, N. 25

ALLEGATO ALLA CIRCOLARE DEL 19 LUGLIO 2012, N. 25 Ipotesi di accordo sulla utilizzazione del Fondo per il finanziamento della retribuzione di posizione e della retribuzione di risultato dei dirigenti di seconda fascia e del personale incaricato di funzioni

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO Regolamento di disciplina della misurazione, della valutazione, della rendicontazione e della trasparenza della performance PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO Regolamento di

Dettagli

COMUNE DI BONASSOLA METODOLOGIA VALUTAZIONE

COMUNE DI BONASSOLA METODOLOGIA VALUTAZIONE COMUNE DI BONASSOLA METODOLOGIA DI VALUTAZIONE Sommario CAPO I....2 METODOLOGIA DI VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI INDIVIDUALI DEI TITOLARI DI POSIZIONE ORGANIZZATIVA...2 ART. 1 - MISURAZIONE DELLE PERFORMANCE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE ASSOCIATA TRA I COMUNI DELL UNIONE DEI NEBRODI DELLE FUNZIONI RELATIVE AL NUCLEO DI VALUTAZIONE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE ASSOCIATA TRA I COMUNI DELL UNIONE DEI NEBRODI DELLE FUNZIONI RELATIVE AL NUCLEO DI VALUTAZIONE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE ASSOCIATA TRA I COMUNI DELL UNIONE DEI NEBRODI DELLE FUNZIONI RELATIVE AL NUCLEO DI VALUTAZIONE Art. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento ha per oggetto la gestione

Dettagli

SISTEMA INTEGRATO DI VALUTAZIONE PERMANENTE DELL ENTE E DEL PERSONALE

SISTEMA INTEGRATO DI VALUTAZIONE PERMANENTE DELL ENTE E DEL PERSONALE SISTEMA INTEGRATO DI VALUTAZIONE PERMANENTE DELL ENTE E DEL PERSONALE Posizioni Organizzative Personale dei livelli 1 Metodologia valutazione PO ex art 31 rev4 Sommario CAPO I 2 METODOLOGIA DI VALUTAZIONE

Dettagli

SISTEMA INTEGRATO DI VALUTAZIONE PERMANENTE DELL ENTE E DEL PERSONALE

SISTEMA INTEGRATO DI VALUTAZIONE PERMANENTE DELL ENTE E DEL PERSONALE SISTEMA INTEGRATO DI VALUTAZIONE PERMANENTE DELL ENTE E DEL PERSONALE Dirigenti e Posizioni Organizzative Personale dei Livelli Sistema Integrato di valutazione del personale.docx Sommario CAPO I METODOLOGIA

Dettagli

Organismo indipendente di Valutazione

Organismo indipendente di Valutazione 2010 Organismo indipendente di Valutazione Sistema di misurazione e valutazione della performance del Parco Nazionale dei Monti Sibillini - Regolamento Il documento regolamentare definisce la metodologia

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI BUDGET E DEL CONTROLLO DIREZIONALE

REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI BUDGET E DEL CONTROLLO DIREZIONALE REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI E DEL CONTROLLO DIREZIONALE INDICE 1. Inquadramento 1 2. Budget: definizione 2 3. Budget: finalità 2 4. Budget: struttura 2 4.1 Centri di tà () 2 4.1.1 Centri di Attività (CdA)

Dettagli

IL CICLO DELLA PERFORMANCE ED IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE. (revisione Luglio 2012)

IL CICLO DELLA PERFORMANCE ED IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE. (revisione Luglio 2012) IL CICLO DELLA PERFORMANCE ED IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE (revisione Luglio 2012) 1 INDICE i. PREMESSA pag. 4 ii. DEFINIZIONI E CONCETTI BASE pag. 6 1. LA PIANIFICAZIONE DELLA

Dettagli

Sistema di individuazione, pesatura, conferimento incarico e valutazione posizioni organizzative

Sistema di individuazione, pesatura, conferimento incarico e valutazione posizioni organizzative ALLEGATO 1 Reg. Performance Sistema di individuazione, pesatura, conferimento incarico e valutazione posizioni organizzative I. CRITERI DI INDIVIDUAZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Riferimenti: Artt.

Dettagli

Sistema di misurazione e valutazione della performance ANVUR

Sistema di misurazione e valutazione della performance ANVUR Sistema di misurazione e valutazione della performance ANVUR Documento preparato dall Organismo Indipendente di Valutazione Guido Cutillo guido.cutillo@gmail.com 1 INDICE 1. Descrizione del sistema 1.1.

Dettagli

Programma Triennale della Trasparenza e Integrità. Anni 2015-2017

Programma Triennale della Trasparenza e Integrità. Anni 2015-2017 Programma Triennale della Trasparenza e Integrità Anni 2015-2017 Le novità normative nell ambito del vasto progetto di riforma della Pubblica Amministrazione impongono agli enti locali la revisione e la

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ANNO 2011 (modifiche approvate nella seduta NVA del 06.04.2011) INDICE 1. INTRODUZIONE 1 1.1 Riferimenti normativi 1 1.2 Responsabilità della valutazione

Dettagli

Provincia Regionale di Caltanissetta Codice Fiscale e Partita IVA : 00115070856

Provincia Regionale di Caltanissetta Codice Fiscale e Partita IVA : 00115070856 Provincia Regionale di Caltanissetta Codice Fiscale e Partita IVA : 00115070856 REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DELLA MISURAZIONE, VALUTAZIONE, INTEGRITÀ E TRASPARENZA DELLA PERFORMANCE ADOTTATO CON DELIBERA

Dettagli

PRIME OSSERVAZIONI DELLO SNALS-CONFSAL SUL DOCUMENTO DEL GOVERNO LA BUONA SCUOLA

PRIME OSSERVAZIONI DELLO SNALS-CONFSAL SUL DOCUMENTO DEL GOVERNO LA BUONA SCUOLA PRIME OSSERVAZIONI DELLO SNALS-CONFSAL SUL DOCUMENTO DEL GOVERNO LA BUONA SCUOLA CONFERENZA DEI SEGRETARI PROVINCIALI E REGIONALI 17-18 SETTEMBRE 2014 Lo Snals-Confsal, il più rappresentativo sindacato

Dettagli

Metodologia di gestione delle performance

Metodologia di gestione delle performance Metodologia di gestione delle performance Il sistema di gestione delle performance deriva direttamente dalle priorità politiche di ciascuna Giunta ed è strettamente coordinato con tutti gli altri strumenti

Dettagli

ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE LUGLIO 2010 SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE 1. INTRODUZIONE La legge-delega 4 marzo 2009,

Dettagli

ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE MANUALE OPERATIVO PER IL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL PERSONALE

ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE MANUALE OPERATIVO PER IL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL PERSONALE Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE MANUALE OPERATIVO PER IL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL PERSONALE SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL

Dettagli

Ministero della Difesa PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÁ DEL MINISTERO DELLA DIFESA

Ministero della Difesa PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÁ DEL MINISTERO DELLA DIFESA Ministero della Difesa PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÁ DEL MINISTERO DELLA DIFESA 2011-2013 I QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO Decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 e successive

Dettagli

Città di Minerbio Provincia di Bologna. CICLO DELLA PERFORMANCE Indirizzi per il triennio 2011-2013

Città di Minerbio Provincia di Bologna. CICLO DELLA PERFORMANCE Indirizzi per il triennio 2011-2013 Città di Minerbio Provincia di Bologna CICLO DELLA PERFORMANCE Indirizzi per il triennio 2011-2013 Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 78 del 27/07/2011 Premessa Le amministrazioni pubbliche

Dettagli

DIRETTIVA SULLA FORMAZIONE E LA VALORIZZAZIONE DEL PERSONALE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA SULLA FORMAZIONE E LA VALORIZZAZIONE DEL PERSONALE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA SULLA FORMAZIONE E LA VALORIZZAZIONE DEL PERSONALE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto - Uffici del personale, dell'organizzazione e della formazione Alle

Dettagli

IL SISTEMA DI VALUTAZIONE. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II Anno 2015

IL SISTEMA DI VALUTAZIONE. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II Anno 2015 1 IL SISTEMA DI VALUTAZIONE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II Anno 2015 2 PIANIFICAZIONE STRATEGICA E PERFORMANCE ORGANIZZATIVA Pianificazione Strategica INDIRIZZI STRATEGICI Orizzonte pluriennale

Dettagli

Le novità normative in tema di rapporto di lavoro pubblico: il D.Lgs. 150/2009

Le novità normative in tema di rapporto di lavoro pubblico: il D.Lgs. 150/2009 Le novità normative in tema di rapporto di lavoro pubblico: il D.Lgs. 150/2009 Parma, Sala aurea C.C.I.A.A., Via Verdi 2 Gaetano Palombelli La riforma del lavoro pubblico nel contesto della riforma istituzionale

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA E INDIVIDUALE a cura del Servizio Programmazione e Controllo di Gestione INDICE 1 PREMESSA...3 1.1 Mission dell Università Politecnica

Dettagli

Comune di Pontassieve. Sistema di valutazione delle posizioni dirigenziali Parte Seconda Il sistema adottato. In collaborazione con

Comune di Pontassieve. Sistema di valutazione delle posizioni dirigenziali Parte Seconda Il sistema adottato. In collaborazione con Comune di Pontassieve Sistema di valutazione delle posizioni dirigenziali Parte Seconda Il sistema adottato In collaborazione con 1 Indice Indice... 1 1. Il processo di sviluppo organizzativo in corso...

Dettagli

ISTRUZIONI OPERATIVE SUL SISTEMA DI VALUTAZIONE AZIENDALE

ISTRUZIONI OPERATIVE SUL SISTEMA DI VALUTAZIONE AZIENDALE Staff di Direzione Generale Organismo di Valutazione Aziendale ISTRUZIONI OPERATIVE SUL SISTEMA DI VALUTAZIONE AZIENDALE Ferrara, anno 2013 INDICE Premessa pag. 3 1. La valutazione come strumento di gestione

Dettagli

Ministero per i Beni e le Attività Culturali

Ministero per i Beni e le Attività Culturali Ministero per i Beni e le Attività Culturali ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE (OIV) MANUALE OPERATIVO PER IL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL PERSONALE SETTEMBRE 2010 1. I riferimenti

Dettagli

SISTEMI DI MISURAZIONE DELLA PERFORMANCE

SISTEMI DI MISURAZIONE DELLA PERFORMANCE SISTEMI DI MISURAZIONE DELLA PERFORMANCE Dicembre, 2014 Il Sistema di misurazione e valutazione della performance... 3 Il Ciclo di gestione della performance... 5 Il Sistema di misurazione e valutazione

Dettagli

PIANO TRIENNALE DELLE PERFORMANCE MISURAZIONE, VALUTAZIONE E TRASPARENZA DELLE PERFORMANCE ORGANIZZATIVA E INDIVIDUALE

PIANO TRIENNALE DELLE PERFORMANCE MISURAZIONE, VALUTAZIONE E TRASPARENZA DELLE PERFORMANCE ORGANIZZATIVA E INDIVIDUALE COMUNE DI MONTANERA (Provincia di Cuneo) PIANO TRIENNALE DELLE PERFORMANCE MISURAZIONE, VALUTAZIONE E TRASPARENZA DELLE PERFORMANCE ORGANIZZATIVA E INDIVIDUALE 1. ELEMENTI COSTITUTIVI DEL SISTEMA DELLE

Dettagli

Comune di Sondrio PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DEL COMUNE DI SONDRIO 2012-2013-2014

Comune di Sondrio PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DEL COMUNE DI SONDRIO 2012-2013-2014 Comune di Sondrio PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DEL COMUNE DI SONDRIO 2012-2013-2014 1. PREMESSA Con la redazione del presente Programma Triennale per la trasparenza e l integrità,

Dettagli

ALLEGATO SUB A) Metodologia di Valutazione delle performance del Comune di San Martino Buon Albergo

ALLEGATO SUB A) Metodologia di Valutazione delle performance del Comune di San Martino Buon Albergo ALLEGATO SUB A) Metodologia di Valutazione delle performance del Comune di San Martino Buon Albergo Indice 1. Premessa 3 2. Il sistema di misurazione e valutazione delle performance 4 3. Criteri per la

Dettagli

COMUNE DI MAGIONE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

COMUNE DI MAGIONE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE COMUNE DI MAGIONE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Il documento è stato redatto dal N.V.P. - Nucleo di Valutazione delle Performance - della Gestione Associata tra i Comuni di tra

Dettagli

CAPO 2. Principi e Strumenti di. Organizzazione e Gestione

CAPO 2. Principi e Strumenti di. Organizzazione e Gestione CAPO 2 Principi e Strumenti di Organizzazione e Gestione 27 capo 2 Principi e Strumenti di Organizzazione e Gestione 28 I Principi di Organizzazione titolo IV I Principi di Organizzazione Art. 18 - Principi

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA VALUTAZIONE DEI DIRIGENTI o DEL PERSONALE INCARICATO DELLO SVOLGIMENTO DELLE FUNZIONI DIRIGENZIALI

REGOLAMENTO PER LA VALUTAZIONE DEI DIRIGENTI o DEL PERSONALE INCARICATO DELLO SVOLGIMENTO DELLE FUNZIONI DIRIGENZIALI REGOLAMENTO PER LA VALUTAZIONE DEI DIRIGENTI o DEL PERSONALE INCARICATO DELLO SVOLGIMENTO DELLE FUNZIONI DIRIGENZIALI Capo I Criteri e metodi per la valutazione dei Dirigenti Art.1 Criteri generali del

Dettagli

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Articolo 1 Finalità ed obiettivi 1. Il presente regolamento definisce le linee fondamentali di organizzazione

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA (Approvato con deliberazione n. 5 del 1 febbraio 2013) Azienda Speciale Comunale CREMONA SOLIDALE Settore Affari Generali PREMESSA INTRODUTTIVA La trasparenza è intesa come

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

COMUNE DI CASTIGLIONE TINELLA Provincia di Cuneo

COMUNE DI CASTIGLIONE TINELLA Provincia di Cuneo COMUNE DI CASTIGLIONE TINELLA Provincia di Cuneo REGOLAMENTO COMUNALE SULLA METODOLOGIA E I CRITERI PER LA MISURAZIONE E LA VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE DEL PERSONALE E SUL NUCLEO DI VALUTAZIONE Art.1

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Relazione dell sul funzionamento complessivo del sistema di valutazione, trasparenza e integrità dei controlli interni Anno 2012 (art. 14, comma 4, lettera a del d.lgs. n. 150/2009) PRESENTAZIONE E INDICE

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 1 Premessa Sempre di più la Pubblica Amministrazione sta proseguendo nell opera di riorganizzazione e revisione del proprio assetto organizzativo e

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA MISURAZIONE E LA VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

REGOLAMENTO PER LA MISURAZIONE E LA VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE COMUNE DI SPOTORNO Provincia di Savona REGOLAMENTO PER LA MISURAZIONE E LA VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 144 del 08.11.2011 1 STRUTTURA DEL REGOLAMENTO

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE Approvato con deliberazione di G.C. n. 27 del 12/04/2011 INDICE FINALITA... 1 MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE DEL SEGRETARIO

Dettagli

AUTORITÀ DI BACINO FIUME PO

AUTORITÀ DI BACINO FIUME PO AUTORITÀ DI BACINO FIUME PO RELAZIONE SUL FUNZIONAMENTO COMPLESSIVO DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE, TRASPARENZA ED INTEGRITÀ DEI CONTROLLI INTERNI E SULL ATTESTAZIONE DEGLI OBBLIGHI RELATIVI ALLA TRASPARENZA

Dettagli

Piano Strategico Territoriale Termini Imerese 2015

Piano Strategico Territoriale Termini Imerese 2015 Città di Termini Imerese Provincia di Palermo Piano Strategico Territoriale Termini Imerese 2015 Documento Definitivo Piano di Comunicazione e struttura di monitoraggio - art. 9, lett. f) e g) - Termini

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE DELL ISTITUTO AGRONOMICO PER L OLTREMARE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE DELL ISTITUTO AGRONOMICO PER L OLTREMARE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE DELL ISTITUTO AGRONOMICO PER L OLTREMARE 1 INDICE 1. INTRODUZIONE...4 1.1 Riferimenti normativi...5 1.2 Ruolo e responsabilità

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (Approvato con deliberazione di G.C. 140/02.12.2010) 1 TITOLO I - SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE Capo I - Aspetti generali

Dettagli

SCHEMA DI FUNZIONAMENTO DEL PROCESSO E DEGLI STRUMENTI DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE NEL COMUNE DI VEDUGGIO CON COLZANO

SCHEMA DI FUNZIONAMENTO DEL PROCESSO E DEGLI STRUMENTI DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE NEL COMUNE DI VEDUGGIO CON COLZANO Allegato SCHEMA DI FUNZIONAMENTO DEL PROCESSO E DEGLI STRUMENTI DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE NEL COMUNE DI VEDUGGIO CON COLZANO a) Ciclo della performance Il sistema di misurazione e

Dettagli

Città di Lecce SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA

Città di Lecce SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA Città di Lecce SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA INDICE 1. Introduzione... 4 2. Sistema di misurazione e valutazione della performance organizzativa... 4 2.1. L Albero

Dettagli