Piano delle Performance

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Piano delle Performance 2015-2017"

Transcript

1 Piano delle Performance

2 Sommario 1. INTRODUZIONE PRESENTAZIONE DELL'AZIENDA MISSIONE AZIENDALE E VISIONE STRATEGICA CONDIVISA I VALORI AZIENDALI MODELLO DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE a) I livelli Strategico e Istituzionale b) Il Livello Operativo-Gestionale DIMENSIONI DI ANALISI DELLA PERFORMANCE MISURAZIONE DELLA PERFORMANCE... 22

3 1. INTRODUZIONE L Azienda Ospedaliera della Provincia di Lecco, secondo quanto previsto dalla normativa vigente (D.Lgs 150/2009), persegue l implementazione e lo sviluppo del ciclo della performance al fine di migliorare la propria capacità di risposta alle esigenze del cittadino attraverso il soddisfacimento della MISSON (di seguito denominata missione aziendale) e della VISION (di seguito denominata visione strategica condivisa) aziendale. Lo strumento che dà avvio al ciclo di gestione della performance è definito Piano della Performance. Performance: rappresenta la capacità dell Azienda di trasformare gli obiettivi in risultati attraverso azioni concrete, ovvero misura la capacità di correlare gli obiettivi con i risultati ottenuti attraverso le azioni adottate. È un concetto centrale che si applica ad ogni livello soggettivo (organizzazione, unità organizzativa, gruppo di individui, singolo individuo) e che prevede la definizione delle modalità di misurazione attraverso specifici indicatori correlati al raggiungimento delle finalità e degli obiettivi e, in ultima istanza, alla soddisfazione dei bisogni per i quali l organizzazione è stata costituita. Il Piano delle Performance è il documento programmatico triennale nel quale, in coerenza con le risorse assegnate, sono esplicitati gli obiettivi, gli indicatori ed i target sui quali si baserà la misurazione, la valutazione nonché la rendicontazione della performance stessa. Lo scopo del Piano delle Performance è assicurare la qualità della rappresentazione della performance stessa, la comprensibilità della sua rappresentazione agli stakeholders individuati (clienti interni/esterni, ASL e Regione Lombardia), nonché l attendibilità della stessa misurazione. Il Piano delle Performance sviluppa dunque quali elementi fondamentali: i livelli decisionali (pianificazione strategica, programmazione annuale e obiettivi di gestione) su cui si baserà la misurazione, la valutazione e la rendicontazione della performance; le dimensioni rilevanti da monitorare per ogni livello di pianificazione; gli indicatori di misurazione relativi ad ogni dimensione. 3

4 Vantaggi per l organizzazione: - individuare ed incorporare le attese degli stakeholders individuati (clienti interni/esterni, ASL e Regione Lombardia); - favorire un effettiva accountability e trasparenza; - porre in essere percorsi di miglioramento continuo delle performance attraverso l introduzione di uno strumento di apprendimento organizzativo e di orientamento a supporto dei processi decisionali. L impianto strutturale del presente piano è stato definito in continuità con quanto già approvato lo scorso anno, sia per motivi di significatività del processo di misurazione delle performance, che richiede un confronto periodico su un lasso temporale adeguatamente lungo, sia in relazione all importante fase di riordino dell attuale sistema socio sanitario che Regione Lombardia sta portando avanti e che esiterà con una revisione della normativa di riferimento. Con queste premesse si è pertanto ravvisata la necessità di non operare uno stravolgimento delle impostazioni metodologiche, anche in attesa di maggiori indicazioni che Regione Lombardia, secondo le intenzioni espresse nel documento delle regole di sistema per l anno 2015 (DGR.X/2989 del 23/12/2014), fornirà alle Aziende Sanitarie al fine di un coordinamento regionale secondo una logica di benchmarking. Nell individuazione del pannello indicatori da proporre nel Piano delle Performance , si è altresì ritenuto opportuno procedere all integrazione dello stesso con alcuni indicatori elaborati nell ambito del Programma Integrato di Miglioramento dell Organizzazione (P.I.M.O.). L integrazione di questi strumenti, pur nella loro specificità e nel perseguimento di finalità peculiari, è stato considerato opportuno e auspicabile nell ottica di un collegamento degli strumenti istituzionali di programmazione e gestione: i due ambiti di analisi, infatti, si sovrappongono su alcuni aspetti e si completano vicendevolmente su altri, fornendo un indicazione dinamica delle performance e del percorso di miglioramento secondo una visione a 360 gradi. 4

5 Il miglioramento continuo è un insieme di attività dirette a tenere sotto controllo e a migliorare processi ed esiti mediante un sistema di obiettivi, indicatori, procedure organizzative e di linee guida e la verifica della loro applicazione ed efficacia. Affinché le organizzazioni possano rinnovarsi e migliorare giorno dopo giorno, con continuità, è necessario che il miglioramento sia considerato un attività strutturata, cioè sviluppata secondo progetti ed obiettivi definiti ed integrati, sistematica, guidata dai responsabili e sottoposta a revisione durante la sua realizzazione; è quindi un vero e proprio processo, nell ambito del quale vengono definiti gli obiettivi, le relative fasi e individuati vincoli, tempi, responsabilità, risorse, indicatori e risultati. Il Piano di Miglioramento integrato dell Organizzazione costituisce il riferimento unitario ed integrato per la gestione aziendale dei cambiamenti organizzativi, disegnato per generare e sostenere la cultura del miglioramento continuo; è orientato ad evidenziare i risultati ottenuti dalla struttura, in termini di qualità dei servizi offerti e delle cure prestate, raggiunti anche mediante una appropriata gestione economicofinanziaria. (Linee guida Regionali 2014) 2. PRESENTAZIONE DELL'AZIENDA L Azienda Ospedaliera della Provincia di Lecco è stata costituita, con Decreto del Presidente della Giunta Regionale n del , con decorrenza dal 1 gennaio In tale data sono state trasferite alla nuova Azienda Ospedaliera le funzioni sanitarie ed amministrative già svolte nei Presidi Ospedalieri e Strutture Specialistiche delle disciolte Aziende USSL n. 16 di Lecco, USSL n. 17 di Bellano e USSL N. 8 di Merate. Ai sensi del D.Lgs n. 552/92 e successive modificazione e integrazione, essa è dotata di personalità giuridica pubblica e di autonomia imprenditoriale. L Azienda Ospedaliera ottiene la certificazione del proprio sistema di gestione per la qualità secondo la norma UNI EN ISO 9001:2000. Il logo aziendale è il seguente: La Direzione Strategica è costituita dai tre Direttori Aziendali: Direttore Generale Direttore Sanitario Direttore Amministrativo L Azienda Ospedaliera della Provincia di Lecco eroga servizi sanitari nelle seguenti strutture, Presidi Ospedalieri: 5

6 Presidio Ospedaliero Alessandro Manzoni - Lecco Presidio Ospedaliero San Leopoldo Mandic - Merate Presidio Ospedaliero Umberto I Bellano Poliambulatori Territoriali: Casatenovo Calolziocorte Mandello del Lario Oggiono Sedi distaccate: Centri di Dialisi ad Assistenza Limitata (CAL) di Bellano, Merate, Oggiono Comunità Riabilitative ad altra assistenza (CRA) di Bellano (fraz. Garbagnate Rota), Cernusco Lombardone Centri Psicosociali (CPS) e Centri diurni (CD) di Bellano, Lecco e Merate Comunità protetta (CP) di Casatenovo e Garlate L Azienda Ospedaliera della Provincia di Lecco esercita la sua attività in: - tre distinti plessi ospedalieri per un totale di complessivi 1012 posti letto, accreditati come di seguito specificato: Presidio Ospedaliero Posti letto accreditati a contratto per Acuti Ordinari DH Totale Presidio di Lecco Presidio di Merate Presidio di Bellano TOTALE Presidio Ospedaliero Posti letto accreditati a contratto Riabilitativi Ordinari DH Totale Presidio di Lecco Presidio di Merate

7 Presidio di Bellano TOTALE poliambulatori multispecialistici. Il modello ordinario di gestione operativa di tutte le attività dell azienda ospedaliera è l organizzazione dipartimentale, così come definita dall attuale piano di organizzazione aziendale (POA). Il Dipartimento è costituito da strutture operative omogenee, affini o complementari, che perseguono comuni finalità e sono quindi tra loro interdipendenti, pur mantenendo la propria autonomia e responsabilità professionale. L Azienda Ospedaliera della Provincia di Lecco ha attualmente 2982 dipendenti così suddivisi: PERSONALE INFERMIERISTICO/OSTETRICO 1322 PERSONALE TECNICO SANITARIO 175 PERSONALE VIGIL. ISPEZIONE 1 PERSONALE DELLA RIABILITAZIONE 106 ASSISTENTI SOCIALI 10 PERSONALE AMMINISTRATIVO 268 OTA/OSS 267 PERSONALE RUOLO TECNICO 195 PERSONALE AUSILIARIO SPECIALIZZATO 102 TOTALE COMPARTO NON DIRIGENZIALE 2446 DIRIGENZA MEDICA 484 DIRIGENZA SANITARIA 37 DIRIGENZA PROFESSIONALE TECNICA 8 DIRIGENZA AMMINISTRATIVA 7 TOTALE AREA DIRIGENZA 536 TOTALE COMPLESSIVO Analisi caratteri qualitativi/quantitativi Età media del personale (anni) 47,60 Età media dei dirigenti (anni) 49,25 7

8 Ore di formazione (media per dipendente) 14 2 Analisi Benessere organizzativo Percentuale assenze 19,9% Tasso di infortuni 7,07% 3 Analisi di genere % di dirigenti donne 46,24% % di donne rispetto al totale del personale 76% Età media del personale femminile dirigente/non dirigente 45,85/43,16 Il bacino di utenza servito dall azienda comprende 90 comuni, per un totale di circa 340 mila abitanti, distribuiti su un area di 814 Kmq. Gli indici di invecchiamento confermano l incremento costante della popolazione anziana, con una distribuzione territoriale del fenomeno come segue: Indici di invecchiamento Indice di vecchiaia (*) 135,8 136,3 136,9 136,8 137,4 141,3 144,3 149,1 % di soggetti > = 65 anni 19,4 19,6 19,8 19,8 19,9 20,5 20,9 21,4 (*) (residenti < = 65/residenti > 15) *100) Accanto ai dati degli anziani, i dati relativi ai nuovi nati mostrano tassi di natalità stabili. Tasso di natalità , ,8 9,2 8,7 n.d. 8

9 3. MISSIONE AZIENDALE E VISIONE STRATEGICA CONDIVISA Missione Aziendale: La mission prioritaria dell Azienda è la presa in carico del paziente come persona, promuovendo la sua partecipazione ai percorsi di cura adeguati per rispondere ai suoi bisogni di salute. In altri termini viene posto al centro il paziente puntando a dar corpo ad Ospedali efficaci, integrati, appropriati nel rispetto delle risorse assegnate e valorizzando le Professionalità presenti. Visione Strategica Condivisa: L Azienda intende sviluppare le attività dei propri Presidi e Poliambulatori, ciascuno con la propria specificità, verso percorsi di diagnosi, cura e riabilitazione d avanguardia, offrendo risposte complete ai cittadini del territorio di riferimento e costituendosi come polo di attrazione e di riferimento per un area più vasta. Questi obiettivi vengono perseguiti valorizzando l attività e la crescita professionale degli operatori, a forme innovative di organizzazione dei servizi ed anche attraverso un alleanza con la rete delle cure primarie, la rete sociosanitaria, le strutture sanitarie e con le università operanti nel territorio. 9

10 4. I VALORI AZIENDALI Dichiarazione dei valori: Un organizzazione di professionisti L Azienda Ospedaliera della provincia di Lecco è un organizzazione multiprofessionale e multidisciplinare che non può essere gestita con le classiche regole di un azienda produttrice di beni di consumo. I dirigenti professionisti presenti in azienda sono ciascuno un centro decisionale con grande autonomia, all interno del quadro fissato dalle regole vigenti. Tale necessaria autonomia, per poter rispondere in modo adeguato ai bisogni dei pazienti, deve integrarsi in un attività corale, con una particolare attenzione al lavoro di squadra. La persona e la relazione interpersonale al centro Il primato delle relazioni umane con le persone che scelgono di curarsi presso l AO è fondamentale e ciò alimenta anche la collaborazione e l integrazione tra tutti i collaboratori che lavorano in Ospedale. Una comunità curante Il collante che tiene insieme le strutture afferenti all Azienda non è il vincolo gerarchico tradizionalmente inteso; è invece la ricerca di una profonda condivisione di obiettivi, metodi e conoscenze che supporta l impegno professionale di ognuno, rende vincente il lavoro comune e motiva l integrazione tra le culture e le diverse professionalità che operano nei nostri Presidi. Il risultato di questa responsabilità umana e professionale è la costruzione di percorsi di cura adeguati ad ogni singolo paziente e al suo ambiente familiare e sociale. Una comunità educante L Azienda Ospedaliera si occupa di fornire supporto al corso di laurea infermieristica dell Università di Milano Bicocca e di ogni altro nuovo percorso o momento formativo futuro, impegnandosi per la formazione dei tirocinanti e specializzandi che vengono assegnati ai nostri Presidi Ospedalieri. I giovani, in modo particolare, hanno bisogno di persone esperte che siano per loro guida e punto di riferimento professionale. 10

11 Partecipazione e le responsabilità L organizzazione dell Azienda è finalizzata -e non predefinita- alla cooperazione armonica dei diversi professionisti e dei diversi livelli di responsabilità al fine di raggiungere gli obiettivi prefissati. L autorità, in questo contesto, viene individuata e riconosciuta in quanto portatrice di conoscenze specifiche utili alle finalità comuni, capace di agire una responsabilità professionale - nell accezione etimologica di rispondere a un bisogno, a una esigenza, insomma ad una domanda del paziente e una responsabilità direzionale in quanto fattore di integrazione e coesione tra i collaboratori dell organizzazione. La partecipazione di tutte le componenti aziendali è garantita da diversi meccanismi di integrazione che potenziano quanto previsto dalle normative vigenti. Sono particolarmente importanti le riunioni dipartimentali aziendali, che si tengono mensilmente ed il Collegio di Direzione che ricomprende, oltre ai Responsabili dei Dipartimenti, il SITRA (Servizio Infermieristico, Tecnico e Riabilitativo Aziendale), i RAD (Responsabili d Area Dipartimentale) ed i Responsabili dei Servizi Amministrativi; entrambi questi incontri sono occasione di confronto e partecipazione costruttiva per la risoluzione delle problematiche aziendali. L attuazione della disciplina dell anticorruzione e della trasparenza rappresenta un area strategica della programmazione aziendale, diretta all individuazione delle misure di carattere generale che l Azienda intende mettere in atto per prevenire il rischio di corruzione. Questo richiede la partecipazione, attraverso il concorso di azioni positive sia per la realizzazione del piano che per la sua attuazione, di tutto il personale dell Azienda. Evitare l autoreferenzialità Il sistema dei controlli interni, indispensabile per la gestione dell Azienda, ha lo scopo di verificare il raggiungimento dell obiettivo centrale che è costruire buoni percorsi di salute. In quest ottica, tale sistema, mediante valutazione comparativa dei costi, dei rendimenti e dei risultati, verifica la corretta ed economica gestione delle risorse attribuite, l imparzialità, l economicità, la trasparenza e il buon andamento dell azione amministrativa. Il sistema dei controlli interni è strutturato attraverso l attività delle strutture Qualità e Gestione del Rischio e Pianificazione e Controllo Direzionale che forniscono il supporto tecnico, culturale e metodologico. 11

12 Sono inoltre presenti e funzionanti altri strumenti: - Collegio Sindacale Organo dell Azienda - Comitato Budget - Nucleo di Valutazione delle Prestazioni - Collegi Tecnici - Comitato Etico - Organismo di Valutazione del Codice Etico Comportamentale Il Sistema di Qualità Aziendale L Azienda Ospedaliera della Provincia di Lecco vede nella qualità, quale migliore sintesi di efficacia, appropriatezza ed affidabilità dei servizi, il fattore primario sul quale porre le fondamenta del proprio successo. Considera pertanto una precisa scelta strategica promuoverne i principi ed operare costantemente per il suo miglioramento. La Direzione Strategica, in sintonia con gli indirizzi derivanti dalle norme nazionali e regionali, accetta responsabilmente la sfida costituita dal superamento della visione Paziente-Utente verso la concezione della Persona-Cliente ; capace cioè di scegliere (direttamente o attraverso il proprio medico di famiglia) la prestazione sanitaria più aderente alle proprie necessità ed aspettative, tra quante presenti sul territorio e di diventare un interlocutore attivo con i sanitari nella definizione del proprio percorso di cura. Per vincere tale sfida, la Direzione intende catalizzare l attenzione e gli sforzi di tutti i suoi professionisti e collaboratori verso la qualità dei servizi offerti, individuando in essa il fattore che consentirà all Azienda di consolidare le posizioni espresse nel documento della Vision, mirando a sempre migliori risultati, nell interesse della salute dei cittadini. Gli obiettivi che l Azienda Ospedaliera della Provincia di Lecco si pone nell area dell eccellenza delle prestazioni, dello sviluppo delle capacità professionali, dell efficacia e dell efficienza dei processi diagnostici, terapeutici e riabilitativi devono pertanto trovare nella qualità del servizio prestato al Cliente la propria ragion d essere, l obiettivo unificatore ed il principale parametro di misura dei propri risultati. 12

13 L integrazione con il Territorio Un ospedale moderno non può concepirsi separato da un proprio territorio inteso non tanto come ambito burocratico/amministrativo ma, piuttosto, come luogo sociale di collegamenti e di reti. Pertanto, per l Azienda Ospedaliera, il territorio non è soltanto l ambito di influenza e di provenienza dei propri pazienti, ma un luogo sociale di relazioni e di sinergie con gli enti locali (espressione dei diritti di cittadinanza e del principio di sussidiarietà), con il terzo settore - volontariato e associazionismo (espressione del principio di solidarietà) e con le organizzazioni di patronato e di tutela dei diritti (portatori di interessi generali e specifici). Il lavoro di rete mediante accordi formalizzati costituisce il metodo di lavoro privilegiato per conoscere i bisogni, concordare gli interventi e verificarne gli esiti. L Azienda Ospedaliera, attraverso i Presidi di cui è composta, gioca un ruolo importante nella creazione di valore pubblico. In questo senso l Azienda ha da tempo intrapreso una serie di iniziative allo scopo di rinsaldare l alleanza con la città. L ospedale rappresenta, infatti, contemporaneamente un crogiuolo di esperienza umana/antropologica (la malattia, il corpo, il limite, la morte, la nascita, la relazione con gli altri), un luogo di scienza e ricerca, un motore economico potente che, attraverso una occupazione professionale significativa, l effettuazione di consumi, acquisti di prodotti e tecnologia, manutenzioni, contribuisce allo sviluppo e alla ricchezza di un territorio. In questo senso l Azienda ha messo in atto: riunioni periodiche con i Sindaci delle città che ospitano gli Ospedali incontri con i Sindaci del territorio il tavolo delle relazioni con il Comitato Consultivo Misto : incontri periodici con le organizzazioni di volontariato e del privato sociale che vogliono interloquire con l Ospedale iniziative per la conoscenza della vita dell Ospedale così da rendere trasparente la nostra gestione in accordo con l ASL, incontri con i medici di famiglia e i pediatri di libera scelta. 13

14 5. MODELLO DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Il modello di misurazione e valutazione delle Performance dell Azienda Ospedaliera della Provincia di Lecco è una mappa logica che dimostra come gli obiettivi ai vari livelli e di diversa natura, contribuiscano, all interno di una strategia coerente, al mandato istituzionale e al soddisfacimento della missione aziendale attraverso la visione strategica condivisa. Mappa logica del modello di misurazione e valutazione delle Performance PRS POA L articolazione su tre livelli (istituzionale, strategico ed operativo-gestionale) consente di esprimere la capacità di programmare e gestire le attività, sulla base di un costante monitoraggio di alcune variabili chiave espresse da indicatori, che misurano il grado di raggiungimento degli obiettivi, nonché la capacità della loro trasformazione in risultati espressamente agiti. 14

15 La misurazione della performance avviene, contestualmente, anche secondo differenti livelli di aggregazione secondo una logica di zoom in : - a livello complessivo aziendale rispetto all efficace raggiungimento degli obiettivi strategici aziendali (performance aziendale), prioritariamente derivati dagli obiettivi strategici regionali sui quali viene valutata la Direzione Generale; - a livello di singolo Dipartimento e singola Unità Operativa (di seguito U.O.), individuati come autonomi centro di responsabilità (performance organizzativa); - a livello di singolo dipendente afferente all area contrattuale sia della dirigenza che del comparto (performance individuale). a) I livelli Strategico e Istituzionale La Strategia è l orientamento di medio/lungo termine con la quale l organizzazione tende a costruire vantaggi competitivi, attraverso la combinazione di risorse in un ambiente che cambia continuamente, al fine ultimo di rispondere alle esigenze del mercato e degli stakeholder (Johnson e Scholes, 1999). Le strategie che l Azienda Ospedaliera della Provincia di Lecco intende attuare nell arco temporale tendono a soddisfare il Programma Regionale di Sviluppo (di seguito denominato PRS), il Piano Socio Sanitario Regionale (di seguito denominato PSSR) nonché le Regole di Sistema dell esercizio in corso (di seguito denominate Regole). Il sistema si concentra sui portatori di interesse (le persone i professionisti e le Aziende Sanitarie pubbliche e private) e sugli obiettivi di mandato del Direttore Generale, come di seguito indicato: 15

16 PRS POA Partendo da questa mappa, la Direzione Strategica dell Azienda Ospedaliera della Provincia di Lecco, delinea per il periodo , una strategia volta a soddisfare le esigenze di tutte le parti interessate (stakeholders individuati: cliente interni/esterni, ASL e Regione Lombardia). Tale strategia nasce da un attenta analisi del contesto di riferimento. Il Direttore Generale, in collaborazione con il Direttore Sanitario e Amministrativo Aziendale, definisce le tipologie di servizi che l Azienda intende erogare modulando l offerta sui bisogni del territorio e sulle indicazioni del PSSR del periodo di riferimento. In sintesi, gli strumenti che la strategia aziendale intende mettere in atto nei Presidi e nei Poliambulatori al fine di soddisfare le esigenze delle parti sono: - definizione di obiettivi chiari, precisi, misurabili; - impostazione di un sistema di governo aziendale fondato sulla logica di programmazione di bilancio e controllo; - azioni di contenimento dei costi in un ottica di pareggio di bilancio d esercizio con il mantenimento della qualità del servizio erogato; - azioni di contenimento delle liste di attesa garantendo risposte sempre più efficaci e tempestive al cliente esterno; - facilitazione di accesso ai servizi per migliorare i percorsi sanitari (e non), supportati attivamente dai percorsi amministrativi dell Azienda al fine di essere sempre più pronti a 16

17 rispondere alle esigenze di comfort richieste dal cliente interno/esterno nonché dai visitatori creando un ambiente sicuro, partecipato ed attrattivo; - risposte diagnostiche e terapeutiche sia di ricovero che ambulatoriali, anche di elevata complessità, secondo criteri di efficacia ed appropriatezza; - continuo adattamento dell organizzazione a percorsi assistenziali di eccellenza, sempre più a misura del paziente; - valorizzazione delle risorse umane al fine di potenziare sempre di più le capacità e le attitudini del personale che fa parte dell Azienda nonché lo sviluppo delle eccellenze; - sviluppo dei rapporti con l Università, in particolare Milano Bicocca, al fine di favorire sempre di più lo sviluppo della professionalità orientata ad una visione olistica della persona nell ambiente ospedaliero attraverso una costante ed organica integrazione tra insegnamento, formazione continua ed assistenza nonché ricerca scientifica di base, clinica ed assistenziale - attuazione delle misure contenute nel Piano Triennale di Prevenzione della Corruzione attraverso l individuazione di veri e propri obiettivi, definiti anche in funzione della misurazione della performance individuale - attuazione degli obiettivi di miglioramento, individuati nel Programma Integrato di Miglioramento dell Organizzazione (P.I.M.O.)., anche in accordo con il percorso di coordinamento regionale descritto attraverso un data set per le aree del miglioramento clinico ed organizzativo. 17

18 b) Il Livello Operativo-Gestionale Gli obiettivi sono declinati annualmente in schede individuali, per ogni Dirigente, posizione organizzativa, personale del comparto, in schede individuali, intese come strumenti di pianificazione e progettazione delle attività da svolgersi nell anno in corso nonché dall attuazione degli indirizzi e della strategia aziendale. Particolare attenzione viene richiesta per l adempimento degli obiettivi di mandato e di sviluppo declinati a livello regionale al Direttore Generale dell Azienda Ospedaliera, dalle Regole di Sistema e dal contratto con l ASL, attraverso l utilizzo delle seguenti informazioni: - ANDAMENTO ATTIVITA : volumi, indicatori, ricavi riferiti tanto all attività esterna che all attività a favore di altri centri, suddivisi per tipologie omogenee di servizi e mobilità passiva; - RISORSE UMANE: quantificazione del personale e costi suddivisi per figura professionale; - INVESTIMENTI: quantificazione, valorizzazione e quote di ammortamento di attrezzature e apparecchiature sanitarie e non sanitarie; - COSTI DIRETTI: costi delle risorse umane, consumi di materiale sanitario e non sanitario, acquisto di servizi; - COSTI INDIRETTI: prestazioni sanitarie acquistate da altri centri, a servizi sanitari di supporto ed a servizi alberghieri; 18

19 - INFORMAZIONI PROVENIENTI DAL SISTEMA QUALITA (piani di miglioramento, report delle criticità evidenziate da JCI in sede di verifica periodica, etc). Sulla base di queste informazioni, vengono definiti inizialmente i macro obiettivi aziendali per l anno di riferimento e le principali informazioni relative alle modalità operative del processo che risulta essere integrato con il sistema di valutazione della performance individuale/di struttura e dell organizzazione nel suo complesso. Lo stesso dettaglio di informazioni vengono fornite periodicamente per consentire un monitoraggio costante dell andamento degli obiettivi stessi e per valutarne lo stato di avanzamento nel corso dell anno. A tal fine, lo strumento utilizzato risulta essere la scheda di budget caratterizzata e suddivisa in aree nelle quali confluiscono gli obiettivi di responsabilità direzionale, professionale e gestionale che vede fortemente coinvolti i Direttori/Responsabili delle diverse strutture nel perseguimento degli obiettivi di mandato del Direttore Generale. Le performance organizzativa ed individuale sono perfettamente integrate. L orientamento degli obiettivi descritti nella scheda di budget della Struttura vengono comunicati, negoziati e declinati a livello di singola realtà organizzativa e, contestualmente, ad ogni Dirigente in funzione della posizione ricoperta e delle aree di responsabilità. Lo strumento per la declinazione degli obiettivi a livello di singolo dirigente è la scheda individuale, nella quale vengono descritti gli obiettivi di outcome e/o output correlati a specifici indicatori qualitativi e quantitativi. La valutazione annuale dei risultati raggiunti comporta la determinazione del riconoscimento della quota di retribuzione di risultato del dirigente, calcolata in funzione della quota riconosciuta alla Struttura di assegnazione, a seguito del processo di budget, nonché al coefficiente di posizione ricoperta e al contributo del singolo per il raggiungimento degli obiettivi assegnati. Annualmente, viene predisposta la relazione sulla performance in cui viene descritto l andamento dei progetti strategici e le altre informazioni utili a fornire, al suo interno e agli altri stakeholders, un quadro di sintesi sull operato della Direzione Aziendale. La relazione sulla performance si propone, infatti, di verificare lo stato di realizzazione del presente piano, attraverso la rendicontazione dell andamento degli obiettivi e la determinazione puntuale dei risultati conseguiti espressi attraverso l utilizzo del panel di indicatori selezionato. 19

20 6. DIMENSIONI DI ANALISI DELLA PERFORMANCE Le dimensioni di analisi delle performance sono riconducibili ai livelli decisionali: istituzionale e strategico, e operativo-gestionale. L Azienda Ospedaliera della provincia di Lecco a tal fine, ha messo a punto un modello multidimensionale di valutazione e misurazione che consente di avere un idea della performance dell Ospedale nel suo complesso, attraverso gli indicatori di seguito riportati. Gli elementi della performance individuati ai livelli istituzionale e strategico, sono: - Economicità (equilibrio finanziario, economico e patrimoniale, livello di indebitamento): riguarda gli obblighi inerenti il bilancio ed il ricorso alle anticipazioni; - Efficacia esterna (impatto sui bisogni): rappresenta la capacità dell Azienda di soddisfare i bisogni di salute espressi dalla collettività che adesso si rivolge. L Azienda identifica gli impatti che produce nell ambiente esterno ed in particolare in termini di risposta ai bisogni. Ex ante sono identificati gli impatti che l attività si propone di produrre sull ambiente di riferimento e sui bisogni della collettività. Ex post vengono forniti elementi utili a valutare se gli impatti previsti si sono realmente prodotti (verifica entità della mobilità attiva e passiva). - Efficacia interna e organizzativa: misura la capacità di un azienda o di un unità operativa a raggiungere gli obiettivi definiti, attraverso un azione capace di rispondere alle istanze e ai vincoli imposti esternamente nei tempi e nei modi più adeguati. Tutto ciò con particolare riguardo al rapporto fra i fattori produttivi impiegati e la quantità di output prodotta da un lato (efficacia interna), ed allo sviluppo delle competenze, al benessere organizzativo, alla garanzia di trasparenza, alla lotta alla corruzione, e alle pari opportunità dall altro (efficacia organizzativa). 20

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

3. POLITICA, OBIETTIVI E ATTIVITA

3. POLITICA, OBIETTIVI E ATTIVITA Regione Siciliana Azienda Ospedaliera 17 3. POLITICA, OBIETTIVI E ATTIVITA 3.3 18 Le attività da svolgere per soddisfare i requisiti relativi alla politica, obiettivi ed attività consistono nella definizione:

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP)

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP) REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L APPLICAZIONE DEGLI ARTT.75 CONFERIMENTO E REVOCA DI INCARICHI AL PERSONALE DELLA CATEGORIA EP E 76 RETRIBUZIONE DI POSIZIONE E RETRIBUZIONE DI RISULTATO DEL CCNL 16.10.2008

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 martedì, 17 gennaio, 2012 http://www.lombardiasociale.it/2012/01/17/disegnato-il-percorso-di-riforma-delladi-per-il-2012/ L'analisi del Contesto E

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE (ex art. 7 del Decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150) Definito dal Nucleo di Valutazione nella seduta del 06

Dettagli

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1 IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO dott.ssa Annaluisa Palma 1 Indice Il budget: documenti amministrativi in cui si estrinseca; Forma e contenuti del budget degli investimenti; Gli scopi

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE AUSL DI FROSINONE

ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE AUSL DI FROSINONE ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE AUSL DI FROSINONE Esito monitoraggioal 30/09/2013 (ai sensi dell'art. 14, comma 4, lettera a ), del decreto legislativo 27 ottobre 2009, n.150) 1 30.09.2013 PREMESSA

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO 1. Attività di valutazione delle Commissioni di Esperti della Valutazione

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Agenzia Sanitaria Regione Emilia-Romagna Sussidi per l autovalutazione e l accreditamento 4 (revisione settembre 2001) LO STANDARD DI PRODOTTO

Agenzia Sanitaria Regione Emilia-Romagna Sussidi per l autovalutazione e l accreditamento 4 (revisione settembre 2001) LO STANDARD DI PRODOTTO LO DI PRODOTTO Le ragioni e lo scopo Il percorso dell accreditamento intende fornire garanzia della qualità dei prodotti che le aziende sanitarie, attraverso elementi di tipo strutturale ed organizzativo,

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

Il lavoro per progetti

Il lavoro per progetti Il lavoro per progetti (personalizzati, di attività,, di servizio, ) nei servizi alla persona Gianmaria Gioga Padova, 7 giugno 2013 QUALI SERVIZI ALLA PERSONA? I servizi alla persona devono connotarsi

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

STRESS DA LAVORO CORRELATO

STRESS DA LAVORO CORRELATO STRESS DA LAVORO CORRELATO Il presente documento costituisce uno strumento utile per l adempimento dell obbligo di valutazione dei rischi da stress da lavoro correlato sancito dal Testo Unico in materia

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N.

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. 81/2008 Il Consiglio di Amministrazione della Società ha approvato le

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

La Responsabilità Sociale d Impresa

La Responsabilità Sociale d Impresa La Responsabilità Sociale d Impresa Claudio Toso Direttore Soci e Comunicazione claudio.toso@nordest.coop.it Piacenza 21 giugno 2005 1 Coop Consumatori Nordest Consuntivo 2004 460.000 Soci 78 supermercati

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Buone prassi di conservazione del patrimonio BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando con scadenza 9 aprile 2015 Buone prassi di conservazione del

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015 Istituto Comprensivo Statale Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado Piazzale della Civiltà Tel. 0828/941197 fax. 0828/941197 84069 ROCCADASPIDE (Salerno) C.M. SAIC8AH00L Email-dirdirocca@tiscali.it

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

Capitolo II. GLI ISTITUTI, LE AZIENDE, LA SPECIALIZZAZIONE ECONOMICA

Capitolo II. GLI ISTITUTI, LE AZIENDE, LA SPECIALIZZAZIONE ECONOMICA Capitolo II. GLI ISTITUTI, LE AZIENDE, LA SPECIALIZZAZIONE ECONOMICA 1 LE SOCIETÀ UMANE E IL BENE COMUNE Ciascuna persona partecipa a più società umane di varia natura: famiglie, Stato, istituti pubblici

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE CENTRO ASSISTENZA PRIMARIA PRESSO IL DISTRETTO DI CIVIDALE Dicembre 2014 1 Indice Premessa 1) La progettualità

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE INDICE 1. DESCRIZIONE DEL SISTEMA... 1 1.1 Caratteristiche distintive dell organizzazione della Provincia di Caserta... 1 1.2 La metodologia adottata

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

COMUNE DI MONTECCHIO EMILIA

COMUNE DI MONTECCHIO EMILIA COMUNE DI MONTECCHIO EMILIA Allegato sub. 1) SISTEMA DI DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE, DEL PERSONALE E DEL SEGRETARIO COMUNALE* informato ai principi di cui all art 9 cc.

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 La Sol Levante nasce nel 1998 per dare una risposta alle esigenze delle persone, di ogni fascia d età, affette da disagio psichico e con problematiche in

Dettagli

Migl g i l or o am a e m n e t n o co c n o t n inu n o

Migl g i l or o am a e m n e t n o co c n o t n inu n o Gli Indicatori di Processo Come orientare un azienda al miglioramento continuo Formazione 18 Novembre 2008 UN CIRCOLO VIRTUOSO Miglioramento continuo del sistema di gestione per la qualità Clienti Gestione

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

La valutazione delle prestazioni

La valutazione delle prestazioni PROVINCIA DI LECCE La valutazione delle prestazioni SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE ORGANIZZATIVA E INDIVIDUALE 1 SOMMARIO 1. PREMESSA...3 2. STRUTTURA ORGANIZZATIVA DELL ENTE...3

Dettagli

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Lavorare in gruppo Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Premessa La conoscenza del gruppo e delle sue dinamiche, così come la competenza nella gestione dei gruppi, deve prevedere

Dettagli

Dr. Antonino Pusateri. D.ssa Maria Rosaria Marasà

Dr. Antonino Pusateri. D.ssa Maria Rosaria Marasà Il lavoro per obiettivi ed il sistema della performance Dr. Antonino Pusateri D.ssa Maria Rosaria Marasà Nessuno può insegnare qualcosa ad un altro uomo! Può solo aiutarlo a tirare fuori qualcosa che ha

Dettagli

EMANUELA NANNINI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA

EMANUELA NANNINI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE La sottoscritta Nannini Emanuela nata ad Arezzo il 20.08.1965, consapevole della decadenza dai benefici di cui all art. 75 del DPR 445/2000 e dalle norme penali

Dettagli

A relazione dell'assessore Monferino:

A relazione dell'assessore Monferino: REGIONE PIEMONTE BU32 09/08/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 30 luglio 2012, n. 45-4248 Il nuovo modello integrato di assistenza residenziale e semiresidenziale socio-sanitaria a favore delle

Dettagli

Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente

Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente Piano di progetto Premessa: La proposta toscana per il progetto sulla non autosufficienza Cap. 1: I percorsi, gli attori e le azioni

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA S. CROCE E CARLE di CUNEO

AZIENDA OSPEDALIERA S. CROCE E CARLE di CUNEO AZIENDA OSPEDALIERA S. CROCE E CARLE di CUNEO Via Michele Coppino, 26-12100 CUNEO Tel. +39 0171.641111 fax +39 0171.699545 Email: aso.cuneo@cert.legalmail.it Sito web: http://www.ospedale.cuneo.it P.I./Cod.

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari UFFICIO DEL SEGRETARIO GENERALE Responsabile Settore Affari del Personale-Anticorruzione-Trasparenza CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO Il

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della e della Ricerca Dipartimento per la programmazione e la gestione delle risorse umane, finanziarie e strumentali progetto sperimentale per individuare criteri, strumenti e metodologie per la valutazione esterna delle scuole

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC La formazione sul campo (di seguito, FSC) si caratterizza per l utilizzo, nel processo di apprendimento, delle

Dettagli

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Articolo 1 Oggetto... 3 Articolo 2 Sistema

Dettagli

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGIONE SICILIANA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGOLAMENTO PER L AUTORIZZAZIONE E LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI ESTERNI OCCASIONALi, NON COMPRESI NEI COMPITI E DOVERI D UFFICIO, CONFERITI AL

Dettagli

Azienda Sanitaria Provinciale Trapani

Azienda Sanitaria Provinciale Trapani \ Regione Siciliana Azienda Sanitaria Provinciale Trapani Documento di Organizzazione Direzione Amministrativa Direzione Generale Direzione Sanitaria Staff Direzionale TP 1 Distretto Ospedaliero TP 2 Distretto

Dettagli

Configuration Management

Configuration Management Configuration Management Obiettivi Obiettivo del Configuration Management è di fornire un modello logico dell infrastruttura informatica identificando, controllando, mantenendo e verificando le versioni

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

Scheda di valutazione individuale area dirigenza. Competenze e comportamenti Leggenda: 0,5=molto indoddisfacente 1=insoddisfacente

Scheda di valutazione individuale area dirigenza. Competenze e comportamenti Leggenda: 0,5=molto indoddisfacente 1=insoddisfacente Scheda di valutazione individuale area dirigenza Sessione di valutazione Nome e Cognome Valutatore Competenze e comportamenti Leggenda:,=molto indoddisfacente =insoddisfacente anno Incarico: PESATURA:

Dettagli

GUIDA OPERATIVA. Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti

GUIDA OPERATIVA. Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti GUIDA OPERATIVA Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti Dicembre 2014 INDICE INTRODUZIONE... 2 PERMESSI PER CONCORSI, ESAMI, AGGIORNAMENTO... 3

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

OGGETTO STRUTTURE SEMPLICI DIPARTIMENTALI E STRUTTURE SEMPLICI

OGGETTO STRUTTURE SEMPLICI DIPARTIMENTALI E STRUTTURE SEMPLICI 1 OGGETTO STRUTTURE SEMPLICI DIPARTIMENTALI E STRUTTURE SEMPLICI QUESITO (posto in data 31 luglio 2013) pongo un quesito relativo alla organizzazione gerarchica delle strutture operative semplici e semplici

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

Ministero dell Interno

Ministero dell Interno Ministero dell Interno Osservatorio per la finanza e la contabilità degli enti locali FINALITA E POSTULATI DEI PRINCIPI CONTABILI DEGLI ENTI LOCALI Testo approvato dall Osservatorio il 12 marzo 2008 1

Dettagli

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte.

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. 1. Premessa. La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. La comunità dei docenti e ricercatori dell area di Economia Aziendale, rappresentata dalle società scientifiche

Dettagli

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...4 3. DOVE LAVORA...5 4. CONDIZIONI DI LAVORO...6 5. COMPETENZE...7 CHE COSA DEVE ESSERE IN GRADO DI FARE...7 CONOSCENZE...10

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli