REGOLAMENTO SUI SISTEMI DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO SUI SISTEMI DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE"

Transcript

1 ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE N 656 DEL 24 DICEMBRE 2014 REGOLAMENTO SUI SISTEMI DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE 1. PREMESSA Secondo l art. 7 del D. Lgs. 150 del 27 ottobre 2009, Attuazione della legge 4 marzo 2009, n. 15, in materia di ottimizzazione della produttività del lavoro pubblico e di efficienza e trasparenza delle pubbliche amministrazioni, le amministrazioni pubbliche adottano con un apposito provvedimento il loro Sistema di misurazione e valutazione della performance, in cui viene descritta la struttura del sistema stesso, ossia le fasi, i tempi, le modalità, i soggetti e le responsabilità del processo di misurazione e valutazione della performance. Il decreto introduce una disciplina organica per la pubblica amministrazione relativa all utilizzo di strumenti di valorizzazione del merito, di incentivazione della produttività, della qualità e della prestazione lavorativa, principi di selettività e di concorsualità nelle progressioni di carriera, il riconoscimento di meriti e demeriti, l incremento dell efficienza del lavoro pubblico ed il contrasto alla scarsa produttività e all assenteismo, la trasparenza dell operato delle amministrazioni pubbliche anche a garanzia della legalità. L Azienda Ospedaliera Universitaria (AOU) Federico II elabora il proprio ciclo di gestione delle performance facendo proprie le indicazioni della delibera CIVIT n. 89 del 2010 Indirizzi in materia di parametri e modelli di riferimento del Sistema di misurazione e valutazione della performance, il quale sottolinea che i sistemi di misurazione della performance sono strumenti essenziali per il miglioramento dei servizi pubblici e, se appropriatamente sviluppati e implementati, possono svolgere un ruolo fondamentale nella definizione e nel raggiungimento degli obiettivi strategici, nell allineamento alle migliori pratiche in tema di comportamenti, attitudini e performance organizzative, con l obiettivo di promuovere e valorizzare il ruolo delle persone che operano nell ambito dell Azienda nella realizzazione di servizi sempre più efficaci, efficienti e di qualità a favore di altre persone, i cittadini. La stessa delibera chiarisce che nel contesto del D. Lgs. 150/2009, la performance è il contributo (risultato e modalità di raggiungimento del risultato) che un soggetto (organizzazione, unità organizzativa, gruppo di individui, singolo individuo) apporta attraverso la propria azione al 1

2 raggiungimento delle finalità e degli obiettivi e, in ultima istanza, alla soddisfazione dei bisogni per i quali l organizzazione è stata costituita. Il Sistema di misurazione e valutazione della performance, in conformità alle disposizioni del D. Lgs. 150 del 27 ottobre 2009, individua: a) le fasi, i tempi, le modalità, i soggetti e le responsabilità del processo di misurazione e valutazione della performance; b) le procedure di conciliazione relative all applicazione del sistema di misurazione e valutazione della performance; c) le modalità di raccordo e di integrazione con i sistemi di controllo esistenti; d) le modalità di raccordo e integrazione con i documenti di programmazione finanziaria e di bilancio. Il Sistema di misurazione e valutazione della performance si compone di tre elementi fondamentali: 1. indicatori; 2. target; 3. infrastruttura di supporto e processi. Preliminarmente qui di seguito si richiamano i principali riferimenti normativi che costituiscono fonte principale del presente regolamento: - Decreto Legislativo n. 502 del 30 dicembre 1992 Riordino della disciplina in materia sanitaria, a norma dell art.1 della legge 23 ottobre 1992, n. 421 e ss.mm.ii.; - Decreto Legislativo n. 29 del 3 febbraio 1993 Razionalizzazione della organizzazione delle Amministrazioni pubbliche e revisione della disciplina in materia di pubblico impiego, a norma dell'articolo 2 della legge 23 ottobre 1992, n. 421 e ss.mm.ii.; - Decreto Legislativo n. 286 del 30 luglio 1999 Riordino e potenziamento dei meccanismi e strumenti di monitoraggio e valutazione dei costi, dei rendimenti e dei risultati dell attività svolta dalle amministrazioni pubbliche, a norma dell articolo 11 della legge 15 marzo 1997, n. 59 ; - Decreto Legislativo 517 del 21 dicembre 1999 Disciplina dei rapporti fra Servizio sanitario nazionale ed università, a norma dell'articolo 6 della legge 30 novembre 1998, n. 419 ; - Decreto Legislativo n. 165 del 30 marzo 2001 Norme generali sull ordinamento del lavoro alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche - Testo Vigente come modificato dal decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150; 2

3 - Decreto Legislativo 150 del 27 ottobre 2009 Attuazione della L. 4 marzo 2009 n. 15 in materia di ottimizzazione della produttività del lavoro pubblico e di efficienza e trasparenza delle pubbliche amministrazioni nonché disposizioni integrative delle funzioni attribuite al Consiglio nazionale dell economia e del lavoro e alla Corte dei conti ; - Decreto del Presidente della Giunta della Regione Campania n.88 del 29 Marzo 2013 Organo di indirizzo dell AOU Federico II di cui all art. 4, comma 4, del D. Lgs. 517/1999 Nomina componenti ; - Contratti Collettivi Nazionali di Lavoro del comparto del Servizio Sanitario Nazionale; - Contratti Collettivi Nazionali di Lavoro dell'area della dirigenza medico veterinaria; - Contratti Collettivi Nazionali di Lavoro dell'area della dirigenza sanitaria, professionale, tecnica e - amministrativa; - Delibera CiVIT n. 104 del 8 settembre 2010 Definizione dei Sistemi di misurazione e valutazione della performance ; - Delibera CiVIT n. 111 del 22 ottobre 2010 in tema di valutazione individuale in relazione agli arttt. 19 e 65 del decreto legislativo n. 150 del 2009 e del decreto legge n. 70 del 2010, convertito, con modificazioni, dalla legge n. 122 del 2010; - Delibera CiVIT n. 112 del 28 ottobre 2010 Struttura e modalità di redazione del Piano della performance (articolo 10, comma 1, lettera a), del decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150) ; Delibera CiVIT n. 113 del 2 novembre 2010 In tema di applicazione del D. Lgs. n. 150/2009 e della delibera n. 88/2010 agli enti del Servizio Sanitario Nazionale ; - Delibera CiVIT n. 114 del 10 novembre 2010 Indicazioni applicative ai fini della adozione del Sistema di misurazione e valutazione della performance (articolo 30, comma 3, del D. Lgs. n. 150/2009 ) ; - Delibera CiVIT n. 123 del 21 dicembre 2010 in tema di valutazione della dirigenza; - Delibera CiVIT n. 124 del 22 dicembre 2010 Sistema misurazione e valutazione della performance: procedure di conciliazione (articolo 7, comma 3, decreto legislativo n. 150/2009) ; - Delibera CiVIT n. 89 del 2010 Indirizzi in materia di parametri e modelli di riferimento del Sistema di misurazione e valutazione della performance (articoli 13, comma 6, lett. d) e 30, del decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150) ; - Delibera CiVIT n. 1 del 23 ottobre 2012 Linee guida relative al miglioramento dei Sistemi di misurazione e valutazione della performance e dei Piani della performance ; 3

4 - Deliberazione del Direttore Generale dell AOU Federico II n. 272 del 2 Luglio 2012 Costituzione dell Organismo Indipendente della Performance e s.m.i.; - Deliberazione del Direttore Generale dell AOU Federico II n. 290 del 16 Giugno 2014 Adozione Del Regolamento 'Procedure di Controllo Interno' dell AOU Federico II. Allegato 8 - Ciclo personale; - Deliberazione del Direttore Generale dell AOU Federico II n. 147 del 26 Marzo 2014 Adozione Piano Triennale della Performance ; - Deliberazione del Direttore Generale dell AOU Federico II n. 233 del 13 Maggio 2014 Rideterminazione per l'anno 2014 dei Fondi per il personale universitario e per il personale aziendale per la produttività collettiva, art. 47 CCNL 1994/ costituito e disciplinato con determinazioni n. 205 del 31/7/2000 e n. 235 del 9/7/2004, rideterminati in esecuzione delle delibere di Giunta Regionale Campania n. 514 del 30/03/2007 e n. 887 del 22/05/ e Decreti del Commissario ad acta per l attuazione del piano di rientro sanitario della Regione Campania n. 62 e n. 63 del 22/10/2010 (linee di indirizzo per rideterminazione dei Fondi) e nota del Dirigente Settore Ruolo Personale S.S.R prot. n del 6/11/2010 (chiarimenti applicazione decreto commissariale n. 63 del 22/10/2010) e nota della Giunta Regionale della Campania prot. n del 6/3/2012, nonché in osservanza delle disposizioni impartite con Decreto del sub Commissario ad Acta n. 23 del 15/3/2013, nonché, in relazione ai dati economici riportati nelle schede della mobilità intraregionale, relativa all anno 2013., per il Comparto. - Deliberazione del Direttore Generale dell AOU Federico II n. 232 del 13 Maggio 2014 Rideterminazione per l anno 2014 dei Fondi distinti per il personale universitario e per il personale aziendale per la retribuzione di risultato, relativi all area della Dirigenza medicoveterinaria, sanitaria, professionale, tecnica ed amministrativa del Servizio Sanitario Nazionale. Rideterminati in esecuzione delle delibere di Giunta Regionale Campania n. 514 del 30/3/2007 e n. 887 del 22/5/2007 e Decreti del Commissario ad acta per l attuazione del piano di rientro sanitario della Regione Campania n. 62 e n. 63 del 22/10/2010 (linee di indirizzo per rideterminazione dei Fondi) e nota del Dirigente Settore Ruolo Personale S.S.R prot. n del 6/11/2010 (chiarimenti applicazione decreto commissariale n. 63 del 22/10/2010) e nota della Giunta Regionale della Campania prot. n del 6/3/2012, nonché in osservanza delle disposizioni impartite con Decreto del sub Commissario ad Acta n. 23 del 15/3/2013, nonché, in relazione ai dati economici riportati nelle schede della mobilità intraregionale, relativa all anno

5 - Disposizione del Direttore Generale dell AOU Federico II n. 286 del 29 Luglio 2014 Strumenti di programmazione strategica. Deliberazione n. 138 del 31 marzo PRINCIPI E CRITERI CUI SI ISPIRA IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE La misurazione e la valutazione della performance sono volte al miglioramento della qualità dei servizi offerti dalle amministrazioni pubbliche, nonché alla crescita delle competenze professionali, attraverso la valorizzazione del merito e l erogazione dei premi per i risultati conseguiti dai singoli e dalle unità organizzative, in un quadro di pari opportunità di diritti e doveri, trasparenza dei risultati delle amministrazioni pubbliche e delle risorse impiegate per il loro perseguimento. Le finalità del Sistema di misurazione e valutazione della perfomance come elencate nella delibera CIVIT n. 89/2010, sono: migliorare, una volta a regime, il sistema di individuazione e comunicazione dei propri obiettivi; verificare che gli obiettivi siano stati conseguiti; informare e guidare i processi decisionali; gestire più efficacemente sia le risorse che i processi organizzativi; influenzare e valutare i comportamenti di gruppi e individui; rafforzare l accountability e le responsabilità a diversi livelli gerarchici; incoraggiare il miglioramento continuo e l apprendimento organizzativo. L AOU Federico II misura e valuta la performance con riferimento all amministrazione nel suo complesso, alle unità organizzative o Centri di responsabilità in cui si articola e ai singoli dipendenti, secondo modalità conformi alle direttive impartite dalla Commissione per la valutazione, la trasparenza e l integrità delle amministrazioni pubbliche di cui all art. 13 D. Lgs. 150 del 27 ottobre 2009 e con le finalità e gli scopi definiti dalle norme e dai contratti di lavoro. I principi e i criteri cui si ispira la misurazione e la valutazione della performance sono: - massima trasparenza delle informazioni concernenti i criteri di misurazione e valutazione della performance nelle modalità e strumenti di comunicazione; - informazione adeguata e partecipazione del Valutato al procedimento; - diretta conoscenza dell attività del Valutato da parte del soggetto che, in prima istanza, effettua la valutazione; 5

6 - garanzia di una valutazione di seconda istanza su richiesta del Valutato; - elevato grado di oggettività della misurazione delle performance, soprattutto, sulle componenti strettamente legate al trattamento accessorio individuale; - soddisfacimento dell interesse del destinatario dei servizi e degli interventi nell adozione di metodi e strumenti idonei a misurare, valutare e premiare la performance individuale e quella organizzativa; - assenza di nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica. 3. SOGGETTI DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE E MISURAZIONE Sulla base delle previsioni dell art. 7 del D. Lgs. 150 del 27 ottobre 2009, all interno dell AOU Federico II, sono soggetti del sistema di misurazione e valutazione delle performance i seguenti: a) dagli Organismi indipendenti di valutazione della performance di cui all articolo 14 dello stesso decreto, cui compete la misurazione e valutazione della performance di ciascuna struttura amministrativa nel suo complesso, nonchè la proposta di valutazione annuale dei dirigenti di vertice; b) dalla Commissione per la valutazione, la trasparenza e l integrità delle amministrazioni pubbliche di cui all art. 13 medesimo decreto; c) dai dirigenti di ciascuna amministrazione, secondo quanto previsto agli articoli 16 e 17, comma 1, lettera e-bis), del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, come modificati dagli articoli 38 e 39 del D. Lgs. 150 del 27 ottobre 2009; d) Direzione Aziendale (Direttore Generale, Direttore Sanitario e Direttore Amministrativo). 4. GLI ATTORI DEL PROCESSO DI VALUTAZIONE ANNUALE I soggetti coinvolti nel processo valutativo annuale sono: A. il dipendente da valutare; B. il Referente Valutatore, responsabile della struttura alla quale il dipendente da valutare appartiene; C. l Organismo Indipendente di Valutazione (OIV) 6

7 A. il dipendente da valutare Secondo quanto previsto dall art. 9 del D.lgs. 150/09, la valutazione della performance individuale del personale è collegata ai seguenti aspetti: a. al raggiungimento di specifici obiettivi di gruppo o individuali (performance individuale); b. alla qualità del contributo assicurato alla performance generale della struttura (performance organizzativa). Il peso degli obiettivi relativi alla performance individuale ed alla performance organizzativa sulla valutazione totale è definito in relazione al grado di autonomia, alle responsabilità, alla posizione organizzativa ed alla categoria professionale di appartenenza. B. Referente Valutatore Il responsabile della valutazione è chi ha in carico il personale per la parte prevalente dell esercizio. Esso dovrà essere la figura gerarchica di riferimento, che ha l opportunità di osservare regolarmente la prestazione di lavoro. Nel caso ritenga di non potersi basare sulla propria osservazione, potrà consultare altri soggetti per documentarsi sull operato del Valutato, di cui dovrà tenere documentazione scritta. Qualora, durante l anno, la persona da valutare svolga la propria attività in diverse unità organizzative, la valutazione compete al Responsabile della struttura dove l operatore ha prevalentemente prestato la sua attività, acquisite le valutazioni degli altri responsabili. Sempre nel caso in cui la persona da valutare svolga la propria attività in diverse unità organizzative, il colloquio iniziale di valutazione deve essere tenuto dal Responsabile della struttura in cui l operatore prevalentemente si trova ad operare al momento della negoziazione del budget. Gli organismi preposti alla valutazione del Personale Dirigente e del Personale di Comparto sono denominati Referenti Valutatori e vengono così individuati: - Il Direttore Sanitario ed il Direttore Amministrativo, congiuntamente, riferiscono sui Direttori dei DAI; - Il Direttore Sanitario riferisce sui Responsabili delle UOC della Direzione Sanitaria; - Il Responsabile UOC della Direzione Sanitaria riferisce sui Responsabili di UOS, Personale di Comparto, Dirigenti senza incarico della UOC della Direzione Sanitaria; 7

8 - Il Direttore Amministrativo riferisce sullo Staff di Direzione Generale e sui Responsabili delle UOC della Direzione Amministrativa; - Il Responsabile UOC della Direzione Amministrativa riferisce sui Responsabili di UOS, Personale di Comparto, Dirigenti senza incarico della UOC della Direzione Amministrativa; - Il Direttore DAI riferisce sui Responsabili di UOC afferenti ai DAI, sui Responsabili di UOSD, sui Responsabili dei Programmi Infradipartimentali o Interdipartimentali, sul Personale di Comparto e sui Dirigenti senza incarico del DAI; - Il Responsabile UOC afferente al DAI riferisce sui Responsabili dell UOS afferenti; - Per i Responsabili dei Centri Interdipartimentali che afferiscono in termini di elezione ad un DAI il Referente Valutatore è individuato nel Direttore del DAI presso cui hanno esercitato il proprio diritto di voto. CHI VALUTA? Direttore Sanitario e Direttore Amministrativo Direttore Sanitario Responsabile UOC della Direzione Sanitaria CHI E VALUTATO? Direttori dei DAI Direttori delle UOC della Direzione Sanitaria Responsabili di UOS, Personale di Comparto, Dirigenti senza incarico della UOC della Direzione Sanitaria STRUMENTO DI VERIFICA Scheda di valutazione individuale Scheda di valutazione individuale Scheda di valutazione individuale Direttore Amministrativo Staff di Direzione Generale e Direttori delle UOC della Direzione Ammnistrativa Scheda di valutazione individuale Responsabile UOC della Direzione Amministrativa Responsabili di UOS, Personale di Comparto, Dirigenti senza incarico della UOC della Direzione Amministrativa Scheda di valutazione individuale 8

9 Direttore DAI Responsabili di UOC afferenti ai DAI, Responsabili di UOSD, Responsabili dei Programmi Infradipartimentali o Interdipartimentali, Personale di Comparto e Dirigenti senza incarico del DAI Scheda di valutazione individuale Responsabile delle UOC afferente al DAI Responsabili delle UOS afferenti all UOC Scheda di valutazione individuale Direttore DAI presso cui è stato esercitato il proprio diritto voto Responsabili dei Centri Interdipartimentali Scheda di valutazione individuale C. l Organismo indipendente di valutazione Sulla base delle previsioni del comma 4, art. 14 del D. Lgs.150/2009, l'organismo indipendente di valutazione della performance, all interno dell AOU Federico II, svolge le seguenti attività: a) monitora il funzionamento complessivo del sistema della valutazione, della trasparenza e integrità dei controlli interni ed elabora una relazione annuale sullo stato dello stesso; b) comunica tempestivamente le criticità riscontrate ai competenti organi interni di governo ed amministrazione, nonché alla Corte dei conti, all'ispettorato per la funzione pubblica e alla Commissione di cui all'articolo 13 del D. Lgs.150/2009; c) valida la Relazione sulla performance e ne assicura la visibilità attraverso la pubblicazione sul sito istituzionale dell'amministrazione; d) garantisce la correttezza dei processi di misurazione e valutazione, nonche' dell'utilizzo dei premi di cui al Titolo III del D. Lgs.150/2009, secondo quanto previsto dal presente decreto, dai contratti collettivi nazionali, dai contratti integrativi, dai regolamenti interni all'amministrazione, nel rispetto del principio di valorizzazione del merito e della professionalità; 9

10 e) propone alla Direzione Aziendale la valutazione annuale dei dirigenti di vertice e l'attribuzione ad essi dei premi di cui al Titolo III del D. Lgs.150/2009; f) è responsabile della corretta applicazione delle linee guida, delle metodologie e degli strumenti predisposti dalla Commissione di cui all'articolo 13 di cui al D. Lgs.150/2009; g) promuove e attesta l'assolvimento degli obblighi relativi alla trasparenza e all'integrità; h) verifica i risultati e le buone pratiche di promozione delle pari opportunità. L Organismo Indipendente di Valutazione garantisce, ai sensi dell art. 14, comma 4 - lettera d) del D.L.vo 150/09, la correttezza dei processi di misurazione e valutazione, monitora il funzionamento complessivo del sistema della valutazione ed elabora una relazione annuale sullo stato dello stesso. Successivamente, sulla base dei livelli di performance attribuiti ai valutati, compila una graduatoria delle valutazioni individuali del personale dirigente e/o incaricato e di comparto. In aggiunta, le attività ed i compiti dell Organismo Indipendente di Valutazione sono specificate altresì nella Deliberazione del Direttore Generale n. 272 del 2/7/2012 e s.m.i. 5. DAL PROCESSO DI BUDGET ALLA VALUTAZIONE DEL PERSONALE La retribuzione di risultato conserva il suo forte valore di leva gestionale per incentivare il personale a raggiungere gli obiettivi e, quindi, mantiene il suo stretto collegamento al modello di gestione budgetaria. In altre parole, il sistema premiante collega il calcolo del premio spettante ad ogni dipendente ai risultati ottenuti dal Centro di Responsabilità (CdR) in cui ha operato, secondo una logica che considera l attività di ogni singolo CdR come il risultato dell apporto congiunto di tutte le professionalità presenti. In particolare, il fondo della retribuzione di risultato è distribuito ai singoli operatori in base alla valutazione congiunta dei seguenti fattori: grado di raggiungimento degli obiettivi fissati per il CdR di appartenenza; grado di raggiungimento degli obiettivi individuali. La Scheda Obiettivi scaturente dal Processo di Budget e dalla valutazione degli esiti della negoziazione con i Responsabili dei Centri di Responsabilità, si ricollega alla valutazione individuale. In particolare, a conclusione del processo di budget il Direttore Generale assegna a 10

11 ciascun Centro di Responsabilità gli Obiettivi tenendo conto delle risultanze del processo di negoziazione. Essi, dovranno essere portati, da parte del Responsabile del Centro di Responsabilità, alla conoscenza di tutti i collaboratori. La comunicazione di tali schede dovrà avvenire a seguito di riunione verbalizzata con firme dei presenti. In particolare, il Responsabile del Centro di Responsabilità, entro trenta giorni dalla data di assegnazione degli obiettivi da parte del Direttore Generale, si impegna a: comunicare a tutto il personale gli obiettivi assegnati dalla Direzione Aziendale; comunicare le modalità previste per il raggiungimento degli stessi; informare tutti i dipendenti sui criteri e le modalità di valutazione della performance organizzativa ed individuale; effettuare i colloqui di assegnazione degli obiettivi, individuali o di gruppo. Alla Scheda Obiettivi del Centro di Responsabilità viene collegata una Scheda di Valutazione Individuale, che deve essere compilata dal responsabile di struttura sovraordinato, Referente Valutatore, a seguito di un colloquio con il Valutando. 6. AMBITI E OGGETTO DI VALUTAZIONE Oggetto del percorso di valutazione è il raggiungimento dei risultati rispetto a: - obiettivi assegnati e negoziati con la Scheda di Budget/Scheda Obiettivi ai Centri di Responsabilità; - performance organizzativa e individuale. La valutazione è determinata sia dal risultato certificato dall Organismo Indipendente per la Valutazione (OIV) relativamente al raggiungimento degli obiettivi della struttura (performance organizzativa), sia dalla valutazione espressa dai Referenti Valutatori relativamente all apporto collaborativo individuale (performance individuale). La performance individuale ed organizzativa assumono pesi diversi all interno della scheda di valutazione in relazione al grado di autonomia, alle responsabilità, alla posizione organizzativa ed alla categoria professionale di appartenenza. 11

12 La valutazione annuale della performance è correlata, oltre che alla corresponsione della retribuzione di risultato, alle altre specifiche finalità previste dal D.Lgs. 150/2009. In relazione al punteggio realizzato sarà corrisposta a ciascun Valutato la retribuzione di risultato. Il sistema di valutazione ha una ricaduta non solo per la corresponsione del trattamento accessorio legato alla produttività/risultato ma anche ai fini dell affidamento o del rinnovo di un incarico o di una progressione di carriera. Nell applicazione del Sistema di Valutazione i soggetti coinvolti faranno riferimento ad alcuni aspetti comuni che stanno alla base dell intero processo, fra cui: trasparenza dei criteri e dei risultati; chiarezza rispetto alle modalità di valutazione (informazione adeguata e partecipazione del Valutato al processo, anche attraverso il contraddittorio); equità, intesa come orientamento ad individuare regole e modalità valutative omogenee. 7. IL PROCESSO DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Il sistema di misurazione e valutazione della performance coerente con i principi di cui al D.Lgs. 150/2009 prevede: a. una metodologia di definizione e gestione degli obiettivi all interno di un sistema di budget; b. che la retribuzione di risultato e la quota individuale di produttività vengano distribuite fra le strutture in maniera differenziata ed in relazione al grado di raggiungimento degli obiettivi assegnati; c. che tutto il personale sia soggetto ad una valutazione individuale annuale in conseguenza della quale vengono corrisposti i premi di risultato e di produttività individuale. L AOU Federico II valuta in coerenza alla normativa vigente e a quanto stabilito al riguardo dai contratti collettivi nazionali di lavoro, le prestazioni del personale nonché i comportamenti relativi allo sviluppo delle risorse professionali, umane e organizzative a essi assegnate. A norma dell art. 5, comma 2, del D.Lgs. 286/99 La valutazione delle prestazioni e delle competenze organizzative dei dirigenti tiene particolarmente conto dei risultati dell attività amministrativa e della gestione. La valutazione ha periodicità annuale. Il procedimento per la 12

13 valutazione è ispirato ai principi della diretta conoscenza dell attività del Valutato da parte dell Organismo proponente o Valutatore di prima istanza, della approvazione o verifica della valutazione da parte dell Organismo competente o Valutatore di seconda istanza, della partecipazione al procedimento del Valutato. Di seguito si riportano i processi di misurazione e valutazione della performance relativi al Personale Dirigente e al Personale di Comparto: Personale Dirigente L'UOC Gestione Risorse Umane, con la collaborazione del Controllo di Gestione, predispone il modello di scheda di valutazione del personale trasmettendone una copia, per conoscenza, all'organismo Indipendente di Valutazione. La scheda di valutazione individuale, entro il 15 gennaio dell anno cui si riferisce la valutazione, viene trasmessa per la compilazione ai Referenti Valutatori della fase istruttoria. I Referenti Valutatori dovranno rendere note le schede di valutazione individuale ai Valutandi entro 30 giorni dalla comunicazione dell OIV, comunicando all OIV stesso, all UOC Gestione Risorse Umane e per conoscenza al Controllo di Gestione, entro i 15 giorni successivi, le modalità di diffusione. I Referenti Valutatori prima di procedere alla compilazione della scheda, informano i valutati sui criteri in base ai quali procederanno alla misurazione delle performance ed assegnano un termine per l eventuale deposito di auto-relazioni; compilano, quindi, le schede di valutazione e ne consegnano una copia a ciascun interessato, che firma per presa visione. I Referenti Valutatori entro il 31 maggio dell anno successivo alla valutazione consegnano all OIV delle schede stesse, compilate e corredate dalle auto-relazioni eventualmente depositate dagli interessati. Il Valutato nel firmare, per presa visione, la scheda di valutazione compilata, può: a) condividerne integralmente il contenuto (compilando l apposita area contenuta nella scheda). In questo caso il Referente Valutatore conclude la sua attività trasmettendo la scheda di valutazione e l eventuale auto-relazione all OIV per l ulteriore corso 13

14 b) contestarne in tutto o in parte il contenuto (compilando l apposita area contenuta nella scheda). In questo caso, entro quindici giorni dalla data di presa visione della scheda, il Valutato può richiedere al Referente Valutatore il riesame della propria posizione, depositando apposito reclamo ed allegando eventuali note e documenti. Il Referente Valutatore nei quindici giorni successivi alla scadenza del predetto termine, esaminate le deduzione del Valutato, compila nella loro versione definitiva le schede e le trasmette, unitamente ai relativi allegati all OIV, consegnandone contestualmente una copia agli interessati. Ciascun Valutato, nei dieci giorni successivi, può chiedere all OIV di essere sentito personalmente e può depositare note e documenti a sostegno delle proprie istanze. L OIV nel corso della verifica della regolarità delle operazioni svolte, può chiedere chiarimenti ai valutati ed ai Referenti Valutatori, può accogliere eventuali loro istanze di convocazione personale, può acquisire documenti ed informazioni e, può assumere ogni ulteriore iniziativa utile ai fini del buon esito della attività di sua competenza. Gli uffici competenti evadono con sollecitudine e con spirito di lealtà le richieste dell OIV e, se ritengono di non potere fornire la collaborazione e/o le informazioni richieste, comunicano all OIV i motivi del rifiuto, dandone contestuale notizia al Direttore Generale. All esito della attività svolta, l OIV formula senza ritardo e per ciascun Valutato la sua proposta di valutazione inoltrandola unitamente alla documentazione acquisita, al Direttore Generale per l ulteriore corso. Nel caso di manifestata riserva, il Valutato, nel termine di giorni cinque dalla presa visione della scheda, può chiedere che gli sia consegnata copia della eventuale documentazione posta a base della valutazione che lo riguarda nonché copia della scheda di valutazione intestata ad altri dipendenti che rivestano la sua stessa qualifica e che prestino servizio nella medesima categoria professionale. Lo stesso Valutato entro il termine di giorni quindici dalla data di presa visione della scheda, ovvero dalla data in cui gli viene consegnata la documentazione da lui eventualmente richiesta, o comunicato il rigetto della relativa istanza, può chiedere al Valutatore il riesame della propria posizione, depositando nel suo ufficio un motivato reclamo scritto (nota di disaccordo). 14

15 Il Referente Valutatore può procedere alla revisione del giudizio precedentemente formulato o confermare la valutazione precedentemente espressa. In questo secondo caso il Valutato può richiedere l attivazione della Commissione di Conciliazione. Personale di Comparto L'UOC Gestione Risorse Umane, con la collaborazione del Controllo di Gestione, predispone il modello di scheda da utilizzare per la valutazione del personale e lo invia ai Referenti Valutatori, trasmettendone una copia, per conoscenza, all'organismo Indipendente di Valutazione. Il Referente Valutatore dispone che un congruo numero del modello di scheda ricevuto sia affisso nei luoghi di lavoro unitamente ad un pubblico avviso in cui indica il termine entro il quale i dipendenti sottoposti a valutazione possono fargli pervenire osservazioni, istanze, documenti o note che possono avere rilevanza ai fini del buon esito del processo di valutazione. Alla scadenza del termine sopra indicato, il Referente Valutatore compila le schede e dispone che ad ogni Valutato sia consegnata una copia della scheda a lui intestata. Il Valutato, nel sottoscrivere per presa visione la scheda compilata dal Referente Valutatore, dichiara, compilando una apposita area inserita nel testo della scheda stessa, se ne accetta il contenuto o se si riserva di promuoverne il riesame. Nel caso di intervenuta accettazione, la scheda di valutazione viene consegnata in copia al Valutato ed inviata, quindi, all'organismo Indipendente di Valutazione per la verifica della regolarità del processo di valutazione. Nel caso di manifestata riserva, il Valutato, nel termine di giorni cinque dalla presa visione della scheda, può chiedere che gli sia consegnata copia della eventuale documentazione posta a base della valutazione che lo riguarda nonché copia della scheda di valutazione intestata ad altri dipendenti che rivestano la sua stessa qualifica e che prestino servizio nel medesimo comparto. Lo stesso Valutato entro il termine di giorni quindici dalla data di presa visione della scheda, ovvero dalla data in cui gli viene consegnata la documentazione da lui eventualmente richiesta, o gli viene comunicato il rigetto della relativa istanza, può chiedere al Referente Valutatore il riesame della propria posizione, depositando nel suo ufficio un motivato reclamo scritto (nota di disaccordo). 15

16 Il Referente Valutatore può procedere alla revisione del giudizio precedentemente formulato o confermare la valutazione precedentemente espressa. In questo secondo caso il Valutato può richiedere l attivazione della Commissione di Conciliazione. 8. PROCEDURE DI CONCILIAZIONE Il Valutato, se non ha depositato il reclamo scritto di cui al comma precedente o se, avendolo presentato, vi abbia successivamente rinunciato, o qualora, presa visione della revisione della valutazione ne dissenta, può decidere di non procedere alla sottoscrizione, chiedendo, ai sensi della Delibera CIVIT n. 124/2010, avente ad oggetto: Sistema di misurazione e valutazione della performance: procedure di conciliazione (articolo 7, comma 3, D.L.vo n. 150/2009), l attivazione della Commissione di conciliazione per l applicazione del sistema di valutazione della performance che, quale Organismo sussidiario, interviene obbligatoriamente soltanto su esplicita richiesta del Valutato, qualora permangano divergenze sul giudizio di valutazione. Tale richiesta deve essere supportata da idonea documentazione. Il Valutato procederà ad informare il Referente Valutatore della richiesta di cui al comma precedente con apposita comunicazione scritta, da depositare entro il termine indicato nel comma precedente. La Commissione di Conciliazione entro il termine di giorni trenta dal deposito della predetta comunicazione, può: - elaborare una proposta di modifica e/o integrazione alla valutazione, ricorrendone i presupposti allegando la documentazione ritenuta opportuna; - predisporre una eventuale nota informativa con la quale formula un parere in ordine alle criticità organizzative che hanno generato il disaccordo; - confermare la valutazione del Valutato da parte del Referente Valutatore. Il Referente Valutatore, esaminato il reclamo depositato dal Valutato o, se tempestivamente intervenuta, la proposta formulata dalla Commissione di Conciliazione, conferma o modifica la scheda di valutazione dandone contestuale comunicazione all'interessato e trasmette, quindi, la scheda e gli atti eventualmente acquisiti nel corso della fase del riesame all'organismo Indipendente di Valutazione per la validazione. 16

17 Nel corso della verifica di sua competenza l'organismo Indipendente di Valutazione può disporre, di ufficio o su richiesta degli interessati, l'acquisizione di documenti rilevanti ai fini della misurazione della performance e può altresì disporre la diretta audizione del Valutato che ne abbia fatto richiesta con istanza depositata nel termine di giorni cinque dalla data in cui ha ricevuto la comunicazione di cui comma 10, relativa all'intervenuto esito della fase di riesame. L'Organismo Indipendente di Valutazione, all'esito della sua attività di verifica, valida le schede che ritiene regolarmente compilate e rinvia al Referente Valutatore, quelle in relazione alle quali ritiene di promuovere un approfondimento valutativo. Il Referente Valutatore, dopo l'esame dei rilievi prospettati e della documentazione eventualmente trasmessagli, comunica all'organismo Indipendente di Valutazione le proprie determinazioni e gli restituisce le schede per la definitiva validazione. Infine, il Valutato dovrà consegnare al Referente Valutatore una relazione valutativa complessiva che perverrà all OIV unitamente alla scheda di valutazione. L esito del giudizio del Valutatore conclude il processo di valutazione. 9. METODOLOGIA DI MISURAZIONE DELLA PERFORMANCE Gli ambiti di valutazione sono riferiti alla performance organizzativa ed alla performance individuale. La performance organizzativa, espressa in termini percentuali, viene collegata al risultato realizzato dal Centro di Responsabilità in relazione agli obiettivi del centro di Responsabilità fissati nella Scheda Obiettivi. La percentuale di raggiungimento degli obiettivi opportunamente pesata in relazione alle responsabilità ed alle categorie professionali, determina la percentuale di raggiungimento degli obiettivi di performance organizzativa del singolo dipendente. Per la valutazione della performance individuale, l OIV e la Struttura tecnica di supporto, individuano i parametri di valutazione, di anno in anno, in relazione alle dinamiche organizzative aziendali. In relazione ad ogni parametro è possibile assegnare un valore da 0 a 10, secondo il seguente schema: 17

18 0 5 = inadeguato 6-8 = adeguato 9-10 = ottimo Il punteggio totale potrà assumere valori compresi tra 0% e 100%, anche in relazione al peso attribuito alla performance stessa, rispetto alla valutazione totale, in relazione al grado di autonomia, alle responsabilità, alla posizione organizzativa ed alla categoria professionale di appartenenza. La determinazione della percentuale totale di raggiungimento degli obiettivi terrà conto anche di eventuali vicende disciplinari e /o sanzioni disciplinari in capo al personale da valutare, determinando una decurtazione del punteggio relativo alla performance individuale. Tale decurtazione va determinata prendendo in considerazione sia la natura e l epoca dell illecito disciplinare, sia la gravità della sanzione eventualmente inflitta. Nel caso di procedimento disciplinare ancora pendente, la decurtazione è facoltativa e la sua entità non potrà superare la metà del punteggio attribuito per la capacità individuale. Nel caso sia intervenuta applicazione di una sanzione, la decurtazione è obbligatoria e la sua entità non potrà superare i due terzi del predetto punteggio. In sintesi, la valutazione totale viene determinata in base ai seguenti parametri: A. punteggio raggiungimento obiettivi performance individuale * peso = risultato performance individuale; B. punteggio obiettivi performance organizzativa * peso = risultato performance organizzativa ; C. decurtazione determinata dalla sanzione 10. I SISTEMI PREMIANTI SECONDO CRITERI DI VALORIZZAZIONE DEL MERITO Sulla base di quanto definito dall art. 19 del D.lgs 150/2009, sarà compilata una graduatoria delle valutazioni individuale del personale dirigente sottoposto a valutazione. La graduatoria dei soggetti sottoposti a valutazione sarà articolata in modo da differenziare i livelli di performance conseguiti, per cui il 25% sarà collocato nella fascia di merito alta, alla quale corrisponde l attribuzione del cinquanta per cento delle risorse destinate al trattamento accessorio collegato alla performance 18

19 individuale; il 50% sarà collocato nella fascia di merito intermedia, alla quale corrisponde l attribuzione del cinquanta per cento delle risorse destinate al trattamento accessorio collegato alla performance individuale; il restante 25% sarà collocato nella fascia di merito bassa, alla quale non corrisponde l attribuzione di alcun trattamento accessorio collegato alla performance individuale. Inoltre, sulla base del comma 4 del già citato art. 19, la contrattazione collettiva integrativa può prevedere deroghe alla percentuale del venticinque per cento di cui alla lettera a) del comma 2 in misura non superiore a cinque punti percentuali in aumento o in diminuzione, con corrispondente variazione compensativa delle percentuali di cui alle lettere b) o c). La contrattazione può altresì prevedere deroghe alla composizione percentuale delle fasce di cui alle lettere b) e c) e alla distribuzione tra le medesime fasce delle risorse destinate ai trattamenti accessori collegati alla performance individuale. Ai fini della retribuzione di risultato e dell applicazione del sistema incentivante, l azienda può sospendere l applicabilità delle fasce di risultato previste dall art. 19 del D. Lgs. n. 150/2009 e non prevedere, quindi, alcun tipo di esclusione dagli emolumenti premiali così come previsto dall accordo del 4 febbraio 2011, tra governo, Cisl e Uil, il quale rilancia in modo rilevante il ruolo della contrattazione a salvaguardia delle retribuzioni dei lavoratori, prevedendo che non vi sia applicazione delle fasce 25%-50%-25% ai salari dei dipendenti pubblici previste dall art. 19 del D. Lgs. n. 150/ RENDICONTAZIONE DEI RISULTATI E RELAZIONE SULLA PERFORMANCE I risultati raggiunti vengono rendicontati agli organi di indirizzo politico-amministrativo, ai vertici dell amministrazioni, nonché ai competenti organi esterni, ai cittadini, ai soggetti interessati, agli utenti e ai destinatari dei servizi. Entro il 30 giugno la Direzione Strategica elabora la Relazione sulla performance che evidenzia a consuntivo, così come previsto dalla normativa (art. 10, D.lgs. 150/2009), con riferimento all anno precedente, i risultati organizzativi ed individuali raggiunti rispetto ai singoli obiettivi programmati ed alle risorse, con rilevazione degli eventuali scostamenti. Comunicazione dei risultati raggiunti rispetto agli obiettivi programmati sarà anche alla cittadinanza attraverso pubblicazione sul sito web dell AOU Federico II. 19

20 Al termine del processo di valutazione ed entro il 30 giugno, la Direzione Aziendale a seguito della verifica annuale provvede alla redazione di un documento denominato: Relazione sulla performance che evidenzia, a consuntivo, con riferimento all anno precedente, i risultati organizzativi e individuali raggiunti rispetto ai singoli obiettivi programmati ed alle risorse, con rilevazione degli eventuali scostamenti. Per tale attività la Direzione Aziendale si potrà avvalere del supporto del Controllo di Gestione e dell UOC Gestione Risorse Umane. L Organismo indipendente di valutazione (OIV) valida la Relazione sulla performance e ne assicura la visibilità attraverso la pubblicazione sul sito istituzionale dell amministrazione. In tal senso, l OIV svolge la funzione di supervisore dell intero processo valutativo. La validazione della Relazione sulla performance è condizione inderogabile per l accesso agli strumenti per premiare il merito. L OIV potrà eventualmente richiedere alle UU.OO. interessate chiarimenti e integrazioni. L OIV accertata la regolarità dello svolgimento delle fasi indicate, e acquisite eventuali ulteriori motivazioni del Valutatore e del Valutato, deciderà in merito. L esito della valutazione espressa dall OIV sarà comunicata all interessato e all UOC Gestione Risorse Umane. 13. CRITERI DI RIPARTIZIONE DEI FONDI Ad inizio anno, constatata l accettazione della distribuzione degli incentivi, l UOC Gestione Risorse Umane predispone la deliberazione di determinazione dei Fondi per il personale universitario e per il personale aziendale per la produttività collettiva, relativamente al Personale di Comparto, e dei Fondi distinti per il personale universitario e per il personale aziendale per la retribuzione di risultato, relativamente al personale dell area della Dirigenza medico-veterinaria, sanitaria, professionale, tecnica ed amministrativa del Servizio Sanitario Nazionale. Successivamente trasmette la proposta di deliberazione al Direttore Generale per la firma. Infine l UOC Gestione Risorse Umane provvede all inserimento di incentivi e premi per singolo dipendente a sistema (PERSWEB) per l effettuazione dei pagamenti da parte dell UOC Gestione Risorse Economico-Finanziarie. 20

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Art. 1 - Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina i procedimenti di selezione,

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO.

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. 5 del consiglio di Amministrazione 242 Allegato A DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. Art. 1 Oggetto

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi Allegato al Decreto del Direttore Generale n. 53.. del 04/02/14 REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO EX ART. 15 SEPTIES DEL D.LGS. 502/92 AREA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA E AREA DIRIGENZA

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo 4. Art. 2: Ripartizione Generale dell incentivo fra le attività 4

Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo 4. Art. 2: Ripartizione Generale dell incentivo fra le attività 4 Regolamento per la ripartizione e l erogazione dell incentivo ex art. 92 D. lgs. 163/06 e s.m.i. 1 INDICE TITOLO I :PREMESSA 3 Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF)

Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) INDICE Articolo 1 - Finalità e natura dell Ente 2 Articolo 2 - Attività dell INAF 3 Articolo 3 - Principi di organizzazione 5 Articolo 4 - Organi 6

Dettagli

ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE AUSL DI FROSINONE

ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE AUSL DI FROSINONE ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE AUSL DI FROSINONE Esito monitoraggioal 30/09/2013 (ai sensi dell'art. 14, comma 4, lettera a ), del decreto legislativo 27 ottobre 2009, n.150) 1 30.09.2013 PREMESSA

Dettagli

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it Il nuovo incentivo per la progettazione Aggiornamento e tavolo aperto di discussione Lino BELLAGAMBA Prima stesura 4 ottobre 2014 Cfr. D.L. 24 giugno 2014, n. 90, art. 13, comma 1, nella formulazione anteriore

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari UFFICIO DEL SEGRETARIO GENERALE Responsabile Settore Affari del Personale-Anticorruzione-Trasparenza CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO Il

Dettagli

Direzione Generale per le Politiche per l Orientamento e la Formazione. Logiche e strumenti nel pubblico impiego dopo la Riforma Brunetta

Direzione Generale per le Politiche per l Orientamento e la Formazione. Logiche e strumenti nel pubblico impiego dopo la Riforma Brunetta Direzione Generale per le Politiche per l Orientamento e la Formazione Logiche e strumenti nel pubblico impiego dopo la Riforma Brunetta Il volume è stato curato da Elvira Lupo Rosa Valerio Nell ambito

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d);

VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d); VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d); VISTO il Regolamento delle attività culturali, sociali e ricreative degli studenti, emanato con decreto rettorale

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO ANZIANITÀ DI SERVIZIO QUESITO (posto in data 11 luglio 2013) Sono Dirigente Medico di primo livello dal marzo del 2006 e di ruolo, senza interruzioni di servizio, dal luglio 2007. Mi hanno già

Dettagli

Katia Mascia, Rosanna Cribari Giacinto Fiore

Katia Mascia, Rosanna Cribari Giacinto Fiore Katia Mascia, Rosanna Cribari Giacinto Fiore 1 La vita è breve, l arte vasta, l occasione istantanea, l esperienza ingannevole, il giudizio difficile. Ippocrate Se vuoi essere sicuro di far sempre il tuo

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP)

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP) REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L APPLICAZIONE DEGLI ARTT.75 CONFERIMENTO E REVOCA DI INCARICHI AL PERSONALE DELLA CATEGORIA EP E 76 RETRIBUZIONE DI POSIZIONE E RETRIBUZIONE DI RISULTATO DEL CCNL 16.10.2008

Dettagli

Gabinetto dell On. le Ministro. Organismo Indipendente di Valutazione. Presidente del Consiglio Superiore dei LL.PP.

Gabinetto dell On. le Ministro. Organismo Indipendente di Valutazione. Presidente del Consiglio Superiore dei LL.PP. Dipartimento per le Infrastrutture, gli affari generali ed il personale Direzione generale del personale e degli affari generali Divisione 4 Ufficio Ispettivo e Disciplina Via Nomentana, 2 00161 Roma tel.06.4412.3285

Dettagli

Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7

Allegato A al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE In Atto Art. 1) Ai sensi della Legge 7 Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7 dicembre 2000, n. 383 e delle norme del codice civile in tema

Dettagli

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni Regolamento in materia di procedure di risoluzione delle controversie tra operatori di comunicazioni elettroniche ed utenti, approvato con delibera n. 173/07/CONS. [Testo consolidato con le modifiche apportate

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO. N 336 del 12 GIUGNO 2015

DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO. N 336 del 12 GIUGNO 2015 DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO N 336 del 12 GIUGNO 2015 Struttura proponente: Servizio Provveditorato ed Economato Oggetto: Fornitura, articolata in lotti, di dispositivi dedicati ai Reni

Dettagli

Dr. Antonino Pusateri. D.ssa Maria Rosaria Marasà

Dr. Antonino Pusateri. D.ssa Maria Rosaria Marasà Il lavoro per obiettivi ed il sistema della performance Dr. Antonino Pusateri D.ssa Maria Rosaria Marasà Nessuno può insegnare qualcosa ad un altro uomo! Può solo aiutarlo a tirare fuori qualcosa che ha

Dettagli

Prot. N. 931 /E7 Volterra, 14 aprile 2014 INTESA CONTRATTO INTEGRATIVO D ISTITUTO

Prot. N. 931 /E7 Volterra, 14 aprile 2014 INTESA CONTRATTO INTEGRATIVO D ISTITUTO ISTITUTO d ISTRUZIONE SUPERIORE GIOSUÈ CARDUCCI LICEO CLASSICO, SCIENTIFICO, SOCIO-PSICO-PEDAGOGICO V.le Trento e Trieste n 26-56048 - Volterra (PI) - tel. 0588 86055 - fax 0588 90203 ISTITUTO STATALE

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI

REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 186 del 29/12/2010 Modificato ed integrato con deliberazione di G.C. n. 102 del 07/09/2012 1 TITOLO I L ORGANIZZAZIONE

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO

CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO Norme attuative del Regolamento per la Formazione Continua della professione di Consulente del Lavoro. Premessa 1. Le presenti norme attuative

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 7. CAPO I - NORME GENERALI D ORGANIZZAZIONE... 7 Art. 1 Oggetto... 7 Art. 2 - Principi e criteri informatori...

INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 7. CAPO I - NORME GENERALI D ORGANIZZAZIONE... 7 Art. 1 Oggetto... 7 Art. 2 - Principi e criteri informatori... INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 7 CAPO I - NORME GENERALI D ORGANIZZAZIONE... 7 Art. 1 Oggetto.... 7 Art. 2 - Principi e criteri informatori.... 7 TITOLO II - STRUTTURA ORGANIZZATIVA E FUNZIONI DI

Dettagli

COMUNE DI MONTECCHIO EMILIA

COMUNE DI MONTECCHIO EMILIA COMUNE DI MONTECCHIO EMILIA Allegato sub. 1) SISTEMA DI DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE, DEL PERSONALE E DEL SEGRETARIO COMUNALE* informato ai principi di cui all art 9 cc.

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TERMINE E DI RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TERMINE E DI RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO REGOLAMENTO IN MATERIA DI TERMINE E DI RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO Approvato con deliberazione del Consiglio provinciale n. 161 del 28 ottobre 1997, così come integrata dalla deliberazione del Consiglio

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA PUGLIESE CIACCIO CATANZARO CONTRATTO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2013 PERSONALE DEL COMPARTO

AZIENDA OSPEDALIERA PUGLIESE CIACCIO CATANZARO CONTRATTO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2013 PERSONALE DEL COMPARTO AZIENDA OSPEDALIERA PUGLIESE CIACCIO CATANZARO CONTRATTO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2013 PERSONALE DEL COMPARTO 1 CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2013 PERSONALE del COMPARTO Articolo

Dettagli

La procedura della contrattazione decentrata integrativa. Comparto Regioni e Autonomie locali

La procedura della contrattazione decentrata integrativa. Comparto Regioni e Autonomie locali La procedura della contrattazione decentrata integrativa Comparto Regioni e Autonomie locali Marzo 2013 INDICE 1. Introduzione... 2 2. Le fasi della procedura... 3 3. Nomina delegazione di parte pubblica...

Dettagli

TESTO COORDINATO DEL REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DELL AMMINISTRAZIONE REGIONALE E DEGLI ENTI REGIONALI

TESTO COORDINATO DEL REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DELL AMMINISTRAZIONE REGIONALE E DEGLI ENTI REGIONALI TESTO COORDINATO DEL REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DELL AMMINISTRAZIONE REGIONALE E DEGLI ENTI REGIONALI A cura della Direzione Generale Servizio organizzazione, formazione, valutazione e relazioni sindacali

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE (ex art. 7 del Decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150) Definito dal Nucleo di Valutazione nella seduta del 06

Dettagli

Vista la Legge Regionale 24 Marzo 1974 n. 18; Vista la Legge Regionale 4 Febbraio 1997 n. 7; Vista la Legge Regionale 16.1.2001. n. 28 e s.m.i.

Vista la Legge Regionale 24 Marzo 1974 n. 18; Vista la Legge Regionale 4 Febbraio 1997 n. 7; Vista la Legge Regionale 16.1.2001. n. 28 e s.m.i. 28501 di dare atto che il presente provvedimento non comporta alcun mutamento qualitativo e quantitativo di entrata o di spesa né a carico del bilancio regionale né a carico degli enti per i cui debiti

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA Pag. 1 di 14 PROCEDURA DI AUDIT REVISIONI 1 19/12/2002 Prima revisione 2 07/01/2004 Seconda revisione 3 11/01/2005 Terza revisione 4 12/01/2006 Quarta revisione 5 09/12/2013 Quinta revisione Adeguamenti

Dettagli

ARIENZO Regolamento per l'ordinamento degli Uffici e dei servizi

ARIENZO Regolamento per l'ordinamento degli Uffici e dei servizi Comune di ARIENZO Regolamento per l'ordinamento degli Uffici e dei servizi Comune di Arienzo - Regolamento per l'ordinamento degli uffici e dei servizi Pagina 1 INDICE Art. 1-Oggetto del regolamento Art.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Deliberazione del 15 luglio 2010, modificata ed integrata con deliberazione del 7 maggio 2014 (Testo consolidato) 1. Regolamento sulle procedure relative all

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 30 luglio 2009, n. 189

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 30 luglio 2009, n. 189 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 30 luglio 2009, n. 189 Regolamento concernente il riconoscimento dei titoli di studio accademici, a norma dell'articolo 5 della legge 11 luglio 2002, n. 148. (09G0197)

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

g"+/\'-t 'i.-1 SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA ee-go~. - 8 APR. 2014

g+/\'-t 'i.-1 SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA ee-go~. - 8 APR. 2014 UNIVERSITÀ DI ROMA Consigl io di Amministrazione - 8 APR. 2014 Nell'anno duemilaquattordici, addì 8 aprile alle ore 15.55, presso il Salone di rappresentanza, si è riunito il Consiglio di Amministrazione,

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO

REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO 1 ' UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE, ORGANIZZAZIONE E BILANCIO Ufficio X ex DGPOB Ufficio relazioni con il pubblico e Centro di documentazione REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO SOMMARIO CAPO

Dettagli

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163;

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163; Regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui all art 8, comma 4, del D.Lgs. 12

Dettagli

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE Approvato con deliberazione del Direttore Generale n. 500 del 9.6.2011 INDICE Art. 1 Oggetto Art. 2 Albo Pretorio on line Art. 3 Modalità di pubblicazione e accesso Art.

Dettagli

STATUTO DEL POLITECNICO DI MILANO

STATUTO DEL POLITECNICO DI MILANO Emanato con Decreto Rettorale n. 623/AG del 23 febbraio 2012 e pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 52 del 2 marzo 2012 STATUTO DEL POLITECNICO DI MILANO TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI E PRINCIPI Art.

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI Senato Accademico 27 Aprile 2010 Consiglio di Amministrazione 18 Maggio 2010 Decreto Rettorale Rep. n. 811/2010 Prot. n 13531 del 29 Giugno 2010 Ufficio Competente Ufficio Agevolazioni allo studio e disabilità

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

NORME DI FUNZIONAMENTO DEGLI ORGANI TECNICI DELL A.I.A.

NORME DI FUNZIONAMENTO DEGLI ORGANI TECNICI DELL A.I.A. NORME DI FUNZIONAMENTO DEGLI ORGANI TECNICI DELL A.I.A. Art. 1 - Organi tecnici A. ORGANI TECNICI NAZIONALI Gli Organi Tecnici Nazionali dell A.I.A. composti da un Responsabile e più componenti, sono:

Dettagli

Repubblica Italiana Assemblea Regionale Siciliana

Repubblica Italiana Assemblea Regionale Siciliana Repubblica Italiana Assemblea Regionale Siciliana Ambito dell'accesso REGOLAMENTO PER L'ACCESSO AGLI ATTI ED AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI DELL'ASSEMBLEA REGIONALE SICILIANA (G.U.R.S. n. 28 del 20/06/2008)

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO 1. Attività di valutazione delle Commissioni di Esperti della Valutazione

Dettagli

BANDO DI SELEZIONE ESPERTI PON- FSE - 2007-IT 05 1 PO007 Competenze per lo sviluppo Annualità 2014 IL DIRIGENTE SCOLASTICO

BANDO DI SELEZIONE ESPERTI PON- FSE - 2007-IT 05 1 PO007 Competenze per lo sviluppo Annualità 2014 IL DIRIGENTE SCOLASTICO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LUIGI EINAUDI Distr. Sc. n 9 - Via V. Veneto 89822 SERRA SAN BRUNO (VV) FONDI STRUTTURALI 2007-2013 PEC: vvis003008@pec.istruzione.it PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE FONDO

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

inform@ata news n.02.15

inform@ata news n.02.15 Per contatti o segnalazioni: e-mail: r.fiore@flcgil.it siti internet: www.flc-cgiltorino.it www.flcgil.it inform@ata news n.02.15 la newsletter di informazione sulle problematiche del settore ATA della

Dettagli

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Delibera n. 17221 del 12.3.2010 A cura della Divisione Tutela del Consumatore Ufficio Relazioni con il Pubblico Giugno 2010 [pagina bianca] Regolamento recante

Dettagli

Relazione finale sull avvio ciclo

Relazione finale sull avvio ciclo ARCEA Piano della performance 2015-2017 Relazione finale sull avvio ciclo approvata in data 10 aprile 2015 Relazione finale sull avvio del ciclo della performance anno 2015 (ARCEA) Pag. 1 di 36 Sommario

Dettagli

CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA

CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA ALLEGATO E) CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA Regione Toscana DG Diritti di Cittadinanza e Coesione Sociale Settore Politiche di Welfare regionale, per la famiglia e cultura della legalità, C.F.

Dettagli

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 DATA DI PUBBLICAZIONE DELL ESTRATTO DEL BANDO SULLA GURI: DATA DI SCADENZA

Dettagli

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO Questo documento descrive le principali fasi del progetto congiuntamente promosso dalla Provincia di Torino e da Forma.Temp nei termini

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

SETTORE AMMINISTRATIVO - ECONOMICO FINANZIARIO COPIA DI DETERMINA CONGIUNTA N. 15 ANNO 2011 DEL 08-07-2011

SETTORE AMMINISTRATIVO - ECONOMICO FINANZIARIO COPIA DI DETERMINA CONGIUNTA N. 15 ANNO 2011 DEL 08-07-2011 SETTORE AMMINISTRATIVO - ECONOMICO FINANZIARIO COPIA DI DETERMINA CONGIUNTA N. 15 ANNO 2011 DEL 08-07-2011 OGGETTO: TRAPANI IACP - DETERMINAZIONE FONDO DI POSIZIONE E DI RISULTATO DEI DIRIGENTI ANNO 2011.-

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

A.S.P. ISTITUZIONI ASSISTENZIALI RIUNITE DI PAVIA

A.S.P. ISTITUZIONI ASSISTENZIALI RIUNITE DI PAVIA A.S.P. ISTITUZIONI ASSISTENZIALI RIUNITE DI PAVIA Regolamento di Organizzazione e Contabilità (ai sensi della L.R. n. 1/2003 e del regolamento regionale n. 11/2003) I N D I C E Art. 1 Oggetto e finalità

Dettagli