La valutazione della performance

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La valutazione della performance"

Transcript

1 La valutazione della performance

2 LA LOGICA OBIETTIVI ATTIVIT ATTIVITÀ-RISULTATI Obiettivi Risorse Attivita Risultati Definizione degli obiettivi Valutazione della performance

3 FINI FINI OBIETTIVI INTERVENTI CORRETTIVI Indicatori di obiettivo Valutazione della performance Rilevazione indicatori di performance ATTIVITÀ / PROCESSI

4 Obiettivi della valutazione della performance: L analisi degli scostamenti Confronti spazio-temporali Esprimere i risultati economici Comunicazione esterna Motivare

5 Obiettivi: L analisi degli scostamenti Confronti spazio-temporali Esprimere i risultati economici Comunicazione esterna Motivare Effettuare l analisi degli scostamenti, attraverso la definizione a preventivo del sistema di indicatori e degli obiettivi (standard) da perseguire e la rilevazione in fase concomitante ed a consuntivo dei risultati conseguiti. In questo senso, l analisi ed il raffronto è tra preventivo e dato effettivo ed è rivolta principalmente verso l interno e finalizzata all analisi delle cause del mancato raggiungimento degli obiettivi, nonché alla gestione del sistema di incentivazione.

6 Obiettivi: L analisi degli scostamenti Confronti spazio-temporali Esprimere i risultati economici Comunicazione esterna Motivare ncentivare i confronti spazio-temporali, in senso ampio e progettuale, ali cioè che consentano di aprire all interno delle amministrazioni n dibattito sugli obiettivi e sui risultati della gestione, e on certo per stilare graduatorie, mediante l osservazione dell evoluzione el tempo ed il confronto con altri enti sufficientemente imili dal punto di vista socio-economico e gestionale.

7 Obiettivi: L analisi degli scostamenti Confronti spazio-temporali Esprimere i risultati onomici Comunicazione esterna Motivare sprimere i risultati economici dell APTL,non limitati al risultato di stione ricavabile dal conto economico, rilevante ai fini del rispetto l vincolo minimo di equilibrio economico, cui, naturalmente, che l amministrazione pubblica, come tutte le aziende, è soggetta. vuole invece ottenere un analisi economica complessiva, tesa verificare l ottimalità della gestione volta a soddisfare al meglio i sogni della collettività con l utilizzo di risorse limitate, mediante confronto, secondo un modello che gli indicatori aiutano ad plicitare, tra utilità consumate e utilità generate.

8 Obiettivi: L analisi degli scostamenti Confronti spazio-temporali Esprimere i risultati economici Comunicazione esterna Motivare olgere in modo consapevole ed efficace attività di comunicazione esterna, nsentendo al tempo stesso un più pieno esplicarsi del principio di trasparenza i confronti dei cittadini, singolarmente e nelle loro organizzazioni ppresentative, che esercitano legittimamente la loro funzione di «controllo ciale». Naturalmente, l utilizzo di indicatori per questo fine non comporta la mplice pubblicazione degli indicatori sviluppati a fini gestionali dall ente. ggetti esterni, infatti, non solo avranno differenti fabbisogni informativi, ma, endo una conoscenza parziale dell attività dell ente, avranno anche una fferente capacità di lettura di informazioni relativa alla stessa. Particolare cautela nque, è richiesta nello sviluppo di strumenti sintetici quali gli indicatori, quando olti a destinatari non tecnici o specialisti della materia, ma interessati ad petti più generali e che, in ogni caso, li tocchino da vicino.

9 Obiettivi: L analisi degli scostamenti Confronti spazio-temporali Esprimere i risultati economici Comunicazione esterna Motivare otivare ed orientare i comportamenti di dirigenti e dipendenti collegando la rresponsione della retribuzione di risultato agli indicatori di performance

10 Categorie di indicatori di performance Efficienza Efficacia Economicità Riferiti a prodotti o processi Orientati ai risultati o impatti

11 Categorie di indicatori Efficienza Efficacia Economicità Riferiti a prodotti o ocessi Orientati ai risultati o patti Una misura di efficienza del risultato: rivela quanto bene si indirizzano gli sforzi, considerati secondo un criterio specificato (tempo, costo, persone o mezzi impiegati, etc.), quante unità dello scopo sono state realizzate per ciascuna unità di risorse consumate. è una risposta alla domanda: Stiamo facendo le cose nel modo più conveniente?. (tratto da Mussari, R. (a cura di) 2001, Manuale operativo per il controllo di gestione, Rubbettino, Milano. efficienza consiste, in altre parole, nella attitudine del processo produttivo a asformare l input (risorse) in output (risultato) e, pertanto, può essere misurata dal eguente rapporto: fficienza = output/ input obiettivo sarà la minimizzazione delle risorse utilizzate per raggiungere un determinato sultato; l efficienza aumenta al crescere dell indicatore.

12 Categorie di indicatori Efficienza Efficacia Economicità Riferiti a prodotti o ocessi Orientati ai risultati o patti on si può essere efficienti in sé, ma più o meno efficienti. Il termine di nfronto può riferirsi a: un valore programmato nel budget assegnato a ciascun dirigente; uno standard tecnico, anche previsto da norme; un dato passato riferito al medesimo servizio; il risultato conseguito da un altra azienda (pubblica, privata o non profit). (tratto da Mussari, R. (a cura di) 2001, Manuale operativo per il controllo di gestione, Rubbettino, Milano.

13 Categorie di indicatori Efficienza Efficacia Economicità Riferiti a prodotti o ocessi Orientati ai risultati o patti Efficacia di primo livello / Efficacia quantitativa L efficacia è esprimibile come rapporto tra i risultati conseguiti e gli obiettivi programmati Non è tanto critico il numero di atti prodotti, ma il modo con cui vengono realizzati. Per queste attività è quindi più importante analizzare l efficacia, misurabile ad esempio attraverso i tempi di risposta ed il livello di servizio erogato. n esempio di report per attività orientate all efficacia (tratto da Mussari, R. (a cura di) 2001, Manuale operativo per il controllo di gestione, Rubbettino, Milano. possono definire gli obiettivi in termini di : la qualità percepita dal cliente, interno all amministrazione o esterno ad essa; i tempi medi di risposta.

14 Categorie di indicatori Efficienza Efficacia Economicità Riferiti a prodotti o ocessi Orientati ai risultati o patti Efficacia di secondo livello Efficacia quantitativa riferita alla domanda r analizzare ad un secondo livello l efficacia, ci si può servire di indicatori relativi alla manda: percentuale di soddisfazione della domanda potenziale: domande relative ad un servizio effettivamente presentate e soddisfatte/numero persone che potenzialmente poteva richiedere il servizio percentuale di soddisfacimento della domanda espressa domande accolte / effettivamente presentate. li indicatori di secondo livello possono essere resi più analitici, ricorrendo ad esempio a dici di composizione dell utenza in relazione alle fasce d età, alle caratteristiche socioonomiche, professionali, e così via. li indicatori esprimono la soddisfazione quantitativa della domanda in termini di atching (incontro,qui inteso come capacità di risposta) tra domanda e offerta ( ce n è pe tti? ) e non la soddisfazione qualitativa del bisogno. Pertanto, hanno un significato limitato!

15 Categorie di indicatori Efficienza Efficacia Economicità Riferiti a prodotti o ocessi Orientati ai risultati o patti Efficacia di terzo livello Efficacia qualitativa Riguarda l uso di indagini campionarie sull utenza servita, predisponendo una griglia di valutazione su definiti attributi essenziali che il servizio deve possedere, consente di esplicitare le dimensioni qualitative rilevanti. Il livello qualitativo percepito può essere impiegato come fattore di ponderazione qualitativa delle unità di servizio prestato. Mediante tale analisi, la misurazione del grado di soddisfazione dell utenza dovrebbe assumere un carattere di maggiore oggettività ed essere suscettibile di utilizzazione ai fini dell orientamento delle decisioni dell ente in merito all erogazione del servizio. Si consegue così il risultato di avvicinare le variabili considerate nel processo di avvicinamento dei servizi alle effettive esigenze della cittadinanza.

16 Categorie di indicatori Efficienza Efficacia Economicità Riferiti a prodotti o ocessi Orientati ai risultati o patti ivello alisi liv. liv. Tipo di efficacia Quantitativa Quantitativa Informazione ottenibile Grado di realizzazione dei programmi Gradimento qualitativo da parte dell utenza I tre livelli dell efficacia Strumenti di indagine conoscitiva e di controllo Risultati conseguiti/obiettivi programmati Metodologie di analisi della domanda effettiva e potenziale dei servizi Indagine sullo stato attuale e potenziale dei serviz Confronto del livello della domanda con quello dell offerta liv. Qualitativa Utilità sociale prodotta Tecniche di misurazione della customer satisfaction Monitoraggio sistematico del livello qualitativo de servizi (tratto da Mazzara, L. (1996). Gli indicatori per l analisi dell efficacia, in G.Farneti-L.Mazzara-G.Savioli, Il sistema degli indicatori negli enti locali, Giappichelli, Torino, Parte IV)

17 Categorie di indicatori Efficienza Efficacia Economicità Riferiti a prodotti o ocessi Orientati ai risultati o patti Si fa riferimento all economicità legata ad una particolare fase del processo di produzione: quella relativa all acquisizione dei fattori produttivi. Per tale ragione sono indicatori di economicità quelli attraverso i quali si monitora la capacità dell ente di acquisire al minor costo i fattori produttivi di cui esso ha bisogno, una volta definito il livello minimo di qualità che da essi deve essere posseduto.

18 Categorie di indicatori Efficienza Efficacia Economicità Riferiti a prodotti o ocessi Orientati ai risultati o patti indicatori riferiti a prodotti: attività prevalentemente ripetitive e comunque ripetute più volte nel corso dell anno (ad esempio, rilascio di un certificato amministrativo); in questo caso, non è essenziale disporre di informazioni sul singolo prodotto, ma di valori medi, o di sintesi, che indichino i costi e i risultati complessivi dell attività;

19 Categorie di indicatori Efficienza Efficacia Economicità Riferiti a prodotti o ocessi Orientati ai risultati o patti n fase preventiva: da un insieme di obiettivi da raggiungere (espressi in termini quantitativi o qualitativi, a seconda he l attività sia orientata all efficienza o all efficacia); da una tempificazione di tali obiettivi; indicatori riferiti ai progetti sono in generale caratterizza dall impegno di una quantità significativa di risorse e dalla presenza di tempi di completamento lunghi. Di conseguenza, ogni progetto dovrebbe essere caratterizzato dall impegno delle risorse necessarie per ciascuna fase del progetto. In fase consuntiva, si possono associare al progetto i seguenti indicatori di prestazione: grado di completamento del progetto (cioè insieme delle fasi che sono state completate; ad sempio, per un unità che si occupa di piani di sviluppo, può essere misurato dalla percentuale degl tanziamenti effettuati rispetto ai fondi disponibili); grado di raggiungimento degli obiettivi (ad esempio, nel caso di un progetto rivolto a formatizzare il protocollo, percentuale di protocolli informatizzati); differenza tra i costi sostenuti effettivamente e quelli previsti.

20 Categorie di indicatori Efficienza Efficacia Economicità Riferiti a prodotti o ocessi Orientati ai risultati o patti Un esempio di report per attività progettuali (tratto da Mussari, R. (a cura di) 2001, Manuale operativo per il controllo di gestione, Rubbettino, Milano.

21 Gli indicatori di efficienza efficacia e economicità nel processo produttivo Fasi del processo di produzione e indicatori (tratto da Mussari, R. (a cura di) 2001, Manuale operativo per il controllo di gestione, Rubbettino, Milano.

22 ensa Regione / Assessorato X Scheda di indicatori di efficienza efficacia e economicità nel servizio mensa della regione / assessorato X (tratto da Mussari, R. (a cura di) 2001, Manuale operativo per il controllo di gestione, Rubbettino, Milano.

23 Piano degli indicatori La progettazione di un sistema di indicatori. La progettazione e l implementazione di un sistema di indicatori di risultato si effettua attraverso l individuazione, con riferimento ad ogni singolo centro: - delle variabili critiche su cui l attività di tale centro ha un impatto come ad esempio il costo, la qualità, il rispetto dei tempi, l efficacia e così via; - delle effettive leve manageriali a disposizione del responsabile al fine di influire su tali variabili; - dei conseguenti obiettivi attribuiti al centro di responsabilità amministrativa; - della formulazione e della metodologia di calcolo dei singoli indicatori; - dei parametri-obiettivo, ossia i valori degli indicatori definiti a priori e al cui conseguimento deve essere tesa l azione manageriale del responsabile di centro.

24 ano degli indicatori del dipartimento X Piano indicatori di efficienza efficacia e economicità Il piano degli indicatori è un documento, di rapida e facile consultazione, in cui sono indicati, ordinati per tipologia, gli indicatori di attività, efficacia ed efficienza individuati per ciascun centro. Disporre di un elenco esaustivo degli indicatori in uso è già una buona base per un utilizzo consapevole dello strumento, ma naturalmente il documento può essere arricchito con ulteriori informazioni, relative agli algoritmi di calcolo, alle metodologie di misurazione, e così via. (tratto da Mussari, R. (a cura di) 2001, Manuale operativo per il controllo di gestione, Rubbettino, Milano.

25 Categorie di indicatori Efficienza Efficacia Economicità Riferiti a prodotti o ocessi Orientati ai risultati o patti tto da Mussari, R. (2002). Il controllo di gestione nelle ministrazioni centrali, Rubbettino Editore, Soveria Mannelli) ifferenza tra risultato e impatto Differenza tra risultato e impatto Le attività amministrative che no sono orientate agli obiettivi, possono facilmente diventare inefficaci. Esistono due tipi diversi di grupp di obiettivi per ciascun prodotto: l obiettivo generico esterno (obiettivo di impatto) e gli obietti concreti (operativi) che devono essere perseguiti a tale scopo. Laddove gli obiettivi esistono (ad esempio, ridurre il tasso di criminalità per una data città di u certa percentuale) essi vengono, misurati con frequenza. Invece, g obiettivi concreti sovente mancan nelle aree più difficili da misurare che significa che il loro raggiungimento non viene misura e quindi, neanche valutato. Ciò equivale a dichiarare tali aree zon tabù per qualsivoglia orientament al risultato.

26 Categorie di indicatori Efficienza Efficacia Economicità Riferiti a prodotti o ocessi Orientati ai risultati o patti tto da Mussari, R. (2002). Il controllo di gestione nelle ministrazioni centrali, Rubbettino Editore, Soveria Mannelli) ifferenza tra risultato e impatto Le domande da porsi sono le seguenti: - Per gli obiettivi orientati ai risultati in termini di impatto: Qual è lo scopo di un attività? Cosa si intende ottenere, nel lungo termine, con la realizzazione di questo prodotto? A quali sviluppi si deve mirare? - Per gli obiettivi orientati all output Cosa si ipotizza che si otterrà nel periodo sotto osservazione? A quali standard di qualità si mira ne periodo sotto osservazione? Quale livello di efficienza si dovrebbe raggiungere nel periodo sotto osservazione? Quanti prodotti verranno realizzati? Quanti prodotti verranno consegnati? Quale beneficio si ritiene che i client dovrebbero poter trarre da un prodotto?

27 risultati e impatti Numeri di cittadini formati (risultato) non è la stessa cosa di numero di cittadini che lavorano utilizzando le conoscenze acquisite (impatto) Numero di pratiche di finanziamento concesse (risultato) non è la stessa cosa di aumento della vita media delle aziende e aumento dell occupazione (impatto)

28 CATEGORIE DI INDICATORI DELLA REGIONE SICILIANA ndicatori di efficacia esterna di una politica, che misurano il rapporto tra odotti erogati e domande/bisogni/opportunità da soddisfare; ndicatori di efficacia interna e/o di realizzazione progettuale che misurano la pacità di rispettare gli obiettivi stabiliti nella realizzazione dei prodotti; ndicatori di economicità, che misurano la capacità di ottimizzare il costo ll approvvigionamento degli input o di eliminarne gli sprechi; ndicatori di efficienza gestionale, che misurano i costi unitari dei prodotti; ndicatori di efficienza produttiva, che misurano la produttività del personale; ndicatori di domanda, che misurano le caratteristiche e l andamento della manda delle varie attività; ndicatori di qualità, relativi alle caratteristiche dei prodotti (gamma di servizi) e i processi di realizzazione ed erogazione (tempestività), nonché alla ddisfazione degli utenti. icio Speciale per l elaborazione di sistemi di controllo di gestione, l attivazione di servizi di valutazione e di controllo strategico interno Palermo ee di indirizzo per la definizione di un sistema di indicatori specifici nell ambito dell Amministrazione regionale. 26/11/2003

29 Principi nella costruzione degli indicatori significatività: devono essere collegati agli obiettivi strategici e ai fattori critici di successo; rilevanza: devono poter essere raccolti con un costo ragionevole rispetto agli obiettivi; controllabilità: è possibile intervenire per raggiungere valori obiettivo; misurabilità: devono essere oggettivamente misurabili con i dati disponibili; comprensibilità: devono essere semplici, facili da capire e da comunicare; confrontabilità: devono essere confrontabili sull asse dei tempi, per livelli organizzativi e rispetto a realtà analoghe.

30 ffetti indesiderati da evitare nell utilizzo di sistemi di indicatori: ffetto tunnel: l organizzazione si concentra sulle attività coperte dagli dicatori a scapito di altre importanti attività ub ottimizzazione: i risultati di un centro inibiscono o contrastano la erformance di un altro centro della stessa organizzazione iopia: l organizzazione si concentra solo sui risultati a breve termine, senza reoccuparsi degli impatti futuri onvergenza: l organizzazione esprime una tendenza a posizionarsi sulla media aggiunta da altre organizzazioni pur avendo possibilità di tendere all eccellenza ssificazione: l organizzazione esprime riluttanza verso le possibilità di novazione omportamenti tattici: l organizzazione adotta strategie di manipolazione per istorcere i risultati relativi ad un dato indicatore uto-referenzialità: il sistema degli indicatori è interpretato come fine a se tesso senza valutare lì utilità per i processi decisionali e il governo delle politiche adattato da Azzone, G. Dente, B. (1999). Valutare per governare Il nuovo sistema dei controlli nelle Pubbliche amministrazioni, Etas, Milano)

31 Punti chiave Non si possono gestire la performance solo sulla base dei fini La gestione consapevole dei risultati passa dalla coerenza tra fini, obiettivi e indicatori di performance Bisogna cercare di trovare indicatori non solo economici e di volume ma anche di qualità per ispirare un comportamento più manageriale e motivante Disegnare un sistema che sia funzionale ai bisogni di colui che gestisce ed è chiamato a essere responsabile dei risultati (coordinatore dei servizi, prodotti) Assegnare a positivi risultati positive conseguenze (premi)

32 I quattro livelli della misurazione della performance secondo la New Public Management (tratto da Mussari, R. (2002). Il controllo di gestione nelle amministrazioni centrali, Rubbettino Editore, Soveria Mannelli)

33 La contabilità dei costi Nel processo di controllo, la contabilità dei costi informa sui costi causati dall utilizzo di risorse per ogni centro di costo e sul modo in cui sono distribuiti questi costi. Eppure, perfino il più sofisticato calcolo dei costi non è in grado fornire alcuna informazione essenziale di gestione, a meno che essa non venga utilizzata per effettuare comparazioni nel tempo, orizzontali o verticali. Tuttavia, è possibile realizzare dei confronti validi solo con l aiuto di una definizione standard di unità di costo. Per questo motivo, è necessario includere un ulteriore livello al di là e al di sopra di quello che considera semplicemente le risorse: il livello dell output.

34 La contabilità dell output Al secondo livello del processo di controllo, l output dell amministrazione viene descritto in termini di prodotti realizzati ad un determinato punto del processo di produzione ed erogazione. La contabilità dell output consente di rilevare i prodotti in tutta l amministrazione, se non altro quantitativamente, e di sottoporre questi dati ad una valutazione sistematica. Grazie al collegamento tra contabilità dei costi e dell output è, per esempio, possibile calcolare quali costi comporta un prodotto specifico rispetto ad un altro, un informazione prima assente.

35 La contabilità dei risultati Tale sottosistema rileva l impatto dell attività amministrativa, vale a dire dei programmi, e lo correla agli obiettivi politici perseguiti con i programmi stessi. Fornisce, inoltre, informazioni sugli impatti globali generati dalla loro attuazione, ivi compresi gli effetti collaterali non previsti. Il requisito fondamentale affinché le informazioni siano rilevanti e significative ai fini della contabilità dei risultati, è l esistenza di obiettivi chiaramente definiti.

36 La contabilità dei benefici La contabilità dei benefici è il calcolo più interessante, ma anche più complesso in questo sistema; esso esprime i risultati dell azione amministrativa nella maniera in cui quest ultima viene soggettivamente valutata dai suoi destinatari. In questo caso, le esigenze del cliente fungono da valori di riferimento, ma sono spesso tanto difficili da misurare con precisione quanto i risultati stessi. Ricerche condotte tra la popolazione in generale ed i clienti sono d aiuto in questo contesto: tramite domande incentrate sulla soddisfazione, tali indagini permettono di acquisire informazioni sulle relazioni tra due classi di valori bisogni e soddisfazione il cui confine è abbastanza sfumato e che, a loro volta, consentono di valutare in maniera abbastanza attendibile i risultati.

37 Il trade-off tra costi e benefici della valutazione della performance quanto più il valore da misurare è vicino al processo produttivo vero e roprio, tanto più facilmente e direttamente esso può essere rilevato. Ad sempio, i dati di costo e di risultato si possono misurare regolarmente, ad un osto ragionevole. quanto più il valore da misurare è lontano dal processo produttivo, tanto aggiori sono il suo interesse e la sua importanza politica. Ad esempio, impatto percepito dalla popolazione di un programma di lotta alla riminalità è notevolmente più interessante della descrizione dettagliata delle isorse per esso utilizzate. La combinazione di queste due relazioni comporta un trade-off per il ontrollo politico: dati facili da misurare sono di scarso interesse, dati nteressanti sono difficilmente misurabili. In un qualche punto intermedio si rova il livello ideale al quale rilevare le informazioni, tale che la loro alutazione sia affidabile ed il livello di interesse adeguato.

38 Commento alle schede e ai lavori di gruppo

39 ommento alle schede e ai lavori di gruppo A.1.01/TUR vori di gruppo iettivo Strategico monizzazione alla rmativa unitaria e nazionale. glioramento della icienza amministrativa raverso la plificazione dei cedimenti iettivo Operativo: visione normativa e plificazione amministrativa Commenti proposti Gli obiettivi strategici sono due. Bisognerebbe chiaramente individuarne uno. Generico e non quantificabile Proposta alternativa 1. Armonizzazione alla normativa comunitaria e nazionale. 2. Miglioramento della efficienza amministrativa attraverso la semplificazione dei procedimenti Riduzione del numero delle autorizzazioni d 10% Armonizzazione dell 80% della normativa i vigore

40 ommento alle schede e ai lavori di gruppo A.1.01/TUR vori di gruppo ività alisi dei cedimenti amministrativi. nitoraggio delle innovazioni rmative e regolamenti ntualmente introdotte corso dell anno cessi nitoraggio e studio della rmativa comunitaria rato alla armonizzazione la legislazione regionale icatori: rata del procedimento Commenti proposti Dovrebbero descrivere tutte le attività in cui si articola il processo Non vi è coerenza tra gli obiettivi e i processi (cosa si dovrebbe fare per la semplificazione dei procedimenti?) La durata di per sé non è un indicatore perché va confrontata con un valore di riferimento Proposta alternativa -Studio della normativa -Elaborazione di proposte alternative di svolgimento del procedimento compatibilmente con la normativa (per esempio maggior ricorso all autocertificazione dei documenti) -Scelta delle proposte -Verifica di fattibilità delle proposte Un secondo processo dovrebbe riguardare l semplificazione del procedimento. Numero di autorizzazioni richieste prima de semplificazione - numero delle richieste/numero delle richieste prima della semplificazione Numero di leggi armonizzate/leggi da armonizzare

41 ommento alle schede e ai lavori di gruppo L. 2.01/TUR vori di gruppo iettivo Strategico: glioramento qualitativo dell offerta istica, con riferimento al turismo balneare, otenziamento del turismo culturale, alla ersificazione dei prodotti turistici ionali finalizzata alla destagionalizzazione le presenze turistiche, al rafforzamento del ema dell accoglienza e alla promozione le diverse forme di turismo sostenibile iettivo Operativo: ziative volte allo sviluppo le attività relative al Bed and akfast cessi: nitoraggio della offerta ttiva del Bed and Breakfast esistente, valutazione la offerta ricettiva che si vuole rementare in relazione alle ieste Commenti proposti andrebbero identificati diversi obiettivi strategici (promozione, diversificazione, miglioramento qualitativo dell' offerta turistica) obiettivo generico e non quantificabile processo ben definito Proposta alternativa 1. Miglioramento qualitativo dell offerta turistica 2.Destagionalizzazione delle presenze turistiche 3. Rafforzamento del sistema dell accoglienza 1. incremento dei posti letto relativi a strutture bed and brekfast 2. miglioramento dell' immagine percepit delle strutture bed and brekfast Analisi delle potenzialità di sviluppo del mercato bed and brekfast

42 ommento alle schede e ai lavori di gruppo L. 2.01/TUR vori di gruppo ività: rmulazione bando per utilizzazione risorse o 2004 volte allo sviluppo Commenti proposti si limita a descrivere poche attività amministrative Proposta alternativa - studio e verifica numero posti letto bed and brekfast disponibili - analisi di mercato e studio della domand potenziale - valutazione fondi stanziabili in funzione del livello di incremento di posti letto bed and brekfast - predisposizione e approvazione bando finanziamento nuovi posti letto bed and brekfast alità: tenziare l offerta ricettiva del Bed and akfast, al fine di incrementare i flussi non è una finalità ma un obiettivo ben definito

43 ommento alle schede e ai lavori di gruppo vori di gruppo icatori mero di contributi erogati Commenti proposti non è idoneo a misurare il raggiungimento del risultato atteso (che non è costituito dal numero di contributi, ma dal loro successo, dal numero dei partecipanti, dalla ricaduta in termini ad esempio di n. di nuovi bed and brekfast di n. di visitatori della regione). In pratica l indicatore è riferito al mezzo (la concessione di un certo n. di contributi) e non al fine che tramite esso si vuole ottenere, non definito. Tuttavia potrebbe essere un indicatore intermedio ben definito, relativo all' attività dell erogazione dei contributi L. 2.01/TUR Proposta alternativa - Indicatore intermedio: numero di contributi erogati su totale contributi disponib - Indicatore finale: numero d posti letto/numeri di posti letto anno precedente

44 ommento alle schede e ai lavori di gruppo L. 2.02/TUR vori di gruppo iettivo Operativo: uazione articoli 76 e 78 L.R. dicembre 2000 n. 32. Mutui volati e contributi in conto itale per la realizzazione, modernamento. Commenti proposti L obiettivo dovrebbe essere quella della realizzazione e dell ammodernamento di strutture bed and brekfast e non l erogazione dei contributi Proposta alternativa Realizzazione e ammodernamento di n.post letto di bed and berkfast ività: ruttoria dei progetti esecutivi, alizzati al miglioramento litativo dell offerta turistica e tagionalizzazione delle senze turistiche. Altre attività possono essere individuate - Analisi di mercato e verific del fabbisogno dei fondi - Predisposizione bando - Finanziamento e verifica d utilizzo dei fondi

45 ommento alle schede e ai lavori di gruppo L. 2.02/TUR vori di gruppo icatori: mero dei decreti di cessione Commenti proposti Va paragonato a un valore di riferimento Proposta alternativa -Numero dei decreti/numer dei decreti dell anno precedente -Posti letto/posti letto prim del finanziamento -Domanda di bed and brekfast/domanda preceden -Qualità percepita del bed an brekfast/qualità percepita precedentemente

46 ommento alle schede e ai lavori di gruppo E vori di gruppo iettivo strategico alizzazione degli atti finalizzati i adempimenti relativi attuazione del POR 0/2006 secondo i nogrammi previsti dal mplemento di grammazione e dalla cessiva rimodulazione di tà periodo. Commenti proposti Ben definito Proposta alternativa iettivo operativo ivazione interventi Misura 1 - Azione F miglioramento vizi di supporto all'attività istica mediante azioni di cordo con Assessorato ionale Beni culturali per la lizzazione di rastrutturazione minore atta a gliorare la fruizione turistica beni monumentali, artistici,. L obiettivo dovrebbe essere il miglioramento della fruizione turistica dei beni, in termini specifici Aumento della soddisfazion dei turisti nella fruizione dei beni

47 ommento alle schede e ai lavori di gruppo E vori di gruppo icatori icatore che verifichi con enza annuale l aumento del mero delle presenze turistiche Commenti proposti Ben definito ma bisogna esplicitarlo Proposta alternativa Presenze di quest anno/presenze dell anno precedente icatore rilevi l incremento numero dei progetti rovati e dei relativi vvedimenti di finanziamento o ad esaurimento risorse È ben definito e si riferisce principalmente ad un indicatore intermedio poiché riguardante un attività che costituisce un mezzo per raggiungere l obiettivo finale (soddisfacimento dei turisti nella fruizione dei beni) Numero di progetti approva /numero dei progetti approvati l anno precedente

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI Premesse e riferimenti normativi La valutazione del personale, che costituisce un processo centrale nell ambito del management pubblico, ha registrato negli

Dettagli

COMUNE DI CORCIANO PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

COMUNE DI CORCIANO PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI COMUNE DI CORCIANO PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 10 DEL 19 MARZO 2015 CAPO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto

Dettagli

Integrazione fra performance organizzativa e performance individuale. Formez, Napoli 29 novembre 2012 Giancarla Masè

Integrazione fra performance organizzativa e performance individuale. Formez, Napoli 29 novembre 2012 Giancarla Masè Integrazione fra performance organizzativa e performance individuale Formez, Napoli 29 novembre 2012 Giancarla Masè Indice La realtà di UNITN La performance organizzativa La performance individuale 1 La

Dettagli

SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE 1) PRINCIPI I principi, cui si ispira il sistema di valutazione, riguardano la trasparenza dei criteri e dei risultati, l adeguata informazione e la partecipazione

Dettagli

PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE

PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE Allegato alla deliberazione di Giunta Comunale n. 289 del 28.12.2011 1 INDICE SEZIONE I - CONTESTO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (Approvato con deliberazione di G.C. 140/02.12.2010) 1 TITOLO I - SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE Capo I - Aspetti generali

Dettagli

IL REPORTING. Caratteristiche generali. La rilevazione ed elaborazione dei dati. La progettazione del reporting. L analisi degli scostamenti

IL REPORTING. Caratteristiche generali. La rilevazione ed elaborazione dei dati. La progettazione del reporting. L analisi degli scostamenti IL REPORTING Caratteristiche generali La rilevazione ed elaborazione dei dati La progettazione del reporting L analisi degli scostamenti CARATTERISTICHE GENERALI DEFINIZIONE Il report è uno strumento di

Dettagli

TITOLO VIII : LA PROGRAMMAZIONE

TITOLO VIII : LA PROGRAMMAZIONE TITOLO VIII : LA PROGRAMMAZIONE 1. STRUMENTI DELLA PROGRAMMAZIONE La Direzione aziendale elabora le linee strategiche per il governo del sistema dei servizi sanitari sulla base degli atti di indirizzo

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO DI GESTIONE (Deliberazione Giunta Comunale n._364/05 ) TITOLO I RIFERIMENTI NORMATIVI E OGGETTO DEL REGOLAMENTO

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO DI GESTIONE (Deliberazione Giunta Comunale n._364/05 ) TITOLO I RIFERIMENTI NORMATIVI E OGGETTO DEL REGOLAMENTO REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO DI GESTIONE (Deliberazione Giunta Comunale n._364/05 ) TITOLO I RIFERIMENTI NORMATIVI E OGGETTO DEL REGOLAMENTO Articolo 1 Riferimenti normativi e oggetto Il presente regolamento

Dettagli

IL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (PROCEDURA) LE FASI

IL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (PROCEDURA) LE FASI IL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (PROCEDURA) LE FASI FASE 0 IL PROCESSO DI PIANIFICAZIONE DELL ENTE FASE 1 DEFINIZIONE E ASSEGNAZIONE DEGLI OBIETTIVI DA RAGGIUNGERE FASE 2 MONITORAGGIO IN CORSO DI

Dettagli

E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Provincia di Palermo Sede legale: Prizzi Corso Umberto I Tel 091 8344507 Fax 091 8344507 Codice fiscale 97178810822 REGOLAMENTO RELATIVO AL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Art. 1

Dettagli

Città di Montalto Uffugo (Provincia di Cosenza) SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

Città di Montalto Uffugo (Provincia di Cosenza) SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Città di Montalto Uffugo (Provincia di Cosenza) SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Allegato Delibera Giunta Comunale n. 110 del 19 maggio 2014 1) Caratteristiche generali del sistema

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Comune di Inverigo Provincia di Como SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDICE INTRODUZIONE TITOLO I FINALITA E PRINCIPI Art. 1 - Finalità e oggetto Art. 2 - Principi di riferimento

Dettagli

( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) TITOLO I: Principi generali ( articoli 11 e 28 del d.lgs. 150/09)

( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) TITOLO I: Principi generali ( articoli 11 e 28 del d.lgs. 150/09) Regolamento di disciplina della misurazione, valutazione e trasparenza della performance ( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) Il presente Regolamento è assunto ai sensi degli artt. 16 e 31 del

Dettagli

Manuale di valutazione del personale non titolare di posizione organizzativa

Manuale di valutazione del personale non titolare di posizione organizzativa Manuale di valutazione del personale non titolare di posizione organizzativa 1 Premessa Il presente manuale è stato redatto al fine di fornire uno strumento, rapido e accessibile, per chiarire i presupposti

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento per il Controllo di Gestione

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento per il Controllo di Gestione PROVINCIA DI ROMA Regolamento per il Controllo di Gestione Adottato con delibera della Giunta Provinciale n. 498/23 del 09/04/2003 1 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art.1 Ambito di applicazione 1. Il presente

Dettagli

Esistono differenti tipologie di report aziendali, a seconda della funzione per cui sono redatti e dei soggetti a cui si rivolgono

Esistono differenti tipologie di report aziendali, a seconda della funzione per cui sono redatti e dei soggetti a cui si rivolgono REPORTING INTERNO: PREMESSE Esistono differenti tipologie di report aziendali, a seconda della funzione per cui sono redatti e dei soggetti a cui si rivolgono REPORT ISTITUZIONALI REPORT OPERATIVI REPORT

Dettagli

Disciplinare del Controllo di gestione

Disciplinare del Controllo di gestione Disciplinare del Controllo di gestione INDICE CAPO I - PRINCIPI E FINALITA ART. 1 Oggetto del Disciplinare pag. 3 ART. 2 Il controllo di gestione pag. 3 CAPO II - CONTABILITA ANALITICA ART. 3- Organizzazione

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

U.O.C. Programmazione e Controllo di Gestione. Regolamento di Budget

U.O.C. Programmazione e Controllo di Gestione. Regolamento di Budget Regolamento di Budget 1 RIFERIMENTI NORMATIVI Preliminarmente qui di seguito si richiamano i principali riferimenti normativi che costituiscono fonte principale del presente regolamento: D.L.vo n. 502/92

Dettagli

Comune di Azzano San Paolo Provincia di Bergamo Piazza IV novembre Tel. 035/53.22.11 Fax 035/53.00.73 C.F./IVA n. 00681530168

Comune di Azzano San Paolo Provincia di Bergamo Piazza IV novembre Tel. 035/53.22.11 Fax 035/53.00.73 C.F./IVA n. 00681530168 Comune di Azzano San Paolo Provincia di Bergamo Piazza IV novembre Tel. 035/53.22.11 Fax 035/53.00.73 C.F./IVA n. 00681530168 E-mail: servizio.segreteria@comuneazzanosanpaolo.gov.it P.E.C: comuneazzanosanpaolo@pec.it

Dettagli

RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2014

RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2014 COMUNE DI CIVIDATE AL PIANO (Provincia di Bergamo) RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2014 Il Segretario Comunale - Dott. Ivano Rinaldi Nell ambito del processo di riforma della Pubblica Amministrazione, con

Dettagli

Regolamento di disciplina della misurazione, della valutazione e della trasparenza delle performance.

Regolamento di disciplina della misurazione, della valutazione e della trasparenza delle performance. Regolamento di disciplina della misurazione, della valutazione e della trasparenza delle performance. Art. 1 OBIETTIVI Il sistema di misurazione, valutazione e trasparenza delle performance viene applicato

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI (rif. D. Lgs. n. 267/2000, artt. 147, 147bis, 147ter, 147quater, 147quinquies)

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI (rif. D. Lgs. n. 267/2000, artt. 147, 147bis, 147ter, 147quater, 147quinquies) COMUNE DI MONTEMURLO (Provincia di Prato) REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI (rif. D. Lgs. n. 267/2000, artt. 147, 147bis, 147ter, 147quater, 147quinquies) Approvato con delibera n. 001/CC del 30/01/2013

Dettagli

COMUNE DI CASTELVETRANO Provincia di Trapani REGOLAMENTO PER LA GESTIONE, MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

COMUNE DI CASTELVETRANO Provincia di Trapani REGOLAMENTO PER LA GESTIONE, MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE COMUNE DI CASTELVETRANO Provincia di Trapani REGOLAMENTO PER LA GESTIONE, MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Città di Castelvetrano Regolamento per la gestione, misurazione e valutazione della

Dettagli

COMUNE DI GIOVINAZZO. Regolamento di disciplina della misurazione e

COMUNE DI GIOVINAZZO. Regolamento di disciplina della misurazione e COMUNE DI GIOVINAZZO Regolamento di disciplina della misurazione e valutazione della performance Approvato dalla Giunta Comunale con deliberazione n. del 1 Articolo 1 Oggetto e finalità 1. Le disposizioni

Dettagli

Regolamento del sistema di controlli interni (art. 147 e ss. del T.U.E.L.)

Regolamento del sistema di controlli interni (art. 147 e ss. del T.U.E.L.) Regolamento del sistema di controlli interni (art. 147 e ss. del T.U.E.L.) I N D I C E TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Sistema dei controlli interni. Art. 2 controllo delle sezioni regionali della Corte

Dettagli

REGOLAMENTO SULLA METODOLOGIA E I CRITERI PER LA VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE E SUL NUCLEO DI VALUTAZIONE

REGOLAMENTO SULLA METODOLOGIA E I CRITERI PER LA VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE E SUL NUCLEO DI VALUTAZIONE REGOLAMENTO SULLA METODOLOGIA E I CRITERI PER LA VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE E SUL NUCLEO DI VALUTAZIONE Art. 1 Definizione di performance organizzativa e di performance individuale La performance organizzativa

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

REGOLAMENTO PROVINCIALE SUI CONTROLLI INTERNI IN ATTUAZIONE DELL ART. 3 DEL DECRETO LEGGE 10 OTTOBRE 2012, N. 174, CONVERTITO IN LEGGE 7 DICEMBRE

REGOLAMENTO PROVINCIALE SUI CONTROLLI INTERNI IN ATTUAZIONE DELL ART. 3 DEL DECRETO LEGGE 10 OTTOBRE 2012, N. 174, CONVERTITO IN LEGGE 7 DICEMBRE REGOLAMENTO PROVINCIALE SUI CONTROLLI INTERNI IN ATTUAZIONE DELL ART. 3 DEL DECRETO LEGGE 10 OTTOBRE 2012, N. 174, CONVERTITO IN LEGGE 7 DICEMBRE 2012, N. 213 TITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1 Oggetto

Dettagli

Lezione n 15 17 Maggio 2013 Alberto Balducci

Lezione n 15 17 Maggio 2013 Alberto Balducci Lezione n 15 17 Maggio 2013 Alberto Balducci Obiettivi conoscitivi Il Budget nel sistema di programmazione e controllo I documenti che compongono il budget Le finalità e gli obiettivi di budget Il processo

Dettagli

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 COS È UN OBIETTIVO... 3 IL CONTROLLO DI GESTIONE...

Dettagli

Il sistema di valutazione delle prestazioni del Comune di Arzignano. Finalità, metodo e strumenti

Il sistema di valutazione delle prestazioni del Comune di Arzignano. Finalità, metodo e strumenti Il sistema di valutazione delle prestazioni del Comune di Arzignano Finalità, metodo e strumenti 1 1. LE FINALITA DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI Il sistema di valutazione delle prestazioni

Dettagli

GESTIONE RISORSE UMANE

GESTIONE RISORSE UMANE rev. 01 Data: 26-07-2007 pag. 1 7 SOMMARIO 1. PIANIFICAZIONE... 2 1.1. SCOPO DELLA PROCEDURA GESTIONALE... 2 1.2. OBIETTIVI E STANDARD DEL PROCESSO... 2 1.3. RESPONSABILITÀ E RISORSE COINVOLTE... 2 2.

Dettagli

ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI premessa

ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI premessa ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI premessa il processo di programmazione e controllo prende le mosse dalla pianificazione strategica e con riferimento al budget aziendale definisce il quadro con cui confrontare

Dettagli

COMUNE DI ROBASSOMERO PROVINCIA DI TORINO tel. 011 9234400 - Fax 011 9234422 E-mail: comune@comune.robassomero.to.it - www.comune.robassomero.to.

COMUNE DI ROBASSOMERO PROVINCIA DI TORINO tel. 011 9234400 - Fax 011 9234422 E-mail: comune@comune.robassomero.to.it - www.comune.robassomero.to. COMUNE DI ROBASSOMERO PROVINCIA DI TORINO tel. 011 9234400 - Fax 011 9234422 E-mail: comune@comune.robassomero.to.it - www.comune.robassomero.to.it Approvato con deliberazione G.C. n. 103/29.12.2010 INDICE

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA Premesso che il programma di Governo ha previsto una legislatura caratterizzata da profonde riforme istituzionali; che tale

Dettagli

PROVVEDIMENTO DELLA BANCA D ITALIA

PROVVEDIMENTO DELLA BANCA D ITALIA PROVVEDIMENTO DELLA BANCA D ITALIA OBBLIGO DI PARTECIPAZIONE DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI AL SERVIZIO DI CENTRALIZZAZIONE DEI RISCHI GESTITO DALLA BANCA D ITALIA Documento per la consultazione e analisi

Dettagli

LINEE GUIDA DI BUDGET

LINEE GUIDA DI BUDGET Settore Controllo di Gestione LINEE GUIDA DI BUDGET Indice GLI OBIETTIVI DELLE LINEE GUIDA DI BUDGET... 3 IL BUDGET: DEFINIZIONE... 3 IL PROCESSO DI BUDGETING... 4 ASSEGNAZIONE... 4 PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE...

Dettagli

Corso di. Analisi e contabilità dei costi

Corso di. Analisi e contabilità dei costi Corso di Analisi e Contabilità dei Costi Prof. 1_I costi e il sistema di controllo Perché analizzare i costi aziendali? La CONOSCENZA DEI COSTI (formazione, composizione, comportamento) utile EFFETTUARE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DEL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DEL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DEL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Approvato con delibera di Giunta Comunale n. 22 del 20.04.2011 in vigore dal 26.05.2011 TITOLO

Dettagli

Processi e Miglioramento IL PROCESSO AZIENDALE IL PROCESSO AZIENDALE 07/10/2013

Processi e Miglioramento IL PROCESSO AZIENDALE IL PROCESSO AZIENDALE 07/10/2013 Processi e Miglioramento - La gestione per processi - Il miglioramento - Le metodologie del miglioramento 1 L organizzazione di successo è quella vicina al cliente, cioè in grado di fornire elevate prestazioni

Dettagli

IL PRINCIPIO DELLA PROGRAMMAZIONE. Prof. Riccardo Mussari

IL PRINCIPIO DELLA PROGRAMMAZIONE. Prof. Riccardo Mussari IL PRINCIPIO DELLA PROGRAMMAZIONE Prof. Riccardo Mussari INDICE Il principio della programmazione I documenti della programmazione: DUP PEG Il principio della programmazione La programmazione nella riforma

Dettagli

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Le norme cosiddette organizzative definiscono le caratteristiche ed i requisiti che sono stati definiti come necessari e qualificanti per le organizzazioni al

Dettagli

ASL TERAMO. (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE

ASL TERAMO. (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE ASL TERAMO (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE (ai sensi della legge 150/2000, del DPR 422/2001, e della Direttiva della Presidenza del Consiglio dei

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA MISURAZIONE, DELLA VALUTAZIONE, DELLA RENDICONTAZIONE E DELLA TRASPARENZA DELLA PERFORMANCE

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA MISURAZIONE, DELLA VALUTAZIONE, DELLA RENDICONTAZIONE E DELLA TRASPARENZA DELLA PERFORMANCE COMUNE DI PATU Provincia di Lecce - Regolamento Comunale - REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA MISURAZIONE, DELLA VALUTAZIONE, DELLA RENDICONTAZIONE E DELLA TRASPARENZA DELLA PERFORMANCE Approvato

Dettagli

ARPAT. Politica per la Qualità

ARPAT. Politica per la Qualità ARPAT Politica per la Qualità POLITICA PER LA QUALITÀ La missione di ARPAT L Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale della Toscana (ARPAT) concorre alla promozione dello sviluppo sostenibile e contribuisce

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE CONSORZIO DI POLIZIA LOCALE DELLA VALLE SABBIA SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Art 7 Decreto Legislativo 150/2009 Revisione del 2 novembre 2011 INDICE INDICE... 2 PREMESSA... 3 I

Dettagli

Regolamento per l introduzione del bilancio unico e dei sistemi di contabilità economico-patrimoniale e analitica.

Regolamento per l introduzione del bilancio unico e dei sistemi di contabilità economico-patrimoniale e analitica. Regolamento per l introduzione del bilancio unico e dei sistemi di contabilità economico-patrimoniale e analitica. Art. 1 Ambito di applicazione 1. Il presente Regolamento è adottato ai sensi della normativa

Dettagli

Introduzione. Articolazione della dispensa. Il sistema del controllo di gestione. Introduzione. Controllo di Gestione

Introduzione. Articolazione della dispensa. Il sistema del controllo di gestione. Introduzione. Controllo di Gestione Introduzione Perché il controllo di gestione? L azienda, come tutte le altre organizzazioni, è un sistema che è rivolto alla trasformazione di input (risorse tecniche, finanziarie e umane) in output (risultati

Dettagli

LA QUALITA NEI SERVIZI DI INFORMAZIONE AL CITTADINO IN SARDEGNA

LA QUALITA NEI SERVIZI DI INFORMAZIONE AL CITTADINO IN SARDEGNA LA QUALITA NEI SERVIZI DI INFORMAZIONE AL CITTADINO IN SARDEGNA Dall amministrazione segreta all open government: Il programma triennale per la trasparenza e l integrità Cagliari, 14 aprile 2011 Avvocato

Dettagli

Evidenziare le modalità con le quali l azienda agrituristica produce valore per i clienti attraverso la gestione dei propri processi.

Evidenziare le modalità con le quali l azienda agrituristica produce valore per i clienti attraverso la gestione dei propri processi. 5. Processi Evidenziare le modalità con le quali l azienda agrituristica produce valore per i clienti attraverso la gestione dei propri processi. Il criterio vuole approfondire come l azienda agrituristica

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI COMUNE DI F U R O R E (Provincia di Salerno) REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n.3 del 10 gennaio 2013. TITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1 Oggetto 1.

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Premessa PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Le recenti e numerose modifiche previste nell ambito del vasto progetto di riforma della P.A. impongono agli Enti Locali il controllo e la

Dettagli

R E G O L A M E N T O C O M U N A L E S U I

R E G O L A M E N T O C O M U N A L E S U I COMUNE DI REGGELLO PROVINCIA DI FIRENZE Allegato alla delibera del Consiglio Comunale n. 05 del 08 gennaio 2013 IL VICE SEGRETARIO COMUNALE R E G O L A M E N T O C O M U N A L E S U I C O N T R O L L I

Dettagli

COMUNE DI MONTEBELLO JONICO

COMUNE DI MONTEBELLO JONICO COMUNE DI MONTEBELLO JONICO CAPO X SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DEL PERSONALE ART.57 -FINALITA DEL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DEL PERSONALE 1. Le disposizioni contenute nel presente Titolo

Dettagli

COMUNE DI CALCI (PROVINCIA DI PISA) Sistema di Misurazione e Valutazione della Performance

COMUNE DI CALCI (PROVINCIA DI PISA) Sistema di Misurazione e Valutazione della Performance COMUNE DI CALCI (PROVINCIA DI PISA) Sistema di Misurazione e Valutazione della Performance . PREMESSA Il Sistema di Misurazione e Valutazione della Performance, per il seguito anche SMIVAP, è volto all

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 85 PROVINCIA DI PADOVA

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 85 PROVINCIA DI PADOVA I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 85 PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con D.C.P. del 14.3.2013 n. 6 reg. e modificato con D.C.P. del 28.4.2014 n. 22 reg. INDICE Art. 1 Art. 2

Dettagli

COMUNE DI PERUGIA AREA DEL PERSONALE DEL COMPARTO DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE E DELLE ALTE PROFESSIONALITA

COMUNE DI PERUGIA AREA DEL PERSONALE DEL COMPARTO DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE E DELLE ALTE PROFESSIONALITA COMUNE DI PERUGIA AREA DEL PERSONALE DEL COMPARTO DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE E DELLE ALTE PROFESSIONALITA METODOLOGIA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Approvato con atto G.C. n. 492 del 07.12.2011 1

Dettagli

Regolamento del sistema di controlli interni (art.147 e ss. del T.U.E.L.)

Regolamento del sistema di controlli interni (art.147 e ss. del T.U.E.L.) COMUNE DI PORTO SAN GIORGIO (PROVINCIA DI FERMO) Alleg.B Regolamento del sistema di controlli interni (art.147 e ss. del T.U.E.L.) Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 5, in data 28.01.2016

Dettagli

Sistema di misurazione e valutazione della performance individuale dei dirigenti, degli incaricati di posizione organizzativa e del personale del

Sistema di misurazione e valutazione della performance individuale dei dirigenti, degli incaricati di posizione organizzativa e del personale del Sistema di misurazione e valutazione della performance individuale dei dirigenti, degli incaricati di posizione organizzativa e del personale del Comune di Modena Aggiornamento aprile 2013 Indice Introduzione

Dettagli

DECRETO n. 269 del 24/05/2013

DECRETO n. 269 del 24/05/2013 ASL di Brescia Sede Legale: viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030.38381 Fax 030.3838233 - www.aslbrescia.it - informa@aslbrescia.it Posta certificata: servizioprotocollo@pec.aslbrescia.it

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO

CODICE DI COMPORTAMENTO CODICE DI COMPORTAMENTO Per il personale coinvolto nelle attività di distribuzione e misura del gas naturale Rev. 01 del 10.06.2015 Il presente Codice di Comportamento è stato elaborato per assicurare

Dettagli

REGOLAMENTO DEGLI INTERVENTI E DEI CONTRIBUTI

REGOLAMENTO DEGLI INTERVENTI E DEI CONTRIBUTI REGOLAMENTO DEGLI INTERVENTI E DEI CONTRIBUTI (Approvato dal Consiglio di indirizzo in data 16/2/2009) ART. 1 (oggetto) 1. Il presente Regolamento disciplina, ai sensi dell art.2, comma 4, e dell art.17,

Dettagli

Il sistema logistico integrato

Il sistema logistico integrato Il sistema logistico integrato Che cos è la logistica? Il concetto di logistica è spesso poco chiaro Per logistica, spesso, s intendono soltanto le attività di distribuzione fisica dei prodotti (trasporto

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 STRUMENTI FINANZIARI DELLA POLITICA DI COESIONE PER IL PERIODO 2014-2020 POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le

Dettagli

Management e Certificazione della Qualità

Management e Certificazione della Qualità Management e Certificazione della Qualità Prof. Alessandro Ruggieri A.A. 2012-2013 Oggetto della lezione Certificazione: normazione e accreditamento terminologia e concetti ISO 9001:2008 Introduzione e

Dettagli

La valutazione della performance

La valutazione della performance LA VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Agenda La responsabilità del manager pubblico. La logica Attività-Risultati La definizione degli obiettivi La valutazione della performance LA RESPONSABILITÀ DEL MANAGER

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004.

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004. RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004. Presentazione del Presidente dell Autorità. Roma, 6 luglio 2004. Orientamenti per l azione futura. Considerate la dinamica e la complessità

Dettagli

Il processo di pianificazione e controllo

Il processo di pianificazione e controllo CONTROLLO METODI LA GESTIONE DI UN SISTEMA RETRIBUTIVO MERITOCRATICO PER LA CRESCITA INTERNA di Alberto Fochi Mario Fochi e Associati S.a.S., Torino 28 Il processo di pianificazione e controllo deve riuscire

Dettagli

Sistema di incentivazione della produttività per progetti e di misurazione e valutazione della performance

Sistema di incentivazione della produttività per progetti e di misurazione e valutazione della performance Sistema di incentivazione della produttività per progetti e di misurazione e valutazione della performance Approvato con Delibera di Giunta Comunale 87 del 21/04/15 Sommario Articolo 1 - Sistemi Articolo

Dettagli

RISPOSTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILE ALLA CONSULTAZIONE DELLA COMMISSIONE EUROPEA IN MERITO ALL

RISPOSTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILE ALLA CONSULTAZIONE DELLA COMMISSIONE EUROPEA IN MERITO ALL RISPOSTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILE ALLA CONSULTAZIONE DELLA COMMISSIONE EUROPEA IN MERITO ALL ADOZIONE DEI PRINCIPI DI REVISIONE INTERNAZIONALI Settembre

Dettagli

CRITERI GENERALI DELLA METODOLOGIA PERMANENTE PER LA VALUTAZIONE DEI RISULTATI E DELLA PRESTAZIONE LAVORATIVA DEI DIPENDENTI

CRITERI GENERALI DELLA METODOLOGIA PERMANENTE PER LA VALUTAZIONE DEI RISULTATI E DELLA PRESTAZIONE LAVORATIVA DEI DIPENDENTI CRITERI GENERALI DELLA METODOLOGIA PERMANENTE PER LA VALUTAZIONE DEI RISULTATI E DELLA PRESTAZIONE LAVORATIVA DEI DIPENDENTI Il sistema premiante introdotto dal CCNL 31 marzo 1999 e dal CCNL 1 aprile 1999

Dettagli

Comune di Nogarole Vicentino (Provincia di Vicenza) SETTORE 1 Amministrativo Economico-finanziario

Comune di Nogarole Vicentino (Provincia di Vicenza) SETTORE 1 Amministrativo Economico-finanziario Comune di Nogarole Vicentino (Provincia di Vicenza) SETTORE 1 Amministrativo Economico-finanziario Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2015 2017 1 1 Approvato con deliberazione della Giunta

Dettagli

IL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO

IL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO http://www.sinedi.com ARTICOLO 27 OTTOBRE 2008 IL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO PRODUZIONE DI VALORE E RISCHIO D IMPRESA Nel corso del tempo, ogni azienda deve gestire un adeguato portafoglio di strumenti

Dettagli

ALLEGATO TECNICO PER L ACCREDITAMENTO DEGLI ORGANISMI DI FORMAZIONE CERTIFICATI

ALLEGATO TECNICO PER L ACCREDITAMENTO DEGLI ORGANISMI DI FORMAZIONE CERTIFICATI Allegato 4 ALLEGATO TECNICO PER L ACCREDITAMENTO DEGLI ORGANISMI DI FORMAZIONE CERTIFICATI Il presente Allegato tecnico, rivolto a tutti gli Enti di formazione già certificati secondo la norma internazionale

Dettagli

DISCIPLINARE PER LA VALORIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI SISTEMI AMBIENTALI E CULTURALI (SAC) DELLA REGIONE PUGLIA PREMESSO:

DISCIPLINARE PER LA VALORIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI SISTEMI AMBIENTALI E CULTURALI (SAC) DELLA REGIONE PUGLIA PREMESSO: DISCIPLINARE PER LA VALORIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI SISTEMI AMBIENTALI E CULTURALI (SAC) DELLA REGIONE PUGLIA PREMESSO: che le strategie della Regione Puglia nel campo della cultura, dell ambiente e del

Dettagli

CITTÀ DI AVIGLIANO. (Provincia di Potenza) METODOLOGIA PERMANENTE DI VALUTAZIONE DEL PERSONALE. (art. 6 C.C.N.L. 31/3/1999) SEZIONE I

CITTÀ DI AVIGLIANO. (Provincia di Potenza) METODOLOGIA PERMANENTE DI VALUTAZIONE DEL PERSONALE. (art. 6 C.C.N.L. 31/3/1999) SEZIONE I CITTÀ DI AVIGLIANO (Provincia di Potenza) METODOLOGIA PERMANENTE DI DEL PERSONALE (art. 6 C.C.N.L. 31/3/1999) SEZIONE I PRINCIPI GENERALI 1. Generalità Il Comune di Avigliano valuta il proprio personale

Dettagli

2. IL CONCETTO DELLA QUALITÀ NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

2. IL CONCETTO DELLA QUALITÀ NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Segreteria Generale Ufficio Programmazione e Controllo di gestione anno 2014 1. NOZIONI INTRODUTTIVE Ai sensi del decreto-legge 10 ottobre 2012, n. 174, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 dicembre

Dettagli

REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI UNIONE MONTANA ALTA VAL DI CECINA PROVINCIA DI PISA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera del Consiglio n. 1 del 07.01.2013 1 CAPO I PRINCIPI GENERALI INDICE Art. 1 Oggetto

Dettagli

Indicazioni operative per la predisposizione della proposta di budget per l anno 2010.

Indicazioni operative per la predisposizione della proposta di budget per l anno 2010. 1 OGGETTO PREDISPOSIZIONE DEL BUDGET QUESITO (posto in data 3 marzo 2010) Indicazioni operative per la predisposizione della proposta di budget per l anno 2010. RISPOSTA (inviata in data 5 marzo 2010)

Dettagli

La metodologia di misurazione e valutazione della performance del personale e delle posizioni organizzative Comune di Pinerolo

La metodologia di misurazione e valutazione della performance del personale e delle posizioni organizzative Comune di Pinerolo La metodologia di misurazione e valutazione della performance del personale e delle posizioni organizzative Comune di Pinerolo Deliberazione della Giunta Comunale n. 150 del 22/05/2013 1 1.1.1.- Le modalità

Dettagli

I sistemi di controllo di gestione. Nicola Castellano

I sistemi di controllo di gestione. Nicola Castellano I sistemi di controllo di gestione Nicola Castellano 1 Controllo di gestione e contabilità analitica Sommario: Controllo di gestione Definizione Il sistema di controllo Struttura organizzativa Processo

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA. Disciplina della misurazione, valutazione e integrità e trasparenza della Performance

PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA. Disciplina della misurazione, valutazione e integrità e trasparenza della Performance PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA Disciplina della misurazione, valutazione e integrità e trasparenza della Performance APPROVATO CON DELIBERA 58 CG 2013 E MODIFICATO ED INTEGRATO CON DELIBERE 59 E 149CG/2013

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SUI CONTROLLI INTERNI

REGOLAMENTO COMUNALE SUI CONTROLLI INTERNI REGOLAMENTO COMUNALE SUI CONTROLLI INTERNI Articolo 1 OGGETTO 1. Il presente regolamento ha ad oggetto il sistema dei controlli interni come previsti dagli articoli 147 e seguenti del decreto legislativo

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO. Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale

CODICE DI COMPORTAMENTO. Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale 1111 CODICE DI COMPORTAMENTO Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale INDICE 1 INTRODUZIONE...4 La separazione funzionale nel settore energetico...

Dettagli

Corso semestrale di Analisi e Contabilità dei Costi

Corso semestrale di Analisi e Contabilità dei Costi Corso semestrale di Analisi e Contabilità dei Costi Aureli Selena 1_Sistema di controllo e contabilità analitica Perché analizzare i costi aziendali? La CONOSCENZA DEI COSTI (formazione, composizione,

Dettagli

REGOLAMENTO SULL ISTITUZIONE E FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO INDIPENDENTE PER LA VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

REGOLAMENTO SULL ISTITUZIONE E FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO INDIPENDENTE PER LA VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE REGOLAMENTO SULL ISTITUZIONE E FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO INDIPENDENTE PER LA VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE ART. 1: OGGETTO 1. Il presente regolamento disciplina l istituzione, le attività e le modalità

Dettagli

COMUNE DI VENTOTENE PROVINCIA DI LATINA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

COMUNE DI VENTOTENE PROVINCIA DI LATINA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI COMUNE DI VENTOTENE PROVINCIA DI LATINA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 3 del 26.04.2013 1 CAPO I Art.1 Art.2 Art.3 Art.4 PRINCIPI GENERALI

Dettagli

Introduzione alla norma UNI EN CEI ISO 50001:2011

Introduzione alla norma UNI EN CEI ISO 50001:2011 Ordine degli Ingegneri della Provincia di Roma Seminario di introduzione alla norma ISO 50001 ed ai Sistemi di Gestione per l Energia Integrazione con la legislazione Roma, 16/03/2016 Introduzione alla

Dettagli

Titolo XII. Il Sistema di valutazione, misurazione e trasparenza della Performance Merito e Premi

Titolo XII. Il Sistema di valutazione, misurazione e trasparenza della Performance Merito e Premi Titolo XII Il Sistema di valutazione, misurazione e trasparenza della Performance Merito e Premi CAPO I IL SISTEMA DI VALUTAZIONE MISURAZIONE DELLA PERFORMANCE Art. 63 Le disposizioni contenute nel presente

Dettagli

Indice. Introduzione: organizzazione e funzioni della Società... 3. 1. Le principali novità... 5

Indice. Introduzione: organizzazione e funzioni della Società... 3. 1. Le principali novità... 5 Indice Introduzione: organizzazione e funzioni della Società... 3 1. Le principali novità... 5 2. Procedimento di elaborazione e adozione del Programma... 5 3. Iniziative di comunicazione della trasparenza...

Dettagli

Approvazione di bilancio e allegati da parte del Consiglio (31/12)

Approvazione di bilancio e allegati da parte del Consiglio (31/12) 87083 Amministrazione e controllo delle aziende pubbliche Altri documenti preventivi Processo di formazione del preventivo Predisposizione dello schema di bilancio da parte dell esecutivo esecutivo. Processo:

Dettagli

La gestione manageriale dei progetti

La gestione manageriale dei progetti PROGETTAZIONE Pianificazione, programmazione temporale, gestione delle risorse umane: l organizzazione generale del progetto Dimitri Grigoriadis La gestione manageriale dei progetti Per organizzare il

Dettagli

E. Struttura e organizzazione del sistema

E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E.1 Sistema di gestione L azienda dovrebbe strutturare il SGSL seguendo i contenuti espressi nel presente documento,

Dettagli

IL REPORTING DIREZIONALE

IL REPORTING DIREZIONALE IL REPORTING DIREZIONALE Il Reporting Direzionale è uno degli strumenti chiave necessari al management per governare l azienda e rappresenta il momento di sintesi delle rilevazioni contabili che permettono

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

studio della gestione

studio della gestione studio della gestione individuazione ed analisi delle cause che agiscono sulla economicità aziendale l economicità aziendale può essere scomposta: - in un livello di efficienza interna (Q/f) e in un livello

Dettagli

INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI

INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI 1. OBIETTIVI Il Piano Nazionale della Sicurezza Stradale è istituito dalla legge del 17 luglio

Dettagli