La valutazione della performance

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La valutazione della performance"

Transcript

1 La valutazione della performance

2 LA LOGICA OBIETTIVI ATTIVIT ATTIVITÀ-RISULTATI Obiettivi Risorse Attivita Risultati Definizione degli obiettivi Valutazione della performance

3 FINI FINI OBIETTIVI INTERVENTI CORRETTIVI Indicatori di obiettivo Valutazione della performance Rilevazione indicatori di performance ATTIVITÀ / PROCESSI

4 Obiettivi della valutazione della performance: L analisi degli scostamenti Confronti spazio-temporali Esprimere i risultati economici Comunicazione esterna Motivare

5 Obiettivi: L analisi degli scostamenti Confronti spazio-temporali Esprimere i risultati economici Comunicazione esterna Motivare Effettuare l analisi degli scostamenti, attraverso la definizione a preventivo del sistema di indicatori e degli obiettivi (standard) da perseguire e la rilevazione in fase concomitante ed a consuntivo dei risultati conseguiti. In questo senso, l analisi ed il raffronto è tra preventivo e dato effettivo ed è rivolta principalmente verso l interno e finalizzata all analisi delle cause del mancato raggiungimento degli obiettivi, nonché alla gestione del sistema di incentivazione.

6 Obiettivi: L analisi degli scostamenti Confronti spazio-temporali Esprimere i risultati economici Comunicazione esterna Motivare ncentivare i confronti spazio-temporali, in senso ampio e progettuale, ali cioè che consentano di aprire all interno delle amministrazioni n dibattito sugli obiettivi e sui risultati della gestione, e on certo per stilare graduatorie, mediante l osservazione dell evoluzione el tempo ed il confronto con altri enti sufficientemente imili dal punto di vista socio-economico e gestionale.

7 Obiettivi: L analisi degli scostamenti Confronti spazio-temporali Esprimere i risultati onomici Comunicazione esterna Motivare sprimere i risultati economici dell APTL,non limitati al risultato di stione ricavabile dal conto economico, rilevante ai fini del rispetto l vincolo minimo di equilibrio economico, cui, naturalmente, che l amministrazione pubblica, come tutte le aziende, è soggetta. vuole invece ottenere un analisi economica complessiva, tesa verificare l ottimalità della gestione volta a soddisfare al meglio i sogni della collettività con l utilizzo di risorse limitate, mediante confronto, secondo un modello che gli indicatori aiutano ad plicitare, tra utilità consumate e utilità generate.

8 Obiettivi: L analisi degli scostamenti Confronti spazio-temporali Esprimere i risultati economici Comunicazione esterna Motivare olgere in modo consapevole ed efficace attività di comunicazione esterna, nsentendo al tempo stesso un più pieno esplicarsi del principio di trasparenza i confronti dei cittadini, singolarmente e nelle loro organizzazioni ppresentative, che esercitano legittimamente la loro funzione di «controllo ciale». Naturalmente, l utilizzo di indicatori per questo fine non comporta la mplice pubblicazione degli indicatori sviluppati a fini gestionali dall ente. ggetti esterni, infatti, non solo avranno differenti fabbisogni informativi, ma, endo una conoscenza parziale dell attività dell ente, avranno anche una fferente capacità di lettura di informazioni relativa alla stessa. Particolare cautela nque, è richiesta nello sviluppo di strumenti sintetici quali gli indicatori, quando olti a destinatari non tecnici o specialisti della materia, ma interessati ad petti più generali e che, in ogni caso, li tocchino da vicino.

9 Obiettivi: L analisi degli scostamenti Confronti spazio-temporali Esprimere i risultati economici Comunicazione esterna Motivare otivare ed orientare i comportamenti di dirigenti e dipendenti collegando la rresponsione della retribuzione di risultato agli indicatori di performance

10 Categorie di indicatori di performance Efficienza Efficacia Economicità Riferiti a prodotti o processi Orientati ai risultati o impatti

11 Categorie di indicatori Efficienza Efficacia Economicità Riferiti a prodotti o ocessi Orientati ai risultati o patti Una misura di efficienza del risultato: rivela quanto bene si indirizzano gli sforzi, considerati secondo un criterio specificato (tempo, costo, persone o mezzi impiegati, etc.), quante unità dello scopo sono state realizzate per ciascuna unità di risorse consumate. è una risposta alla domanda: Stiamo facendo le cose nel modo più conveniente?. (tratto da Mussari, R. (a cura di) 2001, Manuale operativo per il controllo di gestione, Rubbettino, Milano. efficienza consiste, in altre parole, nella attitudine del processo produttivo a asformare l input (risorse) in output (risultato) e, pertanto, può essere misurata dal eguente rapporto: fficienza = output/ input obiettivo sarà la minimizzazione delle risorse utilizzate per raggiungere un determinato sultato; l efficienza aumenta al crescere dell indicatore.

12 Categorie di indicatori Efficienza Efficacia Economicità Riferiti a prodotti o ocessi Orientati ai risultati o patti on si può essere efficienti in sé, ma più o meno efficienti. Il termine di nfronto può riferirsi a: un valore programmato nel budget assegnato a ciascun dirigente; uno standard tecnico, anche previsto da norme; un dato passato riferito al medesimo servizio; il risultato conseguito da un altra azienda (pubblica, privata o non profit). (tratto da Mussari, R. (a cura di) 2001, Manuale operativo per il controllo di gestione, Rubbettino, Milano.

13 Categorie di indicatori Efficienza Efficacia Economicità Riferiti a prodotti o ocessi Orientati ai risultati o patti Efficacia di primo livello / Efficacia quantitativa L efficacia è esprimibile come rapporto tra i risultati conseguiti e gli obiettivi programmati Non è tanto critico il numero di atti prodotti, ma il modo con cui vengono realizzati. Per queste attività è quindi più importante analizzare l efficacia, misurabile ad esempio attraverso i tempi di risposta ed il livello di servizio erogato. n esempio di report per attività orientate all efficacia (tratto da Mussari, R. (a cura di) 2001, Manuale operativo per il controllo di gestione, Rubbettino, Milano. possono definire gli obiettivi in termini di : la qualità percepita dal cliente, interno all amministrazione o esterno ad essa; i tempi medi di risposta.

14 Categorie di indicatori Efficienza Efficacia Economicità Riferiti a prodotti o ocessi Orientati ai risultati o patti Efficacia di secondo livello Efficacia quantitativa riferita alla domanda r analizzare ad un secondo livello l efficacia, ci si può servire di indicatori relativi alla manda: percentuale di soddisfazione della domanda potenziale: domande relative ad un servizio effettivamente presentate e soddisfatte/numero persone che potenzialmente poteva richiedere il servizio percentuale di soddisfacimento della domanda espressa domande accolte / effettivamente presentate. li indicatori di secondo livello possono essere resi più analitici, ricorrendo ad esempio a dici di composizione dell utenza in relazione alle fasce d età, alle caratteristiche socioonomiche, professionali, e così via. li indicatori esprimono la soddisfazione quantitativa della domanda in termini di atching (incontro,qui inteso come capacità di risposta) tra domanda e offerta ( ce n è pe tti? ) e non la soddisfazione qualitativa del bisogno. Pertanto, hanno un significato limitato!

15 Categorie di indicatori Efficienza Efficacia Economicità Riferiti a prodotti o ocessi Orientati ai risultati o patti Efficacia di terzo livello Efficacia qualitativa Riguarda l uso di indagini campionarie sull utenza servita, predisponendo una griglia di valutazione su definiti attributi essenziali che il servizio deve possedere, consente di esplicitare le dimensioni qualitative rilevanti. Il livello qualitativo percepito può essere impiegato come fattore di ponderazione qualitativa delle unità di servizio prestato. Mediante tale analisi, la misurazione del grado di soddisfazione dell utenza dovrebbe assumere un carattere di maggiore oggettività ed essere suscettibile di utilizzazione ai fini dell orientamento delle decisioni dell ente in merito all erogazione del servizio. Si consegue così il risultato di avvicinare le variabili considerate nel processo di avvicinamento dei servizi alle effettive esigenze della cittadinanza.

16 Categorie di indicatori Efficienza Efficacia Economicità Riferiti a prodotti o ocessi Orientati ai risultati o patti ivello alisi liv. liv. Tipo di efficacia Quantitativa Quantitativa Informazione ottenibile Grado di realizzazione dei programmi Gradimento qualitativo da parte dell utenza I tre livelli dell efficacia Strumenti di indagine conoscitiva e di controllo Risultati conseguiti/obiettivi programmati Metodologie di analisi della domanda effettiva e potenziale dei servizi Indagine sullo stato attuale e potenziale dei serviz Confronto del livello della domanda con quello dell offerta liv. Qualitativa Utilità sociale prodotta Tecniche di misurazione della customer satisfaction Monitoraggio sistematico del livello qualitativo de servizi (tratto da Mazzara, L. (1996). Gli indicatori per l analisi dell efficacia, in G.Farneti-L.Mazzara-G.Savioli, Il sistema degli indicatori negli enti locali, Giappichelli, Torino, Parte IV)

17 Categorie di indicatori Efficienza Efficacia Economicità Riferiti a prodotti o ocessi Orientati ai risultati o patti Si fa riferimento all economicità legata ad una particolare fase del processo di produzione: quella relativa all acquisizione dei fattori produttivi. Per tale ragione sono indicatori di economicità quelli attraverso i quali si monitora la capacità dell ente di acquisire al minor costo i fattori produttivi di cui esso ha bisogno, una volta definito il livello minimo di qualità che da essi deve essere posseduto.

18 Categorie di indicatori Efficienza Efficacia Economicità Riferiti a prodotti o ocessi Orientati ai risultati o patti indicatori riferiti a prodotti: attività prevalentemente ripetitive e comunque ripetute più volte nel corso dell anno (ad esempio, rilascio di un certificato amministrativo); in questo caso, non è essenziale disporre di informazioni sul singolo prodotto, ma di valori medi, o di sintesi, che indichino i costi e i risultati complessivi dell attività;

19 Categorie di indicatori Efficienza Efficacia Economicità Riferiti a prodotti o ocessi Orientati ai risultati o patti n fase preventiva: da un insieme di obiettivi da raggiungere (espressi in termini quantitativi o qualitativi, a seconda he l attività sia orientata all efficienza o all efficacia); da una tempificazione di tali obiettivi; indicatori riferiti ai progetti sono in generale caratterizza dall impegno di una quantità significativa di risorse e dalla presenza di tempi di completamento lunghi. Di conseguenza, ogni progetto dovrebbe essere caratterizzato dall impegno delle risorse necessarie per ciascuna fase del progetto. In fase consuntiva, si possono associare al progetto i seguenti indicatori di prestazione: grado di completamento del progetto (cioè insieme delle fasi che sono state completate; ad sempio, per un unità che si occupa di piani di sviluppo, può essere misurato dalla percentuale degl tanziamenti effettuati rispetto ai fondi disponibili); grado di raggiungimento degli obiettivi (ad esempio, nel caso di un progetto rivolto a formatizzare il protocollo, percentuale di protocolli informatizzati); differenza tra i costi sostenuti effettivamente e quelli previsti.

20 Categorie di indicatori Efficienza Efficacia Economicità Riferiti a prodotti o ocessi Orientati ai risultati o patti Un esempio di report per attività progettuali (tratto da Mussari, R. (a cura di) 2001, Manuale operativo per il controllo di gestione, Rubbettino, Milano.

21 Gli indicatori di efficienza efficacia e economicità nel processo produttivo Fasi del processo di produzione e indicatori (tratto da Mussari, R. (a cura di) 2001, Manuale operativo per il controllo di gestione, Rubbettino, Milano.

22 ensa Regione / Assessorato X Scheda di indicatori di efficienza efficacia e economicità nel servizio mensa della regione / assessorato X (tratto da Mussari, R. (a cura di) 2001, Manuale operativo per il controllo di gestione, Rubbettino, Milano.

23 Piano degli indicatori La progettazione di un sistema di indicatori. La progettazione e l implementazione di un sistema di indicatori di risultato si effettua attraverso l individuazione, con riferimento ad ogni singolo centro: - delle variabili critiche su cui l attività di tale centro ha un impatto come ad esempio il costo, la qualità, il rispetto dei tempi, l efficacia e così via; - delle effettive leve manageriali a disposizione del responsabile al fine di influire su tali variabili; - dei conseguenti obiettivi attribuiti al centro di responsabilità amministrativa; - della formulazione e della metodologia di calcolo dei singoli indicatori; - dei parametri-obiettivo, ossia i valori degli indicatori definiti a priori e al cui conseguimento deve essere tesa l azione manageriale del responsabile di centro.

24 ano degli indicatori del dipartimento X Piano indicatori di efficienza efficacia e economicità Il piano degli indicatori è un documento, di rapida e facile consultazione, in cui sono indicati, ordinati per tipologia, gli indicatori di attività, efficacia ed efficienza individuati per ciascun centro. Disporre di un elenco esaustivo degli indicatori in uso è già una buona base per un utilizzo consapevole dello strumento, ma naturalmente il documento può essere arricchito con ulteriori informazioni, relative agli algoritmi di calcolo, alle metodologie di misurazione, e così via. (tratto da Mussari, R. (a cura di) 2001, Manuale operativo per il controllo di gestione, Rubbettino, Milano.

25 Categorie di indicatori Efficienza Efficacia Economicità Riferiti a prodotti o ocessi Orientati ai risultati o patti tto da Mussari, R. (2002). Il controllo di gestione nelle ministrazioni centrali, Rubbettino Editore, Soveria Mannelli) ifferenza tra risultato e impatto Differenza tra risultato e impatto Le attività amministrative che no sono orientate agli obiettivi, possono facilmente diventare inefficaci. Esistono due tipi diversi di grupp di obiettivi per ciascun prodotto: l obiettivo generico esterno (obiettivo di impatto) e gli obietti concreti (operativi) che devono essere perseguiti a tale scopo. Laddove gli obiettivi esistono (ad esempio, ridurre il tasso di criminalità per una data città di u certa percentuale) essi vengono, misurati con frequenza. Invece, g obiettivi concreti sovente mancan nelle aree più difficili da misurare che significa che il loro raggiungimento non viene misura e quindi, neanche valutato. Ciò equivale a dichiarare tali aree zon tabù per qualsivoglia orientament al risultato.

26 Categorie di indicatori Efficienza Efficacia Economicità Riferiti a prodotti o ocessi Orientati ai risultati o patti tto da Mussari, R. (2002). Il controllo di gestione nelle ministrazioni centrali, Rubbettino Editore, Soveria Mannelli) ifferenza tra risultato e impatto Le domande da porsi sono le seguenti: - Per gli obiettivi orientati ai risultati in termini di impatto: Qual è lo scopo di un attività? Cosa si intende ottenere, nel lungo termine, con la realizzazione di questo prodotto? A quali sviluppi si deve mirare? - Per gli obiettivi orientati all output Cosa si ipotizza che si otterrà nel periodo sotto osservazione? A quali standard di qualità si mira ne periodo sotto osservazione? Quale livello di efficienza si dovrebbe raggiungere nel periodo sotto osservazione? Quanti prodotti verranno realizzati? Quanti prodotti verranno consegnati? Quale beneficio si ritiene che i client dovrebbero poter trarre da un prodotto?

27 risultati e impatti Numeri di cittadini formati (risultato) non è la stessa cosa di numero di cittadini che lavorano utilizzando le conoscenze acquisite (impatto) Numero di pratiche di finanziamento concesse (risultato) non è la stessa cosa di aumento della vita media delle aziende e aumento dell occupazione (impatto)

28 CATEGORIE DI INDICATORI DELLA REGIONE SICILIANA ndicatori di efficacia esterna di una politica, che misurano il rapporto tra odotti erogati e domande/bisogni/opportunità da soddisfare; ndicatori di efficacia interna e/o di realizzazione progettuale che misurano la pacità di rispettare gli obiettivi stabiliti nella realizzazione dei prodotti; ndicatori di economicità, che misurano la capacità di ottimizzare il costo ll approvvigionamento degli input o di eliminarne gli sprechi; ndicatori di efficienza gestionale, che misurano i costi unitari dei prodotti; ndicatori di efficienza produttiva, che misurano la produttività del personale; ndicatori di domanda, che misurano le caratteristiche e l andamento della manda delle varie attività; ndicatori di qualità, relativi alle caratteristiche dei prodotti (gamma di servizi) e i processi di realizzazione ed erogazione (tempestività), nonché alla ddisfazione degli utenti. icio Speciale per l elaborazione di sistemi di controllo di gestione, l attivazione di servizi di valutazione e di controllo strategico interno Palermo ee di indirizzo per la definizione di un sistema di indicatori specifici nell ambito dell Amministrazione regionale. 26/11/2003

29 Principi nella costruzione degli indicatori significatività: devono essere collegati agli obiettivi strategici e ai fattori critici di successo; rilevanza: devono poter essere raccolti con un costo ragionevole rispetto agli obiettivi; controllabilità: è possibile intervenire per raggiungere valori obiettivo; misurabilità: devono essere oggettivamente misurabili con i dati disponibili; comprensibilità: devono essere semplici, facili da capire e da comunicare; confrontabilità: devono essere confrontabili sull asse dei tempi, per livelli organizzativi e rispetto a realtà analoghe.

30 ffetti indesiderati da evitare nell utilizzo di sistemi di indicatori: ffetto tunnel: l organizzazione si concentra sulle attività coperte dagli dicatori a scapito di altre importanti attività ub ottimizzazione: i risultati di un centro inibiscono o contrastano la erformance di un altro centro della stessa organizzazione iopia: l organizzazione si concentra solo sui risultati a breve termine, senza reoccuparsi degli impatti futuri onvergenza: l organizzazione esprime una tendenza a posizionarsi sulla media aggiunta da altre organizzazioni pur avendo possibilità di tendere all eccellenza ssificazione: l organizzazione esprime riluttanza verso le possibilità di novazione omportamenti tattici: l organizzazione adotta strategie di manipolazione per istorcere i risultati relativi ad un dato indicatore uto-referenzialità: il sistema degli indicatori è interpretato come fine a se tesso senza valutare lì utilità per i processi decisionali e il governo delle politiche adattato da Azzone, G. Dente, B. (1999). Valutare per governare Il nuovo sistema dei controlli nelle Pubbliche amministrazioni, Etas, Milano)

31 Punti chiave Non si possono gestire la performance solo sulla base dei fini La gestione consapevole dei risultati passa dalla coerenza tra fini, obiettivi e indicatori di performance Bisogna cercare di trovare indicatori non solo economici e di volume ma anche di qualità per ispirare un comportamento più manageriale e motivante Disegnare un sistema che sia funzionale ai bisogni di colui che gestisce ed è chiamato a essere responsabile dei risultati (coordinatore dei servizi, prodotti) Assegnare a positivi risultati positive conseguenze (premi)

32 I quattro livelli della misurazione della performance secondo la New Public Management (tratto da Mussari, R. (2002). Il controllo di gestione nelle amministrazioni centrali, Rubbettino Editore, Soveria Mannelli)

33 La contabilità dei costi Nel processo di controllo, la contabilità dei costi informa sui costi causati dall utilizzo di risorse per ogni centro di costo e sul modo in cui sono distribuiti questi costi. Eppure, perfino il più sofisticato calcolo dei costi non è in grado fornire alcuna informazione essenziale di gestione, a meno che essa non venga utilizzata per effettuare comparazioni nel tempo, orizzontali o verticali. Tuttavia, è possibile realizzare dei confronti validi solo con l aiuto di una definizione standard di unità di costo. Per questo motivo, è necessario includere un ulteriore livello al di là e al di sopra di quello che considera semplicemente le risorse: il livello dell output.

34 La contabilità dell output Al secondo livello del processo di controllo, l output dell amministrazione viene descritto in termini di prodotti realizzati ad un determinato punto del processo di produzione ed erogazione. La contabilità dell output consente di rilevare i prodotti in tutta l amministrazione, se non altro quantitativamente, e di sottoporre questi dati ad una valutazione sistematica. Grazie al collegamento tra contabilità dei costi e dell output è, per esempio, possibile calcolare quali costi comporta un prodotto specifico rispetto ad un altro, un informazione prima assente.

35 La contabilità dei risultati Tale sottosistema rileva l impatto dell attività amministrativa, vale a dire dei programmi, e lo correla agli obiettivi politici perseguiti con i programmi stessi. Fornisce, inoltre, informazioni sugli impatti globali generati dalla loro attuazione, ivi compresi gli effetti collaterali non previsti. Il requisito fondamentale affinché le informazioni siano rilevanti e significative ai fini della contabilità dei risultati, è l esistenza di obiettivi chiaramente definiti.

36 La contabilità dei benefici La contabilità dei benefici è il calcolo più interessante, ma anche più complesso in questo sistema; esso esprime i risultati dell azione amministrativa nella maniera in cui quest ultima viene soggettivamente valutata dai suoi destinatari. In questo caso, le esigenze del cliente fungono da valori di riferimento, ma sono spesso tanto difficili da misurare con precisione quanto i risultati stessi. Ricerche condotte tra la popolazione in generale ed i clienti sono d aiuto in questo contesto: tramite domande incentrate sulla soddisfazione, tali indagini permettono di acquisire informazioni sulle relazioni tra due classi di valori bisogni e soddisfazione il cui confine è abbastanza sfumato e che, a loro volta, consentono di valutare in maniera abbastanza attendibile i risultati.

37 Il trade-off tra costi e benefici della valutazione della performance quanto più il valore da misurare è vicino al processo produttivo vero e roprio, tanto più facilmente e direttamente esso può essere rilevato. Ad sempio, i dati di costo e di risultato si possono misurare regolarmente, ad un osto ragionevole. quanto più il valore da misurare è lontano dal processo produttivo, tanto aggiori sono il suo interesse e la sua importanza politica. Ad esempio, impatto percepito dalla popolazione di un programma di lotta alla riminalità è notevolmente più interessante della descrizione dettagliata delle isorse per esso utilizzate. La combinazione di queste due relazioni comporta un trade-off per il ontrollo politico: dati facili da misurare sono di scarso interesse, dati nteressanti sono difficilmente misurabili. In un qualche punto intermedio si rova il livello ideale al quale rilevare le informazioni, tale che la loro alutazione sia affidabile ed il livello di interesse adeguato.

38 Commento alle schede e ai lavori di gruppo

39 ommento alle schede e ai lavori di gruppo A.1.01/TUR vori di gruppo iettivo Strategico monizzazione alla rmativa unitaria e nazionale. glioramento della icienza amministrativa raverso la plificazione dei cedimenti iettivo Operativo: visione normativa e plificazione amministrativa Commenti proposti Gli obiettivi strategici sono due. Bisognerebbe chiaramente individuarne uno. Generico e non quantificabile Proposta alternativa 1. Armonizzazione alla normativa comunitaria e nazionale. 2. Miglioramento della efficienza amministrativa attraverso la semplificazione dei procedimenti Riduzione del numero delle autorizzazioni d 10% Armonizzazione dell 80% della normativa i vigore

40 ommento alle schede e ai lavori di gruppo A.1.01/TUR vori di gruppo ività alisi dei cedimenti amministrativi. nitoraggio delle innovazioni rmative e regolamenti ntualmente introdotte corso dell anno cessi nitoraggio e studio della rmativa comunitaria rato alla armonizzazione la legislazione regionale icatori: rata del procedimento Commenti proposti Dovrebbero descrivere tutte le attività in cui si articola il processo Non vi è coerenza tra gli obiettivi e i processi (cosa si dovrebbe fare per la semplificazione dei procedimenti?) La durata di per sé non è un indicatore perché va confrontata con un valore di riferimento Proposta alternativa -Studio della normativa -Elaborazione di proposte alternative di svolgimento del procedimento compatibilmente con la normativa (per esempio maggior ricorso all autocertificazione dei documenti) -Scelta delle proposte -Verifica di fattibilità delle proposte Un secondo processo dovrebbe riguardare l semplificazione del procedimento. Numero di autorizzazioni richieste prima de semplificazione - numero delle richieste/numero delle richieste prima della semplificazione Numero di leggi armonizzate/leggi da armonizzare

41 ommento alle schede e ai lavori di gruppo L. 2.01/TUR vori di gruppo iettivo Strategico: glioramento qualitativo dell offerta istica, con riferimento al turismo balneare, otenziamento del turismo culturale, alla ersificazione dei prodotti turistici ionali finalizzata alla destagionalizzazione le presenze turistiche, al rafforzamento del ema dell accoglienza e alla promozione le diverse forme di turismo sostenibile iettivo Operativo: ziative volte allo sviluppo le attività relative al Bed and akfast cessi: nitoraggio della offerta ttiva del Bed and Breakfast esistente, valutazione la offerta ricettiva che si vuole rementare in relazione alle ieste Commenti proposti andrebbero identificati diversi obiettivi strategici (promozione, diversificazione, miglioramento qualitativo dell' offerta turistica) obiettivo generico e non quantificabile processo ben definito Proposta alternativa 1. Miglioramento qualitativo dell offerta turistica 2.Destagionalizzazione delle presenze turistiche 3. Rafforzamento del sistema dell accoglienza 1. incremento dei posti letto relativi a strutture bed and brekfast 2. miglioramento dell' immagine percepit delle strutture bed and brekfast Analisi delle potenzialità di sviluppo del mercato bed and brekfast

42 ommento alle schede e ai lavori di gruppo L. 2.01/TUR vori di gruppo ività: rmulazione bando per utilizzazione risorse o 2004 volte allo sviluppo Commenti proposti si limita a descrivere poche attività amministrative Proposta alternativa - studio e verifica numero posti letto bed and brekfast disponibili - analisi di mercato e studio della domand potenziale - valutazione fondi stanziabili in funzione del livello di incremento di posti letto bed and brekfast - predisposizione e approvazione bando finanziamento nuovi posti letto bed and brekfast alità: tenziare l offerta ricettiva del Bed and akfast, al fine di incrementare i flussi non è una finalità ma un obiettivo ben definito

43 ommento alle schede e ai lavori di gruppo vori di gruppo icatori mero di contributi erogati Commenti proposti non è idoneo a misurare il raggiungimento del risultato atteso (che non è costituito dal numero di contributi, ma dal loro successo, dal numero dei partecipanti, dalla ricaduta in termini ad esempio di n. di nuovi bed and brekfast di n. di visitatori della regione). In pratica l indicatore è riferito al mezzo (la concessione di un certo n. di contributi) e non al fine che tramite esso si vuole ottenere, non definito. Tuttavia potrebbe essere un indicatore intermedio ben definito, relativo all' attività dell erogazione dei contributi L. 2.01/TUR Proposta alternativa - Indicatore intermedio: numero di contributi erogati su totale contributi disponib - Indicatore finale: numero d posti letto/numeri di posti letto anno precedente

44 ommento alle schede e ai lavori di gruppo L. 2.02/TUR vori di gruppo iettivo Operativo: uazione articoli 76 e 78 L.R. dicembre 2000 n. 32. Mutui volati e contributi in conto itale per la realizzazione, modernamento. Commenti proposti L obiettivo dovrebbe essere quella della realizzazione e dell ammodernamento di strutture bed and brekfast e non l erogazione dei contributi Proposta alternativa Realizzazione e ammodernamento di n.post letto di bed and berkfast ività: ruttoria dei progetti esecutivi, alizzati al miglioramento litativo dell offerta turistica e tagionalizzazione delle senze turistiche. Altre attività possono essere individuate - Analisi di mercato e verific del fabbisogno dei fondi - Predisposizione bando - Finanziamento e verifica d utilizzo dei fondi

45 ommento alle schede e ai lavori di gruppo L. 2.02/TUR vori di gruppo icatori: mero dei decreti di cessione Commenti proposti Va paragonato a un valore di riferimento Proposta alternativa -Numero dei decreti/numer dei decreti dell anno precedente -Posti letto/posti letto prim del finanziamento -Domanda di bed and brekfast/domanda preceden -Qualità percepita del bed an brekfast/qualità percepita precedentemente

46 ommento alle schede e ai lavori di gruppo E vori di gruppo iettivo strategico alizzazione degli atti finalizzati i adempimenti relativi attuazione del POR 0/2006 secondo i nogrammi previsti dal mplemento di grammazione e dalla cessiva rimodulazione di tà periodo. Commenti proposti Ben definito Proposta alternativa iettivo operativo ivazione interventi Misura 1 - Azione F miglioramento vizi di supporto all'attività istica mediante azioni di cordo con Assessorato ionale Beni culturali per la lizzazione di rastrutturazione minore atta a gliorare la fruizione turistica beni monumentali, artistici,. L obiettivo dovrebbe essere il miglioramento della fruizione turistica dei beni, in termini specifici Aumento della soddisfazion dei turisti nella fruizione dei beni

47 ommento alle schede e ai lavori di gruppo E vori di gruppo icatori icatore che verifichi con enza annuale l aumento del mero delle presenze turistiche Commenti proposti Ben definito ma bisogna esplicitarlo Proposta alternativa Presenze di quest anno/presenze dell anno precedente icatore rilevi l incremento numero dei progetti rovati e dei relativi vvedimenti di finanziamento o ad esaurimento risorse È ben definito e si riferisce principalmente ad un indicatore intermedio poiché riguardante un attività che costituisce un mezzo per raggiungere l obiettivo finale (soddisfacimento dei turisti nella fruizione dei beni) Numero di progetti approva /numero dei progetti approvati l anno precedente

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

MODULO MONITORAGGIO E VALUTAZIONE. Gli indicatori. G. VECCHI esperto del team scientifico di supporto del Centro Risorse Nazionale CAF 1

MODULO MONITORAGGIO E VALUTAZIONE. Gli indicatori. G. VECCHI esperto del team scientifico di supporto del Centro Risorse Nazionale CAF 1 MODULO MONITORAGGIO E VALUTAZIONE 4. Gli indicatori G. VECCHI esperto del team scientifico di supporto del Centro Risorse Nazionale CAF 1 Cosa sono gli indicatori Gli indicatori sono strumenti in grado

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE AUSL DI FROSINONE

ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE AUSL DI FROSINONE ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE AUSL DI FROSINONE Esito monitoraggioal 30/09/2013 (ai sensi dell'art. 14, comma 4, lettera a ), del decreto legislativo 27 ottobre 2009, n.150) 1 30.09.2013 PREMESSA

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO Generalmente il piano dettagliato degli obiettivi (art. 108 e 197 del Tuel) coincide con la c.d. parte descrittiva del Peg, cioè quella parte che individua gli obiettivi

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO Questo documento descrive le principali fasi del progetto congiuntamente promosso dalla Provincia di Torino e da Forma.Temp nei termini

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

3. POLITICA, OBIETTIVI E ATTIVITA

3. POLITICA, OBIETTIVI E ATTIVITA Regione Siciliana Azienda Ospedaliera 17 3. POLITICA, OBIETTIVI E ATTIVITA 3.3 18 Le attività da svolgere per soddisfare i requisiti relativi alla politica, obiettivi ed attività consistono nella definizione:

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA S U E Settore URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA Febbraio 2013 TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1 Definizioni... 3

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA?

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? La maggior parte dei Retailer effettua notevoli investimenti in attività promozionali. Non è raro che un Retailer decida di rinunciare al 5-10% dei ricavi

Dettagli

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti BANDI 2015 2 Guida alla presentazione La Fondazione Cariplo è una persona giuridica privata, dotata di piena autonomia gestionale, che, nel quadro delle disposizioni della Legge 23 dicembre 1998, n. 461,

Dettagli

PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI

PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI DIREZIONE GENERALE PER flash 29 L INCLUSIONE E LE POLITICHE SOCIALI PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI Roma, 1 settembre 2014 Il punto di partenza:

Dettagli

Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività. di informazione e promozione del PSR 2007/2013.

Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività. di informazione e promozione del PSR 2007/2013. REGIONE AUTONOMA DELLA LA SARDEGNA L Assessore Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività di informazione e promozione del PSR 2007/2013. Dotazione finanziaria Il fabbisogno

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO 1. Attività di valutazione delle Commissioni di Esperti della Valutazione

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

Innovative Procurement Process. Consulting

Innovative Procurement Process. Consulting Creare un rapporto di partnership contribuendo al raggiungimento degli obiettivi delle Case di cura nella gestione dei DM attraverso soluzione a valore aggiunto Innovative Procurement Process Consulting

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

PROCEDURA OPERATIVA PO 7. 3 G estione del progetto Formativo C o p i a n C o n s e g n a t a / u p lo a d A : C N C q

PROCEDURA OPERATIVA PO 7. 3 G estione del progetto Formativo C o p i a n C o n s e g n a t a / u p lo a d A : C N C q Pag. 1/7 Indice 1.Scopo e campo di applicazione... 2 2.Responsabilità... 2 3. Modalità operative... 2 3.1 Pianificazione della progettazione e dello sviluppo... 2 3.2 Elementi in ingresso alla progettazione

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma

Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma Aprile 2005 Definire un nuovo prodotto: Metterne a fuoco il concept, ovvero

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Business Process Management applicato ai flussi della PA

Business Process Management applicato ai flussi della PA tecnologie vicine Business Process Management applicato ai flussi della PA Antonio Palummieri Resp. Area Mercato Luciano Sulis - BPM Solution Specialist Milano, 24 novembre 2011 Popolazione comuni: Italia

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Cos è l Ingegneria del Software?

Cos è l Ingegneria del Software? Cos è l Ingegneria del Software? Corpus di metodologie e tecniche per la produzione di sistemi software. L ingegneria del software è la disciplina tecnologica e gestionale che riguarda la produzione sistematica

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

COMUNE DI MONTECCHIO EMILIA

COMUNE DI MONTECCHIO EMILIA COMUNE DI MONTECCHIO EMILIA Allegato sub. 1) SISTEMA DI DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE, DEL PERSONALE E DEL SEGRETARIO COMUNALE* informato ai principi di cui all art 9 cc.

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 1 L ASSETTO ORGANIZZATIVO, IL COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO In organizzazione il centro

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013

Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013 Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013 Dipartimento 51 - Dipartimento della Programmazione e dello Sviluppo Economico Direzione Generale 2 - Direzione Generale Sviluppo Economico e le Attività Produttive

Dettagli

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA REGOLAMENTO PER LA EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI ED ALTRE AGEVOLAZIONI ART. 1 FINALITA 1. Con il presente Regolamento la Comunità della Valle di Cembra, nell esercizio

Dettagli

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Articolo 1 Oggetto... 3 Articolo 2 Sistema

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP)

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP) REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L APPLICAZIONE DEGLI ARTT.75 CONFERIMENTO E REVOCA DI INCARICHI AL PERSONALE DELLA CATEGORIA EP E 76 RETRIBUZIONE DI POSIZIONE E RETRIBUZIONE DI RISULTATO DEL CCNL 16.10.2008

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA Proposte formative 2011 Novità accreditamento ECM FINALITA Per soddisfare l esigenza di aggiornamento professionale continuo, grazie all esperienza maturata da Vega nelle

Dettagli

La Pubblica Amministrazione Digitale in Sardegna

La Pubblica Amministrazione Digitale in Sardegna Direzione generale degli affari generali e riforma La Pubblica Amministrazione Digitale in Sardegna Dematerializzazione dei document i dell Amministrazione Regionale Conferenza stampa dell Assessore Massimo

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse In base al dato riportato dal Sole

Dettagli

Comitato per la Corporate Governance CODICE DI AUTODISCIPLINA

Comitato per la Corporate Governance CODICE DI AUTODISCIPLINA Comitato per la Corporate Governance CODICE DI AUTODISCIPLINA Luglio 2014 2014 Comitato per la Corporate Governance Tutti i diritti di riproduzione, di adattamento totale o parziale e di memorizzazione

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PIANIFICAZIONE E IL MONITORAGGIO DEL MIGLIORAMENTO

LINEE GUIDA PER LA PIANIFICAZIONE E IL MONITORAGGIO DEL MIGLIORAMENTO LINEE GUIDA PER LA PIANIFICAZIONE E IL MONITORAGGIO DEL MIGLIORAMENTO 1 INDICE LINEE GUIDA PER LA PIANIFICAZIONE E IL MONITORAGGIO DEL MIGLIORAMENTO ---------------------------------------------------------------------------------------------1

Dettagli

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno.

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Automotive Business Intelligence La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Prendere decisioni più consapevoli per promuovere la crescita del vostro business. Siete pronti ad avere

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 Centralized control with decentralized responsibility (Johnson and Kaplan, 1987) 1. Dalla nascita fino al 1920 La General Motors,

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

Dr. Antonino Pusateri. D.ssa Maria Rosaria Marasà

Dr. Antonino Pusateri. D.ssa Maria Rosaria Marasà Il lavoro per obiettivi ed il sistema della performance Dr. Antonino Pusateri D.ssa Maria Rosaria Marasà Nessuno può insegnare qualcosa ad un altro uomo! Può solo aiutarlo a tirare fuori qualcosa che ha

Dettagli

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte.

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. 1. Premessa. La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. La comunità dei docenti e ricercatori dell area di Economia Aziendale, rappresentata dalle società scientifiche

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

L utilizzo delle emoticon con altri strumenti di customer satisfaction. Relatore Susi Ribon Capo Settore Servizi all Utenza

L utilizzo delle emoticon con altri strumenti di customer satisfaction. Relatore Susi Ribon Capo Settore Servizi all Utenza L utilizzo delle emoticon con altri strumenti di customer satisfaction Relatore Susi Ribon Capo Settore Servizi all Utenza L Agenzia delle Entrate La sua funzione strategica, a servizio dei cittadini e

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

8. Le scelte che determinano impatti sui costi

8. Le scelte che determinano impatti sui costi 8. Le scelte che determinano impatti sui costi 8.1 INTRODUZIONE Per valutare e controllare i costi di una soluzione e-learning è necessario conoscere in maniera approfondita i fattori da cui dipendono

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Partner Nome dell azienda Ferretticasa Spa Settore Engineering & Costruction Servizi e/o

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

Documento di posizione AISCAT su:

Documento di posizione AISCAT su: Documento di posizione AISCAT su: Consultazione UE sul Rapporto del Gruppo ad Alto Livello in merito all estensione dei principali assi delle Reti transeuropee ai paesi vicini dell UE Roma, gennaio 2006

Dettagli

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PER LA FORMAZIONE DEL PIANO OPERATIVO GIOVANI (POG) Anno 2015 PREMESSA:

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Approvato con Deliberazione consiliare n 94 del 21 giugno 2004 INDICE Articolo

Dettagli

Ministero dell Interno

Ministero dell Interno Ministero dell Interno Osservatorio per la finanza e la contabilità degli enti locali FINALITA E POSTULATI DEI PRINCIPI CONTABILI DEGLI ENTI LOCALI Testo approvato dall Osservatorio il 12 marzo 2008 1

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli