L analisi delle performance economiche e finanziarie delle imprese turistiche

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L analisi delle performance economiche e finanziarie delle imprese turistiche"

Transcript

1 L analisi delle performance economiche e finanziarie delle imprese turistiche da Marketing e performance delle imprese turistiche (Pencarelli, 2001) Annalisa Sentuti -1-

2 Indice 1. Aspetti generali 2. La riclassificazione dello Stato Patrimoniale 3. La riclassificazione del Conto Economico 4. Gli indicatori di bilancio per la lettura e l interpretazione delle performance economiche e finanziarie 5. La tecnica dello scoring Annalisa Sentuti -2-

3 Aspetti generali Non tutto ciò che conta può essere misurato, non tutto ciò che può essere misurato conta (A. Einstein) Tutto ciò che non può essere misurato non può essere gestito Annalisa Sentuti -3-

4 Aspetti generali Cosa si intende per performance economiche e finanziarie delle imprese turistiche I risultati economici, finanziari e patrimoniali conseguiti con la gestione Perché è importante misurarle Per agire (programmare, decidere, operare), andando a verificare periodicamente i risultati aziendali e l esistenza o meno delle condizioni di equilibrio aziendale di lungo termine Per migliorare, mettendo in pratica azioni correttive e di sviluppo (strategico, commerciale, economico, organizzativo) Chi sono i destinatari Tutti gli stakeeholders dell azienda, interni ed esterni Come possono essere misurate A partire dalla lettura del bilancio d esercizio, mediante tecniche di analisi Annalisa Sentuti di bilancio e tecniche di analisi dei flussi finanziari -4-

5 Aspetti generali Cos è l analisi di bilancio È uno strumento per studiare la gestione delle imprese, ovvero valutare il loro stato di salute e stabilire le azioni di governo più opportune Da chi può essere svolta Da analisti interni: hanno pieno accesso ai dati e precisa conoscenza del loro grado di affidabilità Da analisti esterni: dispongono solo dei dati raccolti nel bilancio destinato alla pubblicazione Qual è il suo obiettivo generale Non leggere il bilancio, ma leggere attraverso il bilancio le dinamiche gestionali ed i loro risultati Annalisa Sentuti -5-

6 Aspetti generali E, in particolare, che cosa valuta? Le condizioni di equilibrio dell azienda sotto l aspetto l economico, monetario e finanziario Condizioni di equilibrio economico: i ricavi derivanti dalla gestione sono quali-quantitativamente adeguati a coprire la totalità dei costi Condizioni di equilibrio monetario (o equilibrio finanziario di breve periodo): ricercare e mantenere adeguata omogeneità tra impieghi e fonti di finanziamento con riferimento al breve termine Condizioni di equilibrio finanziario (di medio-lungo periodo): ricercare e mantenere adeguata omogeneità tra impieghi e fonti di finanziamento con riferimento al medio lungo termine Annalisa Sentuti -6-

7 Aspetti generali Come si realizza Attraverso tre fasi principali: la riclassificazione del bilancio, la scelta degli indicatori, la lettura e l interpretazione delle dinamiche economiche e finanziarie Alcune linee guida per un analisi di bilancio efficace e significativa Adottare criteri di riclassificazione del bilancio coerenti con la tipologia di analisi che si vuole effettuare Mantenere uniformità nel tempo nei criteri adottati per la formazione e la riclassificazione dei bilanci Effettuare confronti nel tempo e nello spazio I limiti delle analisi di bilancio Ovviamente risentono della veridicità e dell affidabilità dei valori di bilancio Non sempre si hanno a disposizione tutti i dati necessari Annalisa Sentuti -7-

8 Il bilancio d eserciziod I limiti informativi dello Stato Patrimoniale Il legislatore non ha adottato un criterio chiaro ed univoco per l allocazione delle diverse voci nel prospetto: ATTIVO: criterio finanziario e destinazione delle poste PASSIVO: criterio finanziario e titolarità giuridica del capitale Impostazione strutturale poco utile ai fini dell analisi delle condizioni finanziarie aziendali: qual è la struttura finanziaria dell impresa? è coerente? come è composto il Capitale Investito? dove ha preso le risorse e come le ha impiegate? È necessario riclassificare lo Stato Patrimoniale Annalisa Sentuti -8-

9 Il bilancio d eserciziod I limiti informativi del Conto Economico Il legislatore ha adottato la struttura a valore e costi della produzione: la suddivisione dei componenti reddituali è effettuata discriminando tra gestione ordinaria e straordinaria, anziché tra gestione caratteristica ed extracaratteristica Impostazione strutturale poco utile ai fini dell analisi della redditività aziendale: quanto reddito hanno generato le tipiche operazioni aziendali? quanto reddito hanno generato le operazioni dell area finanziaria, patrimoniale e straordinaria? È necessario riclassificare il Conto Economico Annalisa Sentuti -9-

10 Il bilancio d eserciziod La riclassificazione dello Stato Patrimoniale e del Conto Economico : È preliminare all applicazione delle tecniche di analisi di bilancio Consiste nel riposizionamento dei valori di bilancio in aggregati significativi dal punto di vista economico e finanziario, al fine di evidenziare grandezze utili alla comprensione delle relative dinamiche Offre una lettura sintetica e più significativa delle poste derivanti dal bilancio civilistico Ha valenza se permette il confronto di classi di valori omogenee, relativamente a diversi esercizi Annalisa Sentuti -10-

11 La riclassificazione dello SP Obiettivo Riposizionare le voci secondo un criterio chiaro ed univoco, atto ad eliminare le incoerenze espositive e migliorare la funzione informativa in merito alle condizioni finanziarie aziendali Criteri di riclassificazione Criterio della pertinenza gestionale (o criterio funzionale) Criterio finanziario Annalisa Sentuti -11-

12 La riclassificazione dello SP Nella generalità dei casi si preferisce il criterio finanziario: le voci dello SP vengono classificate secondo la liquidità degli impieghi e l esigibilità delle fonti Criterio della funzione economica dell investimento Considera il tipo di fabbisogno Distingue le voci che determinano un fabbisogno finanziario permanente, dalle voci che determinano un fabbisogno finanziario temporaneo Criterio della liquidità convenzionale Tiene conto del tempo Distingue le voci a seconda della loro attitudine a tornare in forma liquida Attitudine a provocare esborsi monetari entro un dato periodo Annalisa Sentuti -12-

13 La riclassificazione dello SP Con il criterio finanziario, gli impieghi sono riclassificati secondo il criterio della liquidità convenzionale (decrescente) e le fonti in base al grado (decrescente) della loro esigibilità IMPIEGHI FONTI Entro 12 mesi Oltre 12 mesi Disponibilità (o capitale circolante): Liquidità immediate Liquidità differite Disponibilità in senso stretto (scorte e rimanenze) Immobilizzazioni: Materiali Immateriali Finanziarie Debiti a breve termine Debiti a m/l termine (o passivo consolidato) Capitale proprio Annalisa Sentuti -13-

14 La riclassificazione dello SP Criterio finanziario Vantaggi: Permette il confronto tra impieghi di breve e lungo periodo e finanziamenti di breve periodo e consolidati Può essere efficacemente utilizzato anche dagli analisti esterni Annalisa Sentuti -14-

15 La riclassificazione del CE Obiettivo Riaggregare le voci reddituali in poche classi significative sì da: capire come viene generato il risultato d esercizio; qual è il contributo (positivo o negativo) delle diverse aree gestionali; evidenziare alcuni risultati intermedi utili all analisi delle dinamiche economiche dell azienda. Criteri di riclassificazione C.E. a ricavi e costo del venduto C.E. a ricavi e margine di contribuzione C.E. a valore della produzione e valore aggiunto Annalisa Sentuti -15-

16 La riclassificazione del CE Cosa accomuna i tre modelli L obiettivo di separare il risultato economico che si origina dalle operazioni di gestione caratteristica e ordinaria dell impresa turistica (reddito operativo) dal risultato economico determinato dallo svolgersi delle operazioni connesse alla gestione non tipica e non ordinaria ( risultato della gestione extratipica) L area extra-caratteristica e quella fiscale Cosa distingue i tre modelli Il modo di esporre e classificare i valori reddituali afferenti alla gestione caratteristica Annalisa Sentuti -16-

17 La riclassificazione del CE Gestione caratteristica: comprende le voci inerenti i processi di acquisizione, trasformazione e vendita dei prodotti e/o servizi che caratterizzano l attività aziendale Gestione accessoria: è costituita dalle operazioni che esulano dal tipico oggetto dell attività aziendale (attività collaterali e gen. continue) Gestione finanziaria: ha per oggetto il reperimento e l impiego ottimale delle risorse finanziarie Gestione straordinaria: comprende le operazioni non attribuibili alle combinazioni produttive ricorrenti dell esercizio e non continue Gestione fiscale: riguarda l insieme dei rapporti tra l azienda e l erario e determina il formarsi degli oneri tributari a seguito dell applicazione della disciplina fiscale Annalisa Sentuti -17-

18 La riclassificazione del CE CE a ricavi e costo del venduto Fatturato lordo caratteristico - Resi, abbuoni, sconti Fatturato netto caratteristico - Costo del venduto (acquisti, +/- scorte, + c. diretti e ind. di produzione, - c. produzione capitalizzati) = Margine lordo di produzione - Costi direzionali (compensi amministratori + altre spese direzionali) - Costi commerciali e di marketing (provvigioni + lavoro + fiere + pubblicità + altri costi commerciali) - Costi amministrativi (lavoro + altri costi area amministrazione e controllo) = Reddito operativo +/- Saldo della gestione accessoria (oneri e proventi accessori) +/- Saldo della gestione finanziaria (oneri e proventi finanziari) +/- Saldo della gestione straordinaria (oneri e proventi straordinari) = Reddito lordo d impostad - Oneri tributari (Gestione fiscale) Annalisa Sentuti -18- = Reddito netto

19 La riclassificazione del CE CE a ricavi e margine lordo di contribuzione Fatturato lordo caratteristico - Resi, abbuoni, sconti Fatturato netto caratteristico - Costi variabili totali (acquisti, +/- scorte, + altre spese variabili al variare del fatturato) = Margine lordo di contribuzione - Costi fissi del periodo (costi per lavoro + ammortamenti + altri costi costanti al variare delle vendite) +/- Saldo della gestione accessoria (oneri e proventi accessori) +/- Saldo della gestione finanziaria (oneri e proventi finanziari) +/- Saldo della gestione straordinaria (oneri e proventi straordinari) - Oneri tributari (Gestione fiscale) = Reddito operativo = Reddito lordo d impostad Annalisa Sentuti -19- = Reddito netto

20 La riclassificazione del CE CE a valore della produzione e valore aggiunto Fatturato lordo caratteristico - Resi, abbuoni, sconti Fatturato netto caratteristico +/- scorte prodotti finiti e semilavorati + lavori in economia = Valore della produzione - Acquisti materie prime +/- Scorte materie prime e sussidiarie e imballaggi - Costi per servizi esterni = Valore aggiunto - Costo del lavoro - Accantonamenti ai fondi rischi e spese = Margine operativo lordo (M.O.L( M.O.L.).) -Ammortamenti = Reddito operativo +/- Saldo della gestione extra tipica (formato da +/- Saldo gestione accessoria +/- Saldo della gestione finanziaria +/- Saldo della gestione straordinaria ) - Oneri tributari (Gestione fiscale) = Reddito lordo d impostad Annalisa Sentuti -20-

21 Lo schema concettuale di riferimento per l analisi l delle performance aziendali tramite indicatori: 1. I risultati della gestione sono sintetizzati nel bilancio di esercizio; 2. l analista ricorre ad un nuovo sistema di lettura del bilancio per acquisire informazioni aggiuntive sulla gestione: a. formazione della redditività complessiva; b. risultato della gestione corrente e caratteristica; c. risultato della gestione non corrente ed atipica (patrimoniale, finanziaria, straordinaria, fiscale). 3. la metodologia utilizzata prevede: a. la riclassificazione del bilancio; b. l appropriata scelta degli indicatori; c. l adozione di un sistema di coordinamento degli indicatori o l analisi scorin 4. le informazioni così originate consentono di identificare: a. sintomi e indizi sull andamento della gestione (ma non le cause!) b. valori segnaletici attendibili (confronti temporale e/o interaziendali) Annalisa Sentuti -21-

22 Due tipi diversi di parametri Gli indici quozienti: rapporto tra quantità di bilancio Gli indici differenze (o indicatori semplici): somme o differenze tra quantità Significatività Non dipende dal numero dei parametri considerati, ma dalla loro capacità di mettere in luce le relazioni fra i valori Annalisa Sentuti -22-

23 L azienda: 1. ha una struttura solida ed armonica che le consenta di perdurare nel tempo? 2. ha la capacità di fronteggiare in modo tempestivo ed economico le obbligazioni finanziarie assunte? 3. remunera congruamente il capitale investito? 4. utilizza efficientemente i fattori produttivi a sua disposizione? 5. si sta espandendo o sta contraendo la sua dimensione? Annalisa Sentuti -23-

24 1. Indicatori di struttura del capitale e di indebi- tamento 2. Indicatori di equilibrio finanziario orizzontale 5. Indicatori di sviluppo 3. Indicatori di redditività 4. Indicatori di efficienza e produttività Annalisa Sentuti -24-

25 1. Indicatori di struttura del capitale e di indebitamento Indicatori di struttura del capitale e di indebitamento Forniscono un immagine ed una valutazione della struttura del capitale dell azienda e della sua solidità patrimoniale 1. Indici di composizione degli impieghi e delle fonti 2. Quozienti di elasticità e rigidità degli impieghi e delle fonti 3. Indici di intensità del capitale 4. Quozienti di indebitamento 5. Grado di copertura degli oneri finanziari 6. Costo del debito Annalisa Sentuti -25-

26 1. Indicatori di struttura del capitale e di indebitamento 1. Indici di composizione degli impieghi e delle fonti LEGENDA IMPIEGHI IMPIEGHI in % (vari anni) L.I./K L.D./K D/K I/K FONTI in % (vari anni) P.B./K P.C./K C.N./K L.I. = Liquidità Immediate L.D. = Liquidità Differite D = Disponibilità I = Immobilizzazioni K = totale capitale investito K/K = 100% K/K = 100% Indicano l evoluzione nel tempo dell incidenza percentuale di singole poste patrimoniali rispetto al totale delle risorse investite LEGENDA FONTI P.B. = Passività a Breve P.C. = Passività Consolidate C.N. = Capitale Netto K = totale capitale investito Annalisa Sentuti -26-

27 1. Indicatori di struttura del capitale e di indebitamento 2. Quozienti di elasticità e rigidità degli impieghi e delle fonti Quoziente di elasticità degli impieghi = CC/K con CC = L.I. + L.D. + D Quoziente di rigidità degli impieghi = I/K Quoziente di elasticità delle fonti = P.B./K. Quoziente di rigidità delle fonti = (P.C. + C.N.)/K. Una struttura patrimoniale è elastica se possiede un elevata attitudine a variare la composizione qualitativa e quantitativa delle risorse Annalisa Sentuti -27-

28 1. Indicatori di struttura del capitale e di indebitamento 3. Indici di intensità del capitale Indicano il peso percentuale di singole voci o aggregati (liquidità, crediti, scorte, attivo a breve, capitale investito, debiti a breve, debiti totali, etc.) sul totale dei ricavi Forniscono una misura di quante risorse sono necessarie per generare una unità di fatturato con un certo tipo di struttura Un elevata intensità di indebitamento può essere rischiosa: difficoltà nel rimborsare i prestiti irrigidimento della struttura finanziaria bassa capacità di fronteggiare eventuali nuovi fabbisogni pericolo di mancata disponibilità delle risorse finanziarie si può incorrere negli effetti negativi della leva finanziaria Annalisa Sentuti -28-

29 1. Indicatori di struttura del capitale e di indebitamento 4. Quozienti di indebitamento Misurano il livello di indebitamento dell impresa e fornisce informazioni sul grado di dipendenza dell impresa dai soggetti finanziatori portatori di capitale di credito Indice di indebitamento = Capitale di Terzi Capitale Netto In che misura l impresa usa capitale di credito rispetto al capitale proprio Indice di leva finanziaria (leverage) = Capitale Investito Capitale Netto Quante risorse sono investite per ogni unità di capitale proprio Annalisa Sentuti -29-

30 1. Indicatori di struttura del capitale e di indebitamento 5. Grado di copertura degli oneri finanziari Indica la capacità dell impresa (espressa in numero di volte) di fronteggiare il pagamento degli oneri finanziari Utile netto + Imposte + Oneri finanziari Oneri finanziari 6. Costo del debito (o R.O.D. Return On Debts) Evidenzia il costo medio del capitale di credito, ovvero il costo sostenuto dall azienda per acquisire i capitali a prestito Oneri finanziari Capitale a credito Annalisa Sentuti -30-

31 2. Indicatori di equilibrio finanziario orizzontale Indicatori di equilibrio finanziario orizzontale Misurano il grado di coerenza che esiste tra il profilo di liquidità degli impieghi e quello di esigibilità delle fonti, nel breve periodo (equilibrio monetario) e nel medio-lungo periodo (equilibrio finanziario) 1. Liquidità corrente e Liquidità secca 2. Capitale circolante netto 3. Margine di tesoreria 4. Durata media dei crediti e dei debiti 5. Margine di struttura e Margine di struttura allargato 6. Indici di copertura Annalisa Sentuti -31-

32 1. Liquidità corrente e Liquidità secca 2. Indicatori di equilibrio finanziario orizzontale Esprimono la capacità dell impresa di onorare i debiti a esigibili a breve mediante con impieghi caratterizzati da identico profilo di liquidità Liquidità corrente = Attività a breve Passività a breve Indica la capacità dell impresa di far fronte ai debiti a breve con le attività circolanti (liquidità immediate, liquidità differite, scorte) Liquidità secca = Attività a breve Scorte Passivo a breve Indica la capacità potenziale dell impresa di far fronte ai debiti a breve mediante la liquidità totale (immediata e differita) Annalisa Sentuti -32-

33 2. Capitale circolante netto 2. Indicatori di equilibrio finanziario orizzontale Indica l attitudine dell impresa a fronteggiare il fabbisogno finanziario indotto dal circolante lordo (Attivo a breve) con mezzi finanziari a breve CCN = Attività a breve Debiti a breve POSITIVO NEGATIVO Attivo a breve Passivo a breve Attivo a breve Passivo a breve Immob. nette Fonti permanenti Immob. nette Fonti ermanenti Annalisa Sentuti -33-

34 3. Margine di tesoreria Gli indicatori di bilancio 2. Indicatori di equilibrio finanziario orizzontale Esprime, più realisticamente del CCN, il grado di solvibilità a breve dell impresa: mette in relazione la liquidità totale (immediata e differita) con i debiti esigibili entro l anno Margine di tesoreria = (Attività a breve Scorte) Debiti a breve POSITIVO NEGATIVO Liquidità totale Passivo a breve Liquidità totale Passivo a breve Immob. nette Fonti permanenti Immob. nette Fonti ermanenti Annalisa Sentuti -34-

35 4. Durata media dei crediti e dei debiti 2. Indicatori di equilibrio finanziario orizzontale Indica la dilazione media (espressa in giorni) concessa alla clientela (o ottenuta dei fornitori), ovvero il tempo che mediamente intercorre fra il sorgere del credito (o del debito) e la loro effettiva riscossione (o il loro effettivo pagamento) Durata media dei crediti = [(Crediti i + Crediti f )/2 ] Anticipi Ricavi di vendita x 360 Durata media dei debiti = [(Debiti i + Debiti f )/2 ] Anticipi Acquisti x 360 Annalisa Sentuti -35-

36 5. Margine di struttura e Margine di struttura allargato 2. Indicatori di equilibrio finanziario orizzontale Valuta l equilibrio finanziario nel medio-lungo periodo ed evidenzia la capacità dell azienda di coprire le immobilizzazioni con forme di finanziamento stabili e permanenti Margine di struttura = Capitale netto Immobilizzazioni nette Indica la capacità dell azienda di coprire le immobilizzazioni con il capitale proprio Margine di struttura allargato = (Capitale netto + Capitale consolidato) Immobilizzazioni nette Ha lo stesso valore numerico del CCN, ma coglie la capacità dell impresa di finanziare l attivo immobilizzato con capitali permanenti Annalisa Sentuti -36-

37 2. Indicatori di equilibrio finanziario orizzontale 5. Margine di struttura e Margine di struttura allargato (segue) POSITIVO SEMPLICE NEGATIVO POSITIVO ALLARGATO NEGATIVO Attivo a breve PB e PC Attivo a breve PB e PC Attivo a breve Passivo a breve Attivo a breve Passivo a breve Immob. nette Capitale netto Immob. nette Capitale Netto Immob. nette PC e CN Immob. nette PC e CN Attenzione al costo della tranquillità Annalisa Sentuti -37-

38 6. Indici di copertura Gli indicatori di bilancio 2. Indicatori di equilibrio finanziario orizzontale Indicano, sottoforma di quoziente, quanto descritto dal margine di struttura Indice di copertura = Capitale netto Immobilizzazioni nette Indica la capacità dell azienda di coprire le immobilizzazioni con il capitale proprio Indice di copertura allargato = (Capitale netto + Capitale consolidato) Immobilizzazioni nette Ha lo stesso valore numerico del CCN, ma coglie la capacità dell impresa di finanziare l attivo immobilizzato con capitali permanenti Annalisa Sentuti -38-

39 3. Indicatori di redditività Indicatori di redditività Valutano l equilibrio economico-aziendale ed esprimono la capacità dell impresa di produrre reddito 1. Redditività dei mezzi propri (R.O.E. Return On Equity) 2. Redditività della gestione corrente (R.O.I. Return On Investement) 3. Redditività delle vendite (R.O.S. Return On Sales) 4. Tasso di incidenza della gestione extra-caratteristica 5. Schema di coordinamento degli indici di redditività 6. L effetto leva Annalisa Sentuti -39-

40 3. Indicatori di redditività 1. Redditività dei mezzi propri (R.O.E.( Return On Equity) Esprime il rendimento del capitale netto dell impresa, ossia quanto frutta il capitale conferito a titolo di rischio. È un parametro sintetico dell economicità della gestione aziendale ed un primo indizio sull attitudine dell impresa ad autofinanziarsi mediante la ritenzione di utili R.O.E. = Risultato netto di esercizio Capitale netto 7% - 8% < R.O.E. < 10,5% - 12% aziende modestamente redditizie 12% < R.O.E. < 17,5% - 20% aziende con alta redditività R.O.E. > 20% aziende con altissima redditività Annalisa Sentuti -40-

41 3. Indicatori di redditività 2. Redditività della gestione corrente (R.O.I.( Return On Investement) Misura la capacità dell impresa di impiegare efficientemente le sue risorse e la redditività del capitale investito (a prescindere dal tipo di fonti di finanziamento utilizzate). R.O.I. = Risultato operativo Capitale investito In altri termini, l indice evidenza la redditività della gestione caratteristica segnalando la percentuale di reddito operativo che si ottiene dall uso del capitale investito. Annalisa Sentuti -41-

42 3. Indicatori di redditività 3. Redditività delle vendite (R.O.S. Return On Sales) Indica il margine operativo sulle vendite ed evidenzia la redditività della gestione corrente in relazione al volume delle vendite effettuate R.O.S. = Reddito operativo Ricavi netti di vendita In altre parole, l indice esprime, in percentuale, la redditività caratteristica delle vendite, cioè la capacità che ha l impresa di creare reddito grazie allo svolgimento delle operazioni tipiche Annalisa Sentuti -42-

43 3. Indicatori di redditività 4. Tasso di incidenza della gestione extra-caratteristica Misura l incidenza (positiva o negativa) della gestione extra-caratteristica (accessoria, finanziaria, straordinaria) e della gestione fiscale sul risultato netto dell esercizio Tasso di incidenza della gestione extra-caratteristica = Risultato netto di esercizio Risultato operativo 0< X >1 valori generalmente normali = 0 se il reddito netto è nullo; =1 se il reddito netto è pari al risultato operativo <0 se ci sono perdite di esercizio; >1 se il risultato della gestione extra-caratteristica compensa l effetto negativo delle imposte Se il reddito operativo è nullo, perde di significatività Se, in presenza di un reddito operativo positivo, aumenta da un esercizio Annalisa Sentuti -43- all altro, l incidenza negativa della gestione extra-caratteristica diminuisce

44 3. Indicatori di redditività 5. Schema di coordinamento degli indici di redditività R.O.E. Gestione operativa Gestione Extracaratteristica Gestione finanziaria ROI Tasso incidenza gestione extra-caratteristica Indebitamento (leva finanziaria) ROS Rotazione del capitale investito Effetto leva Annalisa Sentuti -44-

45 3. Indicatori di redditività 5. Schema di coordinamento degli indici di redditività RN/CN Gestione operativa Gestione Extracaratteristica Gestione finanziaria RO/CI RN/RO CI/CN RO/Vendite Vendite/CI Effetto leva Annalisa Sentuti -45-

46 3. Indicatori di redditività 5. Schema di coordinamento degli indici di redditività Quindi, possiamo dire che la redditività del capitale proprio (R.O.E.) dipende dal prodotto congiunto di tre fattori: la redditività operativa (R.O.I.= RO/CI), a sua volta funzione della redditività delle vendite (R.O.S. = RO/V) e della rotazione del capitale investito (V/CI); il tasso di incidenza della gestione extra-caratteristica (RN/RO); il rapporto di indebitamento dato dall indice di leva finanziaria R.O.E. = RO CI X RN RO X CI CN = RN CN Annalisa Sentuti -46-

47 3. Indicatori di redditività 6. L effetto L leva Indice di leva finanziaria = Capitale Investito Capitale Netto Evidenzia il grado di indebitamento dell azienda L indebitamento, cioè il ricorso a capitale di terzi, ha un costo i = Oneri finanziari Capitale di terzi = costo medio del finanziamento L effetto leva dipende dal rapporto tra la redditività del capitale investito (R.O.I.) e il costo medio del capitale di terzi (i ) Annalisa Sentuti -47-

48 3. Indicatori di redditività 6. L effetto L leva Se ROI / i > 1 (e quindi ROI > i ) La redditività del capitale investito è maggiore del costo medio del capitale di credito => effetto leva positivo: maggiore è il grado di indebitamento, maggiore è la redditività dei mezzi propri Se ROI / i < 1 (e quindi ROI > i ) La redditività del capitale investito è minore del costo medio del capitale di credito => effetto leva negativo: la redditività dei mezzi propri diminuisce all aumentare del grado di indebitamento Annalisa Sentuti -48-

49 4. Indicatori di efficienza e produttività Indicatori di efficienza e produttività Misurano il grado efficienza nei modi di utilizzo dei fattori produttivi a disposizione dell impresa 1. Fatturato per dipendente 2. Valore aggiunto per dipendente 3. Produttività aziendale 4. Produttività del capitale investito 5. Produttività degli immobilizzi tecnici 6. Tasso di occupazione 7. Yield 8. Indici di rotazione Annalisa Sentuti -49-

50 4. Indicatori di efficienza e produttività 1. Fatturato per dipendente Ricavi di vendita N.ro dipendenti 2. Valore aggiunto per dipendente Valore aggiunto N.ro dipendenti Nelle imprese turistico-ricettive i valori al numeratore possono essere rapportati al numero delle camere. Le vendite, inoltre, possono essere commisurate al numero medio di clienti per verificare il ricavo medio per cliente Annalisa Sentuti -50-

51 4. Indicatori di efficienza e produttività 3. Produttività aziendale Valore della produzione Capitale investito 4. Produttività del capitale investito Valore aggiunto Capitale investito 5. Produttività degli immobilizzi tecnici Valore della produzione Immobilizzi tecnici Annalisa Sentuti -51-

52 4. Indicatori di efficienza e produttività 6. Tasso di occupazione 7. Yield (Rendimento) N.ro camere occupate N.ro camere disponibili Ricavi effettivi Ricavi potenziali Particolarmente utile per il governo efficiente delle imprese turistiche. Il parametro viene utilizzato nell ambito di una tecnica manageriale (yield management) finalizzata alla massimizzazione del rendimento tramite l ottimizzazione della capacità produttiva: rendere prossimo ad 1 il rapporto tra vendite realizzate e vendite realizzabili con una data capacità produttiva in un determinato periodo temporale. Annalisa Sentuti -52-

53 4. Indicatori di efficienza e produttività 8. Indici di rotazione Mettono in relazione il fatturato totale con le diverse risorse impiegate ed esprimono in numero di volte che le varie risorse di capitale investito si recuperano economicamente per effetto delle vendite Tasso di rotazione del capitale investito = Ricavi di vendita Capitale investito Ricavo medio per unità di investimento Tasso di rotazione delle Imm. Tec. Nette = Ricavi di vendita Imm. Tec. Nette Ricavo medio per unità di Imm.Tec. Nette Tasso di rotazione delle Attività a breve = Ricavi di vendita Attività a breve Ricavo medio per unità di attivo a breve Annalisa Sentuti -53-

54 5. Indicatori di sviluppo Indicatori di sviluppo Evidenziando le variazioni, in termini percentuali, avvenute ad alcuni indicatori dimensionali nell arco di due esercizi, esprimono la dinamica di espansione o contrazione della dimensione aziendale Tasso di sviluppo del fatturato = Vendite 2 Vendite 1 Vendite 1 Tasso di sviluppo dei dipendenti = Dipendenti 2 Dipendenti 1 Dipendenti 1 Tasso di sviluppo degli investimenti = Investimenti 2 Investimenti 1 Investimenti 1 Annalisa Sentuti -54-

55 La tecnica dello scoring Che cos è È un metodo di analisi che consente di dare un giudizio estremamente sintetico, espresso attraverso un numero, sulla situazione economico-finanziaria dell impresa Perché è utile per la valutazione delle performance Grazie allo scoring si possono creare relazioni simultanee e sistemiche tra i diversi indicatori, conferendo all analisi maggiore significatività ed obiettività rispetto all osservazione isolata di singoli indici o di un gruppo ristretto di parametri Come si realizza Si seleziona un numero ridotto di indicatori tra loro collegati da legami logico-matematici e capaci di esprimere la performance complessiva dell impresa (economica, finanziaria, patrimoniale), si attribuisce un peso ad ognuno e si definisce la loro combinazione lineare Annalisa Sentuti -55-

56 La tecnica dello scoring Un modello di scoring semplificato 1. Selezione degli indicatori e suddivisione in categorie 2. Creazione degli intervalli di valore per ciascun indice 3. Assegnazione di un punteggio ad ogni intervallo 4. Creazione delle classi di valutazione, dei relativi intervalli di scoring e assegnazione del giudizio di sintesi 5. Analisi della performance 6. Tabella riepilogativa 7. Confronto del punteggio ottenuto con il punteggio assegnato alla classe di valutazione della performance Annalisa Sentuti -56-

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

Analisi di Bilancio per indici

Analisi di Bilancio per indici Analisi di Bilancio per indici L analisi di bilancio è una attività complessa svolta con utilizzazione di tecniche prevalentemente quantitative di elaborazione dei dati, con cui si effettuano indagini

Dettagli

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed Appunti di Economia Capitolo 8 Analisi di bilancio Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed indipendenza

Dettagli

CL Produzioni Animali. Anno Accademico 2013-134. Schemi sintetici per analisi patrimoniale e del reddito. Approfondimenti

CL Produzioni Animali. Anno Accademico 2013-134. Schemi sintetici per analisi patrimoniale e del reddito. Approfondimenti CL Produzioni Animali Anno Accademico 2013-134 Schemi sintetici per analisi patrimoniale e del reddito Approfondimenti Analisi efficienza Approfondimenti 1 2 La formazione degli indici di bilancio! gli

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM Il conto economico che abbiamo esaminato fino ad ora si presenta a sezioni contrapposte: nella sezione del DARE vengono rilevati i costi, e nella

Dettagli

CITTÀ DI TORINO DI AMIAT E CONTROLLATE, GRUPPO IRIDE, GTT, SAGAT E SMAT

CITTÀ DI TORINO DI AMIAT E CONTROLLATE, GRUPPO IRIDE, GTT, SAGAT E SMAT CITTÀ DI TORINO ANALISI ECONOMICO FINANZIARIA DEI BILANCI DI AMIAT E CONTROLLATE, GRUPPO IRIDE, GTT, SAGAT E SMAT Rapporto 2007 ANALISI ECONOMICO FINANZIARIA DEI BILANCI DI AMIAT E CONTROLLATE, GRUPPO

Dettagli

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di Gli indici per l analisi di bilancio Relazione di Giorgio Caprioli Gli indici di solidità Gli indici di solidità studiano il rapporto tra le parti alte dello Stato Patrimoniale, ossia tra Capitale proprio

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

ALLEGATO. DATA SCADENZA Definitivo STATO --- pubblico 1/9. Legenda

ALLEGATO. DATA SCADENZA Definitivo STATO --- pubblico 1/9. Legenda SERVIZI INGEGNERIA DI ALLEGATO C LINEAMENTI METODOLOGICI PER LA VALUTAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA DEGLI OPERATORI ECONOMICI 25 novembre 21 Stato: Bozza, In Approvazione, Documento al documento 1/9 1. PRINCIPI

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio

1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio INDICI DI BILANCIO 1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio Perché sia possibile un calcolo automatico degli indici di bilancio (ratios) è necessario che le informazioni siano memorizzate seguendo i

Dettagli

Fondamenti. G.GHELFI gghelfi@liuc.it

Fondamenti. G.GHELFI gghelfi@liuc.it Fondamenti di analisi i di bilancio i Le analisi di bilancio: introduzione gghelfi@liuc.it Le analisi di bilancio - Introduzione Il bilancio è il documento contabile in cui trovano rappresentazione l andamento

Dettagli

Analisi di bilancio per indici e per flussi

Analisi di bilancio per indici e per flussi Prof. Marco Tutino, Dipartimento di Studi Aziendali Analisi di bilancio per indici e per flussi Dispensa per il corso di Bilancio, Corso Avanzato Prof. Marco Tutino 1 INDICE 1... INTRODUZIONE... 5 2...

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi 3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO Gli elementi utili per aprire un attività imprenditoriale Rovigo, 14 maggio 2008 Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi La scelta di intraprendere

Dettagli

Lezione n. 3. Le determinanti della dinamica finanziaria

Lezione n. 3. Le determinanti della dinamica finanziaria FINANZA AZIENDALE Lezione n. 3 Le determinanti della dinamica finanziaria 1 SCOPO DELLA LEZIONE Comprendere i principali fenomeni in grado di influenzare la dinamica finanziaria aziendale Sviluppare un

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE.

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. E COAN) Prof.ssa Claudia SALVATORE Università degli Studi del Molise

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Università di Pavia - Facoltà di Economia

Università di Pavia - Facoltà di Economia 0 Università di Pavia - Facoltà di Economia Il calcolo imprenditoriale per la trasformazione «finanziaria» Michela Pellicelli Le imprese possono essere considerate trasformatori finanziari in quanto: a)

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO:

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: STATO PATRIMONIALE ATTIVO: + ATTIVO IMMOBILIZZATO: Investimenti che si trasformeranno in denaro in un periodo superiore ad un anno + ATTIVO CIRCOLANTE: Investimenti che

Dettagli

Le dinamiche di una situazione finanziaria

Le dinamiche di una situazione finanziaria FORMAZIONE CONTINUA AGI LOMBARDIA VIA LENTASIO 7 MILANO Le dinamiche di una situazione finanziaria Prof. Riccardo Bauer PER POTER LEGGERE UN BILANCIO BISOGNA CONOSCERE LE DINAMICHE RELATIVE Significa conoscere

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 5 SCRITTURE DI RETTIFICA SU ACQUISTI e SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI DEBITI 24 ottobre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 3) Rettifiche

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE Le rettifiche su acquisti (vendite) determinano componenti positivi (negativi) di reddito corrispondenti ad una riduzione dei costi di acquisto (ricavi di vendita) rilevati

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

S T A T O P A T R I M O N I A L E 31/12/2012 31/12/2011

S T A T O P A T R I M O N I A L E 31/12/2012 31/12/2011 Ditta 005034 Data: 05/04/2013 Ora: 15.13 Pag.001 A.I.R. - ASSOCIAZIONE ITALIANA RETT - ONLUS VIALE BRACCI 1 53100 SIENA SI ESERCIZIO DAL 01/01/2012 AL 31/12/2012 BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA AI SENSI DELL'ART.2435

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

Corso di Valutazioni d Azienda

Corso di Valutazioni d Azienda Andrea Cardoni Università degli Studi di Perugia Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline Giuridiche e Aziendali Corso di Laurea Magistrale in Economia e Management Aziendale Corso di Valutazioni

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1 IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO dott.ssa Annaluisa Palma 1 Indice Il budget: documenti amministrativi in cui si estrinseca; Forma e contenuti del budget degli investimenti; Gli scopi

Dettagli

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE Allegato 18 Modulo prenotazione garanzia PON - Pagina 1 di 25 FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE PROCEDURA DI

Dettagli

Valutazione e valorizzazione di un sito web di una struttura alberghiera. Andrea Tiburzi Rimini, 9 marzo 2013

Valutazione e valorizzazione di un sito web di una struttura alberghiera. Andrea Tiburzi Rimini, 9 marzo 2013 Valutazione e valorizzazione di un sito web di una struttura alberghiera. Andrea Tiburzi Rimini, 9 marzo 2013 Introduzione Agenda La misura del valore: i fattori che influenzano il valore di un azienda

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

FASI DI VITA DELL AZIENDA

FASI DI VITA DELL AZIENDA AZIENDA ORGANIZZAZIONE DI PERSONE E BENI CHE SVOLGE ATTIVITA ECONOMICA IN VISTA DEL SODDISFACIMENTO DEI BISOGNI UMANI. Dalla definizione si estraggono le 3 componenti principali dell azienda. Abbiamo ciò

Dettagli

Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS

Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS 1 Analisi del punto di equilibrio o di pareggio Consiste nella determinazione grafica o matematica del quantitativo di vendita al quale i costi totali e i ricavi

Dettagli

Lavori in corso su ordinazione

Lavori in corso su ordinazione OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Lavori in corso su ordinazione Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

STUDIO DI SETTORE VM48U

STUDIO DI SETTORE VM48U A L L E G AT O 21 NOTA INTEGRATIVA (NUOVI INDICATORI DI COERENZA ECONOMICA) STUDIO DI SETTORE VM48U ANALISI DELLA COERENZA Per lo studio di settore VM48U sono previsti ulteriori specifici indicatori di

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 8 marzo 2013, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

Lezione 8. Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale

Lezione 8. Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale Lezione 8 Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale L AZIENDA SVOLGE UN PROCESSO DI TRASFORMAZIONE RISORSE PROCESSO DI PRODOTTI E SERVIZI TRASFORMAZIONE Valore di mercato delle risorse impiegate

Dettagli

Composizione e schemi del bilancio d esercizio

Composizione e schemi del bilancio d esercizio OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Composizione e schemi del bilancio d esercizio Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value A cura Alessio D'Oca Premessa Nell ambito dei principi che orientano la valutazione del bilancio delle società uno dei

Dettagli

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Giugno 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio.

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio. IL BILANCIO DELLE IMPRESE Le imprese sono aziende che hanno come fine il profitto. Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell

Dettagli

MAILUP S.P.A. Relazione sulla gestione al Bilancio consolidato al 31/12/2014

MAILUP S.P.A. Relazione sulla gestione al Bilancio consolidato al 31/12/2014 MAILUP S.P.A. Reg. Imp. 01279550196 Rea 1743733 Sede in VIALE FRANCESCO RESTELLI 1-20124 MILANO (MI) Capitale sociale Euro 200.000,00 i.v. Relazione sulla gestione al Bilancio consolidato al 31/12/2014

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 17 07.05.2014 Riporto perdite e imposte differite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Il meccanismo del riporto delle perdite ex art.

Dettagli

Istruzioni per la compilazione del Piano economico rendicontativo

Istruzioni per la compilazione del Piano economico rendicontativo I MATERIALI FORMATIVI costituiscono un supporto pratico alla rendicontazione dei progetti; la loro funzione principale è quella di mostrare l applicazione delle regole a casi concreti con l ausilio degli

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

ACEL Service S.r.l. BILANCIO D ESERCIZIO al 31.12.2014

ACEL Service S.r.l. BILANCIO D ESERCIZIO al 31.12.2014 Sede in Lecco - Via Amendola, n 4 Capitale Sociale 2.473.194 interamente versato Registro Imprese di Lecco n 02686430139 Rea C.C.I.A.A. di Lecco n 295486 BILANCIO D ESERCIZIO al 31.12.2014 Bilancio 2014

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano A.GE.S. S.p.A. Sede in Paderno Dugnano (Mi) Via Oslavia 21 Capitale sociale euro 850.000,00 interamente versato Codice fiscale e Partita Iva : 02286490962 Iscritta al Registro delle Imprese di Milano Società

Dettagli

credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza

credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza chiarezza e trasparenza State progettando un investimento? Oppure desiderate semplicemente conoscere quali possibilità vi

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

STUDIO DI SETTORE VM40B

STUDIO DI SETTORE VM40B A L L E G AT O 15 NOTA INTEGRATIVA (NUOVI INDICATORI DI COERENZA ECONOMICA) STUDIO DI SETTORE VM40B ANALISI DELLA COERENZA Per lo studio di settore VM40B sono previsti ulteriori specifici indicatori di

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e del Consiglio Nazionale dei Ragionieri modificati dall OIC in relazione alla riforma del diritto

Dettagli

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina APPROCCIO PER COMPONENTI E SEPARAZIONE TERRENO- FABBRICATI NEI BILANCI REDATTI CON LE NORME CODICISTICHE ALLA LUCE DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI di Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Capitolo 7 Le scritture di assestamento Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento. - 2. Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio

Dettagli

La cooperazione italiana negli anni della crisi. 2 Rapporto Euricse

La cooperazione italiana negli anni della crisi. 2 Rapporto Euricse La cooperazione italiana negli anni della crisi 2 Rapporto Euricse 1 La cooperazione italiana negli anni della crisi Secondo Rapporto Euricse Introduzione 3 Carlo Borzaga Parte 1: Il quadro generale 9

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA Prospetto di cui all'art. 8, comma 1,D.L. 66/2014 (enti in contabilità finanziaria) Bilancio di Previsione 2015 E I Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 0 0 E II Tributi 0

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012 ROMA SOLIDALE ONLUS Codice fiscale 08060901009 Partita iva 09559981007 BORGO PIO 10-00193 ROMA RM Numero R.E.A. 1176430 Fondo di dotazione Euro 350.000 Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C.

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Rimanenze. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Rimanenze. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rimanenze Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

ATTO DI INDIRIZZO LINEE GUIDA E SCHEMI PER LA REDAZIONE DEI BILANCI DI ESERCIZIO AGENZIA PER LE ONLUS DEGLI ENTI NON PROFIT

ATTO DI INDIRIZZO LINEE GUIDA E SCHEMI PER LA REDAZIONE DEI BILANCI DI ESERCIZIO AGENZIA PER LE ONLUS DEGLI ENTI NON PROFIT AGENZIA PER LE ONLUS ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001 n. 329 LINEE GUIDA E SCHEMI PER LA REDAZIONE DEI BILANCI DI ESERCIZIO DEGLI ENTI NON PROFIT Approvato

Dettagli

ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI

ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI testo di riferimento: Analisi inanziaria (a cura di E. Pavarani) McGraw-Hill, 2001 cap. 10. Indice Introduzione I criteri tradizionali di valutazione degli investimenti

Dettagli

CIRCOLARE N. 28/E. Roma, 17 luglio 2015. Oggetto: Studi di settore periodo di imposta 2014. Direzione Centrale Accertamento

CIRCOLARE N. 28/E. Roma, 17 luglio 2015. Oggetto: Studi di settore periodo di imposta 2014. Direzione Centrale Accertamento CIRCOLARE N. 28/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 17 luglio 2015 Oggetto: Studi di settore periodo di imposta 2014. 2 SOMMARIO 1. PREMESSA... 3 1.1 CAUSE DI INAPPLICABILITÀ... 5 2. PRINCIPALI NOVITÀ...

Dettagli

Tassi a pronti ed a termine (bozza)

Tassi a pronti ed a termine (bozza) Tassi a pronti ed a termine (bozza) Mario A. Maggi a.a. 2006/2007 Indice 1 Introduzione 1 2 Valutazione dei titoli a reddito fisso 2 2.1 Titoli di puro sconto (zero coupon)................ 3 2.2 Obbligazioni

Dettagli

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere.

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Cos è un gruppoaziendale L evoluzione del processo di armonizzazione contabile Le principali caratteristiche del bilancio IAS/IFRS a seguito

Dettagli