Indice TITOLO I. TITOLO II Sistema di valutazione delle prestazioni. CAPO I Disposizioni comuni sul sistema di valutazione del personale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Indice TITOLO I. TITOLO II Sistema di valutazione delle prestazioni. CAPO I Disposizioni comuni sul sistema di valutazione del personale"

Transcript

1 COMUNE DI BRINDISI Regolamento recante la disciplina della misurazione, della valutazione, della rendicontazione e della trasparenza della performance in attuazione del D.Lgs. n. 150/2009

2 Indice TITOLO I Principi generali Art. 1 - Finalità Art. 2 - Ambito di applicazione Art. 3 - Definizione di performance organizzativa Art. 4 - Definizione di performance individuale Art. 5 Soggetti del sistema di misurazione e valutazione della performance TITOLO II Sistema di valutazione delle prestazioni CAPO I Disposizioni comuni sul sistema di valutazione del personale Art. 6 - Definizione degli obiettivi Art. 7 - Le fasce di merito CAPO II Sistema di valutazione della prestazione dei dirigenti Art. 8 - Criteri di valutazione Art. 9 - Valutazione dei dirigenti Art Metodologia, tempistica e soggetto valutatore Art L'obbligo di trasparenza CAPO III Sistema di valutazione dei titolari di posizione organizzativa e delle alte professionalità Art Criteri di valutazione Art Valutazione dei titolari di posizione organizzativa e delle alte professionalità Art Attribuzione della retribuzione di risultato Art L'obbligo di trasparenza CAPO IV Sistema di valutazione dei dipendenti 2

3 Art Criteri di valutazione Art. 17 -Valutazione dei dipendenti TITOLO III Sistema premiante Art Il bonus delle eccellenze Art Il premio annuale per l innovazione Art Le progressioni economiche Art Le progressioni di carriera Art Gli altri istituti TITOLO V Misurazione, Trasparenza e rendicontazione della performance Art La performance organizzativa Art Trasparenza Art La misurazione della performance Art Comunicazione e conciliazione della valutazione Art Norme transitorie e finali NORME TRANSITORIE E FINALI Allegati A. Scheda di valutazione dirigenti B. Scheda di valutazione posizione organizzativa/alta professionalità C. Scheda di valutazione dipendenti cat. D D. Scheda di valutazione dipendenti cat. C E. Scheda di valutazione dipendenti cat. B F. Scheda di valutazione dipendenti cat. A 3

4 TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art.1 Finalità La misurazione e la valutazione della performance delle strutture organizzative e dei dipendenti del Comune di Brindisi (successivamente richiamato come "ente") sono finalizzate ad ottimizzare la produttività del lavoro nonché la qualità, l'efficienza, l'integrità e la trasparenza dell'attività amministrativa alla luce dei principi contenuti nel Titolo II del decreto legislativo 27 ottobre 2009, n Il sistema di misurazione e valutazione della performance è altresì finalizzato alla valorizzazione del merito e al conseguente riconoscimento di meccanismi premiali ai dipendenti dell'ente in conformità a quanto previsto dalle disposizioni contenute nei Titoli II e III del decreto legislativo 27 ottobre 2009, n.150. Art. 2 Ambito di applicazione Il presente regolamento disciplina l'attività di misurazione e valutazione della performance delle strutture amministrative dell'ente complessivamente considerate, del personale dirigenziale, delle posizioni organizzative, delle alte professionalità e del personale non dirigenziale. Esso contiene, altresì, disposizioni sulla trasparenza e la rendicontazione della performance. Art. 3 Definizione di performance organizzativa La performance organizzativa fa riferimento ai seguenti aspetti : -l attuazione di piani e programmi, ovvero la misurazione dell effettivo grado di attuazione dei medesimi, nel rispetto delle fasi e dei tempi previsti; -lo sviluppo qualitativo e quantitativo delle relazioni con i cittadini, i soggetti interessati, gli utenti ed i destinatari dei servizi, anche attraverso lo sviluppo di forme di partecipazione e collaborazione; -l efficienza nell impiego delle risorse, con particolare riferimento al contenimento ed alla riduzione dei costi, e/o all ottimizzazione dei tempi dei procedimenti amministrativi; -la qualità e la quantità delle prestazioni e dei servizi erogati. 4

5 Art.4 Definizione di performance individuale La misurazione e la valutazione della performance individuale del personale responsabile di unità organizzativa in posizione di autonomia e responsabilità è collegata: agli indicatori di performance relativi all ambito organizzativo di diretta responsabilità; al raggiungimento di specifici obiettivi individuali; alla qualità del contributo assicurato alla performance generale della struttura, alle competenze professionali e manageriali dimostrate; alla capacità di valutazione del personale assegnato, dimostrata tramite una significativa differenziazione delle valutazioni. La misurazione e la valutazione sulla performance individuale del personale sono effettuate sulla base del sistema di misurazione e valutazione e collegate: - al raggiungimento di specifici obiettivi di gruppo o individuali; - alla qualità del contributo assicurato alla performance dell unità organizzativa di appartenenza; - alle competenze dimostrate ed ai comportamenti professionali e organizzativi adottati. Art. 5 Soggetti del sistema di misurazione e valutazione della performance I soggetti che intervengono nel processo di misurazione e valutazione della performance organizzativa e individuale sono: Il Sindaco; la Giunta; il Nucleo di Valutazione; i singoli dirigenti; i titolari di posizione organizzativa e le alte professionalità (con compiti di proposta) i cittadini/utenti e le loro associazioni. 5

6 TITOLO II SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI Capo I Disposizioni comuni sul sistema di valutazione del personale Art. 6 Definizione degli obiettivi 1. Gli obiettivi assegnati ai dirigenti sono definiti annualmente nel PEG sulla base del bilancio di previsione e dell'allegata relazione previsionale e programmatica. 2. Gli obiettivi devono rispettare i principi fissati dall'articolo 5 del D.Lgs n. 150/2009 e dal Regolamento sui controlli interni. 3. In particolare essi devono essere: rilevanti e pertinenti rispetto ai bisogni della collettività, alla missione istituzionale, alle priorità politiche ed alle strategie dell'amministrazione, per cui devono essere corrispondenti alle indicazioni di carattere generale contenute negli strumenti di programmazione pluriennale; specifici e misurabili in termini concreti e chiari attraverso la presenza di indicatori; tali da determinare un significativo miglioramento della qualità dei servizi erogati e/o delle attività, così da non essere limitati al mero mantenimento della situazione esistente; riferibili ad un arco temporale determinato; commisurati ai valori di riferimento derivanti da standard definiti a livello nazionale ed internazionali, nonché da comparazioni con amministrazioni omologhe e, nelle more della loro definizione, rispondenti ai requisiti previsti dalle norme di legge, ivi compreso il rispetto dei termini di conclusione dei procedimenti; confrontabili con le tendenze della produttività dell'amministrazione, con riferimento ove possibile al triennio precedente, in modo da determinare comunque esiti di miglioramento; correlati alla qualità ed alla quantità delle risorse disponibili, cioè sostenibili. 4. Gli obiettivi, definiti annualmente nel PEG, sono proposti dai dirigenti, previo concerto con gli assessori di riferimento, e contengono la articolazione delle fasi necessarie al loro raggiungimento. Del rispetto dei tempi e del contenuto delle proposte si tiene conto nell'ambito della valutazione delle capacità manageriali dei dirigenti, come fattore capacità di proposta. Essi sono negoziati con il Segretario Generale, e dallo stesso coordinati e raccolti in un unico documento. 5. Entro i termini previsti per l approvazione degli Equilibri di Bilancio Preventivo, gli obiettivi assegnati possono essere rinegoziati. Ai dirigenti possono, altresì, essere assegnati ulteriori obiettivi che emergano durante l'anno, previa comunicazione da parte del Segretario Generale. Analoga operazione dovrà essere effettuata anche per gli obiettivi eliminati in corso di esercizio. Le modifiche al PEG sono approvate dalla Giunta. 6. Nel caso in cui un obiettivo non sia raggiunto per ragioni oggettivamente non addebitabili 6

7 al dirigente, lo stesso non sarà considerato valutabile e, di conseguenza, la valutazione sarà effettuata sugli altri obiettivi. Art. 7 Le fasce di merito 1. La differenziazione retributiva in fasce prevista dagli artt. 19, commi 2 e 3, e 31, comma 2, del decreto legislativo 27/10/2009, n. 150, si applica a partire dalla tornata di contrattazione collettiva successiva a quella relativa al quadriennio 2006/2009, salva la ripartizione di eventuali economie di spesa, connesse all attuazione dei processi di razionalizzazione previste dall art. 16 co. 5 del d. legge 6/07/2011, n. 98, convertito con modificazioni dalla legge 15 luglio 2011, n A seguito degli esiti delle valutazioni delle prestazioni i dirigenti, i responsabili di posizioni organizzative, le alte professionalità ed il personale sono inseriti in fasce di merito. Le fasce sono formate per singolo Settore per il personale, mentre per i dirigenti e le posizioni organizzative sono unitarie nell'intero ente. 3. Le fasce sono formate nel seguente modo: prima fascia (valutazione più elevata): 20% del personale/dirigenti/posizioni organizzative /alte professionalità; seconda fascia (valutazione medioalta): 50% del personale/dirigenti/posizioni organizzative/alte professionalità; terza fascia (valutazione medio bassa): 20% del personale/dirigenti/posizioni organizzative/alte professionalità; quarta fascia (valutazione più bassa): 10% del personale/dirigenti/posizioni organizzative/alte professionalità. 4.Per i dipendenti le fasce di cui al comma precedente sono formate per singola articolazione organizzativa di livello dirigenziale se nelle stesse sono presenti almeno 9 dipendenti. Nel caso di articolazioni organizzative aventi un numero di dipendenti inferiori le valutazioni saranno effettuate in modo congiunto dai dirigenti di tali articolazioni organizzative. 5. I dirigenti effettuano nel corso di una riunione le valutazioni dei titolari di posizione organizzativa e delle alte professionalità. Prima di effettuare le valutazioni dei dipendenti essi mettono a punto in modo collegiale le modalità di applicazione del sistema. 6. L'arrotondamento per l'inserimento nelle fasce sarà effettuato all'unità superiore nel caso di resto pari o superiore a 0,5; all'unità inferiore nel caso di resto inferiore a 0,5. In ogni fascia deve essere presente almeno una unità. 7. La ripartizione delle risorse da destinare alle fasce di merito, per il trattamento economico accessorio, collegate alle performance individuali, cioè l'indennità di risultato per i dirigenti ed i titolari di posizione organizzativa e di alte professionalità, nonché la produttività per il personale, sarà effettuata sulla base delle scelte preventivamente effettuate in sede di contrattazione collettiva decentrata integrativa. 7

8 CAPO II SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PRESTAZIONE DEI DIRIGENTI Art. 8 Criteri di valutazione 1) La valutazione della performance individuale dei dirigenti riguarda sia l'area del risultato ottenuto in relazione agli obiettivi assegnati con riguardo al relativo peso e al contributo assicurato alla performance organizzativa dell'ente e della struttura di appartenenza, sia l'area delle competenze professionali espresse. I dirigenti, in quanto personale responsabile di una unità organizzativa in posizione di autonomia e responsabilità, vengono infatti valutati con riferimento ai seguenti ambiti: a) indicatori di performance relativi all ambito organizzativo di diretta responsabilità; b) raggiungimento di specifici obiettivi individuali; c) qualità del contributo assicurato alla performance generale della struttura, contributo assicurato alla performance organizzativa dell'ente, competenze professionali e manageriali dimostrate; d) capacità di valutazione dei propri collaboratori, dimostrata tramite una significativa differenziazione dei giudizi. 2) La valutazione dei dirigenti e della conseguente erogazione dell'indennità di risultato è effettuata sulla base delle seguenti griglie di punteggio: Area 1: fino a 70 punti comprende: I SEZIONE: fino a 45 punti per il peso assegnato agli obiettivi compresi nel PEG e per la percentuale dei risultati raggiunti rispetto agli obiettivi assegnati al dirigente con il PEG; II SEZIONE: fino a 25 punti per il contributo assicurato alla performance organizzativa dell'ente; Area 2 : fino a 30 punti per le competenze e il comportamento organizzativo. 8

9 Art. 9 Valutazione dei dirigenti AREA 1: Valutazione della performance della unità organizzativa di diretta responsabilità con riferimento al PEG del settore e al contributo assicurato alla performance organizzativa dell'ente 1.La valutazione delle performance dei settori dell'ente coincide con la verifica da parte del Nucleo di Valutazione degli obiettivi e delle attività comprese nel PEG. 2.La prima sezione della scheda di valutazione riporta il grado di pesatura degli obiettivi x la percentuale di raggiungimento degli obiettivi assegnati. 3.Nella scheda, la valutazione viene tradotta in una scala di giudizio articolata su tre gradi, a cui corrispondono altrettanti punteggi (3 2-1): ogni grado di giudizio è moltiplicato per il peso assegnato a ciascun fattore utile per la pesatura degli obiettivi/3. Il grado max di raggiungimento degli obiettivi 100% Il grado minimo di raggiungimento degli obiettivi è il 30% % X PESO OBIETTIVO % X PESO OBIETTIVO 4.Nella valutazione del raggiungimento degli obiettivi si tiene conto sia delle risorse umane, finanziarie e strumentali assegnate al singolo dirigente che degli eventuali scostamenti dall'obiettivo a causa di fattori non riconducibili alla responsabilità del dirigente. FATTORI A) Metrica per la valutazione di ciascun fattore ai fini della pesatura degli obiettivi Rilevanza Strategicità Alta Media Bassa Articolazione Molto articolato in fase di Media articolazione Sintetico attuazione Contenuto Altamente specifico, Specifico e/o Generico contestualizzato, chiaro contestualizzato, chiaro Tempi di Attuazione Definiti per tutte le fasi Definiti per le fasi iniziali e Poco definiti finali Fattibilità Obiettivo sfidante e non Obiettivo innovativo e facilmente raggiungibile raggiungibile B) Pesatura fattori obiettivi Obiettivo di processo o facilmente raggiungibile OBIETTIVO 1 PESO FATTORE RILEVANZA 15 ARTICOLAZIONE 6 CONTENUTO 6 TEMPI DI ATTUAZIONE 6 FATTIBILITA' 12 TOTALE PESO MAX 45 che sarà assegnato a ciascun obiettivo VALUTAZIONE VALUTAZIONE PUNTEGGIO PONDERATA LETT. A) (peso x valutazione / 3) 9

10 Scheda attribuzione punteggio raggiungimento obiettivi OBIETTIVI VALUTAZIONE PONDERATA MAX 45 INDICATORE DI RISULTATO PREVISTO % RAGGIUN GIMENTO Obiettivo 1 Obiettivo 2 Obiettivo 3 Obiettivo 4 Obiettivo TOTALE RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI PEG: OBIETTIVI ASSEGNATI PUNTEGGIO = valutazione ponderata (lett.b) x % di raggiungimento) 5. La seconda sezione della scheda riguarda il contributo individuale che ogni dirigente di settore apporta alla performance organizzativa dell'ente nel suo complesso. La valutazione della performance organizzativa concerne nello specifico alcuni ambiti, tra cui: a) l attuazione complessiva dei piani e programmi contenuti nel PEG, ovvero la misurazione dell effettivo grado di attuazione dei medesimi; b) la rilevazione del grado di soddisfazione dei destinatari delle attività e dei servizi. La valutazione dell'indagine di customer satisfaction concerne la rilevazione del grado di soddisfazione degli utenti/cittadini (customer esterna) rispetto alla qualità dei servizi forniti dal Settore o dagli uffici/servizi in esso incardinati. c) l efficienza nell impiego delle risorse, con particolare riferimento al contenimento ed alla riduzione dei costi e/o all ottimizzazione dei tempi dei procedimenti amministrativi; d) la qualità e la quantità delle prestazioni e dei servizi erogati. La scala di valutazione utilizzata è articolata sulla base della graduazione dell ampiezza del contributo apportato. In questo caso la scala di valutazione associata prevede un punteggio che varia da 0 a 25 punti, articolato su cinque gradi di giudizio. individuale di rilievo assicurato alla performance organizzativa VALUTAZIONE A 25 individuale ampio assicurato alla performance organizzativa VALUTAZIONE B 20 individuale discreto VALUTAZIONE C 15 assicurato alla performance organizzativa individuale contenuto VALUTAZIONE D 10 assicurato alla performance organizzativa individuale non significativo VALUTAZIONE E 0 assicurato alla performance organizzativa 10

11 AREA 2: Valutazione delle competenze e dei comportamenti organizzativi 1. La seconda area nell'ambito della scheda per la valutazione dei dirigenti riguarda i fattori connessi alle competenze professionali e manageriali dimostrate, con riferimento anche alla differenziazione dei giudizi espressi nei confronti del personale. 2. La valutazione delle competenze professionali dei dirigenti tiene conto della qualità dello svolgimento delle loro attività di istituto, anche alla luce del necessario livello di aggiornamento. 3. La valutazione delle capacità manageriali prende in considerazione l'insieme delle capacità e delle competenze organizzative e relazionali rilevate nei comportamenti nel corso dell'anno. 4. Nell ambito dei fattori di valutazione delle capacità manageriali deve essere adeguatamente considerata la capacità di interazione con gli organi di indirizzo politico. 5. La capacità di valutazione dei collaboratori è apprezzata dal N.d.V. agli esiti dei giudizi effettuati dal dirigente nei confronti dei propri collaboratori. 6. Nella valutazione di cui al comma precedente, il N.d.V. si attiene ai criteri e agli indici di misurabilità previsti dalla metodologia di valutazione. 7. Nella tabella seguente sono riportati i fattori di valutazione. 8. Per ogni fattore il valutatore deve esprimere un giudizio in relazione alla seguente scala. Scala di valutazione è un punto di eccellenza VALUTAZIONE A 30 è un punto di forza VALUTAZIONE B 20 soddisfa i requisiti VALUTAZIONE C 10 necessita di miglioramento VALUTAZIONE D 05 è un punto di debolezza VALUTAZIONE E 0 Il punteggio complessivo ottenuto deve essere calcolato come media dei singoli punteggi ottenuti. Valutazione delle competenze e dei comportamenti organizzativi Elenco delle competenze e comportamenti organizzativi Capacità di applicazione pratica ed operativa della preparazione professionale Apporto costruttivo all analisi dei problemi e capacità di contribuire alla definizione delle politiche dell Amministrazione Capacità di rispettare i termini degli obiettivi progetti- programmi Capacità di coordinarsi e correlarsi assertivamente e costruttivamente con gli altri responsabili di struttura Impegno e disponibilità ad adeguare il proprio tempo di lavoro alle esigenze dell Amministrazione Capacità di pianificare e programmare l attività dell unità organizzativa affidata. CRITERI DI VALUTAZIONE Grado di attuazione di piani e programmi Capacità di interazione con gli organi di indirizzo politico Rispettare le scadenze operative indicate dai vertici dell Ente Grado di partecipazione ai contesti concertativi Grado di flessibilità delle prestazioni rese Grado di controllo dei risultati dei collaboratori sotto il profilo qualitativo e quantitativo PUNTEGGIO PARZIALE 11

12 Capacità ed orientamento Grado di preparazione professionale all innovazione, finalizzata al orientata miglioramento della gestione dei servizi erogati Capacità di ottimizzare le relazioni con Promozione di condizioni favorevoli di l utenza interna/esterna comunicazione, integrazione e trasparenza nei rapporti con l'utenza Capacità di miglioramento del clima organizzativo interna ed esterna Grado di valorizzazione delle professionalità presenti nel settore/servizio Promuovere il miglioramento della Capacità di trasmettere gli obiettivi e produttività coinvolgere i dipendenti attorno ad essi Capacità di valutazione differenziata dei Grado di differenziazione dei giudizi collaboratori MEDIA PUNTEGGI Media dei punteggi ottenuti = punteggio totale / numero dei fattori Art. 10 Metodologia, tempistica e soggetto valutatore 1. Il N.d.V. effettua sistematicamente, e comunque con cadenza semestrale, il monitoraggio con lo scopo di verificare l'andamento delle attività, correggere gli obiettivi a causa di variazioni sopravvenute, riorientare atteggiamenti e comportamenti organizzativi. 2. La proposta di valutazione individuale, prima di essere consegnata al Sindaco, viene trasmessa ai singoli dirigenti. Il N.d.V. è tenuto ad ascoltare i dirigenti che ne facciano richiesta e/o ad esaminare eventuali memorie/relazioni presentate dai dirigenti stessi, entro cinque giorni dalla ricezione, in merito alla proposta di valutazione individuale finale ad essi pertinente. 3. La valutazione individuale deve essere svolta annualmente entro il mese di aprile successivo all'anno oggetto di valutazione, fatti salvi eventi straordinari o non prevedibili. 4. Al termine del processo di misurazione e valutazione della performance individuale, la scheda di valutazione nella sua completezza deve essere consegnata ai soggetti valutati. Art. 11 L'obbligo di trasparenza 1. La somma dei singoli punteggi per ogni area di valutazione definisce il punteggio complessivo ottenuto, che può quindi variare da 0 a 100 punti. 2. La scheda sintetica finale, ai fini delle norme sulla trasparenza, in cui confluiscono le singole valutazioni dando luogo ad un unico punteggio, costituisce, quindi, la documentazione sugli esiti del processo di misurazione e valutazione della performance individuale ed è resa accessibile tramite l apposita sezione del sito istituzionale Amministrazione Trasparente. 12

13 CAPO III SISTEMA DI VALUTAZIONE DEI TITOLARI DI POSIZIONE ORGANIZZATIVA E DELLE ALTE PROFESSIONALITÀ Art. 12 Criteri di valutazione Il dirigente, subito dopo l'approvazione del piano degli obiettivi, assegna ai titolari delle posizioni organizzative (di seguito PO) e delle alte professionalità (di seguito AP), coerentemente con quelli che gli sono stati assegnati, gli obiettivi che essi sono chiamati a perseguire. La valutazione dei titolari di posizione organizzativa e delle alte professionalità e della conseguente erogazione dell'indennità di risultato è effettuata sulla base delle seguenti griglie di punteggio: Area 1: fino a 70 punti comprende: I SEZIONE: fino a 45 punti per il peso assegnato agli obiettivi assegnati tra quelli compresi nel PEG per la percentuale dei risultati raggiunti rispetto agli obiettivi assegnati dal dirigente; II SEZIONE:fino a 25 punti per il contributo assicurato alla performance organizzativa della struttura di appartenenza nel suo complesso. Area 2 : fino a 30 punti per le competenze e il comportamento organizzativo. Art. 13 Valutazione dei titolari di posizione organizzativa e delle alte professionalità AREA 1: Valutazione della performance dell' unità organizzativa di diretta responsabilità e al contributo assicurato alla performance generale della struttura in riferimento al PEG. 1.La prima sezione della scheda di valutazione riporta l'attribuzione del peso assegnato agli obiettivi compresi nel PEG. Nella scheda di valutazione si riporta il grado di pesatura degli obiettivi ( max 45) attribuito x la percentuale di raggiungimento degli obiettivi assegnati. Il grado max di raggiungimento degli obiettivi 100% Il grado minimo di raggiungimento degli obiettivi è il 30% % X PESO OBIETTIVO % X PESO OBIETTIVO Nella valutazione dei risultati si tiene conto sia delle risorse umane, finanziarie e strumentali assegnate al singolo titolare di posizione organizzativa e alta professionalità per il conseguimento degli obiettivi assegnati, che degli eventuali scostamenti dall'obiettivo a causa di fattori non riconducibili alla responsabilità degli stessi. A) Metrica per la valutazione di ciascun fattore ai fini della pesatura degli obiettivi 13

14 FATTORI Rilevanza Strategicità Alta Media Bassa Articolazione Molto articolato in fase di Media articolazione Sintetico attuazione Contenuto Altamente specifico, Specifico e/o Generico contestualizzato, chiaro contestualizzato, chiaro Tempi di Attuazione Definiti per tutte le fasi Definiti per le fasi iniziali e Poco definiti finali Fattibilità Obiettivo sfidante e non Obiettivo innovativo e facilmente raggiungibile raggiungibile B) Pesatura fattori obiettivi Obiettivo di processo o facilmente raggiungibile OBIETTIVO 1 PESO FATTORE RILEVANZA 15 ARTICOLAZIONE 6 CONTENUTO 6 TEMPI DI ATTUAZIONE 6 FATTIBILITA' 12 TOTALE PESO MAX 45 che sarà assegnato a ciascun obiettivo VALUTAZIONE VALUTAZIONE PUNTEGGIO PONDERATA LETT. A) (peso x valutazione / 3) OBIETTIVI Scheda attribuzione punteggio raggiungimento obiettivi VALUTAZIONE PONDERATA MAX 45 INDICATORE DI RISULTATO PREVISTO Obiettivo 1 Obiettivo 2 Obiettivo 3 Obiettivo 4 Obiettivo TOTALE RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI: OBIETTIVI ASSEGNATI % RAGGIUN GIMENTO PUNTEGGIO valutazione ponderata (lett.b) x % di raggiungimento 3. La seconda sezione della scheda riguarda il contributo individuale che ogni incaricato di posizione organizzativa e alta professionalità apporta alla performance organizzativa riferita alla struttura di appartenenza nel suo complesso. La valutazione della performance organizzativa concerne nello specifico alcuni ambiti, tra cui: a) l attuazione complessiva dei piani e programmi assegnati, ovvero la misurazione dell effettivo grado di attuazione dei medesimi, nel rispetto delle fasi e dei tempi previsti; b) la rilevazione del grado di soddisfazione dei destinatari delle attività e dei servizi, nell'ambito del procedimento di cui all'art. 9, comma 5, lett b); 14

15 La scala di valutazione utilizzata è articolata sulla base della graduazione dell ampiezza del contributo apportato. In questo caso la scala di valutazione associata prevede un punteggio che varia da 0 a 25 punti, articolato su cinque gradi di giudizio. individuale di rilievo VALUTAZIONE A assicurato alla performance organizzativa 25 individuale ampio VALUTAZIONE B assicurato alla performance organizzativa 20 individuale discreto VALUTAZIONE C 15 assicurato alla performance organizzativa individuale contenuto VALUTAZIONE D 10 assicurato alla performance organizzativa individuale non significativo VALUTAZIONE E 0 assicurato alla performance organizzativa AREA 2: Valutazione delle competenze e dei comportamenti organizzativi 1. La seconda area nell ambito della scheda per la valutazione degli incaricati di P.O. e A.P. riguarda i fattori connessi alle competenze professionali dimostrate, con riferimento anche alla capacità di valutazione dei propri collaboratori dimostrata tramite una significativa differenziazione dei giudizi. 2. La valutazione delle competenze professionali degli incaricati di P.O. e A.P. tiene conto della qualità dello svolgimento delle loro attività di istituto, anche alla luce del necessario livello di aggiornamento. 3. La valutazione delle capacità manageriali prende in considerazione l'insieme delle capacità e delle competenze organizzative e relazionali rilevate nei comportamenti nel corso dell'anno, per come concretamente dimostrate, anche in relazione ai rapporti con i dirigenti, con i titolari di P.O., di A.P. e con i dipendenti. 4. Nella tabella seguente sono riportati i fattori di valutazione. 5. Per ogni fattore il valutatore deve esprimere un giudizio in relazione alla seguente scala di valutazione. In maniera analoga alle precedenti scale di giudizio, anche questa scala è articolata su cinque gradi di valutazione, a cui corrispondono punteggi che variano da 0 a 30 punti. Scala di valutazione è un punto di eccellenza VALUTAZIONE A 30 è un punto di forza VALUTAZIONE B 20 soddisfa i requisiti VALUTAZIONE C 10 necessita di miglioramento VALUTAZIONE D 05 è un punto di debolezza VALUTAZIONE E 0 Il punteggio complessivo ottenuto deve essere calcolato come media dei singoli punteggi. Valutazione delle competenze e dei comportamenti organizzativi Elenco delle competenze CRITERI DI VALUTAZIONE PUNTEGGIO PARZIALE Grado di Impegno. Disponibilità ed interesse per il lavoro e 15

16 Grado di competenza tecnica. Organizzazione efficace del lavoro e coordinamento. Affidabilità lavorativa. Autonomia decisionale/operativa e capacità progettuale. Flessibilità. Qualità delle relazioni. l'aggiornamento e motivazione Capacità di applicare correttamente le conoscenze plurispecialistiche all' analisi e intervento sui casi concreti capacità di adattare, orientare, organizzare e coordinare risorse umane, finanziarie e temporali ai risultati attesi Puntualità e precisione dimostrata nello svolgimento delle attività; riservatezza e serietà sul lavoro Capacità di elaborare soluzioni autonome e di operare in modo autonomo; capacità di elaborare, coordinare e monitorare i progetti connessi allo svolgimento di attività specifiche e di essere propositivi nella soluzione dei problemi Adattamento ai cambiamenti organizzativi e strutturali Capacità di intrattenere adeguati rapporti con colleghi, superiori, altri soggetti anche esterni MEDIA PUNTEGGI Media dei punteggi ottenuti = punteggio totale / numero dei fattori Art. 14 Attribuzione della retribuzione di risultato 1. La valutazione della performance individuale degli incaricati di P.O. e AP..è effettuata dai dirigenti di settore entro il 30 aprile dell'anno successivo e comunque prima che i dirigenti siano valutati da parte del N.di V. Se nel corso dell'anno di riferimento della valutazione un funzionario incaricato di P.O. e A.P. cambia dirigente responsabile, l'attuale deve acquisire il parere del precedente responsabile. 2. Al termine del processo di misurazione e valutazione della performance individuale, la scheda di valutazione nella sua completezza deve essere consegnata dai dirigenti di settore ai soggetti valutati. 16

17 Art.15 L'obbligo di trasparenza 1. La somma dei singoli punteggi per ogni area di valutazione definisce il punteggio complessivo ottenuto, che può quindi variare da 0 a 100 punti. 2. La scheda sintetica finale, in cui confluiscono le singole valutazioni dando luogo ad un unico punteggio, costituisce, quindi, la documentazione sugli esiti del processo di misurazione e valutazione della performance individuale ed è resa accessibile tramite l apposita sezione del sito istituzionale Amministrazione Trasparente, ai fini delle norme sulla trasparenza degli esiti della valutazione. CAPO IV SISTEMA DI VALUTAZIONE DEI DIPENDENTI Art. 16 Criteri di valutazione 1. I dirigenti, su proposta dei titolari di P.O., se nominati, subito dopo l'approvazione del piano degli obiettivi, ovvero sulla base degli obiettivi delle P.O. se nominate, coerentemente assegnano ai dipendenti utilizzati nella propria struttura gli obiettivi che essi sono chiamati a perseguire, completandoli con la indicazione degli indicatori dei comportamenti organizzativi e delle competenze professionali e con i relativi pesi, tenendo conto delle diverse figure professionali e della possibilità di incidere direttamente con la propria attività sul raggiungimento degli obiettivi. Pertanto vengono attribuiti pesi diversi, a seconda della categoria professionale, il cui totale pari a max punti 100 viene moltiplicato, ai fini della corresponsione del compenso, per il parametro di categoria come individuato nel contratto decentrato; 2. I dirigenti valutano le performance dei dipendenti sulla base dei seguenti fattori e valori percentuali: AREA 2 PERSONALE AREA 1 OBIETTIVI DI RISULTATO COMPETENZE COMPORTAMENTI ORGANIZZATIVI Categoria D (D1 e D3) 60% 40% Categoria C 50% 50% Categoria A-B ( B1 e B3) 30% 70% 3. La valutazione del personale e della conseguente erogazione del compenso è effettuata sulla base delle seguenti griglie di punteggio: 17

18 CATEGORIA AREA 1: risultati obiettivi di gruppo o individuali I Sezione RISULTATI RAGGIUNTI II Sezione CONTRIBUTO ALLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA AREA 2: Competenze e comportamento organizzativo TOTALE D Max 45 Max 15 Max C Max 30 Max 20 Max A-B Max 10 Max 20 Max Area 1: valutazione per la percentuale dei risultati raggiunti rispetto agli obiettivi assegnati e per il contributo assicurato alla performance organizzativa della struttura di appartenenza; Area 2 : valutazione per le competenze e il comportamento organizzativo. Art. 17 Valutazione dei dipendenti AREA 1: Valutazione della performance della unità organizzativa di cui si è parte 1.La prima sezione della scheda di valutazione riporta l'attribuzione del peso assegnato agli obiettivi compresi nel PEG. Nella scheda di valutazione si riporta il grado di pesatura degli obiettivi attribuito x la percentuale di raggiungimento degli obiettivi assegnati. Il grado max di raggiungimento degli obiettivi 100% Il grado minimo di raggiungimento degli obiettivi è il 30% % X PESO OBIETTIVO % X PESO OBIETTIVO Nella valutazione dei risultati si tiene conto, in relazione alla categoria di appartenenza, sia delle risorse umane, finanziarie e strumentali assegnate al singolo dipendente per il conseguimento degli obiettivi di gestione che degli eventuali scostamenti dall'obiettivo a causa di fattori non riconducibili alla responsabilità del dipendente. 18

19 FATTORI A) Metrica per la valutazione di ciascun fattore ai fini della pesatura degli obiettivi Rilevanza Strategicità Alta Media Bassa Articolazione Molto articolato in fase di Media articolazione Sintetico attuazione Contenuto Altamente specifico, Specifico e/o Generico contestualizzato, chiaro contestualizzato, chiaro Tempi di Attuazione Definiti per tutte le fasi Definiti per le fasi iniziali e Poco definiti finali Fattibilità Obiettivo sfidante e non Obiettivo innovativo e facilmente raggiungibile raggiungibile Obiettivo di processo o facilmente raggiungibile B) Pesatura fattori obiettivi OBIETTIVO 1 PESO FATTORE RILEVANZA ARTICOLAZIONE CONTENUTO TEMPI DI ATTUAZIONE FATTIBILITA' TOTALE PESO in relazione alla categoria di appartenenza come schede allegate VALUTAZIONE PUNTEGGIO VALUTAZIONE LETT. A) PONDERATA Scheda attribuzione punteggio raggiungimento obiettivi OBIETTIVI VALUTAZIONE PONDERATA INDICATORE DI RISULTATO PREVISTO Obiettivo 1 Obiettivo 2 Obiettivo 3 Obiettivo 4 Obiettivo TOTALE RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI : OBIETTIVI ASSEGNATI % RAGGIUN GIMENTO PUNTEGGIO valutazione ponderata (lett.b) x % di raggiungimento 3. La seconda sezione della scheda riguarda il contributo individuale che ogni dipendente apporta alla performance organizzativa della struttura di appartenenza. La valutazione della performance organizzativa concerne nello specifico alcuni ambiti, tra cui: a) l attuazione complessiva dei piani e programmi di cui si è parte, ovvero la misurazione 19

20 dell effettivo grado di attuazione dei medesimi, nel rispetto delle fasi e dei tempi previsti; b) la rilevazione del grado di soddisfazione dei destinatari delle attività e dei servizi, nell'ambito del procedimento di cui all'art.9, comma 5, lett.b) La scala di valutazione utilizzata è articolata sulla base della graduazione dell ampiezza del contributo apportato, in relazione alla categoria di appartenenza, Anche in questo caso la scala di valutazione associata prevede un punteggio articolato su cinque gradi di giudizio. CATEGORIA D CATEGORIA C CATEGORIA B-A individuale di rilievo VALUTAZIONE A assicurato alla performance organizzativa individuale ampio VALUTAZIONE B assicurato alla performance organizzativa individuale discreto VALUTAZIONE C assicurato alla performance organizzativa individuale contenuto VALUTAZIONE D assicurato alla performance organizzativa individuale non significativo VALUTAZIONE E assicurato alla performance organizzativa AREA 2: Valutazione delle competenze e dei comportamenti organizzativi 1.La seconda area nell'ambito della scheda per la valutazione dei dipendenti riguarda i fattori connessi alle capacità e alle competenze organizzative e relazionali rilevate nei comportamenti nel corso dell'anno. 2.La valutazione ha qui l obiettivo di confrontare i comportamenti organizzativi attesi dalle unità di personale rispetto a quelli effettivamente realizzatisi. 3.Nella tabella seguente sono riportati i fattori di valutazione. 4.Per ogni fattore il valutatore deve esprimere un giudizio in relazione alla seguente scala di valutazione. In maniera analoga alle precedenti scale di giudizio, anche questa scala è articolata su cinque gradi di valutazione. CATEGORIA D CATEGORIA C CATEGORIA B-A È un punto di eccellenza VALUTAZIONE A È un punto di forza VALUTAZIONE B Soddisfa i requisiti VALUTAZIONE C Necessita di miglioramento VALUTAZIONE D È un punto di debolezza VALUTAZIONE E

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA MISURAZIONE, DELLA VALUTAZIONE, DELLA RENDICONTAZIONE E DELLA TRASPARENZA DELLA PERFORMANCE

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA MISURAZIONE, DELLA VALUTAZIONE, DELLA RENDICONTAZIONE E DELLA TRASPARENZA DELLA PERFORMANCE COMUNE DI PATU Provincia di Lecce - Regolamento Comunale - REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA MISURAZIONE, DELLA VALUTAZIONE, DELLA RENDICONTAZIONE E DELLA TRASPARENZA DELLA PERFORMANCE Approvato

Dettagli

Sistema di misurazione e valutazione della performance individuale dei dirigenti, degli incaricati di posizione organizzativa e del personale del

Sistema di misurazione e valutazione della performance individuale dei dirigenti, degli incaricati di posizione organizzativa e del personale del Sistema di misurazione e valutazione della performance individuale dei dirigenti, degli incaricati di posizione organizzativa e del personale del Comune di Modena Aggiornamento aprile 2013 Indice Introduzione

Dettagli

REGOLAMENTO SULLA METODOLOGIA E I CRITERI PER LA VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE E SUL NUCLEO DI VALUTAZIONE

REGOLAMENTO SULLA METODOLOGIA E I CRITERI PER LA VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE E SUL NUCLEO DI VALUTAZIONE REGOLAMENTO SULLA METODOLOGIA E I CRITERI PER LA VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE E SUL NUCLEO DI VALUTAZIONE Art. 1 Definizione di performance organizzativa e di performance individuale La performance organizzativa

Dettagli

COMUNE DI MONTEBELLO JONICO

COMUNE DI MONTEBELLO JONICO COMUNE DI MONTEBELLO JONICO CAPO X SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DEL PERSONALE ART.57 -FINALITA DEL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DEL PERSONALE 1. Le disposizioni contenute nel presente Titolo

Dettagli

COMUNE DI CASTIGLIONE TINELLA Provincia di Cuneo

COMUNE DI CASTIGLIONE TINELLA Provincia di Cuneo COMUNE DI CASTIGLIONE TINELLA Provincia di Cuneo REGOLAMENTO COMUNALE SULLA METODOLOGIA E I CRITERI PER LA MISURAZIONE E LA VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE DEL PERSONALE E SUL NUCLEO DI VALUTAZIONE Art.1

Dettagli

( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) TITOLO I: Principi generali ( articoli 11 e 28 del d.lgs. 150/09)

( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) TITOLO I: Principi generali ( articoli 11 e 28 del d.lgs. 150/09) Regolamento di disciplina della misurazione, valutazione e trasparenza della performance ( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) Il presente Regolamento è assunto ai sensi degli artt. 16 e 31 del

Dettagli

E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Provincia di Palermo Sede legale: Prizzi Corso Umberto I Tel 091 8344507 Fax 091 8344507 Codice fiscale 97178810822 REGOLAMENTO RELATIVO AL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Art. 1

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE 58 REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE APPROVATO DALLA GIUNTA COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 492 REG./.534 PROP.DEL. NELLA SEDUTA DEL 29/12/2010 Art.

Dettagli

COMUNE DI MONTECCHIA DI CROSARA (Provincia di Verona)

COMUNE DI MONTECCHIA DI CROSARA (Provincia di Verona) COMUNE DI MONTECCHIA DI CROSARA (Provincia di Verona) SISTEMA DI APPROVAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ART. 7 COMMA 1 DEL D.LGS 150/2009. INTEGRAZIONE AL VIGENTE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEGLI

Dettagli

COMUNE DI GIOVINAZZO. Regolamento di disciplina della misurazione e

COMUNE DI GIOVINAZZO. Regolamento di disciplina della misurazione e COMUNE DI GIOVINAZZO Regolamento di disciplina della misurazione e valutazione della performance Approvato dalla Giunta Comunale con deliberazione n. del 1 Articolo 1 Oggetto e finalità 1. Le disposizioni

Dettagli

Comune di Grumento Nova Sistema per la misurazione e la valutazione della performance. Finalità e principi

Comune di Grumento Nova Sistema per la misurazione e la valutazione della performance. Finalità e principi Comune di Grumento Nova Sistema per la misurazione e la valutazione della performance Finalità e principi Art. 1 - Finalità Il presente regolamento disciplina il sistema di misurazione e valutazione della

Dettagli

COMUNE DI CALCI (PROVINCIA DI PISA) Sistema di Misurazione e Valutazione della Performance

COMUNE DI CALCI (PROVINCIA DI PISA) Sistema di Misurazione e Valutazione della Performance COMUNE DI CALCI (PROVINCIA DI PISA) Sistema di Misurazione e Valutazione della Performance . PREMESSA Il Sistema di Misurazione e Valutazione della Performance, per il seguito anche SMIVAP, è volto all

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (Approvato con deliberazione di G.C. 140/02.12.2010) 1 TITOLO I - SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE Capo I - Aspetti generali

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA. Disciplina della misurazione, valutazione e integrità e trasparenza della Performance

PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA. Disciplina della misurazione, valutazione e integrità e trasparenza della Performance PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA Disciplina della misurazione, valutazione e integrità e trasparenza della Performance APPROVATO CON DELIBERA 58 CG 2013 E MODIFICATO ED INTEGRATO CON DELIBERE 59 E 149CG/2013

Dettagli

COMUNE DI ROBASSOMERO PROVINCIA DI TORINO tel. 011 9234400 - Fax 011 9234422 E-mail: comune@comune.robassomero.to.it - www.comune.robassomero.to.

COMUNE DI ROBASSOMERO PROVINCIA DI TORINO tel. 011 9234400 - Fax 011 9234422 E-mail: comune@comune.robassomero.to.it - www.comune.robassomero.to. COMUNE DI ROBASSOMERO PROVINCIA DI TORINO tel. 011 9234400 - Fax 011 9234422 E-mail: comune@comune.robassomero.to.it - www.comune.robassomero.to.it Approvato con deliberazione G.C. n. 103/29.12.2010 INDICE

Dettagli

COMUNE DI RIVANAZZANO TERME PROVINCIA DI PAVIA

COMUNE DI RIVANAZZANO TERME PROVINCIA DI PAVIA COMUNE DI RIVANAZZANO TERME PROVINCIA DI PAVIA CRITERI DI MISURAZIONE, VALUTAZIONE E TRASPARENZA DELLA PERFORMANCE ESTRATTO DAL REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI APPROVATO CON ATTO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DEL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DEL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DEL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Approvato con delibera di Giunta Comunale n. 22 del 20.04.2011 in vigore dal 26.05.2011 TITOLO

Dettagli

PARTE TERZA MISURAZIONE VALUTAZIONE E TRASPARENZA DELLE PERFORMANCE INVIDUALI E COLLETTIVE. VALUTAZIONE AREE POSIZIONI ORGANIZZATIVE

PARTE TERZA MISURAZIONE VALUTAZIONE E TRASPARENZA DELLE PERFORMANCE INVIDUALI E COLLETTIVE. VALUTAZIONE AREE POSIZIONI ORGANIZZATIVE ALLEGATO A PARTE TERZA MISURAZIONE VALUTAZIONE E TRASPARENZA DELLE PERFORMANCE INVIDUALI E COLLETTIVE. VALUTAZIONE AREE POSIZIONI ORGANIZZATIVE CAPO I NUCLEO DI VALUTAZIONE ART. 92 - NUCLEO DI VALUTAZIONE

Dettagli

Regolamento per l istituzione e l applicazione del sistema di misurazione e valutazione della performance (art.1-16 D.Lgs.150 del 2009) INDICE

Regolamento per l istituzione e l applicazione del sistema di misurazione e valutazione della performance (art.1-16 D.Lgs.150 del 2009) INDICE Regolamento per l istituzione e l applicazione del sistema di misurazione e valutazione della performance (art.1-16 D.Lgs.150 del 2009) (Approvato con deliberazione della Giunta della Federazione n.102

Dettagli

SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DEI DIPENDENTI

SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DEI DIPENDENTI SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DEI DIPENDENTI FINALITA' DELLA VALUTAZIONE Il processo di valutazione dei dipendenti dei servizi persegue differenti finalità, prima fra tutte quella

Dettagli

REGOLAMENTO PROVINCIALE SUL PIANO DELLA PERFORMANCE E SUI SISTEMI DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE

REGOLAMENTO PROVINCIALE SUL PIANO DELLA PERFORMANCE E SUI SISTEMI DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n. 132 del 13.07.2011 REGOLAMENTO PROVINCIALE SUL PIANO DELLA PERFORMANCE E SUI SISTEMI DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE ART. 1 FINALITÀ La Provincia di Brindisi,

Dettagli

COMUNE DI PEVERAGNO (Provincia di Cuneo)

COMUNE DI PEVERAGNO (Provincia di Cuneo) COMUNE DI PEVERAGNO (Provincia di Cuneo) SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Misurazione, valutazione e trasparenza della performance organizzativa e individuale (Decreto legislativo

Dettagli

SISTEMA METODOLOGICO DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMACE

SISTEMA METODOLOGICO DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMACE AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE CATANZARO *** SISTEMA METODOLOGICO DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMACE INDICE 1) Sistema degli incentivi 2) Sistema di valutazione 3) Misurazione della performance

Dettagli

La metodologia di misurazione e valutazione della performance del personale e delle posizioni organizzative Comune di Pinerolo

La metodologia di misurazione e valutazione della performance del personale e delle posizioni organizzative Comune di Pinerolo La metodologia di misurazione e valutazione della performance del personale e delle posizioni organizzative Comune di Pinerolo Deliberazione della Giunta Comunale n. 150 del 22/05/2013 1 1.1.1.- Le modalità

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE, MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE, MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE COMUNE DI CASLINO D ERBA Provincia di Como REGOLAMENTO PER LA GESTIONE, MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE (approvato con delibera della Giunta Comunale n. 21 del 08.03.2013) INDICE CAPO I - PRINCIPI

Dettagli

SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DEL PERSONALE DIPENDENTE

SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DEL PERSONALE DIPENDENTE Allegato A SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DEL PERSONALE DIPENDENTE (D.Lgs. n. 150/2009, art. 7) MANUALE PER LA VALUTAZIONE INDICE Finalità della valutazione Pag. 3 Oggetto della valutazione

Dettagli

Titolo XII. Il Sistema di valutazione, misurazione e trasparenza della Performance Merito e Premi

Titolo XII. Il Sistema di valutazione, misurazione e trasparenza della Performance Merito e Premi Titolo XII Il Sistema di valutazione, misurazione e trasparenza della Performance Merito e Premi CAPO I IL SISTEMA DI VALUTAZIONE MISURAZIONE DELLA PERFORMANCE Art. 63 Le disposizioni contenute nel presente

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI Premesse e riferimenti normativi La valutazione del personale, che costituisce un processo centrale nell ambito del management pubblico, ha registrato negli

Dettagli

Regolamento di disciplina della misurazione, della valutazione e della trasparenza delle performance.

Regolamento di disciplina della misurazione, della valutazione e della trasparenza delle performance. Regolamento di disciplina della misurazione, della valutazione e della trasparenza delle performance. Art. 1 OBIETTIVI Il sistema di misurazione, valutazione e trasparenza delle performance viene applicato

Dettagli

IL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (PROCEDURA) LE FASI

IL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (PROCEDURA) LE FASI IL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (PROCEDURA) LE FASI FASE 0 IL PROCESSO DI PIANIFICAZIONE DELL ENTE FASE 1 DEFINIZIONE E ASSEGNAZIONE DEGLI OBIETTIVI DA RAGGIUNGERE FASE 2 MONITORAGGIO IN CORSO DI

Dettagli

PIANO DELLA PERFORMANCE

PIANO DELLA PERFORMANCE PIANO DELLA PERFORMANCE PROGRAMMI E PROGETTI DELL AMMINISTRAZIONE PER IL PERIODO 2011-2012 - 2013 L Albero della Performance Consiglio Comunale Piano di mandato Sindaco e Giunta Comunale Piano della Performance

Dettagli

COMUNE DI COSTACCIARO

COMUNE DI COSTACCIARO COMUNE DI COSTACCIARO (Provincia di Perugia) -=ooo=- R E G O L A M E N T O S U L C I C L O D I G E S T I O N E =================================================== D E L L A P E R F O R M A N C E E N U

Dettagli

METODOLOGIA DI VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI INDIVIDUALI

METODOLOGIA DI VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI INDIVIDUALI METODOLOGIA DI VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI INDIVIDUALI Premessa Il sistema di valutazione della prestazione individuale del personale della Comunità montana del Torre Natisone e Collio si pone la finalità

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO Allegato alla delibera di G.P. n. del PROVINCIA DI PESARO E URBINO SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE ED ORGANIZZATIVA DEI DIPENDENTI DEI LIVELLI IVI COMPRESI GLI INCARICATI DI P.O. E

Dettagli

COMUNE DI CALUSCO D'ADDA Provincia di Bergamo SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DEI DIPENDENTI

COMUNE DI CALUSCO D'ADDA Provincia di Bergamo SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DEI DIPENDENTI COMUNE DI CALUSCO D'ADDA Provincia di Bergamo SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DEI DIPENDENTI Approvato con deliberazione della G.C. n.7 del 14.1.213 1 INDICE Art. 1 - Finalità della

Dettagli

Città di Minerbio Provincia di Bologna. CICLO DELLA PERFORMANCE Indirizzi per il triennio 2011-2013

Città di Minerbio Provincia di Bologna. CICLO DELLA PERFORMANCE Indirizzi per il triennio 2011-2013 Città di Minerbio Provincia di Bologna CICLO DELLA PERFORMANCE Indirizzi per il triennio 2011-2013 Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 78 del 27/07/2011 Premessa Le amministrazioni pubbliche

Dettagli

PIANO TRIENNALE DELLE PERFORMANCE MISURAZIONE, VALUTAZIONE E TRASPARENZA DELLE PERFORMANCE ORGANIZZATIVA E INDIVIDUALE

PIANO TRIENNALE DELLE PERFORMANCE MISURAZIONE, VALUTAZIONE E TRASPARENZA DELLE PERFORMANCE ORGANIZZATIVA E INDIVIDUALE COMUNE DI MONTANERA (Provincia di Cuneo) PIANO TRIENNALE DELLE PERFORMANCE MISURAZIONE, VALUTAZIONE E TRASPARENZA DELLE PERFORMANCE ORGANIZZATIVA E INDIVIDUALE 1. ELEMENTI COSTITUTIVI DEL SISTEMA DELLE

Dettagli

CRITERI GENERALI DELLA METODOLOGIA PERMANENTE PER LA VALUTAZIONE DEI RISULTATI E DELLA PRESTAZIONE LAVORATIVA DEI DIPENDENTI

CRITERI GENERALI DELLA METODOLOGIA PERMANENTE PER LA VALUTAZIONE DEI RISULTATI E DELLA PRESTAZIONE LAVORATIVA DEI DIPENDENTI CRITERI GENERALI DELLA METODOLOGIA PERMANENTE PER LA VALUTAZIONE DEI RISULTATI E DELLA PRESTAZIONE LAVORATIVA DEI DIPENDENTI Il sistema premiante introdotto dal CCNL 31 marzo 1999 e dal CCNL 1 aprile 1999

Dettagli

PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE

PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE Allegato alla deliberazione di Giunta Comunale n. 289 del 28.12.2011 1 INDICE SEZIONE I - CONTESTO

Dettagli

COMUNE DI MONTE COLOMBO

COMUNE DI MONTE COLOMBO COMUNE DI MONTE COLOMBO SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DEL PERSONALE DIPENDENTE MANUALE PER LA VALUTAZIONE INDICE Finalità della valutazione Pag. 3 Oggetto della valutazione Pag.

Dettagli

ALLEGATO 1.1 SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

ALLEGATO 1.1 SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE 1 Titolo I) Disposizioni generali... 3 Art. 1 Principi generali...3 Art. 2 Definizioni...3 Titolo II) Il ciclo di gestione della performance... 3

Dettagli

COMUNE DI MARANO SUL PANARO Provincia di Modena. Proposta di una Metodologia di Valutazione Permanente per il Comune di Marano sul Panaro

COMUNE DI MARANO SUL PANARO Provincia di Modena. Proposta di una Metodologia di Valutazione Permanente per il Comune di Marano sul Panaro COMUNE DI MARANO SUL PANARO Provincia di Modena Proposta di una Metodologia di Valutazione Permanente per il Comune di Marano sul Panaro INDICE Premessa 3 1. La valutazione permanente e la disciplina delle

Dettagli

SCHEMA DI FUNZIONAMENTO DEL PROCESSO E DEGLI STRUMENTI DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE NEL COMUNE DI VEDUGGIO CON COLZANO

SCHEMA DI FUNZIONAMENTO DEL PROCESSO E DEGLI STRUMENTI DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE NEL COMUNE DI VEDUGGIO CON COLZANO Allegato SCHEMA DI FUNZIONAMENTO DEL PROCESSO E DEGLI STRUMENTI DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE NEL COMUNE DI VEDUGGIO CON COLZANO a) Ciclo della performance Il sistema di misurazione e

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Comune di Inverigo Provincia di Como SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDICE INTRODUZIONE TITOLO I FINALITA E PRINCIPI Art. 1 - Finalità e oggetto Art. 2 - Principi di riferimento

Dettagli

C O M U N E D I VILLANOVA MONFERRATO Provincia di Alessandria SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

C O M U N E D I VILLANOVA MONFERRATO Provincia di Alessandria SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE C O M U N E D I VILLANOVA MONFERRATO Provincia di Alessandria SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE 1 1. Pianificazione e Programmazione. SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Dettagli

REGOLAMENTO SUL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

REGOLAMENTO SUL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE CITTA' DI VARAZZE REGOLAMENTO SUL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE approvato con deliberazione Giunta comunale n. 147 del 9 agosto 2012 1 SOMMARIO CAPO I MISURAZIONE E VALUTAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE. Il ciclo della performance

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE. Il ciclo della performance 14 REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE Il ciclo della performance APPROVATO DALLA GIUNTA COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 465 REG./.499 PROP.DEL. NELLA SEDUTA DEL 15/12/2010 TITOLO I Programmazione, controllo,

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE COMUNE DI ROTA D IMAGNA Provincia di Bergamo SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Allegato al regolamento per la gestione, misurazione e valutazione della performance del Comune di Rota

Dettagli

I.N.P.D.A.P. REGOLAMENTO PER LA VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DEL PERSONALE INPDAP

I.N.P.D.A.P. REGOLAMENTO PER LA VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DEL PERSONALE INPDAP I.N.P.D.A.P. ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL'AMMINISTRAZIONE PUBBLICA REGOLAMENTO PER LA VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DEL PERSONALE INPDAP Art. 1 (Oggetto del regolamento

Dettagli

METODOLOGIA PER LA MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

METODOLOGIA PER LA MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE METODOLOGIA PER LA MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Approvato con deliberazione Giunta Comunale n 237 del 27/12/2012 PERFORMANCE 1 DEFINIZIONI pag. Obiettivi di progetto Obiettivi di performance

Dettagli

MANUALE PER LA MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE

MANUALE PER LA MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE MANUALE PER LA MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE Premessa La legge-delega 4 marzo 2009, n. 15, ed il decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150, di seguito Decreto, introducono il

Dettagli

VALUTAZIONE DEI RISULTATI CONSEGUITI DAL PERSONALE DI CAT. EP - ANNO 2014 INDIVIDUAZIONE DEGLI OBIETTIVI PER IL 2015 NOME E COGNOME DEL DIPENDENTE

VALUTAZIONE DEI RISULTATI CONSEGUITI DAL PERSONALE DI CAT. EP - ANNO 2014 INDIVIDUAZIONE DEGLI OBIETTIVI PER IL 2015 NOME E COGNOME DEL DIPENDENTE VALUTAZIONE DEI RISULTATI CONSEGUITI DAL PERSONALE DI CAT. EP - ANNO 2014 INDIVIDUAZIONE DEGLI OBIETTIVI PER IL 2015 NOME E COGNOME DEL DIPENDENTE STRUTTURA DI APPARTENENZA FIRMA E TIMBRO DEL RESPONSABILE

Dettagli

SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE 1) PRINCIPI I principi, cui si ispira il sistema di valutazione, riguardano la trasparenza dei criteri e dei risultati, l adeguata informazione e la partecipazione

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO Regolamento di disciplina della misurazione, della valutazione, della rendicontazione e della trasparenza della performance PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO Regolamento di

Dettagli

IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Modificato dalla Giunta Provinciale con Delibera n. 557 del 20/12/2011 IL SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE Titolo 1 - LA VALUTAZIONE

Dettagli

COMUNE DI CASTELVETRANO Provincia di Trapani REGOLAMENTO PER LA GESTIONE, MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

COMUNE DI CASTELVETRANO Provincia di Trapani REGOLAMENTO PER LA GESTIONE, MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE COMUNE DI CASTELVETRANO Provincia di Trapani REGOLAMENTO PER LA GESTIONE, MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Città di Castelvetrano Regolamento per la gestione, misurazione e valutazione della

Dettagli

Il sistema di misurazione e valutazione della performance dell ATER di Matera

Il sistema di misurazione e valutazione della performance dell ATER di Matera Il sistema di misurazione e valutazione della performance dell ATER di Matera 1. Premessa: le norme, le indicazioni CIVIT, i requisiti necessari Il Sistema di misurazione e valutazione della performance

Dettagli

DOCUMENTO DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLE RISORSE UMANE

DOCUMENTO DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLE RISORSE UMANE Pagina 1 di 10 COMUNE DI NIBIONNO PROVINCIA DI LECCO DOCUMENTO DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLE RISORSE UMANE Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 28 del 27.02.2013 Si attesta che il presente

Dettagli

ADOTTA LA SEGUENTE DETERMINAZIONE. Art. 1

ADOTTA LA SEGUENTE DETERMINAZIONE. Art. 1 Prot. n. 24622 IL DIRETTORE VISTO il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300; VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165; VISTO il decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150; VISTI lo Statuto

Dettagli

REGOLAMENTO SULL ISTITUZIONE E FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO INDIPENDENTE PER LA VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

REGOLAMENTO SULL ISTITUZIONE E FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO INDIPENDENTE PER LA VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE REGOLAMENTO SULL ISTITUZIONE E FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO INDIPENDENTE PER LA VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE ART. 1: OGGETTO 1. Il presente regolamento disciplina l istituzione, le attività e le modalità

Dettagli

IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Premessa Il Sistema di misurazione e valutazione della performance è uno strumento pensato per sviluppare le competenze, riconoscere i risultati,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA MISURAZIONE E LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE DEI LIVELLI

REGOLAMENTO PER LA MISURAZIONE E LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE DEI LIVELLI REGOLAMENTO PER LA MISURAZIONE E LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE DEI LIVELLI Art. 1 campo di applicazione. 1. Il presente regolamento definisce i criteri per la valutazione e la premialità del personale dei

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Documento condiviso tra le Università di Macerata e Camerino in attuazione degli indirizzi dell accordo di programma dell 11 febbraio 2010 tra Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca,

Dettagli

COMUNE DI SANTA GIUSTINA IN COLLE (Provincia di Padova) INDICE

COMUNE DI SANTA GIUSTINA IN COLLE (Provincia di Padova) INDICE COMUNE DI SANTA GIUSTINA IN COLLE (Provincia di Padova) (Approvato con deliberazione della Giunta comunale n.78 del 20.12.2010 modificato con deliberazione di G.C. n. 60 in data 24.09.2012, modificato

Dettagli

Art. 1 (Campo di applicazione)

Art. 1 (Campo di applicazione) Allegato C) alla deliberazione n. 29 del 31.10.2014 Regolamento per la definizione dei criteri per l individuazione, il conferimento, la valutazione e la revoca degli incarichi delle posizioni organizzative

Dettagli

COMUNE DI TAURISANO Provincia di Lecce

COMUNE DI TAURISANO Provincia di Lecce ALLEGATO B COMUNE DI TAURISANO Provincia di Lecce ************ REGOLAMENTO SUL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE E SULLA ISTITUZIONE E FUNZIONAMENTO DELL'ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE (O.I.V.)

Dettagli

MANUALE PER LA VALUTAZIONE

MANUALE PER LA VALUTAZIONE COMUNE DI SELLANO (Provincia di Perugia) SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DEI DIPENDENTI MANUALE PER LA VALUTAZIONE Approvato con deliberazione G.C. n.... del... INDICE Finalità della

Dettagli

REGOLAMENTO SUL SISTEMA DI MISURAZIONE, VALUTAZIONE E TRASPARENZA DELLA PERFORMANCE

REGOLAMENTO SUL SISTEMA DI MISURAZIONE, VALUTAZIONE E TRASPARENZA DELLA PERFORMANCE REGOLAMENTO SUL SISTEMA DI MISURAZIONE, VALUTAZIONE E TRASPARENZA DELLA PERFORMANCE Art. 1 Introduzione Art. 2 Oggetto e finalità Art. 3 Caratteristiche degli obiettivi Art. 4 Ambiti di misurazione e valutazione

Dettagli

Giusta delibera n. 302 del 18/11/2010

Giusta delibera n. 302 del 18/11/2010 Comune di Trapani Regolamento di disciplina della misurazione, valutazione e integrità e trasparenza della Performance - Modifiche di raccordo ad alcuni articoli del Regolamento istituito dall' O.I.V.

Dettagli

IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE PROVINCIA DI FIRENZE IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Parte I - Articolazione generale del sistema di misurazione e valutazione 1. Premessa 2. Piano della performance 3. Principi

Dettagli

COMUNE DI BONASSOLA METODOLOGIA VALUTAZIONE

COMUNE DI BONASSOLA METODOLOGIA VALUTAZIONE COMUNE DI BONASSOLA METODOLOGIA DI VALUTAZIONE Sommario CAPO I....2 METODOLOGIA DI VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI INDIVIDUALI DEI TITOLARI DI POSIZIONE ORGANIZZATIVA...2 ART. 1 - MISURAZIONE DELLE PERFORMANCE

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE del personale amministrativo dell Avvocatura dello Stato

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE del personale amministrativo dell Avvocatura dello Stato SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE del personale amministrativo dell Avvocatura dello Stato PREMESSA. Il presente Sistema di misurazione e valutazione della performance del personale

Dettagli

CITTÀ DI AVIGLIANO. (Provincia di Potenza) METODOLOGIA PERMANENTE DI VALUTAZIONE DEL PERSONALE. (art. 6 C.C.N.L. 31/3/1999) SEZIONE I

CITTÀ DI AVIGLIANO. (Provincia di Potenza) METODOLOGIA PERMANENTE DI VALUTAZIONE DEL PERSONALE. (art. 6 C.C.N.L. 31/3/1999) SEZIONE I CITTÀ DI AVIGLIANO (Provincia di Potenza) METODOLOGIA PERMANENTE DI DEL PERSONALE (art. 6 C.C.N.L. 31/3/1999) SEZIONE I PRINCIPI GENERALI 1. Generalità Il Comune di Avigliano valuta il proprio personale

Dettagli

COMUNE DI ANTEGNATE PROVINCIA DI BERGAMO

COMUNE DI ANTEGNATE PROVINCIA DI BERGAMO COMUNE DI ANTEGNATE PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO PER LA MISURAZIONE E LA VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE E PER L APPLICAZIONE DEL SISTEMA PREMIALE Approvato dalla Giunta Comunale con deliberazione n.

Dettagli

Unione dei Comuni di Brisighella, Casola Valsenio e

Unione dei Comuni di Brisighella, Casola Valsenio e Unione dei Comuni di Brisighella, Casola Valsenio e Riolo Terme Sistema di valutazione della performance individuale del personale apicale Finalità Il sistema di valutazione della performance individuale

Dettagli

UNIONE ROVERESCA SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DEI DIPENDENTI MANUALE PER LA VALUTAZIONE

UNIONE ROVERESCA SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DEI DIPENDENTI MANUALE PER LA VALUTAZIONE UNIONE ROVERESCA SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DEI DIPENDENTI MANUALE PER LA VALUTAZIONE Approvato con deliberazione G.E. n. 40 del 22/06/2013 INDICE Finalità della valutazione Pag.

Dettagli

ALLEGATO B. Sistema permanente di valutazione valutazione dell apporto individuale SCHEDE DI VALUTAZIONE INDIVIDUALI

ALLEGATO B. Sistema permanente di valutazione valutazione dell apporto individuale SCHEDE DI VALUTAZIONE INDIVIDUALI ALLEGATO B Sistema permanente di valutazione valutazione dell apporto individuale SCHEDE DI VALUTAZIONE INDIVIDUALI Il presente allegato rappresenta il risultato della procedura di concertazione di cui

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

COMUNI DI COLBORDOLO - GABICCE MARE GRADARA - MONTECALVO IN FOGLIA MONTECICCARDO MONTELABBATE - SANT'ANGELO IN LIZZOLA - TAVULLIA

COMUNI DI COLBORDOLO - GABICCE MARE GRADARA - MONTECALVO IN FOGLIA MONTECICCARDO MONTELABBATE - SANT'ANGELO IN LIZZOLA - TAVULLIA COMUNI DI COLBORDOLO - GABICCE MARE GRADARA - MONTECALVO IN FOGLIA MONTECICCARDO MONTELABBATE - SANT'ANGELO IN LIZZOLA - TAVULLIA UNIONE PIAN DEL BRUSCOLO SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE MERITO E PREMI ADEGUAMENTO AL D.LGS.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE MERITO E PREMI ADEGUAMENTO AL D.LGS. COMUNE DI MARCON Provincia di Venezia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE MERITO E PREMI ADEGUAMENTO AL D.LGS. 150/2009 Approvato con delibera di Giunta

Dettagli

Sistema di misurazione e valutazione della performance (SVP) individuale delle Posizioni Organizzative (P.O.) e del personale.

Sistema di misurazione e valutazione della performance (SVP) individuale delle Posizioni Organizzative (P.O.) e del personale. Approvato con Delibera della Giunta Comunale nr. 105/2012 Sistema di misurazione e valutazione della performance (SVP) individuale delle Posizioni Organizzative (P.O.) e del personale. Articolo 1 Il processo

Dettagli

COMUNE DI PERUGIA AREA DEL PERSONALE DEL COMPARTO DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE E DELLE ALTE PROFESSIONALITA

COMUNE DI PERUGIA AREA DEL PERSONALE DEL COMPARTO DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE E DELLE ALTE PROFESSIONALITA COMUNE DI PERUGIA AREA DEL PERSONALE DEL COMPARTO DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE E DELLE ALTE PROFESSIONALITA METODOLOGIA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Approvato con atto G.C. n. 492 del 07.12.2011 1

Dettagli

PROVINCIA DI LECCE IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA E INDIVIDUALE

PROVINCIA DI LECCE IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA E INDIVIDUALE PROVINCIA DI LECCE IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA E INDIVIDUALE 1 1. STRUTTURA ORGANIZZATIVA DELL ENTE La Provincia di Lecce ha adottato un sistema organizzativo

Dettagli

----------------------------- AREA COMPARTO SISTEMA DI VALUTAZIONE INTEGRATO

----------------------------- AREA COMPARTO SISTEMA DI VALUTAZIONE INTEGRATO Servizio Sanitario Nazionale Regione Umbria Direzione per l Amministrazione del Personale Ufficio Relazioni Sindacali ----------------------------- AREA COMPARTO SISTEMA DI VALUTAZIONE INTEGRATO PREMESSA

Dettagli

Comune di Ferrara IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

Comune di Ferrara IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Comune di Ferrara IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDICE 1. Premessa 2. Il processo, i tempi e le responsabilità del sistema 3. Modalità di raccordo con i sistemi di controllo

Dettagli

Comune di Pietrabbondante

Comune di Pietrabbondante Comune di Pietrabbondante IL SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PRESTAZIONE DEI RESPONSABILI DI SERVIZIO Sommario 1. Finalità della 2 2. Aree di 2 3. La metodologia di 3 4.La scheda di dei responsabili di servizio

Dettagli

Regolamento del sistema di controlli interni (art. 147 e ss. del T.U.E.L.)

Regolamento del sistema di controlli interni (art. 147 e ss. del T.U.E.L.) Regolamento del sistema di controlli interni (art. 147 e ss. del T.U.E.L.) I N D I C E TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Sistema dei controlli interni. Art. 2 controllo delle sezioni regionali della Corte

Dettagli

Comune di OLGIATE OLONA SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

Comune di OLGIATE OLONA SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Comune di OLGIATE OLONA SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE 1. INTRODUZIONE La legge-delega 4 marzo 2009, n. 15, ed il decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150, di seguito Decreto,

Dettagli

Organismo Indipendente di Valutazione

Organismo Indipendente di Valutazione Commissione Enti Locali SEMINARIO FORMATIVO Organismo Indipendente di Valutazione Aspetti normativi e metodi di valutazione della performance Avellino, 7 febbraio 2011 Eraldo De Simone Decreto Legislativo

Dettagli

Sistema di incentivazione della produttività per progetti e di misurazione e valutazione della performance

Sistema di incentivazione della produttività per progetti e di misurazione e valutazione della performance Sistema di incentivazione della produttività per progetti e di misurazione e valutazione della performance Approvato con Delibera di Giunta Comunale 87 del 21/04/15 Sommario Articolo 1 - Sistemi Articolo

Dettagli

Piazza Regina Margherita, 27 12017 Robilante (Cuneo)

Piazza Regina Margherita, 27 12017 Robilante (Cuneo) Costituita dai Comuni di: Beinette, Boves, Chiusa di Pesio, Entracque, Limone Piemonte, Peveragno, Pianfei, Roaschia, Robilante, Roccavione, Valdieri, Vernante Piazza Regina Margherita, 27 12017 Robilante

Dettagli

COMUNE DI TEGLIO. Provincia di Sondrio ALLEGATO

COMUNE DI TEGLIO. Provincia di Sondrio ALLEGATO Approvato con deliberazione di G.C. N. 186 del 27.12.2010 COMUNE DI TEGLIO Provincia di Sondrio ALLEGATO AL REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI, IN ADEGUAMENTO AL D. LGS. N. 150/2009

Dettagli

REGOLAMENTO SUL CICLO DELLA PERFORMANCE - MISURAZIONE E VALUTAZIONE -

REGOLAMENTO SUL CICLO DELLA PERFORMANCE - MISURAZIONE E VALUTAZIONE - COMUNE DI COMO REGOLAMENTO SUL CICLO DELLA PERFORMANCE - MISURAZIONE E VALUTAZIONE - 1 CAPO I MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Art. 1 MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Il Comune di

Dettagli

COMUNE DI CUNEO. SISTEMA di MISURAZIONE e VALUTAZIONE della PERFORMANCE (Capo II del decreto legislativo 27/10/2009, n. 150)

COMUNE DI CUNEO. SISTEMA di MISURAZIONE e VALUTAZIONE della PERFORMANCE (Capo II del decreto legislativo 27/10/2009, n. 150) COMUNE DI CUNEO SISTEMA di MISURAZIONE e VALUTAZIONE della PERFORMANCE (Capo II del decreto legislativo 27/10/2009, n. 150) Approvato con deliberazione della giunta comunale n. 353 in data 20/12/2011 PREMESSA

Dettagli

COMUNE DI SANSEPOLCRO

COMUNE DI SANSEPOLCRO COMUNE DI SANSEPOLCRO Sistema di misurazione e valutazione della performance (Capo II del decreto legislativo 27/10/2009, n. 150) Approvato con delibera di G.C. n 231 del 16/10/2014; Pagina 1 di 12 PREMESSA

Dettagli

COMUNE DI CASTAGNETO CARDUCCI Provincia di Livorno REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

COMUNE DI CASTAGNETO CARDUCCI Provincia di Livorno REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Comune di Castagneto Carducci Provincia di Livorno COMUNE DI CASTAGNETO CARDUCCI Provincia di Livorno REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 7 del

Dettagli

Manuale di valutazione del personale non titolare di posizione organizzativa

Manuale di valutazione del personale non titolare di posizione organizzativa Manuale di valutazione del personale non titolare di posizione organizzativa 1 Premessa Il presente manuale è stato redatto al fine di fornire uno strumento, rapido e accessibile, per chiarire i presupposti

Dettagli

Città di VASTO REGOLAMENTO SISTEMI DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

Città di VASTO REGOLAMENTO SISTEMI DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Città di VASTO REGOLAMENTO SISTEMI DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Approvato con deliberazione della G.C. n. del / /2012 DISCIPLINA DEI SISTEMI DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

Dettagli

COMUNE DI CASTAGNOLE PIEMONTE (Provincia di TORINO)

COMUNE DI CASTAGNOLE PIEMONTE (Provincia di TORINO) COMUNE DI CASTAGNOLE PIEMONTE (Provincia di TORINO) PIANO DELLA PERFORMANCE Misurazione, valutazione e trasparenza della performance organizzativa e individuale (Decreto legislativo 27 ottobre 2009, n.

Dettagli

Ministero per i Beni e le Attività Culturali

Ministero per i Beni e le Attività Culturali Ministero per i Beni e le Attività Culturali ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE (OIV) MANUALE OPERATIVO PER IL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL PERSONALE SETTEMBRE 2010 1. I riferimenti

Dettagli