Relazione sullo stato, sul funzionamento e sugli esiti del processo di valutazione e misurazione delle performance nell anno 2014.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Relazione sullo stato, sul funzionamento e sugli esiti del processo di valutazione e misurazione delle performance nell anno 2014."

Transcript

1 PROVINCIA REGIONALE DI CATANIA (denominata Libero Consorzio Comunale ai sensi della legge regionale n. 8/2014) CENTRO DIREZIONALE NUOVALUCE ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE (Istituito con delibera di G.P. n. 9 del ai sensi dell art. 14 del D.lgs , n. 150) Relazione sullo stato, sul funzionamento e sugli esiti del processo di valutazione e misurazione delle performance nell anno Premessa La presente relazione per l anno 2014 è redatta dall'organismo Indipendente di Valutazione in conformità con quanto previsto dall'art. 14 comma 4 lett. a) del decreto legislativo 27 ottobre 2009 n. 150 Attuazione della legge 4 marzo 2009, n. 15, in materia di ottimizzazione della produttività del lavoro pubblico e di efficienza e trasparenza delle pubbliche amministrazioni, che individua, tra i compiti dell'oiv, il monitoraggio del funzionamento complessivo del sistema della valutazione, della trasparenza e integrità dei controlli interni e la elaborazione di una relazione annuale sullo stato dello stesso. Tale obbligo risulta anche riportato all art. 45, comma 1, lett. d) del vigente Regolamento sull ordinamento degli Uffici e Servizi che assegna all Organismo Indipendente di Valutazione il compito di elaborare annualmente una relazione sullo stato, sul funzionamento e sugli esiti del processo di valutazione e misurazione delle performance. Questo Organismo Indipendente della Provincia Regionale di Catania è stato nominato con determinazione del Presidente della Provincia n. 163 del , successivamente integrata dalla determinazione del Commissario Straordinario n. 263 del che ne ha definito l attuale composizione. Il Sistema di misurazione e valutazione delle Performance attualmente in vigore presso l Ente è stato elaborato con la collaborazione dell Organismo Indipendente di Valutazione in conformità all articolo 40 del Testo coordinato delle disposizioni concernenti l Ordinamento degli Uffici e dei Servizi ed è stato adottato con la deliberazione di Giunta provinciale n. 18 del Il Sistema definisce soggetti, procedure ed elementi per la misurazione e la valutazione della Performance, organizzativa (sia a livello di Ente che a livello di singola struttura organizzativa) ed individuale. I risultati dell attività di misurazione e valutazione delle performance organizzative ed individuali devono essere riassunti nella Relazione sulla performance, disciplinata dall art. 41 del Testo coordinato delle disposizioni concernenti l Ordinamento degli Uffici e dei Servizi. Tale articolo, inoltre, assegna anche alla direzione generale, con il supporto dell Ufficio Controllo di Gestione e l ausilio dei responsabili dei vari Servizi, la predisposizione dello schema di Relazione sulla performance che, previa validazione da parte dell Organismo Indipendente di Valutazione, deve essere approvato dall Organo esecutivo entro il 30 giugno dell anno successivo a quello di riferimento. Esso inoltre è strutturato in modo da misurare le attività svolte dai dipendenti dell Ente, sulla base di tre distinti ambiti: - Perfomance organizzativa a livello di Ente - Perfomance organizzativa a livello di struttura (Servizio) - Performance individuale. La valutazione dei primi due ambiti è demandata a questo Organismo Indipendente di Valutazione; gli esiti di tale valutazione sono indicati nella Relazione della Perfomance. La valutazione delle perfomance individuali è demandata invece ai dirigenti per il personale assegnato a ciascuna struttura, ed al Direttore Generale per quanto concerne i dirigenti.

2 Finalità La presente relazione è finalizzata a riferire sul funzionamento complessivo del sistema di valutazione e sugli esiti del processo di valutazione e misurazione della performance riferita all anno 2013 evidenziando le criticità rilevate. Lo scopo è anche quello di fare risaltare le opportunità di questo sistema al fine di presentare proposte per svilupparlo e integrarlo ulteriormente. La predisposizione di questa relazione costituisce anche un momento di verifica della corretta applicazione da parte della Provincia Regionale di Catania delle normative, nonché delle linee guida ed indicazioni emanate dalla Autorità Nazionale Anticorruzione - A.N.A.C - ex CIVIT in quanto applicabili. Il Ciclo di gestione della performance Il ciclo di gestione della performance si sviluppa in diretta correlazione con i contenuti e con le fasi del ciclo della programmazione finanziaria e di bilancio e con gli strumenti di programmazione dell Ente. Lo stesso si articola nelle seguenti fasi: a) definizione e assegnazione, con il P.E.G. e il Piano Dettagliato degli Obiettivi, degli obiettivi e delle risorse ad ogni centro di responsabilità, individuazione degli standard prestazionali connessi al singolo obiettivo, dei valori attesi di risultato e dei rispettivi indicatori. b) monitoraggio in corso di esercizio e attivazione di eventuali interventi correttivi; c) rendicontazione degli obiettivi; d) misurazione e valutazione della performance; e) utilizzo dei sistemi premianti, secondo criteri di valorizzazione del merito. L Organo esecutivo, con l ausilio della Direzione Generale a cui compete proporre il P.E.G., sentiti i dirigenti di riferimento, individua gli obiettivi che costituiscono il Piano Dettagliato degli Obiettivi; con il medesimo atto di approvazione li assegna ai dirigenti e definisce il sistema degli indicatori per la misurazione e la valutazione delle performance. Così come previsto dal comma 3-bis dell art.169 del TUEL, introdotto dal decreto-legge 10 ottobre 2012, n. 174 convertito, con modificazioni, nella Legge 7 dicembre 2012, n. 213, al fine di semplificare i processi di pianificazione gestionale dell'ente, il piano dettagliato degli obiettivi di cui all'articolo 108, comma 1, del TUEL e il piano della performance di cui all'articolo 10 del decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150, sono unificati organicamente nel piano esecutivo di gestione. I documenti che hanno originato e costituito il c.d. ciclo della performance per l anno 2013 e da cui ha avuto inizio il processo di misurazione e valutazione sono: 1. la deliberazione del Commissario Straordinario n 125 del 28/08/2013 Approvazione del Piano degli Obiettivi provvisorio anno 2013; 2. la deliberazione del Commissario Straordinario n 193 del 27/12/2013 Piano Esecutivo di Gestione e Piano della Performance Attribuzione Obiettivi generali, risorse e responsabilità gestionali. Approvazione. La presenza di tutte le fasi indicate all art. 4 del Decreto legislativo 150/2009 nei documenti di cui alla deliberazione n. 18/2012, e segnatamente: a) la definizione e assegnazione degli obiettivi che si intendono raggiungere, dei valori attesi di risultato e dei rispettivi indicatori; b) il collegamento tra gli obiettivi e l'allocazione delle risorse; c) la previsione di un monitoraggio in corso di esercizio e attivazione di eventuali interventi correttivi; 2

3 d) la misurazione e valutazione della performance, organizzativa e individuale; e) un utilizzo dei sistemi premianti, secondo criteri di valorizzazione del merito; f) la rendicontazione dei risultati, unitamente ad una esaustiva attività di reportistica da parte dell Ufficio Controllo di Gestione, hanno consentito a questo Organismo di porre in essere una compiuta attività di valutazione. Le attività di misurazione e valutazione degli ambiti di competenza di questo Organismo hanno riguardato sia la Perfomance organizzativa a livello di Ente, rilevando il grado di raggiungimento dei due obiettivi trasversali e dei sei obiettivi condivisi tra più servizi assegnati a tutte le strutture dell Ente, che la misurazione e valutazione della performance organizzativa a livello di struttura rilevando il livello di raggiungimento degli obiettivi assegnati a ciascuna Struttura con il piano esecutivo di gestione, e declinati, in dettaglio, nel documento Elenco obiettivi 2013 della citata deliberazione 125/2013. Gli esiti analitici relative alle quattordici Strutture dell Ente unitamente a quelli degli obiettivi trasversali e/o condivisi risultano riscontrabili nel documento conclusivo del c.d. ciclo della perfomance che è la Relazione sulla Perfomance, che per l anno 2013 è stata già approvata dal Commissario Straordinario con deliberazione n. 99 del 11 agosto 2014 ed è consultabile sul sito istituzionale dell Ente nell apposita sezione Amministrazione Trasparente sottosezione Performance che questo Organismo, così come prevede la legge, ha provveduto a validare. Per quanto riguarda l analisi dei dati relativi al grado di differenziazione nella misurazione e valutazione della perfomance organizzativa a livello di struttura (Servizio), il Sistema ha generato il seguente grado di differenziazione: - n. 4 Servizi hanno avuto attribuita una valutazione numerica compresa tra 71,00 e 80,00; - n. 4 Servizi hanno avuto attribuita una valutazione numerica compresa tra 61,00 e 70,00; - n. 3 Servizi hanno avuto attribuita una valutazione numerica compresa tra 51,00 e 60,00; - n. 1 Servizi hanno avuto attribuita una valutazione numerica compresa tra 41,00 e 50,00; - n. 2 Servizi hanno avuto attribuita una valutazione numerica compresa tra 31,00 e 40,00. Attività svolta L Organismo Indipendente di Valutazione nel corso del 2014 ha tenuto 28 sedute, di cui la maggior parte di esse ha riguardato le operazioni di misurazione e valutazione della perfomance organizzativa relativa all anno 2013, ivi compresa la procedura di conciliazione attivata su richiesta di un dirigente. In generale le attività di valutazione e misurazione delle performance, hanno riguardato: - valutazione della perfomance organizzativa a livello di Ente relativa ai due obiettivi trasversali ed ai sei obiettivi condivisi assegnati a tutte le strutture dell Ente; - valutazione della perfomance organizzativa dei 14 Servizi dell Ente e dell Ufficio del Direttore Generale (art. 4 del vigente Sistema di misurazione e valutazione della Perfomance ); - proposta al Commissario Straordinario della valutazione del Segretario generale (art 42, comma 6 del Regolamento sull ordinamento degli Uffici e Servizi). Di seguito si elencano altre significative attività svolte da questo Organismo: - esame del piano di prevenzione della corruzione richiesto dal Direttore Generale con nota prot.1968 del ; - adempimenti di cui alla deliberazione CIVIT n.77 del (attestazione rilasciata in data ) - relazione sullo stato, sul funzionamento e sugli esiti del processo di valutazione e misurazione delle performance. Anno 2012 ( nota prot del ) 3

4 - monitoraggio lavoro flessibile anno Art. 36, c.3 del d.lgs 165/2001, esitato il monitoraggio degli adempimenti di pubblicazione nella sezione Amministrazione trasparente previsti dal d.lgs 14 marzo 2013, n esame della proposta di Piano degli obiettivi per l anno 2014, alla luce della intervenuta normativa sull Istituzione dei liberi consorzi; - esame del piano di triennale di prevenzione della corruzione richiesto dal Direttore Generale con nota prot del ; Programma triennale per la trasparenza e l integrità (PTTI) In riferimento al Programma triennale per la trasparenza e l integrità (PTTI) ed al rispetto degli obblighi di pubblicazione, questo Organismo Indipendente di Valutazione, presa in esame la relazione istruttoria per l anno 2014 trasmessa dal Responsabile della Trasparenza sullo stato di attuazione del Programma stesso con nota prot del , così come previsto dal punto 2.3, lett. c), del vigente PTTI, rileva quanto segue: 1. Il vigente Programma triennale per la trasparenza e l integrità (PTTI) è stato adottato con deliberazione del Commissario Straordinario n. 181 del 23/12/2013, così come previsto dall art. 10 del d.lgs. n. 33/2013 e nel rispetto delle indicazioni fornite dalla CIVIT con le Linee guida per l aggiornamento del Programma triennale per la trasparenza e l integrità , approvate con delibera n. 50/2013; 2. Tale documento risulta pubblicato sul sito web istituzionale dell Ente nella pertinente sottosezione di Amministrazione trasparente ; 3. Il Programma (PTTI) risulta collegato sia con il Piano triennale di prevenzione della corruzione che con il Piano della Performance relativo al medesimo lasso temporale. Infatti nel piano esecutivo di gestione - Peg , risultano individuati n. 2 obiettivi trasversali per tutte le Strutture dell Ente, con valenza pluriennale, riguardanti proprio l esecuzione degli adempimenti del Piano triennale di prevenzione della corruzione e del Programma triennale per la trasparenza e l'integrità; 4. Nel mese di gennaio 2014, dando seguito a quanto indicato nella delibera CIVIT n. 77/2013, questo Organismo Indipendente di Valutazione, ha provveduto a rilasciare attestazione dell assolvimento degli obblighi di pubblicazione relativi all anno 2013, attestazione pubblicata nella pertinente sotto-sezione di Amministrazione trasparente ; 5. In merito alla pubblicazione dei dati da parte Dirigenti dei Servizi nella sezione Amministrazione trasparente, così come previsto dalla delibera 50/2013 della Civit, gli obblighi risultano adempiuti nei tempi previsti; 6. Nell ambito delle iniziative di comunicazione, risulta nella sezione Amministrazione trasparente un apposita area dedicata alla rilevazione del livello di soddisfazione degli utenti. Inoltre, nella sotto-sezione Altri contenuti della medesima sezione risulta pubblicato lo stato semestrale di avanzamento dei lavori pubblici con rilevanza sovracomunale (a tutt oggi risultano pubblicati i dati che fanno capo al Servizio Ambiente, Energia, Polizia provinciale e Protezione civile per il I semestre 2014 ed al Servizio Appalti per il I e II semestre 2014). Tra le iniziative di comunicazione nell ambito delle Giornate della trasparenza il Responsabile della Trasparenza, nella relazione istruttoria già citata prot.80217/2014, ha segnalato l organizzazione di due incontri: uno nella giornata del 13 ottobre 2014 con i Dirigenti scolastici e i Direttori dei Servizi Generali e Amministrativi degli Istituti Superiori della provincia di Catania, avente ad oggetto l illustrazione degli strumenti operativi adottati dall Ente in materia di prevenzione della corruzione, trasparenza ed integrità (Piano Triennale di Prevenzione della Corruzione, Piano della Performance, Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità, Codice di Comportamento dei dipendenti), alla luce delle disposizioni introdotte dalla legge 6 novembre 4

5 2012, n. 190 e dal decreto legislativo 14 marzo 2013, n. 33; il secondo incontro si è tenuto invece l presso il centro fieristico Le Ciminiere di questo Ente, su Trasparenza: strumento di legalità per i cittadini Controlli interni In riferimento alla trasmissione delle risultanze del controllo interno per l anno 2014 inviate dal Segretario Generale rispettivamente con note prot.33 del e prot.5061 del , così come previsto dall art. 7, commi 2 e 3 del vigente Regolamento sui controlli interni, nel prendere atto dell adempimento svolto da parte dell Ufficio preposto secondo quanto indicato dal citato Regolamento, constata e rileva il frequente mancato rispetto dei termini da parte dei dirigenti dell Ente. Alle richieste formulate ai sensi del comma 5 dell art.6 del Regolamento da parte dell Ufficio, come riscontrato nella pertinente sottosezione di Amministrazione trasparente - Controlli e rilievi sull'amministrazione, accade spesso che i dirigenti non diano risposta entro il termine regolamentare dei cinque giorni. Di ciò il Direttore Generale nella valutazione del comportamento di ogni singolo dirigente, dovrà tenere conto. Conclusioni L Organismo preliminarmente rileva che la programmazione economica finanziaria per l anno 2013, rispetto a quella effettuata nel 2012, è stata predisposta ed elaborata, anche se in via provvisoria, a fine agosto 2013; in ritardo per una efficace programmazione, ma comunque prima di quanto è stata definita quella del 2012, approvata a fine dicembre dello stesso anno. Si dà inoltre atto che da parte dell Ente sono stati accolti alcuni dei suggerimenti indicati dall OIV nella precedente relazione relativa al ciclo della performance per l anno 2012, e cioè di inserire tra gli obiettivi per l anno 2013 strumenti idonei a rilevare la soddisfazione dell utenza, anche attraverso la customer satisfaction (Verifica dei livelli di soddisfazione degli utenti delle strutture culturali e sportive dell Ente e dei punti di informazione turistica) e di tutela dell utenza (Elaborazione e predisposizione della Carta dei Servizi per i servizi sociali).si può comunque affermare che la metodologia delle performance nell Ente è stata, nel suo complesso, applicata in modo puntuale, generando una premialità differenziata. L Organismo evidenzia, inoltre, che nel corso dello svolgimento delle attività di valutazioni sulle singole Strutture dell Ente sono stati riscontrati alcuni elementi di criticità riguardanti determinati obiettivi, alcune Altre attività o ancora, alcuni degli indicatori individuati; criticità che sono state evidenziate nell apposito spazio riservato all OIV della scheda finale (nel testo inserito nella relazione sulla Performance anno 2013), consultabile nella pertinente sezione di Amministrazione trasparente. Tremestieri Etneo F.to avv. Roberto Cosio, coordinatore F.to avv. Santa Strano, componente F.to prof. Renato D Amico, componente 5

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2015-2017

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2015-2017 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2015-2017 Il Responsabile della trasparenza Avv. Francesca Ganci UFFICIO AGGIORNAMENTO, INFORMATIVA E TRASPARENZA Pag. 0 Indice Indice Premessa Introduzione:

Dettagli

Città di Minerbio Provincia di Bologna. CICLO DELLA PERFORMANCE Indirizzi per il triennio 2011-2013

Città di Minerbio Provincia di Bologna. CICLO DELLA PERFORMANCE Indirizzi per il triennio 2011-2013 Città di Minerbio Provincia di Bologna CICLO DELLA PERFORMANCE Indirizzi per il triennio 2011-2013 Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 78 del 27/07/2011 Premessa Le amministrazioni pubbliche

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016 COMUNE DI COLLAZZONE Provincia di Perugia PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016 Adottato con deliberazione di Giunta Comunale n.. del. Premessa: Il presente programma triennale

Dettagli

COMUNE DI PEVERAGNO (Provincia di Cuneo)

COMUNE DI PEVERAGNO (Provincia di Cuneo) COMUNE DI PEVERAGNO (Provincia di Cuneo) SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Misurazione, valutazione e trasparenza della performance organizzativa e individuale (Decreto legislativo

Dettagli

REGOLAMENTO PROVINCIALE SUL PIANO DELLA PERFORMANCE E SUI SISTEMI DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE

REGOLAMENTO PROVINCIALE SUL PIANO DELLA PERFORMANCE E SUI SISTEMI DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n. 132 del 13.07.2011 REGOLAMENTO PROVINCIALE SUL PIANO DELLA PERFORMANCE E SUI SISTEMI DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE ART. 1 FINALITÀ La Provincia di Brindisi,

Dettagli

COMUNE DI CALCI (PROVINCIA DI PISA) Sistema di Misurazione e Valutazione della Performance

COMUNE DI CALCI (PROVINCIA DI PISA) Sistema di Misurazione e Valutazione della Performance COMUNE DI CALCI (PROVINCIA DI PISA) Sistema di Misurazione e Valutazione della Performance . PREMESSA Il Sistema di Misurazione e Valutazione della Performance, per il seguito anche SMIVAP, è volto all

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 1 Premessa Sempre di più la Pubblica Amministrazione sta proseguendo nell opera di riorganizzazione e revisione del proprio assetto organizzativo e

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2015 2016 2017. (allegato al piano triennale anticorruzione)

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2015 2016 2017. (allegato al piano triennale anticorruzione) COMUNE DI CELLAMARE (Prov. di Bari) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2015 2016 2017 (allegato al piano triennale anticorruzione) Approvato con deliberazione di G.C. n. 3 del 29/01/2015

Dettagli

CITTÀ DI IMOLA REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DELLA VALUTAZIONE, INTEGRITÀ E TRASPARENZA DELLA PERFORMANCE

CITTÀ DI IMOLA REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DELLA VALUTAZIONE, INTEGRITÀ E TRASPARENZA DELLA PERFORMANCE CITTÀ DI IMOLA REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DELLA VALUTAZIONE, INTEGRITÀ E TRASPARENZA DELLA PERFORMANCE Approvato con deliberazione C.C. n. 30 del 23/02/2011 1 INDICE Titolo I Programmazione e valutazione

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA. Disciplina della misurazione, valutazione e integrità e trasparenza della Performance

PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA. Disciplina della misurazione, valutazione e integrità e trasparenza della Performance PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA Disciplina della misurazione, valutazione e integrità e trasparenza della Performance APPROVATO CON DELIBERA 58 CG 2013 E MODIFICATO ED INTEGRATO CON DELIBERE 59 E 149CG/2013

Dettagli

Piano Triennale della Trasparenza e Integrità 2015-2016-2017. Aggiornamento.

Piano Triennale della Trasparenza e Integrità 2015-2016-2017. Aggiornamento. COMUNE DI MONTEPRANDONE Provincia di Ascoli Piceno Piano Triennale della Trasparenza e Integrità 2015-2016-2017. Aggiornamento. 1) QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO La principale fonte normativa per la stesura

Dettagli

COMUNE DI BUDRIO PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA (in attuazione del D. Leg.vo 33/2013)

COMUNE DI BUDRIO PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA (in attuazione del D. Leg.vo 33/2013) All.B) COMUNE DI BUDRIO PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA (in attuazione del D. Leg.vo 33/2013) PREMESSA Con la redazione dell aggiornamento del Programma Triennale per la trasparenza

Dettagli

COMUNE DI TAURISANO Provincia di Lecce

COMUNE DI TAURISANO Provincia di Lecce ALLEGATO B COMUNE DI TAURISANO Provincia di Lecce ************ REGOLAMENTO SUL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE E SULLA ISTITUZIONE E FUNZIONAMENTO DELL'ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE (O.I.V.)

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Comune di Inverigo Provincia di Como SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDICE INTRODUZIONE TITOLO I FINALITA E PRINCIPI Art. 1 - Finalità e oggetto Art. 2 - Principi di riferimento

Dettagli

COMUNE DI MESAGNE PROVINCIA DI BRINDISI

COMUNE DI MESAGNE PROVINCIA DI BRINDISI COMUNE DI MESAGNE PROVINCIA DI BRINDISI INDICE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PREMESSA (ALLEGATO AL PIANO TRIENNALE ANTICORRUZIONE) ANNI 2014 2015 2016 PARTE I Introduzione 1.1 Organizzazione

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE TRIENNIO 2015-2017

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE TRIENNIO 2015-2017 SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE TRIENNIO 2015-2017 Il Ciclo di gestione della valutazione dei risultati: le fasi. pag. 2 a) definizione e assegnazione degli obiettivi che si intendono

Dettagli

COMUNE DI AIRASCA Provincia di Torino SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

COMUNE DI AIRASCA Provincia di Torino SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE COMUNE DI AIRASCA Provincia di Torino SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE 1. Premessa sui riferimenti normativi 2. Pianificazione Strategica e Programmazione Operativa 2.1 Il Piano strategico,

Dettagli

DISCIPLINA DELLA MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

DISCIPLINA DELLA MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Comune di Marradi (Provincia di Firenze) DISCIPLINA DELLA MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Approvato con delibera della Giunta comunale n. 91/2012 Modificato con delibera della Giunta comunale

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE. Il ciclo della performance

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE. Il ciclo della performance 14 REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE Il ciclo della performance APPROVATO DALLA GIUNTA COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 465 REG./.499 PROP.DEL. NELLA SEDUTA DEL 15/12/2010 TITOLO I Programmazione, controllo,

Dettagli

CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE

CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2015 2016 2017 1 allegato a) deliberazione del Consiglio di Amministrazione. n. /2015 PROGRAMMA TRIENNALE

Dettagli

PIANO TRIENNALE DELLE PERFORMANCE MISURAZIONE, VALUTAZIONE E TRASPARENZA DELLE PERFORMANCE ORGANIZZATIVA E INDIVIDUALE

PIANO TRIENNALE DELLE PERFORMANCE MISURAZIONE, VALUTAZIONE E TRASPARENZA DELLE PERFORMANCE ORGANIZZATIVA E INDIVIDUALE COMUNE DI MONTANERA (Provincia di Cuneo) PIANO TRIENNALE DELLE PERFORMANCE MISURAZIONE, VALUTAZIONE E TRASPARENZA DELLE PERFORMANCE ORGANIZZATIVA E INDIVIDUALE 1. ELEMENTI COSTITUTIVI DEL SISTEMA DELLE

Dettagli

PROVINCIA DI BARLETTA-ANDRIA-TRANI REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

PROVINCIA DI BARLETTA-ANDRIA-TRANI REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI PROVINCIA DI BARLETTA-ANDRIA-TRANI REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 3 del 11 Marzo 2013 Sommario TITOLO I PRINCIPI E FINALITÀ...1 ART. 1 (Finalità)...1

Dettagli

IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Premessa Il Sistema di misurazione e valutazione della performance è uno strumento pensato per sviluppare le competenze, riconoscere i risultati,

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA 2015-2017

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA 2015-2017 (allegato Delibera Giunta n. 4 del 02.02.2015) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA 2015-2017 (in attuazione del D. Leg.vo 33/2013) PREMESSA Con la redazione del Programma Triennale per la

Dettagli

COMUNE DI CASTELFIDARDO REGOLAMENTO IN MATERIA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE. - Indice

COMUNE DI CASTELFIDARDO REGOLAMENTO IN MATERIA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE. - Indice COMUNE DI CASTELFIDARDO REGOLAMENTO IN MATERIA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE - Indice Art. 1 - Fasi del ciclo di gestione della performance Art. 2 Nucleo di Valutazione Art. 3 - Sistema

Dettagli

DECRETO DEL SEGRETARIO GENERALE N. 17 DI DATA 27 MARZO 2015

DECRETO DEL SEGRETARIO GENERALE N. 17 DI DATA 27 MARZO 2015 DECRETO DEL SEGRETARIO GENERALE N. 17 DI DATA 27 MARZO 2015 OGGETTO: Approvazione del Piano per la prevenzione della corruzione e del Programma per la Trasparenza e l Integrità 2015-2017 dell Autorità

Dettagli

COMUNE DI MONTECCHIA DI CROSARA (Provincia di Verona)

COMUNE DI MONTECCHIA DI CROSARA (Provincia di Verona) COMUNE DI MONTECCHIA DI CROSARA (Provincia di Verona) SISTEMA DI APPROVAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ART. 7 COMMA 1 DEL D.LGS 150/2009. INTEGRAZIONE AL VIGENTE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEGLI

Dettagli

COMUNE DI CASTAGNOLE PIEMONTE (Provincia di TORINO)

COMUNE DI CASTAGNOLE PIEMONTE (Provincia di TORINO) COMUNE DI CASTAGNOLE PIEMONTE (Provincia di TORINO) PIANO DELLA PERFORMANCE Misurazione, valutazione e trasparenza della performance organizzativa e individuale (Decreto legislativo 27 ottobre 2009, n.

Dettagli

ALLEGATO DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE N. DEL. COMUNE DI ACQUAVIVA COLLECROCE Provincia di CAMPOBASSO

ALLEGATO DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE N. DEL. COMUNE DI ACQUAVIVA COLLECROCE Provincia di CAMPOBASSO ALLEGATO DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE N. DEL COMUNE DI ACQUAVIVA COLLECROCE Provincia di CAMPOBASSO PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2013 2014 2015 INDICE PREMESSA PARTE I Introduzione

Dettagli

ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE DELL'ENTE PARCO NAZIONALE DEL VESUVIO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE D.LGS.

ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE DELL'ENTE PARCO NAZIONALE DEL VESUVIO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE D.LGS. PREMESSA Il presente documento è redatto dall Organismo Indipendente di Valutazione dell'ente Parco Nazionale del Vesuvio ai sensi dell articolo 7, comma 2, e dell articolo 30, comma 3, del decreto legislativo

Dettagli

COMUNE DI ROCCAVIONE (Provincia di Cuneo)

COMUNE DI ROCCAVIONE (Provincia di Cuneo) COMUNE DI ROCCAVIONE (Provincia di Cuneo) PIANO DELLA PERFORMANCE Misurazione, valutazione e trasparenza della performance organizzativa e individuale (Decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150 - Delibera

Dettagli

COMUNE DI GANDOSSO PROGRAMMA TRIENNALE TRASPARENZA E INTEGRITA'

COMUNE DI GANDOSSO PROGRAMMA TRIENNALE TRASPARENZA E INTEGRITA' COMUNE DI GANDOSSO PROGRAMMA TRIENNALE TRASPARENZA E INTEGRITA' 2014 2016 PRESENTAZIONE DEL PROGRAMMA Con il presente documento ci si propone di fornire una visione organica dei compiti istituzionali e

Dettagli

Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2014-2016

Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2014-2016 Allegato A alla deliberazione di Giunta comunale n. 20 del 04.02.2014 Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2014-2016 (articolo 10 del decreto legislativo 14 marzo 2013 numero 33 di riordino

Dettagli

Città di Fabriano. Aggiornamento Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità - PTTI 2015 2017

Città di Fabriano. Aggiornamento Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità - PTTI 2015 2017 Città di Fabriano Aggiornamento Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità - PTTI 2015 2017 INDICE 1. Premessa 3 2. Stato di attuazione del Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità

Dettagli

( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) TITOLO I: Principi generali ( articoli 11 e 28 del d.lgs. 150/09)

( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) TITOLO I: Principi generali ( articoli 11 e 28 del d.lgs. 150/09) Regolamento di disciplina della misurazione, valutazione e trasparenza della performance ( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) Il presente Regolamento è assunto ai sensi degli artt. 16 e 31 del

Dettagli

PIANO DELLA PERFORMANCE

PIANO DELLA PERFORMANCE PIANO DELLA PERFORMANCE PROGRAMMI E PROGETTI DELL AMMINISTRAZIONE PER IL PERIODO 2011-2012 - 2013 L Albero della Performance Consiglio Comunale Piano di mandato Sindaco e Giunta Comunale Piano della Performance

Dettagli

COMUNE DI CENTO Provincia di Ferrara PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2015/2017

COMUNE DI CENTO Provincia di Ferrara PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2015/2017 COMUNE DI CENTO Provincia di Ferrara PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2015/2017 Predisposto dal responsabile per la Trasparenza Segretario Generale Dott.ssa Margherita Clemente Adottato

Dettagli

COMUNE DI RIVANAZZANO TERME PROVINCIA DI PAVIA

COMUNE DI RIVANAZZANO TERME PROVINCIA DI PAVIA COMUNE DI RIVANAZZANO TERME PROVINCIA DI PAVIA CRITERI DI MISURAZIONE, VALUTAZIONE E TRASPARENZA DELLA PERFORMANCE ESTRATTO DAL REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI APPROVATO CON ATTO

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA Città di Minerbio Provincia di Bologna PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA 2013-2015 (in attuazione al D.Lgs. 33/2013) Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 66 del 24/07/2013

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2013-2014-2015

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2013-2014-2015 ALLEGATO A) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2013-2014-2015 1 - INTRODUZIONE: ORGANIZZAZIONI E FUNZIONI DELL AMMINISTRAZIONE La struttura organizzativa dell Ente prevede la presenza

Dettagli

COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia

COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia Programma triennale per la trasparenza e l integrità (Decreto Legislativo n. 33 del 14 marzo 2013) Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. del PREMESSA

Dettagli

COMUNE DI CASTELVETRANO Provincia di Trapani REGOLAMENTO PER LA GESTIONE, MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

COMUNE DI CASTELVETRANO Provincia di Trapani REGOLAMENTO PER LA GESTIONE, MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE COMUNE DI CASTELVETRANO Provincia di Trapani REGOLAMENTO PER LA GESTIONE, MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Città di Castelvetrano Regolamento per la gestione, misurazione e valutazione della

Dettagli

COMUNE DI CASTELVECCHIO DI ROCCA BARBENA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNO 2014-2016

COMUNE DI CASTELVECCHIO DI ROCCA BARBENA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNO 2014-2016 COMUNE DI CASTELVECCHIO DI ROCCA BARBENA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNO 2014-2016 1 2 INDICE 1- PREMESSA 2- NORMATIVA 3- ORGANIZZAZIONE E FUNZIONE DELL ENTE 4- SITO WEB ISTITUZIONALE

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA Triennio 2015/2017 Ai sensi del D. Lgs. n. 33/2013 Rev. 0 del 19 marzo 2015 Regione Calabria INDICE DEI CONTENUTI PREMESSA 1. PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L

Dettagli

Comune di Nogarole Vicentino (Provincia di Vicenza) SETTORE 1 Amministrativo Economico-finanziario

Comune di Nogarole Vicentino (Provincia di Vicenza) SETTORE 1 Amministrativo Economico-finanziario Comune di Nogarole Vicentino (Provincia di Vicenza) SETTORE 1 Amministrativo Economico-finanziario Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2015 2017 1 1 Approvato con deliberazione della Giunta

Dettagli

COMUNE DI GAVORRANO (Provincia di Grosseto) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2015-2017

COMUNE DI GAVORRANO (Provincia di Grosseto) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2015-2017 COMUNE DI GAVORRANO (Provincia di Grosseto) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2015-2017 Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 7 del 29.01.2015 1 SOMMARIO 1. Introduzione:

Dettagli

PIANO TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2015-17

PIANO TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2015-17 PIANO TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2015-17 Pubblicato: 28 gennaio 2015 1 INTRODUZIONE L art. 10 del D.Lgs prevede che ogni amministrazione adotti un Programma triennale per la trasparenza

Dettagli

PIANO DI DETTAGLIO DEGLI OBIETTIVI

PIANO DI DETTAGLIO DEGLI OBIETTIVI PIANO DI DETTAGLIO DEGLI OBIETTIVI ANNO 2014 Area Funzionale 2^ Codifica 02 PROGRAMMI Servizi 1) Adeguamento alle norme del D.L. 33/2013 e predisposizione materiale previsto dal D.L. per la pubblicazione

Dettagli

Programma Triennale per la Trasparenza 2015-2017

Programma Triennale per la Trasparenza 2015-2017 Delibera 2015/0000003 del 28/01/2015 (Allegato) Pagina 1 di 14 all. n.2 Programma Triennale per la Trasparenza 2015-2017 G E N N A I O 2015 1 Delibera 2015/0000003 del 28/01/2015 (Allegato) Pagina 2 di

Dettagli

Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2015-2017. (art. 10 del D.Lgs 14 marzo 2013 n. 33 )

Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2015-2017. (art. 10 del D.Lgs 14 marzo 2013 n. 33 ) Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2015-2017 (art. 10 del D.Lgs 14 marzo 2013 n. 33 ) 1. Finalità del Piano Le recenti e numerose modifiche normative nell ambito del vasto progetto di

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DELLA MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DELLA MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Comune di Scarperia (Provincia di Firenze) REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DELLA MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE (Parte integrante dell Ordinamento generale degli uffici e dei servizi) Approvato

Dettagli

Comune di Azzano San Paolo Provincia di Bergamo Piazza IV novembre Tel. 035/53.22.11 Fax 035/53.00.73 C.F./IVA n. 00681530168

Comune di Azzano San Paolo Provincia di Bergamo Piazza IV novembre Tel. 035/53.22.11 Fax 035/53.00.73 C.F./IVA n. 00681530168 Comune di Azzano San Paolo Provincia di Bergamo Piazza IV novembre Tel. 035/53.22.11 Fax 035/53.00.73 C.F./IVA n. 00681530168 E-mail: servizio.segreteria@comuneazzanosanpaolo.gov.it P.E.C: comuneazzanosanpaolo@pec.it

Dettagli

Regolamento di disciplina della misurazione, della valutazione e della trasparenza delle performance.

Regolamento di disciplina della misurazione, della valutazione e della trasparenza delle performance. Regolamento di disciplina della misurazione, della valutazione e della trasparenza delle performance. Art. 1 OBIETTIVI Il sistema di misurazione, valutazione e trasparenza delle performance viene applicato

Dettagli

ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Ufficio di Presidenza. 3) Corradi Roberto Consigliere Segretario

ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Ufficio di Presidenza. 3) Corradi Roberto Consigliere Segretario IX Legislatura Progr.Num. 133/2013 ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Ufficio di Presidenza Questo giorno mercoledì 25 del mese di settembre dell' anno 2013 si è riunito nella residenza

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DELLA VALUTAZIONE, INTEGRITA E TRASPARENZA DELLA PERFORMANCE

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DELLA VALUTAZIONE, INTEGRITA E TRASPARENZA DELLA PERFORMANCE COMUNE DI GAGGIO MONTANO Provin cia di Bologn a REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DELLA VALUTAZIONE, INTEGRITA E TRASPARENZA DELLA PERFORMANCE Approvat o c on De libe raz ione Giunt a Munic ipale n. 1 5 6 in dat

Dettagli

COMUNE DI CASTAGNETO CARDUCCI Provincia di Livorno REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

COMUNE DI CASTAGNETO CARDUCCI Provincia di Livorno REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Comune di Castagneto Carducci Provincia di Livorno COMUNE DI CASTAGNETO CARDUCCI Provincia di Livorno REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 7 del

Dettagli

BOZZA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2015/2017

BOZZA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2015/2017 Comune di Villasor Allegato alla deliberazione GC n. 3 del 13/01/2015 BOZZA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2015/2017 IL SINDACO Walter Marongiu IL SEGRETARIO COMUNALE Dott.ssa Areddu

Dettagli

DELLA CORRUZIONE 2014/2016 I N D I C E. Art. 1 Premessa

DELLA CORRUZIONE 2014/2016 I N D I C E. Art. 1 Premessa PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2014/2016 1 I N D I C E Art. 1 Premessa.. pag. 2 Art. 2 I settori e le attività particolarmente esposti alla corruzione. pag. 2 Art. 3 Attuazione e controllo delle

Dettagli

Il Ministro della Difesa

Il Ministro della Difesa Il Ministro della Difesa M_D/GOIV/2013/CONT/A9-3/0000106 il r.d. 18 novembre 1923 n.2440, sull amministrazione del patrimonio e sulla contabilità generale dello Stato; il r.d. 23 maggio 1924 n.827, che

Dettagli

COMUNE DI ROBASSOMERO PROVINCIA DI TORINO tel. 011 9234400 - Fax 011 9234422 E-mail: comune@comune.robassomero.to.it - www.comune.robassomero.to.

COMUNE DI ROBASSOMERO PROVINCIA DI TORINO tel. 011 9234400 - Fax 011 9234422 E-mail: comune@comune.robassomero.to.it - www.comune.robassomero.to. COMUNE DI ROBASSOMERO PROVINCIA DI TORINO tel. 011 9234400 - Fax 011 9234422 E-mail: comune@comune.robassomero.to.it - www.comune.robassomero.to.it Approvato con deliberazione G.C. n. 103/29.12.2010 INDICE

Dettagli

Comune di Ferrara IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

Comune di Ferrara IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Comune di Ferrara IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDICE 1. Premessa 2. Il processo, i tempi e le responsabilità del sistema 3. Modalità di raccordo con i sistemi di controllo

Dettagli

COMUNE DI CORCIANO PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

COMUNE DI CORCIANO PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI COMUNE DI CORCIANO PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 10 DEL 19 MARZO 2015 CAPO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto

Dettagli

UNIONE DI COMUNI MONTANI VALLI DOLO, DRAGONE E SECCHIA. Regolamento sulla valutazione delle performance, sulla trasparenza e sul merito

UNIONE DI COMUNI MONTANI VALLI DOLO, DRAGONE E SECCHIA. Regolamento sulla valutazione delle performance, sulla trasparenza e sul merito UNIONE DI COMUNI MONTANI VALLI DOLO, DRAGONE E SECCHIA Regolamento sulla valutazione delle performance, sulla trasparenza e sul merito Approvato con Deliberazione di G.C. n. 72 in data 29/12/2010 Regolamento

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Schema di regolamento recante Norme generali per la ridefinizione dell assetto organizzativo didattico dei Centri d istruzione per gli adulti, ivi compresi i corsi serali, ai sensi dell articolo 64, comma

Dettagli

PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ASLSanluri 1 Programma Triennale per la Trasparenza e l integrità Indice pag. 2 Premessa pag. 3 Funzioni dell amministrazione pag. 3 Mission Aziendale

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE COMUNE DI BOTTICINO (Provincia di Brescia) SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Art 7 Decreto Legislativo 150/2009 Giugno 2013 INDICE INDICE... 2 PREMESSA... 3 I CARATTERISTICHE DELL

Dettagli

Provincia di Padova. Deliberazione della Giunta Provinciale. SEDUTA del 17/02/2014 283 N di Reg. 26

Provincia di Padova. Deliberazione della Giunta Provinciale. SEDUTA del 17/02/2014 283 N di Reg. 26 Provincia di Padova Deliberazione della Giunta Provinciale SEDUTA del 17/02/2014 283 N di Reg. 26 Oggetto: ADOZIONE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L'INTEGRITA'. TRIENNIO 2014-2016. L anno DUEMILAQUATTORDICI

Dettagli

Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2015-2017 (art. 10 del D. Lgs. 14 marzo 2013 n. 33)

Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2015-2017 (art. 10 del D. Lgs. 14 marzo 2013 n. 33) Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2015-2017 (art. 10 del D. Lgs. 14 marzo 2013 n. 33) INTRODUZIONE Il decreto legislativo 14.03.2013 n. 33 avente ad oggetto il Riordino della disciplina

Dettagli

COMUNE DI ROURE PROVINCIA DI TORINO

COMUNE DI ROURE PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI ROURE PROVINCIA DI TORINO PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014 2016 (sezione del Piano triennale di prevenzione della corruzione) INDICE.. Introduzione: organizzazione e

Dettagli

STAFF CONTROLLO DI GESTIONE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ

STAFF CONTROLLO DI GESTIONE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ STAFF CONTROLLO DI GESTIONE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ INDICE PAG. PREMESSA 2 1. DATI DA PUBBLICARE 3 2. MODALITA DI PUBBLICAZIONE

Dettagli

ELENCO DEGLI OBBLIGHI DI PUBBLICAZIONE VIGENTI

ELENCO DEGLI OBBLIGHI DI PUBBLICAZIONE VIGENTI ELENCO DEGLI OBBLIGHI DI PUBBLICAZIONE VIGENTI sotto-sezione 2 livello Disposizioni generali Organizzazione Programma per la Trasparenza e l'integrità Art. 10, c. 8, lett. a), d.lgs. n. Responsabile della

Dettagli

Decreto n. 234.13 Prot. 5276 IL RETTORE

Decreto n. 234.13 Prot. 5276 IL RETTORE Decreto n. 234.13 Prot. 5276 IL RETTORE - Viste le Leggi sull Istruzione Universitaria; - Visto l art.11, comma 2, del Decreto Legislativo 27 ottobre 2009, n.150 Attuazione della legge 4 marzo 2009, n.

Dettagli

Controllo sociale nella gestione dei servizi pubblici locali Avv. Serena Pandarola

Controllo sociale nella gestione dei servizi pubblici locali Avv. Serena Pandarola 1 Controllo sociale nella gestione dei servizi pubblici locali Avv. Serena Pandarola Comune di Messina - Palazzo Zanca Sala Ovale Oggi andremo ad approfondire quelli che sono i principali strumenti volti

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CONTROLLI INTERNI. Capo I. Il Sistema dei Controlli Interni

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CONTROLLI INTERNI. Capo I. Il Sistema dei Controlli Interni REGOLAMENTO IN MATERIA DI CONTROLLI INTERNI Capo I Il Sistema dei Controlli Interni Art. 1 OGGETTO E FINALITA 1. Il presente regolamento disciplina l istituzione del sistema dei controlli interni sull

Dettagli

COMUNE DI VALEGGIO SUL MINCIO

COMUNE DI VALEGGIO SUL MINCIO Piano Triennale di prevenzione della corruzione per il periodo 2015/2017 1/ 9 ART. 1 - Premessa COMUNE DI VALEGGIO SUL MINCIO Il Piano Triennale della prevenzione della corruzione si applica al Comune

Dettagli

Monitoraggio sull avvio del Ciclo della performance 2015-2017

Monitoraggio sull avvio del Ciclo della performance 2015-2017 Organismo Indipendente di Valutazione Monitoraggio sull avvio del Ciclo della performance 2015-2017 Istituto Nazionale della Previdenza Sociale Struttura Tecnica Permanente di supporto all OIV MARZO 2015

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE COMMISSARIALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE COMMISSARIALE VERBALE DI DELIBERAZIONE COMMISSARIALE N. 70 /G del 11/12/2014 ( CON I POTERI SPETTANTI ALLA GIUNTA COMUNALE) Oggetto: PROGRAMMAZIONE TRIENNALE DEL FABBISOGNO DI PERSONALE 2015-2017 - AP- PROVAZIONE =====================================================================================

Dettagli

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità (2015 2017)

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità (2015 2017) Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità (2015 2017) Premessa Il Programma Triennale per la Trasparenza e l integrità 2015-2017 integra e aggiorna il precedente Programma Triennale 2014-2016

Dettagli

Sistema di misurazione e valutazione del Comune di Cremona

Sistema di misurazione e valutazione del Comune di Cremona Sistema di misurazione e valutazione del Comune di Cremona 1 SOMMARIO 1.- DESCRIZIONE DEL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE----------------------3 1.1.- Aspetti generali ------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014/2016 dell Azienda USL di Parma AGGIORNAMENTO 2015

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014/2016 dell Azienda USL di Parma AGGIORNAMENTO 2015 Direzione Generale Il Responsabile per la Prevenzione della Corruzione e per la Trasparenza PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014/2016 dell Azienda USL di Parma AGGIORNAMENTO 2015 2

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Sistema di valutazione delle prestazioni del personale MANUALE OPERATIVO Allegato al Decreto ministeriale del 28 aprile 2015 Indice Ministero della Salute 1 Finalità del sistema e ambiti di misurazione

Dettagli

IL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (PROCEDURA) LE FASI

IL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (PROCEDURA) LE FASI IL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (PROCEDURA) LE FASI FASE 0 IL PROCESSO DI PIANIFICAZIONE DELL ENTE FASE 1 DEFINIZIONE E ASSEGNAZIONE DEGLI OBIETTIVI DA RAGGIUNGERE FASE 2 MONITORAGGIO IN CORSO DI

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE CONSORZIO DI POLIZIA LOCALE DELLA VALLE SABBIA SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Art 7 Decreto Legislativo 150/2009 Revisione del 2 novembre 2011 INDICE INDICE... 2 PREMESSA... 3 I

Dettagli

COMUNE DI SAN MAURO FORTE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2014-2015-2016

COMUNE DI SAN MAURO FORTE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2014-2015-2016 COMUNE DI SAN MAURO FORTE PROVINCIA DI MATERA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2014-2015-2016 A cura del dott. Giuseppe Romano Segretario comunale Responsabile della trasparenza

Dettagli

ELENCO OBBLIGHI PUBBLICAZIONE sul SITO ACI

ELENCO OBBLIGHI PUBBLICAZIONE sul SITO ACI ELENCO OBBLIGHI PUBBLICAZIONE sul SITO ACI SOTTOSEZIONE 1 SOTTOSEZIONE 2 CONTENUTO STRUTTURA COMPETENTE AGGIORNAMENTO Pubblicazione del Programma triennale per la Programma per la trasparenza e l'integrità

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2013 2015

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2013 2015 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2013 2015 (ai sensi dell art. 11 del decreto Legislativo 27 ottobre 2009, n. 150/2009) Premessa Il Liceo M. Gioia di Piacenza realizza le proprie finalità

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2014-2015-2016 INDICE

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2014-2015-2016 INDICE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2014-2015-2016 INDICE PREMESSA 1. Organizzazione e funzioni dell amministrazione 2. Obiettivi strategici in materia di trasparenza e integrità

Dettagli

Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2015-2017

Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2015-2017 Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2015-2017 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 14/05/2015 con delibera n 4 del Verbale n. 7. AFOL Metropolitana Agenzia Metropolitana

Dettagli

COMUNE DI VALEGGIO SUL MINCIO. Verbale di deliberazione della Giunta Comunale

COMUNE DI VALEGGIO SUL MINCIO. Verbale di deliberazione della Giunta Comunale C O P I A Verbale di deliberazione della Giunta Comunale OGGETTO: APPROVAZIONE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L'INTEGRITA' PER IL PERIODO 2015/2017. Oggi ventisei del mese di Gennaio anno 2015;

Dettagli

Sistema di misurazione e valutazione

Sistema di misurazione e valutazione Sistema di misurazione e valutazione della performance organizzativa e della performance individuale dei dirigenti Approvato con Delibera di Giunta Comunale n. 287 del 24/09/2013 Comune di Prato Regolamento

Dettagli

IL CICLO DELLA PERFORMANCE ED IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE. (revisione Luglio 2012)

IL CICLO DELLA PERFORMANCE ED IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE. (revisione Luglio 2012) IL CICLO DELLA PERFORMANCE ED IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE (revisione Luglio 2012) 1 INDICE i. PREMESSA pag. 4 ii. DEFINIZIONI E CONCETTI BASE pag. 6 1. LA PIANIFICAZIONE DELLA

Dettagli

Comune di Bertinoro PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016

Comune di Bertinoro PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016 Comune di Bertinoro PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016 Introduzione 1.1. L amministrazione trasparente La nozione di trasparenza, già introdotta nell ordinamento dall art. 11

Dettagli

AUTORITÀ DI BACINO FIUME PO

AUTORITÀ DI BACINO FIUME PO AUTORITÀ DI BACINO FIUME PO RELAZIONE SUL FUNZIONAMENTO COMPLESSIVO DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE, TRASPARENZA ED INTEGRITÀ DEI CONTROLLI INTERNI E SULL ATTESTAZIONE DEGLI OBBLIGHI RELATIVI ALLA TRASPARENZA

Dettagli

Trasparenza e integrità

Trasparenza e integrità Trasparenza e integrità In base al D.Lgs.33/2013 Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte della pubbliche amministrazioni e alle

Dettagli

IL DIRETTORE GENERALE

IL DIRETTORE GENERALE DELIBERA N. 39 DEL 30.1.2014-OGGETTO: UOC GESTIONE DEL PERSONALE APPROVAZIONE PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA DELL AZIENDA OSPEDALIERA

Dettagli

Relazione illustrativa

Relazione illustrativa CAMERA DI COMMERCIO DI ANCONA Relazione illustrativa Codice di Comportamento dei dipendenti della Camera di Commercio di Ancona approvato dal Consiglio con delibera n. 54 del 19/12/2013 ed aggiornato dal

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (Approvato con deliberazione di G.C. 140/02.12.2010) 1 TITOLO I - SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE Capo I - Aspetti generali

Dettagli

COMUNE DI RIMINI. - Segreteria Generale - ESTRATTO DAL REGISTRO DELLE DELIBERAZIONI DI GIUNTA COMUNALE. N. : 127 del 12/04/2011

COMUNE DI RIMINI. - Segreteria Generale - ESTRATTO DAL REGISTRO DELLE DELIBERAZIONI DI GIUNTA COMUNALE. N. : 127 del 12/04/2011 COMUNE DI RIMINI - Segreteria Generale - ESTRATTO DAL REGISTRO DELLE DELIBERAZIONI DI GIUNTA COMUNALE N. : 127 del 12/04/2011 Oggetto : APPROVAZIONE DEL PIANO DELLA PERFORMANCE PER L'ANNO 2011 L anno duemilaundici,

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA MISURAZIONE, DELLA VALUTAZIONE, DELLA RENDICONTAZIONE E DELLA TRASPARENZA DELLA PERFORMANCE

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA MISURAZIONE, DELLA VALUTAZIONE, DELLA RENDICONTAZIONE E DELLA TRASPARENZA DELLA PERFORMANCE COMUNE DI PATU Provincia di Lecce - Regolamento Comunale - REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA MISURAZIONE, DELLA VALUTAZIONE, DELLA RENDICONTAZIONE E DELLA TRASPARENZA DELLA PERFORMANCE Approvato

Dettagli

Programma per la Trasparenza e l Integrità 2015-2016

Programma per la Trasparenza e l Integrità 2015-2016 Programma per la Trasparenza e l Integrità 2015-2016 Pag. 1 a 10 Sommario 1 Premessa...3 2 Programma per la Trasparenza e l Integrità...3 2.1 Il principio della Trasparenza e la politica per la Trasparenza...3

Dettagli