IL NUOVO SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE NELLA RIFORMA BRUNETTA: SPUNTI DI RIFLESSIONE PER LA POLIZIA MUNICIPALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL NUOVO SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE NELLA RIFORMA BRUNETTA: SPUNTI DI RIFLESSIONE PER LA POLIZIA MUNICIPALE"

Transcript

1 Convegno Interregionale Scandiano, 3 novembre 2010 IL NUOVO SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE NELLA RIFORMA BRUNETTA: SPUNTI DI RIFLESSIONE PER LA POLIZIA MUNICIPALE

2 Convegno Interregionale Scandiano, 3 novembre LE AREE DI INTERVENTO DELLA RIFORMA

3 GLI AMBITI DI INTERVENTO DELLA RIFORMA La dirigenza pubblica responsabilizzazione e ampliamento dei poteri La contrattazione collettiva chiara ripartizione tra competenze della legge e competenze della contrattazione ( chi fa che cosa ), inversione principio della derogabilità della legge La responsabilità disciplinare la struttura del procedimento disciplinare, il rapporto tra procedimento disciplinare e procedimento penale, le ipotesi di licenziamento ex lege La valutazione delle strutture e del personale delle pubbliche amministrazioni

4 L APPLICABILITÀ AGLI ENTI LOCALI Livello forte (art. 16, comma 1 art. 74, comma 1), ossia norme di applicazione diretta, per le materie riferibili alla competenza esclusiva dello Stato quali l inderogabilità da parte della contrattazione collettiva delle norme sulla valorizzazione del merito e sugli strumenti premiali; la materia disciplinare; la trasparenza applicabilità immediata Livello attenuato (art. 31, comma 1 art. 74, comma 2), ossia norme-principio, per le materie riferibili alla competenza concorrente o residuale delle Regioni quali la struttura del ciclo della performance, il sistema di misurazione e valutazione della performance adeguamento dell ordinamento degli enti entro il ; in mancanza, dall , applicazione diretta delle norme del Decreto

5 Convegno Interregionale Scandiano, 3 novembre LA PERFORMANCE NELLA RIFORMA

6 IL CONCETTO DI PERFORMANCE il contributo (risultato e modalitàdi raggiungimento del risultato) che un soggetto (sistema, organizzazione, unitàorganizzativa, team, singolo individuo) apporta attraverso la propria azione al raggiungimento delle finalitàe degli obiettivi ed, in ultima istanza, alla soddisfazione deibisogni per i quali l organizzazione è stata costituita (Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione) VALORE PUBBLICO La performance di un soggetto (individuo o organizzazione) non èciò che quel soggetto fa (le sue attività), ma l utilità del suo fare valutata dal punto di vista del fruitore. Lo svolgimento dell attività è un prerequisito del valore, ma non è ancora valore in senso proprio La performance scaturisce dall incontro tra ciò che si fa (prestazione) e bisogno posto esternamente (una aspettativa di risultato)

7 IN DUE DIMENSIONI Profondità della performance (dimensione verticale) La performance si misura a vari livelli: l organizzazione nel suo complesso e le sue articolazioni (performance organizzativa), il singolo individuo (performance individuale) sistema a scatole cinesi Ampiezza della performance (dimensione orizzontale) La performance si identifica contestualmente con le nozioni di efficienza (output\input), efficacia interna (adeguatezza output\obiettivi posti internamente), efficacia esterna (impatto output\bisogno esterno)

8 L INTRODUZIONE DELLA CULTURA DELLA VALUTAZIONE Perché la misurazione e valutazione della performance (e la conseguente attribuzione degli incentivi economici e di carriera) è così determinante per realizzare la finalità ultima dell innovativo corpus normativo del Titolo II, ossia assicurare elevati standard qualitativi ed economici del servizio che la pubblica amministrazione rende alla collettività, e del Titolo III, ossia valorizzazione del merito, incentivazione della produttività e della qualità della prestazione? la pubblica amministrazione produce beni e servizi che sono determinanti per il funzionamento di tutti i settori produttivi (funzione trainante o deprimente per il sistema economico) tali beni non hanno un prezzo, in quanto la pubblica amministrazione opera al di fuori del mercato, protetta dalla concorrenza è pertanto difficile contrastare le inefficienze si vuole allora infondere all interno delle pubbliche amministrazioni una cultura della valutazione che generi una pressione competitiva, surrogando quella che nel settore privato è la funzione svolta dal mercato e dalla concorrenza, in modo da incentivare efficienza e produttività

9 ATTRAVERSO UNA NUOVA LOGICA GESTIONALE Come rendere giudicabile e premiabile il lavoro nelle pubbliche amministrazioni in termini di apporto di valore pubblico? attraverso la messa a sistema in ogni amministrazione pubblica di fasi processuali spesso oggi pensate e gestite come elementi indipendenti ed autoreferenziali (pianificazione, controllo, misurazione e rendicontazione dei risultati): Il ciclo di gestione della performance Sviluppare il ciclo di gestione della performance significa applicare una pluralità di metodi e di tecniche di gestione per tradurre i piani in risultati ( performance management ), ossia per orientare la performance dell organizzazione, attraverso: l orientamento costante (in ogni fase) al soddisfacimento dell interesse e delle aspettative dei destinatari delle prestazioni della pubblica amministrazione la stretta connessione tra attribuzione del merito e premi e sistema di misurazione e valutazione dei risultati rispetto al soddisfacimento di tali aspettative

10 INNOVAZIONE NORMATIVA O CULTURALE? Innovazione normativa: un intero Titolo di legge dedicato al tema della Misurazione, valutazione e trasparenza della performance, che tratta in modo organico e puntuale la materia applicabilità dei principi a tutte le pubbliche amministrazioni contrattualizzate ma soprattutto Innovazione culturale: il legislatore obbliga a mettersi nei panni del cittadino contestualmente cliente e proprietario della pubblica amministrazione, ma anche ossia colui che finanzia e legittima l ente stesso, che decide finalità da perseguire e servizi da produrre (qualità dovuta e non solo attesa ) la valutazione e la meritocrazia come leve strategiche per spingere la cultura del risultato, soppiantandola alla cultura dell adempimento

11 Convegno Interregionale Scandiano, 3 novembre IL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE

12 IL PERFORMANCE MANAGEMENT NELLA RIFORMA Il ciclo di gestione della performance: non è un nuovo strumento di programmazione e gestione (gli strumenti di pianificazione e programmazione sono chiari e delineati nell ordinamento degli enti locali) è un modo di dirigere le organizzazioni, che in coerenza al ciclo di programmazione finanziaria e del bilancio si articola nelle seguenti fasi: Definizione ed assegnazione degli obiettivi sulla base delle risorse disponibili Monitoraggio e interventi correttivi Misurazione e valutazione della performance organizzativa e individuale Utilizzo dei sistemi premianti secondo criteri di valorizzazionedel merito Rendicontazione dei risultati agli organi politici e ai cittadini

13 DALLA PIANIFICAZIONE STRATEGICA La visione strategica di medio - lungo periodo (priorità politiche e strategiche dell amministrazione) deve costituire il momento iniziale del processo di pianificazione e programmazione: Linee programmatiche di mandato (art. 46 D.Lgs. N. 267/2000) Piano generale di sviluppo (art. 13, comma 4 D.Lgs. N. 170/2006) La traduzione di tali priorità in programmi triennali, aggiornati annualmente, diviene punto di avvio della programmazione annuale, momento di congiunzione tra vision, mission e programmazione operativa: Relazione Previsionale e Programmatica Bilancio pluriennale Bilancio Annuale di Previsione

14 ALLA PROGRAMMAZIONE OPERATIVA La traduzione degli indirizzi in obiettivi gestionali e in budget economicifinanziari da assegnare ai responsabili dei servizi avviene attraverso l approvazione del Piano Esecutivo di Gestione La rilevazione periodica degli scostamenti tra programmazione e realizzazione, attraverso un sistema di controllo di gestione (che riporta ai responsabili dei servizi) e di controllo strategico (che riporta all organo politico)

15 ALLA MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE entro il 31/12/2010, i Comuni devono adottare - con apposito provvedimento - il sistema di misurazione e valutazione della performance, conformemente ai principi del decreto e secondo le indicazioni che saranno fornite dal Tavolo Tecnico Permanente di Confronto Anci Civit istituito con Protocollo del 16 settembre 2010 Il Protocollo parla di revisione degli atti regolamentari e normativi ovvero adozione di nuovi atti dal 1/1/2011, nelle more dell adeguamento, si applicano le disposizioni previste dal Titolo II del decreto ( Misurazione, valutazione e trasparenza della performance ), fino all emanazione della disciplina locale

16 GLI ATTORI DEL SISTEMA La Civit (Commissione per la valutazione, la trasparenza e l integrità delle amministrazioni pubbliche), che interviene direttamente sul processo valutativo per gli enti statali e solo indirettamente per gli enti locali (tramite i protocolli con l Anci) L Oiv (Organismo indipendente di valutazione) presso ciascuna amministrazione, che assorbe le funzioni svolte dagli attuali nuclei di valutazione e deve essere dotato di una struttura tecnica permanente L organo di indirizzo politico amministrativo I dirigenti

17 LE CARATTERISTICHE DELL OIV Tutte le amministrazioni devono dotarsi di un OIV che ha le seguenti competenze: Organo monocratico o collegiale composto da 3 componenti, dotati dei requisiti che definirà il Tavolo tecnico permanente di confronto, di cui al protocollo Anci - Civit (in ogni caso: requisiti di elevata professionalità ed esperienza nel campo del management, della valutazione della performance e del personale nelle pubbliche amministrazioni; requisito di indipendenza) Nominato dall organo di indirizzo politico-amministrativo (Legge n. 15\09: Sindaco) Durata in carica di 3 anni, rinnovabile per una sola volta

18 E LE SUE PRINCIPALI FUNZIONI valuta la performance organizzativa nel suo complesso (sia dell Ente che delle Strutture) propone all organo politico la valutazione dei dirigenti di vertice monitora il funzionamento complessivo del sistema della valutazione, garantendo la correttezza dei processi di misurazione e valutazione, nonché di utilizzo dei premi promuove e attesta l assolvimento degli obblighi relativi alla trasparenza e integrità comunica tempestivamente le criticità ai competenti organi di governo e amministrazione, alla corte dei conti, all ispettorato per la funzione pubblica e alla commissione

19 Convegno Interregionale Scandiano, 3 novembre LA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA

20 LA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA La performance di un organizzazione è il risultato di un EQUILIBRIO tra alcune capacità: Capacità di una politica\progetto di soddisfare un bisogno collettivo (es. quanto una policy per il contrasto del lavoro irregolare che impatta sull emersione del lavoro nero) Capacità realizzativa, ossia l effettiva capacità di dare attuazione ai piani e programmi nei termini programmati Grado di soddisfazione manifestato dai destinatari delle attività e dei servizi, anche in termini di miglioramento quantitativo e qualitativo della propria offerta Capacità di innovazione organizzativa Capacità di sviluppo delle relazioni, favorendo la partecipazione e la collaborazione degli stakeholders Efficienza nell impiego delle risorse

21 E LA SUA MISURAZIONE Per misurare la performance, sono necessari: La definizione di obiettivi il risultato finale che si vuole ottenere (es. miglioramento della produttività dell ufficio attraverso l informatizzazione del processo) Un indicatore di performance lo strumento che rende possibile l attività di acquisizione di informazioni rispetto all obiettivo (es. numero pratiche evase\ore di lavoro) Un target il valore desiderato al raggiungimento del quale si ritiene raggiunto l obiettivo (es. 20 pratiche evase\3 ore di lavoro) Una infrastruttura di supporto gli strumenti necessari per la raccolta delle informazioni e dei dati (es. sistema di misurazione dei tempi di lavoro delle pratiche)

22 LE CARATTERISTICHE DEGLI OBIETTIVI Obiettivi SMART (Specific, Measurable, Agreed, Realistic, Time-bounded) Specifici e misurabili Traguardi specifici e concreti, ancorati ad indicatori Rilevanti e pertinenti rispetto ai bisogni della collettività Non autoreferenziali, ma con un impatto sul bisogno esterno, bisogno tradotto ed esplicitato nelle prioritàpolitiche e nelle strategie dell amministrazione Realistici Sfidanti ma possibili, quindi correlati alla quantità e qualità delle risorse disponibili Riferibili ad un arco temporale determinato Annuale per obiettivi di routine, pluriennale per obiettivi strategici Confrontabili nel tempo, almeno al triennio precedente (nella stessa amministrazione) e nello spazio (con amministrazioni analoghe e con valori standard definiti a livello nazionale e internazionale)

23 E L EQUILIBRIO TRA INNOVAZIONE E SERVIZI ORDINARI Non è possibile migliorare ciò che non si può misurare (J. L. Harbour) Il miglioramento della performance organizzativa implica allora la misurazione dell incremento di valore pubblico apportato dell attività complessiva delle strutture, quindi in termini di: obiettivi di innovazione(relativi a progetti strategici innovativi) creiamo valore (1) obiettivi di routine (relativi al miglioramento dell attività ordinaria) aggiungiamo valore (2) I PEG (Piani Esecutivi di Gestione) e i PDO (Piani Dettagliati degli Obiettivi) devono rappresentare sia: la traduzione operativa delle politiche strategiche (obiettivi di innovazione) (1) l individuazione dei margini di miglioramento del servizio ordinario (obiettivi di routine ) (2)

24 ...DALLA STRATEGIA ALL OPERATIVITA : UN ESEMPIO \1 OBIETTIVO STRATEGICO INTERFUNZIONALE (Servizio Ambiente + Polizia Municipale) del Comune X : Contrasto al degrado urbano Contrasto al degrado urbano Obiettivo operativo del Servizio Ambiente: Obiettivo di PEG del Dirigente: Nuovo Regolamento sul Decoro Urbano Indicatore di risultato: Approvazione del Regolamento con deliberazione di Consiglio Comunale entro il 28\02\2011 PDO del Servizio Ambiente: Analisi istruttoria sui fenomeni di degrado urbano nella città Indicatore di risultato: Formulazione documento di analisi e e reportistica sulla tipologia e frequenza dei fenomeni di degrado riscontrati entro il 15\01\2011

25 ...DALLA STRATEGIA ALL OPERATIVITA : UN ESEMPIO \2 Obiettivo operativo del Corpo di Polizia Municipale: PEG del Comandante: Programmazione dei controlli sul territorio nel rispetto dei tempi e delle modalità procedurali previste dal regolamento e rilevazione eventuali criticità riscontrate nell applicazione Indicatore di risultato: Numero di disposizioni di servizio effettuate per la realizzazione di servizi mirati attuati dal Nucleo Degrado, per ogni fattispecie individuata dal regolamento Proposte di miglioramento procedure ai servizi competenti per la modifica del regolamento

26 ...DALLA STRATEGIA ALL OPERATIVITA : UN ESEMPIO \3 PEG del Commissario Capo del Nucleo Degrado: Organizzazione e svolgimento dei servizi mirati per il controllo sul degrado nel territorio, nel rispetto delle disposizioni di servizio Indicatore di risultato: Numero di verbali di accertamento elevati e contestuale diminuzione del numero delle segnalazioni dei cittadini Eventuali segnalazioni al Comandante di criticità nell applicazione del regolamento Ciascun Servizio (Ambiente e PM) dovrà inoltre avere obiettivi di routine, ossia non necessariamente derivanti da un progetto strategico, ma dall innalzamento dei target di servizio ordinariamente erogati (es. aumento del 10% del controllo delle Scia presentate per apertura di esercizi di vicinato)

27 OUTPUT E OUTCOME La performance organizzativa può essere misurata sia attraverso la definizione di obiettivi ed indicatori di output che obiettivi ed indicatori di outcome: output: quantità di prestazioni o interventi che si ottiene immediatamente al termine di un attivitào di un processo, secondo la logica: input consumati attività o processo output ottenuto Es. Aumento del kilometraggio di piste ciclabili in città outcome: impatto dell output sul bisogno esterno, ossia la conseguenza di un attività o processo dal punto di vista dell utente del servizio o in senso più ampio degli stakeholders: output ottenuto modifica del bisogno esterno Es. Riduzione dell inquinamento dell aria

28 I LIMITI DELL ANALISI PER SOLI OUTPUT L analisi per output risulta poco significativa nel caso in cui: -l obiettivo finale sia costituito dalla riduzione\eliminazionedi un bisogno esterno (obiettivo di efficacia) e -per incidere sul bisogno, i soggetti necessari siano numerosi e debbano operare in rete sinergica (es. sicurezza urbana o welfare) Analizzare gli output di ciascun soggetto (es. Comune e Questura) significherebbe analizzare la capacità di risposta al bisogno dal punto di vista dell erogatore del servizio ( per adempimento ) e non dalla prospettiva del cittadino ( per risultato ), con il rischio di non soddisfare il bisogno finale: Il Comune programma e misura il proprio output, la Questura programma e misura il proprio output, ma la sommatoria degli interventi di ciascun soggetto ha inciso sulle aspettative del cittadino?

29 E I VANTAGGI DELLA GESTIONE OUTCOME + OUTPUT Descrivere l obiettivo di outcome per l amministrazione nel suo complesso: qual è il bisogno del cittadino? Es. miglioramento percezione di sicurezza da parte dei cittadini del quartiere X Descrivere i punti di contatto tra la propria azione e quella di altre amministrazioni, le possibili aree di cooperazione interistituzionale quali enti possono soddisfare il bisogno? quali strumenti operativi possono essere dispiegati? Es. organizzazione di un tavolo permanente interforze presso la Prefettura di riferimento, volto ad analizzare i fenomeni di degrado maggiormente incidenti sul territorio di competenza e ad individuare le soluzioni operative più efficaci, attraverso la definizione di un protocollo Descrivere gli output necessari per raggiungere tale obiettivo Cosa può fare ciascun ente per soddisfare il bisogno? Es. aumento del numero di controlli serali e notturni nel quartiere x - attivazione di servizi congiunti con le altre forze di polizia Descrivere le azioni necessarie per raggiungere l output Es. aggiungere un turno di lavoro

30 Convegno Interregionale Scandiano, 3 novembre LA PERFORMANCE INDIVIDUALE

31 IN SINTESI Contributo di ciascun individuo in termini di valore pubblico alla soddisfazione del bisogno finale a cui è finalizzata la propria attività La misurazione di ciascuna performance individuale non costituisce un adempimento orientato a valutare cosa è stato fatto, ma cosa è stato fatto in termini di differenziale in valore pubblico: premiamo i meritevoli e capaci, in quanto -e soltanto se -hanno contribuito (valutazione delle prestazioni) e\o possono contribuire (valutazione delle competenze e del potenziale) a realizzare la mission dell ente, ossia il soddisfacimento dei bisogni dei cittadini definiti prioritari dal sistema di programmazione dell ente

32 LA VALUTAZIONE DI DIRIGENTI E POSIZIONI ORGANIZZATIVE Performance relativa all ambito organizzativo di diretta responsabilità(pdo) Raggiungimento di specifici obiettivi individuali (PEG) Qualità del contributo assicurato alla performance generale della struttura (strumenti del controllo strategico) Competenze professionali e manageriali dimostrate (scheda individuale) Capacità di valutazione dei propri collaboratori, dimostrata tramite una significativa differenziazione dei giudizi (scheda individuale) La valutazione della performance organizzativa diviene elemento di valutazione della performance individuale: il dirigente è valutato non solo sulla base di propri obiettivi ma anche sulla base dei risultati della propria struttura (di diretta responsabilità) e sulla base di quelli della struttura in cui è inserito (sovraordinata) La capacità di differenziare i giudizi nella valutazione dei propri collaboratori diviene indicatore per la valutazione individuale dei dirigenti

33 33 SCHEMA SCHEDA DI VALUTAZIONE

34 LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE DEL COMPARTO Raggiungimento di specifici obiettivi di gruppo o individuali (PDO) Qualità del contributo assicurato alla performance dell unità organizzativa di appartenenza (PDO) Competenze dimostrate e comportamenti professionali e organizzativi (scheda individuale)

35 SCHEMA SCHEDA DI VALUTAZIONE

36 OBIETTIVI A CASCATA La negoziazione degli obiettivi dei dirigenti di vertice avviene entro fine novembre (definizione peg) Direzione generale\dirigenti di vertice La negoziazione degli obiettivi dei dirigenti non di vertice (e delle posizioni organizzative) avviene entro metà dicembre (definizione peg) Dirigenti di vertice\dirigenti non di vertice La negoziazione degli obiettivi del personale avviene entro gennaio (definizione pdo) Dirigenti non di vertice\posizioni organizzative personale Incontri collegiali Esposizione degli indicatori della performance dell unità organizzativa di appartenenza in incontri plenari Incontri individuali Consegna a ciascun dipendente della scheda contenente sia gli obiettivi (e relativi pesi), indicatori e target su cui verrà valutato nell anno, sia i comportamenti organizzativi attesi (e relativi pesi)

37 VALUTAZIONE A SALITA chi mi attribuisce gli obiettivi, mi valuta rispetto al grado di raggiungimento e ai miei comportamenti per raggiungerli La valutazione del personale di comparto deve essere la prima fase del processo di valutazione delle prestazioni (sistema a salita ): Il personale di comparto e le posizioni organizzative sono valutate dal proprio dirigente (con successiva comunicazione all OIV) I dirigenti non di vertice vengono valutati dal dirigente immediatamente sovraordinato (con successiva comunicazione all OIV) I dirigenti di vertice sono valutati dall organo politico (Sindaco), su proposta dell OIV

38 Convegno Interregionale Scandiano, 3 novembre MERITOCRAZIA E PREMIALITA

39 LE FASCE DI MERITO L art. 19 definisce le fasce di merito e le relative percentuali per tutto il personale (dirigenziale e non) di tutte le pubbliche amministrazioni: nella prima il 25% del personale 50 % del Budget nella seconda il 50% del personale 50 % del Budget nella terza il restante 25 % 0 % del Budget L art. 31, comma 2, definisce tale sistema in forma più flessibile per gli enti locali, prevedendo quali unici vincoli: -numero fasce non inferiore a tre - quota prevalente di risorse al personale in fascia alta

40 UN IPOTESI DI ARTICOLAZIONE Dirigenti(e, in questo ambito, graduatorie distinte per ciascun livello dirigenziale. quattro distinte graduatorie: es. dirigenti d area, dirigenti di settore, dirigenti di servizio) Posizioni Organizzative Personale di comparto(e, in questo ambito, tre distinte graduatorie: personale di categoria B, personale di categoria C e personale di categoria D: graduatorie di ente - e non di settore - per evitare che personale con identico giudizio finale possa essere inserito in fasce diverse soltanto perché appartenente a settori diversi e per ridurre le distorsioni dovute alla soggettiva metrica di giudizio dei dirigenti)

41 GLI ALTRI STRUMENTI MERITOCRATICI - Bonus annuale delle eccellenze(al 5% del personale in fascia alta) -Premio annuale per l innovazione (miglior progetto realizzato nell anno in termini di impatto sui servizi offerti e sui processi di lavoro) da adattare alla specificità dei propri ordinamenti e a valere sulle risorse disponibili per la contrattazione integrativa - Premio di efficienza (30% dei risparmi da processi di riorganizzazione al personale coinvolto, su validazione dell OIV) da adattare alla specificità dei propri ordinamenti - Accesso a percorsi di alta formazione - Progressioni economiche - Attribuzione di incarichi e responsabilità a valere sulle risorse disponibili per la contrattazione integrativa - Progressioni di carriera

42 Convegno Interregionale Scandiano, 3 novembre QUALCHE SPUNTO DI RIFLESSIONE

43 EVOLUZIONE DI RUOLO ED OBIETTIVI Da ruolo sanzionatorio e repressivo, ricopribile in autonomia A ruolo di interprete e promotore del bisogno di sicurezza urbana, ricopribile in compartecipazione con altri soggetti ed enti Da obiettivi e indicatori di output (es. numero contravvenzioni\anno) A obiettivi e indicatori di outcome (es. che misurano l aumento di sicurezza percepita a seguito di specifici interventi posti in essere dall Ente) Come coinvolgere gli altri enti nella definizione di progetti significativi in termini di impatto sul bisogno espresso o inespresso della collettività? Come tradurre i progetti in obiettivi di competenza dell ente da inserire negli strumenti di programmazione e valutazione?

44 STANDARD DI RIFERIMENTO PER GLI OBIETTIVI La Riforma prevede la commisurazione degli obiettivi a valori di riferimento definiti da standard nazionali o internazionali o da comparazione con amministrazioni analoghe Opportunità di definire standard quantomeno regionali al fine di fruire di parametri di riferimento per la misurazione della performance organizzativa relativa alle attività tipiche della polizia locale

45 I DIRIGENTI DI VERTICE L individuazione dei dirigenti di vertice (ossia dei dirigenti che non hanno altra figura sovra ordinata) incide sul processo di valutazione, essendo i dirigenti di vertice valutati dal Sindaco, su proposta dell OIV: Negli enti ove è previsto il Direttore Generale, è dirigente di vertice solo il direttore generale o interpretando il suo ruolo di solo coordinamento della dirigenza lo sono anche i dirigenti delle strutture organizzative di massimo livello dell Ente? Da un certo punto di vista, la Riforma avvicina il processo di valutazione di tutti i dirigenti di vertice al processo di valutazione già sottinteso per il Comandante del Corpo di P.M.

46 E IL COMANDANTE DEL CORPO Il Comandante del Corpo di P.M. dovrebbe comunque essere considerato dirigente di vertice (art. 2 Legge n. 65/86, che prevede un potere direttivo e di controllo diretto del Sindaco sul comandante ed una dipendenza e responsabilità altrettanto dirette del comandante nei confronti del Sindaco; Premesse al Titolo III, Capo III, del C.c.n.l ; Sentenza Consiglio di Stato, sez. V, 17 febbraio 2006, n. 616) Poiché, in ogni caso, direttore generale e Comandante sono da considerare entrambi dirigenti di vertice, quale rapporto si instaura tra le due figure? - nel processo di valutazione ( indipendenza ), sono entrambi valutati dal Sindaco su proposta dell OIV -nell attribuzione degli obiettivi ( relazione debole ): che potere di negoziazione possiede il Direttore Generale a cui compete per legge la proposta di Peg alla G.C. -rispetto agli obiettivi di Pegdel Comandante?

47 IL RUOLO DEI CAPI INTERMEDI La Riforma prevede che la valutazione sia svolta dal personale con qualifica dirigenziale Il Corpo di Polizia Municipale prevede un organizzazione fortemente gerarchica ed articolata, in cui il coordinamento e controllo èdelegato per legge - a Commissari ed Ispettori Quale ruolo dei capi intermedi nel nuovo processo di valutazione? Opportunità di definire da parte del Comandante un sistema organizzato di monitoraggio indiretto della prestazione degli agenti attraverso un intervento formale della catena del comando per attuare la significativa differenziazione dei giudizi imposta dalla Riforma: reportistica ad hoc per la rendicontazione dei comportamenti? Con quale periodicità di riporto ai vertici?

48 GLI ITEM DI VALUTAZIONE DEL PERSONALE DEL CORPO La valutazione delle competenze (sapere) e dei comportamenti (saper essere e saper fare) degli appartenenti al Corpo può essere svolta sugli stessi item degli altri dipendenti comunali? assimilazione degli item di osservazione direttamente proporzionale alla categoria di appartenenza (C o D1 o D3): ossia le capacità e i comportamenti attesi sono maggiormente assimilabili tra un commissario e un funzionario amministrativo (competenze trasversali) piuttosto che tra un agente di pm e un istruttore amministrativo (competenze specialistiche) valutazione dell opportunità di definire schede di valutazione differenziate per il personale appartenente al Corpo rispetto al restante personale dell ente: es. mentre l autonomia e l esercizio della discrezionalità può essere un valore per un organizzazione del lavoro orizzontale (team di lavoro), può essere meno apprezzabile in un organizzazione del lavoro verticistica (capo subordinato)

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

Dr. Antonino Pusateri. D.ssa Maria Rosaria Marasà

Dr. Antonino Pusateri. D.ssa Maria Rosaria Marasà Il lavoro per obiettivi ed il sistema della performance Dr. Antonino Pusateri D.ssa Maria Rosaria Marasà Nessuno può insegnare qualcosa ad un altro uomo! Può solo aiutarlo a tirare fuori qualcosa che ha

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

La valutazione delle prestazioni

La valutazione delle prestazioni PROVINCIA DI LECCE La valutazione delle prestazioni SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE ORGANIZZATIVA E INDIVIDUALE 1 SOMMARIO 1. PREMESSA...3 2. STRUTTURA ORGANIZZATIVA DELL ENTE...3

Dettagli

ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE AUSL DI FROSINONE

ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE AUSL DI FROSINONE ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE AUSL DI FROSINONE Esito monitoraggioal 30/09/2013 (ai sensi dell'art. 14, comma 4, lettera a ), del decreto legislativo 27 ottobre 2009, n.150) 1 30.09.2013 PREMESSA

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

COMUNE DI MONTECCHIO EMILIA

COMUNE DI MONTECCHIO EMILIA COMUNE DI MONTECCHIO EMILIA Allegato sub. 1) SISTEMA DI DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE, DEL PERSONALE E DEL SEGRETARIO COMUNALE* informato ai principi di cui all art 9 cc.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 7. CAPO I - NORME GENERALI D ORGANIZZAZIONE... 7 Art. 1 Oggetto... 7 Art. 2 - Principi e criteri informatori...

INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 7. CAPO I - NORME GENERALI D ORGANIZZAZIONE... 7 Art. 1 Oggetto... 7 Art. 2 - Principi e criteri informatori... INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 7 CAPO I - NORME GENERALI D ORGANIZZAZIONE... 7 Art. 1 Oggetto.... 7 Art. 2 - Principi e criteri informatori.... 7 TITOLO II - STRUTTURA ORGANIZZATIVA E FUNZIONI DI

Dettagli

RAPPORTO GENERALE SUL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE 2011 NEI COMUNI METROPOLITANI

RAPPORTO GENERALE SUL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE 2011 NEI COMUNI METROPOLITANI 6y5gtt Luglio 2013 RAPPORTO GENERALE SUL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE 2011 NEI COMUNI METROPOLITANI Il presente documento (*) fornisce un quadro sintetico delle risultanze dell analisi condotta

Dettagli

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli:

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: 2. IL PROCESSO DI VALUTAZIONE 2.1. Gli attori del processo di valutazione Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: Direttore dell Agenzia delle Entrate.

Dettagli

Katia Mascia, Rosanna Cribari Giacinto Fiore

Katia Mascia, Rosanna Cribari Giacinto Fiore Katia Mascia, Rosanna Cribari Giacinto Fiore 1 La vita è breve, l arte vasta, l occasione istantanea, l esperienza ingannevole, il giudizio difficile. Ippocrate Se vuoi essere sicuro di far sempre il tuo

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE (ex art. 7 del Decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150) Definito dal Nucleo di Valutazione nella seduta del 06

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

Direzione Generale per le Politiche per l Orientamento e la Formazione. Logiche e strumenti nel pubblico impiego dopo la Riforma Brunetta

Direzione Generale per le Politiche per l Orientamento e la Formazione. Logiche e strumenti nel pubblico impiego dopo la Riforma Brunetta Direzione Generale per le Politiche per l Orientamento e la Formazione Logiche e strumenti nel pubblico impiego dopo la Riforma Brunetta Il volume è stato curato da Elvira Lupo Rosa Valerio Nell ambito

Dettagli

ARIENZO Regolamento per l'ordinamento degli Uffici e dei servizi

ARIENZO Regolamento per l'ordinamento degli Uffici e dei servizi Comune di ARIENZO Regolamento per l'ordinamento degli Uffici e dei servizi Comune di Arienzo - Regolamento per l'ordinamento degli uffici e dei servizi Pagina 1 INDICE Art. 1-Oggetto del regolamento Art.

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE INDICE 1. DESCRIZIONE DEL SISTEMA... 1 1.1 Caratteristiche distintive dell organizzazione della Provincia di Caserta... 1 1.2 La metodologia adottata

Dettagli

MODULO MONITORAGGIO E VALUTAZIONE. Gli indicatori. G. VECCHI esperto del team scientifico di supporto del Centro Risorse Nazionale CAF 1

MODULO MONITORAGGIO E VALUTAZIONE. Gli indicatori. G. VECCHI esperto del team scientifico di supporto del Centro Risorse Nazionale CAF 1 MODULO MONITORAGGIO E VALUTAZIONE 4. Gli indicatori G. VECCHI esperto del team scientifico di supporto del Centro Risorse Nazionale CAF 1 Cosa sono gli indicatori Gli indicatori sono strumenti in grado

Dettagli

REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI

REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 186 del 29/12/2010 Modificato ed integrato con deliberazione di G.C. n. 102 del 07/09/2012 1 TITOLO I L ORGANIZZAZIONE

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO Generalmente il piano dettagliato degli obiettivi (art. 108 e 197 del Tuel) coincide con la c.d. parte descrittiva del Peg, cioè quella parte che individua gli obiettivi

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP)

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP) REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L APPLICAZIONE DEGLI ARTT.75 CONFERIMENTO E REVOCA DI INCARICHI AL PERSONALE DELLA CATEGORIA EP E 76 RETRIBUZIONE DI POSIZIONE E RETRIBUZIONE DI RISULTATO DEL CCNL 16.10.2008

Dettagli

REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI

REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Parte I Regolamento di organizzazione L assetto organizzativo della Provincia di Imperia - L attribuzione di responsabilità gestionali per l attuazione

Dettagli

Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e delle Prestazioni

Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e delle Prestazioni HUMANWARE S.A.S. Via Tino Buazzelli, 51 00137 - Roma Tel.: +39 06 823861 Fax.:+39 06 233214866 Web: www.humanware.it Email: humanware@humanware.it Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI. Ultimo aggiornamento 13 gennaio 2015

SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI. Ultimo aggiornamento 13 gennaio 2015 COMUNE DI VICENZA REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Ultimo aggiornamento 13 gennaio 2015 Comune di Vicenza - a cura del Settore Risorse Umane, Segreteria 1 Generale e Organizzazione

Dettagli

Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013

Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013 Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013 La circolare del dipartimento funzione pubblica esplicativa dell articolo 4 del Decreto Legge n. 101 del 31 agosto 2013, convertito

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO 6 Allegato 1 COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO Servizio Pianificazione e Programmazione del Territorio Via delle Torri n. 13 47100 Forlì Unità Segreteria mariateresa.babacci@comune.forli.fo.it

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010 Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010 Sottoscritto definitivamente in data 20 dicembre 2010 Comune di MERCATELLO SUL METAURO

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale 1. I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati, a richiesta, nei

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

Comune di Castel del Piano (provincia Grosseto) Regolamento Comunale di Organizzazione degli Uffici e dei Servizi

Comune di Castel del Piano (provincia Grosseto) Regolamento Comunale di Organizzazione degli Uffici e dei Servizi Comune di Castel del Piano (provincia Grosseto) Regolamento Comunale di Organizzazione degli Uffici e dei Servizi Approvato con deliberazione G.C. n. del 31 dicembre 2010 INDICE Titolo I DISPOSIZIONI GENERALI

Dettagli

PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE 2011-2013. Indice

PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE 2011-2013. Indice Segretariato Direzione Generale PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE 2011-2013 Indice 1. Premessa 2 La pianificazione esecutiva di Roma Capitale: 2.1 La Programmazione economico finanziaria: la coerenza tra documenti

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI

REGOLAMENTO COMUNALE SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI COMUNE DI LONGI Provincia di Messina Via Roma, 2 98070 LONGI (ME) Tel. 0941 / 48.50.40 - Fax 0941 / 48.54.01 0941 / 48.53.42 Partita IVA: 02 810 650 834 C.F.: 84 004 070 839 c.c.p. 13 92 59 87 E mail:

Dettagli

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE REPORT ANNUALE - 2011 - ITALIA (Aprile 2011) Prof. Alessandra PIOGGIA INDICE 1. LA PRIVATIZZAZIONE 2. LE COMPETENZE

Dettagli

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza COPIA COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza N. 64 del Reg. Delib. N. 6258 di Prot. Verbale letto approvato e sottoscritto. IL PRESIDENTE f.to Antecini IL SEGRETARIO COMUNALE f.to Scarpari N. 433 REP.

Dettagli

SETTORE ATTIVITA' INTERFUNZIONALI - SERVIZI AMMINISTRATIVI ED ESPROPRI PROGRAMMAZIONE CONTROLLO

SETTORE ATTIVITA' INTERFUNZIONALI - SERVIZI AMMINISTRATIVI ED ESPROPRI PROGRAMMAZIONE CONTROLLO SETTORE ATTIVITA' INTERFUNZIONALI - SERVIZI AMMINISTRATIVI ED ESPROPRI PROGRAMMAZIONE CONTROLLO AP/ap Determinazione n. DD-2015-391 esecutiva dal 06/03/2015 Protocollo Generale n. PG-2015-22551 del 05/03/2015

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI DI CUI ALLA LEGGE 20 MARZO 1975, N. 70

REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI DI CUI ALLA LEGGE 20 MARZO 1975, N. 70 REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI DI CUI ALLA LEGGE 20 MARZO 1975, N. 70 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Definizioni e denominazioni 3 Art. 2 - Ambito

Dettagli

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE)

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Locale LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) ELEMENTI DI CONTABILITA RIFERITI ALLA FASE DELLA SPESA

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SOCIETA PARTECIPATE DALLA REGIONE CAMPANIA DEL POLO SVILUPPO, RICERCA E I.C.T. IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato

Dettagli

ALLEGATO 1 Soggetti, azioni e misure finalizzati alla prevenzione della corruzione

ALLEGATO 1 Soggetti, azioni e misure finalizzati alla prevenzione della corruzione ALLEGATO 1 Soggetti, azioni e misure finalizzati alla prevenzione della corruzione A Soggetti e ruoli della strategia di prevenzione... 3 A.1 Soggetti e ruoli della strategia di prevenzione a livello nazionale...

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Articolo 1 Oggetto... 3 Articolo 2 Sistema

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO C O M U N E D I A L A N N O (PROVINCIA DI PESCARA) DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AREA AFFARI GENERALI - UFFICIO PERSONALE N. 162 del Reg. Oggetto: PROCEDURA DI MOBILITA, PER TITOLI E COLLOQUIO

Dettagli

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE.

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. IL SEGRETARIO GENERALE con la capacità e con i poteri del privato

Dettagli

Relazione sulle Politiche di Remunerazione

Relazione sulle Politiche di Remunerazione SOCIETÀ CATTOLICA DI ASSICURAZIONE Società cooperativa con sede legale in Verona, Lungadige Cangrande n. 16 Capogruppo del Gruppo Cattolica Assicurazioni, iscritto all Albo dei Gruppi Assicurativi 019

Dettagli

Gabinetto dell On. le Ministro. Organismo Indipendente di Valutazione. Presidente del Consiglio Superiore dei LL.PP.

Gabinetto dell On. le Ministro. Organismo Indipendente di Valutazione. Presidente del Consiglio Superiore dei LL.PP. Dipartimento per le Infrastrutture, gli affari generali ed il personale Direzione generale del personale e degli affari generali Divisione 4 Ufficio Ispettivo e Disciplina Via Nomentana, 2 00161 Roma tel.06.4412.3285

Dettagli

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA a cura del Nucleo Promozione e Sviluppo Responsabile: Cesare Hoffer Il presente documento non ha la pretesa di essere

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari UFFICIO DEL SEGRETARIO GENERALE Responsabile Settore Affari del Personale-Anticorruzione-Trasparenza CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO Il

Dettagli

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE E L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA Roma 3 luglio 2014 PREMESSA La legge 7 aprile 2014, n. 56, Disposizioni

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Ministero dell Interno

Ministero dell Interno Ministero dell Interno Osservatorio per la finanza e la contabilità degli enti locali FINALITA E POSTULATI DEI PRINCIPI CONTABILI DEGLI ENTI LOCALI Testo approvato dall Osservatorio il 12 marzo 2008 1

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI: QUALE CONVIVENZA PER LA MIGLIORE FUNZIONALITÀ DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA 1 A cura di Maria Michela Settineri IL

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2015-2017

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2015-2017 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2015-2017 A cura del Direttore Responsabile della Trasparenza Erminia Zoppè PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2015-2017 Indice

Dettagli

COMUNE DI VILLACHIARA. Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART TIME, DELLE INCOMPATIBILITA E DEI SERVIZI ISPETTIVI

COMUNE DI VILLACHIARA. Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART TIME, DELLE INCOMPATIBILITA E DEI SERVIZI ISPETTIVI COMUNE DI VILLACHIARA Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART TIME, DELLE INCOMPATIBILITA E DEI SERVIZI ISPETTIVI (Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 174 del 22/10/1997,

Dettagli

Ente aderente. Ente aderente. Ente aderente

Ente aderente. Ente aderente. Ente aderente STAZIONE UNICA APPALTANTE GUIDA ALLA CONVENZIONE AMBITO DI OPERATIVITA La si occupa dei seguenti appalti: lavori pubblici di importo pari o superiore ad 150.000,00 forniture e servizi di importo pari o

Dettagli

INCENTIVI PER ATTIVITA DI PROGETTAZIONE E DI PIANIFICAZIONE

INCENTIVI PER ATTIVITA DI PROGETTAZIONE E DI PIANIFICAZIONE II Commissario delegato per la ricostruzione - Presidente della Regione Abruzzo STRUTTURA TECNICA DI MISSIONE Azioni di supporto ai Comuni colpiti dal sisma del 6 aprile 2009 INCENTIVI PER ATTIVITA DI

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Approvato con Deliberazione consiliare n 94 del 21 giugno 2004 INDICE Articolo

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PIANIFICAZIONE E IL MONITORAGGIO DEL MIGLIORAMENTO

LINEE GUIDA PER LA PIANIFICAZIONE E IL MONITORAGGIO DEL MIGLIORAMENTO LINEE GUIDA PER LA PIANIFICAZIONE E IL MONITORAGGIO DEL MIGLIORAMENTO 1 INDICE LINEE GUIDA PER LA PIANIFICAZIONE E IL MONITORAGGIO DEL MIGLIORAMENTO ---------------------------------------------------------------------------------------------1

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

6.3.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 10. 2014, n. 1 Abrogazioni

6.3.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 10. 2014, n. 1 Abrogazioni 9 Lastri, De Robertis, Rossetti, Ruggeri, Remaschi, Boretti, Venturi, Bambagioni, Saccardi Proposta di legge della Giunta regionale 20 ottobre Art. 20 2014, n. 1 Abrogazioni divenuta Proposta di legge

Dettagli

GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI. Dott. Nicola ZERBONI

GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI. Dott. Nicola ZERBONI GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI Dott. Nicola ZERBONI Dottore Commercialista in Milano Finanziamenti europei 2007/2013 e contrasto alle irregolarità e alle frodi nei fondi Diretta

Dettagli