I SISTEMI INFORMATIVI PER LA RILEVAZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I SISTEMI INFORMATIVI PER LA RILEVAZIONE"

Transcript

1 I SISTEMI INFORMATIVI PER LA RILEVAZIONE E LA MISURAZIONE DELLE PERFORMANCE ORGANIZZATIVE (PARAMETRICHE E CONTABILI) 1. La Rilevazione e Misurazione delle Performance Organizzative 2. La Rilevazione e Misurazione delle Performance Organizzative Contabili 2.1 La Contabilità Finanziaria (CO.FI.) 2.2 Cenni sull armonizzazione contabile: l impegno 2.3 La Contabilità Economico-Patrimoniale Generale (CO.GE) 2.4 L integrazione tra le contabilità: CO.FI. CO.GE. 2.5 La Contabilità Economico-Patrimoniale Analitica (CO.AN.) 2.6 L integrazione tra le contabilità: CO.FI. CO.GE.- CO.AN. 3. La Rilevazione e Misurazione delle Performance Organizzative Parametriche 1

2 PROGRAMMAZIONE STRATEGICA DI MANDATO PROGRAMMAZIONE STRATEGICA TRIENNALE PROGRAMMAZIONE GESTIONALE GENERALE PROGRAMMAZIONE GESTIONALE ANALITICA CONTROLLO STRATEGICO TRIENNALE CONTROLLO STRATEGICO DI MANDATO CONTROLLO GESTIONALE ANALITICO CONTROLLO GESTIONALE GENERALE (Rendicontazione) GESTIONE ANALITICA GESTIONE GENERALE REALIZZAZIONE STRATEGIE TRIENNALI REALIZZAZIONE STRATEGIE DI MANDATO 3 Contabili Concomitanti (Insegnamento 5) Organizzative Parametriche Rilevazione e Misurazione delle Performance Consuntive Insegnamento 6 Individuali Insegnamento 7 2

3 LE TRADIZIONALI RILEVAZIONIE DELLA CONTABILITA PUBBLICA: limiti e soluzioni DATO STORICO: Nell ultimo decennio del XX secolo si assiste al passaggio da un modello burocratico-legittimistico a un modello manageriale INADEGUATEZZA DELLA CONTABILITA FINANZIARIA: A svolgere la sua tradizionale funzione A supportare l introduzione e lo sviluppo del nuovo modello manageriale A rilevare, controllare e favorire l economicità della gestione EVOLUZIONE DEL SISTEMA INFORMATIVO-CONTABILE Razionalizzazione della contabilità finanziaria Introduzione della contabilità economico-patrimoniale Spazio alle informazioni sia quantitative (non monetarie) che qualitative Dinanzi alla diminuzione dei trasferimenti statali, si riduce al limite più basso la possibilità di essere socialmente efficaci prescindendo dall utilizzazione efficiente delle risorse a disposizione. La condizione per realizzare la missione istituzionale dell EELL è rappresentata dall economicità, intesa quale sintesi di efficienza ed efficacia. Dinanzi alle esigenze di economicità il sistema informativo pubblico si è rivelato incapace di rilevare, di controllare e di comunicare gli aspetti economici delle operazioni gestionali. La gestione veniva letta solamente con una lente finanziaria. «Le informazioni generate dal sistema di contabilità pubblica sono scarsamente utilizzate a fini informativi interni (per migliorare la gestione) e sono prevalentemente utilizzate a fini informativi (formali) esterni (per regolare i rapporti con i soggetti economici e sociali esterni), o per valutare l impatto della gestione pubblica sul sistema economico e sociale esterno» (BORGONOVI E., 2000) 3

4 Miopi rilevazioni d esercizio, incentrate esclusivamente sulla verifica dell attuazione di decisioni prese con il bilancio preventivo e del bilanciamento finanziario tra flussi di acquisizione di ricchezza (entrate) e di consumo della stessa (uscite), hanno irrigidito la gestione e trascurato la lettura delle cause economiche dei movimenti finanziari. Ne deriva l incapacità della contabilità finanziaria tradizionale di rilevare in modo completo i valori realmente espressivi della gestione. L azione congiunta delle distorsioni del sistema contabile originario e delle nuove esigenze di rilevazione dei fatti economici hanno decretato la perdita di significatività del sistema informativo globale dell Ente Locale, e il conseguente input per un processo di rinnovamento radicale. La lettura della gestione nella varietà e nella completezza dei suoi aspetti vitali diviene una tappa fondamentale lungo la strada dell economicità. Il sistema delle rilevazioni amministrative costituisce, in un accezione generale, l insieme di metodologie che, sulla base delle logiche aziendalistiche e tramite i principi della ragioneria, indaga, interpreta e traduce in espressioni di valore le operazioni di esterna gestione (scambi con terze economie) e quelle di interna gestione (trasformazioni fisiche ed economiche). DEFICIT DI ESPRESSIVITA DEL SISTEMA CONTABILE PREESISTENTE Anteriormente all introduzione del nuovo ordinamento contabile contenuto nel D.Lgs. N. 77/1995, l attenzione del sistema delle rilevazioni dell Ente Locale si è concentrata su un oggetto unico d osservazione, costituito dagli aspetti finanziari della gestione. Nel bilancio preventivo si decidono gli impieghi di ricchezza (spese) che verranno realizzati nel corso dell esercizio finanziario ed i canali di afflusso (entrate). Durante la gestione si attuano gli interventi predeterminati nel bilancio preventivo secondo l iter giuridico-finanziario delle entrate e delle uscite. A fine esercizio si verifica il rispetto dell equilibrio finanziario. Il punto debole della catena era proprio il suo anello fondamentale: l impegno a spendere le risorse, entro i limiti previsti in bilancio, veniva assunto frequentemente in via approssimativa (cd. Impegni di massima), senza la puntuale e legittima definizione delle condizioni di scambio con terze economie. Conseguentemente, veniva a mancare alla procedura quella certezza che può derivare esclusivamente dalla presenza di un obbligazione giuridicamente perfezionata. 4

5 DEFICIT DI ESPRESSIVITA DEL SISTEMA CONTABILE PREESISTENTE Da sempre la metodologia finanziaria è stata l unica utilizzata dagli enti locali per rilevare i fatti di gestione nei soli riflessi finanziari (numerari). Ciò ha comportato notevoli problemi: -la finanziaria non rileva i fatti di gestione non finanziari (ammortamenti, costi capitalizzati, risconti, ecc.). -non consente un sicuro collegamento della gestione con i conti del patrimonio; -per consentire un analitica rilevazione della gestione costringe a moltiplicare le allocazioni autorizzative in relazione all analisi che si vuole ottenere; -all aumento delle poste finanziarie (preventive) di bilancio, inserite nel P.E.G., corrisponde, un aumento più che proporzionale delle difficoltà di gestione che costringono l ente ad una continua variazione dei bilanci (con tutti i problemi formali che queste comportano); -la frammentazione dell autorizzazione può provocare un congelamento di risorse in quanto, per evitare una carenza di fondi su ciascuna delle numerose voci di bilancio (che potrebbe provocare il sorgere dei cosiddetti debiti fuori bilancio) si tende a conservare stanziamenti complessivamente più elevati. La conseguenza sarà il fisiologico aumento dell avanzo di amministrazione. Il sistema delle rilevazioni di Contabilità finanziaria, è imperniato sul metodo della partita semplice: si segue, fase dopo fase, l iter vitale di un unico oggetto di osservazione, ad esempio la spesa inserita nel bilancio finanziario preventivo, per verificare se, quando, ed in che misura sia stato speso ciò che era stato previsto. La natura vincolistica del procedimento implica che non si è autorizzati a passare alla fase successiva se non si è formalmente conclusa quella precedente. In realtà, una variazione negli aspetti finanziari (numerari), ad es. un uscita per acquisto di beni di consumo, rappresenta la quantificazione monetaria di una variazione connessa all ingresso nell economia dell ente di un bene economico: il sacrificio sostenuto per tale acquisizione, può essere considerato pari al prezzo che l ente ha accettato di pagare (uscita di cassa). Il problema è che l azienda pubblica ha fin ora trascurato che gli aspetti finanziari (numerari) sono misuratori di quelli economici, i quali a loro volta ne rappresentano la causa di determinazione. A partire dal D.Lgs. 77/95 si è dato luogo ad un processo di razionalizzazione della contabilità finanziaria tradizionale, finalizzato a rendere gli impegni e gli accertamenti realmente espressivi dei debiti e dei crediti della gestione corrente. 5

6 LIMITI SOLUZIONI Distorsioni del sistema contabile pubblico (finanziario) originario Miopia informativa del sistema contabile pubblico originario Incapacità di rilevare in forma completa i valori realmente espressivi della gestione Razionalizzazione della contabilità finanziaria (D.Lgs 77/1995) Armonizzazione della contabilità finanziaria (D.Lgs 118/2011, DPCM 28/12/2011) Introduzione della contabilità economico-patrimoniale ORIGINI STORICHE Storicamente, la rilevazione dei soli valori finanziari e monetari nasce daiseguentimotivi: Interpretazione tradizionale dell azienda pubblica come azienda cd. di erogazione (contenimento spese entro limite dei mezzi monetari raccolti) La semplicità dei processi di consumo. La minore complessità tecnica della rilevazione semplice La prerogativa dello Stato di emettere moneta. La prassi di valutare l attività delle aziende pubbliche più per i suoi effetti esterni sul sistema economico che per i suoi effetti interni sull equilibrio aziendale. 6

7 CARATTERI CO.FI. CO. GE. CO. AN. Oggetto Entrate e Spese Finalità Accountability Verifica degli equilibri Scopi conoscitivi Previsione e Controllo degli interventi Destinatari Amb.temp. Logica di funzionamento Amb. spaziale Ampiezza osservazioni Preval. esterni Tendenz.preventivo Logica autorizzatoria Resp. passiva Gestione esterna Gestione complessiva e sue disarticolazioni Valori rilevati Valori numerari (finanziari e monetari) Classificaz. competenza Momento di rilevazione Per natura Giuridico-finanziaria Accertamento Impegno Metodo rilev. Partita semplice Risultati Risultati numerarifinanziari Obbligatorietà Controlli Obbligatoria Regolarità Amm-Cont. 31/12/n Dall 1/1/n+1 Al 31/12/n+1 ENTRATA PREVISIONE DI ENTRATA ACCERTAMENTO SPESA PREVISIONE DI SPESA PRENOTAZIONE IMPEGNO LIQUIDAZIONE ORDINAZIONE RISCOSSIONE VERSAMENTO PAGAMENTO 7

8 PREVIS. DI ENTRATA Nel bilancio preventivo e nel Piano esecutivo di gestione si deve inserire una precisa valutazione delle entrate che si prevede di accertare nel corso dell esercizio (e degli esercizi riguardanti il bilancio pluriennale). NO AUTORIZZAZIONE: A differenza delle previsioni di spese, quelle di entrata non hanno contenuto autorizzatorio: gli stanziamenti non costituiscono un limite al di la del quale non è possibile effettuare operazioni. Le previsioni, in entrata, possono essere superate nel corso dell esercizio dagli accertamenti senza alcuna formalità. ACCERTAME NTO Art. 179 TU DEFINIZIONE: [ ] costituisce la prima fase di gestione dell entrata mediante la quale, sulla base di idonea documentazione, viene: -verificata la ragione del credito -e la sussistenza di un idoneo titolo giuridico, -individuato il debitore, -quantificata la somma da incassare, -nonché fissata la relativa scadenza. L accertamento costituisce il MOMENTO DI DIRITTO del procedimento di gestione delle entrate, ossia il momento in cui sorge un obbligazione giuridica a favore dell ente locale. La fase dell accertamento coincide con quella di rilevazione del credito a favore dell ente. RISCOSSIONE Art. 180 TU Comma 1. DEFINIZIONE: [ ] costituisce la successiva fase del procedimento dell entrata, che consiste nel materiale introito da parte del tesoriere, o di altri eventuali incaricati della riscossione, delle somme dovute all ente. Comma 2. PROCEDURA: La riscossione è disposta a mezzo di ordinativo d incasso, fatto pervenire al tesoriere [ ]. Comma 3 DATI: l ordinativo d incasso o reversale, con il quale viene disposta la riscossione, è sottoscritto dal responsabile del servizio finanziario o da altro dipendente individuato dal regolamento di contabilità. L ordinativo d incasso deve contenere i seguenti elementi: a) L indicazione del debitore b) L ammontare della somma da riscuotere c) La causale d) Gli eventuali vincoli di destinazione delle somme e) L indicazione della risorsa o del capitolo di bilancio cui è riferita l entrata, distintamente per residui o competenza f) La codifica g) Il numero progressivo h) L esercizio finanziario e la data di emissione Comma 4. PROCEDURA: Il tesoriere deve accettare, senza pregiudizio per i diritti dell ente, la riscossione di ogni somma, versata in favore dell ente, anche senza la preventiva emissione di ordinativo d incasso [ ]. 8

9 VERSA- MENTO Art. 181 TU Comma 1. DEFINIZIONE: [ ] costituisce l ultima fase dell entrata, consistente nel trasferimento delle somme riscosse nelle casse dell ente. Comma 2. SOGGETTI: Gli incaricati della riscossione, interni ed esterni, versano al tesoriere le somme riscosse [ ]. 3. Gli incaricati interni [ ] versano le somme riscosse, presso la tesoreria dell ente, con cadenza stabilità dal regolamento di contabilità. Per RISCOSSIONE si intende il momento in cui il debitore salda il proprio debito nei confronti dell Ente locale versando la relativa somma a: 1) un agente della riscossione oppure 2) al tesoriere; - Nell ipotesi 1) la successiva fase del VERSAMENTO consiste nel trasferimento delle somme riscosse dall agente della riscossione al tesoriere. - Nell ipotesi 2) la riscossione e il versamento coincidono poiché il debitore salda il proprio debito direttamente presso il tesoriere. PREVISIONE DI SPESA Nel bilancio preventivo e nel Piano esecutivo di gestione si inserisce il tetto di spesa da non superare durante le fasi gestionali. PRENOTAZIO NE Art. 183 TU, comma 3 SOGGETTO: Il responsabile del servizio ha la facoltà di prenotare l impegno OGGETTO: il responsabile congela la disponibilità su una determinata previsione di spesa, per il periodo necessario al completamento della procedura programmata. PRESUPPOSTO: procedure in via di espletamento I provvedimenti relativi per i quali entro il termine dell esercizio non è stata assunta dall ente l obbligazione di spesa verso i terzi decadono e costituiscono economia della previsione di bilancio alla quale erano riferiti, concorrendo alla determinazione del risultato contabile di amministrazione. Quando la prenotazione di impegno è riferita a procedure di gara bandite prima della fine dell esercizio e non concluse entro tale termine, la prenotazione si tramuta in impegno e conservano validità gli atti e i provvedimenti relativi alla gara già adottati. NO IMPEGNO: Si differenzia dal successivoimpegnoinquantononsono determinatinéilsoggetto,nélasommaenonsihaneppurelasicurezza che in seguito alla prenotazione nascerà un obbligazione. 9

10 PRENO- TAZIO- NE Art. 183 TU, comma 3 L istituto della prenotazione, per la prima volta citato da una norma, deve intendersi come una facoltà attribuita all ente di disporre annotazioni contabili nelle proprie scritture, annotazioni che hanno un esclusivo valore interno; infatti, qualora l attività gestionale effettuata dai Responsabili, non utilizzi entro l esercizio le somme prenotate, queste non possono tramutarsi in residui passivi per il semplice motivo che non si sono trasformate in veri e propri impegni. L istituto della prenotazione potrà essere utilizzato: per attribuire alla struttura risorse correlate al raggiungimento di obiettivi e con finalizzazioni più o meno delimitate; è questa una funzione del Piano Esecutivo di Gestione la cui competenza è riservata alla Giunta; per definire, nell ambito di autorizzazioni ricevute, quale sarà l utilizzo chedellerisorsefinanziarievieneeffettuatodaciascunresponsabile:è questa una attività sicuramente di competenza dei Responsabili che potrebbero utilizzare questo istituto per rendere più chiara e trasparente la propria attività gestionale. In conclusione, si può affermare che la prenotazione di spesa è un atto contabile interno, che non produce effetti, né diretti né indiretti, nei confronti di terzi; perciò la competenza al suo utilizzo può essere attribuita anche ad organi di direzione e controllo (Consiglio e Giunta) che non possono entrare direttamente nella gestione attiva dell ente. DISCIPLINA PREESISTENTE: L IMPEGNO DI MASSIMA IMPEGNO Il D.P.R. 421/79 che, fino all emanazione del D.L.vo 77/95, aveva costituito l'unica fonte di definizione dell impegno, così recitava all'art.20, comma 2: Formano impegni sugli stanziamenti di competenza dell'esercizio le somme dovute in base alla legge, a contratto, a sentenza o ad altro titolo semprechè la relativa delibera venga assunta entro il termine dell'esercizio. Il termine "semprechè" è stato interpretato come un "ovvero", per cui si è sempre ritenuto che, a fronte di un atto deliberativo "impegnato", ancorché "di massima" esistesse un impegno formale che, a fine esercizio, si potesse trasformare in residuo passivo. 10

11 IMPEGNO Art. 183 TU Comma 1. DEFINIZIONE: Prima fase del procedimento di spesa con la quale, a seguito di obbligazione giuridicamente perfezionata [e in presenza di idoneo titolo (legge, contratto, provvedimento amministrativo in forma di delibera o determinazione, sentenza)], è: determinata la somma da pagare, determinato il soggetto creditore, indicata la ragione, e viene costituito il vincolo sulle previsioni di bilancio, nell ambito della disponibilità finanziaria [ ]. La spesa costituisce il MOMENTO DI DIRITTO del procedimento di gestione delle spese, ossia il momento in cui sorge un obbligazione giuridicamente perfezionata dell ente locale nei confronti di un terzo soggetto. IMPEGNO Art. 183 TU SOGGETTI: L assunzione degli impegni di spesa, come stabilito dall art.6 della Legge n.127, può essere disposta esclusivamente da Dirigenti o Responsabili di Servizi dell ente e, come specificato da una circolare del Ministero dell Interno (Circ.n.1/997 del ) devono ritenersi illegittimi impegni disposti da altri organi (Sindaco, Presidente della Provincia, Giunta o Consiglio). INTERPRETAZIONE CONTABILE. L'impegno si concretizza nell'accantonamento delle somme necessarie per specifiche spese che l'ente locale effettua con apposito provvedimento. Comma 2: IMPEGNI AUTOMATICI: Con l approvazione del bilancio e successive variazioni, e senza la necessità di ulteriori atti, è costituito impegno sui relativi stanziamenti per le spese dovute: per il trattamento economico tabellare già attribuito al personale dipendente e per i relativi oneri riflessi; per le rate di ammortamento dei mutui e dei prestiti, interessi di preammortamento ed ulteriori oneri accessori; per le spese dovute nell esercizio in base a contratti o disposizioni di legge.. 11

12 IMPEGNO Art. 183 TU -segue - Comma 5. SPESE IN C/CAPITALE: Le spese in c/capitale si considerano già impegnate ove sono finanziate nei seguenti modi: con l assunzione di mutui a specifica destinazione si considerano impegnate in corrispondenza e per l ammontare del mutuo, contratto o già concesso, e del relativo prefinanziamento accertato in entrata; con quota dell avanzo di amministrazione si considerano già impegnate in corrispondenza e per l ammontare dell avanzo di amministrazione accertato; con l emissione di prestiti obbligazionari si considerano impegnate in corrispondenza e per l ammontare del prestito sottoscritto; con entrate proprie si considerano impegnate in corrispondenza e per l ammontare delle entrate accertate. Si considerano, altresì, impegnati gli stanziamenti per spese correnti e per spese di investimento correlati ad accertamenti di entrata aventi destinazione vincolata per legge. Comma 6. IMPEGNI PLURIENNALI: Possono essere assunti impegni di spesa sugli esercizi successivi, compresi nel bilancio pluriennale, nel limite delle previsioni nello stesso comprese. Comma 9. DETERMINAZIONI: Il regolamento di contabilità disciplina le modalità con le quali i responsabili dei servizi assumono atti di impegno.[ ] da definire determinazioni [ ]. IMPEGNO CONTABILE Art. 191 TU L IMPEGNO CONTABILE POSIZIONAMENTO SEQUENZIALE: Come la prenotazione, anche la fase dell impegno contabile precede tipicamente quella della nascita del debito. FONTE NORMATIVA: Questa tipologia di impegno nasce con l art.191 Testo Unico, comma 1, che dispone: Gli enti locali [ ] possono effettuare spese solo se sussiste l impegno contabile registrato sul competente intervento o capitolo del bilancio di previsione e all attestazione della copertura finanziaria [ ] ATTO DI GESTIONE: Ne consegue che l impegno contabile: -precede la nascita del debito, in quanto deve essere assunto prima dell attuazione di qualsiasi spesa; -è atto di gestione perché costituisce una garanzia per il terzo interessato che dovrà fornire la prestazione oggetto dell impegno; -la garanzia per il terzo è attuata anche dall obbligo del Responsabile del Servizio che effettua l atto di gestione di comunicare gli estremi dell impegno contabile al fornitore; ATTESTAZIONE DI COPERTURA FINANZIARIA: è il momento in cui viene effettuato un importante controllo, di esclusiva competenza del Responsabile del Servizio Finanziario: 12

13 IMPEGNO CONTABILE Art. 191 TU -segue - ancora sull IMPEGNO CONTABILE Comma 3. SPESE URGENTI: non può esistere spesa priva di preventivo impegno contabile: qualora capitasse, salvo il caso di lavori pubblici di somma urgenza, si sarebbe in presenza dei cosiddetti debiti fuori bilancio. L art.191, comma 3 dispone che per i lavori pubblici di somma urgenza, cagionati dal verificarsi di un evento eccezionale ed imprevedibile (sono pertanto da escludere spese urgenti in occasione di manifestazioni, feste, inizio dell anno scolastico ecc.) l ordinazione fatta a terzi è regolarizzata, a pena di decadenza, entro trenta giorni e, nel mese di dicembre, comunque entro il 31.12, dandone contemporaneamente comunicazione al terzo interessato. NO NASCITA DEL DEBITO: Naturalmente l assunzione di un impegno contabile, pur rappresentando una garanzia per i terzi interessati, non implica necessariamente la nascita di un debito che si potrà avere solo se, dalla gestione successiva, scaturiranno concreti utilizzi delle risorse impegnate. IMPEGNO CONTABILE Art. 191 TU -segue - ancora sull IMPEGNO CONTABILE NO RESIDUI PASSIVI: La maggior parte degli stanziamenti di bilancio sono da considerarsi, sin dall inizio dell esercizio, impegni automatici, ma, trattandosi di impegno contabile non contrapposto ad un immediato debito quantificato con le precise modalità previste dall art.183 comma 1, solo il reale utilizzo di tali impegni potrà definire il vero consumo di risorse e, alla fine dell esercizio, solo il debito non ancora pagato, relativo ai reali consumi effettuati potrà tramutarsi in residuo passivo. SOGGETTI: Infine si può ritenere come la competenza a disporre impegni contabili possa essere attribuita: alla Giunta che, in sede di approvazione del Piano Esecutivo di Gestione, definisce gli impegni di cui all art.183, comma 2; ai Responsabili dei Servizi nei casi di utilizzo di risorse loro affidate tramite il P.E.G.. 13

14 IMPEGNO Art. 183 TU -segue - L IMPEGNO GIURIDICO DEFINIZIONE: L uso del termine tout court di impegno viene riservato dall ordinamento al concetto di impegno giuridico, l impegno, cioè, dell amministrazione a pagare un terzo in relazione ad una obbligazione precedentemente assunta. CARATTERISTICHE: Ricordiamo, infatti, che l impegno, così come stabilito dal primo comma dell art. 183, deve avere le seguenti caratteristiche: l esistenza di una obbligazione giuridicamente perfezionata; la precisa determinazione di una somma da pagare; l individuazione del soggetto creditore; l indicazione della ragione del debito. RAPPORTO TRA IMPEGNO GIURIDICO E CONTABILE: L impegno giuridico, deve essere preceduto da un impegno contabile. Ma solo l impegno giuridico, qualora non pagato entro l esercizio, si potrà trasformare in residuo passivo. LIQUIDA- ZIONE Art. 184 TU ORDINA- ZIONE Art. 185 TU PAGA- MENTO Art. 185 TU Comma 1: DEFINIZIONE: [ ] costituisce la successiva fase del procedimento di spesa attraverso la quale, in base ai documenti ed ai titoli atti a comprovare il diritto acquisito dal creditore, si determina la somma certa e liquida da pagare nei limiti dell ammontare dell impegno definitivo assunto [ovviamente solo se sussista la disponibilità a liquidare, intesa quale differenza tra somme impegnate e somme già liquidate]. Commi 2,3,4. SOGGETTO e PROCEDURA: L ufficio competente (che ha impegnato la spesa), dopo aver accertato la corretta esecuzione della prestazione, la regolarità della fattura o altro documento comprovante il diritto acquisito dal creditore, o in virtù di obbligo derivante da contratto o sentenza, produce la determinazione di liquidazione. Comma 1. DEFINIZIONE: [ ] consiste nella disposizione impartita, mediante il mandato di pagamento, al tesoriere dell ente locale di provvedere al pagamento delle spese. Comma 2. DEFINZIONE e PROCEDURA: Fase nella quale il tesoriere effettua il materiale esborso della somma dovuta al creditore risultante dal mandato di pagamento, determinando così l estinzione dell obbligazione. Comma 4. PROCEDURA: Il tesoriere effettua i pagamenti derivanti da obblighi tributari, da somme iscritte a ruolo, da delegazioni di pagamento, e da altri obblighi di legge, anche in assenza della preventiva emissione del relativo mandato di pagamento. Entro 15 giorni e comunque entro il termine del mese in corso l ente locale emette il relativo mandato ai fini della regolarizzazione. 14

15 ENTRATA PREVISIONE DI ENTRATA 250 ACCERTAMENTO 200 D i s e c o n o m i a d i e n t r a t a SPESA PREVISIONE DI SPESA 250 PRENOTAZIONE 200 IMPEGNO 200 E c o n o m i a d i s p e s a LIQUIDAZIONE 200 ORDINAZIONE 170 RISCOSSIONE 180 VERSAMENTO 180 PAGAMENTO 170 ECONOMIE DI ENTRATA E DI SPESA Le somme previste in BPA tra le entrate ma non accertate costituiscono DISECONOMIE DI ENTRATA; mentre nel caso in cui le somme accertate sopravanzino le previsioni di entrata si avranno ECONOMIE DI ENTRATA. Le somme previste in BPA tra le spese ma non impegnate costituiscono ECONOMIE DI SPESA; non si possono avere, invece, DISECONOMIE DI SPESA. ECONOMIE IN C/COMPETENZA e IN C/RESIDUI: in c/competenza: sono rappresentate dalle differenze tra stanziamenti di competenza definitivi da un lato, accertamenti o impegni dall altro. in c/residui: derivano da rettifiche apportate all entità dei residui presenti a inizio anno, con conseguente loro incremento (maggiori residui) o diminuzione (minori residui). 15

16 ENTRATA PREVISIONE DI ENTRATA 250 ACCERTAMENTO 200 D i s e c o n o m i a d i e n t r a t a SPESA PREVISIONE DI SPESA 250 PRENOTAZIONE 200 IMPEGNO 200 E c o n o m i a d i s p e s a RISCOSSIONE 180 VERSAMENTO 180 r e s i d u o a t t i v o LIQUIDAZIONE 200 ORDINAZIONE 170 PAGAMENTO 170 r e s i d u o p a s s i v o RESIDUI ATTIVI E PASSIVI I residui possono essere attivi e passivi e rappresentano, rispettivamente, le entrate e le spese per le quali non sono stati completati i relativi procedimenti di acquisizione e di erogazione. Più in particolare, <sono le entrate e le spese per le quali al termine dell'esercizio finanziario è stata perfezionata, rispettivamente, la fase dell'accertamento e dell'impegno, ma i relativi i procedimenti non si sono ancora concretizzati, rispettivamente, nella riscossione/versamento e nel pagamento delle somme di denaro>. RELAZIONE tra CO.FI. e CO.GE.: Esiste una tendenziale corrispondenza biunivoca tra residui attivi e crediti. Lacorrispondenza tra residui passivi e debiti è solamente univoca: ad ogni debito corrisponde generalmente un residuo passivo, mentre sono frequenti i casi di residui passivi a cui non corrispondono debiti (ad esempio per beni ordinati, ma non ancora ricevuti ne fatturati. RISCOSSIONI e PAGAMENTI IN C/COMPETENZA e IN C/RESIDUI: Tali residui sono oggetto di una gestione speciale, separata nettamente da quella del bilancio di competenza (l'elenco dei residui, divisi per anno di provenienza risultanti dal conto del bilancio, devono essere allegati al rendiconto) R/P in c/competenza: sono riferiti ad accertamenti o impegni assunti nel corso dell esercizio. R/P in c/residui: sono relativi ad accertamenti o impegni assunti negli esercizi precedenti, ma che alla fine dell esercizio precedente non erano ancora stati riscossi o pagati ed avevano quindi portato alla formazione di residui. I RESIDUI FINALI di un esercizio costituiscono i RESIDUI INIZIALI dell eserc. successivo. 16

17 CO.FI. Spesa Impegno a sostenere un esborso monetario (impegno) per l acquisizione delle risorse produttive Sorge a prescindere dal momento dell acquisizione e dell utilizzo della risorsa produttiva da parte dell ente locale ESEMPIO: Acquisto di materie prime da parte dell Ufficio A) a favore degli uffici B), C) CO.FI. 31/12/N Previsione di bilancio /12/N+1 Impegno /01/N+2 Liquidazione /02/N+2 Mandato

18 Previsione N+1 Chiusura N Previsione N+2 Chiusura N+1 Previsione N+3 Chiusura N+2 Sistemi Contabili Assunzione di un obbligo Verifica verso terzi fattura Pagamento 31/12/N 04/12/N+1 31/12/N+1 31/01/N+2 10/02/N+2 31/12/N+2 CO.FI. (spesa) Stanziamento Impegno Liquidazione Mandato

19 Il processo di armonizzazione contabile modificherà le modalità di funzionamento della contabilità finanziaria fino ad oggi utilizzata dagli Enti Locali, cercando di avvicinare il momento il momento della competenza a quello della cassa, in modo tale da «riallineare» la dinamica di accertamenti/impegni a quella di incassi/pagamenti Le maggiori novità riguarderanno l impegno, che spesso ad oggi non corrisponde ad un vero e proprio debito (minori sono le discrepanze tra il momento dell accertamento e quello del sorgere di un credito). In seguito al processo di armonizzazione contabile, il concetto di impiego subirà un evoluzione. Le condizioni che consentono il sorgere dell impegno sono: la ragione del debito; l indicazione della somma da pagare; il soggetto creditore; la scadenza dell obbligazione; la specificazione del vincolo costituito sullo stanziamento di bilancio. Il nuovo principio della competenza finanziaria prescrive «il criterio di registrazione delle operazioni di accertamento e di impegno con le quali vengono imputate agli esercizi finanziari le entrate e le spese derivanti da obbligazioni giuridicamente perfezionate (attive e passive)» Di conseguenza, pur se il provvedimento di impegno deve annotare l intero importo della spesa, la registrazione dell impegno che ne consegue a valere sulla competenza annuale e pluriennale avviene nel momento in cui l impegno è giuridicamente perfezionato, con imputazione agli esercizi finanziari in cui le singole obbligazioni passive risultano esigibili. Non possono essere riferite ad un determinato esercizio finanziario le spese per le quali non sia venuta a scadere, nello stesso esercizio finanziario, la relativa obbligazione giuridica. In tal modo si tende ad avvicinare il momento della competenza a quello della cassa, diminuendo così la attuale grande entità dei residui passivi. I residui passivi tenderanno a diventare veri e propri «debiti» 19

20 Esempio: acquisto di materie prime. In data 20/11/N viene sottoscritto un contratto con un azienda esterna per la fornitura di carta per stampanti e fotocopiatrici. Il giorno 25/11/N viene impegnata una somma pari ad per l acquisto di carta. L ordine al fornitore viene fatto in data 15/12/N, la consegna della carta, unitamente alla fattura, viene effettuata il giorno 3/1/N+1. La liquidazione della fattura avviene il giorno 5/1/N+1, mentre l effettivo pagamento il giorno 10/1/N+1. OGGI: 25/11/N IMPEGNO /12/N RESIDUO PASSIVO (nessuna prestazione effettuata NO DEBITO!) 5/1/N+1 LIQUIDAZIONE /1/N+1 ORDINAZIONE E PAGAMENTO Esempio: acquisto di materie prime. In data 20/11/N viene sottoscritto un contratto con un azienda esterna per la fornitura di carta per stampanti e fotocopiatrici. Il giorno 25/11/N viene impegnata una somma pari ad per l acquisto di carta. L ordine al fornitore viene fatto in data 15/12/N, la consegna della carta, unitamente alla fattura, viene effettuata il giorno 3/1/N+1. La liquidazione della fattura avviene il giorno 5/1/N+1, mentre l effettivo pagamento il giorno 10/1/N+1. DOMANI: in base alle nuove regole, l impegno di spesa inerente l acquisto di beni e servizi deve avvenire nell esercizio in cui risulta adempiuta completamente la prestazione da cui scaturisce l obbligazione per la spesa corrente; Anno N Nessuna rilevazione, quindi nessun residuo 3/1/ N+1 IMPEGNO /1/N+1 LIQUIDAZIONE /1/N+1 ORDINAZIONE E PAGAMENTO

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE)

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Locale LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) ELEMENTI DI CONTABILITA RIFERITI ALLA FASE DELLA SPESA

Dettagli

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE.

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. E COAN) Prof.ssa Claudia SALVATORE Università degli Studi del Molise

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011. Elementi innovativi e principali impatti

IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011. Elementi innovativi e principali impatti IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011 Elementi innovativi e principali impatti Agenda 1. Il modello contabile previsto dal D.lgs 118/2011 Contesto normativo

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI 1 Slides a cura del dott. Paolo Longoni!1 PARLARE DI CONTABILITÀ NEGLI ENTI LOCALI.. Significa adottare un punto di vista diverso da quello in uso

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

I PRINCIPI CONTABILI PER GLI ENTI LOCALI

I PRINCIPI CONTABILI PER GLI ENTI LOCALI MINISTERO DELL INTERNO DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DELLA FINANZA LOCALE OSSERVATORIO PER LA FINANZA E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI LOCALI I PRINCIPI CONTABILI PER

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

Lezione 8. Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale

Lezione 8. Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale Lezione 8 Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale L AZIENDA SVOLGE UN PROCESSO DI TRASFORMAZIONE RISORSE PROCESSO DI PRODOTTI E SERVIZI TRASFORMAZIONE Valore di mercato delle risorse impiegate

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI DI CUI ALLA LEGGE 20 MARZO 1975, N. 70

REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI DI CUI ALLA LEGGE 20 MARZO 1975, N. 70 REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI DI CUI ALLA LEGGE 20 MARZO 1975, N. 70 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Definizioni e denominazioni 3 Art. 2 - Ambito

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere.

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Cos è un gruppoaziendale L evoluzione del processo di armonizzazione contabile Le principali caratteristiche del bilancio IAS/IFRS a seguito

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

Lavori in corso su ordinazione

Lavori in corso su ordinazione OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Lavori in corso su ordinazione Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Capitolo 7 Le scritture di assestamento Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento. - 2. Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio

Dettagli

Principio contabile della contabilità finanziaria. 9.3 Il riaccertamento straordinario dei residui

Principio contabile della contabilità finanziaria. 9.3 Il riaccertamento straordinario dei residui Principio contabile della contabilità finanziaria 9.3 Il riaccertamento straordinario dei residui Il riaccertamento straordinario dei residui è l attività prevista dall articolo 3 comma 7, del presente

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI DIGNANO Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO *** Testo coordinato Allegato alla deliberazione C.C. n 10 del 21-02-2011 SOMMARIO Art. 1 - Istituzione del servizio Art. 2

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

Ministero dell Interno

Ministero dell Interno Ministero dell Interno Osservatorio per la finanza e la contabilità degli enti locali FINALITA E POSTULATI DEI PRINCIPI CONTABILI DEGLI ENTI LOCALI Testo approvato dall Osservatorio il 12 marzo 2008 1

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 5 SCRITTURE DI RETTIFICA SU ACQUISTI e SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI DEBITI 24 ottobre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 3) Rettifiche

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A.

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. 1. La responsabilità patrimoniale della P.A. ed i suoi limiti Anche lo Stato e gli Enti Pubblici sono soggetti al principio della responsabilità patrimoniale

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA L Amministrazione Città metropolitana di Roma Capitale, con sede in Roma,

Dettagli

Il sistema informativo aziendale

Il sistema informativo aziendale Albez edutainment production Il sistema informativo aziendale III classe ITC 1 Alla fine di questo modulo sarai in grado di: conoscere funzioni, obiettivi e struttura del sistema informativo aziendale;

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti Premessa - Dallo scorso 1 Gennaio è entrato in vigore il particolare meccanismo c.d. split payment, il quale prevede per le cessione di

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA Per un proficuo approccio alla problematica presa in esame si propone, qui di

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value A cura Alessio D'Oca Premessa Nell ambito dei principi che orientano la valutazione del bilancio delle società uno dei

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Articolo 1 Oggetto... 3 Articolo 2 Sistema

Dettagli

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI (CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA PROCEDURA TELEMATICA) Versione 1.3 del 26/11/2012 Sommario Premessa... 3 1 Introduzione... 4 1.1 Il contesto normativo...

Dettagli

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1 IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO dott.ssa Annaluisa Palma 1 Indice Il budget: documenti amministrativi in cui si estrinseca; Forma e contenuti del budget degli investimenti; Gli scopi

Dettagli

PROGETTO CONTABILITA FINANZIARIA, ECONOMICA E CONTROLLO DI GESTIONE

PROGETTO CONTABILITA FINANZIARIA, ECONOMICA E CONTROLLO DI GESTIONE PROGETTO CONTABILITA FINANZIARIA, ECONOMICA E CONTROLLO DI GESTIONE Come tutte le organizzazioni, le pubbliche amministrazioni, sono caratterizzate da un obiettivo da raggiungere: soddisfare i bisogni

Dettagli

A.S.P. ISTITUZIONI ASSISTENZIALI RIUNITE DI PAVIA

A.S.P. ISTITUZIONI ASSISTENZIALI RIUNITE DI PAVIA A.S.P. ISTITUZIONI ASSISTENZIALI RIUNITE DI PAVIA Regolamento di Organizzazione e Contabilità (ai sensi della L.R. n. 1/2003 e del regolamento regionale n. 11/2003) I N D I C E Art. 1 Oggetto e finalità

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Numero circolare 3 Data 16/03/2011 Abstract: OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Entrano a regime le modalità per la compensazione delle somme iscritte a ruolo per debiti erariali,

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

ELEMENTI DI CONTABILITA DI STATO E REGOLAMENTO DI ATENEO

ELEMENTI DI CONTABILITA DI STATO E REGOLAMENTO DI ATENEO ELEMENTI DI CONTABILITA DI STATO E REGOLAMENTO DI ATENEO Docente: Dott. Martino Loddo mloddo@uniss.it Durata: : 8 ore Orario delle lezioni: 2626 febbraio h. 15,00-17,00 17,00 Aula F Scipol 44 marzo h.

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale;

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale; CIRCOLARE N. 1276 Condizioni generali per l accesso al credito della gestione separata della Cassa depositi e prestiti società per azioni (CDP), ai sensi dell art. 5 comma 7 lettera a), primo periodo,

Dettagli

Copertura delle perdite

Copertura delle perdite Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 107 09.04.2014 Copertura delle perdite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Le assemblee delle società di capitali che, nelle

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti BANDI 2015 2 Guida alla presentazione La Fondazione Cariplo è una persona giuridica privata, dotata di piena autonomia gestionale, che, nel quadro delle disposizioni della Legge 23 dicembre 1998, n. 461,

Dettagli

ATTO DI INDIRIZZO LINEE GUIDA E SCHEMI PER LA REDAZIONE DEI BILANCI DI ESERCIZIO AGENZIA PER LE ONLUS DEGLI ENTI NON PROFIT

ATTO DI INDIRIZZO LINEE GUIDA E SCHEMI PER LA REDAZIONE DEI BILANCI DI ESERCIZIO AGENZIA PER LE ONLUS DEGLI ENTI NON PROFIT AGENZIA PER LE ONLUS ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001 n. 329 LINEE GUIDA E SCHEMI PER LA REDAZIONE DEI BILANCI DI ESERCIZIO DEGLI ENTI NON PROFIT Approvato

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina APPROCCIO PER COMPONENTI E SEPARAZIONE TERRENO- FABBRICATI NEI BILANCI REDATTI CON LE NORME CODICISTICHE ALLA LUCE DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI di Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

CIRCOLARE N. 40/E. OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti

CIRCOLARE N. 40/E. OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti CIRCOLARE N. 40/E Direzione Centrale Normativa Roma, 8 ottobre 2012 OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti Premessa

Dettagli

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI La stampa dei registri contabili tenuti con sistemi meccanografici deve essere effettuata entro 3 mesi dalla scadenza prevista per la presentazione della

Dettagli

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che A LLEGATO Min nistero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA

Dettagli

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009 RISOLUZIONE N. 13/E Roma, 20 gennaio 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11 Legge 27 luglio 2000, n. 212 Gestore dei Servizi Elettrici, SPA Dpr 26 ottobre

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007)

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007) STUDIO MINTO Associazione Professionale Commercialisti Revisori Contabili Consulenza del Lavoro Mirano (VE) Telefono 041/5701020 CIRCOLARE INFORMATIVA n. 16 Giugno 2007 STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Bando regionale per il sostegno di:

Bando regionale per il sostegno di: Bando regionale per il sostegno di: Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione F.E.S.R. 2007/2013 Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Attività I.3.2 Adozione delle tecnologie

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda può essere considerata come: Un insieme organizzato di beni e persone che svolgono attività economiche stabili e coordinate allo scopo di

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 Nucleo di Valutazione RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 (ex art. 5, comma 21 della Legge 24 dicembre 1993 n. 537) - GIUGNO 2015 - DOC 07/15 Sommario: 1. Obiettivi e struttura

Dettagli

IL RENDICONTO DELLA GESTIONE NEGLI ENTI LOCALI

IL RENDICONTO DELLA GESTIONE NEGLI ENTI LOCALI SOMMARIO IL RENDICONTO DELLA GESTIONE NEGLI ENTI LOCALI 1. Premessa 2. Funzioni del rendiconto della gestione 3. Quadro normativo di riferimento 4. Attività operative per la predisposizione del rendiconto

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli