UNIONE DEI COMUNI LOMBARDA DELLA VALMALENCO PIANO DELLE PERFORMANCE ANNO 2012

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIONE DEI COMUNI LOMBARDA DELLA VALMALENCO PIANO DELLE PERFORMANCE ANNO 2012"

Transcript

1 UNIONE DEI COMUNI LOMBARDA DELLA VALMALENCO PIANO DELLE PERFORMANCE Approvato con delibera di Giunta n. 44 del

2 Le amministrazioni pubbliche devono adottare, in base a quanto disposto dall art. 3 del Decreto Legislativo 27 ottobre 2009, n. 150 (c.d. legge Brunetta), metodi e strumenti idonei a misurare, valutare e premiare la performance individuale e quella organizzativa, secondo criteri strettamente connessi al soddisfacimento dell'interesse del destinatario dei servizi e degli interventi. La mancata adesione di tale monitoraggio determina, come conseguenza, che non si possono erogare compensi legati alle performance, cioè l indennità di risultato e quella di produttività. Il Piano delle Performance è il documento programmatico triennale che individua gli indirizzi e gli obiettivi strategici ed operativi e definisce, con riferimento agli obiettivi finali ed intermedi ed alle risorse, gli indicatori per la misurazione e la valutazione delle prestazioni dell Amministrazione e del personale dipendente. Il Piano delle performance è parte integrante del ciclo di gestione della performance che in base all art. 4 del DLgs n. 150/2009 si articola nelle seguenti fasi: a) definizione e assegnazione degli obiettivi che si intendono raggiungere, dei valori attesi di risultato e dei rispettivi indicatori; b) collegamento tra gli obiettivi e l'allocazione delle risorse; c) monitoraggio in corso di esercizio e attivazione di eventuali interventi correttivi; d) misurazione e valutazione della performance, organizzativa e individuale; e) utilizzo dei sistemi premianti, secondo criteri di valorizzazione del merito; f) rendicontazione dei risultati agli organi di indirizzo politico-amministrativo, ai vertici delle amministrazioni, nonché ai competenti organi esterni, ai cittadini, ai soggetti interessati, agli utenti e ai destinatari dei servizi. Gli atti della programmazione, ivi compreso quelli di valutazione, sono alla base del ciclo della performance. Tra questi, il Piano Esecutivo di Gestione (PEG) che viene adottato sulla base di quanto previsto dal D. Lgs. 267/2000 che all articolo 169 dispone: Sulla base del bilancio di previsione annuale deliberato dal Consiglio, l organo esecutivo definisce, prima dell inizio dell esercizio, il piano esecutivo di gestione, determinando gli obiettivi di gestione ed affidando gli stessi, unitamente alle dotazioni necessarie, ai responsabili di servizi. Il Piano esecutivo di gestione contiene una ulteriore graduazione delle risorse dell entrata in capitoli, dei servizi in centri di costo e degli interventi in capitoli. L unione dei Comuni Lombarda della Valmalenco ha approvato con deliberazione n. 37 del il Peg per l anno 2012 affidando ai responsabili di servizio la gestione dei relativi capitoli di spesa, dando atto di integrare con successivo provvedimento il Peg con il Piano delle Performances. Scopo del presente documento è quello di adattare quanto indicato nel Piano Esecutivo di Gestione con il Piano delle performance, e in coerenza con le risorse assegnate esplicitare obiettivi, indicatori e relativi target. Il piano delle performance deve tendere a: 1) esplicitare i legami tra indirizzi politici, strategia e operatività, ottenibili attraverso una sufficiente coerenza tra processi e strumenti di pianificazione strategica, programmazione operativa e controllo; 2

3 2) individuare gli impatti di politiche e azioni a partire dalla pianificazione strategica, fino alla comunicazione verso i cittadini; 3) esplicitare le azioni volte al miglioramento continuo dei servizi pubblici, ottenibile attraverso l utilizzo delle informazioni derivate dal processo di misurazione e valutazione della performance, sia a livello organizzativo che individuale; 4) essere predisposto in materia tale da poter essere facilmente comunicato e compreso. La trasparenza, intesa come accessibilità totale delle informazioni di contenuto comprensibile dei documenti chiave di pianificazione, programmazione e controllo. Attraverso il piano delle performance devono essere definiti gli elementi fondamentali su cui si baserà la misurazione, la valutazione e la rendicontazione della performance. Il piano delle performance inoltre, deve assicurare la qualità della rappresentazione della performance, dal momento che in esso devono essere esplicitati il processo e le modalità di formulazione degli obiettivi dell ente, nonché l articolazione complessiva degli stessi. Inoltre, il piano delle performance deve assicurare la comprensibilità della rappresentazione della performance. Per fare questo, deve essere esplicitato il legame che sussiste tra i bisogni degli utenti/cittadini, la missione istituzionale, le priorità politiche, le strategie, gli obiettivi e gli indicatori dell ente. Infine, il piano delle performance deve assicurare l attendibilità della rappresentazione della performance attraverso la verifica ex post della correttezza metodologica del processo di pianificazione (principi,fasi, tempi, soggetti) e della sue risultanze (obiettivi, indicatori, target). Se appropriatamente sviluppato, un sistema di misurazione a livello organizzativo può rendere un ente capace di: Migliorare, una volta a regime, il sistema di individuazione e comunicazione dei propri obiettivi; Verificare che gli obiettivi siano stati conseguiti; Informare e guidare i processi decisionali; Gestire più efficacemente sia le risorse che i processi organizzativi; Influenzare e valutare i comportamenti di gruppi e individui; Rafforzare l accountability e le responsabilità a diversi livelli gerarchici; Incoraggiare il miglioramento continuo e l apprendimento organizzativo. Un fattore fondamentale per l uso efficace di un Sistema di misurazione della performance è il legame che deve sussistere tra il sistema e gli obiettivi. Questo aspetto ha infatti importanti implicazioni per quanto riguarda: La tipologia e varietà di decisioni prese a livello strategico; La completezza delle informazioni disponibili a livello di vertice politicoamministrativo; La comprensione, da parte dei responsabili di servizio, di obiettivi a livello organizzativo e target, dei processi essenziali per il conseguimento di questi obiettivi e del ruolo che i responsabili di servizio svolgono all interno dell organizzazione. Gli scopi prioritari della misurazione e valutazione della performance individuale sono, come noto, i seguenti: 1) Evidenziare l importanza del contributo individuale del personale valutato rispetto agli obiettivi dell amministrazione nel suo interesse e della struttura organizzativa d appartenenza; 2) Chiarire e comunicare che cosa ci si attende in termini di risultati e comportamenti dalla singola persona; 3

4 3) Supportare le singole persone nel miglioramento della loro performance (generare allineamento con gli obiettivi complessivi dell amministrazione); 4) Valutare la performance e comunicare i risultati e le aspettative future alla singola persona (supportare l allineamento); 5) Contribuire a creare e mantenere un clima organizzativo favorevole; 6) Premiare la performance attraverso opportuni sistemi incentivanti; 7) Promuovere una corretta gestione delle risorse umane. Per quanto concerne il Sistema di misurazione delle performance, per gli enti locali, soprattutto per quelli di piccole dimensioni, è costituito da obiettivi prioritari (individuati nelle linee strategiche) e attività istituzionali ordinarie, qualificati secondo il risultato atteso legato al miglioramento o/e sviluppo di attività e servizi. Successivamente, in secondo stadio evolutivo, sarà necessario espandere il sistema degli indicatori che attraverso l adozione di opportuni indicatori di impatto e individuare livelli standard di servizio attesi sulla base delle risorse disponibili e della analisi circa l attività stessa. Il piano predisposto, individua per ogni servizio gli obiettivi, distinti in tre tipologie: a) OBIETTIVI STRATEGICI: elemento importante dello sviluppo della performance (riguardanti nuovi progetti, nuove attività caratterizzati da innovazioni e miglioramento del livello dei servizi offerti) b) OBIETTIVI STRATEGICI A VALENZA TRASVERSALE A TUTTI I SERVIZI c) OBIETTIVI ORDINARI: riguardanti l attività di gestione ordinaria dell ente, attività funzionale alla normale continuità dei vari servizi istituzionali e allo svolgimento delle attività che costituiscono adempimenti legislativi. La loro misurazione consente di far rilevare il livello di complessità gestionale ordinaria assegnata al Responsabile del Servizio. Per alcune unità organizzative le attività di gestione ordinaria e l attività istituzionale sono le uniche attività di gestione dell unità stessa, pertanto in questi casi tali attività rivestono un importanza fondamentale. Per gli obiettivi di mantenimento gli indicatori vengono riproposti ogni anno perché generalmente le attività da porre in essere sono sempre le stesse, tali indicatori esprimono il livello quantitativo/qualitativo delle attività svolte da una determinata unità organizzativa al fine di definire i livelli di efficienza ed efficacia. Tali obiettivi possono comunque essere finalizzati e produrre un risultato di miglioramento delle performance gestionali delle attività ordinarie con la ricerca di nuove soluzioni organizzative. 4

5 PIANO DELLE PERFORMANCE SERVIZIO OPERE PUBBLICHE E MANUTENZIONE DEL TERRITORIO RESPONSABILE DEL SERVIZIO: GEOM. DIOLI ELIO - CAT. D Posizione economica D6. Il servizio comprende, a titolo indicativo, dovendosi considerare assegnate al Servizio tutte le competenze, anche non esplicitamente indicate, comunque rientranti nell ambito assegnato al Servizio stesso, le seguenti attività ordinarie: lavori pubblici e gestione dei beni demaniali e patrimoniali - manutenzione ordinaria edifici - supporto ai vari settori con squadra operai - progettazione opere pubbliche - servizi contratti e appalti - protezione civile. UNITA OPERATIVE ADDETTE AL SERVIZIO, RESPONSABILI DEI VARI PROCEDIMENTI : Azzalini Roberto cat. B3 Operaio Dell Agosto Raffaele cat. B3 Operaio Dioli Maurizio cat. B3 Operaio Dioli Armando cat. B5 Operaio Gianoli Carlo cat. C4 Istuttore Tecnico/Geometra Mitta Emanuela cat. D1 Istuttore Direttivo Tecnico Schenatti Valerio cat. C3 Istruttore Tecnico/Geometra OBIETTIVI STRATEGICI ASSEGNATI D UFFICIO 1. CONCLUSIONE DEI PROCEDIMENTI DI TUTTE LE PRATICHE ANCORA PENDENTI PER LE QUALI LA SOSPENSIONE NON E DOVUTA AD ATTIVITA DI ORGANI ESTERNI. 2. PIANO DELLA CARTELLONISTICA E REGOLAMENTO PER LA COLLOCAZIONE DELLE INSEGNE DI ESERCIZIO. 5

6 OBIETTIVI STRATEGICI A VALENZA TRASVERSALE A TUTTI GLI UFFICI 1. OTTIMIZZAZIONE NELL USO DEGLI STRUMENTI INFORMATICI 2. RAZIONALIZZAZIONE NELL USO DELLA CARTA E CONTENIMENTO DELLE SPESE TELEFONICHE PRIVILEGIANDO L USO DELLA POSTA ELETTRONICA 3. CONTROLLO ED EVASIONE DELLA CORRISPONDENZA. RIDURRE E AZZERARE I SOLLECITI DA PARTE DI ALTRI ENTI PUBBLICI E PRIVATI 4. AGGIORNAMENTO E/O ADOZIONE DI NUOVI REGOLAMENTI RIGUARDANTI IL SERVIZIO DI APPARTENENZA 6

7 PIANO DELLE PERFORMANCE SERVIZIO PERSONALE RESPONSABILE DEL SERVIZIO: DOTT.SSA BATTAGLIA RAFFAELLA - CAT. D Posizione economica D2. Il servizio comprende, a titolo indicativo, dovendosi considerare assegnate al Servizio tutte le competenze, anche non esplicitamente indicate, comunque rientranti nell ambito assegnato al Servizio stesso, le seguenti attività ordinarie: gestione delle risorse umane e compiti inerenti la sicurezza sul lavoro. OBIETTIVI STRATEGICI CONDIVISI CON IL RESPONSABILE DI SERVIZIO 1. COLLABORAZIONE CON L INPS GESTIONE EX INPDAP NELL AGGIORNAMENTO DEI FASCICOLI PREVIDENZIALI DEI DIPENDENTI IN SERVIZIO PRESSO L UNIONE DEI COMUNI LOMBARDA DELLA VALMALENCO 2. CONCORSO PUBBLICO PER L ASSUNZIONE DI UN AGENTE DI POLIZIA LOCALE 7

8 OBIETTIVI STRATEGICI A VALENZA TRASVERSALE A TUTTI GLI UFFICI 1. OTTIMIZZAZIONE NELL USO DEGLI STRUMENTI INFORMATICI 2. RAZIONALIZZAZIONE NELL USO DELLA CARTA E CONTENIMENTO DELLE SPESE TELEFONICHE PRIVILEGIANDO L USO DELLA POSTA ELETTRONICA 3. CONTROLLO ED EVASIONE DELLA CORRISPONDENZA. RIDURRE E AZZERARE I SOLLECITI DA PARTE DI ALTRI ENTI PUBBLICI E PRIVATI 4. AGGIORNAMENTO E/O ADOZIONE DI NUOVI REGOLAMENTI RIGUARDANTI IL SERVIZIO DI APPARTENENZA 8

9 PIANO DELLE PERFORMANCE SERVIZIO AMMINISTRATIVO - TRIBUTI RESPONSABILE DEL SERVIZIO: RAG. PEDROTTI ERICA - CAT. D Posizione economica D6. Il servizio comprende, a titolo indicativo, dovendosi considerare assegnate al Servizio tutte le competenze, anche non esplicitamente indicate, comunque rientranti nell ambito assegnato al Servizio stesso, le seguenti attività ordinarie: Tributi: imposte, tariffe e tasse - Affari Generali e Istituzionali: gestione organi istituzionali; gestione protocollo; gestione contratti; servizi contratti, appalti e acquisti di Servizio; gestione centri sportivi; diritto allo studio - Albo Pretorio; Regolamento per albo informatico Commercio, Attività Produttive e Pubblici Esercizi. UNITA OPERATIVE ADDETTE AL SERVIZIO, RESPONSABILI DEI VARI PROCEDIMENTI : Della Maddalena M.F. cat. C3 Istruttore Masa Simona (50%) cat. C3 Istruttore Negrini Amanda cat. C1 Istruttore Schenatti Rosaria (p.t. 25/36) cat. B5 Cuoca Sem Claudia (p.t. 28/36) cat. C4 Istuttore Venzi Federica cat. C3 Istuttore OBIETTIVI STRATEGICI CONDIVISI CON IL RESPONSABILE DI SERVIZIO 1. ANTICIPAZIONE SPERIMENTALE IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (IMU) 2. ISTITUZIONE DLE TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI 3. ISTRUTTORIA PER LA NUOVA CONVENZIONE DI AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLO CHALET DI PRIMOLO 9

10 OBIETTIVI STRATEGICI A VALENZA TRASVERSALE A TUTTI GLI UFFICI 1. OTTIMIZZAZIONE NELL USO DEGLI STRUMENTI INFORMATICI 2. RAZIONALIZZAZIONE NELL USO DELLA CARTA E CONTENIMENTO DELLE SPESE TELEFONICHE PRIVILEGIANDO L USO DELLA POSTA ELETTRONICA 3. CONTROLLO ED EVASIONE DELLA CORRISPONDENZA. RIDURRE E AZZERARE I SOLLECITI DA PARTE DI ALTRI ENTI PUBBLICI E PRIVATI 4. AGGIORNAMENTO E/O ADOZIONE DI NUOVI REGOLAMENTI RIGUARDANTI IL SERVIZIO DI APPARTENENZA 10

11 PIANO DELLE PERFORMANCE SERVIZIO CULTURA E SOCIALE RESPONSABILE DEL SERVIZIO: DOTT.SSA GAMBETTA FABRIZIA - CAT. D Posizione economica D2.(p.t. 32/36) Il servizio comprende, a titolo indicativo, dovendosi considerare assegnate al Servizio tutte le competenze, anche non esplicitamente indicate, comunque rientranti nell ambito assegnato al Servizio stesso, le seguenti attività ordinarie: Biblioteca: sistema bibliotecario; attività culturali - Servizi diversi alla persona: politiche sociali; politiche giovanili, volontariato e cooperazione. UNITA OPERATIVE ADDETTE AL SERVIZIO, RESPONSABILI DEI VARI PROCEDIMENTI : Cabello Marusca cat. C4 Istruttore Cabello Vera (p.t. 30/36) cat. B3 Operatore OBIETTIVI STRATEGICI CONDIVISI CON IL RESPONSABILE DI SERVIZIO 1. COSTITUZIONE DEL COMITATO TECNICO DELLE BIBLIOTECHE DELLA VALMALENCO 2. BANDA DELLA VALMALENCO E SCUOLA MUSICALE SUONIAMO INSIEME 3. ADESIONE DELLA BIBLIOTECA DI CASPOGGIO AL PROGETTO SPERIMENTALE PROMOSSO DALL SERVIZIO CULTURA DELLA PROVINCIA DI SONDRIO CHE ACCOGLIE I VOLONTARI NEI SERVIZI CULTURALI 4. ADESIONE AL PROGETTO UN SERVIZIO DI PROSSIMITA : IL CUSTODE SOCIALE PROMSSO DALLA COOPERATIVA SOCIALE IL GRANELLO OBIETTIVI STRATEGICI ASSEGNATI D UFFICIO 11

12 L OBIETTIVO PROPOSTO DI APERTURA STRAORDINARIA NELLE GIORNATE DI SABATO NON VIENE ASSEGNATO. IL TEMPO PREVISTO PER LA REALIZZAZIONE DELL OBIETTIVO PROPOSTO DALL UFFICIO VIENE DESTINATO ALLA GESTIONE DELLO SPORTELLO AFFITTI. OBIETTIVI STRATEGICI A VALENZA TRASVERSALE A TUTTI GLI UFFICI 1. OTTIMIZZAZIONE NELL USO DEGLI STRUMENTI INFORMATICI 2. RAZIONALIZZAZIONE NELL USO DELLA CARTA E CONTENIMENTO DELLE SPESE TELEFONICHE PRIVILEGIANDO L USO DELLA POSTA ELETTRONICA 3. CONTROLLO ED EVASIONE DELLA CORRISPONDENZA. RIDURRE E AZZERARE I SOLLECITI DA PARTE DI ALTRI ENTI PUBBLICI E PRIVATI 4. AGGIORNAMENTO E/O ADOZIONE DI NUOVI REGOLAMENTI RIGUARDANTI IL SERVIZIO DI APPARTENENZA 12

13 PIANO DELLE PERFORMANCE SERVIZIO DEMOGRAFICO RESPONSABILE DEL SERVIZIO: SIG. NEGRINI ANGELO - CAT. D Posizione economica D2. Il servizio comprende, a titolo indicativo, dovendosi considerare assegnate al Servizio tutte le competenze, anche non esplicitamente indicate, comunque rientranti nell ambito assegnato al Servizio stesso, le seguenti attività ordinarie: Anagrafe, Stato Civile ed Elettorale, Leva - Servizi cimiteriali: gestione amministrativa dei cimiteri - Albo Pretorio Toponomastica - Sportello accoglimento pratiche ufficio di piano. UNITA OPERATIVE ADDETTE AL SERVIZIO, RESPONSABILI DEI VARI PROCEDIMENTI : Bruseghini Daniela cat. D2 Istruttore Direttivo Confalonieri Marisa cat. D2 Istruttore Direttivo OBIETTIVI STRATEGICI A VALENZA TRASVERSALE A TUTTI GLI UFFICI 1. OTTIMIZZAZIONE NELL USO DEGLI STRUMENTI INFORMATICI 2. RAZIONALIZZAZIONE NELL USO DELLA CARTA E CONTENIMENTO DELLE SPESE TELEFONICHE PRIVILEGIANDO L USO DELLA POSTA ELETTRONICA 3. CONTROLLO ED EVASIONE DELLA CORRISPONDENZA. RIDURRE E AZZERARE I SOLLECITI DA PARTE DI ALTRI ENTI PUBBLICI E PRIVATI 4. AGGIORNAMENTO E/O ADOZIONE DI NUOVI REGOLAMENTI RIGUARDANTI IL SERVIZIO DI APPARTENENZA 13

14 PIANO DELLE PERFORMANCE SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA RESPONSABILE DEL SERVIZIO: DOTT. ING. MIOTTI SAMUELE - CAT. D Posizione economica D1. Il servizio comprende, a titolo indicativo, dovendosi considerare assegnate al Servizio tutte le competenze, anche non esplicitamente indicate, comunque rientranti nell ambito assegnato al Servizio stesso, le seguenti attività ordinarie: Pianificazione territoriale: autorizzazioni paesaggistiche; pareri di conformità; concessioni derivazioni - Attività Estrattiva. UNITA OPERATIVE ADDETTE AL SERVIZIO, RESPONSABILI DEI VARI PROCEDIMENTI : Capraro Paolo cat. C1 Istruttore Tecnico/Geometra Parolo Daniela cat. C3 Istruttore OBIETTIVI STRATEGICI CONDIVISI CON IL RESPONSABILE DI SERVIZIO 1. SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA E PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE TELEMATICI 2. ALIENAZIONE IMMOBILI COMUNALI 3. AGGIORNAMENTO DELLE SCHEDE-EDIFICO RELATIVE AI FABBRICATI UBICATI NEGLI ALPEGGI DEL COMUNE DI CHIESA IN VALMALENCO. IMPLEMENTAZIONE CON SOFTWARE EUREKAT 4. PROSEGUIMENTO RILASCIO SANATORIE DEI CONDONI EDILIZI NON ANCORA PERFEZIONATI. COMUNE DI CHIESA IN VALMALENCO 5. CONTROLLO ATTIVITA EDILIZIA. IMPLEMENTAZIONE CON SOFTWARE EUREKAT OBIETTIVI STRATEGICI A VALENZA TRASVERSALE A TUTTI GLI UFFICI 1. OTTIMIZZAZIONE NELL USO DEGLI STRUMENTI INFORMATICI 14

15 2. RAZIONALIZZAZIONE NELL USO DELLA CARTA E CONTENIMENTO DELLE SPESE TELEFONICHE PRIVILEGIANDO L USO DELLA POSTA ELETTRONICA 3. CONTROLLO ED EVASIONE DELLA CORRISPONDENZA. RIDURRE E AZZERARE I SOLLECITI DA PARTE DI ALTRI ENTI PUBBLICI E PRIVATI 4. AGGIORNAMENTO E/O ADOZIONE DI NUOVI REGOLAMENTI RIGUARDANTI IL SERVIZIO DI APPARTENENZA 15

16 PIANO DELLE PERFORMANCE SERVIZIO URBANISTICA E SUAP RESPONSABILE DEL SERVIZIO: GEOM. RAGAZZI FULVIO - CAT. D Posizione economica D2. Il servizio comprende, a titolo indicativo, dovendosi considerare assegnate al Servizio tutte le competenze, anche non esplicitamente indicate, comunque rientranti nell ambito assegnato al Servizio stesso, le seguenti attività ordinarie: Suap - Urbanistica: VAS - Sicurezza sul lavoro. UNITA OPERATIVE ADDETTE AL SERVIZIO, RESPONSABILI DEI VARI PROCEDIMENTI : Parolini Antonella cat. C5 Istruttore Tecnico/Geometra OBIETTIVI STRATEGICI OBIETTIVI STRATEGICI CONDIVISI CON IL RESPONSABILE DI SERVIZIO 1. SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA E PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE TELEMATICI 2. CERTIFICAZIONE AMBIENTALE OBIETTIVI STRATEGICI A VALENZA TRASVERSALE A TUTTI GLI UFFICI 3. OTTIMIZZAZIONE NELL USO DEGLI STRUMENTI INFORMATICI 4. RAZIONALIZZAZIONE NELL USO DELLA CARTA E CONTENIMENTO DELLE SPESE TELEFONICHE PRIVILEGIANDO L USO DELLA POSTA ELETTRONICA 16

17 5. CONTROLLO ED EVASIONE DELLA CORRISPONDENZA. RIDURRE E AZZERARE I SOLLECITI DA PARTE DI ALTRI ENTI PUBBLICI E PRIVATI 6. AGGIORNAMENTO E/O ADOZIONE DI NUOVI REGOLAMENTI RIGUARDANTI IL SERVIZIO DI APPARTENENZA 17

18 PIANO DELLE PERFORMANCE SERVIZIO CONTABILITA RESPONSABILE DEL SERVIZIO: DOTT.SSA PAROLINI BRUNELLA - CAT. D Posizione economica D6.(p.t. 31/36) Il servizio comprende, a titolo indicativo, dovendosi considerare assegnate al Servizio tutte le competenze, anche non esplicitamente indicate, comunque rientranti nell ambito assegnato al Servizio stesso, le seguenti attività ordinarie: Gestione Economico Finanziaria: gestione del bilancio di previsione e dei conti consuntivi; gestione tesoreria; controllo di gestione - Società partecipate - Pratiche assicurative UNITA OPERATIVE ADDETTE AL SERVIZIO, RESPONSABILI DEI VARI PROCEDIMENTI : Pegorari Elisa (p.t. 18/36) cat. C5 Istruttore Lanzetti Alessia (p.t. 28/36) cat. C1 Istruttore Parolini Sandra (p.t. 24/36) cat. C3 Istruttore OBIETTIVI STRATEGICI CONDIVISI CON IL RESPONSABILE DI SERVIZIO 1. PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE: CONTRIBUTO REGIONALE PER L UNIONE 2. PROCESSI DI ATTIVAZIONE NUOVI ADEMPIMENTI: FABBISOGNI STANDARD OBIETTIVI STRATEGICI A VALENZA TRASVERSALE A TUTTI GLI UFFICI 1. OTTIMIZZAZIONE NELL USO DEGLI STRUMENTI INFORMATICI 2. RAZIONALIZZAZIONE NELL USO DELLA CARTA E CONTENIMENTO DELLE SPESE TELEFONICHE PRIVILEGIANDO L USO DELLA POSTA ELETTRONICA 3. CONTROLLO ED EVASIONE DELLA CORRISPONDENZA. RIDURRE E AZZERARE I SOLLECITI DA PARTE DI ALTRI ENTI PUBBLICI E PRIVATI 18

19 4. AGGIORNAMENTO E/O ADOZIONE DI NUOVI REGOLAMENTI RIGUARDANTI IL SERVIZIO DI APPARTENENZA 19

20 PIANO DELLE PERFORMANCE SERVIZIO PATRIMONIO ED ECONOMATO TURISMO E MUSEI RESPONSABILE DEL SERVIZIO: DOTT.SSA NANA FRANCESCA - CAT. D Posizione economica D1. Il servizio comprende, a titolo indicativo, dovendosi considerare assegnate al Servizio tutte le competenze, anche non esplicitamente indicate, comunque rientranti nell ambito assegnato al Servizio stesso, le seguenti attività ordinarie: Gestione Economico Finanziaria: gestione patrimonio - Turismo e Musei: attività museali; attività turistiche - Società partecipate - Coordinamento dell informatizzazione fino a nomina di un referente unico. UNITA OPERATIVE ADDETTE AL SERVIZIO, RESPONSABILI DEI VARI PROCEDIMENTI : Masa Simona (50%) cat. C3 Istruttore Parolini Sandra (p.t. 24/36) cat. C3 Istruttore OBIETTIVI STRATEGICI CONDIVISI CON IL RESPONSABILE DI SERVIZIO 1. SISTEMA INFORMATIVO SOVRACCOMUNALE: COLLABORAZIONE CON ORSENIGA ALBERTO PER CONTROLLO COSTI E PREDISPOSIZIONE ATTI SISTEMA INFORMATIVO SOVRACCOMUNALE 2. SISTEMAZIONE AGENTI CONTABILI CORTE DEI CONTI 3. OTTIMIZZAZIONE DELLA GESTIONE DEL SERVIZIO TURISMO 4. PREDISPOSIZIONE NUOVO REGOLAMENTO CONTRIBUTI/SPONSORIZZAZIONI 5. COLLABORAZIONE CON LA DOTT.SSA MASA SAVERIA PER COMPLETAMENTO ATTI ECOMUSEO DELLA VALMALENCO 6. RENDICONTAZIONE 3 BADNO DISTRETTO DEL COMMERCIO 20

21 7. RACCOLTA DOCUMENTAZIONE E PREDISPOSIZIONE PAGAMENTI 1 ACCONTO 4 BANDO DISTRETTO DEL COMMERCIO 8. DISTRIBUZIONE VETROFANIE E BORSINE DISTRETTO DEL COMMERCIO OBIETTIVI STRATEGICI A VALENZA TRASVERSALE A TUTTI GLI UFFICI 1. OTTIMIZZAZIONE NELL USO DEGLI STRUMENTI INFORMATICI 2. RAZIONALIZZAZIONE NELL USO DELLA CARTA E CONTENIMENTO DELLE SPESE TELEFONICHE PRIVILEGIANDO L USO DELLA POSTA ELETTRONICA 3. CONTROLLO ED EVASIONE DELLA CORRISPONDENZA. RIDURRE E AZZERARE I SOLLECITI DA PARTE DI ALTRI ENTI PUBBLICI E PRIVATI 4. AGGIORNAMENTO E/O ADOZIONE DI NUOVI REGOLAMENTI RIGUARDANTI IL SERVIZIO DI APPARTENENZA 21

22 PIANO DELLE PERFORMANCE SERVIZIO POLIZIA LOCALE RESPONSABILE DEL SERVIZIO: SIG. RAMA TIZIANO - CAT. D Posizione economica D2. Il servizio comprende, a titolo indicativo, dovendosi considerare assegnate al Servizio tutte le competenze, anche non esplicitamente indicate, comunque rientranti nell ambito assegnato al Servizio stesso, le seguenti attività ordinarie: Polizia locale, amministrativa e commerciale - Viabilità e parcheggi - Protezione civile UNITA OPERATIVE ADDETTE AL SERVIZIO, RESPONSABILI DEI VARI PROCEDIMENTI : Ghilotti Giuliano cat. C3 Agente Negrini Giorgio cat. C5 Agente OBIETTIVI STRATEGICI CONDIVISI CON IL RESPONSABILE DI SERVIZIO 1. DIVIETO FERMATA CON SISTEMA TELEMATICO 2. ORGANIZZAZIONE DELL UFFICIO DISTACCATO DEL COMUNE DI LANZADA 3. AFFRESCHI E SANTELLE 4. ESTENSIONE POLIZIA ASSOCIATA OPERATIVA PAO OBIETTIVI STRATEGICI ASSEGNATI D UFFICIO 1. CONTRASTO ALLE CONDOTTE TRASGRESSIVE IN MATERIA AMBIENTALE: CONTRASTO DEI FENOMENI DI DETURPAMENTO E INQUINAMENTO AMBIENTALE CON RIFERIMENTO ALLO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI E AL LORO ABBANDONO SUL TERRITORIO; CONTROLLI PER LA REALIZZAZIONE DI PICCOLE STRUTTURE (DEPOSITI/BARACCHE) SENZA TITOLO AUTORIZZATIVO; DANNEGGIAMENTO E DETURPAMENTO DI BENI PUBBLICI E PRIVATI. 22

23 OBIETTIVI STRATEGICI A VALENZA TRASVERSALE A TUTTI GLI UFFICI 1. OTTIMIZZAZIONE NELL USO DEGLI STRUMENTI INFORMATICI 2. RAZIONALIZZAZIONE NELL USO DELLA CARTA E CONTENIMENTO DELLE SPESE TELEFONICHE PRIVILEGIANDO L USO DELLA POSTA ELETTRONICA 3. CONTROLLO ED EVASIONE DELLA CORRISPONDENZA. RIDURRE E AZZERARE I SOLLECITI DA PARTE DI ALTRI ENTI PUBBLICI E PRIVATI 4. AGGIORNAMENTO E/O ADOZIONE DI NUOVI REGOLAMENTI RIGUARDANTI IL SERVIZIO DI APPARTENENZA 23

RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2014

RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2014 COMUNE DI CIVIDATE AL PIANO (Provincia di Bergamo) RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2014 Il Segretario Comunale - Dott. Ivano Rinaldi Nell ambito del processo di riforma della Pubblica Amministrazione, con

Dettagli

( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) TITOLO I: Principi generali ( articoli 11 e 28 del d.lgs. 150/09)

( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) TITOLO I: Principi generali ( articoli 11 e 28 del d.lgs. 150/09) Regolamento di disciplina della misurazione, valutazione e trasparenza della performance ( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) Il presente Regolamento è assunto ai sensi degli artt. 16 e 31 del

Dettagli

Città di Minerbio Provincia di Bologna. CICLO DELLA PERFORMANCE Indirizzi per il triennio 2011-2013

Città di Minerbio Provincia di Bologna. CICLO DELLA PERFORMANCE Indirizzi per il triennio 2011-2013 Città di Minerbio Provincia di Bologna CICLO DELLA PERFORMANCE Indirizzi per il triennio 2011-2013 Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 78 del 27/07/2011 Premessa Le amministrazioni pubbliche

Dettagli

PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE

PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE Allegato alla deliberazione di Giunta Comunale n. 289 del 28.12.2011 1 INDICE SEZIONE I - CONTESTO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (Approvato con deliberazione di G.C. 140/02.12.2010) 1 TITOLO I - SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE Capo I - Aspetti generali

Dettagli

C I T T À D I S P I N E A ARTICOLAZIONE DEGLI UFFICI DI MASSIMA DIMENSIONE (MACROSTRUTTURA) E RELATIVE MACRO COMPETENZE

C I T T À D I S P I N E A ARTICOLAZIONE DEGLI UFFICI DI MASSIMA DIMENSIONE (MACROSTRUTTURA) E RELATIVE MACRO COMPETENZE Allegato A C I T T À D I S P I N E A ARTICOLAZIONE DEGLI UFFICI DI MASSIMA DIMENSIONE (MACROSTRUTTURA) E RELATIVE MACRO COMPETENZE Settore PROGRAMMAZIONE E FINANZA SUPPORTO ALLA DIREZIONE GENERALE - Programmazione

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE CONSORZIO DI POLIZIA LOCALE DELLA VALLE SABBIA SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Art 7 Decreto Legislativo 150/2009 Revisione del 2 novembre 2011 INDICE INDICE... 2 PREMESSA... 3 I

Dettagli

COMUNE DI GIOVINAZZO. Regolamento di disciplina della misurazione e

COMUNE DI GIOVINAZZO. Regolamento di disciplina della misurazione e COMUNE DI GIOVINAZZO Regolamento di disciplina della misurazione e valutazione della performance Approvato dalla Giunta Comunale con deliberazione n. del 1 Articolo 1 Oggetto e finalità 1. Le disposizioni

Dettagli

PIANO DEGLI OBIETTIVI E DELLE PERFORMANCE 2015 2017 ED INDIVIDUAZIONE DEGLI OBIETTIVI OPERATIVI E STRATEGICI PER L ANNO 2015

PIANO DEGLI OBIETTIVI E DELLE PERFORMANCE 2015 2017 ED INDIVIDUAZIONE DEGLI OBIETTIVI OPERATIVI E STRATEGICI PER L ANNO 2015 COMUNE DI ANZANO DI PUGLIA PIANO DEGLI OBIETTIVI E DELLE PERFORMANCE 2015 2017 ED INDIVIDUAZIONE DEGLI OBIETTIVI OPERATIVI E STRATEGICI PER L ANNO 2015 Adottato con deliberazione della Giunta Comunale

Dettagli

PUBBLICAZIONI SU SITO WEB ISTITUZIONALE ED ACCESSO DEI CITTADINI dati già presenti nel 2010 e anni precedenti -

PUBBLICAZIONI SU SITO WEB ISTITUZIONALE ED ACCESSO DEI CITTADINI dati già presenti nel 2010 e anni precedenti - PUBBLICAZIONI SU SITO WEB ISTITUZIONALE ED ACCESSO DEI CITTADINI dati già presenti nel 2010 e anni precedenti - IL COMUNE ATTIVITA PREVISTE NEL TRIENNIO 2011-2013 SETTORI, SERVIZI DI COMPETENZA Il Sindaco

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DEL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DEL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DEL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Approvato con delibera di Giunta Comunale n. 22 del 20.04.2011 in vigore dal 26.05.2011 TITOLO

Dettagli

Comune di Ragalna ( Prov. di Catania )

Comune di Ragalna ( Prov. di Catania ) Comune di Ragalna ( Prov. di Catania ) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA (Ai sensi dell art.11 comma 2 del D.Lgs.vo 27/10/2009 n.150) Il presente documento si pone l obiettivo di fornire

Dettagli

Comune di Azzano San Paolo Provincia di Bergamo Piazza IV novembre Tel. 035/53.22.11 Fax 035/53.00.73 C.F./IVA n. 00681530168

Comune di Azzano San Paolo Provincia di Bergamo Piazza IV novembre Tel. 035/53.22.11 Fax 035/53.00.73 C.F./IVA n. 00681530168 Comune di Azzano San Paolo Provincia di Bergamo Piazza IV novembre Tel. 035/53.22.11 Fax 035/53.00.73 C.F./IVA n. 00681530168 E-mail: servizio.segreteria@comuneazzanosanpaolo.gov.it P.E.C: comuneazzanosanpaolo@pec.it

Dettagli

Piano delle Performance del Comune di Vigonza (PD)

Piano delle Performance del Comune di Vigonza (PD) COMUNE DI VIGONZA PROVINCIA DI PADOVA www.comune.vigonza.pd.it Piano delle Performance del Comune di Vigonza (PD) 2012-2014 Il Piano, sulla base dei principi del Ciclo delle Performance comunale si articola

Dettagli

PIANO DELLA PERFORMANCE

PIANO DELLA PERFORMANCE PIANO DELLA PERFORMANCE PROGRAMMI E PROGETTI DELL AMMINISTRAZIONE PER IL PERIODO 2011-2012 - 2013 L Albero della Performance Consiglio Comunale Piano di mandato Sindaco e Giunta Comunale Piano della Performance

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2012-2014. (Art. 11, D. Lgs. 27 ottobre 2009, nr. 150)

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2012-2014. (Art. 11, D. Lgs. 27 ottobre 2009, nr. 150) COMUNE DI SANT ANGELO A SCALA Provincia di Avellino PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2012-2014 (Art. 11, D. Lgs. 27 ottobre 2009, nr. 150) Cod. SAS-PTI01 Data: 30/04/2012 Adottato con

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA COMUNE DI VERTOVA Provincia di Bergamo Via Roma, 12 - Tel. Uffici Amm.vi 035 711562 Ufficio Tecnico 035 712528 Fax 035 720496 P. IVA 00238520167 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2012

Dettagli

ARTICOLAZIONE DEGLI UFFICI

ARTICOLAZIONE DEGLI UFFICI ARTICOLAZIONE DEGLI UFFICI SEGRETERIA E AFFARI ISTITUZIONALI Rag. Roberta Cesana Segreteria-affari istituzionali Organi istituzionali Ufficio di supporto agli organi di direzione politica Archivio messi

Dettagli

COMUNE DI TEGLIO. Provincia di Sondrio ALLEGATO

COMUNE DI TEGLIO. Provincia di Sondrio ALLEGATO Approvato con deliberazione di G.C. N. 186 del 27.12.2010 COMUNE DI TEGLIO Provincia di Sondrio ALLEGATO AL REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI, IN ADEGUAMENTO AL D. LGS. N. 150/2009

Dettagli

LA RELAZIONE SULLA PERFORMANCE ESERCIZIO 2014

LA RELAZIONE SULLA PERFORMANCE ESERCIZIO 2014 LA RELAZIONE SULLA PERFORMANCE ESERCIZIO 2014 La Relazione sulla performance prevista dall art. 10, comma 1, lettera b), del decreto legislativo n. 150 del 2009 costituisce lo strumento mediante il quale

Dettagli

Giusta delibera n. 302 del 18/11/2010

Giusta delibera n. 302 del 18/11/2010 Comune di Trapani Regolamento di disciplina della misurazione, valutazione e integrità e trasparenza della Performance - Modifiche di raccordo ad alcuni articoli del Regolamento istituito dall' O.I.V.

Dettagli

Comune di Ferrara IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

Comune di Ferrara IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Comune di Ferrara IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDICE 1. Premessa 2. Il processo, i tempi e le responsabilità del sistema 3. Modalità di raccordo con i sistemi di controllo

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015 Comune di Neive Provincia di Cuneo PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015 Premessa La trasparenza è intesa come accessibilità totale, delle informazioni concernenti ogni aspetto

Dettagli

COMUNE DI ROBASSOMERO PROVINCIA DI TORINO tel. 011 9234400 - Fax 011 9234422 E-mail: comune@comune.robassomero.to.it - www.comune.robassomero.to.

COMUNE DI ROBASSOMERO PROVINCIA DI TORINO tel. 011 9234400 - Fax 011 9234422 E-mail: comune@comune.robassomero.to.it - www.comune.robassomero.to. COMUNE DI ROBASSOMERO PROVINCIA DI TORINO tel. 011 9234400 - Fax 011 9234422 E-mail: comune@comune.robassomero.to.it - www.comune.robassomero.to.it Approvato con deliberazione G.C. n. 103/29.12.2010 INDICE

Dettagli

RIEPILOGO ADEMPIMENTI IN MATERIA DI TRASPARENZA. Denominazione sotto-sezione 2 livello Responsabile Pubblicazione Tempistica controlli

RIEPILOGO ADEMPIMENTI IN MATERIA DI TRASPARENZA. Denominazione sotto-sezione 2 livello Responsabile Pubblicazione Tempistica controlli Disposizioni generali Organizzazione sotto-sezione 2 Responsabile Pubblicazione Tempistica controlli Programma triennale per la trasparenza e l integrità (d. lgs. 33/2013 art.10, co. 8 lett a) Atti generali

Dettagli

Provincia Regionale di Caltanissetta ora Libero Consorzio Comunale di Caltanissetta (l.r. 8/2014)

Provincia Regionale di Caltanissetta ora Libero Consorzio Comunale di Caltanissetta (l.r. 8/2014) Provincia Regionale di Caltanissetta ora Libero Consorzio Comunale di Caltanissetta (l.r. 8/2014) DELIBERA COMMISSARIALE ORIGINALE Seduta del 22/12/2014 n. 195 del Registro deliberazioni OGGETTO: Artt.

Dettagli

PIANO TRIENNALE DELLA PERFORMANCE

PIANO TRIENNALE DELLA PERFORMANCE SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO A. BROFFERIO C.so XXV Aprile, 2 ASTI Tel- Fax 0141 21 26 66 Sez. associata Martiri della Libertà Tel-Fax 0141 21 12 23 C.F. : 80005780053 e-mail: atmm003004@istruzione.it -

Dettagli

OBBLIGHI DI TRASPARENZA 2015-2017

OBBLIGHI DI TRASPARENZA 2015-2017 OBBLIGHI DI TRASPARENZA 2015-2017 Allegato A Al Programma Triennale per la 2015-2017 Di seguito i dati oggetto di pubblicazione, ai sensi di quanto previsto dalla normativa sulla di cui al 33 del 2013.

Dettagli

Relazione sullo stato, sul funzionamento e sugli esiti del processo di valutazione e misurazione delle performance nell anno 2014.

Relazione sullo stato, sul funzionamento e sugli esiti del processo di valutazione e misurazione delle performance nell anno 2014. PROVINCIA REGIONALE DI CATANIA (denominata Libero Consorzio Comunale ai sensi della legge regionale n. 8/2014) CENTRO DIREZIONALE NUOVALUCE ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE (Istituito con delibera

Dettagli

Organismo Indipendente di Valutazione

Organismo Indipendente di Valutazione Commissione Enti Locali SEMINARIO FORMATIVO Organismo Indipendente di Valutazione Aspetti normativi e metodi di valutazione della performance Avellino, 7 febbraio 2011 Eraldo De Simone Decreto Legislativo

Dettagli

*** ALLEGATO "C" Funzionigramma

*** ALLEGATO C Funzionigramma COMUNE DI CAMMARATA PROVINCIA DI AGRIGENTO *** ALLEGATO "C" Funzionigramma FUNZIONIGRAMMA Struttura organizzativa del Comune : Segretario comunale Aree Servizi Unità operative o uffici Uffici speciali

Dettagli

PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI BRICHERASIO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N.64

PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI BRICHERASIO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N.64 Copia PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI BRICHERASIO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N.64 OGGETTO: APPROVAZIONE PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE 2016/2018 - ASSEGNAZIONE RISORSE FINANZIARIE. L anno

Dettagli

PIANO DELLA PERFORMANCE

PIANO DELLA PERFORMANCE PIANO DELLA PERFORMANCE Le amministrazioni pubbliche devono adottare, in base a quanto disposto dall art. 3 del Decreto Legislativo 27 ottobre 2009, n. 10, metodi e strumenti idonei a misurare, valutare

Dettagli

Città Metropolitana di Torino COMUNE DI FOGLIZZO DETERMINAZIONE : UFFICIO RAGIONERIA REGISTRO GENERALE N. : 276

Città Metropolitana di Torino COMUNE DI FOGLIZZO DETERMINAZIONE : UFFICIO RAGIONERIA REGISTRO GENERALE N. : 276 ESTRATTO Città Metropolitana di Torino COMUNE DI FOGLIZZO DETERMINAZIONE : UFFICIO RAGIONERIA REGISTRO GENERALE N. : 276 Responsabile del Servizio : DOTT.SSA CLELIA PAOLA VIGORITO N. 168 OGGETTO : AFFIDAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO PROVINCIALE SUL PIANO DELLA PERFORMANCE E SUI SISTEMI DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE

REGOLAMENTO PROVINCIALE SUL PIANO DELLA PERFORMANCE E SUI SISTEMI DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n. 132 del 13.07.2011 REGOLAMENTO PROVINCIALE SUL PIANO DELLA PERFORMANCE E SUI SISTEMI DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE ART. 1 FINALITÀ La Provincia di Brindisi,

Dettagli

PIANO ESECUTIVO. Obiettivi e dotazioni. Volume 5: SERVIZI DELL AREA DA RISORSE UMANE. di GESTIONE 2012

PIANO ESECUTIVO. Obiettivi e dotazioni. Volume 5: SERVIZI DELL AREA DA RISORSE UMANE. di GESTIONE 2012 PIANO ESECUTIVO di GESTIONE 2012 Approvato con deliberazione della Giunta Provinciale n. 550-25679 del 28/06/2012 Obiettivi e dotazioni Volume 5: SERVIZI DELL AREA DA RISORSE UMANE Piano esecutivo di

Dettagli

Il Controllo Strategico nella Regione Calabria

Il Controllo Strategico nella Regione Calabria Il Controllo Strategico nella Regione Calabria L introduzione della funzione di controllo strategico nella Regione Calabria si inquadra in un più ampio percorso di innovazione e cambiamento che l Ente

Dettagli

I^ AREA - SERVIZI AMMINISTRATIVI

I^ AREA - SERVIZI AMMINISTRATIVI I^ AREA - SERVIZI AMMINISTRATIVI SERVIZIO AFFARI GENERALI Protocollo - Notifiche Centralino telefonico - Vice Segreteria Generale Deliberazioni e Determine - URP Informazione Albo Online Presidenza del

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE. Il ciclo della performance

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE. Il ciclo della performance 14 REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE Il ciclo della performance APPROVATO DALLA GIUNTA COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 465 REG./.499 PROP.DEL. NELLA SEDUTA DEL 15/12/2010 TITOLO I Programmazione, controllo,

Dettagli

COMUNE DI COSTACCIARO

COMUNE DI COSTACCIARO COMUNE DI COSTACCIARO (Provincia di Perugia) -=ooo=- R E G O L A M E N T O S U L C I C L O D I G E S T I O N E =================================================== D E L L A P E R F O R M A N C E E N U

Dettagli

STRUTTURA APICALE SERVIZIO FUNZIONI ASSEGNATE

STRUTTURA APICALE SERVIZIO FUNZIONI ASSEGNATE STRUTTURA APICALE SERVIZIO FUNZIONI ASSEGNATE SEGRETERIA GENERALE SEGRETERIA Segreteria Generale Controlli integrati (Ufficio di Staff) Iter deliberazioni del Consiglio e della Giunta Iter decisioni di

Dettagli

REGOLAMENTO SULLA METODOLOGIA E I CRITERI PER LA VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE E SUL NUCLEO DI VALUTAZIONE

REGOLAMENTO SULLA METODOLOGIA E I CRITERI PER LA VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE E SUL NUCLEO DI VALUTAZIONE REGOLAMENTO SULLA METODOLOGIA E I CRITERI PER LA VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE E SUL NUCLEO DI VALUTAZIONE Art. 1 Definizione di performance organizzativa e di performance individuale La performance organizzativa

Dettagli

Integrazione fra performance organizzativa e performance individuale. Formez, Napoli 29 novembre 2012 Giancarla Masè

Integrazione fra performance organizzativa e performance individuale. Formez, Napoli 29 novembre 2012 Giancarla Masè Integrazione fra performance organizzativa e performance individuale Formez, Napoli 29 novembre 2012 Giancarla Masè Indice La realtà di UNITN La performance organizzativa La performance individuale 1 La

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento per il Controllo di Gestione

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento per il Controllo di Gestione PROVINCIA DI ROMA Regolamento per il Controllo di Gestione Adottato con delibera della Giunta Provinciale n. 498/23 del 09/04/2003 1 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art.1 Ambito di applicazione 1. Il presente

Dettagli

STATO DI ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2012-2014

STATO DI ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2012-2014 STATO DI ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 01-014 (Aggiornamento Tecnico 014 del 30 SETTEMBRE 013) Premessa La trasparenza è intesa come accessibilità totale delle informazioni

Dettagli

Comune di Signa Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELL UFFICIO PENSIONI

Comune di Signa Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELL UFFICIO PENSIONI Comune di Signa Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELL UFFICIO PENSIONI Approvato con delibera di Giunta Comunale n. 116 del 29/07/2002 modificato con

Dettagli

Oggetto: ISTITUZIONE POSIZIONI ORGANIZZATIVE E ASSEGNAZIONE RELATIVI INCARICHI AREA TECNICA TERRITORIO AMBIENTE IL DIRIGENTE

Oggetto: ISTITUZIONE POSIZIONI ORGANIZZATIVE E ASSEGNAZIONE RELATIVI INCARICHI AREA TECNICA TERRITORIO AMBIENTE IL DIRIGENTE COMUNE DI SENIGALLIA AREA TECNICA, TERRITORIO, AMBIENTE U F F I C I O DIRIGENTE AREA TECNICA, TERRITORIO, AMBIENTE DETERMINAZIONE DIRIGENTE n 29 del 23/01/2014 Oggetto: ISTITUZIONE POSIZIONI ORGANIZZATIVE

Dettagli

COMUNE DI SERAVEZZA Provincia di Lucca

COMUNE DI SERAVEZZA Provincia di Lucca COMUNE DI SERAVEZZA Provincia di Lucca DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Numero 10 del 26-01-11 -----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Regolamento di disciplina della misurazione, della valutazione e della trasparenza delle performance.

Regolamento di disciplina della misurazione, della valutazione e della trasparenza delle performance. Regolamento di disciplina della misurazione, della valutazione e della trasparenza delle performance. Art. 1 OBIETTIVI Il sistema di misurazione, valutazione e trasparenza delle performance viene applicato

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2013-2015 Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 29/01/2013 con delibera n. 9 SOMMARIO Premessa Trasparenza come libertà di informazione

Dettagli

COMUNE DI POGGIO RENATICO PROVINCIA DI FERRARA PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE/PIANO DETTAGLIATO DEGLI OBIETTIVI ANNO 2014

COMUNE DI POGGIO RENATICO PROVINCIA DI FERRARA PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE/PIANO DETTAGLIATO DEGLI OBIETTIVI ANNO 2014 COMUNE DI POGGIO RENATICO PROVINCIA DI FERRARA Responsabile: Geom. Gianni Rizzioli Elenco Progetti/obiettivi 2014 PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE/PIANO DETTAGLIATO DEGLI OBIETTIVI ANNO 2014 3^ AREA: Gestione

Dettagli

C I T T À D I E R I C E PROVINCIA DI TRAPANI

C I T T À D I E R I C E PROVINCIA DI TRAPANI C I T T À D I E R I C E PROVINCIA DI TRAPANI VERBALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE Delibera N. 152 del 26/07/2013 Proposta N. 194 del 18/07/2013 COPIA OGGETTO: PIANO DELLA PERFORMANCE DEL COMUNE

Dettagli

(PROVINCIA DI CATANIA)

(PROVINCIA DI CATANIA) (PROVINCIA DI CATANIA) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2012 2014 1. OGGETTO E OBIETTIVI La trasparenza consiste nella accessibilità delle informazioni sulla organizzazione, degli

Dettagli

COMUNE DI TRECCHINA (Provincia di Potenza)

COMUNE DI TRECCHINA (Provincia di Potenza) COMUNE DI TRECCHINA (Provincia di Potenza) VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA NR. 67 OGGETTO: APPROVAZIONE DEL P.E.G. - PIANO DELLA PERFORMANCE 2013 (28 novembre 2013) L anno DUEMILATREDICI,

Dettagli

Dotazione Organica. UNITA Organizzativa STAFF DELLA SEGRETERIA GENERALE

Dotazione Organica. UNITA Organizzativa STAFF DELLA SEGRETERIA GENERALE Dotazione Organica UNITA Organizzativa STAFF DELLA SEGRETERIA GENERALE Collaboratore Amministrativo Cat. B/3 Collaboratore Amministrativo-Messo Cat. B/3 UFFICI : Segreteria Generale - Protocollo Messo

Dettagli

IL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (PROCEDURA) LE FASI

IL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (PROCEDURA) LE FASI IL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (PROCEDURA) LE FASI FASE 0 IL PROCESSO DI PIANIFICAZIONE DELL ENTE FASE 1 DEFINIZIONE E ASSEGNAZIONE DEGLI OBIETTIVI DA RAGGIUNGERE FASE 2 MONITORAGGIO IN CORSO DI

Dettagli

COMUNE DI MARSICOVETERE. (Provincia di Potenza)

COMUNE DI MARSICOVETERE. (Provincia di Potenza) COMUNE DI MARSICOVETERE (Provincia di Potenza) PIANO DEGLI OBIETTIVI ANNO 2015 INDICE Introduzione Il Sindaco e la Giunta Il contesto organizzativo gestionale La dotazione organica e il personale assegnato

Dettagli

Settore Segreteria Generale. Settore Servizi Amministrativi. Settore Polizia Provinciale. Settore Risorse Umane e Finanziarie. Settore Servizi Tecnici

Settore Segreteria Generale. Settore Servizi Amministrativi. Settore Polizia Provinciale. Settore Risorse Umane e Finanziarie. Settore Servizi Tecnici Settore Segreteria Generale Segretario Generale: Giulio Nardi e-mail: giulio.nardi@provincia.siena.it Telefono: 0577 241360 Fax: 0577 241321 Orario di ricevimento: su appuntamento Settore Servizi Amministrativi

Dettagli

GESTIONE DEI SERVIZI COMUNALI Comune di Gioiosa Ionica Provincia di Reggio Calabria CAPITOLATO TECNICO

GESTIONE DEI SERVIZI COMUNALI Comune di Gioiosa Ionica Provincia di Reggio Calabria CAPITOLATO TECNICO GESTIONE DEI SERVIZI COMUNALI Comune di Gioiosa Ionica Provincia di Reggio Calabria CAPITOLATO TECNICO Oggetto della fornitura: FORNITURA DI SOFTWARE, FORMAZIONE ED ASSISTENZA PER LA GESTIONE DEI SERVIZI

Dettagli

Il Sistema della performance e le direttive CIVIT. Università di Cagliari monfardini@unica.it

Il Sistema della performance e le direttive CIVIT. Università di Cagliari monfardini@unica.it Il Sistema della performance e le direttive CIVIT Dott. Patrizio Monfardini Università di Cagliari monfardini@unica.it Art. 4 (ciclo di gestione della performance) 2 comma 1: [.] le amministrazioni pubbliche

Dettagli

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO Taviano Città dei Fiori (Lecce Italy) Decreto sindacale 02 lì 22 gennaio 2014 Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO VISTA la legge 191/98, recante modifiche

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2012-2014

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2012-2014 COMUNE DI VILLANOVA DEL GHEBBO P R O V I N C I A D I R O V I G O C.F. 82000570299 P.I. 00194640298 - Via Roma, 75 - CAP 45020 - Tel. 0425 669030 / 669337 / 648085 Fax 0425650315 info-comunevillanova@legalmail.it

Dettagli

COMUNE DI RIMINI. - Segreteria Generale - ESTRATTO DAL REGISTRO DELLE DELIBERAZIONI DI GIUNTA COMUNALE. N. : 127 del 12/04/2011

COMUNE DI RIMINI. - Segreteria Generale - ESTRATTO DAL REGISTRO DELLE DELIBERAZIONI DI GIUNTA COMUNALE. N. : 127 del 12/04/2011 COMUNE DI RIMINI - Segreteria Generale - ESTRATTO DAL REGISTRO DELLE DELIBERAZIONI DI GIUNTA COMUNALE N. : 127 del 12/04/2011 Oggetto : APPROVAZIONE DEL PIANO DELLA PERFORMANCE PER L'ANNO 2011 L anno duemilaundici,

Dettagli

Programma per la Trasparenza e l Integrità 2015-2016

Programma per la Trasparenza e l Integrità 2015-2016 Programma per la Trasparenza e l Integrità 2015-2016 Pag. 1 a 10 Sommario 1 Premessa...3 2 Programma per la Trasparenza e l Integrità...3 2.1 Il principio della Trasparenza e la politica per la Trasparenza...3

Dettagli

COMUNE DI BUDRIO PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA (in attuazione del D. Leg.vo 33/2013)

COMUNE DI BUDRIO PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA (in attuazione del D. Leg.vo 33/2013) All.B) COMUNE DI BUDRIO PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA (in attuazione del D. Leg.vo 33/2013) PREMESSA Con la redazione dell aggiornamento del Programma Triennale per la trasparenza

Dettagli

COMUNE DI CASTIGLIONE TINELLA Provincia di Cuneo

COMUNE DI CASTIGLIONE TINELLA Provincia di Cuneo COMUNE DI CASTIGLIONE TINELLA Provincia di Cuneo REGOLAMENTO COMUNALE SULLA METODOLOGIA E I CRITERI PER LA MISURAZIONE E LA VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE DEL PERSONALE E SUL NUCLEO DI VALUTAZIONE Art.1

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015 (Art. 11 comma 1 e comma 8) lettera a) del D.Lgs. n. 150/2009) ENTE PARCO REGIONALE DELLA MAREMMA via del Bersagliere, 7/9-58100 Alberese

Dettagli

COMUNE DI MAGNAGO - PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L'INTEGRITA' (D.LGS. 33/2013)

COMUNE DI MAGNAGO - PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L'INTEGRITA' (D.LGS. 33/2013) COMUNE DI MAGNAGO - PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L'INTEGRITA' (D.LGS. 33/03) Disposizioni generali A Programma per la Trasparenza e l'integrità B Atti generali C Oneri informativi per cittadini e imprese

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE N. 55 DEL 17/06/2014

VERBALE DI DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE N. 55 DEL 17/06/2014 COPIA COMUNE PONTE DI PIAVE Provincia di Treviso VERBALE DI DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE N. 55 DEL 17/06/2014 Oggetto: NOMINA CONSEGNATARI DEI BENI MOBILI ED IMMOBILI DI PROPRIETA' COMUNALE. al CO.RE.CO.

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013 Adottato con deliberazione del Commissario Straordinario n. 14 in data 09 maggio 2011 1 1. OGGETTO E OBIETTIVI La trasparenza consiste nella

Dettagli

PIANO DEGLI OBIETTIVI E DELLE PERFORMANCE 2014-2016. Adottato con deliberazione del Presidente del Consorzio SIR Umbria 22/01/2014 n.

PIANO DEGLI OBIETTIVI E DELLE PERFORMANCE 2014-2016. Adottato con deliberazione del Presidente del Consorzio SIR Umbria 22/01/2014 n. PIANO DEGLI OBIETTIVI E DELLE PERFORMANCE 2014-2016 Adottato con deliberazione del Presidente del Consorzio SIR Umbria 22/01/2014 n. 4 Le amministrazioni pubbliche devono adottare, in base a quanto disposto

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DELLA PROVINCIA DI ANCONA. Anni 2011-2013

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DELLA PROVINCIA DI ANCONA. Anni 2011-2013 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DELLA PROVINCIA DI ANCONA Anni 2011-2013 (approvato con deliberazione di giunta provinciale n. 440 del 22/11/2011) 1 SOMMARIO ART. 1- PRINCIPI 3 ART.

Dettagli

Comune di Montevago Provincia di Agrigento

Comune di Montevago Provincia di Agrigento Città Termale Comune di Montevago Provincia di Agrigento D E T E R M I N A Z I O N E DEL SETTORE SERVIZI TECNICI N 389 Del 28/12/2011 OGGETTO: Organizzazione interna del settore SERVIZI TECNICI e definizione

Dettagli

COMUNE DI CORCIANO PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

COMUNE DI CORCIANO PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI COMUNE DI CORCIANO PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 10 DEL 19 MARZO 2015 CAPO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto

Dettagli

PROVINCIA DI NOVARA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO IL COMMISSARIO STRAORDINARIO

PROVINCIA DI NOVARA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO IL COMMISSARIO STRAORDINARIO copia Deliberazione N. 079 C I T T À DI T R E C A T E PROVINCIA DI NOVARA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO OGGETTO: PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L'INTEGRITA' DEL COMUNE

Dettagli

OBIETTIVI PRIMARI. Il Modello Organizzativo dell Ufficio Associato. Comunità Montana Partenio Vallo Di Lauro

OBIETTIVI PRIMARI. Il Modello Organizzativo dell Ufficio Associato. Comunità Montana Partenio Vallo Di Lauro Progetto di Gestione Associata di Servizi Comunali IL MODELLO ORGANIZZATIVO DELL UFFICIO ASSOCIATO Pag. 1 OBIETTIVI PRIMARI Un modello ottimale deve raggiungere il miglior equilibrio possibile tra gli

Dettagli

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI 1. ASPETTI GENERALI Negli ultimi anni, in gran parte dei Paesi europei, si assiste a un crescente interesse verso l attuazione di una pianificazione locale del territorio

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Comune di Inverigo Provincia di Como SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDICE INTRODUZIONE TITOLO I FINALITA E PRINCIPI Art. 1 - Finalità e oggetto Art. 2 - Principi di riferimento

Dettagli

4. Aree strategiche, obiettivi strategici, obiettivi operativi

4. Aree strategiche, obiettivi strategici, obiettivi operativi 4. Aree strategiche, obiettivi strategici, obiettivi operativi Ciclo integrato di programmazione, gestione della performance e controllo Il ciclo integrato di programmazione, gestione della performance

Dettagli

1. Premessa. - gli obiettivi che l ente si pone per dare piena attuazione al principio di trasparenza;

1. Premessa. - gli obiettivi che l ente si pone per dare piena attuazione al principio di trasparenza; 1. Premessa Il Parco Valle Lambro dimostra la propria piena partecipazione al processo di attivazione delle buone prassi di trasparenza ed etica con l adozione del presente piano, intitolato Programma

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA MISURAZIONE, DELLA VALUTAZIONE, DELLA RENDICONTAZIONE E DELLA TRASPARENZA DELLA PERFORMANCE

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA MISURAZIONE, DELLA VALUTAZIONE, DELLA RENDICONTAZIONE E DELLA TRASPARENZA DELLA PERFORMANCE COMUNE DI PATU Provincia di Lecce - Regolamento Comunale - REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA MISURAZIONE, DELLA VALUTAZIONE, DELLA RENDICONTAZIONE E DELLA TRASPARENZA DELLA PERFORMANCE Approvato

Dettagli

n 18 Prevenzione e protezione luoghi di lavoro 100 n 19

n 18 Prevenzione e protezione luoghi di lavoro 100 n 19 OBIETTIVI 2010 SERVIZIO N 1 AFFARI GENERALI Responsabile - Dr.ssa Tiziana Vanelli n 1 Predisposizione della programmazione annuale e pluriennale del fabbisogno di personale Determinazione e gestione fondo

Dettagli

Programma triennale per l trasparenza e l integrità Istituto Comprensivo di S. Vito al T.

Programma triennale per l trasparenza e l integrità Istituto Comprensivo di S. Vito al T. 2014-16 Programma triennale per l trasparenza e l integrità Istituto Comprensivo di S. Vito al T. la trasparenza nei confronti dei cittadini e dell intera collettività, poiché rappresenta uno strumento

Dettagli

PARTE TERZA MISURAZIONE VALUTAZIONE E TRASPARENZA DELLE PERFORMANCE INVIDUALI E COLLETTIVE. VALUTAZIONE AREE POSIZIONI ORGANIZZATIVE

PARTE TERZA MISURAZIONE VALUTAZIONE E TRASPARENZA DELLE PERFORMANCE INVIDUALI E COLLETTIVE. VALUTAZIONE AREE POSIZIONI ORGANIZZATIVE ALLEGATO A PARTE TERZA MISURAZIONE VALUTAZIONE E TRASPARENZA DELLE PERFORMANCE INVIDUALI E COLLETTIVE. VALUTAZIONE AREE POSIZIONI ORGANIZZATIVE CAPO I NUCLEO DI VALUTAZIONE ART. 92 - NUCLEO DI VALUTAZIONE

Dettagli

La presente deliberazione è stata dichiarata immediatamente eseguibile ai sensi dell art. 134, comma 4, D.Lgs. n. 267/2000 COPIA

La presente deliberazione è stata dichiarata immediatamente eseguibile ai sensi dell art. 134, comma 4, D.Lgs. n. 267/2000 COPIA La presente deliberazione è stata dichiarata immediatamente eseguibile ai sensi dell art. 134, comma 4, D.Lgs. n. 267/2000 COPIA Deliberazione della GIUNTA COMUNALE n 211 Seduta del 28/10/2013 All.12 OGGETTO:

Dettagli

L impatto della Pianificazione Strategica nell Ente Locale. Dal Programma di mandato alle azioni operative

L impatto della Pianificazione Strategica nell Ente Locale. Dal Programma di mandato alle azioni operative Dal Programma del Sindaco al controllo strategico: la verifica continua dell allineamento tra azione e strategia nell Ente Locale Firenze, 19 novembre 2010 L impatto della Pianificazione Strategica nell

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE, MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE, MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE COMUNE DI CASLINO D ERBA Provincia di Como REGOLAMENTO PER LA GESTIONE, MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE (approvato con delibera della Giunta Comunale n. 21 del 08.03.2013) INDICE CAPO I - PRINCIPI

Dettagli

COMUNE DI TICINETO RELAZIONE SULLE PERFORMANCE

COMUNE DI TICINETO RELAZIONE SULLE PERFORMANCE COMUNE DI TICINETO RELAZIONE SULLE PERFORMANCE Anno 2013 La presente relazione, redatta dal Segretario comunale in qualità di Responsabile del servizio personale, evidenzia a consuntivo, con riferimento

Dettagli

COMUNE DI GONNOSNO Provincia di Oristano PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

COMUNE DI GONNOSNO Provincia di Oristano PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA COMUNE DI GONNOSNO Provincia di Oristano PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA (Art. 11 c. 2, del ) Indice generale 1. PREMESSA 2. I DATI DA PUBBLICARE SUL SITO ISTITUZIONALE DEL COMUNE

Dettagli

COMUNE DI MAROSTICA PIANO ESECUTIVO DELLA GESTIONE PIANO DELLE RISORSE E DEGLI OBIETTIVI ANNO 2012 PIANI OPERATIVI DELLA PERFORMANCE

COMUNE DI MAROSTICA PIANO ESECUTIVO DELLA GESTIONE PIANO DELLE RISORSE E DEGLI OBIETTIVI ANNO 2012 PIANI OPERATIVI DELLA PERFORMANCE COMUNE DI MAROSTICA PIANO ESECUTIVO DELLA GESTIONE PIANO DELLE RISORSE E DEGLI OBIETTIVI ANNO 2012 PIANI OPERATIVI DELLA PERFORMANCE TRIENNIO 2012-2014 PIANI OPERATIVI PER IL RAGGIUNGIMENTO DI OBIETTIVI

Dettagli

DIREZIONE PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO

DIREZIONE PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DIREZIONE PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO Sintesi delle funzioni attribuite DIREZIONE UNITA` ORGANIZZATIVA con fondi della Legge Speciale per Venezia, sovrintende all erogazione dei contributi per il recupero

Dettagli

Risultato (%) Obiettivo. Peso % Obiettivo di Performance Performance attesa Non Avviato Avviato Perseguito

Risultato (%) Obiettivo. Peso % Obiettivo di Performance Performance attesa Non Avviato Avviato Perseguito Scheda Valutazione Responsabili PO ENTE Golfo Aranci SERVIZIO: Finanziario ANNO 2013 DIRIGENTE/RESPONSABILE Simona Lai PERFORMANCE INDIVIDUALE Valutazione del risultato ottenuto - Percentuali di conseguimento

Dettagli

Comune di Monti PIANO DI ASSEGNAZIONE DELLE RISORSE E DEGLI OBIETTIVI DI PERFORMANCE SCHEDA

Comune di Monti PIANO DI ASSEGNAZIONE DELLE RISORSE E DEGLI OBIETTIVI DI PERFORMANCE SCHEDA Comune di Monti PIANO DI ASSEGNAZIONE DELLE RISORSE E DEGLI OBIETTIVI DI PERFORMANCE SCHEDA OBIETTIVI PERFORMANCE ORGANIZZATIVA E INDIVIDUALE DEI TITOLARI DI POSIZIONE ORGANIZZATIVA E DEL PERSONALE DIPENDENTE

Dettagli

FUNZIONIGRAMMA MACRO STRUTTURA COMUNE DI PALMANOVA

FUNZIONIGRAMMA MACRO STRUTTURA COMUNE DI PALMANOVA FUNZIONIGRAMMA MACRO STRUTTURA COMUNE DI PALMANOVA STAFF 1 Uffici di supporto organi direzione politica (SINDACO) - Segreteria del Sindaco - Segreteria dell Associazione intercomunale del Palmarino - Attività

Dettagli

AREA SERVIZI FINANZIARI E TRIBUTARI E DEL PERSONALE

AREA SERVIZI FINANZIARI E TRIBUTARI E DEL PERSONALE AREA SERVIZI FINANZIARI E TRIBUTARI E DEL PERSONALE servizi per la gestione delle risorse economico-finanziarie servizi di provveditorato ed economato servizi tributari servizio del personale servizi istituzionali

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE COMUNE DI VOBARNO (Provincia di Brescia) SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Art 7 Decreto Legislativo 150/2009 Revisione del 2 novembre 2011 INDICE INDICE... 2 PREMESSA... 3 I CARATTERISTICHE

Dettagli

LE RISORSE FINANZIARIE E LA DOTAZIONE PATRIMONIALE. Il Rendiconto della Gestione 2007 Gli Indicatori Il patrimonio del Comune

LE RISORSE FINANZIARIE E LA DOTAZIONE PATRIMONIALE. Il Rendiconto della Gestione 2007 Gli Indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E LA DOTAZIONE Il Rendiconto della Gestione 2007 Gli Indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E DOTAZIONE L elevata varietà e complessità di servizi e funzioni

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA 2015-2017

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA 2015-2017 (allegato Delibera Giunta n. 4 del 02.02.2015) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA 2015-2017 (in attuazione del D. Leg.vo 33/2013) PREMESSA Con la redazione del Programma Triennale per la

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Anni 2013 2015

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Anni 2013 2015 PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Anni 2013 2015 1 - Finalità del Piano L articolo 11, comma 1, del decreto legislativo n.150 del 2009 definisce la trasparenza come accessibilità totale, anche

Dettagli

STATO DI PREVISIONE DELLE AZIONI DEL PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E l INTEGRITA

STATO DI PREVISIONE DELLE AZIONI DEL PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E l INTEGRITA STATO DI PREVISIONE DELLE AZIONI DEL PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E l INTEGRITA TABELLA DELLE CATEGORIE DI DATI DA PUBBLICARE N. CATEGORIA DI DATI DESCRIZIONE DELL AZIONE TEMPI DI ATTUAZIONE STRUTTURA

Dettagli