Protocollo d Intesa per l attivazione e gestione della Rete Over to Over

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Protocollo d Intesa per l attivazione e gestione della Rete Over to Over"

Transcript

1 Protocollo d Intesa per l attivazione e gestione della Rete Over to Over TRA Regione Liguria Servizio Pianificazione e Programmazione delle Politiche Sociali Integrate, con sede in Genova, Via Fieschi 15, CF.., in persona del legale rappresentante., nato/a a.il, domiciliato per la carica presso la sede dell Ente E Soggetto 1, con sede in, Via, CF.., in persona del legale rappresentante., nato/a a.il, domiciliato per la carica presso la sede dell Ente E Soggetto 2, con sede in, Via, CF.., in persona del legale rappresentante., nato/a a.il, domiciliato per la carica presso la sede dell Associazione E Soggetto 3, con sede in, Via, CF.., in persona del legale rappresentante., nato/a a.il, domiciliato per la carica presso la sede dell Ente VISTI - La Raccomandazione del Consiglio d Europa 19 Febbraio 2014 sulla promozione dei diritti umani delle persone anziane; - Il Formulario del Progetto Over to Over, anziani al servizio di altri anziani ; - Il Programma di cooperazione transfrontaliera Italia-Francia Marittimo ; - La Carta Europea dell autonomia locale; - Il Piano Sociale Integrato Regionale , adottato con deliberazione del Consiglio Regionale Assemblea legislativa della Liguria, n. 18 del 6 agosto 2013; - La Legge Regionale 6 dicembre 2012, n. 42 ( Testo Unico del Terzo Settore ) ; - Il Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n. 467 e successive integrazioni e modificazioni ( Testo Unico degli Enti Locali ); - La legge 8 novembre 2000, n. 328, Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali ; - La legge 11 agosto 1991, n 266, Legge-quadro sul volontariato; - La deliberazione di Giunta regionale del 26 maggio 2006 n. 537 sulla creazione di una Rete per la non autosufficienza e lo sviluppo dei servizi di prossimità, che detta indirizzi per l avvio dei servizi di prossimità in ciascun Distretto Sociosanitario; - La Legge regionale 3 novembre 2009, n. 49 Promozione e valorizzazione dell invecchiamento attivo ; - La Legge regionale 24 maggio 2006, n. 12 Promozione del sistema integrato di servizi sociali e sociosanitari. 1

2 CONSIDERATO CHE a. In Italia gli ultrasessantacinquenni sono oltre 12 milioni e rappresentano il 21% sul totale della popolazione residente. La Liguria è la regione più anziana d Italia: su una popolazione totale di abitanti vivono anziani (27,7%). Fra questi si stimano circa persone non autosufficienti. b. Una quota considerevole di anziani è proprietario della casa di abitazione, che con gli anni diventa troppo grande per le esigenze di una sola persona o di una coppia di coniugi, o talvolta fatiscente e bisognosa di (costose) manutenzioni. Molti nuclei familiari con capofamiglia anziano vivono in case sovradimensionate rispetto alle loro esigenze, con costi di mantenimento spesso elevati rispetto alle loro possibilità. c. L allungamento della vita media e l invecchiamento della popolazione portano ad un crescente bisogno di cure mediche e di assistenza nell ultima fase della vita, con la conseguenza di incrementare il bisogno di liquidità. L assorbimento di risorse per soddisfare i bisogni di cura e assistenza, unito all erodersi del potere d acquisto delle pensioni, ha portato e porterà in futuro a una crescita del numero di house rich, cash poor, vale a dire di persone anziane con beni immobiliari di un certo valore ma una scarsa disponibilità di risorse per soddisfare le proprie esigenze di vita. d. La Regione Liguria è capofila del Progetto Over to Over, finanziato nell ambito del Programma Operativo transfrontaliero marittimo. Il Progetto Over to Over, che vede tra i partner la Regione Toscana ed il Dipartimento della Corsica del Sud, nasce con l idea di aiutare gli anziani a utilizzare tutto o parte del proprio patrimonio immobiliare per consentire loro di pagare le cure e l assistenza di cui necessitano, come pure con l idea di favorire il ripensamento della propria condizione abitativa, trovando forme di convivenza e di housing più rispondenti ai bisogni. Il Progetto intende promuovere, tra l altro, la vendita della nuda proprietà e l uso del prestito vitalizio ipotecario, quali strumenti di gestione del patrimonio immobiliare che hanno visto un considerevole sviluppo in alcuni Paesi esteri ma stentano ad attecchire in Italia, per via del radicato attaccamento alla casa, ma anche di una diffidenza (talvolta fondata) nei confronti di agenzie e società immobiliari. e. La Regione Liguria, in considerazione della propria partecipazione al Progetto Over to Over, ha organizzato una serie di incontri con gli stakeholder regionali, nel corso dei quali è stata rappresentata l esigenza di costituire una rete pubblico-privata per avviare e sostenere l iniziativa del Progetto Over to Over. f. La Regione Liguria ha recepito le risultanze di tali incontri, intesi quali momenti partecipativi e di confronto ed ascolto dei fabbisogni territoriali, prendendo atto che i portatori di interesse regionali hanno ritenuto che la Rete, con le caratteristiche di cui sopra, costituisca lo strumento maggiormente idoneo per l attuazione dell iniziativa, sottolineando, inoltre, il particolare valore dell esperienza per la coerenza con gli orientamenti regionali volti a promuovere forme di co-housing e di residenzialità leggera, come pure con la visione di governo condiviso del territorio fatta propria dalla Regione Liguria. Conseguentemente, la Regione Liguria ha dato avvio al percorso di istituzione ed attivazione della Rete, mediante la redazione del presente Protocollo 2

3 d Intesa, che rappresenta un atto di governance che istituisce la partnership pubblicoprivata necessaria per avviare l iniziativa, sancendo la convergenza dei soggetti firmatari su un indirizzo comune. Potranno far seguito al Protocollo d Intesa la stipula di ulteriori accordi, quali patti di sussidiarietà e associazioni di scopo. g. Gli attori regionali sono stati previamente coinvolti nelle attività di lancio dell iniziativa Over to Over, oltre che partecipando agli incontro e occasioni di confronto organizzati dalla Regione, anche sottoscrivendo una Lettera di Intenti, con la quale hanno espresso il loro interesse di fondo ad aderire alla Rete Over to Over ed a contribuire affinché l iniziativa si sviluppi secondo le premesse. CONSIDERATO ALTRESI CHE h. Risulta prioritario dare sostegno e speditezza agli impegni sopra evidenziati, con particolare riguardo alla pratica attuazione della rete e dei servizi che verranno erogati dalla Rete. A fronte del riconoscimento dell importanza dello sviluppo e valorizzazione di strumenti che permettano di rendere liquida una parte della ricchezza accumulata nella casa di abitazione, conservando il diritto ad abitare nella propria casa fino al termine della vita, si prende atto dei possibili rischi, dovuti all imperfetto funzionamento dei meccanismi di mercato, unito alla fragilità di molti dei soggetti coinvolti. Da qui l interesse della Regione Liguria e degli altri soggetti firmatari ad attivarsi per proteggere le parti più deboli dello scambio; i. La Regione Liguria riconosce l'utilità sociale delle attività svolte a favore degli anziani da parte del Terzo Settore e delle Associazioni di categoria. Tali attività devono essere considerate complementari e non sostitutive a quella svolta dalla Pubblica Amministrazione. j. Si riconosce l importanza del potenziale di sviluppo di strumenti che permettano di rendere liquida una parte della ricchezza accumulata nella casa di abitazione conservando il diritto ad abitare nella propria casa fino al termine della vita. L imperfetto funzionamento dei meccanismi di mercato, unito alla fragilità di molti dei soggetti coinvolti, giustifica l interesse per possibili azioni da parte di soggetti pubblici e nonprofit (o senza finalità speculative) volte a proteggere le parti più deboli dello scambio. k. Le tipologie di strumenti che consentono di rendere liquida la ricchezza immobiliare possono suddividersi in due categorie: strumenti, quali il prestito vitalizio ipotecari, in cui è prevista l emissione di debito e strumenti, quali la cessione della nuda proprietà, basati sulla cessione di una parte dei diritti reali relativi all immobile. l. La Rete Over to Over, in entrambe i casi, come pure in ipotesi affini, quali l adesione ad un intervento di housing sociale, si atterrà a modalità di intervento basate su attività quali informazione, consulenza, certificazione e definizione di buone prassi. RITENUTO CHE: m. Il target della Rete Over to Over è costituito dagli ultrasessantacinquenni proprietari di casa, intenzionati a liquidare tutto o parte del proprio patrimonio immobiliare al fine di migliorare il proprio benessere o soddisfare i bisogni di cura e assistenza, o anche intenzionati a ripensare la propria situazione abitativa e di convivenza per renderla più rispondente alle proprie esigenze di vita. Sulla base della segmentazione di detta fascia 3

4 di popolazione target, imperniata su criteri legati, per un verso, allo stato di salute ed al livello di autosufficienza, e, per altro verso, alle reti familiari, si è pervenuti all individuazione di tipologie di popolazione target con caratteristiche comuni, che, combinati tra loro, danno luogo alla seguente matrice di segmentazione della popolazione target: Non autosufficienza Parziale o totale Assente 1. Non autosufficiente con liquidità e/o forte sostegno familiare 3. Autosufficiente con liquidità e/o forte sostegno familiare 2. Non autosufficiente con scarsa liquidità e/o scarso sostegno familiare 4. Autosufficiente con scarsa liquidità e/o scarso sostegno familiare Forte Assente o debole Liquidità e/o sostegno della famiglia Il target principale del progetto Over to Over è costituito dal secondo quadrante in alto a destra: al suo interno, infatti, si trovano quegli anziani che sentono maggiormente il bisogno di trovare soluzioni per procurarsi l accesso alle cure per un certo numero di anni. Tuttavia, anche all interno delle altre categorie possono trovarsi potenziali bacini di utenti. E infatti possibile, ad esempio, che anche chi può contare su una rete familiare di sostegno decida di avvalersi di una consulenza su come gestire il proprio patrimonio in vista di una futura esigenza di liquidità, o al fine di ritardare il più possibile il ricorso all aiuto dei figli e della famiglia. RITENUTO ALTRESI CHE n. Si possa adottare una strategia di intervento basata su: o raccordo operativo tra soggetti erogatori dei servizi agli anziani, nell ambito di una rete territoriale costituita da soggetti pubblici e privati, per avviare e sostenere l iniziativa del Progetto Over to Over ; o mobilitazione di risorse professionali di eccellenza; o forte raccordo con le agenzie immobiliari e previsione di criteri e modalità di accreditamento delle medesime; o necessità di assicurare la copertura completa dei servizi erogabili; o massima efficacia ed efficienza dell azione amministrativa; o coinvolgimento di una rete di volontari, preferibilmente selezionati all interno degli ultra 65enni (cosiddetti AVI, Assistenti Volontari Immobiliari), in grado di attivarsi capillarmente sul territorio; o. La Rete Over to Over rappresenta il soggetto promotore e responsabile dell iniziativa: una rete solidale di soggetti pubblici e privati, già operativi sul territorio regionale, che promuove il welfare comunitario, e fornisce concreto supporto agli anziani che vivono soli a mantenere la loro autosufficienza economica, mettendo a reddito i loro beni immobili o sperimentando nuove forme di convivenza. Detta rete pubblico-privata, infatti, è volta a sostenere gli anziani verso una gestione del patrimonio immobiliare 4

5 finalizzata al miglioramento del benessere e della qualità della vita. Per svolgere il compito, la Rete contribuirà alla promozione di nuove modalità di gestione dei patrimoni immobiliari, quali la vendita della nuda proprietà o il prestito vitalizio ipotecario, e nuove modalità dell abitare in età anziana, cercando di coniugare il più possibile la permanenza a domicilio con le esigenze di cura. Una delle attività che svolgerà la Rete Over to Over, ad esempio, sarà quella di accompagnare gli anziani che intendono continuare a vivere a casa propria nella vendita della nuda proprietà dell'abitazione, per acquisire la liquidità necessaria al pagamento delle cure e dell assistenza. Inoltre, la Rete Over to Over si occuperà di promuovere forme alternative di domiciliarità e convivenza per gli anziani, quali alloggi protetti, co-housing o frazionamento dell'immobile di abitazione. p. La Rete Over to Over è composta da soggetti già operanti sui territori e interessati a contribuire attivamente al progetto. Ciò permetterà ad essa di godere, oltreché di vantaggi di costo, anche di una struttura flessibile e che valorizza le esperienze dei territori: il modo migliore per permettere un rapido adattamento al mercato e alle esigenze dell utenza. La Rete si compone di: soggetti istituzionali quali Regione (Settore Politiche sociali e abitative), Agenzie per la casa, ANCI, Comuni aderenti; soggetti del privato sociale attivi nei settori della residenzialità leggera, housing sociale e/o dei servizi di cura alla persona. q. Lo schema di funzionamento della Rete Over to Over in Liguria, prevede il raccordo tra tutti i soggetti firmatari per l erogazione di servizi agli anziani, al fine di: o assicurare il fattivo supporto agli anziani in relazione al tema della casa, promuovendo nuove modalità di gestione e valorizzazione del loro patrimonio immobiliare, per consentire loro di mantenere la loro autosufficienza economica e di fruire pienamente dei servizi di cura ed assistenziali necessari o funzionali al loro benessere, e, più in generale, finalizzando la gestione immobiliare dei loro beni al sostegno economico dei loro bisogni di cura e assistenza ed a migliorare la loro qualità della vita, o cercare di coniugare il più possibile la permanenza a domicilio con le esigenze di cura; o valorizzare appieno la specializzazione di tutti i soggetti operanti nell ambito del presente Protocollo d Intesa, con particolare riguardo all erogazione dei servizi; o canalizzare l accesso ai servizi offerti dalla Rete Over to Over attraverso il call center regionale InformAnziani, già attivo al numero verde , per poi indirizzare gli anziani agli AVI ed ai servizi specialistici distribuiti sul territorio, che meglio rispondono al bisogno rilevato in fase di prima accoglienza; o assicurare ai destinatari la fruizione dei servizi in modo integrato nell ambito di percorsi individuali, eventualmente articolati in più interventi, che possano essere erogati anche da soggetti diversi (mantenendo, tuttavia, l unitarietà del percorso). r. Sono stati definiti i criteri di accreditamento delle agenzie immobiliari, che vogliano collaborare con la Rete Over to Over. Trattasi di un codice di condotta per detti operatori privati, che richiede agli stessi di muoversi sul mercato della nuda proprietà in modo eticamente corretto e trasparente. In tale ambito sono state anche individuate buone pratiche da seguire. I soggetti privati che si conformino a tali criteri, potranno ricevere una sorta di certificazione relativa all eticità dei loro comportamenti ed essere 5

6 coinvolte nelle iniziative della Rete Over to Over, favorendo, in tal modo, la collaborazione tra soggetti interessati a uno sviluppo etico del mercato della nuda proprietà, e contribuendo a rimuovere gli elementi distorsivi delle attuali dinamiche di mercato, e, conseguentemente, estendendo la tutela dei soggetti più fragili. s. Le agenzie immobiliari finora accreditate sono le seguenti: o Agenzia 1 o Agenzia 2 o Agenzia 3 CONSTATATO CHE t. Sia opportuno valorizzare il rapporto di collaborazione esistente tra gli enti firmatari, con il fine di realizzare soluzioni innovative per il sostegno economico delle esigenze di cura e assistenza della popolazione anziana mediante la promozione di modalità di gestione e valorizzazione del patrimonio immobiliare, in grado di conseguire un significativo miglioramento della loro qualità della vita della popolazione anziana coinvolta, in una con una maggiore qualità, efficienza ed economicità delle attività amministrative e dei servizi correlati; u. La creazione di un efficace e sinergico sistema a rete tra realtà pubbliche e private sia in grado di consentire la riduzione degli oneri amministrativi con conseguente recupero di tempo e risorse ad attività fondamentali per la cura ed il benessere dell anziano, individuando tra i principali attori di questo sistema inserire enti firmatari; v. La necessità di interagire con gli enti privati attivi nel mercato immobiliare che rispettino determinati requisiti, in particolare con le agenzie immobiliari, in relazione alla definizione ed implementazione di innovative soluzioni di gestione del patrimonio immobiliare degli anziani, e di dover semplificare, ma soprattutto valorizzare le relazioni con tali interlocutori. Sono stati all uopo definiti criteri di accreditamento, che consentono la garanzia dell osservanza degli indispensabili requisiti di tutela dell anziano e di imparzialità e trasparenza. Alcune attività ad elevato contenuto tecnico, quali quelle di consulenza, saranno, infatti, fornite da specialisti, individuati non solo all interno delle Agenzie per la casa comunali, ma anche di società e agenzie immobiliari che decideranno di accreditarsi per svolgere queste attività. Il progetto prevede infatti un processo di accreditamento per gli enti privati attivi nel mercato immobiliare che dimostrino di rispettare i requisiti sanciti nei criteri di accreditamento. Sulla base di quanto sin qui enunciato, gli Enti firmatari, come sopra generalizzati e rappresentati, nel pieno esercizio del potere di rappresentanza ad essi riconosciuto dai rispettivi Statuti, SOTTOSCRIVONO IL SEGUENTE PROTOCOLLO DI INTESA per la realizzazione della Rete pubblico-privata Over to Over, finalizzata a promuovere in Liguria nuove modalità di gestione e valorizzazione del patrimonio immobiliare degli anziani, volte al sostegno economico dei loro bisogni di cura e assistenza ed a migliorare la loro qualità della vita Articolo 1 - Premesse 6

7 1. Le premesse e considerazioni sopra citate costituiscono parte integrante e sostanziale del presente documento. Articolo 2 - Oggetto e finalità del Protocollo di Intesa 1. Oggetto di questo Protocollo di Intesa è la realizzazione di un rapporto formalizzato di reciproca collaborazione e sostegno tra i soggetti firmatari nella gestione di attività di interesse pubblico in Liguria. In particolare, gli Enti firmatari intendono perseguire obiettivi di efficacia nel sostegno agli anziani in Liguria verso una gestione e valorizzazione del patrimonio immobiliare finalizzata al miglioramento del benessere e della qualità della vita, aiutando concretamente gli anziani che vivono soli a mantenere la loro autosufficienza economica, mettendo a reddito i loro beni immobili o sperimentando nuove forme di convivenza. I soggetti firmatari si impegnano ad un coordinamento permanente per la realizzazione degli obiettivi prefissi dal presente protocollo, con particolare riferimento all obiettivo di offrire supporto agli anziani in relazione al tema della casa, promuovendo nuove modalità di gestione e valorizzazione del loro patrimonio immobiliare, per consentire loro di fruire pienamente dei servizi di cura ed assistenziali necessari o funzionali al loro benessere, e, più in generale, finalizzando la gestione immobiliare dei loro beni al sostegno economico dei loro bisogni di cura e assistenza ed a migliorare la loro qualità della vita. La Rete Over to Over contribuirà alla promozione di nuove modalità di gestione dei patrimoni immobiliari, quali ad esempio la vendita della nuda proprietà o il prestito vitalizio ipotecario, e nuove modalità dell abitare in età anziana, cercando di coniugare il più possibile la permanenza a domicilio e le esigenze di cura. Articolo 3 - Ambito di applicazione 1. Il presente Protocollo di Intesa definisce le modalità di collaborazione tra la Regione Liguria e gli altri Enti firmatari per l erogazione dei servizi di cui all articolo Gli Enti firmatari convengono e concordano che l attivazione della Rete Over to Over è subordinata alla sottoscrizione del presente Protocollo. 3. Gli Enti firmatari si impegnano a svolgere con correttezza e trasparenza i compiti ad esse attribuiti e dettagliati nei successivi articoli, secondo uno spirito di leale collaborazione. Articolo 4 Criteri generali Gli Enti firmatari si accordano sui seguenti criteri generali da porre alla base del presente Protocollo di Intesa: - la definizione comune e concordata tra di loro del programma di lavoro, secondo le modalità di cui all art. 9; - la definizione degli ambiti relativi alle attività; - la definizione delle modalità di attuazione del programma; - la definizione dei tempi di attuazione; - la definizione di chiare e condivise modalità di verifica e rendiconto; - la sottoscrizione del protocollo da parte degli Enti; Articolo 5 Servizi oggetto della Rete 7

8 1. La Rete Over to Over fornirà agli anziani proprietari di casa e alle loro famiglie un servizio di tutela e consulenza sugli strumenti di gestione del patrimonio immobiliare (es. nuda proprietà, prestito vitalizio immobiliare, ) ed accompagnerà queste persone e famiglie nell eventuale scelta di nuove soluzioni di housing per meglio soddisfare le loro esigenze (es. co-housing, frazionamento dell abitazione, residenzialità leggera, ). Nella seguente tabella sono riportati nello specifico i principali servizi che saranno effettuati dalla Rete Over ti Over a favore degli anziani e delle loro famiglie. Macro-azioni 1. Servizio di tutela e consulenza ad anziani e famiglie Breve descrizione Informazione e orientamento dell anziano sugli strumenti a disposizione per la gestione diretta dell immobile (vendita nuda proprietà, prestito vitalizio ipotecario, rendita vitalizia, ) e per la gestione indiretta, cioè affidata a vario titolo a soggetti terzi (tramite trust, contratto di mandato, ); Informazione sui regolamenti a tutela degli interessi del proprietario di immobili Informazione e orientamento dell anziano sulle possibili soluzioni di housing per meglio soddisfare le loro esigenze (co-housing, frazionamento dell abitazione, residenzialità leggera, ) 2. Accreditamento Accreditamento di soggetti privati quali agenzie e società immobiliari sulla base di specifici criteri. In particolare potranno essere accreditati i seguenti soggetti: società di amministrazione e gestione di beni immobili per conto terzi, che per tale attività si avvalgano della collaborazione di soggetti autorizzati alla mediazione immobiliare; agenzie immobiliari con operatori in possesso del requisito dell iscrizione al Ruolo mediatori presso la Cciaa Legge 39/89; consorzi od associazioni temporanee di impresa che raggruppano soggetti con le caratteristiche sopra descritte. 3. Attività di promozione culturale e formazione dei volontari (AVI) Promozione dell iniziativa, degli strumenti innovativi di gestione immobiliare e delle nuove soluzioni di housing per anziani; Formazione dei volontari (AVI) sugli strumenti e soluzioni di cui sopra. 2. I servizi di cui al comma 1 sono erogati dagli Enti firmatari, nel rispetto delle modalità di cui al presente Protocollo di Intesa, oltre che delle normative vigenti. Articolo 6 Modalità operative 1. Il punto di accesso ai servizi per tutti gli anziani liguri e le loro famiglie è il Call Center regionale InformAnziani, già attivo al numero verde , che fornisce un supporto per la gestione delle necessità quotidiane e l organizzazione del tempo libero e della socialità. Gli operatori del Call Center avranno il compito di ascoltare l anziano e di orientarlo verso i servizi della Rete Over to Over : nello specifico, l operatore metterà l anziano in contatto con l AVI attivo sul suo territorio e lo indirizzerà all ente accreditato più prossimo alla sua abitazione. Si prevede eventualmente di introdurre la possibilità di accesso al servizio anche 8

9 presso gli ATS (Ambiti Territoriali Sociali), sempre in collaborazione con il Call Center regionale. 2. La pagina web dedicata all iniziativa Over to Over, sul sito della Regione Liguria, costituisce un ulteriore punto di contatto e di scambio con gli utenti: in tale pagina sono messi a disposizione materiali informativi sugli strumenti di gestione immobiliare e sulle modalità innovative di housing rivolte alla popolazione anziana: link alla pagina. 3. La lista dei soggetti del privato sociale che aderiscono alla rete di progetto e cui afferiscono gli AVI e la lista delle società ed agenzie immobiliari accreditate sono consultabili sulla pagina web del sito della Regione Liguria, dedicata all iniziativa Over to Over, e sui siti internet dei Comuni aderenti. 4. Una volta preso contatto con l AVO di riferimento del territorio, l anziano ed eventualmente i suoi familiari potranno usufruire di una consulenza sulle modalità di utilizzo e/o liquidazione di (parte del) patrimonio immobiliare, tramite colloqui con l AVO stesso, opportunamente formato sulle possibilità di co-housing, frazionamento dell abitazione e altre forme innovative dell abitare anziano, e tramite incontri con l Agenzia immobiliare accreditata più vicina, competente su strumenti quali nuda proprietà, prestito vitalizio, ecc. Articolo 7 Ruoli dei soggetti firmatari del Protocollo di Intesa e degli altri soggetti coinvolti nell erogazione dei servizi 1. Nella Rete Over to Over i ruoli dei soggetti coinvolti rispondono alla seguente bipartizione: I. enti pubblici (in primis Regione Liguria e Comuni): promotori dell iniziativa e catalizzatori di interesse sui territori; II. Terzo settore, in particolare gli enti attivi sul fronte dei servizi agli anziani: mettono a disposizione i propri volontari (AVI) per affiancare gli anziani e le loro famiglie nel processo informativo e decisionale sulle tematiche relative alla gestione del patrimonio immobiliare, e/o promuovono le nuove forme di residenzialità protetta e di coabitazione per gli anziani; 2. I soggetti privati attivi nel mercato immobiliare (agenzie e società immobiliari) possono accreditarsi presso la Regione Liguria per poter svolgere attività di consulenza agli anziani in relazione agli strumenti di gestione del patrimonio immobiliare (es. nuda proprietà e prestito vitalizio), rispettando determinate regole a garanzia della correttezza di tutto il processo. 3. I servizi di consulenza sono svolti dai professionisti delle Agenzie per la casa comunali e delle società ed agenzie private accreditate, con l accompagnamento e la supervisione degli AVI. Oltre agli AVI, titolari della funzione si supervisione e controllo sul territorio saranno gli enti più vicini al contesto locale, quali i Comuni e le organizzazioni del terzo settore che aderiscono alla Rete Over to Over. 4. Il dettaglio degli strumenti utilizzati e delle persone/enti coinvolti in ciascun servizio erogato dalla Rete Over to Over è fornito dalla seguente tabella. Servizio Attività Strumenti Persone/enti a. Primo contatto con Call center, Operatore Call 1. Tutela e consulenza l utente Agenzie per la Center, operatore 9

10 2. Accreditamento 3. Promozione e formazione b. Informazioni sui contratti di nuda proprietà, prestito vitalizio, donazione con apposizione di un onere, altri atti di gestione del patrimonio; Informazioni su soluzioni innovative di housing. c. Consulenza sulla stesura di contratti a. Pubblicazione dei criteri di accreditamento scelti b. Valutazione delle richieste di accreditamento c. Controlli periodici sull attività dei soggetti accreditati a. Promozione dell iniziativa e degli strumenti innovativi di gestione immobiliare/housing b. Formazione di volontari sugli strumenti di gestione immobiliare/housing casa, ATS sportelli Sito internet e materiale cartaceo Agenzia per la casa, operatore servizi sociali Agenzie per la casa, agenzie immobiliari accreditate, AVI Sito internet e Agenzie per la casa, materiale agenzie immobiliari cartaceo accreditate, AVI Sito internet Regione - Settore Servizi informativi - Commissione ad hoc con membri di Regione - Settore Politiche sociali e abitative, ANCI e Comuni aderenti Interviste a clienti AVI, Comuni, e visite in loco organizzazioni terzo settore Organizzazione di Regione - Settore seminari e Politiche sociali e convegni; abitative, ANCI pubblicazione di articoli; passaparola Momenti ANCI formativi di gruppo, predisposizione di materiale didattico Articolo 8 Impegni dei soggetti firmatari del Protocollo d Intesa 1. La Regione Liguria si impegna a svolgere i compiti ad essa assegnati nella tabella di cui all art. 7, c. 4. In aggiunta: a) predispone i criteri per l accreditamento dei soggetti privati attivi nel mercato immobiliare e relativi aggiornamenti; b) effettua, con il supporto delle Agenzie per la Casa coinvolte nella Rete Over to Over, il monitoraggio 10

11 di realizzazione, di qualità e di efficacia dei servizi erogati dalla Rete Over to Over in Liguria; d) si attiva per promuovere esperienze di co-housing, di residenzialità leggera ed altre analoghe, in presenza dei presupposti necessari; e), la messa a disposizione della rete di dati, studi, statistiche ed altre informazioni in proprio possesso che risultino utili al lavoro della Rete ed all erogazione dei servizi, ferma restando l osservanza dei limiti e delle restrizioni eventualmente previsti dalla normativa vigente. Valuterà, inoltre, la possibilità di impegnare direttamente a supporto della suddetta attività proprio personale tecnico; f) partecipa ai lavori del Comitato Tecnico di Coordinamento di cui all art. 10; g) contribuisce a dare attuazione al programma di lavoro definito dal Comitato Tecnico di Coordinamento; 2. Gli Enti Locali e gli altri stakeholder pubblici si impegnano a svolgere i compiti ad essi assegnati nella tabella di cui all art. 7, c. 4. In aggiunta: a), nonché la messa a disposizione di studi, ricerche, dati, statistiche e altre informazioni in proprio possesso, che risultino utili al lavoro della Rete, ferma restando l osservanza dei limiti e delle restrizioni eventualmente previsti dalla normativa vigente; b) partecipano ai lavori del Comitato Tecnico di Coordinamento di cui all art. 10; c) contribuiscono a dare attuazione al programma di lavoro definito dal Comitato Tecnico di Coordinamento; 3. Il Terzo Settore e l Associazionismo si impegnano a svolgere i compiti ad essi assegnati nella tabella di cui all art. 7, c. 4. In aggiunta: a), promuovono la partecipazione di volontari (AVI), opportunamente formati, per lo svolgimento delle attività; b) garantiscono la messa a disposizione di studi, ricerche, dati, statistiche e altre informazioni in proprio possesso, che risultino utili al lavoro della Rete, ferma restando l osservanza dei limiti e delle restrizioni eventualmente previsti dalla normativa vigente; b) partecipano ai lavori del Comitato Tecnico di Coordinamento di cui all art. 10; c) contribuiscono a dare attuazione al programma di lavoro definito dal Comitato Tecnico di Coordinamento; 4. Le risorse umane necessarie per lo svolgimento delle attività saranno reperite fra i firmatari del presente Protocollo di Intesa (soprattutto fra gli enti del Terzo Settore) e all interno dei soggetti accreditati (società e agenzie immobiliari). In particolare, le società ed agenzie accreditate metteranno a disposizione i professionisti in grado di fornire consulenze agli anziani e alle loro famiglie, mentre i soggetti del Terzo settore metteranno a disposizione i volontari AVI. Articolo 6 Ruolo degli Anziani Volontari Immobiliari AVI 1. La Rete Over to Over si serve in primis di una rete di volontari (Anziani Volontari Immobiliari, AVI), appositamente formati per tutelare l anziano nelle operazioni di gestione del patrimonio, per verificare il rispetto delle regole da parte dei soggetti accreditati e, in generale, per accompagnare gli anziani e le loro famiglie nella fruizione dei servizi di consulenza e per supportarli nelle scelte relative ai loro patrimoni. 11

12 2. I volontari sono reclutati sia all interno delle associazioni e organizzazioni aderenti alla Rete, sia fra i neo-pensionati, in collaborazione con l INPS e in linea con le iniziative sull invecchiamento attivo esistenti in regione. 3. La Rete Over to Over garantisce la necessaria copertura assicurativa ai volontari che prestano i servizi e per la responsabilità civile verso terzi. Articolo 7 Criteri di Accreditamento delle Società immobiliari; 1. La Rete Over to Over collaborerà esclusivamente con i soggetti privati operanti nel mercato immobiliare accreditati presso la Regione Liguria (premesse i, m). L accreditamento potrà avvenire sulla base di specifica domanda del soggetto interessato. Detta domanda sarà valutata sulla base dei Criteri di Accreditamento adottati e resi noti, ad esempio mediante prossima pubblicazione sulla pagina web dedicata all iniziativa Over to Over. 2. I costi futuri legati alle verifiche di idoneità saranno coperti dalle quote di accreditamento, vale a dire contributi versati dalle società o agenzie che faranno domanda di accreditamento. Articolo 8 - Destinatari dei servizi 1. I servizi della Rete Over to Over sono destinati agli ultrasessantacinquenni proprietari di casa, intenzionati a liquidare tutto o parte del proprio patrimonio immobiliare al fine di migliorare il proprio benessere o soddisfare i bisogni di cura e assistenza, o anche intenzionati a ripensare la propria situazione abitativa e di convivenza per renderla più rispondente alle proprie esigenze di vita. In particolare, il target principale della Rete Over to Over è rappresentato dagli anziani non autosufficienti, con scarsa liquidità e/o scarso sostegno familiare Articolo 9 Spese di costituzione e gestione 1. A meno che non sia diversamente stabilito, le spese sopportate da ciascuno dei soggetti firmatari in connessione al presente Protocollo di Intesa rimangono a carico del soggetto che le ha sostenute. Articolo 10 Comitato Tecnico di Coordinamento 1. Gli Enti firmatari nomineranno entro 3 mesi dalla sottoscrizione del presente protocollo un Comitato Tecnico di Coordinamento, che definirà tutti gli elementi per assicurare l avvio delle operazioni, la concreta operatività, gestione e governance della Rete Over to Over, oltre che la prosecuzione, l eventuale estensione e l implementazione successiva della stessa, in coerenza con quanto previsto dal presente Protocollo. 2. Il Comitato avrà inoltre il compito di monitorare il rispetto degli impegni di cui sopra ed a presentare periodiche verifiche sull'andamento delle attività e rendiconto delle eventuali spese. 3. Detto Comitato sarà composto da un membro per ciascun Ente firmatario e coordinato dalla Regione Liguria Servizio Pianificazione e Programmazione delle Politiche Sociali Integrate. 12

13 4. Qualora se ne presentasse la necessità, il Comitato Tecnico di Coordinamento potrà fare ricorso a partenariati e collaborazioni esterne con Associazioni di Categoria, Università, Enti di ricerca, imprese, singoli consulenti o altre organizzazioni, nelle forme e nei modi che saranno stabiliti con appositi accordi. 5. Il Comitato predisporrà periodicamente un programma di lavoro, che comprenderà la descrizione delle attività di pubblico interesse e relativi adempimenti che si intendono attuare, anche in base alle esigenze poste dagli Enti firmatari, e i relativi tempi di realizzazione. Articolo 11 - Entrata in vigore e durata 1. Il presente Protocollo di Intesa entrerà in vigore a decorrere dal primo giorno successivo alla sua sottoscrizione e resterà in vigore per 5 anni a decorrere da tale data. 2. Esso si intende tacitamente rinnovato, per un eguale periodo di tempo fino ad esplicita rinuncia delle parti, prevedendo, se necessario e d intesa tra gli Enti sottoscrittori, un aggiornamento delle attività e dei servizi da parte del Comitato Tecnico di Coordinamento. 3. Gli Enti sottoscrittori hanno, inoltre, facoltà di recedere dal presente Protocollo, dando disdetta scritta alla Regione Liguria, con almeno 2 (due) mesi di preavviso Il presente Protocollo d Intesa consta di 13 pagine. Letto, confermato e sottoscritto. Regione Liguria Servizio Pianificazione e Programmazione delle Politiche Sociali Integrate Nome del legale rappresentante Firma Data Denominazione della ORGANIZZAZIONE Nome del legale rappresentante Firma Data Denominazione della ORGANIZZAZIONE Nome del legale rappresentante Firma Data Denominazione della ORGANIZZAZIONE Nome del legale rappresentante Firma Data 13

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI ASSOCIAZIONE ROS ACCOGLIENZA ONLUS Piazza del Popolo, 22 Castagneto Carducci (LI) Tel. 0565 765244 FAX 0586 766091 PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI Target I beneficiari del progetto saranno circa

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Pag. 1 di 5 REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Oggetto Art. 1 Il Servizio Art. 2 L Utenza Art. 3 La domanda di Accoglienza Art. 4 Il Processo di Accoglienza Art.

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Allegato C REQUISITI ALTRI SERVIZI ALLA PERSONA. Requisiti Altri servizi alla persona

Allegato C REQUISITI ALTRI SERVIZI ALLA PERSONA. Requisiti Altri servizi alla persona REQUISITI ALTRI SERVIZI ALLA PERSONA Requisiti Altri servizi alla persona Note per la compilazione delle schede dei requisiti Il legale rappresentante o l'operatore individuale compila una scheda dei requisiti

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE 1 aprile 2014 1 PREMESSA Il Consorzio camerale per il credito e la finanza, in accordo con Unioncamere Lombardia, intende individuare professionalità da

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006)

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Art.1 (Oggetto e finalità) 1. La Regione con la presente legge, in armonia

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LA COSTITUZIONE DI UN PREMESSO CHE: nell ambito delle rispettive competenze, hanno promosso la costituzione

PROTOCOLLO D INTESA PER LA COSTITUZIONE DI UN PREMESSO CHE: nell ambito delle rispettive competenze, hanno promosso la costituzione PROTOCOLLO D INTESA PER LA COSTITUZIONE DI UN OSSERVATORIO REGIONALE DEI PREZZI DEL MERCATO IMMOBILIARE E DEI COSTI DI MANUTENZIONE RISTRUTTURAZIONE E RESTAURO DELLE OPERE EDILI PREMESSO CHE: - La Camera

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi Allegato B REGOLAMENTO PER LA PREDISPOSIZIONE E PER IL FINANZIAMENTO DELLE IMPEGNATIVE DI CURA DOMICILIARE PER PERSONE CON GRAVE DISABILITÀ PSICHICA ED INTELLETTIVA (ICDp) 1. Premessa La normativa nazionale

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno..

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Comune di Modena ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI SANITARIE E ABITATIVE non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Cerchi casa e stai vivendo un momento

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO

DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO CIRCOLARE REGIONALE del 15/01/2014 - N 1 OGGETTO: PRIME INDICAZIONI ATTUATIVE DELLA DGR N. 1185/2013 CON SPECIFICO RIFERIMENTO ALLE DGR

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Progetto Insieme si può

Progetto Insieme si può Progetto Insieme si può Network dei servizi sociali Lavoro di cura, badanti, politiche dei servizi Milano, 17 aprile 2007 e.mail insieme.roma@libero.it Sito del progetto www.insiemesipuo.net GLI OBIETTIVI

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia

Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia Art. 1 (Delega al Governo in materia di protezione sociale e cura delle persone

Dettagli

DETERMINAZIONE DELLA CNFC IN MATERIA DI VIOLAZIONI

DETERMINAZIONE DELLA CNFC IN MATERIA DI VIOLAZIONI DETERMINAZIONE DELLA CNFC IN MATERIA DI VIOLAZIONI LA COMMISSIONE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA VISTO il decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive modificazioni e, in particolare,

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA LIMITAZIONI AL PROGETTO: Si escludono missioni, soggiorni e trasferimenti temporanei di sede dei volontari in Italia e all'estero

Dettagli

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 martedì, 17 gennaio, 2012 http://www.lombardiasociale.it/2012/01/17/disegnato-il-percorso-di-riforma-delladi-per-il-2012/ L'analisi del Contesto E

Dettagli

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO Allegato A alla deliberazione n. 11 dell 08/06/2012 MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO 1. COMPITI E FINALITA

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGE 11 agosto 2014, n. 125. Disciplina generale sulla cooperazione internazionale per lo sviluppo. La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato;

Dettagli

CONTRATTI di FIUME e di LAGO

CONTRATTI di FIUME e di LAGO Direzione Ambiente LINEE GUIDA REGIONALI per l attuazione dei CONTRATTI di FIUME e di LAGO Direzione Ambiente LINEE GUIDA REGIONALI per l attuazione dei CONTRATTI di FIUME e di LAGO DGR n 16-2610 del

Dettagli

Il lavoro subordinato

Il lavoro subordinato Il lavoro subordinato Aggiornato a luglio 2012 1 CHE COS È? Il contratto di lavoro subordinato è un contratto con il quale un lavoratore si impegna a svolgere una determinata attività lavorativa alle dipendenze

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14 Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi Circolare n. 19/14 contenente disposizioni inerenti gli obblighi di formazione e di aggiornamento

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO

REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO 1 ' UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE, ORGANIZZAZIONE E BILANCIO Ufficio X ex DGPOB Ufficio relazioni con il pubblico e Centro di documentazione REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO SOMMARIO CAPO

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO PART TIME PER RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE QUESITO (posto in data 23 marzo 2014) Sono una dipendente a tempo indeterminato dal 2010, trasferita in mobilità nel luglio 2011 presso un Azienda Sanitaria

Dettagli

Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7

Allegato A al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE In Atto Art. 1) Ai sensi della Legge 7 Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7 dicembre 2000, n. 383 e delle norme del codice civile in tema

Dettagli

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento...

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... Bando Ambiente 2015 Sommario Lettera d invito... 3 SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... 4 SEZIONE 2. CRITERI PER LA PARTECIPAZIONE

Dettagli

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO ACCORDI EXPO PER IL LAVORO Milano, 27 aprile 2015 Il 26 marzo scorso tra Unione Confcommercio Milano e le organizzazioni sindacali di categoria Filcams-CGIL, Fisascat-CISL e Uiltucs-UIL di Milano e di

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Direttive per il collocamento e l avviamento al lavoro

Direttive per il collocamento e l avviamento al lavoro Provincia Autonoma di Trento Direttive per il collocamento e l avviamento al lavoro Testo adottato dalla Giunta Provinciale con deliberazione n. xxxx del xx/xx/xxxx ART. 1. ELENCO ANAGRAFICO DEI LAVORATORI

Dettagli

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA 1. Quale è l indirizzo web per la presentazione della domanda di accreditamento? L indirizzo della

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

LA FORMAZIONE PROFESSIONALE CONTINUA DEI GIORNALISTI

LA FORMAZIONE PROFESSIONALE CONTINUA DEI GIORNALISTI LA FORMAZIONE PROFESSIONALE CONTINUA DEI GIORNALISTI Che cos è la Formazione professionale continua? E l attività obbligatoria di aggiornamento, approfondimento e sviluppo delle conoscenze e delle competenze

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

SOGGETTI AMMISSIBILI E CARATTERISTICHE DEI PROGETTI

SOGGETTI AMMISSIBILI E CARATTERISTICHE DEI PROGETTI BANDO SVILUPPO DI RETI LUNGHE PER LA RICERCA E L INNOVAZIONE DELLE FILIERE TECNOLOGICHE CAMPANE - FAQ Frequent Asked Question : Azioni di sistema per l internazionalizzazione della filiera tecnologica

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. R CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 DATA DI PUBBLICAZIONE DELL ESTRATTO DEL BANDO SULLA GURI: DATA DI SCADENZA

Dettagli

Convenzione tra. Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA

Convenzione tra. Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA Convenzione tra Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA Convenzione F.I.N. C.N.S. FIAMMA La Federazione Italiana Nuoto (F.I.N.), con sede legale in Roma, rappresentata

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

5 Contributo Autonoma Sistemazione

5 Contributo Autonoma Sistemazione 5 Contributo Autonoma Sistemazione CAS A valere sulle risorse finanziarie di cui all articolo 3 dell Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile (OCDPC) n. 232 del 30 marzo 2015 viene stimata

Dettagli