i- il signor BELFROND Renzo nato ad Aosta (AO) il 2 giugno 1965 i

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "i- il signor BELFROND Renzo nato ad Aosta (AO) il 2 giugno 1965 i"

Transcript

1 '". o r.: o 1::...:!;:: "'.5.; o Q "O f " 2: REPERTORO N RACCOLTA N. " 3 t= < Regstrato!G!;l'A::;sa l J& F~.2:d3 ~.A' _... V_E_R_B_A_L_E_D_~_A_SS_EMB!:'~~~''E_A_O_R_D N_A_R_l'_. DELLA.....:.-...: ~=V;:=~~<;;;X'::::==J "ASSOCAZONE VOLONTAR DEL SOCCORSO D COURMAYEUR - organzzazone d volontarato ONLUS" REPUBBLCA TALANA _...._--_._-----_._-_._-_.._~ ~--~-~------~.--.,L'anno duemlanove addì tre del mese d febbrao! alle ore ~ l' (dcan~_o_~~ ~.. ~ua~anta) ::1:~::::~::~0::. Strad~_ dells VOP~_ b.~_~r~~~~~a ~~de_ll~ lavant me dottor Gampaolo MA~CO~ è presente: - l sgnor BELFROND Renzo nato ad Aosta (AO) l 2 gugno 1965 e domclato a fn del presente atto presso la sede del- l' Assocazone, nella sua qualtà d Presdente del Consglo: Drettvo "ASSOCAZONE VOLONTAR DEL SOCCORSO D COURMAYEUR - Notao alla resdenza d Ao-!sta, scrtto presso l Collego del Dstretto Notarle d Alo-,.! ~-~ sta, organzzazone d volontarato ONLUS"! con sede n Courmayeur (AO), Strada delle Volp n. 3 bs, co- [dce Fscale , scrtta al Regstro Regonale dellel ~-.. -~~.~ -;-~ : Persone Gurdche al n. 807/1993.,.t~~" , '-'P---,---;>"'J--"':--:---- sonale o Not2jo SqrlO ost-to, n j-chede d

2 pubblca l presente atto e m dchara che s trova qu r-: Lugna, assent gustfcat sgnor PERELL Slva e STUM- --=-~ assocazone per dscutere e delberare sul seguente ': - che del Collego de Probvr è presente l sgnor ROMAGNA ~--: _====~~~se~;~:~a~;~et~~~:e; -=~= ~ ORD~_.?~~ ~:?RN(~ -- --'-t Rccardo, L~J_=_~P.P_=~~~~~n_e_d_e_l.'lUO_v_o ~~_~_tu_t_o_; l-l,~--;--1 _S_N_AR_D Gorgo; assent gustfcat sgnor CACCAMO Marka e ---_._ ~_ : ~_~) _ vare ed eventu~l~ ' ~ d~hara :-~-_ : , d - bbl. b" 'd' l. d- E nvta me Notao a far constare a questo pu 1CO ver a e 1 - l aver accertato '1 ent1ta e la legttmazone de presen-' r ',le rsultanze che l'assemblea stessa andrà f ad adottare. Al ~~_~ t f-f "j 'sderendo o jltotao do atto d quanto segue. oh. ""'.""2'" '_""~",,' ""'_';!",'''o.,,,.ab.m. -~--- _.~- ~--_._-_._ _.-._----_._._-~-"_._._~-~-- Af3sume la presderza, a sens det vgejlte statuto, J. l COlT\tHl.-t,punt d cu al predetto ordp.e del gorno, n seconda cot)vo-._._-~ " , _ l cazonel essep.do la prqa convqdqzone, fssata per le!rente qù'lle ore : --, constata: 118,30 n questo medesmo gorno e luogo, andata deserta. T che l'assemblea è stata regolarmente convocata medante av- n Presdente prende qund la parola ed espone all'assembleal -! gennao yso nvato a sens d legge e d statuto n data 13 le sngole modfche statutare che s ntendono proporre per adeguare l vgente statuto alla vgente normatva ; : 1- che ogg sono present o rappresentant, per deleghe che, L'assemblea - udto quanto sopra, dopo esaurente dscussone,!rtenute acquste agl att dell'assocazo- - voto unanme valde, vengono con espresso per alzata d mano;,,, ne, numero dodc assocat su numero qundc avent drtto, DELBERA,./):r l qual rsultant dal ~~---- foglo presenze che, omessane la lettura! - d adottare, anche al fne d adeguarlo alla normatva n! :~:::.::...o:.:..::=-:::=----:=------=-::==~--=-=---=-=-~+ t:--,-:.:=...=-=-:=~-====-=--=-=---=== ~j SP:'l1~a _""u t-"~ da.~_c:~m:,,::=.r'~:.' co~~ mo c~:,~_:]].s_o~~ _ vgo::,:-'--~~_.l1~_~:v " t:.:~"' ~:.~:-:a~ e_.?::y_(). ~_t:.11_t u t:. 0 ~:.:':.~~s_o-=_~l \ &1_1:,, sot to l_a _l_et_t_e_j~& A~~_----- ~Z 0!1=?.r0po~= d"l...l...' ='_J:'gé\l1o ammlll S~::::,,_t:.~vo -'---"?RJ:'':':'''l1..~.<:l--''--_':r:tJ 1_ che del Consglo Drettvo sono present: l Presdente 'nella persona del comparente ed ConSgler BANCH Antono, L ~ _._----_._------_ !colo per artcolo; _._ , ;_::...<l! allegare al presente verbale sotto la lettera B) detto ' ----l' t ! :., BRUMN Gasparna; PRESA Laura e URSO Govann; L~~-",-~statuto socale aggornato alla luce d quanto sopra,' T--~h~-:-~~- ~:~-~~:~-:::~-~::~~-è~:s=--=-=:::=-::ranc l :- : omessan-:--:a lett~-ra per-~~~:e~:~~~~~n-~ dal-:~=e:-::-:::

3 Va sua e ma Botl:osctzonel! 1- d dare mandato al Presdente dell' assemblea per apportal lal presente atto e allegato statuto tutte quelle modfche n, sostanzal che venssero rcheste dalle competent Autor' ln sede pubblctà del presente. Null'altro essendov da delberare e nessuno avendo chesto parola l'assemblea vene scolta alle ore (vent e d c). rchesto o Notao ho rcevuto l presente atto che, dattl scrtto da persona d ttlta fquc". ave non scrtto d mo 1= gno, ho le\:to al c01\lpm efl:(ò l quale d" ne nterpellato dchara conforme alla sua volontà ed a vertà ed n confel con me lo sottoscrve alle ore (vent e dec). Occupa d fogl due, pagne quattro ntere pù la presente. N ORGNALE FRMAT:, BELFROND Renzo Gampaolo MARCOZ, Not a lo.. -~---

4 STATUTO DELL'ASSOCAZONE VOLONTAR DEL SOCCORSO D COURMAYEUR - organzzazone d volontarato ONLUS" TTOLO l - Costtuzone, denomnazone, sede e fmaltà. ART. 1 - Denomnazone e sede legale È costtuta l'organzzazone d volontarato, denomnata: "Volontar del Soccorso d Courmayeur - organzzazone d volontarato ONLUS" che assume la forma gurdca d assocazone. L'organzzazone ha la sede legale n Strada delle Volp 3/bs nel Comune d Courmayeur. Eventual varazon d sede potranno es$er~ approvate oon semplce delberazone dell' Assemblea de soc. l oontenut e la struttura dell'organzzazone sono sprat a prncp d soldaretà, trasparenza t democraza che consentono l'effettva parteopazone della compagne a$sooatv!!, Alll vta deu'oltnzzazone stessa. L'organzzazone. l'\qonfessonale ed apathtlca e persegue le prop1'1e fnaltà senza scopo d lucro dretto e ndretto ed esclusvamente per fn d soldaretà. L'assocazone, con delbera dell'assemblea, può aderre ad organsm che perseguono fnaltà analoghe a quelle prevste dal presente Statuto. ART. 2 - Statuto L'organzzazone d volontarato "Volontar del Soccorso d Courmayeur - organzzazone d volontarato ONLUS" è dscplnata dal presente Statuto, ed agsce ne lmt della legge l agosto 1991 n. 266 e successve varazon ed ntegrazon, della legge regonale 22 luglo 2005 n. 16 d attuazone e successve varazon ed ntegrazon e de prncp general dell'ordnamento gurdco. L'Assemblea delbera l'eventuale regolamento d esecuzone dello Statuto per la dscplna degl aspett organzzatv pù partcolar. N Lo Statuto vnc?la a1ta sua osservanza.s~c~ all'organ~az~ne e costtu1~,~;1~~g?~a'?\ fondamen~le d comport&ll1ento dell' attlvlta dell' orgarnzzazlone stessa k'.!/ :>,:'2 : :' '. Le! modfche. dello Statuto devqhq essere del1;>\'ltate <!on AS~\lmblea $tr~q1\d~.. ",'.. '.. ;:! "1. '1'. ' '.,..' '. '. \ov..'.....'..' : Al}» S ~ J'mahta e a~blto ~l atm~loh~. \~:;,' :,r,;:;::<'". ".. Lo ~opp~.$fw:cfco d~qlqtgaw~lzot1~ d, Vplqn~~tQ ~. qlélla 4''F~' ;, ~ esolu$v~~~t:te, fna).~ d 1!QUÙarllltà. SO\)fàl~.l ~vl~ ~ qjlntj\1! çpn l'~gtl ".,",f"',\ spontane~; petsoh'!-le ~ gratuta del prpj;u1 SOC; contrbue o a ptln ';,.; l>~",: mutualhà'favorendo lo svluppo dell~col ett~tà attra rso la parte : ~~1.C." '~~{~1\.~. "\T~~J~~~ <,.. ~ ;:'(~~:;",F~! ;;. '. " '.~:~"'>",""(:).~ )N 00'\''-

5 :' L'attvtà assocatva s rvolge alla generaltà della popolazone e non esclusvamente agl aderent all' organzzazone medesma. L'organzzazone ;opera nell' ambto: a) santaro, soco-assstenzale e soco-santaro, con partcolare rfermento al Sstema Regonale d Emergenza-Urgenza Santara, nonché alle fasce d bsogno socale rappresentate da malatta, çlsago, povertà! dversfì, margnahtà, dsablt4 e dpendenze patologche medante ntervent rvolt a soggett d q4alsas età e s~nza dstnzone d sesso o d prqv~/1lelz!;\ geografca; b) promozone e Mel!! ~e drtt um~t)., delh~ quajtà 91::Ull vta e delle p;:td ot>portuntà; c) prevenzone delle vare potes d rschlo d calamtà natural, con partcolare rfermento alla protezone cvle e alle attvtà connesse d soccorso, accoglenza, ascolto e accompagnamento; d) tutela e protezone dell'ambente; e) promozone d nzatve d nformazone e formazone santara e d prevenzone della salute ne suo var aspett santar e socal. Per l raggungmento degl scop, l'organzzazone ntende svolgere le seguent attvtà qual: ntervent d trasporto e soccorso santaro d tpo prmaro (ntervent d 'Soccorso santaro n emergenza-urgenza) e secondaro (ntervent d tax santaro qual trasporto e trasfermento d pazent che necesstano d ntervent specalstc non esegubl n loco e trasport santar programmabl), assstenza a manfestazon d massa, sportve e cultural, relgose, ecc., trasport d tpo santaro a valenza socale (trasporto dal domclo ad una struttura santara per vste, esam, ecc.; trasporto pér ccl d terape presso ent convenzonat; consegna a domclo d farmac, materale santaro ecc.), azon d soccorso santaro, sulla base de pan regonal d protezone cvle n caso d maxemergenze, emergenze non convenzonal e calamtà. ' L'organzzazone d volontarato opera prevalentemente nell'ambto terrtorale della Regone Autonoma Valle d'aosta. ART. 4 Ammssone de soc TTOLO l Soc e personale. Sono.sòc tutte le persone che condvdono le fnaltà d~ll'organzzazone e sono moss da sp~to d soldaretà. Pos~onQ :~lventare soc tutt cttadn che habno computo la maggore età e che s mpegnpo a'sottoscrvere la quota assocatya nella msura ed entro termn fssat annualmente dall'assemblea e s mpegnno' altresì a prestare n modo personale, spontm~~ tì; gratuto la propra opera per l consegumento de fn d cu agl artt.l e 3 del presente Statuto.. L'ammssone all'organzzazone è delberata dal Consglo Drettvo, su domanda scrtta del. rchedente, complando l modulo d scrzone predsposto dall'organzzazone, comuncando propr dat anagrafc corredat da certfcato d donetà psco-fsca; quest verranno trattat con le modaltà prevste dalle vgent legg n matera d prvacy e successve varazon ed ntegrazon. La qualtà d soco s perde per: dmss(m: ogq $oço può téc\!tt~t'e p.~11'orgfu1zzazone D qualsas momento dandone comunj.cllzlme $Qrlttll al C:mstg1o Orettvo; tale reç:esso ~vrà tl!oofl:enza ìpmed&ta. mat!.cato p~samlnto della quotl!odale aulualu; decess9; esclusone a seguto d: - comportamento contrastante con gl scop statutar; - una condotta morale e cvle tale da renderlo ndegno d appartenere all'organzzazone; una condanna con sentenza penale rrevocable per reat nfamant; - qualunque atto arrech dann grav, moral e materal all'organzzazone. soc che abbano comunque cessato d appartenere all'organzzazone non hanno alcun drtto sul patrmono dell'organzzazone stessa. ART. 5 - Drtt e dover de soc soc dell'0!sanzzazone hanno l drtto d: - eleggere gl organ dell'organzzazone; - essere nformat sulle attvtà dell' organzzazone nonché sulla propra attvtà d volontaro; - controllo sull'andamento dell'organzzazone come stablto dalle legg e dallo Statuto; Tutt soc hanno ugual drtt d voto e d eleggbltà...,.",... Le prestazon fornte da soc sono a ttolo gratuto e non possono ess~)t'ett~~t~ >" nepp~e dal benefcarlo. A soc posso~o.ess~re rmbors,ate ~ol~~~,;4~: '.:,sp~$~ ~:'... effettlv~epte sosten~:e.' secondo O~POrt~ ;c1ten e parametr vahd t~r~.ttt... ~~,l~~.. ~.:.. C;;lj.. <- preventvame~te stabltb dal Consglo DrettVO, ~\:f~~.:::';:p~,,:;,,..!loq d~l'o,~~zzazone hanno l dovere d:.. ~~:~:,." olls~~~re.1~. norme del presel1te Statuto e le deltberszlon adottate dagl"'... ~:::-;::~::~\ soclah,.. / ;:" :,\'.~\ - versape l~' quota socale annuale stablta dal'assemblea; ';' 'r. :~;';)~r\ \. ;....,(h:;,,.,,'j \~t;2g~)

6 - svolgere le attvtà preventvamente concordate; segure ' percors formatv prevst dall'organzzazone secondo dettam regonal n matera d volontarato del soccorso recept dal Consglo Drettvo; - mantenere un comportamento conforme alle fnaltà dell'organzzazone e 'non compere att che danneggno gl nteress e l'mmagne dell' organzzazone. Le attvtà svolte da soc a favore dell'organzzazone sono ncompatbl con qualsas forma d lavoro subordnato e autonomo. ART. j?rqyvedment dscplnar a ç!!rco de soc Nel caso n ou soc non osservno quanto prevsto nel precedente artcolo sono soggett a seguent provvedment dscplnar qual: a) rchamo verbale ad opera del Presdente - questo vene convaldato nella prma runone del Consglo Drettvo; b) rchamo scrtto da parte del Consglo Drettvo - questo vene comuncato a seguto d delberazone del Consglo al soco medante lettera ndcand<j charamente l motvo del rchamo; c) sospensone temporanea - questo atto vene eseguto da parte del Consgl<J Drettvo ne confront del soco recdvo a rcham sopra enuncat a seguto d. delberazone dello stesso e gl vene comuncato medante lettera; d) esclusone dall'organzzazone - questo atto vene eseguto da parte del Consglc Drettvo ne confront del soco d cu all'arta del presente Statuto. n caso d- rchamo, verbale o scrtto, è facoltà del soco chedere d partecpare al Consglo Drettvo per presentare le propre controdeduzon anche n forma scrtta. provvedment d sospensone temporanea e esclusone dall'organzzazone vengonc delberat dal Consglo Drettvo. La delberazone deve ess~re comuncata al soce destnataro medante raccomandata çdn rcel\.lta d rtorto lldcando charamente l motvo della sospensone o Uell'esclusone eltro 10 gorn da,ja delbrrazone. Contro tal provvedmeht\ H ~oco può rcptt~re, con COml\ntç~one scrtta, èntro 3( gorn dalla rcezone della notfca, del pròvvedmento d esclusoll;! al Collego de Probvr. quale dovrà essere convocato entro 30 gorn dalla rcezone del rcorso. ART. 7.- Personale L' organtl:!2one s avvale n modo determnante e prevalente delle prestazon de propr ~oc "e può assumere personale dpendente o avvalers d lavoro autonomo a sens e.cne,lmt fssat dalla legge 11 agosto 1991 n. 266 e successve varazon el ntegrazon; 'esclusvamente per l suo regolare funzonamento, per sopperre specfche;esgenze, oppure per qualfcare e specalzzare le attvtà da essa svolte. TTOLO no -Assemblea de soc, compt:, valdtà e votazon. ART. 8 - ndcazone degl organ Sono organ aell' organzzazone: l'assemblea, l Consglo Drettvo, l Presdente e l Vce-Presdente, l Collego de Revsor de Cont, l Collego de Probvr. Tutte le carche socal sono gratute. ART. 9 - Composzone e convocazone L'Assemblea è composta da tutt soc dell' organzzazone. L'Assemblea s runsce almeno una volta t'amo entro l 1 Q marzo per l'approvazone de rendcont e per gl adempment d propra oompetenu oppure su convocazone del Pr~lldtlhttl dell'organzzazone.. L'Assemblea può pure essere convocata su domanda motvata e ftrmata da almeno un decmo de soc. Può essere comunque convocata dal Presdente, anche a scopo consultvo, per perodche verfche sull'attuazone de programm ed n occasone d mportant nzatve che nteressno lo svluppo assocatvo. l Presdente convoca l'assemblea con avvso scrtto esposto n sede e, ove lo rtenga opportuno, anche per ve brev attraverso fax, e-mal, telefono, sms a tutt soc contenente l'ordne del gorno almeno 15 gorn prma. A fn della valdtà della convocazone s ha rguardo dell'avvso n sede. L'Assemblea deve essere convocata presso la sede dell'organzzazone o n luogo doneo ad accoglere soc, anche fuor della sede socale. ART. l O ~ Compt dçll' Assemblea L'Assemblea ordnara vene convocata per: l'approvazone del programma e del bll/lèo d prtlvsone per l'anno successvo; l'approvazone della relazone d attvtà ~ del retldconto ecop.omjop (blanco consuntvo) dall' l:unlo precedent::j ~ 1'~~a/l1~ delle lolley!lt~ d~ rchedent p ptpp~~te d~l Collsglo Ptllttvo;. Altr compt «el j Assemblea ordnara sono: eleggere component del Consglo Drettvo;, ':\"", J, " 1..'1'... \ - eleggère ~ component del Collego de Revsor de Cont;.~ ~;;~f ''" ~';"'fttj -eleggere component del Collego de Pro b vr; ';';:}~:'. '~';r(';~:j~~'.g? - appf.~v'ru:~~gl ndrzz e l programma del Consglo Drettvo; ':,ac:zt./ ::.:..L. ra~~~~~ provv~~n:ent d competenza dell'assem~lea ttat dal C '" '. ;~~t~~ DrettVO per motv d urgenza; (ì. c:; ". 'V"\;l;1)\ l. ~~.... ;..;r,.{~j.. \'.;'?~.o ;/.t> '<~

7 stablre l'ammontare della quota soolale; - approvare la varazon~ della sacle; delberare l'~ventuale tegolamento, eleggere delegat a rappresentare l'organzzazone negl organsm d cu la stessa fa parte. L'Assemblea straordnara vene convocata per la dscussone delle proposte d modfca dello Statuto o d scoglment9 e lqudazone dell' organzzazone. Le decson del'assemblea sono mpegnatve per tutt soc compres gl assent, gl astenut e contrar. D ogn Assemblea deve essere redatto l verbale sottoscrtto dal Segretaro e dal Presdente, da nserre nel lbro delle assemblee de soc. ART. l - Valdtà dell'assemblea Hanno drtto d ntervenre all' Assemblea soc n regola con l versamento della quota socale. n prma convocazone l'assemblea è regolarmente costtuta con la presenza della metà pù uno de soc, present n propro o per delega da conferrs ad altro soco che non sa componente del Consglo Drettvo. n. seconda convocazone l'assemblea è regolarmente costtuta qualunque sa l numero de soc present, n propro o n delega. Non è ammessa pù d una delega per cascun soco. Tra la lo e zo convocazone deve trascorrere un tempo non nferore a l ora. ART Votazone L'Assemblea delbera a maggoranza de vot de present fermo restando le lmtazon prevste per la modfca: dello Statuto e per lo scoglmento dell'organzzazone. Le modtlche dello Statuto sono approvate dall'assemblea straordnara con la presenza d almeno tre quart degl aderent e l voto favorevole della maggoranza de present.. Lo s~oglmento, la cessazone owerol'estnzone e qund la lqudazone.. del' çrganz?:azone è approvata dall' Assemblea straordnara con l voto favorevole' dalneno tre quart de soc. vot soro pal~s, tranne quell rguardant le persone. Nelle d~be;~on d approvazone del blanco e n quelle che rguardano la loro resporsa~jltà, gl ammnstrator non hanno drtto d voto. 6 A4 ogn apertura del av9t, l' AsS~n1bJ~a nomna!lll~ SC1ft!\tot p~r.le eyjlntuah vouzon pales e, Jj oçpl'tsone pel rqhovo degl.l:lrgf$1 sqçfajt e $tl'$ure. d gra~~tprl~, tre s~mtprl d (lu uno 9qq tmw<lm d ptl;l~dent~,., Nelle ele.th~tl delle carche socal qwdora due o pù ~and?!'!.t rag~~g~~, la p~l~ de consens, rsultano elett fmo alla concorrenza del post dspombl plu anzan d'scrzone allbro soc. TTOLO V o - Consglo Drettvo e suo component. ART Composzone del Consglo Drettvo l Consglo Drettvo è composto da cnque a sette membr, elett dal'assemblea tra soc. l Consglo Drettvo è valdamente costtuto quando è presente la maggoranza de component avent drtto d voto. ART Durata e funzon del Consglo Drettvo l consglo drettvo dura n carca per l perodo d tre ann. l Consglo Drettvo nella sua prma runone dopo l'elezone ~a part.e dell' Assemblea, elegge tra propr component l Presdente, l Vce-Presdente, l Segretaro ed l Tesorere. compt del Segretaro e del Tesorere sono stablt dal regolamento generale dell' organzzazone. Le runon del Consglo Drettvo po$lìono essere aperte a soc, come udtor, salvo che per argoment rguardant le sngole persone. Le delberazon del Consglo Drettvo sono assunte a maggoranza de present. l Consglo Drettvo approva le propre delberazon con l metodo del voto palese. n sede d votazone n caso d partà de vot prevale quello del Presdente o n sua manclulza qllello del Vce-Presdente. n oaso d dtmjst!lon d uno o pù consgler, l Consglo Drettvo provvede a. sosttutu notn.11ando al loro posto l soco o soc che nell'ultma e.l,~~l.~~e Assembleare seguono nella graduatora della votazone, d cu all'art. 12. ~~g!!j~(): '". nuov consgler decadono nseme a quell che sono n carca all'a~.~9éj!a)or.:~:t'. ',,- t-- nomna.. :...!~7(t;~>:::' 1t{\J: \ Nel caso n cu non dsponga d tale graduatora o questa sa esaurta, ~1 9',~lt{ l nomn~ del;c~~sglere tra soc salvo ratfca da parte dell'assemblea ~ lo ':~~';~/ sua pnrna- nulone.., o,,.-..w La vac~ ~~unque determnata della metà pù. uno d. component l Co ~~~~ Drettv'o~;comporta la decade l de' o. -,~.. ~) '\(. :~j<~};:'...~l,\ ':"\,:~ 7... ~ l~~ ~ ~~~~~~~~------~---'----~\~~::~~?:.~~1]~~

8 La decadenza del Consglo comporta anche quella del Collego de Sndac revsor ~ del Collego 'de Probvr. Ne cas d decadenza degl organ socal, l Presdente dell'organzzazone assumerà la gestone ordnara della stessa ed entro 30 gorn provvederà alla convocazone dell'assemblea per l'elezone degl organ medesm che durano n carca nuovamente tre ann. membr del Consglo Drettvo possono essere rconfermat., Compete al Consglo Drettvo: - compere tutt gl att d ordnara e straordnara ammnstrazone; - fssare le norme per l funzonamento dell' organzzazone; - sottoporre all'approvazone dell'assemblea l blanco preventvo e l rendconto, economco (blanco consuntvo); - determnare l programma d lavoro n base alle lnee d ndrzzo contenute nel programma generale approvato dall'assemblea, promuovendo e coordnando l'attvtà e autorzzando la spesa; - accoglere o respngere le domande 4egl aspmnt soc; - avvare gl eventual provvedment dscplnar ne confro~t de soc; - delberare n merto all~ l;osptlps<:jm o 1l11\esclusone de s~ch - ratfcare, nella pttma seduul successva, provvedmertt d competenza del Consglo, adottat dal Presdente per motv d necesstà ed urgenza; - recepre ed adottare quanto prevsto nelle delberazon degl organ regonal n matera d volontarato del soccorso; - gestre l personale dpendente, d: cu all'art.7, o stablre rapport d lavoro autonomo ne lmt del presente Statuto. l Consglo Drettvo s runsce almeno una volta ogn tre mes e ognqualvolta l Presdente lo rtenga opportuno o ne sa fatta rchesta dalla maggoranza de suo component. Le runon del Consglo Drettvo sono convocate dal Presdente con avvso, anche per ve, )J.:ev attraverso fax, e-mal, telefono, sms, a membr del Consglo con almello cnque gorn prma della data fssata per la runone, salvo che per motv urgent. :. L'avvsO' d cbnvocazone, entro l medesmo termne.d cu al comma precedente,, deve ess~re, esposto ne local della sede. Delle ru;ruon del Consglo Drettvo vene redatto un, verbale a cura del Segretaro 8 da nserre nel lbro del Consglo Drettvo e conservare n sede. AR, l~ pj.!r&ta e funzonj gel Pres~m'! l Presldenttt l: eletto all'nterno del Consglo Drettvo, L'Assemblea, con la maggoranza de present, può revocare l Presdente. l Presdente dell'organzzazone è l Presdente del Consglo Drettvo. Egl dura n carca quanto l Consglo Drettvo e può essere reletto. l Presdente è llegale rappresentante dell'organzzazone d volontarato e compe tutt gl att che mpegnano l'organzzazone. Compete al Presdente: presedere l Consglo Drettvo e l'assemblea e curarne l'ordnato svolgmento de lavor. sottoscrvere l verbale del Consglo Drettvo e dell'assemblea e curare che sano cu$todt presso la sede dell'organzzazone dove possono essere consultat da soc. ne cas d urgenza eserctare poter del Consglo Drettvo, ad eccezone degl att d straordnara atnrnnstrazone, salvo ratfca da patte ~ quest'ultmo alla Sua prma runone; ~ MsUtnere la gestphe ordlnllta dew~~a\~azme l:j.e cas el cleç4d~1l degl d~à1 socal çq ~qtto 40 llla ç9rtvpc~dn~ l'çt l'ell.!:!!lofle de ttupv otgan. n caso d :!$sepza, mpedmento o oes:>azone, le relatve funzon sono svolte dal Vce-Presdente, TTOLO V o - Organ garant. Art Collego de Revsor de Cont Sndac sono nomnat dall'assemblea n un numero d tre. Durano n carca un trenno e sono releggbl. La carca d Sndaco è ncompatble con quella d membro del Consglo Drettvo e/o d Probvro. Nella prma runone dopo la nomna da parte dell'assemblea, l c~~j~.s.lc.l~èk. Revsor ~elè~',nt ~le~e n.el pr~pro seno l Presdente. }f,p,~:~">,:~;;,',~!f!'t,,';:"<;\:;,>; l Collego del Revlson del contt: >, :,:m?' :".:; - può ~~~~are alle runon del Consglo Drettvo sénza d' d ~J~1<.~;, t;~t~_?aj:,. :".. \. ',.,.. '\~::':..t< ~~ ""~1;"':':~\...,G~ - verfc:~ ldegttmtà delle o erazon contabl del Cglo Drettvb. e,:", '::;~. '/)~~>,:;~) membr;, ~ (\ ~. '. ',:,.<.E,,:~\~?, a ~~ ",.t l'(~'r',, \'\':'::;l~~~;~?

9 ,~ verfca rendcont consuntvo e preventvo annual prma della loro presentazone all' Assemblea; redge la relazone annuale al rendconto consuntvo e la presenta all'assemblea. l Collego de Revsor de Cont, almeno ogn se mes, verfca la regolare tenuta delle scrtture contabl e lo stato d cassa dell'organzzazone e ne da comuncazone al Consglo Drettvo. Delle runon del Collego de Revsor de Cont vene redatto un verbale frmato da membr da nserre nel lbro del Collego de revsor de cont e conservare n sede. Art Collego de Probvr l Collego de Probvr è organo d garanza statutara, regolamentare e d gursdzone nterna. Probvr sono nomnat dall'assemblea n un numero d tre. Possono essere nomnat Probvr dall'assemblea soc che sano scrtt da a,lmeno tre ann all'organzzazone, e nel caso n cu non c sano canddat dsponbl, quantomeno soc con un anno d scrzone. Dsposzone effcace a partre dal secondo mandato elettvo. Nella prma runone dopo la nomna da parte dell'assemblea, l Collego de Probvr elegge nel propro seno l Presdente. Durano n carca un trlenno e sono releggbl. La carca d Probvro è ncompatble con quella d membro del Consglo Drettvo e/o d Sndaco. Esso ha l compto d esamnare le controverse tra soc, tra quest e l'organzzazone o suo organ, tra membr degl organ e tra gl organ stess. l lodo arbtrale del Collego de probvr è nappellabl~. Delle runon del Collego de Probvr vene redatto un verbale frmato da membr da nserre nel lbro del Collego de Probvr e conservare n sede. ART Patrmono e entrate TTOLO VUO - Patrmono socale e blanco. l patrm~no dell'organzzazone è costtuto: - da benrmobl ed mmobl che p,otrebbero dventare d sua propretà;, da eventual fond d rserva costtut con le eccedenze d blanco; - da'evenhal erogazon, donazon e" lasct destnat ad ncremento del patrpo,nò: Le entra~:: - contrbut ordnar de soc stablt dall' Assemblea; erogazon lberal d prvat; - contrbut dello Stato, d ent ed sttuzon pubblche; contrbut d organsm nternazonal; donazon e lasct testamentar non vncolat dall'ncremento del patrmono - rmbors dervant da convenzon; - rendte d ben mobl o mmobl pervenut all'organzzazone a qualunque ttolo; ~ entrate dervant da attvtà commercal e produttve margnal; - fond pervenut da raccolte pubblche effettuate occasonalmente, anche medante offerta d ben d modco valore; - ogn altro provento, anche dervante da nzatve benefche e socal, non esplctamente destnato ad ncremento del patrmono; - ogn altro tpo d entrate ammesse a sens della Legge 266/91 e successve varazon ed ntegrazon. L'Assemblea delbera sulla utlzzazone de provent, che deve essere comunque n artnona con le fnaltà statutare dell' organzzazone e con prncp della Legge 266/91 e successve varazon ed ntegrazon. AR, 19~ coglwllntq q gçyoluzl9m d!;\ì bçnj L'orsan~l'Zone ha durata llmtata. Lo sooglmento della stessa può essere delberato esclusvamente dall' Assemblea de soc e con voto favorevole d almeno tre quart degl assocat. n caso d scoglmento o cessazone dell' organzzazone, ben, dopo la lqudazone, saranno devolut ad altre organzzazon d volontarato o ent non lucratv socalmente utl avent scop analogh a quell ndcat nel presente Statuto e comunque al persegumento d fnaltà d pubblca utltà socale. ART Blanco preventvo e rendconto economco,, L'eserczo socale nza l lod gennao e termna l 31 d dcembre d",çgnraful,..1,<:... ':'.... ~:~;. f Per ogn eserczo dovrà essere redatto a cura del Consglo Dr,,~~~p')l'brànco';' preventvo e rendconto economco (blanco consuntvo) ~~;!-sotto~otr,e,':' all'approv~o?-e dell'assemblea de soc come prevsto dall'art. ~~t!t~~~~~~t~,' Statuto., : ' '0''0';'(; j<'> " blanco'pre"ventvo contene l~ prevson, d spesa,e d entrata per és'~ to\rol) annuale successvo. Esso contene, suddvs~ n sngole voc' e prevson de(t~, ~ <;~\ e delle entrate relatve all'eserc ~9 annual~ success\v ;f n.:.,~\ \\ 1/:' ~ "

10 l l l rendconto economco (blanco consuntvo) contene tutte le entrate ntervenute e le spese sostènute relatve all' anno trascorso e contene le sngole voc d spesa e d entrata relatve all'anno trascorso. ART Approvazone del rendconto economco l blanco preventvo è approvato dalla Assemblea con voto palese e con la maggoranza de present entro l O marzo. Esso è depostato presso la sede dell' organzzazone dec gorn prma della seduta, e può essere consultato da ogn soco. l rendconto economco (blanco consuntvo) è approvato dalla Assemblea con voto palese e con la maggoranza de present entro l O marzo. Esso è depostato presso la sede dell'organzzazone dec gorn prma della seduta, e può es$ere consultato da ogn soco. L'organzzazone ha l dveto d dstrbure ~$aocatj anche n mod~ nlretto, utl e avanz clj gestone noncm fol1d, g s~pttalel l:!r meno cb,e la destra,zone o la dstrbuzone hon sano mposte per legge p sano effettuat~ a r""vqre 4 altre organzzazon che per legge, Statuto o regolamento, perseguono scop analogh. L'organzzazone ha l'obblgo d mpegare gl eventual utl o avanz d gestone per la realzzazone delle attvtà sttuzonal e d quelle ad esse drettamente connesse. ART Norme d rnvo TTOLO Vno - Norme fnal. Per quanto non prevsto dal presente Statuto, s fa rfermento alle vgent dsposzon legslatve D matera, con partcolare rfermento al Codce Cvle, alla Legge n. 266/91 e successve varazon ed ntegrazon, alla legslazone regonale sul volontarato e successve varazon ed ntegrazon, al D.Lgs. 4 dcembre 1997, n. 460 e successve varazon ed ntegrazon. Approvato dal Consglo Drettvo n data: Approvato.dal' Assemblea n data: Cop~" ~c:w.fomlo al'orgnale consta d fogl".. '~.". ~ rlascata per gl us conser)tt dalla legge n carta lbera su rchl.es;ta dell'nteressato... ~ì~~~ ~~ ~._.~ A_O_~~ ~ ~ 12

Metodologia di controllo. AUTORIMESSE (III edizione) Codice attività: 63.21.0. Indice

Metodologia di controllo. AUTORIMESSE (III edizione) Codice attività: 63.21.0. Indice Metodologa d controllo AUTORIMESSE (III edzone) Codce attvtà: 63.21.0 Indce 1. PREMESSA... 2 2. ATTIVITÀ PREPARATORIA AL CONTROLLO... 3 2.1 Interrogazon dell Anagrafe Trbutara... 3 2.2 Altre nterrogazon

Dettagli

CONTO CONSUNTIVO PER L'ESERCIZIO FINANZIARIO 2012 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO

CONTO CONSUNTIVO PER L'ESERCIZIO FINANZIARIO 2012 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO DIREZIONE DIDATTICA DEL 4 CIRCOLO DI FORLI' Va Gorgna Saff, n.12 Tel 0543/33345 fax 0543/458861 C.F. 80004560407 CM FOEE00400B e-mal foee00400b@struzone.t - posta cert.: foee00400b@pec.struzone.t sto web:

Dettagli

Relazione funzionale e statistica tra due variabili Modello di regressione lineare semplice Stima puntuale dei coefficienti di regressione

Relazione funzionale e statistica tra due variabili Modello di regressione lineare semplice Stima puntuale dei coefficienti di regressione 1 La Regressone Lneare (Semplce) Relazone funzonale e statstca tra due varabl Modello d regressone lneare semplce Stma puntuale de coeffcent d regressone Decomposzone della varanza Coeffcente d determnazone

Dettagli

Corso di laurea in Ingegneria Meccatronica. DINAMICI CA - 04 ModiStabilita

Corso di laurea in Ingegneria Meccatronica. DINAMICI CA - 04 ModiStabilita Automaton Robotcs and System CONTROL Unverstà degl Stud d Modena e Reggo Emla Corso d laurea n Ingegnera Meccatronca MODI E STABILITA DEI SISTEMI DINAMICI CA - 04 ModStablta Cesare Fantuzz (cesare.fantuzz@unmore.t)

Dettagli

tramite della Segreteria della scuola), trasmissione dei verbali e degli atti al

tramite della Segreteria della scuola), trasmissione dei verbali e degli atti al L verbae n"..8j... Ogg, se marzo duemaqundc, ae ore 13.00, s è runta nea sede d questa sttuzone Scoastca a commssone Eettorae così composta RBEZZO ASSUNTA Presdente; VAL SABNA Segretaro, FATORELLO GAMPETRO

Dettagli

Strutture deformabili torsionalmente: analisi in FaTA-E

Strutture deformabili torsionalmente: analisi in FaTA-E Strutture deformabl torsonalmente: anals n FaTA-E Il comportamento dsspatvo deale è negatvamente nfluenzato nel caso d strutture deformabl torsonalmente. Nelle Norme Tecnche cò vene consderato rducendo

Dettagli

Unità Didattica N 25. La corrente elettrica

Unità Didattica N 25. La corrente elettrica Untà Ddattca N 5 : La corrente elettrca 1 Untà Ddattca N 5 La corrente elettrca 01) Il problema dell elettrocnetca 0) La corrente elettrca ne conduttor metallc 03) Crcuto elettrco elementare 04) La prma

Dettagli

Corrente elettrica e circuiti

Corrente elettrica e circuiti Corrente elettrca e crcut Generator d forza elettromotrce Intenstà d corrente Legg d Ohm esstenza e resstvtà esstenze n sere e n parallelo Effetto termco della corrente Legg d Krchhoff Corrente elettrca

Dettagli

Relazioni tra variabili: Correlazione e regressione lineare

Relazioni tra variabili: Correlazione e regressione lineare Dott. Raffaele Casa - Dpartmento d Produzone Vegetale Modulo d Metodologa Spermentale Febbrao 003 Relazon tra varabl: Correlazone e regressone lneare Anals d relazon tra varabl 6 Produzone d granella (kg

Dettagli

PREFAZIONE. di Giuseppe Berto

PREFAZIONE. di Giuseppe Berto , PREFAZIONE d Guseppe Berto RICORDO DEL TERRAGLIO Quand'ero govane, e la vogla d grare l mondo m spngeva n terre lontane, a ch m chedeva notze del mo paese, rspondevo: l mo paese è una strada. In effett,

Dettagli

Statuto della CIIP - Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione

Statuto della CIIP - Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione Statuto della CIIP - Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione Articolo 1 - Costituzione E' costituita una Associazione denominata: Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione (CIIP)

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

$s 9) {o. s a '' - :' as \é. cs t-+ (A.N.C.E,A.O.) ..-.{i;f-; a) contribuire all'assisúenza sociale, alla istruzione e formazione

$s 9) {o. s a '' - :' as \é. cs t-+ (A.N.C.E,A.O.) ..-.{i;f-; a) contribuire all'assisúenza sociale, alla istruzione e formazione ^-l :.,ì.i h '.,.1. 'r î - ^i,-\, 'l.,1 i" \.:ii! l! g :, :;,i i/..''-,"$ r'iy -,ii-, )l 4: ".,. i' STA TTJTO DELLAASSOC AZONE NAZONALE CLUB EX ALLEV O.N,F.A. O.N,L.U.S. (A.N.C.E,A.O.) Art. 1-SEDE., _]_,,

Dettagli

UNA RASSEGNA SUI METODI DI STIMA DEL VALUE

UNA RASSEGNA SUI METODI DI STIMA DEL VALUE UNA RASSEGNA SUI METODI DI STIMA DEL VALUE at RISK (VaR) Chara Pederzol - Costanza Torrcell Dpartmento d Economa Poltca - Unverstà degl Stud d Modena e Reggo Emla Marzo 999 INDICE Introduzone. Il concetto

Dettagli

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt. Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede)

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt. Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede) STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede) 1) E costituita, nel rispetto del Codice Civile, della Legge 383/2000 e della normativa in

Dettagli

LA COMPATIBILITA tra due misure:

LA COMPATIBILITA tra due misure: LA COMPATIBILITA tra due msure: 0.4 Due msure, supposte affette da error casual, s dcono tra loro compatbl quando la loro dfferenza può essere rcondotta ad una pura fluttuazone statstca attorno al valore

Dettagli

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti STATUTO del CNCP Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti ARTICOLO 1 DENOMINAZIONE E costituita ai sensi degli articoli 36 e seguenti del codice civile un Associazione di rappresentanza,

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ASSOCIAZIONE CULTURALE FERRARA OFF STATUTO DEFINIZIONE E FINALITA COSTITUZIONE, DENOMINAZIONE E SEDE. - ART.

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ASSOCIAZIONE CULTURALE FERRARA OFF STATUTO DEFINIZIONE E FINALITA COSTITUZIONE, DENOMINAZIONE E SEDE. - ART. STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ASSOCIAZIONE CULTURALE FERRARA OFF STATUTO DEFINIZIONE E FINALITA COSTITUZIONE, DENOMINAZIONE E SEDE. - ART. 1 E costituita, nello spirito della Costituzione della Repubblica

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

La rappresentazione dei numeri. La rappresentazione dei numeri. Aritmetica dei calcolatori. La rappresentazione dei numeri

La rappresentazione dei numeri. La rappresentazione dei numeri. Aritmetica dei calcolatori. La rappresentazione dei numeri Artmetca de calcolator Rappresentazone de numer natural e relatv Addzone e sommator: : a propagazone d rporto, veloce, con segno Moltplcazone e moltplcator: senza segno, con segno e algortmo d Booth Rappresentazone

Dettagli

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta)

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 Articolo -1 Denominazione e sede sociale STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 - E costituita con sede in. ( ) Via un Associazione sportiva, ai sensi degli art. 36 e ss. Codice Civile denominata

Dettagli

Nadia Garbellini. L A TEX facile. Guida all uso

Nadia Garbellini. L A TEX facile. Guida all uso Nada Garbelln L A TEX facle Guda all uso 2010 Nada Garbelln L A TEX facle Guda all uso seconda edzone rveduta e corretta 2010 PRESENTAZIONE L amca e brava Nada Garbelln, autrce d questa bella e semplce

Dettagli

STATUTO DELLA S.I.A.

STATUTO DELLA S.I.A. STATUTO DELLA S.I.A. Art. 1 È costituita a tempo indeterminato una Associazione sotto la denominazione Società Italiana di Agopuntura S.I.A. Art. 2 La Società Italiana di Agopuntura ha lo scopo di dare

Dettagli

OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA SEGGIANO D.O.P. (EX CONSORZIO OLIVASTA SEGGIANESE)

OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA SEGGIANO D.O.P. (EX CONSORZIO OLIVASTA SEGGIANESE) STATUTO DI CONSORZIO DI TUTELA VOLONTARIO OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA SEGGIANO D.O.P. (EX CONSORZIO OLIVASTA SEGGIANESE) ART. 1 (Denominazione e Sede) E costituito il Consorzio tra produttori di Olio extravergine

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

S T A T U T O ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. Affiliata FIPSAS - CONI

S T A T U T O ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. Affiliata FIPSAS - CONI S T A T U T O Art. 1 - Al fine di collaborare con g1i Organi preposti alla tutele dell ambiente lagunare, nonché per conservare e razionalizzare le attività sportive che in esso vengono svolte durante

Dettagli

Indici di Posizione. Gli indici si posizione sono misure sintetiche ( valori caratteristici ) che descrivono la tendenza centrale di un fenomeno

Indici di Posizione. Gli indici si posizione sono misure sintetiche ( valori caratteristici ) che descrivono la tendenza centrale di un fenomeno Idc d Poszoe Gl dc s poszoe soo msure stetche ( valor caratterstc ) che descrvoo la tedeza cetrale d u feomeo La tedeza cetrale è, prma approssmazoe, la modaltà della varable verso la quale cas tedoo a

Dettagli

Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7

Allegato A al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE In Atto Art. 1) Ai sensi della Legge 7 Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7 dicembre 2000, n. 383 e delle norme del codice civile in tema

Dettagli

Progetto Lauree Scientifiche. La corrente elettrica

Progetto Lauree Scientifiche. La corrente elettrica Progetto Lauree Scentfche La corrente elettrca Conoscenze d base Forza elettromotrce Corrente Elettrca esstenza e resstvtà Legge d Ohm Crcut 2 Una spra d rame n equlbro elettrostatco In un crcuto semplce

Dettagli

ARTICOLI GENERALI Articolo 1 (Denominazione) Articolo 2 (Sede Legale) Articolo 3 (Finalità e attività) costruzione di un centro

ARTICOLI GENERALI Articolo 1 (Denominazione) Articolo 2 (Sede Legale) Articolo 3 (Finalità e attività) costruzione di un centro 1 ARTICOLI GENERALI Articolo 1 (Denominazione) È istituita per opera dei coniugi GASPARINI LUCIANO e PRAVATO CANDIDA, l Associazione UNA NUOVA SPERANZA O.N.L.U.S. con sede in Mirano (VE) Scaltenigo Via

Dettagli

._~zio/ei,o, ck//jg~~e~ Y~ CIRCOLARE N. 21. MEF - RGS - Prot. 47613 del 09/06/2015 ID: 382320. Roma.

._~zio/ei,o, ck//jg~~e~ Y~ CIRCOLARE N. 21. MEF - RGS - Prot. 47613 del 09/06/2015 ID: 382320. Roma. D: 382320 MEF - RGS - Prot. 47613 del 09/06/2015 CRCOLARE N. 21 Roma.._~zio/ei,o, ck//jg~~e~ Y~ DPARTMENTO DELLA RAGONERA GENERALE DELLO STATO SPETTORATO GENERALE PER GL ORDNAMENT DEL PERSONALE UFFCO V

Dettagli

- gestione procedimenti volti ad ottenere finanziamenti pubblici per lo sviluppo del territorio;

- gestione procedimenti volti ad ottenere finanziamenti pubblici per lo sviluppo del territorio; 5) GESTIONE DELL UFFICIO SVILUPPO TURISTICO, CULTURALE, RICETTIVO VALLI JONICHE Comuni di Pagliara, Mandanici, Itala, Scaletta Zanclea, Ali Terme, Ali, Nizza di Sicilia, Roccalumera, Fiumedinisi. S T A

Dettagli

IIIEGIOEE S1(ìrL1.fiNA IL DIRIGENTE GENERALE

IIIEGIOEE S1(ìrL1.fiNA IL DIRIGENTE GENERALE REPBBLCA TALANA Doo. N, 7 gšfl- n.a.r. [../', 1- EGOEE S1(ìrL1.fiNA AS SES SORATO REGONALE DEl..L.'ENERGA E DE SERVZ D PUBBLCA UTLTÀ DPARTMENTO REGONALE DE.,'ACQUA E DE RFUT ui', L DRGENTE GENERALE VSTO

Dettagli

ASSOCIAZIONE ORTI URBANI TRE FONTANE

ASSOCIAZIONE ORTI URBANI TRE FONTANE ASSOCIAZIONE ORTI URBANI TRE FONTANE sede: Casella Postale N.6 C/O Ufficio Postale Rm 161 Via della Fotografia 107 00142 Roma Mail: orti.urbani.tre.fontane@gmail.com REGOLAMENTO INTERNO Art. 1 - Scopo

Dettagli

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto ARTICOLO 1- COSTITUZIONE E' costituito il Club denominato I Borghi più Belli d'italia ai sensi dello Statuto dell Associazione Nazionale Comuni Italiani, in breve ANCI.

Dettagli

Leggere i dati da file

Leggere i dati da file Esempo %soluzon d una equazone d secondo grado dsp('soluzon d a^+b+c') anput('damm l coeffcente a '); bnput('damm l coeffcente b '); cnput('damm l coeffcente c '); deltab^-4*a*c; f delta0 dsp('soluzon

Dettagli

5. Il lavoro di un gas perfetto

5. Il lavoro di un gas perfetto 5. Il lavoro d un gas perfetto ome s esprme l energa nterna d un gas perfetto? Un gas perfetto è l sstema pù semplce che possamo mmagnare: le nterazon a dstanza fra le molecole sono così debol da essere

Dettagli

COMUNICAZIONE AI GRUPPI DI LAVORO SIDEA (13/09/02) LE CONDIZIONI DI OTTIMALITÀ PER LA DETERMINAZIONE DELLE CATTURE DI PESCE

COMUNICAZIONE AI GRUPPI DI LAVORO SIDEA (13/09/02) LE CONDIZIONI DI OTTIMALITÀ PER LA DETERMINAZIONE DELLE CATTURE DI PESCE COMUNICAZIONE AI GRUPPI DI LAVORO SIDEA (13/9/2) ECONOMIA E POLITICA DEL SETTORE ITTICO 1.INTRODUZIONE. LE CONDIZIONI DI OTTIMALITÀ PER LA DETERMINAZIONE DELLE CATTURE DI PESCE (una applcazone ad un contesto

Dettagli

STATUTI DELLA SEZIONE BELLINZONA E VALLI DEL CLUB ALPINO SVIZZERO

STATUTI DELLA SEZIONE BELLINZONA E VALLI DEL CLUB ALPINO SVIZZERO STATUTI DELLA SEZIONE BELLINZONA E VALLI DEL CLUB ALPINO SVIZZERO I GENERALITÀ Natura giuridica Art. 1. La sezione Bellinzona e Valli del Club Alpino Svizzero (detta in seguito semplicemente Sezione) è

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via 1 ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via Pitagora n. 7 alle ore 20,00 si sono riuniti i Sigg.: - Iacobellis

Dettagli

CAPITOLO I - COSTITUZIONE

CAPITOLO I - COSTITUZIONE CAPITOLO I - COSTITUZIONE ART. 1- FONDAZIONE E' fondata per coloro che aderiscono e aderiranno al presente statuto, che prende vigore immediato, un' associazione per la pratica e la diffusione del Viet

Dettagli

w w w. a x i o s i t a l i a. c o m

w w w. a x i o s i t a l i a. c o m w w w. a x o t a l a. c o m SISSIWEB AXIOS SIDI INVIO SMS INVIO EMAIL ACQUISIZIONE ASSENZE - DA SCANNER - DA PALMARE C/C POSTALE E BANCARIO DICHIARAZIONE DEI SERVIZI GESTIONE ORARIA DEL PERSONALE PRIVACY

Dettagli

Misura della distanza focale. di una lente convergente. Metodo di Bessel

Misura della distanza focale. di una lente convergente. Metodo di Bessel Zuccarello Francesco Laboratoro d Fsca II Msura della dstanza focale d una lente convergente Metodo d Bessel A.A. 003-004 Indce Introduzone..pag. 3 Presuppost Teorc.pag. 4 Anals de dat.pag. 8. Modo d operare...pag.

Dettagli

Statuto ATTO ESENTE IN MODO ASSOLUTO DA DALL IMPOSTA DI BOLLO AI SENSI DEL dpr642/72 art.27bis

Statuto ATTO ESENTE IN MODO ASSOLUTO DA DALL IMPOSTA DI BOLLO AI SENSI DEL dpr642/72 art.27bis Statuto ATTO ESENTE IN MODO ASSOLUTO DA DALL IMPOSTA DI BOLLO AI SENSI DEL dpr642/72 art.27bis Art. 1 - Denominazione E' costituita nel rispetto del codice civile e della L 383/2000 l'associazione di promozione

Dettagli

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO Allegato A alla deliberazione n. 11 dell 08/06/2012 MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO 1. COMPITI E FINALITA

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO LUOGOTENENZIALE 23 novembre 1944, n. 382

DECRETO LEGISLATIVO LUOGOTENENZIALE 23 novembre 1944, n. 382 DECRETO LEGISLATIVO LUOGOTENENZIALE 23 novembre 1944, n. 382 Norme sui Consigli degli Ordini e Collegi e sulle Commissioni centrali professionali Pubblicato nella Gazzetta ufficiale n. 98 del 23 Dicembre

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ISCRIZIONE DI UN ASSOCIAZIONE AL REGISTRO REGIONALE DEL VOLONTARIATO

LINEE GUIDA PER L ISCRIZIONE DI UN ASSOCIAZIONE AL REGISTRO REGIONALE DEL VOLONTARIATO LINEE GUIDA PER L ISCRIZIONE DI UN ASSOCIAZIONE AL REGISTRO REGIONALE DEL VOLONTARIATO Giunta Regionale d Abruzzo Ufficio Pari Opportunità Via Leonardo da Vinci, 6-67100 L Aquila Tel. 0862.363374 3424

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI Art. 1 - Fonti 1. Il presente Regolamento disciplina la composizione, la durata e le modalità di funzionamento del Collegio dei Revisori

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

CINEMATICA DEL CORPO RIGIDO

CINEMATICA DEL CORPO RIGIDO INEMTI DE ORPO RIGIDO o tudo della geometra degl potament de punt d un tema materale potzzato come rgdo rentra n quella parte della Meccanca laca che è la nematca. a cnematca tuda pobl movment d un corpo

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D.

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. Convegno del 7 dicembre 2010 Dott. ssa Mariangela Brunero Il rendiconto: criteri e modalità di redazione ed approvazione Introduzione Attività

Dettagli

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001 GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA ex D.Lgs. n. 231/2001 Approvato dal consiglio di amministrazione in data 31 luglio 2014 INDICE ARTICOLO 1 - SCOPO ED AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 ARTICOLO

Dettagli

Sardegna Impresa e Sviluppo BIC Sardegna SpA

Sardegna Impresa e Sviluppo BIC Sardegna SpA Sardegna Impresa e Sviluppo BIC Sardegna SpA AVVISO PUBBLICO Selezione di Statistici junior BIC Sardegna SpA, Soggetto Attuatore dell intervento IDMS, Sistema Informativo dell indice di Deprivazione Multipla

Dettagli

GUIDA OPERATIVA. Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti

GUIDA OPERATIVA. Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti GUIDA OPERATIVA Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti Dicembre 2014 INDICE INTRODUZIONE... 2 PERMESSI PER CONCORSI, ESAMI, AGGIORNAMENTO... 3

Dettagli

Statuto della "Federazione Tessile e Moda" in forma abbreviata "SMI Sistema Moda Italia" TITOLO I - COSTITUZIONE, SEDE, SCOPI

Statuto della Federazione Tessile e Moda in forma abbreviata SMI Sistema Moda Italia TITOLO I - COSTITUZIONE, SEDE, SCOPI Statuto della "Federazione Tessile e Moda" in forma abbreviata "SMI Sistema Moda Italia" TITOLO I - COSTITUZIONE, SEDE, SCOPI ARTICOLO 1 - COSTITUZIONE E DENOMINAZIONE E' costituita la Federazione delle

Dettagli

Contratto di Assicurazione Multirischi. Eura Salute Di più

Contratto di Assicurazione Multirischi. Eura Salute Di più Fascicolo nformativo Europ Assistance talia S.p.A. Contratto di Assicurazione Multirischi Eura Salute Di più l presente Fascicolo nformativo, contenente: - Nota nformativa, comprensiva del glossario; -

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO Il presente testo di statuto è stato approvato dal Consiglio Episcopale Permanente nella sessione del 22-25 gennaio 2007. Si consegna ufficialmente

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Argomenti. Misure di corrente elettrica continua, di differenza di potenziale e di resistenza elettrica.

Argomenti. Misure di corrente elettrica continua, di differenza di potenziale e di resistenza elettrica. ppunt per l corso d Laboratoro d Fsca per le Scuole Superor rgoent Msure d corrente elettrca contnua, d dfferenza d potenzale e d resstenza elettrca. Struent d sura: prncp d funzonaento. Coe s effettuano

Dettagli

ISOTOPI LA SICUREZZA NON VA VISTA COME UN IMPEDIMENTO A SVOLGERE LA PROPRIA ATTIVITA, MA DIVENTA PARTE INTEGRANTE DELL ATTIVITA STESSA

ISOTOPI LA SICUREZZA NON VA VISTA COME UN IMPEDIMENTO A SVOLGERE LA PROPRIA ATTIVITA, MA DIVENTA PARTE INTEGRANTE DELL ATTIVITA STESSA LA SCUREZZA NON VA VSTA COME UN MPEDMENTO A SVOLGERE LA PROPRA ATTVTA, MA DVENTA PARTE NTEGRANTE DELL ATTVTA STESSA Dott.ssa Benedetta Persechino - SPESL - DML 1895 SCOPERTA DE RAGG X RADOATTVTA PROPRETA

Dettagli

a) Legge provinciale 18 ottobre 1995, n. 20 1) Organi collegiali delle istituzioni scolastiche

a) Legge provinciale 18 ottobre 1995, n. 20 1) Organi collegiali delle istituzioni scolastiche a) Legge provinciale 18 ottobre 1995, n. 20 1) Organi collegiali delle istituzioni scolastiche 1)Pubblicata nel B.U. 7 novembre 1995, n. 51. Art. 1 (Ambito di applicazione) (1) Tutte le istituzioni scolastiche

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

Repubblica Italiana Assemblea Regionale Siciliana

Repubblica Italiana Assemblea Regionale Siciliana Repubblica Italiana Assemblea Regionale Siciliana Ambito dell'accesso REGOLAMENTO PER L'ACCESSO AGLI ATTI ED AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI DELL'ASSEMBLEA REGIONALE SICILIANA (G.U.R.S. n. 28 del 20/06/2008)

Dettagli

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti Gorgo Lambert Pag. Dmostrazoe della Formula per la determazoe del umero d dvsor-test d prmaltà, d Gorgo Lambert Eugeo Amtrao aveva proposto l'dea d ua formula per calcolare l umero d dvsor d u umero, da

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. APPROVATO CON DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 244 IN DATA 28 OTTOBRE 1997. MODIFICATO CON DELIBERAZIONI

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Delibera n. 17221 del 12.3.2010 A cura della Divisione Tutela del Consumatore Ufficio Relazioni con il Pubblico Giugno 2010 [pagina bianca] Regolamento recante

Dettagli

COMUNE DI VILLACHIARA. Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART TIME, DELLE INCOMPATIBILITA E DEI SERVIZI ISPETTIVI

COMUNE DI VILLACHIARA. Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART TIME, DELLE INCOMPATIBILITA E DEI SERVIZI ISPETTIVI COMUNE DI VILLACHIARA Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART TIME, DELLE INCOMPATIBILITA E DEI SERVIZI ISPETTIVI (Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 174 del 22/10/1997,

Dettagli

Liste di specie e misure di diversità

Liste di specie e misure di diversità Lte d pece e mure d dvertà Carattertche delle lte d pece I dat ono par, coè hanno molt valor null (a volte la maggoranza!) La gran parte delle pece preent è rara. I fattor ambental che nfluenzano la dtrbuzone

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA Modena, il _ 11.01.2012 Prot. N 9 Pos. N /_ (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA VISTO il DPR 22 dicembre

Dettagli

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno di martedì trenta del mese di giugno, alle ore 10 e

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

ELABORAZIONE DI SEGNALI E IMMAGINI

ELABORAZIONE DI SEGNALI E IMMAGINI Fltraggo d un segnale EABORAZIOE DI SEGAI E IAGII. Bertero P. Boccacc bertero@ds.unge.t boccacc@ds.unge.t Al ne d glorare la qualtà d un segnale dgtale una tecnca d prara portanza è l ltraggo. Con l quale

Dettagli

Emittente: Exprivia S.p.A Sito Web: www.exprivia.it AL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. E S.M.I.

Emittente: Exprivia S.p.A Sito Web: www.exprivia.it AL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. E S.M.I. Statuto sociale con evidenza delle modifiche approvate (AI SENSI DELL ART. IA.2.3.1, CO. 2 DELLE ISTRUZIONI AL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. E S.M.I.) Emittente:

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

STATUTO DEL CONSORZIO TRA I COMUNI DI BORGARO TORINESE E CASELLE TORINESE

STATUTO DEL CONSORZIO TRA I COMUNI DI BORGARO TORINESE E CASELLE TORINESE STATUTO DEL CONSORZIO TRA I COMUNI DI BORGARO TORINESE E CASELLE TORINESE ART. 1- DENOMINAZIONE E NATURA DEL CONSORZIO 1. Il Consorzio già esistente tra i Comuni, nel cui territorio ricade la Frazione

Dettagli

Lorenzo Pistocchini RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO. Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile

Lorenzo Pistocchini RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO. Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile Agenza Nazonale per le Nuove Tecnologe, l Energa e lo Svluppo Economco Sostenble RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO Ottmzzazone termofludodnamca e dmensonamento d uno scambatore d calore n controcorrente con

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO UGO FOSCOLO VESCOVATO SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA' A.S. 2013/14

ISTITUTO COMPRENSIVO UGO FOSCOLO VESCOVATO SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA' A.S. 2013/14 STTUTO COMPRENSVO UGO FOSCOLO SCUOLA SECONDARA D 1 GRADO PANO ANNUALE DELLE ATTVTA' A.S. 2013/14 PROT. N. 5991 /A-19 Vescovato, 19/09/2013 Data Giorno Sedi scolastiche Classi Orario Durata ATTVTA' COLLEGO

Dettagli

CONSORZIO DI TUTELA OLIVA DA MENSA D.O.P. LA BELLA DELLA DAUNIA -"CULTIVAR BELLA DI CERIGNOLA" STATUTO

CONSORZIO DI TUTELA OLIVA DA MENSA D.O.P. LA BELLA DELLA DAUNIA -CULTIVAR BELLA DI CERIGNOLA STATUTO CONSORZIO DI TUTELA OLIVA DA MENSA D.O.P. LA BELLA DELLA DAUNIA -"CULTIVAR BELLA DI CERIGNOLA" STATUTO Articolo 1 Costituzione, sede durata È costituito, ai sensi dell'art.2602 del Codice Civile e della

Dettagli

Regione Marche ERSU di Camerino (MC)

Regione Marche ERSU di Camerino (MC) DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL ERSU DI CAMERINO N. 261 DEL 29/03/2011: OGGETTO: APPROVAZIONE DEL BANDO DI SELEZIONE PER IL CONCORSO PUBBLICO PER ESAMI PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO

Dettagli

CIRCUITI DI IMPIEGO DEI DIODI

CIRCUITI DI IMPIEGO DEI DIODI UT D MPEGO DE DOD addrzzare ad na seonda. l crcto pù seplce, che pega l dodo coe raddrzzatore d na tensone alternata, è rappresentato n Fg.. n esso n generatore deale d tensone alternata l c valore stantaneo

Dettagli

STATUTO DELL ALTO COMMISSARIATO DELLE NAZIONI UNITE PER I RIFUGIATI

STATUTO DELL ALTO COMMISSARIATO DELLE NAZIONI UNITE PER I RIFUGIATI STATUTO DELL ALTO COMMISSARIATO DELLE NAZIONI UNITE PER I RIFUGIATI L ASSEMBLEA GENERALE Vista la propria risoluzione 319 A (IV) in data 3 dicembre 1949, 1. Adotta l allegato alla presente risoluzione

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Repertorio n. 34869 Raccolta n. 8880 VERBALE DI ASSEMBLEA DELLA SOCIETA' INVESTIMENTI E SVILUPPO S.p.A. TENUTASI IN DATA 19 MARZO 2010 REPUBBLICA

Repertorio n. 34869 Raccolta n. 8880 VERBALE DI ASSEMBLEA DELLA SOCIETA' INVESTIMENTI E SVILUPPO S.p.A. TENUTASI IN DATA 19 MARZO 2010 REPUBBLICA Repertorio n. 34869 Raccolta n. 8880 VERBALE DI ASSEMBLEA DELLA SOCIETA' INVESTIMENTI E SVILUPPO S.p.A. TENUTASI IN DATA 19 MARZO 2010 REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemiladieci, il giorno trentuno del mese

Dettagli

LE DECISIONI DEI SOCI E LE ASSEMBLEE NELLA NUOVA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA Le competenze e i nuovi quorum costitutivi e deliberativi

LE DECISIONI DEI SOCI E LE ASSEMBLEE NELLA NUOVA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA Le competenze e i nuovi quorum costitutivi e deliberativi LE DECISIONI DEI SOCI E LE ASSEMBLEE NELLA NUOVA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA Le competenze e i nuovi quorum costitutivi e deliberativi di Claudio Venturi Sommario: - 1. Le decisioni dei soci. 1.1.

Dettagli

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro.

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro. L. 15 luglio 1966, n. 604 (1). Norme sui licenziamenti individuali (2). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 6 agosto 1966, n. 195. (2) Il comma 1 dell art. 1, D.Lgs. 1 dicembre 2009, n. 179, in combinato 1.

Dettagli

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 16-03-2015 (punto N 33 ) Delibera N 251 del 16-03-2015 Proponente LUIGI MARRONI DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE

Dettagli

INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE S.R.L.R.L.

INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE S.R.L.R.L. INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N. 11971 RELATIVE AL PATTO PARASOCIALE FRA EQUILYBRA CAPITAL PARTNERS S.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE

Dettagli

Realizzazione e Gestione servizi pubblici locali S.p.A. COGEIDE S.p.A. STATUTO Allegato C al rep. n. 2.728/1.872

Realizzazione e Gestione servizi pubblici locali S.p.A. COGEIDE S.p.A. STATUTO Allegato C al rep. n. 2.728/1.872 Realizzazione e Gestione servizi pubblici locali S.p.A. COGEIDE S.p.A. STATUTO Allegato C al rep. n. 2.728/1.872 Art. 1) Denominazione E' costituita, ai sensi dell'art. 113 lett. e) del D.Lgs. 18.08.2000

Dettagli

PONTIFICIA ACADEMIA PRO VITA

PONTIFICIA ACADEMIA PRO VITA PONTIFICIA ACADEMIA PRO VITA FONDAZIONE VITAE MYSTERIUM NUOVO STATUTO DELLA FONDAZIONE VITAE MYSTERIUM Preambolo La Fondazione autonoma "Vitae Mysterium" è stata eretta canonicamente dall'em.mo Card. Angelo

Dettagli

I vettori. a b. 180 α B A. Un segmento orientato è un segmento su cui è stato fissato un verso. di percorrenza, da verso oppure da verso.

I vettori. a b. 180 α B A. Un segmento orientato è un segmento su cui è stato fissato un verso. di percorrenza, da verso oppure da verso. I vettor B Un segmento orentto è un segmento su cu è stto fssto un verso B d percorrenz, d verso oppure d verso. A A Il segmento orentto d verso è ndcto con l smolo. Due segment orentt che hnno l stess

Dettagli

CON ADEGUAMENTO A NUOVI PRINCIPI INFORMATORI CONI APPORTATE DAL COMMISSARIO AD ACTA

CON ADEGUAMENTO A NUOVI PRINCIPI INFORMATORI CONI APPORTATE DAL COMMISSARIO AD ACTA STATUTO FEDERALE CON ADEGUAMENTO A NUOVI PRINCIPI INFORMATORI CONI APPORTATE DAL COMMISSARIO AD ACTA APPROVATO CON DELIBERA PRESIDENTE CONI N. 130/56 E RATIFICATO DALLA GIUNTA C.O.N.I. IL 4/9/2012 INDICE

Dettagli

MODULO S3 AVVERTENZE GENERALI

MODULO S3 AVVERTENZE GENERALI MODULO S3 Scioglimento, liquidazione, cancellazione dal Registro Imprese AVVERTENZE GENERALI Finalità del modulo Il modulo va utilizzato per l iscrizione nel Registro Imprese dei seguenti atti: scioglimento

Dettagli