i- il signor BELFROND Renzo nato ad Aosta (AO) il 2 giugno 1965 i

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "i- il signor BELFROND Renzo nato ad Aosta (AO) il 2 giugno 1965 i"

Transcript

1 '". o r.: o 1::...:!;:: "'.5.; o Q "O f " 2: REPERTORO N RACCOLTA N. " 3 t= < Regstrato!G!;l'A::;sa l J& F~.2:d3 ~.A' _... V_E_R_B_A_L_E_D_~_A_SS_EMB!:'~~~''E_A_O_R_D N_A_R_l'_. DELLA.....:.-...: ~=V;:=~~<;;;X'::::==J "ASSOCAZONE VOLONTAR DEL SOCCORSO D COURMAYEUR - organzzazone d volontarato ONLUS" REPUBBLCA TALANA _...._--_._-----_._-_._-_.._~ ~--~-~------~.--.,L'anno duemlanove addì tre del mese d febbrao! alle ore ~ l' (dcan~_o_~~ ~.. ~ua~anta) ::1:~::::~::~0::. Strad~_ dells VOP~_ b.~_~r~~~~~a ~~de_ll~ lavant me dottor Gampaolo MA~CO~ è presente: - l sgnor BELFROND Renzo nato ad Aosta (AO) l 2 gugno 1965 e domclato a fn del presente atto presso la sede del- l' Assocazone, nella sua qualtà d Presdente del Consglo: Drettvo "ASSOCAZONE VOLONTAR DEL SOCCORSO D COURMAYEUR - Notao alla resdenza d Ao-!sta, scrtto presso l Collego del Dstretto Notarle d Alo-,.! ~-~ sta, organzzazone d volontarato ONLUS"! con sede n Courmayeur (AO), Strada delle Volp n. 3 bs, co- [dce Fscale , scrtta al Regstro Regonale dellel ~-.. -~~.~ -;-~ : Persone Gurdche al n. 807/1993.,.t~~" , '-'P---,---;>"'J--"':--:---- sonale o Not2jo SqrlO ost-to, n j-chede d

2 pubblca l presente atto e m dchara che s trova qu r-: Lugna, assent gustfcat sgnor PERELL Slva e STUM- --=-~ assocazone per dscutere e delberare sul seguente ': - che del Collego de Probvr è presente l sgnor ROMAGNA ~--: _====~~~se~;~:~a~;~et~~~:e; -=~= ~ ORD~_.?~~ ~:?RN(~ -- --'-t Rccardo, L~J_=_~P.P_=~~~~~n_e_d_e_l.'lUO_v_o ~~_~_tu_t_o_; l-l,~--;--1 _S_N_AR_D Gorgo; assent gustfcat sgnor CACCAMO Marka e ---_._ ~_ : ~_~) _ vare ed eventu~l~ ' ~ d~hara :-~-_ : , d - bbl. b" 'd' l. d- E nvta me Notao a far constare a questo pu 1CO ver a e 1 - l aver accertato '1 ent1ta e la legttmazone de presen-' r ',le rsultanze che l'assemblea stessa andrà f ad adottare. Al ~~_~ t f-f "j 'sderendo o jltotao do atto d quanto segue. oh. ""'.""2'" '_""~",,' ""'_';!",'''o.,,,.ab.m. -~--- _.~- ~--_._-_._ _.-._----_._._-~-"_._._~-~-- Af3sume la presderza, a sens det vgejlte statuto, J. l COlT\tHl.-t,punt d cu al predetto ordp.e del gorno, n seconda cot)vo-._._-~ " , _ l cazonel essep.do la prqa convqdqzone, fssata per le!rente qù'lle ore : --, constata: 118,30 n questo medesmo gorno e luogo, andata deserta. T che l'assemblea è stata regolarmente convocata medante av- n Presdente prende qund la parola ed espone all'assembleal -! gennao yso nvato a sens d legge e d statuto n data 13 le sngole modfche statutare che s ntendono proporre per adeguare l vgente statuto alla vgente normatva ; : 1- che ogg sono present o rappresentant, per deleghe che, L'assemblea - udto quanto sopra, dopo esaurente dscussone,!rtenute acquste agl att dell'assocazo- - voto unanme valde, vengono con espresso per alzata d mano;,,, ne, numero dodc assocat su numero qundc avent drtto, DELBERA,./):r l qual rsultant dal ~~---- foglo presenze che, omessane la lettura! - d adottare, anche al fne d adeguarlo alla normatva n! :~:::.::...o:.:..::=-:::=----:=------=-::==~--=-=---=-=-~+ t:--,-:.:=...=-=-:=~-====-=--=-=---=== ~j SP:'l1~a _""u t-"~ da.~_c:~m:,,::=.r'~:.' co~~ mo c~:,~_:]].s_o~~ _ vgo::,:-'--~~_.l1~_~:v " t:.:~"' ~:.~:-:a~ e_.?::y_(). ~_t:.11_t u t:. 0 ~:.:':.~~s_o-=_~l \ &1_1:,, sot to l_a _l_et_t_e_j~& A~~_----- ~Z 0!1=?.r0po~= d"l...l...' ='_J:'gé\l1o ammlll S~::::,,_t:.~vo -'---"?RJ:'':':'''l1..~.<:l--''--_':r:tJ 1_ che del Consglo Drettvo sono present: l Presdente 'nella persona del comparente ed ConSgler BANCH Antono, L ~ _._----_._------_ !colo per artcolo; _._ , ;_::...<l! allegare al presente verbale sotto la lettera B) detto ' ----l' t ! :., BRUMN Gasparna; PRESA Laura e URSO Govann; L~~-",-~statuto socale aggornato alla luce d quanto sopra,' T--~h~-:-~~- ~:~-~~:~-:::~-~::~~-è~:s=--=-=:::=-::ranc l :- : omessan-:--:a lett~-ra per-~~~:e~:~~~~~n-~ dal-:~=e:-::-:::

3 Va sua e ma Botl:osctzonel! 1- d dare mandato al Presdente dell' assemblea per apportal lal presente atto e allegato statuto tutte quelle modfche n, sostanzal che venssero rcheste dalle competent Autor' ln sede pubblctà del presente. Null'altro essendov da delberare e nessuno avendo chesto parola l'assemblea vene scolta alle ore (vent e d c). rchesto o Notao ho rcevuto l presente atto che, dattl scrtto da persona d ttlta fquc". ave non scrtto d mo 1= gno, ho le\:to al c01\lpm efl:(ò l quale d" ne nterpellato dchara conforme alla sua volontà ed a vertà ed n confel con me lo sottoscrve alle ore (vent e dec). Occupa d fogl due, pagne quattro ntere pù la presente. N ORGNALE FRMAT:, BELFROND Renzo Gampaolo MARCOZ, Not a lo.. -~---

4 STATUTO DELL'ASSOCAZONE VOLONTAR DEL SOCCORSO D COURMAYEUR - organzzazone d volontarato ONLUS" TTOLO l - Costtuzone, denomnazone, sede e fmaltà. ART. 1 - Denomnazone e sede legale È costtuta l'organzzazone d volontarato, denomnata: "Volontar del Soccorso d Courmayeur - organzzazone d volontarato ONLUS" che assume la forma gurdca d assocazone. L'organzzazone ha la sede legale n Strada delle Volp 3/bs nel Comune d Courmayeur. Eventual varazon d sede potranno es$er~ approvate oon semplce delberazone dell' Assemblea de soc. l oontenut e la struttura dell'organzzazone sono sprat a prncp d soldaretà, trasparenza t democraza che consentono l'effettva parteopazone della compagne a$sooatv!!, Alll vta deu'oltnzzazone stessa. L'organzzazone. l'\qonfessonale ed apathtlca e persegue le prop1'1e fnaltà senza scopo d lucro dretto e ndretto ed esclusvamente per fn d soldaretà. L'assocazone, con delbera dell'assemblea, può aderre ad organsm che perseguono fnaltà analoghe a quelle prevste dal presente Statuto. ART. 2 - Statuto L'organzzazone d volontarato "Volontar del Soccorso d Courmayeur - organzzazone d volontarato ONLUS" è dscplnata dal presente Statuto, ed agsce ne lmt della legge l agosto 1991 n. 266 e successve varazon ed ntegrazon, della legge regonale 22 luglo 2005 n. 16 d attuazone e successve varazon ed ntegrazon e de prncp general dell'ordnamento gurdco. L'Assemblea delbera l'eventuale regolamento d esecuzone dello Statuto per la dscplna degl aspett organzzatv pù partcolar. N Lo Statuto vnc?la a1ta sua osservanza.s~c~ all'organ~az~ne e costtu1~,~;1~~g?~a'?\ fondamen~le d comport&ll1ento dell' attlvlta dell' orgarnzzazlone stessa k'.!/ :>,:'2 : :' '. Le! modfche. dello Statuto devqhq essere del1;>\'ltate <!on AS~\lmblea $tr~q1\d~.. ",'.. '.. ;:! "1. '1'. ' '.,..' '. '. \ov..'.....'..' : Al}» S ~ J'mahta e a~blto ~l atm~loh~. \~:;,' :,r,;:;::<'". ".. Lo ~opp~.$fw:cfco d~qlqtgaw~lzot1~ d, Vplqn~~tQ ~. qlélla 4''F~' ;, ~ esolu$v~~~t:te, fna).~ d 1!QUÙarllltà. SO\)fàl~.l ~vl~ ~ qjlntj\1! çpn l'~gtl ".,",f"',\ spontane~; petsoh'!-le ~ gratuta del prpj;u1 SOC; contrbue o a ptln ';,.; l>~",: mutualhà'favorendo lo svluppo dell~col ett~tà attra rso la parte : ~~1.C." '~~{~1\.~. "\T~~J~~~ <,.. ~ ;:'(~~:;",F~! ;;. '. " '.~:~"'>",""(:).~ )N 00'\''-

5 :' L'attvtà assocatva s rvolge alla generaltà della popolazone e non esclusvamente agl aderent all' organzzazone medesma. L'organzzazone ;opera nell' ambto: a) santaro, soco-assstenzale e soco-santaro, con partcolare rfermento al Sstema Regonale d Emergenza-Urgenza Santara, nonché alle fasce d bsogno socale rappresentate da malatta, çlsago, povertà! dversfì, margnahtà, dsablt4 e dpendenze patologche medante ntervent rvolt a soggett d q4alsas età e s~nza dstnzone d sesso o d prqv~/1lelz!;\ geografca; b) promozone e Mel!! ~e drtt um~t)., delh~ quajtà 91::Ull vta e delle p;:td ot>portuntà; c) prevenzone delle vare potes d rschlo d calamtà natural, con partcolare rfermento alla protezone cvle e alle attvtà connesse d soccorso, accoglenza, ascolto e accompagnamento; d) tutela e protezone dell'ambente; e) promozone d nzatve d nformazone e formazone santara e d prevenzone della salute ne suo var aspett santar e socal. Per l raggungmento degl scop, l'organzzazone ntende svolgere le seguent attvtà qual: ntervent d trasporto e soccorso santaro d tpo prmaro (ntervent d 'Soccorso santaro n emergenza-urgenza) e secondaro (ntervent d tax santaro qual trasporto e trasfermento d pazent che necesstano d ntervent specalstc non esegubl n loco e trasport santar programmabl), assstenza a manfestazon d massa, sportve e cultural, relgose, ecc., trasport d tpo santaro a valenza socale (trasporto dal domclo ad una struttura santara per vste, esam, ecc.; trasporto pér ccl d terape presso ent convenzonat; consegna a domclo d farmac, materale santaro ecc.), azon d soccorso santaro, sulla base de pan regonal d protezone cvle n caso d maxemergenze, emergenze non convenzonal e calamtà. ' L'organzzazone d volontarato opera prevalentemente nell'ambto terrtorale della Regone Autonoma Valle d'aosta. ART. 4 Ammssone de soc TTOLO l Soc e personale. Sono.sòc tutte le persone che condvdono le fnaltà d~ll'organzzazone e sono moss da sp~to d soldaretà. Pos~onQ :~lventare soc tutt cttadn che habno computo la maggore età e che s mpegnpo a'sottoscrvere la quota assocatya nella msura ed entro termn fssat annualmente dall'assemblea e s mpegnno' altresì a prestare n modo personale, spontm~~ tì; gratuto la propra opera per l consegumento de fn d cu agl artt.l e 3 del presente Statuto.. L'ammssone all'organzzazone è delberata dal Consglo Drettvo, su domanda scrtta del. rchedente, complando l modulo d scrzone predsposto dall'organzzazone, comuncando propr dat anagrafc corredat da certfcato d donetà psco-fsca; quest verranno trattat con le modaltà prevste dalle vgent legg n matera d prvacy e successve varazon ed ntegrazon. La qualtà d soco s perde per: dmss(m: ogq $oço può téc\!tt~t'e p.~11'orgfu1zzazone D qualsas momento dandone comunj.cllzlme $Qrlttll al C:mstg1o Orettvo; tale reç:esso ~vrà tl!oofl:enza ìpmed&ta. mat!.cato p~samlnto della quotl!odale aulualu; decess9; esclusone a seguto d: - comportamento contrastante con gl scop statutar; - una condotta morale e cvle tale da renderlo ndegno d appartenere all'organzzazone; una condanna con sentenza penale rrevocable per reat nfamant; - qualunque atto arrech dann grav, moral e materal all'organzzazone. soc che abbano comunque cessato d appartenere all'organzzazone non hanno alcun drtto sul patrmono dell'organzzazone stessa. ART. 5 - Drtt e dover de soc soc dell'0!sanzzazone hanno l drtto d: - eleggere gl organ dell'organzzazone; - essere nformat sulle attvtà dell' organzzazone nonché sulla propra attvtà d volontaro; - controllo sull'andamento dell'organzzazone come stablto dalle legg e dallo Statuto; Tutt soc hanno ugual drtt d voto e d eleggbltà...,.",... Le prestazon fornte da soc sono a ttolo gratuto e non possono ess~)t'ett~~t~ >" nepp~e dal benefcarlo. A soc posso~o.ess~re rmbors,ate ~ol~~~,;4~: '.:,sp~$~ ~:'... effettlv~epte sosten~:e.' secondo O~POrt~ ;c1ten e parametr vahd t~r~.ttt... ~~,l~~.. ~.:.. C;;lj.. <- preventvame~te stabltb dal Consglo DrettVO, ~\:f~~.:::';:p~,,:;,,..!loq d~l'o,~~zzazone hanno l dovere d:.. ~~:~:,." olls~~~re.1~. norme del presel1te Statuto e le deltberszlon adottate dagl"'... ~:::-;::~::~\ soclah,.. / ;:" :,\'.~\ - versape l~' quota socale annuale stablta dal'assemblea; ';' 'r. :~;';)~r\ \. ;....,(h:;,,.,,'j \~t;2g~)

6 - svolgere le attvtà preventvamente concordate; segure ' percors formatv prevst dall'organzzazone secondo dettam regonal n matera d volontarato del soccorso recept dal Consglo Drettvo; - mantenere un comportamento conforme alle fnaltà dell'organzzazone e 'non compere att che danneggno gl nteress e l'mmagne dell' organzzazone. Le attvtà svolte da soc a favore dell'organzzazone sono ncompatbl con qualsas forma d lavoro subordnato e autonomo. ART. j?rqyvedment dscplnar a ç!!rco de soc Nel caso n ou soc non osservno quanto prevsto nel precedente artcolo sono soggett a seguent provvedment dscplnar qual: a) rchamo verbale ad opera del Presdente - questo vene convaldato nella prma runone del Consglo Drettvo; b) rchamo scrtto da parte del Consglo Drettvo - questo vene comuncato a seguto d delberazone del Consglo al soco medante lettera ndcand<j charamente l motvo del rchamo; c) sospensone temporanea - questo atto vene eseguto da parte del Consgl<J Drettvo ne confront del soco recdvo a rcham sopra enuncat a seguto d. delberazone dello stesso e gl vene comuncato medante lettera; d) esclusone dall'organzzazone - questo atto vene eseguto da parte del Consglc Drettvo ne confront del soco d cu all'arta del presente Statuto. n caso d- rchamo, verbale o scrtto, è facoltà del soco chedere d partecpare al Consglo Drettvo per presentare le propre controdeduzon anche n forma scrtta. provvedment d sospensone temporanea e esclusone dall'organzzazone vengonc delberat dal Consglo Drettvo. La delberazone deve ess~re comuncata al soce destnataro medante raccomandata çdn rcel\.lta d rtorto lldcando charamente l motvo della sospensone o Uell'esclusone eltro 10 gorn da,ja delbrrazone. Contro tal provvedmeht\ H ~oco può rcptt~re, con COml\ntç~one scrtta, èntro 3( gorn dalla rcezone della notfca, del pròvvedmento d esclusoll;! al Collego de Probvr. quale dovrà essere convocato entro 30 gorn dalla rcezone del rcorso. ART. 7.- Personale L' organtl:!2one s avvale n modo determnante e prevalente delle prestazon de propr ~oc "e può assumere personale dpendente o avvalers d lavoro autonomo a sens e.cne,lmt fssat dalla legge 11 agosto 1991 n. 266 e successve varazon el ntegrazon; 'esclusvamente per l suo regolare funzonamento, per sopperre specfche;esgenze, oppure per qualfcare e specalzzare le attvtà da essa svolte. TTOLO no -Assemblea de soc, compt:, valdtà e votazon. ART. 8 - ndcazone degl organ Sono organ aell' organzzazone: l'assemblea, l Consglo Drettvo, l Presdente e l Vce-Presdente, l Collego de Revsor de Cont, l Collego de Probvr. Tutte le carche socal sono gratute. ART. 9 - Composzone e convocazone L'Assemblea è composta da tutt soc dell' organzzazone. L'Assemblea s runsce almeno una volta t'amo entro l 1 Q marzo per l'approvazone de rendcont e per gl adempment d propra oompetenu oppure su convocazone del Pr~lldtlhttl dell'organzzazone.. L'Assemblea può pure essere convocata su domanda motvata e ftrmata da almeno un decmo de soc. Può essere comunque convocata dal Presdente, anche a scopo consultvo, per perodche verfche sull'attuazone de programm ed n occasone d mportant nzatve che nteressno lo svluppo assocatvo. l Presdente convoca l'assemblea con avvso scrtto esposto n sede e, ove lo rtenga opportuno, anche per ve brev attraverso fax, e-mal, telefono, sms a tutt soc contenente l'ordne del gorno almeno 15 gorn prma. A fn della valdtà della convocazone s ha rguardo dell'avvso n sede. L'Assemblea deve essere convocata presso la sede dell'organzzazone o n luogo doneo ad accoglere soc, anche fuor della sede socale. ART. l O ~ Compt dçll' Assemblea L'Assemblea ordnara vene convocata per: l'approvazone del programma e del bll/lèo d prtlvsone per l'anno successvo; l'approvazone della relazone d attvtà ~ del retldconto ecop.omjop (blanco consuntvo) dall' l:unlo precedent::j ~ 1'~~a/l1~ delle lolley!lt~ d~ rchedent p ptpp~~te d~l Collsglo Ptllttvo;. Altr compt «el j Assemblea ordnara sono: eleggere component del Consglo Drettvo;, ':\"", J, " 1..'1'... \ - eleggère ~ component del Collego de Revsor de Cont;.~ ~;;~f ''" ~';"'fttj -eleggere component del Collego de Pro b vr; ';';:}~:'. '~';r(';~:j~~'.g? - appf.~v'ru:~~gl ndrzz e l programma del Consglo Drettvo; ':,ac:zt./ ::.:..L. ra~~~~~ provv~~n:ent d competenza dell'assem~lea ttat dal C '" '. ;~~t~~ DrettVO per motv d urgenza; (ì. c:; ". 'V"\;l;1)\ l. ~~.... ;..;r,.{~j.. \'.;'?~.o ;/.t> '<~

7 stablre l'ammontare della quota soolale; - approvare la varazon~ della sacle; delberare l'~ventuale tegolamento, eleggere delegat a rappresentare l'organzzazone negl organsm d cu la stessa fa parte. L'Assemblea straordnara vene convocata per la dscussone delle proposte d modfca dello Statuto o d scoglment9 e lqudazone dell' organzzazone. Le decson del'assemblea sono mpegnatve per tutt soc compres gl assent, gl astenut e contrar. D ogn Assemblea deve essere redatto l verbale sottoscrtto dal Segretaro e dal Presdente, da nserre nel lbro delle assemblee de soc. ART. l - Valdtà dell'assemblea Hanno drtto d ntervenre all' Assemblea soc n regola con l versamento della quota socale. n prma convocazone l'assemblea è regolarmente costtuta con la presenza della metà pù uno de soc, present n propro o per delega da conferrs ad altro soco che non sa componente del Consglo Drettvo. n. seconda convocazone l'assemblea è regolarmente costtuta qualunque sa l numero de soc present, n propro o n delega. Non è ammessa pù d una delega per cascun soco. Tra la lo e zo convocazone deve trascorrere un tempo non nferore a l ora. ART Votazone L'Assemblea delbera a maggoranza de vot de present fermo restando le lmtazon prevste per la modfca: dello Statuto e per lo scoglmento dell'organzzazone. Le modtlche dello Statuto sono approvate dall'assemblea straordnara con la presenza d almeno tre quart degl aderent e l voto favorevole della maggoranza de present.. Lo s~oglmento, la cessazone owerol'estnzone e qund la lqudazone.. del' çrganz?:azone è approvata dall' Assemblea straordnara con l voto favorevole' dalneno tre quart de soc. vot soro pal~s, tranne quell rguardant le persone. Nelle d~be;~on d approvazone del blanco e n quelle che rguardano la loro resporsa~jltà, gl ammnstrator non hanno drtto d voto. 6 A4 ogn apertura del av9t, l' AsS~n1bJ~a nomna!lll~ SC1ft!\tot p~r.le eyjlntuah vouzon pales e, Jj oçpl'tsone pel rqhovo degl.l:lrgf$1 sqçfajt e $tl'$ure. d gra~~tprl~, tre s~mtprl d (lu uno 9qq tmw<lm d ptl;l~dent~,., Nelle ele.th~tl delle carche socal qwdora due o pù ~and?!'!.t rag~~g~~, la p~l~ de consens, rsultano elett fmo alla concorrenza del post dspombl plu anzan d'scrzone allbro soc. TTOLO V o - Consglo Drettvo e suo component. ART Composzone del Consglo Drettvo l Consglo Drettvo è composto da cnque a sette membr, elett dal'assemblea tra soc. l Consglo Drettvo è valdamente costtuto quando è presente la maggoranza de component avent drtto d voto. ART Durata e funzon del Consglo Drettvo l consglo drettvo dura n carca per l perodo d tre ann. l Consglo Drettvo nella sua prma runone dopo l'elezone ~a part.e dell' Assemblea, elegge tra propr component l Presdente, l Vce-Presdente, l Segretaro ed l Tesorere. compt del Segretaro e del Tesorere sono stablt dal regolamento generale dell' organzzazone. Le runon del Consglo Drettvo po$lìono essere aperte a soc, come udtor, salvo che per argoment rguardant le sngole persone. Le delberazon del Consglo Drettvo sono assunte a maggoranza de present. l Consglo Drettvo approva le propre delberazon con l metodo del voto palese. n sede d votazone n caso d partà de vot prevale quello del Presdente o n sua manclulza qllello del Vce-Presdente. n oaso d dtmjst!lon d uno o pù consgler, l Consglo Drettvo provvede a. sosttutu notn.11ando al loro posto l soco o soc che nell'ultma e.l,~~l.~~e Assembleare seguono nella graduatora della votazone, d cu all'art. 12. ~~g!!j~(): '". nuov consgler decadono nseme a quell che sono n carca all'a~.~9éj!a)or.:~:t'. ',,- t-- nomna.. :...!~7(t;~>:::' 1t{\J: \ Nel caso n cu non dsponga d tale graduatora o questa sa esaurta, ~1 9',~lt{ l nomn~ del;c~~sglere tra soc salvo ratfca da parte dell'assemblea ~ lo ':~~';~/ sua pnrna- nulone.., o,,.-..w La vac~ ~~unque determnata della metà pù. uno d. component l Co ~~~~ Drettv'o~;comporta la decade l de' o. -,~.. ~) '\(. :~j<~};:'...~l,\ ':"\,:~ 7... ~ l~~ ~ ~~~~~~~~------~---'----~\~~::~~?:.~~1]~~

8 La decadenza del Consglo comporta anche quella del Collego de Sndac revsor ~ del Collego 'de Probvr. Ne cas d decadenza degl organ socal, l Presdente dell'organzzazone assumerà la gestone ordnara della stessa ed entro 30 gorn provvederà alla convocazone dell'assemblea per l'elezone degl organ medesm che durano n carca nuovamente tre ann. membr del Consglo Drettvo possono essere rconfermat., Compete al Consglo Drettvo: - compere tutt gl att d ordnara e straordnara ammnstrazone; - fssare le norme per l funzonamento dell' organzzazone; - sottoporre all'approvazone dell'assemblea l blanco preventvo e l rendconto, economco (blanco consuntvo); - determnare l programma d lavoro n base alle lnee d ndrzzo contenute nel programma generale approvato dall'assemblea, promuovendo e coordnando l'attvtà e autorzzando la spesa; - accoglere o respngere le domande 4egl aspmnt soc; - avvare gl eventual provvedment dscplnar ne confro~t de soc; - delberare n merto all~ l;osptlps<:jm o 1l11\esclusone de s~ch - ratfcare, nella pttma seduul successva, provvedmertt d competenza del Consglo, adottat dal Presdente per motv d necesstà ed urgenza; - recepre ed adottare quanto prevsto nelle delberazon degl organ regonal n matera d volontarato del soccorso; - gestre l personale dpendente, d: cu all'art.7, o stablre rapport d lavoro autonomo ne lmt del presente Statuto. l Consglo Drettvo s runsce almeno una volta ogn tre mes e ognqualvolta l Presdente lo rtenga opportuno o ne sa fatta rchesta dalla maggoranza de suo component. Le runon del Consglo Drettvo sono convocate dal Presdente con avvso, anche per ve, )J.:ev attraverso fax, e-mal, telefono, sms, a membr del Consglo con almello cnque gorn prma della data fssata per la runone, salvo che per motv urgent. :. L'avvsO' d cbnvocazone, entro l medesmo termne.d cu al comma precedente,, deve ess~re, esposto ne local della sede. Delle ru;ruon del Consglo Drettvo vene redatto un, verbale a cura del Segretaro 8 da nserre nel lbro del Consglo Drettvo e conservare n sede. AR, l~ pj.!r&ta e funzonj gel Pres~m'! l Presldenttt l: eletto all'nterno del Consglo Drettvo, L'Assemblea, con la maggoranza de present, può revocare l Presdente. l Presdente dell'organzzazone è l Presdente del Consglo Drettvo. Egl dura n carca quanto l Consglo Drettvo e può essere reletto. l Presdente è llegale rappresentante dell'organzzazone d volontarato e compe tutt gl att che mpegnano l'organzzazone. Compete al Presdente: presedere l Consglo Drettvo e l'assemblea e curarne l'ordnato svolgmento de lavor. sottoscrvere l verbale del Consglo Drettvo e dell'assemblea e curare che sano cu$todt presso la sede dell'organzzazone dove possono essere consultat da soc. ne cas d urgenza eserctare poter del Consglo Drettvo, ad eccezone degl att d straordnara atnrnnstrazone, salvo ratfca da patte ~ quest'ultmo alla Sua prma runone; ~ MsUtnere la gestphe ordlnllta dew~~a\~azme l:j.e cas el cleç4d~1l degl d~à1 socal çq ~qtto 40 llla ç9rtvpc~dn~ l'çt l'ell.!:!!lofle de ttupv otgan. n caso d :!$sepza, mpedmento o oes:>azone, le relatve funzon sono svolte dal Vce-Presdente, TTOLO V o - Organ garant. Art Collego de Revsor de Cont Sndac sono nomnat dall'assemblea n un numero d tre. Durano n carca un trenno e sono releggbl. La carca d Sndaco è ncompatble con quella d membro del Consglo Drettvo e/o d Probvro. Nella prma runone dopo la nomna da parte dell'assemblea, l c~~j~.s.lc.l~èk. Revsor ~elè~',nt ~le~e n.el pr~pro seno l Presdente. }f,p,~:~">,:~;;,',~!f!'t,,';:"<;\:;,>; l Collego del Revlson del contt: >, :,:m?' :".:; - può ~~~~are alle runon del Consglo Drettvo sénza d' d ~J~1<.~;, t;~t~_?aj:,. :".. \. ',.,.. '\~::':..t< ~~ ""~1;"':':~\...,G~ - verfc:~ ldegttmtà delle o erazon contabl del Cglo Drettvb. e,:", '::;~. '/)~~>,:;~) membr;, ~ (\ ~. '. ',:,.<.E,,:~\~?, a ~~ ",.t l'(~'r',, \'\':'::;l~~~;~?

9 ,~ verfca rendcont consuntvo e preventvo annual prma della loro presentazone all' Assemblea; redge la relazone annuale al rendconto consuntvo e la presenta all'assemblea. l Collego de Revsor de Cont, almeno ogn se mes, verfca la regolare tenuta delle scrtture contabl e lo stato d cassa dell'organzzazone e ne da comuncazone al Consglo Drettvo. Delle runon del Collego de Revsor de Cont vene redatto un verbale frmato da membr da nserre nel lbro del Collego de revsor de cont e conservare n sede. Art Collego de Probvr l Collego de Probvr è organo d garanza statutara, regolamentare e d gursdzone nterna. Probvr sono nomnat dall'assemblea n un numero d tre. Possono essere nomnat Probvr dall'assemblea soc che sano scrtt da a,lmeno tre ann all'organzzazone, e nel caso n cu non c sano canddat dsponbl, quantomeno soc con un anno d scrzone. Dsposzone effcace a partre dal secondo mandato elettvo. Nella prma runone dopo la nomna da parte dell'assemblea, l Collego de Probvr elegge nel propro seno l Presdente. Durano n carca un trlenno e sono releggbl. La carca d Probvro è ncompatble con quella d membro del Consglo Drettvo e/o d Sndaco. Esso ha l compto d esamnare le controverse tra soc, tra quest e l'organzzazone o suo organ, tra membr degl organ e tra gl organ stess. l lodo arbtrale del Collego de probvr è nappellabl~. Delle runon del Collego de Probvr vene redatto un verbale frmato da membr da nserre nel lbro del Collego de Probvr e conservare n sede. ART Patrmono e entrate TTOLO VUO - Patrmono socale e blanco. l patrm~no dell'organzzazone è costtuto: - da benrmobl ed mmobl che p,otrebbero dventare d sua propretà;, da eventual fond d rserva costtut con le eccedenze d blanco; - da'evenhal erogazon, donazon e" lasct destnat ad ncremento del patrpo,nò: Le entra~:: - contrbut ordnar de soc stablt dall' Assemblea; erogazon lberal d prvat; - contrbut dello Stato, d ent ed sttuzon pubblche; contrbut d organsm nternazonal; donazon e lasct testamentar non vncolat dall'ncremento del patrmono - rmbors dervant da convenzon; - rendte d ben mobl o mmobl pervenut all'organzzazone a qualunque ttolo; ~ entrate dervant da attvtà commercal e produttve margnal; - fond pervenut da raccolte pubblche effettuate occasonalmente, anche medante offerta d ben d modco valore; - ogn altro provento, anche dervante da nzatve benefche e socal, non esplctamente destnato ad ncremento del patrmono; - ogn altro tpo d entrate ammesse a sens della Legge 266/91 e successve varazon ed ntegrazon. L'Assemblea delbera sulla utlzzazone de provent, che deve essere comunque n artnona con le fnaltà statutare dell' organzzazone e con prncp della Legge 266/91 e successve varazon ed ntegrazon. AR, 19~ coglwllntq q gçyoluzl9m d!;\ì bçnj L'orsan~l'Zone ha durata llmtata. Lo sooglmento della stessa può essere delberato esclusvamente dall' Assemblea de soc e con voto favorevole d almeno tre quart degl assocat. n caso d scoglmento o cessazone dell' organzzazone, ben, dopo la lqudazone, saranno devolut ad altre organzzazon d volontarato o ent non lucratv socalmente utl avent scop analogh a quell ndcat nel presente Statuto e comunque al persegumento d fnaltà d pubblca utltà socale. ART Blanco preventvo e rendconto economco,, L'eserczo socale nza l lod gennao e termna l 31 d dcembre d",çgnraful,..1,<:... ':'.... ~:~;. f Per ogn eserczo dovrà essere redatto a cura del Consglo Dr,,~~~p')l'brànco';' preventvo e rendconto economco (blanco consuntvo) ~~;!-sotto~otr,e,':' all'approv~o?-e dell'assemblea de soc come prevsto dall'art. ~~t!t~~~~~~t~,' Statuto., : ' '0''0';'(; j<'> " blanco'pre"ventvo contene l~ prevson, d spesa,e d entrata per és'~ to\rol) annuale successvo. Esso contene, suddvs~ n sngole voc' e prevson de(t~, ~ <;~\ e delle entrate relatve all'eserc ~9 annual~ success\v ;f n.:.,~\ \\ 1/:' ~ "

10 l l l rendconto economco (blanco consuntvo) contene tutte le entrate ntervenute e le spese sostènute relatve all' anno trascorso e contene le sngole voc d spesa e d entrata relatve all'anno trascorso. ART Approvazone del rendconto economco l blanco preventvo è approvato dalla Assemblea con voto palese e con la maggoranza de present entro l O marzo. Esso è depostato presso la sede dell' organzzazone dec gorn prma della seduta, e può essere consultato da ogn soco. l rendconto economco (blanco consuntvo) è approvato dalla Assemblea con voto palese e con la maggoranza de present entro l O marzo. Esso è depostato presso la sede dell'organzzazone dec gorn prma della seduta, e può es$ere consultato da ogn soco. L'organzzazone ha l dveto d dstrbure ~$aocatj anche n mod~ nlretto, utl e avanz clj gestone noncm fol1d, g s~pttalel l:!r meno cb,e la destra,zone o la dstrbuzone hon sano mposte per legge p sano effettuat~ a r""vqre 4 altre organzzazon che per legge, Statuto o regolamento, perseguono scop analogh. L'organzzazone ha l'obblgo d mpegare gl eventual utl o avanz d gestone per la realzzazone delle attvtà sttuzonal e d quelle ad esse drettamente connesse. ART Norme d rnvo TTOLO Vno - Norme fnal. Per quanto non prevsto dal presente Statuto, s fa rfermento alle vgent dsposzon legslatve D matera, con partcolare rfermento al Codce Cvle, alla Legge n. 266/91 e successve varazon ed ntegrazon, alla legslazone regonale sul volontarato e successve varazon ed ntegrazon, al D.Lgs. 4 dcembre 1997, n. 460 e successve varazon ed ntegrazon. Approvato dal Consglo Drettvo n data: Approvato.dal' Assemblea n data: Cop~" ~c:w.fomlo al'orgnale consta d fogl".. '~.". ~ rlascata per gl us conser)tt dalla legge n carta lbera su rchl.es;ta dell'nteressato... ~ì~~~ ~~ ~._.~ A_O_~~ ~ ~ 12

MORON E 10121 TORINO - VIA MERCANTINI, 5 TELEFONO 512.522 - CINQUE LINEE URBANE. Torino, 23 giugno 1970

MORON E 10121 TORINO - VIA MERCANTINI, 5 TELEFONO 512.522 - CINQUE LINEE URBANE. Torino, 23 giugno 1970 >w^^vv^nooo3q00000000[x?00000000000qcq0oockwc y. 9 STUDO NOTARLE MORON E 10121 TORNO - VA MERCANTN, 5 TELEFONO 512.522 -

Dettagli

Statuto dell Associazione Culturale TUTTI PER ROMA

Statuto dell Associazione Culturale TUTTI PER ROMA Art. l Denomnazone e sede E' costtuta, l Assocazone culturale denomnata TUTTI PER ROMA, con sede n Roma, n vale Aventno 67, che, a secondo delle necesstà, potrà avere una o pù sed operatve n altr luogh.

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA

PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA PROVNCA REGONALE D MESSNA Regolamento per l'erogazone delle rsorse fnanzare agl sttut scolastc Artcolo 1 - Prncp, defnzon e norme general 1. l presente regolamento da attuazone all'art.3 della Legge 11

Dettagli

domiciliato per la carica ove appresso, quale Presidente del Consiglio di'

domiciliato per la carica ove appresso, quale Presidente del Consiglio di' Repertoro N. 26064 Notao Raccolta N. 13000 Salvatore FEDERCO VERBALE D ASSEMBLEA STRAOPRDNARA REPUBBLCA TALANA L'anno duemla undc l gorno ventcnque del mese d luglo alle ore dcotto e ventcnque. n Gula

Dettagli

DECRETA. ART. 3 Il compenso per l attività di collaborazione è fissato in 1.095,00 esente dall imposta sul reddito delle persone fisiche.

DECRETA. ART. 3 Il compenso per l attività di collaborazione è fissato in 1.095,00 esente dall imposta sul reddito delle persone fisiche. BANDO PER n. 64 BORSE DI COLLABORAZIONE PER IL SUPPORTO PRESSO IL C.I.A.O. DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA NEL PERIODO DA SETTEMBRE 2010 A FINE GENNAIO 2011 000280 IL RETTORE VISTO VISTO

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Delberazone 20 ottobre 2004 Approvazone delle condzon general d accesso e d erogazone del servzo d rgassfcazone d gnl predsposte dalla socetà Gnl Itala Spa (delberazone n. 184/04) L AUTORITÀ PER L ENERGIA

Dettagli

COMUNE DI CASSANO DELLE MURGE Provincia di Bari

COMUNE DI CASSANO DELLE MURGE Provincia di Bari Allegato alla D.D. Area 3 - Terrtoro n 17 del 20.04.2009 COMUNE DI CASSANO DELLE MURGE Provnca d Bar DISCIPLINARE BANDO PUBBLICO PER L INCENTIVAZIONE DI INTERVENTI DI RECUPERO DELLE FACCIATE DI IMMOBILI

Dettagli

n.49 del 24/O1 2014 O (i G E T T O

n.49 del 24/O1 2014 O (i G E T T O REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE n.49 del 24/O1 2014 O ( G E T T O Concessone n comodato duso gratuto per la durata d un anno alla Socetà Cooperatv a Socale

Dettagli

COMUNE DI SOLARUSSA- (OR) Area_Finanziaria_Tributaria

COMUNE DI SOLARUSSA- (OR) Area_Finanziaria_Tributaria Responsable del provvedmento fnale : Solnas Grazella - tel.0783/378206 - ragonera@comune.solaru sto Acquszone d ben e servz d Fnanzaro Trbutaro Grazella Solnas 0783-378206 ragonera@comune.solaru preventv

Dettagli

ALLEGATO B REQUISITI DI ORDINE GENERALE

ALLEGATO B REQUISITI DI ORDINE GENERALE PROCEDURA NEGOZIATA PER L'ACQUISIZIONE DEL SERVIZIO DI IDEAZIONE E PROGETTAZIONE GRAFICA PER LA PUBBLICAZIONE E DIVULGAZIONE DELLE INIZIATIVE CULTURALI DELL'ERT ALLEGATO B REQUISITI DI ORDINE GENERALE

Dettagli

consiglio Regionale della Campania

consiglio Regionale della Campania consglo Regonale della Campana Prot.n. 14872/A Al Sgnor Presdente della Gunta Regonale della Campana Va S. Luca, 81 NAPOLI A Presdent delle Commsson Conslar Permanent V e VI A Consgler Regonal Al Settore

Dettagli

COMUNE DI SESTU. Vigilanza SETTORE : Deiana Pierluigi. Responsabile: DETERMINAZIONE N. 04/12/2015. in data

COMUNE DI SESTU. Vigilanza SETTORE : Deiana Pierluigi. Responsabile: DETERMINAZIONE N. 04/12/2015. in data COMUNE D SESTU SETTORE : Responsable: Vglanza Deana Perlug DETERMNAZONE N. n data 1926 04/12/2015 OGGETTO: Affdamento dretto alla dtta Racca Umberto & C. s.n.c. per la forntura d 6 chav elettronche per

Dettagli

AZIENDA U.S.L. 9 di GROSSETO

AZIENDA U.S.L. 9 di GROSSETO Azlendll... USl9 Grosseto AZENDA U.S.L. 9 d GROSSETO Va Cmabue 109-58100 GROSSETO - Tel. 0564/485111-485551 - C. Fsc. P. va 00315940536 DELBERAZONE DEL DRETTORE GENERALE DOT. DANELE TEST 290 ~ DEL 2 9

Dettagli

22 marzo 1991. in Verrès ed in un locale al primo piano del Condominio Evanf. ed iscritto 'presso il Collegio dei Distretti Notarili

22 marzo 1991. in Verrès ed in un locale al primo piano del Condominio Evanf. ed iscritto 'presso il Collegio dei Distretti Notarili COSTITUZIONE DI ASSOCIAZIOM^lS^Y REPUBBLICA ITALIANA.L'anno m lenovecentonovantuno, l gorno ventdue del mese _! -. p! ' d marzo: 22 marzo 99 n Verrès ed n un locale al prmo pano del Condomno Evanf con

Dettagli

AZIENDA U.S.L. 9 di GROSSETO

AZIENDA U.S.L. 9 di GROSSETO l AZENA U.S.L. 9 d GROSSETO Va Cmabue 109~581 GROSSETO ~ Tel. 0564/485111 485551 C. Fsc. P. va 315940536 ELBERAZONE o 1 1 5 - ~ 2O M~R. 2012 N...EL... OGGETTO: "Nota dell'assessore al rtto alla Salute

Dettagli

stabilisce le seguenti

stabilisce le seguenti s ~ SENZA INCANTO IL 9 aprle 2014 ORE 15,00 { 4 1 9ep~901\C 114 LI PMP ERGE 2367/2012. TRIBUNALE DI MILANO Sezone Terza Cvle - Esecuzon Immoblar. G.E. Dott.ssa Mennun PRIMO AWISO DI VENDITA E CON INCANTO

Dettagli

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Il Mnstro delle Infrastrutture e de Trasport VISTO l decreto legslatvo 30 aprle 1992, n. 285, come da ultmo modfcato dal decreto legslatvo 18 aprle 2011, n. 59, recante Attuazone delle drettve 2006/126/CE

Dettagli

AVVISO PUBBLICO Costituzione di short list: Servizio di pulizie presso l Istituto di Ricerca Biogem s.c.ar.l. Via Camporeale, Ariano Irpino (AV)

AVVISO PUBBLICO Costituzione di short list: Servizio di pulizie presso l Istituto di Ricerca Biogem s.c.ar.l. Via Camporeale, Ariano Irpino (AV) AVVISO PUBBLICO Costtuzone d short lst: Servzo d pulze presso l Isttuto d Rcerca Camporeale, Arano Irpno (AV) In esecuzone della Determna Presdenzale n. 15/103 del 10/09/2015, la Bogem Scarl ntende procedere

Dettagli

Invio fascicolo di Bilancio

Invio fascicolo di Bilancio HELP DESK Nota Salvatempo 0052 TUTTOBILANCIO Invo fasccolo d Blanco Quando serve D seguto sono elencat passagg da segure per predsporre, frmare e scarcare una pratca d Blanco (Modello B) per la presentazone

Dettagli

Tipo materia ID P0 2000-2006. Misura/Azione ID. Privacy x Si. ID No Pubblicazione integrale ID Si x No

Tipo materia ID P0 2000-2006. Misura/Azione ID. Privacy x Si. ID No Pubblicazione integrale ID Si x No EtON 33LIA A,a Pohtche per la Rqualfcazone, la Tutela e la Scurezza Ambentale e per l Attuazone delle Opere Pubblche Servzo Ecologa ATTO DIRIGENZIALE ORIGINALE Codfca adempment L.R.15/08 (trasparenza)

Dettagli

Corso di Laurea in Lingue e Culture Moderne

Corso di Laurea in Lingue e Culture Moderne Dpartmento d Stud Umanstc Corso d Laurea n Lngue e Culture Moderne (L-11 classe n Lngue e Culture Moderne) Manfesto degl Stud A.A. 2014/2015 ART. 1 Obettv formatv specfc e descrzone del corso formatvo

Dettagli

COMI]Ntr DI BI]RGIO (PROVINCIA DI AGRIGENTO) Atto N. 09 del 05 03 20ls. il giorno, qll-qgg il sottoscritto dott. Vito Montana

COMI]Ntr DI BI]RGIO (PROVINCIA DI AGRIGENTO) Atto N. 09 del 05 03 20ls. il giorno, qll-qgg il sottoscritto dott. Vito Montana @ @ COMI]Ntr DI BI]RGIO (PROVINCIA DI AGRIGENTO) D etermnazone del Respons able dell' are a frnanzara Atto N. 09 del 05 03 20ls OGGETTO: Determnazone delf mporto della cassa vncolata alla data del 3lll2l20l4

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE CARLO GEMMELLARO CATANIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ECONOMIA AZIENDALE A.S.: 2015/2016 Prof Pnzzotto Dana classe 5 b afm Obtv educatv OBTV ddattc trasversal Acqusre

Dettagli

'La procedura di espropriazione immobiliare delegata per le. :operazioni di vendita al Dottor ALESSANDRO CABIZZA Notaio in

'La procedura di espropriazione immobiliare delegata per le. :operazioni di vendita al Dottor ALESSANDRO CABIZZA Notaio in 9CP ~BBI\C,.. ~r~~ RGE 1541/2010 TRIBUNALE DI MILANO Sezone Terza Cvle - Esecuzon Immoblar. G.E. Dott. Sergo Rossett TERZO AWISO DI VENDITA SENZA INCANTO IL 10 settembre 2014 ORE I6, 00 E CON INCANTO IL

Dettagli

n, 155 dei 03/03/2014 G GE T T

n, 155 dei 03/03/2014 G GE T T REGIONE DEL VENETO AZIENDA LJNITA LOCALE SOCIOSANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE n, 155 dei 03/03/2014 O G GE T T O Convenzone con STEFANI SPORT Socetà Cooperatva Socale Sportva Dlettantstca per attvta

Dettagli

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare MANUALE OPERATIVO PER IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DEL PERSONALE

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare MANUALE OPERATIVO PER IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DEL PERSONALE Mnstero dell Ambente e della Tutela del Terrtoro e del Mare MANUALE OPERATIVO PER IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DEL PERSONALE INDICE 1. INTRODUZIONE 1.1. I RIFERIMENTI NORMATIVI 1.2. GLI OBIETTIVI

Dettagli

G.E. Dott. ssa SCIRPO

G.E. Dott. ssa SCIRPO 9fP e0j[ n ~~>~P ERGE 42087/97+648/2009. Í TRIBUNALE DI MILANO - --- Esecuzon Immoblar. G.E. Dott. ssa SCIRPO QUARTO AWISO DI VENDITA SENZA INCANTO IL 5 gugno 2014 ORE 17,00 E CON INCANTO L'll gugno 2014

Dettagli

Corso di Laurea in Scienze Giuridiche

Corso di Laurea in Scienze Giuridiche hoògoò UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Facoltà d Gursprudenza Como Corso d Laurea n Scenze Gurdche Sede del corso: Como MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2005/2006 Presentazone del Corso. Presso

Dettagli

La contabilità analitica nelle aziende agrarie

La contabilità analitica nelle aziende agrarie 2 La contabltà analtca nelle azende agrare Estmo rurale ed element d contabltà (analtca) S. Menghn Corso d Laurea n Scenze e tecnologe agrare Percorso Economa ed Estmo Contabltà generale e cont. ndustrale

Dettagli

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Il Mnstro delle Infrastrutture e de Trasport VISTO l decreto legslatvo 30 aprle 1992, n. 285, come da ultmo modfcato dal decreto legslatvo 18 aprle 2011, n. 59, recante Attuazone delle drettve 2006/126/CE

Dettagli

NR.400/Ct2008t Y*g tpt12.2r4.27brs VOCE: DECRETO LEGISLATIVO 10 AGOSTO 2007, N. 154 DI ATTUAZIONE ALLA DIRETTIVA 2OO4III ICF.

NR.400/Ct2008t Y*g tpt12.2r4.27brs VOCE: DECRETO LEGISLATIVO 10 AGOSTO 2007, N. 154 DI ATTUAZIONE ALLA DIRETTIVA 2OO4III ICF. -- ["-_lci.',,"*i;* j L.---i1"1î_:_ - i ti{}il 4 Ír ;ì.,-l,'..* Dl PÉLTMNTO []E[.[-.,\. PUBtsl-lC.r\ SCtiF-g /,'f.a NREZT$NN CF,NTfuq,E NH,T,'T\{Mfffu\ZONE h ]ÈN,.A P{JL7,A }Hì".,LH FR(}}-iT'Ti:;ÍT.JJ

Dettagli

ffi fl Presidente constototo che gli intervenuti sono in numero legale, dichiqro opertq lq COMUNE DI 5ANT'AN6ELO DI BROLO di dicembre

ffi fl Presidente constototo che gli intervenuti sono in numero legale, dichiqro opertq lq COMUNE DI 5ANT'AN6ELO DI BROLO di dicembre '" _'.:=af'al;f+.1r.4 W ff COMUNE DI 5ANT'AN6ELO DI BROLO c.a.p.98060 PROVINCIA DI TlESSINA c.f. 00108980830 Res. No 483 del.16 ttztzolr DEUIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: Realzzazone st web

Dettagli

ARFAT Anerzci reqonaie P ft b r

ARFAT Anerzci reqonaie P ft b r / ARFAT Anerzc reqonaie P ft b r doua Toscana Decreto del Drettore Generale N ) del Proponente:Dott. ssa Dan ela Masn Settore Provvedtorato Pubblctà/Pubblcazone: Atto soggetto a pubblcazone ntegrale (sto

Dettagli

CITTA Dl CIAM PINO PROVINCIA Dl ROMA

CITTA Dl CIAM PINO PROVINCIA Dl ROMA , D, ).., CTTA Dl CAM PNO PROVNCA Dl ROMA ( ( L DELBERAZONE ORGNALE DEL CONSGLO COMUNALE zttto v. 28 [Oggetto: Approvazone Alquote Tas Del 09.04.2014 1 L anno duernlaquattordc, l gorno nove del mese d

Dettagli

A cura di: Barbara Di Vetta. Oggetto: Il regime dell IVA per cassa

A cura di: Barbara Di Vetta. Oggetto: Il regime dell IVA per cassa A cura d: Barbara D Vetta Oggetto: Il regme dell IVA per cassa Con l decreto del Mnstero dell Economa e delle fnanze del 26 marzo 2009 (n Gazzetta Uffcale n. 96 del 27 aprle 2009), prevsto dall artcolo

Dettagli

Comune di Piedimonte Etneo PROVINCIALI CATANIA

Comune di Piedimonte Etneo PROVINCIALI CATANIA Comune d Pedmonte Etneo PROVINCIALI CATANIA DELIBERAZIONE N. 26 COPIA d Delberazone del Consglo Comunale Aggornamento della Seduta del 04.08.2011 ' v ' OGGETTO: CONFERMA DESTINAZIONE MUTUO CASSA DEPOTI

Dettagli

REGIONE SICILIANA COMUNE DI FORZA D'AGRO' Provincia di Messina

REGIONE SICILIANA COMUNE DI FORZA D'AGRO' Provincia di Messina REGIONE SICILIANA COMUNE DI FORZA D'AGRO' rovnca d Messna COIA DI DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N. 50 del 14-05-2015 OGGETTO: Approvazone studo d fattbltà del progetto "ITINERARI DELL'AGRO E DELL'ALCANTARA".Assegnazone

Dettagli

CIRCOLARE N. 9. CIRCOLARI DELL ENTE MODIFICATE/SOSTITUITE: nessuna. Firmato: ing. Carlo Cannafoglia

CIRCOLARE N. 9. CIRCOLARI DELL ENTE MODIFICATE/SOSTITUITE: nessuna. Firmato: ing. Carlo Cannafoglia PROT. N 53897 ENTE EMITTENTE: OGGETTO: DESTINATARI: DATA DECORRENZA: CIRCOLARE N. 9 DC Cartografa, Catasto e Pubblctà Immoblare, d ntesa con l Uffco del Consglere Scentfco e la DC Osservatoro del Mercato

Dettagli

PROVIAMO A VERIFICARE SE...

PROVIAMO A VERIFICARE SE... PROVAMO A VERFCARE SE... CHECK llst PER la VERFCA DEL RSPETTO DE PRNCPAL OBBLGH N MATERA D SCUREZZA E SALUTE SUL lavoro (RF. PCCOL UFFC) Pago 1 d 7 S PRECSA CHE LA CHECK-L1ST D SEGUTO RPORTATA NON PUÒ

Dettagli

o -7 o -! - 1-7 il) LÌ; - O o O 7r_c77 f - - 77 ) af//\ m)vtìi f 7 I L ; rj -ti - a 3-7 te, - /I -fll

o -7 o -! - 1-7 il) LÌ; - O o O 7r_c77 f - - 77 ) af//\ m)vtìi f 7 I L ; rj -ti - a 3-7 te, - /I -fll E 44 ( o H H o -7 r 7 t -7 fl 77 O o - 1-7 A- E o -! 7 7 7 - o O O LÌ; - O 1 I 7r_c77 f l) I E, J\ A- L ; F2-4 / 7 I I I I - - 77 ) af//\ m)vtì f - rj -t - a 7 1 -v 3-7 A -7 te, - 17 -A 7 o 2 fj LÌ - /I

Dettagli

-l COMUNE DI BUDDUSO' CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI BUDDUSO' E LA SCUOLA MATERNA 1 "SAN QUIRICO MARTIRE" PER EROGAZIONE CONTRIBUTI.

-l COMUNE DI BUDDUSO' CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI BUDDUSO' E LA SCUOLA MATERNA 1 SAN QUIRICO MARTIRE PER EROGAZIONE CONTRIBUTI. - COMUNE D BUDDUSO'... :, PROVNCA D OLBA TEMPO CONVENZONE SCUO.A MATERNA SAN QURCO MARTRE (art. 2. comma 2.L.R. 25.06.984. N. 3 ) CONVENZONE TRA L COMUNE D BUDDUSO' E LA SCUOLA MATERNA "SAN QURCO MARTRE"

Dettagli

N. ASÀ dei 1 9 HOV. 2013

N. ASÀ dei 1 9 HOV. 2013 PROPOSTA SETI. VI N r DEL REGISTRO PROPOSTE G.C DEL -J'k COMUNE DI AGRIGENTO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. ASÀ de 1 9 HOV. 2013 OGGETTO Confermento resdu sold urban nella dscarca d

Dettagli

POR FESR Sardegna 2007-2013 Asse VI Competitività BANDO PUBBLICO. Voucher Startup Incentivi per la competitività delle Startup innovative

POR FESR Sardegna 2007-2013 Asse VI Competitività BANDO PUBBLICO. Voucher Startup Incentivi per la competitività delle Startup innovative POR FESR Sardegna 2007-2013 Asse VI Compettvtà BANDO PUBBLICO Voucher Startup Incentv per la compettvtà delle Startup nnovatve ALLEGATO 3 PIANO DI UTILIZZO DEL VOUCHER STARTUP INNOVATIVE 2014 3. Pano d

Dettagli

Cornune di Caprala e Limite Provincia di Firenze

Cornune di Caprala e Limite Provincia di Firenze Cornune d Caprala e Lmte Provnca d Frenze COPA mmedatamente eseguble VERBALE Dl DELBERAZONE DEL CONSGLO COMUNALE Delbera Numero 3 del 24/0212011 Oggetto CONVENZONE UNCA SSTEMA MUSEALE E TURSTCO LE TERRE

Dettagli

BANCA POPOLARE DI VICENZA S.C.P.A. OBBLIGAZIONI CON OPZIONE EUROPEA DI TIPO CALL O PUT PLAIN VANILLA, ASIATICA O DIGITALE

BANCA POPOLARE DI VICENZA S.C.P.A. OBBLIGAZIONI CON OPZIONE EUROPEA DI TIPO CALL O PUT PLAIN VANILLA, ASIATICA O DIGITALE Socetà cooperatva per azon Sede socale: Vcenza, Va Btg. Framarn n. 18 scrtta al n. 1515 dell Albo delle Banche e de Grupp Bancar, codce AB 5728.1 Capogruppo del "Gruppo Banca Popolare d Vcenza Captale

Dettagli

INOSTRISPORTELLIASCOLTO: OSSEREVATORIO ON-LINE

INOSTRISPORTELLIASCOLTO: OSSEREVATORIO ON-LINE Assoc az one A N G E LI CENTROANTI VI OLENZA, ANTI STALKI NG EANTI STUPRO Pr oget t o:rete ANGELI BandoPer c or s nret e2013 A N G E LI Cent r oant v ol enz a, Ant s t al k ngeant s t upr o Gu da al l

Dettagli

Comune di Capraia e Limite Provincia di Firenze

Comune di Capraia e Limite Provincia di Firenze Comune d Capraa e Lmte Provnca d Frenze COPA MMEDATAMENTE ESEGUT3 LE. VERBALE D DELBERAZ1ONE DELLA GUNTA MUNCPALE Del bera Numero 103 del 13111/2012 Oggetto NZATVA PRESENTATA DALLASSOCAZONE NOt DA GRAND

Dettagli

ARPAT Agenzia regonaie per a proiezione ambentae deia Toscana

ARPAT Agenzia regonaie per a proiezione ambentae deia Toscana ARPAT Agenza regonaie per a proezone ambentae deia Toscana Decreto del Drettore Ammnstratvo N. del ) M 13 Proponente: Dott. ssa Danela Masn Settore Provvedtorato Pubblctà/Pubblcazone: Atto soggetto a pubblcazone

Dettagli

MILANO - VENERDÌ, 20 LUGLIO 2007. Sommario. Deliberazione Giunta regionale 26 giugno 2007 - n. 8/5018

MILANO - VENERDÌ, 20 LUGLIO 2007. Sommario. Deliberazione Giunta regionale 26 giugno 2007 - n. 8/5018 REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE MILANO - VENERDÌ, 20 LUGLIO 2007 3º SUPPLEMENTO STRAORDINARIO Sommaro Anno XXXVII - N. 147 - Poste Italane - Spedzone n abb. postale - 45% - art. 2, comma 20/b

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO stà degl Stud d Palermo l (lasc 6 Fasccolo del 30092013 go DECRETO N. 2907-2013 BANDO DI CONCORSO PER I)AMMISSIONE AI CORSI DI DOTTORATO DI RCERCA NELLUNIVERSITA DEGLI STUDI DI PALERMO Anno Accademco 2013/2014

Dettagli

InfoCenter Product A PLM Application

InfoCenter Product A PLM Application genes d un fra o Gestone de crcolazone dell'nformazone sa crcoscrtta entro Pdetermnat ambt settoral. L'ntegrazone de sstem e de odpartment azendal rchede nuove modaltà operatve, nuove t competenze e nuov

Dettagli

RGE. 1497/2005 T I TRIBUNALE DI MILANO. ! ~ GE Dott. M. PisCopo f. ~ SECONDO AWISO DI VENDITA i _. SENZA INCANTO IL 23 settembre 2014 ore 17.

RGE. 1497/2005 T I TRIBUNALE DI MILANO. ! ~ GE Dott. M. PisCopo f. ~ SECONDO AWISO DI VENDITA i _. SENZA INCANTO IL 23 settembre 2014 ore 17. ~ 9eP~U6l 1C STAI >rp. V RGE. 1497/2005 T I TRIBUNALE DI MILANO a Sezone Terza Cvìle - Esecuzon Immoblar t! ~ GE Dott. M. PsCopo f ~ SECONDO AWISO DI VENDITA _. SENZA INCANTO IL 23 settembre 2014 ore 17.00

Dettagli

/f*e*ékfu. utffi6úà/6r.** -r tèv {z l.e6ha. 6tro,gq ---4\ 9"* @y*d"-/%éé/ ,tr. Al Comune di Procida Via LibeÉà, L2-80079 Procida (NA1

/f*e*ékfu. utffi6úà/6r.** -r tèv {z l.e6ha. 6tro,gq ---4\ 9* @y*d-/%éé/ ,tr. Al Comune di Procida Via LibeÉà, L2-80079 Procida (NA1 Mod. 162 /f*e*ékfu utff6úà/6r.** DPARTMENTO PER LE RSORSE DRCHE DREZONE PER LA DFESA DEL MARE 6tro,gq Al Comune d Procda Va LbeÉà, L2-80079 Procda (NA1 % -r tèv {z l.e6ha @y*d"-/%éé/,tr 9"* ---4\ Oggetto:

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. IL TRlBUNALE ORDINARIO DI ROMA SENTENZA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. IL TRlBUNALE ORDINARIO DI ROMA SENTENZA REPUBBLCA TALANA N NOME DEL POPOLO TALANO L TRlBUNALE ORDNARO D ROMA [ - SEZONE V CVLE n composzone monocratca, nella persona del dott. PAOLO D'AvNO Gudce ha pronunzato la seguente SENTENZA nella causa

Dettagli

FORMAZIONE ALPHAITALIA

FORMAZIONE ALPHAITALIA ALPHAITALIA PAG. 1 DI 13 FORMAZIONE ALPHAITALIA IL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA Quadro ntroduttvo ALPHAITALIA PAG. 2 DI 13 1. DEFINIZIONI QUALITA Grado n cu un nseme d caratterstche ntrnseche soddsfa

Dettagli

UNIVERSITÀ VITA-SALUTE SAN RAFFAELE

UNIVERSITÀ VITA-SALUTE SAN RAFFAELE UNVERSTÀ VTA-SALUTE SAN RAFFAELE DECRETO RETTORALE N. 4809 Vsta Vsto Vsta Vste la Legge 2 agosto 1999, n. 264 L RETTORE l Decreto del Mnstero dell'struzone, dell'unverstà e della Rcerca del 22 ottobre

Dettagli

Provinciadi Ravenna Ptazzadei Caduti per lalibertàt,2 / 4 IL DIRIGENTE

Provinciadi Ravenna Ptazzadei Caduti per lalibertàt,2 / 4 IL DIRIGENTE Provncad Ravenna Ptazzade Cadut per lalbertàt,2 / 4 ff del 0310212 n 37 Pror,'rredmento 09-l t-07 2006t4t0 Classfcazone - AUTORIZZAZIONEATTIVITA' Dl GESTIONEDELL'IMPIANTO - LR 512006 Oggetto DLGS 15212006

Dettagli

11111111111 111111111111111' 111111111111 1III

11111111111 111111111111111' 111111111111 1III CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI INGEGNERI 31'110/2014 U-5s/6249/2014 CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI IN'GEGNEHl 11111111111 111111111111111' 111111111111 1III /''''''(1''} l,\{lfij,ae'r'1 '-.;'H/h/rl Crco n. 445/XVIII

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO Unverstk degl Stud d Palermo Ttolo 111 Classe 6 Fasccolo N 669 O1 O3 18 JO9/2Ol J_go DECRETO N. 2907-2013 BANDO DI CONCORSO PER LAMMISSIONE AI CORSI DI DOTTORATO DI RICERCA NELL UNIVERSITA DEGLI STUDI

Dettagli

SUNIA. Br,k- rpg. ,..4 a..' s. r.é. E. r. Al Sig. SINDACO del COMUNE di ACCORDO TERRITORIALE PER I CONTRATTI DI LOCAZIONE. Arezzo li 0511012004

SUNIA. Br,k- rpg. ,..4 a..' s. r.é. E. r. Al Sig. SINDACO del COMUNE di ACCORDO TERRITORIALE PER I CONTRATTI DI LOCAZIONE. Arezzo li 0511012004 Mnente: ASSOCAZON PROPRETAR c NQULN Presso U.P.P.. (Unone Pccol Proprctar mmoblar) Sede Provncale d Arezzo Va Roma no? - 52100 AREZZO Tel. 0575/353494; fax 0575/409802 Arezzo l 0511012004 Al Sg. SNDACO

Dettagli

SERVITU PREDIALI. Definizione: peso imposto sopra un fondo (servente), per l utilità di un altro fondo (dominante) appartenente a diverso proprietario

SERVITU PREDIALI. Definizione: peso imposto sopra un fondo (servente), per l utilità di un altro fondo (dominante) appartenente a diverso proprietario SERVITU PREDIALI Defnzone: peso mposto sopra un fondo (servente), per l utltà d un altro fondo (domnante) appartenente a dverso propretaro PREDIALE: predum = FONDO (rferble ad mmoble sa rustco che urbano)

Dettagli

CITTA DI SALEMI Libero Consorzio Comunale di Trapani

CITTA DI SALEMI Libero Consorzio Comunale di Trapani r " CTTA D SALEM Lbero Consorzo Comunale d Trapan 4 SETTORE "Ambente Protezone Cvle Servz Cmteral Edlza popolare Uffco Art.5 Patrmono" AVVSO CENSMENTO AMANTO (scadenza 20 maggo 2015) S avvsa la Cttadnanza

Dettagli

DI FONDACHELLI FANTINA Provincia di Messina

DI FONDACHELLI FANTINA Provincia di Messina COMUNE D FONDACHELL FANTNA Provnca d Messna VA Rubno s.n.c. Te!. 0941-651 001 -- 0941-630535 Fax. 0941-651239 E. Mal casadrposojondachell@hotmal.l STTUZONE COMUNALE BANDO D GARA A PROCEDURA APERTA PER

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE DEL COMPLESSO' J i :, I \, \ \ - r IMMOBILIAREDILARGO LORENZO MOSSAN'8/A AD;;'-:' ;l' \ \', DELL'AMBIENTE.

CONTRATTO DI LOCAZIONE DEL COMPLESSO' J i :, I \, \ \ - r IMMOBILIAREDILARGO LORENZO MOSSAN'8/A AD;;'-:' ;l' \ \', DELL'AMBIENTE. CONTRATTO D LOCAZONE DEL COMPLESSO' J :, \, \ \ - r MMOBLAREDLARGO LORENZO MOSSAN'8/A AD;;'-:' ;l' \ \', DELL'AMBENTE. d delega n data 619120A4, d seguto denomnato anche

Dettagli

Il progetto è articolato nelle seguenti fasi operative: Pianificazione operativa e organizzazione partenariato

Il progetto è articolato nelle seguenti fasi operative: Pianificazione operativa e organizzazione partenariato .NUMERO AZIONE 2. TITOLO AZIONE Progetto "PETTHERAPY'. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ II progetto ntende contrbure al mgloramento della qualtà della vta de pazent convolt e delle loro famgle attraverso attvtà,

Dettagli

VOLONTARI DEL SOCCORSO DELLA VALPELLINE. organizzazione di volontariato

VOLONTARI DEL SOCCORSO DELLA VALPELLINE. organizzazione di volontariato VOLONTARI DEL SOCCORSO DELLA VALPELLINE organizzazione di volontariato Loc Capoluogo n 27 Cap 11010 Comune Valpelline Prov. Ao Statuto dell associazione Volontari del soccorso della Valpellineorganizzazione

Dettagli

PROGETTO SCUOLA POPOLARE

PROGETTO SCUOLA POPOLARE SPIN TIME LABS & ICBIE Europa Onlus PROGETTO SCUOLA POPOLARE 1 P a g e 1. Introduzone 2. Obettv e fnaltà 3. I tutor del progetto 4. Modulo I. Sostegno scolastco. 5. Modulo II.- Corso d lngua talana 6.

Dettagli

COMUNE DI UDINE PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE 2014

COMUNE DI UDINE PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE 2014 APPROVATO CON DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 240 DEL 29 LUGLIO 2014 ALL. A) COMUNE DI UDINE PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE 2014 VOLUME 2 SEGRETERIA GENERALE SERVIZIO SISTEMI INFORMATIVI E TELEMATICI

Dettagli

PROTOCOLLO C'INTESA PER LA TUTELA E IL TRA: La Provincia di Avellino. Il Consorzio ASI di Avellino. La Società Irpiniambiente spa

PROTOCOLLO C'INTESA PER LA TUTELA E IL TRA: La Provincia di Avellino. Il Consorzio ASI di Avellino. La Società Irpiniambiente spa PROTOCOLLO C'NTESA PER LA TUTELA E L RSANAMENTO CELLA MEDA VALLE DEL "'''1.''' TRA: La Provnca d Avellno l Consorzo AS d Avellno La Socetà rpnambente spa l Comune d Atrpalda l Comune d Avellno l Comune

Dettagli

La gestione della sicurezza nei cantieri edili: novità e criticità introdotte dal Titolo IV del Decreto Legislativo n. 81/2008

La gestione della sicurezza nei cantieri edili: novità e criticità introdotte dal Titolo IV del Decreto Legislativo n. 81/2008 REGONE SCLA REGONE LAZO REGONE PEMONTE CONVEGNO NAZONALE SCUREZZA NE CONTRATT PUBBLC Problematiche e prospettive applicative Gestione della sicurezza nei lavori pubblici Palermo - 28 ottobre 2008 Palazzo

Dettagli

Dove RF è la rendita catastale del fabbricato e f (RF ) la funzione che associa l indice economico del fabbricato alla rendita catastale.

Dove RF è la rendita catastale del fabbricato e f (RF ) la funzione che associa l indice economico del fabbricato alla rendita catastale. 4.4.2. Indc economc L ndce d natura economca, n base a quanto prevsto dalla lettera b), del comma 2 dell artcolo 36 della legge regonale deve essere rferto a reddt catastal rvalutat. S ha pertanto che:

Dettagli

Condizionamento srl. catalogo generale 2007. EV Condizionamento srl

Condizionamento srl. catalogo generale 2007. EV Condizionamento srl EV Condzonamento srl EV Condzonamento srl catalogo generale 2007 Magazzno, uffco commercale e ammnstratvo: Va Lucreza Romana, 65/m 00043 Campno (RM) Italy Tel +39 6 79320072 (6 lnee r.a.) Fax +39 6 79320078

Dettagli

i i IifgIilIUl!flllulIiIii, I/

i i IifgIilIUl!flllulIiIii, I/ ) do.d PRO 4r( tcoco) P cccman data \ R nta r Wr ìnce nle (,mun:cazon ezcne (1 ntencu ov stv 1 jtrred:al antro )ìrezonap ol3 3 C 3 APOL] c pata,a na e monc vaqcorn I( r -r le gjf ( [) F I(T.(.F IfgIlIUl!flllulII,

Dettagli

Estremi dd versamento 43/028 4 VC Y 160

Estremi dd versamento 43/028 4 VC Y 160 Anas SpA Socetà con Soco Unco Gap. Soc. 2.269.892.000,00 - scr. R.E.A. 1024951 - P.VA 02133681003 - C-F. 80208450587 Sede legale: Va Mozambano, 10-00185 Roma «Te. 06 44461 - Fax 06 44S6224 Sede Compartmentale:

Dettagli

COMUNE DI MOLA Provìncia di Napoli 2 ~ (S ILjmCIG E

COMUNE DI MOLA Provìncia di Napoli 2 ~ (S ILjmCIG E COMUNE DI MOLA Provìnca d Napol 2 ~ (S ILjmCIG E 0,Y/ 'J.V /"O,(V' S '' " e-ma!: su * > > ' > l " ', / M ' ; n (ì ', > I I Noa lì 25 febbrao 2016 (O\H'\ D NOI A l'j \l l Nl A Drgent Alle P.O.

Dettagli

Il Salotto del Mix. Dir. Sup. Domenico Vulpiani Direttore Servizio Polizia Postale e delle Comunicazioni. Milano, 16 ottobre 2008

Il Salotto del Mix. Dir. Sup. Domenico Vulpiani Direttore Servizio Polizia Postale e delle Comunicazioni. Milano, 16 ottobre 2008 Il Salotto del Mx Dr. Sup. Domenco Vulpan Drettore Servzo Polza Postale e delle Comuncazon Mlano, 16 ottobre 2008 Maggore rchesta d scurezza... l g da t n e t u t l g a d r o t a oper s l g da e n l on

Dettagli

COMUNE DI CRESPELLANO PIANO DEGLI OBIETTIVI DI GESTIONE 2013-2015. Linee di attività, obiettivi e risorse

COMUNE DI CRESPELLANO PIANO DEGLI OBIETTIVI DI GESTIONE 2013-2015. Linee di attività, obiettivi e risorse COMUNE DI CRESPELLANO PIANO DEGLI OBIETTIVI DI GESTIONE - Lnee d attvtà, obettv e rsorse PIANO DEGLI OBIETTIVI DI GESTIONE : ARTICOLAZIONE PER FUNZIONI/SERVIZI/AREE T t o l F u n z o n 1 01 01 S e r v

Dettagli

j Via Gennaro Serra no 75-80132 N'!Poli AHa cortese attenzione del Sindaco

j Via Gennaro Serra no 75-80132 N'!Poli AHa cortese attenzione del Sindaco AHa cortese attenzone del Sndaco OGGETTO: Proposta d egge d nzatva popo~are R.C.Auto Tarffa ltala" h1zatva annuncata nella Gazzetta Uffcale n.l 06 del 9-5-2014. Gentle Sndaco, 18 maggo 2014 abbamo depostatp

Dettagli

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI. 32, VIA SAN GIACOMO E FILIPPO, 87016, Morano Calabro ESPERIENZA LAVORATIVA. Italiana PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI. 32, VIA SAN GIACOMO E FILIPPO, 87016, Morano Calabro ESPERIENZA LAVORATIVA. Italiana PER IL CURRICULUM VITAE Italano F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome DI LEONE FRANCESCO Indrzzo 32, VIA SAN GIACOMO E FILIPPO, 87016, Morano Calabro Telefono 0981-30254 Cellulare: 333-2011030 Fax

Dettagli

Sommario PRESENTAZIONE DEL SINDACO... 4

Sommario PRESENTAZIONE DEL SINDACO... 4 Sommaro PRESENTAZIONE DEL SINDACO... 4 NOTIZIE UTILI... 5 ORARI UFFICI COMUNALI... 5 Sndaco... 5 Protocollo Anagrafe, Stato Cvle, Elettorale e Leva... 5 Ragonera e Trbut... 5 Segretera... 5 Uffco Tecnco

Dettagli

Simulazione seconda prova Tema assegnato all esame di stato per l'abilitazione alla professione di geometra, 2006

Simulazione seconda prova Tema assegnato all esame di stato per l'abilitazione alla professione di geometra, 2006 Smulazone seconda prova Tema assegnato all esame d stato per l'abltazone alla professone d geometra, 006 roposte per lo svolgmento pubblcate sul ollettno SIFET (Socetà Italana d Fotogrammetra e Topografa)

Dettagli

Sportello di Promozione Sociale

Sportello di Promozione Sociale Sportello d Promozone Socale Sede: Va Conclazone 128, Mantova Tel. 347 6728025 Bollettno nformatvo - Band e agevolazon N.14, dcembre 2014 IN QUESTO NUMERO: CONTRIBUTO PER L ACQUISTO DELL ABITAZIONE PRINCIPALE

Dettagli

Manuale di conservazione della Provincia di Verona (Articolo 8 DPCM 3 dicembre 2013)

Manuale di conservazione della Provincia di Verona (Articolo 8 DPCM 3 dicembre 2013) p_vr.p_vr.registro UFFICIALE.I.0045688.30-04-2014.h.13:15 Allegato alla determnazone organzzatva n. del PROVINCIA DI VERONA Settore drezone generale Servzo gestone nformatzzata de fluss documental e trattamento

Dettagli

E p.c. I moduli compilati vanno inviati tramite email all indirizzo info@scuolaedilebresciana.it oppure tramite fax al n 0302091737.

E p.c. I moduli compilati vanno inviati tramite email all indirizzo info@scuolaedilebresciana.it oppure tramite fax al n 0302091737. Bresca, 16/09/2015 Prot. 3240/15 Crcolare Telematca 39 E p.c. A TUTT GEOMETR SCRTT ALL ALBO LORO SED A TUTT GEOMETR PRATCANT SCRTT AL REGSTRO LORO SED Oggetto Cors rmozone e smaltmento amanto c/o Ente

Dettagli

UMBERTO I " Il suesposto decreto e divenuto esecutivo in seguito alla pubblicazione all Albo dell Ente L. al... 11/10/2014...

UMBERTO I  Il suesposto decreto e divenuto esecutivo in seguito alla pubblicazione all Albo dell Ente L. al... 11/10/2014... M À} CENTRO RESDENZE PERNZN UMBERTO " ORGNE 35028 POE D SCCO (Padova) N 244 del 24/09/204 l Segretaro Drettore d uesto sttuto Perìn Dottssa Emanuela a sens del Dgs n 65/ 200 delle successve dsposzon d

Dettagli

ALLEGATO 1 PREVENTIVO FINANZIARIO DECISIONALE. Riepilogo delle entrate per titoli. Totale delle entrate finali TOTALE GENERALE.

ALLEGATO 1 PREVENTIVO FINANZIARIO DECISIONALE. Riepilogo delle entrate per titoli. Totale delle entrate finali TOTALE GENERALE. ALLEGATO 1 PREVENTVO FNANZARO DECSONALE PARTE - ENTRATA ANNO FNANZARO N ANNO FNANZARO N - 1 Residui presunti alla fine dell'anno in corso (iniziali anno N) Competenza Cassa Residui iniziali dell'anno N

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Introduzione. 1 Finalità e requisiti delle attività di dispacciamento nel mercato elettrico liberalizzato

RELAZIONE TECNICA. Introduzione. 1 Finalità e requisiti delle attività di dispacciamento nel mercato elettrico liberalizzato Allegato n. 1 a Prot AU/01/130 RELAZIONE TECNICA PRESUPPOSTI PER L ADOZIONE DI SCHEMA DI CONDIZIONI PER L EROGAZIONE DEL PUBBLICO SERVIZIO DI DISPACCIAMENTO DELL ENERGIA ELETTRICA SUL TERRITORIO NAZIONALE

Dettagli

Bonus Cap Certificates con sottostante Allianz SE, AXA SA, Assicurazioni Generali S.p.A.

Bonus Cap Certificates con sottostante Allianz SE, AXA SA, Assicurazioni Generali S.p.A. Bonus Cap Certfcates con sottostante Allanz SE, AXA SA, Asscurazon General S.p.A. Dal 7 febbrao fno al 1 marzo solo su ISIN: DE000HV8AKJ8 Sottostante: Allanz SE, AXA SA, Asscurazon General S.p.A. Scadenza:

Dettagli

Codice di Stoccaggio Capitolo 7 Bilanciamento e reintegrazione dello stoccaggio

Codice di Stoccaggio Capitolo 7 Bilanciamento e reintegrazione dello stoccaggio Codce d Stoccaggo Captolo 7 Blancamento e rentegrazone dello stoccaggo 7.4 Corrspettv per servz d stoccaggo L UTENTE è tenuto a corrspondere a STOGIT, per la prestazone de servz, gl mport dervant dall

Dettagli

3. SOCIALE. 3.4 Politiche sociali per la famiglia e la persona

3. SOCIALE. 3.4 Politiche sociali per la famiglia e la persona 3. SOCIALE 3.4 Poltche socal per la famgla e la persona INDICE Inquadramento strategco..................... pag. 81 Rsorse mpegate........................ pag. 82-83 Prncpal opere pubblche e ntervent

Dettagli

REGIONEY ROMA 6 LAZIO ~ ------------~---

REGIONEY ROMA 6 LAZIO ~ ------------~--- +ASL REGONEY ROMA 6 LAZO ~ U.O.c. Formazone-Comuncazone Unta' Operatva Formazone Te!. 0693273839-390 l Fax 0693273919 f Q ~ () () _ 1_ 00 t L Protocollo no )J,J. ~..v del rj...1...a ~ 4 P ------------~---

Dettagli

10-7-2009. GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 158. ALLEGATO 1 (Allegato A, paragrafo 2)

10-7-2009. GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 158. ALLEGATO 1 (Allegato A, paragrafo 2) ALLEGATO 1 (Allegato A, paragrafo 2) Indcazon per l calcolo della prestazone energetca d edfc non dotat d mpanto d clmatzzazone nvernale e/o d produzone d acqua calda santara 1. In assenza d mpant termc,

Dettagli

La tua area riservata Organizzazione Semplicità Efficienza

La tua area riservata Organizzazione Semplicità Efficienza Rev. 07/2012 La tua area rservata Organzzazone Semplctà Effcenza www.vstos.t La tua area rservata 1 MyVstos MyVstos è la pattaforma nformatca rservata a rvendtor Vstos che consente d verfcare la dsponbltà

Dettagli

ISPETIORATO NAZIONALE DEL LAVORO RELAZIONE ILLUSTRATIVA

ISPETIORATO NAZIONALE DEL LAVORO RELAZIONE ILLUSTRATIVA SPETORATO NAZONALE DEL LAVORO RELAZONE LLUSTRATVA L'spettorato nazonale del lavoro è costtuto a sens dell'art. 8 del decreto legslatvo n. 300 del 1999, cò vuo sgnfcare anztutto che allo stesso è attrbuta

Dettagli

U.d. 1 Struttura e finalità della Pubblica Amministrazione

U.d. 1 Struttura e finalità della Pubblica Amministrazione VIA CHIANTIGIANA, 26/A VIA NICOLODI, 2. fs004008@struzone.t - fs004008@pec.struzone.t - www.elsamorante.gov.t codce fscale 94017140487 Classe QUARTA Anno scolastco 2014-2015 CORSO O.S.S. PROGRAMMAZIONE

Dettagli

COMUNE DI MELEGNANO PROVINCIA DI MILANO CONTO DEL BILANCIO - GESTIONE DELLE SPESE 2014 - SPESE. Dettaglio Capitoli

COMUNE DI MELEGNANO PROVINCIA DI MILANO CONTO DEL BILANCIO - GESTIONE DELLE SPESE 2014 - SPESE. Dettaglio Capitoli COMUNE D MELEGNANO OVNCA D MLANO CONTO DEL BLANCO - GESTONE DELLE SPESE 2014 - SPESE RESDU PASSV AL 1/1/2014 () PAGAMENT N C/RESDU () RACCERTAMENTO RESDU RESDU PASSV DA ESERCZ EDENT (EP=-+R) MSSONE, OGRAMMA,

Dettagli

Metodi e Modelli per l Ottimizzazione Combinatoria Progetto: Metodo di soluzione basato su generazione di colonne

Metodi e Modelli per l Ottimizzazione Combinatoria Progetto: Metodo di soluzione basato su generazione di colonne Metod e Modell per l Ottmzzazone Combnatora Progetto: Metodo d soluzone basato su generazone d colonne Lug De Govann Vene presentato un modello alternatvo per l problema della turnazone delle farmace che

Dettagli

Tali linee strategiche si concretizzano nel: 2_Organizzazione di spazi da dedicare ad eventi temporanei di qualità;

Tali linee strategiche si concretizzano nel: 2_Organizzazione di spazi da dedicare ad eventi temporanei di qualità; AREA TEMATICA Progetto14 CULTURA TURISMO E MARKETING TERRITORIALE Polo culturale nel CS: Pano de contentor Allegato B- scheda tpo per la strutturazone de progett 1. Ttolo del progetto Polo culturale nel

Dettagli

Settimanale della segreteria nazionale del Silp per la CGIL

Settimanale della segreteria nazionale del Silp per la CGIL Settmanale della segretera nazonale del Slp per la CGIL L e g g e d S ta b l tà I N P I AZ Z A CO NT RO I T AG L I IN QUESTO NUMERO Legge d stabltà: n pazza l 19 novembre contro gl ennesm tagl Pansa annunca

Dettagli

Visto l articolo 117, comma sesto, della Costituzione;

Visto l articolo 117, comma sesto, della Costituzione; 22 28.10.2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 50 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE 22 ottobre 2013, n. 59/R Modfche al regolamento emanato con decreto del Presdente della

Dettagli