i- il signor BELFROND Renzo nato ad Aosta (AO) il 2 giugno 1965 i

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "i- il signor BELFROND Renzo nato ad Aosta (AO) il 2 giugno 1965 i"

Transcript

1 '". o r.: o 1::...:!;:: "'.5.; o Q "O f " 2: REPERTORO N RACCOLTA N. " 3 t= < Regstrato!G!;l'A::;sa l J& F~.2:d3 ~.A' _... V_E_R_B_A_L_E_D_~_A_SS_EMB!:'~~~''E_A_O_R_D N_A_R_l'_. DELLA.....:.-...: ~=V;:=~~<;;;X'::::==J "ASSOCAZONE VOLONTAR DEL SOCCORSO D COURMAYEUR - organzzazone d volontarato ONLUS" REPUBBLCA TALANA _...._--_._-----_._-_._-_.._~ ~--~-~------~.--.,L'anno duemlanove addì tre del mese d febbrao! alle ore ~ l' (dcan~_o_~~ ~.. ~ua~anta) ::1:~::::~::~0::. Strad~_ dells VOP~_ b.~_~r~~~~~a ~~de_ll~ lavant me dottor Gampaolo MA~CO~ è presente: - l sgnor BELFROND Renzo nato ad Aosta (AO) l 2 gugno 1965 e domclato a fn del presente atto presso la sede del- l' Assocazone, nella sua qualtà d Presdente del Consglo: Drettvo "ASSOCAZONE VOLONTAR DEL SOCCORSO D COURMAYEUR - Notao alla resdenza d Ao-!sta, scrtto presso l Collego del Dstretto Notarle d Alo-,.! ~-~ sta, organzzazone d volontarato ONLUS"! con sede n Courmayeur (AO), Strada delle Volp n. 3 bs, co- [dce Fscale , scrtta al Regstro Regonale dellel ~-.. -~~.~ -;-~ : Persone Gurdche al n. 807/1993.,.t~~" , '-'P---,---;>"'J--"':--:---- sonale o Not2jo SqrlO ost-to, n j-chede d

2 pubblca l presente atto e m dchara che s trova qu r-: Lugna, assent gustfcat sgnor PERELL Slva e STUM- --=-~ assocazone per dscutere e delberare sul seguente ': - che del Collego de Probvr è presente l sgnor ROMAGNA ~--: _====~~~se~;~:~a~;~et~~~:e; -=~= ~ ORD~_.?~~ ~:?RN(~ -- --'-t Rccardo, L~J_=_~P.P_=~~~~~n_e_d_e_l.'lUO_v_o ~~_~_tu_t_o_; l-l,~--;--1 _S_N_AR_D Gorgo; assent gustfcat sgnor CACCAMO Marka e ---_._ ~_ : ~_~) _ vare ed eventu~l~ ' ~ d~hara :-~-_ : , d - bbl. b" 'd' l. d- E nvta me Notao a far constare a questo pu 1CO ver a e 1 - l aver accertato '1 ent1ta e la legttmazone de presen-' r ',le rsultanze che l'assemblea stessa andrà f ad adottare. Al ~~_~ t f-f "j 'sderendo o jltotao do atto d quanto segue. oh. ""'.""2'" '_""~",,' ""'_';!",'''o.,,,.ab.m. -~--- _.~- ~--_._-_._ _.-._----_._._-~-"_._._~-~-- Af3sume la presderza, a sens det vgejlte statuto, J. l COlT\tHl.-t,punt d cu al predetto ordp.e del gorno, n seconda cot)vo-._._-~ " , _ l cazonel essep.do la prqa convqdqzone, fssata per le!rente qù'lle ore : --, constata: 118,30 n questo medesmo gorno e luogo, andata deserta. T che l'assemblea è stata regolarmente convocata medante av- n Presdente prende qund la parola ed espone all'assembleal -! gennao yso nvato a sens d legge e d statuto n data 13 le sngole modfche statutare che s ntendono proporre per adeguare l vgente statuto alla vgente normatva ; : 1- che ogg sono present o rappresentant, per deleghe che, L'assemblea - udto quanto sopra, dopo esaurente dscussone,!rtenute acquste agl att dell'assocazo- - voto unanme valde, vengono con espresso per alzata d mano;,,, ne, numero dodc assocat su numero qundc avent drtto, DELBERA,./):r l qual rsultant dal ~~---- foglo presenze che, omessane la lettura! - d adottare, anche al fne d adeguarlo alla normatva n! :~:::.::...o:.:..::=-:::=----:=------=-::==~--=-=---=-=-~+ t:--,-:.:=...=-=-:=~-====-=--=-=---=== ~j SP:'l1~a _""u t-"~ da.~_c:~m:,,::=.r'~:.' co~~ mo c~:,~_:]].s_o~~ _ vgo::,:-'--~~_.l1~_~:v " t:.:~"' ~:.~:-:a~ e_.?::y_(). ~_t:.11_t u t:. 0 ~:.:':.~~s_o-=_~l \ &1_1:,, sot to l_a _l_et_t_e_j~& A~~_----- ~Z 0!1=?.r0po~= d"l...l...' ='_J:'gé\l1o ammlll S~::::,,_t:.~vo -'---"?RJ:'':':'''l1..~.<:l--''--_':r:tJ 1_ che del Consglo Drettvo sono present: l Presdente 'nella persona del comparente ed ConSgler BANCH Antono, L ~ _._----_._------_ !colo per artcolo; _._ , ;_::...<l! allegare al presente verbale sotto la lettera B) detto ' ----l' t ! :., BRUMN Gasparna; PRESA Laura e URSO Govann; L~~-",-~statuto socale aggornato alla luce d quanto sopra,' T--~h~-:-~~- ~:~-~~:~-:::~-~::~~-è~:s=--=-=:::=-::ranc l :- : omessan-:--:a lett~-ra per-~~~:e~:~~~~~n-~ dal-:~=e:-::-:::

3 Va sua e ma Botl:osctzonel! 1- d dare mandato al Presdente dell' assemblea per apportal lal presente atto e allegato statuto tutte quelle modfche n, sostanzal che venssero rcheste dalle competent Autor' ln sede pubblctà del presente. Null'altro essendov da delberare e nessuno avendo chesto parola l'assemblea vene scolta alle ore (vent e d c). rchesto o Notao ho rcevuto l presente atto che, dattl scrtto da persona d ttlta fquc". ave non scrtto d mo 1= gno, ho le\:to al c01\lpm efl:(ò l quale d" ne nterpellato dchara conforme alla sua volontà ed a vertà ed n confel con me lo sottoscrve alle ore (vent e dec). Occupa d fogl due, pagne quattro ntere pù la presente. N ORGNALE FRMAT:, BELFROND Renzo Gampaolo MARCOZ, Not a lo.. -~---

4 STATUTO DELL'ASSOCAZONE VOLONTAR DEL SOCCORSO D COURMAYEUR - organzzazone d volontarato ONLUS" TTOLO l - Costtuzone, denomnazone, sede e fmaltà. ART. 1 - Denomnazone e sede legale È costtuta l'organzzazone d volontarato, denomnata: "Volontar del Soccorso d Courmayeur - organzzazone d volontarato ONLUS" che assume la forma gurdca d assocazone. L'organzzazone ha la sede legale n Strada delle Volp 3/bs nel Comune d Courmayeur. Eventual varazon d sede potranno es$er~ approvate oon semplce delberazone dell' Assemblea de soc. l oontenut e la struttura dell'organzzazone sono sprat a prncp d soldaretà, trasparenza t democraza che consentono l'effettva parteopazone della compagne a$sooatv!!, Alll vta deu'oltnzzazone stessa. L'organzzazone. l'\qonfessonale ed apathtlca e persegue le prop1'1e fnaltà senza scopo d lucro dretto e ndretto ed esclusvamente per fn d soldaretà. L'assocazone, con delbera dell'assemblea, può aderre ad organsm che perseguono fnaltà analoghe a quelle prevste dal presente Statuto. ART. 2 - Statuto L'organzzazone d volontarato "Volontar del Soccorso d Courmayeur - organzzazone d volontarato ONLUS" è dscplnata dal presente Statuto, ed agsce ne lmt della legge l agosto 1991 n. 266 e successve varazon ed ntegrazon, della legge regonale 22 luglo 2005 n. 16 d attuazone e successve varazon ed ntegrazon e de prncp general dell'ordnamento gurdco. L'Assemblea delbera l'eventuale regolamento d esecuzone dello Statuto per la dscplna degl aspett organzzatv pù partcolar. N Lo Statuto vnc?la a1ta sua osservanza.s~c~ all'organ~az~ne e costtu1~,~;1~~g?~a'?\ fondamen~le d comport&ll1ento dell' attlvlta dell' orgarnzzazlone stessa k'.!/ :>,:'2 : :' '. Le! modfche. dello Statuto devqhq essere del1;>\'ltate <!on AS~\lmblea $tr~q1\d~.. ",'.. '.. ;:! "1. '1'. ' '.,..' '. '. \ov..'.....'..' : Al}» S ~ J'mahta e a~blto ~l atm~loh~. \~:;,' :,r,;:;::<'". ".. Lo ~opp~.$fw:cfco d~qlqtgaw~lzot1~ d, Vplqn~~tQ ~. qlélla 4''F~' ;, ~ esolu$v~~~t:te, fna).~ d 1!QUÙarllltà. SO\)fàl~.l ~vl~ ~ qjlntj\1! çpn l'~gtl ".,",f"',\ spontane~; petsoh'!-le ~ gratuta del prpj;u1 SOC; contrbue o a ptln ';,.; l>~",: mutualhà'favorendo lo svluppo dell~col ett~tà attra rso la parte : ~~1.C." '~~{~1\.~. "\T~~J~~~ <,.. ~ ;:'(~~:;",F~! ;;. '. " '.~:~"'>",""(:).~ )N 00'\''-

5 :' L'attvtà assocatva s rvolge alla generaltà della popolazone e non esclusvamente agl aderent all' organzzazone medesma. L'organzzazone ;opera nell' ambto: a) santaro, soco-assstenzale e soco-santaro, con partcolare rfermento al Sstema Regonale d Emergenza-Urgenza Santara, nonché alle fasce d bsogno socale rappresentate da malatta, çlsago, povertà! dversfì, margnahtà, dsablt4 e dpendenze patologche medante ntervent rvolt a soggett d q4alsas età e s~nza dstnzone d sesso o d prqv~/1lelz!;\ geografca; b) promozone e Mel!! ~e drtt um~t)., delh~ quajtà 91::Ull vta e delle p;:td ot>portuntà; c) prevenzone delle vare potes d rschlo d calamtà natural, con partcolare rfermento alla protezone cvle e alle attvtà connesse d soccorso, accoglenza, ascolto e accompagnamento; d) tutela e protezone dell'ambente; e) promozone d nzatve d nformazone e formazone santara e d prevenzone della salute ne suo var aspett santar e socal. Per l raggungmento degl scop, l'organzzazone ntende svolgere le seguent attvtà qual: ntervent d trasporto e soccorso santaro d tpo prmaro (ntervent d 'Soccorso santaro n emergenza-urgenza) e secondaro (ntervent d tax santaro qual trasporto e trasfermento d pazent che necesstano d ntervent specalstc non esegubl n loco e trasport santar programmabl), assstenza a manfestazon d massa, sportve e cultural, relgose, ecc., trasport d tpo santaro a valenza socale (trasporto dal domclo ad una struttura santara per vste, esam, ecc.; trasporto pér ccl d terape presso ent convenzonat; consegna a domclo d farmac, materale santaro ecc.), azon d soccorso santaro, sulla base de pan regonal d protezone cvle n caso d maxemergenze, emergenze non convenzonal e calamtà. ' L'organzzazone d volontarato opera prevalentemente nell'ambto terrtorale della Regone Autonoma Valle d'aosta. ART. 4 Ammssone de soc TTOLO l Soc e personale. Sono.sòc tutte le persone che condvdono le fnaltà d~ll'organzzazone e sono moss da sp~to d soldaretà. Pos~onQ :~lventare soc tutt cttadn che habno computo la maggore età e che s mpegnpo a'sottoscrvere la quota assocatya nella msura ed entro termn fssat annualmente dall'assemblea e s mpegnno' altresì a prestare n modo personale, spontm~~ tì; gratuto la propra opera per l consegumento de fn d cu agl artt.l e 3 del presente Statuto.. L'ammssone all'organzzazone è delberata dal Consglo Drettvo, su domanda scrtta del. rchedente, complando l modulo d scrzone predsposto dall'organzzazone, comuncando propr dat anagrafc corredat da certfcato d donetà psco-fsca; quest verranno trattat con le modaltà prevste dalle vgent legg n matera d prvacy e successve varazon ed ntegrazon. La qualtà d soco s perde per: dmss(m: ogq $oço può téc\!tt~t'e p.~11'orgfu1zzazone D qualsas momento dandone comunj.cllzlme $Qrlttll al C:mstg1o Orettvo; tale reç:esso ~vrà tl!oofl:enza ìpmed&ta. mat!.cato p~samlnto della quotl!odale aulualu; decess9; esclusone a seguto d: - comportamento contrastante con gl scop statutar; - una condotta morale e cvle tale da renderlo ndegno d appartenere all'organzzazone; una condanna con sentenza penale rrevocable per reat nfamant; - qualunque atto arrech dann grav, moral e materal all'organzzazone. soc che abbano comunque cessato d appartenere all'organzzazone non hanno alcun drtto sul patrmono dell'organzzazone stessa. ART. 5 - Drtt e dover de soc soc dell'0!sanzzazone hanno l drtto d: - eleggere gl organ dell'organzzazone; - essere nformat sulle attvtà dell' organzzazone nonché sulla propra attvtà d volontaro; - controllo sull'andamento dell'organzzazone come stablto dalle legg e dallo Statuto; Tutt soc hanno ugual drtt d voto e d eleggbltà...,.",... Le prestazon fornte da soc sono a ttolo gratuto e non possono ess~)t'ett~~t~ >" nepp~e dal benefcarlo. A soc posso~o.ess~re rmbors,ate ~ol~~~,;4~: '.:,sp~$~ ~:'... effettlv~epte sosten~:e.' secondo O~POrt~ ;c1ten e parametr vahd t~r~.ttt... ~~,l~~.. ~.:.. C;;lj.. <- preventvame~te stabltb dal Consglo DrettVO, ~\:f~~.:::';:p~,,:;,,..!loq d~l'o,~~zzazone hanno l dovere d:.. ~~:~:,." olls~~~re.1~. norme del presel1te Statuto e le deltberszlon adottate dagl"'... ~:::-;::~::~\ soclah,.. / ;:" :,\'.~\ - versape l~' quota socale annuale stablta dal'assemblea; ';' 'r. :~;';)~r\ \. ;....,(h:;,,.,,'j \~t;2g~)

6 - svolgere le attvtà preventvamente concordate; segure ' percors formatv prevst dall'organzzazone secondo dettam regonal n matera d volontarato del soccorso recept dal Consglo Drettvo; - mantenere un comportamento conforme alle fnaltà dell'organzzazone e 'non compere att che danneggno gl nteress e l'mmagne dell' organzzazone. Le attvtà svolte da soc a favore dell'organzzazone sono ncompatbl con qualsas forma d lavoro subordnato e autonomo. ART. j?rqyvedment dscplnar a ç!!rco de soc Nel caso n ou soc non osservno quanto prevsto nel precedente artcolo sono soggett a seguent provvedment dscplnar qual: a) rchamo verbale ad opera del Presdente - questo vene convaldato nella prma runone del Consglo Drettvo; b) rchamo scrtto da parte del Consglo Drettvo - questo vene comuncato a seguto d delberazone del Consglo al soco medante lettera ndcand<j charamente l motvo del rchamo; c) sospensone temporanea - questo atto vene eseguto da parte del Consgl<J Drettvo ne confront del soco recdvo a rcham sopra enuncat a seguto d. delberazone dello stesso e gl vene comuncato medante lettera; d) esclusone dall'organzzazone - questo atto vene eseguto da parte del Consglc Drettvo ne confront del soco d cu all'arta del presente Statuto. n caso d- rchamo, verbale o scrtto, è facoltà del soco chedere d partecpare al Consglo Drettvo per presentare le propre controdeduzon anche n forma scrtta. provvedment d sospensone temporanea e esclusone dall'organzzazone vengonc delberat dal Consglo Drettvo. La delberazone deve ess~re comuncata al soce destnataro medante raccomandata çdn rcel\.lta d rtorto lldcando charamente l motvo della sospensone o Uell'esclusone eltro 10 gorn da,ja delbrrazone. Contro tal provvedmeht\ H ~oco può rcptt~re, con COml\ntç~one scrtta, èntro 3( gorn dalla rcezone della notfca, del pròvvedmento d esclusoll;! al Collego de Probvr. quale dovrà essere convocato entro 30 gorn dalla rcezone del rcorso. ART. 7.- Personale L' organtl:!2one s avvale n modo determnante e prevalente delle prestazon de propr ~oc "e può assumere personale dpendente o avvalers d lavoro autonomo a sens e.cne,lmt fssat dalla legge 11 agosto 1991 n. 266 e successve varazon el ntegrazon; 'esclusvamente per l suo regolare funzonamento, per sopperre specfche;esgenze, oppure per qualfcare e specalzzare le attvtà da essa svolte. TTOLO no -Assemblea de soc, compt:, valdtà e votazon. ART. 8 - ndcazone degl organ Sono organ aell' organzzazone: l'assemblea, l Consglo Drettvo, l Presdente e l Vce-Presdente, l Collego de Revsor de Cont, l Collego de Probvr. Tutte le carche socal sono gratute. ART. 9 - Composzone e convocazone L'Assemblea è composta da tutt soc dell' organzzazone. L'Assemblea s runsce almeno una volta t'amo entro l 1 Q marzo per l'approvazone de rendcont e per gl adempment d propra oompetenu oppure su convocazone del Pr~lldtlhttl dell'organzzazone.. L'Assemblea può pure essere convocata su domanda motvata e ftrmata da almeno un decmo de soc. Può essere comunque convocata dal Presdente, anche a scopo consultvo, per perodche verfche sull'attuazone de programm ed n occasone d mportant nzatve che nteressno lo svluppo assocatvo. l Presdente convoca l'assemblea con avvso scrtto esposto n sede e, ove lo rtenga opportuno, anche per ve brev attraverso fax, e-mal, telefono, sms a tutt soc contenente l'ordne del gorno almeno 15 gorn prma. A fn della valdtà della convocazone s ha rguardo dell'avvso n sede. L'Assemblea deve essere convocata presso la sede dell'organzzazone o n luogo doneo ad accoglere soc, anche fuor della sede socale. ART. l O ~ Compt dçll' Assemblea L'Assemblea ordnara vene convocata per: l'approvazone del programma e del bll/lèo d prtlvsone per l'anno successvo; l'approvazone della relazone d attvtà ~ del retldconto ecop.omjop (blanco consuntvo) dall' l:unlo precedent::j ~ 1'~~a/l1~ delle lolley!lt~ d~ rchedent p ptpp~~te d~l Collsglo Ptllttvo;. Altr compt «el j Assemblea ordnara sono: eleggere component del Consglo Drettvo;, ':\"", J, " 1..'1'... \ - eleggère ~ component del Collego de Revsor de Cont;.~ ~;;~f ''" ~';"'fttj -eleggere component del Collego de Pro b vr; ';';:}~:'. '~';r(';~:j~~'.g? - appf.~v'ru:~~gl ndrzz e l programma del Consglo Drettvo; ':,ac:zt./ ::.:..L. ra~~~~~ provv~~n:ent d competenza dell'assem~lea ttat dal C '" '. ;~~t~~ DrettVO per motv d urgenza; (ì. c:; ". 'V"\;l;1)\ l. ~~.... ;..;r,.{~j.. \'.;'?~.o ;/.t> '<~

7 stablre l'ammontare della quota soolale; - approvare la varazon~ della sacle; delberare l'~ventuale tegolamento, eleggere delegat a rappresentare l'organzzazone negl organsm d cu la stessa fa parte. L'Assemblea straordnara vene convocata per la dscussone delle proposte d modfca dello Statuto o d scoglment9 e lqudazone dell' organzzazone. Le decson del'assemblea sono mpegnatve per tutt soc compres gl assent, gl astenut e contrar. D ogn Assemblea deve essere redatto l verbale sottoscrtto dal Segretaro e dal Presdente, da nserre nel lbro delle assemblee de soc. ART. l - Valdtà dell'assemblea Hanno drtto d ntervenre all' Assemblea soc n regola con l versamento della quota socale. n prma convocazone l'assemblea è regolarmente costtuta con la presenza della metà pù uno de soc, present n propro o per delega da conferrs ad altro soco che non sa componente del Consglo Drettvo. n. seconda convocazone l'assemblea è regolarmente costtuta qualunque sa l numero de soc present, n propro o n delega. Non è ammessa pù d una delega per cascun soco. Tra la lo e zo convocazone deve trascorrere un tempo non nferore a l ora. ART Votazone L'Assemblea delbera a maggoranza de vot de present fermo restando le lmtazon prevste per la modfca: dello Statuto e per lo scoglmento dell'organzzazone. Le modtlche dello Statuto sono approvate dall'assemblea straordnara con la presenza d almeno tre quart degl aderent e l voto favorevole della maggoranza de present.. Lo s~oglmento, la cessazone owerol'estnzone e qund la lqudazone.. del' çrganz?:azone è approvata dall' Assemblea straordnara con l voto favorevole' dalneno tre quart de soc. vot soro pal~s, tranne quell rguardant le persone. Nelle d~be;~on d approvazone del blanco e n quelle che rguardano la loro resporsa~jltà, gl ammnstrator non hanno drtto d voto. 6 A4 ogn apertura del av9t, l' AsS~n1bJ~a nomna!lll~ SC1ft!\tot p~r.le eyjlntuah vouzon pales e, Jj oçpl'tsone pel rqhovo degl.l:lrgf$1 sqçfajt e $tl'$ure. d gra~~tprl~, tre s~mtprl d (lu uno 9qq tmw<lm d ptl;l~dent~,., Nelle ele.th~tl delle carche socal qwdora due o pù ~and?!'!.t rag~~g~~, la p~l~ de consens, rsultano elett fmo alla concorrenza del post dspombl plu anzan d'scrzone allbro soc. TTOLO V o - Consglo Drettvo e suo component. ART Composzone del Consglo Drettvo l Consglo Drettvo è composto da cnque a sette membr, elett dal'assemblea tra soc. l Consglo Drettvo è valdamente costtuto quando è presente la maggoranza de component avent drtto d voto. ART Durata e funzon del Consglo Drettvo l consglo drettvo dura n carca per l perodo d tre ann. l Consglo Drettvo nella sua prma runone dopo l'elezone ~a part.e dell' Assemblea, elegge tra propr component l Presdente, l Vce-Presdente, l Segretaro ed l Tesorere. compt del Segretaro e del Tesorere sono stablt dal regolamento generale dell' organzzazone. Le runon del Consglo Drettvo po$lìono essere aperte a soc, come udtor, salvo che per argoment rguardant le sngole persone. Le delberazon del Consglo Drettvo sono assunte a maggoranza de present. l Consglo Drettvo approva le propre delberazon con l metodo del voto palese. n sede d votazone n caso d partà de vot prevale quello del Presdente o n sua manclulza qllello del Vce-Presdente. n oaso d dtmjst!lon d uno o pù consgler, l Consglo Drettvo provvede a. sosttutu notn.11ando al loro posto l soco o soc che nell'ultma e.l,~~l.~~e Assembleare seguono nella graduatora della votazone, d cu all'art. 12. ~~g!!j~(): '". nuov consgler decadono nseme a quell che sono n carca all'a~.~9éj!a)or.:~:t'. ',,- t-- nomna.. :...!~7(t;~>:::' 1t{\J: \ Nel caso n cu non dsponga d tale graduatora o questa sa esaurta, ~1 9',~lt{ l nomn~ del;c~~sglere tra soc salvo ratfca da parte dell'assemblea ~ lo ':~~';~/ sua pnrna- nulone.., o,,.-..w La vac~ ~~unque determnata della metà pù. uno d. component l Co ~~~~ Drettv'o~;comporta la decade l de' o. -,~.. ~) '\(. :~j<~};:'...~l,\ ':"\,:~ 7... ~ l~~ ~ ~~~~~~~~------~---'----~\~~::~~?:.~~1]~~

8 La decadenza del Consglo comporta anche quella del Collego de Sndac revsor ~ del Collego 'de Probvr. Ne cas d decadenza degl organ socal, l Presdente dell'organzzazone assumerà la gestone ordnara della stessa ed entro 30 gorn provvederà alla convocazone dell'assemblea per l'elezone degl organ medesm che durano n carca nuovamente tre ann. membr del Consglo Drettvo possono essere rconfermat., Compete al Consglo Drettvo: - compere tutt gl att d ordnara e straordnara ammnstrazone; - fssare le norme per l funzonamento dell' organzzazone; - sottoporre all'approvazone dell'assemblea l blanco preventvo e l rendconto, economco (blanco consuntvo); - determnare l programma d lavoro n base alle lnee d ndrzzo contenute nel programma generale approvato dall'assemblea, promuovendo e coordnando l'attvtà e autorzzando la spesa; - accoglere o respngere le domande 4egl aspmnt soc; - avvare gl eventual provvedment dscplnar ne confro~t de soc; - delberare n merto all~ l;osptlps<:jm o 1l11\esclusone de s~ch - ratfcare, nella pttma seduul successva, provvedmertt d competenza del Consglo, adottat dal Presdente per motv d necesstà ed urgenza; - recepre ed adottare quanto prevsto nelle delberazon degl organ regonal n matera d volontarato del soccorso; - gestre l personale dpendente, d: cu all'art.7, o stablre rapport d lavoro autonomo ne lmt del presente Statuto. l Consglo Drettvo s runsce almeno una volta ogn tre mes e ognqualvolta l Presdente lo rtenga opportuno o ne sa fatta rchesta dalla maggoranza de suo component. Le runon del Consglo Drettvo sono convocate dal Presdente con avvso, anche per ve, )J.:ev attraverso fax, e-mal, telefono, sms, a membr del Consglo con almello cnque gorn prma della data fssata per la runone, salvo che per motv urgent. :. L'avvsO' d cbnvocazone, entro l medesmo termne.d cu al comma precedente,, deve ess~re, esposto ne local della sede. Delle ru;ruon del Consglo Drettvo vene redatto un, verbale a cura del Segretaro 8 da nserre nel lbro del Consglo Drettvo e conservare n sede. AR, l~ pj.!r&ta e funzonj gel Pres~m'! l Presldenttt l: eletto all'nterno del Consglo Drettvo, L'Assemblea, con la maggoranza de present, può revocare l Presdente. l Presdente dell'organzzazone è l Presdente del Consglo Drettvo. Egl dura n carca quanto l Consglo Drettvo e può essere reletto. l Presdente è llegale rappresentante dell'organzzazone d volontarato e compe tutt gl att che mpegnano l'organzzazone. Compete al Presdente: presedere l Consglo Drettvo e l'assemblea e curarne l'ordnato svolgmento de lavor. sottoscrvere l verbale del Consglo Drettvo e dell'assemblea e curare che sano cu$todt presso la sede dell'organzzazone dove possono essere consultat da soc. ne cas d urgenza eserctare poter del Consglo Drettvo, ad eccezone degl att d straordnara atnrnnstrazone, salvo ratfca da patte ~ quest'ultmo alla Sua prma runone; ~ MsUtnere la gestphe ordlnllta dew~~a\~azme l:j.e cas el cleç4d~1l degl d~à1 socal çq ~qtto 40 llla ç9rtvpc~dn~ l'çt l'ell.!:!!lofle de ttupv otgan. n caso d :!$sepza, mpedmento o oes:>azone, le relatve funzon sono svolte dal Vce-Presdente, TTOLO V o - Organ garant. Art Collego de Revsor de Cont Sndac sono nomnat dall'assemblea n un numero d tre. Durano n carca un trenno e sono releggbl. La carca d Sndaco è ncompatble con quella d membro del Consglo Drettvo e/o d Probvro. Nella prma runone dopo la nomna da parte dell'assemblea, l c~~j~.s.lc.l~èk. Revsor ~elè~',nt ~le~e n.el pr~pro seno l Presdente. }f,p,~:~">,:~;;,',~!f!'t,,';:"<;\:;,>; l Collego del Revlson del contt: >, :,:m?' :".:; - può ~~~~are alle runon del Consglo Drettvo sénza d' d ~J~1<.~;, t;~t~_?aj:,. :".. \. ',.,.. '\~::':..t< ~~ ""~1;"':':~\...,G~ - verfc:~ ldegttmtà delle o erazon contabl del Cglo Drettvb. e,:", '::;~. '/)~~>,:;~) membr;, ~ (\ ~. '. ',:,.<.E,,:~\~?, a ~~ ",.t l'(~'r',, \'\':'::;l~~~;~?

9 ,~ verfca rendcont consuntvo e preventvo annual prma della loro presentazone all' Assemblea; redge la relazone annuale al rendconto consuntvo e la presenta all'assemblea. l Collego de Revsor de Cont, almeno ogn se mes, verfca la regolare tenuta delle scrtture contabl e lo stato d cassa dell'organzzazone e ne da comuncazone al Consglo Drettvo. Delle runon del Collego de Revsor de Cont vene redatto un verbale frmato da membr da nserre nel lbro del Collego de revsor de cont e conservare n sede. Art Collego de Probvr l Collego de Probvr è organo d garanza statutara, regolamentare e d gursdzone nterna. Probvr sono nomnat dall'assemblea n un numero d tre. Possono essere nomnat Probvr dall'assemblea soc che sano scrtt da a,lmeno tre ann all'organzzazone, e nel caso n cu non c sano canddat dsponbl, quantomeno soc con un anno d scrzone. Dsposzone effcace a partre dal secondo mandato elettvo. Nella prma runone dopo la nomna da parte dell'assemblea, l Collego de Probvr elegge nel propro seno l Presdente. Durano n carca un trlenno e sono releggbl. La carca d Probvro è ncompatble con quella d membro del Consglo Drettvo e/o d Sndaco. Esso ha l compto d esamnare le controverse tra soc, tra quest e l'organzzazone o suo organ, tra membr degl organ e tra gl organ stess. l lodo arbtrale del Collego de probvr è nappellabl~. Delle runon del Collego de Probvr vene redatto un verbale frmato da membr da nserre nel lbro del Collego de Probvr e conservare n sede. ART Patrmono e entrate TTOLO VUO - Patrmono socale e blanco. l patrm~no dell'organzzazone è costtuto: - da benrmobl ed mmobl che p,otrebbero dventare d sua propretà;, da eventual fond d rserva costtut con le eccedenze d blanco; - da'evenhal erogazon, donazon e" lasct destnat ad ncremento del patrpo,nò: Le entra~:: - contrbut ordnar de soc stablt dall' Assemblea; erogazon lberal d prvat; - contrbut dello Stato, d ent ed sttuzon pubblche; contrbut d organsm nternazonal; donazon e lasct testamentar non vncolat dall'ncremento del patrmono - rmbors dervant da convenzon; - rendte d ben mobl o mmobl pervenut all'organzzazone a qualunque ttolo; ~ entrate dervant da attvtà commercal e produttve margnal; - fond pervenut da raccolte pubblche effettuate occasonalmente, anche medante offerta d ben d modco valore; - ogn altro provento, anche dervante da nzatve benefche e socal, non esplctamente destnato ad ncremento del patrmono; - ogn altro tpo d entrate ammesse a sens della Legge 266/91 e successve varazon ed ntegrazon. L'Assemblea delbera sulla utlzzazone de provent, che deve essere comunque n artnona con le fnaltà statutare dell' organzzazone e con prncp della Legge 266/91 e successve varazon ed ntegrazon. AR, 19~ coglwllntq q gçyoluzl9m d!;\ì bçnj L'orsan~l'Zone ha durata llmtata. Lo sooglmento della stessa può essere delberato esclusvamente dall' Assemblea de soc e con voto favorevole d almeno tre quart degl assocat. n caso d scoglmento o cessazone dell' organzzazone, ben, dopo la lqudazone, saranno devolut ad altre organzzazon d volontarato o ent non lucratv socalmente utl avent scop analogh a quell ndcat nel presente Statuto e comunque al persegumento d fnaltà d pubblca utltà socale. ART Blanco preventvo e rendconto economco,, L'eserczo socale nza l lod gennao e termna l 31 d dcembre d",çgnraful,..1,<:... ':'.... ~:~;. f Per ogn eserczo dovrà essere redatto a cura del Consglo Dr,,~~~p')l'brànco';' preventvo e rendconto economco (blanco consuntvo) ~~;!-sotto~otr,e,':' all'approv~o?-e dell'assemblea de soc come prevsto dall'art. ~~t!t~~~~~~t~,' Statuto., : ' '0''0';'(; j<'> " blanco'pre"ventvo contene l~ prevson, d spesa,e d entrata per és'~ to\rol) annuale successvo. Esso contene, suddvs~ n sngole voc' e prevson de(t~, ~ <;~\ e delle entrate relatve all'eserc ~9 annual~ success\v ;f n.:.,~\ \\ 1/:' ~ "

10 l l l rendconto economco (blanco consuntvo) contene tutte le entrate ntervenute e le spese sostènute relatve all' anno trascorso e contene le sngole voc d spesa e d entrata relatve all'anno trascorso. ART Approvazone del rendconto economco l blanco preventvo è approvato dalla Assemblea con voto palese e con la maggoranza de present entro l O marzo. Esso è depostato presso la sede dell' organzzazone dec gorn prma della seduta, e può essere consultato da ogn soco. l rendconto economco (blanco consuntvo) è approvato dalla Assemblea con voto palese e con la maggoranza de present entro l O marzo. Esso è depostato presso la sede dell'organzzazone dec gorn prma della seduta, e può es$ere consultato da ogn soco. L'organzzazone ha l dveto d dstrbure ~$aocatj anche n mod~ nlretto, utl e avanz clj gestone noncm fol1d, g s~pttalel l:!r meno cb,e la destra,zone o la dstrbuzone hon sano mposte per legge p sano effettuat~ a r""vqre 4 altre organzzazon che per legge, Statuto o regolamento, perseguono scop analogh. L'organzzazone ha l'obblgo d mpegare gl eventual utl o avanz d gestone per la realzzazone delle attvtà sttuzonal e d quelle ad esse drettamente connesse. ART Norme d rnvo TTOLO Vno - Norme fnal. Per quanto non prevsto dal presente Statuto, s fa rfermento alle vgent dsposzon legslatve D matera, con partcolare rfermento al Codce Cvle, alla Legge n. 266/91 e successve varazon ed ntegrazon, alla legslazone regonale sul volontarato e successve varazon ed ntegrazon, al D.Lgs. 4 dcembre 1997, n. 460 e successve varazon ed ntegrazon. Approvato dal Consglo Drettvo n data: Approvato.dal' Assemblea n data: Cop~" ~c:w.fomlo al'orgnale consta d fogl".. '~.". ~ rlascata per gl us conser)tt dalla legge n carta lbera su rchl.es;ta dell'nteressato... ~ì~~~ ~~ ~._.~ A_O_~~ ~ ~ 12

PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA

PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA PROVNCA REGONALE D MESSNA Regolamento per l'erogazone delle rsorse fnanzare agl sttut scolastc Artcolo 1 - Prncp, defnzon e norme general 1. l presente regolamento da attuazone all'art.3 della Legge 11

Dettagli

domiciliato per la carica ove appresso, quale Presidente del Consiglio di'

domiciliato per la carica ove appresso, quale Presidente del Consiglio di' Repertoro N. 26064 Notao Raccolta N. 13000 Salvatore FEDERCO VERBALE D ASSEMBLEA STRAOPRDNARA REPUBBLCA TALANA L'anno duemla undc l gorno ventcnque del mese d luglo alle ore dcotto e ventcnque. n Gula

Dettagli

DECRETA. ART. 3 Il compenso per l attività di collaborazione è fissato in 1.095,00 esente dall imposta sul reddito delle persone fisiche.

DECRETA. ART. 3 Il compenso per l attività di collaborazione è fissato in 1.095,00 esente dall imposta sul reddito delle persone fisiche. BANDO PER n. 64 BORSE DI COLLABORAZIONE PER IL SUPPORTO PRESSO IL C.I.A.O. DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA NEL PERIODO DA SETTEMBRE 2010 A FINE GENNAIO 2011 000280 IL RETTORE VISTO VISTO

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Delberazone 20 ottobre 2004 Approvazone delle condzon general d accesso e d erogazone del servzo d rgassfcazone d gnl predsposte dalla socetà Gnl Itala Spa (delberazone n. 184/04) L AUTORITÀ PER L ENERGIA

Dettagli

22 marzo 1991. in Verrès ed in un locale al primo piano del Condominio Evanf. ed iscritto 'presso il Collegio dei Distretti Notarili

22 marzo 1991. in Verrès ed in un locale al primo piano del Condominio Evanf. ed iscritto 'presso il Collegio dei Distretti Notarili COSTITUZIONE DI ASSOCIAZIOM^lS^Y REPUBBLICA ITALIANA.L'anno m lenovecentonovantuno, l gorno ventdue del mese _! -. p! ' d marzo: 22 marzo 99 n Verrès ed n un locale al prmo pano del Condomno Evanf con

Dettagli

ALLEGATO B REQUISITI DI ORDINE GENERALE

ALLEGATO B REQUISITI DI ORDINE GENERALE PROCEDURA NEGOZIATA PER L'ACQUISIZIONE DEL SERVIZIO DI IDEAZIONE E PROGETTAZIONE GRAFICA PER LA PUBBLICAZIONE E DIVULGAZIONE DELLE INIZIATIVE CULTURALI DELL'ERT ALLEGATO B REQUISITI DI ORDINE GENERALE

Dettagli

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Il Mnstro delle Infrastrutture e de Trasport VISTO l decreto legslatvo 30 aprle 1992, n. 285, come da ultmo modfcato dal decreto legslatvo 18 aprle 2011, n. 59, recante Attuazone delle drettve 2006/126/CE

Dettagli

Corso di Laurea in Lingue e Culture Moderne

Corso di Laurea in Lingue e Culture Moderne Dpartmento d Stud Umanstc Corso d Laurea n Lngue e Culture Moderne (L-11 classe n Lngue e Culture Moderne) Manfesto degl Stud A.A. 2014/2015 ART. 1 Obettv formatv specfc e descrzone del corso formatvo

Dettagli

REGIONE SICILIANA COMUNE DI FORZA D'AGRO' Provincia di Messina

REGIONE SICILIANA COMUNE DI FORZA D'AGRO' Provincia di Messina REGIONE SICILIANA COMUNE DI FORZA D'AGRO' rovnca d Messna COIA DI DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N. 50 del 14-05-2015 OGGETTO: Approvazone studo d fattbltà del progetto "ITINERARI DELL'AGRO E DELL'ALCANTARA".Assegnazone

Dettagli

Comune di Piedimonte Etneo PROVINCIALI CATANIA

Comune di Piedimonte Etneo PROVINCIALI CATANIA Comune d Pedmonte Etneo PROVINCIALI CATANIA DELIBERAZIONE N. 26 COPIA d Delberazone del Consglo Comunale Aggornamento della Seduta del 04.08.2011 ' v ' OGGETTO: CONFERMA DESTINAZIONE MUTUO CASSA DEPOTI

Dettagli

ffi fl Presidente constototo che gli intervenuti sono in numero legale, dichiqro opertq lq COMUNE DI 5ANT'AN6ELO DI BROLO di dicembre

ffi fl Presidente constototo che gli intervenuti sono in numero legale, dichiqro opertq lq COMUNE DI 5ANT'AN6ELO DI BROLO di dicembre '" _'.:=af'al;f+.1r.4 W ff COMUNE DI 5ANT'AN6ELO DI BROLO c.a.p.98060 PROVINCIA DI TlESSINA c.f. 00108980830 Res. No 483 del.16 ttztzolr DEUIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: Realzzazone st web

Dettagli

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Il Mnstro delle Infrastrutture e de Trasport VISTO l decreto legslatvo 30 aprle 1992, n. 285, come da ultmo modfcato dal decreto legslatvo 18 aprle 2011, n. 59, recante Attuazone delle drettve 2006/126/CE

Dettagli

PROVIAMO A VERIFICARE SE...

PROVIAMO A VERIFICARE SE... PROVAMO A VERFCARE SE... CHECK llst PER la VERFCA DEL RSPETTO DE PRNCPAL OBBLGH N MATERA D SCUREZZA E SALUTE SUL lavoro (RF. PCCOL UFFC) Pago 1 d 7 S PRECSA CHE LA CHECK-L1ST D SEGUTO RPORTATA NON PUÒ

Dettagli

A cura di: Barbara Di Vetta. Oggetto: Il regime dell IVA per cassa

A cura di: Barbara Di Vetta. Oggetto: Il regime dell IVA per cassa A cura d: Barbara D Vetta Oggetto: Il regme dell IVA per cassa Con l decreto del Mnstero dell Economa e delle fnanze del 26 marzo 2009 (n Gazzetta Uffcale n. 96 del 27 aprle 2009), prevsto dall artcolo

Dettagli

RGE. 1497/2005 T I TRIBUNALE DI MILANO. ! ~ GE Dott. M. PisCopo f. ~ SECONDO AWISO DI VENDITA i _. SENZA INCANTO IL 23 settembre 2014 ore 17.

RGE. 1497/2005 T I TRIBUNALE DI MILANO. ! ~ GE Dott. M. PisCopo f. ~ SECONDO AWISO DI VENDITA i _. SENZA INCANTO IL 23 settembre 2014 ore 17. ~ 9eP~U6l 1C STAI >rp. V RGE. 1497/2005 T I TRIBUNALE DI MILANO a Sezone Terza Cvìle - Esecuzon Immoblar t! ~ GE Dott. M. PsCopo f ~ SECONDO AWISO DI VENDITA _. SENZA INCANTO IL 23 settembre 2014 ore 17.00

Dettagli

INOSTRISPORTELLIASCOLTO: OSSEREVATORIO ON-LINE

INOSTRISPORTELLIASCOLTO: OSSEREVATORIO ON-LINE Assoc az one A N G E LI CENTROANTI VI OLENZA, ANTI STALKI NG EANTI STUPRO Pr oget t o:rete ANGELI BandoPer c or s nret e2013 A N G E LI Cent r oant v ol enz a, Ant s t al k ngeant s t upr o Gu da al l

Dettagli

BANCA POPOLARE DI VICENZA S.C.P.A. OBBLIGAZIONI CON OPZIONE EUROPEA DI TIPO CALL O PUT PLAIN VANILLA, ASIATICA O DIGITALE

BANCA POPOLARE DI VICENZA S.C.P.A. OBBLIGAZIONI CON OPZIONE EUROPEA DI TIPO CALL O PUT PLAIN VANILLA, ASIATICA O DIGITALE Socetà cooperatva per azon Sede socale: Vcenza, Va Btg. Framarn n. 18 scrtta al n. 1515 dell Albo delle Banche e de Grupp Bancar, codce AB 5728.1 Capogruppo del "Gruppo Banca Popolare d Vcenza Captale

Dettagli

InfoCenter Product A PLM Application

InfoCenter Product A PLM Application genes d un fra o Gestone de crcolazone dell'nformazone sa crcoscrtta entro Pdetermnat ambt settoral. L'ntegrazone de sstem e de odpartment azendal rchede nuove modaltà operatve, nuove t competenze e nuov

Dettagli

FORMAZIONE ALPHAITALIA

FORMAZIONE ALPHAITALIA ALPHAITALIA PAG. 1 DI 13 FORMAZIONE ALPHAITALIA IL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA Quadro ntroduttvo ALPHAITALIA PAG. 2 DI 13 1. DEFINIZIONI QUALITA Grado n cu un nseme d caratterstche ntrnseche soddsfa

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE DEL COMPLESSO' J i :, I \, \ \ - r IMMOBILIAREDILARGO LORENZO MOSSAN'8/A AD;;'-:' ;l' \ \', DELL'AMBIENTE.

CONTRATTO DI LOCAZIONE DEL COMPLESSO' J i :, I \, \ \ - r IMMOBILIAREDILARGO LORENZO MOSSAN'8/A AD;;'-:' ;l' \ \', DELL'AMBIENTE. CONTRATTO D LOCAZONE DEL COMPLESSO' J :, \, \ \ - r MMOBLAREDLARGO LORENZO MOSSAN'8/A AD;;'-:' ;l' \ \', DELL'AMBENTE. d delega n data 619120A4, d seguto denomnato anche

Dettagli

Condizionamento srl. catalogo generale 2007. EV Condizionamento srl

Condizionamento srl. catalogo generale 2007. EV Condizionamento srl EV Condzonamento srl EV Condzonamento srl catalogo generale 2007 Magazzno, uffco commercale e ammnstratvo: Va Lucreza Romana, 65/m 00043 Campno (RM) Italy Tel +39 6 79320072 (6 lnee r.a.) Fax +39 6 79320078

Dettagli

SUNIA. Br,k- rpg. ,..4 a..' s. r.é. E. r. Al Sig. SINDACO del COMUNE di ACCORDO TERRITORIALE PER I CONTRATTI DI LOCAZIONE. Arezzo li 0511012004

SUNIA. Br,k- rpg. ,..4 a..' s. r.é. E. r. Al Sig. SINDACO del COMUNE di ACCORDO TERRITORIALE PER I CONTRATTI DI LOCAZIONE. Arezzo li 0511012004 Mnente: ASSOCAZON PROPRETAR c NQULN Presso U.P.P.. (Unone Pccol Proprctar mmoblar) Sede Provncale d Arezzo Va Roma no? - 52100 AREZZO Tel. 0575/353494; fax 0575/409802 Arezzo l 0511012004 Al Sg. SNDACO

Dettagli

COMUNE DI CRESPELLANO PIANO DEGLI OBIETTIVI DI GESTIONE 2013-2015. Linee di attività, obiettivi e risorse

COMUNE DI CRESPELLANO PIANO DEGLI OBIETTIVI DI GESTIONE 2013-2015. Linee di attività, obiettivi e risorse COMUNE DI CRESPELLANO PIANO DEGLI OBIETTIVI DI GESTIONE - Lnee d attvtà, obettv e rsorse PIANO DEGLI OBIETTIVI DI GESTIONE : ARTICOLAZIONE PER FUNZIONI/SERVIZI/AREE T t o l F u n z o n 1 01 01 S e r v

Dettagli

Il Salotto del Mix. Dir. Sup. Domenico Vulpiani Direttore Servizio Polizia Postale e delle Comunicazioni. Milano, 16 ottobre 2008

Il Salotto del Mix. Dir. Sup. Domenico Vulpiani Direttore Servizio Polizia Postale e delle Comunicazioni. Milano, 16 ottobre 2008 Il Salotto del Mx Dr. Sup. Domenco Vulpan Drettore Servzo Polza Postale e delle Comuncazon Mlano, 16 ottobre 2008 Maggore rchesta d scurezza... l g da t n e t u t l g a d r o t a oper s l g da e n l on

Dettagli

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI. 32, VIA SAN GIACOMO E FILIPPO, 87016, Morano Calabro ESPERIENZA LAVORATIVA. Italiana PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI. 32, VIA SAN GIACOMO E FILIPPO, 87016, Morano Calabro ESPERIENZA LAVORATIVA. Italiana PER IL CURRICULUM VITAE Italano F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome DI LEONE FRANCESCO Indrzzo 32, VIA SAN GIACOMO E FILIPPO, 87016, Morano Calabro Telefono 0981-30254 Cellulare: 333-2011030 Fax

Dettagli

Il progetto è articolato nelle seguenti fasi operative: Pianificazione operativa e organizzazione partenariato

Il progetto è articolato nelle seguenti fasi operative: Pianificazione operativa e organizzazione partenariato .NUMERO AZIONE 2. TITOLO AZIONE Progetto "PETTHERAPY'. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ II progetto ntende contrbure al mgloramento della qualtà della vta de pazent convolt e delle loro famgle attraverso attvtà,

Dettagli

COMUNE DI UDINE PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE 2014

COMUNE DI UDINE PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE 2014 APPROVATO CON DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 240 DEL 29 LUGLIO 2014 ALL. A) COMUNE DI UDINE PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE 2014 VOLUME 2 SEGRETERIA GENERALE SERVIZIO SISTEMI INFORMATIVI E TELEMATICI

Dettagli

Sommario PRESENTAZIONE DEL SINDACO... 4

Sommario PRESENTAZIONE DEL SINDACO... 4 Sommaro PRESENTAZIONE DEL SINDACO... 4 NOTIZIE UTILI... 5 ORARI UFFICI COMUNALI... 5 Sndaco... 5 Protocollo Anagrafe, Stato Cvle, Elettorale e Leva... 5 Ragonera e Trbut... 5 Segretera... 5 Uffco Tecnco

Dettagli

PROGETTO SCUOLA POPOLARE

PROGETTO SCUOLA POPOLARE SPIN TIME LABS & ICBIE Europa Onlus PROGETTO SCUOLA POPOLARE 1 P a g e 1. Introduzone 2. Obettv e fnaltà 3. I tutor del progetto 4. Modulo I. Sostegno scolastco. 5. Modulo II.- Corso d lngua talana 6.

Dettagli

i i IifgIilIUl!flllulIiIii, I/

i i IifgIilIUl!flllulIiIii, I/ ) do.d PRO 4r( tcoco) P cccman data \ R nta r Wr ìnce nle (,mun:cazon ezcne (1 ntencu ov stv 1 jtrred:al antro )ìrezonap ol3 3 C 3 APOL] c pata,a na e monc vaqcorn I( r -r le gjf ( [) F I(T.(.F IfgIlIUl!flllulII,

Dettagli

j Via Gennaro Serra no 75-80132 N'!Poli AHa cortese attenzione del Sindaco

j Via Gennaro Serra no 75-80132 N'!Poli AHa cortese attenzione del Sindaco AHa cortese attenzone del Sndaco OGGETTO: Proposta d egge d nzatva popo~are R.C.Auto Tarffa ltala" h1zatva annuncata nella Gazzetta Uffcale n.l 06 del 9-5-2014. Gentle Sndaco, 18 maggo 2014 abbamo depostatp

Dettagli

UMBERTO I " Il suesposto decreto e divenuto esecutivo in seguito alla pubblicazione all Albo dell Ente L. al... 11/10/2014...

UMBERTO I  Il suesposto decreto e divenuto esecutivo in seguito alla pubblicazione all Albo dell Ente L. al... 11/10/2014... M À} CENTRO RESDENZE PERNZN UMBERTO " ORGNE 35028 POE D SCCO (Padova) N 244 del 24/09/204 l Segretaro Drettore d uesto sttuto Perìn Dottssa Emanuela a sens del Dgs n 65/ 200 delle successve dsposzon d

Dettagli

LEZIONE 2 e 3. La teoria della selezione di portafoglio di Markowitz

LEZIONE 2 e 3. La teoria della selezione di portafoglio di Markowitz LEZIONE e 3 La teora della selezone d portafoglo d Markowtz Unverstà degl Stud d Bergamo Premessa Unverstà degl Stud d Bergamo Premessa () È puttosto frequente osservare come gl nvesttor tendano a non

Dettagli

Sportello di Promozione Sociale

Sportello di Promozione Sociale Sportello d Promozone Socale Sede: Va Conclazone 128, Mantova Tel. 347 6728025 Bollettno nformatvo - Band e agevolazon N.14, dcembre 2014 IN QUESTO NUMERO: CONTRIBUTO PER L ACQUISTO DELL ABITAZIONE PRINCIPALE

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Introduzione. 1 Finalità e requisiti delle attività di dispacciamento nel mercato elettrico liberalizzato

RELAZIONE TECNICA. Introduzione. 1 Finalità e requisiti delle attività di dispacciamento nel mercato elettrico liberalizzato Allegato n. 1 a Prot AU/01/130 RELAZIONE TECNICA PRESUPPOSTI PER L ADOZIONE DI SCHEMA DI CONDIZIONI PER L EROGAZIONE DEL PUBBLICO SERVIZIO DI DISPACCIAMENTO DELL ENERGIA ELETTRICA SUL TERRITORIO NAZIONALE

Dettagli

Codice di Stoccaggio Capitolo 7 Bilanciamento e reintegrazione dello stoccaggio

Codice di Stoccaggio Capitolo 7 Bilanciamento e reintegrazione dello stoccaggio Codce d Stoccaggo Captolo 7 Blancamento e rentegrazone dello stoccaggo 7.4 Corrspettv per servz d stoccaggo L UTENTE è tenuto a corrspondere a STOGIT, per la prestazone de servz, gl mport dervant dall

Dettagli

E p.c. I moduli compilati vanno inviati tramite email all indirizzo info@scuolaedilebresciana.it oppure tramite fax al n 0302091737.

E p.c. I moduli compilati vanno inviati tramite email all indirizzo info@scuolaedilebresciana.it oppure tramite fax al n 0302091737. Bresca, 16/09/2015 Prot. 3240/15 Crcolare Telematca 39 E p.c. A TUTT GEOMETR SCRTT ALL ALBO LORO SED A TUTT GEOMETR PRATCANT SCRTT AL REGSTRO LORO SED Oggetto Cors rmozone e smaltmento amanto c/o Ente

Dettagli

ISPETIORATO NAZIONALE DEL LAVORO RELAZIONE ILLUSTRATIVA

ISPETIORATO NAZIONALE DEL LAVORO RELAZIONE ILLUSTRATIVA SPETORATO NAZONALE DEL LAVORO RELAZONE LLUSTRATVA L'spettorato nazonale del lavoro è costtuto a sens dell'art. 8 del decreto legslatvo n. 300 del 1999, cò vuo sgnfcare anztutto che allo stesso è attrbuta

Dettagli

10-7-2009. GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 158. ALLEGATO 1 (Allegato A, paragrafo 2)

10-7-2009. GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 158. ALLEGATO 1 (Allegato A, paragrafo 2) ALLEGATO 1 (Allegato A, paragrafo 2) Indcazon per l calcolo della prestazone energetca d edfc non dotat d mpanto d clmatzzazone nvernale e/o d produzone d acqua calda santara 1. In assenza d mpant termc,

Dettagli

Metodi e Modelli per l Ottimizzazione Combinatoria Progetto: Metodo di soluzione basato su generazione di colonne

Metodi e Modelli per l Ottimizzazione Combinatoria Progetto: Metodo di soluzione basato su generazione di colonne Metod e Modell per l Ottmzzazone Combnatora Progetto: Metodo d soluzone basato su generazone d colonne Lug De Govann Vene presentato un modello alternatvo per l problema della turnazone delle farmace che

Dettagli

La tua area riservata Organizzazione Semplicità Efficienza

La tua area riservata Organizzazione Semplicità Efficienza Rev. 07/2012 La tua area rservata Organzzazone Semplctà Effcenza www.vstos.t La tua area rservata 1 MyVstos MyVstos è la pattaforma nformatca rservata a rvendtor Vstos che consente d verfcare la dsponbltà

Dettagli

Indicatori di rendimento per i titoli obbligazionari

Indicatori di rendimento per i titoli obbligazionari Indcator d rendmento per ttol obblgazonar LA VALUTAZIONE DEGLI INVESTIMENTI A TASSO FISSO Per valutare la convenenza d uno strumento fnanzaro è necessaro precsare: /4 Le specfche esgenze d un nvesttore

Dettagli

COMUNE DI MELEGNANO PROVINCIA DI MILANO CONTO DEL BILANCIO - GESTIONE DELLE SPESE 2014 - SPESE. Dettaglio Capitoli

COMUNE DI MELEGNANO PROVINCIA DI MILANO CONTO DEL BILANCIO - GESTIONE DELLE SPESE 2014 - SPESE. Dettaglio Capitoli COMUNE D MELEGNANO OVNCA D MLANO CONTO DEL BLANCO - GESTONE DELLE SPESE 2014 - SPESE RESDU PASSV AL 1/1/2014 () PAGAMENT N C/RESDU () RACCERTAMENTO RESDU RESDU PASSV DA ESERCZ EDENT (EP=-+R) MSSONE, OGRAMMA,

Dettagli

Bonus Cap Certificates con sottostante Allianz SE, AXA SA, Assicurazioni Generali S.p.A.

Bonus Cap Certificates con sottostante Allianz SE, AXA SA, Assicurazioni Generali S.p.A. Bonus Cap Certfcates con sottostante Allanz SE, AXA SA, Asscurazon General S.p.A. Dal 7 febbrao fno al 1 marzo solo su ISIN: DE000HV8AKJ8 Sottostante: Allanz SE, AXA SA, Asscurazon General S.p.A. Scadenza:

Dettagli

SCIENZE INFERMIERISTICHE E OSTETRICHE

SCIENZE INFERMIERISTICHE E OSTETRICHE UNIVERSIÀ DEGLI SUDI DI FERRARA Corso d laurea magstrale n SCIENZE INFERMIERISICHE E OSERICHE Classe LM/SN1 Scenze nfermerstche e ostetrche (DM 270/04) ANNO ACCADEMICO 2014-2015 IL SUDDEO DOCUMENO ORÀ

Dettagli

Comune di San Marcellino (Provincia di Caserta)

Comune di San Marcellino (Provincia di Caserta) Comune d San Marcellno (Provnca d Caserta) DELIBERAZIONE ORIGINALE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 21 del 29.08.2011 OGGETTO:Esame ed approvazone del "Regolamento per l'occupazone d spaz ed aree pubblche". Proposta

Dettagli

Circolare Decreto Legislativo 155/97 - Sistema HACCP e coinvolgimento dei comparti Imballaggi Ortofrutticoli e Sughero.

Circolare Decreto Legislativo 155/97 - Sistema HACCP e coinvolgimento dei comparti Imballaggi Ortofrutticoli e Sughero. Crolare Dereto Legslatvo 155/97 - Sstema HACCP e onvolgmento de ompart Imballagg Ortofruttol e Sughero. Sheda esplatva D.Lvo 155/97" Sopo del presente doumento è quello d llustrare gl aspett nerent alla

Dettagli

ARPAT Agenza regionale or l pro? tn i rnhinta1 della Toscana

ARPAT Agenza regionale or l pro? tn i rnhinta1 della Toscana Pubblctà/Pubblcazone: Atto soggetto a pubblcazone ntegrale (sto nternet) - ARPAT Agenza regonale or l pro? tn rnhnta1 della Toscana Decreto drgenzale del Drettore ammnstratvo Proponente: Dott. ssa Paola

Dettagli

Ministero della Salute D.G. della programmazione sanitaria --- GLI ACC - L ANALISI DELLA VARIABILITÀ METODOLOGIA

Ministero della Salute D.G. della programmazione sanitaria --- GLI ACC - L ANALISI DELLA VARIABILITÀ METODOLOGIA Mnstero della Salute D.G. della programmazone santara --- GLI ACC - L ANALISI DELLA VARIABILITÀ METODOLOGIA La valutazone del coeffcente d varabltà dell mpatto economco consente d ndvduare gl ACC e DRG

Dettagli

RELAZIONE AL PROGRAMMA ANNUALE

RELAZIONE AL PROGRAMMA ANNUALE RELAZIONE AL PROGRAMMA ANNUALE 2011 predsposta dalla Gunta Esecutva del 04/02/2011 delberato dal Consglo d Isttuto del 11/02/2011 Per la formulazone del Programma Annuale 2011s tene conto del Decreto Intermnsterale

Dettagli

Dipartimento di Statistica Università di Bologna. Matematica Finanziaria aa 2012-2013 Esercitazione: 4 aprile 2013

Dipartimento di Statistica Università di Bologna. Matematica Finanziaria aa 2012-2013 Esercitazione: 4 aprile 2013 Dpartmento d Statstca Unverstà d Bologna Matematca Fnanzara aa 2012-2013 Eserctazone: 4 aprle 2013 professor Danele Rtell www.unbo.t/docent/danele.rtell 1/41? Aula "Ranzan B" 255 post 1 2 3 4 5 6 7 8 9

Dettagli

Economia del Lavoro. Argomenti del corso

Economia del Lavoro. Argomenti del corso Economa del Lavoro Argoment del corso Studo del funzonamento del mercato del lavoro. In partcolare, l anals economca nerente l comportamento d: a) lavorator, b) mprese, c) sttuzon nel processo d determnazone

Dettagli

dei principali prodotti scientifici ed assistenziali attesi.

dei principali prodotti scientifici ed assistenziali attesi. Relazone e 2:udzo sull'attvtà e strutture dell'rccs Centro Cardolo2:co SuA "Fondazone l\tlonzno" a fn della conferma del rconoscmento come RCCS. a sens della le22.e l. 288 del 16-10-2003. La Commssone

Dettagli

Scenari di frenata per il comparto elettrico: il nodo della valorizzazione del prodotto

Scenari di frenata per il comparto elettrico: il nodo della valorizzazione del prodotto CRESME Scenar d frenata per l comparto elettrco: l nodo della valorzzazone del prodotto Il mercato elettrco rappresenta uno de pù nteressant compart economc del nostro paese, caratterzzato da profonde

Dettagli

XXX.XX Ordinanza sulla contrassegnazione delle automobili nuove con l etichetta ambientale (Ordinanza sull etichetta ambientale, OEA)

XXX.XX Ordinanza sulla contrassegnazione delle automobili nuove con l etichetta ambientale (Ordinanza sull etichetta ambientale, OEA) XXX.XX Ordnanza sulla contrassegnazone delle automobl nuove con l etchetta ambentale (Ordnanza sull etchetta ambentale, OEA) del xx.xx. 2009 Il Consglo federale svzzero, vst gl artcol 8 capoverso e 6 capoverso

Dettagli

CAPITOLATO D ONERI AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI COPERTURA ASSICURATIVA TRIENNALE R.C.A. ED A.R.D. DEGLI AUTOMEZZI DI PROPRIETÀ DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI PALERMO. Premessa Il contenuto del presente

Dettagli

EH SmartView. Una SmartView sui rischi e sulle opportunità. Servizio di monitoraggio dell assicurazione del credito. www.eulerhermes.

EH SmartView. Una SmartView sui rischi e sulle opportunità. Servizio di monitoraggio dell assicurazione del credito. www.eulerhermes. EH SmartVew Servz Onlne d Euler Hermes Una SmartVew su rsch e sulle opportuntà Servzo d montoraggo dell asscurazone del credto www.eulerhermes.t Cos è EH SmartVew? EH SmartVew è l servzo d Euler Hermes

Dettagli

DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 598/2014/R/EEL

DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 598/2014/R/EEL DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 598/2014/R/EEL ORIENTAMENTI PER LA RIFORMA DELLE INTEGRAZIONI TARIFFARIE PER LE IMPRESE ELETTRICHE MINORI NON INTERCONNESSE Documento per la consultazone per la formazone

Dettagli

Economia del Settore Pubblico 97. Economia del Settore Pubblico 99. Quale indice di diseguaglianza usare? il rapporto interdecilico PROBLEMA:

Economia del Settore Pubblico 97. Economia del Settore Pubblico 99. Quale indice di diseguaglianza usare? il rapporto interdecilico PROBLEMA: Economa del Settore Pubblco Laura Vc laura.vc@unbo.t www.dse.unbo.t/lvc/edsp_.htm LEZIONE 4 Rmn, 9 aprle 008 Economa del Settore Pubblco 96 I prncpal ndc d dseguaglanza: ndc d entropa generalzzata Isprata

Dettagli

POFESR UNIONE EUROPEA, Chiaramente Gulfì, 03/08/2015

POFESR UNIONE EUROPEA, Chiaramente Gulfì, 03/08/2015 COMUNE DI a.montt GU.F! (RG) UNIONE EUROPEA, POFESR ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE "Serafno Amable Guastella" Coreo Europa n. 1-97012 CHIARAMONTE GULFI (RG) TeL/Fax: 922021-922442 - e-mal: r^nboogpìstmaones-

Dettagli

Cenni di matematica finanziaria Unità 61

Cenni di matematica finanziaria Unità 61 Prerequst: - Rsolvere equazon algebrche d 1 grado ed equazon esponenzal Questa untà è rvolta al 2 benno del seguente ndrzzo dell Isttuto Tecnco, settore Tecnologco: Agrara, Agroalmentare e Agrondustra.

Dettagli

L APPLICAZIONE DEI CRITERI ETICI NEGLI INVESTIMENTI DELLA PREVIDENZA INTEGRATIVA Ottobre 2008

L APPLICAZIONE DEI CRITERI ETICI NEGLI INVESTIMENTI DELLA PREVIDENZA INTEGRATIVA Ottobre 2008 Allegato I L APPLICAZIONE DEI CRITERI ETICI NEGLI INVESTIMENTI DELLA PREVIDENZA INTEGRATIVA Ottobre 2008 me del fondo Natura e caratterstche del fondo Garanza e controllo Trasparenza Aperto Chuso Qual

Dettagli

Rilevatore di fumo radio fumonic 3 radio net. Infomazioni per locatari e proprietari

Rilevatore di fumo radio fumonic 3 radio net. Infomazioni per locatari e proprietari Rlevatore d fumo rado fumonc 3 rado net Infomazon per locatar e propretar Congratulazon! Nella vostra abtazone sono stat nstallat rlevator d fumo ntellgent fumonc 3 rado net. In questo modo l locatore

Dettagli

I fabbisogni standard nel settore sanitario Commento allo schema di decreto legislativo

I fabbisogni standard nel settore sanitario Commento allo schema di decreto legislativo Federalsmo I fabbsogn standard nel settore santaro Commento allo schema d decreto legslatvo Guseppe Psauro Premessa La defnzone del sstema d fnanzamento della santà è charamente un momento fondamentale

Dettagli

Manuale delle Segnalazioni Statistiche e di Vigilanza per gli Intermediari del Mercato Mobiliare

Manuale delle Segnalazioni Statistiche e di Vigilanza per gli Intermediari del Mercato Mobiliare Manuale delle Segnalazon Statstche e d Vglanza per gl Intermedar del Mercato Moblare Crcolare n. 148 del 2 luglo 1991 14 aggornamento del 16 dcembre 2009 VIGILANZA CREDITIZIA E FINANZIARIA Manuale delle

Dettagli

CONTO CONSUNTIVO PER L'ESERCIZIO FINANZIARIO 2012 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO

CONTO CONSUNTIVO PER L'ESERCIZIO FINANZIARIO 2012 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO DIREZIONE DIDATTICA DEL 4 CIRCOLO DI FORLI' Va Gorgna Saff, n.12 Tel 0543/33345 fax 0543/458861 C.F. 80004560407 CM FOEE00400B e-mal foee00400b@struzone.t - posta cert.: foee00400b@pec.struzone.t sto web:

Dettagli

Corso di Statistica (canale P-Z) A.A. 2009/10 Prof.ssa P. Vicard

Corso di Statistica (canale P-Z) A.A. 2009/10 Prof.ssa P. Vicard Corso d Statstca (canale P-Z) A.A. 2009/0 Prof.ssa P. Vcard VALORI MEDI Introduzone Con le dstrbuzon e le rappresentazon grafche abbamo effettuato le prme sntes de dat. E propro osservando degl stogramm

Dettagli

Metodologia di controllo. AUTORIMESSE (III edizione) Codice attività: 63.21.0. Indice

Metodologia di controllo. AUTORIMESSE (III edizione) Codice attività: 63.21.0. Indice Metodologa d controllo AUTORIMESSE (III edzone) Codce attvtà: 63.21.0 Indce 1. PREMESSA... 2 2. ATTIVITÀ PREPARATORIA AL CONTROLLO... 3 2.1 Interrogazon dell Anagrafe Trbutara... 3 2.2 Altre nterrogazon

Dettagli

Soluzioni per lo scarico dati da tachigrafo innovativi e facili da usare. http://dtco.it

Soluzioni per lo scarico dati da tachigrafo innovativi e facili da usare. http://dtco.it Soluzon per lo scarco dat da tachgrafo nnovatv e facl da usare http://dtco.t Downloadkey II Moble Card Reader Card Reader Downloadtermnal DLD Short Range and DLD Wde Range Qual soluzon ho a dsposzone per

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI ISTRUZIONE E FORMAZIONE C U R R I C U L U M V I T A E

INFORMAZIONI PERSONALI ISTRUZIONE E FORMAZIONE C U R R I C U L U M V I T A E C U R R I C U L U M V I T A E ome IFORMAZIOI PERSOALI Galassso Mara Pa Indrzzo 87036 Rende (CS). Va G. Verd n 174 Telefono 0984-401028 E-mal azonaltà Luogo d nascta Data d nascta marapagalasso@lbero.t

Dettagli

Turismo e innovazione in Trentino

Turismo e innovazione in Trentino Tursmo e nnovazone n Trentno Roberto Pzzcannella (Dpartmento Cultura, tursmo, promozone e sport) Mlano 8 maggo 2014 I numer del Tursmo 5 mlon (arrv - 2012) 29 mlon (presenze - 2012) 15% (contrbuto al PIL

Dettagli

MaGiTec. Servizi integrati di Qualità. MaGiTec Srl. Profilo della Società. MaGiTec. ago-08 1. Servizi integrati di Qualità. w w w. m a g i t e c.

MaGiTec. Servizi integrati di Qualità. MaGiTec Srl. Profilo della Società. MaGiTec. ago-08 1. Servizi integrati di Qualità. w w w. m a g i t e c. Srl Proflo della Socetà 2008 ago-08 1 Vson e msson d La vsone della nostra Azenda: Dventare l Azenda d rfermento sul mercato de servz d faclty management utlzzando la leva dstntva della qualtà nel tempo

Dettagli

A. AUMENTO DELLA SPESA PUBBLICA FINANZIATO ESCLUSIVAMENTE TRAMITE INDEBITAMENTO

A. AUMENTO DELLA SPESA PUBBLICA FINANZIATO ESCLUSIVAMENTE TRAMITE INDEBITAMENTO 4. SCHMI ALTRNATIVI DI FINANZIAMNTO DLLA SPSA PUBBLICA. Se l Governo decde d aumentare la Spesa Pubblca G (o Trasferment TR), allora deve anche reperre fond necessar per fnanzare questa sua maggore spesa.

Dettagli

- Lavori di intonacatura, tinteggiatura, posta in opera di pavimenti, rivestimenti ed infissi

- Lavori di intonacatura, tinteggiatura, posta in opera di pavimenti, rivestimenti ed infissi Attvtà d servz: - Lavor d ntonacatura, tnteggatura, posta n opera d pavment, rvestment ed nfss NUOVA VERSIONE DELLE METODOLOGIE DI CONTROLLO (AGGIORNAMENTI): - Autoscuole - Agenze dsbrgo pratche - Installazone

Dettagli

GURU. Facebook. Gli strumenti avanzati di Facebook ADS WEBLIME

GURU. Facebook. Gli strumenti avanzati di Facebook ADS WEBLIME Facebook GURU Gl strument avanzat d Facebook ADS Un corso tecnco-pratco d approfondmento sugl strument pù avanzat d Facebook ADS. Il Corso s rvolge esclusvamente a ch gà gestsce nserzon con Facebook. Ogg

Dettagli

COMUNE DI VAIANO Provincia di Prato

COMUNE DI VAIANO Provincia di Prato I COMUNE DI VAIANO Provnca d Prato DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI d local Appalto del Servzo pulza e sanfcazone ed arred stuat n edfc d propretà del Comune d Vaano per l perodo

Dettagli

Trigger di Schmitt. e +V t

Trigger di Schmitt. e +V t CORSO DI LABORATORIO DI OTTICA ED ELETTRONICA Scopo dell esperenza è valutare l ampezza dell steres d un trgger d Schmtt al varare della frequenza e dell ampezza del segnale d ngresso e confrontarla con

Dettagli

Lezione 10. L equilibrio del mercato finanziario: la struttura dei tassi d interesse

Lezione 10. L equilibrio del mercato finanziario: la struttura dei tassi d interesse Lezone 1. L equlbro del mercato fnanzaro: la struttura de tass d nteresse Ttol con scadenza dversa hanno prezz (e tass d nteresse) dfferent. Due ttol d durata dversa emess dallo stesso soggetto (stesso

Dettagli

Soluzione attuale ONCE A YEAR. correlation curve (ISO10155) done with, at least 9 parallel measurements

Soluzione attuale ONCE A YEAR. correlation curve (ISO10155) done with, at least 9 parallel measurements Torna al programma Sstema per la garanza della qualtà ne sstem automatc d msura alle emsson: applcazone del progetto d norma pren 14181:2003. Rsultat dell esperenza n campo presso due mpant plota. Cprano

Dettagli

È prevista la realizzazione di un

È prevista la realizzazione di un 18 Mag 2011 18:27 0885740039 pa2 Offerta N. 21. de 14/0411.1 1. OGGEtTO l presente accordo è per le ren zazone del sto web, la consulenza web, la realzzazone del lago e del marcho e la rcerca dl web narketìng

Dettagli

Relazione funzionale e statistica tra due variabili Modello di regressione lineare semplice Stima puntuale dei coefficienti di regressione

Relazione funzionale e statistica tra due variabili Modello di regressione lineare semplice Stima puntuale dei coefficienti di regressione 1 La Regressone Lneare (Semplce) Relazone funzonale e statstca tra due varabl Modello d regressone lneare semplce Stma puntuale de coeffcent d regressone Decomposzone della varanza Coeffcente d determnazone

Dettagli

COMUNE DI ANCONA Ricerca Determine con indicazione impegni

COMUNE DI ANCONA Ricerca Determine con indicazione impegni COMUNE D ANCONA Ricerca Determine con indicazione impegni TPO N e DATA CARCO OGGETTO DEL DOCUMENTO DET 1152 02/07/ Prop.: SEGRETERA GENERALE - Dirig.: CRUSO GUSEPPNA 3030725 COSTTUZONE DEL GRUPPO D AUDT

Dettagli

Identificativo Atto n. 704 DIREZIONE GENERALE RETI E SERVIZI DI PUBBLICA UTILITA' E SVILUPPO SOSTENIBILE

Identificativo Atto n. 704 DIREZIONE GENERALE RETI E SERVIZI DI PUBBLICA UTILITA' E SVILUPPO SOSTENIBILE 15833 13/12/2007 Identfcatvo Atto n. 704 DIREZIONE GENERALE RETI E SERVIZI DI PUBBLICA UTILITA' E SVILUPPO SOSTENIBILE AGGIORNAMENTO DELLA PROCEDURA DI CALCOLO PER PREDISPORRE L'ATTESTATO DI CERTIFICAZIONE

Dettagli

Kit di conversione gas CELSIUS/Hydrosmart

Kit di conversione gas CELSIUS/Hydrosmart Kt d conversone gas CELSIUS/Hydrosmart IT (04.06) SM Indce 2 Indcazon per la scurezza 3 Legenda de smbol 3 1 Regolazone del gas - Celsus/Hydrosmart 4 1.1 Trasformazone gas 4 1.2 Impostazon d fabbrca 4

Dettagli

COMUNE DI ANCONA Ricerca Determine con indicazione impegni

COMUNE DI ANCONA Ricerca Determine con indicazione impegni COMUNE D ANCONA Ricerca Determine con indicazione impegni TPO N e DATA CARCO OGGETTO DEL DOCUMENTO DET 1 2/1/ Prop.: GOVANNN ANNA TERESA - 171 - Dirig.: GOVANNN ANNA TERESA - 171 2785617 AMPLAMENTO E RFUNZONALZZAZONE

Dettagli

L Università che immaginiamo per il futuro è un Università che sappia conquistarsi a pieno, e meritatamente, la fiducia ed il riconoscimento

L Università che immaginiamo per il futuro è un Università che sappia conquistarsi a pieno, e meritatamente, la fiducia ed il riconoscimento Guda 2015/2016 2 Saluto del Rettore 1 Il nuovo Anno Accademco sarà l 840 dalla nascta dell Unverstà degl Stud d Modena e Reggo Emla. Gungamo a questo traguardo fort d alcun mportant rsultat e rconoscment,

Dettagli

MACROECONOMIA A.A. 2014/2015

MACROECONOMIA A.A. 2014/2015 MACROECONOMIA A.A. 2014/2015 ESERCITAZIONE 2 MERCATO MONETARIO E MODELLO /LM ESERCIZIO 1 A) Un economa sta attraversando un perodo d profonda crs economca. Le banche decdono d aumentare la quota d depost

Dettagli

OBBLIGAZIONI STRUTTURATE INCARICATO DEL COORDINAMENTO DELLA RACCOLTA DELLE ADESIONI ICCREA BANCA S.P.A.

OBBLIGAZIONI STRUTTURATE INCARICATO DEL COORDINAMENTO DELLA RACCOLTA DELLE ADESIONI ICCREA BANCA S.P.A. DOCUMETO DI OFFERTA OFFERTA PUBBLICA DI ACQUISTO VOLOTARIA AI SESI DEL CAPO II, TITOLO II, PARTE IV DEL DECRETO LEGISLATIVO. 58 DEL 24 FEBBRAIO 1998, AVETE AD OGGETTO OBBLIGAZIOI STRUTTURATE APPARTEETI

Dettagli

2 Modello IS-LM. 2.1 Gli e etti della politica monetaria

2 Modello IS-LM. 2.1 Gli e etti della politica monetaria 2 Modello IS-LM 2. Gl e ett della poltca monetara S consderun modello IS-LM senzastatocon seguent datc = 0:8, I = 00( ), L d = 0:5 500, M s = 00 e P =. ) S calcolno valor d equlbro del reddto e del tasso

Dettagli

La POLITICA di BILANCIO espansiva della DOMANDA Il Deficit spending Il DEBITO PUBBLICO

La POLITICA di BILANCIO espansiva della DOMANDA Il Deficit spending Il DEBITO PUBBLICO 1 Ettore Peyron P.A.S. 2014 Ddattca della MACROECONOMIA Lezone N 4 A Testo tratto dalle Dspense del Corso d Economa pubblca Unverstà degl stud d Torno Anno accademco 2010/2011 Facoltà d Economa Lezone

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA III LEGISLATURA 5 a COMMISSIONE (Fnanze e tesoro) MERCOLEDÌ 18 NOVEMBRE 1959 (42" seduta n sede delberante) Presdenza del Presdente BERTONE Dsegno d legge: INDICE «Autorzzazone

Dettagli

Attività professionali NUOVA VERSIONE DELLE METODOLOGIE

Attività professionali NUOVA VERSIONE DELLE METODOLOGIE Fnanza & Fsco Attvtà professonal NUOVA VERSIONE DELLE METODOLOGIE DI CONTROLLO (AGGIORNAMENTI): -Stud legal -Stud notarl Metodologa d controllo STUDI LEGALI (III EDIZIONE) Codce attvtà: 74.11.1 Indce 1.

Dettagli

Edifici a basso consumo energetico: tra ZEB e NZEB

Edifici a basso consumo energetico: tra ZEB e NZEB Edfc a basso consumo energetco: tra ZEB e NZEB Prof. Ing. Percarlo Romagnon Dpartmento d Progettazone e Panfcazone n Ambent Compless Unverstà IUAV d Veneza Dorsoduro 2206 30123 Veneza perca@uav.t Modell

Dettagli

Capitolo 7. La «sintesi neoclassica» e il modello IS-LM. 2. La curva IS

Capitolo 7. La «sintesi neoclassica» e il modello IS-LM. 2. La curva IS Captolo 7 1. Il modello IS-LM La «sntes neoclassca» e l modello IS-LM Defnzone: ndvdua tutte le combnazon d reddto e saggo d nteresse per le qual l mercato de ben (curva IS) e l mercato della moneta (curva

Dettagli

I MODELLI MULTISTATO PER LE ASSICURAZIONI DI PERSONE

I MODELLI MULTISTATO PER LE ASSICURAZIONI DI PERSONE Facoltà d Economa Valutazone de prodott e dell mpresa d asscurazone I MODELLI MULTISTATO PER LE ASSICURAZIONI DI PERSONE Clauda Colucc Letza Monno Gordano Caporal Martna Ragg I Modell Multstato sono un

Dettagli

Metodologia di controllo COMMERCIO DI PARTI DI RICAMBIO E ACCESSORI DI AUTOVEICOLI, MOTOCICLI E CICLOMOTORI. Codici attività: 50.30.0 50.40.2.

Metodologia di controllo COMMERCIO DI PARTI DI RICAMBIO E ACCESSORI DI AUTOVEICOLI, MOTOCICLI E CICLOMOTORI. Codici attività: 50.30.0 50.40.2. Metodologa d controllo COMMERCIO DI PARTI DI RICAMBIO E ACCESSORI DI AUTOVEICOLI, MOTOCICLI E CICLOMOTORI Codc attvtà: 50.30.0 50.40.2 Indce 1. PREMESSA... 2 1.1 Caratterstche del settore... 2 2. ATTIVITÀ

Dettagli

I NUOVI ASSUNTI INCONTRANO L AGENDA

I NUOVI ASSUNTI INCONTRANO L AGENDA NUOV ASSUNT NCONTRANO L AGENDA L ABC DEL SSTEMA QUALTA Verona, 12 Maggio 2009 L ABC PERCO L SGNFCATO D SSTEMA D GESTONE DELLA QUALTA AZENDALE SSTEMA E Ciò che è costituito da più elementi interdipendenti,

Dettagli

Repubblica Italiana Regione Siciliana

Repubblica Italiana Regione Siciliana per le Attività 2 11 Dipartimento Saniatrie e Osservatorio / Epidemiologico ', Area Servo 5. J Repubblica taliana Regione Siciliana Assessorato Regionale della Salute Dipartimento Attività Sanitarie ed

Dettagli

1. DESCRIZIONE GENERALE

1. DESCRIZIONE GENERALE 1. DESCRIZIONE GENERALE 1.1 Premessa L ntervento oggetto della presente relazone tecnca rguarda l mpanto d rvelazone e segnalazone ncend da realzzare a servzo del locale archvo dell edfco scolastco sto

Dettagli

Calcolo delle Probabilità

Calcolo delle Probabilità alcolo delle Probabltà Quanto è possble un esto? La verosmglanza d un esto è quantfcata da un numero compreso tra 0 e. n partcolare, 0 ndca che l esto non s verfca e ndca che l esto s verfca senza dubbo.

Dettagli