Esercizi svolti sui numeri complessi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Esercizi svolti sui numeri complessi"

Transcript

1 Francesco Daddi - ottobre 009 Esercizio 1 Risolvere l equazione z 1 + i = 1. Soluzione. Moltiplichiamo entrambi i membri per 1 + i in definitiva la soluzione è z 1 + i 1 + i = i z = 1 1 i. : z = 1 + i ;

2 Francesco Daddi - ottobre 009 Esercizio. Risolvere l equazione z = 1. Soluzione. L equazione può essere scritta nella forma z 1 = 0 z 1)z + z + 1) = 0 una soluzione è z 1 = 1, mentre le altre si ricavano dall equazione z + z + 1 = 0: a = 1 b = 1 = b a c = = c = 1 z = 1 + i = 1 + i z, = b ± a In definitiva le soluzioni sono: = 1 ± i 1 ր ց z = 1 i = 1 i. z 1 = 1 ; z = 1 + i ; z = 1 i.

3 Francesco Daddi - ottobre 009 Esercizio. Risolvere l equazione z 9 = 1. Soluzione. Si tratta di determinare le radici none di 1; abbiamo z k = 9 [ ) )] ) ) π + kπ π + kπ π + kπ π + kπ 1 cos + i sin = cos + i sin , con k = 0,..., 8.

4 Esercizio. Risolvere l equazione Francesco Daddi - ottobre 009 z = z. Soluzione. Consideriamo il modulo di entrambi i membri: dal momento che z = z), abbiamo: z = z ; z = z) z = z z = z otteniamo quindi z = 0 e z = 1. La prima ci dice che z = 0 ma questa soluzione poteva essere vista subito), mentre la seconda ci permette di scrivere: dal momento che z z = z, possiamo scrivere z = z z = z) z z = z) z z z = z) z z 5 = z z) z 5 = z ) z 5 = z z 5 = 1. Le soluzioni dell equazione iniziale sono, perciò, oltre a 0, le radici quinte dell unità: z k = 5 [ ) )] ) ) 0 + kπ 0 + kπ kπ kπ 1 cos + i sin = cos + i sin con k = 0,...,.,

5 Francesco Daddi - ottobre 009 Esercizio 5. Risolvere l equazione z 7 + z 6 + z 5 + z + z + z + z + 1 = 0. Soluzione. Possiamo riscrivere l equazione nel modo seguente: z + 1)z + 1)z + 1) = 0 le soluzioni sono: z 1 = 1 ; z = i ; z = i ; z = + i ; z 5 = + i ; z 6 = i ; z 7 = i.

6 Esercizio 6. Risolvere l equazione Francesco Daddi - ottobre 009 z 6 + iz = 0. Soluzione. Scritta l equazione nella forma z 6 = i z, consideriamo il modulo di entrambi i membri: z 6 = i z z 6 = i z) z 6 = 1 z z 6 = z quindi z = 0 oppure z = 1. Nel primo caso abbiamo la soluzione z = 0, mentre nel secondo caso l equazione iniziale può essere riscritta nel modo seguente: ricordando che z = 1 abbiamo: z 6 = i z z 6 = i z) z 6 z = i z) z z 9 = i z z) z 9 = i z ) z 9 = i 1 z 9 = i si tratta allora di calcolare le radici none di i: z k = 9 [ ) )] π/ + kπ π/ + kπ i cos + i sin = 9 9 ) ) π/ + kπ π/ + kπ = cos + i sin con k = 0,...,

7 Francesco Daddi - ottobre 009 Esercizio 7. Risolvere l equazione expz) = 1 i. Soluzione. Il numero complesso 1 i può essere scritto nella forma: ) i ; il modulo è ρ = e l argomento è θ = 5 π; le soluzioni sono perciò le seguenti: z = ln ) 5 + i π + kπ con k Z.

8 Francesco Daddi - ottobre 009 Esercizio 8. Risolvere la disequazione z + i > z i. Soluzione. Riscriviamo la disequazione nel modo seguente: z i) > z i ; le soluzioni della disequazione sono i numeri complessi che hanno distanza da i maggiore della distanza da i: si tratta dei numeri z che, quindi, appartengono al semipiano superiore, ovvero quelli tali che Imz) > 0.

9 Lina Conti, Francesco Daddi - ottobre 009 Esercizio 9. Risolvere l equazione expz)) + + i)expz)) + i ) expz) = 0. Soluzione. Ponendo w = exp z), abbiamo: w + + i)w + i )w = 0 si hanno le seguenti soluzioni: w 1 = 0 ; w = ; w = 1 i. La prima w = 0) porta a la seconda w = ) porta a expz) = 0 impossibile ; expz) = z = ln ) + i π + kπ) la terza w = 1 i) porta invece a expz) = 1 i z k = ln + i k + 1)π con k Z ; u k = ln + i z = ln 1 i + i π ) + k π k 1 ) π con k Z ;

10 Francesco Daddi - ottobre 009 Esercizio 10. Risolvere l equazione z = z. Soluzione. Primo metodo) Poniamo z = x + iy e riscriviamo l equazione iniziale: x + iy) = x + iy) x y + ixy = x y + ixy x y + ixy = x y ixy ixy = ixy ixy = 0 xy = 0 l ultima equazione ci dice che x = 0 oppure y = 0: le soluzioni dell equazione iniziale sono, perciò, i numeri reali e i numeri immaginari puri. Secondo metodo) Possiamo scrivere l equazione iniziale nel modo seguente: z z = 0 z z) riconoscendo ora la differenza di due quadrati possiamo scrivere z z) z + z) = 0 quindi abbiamo z = z oppure z = z. Nel primo caso si ottengono i numeri reali, nel secondo caso tutti i numeri immaginari puri.

11 Francesco Daddi - ottobre 009 Esercizio 11. Risolvere l equazione z + iz + z + iz = 0. Soluzione. Raccogliamo z : zz + iz + z + i) = 0 a questo punto raccogliamo z + i), ottenendo così zz + i)z + 1) = 0 zz i)z + i) = 0 le soluzioni, pertanto, sono le seguenti: z 1 = 0 ; z = i ; z = i.

12 Francesco Daddi - ottobre 009 Esercizio 1. Risolvere l equazione z i) = z + z). Soluzione. Portando tutto a sinistra abbiamo z i) z + z) = 0 quindi, sfruttando la formula per la differenza di due quadrati, ricaviamo z i + z + z ) z i z z ) = 0 z + i)z + z i) = 0 la soluzione z = i proviene da z + i = 0, mentre le soluzioni z k che provengono dall equazione di secondo grado z + z i = 0 sono z k = 1 ± 1 + i. Calcoliamo ora le radici quadrate w k del numero complesso 1 + i) : [ ) )] π/ + kπ π/ + kπ w k = cos + i sin con k = 0, 1 semplificando w k = [ ) )] cos 8 + k π + i sin 8 + k π con k = 0, 1 ; poiché risulta π + cos = 8) π ; sin = 8) le soluzioni z k si ottengono a partire da w k sommando 1: z 0 = 1 + ) + + i ; z 1 = 1 + ) + i. In definitiva, le soluzioni dell equazione di partenza sono le seguenti: z 0 ; z 1 ; z = i.

13 Lina Conti, Francesco Daddi - ottobre 009 Esercizio 1. Risolvere l equazione expz)) 5 i expz) ) z 8 i) = 0. Soluzione. Per la legge di annullamento del prodotto abbiamo due equazioni: expz)) 5 i expz) = 0 ; z 8 i = 0 ; l insieme delle soluzioni dell equazione di partenza si ottiene unendo le soluzioni delle singole equazioni. Per la prima equazione, ponendo w = expz), abbiamo w 5 i w = 0 ww 5 i) = 0 una soluzione è w 0 = 0 mentre le altre due soluzioni w 1, w sono le radici quadrate del numero complesso 5 i; esse si ottengono osservando che [ 5 i = 5 cos + i sin ) )] da cui ricaviamo w 1; = ± [ 5 cos + i sin ) )] π poiché cos = sin =, si ricava: ) ) w 1; = ± [ ] [ ] i = ± + i e quindi w 1 = + i per la prima soluzione w 0 = 0 si ha ; w = i ; w 0 = 0 expz) = 0 impossibile ; per le altre due cioè w 1 e w ), invece, abbiamo: w 1 = + i expz) = + i w = i expz) = i z = ln ) 5 + i + kπ z = ln ) 5 π 5 + i + k π con k Z, con k Z. Per quanto riguarda l equazione z 8 i = 0, si tratta di calcolare le radici terze di 8i infatti l equazione può essere scritta così: z = 8 i): z = i ; z = + i ; z = + i.

14 Francesco Daddi - ottobre 009 Esercizio 1. Risolvere l equazione z + ) = 7 i. Soluzione. Ponendo w = z +, l equazione può essere riscritta così: w = 7 i ; le soluzioni sono Poiché w 1 = i ; w = i ; w = z = 1 w ) = + 1 w, i. si hanno le seguenti soluzioni: z 1 = + i ; z = + i ; z = i.

15 Lina Conti, Francesco Daddi - ottobre 009 Esercizio 15. Risolvere l equazione expz) + i expz) + i) = 9. Soluzione. Ponendo w = expz) + i abbiamo w w = 9 ; considerando il modulo di entrambi i membri si ha w w = 9 w = 9 w =. Sostituendo w = nell equazione w w = 9, otteniamo w = 9 w = ; ricordando che w = expz) + i, ricaviamo expz) + i = expz) = i ; dal momento che risulta dell equazione di partenza: i =, arg i) = π 6 z k = ln ) + i π ) 6 + kπ con k Z., otteniamo le soluzioni

16 Francesco Daddi - ottobre 009 Esercizio 16. Risolvere l equazione z + iz + i = 0. Soluzione. Con la classica formula si trova risulta z 1; = i ± i ; [ ) )] 5 5 i = cos π + i sin π a questo punto le due radici quadrate r 1 e r di i) sono r 1 = 5 cos π 5 + i sin π [ ) )] 5 5 = cos 6 π + i sin 6 π = + i r = 5 cos π + π 5 + i sin π + π [ ) )] = cos 6 π + i sin 6 π = i sostituendo questi valori nelle due equazioni z 1; = i ± i si ricava: z 1 = i + r 1 = i + + i) = ; z = i + r = i + i) = i. In definitiva le due soluzioni sono z 1 = ; z = i.

17 Francesco Daddi - ottobre 009 Esercizio 17. Risolvere l equazione z = i ). Soluzione. L equazione assegnata può essere scritta nel modo seguente: z i ) = 0 ; si tratta di una differenza di due cubi, per cui abbiamo z i )) z + i )z + i) = 0 ; dalla prima parentesi troviamo la prima scontata) soluzione z 0 = i, mentre dalla seconda parentesi troviamo z 1; = i ± i ; ora cerchiamo le radici quadrate di i) nella forma generica a + ib : a + ib) = i a b + i ab) = i { a b = 9 ab = 1 ) ) a b = a = 9 a = 9 b = 6 a a b = 6 a b = 6 a a osservando che deve necessariamente essere a 0 e ricordando che a e b sono reali, troviamo le due radici quadrate di i): a + 9 a 6 = 0 b = 6 a a = b = 6 = a = in definitiva, le radici quadrate del numero i) sono le seguenti: r 1 = + i ; r = r 1 ) = i. b = 6 = Le altre due soluzioni z 1 e z dell equazione iniziale, perciò, risultano essere: z 1 = i + + ) i) = i ; z = i + i) = ) i. ;

18 Francesco Daddi - 9 ottobre 009 Esercizio 18. Fattorizzare su R il polinomio px) = x x + 1. Soluzione. Passando dai complessi possiamo scrivere: da cui px) = px) = x x + 1 = x 1 ) + i x 1 ) + = x ) 1 ) i x 1 ) i = x )) 1 i x 1 + )) ) ) 1 quindi, tenendo conto del fatto che le radici quadrate dei numeri complessi i 1 e + i ) ) sono rispettivamente ± 1 i e ± + 1 i, possiamo scrivere px) = x ) + 1 ) i x + 1 ) i x 1 ) i x i raggruppando i binomi che coinvolgono le radici complesse coniugate abbiamo ) px) = x + 1 ) i x 1 ) i x + 1 i x + moltiplicando a coppie arriviamo finalmente alla fattorizzazione su R: px) = x x + 1 = x ) x + 1 x + ) x + 1. ) + 1 i

19 Francesco Daddi - 5 novembre 009 Esercizio 19. Risolvere il seguente sistema dove x, y R) : { x y + x + 5 = 0 xy + y = 0. Soluzione. I primi due termini della prima equazione ovvero x y ) e il primo termine della seconda equazione cioè xy) costituiscono, rispettivamente, la parte reale e la parte immaginaria di x + iy) ; dal momento che i termini di primo grado hanno lo stesso coefficiente, possiamo concludere che il sistema assegnato proviene dall equazione complessa z + z + 5 = 0. Possiamo ora risolvere l equazione scritta con la nota formula: z 1; = ± 5 = ± = ± i = ± i ; le soluzioni dell equazione complessa sono, pertanto z 1 = + i e z = i. Tornando al sistema di partenza, possiamo affermare che le soluzioni x e y si ottengono considerando, rispettivamente, la parte reale e la parte immaginaria delle soluzioni complesse z 1, z che abbiamo appena ricavato. In definitiva abbiamo: { x1 = y 1 = 1 { x = y = 1. Osservazione. E possibile rappresentare nel piano cartesiano le due equazioni che costituiscono il sistema di partenza: si tratta, rispettivamente, di un iperbole equilatera e di una coppia di rette ortogonali. Le due curve si intersecano nei punti A ; 1) e B ; 1).

20 Francesco Daddi - 15 novembre 009 Esercizio 0. Risolvere la seguente equazione: z = i z. Soluzione. Posto z = a + ib possiamo riscrivere l equazione nel modo seguente: a + b = i a + ib), da cui, portando tutto a sinistra, abbiamo a + b + a + i b 1) = 0 uguagliando a zero la parte reale e la parte immaginaria ci troviamo a risolvere il sistema seguente: { a + b + a = 0 b 1 = 0 osserviamo che, dalla prima equazione, risulta chiaramente a 0; dalla seconda equazione ricaviamo invece b = 1, per cui a + b = 1 ) 1 = a a = a b = 1 elevando al quadrato la prima equazione abbiamo a + 1 = 16 a a = 1 16 b = 1 b = 1 ricordando che a 0, si trova la soluzione 1 a = 0 b = 1 a = 1 0 b = 1 razionalizzando a, l equazione iniziale ammette come unica soluzione il numero complesso 15 z = i.

21 Francesco Daddi - 1 novembre 009 Esercizio 1. Risolvere la seguente equazione: z 1) z + 1) = z z 1). Soluzione. Ponendo z 1 = w abbiamo: svolgendo otteniamo w w + ) = w + 1 w w w + ) = ww + 1) w w + w = w + w w w w = w le soluzioni sono w w = w w w ) = 0 w = 0 ; w = ricordando che z 1 = w abbiamo le seguenti soluzioni: z 1 = 1 ; z 1 = per quanto riguarda le soluzioni tali che z 1 = possiamo dividere tutto per, ricavando così 1 z 1 = 1 z 1 = si tratta quindi dei numeri complessi che stanno sulla circonferenza di centro 1 +0 i e raggio R =.

22 Francesco Daddi - dicembre 009 Esercizio. Determinare i numeri complessi z tali che Soluzione. Moltiplichiamo tutto per z i, ottenendo così ponendo ora z = x + iy abbiamo z + 1 z i =. 1) z + 1 = z i x iy = x + iy i x + 1) + iy = x + iy 1) ; calcolando i moduli ed elevando tutto al quadrato si ha x + 1) + y = x + y 1) x + 1) + y = [ x + y 1) ] svolgendo i calcoli e semplificando otteniamo x + x y + 8 y = 0 x + y x 8 y + 1 = 0 i numeri complessi che risolvono l equazione 1) appartengono alla circonferenza di centro z C = 1 + i e raggio R =. Da un punto di vista geometrico si tratta del luogo dei punti tali che il rapporto delle loro distanze da due punti fissati in questo caso i punti sono z A = i e z B = 0 + i) è costante in questo caso la costante è ), noto come cerchio di Apollonio. Si osservi che z C appartiene alla retta passante per z A e z B.

23 Francesco Daddi - dicembre 009 Esercizio. Determinare i numeri complessi z tali che z 8 + z 8 = 0. 1) Soluzione. Primo metodo. z 8 + z ) = 0 z z +z z) = 0 z z + z ) = 0 una soluzione quindi è z = 0, mentre le altre soluzioni vanno cercate in z + z = 0. Ponendo z = a + ib abbiamo z +z = 0 a + ia b 6 a b i ab +b +a ia b 6 a b + ib a+b = 0 a 1 a b + b = 0 a 6 a b + b = 0 dividendo l ultima equazione per a 0 otteniamo a 6 a b + b = b a a + b a = 0 ; ponendo ora t = b a 0 ricaviamo 1 6 t + t = 0 ; risolvendo l equazione si ha t 1; = ± 8 ; con le formule dei radicali doppi otteniamo queste soluzioni: b a = ± + 8 = ± + 8 b a = ± 8 = ± = ± + 1) ; 8 = ± 1) ; le soluzioni dell equazione sono dunque i numeri complessi che appartengono alle quattro rette seguenti: b = + 1) a ; b = + 1) a ; b = 1) a ; b = 1) a.

24 Secondo metodo. Osserviamo che, se w è soluzione dell equazione, allora lo è anche z = kw con k R; infatti abbiamo: z 8 + z 8 = kw) 8 + kw 8 = k 8 w 8 + k 8 w 8 = k 8 w 8 + k 8 w 8 = k 8 w 8 + w 8) = k 8 0 = 0 quindi possiamo porre z = 1 e cercare le soluzioni sul cerchio unitario: z 8 + z 8 = 0 z = 0 z = 0 z 8 = 1 si tratta quindi di determinare le radici ottave di 1 e considerare poi tutti i multipli reali delle soluzioni ottenute. Si ritrovano così le quattro rette che abbiamo ottenuto con il primo metodo. Riportiamo qui di seguito, per completezza, le radici ottave di 1 = i = cos π + i sin π): z 0 = cos + i sin 8) 8) ) ) π π z 1 = cos + i sin 8 8 ) ) 5 π 5 π z = cos + i sin 8 8 ) ) 7 π 7 π z = cos + i sin 8 8 ) ) 9 π 9 π z = cos + i sin 8 8 ) ) 11 π 11 π z 5 = cos + i sin 8 8 ) ) 1 π 1 π z 6 = cos + i sin 8 8 ) ) 15 π 15 π z 7 = cos + i sin = + i + = + i + = + i + = + i + = i + = i + = i + = i si osservi che: z 0 e z appartengono alla retta b = 1) a; z 1 e z 5 appartengono alla retta b = + 1) a; z e z 6 appartengono alla retta b = + 1) a; z e z 7 appartengono alla retta b = 1) a.

25 Francesco Daddi - 7 dicembre 009 Esercizio. Determinare i numeri complessi z tali che z i = Imz i). Soluzione. Ponendo z = a + ib abbiamo a + ib i = Ima + ib i) a ) + ib ) = Im a + ib 1) ) quindi a ) + b ) = b 1 da cui, elevando al quadrato, otteniamo: a ) + b ) = b 1) ; svolgendo i calcoli troviamo a 6 a + 1 b = 0 b = 1 a a + 6 l insieme dei numeri complessi che risolvono l equazione iniziale è una parabola nel piano complesso. Analizziamo l equazione di partenza riscrivendola in questo modo: z i = Imz i) z + i) = Imz) Imi) z + i) = Imz) 1 i numeri z che risolvono l equazione sono tali che la loro distanza da + i) è uguale alla distanza dalla retta Imz) = 1 questa retta passa da 0+i ed è parallela all asse reale); il vertice della parabola è V = + i, il fuoco è F = + i e la direttrice è la retta Imz) = 1.

26 Francesco Daddi - 7 dicembre 009 Esercizio 5. Determinare i numeri complessi z tali che z 19 z + 97 z 5 z 16 = 0. Soluzione. Ponendo z = k 0) l equazione diventa k 19 k + 97 k 5 k 16 = 0 si trova che k = 1 è una radice del polinomio; dividendo il polinomio per k + 1) otteniamo: k 19 k + 97 k 5 k 16 = k + 1)k 0 k k 16) ; poiché k = è una radice del polinomio di terzo grado, abbiamo: k 19 k + 97 k 5 k 16 = k + 1)k )k 18 k + 81) ; poiché risulta k 18 k + 81 = k 9), l equazione di partenza può essere scritta in questo modo: z 9) z + 1) z ) = 0 le soluzioni sono, pertanto, i numeri complessi tali che: z = 9 z = si osservi che non esistono numeri complessi tali che z + 1 = 0).

27 Francesco Daddi - 9 dicembre 009 Esercizio 6. Determinare la condizione che deve essere rispettata dai due parametri reali k e h affinché l equazione z + k iz + h = 0. 1) abbia soluzioni con parte reale nulla. Soluzione. Calcolando il discriminante dell equazione di secondo grado abbiamo poiché le soluzioni dell equazione sono = k i) 1 h = k h z 1; = k i ± = k i ± k h per avere soluzioni con parte reale nulla è necessario che il numeratore abbia parte reale nulla il denominatore, infatti, è reale): Re k i ± ) k h = 0 dal momento che k i ha parte reale nulla, ciò deve verificarsi anche per k h e quindi la condizione richiesta è la seguente: k h 0 k + h 0. Osservazione. Se risulta k h = 0 k + h = 0 abbiamo due radici coincidenti e sono entrambe uguali a k i ). Analizziamo infine il caso k h > 0 k + h < 0 ; sotto questa condizione le due soluzioni z 1, z dell equazione di partenza hanno parte reale 0.

28 Lina Conti, Francesco Daddi - 9 dicembre 009 Esercizio 7. Determinare i numeri z tali che z = + i. Soluzione. Primo metodo. Osserviamo che il numero complesso modo seguente: 1 [ cos + i sin 6) 6)] + i può essere scritto nel quindi le due radici quadrate sono z 1; = ± [ 1 cos 1) [ + i sin = ± cos + i sin 1)] 1) 1)] dalla formula di bisezione del coseno presa con il segno + perché cos 1) > 0) ricaviamo: π ) 1 + cos 6 cos = cos = 1) ) π = + = = 1 + applicando la formula per i radicali doppi abbiamo + + = = + = + per cui risulta: cos = 1) 1 + = =. Per calcolare sin 1) basta applicare la formula fondamentale si sceglie il segno + perché sin 1) > 0): 1 π [ )] [ ] sin = 1 cos = = 1) 1 = con la formula per i radicali doppi abbiamo: + 1 = = = 1 ; da cui π 1 sin = 1) 8 1 ) 6 1 = 8 1 = ;

29 in definitiva le due soluzioni sono ) z 1; = ± + i. Secondo metodo. Cerchiamo le soluzioni nella forma z = x + iy ; risulta: z = + i x + iy) = + i x y + ixy = uguagliando parte reale e parte immaginaria arriviamo al seguente sistema: x y = xy = 1 ricavando y dalla seconda equazione e sostituendo nella prima abbiamo: ) 1 x = x y = 1 x la prima equazione può essere riscritta così: 16 x 8 x 1 = 0 + i ponendo t = x 0 possiamo scrivere le soluzioni dell equazione di secondo grado nell incognita t: t 1; = 8 8 ) ± 16 1) ± = poiché t 0, è accettabile solo la soluzione con il + infatti con il segno - il radicando sarebbe uguale a < 0). A questo punto possiamo trovare i due valori di x: x 1; = ± + = ± + con la formula per i radicali doppi si veda per questo il primo metodo) arriviamo a ) 6 + x 1; = ± ; i due valori di y si ottengono dalla relazione y = 1 x : y 1 = 1 ) = ; y = 1 6 ) = 6 +.

30 Francesco Daddi - 11 dicembre 009 Esercizio 8. Calcolare i ) 1005 Soluzione. Il numero tra parentesi può essere scritto in questo modo: ) ) ) i = cos 1 π + i sin 1 π per cui la potenza è uguale a poiché 5 ) i = [ ) )] cos 1 π + i sin 1 π = ) ) 7 = cos π 7 + i sin π = ) ) 5 5 = cos π + i sin π ; π = 586 π + π = 9 π + π abbiamo: ) ) 5 5 cos π + i sin π = = cos 9 π + π ) + i sin 9 π + π = cos + i sin = ) ) ) = = + i.

31 Francesco Daddi - 0 dicembre 009 Esercizio 9. Risolvere l equazione z 5 iz + z 8 iz 16 z i = 0 sapendo che z = i e z = i sono due soluzioni. Soluzione. Dal momento che conosciamo le soluzioni z = i e z = i, il polinomio di quinto grado è divisibile per il polinomio effettuando la divisione otteniamo: z + i)z i) = z iz + ; z 5 iz + z 8 iz 16 z i = z iz + ) z 8 i) per ottenere le rimanenti soluzioni dell equazione di partenza è sufficiente quindi determinare le soluzioni dell equazione z 8 i = 0 [ per far ciò basta determinare le radici terze di 8i = 8 cos + i sin : ) )] z 0 = 8 [ cos + 0 π ) + i sin + 0 π )] = [ ] + i = + i ; z 1 = [ 8 cos + 1 π ) + i sin + 1 π )] = z = 8 [ cos [ ] = + i = + i ; + π ) + i sin + π )] = = [0 i] = i. [ = cos + i sin = 6) 6)] [ cos [ cos ) 5 π + i sin 6 ) π + i sin )] 5 π = 6 )] π =

32 Lina Conti, Francesco Daddi - 5 gennaio 010 Esercizio 0. Risolvere l equazione expexp z) = i Soluzione. Ponendo w = exp z l equazione diventa da cui, essendo i = cos π + i sin π, ricaviamo: exp w = i ) w = ln1) + i + kπ ) w = i + kπ con k Z con k Z. Ora dobbiamo risolvere l equazione ) exp z = i + kπ con k Z il modulo del numero complesso a secondo membro è π ) i + kπ π = i + kπ π = + kπ = π 1 + k = π k + 1 ) mentre per l argomento dobbiamo fare attenzione: se il numero complesso i + kπ appartiene all asse immaginario positivo l argomento è π, mentre, se appartiene all asse immaginario negativo, l argomento è π : π se k 0 )) Arg i + kπ = quindi le soluzioni dell equazione iniziale sono: ) ) z = ln k i + hπ ) ) π z = ln k i + hπ semplificando otteniamo: ) ) z = ln k + 1) + i + hπ π ) ) π z = ln k 1) + i + hπ se k < 0 con k intero 0 e h Z ; con k intero < 0 e h Z con k intero 0 e h Z ; con k intero < 0 e h Z

33 Lina Conti, Francesco Daddi - marzo 010 Esercizio 1. Determinare i numeri z tali che z 5 + z 1 i ) 7 z i = 0. Soluzione. Possiamo fattorizzare il primo membro nel modo seguente: z z + 1 i ) 7 z + 1 i ) = 0 da cui z 7 ) z + 1 i ) = 0 dobbiamo quindi risolvere le due equazioni z 7 = 0 ; z + 1 i = 0. La prima equazione ha come soluzioni le radici terze di 7: z 1 = ; z = 1 ) + i ; z = 1 ) i ; per quanto riguarda la seconda equazione osserviamo che z = z + 1 i = 0 1 ) + i [ z = cos z = 1 + i ) π + i sin )] π l equazione z + 1 i = 0 è dunque risolta per z +k = π cos + kπ π + i sin + kπ con k = 0, 1) ovvero z = [ cos + i sin ) )] semplificando otteniamo: z = ) 1 + i ; z 5 = z = [ cos + i sin ) )] ; z 5 = ) 1 + i z = 6 + i ; z 5 = i 6.

34 Lina Conti, Francesco Daddi - marzo 010 Esercizio. Determinare i numeri z tali che exp z i ) exp z + z exp z i ) ) exp z = 0. Soluzione. Raccogliendo exp z i ) exp z ) l equazione diventa exp z i ) ) exp z 1 + z ) = 0 dobbiamo quindi risolvere le due equazioni seguenti: exp z i ) exp z = 0 ; 1 + z = 0 la seconda equazione è impossibile il modulo di un numero complesso è un numero reale 0), mentre per quanto riguarda la prima equazione si ha exp z exp z i )) = 0 si hanno quindi due equazioni: exp z = 0 impossibile exp z i ) = 0 exp z = 1 i poiché abbiamo 1 i = 1 i ) ) 5 π z k = ln) + i + kπ = cos 5 π + i sin 5 π ) con k Z.

35 Lina Conti, Francesco Daddi - marzo 010 Esercizio. Determinare i numeri z tali che expz) exp z) + expz) exp z) + expz) = 0. Soluzione. Mettiamo in evidenza expz): expz) [ exp z) + exp z) + 1 ] = 0 poiché expz) non si annulla mai l equazione iniziale è equivalente a exp z) + exp z) + 1 = 0 a questo punto si osserva che l equazione può essere scritta così: [exp z) + 1] = 0 non resta quindi che risolvere l equazione exp z) + 1 = 0 : exp z) = 1 dal momento che 1 = 1 cosπ) + i sinπ)), risulta: z = ln1) + iπ + kπ) con k Z z = iπ + kπ) z = 1 iπ + kπ) in definitiva le soluzioni dell equazione iniziale sono le seguenti: z k = π i1 + k) con k Z.

36 Lina Conti, Francesco Daddi - marzo 010 Esercizio. Determinare i numeri z, w tali che { exp z exp w = 1 + i exp z + exp w = 1 i. Soluzione. Si tratta di un sistema simmetrico la cui equazione risolvente è t i) t i) = 0 trovando le soluzioni dell ultima equazione scritta abbiamo t 1; = 1 i ± 1 + i) i) quindi t 1; = 1 i ± 1 ր ց ora non resta che risolvere i sistemi { expz) = i expw) = 1 i t 1 = 1 i + 1 t = 1 i 1 ; = i = i = i { expz) = 1 i expw) = i = 1 i. Il primo sistema ha le seguenti soluzioni: ) π z = i + kπ w = ln ) 5 π + i + hπ con k, h Z mentre per il secondo sistema risulta: z = ln + i ) 5 π + bπ ) con b, c Z π w = i + cπ

37 Lina Conti, Francesco Daddi - marzo 010 Esercizio 5. Determinare i numeri z tali che z z + z 8 z i 8 i = 0. Soluzione. Mettiamo in evidenza z nei primi due termini e 8 i negli ultimi due: raccogliamo ora z + 1) z z + 1) 8 i z + 1) = 0 z + 1)z 8 i) = 0 le soluzioni si ottengono quindi dalle due equazioni seguenti: z + 1 = 0 ; z 8 i = 0. La prima equazione è impossibile in quanto il modulo di un numero complesso è un numero reale 0. Per quanto riguarda invece la seconda equazione si tratta di calcolare le radici terze di 8i: π z k = 8 cos + kπ abbiamo allora le seguenti soluzioni: π z 0 = cos + 0 π + i sin π + i sin π + kπ + 0 π con k = 0, 1, = ) + 1 i = + i π z 1 = cos + 1 π π z = cos π + i sin + π + 1 π π + i sin = + π ) + 1 i = + i = i) = i.

38 Esercizio 6. Risolvere l equazione Lina Conti, Francesco Daddi - 9 marzo 010 expexp z) = + 1 i Soluzione. Ponendo w = exp z l equazione diventa exp w = + 1 i da cui, essendo + 1 i = cos π 6 + i sin π 6, ricaviamo: ) w = ln1) + i 6 + kπ con k Z ) w = i 6 + kπ Ora dobbiamo risolvere l equazione ) exp z = i 6 + kπ con k Z. con k Z il modulo del numero complesso a secondo membro è π ) i 6 + kπ π = i 6 + kπ π = 6 + kπ = π k = π 1 k ) mentre per l argomento dobbiamo fare attenzione: se il numero complesso i 6 + kπ appartiene all asse immaginario positivo l argomento è π negativo, l argomento è π : )) Arg i 6 + kπ = quindi le soluzioni dell equazione iniziale sono: ) ) z = ln 6 1 k i + hπ ) z = ln 6 1 k i π ) + hπ semplificando otteniamo: ) ) z = ln 6 1 k + 1) + i + hπ, mentre, se appartiene all asse immaginario π π ) z = ln 6 1 k 1) + i π ) + hπ se k 0 se k < 0 con k intero 0 e h Z ; con k intero < 0 e h Z con k intero 0 e h Z ; con k intero < 0 e h Z

39 Lina Conti, Francesco Daddi - 9 marzo 010 Esercizio 7. Risolvere l equazione exp8 z) + i) exp z) i = 0 Soluzione. Possiamo riscrivere l equazione così: exp z) ) + i) exp z) i = 0 ponendo w = exp z) si tratta di risolvere l equazione le soluzioni si calcolano con la formula classica w 1; = i) ± i) 1 i) 1 w + i)w i = 0 = i ± 1 i + 8 i = i ± + i a questo punto dobbiamo determinare le radici quadrate del numero + i; dobbiamo determinare i numeri complessi x + i y tali che x + i y) = + i: ) { x y = x = x x = 0 x xy = y = y = x x risolvendo l equazione biquadratica otteniamo x 1 = da cui y 1 = 1) e x = da cui y = 1). Si osservi che x, y R, quindi le soluzioni complesse del sistema precedente devono essere scartate. Le soluzioni w 1;, pertanto, sono: a questo punto dobbiamo risolvere le equazioni w 1 = i ; w = exp z) = i ; exp z) = la prima ha come soluzioni ) z = ln1) + i + kπ z = i 8 + kπ ) con k Z mentre la seconda z = ln) + i π + kπ) z = ln) + i + kπ ) con k Z.

40 Lina Conti, Francesco Daddi - 19 marzo 010 Esercizio 8. Risolvere l equazione z + z + 1 = 0 Soluzione. Posto z = x + i y abbiamo: x + i y) + x i y + 1 = 0 svolgendo i calcoli abbiamo x y + ixy + x i y + 1 = 0 separiamo la parte reale dalla parte immaginaria: x y + x i xy y) = 0 arriviamo dunque al seguente sistema: { x y + x + 1 = 0 xy y = 0 { x y + x + 1 = 0 y x 1) = 0 basta risolvere i seguenti due sistemi: { x y + x + 1 = 0 y = 0 ; { x y + x + 1 = 0 x 1 = 0 il primo sistema è impossibile l equazione x + x + 1 = 0, infatti, non ammette soluzioni reali), mentre il secondo sistema ha per soluzione x y + x + 1 = 0 x = 1 1 x = 1 ) y = 0 le soluzioni dell equazione iniziale, pertanto, sono le seguenti: 7 y = 0 x = 1 z 1 = 1 + i 7 ; z = 1 i 7.

NUMERI COMPLESSI. Esercizi svolti., e) i 34, f) i 7. 10 i

NUMERI COMPLESSI. Esercizi svolti., e) i 34, f) i 7. 10 i NUMERI COMPLESSI Esercizi svolti 1. Calcolare le seguenti potenze di i: a) i, b) i, c) i 4, d) 1 i, e) i 4, f) i 7. Semplificare le seguenti espressioni: a) ( i) i(1 ( 1 i), b) ( + i)( i) 5 + 1 ) 10 i,

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

Consideriamo due polinomi

Consideriamo due polinomi Capitolo 3 Il luogo delle radici Consideriamo due polinomi N(z) = (z z 1 )(z z 2 )... (z z m ) D(z) = (z p 1 )(z p 2 )... (z p n ) della variabile complessa z con m < n. Nelle problematiche connesse al

Dettagli

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2 Indice generale Modulo 1 Algebra 2 Capitolo 1 Scomposizione in fattori. Equazioni di grado superiore al primo 1.1 La scomposizione in fattori 2 1.2 Raccoglimento a fattor comune 3 1.3 Raccoglimenti successivi

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

Numeri Complessi R 2. P = (x P,y P ) x P. z = (x,y) y P (0,0)

Numeri Complessi R 2. P = (x P,y P ) x P. z = (x,y) y P (0,0) Numeri Complessi Un numero complesso z può essere definito come una coppia ordinata (x,y) di numeri reali x e y. L insieme dei numeri complessi è denotato con C e può essere identificato con il piano cartesiano

Dettagli

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli

a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori a. 10-5 b. 10 +5 c. 10 +15 d.

a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori a. 10-5 b. 10 +5 c. 10 +15 d. 1) Il valore di 5 10 20 è: a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 2) Il valore del rapporto (2,8 10-4 ) / (6,4 10 2 ) è: a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori 3) La quantità

Dettagli

e l insieme delle soluzioni, dopo le analoghe riduzioni del caso n = 2, si scrive come

e l insieme delle soluzioni, dopo le analoghe riduzioni del caso n = 2, si scrive come Numeri complessi 9 Da questi esempi si può osservare che, facendo le successive potene di un numero complesso, i punti corrispondenti girano attorno all origine. Se inoltre > allora i punti si allontanano

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

Numeri complessi. x 2 = 1.

Numeri complessi. x 2 = 1. 1 Numeri complessi Nel corso dello studio della matematica si assiste ad una progressiva estensione del concetto di numero. Dall insieme degli interi naturali N si passa a quello degli interi relativi

Dettagli

MATEMATICA. { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un numero x ed un numero y che risolvano entrambe le equazioni.

MATEMATICA. { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un numero x ed un numero y che risolvano entrambe le equazioni. MATEMATICA. Sistemi lineari in due equazioni due incognite. Date due equazioni lineari nelle due incognite x, y come ad esempio { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un

Dettagli

Analisi Mat. 1 - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 23-3-06

Analisi Mat. 1 - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 23-3-06 Analisi Mat. - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 3-3-6 Sia p il polinomio di quarto grado definito da pz = z 4. Sia S il settore circolare formato dai numeri complessi che hanno modulo minore o

Dettagli

1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc.

1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc. Classi Numeriche 1 1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc. In questo breve capitolo richiamiamo le definizioni delle classi numeriche fondamentali, già note al lettore,

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

IV-1 Funzioni reali di più variabili

IV-1 Funzioni reali di più variabili IV- FUNZIONI REALI DI PIÙ VARIABILI INSIEMI IN R N IV- Funzioni reali di più variabili Indice Insiemi in R n. Simmetrie degli insiemi............................................ 4 2 Funzioni da R n a R

Dettagli

Geometria nel piano complesso

Geometria nel piano complesso Geometria nel piano complesso Giorgio Ottaviani Contents Un introduzione formale del piano complesso 2 Il teorema di Napoleone 5 L inversione circolare 6 4 Le trasformazioni di Möbius 7 5 Il birapporto

Dettagli

Appunti sulle disequazioni

Appunti sulle disequazioni Premessa Istituto d Istruzione Superiore A. Tilgher Ercolano (Na) Appunti sulle disequazioni Questa breve trattazione non vuole costituire una guida completa ed esauriente sull argomento, ma vuole fornire

Dettagli

Numeri complessi e polinomi

Numeri complessi e polinomi Numeri complessi e polinomi 1 Numeri complessi L insieme dei numeri reali si identifica con la retta della geometria: in altri termini la retta si può dotare delle operazioni + e e divenire un insieme

Dettagli

LE FUNZIONI MATEMATICHE

LE FUNZIONI MATEMATICHE ALGEBRA LE FUNZIONI MATEMATICHE E IL PIANO CARTESIANO PREREQUISITI l l l l l conoscere il concetto di insieme conoscere il concetto di relazione disporre i dati in una tabella rappresentare i dati mediante

Dettagli

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014 Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 14 Problema 1 Punto a) Osserviamo che g (x) = f(x) e pertanto g () = f() = in quanto Γ è tangente all asse delle ascisse,

Dettagli

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO SIMULAZINE DI PRVA D ESAME CRS DI RDINAMENT Risolvi uno dei due problemi e 5 dei quesiti del questionario. PRBLEMA Considera la famiglia di funzioni k ln f k () se k se e la funzione g() ln se. se. Determina

Dettagli

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA.

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA. ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA. Prerequisiti I radicali Risoluzione di sistemi di equazioni di primo e secondo grado. Classificazione e dominio delle funzioni algebriche Obiettivi minimi Saper

Dettagli

I Numeri Complessi. Si verifica facilmente che, per l operazione di somma in definita dalla (1), valgono le seguenti

I Numeri Complessi. Si verifica facilmente che, per l operazione di somma in definita dalla (1), valgono le seguenti Y T T I Numeri Complessi Operazioni di somma e prodotto su Consideriamo, insieme delle coppie ordinate di numeri reali, per cui si ha!"# $&% '( e )("+* Introduciamo in tale insieme una operazione di somma,/0"#123045"#

Dettagli

ESERCIZI SVOLTI Ricerca del dominio di funzioni razionali fratte e irrazionali. www.vincenzoscudero.it novembre 2009

ESERCIZI SVOLTI Ricerca del dominio di funzioni razionali fratte e irrazionali. www.vincenzoscudero.it novembre 2009 ESERCIZI SVOLTI Ricerca del dominio di funzioni razionali fratte e irrazionali v.scudero www.vincenzoscudero.it novembre 009 1 1 Funzioni algebriche fratte 1.1 Esercizio svolto y = x 1 x 11x + 10 (generalizzazione)

Dettagli

Limiti e forme indeterminate

Limiti e forme indeterminate Limiti e forme indeterminate Edizioni H ALPHA LORENZO ROI c Edizioni H ALPHA. Ottobre 04. H L immagine frattale di copertina rappresenta un particolare dell insieme di Mandelbrot centrato nel punto.5378303507,

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

A.1 Definizione e rappresentazione di un numero complesso

A.1 Definizione e rappresentazione di un numero complesso 441 APPENDICE A4 NUMERI COMPLESSI A.1 Definizione e rappresentazione di un numero complesso Si riepilogano i concetti e le operazioni elementari relativi ai numeri complessi. Sia z un numero complesso;

Dettagli

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata libera e vincolata Generalità. Limiti e continuità per funzioni di 2 o Piano tangente. Derivate successive Formula di Taylor libera vincolata Lo ordinario è in corrispondenza biunivoca con i vettori di

Dettagli

Esponenziali elogaritmi

Esponenziali elogaritmi Esponenziali elogaritmi Potenze ad esponente reale Ricordiamo che per un qualsiasi numero razionale m n prendere n>0) si pone a m n = n a m (in cui si può sempre a patto che a sia un numero reale positivo.

Dettagli

QUADERNI DI DIDATTICA

QUADERNI DI DIDATTICA Department of Applied Mathematics, University of Venice QUADERNI DI DIDATTICA Tatiana Bassetto, Marco Corazza, Riccardo Gusso, Martina Nardon Esercizi sulle funzioni di più variabili reali con applicazioni

Dettagli

SCOMPOSIZIONE IN FATTORI DI UN POLINOMIO

SCOMPOSIZIONE IN FATTORI DI UN POLINOMIO SCOMPOSIZIONE IN FATTORI DI UN POLINOMIO Così come avviene per i numeri ( 180 = 5 ), la scomposizione in fattori di un polinomio è la trasformazione di un polinomio in un prodotto di più polinomi irriducibili

Dettagli

I numeri complessi. Mario Spagnuolo Corso di Laurea in Fisica - Facoltà di Scienze - Università Federico II di Napoli

I numeri complessi. Mario Spagnuolo Corso di Laurea in Fisica - Facoltà di Scienze - Università Federico II di Napoli I numeri complessi Mario Spagnuolo Corso di Laurea in Fisica - Facoltà di Scienze - Università Federico II di Napoli 1 Introduzione Studiare i numeri complessi può sembrare inutile ed avulso dalla realtà;

Dettagli

Esercizi di Algebra Lineare. Claretta Carrara

Esercizi di Algebra Lineare. Claretta Carrara Esercizi di Algebra Lineare Claretta Carrara Indice Capitolo 1. Operazioni tra matrici e n-uple 1 1. Soluzioni 3 Capitolo. Rette e piani 15 1. Suggerimenti 19. Soluzioni 1 Capitolo 3. Gruppi, spazi e

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

STUDIO DEL SEGNO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DEL SEGNO DI UNA FUNZIONE STUDIO DEL SEGNO DI UNA FUNZIONE Quando si studia una funzione! " #$%&' (funzione reale di variabile reale) è fondamentale conoscere il segno, in altre parole sapere per quali valori di &( #$%&'$è positiva,

Dettagli

Equazione della Circonferenza - Grafico di una Circonferenza - Intersezione tra Circonferenza e Retta

Equazione della Circonferenza - Grafico di una Circonferenza - Intersezione tra Circonferenza e Retta Equazione della Circonferenza - Grafico di una Circonferenza - Intersezione tra Circonferenza e Retta Francesco Zumbo www.francescozumbo.it http://it.geocities.com/zumbof/ Questi appunti vogliono essere

Dettagli

a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio x, l arco di circonferenza di π π

a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio x, l arco di circonferenza di π π PROBLEMA Il triangolo rettangolo ABC ha l ipotenusa AB = a e l angolo CAB =. a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio, l arco di circonferenza di estremi P e Q rispettivamente

Dettagli

SEGNO DELLA FUNZIONE. Anche in questo caso, per lo studio del segno della funzione, occorre risolvere la disequazione: y > 0 Ne segue:

SEGNO DELLA FUNZIONE. Anche in questo caso, per lo studio del segno della funzione, occorre risolvere la disequazione: y > 0 Ne segue: CAMPO DI ESISTENZA. Poiché la funzione data è una razionale fratta, essa risulta definita su tutto l asse reale tranne che nei punti in cui il denominatore della frazione si annulla, cioè: C.E. { R: 0}

Dettagli

Raccolta di Esercizi di Matematica. Capitolo 8 : Modalità CAS (Computer Algebra S ystem)

Raccolta di Esercizi di Matematica. Capitolo 8 : Modalità CAS (Computer Algebra S ystem) Raccolta di Esercizi di Matematica Capitolo 8 : Modalità CAS (Computer Algebra S ystem) Contenuti: 8-1. L ordine Algebrico delle Operazioni 8-2. Problemi sulle Percentuali 8-3. Le Forme Standard e Point-Slope

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 Le frazioni algebriche 1.1 Il minimo comune multiplo e il Massimo Comun Divisore fra polinomi........ 1. Le frazioni algebriche....................................

Dettagli

Analisi Matematica I

Analisi Matematica I Analisi Matematica I Fabio Fagnani, Gabriele Grillo Dipartimento di Matematica Politecnico di Torino Queste dispense contengono il materiale delle lezioni del corso di Analisi Matematica I rivolto agli

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:...

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:... Ministero della Pubblica Istruzione Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA Scuola Secondaria di II grado Classe Terza Tipo A Codici Scuola:..... Classe:.. Studente:.

Dettagli

LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO

LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO APPUNTI PER IL CORSO DI ANALISI MATEMATICA I G. MAUCERI Indice 1. Introduzione 1 2. La funzione esponenziale 2 3. Il numero e di Nepero 9 4. L irrazionalità di e

Dettagli

Il simbolo. è è = = = In simboli: Sia un numero naturale diverso da zero, il radicale. Il radicale. esiste. esiste 0 Il radicale

Il simbolo. è è = = = In simboli: Sia un numero naturale diverso da zero, il radicale. Il radicale. esiste. esiste 0 Il radicale Radicali 1. Radice n-esima Terminologia Il simbolo è detto radicale. Il numero è detto radicando. Il numero è detto indice del radicale. Il numero è detto coefficiente del radicale. Definizione Sia un

Dettagli

Formule trigonometriche

Formule trigonometriche Formule trigonometriche C. Enrico F. Bonaldi 1 Formule trigonometriche In trigonometria esistono delle formule fondamentali che permettono di calcolare le funzioni goniometriche della somma di due angoli

Dettagli

Problema n. 1: CURVA NORD

Problema n. 1: CURVA NORD Problema n. 1: CURVA NORD Sei il responsabile della gestione del settore Curva Nord dell impianto sportivo della tua città e devi organizzare tutti i servizi relativi all ingresso e all uscita degli spettatori,

Dettagli

Rette e piani con le matrici e i determinanti

Rette e piani con le matrici e i determinanti CAPITOLO Rette e piani con le matrici e i determinanti Esercizio.. Stabilire se i punti A(, ), B(, ) e C(, ) sono allineati. Esercizio.. Stabilire se i punti A(,,), B(,,), C(,, ) e D(4,,0) sono complanari.

Dettagli

Fuoco, direttrice ed equazione di una parabola traslata. Bruna Cavallaro, Treccani scuola

Fuoco, direttrice ed equazione di una parabola traslata. Bruna Cavallaro, Treccani scuola Fuoco, direttrice ed equazione di una parabola traslata Bruna Cavallaro, Treccani scuola 1 Traslare parabole con fuoco e direttrice Su un piano Oxy disegno una parabola, con fuoco e direttrice. poi traslo

Dettagli

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Archimede ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. Sia ABCD un quadrato di

Dettagli

Metodi risolutivi per le disequazioni algebriche

Metodi risolutivi per le disequazioni algebriche Metodi risolutivi per le disequazioni algebriche v.scudero Una disequazioni algebrica si presenta in una delle quattro forme seguenti: () P( () P( (3) P( () P( essendo P( un polinomio in. Noi studieremo

Dettagli

Iniziamo con un esercizio sul massimo comun divisore: Esercizio 1. Sia d = G.C.D.(a, b), allora:

Iniziamo con un esercizio sul massimo comun divisore: Esercizio 1. Sia d = G.C.D.(a, b), allora: Iniziamo con un esercizio sul massimo comun divisore: Esercizio 1. Sia d = G.C.D.(a, b), allora: G.C.D.( a d, b d ) = 1 Sono state introdotte a lezione due definizioni importanti che ricordiamo: Definizione

Dettagli

B9. Equazioni di grado superiore al secondo

B9. Equazioni di grado superiore al secondo B9. Equazioni di grado superiore al secondo Le equazioni di terzo grado hanno una, due o tre soluzioni, risolvibili algebricamente con formule molto più complesse di quelle dell equazione di secondo grado.

Dettagli

Funzioni in più variabili

Funzioni in più variabili Funzioni in più variabili Corso di Analisi 1 di Andrea Centomo 27 gennaio 2011 Indichiamo con R n, n 1, l insieme delle n-uple ordinate di numeri reali R n4{(x 1, x 2,,x n ), x i R, i =1,,n}. Dato X R

Dettagli

Analisi Matematica di circuiti elettrici

Analisi Matematica di circuiti elettrici Analisi Matematica di circuiti elettrici Eserciziario A cura del Prof. Marco Chirizzi 2011/2012 Cap.5 Numeri complessi 5.1 Definizione di numero complesso Si definisce numero complesso un numero scritto

Dettagli

PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si sostituisce la loro somma.

PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si sostituisce la loro somma. Addizione: PROPRIETA' COMMUTATIVA Cambiando l'ordine degli addendi la somma non cambia. 1) a + b = b + a PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si

Dettagli

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011 1 Trasformazioni Geometriche 1 Roberto etroni, 2011 Trasformazioni Geometriche sul piano euclideo 1) Introduzione Def: si dice trasformazione geometrica una corrispondenza biunivoca che associa ad ogni

Dettagli

Numeri reali. Funzioni e loro grafici

Numeri reali. Funzioni e loro grafici Argomento Numeri reali. Funzioni e loro grafici Parte B - Funzioni e loro grafici Funzioni reali di variabile reale Definizioni. Supponiamo che A sia un sottoinsieme di R e che esista una legge che ad

Dettagli

Funzione reale di variabile reale

Funzione reale di variabile reale Funzione reale di variabile reale Siano A e B due sottoinsiemi non vuoti di. Si chiama funzione reale di variabile reale, di A in B, una qualsiasi legge che faccia corrispondere, a ogni elemento A x A

Dettagli

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA 1. RICHIAMI SULLE PROPRIETÀ DEI NUMERI NATURALI Ho mostrato in un altra dispensa come ricavare a partire dagli assiomi di

Dettagli

TRAVE SU SUOLO ELASTICO

TRAVE SU SUOLO ELASTICO Capitolo 3 TRAVE SU SUOLO ELASTICO (3.1) Combinando la (3.1) con la (3.2) si ottiene: (3.2) L equazione differenziale può essere così riscritta: (3.3) La soluzione dell equazione differenziale di ordine

Dettagli

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Archimede esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA La funzione f

Dettagli

FASCI DI RETTE. scrivere la retta in forma esplicita: 2y = 3x + 4 y = 3 2 x 2. scrivere l equazione del fascio di rette:

FASCI DI RETTE. scrivere la retta in forma esplicita: 2y = 3x + 4 y = 3 2 x 2. scrivere l equazione del fascio di rette: FASCI DI RETTE DEFINIZIONE: Si chiama fascio di rette parallele o fascio improprio [erroneamente data la somiglianza effettiva con un fascio!] un insieme di rette che hanno tutte lo stesso coefficiente

Dettagli

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Sequenza dei passi Classificazione In pratica Classifica il tipo di funzione: Funzione razionale: intera / fratta Funzione irrazionale: intera

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:...

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:... Ministero della Pubblica Istruzione Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA Scuola Secondaria di II grado Classe Terza Tipo A Codici Scuola:..... Classe:.. Studente:.

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE FUNZIONI ALESSANDRO BOCCONI

APPUNTI DI MATEMATICA LE FUNZIONI ALESSANDRO BOCCONI APPUNTI DI MATEMATICA LE FUNZIONI ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 Le funzioni nel discreto 3 1.1 Le funzioni nel discreto.................................. 3 1.1.1 La rappresentazione grafica............................

Dettagli

LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO

LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO Una trasformazione geometrica è una funzione che fa corrispondere a ogni punto del piano un altro punto del piano stesso Si può pensare come MOVIMENTO di punti e

Dettagli

Equazioni differenziali ordinarie

Equazioni differenziali ordinarie Capitolo 2 Equazioni differenziali ordinarie 2.1 Formulazione del problema In questa sezione formuleremo matematicamente il problema delle equazioni differenziali ordinarie e faremo alcune osservazioni

Dettagli

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1 Le funzioni continue A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. -3 A. Pisani, appunti di Matematica 1 Nota bene Questi appunti sono da intendere come guida allo studio e come riassunto di quanto illustrato

Dettagli

Note integrative ed Esercizi consigliati

Note integrative ed Esercizi consigliati - a.a. 2006-07 Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Civile (CIS) Note integrative ed consigliati Laura Poggiolini e Gianna Stefani Indice 0 1 Convergenza uniforme 1 2 Convergenza totale 5 1 Numeri

Dettagli

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Se a e b sono numeri interi, si dice che a divide b, in simboli: a b, se e solo se esiste c Z tale che b = ac. Si può subito notare che:

Dettagli

Appunti di Algebra Lineare

Appunti di Algebra Lineare Appunti di Algebra Lineare Indice 1 I vettori geometrici. 1 1.1 Introduzione................................... 1 1. Somma e prodotto per uno scalare....................... 1 1.3 Combinazioni lineari e

Dettagli

La f(x) dovrà rimanere all interno di questo intorno quando la x è all interno di un intorno di x 0, cioè I(x 0 ), cioè:

La f(x) dovrà rimanere all interno di questo intorno quando la x è all interno di un intorno di x 0, cioè I(x 0 ), cioè: 1 Limiti Roberto Petroni, 2011 Possiamo introdurre intuitivamente il concetto di limite dicendo che quanto più la x si avvicina ad un dato valore x 0 tanto più la f(x) si avvicina ad un valore l detto

Dettagli

Il luogo delle radici (ver. 1.0)

Il luogo delle radici (ver. 1.0) Il luogo delle radici (ver. 1.0) 1 Sia dato il sistema in retroazione riportato in Fig. 1.1. Il luogo delle radici è uno strumento mediante il quale è possibile valutare la posizione dei poli della funzione

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

Appunti di Analisi Matematica 1. Docente:Fabio Camilli. SAPIENZA, Università di Roma A.A. 2014/15. http://www.dmmm.uniroma1.it/~fabio.

Appunti di Analisi Matematica 1. Docente:Fabio Camilli. SAPIENZA, Università di Roma A.A. 2014/15. http://www.dmmm.uniroma1.it/~fabio. Appunti di Analisi Matematica Docente:Fabio Camilli SAPIENZA, Università di Roma A.A. 4/5 http://www.dmmm.uniroma.it/~fabio.camilli/ (Versione del 9 luglio 5) Note scritte in collaborazione con il prof.

Dettagli

1 n. Intero frazionato. Frazione

1 n. Intero frazionato. Frazione Consideriamo un intero, prendiamo un rettangolo e dividiamolo in sei parti uguali, ciascuna di queste parti rappresenta un sesto del rettangolo, cioè una sola delle sei parti uguali in cui è stato diviso.

Dettagli

(V) (FX) Z 6 è un campo rispetto alle usuali operazioni di somma e prodotto.

(V) (FX) Z 6 è un campo rispetto alle usuali operazioni di somma e prodotto. 29 giugno 2009 - PROVA D ESAME - Geometria e Algebra T NOME: MATRICOLA: a=, b=, c= Sostituire ai parametri a, b, c rispettivamente la terzultima, penultima e ultima cifra del proprio numero di matricola

Dettagli

Logica Numerica Approfondimento 1. Minimo Comune Multiplo e Massimo Comun Divisore. Il concetto di multiplo e di divisore. Il Minimo Comune Multiplo

Logica Numerica Approfondimento 1. Minimo Comune Multiplo e Massimo Comun Divisore. Il concetto di multiplo e di divisore. Il Minimo Comune Multiplo Logica Numerica Approfondimento E. Barbuto Minimo Comune Multiplo e Massimo Comun Divisore Il concetto di multiplo e di divisore Considerato un numero intero n, se esso viene moltiplicato per un numero

Dettagli

Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 2000-2001

Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 2000-2001 Matematica per la nuova maturità scientifica A. Bernardo M. Pedone Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 000-00 Problema Sia AB un segmento di lunghezza a e il suo punto medio. Fissato un conveniente

Dettagli

Verica di Matematica su dominio e segno di una funzione [COMPITO 1]

Verica di Matematica su dominio e segno di una funzione [COMPITO 1] Verica di Matematica su dominio e segno di una funzione [COMPITO 1] Esercizio 1. Determinare il dominio delle seguenti funzioni: 1. y = 16 x ;. y = e 1 x +4 + x + x + 1; 3. y = 10 x x 3 4x +3x; 4. y =

Dettagli

Equazioni alle differenze finite (cenni).

Equazioni alle differenze finite (cenni). AL 011. Equazioni alle differenze finite (cenni). Sia a n } n IN una successione di numeri reali. (Qui usiamo la convenzione IN = 0, 1,,...}). Diremo che è una successione ricorsiva o definita per ricorrenza

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI

APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI Le disequazioni fratte Le disequazioni di secondo grado I sistemi di disequazioni Alessandro Bocconi Indice 1 Le disequazioni non lineari 2 1.1 Introduzione.........................................

Dettagli

EQUAZIONI CON VALORE ASSOLUTO

EQUAZIONI CON VALORE ASSOLUTO VALORE AOLUTO EQUAZIONI CON VALORE AOLUTO Esercizi DIEQUAZIONI CON VALORE AOLUTO Esercizi Prof. Giulia Cagnetta ITI Marconi Domodossola (VB) *EQUAZIONI CON VALORE AOLUTO Data una qualsiasi espressione

Dettagli

FUNZIONI LINEARI. FUNZIONE VALORE ASSOLUTO. Si chiama funzione lineare (o funzione affine) una funzione del tipo = +

FUNZIONI LINEARI. FUNZIONE VALORE ASSOLUTO. Si chiama funzione lineare (o funzione affine) una funzione del tipo = + FUNZIONI LINEARI. FUNZIONE VALORE ASSOLUTO Si chiama funzione lineare (o funzione affine) una funzione del tipo = + dove m e q sono numeri reali fissati. Il grafico di tale funzione è una retta, di cui

Dettagli

La funzione è continua nel suo dominio perchè y = f(x) è composizione di funzioni continue. Il punto x = 0 è un punto isolato per D f.

La funzione è continua nel suo dominio perchè y = f(x) è composizione di funzioni continue. Il punto x = 0 è un punto isolato per D f. FUNZIONI CONTINUE - ALCUNI ESERCIZI SVOLTI SIMONE ALGHISI 1. Continuità di una funzione Dati un insieme D R, una funzione f : D R e x 0 R, si è detto che f è continua in x 0 se sono soddisfatte le seguenti

Dettagli

Le trasformazioni geometriche

Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni affini del piano o affinità Le similitudini Le isometrie Le traslazioni Le rotazioni Le simmetrie assiale e centrale Le omotetie

Dettagli

FUNZIONE ESPONENZIALE E FUNZIONE LOGARITMICA

FUNZIONE ESPONENZIALE E FUNZIONE LOGARITMICA FUNZIONE ESPONENZIALE E FUNZIONE LOGARITMICA DEFINIZIONE: Dato un numero reale a che sia a > 0 e a si definisce funzione esponenziale f(x) = a x la relazione che ad ogni valore di x associa uno e un solo

Dettagli

Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado

Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado I quesiti dal N. 1 al N. 10 valgono 3 punti ciascuno 1. Angela è nata nel 1997,

Dettagli

GEOMETRIA I Corso di Geometria I (seconda parte)

GEOMETRIA I Corso di Geometria I (seconda parte) Corso di Geometria I (seconda parte) anno acc. 2009/2010 Cambiamento del sistema di riferimento in E 3 Consideriamo in E 3 due sistemi di riferimento ortonormali R e R, ed un punto P (x, y, z) in R. Lo

Dettagli

APPLICAZIONI LINEARI

APPLICAZIONI LINEARI APPLICAZIONI LINEARI 1. Esercizi Esercizio 1. Date le seguenti applicazioni lineari (1) f : R 2 R 3 definita da f(x, y) = (x 2y, x + y, x + y); (2) g : R 3 R 2 definita da g(x, y, z) = (x + y, x y); (3)

Dettagli

Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor

Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor Marco Robutti October 13, 2014 Lo sviluppo in serie di Taylor di una funzione è uno strumento matematico davvero molto utile, e viene spesso utilizzato in

Dettagli

Rango: Rouchè-Capelli, dimensione e basi di spazi vettoriali.

Rango: Rouchè-Capelli, dimensione e basi di spazi vettoriali. CAPITOLO 7 Rango: Rouchè-Capelli, dimensione e basi di spazi vettoriali. Esercizio 7.1. Determinare il rango delle seguenti matrici al variare del parametro t R. 1 4 2 1 4 2 A 1 = 0 t+1 1 A 2 = 0 t+1 1

Dettagli

Le origini delle coniche: da Euclide ad Apollonio

Le origini delle coniche: da Euclide ad Apollonio Corso di Storia ed epistemologia della matematica Prof. Lucio Benaglia Le origini delle coniche: da Euclide ad Apollonio Specializzando: Stefano Adriani Matricola 56152 Relatore: prof. Lucio Benaglia Anno

Dettagli

Cristian Secchi Pag. 1

Cristian Secchi Pag. 1 CONTROLLI DIGITALI Laurea Magistrale in Ingegneria Meccatronica SISTEMI A TEMPO DISCRETO Ing. Tel. 0522 522235 e-mail: cristian.secchi@unimore.it http://www.dismi.unimo.it/members/csecchi Richiami di Controlli

Dettagli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli A. Savo Appunti del Corso di Geometria 203-4 Indice delle sezioni Rango di una matrice, 2 Teorema degli orlati, 3 3 Calcolo con l algoritmo di Gauss, 6 4 Matrici

Dettagli

Esercizi su lineare indipendenza e generatori

Esercizi su lineare indipendenza e generatori Esercizi su lineare indipendenza e generatori Per tutto il seguito, se non specificato esplicitamente K indicherà un campo e V uno spazio vettoriale su K Cose da ricordare Definizione Dei vettori v,,v

Dettagli

Soluzione degli esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato

Soluzione degli esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Liceo Carducci Volterra - Classe 3 a B Scientifico - Francesco Daddi - 8 novembre 00 Soluzione degli esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Esercizio. Un corpo parte da fermo con accelerazione

Dettagli