SICUREZZA SUL LUOGO DI LAVORO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SICUREZZA SUL LUOGO DI LAVORO"

Transcript

1 Sommario SICUREZZA SUL LUOGO DI LAVORO... 4 AGG. ASPP... 4 AGG. Coordinatore per la sicurezza... 5 AGG. RSPP Macrosettori ATECO 1, 2, 6, 8, AGG. RSPP Macrosettori ATECO 3, 4, 5 e AGG. RSPP tutti Macrosettori ATECO Coordinatore per la sicurezza RSPP - modulo B RSPP - modulo B RSPP - modulo B RSPP - modulo B RSPP - modulo B RSPP - modulo B RSPP - modulo B RSPP - modulo B RSPP - modulo B RSPP - modulo C ABILITA PERSONALI Addetto ai servizi di controllo delle attività di intrattenimento e di spettacolo in luoghi aperti al pubblico o in pubblici esercizi Direttore Tecnico dell impresa funebre Direttore Tecnico dell impresa funebre (aggiornamento) IMPATTO AMBIENTALE Addetti al recupero dei gas fuorurati dagli impianti di condizionamento d'aria - F-Gas Addetto ai sistemi di raccolta e smaltimento rifiuti Addetto alla gestione delle attività di rimozione, smaltimento e bonifica materiali Addetto alla raccolta differenziata Addetto alla raccolta e trattamento acque reflue Personale operativo addetto alle attività di rimozione, smaltimento e bonifica materiali contenenti amianto Tecnico di valutazione impatto ambientale LAVORI IN UFFICIO E ATTIVITA DI SEGRETERIA Personale amministrativo addetto alla custodia Personale amministrativo addetto alla custodia (aggiornamento) Responsabile dell attività cimiteriale... 37

2 Responsabile dell attività cimiteriale (aggiornamento) TECNICHE DI PRODUZIONE Addetti all'installazione e manutenzione di impianti idraulici, di condizionamento, di refrigerazione ed anticendio Addetti all'installazione e manutenzione di CDT, impianti elettrici e di illuminazione Addetto alle operazioni cimiteriali e di sepoltura Addetto alle operazioni cimiteriali e di sepoltura (aggiornamento) Conduttore di generatori di vapore (propedeutico) Installatore e manutentore di impianti fotovoltaici Operatore addetto al trasporto funebre Operatore addetto al trasporto funebre (aggiornamento) Operatore dei servizi di Tanatoprassi Operatore dei servizi di Tanatoprassi (aggiornamento) SERVIZI Operatore socio-sanitario (O.S.S.) Operatore socio-sanitario con formazione complementare (O.S.S.S.) Requisito professionale per il commercio... 53

3

4 SICUREZZA SUL LUOGO DI LAVORO AREA TEMATICA Sicurezza sul luogo di lavoro AGG. ASPP Attestato di frequenza DURATA ORE 28 Il corso si propone l obiettivo di fornire a tutti coloro che a vario titolo si occupano di prevenzione sui luoghi di lavoro un quadro aggiornato e puntuale delle responsabilità penali e civili che gravano sui soggetti onerati dell obbligazione di sicurezza e di compiti/prerogative prevenzionali Aggiornamento sulle tecniche di comunicazione nella sicurezza sul lavoro Videocorso e contenuti di approfondimento sul tema della comunicazione della sicurezza in azienda Aggiornamento normativo Principi giuridici e il quadro normativo in materia di sicurezza sul lavoro Altri videocorsi e contenuti di approfondimento Aggiornamento sulla valutazione dei rischi per la sicurezza e salute e sui sistemi di gestione obiettivi della valutazione dei rischi e sulle metodologie di redazione del documento relativo rischi psicosociali e sulla valutazione del rischio stress lavoro-correlato concetti di rischio, pericolo e danno; la valutazione dei rischi particolari, in rapporto all'età, al genere, alla provenienza ed alla tipologia contrattuale del lavoratore incidenti e gli infortuni mancati Aggiornamento sulla responsabilità amministrativa e la sicurezza sul lavoro responsabilità amministrativa ex D.Lgs. 231/2001 e la sicurezza sul lavoro; responsabilità civili e penali delle figure di gestione della sicurezza in azienda Aggiornamento sulla tutela della salute e sulla sorveglianza sanitaria procedure di gestione del sistema di primo soccorso in azienda e sulle procedure di tutela della salute Aggiornamento sulla gestione dell'emergenza approfondimento sulle procedure di gestione dell'emergenza Aggiornamento sulle procedure di prevenzione e protezione dai rischi specifici approfondimento sui rischi specifici Aggiornamento sulla gestione della sicurezza negli appalti e in edilizia stima degli oneri della sicurezza nei cantieri edili e nei contratti d'appalto obblighi dell'impresa affidataria nei cantieri e nei contratti di appalto approfondimento sui rischi specifici delle attività nei cantieri

5 Sicurezza sul luogo di lavoro AGG. Coordinatore per la sicurezza Attestato di frequenza DURATA ORE 40 Il corso di aggiornamento per coordinatori della sicurezza nei cantieri è rivolto ai professionisti che, al fine di mantenere l'abilitazione al ruolo di coordinatore della sicurezza, necessitano dell'aggiornamento del proprio profilo secondo quanto stabilito dal D.Lgs. 81/08. Il nuovo Decreto 81/08 in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro. I soggetti del Sistema di Prevenzione Aziendale: i compiti, gli obblighi, le responsabilità civili e penali. Metodologie per l'individuazione, l'analisi e la valutazione dei rischi (dal Titolo I del nuovo DLgs 81/08: cenni sull'elaborazione del DVR, DUVRI). Piano delle Emergenze e Registro antincendio. La legislazione specifica in materia di salute e sicurezza nei cantieri temporanei o mobili e nei lavori in quota. Il Titolo IV del nuovo DLgs 81/08 in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro. Obblighi documentali da parte dei committenti, coordinatori per la sicurezza e imprese. I Rapporti dei Coordinatori con la Committenza, i Progettisti, la Direzione lavori, i Rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza. I contenuti del Piano di sicurezza e di coordinamento, del Piano sostitutivo di sicurezza e del Piano Operativo di sicurezza. L'Organizzazione della sicurezza in Cantiere. L'elaborazione del PSC. L'elaborazione del Piano Operativo di Sicurezza. L'elaborazione del Fascicolo. L'Elaborazione del PiMUS (Piano di Montaggio, Uso e Smontaggio dei ponteggi). Nuovi Decreti e Circolari attuativi al D.Lgs 81/08: Attrezzature da lavoro (Decreto del 11/04/2011) Spazi Confinanti (DPR di Luglio 2011 in attesa di pubblicazione su G.U.) Amianto (Circolare del 25/01/2011) Appalti (Circolare n 5 del 11/02/2011) Antincendio (DPR 151/2011) Lavori posti in tensione (Decreto 04/02/2011) Direttiva Macchine (D.Lgs.17/2010) Tessere di Riconoscimento (Legge 136/2010) Carrelli Elevatori (Circolare del 10/02/2011) Autobetoniere (Circolare del 10/02/2011)

6 Sicurezza sul luogo di lavoro AGG. RSPP Macrosettori ATECO 1, 2, 6, 8, 9 Attestato di frequenza DURATA ORE 40 acquisire conoscenze relative ai fattori di rischio e alle misure di prevenzione e protezione presenti negli specifici comparti acquisire capacità di analisi per individuare i pericoli e quantificare i rischi presenti negli ambienti di lavoro del comparto contrbuire alla individuazione de adeguate soluzioni tecniche, organizzative e procedurali di sicurezza per ogni tipologia di rischio contribuire ad individuare per le diverse lavorazioni del comparto, gli idonei dispositivi di protezione individuali-dpi contribuire ad individuare i fattori di rischio per i quali è prevista la sorveglianza sanitaria MODULO 1 AGGIORNAMENTO NORMATIVO Accordo stato-regioni Cosa cambia con il d lgs 106 Il sistema legislativo in materia di sicurezza dei lavor Prescrizioni di sicurezza Responsabilità civile penale e tutela assicurativa Sistema istituzionale sicurezza MODULO 2 I SOGGETTI DEL SISTEMA DI PREVENZIONE AZIENDALE I soggetti del sistema di prevenzione aziendale I soggetti del sistema di prevenzione aziendale 2 RLS RLST La riunione Periodica RSPP Ruolo dell'informazione e della formazione MODULO 3 PREVENZIONE INCENDI E SORVEGLIANZA SANITARIA Anatomia e Fisiologia Cosa fare ps Etichette dei prodotti ingli estintori Il Primo Soccorso Sostanze estinguenti DPR 151 MODULO 4 - ANALISI DEI RISCHI E PERICOLO Concetti di pericolo, rischio, danno Valutazione dei rischi La valutazione del rischio e pianificazione aziendale Valutazione del rischio e sistema di organizzazione DPI DPI anticaduta Lavori in Quota

7 Le cose fondamentali da fare Le cose principali da non fare Norme di sicurezza Segnaletica MODULO 5 RISCHI SPECIFICI Agenti biologici Agenti cancerogeni Agenti chimici Campi elettromagnetici Rumore La valutazione del rischio elettrico Mmc Mobbing Roa Stress LC Vibrazioni meccaniche Rischio scavi,demolizioni Ambienti Confinati MODULO 6 DOCUMENTI E D. LGS 81 Duvri I contenuti minimi di psc pos e pss Introduzione pimus Obblighi connessi ai contratti di appalto Contenuti del DVR MODULO 7 - SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL L. 231 I modelli di organizzazione e gestione La responsabilità amministrativa delle persone giuridiche SGSL

8 Sicurezza sul luogo di lavoro AGG. RSPP Macrosettori ATECO 3, 4, 5 e 7 Attestato di frequenza DURATA ORE 60 Acquisire conoscenze relative ai fattori di rischio e alle misure di prevenzione e protezione presenti negli specifici comparti. Acquisire capacità di analisi per individuare i pericoli e quantificare i rischi presenti negli ambienti di lavoro del comparto. Contribuire alla individuazione de adeguate soluzioni tecniche, organizzative e procedurali di sicurezza per ogni tipologia di rischio. Contribuire ad individuare per le diverse lavorazioni del comparto, gli idonei dispositivi di protezione individuali-dpi. Contribuire ad individuare i fattori di rischio per i quali è prevista la sorveglianza sanitaria MODULO 1 AGGIORNAMENTO NORMATIVO Accordo stato-regioni Cosa cambia con il d lgs 106 Il sistema legislativo in materia di sicurezza dei lavor Prescrizioni di sicurezza Responsabilità civile penale e tutela assicurativa Sistema istituzionale sicurezza MODULO 2 I SOGGETTI DEL SISTEMA DI PREVENZIONE AZIENDALE I soggetti del sistema di prevenzione aziendale I soggetti del sistema di prevenzione aziendale 2 RLS RLST La riunione Periodica RSPP Ruolo dell'informazione e della formazione MODULO 3 PREVENZIONE INCENDI E SORVEGLIANZA SANITARIA Anatomia e Fisiologia Cosa fare ps Etichette dei prodotti ingli estintori Il Primo Soccorso Sostanze estinguenti DPR 151 MODULO 4 - ANALISI DEI RISCHI E PERICOLO Concetti di pericolo, rischio, danno Valutazione dei rischi La valutazione del rischio e pianificazione aziendale Valutazione del rischio e sistema di organizzazione DPI DPI anticaduta Lavori in Quota

9 Le cose fondamentali da fare Le cose principali da non fare Norme di sicurezza Segnaletica MODULO 5 RISCHI SPECIFICI Agenti biologici Agenti cancerogeni Agenti chimici Campi elettromagnetici Rumore La valutazione del rischio elettrico Mmc Mobbing Roa Stress LC Vibrazioni meccaniche Rischio scavi,demolizioni Ambienti Confinati MODULO 6 DOCUMENTI E D. LGS 81 Duvri I contenuti minimi di psc pos e pss Introduzione pimus Obblighi connessi ai contratti di appalto Contenuti del DVR MODULO 7 - SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL L. 231 I modelli di organizzazione e gestione La responsabilità amministrativa delle persone giuridiche SGSL

10 Sicurezza sul luogo di lavoro AGG. RSPP tutti Macrosettori ATECO Attestato di frequenza DURATA ORE 100 Acquisire conoscenze relative ai fattori di rischio e alle misure di prevenzione e protezione presenti negli specifici comparti. Acquisire capacità di analisi per individuare i pericoli e quantificare i rischi presenti negli ambienti di lavoro del comparto. Contribuire alla individuazione de adeguate soluzioni tecniche, organizzative e procedurali di sicurezza per ogni tipologia di rischio. Contribuire ad individuare per le diverse lavorazioni del comparto, gli idonei dispositivi di protezione individuali-dpi. Contribuire ad individuare i fattori di rischio per i quali è prevista la sorveglianza sanitaria MODULO 1 AGGIORNAMENTO NORMATIVO Accordo stato-regioni Cosa cambia con il d lgs 106 Il sistema legislativo in materia di sicurezza dei lavor Prescrizioni di sicurezza Responsabilità civile penale e tutela assicurativa Sistema istituzionale sicurezza MODULO 2 I SOGGETTI DEL SISTEMA DI PREVENZIONE AZIENDALE I soggetti del sistema di prevenzione aziendale I soggetti del sistema di prevenzione aziendale 2 RLS RLST La riunione Periodica RSPP Ruolo dell'informazione e della formazione MODULO 3 PREVENZIONE INCENDI E SORVEGLIANZA SANITARIA Anatomia e Fisiologia Cosa fare ps Etichette dei prodotti ingli estintori Il Primo Soccorso Sostanze estinguenti DPR 151 MODULO 4 - ANALISI DEI RISCHI E PERICOLO Concetti di pericolo, rischio, danno Valutazione dei rischi La valutazione del rischio e pianificazione aziendale Valutazione del rischio e sistema di organizzazione DPI DPI anticaduta Lavori in Quota Le cose fondamentali da fare

11 Le cose principali da non fare Norme di sicurezza Segnaletica MODULO 5 RISCHI SPECIFICI Agenti biologici Agenti cancerogeni Agenti chimici Campi elettromagnetici Rumore La valutazione del rischio elettrico Mmc Mobbing Roa Stress LC Vibrazioni meccaniche Rischio scavi,demolizioni Ambienti Confinati MODULO 6 DOCUMENTI E D. LGS 81 Duvri I contenuti minimi di psc pos e pss Introduzione pimus Obblighi connessi ai contratti di appalto Contenuti del DVR MODULO 7 - SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL L. 231 I modelli di organizzazione e gestione La responsabilità amministrativa delle persone giuridiche SGSL

12 DURATA ORE Sicurezza sul luogo di lavoro Coordinatore per la sicurezza Attestato di frequenza 120 ORE D.Lgs. 81/08 - T.U. sulla sicurezza Il corso fornisce le conoscenze teoriche e pratiche per svolgere il ruolo di coordinatore della sicurezza nei cantieri, ai sensi del T.U. sulla sicurezza e salute sul lavoro approvato dal Consiglio dei Ministri l ed aggiornato in agosto PROGRAMMA DIDATTICO : Modulo giuridico: La legislazione di base in materia di sicurezza e di igiene sul lavoro; la normativa contrattuale inerente gli aspetti di sicurezza e salute sul lavoro; la normativa sull assicurazione contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali; Le normative europee e la loro valenza; le norme di buona tecnica; le direttive di prodotto; Il Testo Unico in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro con particolare riferimento al Titolo I; I soggetti del Sistema di Prevenzione Aziendale: i compiti, gli obblighi, le responsabilità civili e penali; Metodologie per l individuazione, l analisi e la valutazione dei rischi; La legislazione specifica in materia di salute e sicurezza nei cantieri temporanei o mobili e nei lavori in quota. Il titolo IV del Testo Unico in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro; Le figure interessate alla realizzazione dell opera: i compiti, gli obblighi, le responsabilità civili e penali; La legge quadro in materia di lavori pubblici ed i principali decreti attuativi; La disciplina sanzionatoria e le procedure ispettive. Modulo tecnico Rischi di caduta dall alto. Ponteggi e opere provvisionali L organizzazione in sicurezza del Cantiere. Il cronoprogramma dei lavori Gli obblighi documentali da parte dei committenti, imprese, coordinatori per la sicurezza Le malattie professionali ed il primo soccorso Il rischio elettrico e la protezione contro le scariche atmosferiche Il rischio negli scavi, nelle demolizioni, nelle opere in sotterraneo ed in galleria I rischi connessi all uso di macchine e attrezzature di lavoro con particolare riferimento agli apparecchi di sollevamento e trasporto I rischi chimici in cantiere I rischi fisici: rumore, vibrazioni, microclima, illuminazione I rischi connessi alle bonifiche da amianto I rischi biologici I rischi da movimentazione manuale dei carichi I rischi di incendio e di esplosione I rischi nei lavori di montaggio e smontaggio di elementi prefabbricati

13 I dispositivi di protezione individuali e la segnaletica di sicurezza Modulo metodologico/organizzativo I contenuti minimi del piano di sicurezza e di coordinamento, del piano sostitutivo di sicurezza e del piano operativo di sicurezza. I criteri metodologici per: l elaborazione del piano di sicurezza e di coordinamento e l integrazione con i piani operativi di sicurezza ed il fascicolo; l elaborazione del piano operativo di sicurezza; l elaborazione del fascicolo; l elaborazione del P.I.M.U.S. (Piano di Montaggio, Uso, Smontaggio dei ponteggi; la stima dei costi della sicurezza Teorie e tecniche di comunicazione, orientate alla risoluzione di problemi e alla cooperazione; teorie di gestione dei gruppi e leadership. I rapporti con la committenza, i progettisti, la direzione dei lavori, i rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza.

14 DURATA ORE Sicurezza sul luogo di lavoro RSPP - modulo B1 Attestato di frequenza 36 ore Acquisire conoscenze relative ai fattori di rischio e alle misure di prevenzione e protezione presenti negli specifici comparti; Acquisire capacità d analisi per individuare i pericoli e quantificare i rischi presenti negli ambienti di lavoro del comparto. Contribuire all individuazione d adeguate soluzioni tecniche, organizzative e procedurali di sicurezza, per ogni tipologia di rischio. Contribuire ad individuare, per le diverse lavorazioni del comparto, gli idonei dispositivi di protezione individuali DPI. Contribuire ad individuare i fattori di rischio per i quali è prevista la sorveglianza sanitaria. rischi legati alla presenza di cancerogeni o mutageni rischi chimici rischi biologici rischi fisici rischi legati alla organizzazione del lavoro rischio infortuni rischio esplosioni sicurezza antincendio dispositivi protezione individuale (DPI)

15 DURATA ORE Sicurezza sul luogo di lavoro RSPP - modulo B2 Attestato di frequenza 36 ore Il corso di formazione per RSPP/ASPP - Modulo B2 consentirà ai discenti di acquisire le nozioni tecniche specifiche per settore produttivo necessarie per ricoprire il ruolo di Addetto e/o Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione dai Rischi. Conformemente a quanto previsto dall allegato II del D. Lgs. 81/08 e s.m.i., nelle aziende artigiane o industriali con più di 30 addetti il ruolo di RSPP/ASPP non può essere ricoperto dal Datore di Lavoro. Tale ruolo deve, quindi, essere assunto: - da un dipendente; - da un consulente esterno, che abbia i requisiti definiti dall art. 32 del D. Lgs. 81/08. Modulo 1 Valutazione dei Rischi Analisi dei pericoli e dei rischi: sequenza logica (fase preliminare, identificazione dei fattori di rischio e dei lavoratori esposti, stima dell entità di esposizione ai pericoli, stima della gravità e della probabilità degli effetti, programmazione o messa in atto delle misure di prevenzione) Ruolo del datore di lavoro, dirigenti e preposti Elementi per la costruzione di una matrice Modulo 2 Rischi chimici: liquidi; etichettatura Rischi biologici Modulo 3 Rischi fisici: rumore, vibrazioni, microclima e illuminazione Modulo 4 Rischi legati all' organizzazione del lavoro: ambienti di lavoro; movimentazione manuale dei carichi; movimentazione merci, apparati di sollevamento /mezzi di trasporto Modulo 5 Rischio infortuni: rischio elettrico; rischio meccanico, macchine e attrezzature; cadute dall'alto Modulo 6 Sicurezza Antincendio: Prevenzione incendi (DM 10 marzo 1998) Modulo 7 DPI: caratteristiche e scelta dei DPI

16 DURATA ORE Sicurezza sul luogo di lavoro RSPP - modulo B3 Attestato di frequenza 60 ore Il corso di formazione per RSPP/ASPP - Modulo B3 consentirà ai discenti di acquisire le nozioni tecniche specifiche per settore produttivo necessarie per ricoprire il ruolo di Addetto e/o Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione dai Rischi. Conformemente a quanto previsto dall allegato II del D. Lgs. 81/08 e s.m.i., nelle aziende artigiane o industriali con più di 30 addetti il ruolo di RSPP/ASPP non può essere ricoperto dal Datore di Lavoro. Tale ruolo deve, quindi, essere assunto: - da un dipendente; - da un consulente esterno, che abbia i requisiti definiti dall art. 32 del D. Lgs. 81/08. Modulo 1 Valutazione dei Rischi Analisi dei pericoli e dei rischi: sequenza logica (fase preliminare, identificazione dei fattori di rischio e dei lavoratori esposti, stima dell entità di esposizione ai pericoli, stima della gravità e della probabilità degli effetti, programmazione o messa in atto delle misure di prevenzione) Ruolo del datore di lavoro, dirigenti e preposti Elementi per la costruzione di una matrice Modulo 2 Rischi chimici: liquidi; etichettatura Rischi biologici Modulo 3 Rischi fisici: rumore, vibrazioni, microclima e illuminazione Modulo 4 Rischi legati all' organizzazione del lavoro: ambienti di lavoro; movimentazione manuale dei carichi; movimentazione merci, apparati di sollevamento /mezzi di trasporto Modulo 5 Rischio infortuni: rischio elettrico; rischio meccanico, macchine e attrezzature; cadute dall'alto Modulo 6 Sicurezza Antincendio: Prevenzione incendi (DM 10 marzo 1998) Modulo 7 DPI: caratteristiche e scelta dei DPI

17 DURATA ORE Sicurezza sul luogo di lavoro RSPP - modulo B4 Attestato di frequenza 48 ore Il corso di formazione per RSPP/ASPP - Modulo B4 consentirà ai discenti di acquisire le nozioni tecniche specifiche per settore produttivo necessarie per ricoprire il ruolo di Addetto e/o Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione dai Rischi. Conformemente a quanto previsto dall allegato II del D. Lgs. 81/08 e s.m.i., nelle aziende artigiane o industriali con più di 30 addetti il ruolo di RSPP/ASPP non può essere ricoperto dal Datore di Lavoro. Tale ruolo deve, quindi, essere assunto: - da un dipendente; - da un consulente esterno, che abbia i requisiti definiti dall art. 32 del D. Lgs. 81/08. Modulo 1 Valutazione dei Rischi Analisi dei pericoli e dei rischi: sequenza logica (fase preliminare, identificazione dei fattori di rischio e dei lavoratori esposti, stima dell entità di esposizione ai pericoli, stima della gravità e della probabilità degli effetti, programmazione o messa in atto delle misure di prevenzione) Ruolo del datore di lavoro, dirigenti e preposti Elementi per la costruzione di una matrice Modulo 2 Rischi chimici: liquidi; etichettatura Rischi biologici Modulo 3 Rischi fisici: rumore, vibrazioni, microclima e illuminazione Modulo 4 Rischi legati all' organizzazione del lavoro: ambienti di lavoro; movimentazione manuale dei carichi; movimentazione merci, apparati di sollevamento /mezzi di trasporto Modulo 5 Rischio infortuni: rischio elettrico; rischio meccanico, macchine e attrezzature; cadute dall'alto Modulo 6 Sicurezza Antincendio: Prevenzione incendi (DM 10 marzo 1998) Modulo 7 DPI: caratteristiche e scelta dei DPI

18 DURATA ORE Sicurezza sul luogo di lavoro RSPP - modulo B5 Attestato di frequenza 68 ore Il corso di formazione per RSPP/ASPP - Modulo B5 consentirà ai discenti di acquisire le nozioni tecniche specifiche per settore produttivo necessarie per ricoprire il ruolo di Addetto e/o Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione dai Rischi. Conformemente a quanto previsto dall allegato II del D. Lgs. 81/08 e s.m.i., nelle aziende artigiane o industriali con più di 30 addetti il ruolo di RSPP/ASPP non può essere ricoperto dal Datore di Lavoro. Tale ruolo deve, quindi, essere assunto: - da un dipendente; - da un consulente esterno, che abbia i requisiti definiti dall art. 32 del D. Lgs. 81/08. Modulo 1 Valutazione dei Rischi Analisi dei pericoli e dei rischi: sequenza logica (fase preliminare, identificazione dei fattori di rischio e dei lavoratori esposti, stima dell entità di esposizione ai pericoli, stima della gravità e della probabilità degli effetti, programmazione o messa in atto delle misure di prevenzione) Ruolo del datore di lavoro, dirigenti e preposti Elementi per la costruzione di una matrice Modulo 2 Rischi chimici: liquidi; etichettatura Rischi biologici Modulo 3 Rischi fisici: rumore, vibrazioni, microclima e illuminazione Modulo 4 Rischi legati all' organizzazione del lavoro: ambienti di lavoro; movimentazione manuale dei carichi; movimentazione merci, apparati di sollevamento /mezzi di trasporto Modulo 5 Rischio infortuni: rischio elettrico; rischio meccanico, macchine e attrezzature; cadute dall'alto Modulo 6 Sicurezza Antincendio: Prevenzione incendi (DM 10 marzo 1998) Modulo 7 DPI: caratteristiche e scelta dei DPI

19 DURATA ORE Sicurezza sul luogo di lavoro RSPP - modulo B6 Attestato di frequenza 24 ore Il corso di formazione per RSPP/ASPP - Modulo B6 consentirà ai discenti di acquisire le nozioni tecniche specifiche per settore produttivo necessarie per ricoprire il ruolo di Addetto e/o Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione dai Rischi. Conformemente a quanto previsto dall allegato II del D. Lgs. 81/08 e s.m.i., nelle aziende artigiane o industriali con più di 30 addetti il ruolo di RSPP/ASPP non può essere ricoperto dal Datore di Lavoro. Tale ruolo deve, quindi, essere assunto: - da un dipendente; - da un consulente esterno, che abbia i requisiti definiti dall art. 32 del D. Lgs. 81/08. Modulo 1 Valutazione dei Rischi Analisi dei pericoli e dei rischi: sequenza logica (fase preliminare, identificazione dei fattori di rischio e dei lavoratori esposti, stima dell entità di esposizione ai pericoli, stima della gravità e della probabilità degli effetti, programmazione o messa in atto delle misure di prevenzione) Ruolo del datore di lavoro, dirigenti e preposti Elementi per la costruzione di una matrice Modulo 2 Rischi chimici: liquidi; etichettatura Rischi biologici Modulo 3 Rischi fisici: rumore, vibrazioni, microclima e illuminazione Modulo 4 Rischi legati all' organizzazione del lavoro: ambienti di lavoro; movimentazione manuale dei carichi; movimentazione merci, apparati di sollevamento /mezzi di trasporto Modulo 5 Rischio infortuni: rischio elettrico; rischio meccanico, macchine e attrezzature; cadute dall'alto Modulo 6 Sicurezza Antincendio: Prevenzione incendi (DM 10 marzo 1998) Modulo 7 DPI: caratteristiche e scelta dei DPI

20 DURATA ORE Sicurezza sul luogo di lavoro RSPP - modulo B7 Attestato di frequenza 60 ore Il corso di formazione per RSPP/ASPP - Modulo B7 consentirà ai discenti di acquisire le nozioni tecniche specifiche per settore produttivo necessarie per ricoprire il ruolo di Addetto e/o Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione dai Rischi. Conformemente a quanto previsto dall allegato II del D. Lgs. 81/08 e s.m.i., nelle aziende artigiane o industriali con più di 30 addetti il ruolo di RSPP/ASPP non può essere ricoperto dal Datore di Lavoro. Tale ruolo deve, quindi, essere assunto: - da un dipendente; - da un consulente esterno, che abbia i requisiti definiti dall art. 32 del D. Lgs. 81/08. Modulo 1 Valutazione dei Rischi Analisi dei pericoli e dei rischi: sequenza logica (fase preliminare, identificazione dei fattori di rischio e dei lavoratori esposti, stima dell entità di esposizione ai pericoli, stima della gravità e della probabilità degli effetti, programmazione o messa in atto delle misure di prevenzione) Ruolo del datore di lavoro, dirigenti e preposti Elementi per la costruzione di una matrice Modulo 2 Rischi chimici: liquidi; etichettatura Rischi biologici Modulo 3 Rischi fisici: rumore, vibrazioni, microclima e illuminazione Modulo 4 Rischi legati all' organizzazione del lavoro: ambienti di lavoro; movimentazione manuale dei carichi; movimentazione merci, apparati di sollevamento /mezzi di trasporto Modulo 5 Rischio infortuni: rischio elettrico; rischio meccanico, macchine e attrezzature; cadute dall'alto Modulo 6 Sicurezza Antincendio: Prevenzione incendi (DM 10 marzo 1998) Modulo 7 DPI: caratteristiche e scelta dei DPI

21 DURATA ORE Sicurezza sul luogo di lavoro RSPP - modulo B8 Attestato di frequenza 24 ore Il corso di formazione per RSPP/ASPP - Modulo B8 consentirà ai discenti di acquisire le nozioni tecniche specifiche per settore produttivo necessarie per ricoprire il ruolo di Addetto e/o Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione dai Rischi. Conformemente a quanto previsto dall allegato II del D. Lgs. 81/08 e s.m.i., nelle aziende artigiane o industriali con più di 30 addetti il ruolo di RSPP/ASPP non può essere ricoperto dal Datore di Lavoro. Tale ruolo deve, quindi, essere assunto: - da un dipendente; - da un consulente esterno, che abbia i requisiti definiti dall art. 32 del D. Lgs. 81/08. Modulo 1 Valutazione dei Rischi Analisi dei pericoli e dei rischi: sequenza logica (fase preliminare, identificazione dei fattori di rischio e dei lavoratori esposti, stima dell entità di esposizione ai pericoli, stima della gravità e della probabilità degli effetti, programmazione o messa in atto delle misure di prevenzione) Ruolo del datore di lavoro, dirigenti e preposti Elementi per la costruzione di una matrice Modulo 2 Rischi chimici: liquidi; etichettatura Rischi biologici Modulo 3 Rischi fisici: rumore, vibrazioni, microclima e illuminazione Modulo 4 Rischi legati all' organizzazione del lavoro: ambienti di lavoro; movimentazione manuale dei carichi; movimentazione merci, apparati di sollevamento /mezzi di trasporto Modulo 5 Rischio infortuni: rischio elettrico; rischio meccanico, macchine e attrezzature; cadute dall'alto Modulo 6 Sicurezza Antincendio: Prevenzione incendi (DM 10 marzo 1998) Modulo 7 DPI: caratteristiche e scelta dei DPI

22 DURATA ORE Sicurezza sul luogo di lavoro RSPP - modulo B9 Attestato di frequenza 16 ore Il corso di formazione per RSPP/ASPP - Modulo B9 consentirà ai discenti di acquisire le nozioni tecniche specifiche per settore produttivo necessarie per ricoprire il ruolo di Addetto e/o Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione dai Rischi. Conformemente a quanto previsto dall allegato II del D. Lgs. 81/08 e s.m.i., nelle aziende artigiane o industriali con più di 30 addetti il ruolo di RSPP/ASPP non può essere ricoperto dal Datore di Lavoro. Tale ruolo deve, quindi, essere assunto: - da un dipendente; - da un consulente esterno, che abbia i requisiti definiti dall art. 32 del D. Lgs. 81/08. Modulo 1 Valutazione dei Rischi Analisi dei pericoli e dei rischi: sequenza logica (fase preliminare, identificazione dei fattori di rischio e dei lavoratori esposti, stima dell entità di esposizione ai pericoli, stima della gravità e della probabilità degli effetti, programmazione o messa in atto delle misure di prevenzione) Ruolo del datore di lavoro, dirigenti e preposti Elementi per la costruzione di una matrice Modulo 2 Rischi chimici: liquidi; etichettatura Rischi biologici Modulo 3 Rischi fisici: rumore, vibrazioni, microclima e illuminazione Modulo 4 Rischi legati all' organizzazione del lavoro: ambienti di lavoro; movimentazione manuale dei carichi; movimentazione merci, apparati di sollevamento /mezzi di trasporto Modulo 5 Rischio infortuni: rischio elettrico; rischio meccanico, macchine e attrezzature; cadute dall'alto Modulo 6 Sicurezza Antincendio: Prevenzione incendi (DM 10 marzo 1998) Modulo 7 DPI: caratteristiche e scelta dei DPI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08).

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). Il giorno del mese di dell'anno duemila il sottoscritto titolare/legale rappresentante della

Dettagli

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Contratto d Appalto : Impresa Affidataria : Importo Lavori : di cui Oneri per la Sicurezza : VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Responsabile dei Lavori : Coordinatore Sicurezza in

Dettagli

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI ALLEGATO XV Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1.1. - Definizioni e termini di efficacia 1. DISPOSIZIONI GENERALI 1.1.1. Ai fini del presente allegato si intendono

Dettagli

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L. 81/2008 (PER L ELENCO ESAUSTIVO CONSULTARE SEMPRE LA NORMATIVA) - Nomina Rspp Responsabile servizio prevenzione e

Dettagli

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova D.Lgs 81/08 art. 96 c.1 Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Azienda Sanitaria

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81

DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81 DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81 Testo coordinato con il Decreto Legislativo 3 agosto 2009, n. 106 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO In-Formare è già prevenire Questo Mini-Manuale è aggiornato alle più recenti disposizioni 2014 sulla salute, l igiene e la sicurezza sul lavoro: Testo Unico, D.Lgs. 81/2008 e, in particolare,

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

Il RIF è un marchio che l impresa potrà apporre nella sua carta intestata e nelle sue comunicazioni.

Il RIF è un marchio che l impresa potrà apporre nella sua carta intestata e nelle sue comunicazioni. 1. RIF: che cos è Il RIF (Registro dell Impresa Formativa) è lo strumento, approvato dal FORMEDIL e dalla CNCPT, collegato al sito della Banca dati formazione costruzioni (BDFC) del Formedil nel quale

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE PROTOCOLLO DI INTESA PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI DA CADUTA DALL ALTO PRESSO LE INDUSTRIE CERAMICHE Allegato B REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI

Dettagli

GRUPPO. Sicurezza per scelta

GRUPPO. Sicurezza per scelta Ge.Ma. Sicurezza per scelta Ge. Ma. la Qualità e la Sicurezza sono valori che costruiamo insieme a te GE.MA. company profile UN OCCHIO APERTO SUL FUTURO UNA REALTÀ DINAMICA, UN MODELLO EVOLUTO DI CONSULENZA

Dettagli

Gli obblighi per le imprese e per il cittadino committente

Gli obblighi per le imprese e per il cittadino committente sulla sicurezza nei cantieri Gli obblighi per le imprese e per il cittadino committente GLI ENTI BILATERALI DELLA PROVINCIA DI L AQUILA CASSA EDILE località san Vittorino - s.s. 80 km 9 n 61 l aquila tel.

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i Arezzo, 06 maggio 2011 Dott. DAVIDDI Paolo STOLZUOLI Stefania Tecnici di Prevenzione Dipartimento della Prevenzione Azienda USL 8 - Arezzo

Dettagli

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO professione sicurezza ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO 2 Le norme applicabili sono previste nel Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro (Decreto Legislativo 9 aprile 2008 n. 81) Sicurezza sul lavoro

Dettagli

Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO FORMAZIONE

Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO FORMAZIONE Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO 2015 FORMAZIONE HSE - HEALTH SAFETY ENVIRONMENT Salute e Sicurezza RLS - Formazione Base S.S.1 32 RLSA S.S.2 64 RLS - Aggiornamento S.S.3

Dettagli

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Definizione di RLS (Art 2, comma 1, lettera i) del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81) persona eletta o designata per rappresentare i lavoratori per

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA.

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA. ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA. ARGOMENTI TRATTATI DALL ING. GIULIANO DEGL INNOCENTI NEL SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO PER I COORDINATORI PER LA PROGETTAZIONE E PER L ESECUZIONE DEI LAVORI

Dettagli

http://www.tassisto.it/

http://www.tassisto.it/ F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome TASSISTO FRANCESCO Indirizzo VIA MARTIRI DELLA LIBERAZIONE, 80/2A 16043 CHIAVARI Telefono 0185325331 Cellulare

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

ing. Domenico ing. Domenico Mannelli Mannelli www mannelli info

ing. Domenico ing. Domenico Mannelli Mannelli www mannelli info ing. Domenico Mannelli www.mannelli.info info I contenuti ti minimi i i del PSC- PSS-POSPOS Decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 Titolo III - DISPOSIZIONI ULTERIORI PER I CONTRATTI RELATIVI AI LAVORI

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL)

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Guida operativa Ottobre 2003 1 SOMMARIO Presentazione pag. 4 Premessa (da Linee Guida UNI-INAIL) pag. 5 A. Finalità (da

Dettagli

Procedure semplificate per l adozione de modelli di organizzazione e gestione (MOG) nelle piccole e medie imprese (PMI)

Procedure semplificate per l adozione de modelli di organizzazione e gestione (MOG) nelle piccole e medie imprese (PMI) Procedure semplificate per l adozione de modelli di organizzazione e gestione (MOG) nelle piccole e medie imprese (PMI) 1. PREMESSA Il d.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 Attuazione dell articolo 1 della legge

Dettagli

Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h)

Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h) Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h) Anno 2013 Intervento formativo secondo l accordo STATO-REGIONI del 21.12.2011 A cura dell R.S.P.P.

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

elettrotecnico/elettrotecnica

elettrotecnico/elettrotecnica Delibera n. 748 del 24.06.2014 ordinamento formativo per la professione oggetto di apprendistato di elettrotecnico/elettrotecnica 1. Il profilo professionale 2. Durata e titolo conseguibile 3. Referenziazioni

Dettagli

PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA (POS) PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA. Realizzazione della Metropolitana di., Linea..

PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA (POS) PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA. Realizzazione della Metropolitana di., Linea.. PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA (POS) Ai sensi del D.Lgs. 81/08 e successive modifiche ed integrazioni. Realizzazione della Metropolitana di., Linea.. Sottosistema di Impianti presso la stazione di.. Committente:.

Dettagli

FASCICOLO DELL OPERA e PSC Relatore: Carmelo G. Catanoso

FASCICOLO DELL OPERA e PSC Relatore: Carmelo G. Catanoso ASSOCIAZIONE TAVOLO 494 IMOLA www.tavolo494imola.org info@ tavolo494imola.org Atti del convegno DAL D.LGS. 494/96 AL TESTO UNICO DI SICUREZZA: novità e criticità 19 novembre 2008 FASCICOLO DELL OPERA e

Dettagli

QUESTIONARIO PER RACCOLTA DATI E INFORMAZIONI DI POTENZIALI IMPRESE APPALTATRICI PER LAVORI, SERVIZI ORDINARI E FORNITURE SERVIZI

QUESTIONARIO PER RACCOLTA DATI E INFORMAZIONI DI POTENZIALI IMPRESE APPALTATRICI PER LAVORI, SERVIZI ORDINARI E FORNITURE SERVIZI Pag. 1/6 SETTORI DI INTERESSE LAVORI SERVIZI Elettrici Impianti fotovoltaici Idraulici Edili Stradali Pulizie Tappezzerie Tinteggiatura e verniciatura Carpenteria metallica FORNITURE Cavi elettrici bt

Dettagli

La gestione della sicurezza nei contratti di appalto

La gestione della sicurezza nei contratti di appalto Sicurezza La gestione della sicurezza nei contratti di appalto Con l'emanazione del D.Lgs. n. 81/2008 sono stati definiti gli obblighi inerenti alla sicurezza sul lavoro in caso di affidamento di lavori

Dettagli

- - - - - - - - - - - - 1 - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AFM S.p.A. Sede Legale in Bologna, Via del Commercio Associato n. 22/28 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

Il datore di lavoro è responsabile della tutela della salute e della sicurezza sul lavoro dei dipendenti.

Il datore di lavoro è responsabile della tutela della salute e della sicurezza sul lavoro dei dipendenti. Il datore di lavoro è responsabile della tutela della salute e della sicurezza sul lavoro dei dipendenti. Già il Codice Civile gli impone il dovere della sicurezza nei confronti dei lavoratori e la legislazione

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

CORSO FORMAZIONE FOR O MA M TOR O I

CORSO FORMAZIONE FOR O MA M TOR O I CORSO FORMAZIONE FORMATORI Una metafora per iniziare. Quando fai piani per un anno, semina grano. Se fai piani per un decennio, pianta alberi. Se fai piani per la vita, forma ed educa le persone. Proverbio

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI. ai sensi dell art. 29 D.Lgs. 81/2008

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI. ai sensi dell art. 29 D.Lgs. 81/2008 PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI ai sensi dell art. 29 D.Lgs. 81/2008 1 INDICE I. Procedura standardizzata per la valutazione dei rischi ai sensi dell articolo 6, comma 8, lettera

Dettagli

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza:

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza: Sicurezza all IUE In tema di sicurezza l Istituto, che gode dell autonomia prevista dalla Convenzione che lo istituisce e dall Accordo di Sede con l Italia, si ispira ai principi fondamentali della normativa

Dettagli

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE Piazza Mazzini, 46 16038 SANTA MARGHERITA LIGURE (GE) REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI SULLE COPERTURE DELLA SCUOLA PRIMARIA A.R. SCARSELLA, DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA

Dettagli

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture 1 di 9 Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture Determinazione n.3/2008 Del 5 marzo 2008 Sicurezza nell esecuzione degli appalti relativi a servizi e forniture. Predisposizione

Dettagli

A cura dello Studio Ingegneria Fiorini di Ferrara

A cura dello Studio Ingegneria Fiorini di Ferrara Provincia di Ferrara Guida alla gestione della sicurezza sul lavoro nelle associazioni sportive dilettantistiche, associazioni culturali, associazioni ricreative e di promozione sociale A cura dello Studio

Dettagli

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione COMUNE DI ALBIATE Provincia di Monza e della Brianza REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RIPARTIZIONE TRA IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO E GLI INCARICATI DELLA REDAZIONE DEL PROGETTO, DEL COORDINAMENTO PER LA

Dettagli

LE CADUTE DALL ALTO E

LE CADUTE DALL ALTO E LE CADUTE DALL ALTO E LA RESPONSABILITÀ DEGLI AMMINISTRATORI A.U. Salvatore Ruocco Lecce, 15 febbraio 2014 PROGRAMMA 1) Rischio caduta: normativa e soggetti coinvolti 2) UNI EN 795 e dispositivi di ancoraggio

Dettagli

Cagliari, 22 luglio 2010

Cagliari, 22 luglio 2010 Cagliari, 22 luglio 2010 L azione dell Ance L Associazione Nazionale Costruttori Edili si è da sempre posta l obiettivo di supportare le imprese associate nella adozione di strumentazione organizzativa

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

STRESS DA LAVORO CORRELATO

STRESS DA LAVORO CORRELATO STRESS DA LAVORO CORRELATO Il presente documento costituisce uno strumento utile per l adempimento dell obbligo di valutazione dei rischi da stress da lavoro correlato sancito dal Testo Unico in materia

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013 Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Comando Provinciale Vigili del fuoco SIENA "Noctu et Die Vigilantes" LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

Guida non vincolante alle buone pratiche per la comprensione e l applicazione della direttiva 92/57/CEE

Guida non vincolante alle buone pratiche per la comprensione e l applicazione della direttiva 92/57/CEE Guida non vincolante alle buone pratiche per la comprensione e l applicazione della direttiva 92/57/CEE (direttiva «Cantieri») L Europa sociale Commissione europea Questa pubblicazione è sostenuta dal

Dettagli

Testo integrale commentato

Testo integrale commentato MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva De Biasio S. Croce 1299 30135 Venezia Accordo Stato-Regioni del 21/12/2011

Dettagli

Guida alle semplificazioni. del decreto legge del Fare

Guida alle semplificazioni. del decreto legge del Fare Guida alle semplificazioni del decreto legge del Fare Approvato il decreto del Fare, si apre la fase importante e delicata dell attuazione delle nuove norme. Per questo è essenziale che cittadini e imprese

Dettagli

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO Legge Regionale n 12 del 20/03/1998 Disposizioni in materia di inquinamento acustico emanata da: Regione Liguria e pubblicata su: Bollettino. Uff. Regione n 6 del 15/04/1998

Dettagli

I.T.I.S. "S. CANNIZZARO", via Consolare Latina n.263, 00034 Colleferro RM D.S.: Prof.ssa Marisa Pia Zeppa R.S.P.P.: Arch. Vittorio Magliozzi

I.T.I.S. S. CANNIZZARO, via Consolare Latina n.263, 00034 Colleferro RM D.S.: Prof.ssa Marisa Pia Zeppa R.S.P.P.: Arch. Vittorio Magliozzi 1_ Che cosa si intende per SICUREZZA in un qualsiasi luogo di lavoro? Lavorare in un ambiente in cui la probabilità che si verifichino danni (a persone o cose) sia molto bassa, se non nulla. L'obbligo

Dettagli

PICCOLI TRATTENIMENTI MUSICALI O DIFFUSIONE SONORA NEI DEHORS E NELLE AREE DI PERTINENZA PRIVATE ANNESSE AI LOCALI DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO

PICCOLI TRATTENIMENTI MUSICALI O DIFFUSIONE SONORA NEI DEHORS E NELLE AREE DI PERTINENZA PRIVATE ANNESSE AI LOCALI DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO Dipartimento Economia e Promozione della Città Settore Attività Produttive e Commercio U.O. Somministrazione, manifestazioni, artigianato e ricettive 40129 Bologna Piazza Liber Paradisus, 10, Torre A -

Dettagli

Accesso agli atti Ambiente e Gestione del Territorio / Tecnico e Sviluppo Locale

Accesso agli atti Ambiente e Gestione del Territorio / Tecnico e Sviluppo Locale Accesso agli atti Ambiente e Gestione del Territorio / Tecnico e Sviluppo Locale Il cittadino deve formulare istanza di accesso agli atti quando deve richiedere copie di atti raccolti negli archivi comunali,

Dettagli

Guida operativa per l implementazione di un Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza sul Lavoro (SGSSL)

Guida operativa per l implementazione di un Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza sul Lavoro (SGSSL) Guida operativa per l implementazione di un Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza sul Lavoro (SGSSL) INDICE 01 PREMESSA PAG. 3 02 POLITICA PAG. 5 03 PIANIFICAZIONE PAG. 7 04 VALUTAZIONE E GESTIONE

Dettagli

PREMESSA. Il nuovo sistema classificatorio del personale è volto:

PREMESSA. Il nuovo sistema classificatorio del personale è volto: PREMESSA La riforma del sistema di classificazione del personale civile del Ministero della difesa è stata realizzata in applicazione del CCNL 2006/2009. Nel quadro di adeguamento delle competenze e delle

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

RICHIESTA DI PERMESSO DI COSTRUIRE (art. 20, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380 artt. 7, d.p.r. 7 settembre 2010, n. 160)

RICHIESTA DI PERMESSO DI COSTRUIRE (art. 20, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380 artt. 7, d.p.r. 7 settembre 2010, n. 160) Al Comune di Pratica edilizia Sportello Unico Attività Produttive Sportello Unico Edilizia del Protocollo Indirizzo PEC / Posta elettronica RICHIESTA DI PERMESSO DI COSTRUIRE (art. 20, d.p.r. 6 giugno

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

ELABORA IL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

ELABORA IL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI IL DATORE DI LAVORO DEVE VALUTARE TUTTI I RISCHI PRESENTI NEL LUOGO DI LAVORO con la collaborazione di: RSPP MEDICO COMPETENTE nei casi in cui c è obbligo di sorveglianza sanitaria PREVIA CONSULTAZIONE

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

La valutazione e gestione dello stress lavoro-correlato

La valutazione e gestione dello stress lavoro-correlato La valutazione e gestione dello stress lavoro-correlato Maggio 2010 PREFAZIONE Al fine di contribuire ad un adeguata gestione dei rischi psicosociali, negli ultimi anni l ISPESL ha adottato una strategia

Dettagli

SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI QUESITI RICORRENTI E RISPOSTE DI ESPERTI QUALIFICATI

SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI QUESITI RICORRENTI E RISPOSTE DI ESPERTI QUALIFICATI SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI NOVITA INTRODOTTE DALL' UNICO TESTO NORMATIVO SULLA SICUREZZA SUL LAVORO (D.Lgs. 81/08) QUESITI RICORRENTI E RISPOSTE DI ESPERTI QUALIFICATI I quesiti sul Decreto 81/08: sugli

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito RISOLUZIONE N. 69/E Roma, 16 ottobre 2013 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Consulenza giuridica Art. 2, comma 5, d.l. 25 giugno 2008, n. 112 IVA - Aliquota agevolata - Opere di urbanizzazione primaria

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività umane. Le pressioni ambientali a cui è sottoposto sono

Dettagli

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA 1.1. ) ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA Largo Arrigo VII, 5-00153 Roma (Italia) ; centralino 06/5717621;

Dettagli

Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08

Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08 Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08 Firenze 15 febbraio 2010 Pisa 1 marzo 2010 Siena 29 marzo 2010 Dott. Ing. Daniele Novelli

Dettagli

Testo Unico sulla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro

Testo Unico sulla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro D.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 Testo Unico sulla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro PARTE 1 SOMMARIO D.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 TESTO UNICO SULLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO 13 TITOLO I PRINCIPI COMUNI

Dettagli

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 6 PARTE PRIMA LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Sezione I LEGGI REGIONALI LEGGE REGIONALE 17 settembre 2013, n. 16. Norme in materia di prevenzione delle cadute dall alto. Il Consiglio

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

Azienda Municipale Ambiente SpA Roma Capitale. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (art. 26, comma 3 D. Lgs. 81/08 e s.m.i.

Azienda Municipale Ambiente SpA Roma Capitale. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (art. 26, comma 3 D. Lgs. 81/08 e s.m.i. Azienda Municipale Ambiente SpA Roma Capitale DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (art. 26, comma 3 D. Lgs. 81/08 e s.m.i.) Rev. N. 00 00 Data: Bando di gara di appalto o di prestazione

Dettagli

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 16-03-2015 (punto N 33 ) Delibera N 251 del 16-03-2015 Proponente LUIGI MARRONI DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE

Dettagli

Data inizio : 2014-01-01 Prezzo per partecipante : 400 EUR Località : Da definire

Data inizio : 2014-01-01 Prezzo per partecipante : 400 EUR Località : Da definire Data inizio : 2014-01-01 Prezzo per partecipante : 400 EUR Località : Da definire DATE, ORARI E SEDI Il corso sarà attivato al raggiungimento del numero minimo di partecipanti con date, orari e sedi DA

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

RESPONSABILITA PENALI E SICUREZZA SUL LAVORO

RESPONSABILITA PENALI E SICUREZZA SUL LAVORO Appunti relativi a corso tenuto dall avvocato Fabio Petracci per la polizia locale relativi al tema degli infortuni sul lavoro legge 626/94 e responsabilità penale. RESPONSABILITA PENALI E SICUREZZA SUL

Dettagli