2. Maternità e Paternità nel

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "2. Maternità e Paternità nel"

Transcript

1 2. Maternità e Paternità nel LAVORO AUTONOMO, PROFESSIONALE, PARASUBORDINATO 2.1 Lavoro autonomo La normativa: La tutela della maternità nell ambito del lavoro autonomo ha trovato il primo riconoscimento normativo nella L. n. 546/87, le cui disposizioni sono state trasfuse nel T.U. delle disposizioni legislative in materia di tutela e sostegno della maternità e della paternità (D.Lgs. n. 151/2001) e, successivamente, integrate dal D.lgs. n.115/2003. L art.9, L n. 53/2000, offre la possibilità ai/alle lavoratori/lavoratici autonomi/e di presentare progetti finanziabili per godere di periodi di astensione dal lavoro in presenza di necessità di cura parentale (v. cap. 4). Quali lavoratrici e lavoratori? Lavoratrici autonome coltivatrici dirette, mezzadre e colone, artigiane, esercenti attività commerciali ed imprenditrici agricole a titolo principale (art.66, D.lgs 151/01). I lavoratori autonomi non beneficiano di indennità in occasione della nascita di un/una figlio/a; possono tuttavia accedere ai finanziamenti a favore della conciliazione lavoro-famiglia, ex art. 9, L 53/00. Per maggiori informazioni rinviamo allo spazio dedicato all argomento (Cap.4). 47

2 48 L indennità di maternità Le lavoratrici autonome hanno diritto ad un indennità giornaliera per i 2 mesi antecedenti la data del parto e per i 3 mesi successivi al parto (art. 66, D.lgs 151/01). Astensione dal lavoro: le lavoratrici autonome non hanno l obbligo di astensione dal lavoro. Misura dell indennità: per le coltivatrici dirette, colone e mezzadre, imprenditrici agricole, è pari all 80% della retribuzione minima giornaliera degli operai agricoli a tempo indeterminato relativa all anno precedente il parto. per le lavoratrici autonome, artigiane ed esercenti attività commerciali, è pari all 80% del salario minimo giornaliero previsto per la qualifica di impiegato. Requisiti: per avere diritto all indennità di maternità la lavoratrice autonoma, all inizio del periodo indennizzabile, deve risultare iscritta o avere richiesto l iscrizione nella relativa gestione previdenziale entro il termine previsto dalla legge; deve inoltre avere pagato i contributi Inps relativi al periodo indennizzabile stesso. In caso di interruzione di gravidanza, spontanea o volontaria, verificatasi dopo il terzo mese di gravidanza, l indennità è corrisposta per un periodo di 30 giorni. Domanda: le lavoratrici autonome devono presentare apposita domanda all Inps (modulo MAT. AUT.), dopo il parto, corredata dal certificato di assistenza al parto (o dichiarazione sostitutiva), attestante le generalità della richiedente, del neonato e il loro rapporto di parentela. La domanda può essere presentata anche tramite i Patronati che, per legge, offrono assistenza gratuita, o inviata per posta. I moduli MAT. AUT. sono disponibili presso le sedi Inps e sul sito dell Istituto alla sezione moduli. Prescrizione: la domanda di indennità di maternità deve essere presentata entro il termine di 1 anno a decorrere dal giorno successivo all ultimo giorno dei tre mesi indennizzabili dopo il parto, pena la prescrizione del diritto.

3 In caso di adozione e affido: l indennità di maternità spetta per 3 mesi successivi all effettivo ingresso del/della bambino/a nella famiglia, a condizione che non abbia più di 6 anni, se italiano, o più di 18 se straniero (art. 67, D.lgs 151/01). L indennità non spetta al padre lavoratore autonomo in alternativa alla madre, come avviene invece nel lavoro dipendente. Il congedo parentale Le lavoratrici autonome hanno diritto al congedo parentale (astensione facoltativa dal lavoro) retribuito per un periodo di 3 mesi, fruibile anche in modo frazionato, entro il primo anno di vita del/della bambino/a (art. 69, D.lgs 151/01). Il congedo parentale di 3 mesi complessivi spetta anche in caso di adozione o affidamento, fino a 12 anni di età del/della bambino/a, purché sia fruito entro il primo anno dall ingresso in famiglia (art. 69 bis, D.lgs 151/01; circ. Inps n. 46/2006). Il congedo parentale non spetta ai padri lavoratori autonomi. Astensione dal lavoro: le lavoratrici autonome che chiedono il congedo parentale devono astenersi effettivamente dall attività, sottoscrivendo dichiarazione di responsabilità la cui veridicità potrà essere accertata con gli abituali sistemi di verifica (circ. Inps n. 109/2000; circ. Inps n. 177/2000). Trattamento economico: per le coltivatrici dirette, colone e mezzadre, imprenditrici agricole, è pari al 30% della retribuzione minima giornaliera degli operai agricoli a tempo indeterminato relativa all anno precedente il parto. per le lavoratrici autonome, artigiane ed esercenti attività commerciali, è pari al 30% del salario minimo giornaliero previsto per la qualifica di impiegato della categoria di appartenenza. Domanda: la domanda di congedo parentale va presentata all Inps prima dell inizio del congedo. Sono indennizzabili solo i periodi successivi alla data di presentazione della domanda. 49

4 50 Requisiti: per le artigiane e le commercianti, la sospensione dell obbligo contributivo e l accredito della contribuzione figuarativa possono avvenire solo per mesi interi di calendario privi di attività lavorativa. I finanziamenti in caso di sostituzione del/della lavoratore/lavoratrice autonomo/a per esigenze di cura familiare: Ogni anno, attraverso l art. 9, lett. c, della legge 8 marzo 2000, n.53, vengono stanziati finanziamenti per progetti che consentano la sostituzione del titolare d impresa o lavoratore autonomo, che benefici del periodo di astensione obbligatoria o dei congedi parentali, con altro imprenditore o lavoratore autonomo. L azione di sostituzione può avere una durata massima di 12 mesi complessivi, e a beneficiarne possono essere i seguenti soggetti: - titolare di impresa, inteso come colui/colei che esercita individualmente l attività d impresa (con o senza dipendenti/collaboratori); - lavoratore/lavoratrice autonomo/a, inclusi/e i/le liberi/e professionisti/e; - lavoratori/lavoratrici a progetto (a condizione che vi sia l assenso esplicito del committente sulla sostituzione e sul sostituto). Segnaliamo che anche i padri lavoratori autonomi possono beneficiare dei finanziamenti. Per una trattazione più approfondita dell argomento, si rimanda al Capitolo 4.

5 2.2 Libera professione La normativa: La tutela della maternità delle libere professioniste ha trovato il primo riconoscimento normativo nella L. n. 379/1990, le cui disposizioni sono state integralmente trasfuse nel T.U. delle disposizioni legislative in materia di tutela e sostegno della maternità e della paternità (D.Lgs. n. 151/2001) e, successivamente, innovate dal D.lgs n. 115/2003 e dalla L. n. 289/2003. L art.9, L n. 53/2000, offre la possibilità anche ai/alle liberi/e professionisti/e di presentare progetti finanziabili per godere di periodi di astensione dal lavoro in presenza di necessità di cura parentale (v. cap. 4). Quali lavoratrici e lavoratori? Libere professioniste iscritte ad un ente che gestisce forme obbligatorie di previdenza, di cui alla Tab. D allegata al testo unico (art.70, D.lgs 151/01): Cassa nazionale del notariato; Cassa nazionale di previdenza ed assistenza forense; Ente nazionale di previdenza ed assistenza farmacisti; Ente nazionale di previdenza ed assistenza veterinari.; Ente nazionale di previdenza ed assistenza dei medici; Cassa nazionale di previdenza ed assistenza dei geometri liberi professionisti; Cassa nazionale di previdenza ed assistenza a favore dei dottori commercialisti; Cassa nazionale di previdenza ed assistenza per gli ingegneri ed architetti liberi professionisti; Cassa nazionale di previdenza ed assistenza a favore dei ragionieri e periti commerciali; Ente nazionale di previdenza ed assistenza per i consulenti del lavoro; Ente nazionale di previdenza ed assistenza per gli psicologi; Ente di previdenza dei periti industriali; Ente nazionale di previdenza ed assistenza a favore dei biologi; Cassa di previdenza ed assistenza a favore degli infermieri professionali, assistenti sanitarie e vigilatrici d infanzia; Ente di previdenza ed assistenza pluricategoriale; Istituto nazionale di previdenza dei giornalisti italiani «G. Amendola», limitatamente alla gestione separata per i giornalisti professionisti; Ente nazionale di previdenza per gli addetti e gli impiegati in agricoltura, limitatamente alle gestioni separate dei periti agrari e degli agrotecnici. I liberi professionisti non beneficiano di indennità in occasione della nascita di un/una figlio/a; possono tuttavia accedere ai finanziamenti a favore della conciliazione lavoro-famiglia, ex art. 9, L 53/00. Per maggiori informazioni rinviamo allo spazio dedicato all argomento (Cap.4). 51

6 52 L indennità di maternità È riconosciuta una indennità di maternità per i 2 mesi antecedenti la data del parto e per i 3 mesi successivi al parto (art. 70, D.lgs 151/01). Astensione dal lavoro: l indennità di maternità spetta indipendentemente dall effettiva astensione dall attività lavorativa (art. 71, D.lgs 151/01). Misura dell indennità: l indennità di maternità è corrisposta in misura pari all 80% di 5/12 del reddito professionale dichiarato nel secondo anno antecedente alla data del parto (o alla data dell ingresso del bambino nel nucleo familiare in caso di affidamento o adozione). L indennità non può essere inferiore a 5 mensilità di retribuzione calcolata nella misura pari all 80% del salario minimo giornaliero degli impiegati del commercio, né superiore a 5 volte l importo minimo come sopra individuato. L indennità di maternità non è cumulabile con altre provvidenze eventualmente spettanti a carico di altri Istituti assicuratori e la relativa corresponsione è condizionata all attestazione dell inesistenza del diritto alle relative indennità. Nel caso di aborto spontaneo o terapeutico intervenuto dopo il terzo mese di gestazione ma prima del sesto, l indennità spetta nella misura pari all 80% di 1/12 del reddito professionale come sopra individuato. Spetta in misura intera in caso di interruzione di gravidanza dopo il sesto mese di gravidanza. Domanda: l erogazione dell indennità è condizionata alla presentazione della domanda alla propria Cassa di previdenza, a partire dal compimento del sesto mese di gravidanza ed entro il termine di 180 giorni dal parto. In caso di adozione e affido: l indennità di maternità spetta altresì per l ingresso del/della bambino/a adottato o in affido a condizione che quest ultimo non abbia compiuto i 6 anni d età. In caso di adozione internazionale, la Corte Costituzionale, con sentenza n. 371/2003, ha esteso la tutela anche nel caso in cui il/la bambino/a abbia superato il limite di 6 anni di età, fino al compimento della maggiore età. La Corte Costituzionale, con pronuncia n.385/2005, ha dichiarato l illegittimità costituzionale degli artt. 70 e 72 del D.Lgs. n. 151/2001 nella parte in cui non prevedono, in caso di adozione o di affidamento, che al padre spetti

7 in alternativa alla madre l indennità di maternità attribuita solo a quest ultima. Spetta ora al legislatore il compito di approntare un meccanismo attuativo che consenta anche al lavoratore padre un adeguata tutela. I finanziamenti in caso di sostituzione del/della libero/a professionista per esigenze di cura familiare: Ogni anno, attraverso l art. 9, lett. c, della legge 8 marzo 2000, n.53, vengono stanziati finanziamenti per progetti che consentano la sostituzione del titolare d impresa o lavoratore autonomo, che benefici del periodo di astensione obbligatoria o dei congedi parentali, con altro imprenditore o lavoratore autonomo. L azione di sostituzione può avere una durata massima di 12 mesi complessivi, e a beneficiarne possono essere i seguenti soggetti: - titolare di impresa, inteso come colui/colei che esercita individualmente l attività d impresa (con o senza dipendenti/collaboratori); - lavoratore/lavoratrice autonomo/a, inclusi/e i/le liberi/e professionisti/e; - lavoratori/lavoratrici a progetto (a condizione che vi sia l assenso esplicito del committente sulla sostituzione e sul sostituto). Segnaliamo che anche i padri liberi professionisti possono beneficiare dei finanziamenti. Per una trattazione più approfondita dell argomento, si rimanda al Capitolo 4. 53

8 Lavoro parasubordinato La normativa: - art. 64, D.lgs 151/01, - Decreto Ministero del lavoro e P.S. 4 aprile art.66, Decreto legislativo 276/ Circolare del Ministero del lavoro e delle politiche sociali n. 1/ art. 1, c. 788, 791, Legge , n. 296 (finanziaria 2007) - Decreto Ministero del Lavoro e P.S. 12 luglio 2007 Quali lavoratrici e lavoratori? Iscritte/i alla gestione separata Inps che hanno, cioè, redditi derivanti da: - collaborazione coordinata e continuativa o a progetto; - attività professionale (professionisti senza cassa previdenziale, con cassa ma con redditi diversi da quelli inerenti all iscrizione all albo, professionisti che sono anche lavoratori dipendenti); - lavoro autonomo occasionale (se il reddito annuo è superiore a ); - vendita a domicilio (se il reddito annuo è superiore a ); - associazione in partecipazione con apporto di solo lavoro; - attività di spedizioniere doganale; - borse di studio per la frequenza di corsi di dottorato di ricerca. Sono escluse/i le/gli iscritte/i ad altre forme previdenziali obbligatorie e le/i pensionate/i. L indennità di maternità Le madri lavoratrici iscritte alla gestione separata hanno diritto a un indennità di maternità per i 2 mesi precedenti la data del parto e i 3 mesi successivi al parto. La gravidanza della collaboratrice a progetto non comporta l estinzione del rapporto contrattuale che rimane sospeso. La durata del rapporto è prorogata per un periodo di 180 giorni salva più favorevole disposizione del contratto individuale. Astensione dal lavoro: la lavoratrice non può essere adibita al lavoro: nei 2 mesi precedenti la data presunta del parto; tra la data presunta e la data effettiva del parto, qualora quest ultima sia successiva alla prima;

9 durante i 3 mesi dopo il parto; qualora il parto avvenga anticipatamente rispetto alla data presunta, i giorni non goduti prima del parto sono aggiunti al periodo di astensione dopo il parto. (art. 16, D. lgs. 151/2001; D. Min. Lav 12 luglio 2007). Astensione anticipata: la lavoratrice può chiedere alla Direzione provinciale del lavoro-servizi ispettivi l astensione anticipata dal lavoro, in qualunque momento della gravidanza, nei seguenti casi: in presenza di gravi complicazioni della gestazione o di preesistenti patologie che si presume possano aggravarsi con lo stato di gravidanza. In questo caso la lavoratrice dovrà rivolgersi allo specialista dell Asl, che predisporrà la prevista autorizzazione da presentare alla Direzione provinciale del lavoro in allegato alla domanda della lavoratrice; quando le condizioni di lavoro o ambientali siano pregiudizievoli alla salute della donna e del/lla bambino/a e la lavoratrice non possa essere adibita a mansioni meno disagevoli (questo secondo caso non riguarda le lavoratrici esercenti attività libero professionali iscritte alla gestione separata Inps). In questo caso, su istanza del datore di lavoro o della lavoratrice, decide direttamente la Direzione provinciale del lavoro. (art. 17, D. lgs n. 151/2001; D. Min. Lav 12 luglio 2007). In caso di adozione e affido: l indennità di maternità spetta per i 3 mesi successivi all effettivo ingresso in famiglia: del/la bambino/a che non abbia superato i 6 anni di età, in caso di adozione e affidamento nazionale; del/la bambino/a che non abbia superato i 18 anni di età, in caso di adozione e affidamento preadottivo internazionale. Misura dell indennità: l indennità giornaliera è pari alll 80% di 1/365 del reddito prodotto nei 12 mesi precedenti l inizio del periodo indennizzabile, nei limiti del massimale annualmente previsto. Requisiti contributivi: l indennità di maternità è corrisposta alle lavoratrici in favore delle quali, nei 12 mesi precedenti i 2 mesi anteriori alla data del parto (o l effettivo ingresso in famiglia in caso di adozione e affidamento), risultino attribuite almeno 3 mensilità di contribuzione. Nei casi in cui l anzianità assicurativa sia inferiore ai 12 mesi, il periodo di riferimento e l indennità di maternità sono determinati proporzionalmente in relazione alla data di decorrenza della anzianità stessa. 55

10 56 I contributi sono accreditati a decorrere dal mese di gennaio, salvo iscrizione successiva, dell anno in cui il compenso è effettivamente corrisposto, indipendentemente dal periodo lavorativo cui si riferisce. Nel caso in cui la lavoratrice non risulti più iscritta alla Gestione separata, ma sia in possesso del requisito contributivo minimo, ha ugualmente diritto all indennità di maternità, salvo che abbia diritto ad un diverso trattamento economico a carico di un altra gestione pensionistica. Domanda: la domanda per ottenere l indennità va presentata dopo il parto, ed entro 1 anno dalla fine del periodo indennizzabile, presso gli uffici dell Inps compilando l apposito modulo. L indennità di paternità Il padre lavoratore, iscritto alla gestione separata Inps, ha diritto all indennità di paternità per i 3 mesi successivi al parto, o per il periodo residuo che sarebbe spettato alla lavoratrice madre, in caso di: morte o grave infermità della madre; abbandono da parte della madre; affidamento esclusivo al padre; in alternativa alla madre che non ne faccia richiesta, in caso di adozione o di affidamento. I parametri per il calcolo della misura sono gli stessi di quelli dell indennità di maternità, e il requisito contributivo è di 3 mesi di contribuzione nei 12 mesi precedenti l evento che ha determinato il diritto del padre. Il congedo parentale Dal 1 gennaio 2007, i lavoratori e le lavoratrici iscritti/e alla gestione separata, non titolari di pensione e non iscritti ad altre forme previdenziali obbligatorie, hanno diritto ad un trattamento economico per congedo parentale, per un periodo di 3 mesi entro il primo anno di vita del/della bambino/a (o del suo ingresso in famiglia). L indennità è pari al 30% del reddito preso a riferimento per la corresponsione dell indennità di maternità (art. 1, c. 788, L. n. 296/2006).

11 I finanziamenti in caso di sostituzione del/della collaboratore/collaboratrice per esigenze di cura familiare Ogni anno, attraverso l art. 9, lett. c, della legge 8 marzo 2000, n.53, vengono stanziati finanziamenti per progetti che consentano la sostituzione del titolare d impresa o lavoratore autonomo, che benefici del periodo di astensione obbligatoria o dei congedi parentali, con altro imprenditore o lavoratore autonomo. L azione di sostituzione può avere una durata massima di 12 mesi complessivi, e a beneficiarne possono essere i seguenti soggetti: - titolare di impresa, inteso come colui/colei che esercita individualmente l attività d impresa (con o senza dipendenti/collaboratori); - lavoratore/lavoratrice autonomo/a, inclusi/e i/le liberi/e professionisti/e; - lavoratori/lavoratrici a progetto (a condizione che vi sia l assenso esplicito del committente sulla sostituzione e sul sostituto). Segnaliamo che anche i padri lavoratori a progetto possono beneficiare dei finanziamenti. Per una trattazione più approfondita dell argomento, si rimanda al Capitolo 4. 57

12 58

Interruzione della gravidanza L interruzione della gravidanza, spontanea o volontaria, verificatasi durante i primi 90 giorni di gravidanza e per

Interruzione della gravidanza L interruzione della gravidanza, spontanea o volontaria, verificatasi durante i primi 90 giorni di gravidanza e per Congedo di maternità Estensione del divieto, interruzione della gravidanza, flessibilità del congedo di maternità, documentazione, trattamento economico e normativo, mobilità, prolungamento del diritto

Dettagli

LAVORATORI PARASUBORDINATI

LAVORATORI PARASUBORDINATI LAVORATORI PARASUBORDINATI 1.1 INDENNITÀ UNA TANTUM A FINE CONTRATTO Anche per il 2013 è stata prevista una indennità una tantum. Per quanti termineranno il contratto nel 2013, i requisiti per l accesso

Dettagli

Progetto Labor - Linea 4 Emersì Sicurezza nei luoghi di lavoro ed Emersione del lavoro irregolare

Progetto Labor - Linea 4 Emersì Sicurezza nei luoghi di lavoro ed Emersione del lavoro irregolare Progetto Labor - Linea 4 Emersì Sicurezza nei luoghi di lavoro ed Emersione del lavoro irregolare Prevenzione e promozione della sicurezza Tutela della maternità e della paternità 1 LA TUTELA DELLA MATERNITA

Dettagli

LE GUIDE DELLA FABI Maternità e congedi parentali

LE GUIDE DELLA FABI Maternità e congedi parentali LE GUIDE DELLA FABI Maternità e congedi parentali 1 1. LA GRAVIDANZA 1.1. QUANDO COMUNICARE IL PROPRIO STATO La legge non stabilisce alcun obbligo di comunicare il proprio stato prima degli ultimi due

Dettagli

ESSERE MAMMA E PAPÀ: QUALI DIRITTI, SERVIZI E AIUTI DAL TERRITORIO

ESSERE MAMMA E PAPÀ: QUALI DIRITTI, SERVIZI E AIUTI DAL TERRITORIO ESSERE MAMMA E PAPÀ: QUALI DIRITTI, SERVIZI E AIUTI DAL TERRITORIO BARBARA BUSI Consigliera di Parità della provincia di Bologna 13 Aprile 2010 Pieve di Cento Sala Dafni Carletti LAVORO E VITA FAMILIARE

Dettagli

TUTELA E SOSTEGNO DELLA MATERNITA E DELLA PATERNITA

TUTELA E SOSTEGNO DELLA MATERNITA E DELLA PATERNITA Settore Risorse umane, salute e sicurezza TUTELA E SOSTEGNO DELLA MATERNITA E DELLA PATERNITA Riferimenti normativi: Legge 53/2000; D.Lgs. 151/2001 Ccnl 14.9.2000 Dpr 1026/76 - D.Lgs. 119/11 D.Lgs. 5/2012

Dettagli

REGOLAMENTO E.N.P.A.M. A TUTELA DELLA GENITORIALITA. Capo I Disposizioni generali. Art. 1 Ambito di applicazione. Capo II Eventi tutelati

REGOLAMENTO E.N.P.A.M. A TUTELA DELLA GENITORIALITA. Capo I Disposizioni generali. Art. 1 Ambito di applicazione. Capo II Eventi tutelati AREA DELLA PREVIDENZA REGOLAMENTO E.N.P.A.M. A TUTELA DELLA GENITORIALITA Capo I Disposizioni generali Art. 1 Ambito di applicazione 1. Il presente Regolamento reca disposizioni a tutela della maternità

Dettagli

Sebben che siamo. (Dis)Occupazione e maternità

Sebben che siamo. (Dis)Occupazione e maternità Sebben che siamo mamme (Dis)Occupazione e maternità ISCRITTI INPGI PER FASCE DI ETA' E PER SESSO - AL 31/12/2012 Classe Età Sesso Iscritti Gestione Sostitutiva dell'ago Iscritti Gestione Separata Iscritti

Dettagli

Il 20% delle richieste di astensione facoltativa dal lavoro presentate dai padri italiani è stata registrata a Roma.

Il 20% delle richieste di astensione facoltativa dal lavoro presentate dai padri italiani è stata registrata a Roma. La Maternità La legge tutela la donna durante la maternità e garantisce il diritto del bambino a un'adeguata assistenza da parte dei genitori. I dati INPS evidenziano anche un crescente coinvolgimento

Dettagli

Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito. Direzione Centrale delle Entrate Contributive

Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito. Direzione Centrale delle Entrate Contributive Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale delle Entrate Contributive Progetto per la Gestione, lo Sviluppo e il Coordinamento dell Area Agricola Direzione Centrale Sistemi

Dettagli

ALESSIO BERTAGNIN & ASSOCIATI s.a.s. Società tra Professionisti

ALESSIO BERTAGNIN & ASSOCIATI s.a.s. Società tra Professionisti Padova, 13 luglio 2015 Circolare n 12/2015 Alla Spett.le Clientela IMPORTANTE!!! Oggetto: Jobs Act pubblicato il decreto per la conciliazione dei tempi di cura, di vita e di lavoro È entrato in vigore

Dettagli

L'indennità di maternità

L'indennità di maternità Home Page Torna alle Informazioni Torna ai Servizi Torna Indietro Torna indietro Voi siete qui: Home > Informazioni > I contributi > Contributi fig.. L'indennità di maternità E' un'indennità sostitutiva

Dettagli

Le prestazioni per gli iscritti alla gestione separata dei lavoratori parasubordinati

Le prestazioni per gli iscritti alla gestione separata dei lavoratori parasubordinati Le prestazioni per gli iscritti alla gestione separata dei lavoratori parasubordinati Pensione di vecchiaia Con almeno 57 anni, sia uomini che donne possono conseguire la pensione di vecchiaia. Si prescinde

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 151 del 26 MARZO 2001

DECRETO LEGISLATIVO 151 del 26 MARZO 2001 «COMPLESSI EQUILIBRI» La Conciliazione famiglie e lavoro in tutte le sue declinazioni Alleanza territoriale Sud-Est Asl MILANO 2 I CONGEDI PARENTALI E LE MISURE DI SOSTEGNO AL LAVORO E ALLA MATERNITÀ SABINA

Dettagli

MATERNITÀ permessi, congedi, riposi e malattia del bambino

MATERNITÀ permessi, congedi, riposi e malattia del bambino MATERNITÀ permessi, congedi, riposi e malattia del bambino Il comma 14 dell art. 19 Ccnl 2003 finalmente sancisce quello che sosteniamo da tempo: al personale con contratto a tempo determinato si applica

Dettagli

Per l'anno 2007 l importo minimo lordo è 4.308,20 lordi, mentre quello massimo è di 21.541,00 euro

Per l'anno 2007 l importo minimo lordo è 4.308,20 lordi, mentre quello massimo è di 21.541,00 euro E.N.P.A.M. Indennita di maternita, adozione, affidamento e aborto per le iscritte agli albi dei medici chirughi e odontoiatri, libere professioniste o convenzionate La base del calcolo per l indennità

Dettagli

Misure per la conciliazione delle esigenze di cura, di vita e di lavoro, in attuazione. dicembre 2014, n. 183

Misure per la conciliazione delle esigenze di cura, di vita e di lavoro, in attuazione. dicembre 2014, n. 183 DECRETO LEGISLATIVO 15 giugno 2015, n. 80 Misure per la conciliazione delle esigenze di cura, di vita e di lavoro, in attuazione dell'articolo 1, commi 8 e 9, della legge 10 dicembre 2014, n. 183 Oggetto

Dettagli

MATERNITA E PATERNITA. Le fonti del diritto: Leggi, circolari e contratto Disposizioni Modulistica

MATERNITA E PATERNITA. Le fonti del diritto: Leggi, circolari e contratto Disposizioni Modulistica MATERNITA E PATERNITA Le fonti del diritto: Leggi, circolari e contratto Disposizioni Modulistica LEGGI e CIRCOLARI D.lgs. 151/2001 http://www.slp-cisl.it/elementi/testo%20unico%20maternità%20e%20paternità.pdf

Dettagli

400 TUTELA DELLA MATERNITA E DELLA PATERNITA

400 TUTELA DELLA MATERNITA E DELLA PATERNITA 400 TUTELA DELLA MATERNITA E DELLA PATERNITA Le norme in materia sono contenute nel d. lgs. 151/2001 e, per ciò che riguarda le disposizioni relative ai minori in adozione o affidamento, sono state introdotte

Dettagli

MATERNITÀ E CONGEDI. A cura di Monica Lattanzi (Coordinatrice Uffici Vertenze CISL USR Emilia Romagna)

MATERNITÀ E CONGEDI. A cura di Monica Lattanzi (Coordinatrice Uffici Vertenze CISL USR Emilia Romagna) MATERNITÀ E CONGEDI A cura di Monica Lattanzi (Coordinatrice Uffici Vertenze CISL USR Emilia Romagna) Astensione Obbligatoria o Congedo di Maternità La tutela accordata dalla legge alle lavoratrici madri

Dettagli

I DIRITTI A TUTELA DELLA GENITORIALITÀ

I DIRITTI A TUTELA DELLA GENITORIALITÀ I DIRITTI A TUTELA DELLA GENITORIALITÀ A cosa hanno diritto i lavoratori e le lavoratrici che diventano genitori 1 A chi è rivolta la brochure? Destinatari La presente brochure sui diritti a tutela della

Dettagli

Indice... 1 Introduzione... 3 Per le mamme... 4

Indice... 1 Introduzione... 3 Per le mamme... 4 Indice Indice... 1 Introduzione... 3 Per le mamme... 4 Congedo di maternita... 4 Anticipazione del congedo di maternità... 4 Prolungamento del congedo di maternità... 5 Flessibilità del congedo di maternità...

Dettagli

2. Principi per il calcolo della contribuzione figurativa. 3. Modalità di calcolo.

2. Principi per il calcolo della contribuzione figurativa. 3. Modalità di calcolo. Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma,

Dettagli

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice MATERNITA E CONGEDI PARENTALI Indice Interdizione.pag. 2 Interruzione della gravidanza.pag. 3 Astensione obbligatoria..pag. 4 Astensione obbligatoria della madre....pag. 4 Astensione obbligatoria del padre....pag.

Dettagli

Congedo Parentale. Co.co.co.

Congedo Parentale. Co.co.co. Congedo Parentale Co.co.co. 1 A chi spetta? Alle madri e padri biologici, adottivi o affidatari purchè non inscritti ad altre forme di assicurazione obbligatoria. 2 Requisito Lavorativo Il congedo parentale

Dettagli

A - INDENNITÀ PER ASTENSIONE OBBLIGATORIA

A - INDENNITÀ PER ASTENSIONE OBBLIGATORIA L'INDENNITÀ DI MATERNITÀ CHE COS E E' un'indennità sostitutiva della retribuzione che viene pagata alle lavoratrici assenti dal servizio per gravidanza e puerperio. A CHI SPETTA A - INDENNITÀ PER ASTENSIONE

Dettagli

PREVIDENZA LEGGE REGIONALE 18 FEBBRAIO 2005, N. 1. Pacchetto famiglia e previdenza sociale 1. Capo I. Previdenza e assicurazioni sociali

PREVIDENZA LEGGE REGIONALE 18 FEBBRAIO 2005, N. 1. Pacchetto famiglia e previdenza sociale 1. Capo I. Previdenza e assicurazioni sociali PREVIDENZA LEGGE REGIONALE 18 FEBBRAIO 2005, N. 1 Pacchetto famiglia e previdenza sociale 1 Capo I Previdenza e assicurazioni sociali Art. 1. Copertura previdenziale dei periodi di assistenza ai figli

Dettagli

Maternità e Paternità nel LAVORO DIPENDENTE

Maternità e Paternità nel LAVORO DIPENDENTE 1. Maternità e Paternità nel LAVORO DIPENDENTE 1.1 Normativa e beneficiari La normativa: Il D.lgs 26 marzo 2001, n. 151, Testo unico delle disposizioni legislative in materia di tutela e di sostegno della

Dettagli

1. Congedo di maternità in caso di adozione e affidamento. 2. Congedo di paternità in caso di adozione e affidamento

1. Congedo di maternità in caso di adozione e affidamento. 2. Congedo di paternità in caso di adozione e affidamento Seite 1 von 8 Prassi delle Leggi d'italia I.N.P.S. (Istituto nazionale della previdenza sociale) Circ. 4-2-2008 n. 16 Art. 2, commi 452-456, della legge 24 dicembre 2007, n. 244 (Finanziaria 2008). Congedo

Dettagli

I permessi per i genitori

I permessi per i genitori I permessi per i genitori Questa materia in questione é regolata dalla legge e dal contratto nazionale. Le normative che riassumiamo si applicano ai lavoratori metalmeccanici dell'industria e dell'artigianato

Dettagli

Titolo XXIV Gravidanza e Puerperio

Titolo XXIV Gravidanza e Puerperio Titolo XXIV Gravidanza e Puerperio Le parti, visto la Legge n 53 dell 8 Marzo 2000, concernente i Congedi Parentali, hanno convenuto sull opportunità di aggiornare la disciplina contrattuale di tale Istituto

Dettagli

IL D.LGS. N 80 DEL 15 GIUGNO 2015: LA CONCILIAZIONE DELLE ESIGENZE DI CURA, DI VITA E DI LAVORO.

IL D.LGS. N 80 DEL 15 GIUGNO 2015: LA CONCILIAZIONE DELLE ESIGENZE DI CURA, DI VITA E DI LAVORO. . Prot. n 2110/22 Circolare N 11/AGOSTO 2015 AGOSTO 2015 A tutti i colleghi (*) IL D.LGS. N 80 DEL 15 GIUGNO 2015: LA CONCILIAZIONE DELLE ESIGENZE DI CURA, DI VITA E DI LAVORO. È stato pubblicato sulla

Dettagli

REGOLAMENTO. per la corresponsione dell indennità di maternità. Articolo 1 Indennità di maternità

REGOLAMENTO. per la corresponsione dell indennità di maternità. Articolo 1 Indennità di maternità REGOLAMENTO per la corresponsione dell indennità di maternità Articolo 1 Indennità di maternità Agli iscritti di sesso femminile compete l indennità di maternità nella misura e nel rispetto dei termini

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 1,

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 1, SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 1, COMMI 8 E 9 DELLA LEGGE 10 DICEMBRE 2014, N.183, RECANTE DELEGHE AL GOVERNO IN MATERIA DI RIFORMA DEGLI AMMORTIZZATORI SOCIALI, DEI SERVIZI

Dettagli

IL CONTRATTO DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

IL CONTRATTO DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA IL CONTRATTO DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA (ANCHE NELLA MODALITA A PROGETTO) Concetto di parasubordinazione: perché sia configurabile un rapporto di parasubordinazione ai sensi dell articolo

Dettagli

LA MATERNITÀ. Cover Mater.qxd 26-05-2006 10:36 Pagina 2. Le Guide Inps

LA MATERNITÀ. Cover Mater.qxd 26-05-2006 10:36 Pagina 2. Le Guide Inps Cover Mater.qxd 26-05-2006 10:36 Pagina 2 LA MATERNITÀ Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Clara Pia Claudiani Elena Fenzi Daniela Cerrocchi Progetto grafico Peliti

Dettagli

Genitori adottivi o affidatari

Genitori adottivi o affidatari Genitori adottivi o affidatari Congedo di maternità Il congedo di maternità spetta, per un periodo massimo di cinque mesi, anche alle lavoratrici che abbiano adottato un minore. In caso di adozione nazionale,

Dettagli

3. Maternità e Paternità in

3. Maternità e Paternità in 3. Maternità e Paternità in CONDIZIONE NON PROFESSIONALE o CON RIDOTTI TRATTAMENTI ECONOMICI La legge prevede forme di tutela anche per le madri che non lavorano al momento del parto (o dell ingresso in

Dettagli

Guida alla maternità Per il personale dipendente da imprese di assicurazione

Guida alla maternità Per il personale dipendente da imprese di assicurazione Federazione Nazionale Assicuratori Guida alla maternità Per il personale dipendente da imprese di assicurazione A CURA DELLA COMMISSIONE FEMMINILE...hanno collaborato: Carla Prassoli Rita Mazzarella Armando

Dettagli

Modifica delle norme di tutela della maternità. Flessibilità del l congedo di maternità

Modifica delle norme di tutela della maternità. Flessibilità del l congedo di maternità Modifica delle norme di tutela della maternità È stato pubblicato sulla G.U. n. 144 del 26 giugno 2015 Supplemento ordinario n. 34, il Decreto Legislativo 15 giugno 2015, n. 80 "Misure per la conciliazione

Dettagli

In caso di parto prematuro, è possibile recuperare dopo la nascita il periodo non fruito.

In caso di parto prematuro, è possibile recuperare dopo la nascita il periodo non fruito. CONGEDO DI MATERNITÀ/CONGEDO DI PATERNITÀ Contratto intercompartimentale 2001-2004 Alto Adige Congedo di maternità: astensione obbligatoria dal lavoro della madre lavoratrice. Congedo di paternità: astensione

Dettagli

80122 Napoli Viale A. Gramsci, 15 Tel. 081/2461068 - Fax 081/2404414 Email info@cafassoefigli.it

80122 Napoli Viale A. Gramsci, 15 Tel. 081/2461068 - Fax 081/2404414 Email info@cafassoefigli.it Centro Studi Cafasso 80122 Napoli Viale A. Gramsci, 15 Tel. 081/2461068 - Fax 081/2404414 Email info@cafassoefigli.it Circolare informativa n 1/2006 Napoli, 7 aprile 2006 A tutte le Aziende assistite Loro

Dettagli

La maternità, l adozione, l affidamento e l aborto:

La maternità, l adozione, l affidamento e l aborto: La maternità, l adozione, l affidamento e l aborto: tutela del medico chirurgo ed odontoiatra donna ENPAM INPS- EX-INPDAP L attività lavorativa dei medici e degli odontoiatri dà luogo a rapporti giuridici

Dettagli

Diventerò genitore. Istruzioni per l uso

Diventerò genitore. Istruzioni per l uso Diventerò genitore Istruzioni per l uso 1 Diventare genitore Tutela della salute della donna e del bambino è un grande evento, e ti esprimiamo tutte le nostre più vive congratulazioni. La tutela riconosciuta

Dettagli

CONGEDI PARENTALI UNA GUIDA A TUTTE LE AGEVOLAZIONI DELLA NUOVA LEGGE

CONGEDI PARENTALI UNA GUIDA A TUTTE LE AGEVOLAZIONI DELLA NUOVA LEGGE CONGEDI PARENTALI UNA GUIDA A TUTTE LE AGEVOLAZIONI DELLA NUOVA LEGGE * QUALI SONO I NUOVI DIRITTI E LE NUOVE OPPORTUNITA PER I NEO-GENITORI? ASPETTATIVA OBBLIGATORIA: - Resta l aspettativa obbligatoria

Dettagli

DOMANDA DI PERMESSI PER L ANNO.

DOMANDA DI PERMESSI PER L ANNO. Mod.Hand 1 (genitori di Minori) ALL ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE Sede di - Area prestazioni a sostegno del reddito - ALL AZIENDA Via n. DOMANDA DI PERMESSI PER L ANNO. (d.gs. 151/2001, art.

Dettagli

Maternità e paternità. Decreto legislativo n. 80 del 15/06/2015

Maternità e paternità. Decreto legislativo n. 80 del 15/06/2015 Decreto legislativo n. 80 del 15/06/2015 aggiornato al 22 luglio 2015 (G.U. n. 144 del 24/06/2015) Misure per la conciliazione delle esigenze di cura, di vita e di lavoro, in attuazione dell art. 1 comma

Dettagli

Come cambia la tutela della maternità e paternità. Barbara Maiani

Come cambia la tutela della maternità e paternità. Barbara Maiani Come cambia la tutela della maternità e paternità Barbara Maiani I principi della legge delega Allo scopo di garantire adeguato sostegno alle alla genitorialità cure parentali, attraverso misure volte

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE DEL PERSONALE Servizio Ordinamento e Contenzioso Divisione 1^ C I R C O L A R E

DIREZIONE CENTRALE DEL PERSONALE Servizio Ordinamento e Contenzioso Divisione 1^ C I R C O L A R E DIREZIONE CENTRALE DEL PERSONALE Servizio Ordinamento e Contenzioso Divisione 1^ N. 333-A/9807.F.6.2 Roma, 6.8.2001 C I R C O L A R E OGGETTO: Legge 8 marzo 2000, n. 53 recante Disposizioni per il sostegno

Dettagli

GUIDA RAPIDA DELLE NORME DI TUTELA DELLA MATERNITA E PATERNITA DEI MEDICI. MADRE e PADRE LAVORATORI DIPENDENTI

GUIDA RAPIDA DELLE NORME DI TUTELA DELLA MATERNITA E PATERNITA DEI MEDICI. MADRE e PADRE LAVORATORI DIPENDENTI GUIDA RAPIDA DELLE NORME DI TUTELA DELLA MATERNITA E PATERNITA DEI MEDICI 2007 Si riporta una breve traccia sui diritti della donna lavoratrice in caso di gravidanza e maternità (e dei conseguenti diritti

Dettagli

CAP COMUNE PROV. M/F DATA DI NASCITA COMUNE O STATO ESTERO DI NASCITA PROV. CODICE FISCALE. DAL DITTA Matricola Aziendale

CAP COMUNE PROV. M/F DATA DI NASCITA COMUNE O STATO ESTERO DI NASCITA PROV. CODICE FISCALE. DAL DITTA Matricola Aziendale DOMANDA DI CONGEDO PARENTALE LAVORATRICI / LAVORATORI DIPENDENTI (D. Lgs. 151/2001 T.U. Maternità/Paternità) (da presentare all INPS e al datore di lavoro prima dell inizio del congedo) ALL ISTITUTO NAZIONALE

Dettagli

CONTRATTO DI APPRENDISTATO CONTRATTO DI INSERIMENTO CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

CONTRATTO DI APPRENDISTATO CONTRATTO DI INSERIMENTO CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO CONTRATTO DI APPRENDISTATO CONTRATTO DI INSERIMENTO CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO NOTA: In linea di principio sono applicabili integralmente le norme del Testo Unico (D.Legs. 151/2001) su maternità e paternità

Dettagli

Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Posizione Assicurativa

Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Posizione Assicurativa Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Posizione Assicurativa Roma, 17/07/2015 Circolare n. 139 Ai Dirigenti centrali

Dettagli

DIRITTI ED OPPORTUNITà PER I GENITORI CHE LAVORANO

DIRITTI ED OPPORTUNITà PER I GENITORI CHE LAVORANO DIRITTI ED OPPORTUNITà PER I GENITORI CHE LAVORANO DIRITTI ED OPPORTUNITà PER I GENITORI CHE LAVORANO 1 premessa La tutela della lavoratrice madre è un principio fondamentale sancito dall articolo 37 della

Dettagli

INCARICHI DI LAVORO AUTONOMO A PERSONALE ESTERNO ALL ATENEO. a cura dell'ufficio Attività e Collaborazioni Esterne 1

INCARICHI DI LAVORO AUTONOMO A PERSONALE ESTERNO ALL ATENEO. a cura dell'ufficio Attività e Collaborazioni Esterne 1 INCARICHI DI LAVORO AUTONOMO A PERSONALE ESTERNO ALL ATENEO Collaborazioni Esterne 1 PROCEDURA DI ACCESSO L Università degli Studi di Milano- Bicocca, a seguito di procedura pubblica di selezione, può

Dettagli

DOVE NASCE IL PROBLEMA ENTI E CASSE PREVIDENZIALI

DOVE NASCE IL PROBLEMA ENTI E CASSE PREVIDENZIALI DOVE NASCE IL PROBLEMA ENTI E CASSE PREVIDENZIALI SETTORE PUBBLICO Fondo dipendenti enti statali (ex INPDAP) Fondo dipendenti enti locali e Asl (ex IINPDAP) SETTORE PRIVATO Fondo lavoratori dipendenti

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI PER I LAVORATORI DIPENDENTI COSA SONO I versamenti volontari hanno lo scopo di consentire ai lavoratori che hanno cessato l'attività di aumentare il numero

Dettagli

L INDENNITÀ DI DISOCCUPAZIONE AGRICOLA

L INDENNITÀ DI DISOCCUPAZIONE AGRICOLA L INDENNITÀ DI DISOCCUPAZIONE AGRICOLA Aprile 2012 1 L INDENNITÀ DI DISOCCUPAZIONE AGRICOLA viene riconosciuta agli operai che lavorano in agricoltura iscritti negli elenchi nominativi dei lavoratori agricoli

Dettagli

XVI LEGISLATURA CAMERA DEI DEPUTATI. dell Italia riguardo i tassi di occupazione femminile, rispetto agli altri Paesi occidentali: a tutt oggi

XVI LEGISLATURA CAMERA DEI DEPUTATI. dell Italia riguardo i tassi di occupazione femminile, rispetto agli altri Paesi occidentali: a tutt oggi XVI LEGISLATURA CAMERA DEI DEPUTATI Onorevoli colleghi! La presente proposta di legge muove da due considerazioni. La prima attiene allo storico ritardo dell Italia riguardo i tassi di occupazione femminile,

Dettagli

Mamma & Papà al lavoro. Opportunità e diritti per un equilibrio tra tempo di lavoro e di cura dei figli

Mamma & Papà al lavoro. Opportunità e diritti per un equilibrio tra tempo di lavoro e di cura dei figli Mamma & Papà al lavoro Opportunità e diritti per un equilibrio tra tempo di lavoro e di cura dei figli Congedi per lavoratrici/lavoratori dipendenti Certificato di gravidanza Il certificato di gravidanza,

Dettagli

Conciliazione tempi di vita e lavoro Nuove tutele per la maternità

Conciliazione tempi di vita e lavoro Nuove tutele per la maternità Conciliazione tempi di vita e lavoro Nuove tutele per la maternità Slides aggiornate al 4 marzo 2015 Schema di Decreto Legislativo approvato dal Consiglio dei Ministri del 20.2.2015 e attualmente in attesa

Dettagli

SEMINARIO. Partite IVA, lavoratori a progetto e aspetti previdenziali 15 NOVEMBRE 2012

SEMINARIO. Partite IVA, lavoratori a progetto e aspetti previdenziali 15 NOVEMBRE 2012 SEMINARIO I LAVORATORI ATIPICI NELLE PROFESSIONI Partite IVA, lavoratori a progetto e aspetti previdenziali 15 NOVEMBRE 2012 Dr. Gianbattista Guzzetti (Unione Confcommercio Imprese per l Italia-Milano-Lodi-Monza

Dettagli

Circolare N.61 del 9 Aprile 2013

Circolare N.61 del 9 Aprile 2013 Circolare N.61 del 9 Aprile 2013 Rientro al lavoro delle madri lavoratrici. I chiarimenti dell INPS sull erogazione del voucher Gentile cliente con la presente intendiamo informarla è stato pubblicato

Dettagli

N.B. Il pagamento delle indennità di disoccupazione cessa quando il lavoratore:

N.B. Il pagamento delle indennità di disoccupazione cessa quando il lavoratore: Disoccupazione Una quota dei contributi versati serve per assicurarsi contro la disoccupazione, causata dall estinzione di un rapporto di lavoro per cause non attribuibili alla volontà del lavoratore stesso.

Dettagli

Il congedo di maternità. Premessa

Il congedo di maternità. Premessa Collana: Le Guide Inps Direttore: Annalisa Guidotti Capo Redattore: Iride Di Palma Testi: Daniela Cerrocchi, Clara Pia Claudiani, Elena Fenzi Progetto grafico: Peliti Associati Impaginazione: Valeria Valdiserri

Dettagli

Costo del lavoro. La contribuzione da lavoro autonomo aconfronto Andrea Costa - Dottore commercialista e Revisore legale in Roma.

Costo del lavoro. La contribuzione da lavoro autonomo aconfronto Andrea Costa - Dottore commercialista e Revisore legale in Roma. Costo del lavoro Esempi di calcolo La contribuzione da lavoro autonomo aconfronto Andrea Costa - Dottore commercialista e Revisore legale in Roma Ai sensi dell art. 2222 c.c. è lavoratore autonomo colui

Dettagli

Congedi per adozione e affidamento: l Inps spiega le novità della Finanziaria Paolo Rossi Consulente del lavoro in Roma

Congedi per adozione e affidamento: l Inps spiega le novità della Finanziaria Paolo Rossi Consulente del lavoro in Roma Congedi per adozione e affidamento: l Inps spiega le novità della Finanziaria Paolo Rossi Consulente del lavoro in Roma L art. 2, commi 452 456, della legge 24 dicembre 2007, n. 244(Finanziaria 2008),

Dettagli

A cura di Maria Dominique Feola Ultimo aggiornamento 14 aprile 2008

A cura di Maria Dominique Feola Ultimo aggiornamento 14 aprile 2008 I genitori che lavorano hanno diritto ad una serie di benefici atti a salvaguardare la loro salute a consentire loro di conciliare le esigenze lavorative con la cura dei figli ad impedire che, sul luogo

Dettagli

PRESTAZIONI ASSISTENZIALI

PRESTAZIONI ASSISTENZIALI GESTIONE SEPARATA ENPAPI RISPOSTE AI DUBBI PIÙ FREQUENTI PRESTAZIONI ASSISTENZIALI SOMMARIO PRESTAZIONI ASSISTENZIALI - ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE... 2 PRESTAZIONI ASSISTENZIALI - INDENNITÀ DI MATERNITÀ

Dettagli

INPGI GESTIONE SEPARATA LAVORO AUTONOMO

INPGI GESTIONE SEPARATA LAVORO AUTONOMO INPGI GESTIONE SEPARATA LAVORO AUTONOMO 1 PRINCIPALI FONTI NORMATIVE E REGOLAMENTARI Legge 335/1995, art. 2, comma 25; Dlgs 103/96; Legge 247/07, art 1, comma 80 (norme di attuazione del Protocollo welfare

Dettagli

REGOLAMENTO DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA GESTIONE SEPARATA ENPAPI

REGOLAMENTO DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA GESTIONE SEPARATA ENPAPI Approvato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali di concerto con il Ministero dell Economia e delle Finanze in data 29 marzo 2013 REGOLAMENTO DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA GESTIONE SEPARATA

Dettagli

1. In caso di adozione di minore, il congedo di maternità di cui al Capo III

1. In caso di adozione di minore, il congedo di maternità di cui al Capo III Direzione centrale Prestazioni a sostegno del reddito Direzione centrale delle Entrate contributive Direzione centrale delle Prestazioni Coordinamento generale Legale Direzione centrale Sistemi informativi

Dettagli

1) T. U. sulla maternità e paternità: permessi ex lege 104/92 e congedo straordinario per figli handicappati.

1) T. U. sulla maternità e paternità: permessi ex lege 104/92 e congedo straordinario per figli handicappati. DIREZIONE CENTRALE DELLE PRESTAZIONI A SOSTEGNO DEL REDDITO Roma, 10 luglio 2001 Circolare n. 138 Allegati 2 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali

Dettagli

INSIEME PER I PROPRI FIGLI. Vademecum sul testo unico (D.Lgs. 151/2001) sulla maternità e sulla paternità

INSIEME PER I PROPRI FIGLI. Vademecum sul testo unico (D.Lgs. 151/2001) sulla maternità e sulla paternità INSIEME PER I PROPRI FIGLI Vademecum sul testo unico (D.Lgs. 151/2001) sulla maternità e sulla paternità 1 Dipartimento Pari Opportunità Testi: Flavia Castiglioni Illustrazioni: Andrea Sorice Impaginazione:

Dettagli

Maternità e congedi. Congedo del padre lavoratore dipendente obbligatorio e facoltativo (art. 1 D.M. 22 dicembre 2012); Circolare Inps n.

Maternità e congedi. Congedo del padre lavoratore dipendente obbligatorio e facoltativo (art. 1 D.M. 22 dicembre 2012); Circolare Inps n. Maternità e congedi L art.4, commi 24, 25 e 26 della legge 28 giugno 2012, n.92, introduce in via sperimentale, per gli anni 2013-2015, due istituti sostegno della genitorialità. 2 Maternità e congedi

Dettagli

Roma, 16/12/2014 Circolare n. 169

Roma, 16/12/2014 Circolare n. 169 Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Ufficio centrale per l'applicazione del sistema di

Dettagli

CONGEDO PARENTALE 2015

CONGEDO PARENTALE 2015 CONGEDO PARENTALE 2015 Si riportano di seguito le modifiche, tardive e parziali, apportate a tale istituto dal Jobs act con validità limitata al periodo dal 25 giugno al 31 dicembre 2015 Art. 32 decreto

Dettagli

Introduzione PAG. 3. Permessi per esami prenatali PAG. 5. Astensione anticipata dal lavoro PAG. 6. Congedo di maternità PAG. 7

Introduzione PAG. 3. Permessi per esami prenatali PAG. 5. Astensione anticipata dal lavoro PAG. 6. Congedo di maternità PAG. 7 SOMMARIO Introduzione PAG. 3 DIRITTI DELLA MAMMA QUANDO E IN ATTESA Permessi per esami prenatali PAG. 5 Astensione anticipata dal lavoro PAG. 6 Congedo di maternità PAG. 7 DIRITTI DEI GENITORI FINO AL

Dettagli

Guida per le future mamme ed i futuri papà dipendenti della ASL 4 Chiavarese

Guida per le future mamme ed i futuri papà dipendenti della ASL 4 Chiavarese REGIONE LIGURIA Azienda Sanitaria Locale 4 Guida per le future mamme ed i futuri papà dipendenti della ASL 4 Chiavarese Indice Premessa pag. 3 Parte Prima: i diritti dei genitori 1. Permessi per controlli

Dettagli

Indice. Congedo di maternità. Indennità di maternità

Indice. Congedo di maternità. Indennità di maternità Indice Congedo di maternità Rinvio e sospensione del congedo di maternità in caso di ricovero del neonato Esercizio del diritto Il congedo di maternità in caso di adozioni o affidamenti Adozione nazionale

Dettagli

IL CONGEDO OBBLIGATORIO E FACOLTATIVO DEL PADRE LAVORATORE DIPENDENTE

IL CONGEDO OBBLIGATORIO E FACOLTATIVO DEL PADRE LAVORATORE DIPENDENTE IL CONGEDO OBBLIGATORIO E FACOLTATIVO DEL PADRE LAVORATORE DIPENDENTE Circolare dell INPS L'INPS, con la circolare n. 40 dello scorso 14 marzo (vedi in allegato il testo integrale), fornisce chiarimenti

Dettagli

Circolare N. 169 del 19 Dicembre 2014

Circolare N. 169 del 19 Dicembre 2014 Circolare N. 169 del 19 Dicembre 2014 Servizi per l infanzia - aperte le iscrizioni per il biennio 2014-2015 e precisate le modalità per accedere al bonus Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla

Dettagli

Benefici di legge in caso di patologie invalidanti. Permessi, congedi e assegni per l assistenza del bambino onco-ematologico

Benefici di legge in caso di patologie invalidanti. Permessi, congedi e assegni per l assistenza del bambino onco-ematologico Benefici di legge in caso di patologie invalidanti. Permessi, congedi e assegni per l assistenza del bambino onco-ematologico di Silvia Maria Cinquemani A) A FAVORE DEI BAMBINI 1.RICONOSCIMENTO DI INVALIDITÀ

Dettagli

a) durante i due mesi precedenti la data presunta del parto, salvo quanto previsto all'articolo 20;

a) durante i due mesi precedenti la data presunta del parto, salvo quanto previsto all'articolo 20; Decreto Legislativo 26 marzo 2001, n. 151 "Testo unico delle disposizioni legislative in materia di tutela e sostegno della maternità e della paternità, a norma dell'articolo 15 della legge 8 marzo 2000,

Dettagli

Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito

Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Roma, 17 Gennaio 2003 Circolare n. 8 Allegati 1 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e

Dettagli

CONTRIBUTI FIGURATIVI

CONTRIBUTI FIGURATIVI I CONTRIBUTI COSA SONO: I contributi determinano il diritto e l'importo della pensione. SI SUDDIVIDONO IN: - mensili - settimanali - giornalieri Un anno, composto di 12 mesi, comporterà 12 contributi mensili

Dettagli

ASTENSIONE OBBLIGATORIA

ASTENSIONE OBBLIGATORIA ASTENSIONE OBBLIGATORIA - ASTENSIONE FACOLTATIVA - ASSENZA PER MALATTIA DEL BAMBINO ASTENSIONE OBBLIGATORIA QUADRO RIEPILOGATIVO DESCRIZIONE NORMA GENERALE RETRIBUZIONE NOTE Durata dell astensione prima

Dettagli

Congedo parentale. Definizione

Congedo parentale. Definizione Congedo parentale Definizione Oltre al congedo di maternità obbligatorio, la legge riconosce alla madre lavoratrice e al padre lavoratore il diritto al congedo parentale (ex astensione facoltativa, art.

Dettagli

- I PRIMI SETTE MESI 6 - PRIMA DEL PARTO 12 - DOPO IL PARTO 16 - FINO AL 1 COMPLEANNO 19 - CONGEDO PARENTALE 23

- I PRIMI SETTE MESI 6 - PRIMA DEL PARTO 12 - DOPO IL PARTO 16 - FINO AL 1 COMPLEANNO 19 - CONGEDO PARENTALE 23 Indice Premessa pag. 3 In attesa di un bambino - I PRIMI SETTE MESI 6 - PRIMA DEL PARTO 12 E nato un bambino - DOPO IL PARTO 16 - FINO AL 1 COMPLEANNO 19 - CONGEDO PARENTALE 23 Arriva un bambino: adozione

Dettagli

Mamme lavoratrici, le istruzioni per ottenere il contributo di 600 euro

Mamme lavoratrici, le istruzioni per ottenere il contributo di 600 euro Inps: Mamme lavoratrici, le istruzioni per ottenere il contributo di 600 euro Dopo il decreto arrivano le istruzioni. A chi spetta, a chi non spetta, le modalità di utilizzo, la domanda e tutto quello

Dettagli

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici N. 5 13.01.2015 Bonus bebè 2015 e dichiarazione ISEE: chiarimenti sulla domanda La domanda di ammissione al bonus bebè 2015 può

Dettagli

NOVITA PREVIDENZIALI 2011

NOVITA PREVIDENZIALI 2011 Il sistema pensionistico attuale e le novità del 2011 Roberto Perazzoli 1 CALCOLO PENSIONE - DEFINIZIONI SISTEMA RETRIBUTIVO: è applicato a coloro che alla data del 31.12.1995 avevano un anzianità contributiva

Dettagli

Indennità di disoccupazione Mini-ASpI

Indennità di disoccupazione Mini-ASpI Indennità di disoccupazione Mini-ASpI COSA E E una prestazione economica istituita dal 1 gennaio 2013 e che sostituisce l indennità di disoccupazione ordinaria non agricola con requisiti ridotti. E una

Dettagli

M A V FONDO INTEGRAZIONE MALATTIA E ASSISTENZE VARIE. Le Prestazioni

M A V FONDO INTEGRAZIONE MALATTIA E ASSISTENZE VARIE. Le Prestazioni F M A V FONDO INTEGRAZIONE MALATTIA E ASSISTENZE VARIE Le Prestazioni R e g o l a m e n t o operante dal 01 gennaio 2014 INDICE: AVENTI DIRITTO Pag. 4 INTEGRAZIONE DELLE PRESTAZIONI E MISURA DELLE INDENNITA

Dettagli

ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI

ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI C O M U N E PROVINCIA D I S E N N O R I DI SASSARI ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI ASSEGNO DI MATERNITA' ANNO 2012 L assegno è stato istituito dall art.66 della legge n.448/98 con effetto dal 01.01.1999

Dettagli

5. Prestazioni di natura previdenziale

5. Prestazioni di natura previdenziale 5. Prestazioni di natura previdenziale Premessa Il tema della riforma delle pensioni in questi ultimi anni, è stato materia di grande dibattito e di aspri scontri. Ricordiamo ad esempio la riforma Maroni

Dettagli

INDENNITA DIS-COLL. Articolo 15, Decreto legislativo 4 marzo 2015, n. 22

INDENNITA DIS-COLL. Articolo 15, Decreto legislativo 4 marzo 2015, n. 22 INDENNITA DIS-COLL Articolo 15, Decreto legislativo 4 marzo 2015, n. 22 1 DESTINATARI Dal 1 gennaio 2015 è stata istituita, in via sperimentale, in relazione agli eventi di cessazione dal lavoro verificatisi

Dettagli

Perequazione dei trattamenti pensionistici, ex D.L. n. 65/2015 Aggiornamenti in materia di NASpI

Perequazione dei trattamenti pensionistici, ex D.L. n. 65/2015 Aggiornamenti in materia di NASpI Videoconferenza EPASA 8 settembre 2015 Perequazione dei trattamenti pensionistici, ex D.L. n. 65/2015 Aggiornamenti in materia di NASpI Relatori: Antonio Licchetta Carla Innocenzi Chiara Pierannunzi Consulenza

Dettagli

- L ILLUSTRAZIONE DELLE NOVITA

- L ILLUSTRAZIONE DELLE NOVITA LE MODIFICHE NORMATIVE INTRODOTTE DAL DECRETO LEGISLATIVO 15 GIUGNO 2015 N. 80, RECANTE MISURE PER LA CONCILIAZIONE DELLE ESIGENZE DI CURA, DI VITA E DI LAVORO, IN ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 1, COMMI 8 E

Dettagli

VADEMECUM MATERNITA'

VADEMECUM MATERNITA' Testo unico n 151 del 26 Marzo 2001. Brescia, 31 maggio 2013 VADEMECUM MATERNITA' INDICE 1. PRIMA DEL PARTO Esami prenatali Sicurezza e salute sul luogo di lavoro Anticipazione del congedo di maternità

Dettagli