I REGIMI FISCALI PER I PROFESSIONISTI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I REGIMI FISCALI PER I PROFESSIONISTI"

Transcript

1 ORDINE INGEGNERI PROVINCIA DI CATANIA FONDAZIONE ORDINE INGEGNERI PROVINCIA DI CATANIA PROGETTO INGEGNERE SEMINARI DI AVVIO ALLA PROFESSIONE PER GIOVANI INGEGNERI COMMISSIONE GIOVANI I REGIMI FISCALI PER I PROFESSIONISTI Catania - 06 dicembre 2013

2 Il QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO D.P.R. 917/ TUIR Art. 53 Redditi di lavoro autonomo Art. 54 Determinazione del redditi di lavoro autonomo

3 DEFINIZIONE DI LAVORO AUTONOMO l art del codice civile definisce lavoro autonomo il contratto d opera in cui: una persona si obbliga a compiere, verso un corrispettivo, un opera o un servizio con lavoro prevalentemente proprio e senza vincoli di subordinazione nei confronti del committente Art. 53 TUIR Sono redditi di lavoro autonomo quelli che derivano dall esercizio di arti e professioni (esercizio di professione abituale, ancorché non esclusiva, di attività diverse da quelle d impresa)

4 DEFINIZIONE DI PROFESSIONISTI All interno della categoria dei lavoratori autonomi rientrano poi le professioni intellettuali art del c.c. caratterizzate da una preventiva iscrizione in appositi albi tenuti dagli Ordini professionali atti a garantire al committente l esistenza in capo al professionista delle caratteristiche tecnico professionali necessarie allo svolgimento dell attività.

5 L ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO AUTONOMO Il professionista può organizzare la propria attività in differenti forme: - lavoro individuale; - lavoro in forma associata (studio associato); - costituzione di una società (d ingegneria o STP)

6 IL LAVORO INDIVIDUALE II professionista che opera in forma individuale deve fatturare le proprie prestazioni al momento della percezione del compenso (art. 6, comma 3 D.P.R. 633/1972). L addebito dell IVA in fattura e l applicazione della ritenuta d imposta a titolo d acconto può o meno essere presente, in base al regime contabile scelto dal professionista.

7 LE ASSOCIAZIONI TRA PROFESSIONISTI II professionista può optare per l esercizio della professione in forma associata. L associazione tra professionisti è equiparata alla società semplice, per cui i redditi percepiti dalla società (principio di cassa) vengono attribuiti ai soci in proporzione alle quote ed in capo ad essi vengono tassati secondo il regime ordinario (criterio della trasparenza). I compensi percepiti dall associazione sono soggetti alla ritenuta d acconto irpef e le ritenute subite dall associazione vengono attribuite agli associati con possibilità, per quest ultimi, di riassegnare l eventuale eccedenza, rispetto a quanto utilizzato, all associazione stessa. L Irap resta in capo allo studio associato.

8 LE SOCIETA DI INGEGNERIA E anche possibile costituire società di ingegneria: per essere considerate tali, devono sussistere contemporaneamente due presupposti [art. 90 c..2 lett. b) D.Lgs. 12/04/2006 n. 163]: Presupposto soggettivo: costituzione in forma di società di capitali di cui ai capi V (società per azioni), VI (società in accomandita per azioni) e VII (società a responsabilità limitata) del titolo V del libro quinto del codice civile ovvero nella forma di società cooperative di cui al capo I del titolo VI del libro quinto del codice civile. Presupposto oggettivo: avere nell'oggetto sociale attività professionali quali studi di fattibilità, ricerche, consulenze, progettazioni o direzioni dei lavori, valutazione di congruità tecnico economica o studi di impatto ambientale.

9 LE SOCIETA DI INGEGNERIA Nel caso delle società di ingegneria, sulla base delle disposizioni contenute nell'articolo 81 del Tuir, il reddito prodotto rientra nella categoria del reddito d'impresa. (Risoluzione , n. 56/E, l Agenzia) Come tale è tassato secondo il principio della competenza ed assoggettato ad IRES, con un imposta proporzionale del 27,5%. Non è inoltre prevista l applicazione della ritenuta d acconto sulle fatture emesse dalla società.

10 LA SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Con l emanazione del Decreto n. 34 dell 8 febbraio 2013 (Regolamento in materia di società per l'esercizio di attività professionali regolamentate nel sistema ordinistico, ai sensi dell'articolo 10, comma 10, della legge 12 novembre 2011, n. 183) è oggi possibile costituire: a) «società tra professionisti» o «società professionale»: società avente ad oggetto l'esercizio di una o più attività professionali per le quali sia prevista l'iscrizione in appositi albi o elenchi regolamentati nel sistema ordinistico; b) «società multidisciplinare»: la società tra professionisti costituita per l'esercizio di più attività professionali. Ddl Semplificazioni 19/06/ regime fiscale: per cassa tassazione come le associazioni professionali - previdenza: soci professionisti (Cassa) soci non professionisti (Inps gestione IVS o separata)

11 I REGIMI FISCALI DEL LAVORO AUTONOMO I regimi fiscali relativi all attività complessivamente tre: di lavoro autonomo sono - Regime Ordinario - Regime dei Minimi - Regime fiscale di vantaggio per l imprenditoria giovanile ed i lavoratori in mobilità

12 IL REGIME ORDINARIO Nel trattare gli obblighi contabili dei lavoratori autonomi occorre fare riferimento alla normativa fiscale contenuta all art. 19 D.P.R. 600/1973 il quale stabilisce: per le persone fisiche che esercitano arti e professioni e per le società o associazioni tra professionisti l obbligo di annotare le somme percepite in un apposito registro denominato registro incassi e pagamenti. Il nome del suddetto registro prende spunto dalla esigenza di determinare il reddito del professionista in base al c.d. Principio di cassa.

13 DETERMINAZIONE DEL REDDITO DA LAVORO AUTONOMO: IL PRINCIPIO DI CASSA Il reddito da lavoro autonomo è determinato dalla differenza tra: Compensi in denaro o in natura percepiti nel periodo di imposta; Spese inerenti effettivamente sostenute nel periodo d imposta con talune eccezioni e limitazioni I compensi diventano fiscalmente rilevanti al momento della percezione. I costi sono deducibili nell esercizio in cui viene sostenuta la spesa.

14 Esempio: DETERMINAZIONE DEL REDDITO DA LAVORO AUTONOMO: IL PRINCIPIO DI CASSA L Ing. Catania presenta per il 2012 la seguente situazione: compensi professionali incassati acquisto personal computer ( 1.400) ammortamento 20% spese cancelleria cancelleria ed altre spese deducibili inerenti REDDITO PRODOTTO ANNO

15 DETERMINAZIONE DEL REDDITO DA LAVORO AUTONOMO: IL PRINCIPIO DI CASSA I proventi che concorrono alla formazione del reddito da lavoro autonomo sono indicati all art. 54 del T.U.I.R. i più ricorrenti sono: 1. Compensi in denaro o in natura (valore normale), anche sotto forma di partecipazione agli utili, esclusi i contributi previdenziali 2. Corrispettivi percepiti per la cessione della clientela 3. Compensi percepiti nell attività di amministratore (Circ. 105/2001 A.E.) (ove le società amministrate esercitino un attività connessa all attività tipiche della professione abituale)

16 DETERMINAZIONE DEL REDDITO DA LAVORO AUTONOMO: IL PRINCIPIO DI CASSA La rilevanza delle componenti negative del reddito deve essere vagliata in funzione della rispondenza alle seguenti condizioni: - Rispetto del principio di cassa - Inerenza con l attività professionale - Documentazione delle spese e loro registrazione

17 LIMITI ALLA DEDUCIBILITA DELLE SPESE Art. 54 co. 3-bis (Telefonia) Acquisto noleggio impiego e manutenzione di impianti di telefonia fissa e mobile deducibilità all 80% delle quote di ammortamento o leasing e manutenzioni. Art. 54 co. 5 Prestazioni alberghiere e somministrazione di alimenti e bevande in pubblici esercizi Deducibilità del 75% dei costi sostenuti entro il limite del 2% dei compensi. Tali spese diventano integralmente deducibili se sostenute dal committente per conto del professionista e riaddebitate da quest ultimo in fattura. Art. 54 co. 5 Partecipazione a convegni, congressi, corsi di aggiornamento professionale incluse le spese di viaggio e soggiorno deducibilità al 50%.

18 LIMITI ALLA DEDUCIBILITA DELLE SPESE Art. 54 co. 3 Spese relativo all acquisto dei beni mobili adibiti promiscuamente all esercizio della professione ed all uso personale: deducibili al 50%. Art. 54 co. 5 Le spese di rappresentanza sono deducibili nel limite dell 1% dei compensi. Art. 54 co. 6-bis Indeducibili i compensi corrisposti al coniuge, ai figli, ascendenti del professionista per il lavoro prestato.

19 LIMITI ALLE SPESE DEI MEZZI DI TRASPORTO Le spese e gli altri componenti negativi relativi ai mezzi di trasporto a motore sono deducibili dal reddito del professionista: (art. 164 DPR 917/1986) - Limitatamente ad un solo veicolo, per i professionisti che svolgono l attività individualmente; - Limitatamente ad un solo veicolo per ciascun associato per i professionisti che svolgono l attività in forma associata Il costo d acquisto fiscalmente riconosciuto è ammesso in deduzione dal reddito professionale per quote di ammortamento. La quota di costo fiscalmente deducibile è pari al 20% (dal 1 gennaio 2013) del costo di acquisto assunto entro il massimo fiscalmente riconosciuto pari rispettivamente a: ,99 per le autovetture; ,66 per i motocicli; ,83 per i ciclomotori

20 LA TASSAZIONE DEL REDDITO DEL L.A. Il reddito prodotto dal professionista (sia in forma individuale sia in forma associata) viene assoggettato ad IRPEF e tassato secondo in base alle aliquote previste per i diversi scaglioni di reddito (criterio della progressività dell imposizione).

21 L IRAP PER I PROFESSIONISTI L imposta regionale sulle attività produttive (3,90% + 0,92%) presuppone l esercizio abituale di un attività autonomamente organizzata alla produzione e/o scambio di beni e servizi. (Regime dei minimi esente Irap) Chiarimenti Circolare Ag. Entrate n.45/e del 13/06/2008 In generale non rientra nel campo di applicazione dell imposta l attività svolta con un livello minimo di mezzi materiali (es. parametri dei minimi) e senza l ausilio di dipendenti e collaboratori di ogni tipo (anche occasionali). Onere della prova a carico del professionista. L esercizio in forma associata della professione comporta l Irap.

22 L IVA PER I PROFESSIONISTI Le prestazioni di servizi si considerano generalmente effettuate all atto del pagamento del corrispettivo. Qualora non fosse irrilevante la data di ultimazione della prestazione, si può optare per la fatturazione con IVA ad esigibilità differita (IVA esigibile e detraibile al momento dell incasso/pagamento) nei seguenti casi: - operazioni imponibili nei confronti dello Stato e degli E.P. territoriali (non vincolante per le altre operazioni) - operazioni dei contribuenti con volume d affari inferiore a 2 milioni, 200 mila fino al 30/12/2012, (vincolante per le altre operazioni)

23 LA PERIODICITA DI LIQUIDAZIONE DELL IVA La periodicità di liquidazione IVA ordinaria è mensile con il pagamento della differenza fra l imposta attive e passiva entro il giorno 16 del mese successivo. I contribuenti minori (fatturato inferiore a 400 mila euro per le prestazioni di servizi) possono usufruire del regime semplificato optando per le liquidazioni e versamenti IVA con cadenza trimestrale entro il 16 del secondo mese successivo al trimestre.

24 IL REGIME DEI MINIMI Il regime dei minimi è riservato alle persone fisiche che esercitano attività (di impresa) o di lavoro autonomo con volume di (ricavi) compensi pari o inferiori a euro Al fine di verificare il limite di euro di soggetti in attività è necessario fare riferimento ai compensi conseguiti nell esercizio precedente. Nel caso di inizio di attività in corso d anno, il limite di euro di ricavi deve essere ragguagliato all anno

25 LE SEMPLIFICAZIONI DEL REGIME DEI MINIMI - esonero dalla tenuta delle scritture contabili e registri iva; - esonero dagli obblighi IRAP; - esonero dagli studi di settore; - imposta sostitutiva sul reddito del 5%.

26 CONDIZIONI PER L ACCESSO AI MINIMI - assenza di cessioni all esportazione - assenza di spese per lavoratori dipendenti, co.co.co. o a progetto - non abbia erogato somme sotto forma di utili da partecipazione agli associati che apportano solo lavoro - non abbia acquisito partecipazioni in società di persone o in società a responsabilità limitata che abbia esercitato opzione per la tassazione per trasparenza - non effettui acquistati anche mediante contratti di appalto e locazione beni strumentali di valore complessivo superiore a euro (solo imponibile)

27 LE REGOLE E GLI ESONERI IVA DEI MINIMI I contribuenti minimi: non addebitano l IVA in fattura non hanno diritto alla detrazione dell imposta sugli acquisti I contribuenti in esame sono esonerati dagli obblighi : di tenuta dei registri IVA di liquidazione, versamento periodico e annuale dell IVA di presentazione della comunicazione dati e della dichiarazione IVA

28 L IMPOSTA SUL REDDITO DEI MINIMI - il reddito è determinato dalla differenza tra l ammontare dei compensi percepiti e quello delle spese sostenute nel periodo d imposta (metodo analogo al regime ordinario) con la differenza che i costi sostenuti nell anno non subiscono alcun limite alla detrazione ed i costi sostenuti per l acquisto di beni strumentali costituiscono componenti di reddito negativi, per intero, nell esercizio di acquisto del bene (non si procede all ammortamento). - Sul reddito determinato si applica un imposta sostitutiva del 5%.

29 IL NUOVO REGIME DEI MINIMI L Agenzia delle Entrate ha recentemente approvato il Provvedimento attuativo che definisce le regole del nuovo regime dei minimi introdotto dalla c.d. Manovra correttiva applicabile dal L art. 27, D.L. n. 98/2011, c.d. Manovra correttiva, ha modificato dall il regime dei contribuenti minimi. La modifica principale riguarda la trasformazione dello stesso da regime a durata illimitata a regime di durata limitata nel tempo riservato ai soggetti che intraprendono una nuova attività e, in via transitoria, a coloro che l hanno iniziata dall

30 REQUISITI PER L ACCESSO AI NUOVI MINIMI Il nuovo regime dei minimi è applicabile: - per il periodo d imposta in cui è iniziata l attività e per i 4 successivi; - anche oltre il quarto anno successivo e fino all anno in cui il contribuente compie 35 anni; - dalle persone fisiche che iniziano un attività d impresa o di lavoro autonomo. Il nuovo regime è applicabile anche da parte dei soggetti che sono già in attività, a condizione che la stessa sia iniziata dopo il

31 REQUISITI PER L ACCESSO AI NUOVI MINIMI Il nuovo regime dei minimi prevede 3 ulteriori condizioni, che si aggiungono a quelle già previste nel precedente regime, individuate nel comma 2 del citato art. 27 in base alle quali: a) il contribuente non deve aver esercitato, nei 3 anni precedenti l inizio dell attività, un attività artistica, professionale o d impresa, anche in forma associata o familiare; b) l attività esercitata non deve costituire, in nessun modo, mera prosecuzione di un altra attività precedentemente svolta sotto forma di lavoro dipendente o autonomo, esclusa l ipotesi del tirocinio professionale obbligatorio; c) qualora l attività costituisca il proseguimento di un impresa esercitata da un altro soggetto, l ammontare dei ricavi dell anno precedente non deve essere superiore a

32 I NUOVI MINIMI Analogamente a quanto stabilito nel (vecchio) regime dei minimi (in vigore fino al 2011), coloro i quali hanno i requisiti previsti per il nuovo regime dei minimi possono rinunciarvi e optare alternativamente per: il regime ordinario; il regime contabile semplificato degli ex minimi (minimi decorsi 5 anni/ex minimi che avevano iniziato ante 2008), esonera dalle liquidazioni Iva, dalla dichiarazione Irap etc.

33 IL REGIME DELLE NUOVE INIZIATIVE PRODUTTIVE Il regime fiscale delle nuove iniziative produttive previsto dall art. 13 della Legge 13/12/2000 n. 388 è riservato: alle persone fisiche che intraprendono una nuova attività di lavoro autonomo (o di impresa) e che siano in possesso di determinati requisiti individuati dalla norma medesima.

34 IL REGIME DELLE N.I.P. Si tratta di un regime opzionale che può essere utilizzato, per il periodo d imposta in cui è iniziata l attività e per i due successivi, dai soggetti che iniziano una nuova attività e che, sin dal primo anno e per i due consecutivi, rispettano le seguenti condizioni: -conseguono, in ciascun anno di applicazione, compensi non superiori ad ,41; -adempiono regolarmente gli obblighi previdenziali, assicurativi ed amministrativi.

35 CONDIZIONI PER L ACCESSO AL REGIME N.I.P. Negli ultimi tre anni il contribuente non deve aver esercitato qualsiasi attività artistica, professionale o d impresa anche in forma di impresa familiare o associata. La nuova attività svolta non deve costituire, in alcun modo, mera prosecuzione di altra attività precedentemente svolta sotto forma di lavoro dipendente o autonomo. Prosecuzione di altra attività d impresa ma con ricavi inferiori a ,41.

36 LE SEMPLIFICAZIONI DELLE N.I.P. Esonero da: 1.Tenuta delle scritture contabili 2.Liquidazione periodica dell IVA (l IVA infatti và corrisposta in un unica soluzione con il versamento del saldo) 3.Versamento dell acconto IVA 4.Versamento dell Addizionale Comunale e Regionale IRPEF 5.Esonero dall apposizione in fattura della ritenuta d acconto

37 IMPOSTA SOSTITUTIVA DEL 10% NELLE N.I.P. Al reddito determinato con le modalità ordinarie si applica un aliquota del 10% a titolo di imposta sostitutiva dell IRPEF e sulle addizionali Comunali e Regionali. Il reddito deve essere determinato sulla base del criterio della competenza.

38 FINANZIAMENTI AGEVOLATI PER IL LAVORO AUTONOMO L Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo Sviluppo d Impresa prevede la concessione di agevolazioni finanziarie (contributo a fondo perduto e mutuo a tasso agevolato) per chi esercita un attività in forma di ditta individuale, con investimenti complessivi previsti fino a (Iva esclusa).

39 Questa agevolazione è rivolta a persone fisiche che intendono avviare un'attività di lavoro autonomo in forma di ditta individuale. Per presentare la domanda i proponenti devono essere in possesso dei seguenti requisiti: - maggiorenne alla data di presentazione della domanda - non occupato alla data di presentazione della domanda -residente nel territorio nazionale alla data del 1 gennaio 2000 oppure da almeno sei mesi alla data di presentazione della domanda, nel rispetto della normativa comunitaria e nazionale vigente in materia. Anche la sede legale e operativa dell'attività deve essere ubicata nel territorio nazionale. L'attività finanziata deve essere svolta per un periodo di almeno 5 anni a decorrere dalla data di delibera di ammissione alle agevolazioni.

40 I FINANZIAMENTI AGEVOLATI PER IL L.A. Le agevolazioni previste sono di due tipi: - agevolazioni finanziarie, per gli investimenti e per il 1 anno di gestione - servizi di sostegno nella fase di realizzazione e di avvio dell iniziativa

41 1.Le agevolazioni finanziarie Le agevolazioni finanziarie concedibili sono: - per gli investimenti, un contributo a fondo perduto e un finanziamento a tasso agevolato, a copertura del 100% degli investimenti ammissibili - per la gestione, un contributo a fondo perduto. Il finanziamento a tasso agevolato (30% del tasso di riferimento in 5 anni) per gli investimenti è pari al 50% del totale delle agevolazioni finanziarie concedibili, e non può superare l'importo di Il contributo a fondo perduto per gli investimenti è pari alla differenza tra gli investimenti (ritenuti ammissibili) e l'importo del finanziamento a tasso agevolato. Il contributo a fondo perduto per le spese di gestione del 1 anno non può superare l'ammontare massimo di 5.164,57.

42 2. I servizi di sostegno Nella fase di realizzazione e di avvio dell'iniziativa sono previsti servizi totalmente gratuiti di assistenza tecnica e gestionale, erogati direttamente da Invitalia, l'agenzia nazionale per l'attrazione d'investimenti e lo sviluppo d'impresa SpA per un periodo massimo di un anno. I servizi hanno l'obiettivo di accompagnare il beneficiario durante l'iter di erogazione delle agevolazioni e di rafforzarne le competenze gestionali in fase di start up della iniziativa.

43 LE SPESE FINANZIABILI PER IL L.A. Le spese di investimento coprono l'acquisto di beni ad utilità pluriennale, come macchinari, attrezzature, pc, mobili ed arredi, etc.. Le spese di gestione riguardano le spese di funzionamento, come le materie prime, le utenze, i canoni di locazione etc.

44 EROGAZIONE DELLE AGEVOLAZIONI AL L.A. Erogazione in due soluzioni, un anticipo (40%) e un saldo. Il saldo sarà erogato una volta completato l investimento, anche sulla base di fatture che possono essere quietanzate (pagate) successivamente all erogazione del saldo. Gli investimenti dovranno essere realizzati entro 6 mesi dalla data di stipula del contratto di finanziamento. Per quanto riguarda la gestione, è possibile richiedere un anticipo, pari al 40% delle spese previste; il saldo sarà erogato, a seguito della presentazione, da parte del beneficiario, delle fatture quietanzate. La richiesta di rimborso delle spese di gestione del primo anno di attività dovrà essere presentata entro 18 mesi dalla data di stipula del contratto di finanziamento.

45 BONUS FISCALI IN EDILIZIA Il Consiglio dei ministri ha da poco approvato la proroga al dei bonus fiscali per le ristrutturazioni e per il risparmio energetico che e' salito dal 55% al 65%, già modificati nel 2012 dal DL Sviluppo. La detrazione Irpef sulle ristrutturazioni edilizie resta del 50%, in 10 anni, con l estensione anche agli arredi fissi, (limite di spesa euro). Si applica su tutti gli interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria, risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia. L'ecobonus per la riqualificazione energetica sale resta al 65%, in 10 anni. (limite di spesa variabili in base alla tipologia, comprensivo degli interventi di miglioramento di tenuta sismica degli edifici), La riduzione avverrà nel 2015: il bonus energetico scenderà al 50%, quello per gli interventi semplici scenderà al 40%. Nel 2016, poi, tutto tornerà al 36% ordinario.

46 ORDINE INGEGNERI PROVINCIA DI CATANIA FONDAZIONE ORDINE INGEGNERI PROVINCIA DI CATANIA PROGETTO INGEGNERE Grazie dell attenzione ed arrivederci. Andrea Aiello Dottore commercialista Revisore legale Studio Catania, Via Matteo Renato Imbriani n. 29 tel

Regime fiscale agevolato per autonomi

Regime fiscale agevolato per autonomi 1 REGIME FORFETARIO PER AUTONOMI Regime fiscale agevolato per autonomi L art. 1, c. 54 89, della legge di stabilità 2015 disciplina il nuovo regime fiscale agevolato per autonomi, destinato agli esercenti

Dettagli

I REDDITI DI LAVORO AUTONOMO

I REDDITI DI LAVORO AUTONOMO Torino, 06 maggio 2014 I REDDITI DI LAVORO AUTONOMO Dott. Gustavo Desana DEFINIZIONE CIVILISTICA Il lavoro autonomo civilisticamente ricade nella categoria dei contratti d opera. L art. 2222 C.c. definisce

Dettagli

REGIME FISCALE AGEVOLATO PER AUTONOMI o NUOVO REGIME FORFETARIO

REGIME FISCALE AGEVOLATO PER AUTONOMI o NUOVO REGIME FORFETARIO REGIME FISCALE AGEVOLATO PER AUTONOMI o NUOVO REGIME FORFETARIO REGIME FORFETARIO PER AUTONOMI L art. 1 co. 54-89 della legge di stabilità 2015 disciplina il nuovo regime fiscale agevolato per autonomi,

Dettagli

INQUADRAMENTO FISCALE DEL NATUROPATA

INQUADRAMENTO FISCALE DEL NATUROPATA INQUADRAMENTO FISCALE DEL NATUROPATA Finendo il percorso scolastico triennale di Naturopatia, ci si trova a dover affrontare la problematica dell inquadramento fiscale. Occorre, prima di iniziare l attività

Dettagli

Istruzioni Quadro G. ntrate. genzia PERIODO D IMPOSTA 2014

Istruzioni Quadro G. ntrate. genzia PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate 2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore Istruzioni Quadro G Il contribuente, per la compilazione di questo

Dettagli

START UP PROFESSIONALE PROFESSIONE PSICOLOGO ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI FISCALI E CONTABILI

START UP PROFESSIONALE PROFESSIONE PSICOLOGO ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI FISCALI E CONTABILI START UP PROFESSIONALE PROFESSIONE PSICOLOGO ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI FISCALI E CONTABILI 1 APERTURA PARTITA I.V.A. Lo psicologo che svolge in modo abituale e senza vincolo di subordinazione la propria

Dettagli

Psicologo e libera professione

Psicologo e libera professione Psicologo e libera professione aspetti amministrativi, fiscali, previdenziali 04/12/08 a cura del dott. Andrea Tamanini Lavoro autonomo Definizione Modalità di svolgimento dell attività Adempimenti iniziali

Dettagli

LA LIBERA PROFESSIONE

LA LIBERA PROFESSIONE LA LIBERA PROFESSIONE PRINCIPI DELLE RILEVAZIONI CONTABILI La determinazione del reddito di professionisti ed artisti avviene in modo analitico. Nel regime analitico il reddito è costituito dalla differenza

Dettagli

FISCALITA PER IL GIOVANE MEDICO

FISCALITA PER IL GIOVANE MEDICO FISCALITA PER IL GIOVANE MEDICO INTRODUZIONE Il Medico o l Odontoiatra che intende esercitare la libera professione è tenuto ad osservare gli adempimenti fiscali previsti per legge: denuncia di inizio

Dettagli

Agevolazioni fiscali per le nuove iniziative e per investimenti nell Energy Saving

Agevolazioni fiscali per le nuove iniziative e per investimenti nell Energy Saving 26-06-2012, Camera di Commercio di Pisa Agevolazioni fiscali per le nuove iniziative e per investimenti nell Energy Saving relatore: Dott. MASSIMO ANTONINI Dottore commercialista - Revisore contabile Membro

Dettagli

I REGIMI FISCALI E CONTABILI IL REGIME DEI CONTRIBUENTI MINIMI

I REGIMI FISCALI E CONTABILI IL REGIME DEI CONTRIBUENTI MINIMI I REGIMI FISCALI E CONTABILI IL REGIME DEI CONTRIBUENTI MINIMI I regimi contabili e fiscali per imprese e professionisti Regime ordinario artt. 14-16 DPR 600/73 Regime semplificato art. 18 DPR 600/73 Regime

Dettagli

Strumenti per l autoimpiego

Strumenti per l autoimpiego Strumenti per l autoimpiego A CHI SI RIVOLGE Questa agevolazione è rivolta a persone fisiche che intendono avviare un'attività di lavoro autonomo in forma di ditta individuale. Per presentare la domanda

Dettagli

LE COMPETENZE PROFESSIONALIZZANTI PER GLI INGEGNERI NEOLAUREATI. Trento, 9 maggio 2013

LE COMPETENZE PROFESSIONALIZZANTI PER GLI INGEGNERI NEOLAUREATI. Trento, 9 maggio 2013 LE COMPETENZE PROFESSIONALIZZANTI PER GLI INGEGNERI NEOLAUREATI Trento, 9 maggio 2013 Diego Uber dottore commercialista revisore legale dei conti «FORME ORGANIZZATIVE PER L ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE:

Dettagli

Dott. Tommaso Carusi Tributarista ex-lege n. 04/2013

Dott. Tommaso Carusi Tributarista ex-lege n. 04/2013 Dott. Tommaso Carusi Tributarista ex-lege n. 04/2013 La deducibilità dei costi per professionisti ed artisti Con la presente si fornisce un quadro generale della deducibilità dei costi, a seguito delle

Dettagli

Lavoro Autonomo (in forma di ditta individuale), con investimenti complessivi previsti fino a 25.823

Lavoro Autonomo (in forma di ditta individuale), con investimenti complessivi previsti fino a 25.823 La legge che agevola l'autoimpiego (D.L. n. 185/2000 - Titolo II) costituisce il principale strumento di sostegno alla realizzazione e all'avvio di piccole attività imprenditoriali da parte di disoccupati

Dettagli

Studio 25/09/2013. Dott. Massimiliano Teruggi. Studio Coda Zabetta, Mongiardini & Partners - Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi

Studio 25/09/2013. Dott. Massimiliano Teruggi. Studio Coda Zabetta, Mongiardini & Partners - Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi MODIFICHE ALLA DEDUCIBILITA DEI COSTI DELLE AUTOVETTURE DAL 01/01/2013 EX LEGGE 92/2012 - LEGGE 228/2012 (STABILITA 2013) : EFFETTI SUGLI ACQUISTI E SULLE VENDITE 1 Deducibilità costi autovetture art.

Dettagli

Studio Paolo Simoni. Dottori Commercialisti Associati. Bologna, 14/04/2015. Ai Signori Clienti Loro Indirizzi -----------------------

Studio Paolo Simoni. Dottori Commercialisti Associati. Bologna, 14/04/2015. Ai Signori Clienti Loro Indirizzi ----------------------- Dott. Paolo Simoni Dott. Grazia Marchesini Dott. Alberto Ferrari Dott. Federica Simoni Rag. Lidia Gandolfi Dott. Francesco Ferrari Dott. Enrico Ferra Dott. Agostino Mazziotti Bologna, 14/04/2015 Ai Signori

Dettagli

TEST D ACCESSO PER I REGIMI AGEVOLATI

TEST D ACCESSO PER I REGIMI AGEVOLATI TEST D ACCESSO PER I REGIMI AGEVOLATI ART. 1 C. 96 E SEGG. L. 244/2007; ART. 27, DL 98/2011; PROVV. ENTRATE DEL22/12/2011; CM N. 17 DEL 30/5/2012; ART. 13, L. 388/2000 Sintesi: si riepilogano le principali

Dettagli

I regimi contabili: obblighi, opzioni e revoche a cura di Daniele Fezzardi

I regimi contabili: obblighi, opzioni e revoche a cura di Daniele Fezzardi Il Punto sull Iva I regimi contabili: obblighi, opzioni e revoche a cura di Daniele Fezzardi I regimi Iva previsti dalla normativa Il sistema giuridico italiano ha previsto, per le imprese e professionisti,

Dettagli

LAVORO AUTONOMO O DIPENDENTE? Studio Laganà - Corbetta & Associati

LAVORO AUTONOMO O DIPENDENTE? Studio Laganà - Corbetta & Associati LAVORO AUTONOMO O DIPENDENTE? Studio Laganà - Corbetta & Associati IL LAVORO AUTONOMO Art. 53 TUIR l esercizio per professione abituale ancorchè non esclusiva della attività artistiche, intellettuali e

Dettagli

N. 33 FISCAL NEWS. 20.01.2012 Il regime degli ex minimi. Premessa. La circolare di aggiornamento professionale

N. 33 FISCAL NEWS. 20.01.2012 Il regime degli ex minimi. Premessa. La circolare di aggiornamento professionale a cura di Antonio Gigliotti www.fiscal-focus.it www.fiscal-focus.info N. 33 FISCAL NEWS La circolare di aggiornamento professionale 20.01.2012 Il regime degli ex minimi Categoria Sottocategoria Regimi

Dettagli

IL REGIME DEI NUOVI MINIMI regime fiscale di vantaggio per l imprenditoria giovanile e i lavoratori in mobilità

IL REGIME DEI NUOVI MINIMI regime fiscale di vantaggio per l imprenditoria giovanile e i lavoratori in mobilità IL REGIME DEI NUOVI MINIMI regime fiscale di vantaggio per l imprenditoria giovanile e i lavoratori in mobilità A cura del Dott. Michele Avesani A partire dal 1 gennaio 2012 è entrato in vigore il regime

Dettagli

STUDIO COMMERCIALISTA ASSOCIATO SAVINI SPINELLI GHILARDI SIRGIOVANNI

STUDIO COMMERCIALISTA ASSOCIATO SAVINI SPINELLI GHILARDI SIRGIOVANNI STUDIO COMMERCIALISTA ASSOCIATO SAVINI SPINELLI GHILARDI SIRGIOVANNI Dino Savini Dottore Commercialista - Revisore dei conti Luigi Spinelli Dottore Commercialista Revisore dei conti Alessandro Ghilardi

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

A CHI SI RIVOLGE. Per presentare la domanda i proponenti devono essere in possesso dei seguenti requisiti:

A CHI SI RIVOLGE. Per presentare la domanda i proponenti devono essere in possesso dei seguenti requisiti: La legge che agevola l'autoimpiego (D.L. n. 185/2000 - Titolo II) costituisce il principale strumento di sostegno alla realizzazione e all'avvio di piccole attività imprenditoriali da parte di disoccupati

Dettagli

SCRITTURE E REGIMI CONTABILI

SCRITTURE E REGIMI CONTABILI SCRITTURE E REGIMI CONTABILI Parte III I regimi contabili per imprese e professionisti Dott. Alberto Marengo Dott. Umberto Terzuolo Dott. Piercarlo Bausola Regimi adottabili: I REGIMI CONTABILI PER IMPRESE

Dettagli

Regime contabile: ordinario o semplificato

Regime contabile: ordinario o semplificato Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 02 20.01.2014 Regime contabile: ordinario o semplificato A cura di Devis Nucibella Categoria: Versamenti Sottocategoria: In compensazione

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

Finanziamenti per la microimpresa

Finanziamenti per la microimpresa Finanziamenti per la microimpresa A CHI SI RIVOLGE Questa agevolazione è rivolta a persone che intendono avviare un attività imprenditoriale di piccola dimensione in forma di società di persone. Sono pertanto

Dettagli

L USCITA DAL REGIME DEI MINIMI DAL 2012: RIFLESSI IVA E REDDITUALI

L USCITA DAL REGIME DEI MINIMI DAL 2012: RIFLESSI IVA E REDDITUALI INFORMATIVA N. 253 10 NOVEMBRE 2011 IMPOSTE DIRETTE - IVA L USCITA DAL REGIME DEI MINIMI DAL 2012: RIFLESSI IVA E REDDITUALI Art. 1, commi 96 e seguenti, Legge n. 244/2007 Circolari Agenzia Entrate 21.12.2007,

Dettagli

STRUTTURA DELLA NUOVA IRPEF

STRUTTURA DELLA NUOVA IRPEF Sezione prima - Imposte dirette Struttura della nuova IRPEF STRUTTURA DELLA NUOVA IRPEF I commi da 6 a 9, Legge finanziaria 2007, intervenendo a modifica del TUIR, riscrivono ancora una volta la struttura

Dettagli

STUDIO TASSI. Sondrio, 5 gennaio 2015. A tutti i Sigg. Clienti LORO SEDI. loro indirizzi e-mail CIRCOLARE N. 1/2015. Oggetto: Le novità del 2015

STUDIO TASSI. Sondrio, 5 gennaio 2015. A tutti i Sigg. Clienti LORO SEDI. loro indirizzi e-mail CIRCOLARE N. 1/2015. Oggetto: Le novità del 2015 Sondrio, 5 gennaio 2015 A tutti i Sigg. Clienti LORO SEDI loro indirizzi e-mail CIRCOLARE N. 1/2015 Oggetto: Le novità del 2015 La legge di Stabilità per l anno 2015 ha portato una serie di rilevanti novità.

Dettagli

IL QUADRO LM NUOVI MINIMI DEL MOD. UNICO 2013 PF

IL QUADRO LM NUOVI MINIMI DEL MOD. UNICO 2013 PF INFORMATIVA N. 111 26 APRILE 2013 DICHIARAZIONI IL QUADRO LM NUOVI MINIMI DEL MOD. UNICO 2013 PF Art. 27, DL n. 98/2011 Circolare Agenzia Entrate 30.5.2012, n. 17/E Istruzioni mod. UNICO 2013 PF Informativa

Dettagli

Autoimpiego (D.Lgs 185/2000 Tit. II)

Autoimpiego (D.Lgs 185/2000 Tit. II) 1 Autoimpiego (D.Lgs 185/2000 Tit. II) L'Agenzia sostiene la realizzazione e l'avvio di piccole attività imprenditoriali da parte di disoccupati o persone in cerca di prima occupazione attraverso le seguenti

Dettagli

Autoimpiego (D.Lgs 185/2000 Tit. II)

Autoimpiego (D.Lgs 185/2000 Tit. II) 1 Autoimpiego (D.Lgs 185/2000 Tit. II) L'Agenzia sostiene la realizzazione e l'avvio di piccole attività imprenditoriali da parte di disoccupati o persone in cerca di prima occupazione attraverso le seguenti

Dettagli

Fiscal Approfondimento

Fiscal Approfondimento Fiscal Approfondimento Il Focus di qualità N. 07 11.02.2014 Il leasing per le auto A cura di Devis Nucibella Categoria: Auto Sottocategoria: Imposte dirette La disposizione di riferimento per l individuazione

Dettagli

Aspetti fiscali del lavoro autonomo: la deducibilità dei costi e determinazione del reddito per i liberi professionisti

Aspetti fiscali del lavoro autonomo: la deducibilità dei costi e determinazione del reddito per i liberi professionisti Aspetti fiscali del lavoro autonomo: la deducibilità dei costi e determinazione del reddito per i liberi professionisti La disciplina generale dell esercizio delle professioni intellettuali è dettata dai

Dettagli

IL FISCO PER LA CRESCITA, MENO TASSE E ADEMPIMENTI, PIU «COMPLIANCE» in collaborazione con l Agenzia delle Entrate Direzione Regionale del Piemonte

IL FISCO PER LA CRESCITA, MENO TASSE E ADEMPIMENTI, PIU «COMPLIANCE» in collaborazione con l Agenzia delle Entrate Direzione Regionale del Piemonte 1 IL FISCO PER LA CRESCITA, MENO TASSE E ADEMPIMENTI, PIU «COMPLIANCE» in collaborazione con l Agenzia delle Entrate Direzione Regionale del Piemonte IL NUOVO REGIME AGEVOLATO PER I CONTRIBUENTI DI MINORI

Dettagli

Software in excel per elaborazione e memorizzazione delle fatture emesse da parte dei professionisti

Software in excel per elaborazione e memorizzazione delle fatture emesse da parte dei professionisti Software in excel per elaborazione e memorizzazione delle fatture emesse da parte dei professionisti IL PREZZO DEL SOFTWARE E DI 36 EURO iva compresa per acquistarlo clicca QUI, poi su software e quindi

Dettagli

STUDIO COMMERCIALE ROBERTO MY

STUDIO COMMERCIALE ROBERTO MY AGEVOLAZIONI PER LA MICROIMPRESA A CHI SI RIVOLGE Questa agevolazione è rivolta a persone che intendono avviare un attività imprenditoriale di piccola dimensione in forma di società di persone. 1 Sono

Dettagli

Unico 2014 novità reddito d impresa e lavoro autonomo. Il punto sulle società non operative. Francesco Scuderi Pierangela Maugeri

Unico 2014 novità reddito d impresa e lavoro autonomo. Il punto sulle società non operative. Francesco Scuderi Pierangela Maugeri Unico 2014 novità reddito d impresa e lavoro autonomo. Il punto sulle società non operative Francesco Scuderi Pierangela Maugeri Con il provvedimento 31.1.2014 pubblicato sul sito internet dell Agenzia

Dettagli

FISCALITÀ DEI MEZZI DI TRASPORTO

FISCALITÀ DEI MEZZI DI TRASPORTO FISCALITÀ DEI MEZZI DI TRASPORTO SCHEMA DI SINTESI - DISCIPLINA DAL 2007 TRATTAMENTO FISCALE LIMITI DI IMPORTO VEICOLI A MOTORE ALTRI VEICOLI AMMORTAMENTO PARTICOLARITÀ PER AGENTI DI COMMERCIO DISCIPLINA

Dettagli

Vito Dulcamare. REGIME FORFETARIO - legge 23 dicembre 2014, n. 190, co 54/89 -

Vito Dulcamare. REGIME FORFETARIO - legge 23 dicembre 2014, n. 190, co 54/89 - Vito Dulcamare REGIME FORFETARIO - legge 23 dicembre 2014, n. 190, co 54/89-5 febbraio 2015 1 LEGGE DELEGA PER LA RIFORMA DEL FISCO Legge 11 marzo 2014, n. 23 Delega al Governo recante disposizioni per

Dettagli

Diritto Tributario. Anno 2012 Diritto del Lavoro

Diritto Tributario. Anno 2012 Diritto del Lavoro Anno 2012 Diritto del Lavoro - Premesso il concetto di assicurazione sociale, il candidato illustri i principali adempimenti del datore di lavoro nei confronti di I.N.P.S. ed I.N.A.I.L., sia all inizio

Dettagli

PARCELLE E ADEMPIMENTI FISCALI

PARCELLE E ADEMPIMENTI FISCALI PARCELLE E ADEMPIMENTI FISCALI Dott. Davide Iafelice Presidente UGDCEC Padova Dott.ssa Elisa Goldin Segretario UGDCEC Padova Dott. Francesco Savio Tesoriere UGDCEC Padova Padova, 7 maggio 2014 Sala conferenze

Dettagli

Circolare Informativa n. 2/2013

Circolare Informativa n. 2/2013 Dr. Carmelo Grillo Dottore commercialista Revisore contabile Dr. Santi Grillo Consulente del lavoro - Dottore commercialista Revisore contabile Circolare Informativa n. 2/2013 Olivarella, 14.01.2013 Ai

Dettagli

AGENTI DI COMMERCIO: ADEMPIMENTI FISCALI

AGENTI DI COMMERCIO: ADEMPIMENTI FISCALI Studio Fabrizio Mariani Viale Brigata Bisagno 12/1 16129 Genova Tel. e. fax. 010.59.58.294 f.mariani@studio-mariani.it Circolare n. 20/2015 Del 18 giugno 2015 AGENTI DI COMMERCIO: ADEMPIMENTI FISCALI In

Dettagli

Regione Campania DISCIPLINA E REGIME TRIBUTARIO

Regione Campania DISCIPLINA E REGIME TRIBUTARIO Regione Campania COMMISSIONE D ESAME PER L ACCESSO ALL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO EX ART. 5 LEGGE 264/91 ANNO 2002 DISCIPLINA E REGIME TRIBUTARIO E01 Che cosa s intende

Dettagli

CESEDA studio associato. Circolare numero 2 del 17 gennaio 2014 IN BREVE

CESEDA studio associato. Circolare numero 2 del 17 gennaio 2014 IN BREVE CESEDA studio associato Circolare numero 2 del 17 gennaio 2014 IN BREVE Compensazione del credito IVA dal 16 gennaio 2014 Nuovi limiti alle compensazioni d imposta (imposte sui redditi, IRAP, ritenute

Dettagli

-anna maria mangiapelo

-anna maria mangiapelo REDDITI DI IMPRESA - norme generali - dall utile al reddito: esame dei principali casi di deducibilità fiscale dei componenti negativi - regole per la contabilità semplificata -anna maria mangiapelo 1

Dettagli

REGIME DEI MINIMI: LE RISPOSTE DELL AGENZIA

REGIME DEI MINIMI: LE RISPOSTE DELL AGENZIA APPROFONDIMENTI 12 febbraio 2008 Copyright 2000-2006 Wolters Kluwer Italia. Riproduzione Vietata. REGIME DEI MINIMI: LE RISPOSTE DELL AGENZIA di Annibale Dodero tratto da IPSOA, Corriere Tributario, n.

Dettagli

DEFINIZIONE DEFINIZIONE

DEFINIZIONE DEFINIZIONE DEFINIZIONE 55. SEMPLIFICAZIONI PER I CONTRIBUENTI MINORI DEFINIZIONE DEFINIZIONE I contribuenti minori possono beneficiare di alcune semplificazioni in materia di IVA, ricollegate al differimento dei

Dettagli

- DIRITTO DEL LAVORO E LEGISLAZIONE SOCIALE

- DIRITTO DEL LAVORO E LEGISLAZIONE SOCIALE ESAMI DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI CONSULENTE DEL LAVORO ANNO 2005 LA TUTELA FISICA ED ECONOMICA DELLA MATERNITÀ NEL RAPPORTO DI LAVORO SUBORDINATO. IL CANDIDATO DOPO

Dettagli

Imposta sul Valore Aggiunto

Imposta sul Valore Aggiunto Imposta sul Valore Aggiunto Detrazione Art. 19 dpr 633/72 Rivalsa Art. 18 dpr 633/72 Neutralit à 1 Momento impositivo art. 6 d.p.r. n. 633/72 Momento di effettuazione dell operazione Esigibilità Obbligo

Dettagli

CENTRO ASSISTENZA SOCIETARIA di Cappellini Lia & C. s.n.c.

CENTRO ASSISTENZA SOCIETARIA di Cappellini Lia & C. s.n.c. CIRCOLARE N 1/2007 Tivoli, 26/01/2007 Oggetto: FINANZIARIA 2007. Spett.le Clientela, con la Finanziaria 2007, approvata e divenuta L. 296 del 27/12/2006, come di consueto, sono state introdotte diverse

Dettagli

Gennaio 2008 Anno IV N. 1

Gennaio 2008 Anno IV N. 1 Fisco Pratico magazine 1 Sintesi Srl 38100 Trento Via alto Adige 170 Tel. 0461-968.900 - Fax 0461-968.989 Codice Fiscale, Partita Iva e Numero iscrizione al Registro Imprese di Trento: 00 616 500 229 info@sintesiservizi.com

Dettagli

SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI

SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI Circolare 9/2006 del 11 luglio 2006 Manovra Estiva 2006. Decreto Legge n. 223/06 Premessa Il 4 luglio u.s. è entrato in vigore il decreto legge n. 223 contenente misure urgenti per la correzione dei conti

Dettagli

SOMMARIO. Capitolo 1 IL QUADRO DI RIFERIMENTO

SOMMARIO. Capitolo 1 IL QUADRO DI RIFERIMENTO SOMMARIO Capitolo 1 IL QUADRO DI RIFERIMENTO 1. Premessa... 3 2. La riforma del mercato del lavoro... 5 3. Qualificazione dei redditi di lavoro dipendente ed equiparati... 10 4. Quantificazione dei redditi

Dettagli

Informativa per la clientela

Informativa per la clientela Informativa per la clientela Informativa n. 20 del 14 gennaio 2013 Legge di stabilità 2013 - Novità in materia di imposte dirette INDICE 1 Premessa... 3 2 Deducibilità delle auto aziendali e dei professionisti...

Dettagli

IL NUOVO REGIME DEI MINIMI A CONFRONTO

IL NUOVO REGIME DEI MINIMI A CONFRONTO IL NUOVO REGIME DEI MINIMI A CONFRONTO Dal prossimo anno il nuovo regime dei minimi sarà scontato, con l'imposta sostitutiva che si ridurrà al 5%, ma saranno poche le persone fisiche che lo potranno applicare.

Dettagli

Circolare n. 4 04 Febbraio 2013. Legge di stabilità 2013 - Novità in materia di imposte dirette INDICE. 1 Premessa... 3

Circolare n. 4 04 Febbraio 2013. Legge di stabilità 2013 - Novità in materia di imposte dirette INDICE. 1 Premessa... 3 Circolare n. 4 04 Febbraio 2013 Legge di stabilità 2013 - Novità in materia di imposte dirette INDICE 1 Premessa... 3 2 Deducibilità delle auto aziendali e dei professionisti... 3 2.1 Auto aziendali...

Dettagli

Studio Sarragioto Dottori commercialisti * Revisori contabili Ordine dei Dottori commercialisti e degli Esperti contabili di Padova

Studio Sarragioto Dottori commercialisti * Revisori contabili Ordine dei Dottori commercialisti e degli Esperti contabili di Padova Gianni Sarragioto giannisarragioto@sarragioto.it Riccardo Gavassini riccardogavassini@sarragioto.it Filippo Carraro filippocarraro@sarragioto.it Alberto Riondato albertoriondato@sarragioto.it Alessandra

Dettagli

DETRAIBILITA DELL IVA DALL

DETRAIBILITA DELL IVA DALL CASO: spese di vitto e alloggio sostenute per le trasferte effettuate fuori dal Comune sede di lavoro dai lavoratori dipendenti e dai titolari di rapporti di co.co.co. (ad esempio anche Amministratori)

Dettagli

STUDIO. Monosi dott. Raffaele. Dottore Commercialista Revisore Contabile

STUDIO. Monosi dott. Raffaele. Dottore Commercialista Revisore Contabile Circolare di gennaio 14 Santa Lucia di Piave, lì 7 gennaio 14 Oggetto: : Finanziaria 2014 prima parte È stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale la Finanziaria 2014 (Legge 27.12.2013, n. 147) c.d. «Legge

Dettagli

STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI

STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI Varese, 20 Gennaio 2014 OGGETTO : Legge 27.12.2013 nr. 147 Legge di stabilità 2014 pubblicata sulla G.U. nr. 302 del 27.12.2013 S.O. n.87. È stata approvata la

Dettagli

DDL Atto Camera 7328 - Legge Finanziaria 2001 - Disposizioni fiscali

DDL Atto Camera 7328 - Legge Finanziaria 2001 - Disposizioni fiscali Circolare Informativa n. 29/2000 Alle Società consorziate Roma, 20 novembre 2000 Rif.: 600.15 Oggetto: DDL Atto Camera 7328 - Legge Finanziaria 2001 - Disposizioni fiscali 1. Premessa Con riserva di un

Dettagli

ASPETTI FISCALI E CONTABILI DEL LEASING. Gianluca De Candia Direttore operativo ASSILEA

ASPETTI FISCALI E CONTABILI DEL LEASING. Gianluca De Candia Direttore operativo ASSILEA ASPETTI FISCALI E CONTABILI DEL LEASING Gianluca De Candia Direttore operativo ASSILEA 1 ASPETTI FISCALI E CONTABILI DEL LEASING Le modifiche della Finanziaria 2008 Il regime IRES per l impresa utilizzatrice

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N. 158 del 12 vembre 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Bozza Legge di Stabilità 2016. Regime forfettario e regimi agevolati: cosa ci aspetta nel 2016? Gentile cliente, con

Dettagli

Disegno di Legge di stabilità 2015

Disegno di Legge di stabilità 2015 Disegno di Legge di stabilità 2015 Il Disegno di Legge di Stabilità 2015 contiene numerose misure fiscali che entreranno in vigore dal prossimo anno, salvo, come vedremo, le disposizioni in materia di

Dettagli

REQUISITI PER L ACCESSO E DURATA DEL REGIME

REQUISITI PER L ACCESSO E DURATA DEL REGIME 2 REQUISITI PER L ACCESSO E DURATA DEL REGIME Il REGIME DI VANTAGGIO o nuovo regime dei minimi si rende applicabile: per il periodo d imposta in cui è iniziata l attività e per i 4 successivi; anche oltre

Dettagli

Dott. Tommaso Carusi Tributarista ex-lege n. 04/2013

Dott. Tommaso Carusi Tributarista ex-lege n. 04/2013 Dott. Tommaso Carusi Tributarista ex-lege n. 04/2013 La deducibilità dei costi nel lavoro autonomo Con la presente si fornisce un quadro generale della deducibilità dei costi, a seguito delle numerose

Dettagli

ESTENSIONE APPLICAZIONE REVERSE CHARGE

ESTENSIONE APPLICAZIONE REVERSE CHARGE Bergamo, gennaio 2015 CIRCOLARE N. 2/Consulenza aziendale OGGETTO: Finanziaria 2015 Recentemente è stata pubblicata sulla G.U. la legge 23-12-2014 n 90 (c.d. finanziaria 2015) che contiene numerosi provvedimenti

Dettagli

Decreto sulle semplificazioni fiscali.

Decreto sulle semplificazioni fiscali. Decreto sulle semplificazioni fiscali. Il Governo, il 20 giugno scorso, ha dato il via ad uno schema di decreto legislativo contenente disposizioni in materia di semplificazioni fiscali, in attuazione

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

Il caso della settimana

Il caso della settimana N. 22 A.L Servizi s.r.l. Via Bergamo n. 25 24035 Curno (Bg) P.Iva e C.F. 03252150168 Giugno 11.06.2010 Tel. 035.4376262 - Fax 035.62.22.226 E-mail:info@alservizi.it Reg.Imprese di Bergamo n. REA 362371

Dettagli

DEDUCIBILITA INTERESSI PASSIVI. 16 marzo 2009 Dott. Rag. Vito Dulcamare

DEDUCIBILITA INTERESSI PASSIVI. 16 marzo 2009 Dott. Rag. Vito Dulcamare DEDUCIBILITA INTERESSI PASSIVI 16 marzo 2009 Dott. Rag. Vito Dulcamare DEDUCIBILITA INTERESSI PASSIVI ALTRI INTERESSI SU IMMOBILI PATRIMONIO SU VEICOLI A MOTORE SOGGETTI IRPEF SOGGETTI IRES BANCHE ASSICURAZIONI

Dettagli

TK27U. ntrate. genzia PERIODO D IMPOSTA 2009. Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore

TK27U. ntrate. genzia PERIODO D IMPOSTA 2009. Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore genzia ntrate PERIODO D IMPOSTA 2009 Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore 2010 TK27U 58.21.00 - Edizione di giochi per computer; 58.29.00 - Edizione

Dettagli

Informativa per il professionista

Informativa per il professionista Informativa per il professionista Informativa n. 1 del 30 gennaio 2012 Nuova disciplina dei contribuenti minimi - Art. 27 del DL 6.7.2011 n. 98 convertito nella L. 15.7.2011 n. 111 e provvedimenti dell

Dettagli

D.L. 21 aprile 2000 n 185 INCENTIVI per L' AUTOIMPRENDITORIALITA' E L' AUTOIMPIEGO

D.L. 21 aprile 2000 n 185 INCENTIVI per L' AUTOIMPRENDITORIALITA' E L' AUTOIMPIEGO D.L. 21 aprile 2000 n 185 INCENTIVI per L' AUTOIMPRENDITORIALITA' E L' AUTOIMPIEGO MISURE IN FAVORE DEL LAVORO AUTONOMO. MISURE IN FAVORE Ing. Francesco Di Bella Via Roma c/le K1 Cefalu' Cell 347 40 15

Dettagli

Auto aziendali e Fisco. Alexandre Martinelli 23 Ottobre 2013 1

Auto aziendali e Fisco. Alexandre Martinelli 23 Ottobre 2013 1 Auto aziendali e Fisco 2013 1 La deducibilità dei costi 2 autovetture Mezzi di trasporto presi in considerazione dall art. 164, DPR 917/1986 ciclomotori Il veicolo non rientra in una delle categorie individuate

Dettagli

Direzione Regionale della Toscana

Direzione Regionale della Toscana Direzione Regionale della Toscana IL REGIME AGEVOLATO PER LE NUOVE INIZIATIVE PRODUTTIVE (art. 13 legge n. 388/2000) GENNAIO 2008 SOGGETTI AMMESSI Possono beneficiare del regime agevolato in esame: le

Dettagli

La partita IVA, il regime agevolato e di vantaggio

La partita IVA, il regime agevolato e di vantaggio La partita IVA, il regime agevolato e di vantaggio La Partita IVA La procedura burocratica Dal punto di vista fiscale si definisce IVA (Imposta sul valore aggiunto disciplinata dal DPR 633/72) l'imposta

Dettagli

INFORMAZIONI SUL LEASING

INFORMAZIONI SUL LEASING INFORMAZIONI SUL LEASING CHE COS'È IL LEASING Il leasing, o locazione finanziaria, è un contratto con il quale un soggetto (Utilizzatore) richiede ad una società finanziaria (Concedente) di acquistare

Dettagli

INFORMATIVA N. 2/2013

INFORMATIVA N. 2/2013 STUDIO RENZO GORINI DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE COMO 1.2.2013 22100 COMO - VIA ROVELLI, 40 TEL. 031.27.20.13 E mail: segreteria@studiogorini.it FAX 031.27.33.84 INFORMATIVA N. 2/2013 LEGGE

Dettagli

3. Detrazione per acquisto di mobili e grandi elettrodomestici

3. Detrazione per acquisto di mobili e grandi elettrodomestici CIRCOLARE gennaio 2014: La Legge di Stabilità e le altre novità fiscali Vi riepiloghiamo le principali e più rilevanti novità introdotte in materia fiscale dalla Legge 27.12.2013 n 147 (Legge di Stabilità

Dettagli

INVITALIA (ex Sviluppo Italia) www.invitalia.it

INVITALIA (ex Sviluppo Italia) www.invitalia.it INVITALIA (ex Sviluppo Italia) www.invitalia.it La legge che agevola l Autoimpiego (D.L. n. 185/2000 - Titolo II) costituisce il principale strumento di sostegno alla realizzazione e all avvio di piccole

Dettagli

STUDIO SERVIDIO VIA SANTO STEFANO, 11 40125 BOLOGNA ITALY TEL. (+39) 051 26.06.20 FAX (+39) 051 22.16.19. Bologna, 17 Maggio 2013

STUDIO SERVIDIO VIA SANTO STEFANO, 11 40125 BOLOGNA ITALY TEL. (+39) 051 26.06.20 FAX (+39) 051 22.16.19. Bologna, 17 Maggio 2013 DOTT. ANDREA ALBERGHINI DOTT. ALFREDO ODDONE DOTT. FEDERICO BENNI DOTT. DARIO CURTI DOTT. CLAUDIO MARCANTOGNINI DOTT. PIETRO BUFANO Bologna, 17 Maggio 2013 Oggetto: Circolare n. 20/2013 del 17 Maggio 2013

Dettagli

NEWSLETTER FISCALE FEBBRAIO 2014 ULTIME NOVITÀ FISCALI

NEWSLETTER FISCALE FEBBRAIO 2014 ULTIME NOVITÀ FISCALI NEWSLETTER N. 2/2014 NEWSLETTER FISCALE FEBBRAIO 2014 ULTIME NOVITÀ FISCALI ULTIME NOVITA FISCALI NUOVO ISEE DPCM 5.12.2013, N. 150 MEDIE DI SETTORE E IMPRESA SITUATA IN PERIFERIA CESSIONE IMMOBILE SOTTOCOSTO

Dettagli

Oggetto: principali novità fiscali contenute nella legge finanziaria 2007.

Oggetto: principali novità fiscali contenute nella legge finanziaria 2007. Circolare n. 1/2007 Bologna, 17 gennaio 2007 Oggetto: principali novità fiscali contenute nella legge finanziaria 2007. LEGGE FINANZIARIA n.296/2006 (in vigore dal 1 gennaio 2007); le norme con decorrenza

Dettagli

In allegato si riporta Spazio aziende n. 12 del mese di dicembre 2008.

In allegato si riporta Spazio aziende n. 12 del mese di dicembre 2008. Commercialisti Associati Cimarrol llii Zorrzi i F.. Verronesi i Pellegrri inii Zorrzi i N.. 25124 Brescia 38100 Trento 38089 Darzo 5, Via Aldo Moro 8, Via Oss Mazzurana 1/b, Zona Artigianale Tel. 030 2208600

Dettagli

ASSOCIAZIONE MAESTRI SCI ITALIANI

ASSOCIAZIONE MAESTRI SCI ITALIANI ASSOCIAZIONE MAESTRI SCI ITALIANI Inquadramento civilistico, fiscale, contabile e previdenziale Aspetti generali - La professione di maestro di sci rientra tra le c.d. Professioni intellettuali per le

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE

CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE SOMMARIO TRATTAMENTO FISCALE E CONTA- BILE Art. 88 D.P.R. 22.12.1986, n. 917 - Principio contabile n. 16 - R.M. 29.03.2002, n. 100/E Costituiscono sopravvenienze attive i proventi

Dettagli

La disciplina fiscale delle ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE

La disciplina fiscale delle ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE La disciplina fiscale delle ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE Le fonti normative Normativa fiscale Riferimenti D.P.R. 917/86 (T.U.I.R.) Artt. 73, 143-150 L. 398/91 Regime forfetario di determinazione

Dettagli

I. ASPETTI G ENERALI DELLA TASSAZIONE DEI MEDICI (Le principali imposte cui è soggetto un medico)

I. ASPETTI G ENERALI DELLA TASSAZIONE DEI MEDICI (Le principali imposte cui è soggetto un medico) I. ASPETTI G ENERALI DELLA TASSAZIONE DEI MEDICI (Le principali imposte cui è soggetto un medico) Vediamo innanzi tutto quali sono le imposte a cui è soggetto il medico. I.A Imposte sui redditi I.A.1 IRPEF

Dettagli

2. AMMORTAMENTO TERRENI PERTINENZIALI

2. AMMORTAMENTO TERRENI PERTINENZIALI Bologna, 12 settembre 2006 Circolare n.3/2006 Oggetto : D.L. 4 luglio 2006 n.223 convertito nella L. 4 agosto 2006 n. 248 Con decreto legge n.223 del 4 luglio 2006, convertito nella legge n.248 del 4 agosto

Dettagli

Scadenza Tributo/Contributo Soggetti Descrizione 5 GIOVEDÌ

Scadenza Tributo/Contributo Soggetti Descrizione 5 GIOVEDÌ Scadenzario fiscale FEBBRAIO 2009 Scadenza Tributo/Contributo Soggetti Descrizione 5 GIOVEDÌ 6 VENERDÌ IMPOSTE DIRETTE E Soggetti con partita e cessioni intra-ue relative all anno precedente > 40.000,00

Dettagli

Redditi diversi. Capitolo 8 8.1 CONCETTI GENERALI 8.2 PLUSVALENZE 8.3 INDENNITÀ DI ESPROPRIO 8.4 PREMI E VINCITE 8.5 IMMOBILI SITUATI ALL ESTERO

Redditi diversi. Capitolo 8 8.1 CONCETTI GENERALI 8.2 PLUSVALENZE 8.3 INDENNITÀ DI ESPROPRIO 8.4 PREMI E VINCITE 8.5 IMMOBILI SITUATI ALL ESTERO Redditi diversi Capitolo 8 8.1 CONCETTI GENERALI 8.2 PLUSVALENZE 8.3 INDENNITÀ DI ESPROPRIO 8.4 PREMI E VINCITE 8.5 IMMOBILI SITUATI ALL ESTERO 8.6 ALTRI REDDITI DI NATURA FONDIARIA 8.7 UTILIZZAZIONE ECONOMICA

Dettagli

LA TREMONTI-TER TER. Dott. Giampiero GUARNERIO AGENDA

LA TREMONTI-TER TER. Dott. Giampiero GUARNERIO AGENDA LA TREMONTI-TER TER Dott. Giampiero GUARNERIO Diretta 17 maggio 2010 AGENDA Che cosa è la Tremonti-ter Principali differenze rispetto alle precedenti versioni Quali soggetti ne possono beneficiare Quali

Dettagli

ART. 164 DEL T.U.I.R.

ART. 164 DEL T.U.I.R. API NOTIZIE N. 16 DEL 07/09/2012 OGGETTO: LA NUOVA DEDUCIBILITÁ DEI COSTI DELLE AUTO AZIENDALI DAL 2013 Riferimenti: Legge 92/2012 Riforma del Lavoro (Legge Fornero) art. 4 commi 72 e 73. La Riforma del

Dettagli