Sostenere l imprenditorialità e il lavoro autonomo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sostenere l imprenditorialità e il lavoro autonomo"

Transcript

1 Sostenere l imprenditorialità e il lavoro autonomo May 2014 JobTown modulo di apprendimento n. 4 December 2014

2 2 Questo documento è stato scritto e rivisto da Ian Goldring, massimo esperto della rete di JobTown URBACT nonché direttore dell associazione ProjectWorks, e da presenta contributi di: The Prince s Trust, Regno Unito John Spindler, Presidente di Capital Enterprise, Regno Unito John Scott, Manager per la crescita presso Pera Consulting, Regno Unito Partner della rete di JobTown URBACT L autore può essere contattato all JobTown è una rete composta da 11 località in tutta Europa, cofinanziata dal programma europeo URBACT che è volto a favorire lo sviluppo urbano sostenibile. La rete JobTown ritiene che la disoccupazione giovanile, la bassa occupabilità e l'inattività debbano essere intese come problemi strutturali antecedenti alla crisi economica (sebbene questa li abbia aggravati) e pertanto che debbano essere affrontati con degli approcci sistemici. In definitiva, la rete vede gli sforzi per la creazione dell'occupazione giovanile e delle opportunità e le strategie di sviluppo locale come due facce della stessa medaglia. Proseguendo con l'approccio URBACT, ogni località JobTown ha creato un Gruppo di Sostegno Locale che funge da base per lo sviluppo di Partenariati Locali sostenibili.

3 Indice 3 Su questo modulo formativo p. 4 Il programma imprenditoriale di Prince s Trust per i giovani 6 Finanziamento alternativo - l esempio del Regno Unito 9 Growth Accelerator 15 Considerazioni finali 18

4 4 Su questo modulo formativo Il 77% dei cittadini del Regno Unito con età compresa tra 11 e 18 anni vorrebbe aprire una propria attività in futuro Il 47% afferma di aver sempre voluto essere il capo di se stesso Studio del Ambition AXA Awards del Il 30% dei giovani ritiene che in futuro avrà un lavoro autonomo Il 25% dei giovani pensa che, entro i prossimi 5 anni, sarà il capo di se stesso Il 24% dei giovani disoccupati preferirebbe avviare una propria attività piuttosto che continuare a cercare lavoro Prince s Trust & RBS The Start Up Generation Oggi, la prima modalità che permette alle persone di rientrare nel mondo del lavoro è il lavoro autonomo...questa crescita del lavoro autonomo è fantastica, quasi parliamo ora di quasi 1 persona su 5...mi pare che, nell ultimo trimestre, il 63% di tutte le persone che sono rientrare nel mondo del lavoro fossero lavoratori autonomi John Spindler, Presidente di Capital Enterprise, nel suo discorso durante il workshop transnazionale di JobTown sull imprenditorialità giovanile e sul lavoro autonomo, 19 giugno 2014, Enfield, Regno Unito 3 Numeri impressionanti, dichiarazioni impressionanti. Ci sono sicuramente questioni delle problematiche legate all imprenditorialità: restrizioni; esagerazioni che devono essere sgonfiate, sviscerate e interpretate; disposizioni che devono essere capite e così via. In base a dove si è situati in Europa, e a volte in base a dove si è situati all interno dello stesso paese, i contesti imprenditoriali possono essere molto diversi. L imprenditorialità e il lavoro autonomo non sono opzioni alla portata di tutti: è improbabile che tutti i disoccupati, di qualsiasi fascia di età, decidano improvvisamente di creare un impresa. Ci sono molte domande sul lavoro autonomo e sull effettivo grado di autonomia di questi lavoratori. C è molto da considerare. Nonostante ciò, non è possibile ignorare i numeri: sono numerosi i giovani attratti dall idea di avviare una loro attività e molti lavori sono creati tramite l imprenditorialità. Generalmente, avviare un attività significa creare una PMI. Le PMI sono i datori di lavoro: nel 2012 le PMI hanno fornito il 67% di tutti i posti di lavoro nell UE 4. Se guardiamo alla situazione americana, vediamo che, negli ultimi tre decenni, le start-up e le aziende con meno di cinque anni rappresentano la quasi totalità della creazione netta di posti di lavoro 5. Pur volendo sgonfiare l entusiasmo eccessivo, il fatto essenziale rimane intatto: l imprenditorialità e il lavoro autonomo sono elementi chiave, all interno di un quadro più ampio, per fornire ai giovani occupazione e opportunità. Allo stesso modo, sono fondamentali per lo sviluppo locale e per il dinamismo economico. Un problema chiave, a cui devono far fronte anche le autorità locali, è che molte delle politiche che influenzano il contesto imprenditoriale sono elaborate ad un livello che va ben oltre quello locale. Ciononostante, le amministrazioni locali 1 https://www.journalism.co.uk/press-releases/young-brits-mean-business-eight-in-ten-want-to-become-entrepreneurs/s66/a545359/ Ecorys, EU SMEs in 2012: at the crossroads. Annual report on small and medium-sized enterprises in the EU, 2011/12 (ECORYS Nederland BV, 2012) P.15, in 5 D. Stangler and P. Kedrosky, Neutralism and Entrepreneurship: The Structural Dynamics of Startups, Young Firms and Job Creation (Ewing Marion Kauffman Foundation, 2010) p. 13, in

5 possono giocare un ruolo fondamentale a favore dell imprenditorialità e dei giovani, lavorando al meglio delle loro capacità con gli altri attori locali e le organizzazioni. Ne è un esempio la rete JobTown: pensiamo al municipio londinese di Enfield che mette a disposizione locali abbandonati come Maker Spaces e Hacker Spaces o all idea della città di Cesena, in Italia, di creare una zona franca in un area prioritaria. Queste iniziative fattibili fanno la differenza. Questo modulo d apprendimento mostra tre approcci diversi approcci attuali del Regno Unito per sostenere l imprenditorialità. Nel giugno del 2014, nel Regno Unito, il rete JobTown ha tenuto un workshop transnazionale sull imprenditorialità giovanile e sul lavoro autonomo, organizzato in collaborazione tra il municipio londinese di Londra e il comune di Thurrock nell Essex. Dalla serie di casi presentati durante il workshop, sono state selezionate tre prassi da mostrare ad un pubblico più ampio. Si tratta di: Il programma imprenditoriale di Prince s Trust per i giovani Il finanziamento alternativo per i giovani imprenditori e le tabelle di marcia per lo sviluppo imprenditoriale con le rispettive opzioni finanziarie Growth Accelerator: un efficace servizio pubblico di sostegno alle imprese, erogato da specialisti del settore privato nelle aree locali dove viene erogato il servizio. 5

6 6 Il programma imprenditoriale di Prince s Trust per i giovani Questo capitolo è stato gentilmente redatto da Prince s Trust Come funziona? A chi è rivolto? Il programma imprenditoriale mira ad assistere i giovani disoccupati: si cerca di capire se il lavoro autonomo possa essere adeguato per loro; li si aiuta a testare le loro idee, a scrivere il piano aziendale e ad avviare l'attività o a raggiungere obiettivi alternativi in ambito lavorativo, educativo, formativo o nel volontariato Ai residenti nel Regno Unito che: hanno un'idea imprenditoriale da sviluppare hanno un'età compresa tra i 18 e i 30 anni sono disoccupati o lavorano meno di 16 ore alla settimana In cosa consiste l'aiuto? I giovani possono ricevere: formazione per dare loro un'idea di quello che bisogna sapere e fare per avviare la loro attività assistenza individuale per aiutarli ad analizzare e a testare la loro idea, per poi trasformarla in un piano aziendale assisterli nella richiesta di finanziamenti agevolati per aiutarli ad avviare la loro attività: fino a 4,000 sterline per un imprenditore individuale e fino a 5,000 sterline per una società di persone consulenza ed assistenza per aiutarli a sviluppare la loro attività o ad avere accesso ad altre opportunità educative, formative, lavorative o nel volontariato Fatti principali Dal 1983 ad oggi il Prince's Trust ha aiutato più di 80,000 giovani ad iniziare un'attività e lo scorso anno più di 8,000 giovani hanno aderito al nostro programma imprenditoriale per scoprire il lavoro autonomo. La valutazione del programma per il periodo 2013/2014 ha riscontrato che: il 20% dei giovani che si sono rivolti al programma ha avviato un'attività 2,111 giovani hanno avviato un'attività con il nostro sostegno Più di 2,000 persone stanno attualmente lavorando come consulenti aziendali.

7 Shaun McPherson Quando ero piccolo pensavo: "che senso ha, nessuno crede in me, quindi perché io dovrei credere in me stesso". Il Prince s Trust mi ha cambiato. Sono stato espulso da diverse scuole e non riuscivo a trovare un lavoro perché non avevo abbastanza qualifiche. Ho capito che se volevo che la mia vita cambiasse, dovevo essere io a farla cambiare. Così mi sono iscritto all'università. Poi mi sono rivolto al programma imprenditoriale del Prince's Trust che ha cambiato totalmente la mia vita. Con il sostegno del Trust, Shaun ha acquisito le competenze, le conoscenze e la sicurezza per avviare la propria attività: la sua impresa produce coperture per stagni. 7 Contenuto del programma Per partecipare al programma, i giovani devono essere interessati al lavoro autonomo. Inoltre, devono avere un idea imprenditoriale che vorrebbero testare e analizzare. Il programma li può aiutare a capire se la loro idea è fattibile e se il lavoro autonomo è l opzione più adatta a loro. In caso affermativo, il programma può offrire consulenza e, a chi ne abbia veramente bisogno, un sostegno finanziario per avviare l attività. Tuttavia, nel caso in cui il lavoro autonomo non sia l opzione più adatta, il programma può aiutare i giovani a trovare altre opzioni lavorative, educative, formative o nel volontariato. L assistenza fornita dal programma in avviene in 4 fasi: Ispirazione sessione informativa Si tratta di una sessione a numero ristretto per informare i giovani sul programma, sul suo obiettivo e sul sostegno che offriamo, unitamente a quello che il Trust dei richiede ai giovani partecipanti. Ciò permette ai giovani di capire se il programma fa per loro e se hanno la motivazione e l impegno necessari. In questa fase, i giovani non sono considerati come impegnati nel programma. Scoperta analisi dei corsi imprenditoriali Questo corso di 4 giorni permette ai giovani di scoprirne di più sugli argomenti relativi alla pianificazione e alla gestione di un impresa e per far capire loro se il lavoro autonomo è adatto a loro. Questo corso è tenuto da una combinazione di staff e volontari a gruppi di 10 giovani, in media. È concepito per essere pratico, interattivo, visivo e basato su discussioni e attività. Punta a far sì che i giovani capiscano cosa voglia dire gestire un impresa, trasmettendo allo stesso tempo alcuni dei concetti e delle conoscenze più importanti. Se i giovani frequentano 1 o 2 giorni del corso, sono conteggiati come impegnati nel programma. Lancio - sessioni individuali Ad ogni giovane vengono offerte, in linea generale, 8 ore di sostegno per aiutarlo a pensare, a scegliere e a pianificare il prossimo passo e il risultato. Queste sessioni possono essere realizzate con un membro dello staff o con un volontario. Ai giovani che hanno bisogno di sostegno finanziario per testare le loro idee possono essere concesse delle sovvenzioni Will it work (fino a 250 sterline a persona). Le sessioni possono essere prenotate per l ora, il giorno e con la frequenza preferite dal giovane.

8 8 Incremento Consulenza e sostegno finanziario Dopo che i giovani hanno scelto il prossimo passo e il risultato, il programma offre il sostegno adatto per raggiungerli. Ai giovani che scelgono altre opzioni lavorative, educative, formative o nel volontariato viene offerta una consulenza progressiva fino a 6 mesi. Ai giovani che intendono avviare un attività viene offerto un sostegno per l avvio dell attività sotto forma di consulenza aziendale per 2 anni e una gamma di offerte di assistenza, gratuite ed agevolate, fino a 3 anni. Per chi ne ha veramente bisogno, è a disposizione anche un sostegno finanziario. Gli importi disponibili dipenderanno dalla risorse disponibili localmente: tuttavia, in linea di massima, possono essere offerti prestiti agevolati fino a 4, 000 sterline, per imprenditori individuali; fino a 5,000 sterline per le società di persone e sovvenzioni fino a 1,500 sterline. Per candidarsi al programma Trust, i giovani devono presentare le loro proposte imprenditoriali ad un gruppo di lancio aziendale. Visitate il nostro sito Web: Princes-trust.org.uk

9 Finanziamento alternativo: l esempio del Regno Unito 9 Questo capitolo si basa sui materiali forniti da John Spindler, Presidente di Capital Enterprise (http://capitalenterprise.org/), l ente, rivolto ai membri, per i fornitori di servizi di sostegno alle imprese a Londra. La totalità dei grafici e delle immagini è stata gentilmente concessa dal Signor Spindler. Sintesi Nel Regno Unito post-crisi, le banche non concedono (abbastanza) prestiti alle start-up: i giovani imprenditori ne risultano particolarmente svantaggiati. In contemporanea, sono emerse nuove alternative al finanziamento tradizionale. Oggi Londra è la prima base al mondo per il finanziamento alternativo e negli ultimi cinque anni ha visto un importante crescita del settore. Londra è anche la capitale europea non ufficiale delle start-up, con circa 150,000 start-up all anno ovvero un numero di circa tre volte quello della seconda classificata e di molto superiore quello di alcuni paesi. Secondo gli standard della UE, il processo inglese per l avvio di una start-up è allettante: è relativamente facile ed economico, ha costi comparativamente bassi, requisiti agevoli in termini di licenza e così via. Una buona parte del dinamismo aziendale del Regno Unito è spinta dai giovani che arrivano da tutta Europa e che avviano qui la loro attività. Questi due fenomeni sono correlati: questo sbalorditivo tasso di imprenditoria è sostenuto in gran parte dai mezzi previsti dal finanziamento alternativo. Il caso di Londra è quindi un naturale punto di riferimento per chi vuole capire meglio il crescente rapporto tra il finanziamento alternativo e l imprenditorialità, dato che queste due prassi continuano ad espandersi in lungo e in largo. Quanto segue delinea le opzioni di finanziamento alternativo disponibili a Londra e come tali opzioni corrispondano ai livelli, alle fasi e ai settori dell imprenditoria. 1) Contesto Fatti principali: All incirca, per ogni 10 sterline depositate nelle banche inglesi dalle società, 1 sterlina viene riprestata ad attività industriali si veda il grafico sopra. Vere PMI e concessione totale di titoli in prestito dal 2006 Grafico che illustra come i depositi che le banche del Regno Unito ricevono dalle PMI sono considerevolmente più elevati rispetto ai prestiti che concedono alle PMI

10 10 Paradosso principale: Nonostante la maggior parte degli imprenditori in fase d'avviamento abbia anni, i giovani e i giovani imprenditori affrontano svantaggi significativi per ottenere i crediti. Credit Crunch Proprio come nel resto di buona parte dell Europa, la crisi economica (2008-?) ha portato ad una carenza del capitale disponibile per gli investimenti aziendali, in particolare per quanto riguarda le start-up, in particolare, per i giovani imprenditori. Determinati profili o circostanze ben riconoscibili sono sempre stati immancabilmente svantaggiati quando si rivolgono al finanziamento tradizionale: nell attuale clima economico, la situazione è ulteriormente peggiorata. Stiamo parlando di: Una start-up o una PMI in fase d espansione Mercati o condizioni che rappresentano un rischio commerciale o eventuali incertezze L espansione su nuovi (ovvero sconosciuti) mercati, la produzione di nuovi prodotti o di elementi fortemente innovativi Tempo di ritorno degli investimenti a lungo termine (ovvero, saranno i profitti che ripagheranno il debito) Una PMI più piccola o più giovane, ovvero che ha meno di 5 anni una Assenza di una storia commerciale o creditizia (situazione tipica dei giovani) I beni aziendali sono immateriali (capitale umano, ecc.) e/o assenza di una garanzia collaterale (situazione tipica dei giovani) Così molti giovani e molte innovazioni devono cercare altrove i finanziamenti... Politiche pubbliche e sostegno finanziario Il governo del Regno Unito ricopre un ruolo all interno del finanziamento: l intento dichiarato di questa politica è quello di spingere non solo la società britannica verso l ambizione imprenditoriale ma, di pari passo, anche la natura dell economia inglese. Il governo inglese concede prestiti dal 1971 tramite un programma che ora si chiama Enterprise Finance Guarantee, che può essere paragonato, a grandi linee, al Fondo europeo per gli investimenti. In linea generale, non rappresenta un opzione per la maggior parte dei giovani: la procedura di candidatura è difficile e burocratica e circa il 25% del finanziamento deve comunque essere richiesto alle banche. In tutto il Regno Unito è possibile trovare una serie di iniziative locali e regionali a sostegno del finanziamento aziendale alle imprese: ad esempio, nel giugno del 2014 le autorità londinesi hanno annunciato un fondo per gli investimenti di 75 milioni di sterline, volto a sostenere circa 300 imprese in fase d avviamento nella capitale. Business Angel Co-Investment Fund Equity Enterprise Capital Funds Uk innovation investment Fund Start Up Loans CDFA Whoiesale fund Debt Enterprise Finance Guarantee UK Export Finance trade finance products Business Finance Partnership (SMEs) Business Finance Partnership (Mid-cap) Wholesale finance Loan/Investment Size Mappa delle iniziative di finanziamento del Governo del Regno Unito Funding for Lending 0k 25k 100k 250k 1m 5m 10m

11 Oggi, il Seed Enterprise Investment Scheme (SEIS) è un programma pubblico chiave, come si può vedere sotto. 2) Tipologie di finanziamento alternativo Oggi, sul mercato londinese ci sono 7 principali tipologie di investitori per la fase d avviamento: Crowdfunding Riduzione delle imposte in base al SEIS Investitori informali Super investitori informali (più specializzati) Government Backed Enterprise Capital Fund ECF Capitale di rischio VC Investitori strategici Ne esistono due varianti principali: Reward-based, ovvero si pre-vende il prodotto prima di fabbricarlo Equity-based, ovvero si vendono quote della nuova società Finanziamento SEIS Il Seed Enterprise Investment Scheme (SEIS) è un agevolazione fiscale lanciata nell aprile del 2012, volta ad incoraggiare i contribuenti britannici all acquisto di quote nelle start-up registrate in Gran Bretagna. L idea di base (maggiori informazioni: Gli investitori SEIS possono investire da 100,000 a 150,000 sterline in un unica start-up che: 11 Ripartizione dei $1.92bn nel finanziamento alternativo disponibile a Londra Crowdfunding Crowdfunding: prassi che prevede la raccolta di contributi, solitamente via Internet, da un ampio numero di persone per finanziare un progetto o un impresa, ad esempio per costruire un prototipo o per testare sul mercato un idea o un prodotto. È una prassi in rapida crescita ed un opzione che ben si adatta ad un ampia gamma di start-up. Inoltre è molto popolare quando si tratta di progetti sociali e di aziende tech e creative. Non possono controllare. Ha al massimo 25 dipendenti Ha beni per un valore inferiore a 200,000 sterline Lavora in un settore approvato, ad esempio il settore finanziario ne è escluso Gli investitori riavranno il 50% del loro investimento in detrazioni fiscali, ad eccezione delle imposte sulle plusvalenze da capitale. Questo programma ha toccato una serie di piattaforme e di servizi privati, sostenendo questo tipo di strategia per gli investimenti.

12 12 Investitori informali Gli investitori informali 6 (o Business Angel) esistono già da qualche tempo: si tratta di professionisti maturi che investono i loro soldi in start-up o in progetti aziendali in fase di avviamento. Generalmente, sembrano più interessati alla salute e al successo dell impresa nella quale investono piuttosto che a motivazioni più speculative tipiche del capitale di rischio. Sempre più investitori informali si organizzano in gruppi o in reti per investimenti congiunti e per il sostegno aziendale alle imprese. Super investitori formali Rispetto ai tradizionali investitori formali, i super investitori formali si dedicano principalmente a questa attività d investimento e la praticano su scala più ampia. Generalmente si specializzano per settore e cercano di analizzare e di comprendere, in maniera più sofisticata, ciò su cui investono; sono più coinvolti nelle relative reti aziendali informali e così via. Enterprise Capital Fund (ECF) Finanziamento pubblico L EFC è un regime finanziario creato dal Dipartimento inglese per l industria, l innovazione e le competenze (BIS) che riunisce soldi privati e pubblici da investire nell industria. Il loro target è composto dalle PMI che, pur avendo un buon potenziale di crescita e un buono ritorno degli investimenti (ROI), non hanno un adeguato accesso ai finanziamenti. Capitale di rischio Gli investitori del capitale di rischio (singoli individui, banche d investimento ed altri istituti finanziari) iniettano i loro soldi nelle start-up o nei progetti aziendali con un alto potenziale di crescita. Si fanno carico di un alto tasso di rischio, in virtù di un ritorno degli investimenti (ROI) dall alto potenziale. Possono essere coinvolti nella strategia aziendale e fornire una qualche forma di consulenza. Investitori strategici Gli investitori strategici sono simili a quelli del capitale di rischio per quanto riguarda la ricerca del ROI: tuttavia, tale ricerca avviene entro un preciso set di obiettivi o una precisa strategia, di solito inun settore di loro competenza e spesso a favore degli interessi di un impresa madre maggiore (ad esempio Intel, Time-Warner, ecc.). Hanno un approccio molto pratico alla gestione e alla conduzione della società. 3) Quali opzioni, per chi, quando? Ciascuna delle diverse forme di finanziamento alternativo ha i suoi compromessi e può essere la soluzione ideale per diverse esigenze e diversi profili, in momenti diversi. A seguire presentiamo un rapido schema che illustra: quale opzione corrisponde, di norma, ad una determinata esigenza industriale delle imprese; i vantaggi e gli svantaggi basilari di ogni opzione e l alternativa tradizionale della quale prende il posto. Opzioni per imprese più piccole portale per trovare sovvenzioni bandi di concorso per il finanziamento di giovani imprenditori tra i 16 e i 30 anni, 1000 sterline concesse a più di 10 imprese al mese aspx Programma imprenditoriale del Princes Trust o Prestiti imprenditoriali di ,000 sterline per le start-up Nuovo regime di aiuto a favore delle imprese Associazioni per il finanziamento dello sviluppo delle comunità smallbusinesscentre.org.uk Centro per le piccole imprese di Londra est, accesso al finanziamento: si dà sostegno nel redarre il piano aziendale a chi vuole aumentare i ricavi fino a 10 mila sterline Prestiti a tasso agevolato per imprese creative Opzioni per lo sviluppo di prodotti Portale per trovare sovvenzioni Comitato strategico per la tecnologia, finanziamenti governati per ricerca e sviluppo e reti per il trasferimento della conoscenza connect.innovateuk.org/web/ictomorrow IC Tomorrow, programma britannico che favorisce l innovazione nel settore tecnologico 6 Il termine deriva originariamente da Broadway e descrive i finanziatori delle produzioni teatrali.

13 Esempi delle opzioni di finanziamento alternativo suddivise per esigenza Scopo Soluzione tradizionale Nuova alternativa Intervento governativo Vincolo Soluzione alternativa Per finanziare il ciclo di cassa esistente Per finanziare il ciclo dei pagamenti Per finanziare gli acquisti di capitale Scoperto bancario Sconto in fattura/ anticipi in conto corrente Leasing/ mutui ipotecari commerciali/ prestiti garantiti Business Loan Company (Wonga) Prestiti tra pari Piattaforme come. Multe per chi è in mora /incoraggia i pagamenti anticipati del governo Finanziamento per il prestito Ammortamenti fiscali Caro (garanzie personali e collaterali) È necessario avere comprovata esperienza e clienti meritevoli di credito È necessario avere un attività in apprezzamento o può essere caro Riduce i cicli di cassa, ad esempio con le pre-vendite Modifica i termini di pagamento Economia della Condivisione 13 Per finanziare piani di crescita/ di investimento modesti Prestiti garantiti Finanziamento per il prestito Necessaria una garanzia collaterale/buon a storia commerciale Nessuno necessaria l'attività principale Per finanziare attività di ricerca e sviluppo, incluso lo sviluppo del prodotto Nessuno Piattaforme di Reward crowdfunding come Crediti d imposta per ricerca e sviluppo Bandi di concorso per le sovvenzioni Collaborazioni Per finanziare piani di crescita ambizisi Aumenta gli investimenti in conto capitale Piattaforme di crowdfunding in conto capitale come ewww.crowdcube.com Regimi di credito d'imposta, ad esempio SEIS, EIS e i fondi di coinvestimento. È necessario puntare ad una crescita supernormale ed essere disposti a cedere quote del capitale della compagnia Investimenti di familiari ed amici Ente di beneficenza per l innovazione Rete Enterprise Europe di Londra, sostiene le PMI e l internazionalizzazione Finanziamento europeo per le PMI e il settore di ricerca e sviluppo ec.europa.eu/research/index.cfm Finanziamento europeo per la collaborazione nel settore di ricerca e sviluppo Traduzione/Follow on sui fondi di ricerca Research Councils UK Arts & Humanities Research Council 4) Fasi: tabella di marcia per le imprese e corrispettivi canali di finanziamento alternativi I 2 grafici seguenti presentano il susseguirsi standard delle fasi in un attività imprenditoriale e le diverse opzioni di finanziamento che di norma corrispondono ad ogni fase. Sebbene siano ovviamente sommari e non applicabili a tutta la casistica, i succitati grafici danno al lettore una rapida panoramica su cosa aspettarsi da un tentativo imprenditoriale facendo affidamento sul finanziamento alternativo. L uso di tali strumenti è in crescita, perciò cresce anche l esigenza di conoscerli.

14 14 Schema del tipico processo di sviluppo usando il finanziamento alternativo, FFF = "familiari, amici ed altri", VC = capitale di rischio IPO = Offerta pubblica iniziale

15 Growth Accelerators 15 Introduzione La mancata crescita economica è un problema fondamentale di tutta l Europa odierna: di conseguenza, è cresciuta la domanda per prassi efficaci e in grado di favorire la crescita. L esperienza britannica di Growth Accelerator ha prodotto risultati strabilianti. I beneficiari affermano: Ci sono maggiori probabilità di crescita 94% Migliora la preparazione del piano aziendale 9 su 10 Migliora il marketing 75% Possono gestire meglio condizioni economiche difficili 71% Permettono di trovare più opportunità 70% 7 Le imprese che fanno ricorso ad una consulenza esterna e alle informazioni sono più ambiziose del 14% e hanno un successo maggiore del 50% rispetto a chi non lo fa Le società che hanno usato Growth Accelerator e che lo rifarebbero, se dovessero tornare indietro 96% 8 Il coaching ha un impatto positivo sul risultato netto 92% 9 John Scott è manager per la crescita presso Pera Consulting (http://www.peraconsulting.com/), una delle organizzazioni che fornisce il programma sugli acceleratori di sviluppo. Il suo background: Si è laureato nel 1967 ed ha ottenuto il primo impiego come tirocinante presso la divisione aerea della Rolls Royce a Derby, che produce motori per aerei. Era specializzato in informatica che nel 1967 era agli albori. Solo grandi imprese come la Rolls Royce potevano permettersi di investire sui computer, che occupavano interi edifici e che, per funzionare, richiedevano numerosi programmatori e staff per la preparazione dati. Dopo la Rolls Royce, ha trascorso 18 anni presso la Honeywell Information Systems, dove ha fatto carriera ed è infine diventato responsabile commerciale per i dipartimenti governativi, seguita dalla responsabilità aziendale per la parte centrale del Regno Unito. Infine, è diventato l'amministratore delegato di una multinazionale statunitense e presidente della loro filiale francese. Si è trasferito nell Essex, nell'inghilterra meridionale, dove ha lavorato su un progetto del governo precedente chiamato business link che aiutava le imprese appena nate o le imprese in difficoltà. Growth Accelerator è completamente diverso... La prassi basata su un partenariato pubblicoprivato che va a fornire un orientamento di qualità sovvenzionato, fornito da professionisti del settore privato con una esperienza personale diretta nel settore di competenza può essere potenzialmente applicata ovunque in Europa: abbiamo quindi invitato John Scott a darci un resoconto diretto sul loro modo di lavorare. Growth Accelerator non si rivolge ai giovani di per sé, ma nel Regno Unito le start-up sono guidate in maniera più che sproporzionata da giovani imprenditori. Così la nostra prassi risponde alla domanda: che cosa possiamo fare per sostenere i giovani imprenditori?. Il resoconto di un professionista Growth Accelerator è stata lanciato dal dipartimento del governo britannico per l industria, l innovazione e le competenze (BIS) nell aprile 2012 e finora ha fornito assistenza ha più di 20,000 società. In qualità di manager per la crescita, responsabile per le imprese nella contea britannica dell Essex, nel sud-est dell Inghilterra, presenterò le informazioni basilari relative al servizio, per poi darvi il mio punto di vista su Growth Accelerator e sul suo impatto. Growth Accelerator è un servizio di massima qualità che aiuta le migliori imprese inglesi in espansione a raggiungere le loro ambizioni con una crescita rapida e sostenibile. Si tratta di un partenariato tra l imprenditoria privata e il governo: è percepito dalle piccole imprese come estremamente abbordabile. Growth Accelerator opera tramite una rete di esperti di crescita che lavorano fianco a fianco con le PMI con un alto potenziale di crescita, per fornire loro il know how e le capacità che 7 Visitate il canale You tube del Growth Accelerator 8 UK Government s Department for Business, Innovation and Skills (BIS), Institute of Personnel and Development (CIPD)

16 16 servono alle società per raggiungere una crescita sostenibile. Il servizio aiuta le società a: Scoprire le vere problematiche che possono frenare le imprese Definire il giusto piano di crescita Aprire le porte a professionisti e a reti imprenditoriali d alto livello Indipendentemente da ciò che le imprese necessitano per velocizzare e per favorire la crescita, Growth Accelerator li aiuta ad andare avanti. Alcune delle domande che questi leader imprenditoriali di successo pongono durante il cammino verso un successo sempre più brillante: Come posso far aumentare più velocemente le vendite? A chi mi devo rivolgere per ottenere dei finanziamenti? Dove sono le nuove idee che galvanizzeranno la mia attività? Gli esperti della crescita ed i coach hanno il compito di aiutare le società a: Apprezzare il loro reale potenziale di crescita Fissare degli obiettivi raggiungibili Identificare e superare le barriere, fronteggiandole Attrarre investimenti sviluppando la richiesta di finanziamento e presentandola ai finanziatori. Inoltre, è necessario orientare le società affinché sappiano come Stimolare lo sviluppo del prodotto Commercializzare la loro innovazione Motivare i dipendenti In aggiunta, i coach danno la carica ai piani della società con la consulenza individuale su leadership e gestione e presentano le società ad altre società simili che hanno già affrontato le stesse barriere. Infine, Growth Accelerator mette in contatto le società con professionisti e reti imprenditoriali per aiutarli ad avere maggiori informazioni e ad intrecciare relazioni. L obiettivo del governo del Regno Unito per Growth Accelerator è lavorare con 26,000 società in 3 anni, aiutandolo a creare un solido team di 100 manager per la crescita che sarà responsabile per l identificazione di imprese ambiziose e con un alto potenziale di crescita, mettendole in contatto con all incirca 1000 Coach della crescita in tutto il paese. I manager della crescita sono professionisti esperti che hanno lavorato con mansioni di responsabilità nel settore pubblico e in quello privato. I manager della crescita hanno comprovata esperienza nell aiutare le PMI a velocizzare e a favorire la loro crescita, per imprese di ogni dimensione, di ogni settore e di ogni regione. Loro stessi hanno fatto lo stesso percorso e sanno cosa vuol dire lottare per il successo. Sanno quando parlare, quando ascoltare e come far arrivare le imprese alle idee che trasformeranno la loro attività. Molte società che adottano il servizio ritengono che ci sia l esigenza di formare in leadership e gestione lo staff senior dell organizzazione. Il servizio Growth Accelerator aiuta le società ad avere accesso al 50% di un contributo fino a 2,000 sterline per dipendenti per coprire il costo di tale formazione. Per poter aderire a Growth Accelerator, le imprese devono essere registrate in Inghilterra, avere meno di 250 dipendenti e un volume d affari inferiore ai 40 milioni di sterline. Per sapere se si è idonei, è possibile fare su rapido test su Growth Accelerator è un partenariato tra imprese private e governo: ciò significa che riusciamo a mantenere economico il servizio. Dato che il governo sta investendo affinché le società aumentino le loro attività, anche i loro costi si sono notevolmente ridotti. Il costo di Growth Accelerator è calibrato in base alle dimensioni dell attività: Micro e start-up (fino a 4 dipendenti) 600 sterline Piccole (5-49 dipendenti) 1,500 sterline Medie ( dipendenti) 3,000 sterline In aggiunta, la società deve pagare 700 sterline d IVA che può ovviamente essere detratta dalle imprese con P.IVA. Perché 700 sterline e non 120 se la quota è di 600 sterline? Ciò è dovuto al fatto che HM Revenue and Customs ha determinato che il valore reale del servizio, compreso il contributo governativo, è di 3,500 sterline.

17 Critiche iniziali: Il mio punto di vista sul servizio è cambiato nel corso dei suoi due anni di vita. All avvio del servizio, ero molto critico sull investimento minimo nel lancio del progetto: ciò significava che, nei primi mesi, poche compagnie erano a conoscenza dell esistenza del servizio. Allo stesso modo, mi infastidiva molto dover ascoltare i rappresentanti del governo che, in radio e in TV, parlavano di quanto il governo si fosse impegnato a favore delle piccole imprese ma senza MAI menzionare Growth Accelerator! Ho chiesto a due deputati locali se fossero a conoscenza del progetto ed entrambi non ne sapevano nulla. Successo del passaparola: Oggi, Growth Accelerator è riuscito a raggiungere le società grazie alla combinazione di coach che hanno spinto i loro clienti ad usare il servizio e di società che hanno utilizzato il servizio, consigliando Growth Accelerator ad altre imprese, di solito ad incontri per fare rete. Man mano che sempre più società ne vedevano i benefici, è stato possibile mostrare i loro successi in brevi video su YouTube e sugli articoli della stampa: ora Growth Accelerator è molto conosciuto. Standard di qualità I successi sono stati maggiori nel caso in cui le organizzazioni partner che forniscono il servizio per il governo sono state MOLTO selettive nell approvare i coach che forniscono il servizio individuale e quando i formatori che forniscono la formazione su leadership e gestione erano di massima qualità. Inoltre, dovendo pagare una quota per poter aderire a Growth Accelerator, le società si impegnano di più rispetto a quello che farebbero se il servizio fosse totalmente gratuito: il valore del servizio in relazione al costo è estremamente alto. In aggiunta alle società che forniscono il servizio, il responsabile dipartimento governativo controlla periodicamente la qualità della fornitura alle imprese che hanno investito su Growth Accelerator. Di conseguenza, gli standard rimangono ad un livello molto alto. John Scott, Pera Consulting, Essex, UK, novembre 2014 Per avere maggiori informazioni, è possibile consultare il canale You Tube di Growth Accelerator che ne illustra i metodi e presenta delle testimonianze sui risultati: https://www.youtube.com/user/growthaccel 17

18 18 Considerazioni finali L imprenditorialità e il lavoro autonomo devono far parte della strategia per l occupazione e le opportunità. Ovviamente questa strada non è adatta a tutti, ma va bene così. Per la stessa ragione, i giovani hanno il diritto di tentare la strada dell imprenditorialità, se è quello che vogliono, senza incontrare ostacoli inaspettati sul loro cammino. Fortunatamente, prepararsi per l imprenditorialità, ovvero conoscere le capacità imprenditoriali e le caratteristiche generiche (risolvere i problemi, imparare a gestirsi, prendere delle iniziative personali, ecc.), non si applica solo al lavoro autonomo: permette infatti di preparare i dipendenti e di far loro affrontare un gran numero di sfide che la vita può porre. Allo stesso modo, l istruzione e la formazione che puntano a rafforzare la consapevolezza, le capacità e gli atteggiamenti imprenditoriali non sono sprecate per chi alla fine deciderà di non proseguire sulla strada dell imprenditoria. Contesti aziendali altamente diversificati producono risultati, tanto in termini di imprese che di occupazione, altamente diversificati: inoltre, influiscono in maniera diversa sulla mentalità. Quando si parla degli atteggiamenti dei giovani nei confronti dell imprenditorialità, risulta più costruttivo e più responsabile enfatizzare quello che può essere fatto per facilitare le singole iniziative piuttosto che colpevolizzare i giovani per la percezione di un eventuale assenza di spirito imprenditoriale. Questo pregiudizio colpevolizzante, per estensione, fa venir meno la pressione e la responsabilità (che a loro volta favoriscono una presa d azione), condizionando così gli atteggiamenti dei giovani e e il contesto imprenditoriale. Inoltre, l agevolazione di un contesto imprenditoriale deve essere focalizzata non solo sulla semplificazione dell iniziale processo della startup: che cosa succede dopo la creazione della startup? Come incidono quotidianamente le tasse, le imposte e l accumulo di requisiti amministrativi? Ci si deve preoccupare di ciò, se l obiettivo finale è un occupazione sostenibile di qualità (che sia accompagnata da uno sviluppo economico e da un dinamismo su scala locale) e non un numero magico superficiale di nuovi posti di lavoro. Mettendo da parte le variazioni regionali e nazionali, ci sono problemi ai quali nessuna parte dell Europa sfugge. Uno di questi problemi assai diffuso è quello dell atteggiamento verso, e delle conseguenze di, il fallimento economico. Nel Regno Unito molti guardano all America, alle sue prassi, esperienze e atteggiamenti nei confronti del fallimento economico, alla ricerca di qualcosa da imparare e/o un esempio che possa motivare il cambiamento. È possibile che i britannici e gli irlandesi abbiano in qualche modo fortificato la consapevolezza transatlantica anche se la tendenza ad imparare dalle migliori prassi e a confrontare i successi che vengono dall esterno dell EU è sensata in ogni caso. Un altra questione assai diffusa è l accesso carente e la fornitura di un orientamento di qualità, ovvero un orientamento che rispetti le esigenze dell utente, che arrivi nel momento più opportuno e da persone che siano appositamente qualificate. Gli esempi di Growth Accelerator o del programma imprenditoriale di Prince s Trust sono incoraggianti: mostrano come il fare affidamento su, e il fornire, un orientamento adatto faccia la differenza. Aiutare i giovani imprenditori a crescere, a moltiplicarsi e ad avere successo fa la differenza anche per tutta la popolazione in generale, non si tratta solo delle aspirazioni individuali dei giovani. Nel Regno Unito, e la tendenza è paragonabile quasi dappertutto, gli imprenditori in fase di avviamento sono giovani Tuttavia, i giovani e i giovani imprenditori affrontano sfide significative. Facilitare tali sfide, e rendere la UE un posto dove i giovani imprenditori possano prosperare, significa rendere la UE un economia vincente e una società dinamica e creativa: una società in grado di mantenere la propria importanza e la propria competitività in un mondo globalizzato e in grado di soddisfare le aspirazioni della sua popolazione. E le amministrazioni locali possono fare la differenza. Possono far succedere le cose, in particolare se lavorano in partenariato con gli altri attori. Le amministrazioni locali possono contribuire in due modi generici: fornendo loro stessi un sostegno diretto, magari fornendo incubatori, spazi per Hacker and Maker Spaces, detrazioni fiscali e così via. Oppure possono lavorare sulla connessione: facendo conoscere ai giovani altri attori ed altre organizzazioni che li possono aiutare, fornendo piattaforme per fare rete e così via. Ovviamente la casistica qui presentata non è esaustiva: cerca piuttosto di mostrare che gli attori a livello locale non sono agenti passivi di un paesaggio economico influenzato da forze e politiche importanti di macro-livello. Azioni locali mirate, pratiche e ben pensate possono fare la differenza: possono favorire un contesto imprenditoriale più promettente e facilitare il senso dei giovani per le iniziative imprenditoriali, risvegliando gli spiriti animali.

19 Allegati link per avere maggiori informazioni sul finanziamento alternativo 19 Crowdfunding Reward-based, molti attori USA https://www.buzzbnk.org https://www.banktothefuture.com Equity-based, molti attori Seed Enterprise Investment Scheme (SEIS) Attori principali: Business Angels, gruppi principali di Londra Business Angels di Londra E100 (London Business School) Oxford Angels cambridgeangels.com Super investitori informali, attori principali: playfaircapital.com angellab.co.uk/ jamjarinvestments.com Angel List Syndicates

20 20 Enterprise Capital Fund (ECF), attori principali: Software-as-a-Service (SaaS) & B2B Cloud specialist Fase di avviamento Fase di avviamento Sussex Place Ventures Società di software in fase di avviamento Oxford-based, science backed start-ups focus Series A Fund (1 st round venture funding), co-investment fund with Mayor of London Active Seed Capitale di rischio (VC) a Londra, primi 5: Indipendentemente dalla fase Accel Partners Indipendentemente dalla fase Indipendentemente dalla fase Indipendentemente dalla fase Fase d avviamento e intermedia Octopus Ventures Investitori strategici Fase di avviamento whitestarvc.com White Star Capital Fase di avviamento Fase di avviamento Fase di avviamento, internet e mobile, connectventures.co.uk Fase di avviamento ed intermedia Fase di avviamento ed intermedia, fondo appena lanciatowww.amadeuscapital.com Fase d avviamento ed intermedia, specializzato in attività di mercato Piton Capital Fase di avviamento ed intermedia Fase di avviamento ed intermedia Investimento minimo di 500 mila sterline in tecnologia legata ai media Indipendentemente dalla fase Nuova, focus sulle potenzialità con prossimo trasferimento negli USA Social & Tech for Good di finanza sociale Social Investment Fund Imprenditrici stargatecapital.co.uk/trapezia_1.aspx Trapezia thefsegroup.com/investors/business-angels/incito-ventures Incito british-business-bank.co.uk/market-failures-and-how-we-address-them/aspire-fund Aspire Fund

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli

Perché AIM Italia? (1/2)

Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia si ispira ad un esperienza di successo già presente sul mercato londinese Numero di società quotate su AIM: 1,597 Di cui internazionali: 329 Quotazioni su

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

5 %>"G: (JPWFOU} JO NPWJNFOUP * 08*/>0 Mµ&VSPQB TPTUJFOF J HJPWBOJ -67 6 D3"G: 63 & E"G& > 5J * * 5 6 1G:/ &G& "34 7 / "3*D 83: & in & U 3 OP "

5 %>G: (JPWFOU} JO NPWJNFOUP * 08*/>0 Mµ&VSPQB TPTUJFOF J HJPWBOJ -67 6 D3G: 63 & EG& > 5J * * 5 6 1G:/ &G& 34 7 / 3*D 83: & in & U 3 OP in U OP Né la Commissione europea né alcuna persona che agisca a nome della Commissione europea è responsabile dell uso che dovesse essere fatto delle informazioni contenute nella presente pubblicazione.

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni MTA Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni L accesso ai mercati dei capitali ha permesso a Campari di percorrere una strategia di successo per l espansione e lo sviluppo del proprio

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Excellence Programs executive. Renaissance management

Excellence Programs executive. Renaissance management Excellence Programs executive Renaissance management Renaissance Management: Positive leaders in action! toscana 24.25.26 maggio 2012 Renaissance Management: positive leaders in action! Il mondo delle

Dettagli

LETTERA AGLI AZIONISTI E AI PARTNER DI DIGITAL MAGICS

LETTERA AGLI AZIONISTI E AI PARTNER DI DIGITAL MAGICS Milano, 29 gennaio 2014 LETTERA AGLI AZIONISTI E AI PARTNER DI DIGITAL MAGICS Carissimi Azionisti e Partner, Il 2013 per noi è stato un anno entusiasmante. Abbiamo completato con successo il nostro progetto

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

BANDO VALORE ASSOLUTO 3.0

BANDO VALORE ASSOLUTO 3.0 BANDO VALORE ASSOLUTO 3.0 Concorso di idee per iniziative imprenditoriali innovative Che cosa è Valore Assoluto è un iniziativa della Camera di Commercio di Bari, giunta al terzo anno di attività e finalizzata

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo Caratteristiche del Fondo EQUI MEDITERRANEO FUND e un fondo costituito sotto forma di SICAV SIF ed è un comparto dedicato della piattaforma EQUI SICAV - SIF, una Società a capitale Variabile Lussemburghese

Dettagli

Elementi di progettazione europea

Elementi di progettazione europea Elementi di progettazione europea Il partenariato internazionale Maria Gina Mussini - Project Manager Progetto Europa - Europe Direct - Comune di Modena La trasnazionalità dei progetti europei Ogni progetto

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

La disseminazione dei progetti europei

La disseminazione dei progetti europei La disseminazione dei progetti europei Indice 1. La disseminazione nel 7PQ: un obbligo! 2. Comunicare nei progetti europei 3. Target audience e Key Message 4. Sviluppare un dissemination plan 5. Message

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVORO 01 Tendenze generali riguardanti l orario

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori Costruire uno Spin-Off di Successo Non fidarsi mai dei professori Spin-Off da Università: Definizione Lo Spin-Off da Università è in generale un processo che, partendo da una tecnologia disruptiva sviluppata

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Ing. Stefano Molino Investment Manager Innogest SGR SpA Torino, 31 Marzo 2011 Venture Capital: che cos è? L attività di investimento istituzionale

Dettagli

LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT

LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT Perché l'ue disciplina gli appalti pubblici? La disciplina degli appalti fa parte degli obiettivi del mercato interno. Si

Dettagli

1. AGROALIMENTARE, PROMOZIONE TERRITORIALE E TURISMO

1. AGROALIMENTARE, PROMOZIONE TERRITORIALE E TURISMO CHI SIAMO Sagitter One é la compagnia specializzata nel fornire soluzioni all avanguardia nel mercato dell ospitalità, della promozione agroalimentare, del marketing territoriale e dell organizzazione

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Soluzioni di risparmio

Soluzioni di risparmio Soluzioni di risparmio Alla ricerca delle spese nascoste Visibile Gestita totalmente Aereo Treno Gestita tradizionalmente Servizi generalmente prenotati in anticipo e approvati dal line manager Meno potenziale

Dettagli

ghd crea una comunità online professionale che si dedica all acconciatura. Grazie a hybris.

ghd crea una comunità online professionale che si dedica all acconciatura. Grazie a hybris. ghd crea una comunità online professionale che si dedica all acconciatura. Grazie a hybris. Sin dal lancio, avvenuto dieci anni fa, il marchio ghd è diventato sinonimo di prodotti di hair styling di fascia

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Mergers & Acquisitions Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Di Michael May, Patricia Anslinger e Justin Jenk Un controllo troppo affrettato e una focalizzazione troppo rigida sono la

Dettagli

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%)

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%) Deloitte Italy Spa Via Tortona 25 20144 Milano Tel: +39 02 83326111 www.deloitte.it Contatti Barbara Tagliaferri Ufficio Stampa Deloitte Tel: +39 02 83326141 Email: btagliaferri@deloitte.it Marco Lastrico

Dettagli

CORSI BREVI. Catalogo formativo 2015. /FitzcarraldoFon

CORSI BREVI. Catalogo formativo 2015. /FitzcarraldoFon CORSI BREVI Catalogo formativo 2015 La svolge attività di formazione dal 1989 ed è stata tra i primi in Italia a introdurre percorsi formativi legati al management e al marketing culturale. L'offerta formativa

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale Il Cammino verso una Regolamentazione Europea: L Approccio Modulare Employee Stock Ownership Plans (ESOP): Un veicolo per garantire la successione

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro EXECUTIVE SUMMARY 2 Executive Summary La ricerca si è proposta di indagare il tema del rapporto Giovani e Lavoro raccogliendo il punto di vista di

Dettagli

più credito per la tua impresa

più credito per la tua impresa Sei un impresa che vuole acquistare nuovi macchinari, impianti o attrezzature? più credito per la tua impresa : Agevolazioni anche per i settori di pesca e agricoltura Beni strumentali, l agevolazione

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

Il mercato del lavoro danese

Il mercato del lavoro danese 1 AMBASCIATA D ITALIA COPENAGHEN Il mercato del lavoro danese Il modello della Flexicurity Composto dalle parole inglesi flexibility e security, il termine coniuga il concetto della facilità con cui le

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 Centralized control with decentralized responsibility (Johnson and Kaplan, 1987) 1. Dalla nascita fino al 1920 La General Motors,

Dettagli

Urban Farming: Second Use of Public Spaces. Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking. Scheda progetto

Urban Farming: Second Use of Public Spaces. Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking. Scheda progetto Urban Farming: Second Use of Public Spaces Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking Scheda progetto CSAVRI - Centro Servizi di Ateneo per la Valorizzazione della Ricerca e Incubatore

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

Corsi di General English

Corsi di General English Corsi di General English 2015 A Londra e in altre città www.linglesealondra.com Cerchi un corso di inglese a Londra? Un soggiorno studio in Inghilterra o in Irlanda? I nostri corsi coprono ogni livello

Dettagli

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 PMI. Tutte le informazioni per la quotazione in borsa online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ABI, AIFI, ASSIREVI, ASSOGESTIONI, ASSOSIM,

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO La ricerca europea in azione IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO (7º PQ) Portare la ricerca europea in primo piano Per alzare il livello della ricerca europea Il Settimo programma quadro per la ricerca e lo sviluppo

Dettagli

Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate

Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate 6.1 Metodi per lo sviluppo di nuovi prodotti (MSNP) Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate Questo capitolo presenta alcune metodologie per gestire al meglio

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

HELPDESK PER LE AZIENDE. 1. Che cos è uno stage o tirocinio internazionale?

HELPDESK PER LE AZIENDE. 1. Che cos è uno stage o tirocinio internazionale? HELPDESK PER LE AZIENDE AZIENDE OSPITANTI 1. Che cos è uno stage o tirocinio internazionale? E un tipo di formazione sul lavoro che si realizza in aziende di un Paese diverso da quello nel quale il giovane

Dettagli

ELENA. European Local Energy Assistance

ELENA. European Local Energy Assistance ELENA European Local Energy Assistance SOMMARIO 1. Obiettivo 2. Budget 3. Beneficiari 4. Azioni finanziabili 5. Come partecipare 6. Criteri di selezione 7. Contatti OBIETTIVI La Commissione europea e la

Dettagli

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale.

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Questo il risultato di una ricerca di Natixis Global Asset Management, secondo cui di fronte a questo dilemma si

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Discriminazione sul posto di lavoro Quando una persona viene esclusa o trattata peggio delle altre a causa del sesso, della

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

In breve Febbraio 2015

In breve Febbraio 2015 In breve In breve Febbraio 2015 La nostra principale responsabilità è rappresentata dagli interessi dei nostri clienti. Il principio per tutti i soci è essere disponibili ad incontrare i clienti, e farlo

Dettagli

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4.

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4. Industry 4.0 - La Fabbrica prossima ventura? Incontro e Dibattito per esplorazione di >> Cosa succederà per gli Imprenditori, i Manager, i Cittadini?

Dettagli

OMAGGI, PRANZI, INTRATTENIMENTO, VIAGGI SPONSORIZZATI E ALTRI ATTI DI CORTESIA

OMAGGI, PRANZI, INTRATTENIMENTO, VIAGGI SPONSORIZZATI E ALTRI ATTI DI CORTESIA OMAGGI, PRANZI, INTRATTENIMENTO, VIAGGI SPONSORIZZATI E ALTRI ATTI DI CORTESIA Le presenti Linee Guida si applicano ad ogni amministratore, direttore, dipendente a tempo pieno o parziale, docente, esterno

Dettagli

I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola

I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola Europrogettista Il profilo è ricercato in particolare da ONG,

Dettagli

Smart Specialisation Strategy della Provincia Autonoma di Trento. Esempi e strumenti di attuazione. A. A Beccara I. Pilati Trento RISE

Smart Specialisation Strategy della Provincia Autonoma di Trento. Esempi e strumenti di attuazione. A. A Beccara I. Pilati Trento RISE Smart Specialisation Strategy della Provincia Autonoma di Trento Esempi e strumenti di attuazione A. A Beccara I. Pilati Trento RISE S3 PAT ICT Micro nano-elett. Qualità della vita Agrifood Nanotech. Fotonica

Dettagli

Real Consultant Srl Company Profile

Real Consultant Srl Company Profile Ooooo Real Consultant Srl Company Profile a company Regulated by RICS (The Royal Institution of Chartered Surveyors) Aprile, 2013 Indice REAL CONSULTANT - COMPANY PROFILE REAL CONSULTANT IL NOSTRO PROFILO

Dettagli

www.01net.it Il primo portale italiano per i professionisti dell Ict, per il trade e per le piccole e medie imprese utenti di Ict

www.01net.it Il primo portale italiano per i professionisti dell Ict, per il trade e per le piccole e medie imprese utenti di Ict www.01net.it Il primo portale italiano per i professionisti dell Ict, per il trade e per le piccole e medie imprese utenti di Ict 01NET NETWORK www.01net.it Pag 2 Dati di traffico 01net Network Totale

Dettagli

Indice dell'economia e della società digitali 1 2015 2

Indice dell'economia e della società digitali 1 2015 2 Indice dell'economia e della società digitali 1 2015 2 Profilo per paese L', con un 3 complessivo pari a 0,36, è venticinquesima nella classifica dei Stati membri dell'. Nell'ultimo anno ha fatto progressi

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Art. 1 ATTIVAZIONE L Università degli Studi Niccolò Cusano Telematica Roma attiva il Master di

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli