Guida per l aspirante imprenditore. Questo progetto è co-finanziato dall Unione Europea con fondi FESR Programma Central Europe ( )

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Guida per l aspirante imprenditore. Questo progetto è co-finanziato dall Unione Europea con fondi FESR Programma Central Europe (2007-2013)"

Transcript

1 Guida per l aspirante imprenditore Questo progetto è co-finanziato dall Unione Europea con fondi FESR Programma Central Europe ( )

2 / Guida per l aspirante imprenditore Sapere e saper fare. Il progetto Cultural Capital Counts. / Quali sono i nostri reali obiettivi? / Quali sono i nostri risultati? / Mettersi in proprio. Il progetto per l attività in proprio. 01 / Introduzione / Scrivere un business plan è fondamentale. 02 / Come prepararlo. 03 / I contenuti / Chi è la persona che si mette in proprio? 03.2 / L idea di partenza / La ricerca: saperne di più. 04 / La pianificazione / Il rapporto con il mercato / L organizzazione / La forma giuridica / Il piano economico-finanziario. 05 / Completare un progetto. 06 / Schema sintetico. 07 / Il lavoro autonomo: «Come fare per aprire la partita Iva?». 08 / Quanto costa avviare un impresa individuale? 09 / I regimi fiscali agevolati per le attività di impresa o di lavoro autonomo in forma individuale / Iniziative imprenditoriali e di lavoro autonomo / Nuovi contribuenti minimi. 10 / Le agevolazioni regionali a supporto degli investimenti per la nascita e lo sviluppo di nuove imprese / Imprenditoria Femminile L.R. 1/ / Imprenditoria Giovanile L.R. 57/ / Il Microcredito: che cos è e a chi serve. A cura di Rita Bonucchi e del Servizio Nuova Impresa di Verona Innovazione.

3 Sapere e saper fare. Esiste un profondo legame tra il genio creativo e il saper fare che si genera dal patrimonio culturale intangibile e che caratterizza in maniera unica ed univoca l identità di un territorio e le persone che lo animano. Il sapere e saper fare sono competenza e mestieri trasmessi di generazione in generazione, costantemente ricreati e rappresentano una categoria patrimoniale irrinunciabile per la nostra economia, soprattutto l attuale. Verona e la sua provincia sono una fucina di tradizioni tipiche dei mestieri d arte, qualsiasi sia il settore merceologico e d interesse, che si sono tradotte molto spesso in attività imprenditoriali, manufatti e prodotti noti in tutto il mondo, ma non si limitano solo all artigianato tradizionale. Ci sono infatti una serie di professioni culturali parte fondamentale di quel sistema creativo e della società della conoscenza, che oggi guida le economie avanzate. In ogni materia ed in ogni prodotto si coniugano storia, territorio, abilità, ingegno e si esprimono un identità ed uno stile di vita. Non sono oggetti, sono processi culturali da valorizzare assieme all atto sociale di creazione e rielaborazione che ne permette la produzione e la pratica. Con questa pubblicazione Verona Innovazione, Azienda Speciale della Camera di Commercio, vuole riassumere i risultati del progetto Cultural Capital Counts e dare le informazioni e strumenti necessari a chi vuole realizzare la propria idea d impresa. Sarà compito dei futuri imprenditori trasformare le competenze del passato in know how e in prodotti che li distinguono nei mercati di domani. Sarà compito nostro supportarli in questa avventura. Maurizio Danese Presidente di Verona Innovazione, Azienda Speciale della Camera di Commercio

4 Il progetto Cultural Capital Counts. Culture Capital Counts (CCC) è un progetto europeo che ha l obiettivo di promuovere lo sviluppo regionale, concentrandosi sulle risorse immateriali come le tradizioni, pratiche sociali e artistiche, conoscenze e talenti. Per tre anni ( ) dieci regioni europee, inclusa la provincia di Verona (unico partner italiano assieme alla Regione Piemonte), hanno lavorato in sinergia per utilizzare il loro patrimonio culturale quale leva strategica per lo sviluppo dell economia del territorio. Il progetto fa parte del programma di cooperazione territoriale Central Europe un iniziativa dell Unione Europea per promuovere lo sviluppo economico, ambientale e sociale nell Europa Centrale. / Quali sono i nostri reali obiettivi? Focalizzarci sulla specificità e qualità della vita delle nostre regioni permetterà di comprendere perché cittadini, visitatori ed imprenditori hanno deciso di stare qui e non altrove. Comprendere è il primo passo per migliorare. Creare una strategia operativa basata sui beni culturali immateriali favorirà lo sviluppo sostenibile delle regioni per aumentarne la competitività. Condividere con le imprese del territorio le risorse culturali intangibili che da tempo traducono nei loro prodotti e l unicità che li contraddistingue nel mondo.

5 / Quali sono i nostri risultati? Dalla conoscenza delle tradizioni, della cultura e delle tipicità del territorio veronese, raccontate nella pubblicazione Verona, cultura di un territorio, all elaborazione di un progetto imprenditoriale. Verona Innovazione ha deciso di lavorare sulla valorizzazione in chiave imprenditoriale. Attraverso la realizzazione di un percorso formativo che permettesse di identificare le specificità territoriali per poi trasferirle, attraverso un approccio concreto, in una dimensione di business che consentisse al partecipante di sviluppare nuove idee e soluzioni imprenditoriali. In concreto hanno partecipato al percorso formativo 60 persone e dei 56 progetti presentati ne abbiamo selezionato 24 per supportarli ulteriormente. I nostri sei esperti si sono impegnati in undici focus group e 240 ore di consulenza one to one per dare ai partecipanti tutti gli strumenti necessari a differenziare e realizzare la propria idea. Raccogliere questi strumenti e renderli disponibili ad altri che vogliano intraprendere un percorso simile è stata un altra sfida del progetto. La web app.(link) fa raccontare ad alcuni partecipanti la propria storia e fornisce strumenti utili. Favorire la nascita e la sopravvivenza delle start-up è la missione del Servizio Nuova Impresa che quotidianamente fornisce informazione e formazione per chi vuole mettersi in proprio. Questa guida è dedicata a tutti coloro che hanno scelto di orientarsi verso il lavoro autonomo e la microimpresa e si chiedono come iniziare, alla ricerca di strumenti semplici e di immediata applicazione. / Mettersi in proprio. Mettersi in proprio è un espressione riferita a qualsiasi attività di lavoro non dipendente. Le motivazioni per mettersi in proprio sono tante, spesso legate alla mancanza di un lavoro dipendente, oppure alla realizzazione di un sogno, al desiderio di creare e di vedere crescere qualcosa in cui crediamo. Ti piacerebbe fare qualcosa di tuo, decidere ogni giorno tutto ciò che riguarda lo svolgimento delle attività, l organizzazione, la cura dei clienti e il livello qualitativo? Tutto questo è affascinante: significa avviare e organizzare un attività, cioè creare valore, con le proprie forze. Ma richiede molto impegno e molte risorse, personali, tecniche e finanziarie. Significa, prima di tutto, prendersi responsabilità. Sei tu che scegli di metterti in proprio, con quale idea, in che modo. Sei tu che risponderai delle tue decisioni, giuste o sbagliate. Sono due le figure tipiche del mettersi in proprio, l imprenditore e il lavoratore autonomo (definito nel nostro sistema come chi esercita arti o professioni, art c.c.). Per entrambe le figure è necessario uno strumento specifico per descrivere l idea imprenditoriale, i tempi e i modi dell avviamento di un attività, le decisioni principali. Di seguito trovi le indicazioni per impostare un progetto di piccola attività in proprio, cioè un business plan limitato e commisurato alle esigenze di chi si mette in proprio aprendo un attività autonoma, consulenti e prestatori di servizi, artigiani e microimprenditori: il tuo passaporto per l autonomia.

6 Il progetto per l attività in proprio. 01 / Introduzione. Il business plan è un documento scritto nel quale vengono esposte tutte le informazioni sul futuro imprenditore, valuta il progetto imprenditoriale e le caratteristiche dell ambiente in cui si intende sviluppare il progetto. I motivi per cui anche i lavoratori autonomi dovrebbero preparare scrivere un business plan sono tanti. Il più importante è l aiuto che dà nella valutazione e realizzazione del progetto, permettendo di seguire un percorso già definito, che consente di chiarirsi le idee su molti aspetti che altrimenti non sarebbero stati considerati e anticipare l analisi di problemi che si presentano dopo l avvio dell attività. Le analisi e le considerazioni effettuate sulla decisione di mettersi in proprio e sull attività da iniziare assumono una concretezza che non potrebbero avere se rimanessero espresse solo nella nostra mente. Avere un punto di riferimento scritto, inoltre, ti permette di essere sempre cosciente di quello che avevi deciso di fare e confrontare l effettiva realtà. Il progetto scritto permetterà di effettuare dei cambiamenti se le condizioni del mercato lo richiedono. Il business plan ti servirà non solo nella fase della creazione d impresa, ma anche nella gestione successiva / Scrivere un business plan è fondamentale. Al futuro lavoratore autonomo / artigiano / microimprenditore: per verificare la reale convenienza del progetto di lavoro autonomo, dal punto di vista commerciale, economico e finanziario; per evidenziare i punti di forza e di debolezza del progetto; Ai potenziali finanziatori (banche, ecc.): per decidere il finanziamento di un impresa; per l ammissione a leggi di finanziamento agevolato (proposte da Regione, Provincia o Comune). per avere una guida nella gestione successiva all apertura.

7 02 / Come prepararlo. Non è necessario attenersi a uno schema rigido, ma è meglio che un progetto segua un impostazione logica e risponda ad una serie di interrogativi. Prendi appunti sin dall inizio, meglio se sul computer, perché è molto facile fare confusione tra tanti materiali che si raccolgono. Il documento dovrà essere chiaro e completo; sarebbe opportuno inserire eventuali fotografie, documentazione o articoli di giornale che potrebbero essere utili per illustrare meglio il proprio progetto imprenditoriale a chi dovrà esaminarlo. Non spaventarti, lo sforzo che fai oggi per scrivere il business plan sarà ampiamente ripagato durante l attività d impresa. 03 / I contenuti / Chi è la persona che si mette in proprio? Anche se hai definito bene l idea, non è possibile valutarla senza collegarla alla persona che la realizzerà. Nel lavoro autonomo la persona è fondamentale, la definizione stessa contenuta nel Codice Civile specifica che la professione o l arte viene esercitata direttamente dalla persona che promuove l attività. Ma per un consulente, un artigiano o una microimpresa avviene esattamente lo stesso: il fattore umano è fondamentale e il successo dipende dalle persone. Dovrai, quindi, descrivere le tue conoscenze, competenze, attitudini, esperienze, deve essere chiaro perché sei tu la persona adatta a svolgere l attività. Chi sono? Cosa so fare? Cosa ho fatto finora? Cosa mi riesce bene? Per cosa sono portato? 03.2 / L idea di partenza. Forse ci pensi da anni, o forse ti è venuta in mente improvvisamente. È la tua idea. Una volta individuata, dovrà essere sviluppata con un certo metodo. Non basta che piaccia o sia di moda, deve essere analizzata rispetto al mercato di riferimento. È necessario acquisire tutte le informazioni possibili per capire se l idea è valida, realizzabile e adatta al territorio. È meglio studiare attentamente tutti gli aspetti che riguardano l attività che si vuole intraprendere prima dell avvio, per verificare se la nostra attività non è solo frutto della nostra voglia di metterci in proprio, ma una fonte di guadagni e di soddisfazioni personali. Dovrai definire: Qual è l idea che intendo sviluppare? Perché quest idea? Quali sono le motivazioni che mi spingono verso quella particolare idea? Quali sono gli obiettivi che vorrei raggiungere in futuro?

8 03.3 / La ricerca: saperne di più. A questo punto hai chiarito bene l idea che vuoi realizzare e la persona che la sostiene, ma non basta. Per capire se un attività può avere successo, bisogna analizzarla nell ambiente e nel contesto dove effettivamente verrà realizzata. Raccogli informazioni su concorrenti e clienti, ti serviranno anche in altre sezioni del business plan. Per compiere questa ricerca puoi farti aiutare dai servizi per la creazione d impresa, ma dovrai metterti in gioco anche personalmente. Alla fine di questo lavoro conoscerai meglio il settore nel quale stai per entrare, le caratteristiche della concorrenza, i comportamenti dei clienti. / La ricerca sulla concorrenza. Stai per entrare in un ambiente e devi conoscerlo bene. Questo significa conoscere i concorrenti e le loro caratteristiche, le normative e l evoluzione del settore. La presenza di concorrenti non deve spaventarti, è una caratteristica normale dei mercati maturi. Quali sono i concorrenti diretti? Quanti sono in totale? Dove sono localizzati? Che prezzi praticano? Che qualità offrono? Come promuovono il loro prodotto/servizio? Quali sono i loro punti di forza e i loro punti di debolezza? Esiste un associazione di categoria? Il settore di attività in cui intendo inserirmi è in fase di sviluppo? Come prevedo il futuro del mio settore di attività? Si prevedono delle normative che limiteranno la mia attività futura? Prova a identificare i concorrenti e le loro politiche, magari attraverso l acquisto dei loro prodotti e l osservazione dei loro negozi. Non dimenticare che può essere interessante osservare anche realtà fuori dalla nostra zona, perché possono mostrare innovazioni e soluzioni interessanti. Inoltre, il collega di un altra provincia non ti riterrà propriamente un concorrente e magari ti racconterà qualcosa della sua impresa. Oltre a questo, naturalmente, potrai studiare la concorrenza attraverso i materiali di comunicazione (la pubblicità, un depliant, un profilo su un social network.) e pubblicazioni specializzate. / La ricerca sui clienti. Le imprese traggono i loro profitti dalla soddisfazione di clienti e consumatori, dai loro bisogni. Ma chi sono questi clienti? Devi studiare l ambiente dove l impresa opererà, per capire: Chi e quanti sono i potenziali clienti? Che tipo di bisogni sentono? Quanto sono disposti a spendere per soddisfarli? Dove comprano? Come raccolgono informazioni e come prendono le decisioni? Ricorda che non basta avere buoni prodotti per avere successo, nel nostro mercato è necessario trovare una formula vincente tagliata su misura per i clienti. Hai provato a studiare le attività esistenti fingendoti un potenziale cliente? Controlla se esistono ricerche sui comportamenti dei clienti nel tuo settore, molte sono consultabili gratuitamente. A cosa serve: a prendere decisioni, aumentare la competitività e la rapidità di azione, diminuire i costi a medio termine (rifacimenti, sanzioni, adeguamenti). Come si fa: raccogliere le informazioni e scegliere una modalità di classificazione, dedicare ogni settimana un po di tempo alla lettura e all aggiornamento, preferire la forma digitale per le informazioni. Partecipare a conferenze e seminari, a corsi di aggiornamento e specializzazione, selezionare fonti di informazione su internet come newsletter e forum professionali, identificare una serie di soggetti detentori di informazioni e inserirli nel network. Utilizzare i servizi per il supporto alla creazione d impresa, gli sportelli informativi, le associazioni professioni e di imprenditori. Un esempio: sottoscrivere siti web e blog per seguirne gli aggiornamenti. Un consiglio: non smettere mai di cercare informazioni, non fermarsi dopo l avvio dell attività, la ricerca non finisce mai. E perché, ogni tanto, non fare ricerca anche sulla propria impresa? Controlla la visibilità e la reputazione sul web.

9 04 / La pianificazione. / A cosa serve. Ottimizzazione delle risorse, diminuzione dello stress, identificazione anticipata dei fattori critici di rischio. / Come si fa. Formalizzare un sistema di pianificazione prima dell apertura dell impresa e mantenerlo aggiornato. / Esempio. Scrivere il business plan secondo i modelli forniti dai servizi di supporto alla creazione d impresa. In alcuni casi può essere utile ampliare l orizzonte temporale della pianificazione. / Il consiglio. Anche se si parte da dimensioni ridotte, immaginare e progettare anche i passi successivi, una dimensione diversa, con più scenari / Il rapporto con il mercato. Probabilmente ti sei posto sin dall inizio alcuni interrogativi, sui prodotti o servizi da proporre, oppure sui prezzi da praticare. Ora è il momento di legare gli elementi che hai raccolto durante la ricerca con le decisioni di marketing. Si tratta di decidere cosa offri, a che prezzo, tramite quali canali e con quale comunicazione. Ricorda che i clienti non arrivano da soli e che è importante che la tua impresa abbia un avvio rapido. Descrivi i prodotti o il servizio che vuoi fornire e i prezzi a cui prevedi di vendere. Cosa chiarire? La tipologia di clientela a cui ci si rivolgerà e come si cercherà di farli diventare clienti. Qual è il servizio che offro? Quali sono le sue caratteristiche distintive? Quali bisogni soddisfa? Quali sono le differenze più importanti tra il nostro servizio e quello della concorrenza (prezzo, qualità, tecnologia, novità, ecc.)? Perché dovrebbero venire ad acquistare da me invece di andare dai concorrenti? Che cosa li attira? Dove intendo stabilire la sede della mia attività? Perché ho scelto quel particolare luogo per il mio prodotto/servizio? Quale sarà il prezzo a cui intendo vendere il mio prodotto/servizio? Il mio prezzo è coerente con la tipologia di clientela a cui mi rivolgerò? Come prevedo di distribuire il mio prodotto/servizio (con consegna a domicilio, con costi di spedizione o trasporto a mio carico, direttamente presso il cliente, ecc.)? Come penso di far conoscere il mio prodotto/servizio? Che tipo di comunicazione prevedo di utilizzare (insegna, il passaparola, cartelli, messaggio televisivo o radiofonico, ecc.)?

10 04.2 / L organizzazione. Ma chi farà tutte queste cose che stai scrivendo nel business plan? Tu, la tua famiglia, dei collaboratori? Conviene descrivere bene la divisione del lavoro tra il futuro imprenditore, gli eventuali collaboratori, gli eventuali soci. Come prevedo di strutturarmi? Penso di utilizzare del personale esterno? Con quale forma contrattuale (collaboratori coordinati continuativi, prestatori occasionali, dipendenti a tempo determinato, indeterminato, part-time, ecc.)? Quali saranno i compiti di ognuno? 04.3 / La forma giuridica. La forma giuridica determina costi e adempimenti, è quindi una decisione importante per la quale vale la pena di farsi consigliare dagli appositi servizi delle Camere di Commercio (Servizio Nuova Impresa) oppure dal proprio commercialista. Per prendere una decisione appropriata è necessario aver già chiarito, grazie alla redazione del progetto d impresa, il presunto volume d affari, i rischi, le responsabilità verso i terzi, i rapporti con eventuali colleghi e collaboratori. Le forme giuridiche del lavoro autonomo sono varie. La più diffusa è la forma individuale: un artigiano, un programmatore di software, un ristoratore o una decoratrice floreale possono esercitare la loro attività in forma individuale. Ricorda che la legge determina per quali professioni intellettuali è poi necessaria l iscrizione in appositi albi o elenchi. Alternative alla forma individuale sono l associazione professionale e la società tra professionisti. Di seguito una panoramica di sintesi delle forme giuridiche previste dal nostro ordinamento. Impresa individuale Società di persone Società di capitali Impresa individuale Impresa Familiare Società in nome collettivo Società in accomandita semplice Società a responsabilità limita SRL unipersonale Società a responsabilità semplificata Società per azioni Società in accomandita per azioni Società cooperative Atto costitutivo Apertura partita IVA Atto notarile (o scrittura privata autenticata) Atto notarile (o scrittura privata autenticata) Atto notarile (o scrittura privata autenticata) Atto notarile Atto notarile Atto notarile Atto notarile Atto notarile Atto notarile Numero soci Titolare Titolare e familiari Almeno 2 Almeno 2 di cui 1 accomandatario Almeno 2 Un solo socio Almeno 2 o unipersonale Almeno 2 Almeno 2 di cui 1 accomandatario Minimo 3 soci Capitale sociale minimo Nessun limite Nessun limite Nessun limite Nessun limite Minimo 1 euro e < Nessun limite Responsabilità dei soci Personale e Illimitata Personale e illimitata del titolare Illimitata Amministratori Non previsti Non previsti Solo soci Illimitata per i soci accomandatari Solo accomandatari Limitata alla quota apportata Limitata alla quota apportata Limitata alla quota apportata Limitata alle azioni sottoscritte Soci o Terzi Soci o Terzi Soci o Terzi Soci o Terzi Illimitata per i soci accomandatari Solo accomandatari Limitata alla quota apportata Soci o terzi Assemblea Non prevista Non prevista No organo obbligatorio ma forma di attività decisionale No organo obbligatorio ma forma di attività decisionale Obbligatoria Obbligatoria Obbligatoria Obbligatoria Obbligatoria Obbligatoria Collegio Sindacale (SPA) Organo di Controllo (SRL) Non previsto Non previsto Non previsto Non previsto Obbligatorio con capitale sociale > o se previsto da atto costitutivo o con determinate dimensioni Obbligatorio con capitale sociale > o se previsto da atto costitutivo o con determinate dimensioni Non previsto dal modello standard Obbligatorio: durata 3 anni rinnovabile Obbligatorio Obbligatorio con capitale sociale > o se previsto da atto costitutivo o con determinate dimensioni

11 / Impresa sociale. Individuata dal Dlgs 155/06, non rappresenta un soggetto giuridico a sé, ma una nuova qualificazione che può essere assunta da soggetti costituiti con qualsiasi forma giuridica, in presenza di queste condizioni: 1. Operatività nei settori considerati ad utilità sociale (art. 2 Dlgs 155/06): istruzione, educazione e formazione (anche extra-scolastica); tutela dell ambiente e dell ecosistema, valorizzazione del patrimonio culturale; trismo sociale; formazione universitaria e post-universitaria; ricerca ed erogazione di servizi culturali; servizi strumentali alle imprese sociali; assistenza sociale, sanitaria e socio-sanitaria. 2. Divieto di distribuzione degli utili ai soci, dal momento che l arricchimento che si persegue con l impresa sociale è l incremento del ben-essere delle collettività in cui si opera. / Start up innovativa. è una società di capitali di diritto italiano, costituita anche in forma cooperativa, o società europea avente sede fiscale in Italia, che risponde a determinati requisiti e ha come oggetto sociale esclusivo o prevalente: lo sviluppo, la produzione e la commercializzazione di prodotti o servizi innovativi ad alto valore tecnologico. La normativa prevede poi una serie di requisiti particolari affinché una società possa qualificarsi come start-up innovativa. Verifica l elenco dei requisiti su startup.registroimprese.it / Il piano economico-finanziario. Prima o poi bisogna parlare di denaro. La descrizione degli investimenti necessari per avviare l attività, le risorse finanziarie (denaro) e le fonti di finanziamento a cui rivolgersi, i costi e i ricavi dell attività con il relativo profitto (guadagno) o perdita. Le informazioni di carattere economico-finanziarie devono essere previste per i primi tre anni di attività. Quali beni di investimento (ristrutturazione di locali, arredamento, impianti, automezzi, computer, stampante, tel./fax, insegna per i negozi, ecc.) mi servono per l attività (Piano degli investimenti)? In che tempi? Ho definito il mio capitale che prevedo di destinare alla mia attività? Ho previsto i ricavi che dovrebbero derivare dalla vendita dei miei prodotti/servizi (Conto Economico)? Ho previsto i costi necessari per avviare e gestire l attività (acquisti di merce, stipendi ai dipendenti, affitto, utenze, consulenze, pubblicità, tasse varie, ammortamento dei beni d investimento, interessi sui prestiti di denaro, spese varie, ecc.) (Conto Economico)? Ho previsto le uscite di denaro a fronte dell acquisto dei beni di investimento e dei costi (Piano finanziario)? Ho previsto le entrate di denaro date dal mio capitale e dai ricavi dell attività (Piano finanziario)? Quante altre risorse finanziarie (denaro) mi serviranno oltre al mio capitale? Quali sono le fonti di finanziamento meno costose? Dopo aver predisposto il proprio business plan, si suggerisce di valutare attentamente se le informazioni che sono state inserite sono complete, credibili e precise; essendo il progetto ancora sulla carta sarà così possibile intervenire dove si ritiene che si possa migliorarlo, per renderlo realizzabile se non vi convince, o più economicamente vantaggioso, se i risultati della gestione sembrano scarsi. 05 / Completare un progetto. Ogni progetto è una storia, questa guida vuole solo aiutare con uno schema, e può essere completato con dati e informazioni più specifiche rispetto all attività che si vuole esercitare e ai mercati che si vogliono toccare. Può essere utile aggiungere qualche nota rispetto ai fattori di rischio che contraddistinguono l attività che si è scelta oppure una collezione di immagini relativa alle realizzazioni già compiute. Per le decisioni e attività più cruciali tra quelle citate nel progetto è consigliabile approfondire descrivendo chi fa, che cosa, entro quando, con quali risorse.

12 06 / Schema sintetico. Chi sono (chi siamo) L idea di business La ricerca La ricerca Piano di marketing: la segmentazione Piano di marketing: la politica di prodotto Piano di marketing: la politica di prezzo Piano di marketing: la distribuzione Piano di marketing: la comunicazione Previsioni economico finanziarie Organizzazione Programmazione Quali competenze, realmente, mi porto dietro dal mio precedente lavoro, dalle mie esperienze di vita, dai miei hobby? Qual è il mio livello professionale? Sono preparato? Come si esprime, come si definisce l idea? Quali bisogni del mercato andiamo a soddisfare? Qual è la missione dell impresa (la sua ragione d essere)? Cosa conosco dell ambiente competitivo? Cosa so dei potenziali clienti? Chi sono i potenziali clienti e come essere classificati e descritti? Quanti prodotti terremo in assortimento? Con quale struttura dell assortimento? Quanto valgono per i clienti i nostri prodotti e servizi? Quali livelli di prezzo sono applicati dalla concorrenza? Come avviene l incontro tra domanda e offerta? C è qualcuno che mi aiuta a promuovere le vendite? Cosa faremo per far sapere non solo che esistiamo e abbiamo una certa offerta? Come si chiama l attività? Come ne diffonderemo la notorietà? Quali costi e ricavi, entrate e uscite verranno generati dall impresa? Quali investimenti sono necessari? Qual è la suddivisione delle responsabilità? Quali sono le competenze in gioco? Chi si aiuta/o affianca? Dettagliamo esattamente chi fa, cosa fa, entro quando, con quali risorse Se ho frequentato corsi di cucina e sempre cucinato per le feste di tutti gli amici mi porto dietro delle competenze per l avvio di una attività di chef a domicilio. Per una organizzatrice di matrimoni: la mia attività permette ai futuri sposi di rilassarsi e godersi una cerimonia di gusto, organizzata nei minimi particolari, con un occhio al risparmio Per un consulente web: i miei concorrenti sono gli appassionati che costruiscono siti web a tempo perso e le web agency. Nella mia zona la più conosciuta è Future Web, che produce siti e si occupa del loro posizionamento sui motori di ricerca ( ) Per una decoratrice d interni: i miei potenziali clienti sono architetti e privati. I primi ( ) - Attenzione alle conseguenze su fornitori, magazzino, produzione, investimenti, scorte... Il nostro amico ha atteso un prodotto perché si trattava di un favore, il futuro cliente non si comporterà così e ci giudicherà anche comparando il nostro assortimento con quello della concorrenza È necessario che i prodotti e servizi vengano remunerati esattamente secondo il valore che significano per i clienti Un laboratorio di pasta fresca può vendere direttamente ai clienti, magari ad alcuni ristoranti, ma anche a negozi di pasta fresca che a loro volta venderanno il prodotto ai consumatori finali Per un consulente di informatica è utile inserirsi in un social network di tipo professionale (LinkedIn) Probabilmente non ci siamo preoccupati finora dei costi, non erano significativi. Ora abbiamo bisogno di conoscerli per prendere le decisioni Non è detto che ce la facciamo da soli! Una decoratrice guadagna di più se riesce a organizzare gli incarichi in modo da risparmiare spostamenti Non sai dove recuperare guide e informazioni per redigere il tuo business plan? Esiste un luogo dove i futuri imprenditori e le start up stanno condividendo materiali, strumenti e link e quant altro può aiutarti a sviluppare la tua idea d impresa:

13 07 / Il lavoro autonomo: «Come fare per aprire la partita Iva?». Eccoti arrivato alla meta! Il tuo progetto è stato verificato e validato con la stesura del business plan, gli ingredienti della tua idea ci sono ormai tutti e la tua motivazione è ancora più forte. Manca soltanto un passo fondamentale: la nascita dell impresa. Ma da dove si parte? Tanti ti suggeriscono Devi aprire partita Iva!. Ancora oggi nel gergo abituale chiunque intenda avviare un impresa parla di apertura della partita iva. Fino a qualche anno fa l apertura, o meglio, la richiesta del numero di partita iva costituiva a tutti gli effetti il primo e principale passo di tutto l iter burocratico necessario. Attualmente costituisce uno degli adempimenti di avvio del lavoro autonomo, sicuramente importante, ma non il solo. Il numero di partita iva viene assegnato sia alle imprese che ai liberi professionisti. / Imprese. Le imprese svolgono attività di: Artigianato, Commercio, Servizi, Agricoltura, Industria. Come abbiamo visto le imprese possono costituirsi in forma individuale o in società. Parlando di microimprese interessate a valorizzare il patrimonio culturale gestite da un unica persona, la forma giuridica di riferimento è senza dubbio quella dell impresa individuale. L artigiano ne costituisce un esempio per eccellenza. In questo caso per richiedere il numero la partita iva e avviare l impresa dal 2010 si utilizza la procedura della Comunicazione Unica telematica. In un unica soluzione via web si procede: alla richiesta del numero di Partita Iva all iscrizione in Camera di Commercio: al Registro delle Imprese e nel caso di artigiani all Albo degli Artigiani all iscrizione all INPS all iscrizione all INAIL: obbligatoria per gli artigiani all invio al SUAP Sportello Unico Attività Produttive del Comune competente di eventuali comunicazioni se previste. Nel caso di società invece sarà necessario rivolgersi ad un notaio per tutti gli adempimenti. Per fare la Comunicazione Unica si segue la procedura prevista indicata su utilizzare il programma ComunicaStarweb, avere a portata di mano la propria firma digitale (contenuta nella CNS-Carta Nazionale Servizi o nella SmartCard) e posta elettronica certificata, possedere le credenziali di Telemaco con un fondo da alimentare con carta di credito o altri sistemi bancari da utilizzare per il versamento di diritti e imposte della pratica e infine sottoscrivere un contratto gratuito con la Camera di Commercio per avere l abilitazione alla trasmissione telematica. La pratica telematica Com.Unica quindi può essere fatta: da soli collegandosi al sito attraverso sportelli convenzionati; rivolgendosi al professionista di fiducia (commercialista). / Liberi professionisti. Sviluppare un attività di lavoro autonomo mirata esclusivamente a valorizzare i mestieri in forma artistica, o il capitale culturale in una modalità che non preveda l utilizzo di mezzi e di un organizzazione, significa esercitare una libera professione. I liberi professionisti svolgono un attività esclusivamente artistica o di tipo intellettuale come ad esempio un attività di consulenza. Non si iscrivono alla Camera di Commercio. Denunciano l inizio dell attività con la richiesta del numero di Partita Iva direttamente allo sportello dell Agenzia delle Entrate compilando il modello AA9/11 o inviandolo telematicamente (autonomamente registrandosi sul sito dell Agenzia delle Entrate, scaricando l apposito programma, oppure avvalendosi della consulenza di un professionista). Per quanto riguarda la gestione previdenziale, se esiste un albo professionale versano i contributi alla propria cassa professionale altrimenti se non esiste un albo versano i contributi all INPS, in quella che viene chiamata gestione separata.

Temi trattati. » Società di Persone. » Lavoro Autonomo Lavoro autonomo occasionale Lavoro accessorio (voucher) Partita Iva (Regime Forfettario)

Temi trattati. » Società di Persone. » Lavoro Autonomo Lavoro autonomo occasionale Lavoro accessorio (voucher) Partita Iva (Regime Forfettario) Temi trattati» Lavoro Autonomo Lavoro autonomo occasionale Lavoro accessorio (voucher) Partita Iva (Regime Forfettario)» Società di Persone S.s. S.n.c. S.a.s» Società di Capitali S.r.l. S.r.l.s. S.p.A.»

Dettagli

Informativa per la clientela

Informativa per la clientela Informativa per la clientela Informativa n. 3 dell 11 gennaio 2012 Regime dei nuovi contribuenti minimi - Agevolazioni per i soggetti esclusi dal nuovo regime INDICE 1 Premessa... 2 2 Regime dei nuovi

Dettagli

Linee guida per la compilazione del tuo BUSINESS PLAN

Linee guida per la compilazione del tuo BUSINESS PLAN Linee guida per la compilazione del tuo BUSINESS PLAN Nota bene: qui di seguito troverete delle indicazioni per la compilazione del business plan. Per avere una idea più completa possibile della vostra

Dettagli

START UP PROFESSIONALE PROFESSIONE PSICOLOGO ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI FISCALI E CONTABILI

START UP PROFESSIONALE PROFESSIONE PSICOLOGO ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI FISCALI E CONTABILI START UP PROFESSIONALE PROFESSIONE PSICOLOGO ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI FISCALI E CONTABILI 1 APERTURA PARTITA I.V.A. Lo psicologo che svolge in modo abituale e senza vincolo di subordinazione la propria

Dettagli

C i r c o l a r e d e l 1 7 s e t t e m b r e 2 0 1 4 P a g. 1 di 10. Il Fondo Unico di Veneto Sviluppo per le PMI

C i r c o l a r e d e l 1 7 s e t t e m b r e 2 0 1 4 P a g. 1 di 10. Il Fondo Unico di Veneto Sviluppo per le PMI C i r c o l a r e d e l 1 7 s e t t e m b r e 2 0 1 4 P a g. 1 di 10 Circolare Numero 31/2014 Oggetto Il Fondo Unico di Veneto Sviluppo per le PMI Sommario La Regione Veneto ha semplificato e razionalizzato

Dettagli

COSA TROVI IN QUESTA SCHEDA

COSA TROVI IN QUESTA SCHEDA Regione Puglia START UP Scheda informativa sul nuovo bando della Regione Puglia Sostegno allo start up di microimprese di nuova costituzione realizzate da soggetti svantaggiati. COSA TROVI IN QUESTA SCHEDA

Dettagli

FISCALITA PER IL GIOVANE MEDICO

FISCALITA PER IL GIOVANE MEDICO FISCALITA PER IL GIOVANE MEDICO INTRODUZIONE Il Medico o l Odontoiatra che intende esercitare la libera professione è tenuto ad osservare gli adempimenti fiscali previsti per legge: denuncia di inizio

Dettagli

LE IMPOSTE NELLA COSTITUZIONE ITALIANA. Strumenti didattici per l orientamento alla creazione d impresa

LE IMPOSTE NELLA COSTITUZIONE ITALIANA. Strumenti didattici per l orientamento alla creazione d impresa LE IMPOSTE NELLA COSTITUZIONE ITALIANA GLI ADEMPIMENTI FISCALI PER L AVVIO DI UN ATTIVITÀ. Strumenti didattici per l orientamento alla creazione d impresa LE IMPOSTE NELLA COSTITUZIONE ITALIANA Le imposte

Dettagli

Procedure Pagina 1 di 8 PROCEDURE AMMINISTRATIVE PER L AVVIO DI UNA IMPRESA INDIVIDUALE

Procedure Pagina 1 di 8 PROCEDURE AMMINISTRATIVE PER L AVVIO DI UNA IMPRESA INDIVIDUALE Procedure Pagina 1 di 8 PROCEDURE AMMINISTRATIVE PER L AVVIO DI UNA IMPRESA INDIVIDUALE Il codice civile (art. 2082) stabilisce che è imprenditore chi esercita professionalmente un attività economica organizzata

Dettagli

MODULO C Il sistema informativo e le contabilità aziendali

MODULO C Il sistema informativo e le contabilità aziendali MODULO C Il sistema informativo e le contabilità aziendali U.D. 2 Il sistema delle rilevazioni aziendali Paragrafo 7 Gli obblighi contabili delle imprese pag. 204 Paragrafo 7.2 Il regime dei contribuenti

Dettagli

STRUMENTI AGEVOLATIVI IN FAVORE DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE Legge Regionale n. 57/1999

STRUMENTI AGEVOLATIVI IN FAVORE DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE Legge Regionale n. 57/1999 STRUMENTI AGEVOLATIVI IN FAVORE DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE Legge Regionale n. 57/1999 Disciplina di riferimento DGR 3929 del 4 dicembre 2007 (BUR n. 1 del 1 gennaio 2008) DGR 2096 del 7 luglio 2009 (BUR

Dettagli

IL FISCO PER LA CRESCITA, MENO TASSE E ADEMPIMENTI, PIU «COMPLIANCE» in collaborazione con l Agenzia delle Entrate Direzione Regionale del Piemonte

IL FISCO PER LA CRESCITA, MENO TASSE E ADEMPIMENTI, PIU «COMPLIANCE» in collaborazione con l Agenzia delle Entrate Direzione Regionale del Piemonte 1 IL FISCO PER LA CRESCITA, MENO TASSE E ADEMPIMENTI, PIU «COMPLIANCE» in collaborazione con l Agenzia delle Entrate Direzione Regionale del Piemonte IL NUOVO REGIME AGEVOLATO PER I CONTRIBUENTI DI MINORI

Dettagli

SCELTA DEL REGIME FISCALE

SCELTA DEL REGIME FISCALE SCELTA DEL REGIME FISCALE a cura di Tommaso Valleri Disclaimer La presente guida ha un valore puramente indicativo. Non sostituisce in alcun modo la consulenza di un commercialista o di analogo professionista.

Dettagli

VENETO SVILUPPO NUOVO FONDO UNICO

VENETO SVILUPPO NUOVO FONDO UNICO CIRCOLARE NR. 5/FEBBRAIO 2014 VENETO SVILUPPO NUOVO FONDO UNICO Egregi Signori, Vi informiamo che con D.G.R. n. 2216 del 03.12.2013 (pubblicata nel BUR n.113 del 24/12/2013) la Regione Veneto ha approvato

Dettagli

SCHEMA SEMPLIFICATO PER LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN

SCHEMA SEMPLIFICATO PER LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN Sottomisura 4.1.3.1.a Sostegno alla creazione ed allo sviluppo di microimprese Misura 3.1.2. Azione a) Centri rurali di ristoro e degustazione SCHEMA SEMPLIFICATO PER LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN Il

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DELLA CONTABILITÀ ORDINARIA

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DELLA CONTABILITÀ ORDINARIA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DELLA CONTABILITÀ ORDINARIA A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... 3 I REQUISITI... 3 GLI ADEMPIMENTI CONTABILI E FISCALI: I

Dettagli

La partita IVA, il regime agevolato e di vantaggio

La partita IVA, il regime agevolato e di vantaggio La partita IVA, il regime agevolato e di vantaggio La Partita IVA La procedura burocratica Dal punto di vista fiscale si definisce IVA (Imposta sul valore aggiunto disciplinata dal DPR 633/72) l'imposta

Dettagli

Regime contabile: ordinario o semplificato

Regime contabile: ordinario o semplificato Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 02 20.01.2014 Regime contabile: ordinario o semplificato A cura di Devis Nucibella Categoria: Versamenti Sottocategoria: In compensazione

Dettagli

START UP DI IMPRESE INNOVATIVE ANNO 2016

START UP DI IMPRESE INNOVATIVE ANNO 2016 START UP DI IMPRESE INNOVATIVE ANNO 2016 Presentazione domande: a sportello dalle ore 10 del 1 marzo 2016 alle ore 17 del 30 settembre 2016 salvo esaurimento fondi TERRITORIO: Regione Emilia Romagna OBIETTIVI

Dettagli

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO Gli elementi utili per aprire un attività imprenditoriale Rovigo, 14 maggio 2008

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO Gli elementi utili per aprire un attività imprenditoriale Rovigo, 14 maggio 2008 3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO Gli elementi utili per aprire un attività imprenditoriale Rovigo, 14 maggio 2008 FINANZA AGEVOLATA Dott. Giorgio Cavallari FINANZIAMENTI AGEVOLATI AUTOIMPIEGO

Dettagli

Come costituire una società

Come costituire una società 1 Nel dettaglio verrà analizzato: Lo start up La gestione delle attività Le certificazioni L acquisizione delle fonti Le responsabilità dell impresa 2 Lo start up Una volta pianificato il Business Plan,

Dettagli

Franchising Mettersi in proprio con le idee vincenti

Franchising Mettersi in proprio con le idee vincenti Mettersi in proprio con le idee vincenti Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA Mettersi in proprio con le idee vincenti Invitalia, l Agenzia nazionale per l

Dettagli

FAI LA MOSSA GIUSTA PER DIVENTARE IMPRENDITORE

FAI LA MOSSA GIUSTA PER DIVENTARE IMPRENDITORE FAI LA MOSSA GIUSTA PER DIVENTARE IMPRENDITORE CONFCOMMERCIO MILANO PER GLI ASPIRANTI IMPRENDITORI E LE NEO IMPRESE A cura di Direzione servizi tributari dott.ssa Federica Sottotetti IMPOSTE SUI REDDITI

Dettagli

Regime fiscale agevolato per autonomi

Regime fiscale agevolato per autonomi 1 REGIME FORFETARIO PER AUTONOMI Regime fiscale agevolato per autonomi L art. 1, c. 54 89, della legge di stabilità 2015 disciplina il nuovo regime fiscale agevolato per autonomi, destinato agli esercenti

Dettagli

SCRITTURE E REGIMI CONTABILI

SCRITTURE E REGIMI CONTABILI SCRITTURE E REGIMI CONTABILI Parte III I regimi contabili per imprese e professionisti Dott. Alberto Marengo Dott. Umberto Terzuolo Dott. Piercarlo Bausola Regimi adottabili: I REGIMI CONTABILI PER IMPRESE

Dettagli

Forma giuridica dell impresa. Impresa individuale. Ditta individuale. Società. L avvio di un attività domande frequenti. Dott.

Forma giuridica dell impresa. Impresa individuale. Ditta individuale. Società. L avvio di un attività domande frequenti. Dott. La scelta della forma giuridica e la governance Dott. Paolo Bolzonella L avvio di un attività domande frequenti Come si fa ad avviare un impresa? Quale tipo di impresa scegliere? Quali requisiti occorrono?

Dettagli

Psicologo e libera professione

Psicologo e libera professione Psicologo e libera professione aspetti amministrativi, fiscali, previdenziali 04/12/08 a cura del dott. Andrea Tamanini Lavoro autonomo Definizione Modalità di svolgimento dell attività Adempimenti iniziali

Dettagli

REGIME FISCALE AGEVOLATO PER AUTONOMI o NUOVO REGIME FORFETARIO

REGIME FISCALE AGEVOLATO PER AUTONOMI o NUOVO REGIME FORFETARIO REGIME FISCALE AGEVOLATO PER AUTONOMI o NUOVO REGIME FORFETARIO REGIME FORFETARIO PER AUTONOMI L art. 1 co. 54-89 della legge di stabilità 2015 disciplina il nuovo regime fiscale agevolato per autonomi,

Dettagli

FINANZA AGEVOLATA. Obiettivo 2 = Imprese Avviare un attività: elementi fondamentali. Dott. Giorgio Cavallari. 16 ottobre 2007

FINANZA AGEVOLATA. Obiettivo 2 = Imprese Avviare un attività: elementi fondamentali. Dott. Giorgio Cavallari. 16 ottobre 2007 Obiettivo 2 = Imprese Avviare un attività: elementi fondamentali 16 ottobre 2007 FINANZA AGEVOLATA Dott. Giorgio Cavallari FINANZIAMENTI AGEVOLATI IMPRENDITORIA FEMMINILE AUTOIMPIEGO: Lavoro autonomo;

Dettagli

ATTUALMENTE SONO 5 I REGIMI CONTABILI VIGENTI, OGNUNO DEI QUALI SI DISTINGUE PER OBBLIGHI CHE NE DERIVANO E PER I SOGGETTI CHE POSSONO ADERIRVI.

ATTUALMENTE SONO 5 I REGIMI CONTABILI VIGENTI, OGNUNO DEI QUALI SI DISTINGUE PER OBBLIGHI CHE NE DERIVANO E PER I SOGGETTI CHE POSSONO ADERIRVI. REGIMI CONTABILI ATTUALMENTE SONO 5 I REGIMI CONTABILI VIGENTI, OGNUNO DEI QUALI SI DISTINGUE PER OBBLIGHI CHE NE DERIVANO E PER I SOGGETTI CHE POSSONO ADERIRVI. 1 REGIME ORDINARIO 2 REGIME SEMPLIFICATO

Dettagli

BUSINESS PLAN. PER IMPRESE START UP (incluse imprese nate da meno di 12 mesi)

BUSINESS PLAN. PER IMPRESE START UP (incluse imprese nate da meno di 12 mesi) BUSINESS PLAN PER IMPRESE START UP (incluse imprese nate da meno di 12 mesi) Sezione da compilare esclusivamente nel caso in cui il business plan sia stato redatto con la collaborazione di un Associazione

Dettagli

LA SCHEDA AMMINISTRATIVA di Roberto Gabrielli

LA SCHEDA AMMINISTRATIVA di Roberto Gabrielli LA SCHEDA AMMINISTRATIVA di Roberto LE NUOVE INIZIATIVE PRODUTTIVE (Aggiornata al 24.02.2009) Riferimenti normativi Regime contabile introdotto, a partire dal periodo di imposta 2001, con l art. 13 della

Dettagli

Roberto Ciompi VUOI FINANZIARE LA TUA IMPRESA. 9+1 suggerimenti per richiedere i finanziamenti alle banche.

Roberto Ciompi VUOI FINANZIARE LA TUA IMPRESA. 9+1 suggerimenti per richiedere i finanziamenti alle banche. Roberto Ciompi VUOI FINANZIARE LA TUA IMPRESA 9+1 suggerimenti per richiedere i finanziamenti alle banche. 1 CIOMPI ROBERTO VUOI FINANZIARE LA TUA IMPRESA? 9+1 suggerimenti per richiedere i finanziamenti

Dettagli

FONDO DI GARANZIA PER L ACCESSO AL CREDITO A FAVORE DELL IMPRENDITORIA FEMMINILE E GIOVANILE INDICE

FONDO DI GARANZIA PER L ACCESSO AL CREDITO A FAVORE DELL IMPRENDITORIA FEMMINILE E GIOVANILE INDICE F.A.Q. art. 8 della L.R. 12/2004, come sostituito dall art. 33 della l.r. 30/2009 FONDO DI GARANZIA PER L ACCESSO AL CREDITO A FAVORE DELL IMPRENDITORIA FEMMINILE E GIOVANILE INDICE 1. Modalità di presentazione

Dettagli

Milano Roma. News fiscali e societarie

Milano Roma. News fiscali e societarie Milano Roma News fiscali e societarie Luglio 2011 FISCALITA PROVVEDIMENTI LEGISLATIVI La Manovra correttiva 2011 Il Decreto Legge 6 luglio 2011, n. 98, la c.d. Manovra correttiva, da convertire in legge

Dettagli

VADEMECUM PER L APPLICAZIONE DEL NUOVO REGIME DEI MINIMI

VADEMECUM PER L APPLICAZIONE DEL NUOVO REGIME DEI MINIMI VADEMECUM PER L APPLICAZIONE DEL NUOVO REGIME DEI MINIMI L art. 27 del D.L. 98/2011 ha apportato notevoli modifiche al regime dei minimi già in vigore, previsto dalla Legge n. 244/2007. Caratteristiche

Dettagli

LA STRUTTURA GIURIDICA DELL IMPRESA

LA STRUTTURA GIURIDICA DELL IMPRESA LA STRUTTURA GIURIDICA DELL IMPRESA Le scelte economiche relative alla possibilità d intraprendere un attività in proprio sono profondamente connesse con le scelte di carattere giuridico. Di solito la

Dettagli

MIGRANTE, IMPRENDITORE Una banca per la tua impresa

MIGRANTE, IMPRENDITORE Una banca per la tua impresa IMPRENDITORI MIGRANTE, IMPRENDITORE Una banca per la tua impresa VUOI APRIRE UNA NUOVA IMPRESA? E necessario individuare la forma giuridica che ritieni più idonea tenendo presenti vari fattori: disponibilità

Dettagli

START UP E AVVIO DI NUOVE INIZIATIVE IMPRENDITORIALI: ANALISI OPPORTUNITA, RISCHI E ADEMPIMENTI

START UP E AVVIO DI NUOVE INIZIATIVE IMPRENDITORIALI: ANALISI OPPORTUNITA, RISCHI E ADEMPIMENTI START UP E AVVIO DI NUOVE INIZIATIVE IMPRENDITORIALI: ANALISI OPPORTUNITA, RISCHI E ADEMPIMENTI Dott. Antonio Petruzzi Dottore commercialista Pesaro, Via Nitti 34 1 ARGOMENTI CHE TRATTEREMO Costruzione

Dettagli

FAI LA MOSSA GIUSTA PER DIVENTARE IMPRENDITORE

FAI LA MOSSA GIUSTA PER DIVENTARE IMPRENDITORE FAI LA MOSSA GIUSTA PER DIVENTARE IMPRENDITORE CONFCOMMERCIO MILANO PER GLI ASPIRANTI IMPRENDITORI E LE NEO IMPRESE A cura di Andrea Ventura Direzione Rete Organizzativa/Unità Finanziamenti START UP INNOVATIVA:

Dettagli

IL NUOVO REGIME DEI MINIMI A CONFRONTO

IL NUOVO REGIME DEI MINIMI A CONFRONTO IL NUOVO REGIME DEI MINIMI A CONFRONTO Dal prossimo anno il nuovo regime dei minimi sarà scontato, con l'imposta sostitutiva che si ridurrà al 5%, ma saranno poche le persone fisiche che lo potranno applicare.

Dettagli

INTESA PROGRAMMATICA D AREA (IPA) TERRE ALTE DELLA MARCA TREVIGIANA Riconosciuta dalla Regione Veneto con DGR 3323 del 04.11.2008

INTESA PROGRAMMATICA D AREA (IPA) TERRE ALTE DELLA MARCA TREVIGIANA Riconosciuta dalla Regione Veneto con DGR 3323 del 04.11.2008 Agli Enti Locali, alle Parti Economiche e Sociali aderenti all IPA Ai Comuni del GAL. Comunicazione a mezzo e-mail Solighetto, 16 marzo 2011 Oggetto: IPA- INFORMA N. 2 del 16 marzo 2011 Si trasmette il

Dettagli

AVVIARE UN IMPRESA FEMMINILE

AVVIARE UN IMPRESA FEMMINILE AVVIARE UN IMPRESA FEMMINILE CONSIGLI PRATICI E TAPPE FONDAMENTALI L imprenditrice è colei che ha una visione che riesce a trasformare in realtà. L attività imprenditoriale è: 1) un sogno che mira a valorizzare

Dettagli

AL LAVORO! HO UN IDEA E AVVIO UN IMPRESA: COMPETENZE E STRUMENTI PER AVVIARE UN IMPRESA. - Pietro Petrecca -

AL LAVORO! HO UN IDEA E AVVIO UN IMPRESA: COMPETENZE E STRUMENTI PER AVVIARE UN IMPRESA. - Pietro Petrecca - AL LAVORO HO UN IDEA E AVVIO UN IMPRESA: COMPETENZE E STRUMENTI PER AVVIARE UN IMPRESA. - Pietro Petrecca - 1 Azienda E il complesso dei beni organizzati dall imprenditore per l esercizio dell impresa.

Dettagli

SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo

SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo Genesis s.r.l. - Via Galliera, 26-40121 Bologna - www.genesis.it Copyright Genesis, 2004. - 1 - CHECK LIST 1. Hai messo a fuoco il mercato a cui rivolgerti?

Dettagli

STARTUP SOCIALI. di Carmen Morrone

STARTUP SOCIALI. di Carmen Morrone STARTUP SOCIALI di Carmen Morrone Sono il fenomeno dell anno: le start up innovative in Italia sfiorano quota 2mila e crescono al ritmo di una trentina a settimana. Fra queste ci sono anche quelle a vocazione

Dettagli

METTERSI IN PROPRIO: FORME GIURIDICHE ED ADEMPIMENTI SCHEDE SINOTTICHE. (A cura di: Ezio Casavola)

METTERSI IN PROPRIO: FORME GIURIDICHE ED ADEMPIMENTI SCHEDE SINOTTICHE. (A cura di: Ezio Casavola) METTERSI IN PROPRIO METTERSI IN PROPRIO: FORME GIURIDICHE ED ADEMPIMENTI SCHEDE SINOTTICHE (A cura di: Ezio Casavola) L. 1 DISCIPLINA DELLE ATTIVITA COMMERCIALI FINO AL 1942: CODICE DI COMMERCIO, CHE REGOLAVA

Dettagli

Quale tipo di società scegliere per il proprio business

Quale tipo di società scegliere per il proprio business Quale tipo di società scegliere per il proprio business È possibile scegliere la forma giuridica più conveniente all interno di queste quattro categorie: 1) Impresa individuale 2) Società di persone 3)

Dettagli

Vito SARACINO Dottore Commercialista Revisore Contabile

Vito SARACINO Dottore Commercialista Revisore Contabile NUOVO REGIME FORFETARIO DEI MINIMI a cura del Dott. Vito SARACINO e in Bitonto (BA) L'art. 1, commi da 54 a 89, della legge 23.12.2014, n. 190 (Legge di Stabilità 2015), ha introdotto a partire dal 2015

Dettagli

GUIDA AL BUSINESS PLAN*

GUIDA AL BUSINESS PLAN* GUIDA AL BUSINESS PLAN* *La guida può essere utilizzata dai partecipanti al Concorso che non richiedono assistenza per la compilazione del businnes plan INDICE Introduzione 1. Quando e perché un business

Dettagli

Alessandria Crea Impresa NEWSLETTER N. 7

Alessandria Crea Impresa NEWSLETTER N. 7 Alessandria Crea Impresa NEWSLETTER N. 7 Settembre 2013 Percorsi integrati per la creazione d impresa SOMMARIO Il mondo delle imprese e del lavoro autonomo Sezione 1: Il mondo delle imprese e del lavoro

Dettagli

LE FORME SOCIETARIE 1

LE FORME SOCIETARIE 1 LE FORME SOCIETARIE 1 DITTA INDIVIDUALE. LA DITTA INDIVIDUALE È UNA DELLE FORME PIÙ SEMPLICI PER AVVIARE UN'ATTIVITÀ IN PROPRIO. SI DISTINGUE DALLA LIBERA PROFESSIONE PERCHÉ L'OGGETTO DEL LAVORO NON DERIVA

Dettagli

SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo

SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo Genesis s.r.l. - Via Galliera, 26-40121 Bologna - www.genesis.it Copyright Genesis, 2004. - 1 - CHECK LIST 1. Hai messo a fuoco il mercato a cui rivolgerti?

Dettagli

IL BUSINESS PLAN UNO STRUMENTO PER PIANIFICARE LA PROPRIA IDEA IMPRENDITORIALE

IL BUSINESS PLAN UNO STRUMENTO PER PIANIFICARE LA PROPRIA IDEA IMPRENDITORIALE Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA IL BUSINESS PLAN UNO STRUMENTO PER PIANIFICARE LA PROPRIA IDEA IMPRENDITORIALE Autoimpiego: le misure agevolative e i territori

Dettagli

Veneto: L. R. 5/2001 Fondo di Rotazione per i finanziamenti agevolati alle piccole e medie imprese (PMI) Sezione A, Sezione B

Veneto: L. R. 5/2001 Fondo di Rotazione per i finanziamenti agevolati alle piccole e medie imprese (PMI) Sezione A, Sezione B Veneto: L. R. 5/2001 Fondo di Rotazione per i finanziamenti agevolati alle piccole e medie imprese (PMI) Sezione A, Sezione B Scadenze Fino ad esaurimento fondi. In breve La SEZIONE A del Fondo di rotazione

Dettagli

Veneto: L.R. 1/2000 Interventi per la promozione di nuove imprese e di innovazione dell imprenditoria femminile

Veneto: L.R. 1/2000 Interventi per la promozione di nuove imprese e di innovazione dell imprenditoria femminile Veneto: L.R. 1/2000 Interventi per la promozione di nuove imprese e di innovazione dell imprenditoria femminile Scadenze Data iniziale : martedì 17 ottobre 2006 scadenza ad esaurimento In breve Concessione

Dettagli

Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA. Microimpresa

Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA. Microimpresa Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA Invitalia, l Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa, agisce su mandato del Governo

Dettagli

Diritto Tributario. Anno 2012 Diritto del Lavoro

Diritto Tributario. Anno 2012 Diritto del Lavoro Anno 2012 Diritto del Lavoro - Premesso il concetto di assicurazione sociale, il candidato illustri i principali adempimenti del datore di lavoro nei confronti di I.N.P.S. ed I.N.A.I.L., sia all inizio

Dettagli

The Hub Trentino Alto Adige

The Hub Trentino Alto Adige L AVVIO DI UN ATTIVITÀ DI IMPRESA O PROFESSIONALE Aspetti civilistici, fiscali e previdenziali Trento, lì 19 novembre 2014 1 FORME SOCIETARIE: SOCIETÀ PER AZIONI (S.P.A.) SOCIETÀ IN ACCOMANDITA PER AZIONI

Dettagli

I regimi contabili: obblighi, opzioni e revoche a cura di Daniele Fezzardi

I regimi contabili: obblighi, opzioni e revoche a cura di Daniele Fezzardi Il Punto sull Iva I regimi contabili: obblighi, opzioni e revoche a cura di Daniele Fezzardi I regimi Iva previsti dalla normativa Il sistema giuridico italiano ha previsto, per le imprese e professionisti,

Dettagli

BANDO PER LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE GIOVANILI - ANNO 2014. Disposizioni generali

BANDO PER LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE GIOVANILI - ANNO 2014. Disposizioni generali BANDO PER LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE GIOVANILI - ANNO 2014 Disposizioni generali Art. 1 Finalità e destinatari Nell ambito delle iniziative promozionali volte a favorire lo sviluppo del sistema economico

Dettagli

LE COMPETENZE PROFESSIONALIZZANTI PER GLI INGEGNERI NEOLAUREATI. Trento, 9 maggio 2013

LE COMPETENZE PROFESSIONALIZZANTI PER GLI INGEGNERI NEOLAUREATI. Trento, 9 maggio 2013 LE COMPETENZE PROFESSIONALIZZANTI PER GLI INGEGNERI NEOLAUREATI Trento, 9 maggio 2013 Diego Uber dottore commercialista revisore legale dei conti «FORME ORGANIZZATIVE PER L ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE:

Dettagli

Microimpresa Pensare in grande, da piccoli

Microimpresa Pensare in grande, da piccoli Microimpresa Pensare in grande, da piccoli Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA Microimpresa Pensare in grande, da piccoli Invitalia, l Agenzia nazionale per

Dettagli

Società di capitali. Forma giuridica

Società di capitali. Forma giuridica Società di capitali Forma giuridica Le società di capitali sono definite tali in quanto in esse prevale l'elemento oggettivo, costituito dal capitale, rispetto a quello soggettivo rappresentato dai soci.

Dettagli

POR Obiettivo 3 Misura D3

POR Obiettivo 3 Misura D3 SCHEMA PER L ELABORAZIONE DEL BUSINESS PLAN 1. SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE Sintetica presentazione del progetto imprenditoriale, excutive summary, di poche pagine (2 o 3) da cui emergono gli elementi

Dettagli

Come mettersi in proprio e strutturare una micro attività imprenditorialeˮ

Come mettersi in proprio e strutturare una micro attività imprenditorialeˮ Come mettersi in proprio e strutturare una micro attività imprenditorialeˮ Dott. Luca Castagnetti Dott. ssa Carlotta Cena 24 settembre 2014 Verona Fablab CONTENUTI 1. Da orientati al prodotto ad orientati

Dettagli

Primi Passi Guadagno

Primi Passi Guadagno Primi Passi Guadagno Online Questo è un report gratuito. E possibile la sua distribuzione, senza alterare i contenuti, gratuitamente. E vietata la vendita INTRODUZIONE Mai come in questo periodo è scoppiato

Dettagli

BANDO DIAMO CREDITO AI GIOVANI IMPRENDITORI

BANDO DIAMO CREDITO AI GIOVANI IMPRENDITORI Settore Comunicazione, Turismo, Spettacolo che Giovanili e pari opportunità BANDO DIAMO CREDITO AI GIOVANI IMPRENDITORI Scadenza 1^ fase: 30 agosto 2012 2^ fase: 30 dicembre 2012 1. Finalità e obiettivi

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA DI AMMISSIONE AL. MICROCREDITO FSE (III Bando 2013)

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA DI AMMISSIONE AL. MICROCREDITO FSE (III Bando 2013) GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA DI AMMISSIONE AL MICROCREDITO FSE (III Bando 2013) La guida è stata realizzata con l obiettivo di facilitare la compilazione della domanda di ammissione alle agevolazioni

Dettagli

Roberto Ciompi CONOSCI IL TUO BILANCIO? L importanza di analizzare e riclassificare il bilancio della Tua impresa.

Roberto Ciompi CONOSCI IL TUO BILANCIO? L importanza di analizzare e riclassificare il bilancio della Tua impresa. Roberto Ciompi CONOSCI IL TUO BILANCIO? L importanza di analizzare e riclassificare il bilancio della Tua impresa. 1 CIOMPI ROBERTO CONOSCI IL TUO BILANCIO? L importanza di analizzare e riclassificare

Dettagli

IL PUNTO NUOVA IMPRESA

IL PUNTO NUOVA IMPRESA 1 IL PUNTO NUOVA IMPRESA Aree di competenza Lo Sportello Punto Nuova Impresa offre informazione sulla costituzione di nuove imprese; eroga informazioni sulle procedure burocratiche, amministrative e legislative

Dettagli

imprese in liquidazione o soggette a procedura concorsuale;

imprese in liquidazione o soggette a procedura concorsuale; B. CHI PUÒ PARTECIPARE A START UP? Per partecipare a Start Up, un impresa al momento della presentazione della domanda deve essere in possesso delle caratteristiche indicate di seguito ai punti 1, 2 e

Dettagli

GUIDA alla Legge 215/92

GUIDA alla Legge 215/92 GUIDA alla Legge 215/92 Cosa è? La legge 215/92 è lo strumento principale di agevolazione attraverso il quale il Ministero dell Industria mette a disposizione dell imprenditoria femminile stanziamenti,

Dettagli

FONDO DI ROTAZIONE PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE PMI ARTIGIANE Legge Regionale n. 2/2002

FONDO DI ROTAZIONE PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE PMI ARTIGIANE Legge Regionale n. 2/2002 FONDO DI ROTAZIONE PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE PMI ARTIGIANE Legge Regionale n. 2/2002 Disciplina di riferimento DGR n. 3985 del 16 dicembre 2008 (BUR n. 106 del 26 dicembre 2008)

Dettagli

NOTIZIARIO FISCALE N. 1 DEL 14 GENNAIO 2008

NOTIZIARIO FISCALE N. 1 DEL 14 GENNAIO 2008 NOTIZIARIO FISCALE N. 1 DEL 14 GENNAIO 2008 PARTE I PESCA E ACQUACOLTURA Legge Finanziaria per il 2008 (L. 24 dicembre 2007 n. 244, pubblicata nel Supplemento Ordinario n. 285 della G.U. 28 dicembre 2007,

Dettagli

Ecosistema delle startup innovative. Le novità, le speranze e le linee guida per il futuro

Ecosistema delle startup innovative. Le novità, le speranze e le linee guida per il futuro S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Ecosistema delle startup innovative Le novità, le speranze e le linee guida per il futuro Alessandro Galli 17 Dicembre 2014 - Sala Convegni Corso Europa,

Dettagli

Novità della Legge di Stabilità 2015: i nuovi minimi

Novità della Legge di Stabilità 2015: i nuovi minimi MAP Novità della Legge di Stabilità 2015: i nuovi minimi A cura di Piercarlo Bausola Dottore Commercialista in Torino La Legge di Stabilità per il 2015 (L. 23/12/2014, n. 190), pubblicata sulla Gazzetta

Dettagli

L adesione al Regime dei Contribuenti Minimi dal 2010 e la rettifica della detrazione Iva

L adesione al Regime dei Contribuenti Minimi dal 2010 e la rettifica della detrazione Iva Numero 32/2010 Pagina 1 di 10 L adesione al Regime dei Contribuenti Minimi dal 2010 e la rettifica della detrazione Iva Numero : 32/2010 Gruppo : Oggetto : Norme e prassi : ADEMPIMENTI REGIME FISCALE DEI

Dettagli

LA TREMONTI-TER TER. Dott. Giampiero GUARNERIO AGENDA

LA TREMONTI-TER TER. Dott. Giampiero GUARNERIO AGENDA LA TREMONTI-TER TER Dott. Giampiero GUARNERIO Diretta 17 maggio 2010 AGENDA Che cosa è la Tremonti-ter Principali differenze rispetto alle precedenti versioni Quali soggetti ne possono beneficiare Quali

Dettagli

I TRIBUTI. Tributi locali (ICI sostituita a far data dall anno 2012 dall IMU)

I TRIBUTI. Tributi locali (ICI sostituita a far data dall anno 2012 dall IMU) I TRIBUTI I cittadini sono tenuti a concorrere alla spese pubblica in ragione della loro capacità contributiva, come recita l articolo 53 della Costituzione Italiana. I tributi che gravano sui cittadini

Dettagli

Unione Giovani Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Catania

Unione Giovani Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Catania Dalla pianificazione dell investimento all avvio dell attività imprenditoriale INVENTALAVORO JOB 2011 Catania, Le Ciminiere 14, 15, 16 dicembre 2011 LA PIANIFICAZIONE DELL INVESTIMENTO La creazione di

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

BANDO PER LA SELEZIONE DELLE ORGANIZZAZIONI DELLA RETE TERRITORIALE DI ACCOMPAGNAMENTO AI PICCOLI PRESTITI DI EMERGENZA PER LE MICROIMPRESE RETE PEM

BANDO PER LA SELEZIONE DELLE ORGANIZZAZIONI DELLA RETE TERRITORIALE DI ACCOMPAGNAMENTO AI PICCOLI PRESTITI DI EMERGENZA PER LE MICROIMPRESE RETE PEM Allegato A BANDO PER LA SELEZIONE DELLE ORGANIZZAZIONI DELLA RETE TERRITORIALE DI ACCOMPAGNAMENTO AI PICCOLI PRESTITI DI EMERGENZA PER LE MICROIMPRESE RETE PEM Premesse - la Regione Toscana con decisione

Dettagli

IL NUOVO REGIME DEI MINIMI - LA CIRCOLARE MINISTERIALE

IL NUOVO REGIME DEI MINIMI - LA CIRCOLARE MINISTERIALE IL NUOVO REGIME DEI MINIMI - LA CIRCOLARE MINISTERIALE A pochi giorni dalla definitiva conversione in legge della Finanziaria 2008, l Agenzia delle Entrate ha pubblicato la Circolare n. 73/E del 21.12.2007

Dettagli

L idea imprenditoriale

L idea imprenditoriale 16 L idea imprenditoriale Una buona idea Una volta che hai precisato le tue attitudini e propensioni personali, è giunto il momento di muovere i veri primi passi nel mondo dell imprenditoria e di iniziare

Dettagli

FAQ Frequently Asked Questions

FAQ Frequently Asked Questions FAQ Frequently Asked Questions risposte a quesiti frequenti LR 11/2011 articolo 2 commi 85 e 86 regolamento emanato con DPReg 312/2011 vers. 3/2012 1) Domande generali sul procedimento contributivo 2)

Dettagli

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN Il Business Plan è il principale strumento per valutare la convenienza economica e la fattibilità di un nuovo progetto di impresa. Documento indispensabile per accedere

Dettagli

FONDO DI GARANZIA PER L ACCESSO AL CREDITO A FAVORE DELL IMPRENDITORIA FEMMINILE E GIOVANILE INDICE

FONDO DI GARANZIA PER L ACCESSO AL CREDITO A FAVORE DELL IMPRENDITORIA FEMMINILE E GIOVANILE INDICE F.A.Q. art. 8 della L.R. 12/2004, come sostituito dall art. 33 della l.r. 30/2009 FONDO DI GARANZIA PER L ACCESSO AL CREDITO A FAVORE DELL IMPRENDITORIA FEMMINILE E GIOVANILE INDICE 1. Modalità di presentazione

Dettagli

Agevolazioni fiscali per le nuove iniziative e per investimenti nell Energy Saving

Agevolazioni fiscali per le nuove iniziative e per investimenti nell Energy Saving 26-06-2012, Camera di Commercio di Pisa Agevolazioni fiscali per le nuove iniziative e per investimenti nell Energy Saving relatore: Dott. MASSIMO ANTONINI Dottore commercialista - Revisore contabile Membro

Dettagli

Anno 2013 N. RF160. La Nuova Redazione Fiscale CONTRIBUENTI EX MINIMI: I PRINCIPALI ADEMPIMENTI DICHIARATIVI

Anno 2013 N. RF160. La Nuova Redazione Fiscale CONTRIBUENTI EX MINIMI: I PRINCIPALI ADEMPIMENTI DICHIARATIVI Anno 2013 N. RF160 ODCEC VASTO La Nuova Redazione Fiscale www.redazionefiscale.it Pag. 1 / 7 OGGETTO RIFERIMENTI CIRCOLARE DEL 12/07/2013 CONTRIBUENTI E MINIMI: I PRINCIPALI ADEMPIMENTI DICHIARATIVI ART.

Dettagli

n 5 maggio 2014 Regime Enti non commerciali

n 5 maggio 2014 Regime Enti non commerciali 1. Agevolazioni per l imposta sul reddito: IMPOSTE DIRETTE 2. Agevolazioni per l imposta sul reddito: IRAP 3. Detrazione IRPEF per la pratica sportiva dilettantistica 4. Cinque per Mille 5. Adempimenti

Dettagli

IL PROGETTO D IMPRESA

IL PROGETTO D IMPRESA Allegato E IL PROGETTO D IMPRESA (Il presente formulario deve essere compilato dettagliatamente in formato elettronico e successivamente stampato) L IDEA D IMPRESA Denominazione dell impresa. Nuova attività

Dettagli

Circolare n. 6/E. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. Roma, 21 marzo 2013

Circolare n. 6/E. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. Roma, 21 marzo 2013 Circolare n. 6/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 21 marzo 2013 OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2013 2 INDICE PREMESSA 1. ADEMPIMENTI PER GLI ENTI DEL VOLONTARIATO

Dettagli

STUDIO ACCARDI ASSOCIAZIONE PROFESSIONALE TRA NUOVO REGIME DEI MINIMI

STUDIO ACCARDI ASSOCIAZIONE PROFESSIONALE TRA NUOVO REGIME DEI MINIMI ASSOCIAZIONE PROFESSIONALE TRA DOTT. MARIO ACCARDI E DOTT. CHIARA ACCARDI DOTTORI COMMERCIALISTI DOTT. MARIO ACCARDI DOTT. CHIARA ACCARDI DOTT. SANDRO SPATA DOTTORE COMMERCIALISTA NUOVO REGIME DEI MINIMI

Dettagli

NEWSLETTER FINANZIAMENTI - DICEMBRE 2013 - Piemonte

NEWSLETTER FINANZIAMENTI - DICEMBRE 2013 - Piemonte NEWSLETTER FINANZIAMENTI - DICEMBRE 2013 - Piemonte CONTRIBUTI E FINANZIAMENTI REGIONALI INCENTIVI PER I PROGRAMMI INNOVATIVI FONDO DI REINDUSTRIALIZZAZIONE CCIA CUNEO CONTRIBUTO CERTIFICAZIONE SOA CONTRIBUTI

Dettagli

La definizione del piano d impresa: una fase necessaria alla realizzazione della propria idea imprenditoriale. Relatore: dott.

La definizione del piano d impresa: una fase necessaria alla realizzazione della propria idea imprenditoriale. Relatore: dott. La definizione del piano d impresa: una fase necessaria alla realizzazione della propria idea imprenditoriale Relatore: dott.ssa Anna Censi Innanzitutto chi sono.. Mi chiamo Anna Censi ed ho collaborato

Dettagli

STUDIO COMMERCIALE TRIBUTARIO TOMASSETTI & PARTNERS Corso Trieste 88 00198 Roma Tel. 06/8848666 (RA) Fax 068844588 info@mt-partners.

STUDIO COMMERCIALE TRIBUTARIO TOMASSETTI & PARTNERS Corso Trieste 88 00198 Roma Tel. 06/8848666 (RA) Fax 068844588 info@mt-partners. CIRCOLARE INFORMATIVA NR. 33/2014 del 15/5/2014 ARGOMENTO: PROROGA VERSAMENTI DI UNICO 2014 Gentile Cliente, con la presente desideriamo informarla che, con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri

Dettagli

AVVISO PER LA SELEZIONE DI PROGETTI D IMPRESA DA AMMETTERE AL FINANZIAMENTO DEL FONDO MICROCREDITO DEL COMUNE DI SANTA MARINELLA

AVVISO PER LA SELEZIONE DI PROGETTI D IMPRESA DA AMMETTERE AL FINANZIAMENTO DEL FONDO MICROCREDITO DEL COMUNE DI SANTA MARINELLA AVVISO PER LA SELEZIONE DI PROGETTI D IMPRESA DA AMMETTERE AL FINANZIAMENTO DEL FONDO MICROCREDITO DEL COMUNE DI SANTA MARINELLA ART. 1 PREMESSA E FINALITA DELL INIZIATIVA Il Comune di Santa Marinella,

Dettagli