Bologna, 12 dicembre 2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Bologna, 12 dicembre 2013"

Transcript

1 Bologna, 12 dicembre 2013 A tutti i Clienti dello Studio Loro sedi Oggetto: CIRCOLARE N. 16 COMUNICAZIONE ENTRO IL 31 GENNAIO 2014 DEI BENI DATI IN GODIMENTO AI SOCI E AI FAMILIARI E DEI FINANZIAMENTI EFFETTUATI DAI SOCI E DAI FAMILIARI Con il Decreto Legge 13 agosto 2011, n. 138 (c.d. Manovra di Ferragosto dell allora Governo Berlusconi), convertito con modificazioni in Legge 14 settembre 2011, n. 148, sono state introdotte due nuove comunicazioni all Anagrafe tributaria: quella dei beni dell impresa concessi in godimento ai soci e ai familiari (del socio o dell imprenditore individuale) e quella dei finanziamenti concessi dai soci e dai familiari (dell imprenditore) all impresa. Con successivi Provvedimenti del Direttore dell Agenzia delle Entrate del 2 agosto 2013 (Prot. nn. 2013/94902 e 2013/94904) sono state individuati i soggetti obbligati alla presentazione delle comunicazioni suddette, le esclusioni oggettive, i termini di scadenza, ecc. Con la successiva pubblicazione del modello per le comunicazioni e le relative istruzioni del 27 novembre u.s. si è completato il quadro delle comunicazioni suddette, che devono essere trasmesse in via telematica per l anno 2012 entro il 31 gennaio A regime, la scadenza è prevista per il 30 aprile dell anno successivo a quello a cui si riferisce la comunicazione (ad esempio la comunicazione per l anno 2013 deve essere trasmessa

2 entro il 30 aprile 2014). Nessuna comunicazione è dovuta per gli anni precedenti al Si tratta in sostanza di comunicare all Anagrafe tributaria i dati dei soci, dei loro familiari e dei familiari dell imprenditore individuale che utilizzano i beni dell impresa (immobili, autoveicoli, ecc.) e quelli dei soci e dei familiari dell imprenditore individuale che effettuano finanziamenti o capitalizzazioni a favore dell impresa. Per familiari si intendono il coniuge, i parenti entro il terzo grado (figli, genitori, fratelli, sorelle, zii e nipoti, ma non i cugini) e gli affini entro il secondo (suoceri, generi e nuore). Le due comunicazioni hanno finalità diverse: la prima (beni in godimento ai soci) ha una funzione di penalizzazione reddituale, cioè, in sostanza, mira a tassare in capo al socio (o al familiare del socio o dell imprenditore) la differenza tra il valore di mercato del diritto di godimento e il corrispettivo annuo da questi pagato all impresa per il godimento del bene (che viene quindi ad essere catalogato come reddito diverso ), e nello stesso tempo mira a rendere indeducibili i costi sostenuti per quel bene in capo all impresa. Ad esempio, si supponga che una società abbia concesso in godimento ad un suo socio un immobile il cui canone di mercato annuo sia pari a e che il socio non corrisponda nulla alla società per l utilizzo di tale bene. La norma prevede la tassazione in capo al socio come reddito diverso della differenza tra valore di mercato dell utilizzo del bene e il corrispettivo pagato (in questo caso ), oltre all indeducibilità integrale dei costi relativi a quell immobile in capo alla società. Se il socio corrispondesse alla società un canone annuo pari a 8.000, la differenza da tassare in capo al socio sarebbe di (= ) e il costo indeducibile per la società sarebbe pari al 20% dei costi complessivamente sostenuti (20% = 2.000/10.000). La seconda comunicazione (finanziamenti e capitalizzazioni) mira invece ad alimentare il c.d. redditometro, cioè lo strumento di accertamento induttivo tale per cui un socio (o il familiare

3 dell imprenditore) che effettua un finanziamento di un certo ammontare all impresa, deve dichiarare al Fisco almeno un reddito pari a quell ammontare (salvo prova contraria). Ad esempio, se un socio effettua un finanziamento (fruttifero o infruttifero) a favore della sua società di nel corso del 2012, l Agenzia delle Entrate presumerà che quel socio abbia prodotto nel medesimo anno almeno un reddito pari a (secondo la regola spese sostenute = reddito prodotto ). Ovvio che il socio può dimostrare che i euro concessi in finanziamento alla società derivano da altre fonti di entrata (disinvestimenti patrimoniali, redditi di anni precedenti, redditi esenti e quindi non dichiarati, ecc.). Vediamo qui di seguito alcune particolarità che si riferiscono a ciascuna delle due comunicazioni. 1. Comunicazione dei beni concessi in godimento ai soci Sono obbligati a trasmettere la comunicazione i soggetti che esercitano attività di impresa, sia in forma individuale che collettiva. Sono pertanto obbligati gli imprenditori individuali, le società di persone (S.n.c. e S.a.s.) e di capitali (S.r.l., S.p.A. e S.a.p.A.). Sono espressamente escluse dall obbligo le società semplici e non sono obbligati neppure i liberi professionisti e i lavoratori autonomi in genere. La comunicazione può essere trasmessa, in alternativa, dall impresa concedente, dal socio o dal familiare dell imprenditore. Dovranno essere trasmessi i dati dei soci (persone fisiche o giuridiche), dei familiari del socio e dei familiari dell imprenditore individuale che utilizzano in godimento i beni dell impresa. Vanno quindi indicati il codice fiscale del socio/familiare, i dati anagrafici, la data di concessione, il corrispettivo versato dal socio/familiar per l utilizzo del bene e il valore di mercato dell utilizzo del bene. Sono tuttavia esclusi dalla comunicazione:

4 i beni concessi in godimento agli amministratori (sempre); i beni concessi in godimento al socio dipendente o lavoratore autonomo (solo qualora detti beni costituiscano fringe benefit per i medesimi); i beni concessi in godimento all imprenditore individuale (ad esempio l autovettura utilizzata dall agente di commercio); i beni diversi da immobili, autoveicoli, motoveicoli, natanti, aeromobili e altri veicoli registrati di valore non superiore a (si pensi a un cellulare o a un tablet o a un computer); i beni concessi in godimento, quando il corrispettivo pagato dal socio o dal familiare è perfettamente pari al valore di mercato del godimento del bene (quindi non si genera un reddito diverso in capo al socio o al familiare e nessun costo indeducibile in capo all impresa); i finanziamenti concessi ai soci o ai familiari dell imprenditore. 2. Comunicazione dei finanziamenti e delle capitalizzazioni Sono obbligati a trasmettere la comunicazione i soggetti che esercitano attività di impresa, sia in forma individuale che collettiva. Sono pertanto obbligati gli imprenditori individuali, le società di persone (S.n.c. e S.a.s.) e di capitali (S.r.l., S.p.A. e S.a.p.A.). Non sono obbligati le società semplici, i liberi professionisti e i lavoratori autonomi in genere. La comunicazione può essere trasmessa soltanto dall impresa che ha ricevuto i finanziamenti 1 o le capitalizzazioni 2 dai soci o dai 1 Fruttiferi o infruttiferi di interessi. 2 Apporti patrimoniali, indipendentemente dalla causale: in conto capitale, a fondo perduto, per copertura perdite, ecc.

5 familiari dell imprenditore 3 per un importo complessivo (riferito a ciascun socio o familiare) pari o superiore nell anno a euro. Dovranno essere trasmessi quindi i dati dei soci (persone fisiche 4 ) e dei familiari dell imprenditore individuale che hanno effettuato nell anno finanziamenti o capitalizzazioni all impresa per un importo complessivo nell anno pari o superiore a euro. Vanno indicati il codice fiscale del socio/familiare, i dati anagrafici, la data di erogazione del finanziamento (in presenza di più finanziamenti o capitalizzazioni in corso d anno va indicata la data dell ultimo apporto effettuato), l ammontare del finanziamento o della capitalizzazione. Sono tuttavia esclusi dalla comunicazione: i dati relativi agli apporti già in possesso dell Amministrazione finanziaria (ad esempio perché il finanziamento o la capitalizzazione deriva da un atto notarile, come nel caso di aumento di capitale sociale); le restituzioni di finanziamenti ai soci o ai familiari dell imprenditore, sia nel caso in cui i finanziamenti fossero stati erogati nel corso di anni precedenti che nel caso in cui fossero stati erogati nel corso del medesimo anno 5. 3 Ma non dai familiari del socio, a differenza di quanto avviene con la comunicazione dei beni concessi in godimento. 4 Ma non soci persone giuridiche. 5 Questo significa, ad esempio, che in presenza di un finanziamento di effettuato in data 5 febbraio 2012, restituito per intero in data 25 luglio 2012, l intera somma di deve essere comunicata, a prescindere dal fatto che sia stata successivamente restituita nel corso dello stesso anno.

6 3. Sanzioni applicabili in caso di omessa presentazione della comunicazione Per l omessa presentazione della comunicazione dei beni concessi in godimento ai soci o ai familiari è prevista una sanzione amministrativa pari al 30% della differenza tra il valore di mercato del godimento del bene e il corrispettivo annuo per la concessione in godimento dei beni dell impresa. La stessa sanzione si applica in caso di trasmissione della comunicazione con dati incompleti o non veritieri. In caso di omessa presentazione della comunicazione dei finanziamenti e delle capitalizzazioni effettuati dai soci o dai familiari dell imprenditore è invece prevista una sanzione residuale da 206,58 a 5.164,57. La stessa sanzione si applica in caso di trasmissione della comunicazione con dati incompleti o non veritieri. * * * * * Lo Studio Aicardi resta a disposizione per ogni eventuale ed ulteriore chiarimento e con l occasione porge Cordiali saluti.

Loro sedi. Oggetto: comunicazione dei beni concessi in godimento ai soci e finanziamenti soci entro il 12 dicembre 2013.

Loro sedi. Oggetto: comunicazione dei beni concessi in godimento ai soci e finanziamenti soci entro il 12 dicembre 2013. Studio Associato di Consulenza Aziendale Dottori Commercialisti Dott. Gianpiero Perissinotto Dott.ssa Monica Lacedelli Via degli Agricoltori n. 11 32100 Belluno tel: 0437/932080 fax: 0437/932095 E-mail:

Dettagli

Circolare informativa n.18 del 03 dicembre 2013

Circolare informativa n.18 del 03 dicembre 2013 Circolare informativa n.18 del 03 dicembre 2013 COMUNICAZIONE BENI D IMPRESA IN GODIMENTO AI SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL IMPRENDITORE

Dettagli

NUOVI ADEMPIMENTI FISCALI: COMUNICAZIONE DEI BENI IN GODIMENTO AI SOCI/COMUNICAZIONE FINANZIAMENTI DAI SOCI

NUOVI ADEMPIMENTI FISCALI: COMUNICAZIONE DEI BENI IN GODIMENTO AI SOCI/COMUNICAZIONE FINANZIAMENTI DAI SOCI A tutti i clienti LL.SS Ravenna, 26/11/2013 NUOVI ADEMPIMENTI FISCALI: COMUNICAZIONE DEI BENI IN GODIMENTO AI SOCI/COMUNICAZIONE FINANZIAMENTI DAI SOCI Entro il prossimo 12 dicembre è previsto l invio

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N. 162 del 29 Ottobre 2013 Ai gentili clienti Loro sedi 12 dicembre 2013: appuntamento con la comunicazione dei beni e finanziamenti dati in godimento ai soci Rileva solo

Dettagli

BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI

BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI D I S C I P L I N A E Q U E S T I O N I A P E R T E STUDIO ASSOCIATO TRIBUTARIO E SOCIETARIO BELLINI SECCHI SAVIOTTI FLORITA 20121 MILANO - PIAZZA CASTELLO,

Dettagli

STUDIO CAGNIN ROVOLETTO

STUDIO CAGNIN ROVOLETTO STUDIO CAGNIN ROVOLETTO COMMERCIALISTI ASSOCIATI PIERO CAGNIN CHIARA ROVOLETTO DOTTORI COMMERCIALISTI E REVISORI CONTABILI A Tutti i Clienti Loro Sedi COMUNICAZIONE PER I BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI

Dettagli

R O S S I & A S S O C I A T I

R O S S I & A S S O C I A T I R O S S I & A S S O C I A T I C o r p o r a t e A d v i s o r s Main Office: Via S. Radegonda, 8 - Milano www.rossiassociati.it Tel +39 02.874271 Fax +39 02.72099377 NEWS SETTIMANALE Novembre 2013 nr.

Dettagli

Comunicazione dei beni in godimento ai soci o familiari e dei finanziamenti o capitalizzazioni ricevuti dall impresa NUMERO 25-14 OTTOBRE 20141

Comunicazione dei beni in godimento ai soci o familiari e dei finanziamenti o capitalizzazioni ricevuti dall impresa NUMERO 25-14 OTTOBRE 20141 Comunicazione dei beni in godimento ai soci o familiari e dei finanziamenti o capitalizzazioni ricevuti dall impresa 1 1 PREMESSA L art. 2 co. 36-terdecies - 36-duodevicies del DL 13.8.2011 n. 138, conv.

Dettagli

Comunicazione dei beni in godimento ai soci o familiari e dei finanziamenti o capitalizzazioni ricevuti dall impresa

Comunicazione dei beni in godimento ai soci o familiari e dei finanziamenti o capitalizzazioni ricevuti dall impresa Circolare n. 19 Comunicazione dei beni in godimento ai soci o familiari e dei finanziamenti o capitalizzazioni ricevuti dall impresa del 20 ottobre 2014 INDICE 1 Premessa... 2 2 Soggetti obbligati ad effettuare

Dettagli

OGGETTO: COMUNICAZIONE DEI BENI CONCESSI AI SOCI E FAMILIARI E COMUNICAZIONE FINANZIAMENTI CONCESSI DAI SOCI - modalità e termini di effettuazione

OGGETTO: COMUNICAZIONE DEI BENI CONCESSI AI SOCI E FAMILIARI E COMUNICAZIONE FINANZIAMENTI CONCESSI DAI SOCI - modalità e termini di effettuazione A tutti i clienti Loro sedi OGGETTO: COMUNICAZIONE DEI BENI CONCESSI AI SOCI E FAMILIARI E COMUNICAZIONE FINANZIAMENTI CONCESSI DAI SOCI - modalità e termini di effettuazione PREMESSA Come noto il D.L.

Dettagli

Circolare informativa n. 10 del 23 ottobre 2014 COMUNICAZIONE BENI AI SOCI E FINANZIAMENTI 2013

Circolare informativa n. 10 del 23 ottobre 2014 COMUNICAZIONE BENI AI SOCI E FINANZIAMENTI 2013 Circolare informativa n. 10 del 23 ottobre 2014 COMUNICAZIONE BENI AI SOCI E FINANZIAMENTI 2013 In presenza di società/ditte individuali che concedono in godimento l utilizzo di beni d impresa a un socio/familiare

Dettagli

Circolare N.37 del 13 marzo 2012

Circolare N.37 del 13 marzo 2012 Circolare N.37 del 13 marzo 2012 Beni ai soci: comunicazione entro il 2 aprile 2011 Richiesta dei documenti necessari al fine dell adempimento Beni ai soci: comunicazione entro il 2 aprile 2011 Richiesta

Dettagli

LA COMUNICAZIONE DEI BENI IN GODIMENTO AI SOCI E DEI FINANZIAMENTI ALL'IMPRESA ANNO 2013 : SCADENZA AL 30 OTTOBRE 2014

LA COMUNICAZIONE DEI BENI IN GODIMENTO AI SOCI E DEI FINANZIAMENTI ALL'IMPRESA ANNO 2013 : SCADENZA AL 30 OTTOBRE 2014 LA COMUNICAZIONE DEI BENI IN GODIMENTO AI SOCI E DEI FINANZIAMENTI ALL'IMPRESA ANNO 2013 : SCADENZA AL 30 OTTOBRE 2014 a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Entro il prossimo 30 Ottobre 2014 come

Dettagli

DAMIANO ADRIANI Dottore Commercialista

DAMIANO ADRIANI Dottore Commercialista 1/6 OGGETTO COMUNICAZIONE PER L ANNO 2014 DEI BENI CONCESSI IN GODIMENTO AI SOCI O FAMILIARI E DEI FINANZIAMENTI E/O CAPITALIZZAZIONI RIFERIMENTI NORMATIVI Art. 2, COMMI da 36-terdecies a 36-duodevicies,

Dettagli

CENTRO ASSISTENZA SOCIETARIA di Cappellini Lia & C. s.n.c.

CENTRO ASSISTENZA SOCIETARIA di Cappellini Lia & C. s.n.c. CIRCOLARE N 4/2013 Tivoli, 16/01/2013 Oggetto: NOVITA DEDUCIBILITA AUTO. Spett.le Clientela, con la presente circolare siamo a comunicare che con la Riforma del mercato del lavoro, L. 28/06/2012 n. 92,

Dettagli

STUDIO GAMBINO Studio Legale ed Economico Aziendale

STUDIO GAMBINO Studio Legale ed Economico Aziendale STUDIO GAMBI OGGETTO: Comunicazione beni ai soci e finanziamenti COMUNICAZIONE DEI BENI D IMPRESA AI SOCI/FAMILIARI SOGGETTO OBBLIGATO: - società (di capitali o persone) che concedono beni in uso ai soci

Dettagli

Informativa speciale Compilazione e invio telematico Comunicazione Beni in godimento ai Soci

Informativa speciale Compilazione e invio telematico Comunicazione Beni in godimento ai Soci Informativa speciale Compilazione e invio telematico Comunicazione Beni in godimento ai Soci Vicenza 17 Gennaio 2014 Gentile Cliente, il 31/01/2014 scade il nuovo adempimento - di cui abbiamo trattato

Dettagli

GUIDA ALLA COMUNICAZIONE DEI BENI IN GODIMENTO AI SOCI E DEI FINANZIAMENTI SOCI ALL'IMPRESA

GUIDA ALLA COMUNICAZIONE DEI BENI IN GODIMENTO AI SOCI E DEI FINANZIAMENTI SOCI ALL'IMPRESA GUIDA ALLA COMUNICAZIONE DEI BENI IN GODIMENTO AI SOCI E DEI FINANZIAMENTI SOCI ALL'IMPRESA a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale ll prossimo mese di dicembre 2013, salvo proroghe dell'ultima ora

Dettagli

Carlin Laurenti & associati

Carlin Laurenti & associati Carlin Laurenti & associati STUDIO COMMERCIALISTI e REVISORI 45014 PORTO VIRO (RO) Via Mantovana n. 86 tel 0426.321062 fax 0426.323497 per informazioni su questa circolare: evacarlin@studiocla.it Circolare

Dettagli

CIRCOLARE TEMATICA COMUNICAZIONE DEI BENI IN GODIMENTO AI SOCI O FAMILIARI E DEI FINANZIAMENTI O CAPITALIZZAZIONI RICEVUTI DALL IMPRESA

CIRCOLARE TEMATICA COMUNICAZIONE DEI BENI IN GODIMENTO AI SOCI O FAMILIARI E DEI FINANZIAMENTI O CAPITALIZZAZIONI RICEVUTI DALL IMPRESA Avv. GIORGIO ASCHIERI* Rag. Comm. SIMONETTA BISSOLI* Dott. Comm. MARCO GHELLI* Dott. Comm. ALBERTO MION* Dott. Comm. ALBERTO RIGHINI* Avv. ANTONIO RIGHINI* Dott. MONICA SECCO* Avv. ORNELLA BERTOLAZZI Avv.

Dettagli

OGGETTO: Comunicazione beni ai soci e finanziamenti - liberatoria

OGGETTO: Comunicazione beni ai soci e finanziamenti - liberatoria GIORDA FRANCESCO Informativa per la clientela di studio N. 18 del 29.01.2014 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Comunicazione beni ai soci e finanziamenti - liberatoria Gentile Cliente, con la stesura

Dettagli

BENI in GODIMENTO ai SOCI e FINANZIAMENTI dei SOCI DISCIPLINA FISCALE e ADEMPIMENTI COMUNICATIVI

BENI in GODIMENTO ai SOCI e FINANZIAMENTI dei SOCI DISCIPLINA FISCALE e ADEMPIMENTI COMUNICATIVI Circolare informativa per la clientela n. 33/2013 del 21 novembre 2013 BENI in GODIMENTO ai SOCI e FINANZIAMENTI dei SOCI DISCIPLINA FISCALE e ADEMPIMENTI COMUNICATIVI In questa Circolare 1. «Ratio» delle

Dettagli

La comunicazione dei beni d impresa concessi a soci e familiari e dei finanziamenti e capitalizzazioni

La comunicazione dei beni d impresa concessi a soci e familiari e dei finanziamenti e capitalizzazioni La comunicazione dei beni d impresa concessi a soci e familiari e dei finanziamenti e capitalizzazioni a cura diandrea Bongi Qualifica: Dottore Commercialista e Pubblicista La disciplina normativa di riferimento

Dettagli

COMUNICAZIONE DEI BENI CONCESSI AI SOCI E FINANZIAMENTI EFFETTUATI E RICEVUTI DAI SOCI

COMUNICAZIONE DEI BENI CONCESSI AI SOCI E FINANZIAMENTI EFFETTUATI E RICEVUTI DAI SOCI COMUNICAZIONE DEI BENI CONCESSI AI SOCI E FINANZIAMENTI EFFETTUATI E RICEVUTI DAI SOCI Il DL 13.8.2011 n. 138, convertito nella L. 14.9.2011 n. 148, ha introdotto un nuovo adempimento fiscale che, nelle

Dettagli

Lo Spesometro e la Comunicazione dei Beni ai soci

Lo Spesometro e la Comunicazione dei Beni ai soci Fondazione dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Padova Lo Spesometro e la Comunicazione dei Beni ai soci Padova, 03 ottobre 2013 Relatore: Andrea Onori Dottore Commercialista Revisore Legale

Dettagli

Studio Colella Associato

Studio Colella Associato Dott. Luigi Dottore Commercialista Dott.ssa Alessandra Lecchi Ragioniere Commercialista Dott. Giovanni Dottore Commercialista Dott. Gaetano Scordo Dottore Commercialista CONSULENZA TRIBUTARIA E SOCIETARIA

Dettagli

Sintesi della normativa riguardante i rimborsi chilometrici per dipendenti e amministratori.

Sintesi della normativa riguardante i rimborsi chilometrici per dipendenti e amministratori. Fiscale Tributario A TUTTE LE AZIENDE ASSOCIATE Verona, 10 ottobre 2013 Prot. n. 199/13 LB/mm Circ. n. 199/FT/24-13 Oggetto: 1) LA VERIFICA DEI LIMITI DI DEDUCIBILITA PER I RIMBORSI CHILOMETRICI 2) BENI

Dettagli

COMUNICAZIONE BENI IN GODIMENTO AI SOCI: CHIARIMENTI CON PROROGA AL 2 APRILE 2013

COMUNICAZIONE BENI IN GODIMENTO AI SOCI: CHIARIMENTI CON PROROGA AL 2 APRILE 2013 COMUNICAZIONE BENI IN GODIMENTO AI SOCI: CHIARIMENTI CON PROROGA AL 2 APRILE 2013 Con il Provvedimento Direttoriale del 17 settembre 2012 l Agenzia delle Entrate ha disposto la proroga dell adempimento

Dettagli

SPAZIO AZIENDE ottobre 2015

SPAZIO AZIENDE ottobre 2015 Con la collaborazione del Centro Studi SEAC siamo lieti di inviarle il n. 10 di SPAZIO AZIENDE ottobre 2015 GGG Prelievi bancari non giustificati Sentenza Corte Cassazione n. 16948/2015 Indagini bancarie

Dettagli

Nelle intenzioni del legislatore, il nuovo adempimento fiscale dovrebbe:

Nelle intenzioni del legislatore, il nuovo adempimento fiscale dovrebbe: 20.10.2014 Comunicazione dei beni d'impresa concessi in godimento ai soci o familiari dell'imprenditore - Comunicazione dei finanziamenti o delle capitalizzazioni dei soci o familiari ricevuti dall'impresa

Dettagli

La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti

La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti Fiscal Adempimento La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti N. 47 09.12.2013 La comunicazione dei beni d impresa concessi a soci/familiari e finanziamenti ricevuti Le istruzioni

Dettagli

PREMESSA 1. RIFERIMENTI NORMATIVI E DI PRASSI

PREMESSA 1. RIFERIMENTI NORMATIVI E DI PRASSI COMUNICAZIONE DEI BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI E FAMILIARI. COMUNICAZIONE DEI FINANZIAMENTI E CAPITALIZZAZIONI DA SOCI E FAMILIARI NEI CONFRONTI DELL IMPRESA PREMESSA Entro il 30 ottobre 2014, per

Dettagli

La disciplina relativa ai beni d impresa concessi in godimento a soci o familiari

La disciplina relativa ai beni d impresa concessi in godimento a soci o familiari Circolare n. 27/IR del 2 febbraio 2012 La disciplina relativa ai beni d impresa concessi in godimento a soci o familiari 1. Premessa Il decreto legge n. 138 del 13 agosto 2011, convertito, con modificazioni,

Dettagli

ANNO 2012. Indagini Finanziarie Studi di settore Beni concessi in uso a soci e familiari

ANNO 2012. Indagini Finanziarie Studi di settore Beni concessi in uso a soci e familiari ANNO 2012 Indagini Finanziarie Studi di settore Beni concessi in uso a soci e familiari Le novità introdotte dal Decreto «Salva Italia» e dalle manovre fiscali successive Milano 16 aprile 2012 Avv. Giampaolo

Dettagli

I BENI D IMPRESA CONCESSI IN GODIMENTO AI SOCI O AI FAMILIARI

I BENI D IMPRESA CONCESSI IN GODIMENTO AI SOCI O AI FAMILIARI I BENI D IMPRESA CONCESSI IN GODIMENTO AI SOCI O AI FAMILIARI Aspetti generali Con l art. 2, commi da 36-terdecies a 36-duodevicies, del D.L. 13 agosto 2011, n. 138, convertito dalla L. 14 settembre 2011,

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 299 08.11.2013 Comunicazione finanziamenti e apporti dei soci/familiari alla società La disciplina, il nuovo adempimento e soluzioni su come affrontare

Dettagli

LE AUTOVETTURE IN GODIMENTO A SOCI / FAMILIARI: CASI PRATICI

LE AUTOVETTURE IN GODIMENTO A SOCI / FAMILIARI: CASI PRATICI INFORMATIVA N. 236 04 OTTOBRE 2012 IMPOSTE DIRETTE LE AUTOVETTURE IN GODIMENTO A SOCI / FAMILIARI: CASI PRATICI Art. 2, commi da 36-terdecies a 36-duodevicies, DL n. 138/2011 Circolari Agenzia Entrate

Dettagli

STUDIO COMMERCIALE RAFFAELLI. Comunicazione beni d impresa in godimento e finanziamenti

STUDIO COMMERCIALE RAFFAELLI. Comunicazione beni d impresa in godimento e finanziamenti Comunicazione beni d impresa in godimento e finanziamenti La comunicazione dei beni d impresa in godimento da parte di soci e familiari ha vissuto una stagione particolarmente travagliata, condita di continui

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

IL DIRETTORE DELL'AGENZIA DELLE ENTRATE

IL DIRETTORE DELL'AGENZIA DELLE ENTRATE Prot. n. 166485 IL DIRETTORE DELL'AGENZIA DELLE ENTRATE Modalità e termini di comunicazione all Anagrafe Tributaria dei dati relativi ai beni dell'impresa concessi in godimento a soci o familiari, ai sensi

Dettagli

Accertamenti e Controlli 2011

Accertamenti e Controlli 2011 Accertamenti e Controlli 2011 Manovra estiva 2010 D.L. n. 78/2010 Manovre estive 2011 D.L. n. 70/2011 D.L. n. 98/2011 D.L. n. 138/2011 28 SETTEMBRE 2011 Avv. Giampaolo Foresi ACCERTAMENTO SINTETICO (Art.

Dettagli

Risposte alle domande più frequenti (FAQ)

Risposte alle domande più frequenti (FAQ) COMUNICAZIONE DEI DATI DEI BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI DELL IMPRENDITORE E DEI FINANZIAMENTI E CAPITALIZZAZIONI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL IMPRESA

Dettagli

LE MANOVRE ESTIVE CONVEGNO PER ASSOCIAZIONI: 22 Ottobre 2011 Cagliari. RELATORE Dott. Leonardo Ambrosi. Assessorato allo Sport PROVINCIA DI CAGLIARI

LE MANOVRE ESTIVE CONVEGNO PER ASSOCIAZIONI: 22 Ottobre 2011 Cagliari. RELATORE Dott. Leonardo Ambrosi. Assessorato allo Sport PROVINCIA DI CAGLIARI Assessorato allo Sport PROVINCIA DI CAGLIARI In collaborazione con: STUDIO AMBROSI & PARTNERS CONVEGNO PER ASSOCIAZIONI: LE MANOVRE ESTIVE 22 Ottobre 2011 Cagliari RELATORE Dott. Leonardo Ambrosi PROVINCIA

Dettagli

Collegato alla Finanziaria 2007. D.L. 03.10.2006 n. 262 convertito in Legge il 23.11.2006 n. 286

Collegato alla Finanziaria 2007. D.L. 03.10.2006 n. 262 convertito in Legge il 23.11.2006 n. 286 Collegato alla Finanziaria 2007 D.L. 03.10.2006 n. 262 convertito in Legge il 23.11.2006 n. 286 Mancata emissione scontrino/ricevuta fiscale art. 1 commi da 8 a 8-ter In caso di mancata emissione dello

Dettagli

Dott. Mauro Nicola Presidente dell Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Novara

Dott. Mauro Nicola Presidente dell Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Novara ASPETTI TRIBUTARI DEL IL BILANCIO D ESERCIZIO 2012 Dott. Mauro Nicola Presidente dell Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Novara I beni aziendali in uso ai soci Beni ai soci e spesometro

Dettagli

LE SOCIETÀ NON OPERATIVE alla luce del provvedimento e della circolare dell Agenzia delle Entrate dell 11/06/2012. Lelio Cacciapaglia

LE SOCIETÀ NON OPERATIVE alla luce del provvedimento e della circolare dell Agenzia delle Entrate dell 11/06/2012. Lelio Cacciapaglia alla luce del provvedimento e della circolare dell Agenzia delle Entrate dell 11/06/2012 Lelio Cacciapaglia NUOVA TIPOLOGIA DI SOCIETÀ DI COMODO Le società che presentano dichiarazioni in perdita fiscale

Dettagli

COMUNICAZIONE DEI BENI UTILIZZATI DAI SOCI E FAMILIARI

COMUNICAZIONE DEI BENI UTILIZZATI DAI SOCI E FAMILIARI COMUNICAZIONE DEI BENI UTILIZZATI DAI SOCI E FAMILIARI A meno di un mese dalla scadenza, sono ancora innumerevoli i dubbi che riguardano la comunicazioni dei beni utilizzati dai soci delle società e dai

Dettagli

ART. 164 DEL T.U.I.R.

ART. 164 DEL T.U.I.R. API NOTIZIE N. 16 DEL 07/09/2012 OGGETTO: LA NUOVA DEDUCIBILITÁ DEI COSTI DELLE AUTO AZIENDALI DAL 2013 Riferimenti: Legge 92/2012 Riforma del Lavoro (Legge Fornero) art. 4 commi 72 e 73. La Riforma del

Dettagli

Beni concessi in godimento a soci e familiari e comunicazione dei finanziamenti e capitalizzazioni nei confronti dell impresa

Beni concessi in godimento a soci e familiari e comunicazione dei finanziamenti e capitalizzazioni nei confronti dell impresa Via Battuti Rossi, 6/A 47121 Forlì Via dell Arrigoni, 308 47522 Cesena Beni concessi in godimento a soci e familiari e comunicazione dei finanziamenti e capitalizzazioni nei confronti dell impresa Entro

Dettagli

COME M E F U F NZI Z ONA A I L L «NUOVO» REDDITOMETRO

COME M E F U F NZI Z ONA A I L L «NUOVO» REDDITOMETRO COME FUNZIONA IL COME FUNZIONA IL «NUOVO» REDDITOMETRO PERCHE REDDITOMETRO OGGI BUDGET SU ACCERTAMENTI INVIO DELLE LISTE AGLI UFFICI Circolare 18/E/2012 Avvio controlli DA COSA PARTIAMO NORMA BASE DM 24

Dettagli

IL DIRETTORE DELL'AGENZIA DELLE ENTRATE

IL DIRETTORE DELL'AGENZIA DELLE ENTRATE Prot. n. 2013/94904 IL DIRETTORE DELL'AGENZIA DELLE ENTRATE Modalità e termini di comunicazione all'anagrafe tributaria, ai sensi dell articolo 7, dodicesimo comma, del decreto del Presidente della Repubblica

Dettagli

Comunicazione dei beni dell'impresa concessi in godimento a soci o familiari Comunicazione dei finanziamenti concessi all impresa dai soci o familiari

Comunicazione dei beni dell'impresa concessi in godimento a soci o familiari Comunicazione dei finanziamenti concessi all impresa dai soci o familiari Manuale Operativo Comunicazione dei beni dell'impresa concessi in godimento a soci o familiari Comunicazione dei finanziamenti concessi all impresa dai soci o familiari UR1311140000 Wolters Kluwer Italia

Dettagli

LA DISCIPLINA FISCALE PER LE AUTOVETTURE NON STRETTAMENTE STRUMENTALI PER L ATTIVITA D IMPRESA O DEL PROFESSIONISTA NEL 2007. di Vincenzo D Andò

LA DISCIPLINA FISCALE PER LE AUTOVETTURE NON STRETTAMENTE STRUMENTALI PER L ATTIVITA D IMPRESA O DEL PROFESSIONISTA NEL 2007. di Vincenzo D Andò LA DISCIPLINA FISCALE PER LE AUTOVETTURE NON STRETTAMENTE STRUMENTALI PER L ATTIVITA D IMPRESA O DEL PROFESSIONISTA NEL 2007 di Vincenzo D Andò Il 27.6.2007 è stata pubblicata sulla G.U. dell Unione Europea

Dettagli

-anna maria mangiapelo

-anna maria mangiapelo REDDITI DI IMPRESA - norme generali - dall utile al reddito: esame dei principali casi di deducibilità fiscale dei componenti negativi - regole per la contabilità semplificata -anna maria mangiapelo 1

Dettagli

I L T R A T T A M E N T O F I S C A L E D E G L I A U T O V E I C O L I A Z I E N D A L I

I L T R A T T A M E N T O F I S C A L E D E G L I A U T O V E I C O L I A Z I E N D A L I I L T R A T T A M E N T O F I S C A L E D E G L I A U T O V E I C O L I A Z I E N D A L I MONOGRAFIA IL TRATTAMENTO FISCALE DEGLI AUTOVEICOLI AZIENDALI INDICE 1.1 PREMESSE 3 1.2 VEICOLI CON COSTI INTEGRALMENTE

Dettagli

COMUNICAZIONE DEI BENI

COMUNICAZIONE DEI BENI ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI GENOVA Commissione di studio II. DD Imposte dirette COMUNICAZIONE DEI BENI AI SOCI E DEI FINANZIAMENTI Lavoro della dell Ordine dei Dottori

Dettagli

Circolare n. 17-2010. Milano, 21 Settembre 2010. Egregi Signori Clienti. Loro indirizzi. Il Fisco usa la diligenza del buon padre di famiglia.

Circolare n. 17-2010. Milano, 21 Settembre 2010. Egregi Signori Clienti. Loro indirizzi. Il Fisco usa la diligenza del buon padre di famiglia. Milano, 21 Settembre 2010 Egregi Signori Clienti Loro indirizzi Circolare n. 17-2010 Redditometro ed indagini finanziarie Il Fisco usa la diligenza del buon padre di famiglia. Per essere diligenti, non

Dettagli

Pregg.mi Sigg.ri CLIENTI LORO SEDI

Pregg.mi Sigg.ri CLIENTI LORO SEDI S T U D I O D I C O N S U L E N Z A A Z I E N D A L E S O C I E T A R I A T R I B U T A R I A A N D R E A D E V I D O VIA TRENTO E TRIESTE N 1 31015 - CONEGLIANO (TV) tel. +39 0438 23355 (3 linee r.a.)

Dettagli

Dott. Roberto Azor Commercialista e Revisore Contabile

Dott. Roberto Azor Commercialista e Revisore Contabile Credaro (BG), 26/09/2013 Ai gentili Clienti Loro sedi Circ. 48/2013: NUOVO REDDITOMETRO PRIME INDICAZIONI OPERATIVE In questa Circolare 1. Vecchio e nuovo redditometro 2. Ricostruzione sintetica del reddito

Dettagli

Circolare n. 6. Del 31 marzo 2014. Nuovo redditometro Ulteriori chiarimenti dell Agenzia delle Entrate INDICE

Circolare n. 6. Del 31 marzo 2014. Nuovo redditometro Ulteriori chiarimenti dell Agenzia delle Entrate INDICE Circolare n. 6 Del 31 marzo 2014 Nuovo redditometro Ulteriori chiarimenti dell Agenzia delle Entrate INDICE 1 Premessa... 2 2 Procedimento... 2 2.1 Notifica dell invito a comparire... 3 2.2 Notifica dell

Dettagli

Nuovi strumenti di Accertamento Fiscale

Nuovi strumenti di Accertamento Fiscale 151 Bollettino n. 02/2011 Ivrea, 5 dicembre 2011 (a cura di Gianni Celleghin) Nuovi strumenti di Accertamento Fiscale ( spesometro, redditometro ed altre comunicazioni all Anagrafe Tributaria) Mediante

Dettagli

Periodico informativo n. 5/2013

Periodico informativo n. 5/2013 Periodico informativo n. 5/2013 Tabelle ACI 2013 aggiornate e auto in uso promiscuo ai soci e dipendenti Gentile Cliente, Le inviamo la presente per comunicarle che l ACI ha pubblicato, come ogni anno,

Dettagli

Comunicazione dei beni concessi in godimento a soci o familiari dell imprenditore e dei finanziamenti 1

Comunicazione dei beni concessi in godimento a soci o familiari dell imprenditore e dei finanziamenti 1 1 Comunicazione dei beni concessi in godimento a soci o familiari dell imprenditore e dei finanziamenti 1 di Pamela Alberti e Alessandro Cotto 2 Dopo numerosi rinvii, scade il 12.12.2013 il termine per

Dettagli

IL REDDITEST. Dott. Mauro Nicola

IL REDDITEST. Dott. Mauro Nicola IL REDDITEST Dott. Mauro Nicola IL NUCLEO FAMILIARE IL NUCLEO FAMILIARE SOLO 2011!!! 3 IL NUCLEO FAMILIARE SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2011 4 IL NUCLEO FAMILIARE OGNI TIPOLOGIA DI REDDITO 5 IL NUCLEO FAMILIARE

Dettagli

In tale ambito soggettivo sono ricomprese le persone fisiche titolari di: - reddito d impresa; o: - di lavoro autonomo.

In tale ambito soggettivo sono ricomprese le persone fisiche titolari di: - reddito d impresa; o: - di lavoro autonomo. Modulo RW Sono tenuti agli obblighi di monitoraggio: - le persone fisiche; - gli enti non commerciali; - le società semplici e soggetti equiparati; residenti in Italia. In tale ambito soggettivo sono ricomprese

Dettagli

Circolare n. 4/2013 del 14 Gennaio 2013 Ai gentili Clienti loro sedi

Circolare n. 4/2013 del 14 Gennaio 2013 Ai gentili Clienti loro sedi Circolare n. 4/2013 del 14 Gennaio 2013 Ai gentili Clienti loro sedi OGGETTO: Redditometro: primi chiarimenti sulle modalità di applicazione Gentile Cliente, iniziano a pervenire i primi chiarimenti sull'applicazione

Dettagli

SCROVEGNI PARTNERS S.R.L.

SCROVEGNI PARTNERS S.R.L. Pagina1 CIRCOLARE Padova, 15 gennaio 2013 Spettabili CLIENTI LORO SEDI OGGETTO: Fiscalità degli autoveicoli a motore a decorrere dal 2013. Con la Legge di Stabilità si stabilisce che le autovetture aziendali,

Dettagli

La normativa di riferimento

La normativa di riferimento C i r c o l a r e d e l 1 6 n o v e m b r e 2 0 1 1 P a g. 1 di 5 Circolare Numero 28/2011 Oggetto MANOVRA CORRETTIVA D.L. 98/2011 CONVERTITO IN L. 111/2011 CIRCOLARE AGENZIA ENTRATE N. 41/E DEL 05/08/2011

Dettagli

Newsletter 2013 20 del 23 Settembre 2013

Newsletter 2013 20 del 23 Settembre 2013 NUOVO REDDITOMETRO (art. 38 del DPR 600/73 e DM 24.12.2012) COME FUNZIONA? Newsletter 2013 20 del 23 Settembre 2013 Che cos è e quali sono i Riferimenti Normativi? L art. 38 del DPR 600/73 stabilisce che

Dettagli

N. 269. La circolare di aggiornamento professionale. 19.07.2012 La nuova deducibilità delle auto aziendali

N. 269. La circolare di aggiornamento professionale. 19.07.2012 La nuova deducibilità delle auto aziendali La circolare di aggiornamento professionale N. 269 19.07.2012 La nuova deducibilità delle auto aziendali Categoria: Auto Sottocategoria: Imposte dirette Con la modifica dell art. 164, comma 1, TUIR da

Dettagli

PROFILI APPLICATIVI DELL ACCERTAMENTO SINTETICO: CASI PRATICI. a cura di Antonio Lofari Capo Area Accertamento Direzione Provinciale di Piacenza

PROFILI APPLICATIVI DELL ACCERTAMENTO SINTETICO: CASI PRATICI. a cura di Antonio Lofari Capo Area Accertamento Direzione Provinciale di Piacenza PROFILI APPLICATIVI DELL ACCERTAMENTO SINTETICO: CASI PRATICI a cura di Antonio Lofari Capo Area Accertamento Direzione Provinciale di Piacenza REDDITOMETRO I decreti ministeriali del 1992 individuano

Dettagli

Il Ministro dell Economia e delle Finanze

Il Ministro dell Economia e delle Finanze Il Ministro dell Economia e delle Finanze Visti i commi quarto, quinto, sesto, settimo e ottavo dell articolo 38 del decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 600, come sostituiti dall

Dettagli

Il Nuovo Trattamento Fiscale delle Autovetture Aziendali

Il Nuovo Trattamento Fiscale delle Autovetture Aziendali Moro & Partners Il Nuovo Trattamento Fiscale delle Autovetture Aziendali Quadro di sintesi utile per potersi orientare all interno delle recenti modifiche normative in tema di autoveicoli aziendali. Moro

Dettagli

Circolare - Notiziario n. 10

Circolare - Notiziario n. 10 .. Circolare - Notiziario n. 10 CATTABRIGA CLAUDIA DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE 16 settembre 2013 Nuovo redditometro Circ. Ag. Entrate 31.07.2013, n. 24/E Il nuovo metodo di ricostruzione

Dettagli

Sommario. A cura dello Studio Battaini, Corso Sempione 15, Gallarate. e-mail : infocsp@cspnetworkitalia.it sito: www.cspnetwork.it

Sommario. A cura dello Studio Battaini, Corso Sempione 15, Gallarate. e-mail : infocsp@cspnetworkitalia.it sito: www.cspnetwork.it A cura dello Studio Battaini, Corso Sempione 15, Gallarate e-mail : infocsp@cspnetworkitalia.it sito: www.cspnetwork.it Sommario Speciale Manovra Monti - Proroga della rateazione per i debiti tributari

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (ART. 3 DLGS 109/98) ARTICOLO 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO

REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (ART. 3 DLGS 109/98) ARTICOLO 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO COMUNE DI CASTEL D ARIO Provincia di Mantova REGOLAMENTO ATTUATIVO DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (ISEE) REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA

Dettagli

Veneziana Energia Risorse Idriche Territorio Ambiente Servizi S.p.A. - V.E.R.I.T.A.S. S.p.A.

Veneziana Energia Risorse Idriche Territorio Ambiente Servizi S.p.A. - V.E.R.I.T.A.S. S.p.A. Dichiarazione per la pubblicità della situazione patrimoniale e reddituale ai sensi della Legge 5 Luglio 1982, n 441, richiamate dall art. 14 del D. Lgs. 33/2013. Io sottoscritta Michela Bovo nata il 24.03.1965,

Dettagli

#$%& '%()%#$%%) Prof. Gianfranco FERRANTI Capo dipartimento Scienze Tributarie Scuola Superiore Economia e Finanze

#$%& '%()%#$%%) Prof. Gianfranco FERRANTI Capo dipartimento Scienze Tributarie Scuola Superiore Economia e Finanze !" #$%& '%()%#$%%) Prof. Gianfranco FERRANTI Capo dipartimento Scienze Tributarie Scuola Superiore Economia e Finanze *#+ %#()%%$ AMBITO DELLE NOVITÀ AMMORTAMENTO ANTICIPATO REDDITO DI IMPRESA DURATA CONTRATTI

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA UNICA per il calcolo dell ISEE modello MINI

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA UNICA per il calcolo dell ISEE modello MINI DSU MINI ISEE DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA UNICA per il calcolo dell ISEE modello MINI La Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU) è la dichiarazione necessaria per calcolare l ISEE (Indicatore della Situazione

Dettagli

D.ssa Silvia Bresciani Dr Claudio Pedrazzani

D.ssa Silvia Bresciani Dr Claudio Pedrazzani Consulenza fiscale, amministrativa e societaria P.le Martesana, 10-20128 Milano - Tel. (02) 2552761 r.a. - Fax. (02) 2552692 E MAIL studio.professionale@apiesse.com www.apiesse.com Via Della Valle, 46B

Dettagli

IL (NUOVO) REDDITOMETRO

IL (NUOVO) REDDITOMETRO Circolare n. 5/2014 Pagina 1 di 8 A tutti i Clienti Loro sedi Circolare n. 5/2014 del 20 maggio 2014 (tutte le circolari sono consultabili anche sul nostro sito all indirizzo www.bdassociati.it ) Riferimenti

Dettagli

SPESOMETRO E REDDITOMETRO FIRENZE 19 FEBBRAIO 2013

SPESOMETRO E REDDITOMETRO FIRENZE 19 FEBBRAIO 2013 SPESOMETRO E REDDITOMETRO FIRENZE 19 FEBBRAIO 2013 1 2 Il redditometro: cos è? Viene chiamata redditometro la tassazione della persona fisica in base ad indici di ricchezza, la cui disponibilità è considerata

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE (I.S.E.E.)

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE (I.S.E.E.) Comune di Longare REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE (I.S.E.E.) Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 4 del 09.02.2007 IL SEGRETARIO COMUNALE Sardone

Dettagli

IL NUOVO REDDITOMETRO

IL NUOVO REDDITOMETRO IL NUOVO REDDITOMETRO Dott. Fabrizio SCOSSA LODOVICO Modena, 10 maggio 2013 FONTI NORMATIVE Articolo 22 Decreto Legge 78/2010 Articolo 38 D.P.R. 600/73 (come modificato dal D.L. 78/2010) D.M. 24 dicembre

Dettagli

Loro sedi. Oggetto: ai nastri di partenza le lettere relative al redditometro per il periodo di imposta 2009

Loro sedi. Oggetto: ai nastri di partenza le lettere relative al redditometro per il periodo di imposta 2009 Studio Associato di Consulenza Aziendale Dottori Commercialisti Dott. Gianpiero Perissinotto Dott.ssa Monica Lacedelli Via degli Agricoltori n. 11 32100 Belluno tel: 0437/932080 fax: 0437/932095 E-mail:

Dettagli

IL NUOVO REDDITOMETRO. a cura della dott.ssa Gabriella Liso

IL NUOVO REDDITOMETRO. a cura della dott.ssa Gabriella Liso IL NUOVO REDDITOMETRO a cura della dott.ssa Gabriella Liso Che cos è il redditometro? - Strumento che permette all Amministrazione Finanziaria di determinare, presumibilmente, il reddito complessivo attribuibile

Dettagli

SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI

SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI Circolare n. 11 del 28 marzo 2008 Spese auto IVA (art. 19 bis 1 DPR 633/72) Il regime di detraibilità dell Iva afferente le autovetture è stato modificato dalla Legge n. 244/2007 (Finanziaria 2008), alla

Dettagli

REDDITOMETRO SCHEDA MONOGRAFICA TMG. Data aggiornamento scheda 15 gennaio 2013. Ultimi interventi normativi DM 24 dicembre 2012

REDDITOMETRO SCHEDA MONOGRAFICA TMG. Data aggiornamento scheda 15 gennaio 2013. Ultimi interventi normativi DM 24 dicembre 2012 SCHEDA MONOGRAFICA TMG REDDITOMETRO Data aggiornamento scheda 15 gennaio 2013 Redattore Davide David Ultimi interventi normativi DM 24 dicembre 2012 Con il DM 24.12.2012 (di seguito anche DM ) sono stati

Dettagli

Ufficio in Marsala Corso Calatafimi n.68/o (Tel. 0923-716470 0923-723027) - Indirizzo E-Mail vm.culicchia@studioci.net

Ufficio in Marsala Corso Calatafimi n.68/o (Tel. 0923-716470 0923-723027) - Indirizzo E-Mail vm.culicchia@studioci.net Informative e news per la clientela di studio Le news di dicembre pag. 2 In scadenza l invio telematico dei beni in godimento ai soci e dei finanziamenti effettuati dai soci pag. 4 Rateazioni debiti tributari

Dettagli

AMMORTAMENTI (COMPRESI ONERI PLURIENNALI) LEASING INTERESSI PASSIVI

AMMORTAMENTI (COMPRESI ONERI PLURIENNALI) LEASING INTERESSI PASSIVI AMMORTAMENTI (COMPRESI ONERI PLURIENNALI) LEASING INTERESSI PASSIVI 1 L AMMORTAMENTO (NOZIONE GIURIDICA) il costo delle immobilizzazioni, materiali ed immateriali, la cui utilizzazione è limitata nel tempo

Dettagli

dicembre 2013 Informative e news per la clientela di studio I formulari operativi Occhio alle scadenze

dicembre 2013 Informative e news per la clientela di studio I formulari operativi Occhio alle scadenze dicembre 2013 Informative e news per la clientela di studio Le news di dicembre pag. 2 In scadenza l invio telematico dei beni in godimento ai soci e dei finanziamenti effettuati dai soci pag. 4 Rateazioni

Dettagli

LA COMUNICAZIONE DEI BENI AI SOCI LA COMUNICAZIONE DEI BENI AI SOCI. (Provv. 94902 del 02.08.2013)

LA COMUNICAZIONE DEI BENI AI SOCI LA COMUNICAZIONE DEI BENI AI SOCI. (Provv. 94902 del 02.08.2013) LA COMUNICAZIONE DEI BENI AI SOCI LA COMUNICAZIONE DEI BENI AI SOCI (Provv. 94902 del 02.08.2013) BENI D IMPRESA IN USO A SOCI/ FAMILIARI E FINANZIAMENTI/APPORTI RICEVUTI 1 Beni aziendali concessi in godimento

Dettagli

COMUNE DI ACQUANEGRA CREMONESE Provincia di CREMONA REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONE SOCIALI AGEVOLATE

COMUNE DI ACQUANEGRA CREMONESE Provincia di CREMONA REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONE SOCIALI AGEVOLATE . COMUNE DI ACQUANEGRA CREMONESE Provincia di CREMONA REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONE SOCIALI AGEVOLATE Allegato alla deliberazione di C.C. n.14 del 26/03/2002 INDICE Regolamento Art. 1

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L INDIVIDUAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE

REGOLAMENTO COMUNALE PER L INDIVIDUAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE REGOLAMENTO COMUNALE PER L INDIVIDUAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE Art. 1 Oggetto del regolamento Il presente regolamento è diretto ad individuare le

Dettagli

STUDIO TRIBUTARIO E DEL LAVORO. COMMERCIALISTI - REVISORI CONTABILI - CONSULENTI DEL LAVORO

STUDIO TRIBUTARIO E DEL LAVORO. COMMERCIALISTI - REVISORI CONTABILI - CONSULENTI DEL LAVORO STUDIO TRIBUTARIO E DEL LAVORO. COMMERCIALISTI - REVISORI CONTABILI - CONSULENTI DEL LAVORO Servizio circolari per la clientela Il DL 3.10.2006 n. 262 (c.d. decreto collegato alla Finanziaria 2007) Principali

Dettagli

Studio professionale ragionieri associati Migli Fedi Cinini

Studio professionale ragionieri associati Migli Fedi Cinini Studio professionale ragionieri associati Migli Fedi Cinini Scali Olandesi n. 18 57125 LIVORNO Rag. Marco Migli - Commercialista Tel. 0586-891762 Rag. Michele Cinini - Commercialista Fax 0586-882512 Rag.

Dettagli

Redditometro: lo strumento rinnovato per la lotta contro l evasione fiscale

Redditometro: lo strumento rinnovato per la lotta contro l evasione fiscale Ai Gentili Clienti Redditometro: lo strumento rinnovato per la lotta contro l evasione fiscale Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che il nuovo redditometro ha visto la luce: nella

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N. 21 del 1 Febbraio 2013 Ai gentili clienti Loro sedi Redditometro: un attacco all evasione ma solo quella spudorata Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla

Dettagli

AUTO AZIENDALI DEDUCIBILIT` RIDOTTA DAL 2013. pzanatta@uive.it Dott. Paolo Zanatta 1

AUTO AZIENDALI DEDUCIBILIT` RIDOTTA DAL 2013. pzanatta@uive.it Dott. Paolo Zanatta 1 AUTO AZIENDALI DEDUCIBILIT` RIDOTTA DAL 2013 pzanatta@uive.it Dott. Paolo Zanatta 1 Oggetto Si far di seguito riferimento esclusivamente alle autovetture aziendali, escludendo la disciplina di motoveicoli

Dettagli

STUDIO SALVATORE TRAMUTO commercialista consulente del lavoro revisore contabile

STUDIO SALVATORE TRAMUTO commercialista consulente del lavoro revisore contabile STUDIO SALVATORE TRAMUTO commercialista consulente del lavoro revisore contabile Gentile cliente, Le richiamo l'attenzione su alcune novità previste in particolare dalla Finanziaria 2007, trattati in forma

Dettagli