Dieci anni di chirurgia bariatrica laparoscopica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dieci anni di chirurgia bariatrica laparoscopica"

Transcript

1 CAPITOLO 29 Dieci anni di chirurgia bariatrica laparoscopica Nicola Basso, Gianfranco Silecchia, Alessandro Pecchia Introduzione In 10 anni abbiamo accolto circa 2500 pazienti presso il Centro per il trattamento mini-invasivo dell obesità pa-tologica del Policlinico Umberto I dell Università degli Studi La Sapienza di Roma. Abbiamo eseguito 821 procedure chirurgiche su 716 pazienti e 505 trattamenti endoscopici (riferiti in dettaglio più avanti nel capitolo). Quando tutto questo iniziò, nel marzo 1996, eravamo agli albori di questo tipo di chirurgia in Italia e non immaginavamo l impatto che avrebbe avuto sul nostro lavoro. Nel primo triennio dalla nascita del centro abbiamo registrato 115 accessi; nel secondo triennio le visite si sono quadruplicate per arrivare a sfondare la quota dei 1000 pazienti visti nel triennio Una crescita esponenziale di richieste di prestazioni per il trattamento della patologia, che già nel mondo occidentale prendeva il nome di epidemia del terzo millennio. Dunque, c era da rimboccarsi le maniche e così abbiamo fatto. Parallelamente all evoluzione che il trattamento chirurgico dell obesità subiva nella comunità scientifica internazionale, abbiamo rivisto negli anni le indicazioni e le controindicazioni, abbiamo ampliato le nostre offerte terapeutiche, abbiamo imparato a gestirne le complicanze, abbiamo formato un team multidisciplinare di esperti nella diagnosi e cura delle problematiche di questa complessa patologia. Contestualmente, abbiamo contribuito alla ricerca scientifica con numerosi lavori pubblicati su prestigiose riviste internazionali, presentando i risultati dei nostri studi sperimentali e clinici in meeting internazionali del settore. Abbiamo inoltre svolto il ruolo di tutor presso centri regionali ed extraregionali e oggi vantiamo la posizione di centro di riferimento nazionale per il trattamento dell obesità patologica con una delle maggiori esperienze laparoscopiche del Paese. I primi anni Il primo punto che abbiamo dovuto affrontare è stato la creazione di un team di specialisti coordinati nella gestione del paziente obeso: internisti, endocrinologi, nutrizionisti e psichiatri. Una scrupolosa valutazione preoperatoria del paziente (Tab. 1) rappresentava il 219

2 Chirurgia bariatrica Tab. 1 Work-up preparatorio (* in casi selezionati) Analisi Esami Consulenze ematochimiche strumentali specialistiche Emocromo ECG Nutrizionista Profilo glicemico (OGTT) Rx torace Endocrinologo Profilo insulinico Rx digerente I tratto Psicologo/psichiatra Funzionalità renale con studio in Trendelenburg* Cardiologo Funzionalità epatica EGDS con biopsia per HP Anestesista Funzionalità tiroidea Ecografia epatica, tiroidea Funzionalità pancreatica Doppler venoso arti inferiori Ferro PFR Uricemia EGA Indici di flogosi Polisonnografia* Coagulazione Elettroliti Profilo proteico Profilo lipidico punto fondamentale per una corretta indicazione al trattamento chirurgico secondo le linee guida internazionali. La selezione dei pazienti è stata un punto irrinunciabile che ci ha guidati dagli esordi a oggi. Fino all inizio del 2000, l offerta terapeutica del nostro gruppo si limitava al solo bendaggio gastrico regolabile laparoscopico. Ai pazienti che non rientravano nelle indicazioni date dalle linee guida delle maggiori società scientifiche, a quelli che presentavano controindicazioni cardiologiche o anestesiologiche alla chirurgia o che rifiutavano di sottoporsi a un intervento definitivo, veniva proposto il trattamento endoscopico con palloncino intragastrico come alternativa alla dietoterapia. Nel marzo 1996 abbiamo eseguito il primo bendaggio gastrico regolabile per via laparoscopica (LAGB). Impossibile dimenticare tutti i problemi legati alla learning curve di questa chirurgia che, sommati all habitus dei pazienti, rendevano difficili tutti i tempi dell intervento. Una learning curve che, secondo la nostra esperienza, non può essere inferiore ai 30 casi per un chirurgo laparoscopico esperto, e di circa 50 casi per un giovane laparoscopista. Dal marzo 1996 al dicembre 1999 abbiamo eseguito 129 LAGB (24 M, 105 F) in pazienti con un età media di 38 ± 11 anni e un BMI (Body Mass Index, indice di massa corporea) medio di 43.5 ± 5 kg/m 2, utilizzando per il 99% dei casi il Lap-Band, che in quegli anni dominava il mercato italiano, seguendo la tecnica perigastrica. Superata la learning curve (50 casi), non abbiamo registrato conversioni laparotomiche nel primo triennio di attività con una mortalità perioperatoria nulla. Più consistente è invece il resoconto di quanto abbiamo fatto fino a oggi con il bendaggio gastrico. In 10 anni abbiamo 220

3 Dieci anni di chirurgia bariatrica laparoscopica eseguito 479 LAGB su 477 pazienti (142 M, 335 F), in 2 casi realizzando un rebanding. L età media dei pazienti all intervento era di 39 ± 11 anni con un BMI pari a 43.4 ± 4 kg/m 2. Abbiamo utilizzato 211 volte la tecnica perigastrica posizionando 201 Lap-Band, 3 SASGB (Swedish Adjustable Silicon Gastric Banding), 7 HAGA (Helioscopie Anneux Gastric Advanced) e, in 261 casi, la tecnica pars flacida (92 Lap-Band, 18 SASGB, 151 HAGA). In 7 casi, nei quali non è stato possibile portare a termine la tecnica pars flacida, siamo stati costretti a utilizzare la tecnica mista (3 Lap-Band, 3 SASGB, 1 HAGA). In 2 casi è stato necessario convertire l intervento per difficoltà tecniche dovute a epatomegalia. A oggi, abbiamo registrato un solo exitus per embolia polmonare postoperatoria. All alba del 2000 Tab. 2 Controindicazioni al LAGB Presenza di voluminosa ernia iatale con dismotilità esofagea Fallimento palloncino intragastrico Sweet eater/marcato grazing/binge eating disorder BMI > 50 Non compliance alla dieta I risultati ottenuti con il bendaggio gastrico nel primo triennio ci spinsero ad ampliare l offerta chirurgica. Quello che si era ottenuto fino ad allora nei pazienti con BMI inferiore a 50 costituiva il nostro migliore risultato. Per la super obesità e per le controindicazioni al bendaggio gastrico (Tab. 2) dovevamo necessariamente ricorrere agli altri interventi di chirurgia bariatrica. Nel frattempo, oltreoceano e in Europa venivano standardizzate le tecniche laparoscopiche del bypass gastrico (BPG) e della diversione bilio-pancreatica (BPD), sia classica secondo Scopinaro, sia con la variante del duodenal switch (DS). Così da gennaio 2000, con il BPG iniziammo una nuova learning curve in quei pazienti affetti da super obesità o che mostravano, soprattutto ai test psichiatrici preoperatori, comportamenti alimentari patologici che ci suggerivano cautela nel sottoporli al bendaggio gastrico. Fino a marzo 2006 abbiamo eseguito 169 bypass gastrici laparoscopici (42 M, 127 F) in pazienti con età media di 42 ± 11 anni e un BMI medio di 47 ± 5 kg/m 2, in quattro casi realizzati come re-do surgery dopo insuccesso del bendaggio gastrico regolabile. Abbiamo utilizzato per il 96.5% dei casi la tecnica laparoscopica descritta da Michel Gagner con l anastomosi gastrodigiunale confezionata con suturatrice circolare, introducendo la testina mediante un sondino naso-gastrico per via orale. In questa serie di pazienti la mortalità intraoperatoria è stata nulla. In 2 casi abbiamo convertito l intervento per impossibilità a completare il confezionamento dell anastomosi per malfunzionamento della suturatrice automatica (un caso per la gastro-digiunale, G-D, e un caso per la digiuno-digiunale, D-D). I risultati ottenuti sul calo ponderale e sulle comorbidità ci spinsero a considerare il BPG come l alternativa chirurgica più efficace nei pazienti con grave sindrome metabolica e con BMI superiori a 50 (Fig. 1). Di fronte a nuovi casi sempre più complessi, con pazienti affetti da molti anni da sindrome metabolica, con comorbi- 221

4 Chirurgia bariatrica Work-up preoperatorio Meeting clinico multidisciplinare Indicazioni chirurgiche Efficacia della sleeve sulle comor- Tab. 3 bidità Cura Miglioramento OSAS 56.2% 31.2% Diabete/IGT 53.3% 20.0% Ipertensione 66.7% 20.8% Totale 60.0% 24.0% BMI comorbidità Bendaggio gastrico F M BMI sindrome metabolica Bypass gastrico BMI > 50 sindrome metabolica BPD DS un età media di 43.3 ± 10 anni e un BMI di 56.5 ± 6 Kg/m 2. In 6 casi la chirurgia costituiva una re-do surgery per insuccesso dopo bendaggio gastrico regolabile. In 3 casi abbiamo dovuto convertire l intervento a causa della marcata epatomegalia, realizzando in un caso la diversione completa e negli altri 2 la sola sleeve per via open. Fig. 1 Algoritmo delle indicazioni del Centro 222 dità quali OSAS (Obstructive Sleep Apnea Syndrome, sindrome da apnea del sonno) e insufficienza respiratoria di grado avanzato e con BMI superiori a 60, i rischi anestesiologici e le difficoltà tecniche di questa chirurgia ci spinsero a considerare l alternativa malassorbitiva in due tempi. Nel 2002 abbiamo iniziato a eseguire la duodenal switch laparoscopica in due tempi. In questo modo potevamo effettuare la BPD dopo avere ottenuto un calo ponderale consistente grazie alla sleeve gastrectomy, accompagnato quasi sempre dalla risoluzione o dal miglioramento delle comorbidità più gravi, in modo da ridurre considerevolmente il rischio perioperatorio e garantire maggiore sicurezza al paziente durante l intervento chirurgico (Tab. 3). Nel marzo 2006 abbiamo eseguito 68 sleeve gastrectomy e 23 pazienti sono stati sottoposti al II tempo (27 M, 41 F), con Risultati sul peso, complicanze postoperatorie e reinterventi Dopo il 2002, il centro offriva le tre principali alternative chirurgiche: l intervento restrittivo, l intervento malassorbitivo puro e il BPG, che oggi in molti definiscono misto. Potevamo quindi ricorrere all intervento bariatrico più indicato per ogni tipo di paziente obeso e, in più, avevamo maturato l esperienza per affrontare la re-do surgery nei casi d insuccesso degli interventi restrittivi. Naturalmente, il work-up preoperatorio e la selezione del paziente si confermavano come punti fondamentali per la buona riuscita del trattamento a lungo termine. I risultati di oggi confermano le aspettative di ieri. A distanza di 10 anni dal primo bendaggio, di 6 dal primo by-

5 Dieci anni di chirurgia bariatrica laparoscopica Fig. 2 Effetti del bypass gastrico sulla comorbidità 88.9% DIAB/IGT (18 pazienti) 5.6% Drop 5.5% 50.7% Cura IPERT (67 pazienti) 22% Miglior. Drop 16.3% 70.6% OSAS (17 pazienti) Drop 29.4% pass gastrico e di 4 dalla prima diversione bilio-pancreatica, i risultati sul peso e sulle principali comorbidità sono quelli descritti nelle Figg. 2, 3 e 4. Naturalmente, su 716 pazienti operati, ci siamo trovati ad affrontare e a dovere gestire diversi casi di complicazioni postoperatorie sia precoci (entro 30 giorni dalla data dell intervento chirurgico), sia tardive. Per quanto riguarda i bendaggi gastrici regolabili, abbiamo riscontrato il 7.3% di complicanze maggiori con 2 casi di slippage acuto (uniche complicanze precoci), 19 casi di migrazione intragastrica dell anello e 14 casi di dilatazioni irre- 55 BMI Fig. 3 Calo ponderale dopo bypass gastrico e bendaggio gastrico 25 Preoperatorio 12 mesi 24 mesi 36 mesi 48 mesi 60 mesi GBP LAGB 223

6 Chirurgia bariatrica n = 68 Fig. 4 Calo ponderale dopo diversione bilio-pancreatica con duodenal switch in 2 tempi BMI Pre sleeve 61 pazienti 6m post sleeve Pre 2nd stage n = pazienti 11 pazienti 9 pazienti 7 pazienti 6 m 12 m 18 m 24 m versibili della tasca gastrica, per cui è stato necessario rimuovere la protesi con un reintervento che, nel 90% dei casi, è stato eseguito in maniera mininvasiva. In più, 9 pazienti, che rientrano nei primi 150 casi operati, e cioè al primo triennio di attività del centro, negli anni seguenti l intervento ci hanno richiesto la rimozione dell anello per motivi personali o psicologici (incongrua selezione psicologica). In 14 casi abbiamo eseguito la rimozione per insuccesso (BMI > 35 con due anni di follow-up minimo), realizzando in 10 una re-do surgery (vedi sopra). E non sono mancate le complicanze cosiddette minori, quelle cioè che riguardano il port sottocutaneo: 14 infezioni, 6 twist e 6 leakage che ci hanno costretto a una sostituzione del port (rimozione e reimpianto a distanza di 6 mesi) o a una riconnessione (in 4 casi eseguita laparoscopicamente, nei rimanenti in anestesia locale). Il bypass gastrico, invece, ha mostrato maggiore incidenza di complicanze intraoperatorie (7.1%): 3 casi di sezione del sondino naso-gastrico durante il confezionamento dell anastomosi gastro-digiunale; 4 casi di sanguinamento della G- D, 4 casi di fallimento della suturatrice automatica (3 della circolare e 1 della lineare) e una lesione splenica (splenectomia in VII giornata postoperatoria). Le complicanze postoperatorie del BPG sono descritte in Tab. 4. Il trattamento ha richiesto solamente in 3 casi un reintervento chirurgico, in 1 caso con exitus. Per quanto concerne la diversione biliopancreatica con duodenal switch (BPD- DS), dobbiamo considerare i due tempi come due precedure separate. La sleeve gastrectomy ha mostrato il 9% di complicanze postoperatorie precoci (Tab. 4) con un tasso di reinterventi pari al 2.8% (un solo caso con exitus del paziente per embolia polmonare post reintervento) e nessun caso di complicanza tardiva. Il secondo tempo, che ci vede ancora nella fase della learning curve, ha registrato il 21.7% d incidenza di complicanze post- 224

7 Dieci anni di chirurgia bariatrica laparoscopica Tab. 4 Complicanze dopo GBP e BPD-DS in due tempi Complicanze GBD BPD-DS BPD-DS I tempo II tempo Precoci Sanguinamento 10.6% 4.4% 8.6% Leak 2.9% 2.9% Embolia polmonare 1.1% 1.4% 4.3% Ascesso 1.1% Occlusione intestinale 0.6% Infezione della ferita 9.4% Ulcera anastomotica 2.9% 8.6% Rabdomiolisi 4.3% Tardive Ernia interna 4.3% Stenosi anastomotica 4.7% 8.6% Ernia trocar 1.7% Ulcera anastomotica 2.9% 4.3% Sindrome di Wernicke 0.6% Reinterventi 1.7% 2.8% 4.3% operatorie precoci e il 4.3% di tardive con un caso di reintervento per ernia interna (Tab. 4). È doverosa una citazione a parte della nostra esperienza nel trattamento dei pazienti affetti da sindrome di Prader Willi, malattia genetica rara (1: nuovi nati) dovuta a un alterazione del cromosoma 15. Per tale patologia, caratterizzata da iperfagia incontrollata, assenza del senso di sazietà e ritardo mentale di grado variabile, è riconosciuto un ruolo importante della chirurgia bariatrica con il fine di controllare le comorbidità dovute alla grave obesità che questi pazienti sviluppano già dall adolescenza, migliorando quindi l aspettativa di vita e soprattutto migliorandone la qualità. Al marzo 2006 abbiamo trattato con diversione bilio-pancreatica laparoscopica con duodenal switch (LAP- BPD-DS) 4 pazienti (3 M, 1 F) affetti da questa grave sindrome genetica, con età media di 24 ± 4 anni e BMI di 50.8 ± 7 kg/m 2. In un caso abbiamo eseguito l intervento in un unico tempo (BMI 43 kg/m 2 ), scegliendo l opzione in due stage nei rimanenti (BMI pre-ii tempo 42.6 kg/m 2, tempo medio intercorso tra i due stage 13.6 mesi). L approccio laparoscopico in due tempi sembra trovare per questi pazienti un indicazione elettiva, vista la bassa compliance all ospedalizzazione dimostrata da questi soggetti. Ottimi sono stati i risultati sulle comorbidità, con una remissione del diabete nel 100% dei casi a poche settimane dall intervento. Anche il calo ponderale è stato più che soddisfacente (BMI 36.2 kg/m 2 ), con un follow-up di almeno 24 mesi. Visto l eccezionale calo ponderale ottenuto dopo il primo tempo (BMI 27 kg/m 2 ) e l instau- 225

8 Chirurgia bariatrica 226 rarsi di una grave sindrome depressiva, in un caso, abbiamo deciso di non eseguire il II tempo dell intervento. Attualmente questo paziente presenta un BMI stabile di 29 kg/m 2 ed è in psicoterapia con un buon risultato complessivo a 26 mesi dall inizio del trattamento. Discussione I risultati del bendaggio gastrico hanno confermato quanto è descritto in letteratura, sia in termini di calo ponderale ed effetti sulle comorbidità, sia in termini di complicanze. In 10 anni abbiamo maturato la scelta della pars flacida come tecnica standard, parallelamente a quanto visto nelle maggiori esperienze nazionali e internazionali. L impatto di questa scelta sull incidenza delle complicanze postoperatorie maggiori è stato significativo anche nella nostra casistica. Infatti, un ultima revisione dei nostri dati, confrontando le due tecniche sulle complicanze, mostra, nei pazienti con minimo 2 anni di follow-up (e nei casi fuori dalla learning curve), una drastica riduzione dell incidenza della dilatazione irreversibile della tasca gastrica (12 casi vs 3), senza peraltro dimostrare una variazione del tasso di migrazioni. È necessario però sottolineare che, intraoperatoriamente, la pars flacida ha presentato maggiori problemi tecnici in quei casi in cui il grasso perigastrico era presente in quantità abnormi. Per questo, in sette pazienti siamo stati costretti a eseguire la tecnica mista, per l impossibilità tecnica a completare la chiusura del bendaggio. Le complicanze del port sono nel tempo progressivamente diminuite. Dal nostro punto di vista, questo dato è da attribuire alle migliorie tecniche del sistema port-cateterino apportate dalle aziende produttrici (minore incidenza di leak) e all evoluzione della tecnica di posizionamento del reservoir. Per il BPG, eseguito secondo la tecnica di Gagner, la problematica postoperatoria più frequente è stata l emorragia. Nella nostra casistica, l incidenza è stata superiore a quella riportata in letteratura nelle esperienze che utilizzano la stessa tenica di confezionamento dell anastomosi gastro-digiunale (suturatrice circolare EEA25). Abbiamo riscontrato 18 casi (10.6%) di sanguinamento (5 extraluminali e 13 endoluminali) per i quali, in un solo caso, siamo ricorsi a un reintervento. Anche l endoscopia, che abbiamo eseguito in 8 pazienti, per il 90% dei casi non ha mostrato utilità terapeutica ma solo diagnostica. La nostra esperienza di bypass gastrico laparoscopico (Lap-BPG) sembra quindi suggerire l utilizzo di materiali di rinforzo per le suturatrici automatiche, al fine di ridurre questo tipo di complicanza. L incidenza di stenosi dell anastomosi G-D ha mostrato anche nella nostra esperienza un incidenza di circa il 5% dei casi, in linea con quanto riportato nella letteratura. La possibilità di trattamento sia endoscopico sia radiologico di questa complicanza si è dimostrata risolutiva nella totalità dei casi. Inoltre, possiamo considerare punto irrinunciabile della tecnica, alla luce di quanto riscontrato nei nostri pazienti, la chiusura sistematica dei mesi per evitare l insorgenza di ernie interne postoperatorie. Estremamente interessanti sembrano infine i risultati a breve termine sulle principali comorbidità (OSAS, diabete mellito di tipo 2, ipertensione arteriosa): quando presenti da lungo tempo e resistenti alla terapia medica, mostrano una

9 Dieci anni di chirurgia bariatrica laparoscopica risoluzione in oltre il 65% dei casi o, quantomeno, un notevole miglioramento e una maggiore risposta alla terapia farmacologica a poche settimane dall intervento chirurgico. Quanto appreso dalla gestione dei pazienti sottoposti a Lap-BPG ci ha guidati nel management delle sleeve e dei secondi tempi delle duodenal switch: uso dei materiali di rinforzo per le suturatrici, trattamento conservativo dei sanguinamenti postoperatori, trattamento endoscopico/radiologico delle stenosi, sutura dei mesi intestinali. Chiaramente, a distanza di quasi 4 anni dalla prima sleeve, confermiamo la scelta dell intervento in due tempi come la più sicura, visto il notevole miglioramento clinico dopo il primo intervento e la sensibile riduzione del rischio preoperatorio. In conclusione, possiamo inoltre considerare di notevole rilevanza, dal punto di vista umano, oltre che scientifico, l effetto di questo intervento sui pazienti affetti da sindrome di Prader Willi, patologia per cui è doveroso confermare e rafforzare l indicazione a questo tipo di chirurgia. Conclusioni Il primo decennio di attività del nostro centro è stato caratterizzato da: organizzazione di un team multidisciplinare in grado di gestire pre e postoperatoriamente il paziente affetto da obesità patologica; crescente domanda da parte dei pazienti del trattamento mininvasivo dell obesità; offerta delle tre principali procedure chirurgiche, nell intento di personalizzare il trattamento bariatrico laparoscopico; codifica del follow-up dei pazienti; affermazione come centro di riferimento in Italia e del ruolo di tutor in centri regionali ed extraregionali. Superata la fase di learning curve specifica per ogni procedura, possiamo oggi considerarci nella fase di standardizzazione degli interventi bariatrici (LAGB, Lap-BPG, Lap-BPD-DS in due tempi). La codifica e la standardizzazione delle tecniche hanno evidenziato nella nostra esperienza problematiche peculiari per ogni intervento, che ci hanno guidato a una rapida evoluzione della tecnica. Per il bendaggio gastrico si è consolidata la scelta della via pars flacida. Per il bypass gastrico è risultata fondamentale la chiusura dei mesi per la prevenzione delle ernie interne e l utilizzo dei materiali di rinforzo per le suturatrici automatiche. La duodenal switch in due tempi ci sembra una possibile alternativa chirurgica per ridurre le complicanze e la morbi-mortalità nei super-super obesi. Con oltre 700 pazienti operati, la nostra esperienza è stata di supporto per altri centri che cominciavano l avventura della chirurgia bariatrica laparoscopica, contribuendo alla diffusione di questo tipo di chirurgia nel nostro Paese. In 10 anni non abbiamo solamente trattato dei pazienti affetti da una grave malattia. Il nostro più grande risultato è stato quello di trasmettere ai pazienti stessi, alle istituzioni sanitarie, al personale infermieristico e alle associazioni di pazienti e colleghi la cultura del giusto approccio a questa grave patologia, che rappresenta un grande problema sanitario, sociale ed economico del nostro tempo. 227

10 Chirurgia bariatrica Ringraziamenti L esperienza di questo decennio è stata possibile grazie alla dedizione e alla collaborazione de: i medici specializzandi di Chirurgia Generale II e Chirurgia dell Apparato Digerente ed Endoscopia Digestiva Chirurgica dell Università degli Studi La Sapienza di Roma, che hanno condiviso l entusiasmo per la realizzazione del nostro progetto (Dr. Ugo Elmore, Dr. Angelo Restuccia, Dr. Nicola Perrotta, Dr. Francesco Greco, Dr. Alessandro Pecchia, Dr. Mario Rizzello, Dr. Massimiliano Cipriano, Dr. Giovanni Casella), di tutto il personale infermieristico del reparto di degenza, di sala operatoria e degli ambulatori del Dipartimento di Chirurgia Paride Stefanini del Policlinico Umberto I di Roma, di tutto il personale tecnico di radiologia, di tutti i colleghi consulenti endocrinologi (Dr. Vincenzo Bacci, Dr.ssa Frida Leonetti, Dr.ssa Maria Cristina Ribaudo), psichiatri e psicologi (Dr. Massimo Cuzzolaro, Dr.ssa Emanuela Paone, Dr. Alfonso Troisi, Dr. Lucio Sibilia), anestesisti (Prof. Renato Guerricchio, Dr.ssa Maria Sanfilippo), cardiologi (Dr. Guido Laudani). A tutti va il nostro più sentito ringraziamento per quanto svolto con professionalità, animo e dedizione in 10 anni di duro lavoro. Produzione scientifica di riferimento Silecchia G, Polito D, De Leo A, Trentino P, Restuccia A, Basso N. Major complications following laparoscopic adjustable silicone gastric banding: a proposal for a minimally invasive treatment. Obes Surg 1997; 7: 304. Restuccia A, Elmore U, Polito D, Trentino P, De Leo A, Silecchia G. Endo-laparoscopic removal of Lap-Band after LASGB major complications. Surg Endosc 1998; 12: 717. Restuccia A, Elmore U, Perrotta N, Polito D, Silecchia G, et al. Endoscopic assessment in patients undergone laparoscopic adjustable gastric banding. Obes Surg 1998; 8: 398. Basso N, Favretti F, Morino M, Parini U, Toppino M, Silecchia G. Laparoscopic adjustable silicone gastric banding (LASGB) versus laparoscopic vertical gastroplasty. J Coelio-Chir 1999; 29: 77. Cuzzolaro M, Rizzo C, Berardi E, Basso N, Silecchia G. Effects of laparoscopic obesity surgery on eating behaviour and related psycopatology. J Coelio-Chir 1999; 29: 78. Silecchia G, Restuccia A, Elmore U, Polito D, Perrotta G, et al. Laparoscopic adjustabie silicone gastric banding and its major complications. J Coelio-Chir 1999; 29: 78. Silecchia G, Elmore U, Restuccia A, Perrotta N, Polito D, De Leo A, Bacci V, Basso MS, Basso N. Laparoscopic adjustable silicon gastric banding (LASGB): analyses of 100 consecutive patients. Surg Endosc 2000; 14(Suppl. 1): S52. Silecchia G, Genco A, Restuccia A, Perrotta N, Elmore U, Polito D, Greco F, Fabiano P, Basso MS, Basso N. Intragastric band migration: Proposal of a minimally invasive band removal. Obes Surg 2000; 10:

11 Dieci anni di chirurgia bariatrica laparoscopica Silecchia G, Restuccia A, Perrotta N, Elmore U, Perrotta P, Polito D, Bianchi E, Guzzo G, Basso N. Laparoscopic adjustable silicon gastric banding (LASGB): results of 2 years of follow-up. Obes Surg 2000; 10:4, 347. Silecchia G, Elmore U, Restuccia A, Polito D, Perrotta N, Bacci V, Basso MS, Cuzzolaro M, Basso N. Bendaggio gastrico regolabile per via laparoscopica: Gli insegnamenti della learning curve. Chirurgia 2000; l3: Basso N, Favretti F, Toppino M, Parini U, Silecchia G, Restuccia A, Elmore U, Toppino M. Laparoscopic Adjustable Silicone Gastric Banding (LASGB) vs Laparoscopic vertical banded gastroplasty (LVBG): intermediate results of a prospective, comparative, multicenter trial. Obes Surg 2001; 11: 392. Silecchia G, Restuccia A, Elmore U, Polito D, Perrotta N, Genco A, Bacci V, Basso N. Laparoscopic adjustable silicone gastric banding: prospective evaluation of intragastric migration of the lapband. Surg Laparosc Endosc Percutan Tech 2001; 11: Sbraccia P, D Adamo M, Leonetti F, Buongiorno A, Silecchia G, Basso MS, Tamburrano G, Lauro D, Federici M, Di Daniele N, Lauro R. Relationship between plasma free fatty acids and uncoupling protein-3 gene expression in skeletal muscle of obese subjects: in vitro evidence of a causal link. Clin Endocrinol (Oxf) 2002; 57: Bacci V, Basso MS, Greco F, Lamberti R, Elmore U, Restuccia A, Perrotta N, Silecchia G, Bucci A. Modifications of metabolic and cardiovascular risk factors after weight loss induced by laparoscopic gastric banding. Obes Surg 2002; 12: Silecchia G, Catalano C, Gentileschi P, Elmore U, Restuccia A, Gagner M, Basso N. Virtual gastroduodenoscopy: a new look at the bypassed stomach and duodenum after laparoscopic Roux-en- Y gastric bypass for morbid obesity. Obes Surg 2002; 12: Leonetti F, Silecchia G, Iacobellis G, Ribaudo MC, Zappaterreno A, Tiberti C, Iannucci CV, Perrotta N, Bacci V, Basso MS, Basso N, Di Mario U. Different plasma ghrelin levels after laparoscopic gastric bypass and adjustable gastric banding in morbid obese subjects. J Clin Endocrinol Metab 2003; 88: Silecchia G, Perrotta N, Boru C, Pecchia A, Rizzello M, Greco F, Genco A, Bacci V, Basso N. Role of a minimally invasive approach in the management of laparoscopic adjustable gastric banding postoperative complications. Arch Surg 2004; 139: Angrisani L, Di Lorenzo N, Favretti F, Furbetta F, Iuppa A, Doldi SB, Paganelli M, Basso N, Lucchese M, Zappa M, Lesti G, Capizzi FD, Giardiello C, Paganini A, Di Cosmo L, Veneziani A, Lacitignola S, Silecchia G, Alkilani M, Forestieri P, Puglisi F, Gardinazzi A, Toppino M, Campanile F, Marzano B, Bernante P, Perrotta G, Borrelli V, Lorenzo M; Italian Collaborative Study Group for LAP-BAND. The Italian Group for LAP-BAND: predictive value of initial body mass index for weight loss after 5 years of follow-up.surg Endosc 2004; 18: Epub 2004 Aug 26. Angrisani L, Favretti F, Furbetta F, Iuppa A, Doldi SB, Paganelli M, Basso N, Lucchese M, Zappa M, Lesti G, Capizzi FD, Giardiello C, Di Lorenzo N, Paganini A, Di Cosmo L, Veneziani A, Lacitignola S, Silecchia G, Alkilani M, Forestieri P, Puglisi F, Gardinazzi A, Toppino M, Campanile F, Marzano B, Bernante P, Perrotta G, Borrelli V, Lorenzo M. Italian Group for Lap-Band System: results of multicenter study on patients with BMI < or =35 kg/m 2. Obes Surg 2004; 14:

12 Chirurgia bariatrica Boru C, Silecchia G, Pecchia A, Iacobellis G, Greco F, Rizzello M, Basso N. Prevalence of cancer in Italian obese patients referred for bariatric surgery. Obes Surg 2005; 15: Silecchia G, Greco F, Bacci V, Boru C, Pecchia A, Casella G, Rizzello M, Basso N. Results after laparoscopic adjustable gastric banding in patients over 55 years of age. Obes Surg 2005; 15: Silecchia G, Boru CE, Mouiel J, Rossi M, Anselmino M, Tacchino RM, Foco M, Gaspari AL, Gentileschi P, Morino M, Toppino M, Basso N. Clinical evaluation of fibrin glue in the prevention of anastomotic leak and internal hernia after laparoscopic gastric bypass: preliminary results of a prospective, randomized multicenter trial. Obes Surg 2006; 16: Silecchia G, Pecchia A, Bacci V, Leonetti F, Greco F, Boru CE, Rizzello M, Ribaudo MC,. Casella G, Laudani G, Basso N. Effectiveness of laparoscopic sleeve gastrectomy (first step of bilio-pancreatic diversion with duodenal switch) on co-morbidities in super-obese patients. Obes Surg 2006 (in press). Capitoli di libri Basso N, Silecchia G, Elmore U, Restuccia A, De Leo A, Perrotto N. By-pass gastrico laparoscopico nel trattamento dell obesità patologica : esperienza preliminare. In Forestieri P, De Werra, Formato A, Loffredo A (eds.). Attualità in Chirurgia bariatrica. Gli interventi restrittivi. Giuseppe De Nicola Editore, Napoli, 2001, pp Silecchia G, Elmore U, Perrotta N, Basso N. Tecniche di chirurgia bariatrica laparoscopica. Encyclopédie Médico Chirurgicale. EMC Tecniche Chirurgiche. Addominale. Edition Scientifiques et Medicales. Elsevier, Paris, 2003, p 16. Silecchia G, Perrotta N, Greco F, Basso N. La diversione bilio-pancreatica con duodenal switch per via laparoscopica. In Parini U, Nebiolo PE (eds.). Chirurgia dell Obesità. Musumeci Editore, Aosta, 2004, pp Silecchia G, Bacci V, Pecchia A, Basso MS. Terapia chirurgica dell obesità. Manuale di Nutrizione Clinica e Scienze Dietetiche Applicate. Ed. SEU, Roma, 2005, p 301. Silecchia G, Perrotta N, Greco F, Basso N. La diversione bilio-pancreatica con duodenal switch per via laparoscopica. Chirurgia dell Obesità. Bariatric Surgery, 2006 (versione inglese). Silecchia G, Greco F, Pecchia A, Rizzello M, Casella G, Basso N. Chirurgia laparoscopica dell obesità patologica: by-pass gastrico. In Basso N, Basile F, Silecchia G (eds.). Trattato di Chirurgia laparoscopica. Edition Scientifiques et Medicales, Elsevier, Paris, 2006 (in press). Silecchia G, Greco F, Pecchia A, Rizzello M, Casella G, Basso N. Chirurgia laparoscopica dell obesità patologica: diversione bilio-pancreatica con duodenal switch. In Basso N, Basile F, Silecchia G (eds.). Trattato di Chirurgia laparoscopica. Edition Scientifiques et Medicales, Elsevier, Paris, 2006 (in press). 230

DIPARTIMENTO DI CHIRURIA GENERALE P. STEFANINI

DIPARTIMENTO DI CHIRURIA GENERALE P. STEFANINI DIPARTIMENTO DI CHIRURIA GENERALE P. STEFANINI CURRICULUM DIDATTICO-SCIENTIFICO DEL PROF. NICOLA BASSO DATI PERSONALI Nome e Cognome Luogo e data di nascita: Stato Civile: Dipartimento Indirizzo NICOLA

Dettagli

OBESITA LA TERAPIA CHIRURGICA

OBESITA LA TERAPIA CHIRURGICA OBESITA LA TERAPIA CHIRURGICA Prof. M. Morino Chirurgia II Centro Universitario di Chirurgia Mini Invasiva Università degli Studi di Torino AOU Molinette By-pass gastrico laparoscopico Italia Necessità

Dettagli

OBESITA. Chirurgia II. Università degli Studi di Torino AOU Molinette

OBESITA. Chirurgia II. Università degli Studi di Torino AOU Molinette OBESITA LA TERAPIA CHIRURGICA Prof. M. Morino Chirurgia II Centro Universitario di Chirurgia Mini Invasiva Università degli Studi di Torino AOU Molinette By-pass gastrico laparoscopico Italia Necessità

Dettagli

www.fisiokinesiterapia.biz

www.fisiokinesiterapia.biz LA CHIRURGIA NEL TRATTAMENTO DELL OBESITA OBESITA PATOLOGICA www.fisiokinesiterapia.biz OBESITA PATOLOGICA OBESITA PATOLOGICA OBESITA PATOLOGICA OBESITA PATOLOGICA Definizione L obesità è una condizione

Dettagli

Interventi di restrizione gastrica

Interventi di restrizione gastrica CENTRO PER LA CURA DELL'OBESITA' E CHIRURGIA MINI INVASIVA Responsabile - Dott. Alessandro Giovanelli Interventi di restrizione gastrica a) Palloncino intragastrico: Il PALLONCINO POSIZIONATO NELLO STOMACO

Dettagli

REGGIO CALABRIA 11-13 MAGGIO 2011

REGGIO CALABRIA 11-13 MAGGIO 2011 AULE DEL CONSIGLIO REGIONALE DELLA CALABRIA REGGIO CALABRIA 11-13 MAGGIO 2011 CONSIGLIO DIRETTIVO SICOB Presidente Onorario Presidente Presidente Eletto Past President Vice Presidente Vice Presidente Segretario

Dettagli

Fascicolo informativo per Pazienti da sottoporre a trattamento chirurgico dell obesità patologica

Fascicolo informativo per Pazienti da sottoporre a trattamento chirurgico dell obesità patologica Fascicolo informativo per Pazienti da sottoporre a trattamento chirurgico dell obesità patologica Informazioni generali La chirurgia dell obesità non è chirurgia estetica; è destinata a Pazienti che abbiano

Dettagli

Frida Leonetti frida.leonetti@uniroma1.it

Frida Leonetti frida.leonetti@uniroma1.it Frida Leonetti frida.leonetti@uniroma1.it 1.5 miliardi con BMI>25 500 milioni con BMI>30 BMI > 40 kg/m² BMI > 35 Kg/m² e comorbilità testo Neoplasie Malattie CV altre 2009 Industrial Chemicals Bisphenol

Dettagli

La gastroplastica verticale laparoscopica

La gastroplastica verticale laparoscopica CAPITOLO 14 La gastroplastica verticale laparoscopica Mario Morino, Mauro Toppino, Dario Parini Introduzione Negli anni 90 si è assistito a una crescente diffusione dell approccio laparoscopico in chirurgia

Dettagli

OBESITA E DIABETE: VALUTAZIONE E PROGETTO DI INTERVENTO

OBESITA E DIABETE: VALUTAZIONE E PROGETTO DI INTERVENTO OBESITA E DIABETE: VALUTAZIONE E PROGETTO DI INTERVENTO Dr.ssa Enrica Manicardi D.M. RESPONSABILE DI S.S. DI DIABETOLOGIA E DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Azienda Ospedaliera Arcispedale Santa Maria

Dettagli

Reversibilità delle complicanze nel diabete tipo 2

Reversibilità delle complicanze nel diabete tipo 2 3 WORKSHOP CONGIUNTO SICOb SID SIO L integrazione tra terapia medica e chirurgica nel trattamento del paziente obeso diabetico 7 marzo 2014 Reversibilità delle complicanze nel diabete tipo 2 Roberto Fabris

Dettagli

LA TERAPIA CHIRURGICA DELL OBESITA PATOLOGICA. www.fisiokinesiterapia.biz

LA TERAPIA CHIRURGICA DELL OBESITA PATOLOGICA. www.fisiokinesiterapia.biz LA TERAPIA CHIRURGICA DELL OBESITA PATOLOGICA www.fisiokinesiterapia.biz PREMESSE In Italia un adulto su tre è sovrappeso (BMI>25) ed il 10% circa della popolazione è affetto da obesità patologica (BMI>40).

Dettagli

Obesity (BMI 30 kg/m 2 ) - All 22.9 % 30.5 % - Males 20.2 % 27.5 % - Females 25.4 % 33.4 %

Obesity (BMI 30 kg/m 2 ) - All 22.9 % 30.5 % - Males 20.2 % 27.5 % - Females 25.4 % 33.4 % Il Paziente obeso: Il punto di vista del Chirurgo Prof. Francesco Domenico Capizzi Bologna CENTRO DI CHIRURGIA LAPAROSCOPICA GASTROENTEROLOGICA E DELL OBESITA, Bologna Direttore: Prof. F.D. Capizzi Prevalenza

Dettagli

E se con l alimentazione non ce la facciamo ci puo aiutare la chirurgia nel bambino? F. De Peppo

E se con l alimentazione non ce la facciamo ci puo aiutare la chirurgia nel bambino? F. De Peppo E se con l alimentazione non ce la facciamo ci puo aiutare la chirurgia nel bambino? F. De Peppo ROMA 28-29 MARZO 2015 Dr. Francesco De Peppo UOS Chirurgia Pediatrica Palidoro Dipartimento Chirurgia -

Dettagli

CONSENSO INFORMATO (S.I.C.OB. Società Italiana di Chirurgia dell Obesità e delle malattie metaboliche)

CONSENSO INFORMATO (S.I.C.OB. Società Italiana di Chirurgia dell Obesità e delle malattie metaboliche) 1 CONSENSO INFORMATO (S.I.C.OB. Società Italiana di Chirurgia dell Obesità e delle malattie metaboliche) In questo fascicolo vengono fornite informazioni sulla terapia chirurgica dell Obesità al fine di

Dettagli

CONSENSO INFORMATO PER INTERVENTO DI CHIRURGIA DELL OBESITA. Società Italiana di Chirurgia dell Obesità e delle malattie metaboliche

CONSENSO INFORMATO PER INTERVENTO DI CHIRURGIA DELL OBESITA. Società Italiana di Chirurgia dell Obesità e delle malattie metaboliche CONSENSO INFORMATO PER INTERVENTO DI CHIRURGIA DELL OBESITA Da allegare alla cartella clinica n. Compilare in STAMPATELLO Questo fascicolo è un documento ufficiale della Società Italiana di Chirurgia dell

Dettagli

Vicuna Mackenna (Repubblica Argentina) PGN LSN 57B22 Z600D

Vicuna Mackenna (Repubblica Argentina) PGN LSN 57B22 Z600D F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome PAGANINI ALESSANDRO M. Indirizzo 72, Via di Quarto Annunziata, 00189, Roma, Italia Telefono +39.335.5650366

Dettagli

Diversione bilio-pancreatica con duodenal switch per via laparoscopica: tecnica in due tempi

Diversione bilio-pancreatica con duodenal switch per via laparoscopica: tecnica in due tempi CAPITOLO 20 Diversione bilio-pancreatica con duodenal switch per via laparoscopica: tecnica in due tempi Nicola Basso, Gianfranco Silecchia, Mario Rizzello, Giovanni Casella Introduzione La diversione

Dettagli

TRATTAMENTO CHIRURGICO DELL OBESITA

TRATTAMENTO CHIRURGICO DELL OBESITA TRATTAMENTO CHIRURGICO DELL OBESITA Giuliano Sarro Responsabile U.O. Chirurgia Generale Ospedale Cantù Abbiategrasso Centro di Chirurgia Bariatrica - A.O. Legnan LINEE GUIDA SICOB 2015 E la chirurgia laparoscopica

Dettagli

Counselling nutrizionale postoperatorio

Counselling nutrizionale postoperatorio CAPITOLO 26 Counselling nutrizionale postoperatorio Luca Busetto Introduzione Il panel di esperti che già nel 1991 aveva formulato, sotto l egida dei National Institutes of Health (NIH), le prime linee

Dettagli

Consenso Informato Per intervento di Chirurgia Bariatrica e Metabolica

Consenso Informato Per intervento di Chirurgia Bariatrica e Metabolica Società Italiana di Chirurgia dell Obesità e delle Malattie Metaboliche data... Nome... Cognome... struttura... reparto... città... provincia... Consenso Informato Per intervento di Chirurgia Bariatrica

Dettagli

DIETISTA EUFEMIA SILVESTRI Calo di peso pre-operatorio: dieta ad hoc. 1 corso SICOB-SID-SIO Padova 8 marzo 2014

DIETISTA EUFEMIA SILVESTRI Calo di peso pre-operatorio: dieta ad hoc. 1 corso SICOB-SID-SIO Padova 8 marzo 2014 DIPARTIMENTO DI CHIRURGIA GENERALE UNITÀ OPERATIVA COMPLESSA DI CHIRURGIA MININVASIVA E METABOLICA Primario Dott. C. GIARDIELLO Presidio Ospedaliero Pineta Grande Castel Volturno (CE) DIETISTA EUFEMIA

Dettagli

2 CONVEGNO DIABESITA

2 CONVEGNO DIABESITA 2 CONVEGNO DIABESITA La co-morbidità nel paziente con diabesità Dott. Roberto Gualdiero 7 Giugno 2014- CAVA DEI TIRRENI Diabesità è il neologismo coniato dall OMS per sottolineare la stretta associazione

Dettagli

IL TRATTAMENTO ENDOSCOPICO DI UNA PATOLOGIA MULTIDISCIPLINARE. Angelo Ambrosio

IL TRATTAMENTO ENDOSCOPICO DI UNA PATOLOGIA MULTIDISCIPLINARE. Angelo Ambrosio IL TRATTAMENTO ENDOSCOPICO DELL OBESITA NELL AMBITO DI UNA PATOLOGIA MULTIDISCIPLINARE La nostra esperienza con il bendaggio gastrico Angelo Ambrosio UOC Chirurgia Addominale Dipartimento di Scienze Chirurgiche

Dettagli

IL TRATTAMENTO CHIRURGICO DELL OBESITA PATOLOGICA

IL TRATTAMENTO CHIRURGICO DELL OBESITA PATOLOGICA IL TRATTAMENTO CHIRURGICO DELL OBESITA PATOLOGICA DIPARTIMENTO DI EMERGENZE/URGENZE, CHIRURGIA GENERALE E DEI TRAPIANTI UNITA OPERATIVA CHIRURGIA GENERALE Direttore: Prof. B. COLA CENTRO STUDI DI TERAPIA

Dettagli

NEOPLASIE BENIGNE DELL ESOFAGO Autori: Prof. A.L. Gaspari, Dott. G.S. Sica, Dott. E. Iaculli

NEOPLASIE BENIGNE DELL ESOFAGO Autori: Prof. A.L. Gaspari, Dott. G.S. Sica, Dott. E. Iaculli NEOPLASIE BENIGNE DELL ESOFAGO Autori: Prof. A.L. Gaspari, Dott. G.S. Sica, Dott. E. Iaculli 1. Introduzione Il recente aumento di diagnosi di tumori benigni (leiomiomi e GIST) dell esofago è dovuto in

Dettagli

GASTRIC BANDING VS SLEEVE GASTRECTOMY: ANATOMIA DI UN DILEMMA

GASTRIC BANDING VS SLEEVE GASTRECTOMY: ANATOMIA DI UN DILEMMA GASTRIC BANDING VS SLEEVE GASTRECTOMY: ANATOMIA DI UN DILEMMA 1986 Kuzmak: anello con camera gonfiabile 1991 Belachew: laparoscopia 1992 Catona e Cadiere: prime publicazioni 1995 FDA GASTRIC BANDING 15

Dettagli

Indicazioni alla chirurgia bariatrica nel diabete di tipo 2

Indicazioni alla chirurgia bariatrica nel diabete di tipo 2 Maccagno, 20-21 Aprile 2012 Giornate Diabetologiche Luinesi II Edizione Facciamo quadrato intorno al Diabete Indicazioni alla chirurgia bariatrica nel diabete di tipo 2 E. Piantanida Università degli Studi

Dettagli

D R. G I U L I A N O S A R R O

D R. G I U L I A N O S A R R O D R. G I U L I A N O S A R R O C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome SARRO GIULIANO Data di nascita 4 12 1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Dirigente medico chirurgia generale

Dettagli

STRUTTURA COMPLESSA DI CHIRURGIA DIGESTIVA ED UNITÀ DEL FEGATO STRUTTURA COMPLESSA DI DIABETOLOGIA, DIETOLOGIA E NUTRIZIONE CLINICA

STRUTTURA COMPLESSA DI CHIRURGIA DIGESTIVA ED UNITÀ DEL FEGATO STRUTTURA COMPLESSA DI DIABETOLOGIA, DIETOLOGIA E NUTRIZIONE CLINICA SLEEVE GASTRECTOMY LAPAROSCOPICA VERSUS TERAPIA MEDICA CONVENZIONALE IN PAZIENTI CON RECENTE DIAGNOSI DI DIABETE MELLITO TIPO2 E BMI 30-42KG/M 2 : STUDIO RANDOMIZZATO CONTROLLATO CENTRI PARTECIPANTI: AZIENDA

Dettagli

editoriale La chirurgia metabolica Introduzione

editoriale La chirurgia metabolica Introduzione G Chir Vol. 30 - n. 4 - pp. 133-140 Aprile 2009 editoriale La chirurgia metabolica A.L. GASPARI, N. DI LORENZO, P. GENTILESCHI, I. CAMPERCHIOLI Introduzione Secondo gli ultimi dati della Organizzazione

Dettagli

2 CORSO RESIDENZIALE TEORICO-PRATICO LA GESTIONE INTEGRATA DEL PAZIENTE BARIATRICO PROGRAMMA. www.sio-triveneto.it

2 CORSO RESIDENZIALE TEORICO-PRATICO LA GESTIONE INTEGRATA DEL PAZIENTE BARIATRICO PROGRAMMA. www.sio-triveneto.it SEZIONE REGIONALE TRIVENETO SOCIETÀ ITALIANA DELL OBESITÀ 2 CORSO RESIDENZIALE TEORICO-PRATICO LA GESTIONE INTEGRATA DEL PAZIENTE BARIATRICO TRIESTE, 21 22 MAGGIO 2010 HOTEL RIVIERA & MAXIMILIAN S PROGRAMMA

Dettagli

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE OBESO CANDIDABILE A CHIRURGIA BARIATRICA

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE OBESO CANDIDABILE A CHIRURGIA BARIATRICA INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE OBESO CANDIDABILE A CHIRURGIA BARIATRICA INDICE Obesità e malattie correlate pag 3 Il percorso bariatrico Pag 6 Gli interventi di chirurgia bariatrica pag 15 La degenza pag.

Dettagli

Obesità e. Chirurgia Bariatrica. Cos è la chirurgia bariatrica

Obesità e. Chirurgia Bariatrica. Cos è la chirurgia bariatrica Obesità e Chirurgia Bariatrica Dott.ssa Gloria Fioravanti Cos è la chirurgia bariatrica La chirurgia bariatrica consiste in un insieme di procedure che promuovono la perdita di peso attraverso la riduzione

Dettagli

Sommario Rassegna Stampa

Sommario Rassegna Stampa Sommario Rassegna Stampa Testata Data Titolo Pag. Rubrica Sicob Comunicati123.com 06/03/2014 CURA OBESITA': UN'ECCELLENZA DELL'OSPEDALE FATEBENEFRATELLI DI ERBA 2 Rubrica Alimentazione e salute 37 La Repubblica

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Data di nascita 28 giugno 1958. Coniugato con Emilia Noviello dal 1990; tre figli

CURRICULUM VITAE. Data di nascita 28 giugno 1958. Coniugato con Emilia Noviello dal 1990; tre figli Gianfranco SILECCHIA Gennaio 2010 CURRICULUM VITAE Luogo di nascita Cittadinanza Bitetto (Bari) Italiana Data di nascita 28 giugno 1958 Stato civile Servizio di leva Indirizzo Lingue straniere Occupazione

Dettagli

N. Porta², F. De Angelis¹, J. Cacciotti², C. Chiappetta², O Iorio¹, G. Cavallaro¹, V. Petrozza², G. Silecchia¹, C. Della Rocca², C.

N. Porta², F. De Angelis¹, J. Cacciotti², C. Chiappetta², O Iorio¹, G. Cavallaro¹, V. Petrozza², G. Silecchia¹, C. Della Rocca², C. PRELIMINARY EVALUATION OF GHRELIN (GH) GENE AND PROTEIN EXPRESSION IN THE SURGICAL SPECIMEN, AND GHRELIN SERUM CONCENTRATION AFTER PRIMARY OR REVISIONAL LAPAROSCOPIC SLEEVE GASTRECTOMY (LSG) N. Porta²,

Dettagli

LIBRETTO INFORMATIVO L OBESITA

LIBRETTO INFORMATIVO L OBESITA LIBRETTO INFORMATIVO L OBESITA 35 Perché si diventa grassi? INTRODUZIONE DI ENERGIA DISPENDIO DI ENERGIA Cibo Bevande Esercizio fisico Metabolismo Si diventa grassi quando le calorie in entrata superano

Dettagli

Sleeve gastrectomy Tecnica e risultati preliminari

Sleeve gastrectomy Tecnica e risultati preliminari Sleeve gastrectomy Tecnica e risultati preliminari DANIELE CAPIZZI, SERGIO BOSCHI, PATRIZIO PATRIZI, LUCIANO FOGLI, ROSSANA BERTA, FRANCESCO DOMENICO CAPIZZI Unità Operativa Complessa di Chirurgia Generale

Dettagli

I COSTI RAPPRESENTANO UN PROBLEMA IN CHIRURGIA LAPAROSCOPICA?

I COSTI RAPPRESENTANO UN PROBLEMA IN CHIRURGIA LAPAROSCOPICA? I COSTI RAPPRESENTANO UN PROBLEMA IN CHIRURGIA LAPAROSCOPICA? M.M. Lirici SESSIONE SIC-SICE Sistema ABC ACTIVITY BASED COSTING Gli elementi che generano il costo sono quelli che richiedono una prestazione

Dettagli

ANGIOMA EPATICO Autori: Prof. A.L. Gaspari, Dott. G.S. Sica, Dott. E. Iaculli

ANGIOMA EPATICO Autori: Prof. A.L. Gaspari, Dott. G.S. Sica, Dott. E. Iaculli 1. Introduzione ANGIOMA EPATICO Autori: Prof. A.L. Gaspari, Dott. G.S. Sica, Dott. E. Iaculli Mentre un tempo la valutazione chirurgica degli angiomi epatici era limitata agli interventi in urgenza per

Dettagli

Educazione alimentare

Educazione alimentare Università degli Studi di Torino Azienda Ospedaliera San Luigi di Orbassano Struttura Semplice Dipartimentale di Dietetica e Nutrizione Clinica Educazione alimentare Classificazione: entità Indice di massa

Dettagli

Data. Reparto.. Ospedale. Città provincia

Data. Reparto.. Ospedale. Città provincia S. I. C. OB. Società Italiana di Chirurgia dell Obesità OB. CONSENSO INFORMATO per INTERVENTO DI CHIRURGIA DELL OBESITÀ Da allegare alla cartella clinica numero Di. Nome Cognome Data. Reparto.. Ospedale

Dettagli

L ASSISTENZA INTEGRATA ALLA PERSONA CON DIABETE MELLITO TIPO 2

L ASSISTENZA INTEGRATA ALLA PERSONA CON DIABETE MELLITO TIPO 2 L ASSISTENZA INTEGRATA ALLA PERSONA CON DIABETE MELLITO TIPO 2 La patologia diabetica mostra una chiara tendenza, in tutti i paesi industrializzati, ad un aumento sia dell incidenza sia della prevalenza.

Dettagli

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE. Servizio Approvvigionamenti

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE. Servizio Approvvigionamenti REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE Servizio Approvvigionamenti delegato dal Direttore Generale dell Azienda con delibera regolamentare

Dettagli

I problemi endocrinologici in età evolutiva

I problemi endocrinologici in età evolutiva III CONVEGNO REGIONALE SINDROME DI PRADER WILLI I problemi endocrinologici in età evolutiva Lorenzo Iughetti Dipartimento Materno-Infantile Università di Modena e Reggio Emilia Rappresentazione schematica

Dettagli

La chirurgia bariatrica nel paziente con diabete mellito tipo 2

La chirurgia bariatrica nel paziente con diabete mellito tipo 2 MeDia 2015;15:84-90 84 pratica professionale La chirurgia bariatrica nel paziente con diabete mellito tipo 2 Riassunto La chirurgia bariatrica è al momento la più efficace strategia terapeutica per l ottenimento

Dettagli

IL RUOLO DELLO PSICOLOGO IN UN AMBULATORIO PER LA CURA DELL OBESITA OBESITA : MOTIVARE AL CAMBIAMENTO

IL RUOLO DELLO PSICOLOGO IN UN AMBULATORIO PER LA CURA DELL OBESITA OBESITA : MOTIVARE AL CAMBIAMENTO Ospedale L. Confalonieri -Luino- Azienda Ospedaliera Fondazione Macchi Giornate Diabetologiche Luinesi II Edizione 2012 IL RUOLO DELLO PSICOLOGO IN UN AMBULATORIO PER LA CURA DELL OBESITA OBESITA : MOTIVARE

Dettagli

FARMACISTA IN CORSIA: L ESPERIENZA DELL U.O.S.C. DI CHIRURGIA GENERALE E AD INDIRIZZO ENDOCRINOLOGICO

FARMACISTA IN CORSIA: L ESPERIENZA DELL U.O.S.C. DI CHIRURGIA GENERALE E AD INDIRIZZO ENDOCRINOLOGICO FARMACISTA IN CORSIA: L ESPERIENZA DELL U.O.S.C. DI CHIRURGIA GENERALE E AD INDIRIZZO ENDOCRINOLOGICO Dr. Maurizio De Palma irettore U.O.S.C. di Chirurgia Generale e ad indirizzo Endocrinologico LA FARMACISTA

Dettagli

CURRICULUM VITAE del Dott. AMILCARE PARISI. Il Dott. Amilcare Parisi è nato a Terni il 16-12-1952. Conseguita la maturità classica si iscrive alla

CURRICULUM VITAE del Dott. AMILCARE PARISI. Il Dott. Amilcare Parisi è nato a Terni il 16-12-1952. Conseguita la maturità classica si iscrive alla CURRICULUM VITAE del Dott. AMILCARE PARISI Il Dott. Amilcare Parisi è nato a Terni il 16-12-1952. Conseguita la maturità classica si iscrive alla Facoltà di Medicina e Chirurgia dell Università La Sapienza

Dettagli

VOLUME XXXII (2) - LUGLIO-DICEMBRE 2011 AZIENDA OSPEDALIERA ISTITUTI CLINICI DI PERFEZIONAMENTO (ICP) Fondata nel 1956

VOLUME XXXII (2) - LUGLIO-DICEMBRE 2011 AZIENDA OSPEDALIERA ISTITUTI CLINICI DI PERFEZIONAMENTO (ICP) Fondata nel 1956 VOLUME XXXII (2) - LUGLIO-DICEMBRE 2011 AZIENDA OSPEDALIERA ISTITUTI CLINICI DI PERFEZIONAMENTO (ICP) Fondata nel 1956 RIVISTA MEDICO-SCIENTIFICA DEL PRESIDIO OSPEDALIERO E. BASSINI Volume XXXII Fascicolo

Dettagli

Contributi a convegni scientifici

Contributi a convegni scientifici Contributi a convegni scientifici Cefalea in età evolutiva Ardovini C., Bruni O., Cortesi F. & Guidetti V. (1991) - "DSM-III R vs ACL: applicability in preadolescence and adolescence primary headache".

Dettagli

Il paradosso del Veneto

Il paradosso del Veneto Audizione in Quinta Commissione del Consiglio Regionale del Veneto Venezia, 12 Luglio 2013 Il paradosso del Veneto Enzo Bonora Presidente - Sezione Veneto Trentino Alto Adige Società Italiana di Diabetologia

Dettagli

INCONTRO CON L ASSOCIAZIONE DEI DIABETICI SANVITESI

INCONTRO CON L ASSOCIAZIONE DEI DIABETICI SANVITESI INCONTRO CON L ASSOCIAZIONE L DEI DIABETICI SANVITESI Dott. Nazzareno Trojan diabetologo ed endocrinologo Ospedale Santa Maria dei Battuti San Vito al Tagliamento DIABETE MELLITO TRANSIZIONE EPIDEMIOLOGICA

Dettagli

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE NELL OBESIT OBESITÀ

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE NELL OBESIT OBESITÀ I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE NELL OBESIT OBESITÀ ALESSIA MINNITI, Unità Funzionale Semplice di Dietetica e Nutrizione Clinica Università degli Studi di Verona 4 Congresso SIO-Triveneto Udine,

Dettagli

A.O. MONALDI HIGHLY SPECIALISED HOSPITAL GENERAL SURGERY DEPT. SIC: School of Advanced Laparoscopy Dept. Chief: Prof. F. Corcione

A.O. MONALDI HIGHLY SPECIALISED HOSPITAL GENERAL SURGERY DEPT. SIC: School of Advanced Laparoscopy Dept. Chief: Prof. F. Corcione A.O. MONALDI HIGHLY SPECIALISED HOSPITAL GENERAL SURGERY DEPT. SIC: School of Advanced Laparoscopy Dept. Chief: Prof. F. Corcione Il ruolo del chirurgo generale in chirurgia oncologica dell'adolescente

Dettagli

Confronto a 2 anni di follow-up tra diversione bilio-pancreatica con o senza gastroresezione nel trattamento chirurgico dell obesità patologica

Confronto a 2 anni di follow-up tra diversione bilio-pancreatica con o senza gastroresezione nel trattamento chirurgico dell obesità patologica ARTICOLI ORIGINALI Confronto a 2 anni di follow-up tra diversione bilio-pancreatica con o senza gastroresezione nel trattamento chirurgico dell obesità patologica Ann. Ital. Chir., 2008; 79: 241-246 Francesco

Dettagli

Gestione della terapia ipoglicemizzante nel post-operatorio

Gestione della terapia ipoglicemizzante nel post-operatorio Gestione della terapia ipoglicemizzante nel post-operatorio Chiara Dal Prà Clinica Medica III Unità bariatrica Azienda Ospedaliera Padova Padova, 8 marzo 2014 Tecniche chirurgiche bariatriche

Dettagli

Strumentario chirurgico: problema o opportunità?

Strumentario chirurgico: problema o opportunità? Nona giornata di formazione in Ticino 16 ottobre 2012 Sono andati su marte, e noi? Strumentario chirurgico: problema o opportunità? Servizio di noleggio in outsurcing dello strumentario chirurgico sterile

Dettagli

IDEA PROGETTUALE di Federica Burattini

IDEA PROGETTUALE di Federica Burattini IDEA PROGETTUALE di Federica Burattini Disturbi del comportamento alimentare. Con le locuzioni Disturbi del Comportamento Alimentare (DCA) si indicano tutte quelle problematiche, di pertinenza principalmente

Dettagli

XV CONGRESSO NAZIONALE

XV CONGRESSO NAZIONALE Società Italiana di Chirurgia dell Obesità (S.I.C.OB.) XV CONGRESSO NAZIONALE DALLA CHIRURGIA DELL OBESITA ALLA CHIRURGIA DEL PAZIENTE OBESO IN ONORE DEL PROF. WALTER MONTORSI BERGAMO, 3-5 MAGGIO 2007

Dettagli

Società Italiana di Chirurgia dell Obesità e delle malattie metaboliche

Società Italiana di Chirurgia dell Obesità e delle malattie metaboliche Società Italiana di Chirurgia dell Obesità e delle malattie metaboliche www.sicob.org Società Italiana di Chirurgia dell Obesità e delle malattie metaboliche (S.I.C.OB.): linee guida e stato dell arte

Dettagli

LIVELLI CIRCOLANTI DI PROGENITORI DELLE CELLULE ENDOTELIALI IN PAZIENTI CON DIABETE TIPO 1 E DISFUNZIONE ERETTILE

LIVELLI CIRCOLANTI DI PROGENITORI DELLE CELLULE ENDOTELIALI IN PAZIENTI CON DIABETE TIPO 1 E DISFUNZIONE ERETTILE LIVELLI CIRCOLANTI DI PROGENITORI DELLE CELLULE ENDOTELIALI IN PAZIENTI CON DIABETE TIPO 1 E DISFUNZIONE ERETTILE Michela Petrizzo, Giuseppe Bellastella, Maurizio Gicchino, Rosanna Orlando, Carmela Mosca,

Dettagli

Rinforza con fiducia. PER F ORM ANC E through innovation

Rinforza con fiducia. PER F ORM ANC E through innovation Rinforza con fiducia PER F ORM ANC E through innovation Riduce le fistole. 3.5 3 Numerosi dati clinici pubblicati nella letteratura scientifica documentano la riduzione di fistole 1 Sono stati pubblicati

Dettagli

Obesità. e soluzione. del problema. Test di autovalutazione. Che cos è l obesità? Quali sono le cause? Le soluzioni chirurgiche A chi rivolgersi

Obesità. e soluzione. del problema. Test di autovalutazione. Che cos è l obesità? Quali sono le cause? Le soluzioni chirurgiche A chi rivolgersi per la vostra Salute GUIDE PRATICHE Centro Unico di Prenotazione (CUP): tel. 02 86 87 88 89 Dal Lunedì al Venerdì, dalle 8.00 alle 17.30 Sabato dalle 8.00 alle 12.00 Ospedale San Giuseppe Via S. Vittore,

Dettagli

RESPONSABILI: Direttore CSM Dr. Mario Nicotera Dr.ssa Caterina Iocca,psicologo dirigente, specialista in CBT.

RESPONSABILI: Direttore CSM Dr. Mario Nicotera Dr.ssa Caterina Iocca,psicologo dirigente, specialista in CBT. UNITA DI PSICOLOGIA CLINICA-RIABILITATIVA CENTRO DIURNO PROGETTO SPERIMENTALE DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Disturbo dell alimentazione: Conoscere per curare e per vivere RESPONSABILI: Direttore

Dettagli

APPROPRIATEZZA della EGDS

APPROPRIATEZZA della EGDS APPROPRIATEZZA della EGDS Dr. P. Montalto U.O.C. Gastroenterologia OSPEDALE SAN JACOPO. GASTROENTEROLOGIA NELL ANZIANO Pisa, 28 settembre 2013 Totale: 60.626.442 abitanti ³65 anni: 12.301.537 abitanti

Dettagli

CENTRO PER LA TERAPIA DELLA OBESITÀ E DEL SOVRAPPESO SOVRAPPESO E OBESITÀ CAUSE CONSEGUENZE TERAPIE. www.lucapecchioli.it

CENTRO PER LA TERAPIA DELLA OBESITÀ E DEL SOVRAPPESO SOVRAPPESO E OBESITÀ CAUSE CONSEGUENZE TERAPIE. www.lucapecchioli.it CENTRO PER LA TERAPIA DELLA OBESITÀ E DEL SOVRAPPESO CENTRO PER LA TERAPIA DELLA OBESITÀ E DEL SOVRAPPESO SOVRAPPESO E OBESITÀ CAUSE CONSEGUENZE TERAPIE LE CAUSE DELL OBESITÀ Dall interazione di fattori

Dettagli

POSITION PAPER: RUOLO DELLE STRUTTURE DI DIETETICA E NUTRIZIONE CLINICA

POSITION PAPER: RUOLO DELLE STRUTTURE DI DIETETICA E NUTRIZIONE CLINICA libro:layout 1 21-10-2010 15:06 Pagina 49 POSITION PAPER: RUOLO DELLE STRUTTURE DI DIETETICA E CLINICA M. L. Amerio, D. Domeniconi in collaborazione con la Rete dei Servizi di Dietetica e Nutrizione Clinica

Dettagli

Globesità: strategia ed interventi. Se ne discute oggi in Senato

Globesità: strategia ed interventi. Se ne discute oggi in Senato CARTELLA STAMPA COMUNICATO STAMPA Globesità: strategia ed interventi. Se ne discute oggi in Senato OBESITÀ E SOVRAPPESO CAUSANO OGNI ANNO 1 MILIONE DI MORTI E 12 MILIONI DI MALATI SOLO IN EUROPA: ISTITUZIONI,

Dettagli

Indice. Informazioni Generali... Pag.37 Informazioni Scientifiche... Pag.43 Programma Sociale... Pag.46 Aziende Sponsor... Pag.50

Indice. Informazioni Generali... Pag.37 Informazioni Scientifiche... Pag.43 Programma Sociale... Pag.46 Aziende Sponsor... Pag.50 Indice Lettera del Presidente del Congresso... Pag.6 Lettera del Presidente del Consiglio regionale della Calabria... Pag.7 Pianta Congressuale... Pag.9 Tavola Sinottica... Pag.10 Programma Scientifico...

Dettagli

A CURA DI MARCO ZUCCONI INFERMIERE COORDINATORE PRESSO CHIRURGIA TORACICA AZIENDA OSPEDALIERA DI PERUGIA PREVENIRE GLI ERRORI, IMPARARE DAGLI ERRORI

A CURA DI MARCO ZUCCONI INFERMIERE COORDINATORE PRESSO CHIRURGIA TORACICA AZIENDA OSPEDALIERA DI PERUGIA PREVENIRE GLI ERRORI, IMPARARE DAGLI ERRORI 15 A CURA DI MARCO ZUCCONI INFERMIERE COORDINATORE PRESSO CHIRURGIA TORACICA AZIENDA OSPEDALIERA DI PERUGIA PREVENIRE GLI ERRORI, IMPARARE DAGLI ERRORI MANUALE DI SICUREZZA IN SALA OPERATORIA RACCOMANDAZIONI

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo VIA LUCANO 16 09042 MONSERRATO (CA) Telefono 3283785645 0706094446 Fax 0706094461 E-mail carlosollai@asl8cagliari.it

Dettagli

Endoscopia nell anno successivo

Endoscopia nell anno successivo COLON FOLLOW-UP 01 Endoscopia nell anno successivo DESCRIZIONE: Stima la proporzione di pazienti sottoposti a endoscopia nei 12 mesi successivi all intervento 0-20 DISTRIBUZIONE SPAZIALE 21-40 41-60 61-80

Dettagli

PROGETTO DI FORMAZIONE

PROGETTO DI FORMAZIONE Progetto formativo PROGETTO DI FORMAZIONE A DISTANZA Obesità e sue comorbilità: diagnosi, prevenzione e trattamento Dalle Raccomandazioni Internazionali alla Pratica Clinica in Italia Responsabile Scientifico

Dettagli

Ecocolordoppler. scheda 01.03 Diagnostica per immagini

Ecocolordoppler. scheda 01.03 Diagnostica per immagini scheda 01.03 Diagnostica per immagini Cos è L ecocolordoppler è l esame di prima scelta per la diagnosi di patologie dei vasi sanguigni arteriosi e venosi. I vantaggi di questa metodica sono rappresentati

Dettagli

INDICAZIONE ALLA COLONSCOPIA

INDICAZIONE ALLA COLONSCOPIA Riunione SIED LA COLONSCOPIA DI QUALITA Asti, 8 Novembre 2013 INDICAZIONE ALLA COLONSCOPIA Dr. Enrico MORELLO S.C. Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva ASL TO4 * * The European Panel on Appropriateness

Dettagli

Corso aggiornamento OMCT 19.1.2012 A.Kuhrmeier

Corso aggiornamento OMCT 19.1.2012 A.Kuhrmeier Corso aggiornamento OMCT 19.1.2012 A.Kuhrmeier It is predicted that over the course of the next 20 years obesity will be the #1 health problem throughout the world 4 Terapia a breve termine dell obesità

Dettagli

Gli indicatori di qualità nella cura del diabete : Il Diabetologo

Gli indicatori di qualità nella cura del diabete : Il Diabetologo SALVATORE ITALIA U.O.S. Endocrinologia e Mal. Metaboliche Azienda Ospedaliera Umberto I Siracusa Gli indicatori di qualità nella cura del diabete : Il Diabetologo OBIETTIVI DI UN MODELLO ASSISTENZIALE

Dettagli

SOCIETA ITALIANA DI ENDOCRINOLOGIA E DIABETOLOGIA PEDIATRICA (SIEDP/ISPED)

SOCIETA ITALIANA DI ENDOCRINOLOGIA E DIABETOLOGIA PEDIATRICA (SIEDP/ISPED) Gruppo di Studio Obesità Genetiche Coordinatore 2013-2015: Maurizio Delvecchio Roma, 22 novembre 2014 Verbale riunione GdS Obesità Genetiche del 22 novembre 2014 Il 22 novembre 2014 alle ore 10:30 si è

Dettagli

neoplasia dello stomaco www.slidetube.it

neoplasia dello stomaco www.slidetube.it neoplasia dello stomaco www.slidetube.it TUMORE DELLO STOMACO CARDIAS: disfagia CORPO: no sintomi ANTRO: gonfiore postprandiale, vomito Sede più frequente: ANGULUS ANTRO fumo alimentazione ULCERA GASTRICA:

Dettagli

DISTURBO DA ALIMENTAZIONE INCONTROLLATA (BED) Chi colpisce, che cos'è CHI COLPISCE

DISTURBO DA ALIMENTAZIONE INCONTROLLATA (BED) Chi colpisce, che cos'è CHI COLPISCE DISTURBO DA ALIMENTAZIONE INCONTROLLATA (BED) Chi colpisce, che cos'è CHI COLPISCE Significativi problemi di abbuffate, cioè assunzione di un elevata quantità di cibo associata a un senso di perdita di

Dettagli

DOCUMENTO PER LA VALUTAZIONE DEI REQUISITI DI UN CENTRO DI ALTA SPECIALIZZAZIONE PER LA CURA BESITY DELL OBESITÀ. Riproduzione riservata

DOCUMENTO PER LA VALUTAZIONE DEI REQUISITI DI UN CENTRO DI ALTA SPECIALIZZAZIONE PER LA CURA BESITY DELL OBESITÀ. Riproduzione riservata BESITY DOCUMENTO PER LA VALUTAZIONE DEI REQUISITI DI UN CENTRO DI ALTA SPECIALIZZAZIONE PER LA CURA DELL OBESITÀ Riproduzione riservata Indice Introduzione 2 Griglia di valutazione dei requisiti di un

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

Informa. Week Surgery. Cosa sapere Cosa fare DIPARTIMENTO DI CHIRURGIA PIETRO VALDONI AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA POLICLINICO UMBERTO I

Informa. Week Surgery. Cosa sapere Cosa fare DIPARTIMENTO DI CHIRURGIA PIETRO VALDONI AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA POLICLINICO UMBERTO I Informa Week Surgery Cosa sapere Cosa fare SISTEMA SANITARIO REGIONALE AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA POLICLINICO UMBERTO I DIPARTIMENTO DI CHIRURGIA PIETRO VALDONI Cos è la Week Surgery La Week Surgery

Dettagli

CLINICAL PATHWAYS di Alessandra Zampieron

CLINICAL PATHWAYS di Alessandra Zampieron CLINICAL PATHWAYS di Alessandra Zampieron Con l introduzione della riforma sanitaria le aziende devono prevedere un sistema in grado di mantenere la qualità dell assistenza, migliorando i livelli di efficienza

Dettagli

BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO

BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO 1. Definizione 2. Classificazione 2.1. Diabete mellito di tipo 1 2.2. Diabete mellito di tipo 2 2.3. Diabete gestazionale 2.4. Altre forme di diabete 2.5.

Dettagli

Un problema di cuore.

Un problema di cuore. Le malattie cardiovascolari nella donna Le malattie cardiovascolari nella donna Opuscolo redatto da Maria Lorenza Muiesan* e Maria Vittoria Pitzalis*. Alla stessa collana, coordinata da Nicola De Luca*,

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE GINECOLOGICO-OSTETRICHE E SCIENZE UROLOGICHE CURRICULUM DIDATTICO-SCIENTIFICO-ASSISTENZIALE DEL PROF. ANNA RITA D ANGELO

DIPARTIMENTO DI SCIENZE GINECOLOGICO-OSTETRICHE E SCIENZE UROLOGICHE CURRICULUM DIDATTICO-SCIENTIFICO-ASSISTENZIALE DEL PROF. ANNA RITA D ANGELO DIPARTIMENTO DI SCIENZE GINECOLOGICO-OSTETRICHE E SCIENZE UROLOGICHE CURRICULUM DIDATTICO-SCIENTIFICO-ASSISTENZIALE DEL PROF. ANNA RITA D ANGELO DATI PERSONALI Nome e Cognome Annarita D Angelo Luogo e

Dettagli

Condizioni e fattori di rischio di DMT2

Condizioni e fattori di rischio di DMT2 Condizioni e fattori di rischio di DMT2 IFG o IGT o pregresso diabete gestazionale Età >45 anni, specie se con BMI >25 od obesità centrale Età 25) e una o più fra le seguenti

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Raffaele Sulis. Nome. Indirizzo. Telefono. Fax. E-mail raffaelesulis@asl8cagliari.it. Nazionalità ITALIANA

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Raffaele Sulis. Nome. Indirizzo. Telefono. Fax. E-mail raffaelesulis@asl8cagliari.it. Nazionalità ITALIANA INFORMAZIONI PERSONALI Nome Raffaele Sulis Indirizzo Telefono Fax E-mail raffaelesulis@asl8cagliari.it Nazionalità ITALIANA Data di nascita 03 marzo 1951 Titolo di studio Altri titoli di studio e professionali

Dettagli

Chirurgia bariatrica. Valutazione psicologico-psichiatrica

Chirurgia bariatrica. Valutazione psicologico-psichiatrica CAPITOLO 8 Chirurgia bariatrica. Valutazione psicologico-psichiatrica Massimo Cuzzolaro, Flavia Temperilli, Maria Sole Basso Introduzione Anche in Italia sono sempre più numerose le persone che si rivolgono

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Ianni Giulia Data di nascita 28/03/1970

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Ianni Giulia Data di nascita 28/03/1970 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Ianni Giulia Data di nascita 28/03/1970 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia ASL DI LATINA Dirigente ASL I fascia - Unità Operativa

Dettagli

CHIRURGIA TORACICA VIDEO- ASSISTITA (VATS): 10 ANNI DI ESPERIENZA PERSONALE

CHIRURGIA TORACICA VIDEO- ASSISTITA (VATS): 10 ANNI DI ESPERIENZA PERSONALE CHIRURGIA TORACICA VIDEO- ASSISTITA (VATS): 10 ANNI DI ESPERIENZA PERSONALE S. SPINI MD, PhD; F. APICELLA MD, FCCP; P. CAPPELLINI MD, L. MAGGI MD Azienda Sanitaria Firenze Nuovo Ospedale S. Giovanni di

Dettagli

Valutazione del paziente obeso: ruolo del team multidisciplinare nell indicazione all intervento chirurgico e nel follow-up

Valutazione del paziente obeso: ruolo del team multidisciplinare nell indicazione all intervento chirurgico e nel follow-up CAPITOLO 7 Valutazione del paziente obeso: ruolo del team multidisciplinare nell indicazione all intervento chirurgico e nel follow-up Giovanni Spera, Manuela Celanetti, Carla Lubrano L obesità è una malattia

Dettagli

Vito Ferro. L Urgenza in Sala Operatoria: Il punto di vista Infermieristico.

Vito Ferro. L Urgenza in Sala Operatoria: Il punto di vista Infermieristico. L Urgenza in Sala Operatoria: Il punto di vista Infermieristico. Vito Ferro Infermiere Strumentista Blocco Operatorio Ch.Gen. E Ch.Ped. A.O.P.C. Catanzaro Premessa La SIC definisce il Trauma una Malattia

Dettagli

DISPEPSIA MANIFESTAZIONI CLINICHE E PERCORSO DIAGNOSTICO DOTT. PAOLO MICHETTI DIRETTORE MEDICO S.C. GASTROENTEROLOGIA E.O.

DISPEPSIA MANIFESTAZIONI CLINICHE E PERCORSO DIAGNOSTICO DOTT. PAOLO MICHETTI DIRETTORE MEDICO S.C. GASTROENTEROLOGIA E.O. MANIFESTAZIONI CLINICHE E PERCORSO DIAGNOSTICO DOTT. PAOLO MICHETTI DIRETTORE MEDICO S.C. GASTROENTEROLOGIA E.O. OSPEDALI GALLIERA DEFINIZIONE RIPIENEZZA POST-PRANDIALE PRANDIALE CORTEO SINTOMATOLOGICO

Dettagli