Obesity (BMI 30 kg/m 2 ) - All 22.9 % 30.5 % - Males 20.2 % 27.5 % - Females 25.4 % 33.4 %

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Obesity (BMI 30 kg/m 2 ) - All 22.9 % 30.5 % - Males 20.2 % 27.5 % - Females 25.4 % 33.4 %"

Transcript

1 Il Paziente obeso: Il punto di vista del Chirurgo Prof. Francesco Domenico Capizzi Bologna CENTRO DI CHIRURGIA LAPAROSCOPICA GASTROENTEROLOGICA E DELL OBESITA, Bologna Direttore: Prof. F.D. Capizzi

2

3 Prevalenza e trend nella popolazione adulta americana. NHANES NHANES Obesity (BMI 30 kg/m 2 ) - All 22.9 % 30.5 % - Males 20.2 % 27.5 % - Females 25.4 % 33.4 % Extreme Obesity (BMI 40 kg/m 2 ) - All 2.9 % 4.7 % - Males 1.7 % 3.1 % - Females 4.0 % 6.3 % Flegal et al. JAMA 2002;288:1723.

4 Sweden 11 % USA 31 % Peru 32 % Germany 19 % Greece 29 % Southafrica 19 % Kuwait 37 % Saudi Arabia 17 % Australia 19 %

5 Obesità patologica in Italia 7% 3millions F.D.Capizzi, Bologna

6 Incremento temporale dei fattori di rischio in relazione alla severità dell obesità BMI>30 BMI>35 BMI>40 BMI>45 BMI> % increase Year Sturm R. Arch Intern Med 2003;163:2146.

7 MALATO OBESO IN CHIRURGIA Deve essere operato nonostante obesità Deve essere operato per obesità MALATTIE ASSOCIATE Profilassi antitrombotica Profilassi antibiotica Problematiche di indagine e tecniche Prof.F.D.Capizzi, Bologna

8 Comorbidità associate all obesità ( Hell/Miller; Morbide Adipositas; ecomed, Landsberg ) Ipertensione Malattie cardiache Dislipidemia Diabete Apnee notturne Patologie osteoarticolari Stasi venosa Trombosi venosa profonda (TVP) Reflusso gastroesofageo Cancer Prof. F.D.Capizzi, Bologna

9 Profilassi antitrombotica RISCHI TROMBOTICI Profilassi meccanica Profilassi farmacologica Nursing Prof.F.D.Capizzi, Bologna

10 TVP e chirurgia In chirurgia digestiva il tasso di Trombosi venosa profonda (TVP) puo arrivare al 25% in assenza di profilassi La profilassi riduce il rischio a < 2% Cathelin JM J.Coel Chir 1988, Brolin RE 2000 F.D.Capizzi, Bologna

11 Profilassi antitrombotica Obesità = fattore di rischio indipendente Aumento dei livelli circolanti di fibrinogeno Depressione della fibrinolisi per aumento dell attività del PAI-1 Aumento del fattore VII e del vwf Prof.F.D.Capizzi, Bologna

12 Protocollo profilassi : rischio TVP altissimo (Chest 2004;126,179S-400S) 400S) Pregresse TVP Ipercoagulazione Politrauma Stroke Patologia neoplastica Obesità Lesione midollare Calze elastiche + LMWH (eparina a basso peso molecolare) + IPC (intermittent pneumatic compression) F.D.Capizzi, Bologna

13 Chirurgia laparoscopica:problemi Pneumoperitoneo (PNP) Posizione in antitrendelemburg Durata dell intervento Complicanze Prof.F.D.Capizzi, Bologna

14 Fattori favorenti TVP legati all intervento in laparoscopia Vasoplegia Durata maggiore PNP Microtraumi periferici da venodilatazione periferica persistente Prof.F.D.Capizzi, Bologna

15 Profilassi delle complicanze in chirurgia laparoscopica Corretta posizione del paziente sul letto operatorio per evitare decubiti Abduzione <70 delle braccia per evitare stiramenti del plesso Non superare la pressione di 15 mmhg Evitare prolungate ed estreme posizioni in Trendelemburg Accurata disinfezione della parete addominale Prof.F.D.Capizzi, Bologna

16 Vantaggi degli interventi in laparoscopia Riduzione del dolore post operatorio e il conseguenete consumo di analgesici Migliora la compliance respiratoria Precoce mobilizzazione Riduzione delle complicanze di parete (ernie, laparoceli, infezioni di ferita) Assenza o quasi di aderenze Migliore risultato estetico Ridotta ospedalizzazione Prof.F.D.Capizzi, Bologna

17 Profilassi antibiotica Rischio infezioni Profilassi farmacologica: Antibioticoprofilassi short therm con cefalosporina di II generazione all induzione Prof.F.D.Capizzi, Bologna

18 Indicazioni al Trattamento Chirurgico BMI >38-40 BMI > 35 con malattie associate o in particolari condizioni ETA fra 18 e 70 anni Inefficacia della terapia conservativa cognitivo-nutrizionale nutrizionale Periodo di 5 anni di obesità No cause endocrine Attenzione a psicopatie gravi, uso di alcool e droghe No controindicazioni di ordine generale all intervento chirurgico Consensus Conference National Institute of Health,1991 Prof.F.D.Capizzi, Bologna

19 Indicazioni all intervento chirurgico NIH (National Institutes of Health) Consensus Development Conference Statement, 1991 IFSO International Federation for the Surgery of Obesity online.com/ifso ASBS American Society for Bariatric Surgery SAGES Society of American Gastrointestinal Endoscopic Surgeons BMI 25-29,9 Sovrappeso BMI 30-34,9 Grade I Obesità BMI 35-39,9 Grade II Obesità BMI > 40 Grade III Obesità grave BMI > 50 Grade IV Super Obesità Chir. F.D.Capizzi, Bologna

20 Opzioni in Chirurgia Bariatrica Restrictive OP Malabsorptive OP Bendaggio gastrico regolabile Gastroplastica verticale Sleeve gastrectomy Gastric Bypass BPD Non Restrictive Non Malabsorptive Implantable Gastric Stimulation (IGS)

21 By pass digiuno ileale Ansa cieca Elevata incidenza di complicanze Mortalità elevata Intervento abbandonato

22 By pass bilio intestinale Intervento malassorbitivo Ansa anastomizzata alla colecisti Complicanze metaboliche e settiche intestinali Intervento abbandonato

23 Sleeve gastrectomy (inserire schema che è su sito) *Intervento restrittivo * Risultati brillanti disinteresse verso il cibo * calo ponderale abbastanza rapido Prof.F.D.Capizzi, Bologna

24 Diversione bilio pancreatica sec.scopinaro Complicanze metaboliche severe Molte scariche diarroiche maleodoranti Indicazioni molto selettive

25 Diversione Bilio pancreatica con duodenal switch Tecnicamente complesso Elevata incidenza di complicanze

26 By pass gastrico (i risultati si sovrappongono a quelli della Sleeve gastrectomy) Impossibilità di studiare lo stomaco escluso *I risultati sono sovrapponibili alla Sleeve gastrectomy (tubulizzazione gastrica) Prof.F.D.Capizzi, Bologna

27 Gastroplastica verticale sec. Mason Reflusso gastroesofageo Possibile deiscenza della sutura gastrica Quasi del tutto abbandonata

28 Gastroplastica verticale sec. Mc Lean Come Mason, quasi del tutto abbandonata

29 Banding Gastrico Semplice esecuzione Reversibile Attenta selezione dei malati obesi Prof.F.D.Capizzi, Bologna

30 Banding esofago-gastricogastrico Riduce possibili complicanze rispetto al banding gastrico classico Prof..D.Capizzi, Bologna

31 BIB (Palloncino Intragastrico) Preparatorio alla chirurgia restrittiva bariatrica Rimozione dopo 6 mesi e rinnovabile non più di 2 volte Molte intolleranze Molto spesso scarsi risultati

32 Pace maker gastrico Tecnica sperimentale Costi molto elevati Gestione complessa Non è in uso clinico

33 Trend chirurgia bariatrica Non malassorbitivi Lap Non malassorbitivi Open Malassorbitivi Malassorbitivi Lap Anni

34 Trattamento chirurgico dell obesità patologica - EUROPA 2009 Sleeve e By 60% BPD B ALTRO BPD 10% Sleeve gastrectomy e by-pass 20% BANDING 10% Vertical Banded Gastroplasty 80% LAPAROSCOPY

35 Interventi di chirurgia bariatrica eseguiti negli USA, (dati ASBS) N Year Steinbrook R. N Engl J Med 2004;350:1075. Prof.F.D.Capizzi, Bologna

36 Efficacia dei trattamenti chirurgici 5 0 Weight Change (%) controls Banding VBG GBP Years of Follow-up Sjostrom et al. NEJM 2004; 351:2683 Prof.F.D.Capizzi, Bologna

37 90 EWL % % Riduzione Eccesso Peso dopo chirurgia bariatrica VBG AGB IGS GBP BPD-DS Years post op BPD DS 80% Biliopancreatic Diversion Duodenal Switch Sleeve e GBP 77% Sleeve gastrectomy e Gastric Bypass AGB 69% Adjustable Gastric Banding VBG 65% Vertical Banded Gastrolpasty IGS 32% Implantable Gastric Stimulation Feng JJ, Gagner M, S Laparosc Surg 2002 Baltasar A, Obes Surg 2002 Wittgrove AC, Clark GW. Obes Surg 2000 MacLean LD, et al Obes Surg 1995 Baltasar A, et al Obes Surg 200 Schauer PR, et al Ann Surg 2000 Miller K, Hell E., l Arch Surg 2003

38 BENDAGGIO GASTRICO REGOLABILE Vela M, Galloway DJ. Obes Surg 2003;13: %EWL a 3 anni 43% - 78% %Reinterventi 4% - 14%

39 %EWL Efficacia (%EWL) e rischio delle varie tecniche chirurgiche BIB GP LAP BAND VBG MC LEAN VBG MASON DS + BAND SLEEVE E GASTRI BYPASS BPD DS + GT RISK SCORE

40 Diminuzione della mortalità e morbilità a lungo termine nei pazienti operati per obesità patologica Surgery Controls RR - Cancer 2.03 % 8.49 % Cardiovascular 4.73 % % Endocrinological 9.47 % % Musculoskeletal 4.83 % % Psychiatric 4.35 % 8.20 % Respiratory 2.71 % % Mortality 0.68 % 6.17 % 0.11 Christou et al. Ann Surg 2004;240:416 Prof.F.D.Capizzi, Bologna

41 Metanalisi degli effetti a breve termine della chirurgia bariatrica sul diabete Diabetes Course Resolved Improved - Total 76.8 % 86.0 % - Gastric Banding 47.9 % 80.8 % - Gastroplasty 71.6 % 90.8 % -Sleeve e By-pass 83.7 % 93.2 % - BPD or DS 98.9 % 76.7 % Buchwald et al. JAMA 2004;292:1724 Prof.F.D.Capizzi,Bologna

42 Metanalisi degli effetti a breve termine della chirurgia bariatrica sull ipertensione Hypertension Resolved Improved - Total 61.7 % 78.5 % - Gastric Banding 43.2 % 70.8 % - Gastroplasty 69.0 % 85.4 % - Sleeve e Bypass 67.5 % 87.2 % - BPD or DS 83.4 % 75.1 % Buchwald et al. JAMA 2004;292:1724 Prof.F.D.Capizzi, Bologna

43 Metanalisi degli effetti a breve termine della chirurgia bariatrica sulla dislipidemia Lipid levels (mmol/l) HDL TG - Total Gastric Banding Gastroplasty Sleeve e Bypass BPD or DS Buchwald et al. JAMA 2004;292:1724 Prof.F.D.Capizzi, Bologna

44 Obesity is a chronic multifactorial disease requiering treatment (WHO) Surgery reduces weight but does not cure obesity... lifelong therapy PROF.F.D. CAPIZZI, Bologna

OBESITA LA TERAPIA CHIRURGICA

OBESITA LA TERAPIA CHIRURGICA OBESITA LA TERAPIA CHIRURGICA Prof. M. Morino Chirurgia II Centro Universitario di Chirurgia Mini Invasiva Università degli Studi di Torino AOU Molinette By-pass gastrico laparoscopico Italia Necessità

Dettagli

OBESITA. Chirurgia II. Università degli Studi di Torino AOU Molinette

OBESITA. Chirurgia II. Università degli Studi di Torino AOU Molinette OBESITA LA TERAPIA CHIRURGICA Prof. M. Morino Chirurgia II Centro Universitario di Chirurgia Mini Invasiva Università degli Studi di Torino AOU Molinette By-pass gastrico laparoscopico Italia Necessità

Dettagli

LA TERAPIA CHIRURGICA DELL OBESITA PATOLOGICA. www.fisiokinesiterapia.biz

LA TERAPIA CHIRURGICA DELL OBESITA PATOLOGICA. www.fisiokinesiterapia.biz LA TERAPIA CHIRURGICA DELL OBESITA PATOLOGICA www.fisiokinesiterapia.biz PREMESSE In Italia un adulto su tre è sovrappeso (BMI>25) ed il 10% circa della popolazione è affetto da obesità patologica (BMI>40).

Dettagli

www.fisiokinesiterapia.biz

www.fisiokinesiterapia.biz LA CHIRURGIA NEL TRATTAMENTO DELL OBESITA OBESITA PATOLOGICA www.fisiokinesiterapia.biz OBESITA PATOLOGICA OBESITA PATOLOGICA OBESITA PATOLOGICA OBESITA PATOLOGICA Definizione L obesità è una condizione

Dettagli

Reversibilità delle complicanze nel diabete tipo 2

Reversibilità delle complicanze nel diabete tipo 2 3 WORKSHOP CONGIUNTO SICOb SID SIO L integrazione tra terapia medica e chirurgica nel trattamento del paziente obeso diabetico 7 marzo 2014 Reversibilità delle complicanze nel diabete tipo 2 Roberto Fabris

Dettagli

The ten top countries in the world have one thing in common

The ten top countries in the world have one thing in common TRIALS CLINICI SUL TRATTAMENTO CHIRURGICO DEL DIABETE Dott. Nicola Di Lorenzo UNIVERSITA DI ROMA TOR VERGATA The ten top countries in the world have one thing in common Basso, Mag 01 Innovation in Surgery

Dettagli

OBESITA. condizione caratterizzata da BMI maggiore di 30

OBESITA. condizione caratterizzata da BMI maggiore di 30 OBESITA condizione caratterizzata da BMI maggiore di 30 Obesità lieve (BMI tra 30 e 34,9) Obesità moderata (BMI tra 35 e 39,9) Obesità grave (BMI 40 e oltre) l obesità centrale, in cui il grasso si accumula

Dettagli

OBESITA E DIABETE: VALUTAZIONE E PROGETTO DI INTERVENTO

OBESITA E DIABETE: VALUTAZIONE E PROGETTO DI INTERVENTO OBESITA E DIABETE: VALUTAZIONE E PROGETTO DI INTERVENTO Dr.ssa Enrica Manicardi D.M. RESPONSABILE DI S.S. DI DIABETOLOGIA E DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Azienda Ospedaliera Arcispedale Santa Maria

Dettagli

Diversione bilio-pancreatica con duodenal switch per via laparoscopica: tecnica in due tempi

Diversione bilio-pancreatica con duodenal switch per via laparoscopica: tecnica in due tempi CAPITOLO 20 Diversione bilio-pancreatica con duodenal switch per via laparoscopica: tecnica in due tempi Nicola Basso, Gianfranco Silecchia, Mario Rizzello, Giovanni Casella Introduzione La diversione

Dettagli

Interventi di restrizione gastrica

Interventi di restrizione gastrica CENTRO PER LA CURA DELL'OBESITA' E CHIRURGIA MINI INVASIVA Responsabile - Dott. Alessandro Giovanelli Interventi di restrizione gastrica a) Palloncino intragastrico: Il PALLONCINO POSIZIONATO NELLO STOMACO

Dettagli

TRATTAMENTO CHIRURGICO DELL OBESITA

TRATTAMENTO CHIRURGICO DELL OBESITA TRATTAMENTO CHIRURGICO DELL OBESITA Giuliano Sarro Responsabile U.O. Chirurgia Generale Ospedale Cantù Abbiategrasso Centro di Chirurgia Bariatrica - A.O. Legnan LINEE GUIDA SICOB 2015 E la chirurgia laparoscopica

Dettagli

La gastroplastica verticale laparoscopica

La gastroplastica verticale laparoscopica CAPITOLO 14 La gastroplastica verticale laparoscopica Mario Morino, Mauro Toppino, Dario Parini Introduzione Negli anni 90 si è assistito a una crescente diffusione dell approccio laparoscopico in chirurgia

Dettagli

IL TRATTAMENTO ENDOSCOPICO DI UNA PATOLOGIA MULTIDISCIPLINARE. Angelo Ambrosio

IL TRATTAMENTO ENDOSCOPICO DI UNA PATOLOGIA MULTIDISCIPLINARE. Angelo Ambrosio IL TRATTAMENTO ENDOSCOPICO DELL OBESITA NELL AMBITO DI UNA PATOLOGIA MULTIDISCIPLINARE La nostra esperienza con il bendaggio gastrico Angelo Ambrosio UOC Chirurgia Addominale Dipartimento di Scienze Chirurgiche

Dettagli

editoriale La chirurgia metabolica Introduzione

editoriale La chirurgia metabolica Introduzione G Chir Vol. 30 - n. 4 - pp. 133-140 Aprile 2009 editoriale La chirurgia metabolica A.L. GASPARI, N. DI LORENZO, P. GENTILESCHI, I. CAMPERCHIOLI Introduzione Secondo gli ultimi dati della Organizzazione

Dettagli

Frida Leonetti frida.leonetti@uniroma1.it

Frida Leonetti frida.leonetti@uniroma1.it Frida Leonetti frida.leonetti@uniroma1.it 1.5 miliardi con BMI>25 500 milioni con BMI>30 BMI > 40 kg/m² BMI > 35 Kg/m² e comorbilità testo Neoplasie Malattie CV altre 2009 Industrial Chemicals Bisphenol

Dettagli

Indicazioni alla chirurgia bariatrica nel diabete di tipo 2

Indicazioni alla chirurgia bariatrica nel diabete di tipo 2 Maccagno, 20-21 Aprile 2012 Giornate Diabetologiche Luinesi II Edizione Facciamo quadrato intorno al Diabete Indicazioni alla chirurgia bariatrica nel diabete di tipo 2 E. Piantanida Università degli Studi

Dettagli

CHIRURGIA BARIATRICA CHIRURGIA BARIATRICA

CHIRURGIA BARIATRICA CHIRURGIA BARIATRICA CHIRURGIA BARIATRICA CHIRURGIA BARIATRICA SICOB CENTRO SICOB CENTRO Società Italiana Chirurgia della Obesità e Malattie Metaboliche Il Centro di Chirurgia Bariatrica e Metabolica dell Ospedale Sacra Famiglia

Dettagli

Varietà dei trattamenti chirurgici e meccanismi d azione

Varietà dei trattamenti chirurgici e meccanismi d azione Varietà dei trattamenti chirurgici e meccanismi d azione Ann. Ital. Chir., 2005; 76: 433-438 Marco Badiali Università degli Studi La Sapienza di Roma, II Facoltà di Medicina e Chirurgia, Azienda Ospedaliera

Dettagli

Complicanze della gastroplastica verticale: prevenzione e trattamento

Complicanze della gastroplastica verticale: prevenzione e trattamento CAPITOLO 15 Complicanze della gastroplastica verticale: prevenzione e trattamento Mauro Toppino, Mario Morino, Gisella Bonnet Introduzione Nella gastroplastica verticale (VBG) laparoscopica, come in qualsiasi

Dettagli

CONSENSO INFORMATO (S.I.C.OB. Società Italiana di Chirurgia dell Obesità e delle malattie metaboliche)

CONSENSO INFORMATO (S.I.C.OB. Società Italiana di Chirurgia dell Obesità e delle malattie metaboliche) 1 CONSENSO INFORMATO (S.I.C.OB. Società Italiana di Chirurgia dell Obesità e delle malattie metaboliche) In questo fascicolo vengono fornite informazioni sulla terapia chirurgica dell Obesità al fine di

Dettagli

Counselling nutrizionale postoperatorio

Counselling nutrizionale postoperatorio CAPITOLO 26 Counselling nutrizionale postoperatorio Luca Busetto Introduzione Il panel di esperti che già nel 1991 aveva formulato, sotto l egida dei National Institutes of Health (NIH), le prime linee

Dettagli

Fascicolo informativo per Pazienti da sottoporre a trattamento chirurgico dell obesità patologica

Fascicolo informativo per Pazienti da sottoporre a trattamento chirurgico dell obesità patologica Fascicolo informativo per Pazienti da sottoporre a trattamento chirurgico dell obesità patologica Informazioni generali La chirurgia dell obesità non è chirurgia estetica; è destinata a Pazienti che abbiano

Dettagli

E se con l alimentazione non ce la facciamo ci puo aiutare la chirurgia nel bambino? F. De Peppo

E se con l alimentazione non ce la facciamo ci puo aiutare la chirurgia nel bambino? F. De Peppo E se con l alimentazione non ce la facciamo ci puo aiutare la chirurgia nel bambino? F. De Peppo ROMA 28-29 MARZO 2015 Dr. Francesco De Peppo UOS Chirurgia Pediatrica Palidoro Dipartimento Chirurgia -

Dettagli

CONSENSO INFORMATO PER BENDAGGIO GASTRICO REGOLABILE

CONSENSO INFORMATO PER BENDAGGIO GASTRICO REGOLABILE CONSENSO INFORMATO PER BENDAGGIO GASTRICO REGOLABILE M C 12/21 C Rev. 1 Il bendaggio gastrico regolabile ha lo scopo di far diminuire il peso corporeo mediante il meccanismo della sazietà precoce. E sufficiente

Dettagli

L'infermiere e la chirurgia bariatrica dott.ssa Rossella Stoico 1 L obesità crea un enorme fardello psicologico In termini di sofferenza, questo peso può essere considerato il più grande effetto avverso

Dettagli

STRUTTURA COMPLESSA DI CHIRURGIA DIGESTIVA ED UNITÀ DEL FEGATO STRUTTURA COMPLESSA DI DIABETOLOGIA, DIETOLOGIA E NUTRIZIONE CLINICA

STRUTTURA COMPLESSA DI CHIRURGIA DIGESTIVA ED UNITÀ DEL FEGATO STRUTTURA COMPLESSA DI DIABETOLOGIA, DIETOLOGIA E NUTRIZIONE CLINICA SLEEVE GASTRECTOMY LAPAROSCOPICA VERSUS TERAPIA MEDICA CONVENZIONALE IN PAZIENTI CON RECENTE DIAGNOSI DI DIABETE MELLITO TIPO2 E BMI 30-42KG/M 2 : STUDIO RANDOMIZZATO CONTROLLATO CENTRI PARTECIPANTI: AZIENDA

Dettagli

La chirurgia bariatrica nel paziente con diabete mellito tipo 2

La chirurgia bariatrica nel paziente con diabete mellito tipo 2 MeDia 2015;15:84-90 84 pratica professionale La chirurgia bariatrica nel paziente con diabete mellito tipo 2 Riassunto La chirurgia bariatrica è al momento la più efficace strategia terapeutica per l ottenimento

Dettagli

CONSENSO INFORMATO PER INTERVENTO DI CHIRURGIA DELL OBESITA. Società Italiana di Chirurgia dell Obesità e delle malattie metaboliche

CONSENSO INFORMATO PER INTERVENTO DI CHIRURGIA DELL OBESITA. Società Italiana di Chirurgia dell Obesità e delle malattie metaboliche CONSENSO INFORMATO PER INTERVENTO DI CHIRURGIA DELL OBESITA Da allegare alla cartella clinica n. Compilare in STAMPATELLO Questo fascicolo è un documento ufficiale della Società Italiana di Chirurgia dell

Dettagli

Consenso Informato Per intervento di Chirurgia Bariatrica e Metabolica

Consenso Informato Per intervento di Chirurgia Bariatrica e Metabolica Società Italiana di Chirurgia dell Obesità e delle Malattie Metaboliche data... Nome... Cognome... struttura... reparto... città... provincia... Consenso Informato Per intervento di Chirurgia Bariatrica

Dettagli

Consenso Informato Per intervento di Chirurgia Bariatrica e Metabolica

Consenso Informato Per intervento di Chirurgia Bariatrica e Metabolica Società Italiana di Chirurgia dell Obesità e delle Malattie Metaboliche data... Nome... Cognome... struttura... reparto... città... provincia... Consenso Informato Per intervento di Chirurgia Bariatrica

Dettagli

CONSENSO INFORMATO PER INTERVENTO DI CHIRURGIA DELL OBESITA. Società Italiana di Chirurgia dell Obesità e delle malattie metaboliche

CONSENSO INFORMATO PER INTERVENTO DI CHIRURGIA DELL OBESITA. Società Italiana di Chirurgia dell Obesità e delle malattie metaboliche CONSENSO INFORMATO PER INTERVENTO DI CHIRURGIA DELL OBESITA Da allegare alla cartella clinica n. Compilare in STAMPATELLO Questo fascicolo è un documento ufficiale della Società Italiana di Chirurgia dell

Dettagli

Casa di Cura Leonardo Viale P. Grocco, 136 Sovigliana Vinci (FI) 11 12 novembre 2011

Casa di Cura Leonardo Viale P. Grocco, 136 Sovigliana Vinci (FI) 11 12 novembre 2011 NUOVETECNICHEETECNOLOGIEACONFRONTONEL TRATTAMENTODELL OBESITÀ:RAZIONALEDIUNASCELTA Progettodiincontrotraoperatoridellachirurgiabariatrica CasadiCuraLeonardo VialeP.Grocco,136Sovigliana Vinci(FI) 11 12novembre2011

Dettagli

Il Diabete Mellito e la remissione a cura del Comitato Scientifico di Diabete Italia

Il Diabete Mellito e la remissione a cura del Comitato Scientifico di Diabete Italia Sempre più frequentemente siamo raggiunti da messaggi che parlano di GUARIGIONE DEL DIABETE. Cosa c è di vero? Diabete Italia è stata interpellata e coglie l occasione per fare il punto della situazione

Dettagli

Parte 1 Ipertensione arteriosa

Parte 1 Ipertensione arteriosa Parte 1 Ipertensione arteriosa 1. Classificazione Classificazione (WHO-ISH 1999) IPERTENSIONE SISTO-DIASTOLICA SISTOLICA DIASTOLICA Ottimale < 120 < 80 Normale < 130 < 85 Alta-normale 130-139 85-89 GRADO

Dettagli

LIBRETTO INFORMATIVO L OBESITA

LIBRETTO INFORMATIVO L OBESITA LIBRETTO INFORMATIVO L OBESITA 35 Perché si diventa grassi? INTRODUZIONE DI ENERGIA DISPENDIO DI ENERGIA Cibo Bevande Esercizio fisico Metabolismo Si diventa grassi quando le calorie in entrata superano

Dettagli

Obesità: trattamento multidisciplinare ed educazione alimentare infantile

Obesità: trattamento multidisciplinare ed educazione alimentare infantile Obesità: trattamento multidisciplinare ed educazione alimentare infantile Corsi di formazione professionale per medici, nutrizionisti, psicologi ed insegnanti Diretto e coordinato dal prof. Luca Pecchioli

Dettagli

Confronto a 2 anni di follow-up tra diversione bilio-pancreatica con o senza gastroresezione nel trattamento chirurgico dell obesità patologica

Confronto a 2 anni di follow-up tra diversione bilio-pancreatica con o senza gastroresezione nel trattamento chirurgico dell obesità patologica ARTICOLI ORIGINALI Confronto a 2 anni di follow-up tra diversione bilio-pancreatica con o senza gastroresezione nel trattamento chirurgico dell obesità patologica Ann. Ital. Chir., 2008; 79: 241-246 Francesco

Dettagli

della secrezione di insulina, la soppressione della secrezione di glucagone, il rallentamento dello svuotamento gastrico, la riduzione dell

della secrezione di insulina, la soppressione della secrezione di glucagone, il rallentamento dello svuotamento gastrico, la riduzione dell Introduzione Il diabete mellito di tipo 2 rappresenta un problema medico estremamente rilevante per l ampia diffusione della patologia e per la morbilità a essa associata. Mentre si è affermata la necessità

Dettagli

Educazione alimentare

Educazione alimentare Università degli Studi di Torino Azienda Ospedaliera San Luigi di Orbassano Struttura Semplice Dipartimentale di Dietetica e Nutrizione Clinica Educazione alimentare Classificazione: entità Indice di massa

Dettagli

dal 2004 COVER STORY: IL FUTURO STEP BY STEP BRESCIAmensile della città anno 8 - n. 77 - Marzo 2012 - euro 3

dal 2004 COVER STORY: IL FUTURO STEP BY STEP BRESCIAmensile della città anno 8 - n. 77 - Marzo 2012 - euro 3 dal 2004 BRESCIAmensile della città anno 8 - n. 77 - Marzo 2012 - euro 3 COVER STORY: IL FUTURO STEP BY STEP CMP BRESCIA Spedizione in a. p. D.L 353/2003 (conv. in L.27/02/2004 n.46) art.1, comma 1, DCB

Dettagli

PROCEDURA ENDOSCOPICA DI POSIZIONAMENTO DI PALLONCINO INTRAGASTRICO. Modulo informativo per il paziente

PROCEDURA ENDOSCOPICA DI POSIZIONAMENTO DI PALLONCINO INTRAGASTRICO. Modulo informativo per il paziente PROCEDURA ENDOSCOPICA DI POSIZIONAMENTO DI PALLONCINO INTRAGASTRICO Modulo informativo per il paziente Il posizionamento di palloncino intragastrico è indicato per l uso temporaneo nella terapia mirata

Dettagli

LA DIETA NELLE PATOLOGIE CRONICHE. Do#. Antonio Verginelli

LA DIETA NELLE PATOLOGIE CRONICHE. Do#. Antonio Verginelli LA DIETA NELLE PATOLOGIE CRONICHE Do#. Antonio Verginelli In Italia, come in tu5 i Paesi a elevato livello socio- economico, le patologie non trasmissibili sono, a#ualmente quelle che incidono maggiormente

Dettagli

Il Sistema LAP-BAND TM Trattamento chirurgico dell obesità patologica

Il Sistema LAP-BAND TM Trattamento chirurgico dell obesità patologica Il Sistema LAP-BAND TM Trattamento chirurgico dell obesità patologica Secondo l Organizzazione Mondiale della Sanità oltre 1 miliardo di persone in tutto il mondo sono in sovrappeso, di queste almeno 300

Dettagli

Corso aggiornamento OMCT 19.1.2012 A.Kuhrmeier

Corso aggiornamento OMCT 19.1.2012 A.Kuhrmeier Corso aggiornamento OMCT 19.1.2012 A.Kuhrmeier It is predicted that over the course of the next 20 years obesity will be the #1 health problem throughout the world 4 Terapia a breve termine dell obesità

Dettagli

IL TRATTAMENTO CHIRURGICO DELL OBESITA PATOLOGICA

IL TRATTAMENTO CHIRURGICO DELL OBESITA PATOLOGICA IL TRATTAMENTO CHIRURGICO DELL OBESITA PATOLOGICA DIPARTIMENTO DI EMERGENZE/URGENZE, CHIRURGIA GENERALE E DEI TRAPIANTI UNITA OPERATIVA CHIRURGIA GENERALE Direttore: Prof. B. COLA CENTRO STUDI DI TERAPIA

Dettagli

Effetti metabolici della chirurgia bariatrica

Effetti metabolici della chirurgia bariatrica University of Pisa 1 th A.I.S.F. PRE-MEETING COURSE Liver Disease, Life Style and Behaviour School of Medicine Effetti metabolici della chirurgia bariatrica Stefania Camastra Dipartimento di Medicina Interna

Dettagli

Gestione della terapia ipoglicemizzante nel post-operatorio

Gestione della terapia ipoglicemizzante nel post-operatorio Gestione della terapia ipoglicemizzante nel post-operatorio Chiara Dal Prà Clinica Medica III Unità bariatrica Azienda Ospedaliera Padova Padova, 8 marzo 2014 Tecniche chirurgiche bariatriche

Dettagli

TRATTAMENTO CHIRURGICO DEL CARCINOMA ESOFAGEO NEL PAZIENTE CIRROTICO

TRATTAMENTO CHIRURGICO DEL CARCINOMA ESOFAGEO NEL PAZIENTE CIRROTICO Società Triveneta di Chirurgia Padova, 20 febbraio 2015 TRATTAMENTO CHIRURGICO DEL CARCINOMA ESOFAGEO NEL PAZIENTE CIRROTICO Valmasoni M., Pierobon E. S., De Pasqual C. A., Zanchettin G. Capovilla G.,

Dettagli

Diversione Bilio-Pancreatica con Conservazione e Restrizione Gastrica (Band-Inaro). Maurizio De Luca

Diversione Bilio-Pancreatica con Conservazione e Restrizione Gastrica (Band-Inaro). Maurizio De Luca Diversione Bilio-Pancreatica con Conservazione e Restrizione Gastrica (Band-Inaro). Maurizio De Luca Diversione Bilio-Pancreatica Duodenal Switch (DBP-DS) La DBP-DS, così come descritta per la prima volta

Dettagli

25/11/2009. scaricato da www.sunhope.it 1

25/11/2009. scaricato da www.sunhope.it 1 CHIRURGIA MININVASIVA Si propone di raggiungere gli stessi obiettivi delle tecniche chirurgiche classiche attraverso una via d accesso ad organi addominali o toracici che riduca al minimo il trauma chirurugico

Dettagli

2 CONVEGNO DIABESITA

2 CONVEGNO DIABESITA 2 CONVEGNO DIABESITA La co-morbidità nel paziente con diabesità Dott. Roberto Gualdiero 7 Giugno 2014- CAVA DEI TIRRENI Diabesità è il neologismo coniato dall OMS per sottolineare la stretta associazione

Dettagli

Prevalenza obesità (1)

Prevalenza obesità (1) Quale intervento in chirurgia bariatrica? Nicola Di Lorenzo Università di Roma Tor Vergata Prevalenza obesità (1) Prevalenza obesità in Italia Mortalità per obesità Rischio di mortalità 2.5 2.0 1.5 1 Cause

Dettagli

Indicazioni e risultati della chirurgia bariatrica. Università di Roma Tor Vergata

Indicazioni e risultati della chirurgia bariatrica. Università di Roma Tor Vergata Indicazioni e risultati della chirurgia bariatrica Università di Roma Tor Vergata Prevalenza obesità (1) Prevalenza obesità in Italia Il minor tasso di mortalità, da qualsiasi causa, tra la popolazione

Dettagli

Dieci anni di chirurgia bariatrica laparoscopica

Dieci anni di chirurgia bariatrica laparoscopica CAPITOLO 29 Dieci anni di chirurgia bariatrica laparoscopica Nicola Basso, Gianfranco Silecchia, Alessandro Pecchia Introduzione In 10 anni abbiamo accolto circa 2500 pazienti presso il Centro per il trattamento

Dettagli

PERCORSO MULTIDISCIPLINARE PER LA DIAGNOSI E LA CURA DELLA GRAVE OBESITÁ

PERCORSO MULTIDISCIPLINARE PER LA DIAGNOSI E LA CURA DELLA GRAVE OBESITÁ PERCORSO MULTIDISCIPLINARE PER LA DIAGNOSI E LA CURA DELLA GRAVE OBESITÁ La diffusione dell obesità ha ormai assunto i connotati di un epidemia su scala mondiale interessando sia i Paesi occidentali che

Dettagli

FARMACISTA IN CORSIA: L ESPERIENZA DELL U.O.S.C. DI CHIRURGIA GENERALE E AD INDIRIZZO ENDOCRINOLOGICO

FARMACISTA IN CORSIA: L ESPERIENZA DELL U.O.S.C. DI CHIRURGIA GENERALE E AD INDIRIZZO ENDOCRINOLOGICO FARMACISTA IN CORSIA: L ESPERIENZA DELL U.O.S.C. DI CHIRURGIA GENERALE E AD INDIRIZZO ENDOCRINOLOGICO Dr. Maurizio De Palma irettore U.O.S.C. di Chirurgia Generale e ad indirizzo Endocrinologico LA FARMACISTA

Dettagli

COMPLICANZE A 30 GIORNI DA COLECISTECTOMIA LAPAROSCOPICA IN DAY SURGERY PROTOCOLLO OPERATIVO

COMPLICANZE A 30 GIORNI DA COLECISTECTOMIA LAPAROSCOPICA IN DAY SURGERY PROTOCOLLO OPERATIVO COMPLICANZE A 30 GIORNI DA COLECISTECTOMIA LAPAROSCOPICA IN DAY SURGERY PROTOCOLLO OPERATIVO - Definizione Per struttura di ricovero o area di residenza: proporzione di ricoveri per colecistectomia laparoscopica

Dettagli

Ruolo del palloncino intragastrico in chirurgia bariatrica

Ruolo del palloncino intragastrico in chirurgia bariatrica G.Chir. Vol. 27 - n. 1/2 - pp. 53-58 Gennaio-Febbraio 2006 Ruolo del palloncino intragastrico in chirurgia bariatrica F. TOSATO, L. CARNEVALE, I. MONSELLATO, N. MARTONE, I. MARTIRE, G. LEONARDO, L. PALOMBI,

Dettagli

Dipartimento di Endocrinologia e Metabolismo, Sezione Diabetologia e Malattie del Metabolismo, Università di Pisa

Dipartimento di Endocrinologia e Metabolismo, Sezione Diabetologia e Malattie del Metabolismo, Università di Pisa Opinioni a confronto A cura di Stefano Del Prato Dipartimento di Endocrinologia e Metabolismo, Sezione Diabetologia e Malattie del Metabolismo, Università di Pisa Chirurgia bariatrica per il diabetico

Dettagli

CHIRURGIA DELL OBESITA

CHIRURGIA DELL OBESITA Centro Multidisciplinare di CHIRURGIA DELL OBESITA OSPEDALE UMBERTO PARINI Viale Ginevra 3 11100 Aosta L équipe multidisciplinare di chirurgia bariatrica: CHIRURGIA GENERALE Direttore: R. Allieta Responsabile

Dettagli

Diabete Mellito di tipo 2 e Sindrome Metabolica

Diabete Mellito di tipo 2 e Sindrome Metabolica Cuneo 8-9 ottobre 2004 La Sindrome Metabolica: una sfida per l area endocrino-metabolica Diabete Mellito di tipo 2 e Sindrome Metabolica Luca Monge SOC MM e Diabetologia AO CTO-CRF-ICORMA Torino 1. Contratto

Dettagli

Re-do dopo chirurgia restrittiva: insuccessi e complicanze postoperatorie in chirurgia bariatrica

Re-do dopo chirurgia restrittiva: insuccessi e complicanze postoperatorie in chirurgia bariatrica CAPITOLO 24 Re-do dopo chirurgia restrittiva: insuccessi e complicanze postoperatorie in chirurgia bariatrica Umberto Parini, Massimiliano Fabozzi, Riccardo Brachet Contul, Elena Lale-Murix, Andrea Loffredo,

Dettagli

Data. Reparto.. Ospedale. Città provincia

Data. Reparto.. Ospedale. Città provincia S. I. C. OB. Società Italiana di Chirurgia dell Obesità OB. CONSENSO INFORMATO per INTERVENTO DI CHIRURGIA DELL OBESITÀ Da allegare alla cartella clinica numero Di. Nome Cognome Data. Reparto.. Ospedale

Dettagli

CHE COS E L OBESITA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L OBESITA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L OBESITA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico della

Dettagli

GASTRIC BANDING VS SLEEVE GASTRECTOMY: ANATOMIA DI UN DILEMMA

GASTRIC BANDING VS SLEEVE GASTRECTOMY: ANATOMIA DI UN DILEMMA GASTRIC BANDING VS SLEEVE GASTRECTOMY: ANATOMIA DI UN DILEMMA 1986 Kuzmak: anello con camera gonfiabile 1991 Belachew: laparoscopia 1992 Catona e Cadiere: prime publicazioni 1995 FDA GASTRIC BANDING 15

Dettagli

INCONTRO CON L ASSOCIAZIONE DEI DIABETICI SANVITESI

INCONTRO CON L ASSOCIAZIONE DEI DIABETICI SANVITESI INCONTRO CON L ASSOCIAZIONE L DEI DIABETICI SANVITESI Dott. Nazzareno Trojan diabetologo ed endocrinologo Ospedale Santa Maria dei Battuti San Vito al Tagliamento DIABETE MELLITO TRANSIZIONE EPIDEMIOLOGICA

Dettagli

REGGIO CALABRIA 11-13 MAGGIO 2011

REGGIO CALABRIA 11-13 MAGGIO 2011 AULE DEL CONSIGLIO REGIONALE DELLA CALABRIA REGGIO CALABRIA 11-13 MAGGIO 2011 CONSIGLIO DIRETTIVO SICOB Presidente Onorario Presidente Presidente Eletto Past President Vice Presidente Vice Presidente Segretario

Dettagli

Diversione bilio-pancreatica con duodenal switch per via laparoscopica: le complicanze specifiche

Diversione bilio-pancreatica con duodenal switch per via laparoscopica: le complicanze specifiche CAPITOLO 21 Diversione bilio-pancreatica con duodenal switch per via laparoscopica: le complicanze specifiche Gianfranco Silecchia, Mario Rizzello, Giovanni Casella, Nicola Basso Introduzione La variante

Dettagli

L IMPORTANZA DELLA DIETOTERAPIA NELLA MALNUTRIZIONE. Linee Guida Nutrizionali in ambito Chirurgico SERVIZIO DIETETICO

L IMPORTANZA DELLA DIETOTERAPIA NELLA MALNUTRIZIONE. Linee Guida Nutrizionali in ambito Chirurgico SERVIZIO DIETETICO L IMPORTANZA DELLA DIETOTERAPIA NELLA MALNUTRIZIONE Linee Guida Nutrizionali in ambito Chirurgico SERVIZIO DIETETICO MALNUTRIZIONE E DEFINITA COME QUALSIASI DISORDINE DELLO STATO NUTRIZIONALE,INCLUSI DISORDINI

Dettagli

IDEA PROGETTUALE di Federica Burattini

IDEA PROGETTUALE di Federica Burattini IDEA PROGETTUALE di Federica Burattini Disturbi del comportamento alimentare. Con le locuzioni Disturbi del Comportamento Alimentare (DCA) si indicano tutte quelle problematiche, di pertinenza principalmente

Dettagli

Obesità. e soluzione. del problema. Test di autovalutazione. Che cos è l obesità? Quali sono le cause? Le soluzioni chirurgiche A chi rivolgersi

Obesità. e soluzione. del problema. Test di autovalutazione. Che cos è l obesità? Quali sono le cause? Le soluzioni chirurgiche A chi rivolgersi per la vostra Salute GUIDE PRATICHE Centro Unico di Prenotazione (CUP): tel. 02 86 87 88 89 Dal Lunedì al Venerdì, dalle 8.00 alle 17.30 Sabato dalle 8.00 alle 12.00 Ospedale San Giuseppe Via S. Vittore,

Dettagli

CENTRO PER LA TERAPIA DELLA OBESITÀ E DEL SOVRAPPESO SOVRAPPESO E OBESITÀ CAUSE CONSEGUENZE TERAPIE. www.lucapecchioli.it

CENTRO PER LA TERAPIA DELLA OBESITÀ E DEL SOVRAPPESO SOVRAPPESO E OBESITÀ CAUSE CONSEGUENZE TERAPIE. www.lucapecchioli.it CENTRO PER LA TERAPIA DELLA OBESITÀ E DEL SOVRAPPESO CENTRO PER LA TERAPIA DELLA OBESITÀ E DEL SOVRAPPESO SOVRAPPESO E OBESITÀ CAUSE CONSEGUENZE TERAPIE LE CAUSE DELL OBESITÀ Dall interazione di fattori

Dettagli

Piani terapeutici e dosaggi: la prescrizione dei nuovi farmaci anticoagulanti

Piani terapeutici e dosaggi: la prescrizione dei nuovi farmaci anticoagulanti Piani terapeutici e dosaggi: la prescrizione dei nuovi farmaci anticoagulanti Nicoletta Riva Centro di Ricerca Malattie Tromboemboliche e Terapie Antitrombotiche Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale,

Dettagli

POLICLINICO MILITARE DI ROMA DIRETTORE MAGG. GEN. M.A. GERMANI

POLICLINICO MILITARE DI ROMA DIRETTORE MAGG. GEN. M.A. GERMANI POLICLINICO MILITARE DI ROMA DIRETTORE MAGG. GEN. M.A. GERMANI 1 DISLIPIDEMIA NEL SOGGETTO AFFETTO DA SINDROME COL.ME ALTAMORE GIUSEPPE POLICLINICO MILITARE CELIO DIPARTIMENTO DI MEDICINA CAPO U.O.C. DI

Dettagli

TRATTAMENTO LAPAROSCOPICO DEL CARCINOMA DELL UTERO. Anna Myriam Perrone. myriam.perrone@aosp.bo.it

TRATTAMENTO LAPAROSCOPICO DEL CARCINOMA DELL UTERO. Anna Myriam Perrone. myriam.perrone@aosp.bo.it TRATTAMENTO LAPAROSCOPICO DEL CARCINOMA DELL UTERO Anna Myriam Perrone myriam.perrone@aosp.bo.it SSD Oncologia Ginecologica Responsabile dr. P. DE IACO Azienda ospedaliero-universitaria S. Orsola Malpighi

Dettagli

ALIMENTAZIONE e STATO di SALUTE a LUNGO TERMINE

ALIMENTAZIONE e STATO di SALUTE a LUNGO TERMINE ALIMENTAZIONE e STATO di SALUTE a LUNGO TERMINE GIACOMO FALDELLA Dip. Scienze Ginecologiche, Ostetriche e Pediatriche - Università di Bologna Nutrizione infantile 1 EFFETTI IMMEDIATI 2 EFFETTI A LUNGO

Dettagli

Società Italiana di Chirurgia dell Obesità e delle malattie metaboliche

Società Italiana di Chirurgia dell Obesità e delle malattie metaboliche Società Italiana di Chirurgia dell Obesità e delle malattie metaboliche www.sicob.org Società Italiana di Chirurgia dell Obesità e delle malattie metaboliche (S.I.C.OB.): linee guida e stato dell arte

Dettagli

OBESITA, DIABETE E IPERTENSIONE : I MATTONI DELLE MALATTIE CARDIOVASCOLARI. Costanza Grasso Cardiologia 2 - AO Città della Salute e della Scienza

OBESITA, DIABETE E IPERTENSIONE : I MATTONI DELLE MALATTIE CARDIOVASCOLARI. Costanza Grasso Cardiologia 2 - AO Città della Salute e della Scienza OBESITA, DIABETE E IPERTENSIONE : I MATTONI DELLE MALATTIE CARDIOVASCOLARI Costanza Grasso Cardiologia 2 - AO Città della Salute e della Scienza OBIETTIVI DELLA PRESENTAZIONE Malattia cardiovascolare:

Dettagli

Com. Scien. Ass. Giuseppe Dossetti: i Valori Sviluppo e Tutela dei Diritti Cardiologa A.C.O. S. Filippo Neri, Roma

Com. Scien. Ass. Giuseppe Dossetti: i Valori Sviluppo e Tutela dei Diritti Cardiologa A.C.O. S. Filippo Neri, Roma DOTT.SSA CINZIA CIANFROCCA Com. Scien. Ass. Giuseppe Dossetti: i Valori Sviluppo e Tutela dei Diritti Cardiologa A.C.O. S. Filippo Neri, Roma PREVENIRE E MEGLIO CHE CURARE: LA PREVENZIONE DELLE PATOLOGIE

Dettagli

APPROPRIATEZZA PRESCRITTIVA

APPROPRIATEZZA PRESCRITTIVA APPROPRIATEZZA PRESCRITTIVA L 80% degli eventi cardiovascolari che insorgono prima dei 75 anni è prevenibile Nel 2011 diminuisce del -3,1% l aderenza alle terapie per l ipertensione: i liguri i meno assidui;

Dettagli

Sindrome metabolica e terapie antitumorali

Sindrome metabolica e terapie antitumorali Sindrome metabolica e terapie antitumorali SCDU Endocrinologia Oncologica AO Città della Salute e della Scienza di Torino Molinette - COES Sopravvivenza complessiva a 5 anni tutti i tumori, pazienti adulti:

Dettagli

La fenotipizzazione e la stratificazione dei pazienti diabetici Un nuovo modello di approccio gestionale per migliorare l assistenza

La fenotipizzazione e la stratificazione dei pazienti diabetici Un nuovo modello di approccio gestionale per migliorare l assistenza La fenotipizzazione e la stratificazione dei pazienti diabetici Un nuovo modello di approccio gestionale per migliorare l assistenza Gerardo Medea Area Metabolica SIMG Brescia Pz diabetici complessità

Dettagli

Condizioni e fattori di rischio di DMT2

Condizioni e fattori di rischio di DMT2 Condizioni e fattori di rischio di DMT2 IFG o IGT o pregresso diabete gestazionale Età >45 anni, specie se con BMI >25 od obesità centrale Età 25) e una o più fra le seguenti

Dettagli

AMD IV Convegno Nazionale Centro Studi e Ricerche Fondazione

AMD IV Convegno Nazionale Centro Studi e Ricerche Fondazione AMD IV Convegno Nazionale Centro Studi e Ricerche Fondazione La Clinical Governance in Diabetologia Cernobbio 8 10 ottobre 2008 Target glicemico e outcomes cardiovascolari: lo studio QUASAR e le evidenze

Dettagli

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione 3 Maggio 2012 Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione Emanuele Miraglia del Giudice Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Pediatria

Dettagli

Controllo della Dislipidemia

Controllo della Dislipidemia Padova, 7 Marzo 2014 - Ex Ospedale Militare Terapia Farmacologica del Paziente Diabetico Dopo Chirurgia Controllo della Dislipidemia ALBERTO ZAMBON DIPARTIMENTO DI MEDICINA UNIVERSITA DI PADOVA Terapia

Dettagli

IL RISCHIO CARDIOVASCOLARE GLOBALE: IL CRUSCOTTO DEL CUORE

IL RISCHIO CARDIOVASCOLARE GLOBALE: IL CRUSCOTTO DEL CUORE Lega Friulana per il Cuore IL RISCHIO CARDIOVASCOLARE GLOBALE: IL CRUSCOTTO DEL CUORE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

Obesità Patologica. e bendaggio gastrico 25. Definizione dell obesità patologica IMC. Newsletter IMC=40

Obesità Patologica. e bendaggio gastrico 25. Definizione dell obesità patologica IMC. Newsletter IMC=40 Obesità patologica e bendaggio gastrico 25 L obesità patologica si sta evolvendo su scala epidemica e mondiale, ed alcuni osservatori la considerano già il male del secolo. Oggi i pazienti obesi possono

Dettagli

Michele Bombelli Clinica Medica. Università degli Studi Milano Bicocca Ospedale S.Gerardo, Monza

Michele Bombelli Clinica Medica. Università degli Studi Milano Bicocca Ospedale S.Gerardo, Monza 21 marzo IV Sessione: Rischio Cardiovascolare e infezione da HIV Michele Bombelli Clinica Medica Università degli Studi Milano Bicocca Ospedale S.Gerardo, Monza Le nuove linee guida ACC/AHA sul trattamento

Dettagli

L OMS ha promosso dal 1992 azioni volte alla valutazione ed alla gestione del dolore dei pazienti ricoverati in ospedale

L OMS ha promosso dal 1992 azioni volte alla valutazione ed alla gestione del dolore dei pazienti ricoverati in ospedale Dolore acuto postoperatorio: p alleanza fra professionisti Giovanni Vitale Lauretta Bolognesi Da anni si discute sulla necessità di rendere i luoghi di cura ambienti sicuri, ove la persona malata possa

Dettagli

INFERMIERISTICA CLINICA IN CHIRURGIA

INFERMIERISTICA CLINICA IN CHIRURGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Dipartimento discipline medico-chirurgiche, Scienze radiologiche e Sanità Pubblica CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA INFERMIERISTICA CLINICA IN CHIRURGIA 1. Riferimenti

Dettagli

Studio Re.mo.te "A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type

Studio Re.mo.te A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type Studio Re.mo.te "A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type 2 diabetes" Protocollo di Studio:durata e campione La

Dettagli

L IMPORTANZA DELLA DIETOTERAPIA NELLA MALNUTRIZIONE IN AMBITO CHIRURGICO

L IMPORTANZA DELLA DIETOTERAPIA NELLA MALNUTRIZIONE IN AMBITO CHIRURGICO L IMPORTANZA DELLA DIETOTERAPIA NELLA MALNUTRIZIONE IN AMBITO CHIRURGICO PREPARAZIONE DEL PAZIENTE CHIRURGICO:MISURE PREVENTIVE PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI DEL SITO CHIRURGICO SERVIZIO DIETETICO Dietista

Dettagli

La diversione bilio-pancreatica 30 anni dopo

La diversione bilio-pancreatica 30 anni dopo CAPITOLO 22 La diversione bilio-pancreatica 30 anni dopo Nicola Scopinaro State contenti, umana gente, al quia; ché se potuto aveste veder tutto, mestier non era parturir Maria; Dante Alighieri, Divina

Dettagli

Diploma Maturità Scientifica Laurea in Medicina e Chirurgia Specializzazione Medicina Interna

Diploma Maturità Scientifica Laurea in Medicina e Chirurgia Specializzazione Medicina Interna INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome Bitti Giuseppina Data di Nascita 20/01/1963 Qualifica Dirigente Medico I Livello Amministrazione ASUR ZT 11 FERMO Incarico attuale aterosclerosi Numero telefonico dell

Dettagli

Esperienza pluriennale con l intervento di Mason-Mc Lean per il trattamento dell Obesità

Esperienza pluriennale con l intervento di Mason-Mc Lean per il trattamento dell Obesità Esperienza pluriennale con l intervento di Mason-Mc Lean per il trattamento dell Obesità Nicola Picardi, Franco Relmi, Teresa Rea, Sonia Di Paolo, Gianni Sigismondi Ann. Ital. Chir., 2005; 76: 439-444

Dettagli

L esercizio fisico, un nuovo farmaco: La prevenzione nel diabete di tipo 2

L esercizio fisico, un nuovo farmaco: La prevenzione nel diabete di tipo 2 L esercizio fisico, un nuovo farmaco: La prevenzione nel diabete di tipo 2 Bologna 22 febbraio 2014 Ida Blasi Diabetologia & Metabolismo U.O. C. di Medicina Interna Direttore: Stefano Bombarda Ospedale

Dettagli

La terapia della Malattia da reflusso gastroesofageo. Giorgio Menardo U.O : Medicina Interna e Gastroenterologia Ospedale San Paolo SAVONA

La terapia della Malattia da reflusso gastroesofageo. Giorgio Menardo U.O : Medicina Interna e Gastroenterologia Ospedale San Paolo SAVONA La terapia della Malattia da reflusso gastroesofageo Giorgio Menardo U.O : Medicina Interna e Gastroenterologia Ospedale San Paolo SAVONA OBBIETTIVI DELLA TERAPIA Alleviare i sintomi Guarire le lesioni

Dettagli

Jama, 2001, 285(19):2486-2496

Jama, 2001, 285(19):2486-2496 Sommariio esecutiivo delllle lliinee-guiida ATP-III per lla prevenziione delllle mallattiie coronariiche Jama, 2001, 285(19):2486-2496 FASE 1. DETERMINARE IL PROFILO LIPIDICO-LIPOPROTEICO NEL SOGGETTO

Dettagli