TRATTAMENTO CHIRURGICO DELL OBESITA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TRATTAMENTO CHIRURGICO DELL OBESITA"

Transcript

1 TRATTAMENTO CHIRURGICO DELL OBESITA Giuliano Sarro Responsabile U.O. Chirurgia Generale Ospedale Cantù Abbiategrasso Centro di Chirurgia Bariatrica - A.O. Legnan

2 LINEE GUIDA SICOB 2015 E la chirurgia laparoscopica elemento imprescindibile della chirurgia bariatrica, in termini di riduzione della mortalità e della morbilità? TALE APPROCCIO GARANTISCE I MIGLIORI RISULTATI POSTOPERATORI IMMEDIATI LA CHIRURGIA BARIATRICA DEVE ESSERE PIANIFICATA CON TECNICA LAPAROSCOPICA LIV 2 R A

3 LINEE GUIDA SICOB 2015 Quali interventi di chirurgia bariatrica devono essere considerati consolidati e di riferimento? BENDAGGIO GASTRICO REGOLABILE LIV 2 RA SLEEVE GASTRECTOMY LIV 2 RA BY-PASS GASTRICO LIV1 RA DBP SEC.SCOPINARO LIV 2 RA DBP CON DUODENAL SWITCH LIV 2 RA BY-PASS BILIO- INTESTINALE LIV 3 RC

4 BENDAGGIO GASTRICO REGOLABILE L intervento consta nel posizionamento di una protesi circolare regolabile in materiale siliconico attorno alla porzione superiore dello stomaco in modo da ottenere la creazione di un piccolo neostomaco che accoglierà il cibo proveniente dall esofago. Il bendaggio viene fatto passare attraverso la pars- flaccida del piccolo omento. Questo approccio è da preferirsi all approccio perigastrico data la minore incidenza di complicanze (2; 3) (2A). LIV 2 RA VANTAGGI Induce una media di 40-60% EWL anche se in una certa percentuale dei casi risulta inefficace nel lungo termine (4) (5; 6; 7) (2A) E la procedura che ha la minore incidenza di complicanze e di mortalità peri-operatoria tra gli interventi bariatrici (8; 9; 10; 11; 12);(2A) Non si hanno deficit nutrizionali e si ha un miglioramento dello stato metabolico anche senza un chiaro meccanismo ormonale (13; 14; 15; 16; 17; 18) (2A) E reversibile e regolabile e non comporta tagli o anastomosi dei visceri così che anche i tempi di ospedalizzazione sono ridotti; SVANTAGGII Perdita di peso percentualmente minore rispetto ad altre procedure bariatriche (9; 7)(1A); E necessaria una buona compliance da parte del paziente sia in termini di attinenza alle prescrizioni dietetiche sia in termini di disponibilità a cambiare il comportamento alimentare e proseguire il follow up (19) (3C) A lungo termine si riscontra una maggiore percentuale di complicanze e di reintervento (20; 9)(2A) High failure rate of the laparoscopic-adjustable gastric band as a primary bariatric procedure. Kindel T1, Martin E2, Hungness E2, Nagle A2. S (13) , 2013 Dec 6, Vol. Surg Obes Relat Dis /j.soard Long-term results after laparoscopic adjustable gastric banding: a mean fourteen year follow-up study. Aarts EO1, Dogan K2, Koehestanie P2, Aufenacker TJ2, Janssen IM2, Berends FJ2. 10(4):633-40, 2014 Jul-Aug, Vol. Surg Obes Relat Dis /j.soard

5 COMPLICANZE BENDAGGIO GASTRICO REGOLABILE INTERVENTI LIV 2 RA??? Basse percentuali

6 PLICATURA GASTRICA VANTAGGI SVANTAGGI INTERVENTO TEORICAMENTE REVERSIBILE; NON SI ESEGUE NESSUN TAGLIO SULLO STOMACO; EWL >50% A 1 ANNO; (38; 39; 40; 41) 2A OLTRE ALLE MODIFICHE NEL VOLUME DELLO STOMACO SONO PRESENTI MODIFICHE NELLA SECREZIONE DEGLI ORMONI INTESTINALI; (42) 2B ATTUALMENTE NON È STATA RIPORTATA IN LETTERATURA NESSUNA MORTALITÀ POST- OPERATORIA (43) 2A ECONOMICAMENTE VANTAGGIOSA RISPETTO ALLE ALTRE PROCEDURE BARIATRICHE QUI DESCRITTE. (44) 1A SI HA UNA EWL NEL BREVE PERIODO LEGGERMENTE MINORE ALLA SLEEVE GASTRECTOMY (45; 46) 2B ANCHE SE QUESTO DIVARIO TENDE AD UNIFORMARSI CON L ANDARE DEL TEMPO (47) 3C; ESISTONO POCHISSIMI STUDI SUL FOLLOW UP NEL LUNGO PERIODO (DOVE QUESTI TENDONO A CONFERMARE UN MANTENIMENTO DELL EWL ATTORNO AL 50%) (47) 3C LIV 3 RC

7 COMPLICANZE PLICATURA GASTRICA 318 INTERVENTI LIV 3 RC

8 PLICATURA GASTRICA LINEE GUIDA SICOB 2015 Modificare le dimensioni dello stomaco senza eseguire tagli sullo stesso Può essere eseguito anche endoscopicamente Esecuzione di 2 invaginazioni a) punti staccati non riassorbibili b) continua a punti non riassorbibili dall angolo di His fino a 5 cm. dal piloro Sonda calibratrice da 32 a 36 French Dal punto di vista metabolico migliora il controllo glicemico ed il profilo metabolico ma i risultati a lungo termine sono ancora in fase di studio LIV 3 RC

9 SLEEVE GASTRECTOMY LINEE GUIDA SICOB 2015 LIV 2 RA VANTAGGI -Agisce con un duplice meccanismo, restrittivo ed ormonale (25; 26; 27)1A; -Induce un rapido calo ponderale con EWL>50% con un buon mantenimento nel lungo termine (28; 29; 30; 31; 32) 2A; -Non prevede l introduzione di corpi estranei o il confezionamento di anastomosi digestive; -Può essere convertito in bypass o diversione bilio-pancreatica (33; 34). SVANTAGGI Tasso di complicanze e di mortalità peri-operatoria maggiore rispetto al bendaggio gastrico (12) 1A; è un intervento non reversibile; può creare a lungo termine deficit vitaminici e minerali (18) 2B. Laparoscopic sleeve gastrectomy, 529 cases without a leak: short-term results and technical considerations. Bellanger DE, Greenway FL. 21: , 2011, Obes Surg.

10 COMPLICANZE SLEEVE GASTRECTOMY LIV 2 RA INTERVENTI 2004/2015??? e le fistole?

11 SLEEVE GASTRECTOMY LINEE GUIDA SICOB 2015 L asportazione del fondo gastrico è sempre necessaria Il calibro della sonda non incide sull efficacia dell intervento: non dovrebbe essere comunque superiore ai 40 FR L utilizzo di coagulatori ad ultrasuoni o radiofrequenza non incide sul decorso dell intervento Il tipo di suturatrice lineare utilizzata non modifica l efficacia dell intervento e l incidenza delle complicanze Il tipo di carica deve essere riferito allo spessore del tessuto: preferite cariche verdi-oro per la regione antrale, oro blu per quelle verso il corpofondo Il ricorso ad un sopraggitto o un affondamento della linea di sutura pare non modifichi l incidenza delle complicanze (leak e sanguinamento) Medesimo discorso per l utilizzo di colle o altro materiale di rinforzo LIV 2 RA All intervento può essere riconosciuto un effetto metabolico legato all effetto grelina sia centrale che periferico

12 BYPASS GASTRICO LINEE GUIDA SICOB 2015 È ATTUALMENTE LA PROCEDURA BARIATRICA PIÙ PRATICATA AL MONDO SI HA UNA IMPORTANTE RESTRIZIONE GASTRICA CHE DETERMINA UNA MINORE ASSUNZIONE DI CIBO. TASCA GASTRICA (20-30 ML) È PRESENTE UN FATTORE MALASSORBITIVO GRAZIE ALL ACCORCIAMENTO DEL SEGMENTO ENTERICO NEL QUALE TRANSITANO I NUTRIENTI DA ASSORBIRE LIV 1 RA Laparoscopic Roux-en-Y Gastric Bypass Versus Laparoscopic Sleeve Gastrectomy for the Treatment of Morbid Obesity. A Prospective Study with 5 Years of Follow-Up. Leyba JL1, Llopis SN, Aulestia SN Jul 11, Vol. Obes Surg. VANTAGGI EWL TRA IL 60 E L 80% CON UN MANTENIMENTO SUPERIORE AL 50% NEL LUNGO TERMINE (51; 52; 53)1A; AGISCE ATTRAVERSO TRE MECCANISMI: RESTRITTIVO, MALASSORBITIVO E ORMONALE (17; 54)2A; PIÙ EFFICACE NEL BREVE TERMINE NEL MIGLIORARE IL CONTROLLO GLICEMICO ED IL PROFILO METABOLICO DEL PAZIENTE RISPETTO ALLE ALTRE PROCEDURE RESTRITTIVE (55; 56; 57; 58). 1A SVANTAGGI NON REVERSIBILE; TASCA GASTRICA NON PIÙ ACCESSIBILE TRAMITE LE CLASSICHE TECNICHE DI GASTROSCOPIA; TECNICAMENTE PIÙ COMPLESSO DEI PRECEDENTI CON UN TASSO DI COMPLICANZE E DI MORTALITÀ PERI OPERATORIA MAGGIORE RISPETTO ALLE PRECEDENTI TECNICHE (59; 60; 61; 62; 63)2B; INDUCE UNA DEFICIENZA DI VITAMINA B12, FERRO, FOLATI, ZINCO, CALCIO PER CUI È NECESSARIA UNA RIGOROSA ATTINENZA ALLA DIETA ED UNA SUPPLEMENTAZIONE PER TUTTA LA VITA (64; 65; 18) 2B

13 BYPASS GASTRICO COMPLICANZE SICOB INTERVENTI LIV 1 RA??? e le fistole?

14 BYPASS GASTRICO LINEE GUIDA SICOB 2015 Se il tratto di ansa alimentare bypassato sia superiore ai 200 cm l intervento assume caratteristiche progressivamente malassorbitive LIV 1 RA L ansa alimentare viene per lo più postata nello spazio sovramesocolico in posizione ante colica ma non vi è evidenza che ciò influisca sul decorso dell intervento Viene dalla maggior parte degli Autori consigliata la chiusura dei mesi e dello spazio di Petersen Le varianti tecniche come il Banded Gastric Bypass, il Bypass Gastrico su Gastroplastica Verticale, il Bypass Gastrico Funzionale" ed il Bypass Gastrico Distale hanno lo scopo di assicurare nel tempo la componente restrittiva e di consentire lo studio dello stomaco escluso non influendo sul rationale dell intervento All intervento viene riconosciuto un effetto metabolico rilevante legato alla variazione dell increzione degli enterormoni (+GLP1 e del PYY) con recupero della riserva pancreatica ed un miglioramento del rischio cardiovascolare per un aumento della secrezione del brain natriuretic peptide, valore prognostico per l insufficienza cardio circolatoria.

15 LINEE GUIDA SICOB 2015 VARIANTI TECNICHE DEL BY PASS GASTRICO BY-PASS GASTRICO CON FUNDECTOMIA E ESPLORAZIONE DELLO STOMACO SEC. LESTI LIV.3 RC BY-PASS GASTRICO SECONDO AMENTA-CARIANI LIV. 3 RB BY PASS FUNZIONALE F.F:?

16 MGB / OAGB LAPAROSCOPICO (4-5 TROCAR) TASCA GASTRICA MAX ML GASTRODIGIUNO ANASTOMOSI CM DAL DUODENO L-L ANASTOMOSI OMEGA LOOP 220 CM LO STOMACO ED IL DUODENO VENGONO ESCLUSI COMPLETAMENTE DAL TRANSITO DEGLI ALIMENTI VANTAGGI SVANTAGGI DIMAGRIMENTO RAPIDO CON UNA EWL DEL 60-70% E CON UN BUON MANTENIMENTO NEL TEMPO ; CONFEZIONAMENTO DI UN UNICA ANASTOMOSI; MIGLIORAMENTO DEL QUADRO METABOLICO DEL PAZIENTE. INTERVENTO LO STOMACO ESCLUSO, IL DUODENO E LE VIE BILIARI NON SONO PIÙ ESPLORABILI CON LE METODICHE TRADIZIONALI. È MEGLIO MANTENERE UNA DIETA IPERPROTEICA, IPO O NORMOLIPIDICA ED IPOGLUCIDICA PER LIMITARE GLI EFFETTI COLLATERALI IIIC; LIV 3 LIV 2 RB TECNICA SEMPLICE E SICURA EFFETTI COLLATERALI COME ANEMIA ULCERA, GASTRITE BILIARE. È NECESSARIO UNO STRETTO FOLLOW-UP.

17 COMPLICANZE MINI GASTRIC BYPASS 801 Interventi LIV 2 RB??? e le fistole?

18 MGB / OAGB LINEE GUIDA SICOB 2015 Il mini by-pass determina un calo del peso corporeo con il meccanismo della riduzione della quantità di cibo introdotta associata ad un certo grado di malassorbimento, garantito dal confezionamento di una gastro-enteroanastomosi a cm dal duodeno. Il passaggio di cibo appena masticato, ma non digerito, in un tratto di intestino che non era abituato a riceverlo in questa forma, determina una stimolazione che genera un senso di sazietà precoce di grado variabile. Analogamente al by-pass gastrico anche nel mini by-pass gastrico lo stomaco ed il duodeno vengono esclusi completamente dal transito degli alimenti Dopo questo intervento lo stomaco escluso, il duodeno e le vie biliari non sono più esplorabili con le metodiche tradizionali. LIV 2 RB All intervento può essere riconosciuto un ruolo metabolico. L esclusione dello stomaco riduce i livelli di grelina in circolo e l esclusione del duodeno dal cibo elimina la risposta fisiologica intestinale di secrezione di ormoni come glucagone,colecistochinina ed enzimi biliopancreatici e di contro si assiste ad un aumento di GLP1 e PYY che aiutano nella perdita di peso e nel miglioramento della sindrome metabolica.

19 BYPASS BILIOINTESTINALE LIV 3 RC VANTAGGI DIMAGRIMENTO RAPIDO CON UNA EWL DEL 60-70% E CON UN BUON MANTENIMENTO NEL TEMPO (8; 9; 10) IIIA; IMPORTANTE MALASSORBIMENTO DEI GRASSI (3) IIIA; MIGLIORAMENTO DEL QUADRO METABOLICO DEL PAZIENTE (8; 9; 10) IIA. REVERSIBILE; SVANTAGGI IL MALASSORBIMENTO PUÒ CAUSARE UNA DEPLEZIONE DI MINERALI, VITAMINE ED OLIGOELEMENTI CHE NECESSITANO DI INTEGRAZIONI DIETETICHE (11) IIIB; È MEGLIO MANTENERE UNA DIETA IPERPROTEICA, IPO O NORMOLIPIDICA ED IPOGLUCIDICA PER LIMITARE GLI EFFETTI COLLATERALI IIIC; EFFETTI COLLATERALI COME ECCESSIVE SCARICHE DIARROICHE, CALCOLOSI RENALE, ALTERAZIONI EPATICHE, ARTRITI E GAS BLOAT SYNDROME (12) IIIC; È NECESSARIO UNO STRETTO FOLLOW-UP MEDICO. IIB Bilio-intestinal bypass for the treatment of obesity. Della Barba A1, Lenna G, Vellini S, Maino M, De Simone M, Piegai F, Riggio E, Pappalardo RA. 66(3):169-75, 2011 Jun, Vol. Minerva Chir.

20 COMPLICANZE BYPASS BILIOINTESTINALE LIV 3 RC 728 INTERVENTI

21 COMPLICANZE BYPASS BILIOINTESTINALE LIV 3 RC Proctologici (aniti, ragadi, emorroidi, fistole ed ascessi perianali). Nel 9% dei pazienti trattati vi è la necessità di un intervento chirurgico Diarrea persistente nei primi 6 mesi post-operatori, refrattaria a trattamento dietetico e farmacologico, si registra nel 5% dei pazienti Calcolosi renale (8.5%), colelitiasi (3%), coliche gassose (4.6%), quadro malnutritivo (1.5%) Laparocele che compare nel 15% dei pazienti, e l avvento della tecnica mininvasiva di fatto migliora tale complicanza (ma incidenza di ernie su trocar rispetto al normopeso) The Bilio intestinal Bypass G.MICHELETTO, G.ROVIARO,E.LATTUADA, M.A.ZAPPA,E.MOZZI, M.PERRINI,MC LIBRENTI,S.B.DOLDI OBESITY SURGERY,16,4,109,422,2006 The biliointestinal bypass: a thirty-years experience. Micheletto G1, Badiali M, Danelli PG, Sacco R, Sala B, Doldi SB. 79(6): , 2008 Nov-Dec, Vol. Ann Ital Chir.

22 BYPASS BILIO INTESTINALE LINEE GUIDA SICOB 2015 È un intervento puramente malassorbitivo. È l evoluzione del bypass digiuno ileale che ad oggi è in disuso a causa delle gravose complicanze L intervento consiste nella sezione del digiuno dopo i primi cm. La parte prossimale viene poi congiunta con il digiuno a cm dalla valvola ileo-ciecale in modo da creare un canale alimentare di 50-60cm. La parte distale del digiuno viene quindi congiunta alla colecisti in modo da formare un tratto non alimentare che sarà percorso unicamente dalla bile. L intervento termina con il confezionamento di una plastica anti reflusso prima dell anastomosi digiuno-ileale Le anastomosi vengono praticate con suturatrice lineare (raramente la circolare per l anastomosi colecisto-digiunale) Il tipo di carica deve essere riferito allo spessore del tessuto L esecuzione di plicature introflettenti a punti staccati nell ansa esclusa può essere indicata Il malassorbimento è determinato sia dalla diminuzione della superficie assorbente sia dal fatto che la secrezione biliare (necessaria per la digestione dei grassi) si unisca al bolo alimentare solo nell ultimo tratto dell intestino LIV 3 RC All intervento può essere riconosciuto un effetto metabolico. L interruzione del circolo enteroepatico determina una riduzione di circa il 40% dei livelli di colesterolo e triglicerdi nel plasma con una riduzione delle LDL ed un aumento delle HDL in circolo. Si assiste ad un miglioramento del diabete con una normalizzazione dei livelli di glucosio in circolo senza una terapia dietetica associata. Anche l ipertensione migliora notevolmente a fronte di una riduzione del peso corporeo.

23 DIVERSIONE BILIO PANCREATICA LIV 2 RA VANTAGGI E LA PROCEDURA CON LA MAGGIOR EWL CHE È DI CIRCA IL 60-70% CON UN BUON MANTENIMENTO A 5 ANNI (72; 73; 74; 75; 76; 77)2A; SI HA UN MALASSORBIMENTO DEI GRASSI CHE È DI CIRCA IL 70% (78; 79) 2B; È LA PROCEDURA CHE PIÙ DI OGNI ALTRA MIGLIORA IL CONTROLLO GLICEMICO E L OMEOSTASI METABOLICA (80; 81; 82; 83; 84)2B; SVANTAGGI NON È REVERSIBILE; HA UN PIÙ ALTO TASSO DI COMPLICANZE E DI MORTALITÀ PERI- OPERATORIA PIÙ ALTA RISPETTO ALLE ALTRE TECNICHE PRECEDENTEMENTE DESCRITTE (85) 2A; RICHIEDE UNA OSPEDALIZZAZIONE PIÙ LUNGA (85)2A; PUÒ CREARE A LUNGO TERMINE UN DEFICIT DI PROTEINE, VITAMINE E MINERALI E QUINDI RICHIEDE UNO STRETTO FOLLOW UP E SUPPLEMENTAZIONI NELLA DIETA (18; 86; 87; 88)2B. Biliopancreatic diversion with duodenal switch improves insulin sensitivity and secretion through caloric restriction. Plourde CÉ1, Grenier-Larouche T, Caron-Dorval D, Biron S, Marceau S, Lebel S, Biertho L, Tchernof A, Richard D, Carpentier AC. 22(8): , 2014 Aug, Vol. Obesity (Silver Spring) /oby

24 COMPLICANZE DIVERSIONE BILIOPANCREATICA SICOB INTERVENTI LIV 2 RA

25 DIVERSIONE BILIO PANCREATICA Viene dalla maggior parte degli Autori consigliato la chiusura dei mesi e dello spazio di Petersen Viene di norma associata la colecistectomia preventiva La resezione gastrica sia classica che verticale deve riguardare almeno i 2/3 dello stomaco assicurando la riduzione della secrezione acida LIV 2 RA All intervento viene riconosciuto un importante effetto metabolico legato sia alla variazione dell assorbimento dei nutrienti che all increzione degli enterormoni con recupero della riserva pancreatica Ridotto assorbimento dei grassi che migliora la dislipidemia (si ha una netta riduzione dei livelli di colesterolo, trigliceridi ed LDL in circolo con dei livelli di HDL stabili). Questo meccanismo determina una riduzione dell ipertensione arteriosa e del rischio cardiovascolare. Si ha una risoluzione della sindrome metabolica dell 80%. Si registra una risoluzione del diabete nel 80% dei casi con un incremento nel rilascio di incretine del tipo GLP1 con un effetto inibitorio sulle cellule alfa produttrici di glucagone ed un miglioramento della funzionalità delle b cellule pancreatiche residue.

26 DIVERSIONE BILIO PANCREATICA La variante duodenal switch prevede la formazione di uno stomaco tubuliforme simile a quanto accade nella sleeve gastrectomy con il risparmio di parte dell innervazione vagale e del piloro. Con questa accortezza di ha una minore percentuale di alcune complicanze come la dumping syndrome e l ulcerazione peptica dell anastomosi LIV 2 RA. VARIANTI TECNICHE DELLA DIVERSIONE BILIO-PANCREATICA LIV 2 RA

27 PALLONCINO INTRAGASTRICO LIV 1 RA Il calo ponderale medio è circa kg, Nel follow-up a lungo termine (48 mesi dalla rimozione), si osserva che: il 30% dei paziente riprende il 100% del peso, il 40% recupera meno del 50%, il 20% mantiene il peso raggiunto, il 10% dimagrisce ulteriormente. Genco A, Furbetta F, Micheletto G, Zappa MA. et al Obes Surg 2007, 17:1,130

28 COMPLICANZE PALLONCINO INTRAGASTRICO BIB 2004/2015 LIV 1 RA???? Esofagiti / ulcere?

29 PALLONCINO INTRAGASTRICO LINEE GUIDA SICOB 2015 SONO PROCEDURE ENDOSCOPICHE DI RIFERIMENTO PER IL TRATTAMENTO OBESO, NEI LIMITI DELLE INDICAZIONI LICENZIATE PER GLI INTERVENTI DI CHIRURGIA BARIATRICA: - IL PALLONE INTRAGASTRICO Non vi è evidenza che il tipo di palloncino insufflato ad aria o acqua influisca in modo sensibile sul calo ponderale Il volume di insufflazione non è direttamente proporzionale al calo di peso Sempre più centri procedono alla procedura con paziente in sedazione senza intubazione LIV 1, RA Non possiede effetto metabolico diretto

30 COSA SCEGLIERE E IMPORTANTE AVERE DELLE LINEE GUIDA MA ANCORA PIÙ IMPORTANTE LA FLESSIBILITÀ... Binge e Sweete Eaters BENDAGGIO GASTRICO SLEEVE GASTRECTOMY BPG BPD-DS BPD

31 INDAGINE CONOSCITIVA ANNO 2014 Dati Ufficiali Società Italiana di Chirurgia Presidente N. Di Lorenzo

32 Evoluzione del numero dei centri SICOB dal 2008 al 2014 Anno 2008 Anno 2009 Anno 2010 Anno 2011 Anno 2012 Anno 2013 Anno 2014 Centri centri Anno 2008 Anno 2009 Anno 2010 Anno 2011 Anno 2012 Anno 2013 Anno 2014 Partecipazione 93,40% 91,40% 91,80% 91,80% 78,00% 100,00% 92,77%

33 Distribuzione dei 83 centri SICOB censiti nel 2014 NORD 46 centri CENTRO 16 centri SUD 17 centri ISOLE 4 centri

34 Classificazione delle 78 unità operative nel ; 38% 28; 36% Centri con casistica <50 interventi Centri con casistica tra 50 e 100 interventi Centri con casistica oltre 100 interventi 20; 26% Classificazione delle 77 unità operative nel ; 32% 29; 38% Centri con casistica <50 interventi Centri con casistica tra 50 e 100 interventi Centri con casistica oltre 100 interventi 23; 30%

35 Trend delle procedure eseguite dal 2008 al 2014 (dati aggiornati al 24 febbraio 2015) Casistica 2008 Casistica 2009 Casistica 2010 Casistica 2011 Casistica 2012 Casistica 2013 Casistica 2014 Serie

36 Tipologia delle procedure eseguite nel 2014 Totale interventi (dati aggiornati al 24 febbraio 2015) Bendaggio gastrico Bypass gastrico Diversione Biliopancreatica Duodenal switch Sleeve gastrectomy Plicatura Gastrica Mini gastric Bypass Gastroplastica verticale Altre tipologie Serie

37 Tipologia delle procedure eseguite dal 2008 al 2014 (dati aggiornati al 24 febbraio 2015) Casistica 2008 Casitica 2009 Casistica 2010 Casitica 2011 Casistica 2012 Casistica 2013 Casistica 2014 Bendaggiio Gastrico Bypass gastrico Diversione + Duodenal switch Sleeve Gastrectomy Gastric Plication Mini Gastric Bypass Varie

38 Accesso operatorio anno ; 3% Laparoscopia Laparotomia 8534; 97% Accesso operatorio anno ; 4% Laparoscopia Laparotomia 7785; 96%

OBESITA LA TERAPIA CHIRURGICA

OBESITA LA TERAPIA CHIRURGICA OBESITA LA TERAPIA CHIRURGICA Prof. M. Morino Chirurgia II Centro Universitario di Chirurgia Mini Invasiva Università degli Studi di Torino AOU Molinette By-pass gastrico laparoscopico Italia Necessità

Dettagli

OBESITA. Chirurgia II. Università degli Studi di Torino AOU Molinette

OBESITA. Chirurgia II. Università degli Studi di Torino AOU Molinette OBESITA LA TERAPIA CHIRURGICA Prof. M. Morino Chirurgia II Centro Universitario di Chirurgia Mini Invasiva Università degli Studi di Torino AOU Molinette By-pass gastrico laparoscopico Italia Necessità

Dettagli

LA TERAPIA CHIRURGICA DELL OBESITA PATOLOGICA. www.fisiokinesiterapia.biz

LA TERAPIA CHIRURGICA DELL OBESITA PATOLOGICA. www.fisiokinesiterapia.biz LA TERAPIA CHIRURGICA DELL OBESITA PATOLOGICA www.fisiokinesiterapia.biz PREMESSE In Italia un adulto su tre è sovrappeso (BMI>25) ed il 10% circa della popolazione è affetto da obesità patologica (BMI>40).

Dettagli

Fascicolo informativo per Pazienti da sottoporre a trattamento chirurgico dell obesità patologica

Fascicolo informativo per Pazienti da sottoporre a trattamento chirurgico dell obesità patologica Fascicolo informativo per Pazienti da sottoporre a trattamento chirurgico dell obesità patologica Informazioni generali La chirurgia dell obesità non è chirurgia estetica; è destinata a Pazienti che abbiano

Dettagli

www.fisiokinesiterapia.biz

www.fisiokinesiterapia.biz LA CHIRURGIA NEL TRATTAMENTO DELL OBESITA OBESITA PATOLOGICA www.fisiokinesiterapia.biz OBESITA PATOLOGICA OBESITA PATOLOGICA OBESITA PATOLOGICA OBESITA PATOLOGICA Definizione L obesità è una condizione

Dettagli

Interventi di restrizione gastrica

Interventi di restrizione gastrica CENTRO PER LA CURA DELL'OBESITA' E CHIRURGIA MINI INVASIVA Responsabile - Dott. Alessandro Giovanelli Interventi di restrizione gastrica a) Palloncino intragastrico: Il PALLONCINO POSIZIONATO NELLO STOMACO

Dettagli

OBESITA E DIABETE: VALUTAZIONE E PROGETTO DI INTERVENTO

OBESITA E DIABETE: VALUTAZIONE E PROGETTO DI INTERVENTO OBESITA E DIABETE: VALUTAZIONE E PROGETTO DI INTERVENTO Dr.ssa Enrica Manicardi D.M. RESPONSABILE DI S.S. DI DIABETOLOGIA E DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Azienda Ospedaliera Arcispedale Santa Maria

Dettagli

CONSENSO INFORMATO (S.I.C.OB. Società Italiana di Chirurgia dell Obesità e delle malattie metaboliche)

CONSENSO INFORMATO (S.I.C.OB. Società Italiana di Chirurgia dell Obesità e delle malattie metaboliche) 1 CONSENSO INFORMATO (S.I.C.OB. Società Italiana di Chirurgia dell Obesità e delle malattie metaboliche) In questo fascicolo vengono fornite informazioni sulla terapia chirurgica dell Obesità al fine di

Dettagli

Frida Leonetti frida.leonetti@uniroma1.it

Frida Leonetti frida.leonetti@uniroma1.it Frida Leonetti frida.leonetti@uniroma1.it 1.5 miliardi con BMI>25 500 milioni con BMI>30 BMI > 40 kg/m² BMI > 35 Kg/m² e comorbilità testo Neoplasie Malattie CV altre 2009 Industrial Chemicals Bisphenol

Dettagli

Data. Reparto.. Ospedale. Città provincia

Data. Reparto.. Ospedale. Città provincia S. I. C. OB. Società Italiana di Chirurgia dell Obesità OB. CONSENSO INFORMATO per INTERVENTO DI CHIRURGIA DELL OBESITÀ Da allegare alla cartella clinica numero Di. Nome Cognome Data. Reparto.. Ospedale

Dettagli

Consenso Informato Per intervento di Chirurgia Bariatrica e Metabolica

Consenso Informato Per intervento di Chirurgia Bariatrica e Metabolica Società Italiana di Chirurgia dell Obesità e delle Malattie Metaboliche data... Nome... Cognome... struttura... reparto... città... provincia... Consenso Informato Per intervento di Chirurgia Bariatrica

Dettagli

CONSENSO INFORMATO PER INTERVENTO DI CHIRURGIA DELL OBESITA. Società Italiana di Chirurgia dell Obesità e delle malattie metaboliche

CONSENSO INFORMATO PER INTERVENTO DI CHIRURGIA DELL OBESITA. Società Italiana di Chirurgia dell Obesità e delle malattie metaboliche CONSENSO INFORMATO PER INTERVENTO DI CHIRURGIA DELL OBESITA Da allegare alla cartella clinica n. Compilare in STAMPATELLO Questo fascicolo è un documento ufficiale della Società Italiana di Chirurgia dell

Dettagli

SCHEDE: ALIMENTAZIONE e PATOLOGIE

SCHEDE: ALIMENTAZIONE e PATOLOGIE La persona affetta da neoplasia gastrica è spesso portatrice di uno stato di malnutrizione, soprattutto quando la malattia è localizzata negli organi dell apparato digerente. Alle cause di malnutrizione

Dettagli

Obesity (BMI 30 kg/m 2 ) - All 22.9 % 30.5 % - Males 20.2 % 27.5 % - Females 25.4 % 33.4 %

Obesity (BMI 30 kg/m 2 ) - All 22.9 % 30.5 % - Males 20.2 % 27.5 % - Females 25.4 % 33.4 % Il Paziente obeso: Il punto di vista del Chirurgo Prof. Francesco Domenico Capizzi Bologna CENTRO DI CHIRURGIA LAPAROSCOPICA GASTROENTEROLOGICA E DELL OBESITA, Bologna Direttore: Prof. F.D. Capizzi Prevalenza

Dettagli

Counselling nutrizionale postoperatorio

Counselling nutrizionale postoperatorio CAPITOLO 26 Counselling nutrizionale postoperatorio Luca Busetto Introduzione Il panel di esperti che già nel 1991 aveva formulato, sotto l egida dei National Institutes of Health (NIH), le prime linee

Dettagli

Diversione bilio-pancreatica con duodenal switch per via laparoscopica: tecnica in due tempi

Diversione bilio-pancreatica con duodenal switch per via laparoscopica: tecnica in due tempi CAPITOLO 20 Diversione bilio-pancreatica con duodenal switch per via laparoscopica: tecnica in due tempi Nicola Basso, Gianfranco Silecchia, Mario Rizzello, Giovanni Casella Introduzione La diversione

Dettagli

Gestione della terapia ipoglicemizzante nel post-operatorio

Gestione della terapia ipoglicemizzante nel post-operatorio Gestione della terapia ipoglicemizzante nel post-operatorio Chiara Dal Prà Clinica Medica III Unità bariatrica Azienda Ospedaliera Padova Padova, 8 marzo 2014 Tecniche chirurgiche bariatriche

Dettagli

IL TRATTAMENTO ENDOSCOPICO DI UNA PATOLOGIA MULTIDISCIPLINARE. Angelo Ambrosio

IL TRATTAMENTO ENDOSCOPICO DI UNA PATOLOGIA MULTIDISCIPLINARE. Angelo Ambrosio IL TRATTAMENTO ENDOSCOPICO DELL OBESITA NELL AMBITO DI UNA PATOLOGIA MULTIDISCIPLINARE La nostra esperienza con il bendaggio gastrico Angelo Ambrosio UOC Chirurgia Addominale Dipartimento di Scienze Chirurgiche

Dettagli

La gastroplastica verticale laparoscopica

La gastroplastica verticale laparoscopica CAPITOLO 14 La gastroplastica verticale laparoscopica Mario Morino, Mauro Toppino, Dario Parini Introduzione Negli anni 90 si è assistito a una crescente diffusione dell approccio laparoscopico in chirurgia

Dettagli

N. Porta², F. De Angelis¹, J. Cacciotti², C. Chiappetta², O Iorio¹, G. Cavallaro¹, V. Petrozza², G. Silecchia¹, C. Della Rocca², C.

N. Porta², F. De Angelis¹, J. Cacciotti², C. Chiappetta², O Iorio¹, G. Cavallaro¹, V. Petrozza², G. Silecchia¹, C. Della Rocca², C. PRELIMINARY EVALUATION OF GHRELIN (GH) GENE AND PROTEIN EXPRESSION IN THE SURGICAL SPECIMEN, AND GHRELIN SERUM CONCENTRATION AFTER PRIMARY OR REVISIONAL LAPAROSCOPIC SLEEVE GASTRECTOMY (LSG) N. Porta²,

Dettagli

Obesità. e soluzione. del problema. Test di autovalutazione. Che cos è l obesità? Quali sono le cause? Le soluzioni chirurgiche A chi rivolgersi

Obesità. e soluzione. del problema. Test di autovalutazione. Che cos è l obesità? Quali sono le cause? Le soluzioni chirurgiche A chi rivolgersi per la vostra Salute GUIDE PRATICHE Centro Unico di Prenotazione (CUP): tel. 02 86 87 88 89 Dal Lunedì al Venerdì, dalle 8.00 alle 17.30 Sabato dalle 8.00 alle 12.00 Ospedale San Giuseppe Via S. Vittore,

Dettagli

editoriale La chirurgia metabolica Introduzione

editoriale La chirurgia metabolica Introduzione G Chir Vol. 30 - n. 4 - pp. 133-140 Aprile 2009 editoriale La chirurgia metabolica A.L. GASPARI, N. DI LORENZO, P. GENTILESCHI, I. CAMPERCHIOLI Introduzione Secondo gli ultimi dati della Organizzazione

Dettagli

REGGIO CALABRIA 11-13 MAGGIO 2011

REGGIO CALABRIA 11-13 MAGGIO 2011 AULE DEL CONSIGLIO REGIONALE DELLA CALABRIA REGGIO CALABRIA 11-13 MAGGIO 2011 CONSIGLIO DIRETTIVO SICOB Presidente Onorario Presidente Presidente Eletto Past President Vice Presidente Vice Presidente Segretario

Dettagli

Indicazioni alla chirurgia bariatrica nel diabete di tipo 2

Indicazioni alla chirurgia bariatrica nel diabete di tipo 2 Maccagno, 20-21 Aprile 2012 Giornate Diabetologiche Luinesi II Edizione Facciamo quadrato intorno al Diabete Indicazioni alla chirurgia bariatrica nel diabete di tipo 2 E. Piantanida Università degli Studi

Dettagli

LIBRETTO INFORMATIVO L OBESITA

LIBRETTO INFORMATIVO L OBESITA LIBRETTO INFORMATIVO L OBESITA 35 Perché si diventa grassi? INTRODUZIONE DI ENERGIA DISPENDIO DI ENERGIA Cibo Bevande Esercizio fisico Metabolismo Si diventa grassi quando le calorie in entrata superano

Dettagli

E se con l alimentazione non ce la facciamo ci puo aiutare la chirurgia nel bambino? F. De Peppo

E se con l alimentazione non ce la facciamo ci puo aiutare la chirurgia nel bambino? F. De Peppo E se con l alimentazione non ce la facciamo ci puo aiutare la chirurgia nel bambino? F. De Peppo ROMA 28-29 MARZO 2015 Dr. Francesco De Peppo UOS Chirurgia Pediatrica Palidoro Dipartimento Chirurgia -

Dettagli

neoplasia dello stomaco www.slidetube.it

neoplasia dello stomaco www.slidetube.it neoplasia dello stomaco www.slidetube.it TUMORE DELLO STOMACO CARDIAS: disfagia CORPO: no sintomi ANTRO: gonfiore postprandiale, vomito Sede più frequente: ANGULUS ANTRO fumo alimentazione ULCERA GASTRICA:

Dettagli

IL TRATTAMENTO CHIRURGICO DELL OBESITA PATOLOGICA

IL TRATTAMENTO CHIRURGICO DELL OBESITA PATOLOGICA IL TRATTAMENTO CHIRURGICO DELL OBESITA PATOLOGICA DIPARTIMENTO DI EMERGENZE/URGENZE, CHIRURGIA GENERALE E DEI TRAPIANTI UNITA OPERATIVA CHIRURGIA GENERALE Direttore: Prof. B. COLA CENTRO STUDI DI TERAPIA

Dettagli

STRUTTURA COMPLESSA DI CHIRURGIA DIGESTIVA ED UNITÀ DEL FEGATO STRUTTURA COMPLESSA DI DIABETOLOGIA, DIETOLOGIA E NUTRIZIONE CLINICA

STRUTTURA COMPLESSA DI CHIRURGIA DIGESTIVA ED UNITÀ DEL FEGATO STRUTTURA COMPLESSA DI DIABETOLOGIA, DIETOLOGIA E NUTRIZIONE CLINICA SLEEVE GASTRECTOMY LAPAROSCOPICA VERSUS TERAPIA MEDICA CONVENZIONALE IN PAZIENTI CON RECENTE DIAGNOSI DI DIABETE MELLITO TIPO2 E BMI 30-42KG/M 2 : STUDIO RANDOMIZZATO CONTROLLATO CENTRI PARTECIPANTI: AZIENDA

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

Reversibilità delle complicanze nel diabete tipo 2

Reversibilità delle complicanze nel diabete tipo 2 3 WORKSHOP CONGIUNTO SICOb SID SIO L integrazione tra terapia medica e chirurgica nel trattamento del paziente obeso diabetico 7 marzo 2014 Reversibilità delle complicanze nel diabete tipo 2 Roberto Fabris

Dettagli

Dieci anni di chirurgia bariatrica laparoscopica

Dieci anni di chirurgia bariatrica laparoscopica CAPITOLO 29 Dieci anni di chirurgia bariatrica laparoscopica Nicola Basso, Gianfranco Silecchia, Alessandro Pecchia Introduzione In 10 anni abbiamo accolto circa 2500 pazienti presso il Centro per il trattamento

Dettagli

Confronto a 2 anni di follow-up tra diversione bilio-pancreatica con o senza gastroresezione nel trattamento chirurgico dell obesità patologica

Confronto a 2 anni di follow-up tra diversione bilio-pancreatica con o senza gastroresezione nel trattamento chirurgico dell obesità patologica ARTICOLI ORIGINALI Confronto a 2 anni di follow-up tra diversione bilio-pancreatica con o senza gastroresezione nel trattamento chirurgico dell obesità patologica Ann. Ital. Chir., 2008; 79: 241-246 Francesco

Dettagli

TERAPIA DIETETICA IN RIABILITAZIONE ONCOLOGICA. Dietista Diplomata Giada Ponti

TERAPIA DIETETICA IN RIABILITAZIONE ONCOLOGICA. Dietista Diplomata Giada Ponti TERAPIA DIETETICA IN RIABILITAZIONE ONCOLOGICA Dietista Diplomata Giada Ponti MALNUTRIZIONE NEL PAZIENTE ONCOLOGICO INTAKE FABBISOGNI 2 1. Inadeguato intake di energia e nutrienti Effetti locali provocati

Dettagli

2 CONVEGNO DIABESITA

2 CONVEGNO DIABESITA 2 CONVEGNO DIABESITA La co-morbidità nel paziente con diabesità Dott. Roberto Gualdiero 7 Giugno 2014- CAVA DEI TIRRENI Diabesità è il neologismo coniato dall OMS per sottolineare la stretta associazione

Dettagli

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE OBESO CANDIDABILE A CHIRURGIA BARIATRICA

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE OBESO CANDIDABILE A CHIRURGIA BARIATRICA INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE OBESO CANDIDABILE A CHIRURGIA BARIATRICA INDICE Obesità e malattie correlate pag 3 Il percorso bariatrico Pag 6 Gli interventi di chirurgia bariatrica pag 15 La degenza pag.

Dettagli

Obesità e. Chirurgia Bariatrica. Cos è la chirurgia bariatrica

Obesità e. Chirurgia Bariatrica. Cos è la chirurgia bariatrica Obesità e Chirurgia Bariatrica Dott.ssa Gloria Fioravanti Cos è la chirurgia bariatrica La chirurgia bariatrica consiste in un insieme di procedure che promuovono la perdita di peso attraverso la riduzione

Dettagli

Le vie di accesso per la nutrizione enterale. dott Elena Vecchi SC Gastroenterologia

Le vie di accesso per la nutrizione enterale. dott Elena Vecchi SC Gastroenterologia Le vie di accesso per la nutrizione enterale dott Elena Vecchi SC Gastroenterologia Indicazioni Garantire corretto apporto nutrizionale, o somministrazione di farmaci, o di acqua, a pazienti con apparato

Dettagli

D R. G I U L I A N O S A R R O

D R. G I U L I A N O S A R R O D R. G I U L I A N O S A R R O C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome SARRO GIULIANO Data di nascita 4 12 1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Dirigente medico chirurgia generale

Dettagli

DISPEPSIA MANIFESTAZIONI CLINICHE E PERCORSO DIAGNOSTICO DOTT. PAOLO MICHETTI DIRETTORE MEDICO S.C. GASTROENTEROLOGIA E.O.

DISPEPSIA MANIFESTAZIONI CLINICHE E PERCORSO DIAGNOSTICO DOTT. PAOLO MICHETTI DIRETTORE MEDICO S.C. GASTROENTEROLOGIA E.O. MANIFESTAZIONI CLINICHE E PERCORSO DIAGNOSTICO DOTT. PAOLO MICHETTI DIRETTORE MEDICO S.C. GASTROENTEROLOGIA E.O. OSPEDALI GALLIERA DEFINIZIONE RIPIENEZZA POST-PRANDIALE PRANDIALE CORTEO SINTOMATOLOGICO

Dettagli

Vizi e Virtù del gelato nel paziente post chirurgia bariatrica

Vizi e Virtù del gelato nel paziente post chirurgia bariatrica CONGRESSO CONGIUNTO ADI-SIO Vizi e Virtù del gelato nel paziente post chirurgia bariatrica Vicenza, 5 Ottobre 2013 Dott.ssa Anna Belligoli Unità Bariatrica Padova Interventi: restrittivi/malassorbitivi

Dettagli

GASTRIC BANDING VS SLEEVE GASTRECTOMY: ANATOMIA DI UN DILEMMA

GASTRIC BANDING VS SLEEVE GASTRECTOMY: ANATOMIA DI UN DILEMMA GASTRIC BANDING VS SLEEVE GASTRECTOMY: ANATOMIA DI UN DILEMMA 1986 Kuzmak: anello con camera gonfiabile 1991 Belachew: laparoscopia 1992 Catona e Cadiere: prime publicazioni 1995 FDA GASTRIC BANDING 15

Dettagli

Applicazioni dell acido pinoleico quale inibitore dell appetito in prodotti alimentari

Applicazioni dell acido pinoleico quale inibitore dell appetito in prodotti alimentari Applicazioni dell acido pinoleico quale inibitore dell appetito in prodotti alimentari Presentazione Obesità Meccanismo d azione Riduzione dell appetito PinnoThin Risultati Applicazioni Claims Obesità

Dettagli

DIETISTA EUFEMIA SILVESTRI Calo di peso pre-operatorio: dieta ad hoc. 1 corso SICOB-SID-SIO Padova 8 marzo 2014

DIETISTA EUFEMIA SILVESTRI Calo di peso pre-operatorio: dieta ad hoc. 1 corso SICOB-SID-SIO Padova 8 marzo 2014 DIPARTIMENTO DI CHIRURGIA GENERALE UNITÀ OPERATIVA COMPLESSA DI CHIRURGIA MININVASIVA E METABOLICA Primario Dott. C. GIARDIELLO Presidio Ospedaliero Pineta Grande Castel Volturno (CE) DIETISTA EUFEMIA

Dettagli

N cartella N ricovero Cognome Nome Data di nascita

N cartella N ricovero Cognome Nome Data di nascita Io sottoscritto/a, DICHIARO di essere stato/a esaurientemente informato/a, dal Dr. riguardo all intervento di: In particolare, mi è stato spiegato che: La gastrostomia percutanea (PEG) è un dispositivo

Dettagli

Jama, 2001, 285(19):2486-2496

Jama, 2001, 285(19):2486-2496 Sommariio esecutiivo delllle lliinee-guiida ATP-III per lla prevenziione delllle mallattiie coronariiche Jama, 2001, 285(19):2486-2496 FASE 1. DETERMINARE IL PROFILO LIPIDICO-LIPOPROTEICO NEL SOGGETTO

Dettagli

Una caloria è una caloria! sarà poi vero??? Da un punto di vista ormonale NON TUTTE LE CALORIE SONO UGUALI!!!

Una caloria è una caloria! sarà poi vero??? Da un punto di vista ormonale NON TUTTE LE CALORIE SONO UGUALI!!! Una caloria è una caloria! sarà poi vero??? Il concetto che una caloria è una caloria sta alla base di molte delle strategie proposte per perdere peso In accordo al principio: si mangia troppo ci si muove

Dettagli

L APPARATO GASTROENTERICO. Prof. A. Pulcini

L APPARATO GASTROENTERICO. Prof. A. Pulcini Corso di Laurea Infermieristica AA 2011/2012 Lezioni di Fisiologia L APPARATO GASTROENTERICO Prof. A. Pulcini Dipartimento di Scienze Chirurgiche Policlinico Umberto I Sapienza Roma L apparato digerente

Dettagli

Sommario Rassegna Stampa

Sommario Rassegna Stampa Sommario Rassegna Stampa Testata Data Titolo Pag. Rubrica Sicob Comunicati123.com 06/03/2014 CURA OBESITA': UN'ECCELLENZA DELL'OSPEDALE FATEBENEFRATELLI DI ERBA 2 Rubrica Alimentazione e salute 37 La Repubblica

Dettagli

Rettocolite Ulcerosa Morbo di Crohn

Rettocolite Ulcerosa Morbo di Crohn Regione del Veneto Azienda Ospedaliera di Padova Chirurgia Generale Direttore : Prof. R. Bardini GUIDA INFORMATIVA SULLE MALATTIE INFIAMMATORIE CRONICHE INTESTINALI Rettocolite Ulcerosa Morbo di Crohn

Dettagli

GastroPanel. Test clinico per la diagnosi di disturbi dello stomacoa partire da un campione di sangue

GastroPanel. Test clinico per la diagnosi di disturbi dello stomacoa partire da un campione di sangue GastroPanel Test clinico per la diagnosi di disturbi dello stomacoa partire da un campione di sangue Un test affidabile e di facile esecuzione che fornisce una serie di importanti indicazioni Segnala la

Dettagli

la digestione, l assorbimento, l alimentazione

la digestione, l assorbimento, l alimentazione la digestione, l assorbimento, l alimentazione 1 LA DIGESTIONE Digestione meccanica, il cibo è macinato, rimescolato e insalivato Digestione chimica, il cibo è scomposto in sostanze più semplici dall azione

Dettagli

BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO

BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO 1. Definizione 2. Classificazione 2.1. Diabete mellito di tipo 1 2.2. Diabete mellito di tipo 2 2.3. Diabete gestazionale 2.4. Altre forme di diabete 2.5.

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

PRONTUARIO DIETETICO

PRONTUARIO DIETETICO Pag. 1/107 File Prontuario Dietetico Rev. 01 Redazione Dott. Patrizia Turcato - Servizio Dietetica Data applicazione 3 gennaio 2011 Verifica Dr. Mauro Bertassello - Direttore Presidi Ospedalieri Copia

Dettagli

MALATTIE DELLE PARATIROIDI L IPERPARATIROIDISMO DOTTOR ROBERTO CESAREO

MALATTIE DELLE PARATIROIDI L IPERPARATIROIDISMO DOTTOR ROBERTO CESAREO MALATTIE DELLE PARATIROIDI L IPERPARATIROIDISMO DOTTOR ROBERTO CESAREO Cosa sono le paratiroidi? Le paratiroidi sono ghiandole situate nel collo, posteriormente alla tiroide. Generalmente in numero di

Dettagli

VERO O FALSO? FALSI MITI E VERE AFFERMAZIONI DELLA NOSTRA TAVOLA

VERO O FALSO? FALSI MITI E VERE AFFERMAZIONI DELLA NOSTRA TAVOLA VERO O FALSO? FALSI MITI E VERE AFFERMAZIONI DELLA NOSTRA TAVOLA Questo opuscolo è stato creato per dare delle reali risposte ai tipici luoghi comuni riguardanti l' alimentazione e le possibili cause dell'

Dettagli

Educazione alimentare

Educazione alimentare Università degli Studi di Torino Azienda Ospedaliera San Luigi di Orbassano Struttura Semplice Dipartimentale di Dietetica e Nutrizione Clinica Educazione alimentare Classificazione: entità Indice di massa

Dettagli

Corso aggiornamento OMCT 19.1.2012 A.Kuhrmeier

Corso aggiornamento OMCT 19.1.2012 A.Kuhrmeier Corso aggiornamento OMCT 19.1.2012 A.Kuhrmeier It is predicted that over the course of the next 20 years obesity will be the #1 health problem throughout the world 4 Terapia a breve termine dell obesità

Dettagli

Il tumore della mammella: Stili di Vita

Il tumore della mammella: Stili di Vita Il tumore della mammella: Stili di Vita Studi in corso in Piemonte A. Pezzana SoSD Dietetica e Nutrizione clinica Presidio ospedaliero Torino Nord Emergenza San Giovanni Bosco A.S.L. TO2 Azienda Sanitaria

Dettagli

La terapia del diabete in casa di riposo un anno dopo. Luisa Guglielmi Venerdì 30 marzo 2012

La terapia del diabete in casa di riposo un anno dopo. Luisa Guglielmi Venerdì 30 marzo 2012 La terapia del diabete in casa di riposo un anno dopo Luisa Guglielmi Venerdì 30 marzo 2012 Premessa Eterogeneità della popolazione anziana diabetica Scarsi gli studi focalizzati sugli anziani fragili

Dettagli

Il rapido incremento dell obesità, verificatosi nei

Il rapido incremento dell obesità, verificatosi nei Gestione dietetico-nutrizionale dei pazienti con diabete tipo 2 e obesità sottoposti a interventi di chirurgia bariatrica Mariella Cotugno, Roberta Lupoli, Gabriella Nosso, Giulio Vitagliano, Gennaro Saldalamacchia,

Dettagli

NUTRI-GENOKIT FUNZIONE GENE POLIMORFISMO RISULTATO EFFETTO. BsmI. TaqIB. FokI. ApaI C677T A1298C. BsmI. TaqI. ApaI. rs9939609.

NUTRI-GENOKIT FUNZIONE GENE POLIMORFISMO RISULTATO EFFETTO. BsmI. TaqIB. FokI. ApaI C677T A1298C. BsmI. TaqI. ApaI. rs9939609. REPORT TECNICO: RISULTATI DELL ANALISI Nella tabella vengono indicati tutti i parametri ed i geni che vengono studiati facendo il test NUTRI-GENOKIT : una guida completa verso l alimentazione personalizzata.

Dettagli

ITI ENRICO MEDI. Programmazione. Materia:Igiene - Anatomia - Fisiologia - Patologia Classe Terza

ITI ENRICO MEDI. Programmazione. Materia:Igiene - Anatomia - Fisiologia - Patologia Classe Terza ITI ENRICO MEDI Programmazione Materia:Igiene - Anatomia - Fisiologia - Patologia Classe Terza L insegnamento di Igiene, Anatomia, Fisiologia e Patologia, in particolare, vuol far acquisire agli alunni:

Dettagli

IL LABORATORIO IN GASTROENTEROLOGIA. www.fisiokinesiterapia.biz

IL LABORATORIO IN GASTROENTEROLOGIA. www.fisiokinesiterapia.biz IL LABORATORIO IN GASTROENTEROLOGIA www.fisiokinesiterapia.biz sangue feci espirato mucosa succo duodenale DIAGNOSTICA H. PYLORI Dosaggio Abs di classe IgG 13 C-Urea Breath Test Dosaggio Ag fecali Gastropanel

Dettagli

La Gialmica ti permette di prendere un appuntamento per una visita con la nostra Nutrizionista, la

La Gialmica ti permette di prendere un appuntamento per una visita con la nostra Nutrizionista, la La Gialmica ti permette di prendere un appuntamento per una visita con la nostra Nutrizionista, la Dott.ssa Ventriglia. Potrai ricevere una dieta personalizzata e bilanciata con i consigli per dimagrire

Dettagli

Definizione trattamenti dietici. Prof. Bruno Cianciaruso

Definizione trattamenti dietici. Prof. Bruno Cianciaruso 1 Definizione trattamenti dietici Prof. Bruno Cianciaruso Insufficienza renale cronica TERAPIA CONSERVATIVA Farmacologica Nutrizionale Terapia nutrizionale, perché? Prevenire e trattare segni, sintomi,

Dettagli

Sleeve gastrectomy Tecnica e risultati preliminari

Sleeve gastrectomy Tecnica e risultati preliminari Sleeve gastrectomy Tecnica e risultati preliminari DANIELE CAPIZZI, SERGIO BOSCHI, PATRIZIO PATRIZI, LUCIANO FOGLI, ROSSANA BERTA, FRANCESCO DOMENICO CAPIZZI Unità Operativa Complessa di Chirurgia Generale

Dettagli

DIPARTIMENTO DI CHIRURIA GENERALE P. STEFANINI

DIPARTIMENTO DI CHIRURIA GENERALE P. STEFANINI DIPARTIMENTO DI CHIRURIA GENERALE P. STEFANINI CURRICULUM DIDATTICO-SCIENTIFICO DEL PROF. NICOLA BASSO DATI PERSONALI Nome e Cognome Luogo e data di nascita: Stato Civile: Dipartimento Indirizzo NICOLA

Dettagli

Centro Interdipartimentale di Studi e Ricerche sulla Nutrizione Umana e i Disturbi del comportamento Alimentare Ambulatorio di Dietologia

Centro Interdipartimentale di Studi e Ricerche sulla Nutrizione Umana e i Disturbi del comportamento Alimentare Ambulatorio di Dietologia Università degli Studi di Pavia Centro Interdipartimentale di Studi e Ricerche sulla Nutrizione Umana e i Disturbi del comportamento Alimentare Ambulatorio di Dietologia Direttore: Prof. Anna Tagliabue

Dettagli

CENTRO PER LA TERAPIA DELLA OBESITÀ E DEL SOVRAPPESO SOVRAPPESO E OBESITÀ CAUSE CONSEGUENZE TERAPIE. www.lucapecchioli.it

CENTRO PER LA TERAPIA DELLA OBESITÀ E DEL SOVRAPPESO SOVRAPPESO E OBESITÀ CAUSE CONSEGUENZE TERAPIE. www.lucapecchioli.it CENTRO PER LA TERAPIA DELLA OBESITÀ E DEL SOVRAPPESO CENTRO PER LA TERAPIA DELLA OBESITÀ E DEL SOVRAPPESO SOVRAPPESO E OBESITÀ CAUSE CONSEGUENZE TERAPIE LE CAUSE DELL OBESITÀ Dall interazione di fattori

Dettagli

LA SIBO: CONDIZIONE TRASVERSALE TRASCURATA?

LA SIBO: CONDIZIONE TRASVERSALE TRASCURATA? LA SIBO: CONDIZIONE TRASVERSALE TRASCURATA? SIBO è l acronimo di Small Intestinal Bacterial Overgrowth, ovvero sovraccrescita batterica dell intestino tenue. La sua caratterizzazione clinica è variata

Dettagli

Abstract. F. Mittempergher, T. Bruni*, O. Bruni*, E. Di Betta, G. Occelli*, B. Salerni. Introduzione

Abstract. F. Mittempergher, T. Bruni*, O. Bruni*, E. Di Betta, G. Occelli*, B. Salerni. Introduzione La diversione bilio-pancreatica con conservazione del bulbo duodenale e gastroplastica transitoria nel trattamento dell obesità patologica. Nostra esperienza Ann. Ital. Chir., LXXIII, 2, 2002 F. Mittempergher,

Dettagli

ANUPSA VERONA. Dott.ssa F. «Come affrontare il sovrappeso e le sue complicanze. Dimagrire in salute: la dieta Proteica, i pro e i contro.

ANUPSA VERONA. Dott.ssa F. «Come affrontare il sovrappeso e le sue complicanze. Dimagrire in salute: la dieta Proteica, i pro e i contro. ANUPSA VERONA «Come affrontare il sovrappeso e le sue complicanze. Dimagrire in salute: la dieta Proteica, i pro e i contro.» Circolo Ufficiali di Castelvecchio 13 febbraio 2014 1 Dott.ssa F. Dopo gli

Dettagli

DIABETE MELLITO DIABETE MELLITO: EPIDEMIOLOGIA

DIABETE MELLITO DIABETE MELLITO: EPIDEMIOLOGIA HOME DIABETE MELLITO Dr. Alessandro Bernardini DIABETE MELLITO: EPIDEMIOLOGIA DIABETE MELLITO Il diabete di tipo 1 si può manifestare a qualsiasi età, ma c'è un netto aumento nel periodo della pubertà

Dettagli

E BUONO, E FA BENE! Novara, 28 Maggio 2015

E BUONO, E FA BENE! Novara, 28 Maggio 2015 SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. S.I.A.N.) ) ASL NO SOROPTIMIS INTERNATIONAL D ITALIA CLUB DI NOVARA ISTITUTO PARITARIO SACRO CUORE NOVARA E BUONO, E FA BENE! Novara, 28 Maggio

Dettagli

IL VIAGGIO DEL CIBO. Quando arrivano nel corpo, gli alimenti compiono un lungo viaggio di trasformazione per diventare nutrienti.

IL VIAGGIO DEL CIBO. Quando arrivano nel corpo, gli alimenti compiono un lungo viaggio di trasformazione per diventare nutrienti. IL VIAGGIO DEL CIBO Quando arrivano nel corpo, gli alimenti compiono un lungo viaggio di trasformazione per diventare nutrienti. Dalla bocca passano nello stomaco e da qui all intestino per poi venire

Dettagli

Contenuto proteico dei legumi: Tipi di legumi:

Contenuto proteico dei legumi: Tipi di legumi: Legumi I legumi sono considerati la carne dei poveri per il loro contenuto proteico. Sono utilissimi ai vegetariani e ai vegani (questi, a differenza dei vegetariani, non utilizzano neanche i latticini

Dettagli

L OBESITÀ NELL ADULTO

L OBESITÀ NELL ADULTO Azienda Ospedaliero-Universitaria Pisana Centro Multidisciplinare per la Diagnosi e la Terapia dell Obesità e dei Disturbi del Comportamento Alimentare L OBESITÀ NELL ADULTO 2 SEMINARIO: L OSPEDALE PROMUOVE

Dettagli

Corso Scienze Tecniche Dietetiche Applicate MED/49 Educazione alimentare Anno Accademico 2010-11 11 Il Diabete Mellito Prof.ssa Maria Luisa Eliana Luisi Diabete Mellito Il diabete mellito è caratterizzata

Dettagli

PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012

PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012 PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012 DOCENTE: Madaschi Rossana Dietista e Docente di Scienza dell Alimentazione MATERIE: Dietologia - Scienza dell Alimentazione CLASSE:

Dettagli

MARTEDI DELL ORDINE ATTUALITÀ IN CHIRURGIA VIDEO-ASSISTITA CHIRURGIA GENERALE, CHIRURGIA PLASTICA, ORTOPEDIA

MARTEDI DELL ORDINE ATTUALITÀ IN CHIRURGIA VIDEO-ASSISTITA CHIRURGIA GENERALE, CHIRURGIA PLASTICA, ORTOPEDIA ATTUALITÀ IN CHIRURGIA VIDEO-ASSISTITA CHIRURGIA GENERALE, CHIRURGIA PLASTICA, ORTOPEDIA 1 PRESENTAZIONE Luigi Roncoroni Direttore SC Clinica Chirurgica e Terapia Chirurgica, Francesco Ceccarelli Direttore

Dettagli

GESTIONE GASTROSTOMIA

GESTIONE GASTROSTOMIA GESTIONE GASTROSTOMIA UN PO DI SIGLE N.A.: Nutrizione Artificiale N.E.: Nutrizione Enterale S.N.G.: Sondino Naso Gastrico P.E.G.: Gastrostomia Endoscopica Percutanea P.E.Y: Digiunostomia Endoscopica Percutanea

Dettagli

GASTROSTOMIA ENDOSCOPICA PERCUTANEA ASPETTI GESTIONALI

GASTROSTOMIA ENDOSCOPICA PERCUTANEA ASPETTI GESTIONALI GASTROSTOMIA ENDOSCOPICA PERCUTANEA ASPETTI GESTIONALI Unità di Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva Responsabile : Dr. Francesco Cupella Fondazione Salvatore Maugeri La Gastrostomia Endoscopica Percutanea

Dettagli

I.1 L apparato digerente

I.1 L apparato digerente Capitolo I Introduzione 8 I.1 L apparato digerente L apparato digerente è costituito da un gruppo di organi addetti alla scissione degli alimenti in componenti chimici che l organismo può assorbire ed

Dettagli

La chirurgia bariatrica nel paziente con diabete mellito tipo 2

La chirurgia bariatrica nel paziente con diabete mellito tipo 2 MeDia 2015;15:84-90 84 pratica professionale La chirurgia bariatrica nel paziente con diabete mellito tipo 2 Riassunto La chirurgia bariatrica è al momento la più efficace strategia terapeutica per l ottenimento

Dettagli

RECENTI ACQUISIZIONI SCIENTIFICHE NEL CONTROLLO DELL OBESITÀ

RECENTI ACQUISIZIONI SCIENTIFICHE NEL CONTROLLO DELL OBESITÀ Organizzatore: J&B S.R.L. Indirizzo: VIA PIEMONTE 12 Città: 87036 RENDE (CS) Telefono: 0984/837852 Fax: 0984/830987 Referente: Dott. DANIELE PERRELLI - WEB - www.jbprof.com info@jbprof.com Rif. Organizzatore

Dettagli

Attività fisica e stile di vita nella prevenzione e nel trattamento dell osteoporosi

Attività fisica e stile di vita nella prevenzione e nel trattamento dell osteoporosi Attività fisica e stile di vita nella prevenzione e nel trattamento dell osteoporosi Dr. Alessandro Valent Specialista in Medicina Fisica e Riabilitazione Membro International Society of Physical and Rehabilitation

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E DELLA COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA SANITA VETERINARIA E DEGLI ALIMENTI UFFICIO XII L' approccio alla malattia diabetica si basa su tre

Dettagli

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA La dieta nel diabete Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura

Dettagli

In una ricca insalata di verdure sono contenute sostanze nutritive importanti per una sana e corretta alimentazione.

In una ricca insalata di verdure sono contenute sostanze nutritive importanti per una sana e corretta alimentazione. In una ricca insalata di verdure sono contenute sostanze nutritive importanti per una sana e corretta alimentazione. L ALIMENTAZIONE E L APPARATO DIGERENTE Una dieta equilibrata è fatta di tutti gli alimenti

Dettagli

Il primo passo di un cammino per riconoscere la malattia ed affrontarla con i centri ospedalieri specializzati

Il primo passo di un cammino per riconoscere la malattia ed affrontarla con i centri ospedalieri specializzati Il primo passo di un cammino per riconoscere la malattia ed affrontarla con i centri ospedalieri specializzati Per il paziente che vuole saperne di più a cura della SICOB, Società Italiana di Chirurgia

Dettagli

PROF. ALESSANDRO MALFATTI. Corso di Fisiologia e Benessere degli animali in produzione DIGESTIONE ENTERICA

PROF. ALESSANDRO MALFATTI. Corso di Fisiologia e Benessere degli animali in produzione DIGESTIONE ENTERICA DIGESTIONE ENTERICA Nell'INTESTINO TENUE prosegue la digestione chimico-enzimatica di PROTEINE, CARBOIDRATI, LIPIDI Nell'INTESTINO CIECO e nel COLON avviene una digestione fermentativa (microbica) della

Dettagli

E DIABETE. Prof. Nicola Candeloro. Campobasso 9 Aprile 2014

E DIABETE. Prof. Nicola Candeloro. Campobasso 9 Aprile 2014 ESERCIZIO FISICO E DIABETE Prof. Nicola Candeloro Campobasso 9 Aprile 2014 Steve Redgrave 5 volte oro olimpico (1984,1988,1992,1996,2000) Diabete tipo 1 Effetti del training sul metabolismo energetico

Dettagli

ALIMENTAZIONE NELLE PATOLOGIE CRONICHE. dott.ssa Siciliano Italia Grazia biologo nutrizionista

ALIMENTAZIONE NELLE PATOLOGIE CRONICHE. dott.ssa Siciliano Italia Grazia biologo nutrizionista ALIMENTAZIONE NELLE PATOLOGIE CRONICHE dott.ssa Siciliano Italia Grazia biologo nutrizionista DALLA PREISTORIA AD OGGI: STILI DI VITA DIVERSI 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% DALLA PREISTORIA

Dettagli

MASTER DI NUTRIZIONE MOLECOLARE. dalla DIETA IPOCALORICA al METODO di ALIMENTAZIONE CONSAPEVOLE. Prof. Dr. Pier Luigi Rossi

MASTER DI NUTRIZIONE MOLECOLARE. dalla DIETA IPOCALORICA al METODO di ALIMENTAZIONE CONSAPEVOLE. Prof. Dr. Pier Luigi Rossi ALICONS SCUOLA DI ALIMENTAZIONE CONSAPEVOLE P R E S E N T A N O MASTER DI NUTRIZIONE MOLECOLARE dalla DIETA IPOCALORICA al METODO di ALIMENTAZIONE CONSAPEVOLE Prof. Dr. Pier Luigi Rossi PROGRAMMA 25 CREDITI

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

IL TRATTAMENTO DELL OBESITA : i paradossi imperanti

IL TRATTAMENTO DELL OBESITA : i paradossi imperanti IL TRATTAMENTO DELL OBESITA : i paradossi imperanti Già nel II secolo d.c., il famoso medico greco Galeno di Pergamo dedicò un trattato alla . Già allora l'autore raccomandava che lo

Dettagli

Bisogni Nutrizionali nei Pazienti «inguaribili»

Bisogni Nutrizionali nei Pazienti «inguaribili» Bisogni Nutrizionali nei Pazienti «inguaribili» Grazia Pilone U.O. di Gastroenterologia Fate clic per aggiungere del Azienda testoulss n. 12 Veneziana Mestre (Venezia) Terapia Palliativa Non Guarire, ma

Dettagli