TRATTAMENTO CHIRURGICO DELL OBESITA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TRATTAMENTO CHIRURGICO DELL OBESITA"

Transcript

1 TRATTAMENTO CHIRURGICO DELL OBESITA Giuliano Sarro Responsabile U.O. Chirurgia Generale Ospedale Cantù Abbiategrasso Centro di Chirurgia Bariatrica - A.O. Legnan

2 LINEE GUIDA SICOB 2015 E la chirurgia laparoscopica elemento imprescindibile della chirurgia bariatrica, in termini di riduzione della mortalità e della morbilità? TALE APPROCCIO GARANTISCE I MIGLIORI RISULTATI POSTOPERATORI IMMEDIATI LA CHIRURGIA BARIATRICA DEVE ESSERE PIANIFICATA CON TECNICA LAPAROSCOPICA LIV 2 R A

3 LINEE GUIDA SICOB 2015 Quali interventi di chirurgia bariatrica devono essere considerati consolidati e di riferimento? BENDAGGIO GASTRICO REGOLABILE LIV 2 RA SLEEVE GASTRECTOMY LIV 2 RA BY-PASS GASTRICO LIV1 RA DBP SEC.SCOPINARO LIV 2 RA DBP CON DUODENAL SWITCH LIV 2 RA BY-PASS BILIO- INTESTINALE LIV 3 RC

4 BENDAGGIO GASTRICO REGOLABILE L intervento consta nel posizionamento di una protesi circolare regolabile in materiale siliconico attorno alla porzione superiore dello stomaco in modo da ottenere la creazione di un piccolo neostomaco che accoglierà il cibo proveniente dall esofago. Il bendaggio viene fatto passare attraverso la pars- flaccida del piccolo omento. Questo approccio è da preferirsi all approccio perigastrico data la minore incidenza di complicanze (2; 3) (2A). LIV 2 RA VANTAGGI Induce una media di 40-60% EWL anche se in una certa percentuale dei casi risulta inefficace nel lungo termine (4) (5; 6; 7) (2A) E la procedura che ha la minore incidenza di complicanze e di mortalità peri-operatoria tra gli interventi bariatrici (8; 9; 10; 11; 12);(2A) Non si hanno deficit nutrizionali e si ha un miglioramento dello stato metabolico anche senza un chiaro meccanismo ormonale (13; 14; 15; 16; 17; 18) (2A) E reversibile e regolabile e non comporta tagli o anastomosi dei visceri così che anche i tempi di ospedalizzazione sono ridotti; SVANTAGGII Perdita di peso percentualmente minore rispetto ad altre procedure bariatriche (9; 7)(1A); E necessaria una buona compliance da parte del paziente sia in termini di attinenza alle prescrizioni dietetiche sia in termini di disponibilità a cambiare il comportamento alimentare e proseguire il follow up (19) (3C) A lungo termine si riscontra una maggiore percentuale di complicanze e di reintervento (20; 9)(2A) High failure rate of the laparoscopic-adjustable gastric band as a primary bariatric procedure. Kindel T1, Martin E2, Hungness E2, Nagle A2. S (13) , 2013 Dec 6, Vol. Surg Obes Relat Dis /j.soard Long-term results after laparoscopic adjustable gastric banding: a mean fourteen year follow-up study. Aarts EO1, Dogan K2, Koehestanie P2, Aufenacker TJ2, Janssen IM2, Berends FJ2. 10(4):633-40, 2014 Jul-Aug, Vol. Surg Obes Relat Dis /j.soard

5 COMPLICANZE BENDAGGIO GASTRICO REGOLABILE INTERVENTI LIV 2 RA??? Basse percentuali

6 PLICATURA GASTRICA VANTAGGI SVANTAGGI INTERVENTO TEORICAMENTE REVERSIBILE; NON SI ESEGUE NESSUN TAGLIO SULLO STOMACO; EWL >50% A 1 ANNO; (38; 39; 40; 41) 2A OLTRE ALLE MODIFICHE NEL VOLUME DELLO STOMACO SONO PRESENTI MODIFICHE NELLA SECREZIONE DEGLI ORMONI INTESTINALI; (42) 2B ATTUALMENTE NON È STATA RIPORTATA IN LETTERATURA NESSUNA MORTALITÀ POST- OPERATORIA (43) 2A ECONOMICAMENTE VANTAGGIOSA RISPETTO ALLE ALTRE PROCEDURE BARIATRICHE QUI DESCRITTE. (44) 1A SI HA UNA EWL NEL BREVE PERIODO LEGGERMENTE MINORE ALLA SLEEVE GASTRECTOMY (45; 46) 2B ANCHE SE QUESTO DIVARIO TENDE AD UNIFORMARSI CON L ANDARE DEL TEMPO (47) 3C; ESISTONO POCHISSIMI STUDI SUL FOLLOW UP NEL LUNGO PERIODO (DOVE QUESTI TENDONO A CONFERMARE UN MANTENIMENTO DELL EWL ATTORNO AL 50%) (47) 3C LIV 3 RC

7 COMPLICANZE PLICATURA GASTRICA 318 INTERVENTI LIV 3 RC

8 PLICATURA GASTRICA LINEE GUIDA SICOB 2015 Modificare le dimensioni dello stomaco senza eseguire tagli sullo stesso Può essere eseguito anche endoscopicamente Esecuzione di 2 invaginazioni a) punti staccati non riassorbibili b) continua a punti non riassorbibili dall angolo di His fino a 5 cm. dal piloro Sonda calibratrice da 32 a 36 French Dal punto di vista metabolico migliora il controllo glicemico ed il profilo metabolico ma i risultati a lungo termine sono ancora in fase di studio LIV 3 RC

9 SLEEVE GASTRECTOMY LINEE GUIDA SICOB 2015 LIV 2 RA VANTAGGI -Agisce con un duplice meccanismo, restrittivo ed ormonale (25; 26; 27)1A; -Induce un rapido calo ponderale con EWL>50% con un buon mantenimento nel lungo termine (28; 29; 30; 31; 32) 2A; -Non prevede l introduzione di corpi estranei o il confezionamento di anastomosi digestive; -Può essere convertito in bypass o diversione bilio-pancreatica (33; 34). SVANTAGGI Tasso di complicanze e di mortalità peri-operatoria maggiore rispetto al bendaggio gastrico (12) 1A; è un intervento non reversibile; può creare a lungo termine deficit vitaminici e minerali (18) 2B. Laparoscopic sleeve gastrectomy, 529 cases without a leak: short-term results and technical considerations. Bellanger DE, Greenway FL. 21: , 2011, Obes Surg.

10 COMPLICANZE SLEEVE GASTRECTOMY LIV 2 RA INTERVENTI 2004/2015??? e le fistole?

11 SLEEVE GASTRECTOMY LINEE GUIDA SICOB 2015 L asportazione del fondo gastrico è sempre necessaria Il calibro della sonda non incide sull efficacia dell intervento: non dovrebbe essere comunque superiore ai 40 FR L utilizzo di coagulatori ad ultrasuoni o radiofrequenza non incide sul decorso dell intervento Il tipo di suturatrice lineare utilizzata non modifica l efficacia dell intervento e l incidenza delle complicanze Il tipo di carica deve essere riferito allo spessore del tessuto: preferite cariche verdi-oro per la regione antrale, oro blu per quelle verso il corpofondo Il ricorso ad un sopraggitto o un affondamento della linea di sutura pare non modifichi l incidenza delle complicanze (leak e sanguinamento) Medesimo discorso per l utilizzo di colle o altro materiale di rinforzo LIV 2 RA All intervento può essere riconosciuto un effetto metabolico legato all effetto grelina sia centrale che periferico

12 BYPASS GASTRICO LINEE GUIDA SICOB 2015 È ATTUALMENTE LA PROCEDURA BARIATRICA PIÙ PRATICATA AL MONDO SI HA UNA IMPORTANTE RESTRIZIONE GASTRICA CHE DETERMINA UNA MINORE ASSUNZIONE DI CIBO. TASCA GASTRICA (20-30 ML) È PRESENTE UN FATTORE MALASSORBITIVO GRAZIE ALL ACCORCIAMENTO DEL SEGMENTO ENTERICO NEL QUALE TRANSITANO I NUTRIENTI DA ASSORBIRE LIV 1 RA Laparoscopic Roux-en-Y Gastric Bypass Versus Laparoscopic Sleeve Gastrectomy for the Treatment of Morbid Obesity. A Prospective Study with 5 Years of Follow-Up. Leyba JL1, Llopis SN, Aulestia SN Jul 11, Vol. Obes Surg. VANTAGGI EWL TRA IL 60 E L 80% CON UN MANTENIMENTO SUPERIORE AL 50% NEL LUNGO TERMINE (51; 52; 53)1A; AGISCE ATTRAVERSO TRE MECCANISMI: RESTRITTIVO, MALASSORBITIVO E ORMONALE (17; 54)2A; PIÙ EFFICACE NEL BREVE TERMINE NEL MIGLIORARE IL CONTROLLO GLICEMICO ED IL PROFILO METABOLICO DEL PAZIENTE RISPETTO ALLE ALTRE PROCEDURE RESTRITTIVE (55; 56; 57; 58). 1A SVANTAGGI NON REVERSIBILE; TASCA GASTRICA NON PIÙ ACCESSIBILE TRAMITE LE CLASSICHE TECNICHE DI GASTROSCOPIA; TECNICAMENTE PIÙ COMPLESSO DEI PRECEDENTI CON UN TASSO DI COMPLICANZE E DI MORTALITÀ PERI OPERATORIA MAGGIORE RISPETTO ALLE PRECEDENTI TECNICHE (59; 60; 61; 62; 63)2B; INDUCE UNA DEFICIENZA DI VITAMINA B12, FERRO, FOLATI, ZINCO, CALCIO PER CUI È NECESSARIA UNA RIGOROSA ATTINENZA ALLA DIETA ED UNA SUPPLEMENTAZIONE PER TUTTA LA VITA (64; 65; 18) 2B

13 BYPASS GASTRICO COMPLICANZE SICOB INTERVENTI LIV 1 RA??? e le fistole?

14 BYPASS GASTRICO LINEE GUIDA SICOB 2015 Se il tratto di ansa alimentare bypassato sia superiore ai 200 cm l intervento assume caratteristiche progressivamente malassorbitive LIV 1 RA L ansa alimentare viene per lo più postata nello spazio sovramesocolico in posizione ante colica ma non vi è evidenza che ciò influisca sul decorso dell intervento Viene dalla maggior parte degli Autori consigliata la chiusura dei mesi e dello spazio di Petersen Le varianti tecniche come il Banded Gastric Bypass, il Bypass Gastrico su Gastroplastica Verticale, il Bypass Gastrico Funzionale" ed il Bypass Gastrico Distale hanno lo scopo di assicurare nel tempo la componente restrittiva e di consentire lo studio dello stomaco escluso non influendo sul rationale dell intervento All intervento viene riconosciuto un effetto metabolico rilevante legato alla variazione dell increzione degli enterormoni (+GLP1 e del PYY) con recupero della riserva pancreatica ed un miglioramento del rischio cardiovascolare per un aumento della secrezione del brain natriuretic peptide, valore prognostico per l insufficienza cardio circolatoria.

15 LINEE GUIDA SICOB 2015 VARIANTI TECNICHE DEL BY PASS GASTRICO BY-PASS GASTRICO CON FUNDECTOMIA E ESPLORAZIONE DELLO STOMACO SEC. LESTI LIV.3 RC BY-PASS GASTRICO SECONDO AMENTA-CARIANI LIV. 3 RB BY PASS FUNZIONALE F.F:?

16 MGB / OAGB LAPAROSCOPICO (4-5 TROCAR) TASCA GASTRICA MAX ML GASTRODIGIUNO ANASTOMOSI CM DAL DUODENO L-L ANASTOMOSI OMEGA LOOP 220 CM LO STOMACO ED IL DUODENO VENGONO ESCLUSI COMPLETAMENTE DAL TRANSITO DEGLI ALIMENTI VANTAGGI SVANTAGGI DIMAGRIMENTO RAPIDO CON UNA EWL DEL 60-70% E CON UN BUON MANTENIMENTO NEL TEMPO ; CONFEZIONAMENTO DI UN UNICA ANASTOMOSI; MIGLIORAMENTO DEL QUADRO METABOLICO DEL PAZIENTE. INTERVENTO LO STOMACO ESCLUSO, IL DUODENO E LE VIE BILIARI NON SONO PIÙ ESPLORABILI CON LE METODICHE TRADIZIONALI. È MEGLIO MANTENERE UNA DIETA IPERPROTEICA, IPO O NORMOLIPIDICA ED IPOGLUCIDICA PER LIMITARE GLI EFFETTI COLLATERALI IIIC; LIV 3 LIV 2 RB TECNICA SEMPLICE E SICURA EFFETTI COLLATERALI COME ANEMIA ULCERA, GASTRITE BILIARE. È NECESSARIO UNO STRETTO FOLLOW-UP.

17 COMPLICANZE MINI GASTRIC BYPASS 801 Interventi LIV 2 RB??? e le fistole?

18 MGB / OAGB LINEE GUIDA SICOB 2015 Il mini by-pass determina un calo del peso corporeo con il meccanismo della riduzione della quantità di cibo introdotta associata ad un certo grado di malassorbimento, garantito dal confezionamento di una gastro-enteroanastomosi a cm dal duodeno. Il passaggio di cibo appena masticato, ma non digerito, in un tratto di intestino che non era abituato a riceverlo in questa forma, determina una stimolazione che genera un senso di sazietà precoce di grado variabile. Analogamente al by-pass gastrico anche nel mini by-pass gastrico lo stomaco ed il duodeno vengono esclusi completamente dal transito degli alimenti Dopo questo intervento lo stomaco escluso, il duodeno e le vie biliari non sono più esplorabili con le metodiche tradizionali. LIV 2 RB All intervento può essere riconosciuto un ruolo metabolico. L esclusione dello stomaco riduce i livelli di grelina in circolo e l esclusione del duodeno dal cibo elimina la risposta fisiologica intestinale di secrezione di ormoni come glucagone,colecistochinina ed enzimi biliopancreatici e di contro si assiste ad un aumento di GLP1 e PYY che aiutano nella perdita di peso e nel miglioramento della sindrome metabolica.

19 BYPASS BILIOINTESTINALE LIV 3 RC VANTAGGI DIMAGRIMENTO RAPIDO CON UNA EWL DEL 60-70% E CON UN BUON MANTENIMENTO NEL TEMPO (8; 9; 10) IIIA; IMPORTANTE MALASSORBIMENTO DEI GRASSI (3) IIIA; MIGLIORAMENTO DEL QUADRO METABOLICO DEL PAZIENTE (8; 9; 10) IIA. REVERSIBILE; SVANTAGGI IL MALASSORBIMENTO PUÒ CAUSARE UNA DEPLEZIONE DI MINERALI, VITAMINE ED OLIGOELEMENTI CHE NECESSITANO DI INTEGRAZIONI DIETETICHE (11) IIIB; È MEGLIO MANTENERE UNA DIETA IPERPROTEICA, IPO O NORMOLIPIDICA ED IPOGLUCIDICA PER LIMITARE GLI EFFETTI COLLATERALI IIIC; EFFETTI COLLATERALI COME ECCESSIVE SCARICHE DIARROICHE, CALCOLOSI RENALE, ALTERAZIONI EPATICHE, ARTRITI E GAS BLOAT SYNDROME (12) IIIC; È NECESSARIO UNO STRETTO FOLLOW-UP MEDICO. IIB Bilio-intestinal bypass for the treatment of obesity. Della Barba A1, Lenna G, Vellini S, Maino M, De Simone M, Piegai F, Riggio E, Pappalardo RA. 66(3):169-75, 2011 Jun, Vol. Minerva Chir.

20 COMPLICANZE BYPASS BILIOINTESTINALE LIV 3 RC 728 INTERVENTI

21 COMPLICANZE BYPASS BILIOINTESTINALE LIV 3 RC Proctologici (aniti, ragadi, emorroidi, fistole ed ascessi perianali). Nel 9% dei pazienti trattati vi è la necessità di un intervento chirurgico Diarrea persistente nei primi 6 mesi post-operatori, refrattaria a trattamento dietetico e farmacologico, si registra nel 5% dei pazienti Calcolosi renale (8.5%), colelitiasi (3%), coliche gassose (4.6%), quadro malnutritivo (1.5%) Laparocele che compare nel 15% dei pazienti, e l avvento della tecnica mininvasiva di fatto migliora tale complicanza (ma incidenza di ernie su trocar rispetto al normopeso) The Bilio intestinal Bypass G.MICHELETTO, G.ROVIARO,E.LATTUADA, M.A.ZAPPA,E.MOZZI, M.PERRINI,MC LIBRENTI,S.B.DOLDI OBESITY SURGERY,16,4,109,422,2006 The biliointestinal bypass: a thirty-years experience. Micheletto G1, Badiali M, Danelli PG, Sacco R, Sala B, Doldi SB. 79(6): , 2008 Nov-Dec, Vol. Ann Ital Chir.

22 BYPASS BILIO INTESTINALE LINEE GUIDA SICOB 2015 È un intervento puramente malassorbitivo. È l evoluzione del bypass digiuno ileale che ad oggi è in disuso a causa delle gravose complicanze L intervento consiste nella sezione del digiuno dopo i primi cm. La parte prossimale viene poi congiunta con il digiuno a cm dalla valvola ileo-ciecale in modo da creare un canale alimentare di 50-60cm. La parte distale del digiuno viene quindi congiunta alla colecisti in modo da formare un tratto non alimentare che sarà percorso unicamente dalla bile. L intervento termina con il confezionamento di una plastica anti reflusso prima dell anastomosi digiuno-ileale Le anastomosi vengono praticate con suturatrice lineare (raramente la circolare per l anastomosi colecisto-digiunale) Il tipo di carica deve essere riferito allo spessore del tessuto L esecuzione di plicature introflettenti a punti staccati nell ansa esclusa può essere indicata Il malassorbimento è determinato sia dalla diminuzione della superficie assorbente sia dal fatto che la secrezione biliare (necessaria per la digestione dei grassi) si unisca al bolo alimentare solo nell ultimo tratto dell intestino LIV 3 RC All intervento può essere riconosciuto un effetto metabolico. L interruzione del circolo enteroepatico determina una riduzione di circa il 40% dei livelli di colesterolo e triglicerdi nel plasma con una riduzione delle LDL ed un aumento delle HDL in circolo. Si assiste ad un miglioramento del diabete con una normalizzazione dei livelli di glucosio in circolo senza una terapia dietetica associata. Anche l ipertensione migliora notevolmente a fronte di una riduzione del peso corporeo.

23 DIVERSIONE BILIO PANCREATICA LIV 2 RA VANTAGGI E LA PROCEDURA CON LA MAGGIOR EWL CHE È DI CIRCA IL 60-70% CON UN BUON MANTENIMENTO A 5 ANNI (72; 73; 74; 75; 76; 77)2A; SI HA UN MALASSORBIMENTO DEI GRASSI CHE È DI CIRCA IL 70% (78; 79) 2B; È LA PROCEDURA CHE PIÙ DI OGNI ALTRA MIGLIORA IL CONTROLLO GLICEMICO E L OMEOSTASI METABOLICA (80; 81; 82; 83; 84)2B; SVANTAGGI NON È REVERSIBILE; HA UN PIÙ ALTO TASSO DI COMPLICANZE E DI MORTALITÀ PERI- OPERATORIA PIÙ ALTA RISPETTO ALLE ALTRE TECNICHE PRECEDENTEMENTE DESCRITTE (85) 2A; RICHIEDE UNA OSPEDALIZZAZIONE PIÙ LUNGA (85)2A; PUÒ CREARE A LUNGO TERMINE UN DEFICIT DI PROTEINE, VITAMINE E MINERALI E QUINDI RICHIEDE UNO STRETTO FOLLOW UP E SUPPLEMENTAZIONI NELLA DIETA (18; 86; 87; 88)2B. Biliopancreatic diversion with duodenal switch improves insulin sensitivity and secretion through caloric restriction. Plourde CÉ1, Grenier-Larouche T, Caron-Dorval D, Biron S, Marceau S, Lebel S, Biertho L, Tchernof A, Richard D, Carpentier AC. 22(8): , 2014 Aug, Vol. Obesity (Silver Spring) /oby

24 COMPLICANZE DIVERSIONE BILIOPANCREATICA SICOB INTERVENTI LIV 2 RA

25 DIVERSIONE BILIO PANCREATICA Viene dalla maggior parte degli Autori consigliato la chiusura dei mesi e dello spazio di Petersen Viene di norma associata la colecistectomia preventiva La resezione gastrica sia classica che verticale deve riguardare almeno i 2/3 dello stomaco assicurando la riduzione della secrezione acida LIV 2 RA All intervento viene riconosciuto un importante effetto metabolico legato sia alla variazione dell assorbimento dei nutrienti che all increzione degli enterormoni con recupero della riserva pancreatica Ridotto assorbimento dei grassi che migliora la dislipidemia (si ha una netta riduzione dei livelli di colesterolo, trigliceridi ed LDL in circolo con dei livelli di HDL stabili). Questo meccanismo determina una riduzione dell ipertensione arteriosa e del rischio cardiovascolare. Si ha una risoluzione della sindrome metabolica dell 80%. Si registra una risoluzione del diabete nel 80% dei casi con un incremento nel rilascio di incretine del tipo GLP1 con un effetto inibitorio sulle cellule alfa produttrici di glucagone ed un miglioramento della funzionalità delle b cellule pancreatiche residue.

26 DIVERSIONE BILIO PANCREATICA La variante duodenal switch prevede la formazione di uno stomaco tubuliforme simile a quanto accade nella sleeve gastrectomy con il risparmio di parte dell innervazione vagale e del piloro. Con questa accortezza di ha una minore percentuale di alcune complicanze come la dumping syndrome e l ulcerazione peptica dell anastomosi LIV 2 RA. VARIANTI TECNICHE DELLA DIVERSIONE BILIO-PANCREATICA LIV 2 RA

27 PALLONCINO INTRAGASTRICO LIV 1 RA Il calo ponderale medio è circa kg, Nel follow-up a lungo termine (48 mesi dalla rimozione), si osserva che: il 30% dei paziente riprende il 100% del peso, il 40% recupera meno del 50%, il 20% mantiene il peso raggiunto, il 10% dimagrisce ulteriormente. Genco A, Furbetta F, Micheletto G, Zappa MA. et al Obes Surg 2007, 17:1,130

28 COMPLICANZE PALLONCINO INTRAGASTRICO BIB 2004/2015 LIV 1 RA???? Esofagiti / ulcere?

29 PALLONCINO INTRAGASTRICO LINEE GUIDA SICOB 2015 SONO PROCEDURE ENDOSCOPICHE DI RIFERIMENTO PER IL TRATTAMENTO OBESO, NEI LIMITI DELLE INDICAZIONI LICENZIATE PER GLI INTERVENTI DI CHIRURGIA BARIATRICA: - IL PALLONE INTRAGASTRICO Non vi è evidenza che il tipo di palloncino insufflato ad aria o acqua influisca in modo sensibile sul calo ponderale Il volume di insufflazione non è direttamente proporzionale al calo di peso Sempre più centri procedono alla procedura con paziente in sedazione senza intubazione LIV 1, RA Non possiede effetto metabolico diretto

30 COSA SCEGLIERE E IMPORTANTE AVERE DELLE LINEE GUIDA MA ANCORA PIÙ IMPORTANTE LA FLESSIBILITÀ... Binge e Sweete Eaters BENDAGGIO GASTRICO SLEEVE GASTRECTOMY BPG BPD-DS BPD

31 INDAGINE CONOSCITIVA ANNO 2014 Dati Ufficiali Società Italiana di Chirurgia Presidente N. Di Lorenzo

32 Evoluzione del numero dei centri SICOB dal 2008 al 2014 Anno 2008 Anno 2009 Anno 2010 Anno 2011 Anno 2012 Anno 2013 Anno 2014 Centri centri Anno 2008 Anno 2009 Anno 2010 Anno 2011 Anno 2012 Anno 2013 Anno 2014 Partecipazione 93,40% 91,40% 91,80% 91,80% 78,00% 100,00% 92,77%

33 Distribuzione dei 83 centri SICOB censiti nel 2014 NORD 46 centri CENTRO 16 centri SUD 17 centri ISOLE 4 centri

34 Classificazione delle 78 unità operative nel ; 38% 28; 36% Centri con casistica <50 interventi Centri con casistica tra 50 e 100 interventi Centri con casistica oltre 100 interventi 20; 26% Classificazione delle 77 unità operative nel ; 32% 29; 38% Centri con casistica <50 interventi Centri con casistica tra 50 e 100 interventi Centri con casistica oltre 100 interventi 23; 30%

35 Trend delle procedure eseguite dal 2008 al 2014 (dati aggiornati al 24 febbraio 2015) Casistica 2008 Casistica 2009 Casistica 2010 Casistica 2011 Casistica 2012 Casistica 2013 Casistica 2014 Serie

36 Tipologia delle procedure eseguite nel 2014 Totale interventi (dati aggiornati al 24 febbraio 2015) Bendaggio gastrico Bypass gastrico Diversione Biliopancreatica Duodenal switch Sleeve gastrectomy Plicatura Gastrica Mini gastric Bypass Gastroplastica verticale Altre tipologie Serie

37 Tipologia delle procedure eseguite dal 2008 al 2014 (dati aggiornati al 24 febbraio 2015) Casistica 2008 Casitica 2009 Casistica 2010 Casitica 2011 Casistica 2012 Casistica 2013 Casistica 2014 Bendaggiio Gastrico Bypass gastrico Diversione + Duodenal switch Sleeve Gastrectomy Gastric Plication Mini Gastric Bypass Varie

38 Accesso operatorio anno ; 3% Laparoscopia Laparotomia 8534; 97% Accesso operatorio anno ; 4% Laparoscopia Laparotomia 7785; 96%

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

Rettocolite Ulcerosa Morbo di Crohn

Rettocolite Ulcerosa Morbo di Crohn Regione del Veneto Azienda Ospedaliera di Padova Chirurgia Generale Direttore : Prof. R. Bardini GUIDA INFORMATIVA SULLE MALATTIE INFIAMMATORIE CRONICHE INTESTINALI Rettocolite Ulcerosa Morbo di Crohn

Dettagli

Società Italiana di Chirurgia dell Obesità e delle malattie metaboliche

Società Italiana di Chirurgia dell Obesità e delle malattie metaboliche Società Italiana di Chirurgia dell Obesità e delle malattie metaboliche www.sicob.org Società Italiana di Chirurgia dell Obesità e delle malattie metaboliche (S.I.C.OB.): linee guida e stato dell arte

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione 3 Maggio 2012 Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione Emanuele Miraglia del Giudice Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Pediatria

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Agosto 2013 Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Dr. Richard A. Bailey, Poultry Health Scientist Sommario Introduzione Flora Intestinale Mantenere in equilibrio la salute intestinale Conclusioni

Dettagli

ANEMIE DEL II GRUPPO

ANEMIE DEL II GRUPPO ANEMIE DEL II GRUPPO Per incapacità dell eritrone midollare di produrre normalmente eritrociti a causa di difetti della: Proliferazione cellulare ESALTATA ERITROPOIESI INEFFICACE (ERITROBLASTOLISI MIDOLLARE)

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA INCAPACITA VENTILATORIA (flussi e/o volumi alterati alle PFR) INSUFFICIENZA RESPIRATORIA (compromissione dello scambio gassoso e/o della ventilazione alveolare) Lung failure (ipoossiemia) Pump failure

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

DIFETTO INTERVENTRICOLARE

DIFETTO INTERVENTRICOLARE DIFETTO INTERVENTRICOLARE Divisione di Cardiologia Pediatrica Cattedra di Cardiologia Seconda Università di Napoli A.O. Monaldi Epidemiologia 20% di tutte le CC Perimembranoso: 80% Muscolare: 5-20% Inlet:

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta

La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta U.O. Diabetologia, Policlinico Le Scotte Università di Siena GLI INDICATORI: DEFINIZIONE L indicatore è un informazione, quantitativa

Dettagli

Come affrontare il tumore. insieme. contro il cancro

Come affrontare il tumore. insieme. contro il cancro Come affrontare il tumore del pancreas insieme contro il cancro Il tumore del pancreas colpisce ogni anno in Italia circa 12.200 persone. Purtroppo si tratta di una malattia complessa, aggressiva, diagnosticata

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

L esercizio fisico come farmaco

L esercizio fisico come farmaco L esercizio fisico come farmaco L attività motoria come strumento di prevenzione e di terapia In questo breve manuale si fa riferimento a tipo, intensità, durata e frequenza dell attività fisica da soministrare

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

Menopausa, alimentazione ed osteoporosi. Debora Rasio Sapienza Università di Roma - Az. Osp. S. Andrea

Menopausa, alimentazione ed osteoporosi. Debora Rasio Sapienza Università di Roma - Az. Osp. S. Andrea Menopausa, alimentazione ed osteoporosi Debora Rasio Sapienza Università di Roma - Az. Osp. S. Andrea Cambiamenti ormonali in menopausa Con la menopausa si assiste al declino della produzione ovarica di

Dettagli

Semplice, veloce ed economica:

Semplice, veloce ed economica: GYN 30-6 05/2013-IT Semplice, veloce ed economica: ansa unipolare SupraLoop sec. BRUCKER/MESSROGHLI per l isterectomia laparoscopica sopracervicale (LASH) Ansa unipolare SupraLoop sec. BRUCKER/MESSROGHLI

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE CORREZIONE DELL ALLUCE VALGO 5 METATARSO VARO CON OSTEOTOMIA PERCUTANEA DISTALE Intervento Si ottiene eseguendo una osteotomia (taglio) del primo metatarso o del 5 metatarso

Dettagli

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie Coagulazione 1 Bilancia emostatica Ipercoagulabilità Ipocoagulabilità Normale Trombosi Emorragie 2 emostasi primaria emostasi secondaria Fattori coinvolti nell emostasi Vasi + endotelio Proteine della

Dettagli

-Composti organici essenziali per la vita

-Composti organici essenziali per la vita -Composti organici essenziali per la vita -La maggior parte dei vertebrati (tra cui l uomo) non sono in grado di sintetizzarle (come gli amminoacidi essenziali) -Sono assunte con la dieta -Alcune malattie

Dettagli

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo U.O. di Neurochirurgia Ospedale S. Maria di Loreto Nuovo ASL Napoli 1 Direttore: dr. M. de Bellis XLIX Congresso Nazionale SNO Palermo 13 16

Dettagli

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 SISTEMA CIRCOLATORIO Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2, sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 e cataboliti, per mantenere costante la composizione del liquido

Dettagli

Cos'è esattamente la gelatina

Cos'è esattamente la gelatina Cos'è esattamente la gelatina LA GELATINA È PURA E NATURALE La gelatina attualmente in commercio viene prodotta in moderni stabilimenti operanti in conformità ai più rigorosi standard di igiene e sicurezza.

Dettagli

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale SALUTE Aumenti la tua salute, CALORIE Perdi peso, AUTOSTIMA Accresci la tua autostima, LONGEVITÀ Allunghi la tua vita, EFFICIENZA Potenzi i tuoi muscoli e migliori il tuo equilibrio, LE SCALE M U S I C

Dettagli

Pinza da coagulazione e da taglio Duo CLICKLINE sec. SHAWKI GYN 50-3 07/2014/EW-IT

Pinza da coagulazione e da taglio Duo CLICKLINE sec. SHAWKI GYN 50-3 07/2014/EW-IT Pinza da coagulazione e da taglio Duo CLICKLINE sec. SHAWKI GYN 50-3 07/2014/EW-IT Introduzione Per eseguire un attenta dissezione nella maggior parte delle fasi operative in laparoscopia, si utilizza

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

Categoria Numero di partenza Posizione Sam 3

Categoria Numero di partenza Posizione Sam 3 Compito Categoria Numero di partenza Posizione Tempo: 10 minuti Leggere attentamente il questionario allegato. Rispondere alle domande sul tema. Nel contempo si tratta di risolvere un caso pratico. Per

Dettagli

Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G.

Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G. PROTOCOLLI E PROCEDURE IN CHIRURGIA GESTIONE DELLA RITENZIONE URINARIA Pag. 1 di Pag. 9 ELABORAZIONE Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G. Data: 10/03/04 INDICE Premessa

Dettagli

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Periodico di informazione per Medici & Farmacisti Anno XIII, N 2 Aprile 2013 A cura del DIP IP.. INTERAZIENDALEI ASSISTENZA FARMACEUTICA Via Berchet,

Dettagli

alcoliche alcoliche: Bevande se sì, solo in quantità controllata

alcoliche alcoliche: Bevande se sì, solo in quantità controllata 7. alcoliche alcoliche: Bevande se sì, solo in quantità controllata 53 7. Bevande alcoliche: se sì, solo in quantità controllata 1. DEFINIZIONE DI UNITÀ ALCOLICA (U.A.) Una Unità Alcolica (U.A.) corrisponde

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

TERZA LEZIONE: anemie carenziali ferro vit B12 ac folico

TERZA LEZIONE: anemie carenziali ferro vit B12 ac folico TERZA LEZIONE: anemie carenziali ferro vit B12 ac folico sanguinamento (acuto/cronico) iporigenerativa progenitori eritroidi (anemia aplastica, CDA, PRCA) sintesi Hb (carenza Fe, talassemia) sintesi di

Dettagli

ANEMIE MEGALOBLASTICHE II GRUPPO

ANEMIE MEGALOBLASTICHE II GRUPPO ANEMIE MEGALOBLASTICHE II GRUPPO SONO DOVUTE A ESALTATA ERITROPOIESI INEFFICACE CON ERITROBLASTOLISI INTRAMIDOLLARE IL MIDOLLO E RICCHISSIMO DI ERITROBLASTI CHE NON RIESCONO A MATURARE E MUOIONO NEL MIDOLLO

Dettagli

Sistema per Acuti. Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato

Sistema per Acuti. Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato Sistema per Acuti Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato La terapia Ci-Ca Citrato Dialisato Ci-Ca Calcio Modulo Ci-Ca Il sistema Ci-Ca con gestione integrata del citrato e calcio: La

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

Tratto dal libro "Guarire con la nuova medicina integrata".

Tratto dal libro Guarire con la nuova medicina integrata. 1. Mantenersi snelli. Il peso corporeo dev essere un valore da tenere nei ranghi. E a suggerirci i ranghi previsti è un parametro chiamato indice di massa corporea (BMI, da Body Mass Index). Si calcola

Dettagli

UNITÀ OPERATIVA DI GASTRO ENTEROLOGIA ALIMENTARSI INFORMATI

UNITÀ OPERATIVA DI GASTRO ENTEROLOGIA ALIMENTARSI INFORMATI UNITÀ OPERATIVA DI GASTRO ENTEROLOGIA ALIMENTARSI INFORMATI È con vero piacere che presento oggi Alimentarsi informati, un pratico manuale elaborato dall Unità Operativa di Gastroenterologia ed Endoscopia

Dettagli

La nefropatia cronica. Una guida per i pazienti e le famiglie

La nefropatia cronica. Una guida per i pazienti e le famiglie La nefropatia cronica Una guida per i pazienti e le famiglie Iniziativa NKF-KDOQI (Kidney Disease Outcomes Quality Initiative) della National Kidney Foundation L'iniziativa Kidney Disease Outcomes Quality

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO LA SALUTE VIEN MANGIANDO PERCHÉ MANGIAMO? Il nostro organismo per sopravvivere e stare in buona salute, per crescere, per svolgere attività fisica, per riparare le parti del corpo danneggiate e sostituire

Dettagli

TRATTAMENTO RIABILITATIVO OSPEDALIERO DELL OBESITÀ

TRATTAMENTO RIABILITATIVO OSPEDALIERO DELL OBESITÀ TRATTAMENTO RIABILITATIVO OSPEDALIERO DELL OBESITÀ Informazioni per i Pazienti Casa di cura privata Villa Garda Casa di Cura VILLA GARDA Via Monte Baldo, 89-37016 Garda (VR) Tel. 045/6208611 - Fax 045/7256132

Dettagli

Alimentazione Così si può migliorare l efficienza alimentare

Alimentazione Così si può migliorare l efficienza alimentare Ancora dal convegno di Copenaghen. Questo parametro, nell allevamento delle bovine da latte, può crescere. E non solo perfezionando il razionamento. Ma anche intervenendo su diversi altri fattori, come

Dettagli

Dall inizio alla fine, un binomio inscindibile: Calcio piu vit. A e D

Dall inizio alla fine, un binomio inscindibile: Calcio piu vit. A e D Dall inizio alla fine, un binomio inscindibile: Calcio piu vit. A e D IL CALCIO La definizione classica per questo elemento e quella di essere un Metallo Alcalino Terroso. Non si trova libero in Natura,

Dettagli

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE La stima del Filtrato Glomerulare (FG) èil miglior indicatore complessivo della funzione renale. La sola creatininemia non deve essere usata come indice di

Dettagli

Fonti alimentari di Inositolo

Fonti alimentari di Inositolo Fonti alimentari di Inositolo Agrumi Cereali integrali Frutta secca(arachidi) Semi(germe di grano) Legumi(fagioli) Lievito di birra Gli alimenti freschi contengono molto più Inositolo rispetto ai prodotti

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ. Prevalenza e incidenza delle complicanze del diabete: studio DAI

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ. Prevalenza e incidenza delle complicanze del diabete: studio DAI ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ Prevalenza e incidenza delle complicanze del diabete: studio DAI Flavia Lombardo (a), Stefania Spila Alegiani (a), Marina Maggini (a), Roberto Raschetti (a), Angelo Avogaro

Dettagli

VET 30 6.1 03/2015-IT. Minilaparoscopia. per animali di peso inferiore ai 10 kg

VET 30 6.1 03/2015-IT. Minilaparoscopia. per animali di peso inferiore ai 10 kg VET 30 6.1 03/2015-IT Minilaparoscopia per animali di peso inferiore ai 10 kg Ristabilimento e guarigione più rapidi Un set di strumenti fondamentali per ogni veterinario operante in zoo, in laboratori

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

LEGGIAMO LE ANALISI DEL SANGUE

LEGGIAMO LE ANALISI DEL SANGUE LEGGIAMO LE ANALISI DEL SANGUE Ad ogni donazione, dovunque venga fatta, il sangue prelevato viene sottoposto ad analisi dal Centro Trasfusionale dell Ospedale San Michele ( Brotzu ) ed i relativi risultati

Dettagli

12.200 i nuovi casi di tumore al pancreas ogni anno in Italia

12.200 i nuovi casi di tumore al pancreas ogni anno in Italia Come prevenire il tumore del pancreas insieme contro il cancro Il pancreas e il tumore Il pancreas è un organo dalla forma simile a quella di una pera o di una lingua, situato in profondità nella cavità

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono essere soddisfatti i fabbisogni di nutrienti necessari

Dettagli

peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo

peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo 1. peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo 1. Controlla il peso e mantieniti sempre attivo Il peso corporeo Il nostro peso corporeo rappresenta l'espressione tangibile del bilancio energetico

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

Vitamina D: passato, presente e futuro. Dott. Giuliano Bucciardini MMG

Vitamina D: passato, presente e futuro. Dott. Giuliano Bucciardini MMG Vitamina D: passato, presente e futuro Dott. Giuliano Bucciardini MMG Un po' di storia Nel 1650 l'inglese Francis Glisson descrive accuratamente il rachitismo (peraltro noto sin dall'antichità) in De rachitade.

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio -

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio - nutrizione & composizione corporea fisioterapia & recupero funzionale medicina d alta quota piani di allenamento articoli, studi, ricerche dal mondo della Nutrizione, delle Terapie Fisiche, delle Neuroscienze

Dettagli

Introduzione. Alessandro Centi

Introduzione. Alessandro Centi Introduzione La PEDIATRICA SPECIALIST nasce nel 2012 e si avvale dell esperienza e del know-how formulativo di Pediatrica, consolidata azienda del settore parafarmaceutico da sempre orientata ai bisogni

Dettagli

STANCHI, FIACCHI, SENZA ENERGIA CARENZA DI FERRO?

STANCHI, FIACCHI, SENZA ENERGIA CARENZA DI FERRO? STANCHI, FIACCHI, SENZA ENERGIA CARENZA DI FERRO? Allestimento e produzione dell opuscolo da parte di Mediscope AG. www.mediscope.ch Indice 1. Prefazione Prof. Dr. Dr. med. Walter A. Wuillemin, ematologo,

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin EVIDENCE REPORT: PROFILASSI CON VITAMINA K NEI NEONATI PER LA PREVENZIONE DELLA MALATTIA EMORRAGICA (a cura di Baiesi Pillastrini Francesca, Battistini Silvia, Parma Dila ) banca dati stringa di ricerca

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

Biochimica della Nutrizione

Biochimica della Nutrizione Università di Roma Tor Vergata - Scienze della Nutrizione Umana Biochimica della Nutrizione Prof.ssa Luciana Avigliano 2011 VITAMINA C VITAMINA E VITAMINA C: FUNZIONA DA AGENTE RIDUCENTE Donatore monoelettronico

Dettagli

ORGANIZZAZIONE SANITARIA E CERTIFICAZIONI MEDICHE D'IDONEITÀ P E R IL CONSEGUIMENTO DELLE LICENZE E DEGLI ATTESTATI AERONAUTICI

ORGANIZZAZIONE SANITARIA E CERTIFICAZIONI MEDICHE D'IDONEITÀ P E R IL CONSEGUIMENTO DELLE LICENZE E DEGLI ATTESTATI AERONAUTICI ORGANIZZAZIONE SANITARIA E CERTIFICAZIONI MEDICHE D'IDONEITÀ P E R IL CONSEGUIMENTO DELLE LICENZE E DEGLI ATTESTATI AERONAUTICI Edizione n. 2 del 24 febbraio 2014 Edizione 2 Pagina 26 di 43 SEZIONE V CERTIFICAZIONI

Dettagli

E.O Ospedali Galliera Genova. PICC e MIDLINE Indicazioni per una corretta gestione

E.O Ospedali Galliera Genova. PICC e MIDLINE Indicazioni per una corretta gestione E.O Ospedali Galliera Genova DIREZIONE SANITARIA Direttore Sanitario: Dott. Roberto Tramalloni S.S.D. CURE DOMICILIARI Dirigente Medico Responsabile Dott. Alberto Cella PICC e MIDLINE Indicazioni per una

Dettagli

LMA Supreme Second Seal

LMA Supreme Second Seal LMA Supreme Second Seal Mantenimento della pervietà delle vie aeree. Gestione del contenuto gastrico. Pieno rispetto delle raccomandazioni del report NAP4. Una doppia tenuta clinicamente provata L importanza

Dettagli

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: Prof. Paolo Perri ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI Gentile Signora/e, questo opuscolo

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE 2013 GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE IDENTIFICAZIONE DI PAZIENTI AD ALTO RISCHIO DI CARDIOTOSSICITA RADIOINDOTTA (RIHD) A cura di: Monica Anselmino (coordinatrice) Alessandro Bonzano Mario

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol?

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol? alcol Qual è la dimensione del problema? L alcol è una sostanza tossica per la quale non è possibile identificare livelli di consumo sicuri, anche a causa delle differenze individuali legate al metabolismo

Dettagli

PER LA GESTIONE INFORMATIVO

PER LA GESTIONE INFORMATIVO Dipartimento Cardio-Toraco-Vascolare e di Area Critica Direttore Dott. L. Zucchi UNITA DI TERAPIA SEMINTENSIVA RESPIRATORIA (UTSIR) OPUSCOLO INFORMATIVO PER LA GESTIONE A DOMICILIO DELLA TRACHEOSTOMIA

Dettagli

NUTRACEUTICA Corpo come Arte

NUTRACEUTICA Corpo come Arte NUTRACEUTICA Corpo come Arte efficacia sinergia RESVERA-VITIS 60 cps Antiossidante Riossigenante Tessutale Integratore a base di Resveratrolo e OPC ad alto dosaggio (in 1 cps 585 mg di Vitis Vinifera 17.000

Dettagli

VLT. Aminoacidi Caffeina Derivati botanici Vitamine idrosolubili.

VLT. Aminoacidi Caffeina Derivati botanici Vitamine idrosolubili. VLT VLT (leggi Volt) è un gel energizzante il cui effetto si fonda sulla combinazione e sinergia d azione propria dei componenti in esso contenuti. In VLT si ritrovano, difatti, molteplici principi attivi

Dettagli

da Norda una Novità nel Mondo del Beverage

da Norda una Novità nel Mondo del Beverage da Norda una Novità nel Mondo del Beverage Benessere da Bere una Carica di Energia Prima in Italia, Norda lancia sul mercato, una Linea INNOVATIVA di Bevande Funzionali che è già un Grande Successo negli

Dettagli

Il sistema endocrino Il sistema endocrino sistema ormonale ghiandole cellule proteiche lipidiche organismo umano sistema nervoso

Il sistema endocrino Il sistema endocrino sistema ormonale ghiandole cellule proteiche lipidiche organismo umano sistema nervoso Il sistema endocrino Il sistema endocrino o sistema ormonale è rappresentato da un insieme di ghiandole e cellule (dette ghiandole endocrine e cellule endocrine) le quali secernono delle sostanze proteiche

Dettagli

La nutrizione nei primi 1000 giorni. Contributo n 70

La nutrizione nei primi 1000 giorni. Contributo n 70 Mediterranean Nutrition Group La nutrizione nei primi 1000 giorni Contributo n 70 MeNu GROUP MediterraneanNutrition LA NUTRIZIONE NEI PRIMI 1000 GIORNI UN OPPORTUNITÀ PER PREVENIRE SOVRAPPESO E OBESITÀ

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

OMEOSTASI DEL Ca 2+ e FOSFORO

OMEOSTASI DEL Ca 2+ e FOSFORO OMEOSTASI DEL Ca 2+ e FOSFORO Metabolismo del calcio Il calcio è il minerale più rappresentato nell organismo umano (1000-1200 gr) Il 99% del Ca corporeo si trova nello scheletro e nei denti, per lo più

Dettagli

Consumo medio giornaliero di sodio e potassio nella popolazione italiana adulta

Consumo medio giornaliero di sodio e potassio nella popolazione italiana adulta PROGRAMMA MINISAL Sottoprogetto ISS www.menosalepiusalute.it MINISAL-GIRCSI BUONE PRATICHE SULL'ALIMENTAZIONE: VALUTAZIONE DEL CONTENUTO DI SODIO, POTASSIO E IODIO NELLA DIETA DEGLI ITALIANI Consumo medio

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

esami sono stati eseguiti ed interpretati con una tecnica di studio ecografico non perfettamente idonea. Scopo di questa presentazione è quello di

esami sono stati eseguiti ed interpretati con una tecnica di studio ecografico non perfettamente idonea. Scopo di questa presentazione è quello di L ecografia delle anche: una review Giuseppe Atti Centro Marino Ortolani per la diagnosi e la terapia precoce della Lussazione Congenita delle Anche Azienda Ospedaliera Universitaria di Ferrara email:

Dettagli