Effetti metabolici della chirurgia bariatrica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Effetti metabolici della chirurgia bariatrica"

Transcript

1 University of Pisa 1 th A.I.S.F. PRE-MEETING COURSE Liver Disease, Life Style and Behaviour School of Medicine Effetti metabolici della chirurgia bariatrica Stefania Camastra Dipartimento di Medicina Interna Università of Pisa 1

2 Indicazioni alla Chirurgia Bariatrica Pazienti con BMI > 4 kg/m Pazienti con BMI tra 35 e 4 kg/m in presenza di comorbilità ( diabete tipo, patologie cardiorespiratorie, gravi malattie articolari, ecc.) Linee Guida SICOB 8

3 Adjustable gastric band Restrictive procedures Sleeve gastrectomy Restrictive and malabsorptive procedure LAGB VBG Roux-en-Y gastric bypass Vertical banded gastroplasty Malabsorptive procedures Biliopancreatic diversion BPD cc Gastrojejunal anastomosis between 3-75 cm from Treitz Excluded biliary limb 3 cc Alimentary limb Excluded biliary limb 5 cm Alimentary limb Entero-enteroanastomosis at 75-1 cm distal to the gastrojejunal anastomosis Entero-enteroanastomosis at 5 cm proximal to the ileocecal valve 3

4 Effect of bariatric surgery on weight loss and comorbidities WEIGHT REDUCTION Meta-analysis: 136 studies (94) patients published between 199 and 3 Buchwald H. et al. JAMA. 4. 9: Gastric banding Gastric Bypass BPD restrictive restrictive-malabsorptive malabsorptive TOT Absolute weight loss (kg) Excess weight loss (%) HYPERTENSION Resolved (%) Resolved or improved (%) Obstructive Sleep Apnea Resolved (%) Resolved or improved (%) HYPERLIPIDEMIA Hypercholester. Improved (%) Hypertriglycerid. Improved (%) DIABETES COURSE (*) Resolved overall (%) Resolved < years (%) Resolved > years (%) (*) Buchwald H. et al. Am J Med. 9 Meta-analysis: 61 studies published between 199 and 6 4

5 5

6 Effect of BPD on insulin secretion Insulin secretion rate (pmol/min) a.m. 1 a.m. p.m. 6 p.m. 1 p.m. a.m. Time of day Obese pre-surgery (BMI 51 ± 3 kg/m) Obese 6 months post-surgery (BMI 39 ± 3 kg/m) Obese years post-surgery (BMI 33 ± 3 kg/m) shaded green area: means ± SD of the Control group (BMI 6 ± 1 kg/m) Camastra S. et al Diabetes 5;54:38-9 6

7 Massive weight loss by BPD normalizes the ß-cell glucose sensitivity in diabetic subjects 1 Glucose (mmol/l) Insulin secretion rate (pmol/min) a.m. 1 a.m. 4 p.m. 8 p.m. 1 p.m. 4 a.m. 1 Diabetic pre-surgery (BMI 49± 3 kg/m) 1 Diabetic post-surgery (BMI 33 ± 3 kg/m) shaded green area: means ± SD of the Obese non diabetic post-surgery (BMI 33 ± 3 kg/m) Plasma glucose ( mmol /l) Camastra S et al. Diabetes Care 7 7

8 Effect of BPD on insulin sensitivity (follow-up years) p <.5 vs Controls 7 p = ns vs Controls M (µmol/min/kg FFM ) BMI 6.5 BMI 51.1 BMI 33.1 Controls Obese Diabetes adapted from Camastra S et al. Diabetes 5 and Camastra S et al. Diabetes Care 7 BMI 49.5 BMI 33.1 p =.1 vs Obese post BPD pre BPD post BPD Adiponectin (µg/ml) BMI 51.1 p =.1 BMI

9 Massive weight loss determines intramyocellular fat depletion and a proportional improvement of insulin sensitivitity Before weight loss 7 After weight loss by BPD Insulin-sensitivity (µmol/min / kg FFM ) controls obese obese post-diet obese post-bpd 1 r =.49; p< Intramyocellular fat (arbitrary units) adapted from Greco AV et al. Diabetes 51: , 9

10 (pmol/min/m) plasma glucose(mmol/l) Effect of RYGB on beta-cell function Fasting insulin secretion BMI 6.1 Controls Controls p <.5 Diabetic p <.5 BMI 3.6 BMI 49.5 Diabetic p ns vs Controls p <ns vs Controls pre RYGB post RYGB (pmol/min/m/pm) Beta-cell glucose sensitivity BMI 6.1 Controls p <.1 BMI 3.6 BMI 49.5 Diabetic p <.5 vs Controls pre RYGB post RYGB Unpublished personal data 1

11 Effect of RYGB on insulin sensitivity 6 p <.5 1 year post vs Controls M (µmol/min/kg FFM ) BMI 6.1 p <.1 BMI 54.7 BMI 36.1 BMI 49.5 p <.1 BMI 3.6 pre surgery 1year post Controls Obese Diabetic Unpublished personal data 11

12 Insulin Resistance is a Multisystem Disorder Insulin Resistance Glucose production Glucose uptake lipolysis FFA FFA 1

13 Tracer study Euglycaemic hyperinsulinaemic clamp (4 mu/m /min) combined with infusion of [6,6- H ]-glucose Hepatic glucose production (HGP) [ H 5 ]-glycerol Lipolysis (glycerol release or RaGLY) Tissue insulin resistance H-IR HGP x fasting plasma insulin M-IS IS Rate of glucose disappearance (M value + HGP) over steady state plasma insulin AT-IR RaGLY x fasting plasma insulin 13

14 M-IS nmol/min/kg FFM /pm 1 Effect of RYGB on tissue insulin sensitivity AT-IR 1,4 mmol/min/kg FM /pm 1, 1,8,6,4, muscle insulin-sensitivity Controls p <.1 p <.1 Obese p <.5 Diabetic adipose tissue insulin-resistance p <.1 p <.1 p <.5 H-IR mmol/min/kg FFM /pm,4 1,6 1,,8,4 basal Controls weeks post RYGB 1 year post RYGB hepatic insulin-resistance p <.1 p <.5 Obese p <.1 p <.5 Diabetic BMI (kg/m) Controls Obese Diabetic Unpublished personal data 1 Controls Obese Diabetic 14

15 Conclusione La chirurgia bariatrica determina miglioramento o normalizzazione della insulino-resistenza e della funzione β-cellulare La sensibilità all insulina migliora a carico di tutti i tessuti coinvolti nei meccanismi di insulino-resistenza (muscolo, fegato, tessuto adiposo) 15

16 Prevalenza di NAFLD nell obesità grave N Steatosi NASH Fibrosi Cirrosi (%) (%) (%) (%) Luyckx (Int J Ob 1998) Marceau (JCEM 1999) Gholam (Ob Surg ) Padoin (Ob Surg 6) Moretto (Ob Surg 3) Shalhub (Ob Surg 4) Beymer (Arch Surg 3) Dixon (Hepatology 4) Lima (Ob Surg 5) Boza (Ob Surg 5) Stratopoulos (Ob Surg 5) Harnois (Ob Surg 6) De Ridder RJJ et al Aliment Pharmacol Ther 7 16

17 VLDL ROS TG β oxidation FFA FFA lipolysis Insulin resistance 17

18 AST (U/L) ALT (U/L) Effetto della chirurgia bariatrica in pazienti con Steatosi 69 8 * 65 7 Donne Uomini * * * 5 AST vn <19U/l 17 5 Pre-op -5% -5% -75% -1% Riduzione eccesso di peso 69 8 * 65 7 * * * 5 ALT vn <3U/l Pre-op -5% -5% -75% -1% Riduzione eccesso di peso * 17 5 γgt (U/L) Steatosi >3% allõesame istologico Bendaggio gastrico, Gastroplastica, BPD 69 8 * 65 7 * * * 5 Pre-op -5% -5% -75% -1% Riduzione eccesso di peso γgt vn <8U/l 17 5 Wolf AM et al, Ob Surg 5 18

19 Effetto della Chirurgia bariatrica sulla prevalenza di steatosi 1 paz 69 mesi 7 paz 16 mesi 4 paz 36 mesi 6 paz 19 mesi 1 paz 51 mesi 18 paz 16 mesi 1 paz 7 mesi 15 Pre-op Post-op 8 6 % 4 Luyckx (VBG) De Almeida (RYGB) Dixon (LAGB) Barker (RYGB) Stratopoulos (VBG) Clark (RYGB) Mattar (Mixed) De Ridder RJJ et al Aliment Pharmacol Ther 7 19

20 Effetto della Chirurgia bariatrica sulla prevalenza di infiammazione 1 paz 69 mesi 7 paz 16 mesi 4 paz 36 mesi 6 paz 19 mesi 1 paz 51 mesi 18 paz 16 mesi 1 paz 14 mesi 41 paz 7 mesi % Luyckx (VBG) De Almeida (RYGB Dixon (LAGB) Barker (RYGB) Stratopoulos (VBG) Clark (RYGB) Kral (BPD) Mattar (Mixed) De Ridder RJJ et al Aliment Pharmacol Ther 7

21 Effetto della Chirurgia bariatrica sulla prevalenza di fibrosi 1 paz 69 mesi 7 paz 16 mesi 4 paz 36 mesi 6 paz 19 mesi 1 paz 51 mesi 18 paz 16 mesi 1 paz 7 mesi 15 Pre-op Post-op 8 6 % 4 Luyckx (VBG) De Almeida (RYGB Dixon (LAGB) Barker (RYGB) Stratopoulos (VBG) Clark (RYGB) Mattar (Mixed) De Ridder RJJ et al Aliment Pharmacol Ther 7 1

22 Effetto della chirurgia bariatrica sulla NAFLD Meta-analisi: 131 studi esaminati pubblicati fino al 7; 15 selezionati per avere numero sufficiente di soggetti e adeguato follow-up istologico; Mummadi et al. Clin. Gastroent Hepatol. 8. 6: Steatosi Steatoepatite Fibrosi Studi presi in esame (n ) (solo agobiopsia) Prevalenza% (n biopsie esaminate) 83,1 (766 biop) 53,9 (555 biop) 65, (11 biop) Risoluzione (%) ND 69,5 ND Miglioramento o risoluzione (%) 91,6 81,3 65,5 Tipo di intervento (n studi/n sogg) Restrittivo (LAGB, SG, VGB) 4 1 Misto (RYGB) Malassorb (BPD) 1 1 Tecniche miste (BLB, RYGB, SG, LAGB) 1 1

23 BASAL 36 liver biopsies 1 year post surgery 67 liver biopsies 5 year post surgery 11 liver biopsies SURGERY Gastric banding Gastric bypass Biliointestinal bypass (%) 56, 1,8 LIVER HISTOLOGY STEATOSIS NASH probable or definite NASH definite NAS =NAFLD score (-8) : unweighted sum of score for steatosis (-3), lobular inflammation (-3), ballooning (-) > 1% fat droplets NAS > 3 NAS > 5 FO F1 F F3 F4 LIVER FIBROSIS normal focal pericellular in zone 3 Perivenular pericellular in zone -3 Bridging or extensive fibrosis with architectural distortion cirrhosis 3

24 Parametri istologici Pre-chirurgia (36) 1 anno (67) 5 anni (11) Amount of steatosis (%) 37 ± 5 15 ± * 16 ± 7 * NAS. ± ± 1.3* 1. ± 1.3* NAS Inflammation.18 ±.41.±.45.3 ±.45 NAS Ballooning. ±.47.1 ±.36*.1 ±.33* Principali parametri clinici Pre-chirurgia 1 anno 5 anni BMI (kg/m ) 5 ± 8 39 ± 8* 38 ± 8* Serum Cholesterol (g/l).4 ± ±.44* 1.89 ±.46* SerumTriglycerides (g/l) 1.67 ±.1 1. ±.76* 1.6 ±.67* ALT (UI/L) 3.1 ± ± 14 *.8 ± 14.1* γgt (UI/L) 39.9 ± ± 7.8* 9. ± 3* Fasting glucose (g/l) 1.18 ± ±.3 *.94 ±.5 * Insulin Resistance Index 3. ±.35 *.84 ±.35 *.83 ±.35 * Mathurin et al Gastroenterology 9 4

25 Evoluzione del profilo istologico a 5 anni IR non refractory IR refractory (>3.13 to 5 yy) p Persistenza di steatosi (%) NAS Infiammazione Ballooning In analisi multivariata IR refractory era un fattore predittivo indipendente di persistenza di steatosi e ballooning. Mathurin et al Gastroenterology 9 5

26 Distribuzione del grado di fibrosi a 5 aa dalla chirurgia N di biopsie Basale 5 anni 8 6 F bas 166 F1 bas 9 F bas 8 F3 bas 1 FO F1 F F3 F4 F 5aa FO F1 F F3 F4 F1 5aa F 5aa 3 1 normal cirrhosis F3 5aa F4 5aa focal pericellular in zone 3 Perivenular pericellular in zone -3 Bridging or extensive fibrosis with architectural distortion 1 Mathurin et al Gastroenterology 9 6

27 Distribuzione del grado di fibrosi a 5 aa dalla chirurgia N di biopsie Basale 5 anni 8 6 F bas 166 F1 bas 9 F bas 8 F3 bas 1 FO F1 F F3 F4 F 5aa F1 5aa % 8% FO F1 F F3 F4 F 5aa 3 1 normal cirrhosis F3 5aa F4 5aa focal pericellular in zone 3 Perivenular pericellular in zone -3 Bridging or extensive fibrosis with architectural distortion 1 % Mathurin et al Gastroenterology 9 7

28 Distribuzione del grado di fibrosi a 5 aa dalla chirurgia >9% Basale 5 anni F 5aa F1 5aa F 5aa F3 5aa F4 5aa F bas 166 F1 bas % N di biopsie FO F1 F F3 F4 F bas 8 F3 bas FO F1 F F3 normal Perivenular pericellular in zone -3 focal pericellular in zone 3 Bridging or extensive fibrosis with architectural distortion F4 cirrhosis Mathurin et al Gastroenterology 9 8

29 Distribuzione del grado di fibrosi a 5 aa dalla chirurgia N di biopsie Basale 5 anni 8 6 F bas 166 F1 bas 9 F bas 8 F3 bas 1 FO F1 F F3 F4 F 5aa F4 F1 5aa % FO F1 F F3 F 5aa 3 1 normal cirrhosis F3 5aa F4 5aa focal pericellular in zone 3 Perivenular pericellular in zone -3 Bridging or extensive fibrosis with architectural distortion 1 Mathurin et al Gastroenterology 9 9

30 % Evoluzione dei 99 pazienti con probabile o definita NASH (NAS>3) Pre-chirurgia 1 anno 5 anni Probable or Definite NASH % (n) 7.4% (99) 1% (3)* 14.% (33) * Extent of steatosis (%) 66 ± 18 9 ± 4* 6 ± 5* NAS 3.7 ±.9.1 ± 1.5* 1.9 ± 1.6* Inflammation.53 ± ± ±.56 Ballooning.63 ± ±.55*.6 ±.48* Extent of fibrosis.71 ± ± ±.79 Basale (n99) 1 anno (n77) 5 anni (n6) FO F1 F F3 3

31 Conclusioni I dati attualmente disponibili indicano un effetto positivo della chirurgia bariatrica sul quadro istologico della NAFLD per quel che riguarda il grado di steatosi ed infiammazione che sembra essere legato al miglioramento dell IR Risultati non ancora certi riguardano l evoluzione della fibrosi. La maggior parte dei dati attualmente disponibili sembrano suggerire un miglioramento, ma alcuni studi riportano stabilizzazione o peggioramento sia pure entro i livelli più bassi Studi controllati sono necessari per confermare tali evidenze 31

Reversibilità delle complicanze nel diabete tipo 2

Reversibilità delle complicanze nel diabete tipo 2 3 WORKSHOP CONGIUNTO SICOb SID SIO L integrazione tra terapia medica e chirurgica nel trattamento del paziente obeso diabetico 7 marzo 2014 Reversibilità delle complicanze nel diabete tipo 2 Roberto Fabris

Dettagli

OBESITA LA TERAPIA CHIRURGICA

OBESITA LA TERAPIA CHIRURGICA OBESITA LA TERAPIA CHIRURGICA Prof. M. Morino Chirurgia II Centro Universitario di Chirurgia Mini Invasiva Università degli Studi di Torino AOU Molinette By-pass gastrico laparoscopico Italia Necessità

Dettagli

OBESITA. Chirurgia II. Università degli Studi di Torino AOU Molinette

OBESITA. Chirurgia II. Università degli Studi di Torino AOU Molinette OBESITA LA TERAPIA CHIRURGICA Prof. M. Morino Chirurgia II Centro Universitario di Chirurgia Mini Invasiva Università degli Studi di Torino AOU Molinette By-pass gastrico laparoscopico Italia Necessità

Dettagli

OBESITA E DIABETE: VALUTAZIONE E PROGETTO DI INTERVENTO

OBESITA E DIABETE: VALUTAZIONE E PROGETTO DI INTERVENTO OBESITA E DIABETE: VALUTAZIONE E PROGETTO DI INTERVENTO Dr.ssa Enrica Manicardi D.M. RESPONSABILE DI S.S. DI DIABETOLOGIA E DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Azienda Ospedaliera Arcispedale Santa Maria

Dettagli

Indicazioni alla chirurgia bariatrica nel diabete di tipo 2

Indicazioni alla chirurgia bariatrica nel diabete di tipo 2 Maccagno, 20-21 Aprile 2012 Giornate Diabetologiche Luinesi II Edizione Facciamo quadrato intorno al Diabete Indicazioni alla chirurgia bariatrica nel diabete di tipo 2 E. Piantanida Università degli Studi

Dettagli

Obesity (BMI 30 kg/m 2 ) - All 22.9 % 30.5 % - Males 20.2 % 27.5 % - Females 25.4 % 33.4 %

Obesity (BMI 30 kg/m 2 ) - All 22.9 % 30.5 % - Males 20.2 % 27.5 % - Females 25.4 % 33.4 % Il Paziente obeso: Il punto di vista del Chirurgo Prof. Francesco Domenico Capizzi Bologna CENTRO DI CHIRURGIA LAPAROSCOPICA GASTROENTEROLOGICA E DELL OBESITA, Bologna Direttore: Prof. F.D. Capizzi Prevalenza

Dettagli

Soluzioni: Terapia farmacologica

Soluzioni: Terapia farmacologica Maria Grazia Zenti UOC Endocrinologia e Malattie Metaboliche, AOUI Verona Simposio 2. Recidive del diabete dopo terapia chirurgica Soluzioni: Terapia farmacologica Background La chirurgia bariatrica consente

Dettagli

Percorsi assistenziali condivisi tra Medico di Medicina Generale e specialista in Epatologia. Steatosi e danno epatico: che fare?

Percorsi assistenziali condivisi tra Medico di Medicina Generale e specialista in Epatologia. Steatosi e danno epatico: che fare? Percorsi assistenziali condivisi tra Medico di Medicina Generale e specialista in Epatologia Savona 28.11.2009 Steatosi e danno epatico: che fare? Alessandro Grasso S.S. Gastroenterologia ed Epatologia

Dettagli

NOVITA IN EPATOLOGIA Caso clinico Dott.ssa E. Bongini Arezzo, 17 Marzo 2012 Caso clinico Ragazzo di 25 anni Familiarità per ipertrigliceridemia, malattie cardiovascolari, DM di tipo 2 Non fumatore Alcol

Dettagli

STEATOSI EPATICA: malattia emergente CORSO ECM

STEATOSI EPATICA: malattia emergente CORSO ECM 10 MAGGIO 2014, ore 08:30 Centro Analisi Monza MONZA (MB) STEATOSI EPATICA: malattia emergente CORSO ECM Specialista in Medicina Interna Numero pazienti esaminati 340 15,88 84,12 Maschi Femmine Analisi

Dettagli

Frida Leonetti frida.leonetti@uniroma1.it

Frida Leonetti frida.leonetti@uniroma1.it Frida Leonetti frida.leonetti@uniroma1.it 1.5 miliardi con BMI>25 500 milioni con BMI>30 BMI > 40 kg/m² BMI > 35 Kg/m² e comorbilità testo Neoplasie Malattie CV altre 2009 Industrial Chemicals Bisphenol

Dettagli

editoriale La chirurgia metabolica Introduzione

editoriale La chirurgia metabolica Introduzione G Chir Vol. 30 - n. 4 - pp. 133-140 Aprile 2009 editoriale La chirurgia metabolica A.L. GASPARI, N. DI LORENZO, P. GENTILESCHI, I. CAMPERCHIOLI Introduzione Secondo gli ultimi dati della Organizzazione

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo PIERLUIGI PIZZOCRI VIA F.LLI CERVI 4 PANTIGLIATE 20090 MILANO E-mail Nazionalità Data di nascita

Dettagli

un passo avanti nelle epatopatie croniche STEATOEPATITE STEATOSI EPATOCARCINOMA CIRROSI FIBROSI

un passo avanti nelle epatopatie croniche STEATOEPATITE STEATOSI EPATOCARCINOMA CIRROSI FIBROSI A base di SILIBINA COMPLESSATA STEATOSI STEATOEPATITE EPATOCARCINOMA CIRROSI FIBROSI un passo avanti nelle epatopatie croniche STEATOEPATITE NON ALCOLICA (NASH) è una patologia emergente (1) colpisce circa

Dettagli

Il fegato nella sindrome metabolica

Il fegato nella sindrome metabolica Il fegato nella sindrome metabolica Antonino Picciotto U.O. Diagnosi e terapia delle epatiti Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche Università di Genova Obesità centrale Trigliceridi HDL

Dettagli

Quali Progestinici e Quale Estrogeno nella Donna con Diabete

Quali Progestinici e Quale Estrogeno nella Donna con Diabete Quali Progestinici e Quale Estrogeno nella Donna con Diabete Prof. Angelo Cagnacci Ginecologia e Ostetricia Aziend Policlinico di Modena Reggio Emilia 10 e 11 aprile 2015 Centro Internazionale Loris Malaguzzi

Dettagli

The ten top countries in the world have one thing in common

The ten top countries in the world have one thing in common TRIALS CLINICI SUL TRATTAMENTO CHIRURGICO DEL DIABETE Dott. Nicola Di Lorenzo UNIVERSITA DI ROMA TOR VERGATA The ten top countries in the world have one thing in common Basso, Mag 01 Innovation in Surgery

Dettagli

I DCA come elemento prognostico nel paziente chirurgico.

I DCA come elemento prognostico nel paziente chirurgico. I DCA come elemento prognostico nel paziente chirurgico. Luca Busetto Servizio Terapia Medica e Chirurgica dell Obesità Dipartimento di Scienze Mediche e Chirurgiche Università di Padova 4 Congresso Sezione

Dettagli

L ASSOCIAZIONE ITALIANA GASTROENTEROLOGI ED ENDOSCOPISTI DIGESTIVI OSPEDALIERI PRESENTA:

L ASSOCIAZIONE ITALIANA GASTROENTEROLOGI ED ENDOSCOPISTI DIGESTIVI OSPEDALIERI PRESENTA: L ASSOCIAZIONE ITALIANA GASTROENTEROLOGI ED ENDOSCOPISTI DIGESTIVI OSPEDALIERI PRESENTA: STEATOSI E STEATOEPATITE NON ALCOLICA AIGO PER I PAZIENTI: INFORMAZIONE SANITARIA A CURA DELLE COMMISSIONI AIGO

Dettagli

STILI DI VITA COME TERAPIA

STILI DI VITA COME TERAPIA STEATOSI EPATICA: MALATTIA EMERGENTE CAM Monza, 10 MAGGIO 2014 STILI DI VITA COME TERAPIA Dott.ssa Michela Barichella UOS Dietetica e Nutrizione Clinica ICP Milano Presidente Brain and Malnutrition Association

Dettagli

Effetti di diverse tecniche di Chirurgia Bariatrica sull Omeostasi Metabolica in pazienti Obesi

Effetti di diverse tecniche di Chirurgia Bariatrica sull Omeostasi Metabolica in pazienti Obesi UNIVERSITA DEGLI STUDI DI VERONA DIPARTIMENTO DI MEDICINA Scuola di Dottorato in Scienze della Vita e della Salute Dottorato in Scienze Mediche Cliniche e Sperimentali CICLO XXVI TITOLO DELLA TESI DI DOTTORATO

Dettagli

Epatite C e transaminasi normali

Epatite C e transaminasi normali Giornata di aggiornamento in tema di Epatologia Situazioni cliniche controverse in epatologia Savona 29 ottobre 2005 Epatite C e transaminasi normali U.O.C. di Medicina Interna (Dir. G. Menardo) U.O.S.

Dettagli

LA TERAPIA CHIRURGICA DELL OBESITA PATOLOGICA. www.fisiokinesiterapia.biz

LA TERAPIA CHIRURGICA DELL OBESITA PATOLOGICA. www.fisiokinesiterapia.biz LA TERAPIA CHIRURGICA DELL OBESITA PATOLOGICA www.fisiokinesiterapia.biz PREMESSE In Italia un adulto su tre è sovrappeso (BMI>25) ed il 10% circa della popolazione è affetto da obesità patologica (BMI>40).

Dettagli

Corso aggiornamento OMCT 19.1.2012 A.Kuhrmeier

Corso aggiornamento OMCT 19.1.2012 A.Kuhrmeier Corso aggiornamento OMCT 19.1.2012 A.Kuhrmeier It is predicted that over the course of the next 20 years obesity will be the #1 health problem throughout the world 4 Terapia a breve termine dell obesità

Dettagli

Il Diabete Mellito e la remissione a cura del Comitato Scientifico di Diabete Italia

Il Diabete Mellito e la remissione a cura del Comitato Scientifico di Diabete Italia Sempre più frequentemente siamo raggiunti da messaggi che parlano di GUARIGIONE DEL DIABETE. Cosa c è di vero? Diabete Italia è stata interpellata e coglie l occasione per fare il punto della situazione

Dettagli

E se con l alimentazione non ce la facciamo ci puo aiutare la chirurgia nel bambino? F. De Peppo

E se con l alimentazione non ce la facciamo ci puo aiutare la chirurgia nel bambino? F. De Peppo E se con l alimentazione non ce la facciamo ci puo aiutare la chirurgia nel bambino? F. De Peppo ROMA 28-29 MARZO 2015 Dr. Francesco De Peppo UOS Chirurgia Pediatrica Palidoro Dipartimento Chirurgia -

Dettagli

Nuove prospettive per la diagnosi precoce del tumore al polmone!!!! Ugo Pastorino! Chirurgia Toracica, Istituto Nazionale Tumori, Milano!

Nuove prospettive per la diagnosi precoce del tumore al polmone!!!! Ugo Pastorino! Chirurgia Toracica, Istituto Nazionale Tumori, Milano! GIORNATA MONDIALE SENZA TABACCO! WORLD NO -TOBACCO DAY 2015! ISS - Roma, 29 maggio 2015! Nuove prospettive per la diagnosi precoce del tumore al polmone!!!! Ugo Pastorino! Chirurgia Toracica, Istituto

Dettagli

DIETISTA EUFEMIA SILVESTRI Calo di peso pre-operatorio: dieta ad hoc. 1 corso SICOB-SID-SIO Padova 8 marzo 2014

DIETISTA EUFEMIA SILVESTRI Calo di peso pre-operatorio: dieta ad hoc. 1 corso SICOB-SID-SIO Padova 8 marzo 2014 DIPARTIMENTO DI CHIRURGIA GENERALE UNITÀ OPERATIVA COMPLESSA DI CHIRURGIA MININVASIVA E METABOLICA Primario Dott. C. GIARDIELLO Presidio Ospedaliero Pineta Grande Castel Volturno (CE) DIETISTA EUFEMIA

Dettagli

Confronto a 2 anni di follow-up tra diversione bilio-pancreatica con o senza gastroresezione nel trattamento chirurgico dell obesità patologica

Confronto a 2 anni di follow-up tra diversione bilio-pancreatica con o senza gastroresezione nel trattamento chirurgico dell obesità patologica ARTICOLI ORIGINALI Confronto a 2 anni di follow-up tra diversione bilio-pancreatica con o senza gastroresezione nel trattamento chirurgico dell obesità patologica Ann. Ital. Chir., 2008; 79: 241-246 Francesco

Dettagli

NAFLD, NASH e rischio di tumori intestinali

NAFLD, NASH e rischio di tumori intestinali Riunione Monotematica A.I.S.F. 2015 In memoriam della Prof.ssa Paola Loria Modena, 8-10 ottobre 2015 NAFLD, NASH e rischio di tumori intestinali Maurizio Ponz de Leon Dipartimento di Medicina Diagnostica,

Dettagli

Cuore a rischio per i bambini con steatosi epatica

Cuore a rischio per i bambini con steatosi epatica Roma, 26 luglio 2013 COMUNICATO STAMPA Cuore a rischio per i bambini con steatosi epatica Uno studio della Sapienza su bambini obesi con accumulo di grasso nel fegato rivela danni sia funzionali che morfologici

Dettagli

La chirurgia bariatrica nel paziente con diabete mellito tipo 2

La chirurgia bariatrica nel paziente con diabete mellito tipo 2 MeDia 2015;15:84-90 84 pratica professionale La chirurgia bariatrica nel paziente con diabete mellito tipo 2 Riassunto La chirurgia bariatrica è al momento la più efficace strategia terapeutica per l ottenimento

Dettagli

Vizi e Virtù del gelato nel paziente post chirurgia bariatrica

Vizi e Virtù del gelato nel paziente post chirurgia bariatrica CONGRESSO CONGIUNTO ADI-SIO Vizi e Virtù del gelato nel paziente post chirurgia bariatrica Vicenza, 5 Ottobre 2013 Dott.ssa Anna Belligoli Unità Bariatrica Padova Interventi: restrittivi/malassorbitivi

Dettagli

Studio Re.mo.te "A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type

Studio Re.mo.te A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type Studio Re.mo.te "A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type 2 diabetes" Protocollo di Studio:durata e campione La

Dettagli

Gestione della terapia ipoglicemizzante nel post-operatorio

Gestione della terapia ipoglicemizzante nel post-operatorio Gestione della terapia ipoglicemizzante nel post-operatorio Chiara Dal Prà Clinica Medica III Unità bariatrica Azienda Ospedaliera Padova Padova, 8 marzo 2014 Tecniche chirurgiche bariatriche

Dettagli

www.fisiokinesiterapia.biz

www.fisiokinesiterapia.biz LA CHIRURGIA NEL TRATTAMENTO DELL OBESITA OBESITA PATOLOGICA www.fisiokinesiterapia.biz OBESITA PATOLOGICA OBESITA PATOLOGICA OBESITA PATOLOGICA OBESITA PATOLOGICA Definizione L obesità è una condizione

Dettagli

Diabete in gravidanza

Diabete in gravidanza Diabete in gravidanza Diabete preesistente tipo 1 tipo 2 Diabete gestazionale DIABETE GES TAZIONALE (GDM) DEFINIZIONE Intolleranza ai carboidrati di grado variabile, il cui inizio o primo riconoscimento

Dettagli

LA DIETA NELLE PATOLOGIE CRONICHE. Do#. Antonio Verginelli

LA DIETA NELLE PATOLOGIE CRONICHE. Do#. Antonio Verginelli LA DIETA NELLE PATOLOGIE CRONICHE Do#. Antonio Verginelli In Italia, come in tu5 i Paesi a elevato livello socio- economico, le patologie non trasmissibili sono, a#ualmente quelle che incidono maggiormente

Dettagli

VALUTAZIONE DELL OBESITA OBESITA INFANTILE: GLI STRUMENTI DI LAVORO. Dr. ssa Chiara Raimondi U.O. Pediatria - P.O. Bollate Az. Ospedaliera G.

VALUTAZIONE DELL OBESITA OBESITA INFANTILE: GLI STRUMENTI DI LAVORO. Dr. ssa Chiara Raimondi U.O. Pediatria - P.O. Bollate Az. Ospedaliera G. VALUTAZIONE DELL OBESITA OBESITA INFANTILE: GLI STRUMENTI DI LAVORO Dr. ssa Chiara Raimondi U.O. Pediatria - P.O. Bollate Az. Ospedaliera G. Salvini PRESSIONE ARTERIOSA I bambini obesi hanno un rischio

Dettagli

Anna Crispo Istitituto Nazionale dei Tumori Fondazione «G. Pascale», Napoli

Anna Crispo Istitituto Nazionale dei Tumori Fondazione «G. Pascale», Napoli Anna Crispo Istitituto Nazionale dei Tumori Fondazione «G. Pascale», Napoli VALUTAZIONE DEL PESO E CONTROLLO DELLA GLICEMIA NEI DIVERSI SOTTOTIPI MOLECOLARI DEL CANCRO DELLA MAMMELLA. Background Negli

Dettagli

STRUTTURA COMPLESSA DI CHIRURGIA DIGESTIVA ED UNITÀ DEL FEGATO STRUTTURA COMPLESSA DI DIABETOLOGIA, DIETOLOGIA E NUTRIZIONE CLINICA

STRUTTURA COMPLESSA DI CHIRURGIA DIGESTIVA ED UNITÀ DEL FEGATO STRUTTURA COMPLESSA DI DIABETOLOGIA, DIETOLOGIA E NUTRIZIONE CLINICA SLEEVE GASTRECTOMY LAPAROSCOPICA VERSUS TERAPIA MEDICA CONVENZIONALE IN PAZIENTI CON RECENTE DIAGNOSI DI DIABETE MELLITO TIPO2 E BMI 30-42KG/M 2 : STUDIO RANDOMIZZATO CONTROLLATO CENTRI PARTECIPANTI: AZIENDA

Dettagli

OBESITA. condizione caratterizzata da BMI maggiore di 30

OBESITA. condizione caratterizzata da BMI maggiore di 30 OBESITA condizione caratterizzata da BMI maggiore di 30 Obesità lieve (BMI tra 30 e 34,9) Obesità moderata (BMI tra 35 e 39,9) Obesità grave (BMI 40 e oltre) l obesità centrale, in cui il grasso si accumula

Dettagli

STEATOSI EPATICA. EPIDEMIOLOGIA, FISIOPATOLOGIA, DIAGNOSI, TRATTAMENTO DIETOTERAPICO E NUTRACEUTICO

STEATOSI EPATICA. EPIDEMIOLOGIA, FISIOPATOLOGIA, DIAGNOSI, TRATTAMENTO DIETOTERAPICO E NUTRACEUTICO Università degli Studi della Repubblica dii San Marino Università degli Studi di Parma Master in Sicurezza e Qualità dell Alimentazione in Età Evolutiva STEATOSI EPATICA. EPIDEMIOLOGIA, FISIOPATOLOGIA,

Dettagli

La malattia oligometastatica: clinica o biologia nella strategia terapeutica?

La malattia oligometastatica: clinica o biologia nella strategia terapeutica? La malattia oligometastatica: clinica o biologia nella strategia terapeutica? Lucia Del Mastro SS Sviluppo Terapie Innovative Bergamo 6 luglio 2014 IRCCS Azienda Ospedaliera Universitaria San Martino IST

Dettagli

Caso clinico epatite cronica HCV genotipo 1. Natalia Terreni Divisione di Gastroenterologia Ospedale Valduce - Como

Caso clinico epatite cronica HCV genotipo 1. Natalia Terreni Divisione di Gastroenterologia Ospedale Valduce - Como Caso clinico epatite cronica HCV genotipo 1 Natalia Terreni Divisione di Gastroenterologia Ospedale Valduce - Como Milano 5 febbraio 2014 Milano 5 febbraio 2014 Caso clinico epatite cronica HCV genotipo

Dettagli

N. Porta², F. De Angelis¹, J. Cacciotti², C. Chiappetta², O Iorio¹, G. Cavallaro¹, V. Petrozza², G. Silecchia¹, C. Della Rocca², C.

N. Porta², F. De Angelis¹, J. Cacciotti², C. Chiappetta², O Iorio¹, G. Cavallaro¹, V. Petrozza², G. Silecchia¹, C. Della Rocca², C. PRELIMINARY EVALUATION OF GHRELIN (GH) GENE AND PROTEIN EXPRESSION IN THE SURGICAL SPECIMEN, AND GHRELIN SERUM CONCENTRATION AFTER PRIMARY OR REVISIONAL LAPAROSCOPIC SLEEVE GASTRECTOMY (LSG) N. Porta²,

Dettagli

Esercizio fisico nel diabetico 29 gennaio 2011

Esercizio fisico nel diabetico 29 gennaio 2011 Esercizio fisico nel diabetico 29 gennaio 2011 Dr.ssa C. Baggiore 20 dicembre 2006 DPP: prevenzione del diabete in soggetti ad alto rischio per la malattia N = 3234 IFG e IGT, senza diabete 40 Placebo

Dettagli

IL FEGATO COME CENTRALE METABOLICA E I FATTORI DI DANNO OLTRE I VIRUS EPATITICI. Caso Clinico: una patologia apparentemente benigna

IL FEGATO COME CENTRALE METABOLICA E I FATTORI DI DANNO OLTRE I VIRUS EPATITICI. Caso Clinico: una patologia apparentemente benigna IL FEGATO COME CENTRALE METABOLICA E I FATTORI DI DANNO OLTRE I VIRUS EPATITICI Caso Clinico: una patologia apparentemente benigna Gi M i P ti Gian Maria Prati U.O. Gastroenterologia Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

Diabete Mellito di tipo 2 e Sindrome Metabolica

Diabete Mellito di tipo 2 e Sindrome Metabolica Cuneo 8-9 ottobre 2004 La Sindrome Metabolica: una sfida per l area endocrino-metabolica Diabete Mellito di tipo 2 e Sindrome Metabolica Luca Monge SOC MM e Diabetologia AO CTO-CRF-ICORMA Torino 1. Contratto

Dettagli

Il supporto del chirurgo generale. Giovanni Sgroi Direttore Dipartimento Scienze Chirurgiche U.O. Chirurgia Generale 2ª ed Oncologica A.O.

Il supporto del chirurgo generale. Giovanni Sgroi Direttore Dipartimento Scienze Chirurgiche U.O. Chirurgia Generale 2ª ed Oncologica A.O. Il supporto del chirurgo generale Giovanni Sgroi Direttore Dipartimento Scienze Chirurgiche U.O. Chirurgia Generale 2ª ed Oncologica A.O. Treviglio Rispettando il principio del trattamento guidato dai

Dettagli

Counselling nutrizionale postoperatorio

Counselling nutrizionale postoperatorio CAPITOLO 26 Counselling nutrizionale postoperatorio Luca Busetto Introduzione Il panel di esperti che già nel 1991 aveva formulato, sotto l egida dei National Institutes of Health (NIH), le prime linee

Dettagli

La Sperimentazione in Chirurgia. Paolo Bruzzi Epidemiologia Clinica IST - Genova

La Sperimentazione in Chirurgia. Paolo Bruzzi Epidemiologia Clinica IST - Genova La Sperimentazione in Chirurgia Paolo Bruzzi Epidemiologia Clinica IST - Genova Difficolta metodologiche Le innovazioni in chirurgia mal si prestano alla valutazione attraverso studi randomizzati per:

Dettagli

attività fisica Alessandro Casini

attività fisica Alessandro Casini Acidi Grassi Polinsaturi ω-3: quale ruolo nell attivit attività fisica Alessandro Casini SOD Agenzia della Nutrizione, Azienda Ospedaliero-Universitaria Careggi, Firenze Acidi Grassi Polinsaturi ω-3 Gli

Dettagli

Gene MERTK come marker di progressione di fibrosi nelle mala8e croniche di fegato

Gene MERTK come marker di progressione di fibrosi nelle mala8e croniche di fegato Università degli Studi di Palermo FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA DoKorato di Ricerca in Biopatologia Gene MERTK come marker di progressione di fibrosi nelle mala8e croniche di fegato Do$.ssa Rosaria Maria

Dettagli

La gastroplastica verticale laparoscopica

La gastroplastica verticale laparoscopica CAPITOLO 14 La gastroplastica verticale laparoscopica Mario Morino, Mauro Toppino, Dario Parini Introduzione Negli anni 90 si è assistito a una crescente diffusione dell approccio laparoscopico in chirurgia

Dettagli

L esercizio fisico, un nuovo farmaco: La prevenzione nel diabete di tipo 2

L esercizio fisico, un nuovo farmaco: La prevenzione nel diabete di tipo 2 L esercizio fisico, un nuovo farmaco: La prevenzione nel diabete di tipo 2 Bologna 22 febbraio 2014 Ida Blasi Diabetologia & Metabolismo U.O. C. di Medicina Interna Direttore: Stefano Bombarda Ospedale

Dettagli

Diabete in gravidanza

Diabete in gravidanza Diabete in gravidanza Diabete preesistente tipo 1 tipo 2 Diabete gestazionale DIABETE GES TAZIONALE (GDM) DEFINIZIONE Intolleranza ai carboidrati di grado variabile, il cui inizio o primo riconoscimento

Dettagli

Il futuro del diabete mellito tipo 2. Matteo Bernasconi Cittiglio, 17 maggio 2014

Il futuro del diabete mellito tipo 2. Matteo Bernasconi Cittiglio, 17 maggio 2014 Il futuro del diabete mellito tipo 2 UN PAZIENTE, UNA TERAPIA Matteo Bernasconi Cittiglio, 17 maggio 2014 Metformina: 1 a scelta Metformina: farmaco preferito dalle linee-guida efficacia sul compenso

Dettagli

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione 3 Maggio 2012 Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione Emanuele Miraglia del Giudice Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Pediatria

Dettagli

RELAZIONI BORSE DI STUDIO FINALIZZATE A.I.S.F. 2009 (con il supporto della Monotematica 2008 - Firenze)

RELAZIONI BORSE DI STUDIO FINALIZZATE A.I.S.F. 2009 (con il supporto della Monotematica 2008 - Firenze) RELAZIONI BORSE DI STUDIO FINALIZZATE A.I.S.F. 2009 (con il supporto della Monotematica 2008 - Firenze) Certificata UNI EN ISO 9001:2008 Segreteria A.I.S.F.: Via Alfredo Catalani, 39 00199 ROMA Tel. e

Dettagli

Sindrome delle apnee ostruttive del sonno in chirurgia bariatrica

Sindrome delle apnee ostruttive del sonno in chirurgia bariatrica Sindrome delle apnee ostruttive del sonno in chirurgia bariatrica Ann. Ital. Chir., 2008; 79: 165-170 Franceso Mittempergher, Ernesto Di Betta, Giacomo Pata, Riccardo Nascimbeni Cattedra di Chirurgia Generale,

Dettagli

NAFLD COME FATTORE DI RISCHIO DI MALATTIE DISMETABOLICHE E CARDIOVASCOLARI

NAFLD COME FATTORE DI RISCHIO DI MALATTIE DISMETABOLICHE E CARDIOVASCOLARI NAFLD COME FATTORE DI RISCHIO DI MALATTIE DISMETABOLICHE E CARDIOVASCOLARI Stefano Bellentani, M.D., Ph.D. GI and Hepatology Consultant - Shrewsbury Royal Hospital (SRH), UK and Dept. Gastroenterology

Dettagli

Caso clinico. Diabete gestazionale Screening-diagnosi-followup. Annunziata Lapolla. DPT di Medicina Università di Padova

Caso clinico. Diabete gestazionale Screening-diagnosi-followup. Annunziata Lapolla. DPT di Medicina Università di Padova Caso clinico Diabete gestazionale Screening-diagnosi-followup Annunziata Lapolla DPT di Medicina Università di Padova Caso clinico Donna di 27 aa, impiegata,coniugata, obesa (BMI pregravidico 31kg/m 2

Dettagli

Che cos è l indice glicemico?

Che cos è l indice glicemico? Per valutare le caratteristiche degli alimenti contenenti carboidrati per ciò che riguarda la risposta glicemica, negli anni 90 è stato introdotto il concetto di INDICE GLICEMICO Che cos è l indice glicemico?

Dettagli

Dr. Vittorio Ferrari U.O. Oncologia Medica A. Spedali Civili, Brescia

Dr. Vittorio Ferrari U.O. Oncologia Medica A. Spedali Civili, Brescia Dr. Vittorio Ferrari U.O. Oncologia Medica A. Spedali Civili, Brescia La crescita tumorale Classification Evoluzione dei trattamenti RR OS Sites of therapy STAGE II In colon cancer patients

Dettagli

Varietà dei trattamenti chirurgici e meccanismi d azione

Varietà dei trattamenti chirurgici e meccanismi d azione Varietà dei trattamenti chirurgici e meccanismi d azione Ann. Ital. Chir., 2005; 76: 433-438 Marco Badiali Università degli Studi La Sapienza di Roma, II Facoltà di Medicina e Chirurgia, Azienda Ospedaliera

Dettagli

Aspetti nutrizionali: Sarcopenia e prevenzione della perdita di massa magra

Aspetti nutrizionali: Sarcopenia e prevenzione della perdita di massa magra Aspetti nutrizionali: Sarcopenia e prevenzione della perdita di massa magra Luca Busetto Dipartimento di Medicina - DIMED Università degli Studi di Padova Centro per lo Studio e il Trattamento Integrato

Dettagli

CHIRURGIA BARIATRICA CHIRURGIA BARIATRICA

CHIRURGIA BARIATRICA CHIRURGIA BARIATRICA CHIRURGIA BARIATRICA CHIRURGIA BARIATRICA SICOB CENTRO SICOB CENTRO Società Italiana Chirurgia della Obesità e Malattie Metaboliche Il Centro di Chirurgia Bariatrica e Metabolica dell Ospedale Sacra Famiglia

Dettagli

Dipartimento di Endocrinologia e Metabolismo, Sezione Diabetologia e Malattie del Metabolismo, Università di Pisa

Dipartimento di Endocrinologia e Metabolismo, Sezione Diabetologia e Malattie del Metabolismo, Università di Pisa Opinioni a confronto A cura di Stefano Del Prato Dipartimento di Endocrinologia e Metabolismo, Sezione Diabetologia e Malattie del Metabolismo, Università di Pisa Chirurgia bariatrica per il diabetico

Dettagli

Steatosi e stress ossidativo: approccio terapeutico con nutraceutici

Steatosi e stress ossidativo: approccio terapeutico con nutraceutici Steatosi e stress ossidativo: approccio terapeutico con nutraceutici NAFLD e insulino-resistenza Aumentata sintesi TGL (steatosi) Aumentata ossidazione (stress ossidativo) Cohen JC et al. Science 2011

Dettagli

Quando il fegato diventa grasso: la steatosi una patologia in rapida diffusione

Quando il fegato diventa grasso: la steatosi una patologia in rapida diffusione RIMeL / IJLaM 2010; 6 (Suppl.) 47 Quando il fegato diventa grasso: la steatosi una patologia in rapida diffusione E. Albano Dipartimento di Scienze Mediche, Università A. Avogadro del Piemonte Orientale,

Dettagli

Simposio I NETs: A CHE PUNTO SIAMO? Ruolo del debulking massimo.falconi@univr.it Chirurgia B, Verona MILANO, 20 Giugno 2008

Simposio I NETs: A CHE PUNTO SIAMO? Ruolo del debulking massimo.falconi@univr.it Chirurgia B, Verona MILANO, 20 Giugno 2008 Simposio I NETs: A CHE PUNTO SIAMO? Ruolo del debulking massimo.falconi@univr.it Chirurgia B, Verona MILANO, 20 Giugno 2008 Definizione di debulking Oncologica Resecare almeno il 90% del burden tumorale

Dettagli

La chirurgia plastica nel trattamento dell obesità

La chirurgia plastica nel trattamento dell obesità CAPITOLO 28 La chirurgia plastica nel trattamento dell obesità Nicolò Scuderi, Andrea Figus Introduzione La chirurgia bariatrica rappresenta oggi l unica terapia efficace per ottenere una perdita di peso

Dettagli

Il target di HBA1c nella terapia del paziente diabetico Bibbiena 2012

Il target di HBA1c nella terapia del paziente diabetico Bibbiena 2012 Il target di HBA1c nella terapia del paziente diabetico Bibbiena 2012 Quando i fatti cambiano, io cambio il mio modo di pensare e voi cosa fate?. (Keines) Una delle prime cose da fare nella gestione del

Dettagli

AUTOCONTROLLO ED AUTOGESTIONE DEL DIABETE MELLITO

AUTOCONTROLLO ED AUTOGESTIONE DEL DIABETE MELLITO AUTOCONTROLLO ED AUTOGESTIONE DEL DIABETE MELLITO Prof. Paolo Brunetti Parte I Montepulciano, 23 Febbraio 2008 Complicanze microangiopatiche del diabete Nefropatia -Prevalenza:20-30% -Contributo alla dialisi/tx:

Dettagli

Color Doppler e MDC nelle neoplasie benigne del fegato. CEUS epatica Fasi diagnostiche. Fase arteriosa 10-35 sec inizio: 10-20 sec fine: 25-35 sec

Color Doppler e MDC nelle neoplasie benigne del fegato. CEUS epatica Fasi diagnostiche. Fase arteriosa 10-35 sec inizio: 10-20 sec fine: 25-35 sec ECOGRAFIA COLOR DOPPLER E MEZZI DI CONTRASTO: Stato dell arte arte Portonovo,, 6-86 8 luglio 2009 Color Doppler e MDC nelle neoplasie benigne del fegato E. Accogli, V Arienti Centro di Ecografia Internistica,

Dettagli

COMPLIANCE ALLA DIETA SENZA GLUTINE: QUALI EVIDENZE DAGLI STUDI FINORA CONDOTTI?

COMPLIANCE ALLA DIETA SENZA GLUTINE: QUALI EVIDENZE DAGLI STUDI FINORA CONDOTTI? COMPLIANCE ALLA DIETA SENZA GLUTINE: QUALI EVIDENZE DAGLI STUDI FINORA CONDOTTI? Firenze, 31 marzo 2012 Francesco Valitutti UOC Gastroenterologia ed Epatologia Pediatrica Dipartimento di Pediatria e Neuropsichiatria

Dettagli

Focus sui nuovi dati degli annali specialistici sul rene

Focus sui nuovi dati degli annali specialistici sul rene Tavola Rotonda Diabete e Rene Focus sui nuovi dati degli annali specialistici sul rene Roberto Pontremoli Astra Zeneca- Bristol Myers Squibb Novartis Merck Sharpe & Dohme Italia Sano?i DATABASE 251 servizi

Dettagli

FISIOPATOLOGIA MOLECOLARE DELLA NAFLD

FISIOPATOLOGIA MOLECOLARE DELLA NAFLD Page 1 of 5 FISIOPATOLOGIA MOLECOLARE DELLA NAFLD Roberto Villani UOC Epatologia (Direttore Prof. F. Soccorsi) Azienda Ospedaliera San Camillo Forlanini - Roma ABSTRACT: NAFLD can either be a benign, non

Dettagli

TRATTAMENTO CHIRURGICO DELL OBESITA

TRATTAMENTO CHIRURGICO DELL OBESITA TRATTAMENTO CHIRURGICO DELL OBESITA Giuliano Sarro Responsabile U.O. Chirurgia Generale Ospedale Cantù Abbiategrasso Centro di Chirurgia Bariatrica - A.O. Legnan LINEE GUIDA SICOB 2015 E la chirurgia laparoscopica

Dettagli

Complicanze metaboliche dell alimentazione senza glutine

Complicanze metaboliche dell alimentazione senza glutine Complicanze metaboliche dell alimentazione senza glutine Giulio Marchesini SSD Malattie del Metabolismo e Dietetica Clinica, Università di Bologna L approccio nutrizionale al soggetto con celiachia Deficit

Dettagli

EPATITE CRONICA : STORIA NATURALE

EPATITE CRONICA : STORIA NATURALE EPATITE CRONICA : STORIA NATURALE EPATITE CRONICA CIRROSI SCOMPENSATA 100 HBV HCV CIRROSI COMPENSATA EPATOCARCINOMA 50 % sintomi, mortalità HDV 0 5 10 15 20 25 30 anni 0 EPATITE CRONICA: DIAGNOSI Biopsia

Dettagli

1 - DEFINIZIONE DELLA SINDROME METABOLICA

1 - DEFINIZIONE DELLA SINDROME METABOLICA 1 - DEFINIZIONE DELLA SINDROME METABOLICA Secondo il National Cholesterol Education Almeno tre dei seguenti criteri: Circonferenza della vita > di cm 102 negli uomini e > 88 cm nelle donne Trigliceridemia

Dettagli

FOCUS ON TERAPIA DELL INSUFFICIENZA SURRENALICA: VERSO UNA MIGLIORE QUALITA DELLA VITA. Nuove prospettive terapeutiche: quali vantaggi?

FOCUS ON TERAPIA DELL INSUFFICIENZA SURRENALICA: VERSO UNA MIGLIORE QUALITA DELLA VITA. Nuove prospettive terapeutiche: quali vantaggi? FOCUS ON TERAPIA DELL INSUFFICIENZA SURRENALICA: VERSO UNA MIGLIORE QUALITA DELLA VITA Nuove prospettive terapeutiche: quali vantaggi? Dr. Alberto Falorni Dipartimento di Medicina Interna MISEM Università

Dettagli

C. Azione 1. Raccomandazioni per la pratica clinica e la ricerca finalizzata 2. Risposte ai quesiti

C. Azione 1. Raccomandazioni per la pratica clinica e la ricerca finalizzata 2. Risposte ai quesiti 4 Sessione 2013 Clinica della Psiche =============================================== Binge Eating Disorder (BED) Aspetti psicologico-psichiatrici Benefici dei farmaci Valutazione e trattamento post-chirurgia

Dettagli

La steatosi epatica non-alcolica (non-alcoholic

La steatosi epatica non-alcolica (non-alcoholic NASH/NAFLD e insulino-resistenza Amalia Gastaldelli 1, Fabio Marra 2, Giulio Marchesini 3 1 Unità di Metabolismo, Istituto di Fisiologia Clinica del CNR, Pisa, 2 Dipartimento di Medicina Interna e Centro

Dettagli

Aggiornamento Continuo MMG Asl della Romagna- Ambito di Rimini

Aggiornamento Continuo MMG Asl della Romagna- Ambito di Rimini Aggiornamento Continuo MMG Asl della Romagna- Ambito di Rimini TITOLO EVENTO: Nuove prospettive terapeutiche per epatite C Ambulatorio piede diabetico: punto della situazione Diabete Mellito II: le regole

Dettagli

BPCO e disturbi del sonno: più che una associazione. Riccardo Drigo

BPCO e disturbi del sonno: più che una associazione. Riccardo Drigo BPCO e disturbi del sonno: più che una associazione Riccardo Drigo BPCO: quale impatto sul sonno Sonno: quale impatto sulla BPCO Overlap OSA e BPCO Sleep quality in chronic obstructive pulmonary disease

Dettagli

Metabolismo GLUCIDICO

Metabolismo GLUCIDICO Metabolismo GLUCIDICO COMPOSIZIONE DI UN ORGANISMO ADULTO Altro 3% Acqua 60% Carboidrati 1% Proteine 16% Lipidi 20% CALORIE TEORICHE PRODOTTE DALL OSSIDAZIONE COMPLETA DEI VARI SUBSTRATI (uomo adulto 70

Dettagli

Criteri di riconoscimento della sindrome metabolica

Criteri di riconoscimento della sindrome metabolica Criteri di riconoscimento della sindrome metabolica Measuring waist circumference: a practical guide from the NIDDK/NIH Place a tape measure around the bare abdomen, just above the hip bone Be sure

Dettagli

ATTIVITA DI RICERCA 1

ATTIVITA DI RICERCA 1 ATTIVITA DI RICERCA 1 A) RELAZIONE TRA PROFILO PRESSORIO E NAFLD IN PAZIENTI IPERTESI Premesse. E noto come la mancata caduta notturna della pressione arteriosa sia un indice prognostico indipendente,

Dettagli

Una caloria è una caloria! sarà poi vero??? Da un punto di vista ormonale NON TUTTE LE CALORIE SONO UGUALI!!!

Una caloria è una caloria! sarà poi vero??? Da un punto di vista ormonale NON TUTTE LE CALORIE SONO UGUALI!!! Una caloria è una caloria! sarà poi vero??? Il concetto che una caloria è una caloria sta alla base di molte delle strategie proposte per perdere peso In accordo al principio: si mangia troppo ci si muove

Dettagli

Condizioni e fattori di rischio di DMT2

Condizioni e fattori di rischio di DMT2 Condizioni e fattori di rischio di DMT2 IFG o IGT o pregresso diabete gestazionale Età >45 anni, specie se con BMI >25 od obesità centrale Età 25) e una o più fra le seguenti

Dettagli

LA NEFROLOGIA IN ETA GERIATRICA. Funzione renale ed età e stima della GFR. Martino Marangella S.C. Nefrologia e Dialisi

LA NEFROLOGIA IN ETA GERIATRICA. Funzione renale ed età e stima della GFR. Martino Marangella S.C. Nefrologia e Dialisi LA NEFROLOGIA IN ETA GERIATRICA Funzione renale ed età e stima della GFR Martino Marangella S.C. Nefrologia e Dialisi A.O. Ordine Mauriziano di Torino Piano della presentazione Variazioni della funzione

Dettagli

Prevalenza obesità (1)

Prevalenza obesità (1) Quale intervento in chirurgia bariatrica? Nicola Di Lorenzo Università di Roma Tor Vergata Prevalenza obesità (1) Prevalenza obesità in Italia Mortalità per obesità Rischio di mortalità 2.5 2.0 1.5 1 Cause

Dettagli

La nostra esperienza nella selezione dei pazienti candidati alla chirurgia bariatrica

La nostra esperienza nella selezione dei pazienti candidati alla chirurgia bariatrica La nostra esperienza nella selezione dei pazienti candidati alla chirurgia bariatrica Ann. Ital. Chir., 2007; 78: 487-492 Franceso Mittempergher, Ernesto Di Betta, Nicola Crea, Claudio Casella, Riccardo

Dettagli

Ittero e Colestasi. Ittero. Colorazione giallastra della cute e delle mucose visibili conseguente all aumento della bilirubina plasmatica.

Ittero e Colestasi. Ittero. Colorazione giallastra della cute e delle mucose visibili conseguente all aumento della bilirubina plasmatica. Ittero e Colestasi Ittero Colorazione giallastra della cute e delle mucose visibili conseguente all aumento della bilirubina plasmatica Colestasi Una sindrome clinica con eziologia multipla, caratterizzata

Dettagli

I COSTI RAPPRESENTANO UN PROBLEMA IN CHIRURGIA LAPAROSCOPICA?

I COSTI RAPPRESENTANO UN PROBLEMA IN CHIRURGIA LAPAROSCOPICA? I COSTI RAPPRESENTANO UN PROBLEMA IN CHIRURGIA LAPAROSCOPICA? M.M. Lirici SESSIONE SIC-SICE Sistema ABC ACTIVITY BASED COSTING Gli elementi che generano il costo sono quelli che richiedono una prestazione

Dettagli

limitata efficacia clinica nel migliorare il controllo glicemico in pazienti con DMT2 in terapia con ipoglicemizzanti orali

limitata efficacia clinica nel migliorare il controllo glicemico in pazienti con DMT2 in terapia con ipoglicemizzanti orali Six randomised controlled trials were included in the review. Because of the differences in patient characteristics, interventions and outcomes between the studies, it was not possible to perform a meta-analysis.

Dettagli