Effetti metabolici della chirurgia bariatrica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Effetti metabolici della chirurgia bariatrica"

Transcript

1 University of Pisa 1 th A.I.S.F. PRE-MEETING COURSE Liver Disease, Life Style and Behaviour School of Medicine Effetti metabolici della chirurgia bariatrica Stefania Camastra Dipartimento di Medicina Interna Università of Pisa 1

2 Indicazioni alla Chirurgia Bariatrica Pazienti con BMI > 4 kg/m Pazienti con BMI tra 35 e 4 kg/m in presenza di comorbilità ( diabete tipo, patologie cardiorespiratorie, gravi malattie articolari, ecc.) Linee Guida SICOB 8

3 Adjustable gastric band Restrictive procedures Sleeve gastrectomy Restrictive and malabsorptive procedure LAGB VBG Roux-en-Y gastric bypass Vertical banded gastroplasty Malabsorptive procedures Biliopancreatic diversion BPD cc Gastrojejunal anastomosis between 3-75 cm from Treitz Excluded biliary limb 3 cc Alimentary limb Excluded biliary limb 5 cm Alimentary limb Entero-enteroanastomosis at 75-1 cm distal to the gastrojejunal anastomosis Entero-enteroanastomosis at 5 cm proximal to the ileocecal valve 3

4 Effect of bariatric surgery on weight loss and comorbidities WEIGHT REDUCTION Meta-analysis: 136 studies (94) patients published between 199 and 3 Buchwald H. et al. JAMA. 4. 9: Gastric banding Gastric Bypass BPD restrictive restrictive-malabsorptive malabsorptive TOT Absolute weight loss (kg) Excess weight loss (%) HYPERTENSION Resolved (%) Resolved or improved (%) Obstructive Sleep Apnea Resolved (%) Resolved or improved (%) HYPERLIPIDEMIA Hypercholester. Improved (%) Hypertriglycerid. Improved (%) DIABETES COURSE (*) Resolved overall (%) Resolved < years (%) Resolved > years (%) (*) Buchwald H. et al. Am J Med. 9 Meta-analysis: 61 studies published between 199 and 6 4

5 5

6 Effect of BPD on insulin secretion Insulin secretion rate (pmol/min) a.m. 1 a.m. p.m. 6 p.m. 1 p.m. a.m. Time of day Obese pre-surgery (BMI 51 ± 3 kg/m) Obese 6 months post-surgery (BMI 39 ± 3 kg/m) Obese years post-surgery (BMI 33 ± 3 kg/m) shaded green area: means ± SD of the Control group (BMI 6 ± 1 kg/m) Camastra S. et al Diabetes 5;54:38-9 6

7 Massive weight loss by BPD normalizes the ß-cell glucose sensitivity in diabetic subjects 1 Glucose (mmol/l) Insulin secretion rate (pmol/min) a.m. 1 a.m. 4 p.m. 8 p.m. 1 p.m. 4 a.m. 1 Diabetic pre-surgery (BMI 49± 3 kg/m) 1 Diabetic post-surgery (BMI 33 ± 3 kg/m) shaded green area: means ± SD of the Obese non diabetic post-surgery (BMI 33 ± 3 kg/m) Plasma glucose ( mmol /l) Camastra S et al. Diabetes Care 7 7

8 Effect of BPD on insulin sensitivity (follow-up years) p <.5 vs Controls 7 p = ns vs Controls M (µmol/min/kg FFM ) BMI 6.5 BMI 51.1 BMI 33.1 Controls Obese Diabetes adapted from Camastra S et al. Diabetes 5 and Camastra S et al. Diabetes Care 7 BMI 49.5 BMI 33.1 p =.1 vs Obese post BPD pre BPD post BPD Adiponectin (µg/ml) BMI 51.1 p =.1 BMI

9 Massive weight loss determines intramyocellular fat depletion and a proportional improvement of insulin sensitivitity Before weight loss 7 After weight loss by BPD Insulin-sensitivity (µmol/min / kg FFM ) controls obese obese post-diet obese post-bpd 1 r =.49; p< Intramyocellular fat (arbitrary units) adapted from Greco AV et al. Diabetes 51: , 9

10 (pmol/min/m) plasma glucose(mmol/l) Effect of RYGB on beta-cell function Fasting insulin secretion BMI 6.1 Controls Controls p <.5 Diabetic p <.5 BMI 3.6 BMI 49.5 Diabetic p ns vs Controls p <ns vs Controls pre RYGB post RYGB (pmol/min/m/pm) Beta-cell glucose sensitivity BMI 6.1 Controls p <.1 BMI 3.6 BMI 49.5 Diabetic p <.5 vs Controls pre RYGB post RYGB Unpublished personal data 1

11 Effect of RYGB on insulin sensitivity 6 p <.5 1 year post vs Controls M (µmol/min/kg FFM ) BMI 6.1 p <.1 BMI 54.7 BMI 36.1 BMI 49.5 p <.1 BMI 3.6 pre surgery 1year post Controls Obese Diabetic Unpublished personal data 11

12 Insulin Resistance is a Multisystem Disorder Insulin Resistance Glucose production Glucose uptake lipolysis FFA FFA 1

13 Tracer study Euglycaemic hyperinsulinaemic clamp (4 mu/m /min) combined with infusion of [6,6- H ]-glucose Hepatic glucose production (HGP) [ H 5 ]-glycerol Lipolysis (glycerol release or RaGLY) Tissue insulin resistance H-IR HGP x fasting plasma insulin M-IS IS Rate of glucose disappearance (M value + HGP) over steady state plasma insulin AT-IR RaGLY x fasting plasma insulin 13

14 M-IS nmol/min/kg FFM /pm 1 Effect of RYGB on tissue insulin sensitivity AT-IR 1,4 mmol/min/kg FM /pm 1, 1,8,6,4, muscle insulin-sensitivity Controls p <.1 p <.1 Obese p <.5 Diabetic adipose tissue insulin-resistance p <.1 p <.1 p <.5 H-IR mmol/min/kg FFM /pm,4 1,6 1,,8,4 basal Controls weeks post RYGB 1 year post RYGB hepatic insulin-resistance p <.1 p <.5 Obese p <.1 p <.5 Diabetic BMI (kg/m) Controls Obese Diabetic Unpublished personal data 1 Controls Obese Diabetic 14

15 Conclusione La chirurgia bariatrica determina miglioramento o normalizzazione della insulino-resistenza e della funzione β-cellulare La sensibilità all insulina migliora a carico di tutti i tessuti coinvolti nei meccanismi di insulino-resistenza (muscolo, fegato, tessuto adiposo) 15

16 Prevalenza di NAFLD nell obesità grave N Steatosi NASH Fibrosi Cirrosi (%) (%) (%) (%) Luyckx (Int J Ob 1998) Marceau (JCEM 1999) Gholam (Ob Surg ) Padoin (Ob Surg 6) Moretto (Ob Surg 3) Shalhub (Ob Surg 4) Beymer (Arch Surg 3) Dixon (Hepatology 4) Lima (Ob Surg 5) Boza (Ob Surg 5) Stratopoulos (Ob Surg 5) Harnois (Ob Surg 6) De Ridder RJJ et al Aliment Pharmacol Ther 7 16

17 VLDL ROS TG β oxidation FFA FFA lipolysis Insulin resistance 17

18 AST (U/L) ALT (U/L) Effetto della chirurgia bariatrica in pazienti con Steatosi 69 8 * 65 7 Donne Uomini * * * 5 AST vn <19U/l 17 5 Pre-op -5% -5% -75% -1% Riduzione eccesso di peso 69 8 * 65 7 * * * 5 ALT vn <3U/l Pre-op -5% -5% -75% -1% Riduzione eccesso di peso * 17 5 γgt (U/L) Steatosi >3% allõesame istologico Bendaggio gastrico, Gastroplastica, BPD 69 8 * 65 7 * * * 5 Pre-op -5% -5% -75% -1% Riduzione eccesso di peso γgt vn <8U/l 17 5 Wolf AM et al, Ob Surg 5 18

19 Effetto della Chirurgia bariatrica sulla prevalenza di steatosi 1 paz 69 mesi 7 paz 16 mesi 4 paz 36 mesi 6 paz 19 mesi 1 paz 51 mesi 18 paz 16 mesi 1 paz 7 mesi 15 Pre-op Post-op 8 6 % 4 Luyckx (VBG) De Almeida (RYGB) Dixon (LAGB) Barker (RYGB) Stratopoulos (VBG) Clark (RYGB) Mattar (Mixed) De Ridder RJJ et al Aliment Pharmacol Ther 7 19

20 Effetto della Chirurgia bariatrica sulla prevalenza di infiammazione 1 paz 69 mesi 7 paz 16 mesi 4 paz 36 mesi 6 paz 19 mesi 1 paz 51 mesi 18 paz 16 mesi 1 paz 14 mesi 41 paz 7 mesi % Luyckx (VBG) De Almeida (RYGB Dixon (LAGB) Barker (RYGB) Stratopoulos (VBG) Clark (RYGB) Kral (BPD) Mattar (Mixed) De Ridder RJJ et al Aliment Pharmacol Ther 7

21 Effetto della Chirurgia bariatrica sulla prevalenza di fibrosi 1 paz 69 mesi 7 paz 16 mesi 4 paz 36 mesi 6 paz 19 mesi 1 paz 51 mesi 18 paz 16 mesi 1 paz 7 mesi 15 Pre-op Post-op 8 6 % 4 Luyckx (VBG) De Almeida (RYGB Dixon (LAGB) Barker (RYGB) Stratopoulos (VBG) Clark (RYGB) Mattar (Mixed) De Ridder RJJ et al Aliment Pharmacol Ther 7 1

22 Effetto della chirurgia bariatrica sulla NAFLD Meta-analisi: 131 studi esaminati pubblicati fino al 7; 15 selezionati per avere numero sufficiente di soggetti e adeguato follow-up istologico; Mummadi et al. Clin. Gastroent Hepatol. 8. 6: Steatosi Steatoepatite Fibrosi Studi presi in esame (n ) (solo agobiopsia) Prevalenza% (n biopsie esaminate) 83,1 (766 biop) 53,9 (555 biop) 65, (11 biop) Risoluzione (%) ND 69,5 ND Miglioramento o risoluzione (%) 91,6 81,3 65,5 Tipo di intervento (n studi/n sogg) Restrittivo (LAGB, SG, VGB) 4 1 Misto (RYGB) Malassorb (BPD) 1 1 Tecniche miste (BLB, RYGB, SG, LAGB) 1 1

23 BASAL 36 liver biopsies 1 year post surgery 67 liver biopsies 5 year post surgery 11 liver biopsies SURGERY Gastric banding Gastric bypass Biliointestinal bypass (%) 56, 1,8 LIVER HISTOLOGY STEATOSIS NASH probable or definite NASH definite NAS =NAFLD score (-8) : unweighted sum of score for steatosis (-3), lobular inflammation (-3), ballooning (-) > 1% fat droplets NAS > 3 NAS > 5 FO F1 F F3 F4 LIVER FIBROSIS normal focal pericellular in zone 3 Perivenular pericellular in zone -3 Bridging or extensive fibrosis with architectural distortion cirrhosis 3

24 Parametri istologici Pre-chirurgia (36) 1 anno (67) 5 anni (11) Amount of steatosis (%) 37 ± 5 15 ± * 16 ± 7 * NAS. ± ± 1.3* 1. ± 1.3* NAS Inflammation.18 ±.41.±.45.3 ±.45 NAS Ballooning. ±.47.1 ±.36*.1 ±.33* Principali parametri clinici Pre-chirurgia 1 anno 5 anni BMI (kg/m ) 5 ± 8 39 ± 8* 38 ± 8* Serum Cholesterol (g/l).4 ± ±.44* 1.89 ±.46* SerumTriglycerides (g/l) 1.67 ±.1 1. ±.76* 1.6 ±.67* ALT (UI/L) 3.1 ± ± 14 *.8 ± 14.1* γgt (UI/L) 39.9 ± ± 7.8* 9. ± 3* Fasting glucose (g/l) 1.18 ± ±.3 *.94 ±.5 * Insulin Resistance Index 3. ±.35 *.84 ±.35 *.83 ±.35 * Mathurin et al Gastroenterology 9 4

25 Evoluzione del profilo istologico a 5 anni IR non refractory IR refractory (>3.13 to 5 yy) p Persistenza di steatosi (%) NAS Infiammazione Ballooning In analisi multivariata IR refractory era un fattore predittivo indipendente di persistenza di steatosi e ballooning. Mathurin et al Gastroenterology 9 5

26 Distribuzione del grado di fibrosi a 5 aa dalla chirurgia N di biopsie Basale 5 anni 8 6 F bas 166 F1 bas 9 F bas 8 F3 bas 1 FO F1 F F3 F4 F 5aa FO F1 F F3 F4 F1 5aa F 5aa 3 1 normal cirrhosis F3 5aa F4 5aa focal pericellular in zone 3 Perivenular pericellular in zone -3 Bridging or extensive fibrosis with architectural distortion 1 Mathurin et al Gastroenterology 9 6

27 Distribuzione del grado di fibrosi a 5 aa dalla chirurgia N di biopsie Basale 5 anni 8 6 F bas 166 F1 bas 9 F bas 8 F3 bas 1 FO F1 F F3 F4 F 5aa F1 5aa % 8% FO F1 F F3 F4 F 5aa 3 1 normal cirrhosis F3 5aa F4 5aa focal pericellular in zone 3 Perivenular pericellular in zone -3 Bridging or extensive fibrosis with architectural distortion 1 % Mathurin et al Gastroenterology 9 7

28 Distribuzione del grado di fibrosi a 5 aa dalla chirurgia >9% Basale 5 anni F 5aa F1 5aa F 5aa F3 5aa F4 5aa F bas 166 F1 bas % N di biopsie FO F1 F F3 F4 F bas 8 F3 bas FO F1 F F3 normal Perivenular pericellular in zone -3 focal pericellular in zone 3 Bridging or extensive fibrosis with architectural distortion F4 cirrhosis Mathurin et al Gastroenterology 9 8

29 Distribuzione del grado di fibrosi a 5 aa dalla chirurgia N di biopsie Basale 5 anni 8 6 F bas 166 F1 bas 9 F bas 8 F3 bas 1 FO F1 F F3 F4 F 5aa F4 F1 5aa % FO F1 F F3 F 5aa 3 1 normal cirrhosis F3 5aa F4 5aa focal pericellular in zone 3 Perivenular pericellular in zone -3 Bridging or extensive fibrosis with architectural distortion 1 Mathurin et al Gastroenterology 9 9

30 % Evoluzione dei 99 pazienti con probabile o definita NASH (NAS>3) Pre-chirurgia 1 anno 5 anni Probable or Definite NASH % (n) 7.4% (99) 1% (3)* 14.% (33) * Extent of steatosis (%) 66 ± 18 9 ± 4* 6 ± 5* NAS 3.7 ±.9.1 ± 1.5* 1.9 ± 1.6* Inflammation.53 ± ± ±.56 Ballooning.63 ± ±.55*.6 ±.48* Extent of fibrosis.71 ± ± ±.79 Basale (n99) 1 anno (n77) 5 anni (n6) FO F1 F F3 3

31 Conclusioni I dati attualmente disponibili indicano un effetto positivo della chirurgia bariatrica sul quadro istologico della NAFLD per quel che riguarda il grado di steatosi ed infiammazione che sembra essere legato al miglioramento dell IR Risultati non ancora certi riguardano l evoluzione della fibrosi. La maggior parte dei dati attualmente disponibili sembrano suggerire un miglioramento, ma alcuni studi riportano stabilizzazione o peggioramento sia pure entro i livelli più bassi Studi controllati sono necessari per confermare tali evidenze 31

Reversibilità delle complicanze nel diabete tipo 2

Reversibilità delle complicanze nel diabete tipo 2 3 WORKSHOP CONGIUNTO SICOb SID SIO L integrazione tra terapia medica e chirurgica nel trattamento del paziente obeso diabetico 7 marzo 2014 Reversibilità delle complicanze nel diabete tipo 2 Roberto Fabris

Dettagli

OBESITA LA TERAPIA CHIRURGICA

OBESITA LA TERAPIA CHIRURGICA OBESITA LA TERAPIA CHIRURGICA Prof. M. Morino Chirurgia II Centro Universitario di Chirurgia Mini Invasiva Università degli Studi di Torino AOU Molinette By-pass gastrico laparoscopico Italia Necessità

Dettagli

OBESITA. Chirurgia II. Università degli Studi di Torino AOU Molinette

OBESITA. Chirurgia II. Università degli Studi di Torino AOU Molinette OBESITA LA TERAPIA CHIRURGICA Prof. M. Morino Chirurgia II Centro Universitario di Chirurgia Mini Invasiva Università degli Studi di Torino AOU Molinette By-pass gastrico laparoscopico Italia Necessità

Dettagli

OBESITA E DIABETE: VALUTAZIONE E PROGETTO DI INTERVENTO

OBESITA E DIABETE: VALUTAZIONE E PROGETTO DI INTERVENTO OBESITA E DIABETE: VALUTAZIONE E PROGETTO DI INTERVENTO Dr.ssa Enrica Manicardi D.M. RESPONSABILE DI S.S. DI DIABETOLOGIA E DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Azienda Ospedaliera Arcispedale Santa Maria

Dettagli

Indicazioni alla chirurgia bariatrica nel diabete di tipo 2

Indicazioni alla chirurgia bariatrica nel diabete di tipo 2 Maccagno, 20-21 Aprile 2012 Giornate Diabetologiche Luinesi II Edizione Facciamo quadrato intorno al Diabete Indicazioni alla chirurgia bariatrica nel diabete di tipo 2 E. Piantanida Università degli Studi

Dettagli

Obesity (BMI 30 kg/m 2 ) - All 22.9 % 30.5 % - Males 20.2 % 27.5 % - Females 25.4 % 33.4 %

Obesity (BMI 30 kg/m 2 ) - All 22.9 % 30.5 % - Males 20.2 % 27.5 % - Females 25.4 % 33.4 % Il Paziente obeso: Il punto di vista del Chirurgo Prof. Francesco Domenico Capizzi Bologna CENTRO DI CHIRURGIA LAPAROSCOPICA GASTROENTEROLOGICA E DELL OBESITA, Bologna Direttore: Prof. F.D. Capizzi Prevalenza

Dettagli

Frida Leonetti frida.leonetti@uniroma1.it

Frida Leonetti frida.leonetti@uniroma1.it Frida Leonetti frida.leonetti@uniroma1.it 1.5 miliardi con BMI>25 500 milioni con BMI>30 BMI > 40 kg/m² BMI > 35 Kg/m² e comorbilità testo Neoplasie Malattie CV altre 2009 Industrial Chemicals Bisphenol

Dettagli

editoriale La chirurgia metabolica Introduzione

editoriale La chirurgia metabolica Introduzione G Chir Vol. 30 - n. 4 - pp. 133-140 Aprile 2009 editoriale La chirurgia metabolica A.L. GASPARI, N. DI LORENZO, P. GENTILESCHI, I. CAMPERCHIOLI Introduzione Secondo gli ultimi dati della Organizzazione

Dettagli

un passo avanti nelle epatopatie croniche STEATOEPATITE STEATOSI EPATOCARCINOMA CIRROSI FIBROSI

un passo avanti nelle epatopatie croniche STEATOEPATITE STEATOSI EPATOCARCINOMA CIRROSI FIBROSI A base di SILIBINA COMPLESSATA STEATOSI STEATOEPATITE EPATOCARCINOMA CIRROSI FIBROSI un passo avanti nelle epatopatie croniche STEATOEPATITE NON ALCOLICA (NASH) è una patologia emergente (1) colpisce circa

Dettagli

The ten top countries in the world have one thing in common

The ten top countries in the world have one thing in common TRIALS CLINICI SUL TRATTAMENTO CHIRURGICO DEL DIABETE Dott. Nicola Di Lorenzo UNIVERSITA DI ROMA TOR VERGATA The ten top countries in the world have one thing in common Basso, Mag 01 Innovation in Surgery

Dettagli

I DCA come elemento prognostico nel paziente chirurgico.

I DCA come elemento prognostico nel paziente chirurgico. I DCA come elemento prognostico nel paziente chirurgico. Luca Busetto Servizio Terapia Medica e Chirurgica dell Obesità Dipartimento di Scienze Mediche e Chirurgiche Università di Padova 4 Congresso Sezione

Dettagli

Corso aggiornamento OMCT 19.1.2012 A.Kuhrmeier

Corso aggiornamento OMCT 19.1.2012 A.Kuhrmeier Corso aggiornamento OMCT 19.1.2012 A.Kuhrmeier It is predicted that over the course of the next 20 years obesity will be the #1 health problem throughout the world 4 Terapia a breve termine dell obesità

Dettagli

LA TERAPIA CHIRURGICA DELL OBESITA PATOLOGICA. www.fisiokinesiterapia.biz

LA TERAPIA CHIRURGICA DELL OBESITA PATOLOGICA. www.fisiokinesiterapia.biz LA TERAPIA CHIRURGICA DELL OBESITA PATOLOGICA www.fisiokinesiterapia.biz PREMESSE In Italia un adulto su tre è sovrappeso (BMI>25) ed il 10% circa della popolazione è affetto da obesità patologica (BMI>40).

Dettagli

Effetti di diverse tecniche di Chirurgia Bariatrica sull Omeostasi Metabolica in pazienti Obesi

Effetti di diverse tecniche di Chirurgia Bariatrica sull Omeostasi Metabolica in pazienti Obesi UNIVERSITA DEGLI STUDI DI VERONA DIPARTIMENTO DI MEDICINA Scuola di Dottorato in Scienze della Vita e della Salute Dottorato in Scienze Mediche Cliniche e Sperimentali CICLO XXVI TITOLO DELLA TESI DI DOTTORATO

Dettagli

DIETISTA EUFEMIA SILVESTRI Calo di peso pre-operatorio: dieta ad hoc. 1 corso SICOB-SID-SIO Padova 8 marzo 2014

DIETISTA EUFEMIA SILVESTRI Calo di peso pre-operatorio: dieta ad hoc. 1 corso SICOB-SID-SIO Padova 8 marzo 2014 DIPARTIMENTO DI CHIRURGIA GENERALE UNITÀ OPERATIVA COMPLESSA DI CHIRURGIA MININVASIVA E METABOLICA Primario Dott. C. GIARDIELLO Presidio Ospedaliero Pineta Grande Castel Volturno (CE) DIETISTA EUFEMIA

Dettagli

La chirurgia bariatrica nel paziente con diabete mellito tipo 2

La chirurgia bariatrica nel paziente con diabete mellito tipo 2 MeDia 2015;15:84-90 84 pratica professionale La chirurgia bariatrica nel paziente con diabete mellito tipo 2 Riassunto La chirurgia bariatrica è al momento la più efficace strategia terapeutica per l ottenimento

Dettagli

www.fisiokinesiterapia.biz

www.fisiokinesiterapia.biz LA CHIRURGIA NEL TRATTAMENTO DELL OBESITA OBESITA PATOLOGICA www.fisiokinesiterapia.biz OBESITA PATOLOGICA OBESITA PATOLOGICA OBESITA PATOLOGICA OBESITA PATOLOGICA Definizione L obesità è una condizione

Dettagli

E se con l alimentazione non ce la facciamo ci puo aiutare la chirurgia nel bambino? F. De Peppo

E se con l alimentazione non ce la facciamo ci puo aiutare la chirurgia nel bambino? F. De Peppo E se con l alimentazione non ce la facciamo ci puo aiutare la chirurgia nel bambino? F. De Peppo ROMA 28-29 MARZO 2015 Dr. Francesco De Peppo UOS Chirurgia Pediatrica Palidoro Dipartimento Chirurgia -

Dettagli

Studio Re.mo.te "A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type

Studio Re.mo.te A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type Studio Re.mo.te "A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type 2 diabetes" Protocollo di Studio:durata e campione La

Dettagli

Anna Crispo Istitituto Nazionale dei Tumori Fondazione «G. Pascale», Napoli

Anna Crispo Istitituto Nazionale dei Tumori Fondazione «G. Pascale», Napoli Anna Crispo Istitituto Nazionale dei Tumori Fondazione «G. Pascale», Napoli VALUTAZIONE DEL PESO E CONTROLLO DELLA GLICEMIA NEI DIVERSI SOTTOTIPI MOLECOLARI DEL CANCRO DELLA MAMMELLA. Background Negli

Dettagli

Gestione della terapia ipoglicemizzante nel post-operatorio

Gestione della terapia ipoglicemizzante nel post-operatorio Gestione della terapia ipoglicemizzante nel post-operatorio Chiara Dal Prà Clinica Medica III Unità bariatrica Azienda Ospedaliera Padova Padova, 8 marzo 2014 Tecniche chirurgiche bariatriche

Dettagli

Confronto a 2 anni di follow-up tra diversione bilio-pancreatica con o senza gastroresezione nel trattamento chirurgico dell obesità patologica

Confronto a 2 anni di follow-up tra diversione bilio-pancreatica con o senza gastroresezione nel trattamento chirurgico dell obesità patologica ARTICOLI ORIGINALI Confronto a 2 anni di follow-up tra diversione bilio-pancreatica con o senza gastroresezione nel trattamento chirurgico dell obesità patologica Ann. Ital. Chir., 2008; 79: 241-246 Francesco

Dettagli

Vizi e Virtù del gelato nel paziente post chirurgia bariatrica

Vizi e Virtù del gelato nel paziente post chirurgia bariatrica CONGRESSO CONGIUNTO ADI-SIO Vizi e Virtù del gelato nel paziente post chirurgia bariatrica Vicenza, 5 Ottobre 2013 Dott.ssa Anna Belligoli Unità Bariatrica Padova Interventi: restrittivi/malassorbitivi

Dettagli

STEATOSI EPATICA. EPIDEMIOLOGIA, FISIOPATOLOGIA, DIAGNOSI, TRATTAMENTO DIETOTERAPICO E NUTRACEUTICO

STEATOSI EPATICA. EPIDEMIOLOGIA, FISIOPATOLOGIA, DIAGNOSI, TRATTAMENTO DIETOTERAPICO E NUTRACEUTICO Università degli Studi della Repubblica dii San Marino Università degli Studi di Parma Master in Sicurezza e Qualità dell Alimentazione in Età Evolutiva STEATOSI EPATICA. EPIDEMIOLOGIA, FISIOPATOLOGIA,

Dettagli

STRUTTURA COMPLESSA DI CHIRURGIA DIGESTIVA ED UNITÀ DEL FEGATO STRUTTURA COMPLESSA DI DIABETOLOGIA, DIETOLOGIA E NUTRIZIONE CLINICA

STRUTTURA COMPLESSA DI CHIRURGIA DIGESTIVA ED UNITÀ DEL FEGATO STRUTTURA COMPLESSA DI DIABETOLOGIA, DIETOLOGIA E NUTRIZIONE CLINICA SLEEVE GASTRECTOMY LAPAROSCOPICA VERSUS TERAPIA MEDICA CONVENZIONALE IN PAZIENTI CON RECENTE DIAGNOSI DI DIABETE MELLITO TIPO2 E BMI 30-42KG/M 2 : STUDIO RANDOMIZZATO CONTROLLATO CENTRI PARTECIPANTI: AZIENDA

Dettagli

Diabete Mellito di tipo 2 e Sindrome Metabolica

Diabete Mellito di tipo 2 e Sindrome Metabolica Cuneo 8-9 ottobre 2004 La Sindrome Metabolica: una sfida per l area endocrino-metabolica Diabete Mellito di tipo 2 e Sindrome Metabolica Luca Monge SOC MM e Diabetologia AO CTO-CRF-ICORMA Torino 1. Contratto

Dettagli

IL FEGATO COME CENTRALE METABOLICA E I FATTORI DI DANNO OLTRE I VIRUS EPATITICI. Caso Clinico: una patologia apparentemente benigna

IL FEGATO COME CENTRALE METABOLICA E I FATTORI DI DANNO OLTRE I VIRUS EPATITICI. Caso Clinico: una patologia apparentemente benigna IL FEGATO COME CENTRALE METABOLICA E I FATTORI DI DANNO OLTRE I VIRUS EPATITICI Caso Clinico: una patologia apparentemente benigna Gi M i P ti Gian Maria Prati U.O. Gastroenterologia Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

La gastroplastica verticale laparoscopica

La gastroplastica verticale laparoscopica CAPITOLO 14 La gastroplastica verticale laparoscopica Mario Morino, Mauro Toppino, Dario Parini Introduzione Negli anni 90 si è assistito a una crescente diffusione dell approccio laparoscopico in chirurgia

Dettagli

Counselling nutrizionale postoperatorio

Counselling nutrizionale postoperatorio CAPITOLO 26 Counselling nutrizionale postoperatorio Luca Busetto Introduzione Il panel di esperti che già nel 1991 aveva formulato, sotto l egida dei National Institutes of Health (NIH), le prime linee

Dettagli

Caso clinico epatite cronica HCV genotipo 1. Natalia Terreni Divisione di Gastroenterologia Ospedale Valduce - Como

Caso clinico epatite cronica HCV genotipo 1. Natalia Terreni Divisione di Gastroenterologia Ospedale Valduce - Como Caso clinico epatite cronica HCV genotipo 1 Natalia Terreni Divisione di Gastroenterologia Ospedale Valduce - Como Milano 5 febbraio 2014 Milano 5 febbraio 2014 Caso clinico epatite cronica HCV genotipo

Dettagli

La malattia oligometastatica: clinica o biologia nella strategia terapeutica?

La malattia oligometastatica: clinica o biologia nella strategia terapeutica? La malattia oligometastatica: clinica o biologia nella strategia terapeutica? Lucia Del Mastro SS Sviluppo Terapie Innovative Bergamo 6 luglio 2014 IRCCS Azienda Ospedaliera Universitaria San Martino IST

Dettagli

N. Porta², F. De Angelis¹, J. Cacciotti², C. Chiappetta², O Iorio¹, G. Cavallaro¹, V. Petrozza², G. Silecchia¹, C. Della Rocca², C.

N. Porta², F. De Angelis¹, J. Cacciotti², C. Chiappetta², O Iorio¹, G. Cavallaro¹, V. Petrozza², G. Silecchia¹, C. Della Rocca², C. PRELIMINARY EVALUATION OF GHRELIN (GH) GENE AND PROTEIN EXPRESSION IN THE SURGICAL SPECIMEN, AND GHRELIN SERUM CONCENTRATION AFTER PRIMARY OR REVISIONAL LAPAROSCOPIC SLEEVE GASTRECTOMY (LSG) N. Porta²,

Dettagli

Gene MERTK come marker di progressione di fibrosi nelle mala8e croniche di fegato

Gene MERTK come marker di progressione di fibrosi nelle mala8e croniche di fegato Università degli Studi di Palermo FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA DoKorato di Ricerca in Biopatologia Gene MERTK come marker di progressione di fibrosi nelle mala8e croniche di fegato Do$.ssa Rosaria Maria

Dettagli

Caso clinico. Diabete gestazionale Screening-diagnosi-followup. Annunziata Lapolla. DPT di Medicina Università di Padova

Caso clinico. Diabete gestazionale Screening-diagnosi-followup. Annunziata Lapolla. DPT di Medicina Università di Padova Caso clinico Diabete gestazionale Screening-diagnosi-followup Annunziata Lapolla DPT di Medicina Università di Padova Caso clinico Donna di 27 aa, impiegata,coniugata, obesa (BMI pregravidico 31kg/m 2

Dettagli

Che cos è l indice glicemico?

Che cos è l indice glicemico? Per valutare le caratteristiche degli alimenti contenenti carboidrati per ciò che riguarda la risposta glicemica, negli anni 90 è stato introdotto il concetto di INDICE GLICEMICO Che cos è l indice glicemico?

Dettagli

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione 3 Maggio 2012 Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione Emanuele Miraglia del Giudice Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Pediatria

Dettagli

La chirurgia plastica nel trattamento dell obesità

La chirurgia plastica nel trattamento dell obesità CAPITOLO 28 La chirurgia plastica nel trattamento dell obesità Nicolò Scuderi, Andrea Figus Introduzione La chirurgia bariatrica rappresenta oggi l unica terapia efficace per ottenere una perdita di peso

Dettagli

RELAZIONI BORSE DI STUDIO FINALIZZATE A.I.S.F. 2009 (con il supporto della Monotematica 2008 - Firenze)

RELAZIONI BORSE DI STUDIO FINALIZZATE A.I.S.F. 2009 (con il supporto della Monotematica 2008 - Firenze) RELAZIONI BORSE DI STUDIO FINALIZZATE A.I.S.F. 2009 (con il supporto della Monotematica 2008 - Firenze) Certificata UNI EN ISO 9001:2008 Segreteria A.I.S.F.: Via Alfredo Catalani, 39 00199 ROMA Tel. e

Dettagli

Diabete in gravidanza

Diabete in gravidanza Diabete in gravidanza Diabete preesistente tipo 1 tipo 2 Diabete gestazionale DIABETE GES TAZIONALE (GDM) DEFINIZIONE Intolleranza ai carboidrati di grado variabile, il cui inizio o primo riconoscimento

Dettagli

Criteri di riconoscimento della sindrome metabolica

Criteri di riconoscimento della sindrome metabolica Criteri di riconoscimento della sindrome metabolica Measuring waist circumference: a practical guide from the NIDDK/NIH Place a tape measure around the bare abdomen, just above the hip bone Be sure

Dettagli

COMPLIANCE ALLA DIETA SENZA GLUTINE: QUALI EVIDENZE DAGLI STUDI FINORA CONDOTTI?

COMPLIANCE ALLA DIETA SENZA GLUTINE: QUALI EVIDENZE DAGLI STUDI FINORA CONDOTTI? COMPLIANCE ALLA DIETA SENZA GLUTINE: QUALI EVIDENZE DAGLI STUDI FINORA CONDOTTI? Firenze, 31 marzo 2012 Francesco Valitutti UOC Gastroenterologia ed Epatologia Pediatrica Dipartimento di Pediatria e Neuropsichiatria

Dettagli

Metabolismo GLUCIDICO

Metabolismo GLUCIDICO Metabolismo GLUCIDICO COMPOSIZIONE DI UN ORGANISMO ADULTO Altro 3% Acqua 60% Carboidrati 1% Proteine 16% Lipidi 20% CALORIE TEORICHE PRODOTTE DALL OSSIDAZIONE COMPLETA DEI VARI SUBSTRATI (uomo adulto 70

Dettagli

Dr. Vittorio Ferrari U.O. Oncologia Medica A. Spedali Civili, Brescia

Dr. Vittorio Ferrari U.O. Oncologia Medica A. Spedali Civili, Brescia Dr. Vittorio Ferrari U.O. Oncologia Medica A. Spedali Civili, Brescia La crescita tumorale Classification Evoluzione dei trattamenti RR OS Sites of therapy STAGE II In colon cancer patients

Dettagli

EPATITE CRONICA : STORIA NATURALE

EPATITE CRONICA : STORIA NATURALE EPATITE CRONICA : STORIA NATURALE EPATITE CRONICA CIRROSI SCOMPENSATA 100 HBV HCV CIRROSI COMPENSATA EPATOCARCINOMA 50 % sintomi, mortalità HDV 0 5 10 15 20 25 30 anni 0 EPATITE CRONICA: DIAGNOSI Biopsia

Dettagli

Condizioni e fattori di rischio di DMT2

Condizioni e fattori di rischio di DMT2 Condizioni e fattori di rischio di DMT2 IFG o IGT o pregresso diabete gestazionale Età >45 anni, specie se con BMI >25 od obesità centrale Età 25) e una o più fra le seguenti

Dettagli

La nostra esperienza nella selezione dei pazienti candidati alla chirurgia bariatrica

La nostra esperienza nella selezione dei pazienti candidati alla chirurgia bariatrica La nostra esperienza nella selezione dei pazienti candidati alla chirurgia bariatrica Ann. Ital. Chir., 2007; 78: 487-492 Franceso Mittempergher, Ernesto Di Betta, Nicola Crea, Claudio Casella, Riccardo

Dettagli

DIPARTIMENTO DI CHIRURIA GENERALE P. STEFANINI

DIPARTIMENTO DI CHIRURIA GENERALE P. STEFANINI DIPARTIMENTO DI CHIRURIA GENERALE P. STEFANINI CURRICULUM DIDATTICO-SCIENTIFICO DEL PROF. NICOLA BASSO DATI PERSONALI Nome e Cognome Luogo e data di nascita: Stato Civile: Dipartimento Indirizzo NICOLA

Dettagli

C. Azione 1. Raccomandazioni per la pratica clinica e la ricerca finalizzata 2. Risposte ai quesiti

C. Azione 1. Raccomandazioni per la pratica clinica e la ricerca finalizzata 2. Risposte ai quesiti 4 Sessione 2013 Clinica della Psiche =============================================== Binge Eating Disorder (BED) Aspetti psicologico-psichiatrici Benefici dei farmaci Valutazione e trattamento post-chirurgia

Dettagli

IL DATA MANAGEMENT NELLA PRATICA CLINICA. Dott.ssa Silvia Acquati U.O. di Endocrinologia e Malattie Metaboliche Direttore Dott. M.

IL DATA MANAGEMENT NELLA PRATICA CLINICA. Dott.ssa Silvia Acquati U.O. di Endocrinologia e Malattie Metaboliche Direttore Dott. M. IL DATA MANAGEMENT NELLA PRATICA CLINICA Dott.ssa Silvia Acquati U.O. di Endocrinologia e Malattie Metaboliche Direttore Dott. M. Nizzoli RUOLO DEL COMPENSO GLICEMICO The Diabetes control and complications

Dettagli

Una caloria è una caloria! sarà poi vero??? Da un punto di vista ormonale NON TUTTE LE CALORIE SONO UGUALI!!!

Una caloria è una caloria! sarà poi vero??? Da un punto di vista ormonale NON TUTTE LE CALORIE SONO UGUALI!!! Una caloria è una caloria! sarà poi vero??? Il concetto che una caloria è una caloria sta alla base di molte delle strategie proposte per perdere peso In accordo al principio: si mangia troppo ci si muove

Dettagli

Controllo della Dislipidemia

Controllo della Dislipidemia Padova, 7 Marzo 2014 - Ex Ospedale Militare Terapia Farmacologica del Paziente Diabetico Dopo Chirurgia Controllo della Dislipidemia ALBERTO ZAMBON DIPARTIMENTO DI MEDICINA UNIVERSITA DI PADOVA Terapia

Dettagli

INCONTRO CON L ASSOCIAZIONE DEI DIABETICI SANVITESI

INCONTRO CON L ASSOCIAZIONE DEI DIABETICI SANVITESI INCONTRO CON L ASSOCIAZIONE L DEI DIABETICI SANVITESI Dott. Nazzareno Trojan diabetologo ed endocrinologo Ospedale Santa Maria dei Battuti San Vito al Tagliamento DIABETE MELLITO TRANSIZIONE EPIDEMIOLOGICA

Dettagli

Ittero e Colestasi. Ittero. Colorazione giallastra della cute e delle mucose visibili conseguente all aumento della bilirubina plasmatica.

Ittero e Colestasi. Ittero. Colorazione giallastra della cute e delle mucose visibili conseguente all aumento della bilirubina plasmatica. Ittero e Colestasi Ittero Colorazione giallastra della cute e delle mucose visibili conseguente all aumento della bilirubina plasmatica Colestasi Una sindrome clinica con eziologia multipla, caratterizzata

Dettagli

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM Dott.ssa Annarita Eramo

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM Dott.ssa Annarita Eramo CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM Dott.ssa Annarita Eramo Nata a Roma il 10/01/74 Indirizzo personale: Via Fulvio Maroi 20, 00166, Roma Telefono: 06 97615637, 339 2785268 E-mail: anna.eramo@fastwebnet.it Formazione

Dettagli

DOTTORATO DI RICERCA IN ULTRASONOLOGIA IN MEDICINA UMANA E VETERINARIA (XIX CICLO)

DOTTORATO DI RICERCA IN ULTRASONOLOGIA IN MEDICINA UMANA E VETERINARIA (XIX CICLO) ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITA DI BOLOGNA DOTTORATO DI RICERCA IN ULTRASONOLOGIA IN MEDICINA UMANA E VETERINARIA (XIX CICLO) RUOLO DELL ELASTOMETRIA PULSATA MONODIMENSIONALE AD ULTRASUONI (FIBROSCAN )

Dettagli

I COSTI RAPPRESENTANO UN PROBLEMA IN CHIRURGIA LAPAROSCOPICA?

I COSTI RAPPRESENTANO UN PROBLEMA IN CHIRURGIA LAPAROSCOPICA? I COSTI RAPPRESENTANO UN PROBLEMA IN CHIRURGIA LAPAROSCOPICA? M.M. Lirici SESSIONE SIC-SICE Sistema ABC ACTIVITY BASED COSTING Gli elementi che generano il costo sono quelli che richiedono una prestazione

Dettagli

2 CONVEGNO DIABESITA

2 CONVEGNO DIABESITA 2 CONVEGNO DIABESITA La co-morbidità nel paziente con diabesità Dott. Roberto Gualdiero 7 Giugno 2014- CAVA DEI TIRRENI Diabesità è il neologismo coniato dall OMS per sottolineare la stretta associazione

Dettagli

TRATTAMENTO CHIRURGICO DELL OBESITA

TRATTAMENTO CHIRURGICO DELL OBESITA TRATTAMENTO CHIRURGICO DELL OBESITA Giuliano Sarro Responsabile U.O. Chirurgia Generale Ospedale Cantù Abbiategrasso Centro di Chirurgia Bariatrica - A.O. Legnan LINEE GUIDA SICOB 2015 E la chirurgia laparoscopica

Dettagli

Overlap AIH / HCV quale approccio diagnostico/terapeutico? Giampietro Gregis A.O. Papa Giovanni XXIII - BG -

Overlap AIH / HCV quale approccio diagnostico/terapeutico? Giampietro Gregis A.O. Papa Giovanni XXIII - BG - Overlap AIH / HCV quale approccio diagnostico/terapeutico? Giampietro Gregis A.O. Papa Giovanni XXIII - BG - Donna, anni 61 - Familiarità per epatite/cirrosi HCV correlata (Madre, fratello..) - Non fuma,

Dettagli

IL TRATTAMENTO ENDOSCOPICO DI UNA PATOLOGIA MULTIDISCIPLINARE. Angelo Ambrosio

IL TRATTAMENTO ENDOSCOPICO DI UNA PATOLOGIA MULTIDISCIPLINARE. Angelo Ambrosio IL TRATTAMENTO ENDOSCOPICO DELL OBESITA NELL AMBITO DI UNA PATOLOGIA MULTIDISCIPLINARE La nostra esperienza con il bendaggio gastrico Angelo Ambrosio UOC Chirurgia Addominale Dipartimento di Scienze Chirurgiche

Dettagli

Definizione, Epidemiologia, Patogenesi

Definizione, Epidemiologia, Patogenesi Definizione, Epidemiologia, Patogenesi Stefano Volpato U.O. Medicina Interna Universitaria Sezione di Medicina Interna e Cardiorespiratoria Relationship of Age and Selected Functional Parameters 100 80

Dettagli

IL FITNESS METABOLICO

IL FITNESS METABOLICO Esercizio fisico e fattori di rischio cardiovascolari : dalla teoria alla pratica IL FITNESS METABOLICO Dott.ssa C. Baggiore L'esercizio fisico è parte integrante del piano di trattamento del Diabete Mellito.

Dettagli

AISF PostMeeting Roma, 26 febbraio 2011

AISF PostMeeting Roma, 26 febbraio 2011 AISF PostMeeting Roma, 26 febbraio 2011 Novel technologies for liver elastography (ARFI, Magnetic resonance) Fabio Piscaglia Ricercatore, UO Medicina Interna - Bolondi, Università di Bologna President-Elect

Dettagli

L attività motoria per prevenire e controllare il diabete mellito PIERO MELANDRI

L attività motoria per prevenire e controllare il diabete mellito PIERO MELANDRI L attività motoria per prevenire e controllare il diabete mellito PIERO MELANDRI CONOSCENZE STORICHE Non si può mantenersi in salute basandosi soltanto sul tipo di alimentazione, ma a questo bisogna affiancare

Dettagli

IL CARCINOMA ESOFAGEO

IL CARCINOMA ESOFAGEO II Università degli tudi di Napoli Corso di laurea in Medicina e Chirurgia ede di Caserta IL CARCINOMA EOFAGEO A.A. 07/08 00 casi/anno ETIOLOGIA Alcol (per le forme squamose) Tabacco Dieta LEIONI PRECANCEROE

Dettagli

CURRICULUM VITAE del Dott. AMILCARE PARISI. Il Dott. Amilcare Parisi è nato a Terni il 16-12-1952. Conseguita la maturità classica si iscrive alla

CURRICULUM VITAE del Dott. AMILCARE PARISI. Il Dott. Amilcare Parisi è nato a Terni il 16-12-1952. Conseguita la maturità classica si iscrive alla CURRICULUM VITAE del Dott. AMILCARE PARISI Il Dott. Amilcare Parisi è nato a Terni il 16-12-1952. Conseguita la maturità classica si iscrive alla Facoltà di Medicina e Chirurgia dell Università La Sapienza

Dettagli

FOCUS ON TERAPIA DELL INSUFFICIENZA SURRENALICA: VERSO UNA MIGLIORE QUALITA DELLA VITA. Nuove prospettive terapeutiche: quali vantaggi?

FOCUS ON TERAPIA DELL INSUFFICIENZA SURRENALICA: VERSO UNA MIGLIORE QUALITA DELLA VITA. Nuove prospettive terapeutiche: quali vantaggi? FOCUS ON TERAPIA DELL INSUFFICIENZA SURRENALICA: VERSO UNA MIGLIORE QUALITA DELLA VITA Nuove prospettive terapeutiche: quali vantaggi? Dr. Alberto Falorni Dipartimento di Medicina Interna MISEM Università

Dettagli

Abstract. F. Mittempergher, T. Bruni*, O. Bruni*, E. Di Betta, G. Occelli*, B. Salerni. Introduzione

Abstract. F. Mittempergher, T. Bruni*, O. Bruni*, E. Di Betta, G. Occelli*, B. Salerni. Introduzione La diversione bilio-pancreatica con conservazione del bulbo duodenale e gastroplastica transitoria nel trattamento dell obesità patologica. Nostra esperienza Ann. Ital. Chir., LXXIII, 2, 2002 F. Mittempergher,

Dettagli

PROTOCOLLO PER L'UTILIZZO DI DONATORI anti-hcv + IN PAZIENTI anti-hcv + NEL TRAPIANTO DI RENE

PROTOCOLLO PER L'UTILIZZO DI DONATORI anti-hcv + IN PAZIENTI anti-hcv + NEL TRAPIANTO DI RENE Versione aggiornata al 1 agosto 2003 PROTOCOLLO PER L'UTILIZZO DI DONATORI anti-hcv + IN PAZIENTI anti-hcv + NEL TRAPIANTO DI RENE Principi generali Razionale La carenza di donatori d organo rappresenta

Dettagli

OGTT e IVGTT: due test a confronto per la valutazione dell insulino-sensibilità e della funzione beta cellulare

OGTT e IVGTT: due test a confronto per la valutazione dell insulino-sensibilità e della funzione beta cellulare G It Diabetol Metab 2007;27:220-226 Rassegna OGTT e IVGTT: due test a confronto per la valutazione dell insulino-sensibilità e della funzione beta cellulare RIASSUNTO Il test orale (OGTT) e quello endovenoso

Dettagli

Curriculum Formativo e Professionale Dr. Edward Vezza

Curriculum Formativo e Professionale Dr. Edward Vezza Curriculum Formativo e Professionale Dr. Edward Vezza DATI ANAGRAFICI Cognome: VEZZA Nome: EDWARD Localita e data di nascita: R.I. (U.S.A.), il 07/10/1962 Residenza e domicilio: Via Pigna Stufa Castello,

Dettagli

LIVELLI CIRCOLANTI DI PROGENITORI DELLE CELLULE ENDOTELIALI IN PAZIENTI CON DIABETE TIPO 1 E DISFUNZIONE ERETTILE

LIVELLI CIRCOLANTI DI PROGENITORI DELLE CELLULE ENDOTELIALI IN PAZIENTI CON DIABETE TIPO 1 E DISFUNZIONE ERETTILE LIVELLI CIRCOLANTI DI PROGENITORI DELLE CELLULE ENDOTELIALI IN PAZIENTI CON DIABETE TIPO 1 E DISFUNZIONE ERETTILE Michela Petrizzo, Giuseppe Bellastella, Maurizio Gicchino, Rosanna Orlando, Carmela Mosca,

Dettagli

Laura Catena Istituto di Oncologia Policlinico di Monza

Laura Catena Istituto di Oncologia Policlinico di Monza Oncologia epato-bilio-pancreatica Metastasi da tumore a sede primitiva ignota Monza, 06 Maggio 2011 Laura Catena Istituto di Oncologia Policlinico di Monza Epidemiologia Rappresentano meno del 5% di tutte

Dettagli

Le statine nell anziano. Quando usarle? Carlo M. Barbagallo

Le statine nell anziano. Quando usarle? Carlo M. Barbagallo Le statine nell anziano. Quando usarle? Carlo M. Barbagallo Dipartimento di Medicina Interna e Specialistica (DI.BI.MI.S.) Università degli Studi di Palermo Popolazione Italiana 1950-2020: Giovani ed Anziani

Dettagli

Il Diabete Mellito. Mariarosaria Cristofaro UOC Diabetologia-Endocrinologia ASReM Campobasso. Campobasso 19 marzo 2014

Il Diabete Mellito. Mariarosaria Cristofaro UOC Diabetologia-Endocrinologia ASReM Campobasso. Campobasso 19 marzo 2014 Il Diabete Mellito Mariarosaria Cristofaro UOC Diabetologia-Endocrinologia ASReM Campobasso Campobasso 19 marzo 2014 DIABETE MELLITO Definizione Il diabete mellito è una malattia cronica caratterizzata

Dettagli

MARCATORI AUTOANTICORPALI PER LA DIAGNOSI DEL DIABETE TIPO I: CONSIDERAZIONI METODOLOGICHE E APPLICAZIONI CLINICHE. E.

MARCATORI AUTOANTICORPALI PER LA DIAGNOSI DEL DIABETE TIPO I: CONSIDERAZIONI METODOLOGICHE E APPLICAZIONI CLINICHE. E. MARCATORI AUTOANTICORPALI PER LA DIAGNOSI DEL DIABETE TIPO I: CONSIDERAZIONI METODOLOGICHE E APPLICAZIONI CLINICHE E. Tonutti (Udine) 10 42 L incidenza di DT1 in Europa ed in altri Paesi del Mediterraneo.

Dettagli

DECRETO RETTORALE N. 603

DECRETO RETTORALE N. 603 DECRETO RETTORALE N. 603 Valutazione per il conferimento di n. 3 assegni per la collaborazione ad attività di ricerca presso la Facoltà di Medicina e chirurgia A. Gemelli dell Università Cattolica del

Dettagli

GASTRIC BANDING VS SLEEVE GASTRECTOMY: ANATOMIA DI UN DILEMMA

GASTRIC BANDING VS SLEEVE GASTRECTOMY: ANATOMIA DI UN DILEMMA GASTRIC BANDING VS SLEEVE GASTRECTOMY: ANATOMIA DI UN DILEMMA 1986 Kuzmak: anello con camera gonfiabile 1991 Belachew: laparoscopia 1992 Catona e Cadiere: prime publicazioni 1995 FDA GASTRIC BANDING 15

Dettagli

Dieci anni di chirurgia bariatrica laparoscopica

Dieci anni di chirurgia bariatrica laparoscopica CAPITOLO 29 Dieci anni di chirurgia bariatrica laparoscopica Nicola Basso, Gianfranco Silecchia, Alessandro Pecchia Introduzione In 10 anni abbiamo accolto circa 2500 pazienti presso il Centro per il trattamento

Dettagli

L ESERCIZIO FISICO NEL PROTOCOLLO DI TRATTAMENTO DEL DIABETICO Antonio Carlo Bossi, Treviglio - Caravaggio (BG)

L ESERCIZIO FISICO NEL PROTOCOLLO DI TRATTAMENTO DEL DIABETICO Antonio Carlo Bossi, Treviglio - Caravaggio (BG) CORSO ACTIVE DOCTORS ACTIVE PEOPLE: ATTIVITÀ/ESERCIZIO FISICO COME PRESCRIZIONE MEDICA? Milano, 3 dicembre 2011 L ESERCIZIO FISICO NEL PROTOCOLLO DI TRATTAMENTO DEL DIABETICO Antonio Carlo Bossi, Treviglio

Dettagli

INCRETINO- MIMETICI INSERIMENTO NELLA STORIA NATURALE DELLA MALATTIA. Hotel NH Jolly Hotel Palermo 18 settembre 2010. Dott. A.

INCRETINO- MIMETICI INSERIMENTO NELLA STORIA NATURALE DELLA MALATTIA. Hotel NH Jolly Hotel Palermo 18 settembre 2010. Dott. A. INCRETINO- MIMETICI INSERIMENTO NELLA STORIA NATURALE DELLA MALATTIA Hotel NH Jolly Hotel Palermo 18 settembre 2010 Dott. A. Burgio Responsabile Unità Operativa Malattie endocrine e metaboliche Divisione

Dettagli

Ecografia, risonanza magnetica nello screening mammografico: luoghi dove è meglio non avventurarsi? Stefano Ciatto

Ecografia, risonanza magnetica nello screening mammografico: luoghi dove è meglio non avventurarsi? Stefano Ciatto Ecografia, risonanza magnetica nello screening mammografico: luoghi dove è meglio non avventurarsi? Stefano Ciatto anni 35 - sintomatica EO: nodulo in regione infero-centrale Mammografia: quadro negativo

Dettagli

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma duttale in situ: : si,no, forse Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it Definizione Il carcinoma duttale in situ della mammella è una

Dettagli

Il paziente con fattori di rischio per rapida progressione. Alessia Giorgini, Ospedale San Paolo Milano

Il paziente con fattori di rischio per rapida progressione. Alessia Giorgini, Ospedale San Paolo Milano Il paziente con fattori di rischio per rapida progressione Alessia Giorgini, Ospedale San Paolo Milano O.R. Maschio, insegnante 13/3/1952 Sovrappeso (BMI= 29 Kg/m2) Ipertransaminasemia 1.5 N dal 1992;

Dettagli

EVOLUZIONE ED OBESITA. Dott.ssa D Angelo Angelica

EVOLUZIONE ED OBESITA. Dott.ssa D Angelo Angelica EVOLUZIONE ED OBESITA Dott.ssa D Angelo Angelica Definizione di obesità Per obesità si intende la presenza di un eccesso della massa corporea. Il grado di obesità si misura con l indice di massa corporea

Dettagli

Risonanza magnetica cardiaca confronto con le metodiche tradizionali: Ruolo attuale nella clinica,indicazioni,limiti

Risonanza magnetica cardiaca confronto con le metodiche tradizionali: Ruolo attuale nella clinica,indicazioni,limiti Risonanza magnetica cardiaca confronto con le metodiche tradizionali: Ruolo attuale nella clinica,indicazioni,limiti CAD VALVULOPATIA MIOCARDIOPATIA ecocardiografia + +++ ++ SPECT +++ - - MRI ++ + +++

Dettagli

PROTOCOLLO PER L'UTILIZZO DI DONATORI anti-hcv + IN PAZIENTI anti-hcv positivi o anti-hcv negativi IN LISTA PER TRAPIANTO DI FEGATO

PROTOCOLLO PER L'UTILIZZO DI DONATORI anti-hcv + IN PAZIENTI anti-hcv positivi o anti-hcv negativi IN LISTA PER TRAPIANTO DI FEGATO Versione aggiornata al 1 agosto 2003 PROTOCOLLO PER L'UTILIZZO DI DONATORI anti-hcv + IN PAZIENTI anti-hcv positivi o anti-hcv negativi IN LISTA PER TRAPIANTO DI FEGATO Principi generali Razionale La carenza

Dettagli

Valore predittivo dell ipertrigliceridemia sull insorgenza di diabete. Andrea Gori UO Malattie Infettive AO San Gerardo, Monza andrea.gori@unimi.

Valore predittivo dell ipertrigliceridemia sull insorgenza di diabete. Andrea Gori UO Malattie Infettive AO San Gerardo, Monza andrea.gori@unimi. Valore predittivo dell ipertrigliceridemia sull insorgenza di diabete Andrea Gori UO Malattie Infettive AO San Gerardo, Monza andrea.gori@unimi.it Triglycerides/HDL ratio and risk of developing diabetes

Dettagli

IL TRATTAMENTO CHIRURGICO DELL OBESITA PATOLOGICA

IL TRATTAMENTO CHIRURGICO DELL OBESITA PATOLOGICA IL TRATTAMENTO CHIRURGICO DELL OBESITA PATOLOGICA DIPARTIMENTO DI EMERGENZE/URGENZE, CHIRURGIA GENERALE E DEI TRAPIANTI UNITA OPERATIVA CHIRURGIA GENERALE Direttore: Prof. B. COLA CENTRO STUDI DI TERAPIA

Dettagli

ANTIOXIDANT ACTIVITY OF OLIVE OIL

ANTIOXIDANT ACTIVITY OF OLIVE OIL ANTIOXIDANT ACTIVITY OF OLIVE OIL Visioli et al. Low density lipoprotein oxidation is inhibited by olive oil constituents. Atherosclerosis 1995; 117: 25-32 Visioli et al. Free radical-scavenging properties

Dettagli

Valutazione del paziente obeso: ruolo del team multidisciplinare nell indicazione all intervento chirurgico e nel follow-up

Valutazione del paziente obeso: ruolo del team multidisciplinare nell indicazione all intervento chirurgico e nel follow-up CAPITOLO 7 Valutazione del paziente obeso: ruolo del team multidisciplinare nell indicazione all intervento chirurgico e nel follow-up Giovanni Spera, Manuela Celanetti, Carla Lubrano L obesità è una malattia

Dettagli

IL TRATTAMENTO DEL RISCHIO CARDIOMETABOLICO: risolviamo i dubbi

IL TRATTAMENTO DEL RISCHIO CARDIOMETABOLICO: risolviamo i dubbi IL TRATTAMENTO DEL RISCHIO CARDIOMETABOLICO: risolviamo i dubbi Policlinico Umberto I Auditorium 1^ Clinica Medica Roma, 5 novembre 2011 programma preliminare OBIETTIVI GENERALI Il corso, indirizzato a

Dettagli

Molte informazioni Insufficienza renale e diabete Maurizio Gallieni

Molte informazioni Insufficienza renale e diabete Maurizio Gallieni Insufficienza renale e diabete Molte informazioni Maurizio Gallieni U.O. Nefrologia e Dialisi A.O. Ospedale San Carlo Borromeo, Milano Medscape 21/9/2012 ASN September 2012 examine the relationship of

Dettagli

GUIDA PER LE PROVE FUNZIONALI E PER LA CLASSIFICAZIONE DEL DIABETE E ALTRE FORME DI INTOLLERANZA AL GLUCOSIO

GUIDA PER LE PROVE FUNZIONALI E PER LA CLASSIFICAZIONE DEL DIABETE E ALTRE FORME DI INTOLLERANZA AL GLUCOSIO DIPARTIMENTO DI MEDICINA DI LABORATORIO GUIDA PER LE PROVE FUNZIONALI E PER LA CLASSIFICAZIONE DEL DIABETE E CODICE: IOP.CPOsan.09 REV 6 del 06/07/10 Pag. 1 di 5 1. SCOPO E APPLICABILITA Scopo di questa

Dettagli

REGGIO CALABRIA 11-13 MAGGIO 2011

REGGIO CALABRIA 11-13 MAGGIO 2011 AULE DEL CONSIGLIO REGIONALE DELLA CALABRIA REGGIO CALABRIA 11-13 MAGGIO 2011 CONSIGLIO DIRETTIVO SICOB Presidente Onorario Presidente Presidente Eletto Past President Vice Presidente Vice Presidente Segretario

Dettagli

Programma di Valutazione Esterna di Qualità. Prof A Gaddi: Paziente con iperlipoproteinemia

Programma di Valutazione Esterna di Qualità. Prof A Gaddi: Paziente con iperlipoproteinemia Programma di Valutazione Esterna di Qualità Prof A Gaddi: Paziente con iperlipoproteinemia In epidemiologia, che cosa vediamo? Eventi Cardiovascolari Diabete tipo 2 Sindrome Metabolica Iperlipidemia familiare

Dettagli

www.gimsi.it Registro GIMSI

www.gimsi.it Registro GIMSI www.gimsi.it Registro GIMSI Registro GIMSI Board: Ammirati if Badami A Brignole M (responsabile progetto) Casagranda I De Seta F Furlan R Registro multicentrico prospettico costituito dai pazienti valutati

Dettagli

Report dei gruppi di lavoro >> [ Mieloma multiplo ]

Report dei gruppi di lavoro >> [ Mieloma multiplo ] Report dei gruppi di lavoro >> [ Mieloma multiplo ] Relatore: M.T. PETRUCCI 27-28 ottobre 2008 Borgo S. Luigi Monteriggioni (Siena) Mieloma multiplo - Copyright FSE 1 Gruppo di lavoro 2 [ Mieloma multiplo]

Dettagli

ROMA 27-28 marzo 2014

ROMA 27-28 marzo 2014 ROMA 27-28 marzo 2014 Fragilità, disfunzione muscolare e ruolo dell esercizio nella CKD come adiuvante al supporto nutrizionale Giuliano Brunori S.C. di Nefrologia e Dialisi, Ospedale Santa Chiara, Trento

Dettagli