Sanità, il federalismo è la cura? LIGURIA PIEMONTE LOMBARDIA VENETO FRIULI TRENTO E BOLZANO VALLE D AOSTA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sanità, il federalismo è la cura? LIGURIA PIEMONTE LOMBARDIA VENETO FRIULI TRENTO E BOLZANO VALLE D AOSTA"

Transcript

1 h t t p : / / l o m b a r d i a. m o n d o s a l u t e. i t LIGURIA PIEMONTE LOMBARDIA VENETO FRIULI TRENTO E BOLZANO VALLE D AOSTA PERIODICO A CARATTERE TECNICO-INFORMATIVO PROFESSIONALE - ANNO IV - N. 2 - (VIII - 31) LUGLIO LOMBARDIA.MONDOSALUTE.IT Sanità, il federalismo è la cura? A PAG.4 INTERVENTI DI GABRIELE PELISSERO, ROBERTO COTA, ENRICO LA LOGGIA, LUCA RICOLFI E-HEALTH Una rivoluzione tecnologica per i cittadini-pazienti i-aiop, la nuova app per iphone e ipad CARTA SISS E STRUTTURE PRIVATE Percorso in continua evoluzione L ANALISI Spesa e qualità della cura Quale futuro per l'offerta socio-sanitaria a Milano? DOSSIER SALUTE Eccellenza di chirurgia generale Humanitas Gavazzeni/Obesità e sindrome metabolica grave: la cura chirugica Policlinico San Marco di Zingonia/Chirurgia addominale, il gold standard è la laparoscopia

2

3 LUGLIO 2011 Sommario 3FOCUS SANITÀ Sommario EDITORIALE E ora il coraggio di cambiare GABRIELE PELISSERO 4 Torino: 27 maggio 2011 Convegno nazionale aiop Il federalismo è la cura per la sanità italiana? INTERVENTI DI GABRIELE PELISSERO, ROBERTO COTA, ENRICO LA LOGGIA, LUCA RICOLFI 9 GOLF XII Trofeo AIOP alle Betulle di Biella La vittoria alla regione Lazio 10 E-HEALTH 14 Intervista ad Averardo Orta Una rivoluzione tecnologica per i cittadini-pazienti Michele Nicchio Noi, manager dell'oggi, con la missione di diffondere la cultura imprenditoriale della sanità privata" dossier salute A CURA DI RITA SPÀNGARO Eccellenza di chirurgia generale (quarta puntata) HUMANITAS GAVAZZENI BERGAMO Obesità e sindrome metabolica grave: la cura chirugica POLICLINICO SAN MARCO DI ZINGONIA Chirurgia addominale, il gold standard è la laparoscopia 13 percorso L INTERVISTA Elena Bottinelli Carta Siss e strutture private, in continua evoluzione 21 NEWS DAL MONDO Privatizzazioni: competenze e qualità nei sistemi sanitari in Europa DI GABRIELE PELISSERO 22 L ANALISI Spesa e qualità della cura: quale futuro per l'offerta socio-sanitaria a Milano? NUOVE FRONTIERE Così la tecnologia 26 abbatte le liste d attesa 27 speciale regioni Mondosalute, la nostra finestra sul nord A CURA DI ANTONIO FROVA VENETO Vincoli di bilancio, nel nord est tagli solo alle strutture private La Valle d Aosta entra in Aiop PIEMONTE Piano di rientro, accordo tra Aiop e Regione PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Libera circolazione di pazienti in Europa 30 RAPPORTI ISTITUZIONALI Qualità e sicurezza, le verifiche della Lombardia su Asl e strutture accreditate DARIO BERETTA ATTUALITÀ Spesa sanitaria, in Italia la svolta non è nell aria DI ALBERTO MINGARDI 31 MONDOSALUTE LOMBARDIA PERIODICO A CARATTERE TECNICO-INFORMATIVO PROFESSIONALE Anno IV - n. 2 - (VIII - 31) Luglio Editore SEOP s.r.l. via di Novella, 18 - Roma Direttore Responsabile Gabriele Pelissero Comitato di Direzione Antonio Frova, Dario Beretta, Ermanno Ripamonti Segreteria di redazione Elisabetta Resnati hanno collaborato: Dario Beretta, Antonio Frova, Alberto Mingardi, Gabriele Pelissero, Rita Spàngaro Grafica e impaginazione Andrea Albanese Antonella Tuccia Stampa Rotolito Lombarda Via Brescia 53/ Cernusco S/N (MI) Foto Archivio AIOP, Newpress, istockphoto.com, ANSA Pubblicità SEOP Autorizzazione Tribunale di Milano n /7/2008 Direzione e Redazione Via Timavo, Milano tel fax aioplombardia.it

4

5 EDITORIALEDITORIALEDITORIALEDITORIALEDITORIALEDITORIALEDITORIALE DI GABRIELE PELISSERO (*) E ora il coraggio di cambiare La grave crisi economica che ha colpito il mondo non è terminata, purtroppo. E quando le persone, le famiglie e le aziende si impoveriscono, il futuro può diventare angoscioso. E il presente genera insoddisfazione e inquietudine. U n effetto di questa condizione è il diffuso desiderio di cambiamento. Comprensibile, perché si vorrebbe cambiare una situazione opprimente. Ma facilmente strumentabile, perché dà voce agli incantatori e ai demagoghi, introduce irrazionalità. Come nel famoso disegno di Francisco Goya Il sonno della ragione genera mostri. Con questi brevi pensieri non vogliamo certamente riferirci a vicende politiche concrete e recentissime. Anche perché noi siamo e resteremo sempre rigorosamente apartitici, per poter dialogare con tutti e proporre a tutti le nostre idee e i nostri progetti. Ma sentiamo il dovere di chiarire due questioni riguardanti eventuali cambiamenti nella sanità italiana. Cambiamenti che il federalismo fiscale, con ogni probabilità, metterà all ordine del giorno nei prossimi mesi. Un punto deve essere chiaro. Bisogna cambiare le cose che non vanno bene, e tutelare e se possibile migliorare le cose che vanno bene. In molte regioni italiane la sanità non funziona. Costa troppo, produce disavanzo, è male organizzato, genera insoddisfazione nei cittadini. Li ci sono tante cose da cambiare, con coraggio e in profondità. In Lombardia la Sanità funziona bene. E in equilibrio economico, non ha disavanzi, è bene organizzata, ha un altissimo indice di soddisfazione dei cittadini e una qualità riconosciuta a livello internazionale. E un modello da sviluppare, arricchire, tutelare in tutti i suoi aspetti qualificanti, a partire dal diritto alla libertà di scelta del cittadino,dalla distinzione fra controllori ed erogatori, e dal reale pluralismo degli erogatori ospedalieri, pubblici e privati uguali nei diritti e nei doveri. Secondo noi, le altre regioni dovrebbero studiarlo attentamente, e approfittare di questo esperimento di successo. Sarebbe anche un esempio di buona politica. (*)Presidente Aiop Lombardia Francisco José de Goya Il sonno della ragione genera mostri, Acquaforte e acquatinta, 21,6x15,2 cm 3

6 FOCUS SANITÀ TORINO: 27 MAGGIO 2011 CONVEGNO NAZIONALE AIOP Il federalismo è la cura per Alla tavola rotonda hanno preso parte Gabriele Pelissero, vice presidente nazionale Aiop, Luca Antonini, presidente della Commissione tecnica paritetica per l attuazione del federalismo fiscale, Enrico La Loggia, presidente Commissione parlamentare per l attuazione del federalismo fiscale, Luca Ricolfi, docente Analisi dei dati Università di Torino. Gabriele Pelissero Il federalismo in sanità è certamente un processo di grande importanza, di lunga deriva, che come tutti i grandi processi offre opportunità a chi le sa cogliere, pone interrogativi, richiede un attenzione e una presenza molto forte. L Aiop intende confermare la propria tradizione istituzionale nell approcciarsi a questo grande processo che si sta avviando, con forte senso di responsabilità, con impegno a lavorare nell interesse comune, proponendosi come soggetto attivo e collaborativo a tutti quegli organi di governo, a partire da quelli centrali, il Governo e il Parlamento, per continuare nelle Regioni che saranno certamente un soggetto di straordinaria rilevanza nell attuazione di questo processo. Noi vogliamo essere propositivi e porci al servizio di un interesse che serviamo con la nostra attività quotidiana e nel quale crediamo profondamente, quello della salute dei cittadini di questo paese. In una fase iniziale è importante porre dei principi e, soprattutto, fare delle proposte costruttive. ( ) Nel nostro paese la spesa sanitaria pubblica è bassa, se non ricordiamo ogni volta questo concetto rischiamo di avere una rappresentazione falsata della realtà. Ricordo il dato noto a tutti, rispetto a grandi paesi europei con noi completamente comparabili, quali la Francia e la Germania, l Italia ha una spesa pubblica inferiore di due punti di PIL. Un valore enorme che ci consente di sostenere che la sanità italiana rispetto a quella degli altri grandi paesi europei è sottocapitalizzata. A fronte di questo dato importante, sul quale dovrebbero riflettere certamente tutti coloro che stabiliscono la spesa, noi abbiamo un altro dato altrettanto importante e noto che è rappresentato dalla presenza, all interno della spesa sanitaria pubblica di questo paese, di aree consistenti di inefficienza e, diciamolo pure, di spreco. Il nostro studio annuale, Ospedali e salute, ha dimostrato con dati inequivocabili che l inefficienza è presente nella spesa pubblica di un po tutte le regioni italiane, molto diversamente distribuita con delle punte che raggiungono dei valori veramente preoccupanti collocati intorno al 40-45%. Dato estremo, ma potremmo considerarlo un dato medio ragionevole intorno al 20-25% di spesa pubblica, chiamiamola benevolmente inefficiente, ma in realtà potremmo chiamarla spreco, così gli diamo il suo nome, arriviamo per la spesa ospedaliera che 4

7 A CURA DI GABRIELE PELISSERO FOCUS SANITÀ la sanità italiana? Enrico La Loggia Benefici immediati a chi azzera gli sprechi costituisce il 50% del volume complessivo della spesa, intorno ai 55 miliardi di euro l anno, il 25% di questa somma è un valore che si colloca intorno ai miliardi di euro. Ci troviamo di fronte ad una cifra di valore veramente consistente che, siamo sempre nel calcolo teorico, in un ambito di tipo squisitamente macro-economico, ma che certamente induce anch essa ad una profonda riflessione. Dico subito che la nostra posizione è quella che i due elementi fin qui ricordati, il basso costo della sanità pubblica in Italia e la presenza di un alto spreco, sono due dati che vanno coniugati. Questa situazione rappresenta una opportunità straordinaria, se naturalmente ci sarà la capacità e la forza di utilizzare in modo positivo questa opportunità. ( ) Le nostre proposte di partenza sono semplici e chiare, suggeriamo al nascente processo federalista tre linee di indirizzo che a nostro giudizio sono praticabili e che però noi riteniamo essenziali per far in modo che questo processo non sia soltanto una gigantesca operazione di finanza pubblica, ma sia anche una feconda opera riformatrice del sistema sanitario di questo paese. Il rischio è altro perché se noi non riusciremo tutti insieme ad introdurre veri elementi di riforma nella sanità delle regioni italiane, sicuramente rischieremo di fare un operazione che sul breve termine, forse, in qualche misura, migliora i conti pubblici. Ma questa misura, se abbandonata a se stessa, se non accompagnata da una profonda riforma di sistema, rischia veramente di tradursi soltanto in una riduzione delle prestazioni erogate ai cittadini. Questo non deve avvenire. Credo che nessuno voglia che questo avvenga. Il nostro impegno, anche ideativo, anche propositivo, è proprio quello di suggerire dall esperienza quotidiana di cinquant anni di imprenditorialità sanitaria, alcuni semplici interventi che sistematicamente adottati, possono veramente contribuire a mettere sulla giusta strada il percorso federalista. ( ) Una prima riforma semplicissima ma che noi chiediamo non abbia delle indulgenze, che sia chiara e trasparente: un bilancio civilistico depositato e reso pubblico, con la stessa identica modalità del corrispettivo di diritto privato che opera dentro il Servizio Sanitario Nazionale. ( ) Il sistema dei controlli. Noi siamo in un paese nel quale il sistema dei controlli è arrivato al punto per cui un terzo della rete ospeda- Presidente, a che punto è il percorso verso l attuazione del federalismo? E a buon punto, dal momento che sono molti i decreti attuativi della legge 42/09 già approvati. Quelli sul federalismo demaniale, sui fabbisogni e costi standard, sulla sanità, sul federalismo municipale, provinciale e regionale, sulla perequazione infrastrutturale. Lo scorso 8 giugno abbiamo varato anche quello sull armonizzazione dei bilanci, mentre stiamo avviando l esame sul decreto che prevede premi e sanzioni. Quindi si tratterà di definire le funzioni ed i compiti di Roma Capitale, il nuovo ente territoriale di cui abbiamo già delineato l assetto istituzionale. I decreti sull armonizzazione dei bilanci e sui premi e sanzioni appaiono particolarmente rilevanti In effetti sono di grande importanza. Il primo è fondamentale per fare chiarezza sui conti pubblici. Tutti gli enti devono avere un modello di bilancio da adottare ed i dati devono essere consultabili, pubblicati on line. Il secondo è la logica conseguenza del primo. Tutti gli amministratori che dimostreranno una maggiore efficienza con l azzeramento degli sprechi e dell evasione/elusione fiscale, avranno un beneficio immediato. Potranno cioè trattenere subito il 50% di ciò che hanno accertato. Diversamente, scatteranno le sanzioni: commissariamento prima dell Ente, poi l ineleggibilità dei responsabili e la denuncia alle sezioni regionali della Corte dei Conti. Al di là della rilevanza penale, il deterrente più forte è colpire chi amministra nella sua carriera politica futura. Può accadere che, nonostante il rigore e gli sforzi, gli amministratori non riescano a raggiungere gli obbiettivi. In tal caso, cosa accadrà? Allora scatterà la solidarietà del Paese, attraverso il fondo perequativo. C è un obbiettivo minimo da garantire per tutti? I Lea e i Lep, i livelli essenziali di assistenza e i livelli essenziali di prestazioni. Questo è ciò che ovunque dovrà essere assicurato. Il bilancio trasparente renderà più facile fare questo riscontro, non potrà più esserci comune o azienda ospedaliera che camuffa le cifre nella contabilità generale. In questo senso, quale ruolo può giocare la sanità privata? Più punteremo sui privati, più diminuiremo gli sprechi. L organizzazione privata che punta alla remunerazione del capitale non butta via i denari. E il pubblico che, purtroppo, continua ad avere grandi margini di inefficienza e sprechi. Basti pensare che la sola voce beni e servizi, dal 2005 ad oggi, è cresciuta ingiustificatamente del 30 per cento. 5

8 FOCUS SANITÀ TORINO: 27 MAGGIO 2011 CONVEGNO NAZIONALE AIOP liera è sottoposta ai controlli di qualità, di appropriatezza, di sicurezza sul lavoro dallo stesso amministratore che amministra l azienda. Il direttore generale della ASL invia gli ispettori al presidio ospedaliero, a questi vanno (se lo fanno!), il verbale di eventuali disfunzioni e lo consegnano allo stesso direttore che l ha mandato. ( ) Per ragioni di ricerca scientifica, noi non possiamo non ricordare che c è un modello vincente in questo paese, la Lombardia, la quale ha adottato un sistema di completa parità fra pubblico e privato, imponendo e consentendogli di fare tutte le cose che fa il pubblico, trattandolo con gli stessi metodi con cui tratta il pubblico, pagandolo nello stesso modo, tra l altro per tempo. Questo è un altro elemento di straordinaria importanza, che ricordo a molti amici di tante ragioni italiane, ma scendiamo su un altro piano. Ebbene, se questa regione ha avuto un grande successo su tutti i parametri nazionali e internazionale è certamente dovuto al fondamentale contributo del privato. Le regioni italiane devono imparare ad usare questa risorsa, fino a che non lo faranno non costituiranno quella dinamica interna, quel sistema di confronto, quella rete di stimoli all interno del proprio sistema sanitario ospedaliero che è indispensabile per uscire da una stagnazione oligopolistica e che, peraltro, è la linea di politica sanitaria che oggi stanno adottando tutte le grandi nazioni europee, a partire dalla Germania, che l ha intrapresa con grandissimo vigore. ( ) Dobbiamo riprendere vigorosamente il principio del pagamento a prestazione, questa vicenda che rischia di apparire un tecnicismo per pochi addetti ai lavori, invece noi dobbiamo avere la costanza e la pazienza di ricordarla sempre a tutti in modo esplicito e chiaro, perché uno dei grandi mali di questo paese è stato l aver abbandonato il processo partito con i decreti legislativi 502 e 517 del , che si erano riproposti lodevolmente di transitare dalla spesa storica che forse è meglio chiamare spesa a più di lista, così ci capiamo bene tutti, ad un sistema dove tutta la rete degli erogatori pubblici e privati fosse remunerata esclusivamente per ciò che davvero erogava ai cittadini. Chi ha un po più di anni si ricorda perfettamente le continue polemiche giornalistiche sul piè di lista della fine degli anni 80 inizio anni 90, quando era quotidiano mostrare reparti ospedalieri pubblici, vuoti, con letti dotati di medici e infermieri e un terzo, un quarto, un quinto di questi letti occupati da pazienti, perché non ci volevano andare, che costavano esattamente come se fossero stati pieni. Questa realtà che temo non sia scomparsa dal nostro paese, si affronta in modo chiaro e risoluto in un solo modo, tagliando l ossigeno economico che perviene a queste che sono vere e gravi inefficienze. Il metodo utilizzato nel mondo è uno solo, il pagamento a prestazione che, voglio ricordare, non è un caso che Germania e Francia, essendo arrivate dopo l Italia, ma avendo oggi la volontà di applicarlo con ben altra severità e ben altro rigore del nostro paese che, purtroppo, nel 1999 ha abbandonato questo metodo per la componente di diritto pubblico. Il bel risultato che abbiamo ottenuto è che gli ospedali pubblici continuano ad essere sostanzialmente pagati a piè di lista, su di loro si può caricare ogni spreco, senza avere il minimo riscontro di prestazioni e questa è una strada che io temo abbia costituito una cultura che dobbiamo assolutamente, insieme, eradicare. Il concetto stesso di costi standard verso il quale noi andiamo ad approcciare, a nostro giudizio deve incorporare e fortemente utilizzare, almeno prospetticamente, la nozione di pagamento a prestazione. ( ) Bisogna assicurare i LEA a tutti i cittadini italiani, i LEA sono espressi dal finanziamento a prestazione. Dunque, il finanziamento per la rete ospedaliera è pari alla somma, questa sì, puntuale a piè di lista, del totale delle prestazioni erogate da tutti gli erogatori pubblici e privati che debbono essere pagati a trenta giorni. Poi naturalmente, ammortizzatori sociali perché ce ne vorranno nel comparto pubblico ma nettamente distinti e chiaramente identificati. ( ) Va costruita, quindi, una giusta tariffa che oggi non c è, perché è troppo sottovalutata in quanto non è calcolata sui costi standard reali. Allora facciamo un tariffario nazionale calcolato su costi standard reali ( ) Poi apriamo il capitolo degli ammortizzatori sociali, chiamandoli una volta per tutte con il loro nome: ammortizzatore sociale. Questo processo porterebbe una grande trasparenza, indurrebbe le regioni a concentrarsi veramente sulle prestazioni, darebbe valori tariffari più coerenti con quelli che sono i costi, sarebbe la premessa per la costituzione di un sistema libero e aperto perché il pagamento a prestazione ha un grandissimo valore etico in quanto dà al cittadino l unica vera centralità di sistema, facendola diventare una persona che paga la propria prestazione. Al di là di tante affermazioni teoriche, perfettamente condivisibili e sacrosante, sappiamo bene che, se vogliamo fare del cittadino veramente il centro del sistema, abbiamo un solo modo: dargli più potere nei confronti del sistema stesso. Quindi, per dargli questo potere, come avviene in tutto il mondo, nella sanità è il pagamento a prestazione. 6

9 Luca Antonini In questo lavoro sul Federalismo fiscale molti dati sono venuti proprio grazie al Rapporto Aiop, cioè che hanno dato il polso della situazione e ci hanno fatto capire dove e come bisognava intervenire. Un aneddoto quando è stato visto il dato pubbli cato dal Rapporto Aiop sugli ospedali della Calabria, i mitici otto ospedali dove ci sono dieci dipendenti per posto letto e indici di inefficienza spaventosi, tali per cui ci sono migrazioni sanitarie pari a 280 milioni di euro. Quindi l IRAP della Calabria non basta per pagare le migrazioni sanitarie della regione, quindi ospedali costosissimi e spaventose migrazioni. Quello è diventato l emblema del sistema. Altra cosa, in Calabria ci si è resi conto del fatto che nel 2008 non c era la contabilità, il governo nomina KPMG per ricostruirla, questa rimane sbalestrata rispetto a quello a cui si trova di fronte, devono chiudere i tavoli con un metodo francese dell ENA, cioè quello delle dichiarazioni verbali certificate. Il direttore della ASL che dichiara e poi firma chi sono i fornitori e quanto gli debbono. Quello era l unico metodo praticabile, la dichiarazione verbale certificata, per cui si riusciva a ricostruire la contabilità della Calabria. Quindi, viene da dire, i revisori dei conti che cosa facevano? Allora qui si capiscono i punti critici del sistema che va riformato. Sui bilanci adesso c è il decreto che dovrebbe armonizzare i bilanci di enti, questa è un operazione straordinaria che vale per il settore della sanità, ma anche per altri settori, pensiamo alle partecipate. Anche una regione virtuosa come il Piemonte, o una città ben amministrata come Torino, ha un numero spaventoso di partecipate, sono 700. I dati di bilancio il cittadino non li conosce, in certi casi per cominciare a fare delle indagini abbiamo dovuto mandare la finanza per capire nella Camera di Commercio quante erano. Non si riusciva a conoscere il numero delle partecipate di un comune, un Roberto Cota Le risorse restano sul territorio FOCUS SANITÀ mistero. Questi sono dati che dovrebbero essere evidenti al cittadino, messi su Internet: perde, guadagna, funziona, non funziona, quante sono. Questo è il cuore del federalismo, un informazione trasparente sulla gestione, invece è tutto oscuro. Questo è il processo che si sta avviando, fatto di piccoli passi perché un sistema come questo che con molta ragione Tremonti ha chiamato l albero storto quando ha fatto la relazione in Parlamento, perché tutte queste disfunzioni impediscono che il federalismo funzioni e diventi ingestibile, anziché l effetto virtuoso si ha l effetto devastante di una alterazione della trasparenza. Il federalismo contabile che è nato nel 2001, è stato uno degli errori più clamorosi della riforma. Di principio il federalismo implica libertà di scelta sulla spesa, sull entrata, ma non implica che ognuno i conti li faccia come vuole rendendoli oscuri, impedendo i confronti, quando il cuore del federalismo è proprio il confronto. Tant è vero che nessun sistema federale ha il federalismo contabile, noi invece con il 2001 abbiamo spostato enormi competenze, la materia di organizzazione sanitaria ormai è esclusiva regionale, eppure è rimasta la finanza derivata nel 2007 di 12 miliardi di euro, cinque regioni in extradeficit e il federalismo contabile. È una miscela esplosiva, decentramento legislativo molto forte in un Un giudizio sul federalismo che si sta delineando dai decreti del Governo. In tema di federalismo credo vadano fatte le seguenti considerazioni. Grazie al voto finale del 29 marzo 2009 in Senato sul disegno di legge, in materia di federalismo fiscale oggi possiamo finalmente dire che non si torna più indietro. Ci sono voluti quasi 150 anni, ma un primo importantissimo risultato è arrivato. E stata sancita la fine del centralismo e della finanza derivata, in cui i soldi della gente che paga le tasse venivano prelevati senza sapere dove andassero a finire. Col federalismo le risorse rimarranno finalmente sui territori e tutti gli amministratori locali saranno responsabili di come si spenderanno le risorse. Il federalismo fiscale è la sola riforma che possa salvare il Nord e, di conseguenza, il sistema Paese. Su federalismo, anche in sede di approvazione dei vari decreti attuativi, su tutti quello del federalismo regionale, c è stata un grande convergenza, più ampia di quella delle forze che sostengono il governo. Come Governatore sono contento che un decreto fondamentale come quello sul federalismo regionale abbia avuto in sede di conferenza unificata l assenso dei presidenti delle Regioni. Qual è lo stato di avanzamento del federalismo? Approvati il federalismo demaniale, municipale e regionale, ora si sta intraprendendo la fase di quantificazione dei costi standard. Addio ai trasferimenti statali che coprono tutte le spese decise da sindaci e governatori. Se una regione spenderà più del dovuto, dovrà cavarsela da sola. Esisterà comunque un fondo perequativo necessario a finanziare solo i servizi di base di quegli enti in particolare difficoltà. Il sistema, una volta a regime (2019), innescherà una selezione virtuosa delle classi dirigenti, perché renderà più trasparente il governo a livello locale. Nei prossimi anni ci sarà un rodaggio del nuovo fisco per comuni, province e regioni, che avranno mani più libere sia sull'addizionale Irpef, sia sull'irap, che potrà essere abolita solo tagliando la spesa. Il tutto a pressione fiscale invariata. Che ruolo vede nell'assetto che si sta delineando per la sanità privata nella sanità? Un ruolo come quello odierno, al fianco della sanità pubblica, che oggi è in forte trasformazione. L equilibrio attuale in Piemonte tra pubblico e privato in Sanità mi pare un buon modello, che vanta eccellenze ad esempio nella ricerca e cura del cancro. La salute rimane comunque un bene pubblico e in tal senso va tutelato. 7

10 FOCUS SANITÀ TORINO: 27 MAGGIO 2011 CONVEGNO NAZIONALE AIOP sistema di finanza derivata con un federalismo contabile. Il federalismo cerca di correggere queste anomali nei limiti con cui si riesce a fare le cose confrontandosi con la resistenza degli apparati, sia centrali che locali, perché la resistenza che si incontra è doppia, cioè, lo spirito conservatore dell apparato centrale e quello dell apparato locale. Quindi è una situazione veramente difficile quella in cui si opera. Quando si dice che il federalismo fiscale aumenterà le tasse, ma bastavano due righe in Finanziaria per questo, qui ci sono otto decreti legislativi che cercano, secondo un tentativo perfettibile di razionalizzare questo albero storto della questione. La questione è complicata, perché c è un sistema in cui non c erano le contabilità o che non sono attendibili, la regione che non dialoga con la ASL, un monolite in cui non riesce a capire niente nessuno. Caldoro ha dovuto chiamare gli ispettori del Tesoro per avere cognizione del debito che aveva ereditato da quello precedente dopo nove mesi è arrivato a capirci qualcosa. Ma se chiediamo quanti sono veramente i debiti pregressi, quanti miliardi sono quelli della Campania, nessuno lo sa. Questo è il dato del sistema che bisogna correggere, è un problema di bilanci. Il sistema parte da un altro presupposto, si individuano tre regioni benchmark, punti di riferimento, quelli diventano il parametro in base ai bilanci 2011 nel 2013, finito l attuale patto per la salute queste tre regioni diventano il criterio con cui avviene il riparto del fon- Luca Ricolfi La pressione fiscale non scenderà do sanitario, questo determinerà l evidenza dello spreco. Questo non sposterà risorse da nord a sud, non viene sconvolto il sistema, però viene certificato lo spreco, cioè il dato sarà: Lazio tu hai 1,6 miliardi di disavanzo, oggi io lo certifico come spreco perché tu hai le risorse procapite almeno della Lombardia e con Da un sostenitore del federalismo, vorremmo un giudizio sul federalismo che si sta delineando. Il mio giudizio è bifronte. Se mi chiedono se è meglio averlo fatto o sarebbe stato meglio lasciar perdere, rispondo che, con tutti i suoi difetti soprattutto di lentezza e farraginosità il federalismo previsto dalla legge 42 del 2009 è senz altro meglio che niente, e qualche beneficio netto finirà per produrlo. Ma se mi chiedono se il federalismo manterrà le sue promesse dico risolutamente NO. La promessa principale del federalismo non era certo quella di alzare la qualità e quantità dei servizi pubblici erogati nelle regioni del centro-nord, che è già piuttosto buona. La vera promessa era di rimettere i territori più produttivi del paese nelle condizioni di tornare a crescere, riducendo le tasse che gravano su lavoratori e imprese. E questo consentendo ai territori virtuosi di trattenere una quota maggiore delle risorse che attualmente vanno a coprire le magagne del Sud: spesa corrente eccessiva, servizi inefficienti, evasione fiscale maggiore che nel resto del paese. Su questo è inutile farsi illusioni: la pressione fiscale sui produttori non scenderà, e se mai dovesse scendere sarà solo fra molti anni (il federalismo entrerà a regime nel 2019), quando l apparato produttivo del paese sarà ormai in coma. Qual è lo stato di avanzamento del federalismo? Apparentemente buono, mancano pochi decreti attuativi, in particolare quello su Roma capitale e quello sulle sanzioni nei confronti degli amministratori che sfasciano i conti pubblici. Però ritengo che quello su cui c è ancora molto da fare non siano tanto gli ultimi decreti previsti dalla legge delega, quanto: a) le norme correttive dei decreti già emanati; b) i regolamenti attuativi; c) la definizione futura - per via negoziale - dei numeri effettivi che governeranno il flusso delle risorse, gli incentivi e le sanzioni. Da questo punto di vista la credenza, molto diffusa nel mondo della Lega, secondo cui con l ultimo decreto attuativo il federalismo sarebbe in cassaforte, mi sembra del tutto infondata, più un modo di auto-rassicurarsi che una solida previsione. Che ruolo vede nell'assetto che si sta delineando per la sanità privata nella sanità? Non ho elementi per pensare che le cose possano cambiare molto rispetto al passato, e questo per una semplice ragione, ben illustrata dal professor Pelissero nella sua relazione al convegno di Torino: finché il sistema dei DRG varrà solo per la sanità privata non ci sarà mai una reale concorrenza, e alle Regioni potrà continuare a convenire mantenere strutture ospedaliere inefficienti ma governabili direttamente da parte del ceto politico. 8

11 FOCUS SANITÀ quelle ce la devi fare. A questo punto il sistema è certificato. Più un sistema di indicatori che viene progressivamente alimentato man mano che la contabilità diventa attendibile. Questo è il meccanismo che si sta montando e che dovrebbe portare ad una certa razionalizzazione. Il nostro sistema sanitario si è basato su questi patti della salute, che sono una specie di suk, il mercato arabo, io ho avuto la sfortuna di assistere durano un giorno e una notte, da un lato il governo, dall altra parte le regioni che litigano. Cominciamo a mettere degli argini e piano piano creiamo un sistema che gradualmente faccia evidenziare questo e responsabilizzi il governatore che deve aumentare l addizionale IRPEF, ma fino al 3% in modo che i cittadini se non razionalizza lo mandano via. L addizionale IRPEF pesa, lo vedi in busta paga, dalla regione vicina, è un meccanismo di responsabilizzazione marginale che ha un effetto elettoralmente importante. Se dite ad un governatore del nord se aumenterà l addizionale IRPEF quello risponde: sei matto? È il mio fallimento. Quindi farà di tutto per evitarlo. Con questo aumento, probabilmente anche giù faranno di tutto per evitarlo, poi ci sarà il meccanismo del fallimento politico perché se quello per due anni non rispetta il piano di rientro, mette l addizionale al 3% a quel punto viene mandato via. Il Governo segnala al Presidente della Repubblica il quale a sua volta controlla, se così stanno le cose, non ha rispettato in modo immotivato per due anni, il piano di rientro, per due anni ha portato l addizionale al 3% c è la rimozione, si va a nuove elezioni, con il fallimento politico, quindi con l ineleggibilità del governatore per dieci anni, ma bisognerebbe metterlo per tutta la vita. Io ho la dinamica di crescita della spesa sanitaria stimata, vai da 109 miliardi del 2010 arrivi allo stimato del 2014 di 122,4 miliardi, tendenziale. Se prendo la spesa previdenziale si va da 300 miliardi del 2010 si arriva a 338 miliardi del 2014, sono dinamiche di spesa impressionanti. Abbiamo un sistema che va ripensato in certe dinamiche anche perché andiamo incontro ad un obbligo di riduzione del debito pubblico che nei prossimi anni costringerà ad interventi molto pesanti. Quindi o affronti i punti strutturali del sistema, per esempio i DRG andrebbero sicuramente introdotti nel sistema. Il decreto della contabilità civilistica per le aziende sanitarie va molto in questo senso. Quindi, basta piè di lista, togliere l aspettativa del ripiano statale. ( ) Inoltre, un sistema di prezzi di riferimento indicati sia a livello nazionale sia all interno della regione, calibrati, se il soggetto responsabile degli acquisti che viene individuato acquista ad un prezzo diverso da quello di riferimento, c è l automatica segnalazione alla Corte dei Conti. Proprio per evitare cose tipo le sacche di trasfusione che in una regione costano uno, la stessa sacca in un altra regione costa dieci volte di più. Spesso c è anche il costo dei ritardi nei pagamenti, la Calabria è arrivata a novecento giorni. Cosa possono diventare i debiti pregressi: non si riesce più a capire niente, mi dicono che la Campania spende 250 milioni di euro per gli avvocati sulla sanità, sul debito pregresso. Certo, se paghi a novecento giorni chissà cosa trovi, fatture pagate quattro volte, altre non pagate. Quasi missione impossibile, si fa quello che si può, quando si dice che ci vorrebbe ben altro, alla fine tutto rimane come prima, invece cominci ad attaccare il sistema e piano, piano facciamo sinergie e lo implementiamo. GOLF La vittoria alla regione Lazio XII TROFEO AIOP ALLE BETULLE DI BIELLA Il 26 maggio nel campo numero uno d Italia i rappresentanti dell Ospedalità Privata delle varie Regioni d Italia si sono incontrati al Golf Club Biella nel meraviglioso ambiente naturale di betulle per disputare il XII Trofeo AIOP di golf. Il percorso non è tra i più facili, anzi le difficoltà sono molte e ogni buca presenta caratteristiche molto particolari che non consentono distrazioni. La gara si è svolta nella tradizionale formula su 18 buche stableford, due categorie con premiazione dei primi tre classificati per categoria, il primo lordo, la prima lady e il primo seniores. Vincitore del Trofeo 2011 è stato Stefano Bevilacqua di Viterbo che ha battuto sul filo di lana Giovanni Borri di Milano che si è aggiudicato il primo lordo; secondo netto Andrea Vecchi di Biella davanti a Sergio Fontana di Trento. In seconda categoria ha vinto Fabio Barni di Carate Brianza, davanti a Tattini Anna di Bologna e Vincenti Rossella di Viterbo. Prima Lady Annamaria Battaglia e primo seniores Alessandro Palmieri. Alla cena sociale nella meravigliosa Reggia di Venaria Reale il Vice Presidente nazionale professore Gabriele Pelissero ha premiato i vincitori in una fantastica sala di fronte a 300 congressisti, dove Frova ha dato appuntamento per il prossimo anno a Roma all Olgiata. Grazie a Giovanni Borri e ad Antonio Frova per l ottima organizzazione della giornata di sport e di amicizia espressa. 9

12 E-HEALTH INTERVISTA AD AVERARDO ORTA, COORDINATORE NAZIONALE AIOP GIOVANI E-health, una rivoluzione tecn Come per le altre e-parole come o e-commerce per e-health si intende l'applicazione delle tecnologie informatiche e di Internet al mondo della sanità. oltre 500 strutture associate AIOP, prenotare o chiedere maggiori informazioni via telefono o via tutto con un click. La facilità di ricerca, la disponibilità diffusa di informazioni, prima complesse da aggregare e la totale gratuità del servizio sono già una prima risposta alla sua domanda. Quali sono i vantaggi per i cittadini-pazienti? Il vantaggio principale del quale possiamo godere attiene alla disponibilità di informazioni: non solo per il cittadino così che possa esercitare scientemente il suo inviolabile diritto di scegliere dove e da chi farsi curare, ma anche per i medici che avranno accesso alle informazioni sanitarie del paziente anche se generate da altre strutture e da altri specialisti, il tutto in tempo reale, senza il ri- Averardo Orta Come la medicina, anche la tecnologia si evolve, ci spiega cos'è l'ehealth? Per e-health come per le altre e-parole come o e-commerce si intende l'applicazione delle tecnologie informatiche e di internet al mondo della sanità. E' un termine dal significato davvero molto ampio e tuttora in corso di definizione. Noi abbiamo inteso porre l'accento su questo tema per sottolineare come stia cambiando e come possa migliorare la sanità per i cittadini italiani, grazie alle nuove tecnologie. Perché è una rivoluzione? Già oggi, grazie alla nostra Applicazione per sistemi Apple (iphone, ipod, ipad) denominata i-aiop e scaricabile gratuitamente da AppleStore, i cittadini italiani potranno cercare le prestazioni sanitarie di cui necessitano dal proprio dispositivo mobile, ovunque sul territorio nazionale, scegliere fra le Grazie all'applicazione per sistemi Apple (iphone, ipod, ipad) denominata i-aiop e scaricabile gratuitamente da AppleStore, i cittadini italiani potranno cercare le prestazioni sanitarie di cui necessitano dal proprio dispositivo mobile, ovunque sul territorio nazionale, scegliere fra le oltre 500 strutture associate Aiop, prenotare o chiedere maggiori informazioni via telefono o via tutto sfiorando il touch screen con le dita. Guarda sul tuo SmartPhone il filmato di presentazione tramite il QR Code 10

13 E-HEALTH ologica per i cittadini-pazienti schio di perdere dati, e prevenendo ulteriormente alcune categorie di errori. Quali sono gli scenari futuri? Ogni cittadino possiederà un proprio fascicolo sanitario elettronico sul quale saranno registrati i referti, le cartelle cliniche conseguenti ad ogni ricovero, le prescrizioni, e la storia clinica. Questo sarà consultabile dal cittadino stesso o dal suo medico di medicina generale ma all'occorrenza anche dai medici di pronto soccorso e dalle strutture ospedaliere in caso di ricovero. I flussi di dati e le decisioni, anche terapeutiche, potranno essere così confrontate con la storia clinica del paziente e rese trasparenti a tutti gli attori del processo diagnostico-terapeutico-assistenziale. Internet diventerà un luogo dove ricercare soluzioni ai propri problemi di salute, anche sulla base di esperienze Ci parli dell attività di Aiop Giovani. Troppo spesso in Italia quando si parla di giovani ci si riferisce loro come il futuro delle istituzioni, dei lavoratori, delle imprese, della Nazione. All interno di Aiop, i giovani non sono gli imprenditori del domani, bensì quelli di oggi. La maggior parte di loro ricopre già un ruolo lavorativo in azienda. Proprio per questo la sezione giovani ha come scopo quello di favorirne, oltre che la formazione, l impegno, promuovendo la diffusione della cultura imprenditoriale della sanità privata, facilitando le occasioni di dibattito e di confronto, garantendo loro un ruolo attivo nei rapporti con le istituzioni e sfruttando la loro capacità di essere una costante fucina di idee. Qual è il supporto dell area Nord? Il Servizio Sanitario Nazionale italiano fin dalla sua origine si è presentato come un organismo molto composito nel quale le differenze regionali hanno assunto precocemente una grande rilevanza, ma la cattiva gestione delle risorse finanziarie in tante regioni del centro-sud spesso considerate esclusivamente bacino di voti, non ha fatto altro che acuire queste differenze. Il nostro obiettivo anche come Aiop giovani è quello di dare a tutti i cittadini Italiani, a Milano come a COS È L AIOP GIOVANI INTERVISTA A MICHELE NICCHIO, VICEPRESIDENTE AIOP GIOVANI LOMBARDIA Noi, manager dell'oggi, con la missione di diffondere la cultura imprenditoriale della sanità privata" All interno di Aiop, i giovani non sono gli imprenditori del domani, bensì quelli di oggi. La maggior parte di loro ricopre già un ruolo lavorativo in azienda. Proprio per questo la sezione giovani ha come scopo quello di favorirne, oltre che la formazione, l impegno, promuovendo la diffusione della cultura imprenditoriale della sanità privata. Reggio Calabria, la possibilità di ricevere il medesimo livello di assistenza sanitaria implementando nel resto della nazione i modelli che si sono dimostrati vincenti. Se penso in particolare alla Lombardia, da ben 9 anni ha i propri conti in equilibrio fornendo cure di elevato livello qualitativo oltre che ai propri cittadini anche ad altri pazienti che ogni anno vengono a curarsi dal resto del paese. Questo è stato possibile attuando una netta separazione tra i ruoli di regolatore ( Regione ), erogatore ( aziende ospedaliere pubbliche e private ) e controllore ( Asl ), nonché grazie alla pluralità di offerta di prestazioni specialistiche ed ospedaliere fornite da un mix di erogatori pubblici (2/3) e privati (1/3) che ha garantito al cittadino una reale e consapevole libertà di scelta del luogo di cura. Quali sono le sfide di oggi? Per rispondere a questa domanda cito semplicemente due numeri che sono emersi anche nel corso dell ultima Assemblea Generale Aiop svoltasi a Torino pochi giorni fa: 16 e 7,5. Le case di cura private producono infatti il 16% delle prestazioni del SSN con una spesa che non supera il 7,5% di quella complessiva e con un peso medio dell attività svolta pari a quello delle struttura pubbliche. Questo vuol dire che siamo più efficienti quindi dobbiamo chiedere con sempre maggior insistenza alle istituzioni di sfruttare questa peculiarità spostando le risorse che troppo spesso, destinate a strutture pubbliche, non vengono utilizzate, verso strutture dove vengono tradotte in minori tempi di attesa. E quali gli scenari del futuro? Come già detto noi giovani siamo gli imprenditori dell oggi, ma sempre con uno 11

14 E-HEALTH sguardo proiettato verso il futuro, e nel nostro settore futuro vuol dire tecnologia e strumenti che possano facilitare l accesso alle cure necessarie. Per questo sempre a Torino ha debuttato I-Aiop, una applicazione gratuita disponibile per la piattaforma Apple ( e a breve anche per i sistemi android e blackberry ), realizzata all interno di un progetto fortemente voluto da noi giovani Aiop. Questa permette ai cittadini di localizzare tramite la posizione gps del proprio smartphone l ospedale più vicino, di visualizzare che tipo di prestazioni è in grado di fornire ed eventualmente di effettuarne la prenotazione. fatte da altri utenti che potranno condividere in rete. Alcune prestazioni da locali diventeranno globali e saranno, quindi rese disponibili anche a chi, per motivi diversi, ne era escluso. La competizione positiva, lo stimolo al miglioramento delle performance e il vantaggio per le strutture leader saranno incalcolabili. Speriamo anche che questa rivoluzione porti ad una maggiore trasparenza rispetto ai costi e ad una riduzione degli sprechi che sono, oggi, il vero cancro del nostro Sistema Sanitario Nazionale. E qual è il livello dell'offerta in Italia? Purtroppo, rispetto ad altri paesi non possiamo certo vantarci. Ogni indagine segna come l'italia abbia colto con ritardo questa sfida. Crediamo che sia tempo di recuperare il gap con i paesi in testa e porci come un soggetto attrattivo a livello mondiale. La mia speranza è che la politica capisca che lo svi- Aiop Giovani cerca da sempre il confronto con le esperienze realizzate in altri Paesi, c è un modello a cui vi ispirate? Il nostro SSN è probabilmente quello che garantisce il maggior grado di copertura di assistenza sanitaria. Qualsiasi individuo calpesti il suolo italiano ha diritto al medesimo livello di cure, ma questo ovviamente non senza un problema di reperimento di risorse finanziarie che purtroppo sono un bene scarso. Tutti i modelli che abbiamo avuto l occasione di studiare hanno il medesimo problema ed ognuno a cercato di risolverlo in maniera diversa. Gli Stati Uniti sfruttando il sistema assicurativo, il Giappone cercando di filtrare meglio l accesso alle prestazioni ospedaliere cercando di evitare le richieste improprie, l Inghilterra affidando la regolazione del sistema a consorzi di medici di base che contrattino direttamente con le strutture ospedaliere l erogazione dei servizi. Ritengo che non si possa individuare un unico modello cui ispirarsi, ma più probabilmente un mix delle varie soluzioni adottate possa permettere di sfruttare i vantaggi dell uno e dell altro, evitandone le distorsioni. luppo della sanità può essere un forte vettore per la ripresa economica e nel nostro paese vi sono tali e tante eccellenze che, potendo offrire servizi e-health all'avanguardia, saremmo in grado di attrarre pazienti da ogni parte del mondo. Come si applica il tutto alle aziende sanitarie? Questa è la fase più semplice, a volte sono le aziende sanitarie che prevengono le domande dell'utenza. Purtroppo senza uno standard nazionale e linee guida chiare, a volte si corre il rischio di investire in una direzione che poi, si rivelerà incompatibile con le decisioni future. E' indispensabile definire al più presto una piattaforma nazionale che sia incentrata sui bisogni del cittadino ma che coniughi al tempo stesso le esigenze di trasparenza e correttezza nella rendicontazione dei costi, dei risultati e di eventuali sprechi! Altri documenti e filmati i trovano sul sito Carta Siss per Dopo dieci anni dalla prima sperimentazione a Lecco come ha amplificato le sue potenzialità la Crs-Siss? In dieci anni la Crs (Carta Regionale dei Servizi) ha raggiunto una diffusione capillare sul territorio lombardo e rappresenta per i cittadini la chiave di accesso, anche online, ad una molteplicità di servizi sia sanitari sia amministrativi. Dal punto di vista sanitario la diffusione del Fascicolo Sanitario Elettronico, che sintetizza le informazioni sulla salute del Cittadino, e l estensione del Siss (Servizio Informativo Socio Sanitario) alle strutture sanitarie private ha dato un impulso rilevante alla visibilità del progetto da parte dei Cittadini. La Regione Lombardia sta inviando le nuove carte con i nuovi pin, cosa cambia? Nel 2010 la Regione Lombardia ha inviato ai cittadini le nuove Crs in sostituzione di quelle in scadenza, come previsto dalle norme nazionali. La riemissione ha reso necessario riacquisire il consenso dei pazienti necessario allo scopo di ottenere il codice Pin/Puk associato alla nuova Crs che, utilizzato insieme alla Carta, garantisce l accesso ai servizi online nel pieno rispetto della sicurezza e della privacy. Per quanto riguarda l aspetto tecnologico, le funzionalità della carta Crs sono state ampliate in previsione di incrementare sempre più la gamma di servizi accessibili tramite la stessa. Com è stato il percorso di adeguamento al progetto Crs-Siss per le strutture private accreditate? L obbligatorieta di adesione al Siss degli enti erogatori privati accreditati e stata sancita dalla legge 18/07 del 31/7/2007 che, nell articolo 1 dispone che: Al fine di dare attuazione alle disposizioni nazionali in materia di monitoraggio della spesa nel settore sanitario e di appropriatezza delle prestazioni, gli erogatori di prestazioni socio sanitarie a carico del servizio sanitario regionale sono tenuti ad aderire al sistema informativo socio sanitario utilizzando la piattaforma tecnologica e i servizi messi a disposizione per la comunicazione ed elaborazione dei dati sanitari in modo da poter realizzare il fascicolo sanitario elettronico. Da subito si sono effettuati incontri tecnici fra Regione Lombardia, Lombardia informatica e le rappresentanze delle aziende sanitarie private accreditate per condividere gli obiettivi e le 12

15 ELENA BOTTINELLI, AMMINISTRATORE DELEGATO IRCCS GALEAZZI L INTERVISTA e strutture private, corso in continua evoluzione La rappresentante Aiop del gruppo di lavoro Erogatori privati in Regione Lombardia per la Carta Siss spiega il percorso di adeguamento al progetto Crs- Siss per le strutture private accreditate della sanità e socio-sanità. Nel prossimo futuro, la fruizione elettronica della prescrizione consentirà ulteriori grandi snellimenti burocratici per il cittadino e riduzioni di errori nella somministrazione delle cure (es. farmaci). Elena Bottinelli scadenze temporali del processo di adesione al Siss. Alla legge è seguita la delibera VIII/5738 del 31/10/2007 Progetto Crs Siss: Prima attuazione art. 1 L.R. 18/2007 in cui sono state formalizzate le decisioni prese negli incontri tecnici e le modalita operative e i ruoli degli aderenti. Per gli erogatori privati si sono identificate 2 fasi: una prima fase che ha previsto l'invio, per tutte le strutture private accreditate, dei flussi in formato digitale utilizzando gli strumenti Siss entro il primo semestre 2008 e la seconda fase che ha suddiviso gli erogatori in diversi gruppi per l'integrazione graduale all'interno del sistema a partire dal primo semestre 2008, secondo piani attuativi messi a punto dagli erogatori e validati da Regione Lombardia. Un ulteriore aspetto ha riguardato la richiesta degli erogatori di ricevere un contributo economico, a parziale copertura dei costi conseguente agli investimenti in hardware e software necessari per l'integrazione del Siss al sistema informativo ospedaliero, a cui Regione Lombardia ha risposto positivamente mettendo a disposizione risorse erogabili al raggiungimento degli obiettivi condivisi nei piani attuativi. In sintesi non è stato un percorso facile. Ha richiesto investimenti nella revisione organizzativa e nell evoluzione infrastrutturale del proprio sistema informativo ed e' un percorso in continua evoluzione poiche' il processo di adeguamento deve essere costante e seguire nel tempo gli sviluppi del Siss in termini di servizi e funzionalità. Quali sono i vantaggi per i cittadini-pazienti? Sicuramente un vantaggio e' avere in tasca e poter utilizzare un unica tessera multifunzionale valida come Codice Fiscale, Carta Nazionale dei Servizi, Tessera sanitaria, Tessera Europea di Assicurazione Malattia che consente, da un lato, l accesso online ai servizi regionali, delle Pubbliche Amministrazioni Locali e Nazionali e, dall altro, un accesso più facile alle strutture E quali ancora le criticità? Le criticità nell utilizzo della Crs sono da ricondurre alla portata della sfida che Regione Lombardia ha colto investendo su un cambiamento culturale che richiede tempo: trasformare i lombardi in cittadini digitali. Ma i dati del 2010 confermano che la direzione intrapresa è quella giusta: basti pensare che sono circa 6 milioni i Fascicoli Sanitari Elettronici attivi online e questo significa che il 60% dei cittadini lombardi ha dato il cosiddetto Consenso Informato, necessario per pubblicare in rete i dati sanitari. La privacy è assicurata? Il Siss, fin dalla sua nascita, mette al centro la privacy del cittadino e a tale scopo, in conformità con la vigente normativa in materia di protezione dei dati personali, rende disponibili tre livelli di controllo in relazione all'accesso ai dati personali: consenso: al cittadino viene richiesto il consenso perché possano essere effettuati i trattamenti relativi al Fascicolo Sanitario Elettronico per le finalità della sua cura. Senza consenso nessun trattamento può essere effettuato. Regole di accesso: una volta che il cittadino ha espresso il consenso, solo l'operatore sanitario che riveste il ruolo di Medico che ha in cura il cittadino può trattare i suoi dati sanitari. Il cittadino con atto volontario stabilisce quali operatori possono ricoprire tale ruolo. Oscuramento dei dati: al cittadino è data la possibilità di decidere, discrezionalmente, quali dati sanitari non rendere visibili agli operatori da lui autorizzati. Inoltre il Siss, a garanzia della riservatezza e della protezione dei dati, si avvale delle più avanzate tecniche di sicurezza tra le quali l'utilizzo di carta a microprocessore (smart-card) sia per il cittadino (la Crs) sia per l'operatore sanitario, la cifratura dei dati sanitari, la firma digitale. 13

16 DOSSIER Eccellenza in chirurgia generale Quarta puntata L intervento malassorbitivo, messo a punto dall Università di Genova nel 1976, si pone oggi come soluzione idonea nei casi di super obesità e sindrome metabolica grave. Humanitas Gavazzeni applica la metodica come trattamento d elezione nella terapia sequenziale dell obesità. Tra gli interventi maggiormente eseguiti dall équipe chirurgica, supportata da una struttura anestesiologica di alto livello, anche la sleeve gastrectomy. Mille interventi in dieci anni I l dottor Giuseppe Marinari ha conseguito la specializzazione in chirurgia generale e scienza dell alimentazione a indirizzo dietologico e dietoterapico all Università di Genova. È chirurgo addominale e dell obesità. A partire dal 1988 ha lavorato diversi anni con il professor Nicola Scopinaro, noto in tutto il mondo per aver ideato l intervento di diversione biliopancreatica, acquisendo così un esperienza tra le maggiori in Italia. Importante anche la formazione all estero, dalla Clinica Metabolica dell Università di Goteborg al Mount Sinai Hospital di New York. Dopo esser stato responsabile dell unità operativa di Chirurgia dell obesità all Azienda ospedaliera universitaria San Martino di Genova, dal 1 ottobre 2010 è responsabile della sezione di Chirurgia bariatrica di Humanitas Gavazzeni Bergamo. Negli ultimi 10 anni ha eseguito più di 1000 interventi per obesità come primo operatore, oltre a un centinaio di revisioni o conversioni di interventi precedentemente eseguiti. Giuseppe Marinari Dottor Marinari, qual è la specificità della vostra attività bariatrica? Da un punto di vista propriamente chirurgico siamo specializzati nell eseguire due tipologie di intervento. In primo luogo la sleeve gastrectomy, procedura da noi applicata con maggior frequenza e che è abbastanza nuova nel settore della chirurgia bariatrica. In secondo luogo la diversione biliopancreatica, intervento malassorbitivo molto potente, il più efficace nella chirurgia dell obesità, che può portare grossi vantaggi ma anche svantaggi. Come chirurgo dell obesità mi sono formato e ho operato per diversi anni a Genova, dove questo tipo di intervento è stato messo a punto. L esperienza che ho accumulato è una delle maggiori in Italia e per questo motivo propongo la diversione anche come secondo intervento nella redo-surgery, ovvero negli interventi di revisione. Perché questa preferenza per la sleeve gastrectomy? La sleeve gastrectomy dura in media 60 minuti. Non è un intervento né lungo né complesso e permette la migliore qualità di vita post operatoria ai pazienti. Non ho mai visto le persone entrare in ambulatorio con il sorriso sulle labbra come dopo esser state sottoposte a questa metodica. Ha come specificità quella di essere un intervento che fa dimagrire perché fa mangiare di meno: riduce molto la fame e dà quindi sazietà precoce. Questo intervento è definito restrittivo ormonale. Che significato assume il termine ormonale? A tutti gli effetti con la sleeve gastrectomy si asportano i due terzi dello stomaco e si è dunque portati a pensare che il paziente mangi meno per la diminuita capacità gastrica. In realtà, non è proprio così. Entrano infatti in gioco alcuni ormoni prodotti a livello del tratto digerente. Tra questi la grelina, ormone scoperto una decina di anni fa, uno dei principali responsabili del nostro appetito. In diverse pubblicazioni è stato confrontato il livello di grelina prima e dopo l intervento di sleeve gastrectomy e si è evidenziato come il livello di questo enterormone, dopo l intervento, risulti più che dimezzato. Il motivo è che è prodotto per lo più dal fondo gastrico, la parte di stomaco rimossa nel corso dell intervento. Ma non solo. Trasformando la forma fisiologica dello stomaco in un tubo, il transito del cibo è più accelerato e il rapido giungere del cibo nella prima 14

17 Quarta puntata DOSSIER INTERVISTA A GIUSEPPE MARINARI, RESPONSABILE DELLA SEZIONE DI CHIRURGIA BARIATRICA DI HUMANITAS GAVAZZENI BERGAMO Obesità e sindrome metabolica grave: la cura chirugica parte dell intestino stimola la produzione di altri enterormoni responsabili della sazietà, quali PYY o colecistochinina. Insomma, la persona operata di sleeve gastrectomy sta bene senza fatica. Mangia meno perché ha meno fame. Si tratta di una soluzione definitiva? No, non è un meccanismo eterno. Ad alcune persone, a distanza di 4-5 anni l appetito può aumentare nuovamente. Il lavoro che si deve fare, però, è a quel punto diverso da quello di un obeso che per la prima volta prova a mettersi a dieta. Si tratta di persone che ormai hanno perso più della metà del loro sovrappeso e che si trovano a dover difendere un risultato raggiunto. È molto più facile mantenere quel peso che non partire da capo e perdere tanti chili. Con quale frequenza eseguite questa metodica? Tenendo conto che eseguiamo complessivamente interventi al mese, questo, nello specifico, rappresenta il 60% dell attività. Si tratta dunque di circa 15 interventi al mese. Come decidete qual è l intervento più idoneo per un determinato paziente? La nostra valutazione sulla persona da operare è collegiale. Il malato deve essere infatti valutato secondo criteri multidisciplinari. Questo significa che i diversi specialisti che si interfacciano con il paziente, ovvero endocrinologo, nutrizionista, psicologo e chirurgo, si confrontano e decidono poi insieme quale intervento proporre. Non esiste in questo settore una evidence based medicine, ossia un intervento giusto per un determinato caso, come ad esempio nella chirurgia oncologica. Esistono solo linee guida. È fondamentale, dunque, il dialogo continuo con il paziente, le cui aspettative sono importanti. Fermo restando che la chirurgia dell obesità migliora tutti gli apparati, da quello vascolare a quello respiratorio, chi si sottopone a chirurgia dell obesità deve infatti mettere talora in conto qualche difficoltà sull apparato digerente. Oltre quindi a valutare le sue aspettative in termini di Le cause L e origini endocrine e da alterazioni cromosomiche dell obesità sono molto rare. L eccesso di peso nasce dall abitudine scorretta di introdurre con l alimentazione più calorie di quante se ne consumano. Le cause fondamentali sono innanzitutto ambientali. Nel mondo occidentale le professioni di fatica sono quasi scomparse e l energia necessaria è semplicemente quella richiesta dall organismo per espletare le proprie funzioni biologiche e sopravvivere. Paradossalmente oggi si assiste a un bombardamento mediatico che induce un continuo stimolo verso il cibo. Anche le occasioni sociali ruotano tutte attorno alla tavola. Si consuma dunque sempre troppo poco rispetto a quanto necessario. Tra le altre cause, quelle familiari: incide in modo significativo nascere in un contesto di soggetti obesi, sia a causa delle abitudini alimentari scorrette ormai consolidate, sia per il tipo di metabolismo più lento che probabilmente caratterizza gli altri componenti della famiglia. Da evitare anche la moda delle diete drastiche, in vista della prova costume o di un evento mondano. Le perdite rapide di peso incidono infatti sulla capacità dell organismo di consumare e, una volta terminata la dieta, producono il cosiddetto effetto yo-yo. 15

18 DOSSIER Eccellenza in chirurgia generale peso o la capacità di modificare le abitudini alimentari, bisogna valutare il grado di tolleranza in termini di complicazioni. Quando optate, invece, per la diversione biliopancreatica? Bisogna chiarire innanzitutto che l obesità è una malattia cronica e recidivante. Gli interventi possono funzionare bene ma è comunque da mettere in conto una certa percentuale di fallimenti: nella perdita di peso, nel mantenimento del peso perso e di tipo meccanico. Bisogna dunque proporre qualcos altro al paziente in seconda battuta. La diversione biliopancreatica, in genere, si propone come primo intervento a pazienti con BMI superiore a 55, per i quali le altre procedure avrebbero una certa probabilità di fallire. Non di rado, ed è questo il nostro caso, si propone invece come terapia sequenziale: si sottopone il paziente a una soluzione meno impegnativa e, nel caso non desse i risultati sperati, si opta per la diversione biliopancreatica come redo-surgery. È molto efficace nelle sindromi metaboliche gravi, quando cioè la persona, oltre che obesa, è diabetica, ipertesa o ipercolesterolemica. Con questo intervento è possibile infatti arrivare ad abbandonare le terapie seguite in precedenza e diminuire notevolmente l assunzione di farmaci. Si tratta però di un intervento piuttosto impegnativo. Si riferisce soprattutto al post-operatorio? Sì, la fase post intervento è complessa. Sia il medico sia il paziente devono essere in grado di gestirla. Tutti gli interventi di chirurgia dell obesità richiedono la collaborazione del paziente nel controllare l apporto di cibo. La diversione biliopancreatica non richiede questo impegno perché consente di arrivare a una forte Il peso non è un problema stagionale, ma di tutta la vita. Non è la dieta, ma l educazione alimentare che ci salva dal sovrappeso, o peggio dall obesità. perdita di peso, fino al 70% dei chili in eccesso, e a una certa libertà nell alimentazione. Ma richiede la capacità di prevenire le possibili complicazioni di un ridotto assorbimento intestinale: un arma molto pesante se messa nelle mani di chi non è in grado di usarla. Si deve dunque valutare quanto il paziente abbia voglia di occuparsi della propria salute. Questo significa assumere un alta quota proteica e soprattutto integratori di vitamine per tutta la vita. Quali altri interventi si applicano nella redo-surgery? Tra gli altri interventi di chirurgia di revisione c è il bypass gastrico, tra i più utilizzati al mondo, eseguito naturalmente anche da Percorsi differenziati I l Centro Obesità di Humanitas Gavazzeni propone a ogni paziente un iter personalizzato. Nel momento in cui si concorda una prima visita per una valutazione multispecialistica, è il Centro stesso a disporre le indagini da effettuare e le informazioni specifiche da segnalare ai diversi medici che si devono interfacciare con il paziente, ad esempio elettrocardiogramma, esami del sangue concernenti le più comuni malattie metaboliche, diario alimentare, ecc. In un unica giornata endocrinologo, nutrizionista, psicologo e chirurgo incontrano singolarmente il malato, fornendo anche tutte le informazioni relative alla terapia chirurgica dell obesità e ai diversi interventi possibili. Al termine delle visite i medici valutano poi collegialmente ogni singolo caso, e assegnano o meno l idoneità alla terapia chirurgica. Indice di massa corporea o bmi Normopeso: Bmi = Sovrappeso: Bmi = Obesità di I grado: Bmi = Obesità DI II grado: Bmi = Obesità DI III grado: Bmi = Superobesità: BMI > 50 noi. Poi c è il duodenal switch, che si fa a seguito di un intervento di sleeve gastrectomy qualora il paziente abbia riacquistato peso. A volte si applica la stessa sleeve gastrectomy come revisione di un bendaggio gastrico. Il rischio, però, è che non sia sufficiente a ottenere un calo ponderale. Considerazione comune a tutte le metodiche è che gli interventi di revisione sono più complessi dei primi interventi ed è dunque fondamentale avere un équipe specializzata, anche per seguire il paziente nel post operatorio. A questo proposito è da rilevare come il nostro Centro si avvalga, oltre che di un team multispecialistico, anche di una struttura di tipo anestesiologico di alto livello: una terapia intensiva efficiente e attrezzata e un gruppo di anestesisti altamente specializzato. 16

19 Quarta puntata DOSSIER Sleeve gastrectomy L a sleeve gastrectomy è un intervento di nuova concezione introdotto in chirurgia bariatrica da una decina di anni. Consiste nell effettuare una resezione gastrica verticale, con successiva tubulizzazione delle stomaco residuo. La perdita di peso è data da un diminuito introito di cibo, conseguente a una forte riduzione dell appetito e a sazietà anticipata: entrambi questi fenomeni derivano dalla profonda modifica nella secrezione di ormoni prodotti dal tubo digerente. Nei primi anni il calo ponderale è importante, vale a dire circa il 50% e oltre del soprappeso, e si ottiene senza grossi sforzi. Più critico è il mantenimento a lungo termine del peso perso, affidato alla collaborazione del paziente che, al lento ritorno dell appetito, dovrà continuare a seguire un regime ipocalorico. Le tempistiche dell intervento sono limitate, circa 60 minuti, e nel post operatorio non si registrano complicazioni nutrizionali. Per la buona qualità di vita che consente, il trattamento è stato inizialmente adottato in casi particolari quali pazienti anziani o malati ad alto rischio se sottoposti a interventi prolungati. Oggi, a seguito degli eccellenti risultati e all alta soddisfazione degli operati, è diventato un intervento proposto con maggior frequenza, sia in soggetti con BMI = come possibile intervento risolutivo, sia in soggetti super obesi con BMI > 55, mettendo in conto un eventuale terapia sequenziale. Cos è la Bpd R isultato della ricerca italiana, la diversione biliopancreatica o BPD è stata eseguita per la prima volta all Università di Genova nel maggio È un intervento ormai più che collaudato grazie a quasi 35 anni consecutivi di esecuzione. Lo studio dei risultati, positivi e negativi, sul lungo periodo di applicazione, ha permesso di apportare alcune modifiche che, senza snaturare l idea originale, hanno reso la metodica non solo efficace ma anche a limitato rischio di complicazioni. La BPD si esegue effettuando una resezione gastrica distale, ovvero asportando circa 2/3 di stomaco compreso il piloro, la colecistectomia per la profilassi dei calcoli e la diversione biliopancreatica vera e propria, che consiste nella creazione di un doppio condotto intestinale che ritardi l incontro fra cibo e succhi digestivi. Nella norma l intestino tenue o piccolo intestino è un unico tubo che continua dallo stomaco fino al colon o grosso intestino: nella BPD si divide il tenue in due tubi, senza asportarne alcuna parte, facendo sì che in un condotto passino gli alimenti (tratto alimentare) e nell altro le secrezioni digestive biliopancreatiche provenienti da fegato e pancreas (tratto biliopancreatico); i succhi digestivi incontrano il cibo a 50 centimetri dal colon, e solo per questo breve tratto, detto tratto comune, si mischiano ad esso. La BPD ha come meccanismo di azione il ridotto assorbimento: separare il cibo dai succhi digestivi per un lungo tratto di intestino tenue, che è il nostro organo assorbente, ha come conseguenza una ridotta digestione e, quindi, un ridotto assorbimento degli alimenti, specialmente lipidi e carboidrati che sono le principali fonti di calorie della nostra alimentazione. Il calo ponderale e il mantenimento del peso raggiunto non sono quindi dovuti a un ristretto regime alimentare: la dieta dopo la BPD è quasi libera, e l unico alimento la cui assunzione va controllata è lo zucchero semplice (contenuto in frutta, dolci, latte, bibite e alcol), il cui assorbimento non è modificato. Il post intervento Che cosa aspettarsi dopo la BPD: calo ponderale di circa il 70% dei chili in eccesso in mesi dall intervento e mantenimento del nuovo peso negli anni successivi solo con attento controllo dell introito degli zuccheri semplici. ritorno a valori normali di glicemia e colesterolo nel 98% dei pazienti affetti da diabete di tipo 2 e in quasi il 100% degli ipercolesterolemici. risoluzione di eventuali comportamenti compulsivi grazie alla dieta semi libera. evacuazioni più frequenti, con feci molli, maleodoranti e flatulenza. necessità di assumere quotidianamente, e per tutta la vita, integratori multivitaminici, calcio e ferro. necessità di una dieta iperproteica. eventuali complicazioni immediate e tardive come dopo tutti gli interventi chirurgici (ulcera, occlusione intestinale da aderenze, ernia della ferita chirurgica), e problemi nutrizionali specifici quali anemia, osteoporosi, deficit vitaminici o proteici. 17

20 DOSSIER Eccellenza in chirurgia generale STEFANO OLMI, RESPONSABILE DELL UNITÁ OPERATIVA DI CHIRURGIA GENERA DESCRIVE APPLICAZIONI E VANTAGGI DELLE TECNICHE CHIRURGICHE MINI-INV Chirurgia addominale, il gol Il Presidio Ospedaliero di Zingonia-Osio Sotto ha adottato da tempo la soluzione laparoscopica come prassi per la correzione e la cura di numerose problematiche generali e oncologiche, anche in urgenza. Gli aspetti positivi sono molti: migliore visibilità dell area interessata, maggior precisione e minor rischio di complicanze. Ma non tutti possono padroneggiare la tecnica con competenza e manualità. La specializzazione prevede infatti un lungo iter formativo. È stata definita la Seconda Rivoluzione Francese. Messa a punto in Francia alla fine degli anni Ottanta, la laparoscopia ha infatti apportato cambiamenti così radicali in sala operatoria da essere considerata la più importante rivoluzione in campo chirurgico degli ultimi vent anni. La metodica, che richiede un lungo percorso di acquisizione e una buona manualità da parte dell operatore, consente di eseguire le tradizionali procedure chirurgiche in maniera mini-invasiva grazie al supporto di un sistema visivo che magnifica di almeno dieci volte l immagine originale, ovvero una telecamera introdotta nella cavità addominale attraverso una piccola incisione cutanea dopo che è stata insufflata anidride carbonica per creare un idoneo spazio operativo. Allo stato attuale vi sono procedure ormai standardizzate, per cui la chirurgia laparoscopica è ormai considerata il gold standard, dice Stefano Olmi, responsabile dell unità operativa di Chirurgia Generale e Oncologica del Policlinico San Marco di Zingonia, in provincia di Bergamo. Tra queste, l appendicectomia, la colecistectomia, gli interventi di plastica antireflusso per esofagite o ernia iatale, l asportazione del surrene, le plastiche di ernie inguinali o per laparocele e le resezioni coliche per malattie infiammatorie quali la diverticolite o la malattia diverticolare complicata. La laparoscopia è insomma una tecnica chirurgica ormai di routine, che può essere considerata estremamente sicura. Tanto è vero che al Policlinico San Marco è utilizzata anche in urgenza, come nel caso di appendiciti complicate, colecistiti, ernia e laparoceli incarcerati, perforazioni di ulcera gastrica o perforazioni coli- Vent anni in prima linea S tefano Olmi ha conseguito la specialità in chirurgia generale e dell urgenza all Università degli Studi di Milano. Dal 1991 al 2011 ha collaborato con il professor Enrico Croce, suo maestro, considerato il pioniere della chirurgia laparoscopica in Italia. Svolge interventi di chirurgia tradizionale, laparoscopica e robotica, con particolare interesse e specializzazione in campo oncologico, nelle malattie funzionali esofagee, nella chirurgia della parete addominale, nella chirurgia per l obesità e le malattie metaboliche. Ha eseguito oltre 4000 interventi laparoscopici e laparotomici come primo operatore. Svolge attività di ricerca, è docente e tutore della Scuola Speciale A.C.O.I. (Associazione Chirughi Ospedalieri Italiani) di Chirurgia laparoscopica e miniinvasiva, coordinatore e responsabile dei corsi internazionali di Chirurgia laparoscopica e mini-invasiva dell Aeskulapium Centre di Tuttlingen. Dal 1 giugno 2011 è responsabile dell Unità Operativa di Chirurgia generale e oncologica, Centro di Chirurgia laparoscopica e mini-invasiva del Policlinico San Marco di Zingonia (BG). che. Ancora più incoraggiante l applicazione in chirurgia oncologica. Nei Centri specializzati, incluso quello di Zingonia, è possibile infatti ottenere risultati migliori rispetto alla chirurgia tradizionale. Per quanto concerne la chirurgia oncologica, si possono effettuare gastrectomie parziali o totali, resezioni del colon, del retto e del pancreas, con risparmio o meno della milza, spiega il dottor Olmi. In tutti questi casi la laparoscopia è una valida alternativa alla chirurgia tradizionale. In letteratura esistono infatti evidenze certe, provate da trial internazionali europei e americani, che dimostrano come la laparoscopia, soprattutto nella chirurgia oncologica del 18

News > Italia > Economia - Venerdì 24 Gennaio 2014, 16:30

News > Italia > Economia - Venerdì 24 Gennaio 2014, 16:30 Non investire fa male alla salute Erika Becchi Il settore sanitario italiano si avvia verso il pareggio di bilancio, ma con un prezzo molto caro per la comunità, che può contare sempre meno su servizi

Dettagli

Trascrizione dell intervento di Rino Campioni 17 maggio 2011

Trascrizione dell intervento di Rino Campioni 17 maggio 2011 Trascrizione dell intervento di Rino Campioni 17 maggio 2011 La relazione di Sergio Veneziani contiene tutta la struttura dell idea che noi abbiamo di Auser attraverso gli strumenti per qualificare e migliorare,

Dettagli

COSTI STANDARD IN SANITA (04.07.13)

COSTI STANDARD IN SANITA (04.07.13) DIPARTIMENTO WELFARE E SALUTE Responsabile Dipartimento: FABIO RIZZI Referente Tecnico: FABRIZIO SPINNATO COSTI STANDARD IN SANITA (04.07.13) La Lega Nord ritiene che per coniugare l esigenza dell economicità

Dettagli

L albero storto. A proposito di un recente libro di Stefano Piperno sulla finanza locale italiana *

L albero storto. A proposito di un recente libro di Stefano Piperno sulla finanza locale italiana * LETTURE E SEGNALAZIONI 183 L albero storto. A proposito di un recente libro di Stefano Piperno sulla finanza locale italiana * Giorgio Brosio C era bisogno di un nuovo libro sul governo e la finanza locale

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III 2 Rapporto Nazionale sull utilizzo

Dettagli

ALFIERI (PD): LA LOMBARDIA È LA REGIONE ITALIANA CHE PAGA DI PIÙ LA SANITÀ PRIVATA

ALFIERI (PD): LA LOMBARDIA È LA REGIONE ITALIANA CHE PAGA DI PIÙ LA SANITÀ PRIVATA Sanità ALFIERI (PD): LA LOMBARDIA È LA REGIONE ITALIANA CHE PAGA DI PIÙ LA SANITÀ PRIVATA. FORMIGONI NON RICORDA NÈ I SUOI VIAGGI NÈ I NUMERI DELLA SANITÀ LOMBARDA La Lombardia è la Regione italiana più

Dettagli

SISS IL SISTEMA AL SERVIZIO DELLA SANITÀ AO DESENZANO DEL GARDA

SISS IL SISTEMA AL SERVIZIO DELLA SANITÀ AO DESENZANO DEL GARDA SISS IL SISTEMA AL SERVIZIO DELLA SANITÀ AO DESENZANO DEL GARDA Sommario Introduzione Le finalità del progetto CRS-SISS e il ruolo di Regione Lombardia Aspetti tecnico-organizzativi del Progetto Servizi

Dettagli

LE POLITICHE SANITARIE IN ITALIA:

LE POLITICHE SANITARIE IN ITALIA: LE POLITICHE SANITARIE IN ITALIA: UNA RICERCA DI ASTRID 1 di FRANCO BASSANINI L efficienza delle amministrazioni pubbliche e la qualità dei servizi pubblici non sono annoverati tra i punti di forza del

Dettagli

LA CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO

LA CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO Testo aggiornato al 6 luglio 2012 Accordo 16 dicembre 2010, n. 239/Csr Gazzetta Ufficiale 18 gennaio 2011, n. 13 Accordo, ai sensi dell articolo 4 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281, tra il

Dettagli

Newsletter 8/2015. Via Ovidio, 20-00193 Roma tel. 06.684094201 www.fonservizi.it segreteria@fonservizi.it

Newsletter 8/2015. Via Ovidio, 20-00193 Roma tel. 06.684094201 www.fonservizi.it segreteria@fonservizi.it Newsletter 8/2015 Via Ovidio, 20-00193 Roma tel. 06.684094201 www.fonservizi.it segreteria@fonservizi.it Legge Madia: il commento del Presidente di ASSTRA Massimo Roncucci Finanziamenti FONSERVIZI: la

Dettagli

LA CALABRIA CHE VORREMMO dal punto di vista Sanità

LA CALABRIA CHE VORREMMO dal punto di vista Sanità LA CALABRIA CHE VORREMMO dal punto di vista Sanità È con vivo piacere che ho accettato l invito dell Associazione Calabro-Lombarda a trattare questo spinoso argomento. Sarebbe molto bello sentir parlare

Dettagli

Le novita del correttivo su formazione e organismi paritetici

Le novita del correttivo su formazione e organismi paritetici Le novita del correttivo su formazione e organismi paritetici Alcuni quesiti per chiarire dubbi interpretativi sulla formazione dei lavoratori prevista dal Testo Unico: cosa significa collaborare con gli

Dettagli

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM)

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM) Fabio Pammolli (Direttore CeRM) CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? 1 CeRM Competitività, Regole, Mercati Dopo anni di dibattito e anche qualche tentativo non riuscito,

Dettagli

La cultura manageriale per il rilancio del Paese Roma, 18 novembre 2013

La cultura manageriale per il rilancio del Paese Roma, 18 novembre 2013 Relazione dei Presidente CIDA, Silvestre Bertolini La cultura manageriale per il rilancio del Paese Roma, 18 novembre 2013 Prima di iniziare, vorrei ringraziare le autorità presenti in sala, che è sempre

Dettagli

Massimo Minnucci. Amministratore Delegato Ktesios LA CESSIONE DEL QUINTO: PROSPETTIVE, PROPOSTE E SOLUZIONI

Massimo Minnucci. Amministratore Delegato Ktesios LA CESSIONE DEL QUINTO: PROSPETTIVE, PROPOSTE E SOLUZIONI Massimo Minnucci Amministratore Delegato Ktesios LA CESSIONE DEL QUINTO: PROSPETTIVE, PROPOSTE E SOLUZIONI Convegno ABI CONSUMER CREDIT 2005 Roma, 21 marzo LA COLLOCAZIONE DEL PRODOTTO Vorrei cominciare

Dettagli

I servizi pubblici come fattore di produttività per le imprese e di qualità della vita per i cittadini

I servizi pubblici come fattore di produttività per le imprese e di qualità della vita per i cittadini I servizi pubblici come fattore di produttività per le imprese e di qualità della vita per i cittadini FORUM PA - 18 maggio 2010 Carlo Crea - Segretariato generale Autorità per l'energia elettrica e il

Dettagli

Le novità normative in tema di rapporto di lavoro pubblico: il D.Lgs. 150/2009

Le novità normative in tema di rapporto di lavoro pubblico: il D.Lgs. 150/2009 Le novità normative in tema di rapporto di lavoro pubblico: il D.Lgs. 150/2009 Parma, Sala aurea C.C.I.A.A., Via Verdi 2 Gaetano Palombelli La riforma del lavoro pubblico nel contesto della riforma istituzionale

Dettagli

Intervista Fabio Macchiagodena - Sistemi Informativi AIFA

Intervista Fabio Macchiagodena - Sistemi Informativi AIFA Intervista Fabio Macchiagodena - Sistemi Informativi AIFA In questi giorni l AIFA ha reso disponibili 3 nuovi portali (rinnovi, stampati e variazioni) in linea con l attuazione del nuovo sistema di knowledge

Dettagli

Convegno Risk Management vs Health Technology Assessment&Horizon Scanning. Ottobre/ Novembre/ Dicembre 2010

Convegno Risk Management vs Health Technology Assessment&Horizon Scanning. Ottobre/ Novembre/ Dicembre 2010 Convegno Risk Management vs Health Technology Assessment&Horizon Scanning Ottobre/ Novembre/ Dicembre 2010 Il Mattino 25 ottobre 2010 Giornale di Napoli 25 ottobre 2010 Corriere del Mezzogiorno 27 ottobre

Dettagli

Cosa devono fare le banche per favorire i processi di aggregazione?

Cosa devono fare le banche per favorire i processi di aggregazione? Cosa devono fare le banche per favorire i processi di aggregazione? Prima di provare a rispondere a questa domanda mi pare indispensabile una premessa che contestualizzi l attuale situazione. Perché a

Dettagli

Questo documento che Cittadinanzattiva Calabria consegna a lei quale Commissario alla sanità della regione Calabria rappresenta un primo tentativo di

Questo documento che Cittadinanzattiva Calabria consegna a lei quale Commissario alla sanità della regione Calabria rappresenta un primo tentativo di Questo documento che Cittadinanzattiva Calabria consegna a lei quale Commissario alla sanità della regione Calabria rappresenta un primo tentativo di aprire un percorso istituzionale attraverso il quale

Dettagli

Una manovra di rigore ed equità.

Una manovra di rigore ed equità. Una manovra di rigore ed equità. Ispirata all'art. 3 della Costituzione: "È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale che impediscono il pieno sviluppo della persona".

Dettagli

Il PD vuole aprire le porte ai nuovi italiani

Il PD vuole aprire le porte ai nuovi italiani Il PD vuole aprire le porte ai nuovi italiani Autore: Alban Trungu Categoria : Mondo Migrante Data : 15 febbraio 2011 Intervista con Khalid Chaouki, responsabile immigrazione e seconde generazioni dei

Dettagli

L EROGAZIONE DEI SERVIZI IN FARMACIA OGGI

L EROGAZIONE DEI SERVIZI IN FARMACIA OGGI TITOLO CONVEGNO DELLA UTIFAR PRESENTAZIONE CONVEGNO UTIFAR Inserisci RICCIONE 2 il APRILE sottotitolo 2011 RICCIONE 2-3 APRILE 2011 1 L EROGAZIONE DEI SERVIZI IN FARMACIA OGGI Il prossimo futuro vede un

Dettagli

Le cure primarie in Italia: verso quali orizzonti di cura ed assistenza

Le cure primarie in Italia: verso quali orizzonti di cura ed assistenza Le cure primarie in Italia: verso quali orizzonti di cura ed assistenza Le cure primarie in Italia oggi: i risultati dell Osservatorio Tematiche esplorate Cittadini No Profilo campionatura del rispondente

Dettagli

C.I.C. Collegio Italiano dei Chirurghi

C.I.C. Collegio Italiano dei Chirurghi ACCORDO TRA ASSOBIOMEDICA E COLLEGIO ITALIANO DEI CHIRURGHI PREMESSA Nella moderna sanità è del tutto evidente l importanza dello stretto rapporto tra medicina e tecnologie; le prestazioni mediche, sempre

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III 4 Rapporto Nazionale sull utilizzo

Dettagli

ATTO DI INDIRIZZO PER IL RINNOVO DELLA CONVENZIONE NAZIONALE CON LE FARMACIE PUBBLICHE E PRIVATE

ATTO DI INDIRIZZO PER IL RINNOVO DELLA CONVENZIONE NAZIONALE CON LE FARMACIE PUBBLICHE E PRIVATE Testo trasmesso al Governo dal Comitato di Settore Sanità delle Regioni ATTO DI INDIRIZZO PER IL RINNOVO DELLA CONVENZIONE NAZIONALE CON LE FARMACIE PUBBLICHE E PRIVATE L ATTUALE CONTESTO NORMATIVO Il

Dettagli

News letter. I sistemi informativi in azienda: erogatori di prestazioni o fornitori di servizi? Editoriale

News letter. I sistemi informativi in azienda: erogatori di prestazioni o fornitori di servizi? Editoriale News letter Numero 7 15 gennaio 2010 Editoriale Sommario I sistemi informativi in azienda: erogatori di prestazioni o fornitori di servizi? Come sviluppare abilità per gestire i clienti interni in una

Dettagli

Siamo in tanti, oggi, in questa sala e questo è un fatto positivo per il nostro partito e per gli appuntamenti che lo stanno attendendo.

Siamo in tanti, oggi, in questa sala e questo è un fatto positivo per il nostro partito e per gli appuntamenti che lo stanno attendendo. Sintesi del discorso di presentazione della mozione per la candidatura a segretario provinciale di Renato Veronesi, espressosi liberamente, senza l ausilio di una traccia scritta, durante i lavori della

Dettagli

REPEATPLEASE.IT : RIPETIZIONI ON-LINE PER STUDENTI UNIVERSITARI E DELLE SCUOLE SUPERIORI

REPEATPLEASE.IT : RIPETIZIONI ON-LINE PER STUDENTI UNIVERSITARI E DELLE SCUOLE SUPERIORI REPEATPLEASE.IT : RIPETIZIONI ON-LINE PER STUDENTI UNIVERSITARI E DELLE SCUOLE SUPERIORI LICEO SCIENTIFICO GUGLIELMO MARCONI PESARO PROGETTO REALIZZATO DA: LETIZIA CARONI, THOMAS PARADISI, DENIS ESPOSITO

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un attimo assentarmi, ma è una questione di cinque minuti. Devo uscire,

Dettagli

LINEA DIRETTA CON IL PRESIDENTE

LINEA DIRETTA CON IL PRESIDENTE periodico di idee, informazione, cultura a cura dell Associazione Infermieristica Sammarinese LINEA DIRETTA CON IL PRESIDENTE Mi accingo a presiedere l AIS nel suo secondo triennio di vita. Mi ritengo

Dettagli

RILEVARE LA SODDISFAZIONE DEI DIPENDENTI

RILEVARE LA SODDISFAZIONE DEI DIPENDENTI RILEVARE LA SODDISFAZIONE DEI DIPENDENTI EMPLOYEE (PEOPLE) SATISFACTION Non bisogna mai dimenticare che i primi clienti di un organizzazione sono i collaboratori interni e che un indicatore molto importante

Dettagli

ESTRATTO VERBALE SEDUTA DEL 4 Giugno 01 Presidenza della Giunta Regionale - Sala della Giunta Ore 11,00

ESTRATTO VERBALE SEDUTA DEL 4 Giugno 01 Presidenza della Giunta Regionale - Sala della Giunta Ore 11,00 ESTRATTO VERBALE SEDUTA DEL 4 Giugno 01 Presidenza della Giunta Regionale - Sala della Giunta Ore 11,00 Presiede Claudio Martini, Presidente della Regione: rivolge un indirizzo di saluto e comunica che

Dettagli

NOTA DELLA UIL AL DISEGNO DI LEGGE DELEGA DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 119 DELLA COSTITUZIONE (FEDERALISMO FISCALE)

NOTA DELLA UIL AL DISEGNO DI LEGGE DELEGA DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 119 DELLA COSTITUZIONE (FEDERALISMO FISCALE) NOTA DELLA UIL AL DISEGNO DI LEGGE DELEGA DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 119 DELLA COSTITUZIONE (FEDERALISMO FISCALE) PREMESSA La UIL esprime una valutazione positiva in merito all opportunità

Dettagli

Pillole intelligenti, cure online, robotla frontiera della medicina digitale

Pillole intelligenti, cure online, robotla frontiera della medicina digitale Stampa Stampa senza immagine Chiudi LA TECNOLOGIA CHE CAMBIA LA NOSTRA VITA Pillole intelligenti, cure online, robotla frontiera della medicina digitale Dal Fascicolo elettronico, con i dati su ricoveri

Dettagli

CARTA REGIONALE DEI SERVIZI SISTEMA INFORMATIVO SOCIO- SANITARIO DELLA REGIONE LOMBARDIA

CARTA REGIONALE DEI SERVIZI SISTEMA INFORMATIVO SOCIO- SANITARIO DELLA REGIONE LOMBARDIA CARTA REGIONALE DEI SERVIZI SISTEMA INFORMATIVO SOCIO- SANITARIO DELLA REGIONE LOMBARDIA IL CLIENTE Regione Lombardia, attraverso la società Lombardia Informatica. IL PROGETTO Fin dal 1998 la Regione Lombardia

Dettagli

LE POLITICHE SOCIALI OGGI: RIFLESSIONI E PROPOSTE DELLE REGIONI E DELLE AUTONOMIE LOCALI

LE POLITICHE SOCIALI OGGI: RIFLESSIONI E PROPOSTE DELLE REGIONI E DELLE AUTONOMIE LOCALI CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 11/110/CRFS/C8 LE POLITICHE SOCIALI OGGI: RIFLESSIONI E PROPOSTE DELLE REGIONI E DELLE AUTONOMIE LOCALI 1. IL QUADRO SOCIO-ECONOMICO IN ITALIA: Confindustria

Dettagli

2 OTTOBRE LA CRISI DELL ETICA PROFESSIONALE E IL MERITO

2 OTTOBRE LA CRISI DELL ETICA PROFESSIONALE E IL MERITO AIMC PIEMONTE S. DAMIANO ( convegno UCIIM) 2 OTTOBRE LA CRISI DELL ETICA PROFESSIONALE E IL MERITO Sentiamo ormai da qualche anno parlare di emergenza educativa ma io amo di più l espressione Sfida educativa

Dettagli

La spesa sanitaria regionale: il caso del Lazio. Prof. ordinario di Economia politica Facoltà di Economia

La spesa sanitaria regionale: il caso del Lazio. Prof. ordinario di Economia politica Facoltà di Economia La spesa sanitaria regionale: il caso del Lazio Giuseppe Garofalo a o Prof. ordinario di Economia politica Facoltà di Economia Università della Tuscia I tempi della politica sono molto brevi e schizofrenici

Dettagli

Giuseppe Iosa. Documento programmatico per la candidatura alla segreteria del Circolo Moro-Berlinguer di Peschiera Borromeo

Giuseppe Iosa. Documento programmatico per la candidatura alla segreteria del Circolo Moro-Berlinguer di Peschiera Borromeo Giuseppe Iosa Documento programmatico per la candidatura alla segreteria del Circolo Moro-Berlinguer di Peschiera Borromeo Domenica, 19 aprile 2015 Premessa Il Partito Democratico di Peschiera Borromeo,

Dettagli

Lo sviluppo economico del Meridione e i sistemi di sostegno alle imprese

Lo sviluppo economico del Meridione e i sistemi di sostegno alle imprese VINCENZO MAGGIONI Lo sviluppo economico del Meridione e i sistemi di sostegno alle imprese Parlare del Mezzogiorno è al tempo stesso cosa molto facile e molto difficile: facile, perché tutti sono pieni

Dettagli

IL FEDERALISMO "DIFFERENZIATO" ITALIANO. IL CASO DEL TRENTINO ALTO ADIGE PROF. GIANFRANCO CEREA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI - TRENTO

IL FEDERALISMO DIFFERENZIATO ITALIANO. IL CASO DEL TRENTINO ALTO ADIGE PROF. GIANFRANCO CEREA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI - TRENTO IL FEDERALISMO "DIFFERENZIATO" ITALIANO. IL CASO DEL TRENTINO ALTO ADIGE PROF. GIANFRANCO CEREA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI - TRENTO UN TEMA COMPLESSO Le differenze fra gli statuti: 1. per i livelli di compartecipazioni

Dettagli

È un sistema composto di interessi generali e di interessi di parte e di tanto altro ancora.

È un sistema composto di interessi generali e di interessi di parte e di tanto altro ancora. Dieci anni di sanità in Puglia 19 maggio 2011 Brindisi di Emilio Gianicolo È arduo il compito di mostrare in poche righe punti di forza e punti di debolezza di un sistema sanitario in confronto ai sistemi

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III Tempi di attesa nei siti web delle

Dettagli

REPEATPLEASE.IT : RIPETIZIONI ON LINE PER STUDENTI UNIVERSITARI E DELLE SCUOLE SUPERIORI

REPEATPLEASE.IT : RIPETIZIONI ON LINE PER STUDENTI UNIVERSITARI E DELLE SCUOLE SUPERIORI REPEATPLEASE.IT : RIPETIZIONI ON LINE PER STUDENTI UNIVERSITARI E DELLE SCUOLE SUPERIORI LICEO SCIENTIFICO MUSICALE MARCONI PESARO PROGETTO REALIZZATO DA: LETIZIA CARONI, THOMAS PARADISI, DENIS ESPOSITO

Dettagli

I principi per INGEGNERIA SENZA FRONTIERE si articolano su tre livelli: principi fondamentali principi di quotidianità principi di operatività

I principi per INGEGNERIA SENZA FRONTIERE si articolano su tre livelli: principi fondamentali principi di quotidianità principi di operatività I principi per INGEGNERIA SENZA FRONTIERE si articolano su tre livelli: principi fondamentali principi di quotidianità principi di operatività I principi fondamentali sono quelli che definiscono il senso

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi. pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una

Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi. pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una modifica dell ordine del giorno? (Voci confuse). Io direi che per logica

Dettagli

Intervento di Paolo Gallana LA POLITICA DI FRONTE AI DIRITTI, ALLE INEGUAGLIANZE SOCIALI, ALLE POVERTÀ, ALLO SPRECO

Intervento di Paolo Gallana LA POLITICA DI FRONTE AI DIRITTI, ALLE INEGUAGLIANZE SOCIALI, ALLE POVERTÀ, ALLO SPRECO Intervento di Paolo Gallana LA POLITICA DI FRONTE AI DIRITTI, ALLE INEGUAGLIANZE SOCIALI, ALLE POVERTÀ, ALLO SPRECO Art. 1 Dalla dichiarazione universale dei diritti dell uomo Tutti gli esseri umani nascono

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Intervento di Stefano Cuzzilla

Intervento di Stefano Cuzzilla Desenzano sul Garda, 25 marzo 2013 Intervento di Stefano Cuzzilla PRESIDENTE FASI Sono molto fiero di partecipare oggi a questo incontro perché qui, a Desenzano, abbiamo realizzato uno degli obiettivi

Dettagli

Proposte per un welfare equo e sostenibile

Proposte per un welfare equo e sostenibile Proposte per un welfare equo e sostenibile Il Forum ANIA Consumatori ha tra i propri compiti statutari quello di stimolare la riflessione sul ruolo sociale dell assicurazione nei nuovi assetti del welfare.

Dettagli

DOCUMENTI DI CODESS SOCIALE. D: Che cos è e che cosa significa responsabilità sociale d impresa per Codess Sociale?

DOCUMENTI DI CODESS SOCIALE. D: Che cos è e che cosa significa responsabilità sociale d impresa per Codess Sociale? DOCUMENTI DI CODESS SOCIALE Intervista a Luca Omodei Direttore Generale di Codess Sociale Intervista e testi a cura di Michela Foschini Giugno 2005 D: Che cos è e che cosa significa responsabilità sociale

Dettagli

Intervento introduttivo. Fabrizia Lapecorella. Gli Immobili in Italia giunge quest anno alla quinta edizione.

Intervento introduttivo. Fabrizia Lapecorella. Gli Immobili in Italia giunge quest anno alla quinta edizione. Intervento introduttivo Gli immobili in Italia 2015: Ricchezza, Redditi e Fiscalità Immobiliare Fabrizia Lapecorella Gli Immobili in Italia giunge quest anno alla quinta edizione. Il progetto avviato nel

Dettagli

I 3 fattori determinanti il successo o fallimento della tua azienda su Internet!

I 3 fattori determinanti il successo o fallimento della tua azienda su Internet! I 3 fattori determinanti il successo o fallimento della tua azienda su Internet! Analisi delle problematiche più comuni di un investimento sul web con evidenziazione dei principali fattori di fallimento

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

------ Tuttavia, la previdenza complementare si sta sviluppando lentamente e, a dieci anni dall avvio, necessita di ulteriori impulsi.

------ Tuttavia, la previdenza complementare si sta sviluppando lentamente e, a dieci anni dall avvio, necessita di ulteriori impulsi. COMUNICATO STAMPA COVIP: la crisi dei mercati finanziari ha sottoposto i fondi pensione a una prova severa, ma il sistema della previdenza complementare ha tenuto. A marzo 2009 sono 4,9 milioni gli iscritti

Dettagli

Relazione del Direttore Generale. al bilancio economico preventivo 2015

Relazione del Direttore Generale. al bilancio economico preventivo 2015 A.O. CARDARELLI NAPOLI Azienda Ospedaliera di Rilievo Nazionale e di Alta Specializzazione Via Antonio Cardarelli, 9-80131 Napoli Relazione del Direttore Generale al bilancio economico preventivo 2015

Dettagli

IL COSTO STANDARD. L anello mancante

IL COSTO STANDARD. L anello mancante IL COSTO STANDARD L anello mancante Sunto Il costo standard giunge a definire quali sono le risorse economiche ed umane impiegate annualmente per la formazione dei nostri studenti; è una voce di spesa

Dettagli

Il ruolo del cittadino: comparsa o protagonista?

Il ruolo del cittadino: comparsa o protagonista? XVI CONGRESSO F.A.R.E. Bergamo 1-4- ottobre 2008 1^ sessione: Ruolo del sistema di acquisto per la Sanità e per la competitività del sistema Paese. Il ruolo del cittadino: comparsa o protagonista? A cura

Dettagli

Convegno Indicam Contraffazione, abusivismo e amministrazioni locali Milano, 31 gennaio 2001

Convegno Indicam Contraffazione, abusivismo e amministrazioni locali Milano, 31 gennaio 2001 Convegno Indicam Contraffazione, abusivismo e amministrazioni locali Milano, 31 gennaio 2001 Quali strade per il futuro? Il ruolo della regione nell ottica della devolution (*) Guido Della Frera Assessore

Dettagli

Intervista a Stefano Bonora, Direttore di BUSITALIA S.p.a. e ATAF S.p.a.

Intervista a Stefano Bonora, Direttore di BUSITALIA S.p.a. e ATAF S.p.a. Roma, 25.02.1015 Intervista a Stefano Bonora, Direttore di BUSITALIA S.p.a. e ATAF S.p.a. Ingegnere può tracciarci un quadro generale dell attività di BUSITALIA e della sua evoluzione nel corso degli ultimi

Dettagli

STUDIO PER ASSOLOMBARDA

STUDIO PER ASSOLOMBARDA STUDIO PER ASSOLOMBARDA SPESA SANITARIA E FARMACEUTICA E POLITICHE SU ACCESSO A FARMACI E DISPOSITIVI MEDICI IN REGIONE LOMBARDIA (EXECUTIVE SUMMARY) 1 Il presente studio ha come oggetto (i) un analisi

Dettagli

Confindustria Giovani Imprenditori. Il Nuovo Rinascimento Uomini e tecnologie per il rilancio del sistema Italia XVIII Convegno di Capri

Confindustria Giovani Imprenditori. Il Nuovo Rinascimento Uomini e tecnologie per il rilancio del sistema Italia XVIII Convegno di Capri Confindustria Giovani Imprenditori CONVEGNO GIOVANI IMPRENDITORI Il Nuovo Rinascimento Uomini e tecnologie per il rilancio del sistema Italia XVIII Convegno di Capri On. Lucio Stanca - Ministro Innovazione

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III Rapporto nazionale sull utilizzo

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI RITARDATI PAGAMENTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI RITARDATI PAGAMENTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI RITARDATI PAGAMENTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Estratto dall Osservatorio Congiunturale sull Industria delle Costruzioni Dicembre 2013 Sommario SINTESI...

Dettagli

Commissione Comunicazione della CRUI: Riunione del 07/04/03

Commissione Comunicazione della CRUI: Riunione del 07/04/03 Commissione Comunicazione della CRUI: Riunione del 07/04/03 Presenti: Sebastiano Bagnara, Politecnico Milano; Giovanni Bechelloni, Università di Firenze; Alessandro Bianchi, Rettore Università Mediterranea

Dettagli

Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011

Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011 Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011 Indirizzo di saluto del Comandante Generale Porgo il mio saluto cordiale a tutti i delegati della Rappresentanza qui convenuti. Gli incontri

Dettagli

Che la salute non diventi un lusso CURE MEDICHE

Che la salute non diventi un lusso CURE MEDICHE CURE MEDICHE Sempre più spesso si fanno esami e visite specialistiche presso le strutture private. Anche perché nel pubblico costa sempre di più. Che la salute non diventi un lusso 10 DI TASCA NOSTRA INTRA

Dettagli

PARERE CRUI SULLO SCHEMA DEL DECRETO DI RIPARTO DEL FONDO DI FINANZIAMENTO ORDINARIO PER L ANNO 2015

PARERE CRUI SULLO SCHEMA DEL DECRETO DI RIPARTO DEL FONDO DI FINANZIAMENTO ORDINARIO PER L ANNO 2015 PARERE CRUI SULLO SCHEMA DEL DECRETO DI RIPARTO DEL FONDO DI FINANZIAMENTO ORDINARIO PER L ANNO 2015 L Assemblea della CRUI, riunitasi il giorno 7.5.2015, preso atto della nota MIUR del 6.5.2015, esprime,

Dettagli

3. PROGRAMMA DI SOSTEGNO. 3.1 Dati Generali RETI VOLONTARIE CONSAPEVOLI. Ambito territoriale (comune/i, provincia/e, regione/i) Durata del programma

3. PROGRAMMA DI SOSTEGNO. 3.1 Dati Generali RETI VOLONTARIE CONSAPEVOLI. Ambito territoriale (comune/i, provincia/e, regione/i) Durata del programma 3. PROGRAMMA DI SOSTEGNO 3.1 Dati Generali Titolo Ambito territoriale (comune/i, provincia/e, regione/i) Durata del programma RETI VOLONTARIE CONSAPEVOLI Le 6 regioni meridionali (Sicilia,Calabria, Basilicata,

Dettagli

INTERVENTO DELL AVV. MONTEZEMOLO ALLA INAUGURAZIONE DELLA LUISS SCHOOL OF GOVERNMENT Roma 23 febbraio 2010

INTERVENTO DELL AVV. MONTEZEMOLO ALLA INAUGURAZIONE DELLA LUISS SCHOOL OF GOVERNMENT Roma 23 febbraio 2010 INTERVENTO DELL AVV. MONTEZEMOLO ALLA INAUGURAZIONE DELLA LUISS SCHOOL OF GOVERNMENT Roma 23 febbraio 2010 Caro Signor Presidente della Repubblica, Dott. Giorgio Napolitano, Cari ospiti stranieri e relatori,

Dettagli

La rivolta di regioni ed enti locali contro il ritorno alla tesoreria unica

La rivolta di regioni ed enti locali contro il ritorno alla tesoreria unica 1 di 6 04/03/2012 21:47 Quotidiano di Informazione Giuridica Diretto da Avv. Carmelo Giurdanella 2 marzo 2012, 16:30 La rivolta di regioni ed enti locali contro il ritorno alla tesoreria unica Le iniziative

Dettagli

Management nell Azienda Sanitaria

Management nell Azienda Sanitaria Management nell Azienda Sanitaria Dr. Paolo Menichetti Perugia, ottobre 2011 1. Finanziamento del S.S.N. 2. Management nell azienda sanitaria: budget 3. Management nell azienda sanitaria: controllo direzionale

Dettagli

Se questo non ti sta portando il risultato che speravi, ti suggeriamo di leggere qui di seguito:

Se questo non ti sta portando il risultato che speravi, ti suggeriamo di leggere qui di seguito: Strategia Web Sergio Minozzi Imprenditore dell'informática da 20 anni, 12 anni ha lavorato nel settore di web marketing, di cui 5 negli Stati Uniti, Insegnante all'universitá Amministrativa Aziendale.

Dettagli

La ricerca della qualità delle cure in nefrologia L accreditamento di eccellenza di una funzione specialistica

La ricerca della qualità delle cure in nefrologia L accreditamento di eccellenza di una funzione specialistica La ricerca della qualità delle cure in nefrologia L accreditamento di eccellenza di una funzione specialistica Alberto Giangrande, Divisione di Nefrologia e Dialisi, Azienda Ospedaliera Ospedale di Circolo

Dettagli

COSTI DELLA POLITICA: DAI PROVVEDIMENTI PRESI ANCORA TIMIDI I SEGNALI DI RISPARMIO

COSTI DELLA POLITICA: DAI PROVVEDIMENTI PRESI ANCORA TIMIDI I SEGNALI DI RISPARMIO 2 RAPPORTO UIL SUI COSTI DELLA POLITICA (LUGLIO 2012) COSTI DELLA POLITICA: DAI PROVVEDIMENTI PRESI ANCORA TIMIDI I SEGNALI DI RISPARMIO OLTRE 1,1 MILIONI DI PERSONE VIVONO DI POLITICA, IL 4,9% DEL TOTALE

Dettagli

COM-PA 8 novembre 2006 Sintesi dell intervento del Dott. Carlo Bianchessi

COM-PA 8 novembre 2006 Sintesi dell intervento del Dott. Carlo Bianchessi COM-PA 8 novembre 2006 Sintesi dell intervento del Dott. Carlo Bianchessi Ringrazio per l invito a partecipare a questo convegno. Nel mio intervento, svilupperò la case-history di un progetto su cui stiamo

Dettagli

Alfredo Bertelli. Sottosegretario alla Presidenza della Giunta Regione Emilia-Romagna

Alfredo Bertelli. Sottosegretario alla Presidenza della Giunta Regione Emilia-Romagna Alfredo Bertelli Sottosegretario alla Presidenza della Giunta Regione Emilia-Romagna Il convegno organizzato oggi dalla Prefettura di Bologna rappresenta un occasione importante di confronto. Proprio per

Dettagli

CODICE ETICO per la gestione delle biblioteche

CODICE ETICO per la gestione delle biblioteche ELABORAZIONE DATI CODICE ETICO per la gestione delle biblioteche Comportamenti professionali che gli operatori Co.Libri' si impegnano ad attuare, rispettare e promuovere nella gestione dei servizi di biblioteca

Dettagli

RIFORME DI SISTEMA PER LA RIDUZIONE DEI COSTI IMPROPRI DELLA POLITICA, DELLE ISTITUZIONI, DELLE AMMINISTRAZIONI

RIFORME DI SISTEMA PER LA RIDUZIONE DEI COSTI IMPROPRI DELLA POLITICA, DELLE ISTITUZIONI, DELLE AMMINISTRAZIONI Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori RIFORME DI SISTEMA PER LA RIDUZIONE DEI COSTI IMPROPRI DELLA POLITICA, DELLE ISTITUZIONI, DELLE AMMINISTRAZIONI Il tema della riduzione dei costi della politica,

Dettagli

Essere imprenditori Oggi

Essere imprenditori Oggi Essere imprenditori Oggi Siamo in un mondo di competitori Ancona, 28 Novembre 2010 Gaetano Ascenzi LA MIA STORIA 1996 Inizio della storia professionale: decido che il mio hobby deve diventare la professione

Dettagli

INSIEME PER IL VOLONTARIATO

INSIEME PER IL VOLONTARIATO INSIEME PER IL VOLONTARIATO FARE SISTEMA AL SERVIZIO DELLA COMUNITÀ BERGAMASCA Bergamo, 24 gennaio 2013 Intervento di Carlo Vimercati Presidente Comitato di Gestione Fondi Speciali Lombardia Il convegno

Dettagli

ECONOMIA E GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI E SANITARI II PARTE I SERVIZI SANITARI

ECONOMIA E GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI E SANITARI II PARTE I SERVIZI SANITARI ECONOMIA E GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI E SANITARI II PARTE I SERVIZI SANITARI OBIETTIVI 1. DARE STRUMENTI PER COMPRENDERE MEGLIO LA REALTA E LE SPECIFICITA DELLA GESTIONE DELLE AZIENDE SANITARIE 2. APPREZZARE

Dettagli

Perchè investire in Sicilia: i profili fiscali 1

Perchè investire in Sicilia: i profili fiscali 1 Perchè investire in Sicilia: i profili fiscali 1 Angelo Cuva Avvocato - Docente di Scienza delle Finanze - Università di Palermo Componente Commissione Paritetica Stato-Regione Perché ancora investire

Dettagli

Luigi Lepore Loris Landriani Alessandro Scaletti I costi standard delle aziende dei trasporti pubblici locali

Luigi Lepore Loris Landriani Alessandro Scaletti I costi standard delle aziende dei trasporti pubblici locali A13 494 Luigi Lepore Loris Landriani Alessandro Scaletti I costi standard delle aziende dei trasporti pubblici locali Stato dell arte e problematiche aperte verso il federalismo fiscale Copyright MMXII

Dettagli

Lo sviluppo dei sistemi Informativi delle Aziende ospedaliere nel contesto del Sistema Informativo Regionale

Lo sviluppo dei sistemi Informativi delle Aziende ospedaliere nel contesto del Sistema Informativo Regionale I dati da cui partire: Lo sviluppo dei sistemi Informativi delle Aziende ospedaliere nel contesto del Sistema Informativo Regionale Tutti i cittadini lombardi hanno ricevuto la loro CRS-SISS oltre IL 90

Dettagli

Il sistema turistico dell Emilia-Romagna: evoluzione, margini di sviluppo, obiettivi strategici della Regione

Il sistema turistico dell Emilia-Romagna: evoluzione, margini di sviluppo, obiettivi strategici della Regione Supplemento 1.2007 7 Il sistema turistico dell Emilia-Romagna: evoluzione, margini di sviluppo, obiettivi strategici della Regione Venerio Brenaggi* Sommario 1. Il sistema turistico regionale nella l.r.

Dettagli

Focus group di settore Fase di ascolto-confronto Formazione / Saperi

Focus group di settore Fase di ascolto-confronto Formazione / Saperi Focus group di settore Fase di ascolto-confronto Formazione / Saperi Incontro 29 luglio 2010 - Fiorano Valutazione contesto esistente 1. Quali sono in generale i 3 punti di debolezza attuali del distretto

Dettagli

Innovazione nella PA, innovazione nel Paese

Innovazione nella PA, innovazione nel Paese Innovazione nella PA, innovazione nel Paese Forum P.A. - 10 maggio 2006 STEFANO PARISI Amministratore Delegato Fastweb S.p.A. Nella mia esperienza precedente ho lavorato nella Pubblica Amministrazione

Dettagli

La SALUTE non ha prezzo, ma la SANITÀ costa a tutti

La SALUTE non ha prezzo, ma la SANITÀ costa a tutti 7 a Conferenza Nazionale GIMBE Bologna, 17 febbraio 2012 La SALUTE non ha prezzo, ma la SANITÀ costa a tutti Nino Cartabellotta Fondazione GIMBE IL PARADOSSO Vantiamo un SSN che l Organizzazione Mondiale

Dettagli

Impegni principali A INVESTIRE SUI SOCI. Candidatura Giancarlo Rovere 2014. 1. Garantire il coinvolgimento di tutti i soci.

Impegni principali A INVESTIRE SUI SOCI. Candidatura Giancarlo Rovere 2014. 1. Garantire il coinvolgimento di tutti i soci. Impegni principali A INVESTIRE SUI SOCI 1. Garantire il coinvolgimento di tutti i soci. Poiché l UdP deve essere espressione di tutto l elettorato attivo e operare in stretto collegamento con esso, tempestivamente

Dettagli

Dal sapere al saper fare. La professione medica: sguardo al futuro

Dal sapere al saper fare. La professione medica: sguardo al futuro Dal sapere al saper fare La professione medica: sguardo al futuro Da grande.. vorrei fare il medico.. Un sogno che coinvolge circa 166mila giovani iscritti alle facoltà di medicina tra statali e private.(

Dettagli

La liberalizzazione dei servizi sanitari

La liberalizzazione dei servizi sanitari La liberalizzazione dei servizi sanitari INTRODURRE PRINCIPI E REGOLE ISPIRATE ALLA SUSSIDIARIETÀ PUÒ ESSERE DI GRANDE AIUTO NELL AFFRONTARE LA COMPLESSITÀ ECONOMICA, POLITICA E SOCIALE DELLA GESTIONE

Dettagli

LA NUOVA ATTIVITA DI ACCERTAMENTO ICI, TARSU E COLLABORAZIONE CON L AGENZIA DELLE ENTRATE. di Cesare Cava

LA NUOVA ATTIVITA DI ACCERTAMENTO ICI, TARSU E COLLABORAZIONE CON L AGENZIA DELLE ENTRATE. di Cesare Cava LA NUOVA ATTIVITA DI ACCERTAMENTO ICI, TARSU E COLLABORAZIONE CON L AGENZIA DELLE ENTRATE di Cesare Cava L attività di accertamento dei tributi locali e la collaborazione con l Agenzia delle Entrate per

Dettagli

Ora puoi studiare ed insegnare musica. nella comodità di casa tua!

Ora puoi studiare ed insegnare musica. nella comodità di casa tua! Ora puoi studiare ed insegnare musica nella comodità di casa tua! Se stai leggendo questo report vuol dire che ti sei iscritto alla mia lista di utenti interessati a questo nuovo progetto. Mille grazie

Dettagli

Studi clinici. tutto quello che bisogna sapere

Studi clinici. tutto quello che bisogna sapere Studi clinici tutto quello che bisogna sapere Prefazione Questo opuscolo intende fornire ai pazienti, ai loro familiari e a tutti coloro che se ne prendono cura, gli elementi fondamentali per comprendere

Dettagli

CARTA DEI DIRITTI E DEI DOVERI DEI DENTISTI E DEI PAZIENTI

CARTA DEI DIRITTI E DEI DOVERI DEI DENTISTI E DEI PAZIENTI N 32 Ottobre 2009 Commissione Odontoiatri Presidente Valerio Brucoli Segretario Ercole Romagnoli Componenti Dino Dini Claudio Gatti Luigi Paglia CARTA DEI DIRITTI E DEI DOVERI DEI DENTISTI E DEI PAZIENTI

Dettagli