CARTA DEI SERVIZI Casa di Cura S. Maria Maddalena

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CARTA DEI SERVIZI Casa di Cura S. Maria Maddalena"

Transcript

1 CARTA DEI SERVIZI Casa di Cura S. Maria Maddalena

2

3 CARTA DEI SERVIZI Casa di Cura S. Maria Maddalena

4 Si ringraziano i Dipendenti e i Collaboratori che contribuiscono quotidianamente al nostro successo. Tutte le informazioni contenute in questa Carta dei Servizi sono reperibili sul sito Internet della Casa di Cura S. Maria Maddalena (www.casadicura.it) dove sono tenute in costante aggiornamento. Finito di stampare: marzo Quarta edizione

5 indice Che cos è la Carta dei Servizi pag. 6 La casa di Cura Chi siamo pag. 9 Mission pag. 11 Principi fondamentali pag. 12 La nostra storia pag. 13 Organizzazione pag. 16 Il Presidente pag. 17 L Amministratore Delegato pag. 19 Le attività sanitarie Reparti di ricovero ordinario Medicina interna pag. 21 Chirurgia generale pag. 22 Recupero e rieducazione funzionale pag. 24 Reparti di ricovero diurno Day Hospital medico pag. 25 Il Ricovero in Day Surgery pag. 25 Day Hospital riabilitativo pag. 27 Servizi Accettazione pag. 28 Anestesia e Rianimazione pag. 29 Endoscopia digestiva pag. 29 Laboratorio analisi pag. 30 Primo Intervento pag. 32

6 Psicologia pag. 34 Radiologia e diagnostica per immagini pag. 35 Ambulatori Convenzionati e di Libera Professione Ambulatori specialistici convenzionati pag. 36 Terapia fisica pag. 37 Come accedere al servizio convenzionato di terapia fisica pag. 39 Le informazioni per il pubblico Le modalità di ricovero Documenti personali richiesti pag. 45 Documenti sanitari richiesti pag. 46 Ricovero urgente pag. 46 Ricovero programmato pag. 46 Prestazioni ambulatoriali Prenotazione di visite ed esami pag. 48 Preparazione per esami strumentali pag. 49 Esami di laboratorio pag. 50 Accettazione pag. 50 Ticket pag. 51 Ambulatori pag. 51 Ritardi pag. 51 Ritiro Referti pag. 52

7 Diritti e doveri del paziente Il consenso informato pag. 53 Diritto all autonomia e alla privacy pag. 54 Doveri del paziente pag. 55 Accesso del medico di famiglia in Casa di Cura pag. 57 La degenza in Casa di Cura Camere pag. 58 Pasti pag. 59 Colloquio con i medici pag. 59 Visite di parenti e amici pag. 59 Servizio di ristoro pag. 60 Cappella pag. 60 Servizio di pagamento automatico pag. 60 Riviste e giornali pag. 60 Barbiere e parrucchiere pag. 61 Volontariato pag. 61 Ospedale senza dolore pag. 61 Accoglienza Interculturale pag. 61 Camera mortuaria pag. 61 Numeri utili pag. 62 Come raggiungerci In auto pag. 63 In autobus, corriera, treno pag. 65 Sicurezza e soddisfazione dei pazienti pag. 67

8 Che cos è la carta dei servizi La Normativa italiana prevede che tutti i soggetti erogatori di servizi pubblici, anche operanti in regime di accreditamento, siano dotati di una Carta dei Servizi (Art. 2 Decreto Legge n. 163 convertito in legge n Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri Linee guida n. 2/95 Ministero della Sanità) Questa Carta dei Servizi Sanitari è uno strumento principalmente rivolto alla tutela dei diritti degli utenti, specificatamente indirizzato alla realizzazione del diritto di ciascuno alla salute. Attraverso la Carta dei Servizi, si provvede a fornire informazioni generali, informazioni sui ricoveri ospedalieri, sull accesso alle prestazioni specialistiche e diagnostiche e sui rapporti fra gli utenti e la struttura sanitaria. L adozione della Carta dei Servizi ha un ruolo importante nel miglioramento della qualità dei servizi, poichè sulla base degli impegni presi, i cittadini sono posti nelle condizioni di valutarne l adeguatezza e l affidabilità. La Carta dei Servizi è il mezzo per poter favorire il miglior rapporto tra gli utenti e la Casa di Cura, incoraggiando il cittadino alla partecipazione della gestione del servizio al fine di tutelare il diritto di ciascuno alla corretta erogazione del servizio stesso. L obiettivo della trasparenza e della garanzia di qualità è perseguito attraverso un lavoro che vede impegnata tutta l organizzazione nell analisi di ciò che funziona o non funziona, degli ostacoli da rimuo- La Casa di Cura

9 vere, dei problemi da risolvere per la costruzione di percorsi sanitari equi ed in grado di rispondere ai bisogni. La Carta dei Servizi è articolata in tre parti: A) Nella prima parte, di carattere più generale, vengono indicati i principi fondamentali. B) Nella seconda parte viene fornita una serie di informazioni utili riguardanti i servizi offerti. C) Nella terza parte sono indicati gli impegni della struttura e i fattori della qualità percepita. La Carta dei Servizi viene diffusa in base ai criteri definiti dalla Legge Regionale n. 22 del 2002 e quindi distribuita a pazienti, medici del territorio e associazioni di volontariato e pubblicata sul sito internet (www.casadicura.it). La Carta dei Servizi è da ritenersi un documento da interpretare in chiave dinamica, soggetto quindi a momenti di verifica, di miglioramento, di integrazione, ciò al fine non solo di adeguarsi all evolversi delle situazioni ma anche per la completa realizzazione degli obiettivi di miglioramento prefissati. La carta dei servizi è stata adottata dalla Casa di Cura nel 1996, è stata revisionata nel 2007 e viene aggiornata ogni tre anni come tutta la documentazione interna.

10 La casa di cura La Casa di Cura

11 Chi siamo La Casa di Cura ha iniziato la propria attività il 1 Settembre 1950, come struttura polispecialistica, e dispone complessivamente di 77 posti letto autorizzati, di cui 58 accreditati. È ubicata a S. Maria Maddalena, frazione di Occhiobello (Rovigo) a pochi metri dal ponte che unisce le province di Rovigo e Ferrara. Situata al confine tra due regioni, il Veneto e l Emilia Romagna, rappresenta pertanto un importante anello di congiunzione tra due territori sanitari. Oltre alle due specialità convenzionate sin dagli inizi, la Chirurgia Generale e la Medicina Generale, si è aggiunta nel 1999 l Unità Operativa di Recupero e Riabilitazione Funzionale, integrando le prestazioni già garantite. Sono, inoltre, riconosciute, come branche aggregate alla Chirurgia Generale, le seguenti chirurgie specialistiche: Urologia, Ginecologia, Oculistica, Ortopedia. È inoltre presente un punto di Primo Intervento con la funzione di primo livello di cura. All interno della branca di Chirurgia generale sono state particolarmente sviluppate, sia come attività di diagnosi e cura che di ricerca applicata, le specialità chirurgiche di Colon Proctologia, Chirurgia Vascolare, Chirurgia Bariatrica e Urologica. Il Raggruppamento di Chirurgia comprende anche un Servizio di Monitoraggio Post- Operatorio a garanzia e sicurezza dei pazienti operati. La Casa di Cura è in grado di offrire, inoltre, una gamma completa di

12 Attività Diagnostica ed Ambulatoriale completa di: Laboratorio Analisi Cliniche Generale di Base, Diagnostica per immagini, Servizi di Terapia Fisica, Endoscopia Digestiva, Colon Proctologia e più di 25 ambulatori specialistici, con servizio di prenotazione aperto 12 ore su 24. La struttura alberghiera è stata completamente rinnovata con 32 stanze a uno, due e tre letti, con TV, tutte climatizzate e dotate di servizi privati. L adeguamento strutturale ed il continuo miglioramento tecnologico ha riguardato anche il gruppo operatorio e le apparecchiature sanitarie, mantenendo la Casa di Cura ad un elevato standard qualitativo e di sicurezza. L utenza locale ha sempre dimostrato di apprezzare la struttura considerandola a tutti gli effetti come un piccolo Ospedale Civile, definendola infatti l Ospedale del Ponte. Inoltre, le dimensioni del nosocomio, assimilabile alla definizione anglosassone di County Hospital, consentono un rapporto con il paziente di carattere familiare (tra l altro una psicologa è in servizio tutti i giorni anche per l assistenza ai reparti), che unito alla qualità aiuta il processo di recupero dei pazienti. Le persone ricoverate durante i momenti difficili della malattia non si ritrovano infatti in un ambiente freddo e distaccato, tipico delle grandi strutture cittadine, ma beneficiano degli effetti positivi derivanti dalla familiarità del personale 10 La Casa di Cura

13 sanitario, dalla conoscenza e dalla possibilità di dialogo fra tutti i collaboratori. La Casa di Cura è inoltre convenzionata con tutte le maggiori compagnie assicuratrici e i più importanti fondi sanitari integrativi, per poter erogare, anche in assistenza diretta, tutte le prestazioni sanitarie (ambulatoriali e in ricovero) a favore dei cittadini titolari di qualunque tipo di polizza sanitaria. mission La Mission della Casa di Cura S. Maria Maddalena è fornire alla comunità servizi diagnostici e terapeutici di elevata qualità ed altamente specializzati, al fine di migliorare continuamente: > l efficacia, la qualità e la sicurezza delle cure; > il rapporto umano fra utenti ed operatori sanitari; > gli standard tecnologici, cercando di adeguarli ai parametri di riferimento nazionali ed internazionali; > il comfort alberghiero; > l efficienza della gestione; > lo sviluppo professionale dei dipendenti. La Casa di Cura S. Maria Maddalena è un ospedale privato che fornisce un servizio pubblico attraverso l accreditamento con il Servizio Sanitario Nazionale e si caratterizza per gli aspetti di umanizzazione dell assistenza, efficacia delle prestazioni mediche, ed efficienza dei processi organizzativi. La Casa di Cura è operativa dal 1950 ed è accre- 11

14 ditata al S.S.N. per l attività di ricovero e per i servizi ambulatoriali. In questa visione, l attività scientifica e la formazione, sono considerati elementi essenziali per migliorare continuamente i servizi forniti e mirare costantemente all eccellenza qualitativa. Inoltre ospita il tirocinio degli studenti della Facoltà di Psicologia dell Università degli Studi di Padova, di Scienze Infermieristiche e di Radiologia Medica dell Università di Ferrara. principi fondamentali La Casa di Cura S. Maria Maddalena eroga ai cittadini prestazioni sanitarie basate sui principi di: > Eguaglianza dei diritti nei rapporti con l azienda e nell accesso ai servizi, intesa come divieto di ogni discriminazione di sesso, razza, lingua, religione ed opinioni politiche; > Imparzialità: obiettività e rispetto ispirano il comportamento della Casa di Cura e di tutti gli operatori nei confronti degli utenti; > Continuità e regolarità nell erogazione dei servizi e delle prestazioni; > Partecipazione dell utente: per tutelare il diritto alla corretta erogazione del servizio; per favorire il diritto di accesso alle informazioni che riguardano l utente; per garantire il diritto di formulare segnalazioni, suggerimenti per il miglioramento ed esprimere la propria valutazione circa la qualità del servizio ricevuto; 12 La Casa di Cura

15 > Efficacia ed efficienza nella soddisfazione dei bisogni e nell utilizzo delle risorse; > Libertà di scelta come riconoscimento fondamentale del diritto del cittadino/utente, tutelato in ogni momento del percorso all interno della struttura sanitaria. La nostra storia 1 settembre Inizia l attività ospedaliera della Casa di Cura S. Maria Maddalena ad opera di Francesco Pellegrini, primario chirurgo ospedaliero fin dal La famiglia Pellegrini, originaria del padovano, annovera una lunga tradizione di medici chirurghi. A cominciare da Pietro ( , cerusego nella Repubblica Veneta) ad Antonio, padre di Francesco, fondatore e primario dell ospedale di Conselve fino al Altro socio fondatore era il Dr. Ermes Dal Vecchio, medico ortopedico e amico di Francesco. Il nucleo iniziale era costituito da 3 piani di 560 metri quadrati ciascuno e ospitava 50 posti letto. 15 Ottobre la Casa di Cura conta già 75 posti letto: 40 in Chirurgia, 25 in Medicina e 10 in Ostetricia e Ginecologia. 14 Novembre In seguito all alluvione del Po, la Casa di Cura, trovandosi tra le due rotte di Malcantone di Occhiobello e di Paviole di Canaro, venne inondata da oltre 2 metri d acqua. Il seminterrato ed il piano rialzato, con tutti gli ambulatori, furono completamente sommersi. 13

16 Vengono apportate modifiche, con aggiunta di opere murarie al fine di aumentare la disponibilità di servizi, di camere, etc. 15 Febbraio Muore il Dr. Francesco Pellegrini, mentre era ancora in piena attività Il Prof. Franco Pellegrini, figlio del fondatore, diviene chirurgo responsabile della Casa di Cura, in seguito anche presidente della Società. Inizia l opera di rilancio della struttura, dopo un lungo periodo di declino. 8 Febbraio Viene inaugurata la nuova Ala Ovest della Casa di Cura, costituita da un complesso di 4 piani di 350 metri quadri ciascuno Viene svolto il primo intervento di videolaparocolicistectomia su una donna di 72 anni Il Dr. Morello viene nominato Amministratore Delegato della Casa di Cura Vengono completamente ristrutturate e riammodernate le 2 sale operatorie, portandole a standard tecnologicamente più elevati e di maggiore sicurezza per i pazienti Viene introdotta l Unità Operativa di Recupero e Riabilitazione Funzionale. 23 Settembre Viene celebrato il cinquantesimo anniversario della Casa di Cura. Nell occasione il Senatore Giulio Andreotti posa la prima pietra, dando ufficialmente inizio ai lavori di costruzione della futura Ala Est. 14 La Casa di Cura

17 2 Dicembre Dopo appena 3 anni di lavori viene ufficialmente inaugurata dal Senatore Giulio Andreotti la nuova Ala Est della Casa di Cura. 1 Gennaio Viene attivata l Unità Operativa di Day Surgery 1 Settembre Entra in funzione la nuova Piastra Radiologica (TC e RM). 15

18 Organizzazione Presidente > Prof. Franco Pellegrini Amministratore Delegato > Dr. Vittorio Morello Direzione Servizio del Personale > Dr.ssa Angela Pellegrini Direzione Ufficio Acquisti > Dr.ssa Angela Pellegrini Direzione Amministrativa > Dr. Vittorio Morello Direzione Sanitaria > Dr. Ettore Cichella Responsabile Qualità Formazione e Rapporto con il Pubblico > Dr.ssa Maddalena Pellegrini Responsabile Funzioni Sicurezza Paziente > Dr.ssa Carmen Bertone Responsabile Servizio Prevenzione e Protezione > Ing. Mario Bizzi Responsabile Raggruppamento di Medicina Interna > Dr. Maurizio Faggioli Responsabile Raggruppamento di Chirurgia Generale > Dr. Carlo Mari Responsabile Raggruppamento di Recupero e Riabilitazione Funzionale > Dr. Primo Bacciglieri Responsabile Laboratorio Analisi > Dr. ssa Maria Luisa Colamussi Responsabile Piastra Radiologica > Dr. Paolo Colamussi Responsabile Primo Intervento > Dr.ssa Marina Stampanoni 16 La Casa di Cura

19 Il presidente Il Prof. Franco Pellegrini nasce a Trecenta (Rovigo) il 10 novembre 1936, consegue la maturità scientifica all Istituto P. Paleocapa di Rovigo nel 1956 e si laurea in Medicina e Chirurgia all Università di Ferrara nel Sotto la direzione del maestro Prof. G. Lanza (direttore dell Istituto di Anatomia Patologica dell Università Estense) esegue ricerche sperimentali sull influenza delle ghiandole endocrine, sui processi rigenerativi del fegato, ricerche che svilupperà nella sua tesi di laurea alla quale sarà assegnato il premio Lepetit per la miglior tesi dell anno accademico 1961/62. Negli anni accademici dal 62 al 65 gli vengono assegnate tre borse di studio. Il 7 luglio 1964 ottiene il diploma di specializzazione in radiologia dell Università di Padova, discutendo una tesi sulle Fibrosi polmonari idiomatiche, dopo due anni di frequenza dell istituto di radiologia diretto dal prof. G. Lenarduzzi. Il 5 luglio 1968 si specializza in chirurgia generale presso l Università di Ferrara con punteggio di 70/70, discutendo una tesi sulle Indagini anatomo-radiologiche sui diverticoli da pulsione del colon. Nel 1970, sempre presso l Università di Ferrara ottiene la specializzazione in oncologia con il punteggio di 70/70, discutendo una tesi sulla Degenerazione neoplastica dell ulcera gastrica. Nel febbraio del 66 viene nominato assistente incaricato presso l Istituto 17

20 di Anatomia Patologica dell Arcispedale S. Anna di Ferrara, dove nel 1969 vince il concorso per il passaggio di ruolo. Come assistente volontario, dal 65 al 68, frequenta la divisione chirurgica dell Ospedale civile di Rovigo (primario A. Ferro) dove, dal giugno 69 all aprile 70, è aiuto chirurgo incaricato a tempo pieno. Nel 1970 frequenta il centro di endoscopia digestiva degli OO. RR. di Verona, diretto dal prof. H. Fiorini e in seguito riceve l incarico di endoscopista all Ospedale di Rovigo. Nell estate del 1971 si trasferisce a Brema in Germania alla divisione chirurgica dell Ospedale Links der Weser, diretta dal professor Cramer. In questo periodo ha la possibilità di affinare la sua tecnica operatoria nella chirurgia dei laparoceli (con protesi autologhe). Nell estate del 1972 è a Zurigo per un corso di perfezionamento sulla chirurgia delle vie biliari, diretto dal prof. Walter Hess. Nel 1976 si reca a Stoccolma presso l ospedale Karolinska per approfondire le tecniche di chirurgia toracica diretto dal prof. V. O. Biorch. Ha compiuto varie ricerche in vari campi dell anatomia patologica, dell anatomia sperimentale, dell istochimica e della morfologia; la sua produzione scientifica consta di oltre 50 pubblicazioni chimiche, cliniche e sperimentali. Ha svolto attività didattica e scientifica all Università di Ferrara, ottenendo la libera docenza in Anatomia e Istologia Patologica a Roma nel 1971; l idoneità nazionale di primario di chirurgia generale a Roma nell ottobre del Dal 74 al La Casa di Cura

21 è stato primario chirurgo all Ospedale di Lonigo (VI) e dal 78 al 82 ha ricoperto il ruolo di primario chirurgo all Ospedale di Comacchio. Nel febbraio 1982 diviene responsabile chirurgo della Casa di Cura S. Maria Maddalena di Occhiobello ed in seguito presidente della Società. La sua casistica operatoria personale annovera oltre interventi chirurgici di chirurgia generale, vascolare, urologica, ginecologica e ortopedica. Particolarmente preparato in campo proctologico, ha frequentato corsi di aggiornamento professionale in Italia e all estero sulle nuove tecniche chirurgiche del prolasso retto emorroidiario, nella chirurgia delle vie biliari, sia in laparotomia che in laparoscopia. l amministratore delegato Il Dr. Vittorio Morello, nato il 20 Gennaio 1959 a Bologna, dopo la maturità classica ottenuta nel 78 al Liceo S. Luigi, si laurea in Giurisprudenza nel Specializzatosi come giurista d impresa, lavora presso vari istituti di credito sino a ricoprire l incarico di direttore commerciale della San Geminiano e San Prospero Leasing. Membro del consiglio d amministrazione della Casa di Cura S. Maria Maddalena dal 1992, viene nominato Amministratore Delegato della stessa nel È membro del Direttivo AIOP Veneto. 19

22 Attività sanitaria 20 Attività Sanitaria

23 medicina interna reparti di ricovero ordinario Il Raggruppamento di Medicina Interna è una Unità Operativa di ricovero con 20 posti letto autorizzati, di cui 15 accreditati con il Servizio Sanitario Nazionale, nel quale è attivo un gruppo di medici ed infermieri che si adoperano per offrire un livello qualitativo di assistenza che sempre più soddisfi le esigenze dell utenza; il Reparto eroga prestazioni afferenti alla Medicina Interna ed alle sue principali specialità, con particolare attenzione alle patologie ed ai problemi degli anziani. Il Primario Responsabile è un Medico Specializzato in Cardiologia e Geriatria che si avvale della collaborazione di una équipe di specialisti in Diabetologia ed Ematologia. Vengono, inoltre, eseguite prestazioni diagnostiche di Cardiologia, Pneumologia, Diabetologia, Gastroenterologia, Endocrinologia e Metabolismo, Neurologia, Oncologia. Particolare attenzione viene riservata agli aspetti nutrizionali dei pazienti più critici, specialmente degli anziani, ai quali peraltro si dedicano tempo e risorse per la mobilizzazione precoce e la riattivazione neuromotoria. Nell ambito del Reparto sono operativi letti di Lungodegenza PostAcuzie (LPA), di norma da 2 a 4, destinati ai pazienti che dopo un evento acuto (malattia, intervento chirurgico) necessitano di un periodo di continuazione di terapie ed assistenza in ambiente ospedaliero in attesa di ritorno al domicilio ovvero in sistemazione in altra struttura sanitaria-assistenziale di lungo termine. 21

24 Il ricovero in questi letti di LPA avviene tramite un protocollo condiviso fra il Servizio di Assistenza Territoriale dell U.L.S.S. di Rovigo e la Casa di Cura ed adottato con delibera del Direttore Generale dell U. L.S.S.; l accesso può essere richiesto, a seconda delle circostanze, dal Medico di Medicina Generale, dal Servizio di Assistenza Territoriale, dal Reparto Ospedaliero in cui il paziente è degente, con le modalità ed i limiti previsti dal protocollo stesso. Il Raggruppamento di Chirurgia Generale svolge la propria attività in regime di ricovero ordinario, diurno (Day Surgery) ed ambulatoriale. I posti di degenza sono 30, di cui 20 accreditati con il Servizio Sanitario Nazionale, di cui 4 destinati al monitoraggio post-operatorio dei pazienti più critici. Vengono eseguiti circa interventi chirurgici ogni anno, di varie specialità. Viene inoltre praticata abitualmente la Videochirurgia Laparoscopica. Si eseguono interventi di chirurgia genrale, bariatrica, oculistica, ginecologica, ortopedica, urologica e vascolare periferica. È attivo il servizio di Endoscopia (gastro, colon, retto, endoscopia delle vie biliari e cistoscopia) sia diagnostica che interventiva ed il servizio di Colon Proctologia. L equipe è composta da un Chirurgo responsabile, coadiuvato da diversi specialisti. Partecipano inoltre attivamente al reparto anche numerosi Chirurghi specialisti esterni alla organizzazione stabile della Casa di Cura, garantendo un approccio multidisciplinare e mulchirurgia generale 22 Attività Sanitaria

25 tiprofessionale a garanzia degli utenti. L attività coloproctologica comprende lo studio e il trattamento della patologia organica (neoplasie, malattia diverticolare, inflammatory bowel disease, emorroidi, fistole, ragadi, ecc.) e funzionale (stipsi cronica, incontinenza fecale) del colon-retto nonché iniziative educazionali, di didattica e di ricerca scientifica. Oltre alle prestazioni chirurgiche in regime di degenza, l unità di Colon Proctologia effettua in regime ambulatoriale attività di diagnosi e terapia (chirurgia ambulatoriale, legature elastiche, scleroterapia, crioterapia, laserchirurgia, dilatazioni) avvalendosi della collaborazione di consulenti di altre discipline (ginecologia, neurologia, oncologia medica, psicologia, radiologia, urologia). L unità di Colon Proctologia è dotata di apparecchio per l ecografia del retto e del canale anale e di bio-feedback. In chirurgia generale vengono effettuati numerosi interventi di chirurgia neoplastica dell apparato gastrointestinale. Molto attiva è la chirurgia bariatrica dell obesità con interventi di bendaggio gastrico, by pass, sleeve gastrectomy. Attività molto rilevante è la chirurgia urologica sia per patologia neo plastica che per patologia benigna e diagnostica. Importante è anche la chirurgia ortopedica sia protesica che ricostruttiva. Altre attività rilevanti sono la chirurgia ginecologica neoplastica e benigna e la chirurgia oculistica con lo studio del glaucoma e le altre patologie correlate. 23

26 RECUPERO E rieducazione FUNZIONALE È un Unità Operativa di secondo livello dotata di 27 posti letto autorizzati (di cui 20 accreditati con il Servizio Sanitario Nazionale) modernamente attrezzati per il trattamento e le necessità dei pazienti per menomazioni da riabilitare in seguito ad eventi traumatici sia in ambito ortopedico che neurologico. Il Primario Responsabile è un Medico Fisiatra che si avvale della collaborazione di un aiuto Reumatologo e di un efficace team di terapisti della riabilitazione per il trattamento pluri-disciplinare di varie disabilità. Il Reparto è dotato di ambienti comuni di socializzazione ed incontro per i pazienti, destinati anche ai rapporti con i familiari, momento questo particolarmente importante nella realizzazione del progetto riabilitativo, in quanto preparatorio al reinserimento nella realtà domiciliare. Per il trattamento tecnico-riabilitativo specifico sono in funzione due palestre dotate di moderne attrezzature polifunzionali, dedicate ai pazienti ricoverati. Tutte le camere sono accessoriate adeguatamente per far fronte all esigenze dettate dalle disabilità. L Unità Operativa Riabilitativa è presente anche sul fronte ambulatoriale e di Day Hospital, con attività a ciclo diurno per 5 giorni alla settimana con propri terapisti ed autonomo servizio di accettazione, segreteria e palestra. Ciò permette di rispondere al meglio alle esigenze del territorio e di interfacciarsi con l ambiente ospedaliero, per una politica di globalizzazione dell intervento riabilitativo, sempre più richiesto. 24 Attività Sanitaria

27 day hospital medico IL RICOVERO IN day SURGERY reparti di ricovero diurno Parte dei posti letto della Casa di Cura sono destinati alle attività di ricovero diurno. Il Day Hospital, che significa alla lettera ospedale di giorno, è una forma di ricovero programmato nel corso del quale possono essere effettuate prestazioni terapeutiche che, pur non comportando la necessità di un ricovero ordinario, non possono essere eseguite ambulatorialmente, poiché richiedono assistenza medica ed infermieristica protratta nella giornata. Di norma, ogni singolo ricovero non supera le dodici ore; qualora non fosse possibile concludere in giornata tutti gli accertamenti o la terapia, si fissano altri ricoveri in day hospital per i giorni seguenti. L opportunità di utilizzare tale modalità di ricovero viene offerta dal medico di reparto al momento della visita specialistica ambulatoriale, sulla base delle condizioni cliniche e socio-familiari del paziente che deve dare il suo assenso preventivo. Ha una durata massima di 24 ore salvo complicazioni: nel corso di questo periodo di tempo il paziente viene sottoposto ad esami diagnostici e successivamente a terapia chirurgica in anestesia locale, locoregionale e generale. L'opportunità di utilizzare tale modalità di ricovero viene offerta dal medico al momento della visita specialistica, nel rispetto degli standard di appropriatezza e sicurezza previsti per la prestazione da erogare. Il medico valuta attentamente le condizioni cliniche del paziente, 25

28 tiene nel debito conto le condizioni socio-familiari e deve ottenere un assenso preventivo. Il ricovero in Day Surgery è generalmente costituito da due accessi (valutazione preoperatoria ed intervento chirurgico), organizzati dal personale dedicato il quale ha il compito di assistere il paziente nel suo percorso. Durante tale percorso vengono effettuate le seguenti procedure: La prima giornata prevede: > valutazione clinica specialistica e discussione del consenso informato; > esami clinico-strumentali di routine; > visita anestesiologica. Ultimati gli accertamenti il paziente ritorna al domicilio e rientra in reparto per: > intervento chirurgico. Al momento della dimissione (che avviene comunque entro le 24 ore), vengono forniti tutti i riferimenti e le informazioni necessarie a gestire in sicurezza il periodo postoperatorio immediato, la terapia da seguire, le date delle medicazioni programmate, il primo controllo postoperatorio (entro un mese dall'intervento chirurgico) ed eventuali controlli successivi. È indispensabile la presenza di un accompagnatore che dovrà assicurare l'osservazione del paziente nelle 24 ore successive alla dimissione. 26 Attività Sanitaria

29 day hospital riabilitativo Per il trattamento di pazienti che necessitano di Riabilitazione Intensiva, ma che presentino un quadro di stabilità clinica e siano in grado di raggiungere la Casa di Cura con i propri mezzi, è accreditato un servizio di Day Hospital Riabilitativo. Il trattamento è riservato ai pazienti nei quali il deficit funzionale induce una disabilità parziale come diretta conseguenza dell evento patologico acuto oppure come prosecuzione di un programma rieducativo già in corso. 27

30 accettazione servizi Orari: Lun - Ven Sabato Il servizio di accettazione esplica due importanti funzioni: il frontline ed il back-line. La prima (letteralmente avanguardia ) è relativa al contatto, vis-a-vis e/o telefonico, con il paziente e la sua famiglia e ha come obiettivo principale di interpretare le loro esigenze specifiche e di fornire indicazioni puntuali con la massima cortesia. Prevede la prenotazione delle visite, l accettazione dei ricoveri e delle visite ambulatoriali, il ritiro referti e le informazioni sulla dislocazione di ambulatori, servizi, reparti nonché su qualsiasi altro argomento di interesse del paziente. La seconda (letteralmente retroguardia ) è relativa ai collegamenti fra i reparti, i servizi, gli ambulatori e l amministrazione: un trait d union organizzativo importantissimo. Le prescrizioni mediche compresi i codici bianchi del P.P.I. comportano il pagamento di un ticket fissato dal S.S.N. che viene pagato attraverso apposite macchine automatiche situate nell area accettazione. 28 Attività Sanitaria

31 anestesia e RIANIMAZIONE Il servizio di Anestesia e Terapia sub-intensiva si occupa della gestione anestesiologica di tutti i pazienti che afferiscono ai blocchi operatori per intervento chirurgico sia in regime di ricovero ordinario che in Day Hospital. Il tipo di anestesia (generale, locoregionale) viene definito previo accordo tra il paziente e l anestesista a seconda del tipo di intervento chirurgico, e delle condizioni cliniche del paziente. Il paziente manifesta il proprio consenso sottoscrivendo un modulo in cui viene indicato il tipo di intervento e il tipo di anestesia che deve essere eseguita. Il medico illustra e si impegna a fare comprendere al paziente il motivo, gli effetti e le possibili alternative all intervento poi sottoscrive il modulo. L équipe esegue le visite anestesiologiche ambulatoriali e in degenza, segue il decorso e la terapia del dolore postoperatorio, il monitoraggio degli equilibri vitali con una guardia anestesiologico-rianimatoria 24 ore su 24. endoscopia digestiva Il servizio si occupa della diagnosi e del trattamento medico e/o endoscopico delle malattie digestive (esofago, stomaco, intestino tenue, colon, pancreas e vie biliari), con particolare attenzione alla 29

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani CARTA DEI SERVIZI Questa Carta dei Servizi ha lo scopo di illustrare brevemente il nostro Poliambulatorio per aiutare i cittadini a conoscerci, a rendere comprensibili ed accessibili i nostri servizi,

Dettagli

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014 PRESIDIO BORRI VARESE ACCETTAZIONE RICOVERI 18,9 0 22,84 77,16 PRESIDIO BORRI VARESE AFFARI GENERALI E LEGALI 4,35 15,53 19,88 80,12 PRESIDIO BORRI VARESE AMBULANZE 15,78 1,77 20,03 79,97 PRESIDIO BORRI

Dettagli

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI pag. 7 DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MA 28 Rev. 1 del 22/10/2011 Pagina 1 di 6 MISSIONE E VALORI L U.O.C. di Oncologia Medica si prende

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITA DI PADOVA PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI Preparato da Gruppo di Lavoro Ambulatori Clinica Ostetrico- Ginecologica Verificato da Servizio Qualità Verifica per

Dettagli

Carta Servizi. Poliambulatorio Sani.Med. 98 S.r.l. Medicina dello sport Medicina del lavoro 4 revisione- Gennaio 2015.

Carta Servizi. Poliambulatorio Sani.Med. 98 S.r.l. Medicina dello sport Medicina del lavoro 4 revisione- Gennaio 2015. Sani.Med. S.r.l. Via Palombarese km. 19,0 Marcosimone di Guidonia 00010 Roma Carta Servizi Prestazioni di: Fisioterapia Cardiologia Dermatologia Ginecologia Endocrinologia Oculistica Neurologia Reumatologia

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30 TRATTAMENTI 1 Accesso e custodia C/C DH 2 Accesso e custodia dati pazienti informatizzati 3 Accesso e custodia faldoni cartacei referti 4 Agenda prenotazione esami interni 5 Agenda prenotazione visite

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

Guida alle prestazioni ambulatoriali

Guida alle prestazioni ambulatoriali Az i e n d a O s p e d a l i e r a O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte M e s s i n a P r e s i d i o O s p e d a l i e r o P AP AR D O Guida alle prestazioni ambulatoriali Gentile Signore/a, l Azienda,

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

www.policlinico.mo.it A cura dell ufficio Comunicazione e accoglienza Ufficio stampa tel 059 4222213 poliurp@policlinico.mo.it

www.policlinico.mo.it A cura dell ufficio Comunicazione e accoglienza Ufficio stampa tel 059 4222213 poliurp@policlinico.mo.it A cura dell ufficio Comunicazione e accoglienza Ufficio stampa tel 059 4222213 poliurp@policlinico.mo.it Progetto grafico Avenida Stampa Artestampa srl Diffusione 50.000 copie Dicembre 2003 www.policlinico.mo.it

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia Pag. 1 di 6 Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 04/03/2011 Coord.Infermieristico M.Renovi Dirigente Medico Resp. Dr. A. Stefanelli Direttore U.O.C. Medicina Generale Dott.ssa P. Lambelet Direttore

Dettagli

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose.

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose. RESIDENZA LE ROSE DATI ANAGRAFICI STRUTTURA SCHEDA SERVIZIO Residenza LE ROSE DENOMINAZIONE Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD INDIRIZZO CAP CITTÀ PROVINCIA 0429 644544 TELEFONO info@residenzalerose.net

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA PREMESSA Il ricovero in ambiente ospedaliero rappresenta per la persona e la sua

Dettagli

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili U.O. AFFARI GENERALI E SEGRETERIA

Dettagli

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 La Sol Levante nasce nel 1998 per dare una risposta alle esigenze delle persone, di ogni fascia d età, affette da disagio psichico e con problematiche in

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

SALUTE E BENESSERE MASEC LA CLINICA DEL SALE CENTRI FISIOTERAPICI OTTICA DANILO CROTTI PARRUCCHIERI CENTRI ESTETICI

SALUTE E BENESSERE MASEC LA CLINICA DEL SALE CENTRI FISIOTERAPICI OTTICA DANILO CROTTI PARRUCCHIERI CENTRI ESTETICI MASEC LA CLINICA DEL SALE CENTRI FISIOTERAPICI OTTICA DANILO CROTTI PARRUCCHIERI CENTRI ESTETICI SALUTE E BENESSERE MASEC COS E È la mutua assistenza volontaria dei piccoli imprenditori e delle loro famiglie,

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE CENTRO ASSISTENZA PRIMARIA PRESSO IL DISTRETTO DI CIVIDALE Dicembre 2014 1 Indice Premessa 1) La progettualità

Dettagli

La PET/CT. con. Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Informazione per pazienti. Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare

La PET/CT. con. Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Informazione per pazienti. Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare Informazione per pazienti La PET/CT con Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare Dott. Annibale Versari - Direttore INDICE Cos è e come funziona la

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 62,39 S.O. OCULISTICA 83,23 U.O. S.O. CHIRURGIE 64,58 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 76,74 U.O.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 62,39 S.O. OCULISTICA 83,23 U.O. S.O. CHIRURGIE 64,58 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 76,74 U.O. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 0/201. Pag. 1 di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 83,22 U.O. S.O. CHIRURGIE 80,29 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 79,44 U.O. ALLERGOLOGIA 95,51 U.O. A.L.P.I.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 83,22 U.O. S.O. CHIRURGIE 80,29 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 79,44 U.O. ALLERGOLOGIA 95,51 U.O. A.L.P.I. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 0/1. Pag. 1 di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge,

Dettagli

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE L EVENTO ASSEGNERÀ CREDITI ECM Sabato 16 giugno 2012 ore 8,30 UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE SEDE DEL CORSO Via Masaccio, 19 MILANO PER ISCRIZIONI www.chirurgiavascolaremilano.it Il Convegno

Dettagli

LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE

LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE Premessa Obiettivo delle presenti linee-guida è fornire indirizzi per la organizzazione della rete dei servizi di riabilitazione

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 75,36 U.O. S.O. CHIRURGIE 83,52 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 78,20 U.O. ALLERGOLOGIA 90,00 U.O. A.L.P.I.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 75,36 U.O. S.O. CHIRURGIE 83,52 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 78,20 U.O. ALLERGOLOGIA 90,00 U.O. A.L.P.I. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 2/. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge,

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi.

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi. L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA Ci muoviamo insieme a voi. PREMESSA LA ORTHOPÄDISCHE CHIRURGIE MÜNCHEN (OCM) È UN ISTITUTO MEDICO PRIVATO DEDICATO ESCLUSIVAMENTE

Dettagli

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale»

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» La proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza Commissione Nazionale dei Corsi di Laurea in Infermieristica La valutazione dei risultati dell apprendimento e qualità formativa dei Corsi di laurea in Infermieristica Milano, 10 giugno 2011 Realtà e problematiche

Dettagli

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS)

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS) CANTONE TICINO DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ E DELLA SOCIALITÀ Istituto delle assicurazioni sociali TEL: 0041 / (0)91 821 92 92 FAX: 0041 / (0)91 821 93 99 DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 95,45 DIPARTIMENTO PREVENZIONE

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 95,45 DIPARTIMENTO PREVENZIONE Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso nel mese /. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge, avis, allattamento, matrimonio, lutto,

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n.

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n. Legge 15 marzo 2010, n. 38 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore (G.U. 19 marzo 2010, n. 65) Art. 1. (Finalità) 1. La presente legge tutela il diritto del

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 80,00 DIPARTIMENTO PREVENZIONE

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 80,00 DIPARTIMENTO PREVENZIONE Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso nel mese /. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge, avis, allattamento, matrimonio, lutto,

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: Prof. Paolo Perri ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI Gentile Signora/e, questo opuscolo

Dettagli

PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO.

PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO. ALLEGATO A PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO. TITOLI ACCADEMICI VOTO DI LAUREA Medici Specialisti ambulatoriali, Odontoiatri,

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSISTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola.

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014 protocollo elettronico n. CRI/CC/0084024/2014 Oggetto: Ebola. Ai DRAE, loro sedi Ai Presidenti, loro sedi Ai Comitati Regionali, loro sedi All Ispettorato

Dettagli

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda)

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) LE DOMANDE (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) 1. LA NUOVA MODALITÀ 1.1 Qual è in sintesi la nuova modalità per ottenere l esenzione ticket in base al reddito? 1.2 Da quando, per

Dettagli

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI. T.A.C o meglio T.C.

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI. T.A.C o meglio T.C. Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI T.A.C o meglio T.C. Gentili Pazienti in modo molto semplice vogliamo fornirvi alcune informazioni utili per

Dettagli

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse In base al dato riportato dal Sole

Dettagli

L ospedale a misura di paziente: perché innovare, come innovare e, soprattutto, per arrivare dove?

L ospedale a misura di paziente: perché innovare, come innovare e, soprattutto, per arrivare dove? L ospedale a misura di paziente: perché innovare, come innovare e, soprattutto, per arrivare dove? Anna Prenestini SDA Bocconi Area Public Policy and Management 09 ottobre 2012 1 Un futuro da scrivere

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE 16 aprile 2015, n. 12

REGOLAMENTO REGIONALE 16 aprile 2015, n. 12 60 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 56 suppl. del 22 04 2015 REGOLAMENTO REGIONALE 16 aprile 2015, n. 12 Regolamento regionale Presidi territoriali di recupero e riabilitazione funzionale dei

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

.. QUANDO?.. DOVE?... COME?

.. QUANDO?.. DOVE?... COME? S.S.V.D. ASSISTENZA INTEGRATIVA E PROTESCA CHI?.. QUANDO?.. DOVE?... COME? Rag. Coll. Amm. Rita Papagna Dott.ssa Laura Signorotti PRESIDI EROGABILI DAL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE D.M. n.332 del 27 agosto

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

MODALITA DI PRENOTAZIONE

MODALITA DI PRENOTAZIONE DIPARTIMENTO DI SANITA PUBBLICA MEDICINA DELLO SPORT MODALITA DI PRENOTAZIONE U.O.C.- CENTRO DI MEDICINA DELLO SPORT DI 2 LIVELL O CASALECCHIO DI RENO AMBULATORI DI 1 LIVELLO Per prenotare le visite di

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Regolamento sulle modalità di tenuta, conservazione e rilascio delle cartelle cliniche, referti clinici ed altra documentazione sanitaria -

Regolamento sulle modalità di tenuta, conservazione e rilascio delle cartelle cliniche, referti clinici ed altra documentazione sanitaria - Regolamento sulle modalità di tenuta, conservazione e rilascio delle cartelle cliniche, referti clinici ed altra documentazione sanitaria - ART. 1 - Oggetto: Il presente Regolamento disciplina i casi e

Dettagli

Pronto Soccorso e Sistema 118

Pronto Soccorso e Sistema 118 PROGETTO PRONTO SOCCORSO E SISTEMA 118 Ministero della Salute Progetto Mattoni SSN Pronto Soccorso e Sistema 118 Ricognizione della normativa, delle esperienze, delle sperimentazioni, relativamente a emergenza

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

EMANUELA NANNINI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA

EMANUELA NANNINI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE La sottoscritta Nannini Emanuela nata ad Arezzo il 20.08.1965, consapevole della decadenza dai benefici di cui all art. 75 del DPR 445/2000 e dalle norme penali

Dettagli

Il Presidente: GNUDI. Il Segretario: SINISCALCHI

Il Presidente: GNUDI. Il Segretario: SINISCALCHI intermedi di lavorazione del plasma, eccedenti i fabbisogni nazionali, al Þ ne di prevenirne la scadenza per mancato utilizzo, anche con recupero dei costi di produzione. 8. Per l attuazione di quanto

Dettagli

Curriculum Vitae. Titoli di Studio e Professionali ed Esperienze Lavorative

Curriculum Vitae. Titoli di Studio e Professionali ed Esperienze Lavorative Curriculum Vitae Nome Da Campo Gianluigi Data di nascita 07.12.1958 Qualifica Dirigente di 1 livello Amministrazione Azienda 12 Veneziana Incarico attuale Responsabile di struttura semplice in chirurgia

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

Dipartimento Immagini Strutture Complesse e Semplici Dipartimentali

Dipartimento Immagini Strutture Complesse e Semplici Dipartimentali Dipartimento Immagini Strutture Complesse e Semplici Dipartimentali S.C. Fisica Sanitaria S.C. Medicina Nucleare Pietra Ligure S.C. Neuroradiologia Diagnostica ed Interventistica S.C. Radiologia Diagnostica

Dettagli

Organigramma e funzionigramma Formazione MOD.For0312 Pag. I dì 6. DIREZIONE GENERALE Direttore: dott. Francesco Pintus

Organigramma e funzionigramma Formazione MOD.For0312 Pag. I dì 6. DIREZIONE GENERALE Direttore: dott. Francesco Pintus -ijp ASLLanusei Formazione MOD.For0312 Pag. I dì 6 Organigramma DIREZIONE GENERALE Direttore: dott. Francesco Pintus DIREZIONE SANITARIA Direttore: dott. Maria Valentina Marras DIREZIONE AMMINISTRATIVA

Dettagli

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI RISONANZA MAGNETICA

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI RISONANZA MAGNETICA Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI RISONANZA MAGNETICA Gentili Pazienti, desideriamo fornirvi alcune informazioni utili per affrontare in modo

Dettagli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Gustav Klimt, 1905) CONSULTORIO FAMILIARE RIETI Responsabile: Dr. Attilio Mozzetti ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Immagini tratte dal web e utilizzate per finalità istituzionali)

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

DIPARTIMENTO TUTELA DELLA SALUTE E POLITICHE SANITARIE Allegato 8.6 8.6. Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Genetica Medica

DIPARTIMENTO TUTELA DELLA SALUTE E POLITICHE SANITARIE Allegato 8.6 8.6. Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Genetica Medica 8.6 Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Genetica Medica 1 Premessa Qualità e sostenibilità economica sono le principali esigenze cui cerca di rispondere la concentrazione delle

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Breve manuale sulle cautele da adottare nel trattamento di dati personali.

Breve manuale sulle cautele da adottare nel trattamento di dati personali. ALLEGATO D Breve manuale sulle cautele da adottare nel trattamento di dati personali. Alle persone che entrano in contatto con medici e strutture sanitarie per cure, prestazioni mediche, acquisto di medicine,

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

Regolamento interno Residenze Sanitarie Assistenziali. (Allegato alla Carta dei Servizi)

Regolamento interno Residenze Sanitarie Assistenziali. (Allegato alla Carta dei Servizi) Regolamento interno Residenze Sanitarie Assistenziali (Allegato alla Carta dei Servizi) REGOLAMENTO INTERNO RSA ************* TITOLO 1 OGGETTO, FINALITA, CARATTERISTICHE Art. 1 OGGETTO Il presente regolamento

Dettagli

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013 STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA Aggiornamento dicembre 2013 1 ASPETTI DI SISTEMA 2 PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi Allegato al Decreto del Direttore Generale n. 53.. del 04/02/14 REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO EX ART. 15 SEPTIES DEL D.LGS. 502/92 AREA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA E AREA DIRIGENZA

Dettagli

17/04/2015 IL RETTORE

17/04/2015 IL RETTORE Protocollo 7882 VII/1 Data 26/03/2015 Rep. D.R n. 377-2015 Area Didattica Servizi agli Studenti e Alta Formazione Responsabile Dott. Antonio Formato Settore Alta Formazione Responsabile Dott. Tommaso Vasco

Dettagli

VILLA FRANCIA CASA DI RIPOSO CON REPARTO PROTETTO

VILLA FRANCIA CASA DI RIPOSO CON REPARTO PROTETTO Distretto Di Casalecchio Di Reno CASA DI RIPOSO CON REPARTO PROTETTO Carta dei Servizi Il testo della Carta dei servizi è stato condiviso dal Gruppo Tecnico costituito ai sensi della L.R. 377/2004, istituito

Dettagli

I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica

I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica I Edizione 28 Settembre 2012 II Edizione 23 Novembre 2012 Martinengo - Sala Congressi Diapath L evento è stato

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli